Sei sulla pagina 1di 31

1 di 31

I 10 STEP PER OTTIMIZZARE IL


TUO CANALE YOUTUBE PRIMA DI
CARICARE VIDEO
……………………..……………………..…………………………………………………………..

Paolo Grisendi

Il presente manuale non può essere venduto, duplicato, modificato e distribuito senza
autorizzazione dell’autore.

Il presente manuale gratuito ha come unico scopo la diffusione ai fini promozionali.

2020© Paolo Grisendi


Tutti i marchi riportati in questo eBook appartengono ai legittimi proprietari
2 di 31
INDICE

1. Introduzione
2. Cosa significa ottimizzare
3. Verifica del Canale YouTube
4. Filigrana di Branding
5. Predefiniti di caricamento
6. Keywords del Canale
7. Google Ads
8. Google Analytics
9. Cover Homepage
10. Sezioni Homepage
11. Live Streaming
12. Sito Web Associato

3 di 31
OFFERTA SPECIALE!
Prima di partire con la lettura, vorrei che prendessi nota di una speciale
offerta che ho riservato per te!

Come saprai uno dei servizi che ho lanciato di recente è quello di analisi dei
Canali. La maggior parte delle volte quando i clienti mi contattano noto che
non hanno la minima idea se il lavoro che stanno svolgendo sia corretto o
meno, e soprattutto hanno paura di portare avanti sforzi enormi, ma nella
direzione sbagliata.

Sicuramente sai anche te quanto può essere frustrante lavorare per mesi
senza avere risultati e soprattutto senza avere la certezza di lavorare per un
qualcosa che porterà risultati in futuro oppure no.

Proprio per questo di recente ho creato un servizio di analisi dei Canali,


chiamato Channel Checkup. Ha già aiutato decine di persone a capire
esattamente COSA FARE e COSA SMETTERE DI FARE nel tuo Canale per
crescere.

Trovi tutte le informazioni qui

SCOPRI DI PIÙ SU CHANNEL CHECKUP

4 di 31
INTRODUZIONE
Benvenuto e complimenti per aver scaricato questa risorsa importante. Se
sei qui è perché hai capito quanto possa essere importante per la tua attività
YouTube o comunque sei curioso e vuoi scoprirne di più immagino.

Sai sicuramente quanto i video siano importanti al giorno d’oggi per


promuoversi al meglio. Ogni giorno parlo con imprenditori e professionisti
‘affamati’ di visibilità online.

Vogliono fare in modo che quante più persone possibili trovino i loro video e
che quindi li contattino per iniziare un percorso insieme o per saperne di più
sui loro prodotti o servizi.

Il fatto è questo: la lotta per l’attenzione sta diventando sempre più dura.
Sempre più realtà si stanno buttando sul web con la speranza di una facile
conquista.

Dopo poco però si scontrano con la realtà: non è affatto facile farsi notare.
Le persone mediamente sono bombardate con centinaia per non dire
migliaia di messaggi ogni giorno.

Il grosso del problema è che quasi tutti cercano visibilità sulle stesse
piattaforme: al momento in cui scrivo principalmente Facebook ed
Instagram. Niente di male ovviamente, se i tuoi potenziali clienti passano lì
la maggior parte del tempo quando sono connessi va assolutamente bene.

Ma quasi nessuno si ferma a pensare se queste persone possano essere


anche su YouTube. E guarda un po’: quando indagano spesso scoprono che
è proprio così.

Il vantaggio per te è questo: al momento è altamente improbabile che i tuoi


concorrenti siano forti sulla piattaforma. Se parti ora e lavori bene, sono
sicuro che puoi crearti un vantaggio competitivo che gli altri non riusciranno
ad affrontare. Con questa guida ti darò i suggerimenti per avviare il tuo
canale al meglio. Partiamo!

