Sei sulla pagina 1di 11

   

Privacy Overview
This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Out of these cookies, the cookies that
are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic...

Mostra altro

Necessario Sempre attivato


NoGeoingegneria
Non Necessario P o r t a l e c o n t r o l e m a n i p o l a z i o n i c l i m a t
Attivato a m b i e n t a l i

La corsa per possedere il clima entro il 2025


Una guerra silenziosa è in atto

S A L U T E

“UN CRIMINE CONTRO L’UMANITÀ


1 GIUGNO 2020    

Idrossiclorochina, cosa succede in Italia, Francia, Brasile e non solo


L’Italia, come la Francia e la Colombia, hanno sospeso l’autorizzazione all’utilizzo di idrossiclorochina per il
trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2, al di fuori Politicadegli
dei cookies
studi clinici, sia in ambito ospedaliero che in ambito
domiciliare. La decisione è arrivata dopo l’allarme su eventuali
Usiamo i cookies solo per far funzionare il sito e per statistiche rigorosamente effettianonime
collateraliCookie
lanciati dall’Organizzazione
settings ACCETTA
Mondiale della Sanità. …Vedi qui
Il Brasile, Nigeria e Marocco continuano a testare il farmaco.

Il Brasile ha perfino reso meno stringenti le restrizioni sul farmaco, consentendo l’uso sui casi di infezioni
moderate e per coloro che hanno sintomi gravi e sono ricoverati in ospedale. A difendere l’utilizzo del Plaquenil è
anche il presidente Jair Bolsonaro.

L’idrossiclorochina, nome commerciale Plaquenil (prodotto da Sanofi), appartiene ad una classe di medicinali
chiamati “antiparassitari-antireumatici”. Il farmaco, come da foglietto illustrativo Aifa, è indicato per il trattamento
dell’artrite reumatoide in fase attiva e cronica e per il trattamento del lupus eritematoso discoide e disseminato.

La Bayer aveva donato milioni di compresse di clorochina. 100 anni fa la Bayer ha avuto un ruolo durante la
‘spagnola’. Vedi qui

La comunicazione dell’ OMS non menziona il rischio principale del trattamento con idrossiclorochina.
Invece, lo ha fatto il Dr. Wolfang Wodarg con toni molto allarmanti e continua a farlo.

La conoscenza di certi gravi rischi non era stata nascosta alle istituzioni, al contrario. Quindi, il non aver
informato i medici su una grave controindicazione e l’aver avviato sperimentazioni e trattamenti in svariati Paesi
per “curare” i pazienti, identificati come positivi (i test non sono affidabili) può essere considerato , secondo
Wodarg, un “crimine contro l’umanità”.

Il divieto imposto adesso sembra più una guerra tra l’OMS e Trump. Trump ha detto che gli Stati Uniti
smetteranno di finanziare l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e Trump, come tutti sanno, ha preso
l’idrossiclorochina per prevenire una possibile infezione da coronavirus. Gli Stati Uniti hanno poi inviato due
milioni di dosi di idrossiclorochina in Brasile.

Alcuni si chiedono oggi in Italia se sia opportuno ignorare le indicazioni delle autorità regolatorie, che privano i
pazienti di quello che considerano un farmaco che “dimostra la sua efficacia”. Questi medici dovrebbero prestare
attenzione agli avvertimenti di Wodarg

Un caso per detective medici (estratto articolo)


La morte massiccia, e sproporzionatamente frequente, di pazienti di Covid-19 con pelle di colore scuro e
provenienti dai paesi del sud è apparentemente anche il risultato di una terapia farmacologica sbagliata. Sono
interessate le persone con una specifica carenza di enzimi, che si verifica soprattutto in persone di sesso
maschile, le cui famiglie provengono da regioni dove la malaria era o è endemica. Attualmente sono in
trattamento con l’idrossiclorochina, un farmaco per loro incompatibile, che viene ora utilizzato in tutto il mondo
nella lotta contro Covid-19. Se non si ferma questo rapidamente, c’è il rischio di una mortalità massiccia,
soprattutto in Africa.

