Sei sulla pagina 1di 28

Acustica

NORMA ITALIANA Rumore emesso dalle macchine e dalle UNI EN ISO


apparecchiature - Misurazione dei livelli di pressione 11204
sonora al posto di lavoro e in altre specifiche posizioni
Metodo richiedente correzioni ambientali
NOVEMBRE 1997

Acoustics
Noise emitted by machinery and equipment - Measurement of
emission sound pressure levels at a work station and at other
specified positions
Method requiring environmental corrections

NORMA EUROPEA
DESCRITTORI Acustica, posto di lavoro, ergonomia, rumore: suono, rumore emesso da
motori, misurazione acustica, pressione sonora, livello, correzione: errore,
ambiente

CLASSIFICAZIONE ICS 17.140.20

SOMMARIO La norma descrive un metodo di misurazione dei livelli di pressione sonora


di emissione delle macchine e delle apparecchiature al posto di lavoro e in
altre specifiche posizioni adiacenti all’interno di un qualsiasi ambiente che
soddisfi determinati requisiti di qualificazione. I livelli di pressione sonora di
emissione vengono misurati come livelli ponderati A e, ove richiesto, come
livelli di picco ponderati C e livelli per bande di frequenza.

RELAZIONI NAZIONALI

RELAZIONI INTERNAZIONALI = EN ISO 11204:1995 (= ISO 11204:1995)


La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN ISO 11204 (edizione dicembre 1995) e tiene conto dell’errata
corrige dell’aprile 1997 (AC:1997).

ORGANO COMPETENTE Commissione "Acustica"

RATIFICA Presidente dell’UNI, delibera del 20 ottobre 1997

RICONFERMA

UNI © UNI - Milano 1997


Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Battistotti Sassi, 11B il consenso scritto dell’UNI.
20133 Milano, Italia

Gr. 8 Nº di riferimento UNI EN ISO 11204:1997 Pagina I di IV


PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN ISO 11204 (edizione dicembre 1995 + errata
corrige AC:1997), che assume così lo status di norma nazionale ita-
liana.
La traduzione è stata curata dall’UNI.
La Commissione "Acustica" dell’UNI, che segue i lavori europei
sull’argomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha
approvato il progetto europeo il 25 ottobre 1995 e la versione in lin-
gua italiana della norma il 5 novembre 1997.

Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza


tra le norme citate al punto "Riferimenti normativi" e in appendice D
e le norme italiane vigenti:
ISO 3743-1:1994 = UNI EN ISO 3743-1:1997
ISO 7779:1988 = UNI EN 27779:1993
ISO 9614-1:1993 = UNI EN ISO 9614-1:1997
ISO 11200:1995 = UNI EN ISO 11200:1997
ISO 11201:1995 = UNI EN ISO 11201:1997
ISO 11202:1995 = UNI EN ISO 11202:1997
ISO 11203:1995 = UNI EN ISO 11203:1997

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni
o di aggiornamenti.
È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina II di IV


INDICE

PREMESSA 2

0 INTRODUZIONE 3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3


1.1 Generalità...................................................................................................................................................... 3
1.2 Tipi di rumore e fonti di rumore ......................................................................................................... 4
1.3 Ambiente di prova..................................................................................................................................... 4
1.4 Posizioni specifiche ................................................................................................................................. 4
1.5 Incertezza della misurazione .............................................................................................................. 4

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 5

3 DEFINIZIONI 5

4 INCERTEZZA DELLA MISURAZIONE 8

5 STRUMENTAZIONE 8

6 AMBIENTE DI PROVA 9
6.1 Generalità...................................................................................................................................................... 9
6.2 Criterio di idoneità dell’ambiente di prova ................................................................................... 9
6.3 Posizioni relative a posti di lavoro situati in uno spazio chiuso ....................................... 9
6.4 Criterio di misurazione del rumore di fondo................................................................................ 9
6.5 Condizioni ambientali durante le misurazioni ............................................................................ 9
6.6 Correzione ambientale locale.......................................................................................................... 10

7 GRANDEZZE DA MISURARE 10

8 GRANDEZZE DA DETERMINARE 10

9 INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA MACCHINA SOTTOPOSTA


A PROVA 10
9.1 Generalità................................................................................................................................................... 10
9.2 Ubicazione della sorgente ................................................................................................................. 11
9.3 Montaggio della sorgente .................................................................................................................. 11
9.4 Apparecchiature ausiliarie ................................................................................................................. 12
9.5 Funzionamento della macchina durante la prova ................................................................ 12

10 MISURAZIONI 13
10.1 Intervallo temporale di misurazione ............................................................................................. 13
10.2 Procedimento di misurazione .......................................................................................................... 14

11 POSIZIONI MICROFONICHE 15
11.1 Generalità................................................................................................................................................... 15
11.2 Posizione/i microfonica/che quando l’operatore è seduto ............................................... 15
11.3 Posizione/i microfonica/che quando l’operatore è in piedi o fermo sul posto ....... 15
11.4 Posizione/i microfonica/che quando l’operatore si sposti lungo uno specifico
percorso ...................................................................................................................................................... 15
11.5 Posizioni microfoniche per posizioni di assistenza e macchine prive di
operatore ..................................................................................................................................................... 16

12 INFORMAZIONI DA REGISTRARE 16
12.1 Macchina sottoposta a prova .......................................................................................................... 16
12.2 Condizioni di prova ............................................................................................................................... 16

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina III di IV


12.3 Ambiente acustico ................................................................................................................................. 17
12.4 Strumentazione ...................................................................................................................................... 17
12.5 Ubicazione di specifiche posizioni................................................................................................ 17
12.6 Dati sul rumore........................................................................................................................................ 17

13 INFORMAZIONI DA RIPORTARE 17

APPENDICE A CORREZIONE AMBIENTALE PER UNA POSIZIONE SPECIFICA -


(normativa) DETERMINAZIONE DELLA CORREZIONE AMBIENTALE LOCALE K3 18
A.1 Generalità .................................................................................................................................................. 18
A.2 Determinazione della correzione ambientale locale K3 sulla base della
correzione ambientale media K2 .................................................................................................. 18
figura A.1 K3j ottenuto da K2 e L' j Ð L' .......................................................................................................... 19
A.3 Determinazione della correzione ambientale locale K3 sulla base dell’area di
assorbimento acustico equivalente A della camera di prova ........................................ 19
A
figura A.2 K3j determinato da ---- e L' j Ð L' .................................................................................................... 20
S
APPENDICE B ESEMPIO DI UN TAVOLO DI PROVA 21
(informativa)
figura B.1 Esempio di un tavolo di prova ........................................................................................................ 21

APPENDICE C LINEE GUIDA PER IL RILEVAMENTO DI RUMORE IMPULSIVO 22


(informativa)

APPENDICE D BIBLIOGRAFIA 23
(informativa)

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina IV di IV


Acustica
NORMA EUROPEA Rumore emesso dalle macchine e dalle EN ISO 11204
apparecchiature - Misurazione dei livelli di pressione
sonora al posto di lavoro e in altre specifiche posizioni
Metodo richiedente correzioni ambientali
DICEMBRE 1995

Acoustics
EUROPEAN STANDARD Noise emitted by machinery and equipment - Measurement of
emission sound pressure levels at a work station and at other
specified positions
Method requiring environmental corrections (ISO 11204:1995)
Acoustique
NORME EUROPÉENNE Bruit émis par les machines et équipements - Mesurage des niveaux
de pression acoustique d’émission au poste de travail et en d’autres
positions spécifiées
Méthode nécessitant des corrections d’environnement (ISO 11204:1995)
Akustik
EUROPÄISCHE NORM Geräuschabstrahlung von Maschinen und Geräten - Messung von
Emissions-Schalldruckpegeln am Arbeitsplatz und an anderen
festgelegten Orten
Verfahren mit Umgebungskorrefturen (ISO 11204:1995)

DESCRITTORI Acustica, posto di lavoro, ergonomia, rumore: suono, rumore emesso da motori,
misurazione acustica, pressione sonora, livello, correzione: errore, ambiente

ICS 17.140.00

La presente norma europea è stata approvata dal CEN il 21 novembre 1995.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalità secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche.
Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali
corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centra-
le oppure ai membri del CEN.
Le norme europee sono emanate in tre versioni ufficiali (inglese, francese e te-
desca). Traduzioni nella lingua nazionale, fatte sotto la propria responsabilità
da membri del CEN e notificate alla Segreteria Centrale, hanno il medesimo
status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spa-
gna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comité Européen de Normalisation
Europäisches Komitee für Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

© CEN 1995
I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 1 di 24


PREMESSA
Il testo della norma internazionale ISO 11204:1995 è stato elaborato dal Comitato Tecnico
ISO/TC 43 "Acustica" in collaborazione con il Comitato Tecnico CEN/TC 211 "Acustica".
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o me-
diante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro giugno
1996, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro giugno 1996.
La presente norma europea è stata elaborata nell’ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall’Associazione Europea di Libero Scambio ed è di sup-
porto ai requisiti essenziali della/e Direttiva/e dell’UE.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, i seguenti Paesi sono tenuti ad adot-
tare la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germa-
nia, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Re-
gno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

NOTIFICA DI ADOZIONE
Il testo della norma internazionale ISO 11204:1995 è stato approvato dal CEN come nor-
ma europea senza alcuna modifica.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 2 di 24


0 INTRODUZIONE

0.1 La presente norma internazionale descrive un metodo di misurazione dei livelli di pressio-
ne sonora di emissione al posto di lavoro e in altre specifiche posizioni in prossimità di una
macchina o di un’apparecchiatura. Il metodo illustrato nella presente norma internaziona-
le si rifà al metodo descritto nella ISO 11201 (metodo tecnico progettuale), ad eccezione
di quanto segue:
a) è consentito effettuare misurazioni in sito; e
b) viene indicato un metodo per la determinazione di una correzione ambientale locale
che fornisca risultati che si avvicinano a quelli ottenuti in un campo sonoro libero so-
pra un piano riflettente. Tale correzione viene impiegata per ottenere i livelli di pressio-
ne sonora di emissione in specifiche posizioni, ivi inclusi i posti di lavoro. Se tale cor-
rezione è minore del valore specificato, i risultati rientrano nella classe di precisione di
un metodo tecnico progettuale; diversamente, la classe di precisione sarà quella di un
metodo di controllo.