5 di 31
CHE COSA SIGNIFICA OTTIMIZZARE?
Quando pensi a YouTube, cosa ti viene in mente? Un parcheggio di video
online? Una sorta di hard disk dove mettere i tuoi video per avere una copia
nel caso il tuo computer si rompa? Un luogo dove i ragazzini vanno a perdere
tempo?

Se è così, puoi chiudere questa guida e tornare a fare altre cose. Ma se


invece ti interessa sapere CHE COS’E’ in realtà e come puoi utilizzarlo al
meglio per avere benefici per la tua attività, allora continua a leggere.

Se ti chiedessi qual è il motore di ricerca per eccellenza, mi diresti Google ed


avresti ragione. Ma se ti chiedessi qual è il secondo? Se rispondi Bing o
Yahoo o altro sei in errore. YouTube ogni giorno conta milioni di accessi solo
in Italia e milioni di persone cercano ogni singolo giorno informazioni
riguardo a prodotti, servizi ed altro.

Prima di comprare un prodotto controllano le recensioni per capire se faccia


al caso loro. Prima di contattare un professionista guardano se ci sono
clienti che hanno messo la faccia per dire: “S’, di lui (o di lei) ti puoi fidare”.

E’ incredibile quanto questa opportunità venga sottovalutata.

Quelli che capiscono la potenza della piattaforma però spesso faticano a


partire, perché presi dall’entusiasmo si prodigano per produrre video e li
caricano. Ma spesso non conoscendo le dinamiche che stanno dietro
all’algoritmo non sanno come fare per ottimizzare i video e per farli vedere ai
potenziali spettatori.

Quello che faremo adesso è molto semplice. Ti spiegherò quali sono gli step
che devi mettere in pratica PRIMA di caricare i tuoi video per dare le
informazioni all’algoritmo in modo tale che sappia di che cosa tratti nel tuo
canale.

In seguito vedremo alcuni aspetti che ti facilitano la vita e possono aiutarti a


risparmiare anche ore ogni settimana nel caso tu carichi parecchi video. In
questo modo levandoti questo peso potrai focalizzarti su ciò che veramente
conta: la promozione dei video e la produzione dei successivi. Iniziamo con
lo step più facile: la verifica del canale.

6 di 31
PASSO 1 - VERIFICA DEL CANALE
La prima cosa in assoluto non appena hai creato il tuo canale consiste nella
verifica. In parole povere dovremo provare a Google che siamo i proprietari
del canale e che siamo delle persone fisiche e non dei bot o degli script che
eseguono delle operazioni in automatico.

Tecnicamente è possibile caricare video anche senza la verifica. Ma il


problema è semplice: se non è verificato il canale non hai la possibilità di
caricare le miniature personalizzate (le copertine per intenderci).

Può sembrare un problema da poco per chi parte da zero, ma in realtà le


copertine giocano un ruolo fondamentale nel risultato e nella performance
del canale in generale.

Lasciano stare che spesso quando non inseriamo la copertina è probabile


che i fotogrammi scelti come possibilità per diventare la copertina ci
riprendono in espressioni imbarazzanti, è facile capire che se i nostri
competitor le creano o se le fanno creare professionali non avremo una
possibilità di competere con loro.

L’operazione è veramente facile e ti serve solo il telefono a portata di mano,


quindi ti consiglio di farlo appena hai inaugurato il canale.

All’interno del Creator Studio (il backend nel quale gestiamo tutto il canale)
nella sezione sulla destra troverai CANALE fra le voci tra cui scegliere.

7 di 31
Clicca lì e ti si aprirà una schermata. Vedrai varie opzioni in box diversi, ma in
realtà per ora focalizzati in alto. Vedrai un grosso bottone blu che dice
‘VERIFICA’.

Cliccalo e ti si aprirà la procedura per verificare il tuo canale. Il modo scelto


al momento consiste nell’inserire un codice di 6 cifre che ti viene inviato
tramite sms. Tieni perciò il tuo telefono a portata di mano.

Inserisci il codice e voilà! Il Canale è verificato.

Bene, come vedi il primo step è molto semplice. Tuttavia non scordartelo. E’
veramente di fondamentale importanza.

