Sei sulla pagina 1di 13

SERIE GEOMETRICA

q ∈ R ∀ n ∈ N Qn =qn
+∞ +∞

∑ Q n=∑ q n
n=0 n=0
Sappiamo già che se ∀ n ≥1 Q n=0e
+∞

∑ qn è convergente se q=0
n=0
+∞ +∞
Se q=1 ∑ qn =∑ 1 ,è divergente
n =0 n=0
+∞ +∞
n
Se q=−1 ∑ qn =∑ (−1 ) , è irregolare
n=0 n=0

Sia q ≠ 0,1 , (−1 )


Calcoliamo la successione delle somme parziali
Sn +1=Q 0 +Q 1+ Q 2+ …+Q n +Qn+1 =q0 + q1 +q2 +…+ qn + qn+1 =( 1+q+ q2 +…+ qn ) +q n+1=Sn+q n+1
Inoltre Sn +1=1+q+ q2 +…+ qn +q n+1=1+q ( 1+ q+ …+ qn −1 +q n )=1+ q∗S n

Quindi:
n +1
Sn +1=S n +q n+1 ⟹ S + qn +1=1+q∗Sn ⟹ ( 1−q ) S =1−qn+ 1 ⟹ Sn= 1−q
{S n+1=1+ q∗Sn
n n
1−q

Devo studiare il limite:


1−q n+1 1 1 n+ 1
lim S n=lim = − lim q
n→∞ n → ∞ 1−q 1−q 1−q n→ ∞

+∞ se q>1

n→∞

Quindi
{
lim q = 1 se q=1
n

0 se−1<q <1
∄ se q ≤−1

+∞ se q ≥1
lim S n=
n→∞
1

1
1−q 1−q n →∞
n +1
lim q = 1
1−q {
se−1<q <1
∄q ≤−1
divergente se q ≥ 1
+∞

∑ qn è
n=0
{
convergente se−1 ≤ q ≤1 e la sua somma è
irregolare se q ≤−1
1
1−q
SERIE ARMONICA
+∞ +∞

∑ 1n so che ∫ 1x è divergente
n=0 1
+∞

∑ 1n è l' areadei pluri rettangoli che si trovano sotto il grafico


n=0

+∞
1
TEOREMA : ∑ è divergente
n=0 n
Dimostrazione: Fisso n≥ 2 e 1 ≤ k ≤ n−1
k+1 k +1 k+1
1 1 1 1 1
∫ 1 dx= 1k [ x ] k
k+1
∀ x ∈ [ k , k+ 1 ] , x ≥ k ⇒ ≤ ∀ x ∈ [ k , k +1 ] ⇒ ∫ dx ≤ ∫ dx= ⟹
x k k x k k k k
k+1
1
[ k + 1−k ]= 1 ⟹ ∀ 1 ≤ k ≤ n−1 ∫ 1 dx ≤ 1
k k k x k
n−1 k+1 n−1 n
1 1 1
⟹∑ ∫ dx ≤ ∑ ⟹∫ dx ≤ Sn−1 ≤ Sn
k=1 k x k=1 k 1 x
n
1 n
Quindi ∀ n ≥ 2∫ dx=[ lnx ] 1=ln ( n )
1 x
ln ( n ) ≤ S n
+∞
1
Per il teorema del confronto sui limiti, poiché ∃ lim ln ( n ) =+∞⟹ ∑ è divergente
n→+ ∞ n=1 n

SERIE TELESCOPICA
Sia { bn }n ∈ N successione di numeri reali e ∀ n ∈ N Q n=bn−( b n+1 )
+∞ +∞
Serie telescopicaè : ∑ Qn=∑ ( bn−( ))
n=0 n=0
+∞ +∞
Studiola convergenza di ∑ Qn=∑ ( bn−( bn+1 ) )
n =0 n=0
Calcolo la successione delle somme parziali.
S0=Q 0=b 0−b1
S1=Q 0 +Q 1 =( b0 −b1 ) + ( b 1−b2 ) =b0 −b2
S2=Q 0 +Q 1 +Q 2=( b0−b1 ) + ( b 1−b2 ) +(b2−b3 )=b0 −b3

Quindi Sn=b 0−b n+1 ⟹ lim


n
Sn=lim ( b0−b n+1 ) =b0−lim ( b n+1 )
n n
Ci sono 3 casi:
+∞
Se ∃lim ( bn +1) =b́ ∈ R allora ∑ Qn è convergente e la sua somma è b0− b́
n n =0
+∞
Se ∃lim ( bn +1) =± ∞ allora ∑ Qn è divergente
n n=0
+∞
Se ∄lim ( bn +1) allora ∑ Qn è irregolare
n n =0

