Sei sulla pagina 1di 11

Un lavoro di paziente comparazione

che spazia dal piu antico contesto di


natura magico-religiosa alle contro-
~ cultl:Jre giovanili di fine J90o,
portando alla luce una secolare
familiarita con funghi - e piante
Alpine - ,come ingredienti di pozioni,
unguenti, droghe psitoattive.
ggigiorno sono note oltre 150 specie di funghi dota- leana, Gymnopi/us spectabilis, Hygrocybe psittacina var. psitta-
ti di proprieta psicoattive, diffusi in tutti i continen- cina e RickenelLa fibula precedentemente riportata [13] non e
ti [1.2]. Amanita muscaria e A. pantherina sono le stata confermata con analisi su campioni svizzeri [14].
principali specie del gruppo dei funghi isossazolici, Non tutti i funghi che producono gli alcaloidi psilocibinici
produttori degli alcaloidi psicoattivi acido ibotenico possono essere considerati alluci nogeni. Diverse specie di
e muscimolo [3]. It gruppo pili consistente e ubiquitario di Panaea/us producono questi alcaloidi in maniera incostante e
macromiceti psicoattivi e rappresentato dai funghi psi loci bini- per questa furono denominati da G.M. Ola'h [15] specie "psilo-
ci, che producono gli alcaloidi indolici psilocibina, psilocina, cibinico-latenti". Una delle specie pili controverse e Pan. foe-
beocistina [4,5]. Un terzo gruppo riguarda i funghi tossici che nisecii, relativamente comune su tutto l'arco alpine sino alle
infettano le graminacee della famiglia delle Clavicipitaceae (in altitudini dei 2500 m, le cui numerose indagini biochimiche,
particolare Claviceps purpurea, nota popolarmente come ergot coinvolgenti anche campioni alpini [16]. hanno rivelato di
o segale cornuta) e funghi inferiori dei generi Aspergillus e volta in volta basse (sino allo 0,17% p.s.) 0 nulle concentra-
Penicillium, produttori di derivati de l'acido lisergico [6]. zioJ1i"'dialcaloidi psilocibinici.
In Europa, dai tempi delle prime segnalazioni di presenza La potenza degli effetti di un fungo allucinogeno dipende
dei funghi allucinogeni psilocibinici [7,8] il numero delle spe- in buona parte dalla concentrazione dei suoi principi attivi. Per
cie note e aumentato considerevolmente e sembra essere desti- i funghi psilocibinici, Paul Stamets [17] ha elaborato la
nato a crescere. Ricordo la recente individuazione di una nuova seguente scala di potenza: con concentrazioni di alcaloidi psi-
specie - Psi/ocybe hispanica Guzman - che cresce sui Pirenei locibinici inferiori a 0,25% del peso secco: debolmente attivo;
sino all'altitudine di 2300 m e che veniva raccolta gia da alcu- da 0,25 a 0,75%: moderatamente attivo; 0,75-2%: molto
ni anni dai giovani per l'impiego come droga allucinogena [9]. potente; maggiore del 2%: estremamente potente.
In tabella I riporto una lista aggiornata dei funghi psi- Gli studi biochimici sui funghi allucinogeni alpini del ver-
coattivi presenti sull'arco alpino. E' difficile quantificare il sante italiano continuano a essere scarsi. A parte le obsolete
numero di queste specie, per via delle incertezze e delle modi- analisi di N. Fiussello e colL [18]. sono stati pubblicati i risul-
fiche tassonomiche a cui sono soggette alcune di queste. E' il tati di una singola indagine [19] su campioni raccolti sulle alpi
caso di Psi/acybe cyanescens, specie diseussa e alla quale ci s{ torinesi di Psi/ocybe semi/anceata (Fr.) Quel., il fungo pili uti-
riferisce nell'ambito tassonomico centroeuropeo come al "com- lizzato attualmente in Italia come droga allucinogena. Analisi
plesso p.cyanescens" 0 addirittura - coinvolgendo altre due dettagliate condotte su campioni dell'Europa centrale hanno
specie - al "complesso P.cyanescens-calLasa-semi/anceata" evidenziato in questa specie una variabilita di concentrazione
[10,11]. Nel caso dei Panaeo/us, la difficolta di determinare il degli alcaloidi psilocibinici compresa fra 0,1 e 1,7 % p.s. [20].
numero delle specie psicoattive e complicata dalla recente Anche per A. muscaria che cresce in Italia e stata esegui-
revisione tassonomica di E. Gerhardt [12] e questa problema- ta un'unica indagine con le tecnologie analitiche moderne su
tica si riflette in particolare sulle specie europee e alpine. campioni raccolti in Piemonte, determinando concentrazioni di
La presenza di alcaloidi psilocibinici in Psathyrella canda/- muscimolo di circa 0,4% e di acido ibotenico dell'l% nei cap- ~
Sino agli inizi del
XX secolo Amanita
muscaria e stata
consumata in
ambiti rurali
marginali (pastori,
carbonai, contadini
isolati) per Ie sue
proprieta inebrianti
~ pelli freschi del fungo, mentre nei gambi tali concentrazioni potrebbe comportare interessanti implicazioni negli as petti
so no risultate 4-5 volte inferiori [21]. storici ed etnomicologici del rapporto dell'uomo europeo con
Per quanta riguarda Amanita regalis (Fr.) Michael, conside- questo comune fungo. Del resto, sorge il dubbio se presso i
rata in alcune tassonomie come semplice varieta di A. musca- giovani polacchi la conoscenza delle sue proprieta allucinoge-
ria, e una specie molto rara e sospettata di avere le medesime ne sia una scoperta recente 0 derivi da conoscenze tradiziona-
proprieta psicotrope della sua pili comune congenere. E' stata li.
recentemente confermata la presenza degli alcaloidi isossazo-
lici in campioni di questo fungo raccolti in Svizzera; la loro
concentrazione e risultata sino a tre volte maggiore di quella • Aspetti etnomicologici
presente in A. muscaria [22]. I dati archeologici ed etnografici hanno evidenziato un'anti-
Sporadicamente, specie psilocibiniche delle regioni tropi- chita del rapporto umano con i funghi allucinogeni che rag-
cali si presentano in Europa e possono raggiungere l'arco alpi- giunge i periodi paleolitici. I dati pili significativi riguardano
no. E' il caso del recente ritrovamento nei dintorni di Berna antiche 0 attuali popolazioni americane e africane e non man-
(Svizzera) di una folta fruttificazione di Panaeo/us bisporus cano quelli inerenti le popolazioni europee [27,28].
