Sei sulla pagina 1di 37

Il monumento ai caduti riporta i seguenti nomi di soldati caduti nella prima guerra mondiale: Dell'Oca

Enrico di Vittorio, Raimondi Michele Giovanni fu Battista, Guzzi Giovanni di Matteo, Margolfo Luigi di
Giuseppe, Greco Vittorio di Giulio, Dell'Oca Antonio Rodolfo fu Pietro, Margolfo Emilio di Battista, Margolfo
Carlo di Giuseppe, Margolfo Tranquillo di Angelo, Spolini Arturo di Battista, Girolo Cesare di Santino.

I morti nella seconda guerra mondiale furono Dell'Oca Silvio di Antonio, Dell'Oca Ettore fu Giovanni,
Albarella Gino di Felice, Dell'Oca Delfino fu Pietro, Margolfo Mansueto fu Fermo, Spolini Pio fu Samuele.
Risultarono, infine, dispersi Dell'Oca Enzo fu Rodolfo, Morsetti Vittorino fu Giovanni, Morsetti Clito fu
Giovanni, Alberti Bruno fu Domenico, Mariana Livio fu Felice, Girolo Armando fu Virginia.

[torna all'indice]

Aprica

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI APRICA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti riporta i seguenti nomi di soldati morti nella prima guerra mondiale: Ambrosini
Lorenzo, Cioccarelli Giovanni, Corvi Battista, Corvi Giacomo, Damiani Lorenzo, Dotti Lorenzo, Della Moretta
Lorenzo, Moraschinelli Carlo, Sciarmella Giovanni, Stampa Cristoforo, Svanosio Antonio, Volpi Giovanmaria,
Balsarini Pietro, Balsarini Pietro Angelo, Corvi Giacomo, Moraschini Agostino, Moraschini Giovanni, Negri
Domenico, Negri Giacomo, Negri Giovanantonio, Negri Lorenzo, Ricetti Domenico, Ricetti Domenico
Giovanni (Aprica S. Pietro); Cioccarelli Giovanni, Corvi Giacomo, Sciarmella Ferdinando, Svanosio Antonio e
Volpi Giovan Maria (Aprica S. Maria).

Morirono, invece, nella seconda guerra mondiale Ambrosini Carlo, Cioccarelli Camillo, Cioccarelli Isidoro,
Corvi Arturo, Corvi Gaetano, Corvi Luigi, Corvi Nino, Corvi Vittorio, Damiani Pietro, Liscidini Arturo,
Moraschinelli Silvio e Stampa Attilio. Morirono, infine, in conseguenza delle due guerre Ambrosini Lorenzo,
Corvi Battista, Damiani Lorenzo, Della Moretta Lorenzo, Dotti Lorenzo, Moraschinelli Carlo e Stampa
Cristoforo.

[torna all'indice]

Ardenno

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI ARDENNO
CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BIOLO

Alla prima Guerra Mondiale il paese pagò un importante tributo in vite umane, come si può verificare
dall'elenco dei caduti sul monumento nel piazzale delle scuole elementari. Vi possiamo leggere i nomi dei
caduti vale a dire il tenente Rodigari Giacomo, il caporal maggiore Fasoli Pio, i caporali Polini Paolino e
Radaelli Cesare ed i soldati Bertinelli Pietro, Boiani Umberto, Bolini Gregorio, Bertolini Giuseppe, Bertinelli
Giuseppe, Colmegna Giovanni, Corda Giovanni, Camero Giacomo, Civetta Giuseppe, Castelli Giuseppe, Della
Vedova Domenico, Fasoli Mario, Folini Giacomo Silvio, Figoni Pietro Lorenzo, Folini Diego, Figoni Tomaso,
Folini Antonio, Folini Giacomo Giuseppe, Futen Annunzio, Foppalli Giuseppe, Fioroni Pietro, Innocenti
Giacomo, Innocenti Giuseppe, Mescia Santo, Mondora Pietro, Menesatti Giuseppe, Motta Emilio, Motta
Anselmo, Pedruzzi Anselmo, Pradè Domenico, Ruffini Luigi, Raschetti Cesare, Raschetti Guido, Scottoni
Anselmo e Salini Erminio.

Ardenno dovette piangere molti caduti anche nella Seconda Guerra Mondiale: il caporale Rota Tarcisio, il
sergente maggiore Bianchi Dante, il sergente Biasini Ennio, il caporale Rebuzzi Giovanni ed i soldati Bertolini
Marco, Boiani Remo, Bracchi Guido, Camero Edoardo, Coppa Guerino, De Agostini Primo, Fopalli Giacomo,
Fioroni Giuseppe, Fascendini Giovanni, Folini Vitale, Innocenti Pietro, Menesatti Giuseppe, Mescia Egidio,
Orsingher Giacomo, Pedrola Luigi, Polini Giuliano, Pedruzzi Riccardo, Rosati Mario, Rossi Valentino,
Simonetti Giacomo, Simonetti Silvio, Salini Osvaldo, Songini Giuseppe e Camero Guido. Sono ricordati anche
i partigiani Reda Pietro e Valeni Clemente.

A Biolo, nella piazza davanti alla chiesa, due targhe ricordano i caduti nelle due guerre mondiali del
novecento. Nella prima guerra mondiale morirono, fra gli abitanti di Biolo, i soldati Figoni Tomaso (a
Camplat, Francia), Menesatti Giuseppe (all'ospedale di Lecce) e Pradè Domenico (disperso), oltre al
caporale Radaelli Cesare (morto in prigionia a Vitkovitz). Morirono, invece, fra gli abitanti di Pioda i soldati
Camero Giacomo (a Monti Ortigara), Corda Giovanni (in Ardenno), Figoni Pietro (a Liegi, Belgio) e Pedruzzi
Anselmo (disperso a Pioverna Alta). La seconda targa è dedicata da Biolo ai suoi caduti nella guerra 1940-
45, e reca incisi i nomi di De Agostini Primo (morto nel 1945), Camero Guido (morto in Germania nel 1944),
Menesatti Giuseppe (morto in Croazia nel 1941), Simonetti Giacomo (morto in Grecia nel 1941), Coppa
Guerrino (disperso in Russia) e Camero Edoardo (disperso in Russia).

[torna all'indice]

Bema

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BEMA
CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti sul sagrato della chiesa parrocchiale di Bema riporta i seguenti nominativi di soldati
morti nella prima guerra mondiale: Selva Bartolomeo Gervaso, Lanza Mosè e Passamonti Ettore Cirillo. I
soldati caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale furono Lanza Giusto, Simonetta Giacomo, Lanza
Oreste, Passamonti Plinio e Passamonti Dario.

[torna all'indice]

Berbenno di Valtellina

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BERBENNO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante è il tributo dei caduti nella Prima Guerra Mondiale: il monumento ai caduti riporta i nomi di
Lorenzo Leoni, Andrea Mainini, Francesco Romolo Meraviglia, Giovanni Battista Meraviglia, Angelo Ravizza,
Vincenzo Scarafoni, Giuseppe Scherini, Felice Airoldi, Bartolo Alberti, Pietro Giuseppe Andreoli, Giuseppe
Bongiolatti, Vittorio Bongiolatti, Giuseppe Coltelli, Giovanni Crotti, Gaspare Marino Cincera, Enrico
Dassogno, Basilio Fontana, Luigi Morelli, Benedetto Alberti, Pietro Crotti, Ottorino Curtoni, Valeriano
Dassogno, Giovanni Ghelfa, Allegro Gialli, Albino Meraviglia, Luigi Meraviglia, Giuseppe Meraviglia, Alberto
Pomina e Gian Domenico Scherini. Sono menzionati anche i morti per malattia Ippolito Negri, Giovanni
Rossi e Vittorio Triangeli, ed i dispersi Giuseppe Pietro Corlatti, Luigi Benigno Della Valle e Giuseppe
Traversi.

Nella Seconda Guerra Mondiale caddero Lino Alberti, Claudio Bianchini, Silvio Catelotti, Aristide Capelli,
Silvio Catelotti, Edoardo Fumasoni, Giulio Ghelfa, Egidio Morelli, Umberto Salinetti, Abele Tantera,
Giuseppe Vitali e Vittorio Venturini. Furono dichiarati dispersi in Russia Ottorino Andreoli, Lino Badorini,
Rino Bassi, Riccardo Bruni, Celeste Bedognè, Franco Bianchini, Renzo Corlatti, Angelo decensi, Lino Fontana,
Lorenzo Moncecchi, Giovanni Pinalli, Alberto Scarafoni, Dino Speziali, Adolfo Togninalli, Beniamino
Togninalli e Natale Togninalli.

[torna all'indice]

Bianzone
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BIANZONE

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante, come per tutti i comuni della provincia, il contributo di vittime che Bianzone dovette pagare alla
prima guerra mondiale; in piazza Vanoni, sulla facciata del Municipio, una targa sulla quale sta scritto “ai
suoi caduti e dispersi nella guerra Libica e nelle guerre 1915-1918-1940-1945 la popolazione di Bianzone in
segno di perpetuo ricordo”, ne riporta i nomi: “Bertola Antonio fu Andrea (1917), Bibbia Rodolfo di Rodolfo
(1917), Bonadeo Giacomo di Lorenzo (1912, Guerra di Libia), Bongetti Andrea di Giuseppe (1918), Caligari
Luigi di Giacomo (1920), Carboni Beato di Beato (1915), Castelanelli Giovanni fu Giacomo (1919),
Castelanelli Pietro fu Pietro (1916), Cominetti Pietro fu Antonio (1918), Dellecoste Cesare di Pietro (1917),
Dellecoste Lorenzo fu Lorenzo (1917), Gosatti Pietro fu Francesco (1918), Marantelli Cesare fu Luigi (1915),
Marantelli Cesare di Pietro (1920), Mevio Giacomo di Giacomo (1915), Mevio Pietro fu Battista (1917),
Polinelli Antonio fu Giuseppe (1918), Polinelli Bortolo fu Antonio (1918), Polinelli Giovanni di Antonio
(1918), Polinelli Giuseppe fu Giuseppe (1916), Polinelli Giuseppe fu Stefano (1917), Polinelli Lorenzo fu
Lorenzo (1918), Polinelli Luigi fu Andrea (1918), Ronchi Giuseppe di Martino (1917), Rossi Luigi di Martino
(1918), Valbuzzi Lorenzo di Pietro (1916), Valbuzzi Luigi di Lorenzo (1918) e Valli Massimo fu Luigi (1918).

La Seconda Guerra Mondiale, con le sue tragedie, non risparmiò Bianzone: caddero il sergente maggiore
Belottini Alberto Pierino, il sergente maggiore Sertorio Jemen, il caporal maggiore Polinelli Federico, il
caporal maggiore Salvi Pasquale, il carabiniere Castelanelli Antonio Enea ed i soldati Bonadeo Erminio,
Gianotti Battista, Gosatti Antonio, Gosatti Pietro, Polinelli Ero, Polinelli Gaudino, Valbuzzi Tranquillo,
Polinelli Antonio, Bongetti Benvenuto, Caligari Angelo, Cerveri Italo, Gosatti Lombardo, Gosatti Olivo,
Marantelli Guido, Marazzi Luigi, Pola Mario, Polinelli Alberto Vittorio e Valbuzzi Virginio.

[torna all'indice]

Bormio

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BORMIO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Sul monumento ai caduti nel piazzale della scuola elementare di Bormio sono riportati i seguenti nomi di
soldati morti nella prima guerra mondiale: Andreola Igino, Anselmi Pietro, Berbenni don Paolo, Bertolina
Pietro, Canclini Casimiro, Canclini Celeste, Canclini Cesare, Canclini Francesco, Cantoni Cesare, Cantoni
Emilio, Cantoni Nicolò, Capitani Stefano, Castellazzi Felice, Cisco Tigellio, Confortola Francesco, De Gasperi
Domenico, Faifer Giuseppe, Faifer Costantino, Fumagalli Angelo, Gervasi Camillo, Longa Massimo, Meraldi
Pietro, Mevi Alfonso, Pedrini Giovanni Maria Francesco, Peloni Luigi Erminio, Peloni Giovanni, Pianta Emilio,
Pozzi Nicola, Rainolter Emilio, Rainolter Giuseppe, Rocca Luigi, Roner Cesare, Schena Achille,
Spechenhauser Giacinto, Strambini Ernesto, Valota Alessandro.