Wodarg riferisce sullo sviluppo delle sue indagini:

Un indizio da New York

Il 31 marzo ho ricevuto un importante suggerimento: il medico di terapia intensiva di New York, il dottor Cameron
Kyle-Sidell, aveva allertato i suoi colleghi con una sorprendente osservazione. Ha fatto rapporto: “Quello a cui ho
assistito non erano pazienti della Covid-19. Non avevano i segni della polmonite, ma sembravano passeggeri di
un aereo che all’improvviso ha perso pressione ad alta quota”.

Doveva essere un disturbo del trasporto di ossigeno nel sangue. Ho cercato e scartato una dopo l’altra le varie
cause note di tali sintomi, se erano fuori questione a causa della progressione della malattia. La causa più
probabile mi è sembrata essere l’emolisi rapida, una distruzione degli eritrociti (globuli rossi) nei polmoni, che
scambiano l’ossigeno nei polmoni con la CO2 da espellere, per trasportare l’ossigeno in ogni angolo del nostro
corpo. I pazienti si sentono poi soffocati, respirano molto velocemente e si esercitano.

Sappiamo cosa fare in un caso del genere perché ci viene dimostrato a bordo dell’aereo prima di ogni decollo: Le
maschere di ossigeno cadono dal soffitto e portano la salvezza, finche’ tutto non sara’ tornato alla normalita’.
Questo è esattamente ciò che ha aiutato i pazienti di New York nel migliore dei modi. L’intubazione e la
ventilazione, invece, erano sbagliate e hanno ucciso persone in molti luoghi.

Il morto nigerianio in Svezia

Ero a conoscenza di un caso del genere con gli stessi sconcertanti sintomi, che era stato descritto nel 2014 dai
pneumologi svedesi in un giovane paziente nigeriano morto a causa della malattia. A quel tempo, dopo la
morte, è stata sospettata una carenza di enzimi come possibile causa, ed stata effettivamente trovata, che si
verifica in molte regioni dell’Africa nel 20-30 per cento della popolazione. Si tratta del cosiddetto deficit di
glucosio-6-deidrogenasi, o “deficit di G6PD”, una delle peculiarità genetiche più comuni, che può portare a
minacciare l’emolisi (dissoluzione dei globuli rossi), soprattutto negli uomini, quando vengono assunti determinati
farmaci o sostanze chimiche. La seguente mappa mostra la distribuzione di questa carenza (fonte e spiegazioni
qui).

Questo tratto ereditario è particolarmente comune tra i gruppi etnici che vivono in zone con malaria. Il gene
G6PD modificato offre vantaggi ai tropici. Rende i suoi portatori resistenti agli agenti patogeni della malaria.
Tuttavia, la carenza di G6PD è pericolosa anche se le persone colpite vengono a contatto con alcune sostanze
che si trovano, ad esempio, nei fagioli di campo, nel ribes, nei piselli e in alcuni medicinali. Questi includono
acido acetilsalicilico, metamizolo, sulfonamidi, vitamina K, naftalina, anilina, farmaci per la malaria e nitrofurani.
La carenza di G6PD porta poi ad un’interruzione dei processi biochimici nei globuli rossi e – a seconda della
dose – ad un’emolisi da lieve a pericolosa per la vita. I detriti degli eritrociti scoppiati portano successivamente a
microemboli, che bloccano i piccoli vasi in tutti gli organi. Ciò che aveva causato la malattia e la morte del
giovane nigeriano non era chiaro all’epoca.

Una scoperta spaventosa

Ho guardato i farmaci che possono causare una grave emolisi nel deficit di G6PD e ho preso un grande
spavento. Una delle sostanze che viene chiamata molto pericolosa in tutte le forme di questa carenza enzimatica
è la droga antimalarica idrossiclorochina (HCQ). Ma è proprio questa la sostanza che i ricercatori cinesi di Wuhan
raccomandano dal 2003 contro la SARS. Da Wuhan è venuto HCQ con il virus come una delle opzioni
terapeutiche ed è stata accettata come tale. Allo stesso tempo, l’HCQ è stato raccomandato come agente
promettente contro Covid-19 per ulteriori studi clinici con il supporto dell’OMS e di altre agenzie.