SERIE ARMONICA GENERALIZZATA


+∞

∑ n1α
n =1
Con α >0 , α ≠ 1.
+∞
1
Caso 0<α <1 so che ∫ dx è divergente
1 xα
+∞
1
TEOREMA : ∑ α
è divergente se 0<α <1
n=1 n
Dimostrazione: Fisso n ≥ 21 ≤ k ≤n−1
k +1 k +1 k +1
1 1 1 1 1 1 k +1 1 1
∀ x ∈ [ k , k+ 1 ] : x ≥ k ⟹ α ≤ α ∀ x ∈ [ k , k +1 ] ⇒ ∫ α dx ≤ ∫ α dx= α ∫ 1 dx= α [ x ]k = α [ k +1−k ] = α
x k k x k k k k k k k
k+1 n−1 k +1 n−1
1 1 1 1
∀ 1≤ k ≤ n−1 ∫ α
dx ≤ α ⟹ ∑ ∫ α dx ≤ ∑ α ⟹ Sn−1 ≤ Sn
k x k k=1 k x k=1 k
n 1−α n
1 x n1−α 1
1 1
[ ]
∫ x dx= 1−α = 1−α − 1−α

Quindi ∀ n ≥2
n1−α 1
− ≤S
1−α 1−α n
Per il teorema del confronto tra limiti poiché 0< α <1 ∃ nlim
→+∞
S n=+∞
+∞

∑ n1α è divergente
n =1

+∞
1
Caso α >1 so che ∫ α
dx è convergente
1 x
+∞
1
TEOREMA : ∑ α
è convergente se α >1
n=1 n
Dimostrazione: Fisso 2 ≤ k ≤ n
k k
1 1 1 1 1
∀ x ∈ [ k−1 , k ] si ha α ≥ α ⟹ ∫ α dx ≥ ∫ α dx = α
x k k −1 x k−1 k k
k n n k n +∞
1 1 1 1 1 1
∀ 2≤ k ≤ n α
≤ ∫ α dx ⟹ ∑ α ≤ ∑ ∫ α dx=∫ α dx < ∫ α dx ∈ R
k k−1 x k=2 k k=2 k−1 x 1 x 1 x
n +∞
1 1
1+ ∑ α ≤ 1+ ∫ α dx
k=2 k 1 x
+∞
1
∀ n ≥2 0 ≤ Sn ≤ 1+ ∫ α
dx ∈ R ⟹ La successione { Sn }n ∈N è limitata⟹¿ n Sn ∈ R
1 x
1
Osserviamo che ∀ n≥ 1 Sn+1=Sn+Qn +1=Sn+ > Sn ⟹
( n+1 )α
{ Sn }n ∈N è una successione strettamente crescente per il teorema del limite delle successioni monotone
+∞ +∞
1 1
è convergente con α >1Quindi ∑ α è convergente se α >1
∃ lim Sn ¿ n Sn ∈ R ⟹ ∑
n n=1 n α
n=1 n
{
divergente se 0<α ≤ 1

CONDIZIONE NECESSARIA PER LA CONVERGENZA


+∞
Affinché la serie ∑ Qn convergail lim Qn=0
n=0 n

Dimostrazione
+∞
Poiche ∑ Q n converge detta { Sn }n ∈N la successione delle somme parziali∃ lim Sn=S ∈ R
n=0 n

quindi ∃ lim S n−1=s


n
⟹ 0=s−s=lim Sn−lim S n−1=lim ( Sn ¿−Sn −1 )=lim Q n ¿
n n n n
+∞
Osservazione : Se ∄lim Q n o ∃ lim Qn ≠ 0 allora ∑ Qn non converge , può essere divergente o irregolare
n n n=0
DEFINIZIONE DI SERIE:
 Convergente: Se ∃lim S n=s ∈ R s=somma delle serie
n

 Divergente: Se ∃lim
n
S n=± ∞

 Irregolare: Se ∄lim S n n

CRITERIO DEL CONFRONTO


Siano { a n }n ∈N e { bn }n∈ N due successioni tale che ∀ n ∈ N 0 ≤ an ≤b n
Allora.
+∞ +∞

∑ an diverge allora ∑ bn diverge


n=0 n=0

+∞ +∞

∑ bn converge allora ∑ a n converge


n=0 n=0

Dimostrazione:
+∞ +∞
Sia S n=∑ ak e T n=∑ b k
n =0 n=0
Per il teorema del confronto tra i limiti
+∞ +∞
Se ∑ a n diverge ∃lim S n=+∞ ⟹∃ lim T n=+∞ ⟹ ∑ bn diverge
n=0 n n n=0

+∞ +∞
Se ∑ b n converge ∃ lim T n ∈ R ⟹ { Sn } n∈ N è limite superiore ∃ lim S n=¿ n ∈ N S n ∈ R ⟹ ∑ a n è convergente per il teorem
n=0 n n n=0