Nella seconda guerra mondiale caddero Bertolina Renato, Canclini Flavio, Canclini Gianbattista, Canclini
Primo, Colturi Luigi, Donadoni Ugo, Faj Gianfranco, Giacomini Giuliano, Longa Pietro, Morcelli Ezio, Morcelli
Fulvio, Richelda Ermanno, Rocca Giovanni, Sosio Mario, Spiller Massimo, Vincenzoni Lucio, Vitalini Gervasio
e Vitalini Sergio. Sono ricordati anche i dispersi Binda Achille, Canclini Roberto, Capararo Rinaldo, Casa
Alfredo, Catelazzi Guerrino, Compagnoni Stefano, Confortola Enrico, Confortola Eugenio, Dei Cas Guerrino,
Faifer Italo, Giacomelli Pietro, Olivotto Gino, Pozzi Goffredo, Pedrini Guido e Rocca Pietro. Sono ricordati,
infine, i partigiani Colturi Adolfo, Confortola Augusto, Corgatelli Costante, Praolini Aldo e Sosio Franco.

[torna all'indice]

Buglio in Monte

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BUGLIO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

A Custoza morì, nel 1866, Bologna Giovanni.

Ecco i nomi riportati sul monumento nella piazza del paese, “Buglio ai suoi caduti” (1915, 1918, 1940,
1945): Ten. Martinelli Giulio 1920, De Giovanetti Elia 1914, De Giovanetti Onorino 1923, De Giovanetti
Giuseppe 1911, De Giovanetti Domenico, Castellanelli Giovanni, Codazzi Giovanni 1919, Codazzi Giuseppe
1915, Cipolla Ezio 1922, Ferula Gino 1917, Gianoli Ezio 1922, Pologna Giovan Maria (Custoza), Borromini
Eugenio 1922, Azzalini Giuseppe 1917, Azzalini Severino 1919, Bellasi Aldino 1916, Iemoli Teodoro 1917,
Iletti Andrea 1911, Franzina Egidio 1919, Mottarlini Severino 1921, Mottarlini Pierino 1916, Poletti Giovanni
1921, Selvetti Vittorio 1919, Gianoli Giuseppe 1913, Gianoli Ugo 1919, Triangeli Sandro 1922, Perregrini
Fedele, Perregrini Aldo 1925, Perregrini Giovanni 1920, Perregrini Giacomo 1914, Bigiotti Quirico 1925,
Salvetti Desolina 1921, Sciani Giacomo 1914, Barri Giacomo, Bongini Antonio, Martinoli Antonio, Rebai
Vincenzo, Borromini Andrea, Bertolini Giacomo, Bertolini Vittore, Caneva G. Battista, Bigiotti Quirico,
Giordani Giovanni, Boscacci Quirico, Pologna Giacomo, Perregrini Pietro, Azzalini Giuseppe, Borromini
Guido, Franzina Cirillo, Giordani Giuseppe, Masa Aristide, Pezzetti Adolfo 1923, Sciani Giovanni, ed i caduti
civili Travaini Tarcisio 1930, Travaini Gemma 1942, Pedroli Maddalena 1882, Selvetti Fedele 1954, Franzina
Chiara 1906, Iemoli Pietro e Botterini Giulia.

[torna all'indice]
Caiolo

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CAIOLO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Rilevante fu il tributo pagato dal paese alla prima guerra mondiale: di fronte al municipio di Caiolo su una
pietra sono riportati i nomi di Fognini Giuseppe (morto nella guerra di Libia), Movigliatti Giuseppe, Uberti
Giovanni, Balgera Luigi, Golgani Agostino, Bernardara Luigi, Pasini Francesco, Cossi Antonio, Mostachetti
Giuseppe, Carnazzola Alessio, Salvetti Valente, Balgera Fabio, Gunella Giuseppe, De Marzi Emilio e
Vettovalli Cherubino.

Pesante fu anche il tributo del paese alla seconda guerra mondiale, nella quale caddero Crapella Franco,
Speziali Gino, Mostachetti Lorenzo, Spinetti Giovanni, Cossi Giuseppe, Movigliatti Evelino, Pasini Clesio,
Vettovalli Luigi, Uberti Lieto, Bonini Beniamino, Uberti Luigi, Speziali Luigi, Melazzini Mansueto, Vettovalli
Angelo, Speziali Attilio, Crapella Vittorio, Bricalli Ulisse, Movigliatti Amanzio e Segalada Bruno.

[torna all'indice]

Campodolcino

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CAMPODOLCINO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIANAZZO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI STARLEGGIA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE UNA TARA COMMEMORATIVA SUL CMAPANILE DI FRACISCIO

Il monumento ai caduti sul sagrato della chiesa parrocchiale di Campodolcino riporta i seguenti nomi di
caduti nella prima guerra mondiale: Ghelfi Giovanni fu Davide, Vener Guglielmo fu Rocco, Levi Battista fu
Battista, Ghelfi Battista di Battista, Scaramella Felice fu Guglielmo, Ghelfi Bartolomeo di Gabriele, Ghelfi
Guglielmo fu Francesco, Gianoli Giuseppe fu Agostino, Barilani Pietro fu Guglielmo, Barilani Alessandro fu
Battista, Bianchi Geremia fu Battista, Della Morte Michele fu Giovanni, Mainetti Pietro fu Lorenzo, Gianoli
Francesco fu Gabriele, Scaramella Giorgio di Lorenzo, Della Morte Rocco fu Rocco, Gianoli Battista fu
Battista, Vanossi Lorenzo fu Bernardo, Scaramellini Agostino di Bartolomeo, Curti Antonio fu Antonio, Levi
Michele di Luigi, Fanetti Aldo fu Guglielmo, Guanella Luigi di Tomaso, Scaramella Antonio fu Pietro,
Acquistapace Antonio di Francesco, Mainetti Lorenzo fu Lorenzo, Pedroni Antonio fu Antonio, Scaramella
Guglielmo fu Guglielmo, Della Morte Achille di Luigi, Della Morte Antonio di Giovanni, Barilani Bernardo di
Battista, Ghelfi Giovanni Martino di Battista, Guanella Antonio di Giacomo, Della Morte Guglielmo di
Michele, Guanella Gioachino fu Agostino, Lombardini Giacomo fu Luigi, Ghelfi Giovanni Battista fu Battista e
Trussoni Carlo fu Battista.

Nella seconda guerra mondiale caddero Acquistapace Guglielmo di Francesco, Acquistapace Francesco di
Francesco, Bianchi Luigi di Matteo, Della Morte Enrico di Guglielmo, Della Morte Felice fu Battista, Della
Morte Rocco di Antonio, Guanella Romeo di Antonio, Guanella Dante di Pietro, Levi Natale di Giacomo,
Roffinoli Primo fu Primo e Vanossi Giovanbattista fu Luigi. Risultarono, infine, dispersi in Russia ed in Grecia
Cassaghi Ubaldo fu Antonio, Chiarellotto Primo fu Pietro, Della Morte Giovanbattista fu Bartolomeo, Della
Morte Guglielmo di Guglielmo, Fanetti Ponziano fu Battista, Fanetti Siro fu Francesco, Fustella Giacomo fu
Giacomo, Ghelfi Ilario fu Alessandro, Guanella Natale fu Luigi, Levi Luigi fu Giuseppe, Lombardini Giacomo
di Luigi, Mainetti Guglielmo di Battista, Scaramella Agostino fu Giuseppe, Scaramella Daniele di Antonio,
Scaramella Nando di Giuseppe, Scaramellini Achille di Alessandro, Trussoni Ernesto fu Pietro, Trussoni
Salvatore di Giuseppe e Ghelfi Francesco fu Bartolomeo.

[torna all'indice]

Caspoggio

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CASPOGGIO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

[torna all'indice]

Castello dell'Acqua
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CASTELLO
DELL'ACQUA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Sul monumento ai caduti nella piazza centrale di Castello dell'Acqua sono ricordati i seguenti soldati morti
nella prima guerra mondiale: Pola Claudio, Sarni Giuseppe, Adriani Cornelio, Gregorini Stefano, Miozzari
Michele, Nesina Giuseppe, Rossatti Vincenzo, Tuia Antonio e Tuia Giovanni. Sono ricordati anche i seguenti
morti per malattia contratta in guerra: Rantra Michele, Amonini Natale, Fanchetti Francesco, Gianni
Giovanni, Moreschi Pietro, Raina Pietro, Raina Stefano, Rainoldi Antonio, Rainoldi Carlo e Rainoldi
Francesco.

I soldati caduti nella seconda guerra mondiale sono, invece, Amonini Emilio, Amonini Marino, Amonini
Roberto, Bettini Marino, Bonelli Angelo, Curtini Luigi, Della Cristina Modesto, Della Nave Ennio, Famlonga
Angelo, Fazzina Dino, Ferrari Venanzio, Grosina Giulio, Moreschi Roberto, Nesina Enrico, Nesina Roberto,
Pola Luigi, Raina Romeo, Toppi Vittorio, Tuia Luigi, Tuia Nevio, Tuia Silvio e Beltrami Franco.

[torna all'indice]

Castione Andevenno

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CASTIONE

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

A Custoza morì, nel 1866, Gatti Giovanni Battista.

La popolazione di Castione dovette pagare un tributo pesante ai due conflitti mondiali (32 caduti nella
Grande Guerra del 1815-18, su una popolazione di meno di 1500 abitanti, e quaranta fra morti e dispersi
nella Seconda Guerra Mondiale).

Il monumento ai caduti presso la chiesa parrocchiale ne ricorda i nomi. Caddero nel conflitto 1915-1918
Andrea Bonfado, Giacomo Bruseghini, Battista Callina, Giuseppe Canovo, Natale Ciapponi, Paolo Della
Fontana, Giuseppe Dell'Agostino, Costante Fontana, Alfredo Franchetti, Amadio Franchetti, Pasquale
Franchetti, Emilio Gatti, Giuseppe Gatti, Angelo Giana, Arturo Giana, Clemente Giana, Leone Giana, Serafino
Gianatti, Costantino Gianoni, Amanzio Giocondi, Giacomo Marini, Maurizio Marini, Paolo Marini,
Massimiliano Menegola, Paolo Menegola, Claudio Moroncelli, Luigi Moroncelli, Ettore Motti, Abele Negri,
Martino Piatta dell'Abbondio, Filiberto Tognini e Romolo Tognini.

Nel secondo conflitto mondiale caddero Adelmo Balestra, Luigi Balestra, Angelo Bergomi, Osvaldo
Bormolini, Armando Bricalli, Fermo Angelo Danieli, Carmelo Della Fontana, Cesare Della Fontana, Guido
Franchetti, Giuseppe Gatti, Olimpio Gatti, Clemente Giana, Franco Gianatti, Angelo Menegola, Annibale
Morella, Olimpio Mozzi, Augusto Naritelli, Aldo Negri, Giacinto Negri, Cesare Soverna e Livio Pietro Tognini.
Furono, infine, dichiarati dispersi Bruno Aondio, Elisio Giovanni Bagiotti, Aldo Bergomi, Andrea Ciapponi,
Angelo Dell'Agostino, Attilio Danieli, Pierino De Togni, Giovanni Gatti, Giuseppe Elia Gatti, Guido Giana, Luigi
Gianelli, Angelo Marini, Secondo Marini, Giulio Mevio, Angelo Mozzi, Luigi Mozzi, Cesare Negri, Luigi Negri
ed Elio Vanoi.

[torna all'indice]

Cedrasco

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CEDRASCO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Sulla facciata del municipio di Cedrasco sono riportati i nomi dei Cedraschini caduti nel primo conflitto
mondiale, cioè dei soldati Battaglia Domenico, caduto sul Monte Nero, Massaia Antonio, caduto a Val
Dolgilaz, Mazzini Agostino, caduto a S. Martino Vanezze, e Viganò Pacifico, caduto a Casarsa, oltre al
caporale Romeri Antonio, morto ad Hameln, in Germania.