Secondo i rapporti, la produzione di questo farmaco sarà aumentata in Camerun, Nigeria e altri paesi africani.
L’India è il maggiore produttore di HCQ ed esporta in 55 paesi. Werner Baumann, Presidente del Consiglio di
Amministrazione di Bayer AG, ha annunciato all’inizio di aprile che “varie indagini in laboratori e cliniche” hanno
fornito le prime indicazioni che la clorochina potrebbe essere adatta al trattamento dei pazienti affetti da corona.
L’azienda ha poi fornito diversi milioni di compresse.

Ci sono ora centinaia di sperimentazioni pianificate o in corso da diversi sponsor in tutto il mondo, in cui l’HCQ
viene utilizzato da solo o insieme ad altri farmaci. Quando ho esaminato alcuni grandi studi per vedere se i
pazienti con deficit di G6PD erano esclusi, non ho trovato alcuna indicazione di questo nella maggior parte dei
piani di studio.

Negli Stati Uniti, ad esempio, si sta preparando un grande studio multicentrico con 4.000 soggetti provenienti da
personale medico in buona salute.

Qui, tuttavia, il termine “ipersensibilità” è usato solo in termini generali, come avviene per tutti i farmaci per
quanto riguarda le reazioni allergiche. Uno studio sulla clorochina/idrossiclorochina dell’Università di Oxford
(NCT04303507) con 40.000 partecipanti non fa menzione del rischio di carenza di G6PD. In un altro grande
studio del Pentagono, tuttavia, c’è un avvertimento esplicito, per escludere i pazienti con deficit di G6PD dallo
studio.

Il grafico seguente, che si basa sulle informazioni della banca dati dell’OMS, mostra quanti studi su Covid-19 e
HCQ sono stati avviati – e quanti pochi di essi tengono conto della carenza di enzimi.
Per lo più sono menzionate solo le complicazioni cardiache della clorochina o dell’idrossiclorochina, che in
Brasile hanno portato alla conclusione di uno studio con 11 decessi di 81 soggetti. Sembra, tuttavia, che in tutto il
mondo si presti scarsa attenzione a questo ulteriore grave effetto collaterale.

Inoltre, a causa della mancanza di alternative, l’HCQ è stato tollerato e ampiamente utilizzato in molti paesi
dall’inizio dell’anno come parte di un cosiddetto “uso compassionevole”. In medicina, l’uso compassionevole si
riferisce all’uso di farmaci non ancora approvati in situazioni di emergenza.

Accumuli notevoli

Nel corso di questa ricerca sono stati ricevuti sempre più risultati su valutazioni più precise dei decessi nelle città
particolarmente colpite. A New York e in altre città degli Stati Uniti, è stato riferito che la stragrande maggioranza
dei decessi è stata causata da “afroamericani” – il doppio di quelli che ci si aspetterebbe in base alla percentuale
di popolazione.

Sempre dall’Inghilterra, dove i dati sulla mortalità di Euromomo mostrano un tasso di mortalità in aumento
dall’inizio di aprile, è stato riportato che su circa 2.000 persone gravemente malate, il 35%, il doppio di quanto ci
si aspettava, proveniva da “minoranze” etniche (“neri, asiatici o altre minoranze etniche”), compresi medici e
personale medico.

La grande mortalità dei medici in Italia ha urgente bisogno di chiarimenti.

La morte di circa 150 medici e di poche medici-donne è associata a Covid-19. Anche se l’età può aver giocato un
ruolo in molti di questi casi, va notato che un’alta prevalenza di deficit di G6PD è stata descritta anche per alcune
regioni d’Italia e che in Italia fino al 71% di coloro che sono risultati positivi alla PCR, così come il personale, ha
avuto un uso profilattico elevato di HCQ. Lo stesso vale per la Spagna. Tra i primi 15 morti di Covid-19 in Svezia,
6 erano giovani migranti provenienti dalla Somalia.

