Sei sulla pagina 1di 62

PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP.

59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO


Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

INDICE

PREMESSA.................................................................................................................................. 3 
Quadro di riferimento normativo ..................................................................................... 4 

STRALCIO TOPOGRAFICO E INDIVIDUAZIONE DELL’AREA .................................... 5 


Localizzazione geografica dell’area.................................................................................. 6 

LINEAMENTI GEOLOGICI, TETTONICI, MORFOLOGICI, GENERALI ...................... 7 


Problemi e difficoltà nella definizione del modello geologico ..................................... 7 
Area del tracciato ................................................................................................................ 7 
Inquadramento tettono-strutturale .................................................................................. 8 
Inquadramento geologico .................................................................................................. 9 
Aspetti geomorfologici ..................................................................................................... 11 
Agente modellatore: gravita’ ................................................................................................ 11 
Agente modellatore: acque superficiali............................................................................... 13 
Morfologia d’alveo ed elementi del tracciato fluviale ...................................................... 14 
Pericolosità sismica ................................................................................................................ 17 

INDAGINI GEOGNOSTICHE ............................................................................................... 20 


Indagini geofisiche ................................................................................................................. 21 
Pericolosità geologica generale ............................................................................................ 22 

DISAMINA SPECIFICA DELLE TRATTE STRADALI....................................................... 24 


Tratta A ............................................................................................................................... 24 
Aspetti geomorfologici .......................................................................................................... 24 
Aspetti litologici ..................................................................................................................... 25 
Aspetti idrogeologici ............................................................................................................. 25 
Aspetti litotecnici.................................................................................................................... 25 
Parametrizzazione geotecnica (media) ............................................................................... 26 
Considerazioni geotecniche .................................................................................................. 26 
Caratterizzazione dinamica .................................................................................................. 27 
Analisi particolareggiata area in frana (Vallone Faite) ..................................................... 29 
Morfometria area in frana ..................................................................................................... 29 
Scheda monografica ............................................................................................................... 32 
Cause del fenomeno............................................................................................................... 35 
Aspetti predisponenti ............................................................................................................ 35 
Fattori scatenanti .................................................................................................................... 35 
Piano di monitoraggio e considerazioni tecniche .............................................................. 36 
Tratte A-bis e C-bis ........................................................................................................... 36 
Aspetti geomorfologici .......................................................................................................... 36 
Aspetti litologici ..................................................................................................................... 37 
Aspetti idrogeologici ............................................................................................................. 38 

1
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Aspetti litotecnici.................................................................................................................... 38 


Parametrizzazione geotecnica (media) ............................................................................... 38 
Considerazioni geotecniche .................................................................................................. 39 
Caratterizzazione dinamica .................................................................................................. 40 
Considerazioni tecniche ........................................................................................................ 41 
Tratta B ............................................................................................................................... 41 
Aspetti geomorfologici .......................................................................................................... 41 
Aspetti litologici ..................................................................................................................... 42 
Aspetti idrogeologici ............................................................................................................. 42 
Aspetti litotecnici.................................................................................................................... 42 
Parametrizzazione geotecnica (media) ............................................................................... 43 
Considerazioni geotecniche .................................................................................................. 43 
Caratterizzazione dinamica .................................................................................................. 44 
Versante in sinistra fluviale. ................................................................................................. 44 
Versante in destra fluviale. ................................................................................................... 46 
Considerazioni tecniche ........................................................................................................ 47 
Tratta C ............................................................................................................................... 47 
Aspetti geomorfologici .......................................................................................................... 47 
Aspetti litologici ..................................................................................................................... 48 
Aspetti idrogeologici ............................................................................................................. 48 
Aspetti litotecnici.................................................................................................................... 49 
Parametrizzazione geotecnica (media) ............................................................................... 49 
Considerazioni geotecniche .................................................................................................. 49 
Caratterizzazione dinamica .................................................................................................. 50 
Versante Ovest Bagnoli del Trigno ...................................................................................... 50 
Bivio per Bagnoli del Trigno ................................................................................................. 52 
Area Fluviale del Trigno ....................................................................................................... 52 
Considerazioni tecniche ........................................................................................................ 53 

2
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

PREMESSA

In qualità di Responsabile Tecnico del settore Geologia della SPM Srl di Isernia, lo scrivente geo-

logo, Dott. Vito La Banca, ha redatto il corrente studio geologico, geomorfologico, geotecnico e sismi-

co, in relazione al progetto di fattibilità tecnica ed economica per il “Completamento della S.P. 56 Fresilia,

in direzione Sprondasino, che interessa i territori comunali di Civitanova del Sannio e di Bagnoli del Tri-

gno, in provincia di Isernia.

