Sei sulla pagina 1di 8

Equazioni di Maxwell 1

Equazioni di Maxwell
Le equazioni di Maxwell sono un sistema di quattro equazioni differenziali alle derivate parziali lineari, che
governano l'evoluzione spaziale e temporale dei campi elettromagnetici.
Queste equazioni (che appaiono per la prima volta al completo in forma differenziale in "A Treatise on Electricity
and Magnetism", pubblicato da James Clerk Maxwell nel 1873) formano una sintesi della legge di Gauss e della
legge di Ampere e, di fatto, unificano il concetto di campo elettrico e di campo magnetico all'interno del più ampio
concetto di campo elettromagnetico. La notazione moderna più comune di queste equazioni fu sviluppata da Oliver
Heaviside.
Le equazioni di Maxwell descrivono la propagazione di onde trasversali, in cui i campi, elettrico e magnetico,
oscillano perpendicolarmente alla direzione di propagazione. L'esistenza di tali onde elettromagnetiche fu dimostrata
sperimentalmente per la prima volta da Hertz nel 1887.

Forma differenziale
Nel caso più generale, in cui i campi dipendono dalle coordinate spaziali e dal tempo, la forma differenziale delle
equazioni di Maxwell nel vuoto è, nel sistema di unità di misura internazionale:

Nome Forma differenziale Forma integrale

Teorema di Gauss per il campo elettrico

Teorema del flusso per il campo magnetico

Legge di Faraday (circuitazione del campo elettrico)

Legge di Ampère (circuitazione del campo magnetico)

dove ∙e × sono rispettivamente gli operatori differenziali divergenza e rotore espressi tramite l'operatore
nabla, E è il campo elettrico, B l'induzione magnetica (B = μ0H dove H è il campo magnetico), ρ la densità di carica
e J il vettore densità di corrente. Le costanti ε0 e μ0 sono dette rispettivamente costante dielettrica del vuoto e
permeabilità magnetica del vuoto, e sono legate dalla relazione 1/c2 = ε0 μ0, dove c è la velocità della luce. La quarta
equazione di Maxwell può dunque essere scritta

Quando sono espresse in questa forma, nota anche come locale o microscopica, le equazioni di Maxwell permettono
di calcolare l'evoluzione dei campi elettromagnetici nel vuoto

una volta assegnati i termini di sorgente o forzanti quali la densità di carica e la densità di corrente

La forza di Lorentz, invece, è la legge che esprime l'effetto che il campo elettrico e quello magnetico hanno su di una
carica elettrica q
Equazioni di Maxwell 2

dove il vettore v è la velocità con cui si muove la carica nel sistema di riferimento considerato.
Le equazioni di Maxwell, insieme alla forza di Lorentz, descrivono completamente l'interazione elettromagnetica
classica, ovvero come una carica in movimento interagisce con un'altra carica in movimento. Per ricavare le
equazioni di Maxwell in forma integrale dalla corrispondente forma locale, è necessario applicare il teorema di
Green o il teorema della divergenza.

Dimostrazione delle equazioni di Maxwell


Le equazioni di Maxwell descrivono sinteticamente tutte le proprietà del campo elettromagnetico:
• Il Teorema del flusso, detta anche Legge di Gauss, afferma che il flusso del campo elettrico attraverso una
superficie chiusa è pari alla somma delle cariche contenute nella superficie divise per la permittività elettrica:

Uguagliando il teorema di gauss con il teorema della divergenza

si ottiene la prima equazione di Maxwell.


• La seconda equazione di Maxwell afferma che il flusso del campo magnetico attraverso una superficie chiusa è
nullo. Ciò si può spiegare dal fatto che le linee di forza del campo magnetico sono chiuse, e pertanto il contributo
al flusso di ogni linea entrante alla superficie è annullato dal contributo della stessa linea uscente.
Matematicamente la relazione si ricava applicando l'operatore divergenza ad entrambi i membri della legge di
Biot-Savart.
• La terza equazione deriva dalla legge di Faraday: la forza elettromotrice generata in un circuito percorso da
corrente dall'induzione elettromagnetica è pari alla derivata rispetto al tempo del flusso del campo magnetico
concatenato al circuito, ovvero

applicando il teorema di Stokes al primo membro

e per quanto detto si giunge a

Uguagliando gli integrandi segue la terza equazione di Maxwell.