I caduti di Cedrasco nella seconda guerra mondiale furono l’artigliere Tagni Bruno, morto nel 1944 in
Germania; gli alpini Mazzini Dino, morto nel 1940 in Italia, e Bonini Luigi e De Buglio Ambrogio, dispersi nel
1943 in Russia; l’artigliere Gavazzi Aldo ed il fante Oberti Giovanni, dispersi nel 1943 in Russia; il partigiano
Pomina Enrico, morto nel 1944 in Italia.

[torna all'indice]

Cercino

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CERCINO
CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante fu il tributo pagato alla prima guerra mondiale: il monumento ai caduti presso la chiesa menziona i
morti in combattimento De Pianto Giovanni fu Domenico, De Pianto Giovanni fu Giovanni, De Simoni Luigi
di Giovanni, Parravicini Domenico di Giuseppe, De Simoni Giorgio di Giovanni, Scarioni Domenico di
Giacomo, Folonari Giovanni fu Domenico, De Pianto Giovanni di Ambrogio, De Pianto Domenico fu
Giacomo; ricorda anche i morti per malattia Ambrosini Giacomo fu Giacomo, De Simoni Carlo fu Giovanni,
Molatore Enrico di Domenico, Molatore Domenico di Domenico, Rigari Anselmo fu Antonio e Molatore
Gioacchino di Antonio.

Per la seconda guerra mondiale il monumento ricorda come caduti in battaglia De Pianto Umberto, Fornè
Annunzio ed Ambrosini Abele, e come caduti per cause di guerra Ambrosini Armando, Ambrosini Delfino,
Barona Angelo. Bianchi Erminio, De Pianto Maurizio, Maffioli Ester, Molatore Enrico, Molatore Tranquillo e
Paieri Attilio. Sono ricordati, infine, come dispersi in Russia Maffioli Ezio, Niscioli Tobia, Nonnini Domenico,
Sandrini Arno, Baroncini Enos (disperso in Croazia), Ambrosini Bruno, Baroncini Corrado, Bigiolli Dino, Ligari
Enio, Molatore Giulio e Molatore Raffaele.

[torna all'indice]

Chiavenna

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CHIAVENNA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DELLE LAPIDI AL CIMITERO DI CHIAVENNA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIANAZZOLA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI USCHIONE

A S. Martino morì, nel 1859, De Stefani Pietro.

Il monumento ai caduti di fronte alla stazione ferroviaria di Chiavenna riporta i seguenti nomi di soldati
morti nella prima guerra mondiale: Aroldi Giulio, Bertelli Costante, Braga Ettore, Bramani Carlo, Bramani
Pietro, Caligari Enrico, Caligari Severo, Buzzetti Carlo, Caminada Achille, Cerletti Francesco, Corbetta Pietro,
Cremaschi Cirillo, Crottogini Pietro, Dei Cas Armando, Del Curto Antonio, Della Pedrina Attilio, Del Giorgio
Guglielmo, Dell'Adamino Lorenzo, Dell'Ava Natale, Della Bella Pietro, Fagetti Alessandro, Fagetti Dante,
Fagetti Edoardo, Fagetti Gentile, Fagetti Osvaldo, Fallini Carlo, Farovini Ezio, Farovini Giovanni, Ferretti
Stefano, Festorazzi Pietro, Greppi Clito, Greppi Emilio, Guidi Antonio, Guidi Giovanni, Guidi Luigi, Lisignoli
Giovanni, Losa Aurelio, Malugani Ercole, Manzi Giovanni, Manzoni Giuseppe, Mazzoleni Aldo, Monti
Giuseppe, Moro Felice, Negrini Pietro, Noli Giacomo, Noli Giovanni, Noli Romeo, Pandini Enrico, Pandini
Luciano, Panzeri Rinaldo, Pedretti Alberto Dante, Pedrossi Pietro, Ogna Gino, Ogna Luciano, Pensa
Francesco, Pensa Renato, Perego Emidio, Persenico Angelo, Pighetti Agostino, Pighetti Giovanni Pietro,
Pighetti Giovanni Anselmo, Prati Luigi, Rastelli Luigi, Rogantini Mario, Savoldelli Fiorino, Scigolini Enrico,
Signorelli Angelo, Sterlocchi Guglielmo, Tognini Enrico, Valsecchi Rodolfo, Vittori Antonio, Zarucchi
Agostino, Zarucchi Enrico, Zarucchi Francesco, Zarucchi Pietro, Zoanni Giulio, Zoanni Luigi e Zuccoli
Giovanni.

I soldati caduti nella seconda guerra mondiale furono Acquistapace Demetrio, Baggio Pietro, Balestra
Pierino, Ballabio Angelo, Ballabio Guerino, Bianchi Gervasio, Bianchi Pietro, Brambilla Giuseppe, Broggi
Michele, Buzzetti Pietro, Cerfoglia Carlo, Ciuchi Pietro, Codazzi Clito, Colombo Giuseppe, Corti Giuseppe,
Cremaschi Giovanni, Crottogini Enrico, Dal Cason Bruno, Dalla Longa Cesare, Del Bondio Guerrino, Del Curto
Giovanni Battista, Del Gener Luciano, Del Giorgio Giovanni, Della Bella Guglielmo, Dell'Acqua Alma, Della
Pedrina Guido, Dell'Ava Luigi, De Tanti Guglielmo, Donadelli Ilario, Donadelli Pierino, Fallini Bernardo, Fallini
Giovanni, Fallini Pierino, Fibioli Gentile, Gallerini Bruno, Geronimi Albino, Geronimi Antonio, Gianoli
Giuseppe, Giovanettoni Agostino, Giovanettoni G. Vincenzo, Giudici Arturo, Giussani Renato, Grassi Miro,
Guidi Aldo, Gussoni Giuseppe, Labruna Armando, Levi Edoardo, Levi Natale, Lisignoli Giuseppe, Lombardini
Corrado, Lombardini Franco, Lombardu Antonio, Marcadella Gerolamo, Mastai Giovanni Battista, Mengolli
Attilio, Misenta Luigi, Molinetti Ezio, Morelli Edoardo, Moroni Guglielmo, Nava Adriano, Nesossi Corrado,
Nesossi Rinaldo, Nuvolessi Adolfo, Pedretti Clito, Perego Rinaldo, Prati Orlando, Rompani Guglielmo, Rossi
Luciano, Rizzi Giuseppe, Scaramellini Augusto, Silvani Eugenio, Tavasci Dante, Tognoni Egidio, Turchetti
Aldo, Vanini Giuseppe, Vanini Guido, Zarucchi Aldo, Zarucchi Severino, Zoanni Dante, Zoanni Ezio e Zoanni
Ido. Sono ricordati anche i partigiani Della Morte Remo, Fallini Mario, Giovanettoni Floriano, Masolini
Natale e Nicolini Sandro.

[torna all'indice]

Chiesa in Valmalenco

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CHIESA IN
VALMALENCO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante fu il tributo del paese alla prima guerra mondiale, nella quale caddero combattendo Dell’Andrino
Giuseppe, Masa Giacomo, Cabello Francesco, Vedovatti Ignazio, Fanoni Federico, Fanoni Isacco, Schena
Francesco, Lenatti Alessandro, Guerra Vittorio, Ferrari Enrico, Pedrotti Andrea, Guerra Giovanni, Capraro
Casimiro, Lenatti Simone, Masa Annibale e Pedrolini Domenico. Morirono, invece, in seguito alle ferite
Balzarini Felice, Faldrini Tommaso e Ferrari Severino. Morirono in prigionia Schenatti Lorenzo, Gaggi
Michele, Schena Riccardo, Pedrolini Pietro, Schenatti Guido, Dell’Agosto Carlo, Nani Giuseppe e Sem
Filippo. Morirono in conseguenza di malattie contratte in guerra Gaggi Severino, Pedrolini Lorenzo, Guerra
Giuseppe, Olivo Carlo, Pedrotti Giuseppe, Falorini Siro, Longhini Giovanni, Fanoni Agostino, Del Zoppo
Pierino, De Vincenzo Carmine, Schenatti Enrico, Guerra Pietro, Pedrazzi Paolo, Lenatti Pietro, Sem Pietro,
Schenatti Pietro, Zersi Plinio e Pedrolini Vittorio. Furono, infine, dichiarati dispersi Fanoni Celeste, Ferrari
Michele, Regazzi Giacomo, Lenatti Camillo e Vedovatti Carlo.

Molti furono anche gli abitanti di Chiesa che caddero nella seconda guerra mondiale: morirono in
combattimento Sampietro Franco, Gaggi Giovanni, Ferrari Andrea, Bagiolo Carlo, Gaggi Pierino, Lenatti
Enrico, Petruzzi Angelo, Schena Ugo, Schenatti Emilio e Sem Ugo; morirono in conseguenza delle ferite
Tobaldo Alfonso, Battaglia Felice, Feltrami Renato, Cabello Giovanni, Lenatti Bruno, Lenatti Livio, Schenatti
Diego e Schenatti Erminio. Furono, infine, dichiarati dispersi Cabello Erminio, Dell’Agosto Alfredo,
Dell’Agosto Edoardo, Del Zoppo Olivo, Del Zoppo Pierino, Del Zoppo Tommaso, Fanoni Pietro, Ferrari Felice,
Guerra Pietro, Lenatti Adamo, Masa Aldo, Negrini Ignazio, Pettini Angelo, Ragazzi Pietro, Schena Michele,
Schenatti Angelo, Schenatti Fabio, Schenatti Renzo, Sem Filippo, Sem Vittorio, Soldati Tito e Vedovatti
Casimiro.

[torna all'indice]

Chiuro

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CHIURO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CASTIONETTO DI
CHIURO

Molti furono i cittadini di Chiuro caduti nella prima guerra mondiale: il tenente Maffina Luigi, il caporal
maggiore Mingardi Antonio, i caporali Angelici Cesare e Flematti Oreste ed i soldati Pusterla Luigi, Duico
Giacomo, Pusterla Antonio, Marchioni Giovanni, Battaglia Melchiorre, Mingardi Michele, Bombardieri
Edoardo, Previsdomini Attilio, Veda Giacomo, Della Valle Giuseppe, Cenini Eliseo, Balgera Emilio, Cabassi
Angelo, Mingardi Agostino, Balzarolo Giacomo, Chiesa Giuseppe, Mingardi Pietro, Nera Enrico e Della Valle
Giuseppe.

Nella seconda guerra mondiale caddero, fra i cittadini di Chiuro, il sergente Borinelli Luigi, l’aviere scelto
Bombardieri Aldo, i soldati Bombardieri Erminio, Della Valle Antonio e Fancoli Egidio ed il partigiano
Gabrieli Dannunzio. Furono dichiarati dispersi il caporal maggiore Marchesi Severino, l’aviere scelto
Bombardieri Florindo, il pilota Sondalini Ettore ed i soldati Bruga Pierino, Folini Beniamino, Mingardi
Martino, Pusterla Bernardo, Rainoldi Amedeo, Rainoldi Natale, Della Patrona Emilio, Mingardi Agostino e
Paruscio Pietro.
[torna all'indice]

Cino

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CINO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti sul sagrato della chiesa di S. Giorgio ricorda i morti nella prima guerra mondiale:
Callina Pietro di Andrea, Caligari Giovanni fu Pietro, Zanoli Giulio maestro di Carlo, Giumelli Pietro di Pietro,
Rizzi Fulgenzio di Pietro, Callina Giorgio di Battista, Rossatti Giovanni di Andrea, Guslini Martino fu Giovanni,
Pedranzini Lorenzo di Alberto, oltre a Valena Giovanni Battista, Comalli Antonio, De Pedrina Giovanni e
Berti Andrea, morti dal 1923 al 1926.

Cino dovette piangere fra i suoi caduti, nella seconda guerra mondiale, Romegioli Andrea, Valena
Innocente, Valena Eugenio, Valena Felice, Pedranzini Felice e Zanoli Pietro, oltre a Camarri Marcello, morto
per cause di guerra nel 1963. Vengono anche ricordati i dispersi in Russia, Berti Ezio, Camarri Felice,
Pedranzini Giovanni, Pedraglio Pierino, Rizzi Edoardo, Tibi Teofilo e Rizzi Olimpio.