(Bert. & Mal.) Gerh., specie originaria del Marocco. Questo Per quanta riguarda l'arco alpino, nell'estremo versante
ritrovamento e stata occasione per una prima analisi biochimi- occidentale, nella Valle delle Meraviglie (Monte Bego, Alpi
ca sulla specie, che ha mostrato la presenza di psilocina in Marittime, Francia) e stata individuata una probabile effige di
concentrazioni dello 0,4% p.s., confermando le sue potenziali- A. muscaria, datata attorno al 1800 a.c. e opera di una popo-
ta come droga allucinogena [23]. lazione dell'Eta del Bronzo, internamente a una ricca produzio-
La presenza avventizia di specie tropicali e facilitata nel ne di arte rupestre prodotta in contesti iniziatico-religiosi
caso - frequente - di habitat stercorale della specie, per via [29]. In precedenza, erano state ipotizzate interpretazioni
dell'importazione di quadrupedi erbivori dalle regioni tropicali. etnomicologiche nell'arte rupestre preistorica dei Camuni della
Nel 1965, a Menton (Francia), una famiglia SUb1un'intossica- Valcamonica [30] e delle popolazioni scandinave [31].
zione psilocibinica accidentale consumando funghi che erano It rapporto delle antiche popolazioni alpine con i funghi
cresci uti su materiale fimicolo prodotto da cavalli da corsa si estende oltre a quello con i funghi psicoattivi e con i fun-
stranieri destinati all'ippodromo di Menton. La specie respon- ghi eduli. Ricordo l'importante reperto rappresentato dalla
sabile dell'intossicazione fu identificata come Cope/andia cya- "Mummia di Similaun", datata attorno al 3000 a.c. e ritrova-
nescens Berk. & Br., che nelle sue regioni originarie tropicali ta al confine italo-austriaco. Fra gli oggetti che la mummia
cresce sullo stereo di numerosi quadrupedi erbivori [24]. recava addosso sono stati identificati alcuni pezzi di funghi,
Desta infine sorpresa il recente rapporto di giovani polac- ascrivibili a Fomes fomentarius - usato come esca per il fuoco
chi che raccolgono e consumano come droga allucinogena - e Piptoporus betulinus [32,33].
Coprinus atramentarius [25]. E' nota che questa specie, quan- Di quest' ultima specie sono note da tempo le proprieta
do consumata congiuntamente ad alcolici, induce un'intossica- antibiotiche [34]. Sebbene nessuna delle due specie sia dota-
zione coprinica [26]. Quando consumata in assenza di aleol e ' ta di proprieta psicoattive - come fu erroneamente riportato
ritenuta specie non tossica 0 edule (i campioni giovani). In dalla stampa non scientifica -, la probabile funzione della
Polonia i giovani parrebbero consumare per gli effetti alluci- seconda specie come strumento magico-terapeutico dimostra
nogeni 30-50 carpofori allo stato fresco (senza combinarli con gia a quell'antica data l'attenzione dell'uomo alpino nei con-
alcol); una quantita difficilmente raggiunta da coloro che con- fronti delle proprieta medicinali dei funghi.
sumano questa fungo per le sue proprieta eduli, potendo esser- La continuita di un simile rapporto parrebbe essere con-
si COS1celate sino ad oggi le sue proprieta psicoattive. fermata dal documento discusso da R. Scotti [35], riguardan-
La conferma delle proprieta psicoattive di C. atramentarius te un affresco della chiesa di Santa Brigida, nell'alta valle ~
Flora psicoattiva alpina

G
li studi etnobotanici in acqua mitiga la ferocia di ani-
riguardanti Ie piante psi- mali e uomini" (M.M., IV, 20).
coattive alpine e pill in Cio farebbe sospettare proprieta
generale europee continuano ad psicoattive dell' epilobio che -
essere frammentari e ostacolati sebbene non trovino riscontro
da incertezze di identificazione nelle conoscenze delia medic ina
delle specie coinvolte. popolare centroeuropea - sareb-
Nelle opere degli autori classici bero confermate da dati etnogra-
greci e romani sono frequenti i fici raccolti in Siberia. Con gli
riferimenti a piante dalle proprie- stoloni di questa pianta Ie popo-
ta psicoattive, per Ie quali e lazioni delia Kamchatka prepara-
riportato il solo nome popolare, a no una bevanda inebriante [63];
volte accompagnato da una fra Ie medesime popolazioni
descrizione "morfologica" insuffi- anche I'assunzione di A. musca-
ciente se non fuorviante. ria e accompagnata di sovente
Gli studi modemi volti all'identi- con un infuso di epilobio [64].
ficazione delle piante "magiche" La pianta chiamata dagli autori
descritte da Plinio (Historia classici euripice e stata identifi-
Naturalis) e da Dioscoride cata con una specie del genere
(Materia Medica), seppure lode- funcus [58]. Plinio (N.H., XXI,
voli, si basano per 10 pili su 119) e Dioscoride (M.M., IV, 54) Gli studiosi sono unanimi nel cazione topica di un unguento
approcci unilaterali etimologici riportano che i suoi semi sono riconoscere la presenza di ottenuto con noce moscata e
[57], botanici [58, 59]) 0 storico- sonniferi e a dosi massicce indu- Solanceae allucinogene fra gli radice di Ceum urbanum 1.
antropologici [60, 61]. cono uno stato di letargia. Nel ingredienti delle ricette degli La radice di quest'ultima specie
Nella letteratura classica e medesimo passo Plinio riporta unguenti e delle pozioni traman- produce eugenolo, che possiede
medievale Ie conoscenze obietti- che un'altra specie di giunco, dateci dagli scrittori del XVI probabili proprieta stimolanti
ve sono di frequente amalgamate chiamato olosceno, provoca mal secolo (De Laguna, Cardano, [74].