CRITERIO DELLA RADICE


n
Sia { Q n } n∈ N tale che ∀ n ∈ N Q n ≥ 0 e supponiamo che ∃ lim √ Q n=l∈ R(l ≥0)
n
Allora:
+∞
Se 0 ≤l<1 ⟹ ∑ Qn la serie converge
n=0
+∞
Se l> 1⟹ ∑ Qn la serie diverge
n=0
Se l=1 ⟹ caso dubbio
n
Dimostrazione 1 Poiché ∃ lim √ Q n=l<1 fisso ε > 0 tale che l+ε < 1, ∃n 0 ∈ N tale che ∀ n ≥n 0 :
n

l−ε < √n Q n< l+ ε

∀ n ≥ n0 √n Q n <l+ε < 1⟹ ∀ n>n0 Q n < ( l+ε )n <1n <1


+∞ +∞
n
Poiché 0< l+ ε <1 , ∑ ( l+ ε ) è convergente per il crit . del confronto , ∑ Q n converge
n=0 n =0

n
Dimostrazione 2 Poiché l>1 ∃ε > 0tale che l−ε >1. Poiché ∃ lim √ Q n=l in corrispondenza di ε > 0
n
n n
∃n 0 ∈ N tale che ∀ n ≥n 0 l−ε < √ Qn <l+ε ∈ particolare ∀ n ≥n 0 √ Qn >l−ε >1⟹
∀ n ≥ n0 √n Qn >l−ε >1 ⟹ ∀ n ≥ n0 Q n> ( l−ε )n >1n =1⟹ lim Q n ≠ 0
n

+∞
Per il corollario della condizione necessaria ∑ Qn non converge ed essendo a termini negativi diverge
n=1
Dimostrazione 3
+∞ 1 1
1 1n
+∞
1 1 1 ln
Sappiamo che ∑ diverge e ∑ 2 converge mentre lim n =lim
n=1 n n=1 n n n n n √
=lim e n n =1
n
()
1
Analogamente lim
n √
n

n2
=1

CRITERIO DEL CONFRONTO ASINTOTICO


Siano { a n }n ∈ N e { bn }n∈ N due successioni tale che ∀ n ∈ N an >0 b n >0 e tale che an bn per n→ ∞
an
(cioé ∃ lim =1 . Allora :
n bn )
+∞ +∞

∑ an diverge ⟺ ∑ b n diverge
n=0 n=0
+∞ +∞

∑ an converge ⟺ ∑ bn converge
n=0 n=0

Dimostrazione 1

1 a 1 1 a 1 3
Preso ε= , poiche lim n =1∃ n0 ∈ N ∀ n≥ n 0 =1− < n <1+ =
2 n bn 2 2 bn 2 2
1 3
⟹ ∀ n≥ n0 0< b n <an < b n e quindi latesi .
2 2

CRITERIO DEL RAPPORTO


Sia { Q n }n ∈ N tale che ∀ n ∈ N Q n >0
Q n +1
Supponiamo che ∃ lim =l(≥ 0)
n Qn
Allora
+∞
Se 0<l<1 ⟹ ∑ Q n la serie converge
n=0
+∞
Se l> 1⟹ ∑ Qn la serie diverge
n=0
Se l=1 ⟹ caso dubbio
Dimostrazione 1. Poiche l<1 ⟹∃ ε >0 tale che l+ ε <1
Q +1 Q +1
Poiché ∃ lim n =l∈corrispondenza diε ∃ n0 ∈ N tale che ∀ n>n0 l−ε < n <l+ε
n Qn Qn
Q +1
¿ particolare ∀ n>n0 n <l+ε ⟹ ∀ n>n0 Qn+1 < ( l+ ε ) Qn
Qn

Se n=n0 ( Qn +1 ) < ( l+ ε ) Q n (1)


0 0

Se n=n0 +1 ( Qn +2 ) < ( l+ ε ) Qn +1
0 0

Da ( 1 ) moltiplicando per ( l+ε ) siha (l+ ε ) ( Q n +1 ) < ( l+ε )2 Q n


0 0

Quindi ( Q n +2 ) < ( l+ε )2 Qn (2)


0 0

Se n=n0 +2 ( Qn +3 ) < (l+ ε ) Q n +2


0 0

Da ( 2 ) moltiplicando per ( l+ε ) siha (l+ ε )( Q n +2 ) < ( l+ ε )3 Q n


0 0

3
Quindi ( Q n +3 ) < ( l + ε ) Q n
0 0

k
Si prova che ∀ k ≥1 ( Q n +k ) < ( l+ε ) Q n
0 0

+∞ +∞
n
Poiche 0< l+ ε <1 la serie ∑ ( l+ ε ) converge e per il crit . del confronto ∑ Qn converge
n=0 n=0