[torna all'indice]

Civo

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CIVO A SERONE

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CADELSASSO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI RONCAGLIA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CASPANO
Pesante il tributo del paese alla prima guerra mondiale: la targa presso la chiesa di Serone ne ricorda i
caduti, vale a dire Alberti Alfonso, Alberti Aurelio, Alberti Luigi, Bogialli Angiolino, Bonesi Onorato, Bonesi
Salvatore, Camero Paolino, Carra Giacomo, Cesara Filippo, Cerasa Serafino, Cometti Riccardo, Dell'Oro
Andrea, Domenici Giuseppe, Fiorenzi Rocco, Fumiatti Pietro, Gabelli Celestino, Gaist Giuseppe, Gaist
Salvatore, Lestini Plinio, Margnelli Paolo, Marchesi Carlo, Martinoli Gioachino, Martinoli Lorenzo, Martinoli
Luigi, Motta Emilio, Poli Anacleto, Pradè Anselmo, Rè Angelo, Rè Giovanni, Sandro Federico, Soldati
Giuseppe, Tarabini Marco, Tarca Giacomo e Togna Enrico.

Pesante fu anche il tributo di vite che il paese pagò durante la seconda guerra mondiale: caddero Alberti
Ercole, Alberti Giovanni, Alberti Rocco, Baretta Settimio, Baroli Giuseppe, Bonesi Andrea, Bonesi
Bartolomeo, Bonolo Ezio, Bradanini Arduino, Bradanini Vittorio, Busnarda Aurelio, Carpentieri Riccardo,
Cerasa Ludovico, Cerasa Valente, Chistolini Clementino, Chistolini Giuseppe, Chistolini Mario, Chistolini
Santo, Cometti Angelo, Cometti Paolo, Ferola Guido, Fiora Clorindo, Fiora Giacomo, Frate Costantino, Frate
Pietro, Gaist Franco, Guareschi Fulvio, Marchesi Pietro, Margnelli Vittorio, Martinoli Giacomo, Martinoli
Giuseppe, Martinoli Lorenzo, Martinoli Luigi, Martinoli Paolo, Molta Angelo, Molta Enrico, Molta Giovanni,
Padellini Abbondio, Panera Pietro, Pradè Rino, Scaia Giuseppe, Venturoli Leonardo, Venturoli Pietro e Vetti
Pierino. La targa ricorda anche Molta Giulio, deceduto durante il servizio di leva.

Sulla facciata della chiesa di San Pietro martire a Cadelsasso sono riportati i seguenti nomi di caduti nella
prima guerra mondiale: Gaist Giuseppe, Fumiatti Pietro, Gaist Salvatore, Dominici Giuseppe e Carra
Giacomo. Sono riportati anche i nomi di tre dispersi in Russia durante la seconda guerra mondiale: Padellini
Abbondio, Gaist Franco e Ferola Guido.

La lapide presso la chiesa di Caspano riporta riporta i seguenti nomi di caduti nella prima guerra mondiale:
Motta Emilio, Cometti Riccardo, Gabelli Celestino e Fiorenzi Rocco. I caduti nella seconda guerra mondiale
sono Molta Angelo, Scaia Giuseppe, Cometti Angelo, Baroli Giuseppe, Chistolini Clementino e Chistolini
Santo. Risultano infine dispersi in Russia Chistolini Mario, Bradanini Vittorio, Chistolini Giuseppe, Cometti
Paolo, Molta Enrico e Molta Giovanni. Vengono riportti anche i nomi del partigiano Panera Pietro e
dell'alpino Molta Giulio, morto tragicamente sul Gavia il 20 luglio 1954.

[torna all'indice]

Colorina

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI COLORINA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

A Custoza morì, nel 1866, Pendusci Alessandro.

Nella prima guerra mondiale caddero diversi abitanti di Colorina, Aili Camillo fu Cirillo, Aili Erminio di
Giuseppe, Codega Giovanni Battista fu Battista, Codega Pietro fu Gioachino, Moiola Primo di Bernardo,
Mottalini Giuseppe fu Giovanni, Gusmeroli Pietro fu Giovanni, Tavasci Angelo fu Antonio, Varischetti
Simone fu Battista, Zamboni Erminio fu Battista, Aili Pietro fu Carlo, Libera Giacomo fu Giovanni, Leratti
Felice di Pietro, Mainetti Giovanni fu Giovanni, Gusmeroli Giovanni fu Giuseppe, Pizzini Silvestro fu Antonio,
Libera Lino fu Costantino, Libera Pietro fu Costantino, Libera Vittorio fu Davide, Bianchini Daniele di Enrico,
Mainetti Ignazio fu Antonio, Bonini Aristide fu Pietro, Pizzini Plinio di Antonio, Pizzini Quirino di Silvestro,
Zamboni Spero di Rocco, Piatti Felice fu Pietro, Libera Camillo di Leone, Libera Angelo di Costante e
Varischetti Lazzaro fu Pietro.

Pesante fu anche il tributo pagato alla seconda guerra mondiale, nella quale si dovettero piangere Bulanti
Giuseppe di Luigi, Codega Erminio fu Consiglio, Libera Liberale di Liberale, Libera Camillo fu Felice, Libera
Erminio fu Felice, Maier Stefano fu Stefano, Varischetti Gaetano di Natale, Fanti Battista di Aristide, Toietti
Primo fu Pietro, Fanti Renzo di Giuseppe, Codega Ennio fu Erminio, Varischetti Pietro fu Guglielmo, Mainetti
Giuseppe di Andrea, Pizzini Edoardo di Pietro, Varischetti Aldo fu Primo, Varischetti Romolo di Davide,
Mainetti Console fu Console, Fanti Romolo fu Attilio e Varischetti Silvio fu Simone.

A questo elenco non è inopportuno aggiungere quello dei Colorinesi caduti per motivo di lavoro, molto
spesso in paesi assai lontani dai luoghi natii: Aili Edoardo (morto in Australia nel 1971), Aramini Mario
(morto in Calabria nel 1953), Cassini Renzo (morto a Colobraro, Matera, nel 1977), Codega Franco (morto a
Campodolcino nel 1959), Fanti Guido (morto a Curnera, Svizzera, nel 1966), Fanti Mario (morto in Zambia
nel 1977), Gatti Mario (morto a a Bogotà, Colombia, nel 1972), Mottalini Attilio (morto a Bengasi, Libia, nel
1979), Pizzini Camillo (morto in Argentina nel 1986), Pizzini Pietro (morto in Calabria nel 1914), Pizzini
Umberto (grande invalido per incidente in Sudan nel 1962), Quadrio Alessandro (morto a Zagros, in Iran,
nel 1972), Ranaglia Giacomo (morto nel Bosco Nono di Colorina durante il taglio di piante nel 1951),
Ranaglia Luigi (morto in Liguria nel 1964), Zamboni Antonio (morto in Sudafrica nel 1994), Zamboni
Armando (morto per grave incidente a Samolaco nel 1966), Zamboni Dario (morto in Zambia nel 1974),
Zamboni Erminio (morto in Val Rogna, Tresivio, nel 1949), Zamboni Guglielmo (morto nel Bosco nono di
Colorina, durante il taglio di piante, nel 1925); Zamboni Ideale (morto a Laino Borgo, in Calabria, nel 1969) e
Zamboni Pierino (morto in seguito a grave incidente in Calabria, nel 1987). Un elenco che impressione e fa
pensare.

[torna all'indice]

Cosio Valtellino

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI Cosio Valtellino

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI REGOLEDO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MELLAROLO
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI SACCO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIAGNO

Alto fu il tributo pagato alla Prima Guerra Mondiale. Il monumento in ricordo dei caduti a Cosio Valtellino
ricorda Acquistapace Mansueto, Alberti Ernesto, Gherbi Giovanni, Gherbi Giovanni, Manni Gildo, Manni
Giovanni, Piva Silvio, Sutti Giacomo, Sutti Giovanni, Tarabili Plinio, Zecca Domenico e Zugnoni Federico.
Quello di Regoledo riporta i nomi di Cornaggia Giacinto, Martinalli Dionigi, Moiola Giovanni, Tonelli
Antonio, Tonelli Bernardo e Zecca Giovanni. Il monumento ai caduti di Sacco ricorda Orlandi Antonio,
Orlandi Bernardo, Zecca Antonio, Zecca Luigi, Bellotti Pietro, Fazzini Giuseppe, Gambetta Casimiro e
Mariana Domenico.

Alto fu anche il tributo pagato al secondo conflitto mondiale. Il monumento ai caduti a Sacco ricorda, fra
caduti e dispersi, i nomi di Antonioli Luigi, Cornaggia Cesare, Mottarella Dante, Mariana Eugenio, Mariana
Eligio, Orlandi Adolfo, Zecca Leonardo, Vaninetti Tullio e Bedognè Raffaele. Il monumento a Cosio Valtellino
menziona Ambrosetti Luigi, Ambrosetti Mario, Bianchi Pierino, Bongetta Lino, Bottà Achille, Cazzola Celso,
Cazzola Ettore, Cazzola Martino, Citterio Enrico, Colli Giovanni, Gusmelori Ermanno, Magni Roberto, Manni
Antonio, Manni Gaetano, Maxenti Carlo e Ruffoni Emere.

Una targa nella piazzetta di fronte alla chiesetta di Mellarolo riporta i seguenti nomi di caduti di Mellarolo e
del Dosso nella Prima Guerra Mondiale: Zugnoni Giovanni, Rabbiosi Ambrogio, Zugnoni Primo, Zugnoni
Lorenzo, Zugnoni Alfonso, Zugnoni Bonaventura e Zugnoni Pietro. I caduti nella Seconda Guerra Mondiale
furono Zugnoni Albino Ulisse, Zugnoni Osvaldo, Zugnoni Aldo, Rabbiosi Erminio e Rabbiosi Enrico.

Una targa a Piagno ricorda Acquistapace Mansueto e Alberti Ernesto, caduti nella Prima Guerra Mondiale, e
Citterio Enrico e Macsenti Carlo, rispettivamente morto e disperso in Russia nella Seconda Guerra
Mondiale.

[torna all'indice]

Dazio

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI DAZIO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Nel monumento ai caduti presso la chiesa parrocchiale di San Provino a Dazio sono riportati i nomi dei
morti nei due conflitti mondiali. Nella prima guerra mondiale caddero Albertari Arturo, Giovannini
Giuseppe, Giovannini Paolo, Provini Alfredo, Roncaioli Giovanni e Svanossi Guglielmo. Nella seconda guerra
mondiale caddero Fascendini Oreste, Marca Giuseppe, Montebello Olimpio, Nana Lindo, Pedemonti Savio,
Provini Abbondio, Spazzini Dino, Svanossi Alfonso e Valenti Bruno.

[torna all'indice]

Delebio

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI DELEBIO (I GUERRA
MONDIALE)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI DELEBIO (II GUERRA
MONDIALE)

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI SOLDATI DELEBIESI DECORATI

Il monumento ai caduti di fronte alla chiesa parrocchiale di Delebio, datato 1921, ricorda i soldati morti
nella prima guerra mondiale. Sono menzionati i seguenti soldati, caduti in combattimento: Soldarelli
Giovanni Battista di Giovanni, Facetti Primo fu Leonardo, Mazza Natale di Pietro, Vitali Giuseppe fu
Giuseppe, Casartelli Camillo di Edoardo, Mazza Carlo di Pietro, Dei Cas Urbano di Massimo, Vaninetti Ilario
di Antonio, Comparoli Giuseppe fu Giuseppe, Riva Giovanni di Luigi, Riva Ennio di Venanzio, Dei Cas Emilio
di Massimo, Mapelli Armando di Francesco e Fistolera Giuseppe di Giovanni Battista. Vengono ricordati
anche i seguenti soldati morti per ferite o malattie: Mazza Giovanni di Antonio, Scisetti Emanuele fu Pietro,
Rossi Giovanni fu Gerolamo, Maglia Pierino di Antonio, Brunetti Giuseppe fu Antonio, Nasturzi Rodolfo,
Fistolera Giovanni Battista fu G. B. e Malgesini Benito di Domenico. Sono, infine, ricordati i seguenti soldati
caduti nelle guerre coloniali: Moretti Giacomo fu Gerolamo e Dei Cas Elvezio di Massimo.