con tradizioni mitologiche locali di testa. Della Porta, De Nynauld), mentre E opinione dell'autore che 10 stu-
o esotiche. Anche l'accumulo di Da questi dati sorge il sospetto sono in notevole disaccordo nel- dio etnobotanico delle fonti clas-
errori di trascrizione da parte dei che fossero state un tempo sco- I'identificazione degli altri ingre- siche, degli atti inquisitoriali
copisti che per molti secoli perte proprieta psicotrope asso- dienti vegetali che Ie compongo- medievali e delle tradizioni popo-
hanno tramandato Ie opere degli ciate alia presenza di funghi no, sium, apium, pentaphyllum, lari, volto alia delineazione del
autori classici, non facilita 10 stu- delia famiglia delle calamus [68, 69, 70, 71]. "complesso psicofarmacologico
dio modemo delle antiche cono- Clavicipitaceae che infettano Ie Un'altra fonte di studio etnobota- alpino", e ancora frammentario e
scenze delle popolazioni europee infiorescenze di Graminaceae, nico e costituita dai rapporti dei carente di ricerche interdiscipli-
in merito aile piante psicotrope. Cyperaceae, Juncaceae, processi inquisitoriali dei reati di nari approfondite. Per quanta
Oltre aile note Solanaceae allu- Bambusaceae e che producono stregoneria, conservati negli riguarda l'utilizzo modemo delle
cinogene dei generi Atropa, alcaloidi derivati dell' acido liser- archivi di ampie regioni del terri- piante psicoattive alpine come
Hyoscyamus, Mandragora, gico. Dai dati etnografici sono torio alpino. Ricordo il caso del droghe allucinogene, il fenomeno
Datura, e al Papaver somniferum noti casi di utilizzo delle proprie- processo contro un uomo di e ridotto ad eventi occasionali
-Ie cui origini sona state indivi- ta psicoattive del "complesso Bormio (Valtellina), datato al incentrati sull'assunzione di sola-
duate proprio sull'arco alpino, spiga-fungo" in Peru [65], in 1673, accusato di professare arti nacee allucinogene, in particola-
con ritrovamenti in Svizzera di India [96] e in altre regioni del magiche, che confesso di utilizza- re Datura stramonium. Nel1988
capsule di papavero fossili in globo [5]. re due piante, la radisc de in Alto Adige un giovane dece-
giacimenti neolitici e dell'Eta del Passando dal periodo classico al malann ("radice del malanno"), dette in segui to all' assunzione
Bronzo [62] - la flora psicoattiva Medioevo, 10 studio etnobotanico identificata con l'aconito, il intenzionale di stramonio; la
alpina e costituita da un insieme delle pi ante psicoattive e princi- veratro 0 la genziana Iutea, e motte fu causata dalla perdita di
di piante attualmente poco note 0 palmente focalizzato sugli l' erba tirella, identificata con giudizio critico delia realta, una
ignote, che furono scoperte e in "unguenti per volare" e sulle Orchis maculata 1. [72]. caratteristica peculiare delle dro-
seguito dimenticate. Non tutte Ie "pozioni magiche" delle "stre- Nella medicina popolare moder- ghe anticolinergiche [75]. In
conoscenze delia flora psicotropa ghe". Gli studi storico-antropolo- na sono rimaste tracce di cono- aggiunta ai peri coli dovuti all' ef-
accumulate nell'antichita si sono gici moderni tendono a interpre- scenze delia flora psicoattiva, di fetto "delirogeno" delle solana-
conservate nei periodi successivi. tare il fenomeno delia stregoneria cui mancano ancora studi inte- cee psicoattive, si presentano
Potrebbe essere il caso di medievale europea come la testi- grati. Ricordo 10 studio di K. problemi causati dall' elevata tos-
Epilobium angustifolium 1., monianza - codificata dall'inter- Lussi [73] sulle ricette per filtri sicita di queste pi ante e degli
identificato con la onothera degli pretazione e dalla tradizione cri- afrodisiaci 0 di magia amorosa alcaloidi tropanici.
autori classici [58]. Plinio riporta stiana - di culti precristiani inti- tramandate popolarmente in Alcuni recenti casi italiani di
che "presa in vino induce alle- mamente diffusi fra Ie popolazio- Svizzera nei secoli XVII -XIX. intossicazioni acute sono stati
gria" (H.N., XXVI, Ill) e ni rurali, comprese quelle dell'ar- Una comune ricetta per la cura registrati a Varese [76] e in
Dioscoride che "Ia radice infusa co alpino [67]. dell'impotenza prevedeva l'appli- Toscana [77].
~ Brembana, in Provincia di Bergamo, datato alla prima meta
del XV secolo. Vi e raffigurato Sant'Onofrio in una singolare
versione di Uomo Selvatico, nota figura mitologica delle cre-
denze popolari alpine. In una mana tiene un rosario costitui-
to da probabili cappelli di una specie di fungo di difficile
determinazione.
l.'affresco fu realizzato in un periodo di epidemie di affe-
zioni cutanee (probabilmente Herpes e Vitiligo) che colpivano
la popolazione del luogo e tutta la scena in cui e inserito
Sant'Onofrio riguarda il tema di queste epidemie. Scotti ha
evidenziato il significato terapeutico 0 magico-terapeutico dei
funghi tenuti in mana dal santo.
Non sono noti documenti che attestino la conoscenza dei
funghi psicoattivi in Europa durante i periodi alto-medievali,
ad eccezione del De Vegetalibus di Alberto Magno, scritto nel
XIII secolo, dove l'autore riferisce di funghi che provocano
disturbi mentali. Carolus Clusius, nella sua opera Rariorum
plantarum historia del 1601, riferiva di un fungo che cresceva
in Ungheria e in Germania, che aveva la caratteristica, quan-
do ingerito, di turbare la mente.
In alcuni casi si e conservata traccia della conoscenza dei
funghi psicoattivi nei nomi popolari dati a questi funghi, come ~

Etnofarmacologia alpina Un tema monografico per iI nuovo


• Problemi dell'etno- stata conosciuta dalla Larticolo sui funghi psicoattivi i fondati comportamenti
medicina: valutazione scienza fin da119° secolo. etnofarmacologici, come
delle conoscenze tradi- Questo decotto allucino- rielabora e amplia un lavoro nega anche l'importanza
zionali e loro trasferi- geno e stato utilizzato tra-
pubblicato (in lingua inglese) sul cruciale dell'ambientazio-
mento al di fuori del dizionalmente per nume- ne rituale.
contesto nativo rosi secoli dagli Sciamani numero appena uscito di Acta Un secondo esempio e il
di Laurent Rivier Sud Americani delia processo di "zombificazio-
regione Amazzonica.
Phytotherapeutica. In questa ne" presente nella tradi-
L'uso tradizionale delle Ricavata da un'unica riquadro, ecco un riassunto degli zione rurale di Haiti.
pi ante medicinali non e combinazione di parec- Esso e indotto dall'appli-
giudicato sufficiente dalla chie piante tropicali, que- altri interessanti contributi in cazione di una polvere
medicina Occidentale per sta bevanda amara e con- sommario su Acta, quasi tutti ricavata da alcune specie
considerare sicura l'appli- siderata una medicina di pesce-palla che contie-
cazione di questi rimedi efficace ed e utilizzata sia legati al tema monografico ne tetrodotossine come
naturali. Molto spesso, e per la diagnosi sia per la principali componenti tos-
richiesta una validazione terapia delle malattie. dell'etnofarmacologia alpina. sici; questa straordinaria
scientifica rigorosa, spe- Allualmente i suoi costi- trasformazione ha attirato
cialmente quando un pre- tuenti chimici di base - in diverse "chiese" del di nuove piante che cre- una pubblicita contro-pro-
parato ricavato da una triptamine psicoattive e Brasile, ma anche tra scono nelle zone tempera- duttiva da parte dei
nuova droga e proposto a alcaloidi beta-carbolinici alcuni psichiatri te, in sostituzione di quel- media. Negli U.S.A. sono
persone che vivono in - sono ben caratterizzati, Occidentali, con la spe- Ie che so no difficili da stati pubblicati molti arti-
contesti completamente ma la farmacologia delia ranza di trattare la dipen- otten ere al di fuori coli a effetto. A
diversi da quello origina- miscela non e stata an cora denza da droghe. dell' Amazzonia. La loro Hollywood e stato prodot-
rio delia pianta. Durante completamente compresa. Recentemente, il suo uso selezione e stata falla to anche un film horror
questa fase di transizione, Per tutto l'ultimo decen- si e diffuso tra gli "psi co- sulla base di una rapida largamente trasmesso via
possono essere prese nio, l'uso originale indige- nauti" con molto adatta- indagine fitochimica satellite. Da quel momen-
molte scorciatoie, che no delia Ayahuasca si e mento e cambiamenti senza alcuna conoscenza to, ogni ulteriore tentativo
potrebbero essere anche diffuso non solo tra la rispetto all' originale uso concernente la loro tossi- di raccogliere nuove infor-
disastrose. Ayahuasca, popolazione meticcia di rituale. Per esempio, e cita. Sicurezza a parte, mazioni etnotossicologi-
come primo esempio, e tutta l'area Amazzonica e stata suggerita I'aggiunta tale pro posta contraddice che ad Haiti e stato
Acta Phytotherapeutica
impossibile. zioni etnofannacologiche.
