Sei sulla pagina 1di 12

L’OSSERVATORE ROMANO

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n. 649004 Copia € 1,50 Copia arretrata € 3,00 (diffusione e vendita 7-8 novembre 2020)

GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 258 (48.582) Città del Vaticano sabato 7 novembre 2020

FRATELLI TUTTI

Ancora in attesa
Gli Stati Uniti sono ancora in at- (Nevada, Arizona, Georgia, North ammonito l’avversario a non di-
Fermarsi
a “fare tempo”
tesa di conoscere il vincitore delle Carolina e Pennsylvania) gli ga- chiarare «erroneamente» vittoria,
elezioni presidenziali svoltesi mar- rantirà l’accesso alla Casa Bianca. perché, ha avvertito attraverso un di LUCIANO FLORIDI

S
tedì 3 novembre. Il candidato de- Donald Trump, dal canto suo, ha tweet, i ricorsi legali sono appena
mocratico Joe Biden ha ribadito iniziati. iamo entrati nel ventunesimo secolo
di essere certo che il conteggio dei con una lacerazione tragica, la pande-
voti negli Stati ancora in bilico PAGINA 4
mia. Nei libri di storia sarà questo lo
spartiacque con il Novecento, così co-
me la prima guerra mondiale ha segnato la fine
dell’Ottocento. Il disastro climatico, l’ingiusti-
zia sociale, la fine delle ideologie, la crisi della
democrazia, i rigurgiti fascisti e il terrorismo
fondamentalista, il problema dell’immigrazio-
ne, la crisi del modello capitalista neoliberale
sono tutte trasformazioni dalla storia lunga. Ma
la pandemia le ha saldate insieme ad altre in
un’unica spinta globale, sincronizzata e violen-
ta, facendo della fine del Novecento un’espe-
rienza planetaria comune e condivisa. È il clas-
sico pettine della storia dove i tanti, preesistenti
nodi sono ora giunti. Avendo rifiutato per anni
di scioglierli; avendo preferito accontentarci di
procedere guardando nello specchietto retrovi-
sore (si pensi al bellissimo progetto Europeo,
non più presentabile solo come un successo di
pace post-bellica); e avendo avuto troppo spes-
so solo la timidezza di operazioni di piccoli
adattamenti, o l’illusione di operazioni anacro-
nistiche (vedi Brexit), ci ritroviamo ora gettati
in un’epoca aliena, disorientati come naufraghi
su un’isola che non riconosciamo. Il rischio di
fare la cosa sbagliata è enorme, basti pensare
agli orrori successivi alla prima guerra mondia-
le. Capire prima di agire è perciò vitale, ma ca-
pire senza poi agire di conseguenza sarà un sui-
cidio. Serve per questo più filosofia, più intelli-
genza, più coraggio, più capacità di guida e di
realizzazione, più Politica (la maiuscola è cru-
ciale).
È in questa ottica che ho letto l’enciclica di
Papa Francesco, Fratelli tutti. «La storia sta dan-
do segni di un ritorno all’indietro» (11) e il testo
offre molte riflessioni per evitare questa trappo-
la, per capire e agire meglio, in un periodo di
profonde incertezze e trasformazioni.
L’enciclica ha una enorme ricchezza concet-
tuale, in termini di analisi, e morale, in termini
di suggerimenti. Non lo dico da credente, ma
da agnostico, pur nella speranza di essere tra
ALL’INTERNO coloro che a volte «[...] possono vivere la volon-
tà di Dio meglio dei credenti» (74). Spesso, nel
L’arcivescovo Gallagher per i 40 anni leggerla, mi è capitato di sottolineare mental-
dell’accordo tra Santa Sede e Perú mente “bravo! Ma sì, è proprio così!” (nel dialo-
go interno si da del tu anche al Papa). Ecco
La diplomazia vaticana qualche esempio. Il male non si debella per
agisce per facilitare
la pace tra le nazioni SEGUE A PAGINA 2

DAVIDE DIONISI A PAGINA 5

Punti di resistenza

Apprendere la lingua
per integrarsi
Argomenti circolari
ENRICA RIERA A PAGINA 7 di CARLO MARIA POLVANI zione universale (misurata con precisione qua di profondità costante senza terre terrestre variando fra l’equatore e i poli,
sin dai tempi di Henry Cavendish) per la emerse. Ma anche così, il calcolo non ri- crea complesse correnti oceaniche a for-

L
Facce belle della Chiesa e maree variano molto, basti con- massa di entrambi e poi dividendo il tutto sulterebbe facile. Perché? ma di vortice, che possono in alcuni casi
siderare che nella Baia di Fundy per il quadrato della distanza che li sepa- Pierre-Simon Laplace formulò le fa- contrastare e in altri accentuare l’effetto
Fra Luke in Nova Scozia (Canada), se ne ra. mose équations differentielles des marées e si re- dell’attrazione del Sole e della Luna.
il parroco dei rifugiati registrano di un’altezza media Basterebbe quindi escludere tutti i fat- se conto che al di là dei fattori succitati, A vederci bene, tutti questi problemi
giornaliera di 13 metri, al Mont-St-Michel tori che rendono il calcolo complesso; per ve ne sono alcuni invincibili, perché do- di base nascono da complessità geome-
PAGINA 9 in Normandia, si estendono fino a 15 chilo- esempio, considerando solo l’effetto della vuti proprio alla rotazione di una sfera su triche. Quando si devono risolvere pro-
metri dalla costa, mentre Luna e del Sole (que- sé stessa, che nel caso del nostro pianeta blemi fisici e temporali che includono
Il cardinale Ayuso Guixot nel Mar Mediterraneo so- st’ultimo è molto più risulta, per un punto all’equatore di cerchi e sfere, i risultati sono alquanto
a un seminario online del Ccee no sempre inferiori a un lontano dalla Terra ma 1.620 km/h e ai poli è nulla. Questo diffe- imprevedibili e non esistono delle equa-
metro e nel Mar Morto so- la sua massa è enorme renziale di velocità di punti su una sfera zioni lineari che riescano sic et sempliciter a
In Europa no pressoché impercettibi- rispetto a quella del no- in rotazione su se stessa ha due effetti: risolverli. Il cerchio e le sfere sono vera-
y(7HA3J1*QSSKKM( +"!#!#!z!{

serve il dialogo li. Questa discrepanza si stro satellite naturale) e primo, un’onda di marea si propaghe- mente figure speciali, come lo intuiva Ar-
deve a molti fattori: l’irregolarità dei fondi, non degli altri pianeti e calcolare il massi- rebbe a una velocità che entrerebbe in ri- chimede che — secondo la leggenda —
PAGINA 11 i mari chiusi o aperti… ma il prevedere le mo effetto di attrazione quando entrambi sonanze diverse con la velocità di rota- prima di morire sotto il gladio di un sol-
maree potrebbe sembrare facile poiché l’e- il Sole e la Luna sono i più vicini alla Ter- zione a seconda della latitudine (la di- dato romano durante l’assedio di Siracu-
quazione di base della gravità universale ra, il perigeo e perielio, e su uno stesso la- stanza di un punto terrestre dal polo); se- sa, ebbe la forza di implorare pietà non
NOSTRE scoperta da Isaac Newton è semplicissima: to; per rendere le cose più facili si potreb- condo, per effetto della Legge di Corio- tanto per la sua vita quanto per le sue fi-
INFORMAZIONI la forza di attrazione fra due oggetti si cal- be anche presumere la Terra come una lis, lo spostamento dell’acqua dovuto al- gure perfette, con le parole: noli turbare
PAGINA 11 cola moltiplicando la constante di gravita- sfera perfetta ricoperta da uno strato d’ac- la accelerazione impressa dalla rotazione circulos meos!
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 7 novembre 2020

«Fratelli tutti» - Per una lettura dell’enciclica di Papa Francesco

Giovani e lavoro:
prioritaria la formazione

A
di BRUNO BIGNAMI domani il peso di un indebitamen- fronte. Tutti ci rendiamo conto che
to senza precedenti. Il loro futuro esistono diversi tipi di intelligenza:
i lettori attenti dell’enciclica Fratelli appare ipotecato. Proprio l’incer- c’è l’intelligenza teoretica, l’intelli-
tutti non dev’essere sfuggito il nu- tezza dell’oggi richiede un investi- genza emotiva, l’intelligenza prati-
mero 162 dedicato al lavoro. È una mento coraggioso sui giovani e sul- ca... Lo sviluppo di queste forme di
sintesi della riflessione cristiana sul la formazione al lavoro. Si sa, il te- intelligenza è alla base della forma-
tema, mettendo a fuoco la centrali- ma dei giovani è una delle ferite zione umana integrale. Ci sono
tà della persona. L’obiettivo affer- aperte della società italiana: la loro persone che hanno una spiccata in-
mato, infatti, è quello di «assicurare fuga dalle aree interne e marginali telligenza teoretica e che quindi so-
a tutti la possibilità di far germo- del Paese in cerca di fortuna altrove no a loro agio nel sistema scolastico
gliare i semi che Dio ha posto in rappresenta un dato che dovrebbe liceale e universitario. Astrarre, ap-
ciascuno, le sue capacità, la sua ini- allarmare. Al contrario, viene guar- plicare, dedurre, concettualizzare,
ziativa, le sue forze». Il riconosci- dato con rassegnazione, quasi non approfondire, ricercare... sono i
mento della dignità umana passa ci sia nulla da fare e che sia qualcosa verbi coniugati da questo approc-
dalla promozione del lavoro e dalla più grande di noi. Siamo schiaccia- cio alla realtà.
capacità di una società a educare le ti e non possiamo che osservare! Ci sono poi persone che hanno
giovani generazioni alla professio- D’altro canto, un investimento una singolare intelligenza emotiva,
ne. Aggiunge Papa Francesco: «In massiccio nella formazione porte- che trovano, per altre vie, il modo
una società realmente progredita, il rebbe ad abitare il nostro tempo di far fiorire i loro talenti attraverso
lavoro è una dimensione irrinuncia- con stile innovativo. Il futuro lo si il teatro, la danza, lo sport, il cine-
bile della vita sociale, perché non prepara progettando nel presente. ma, i circoli letterari e artistici...
solo è un modo di guadagnarsi il Siccome il mondo del lavoro è in C’è, infine, chi ha una spiccata in- modelli diversi di apprendimento menti per abitare il proprio tempo
pane, ma anche un mezzo per la continua trasformazione, stare den- telligenza pratica e che rischia di fi- possono avere piena cittadinanza con senso di responsabilità e con
crescita personale, per stabilire re- tro ai cambiamenti in corso signifi- nire vittima del vecchio pregiudizio nella formazione. Il compito delle competenza.
lazioni sane, per esprimere sé stessi, ca darsi le competenze necessarie che associa il lavoro manuale a agenzie educative non è quello di La sfida per il mondo cattolico si
per condividere doni, per sentirsi per potersi mettere in gioco. La for- quello degli schiavi e lo ritiene di discriminare a seconda dei punti di fa doppia, perché significa saper
corresponsabili nel miglioramento mazione in genere, e quella profes- rango inferiore. Ci sono giovani, partenza, ma di condividere quelli vedere dei «geni di manualità» in
del mondo e, in definitiva, per vive- sionale in particolare, è chiamata a meno portati allo studio di storia o di arrivo. Puntando sull’intelligen- ragazzi che per molti rappresenta-
re come popolo». rispondere a questa esigenza. Rap- matematica o fisica, che invece han- za di ciascuno, li si può portare alla no una causa persa, talvolta persino
Se tutto ciò è vero, affrontare la presenta il tentativo di consegnare no una particolare propensione alla stessa meta, che non è data da una definiti come «asini». Come ci in-
crisi lavorativa significa prendere le chiavi in mano per aprire le porte manualità: sanno smontare e ri- quantità di nozioni uguale per tut- segna la Scrittura, «la pietra scarta-
sul serio la formazione dei giovani. al lavoro secondo le esigenze dei montare un motore, diventano abili ti, ma da un esercizio concreto di ta dai costruttori, è divenuta pietra
Il treno della vita passa anche da tempi, senza paure di sentirsi out, nella saldatura, sono creativi nel di- cittadinanza e da una piena consa- d’angolo» (Sal 118, 22). L’interpre-
qui. Nella pandemia scopriamo che ossia fuori dal tempo e dal mondo. segnare un modello di giacca o di pevolezza delle proprie capacità. tazione biblica è riferita a Cristo,
le categorie più fragili sono gli an- Propongo una riflessione che abito, hanno la fantasia di cucinare La pratica diventa un esercizio di che umiliato e ucciso, viene risusci-
ziani, che pagano sulla propria pel- parta dalla fenomenologia dell’in- piatti o di creare acconciature. Mol- scoperta di sé, fino a fare l’esperien- tato dal Padre. Il principio vale pe-
le più di tutti la crisi sanitaria, e i telligenza umana, che appare diver- ti di loro arrivano a imparare la ma- za che esiste un posto per ciascuno rò anche per le persone: gli scarti
giovani, che vedono piombarsi ad- sificata e complessa, per poi giun- tematica, la trigonometria, la storia, nel mondo. Ce lo insegna anche la possono diventare punti cardine di
dosso una crisi sociale ed economi- gere a guardare con attenzione alle la letteratura proprio a partire dallo scuola di Barbiana, fondata da don un’umanità differente. Basti pensa-
ca di inedite proporzioni. Questi richieste che nascono all’interno sviluppo della loro intelligenza Lorenzo Milani e studiata dai pe- re a ciò che Papa Francesco ha af-
ultimi rischiano di vedere bloccato del mondo dell’impresa. L’inclu- pratica e non da un approccio me- dagogisti di tutto il mondo. Ogni fermato nei vari incontri con i mo-
il lavoro nel presente e di portare un sione sociale si gioca su questo ramente teorico. Ciò significa che giovane ha diritto di avere gli stru- vimenti popolari: li ha riconosciuti

Fermarsi a “fare tempo”