8 di 31
PASSO 2 - FILIGRANA DI BRANDING
Verificato il canale, possiamo passare al secondo step per quanto riguarda
l’ottimizzazione della sezione back end. L’aspetto che vediamo adesso è
un’operazione che dovrai eseguire solamente una volta. Potrai
tranquillamente dimenticartene e giovare dei benefici.

Che cos’è la filigrana di branding? Il nome in effetti non suggerisce molto. Si


tratta semplicemente di un’immagine che apparirà in sovrimpressione su
tutti i video del canale e che, se cliccata, permetterà alle persone di iscriversi
direttamente da lì.

Insomma, un modo in più per i nostri spettatori per decidere di seguirci.

Forse ti sarà capitato di vederla in passato. Si trova sempre nell’angolo in


basso a destra nella finestra di visualizzazione dei video.

9 di 31
Passandoci sopra col mouse, si apre una piccola finestra che permette di
iscriversi direttamente da lì.

Purtroppo YouTube non ci dice quante persone si iscrivono da lì. Ciò


significa che ogni mese nella sezione analytics quando andiamo a capire da
dove arrivano gli iscritti, non possiamo vedere effettivamente quante
persone si siano iscritte grazie alla filigrana o perché hanno semplicemente
cliccato su iscriviti nel bottone sotto.

Però dopo vari test che ho fatto sia sul mio canale che in quello dei miei
clienti ho notato un incremento delle iscrizioni quando era impostata. Quindi
ti consiglio.

Per impostarla, naviga nella sezione Canale all’interno delle impostazioni del
YouTube Studio e poi vai su Branding.

Puoi decidere se lasciarla per tutto il video (ti ricordo che sarà applicata a
TUTTI i video) oppure solo alla fine dei video, o farla apparire ad un tempo
prestabilito.

Il mio consiglio è di lasciarla per tutto il video, per dare l’opportunità alle
persone di vederla e di iscriversi.

Il tipo di file che dovrai caricare è un png con sfondo trasparente. Come è
facile capire, siccome la filigrana è sempre in basso a destra e non la
possiamo spostare, ti sconsiglio di inserire loghi in basso a destra nel
montaggio dei video.

Una volta caricata nella sezione Branding come vedi nella foto qui sotto,
sarà attiva in tutti i video. Ovviamente se vuoi cambiarla in futuro puoi
facilmente farlo cliccando su rimuovi e poi aggiungendone un’altra.

10 di 31
Se ti stessi chiedendo che tipo di immagine inserire, ci sono diverse opzioni.
Alcuni decidono di inserire il logo del proprio brand (sempre che riesca a
risaltare bene e che sia nel formato corretto - infatti la filigrana consente di
inserire immagini quadrate, quelle rettangolari saranno rimpicciolite) altri
immagini più ‘aggressive’ con inviti all’azione ben precisi tipo ‘ISCRIVITI’.

Non c’è una regola fissa. L’ideale è sperimentare e monitorare i risultati.

Vedo moltissimi canali che non sfruttano questo strumento. Spessi solo il
fatto di inserirla da un vantaggio rispetto ai concorrenti.

11 di 31
PASSO 3 - PREDEFINITI DI CARICAMENTO
Questo punto non serve prettamente all’ottimizzazione in maniera diretta,
ma può salvarci ore e ore nel corso del tempo.

Se infatti vogliamo evitare di trascorrere minuti al giorni che diventano


facilmente ore in un anno se pubblichiamo frequentemente allora dobbiamo
utilizzare questa funzionalità che YouTube ci mette a disposizione.

I predefiniti di caricamento permettono di impostare alcuni parametri che


rimarranno invariati ogni volta che carichiamo un video. Un esempio?
Diciamo che in tutti i video tu voglia inserire uno o più Tag che sai che ci
vorranno sempre (come il tuo nome, o il nome del tuo Canale).