Come conseguenza di In effetti, il regno delle
quesli due esempi, gli piante alpine e largamen-
scienziati stan no adesso te inesploralo, malgrado
affrontando difficolta con- la medicina lradizionale e
siderevoli nella raccolta Ia richiesta di prodotti
di inforll1azioni affidabili basati su rimedi naturali
durante Ie loro nuove siano in crescila.
esplorazioni "suI campo", Solo una piccola parle di
che puntano alla ll1igliore specie e stata esall1inata
comprensione della com- chimicall1enle per poleI'
plessa farll1acologia di capire Ie pOlenzialita e Ie
queste droghe. migliori tecniche per la
Ioro coltivazione .
• Selezione e valuta- E' venuto il momento di
zione fitofarmacologi- raccogliere tali informa-
ca di piante in un zioni prima che siano
indagine etnobotanica perdute.
nelle valli Alpine In questa lavoro, noi pre-
di Maria Laura Colombo, sumiamo che la selezione
Claudio Zanardini di piante sia basata suI
Dipartimento di Biologia 101'0 uso tradizionale.
Vegetale, Facolta di Vestratto di una pianta
Farmacia, Universita di selezionata su questa
Torino base, dovrebbe essere
esaminalo non solamente
La flora e la vegetazione per l'attivita biologica
europea non sono state indicata dalle affermazio-
pienamente studiate per ni popolari, ma anche con
Ie Ioro potenziali applica- un ampio raggio di altri ~
~ nel caso del tedesco narrenschwammen ("fungo matto") attri- erett ("ha mangiato funghi matti"), questi detti popolari sono
buito ai funghi psilocibinici in genere, e del termine basco sor- tracce significative di antiche conoscenze dei funghi allucino-
gin zorrotz ("strega con la punta") con il quale e chiamato geni presso le popolazioni europee [27].
PsiLocybe semiLanceata [5]. Sono state ritrovate tracce di questa conoscenza relativi a
In altri casi l'antica conoscenza di questi funghi ha lascia- periodi ancor piu vicini. J.M. Fericgla [36] ha individuato un
to tracce nei modi di dire popolari. Nella lingua catalana esi- utilizzo tradizionale moderno di A. muscaria nella regione
ste un modo di dire, estar tocat de boLet ("essere toccata dal catalana, sul versante spagnolo dei Pirenei. Le sue ricerche
fungo"), riferito a chi sta compiendo azioni 0 dicendo cose hanno dimostrato che sino alle prime decadi del XX secolo
folli. questa fungo e stato consumato in ambiti rurali marginali
Oggigiorno i catalani usa no questa modo di dire inconsa- (pastori, carbonai, contadini isolati) per le sue proprieta ine-
pevoli del significato originario, nel medesimo modo in cui in brianti e cia continua a verificarsi occasionalmente oggigior-
Italia settentrionale i raccoglitori di funghi eduli chiamano i no.
funghi non commestibili funghi matti, inconsapevoli della Un'ulteriore traccia etnografica e stata individuata in un
generalizzazione che tale concetto ha subito nel corso del singolare articolo del 1880 scritto dal medico Batista Grassi e
tempo e del fatto che originalmente questo termine era usato intitolato "Il nostro agarico muscario sperimentato come ali-
per indicare funghi particolari, quelli che "fanno diventare mento nervoso" [37,38].
matti", cioe quelli psicoattivi. Egli riporta un caso di intossicazione volontaria di A.
Anche nell'arco alpino si e conservato un modo di dire muscaria come sostituto del vino, da parte di un contadino
simile, con il detto austriaco er hat verriickte SchwammerLn della provincia di Milano e attesta la conoscenza popolare che
gegessen ("ha mangiato quei funghi che provocano follia"), questa fungo "fa cantare".
sempre riferendosi a un individuo che fa 0 dice cose folli. Il contadino aveva raccolto e consumato il fungo in man-
Insieme al detto slavo najeo se Ijutih gljiva ("ha mangiato il canza del vino, un prodotto divenuto raro e costoso in quegli
fungo folle in quantitit") e a quello magiaro boLondgombat anni, per via dell'infestazione di fillossera che stava deciman-

Etnofarmacologia alpina Una sintesi dei lavori ospitati sui


~ modelli sperimentali rea- parte dell'uomo. Nel biologiche. Alcune piante state emanate diverse
lizzabili. La scelta delle corso dei secoli, Ie popo- hanno mostrato interes- leggi per la protezione
pi ante medicinali piu pro- lazioni hanno profonda- santi proprieta biocide. delle piante rare, che ne
mellenti e collegata alIa mente ampliato Ie cono- Abbiamo anche discusso proibiscono la raccol ta
loro disponibilita nell'ha- scenze sulle piante utili e la caratterizzazione degli intempestiva e la produ-
bi tat naturale e alIa quelle nocive, includendo oli volatili ollenuti da zione di erbe aromatiche
domesticazione 0 coltiva- Ie specie alimentari e alcune specie mediterra- e medicinali in Svizzera e
zione delle piante pili medicinali. Le indagini nee e focalizzato I'impor- tornata in auge.
interessanti. In questa etnobotaniche possono tanza dell'etnobotanica Dapprima timidamente,
modo e possibile preser- pertanto aiutare nell'iden- nello studio e nella con- questa alternati va coltura-
yare la biodiversita delIa tificazione di nuovi meta- servazione delIa biodiver- Ie guadagna poi rapida-
varianza degli organismi boliti attivi. sita vegetale. mente numerosi seguaci
viventi, e questa include Questo articolo riassume nel settore dell'agricoltura
Ie differenze all'interno alcune ricerche condotte • DaII'etnomedicina di montagna.
delle specie e tra Ie spe- nel campo dell'etnobota- alIa domesticazione in Attualmente, nove coope-
cie e I'ecosistema. nica in Italia, nelle aree campo rative sono raggruppate in
.. .