CONTINUA DA PAGINA 1 che separano. Ma presto si ca- punto e lo aiuta, quindi la li- derato degno di ricevere il do- ciarsi è possibile solo se esiste te) nella trascendenza. Se que-
pisce che è il tempo la variabile nea che unisce a un altro pun- no del suo tempo» (63). Pur una separazione ricongiunta sta possa essere una “trascen-
sempre, si sconfigge ogni volta più importante, come indica- to, quello dell’albergatore che valorizzando il proprio tempo con l’altro, in cui le identità si denza laica” resta la domanda
di nuovo (11), con tenacia. Ag- no i numerosi riferimenti alla lo ospita, e in fine di nuovo la (è un uomo d’affari) il samari- uniscono ma non si annullano. aperta per l’agnostico, ma lai-
giungo: per questo la partita parabola del samaritano. La linea del viaggio del samarita- tano si è fermato. E così ha co- Perciò abbracciare l’altro è an- ca o religiosa che sia, è un’a-
morale si vince segnando più storia è nota (63). Come per no che riparte ma intende tor- struito una storia nuova, di at- che l’unico modo per abbrac- pertura che comporta costi,
goal (le cose fatte bene) di l’enciclica, all’apparenza sem- nare. Ho sempre letto la para- tenzione e cura, nel tempo, tro- ciare noi stessi. Sartre aveva come il fermarsi del samarita-
quanti se ne prendono (gli er- bra una questione di spazio bola more geometrico. Ma ho ca- vando il tempo per il sofferente e torto: l’inferno non è l’altro, è no, ed è un’apertura che pos-
rori commessi). Nemmeno geometrico: la linea del viag- pito, leggendo l’enciclica, che donandoglielo gratuitamente l’assenza dell’altro (150), per- siamo condividere con tutti,
San Francesco ha vinto 1-0. La gio del giudeo si incrocia, per invece è una parabola sul tem- (139) e a proprie spese, non so- ché ci si salva solo salvando perché è resa possibile dal ri-
crescita economica non è lo sua sfortuna, con la linea dei po: «Soprattutto [il samarita- lo perché il tempo è denaro, l’altro. Per questo dobbiamo conoscimento universale della
sviluppo umano, che deve gui- briganti che lo assalgono in un no] gli [al giudeo] ha dato una ma anche perché paga lui l’al- farci prossimo tra noi, come in- dignità umana (213-214), che
darla (21). Per questo dobbia- punto, ci sono poi le linee pa- cosa su cui in questo mondo bergatore, subito e con una siste l’enciclica (80-81). Oggi è trascende il tempo della storia
mo cambiare sia il capitalismo rallele del sacerdote e del levi- frettoloso lesiniamo tanto: gli promessa futura, nel tempo. più facile, perché nell’infosfera e quindi lascia l’immanenza
— che deve passare dal consu- ta, e quella del samaritano, che ha dato il proprio tempo. [...] L’inglese ha un modo molto ciascuno di noi è a un solo pas- del proprio io sempre socchiu-
mo (13) alla cura (17) del mon- invece si ferma nello stesso senza conoscerlo lo ha consi- bello per dire che il tempo per so di distanza da ogni altro. sa, come una porta che lascia
do e dell’umanità — sia la poli- ciò che è importante si trova: to L’opposto del fermarsi e intravedere la luce.
tica, che deve passare dall’inte- make time “fare tempo”. Il sama- “fare tempo” è «“la concupi- Alla fine della lettura mi so-
resse individualistico alla par- ritano makes time per il sofferen- scenza”: l’inclinazione dell’es- no chiesto: ma poi che cosa è
tecipazione collettiva e alla te. E questo “fare tempo” per sere umano a chiudersi nel- successo al samaritano? Sap-
speranza comune, attraverso la l’altro significa arricchirsi al l’immanenza del proprio io”» piamo che è ripartito. Aveva
“carità politica” (190). La cosa contempo, perché donare il pro- (166). È l’incoerenza di credere da fare. Contava di tornare.
peggiore che può capitare è prio tempo significa donarlo di poter vivere come se fossi- L’enciclica mi ha fatto pensare
perdere anche il senso della anche a se stessi. Senza l’altro mo linee parallele senza il pia- che abbia continuato il viaggio
vergogna per aver fatto del che lo riceve il donatore non no al quale apparteniamo, no- con un sorriso. Perché ripen-
male (45). Per questo l’augurio potrebbe make time per se stes- di senza la rete che ci costitui- sandoci deve al sofferente il
è di ricevere «la grazia di ver- so. Questa relazionalità del sce. È il rifiuto della relaziona- fatto di sapere ora lui chi è.
gognarci per ciò che, come uo- tempo, dei rapporti umani, lità. La chiusura nell’imma- Soddisfacendo la domanda
mini, siamo stati capaci di fa- della solidarietà tra noi, della nenza è lo spazio superficiale e posta dalla dignità umana del
re» (247, il riferimento è alla carità tra noi, percorre tutta claustrofobico di chi non si sofferente (218), ha ottenuto
Shoah). l’enciclica, e credo che sia una ferma e non “fa tempo” per anche la risposta alla questio-
Potrei continuare, ma prefe- chiave di lettura fondamenta- poter ricevere tempo, di chi ne sulla sua propria dignità
risco offrire una chiave inter- le. Basti notare che, tra le affer- non salvando non si salva. La umana di persona caritatevole
pretativa che mi è parsa filoso- mazioni più incisive, solo una soluzione contro la concupi- e gentile (222-224). C’è voluta
ficamente pregnante e cogen- ricorre due volte: «nessuno si scenza è perciò schiudere l’im- la forza di fermarsi per capire
te, quella del tempo. L’encicli- salva da solo”» (32, 54 e ancora manenza del proprio io, for- chi fosse e non vergognarsi.
ca si apre parlando dello spa- 137 «o ci salviamo tutti o nes- zarla ad aprirsi alla speranza Alla fine è stato il miglior inve-
zio, delle frontiere che divido- suno si salva»). Nessuno può (almeno per questo agnostico) stimento possibile del suo
no, dei muri e delle barriere Teofilo Patini, «Il buon samaritano» (1859) abbracciarsi da solo. Abbrac- se non alla fede (per il creden- tempo.
sabato 7 novembre 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

La dignità delle persone


fonda la fraternità

D
di FRANCESCO O CCHETTA Certo, la sfida della fraternità Occorre chiedersi: da che parte
sembra un paradosso mentre sto? Cosa sto facendo per co-
di scuole che preparino i giovani ad avanti ai cambiamenti d’epoca emergono inchieste dal Vatica- struire la fraternità politica?
acquisire le competenze richieste. ci sono due atteggiamenti pos- no che scuotono i fedeli e ri- Credo davvero che occorra in-
Nel mondo delle ipertrofie dei re- sibili: difendere ciò che rimane, schiano di indebolire la parola trodurre un nuovo paradigma
golamenti nazionali e regionali, costruire ciò che non c’è. Ma del magistero sociale della di convivenza dopo il covid-
troppe poche persone si pongono il ogni ricostruzione richiede di Chiesa. Ma la Chiesa non è il 19?
problema di chiedere ai destinatari uscire dalla propria terra come Vaticano, è il popolo di Dio Nasce da qui il cantiere della
le esigenze per far funzionare il è stato per Abramo e Sara. La che cammina nella storia fedele fraternità e dell’amicizia sociale.
mondo produttivo. discendenza è donata da Dio a al suo Signore. Parlare dunque Prima delle strutture occorre
Qui si rivela di luminosa strate- un anziano e a una sterile, gra- di fraternità è un processo pos- cambiare la mentalità di chi le
gia economica e umana l’investi- zie alla loro disponibilità. An- sibile, non va confusa come governa, il secolo XXI — leggia-
mento fatto dai corsi di formazione che la vita sociale e politica è una sfida utopica, la radice è mo nell’enciclica — «assiste a
professionale: ci si mette in ascolto regolata dallo stesso principio: evangelica. Questa, per alcuni, una perdita di potere degli Sta-
del territorio e si offrono risposte lasciare il proprio mondo per si limita ai legami di sangue, ti nazionali, soprattutto perché
all’altezza delle attese sia dei giova- costruirne uno migliore che Pa- per altri a ciò che ci separa da la dimensione economico-finan-
ni, che hanno bisogno di maturare chi è diverso, invece Francesco ziaria, con caratteri transnazio-
e formarsi, sia delle imprese che (ri)fonda la fraternità sulla di- nali, tende a predominare sulla
chiedono sempre più una qualifica- gnità di ogni persona, figlia politica. In questo contesto, di-
zione specialistica.
SU «VITA PASTORALE» dell’unico Padre, e sull’espe- venta indispensabile lo svilup-
Le scuole di formazione profes- rienza delle vittime che pagano po di istituzioni internazionali
sionale sono una benedizione, so- Pubblichiamo quasi per intero il male del mondo. più forti». Globalizzare la fra-
prattutto in questo momento stori- in questa pagina il testo dello scrittore gesuita Una novità dell’enciclica è il ternità, aiuta a liberare dalla
come «poeti sociali», quando spes- co. Hanno il coraggio di dire ai gio- che appare nella rubrica «Note di politica» quinto capitolo, dedicato a «La schiavitù le vittime della globa-
so nei loro Paesi vengono squalifi- vani che non c’è un parcheggio li- del numero di novembre di «Vita Pastorale» migliore politica». Dal suo rea- lizzazione economica e dell’in-
cati come gente di strada. Tutto ciò bero per loro. (Edizioni San Paolo, n. 10, anno CVIII, lismo Francesco non si limita a formazione con i suoi processi
giustifica il rafforzamento dell’im- Papa Francesco nell’esortazione pagina 11). denunciare le cose che non mediatici. Poco prima della Pa-
pegno nella formazione professio- apostolica Christus vivit affermava vanno, ma indica cosa fare e da ce di Vestfalia la Chiesa aveva
nale: si può valorizzare l’intelligen- che «ogni formazione è vocaziona- chi partire. Sono gli ultimi a rimproverato all’Impero di co-
za pratica come di alta dignità e si le» (254). Il miracolo sta nel risve- pa Francesco ci richiama nella cui la Chiesa vuole dare voce e struire un mondo ingiusto. Og-
restituisce ai giovani l’autostima gliare in tanti giovani il desiderio di sua ultima enciclica Fratelli tutti. restituire la dignità perduta. Il gi lo ripete.
che talvolta la stessa scuola rischia appassionarsi a una professione che Il testo è anzitutto da contem- Papa stimola i politici a ricono- In Italia l’enciclica può ispi-
di distruggere. possa diventare la ragione profon- plare spiritualmente non è da scere che la fede nel «mercato rare il dibattito tra credenti, per
In questo momento storico, poi, da del proprio riscatto umano e so- studiare razionalmente, non è non risolve tutto»; occorre ri- far sì che l’esperienza dei nonni
deve far pensare il mismatch tra for- ciale. È il tentativo di portare al un trattato di economia o di lanciare una politica popolare, e dei padri coinvolga anche fi-
mazione e mondo delle imprese. Il centro periferie esistenziali che ri- politica. L’enciclica — massima riconoscere le false promesse gli e nipoti. L’orizzonte politi-
disallineamento tra domanda e of- schierebbero sempre di giocare la espressione del magistero ordi- del populismo, denunciare i li- co di Francesco rimane una
ferta di lavoro è verificabile in alcu- partita della loro vita in campionati nario del Papa — va meditata e miti della visione del liberismo bussola anche per esperienze
ni settori quali l’industria meccani- minori. La formazione diventa di- sedimentata, prima di ogni cri- inteso come teoria economica e più laiche al servizio di una po-
ca e quella agroalimentare; il setto- scriminante per far fiorire le esi- tica. Sintonizzarsi sulle fre- non come filosofia politica. litica basata su digitale ed eco-
re tessile e della moda; i servizi di stenze appassite e rassegnate in esi- quenze del pontificato significa Francesco invita i politici a sa- logia, inclusiva e aperta alla
alloggio e ristorazione (turismo); le stenze che spiccano il volo. Su ali comprendere la visione del per leggere il contesto (locale e mediazione, come chiede l’enci-
attività avanzate di supporto alle d’aquila. mondo proposta dalla Chiesa. globale) e fare scelte concrete. clica.
imprese; il commercio e la mecca-
tronica; le industrie della carta, car-
totecnica e stampa; i servizi infor-
matici e delle telecomunicazioni; le
industrie chimico-farmaceutiche,
della plastica e della gomma. A ciò Il popolo come limite al potere

C
si aggiunga il cambiamento tecno-
logico in atto: in un prossimo futu-
ro molti dei posti di lavoro tradizio- di FLAVIO FELICE le che rinvia al cuore stesso quale affidare i destini del zione, annullamento della per-
nali spariranno, mentre una buona della tradizione politica dei gregge. È qui che il discorso di sonalità. In mezzo al popolo, per
percentuale di professioni si tra- on l’enciclica Fratelli tutti, Papa cattolici e, in particolar modo, Papa Francesco intercetta alcu- chi ha responsabilità di gover-
sformerà. Nell’epoca dell’intelli- Francesco interviene su alcuni dei cattolici italiani, potendo ni aspetti teorici sviluppati da no, può significare assecondare
genza artificiale, della robotica, dei punti più rilevanti dell’at- annoverare tra i propri padri Sturzo e, in particolare, la con- le passioni più basse, in nome
della nanotecnologia e della biotec- tuale dibattito politico, econo- don Luigi Sturzo, colui che ha statazione che la condivisione di un facile consenso, farsi por-
nologia più di un terzo delle com- mico e culturale. In particola- teorizzato il “popolarismo”, in da parte del leader delle istan- tatori di presunte istanze po-
petenze che saranno considerate re, avendo adottato il paradig- quanto teoria politica del pote- ze del suo popolo: stare in mezzo polari che interessano soltanto
fondamentali, e quindi ad alta do- ma della fraternità, sposa lo re limitato dal popolo. Un li- al popolo, assecondandone gli i portatori; per dirla con John
manda per nuovi posti di lavoro, stesso approccio che fu del po- mite organico, nel rispetto del umori, può assumere diversi si- Dunn, una sorta di autoingan-
oggi hanno un’importanza secon- verello di Assisi. Un approccio principio di sussidiarietà; un li- gnificati e, talvolta, contraddit- no del quale sarebbero vittima
daria: le social skill, cioè capacità di tutt’altro che ideologico e det- mite morale, mediante la sua tori. Il riferimento al popolo, co- i professionisti della politica:
persuasione, intelligenza emotiva, tato da una visione utopistica articolazione in partiti, sinda- me categoria politica, corpo spacciare per collettivi interessi
abilità nell’insegnamento; le capa- della storia, quanto ispirato al- cati, opinione pubblica; un li- sociale compatto, omogeneo e e progetti che, nella realtà, so-
cità cognitive, quindi creatività, ra- la concretezza. mite politico, in forza dell’eser- uniforme al quale una certa de- no del tutto personali.
gionamento analitico; e le process Il paradigma della fraternità cizio delle libertà politiche: co- mocrazia contemporanea attri- Possiamo concludere affer-
skill, ovvero capacità di ascolto e cri- implica la ricerca, da parte del sì inteso il popolo non esprime buisce il carattere della sovra- mando che avendo messo la
tical thinking. Le sfide etiche non Pontefice, di tutta una serie di la giustificazione del potere, nità: “unum corpus mysticum”, a nozione di popolo al centro
mancheranno, soprattutto di fronte possibili aporie che si nascon- bensì il suo argine. un’attenta analisi, non può non della riflessione magisteriale,
al rischio di de-umanizzazione del dono dietro parole e concetti Per populismo intendiamo una sollevare alcune questioni di Papa Francesco mostra tutti i
lavoro, possibile sia con il ricorso ai che negli anni hanno assunto concezione della politica in cui primaria importanza. Scegliere caratteri di una lettura realisti-
braccialetti elettronici (con compiti un significato quasi evanescen- c’è un legame mistico tra ciò di stare in mezzo al popolo può si- ca della società: «Ciò che è ve-
di sorveglianza) sia con l’introdu- te per il loro massiccio uso; che il popolo pensa e spera e il gnificare tante cose. Può signi- ramente popolare è assicurare
zione dell’artificiale. una di queste parole è “popu- capo che lo teorizza. Il caratte- ficare abbandonare l’isolamen- a tutti la possibilità di far ger-
C’è una distanza tra ciò che vie- lismo”. Parte del capitolo quin- re distintivo di questo legame è to elitario ed egoistico, incon- mogliare i semi che Dio ha po-
ne offerto nella scuola superiore e to dell’enciclica è dedicata a ta- l’idea che noi siamo i puri, gli trare le gioie, i dolori, le aspi- sto in ciascuno» (n. 162); fra-
nei percorsi universitari e le neces- le concetto, dove il Papa de- eletti, i migliori e il resto è pu- razioni, le sofferenze, la pover- ternamente si è popolari nella
sità concrete delle aziende. Non è nuncia come il suo abuso rischi tridume, marciume. Una setta tà, le ingiustizie, l’ingegno, la misura in cui si promuove la
raro il caso di giovani costretti a re- di compromettere la concreta con una verità e se il capo salute, la malattia, l’ardimento, dignità di colei o di colui di
carsi per un certo periodo nello stu- comprensione delle dinamiche cambia idea, ecco che cambia la paura. Può significare tende- cui ci prendiamo cura. Al cuo-
dio di un professionista per impara- politiche e la qualità della quo- anche la verità. re all’incontro con la diversità re della riflessione del Papa,
re come si partecipa attraverso pro- tidiana dialettica tra governanti Il popolarismo si oppone al po- di cultura, di religione, di raz- dunque, troviamo la sua atten-
getti a bandi comunali, regionali, e governati: élite e popolo. pulismo in forza di una nozione za, di lingua, di tradizioni. In zione per il processo inclusivo
nazionali o europei... Le imprese A questo punto della discus- di popolo articolata, dunque plu- mezzo al popolo può significare che si implementa in primis at-
che necessitano di un perito mecca- sione, Papa Francesco introdu- rale, e differenziata al suo in- operare per preservare l’uguale traverso il lavoro, la dimensio-
nico, spesso, sono costrette a inse- ce un’importante distinzione, terno, tutt’altro che omogenea dignità di ciascuno, permetten- ne nella quale l’uomo, collabo-
gnare ai giovani come si usa un tor- tesa a fissare il confine tra la e compatta, refrattaria tanto al do a tutti di essere differenti rando all’opera creatrice del
nio. L’industria oggi ha bisogno di cultura politica di tipo populi- paternalismo quanto al leaderi- l’uno dall’altro. Tuttavia, in Padre, realizza la sua più alta
operai iperspecializzati, anche con stico e quella di tipo popolare. smo carismatico che identifica- mezzo al popolo può significare vocazione: essere una imago
competenze digitali, e c’è carenza È una distinzione fondamenta- no nel capo il buon pastore al anche omologazione, massifica- Dei.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 7 novembre 2020