• La quarta equazione di Maxwell si ottiene dalla legge di Ampère generalizzata al caso non stazionario, nel quale
alla densità di corrente stazionaria (leggi di Laplace e Biot-Savart della magnetostatica) viene aggiunta la densità
di corrente di spostamento, sicché la densità totale è:

Applicando il teorema di Stokes al primo membro della legge di Ampère ed inserendone la densità di energia totale
segue la quarta equazione.
Equazioni di Maxwell 3

Correzioni nei materiali


Per una corretta descrizione dei campi elettromagnetici all'interno dei mezzi materiali, è necessario tenere conto del
fatto che questi interagiscono con i campi polarizzandosi e magnetizzandosi. Poiché la polarizzazione e la
magnetizzazione della materia generano a loro volta un campo elettromagnetico, diviene praticamente intrattabile il
problema di un aggregato di un gran numero di molecole in interazione con il campo; risulta preferibile approssimare
il mezzo come un continuo, e dare una descrizione macroscopica dei campi, che vanno intesi come valori medi
misurati in una zona di spazio che contenga un numero significativamente elevato di molecole. Le equazioni di
Maxwell in forma macroscopica divengono

Nome Forma differenziale Forma integrale

Teorema del flusso per il campo elettrico

Teorema del flusso per il campo magnetico

Legge di Faraday

Legge di Ampère

dove i nuovi campi D (induzione elettrica) e H (campo magnetico) tengono conto dei contributi delle cariche di
polarizzazione e delle correnti di magnetizzazione nella materia:

dove i vettori P (polarizzazione) e M (magnetizzazione) rappresentano valor medio del momento di dipolo elettrico e
magnetico per unità di volume.
Indubbiamente, per risolvere le equazioni di Maxwell macroscopiche, è necessario conoscere il valore dei campi P e
M: nel caso più semplice di mezzi lineari, stazionari, omogenei, non dispersivi e isotropi, in cui i vettori
polarizzazione e magnetizzazione sono direttamente proporzionali rispettivamente ai campi elettrico e magnetico, le
relazioni fra D ed E e fra B ed H (note come relazioni costitutive) divengono le seguenti:

dove le costanti di proporzionalità εr e μr sono chiamate rispettivamente costante dielettrica e permeabilità magnetica
del mezzo. In realtà, tali costanti esprimono solamente l'autointerazione dei campi nelle particelle materiali, come
valore medio. Se si guardasse alle singole particelle, sarebbero valide le equazioni generali.
Dal sistema di equazioni di Maxwell e dalle definizioni di D e B si ricava che:

La velocità della luce può essere espressa in relazione a permeabilità magnetica ed elettrica relative del materiale:

Nello spazio vuoto, ovvero dove ρ = 0 e J = 0, tenendo conto delle precedenti equazioni si determina l'equazione
d'onda di d'Alembert per E

Con passaggi analoghi, si determina l'identica relazione per il campo B.


Equazioni di Maxwell 4

Quindi rimaneggiando le equazioni di Maxwell tramite semplici passaggi di calcolo vettoriale si giunge all'equazìone
delle onde evidenziando dunque il fatto che il campo elettromagnetico obbedisce a tale legge ovvero si propaga nello
spazio sotto forma di onde, da cui la dimostrazione teorico-analitica dell'esistenza delle onde elettromagnetiche
rilevate poi sperimentalmente da Hertz.

Teorema di dualità
Al secondo membro della terza equazione può essere aggiunto, di utilità puramente teorica in alcuni casi di studio,
un termine di sorgente di densità di corrente magnetica in modo da simmetrizzarla con la quarta equazione, e
nella seconda equazione un termine di densità di carica magnetica in modo da simmetrizzarla con la prima.
Sebbene non esistano sperimentalmente cariche e/o correnti magnetiche (non essendo mai stata osservata la carica
magnetica o monopolo magnetico) l'utilità di tale modifica consiste nella possibilità di poter modellare, attraverso le
grandezze fittizie, grandezze reali (ad esempio modellando una spira percorsa da corrente come un dipolo magnetico
equivalente).