Invece di riscriverlo ogni volta che carichi un video o fare copia e incolla
potrai impostarlo qui e ritrovarli inseriti in automatico ogni volta che
andiamo a fare un upload di un nostro video.

Ecco gli aspetti che puoi impostare una volta e non toccare più:

• I Titoli dei video (magari una porzione di essi)


• Le descrizioni
• I Tag
• La privacy dei video
• La categoria
• La licenza
• La gestione dei commenti
• La monetizzazione (se è attivata sul tuo Canale)
• La lingua dei video
• La certificazione dei sottotitoli
• Ecc

Come vedi molti aspetti che spesso e volentieri rimangono invariati da video
a video. Come la licenza per esempio, o la scelta degli annunci se
monetizziamo i video.

Naturalmente per quanto riguarda titoli, descrizioni e tags sarà impossibile


che siano identici in ogni video. Però per esempio la descrizione può avere
una parte che non cambia mai. In fondo puoi inserire i link al tuo blog o sito,
un link cliccabile per far iscrivere le persone e gli hashtags.

Ecco, queste informazioni le puoi inserire qui così non dovrai mai già
scriverle.

12 di 31
Per inserire le informazioni sui video che dovranno essere predefinite naviga
all’interno del YouTube Studio in impostazioni e poi ‘Impostazioni predefinite
video caricati’.

Ricordati che le modifiche che vai ad inserire qui saranno valide dai video
che caricherai da quel momento in avanti, e non in maniera retroattiva.

Lo ribadisco perché spesso le persone pensano che qui si possano


modificare anche video già caricati. Purtroppo non è così. Se vuoi
velocizzare la modifica di video vecchi ti consiglio di considerare Tubebuddy,
di cui ho parlato ampiamente nel mio Canale.

Se non sai cosa sia, vai a vedere la playlist che ho creato a riguardo.

13 di 31
PASSO 4 - KEYWORD DEL CANALE
Così come dobbiamo comunicare all’algoritmo di YouTube ogni volta che
carichiamo un video di che cosa tratta il video attraverso i Tag, sarebbe
opportuno comunicare anche di che cosa tratta il Canale in generale.

Questo possiamo farlo attraverso le keyword del canale. Facciamo un


esempio pratico. Prendiamo un canale che carica video di ricette. Ogni video
sarà relativo ad un piatto diverso, di conseguenza lo saranno anche i tag.

Quindi se viene caricato un video che mostra come preparare e cucinare la


pizza in casa, sarebbe opportuno che nei Tag del video chi carica questo
contenuto inserisse tag come ‘come preparare la pizza in casa’ , ‘fare la
pizza in casa’ e così via.

Ancora una volta, così riusciamo a comunicare a YouTube di cosa tratta il


video e abbiamo più possibilità che venga proposto.

Quando andiamo però ad inserire le keyword per il canale, sarebbe meglio


che fossero più generiche. In un video abbiamo mostrato come cucinare la
14 di 31
pizza, ma magari nel prossimo mostriamo come cucinare un arrosto. Non ha
senso che nelle keyword del canale quindi ci siano parole chiave che hanno
a che fare solo con la pizza.

Spero che questo esempio ti abbia chiarito le idee. Sebbene non siano poche
le parole chiave che possiamo inserire a livello di canale, ti consiglio
comunque di non esagerare e di rimanere con quelle relative al settore in cui
operi.

Per inserirle naviga nel YouTube Studio nella sezione Canale e poi
informazioni di base

Il vantaggio di inserirle correttamente è che non solo i video, ma addirittura il


canale potrebbe posizionarsi come ti mostro qui sotto.

Ricordati di inserire una virgola tra una parola chiave e l’altra.

15 di 31
PASSO 5 - COLLEGAMENTO GOOGLE ADS
Un altro aspetto che ti consiglio di impostare da subito, anche se magari
inizialmente pensi non sia strettamente necessario, è il collegamento con il
tuo account Google Ads.