protette degli Appennini di Chady Rey un aSSOCJaZIOnesVlzzera
• Etnobotanica e Meridionali. Centre de recherches des chiamata Plantamont. I
piante medicinali nelle Paltendo dai dati etnobo- Fougeres Suisse 300 agricoltori dell'asso-
aree protette degIi tanici raccolti, il nostro ciazione producono aLl'in-
Appennini Meridionali gruppo di ricerca ha effet- La professione del racco- circa 200 tonnellate di questa percorso, la com-
di Vincenzo De Feo, tuato studi fitochimici e/o glitore di piante officinali piante essiccate, com- prensione dell'ecologia
Francesco De Simone, farmacologici, mediante rinasce nelle Alpi. prendenti pili di 50 spe- delIa pianta, delIa sua
Cosimo Pizza differenti saggi biologici, Tuttavia, gli ecologi si cie differenti. biologia e del suo modo
Dipartimento di Scienze sulle varie specie e i loro inquietano per la rarefa- Domesticare 0 rendere di riprodursi, sono fattori
Farmaceutiche, Universitii metaboliti attivi. zione di certe specie una specie spontanea col- decisivi per la scelta del
degli Studi di Salerno I risultati ollenuti, valida- botaniche e per la minac- tivabile obbliga il ricerca- metodo di lavoro da adot-
no l'uso tradizionale delle cia alIa biodiversita. Con tore a selezionare Ie pian- tare, ed e questa illavoro
retnobotanica e 10 studio piante 0 suggeriscono l'intento di conservare gli te sulla base di molteplici di ricerca che si svolge
dell'uso delle pi ante da nuove possibili proprieta ultimi esemplari, sono parametri. Per realizzare presso il Centre des
• L'uso moderno dei funghi
do i vigneti europei. Grassi fu stimolato dall'idea di poter
sostituire il vino con l'Amanita muscaria, per venire incontro II processo di come droga allucinogena
alle esigenze della popolazione rurale povera; intraprese una
serie di sperimentazioni con il fungo su se medesimo e su altri disidratazione A partire dagli anni 1960 in Europa e
individui, per verificarne il basso livello di tossicita e i dosag- nell'America settentrionale si e diffuso l'utiliz-
gi. Dopo di che consiglio ai poveri l'uso di questa "alimento riduce gli zo dei funghi psicoattivi come droghe alluci-
nervoso" in sostituzione del vino e riforni la farmacia locale di nogene [42,43]; un fenomeno con implicazio-
preparati essiccati del fungo. effetti ni di natura tossicologica, sociologica e legis-
Per quanto riguarda l'utilizzo dei funghi psicoattivi nella lativa per il quale, sebbene di importanza
medicina tradizionale, i dati sono scarsi in generale e nulli per collaterali a secondaria rispetto alle problematiche associa-
l'arco alpino, fatta eccezione, forse, dell'uso del cappello di A. te all'uso di altre droghe, e opportuno mante-
muscaria come insetticida, per le sue note proprieta di attrar- carico dei nere un'osservazione aggiornata.
re le mosche. L:arco alpino e la fonte principale di
I Khanty della Siberia occidentale impiegano questa fungo funghi approvvigionamento dei funghi psicoattivi per
in applicazione topica nei casi di morsicature di vipera [39]. un'estesa popolazione - per lo piu giovanile -
In Germania preparati omeopatici di A. muscaria sono oggi- isossazolici. dell'Italia settentrionale, Francia meridionale,
giorno usati nel trattamento di tic, paresi della vescica, dis-
turbi epilettici, iperidrosi, parkinsonismo, debolezza mentale,
stati depressivi [40].
L:unico caso nota all'autore di impiego nella medicina tra-
dizionale di funghi psilocibinici proviene dalla Transilvania
(Ungheria) e riguarda l'applicazione topica allo stato fresco di
P. semilanceata per il trattamento delle verruche [41].

nuovo numero di Acta Phytotherapeutica


Fougeres RAC di Conthey strategia di integrare la lati come grammi di pro-
(Valais). dieta con antiossidanti dotto fresco (FW) utiliz-
A titolo di esempio l'arti- specialmente di derivazio- zando il Trolox® come
colo menziona Ie fasi di ne naturale. standard di riferimento.
domesticazione di dieci Studi etnobotanici, con- Dalla comparazione dei
specie alpine, sofferman- dotti su Adansonia digita- risultati i valori di IA C®
dosi in palticolare suI ta, hanno dimostrato l'ele- sono risuItati come segue:
genepl bianco (Artemisia vato contenuto in composti Adansonia digitata polpa
unbelliformis) e sulla stel- antiossidanti. In palticola- del frutto~ estratto secco
la alpina (Leontopodium re la polpa del frutto di titolato al 90% in OPC >
alpinum). Baobab puo essere consi- foglie essiccate di
derata come una impor- Adansonia digitata > >
• Potere antiossidante tante fonte di vitamina C, estratto glicolico di foglie
della polpa del frutto e fi no a 3 glKg. essiccate di Adansonia
delle foglie In seguito a queste consi- digitata »> polpa del
di Adansonia digitata derazioni, abbiamo valuta- fru tto di fragola > polpa Svizzera, Austria e Slovenia, quantificabile nel-
di Silvia Vertuani, Elena to mediante fotochemilu- del frutto di kiwi> polpa l'ordine di alcune migliaia di individui. Il fungo
Braccioli, Valentina minescenza (PCL) la capa- del frutto di arancia > piu comunemente raccolto e consumato come
Buzzoni, Stefano cita antiossidante integra- mela polpa e buccia. droga allucinogena e P. semilanceata, chiama-
Manfredini Ie (lAC''') di estratti Questi dati evidenziano Ie to dagli utilizzatori italiani funghetto, psilo in
Dipartimento di Scienze acquosi/metanolici da interessanti proprieta francese, Narrenswammen in tedesco e Liberty
Farmaceutiche Facolta di foglie e fmtti, in confronto antiossidanti del frutto, in Cap in inglese. Vengono raccolte anche A.
Farmacia, Universita di con quella di altri vegetali particolare il valore IAC® muscaria e A. pantherina e, fra le altre specie
Ferrara ritenuti ricche fonti di della polpa di frutto del psilocibiniche, P. callosa, P. cyanescens, P. ser-
antiossidanti, con partico- Baobab, e risultato 10 bica, Panaeo/us suba/teatus e occasionalmente
In anni recenti, nel tenta- lare riferimento al conte- voIte pi u alto della polpa Pluteus salicin us e Inocybe aeruginascens.
tivo di contrastare gli nuto di acido ascorbico di arancia con un valore Le problematiche d'ordine tossicologico
effetti negati vi legati allo (i.e. arancia, kiwi, mela, pari a circa 11 mmol/gr registrate e causate da queste micotossicosi
stress ossidativo, diventa fragola). (FW) e 0.3 mmol/gr (FW) psicotrope volontarie sono di tre tipi: 1) erro-
sempre piu convincente la I risultati sono stati calco- rispettivamente. nea identificazione del fungo prescelto, con ~
Studien zum Psi/ocybe cya- idrossi-indol derivati in car-
nescens-Komplex in Europa, pofori di Panaealus e generi
[1] Guzman G, Allen JW, Beitr.Kenn. Pilz.Mitteleur., affini, Allionia, 1972, 18,
Gartz J, 1998, A worldwide 1984, 1, 61-94. 85-89.
geographical distribution of [11] Krieglsteiner GJ, [19] Calligaris F, Indagine
the neurotropic fungi; an Studien zum Psi/ocybe cyo- sulle relazioni tra composi-
analysis and discussion, nescens-caflosa- zione chi mica di funghi ad
Ann.Mus.Civ.Rovereto, 1998, semi/onceata-Komplex in azione psicotropa e loro
Basidiomiceti psicoattivi presenti nell'arco alpino 14, 189-280. Europa, provenienza. Studio chemio-
[2] Stijve T, Worldwide Beitr.Kenn. Pilz.Mitteleu r., metrico e cromatografico,
isossazolici Pan. ofivaceus MolI.7[A,Sw] occurrence of psychoactive 1986, 2, 57-72. Ann.Mus.Civ.Rovereto, 1998,
AMANlTlCEAE Pan. papifionaceus (Bull. ex Fr.) Quel. mushrooms - an update, [12] Gerhardt E, 12, 219-242.