Biden avanti in Pennsylvania

Usa: non si ferma


il conteggio dei voti
WASHINGTON, 7. «Non sarà sparire mentre passavano i
facile, ma dobbiamo provar- giorni. Forse questo vantag-
ci. La mia responsabilità co- gio ritornerà man mano che
me presidente sarà quella di andranno avanti i procedi-
rappresentare l’intera nazione menti legali». Poi ha sottoli-
e voglio che sappiate che la- neato: «Noi crediamo che il
vorerò tanto per coloro che popolo americano meriti di
hanno votato contro di me avere piena trasparenza in
tanto quanto per quelli che tutto il conteggio dei voti e
hanno votato per me». Parla nella certificazione delle ele-
ormai da presidente eletto il zioni e che non si tratti più
candidato democratico, Joe di una singola elezione.
Biden, quando lo spoglio Questo riguarda l'integrità
elettorale è quasi concluso e del nostro intero processo
gli mancano soltanto 17 gran- elettorale».
di elettori per conquistare la Nel frattempo, continua la
Casa Bianca. battaglia anche al Congresso. Il passaggio dell’uragano Eta mette in ginocchio Paesi già duramente segnati

Disastro in Centro America


Ci sono ancora voti da Alla Camera dei Rappresen-
conteggiare in Pennsylvania, tanti i democratici hanno 212
North Carolina, Georgia, contro i 194 dei repubblicani.
Arizona e Nevada. Nelle ul- In una lettera inviata ai de-

U
time ore Biden ha superato il putati democratici, ieri, Nan-
suo rivale, il presidente Do- cy Pelosi ha presentato for-
nald Trump, in Pennsylvania. malmente la sua candidatura di FABRIZIO PELONI progressivamente perso potenza Due bambini presidente dell’Honduras, Juan
Attualmente può contare su per la rielezione a speaker ed è stato declassato a depressio- guadano l’acqua Orlando Hernández, aggiun-
253 grandi elettori contro i della Camera per altri due n nuovo disastro umanitario con ne tropicale. Si è poi spostato nel in un'area gendo che «il danno e la distru-
214 di Trump. anni. I repubblicani dovreb- quasi 200 vittime è il risultato del vicino Honduras, per poi attra- allagata a zione sono nella stragrande
«Dobbiamo solo ricordare bero mantenere il controllo passaggio dell’uragano Eta in versare il Guatemala. Le sue Panzos, nel maggioranza delle città del Pae-
America Centrale. Il maggior piogge torrenziali hanno colpito dipartimento di se». Al momento la valle di San
numero di vittime è stato regi- anche Costa Rica, Panama, El Alta Verapaz in Pedro Sula, seconda città e capi-
strato in Guatemala, dove frane Salvador, oltre al Messico, dove Guatemala (Afp) tale industriale del Paese, risulta
e inondazioni hanno spazzato le autorità del Chiapas — uno de- quella in situazione più critica.
via o in altri casi sepolto di fan- gli Stati più poveri del Paese — Secondo il National hurrica-
go, nella serata di giovedì, buo- hanno reso noto il ritrovamento ne center (Nhc), il centro di mo-
na parte delle abitazioni del vil- di circa 20 vittime nel villaggio nitoraggio degli uragani degli
laggio Quejá, nell’Alta Verapaz, di Chenalho, di cui almeno 15 Stati Uniti, ieri, la tempesta era
regione centrale del Paese. Il erano membri della comunità in- al largo della costa del Belize e si
presidente guatemateco, Alejan- digena che vive al confine con il stava dirigendo verso il Mar dei
dro Giammattei, in conferenza Guatemala. Paesi già duramente Caraibi. Se non cambierà rotta
stampa ha ammesso che sono colpiti da ataviche crisi finanzia- potrebbe raggiungere nelle
circa 100 gli abitanti del piccolo rie, messi ancor più a dura prova prossime ore le Isole Cayman,
centro che hanno perso la vita. dall’emergenza sanitaria legata Cuba e successivamente, lunedì
Il maltempo ha inizialmente alla pandemia e alla susseguente probabilmente, il sud della Flo-
ostacolato i soccorsi con strade crisi economica. Sarà necessario, rida. L’Nhc ha anche previsto un
bloccate perché inagibili o alla- dunque, un pronto intervento nuovo rafforzamento di Eta.
gate. È stato inviato l’esercito della comunità internazionale,
per far fronte all’emergenza. peraltro già richiesto dalle più
In tutto il Paese sono circa 150 alte cariche delle nazioni colpite.
le persone morte o che risultano Gli osservatori hanno annuncia-
ancora disperse, più di 3.600 so- to che, con tutta probabilità, la
chi siamo. Questi sono gli del Senato, comunque, e no state evacuate e sono almeno distruzione e i danni alle attività
DAL MOND O
Stati Uniti d’America. E non questo limiterebbe notevol- 55.000 quelle colpite che avran- causati dal passaggio di Eta
c'è mai stato niente, niente mente i poteri di un possibi- no bisogno di assistenza. In di- spingeranno un numero ancora Visita del presidente colombiano
che non siamo stati in grado le futura presidenza Biden. I versi dipartimenti del Paese è maggiore di persone a lasciare la in Bolivia e Cile
di fare, che non siamo stati numeri, al momento, danno stato dichiarato lo stato d’emer- propria patria per emigrare ver-
in grado di realizzare quan- un pareggio: 48 seggi per i genza con crolli stradali, ponti so nord, verso gli Stati Uniti. So- Il presidente colombiano Iván Duque parteci-
do l'avremo fatto insieme» democratici e 48 per i repub- distrutti e straripamenti di fiumi no i cosiddetti “profughi am- perà domani, a La Paz, all’insediamento del
ha detto Biden in un discor- blicani. che hanno isolato oltre 50 comu- bientali”. presidente boliviano, Luis Arce, con il quale
so nel Delaware. «Sono fiero Intanto, il coronavirus nità. Molte persone hanno tro- Dopo il Guatemala è l’Hon- terrà un incontro per dare nuovo impulso alla
che il nostro successo riguar- continua a colpire la Casa vato rifugio sui tetti delle proprie duras, al momento, il Paese che Comunità andina delle nazioni (Can). Si re-
di tutta l’America. Abbiamo Bianca. Mark Meadows, il abitazioni. ha fatto registrare il maggior nu- cherà poi in Cile per incontrare il suo omologo
ripreso Arizona e Georgia. capo di gabinetto dell'ammi- L’uragano Eta aveva toccato mero di vittime, oltre venti. «La Sebastián Piñera. Gli sforzi regionali contro il
Ricostruito il muro blu di nistrazione Trump, è positi- terra per la prima volta martedì situazione è grave, scioccante e covid e la cooperazione i principali temi del
Michigan, Wisconsin. Siate vo. Meadows — stando a scorso in Nicaragua. Classificato richiede una reazione professio- colloquio.
calmi e pazienti». Poi ha quanto riportano i media — inizialmente di categoria 4 ha nale e rapida», ha ammesso il
spiegato: «Lo so, il processo era presente senza mascheri-
di conta è molto lento. Ma na la sera dell'election day al Seoul sollecita Washington
non dimenticate che dietro party nella East Room alla a riprendere il dialogo con il Nord
ogni numero, dietro ogni vo- Casa Bianca, insieme ad altre
to, c’è una persona e una centinaia di invitati. Sempre Il consigliere per la sicurezza nazionale della
storia. Dobbiamo ascoltare la il 3 novembre — riportano i presidenza sudcoreana, Suh Hoon, ha solleci-
voce di ciascuno. Lavorerò media — molte foto lo ritrag- tato gli Usa a riprendere quanto prima i collo-
duro per tutti. Siamo una so- gono senza mascherina alle qui per la denuclearizzazione della Penisola
la America. Avversari, forse, spalle del presidente Trump, coreana con la Corea del Nord, durante una vi-
ma non nemici: grandi disac- durante una visita al quartier deoconferenza trilaterale con i vertici della si-
cordi portano a proficui di- generale della campagna. curezza nazionale di Stati Uniti e Giappone.
battiti». Il collaboratore più vicino
Tutt’altro che diplomatica a Trump, anche nei giorni
la replica di Trump. «Biden del contagio e del ricovero Afghanistan: ucciso
non dovrebbe erroneamente del presidente è rimasto a la- noto giornalista a Kabul
rivendicare l’incarico di pre- vorare nella stessa stanza in
sidente. Potrei farlo anche ospedale. Almeno altri quat- Il giornalista Yama Siawash, conosciuto per il
io. I ricorsi legali sono appe- tro membri dello staff della suo impegno in politica e consigliere della
na iniziati» ha detto il presi- Casa Bianca, oltre al capo di Banca centrale afghana, è stato ucciso insieme
dente. «Avevo un così gran- gabinetto, sono risultati posi- ad altri due civili in un attentato condotto con
de vantaggio in vari stati du- tivi al coronavirus. Il timore una autobomba a Kabul, Afghanistan, vicino
rante la notte elettorale, solo è quello di un nuovo foco- alla sua abitazione. L’azione non è stata riven-
per vederlo miracolosamente laio. dicata, riferisce la polizia.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA


direttore responsabile
Servizio vaticano:
redazione.vaticano.or@spc.va
Segreteria di redazione
telefono 06 698 83461, 06 698 84442
Tipografia Vaticana Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Necrologie: telefono 06 698 83461
fax 06 698 83675
Editrice L’Osservatore Romano
fax 06 698 83675 Europa: € 410; $ 605
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino Servizio internazionale: Stampato presso srl
vicedirettore redazione.internazionale.or@spc.va
segreteria.or@spc.va Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Concessionaria di pubblicità
Unicuique suum Non praevalebunt www.pressup.it America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Il Sole 24 Ore S.p.A.
Piero Di Domenicantonio Servizio culturale: Servizio fotografico: via Cassia km. 36,300 – 01036 Nepi (Vt)
telefono 06 698 45793/45794, Abbonamenti e diffusione (dalle 9 alle 15): system Comunicazione Pubblicitaria
Città del Vaticano caporedattore redazione.cultura.or@spc.va telefono 06 698 45450/45451/45454
fax 06 698 84998 Aziende promotrici Sede legale: Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
Gaetano Vallini Servizio religioso: pubblicazioni.photo@spc.va della diffusione fax 06 698 45456 telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
www.osservatoreromano.va segretario di redazione redazione.religione.or@spc.va www.photovat.com Intesa San Paolo info.or@spc.va diffusione.or@spc.va segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com
sabato 7 novembre 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

L’arcivescovo Gallagher nel 40° anniversario della firma dell’Accordo tra la Santa Sede e il Perú

