Sei sulla pagina 1di 24

Comunicazione Operativa 273/2010

Procedura Operativa Direzionale «Compiti e


responsabilità all’interno di RFI per la sicurezza
delle gallerie ferroviarie» RFI DTC PD IFS 001 B

10 novembre 2020
Procedura Operativa Direzionale RFI DTC PD IFS 001 B
Scopo e campo di applicazione
Finalità
definire puntualmente, in ottemperanza a quanto previsto dal Decreto
Interministeriale del 28/10/2005, compiti, responsabilità e modalità
operative delle Strutture Organizzative del Gestore dell’Infrastruttura, dei
Responsabili di Galleria e dei Responsabili della Sicurezza delle gallerie
ferroviarie.

Applicazione
gallerie ferroviarie di lunghezza > 1000 m e gallerie da 500 m a 1000 m,
limitatamente alla realizzazione di alcuni requisiti di sicurezza.

2
Procedura Operativa Direzionale RFI DTC PD IFS 001 B
Campo di applicazione: precisazioni
➢ «Gallerie consecutive»/ «sequenze» secondo LG1≥1000 m LG2≥1000 m

Cop 273 *: un tratto all’aperto di lunghezza


inferiore a 500 metri, compreso tra due gallerie,
NON rappresenta un intervallo ai fini della
determinazione della lunghezza delle gallerie se
non esiste nello stesso tratto all’aperto una
possibilità di accesso/uscita verso un’area di Lunghezza totale da considerare ai fini della sicurezza in galleria

sicurezza.
4.2.1.7 Punti di evacuazione e soccorso
La presente specifica si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 1 km
* Definizione variata da STI/SRT 2019 e a) Ai fini del presente punto, due o più gallerie consecutive sono considerate come una galleria unica a
gallerie consecutive valutate solo ai fini meno che siano soddisfatte entrambe le condizioni indicate di seguito:
(1) la separazione tra le gallerie nel tratto all'aperto è superiore alla lunghezza massima del treno
dei punti di evacuazione e soccorso: passeggeri destinato a circolare sulla linea + 100 metri e
(2) lo spazio all'aperto e la situazione dei binari in prossimità della separazione tra le gallerie permettono ai
passeggeri di allontanarsi dal treno. Lo spazio all’aperto deve contenere tutti i passeggeri della capacità
massima del treno destinato a circolare sulla linea

➢ Le stazioni e le fermate sotterranee NON rappresentano un intervallo ai fini della determinazione della
lunghezza delle gallerie
3
Compiti e Responsabilità
Nomina del Responsabile di Galleria (RdG) e del Responsabile della
Sicurezza (RdS)
le funzioni del RdG e del RdS sono attribuite al Responsabile dell’Unità
Territoriale nella cui giurisdizione territoriale è compresa la singola galleria,
anche se non ancora in esercizio
➢ la DTP nomina i sostituti dei RdG/RdS comunicandoli alla DPR
➢ il Sostituto è il soggetto che può essere delegato* a svolgere le funzioni
del Responsabile e svolge la propria funzione in relazione alle istruzioni
ricevute dallo stesso
➢ DPR comunica i nominativi dei RdG/RdS , e gli eventuali aggiornamenti, a
DTC, DIN e Dir. Circolazione
* La delega non modifica le responsabilità del RdG e del RdS, inserite
nelle missioni dell’Unità Territoriale
4
Compiti e Responsabilità
Responsabile di galleria (articolo 6 del DM 28.10.2005)
➢ attua le procedure per la messa in servizio della galleria
➢ dispone la messa fuori servizio della galleria in caso di emergenza
➢ garantisce il mantenimento in efficienza dell'infrastruttura e dei dispositivi di sicurezza
➢ organizza e garantisce che vengano effettuate le esercitazioni
➢ redige annualmente un rapporto di sintesi sulla sicurezza della galleria
➢ mantiene aggiornato il registro delle esercitazioni di sicurezza
➢ garantisce, durante lo svolgimento di lavori in presenza di esercizio, il
mantenimento di condizioni di sicurezza adeguate nelle gallerie
➢ per tutti gli incidenti o eventi di rilievo redige e trasmette al Gestore (RDTP o Dirigente
reperibile della DTP) un rapporto informativo sugli inconvenienti secondo le procedure
vigenti
5
Compiti e Responsabilità
Responsabile della Sicurezza (articolo 7 del DM 28.10.2005)
➢ coordina tutte le misure di prevenzione e di salvaguardia dirette a garantire la sicurezza
degli utenti e del personale di esercizio;
➢ partecipa alla pianificazione, all'attuazione e alla valutazione degli interventi di
emergenza, inclusi i piani di emergenza ed i programmi di formazione del personale
interno per l'emergenza esterna ed il soccorso;
➢ verifica che il personale di esercizio, i servizi di pronto intervento interni del GI e delle IF
vengano formati e partecipa all'organizzazione di esercitazioni svolte a intervalli regolari;
➢ prima della messa in esercizio della galleria, esprime un parere;
➢ verifica che siano effettuate la manutenzione, le prove funzionali e le riparazioni
dell’infrastruttura e degli impianti delle gallerie per gli aspetti inerenti la sicurezza e
mantiene aggiornato il fascicolo di sicurezza;

