Sei sulla pagina 1di 2

 Art.

35”la repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni”


 Art. 36”il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla qualità e alla quantità
del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un’esistenza
libera e dignitosa”
 Art. 39”l’organizzazione sindacale è libera. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo
se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali. È condizione per la registrazione che gli
statuti dei sindacati sanciscono un ordinamento interno a base democratica. I sindacati registrati
hanno personalità giuridica. Possono essere rappresentati unitariamente in proporzione ai loro
iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti
alle categorie alle quali il contratto si riferisce”
 Art. 40”il dirritto allo sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano”
 Art. 41”l’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla
libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e
privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”
 Art. 42”la proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo stato, ad enti o a
privati. La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di
acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla
accessibile a tutti. La proprietà privata può essere nei casi preveduti dalla legge e salvo
indennizzo, espropriata per vari motivi di interesse generale.
La legge stabilisce le norme e i limiti della successione legittima e testamentaria e diritto dello
stato sull’eredità”
 Art. 43”a fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire mediante
espropriazione e salvo indennizzo, allo stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di
utenti determinate imprese o categorie di imprese che si riferiscano a servizi pubblici essenziali
o a forniti di energia o a situazioni di monopolio e abbiano carattere di interesse generale”
 Art. 44”al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti
sociali, la legge già impone obblighi e vincoli alla prorpietà terriera privata, fissa limiti alla sua
estensione (…), promuove la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo (…), aiuta la
piccola e media proprietà”
 Art. 45”la repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità
e senza fini di speculazione privata. (…) la legge provvede alla tutela dell’artigianato ”
 Art. 46”ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro e in armonia con le esigenze di
produzione, la repubblica riconosce il diritto dei lavori a collaborare nei modi e nei limiti stabiliti
dalla legge, alla gestione delle azienda”
 Art. 47”la repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme, disciplina, coordina
e controlla l’esercizio del credito. Favorisce l’eccesso del risparmio popolare alla proprietà
dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario
nei grandi complessi produttivi del paese”
 Art. 53”tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità
contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”
 Art. 81 “1- lo stato assicura l’equilibrio tra le entrate e le spese del principio di bilancio(…) .
2-il ricorso all’indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo
economico e previa autorizzazione delle camere adottata a maggioranza assoluta al verificarsi di
eventi eccezionali.
3-ogni legge che importi nuovi o meggiori oneri provvede ai mezzi per farvi fronte.
4-le camere ogni anno approvano con legge il bilancio e il rendiconto consuntivo presentati dal
governo.
5-l’esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non
superiori complessivamente a quattro mesi.
6-il contenuto della legge di bilancio, le norme fondamentali e i criteri volti ad assicurare
l’equilibrio tra le entrate e le spese dei bilanci (…) sono stabiliti con legge approvata a
maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna camera”

FALLETTA

 Art. 114”la repubblica e costituita dai comuni, dalle province, dalle città metropolitane, dalle
regioni e dallo stato. I comuni, le province, le città metropolitane e le regioni sono enti autonomi
con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi della costituzione.”
 Art. 117”1-la potestà legislativa è esercitata dallo stato e dalle regioni nel rispetto della
costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi
internazionali.
2-lo stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie
3-
4-spetta alle regioni la potestà legislativa in riferimento ad ogni materia non espressamente
riservata alla legislazione dello stato”
 Art. 118”le funzioni amministrative sono attribuite ai comuni salvo che, per assicurarne
l’esercizio unitario, siano conferite a province, città metropolitane, regioni e stato, sulla base di
principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza. I comuni, le province e le città
metropolitane sono titolari di funzioni amministrative proprie e di quelle conferite con legge
statale o regionale.”