La diplomazia vaticana agisce


per facilitare la pace tra le nazioni

«L’
di DAVIDE DIONISI bene comune e di quello dei singo- pace, eliminando ogni possibile mo-
li». tivo che possa nuovamente compro-
azione diplomatica della Santa Sede Ed è Papa Francesco a chiedere mettere la condizione di coloro che
non si accontenta di osservare gli alla Santa Sede «di muoversi sullo hanno vissuto gli orrori di una guer-
avvenimenti o di valutarne la porta- scenario internazionale non per ga- ra e ora attendono e sperano, secon-
ta, né può restare solo una sorta di rantire una generica sicurezza, resa do giustizia, un diverso avvenire.
voce critica della coscienza, spesso più che mai difficile in questo perio- Tradotto nel linguaggio della diplo-
anche fuori dal coro». È interamen- do di perdurante instabilità e da mazia questo significa dare priorità
te dedicato alla diplomazia della una marcata conflittualità, ma per alla forza del diritto rispetto all’im-
Santa Sede l’intervento di monsi- sostenere un’idea di pace come frut- posizione delle armi, garantire la
gnor Paul Richard Gallagher, segre- to di giusti rapporti, cioè di rispetto giustizia ancor prima della legali-
tario per i Rapporti con gli Stati, delle norme internazionali, di tutela tà».
pronunciato ieri in occasione del dei diritti umani fondamentali, ad Monsignor Gallagher ha denun-
40° anniversario della firma dell’Ac- iniziare da quelli degli ultimi, i più ciato poi il «dilagare dell’indifferen-
cordo tra la Santa Sede e il Perú, vulnerabili». Chiara, quindi, la fun- za» che non riguarda solo i luoghi
sottoscritto a Lima il 19 luglio 1980. zione “ecclesiale” della diplomazia dei conflitti e delle guerre, magari
L’arcivescovo ha sottolineato che «quale strumento di comunione che geograficamente lontani. «Oggi Approvato in Italia il decreto “Ristori-bis”
«La Santa Sede è chiamata ad agire unisce il Romano Pontefice ai ve- chiama in causa anche tutti noi, che,
per facilitare la convivenza fra le va- scovi e alle rispettive Chiese locali, è
anche la via peculiare attraverso cui
il Papa può raggiungere concreta-
volenti o nolenti, siamo raggiunti
nella nostra quotidianità da un’on-
da continua di notizie e di informa-
Il covid accelera
mente “le periferie" spirituali e ma-
teriali dell’umanità», ha specificato
monsignor Gallagher.
zioni, che ci connettono virtualmen-
te con il resto del mondo e che ci
mostrano schiere di sofferenti, di
Quasi 50 milioni di casi
Il segretario per i Rapporti con senza tetto, di tante vittime delle
gli Stati ha ricordato che la rete di- guerre costrette a emigrare, delle GINEVRA, 7. Ancora un nuovo mergenza covid, Domenico
plomatica della Santa Sede ha rela- persone sfiduciate, di chi ha perso il record giornaliero di contagi Arcuri, che, in un’intervista a
zioni di tipo bilaterale con 183 Stati, lavoro, e dei più vulnerabili». L’ar- da covid-19 nel mondo. Ieri «Il Fatto Quotidiano» ha di-
a cui si debbono aggiungere l’Unio- civescovo si è detto convinto che sera l’Organizzazione mon- feso il nuovo Dpcm, di fronte
ne europea e il Sovrano Ordine di oggi, più che mai, sia necessario diale della sanità (Oms) ha ai reclami pervenuti da alcu-
Malta. «Intrattiene inoltre — ha ag- «spezzare questi meccanismi del- reso noto che sono stati ne regioni. Le misure prese
giunto l’arcivescovo — rapporti sta- l’indifferenza, rompere il guscio 580.000 i casi registrati nelle «sono necessarie, ma non è
bili di tipo multilaterale con molte protettivo dei nostri egoismi, pas- ultime 24 ore. Il dato com- detto che siano sufficienti»,
altre Istituzioni intergovernative, sando così dai teoremi sulla pace plessivo delle infezioni è ora a ha riferito Arcuri ammetten-
competenti nei diversi settori in cui possibile, ad esperienze concrete di 49.416.390. A questo punto e do di non capire le proteste di
si articola la struttura della gover- pace vissuta, anche se sofferta». a questo ritmo, sembrerebbe alcuni governatori regionali,
rie Nazioni, per promuovere quella nance internazionale». La via maestra, evidenzia ancora, a un passo dal raggiungere la visto che «hanno condiviso,
fraternità tra i Popoli, dove il termi- Secondo monsignor Gallagher è quella indicata da Papa Francesco, cifra tonda dei 50 milioni. approvato e implementato
ne fraternità è sinonimo di collabo- «l’idea di pace di cui la Santa Sede ovvero la lotta contro la povertà sia In cifre assolute, i Paesi più per mesi questo famoso siste-
razione fattiva, di vera cooperazio- è portatrice non si ferma a quella materiale sia spirituale, l’edificazio- colpiti continuano a essere gli ma coi 21 parametri. Un siste-
ne, concorde e ordinata, di una soli- che le Nazioni esprimono nel con- ne della pace, l’essere costruttori di Stati Uniti, l’India e il Brasi- ma, peraltro, basato in larga
darietà strutturata a vantaggio del temporaneo diritto internazionale. ponti mediante il dialogo. «Sono le. Ma è l’Europa, al momen- parte su dati forniti dalle Re-
Operare per la pace non significa anche tre punti di riferimento che to l’area geografica dove sono gioni stesse e che ha due fina-
solo determinare un sistema di sicu- indicano un cammino personale, so- concentrate maggiormente le lità: comprendere a che pun-
rezza internazionale e, magari, ri- ciale e globale al quale il Papa ha in- attenzioni degli esperti in ma- to è l’epidemia nei vari terri-
spettarne gli obblighi. È richiesto vitato tutti, fin dai primi giorni del teria. Il Vecchio Continente tori e prevederne l’evoluzio-
altresì di prevenire le cause che pos- suo servizio come Vescovo di Ro- ha superato ieri il tetto dei 12 ne». Il commissario Arcuri ha
DAL MOND O
sono scatenare un conflitto bellico, ma» ha ricordato monsignor Galla- milioni di positivi e quello parlato della sofferenza della
come pure di rimuovere quelle si- gher, aggiungendo che quello di delle trecentomila vittime per rete ospedaliera, giudicando
Kosovo: prime audizioni tuazioni culturali, sociali, etniche e Francesco rimane un appello pres- complicazioni riconducibili sicuramente più preoccupan-
del Tribunale dell’Aja religiose che possono riaprire guerre sante e impegnativo, tanto più oggi. al nuovo coronavirus. Da set- te la situazione nei Pronto
sanguinose appena concluse». In «Esso ci chiede di avere molto co- timane è tornato a essere il fo- soccorso rispetto a quella del-
Kadri Veselj e Rexhep Selimi, i due ex leader questo senso il diritto internazionale raggio e di abbandonare alle nostre colaio mondiale della pande- le terapie intensive per le qua-
dell’Uck (Kosovo Liberation Army) arrestati ieri «deve continuare a dotarsi di istituti spalle le facili certezze acquisite, im- mia. Negli ultimi giorni, inol- li è comunque prevista l’atti-
e incarcerati all’Aja dopo la conferma delle accu- giuridici e di strumenti normativi in pegnandoci in un’autentica conver- tre, sta crescendo anche la vazione di nuovi posti letto.
se di crimini di guerra nei loro confronti, compa- grado di gestire i conflitti conclusi o sione del cuore, delle priorità, degli curva legata ai decessi. Nella notte il Consiglio dei
riranno per la prima volta dinanzi ai giudici del le situazioni in cui gli sforzi della di- stili di vita, per esporci all’incontro Intanto in Italia la curva ministri, su proposta del pre-
Tribunale speciale rispettivamente il 10 e 11 no- plomazia hanno imposto alle armi con l’altro, anche quando ci sembra dei contagi «è impetuosa e sidente Giuseppe Conte e del
vembre. Ne danno notizia i media. Il 9 novembre di tacere». Un passaggio importan- di non conoscerlo abbastanza, di continua e crescere. Lo vedia- ministro dell’Economia e del-
sarà invece ascoltato l’ex presidente Thaci. L’U- te dell’intervento del segretario per i provenire da mondi culturali e reli- mo anche grazie alla moltipli- le Finanze Roberto Gualtieri,
nione europea ha espresso soddisfazione per la Rapporti con gli Stati è dedicato al- giosi troppo differenti o di parlare cazione delle attività di scree- ha approvato un nuovo de-
collaborazione di Thaci. la fase post-bellica: «Il compito nel lingue ancora tanto diverse. In fon- ning: siamo passati dai 26mi- creto-legge, denominato “Ri-
post-conflitto non si limita a riasset- do» ha concluso il segretario per i la tamponi al giorno di mar- stori-bis”, che introduce ulte-
tare i territori, a riconoscere nuove o Rapporti con gli Stati «la diploma- zo-aprile ai 234mila di oggi riori urgenti provvedimenti
Migranti: non si fermano mutate sovranità, o ancora a garan- zia della Santa Sede è una diploma- (ieri, ndr) e puntiamo — coi per mettere riparo alle conse-
gli sbarchi a Lampedusa tire con la forza armata i nuovi equi- zia in cammino: un cammino lungo, test antigenici — ad arrivare a guenze economiche della
libri raggiunti. Esso deve piuttosto complesso e irto di difficoltà, ma 350mila al giorno» Lo ha af- pandemia su quelle attività - e
Ancora sbarchi a Lampedusa, nell’Agrigentino, precisare la dimensione umana della con l’aiuto di Dio possibile». fermato il commissario all’e- sui rispettivi lavoratori - che
dove in poche ore sono approdati 249 migranti. subiranno in qualche modo
Nella notte due barconi con a bordo 81 e 12 per- limitazioni, direttamente o
sone sono riusciti a raggiungere l’isola. Dopo le indirettamente, dalle restri-
operazioni di identificazione, sono stati tutti con- zioni contenute nell’ultimo
dotti nell’hotspot di contrada Imbriacola. Stama-
ni, invece, una carretta del mare con 156 migranti
Vienna, il governo decide di chiudere Dpcm entrato in vigore ieri 6
novembre. Sono stati previsti
è stata intercettata dagli uomini della Guardia di
finanza. Intanto, proseguono a ritmo serrato i
le moschee vicine all’estremismo inoltre ulteriori aiuti a fondo
perduto in funzione del setto-
controlli per l’emergenza sanitaria. Ieri 197 mi- re di attività di quelle imprese
granti, tra i quali 10 positivi al covid, sono stati VIENNA, 7. Dopo l’attentato di tato di Nizza. Il capo dell’Eliseo ve si sarebbe radicalizzato. Que- attive nelle Regioni che si tro-
trasferiti sulla nave quarantena Rhapsody. matrice islamista che lunedì sera e il cancelliere austriaco si incon- ste saranno chiuse e le associazio- vano nelle due fasce a più alta
ha seminato il terrore nel cuore treranno lunedì a Vienna per di- ni sciolte, ha fatto sapere il mini- criticità, quella arancione e
della capitale austriaca facendo 4 scutere proprio di sicurezza e del- stro dell’Interno Karl Nehammer. quella rossa. Il contributo sa-
Nagorno-Karabakh: le forze azere vittime, il governo di Sebastian le proposte da avanzare insieme a Una delle due faceva parte del- rà erogato attraverso le proce-
conquistano sette villaggi Kurz ha deciso di chiudere le Bruxelles, tra cui in particolare la l’Iggoe, l’associazione austriaca dure già previste dall'Agenzia
moschee vicine all’islam radicale, riforma di Schengen. «Lo scopo della comunità islamiche, che a delle entrate in relazione ai
Le forze armate dell’Azerbaigian hanno conqui- di procedere a numerosi arresti del terrore islamista è conficcare sua volta ha fatto sapere di aver contributi previsti dal decreto
stato sette villaggi nella regione del Nagorno-Ka- nell’entourage del giovane jihadi- un cuneo nella nostra società e sospeso la moschea «per essere "Rilancio" del 19 maggio
rabakh. Lo ha annunciato ieri il presidente azero sta e di sospendere il numero uno questo non lo permetteremo» ha andata contro la dottrina e aver 2020, e per quelli introdotti
Ilham Aliyev. I villaggi conquistati sono Mirek, degli 007. spiegato il ministro dell’Integra- violato la legge islamica del con il precedente decreto "Ri-
Kavdar nel distretto di Jabrail, Masadiismayll, L’Austria sceglie dunque la li- zione Susanne Raab, ieri, in con- 2015». stori" del 28 ottobre scorso.
Safibayli nel distretto di Zangilan, e Basarat, Qa- nea dura contro l’estremismo, ferenza stampa. «La libertà religiosa è un bene Vista la chiusura nei fine setti-
rakisilar e Qaracall nel distretto di Qubadl, han- sulla scia di quanto fatto pochi Il jihadista ventenne, Kujtim prezioso che deve essere protetto mana dei centri commerciali è
no fatto sapere fonti governative citate dai media. giorni fa anche dal presidente Fejzulai, autore dell’attacco alla dagli abusi», ha detto il respon- prevista l’istituzione di un
Intanto, come annunciato ieri dal Cremlino, pro- francese Emmanuel Macron do- capitale «aveva ripetutamente sabile della comunità islamica fondo per colmare le perdite
seguono gli sforzi diplomatici per porre fine alla po la decapitazione del professo- frequentato due moschee di Vien- Ümit Vural, sottolineando la pre- subite da quelle attività che
crisi. re di storia Samuel Paty e l’atten- na», alla periferia della città, do- sa di distanza dall’islam radicale. operano al loro interno.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 7 novembre 2020

PUNTI DI RESISTENZA • Scuola in piazza per immigrati a Reggio Calabria Una nuova convivialità per tornare umani

Mangio
dunque sono
Pubblichiamo stralci dall’introduzio- rivoluziona le ritualità con-
ne degli autori a «Venite a mangiare venzionali, offrendo insegna-
con me. Una nuova convivialità per menti che sorprendono, tur-
tornare umani» (Milano, Vita e bano, affascinano, coinvolgo-
Pensiero, 2020, pagine 176, euro no e cambiano il senso del
16). banchetto e della vita delle
persone che vi partecipano.
di MARIO ALDEGANI Gesù valorizza e consacra il
e JOHNNY D OTTI senso umano del mangiare in-
sieme e lo trascende, invitando

A
ttraverso l’atto del a viverlo come il luogo dell’u-
mangiare insieme si manità che celebra e ritrova le
intrecciano nella no- radici della fraternità, il sim-
stra vita il sacro e il bolo dell’umanità rinnovata,
profano, gli eventi gioiosi e quella fatta solo di figli e figlie,
quelli tristi, le celebrazioni nel fratelli e sorelle: che è l’umani-
tempo e oltre il tempo. Mentre tà nuova del Regno di Dio.

Apprendere la lingua
siamo colpiti dalla “tempesta”, Nell’ultimo banchetto con i
che ci ha fatto sentire fragili e suoi, sulla riva del lago, Gesù
deboli, ma tutti importanti e consegna ai discepoli di allora
necessari, tutti bisognosi di es- e di sempre la sintesi dei suoi

per integrarsi
sere confortati, abbiamo voglia insegnamenti. Alla fine della
di ricominciare in modo nuo- notte, «quando era già l’alba»,
vo, di ritrovare vita nell’essere Gesù, secondo il Vangelo di
umani, nel difendere la nostra Giovanni, si preoccupa del

L
piena umanità da ogni aggres- mangiare dei suoi e poi li invi-
sione, di benedire la vita e di ta a preparare e condividere il
di ENRICA RIERA battere le barriere linguistiche e cultu- teriale didattico; e poi pure la parroc- celebrarla, insieme. pesce appena pescato.
rali. chia ci ha dato una mano, prestandoci Sentiamo il bisogno grande In questo Vangelo, ogni in-
ibri, matite, penne e quaderni. Devo- «Tutto è nato perché, dopo l’espe- le sedie per i nostri studenti, per non di una misericordia reciproca dicazione di tempo è anche
no portar via i loro zaini, con dentro rienza della Didattica a distanza parlare, inoltre, delle associazioni del nelle nostre relazioni, dentro un’indicazione di senso.
tutto il necessario per imparare, i gio- (Dad) nel corso del lockdown prima- luogo. Grazie a Nati per leggere, proget- le quali ognuno possa serena- Quando si mangia insieme è
vani e gli adulti stranieri che fino alla verile — spiega Furfaro — ci siamo resi to nazionale di promozione della let- mente essere se stesso, esporre finita la notte ed è già l’alba di
fine — fino, cioè, a poco prima che la conto di come una certa incomunica- tura in famiglia sin dall’età prescola- le proprie ferite senza essere un giorno nuovo: il giorno
Calabria fosse dichiarata «zona ros- bilità avesse colpito gli studenti stra- re, all’inizio delle lezioni abbiamo sempre obbligato a mostrarsi dell’umanità riconciliata,
sa» col Dpcm dello scorso 3 novem- nieri: se è vero che gli istituti scolastici sfogliato tanti albi illustrati e tra le forte e potente. La misericor- quando si è più vivi, più uma-
bre — hanno partecipato alla Scuola hanno cercato di contattarli e fornir- idee che avremmo presto sviluppato dia non abbandona chi rimane ni. Come più vera sentiamo
italiana in piazza. L’interruzione del- gli i dispositivi elettronici per seguire in piazza c’era pure quella di leggere indietro. Ora, mentre pensia- questa necessità dopo che, at-
l’iniziativa spontanea — avviata a le lezioni, è altrettanto vero che i ra- volumi in lingua straniera per non far mo a una lenta e faticosa ripre- traversando la tempesta, ci sia-
Reggio Calabria il 17 agosto scorso gazzi delle medie e delle superiori so- dimenticare le proprie radici. Con al- sa dalla pande-
grazie all’idea Giorgio Furfaro, do- no risultati dispersi; non conoscendo tri volontari, infine, abbiamo promos- mia, dobbiamo te-
cente e dottorando alla locale Univer- bene l’italiano, non hanno avuto faci- so giochi di socializzazione per i più mere proprio que-
sità per stranieri «Dante Alighieri» — le accesso ai corsi di Dad erogati dalle piccoli, permettendo ai genitori di se- sto pericolo: di- Sentiamo il bisogno grande
si deve, com’è ovvio, all’emergenza scuole». Pertanto, autorizzati dal co- guire le lezioni in tranquillità, e orga- menticare chi è ri- di una misericordia reciproca
sanitaria e alle decisioni volte al con- mune («l’impegno è continuare i pro- nizzato visite alla vicina pinacoteca e masto indietro. Il
trasto della diffusione del virus. Così, getti di alfabetizzazione già attivi nel- pomeriggi di teatro a cui hanno anche rischio è che ci nelle nostre relazioni
a venire meno, almeno per il momen- le scuole ed estenderli a un bacino di partecipato cittadini italiani, favoren- colpisca un virus dentro le quali ognuno
studenti sempre più gran- do cooperazione e scambio». ancora peggiore,
de, perché la conoscenza E ora? «Ora ci reinventeremo — quello dell’egoi- possa serenamente essere se stesso
dell’italiano è la chiave del- chiosa Triglia —, di certo non ci fer- smo indifferente.
l’inclusione», precisano i miamo: per il momento a distanza, Questo virus si
promotori), tre mesi fa, negli stessi giorni e sempre dalle 17 al- trasmette a partire
Furfaro, Triglia, Pizzimenti le 18.30, organizzeremo lezioni sin- dall’idea che la vita migliora se mo costretti a stare soli o isola-
va meglio a me, che tutto an- ti, ci siamo negati la gioia dello
drà bene se andrà bene per stare insieme, in compagnia,
me. Si parte da qui e si arriva a in amicizia; abbiamo dovuto
L’iniziativa è stata appena interrotta selezionare le persone, a scar- rinunciare, per prudenza e
dalle ultime misure contro la pandemia tare i poveri, a immolare chi precauzione, alla convivialità.
sta indietro sull’altare del pro- Venite a mangiare con me. Il ti-
«Ci reinventeremo, certo non ci fermiamo gresso. La pandemia ci ricor- tolo di questo libro prende le
A distanza organizzeremo lezioni da, però, che non ci sono diffe- parole di Gesù in quell’alba
renze e confini tra chi soffre, sulla riva e ne fa la traccia del
fornendo i dispositivi tramite una raccolta fondi» siamo tutti fragili, tutti uguali, nostro cammino.
tutti preziosi. Quello che è ac- Dopo aver scritto di Giu-
caduto e che sta accadendo ci seppe nel libro Giuseppe siamo
scuote dentro: è tempo di ri- noi, lui che ha fatto l’esperien-
muovere le disuguaglianze, di za di eccedenza della vita e di
e gli ulteriori volontari — crone, fornendo i dispositivi tramite risanare l’ingiustizia che mina attraversamento della notte,
una decina di docenti di la nostra raccolta fondi o il comodato alla radice la salute dell’intera dando spazio a Gesù, e dopo
materie umanistiche — ri- d’uso, e non lasciando indietro nessu- umanità! aver tentato di scoprire nuova-
prendono la didattica in no. Per contrastare i citati problemi Una lettura troppo spiri- mente tutto questo nell’incon-
presenza e forniscono «un del primo lockdown non solo conti- tualizzata e spiritualizzante di tro fra desiderio e virtù nel no-
to, è un’importante opportunità di- servizio non solo ai giovani, ma anche nueremo le lezioni di lingua italiana, Gesù e del Vangelo ci ha resi stro secondo libro, Più vivi, più
dattica che, in piazza Sant’Agostino agli adulti che, da marzo a giugno, ma ne realizzeremo pure alcune sul- forse poco sensibili agli aspet- umani, qui abbiamo raccolto la
e, dunque, all’aria aperta, ogni lune- avrebbero voluto frequentare (o lo l’uso degli strumenti elettronici». ti profondamente umani e sfida di leggere nei banchetti
dì, mercoledì e venerdì pomeriggio stavano facendo) dei corsi di italiano Non cambiano, comunque, alcuni concreti della sua vita e del suo di Gesù nel Vangelo l’indica-
per un’ora e mezza, riuniva in piena poi venuti meno». aspetti legati alla Scuola italiana in messaggio, che, invece, gli zione del senso profondo del-
sicurezza chi — proveniente da Kurdi- «In queste settimane — prosegue piazza: tra questi c’è l’appello degli evangelisti non trascurano af- l’esistenza, che Egli suggerisce
stan, Siria, Marocco, Nigeria, India e Furfaro — il nostro è stato un approc- organizzatori affinché «altri docenti fatto. Singolare, per esempio, come compimento della pro-
da tanti altri altrove — stava (o avreb- cio intergenerazionale: 40 studenti volontari si facciano avanti» e l’idea è la quantità di situazioni nelle pria umanità, al di là di ogni
be voluto iniziare a farlo) apprenden- dai 3 ai 61 anni, tra ragazzi che da set- di «proporre all’amministrazione la quali Gesù si preoccupa del credenza, attraversando la vita
do la lingua italiana. Viene meno, pu- tembre hanno ripreso a frequentare la costituzione di un ufficio senza porta- mangiare, o invita a mangiare, nella sua bellezza e nella sua,
re, un punto di incontro tra quelle scuola o che hanno continuato a mo- foglio, dedicato all’istruzione delle o partecipa a cene e banchetti. anche drammatica, ricchezza.
culture che, dalla solitudine provoca- strare problemi con la Dad e intere fa- persone straniere, di cui siamo dispo- In questo gesto semplice e Non si tratta di un’esegesi
ta dal coronavirus, continuano ad es- miglie, sono stati divisi in quattro sti a occuparci senza spese per il co- quotidiano, Egli riconosce e ci dei testi, che sarebbe da parte
sere toccate. La piazza, adesso, è vuo- gruppi a seconda del livello di cono- mune». Più vivo che mai è anche l’au- aiuta a riconoscere qualcosa di nostra un’azione presuntuosa,
ta. scenza della lingua. Tutti insieme spicio di tornare quanto prima «in essenziale e caratteristico del- ma di un’ermeneutica parteci-
Ma andiamo indietro nel tempo, hanno trasformato la piazza in un’au- piazza per proseguire le lezioni in l’uomo, non solo perché è un pata, cioè, dell’impegno, nella
ritorniamo a quest’estate, a quando la ricolma di colori e parole». Lo con- presenza, condividendo spazi e pro- bisogno fondamentale, ma fede, a farci interrogare dal te-
Giorgio Furfaro, coadiuvato dall’in- ferma Triglia, che racconta: «A lezio- gettualità, non dimenticando l’im- perché è un’esperienza di sto e a interrogare il testo, ri-
segnante di Lettere nonché bibliote- ne s’è creata un’atmosfera libera e ac- portanza delle relazioni umane». umanizzazione e di trascen- leggendolo nella nostra attua-
caria Ida Triglia e dall’aspirante do- cogliente, che ha trovato riscontro po- Con la Scuola italiana in piazza, «la denza, di redenzione della fra- lità, come abbiamo fatto nei
cente Luca Pizzimenti, decide di dar sitivo anche nella comunità reggina. lingua — concludono Furfaro e Triglia ternità e della solidarietà. nostri libri precedenti, perché
vita a questa scuola en plein air, gratui- Abbiamo, infatti, dato vita a una rac- — è il primo strumento per fare cono- Gesù presenta e vive il ban- pensiamo che la vita è una pre-
ta, aperta a tutti e rivolta alle persone colta fondi sul web, ancora in corso, scenza dell’altro, prendendo consa- chetto come immagine del Re- senza incarnata di Cristo: ci
d’origine straniera e di ogni età per attraverso i cui contributi sono stati pevolezza dei propri diritti e dei pro- gno, accetta inviti o si fa invi- interessa soprattutto la vita,
combattere il doppio isolamento e ab- acquistati lavagne magnetiche e ma- pri doveri». tare e con i suoi insegnamenti perché lì dentro c’è Cristo.
sabato 7 novembre 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