Può esercitare le proprie funzioni per più gallerie o più tratte


ferroviarie 6
Compiti e Responsabilità
Requisiti di Sicurezza

Il RdG/RdS mantiene aggiornata la


rispondenza ai requisiti di sicurezza
per quanto riguarda l’infrastruttura e
le procedure operative, mediante la
valorizzazione delle rispettive
caratteristiche sul SIM.

7
Compiti e Responsabilità
Approvazione progetti e messa in servizio di nuove gallerie

➢ il Referente del progetto approva i progetti compresa la documentazione


di Sicurezza inviandola a DTC e al RdG/RdS il quale esprime il proprio parere

➢ la DTC verifica la documentazione di sicurezza e la invia, unitamente al


parere del RdG/RdS e agli elaborati progettuali, al Ministero delle
Infrastrutture e dei Trasporti e nei casi previsti alla Commissione Sicurezza

➢ la DTP attiva le necessarie commissioni di verifica tecnica (CVT) sulle


misure di sicurezza

8
Compiti e Responsabilità
Approvazione progetti e messa in servizio di nuove gallerie

Approva progetto
Referente di Documentazione
Progetto di Sicurezza

Verifica la Documentazione
RdG / RdS Direzione Tecnica di Sicurezza e invio assieme
al parere del RdS

Esprime il proprio
parere
Ministero delle
Commissione di
sicurezza Infrastrutture e
Trasporti

9
Compiti e Responsabilità
Ispezioni Periodiche

Vengono effettuate secondo le procedure vigenti (come riportate nel


fascicolo di sicurezza nella sezione “visite ispettive”) le quali stabiliscono
responsabilità, modalità e tempistiche.
RdG/RdS:
• inserisce gli esiti delle ispezioni effettuate nel fascicolo di sicurezza e nel
rapporto annuale di sintesi;
• nel caso di inefficienza di una o più predisposizioni di sicurezza, valuta gli
eventuali provvedimenti da attuare e li propone al Responsabile della
DTP di competenza che assume le opportune decisioni.

10
Compiti e Responsabilità
Piani di Emergenza Interni (PEI) e Piani di Emergenza e Soccorso (PES)
➢ il RdG/RdS redige e aggiorna il PEI sulla base delle linee guida vigenti e
delle altre procedure relative alla gestione delle anormalità rilevanti o
incidenti di esercizio
➢ la DTP emette il PEI e lo trasmette alle competenti Prefetture; nel caso di
nuove gallerie, la trasmissione deve avvenire almeno 90 giorni prima della
relativa attivazione
➢ il PEI viene inviato anche alle IF interessate, alla Direzione Circolazione,
agli enti da coinvolgere nelle operazioni di soccorso.
➢ la DTP, tramite il RdG/RdS, partecipa alla stesura del PES assicurando, se
richiesto, l’effettuazione di sopralluoghi in galleria.