Dimostrazione 2
Poiche l>1 ⟹∃ ε >0 tale che l−ε > 1
Q Q
Poiché ∃ lim n+1 =l∈corrispondenza di ε >0 ∃n 0 ∈ N l−ε < n+1 <l+ ε ∈particolare
n Qn Qn
Q
∀ n>n 0 l−ε < n+1 ⟹ ( Qn+1 ) > (l + ε ) Q n
Qn
k
Ragionando come prima si ha che ∀ k ≥1 ( Q n +k ) > ( l−ε ) Q n > qn > 0 la successione non tende a 0 per n→+ ∞per
0 0 0

il corollario della condizione necessaria la serie non converge ed essendo a termini non negativi, diverge.
Dimostrazione 3
1 1
+∞ +∞
( n+1 )2
∑ 1n diverge e ∑ 1n converge e lim
n
n+ 1
1
=lim
n
n n+ 1
=1 e lim
n 1
=1 ⁡
n =1 n=1
2
n n

CRITERIO DEGLI INFINITESIMI


Sia { Qn }n ∈ N tale che ∀ n ∈ N Qn ≥0
p
Supponiamo che ∃ p ∈ R , ∃l ∈ Ŕ tale che ∃ lim
n
n Q n=l. Allora:
+∞
Se l≠+ ∞e p>1 ⟹ ∑ Qn converge
n=0
+∞
Se l≠ 0 e p ≤ 1⟹ ∑ Qn diverge
n=0
Dimostrazione 1
n p Qn
=1 ∃ lim
n l
p l
Suppongo che l≠ 0 e l ≠+∞ . Poiché ∃lim n Q n=l⟹ Qn ⟹ Qn p per n →+ ∞
n n
l
∃ lim p =1
n n
Per il criterio del confrontoasintotico ∑ Qn converge per p> 1e diverge per p ≤ 1

DISUGUAGLIANZA DI CAUCHY-SCHWARZ
|u ∙ v|≤|u|∙|v|
Dimostrazione
Se v =0 è ovvio . Sia v ≠ 0
2
∀ t ∈ R 0 ≤|u−t v| =( u−t v ) ( u−t v )=u ∙ u−u (t v )−u ( t v ) + ( t v )( t v )
2 2
¿|u| −2 (u ∙ v ) t+|v| t 2
2 2
∀ t ∈ R|v| t 2−2 ( u ∙ v ) t+|u| ≥ 0
∆ 2 2 2 2 2 2
⟺ ≤ 0 ⟺ ( u ∙ v )2−|u| |v| ≤ 0 ⟺ ( u ∙ v )2 ≤|u| |v| ⟹ √ ( u ∙ v )2 ≤ √|u| |v| ⟺|u ∙ v|≤|u|∙|v|
4

LEGAME TRA IL GRADIENTE E LE DERIVATE DIREZIONALI

Sia A ⊂R n aperto e x 0 ∈ A f : A → R differenziabile ∈ x 0 .


∂f
Allora ∀ v ∈ R n versore f è derivabile∈ x 0 lungo il versore v e ( x )=∇ f ( x 0 ) ⋅ v
∂v 0

f ( x0 + h v i )−f ( x 0 ) a ⋅ ( h vi ) + R (|h v i|) h ⋅ a ⋅v i + R (|h v i|)


lim ⟹ lim ⟹ lim
h→ 0 h h→0 h h→0 h
R (|h v i|)
⟹ lim a ⋅ v i+
h→0 h
f ( x 0+ h v i )−f ( x 0 )
∃ lim =a ⋅ v i
h →0 h
∂f
a=∇ f ( x 0 ) ⟹ ( x ) =∇ f ( x 0 ) ⋅ v
∂v 0

PROPRIETA DELLE FUNZIONI DIFFERENZIABILI

Sia A ⊂R n aperto x 0 ∈ A f : A → R differenziabile ∈x 0 . Allora :

1. f continua∈ x 0
Dimostrazione: Poiché A è aperto→ x 0 ∈ D ( A )
h=x−x 0
lim f (x)=f ( x 0 ) ⟹ lim f ( x )−f ( x 0 ) =0 ⟹ lim f ( x )−f ( x0 ) = x=x 0 +h
x→ x 0
x →x 0
x →x

lim f ( x 0 +h ) −f ( x 0 ) =0 ⟹ lim [ a ∙ h+ R(|h|) ]=0


0
x → x 0 h→ 0 [ ]
h→ 0 h →0

∂f
2. ∀ i=1 … h f è derivabile parzialmente ∈x 0 rispetto a xi e ai= ( x ) e quindi a=∇ f ( x 0 )
∂ xi 0
Dimostrazione: Fisso i=1 … h e chiamo k=h ei con h ∈ R

f ( x0 + h ei ) −f ( x 0 ) a ∙ ( h e i ) + R (|h e i|) h a∙ e i + R (|h e i|) R (|h e i|)


lim ⟹ lim ⟹ lim =lim ai +
h→ 0 h h→ 0 h h →0 h h →0 h

R (|k|) R (|h e i|) R ( h ei )