«Il silenzio della fine» di Pietro Leveratto

Sangue e musica
nell’America
degli anni Trenta
di GIULIA ALBERICO su Roma. Ha una vera e pro-
e FLAMINIA MARINARO pria venerazione per il Duce e

C
non conosce altro verbo che il
ara Giulia, non co- fascismo. Un po’ noioso, un
noscevo Pietro Le- po’ invadente, nel suo zelo ec-
veratto, infatti è cessivo viene mandato dai diri-
uno scrittore esor- genti del Pnf a New York so-
diente ma sono prattutto per toglierselo dai
stata attratta dalla copertina del piedi. Finisce, tra l’orgoglioso
suo Il silenzio della fine (Palermo, e lo spaesato, a East Harlem,
Sellerio, 2020, pagine 320, euro dove contatta una cellula del
15). C’è un uomo di spalle, in partito, una delle leghe fasciste
piedi, di fronte a un pianoforte. che s’erano costituite in Nord
Camicia bianca, un po’ sgualci- America fin dal 1925. Un sem-
ta di chi pativa una giacca forse pliciotto, ma giacché viene dal-
troppo stretta, bretelle scure, un l’Italia in tanti pensano forse Voci del jazz contro l’odio

Rabbia e compassione
bicchiere in mano, probabil- rivesta un qualche ruolo signi-
mente di whisky, come la botti- ficativo per il regime.
glia semivuota poggiata accanto FLAMINIA: L’autore tratteg-
a un borsalino. Sembra di in- gia le atmosfere e le suggestio-
tuirne i pensieri. Dev’essere suc- ni di una città e di un’epoca en-

di Nina Simone
cesso qualcosa di grave o forse trata attraverso la cinemato-
sta per succedere. Che sia un grafia nella memoria collettiva.
giallo? L’autore del quadro è un Sembra di vederla, New York,
inglese, un iper realista. Ho con- con le sue strade e i suoi quar-
trollato l’età ed è abbastanza tieri multietnici in cui si mesco-
giovane, più o meno come Leve- lano immigrati europei, mafio- di MARTA D’AMBROSIO mancanza di uno scopo con- federale statunitense. La fer- sempre ammirato e sono sem-

I
ratto che invece fa il musicista. si, donnine allegre, bettole, de- creto, la collera che covava, le vente passione, l’energia e la pre stata fiera di te», queste
Non sbagliavo allora: quella co- linquenti da quattro soldi in l Newport Jazz Festi- violenze domestiche, portaro- creatività di quel periodo, re- sono le calorose parole che
pertina non è un caso. un’America risorta come un’a- val, nel 1960, accolse no la grande voce del jazz e sero Nina Simone assai pro- racchiudono tutto l’inossida-
Cara Flaminia, sì, la musica raba fenice. un’artista straordina- del blues a chiudersi sempre duttiva. Scriveva, cantava e bile legame umano e intellet-
è il filo rosso che lega i molti GIULIA: Compare, ogni tan- ria, una voce di donna di più nel vortice che la stava suonava febbrilmente per aiu- tuale tra i due artisti.
avvenimenti narrati. Non a ca- to, uno sguardo sull’Italia at- dalla profondità bari- consumando, fino a quando tare la sua gente, esternando il Il sentito messaggio politi-
so tra i tanti personaggi trovia- traverso la presenza di Musso- tonale, originale e intensa, co- un efferato avvenimento riuscì crudo senso di rifiuto che in- co della composizione Fables of
mo due grandi direttori d’or- lini che entra nel romanzo ma è me il suo sound: un inedito a svegliarla prepotentemente fettava la società: la musica Faubus, del contrabbassista
chestra, Weissberg, un austria- un’ombra fugace, lo vediamo miscuglio tra folk e jazz. Nina dal penoso torpore in cui si dei diritti civili, come lei stessa jazz Charles Mingus, incisa in
Simone, nata Eunice Waymon era rifugiata. la definiva, divenne la sua vi- forma completa per l’album
nel 1933 a Tryon, North Caro- In una chiesa battista di ta, riscoprendone un valore al- Charles Mingus Presents Charles
lina, regalò al pubblico, ac- Birmingham, in Alabama, una tresì pedagogico e curativo. I Mingus del 1960, non è distante
compagnandosi con il tambu- tranquilla domenica mattina brani erano così potenti e raf- da quello di Nina Simone, ca-
rello, il particolare arrangia- del 1963, nel pieno del sacro finati, da far evincere una sor- rico di sentimento. «Oh, Si-
mento della vecchia canzone rito, scoppiò una bomba che ta di fierezza dell’identità ne- gnore, non lasciare che ci spa-
popolare del Sud Li’l Liza Jane, uccise quattro bambine afro- ra. rino! / Oh, Signore, non la-
già registrata nel 1917, per la americane. L’attentato, ad In Langston Hughes, il poeta sciare che ci pugnalino! (…)
Victor Records, dalla Jazz opera di alcuni membri del dell’Harlem Renaissance, tro- Governatore Faubus! / Perché
Band di Earl Fuller, che la vò il prezioso e affe- è così malato e ridicolo? /
consacrò come uno dei grandi zionato collaboratore Non permetterà l’integrazione
standard statunitensi. con cui potesse con- a scuola / Allora è uno stupi-
Era l’inizio degli anni Ses- Coltivò il sogno di diventare dividere il tormento do!».
santa, la carriera di Nina Si- la prima pianista classica e gli ideali. Con Bac- Se però Mingus risulta
mone stava rapidamente de- klash Blues, inserito in aspramente satirico, facendo
Particolare dalla copertina del libro edito da Sellerio collando, ma qualcosa la divo- afroamericana Nina Simone Sings the emergere un lato critico mor-
rava dall’interno e la logorava ma il sogno si infranse Blues del 1967, la me- dace e a volte sacrilego, la mu-
co, e Bergallo, un italiano che solo e sempre insidiato al tavo- lentamente. L’oscurità della morabile unione tra sicista di Tryon manifesta la
essendo antifascista si è auto- lo da lavoro in Palazzo Vene- sua anima e lo spettro segnan- contro il pregiudizio razziale l’accorato soul blues forza e la determinatezza di
esiliato negli Stati Uniti. Sia- zia, efficiente, sbrigativo, nel te della discriminazione raz- della Simone e i versi una donna inquieta, alla ricer-
mo a New York nel 1931, in pieno del suo potere. Siamo ziale subita, che ne impedì feroci di Hughes, ca perenne di una dimensione
un’America da poco uscita dal- nel 1930, l’Italia di Mussolini è l’ammissione al prestigioso raggiunse probabil- che le potesse dare motivo di
la grande depressione e che sta la nazione di Cesare Balbo, Istituto di Musica Curtis di Ku Klux Klan, sconvolse il mente la vetta più alta. Nella esistere.
riscoprendo un crescente be- della transvolata atlantica, del- Philadelphia, vibravano in mondo, rivelando una società protesta rivoluzionaria: «Mi Cercando di sfuggire alla
nessere, una ripresa della vita le parate, del modello di regi- ogni nota eseguita al piano- malata, deforme e immorale, dai case di seconda categoria / prigione della solitudine, Ni-
culturale e, quindi, anche il me che Hitler ammira e perse- forte, strumento che sin da la stessa raccontata credibil- Mi dai scuole di seconda cate- na Simone credette di aver
tempio sacro della musica, il bambina l’aveva protetta da mente, anni dopo, dallo scrit- goria / Pensi che i neri / non trovato finalmente la pace e la
Metropolitan. un’aspra realtà di miseria e tore Pete Dexter nel suo ro- siano che sciocchi di seconda libertà nella contemplazione
FLAMINIA: La New York di razzismo. Per i critici dell’epo- manzo Il cuore nero di Paris categoria? / Mister Backlash / di una natura africana anima-
quegli anni è appena uscita Una New York ca, Nina Simone donava alla Trout. ti lascerò / con il Backlash ta dal respiro divino, prima di
dalla grande depressione del multietnica fatta sua musica la tecnica e la di- Nina Simone riversò tutta Blues», la ricchezza emotiva soccombere rovinosamente al-
1929 e scopre una vita che nem- sciplina che solitamente ven- la sua rabbia e compassione della battaglia socialmente la malattia che l’aveva colpita:
meno immaginava esistesse, di immigrati, malavita gono associate alla musica nella violenta Mississippi God- impegnata di entrambi è asso- «In Africa ho visto i fulmini
fatta di cinema, swing e notti e speranze di rinascita classica: la signora Mazzano- dam, che interpretò nel 1965 al- lutamente palpabile. volteggiare invece di lampeg-
brave. Leveratto descrive quel vich, la prima vera insegnante la Marcia di Selma, dove, se- «Caro Langston, Grazie. giare (…). L’ho visto! Ho vi-
mondo, soffermandosi soprat- della piccola e spaventata Eu- duti di fronte al palco improv- (…) Io una cosa so. Ti ho sto Dio».
tutto sulla vita degli emigrati nice, la crebbe con Beethoven, visato, la ascoltarono alcuni
italiani pieni di entusiasmo ma Bach, Debussy, plasmandone tra i più importanti attivisti
anche di malinconia e nostal- gue. Mussolini non sa neppure la formazione. dei diritti civili: Martin Luther
gia dei Paesi d’origine sempre chi sia Tiralongo, suo zelante Oltre all’enorme talento, King, Harry Belafonte, Tony
più miniature sbiadite al con- adoratore. coltivò il sogno di diventare la Bennett e Ralph Bunche del-
fronto della patria d’adozione. FLAMINIA: L’Italia è ormai prima pianista classica afro- l’Onu. «E tutti conoscono il
Il romanzo prende un altro rit- lontana ma elemento necessa- americana, cosa che purtrop- maledetto Mississippi / lo ve-
mo quando un oscuro fatto di rio per far muovere i personag- po, in quell’America densa di di / lo senti/ è tutto nell’aria /
sangue sconvolge le esistenze gi e creare il climax del roman- sopraffazione, brutalità e or- non ce la faccio più a soppor-
dei protagonisti. Intorno a zo giallo. Sembrano figurine goglio, non le riuscì mai. tare la pressione / qualcuno
quel crimine però ruota un mi- animate sullo sfondo colorato Nel 1963 Nina Simone poté dica una preghiera».
crocosmo di uomini, donne, di un diorama. L’omicidio spo- esibirsi alla Carnegie Hall, ma La scia di sangue che la-
ambienti e ceti sociali molto sta l’attenzione su circostanze non suonando Bach e Mozart, sciarono i pestaggi e le morti
variegato che interessa l’autore che si mescolano a fatti di cro- come tanto, in passato, aveva sulle strade di Selma, riuscì a
molto più della vicenda in se naca vera e che spingono la agognato, bensì un repertorio scuotere, almeno in parte, l’in-
stessa. narrazione verso il giallo stori- jazz. L’insoddisfazione e la conscio collettivo. Il 6 agosto
GIULIA: Incontriamo fin co. Cosa è davvero accaduto a cocente delusione nell’essere dello stesso anno, il Congres-
dall’inizio Tiralongo, una ca- Bergallo lo scopriremo leggen- stata privata anche di una li- so degli Stati Uniti, su propo-
micia nera, un devoto e ottuso do, ma le note della sua musica bertà musicale, la spinsero sta dell’allora presidente Lyn-
servitore della causa fascista, faranno da colonna sonora al sull’orlo del baratro: la de- don B. Johnson, approvò il
uno che ha trovato lo scopo susseguirsi delle pagine limpi- pressione cominciò a offuscar- Voting Rights Act, destinato a Una marcia in memoria delle vittime dell’attentato a una chiesa battista
nella sua vita fin dalla marcia de e scorrevoli del romanzo. ne la vocazione artistica, la cambiare la storia legislativa di Birmingham, in Alabama, nel 1963
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 7 novembre 2020

John Ronald Reuel Tolkien INTERMEZZI BEETHOVENIANI • Sinfonia pastorale


La sacra devozione alla natura

Come il canto
di IVANO SASSANELLI degli uccelli
N
el 1947 in un libro
intitolato Traité du di SAVERIO SIMONELLI orchestrali, puntando
caractère («Trattato proprio sull’evocazione: «È

«D
del carattere») Em- io nel- un ruscello, più grande il
manuel Mounier scriveva: «La l’universo ruscello, più il suono deve
persona non è un’architettura e l’uni- essere profondo e pieno».
immobile: vive, dura nel tem- verso in Gli archi così disegnano
po. In verità la sua struttura è Dio Onnipotente, nella delle melodie sinuose, che
più simile ad uno sviluppo mu- foresta! Io sono beato, ancora una volta non
sicale che ad un’architettura, felice: ogni albero parla descrivono ma comunicano
perché non può raffigurarsi attraverso te. O Dio! Che il ritmo incessante di un
fuori dal tempo». Questo vale splendore! In una tale flusso. E infatti al di sopra
anche per uno dei protagonisti regione boscosa, in ogni di quell’accompagnamento
della letteratura mondiale del cima vi è pace, la pace per la musica si libra e segue le
Novecento: John Ronald servire Lui. Nel bosco c’è vie dell’immaginazione,
Reuel Tolkien. È interessante un incanto. È come se in della fantasia che vede lo
leggere e solfeggiare le note di campagna ogni albero mi sbocciare della vita che si
questo spartito esistenziale, L’incidenza della fede cattolica nello scrittore britannico facesse intendere la sua voce squaderna sulla scena. E