0.2 La presente norma internazionale appartiene a una serie di norme (dalla ISO 11200 alla
ISO 11204) che descrive diversi metodi di determinazione delle emissioni di rumore di una
macchina o di un’apparecchiatura o di un sottogruppo di tale apparecchiatura (macchina
sottoposta a prova). La norma ISO 11200 fornisce alcune linee guida per la scelta del me-
todo da utilizzare per determinare i livelli di pressione sonora di emissione di macchine e
apparecchiature. Essa illustra inoltre in dettaglio le norme internazionali contenenti metodi
di determinazione dei livelli di potenza sonora.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1.1 Generalità
La presente norma internazionale descrive un metodo di misurazione dei livelli di pressio-
ne sonora di emissione delle macchine e delle apparecchiature al posto di lavoro e in altre
specifiche posizioni adiacenti all’interno di un qualsiasi ambiente che soddisfi determinati
requisiti di qualificazione.
I livelli di pressione sonora di emissione vengono misurati come livelli ponderati A e, ove
richiesto, come livelli di picco ponderati C e livelli per bande di frequenza.
Nota 1 Il contenuto della presente norma e delle norme internazionali ad essa collegate è sintetizzato nel
prospetto 1 della ISO 11200:1995.
La presente norma internazionale fornisce un metodo per la determinazione di una corre-
zione ambientale locale (per la quale viene indicato un valore massimo ammissibile) da
applicare ai livelli di pressione sonora misurati allo scopo di neutralizzare gli effetti di rifles-
sioni provenienti da superfici riflettenti diverse dal piano sopra al quale si trovano le mac-
chine o le apparecchiature. Tale correzione viene determinata sulla base del livello medio
di pressione sonora su una superficie di misurazione, il livello di pressione sonora misu-
rato in una posizione specifica e, alternativamente, un indicatore ambientale o l’area di
assorbimento equivalente della camera di prova. La classe di precisione nella quale rien-
trano i risultati delle misurazioni (metodo tecnico progettuale o di controllo) dipende dal
valore della correzione ambientale locale.
Il posto di lavoro, occupato da un operatore, può essere situato in uno spazio aperto all’in-
terno del locale in cui è in funzione la sorgente oppure in una cabina fissata permanente-
mente alla sorgente o ancora in uno spazio interamente chiuso distante dalla sorgente. Una
o più specifiche posizioni possono trovarsi in prossimità di una macchina con o senza ope-
ratore. Tali posizioni vengono talvolta designate con il termine di posizioni di assistenza.
La presente norma internazionale specifica i requisiti relativi all’ambiente di prova, oltre a
fornire istruzioni sull’installazione e il funzionamento della macchina sottoposta a prova
come pure sulla scelta delle posizioni microfoniche nel posto di lavoro e in altre specifiche
posizioni. Scopo di queste misurazioni è consentire di effettuare un confronto fra le pre-
stazioni delle diverse unità di una particolare famiglia di macchine o apparecchiature in
condizioni ambientali specificate come pure in condizioni di montaggio e funzionamento

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 3 di 24


normate. I dati ottenuti dal confronto possono inoltre essere utilizzati per la dichiarazione
e verifica dei livelli di pressione sonora di emissione conformemente a quanto prescritto
dalla ISO 4871.
Nota 2 In una qualsiasi posizione legata a una macchina e in determinate condizioni di montaggio e di fun-
zionamento, i livelli di pressione sonora di emissione misurati applicando il metodo prescritto dalla
presente norma internazionale saranno generalmente minori dei livelli di pressione sonora della me-
desima macchina misurati direttamente nell’ambiente di lavoro in cui essa viene solitamente utiliz-
zata. Ciò è dovuto alla riverberazione e agli apporti provenienti da altre macchine. La ISO 11690-3
fornisce un metodo di calcolo dei livelli di pressione sonora in prossimità di una macchina che non
sia situata accanto ad altre macchine in funzione all’interno di uno stesso locale. Gli scarti general-
mente osservati sono da 1 dB a 5 dB, anche se, in casi estremi, possono essere anche maggiori.

1.2 Tipi di rumore e fonti di rumore


Il metodo specificato nella presente norma internazionale si applica a qualsiasi tipo di
macchina, fissa o mobile, destinata a impieghi all’esterno o all’interno.
Questo metodo si applica a macchine di qualsiasi dimensione e a tutti i tipi di rumore spe-
cificati nelle ISO 2204 e ISO 12001.

1.3 Ambiente di prova


Questo metodo si applica ad ambienti interni o esterni conformi a requisiti specifici e in cui
siano presenti uno o più piani riflettenti.

1.4 Posizioni specifiche


La presente norma internazionale si applica a posti di lavoro e ad altre posizioni specifi-
che in cui debbano essere effettuate misurazioni dei livelli di pressione sonora di emissio-
ne.
Fra le posizioni idonee all’effettuazione di tali misurazioni figurano:
a) posto di lavoro situato in prossimità della macchina sottoposta a prova; in questa ca-
tegoria rientrano molte macchine industriali e molti elettrodomestici;
b) posto di lavoro all’interno di una cabina che sia parte integrante della macchina sotto-
posta a prova; in questa categoria rientrano molti automezzi industriali e macchine
per movimento terra;
c) posto di lavoro racchiuso interamente o in parte in una struttura (o separato da un divi-
sorio) fornita dal fabbricante quale parte integrante della macchina o apparecchiatura;
d) posto di lavoro chiuso interamente o in parte dalla macchina sottoposta a prova; que-
sta situazione è riscontrabile in caso di impiego di grandi macchine industriali;
e) posizioni di assistenza occupate da personale non addetto al funzionamento della
macchina sottoposta a prova ma situate occasionalmente o permanentemente nelle
sue immediate vicinanze;
f) altre specifiche posizioni, non necessariamente posti di lavoro o posizioni di assistenza.
Il posto di lavoro può inoltre trovarsi su uno specifico percorso lungo il quale l’operatore si
sposta (vedere 11.4).

1.5 Incertezza della misurazione


Pur non essendo possibile fornire valori universali per lo scarto tipo di riproducibilità dei li-
velli di pressione sonora di emissione al posto di lavoro, il punto 4 contiene alcune indica-
zioni utili.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 4 di 24


2 RIFERIMENTI NORMATIVI
Le norme sottoindicate contengono disposizioni valide anche per la presente norma, in
quanto in essa espressamente richiamate.
Al momento della pubblicazione della presente norma erano in vigore le edizioni sottoin-
dicate.
Tutte le norme sono soggette a revisione, pertanto gli interessati che stabiliscono accordi
sulla base della presente norma sono invitati a verificare la possibilità di applicare le edi-
zioni più recenti delle norme richiamate. I membri dell’ISO e dell’IEC posseggono gli elen-
chi delle norme internazionali in vigore.
ISO 2204:1979 Acustica - Guida per la scelta di norme internazionali sulla misura-
zione del rumore per via aerea e la valutazione dei suoi effetti agli
esseri umani
ISO 3744:1994 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle sor-
genti di rumore mediante pressione sonora - Metodo tecnico pro-
gettuale in un campo essenzialmente libero su un piano riflettente
ISO 3746:1995 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle sor-
genti di rumore mediante pressione sonora - Metodo di controllo
con una superficie avvolgente su un piano riflettente
ISO 11200:1995 Acustica - Rumore emesso dalle macchine e dalle apparecchiatu-
re - Linee guida per l’uso delle norme di base per la determinazio-
ne dei livelli di pressione sonora al posto di lavoro e in altre speci-
fiche posizioni
ISO 12001:-1) Acustica - Rumore emesso da macchine ed apparecchiature - Re-
gole per la stesura e la presentazione di una guida per prove di ru-
morosità
IEC 651:1979 Fonometri
IEC 804:1985 Fonometri integratori
IEC 942:1988 Calibratori acustici
IEC 1260:-2) Elettroacustica - Filtri a banda di ottava e frazione di ottava

3 DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma internazionale, si applicano le definizioni seguenti. Per defini-
zioni più dettagliate, si rimanda alle procedure per prove di rumorosità relativi a specifici
modelli di macchine e apparecchiature.

3.1 emissione: Suono irradiato da una sorgente di rumore nota (per esempio la macchina
sottoposta a prova).
Nota 3 Sull’etichetta e/o nella specifica di un prodotto possono essere indicati i principali descrittori
dell’emissione di rumore, ossia il livello di potenza sonora della sorgente stessa e i livelli di pressione
sonora di emissione al posto di lavoro e/o in altre specifiche posizioni (se presenti) in prossimità del-
la sorgente.

3.2 pressione sonora di emissione, p: Pressione sonora rilevabile in una posizione specifica
situata in prossimità di una sorgente di rumore nel momento stesso in cui questa è attivata
in condizioni di funzionamento e di montaggio specificate e su una superficie riflettente
piana escludendo gli effetti del rumore di fondo come pure gli effetti di riflessioni diverse
da quelle prodotte dal piano o dai piani ammessi ai fini della prova. È espressa in pascal.

3.3 livello di pressione sonora di emissione, Lp: Dieci volte il logaritmo decimale del rap-
porto fra il quadrato della pressione sonora di emissione, p2(t ) e il quadrato della pressio-
2
ne sonora di riferimento, p , misurata applicando una particolare ponderazione del tempo
0

1) Da pubblicare. (Nota nazionale - La norma è stata pubblicata nel 1996).