Se non sai cosa sia, in due parole è la piattaforma che viene utilizzata per
creare e gestire campagne su google.it, sulla rete display e su YouTube.

Nel caso tu (o l’agenzia che ti segue) domani decida di creare una campagna
a pagamento per promuovere i tuoi video, Google Ads sarà il sito su cui
andrai a fare quest’operazione.

Creare un account è veramente facile ed è totalmente gratuito. Ovviamente


nel caso tu decida di creare campagne a quel punto dovrai essere disposto
ad investire denaro.

Ma anche se inizialmente non vuoi spingere i tuoi video investendo


qualcosa, puoi sempre collegare il tuo account per creare quelle che
vengono definite liste di remarketing.

In poche parole, Google crea e raccoglie dati riguardo a chi vede i tuoi video
(niente che violi la loro privacy ovviamente) e li salva dentro a liste che puoi
creare in Google Ads.

In questo modo, un domani tu voglia mostrate i tuoi annunci di fronte a chi si


è iscritto al tuo canale o ha visto alcuni video, potrai farlo perché Google avrà
questi dati salvati. Li può mantenere per 540 giorni, quindi teoricamente
anche se per un anno non crei campagne, puoi comunque raccogliere dati su
di loro.

16 di 31
Per collegare il tuo account naviga all’interno del YouTube Studio nella
sezione impostazioni e a come seconda voce cliccando su impostazioni
avanzate troverai collegamento account Google Ads.

Puoi aggiungerne più di uno volendo.

Ti consiglio di dare tutte le autorizzazioni che ti chiede, in modo tale da dare


a Google tutte le informazioni necessarie per creare le liste e per studiare il
tuo canale a fondo.

Potrai sempre rimuovere alcune autorizzazioni in futuro oppure scollegare


del tutto un account. Ma non mi è mai capitato sinceramente di doverlo fare.
I benefici di quest’operazione sono senz’altro molti di più del non farlo o non
farlo del tutto.

17 di 31
PASSO 6 - COLLEGAMENTO ANALYTICS
Il passo successivo è un po’ più avanzato e dipende molto se sei in grado di
utilizzare Google Analytics.

Questa piattaforma, sempre facente parte del mondo di Google, permette d


analizzare nel dettaglio il traffico e il comportamento degli utenti sui siti web.

Si installa facilmente con un piccolo script che inseriamo sul sito web o sul
blog, e da quel momento ogni azione che le persone compiono viene
monitorata. Anche l’origine di queste persone viene monitorata, nel senso
che riusciamo a capire in che modo sono arrivate sul nostro sito (se dai
social come Facebook ed Instagram, oppure se da traffico organico da
google.it).

YouTube ha già una sua sezione analytics che ci fornisce molte informazioni
riguardo a quello che le persone fanno sul nostro canale: da dove arrivano
quando atterrano su un nostro video, quanto tempo passano a guardare i
video, quanti video guardano in una sessione, quanti iscritti raccogliamo
ogni mese ecc ecc.

Tuttavia per chi vuole approfondire ulteriormente possiamo collegare il


canale con il nostro account Google Analytics.

Molti mi hanno chiesto se sia fondamentale per partire. La risposta breve è


no: nel senso che puoi teoricamente anche fare senza. Ma in questa guida ti
sto dando i suggerimenti per partire al meglio. Quindi tutte le cose che
possiamo fare per iniziare con il canale ottimizzato al 100% te li sto dando.
Deciderai poi te in autonomia se metterli in pratica oppure no.

Se dovessi avere difficoltà nel fare quest’operazione puoi chiedere al tuo web
master o a chi ti segue il sito.

Se ti dovesse rispondere che non avete Analytics installato, beh allora


abbiamo un problema. A meno che la tua presenza online non sia
interamente basata su account come Clickfunnels o Kajabi (sì, ho sentito di
persone che hanno solo funnel creati con Clickfunnels e non hanno un loro
sito di proprietà) allora installare Google Analtyics è un passaggio semplice
e veloce.