Accanto alla targa relativa alla prima guerra mondiale è stata collocata una targa relativa alla seconda
guerra mondiale. Sono menzionati i seguenti soldati, caduti o dispersi: Abramini Vittorio, Acquistapace
Giovanni, Aglio C. Battista (disperso), Bertola Giovanni, Bertola Oreste, Brunetti Giuseppe (disperso),
Casalta Ettore (disperso), Casalta Luigi (disperso), Corgatelli Remo (disperso), Crimella Umberto, De Donati
Modesto (disperso), Dell'Oca Leonino (disperso), Fistolera Enrico, Fistolera Ernesto (disperso), Fistolera
Giacomo, Fistolera Riccardo (disperso), Fistolera Vittorio (disperso), Fondra Renato, Gobbi Attilio, Gobbi
Mirto (disperso), Gusmeroli Clemente (disperso), Mattarucchi Domenico (disperso), Mattarucchi Donato
(disperso), Mazza Elia (disperso), Mazzoletti Ilario, Minatta Ettore (disperso), Moretti Pietro, Paltrinieri Luigi
Carlo, Parasci Elia, Scaramella Arialdo, Scaramella Battista (disperso), Scaramella Elio, Silvestrini Attilio
(disperso), Soldarelli Albino, Sottocornola Gino, Tavani Enrico, Tognolini Raffaele (disperso).

Una stele posta il 4 novembre 1933 ricorda infine i Delebiesi decorati al valor militare o civile: Ceciliani
Domenico (medaglia d'argento al valor militare, bersagliere del 35simo Battaglione, Roma, 20 settembre
1870); Moretti Giovanni (medaglia d'argento al valor civile, Milano, 19 luglio 1896); Dell'Oca Angelo
(medaglia d'argento al valor militare, soldato del Quinto Alpini, Laghi di Presena, 9 giugno 1915); Brisa
Ottorino (medaglia di bronzo al valor militare, sottotenente del Sesto Alpini, Monte Roite 20 ottobre 1916 e
medaglia di bronzo al valor militare, sottotenente del Sesto Alpini, Altipiano Bainsizza, 29 e 30 agosto
1917); Casati Giuseppe (medaglia di bronzo al valor militare, caporale 258simo fanteria, canale Monte KVK,
19-22 agosto 1917), Festa Pietro (medaglia d'argento al valor militare, soldato del Sesto Alpini, Sasso Rosso
28 gennaio 1918), Dell'Oca Siro (medaglia di bronzo al valor militare, soldato del Quinto Alpini, Monte
Cornone, 28 gennaio 1918), Corgatelli Luigi (medaglia d'argento al valor militare, caporal-maggiore del
Quinto Alpini, Torre di Babele, 21 marzo 1918), Mazza Giuseppe (medaglia d'argento al valor militare,
aiutante di battaglia del Quinto Alpini, Marocche Orientali, 13 agosto 1918), Mambretti Giulio (sottotenente
del Terzo Alpini, medaglia d'argento al valor militare, Monte Nero, 16 giugno 1915 e medaglia d'argento al
valor militare, Monte Memez 19-20 luglio 1915).

[torna all'indice]

Dubino

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI DUBINO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI NUOVA OLONIO

Nella prima guerra mondiale caddero i soldati di Dubino Brambilla Luigi, Barri Paolo, Barri Andrea, Poncetta
Basilio, Barri Pietro, Conforti Pasquale, Scinetti Antonio (classe 1886), Scinetti Antonio (classe 1899) ed
Amendolagine Giuseppe.

Durante la seconda guerra mondiale i caduti di Dubino furono Cacchero Silvio, Conforti Pietro, Fascendini
Antonio, Gambetta Giovanni, Martelelli Severino, Nonini Domenico, Pandiani Pierino, Risciotti Severino,
Sandrini Giacomo, Scinetti Antonio, Scinetti Giovanni, Tarca Modesto, Tarca Riccardo, Tarchini Pietro,
Ambrosini Abele, Contessa Giovanni, Gotti Arturo, Pilatti Giuseppe, Mazzoleni Augusto, Vaninetti Guerrino
e De Simoni Lino.

Il monumento ai caduti di Nuova Olonio riporta i seguenti nomi di soldati morti nella prima guerra
mondiale: Molatore Domenico, Molatore Enrico, Molatore Tranquillo, De Simoni Giorgio, De Simoni Luigi,
Molatore Gioachino e Folonari Giovanni. Caddero nella seconda guerra mondiale il tenente Ambrosini
Abele (medaglia d'oro), Ambrosini Bruno, Molatore Enrico, Molatore Giulio, Sandrini Emilio, Sandrini Arno,
Sandrini Annibale, Sandrini Giacomo, Barona Angelo, Ligari Ennio, De Simoni Lino, Tarchini Pietro, Niscioli
Tobia, Martelli Severino, Contessa Giovanni, Pilatti Giuseppe, Masetti Agostino e Nonini Domenico.

[torna all'indice]

Faedo Valtellino

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI FAEDO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

"Faedo ricorda i suoi caduti per l'indipendenza d'Italia ed i reduci dalla grande guerra mondiale 1915-1918.

Morti: Scienini Bortolo, Caprari Vincenzo, Paruscio Luigi, Sciaresa Genesio.

Dispersi: Caprari Luigi, De Bernardi Battista.

Reduci: Abardi Felice fu Abele, Balzarini Giovanni di Antonio, Balzarini Angelo di Antonio, Caprari Dino di
Carlo, Caprari Cirillo fu Abbondio, Caprari Pietro di Stefano, Caprari Giosuè fu Antonio, Caprari Battista fu
Antonio, Caprari Nando fu Antonio, Caprari Erminio di Andrea, Caprari Guido di Andrea, Caprari Abbondio
di Stefano, Caprari Marco di Angelo, Caprari Andrea di Angelo, Caprari Livio fu Abbondio, De Paoli Aristide
di Marco, De Paoli Costante di Marco, De Paoli Rino di Andrea, De Paoli Andrea di Andrea, De Paoli
Giuseppe di Carlo, De Paoli Alessandro di Carlo, De Paoli Renzo di Giovanni, De Paoli Ricco di Giovanni, De
Paoli Mansueto di Antonio, De Bernardi Carlo fu Battista, De Bernardi Giovanni fu Andrea, De Bernardi
Edoardo di Matteo, Gaggi Giovanni di Carlo, Gaggi Andrea fu Martino, Gaggi Antonio fu Martino, Gaggi
Emilio di Antonio, Gaggi Cesare di Giovanni, Marchetti Beniamino fu Giovanni, Marchetti Teodoro fu
Giovanni, Mirti Abele di ignoti, Paruscio Giovanni di Giovanni, Paruscio Luigi di Giovanni, Paruscio Giovanni
fu Antonio, Paruscio felice fu Antonio, Paruscio Virgilio di Andrea, Romeri Andrea di Isidoro, Romeri
Annibale di Isidoro, Scenini Pietro fu Matteo, Scenini Luigi fu Matteo, Scenini Giovanni fu Battista, Scenini
Pietro di Giovanni, Scenini Mario di Giovanni, Scenini Attilio di Silvio, Scenini Carlo di Domenico, Scenini
Emilio di Domenico, Scenini Giovanni di Carlo, Scenini Giovanni di Ermenegildo, Scenini Odovico di
Giacomo, Scieghi Carlo fu Carlo, Scieghi Bortolo fu Carlo, Sciaresa Andrea di Carlo, Sciaresa Luigi di Andrea,
Sciaresa Guido di Vincenzo, Paruscio Paolo di Andrea.

Per concorso di popolo, marzo 1920."


A conti fatti, la guerra costò a Faedo 4 morti e 2 dispersi, a fronte di 59 reduci.

Sotto questa targa ne è stata collocata una seconda che ricorda i dispersi nella guerra 1940-1945, cioè
Caprari Bernardo fronte russo dicembre 1942, De Bernardi Battista fronte occidentale inverno 1944-45, De
Paoli Alfonso, fronte russo gennaio 1943, De Paoli Cielo, medio oriente settembre 1941, Gaggi Andrea,
deportato in Germania nel settembre del 1943 e Scenini Primo, fronte russo gennaio 1943.

[torna all'indice]

Forcola

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI SIRTA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI SELVETTA

Il comune di Forcola pagò un alto tributo alla Prima Guerra Mondiale. Come è riportato sul monumento ai
caduti nella piazza antistante alla chiesa di S. Giuseppe a Sirta, caddero in combattimento il capitano Libera
Anacleto ed i soldati Spini Giovanni, Spini Cipriano, Raschetti Maurizio, Bono Giovanni, Libera Marco,
Raschetti Lodovico e Tocalli Ermete, mentre morirono per malattia i soldati Raschetti Giovanni, Marchesini
Giuseppe, Involti Igino, Marchesini Giovanni, Marchesini Pellegrino, Mottalini Pietro, Spini Donino e
Raschetti Gabriele; morirono, infine, per ferite Menghi Olimpio e Libera Daniele, mentre risultarono
dispersi i soldati Menghi Giuseppe e Pirola Giovanni.

Nella seconda guerra mondiale caddero il colonnello Caretti Rino, il capitano Libera Pietro ed i soldati
Raschetti Elia e Raschetti Ettore. Morirono per eventi bellici Bertolini Erino, Bono Giovanni, Maffezzini Carlo,
Raschetti Benedetto, Raschetti Secondo e Saligari Ventura. Morirono in prigionia Bono Egidio e Menghi
Virginio. Morirono per malattia Biancyhini Severino, Libera Marco, Menghi Augusto e Menghi Giuseppe.
Furono, infine, dichiarati dispersi nella campagna di Russia Bertolini Dino, Bertolini Giuseppe, Bertolini
Marco, Bertolini Vittorino, Branchini Celeste, Branchini Dionigi, Caretti Umberto, Daziani Gino, Libera
Emilio, Libera Giulio, Raschetti Giacomo, Raschetti Pierino, Raschetti Sergio, Spini Dionigi, Spini Giovanni di
G., Spini Giovanni fu V.,Toccalli Dino, Borellini Giuseppe (disperso in Albania).

[torna all'indice]

Fusine
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI FUSINE

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento presso l’edificio scolastico riporta i nomi dei Fusinesi caduti nel primo conflitto mondiale,
cioè Bazzi Giacobbe di Andrea, De Maestri Giacomo fu Luigi, Mottini Guido di Carlo, Trutalli Zaccaria di
Console, Pierini Pietro, De Maestri Lino fu Ernesto, Balatroni Augusto di Alessandro, Melazzini Antonio di
Emilio, Trutalli Lorenzo fu Antonio e Vanini Edoardo fu Luigi (morto in prigionia nel 1921).

[torna all'indice]

Gerola Alta

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI GEROLA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Durante la prima Guerra Mondiale Gerola dovette pagare un tributo importante in termini di vite umane:
morirono al fronte Acquistapace Angelo, Acquistapace Sibiano, Fallati Angelo, Fallati Lodovico, Manni
Andrea, Maxenti Francesco e Spandrio Giuseppe. Morirono in prigionia Acquistapace Santino, Bianchi
Agostino, Manni Gildo e Manni Lodovico. Morirono, infine, in seguito a malattie Acquistapace Amedeo,
Acquistapace Gaetano, Acquistapace Guido, Acquistapace Domenico, Manni Giovanni, Manni Mansueto e
Ruffoni Angelo.

Pesante fu anche il tributo pagato da Gerola alla seconda Guerra Mondiale, nella quale risultarono dispersi
sul fronte russo nel 1943 Acquistapace Antonio, Acquistapace Giuseppe, Acquistapace Carlo, Acquistapace
Cirillo, Acquistapace Onorino, Acquistapace Ferdinando, Ambrosetti Luigi, Bianchi Agostino, Manni Antonio,
Manni Gaetano, Maxenti Angelo, Maxenti Felice, Ruffoni Emeri, Spandrio Vittorio e Zugnoni Pietro; cadde
sul fronte russo Ambrosetti Mario. Caddero, invece, sul fronte greco-albanese Acquistapace Densi, Curtoni
Battista e Ruffoni Mario. Morì prigioniero in Germania il partigiano dottor Manni Igino. Morirono, infine, di
malattia Acquistapace Giovanni, Acquistapace Ercole, Acquistapace Pietro e Manni Ettore.
[torna all'indice]

Gordona

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI GORDONA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti presso la chiesa parrocchiale di Gordona riporta i seguenti nominativi di soldati
morti nella prima guerra mondiale: Biavaschi Alfredo, Biavaschi Giovanni, Biavaschi Martino, Capelli Pietro,
De Agostini Giacomo, De Agostini Giovanni, Dell'Anna Martino, Dell'Anna Samuele, Fogliada Giovanni,
Mazzina Luigi, Pedretti Lorenzo, Ruffatti Franco, Tabacchi Giuseppe, Tavasci Antonio, Tavasci Domenico,
Tavasci Giacomo, Tavasci Giovanni e Tavasci Natale.