2) Da pubblicare. (Revisione della IEC 225:1966).

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 5 di 24


e una particolare ponderazione della frequenza scelte fra quelle indicate dalla IEC 651. È
espresso in decibel. La pressione sonora di riferimento è pari a 20 µ Pa.
Nota 4 Gli esempi comprendono:
- Livello massimo di pressione sonora di emissione ponderato A con ponderazione del tempo F:
L pAFmax ;
- Livello di picco ponderato C della pressione sonora di emissione: L pC,picco
Il livello di pressione sonora di emissione relativo a una posizione specifica deve essere
determinato sulla base di un codice di prova relativo a una specifica famiglia di macchine
o, qualora questo non esista, di un metodo conforme alle prescrizioni contenute nella se-
rie ISO 11200.

3.3.1 livello temporale medio di pressione sonora di emissione, L peqT : Livello di pressione sonora
di emissione di un suono continuo e stazionario che, in un intervallo temporale di misura-
zione, T, possieda la medesima pressione sonora quadratica media del suono considera-
to, variabile nel tempo.
È espresso in decibel ed è dato dalla formula seguente:
formula 1
2
1 T p (t )
L peqT = 10 lg ---- ∫ ------------
- d t dB
T 0 p2
0

L pAeqT , generalmente abbreviato L pA, esprime i livelli temporali medi ponderati A della
pressione sonora di emissione. L pAeqT deve essere misurato con uno strumento conforme
ai requisiti della IEC 804.
Nota 5 Generalmente, dal momento che i livelli temporali medi di pressione sonora di emissione vengono
necessariamente misurati all’interno di un certo intervallo di tempo di misurazione, i pedici eq e T
vengono omessi.
Nota 6 La formula 1 è identica a quella fornita per il già noto descrittore ISO del rumore ambientale definito
come "livello di pressione sonora continua equivalente" della ISO 1996-1. Tuttavia, la grandezza di
emissione sopra specificata viene utilizzata per caratterizzare il rumore emesso da una macchina
sottoposta a prova e presuppone che, per la misurazione, si adottino condizioni di misurazione e
funzionamento normate come pure un ambiente acustico controllato.

3.3.2 livello di picco della pressione sonora di emissione, L p,picco : Il più alto valore istantaneo
raggiunto dal livello di pressione sonora di emissione durante un ciclo di funzionamento.
È espresso in decibel.

3.3.3 livello di pressione sonora di emissione di un evento isolato, L p,1s : Livello di pressione so-
nora di emissione temporale medio di un evento sonoro isolato di durata specifica T (o
tempo di misurazione specifico T ) normato a T 0 = 1 s .
È espresso in decibel ed è dato dalla formula seguente:
formula 2
2
1 T p (t )
L p,1s = 10 lg ------- ∫ ------------
- dt dB
T 0 0 p2
0

T
= L peqT + 10 lg ------- dB
T0
Nota 7 La formula sopra riportata è identica a quella fornita per il già noto descrittore ISO di rumore am-
bientale definito come "livello di esposizione sonora". Tuttavia, la grandezza di emissione soprade-
finita viene utilizzata per caratterizzare una sorgente del rumore e presuppone che, per le misura-
zioni, si utilizzi un ambiente acustico controllato.

3.4 indice di rumore impulsivo (impulsività): Grandezza che consente di caratterizzare il ru-
more emesso da una sorgente come "impulsivo". (Vedere appendice C). È espresso in de-
cibel.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 6 di 24


3.5 campo sonoro libero sopra un piano riflettente: In un mezzo omogeneo e isotropico,
campo sonoro che si crea nella metà superiore dello spazio di una superficie piana, rigida,
di dimensioni infinite sulla quale è ubicata la macchina sottoposta a prova.

3.6 posto di lavoro; posizione dell’operatore: Posizione destinata all’operatore in prossimità


della macchina sottoposta a prova.

3.7 operatore: Persona il cui posto di lavoro si trova in prossimità di una macchina e che svol-
ge una mansione ad essa associata.

3.8 posizione specifica: Posizione definita in rapporto a una macchina, che include anche,
ma non solo, la posizione di un operatore. La posizione può essere singola, fissa o com-
prendere una combinazione di punti lungo un percorso o una superficie situati a una di-
stanza specifica dalla macchina, come descritto dalla relativa procedura per prove di ru-
morosità, se presente.
Nota 8 Le posizioni situate in prossimità di un posto di lavoro o di una macchina priva di operatore possono
essere identificate come "posizioni di assistenza".

3.9 periodo di funzionamento: Intervallo di tempo durante il quale la macchina sottoposta a


prova compie uno specifico processo (per esempio, per una lavastoviglie, o il lavaggio o il
risciacquo o l’asciugatura).

3.10 ciclo di funzionamento: Sequenza specifica di periodi di funzionamento che si susse-


guono nell’arco di tempo in cui la macchina sottoposta a prova esegue un ciclo di lavoro
completo. A ciascun periodo di funzionamento è associato uno specifico processo che
può compiersi una sola volta o essere ripetuto durante il ciclo di funzionamento (per esem-
pio, per una lavastoviglie, il lavaggio, il risciacquo e l’asciugatura).

3.11 intervallo temporale di misurazione: Parte o multiplo di un periodo di funzionamento o


di un ciclo di funzionamento per il quale venga determinato il livello di pressione sonora di
emissione o durante il quale si ricerchi il livello massimo di pressione sonora di emissione.

3.12 registrazione in funzione del tempo: Registrazione continua del livello di pressione so-
nora di emissione in funzione del tempo effettuata durante uno o più periodi di funziona-
mento di un ciclo di funzionamento.

3.13 rumore di fondo: Rumore proveniente da qualsiasi sorgente diversa dalla macchina sot-
toposta a prova.
Nota 9 Il rumore di fondo può comprendere gli apporti di suoni propagantisi via aerea, di vibrazioni propa-
gantesi per via strutturale e di rumori di natura elettrica provenienti da strumentazione.

3.14 livello di rumore di fondo: Livello di pressione sonora misurato quando la macchina sot-
toposta a prova non è in funzione. È espresso in decibel.

3.15 correzione del rumore di fondo, K1: Termine correttivo che tiene conto dell’influenza del
rumore di fondo sul livello di pressione sonora di emissione in specifiche posizioni della
macchina sottoposta a prova. K1 è funzione della frequenza ed è espresso in decibel. In
caso di ponderazione A, la correzione K1A deve essere calcolata sulla base dei valori ot-
tenuti mediante ponderazione A.

3.16 indicatore ambientale, K2: Termine che tiene conto dell’influenza del suono riflesso o as-
sorbito sul livello di pressione sonora superficiale. K2 è funzione della frequenza ed è
espresso in decibel. In caso di ponderazione A, è indicato da K2A (vedere la serie ISO 3740).

3.17 correzione ambientale locale, K3: Termine correttivo che tiene conto dell’influenza del
suono riflesso sul livello di pressione sonora di emissione in una posizione specifica (per
esempio un posto di lavoro) legata alla macchina sottoposta a prova. K3 è funzione della
frequenza e della posizione e viene espresso in decibel. In caso di ponderazione A, è in-
dicato da K3A.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 7 di 24


4 INCERTEZZA DELLA MISURAZIONE
Un singolo valore relativo a un livello di pressione sonora di emissione di una sorgente di
rumore determinato applicando il metodo illustrato nella presente norma internazionale si
scosterà probabilmente dal reale valore rilevato in una posizione fissa di un valore com-
preso nell’intervallo di incertezza della misurazione. L’incertezza delle misurazioni dei li-
velli di pressione sonora di emissione è attribuibile a svariati fattori che influenzano i risul-
tati, legati in parte alle condizioni ambientali del locale in cui vengono effettuate le misu-
razioni e in parte alle tecniche di sperimentazione.
L’incertezza della misurazione dipende dallo scarto tipo di riproducibilità e dal grado di fi-
ducia desiderato. I dati ottenuti da misurazioni estensive risultano indispensabili per sta-
bilire il valore degli scarti tipo di riproducibilità dei livelli di pressione sonora di emissione
nelle singole posizioni. Ad ogni modo, tali scarti tipo sono suscettibili di variare in misura
significativa a seconda del tipo di macchina o di apparecchiatura impiegato all’interno del-
la categoria di macchine e apparecchiature a cui si applica la presente norma internazio-
nale. Pertanto, essendo impossibile fornire informazioni universalmente applicabili, per
l’ottenimento di dati pertinenti ai singoli tipi di sorgenti del rumore ci si limita a rimandare
alle procedure per prove di rumorosità.
Il metodo descritto nella presente norma internazionale offre vari gradi di precisione a se-
conda della posizione specifica e della relativa correzione ambientale locale. Se K3A è mi-
nore o uguale di 2 dB, i risultati ottenuti rientreranno nella classe di precisione di un me-
todo tecnico progettuale. Se K3A è maggiore di 2 dB ma minore o uguale a 7 dB, i risultati
ottenuti rientreranno nella classe di precisione di un metodo di controllo. La precisione è
funzione della posizione.
Per il livello di pressione sonora di emissione ponderato A di una sorgente che emette ru-
more con uno spettro relativamente "piatto" nella gamma di frequenze fra 100 Hz e
10 000 Hz, è possibile prevedere l’ottenimento di un valore di scarto tipo di riproducibilità
uguale o minore di 2,5 dB (escludendo variazioni nelle condizioni di funzionamento e di
montaggio) per misurazioni che rientrano nella classe di precisione di un metodo tecnico
progettuale e pari o minore a 5 dB per misurazioni che rientrano nella classe di precisione
di un metodo di controllo. Allo scarto tipo di riproducibilità è stato attribuito un valore mas-
simo che, per una famiglia di macchine ben definita, potrebbe tuttavia risultare più basso.
È stato dimostrato, per esempio, che, per una famiglia di macchine per la lavorazione del
legno, lo scarto tipo di riproducibilità è di 1,0 dB.