So che lim =0 ⟹ lim =lim =0
k→ 0 |k| h→ 0 h h →0 h
Quindi
f ( x 0+ h ei ) −f ( x 0 )
∃ lim =ai ∈ R⟹ f è derivabile parzialmente∈ x 0 rispetto a x i e
h →0 h
∂f
( x ) =ai
∂ xi 0

INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DEL GRADIENTE

Sia A ⊂R n x 0 ∈ A f : A → R , f è differenziabile ∈x 0 . Allora:


1. ∇ f ( x 0 ) indica direzione e verso di massimo accrescimento di f, cioè massima pendenza
2. ∇ f ( x 0 ) indica direzione e verso di minimo accrescimento di f, cioè minima pendenza

Dimostrazione. n=2 o n=3


∂f
Sia v ∈ R n versore , ϑ l ' angolo che v forma con ∇ f ( x0 ) ⟹ ( x )=∇ f ( x 0 ) ∙ v=|∇ f ( x 0 )|∙|v|cos ϑ
∂v 0
∂f
Si ha massimo accrescimento per v tale che ( x ) è massima cioé quando cos ϑ=1 ⟺ϑ=0
∂v 0
⟹ v e ∇ f ( x 0 ) hanno stessa direzione e stesso verso

∂f
Si ha minimo accrescimento per v tale che ( x ) è minima cioé quando cos ϑ=−1 ⟺ ϑ=π
∂v 0
⟹ v e ∇ f ( x 0 ) hanno stessa direzione e stesso verso

TEOREMA DI LAGRANGE O DEL LAVORE MEDIO

Sia A ⊂R n aperto e siano x 0 e x1 ∈ A tale che x 0´x 1 ⊂ A ¿


contenuto∈ A ¿

Sia f : A → R differenziabile∈ A ∃ ~
x ∈ x 0´x 1 ⊂ A tale che f ( x 1 )−f ( x 0 )=∇ f ( ~
x ) ∙ ( x 1−x 0 )
Dimostrazione
Sia r : [ 0,1 ] → x 0´x 1 dove ∀ t ∈ [ 0,1 ] r ( t )=t x 1 + ( 1−t ) x 0 r ( 0 )=x 0 r ( 1 ) =x1

r è derivabile∈ [ 0,1 ] e ∀ t ∈ [ 0,1 ] r ' ( t )=x 1−x 0

Sia h=f ∘r : [ 0,1 ] → R , h è derivabile∈ [ 0,1 ] , per il teoremadi Lagrange per funzioni a
una variabile applicato ad h , ∃t 0 ∈ ¿ 0,1 ¿

h ( 1 )=f ( r ( 1 ) )=f ( x 1 )
dove h' ( t 0 )=∇ f ( r ( t 0 ) ) ∙ r ' (t 0)=∇ f ( r ( t 0 ) ) ∙ ( x 1−x 0 )
h ( 0 )=f ( r ( 0 ) )=f ( x 0 )

Chiamato ~
x=r ( t 0 ) ∈ x 0´x 1 si ha latesi

FORMULA DI TAYLOR CON RESTO DI LAGRANGE


Sia A ⊂R n aperto e x 0 ∈ A h∈ Rn tale che x 0 , x 0 +h ⊂ A e sia f → R f ∈ C2 ( A )
Allora∃ ∂>0 ∈¿ 0,1 ¿

Osservazione :∇ f ( x 0 ) ∈ Rn h ∈ Rn → ∇ f ( x 0 ) ∙ h∈ R
Hf ( x 0 +∂ h ) ∙ h∈ M n ,1=R n
n
Hf ( x 0 +∂ h ) ∈ M n , n h∈ R =M n , 1 ,
h∈R
n } Hf ( x 0 ) ∙ h ∙ h ∈ R