•Amanita muscar!a (l. ex Fr.) Hook. var. papilionaceous8 [F,I,Sw,A,SI] Czech.Mycol., 1995, 8, 11- Taxonomische Revision der [20] Stijve T, Kuyper TW,
[F,I,Sw,A,SI] • Pan. subbalteatus (Berk. & Br.) Sacc.9 19. Gattungen Panaealus und Occurrence of Psilocybin in
•A. pantherina (DC. ex Fr.) Kumm. [F,I,Sw,A,SI] [3] Festi F, Funghi allucino- Panaealina (Fungi, Various Higher Fungi from
[F,I,Sw,A,SI] CORTINARllCEAE
A. regafis (Fr.) Michael1 [F,I,Sw,A]
geni. Aspetti psicofisiologici Agaricales, Coprinaceae), Several European Countries,
'/nocybe aeruginascens Babos [Sw,A]
I. calamistrata (Fr.) Gill.[1,Sw,A] e storici, LXXXVI Schweizerbartsche, Planta Medica, 1985, 5,
psilocibinici I. coelestium Kuyp. [Sw,A] Pubblicazione del Mus.Civ. Stuttgart, 1996. 385- 387.
STROPHARllCEAE I. corydafina Quel. var. corydalina Rovereto, Rovereto, 1985. [13] Gartz J, Nachweis yon [21] Gennaro MC,Giacosa D,
•Psifocybe bohemica Sebek [A] [F,I,Sw,A] [4] Samorini G, Sullo state Tryptaminderivaten in Pilzen Gioannini E, Angelino S,
• P. cyanescens Wakef. [F,I,Sw,A] I. corydalina Quel. var. erinaceomorpha attuale della conoscenza dei der Gattungen Gerronemo, Hallucinogenic species in
•P. semifanceata (Fr.) Quel. [F,I,Sw,A,SI] (Stangl & Vesel) Kuyp. [Sw] Basidiomiceti psicotropi ita- Hygrocybe, Psathyrefla und Amanita muscaria.
•P. serbica Mos. & Horak [A,SI] I. haemacta Berk. & Br. [F,I,Sw,A] liani, Ann.Mus.civ.Rovereto, [nocybe, Determination of Muscimol
• P. strictipes Sing. & Sm.2 [F,I,Sw,A,SI] I. tricolor KUhn.[Sw,A]
1989,5,167-184. Bioche,.PhysioI.Pfl., 1986, and Ibotenic Acid by Ion
COPRINACEAE PLUTEACEAE
Panaeo!us bisporus (Mal. & Bert.) • Pluteus saficinus (Pers. ex Fr.) Kummer [5] Samorini G, Funghi allu- 181, 275-278. Interaction HPLC,J. Liq.
Gerh.3 [Sw, awentizia] [F,I,Sw,A] cinogeni italiani, [14] Stijve T, Kuyper TW, Chrom.& Rel.Technol., 1997,
• Pan. cyanescens Berk. & Br.4 [F,Sw,A] Ann.Mus.civ.Rovereto, 1993, Absence of psilocybin in 20, 413-424.
Pan. timicola (Pers. ex Fr.) GiII.S altri Suppl. 8, 125-150. species of fungi previously [22] Stijve T, De
[F,I,Sw,A] Coprinus atramentarlus Bull. ex Fr., [6] Samorini G, reported to contain psilocy- Koningsvliegezwm, Amanita
Pan. foeniseci! (Pers. ex Fr.) KUhn.6 Coprinaceae [F,I,Sw,A,SI] Neurotossicologia delle gra- bin and related tryptamine regalis (Fr.) Micahel, de
[F,I,Sw,A,SI] minacee e dei loro patogeni derivatives, Personia, 1988, paddestoel van het jaar
vegetali. Un'introduzione, 13, 463-465. 2000, AMKMededelinge,
A=Austria; F=Francia; 1=ltalla; SI=S/ovenia; Weeks
Ann.Mus.civ.Rovereto, 1992, [15] Ola'h GM, Etude chi- 2000, 2, 46-51.
Sw=Svlzzera 4 =Copelandia cyanescens (Berk & Br.) Sing.
5 =Pan. ater (Lange) Kuhn. & Rom.
7, 253-264. miotaxinomique sur les [23] Senn-Ivlet B,
• Specie attualmente raccoite sull'arco 6 =Panaeolina foenisecii (Pers. ex Fr.) Maire [7] Hofmann A, Heim R, Panaeolus. Recherches sur la Nyffenegger S, Srenneisen
alpino e usate come droghe allucinogene 7 =Pan. castaneifolius Murr. Tscherter H, Presence de la presence des corps indoli- R, Panaeo/us bisporus - an
1=A muscaria var. regalis (Fr.) Bart B =Pan. campanu/atus (Fr.) Ousl.; P. reUru- psilocybine dans une espe- ques psychotropes dans ces adventitious fungus in cen-
2 =P.caliosa (Fr. ex Fr.) Ousl. gis (Fr.) Ousl.; P. sphinctrinus (Fr.) Ousl. ces europeenne d'Agarics, Ie cham pignons, Comp.Rend., tral Europe, rich in psilocin,
3 =Copelandia b/spora (Mal. & Bert) Sing. & 9 =Pan. cinctu/us (Bait.) Saccosensu Gerh. Psifocybe semi/anceata Fr., 1968, 267, 1369-1372. Mycologist, 1999, 13(4),
Comp.Rend.Acad.Sci., 1963, [16] Stijve T, Hischenhuber 12-15.
257, 10-12. C, Ashley D, Dccurrence of [24] Heim R, Hofmann A,
[8J Semerdzieva M, Nerud F, 5-Hydroxylated Indole Tscherter H, Sur une intoxi-
Halluzinogene Pilze in der Derivatives in Panoeofina cation collective a syndrome
~ conseguenti intossicazioni dovute a specie pili tossiche di
Tschechoslowakei, Ceska Joenisedi (Fr.) Kum. from psilocybien causee en
quelle psicoattive; 2) tossicita intrinseche dei funghi psicoat- Mykol., 1973, 27, 42-47. Various Origin, Zeit.Mykol., France par une Cope/andia.
tivi; 3) complicazioni di natura psichiatrica dovute all'uso [9] Guzman G, New species 1984, 50, 361-366. Comp.Rend., 1966, 262,
improprio e all'abuso di droghe psichedeliche, quali sono i fun- and new records of [17] Stamets P, Psilocybin 519-523.