5 STRUMENTAZIONE
L’insieme degli strumenti, ivi inclusi microfono e cavo, deve soddisfare i requisiti specificati
nella IEC 651, per gli strumenti di classe 1 oppure, nel caso di impiego di fonometri inte-
gratori o mediatori, nella IEC 804.
Per misurazioni per bande di ottava o di terzo di ottava, i filtri devono essere conformi ai
requisiti della IEC 1260.
Prima e dopo ciascuna serie di misurazioni, al microfono deve essere applicato un cali-
bratore acustico avente una precisione di ± 0,3 dB (classe 1 come indicato nella IEC 942)
allo scopo di verificare la calibrazione dell’insieme degli strumenti di misurazione a una o
più frequenze entro la gamma considerata.
La conformità del calibratore ai requisiti specificati nella IEC 942 deve essere verificata
con cadenza annuale. La conformità dell’insieme degli strumenti ai requisiti specificati
nella IEC 651 (oppure, in caso di sistemi integratori-mediatori, ai requisiti specificati nella
IEC 804) deve essere verificata con cadenza biennale.
Deve essere registrata la data dell’ultima verifica di conformità ai requisiti delle norme IEC
applicabili caso per caso.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 8 di 24


6 AMBIENTE DI PROVA

6.1 Generalità
Qualsiasi ambiente conforme ai requisiti di qualificazione di cui in 6.2 e adeguatamente
isolato dai rumori di fondo secondo quanto prescritto in 6.4 risulta idoneo all’effettuazione
di misurazioni conformemente a quanto specificato nella presente norma internazionale.

6.2 Criterio di idoneità dell’ambiente di prova


Le ISO 3744:1994, appendice A, e ISO 3746:1995, appendice A, descrivono i metodi di
determinazione del valore dell’indicatore ambientale K2A allo scopo di compensare gli
scostamenti dell’ambiente di prova dalle condizioni ideali di campo libero. Relativamente
alla presente norma internazionale, l’indicatore ambientale K2A non deve superare il valo-
re di 7 dB.

6.3 Posizioni relative a posti di lavoro situati in uno spazio chiuso


Qualora l’operatore sia dislocato in una cabina chiusa o in uno spazio chiuso distante dal-
la macchina sottoposta a prova, la cabina o lo spazio chiuso sono considerati parte inte-
grante della macchina sottoposta a prova. Di conseguenza, le riflessioni sonore all’interno
della cabina o dello spazio chiuso sono considerate come apporti al livello di pressione
sonora di emissione. Non è consentita l’applicazione di correzioni ambientali.
Durante le misurazioni dell’emissione di rumore, le porte e le finestre della cabina o dello
spazio chiuso devono essere chiuse o aperte a seconda di quanto prescritto dalla proce-
dura per prove di rumorosità relativa alle macchine o alle apparecchiature sottoposte a
prova.
Nota 10 Sulla base dei requisiti della norma internazionale relativamente alla strumentazione e al livello di
rumore di fondo, le misurazioni saranno conformi, in termini di requisiti e precisione, ai risultati forniti
da un metodo tecnico progettuale (vedere ISO 11201).
Qualora il posto di lavoro o la posizione di assistenza della macchina si trovino all’interno
di una cabina, la procedura per prove di rumorosità deve prevedere un ulteriore posto di
lavoro o posizione di assistenza "convenzionale" all’esterno della cabina (per esempio a
scopo manutentivo) in prossimità della macchina sottoposta a prova.

6.4 Criterio di misurazione del rumore di fondo


In corrispondenza della/e posizione/i microfonica/che, il rumore di fondo (incluso il rumore
eolico captato dal microfono) misurato come livello ponderato di pressione sonora oppure
per ciascuna banda di frequenza considerata deve essere minore di almeno 6 dB (prefe-
ribilmente, di più di 15 dB) al livello richiesto per la macchina sottoposta a prova. La se-
guente formula consente di ricavare le correzioni al rumore di fondo in decibel:
formula 3
Ð 0,1∆ L
K1 = Ð 10 lg ( 1 Ð 10 ) dB
dove:
∆L è la differenza fra i diversi livelli di pressione sonora misurati in una posizione spe-
cifica della macchina sottoposta a prova rispettivamente in funzione e non in fun-
zione.
Ai fini della presente norma internazionale, se ∆ L > 15 dB, supporre K 1 = 0 ; se ∆ L < 6 dB
(vale a dire, K1A > 1,3 dB), la misurazione non è valida conformemente a quanto specificato
nella presente norma internazionale.
K1 deve essere determinato per ciascuna posizione microfonica.

6.5 Condizioni ambientali durante le misurazioni


Alcune condizioni ambientali sfavorevoli (per esempio forti campi magnetici o elettrici, ven-
to, basse o alte temperature, o ancora l’impatto con l’aria scaricata dalla macchina sotto-
posta a prova) possono influire negativamente sul microfono utilizzato per le misurazioni.
Esse devono essere evitate scegliendo o posizionando il microfono in maniera adeguata.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 9 di 24


6.6 Correzione ambientale locale
L’appendice A illustra un metodo di determinazione del valore della correzione ambientale
locale K3 allo scopo di compensare l’effetto prodotto dal suono riflesso sul livello di pres-
sione sonora di emissione in una o più specifiche posizioni.
Per poter essere applicato, il metodo descritto all’appendice A richiede dati relativi ad al-
cune posizioni di misurazione situate intorno alla macchina sottoposta a prova nonché in-
formazioni sulle proprietà acustiche della camera di prova. I risultati ottenuti dalle misura-
zioni effettuate conformemente a quanto prescritto dalla presente norma internazionale
vengono ritenuti validi se K3A non è maggiore di 7 dB. Se K3A è minore o uguale a 2 dB, i
risultati ottenuti rientrano nella classe di precisione di un metodo tecnico progettuale. Se
K3A è maggiore di 2 dB ma minore o uguale a 7 dB, i risultati ottenuti rientrano nella classe
di precisione di un metodo di controllo.

7 GRANDEZZE DA MISURARE
Le grandezze di base da misurare in ciascuna posizione specifica durante i periodi di fun-
zionamento o il ciclo di funzionamento specificati per la macchina sottoposta a prova sono:
- il livello di pressione sonora ponderato A, L' pA (l’apice indica valori misurati);
- il livello di picco della pressione sonora ponderato C, L pC,picco .
Nota 11 Come richiesto per la progettazione di macchine a bassa emissione di rumore, i livelli di pressione
sonora possono inoltre essere misurati utilizzando altre ponderazioni in frequenza oppure in bande
di frequenza di ottava o di terzi di ottava, nonché qualsiasi altro elemento relativo a registrazioni
dell’emissione di rumore in funzione del tempo (impulsività, livello di pressione sonora in funzione
del tempo, ecc.).
Nota 12 Per alcune applicazioni, può non essere necessario misurare il valore del livello di picco ponderato
C della pressione sonora. (Vedere punto 5, nota 4 della ISO 4871:-).

8 GRANDEZZE DA DETERMINARE
Allo scopo di determinare i livelli di pressione sonora di emissione in una posizione spe-
cifica, devono essere applicate sia le correzioni del rumore di fondo K1 sia le correzioni
ambientali locali K3 ai livelli di pressione sonora misurati, ad eccezione dei livelli di picco,
L pC,picco , per i quali non sono ammesse correzioni.
Le correzioni K1 e K3 da applicare sono quelle relative alla ponderazione della frequenza per
la quale siano stati misurati i livelli di pressione sonora di emissione. Per ponderazione A:
formula 4

L pA = L' pA Ð K 1A Ð K 3A
dove l’apice indica i valori misurati e l’assenza dell’apice i valori di emissione.
Non è ammessa l’applicazione di correzioni ambientali a una posizione specifica situata
all’interno di uno spazio chiuso come quello descritto in 6.3.
Nota 13 Se la macchina sottoposta a prova produce eventi sonori isolati, si dovrebbe determinare il livello di
pressione sonora di emissione di un evento isolato raggiunto in una posizione specifica L p,1s (vede-
re 3.3.3).

9 INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA MACCHINA SOTTOPOSTA A PROVA

9.1 Generalità
Le modalità di installazione e funzionamento della macchina sottoposta a prova possono
influire in misura significativa sui livelli di pressione sonora di emissione raggiunti nelle
specifiche posizioni considerate. Questo paragrafo descrive condizioni in grado di minimiz-
zare le variazioni nell’emissione di rumore derivanti dalle condizioni di installazione e di fun-
zionamento della macchina sottoposta a prova. Ci si deve attenere alle istruzioni fornite dal-
la procedura per prove di rumorosità relativa alla famiglia di macchine o apparecchiature al-
la quale appartiene la macchina sottoposta a prova, se presente. Le suddette condizioni

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 10 di 24


dovranno essere riprodotte per la determinazione dei livelli di pressione sonora di emissio-
ne e dei livelli di potenza sonora. La procedura per prove di rumorosità della macchina og-
getto delle misurazioni deve contenere una descrizione dettagliata delle condizioni di instal-
lazione, montaggio e funzionamento.
Nota 14 La procedura per prove di rumorosità può prevedere un’eccezione a questo requisito in caso di con-
dizioni di installazione, montaggio e funzionamento identiche per le apparecchiature da tavolo. Dette
apparecchiature possono essere fissate al terreno durante la misurazione della potenza sonora.
Soprattutto per macchine di grosse dimensioni, è necessario stabilire quali componenti,
sottogruppi, apparecchiature ausiliarie, sorgenti di energia, ecc. appartengano alla mac-
china sottoposta a prova.