Dimostrazione : Sia r : [ 0,1 ] → x 0 , x 0+ h⊂ A ,dove ∀ t ∈ [ 0,1 ] r ( t )=x 0 +t h∈ particolare


r ( 0 )= x0 r ( 1 )=x 0 +h

Sia g : [ 0,1 ] → R dove g=f ∘ r


Poiché h ∈ C2 ( [ 0,1 ] ) , per la formula diTaylor con resto di Lagrange per funzioni diuna variabile .
∃ ∂∈ ¿ 0,1¿
g ( 1 )=f ( r ( 1 ) ) =f ( x0 + h)
g ( 0 )=f ( r ( 0 ) )=f ( x 0)
dove '
g ( 0 ) =∇ f ( r ( 0 ) ) ∙ r ' ( 0 )=∇ f ( x 0 ) ∙ h
g '' ( ∂ )=Hf ( x 0 +∂ h ) ∙ h ∙ h

TEOREMA DI FERMAT
Sia A ⊂R n aperto x 0 ∈ A f : A → R
Sia x 0 punto di max o min locale per f e f sia differenziabile in x 0. Allora ∇ f ( x 0 )=0
Dimostrazione: Caso n=2 x 0=( x 0 , y 0 ) punto di max locale

Sia F ( x )=f ( x , y 0 )
Poiche ( x 0 , y 0 ) punto di max locale per f ⟹( x 0 , y 0) è punto di max locale per f ∨¿ { y= y } ⟹ x 0 ¿ è punto d max 0

locale per F.
Poiché f è differenziabile in ( x 0 , y 0 ) ⟹ f è derivabile rispetto a x ∈( x 0 , y 0 ) ⟹ x → f ( x , y 0 ) è derivabile in x 0
cioè F è derivabile in x 0
Poiché A è aperto per il teorema di Fermat applicato a F abbiamo F ' ( x 0 ) =0 ⟹
∂f
F ' ( x 0 )= ( x , y ) =0
∂x 0 0
Sia G ( y )=f ( x 0 , y )
Poiché ( x 0 , y 0 ) punto di max locale per f ⟹( x 0 , y 0) è punto di max locale per f ∨¿ {x= x } ⟹ y 0 ¿ è punto di
0

max locale per G.


Poiché f è differenziabile in ( x 0 , y 0 ) ⟹ f è derivabile rispetto a y ∈ ( x 0 , y 0 ) ⟹ y → f ( x 0 , y ) è derivabile in y 0
cioè G è derivabile in y 0
Poiché A è aperto per il teorema di Fermat applicato a G abbiamo G ' ( y 0 ) =0 ⟹
∂f
G ' ( y 0 )= ( x , y ) =0
∂y 0 0
STRUTTURA DELL’INTEGRALE GENERALE DI UN EQUAZIONE DIFFERENZIALE LINEARE
OMOGENEA DEL PRIMO ORDINE
Le soluzioni di un’equazione differenziale lineare omogenea del primo ordine forma uno spazio vettoriale di
dimensione 1

Dimostrazione TH: Spazio vettoriale⟺ ∀ y 1 , y 2 soluzioni di y ' =a ( x ) y


∀ λ1 , λ2 ∈ Rsi ha che λ 1 y 1 + λ2 + y 2 è soluzione di y ' =a ( x ) y

y 1 soluzione ⟹ y '1=a ( x ) y 1 ⟹ λ1 y '1 =a ( x ) λ1 y 1


y 2 soluzione ⟹ y '2=a ( x ) y 2 ⟹ λ2 y'2=a ( x ) λ 2 y 2
' '
Sommando membro a membro λ 1 y 1 + λ2 y 2=a ( x ) ( λ1 y 1 + λ 2 y 2 ) ⟹ λ1 y 1 + λ 2 y 2 è soluzione di y ' =a (x) y

Th. dim=1
A ( x)
Posto y 0 ( x ) =e con A una primitiva di a=a( x ), ogni altra soluzione è y=C e A ( x )=C y 0 , C ∈ R
⟹ y 0 genera l ' insieme delle soluzioni

STRUTTURA DELL’INTEGRALE GENERALE DI UN’EQUAZIONE LINEARE OMOGENEA DI


SECONDO ORDINE

Siano I ⊂ R a , b : I → R continua. L’insieme delle soluzioni di y ' ' + a ( x ) y ' + b ( x ) y=0 ( ¿ ) è uno spazio
vettoriale di dimensione 2.

Dimostrazione:th spazio vettoriale ⟺th ∀ y 1 , y 2 soluzione di ( ¿ ) e ∀ λ1 , λ 2 ∈ R , λ 1 y 1 + λ 2 y 2 è soluzione di ( ¿ )

y 1 soluzione di ( ¿ ) ⟹ y ''1 +a ( x ) y '1 +b ( x ) y 1=0 ⟹ λ1 y '1' + a ( x ) λ 1 y '1 +b ( x ) λ 1 y 1=0 ( 1 )