ghi psicoattivi. Psilocybe from Spain, the Mushrooms of the World, [25] Hucharz EJ, Braclik M,
Mantenendo l'osservazione a un livello europeo, per quan- USAand Mexico, and a new Ten Speed, Berkeley, CA, Kotulska A, Coprinus, a com-
to riguarda il primo caso la casistica e fortunatamente ridotta. case of poisoning by 1996. mon European mushroom, is
E' nota un caso in Austria, dove un giovane fu ricoverato in Psi/ocybe barrerae, [18] Fiusello N, Ceruti a previously unknown hallu-
fase finale di insufficienza renale per avere consumato carpo- Doc.Mycol., 2000, 29,41- Scurti J, Idrossi-indol deri- cinogenic plant,
52. vati in Basidiomiceti. II. Eur.J.Int.Med., 1999, 10,
fori di Cortinan'us oreLlanoides - contenente la nefrotossica
[10J Krieglsteiner GJ, Psilocibina, psilocina e 5- 61.
orellanina - che aveva scambiato per P. semilanceata [44]; una
confusione dovuta pili a irresponsabilita dell'individuo di fron-
te alla sua ignoranza in materia di funghi che a improbabili
similitudini morfologiche fra le due specie. semilanceata [46], un fatto messo in dubbio in seguito a un'a-
Nei medesimi habitat di crescita di P. semilanceata le spe- nalisi approfondita del caso [47].
cie tossiche che potrebbero essere confuse per somiglianza Sono noti alcuni casi di insufficienze renali causate dal-
delle caratteristiche morfologiche macroscopiche so no Galerina l'ingestione di funghi psilocibinici [48,49], un caso di infarto
autumnalis e altre congeneri, producenti amatossine [45] e cardiaco [50] e uno di demielinizzazione cerebrale multifocale
diverse specie dei generi Mycena e Inocybe, che producono [51]. Questi ultimi due casi possono essere considerate reazio-
muscarina. Anche specie apparentemente innocue dei generi ni avverse di natura idiosincratica. La presenza di fenetilamina
Conocybe, Coprinus, Hygrocybe, possono essere soggette a con- in P. semilanceata, recentemente registrata, ha fatto ipotizza-
fusione can le specie psilocibiniche di Psilocybe e Panaeolus. re un possibile ruolo di questa sostanza nelle reazioni avverse
Per quanta riguarda la tossicita intrinseca dei funghi allu- col fungo, in particolare la tachicardia, un sintomo difficil-
cinogeni, i dati farmacologici ed epidemiologici evidenziano mente imputabile ai composti psilocibinici [52].
una generale bassa tossicita sul corpo umana. Il numero di casi Nella maggior parte dei casi di reazioni fisiche avverse can
fatali per entrambi i funghi isossazolici e psilocibinici regi- ingestioni intenzionali di A. muscan"a e soprattutto A. panthe-
strati negli ultimi 40 anni in Europa e ridotto a poche unita, rina, i funghi sana consumati allo stato fresco. E' nota che il
alcune delle quali dubbie; come nell'intossicazione fatale veri- processo di disidratazione riduce gli effetti collaterali dei fun-
ficatasi in Francia nel 1996 e attribuita all'ingestione di P. ghi isossazolici, in particolare i disturbi gastro-enterici, oltre a
[26] D'Antuono G, Tomasi R, I 1993, suppl. 8, 245-256. lity caused in France by inge- revival of a very old preparation J.Ethnopharm., 1988, 24, 345-
funghi velenosi, Edagricole, [37] Grasso B, It nostro Agarico stion of Liberty Caps, Eleusis on the drug market?, 348.
Bologna, 1988. Muscario sperimentato come J.Psychoact.Pl.Comp., 1996, 6, Int.J.Legal Med., 1998, 111, [67] Ginzburg e, Storia nottur-
[27] Wasson VP, Wasson RG, alimento nervoso, 3-13. 147-150. na. Una decifrazione del sabba,
Mushrooms, Russia and History, Gazz.Osp.Milano, 1880, 1, 40- [48] Lindsay J, 1993, Renal [57] Battisti C, It sostrato Einaudi, Torino, 1989.
Pantheon, New York, 1957, 2 54. Failure after eating "magic" mediterraneo nella fitonomia [68] Harner MJ, The Role of
vols. [38] Samorini G, A peculiar mushrooms, Can.Med.Ass.J., greco-latina, Hallucinogenic Plants in
[28J Samorini G, New Data from historic document concerning 1993, 148, 492. Studi Etruschi, 1960, 28, 349- European Witchcraft, in Harner
the Ethnomycology of fly-agaric, Eleusis [49] Raff E, Hallora PF, 384. MJ (Ed.), Hallucinogens and
Psychoactive Mushrooms, J.Psychoact.Pl.Comp., 1996, 4, Kjellstrand CM, Renal failure [58] Andre J, Le noms des plan- Shamanism, Oxford University,
Int.J.Med.Mushr., 2001, 3, 257- 3-16. after eating "magic" mush- tes dans la Rome antique, Les London, 1973, 125-150.
278. [39] Saar M, Fungi in Khanty rooms", Can.Med.Ass., 1992, Belles Lettres, Paris, 1985. [69] Piomelli 0, Pollio A, In
[29] Samorini G, Funghi alluci- Folk Medicine, J.Ethnopharm., 147,1339-1341. [59] Baumann H, Greek wild upupa 0 strige. A Study in
nogeni. Studi etnomicologici, 1991,31,175-179. [50] Borowiak K.S., flowers and plant lore in Renaissance Psychotropic Plant
Telesterion, Dozza, BO, 2002. [40] Waldschimdt E, Der Ciechanowski K, Waloszczyc P, ancient Greece, Herberet, Ointment, Hist.Phil.Life Sci.,
[30J Samorini G, Sulla presenza Fliegenpilz als Hilmittel, Psilocybin Mushroom (Psilocybe London, 1993. 1994,16, 241-273.
di piante e funghi allucinogeni Integration, 1992, 2/3, 67-68. semilanceata) Intoxication with [60] Martini Me, Piante medica- [70] Tomei PE, LUSO delle spe-
in Valcamonica, Boll.Camuno [41] Zsigmond G, Les champi- Myocardial Infarction, mentose e rituali magico-reli- cie vegetali nelle arti magiche,
St.Preist., 1988, 24, 132-136. gnons dans la medicine popu- Clin.Toxicol., 1998, 36, 47-49. giosi in Plinio, Bulzoni, Roma, in Bosco G, Castelli P (cur.),
[31J Kaplan RW,The sacred laire hongroise, Bull.Soc.Myc.Fr., [51] Spengos K, Schwartz A, 1977. Stregoneria e streghe
mushroom in Scandinavia, Man, 1999, 115, 79-90. Hennerichi M, Multifocal cere- [61] Aliotta G, Piomelli 0, nell'Europa moderna, Ministero
1975, 10, 72-79. [42] Hyde e, Glancy G, Omerod bral demyelinization after magic Pollio A, 1994, Le piante narco- Beni Culturali e Ambientali,
[32J Poder R, Peintner U, P, Hall 0, Taylor GS, Abuse of mushroom abuse, J.Neurol., tiche e psicotrope in Plinio e Pisa, 1996, 207-210.