I soldati caduti nella seconda guerra mondiale sono i seguenti. Caduti e dispersi nei Balcani: Guglielmana
Giovanni, Giampedraglia Guido, Battistessa Giovanni e Biavaschi Bernardo. In Francia: Dell'Anna Andrea.
Caduti e dispersi in Germania: Battistessa Pietro, Biavaschi Giovanni, Lombardini Pietro, Tavasci Andrea e
Tavasci Lorenzo. Grandi invalidi deceduti per causa di guerra: Tabacchi Battista, Tavasci Mario e Tavasci
Ulisse.

[torna all'indice]

Grosio

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI GROSIO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI RAVOLEDO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MALGHERA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante, come per tutti i comuni della provincia, il contributo di vittime che Grosio dovette pagare alla
prima guerra mondiale, nella quale caddero il tenente Pini dott. Pietro, l’aviere di battaglia Sala Giorgio, il
sergente maggiore Queti Giacomo, i sergenti Rinaldi Pietro, Rinaldi Martino, Bazzeghini Bortolo, Biatieri
Pietro e Varenna Cristoforo, i caporal maggiore Besio Stefano, Cimetti Pietro, Ghilotti Giacomo, Pini
Guglielmo, Pini Cristoforo, Sala Matteo, Sala Giovanni e Strambini Pietro, i caporali Sassella Pietro e Sala
Battista, i soldati Baitieri Matteo, Besio Giorgio, Besseghini Protasio, Caspani Giacomo fu Martino, Caspani
Giacomo fu Pietro, Caspani Stefano, Cecini Bortolo, Cecini Martino, Cimetti Bortolo, Cimetti Antonio,
Cimetti Giorgio, Curti Domenico, Curti Pietro, Curti Angelo, Cusini Antonio, Cusini Martino, Cusini Pietro,
Franzini Antonio, Franzini Stefano, Ghilotti Domenico fu Domenico, Ghilotti Martino, Ghilotti Giovanni,
Ghilotti Domenico fu Tommaso, Ghilotti Giuseppe, Pini Giuseppe, Pini Giovanni, Pini Bortolo, Pini Michele,
Pini Giorgio, Queti Matteo, Queti Giuseppe, Queti Giovanni, Pruneri Ottorino, Rinaldi Giuseppe, Rinaldi
Francesco, Robustelli Enrico, Sala Giorgio, Sala Martino di Martino, Sala Martino fu Martino, Sassella
Martino, Strambini Giovanni, Strambini Antonio, Varenna Giuseppe e Valmadre Mario.

Presso la Biblioteca, nella Villa Visconti Venosta, sono riportati i seguenti nomi di caduti nella guerra di
Abissinia (1935-36): Caspani Bortolo (soprannome Prina, classe 1910), Gilardi Benedetto (classe 1910) e
Rinaldi Giuseppe (Cech, classe 1891). Nella Guerra dei Balcani (1939-1945) caddero Cimetti Domenico
(Becoriu-Menegona, classe 1918), Franzini Bortolo (Marmariu, classe 1911), Rinaldi Stefano (Gianela, classe
1912) e Sala Antonio (Pretor, classe 1912). Sul fronte Russo (1941-1945) caddero o furono dichiarati
dispersi Bazzeghini Giuseppe (Quata, classe 1918), Besseghini Domenico (Pus-ciavin, classe 1916), Beseghini
Giuseppe (Scutumela, classe 1922), Borsi Giuseppe (Slofa, classe 1918), Cecini Giacomo (Sgoben-lalu, classe
1918), Cecini Martino (Trusiu, classe 1916), Confortola Enrico (classe 1912), Della Bosca Attilio (Gavelin,
classe 1920), Ghilotti Pietro (Laura, classe 1921), Mosconi Giacomo (Spaca, classe 1922), Pini Albino (Col,
classe 1922), Pini Giuseppe (Dria, classe 1917), Pini Martino (Squitarola, classe 1922), Pini Michelangelo
(Fra, classe 1922), Pini Pietro (Cian, classe 1916), Pini Pietro (Bernes, classe 1915), Pini Stefano (Brighelu,
classe 1918), Pruneri Achille (Scari, classe 1913), Pruneri Severino (Geremia, classe 1893), Rinaldi Giuseppe
(Cech Chesler, classe 1916), Robustelli Stafano (Pipi, classe 1916), Sala Matteo (Cac, classe 1922), Sala Paolo
(Scariot, classe 1913), Sala Pietro (Sciuschina, classe 1920), Strambini Battista (Sghit, classe 1915), Strambini
Battista (Cirol, classe 1916), Strambini Giovanni (Sghit, classe 1920), Valmadre Antonio (Stupin, classe
1916), Varenna Giuseppe (Rudina, classe 1917) e Varenna Luigi (Rudina, classe 1921). Morirono per cause
di guerra, sempre nella Seconda Guerra Mondiale, Besio Martino (Fanfu, classe 1905), Caspani Giuseppe
(Gotu, classe 1914), Franzini Pietro (Besturlu-Margnoch. classe 1900), Franzini Stefano (Gherbal, classe
1912), Mosconi Cristoforo (Tetarola-Tota, classe 1910), Pini Guido (Pastoch-Gagia, classe 1917), Pruneri
Stefano (Mocen, classe 1909), Rinaldi Martino (Rusin, classe 1908), Salandi Mario (Zafagna, classe 1918),
Sassella Giacomo (Malchet, classe 1895) e Strambini Pietro (Relu, classe 1910). Caddero, infine, nella guerra
partigiana Branchi Teresa-Lazzarotti (civile, classe 1895, ANPI Sondrio), Caspani Agnese (Perlu, classe 1925),
Cecini Antonio (Sgoben-Gnognu, classe 1915), Della Bosca Giuseppe (civile, ANPI Sondrio, classe 1897),
Franzini Bortolo (Piona, classe 1918), Ghilotti Severino (Spirt, classe 1928), Pini Giacomo (Ciaroli, classe
1923), Pini Giuseppe (Bresan, classe 1920), Pini Guglielmo (classe 1918), Pini Mario (Pigna, classe 1919),
Sala Luigi (Zani, classe 1918), Valmadre Emilio (classe 1916) e Zubiani Antonio (Matusc, classe 1916).

[torna all'indice]

Grosotto

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI GROSOTTO
CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI LAPIDI AL CIMITERO DI GROSOTTO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Nell'atrio dell'edificio che ospita la Scuola dell'Infanzia di Grosotto si leggono i nomi dei Grosottini caduti nei
due conflitti mondiali.

Nella Prima Guerra Mondiale o per le sue conseguenze morirono Saladanna Giovanni Pietro di Pietro
(disperso), Saligari Pietro fu Giuseppe, Saligari Stefano di Stefano, Saligari Monegat Giuseppe di Bortolo,
Stoppani Giuseppe di Giovanni (disperso), Stoppani Pietro di Giovanni, Stoppani Stefano Emilio di Giovanni
(disperso), Stoppani Francesco fu Antonio, Stoppani Pietro fu Stefano, Trinca Colonel Giovanni Severino di
Giovanni, Trinca Rampelin Paolo di Eusebio, Trinca Tornidor Andrea di Pietro, Trinca Tornidor Eusebio di
Antonio, Trinca Tornidor Luigi fu Giuseppe, Tiana Giumel Bortolo di Martino, Tuana Giumel Pietro di
Battista, Buzzetti Battista di Battista, Da Prada Bernardo fu Giuseppe, Da Prada Severino di Luigi, De Piazza
Luigi di Andrea, Della Rodolfa Antonio fu Antonio, Fanti Antonio di Biagio, Garzetti Giuseppe di Eusebio,
Osmetti Giovanni fu Giuseppe, Palotti Pietro Ernesto di Pietro, Robustelli Pietro fu Pietro, Robustelli Della
Cuna Giovanni di Antonio, Robustelli Test Pietro di Giacomo, Salacrist Giacomo di Giacomo, Salacrist
Taddeo di Giacomo, Saladanna Alfonso di Antonio.

Morirono nella Seconda Guerra Mondiale Della Rodolfa Gabriele fu Giuseppe, Nolo Bruno fu Giuseppe,
Nolo Giuseppe fu Giuseppe, Palotti Battista fu Pietro, Palotti Giuseppe di Bernardo, Pianta Giovanni battista
di Giovanni Battista, Sala Mariet Giuseppe di Giacomo, Sala Mariet Vittorio di N. N., Saligari Battista di
Antonio, Sala Veni Giuseppe di Stefano, Saligari Antonio di Stefano, Venosta Geremia di Antonio, Lucchini
Florindo fu Costantino, Tuana Giumel Giovanni fu Felice, Robustelli Della Cuna Davide di Domenico, Tuana
Franguel Agostino fu Giuseppe, Scala Bertolin Antonio di N. N. Furono dichiarati dispersi Dell'Acqua Carlo fu
Stefano, De Maron Giuseppe di Stefano, Nolo Giuseppe fu Giuseppe, Sala Tenna Stefano di Stefano, Turcatti
Severino di Antonio, Venosta Giacomo di Antonio, Venosta Carlo di Gioacchino.

[torna all'indice]

Lanzada

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI LANZADA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)
Pesante, infatti, fu il tributo del paese alla prima guerra mondiale, nella quale caddero “per piombo
nemico” (come si legge sulla targa di bronzo posta ai piedi del monumento presso il tempietto – 1880 - del
Parco della Rimembranza) Nani Luigi, Sertore Giacinto, Nani Ercole, Parolini Giuseppe, Bergomi Albino,
Bergomi Natale, Giacomella Olimpio, Gianoli Vitale, Nana Rinaldo, Nana Ermanno, Nana Pasquale, Parolini
Michele, Parolini Giovanni, Parolini Geremia. Morirono, invece, per malattia contratta in guerra Nani
Ernesto, Nani Gaetano, Picceni Dionigi e Rossi Alessandro. Furono, infine, dichiarati dispersi Parolini Pietro,
Masa Antonio, Sertore Agostino e Vetti Luigi. Nel 1923 morì anche il soldato Nana Enrico.

Durante la seconda guerra mondiale caddero Bagioli Livio e Parolini Florindo, mentre furono dichiarati
dispersi Gianoli Luigi, Bergomi Lodovico, Gianoli Arturo, Gianoli Santino, Marca Aldo, Nana Albino, Nana
Carlo, Nana Simone, Parolini Olimpio e Rossi felice. Morirono, infine, per malattie contratte in guerra
Giordani Giuseppe e Nana Ugo.

[torna all'indice]

Livigno

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI LIVIGNO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI LIVIGNO (I guerra
mond.)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI LIVIGNO (cimitero)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI TREPALLE

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti riporta i seguenti nomi di livignaschi caduti nel primo conflitto mondiale: Bormolini
Bernardo, Bormolini Francesco, Bormolini Giacomo, Bormolini Giuseppe, Cantoni Battista, Cantoni
Giuseppe, Cantoni Giovanni, Cantoni Natale, Castellani Battista, Confortola Rocco, Cusini Massimo,
Holscanecht Pierino, Longa Domenico, Longa Giuseppe, Motta Nepomuceno, Mottini Bernardo, Mottini
Serafino, Pedrana Battista, Peri Battista, Raisoni Emilio, Raisoni Francesco, Rodigari Emilio, Rodigari Luigi,
Rodigari Martino, Rodigari Michele, Rodigari Nicola, Silvestri Beniamino, Silvestri Bernardo, Silvestri
Giacomo, Silvestri Giacomo, Zini Battista.
Nella seconda guerra mondiale morirono, poi, i livignaschi Bormolini Francesco, Bormolini Luigi, Bormolini
Rocco Francesco, Cantoni Pietro, Cantoni Silvio, Claoti Vito, Confortola Francesco, Confortola Edoardo
Giuseppe, Cusini Domenico, Longa Domenico, Sertorio Guido, Rodigari Severo e Silvestri Battista. Furono
dichiarati dispersi nel medesimo conflitto, infine, Bormolini Battista, Bormolini Bernardo, Bormolini
Giuseppe, Cantoni Giusto, Cantoni Natale, Cantoni Santino, Cusini Giuseppe, Galli Bernardo, Galli Giacinto
Giuseppe, Raisoni Giacinto, Rodigari Attilio, Rodigari Donato, Rodigari Primo, Silvestri Geremia, Silvestri
Silvio e Zini Evaristo.