y 2 soluzione di ( ¿ ) ⟹ y ''2 +a ( x ) y '2 +b ( x ) y 2=0 ⟹ λ2 y '2' +a ( x ) λ 2 y '2 +b ( x ) λ2 y 2 =0 ( 2 )
'' '
Sommando ( 1 ) e( 2) si ha: ( λ 1 y 1 + λ2 y 2 ) +a ( x ) ( λ1 y 1+ λ2 y 2 ) +b ( x ) ( λ1 y 1+ λ 2 y 2 ) ⟹ λ1 y 1 e λ2 y 2 sono soluzioni
di ( ¿ )
Dimostrazione:th : dim=2 ⟺ th :∃ z 1 , z 2 soluzioni di ( ¿ ) tale che :
1. z 1 , z 2 sono linearmente indipendenti cioè sono proporzionali tra loro
2. z 1 , z 2 generano lo spazio tale che z è soluzione di ( ¿ )
∃ λ 1 , λ 2 ∈ R tale che z=λ1 z1 + λ 2+ z2

Dimostrazione 1. Fisso x 0 ∈ I
y ' ' +a ( x ) y ' +b ( x ) y=0
Sia z 1 l’unica soluzione del problema di Cauchy:
{
y ( x 0 )=1
y ' ( x 0 )=0
y ' ' +a ( x ) y ' +b ( x ) y=0
Sia z 2 l’unica soluzione del problema di Cauchy:
{
y ( x 0 ) =0
y ' ( x 0 )=1

Th: z 1 e z2 sono linearmente indipendenti. Supponiamo per assurdo che z 1 e z2 siano linearmente dipendenti
⟹ ∃ λ ∈ R tale che z 2=λ z 1 ⟹ 0=z 2 ( x 0 )=λ z 1 ( x0 ) =λ=0 ⟹ z 2=0impossibile perche z '2 ( x 0 )=1

Dimostrazione 2. Fisso z soluzione di ( ¿ ) devo trovare λ 1 , λ2 ∈ R tale che z=λ 1 z 1+ λ2 z2

λ 1=z ( x 0 ) e λ 2=z ' ( x 0 )e chiamo ź=λ 1 z 1+ λ2 z2


y ' ' +a ( x ) y ' +b ( x ) y=0
z soddisfa il seguente problema di Cauchy:
{
y ( x 0 )=z ( x 0 )
y ' ( x 0 )=z ' ( x 0 )

y ' ' + a ( x ) y ' + b ( x ) y=0

{
Mentre ź soddisfa il seguente problema di Cauchy: y ( x 0 )= ź ( x 0 )= λ1 z 1 ( x0 ) + λ1 z 2 ( x 0 )=λ 1=z ( x 0 )
y ' ( x 0 )= ź ' ( x 0) =λ1 z '1 ( x 0 ) + λ 1 z '2 ( x 0 ) =λ2=z ' ( x 0 )

z e z ' risolvono lo stesso problema di Cauchy (teorema esistenza ed unicità)

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE
Siano a y ' ' + b y ' + cy=f 1 ( x )+ f 2 ( x ) (¿)
Con a ,b , c ∈ R a ≠ 0 f 1 , f 2 : I → R continua

Sia y 1 soluzione di a y ' ' +b y ' +cy =f 1 ( x ) (1)


Sia y 2 soluzione dia y ' ' +b y ' +cy =f 2 ( x ) (2)
Allora y 1 + y 2è soluzione di (¿)
Dimostrazione:
y 1 soluzione di ( 1 ) a y '1' +b y '1 +c y 1=f 1 ( x )
y 2 soluzione di ( 2 ) a y ''2 +b y '2 +c y 2=f 2 ( x )
'' '
Sommando membro a membro: a ( y 1 + y 2 ) + b ( y 1+ y 2) + c ( y 1 + y 2 )=f 1 ( x ) + f 2 ( x )
METODO DELLE VARIAZIONI DELLE COSTANTI
A meno di una divisione possiamo considerare y ' ' + a y' +by =f ( ¿ )

1. Studio l’equazione omogenea associata y ' ' + a y' +by =0 ¿. L’integrale generale è
y 0 ( x ) =c 1 z 1 ( x ) +c 2 z 2 ( x ) c 1 , c2 ∈ R di ¿ dove z 1 e z2 sono due soluzioni linearmente indipendenti e quindi
z1 ( x ) z 2 ( x )
per il teorema del Wronskiano⟹ detW ( x ) ⟹ '
|
z1 ( x ) z '2 ( x )
≠0 ⟹
|
z 1 ( x ) z '2 ( x )−z 2 ( x ) z '1 ( x ) ≠ 0
2. Cerco una soluzione particolare di (¿). Cerco k 1=k 1 ( x ) e k 2=k 2(x ) due funzioni costanti tale che
ý ( x ) =k 1 ( x ) z 1 ( x ) +k 2 ( x ) z 2 ( x ) sia soluzione di (¿)
Calcolo ý ' =k ' 1 z 1+ k 1 z ' 1 +k ' 2 z 2+ k 2 z ' 2
Pongo k '1 z 1+ k '2 z 2 ( Prima equazione ) ⟹ Quindi ý ' =k 1 z '1+ k 2 z '2
Calcolo y´' ' =k ' z' + k z '' +k ' z ' + k z' ' . Sostituendo∈ ( ¿ ) =¿
1 1 1 1 2 2 2 2