Andiamo a vedere come integrarlo col nostro Canale YouTube.

18 di 31
Per fare ciò ci basta inserire il codice univoco del nostro account Analytics
che trovi dentro la sezione admin dopo aver cliccato su Impostazioni
avanzate del Canale dentro le impostazioni

Copia il codice del tuo account Analtyics ed installalo nella seziona avanzate
della voce Canale nel Creator Studio.

19 di 31
PASSO 7 - COVER HOMEPAGE CANALE
Bene, concluse le operazioni nel back end, possiamo passare a quello che
vede il pubblico dall’esterno.

La prima cosa che devi fare è modificare la copertina della homepage del
canale. Questa è la pagina su cui atterreranno molte persone una volta visto
uno o più dei tuoi video.

Infatti in molti prima di decidersi di iscriversi vogliono verificare com’è il tuo


canale e farsi un’idea più approfondita prima di cliccare sul bottone ‘iscriviti’.

Qui è dove ti giochi parecchio, quindi vale la pena investire il giusto per
renderla quanto più gradevole e funzionale possibile.

Se non imposti la copertina della homepage del canale, come puoi vedere
qui sopra. YouTube lascerà la versione di default che è molto brutta. E
sicuramente non ti aiuta.

Perciò come prima cosa fatti aiutare a realizzarne una. Nota importante: la
cover viene visualizzata in maniera diversa a seconda che gli spettatori
visitino il tuo canale da Mobile, da Tablet, da Desktop e da TV (sì, c’è chi può
visitarlo da Smart TV).

YouTube ci fornisce un template da usare. Le dimensioni massime sono


2560 pixel orizzontali e 1440 verticali.

Ma attenzione, se hai del testo, delle immagini, o delle grafiche che si devono
vedere, c’è un area specifica all’interno della quale lasciare queste
informazioni. Se le inserisci al di fuori da essa, quando le persone la vedono
da mobile non saranno presenti.

Qui sotto trovi il template.

20 di 31
Come vedi c’è un area al centro di 1546 pixel orizzontali e 423 verticali
chiamata TEXT AND LOGO SAFE AREA. Qualsiasi cosa inserirai al suo
interno sarà visibile su tutti i dispositivi.

Quindi il tuo logo, del testo, la tua immagina ecc deve rientrare lì.

Una volta creata, puoi inserirla in homepage cliccando su ‘Aggiungi grafica


del canale’.

Se non vedi questa voce perché stai usando la nuova veste grafica di
YuoTube, clicca su Personalizza Canale quando sei sulla homepage.

Ma cosa inserire sulla homepage? Le cose fondamentali sono poche quindi


ti consiglio di metterle tutte.

Innanzitutto il tuo logo se hai un brand. Questo aiuta le persone a ricordarsi


del tuo Brand.
21 di 31
In secondo luogo una tua foto nel caso sia te il volto del canale. Questo aiuta
col personal branding e a creare una connessione con le persone che
potranno seguirti.

Un’altro aspetto che puoi considerare è del testo che ricordi alle persone il
tuo payoff, oppure quello che racconterai sul canale. O ancora la frequenza
di pubblicazione.

Molti canali scrivono ‘Nuovo video ogni Mercoledì alle 10’ per esempio.
Questa aiuta il pubblico a ricordarsi che sarai costante nel caricare video e
aiuta le persone a capire quando dovranno aspettarsi i tuoi nuovi contenuti.

Nel caso tu inserisca link nella homepage, puoi anche mettere una freccia
che indichi questi link se devi invitare le persone a scaricare delle risorse
gratuite come una guida, un pdf o dei video gratuiti.

22 di 31
PASSO 8 - SEZIONI HOMEPAGE
Una volta impostata la copertina del canale, è tempo di passare ad
ottimizzare il resto della homepage.

Quando avrai caricato parecchi video, potrai creare le varie sezioni in cui
inserisci tutte le playlist, per rendere la homepage più organizzata e rendere
la vita più facile a chi vuole trovare facilmente i tuoi contenuti.