Nome Forma differenziale Forma integrale

Teorema di Gauss per il campo elettrico

Teorema del flusso per il campo magnetico

Legge di Faraday

Legge di Ampère

Questo permette di enunciare il cosiddetto teorema di dualità elettromagnetico, per il quale, a partire
dall'espressione di E, è possibile ottenere l'espressione di H (e viceversa ottenere l'espressione di E a partire da
quella di H) attraverso le seguenti sostituzioni:

Soluzioni delle equazioni di Maxwell


La terza equazione stabilisce che la divergenza di B è nulla. Poiché la divergenza di un rotore è sempre nulla, esiste
un campo vettoriale A per cui

Il vettore A è detto potenziale vettore (notare che questa relazione è valida perché siamo in un semplicemente
connesso). Allora possiamo riscrivere la terza equazione di Maxwell come

che può anche essere espressa come

Poiché il rotore di un gradiente è sempre nullo, possiamo introdurre il potenziale scalare nel modo seguente

da cui segue
Equazioni di Maxwell 5

Riassumendo abbiamo definito un potenziale vettore ed un potenziale scalare legati ai campi vettoriali E e B dalle
equazioni

Con queste nuove definizioni, la prima equazione di Maxwell diventa

cioè

La quarta equazione di Maxwell, invece, si trasforma come segue

ossia, usando l'identità vettoriale ∇ × (∇ × C) = ∇ (∇ · C) - ∇2C

Sfruttando ancora una volta il fatto che il rotore di un campo gradiente è nullo, si scopre facilmente che, eseguendo
la seguente trasformazione

dove Ψ è un qualsiasi campo scalare sufficientemente regolare, allora le espressioni per i campi elettrico e magnetico
rimangono invariate. Per verificarlo basta sostituire i nuovi potenziali nelle espressioni di E e di B ricavate sopra.
Questa operazione è detta trasformazione di gauge, ossia calibrazione, dal termine inglese gauge, calibro. Nella
fattispecie, quella sopra introdotta è nota come Gauge di Lorenz. Essa si riduce alla Gauge di Coulomb nel caso
stazionario, cioè quando ϕ non dipende dal tempo.
Sfruttando l'invarianza di gauge, possiamo scegliere ∇ · A a piacere. Scelto, ad esempio

e sostituendo in (1) e (2), si ottengono due equazioni disaccoppiate

Similmente nella (2), eliminando i termini opposti, ottengo

Entrambe queste espressioni sono dei quadrivettori, che descrivono delle onde sferiche che avanzano nello
spaziotempo con velocità c.
Riassumendo, per risolvere le equazioni di Maxwell si introduce il potenziale vettore e quello scalare che, inseriti
nelle equazioni di Maxwell e sfruttando l'invarianza di gauge diventano un sistema di quattro equazioni differenziali
in quattro funzioni scalari incognite. Esplicitando, il sistema assume la forma
Equazioni di Maxwell 6

Questo permise di enunciare la teoria secondo cui le onde elettromagnetiche e luce sono aspetti differenti della stessa
cosa, in quanto mostrano lo stesso comportamento e la stessa velocità. Inoltre, come si vede, erano le prime leggi
corrette secondo la teoria della relatività di Einstein, e quindi andavano ad aggiungere un'altra crepa all'edificio già
scricchiolante della fisica classica.

Forma tensoriale relativistica


I potenziali A e V possono essere usati per formare le componenti di un quadrivettore. Per rendere conto delle
trasformazioni relativistiche, consideriamo i risultati ottenuti prima. Se formiamo un quadrivettore Jμ con i termini
noti delle due equazioni scalari di Maxwell, otteniamo:

dove ρ0 è la densità di carica a riposo, misurata cioè in un sistema solidale con la distribuzione di cariche, e Uμ
rappresenta la quadrivelocità Adesso il quadripotenziale è definito come

Per definizione di divergenza nello spazio di Minkowski è allora, per quanto visto prima

Questo fornisce la relazione

Ma questa non è altro che la condizione di Lorenz per l'invarianza di un quadrivettore. Quindi l'operazione di gauge
introdotta in precedenza stabiliva l'invarianza del quadrivettore formato dalle componenti di A e V. Ne deriva che il
campo elettromagnetico è una teoria di gauge.
Se consideriamo l'operatore di d'Alembert (d'alembertiano)

risulta che le equazioni di Maxwell possono essere scritte molto brevemente nella forma