k '1 z '1+ k 1 z '1' + k '2 z '2 +k 2 z '2' +a ( k 1 z '1 ) +a ( k 2 z'2 ) + b ( k 1 z1 ) + b ( k 2 z2 ) =f


k 1 ( z '1' + a z '1 +b z 1 ) +k 2 ( z '2' + a z '2 +b z 2 ) +k '1 z '1+ k '2 z '2=f

Poiché z 1 e z2 sono soluzioni dell’omogenea ¿ z '1' +a z '1 +b z 1 e z '2' + a z'2 +b z 2=0


k '1 z '1+ k '2 z '2=f ( seconda equazione)

k '1 z1 +k '2 z 2=0


{ ' ' ' '
k 1 z 1+ k 2 z 2=f
≤incognite sono k '1 e k '2

z1 z2
Calcolo la matrice incompleta ( )
z '1 z '2
=W (x ) matrice Wronskiana.

Poiché z 1 e z2 sono linearmente indipendenti ⟹ ∀ x ∈ R detW ( x ) ≠ 0 e quindi ∃ k '1 , k '2 soluzioni del sistema
Per calcolare k 1 ,k 2 ⟹ k 1=∫ k '1 dx k 2 =∫ k '2 dx

STRUTTURA DELL’INTEGRALE GENERALE DI UN’EQUAZIONE DIFFERENZIALE LINEARE


COMPLETA DI PRIMO ORDINE
Sia y ' =a ( x ) y+ b ( x ) ( ¿ ) equazione completa e sia ý soluzione di(¿)
Sia y ' =a ( x ) y ( ¿ ) equazione omogenea associata
Allora l’integrale generale dell’equazione completa ( ¿ ) si ottiene sommando l’integrale generale dell’equazione
associata ¿ con la soluzione di ( ¿ ) ý ¿
Dim. [⊂]
Sia y una soluzione di ( ¿ ) ⟹ y ' =a ( x ) y +b ( x ) (1)
Sia ý una soluzione di ( ¿ ) ⟹ ý ' =a ( x ) ý +b ( x ) (2)

Sottraendo ( 1 ) e ( 2 ) y ' −ý ' =a ( x )( y −ý ) ⟹ ( y− ý )' =a ( x ) ( y− ý )


Posto z= y −ý ⟹ z è soluzione di ¿
y=z + ý

Dim. [ ⊃ ]
Sia z soluzione di ¿
Sia y soluzione di ( ¿ ) ý ' =a ( x ) ý+ b ( x ) (2)

Sommando ( 1 ) e ( 2 )
( z + ý )' =a ( x )( z + ý ) +b ( x ) ⟹ posto y =z+ ý è soluzione di ( ¿ ) . c . v . d
STRUTTURA DELL’INTEGRALE GENERALE DI UN’EQUAZIONE LINEARE COMPLETA DI
SECONDO ORDINE
Siano I ⊂ R a , b : f : I → R
L’integrale generale dell’equazione differenziale completa: y ' ' + a ( x ) y ' + b ( x ) y=f (¿)
Si ottiene sommando l’integrale generale dell’equazione differenziale omogenea associata
y ' ' + a ( x ) y ' + b ( x ) y=f ¿ con una soluzione ý dell’equazione completa ¿
Dim [⊂]
Sia y una soluzione di ( ¿ ) y ' ' + a ( x ) y ' + b ( x ) y=f (1)
Sia ý una soluzione di ( ¿ ) ý ' ' + a ( x ) ý ' + b ( x ) ý=f (2)

Sottraendo ( 1 ) e ( 2 ) : ( y− ý )' ' + a ( x ) ( y− ý )' +b ( x )( y− ý )=0


Pongo z=( y −ý ) ⟹ z è soluzione di ¿
y=z + ý (c . v . d)
Dim [ ⊃ ]
Sia z una soluzione di ¿ e ý è soluzione di (¿)
1. z ' ' +a ( x ) z ' +b ( x ) z=0 (1 )
2. ý ' ' + a ( x ) ý ' + b ( x ) ý=f ( 2 )
Sommando ( 1 ) e ( 2 )
( z + ý )'' +a ( x ) ( z + ý )' +b ( x )( z + ý )=f
Posto y=z + ý è soluzione di (¿)