Però se stai partendo da zero immagino tu non abbia molti contenuti da


organizzare. E’ normale. Intanto ti ho dato questo spunto in modo tale che tu
possa prendere nota ed utilizzarlo in futuro.

Nel frattempo, anche se non hai video, puoi comunque mettere mano alla
homepage del tuo canale.

23 di 31
La prima cosa che ti consiglio di inserire sono i link al tuo sito e altre pagine
social.

Per fare questo puoi cliccare ancora una volta su Personalizza Canale

Fatto questo clicca sulla ghiera che trovi di fianco al bottone iscriviti ed
assicurati che la spunta su Personalizza il lay-out del tuo canale sia attiva.

24 di 31
Dopodiché clicca sulla matita che appare di fianco alla copertina in alto e poi
su modifica Link.

Si aprirà un’altra pagina nella quale puoi inserire i link al tuo sito o blog e
altre pagine social. Inseriscine un massimo di 5. Il primo che scrivi per
ordine sarà quello del tuo sito o blog. In questo modo il nome apparirà per
esteso. Nel caso tu offrissi un report gratuito o dei video gratuiti, puoi anche
inserire il nome del report qui.

25 di 31
Fatto questo noterai che sulla homepage i link appaiono sotto la copertina.

Alcuni canali per spingere le persone in maniera più decisa a visitare il sito
dalla homepage inseriscono delle frecce o delle grafiche con delle chiamate
all’azione scritte che invitino a cliccare per visitare il sito e scaricare quello
che viene offerto in omaggio in cambio dell’indirizzo email.

Ricordati di scrivere sempre nella pagina in cui inserisci i link anche una
breve descrizione del canale. Chi sei, cosa tratti nei video e cosa più
importante perché le persone dovrebbero iscriversi.

L’ultima sezione che puoi


personalizzare se ne hai
voglia (anche se non darà
una mano con la
performance in sé) consiste
nell’inserire altri canali che
consigli e che magari gestisci
(in quest’ultimo caso
aiuteresti gli altri canali a
crescere e ad avere traffico).

Puoi impostarlo cliccando


sulla matita che appare
quando col mouse vai su
Canali che ti consiglio (o il
nome che visualizzi te)

26 di 31
PASSO 9 - LIVE STREAMING
Tutti sappiamo quanto potenti siano le dirette per mantenere alta
l‘attenzione del nostro pubblico. Nell’ultimo periodo questa moda è esplosa
anche su altre piattaforme come Facebook ed Instagram.

Su YouTube hanno anche un’altra funzione molto importante al fine di


migliorare la performance del canale: infatti aumentano il tempo di sessione
(ossia il tempo in cui le persone rimangono su YouTube) e questo aiuta
molto a crescere.

Per attivare i live ti basta navigare nel Creator Studio e poi in Canale.

Qui trovi vari box, uno di questi è proprio quello per attivare i live streaming.
Dovrai accettare i termini e condizioni e rispettarli se non vorrai che ti
revochino questo privilegio. YouTube prende molto sul serio questo aspetto.

Il mio consiglio specie se sei agli inizi e non hai ancora molti video caricati è
quello di sperimentare con le dirette live. Ovviamente se hai pochi iscritti non

27 di 31
arriveranno in tanti ad assistere a meno che tu magari non promuova la
diretta su altre piattaforme social o newsletter facendo sapere a tutti quando
ci sarà questa live.

Però falle comunque, è un modo per prendere confidenza e se sei da solo a


farle non ti costerà tanto, solo il tempo che ci metti.

Eviterei solo di investire soldi per farsi gestire le dirette da parte magari di un
fornitore quando hai pochi. iscritti. I benefici sarebbero inferiori alla spesa.

28 di 31
PASSO 10 - SITO WEB ASSOCIATO
Veniamo al decimo ed ultimo passo. Anche questo non è determinante per
iniziare, ma ti consiglio di farlo il prima possibile.