Combinazione mortale

Quindi il risultato spaventoso della mia ricerca è: Tipici decorsi gravi con emolisi, microtrombi e mancanza di
respiro senza i tipici segni di polmonite si verificano più frequentemente dove due fattori si uniscono:

Molti pazienti con antenati provenienti da paesi con deficit di G6PD


Uso profilattico o terapeutico di HCQ ad alte dosi

Questo è esattamente ciò che ci si aspetta in Africa, e questo è già il caso ovunque la migrazione stia causando
la migrazione di una larga parte della popolazione dai paesi colpiti dalla malaria. Il seguente diagramma mostra
schematicamente il processo.
Città come New York, Chicago, New Orleans, Londra, o anche grandi città in Olanda, Belgio, Spagna e Francia
sono centri di questo tipo. Se il test è ampiamente utilizzato in questi hotspot migratori e si prevede che sarà
positivo in circa il 10-20% della popolazione, molte persone provenienti dai paesi del G6PD saranno anche tra
questi.

Se poi saranno trattati con HCQ ad alte dosi, sia a scopo profilattico che per un uso “compassionevole”, come
previsto, allora quei gravi quadri clinici saranno evocati anche nei giovani, come ci è stato presentato dalla
stampa sensazionale, e che mantengono viva la nostra paura di Covid-19.

Non si sa quante volte questa combinazione mortale abbia già portato a vittime. Non c’è stata alcuna discussione
sulla questione tra i responsabili dell’OMS e dei governi Anche tra i professionisti del settore medico che sono
responsabili del trattamento dei pazienti Covid-19 o del personale che li cura, c’è un’allarmante mancanza di
conoscenza e di senso di responsabilità.

Di nuovo: Questo collegamento vale non solo per l’Africa, ma anche per gran parte dell’Asia, dell’America
centrale e meridionale, dell’Arabia e del Mediterraneo.

I casi citati non hanno nulla a che fare con la malattia di Covid-19. Un risultato del test PCR che porta alla
prescrizione profilattica dell’HCQ è sufficiente a causare una grave malattia in un terzo delle persone
provenienti da popolazioni ad alto rischio trattate in questo modo.

Il trattamento HCQ per il deficit di G6PD è un pericoloso errore professionale

Si potrebbe rimediare immediatamente, se tutti i medici curanti in tutto il mondo fossero informati delle
controindicazioni dell’HCQ. Tuttavia, l’OMS, il CDC, l’ECDC, gli specialisti cinesi della SARS, le associazioni
mediche, le autorità farmaceutiche e il governo tedesco e i suoi consulenti trascurano gravemente (criminale) di
informare il pubblico. Alla luce dei programmi in corso, questa sembra essere una grave negligenza.

È una pratica scorretta trattare le persone con deficit di G6PD con derivati della clorochina ad alto dosaggio o
altri farmaci noti per essere pericolosi per loro. Sotto l’etichetta dell’OMS “‘Solidarity’ clinical trial for COVID-19
treatments”, le persone sane sono esposte a esperimenti approvati frettolosamente e letali. Centinaia di studi
clinici, per lo più inutili studi osservazionali con approcci paralleli, molto spesso vengono eseguiti anche con HCQ
come una delle alternative.

La legislazione tedesca sui medicinali proibisce l’uso di medicinali non approvate, ma il governo incoraggia
ancora questo. Un test non convalidato non approvato a scopo diagnostico fornisce il pretesto per l’uso di farmaci
potenzialmente letali – e tutto questo in una malattia infettiva per la quale non vi è ancora alcuna prova che
ponga seri rischi al di là del rischio dell’epidemia annuale di influenza.

A tutto gas nella catastrofe

I pericoli di questa epidemia sono presentati con l’aiuto dell’impostura scientifica. Un test non adatto, da Berlino,
fornisce il pretesto per misure letali in tutto il mondo. Le conseguenze di questi errori portano a situazioni di
emergenza in molte regioni, che vengono attribuite a un’epidemia. Questo è ciò che crea quell’ondata di paura,
su cui si muovono oggi tanti nel mondo degli affari e della politica e che minaccia di seppellire i nostri diritti
fondamentali.