Il monumento ai caduti a Trepalle riporta i nomi dei seguenti caduti nella prima guerra mondiale: Bormolini
Giacomo, Bormolini Giuseppe, Cantoni Giovanni, Cantoni Natale, Rodigari Emilio, Rodigari Martino
Giuseppe, Rodigari Luigi, Rodigari Michele. I caduti della seconda guerra mondiale sono: Cantoni Giusto,
Cantoni Natale Silvio, Cantoni Santino, Cantoni Silvio, Rodigari Attilio, Rodigari Donato, Rodigari Primo,
Rodigari Severo.

[torna all'indice]

Lovero

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI LOVERO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti a Lovero riporta i seguenti nomi di soldati morti nella prima guerra mondiale: Leoni
Giuseppe, Zampatti Luigi, Giudice Stefano, Giudice Cardelio, Trafori Ambrogio e Giudice Camillo. I caduti
nella seconda guerra mondiale furono Zampatti Aurelio, Beccaria Marino, Beccaria Giacomo, Giudicatti
Giacomo, Giumelli Vincenzo e Giudice Domenico (disperso).

[torna all'indice]

Madesimo

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MADESIMO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI ISOLATO
CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Due targhe sulla chiesa parrocchiale di Madesimo ricordano i caduti nei due conflitti mondiali. Nel primo
morirono Gianera Silvestro di Giovanni, Pilatti Filippo fu Lorenzo, Pilatti Giacomo di Giuseppe, Buzzetti
Felice fu Luigi, Pilatti Battista fu Giovanni e Gianera Giovanni fu Antonio.

Nel secondo caddero Acquistapace Giovanni, Bianchi Aldo, Bianchi Luigi (classe 1922), Bianchi Luigi (classe
1914), Pedroncelli Guglielmo, Pilatti Natale e Fustella Giacomo.

[torna all'indice]

Mantello

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MANTELLO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Durante la prima guerra mondiale il paese pianse la morte dei combattenti Callina Giorgio, Dell'Ambrogio
Tommaso, Garzelli Beniamino, Poncetta Antonio e Valena Guerino.

Durante la seconda guerra mondiale caddero Bianchi Aristide, Bonetti Arturo, Callina Enzo, Callina Silvio e
Dini Domenico.

[torna all'indice]

Mazzo di Valtellina

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MAZZO DI
VALTELLINA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)
Il monumento ai caduti sulla piazza della chiesa plebana di Mazzo di Valtellina riporta i seguenti nomi di
soldati morti nella prima guerra mondiale: Lazzarini Angelo fu Agostino, Pozzi cav. Anselmo fu Agostino,
Pozzi Antonio di Antonio, Robustelli Giovanni di Giovanni, Pozzi Agostino di Agostino, Rossi Agostino fu
Andrea, Forzatti Antonio di Antonio e Buzzetti Battista di Carlo, Foppoli Amedeo fu Amedeo, Foppoli
Alfonso fu Egidio, Gilotti Lorenzo fu Lorenzo e Rizzi Giovanni di Francesco. Risultarono dispersi i soldati
Foppoli Antonio di Antonio, Rossatti Giacomo di Giacomo e Sala-Crist Agostino fu Giovanni.

Sono poi riportati i seguenti nomi di soldati morti nell'Africa Orientale Italiana nel 1936: Moratti Lorenzo fu
Lorenzo e Pozzi Guglielmo di Fortunato.

Questi, infine, i nomi dei soldati morti nella seconda guerra mondiale: Foppoli Bernardo, Marchesi Stefano,
Tomerini Giovanni e Cattaneo Cesare. I soldati dispersi furono Bianchi Remo, De Paoli Stefano, Foppoli
Fortunato, Pozzi Alberto (classe 1916), Pozzi Alberto (classe 1917), Pozzi Carlo Enrico, Pozzi Clemente, Pozzi
Felice, Pozzi Luigi e Tomè Arturo.

[torna all'indice]

Mello

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MELLO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Sul sagrato della chiesa di San Fedele il monumento ai caduti commemora i morti nella prima guerra
mondiale, Andromacchio Giuseppe, Baraglia Giovanni, Baraiolo Giovanni, Barolo Angelo, Barolo Giovanni,
Barolo Giovanni, Bianchi Polidori P., Bonetti Domenico, Bonetti Pietro, Della Bianca Giovanni, Della Bianca
Vincenzo, De Simoni Pietro, Della Mina Angelo, Gherbesi Domenico, Giannoni Giuseppe, Giannoni Angelo,
Listini Plinio, Martelli Abbondio, Manna Pietro, Martinelli Natale, Masetti Ernesto, Masolatti Giacomo, Della
Benvenuta Bartolomeo, Maghini Pietro, Poncini Angelo, Provveduto Prov., Pietrini Adriano, Pelegatta
Giacomo, Tarca Pietro, Tarca Pietro, Tarca Giovanni, Tarca Vittorio e Sala Michele.

Pesante anche il tributo di caduti alla seconda guerra mondiale: Baraglia Attilio, Bonetti Emilio, Baraiolo
Domenico, Bonetti Giovanni, Baraiolo Abbondio, Bonetti Alessio, De Simoni Lino, Fumelli Edoardo, Gherbesi
Alfonso, Giannoni Lino, Lori Giovanni, Martinelli Giovanni, Masetti Pietro, Masolatti Giacomo, Manna
Alberto, Martelli Abbondio, Masetti Agostino, Polini Giovanni, Tarca Mario, Tarca Riccardo, Vittori Pietro e
Quaini Aldo. Sono menzionati anche, come morti per cause di guerra, Bonadeo Lino, Lori Fedele, Scamoni
Achille, Scamoni Giulio, Sironi Serafino e Contessa Lorenzo.
[torna all'indice]

Menarola

Presso il cimitero di Menarola un monumento ricorda i caduti di Menarola nella prima guerra mondiale,
Pedeferri Agostino, Pedeferri G. Battista, Pedeferi Antonio, De Giambattista Natale, Balatti Giovanni, Balatti
Albino e Balatti Andrea. Sono riportati anche i caduti nella seconda guerra mondiale, Balatti Egidio,
Pedeferri G. Enrico e Pedeferri Costante.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MENAROLA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DALLA LAPIDE SUL CAMPANILE DI SPINEDI

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

[torna all'indice]

Mese

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MESE

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Il monumento ai caduti di Mese riporta i nomi dei seguenti soldati morti durante la prima guerra mondiale:
Balatti Battista, Balatti Enrico, Balatti Gerolamo, Baldracchi Battista, Codazzi Rocco, Peverada Primo,
Salvadalena Enrico e Salvadarena Erasmo.

Nella seconda guerra mondiale morirono Abram Arturo, Balatti Antonio Enrico, Codazzi Costante,
Dell'Acqua Carlo, Della Bella Luigi, Fontana Giacomo, Guglielmana Antonio e Trapletti Giovanni. Furono
infine dichiarati dispersi Abram Giacinto, Abram Luigi, Balatti Mosè, Bedognetti Egidio, Geronimi Mario,
Lombardini Giacomo, Ravo Dante, Rotticci Severino, Selva Dante e Zovani Romeo.
[torna all'indice]

Montagna in Valtellina

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MONTAGNA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante il tributo del paese alla Prima Guerra Mondiale: il monumento ai caduti nella Piazza del
Monumento (“ciàzza del monümént”) riporta i nomi di Baldini Antonio, Bongiascia Carlo, Credaro Attilio,
Credaro Pietro, Della Maddalena Cirillo, Farina Angelo, Gandossini Rodolfo, Gianatti Attilio, Gianatti
Candido, Gianatti Vincenzo, Gurini Renzo, Miotti Omobono, Morelli Luca, Rodigari Lodovico, Sceresini
Abbondio, Gianatti Agostino, Brunalli Luigi, Ceriani Luigi, Credaro Omobono, Fomiatti Giovanni, Gandossini
Guglielmo, Gianatti Giovanni, Morelli Adolfo, Sceresini Cesare, Scherini Paolo, Testini Stefano, Bongiascia
Angelo, Della Maddalena Gaetano, Della Maddalena Luigi, Leoni Latino Emilio, Mattaboni Antonio,
Battifuoco Antonio, Dell'Orsina Omobono, Fomiatti Abbondio, Gianatti Lodovico, Muffatti Angelo, Parolo
Innocente, Paini Casimiro, Brusa Giuseppe, Parolo Ippolito, Paini Luigi e Menegola Fermo.

Il monumento ai caduti riporta anche il nome delle vittime della Seconda Guerra Mondiale: Paini Francesco,
Paini Mario, Pelizzatti Silvio Giovanni, Testini Guido, Gianola Giuseppe, Pelizzatti Cesare, Salvi Luigi, Credaro
Giuseppe, Gorini Renzo Giuseppe, Credaro Ezio, Brusa Giuseppe, Menegola Rino, Credaro Giulio, Della
Maddalena Elia, Della Maddalena Liberti Enrico, Gianatti Giulio, Pelizzatti Silvio, De Dosso Luigi, Della
Maddalena Irmo, Della Maddalena Francesco, Credaro Arturo, Farina Basilio, Brenz Verca Angelo, Credaro
Giulio e Noseda Vittorio.

[torna all'indice]

Morbegno

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MORBEGNO

(PRIMA GUERRA MONDIALE)


CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI MORBEGNO

(SECONDA GUERRA MONDIALE)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL TEMPIETTO VOTIVO DEL BATTAGLION
MORBEGNO (COMMEMORAZIONE DEI MORTI NELLA II GUERRA MONDIALE) - 1

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL TEMPIETTO VOTIVO DEL BATTAGLION
MORBEGNO (COMMEMORAZIONE DEI MORTI NELLA II GUERRA MONDIALE) - 2

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CAMPOVICO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI DESCO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI ARZO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI VALLE

A S. Martino morì, nel 1859, Leone Giacinto; a Roma morì, nel 1849, Mariani Paolo; sul Volturno morì, nel
1860, Somaschini Carlo.

Le lapidi all'ingresso della scuola media di viale Ambrosetti a Morbegno riportano i seguenti nomi di caduti
nelle guerre di indipendenza: Mariani Paolo (Roma, 1849), Leone Giacinto (Solferino, 1959) e Somaschni
Carlo (Volturno, 1860). Viene ricordato anche Cesari Giovanni, morto nella guerra libica (Misurata, 1912).

I caduti nella prima guerra mondiale furono Bonistabile Giuseppe, Mattei Aneroesto, Sedini Carlo, Folcher
Giovanni, Lombardini Edoardo, Mattei Umberto, Tarabini Dino, Acquistapace Paolo, Angelini Alessandro,
Baraglia Giovanni, Bongio Battista, Bossi Giuseppe, Bottà Mario, Cagnoni Dionigi, Cerri Francesco, Cerri
Salvatore, Ciapponi Giacomo Enrico, Ciapponi Giovanni, Ciapponi Paolo, Del Barba Arizzo, Del Nero Emilio,
Donati Giuseppe, Duca Primo, Fabani Gaspare, Fiori Edoardo, Gerosa Giovanni, Maggi Beniamino, Marieni
Matteo, Mazzoni Giovanni, Mazzoni Venanzio, Passerini Francesco, Passerini Luigi, Pensa Domenico,
Rapella Carlo, Ravelli Giuseppe, Righetti Domenico, Righetti Pietro, Romegialli Antonio, Romegialli Cesare,
Ronconi Antonio, Ronconi Battista, Ronconi Francesco, Selva Luigi, Speziali Antonio, Squaratti Giovanni,
Tacchini Giovanni Battista, Tacchini Giuseppe, Tacchini Marco, Tarabini Massimo, Tognoli Rinando, Vassena
Pietro, Vigra Giovanni Battista, Vigra Pietro e Vinca Nemesio.