Il sito web associato non è altro che un sito che possiedi, che una volta
collegato al canale può essere linkato dalle schede e schermate finali dei
tuoi video.

Se non sai cosa sono non ti preoccupare, ho diversi video sul mio canale a
riguardo. Ma per farla breve, sono elementi dinamici ed interattivi che
possiamo inserire nei video per mandare le persone sul nostro sito o blog.

Purtroppo per chi inizia e non ha la monetizzazione attivata non è possibile


inserire link al sito o blog. Però una volta raggiunti i requisiti che sono di
1000 iscritti e 4000 ore visualizzate in un anno è possibile farlo.

Perché YouTube ci chiede di associare un sito? Semplicemente perché nono


vuole che inseriamo link a siti che non sono di nostra proprietà. Quindi
dobbiamo fare una veloce procedura per provare a Google che siamo
effettivamente i proprietari del sito a cui vogliamo linkare.

Per fare questo naviga nel YouTube Studio nella sezione impostazioni
avanzate sotto Canale.

29 di 31
Nella schermata successiva trova la voce che dice Sito Web associato ed
inserisci l’indirizzo del tuo sito e clicca su Aggiungi.

Vedrai un bollino arancione, che ci dice che dobbiamo verificarlo.

Per fare questo ci sono vari modi. Possiamo farlo caricando un piccolo file
html nel nostro dominio tramite ftp (in questo caso puoi farti aiutare dal tuo
webmaster se non gestisci te il sito), tramite Google Tag Manager e altri
sistemi.

Quello del file caricato tramite ftp (anche se suona complicato) è il metodo
più facile.

Fatto questo il nostro sito è verificato e possiamo non pensarci più.

Quando avrai i requisiti potrai inserire link al tuo sito dalla schermata finale e
dalle schede dei tuoi video e potrai inserire link a qualsiasi pagina, non solo
la homepage ovviamente. L’unica cosa da ricordarti è di non fare scherzetti,
tipo aggiungere un redirect automatico che rimandi ad altri domini. Questo è
severamente vietato.

Ricordati che anche se ancora non hai i requisiti per aggiungere link al tuo
sito dalle schede e schermate finali perché non sei partner di YouTube e non
hai attivato la monetizzazione, non significa che tu non possa inserire link
dalla descrizione. Quello è sempre consentito quindi ti consiglio di farlo dal
giorno 1 in cui inizi la tua avventura nel mondo del video marketing.

30 di 31
CONCLUSIONE
Bene, giunti fin qui se sei riuscito a fare tutto hai un Canale pronto a ricevere
video e ben ottimizzato.

Ovviamente il vero lavoro inizia ora: caricare video su base costante che
siano ottimizzati al meglio e che aiutino le persone a capire perché
dovrebbero seguirti ed entrare in contatto con te.

Quindi l’avventura è appena partita e non devi pensare di avere finito, anzi.
Ma come si dice: chi ben comincia… e se segui i miei 10 passi sicuramente
hai iniziato bene.

Alcuni dei passi come sottolineato non sono necessari al 100% per partire,
ma il mio consiglio è di sistemare tutto PRIMA di partire a caricare video, in
modo tale che tu ti possa concentrare esclusivamente su produrre video ed
ottimizzarli al meglio in futuro.

Spero che questa guida ti sia stata utile. Mi piacerebbe avere il tuo feedback,
di modo tale che io possa migliorarla col tempo.

Se ti va di farlo, puoi trovarmi nel gruppo YouTube Marketing Pro nel quale
ogni giorno con altri professionisti ed imprenditori ci confrontiamo per
crescere insieme sulla piattaforma e per aumentare il numero di contatti per
le nostre rispettive attività.

Se ti andrà di farlo, vai qui e lasciami un commento.

Per il momento non mi rimane che farti i complimenti se sei arrivato fin qui e
se hai implementato tutto quanto abbiamo visto insieme, e augurarti buon
lavoro con i tuoi video.

A presto!

31 di 31