9.2 Ubicazione della sorgente


La macchina sottoposta a prova deve essere installata in uno o più punti prendendo a riferi-
mento il piano riflettente, come se dovesse essere installata normalmente. La macchina sot-
toposta a prova deve essere distante da pareti, soffitti o da qualsiasi altro oggetto riflettente.
Nota 15 Le condizioni di installazione tipo di alcune macchine comportano la vicinanza di due o più superfici
riflettenti (per esempio un apparecchio installato a contatto con una parete) oppure la presenza di uno
spazio libero (per esempio nel caso di un apparecchio di sollevamento) o di un’apertura in un piano
diversamente riflettente (cosicché l’irradiazione può avvenire su entrambi i lati del piano verticale). Le
informazioni dettagliate circa le condizioni di installazione dovrebbero basarsi sui requisiti generali del-
la presente norma internazionale e sull’eventuale procedura per prove di rumorosità applicabile.

9.3 Montaggio della sorgente


In molti casi, l’emissione di rumore nelle specifiche posizioni della macchina sottoposta a
prova dipende dalle condizioni di supporto e di montaggio della macchina stessa. Laddo-
ve, per una macchina, esista una condizione di montaggio tipo, quella condizione dovrà
essere riprodotta o simulata ovunque possibile.
Qualora non esista alcuna condizione di montaggio tipo o questa non possa essere utiliz-
zata per la prova, si deve fare attenzione a evitare che, durante l’emissione sonora della
macchina, si verifichino variazioni causate dal montaggio effettuato per la prova. Devono
essere adottate apposite misure per ridurre qualsiasi irradiazione sonora proveniente dal-
la struttura sulla quale è montata la macchina.
Per quanto la loro attività di irradiazione di suoni a bassa frequenza risulti scarsa, molte
macchine di piccole dimensioni possono, a seconda delle modalità seguite per il loro
montaggio, irradiare una maggiore quantità di suono a bassa frequenza qualora la loro
energia vibrazionale venga trasmessa a superfici sufficientemente estese da agire da ra-
diatori efficaci. Allo scopo di minimizzare la trasmissione di vibrazioni al supporto e la rea-
zione della sorgente, è necessario introdurre un elemento elastico fra la macchina da sot-
toporre a prova e le superfici di supporto. In tal caso, il supporto dovrebbe essere di tipo ri-
gido (ossia avente un’impedenza meccanica sufficientemente elevata) al fine di impedirne
l’eccessiva vibrazione e l’irradiazione sonora. Gli elementi elastici, devono essere utilizza-
ti esclusivamente se, anche nelle normali condizioni di utilizzo, alla macchina sottoposta
a prova è montata in modo elastico.
Nota 16 Le condizioni di accoppiamento (per esempio fra motori primi e organi guidati) possono influire in
maniera significativa sull’irradiazione sonora della macchina sottoposta a prova.

9.3.1 Macchine e apparecchiature portatili


Vengono definite tali le macchine e le apparecchiature trasportate o guidate a mano; tale
caratteristica impedisce che vengano trasmessi suoni propagantisi per via solida per
mezzo di parti che non appartengono alla macchina sottoposta a prova. Qualora, per po-
ter funzionare, la macchina sottoposta a prova necessiti di un supporto, quest’ultimo, con-
siderato parte integrante della macchina sottoposta a prova, dovrà essere di dimensioni
ridotte e descritto nella procedura per prove di rumorosità, se presente.

9.3.2 Macchine e apparecchiature montate su un supporto o a parete


Le macchine e le apparecchiature appartenenti a questa categoria devono essere instal-
late su un piano (pavimento o parete) riflettente (acusticamente duro). Le macchine o le
apparecchiature montate su un supporto e concepite unicamente per essere installate

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 11 di 24


di fronte ad una parete devono essere posizionate su una superficie acusticamente dura
di fronte a una parete acusticamente dura. Le macchine o le apparecchiature da tavolo
devono essere collocate su un tavolo o un banco, come previsto per il loro funzionamento
dalla specifica procedura per prove di rumorosità relativa alla famiglia di macchine o ap-
parecchiature a cui appartiene la macchina sottoposta a prova. Il tavolo o il banco devono
trovarsi ad almeno 1,5 m da qualsiasi superficie assorbente nella camera di prove. Le
macchine o le apparecchiature devono essere collocate al centro del tavolo di prova nor-
mato. L’appendice B riporta il disegno di un tavolo di prova adeguato allo scopo.

9.4 Apparecchiature ausiliarie


Occorre fare in modo che qualsiasi tubo protettivo, tubazione o condotto dell’aria collegati
alla macchina sottoposta a prova non irradino quantità significative di energia sonora
nell’ambiente di prova.
Ove possibile, tutte le apparecchiature ausiliarie necessarie al funzionamento della mac-
china sottoposta a prova che non siano parte integrante di essa (vedere 9.1) devono es-
sere collocate al di fuori dell’ambiente di prova. Diversamente, le apparecchiature ausilia-
rie devono rientrare nella configurazione di prova e le rispettive condizioni di funziona-
mento essere descritte nel resoconto di prova.

9.5 Funzionamento della macchina durante la prova


Durante le misurazioni del rumore, è necessario adottare le condizioni di funzionamento
specificate nella specifica procedura per prove di rumorosità relativa alla famiglia di mac-
chine o apparecchiature alla quale appartiene la macchina sottoposta a prova, se presen-
te. In assenza di un codice di prova, la macchina sottoposta a prova deve essere fatta fun-
zionare nel modo consueto, ove possibile. In tal caso, occorre selezionare una o più delle
seguenti condizioni di funzionamento:
a) macchina con carico e condizioni di funzionamento specificate;
b) macchina funzionante a pieno carico (se diversa dalla prima condizione sopra descritta);
c) macchina funzionante senza carico (a vuoto);
d) macchina funzionante in condizioni corrispondenti alla massima generazione di suo-
no in normali situazioni di impiego;
e) macchina con carico simulato funzionante in condizioni attentamente definite;
f) macchina in condizioni di funzionamento che prevedono un ciclo di funzionamento tipo.
I livelli di pressione sonora di emissione delle posizioni specifiche devono essere determi-
nati per qualsiasi tipo di condizione di funzionamento (ossia temperatura, umidità, velocità
del dispositivo, ecc.).
Le condizioni di prova devono essere scelte preventivamente e mantenute durante la pro-
va. La macchina sottoposta a prova deve trovarsi nelle condizioni di funzionamento desi-
derate prima di effettuare qualsiasi misurazione del rumore.
Se l’emissione di rumore dipende anche da altri parametri di funzionamento (per esempio
il tipo di materiale lavorato o il tipo di utensile usato), fra tutti quelli possibili, si devono de-
finire i parametri in grado di minimizzare le variazioni e che possono essere considerati
come tipici dell’emissione di rumore.
Per applicazioni particolari, è opportuno definire una o più condizioni di funzionamento in
modo tale da garantire l’elevata riproducibilità dell’emissione di rumore delle macchine o del-
le apparecchiature appartenenti a una stessa famiglia e da coprire le condizioni di funziona-
mento più comuni e tipiche di quella famiglia di macchine o di apparecchiature. Tali condizioni
di funzionamento devono essere definite nella specifica procedura per prove di rumorosità.
In caso di simulazione delle condizioni di funzionamento, sarà opportuno scegliere quelle
condizioni che consentano di ottenere livelli di pressione sonora di emissione in posizioni
specifiche rappresentative del normale utilizzo della macchina sottoposta a prova.
In alcuni casi specifici, i risultati ottenuti alle diverse condizioni di funzionamento possono
essere combinati mediante calcolo dell’energia media, prendendo eventualmente in con-
siderazione diverse componenti temporali, per ottenere un risultato unico per la principale
condizione operativa così definita (vedere 10.1).
Le condizioni operative della macchina sottoposta a prova durante le misurazioni del ru-
more devono essere descritte dettagliatamente nel resoconto di prova.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 12 di 24


10 MISURAZIONI

10.1 Intervallo temporale di misurazione

10.1.1 Generalità
L’intervallo temporale di misurazione deve essere scelto in modo tale che, per condizioni di
funzionamento specifiche, si possano determinare il livello di pressione sonora di emissio-
ne e, se richiesto, le caratteristiche temporali dell’emissione sonora in specifiche posizioni.
Per una sorgente data sottoposta a prova, l’intervallo temporale di misurazione, T, può es-
sere composto da un certo numero di intervalli temporali di misurazione parziale, Ti, cia-
scuno dei quali corrispondente a uno specifico periodo di funzionamento della sorgente.
In questo caso, è preferibile in genere determinare un solo livello di pressione sonora di
emissione. Esso è determinato calcolando una media dei singoli livelli di pressione sono-
ra di emissione ponderati A mediante la formula seguente:
formula 5
N
1 0,1L pA,T(i)
L pA = 10 lg ----
T ∑ T i 10 dB
i =1

dove:
T è l’intervallo temporale di misurazione totale
N
T = ∑ Ti
i =1
Ti sono gli intervalli temporali di misurazione parziale;
N è il numero totale di intervalli temporali di misurazione parziale o periodi di funzio-
namento;
L pA,T(i) è il livello di pressione sonora di emissione ponderato A in un intervallo temporale
di misurazione parziale Ti.
Per macchine e apparecchiature che presentino uno specifico ciclo di funzionamento, è
necessario solitamente prolungare l’intervallo temporale di misurazione fino a un numero
integrale di cicli di funzionamento consecutivi.
L’intervallo temporale di misurazione deve corrispondere unicamente ai periodi di funzio-
namento per i quali si desidera determinare il livello di pressione sonora di emissione e,
se richiesto, le caratteristiche temporali dell’emissione sonora.
I valori dell’intervallo temporale di misurazione, degli eventuali intervalli temporali di misu-
razione parziale e del numero di cicli di funzionamento contenuto nell’intervallo temporale
di misurazione si trovano solitamente nella specifica procedura per prove di rumorosità re-
lativa alla famiglia di macchine o di apparecchiature alla quale appartiene la macchina sot-
toposta a prova, se presente. Ad ogni modo, tali valori devono essere identici a quelli defi-
niti per la determinazione del livello di potenza sonora della macchina sottoposta a prova.