Tolkien
per cercar di intonare la stessa dicendomi: “santo, santo!”». all’apice ecco l’ennesimo
melodia che anche Ainur, Elfi, L’uomo che si esprime con colpo di genio: l’orchestra
Nani, Uomini e Hobbit si sono queste parole è lo stesso che tace al momento della
trovati a imparare e di cui sono di lì a poco avrebbe cadenza, quando tocca al
stati i principali musicisti e composto la sua sesta solista improvvisare e qui

e la chiave di violino
cantori. sinfonia in fa maggiore, Beethoven convoca davvero
La “chiave di violino” che ha esplicitamente definita i suoni della natura. Con i
permesso a queste note di ave- “Sinfonia pastorale”, fiati e con gli adeguati
re il giusto posto all’interno coronamento artistico della intervalli riproduce il canto
della vita del professore oxo- sua devozione alla natura, degli uccelli. È a loro che
niense, è stata sicuramente la ascetico nella sua penitenza Frodo, già non riesci a sbaraz- (...). Questa formazione è do- quasi un officio sacro, una spetta l’ultima parola,
sua fede cattolica. Egli come anche corporale, visse ed inse- zartene, e non hai più la volon- vuta a Francis Morgan e all’at- dedizione totale e nell’autenticità di ciò che sta
ha scritto il 2 dicembre 1953 gnò l’impegno della mortifica- tà di distruggerlo. E io non ti mosfera benevola dell’O rato- quotidiana. Fin dai primi accadendo. Non che
nella lettera n. 142 al suo amico zione spirituale, improntata al- potrei “costringere”, se non rio». anni del diciannovesimo l’orchestra fino ad allora
gesuita padre Robert Murray: la gioia e alla serenità del gio- con la forza, cosa che sconvol- Tolkien, dunque, in tale co- secolo Beethoven aveva abbia mentito, ma quello è
«Soprattutto dovrei essere gra- co; appassionato lettore di libri gerebbe la tua mente») e poi munità segnata così profonda- preso l’abitudine di il momento di verità. Prima
to di essere stato educato (da — lo testimonia la sua cospicua da Elrond riguardo alla sua de- mente da questi tre grandi pa- trascorrere il periodo estivo c’era l’uomo che guardava e
quando avevo otto anni) in una biblioteca personale — ed inte- cisione di prendere su di sé la dri nella fede, poté sviluppare nei dintorni della capitale, immaginando sovrapponeva
Fede che mi ha rafforzato e mi ressato alla storia, alla filosofia,missione di Portatore dell’Uni- una spiritualità pienamente immerso nel verde del bosco il suo Io al paesaggio; ora
ha insegnato tutto quel poco alla teologia, alla letteratura ed co («Ma è un fardello assai pe- fondata sul Depositum fidei, e viennese, dedicandosi a invece c’è lei, la natura, sola
che so; e questo lo devo a mia ai testi di spiritualità. Il suo sante. Così pesante che nessu- molto probabilmente sul Com- lunghissime e corroboranti con i suoi interpreti minimi,
madre, che restò fedele alla sua successo (scrive M. Teresa Bo- no potrebbe caricarne le spalle pendio della Dottrina Cristiana di passeggiate. Portando con indifesi eppure preziosi.
conversione e morì giovane, in nadonna Russo) là dove altri di qualcun altro. Io non lo cari- san Pio X del 1905 i cui conte- sé soltanto un piccolo
gran parte a causa delle priva- avevano fallito risiedeva nel- co sulle tue spalle. Se tuttavia nuti vennero esposti nell’O ra- blocco per appunti il
zioni causate dalla povertà che l’applicazione del suo metodo, lo prendi di tua propria scelta, torio di Birmingham anche musicista amava fermarsi
ne era derivata». Da queste pa- valido per tutti gli uomini e in dirò che la tua scelta è giu- grazie a Padre Denis Sheil che sotto un albero, di fronte a
role si deduce come agli occhi tutte le circostanze, e basato sta»). come ricorda il biografo José un ruscello, in una radura
di Ronald, l’amata madre Ma- sulla sua capacità di porsi sem- L’Oratorio di Birmingham, Manuel Ferrandéz Bru nel suo dove ancora riusciva a
bel fosse una martire della fe- pre e umilmente sullo stesso però, ha avuto anche un secon- libro dedicato al rapporto tra distinguere il canto degli
de. Questa donna così colta e piano del suo interlocutore, do padre, ossia il suo fondato- Tolkien e padre Morgan: «Pro- uccelli. Con la sua superiore
coraggiosa, che aveva instillato re, san John prio all’interno dell’O ratorio capacità di tradurre in
nel cuore del figlio l’amore per Henry Newman troviamo un eminente perso- musica le impressioni più
le lingue, agli inizi del Nove- di cui sappia- naggio il cui stretto rapporto intime della propria
cento, inimicandosi tutta la sua La sua fede ha avuto mo, dal libro con le autorità vaticane dell’e- personalità così come le
famiglia, si era convertita dal- un’«intonazione materna» Tolkien’s Library di poca avrebbe rafforzato l’in- suggestioni che filtrava dal
l’anglicanesimo al cattolicesi- Oronzo Cilli, fluenza del messaggio pastora- mondo esterno, Beethoven
mo. La fede di Tolkien, dun- e un’«intonazione oratoriana» come Tolkien le di Pio X sui suoi seguaci. Si però non racconta Lo spartito della «Sinfonia
que, ha avuto sin da subito una All’oratorio di Birmingham conoscesse al- tratta di padre Denis Sheil, mi- semplicemente la natura ma pastorale»
“intonazione materna” sfociata meno due ope- glior amico, confidente e corri- l’anima dell’uomo che non
in una forte devozione alla Ver- conobbe infatti re: Apologia pro vi- spondente dell’influente cardi- vi si confonde, né si perde Pare lo abbia detto una
gine Maria su cui, come egli Filippo Neri, John Henry Newman ta sua e The Dream nale Merry del Val y Zulueta, in vaghe e incorporee volta all’amico Anton
stesso ha ammesso nella lettera of Gerontius, and segretario di Stato vaticano e atmosfere e, sempre in Schindler. «Questa musica
all’amico gesuita, si basava tut- e padre Francis Xavier Morgan Other Poems. Da braccio destro di Pio X . Denis modo lucido, riproduce i gli uccelli l’hanno composta
ta la sua «piccola percezione questo grande Sheil è lo stesso sacerdote cita- sentimenti che quella assieme a me». Forse non è
della bellezza sia in maestà sia intellettuale e to in una delle cartoline in co- visione, quell’immersione vero, ma non importa.
in semplicità». gigante della fe- dice scritte da Tolkien a Red- fisica e autentica nella Perché non è mai falso
Il cattolicesimo di Tolkien che quindi finiva per vedere ri- de cattolica, Ronald probabil- nal durante l’estate del 1904, naturalità genera. Lo scrisse quello che si improvvisa,
però, grazie sempre a Mabel, conosciuta la propria natura e mente trasse, tra le altre cose, la nella quale si riferisce a lui sem- anche direttamente: questa come sa fare solo la musica,
ha avuto anche una seconda la propria personalità: un ri- passione per l’immaginazione plicemente come padre De- sinfonia «non è pittura ma attorno alla verità.
caratteristica: l’«intonazione spetto che derivava a san Filip- e l’attenzione verso la libertà nis». espressione dei sentimenti»
oratoriana». Infatti nel 1902 po dal suo modo di intendere interiore, il rispetto della di- Tutto questo in Tolkien si e per questo accompagnò
Ronald iniziò a frequentare la libertà e che produsse risul- gnità della persona umana e la unì ad una capacità profetica ognuno dei cinque
l’Oratorio di Birmingham al- tati più abbondanti e duraturi capacità di discernimento della che gli permise di anticipare movimenti con una rapida e
l’interno del quale, oltre a ser- di quelli ottenuti con la coerci- coscienza nel perseguire il be- molti dei temi trattati durante pregnante descrizione.
vire messa la mattina, egli poté zione e la forza». ne ed evitare il male. il concilio Vaticano II e presen- Chiarissima già la prima
conoscere tre figure fondamen- Anche in Tolkien, fortissimo La terza figura, invece, mol- ti anche nel magistero pontifi- «Risveglio di piacevoli
tali, tre personalità che costi- era il richiamo della letteratu- to prossima ed essenziale nella cio post-conciliare soprattutto sensazioni all’arrivo in
tuiscono altrettanti fili di un ra, della spiritualità e della vita di Tolkien, è stata senza di san Paolo VI e di Papa Fran- campagna». Sensazioni che
arazzo intessuto di passato e contemplazione soprattutto dubbio quella di padre Francis cesco. immediatamente traduce
presente e che in un certo qual dinanzi all’Eucaristia, del gio- Xavier Morgan che divenne Il giovane Ronald, dunque, con i mezzi musicali. Ed
modo hanno influito sulla sua co che in lui diventava un “vi- suo tutore alla morte della alla scuola dell’Oratorio e al- ecco allora che senza
crescita umana e di fede: san zio segreto” di inventare lingue amata madre Mabel. Ricor- l’ombra di questi tre testimoni un’introduzione la musica
Filippo Neri, san John Henry (logopoiesi) che davano avvio e dando questo suo “secondo di una spiritualità autentica e entra subito nel racconto di ACaMIR – Agenzia Campana Mobilità, Infrastrutture e Reti
Avviso aggiudicazione di gara
Newman e padre Francis Xa- corpo a storie e miti da raccon- padre”, così il professore scri- cattolica, è potuto crescere di- quell’impressione. Si alza il Gara europea per l’affidamento dei servizi di ingegneria ed
architettura per la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed
vier Morgan. tare (mitopoiesi). Interessante, veva in una lettera del 1965 a ventando quel “subcreatore di sipario con le prime note economica dell’intervento “Funivia tra Sant’Agata sui due golfi
Per ciò che concerne la pri- inoltre, è il riferimento, nel di- suo figlio Michael: «Da lui ho mondi” che ha permesso al ma noi non vediamo un (Comune di Massa Lubrense) e Sorrento (Stazione EAV)” CUP:
B19F19000080006 – CIG: 79935115F3 - CPV 71340000-3;
ma figura, proveniente da un scorso inerente san Filippo Ne- imparato innanzitutto la carità Novecento, “secolo breve” sto- paesaggio, entriamo Valore finale: € 197.476,54 al netto di IVA e oneri previdenziali e
assistenziali, comprensivo di oneri di interferenza pari a zero;
passato remoto, illuminanti so- ri, al tema della libertà di scelta e il perdono». Infatti come ben ricamente, di diventare un “se- piuttosto nello spirito Data aggiudicazione: 05.10.2020; Aggiudicatario: costituendo
no le parole dell’oratoriano scevra da qualsiasi tipo di coer- annota Raymond Edwards colo ampio” letterariamente, in dell’uomo che lo sta RTP tra Tecnosistem S.p.A., Studio Corona S.r.l., Dimensione
Ingenierie S.r.l. ed Arch. Pasquale Miano, di cui Tecnosistem
monsignor Edoardo Aldo Cer- cizione o forza. Ciò riporta alla nella sua recente biografia sul- cui gli orizzonti della fantasia e contemplando. Lo stesso S.p.A. (Capogruppo mandataria), C.F. 01207120633, con sede
in Vico II San Nicola alla Dogana n. 9 Napoli, Studio Corona
rato, ora vescovo di Ivrea, che mente, in maniera quasi specu- l’oxoniense: «La fede di Ro- dell’immaginazione si sono accade nel secondo S.r.l. (mandante), C.F. 06555710018, con sede in Corso Re
Umberto n. 23 Torino, Dimensione Ingenierie S.r.l. (mandante),
così ha affermato: «Dire chi è lare e incredibilmente simile, nald era di tipo tradizionale, e potuti spalancare e unire alla movimento la celebre “scena C.F. 00565020070, con sede in Frazione Pont Suaz n. 83 Aosta
Filippo Neri non è facile, tanto quanto ne Il Signore degli Anelli (quantomeno più in là negli fede in Cristo e in un Deus ab- presso il ruscello”. Anche e Arch. Pasquale Miano (mandante),
MNIPQL57M23F839V, con sede in Piazza Leonardo n. 14
C.F.

ricca di sfumature è la sua per- viene detto a Frodo prima da anni) era pesantemente incen- sconditus infinitamente miseri- durante le prove della prima Napoli; Importo totale a base di gara € 296.200,00, con ribasso
globale offerto del 33,33% sull’importo a base di gara, al netto di
sona e tanto semplice ma pro- Gandalf circa l’influsso eserci- trata sul Santissimo Sacramen- cordioso, capace di perdonare esecuzione, in quel IVA e oneri previdenziali e assistenziali, comprensivo di oneri di
interferenza pari a zero. Il presente avviso è stato spedito alla
fonda la sua proposta spiritua- tato su di lui dall’Anello del to; ma la sua teologia era gene- e di amare i tanti ignobili Gol- dicembre del 1808 GUUE il 26.10.2020
le. È uno spirito altamente Potere («Lo vedi? Si sta impa- ralmente espansiva e generosa, lum presenti nel nostro mondo Beethoven lo aveva Il Direttore Generale
arch. Giuseppe Grimaldi
contemplativo. Fortemente dronendo di te, e anche tu, lontana da derive retrograde e nella Terra di Mezzo. raccomandato agli
sabato 7 novembre 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 9