Il pubblico, i media e gli esperti non sembrano sorpresi che più del doppio degli “afroamericani” muoiano a New
York e in altri centri, di quanto ci si aspetterebbe, data la sua percentuale di popolazione.

Anche negli studi sui decessi negli Stati Uniti e altrove, i rischi posti dal deficit di G6PD sono quasi sempre
nascosti o dimenticati.

Quando i ricercati virologi e altri esperti annunciano da tempo che ci sarà un’ondata di morti in Africa e condizioni
terribili nelle città, sono a conoscenza di queste connessioni? O ci sono altre ragioni dimostrabili che giustificano
profezie così importanti?

Infine: sono tutti argomenti solo per la scienza o anche per i pubblici ministeri e i tribunali?

Nota editoriale: Questo articolo appare contemporaneamente in diverse riviste. Ulteriori informazioni e grafici
sono disponibili sul sito web dell’autore.

TRADUZIONE NOGEOINGEGNERIA

ARTICOLO INTEGRALE

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché
venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog
non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un
prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

P R E V I O U S P O S T N E X T P O S

F A T T I C O N T R O B A L L E . I L L O C K D 5O GW , N N T UO OT VA OL E C. A M P O D E L
A R M A M E N T
RELATED POSTS
V A C C I N O A N T I N F L U E N Z A L E A U M E N T A I L R I S C H I O D I C O R O N A
3 0 M A G G I O 2 0 2 0

C O R O N A V I R U S , È C O M E L A S P A G N O L A ?
2 6 M A G G I O 2 0 2 0

E ’ O R A D I D I R E N O ! E D E ’ O R A D I C H I E D E R E U N ’ I N D A G I N E
2 4 M A G G I O 2 0 2 0

English

VIDEO DESECRETATO US NAVY: GUERRA


DAL 1952
R E A D M O R E

CERCA
Search 

CATEGORIE
News (ITA) (790)
News (ENG) (389)
Interviste (16)
Timeline (236)
Storia del controllo climatico (113)
Brevetti/Leggi/ Iniziative parlamentari e giudiziarie (42)
Progetti (68)
Personaggi (16)
Motivazioni (218)
Cibo (15)
Aria/Acqua (23)
Risorse (36)
Economico (18)
Sociale (131)

Tecnologie (374)
Sistemi Radar (68)
Rilascio Aerosol in Atmosfera (70)
Sunradiation Management (18)
CO2 (68)
Nucleare (89)
Spazio (68)

Effetti (247)
Biodiversità (57)
Politica/economia (103)
Salute (88)

Libri/Films (157)
Campo elettromagnetico (45)
Altro Mondo c'è (15)
Uncategorized (6)

PER ARGOMENTI

S T O R I A D E L C O N T R O L L O C L I M A T I C O 1 1 3

C I B O 1 5
S I S T E M I R A D A R 6 8

B I O D I V E R S I T À 5 7

B R E V E T T I / L E G G I / I N I Z I A T I V E P A R L A M E N T A R I E G 4I U
2 D I Z

A R I A / A C Q U A 2 3

R I L A S C I O A E R O S O L I N A T M O S F E R A 7 0

P O L I T I C A / E C O N O M I A 1 0 3

I N T E R V I S T E 1 6

P R O G E T T I 6 8

R I S O R S E 3 6
S U N R A D I A T I O N M A N A G E M E N T 1 8

S A L U T E 8 8

T I M E L I N E 2 3 6

P E R S O N A G G I 1 6

E C O N O M I C O 1 8

C O 2 6 8

M O T I V A Z I O N I 2 1 8

S O C I A L E 1 3 1

N U C L E A R E 8 9
T E C N O L O G I E 3 7 4

S P A Z I O 6 8

E F F E T T I 2 4 7

L I B R I / F I L M S 1 5 7

C A M P O E L E T T R O M A G N E T I C O 4 5

A L T R O M O N D O C ' È 1 5

NoGeoingegneria Copyright © 2019. Tutti i diritti riservati. Cookie Policy