10.1.2 Rumore stazionario


Se l’emissione di rumore in una posizione specifica risulta stazionaria alle condizioni di
funzionamento specificate (vedere ISO 2204 e ISO 12001), l’intervallo temporale di misu-
razione deve essere almeno pari a 15 s.

10.1.3 Rumore non stazionario


Se l’emissione di rumore in una posizione specifica non risulta stazionaria alle condizioni
di funzionamento specificate, è necessario definire attentamente e riportare fra i risultati
della prova l’intervallo temporale di misurazione e i periodi di funzionamento della macchi-
na sottoposta a prova. In genere, essi vengono indicati nella relativa procedura per prove
di rumorosità, se presente.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 13 di 24


10.1.4 Misurazioni in bande di frequenza
Se le misurazioni devono essere effettuate per bande di frequenza di ottava o di terzo di ottava,
il periodo minimo di osservazione deve essere 30 s per bande centrate su frequenze uguali o
minori di 160 Hz, e a 15 s per bande centrate su frequenze uguali o maggiori di 200 Hz.

10.2 Procedimento di misurazione

10.2.1 Generalità
Il/I livello/i di pressione sonora di emissione devono essere misurati durante un normale pe-
riodo di funzionamento della macchina sottoposta a prova (vedere 10.1). Letture di tale/i li-
vello/i devono essere effettuate in specifiche posizioni.
In genere, per misurare il livello di pressione sonora di emissione (vedere 5), occorre uti-
lizzare un fonometro integratore/mediatore conforme alla IEC 804. Qualora si riesca a di-
mostrare che le variazioni nel livello di pressione sonora misurate utilizzando la caratteri-
stica S di ponderazione del tempo sono minori di ± 1 dB, è possibile impiegare un fono-
metro convenzionale conforme alla IEC 651. In tal caso, il livello di pressione sonora viene
preso come media, misurata mediante la caratteristica S di ponderazione del tempo, fra i
livelli minimi e massimi rilevati durante il periodo di osservazione.

10.2.2 Ripetizione delle misurazioni


Allo scopo di ridurre il grado di incertezza associato alla determinazione dei livelli di pres-
sione sonora di emissione in specifiche posizioni, può essere necessario, per uno speci-
fico tipo di macchina o di apparecchiatura, ripetere la misurazione un numero di volte in-
dicato nella procedura per prove di rumorosità relativa alla famiglia di macchine o attrez-
zature alla quale appartiene la macchina sottoposta a prova. Il valore (per esempio medio
o massimo) da utilizzare dopo misurazioni ripetute deve essere quello specificato dalla
procedura per prove di rumorosità, se presente. Per ripetere le misurazioni, occorre se-
guire la seguente procedura:
a) spegnere e riaccendere la macchina sottoposta a prova, ove possibile;
b) allontanare il microfono e ricollocarlo nella posizione specifica;
c) la misurazione viene effettuata nuovamente nel medesimo ambiente con la medesima
strumentazione durante il medesimo intervallo temporale di misurazione nonché alle
medesime condizioni di montaggio e di funzionamento.

10.2.3 Procedimento per il rumore impulsivo


Qualora l’emissione sonora sia del tipo impulsivo (vedere appendice C), durante la misu-
razione del livello di pressione sonora di emissione ci si deve assicurare che la gamma di-
namica della strumentazione sia sufficientemente ampia e che il fonometro sia dotato di
un indicatore di sovraccarico.
Per la misurazione delle caratteristiche temporali delle emissioni di suono impulsivo (per
esempio, i valori di picco), oltre alla procedura di ripetizione descritta in 10.2.2, l’intervallo
temporale di misurazione deve comprendere almeno 10 eventi impulsivi, salvo diversa-
mente specificato nella procedura per prove di rumorosità.
Il valore finale conservato rappresenta in genere un valore medio, salvo che non venga
misurato il valore di picco; in tal caso, verrà preso il valore di picco più elevato. Qualora la
procedura per prove di rumorosità applicabile prescriva una specifica procedura, occorre-
rà utilizzare detta procedura.
Qualora la macchina sottoposta a prova produca eventi sonori isolati, occorrerà determi-
nare il livello della pressione sonora di emissione del singolo evento nel posto di lavoro in
questione (vedere 3.3.3), L p,1s .
Allo scopo di determinare se l’emissione sonora contenga o meno componenti impulsive,
si adotterà una delle procedure descritte nell’appendice C.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 14 di 24


11 POSIZIONI MICROFONICHE

11.1 Generalità
Le posizioni di misurazione devono essere selezionate fra le alternative descritte in 11.2,
11.3, 11.4 o 11.5.
Il microfono deve essere orientato in modo tale che l’angolo di incidenza del suono coin-
cida con la direzione di riferimento del microfono specificato dal costruttore allo scopo di
soddisfare i requisiti delle IEC 651 o IEC 804. Se possibile, il livello di pressione sonora di
emissione deve essere misurato quando la macchina sottoposta a prova è priva di opera-
tore e con il microfono orientato verso la sorgente sonora dominante.
L’operatore o gli operatori, se presenti, non devono indossare indumenti che assorbano il
suono in modo anomalo, né berretti o sciarpe (ad esclusione del casco protettivo richiesto
per ragioni di sicurezza oppure del casco o del supporto utilizzati come base per il micro-
fono) suscettibili di influire sulle misurazioni sonore.
In presenza dell’operatore, il microfono deve essere posizionato lateralmente a 0,20 m ± 0,02 m
rispetto al piano centrale del capo dell’operatore, lungo una linea che parte dai suoi occhi con
asse parallelo al raggio visivo dell’operatore e sul lato in cui il livello di pressione sonora ponde-
rato A, L pA faccia registrare il valore più alto.
Nota 17 Se il livello di pressione sonora misurato è condizionato visibilmente dalla posizione, si raccomanda
di calcolare una media spaziale in diverse posizioni all’interno di una piccola superficie volumetrica
avente come centro la posizione in questione.
Salvo diversamente indicato nella procedura per prove di rumorosità, se presente, la/e
posizione/i dell’operatore devono essere conformi a quanto specificato da 11.2 a 11.5.

11.2 Posizione/i microfonica/che quando l’operatore è seduto


In assenza dell’operatore, e qualora il sedile sia fissato alla macchina sottoposta a prova,
il microfono deve essere posizionato a 0,80 m ± 0,05 m sopra il centro del piano formato
dal sedile, salvo diversamente specificato da un particolare codice di prova.
In assenza dell’operatore, e qualora il sedile non sia fissato alla macchina sottoposta a
prova, le posizioni del microfono devono essere quelle indicate nella procedura per prove
di rumorosità relativa alla famiglia di macchine o apparecchiature a cui appartiene la mac-
china sottoposta a prova, se presente. In assenza di un codice di prova, le posizioni mi-
crofoniche devono essere descritte nel resoconto di prova.
In presenza dell’operatore, la regolazione del sedile deve consentire a questi di raggiun-
gere comodamente i comandi. Si presuppone che la distanza fra il piano formato dal se-
dile e la sommità del capo dell’operatore sia pari a 0,91 m ± 0,05 m.

11.3 Posizione/i microfonica/che quando l’operatore è in piedi o fermo sul posto


In presenza dell’operatore, si applicano i requisiti di cui in 11.1. Qualora le misurazioni
vengano effettuate in assenza dell’operatore o dell’assistente o nel caso in cui la proce-
dura per prove di rumorosità applicabile non specifichi alcuna posizione in cui l’operatore
debba rimanere in piedi, la collocazione del microfono è definita con riferimento a un pun-
to situato sul piano del pavimento occupato in genere dall’operatore. Tale punto di riferi-
mento è il punto che, sul pavimento, si trova direttamente sotto il centro del capo dell’ope-
ratore. Il microfono deve essere pertanto collocato direttamente sopra il punto di riferi-
mento a una specifica altezza compresa fra 1,55 m ± 0,075 m. L’altezza specificata è ge-
neralmente indicata nella procedura per prove di rumorosità applicabile, se presente.

11.4 Posizione/i microfonica/che quando l’operatore si sposti lungo uno specifico percorso
Qualora l’operatore si sposti lungo uno specifico percorso in prossimità della macchina
sottoposta a prova, per determinare il livello di pressione sonora lungo quello specifico
percorso si deve utilizzare un numero sufficiente di posizioni microfoniche o un microfono
mobile. Questo deve essere effettuato usando continue integrazioni per tutta la lunghezza
del percorso oppure un numero sufficiente di misurazioni in posizioni discrete e a intervalli
temporali definiti applicando la formula 5.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 15 di 24


La linea di riferimento di uno specifico percorso tipico coinciderà con la linea che, sul pa-
vimento, si trova direttamente sotto il centro del capo dell’operatore. Qualora la procedura
per prove di rumorosità applicabile non specifichi nessun’altra altezza per un operatore in
movimento, le posizioni microfoniche dovranno trovarsi direttamente al di sopra della linea
di riferimento ad un’altezza compresa fra 1,55 m ± 0,075 m.
Le posizioni microfoniche devono essere definite in tutte le posizioni fisse occupate
dall’operatore e il percorso in questione deve essere quello indicato nella procedura per
prove di rumorosità relativa alla famiglia di macchine o apparecchiature a cui appartiene
la macchina sottoposta a prova, se presente.
In assenza di tali specifiche posizioni, dovranno essere definite almeno quattro posizioni mi-
crofoniche per campionare adeguatamente il campo sonoro lungo il percorso in questione.
Nota 18 Se il percorso specificato si trova su una superficie di misurazione rettangolare e a una distanza costan-
te dal parallelepipedo di riferimento, si raccomanda di applicare il metodo descritto nella ISO 11203.