Le derivate delle componenti del quadripotenziale formano un tensore del secondo ordine generato da un vettore
polare E e da uno assiale B. Se si pone si ha la rappresentazione

Lo studio delle soluzioni delle equazioni di Maxwell scritte in forma covariante è l'oggetto dell'elettrodinamica
classica.
Equazioni di Maxwell 7

Prossimo passo
Con le equazioni di Maxwell la forza elettrica e quella magnetica sono state unificate ottenendo la forza
elettromagnetica. Attualmente anche la forza nucleare debole viene unificata con questa, ottenendo la forza
elettrodebole, mentre sono ancora in corso le ricerche per ottenere una spiegazione comune a tutte le quattro
interazioni fondamentali (teoria della grande unificazione), quindi un sistema per unire anche la forza nucleare forte
e soprattutto la forza gravitazionale.

Voci correlate
• Calcolo vettoriale
• Divergenza
• Elettromagnetismo
• Equazioni di Jefimenko
• Fasci Gaussiani
• Forza di Lorentz
• Magnetismo nella materia
• Onde piane
• Operatore Nabla
• Quadrivettore
• Rotore
• Termine di sorgente

Bibliografia
• (EN) Maxwell, James Clerk, "A Treatise on Electricity and Magnetism", Clarendon Press, Oxford, 1873
• (EN) Tipler, Paul (1998). Physics for Scientists and Engineers: Vol. 2: Electricity and Magnetism, Light (4th ed.).
W. H. Freeman. ISBN 1-57259-492-6
• (EN) Serway, Raymond; Jewett, John (2003). Physics for Scientists and Engineers (6 ed.). Brooks Cole. ISBN
0-534-40842-7
• (EN) Saslow, Wayne M.(2002). Electricity, Magnetism, and Light. Thomson Learning. ISBN 0-12-619455-6. See
Chapter 8, and especially pp. 255–259 for coefficients of potential.
• (IT) G. Gerosa; P. Lampariello, Lezioni di Campi Elettromagnetici, Seconda edizione, Roma, Ingegneria 2000,
2006. ISBN 978886658362

Collegamenti esterni
• Le equazioni di Maxwell [1]
• (EN) A tensor treatment of Maxwell's equations [2]
• (EN) Lecture series: Relativity and electromagnetism [3]

Altri progetti
• Wikisource contiene opere originali di o su Equazioni di Maxwell

Note
[1] http:/ / www. electroportal. net/ vis_resource. php?section=Lezio& id=107
[2] http:/ / www. mth. uct. ac. za/ omei/ gr/ chap4/ node7. html
[3] http:/ / farside. ph. utexas. edu/ ~rfitzp/ teaching/ jk1/ lectures/ node6. html
Fonti e autori delle voci 8

Fonti e autori delle voci


Equazioni di Maxwell  Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=38325468  Autori:: Alberto da Calvairate, Alec, Alpheus, Angra, Astrofisico, Astrohist, Aushulz, Avesan, Berto,
Blakwolf, Came88, DanGarb, Demadoc, EffeX2, Eio, Ettorato, Fabrymondo, Federiiico, Frm, Gab.pr, Gabriele Nunzio Tornetta, Gianluigi, Gionnico, Hashar, Imorgillo, Isolano2008, Kyell3,
Luca.pescatore, Luisa, Lyell01, M&M987, Marozols, Massimiliano Lincetto, MaxDel, Maxc38, Mitchan, Montinar, Nase, No2, Numbo3, Pask00, Pellese, Piddu, Piero, Pokipsy76, Poldo328,
Pra1998, Pracchia-78, Restu20, Roberto.zanasi, Sbisolo, Scapha, Seesaw, Simone, Sirbone72, Spyro, Suisui, Template namespace initialisation script, Tino 032, Tridim, Weissbach, Wiso,
Ylebru, ^musaz, 146 Modifiche anonime

Fonti, licenze e autori delle immagini


Immagine:Wikisource-logo.svg  Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wikisource-logo.svg  Licenza: logo  Autori:: Nicholas Moreau

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported
http:/ / creativecommons. org/ licenses/ by-sa/ 3. 0/