FACCE BELLE DELLA CHIESA • La storia di fra Luke sull’isola di Rodi

Il parroco
dei rifugiati

«D
o you speak italian?» «Io so- verso Rodi «fra Luke è un che mi toccò e cambiò nel
no più italiano degli italiani»: personaggio straordinario, ve- profondo. Pur continuando
si presenta così fra Luke, par- drai». E in effetti già dal pri- con passione i miei studi clas-
roco francescano delle isole di mo approccio la previsione si sici, mi accorgevo che la mia
Rodi e Kos. E in effetti quan- rivela azzeccata. Se ti aspetti vita cominciava a seguire una
do parla fra Luke ha tutti i di trovare un missionario che strada inaspettata, quella di
modi tipici di interloquire de- ti racconta con mestizia le tan- una vocazione al servizio dei
gli italiani: una bella chiac- te tribolazioni della povera poveri, degli scartati, degli ul-
chiera, un vivace gesticolare, gente che assiste rimani delu- timi. Galeotto fu un pellegri-
una simpatica mimica facciale, so. Fra Luke ha la straordina- naggio accompagnando i ma-
è un fiume in piena quando lo ria capacità di navigare tra il lati a Lourdes. Lì — continua il
interroghi sul suo lavoro ac- dolore e la disperazione veri religioso — incontrai un padre
canto ai rifugiati. Tutto il con- mantenendo intatto un ap- francescano che mi affascinò
trario di quella stereotipa ri- proccio sempre positivo, ricco moltissimo parlandomi del
servatezza un po’ flemmatica di speranza e buona volontà, “quinto Vangelo”: la terra di
dei britannici. Eppure fra Lu- francescanamente gioioso. E Gesù. Andai così a Gerusa-
sicuramente questo suo carat- lemme e lì scoprii l’anello di
tere è l’elemento più impor- congiunzione tra la mia pas-
tante della carità che dispensa sione per il mondo antico, la
a piene mani. «Sì, io gli porto verità storica del Kerigma, e la
un bel po’ di cose necessarie a vita dedicata agli altri. Mi ri-
vivere — dice parlando dei ri- trovai, diciamo così natural-
fugiati — ma quello che li ren- mente novizio francescano ad
de più contenti e grati è che io Ein Karen, il villaggio del Bat- cui i gommoni dei disperati no abbiamo allestito una cap-
sia con loro, li ascolti, gli parli, tista; e poi a Gerusalemme a possono attraccare. Ne arrive- pellina nei nostri locali per la
gli regali una parola di speran- studiare la teologia. Ho passa- ranno centinaia e poi migliaia loro liturgia». Fra Luke conti-
za. Bisogna capire che la pri- to anni molto belli in Terra in questi anni. E troveranno nua a lavorare anche mentre ci
ma e più pesante sofferenza di Santa, sono stato cantore al sempre fra Luca, anche di not- parla, sembra non stancarsi
un rifugiato è la solitudine, il Santo Sepolcro, segretario te, ad accoglierli, rifocillarli, mai. «Come fai a stancarti a
senso di estraneità che si pro- della Custodia, e poi a Be- sostenerli. «Per la verità non fare il bene?». «Io mi sento
va quando ti trovi in una terra tlemme nel durissimo tempo mi sono mai domandato cosa un uomo realizzato: cosa c’è
che non è la tua. Lontano dal- della seconda Intifada. Ho vis- dovessi fare. È naturale dover che può renderti più felice nel-
la tua casa, da dove sei nato». suto il bello delle liturgie anti- accogliere un fratello, una so- la vita che vedere i risultati del
«Ma raccontaci prima di te, che al Sepolcro, ma anche il rella, che scappano. Non c’è bene che ti sforzi di fare?».
fra Luke». «Ho fatto le mie terribile della sofferenza uma- da ragionarci sopra. Io non E gli sforzi di Fra Luke or-
scuole a Sheffield, dove ho na nei territori occupati». chiedo niente a loro, ma sono mai sono ben noti anche fuori
ke Gregory è inglese, nato 62 imparato ad amare le lingue e Mentre parliamo fra Luke loro stessi a raccontarsi e le lo- dei confini dell’isola e anche
anni fa a Sheffield, la culla la cultura della clas- ro facce segnate a parlare. fuori dei circuiti ecclesiali,
della rivoluzione industriale sicità greca e latina. Porto loro da mangiare ma an- conquistando solidarietà, sup-
nel sud dello Yorkshire, appe- Non avrei mai imma- che shampoo, sapone e rasoi. porti e anche riconoscenza.
na sopra le Midlands. ginato che il mio Che ci fa a Rodi Mi rifornisco nei locali super- Così è stato che il presidente
Che ci fa un francescano in- amore per il greco un francescano inglese? mercati a loro inaccessibili, della Repubblica italiana, Ser-
glese a Rodi? «Io in verità ap- antico un giorno mi compro le cose con i soldi che gio Mattarella, abbia voluto
partengo alla Custodia di Ter- sarebbe risultato uti- «Anch’io vengo da un’isola mi mandano il padre Custode, manifestare il suo apprezza-
ra Santa, che come si sa esten- le vivendo in un’isola e mi sono trovato a mio agio, i commissariati di Terra Santa, mento per il lavoro di fra Lu-
de da sempre la sua giurisdi- greca piena di storia. e dall’Italia la generosa asso- ke con i rifugiati, insignendo-
zione anche ad alcune aree li- Poi, mi trasferii a non saprei immaginarmi altrove» ciazione Pro Terra Sancta. Nei lo del titolo di Cavaliere del-
mitrofe alla terra di Gesù, co- Londra per l’univer- mesi estivi quando ci sono l’Ordine della Stella d’Italia.
me Rodi appunto. Sono arri- sità, mi ero iscritto al molti turisti sull’isola, dico lo- Ci dice Patrizia Falcinelli, am-
vato qui un po’ per caso — rac- prestigioso King’s ro «prima di ripartire lasciate- basciatrice d’Italia ad Atene, e
conta — dopo aver svolto il College. Ma prima di comin- cammina nel giardino del con- ci qui tutto quello che potete, profonda conoscitrice del me-
mio servizio a Gerusalemme e ciare l’università, per un anno, vento mostrandomi con orgo- anche il dentifricio o il bagno- diterraneo orientale e delle sue
a Betlemme, e di obbedienza decisi di seguire un corso di glio le sue colture «Qui c’era- schiuma aperti, le ciabattine, il
in obbedienza sono ormai discipline sociali. Era un corso no delle belle rose. Le ho tol- cibo che non avete consuma-
molti anni che sono qui. Forse che contemplava molte espe- te. Ora ci sono queste, che so- to: qui tutto è utile». E conti-
perché in origine anch’io ven- rienze on the field, così mi trovai no anche più belle» e mi mo- nua «cerco di aiutarli in ogni «Per la verità non mi sono mai
go da un’isola, ma mi sono su- a conoscere per la prima volta stra una fila di zucchine, po- modo, eccetto che per le prati- domandato cosa dovessi fare.
bito trovato a mio agio in que- in vita mia tante realtà di mar- modori, insalate, melanzane. che burocratiche di transito.
sta di isola, e oggi, ti dirò, non ginalità di cui neanche imma- «I rifugiati hanno più bisogno Non voglio interferire con il È naturale dover accogliere un fratello,
saprei immaginarmi altrove». ginavo l’esistenza. Homeless, di generi alimentari che di ro- lavoro delle autorità locali che una sorella, che scappano.
Era da tempo che in tanti in- malati, varie forme di addiction, se. E poi io sono un’entusiasta a loro volta lasciano molta agi-
dirizzavano le “Facce belle” un contatto con un mondo sostenitore della Laudato si’ di bilità al mio di lavoro, anche Non c’è da ragionarci sopra».
Papa Francesco. Qui è tutto se cercano di contrastare gli
ecologico: ricicliamo tutto, sbarchi. Dopo i primi arrivi
preserviamo l’acqua e l’ener- ho deciso di andare in Siria
gia, non usiamo plastica, ab- dai miei confratelli, ad Aleppo tensioni. «Padre Luke, oltre a
biamo i nostri animali, ci e anche a Damasco, per ren- essere uno straordinario esem-
muoviamo prevalentemente a dermi meglio conto della si- pio di dedizione e generosità
piedi». tuazione da cui fuggivano. Ho nella sua attività a favore dei
Rientra nel sobrio convento visto macerie e disperazione bisognosi, dei rifugiati e dei
che un tempo ospitava decine come mai prima. Oggi la pro- migranti, rappresenta anche
di frati «Ti faccio conoscere venienza dei rifugiati è cam- un fondamentale punto di ri-
my lovely little pet Percy». biata: meno siriani, e più afri- ferimento per la comunità ita-
Immagino che nelle serate iso- cani del nord e del Corno d’A- liana a Rodi e per la promana-
lane il frate si faccia tenere frica e soprattutto molti pale- zione della cultura e dei valori
compagnia da un fedele cane stinesi che scappano da Gaza. italiani nell’isola. Per questo il
o da un tenero micino. Ri- Con i palestinesi mi sento di presidente ha voluto insignir-
mango perciò a bocca aperta nuovo a casa. Al momento — lo, su proposta dell’ambascia-
quando vengo a far la cono- prosegue — i rifugiati nell’isola tore italiano in Grecia di que-
scenza di Percy: uno splendi- sono circa 250, vivono accam- sto riconoscimento».
do pitone di un paio di metri pati sotto un capannone che Lui di tutta questa notorie-
di lunghezza. Luke non sem- una volta era il mattatoio del- tà si stupisce: «Non c’è niente
bra affatto stupito del mio stu- l’isola: un simbolo terribile. Io di straordinario in quel che
pore, e rimanendo in serafica, faccio il possibile, cerco di faccio: accogliere lo straniero
— e un po’ british — impassibi- aiutare tutti. Molti sono mus- rifugiato è un dovere non un
lità mi spiega: «Percy, Perseo: sulmani, ma mi vogliono co- merito. Per tutti. Piuttosto,
come il figlio di Zeus e Danae, munque un gran bene. Du- quando finisce questa pande-
ma anche come la costellazio- rante le feste islamiche prepa- mia programmate una vacan-
ne tra Andromeda e Auriga». ro per loro i dolcetti tipici, co- za a Rodi: questo posto è bel-
La svolta nella vita di fra sì da farli sentire meno lontani lissimo, e magari mi date una
Luke avviene giusto dieci anni da casa. D’altronde qui a Rodi mano». E salutando se ne va
fa, con lo scoppio della guerra la solidarietà rende tutti fratel- camminando con Percy attor-
civile in Siria. Molti scappano li: ho ottimi rapporti anche cigliato intorno al collo.
dalle bombe e Rodi è uno dei con i fratelli ortodossi e con i
porti più sicuri e più vicini a protestanti. Al pastore lutera- R.C.
pagina 10 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 7 novembre 2020

Monsignor Semeraro al Pontificio Collegio leoniano di Anagni Si conclude la plenaria online dei vescovi francesi

Parrocchie Chiesa
volte al futuro rifugio per tutti

A
di IGOR TRABONI pandemia, hanno mutato anche al- di tutti, l’Istruzione, se per un ver- di CHARLES DE PECHPEYROU contatto con la Cef è invitato a
cuni aspetti del rapporto dei fedeli so riconosce che la parrocchia non rivolgersi alla Ciase.

U
ccolto da un lungo applauso a sot- con le comunità parrocchiali di ap- è più «come in passato, il luogo n’intera giornata di Nello stesso lasso di tempo,
tolinearne la recente nomina cardi- partenenza. La grazia, dunque, ma primario dell’aggregazione e della scambi e discussioni sono state 110 le segnalazioni di
nalizia, monsignor Marcello Se- anche «una sorta di stanchezza per socialità», al contempo sollecita a on-line dedicata alla abusi indirizzate dai vescovi al-
meraro, amministratore apostolico le troppe attività messe in cantie- «trovare altre modalità di vicinan- lotta contro la pedo- la giustizia civile, mentre tra
di Albano e prefetto della Congre- re». «Ci siamo accorti di una certa za e di prossimità rispetto alle abi- filia, segnata dalla presentazio- gennaio 2017 e ottobre 2018 am-
gazione delle cause dei santi — che fragilità della nostra proposta di tuali attività. Tale compito non co- ne del terzo rapporto dedicato montavano a 75. Da notare che
Papa Francesco creerà cardinale catechesi ai ragazzi — ha prosegui- stituisce un peso da subire, ma una che fornisce una visione precisa quindici diocesi hanno firmato
nel concistoro del 28 novembre — to — abbiamo potuto vedere facil- sfida da accogliere con entusia- della situazione degli ultimi una convenzione con i procura-
ha tenuto la prolusione per la ceri- mente chiudersi in se stessi i nostri smo». Si può leggere in questa sol- due anni, con la rinnovata cer- tori che mira a facilitare le rela-
monia di inaugurazione del nuovo adolescenti, come pure, per certi lecitazione — ha sottolineato Se- tezza che il processo di purifica- zioni tra l’istituzione ecclesiale
anno accademico e formativo del versi, abbiamo assistito allo sbri- meraro — l’invito insistente di Papa zione intrapreso dalla Chiesa e quella giudiziaria, attraverso
Pontificio Collegio leoniano di ciolarsi in un attimo della coscien- Francesco a considerare che «la deve mettere le vittime al primo la nomina di persone dedicate a
Anagni, il seminario dove si forma- za del precetto festivo». pastorale in chiave missionaria esi- posto, lavorando con
no i futuri preti di tutto il Lazio E allora, dove vanno le nostre ge di abbandonare il comodo crite- loro e tenendo conto il
(Roma esclusa) con annesso Isti- parrocchie oggi? Monsignor Se- rio pastorale del “si è fatto sempre più possibile delle loro
tuto teologico frequentato da circa meraro ha posto subito la questio- così”» (Evangelii gaudium, 33). parole. Riuniti in as-
250 tra laici, sacerdoti, religiosi e ne-distinzione tra “territorio” e Un’altra sottolineatura il vesco- semblea plenaria in vi-
religiose. Salutato dal rettore don “habitat” della parrocchia, facen- vo di Albano l’ha colta nel passag- deoconferenza fino a
Emanuele Giannone, dal direttore do riferimento proprio all’Istru- gio in cui la Congregazione per il domani, i vescovi di
del Teologico don Pasquale Bua e zione che, al numero 16, parla di clero parla di «una parrocchia in- Francia sono consape-
dai vescovi di alcune diocesi del superamento di «una pastorale clusiva» quanto più ha alcuni ca- voli che «rimane ancora
Lazio (monsignor Lorenzo Loppa che mantiene il campo d’azione ratteri di un santuario: non tanto molta strada da fare per
per Anagni-Alatri, monsignor esclusivamente all’interno dei li- per le devozioni in esso coltivate, far sì che la Chiesa sia
Ambrogio Spreafico per Frosino- miti territoriali della parrocchia, quanto per il loro essere veri e pro- un rifugio per tutti», ha
ne-Veroli-Ferentino e monsignor quando spesso sono proprio i par- pri «avamposti missionari», con- commentato monsignor
Lino Fumagalli per Viterbo) il pre- rocchiani a non comprendere più notati dall’accoglienza, dalla vita Luc Crepy, vescovo de
di preghiera e dal silenzio che ri- Le Puy-en-Velay e presi-
stora lo spirito, nonché dalla cele- dente della Cellula per-
brazione del sacramento della ri- manente per la preven-
conciliazione e dall’attenzione ai zione e la lotta alla pe-
poveri. dofilia (Cpplp), organo
Così come pure è necessario che creato ad hoc dalla
le parrocchie si accostino sempre Conferenza episcopale
più a quella “mistica della fraterni- francese (Cef) nel mese di giu- questo dialogo, al fine di garan-
tà” cara a Papa Francesco. È dun- gno 2016. «Tuttavia — spiega il tire la massima collaborazione.
que evangelizzatrice, ha chiosato presule — il nuovo rapporto sot- Altro tema di discussione du-
monsignor Semeraro «una comu- tolinea la ferma determinazione rante l’assemblea plenaria ha ri-
nità che sa scegliere la postura giu- dei vescovi ad andare oltre e ad guardato il Santuario di Lour-
sta, che è quella di mettersi a servi- attivare i mezzi necessari per af- des, completamente ancorato
zio della fede, disponendosi a ren- frontare questa sfida così urgen- alle sue radici dei Pirenei, ma
dere possibile una relazione perso- te e necessaria». In questo sen- meta di pellegrinaggio per tutte
nale e, per quanto è possibile auto- so, la Cpplp ha accolto i suoi le diocesi di Francia e i visitato-
noma (cioè adulta), di tutti coloro nuovi membri, proseguendo il ri del mondo intero. «Finora
che lo desiderano nei confronti del lavoro iniziato nel 2016 e svi- non esiste un vero statuto, sia-
Signore e della sua Parola». luppando la sua riflessione sulla mo rimasti ai tempi di Berna-
Semeraro ha infine concluso la- prevenzione. dette Soubirous, per questo ho
sciando all’uditorio una sfida da Un passo successivo sarà il sottoposto ai vescovi l’idea di
raccogliere, ovvero quella «di ren- rapporto della Commissione in- fare di Lourdes un santuario
dere le nostre comunità parroc- dipendente sugli abusi sessuali nazionale perché le diocesi
chiali sempre più missionarie, un nella Chiesa (Ciase), creata al francesi si sentano più coinvolte
Il Pontificio Collegio leoniano di Anagni impegno che riguarda tutti noi, termine della plenaria del no- nel modo in cui il santuario vi-
nessuno escluso». «È chiesto alle vembre 2018, «che aiuterà tutti ve», spiega a «L’O sservatore
fetto della Congregazione delle questa modalità, che appare se- nostre comunità — ha proseguito — a comprendere meglio cosa è Romano» monsignor Antoine
cause dei santi ha incentrato il suo gnata dalla nostalgia del passato, di discernere ciò che oggi, nella successo nella Chiesa negli ulti- Hérouard, vescovo ausiliare di
intervento, sul tema «Convertire la più che ispirata dall’audacia per il condizione della diaspora in cui mi decenni e a continuare ad Lille e Delegato Apostolico «ad
parrocchia?», con una serie di ri- futuro». siamo, “lo Spirito dice alle Chie- applicare le misure necessarie nutum Sanctae Sedis» a Lour-
flessioni in margine alla recente Un altro tratto, non del tutto se”, affinché non ci limitiamo ad per combattere e prevenire il des. In futuro, afferma il presu-
Istruzione La conversione pastorale del- nuovo ma che non per questo va adorare le ceneri di una “cristiani- flagello della criminalità contro le, la sfida consisterà nel «trova-
la comunità parrocchiale al servizio della trascurato, è quello che il relatore tà” ormai in rovina, bensì ci adope- i bambini», specifica monsi- re un equilibrio tra le tre di-
missione evangelizzatrice della Chiesa a ha incasellato in «comunità par- riamo per tenere vivo il fuoco del gnor Crepy. I vescovi si sono mensioni: locale, nazionale e
cura della Congregazione per il rocchiali costituite da credenti che, Vangelo. Quel fuoco che accende impegnati in una riflessione at- internazionale». Locale perché
clero. di fronte all’esperienza della fede, la passione per un “cristianesimo tiva per definire «quello che il santuario è legato ad una ter-
Un tema, ha detto subito il ve- operano delle scelte che non sono degli occhi aperti”, capace di illu- potrebbe essere un processo ra, una storia, una persona,
scovo Semeraro, che «di fatto ac- le stesse per tutti, anche sulle di- minare la strada verso una propo- globale di riconoscimento della un’identità culturale. Naziona-
cende i riflettori su una realtà ec- mensioni essenziali della vita di fe- sta all’altezza della nostra umanità sofferenza delle vittime, un ap- le, perché i diversi vescovi sa-
clesiale, la parrocchia appunto, de». Per mantenere il suo tratto di oggi, da amare e servire in nome proccio di tutta la Chiesa che rebbero associati agli orienta-
che ancora oggi costituisce senza popolare e di accessibilità da parte del Vangelo». riecheggia l’invito al popolo di menti più importanti. Interna-
dubbio una figura di Chiesa senza Dio lanciato da Papa Francesco zionale perché sono sempre
della quale non si può immagina- il 20 agosto 2018» nella sua tanti i pellegrini che vengono
re, sul piano teologico e nondime- «Lettera al Popolo di Dio». da tutto il mondo per pregare
no su quello pastorale, come il Secondo il nuovo rapporto alla Grotta di Massabielle. Un
Vangelo possa essere ancora an-
nunciato, assicurando forme stabi-
Nasce l’edizione giapponese della Cef, che raccoglie dati
provenienti dalle diverse diocesi
punto fondamentale è il ruolo
dei principali attori nella vita
li di presenza della comunità cri-
stiana in uno spazio antropologico
de «La Civiltà Cattolica» di Francia, tra settembre 2018 e
settembre 2020, 320 persone
del santuario, tra il vescovo del-
la diocesi, il rettore, i cappellani
ben definito». Non a caso la Chie- hanno riferito al proprio vesco- e gli altri, indica il Delegato
sa vi ha dedicato tanti documenti, ROMA, 7. Nata da un’idea durante il viaggio apostolico di Papa vo di essere state vittime di abu- Apostolico. E tra questi altri at-
ad iniziare da quelli contenuti nel Francesco in Giappone nel novembre 2019, l’edizione, cartacea e si, mentre erano 211 tra gennaio tori, secondo monsignor Nico-
magistero degli ultimi Pontefici digitale, in lingua giapponese de «La Civiltà Cattolica» — il cui 2017 e ottobre 2018. L’aumento las Brouwet, vescovo di Tarbes
«fino ad arrivare alle riflessioni di primo fascicolo viene presentato oggi 7 novembre a Tokyo del numero di vittime identifi- et Lourdes, ci sono i vescovi di
Papa Francesco in Evangelii gau- nell’ambito della rassegna «Vatican & Japan - 100 Year Project» cate può essere spiegato da più Francia, i cui pellegrinaggi a
dium». presso la sede principale del gruppo Kadokawa che pubblica la elementi. La creazione dei cen- Lourdes sono sempre un mo-
Una «conversione pastorale» rivista — vuole offrire ai giapponesi una chiave di lettura del tri di accoglienza e di ascolto mento culminante nella vita
indicata dunque da sempre, ma mondo unica, a partire dalla prospettiva universale di Roma e nelle diocesi, insieme all’appel- della loro diocesi.
che oggi deve necessariamente fare della Santa Sede. L’edizione è varata nell’anno che celebra i 170 lo a testimoniare lanciato dalla L’assemblea plenaria si con-
i conti con «qualcosa di inedito, di anni di fondazione de «La Civiltà Cattolica» (così come avvenuto Ciase hanno provocato una «li- cluderà domani mattina con la
incontenibile, di imprevedibile, per l’edizione cinese nata il 20 aprile scorso). È il direttore, padre berazione della parola». Inol- celebrazione della messa, tra-
causa di tanto dolore e di tanta sof- Antonio Spadaro, a presentare la rivista al pubblico giapponese in tre, le persone che hanno pre- smessa in televisione, da parte
ferenza, ma probabilmente porta- un video proiettato a Tokyo durante la rassegna a cui partecipa il sentato la loro esperienza alla del presidente della Cef e arci-
tore anche di una “grazia misterio- provinciale dei gesuiti in Giappone, l’argentino padre Renzo De Ciase sono state anche invitate vescovo di Reims, monsignor
sa”», ha aggiunto il presule, facen- Luca. Il numero zero include, fra l’altro, la presentazione del a contattare le autorità ecclesia- Éric de Moulins-Beaufort, che
do poi degli esempi concreti di co- direttore e una riflessione di De Luca dedicata allo scambio li. Allo stesso modo, sistemati- pronuncerà anche il discorso fi-
me il lockdown, e più in generale la culturale con il Giappone nella stampa dei gesuiti. camente, chiunque entra in nale.
sabato 7 novembre 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 11