11.5 Posizioni microfoniche per posizioni di assistenza e macchine prive di operatore


Qualora non sia possibile identificare alcuna posizione dell’operatore, devono essere definiti
e riportati nella procedura per prove di rumorosità un posto di lavoro "convenzionale" (per
esempio di manutenzione, ordinaria o straordinaria) oppure una o più posizioni di assistenza.
Per contro, in assenza di una procedura per prove di rumorosità, le misurazioni devono
essere effettuate in quattro o più posizioni microfoniche situate a 1 m di distanza da cia-
scun lato del parallelepipedo di riferimento descritto nelle ISO 3744 o ISO 3746 a un’al-
tezza di 1,55 m ± 0,075 m sopra il piano del pavimento. Il valore più alto del livello di pres-
sione sonora di emissione deve essere registrato come livello di pressione sonora di
emissione della macchina sottoposta a prova. È necessario registrare la posizione in cui
è stato misurato tale valore.
Nota 19 Invece di utilizzare posizioni discrete, è possibile utilizzare, con risultati altrettanto soddisfacenti, il
livello di pressione sonora superficiale calcolato a partire dal livello di potenza sonora secondo la
ISO 11203.
Nota 20 È possibile che una procedura per prove di rumorosità richieda la registrazione della media dei livelli
misurati in quattro o più posizioni come livello di pressione sonora di emissione della macchina sot-
toposta a prova, come indicato, per esempio, dalla ISO 7779.

12 INFORMAZIONI DA REGISTRARE
Ove possibile, per tutte le misurazioni effettuate conformemente a quanto prescritto dalla
presente norma internazionale è necessario raccogliere e registrare le informazioni sotto-
elencate. I valori calcolati devono essere arrotondati solo dopo la fase finale di calcolo pri-
ma della stesura della relazione.

12.1 Macchina sottoposta a prova


Descrizione della macchina, includendo:
- il modello,
- i dati tecnici,
- le dimensioni,
- il costruttore,
- il numero di serie della macchina, e
- l’anno di fabbricazione.

12.2 Condizioni di prova


a) Descrizione quantitativa accurata delle condizioni di funzionamento e, se pertinente,
dei periodi e del ciclo di funzionamento.
b) Condizioni di montaggio.
c) Ubicazione della macchina nell’ambiente di prova.
d) Descrizione delle sorgenti in funzione durante le misurazioni qualora la macchina sot-
toposta a prova presenti molteplici sorgenti di rumore.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 16 di 24


12.3 Ambiente acustico
Descrizione dell’ambiente di prova:
a) se interno, descrizione del trattamento fisico delle pareti, del soffitto e del pavimento;
disegno illustrante l’ubicazione della macchina sottoposta a prova e il contenuto della
camera; qualificazione acustica della camera sulla base di quanto indicato in 6.2;
b) se esterno, disegno illustrante l’ubicazione della macchina sottoposta a prova rispetto
al terreno circostante e che includa
1) una descrizione fisica dell’ambiente di prova,
2) la temperatura dell’atmosfera, in gradi Celsius, la pressione barometrica, in pa-
scal, e l’umidità relativa, in percentuale,
3) la velocità eolica, in metri al secondo.

12.4 Strumentazione
a) Apparecchiature utilizzate per le misurazioni, precisamente nome, modello, numero di
serie e costruttore.
b) Metodo impiegato per la verifica della taratura del sistema di misurazione; devono es-
sere registrati data, luogo e risultato della taratura.
c) Caratteristiche dell’eventuale schermo paravento.

12.5 Ubicazione di specifiche posizioni


Di tutte le posizioni in cui siano stati misurati i livelli di pressione sonora di emissione, deve
essere registrata una descrizione quantitativa accurata.

12.6 Dati sul rumore


a) Tutti i dati sui livelli di pressione sonora misurati.
b) Livelli di pressione sonora di emissione ponderati A in specifiche posizioni e, se richie-
sto, la medesima grandezza con altre ponderazioni della frequenza e/o per bande di
frequenza.
c) Livelli di picco di pressione sonora di emissione ponderati C in specifiche posizioni e,
se richiesto, altre caratteristiche temporali di emissione del rumore al/i posto/i di lavoro.
d) Livelli di rumore di fondo ponderati A e correzione del rumore di fondo, K1A, in ciascu-
na posizione specifica. Se richiesto, livelli di rumore di fondo e correzione K1 per ban-
de di frequenza.
e) Correzione ambientale locale ponderata A, K3A, in ciascuna posizione specifica.
f) Luogo e data in cui sono state effettuate le misurazioni e il nome della persona inca-
ricata di effettuarle.

13 INFORMAZIONI DA RIPORTARE
È necessario riportare unicamente i dati (vedere 12) utili ai fini delle misurazioni. Qualora
per le macchine o le apparecchiature sottoposte a prova esista una procedura per prove
di rumorosità normata, sarà quest’ultimo a indicare i dati da riportare.
Tale rapporto deve dichiarare se i livelli di pressione sonora di emissione riportati nelle
specifiche posizioni siano stati ottenuti conformemente o meno ai requisiti della presente
norma internazionale.
Il rapporto deve contenere la data alla quale sono stati misurati i livelli di pressione sonora
di emissione nonché il nome della persona incaricata di effettuarli.
I livelli di pressione sonora di emissione in posizioni specifiche devono essere arrotondati
allo 0,5 dB più vicino.
È necessario riportare la correzione ambientale locale, K3A.
Poiché la presente norma internazionale prevede due classi di precisione, i risultati delle
prove devono sempre dichiarare esplicitamente la classe di precisione in cui rientrano i ri-
sultati (metodo tecnico progettuale o di controllo).

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 17 di 24


APPENDICE A CORREZIONE AMBIENTALE PER UNA POSIZIONE SPECIFICA - DETERMINAZIONE
(normativa) DELLA CORREZIONE AMBIENTALE LOCALE K3

A.1 Generalità

A.1.1 Con questo metodo, è possibile calcolare la correzione ambientale locale, K3, a partire da:
a) il valore medio del livello di pressione sonora (non corretto) rilevato su una superficie
di misurazione di area S a una distanza data d dalla macchina L'
formula A.1
N
1 0,1 L' i
L' = 10 lg ----
N ∑ 10 dB
i =1

dove L' viene determinato a partire da un numero di livelli di pressione sonora misu-
rati L' i in N posizioni situate intorno alla macchina sottoposta a prova; è consigliabile,
ma non obbligatorio, che il numero e le ubicazioni delle posizioni microfoniche siano
identiche a quelle delle posizioni utilizzate per determinare il livello di potenza sonora
mediante il metodo di inviluppo della superficie (ISO 3744 o ISO 3746);
b) il livello di pressione sonora non corretto L' j misurato nella posizione specifica j; la po-
sizione specifica può essere situata a una distanza dalla macchina diversa da d.
Nota 21 Nel caso in cui un operatore si sposti lungo un percorso e che la lunghezza di quest’ultimo sia mi-
nore di una delle dimensioni maggiori della sorgente, i valori di L' j dovrebbero essere determinati in
posizioni equidistanti le une dalle altre lungo il percorso. Sulla base del valore ottenuto mediante il
calcolo dell’energia media, si deve calcolare un valore unico di L' j .
Nota 22 Nel caso in cui un operatore si sposti lungo un percorso la cui lunghezza supera approssimativa-
mente una delle dimensioni maggiori della sorgente, si dovrebbe utilizzare uno dei metodi prescritti
dalla ISO 11203.

A.1.2 Sulla base delle informazioni disponibili, K3 può essere determinato seguendo le indica-
zioni contenute in A.2 mediante una correzione ambientale media K2 per la superficie di
misurazione S (vedere appendice A della ISO 3744:1994 oppure ISO 3746:1995) oppure,
seguendo le indicazioni contenute in A.3, mediante il rapporto A/S, dove A è l’area di as-
sorbimento equivalente della camera di prova. Dal momento che i metodi forniti in A.2 e
A.3 si basano sui medesimi assunti, in linea di principio dovrebbero fornire le medesime
grandezze di K3.
I metodi indicati in A.2 e A.3 non sono applicabili nel caso in cui la distanza fra la posizione
specifica (per esempio un posto di lavoro) e la parte più vicina della macchina sottoposta
a prova è maggiore di 3 m.
Nota 23 Per posti di lavoro o altre specifiche posizioni non situate sulla superficie di misurazione S, è possi-
bile applicare sia il metodo fornito in A.2 sia il metodo fornito in A.3, a condizione che non vi siano
ostacoli che impediscano la propagazione del suono dalla sorgente alla posizione specifica.