Nella "guerra per l'Impero" caddero Lusardi Aldo (Amba Gundi, 1935) e Marieni Enrico (Senafè, 1936).

Nella seconda guerra mondiale, infine, o per cause di guerra morirono Bottà Giuseppe, Colombo Renato,
Beccaria Marino, Bertolini Pietro, Bolognesi Camillo, Bottà Silvio, Cavallotti Renzo, Cerri Domenico, Cerri
Luigi, Chiarini Paolo, Ciapponi Bernardo, Della Nave Giuseppe, Luchina Agostino, Luchina Armando, Moroni
Guglielmo, Passerini Giovanni, Passerini Pietro, Pontiggia Dino, Rapella Giulio, Ravelli Pietro, Ronconi
Meschino, Rovedatti Giovanni, Sapino Giuseppe, Sedini Andrea e Speziali Giovanni.

[torna all'indice]

Novate Mezzola

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI NOVATE MEZZOLA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI CODERA

A Milazzo, nel 1860, morì Foico Luigi; a Morbegno, nel 1848, morì Branca Antonio.

Il monumento che commemora i caduti nei due conflitti mondiali riporta i seguenti nomi di soldati morti
nella Prima Guerra Mondiale: Branca Filippo, Colzada Antonio, Domenighini Andrea, Giani Giuseppe de
Valpo, Nonini Andrea, Nonini Lorenzo, Nonini Siro, Penone Pietro, Rizzi Emilio, Sampietro Plinio, Zari
Giovanbattista, Branca Severino, Colzada Giuseppe, Domenighini Carlo, Leni Antonio, Nonini Gilio, Nonini
Paolo, Nonini Vittorino, Redaelli Antonio, Rota Francesco e Verdini Vittorino.

Caddero, invece, nella Seconda Guerra Mondiale Barri Dorino, Bologini Luigi, Branca Fernando, Caccia
Rainieri, Canton Matteo, Colzada Antonio, Colzada Basilio, Colzada Giosia, Copes Battista, Costabile Bruno,
Del Pra Bruno, Domenighini Carlo, Facchinato Angelo, Facchinetti Giacinto, Fersini Carmelo, Libera Ottavio,
Mambrini Emilio, Mambrini Francesco, Massera Franco, Marzi Luigi, Mattarucchi Domenico, Mossini
Fausto, Motta Bruno, Nonini Enrico, Nonini Giocondo, Nonini Giuseppe, Penone Ido, Penone Filippo, Pisnoli
Renzo, Pisnoli Gino, Scarponi Eligio, Porchera Giordano, Zerbi Pietro e Mannetti Augusto.

Sono ricordati anche i caduti nelle guerre risorgimentali ottocentesche ed in quelle postunitaria (geurra
d'Etiopia e di Libia): Branca Antonio (1848), Folco Lucio (1860), Curti Albino (1896), Veronesi Guerino (1896)
e Nonini Emilio (1913).
A Codera, infine, una targa ricorda i figli di questo paesino morti per la patria: Penone Ido, Penone Edoardo,
Penone Filippo, Pisnoli Renzo, Pisnoli Gino, Del Prà Bruno, Colzada Giosia e Domenighini Carlo.

[torna all'indice]

Pedesina

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PEDESINA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Sei furono i caduti di Pedesina nella Grande Guerra del '15-'18: Acquistapace Michele, Fomasi Giovanni,
Tarabini Gioachino, Tarabini Plinio, Vitali Domenico e Vitali Giovanni.

Pedesina dovette pagare un tributo di 6 vite (fra caduti e dispersi) anche alla Seconda Guerra Mondiale:
Manni Giuseppe, Vitali Ermenegildo, Fomasi Giuseppe, Tarabini Giovanni, Tarabini Giuseppe e Tarabini
Fermo.

[torna all'indice]

Piantedo

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIANTEDO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

Pesante, come per tutti i comuni della provincia, il contributo di vittime che Piantedo dovette pagare alla
Prima Guerra Mondiale, nella quale caddero i soldati Deghi Enrico, Dei Cas Giuseppe, Ciboli Giuseppe e
Pinoli Virgilio, il caporale Deghi Giulio ed il sergente Pedroncelli Giovanni Battista. Morirono per le
conseguenze della guerra anche il soldati Acquistapace Agostino, Acquistapace Amedeo e Bianchi Agostino
ed il caporale Acquistapace Gildo.

Nella Seconda Guerra Mondiale Piantedo dovette piangere la morte di Acquistapace Italo, Acquistapace
Vittorio, Acquistapace Natalino, Acquistapace Ferdinando, Acquistapace Giulio, Bianchi Agostino, Deghi
Franco, Deghi Battista, Giboli Achille, Giboli Riccardo, Pinoli Arduino, Pinoli Vittorio, Rossotti Maurilio,
Rossotti Enrico, Tarabini Giuseppe, Tarabini Fermo e Perdoncelli Onorato.

[torna all'indice]

Piateda

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIATEDA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIATEDA ALTA

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI BOFFETTO

Una targa sull'edificio scolastico a Piateda Bassa è dedicata da Piateda "ai suoi figli e compagni caduti nella
guerra 1915-1918". Vi sono riportati i nomi dei soldati Gaburri Emilio, Galli Stefano, Del Dosso Isidoro,
Tamiazzi Cirillo, Corradini Angelo, Bonomi Vittorio, Brusso Alessandro, Molinari Ferdinando, Previsdomini
Natale, Prebottoni Giovanni, Vicenzoni Alessio, Vanotti Attilio, Strepponi Omobono, Sposo Andrea,
Tognolatti Bortolo, Prebottoni Dante, Belotti Antonio, Corradini Andrea, Strepponi Riccardo, Belotti Stefano,
Micheletti Stefano, Strepponi Giuseppe, Marchesini Attilio, Calneggia Ruggero, Pam Giuseppe, Bettini
Cirillo, Mazzucchetti Ignazio, Svanoletti Pietro, Mazzucchetti Celestino, Muscialini Giovanni, Vicenzoni
Vitale, Vanotti Giovanni, Corradini Bernardo, Galli Vittorio, Venturini Olindo, Corradini Paolo, Togni Antonio,
Previsdomini Amilcare, Simonini Michele, oltre al carabiniere Amonini Giovanni, al capitano Strepponi
Pietro ed al sergente Fornera Alfonso.

La targa che commemora i caduti di Piateda nella o in conseguenza della seconda guerra mondiale riporta i
nomi dei soldati Marchetti Vittorio, Taloni Ferdinando, Amonini Pietro, Bonfadini Giuseppe, Caprinali
Basilio, Belotti Stefano, Micheletti Ermanno e Cavazzi Amedeo, oltre ai capitani Corradini Michele, Carrera
Mario e Mascarini Luigi, al carabiniere Togni Giuseppe ed al sc. sil. Tavelli Rocco.

[torna all'indice]

Piuro

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PIURO

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI SAVOGNO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI S. ABBONDIO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI SANTA CROCE DI
PIURO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI AUROGO

Il monumento ai caduti di Prosto nella prima guerra mondiale reca i nomi di Lucchinetti Ottavio, Martinucci
Silvestro, Lucchinetti Giacomo, Roganti Domenico e Lucchintti Giovanni. Morì per le ferite riportate Del
Curto Enrico, Morirono per malattie contratte per causa di guerra Rompani Michele, Martinucci Dazio,
Pasini Eugenio, Martinucci Giovanni, Martinucci Andrea e Del Curto Antonio. Morì in prigionia Lucchinetti
Renzo.

Nella campagna di Libia (1911-1912) morirono Martinucci Giuseppe e Lucchinetti Silvio.

Nella seconda guerra mondiale morirono in combattimento Triulzi Ido e Foico Antonio, per causa di servizio
Pasini Felice, Martocchi Celso, Tognini Francesco e Martinucci Enrico. Risultarono dispersi Facchetti
Lorenzo, Lorenzini Orazio, Lorenzini Terigi, Martocchi Mario, Pasini Antonio, Pasini Dino, Pasini Emilio,
Piccinelli Bruno, Triulzi Duilio, Triulzi Lorenzo, Triulzi Severino e Iacomella Dino.

[torna all'indice]
Poggiridenti

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI POGGIRIDENTI

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

La Prima Guerra Mondiale richiese un tributo numerose vittime, i soldati Pizzatti Giacomo, Piasini Eufrasio,
Sciani Emilio, Pizzatti Silvio, Assestati Andrea, Sceresini Serafino, Pizzatti Ser. Alfredo, Formolli Abbondio,
Testini Marino e Fomiatti Giovanni, il tenente Piazzatti Cas. Ottorino, il sergente Menatti Pietro ed il
caporale Pizzatti Cas. Aurelio; morirono, invece, per malattia contratta in guerra il caporal maggiore
Conforto Bardellini Giulio ed i soldati Cederna Battista, Cederna Luigi, Ferrari Donato e Fomiatti Abbondio.

Anche la Seconda Guerra Mondiale comportò un pesante tributo di vittime di Poggiridenti, i giovani soldati
Piasini Giko, Molinari Franco, Sceresini Lentito, Cantoni Ottorino, Mattaboni Antonio e Conforto Galli Elvino,
i caporal- maggiore Farina Silvio e Cederna Bruno ed il partigiano Fomiatti Franco. Morirono, invece, in
conseguenza di malattia contratta in guerra i soldati Prandi Michele, Prandi Fabio e ferrari Italo.

[torna all'indice]

Ponte in Valtellina

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI PONTE IN
VALTELLINA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI SAZZO

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE MAGGIORI DETTAGLI DAL MONUMENTO AI CADUTI DI ARIGNA
(FONTANIVA)

CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI SUI CADUTI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE (ALBO D'ORO)

A Custoza, nel 1866, morirono Patrizi Maurizio e Sertore Pietro.

Molti furono i cittadini di Ponte caduti nella prima guerra mondiale: i soldati Nardoni Pietro, Del Giovannino
Vittorio, Nani Angelo, Marini Egidio, Tuia Santo, Poda Mario, Cornelatti Pietro, Beltramini Tomaso, Tegiacchi
Francesco, Rofinoli Bartolomeo, Battoraro Romolo, Motti Marcellino, Fanchi Antonino, Donati Antonio, Tuia
Antonio, Tempra Antonio, Marchetti Genesio, Gerna Giuseppe e Rainoldi Cesare, il carabiniere Moltoni
Luigi, il caporal maggiore Fancoli Giuseppe ed il tenente Giacomoni Remo. A questi vanno aggiunti i dispersi
Tuia Stefano, Dell’Angelini Angelo, Folini Francesco, Petruzio Angelo, Moretti Stefano e Della Riscia Pietro.

Nella seconda guerra mondiale caddero, fra i cittadini di Ponte, i soldati Macoggi Amerino, Cantoni Luigi,
Pedrotti Dino, Beltramini Luigi, Toppi Ettore, Rainoldi Aristide, Simonini Rino, Biscotti Luigi, Praolini
Agostino, Parora Silvio e Beltramini Tomaso, il carabiniere Bettoraro Luigi ed il caporal maggiore Rainoldi
Giuseppe. A questi va aggiunta una lunga lista di dispersi: Beltramini Virgilio, Bernocchi Ferdinando, Biscotti
Folini Luigi, Dell’Anna Giacomo, Franchetti Lino, Mascarini Giuseppe, Moltoni Cirillo, Moltoni Dino, Moltoni
Pio, Moretti Attilio, Moretti Isidoro, Pedrotti Luigi, Pedrotti Oreste, Picceni Domenico, Roffinoli Giovanni,
Sertore Egidio, Tomè Cirillo e Vairetti Oreste. Morirono, infine, per cause di servizio Pasini Giuseppe,
Andreossi Celestino, Branchi Diego, Folini Ginetto e Gavazzi Bernardo.

Il monumento ai caduti di Sazzo riporta, per la prima guerra mondiale, i seguenti nominativi di caduti:
Roffinoli