«L’ NOSTRE
Europa ha
conosciuto,
e conosce, il
virus antico
INFORMAZIONI
delle divisioni e dell’egoismo,
che è riuscita a superare con il Il Santo Padre ha ricevuto questa mattina
vaccino sempre efficace della in udienza gli Eminentissimi Cardinali:
solidarietà, accanto al quale Pa- — Marc Ouellet, Prefetto della Con-
pa Francesco ci invita oggi ad gregazione per i Vescovi;
usare quello della “fratellanza — Giovanni Battista Re, Decano del
umana”». Lo ha sottolineato il Collegio Cardinalizio;
cardinale Miguel Ángel Ayuso — Angelo Comastri, Vicario Generale
Guixot, intervenendo al semi- di Sua Santità per la Città del Vaticano.
nario online svoltosi giovedì 5
novembre per iniziativa del Il Santo Padre ha accettato la rinuncia
Consiglio delle Conferenze epi- di Sua Eccellenza Monsignor José Dolo-
scopali d’Europa (Ccee), sezio- res Grullón Estrella all’ufficio di Vescovo
ne per il dialogo. della Diocesi di San Juan de la Maguana
«Le religioni al servizio della (Repubblica Dominicana).
fraternità nel mondo», il tema
dell’incontro, nel corso del qua-
le il presidente del Pontificio Provvista di Chiesa
Consiglio per il dialogo interre-
ligioso ha offerto una rilettura
dell’enciclica di Papa Francesco
In Europa serve il dialogo Il Santo Padre ha nominato Vescovo
di San Juan de la Maguana (Repubblica

contro il virus delle divisioni


Fratelli tutti, in un contesto se- Dominicana) il Reverendo Tomás Alejo
gnato dal dibattito riacceso dai Concepción, del clero della Diocesi di La
recenti attacchi terroristici a Vega e finora Parroco della Parrocchia di
Nizza e a Vienna. «I leader del- Nuestra Señora de Fátima nella medesi-
le diverse tradizioni religiose e
le comunità che essi guidano,
Il cardinale Ayuso Guixot a un seminario online del Ccee ma Diocesi.

camminando insieme sulla stra-


da del dialogo, possono davve- sulle relazioni internazionali al- e della pace» e «attraverso la all’altro, senza rinunciare a se
ro offrire il proprio contributo l’interno di un mondo multipo- cultura del dialogo, la collabo- stessa».
alla fratellanza universale nelle
società in cui vivono», ha esor-
lare e multireligioso».
Successivamente il cardinale
razione comune e la conoscenza
reciproca» hanno condannato
Invece «la violenza non trova
base alcuna nelle convinzioni
Nomina episcopale
dito il porporato. Infatti, come
ribadisce il documento firmato
Ayuso Guixot ha approfondito
i nove punti del Documento sulla
«le piaghe del terrorismo e del-
la violenza, specialmente quella
religiose, bensì nelle loro defor-
mazioni. Atti “esecrabili” come
nella Repubblica Dominicana
dal Pontefice sulla tomba del Fratellanza Umana citati in Fratelli rivestita di motivazioni religio- quelli terroristici, sono dovuti a
Poverello ad Assisi, «non è ac- tutti. La cosiddetta dichiarazio- se», invocando il diritto alla li- interpretazioni errate dei testi Tomás Alejo Concepción
cettabile che nel dibattito pub- ne di Abu Dhabi, siglata il 4 bertà di religione, perché non si religiosi» o «a politiche di fa- vescovo di San Juan de la Maguana
blico abbiano voce soltanto i febbraio 2019 dal Pontefice e può costringere la gente ad ade- me, povertà, ingiustizia, op-
potenti e gli scienziati». Al con- dal Grande imam di Al-Azhar, rire a una certa fede o cultura, pressione», è stata la sua de- Nato il 15 giugno 1963 a Santa Ana, Villa Tapia,
trario, «dev’esserci uno spazio Ahmad Al-Tayyeb, rappresenta né tantomeno imporre stili di nuncia. diocesi di La Vega, ha studiato filosofia e teologia
per la riflessione che procede da un’occasione storica «per i cre- vita «che altri non accettano». In definitiva il presidente del presso il Seminario pontificio Santo Tomás de Aqui-
uno sfondo religioso che racco- denti delle varie religioni e per Mentre vanno «riconosciuti Pontificio consiglio ha rilancia- no. Ha ottenuto le licenze in filosofia e teologia
glie secoli di esperienza e di sa- tutte le persone di buona vo- eguali diritti di cittadinanza a to l’appello del vescovo di Ro- presso la Pontificia universidad Católica Madre y
pienza», visto che «il credente è lontà»; e pur essendo nata in musulmani e cristiani nei loro ma affinché «in nome della fra- Maestra a Santo Domingo e ha studiato missiologia
testimone e portatore di valori» ambito musulmano e cattolico, Paesi, rinunciando all’uso di- tellanza umana, si adottino il presso l’Universidad intercontinental a Città del
quali «la rettitudine, la fedeltà, «non ha nulla che non possa es- scriminatorio del termine mino- dialogo come via, la collabora- Messico. Ordinato sacerdote il 7 agosto 1993 per la
l’amore per il bene comune, sere condiviso con altri», essen- ranze, che porta con sé i semi» zione comune come condotta e diocesi di La Vega, è stato direttore delle Pontificie
l’attenzione per gli altri, soprat- do l’intera «famiglia umana in- dell’isolamento «e dell’inferiori- la conoscenza reciproca come opere missionarie, vicario parrocchiale, fondatore e
tutto per quanti si trovano nel terpellata e coinvolta». In so- tà e prepara il terreno alle osti- metodo e criterio», mettendo direttore del Politécnico arzobispo Juan Antonio
bisogno, la benevolenza e la stanza, si tratta di passare dalla lità e alla discordia» sottraendo «da parte pregiudizi, indugi e Flores Santana, direttore dell’ufficio diocesano di li-
misericordia»: tutti «elementi “globalizzazione dell’indiffe- «le conquiste e i diritti religiosi difficoltà. Pur non rinunciando turgia, vicario per l’amministrazione della diocesi.
che possiamo condividere con renza” alla “globalizzazione e civili». in nulla alla nostra identità — Finora è stato parroco di Nuestra Señora de Fati-
le varie religioni», ha osservato della fraternità”, come auspica- Ecco allora da parte del car- ha concluso — con forza e con ma.
il relatore. Perciò «nel mondo to da Francesco e dal leader dinale Ayuso Guixot l’esorta- coraggio si deve affermare la
di oggi, segnato tragicamente della principale istituzione ac- zione a un «superamento di na- necessità della fraternità umana
dalla dimenticanza di Dio o cademica dell’islam sunnita. I zionalismi e populismi», per- e dell’amicizia sociale» come
dall’abuso che si fa del Suo no- quali «si sono scoperti fratelli ché, ha rimarcato, «una cultura condizioni imprescindibili per
me, le persone appartenenti alle
diverse religioni sono chiamate,
nella promozione della giustizia sana è accogliente e sa aprirsi la pace. Il 10 novembre il Rapporto
con un impegno solidale, a di-
fendere e promuovere la pace e
sull’ex cardinale McCarrick
la giustizia, la dignità umana e
la protezione dell’ambiente». Nella Sagrada Familia a Barcellona beatificato il giovane Joan Roig i Diggle Il Rapporto sulla conoscenza istituzionale e il processo decisionale
In pratica, ha spiegato il pre- della Santa Sede riguardante l’ex cardinale Theodore Edgar Mc-
sidente del dicastero vaticano, i
credenti devono «offrire colla-
borazione alle società» di cui
Martire per l’Eucaristia Carrick (dal 1930 al 2017), che la Segreteria di Stato ha
elaborato su mandato del Papa, sarà pubblicato dalla
Santa Sede martedì 10 novembre, alle 14. Ne ha dato
sono cittadini, mettendo a di- notizia ieri, venerdì 6, il direttore della Sala stampa
sposizione «le convinzioni più L’Eucaristia è stata il cibo che vescovo ha fatto notare che, della Santa Sede Matteo Bruni.
profonde che riguardano il ca- ha rafforzato la fede e la spe- quando il giovane viaggiava in
rattere sacro e inviolabile della ranza di Joan Roig i Diggle. Lo treno, rimaneva scosso nel ve-
vita e della persona umana»; e ha ricordato il cardinale Juan dere le condizioni dei fuochisti
di conseguenza «il dialogo in- José Omella Omella, arcive- che «lavoravano duramente
terreligioso ha una funzione es-
senziale per costruire una con-
scovo di Barcellona, durante la
messa per la beatificazione del
per guadagnare uno stipendio
irrisorio, mentre i ricchi festeg-
Sanzioni disciplinari
vivenza civile, una società che
includa e che non sia edificata
giovane martire ucciso nel 1936
durante la guerra civile spagno-
giavano sulla spiaggia indipen-
dentemente dalla sofferenza
per il cardinale Gulbinowicz
sulla cultura dello scarto ed è la. Il rito è stato presieduto dal degli altri».
una condizione necessaria per porporato, in rappresentanza La Federazione di giovani Con un comunicato diffuso alle 12 di venerdì 6 no-
la pace» in questo «mondo di- di Papa Francesco, sabato mat- cristiani di Catalogna, che Joan vembre, la Nunziatura apostolica in Polonia ha in-
sumanizzato», segnato da indif- tina, 7 novembre, nella basilica frequentava, «ha aiutato il no- formato che il cardinale Henryk Roman Gulbino-
ferenza e avidità. Dunque, della Sagrada Familia della cit- stro martire a conoscere meglio wicz, 97 anni, arcivescovo emerito di Wrocław, è
«una società fraterna sarà quel- tà catalana. Gesù e a diventare un ardente stato raggiunto da sanzioni disciplinari per mole-
la che promuove l’educazione Come i primi cristiani, ha difensore della dottrina sociale stie, atti omosessuali e collaborazione con l’allora
al dialogo per sconfiggere il vi- detto il porporato all’omelia, della Chiesa», ha proseguito Servizio di sicurezza.
rus dell’individualismo radica- Joan non «poteva vivere senza l’arcivescovo di Barcellona, sot- Nel comunicato si legge che, «a seguito dell’in-
le». partecipare all’Eucaristia o sen- tolineando che il nuovo beato dagine sulle accuse mosse al cardinale Henryk
Il porporato ha poi analizza- za la santa Comunione». Per Un’immagine della beatificazione si è impegnato «nella costru- Gulbinowicz» e «dopo aver analizzato altre accuse
to le richieste concrete contenu- questo, prima di essere arresta- (foto di Guillermo Simon Castellví) zione della civiltà dell’amore e riguardanti il passato del porporato, la Santa Sede
te nell’enciclica di Papa Bergo- to, ha voluto ricevere l’ostia nella lotta per la giustizia, per ha preso le seguenti decisioni disciplinari nei suoi
glio: come quella di una rifor- consacrata e ha potuto rassicu- gli uomini e le donne del suo la pace e per la solidarietà». confronti: divieto di partecipare a qualsiasi celebra-
ma dell’Onu, in cui anche le rare la mamma con queste pa- tempo». Da qui l’auspicio che Joan ha saputo riconoscere zione o riunione pubblica, divieto di usare le inse-
nazioni più povere contino alla role: “Dio è con me”. «E sua tutti i credenti possano vivere le «l’esistenza di un desiderio di gne vescovili, interdizione dal servizio funebre e
pari con le altre; un condono madre, come tutte le madri — celebrazioni eucaristiche «con giustizia sociale» e, consapevo- della sepoltura in cattedrale».
del debito estero dei Paesi più ha aggiunto il celebrante — ha la stessa passione e gioia con le della situazione del suo tem- Inoltre il cardinale sarà tenuto al «pagamento di
poveri; un potenziamento della potuto sopportare quel terribi- cui ha vissuto il beato». po — così simile a quella che sta un’adeguata somma di denaro sotto forma di do-
destinazione universale della le momento perché aveva la sua Nei ricordi di sua sorella vivendo oggi l’umanità — «ha nazione per le attività della fondazione San Giu-
proprietà privata; la fine del speranza nel Signore». Lourdes, Joan appare come voluto trasformare la società» seppe, istituita dalla Conferenza episcopale polacca
commercio delle armi, soprat- La vita eucaristica, ha sotto- «un ragazzo sensibile alle in- non con mezzi violenti, ma con per sostenere le attività della Chiesa a favore delle
tutto nucleari. E in tal senso, ha lineato il porporato, ha portato giustizie e che amava soprattut- il Vangelo «che viene tradotto vittime di abusi sessuali, la loro assistenza psicolo-
aggiunto, «la fraternità può il giovane Joan «a voler essere to le persone più vulnerabili». in opere nella dottrina sociale gica, la prevenzione e l’educazione delle persone
esercitare un ruolo dirompente pane spezzato e condiviso con E in proposito il cardinale arci- della Chiesa». responsabili della protezione dei minori».
pagina 12 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 7 novembre 2020

LA SCUOLA DI ENI PER L’IMPRESA

Potrebbero piacerti anche