11
Compiti e Responsabilità
Formazione
le DTP assicurano la formazione e il mantenimento delle competenze del
proprio personale, sui PES e sulle altre procedure vigenti relative alla gestione
delle anormalità rilevati o incidenti di servizio:
➢ previsto un modulo formativo di carattere generale ai “primi formatori”
indicati dalle DTP e dalla Direzione Circolazione, con periodicità
quinquennale esteso anche ai RdG/RdS e loro sostituti
➢ i «primi formatori» erogano modulo formativo al personale interessato
con periodicità annuale
➢ i programmi Formativi sono riportati negli allegati alla procedura
➢ il RdG/RdS partecipa alla pianificazione e all’attuazione dei programmi di
formazione e allega gli esiti della formazione erogata nel fascicolo di
sicurezza e nel rapporto annuale di sintesi
12
Compiti e Responsabilità
Esercitazioni
è compito della DTP, tramite il RdG/RdS, organizzare e garantire, per le gallerie di lunghezza
> 1000 m, l’effettuazione di esercitazioni periodiche, da effettuare secondo i criteri indicati
nel PEI, coinvolgendo i referenti servizi di pronto soccorso e pronto intervento, della
Direzione Circolazione e delle IF:
➢ per gallerie L > 5000 m, esercitazione completa ogni 4 anni e parziali in bienni intermedi;
➢ per le nuove gallerie, le esercitazioni dovranno essere effettuate preferibilmente prima dell’apertura e
comunque non oltre 120 giorni da tale data.
➢ per gallerie L > 1000 m e <5000m, con frequenza inferiore a 2 anni e possono essere costituite di volta in
volta da sopralluoghi in galleria/linea, simulazioni di accesso alla galleria, prove pratiche di funzionamento
degli impianti di emergenza. Previsto coinvolgimento, anche non contemporaneo, di tutte le categorie di
personale potenzialmente coinvolto nelle operazioni di soccorso, con particolare riferimento al personale
delle Squadre di Intervento di RFI e delle squadre di soccorso degli enti esterni (rif. Linee guida per la
redazione del PEI delle gallerie)
RdG/RdS ha il compito di predisporre e mantenere aggiornato un registro delle esercitazioni, da allegare al
fascicolo della galleria e inserito nel DMS.
13
Compiti e Responsabilità
Relazioni periodiche
Il RdG/RdS entro il mese di gennaio redige, firma ed invia a DPR tramite la
DTP, il rapporto annuale di sintesi che dovrà riportare:
➢valutazione sullo stato di conservazione dell’opera civile e degli impianti
presentiti in galleria,
➢gli eventi incidentali occorsi in galleria e sui conseguenti provvedimenti
adottati e/o da adottare.
➢avere allegate le schede evento galleria della BDP (in caso di eventi
incidentali);
➢avere allegati gli esiti della formazione erogata (n° uomini giorno);

14
Compiti e Responsabilità
Relazioni periodiche
DPR
Valuta i rapporti annuali di sintesi dei RdG/RdS, ricevuti dalle DTP, per
redigere una relazione annuale sullo stato della sicurezza del
sottosistema infrastruttura, la relazione sarà trasmessa alla DTC entro il
mese di marzo;
aggiorna il piano degli interventi correttivi per le gallerie della rete
convenzionale per le gallerie in esercizio (art.11) e lo invia alla DTC.

DTC
Redige la relazione generale annuale inviandola alla Commissione
Sicurezza e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti entro il mese
di maggio.
15
Compiti e Responsabilità
Relazioni periodiche DPR

Relazione annuale sullo


stato dell’infrastruttura

DPR Direzione Tecnica


Aggiornamento «piano
interventi correttivi»
gallerie art.11

Ministero dei Relazione generale


Trasporti annuale

16
Compiti e Responsabilità
Banca Dati Pericoli

La SO Sicurezza di
Rete gestisce la
Banca Dati Pericoli

Trasmissione
Direzione Investimenti annuale entro Direzione Tecnica
aprile

Ministero dei Relazione generale


Trasporti annuale

17
Compiti e Responsabilità
Archiviazione dei documenti

Sul Document Management System (DMS) dovranno essere archiviati, su


apposite cartelle associate ad ogni Sede Tecnica TR++++-SD-OA00-GL+
i seguenti documenti:
➢Piano di Emergenza Interno (PEI);
➢Piano di Emergenza e Soccorso (PES);
➢Analisi dei Rischi (AdR)
➢Registro delle Esercitazioni effettuate (RdE)

18
Interventi di miglioramento delle gallerie in art. 11: Referenza di Programma
Referenza di Programma “Interventi di adeguamento per la sicurezza nelle gallerie ferroviarie”

2011 Comunicazione Organizzativa n. 251/AD del 11/02/2011


Interventi di adeguamento per la sicurezza nelle gallerie ferroviarie
Nomina Referente di Programma per «l’attuazione degli interventi di adeguamento inerenti le
gallerie ricadenti nei casi di cui all’art. 11 del DM 28/10/2005, appartenenti all’intera rete
convenzionale»

Progetti DTP:
Nuova denominazione Titolo Progetto
Vecchia denominazione Titolo Progetto
(Comunicazione Organizzativa n. 509/AD
«Miglioramento della Sicurezza delle del 04 ott.2018)
lunghe gallerie» «DTP XX - Miglioramento sicurezza
in galleria»

19
Interventi di miglioramento delle gallerie in art. 11: Referenza di Programma
Interventi per il miglioramento della sicurezza: 1° fase (accessi)