A.2 Determinazione della correzione ambientale locale K3 sulla base della correzione am-
bientale media K2
Per ( L' j Ð L' ) > Ð 3 e K3j ≤ 7
e per
- 3 ≥ ( L' j Ð L' ) ≥ - 10 e K3j ≤ 2
calcolare la correzione ambientale locale K3j nel modo seguente
formula A.2

Ð 0, 1 K 2 Ð 0,1 ( L' j Ð L' )


K 3j = Ð 10 lg 1 Ð ( 1 Ð 10 ) × 10 dB

dove K2 è la correzione ambientale media per la superficie di misurazione S per la quale


è stato determinato L' (vedere appendice A della ISO 3744:1994 o ISO 3746:1995).
Se il livello di potenza sonora Lw è noto, L' può essere ottenuto mediante

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 18 di 24


formula A.3

L' = L W Ð L S + K 2

S
dove L S = 10 lg ------ dB
S0
2
e dove S 0 = 1 m
La figura A.1 riporta una rappresentazione grafica della formula A.2.
figura A.1 K3j ottenuto da K2 e L' j Ð L'

L'j - L'
-2 -1 0
7
K3j (posizione specifica)
6

1
4

3 2
-10
-6
3
2
4
5
1 6
10

0 1 2 3 4 5 6 7
K2

A.3 Determinazione della correzione ambientale locale K3 sulla base dell’area di assorbi-
mento acustico equivalente A della camera di prova
Per
( L' j Ð L' ) > - 3 e K3j ≤ 7
e per
- 3 ≥ ( L' j Ð L' ) ≥ - 10 e K3j ≤ 2
calcolare la correzione ambientale locale K3j nel modo seguente
formula A.4

1 Ð 0,1 ( L' j Ð L' )


K 3j = Ð 10 lg 1 Ð ------------------------------ × 10 dB
(1 + A ⁄ 4S )
dove:
S è la superficie di misurazione per la quale è stato determinato L' ;
A è l’area di assorbimento acustico equivalente della camera di prova.
Il valore di A, espresso in metri quadri, si ottiene sia mediante metodo a stima sia con metodo
della riverberazione (vedere appendice A della ISO 3744:1994 oppure ISO 3746:1995).
Nel metodo a stima, A è dato da
formula A.5

A = α ⋅ SV

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 19 di 24


dove:
α è il coefficiente di assorbimento acustico medio della camera di prova fornito dal
prospetto A.1 dell’appendice A della ISO 3744:1994 oppure ISO 3746:1995;
SV è l’area totale della camera di prova (pareti, soffitto e pavimento) espressa in metri
quadri.
Nel metodo di riverberazione, A è dato da
formula A.6

A = 0,16  ----
V
T
dove:
V è il volume della camera di prova in metri cubi;
T è il tempo di riverberazione della camera di prova in secondi per ponderazione A
o per bande di frequenza.
In sostituzione di uno dei calcoli precedentemente indicati, è possibile utilizzare la figura
A.2, una rappresentazione grafica della formula A.4.

A
figura A.2 K3j determinato da --- e L' j Ð L'
S
L'j - L'
0 -1 -2
7
K3j (posizione specifica)

5 1

2
3
3
-5 -10
2

1
9
0
0,5 1 10 100
A/S

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 20 di 24


APPENDICE B ESEMPIO DI UN TAVOLO DI PROVA
(informativa)
La figura B.1 mostra un tavolo di prova fabbricato in legno laminato dello spessore di
0,04 - 0,10 m avente una superficie minima di 0,5 m2 e una lunghezza laterale minima di
0,7 m. Il tavolo può presentare fessure o fori sul piano superiore qualora la macchina lo ri-
chieda per consentirne il funzionamento.
figura B.1 Esempio di un tavolo di prova
Legenda
1 Piano superiore: legno laminato incollato
_
2 Gambe e traverse: avvitate e incollate
_
3 Cuscinetti isolanti
_

Dimensioni in m
0,75

1
0,04 a 0,10

2
0,75

3
0,63

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 21 di 24


APPENDICE C LINEE GUIDA PER IL RILEVAMENTO DI RUMORE IMPULSIVO
(informativa)
In molti casi, il raffronto fra il livello di pressione sonora temporale medio ponderato A, de-
terminato mediante caratteristica temporale I, L pAIeq , e il valore corrispondente di L pAeq
relativo al medesimo ciclo di funzionamento può essere d’aiuto nel determinare se il ru-
more contenga o meno componenti impulsive di un certo rilievo. A tal fine, viene effettuato
un confronto in una o più posizioni microfoniche; per ciascuna di esse, vengono osservati
un minimo di dieci cicli di funzionamento. La differenza ( L pAIeq Ð L pAeq ) è l’indice del ru-
more impulsivo (impulsività).
Se il valore medio dell’indice del rumore impulsivo è pari o maggiore di 3 dB, il rumore vie-
ne considerato impulsivo.
Il livello di picco della pressione sonora di emissione ponderato C, L pC,picco (come descrit-
to in 3.3, in 7 e in 10.2.3) può essere utilizzato unitamente al livello di pressione sonora di
emissione temporale medio ponderato C, L pCeq , per il medesimo ciclo di funzionamento.
La differenza ( L pC,picco Ð L pCeq ) può essere utilizzata come descrittore del contenuto im-
pulsivo del rumore emesso da macchine e apparecchiature.
Per un evento singolo isolato, o per una sequenza di eventi consecutivi che hanno luogo
a intervalli di 1 o più secondi, la differenza fra i valori massimi di L pAI e L pAS può essere
usato come descrittore dell’evento isolato. La differenza ( L pAImax Ð L pASmax ) è l’indice del
rumore impulsivo prodotto da un evento isolato e può essere utilizzato per descrivere il ru-
more impulsivo da esso prodotto. Per eventi isolati consecutivi, vengono utilizzati la media
aritmetica dei valori massimi di L pAI per eventi singoli e il massimo valore medio di L pAS
misurato per tutti gli eventi.
Il livello di picco della pressione sonora di emissione ponderato C, L pC,picco può essere uti-
lizzato unitamente al livello massimo di pressione sonora ponderato C e alle caratteristi-
che temporali S, L pCSmax . La differenza ( L pC,picco Ð L pCS ) può essere utilizzata come de-
scrittore del rumore a evento isolato impulsivo emesso dalle macchine e dalle apparec-
chiature.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 22 di 24


APPENDICE D BIBLIOGRAFIA
(informativa)
[1] ISO 1996-1:1982 Acustica - Descrizione e misurazione del rumore ambienta-
le - Grandezze fondamentali e procedimenti
[2] ISO 3740:1980 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Linee guida per l’uso di norme base e
per la preparazione della procedura per prove di rumorosità
[3] ISO 3741:1988 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodo di laboratorio in camera riverbe-
rante per le sorgenti di rumore ad ampio spettro
[4] ISO 3742:1988 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodo di laboratorio in camera riverbe-
rante per sorgenti di rumore con bande tonali e bande strette
[5] ISO 3743-1:1994 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodi tecnici progettuali in campo ri-
verberante per piccole sorgenti trasportabili - Metodo di
comparazione per camere di prova a pareti rigide
[6] ISO 3743-2:1994 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore mediante pressione sonora - Metodi tec-
nici progettuali in campo riverberante per piccole sorgenti
trasportabili - Metodi in camere riverberanti speciali
[7] ISO 3745:1977 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodo di laboratorio per camere ane-
coiche e semianecoiche
[8] ISO 3747:1987 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore - Metodo di controllo per mezzo di una
sorgente sonora di riferimento
[9] ISO 4871:-3) Acustica - Dichiarazione e verifica dei valori di emissione
sonora di macchine ed apparecchiature
[10] ISO 7779:1988 Acustica - Misura del rumore aereo emesso dalle apparec-
chiature informatiche e per ufficio
[11] ISO 9614-1:1993 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore mediante il metodo intensimetrico - Misu-
razione per punti discreti
[12] ISO 9614-2:4) Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle
sorgenti di rumore mediante il metodo intensimetrico - Misu-
razione per scansione
[13] ISO 11201:1995 Acustica - Rumore emesso dalle macchine e dalle apparec-
chiature - Misurazione dei livelli di pressione sonora al posto
di lavoro e in altre specifiche posizioni - Metodo tecnico pro-
gettuale in campo sonoro praticamente libero sopra un pia-
no riflettente
[14] ISO 11202:1995 Acustica - Rumore emesso dalle macchine e dalle apparec-
chiature - Misurazione dei livelli di pressione sonora al posto di
lavoro e in altre specifiche posizioni - Metodo di controllo in sito
[15] ISO 11203:1995 Acustica - Rumore emesso dalle macchine e dalle apparec-
chiature - Determinazione dei livelli di pressione sonora al
posto di lavoro e in altre specifiche posizioni sulla base del
livello di potenza sonora
[16] ISO 11690-3:-4) Acustica - Raccomandazioni pratiche per la progettazione di
ambienti di lavoro contenenti macchinario a basso livello di
rumore - Propagazione del suono e calcolo del rumore nel
posto di lavoro

3) Da pubblicare. (Revisione della pubblicazione ISO 4871:1984). Nota nazionale - La norma è stata pubblicata nel 1996.
4) Da pubblicare.

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 23 di 24


PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede) Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. (02) 70024200 - Fax (02) 70105992
Internet: www.unicei.it - Email: diffusione@uni.unicei.it

Roma Piazza Capranica, 95 - 00186 Roma - Tel. (06) 69923074 - Fax (06) 6991604
Email: uni.roma@uni1.inet.it

Bari c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. (080) 8770301 - Fax (080) 8770553

Bologna c/o CERMET


Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) 6257511 - Fax (051) 6257650

Brescia c/o AQM


Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. (030) 2590656 - Fax (030) 2590659

Cagliari c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. (070) 306877 - Fax (070) 340328

Catania c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. (095) 445977 - Fax (095) 446707

Firenze c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. (055) 2707268 - Fax (055) 281616

La Spezia c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. (0187) 728225 - Fax (0187) 777961

Napoli c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. (081) 5537106 - Fax (081) 5537112

Torino c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. (011) 6700511 - Fax (011) 6965456

Treviso c/o Treviso Tecnologia


Via Roma, 4/D - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. (0422) 608858 - Fax (0422) 608866

Udine c/o CATAS


Via Antica, 14 - 33048 S. Giovanni al Natisone (UD) - Tel. (0432) 756289 - Fax (0432) 756914

Vicenza c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza


Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza - Tel. (0444) 545573 - Fax (0444) 547318

UNI
Ente Nazionale Italiano La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
di Unificazione dell’Industria e dei Ministeri.
Via Battistotti Sassi, 11B Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti.
20133 Milano, Italia

UNI EN ISO 11204:1997 Pagina 24 di 24