Sei sulla pagina 1di 3

La giornata di una mamma moderna

La mamma moderna di solito (alzarsi) si alza alle 6. (Preparare) Prepara la colazione, il


pranzo e la cena. (Bere) Beve un caffè e non (avere) ha il tempo di mangiare qualcosa.
(Lavarsi) Si lava, (vestirsi) si veste e (svegliare) sveglia i bambini. (Portare) Porta a scuola i
bambini e (andare) va a lavorare. (Lavorare) Lavora dalle 9 alle 18, (fare) fa la spesa,
(tornare) torna a casa e (giocare) gioca con i bambini mentre (pulire) pulisce il bagno e la
cucina. La sera (cenare) cena, (guardare) guarda la televisione, (stare) sta al computer o
(telefonare) telefona a un’amica, (leggere) legge un po’ e, felice come una Pasqua, (andare)
va a dormire.

La giornata di una mamma “antica”

La mamma “antica” di solito (alzarsi) si alza alle 6. (Preparare) Prepara la colazione per la
famiglia, (lavarsi) si lava, (vestirsi) si veste e (svegliare) sveglie i bambini. (Portare) Porta a
scuola i bambini e (tornare) torna a casa. (Andare) Va a fare la spesa, (incontrare) incontra
le amiche in negozio, (prendere) prende un caffè con loro. (Preparare) Prepara il pranzo e
quando i bambini (tornare) torna a casa (mangiare) mangia con loro. Il pomeriggio i bambini
(giocare) giocano e lei (pulire) pulisce il bagno e la cucina, (lavare) lava i vestiti, (stirare)
stira e (andare) va a comprare ancora qualcosa per la cena. La sera (cenare) cena, (guardare)
guarda la televisione e, felice come una Pasqua, (andare) va a dormire.

Un italiano “vero” (essere) è molto superstizioso. A Capodanno per esempio tutti gli italiani
(mangiare) mangiano lenticchie per diventare ricchi. Se un italiano (vedere) vede un gatto
nero che (attraversare) attraversa la strada normalmente (cambiare) cambia direzione. Se è
superstizioso, uno non (passare) passa sotto una scala. Se uno specchio (rompersi) si rompe...
ahi ahi: Sette anni di sfortuna! Se il sale (cadere) cade a tavola, questo (portare) porta
sfortuna! E mai regalare un fazzoletto, una spilla o un coltello perché (portare) porta dolore.
La persona che (ricevere) riceve questo regalo (dovere) deve pagare simbolicamente una
monetina. Va bene anche un centesimo. Il numero sfortunato è il 17. E il giorno sfortunato è
venerdì 17! Ma a tavola mai 13 persone! Il quadrifoglio, il ferro di cavallo e il cornetto rosso
invece (portare) portano fortuna. Se (voi - vedere ) vedete una stella cadente (voi - avere)
avete la possibilità di esprimere un desiderio! Se un amico (fare) fa un esame o un colloquio
di lavoro mai dire “Auguri!”. (Voi - Dovere ) Dovete dire sempre e solo “In bocca al lupo!”.
E lui (dovere) dove rispondere “Crepi!”
1 Sta lontano dal vino? (Távol tartod magad a bortól?) A Bevo almeno due litri al giorno.
(Minimum 2 litert iszom egy nap)

2 Usa droghe? (Használsz drogokat?) B Tutti i giorni. (Minden nap)

3 Fuma? Quante sigarette? (Dohányzol? Kérsz egy szál cigarettát?) C Il più possibile.
(Amennyire csak tudok)

4 Fa sport? (Sportolsz) D Mai mai! (Soha, soha)

5 Beve abbastanza acqua? Quanti bicchieri? (Elég vizet iszol? Hány pohárral?) E Forse due o
tre. (Talán 2-3)

6 Ha una vita sessuale regolare? (Rendszeres szexuális életet élsz?) F Mah... Quello che offre
il mercato. (Hát…”amit a piac ad”)

7 Mangia in modo sano? (Egészségesen eszel?) G Si, due volte a settimana. (Igen, kétszer egy
héten)

8 Prende medicine? Usa molti farmaci? (Szedsz gyógyszert? Sok orvosságot használsz?) H
Moltissimi... Quando ho tempo naturalmente. (Nagyon sokat… Ha van időm, persze)

9 Ha hobby o passatempi? (Van hobbid?) I Neanche uno! (Semmiképpen)

1:C 2:F 3:E 4:I 5:A 6:G 7:D 8:B 9:H

ascoltare: credere:

ascolto ascoltiamo credo crediamo


ascolti ascoltate credi credete
ascolta ascoltano crede credono

dormire: capire:

dormo dormiamo capisco capiamo


dormi dormite capisci capite
dorme dormano capisce capiscono

capire – capisco volere – io voglio/noi vogliamo uscire – tu esci/voi uscite


dormire – dormo sapere – io so/noi sappiamo fare – tu fai/voi fate
partire – parto dare – io do/noi diamo dire – io dico/noi diciamo
spedire – spedo stare – lei sta/loro stanno leggere – io leggo/ noi leggiamo
unire – uno mancare – tu manca/voi mancate
offrire – offro potere – lei può/loro possono
preferire – preferisco andare – lui va/loro vanno
Loro vanno spesso al mare.
Mia moglie deve lavorare anche la domenica.
Noi usciamo quasi tutte le sere.
A Giovanni piace molto giocare a calcio.
Voi proponete spesso ai vostri amici di andare in discoteca?
Gli Italiani bevono molto vino.
Non posso mangiare molti dolci.

la finestra/le finestre il cane/ i cani


l’anno/gli anni la ragazza/le ragazze
lo psicologo/gli psicologi lo studente/gli studenti
l’uomo/gli uomini il professore/i professori
l’area/gli arei la donna/le donne
lo zio/gli zii il mare/i mari
l’indiano/gli indiani l’astronomo/gli astronomi
il libro/i libri