DM 28/10/2005
VS STI SRT 2008
All.2: Requisiti minimi

Decreto Legge n.1/2012 → gli standard previsti dalla norma nazionale non Art. 53 comma 2:
Legge 27/2012 posso essere più stringente delle norme «Non possono essere applicati alla progettazione e
costruzione delle nuove infrastrutture ferroviarie nazionali
europee(STI) nonché agli adeguamenti di quelle esistenti, parametri e
standard tecnici e funzionali più stringenti rispetto a quelli
previsti dagli accordi e dalle norme dell’Unione Europea»

2012 Note del Direttore della Direzione Produzione (Piano di azione in attesa di armonizzazione quadro
normativo) e del Referente di Programma
→ indicazione di provvedere alla realizzazione delle sole opere esterne (strade di accesso e piazzale di
emergenza)
→ per le gallerie e le sequenze di gallerie (gruppi di gallerie consecutive con lunghezza complessiva
>1000m) per le quali gli esiti delle AdR abbiano evidenziato che i relativi grafici del rischio cumulato
ricadano nell’intorno del limite superiore di tollerabilità o nella zona di attenzione (ALARP)
compresa tra i limiti inferiore superiore di tollerabilità (GRUPPI 1 e 2)
20
Interventi di miglioramento delle gallerie in art. 11: Referenza di Programma
Interventi per il miglioramento della sicurezza: 1° fase (accessi)

→ Indicazioni specifiche su strade di accesso (req.1.4.4 D.M.) da realizzare per gallerie o sequenze
(strada categoria tipo F Locali del CdS)
→ Indicazioni specifiche su piazzale di emergenza (req.1.4.4 D.M.) da realizzare per gallerie o sequenze
(superiori a 5.000 metri): non
- NON più area di triage (req.1.4.2 D.M.)
- NON più piazzole per l’elisoccorso (req.1.4.3 D.M.)

1000 m < = Lunghezza gallerie < = 5000 m Lunghezza gallerie > 5000 m

1 strada di accesso ad uno dei due 1 strada di accesso + 1 piazzale di emergenza +


imbocchi + slargo di manovra di almeno piano a raso (strail)
200 mq (per consentire le operazioni di per ciascuno dei due imbocchi
manovra dei mezzi) (da DM 28/10/2005: Superficie piazzale di almeno 500 mq,
riducibile a 300 mq per le gallerie in esercizio)

21
Interventi di miglioramento delle gallerie in art. 11: Referenza di Programma
Interventi per il miglioramento della sicurezza: 2° fase (predisposizioni infrastrutturali e tecnologiche)

2017 Avvio II fase interventi gallerie a più elevato rischio :


➢ Predisposizioni infrastrutturali (nota Referente di Programma):
• Segnaletica di emergenza: cartelli indicatori della distanza dalle uscite di emergenza (ogni 50 m) + cartelli
indicatori presenza pulsante di emergenza di accensione dell’impianto di illuminazione di emergenza (ogni 250 m in
corrispondenza dei pulsanti)
• Corrimano
• Riserve idriche (una per ogni imbocco): serbatoio (interrato) da 100 mc + complesso idrante UNI 70 per uso
esterno (completo di manichetta, cassetta antincendio, lancia idrica e rubinetto idrante) + motopompa mobile +
gruppo attacco motopompa dei VVF con uno o due attacchi UNI 70 + scavo (stima 525 mc)
➢ Impianti Tecnologici (nota congiunta Referente di Programma + Resp. Standard Infrastruttura DTC):
• Impianti di illuminazione di emergenza
• Impianti di Messa a Terra di Sicurezza

22
Interventi di miglioramento delle gallerie in art. 11: Referenza di Programma
Interventi per il miglioramento della sicurezza: 2° fase (predisposizioni infrastrutturali e tecnologiche)

➢ Predisposizioni infrastrutturali → Accordi Quadro Gallerie Interventi da effettuare, ove possibile,


contestualmente agli interventi di
manutenzione straordinaria alle gallerie
già pianificati
➢ Impianti Tecnologici → Accordi Quadro TE/LFM (PE + realizzazione)
ed agli interventi di adeguamento a
→ con materiali forniti da magazzini centrali
sagoma previsti nel Piano Industriale
→ secondo specifiche tecniche di fornitura
2016-2026, ottimizzando le interruzioni
in vigore
dell’esercizio ferroviario

23
Grazie per l’attenzione!
Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.
Direzione Produzione
Direzione Ingegneria
SO Civile

pao.conti@rfi.it
s.cuzzola@rfi.it