PUmpel T, Mykologische indigenous psilocybin mush- 2000,247, 224-225. Dioscoride, [71] De Vries H, Ober die soge-
Untersuchungen an den Pilz- rooms: a new fashion and some [52] Beck 0, Helander A, Ann.Mus.Civ.Rovereto, 1994, 9, nannten hexensalben,
Beifunden der Gletschermumie psychiatric complications, Karlson-Stiber e, Stephansson 99-114. Integration, 1992, 1, 31-42.
yom Haulabjoch, in Hopfler F, BritJ.Psychiat., 1978, 132, N, Presence of Phenethylamine [62] Merlin MD, On the Trail of [72] Credaro V, Stregoneria e
Platzer W, Spindler K (Ed.), Der 602-604. in Hallucinogenic Psilocybe the Ancient Opium Poppy, Ass. botanica; identificazione dell'er-
Mann 1m Eis, Eingeverlag [43J Suprrian T, Frey U, Mushroom: Possible Role in University, London & Toronto, ba tirella con Orchis maculata
Univers., Innsbruck, 1992, I, Supprian R, Rosler M, Wanke K, Adverse Reactions, 1984. L., Boll.Soc.St.Valtell., 1990,
313-320. Ober den Gebrauch psychoakti- J.AnaLToxicol., 1998, 22, 45- [63] Maurizio A, Geschichte der 43,115-118.
[33J Sauter F, Stachelberger ver Pilze als Rauschmittel, 49. Gegoreenn getranke, Neudruck, [73] Lussi K, Die Anwendung
HW, Materialuntersuchungen an Frotsch.Neurol.Psychiat., 2001, [53] Francis J, Murray VSG, Berlin, 1933. yon Nelkenwurz und Muskatnuss
einem Begleitfund des "Mannes 69, 597-602. Review of Enquires made to the [64] Brekhman II, Sam YA, im alpenlandschen
yom Hauslabjoch". Die "schwar- [44 J Franz M, Regele H, NPIS Concerning Psilocybe Ethnopharmacologic Liebeszauber,
ze Masse" aus dem Kirchmair M et al., Magic mush- Mushroom Ingestion, 1978- Investigation of Some Ja hrb. Ethno med. Bewusstsei nsf.,
"Tasch chen", in Hopfler F, rooms: hope for a "cheap high" 1981, Human Toxicol., 1983, 2, Psychoactive Drugs Used by 1997-98,6-7, 169-183.
Platzer W, Spindler K (Ed.), Der resulting in end-stage renal fai- 349-352. Siberian and Far Eastern Minor [74] Ratsch e, Enzyklopadie der
Mann 1m Eis, Eingeverlag lure, Nephrol.DiaLTranspant., [54] Samorini G, Festi F, Le Nationalities of USSR, in Efron psykoaktiven Pflanzen, AT,
Univers., Innsbruck, 1992, I, 1996, 11, 2324-2327. micotossicosi psicotrope volon- DH et al. (Eds)., Aarau, Switzerland, 1998.
442-453. [45] Gartz J, Das Hauptrisiko tarie in Europa: osservazione Ethnopharmacologic Search for [75] Festi F, Aliotta G, 1989,
[34] Pauletta G, Sull'attivita bei Verwendung psilocybinhalti- sui casi clinici, Psychoactive Drugs, Public Piante psicotrope spontanee 0
antibiotica di un ceppo di ger Pilze - Verweschslung der Ann.Mus.Civ.Rovereto, 1989, Health Service, Washington, coltivate in Italia,
Polyporus betulinus (Bull.) Fr., It Arten, 1995, suppl. 4, 251-258. 1967, 415. Ann.Mus.civ.Rovereto, 1989, 5,
Farmaco Ed.Sci., 1947, 2, 276- Ja hrb.Trans k.Med.Psych oert., [55] Riva M, A funghi in doga- [65] Plowman TC, Leutchtmann 135-166.
286. 287 -297. na - Curiosando fra i funghi A, Blanet C, Clay K, Significance [76] Broggini M, Lorenzini ML,
[35] Scotti R, La figura di [46] Gerault A, Picart 0, sequestrati / Pilzkunde am Zoll- of the Fungus Balansia cyperi Reina A, Botta V, Mezzetti MG,
S.Onofrio affrescata nella chiesa Intoxication mortelle a la suite BestmmungsUbungen an bechla- Infecting Medicinal Species of Intossicazione acuta da Datura
di Santa Brigida, Pro Loco di S. de la consummation volontaire gnahmten Pilzen, Cyperus (Cyperaceae) from stramanium in tossicodipenden-
Brigida, BG, 2001. et en groupe de cham pig nons Schweiz.Zeit.Pilzkunde, 2002, Amazonia, Econ.Bot., 1990, 44, te, Acta Anesth.It., 1987, 38,
[36] Fericgla MJ, Las supervi- hallucinogenes, Bull. Soc. Myc. 80, 66-72. 452-462. 639-643.
vencias culturales y el consumo Fr., 1996, 112, 1-14. [56] Bogusz MJ, Maier R-D, [66] Aaronson S, Paspalum spp. [77] Soldati G, Piero A,
actual de Amanita muscaria en [47] Gartz J, Samorini G, Festi Schafer AT, Erkens M, Honey and Claviceps paspali in Ancient Sindrome antimuscarinica,
Cataluiia, Ann.Mus.Civ.Rovereto, F, 1996, On the presumed fata- with Psilocybe mushrooms: a and Modern India, Fed.Med., 1995, 7, 21-24.

potenziarne gli effetti psicoattivi [3]. Amanita pantherina e psilocibina e psilocina sono classificati fra le droghe illecite.
generalmente 2-3 volte pill potente di A. muscaria, come e Oltre alle specie che crescono in natura, sono reperibili
stato confermato in campioni raccolti nell'arco alpino [21,22] funghi psilocibinici di coltivazione. In Europa le coltivazioni
e pUG indurre effetti collaterali pill drastici di quelli indotti clandestine si sono diffuse a partire dagli anni '80 e hanno
dalla congenere. Nel terzo caso di problematiche medico-tossi- subito un forte incremento nell'ultima decade di pari passo con
cologiche associate alla moderna "micofilia" rientrano le com- la diffusione di tecniche sempre pill semplificate per la loro
plicazioni di natura psichiatrica dovute all'uso incauto e all'a- coltivazione homemade. P. semi/anceata risulta una specie di
buso di droghe psichedeliche, che possono indurre reazioni difficile coltivazione, mentre pill facile appare quella di alcune
avverse psicotiche 0 deliranti 0 in seguito depressive. Sono specie tropicali, fra cui Psi/acybe (Stropharia) cubensis.
numerosi i casi di questa tipo registrati in Europa negli ultimi Campioni di questa specie sono stati recentemente sequestra-
30 anni e ugualmente numerosi sono i casi non registrati [42, ti dalla dogana svizzera al confine con l'Italia, congiuntamen-
53,54]. te a carpofori di Panaea/us (Cape/andia) cyanescens [55].
La raccolta, il commercio e il consumo dei funghi psi loci- I funghi psilocibinici sono con una certa frequenza con-
binici alpini - e non di quelli isossazolici - comporta differen- servati secchi sotto miele, come e stato dimostrato dal recen-
ti implicazioni legislative nelle diverse nazioni che compongo- te sequestro di vasetti di carpofori di P. cubensis sotto miele
no l'arco alpino. In generale, questi funghi e i principi attivi dalla dogana tedesca al confine con l'Olanda [56]. •