A tal fine il lavoro è stato condotto attraverso le seguenti fasi operative:

1. visione del progetto architettonico;

2. ricognizione e sopralluoghi dell’area d’interesse progettuale, con esecuzione di rilevamento

geologico e geomorfologico superficiale esteso ad un’ampia fascia contermine al sito di precipuo inte-

resse (con analisi dei fronti di scavo e delle emergenze idriche);

3. esecuzione di una campagna indagini geognostiche di sito e laboratorio consistente in n. 12

sondaggi a carotaggio continuo spinti fino a profondità massima di 60 m dal p.c., con misurazioni in

sito di tipo SPT e prelievo di campioni indisturbati, esecuzione di n. 51 stendimenti sismici a rifrazione

in onda P ( di lunghezza di 62,5 – 74,0 – 97,0 - 120,0 m), n. 4 stendimenti sismici tipo masw, n. 2 misu-

razioni di microtremore e n. 5 misurazioni sismiche tipo down hole. Per l’esatta ubicazione delle stesse

si rimanda agli elaborati cartografici ed al Quaderno Indagini;

L’intero lavoro è stato compendiato in specifici elaborati testuali, cartografici, grafici e tabellari,

al fine di dettagliare ogni aspetto geologico significativo con gli intenti progettuali. Infatti, ad integra-

zione e completamento del presente elaborato, sono state realizzate delle cartografie geotematiche, in

scala 1:10.000 (carta ubicazioni indagini, carta litologica e carta geomorfologica), per estendere le risul-

tanze emerse dal rilevamento geologico ad un buffer di circa 500 m dal previsto asse stradale, in ma-

niera da considerare le possibili relazioni tra l’opera prevista e le peculiari singolarità geologiche e

3
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

geomorfologiche ed al fine di indirizzare al meglio la progettazione nelle successive fasi progettuali.

Per la stesura dello studio geologico si è fatto riferimento al Progetto Qualità “Relazione Geologi-

ca: standard metodologici e di lavoro”, anno 2010, edito dal Consiglio Nazionale dei Geologi, riferendosi

allo Standard 4: Progettazione stradale e ferroviaria.

Per maggiore praticità l’intera arteria stradale, avente una lunghezza di 7.479 m, è stata suddivi-

sa in varie tratte, sulla base delle peculiarità geologiche incontrate. Di ogni singola tratta vengono evi-

denziate le condizioni geologiche, geomorfologiche, sismiche e geotecniche medie, da interrelare con

le prospettazioni progettuali.

QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO


Lo studio sviluppato nel seguente elaborato e negli specifici allegati tematici si riferisce ai se-

guenti dettati normativi nazionali e regionali:

Dettati normativi nazionali:

Legge n. 64/1974 D.M. 11/03/1988 D.M. 16/01/1996

Cir. Min .LL.PP. n. 30483/1988 D.M. 17/01/ 2018

D.lgs. 152/2006 e s.m.i

regionali:

L.R. 20/1996, L.R. n. 13/2004 D.C.R. n. 184 del 20/09/2006.

4
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

STRALCIO TOPOGRAFICO E INDIVIDUAZIONE DELL’AREA

Figura 1: Stralcio topografico dell’area in studio. (Carta d’Italia scala 1:50.000, Foglio 393 Trivento).

5
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA DELL’AREA

L?area in studio costituisce una porzione mediana della del decorso del Fiume Trigno orientata

secondo una direttrice SSW-NNE: è posta tra i comuni di Civitanova del Sannio e Bagnoli del Trigno,

in un contesto agrestre collinare ubicato tra le quoteorto-metriche di 500 m (in corrispondenza con

l’allaccio con l’esistente tratta della strada Fresilia), a quota 359 m, in corrispondenza con l’allaccio con

la S.S 650 “Fondo Valle Trigno” in località Taverna di Bagnoli del Trigno.

In riferimento alla cartografia IGM (1:50.000), l’area rientra nel foglio 393 “Trivento”(Figura 1),

mentre, in riferimento alla C.T.R. Molise (scala 1:10.000), l’area è cartografata negli elementi georiferiti

n. 39306 e 39310, presi quale base topografica per la redazione delle allegate cartografie geotematiche.

Il nastro stradale è delimitato dalle seguenti coordinate chilometriche dei vertici (Gauss-Boaga Roma

1940, fuso 33):

Vertice di SSW (allaccio lotto Fresilia): Est: 2472589 ± 5 m Nord 4612514 ± 5 m Q: 550 m

Vertice di NNE (località Taverna):Est: 2474911 ± 5 m Nord 4619430 ± 5 m Q: 359 m

6
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

LINEAMENTI GEOLOGICI, TETTONICI, MORFOLOGICI, GENERALI

PROBLEMI E DIFFICOLTÀ NELLA DEFINIZIONE DEL MODELLO GEOLOGICO

Le principali perplessità che si accompagnano al modello geologico prospettato riguardano la

variabilità ed eterogeneità litologica latero-verticale delle unità di superfici, sia per effetto della intrin-

seca natura litologica, che, globalmente ha una predominanza pelitica e che localmente espone termini

litoidi più competenti, sia per il variabile spessore. Ciò ha reso necessario effettuare una serie di inve-

stigazioni di sito e di laboratorio, onde accertare e pervenire ad una maggiore contezza di tali aspetti a

maggiore significato epistemica. Dalle informazioni raccolte, dal rilevamento di dettaglio e dalla ela-

borazione dei dati di indagine e nel rispetto degli standard metodologici di riferimento qualitativi

richiamati in premessa, è risultata la definizione di un modello geologico con un buon grado di atten-

dibilità, che, ovviamente, dovrà essere ulteriormente perfezionato nelle successive fasi di approfondi-

mento progettuale, in funzione delle scelte progettuali e di una maggiore e puntuale conoscenza loca-

le.

AREA DEL TRACCIATO

L’area interessata attraversa, dall’estremo di SSE all’estremo di NNE, i territori comunali di Ci-

vitanova del Sannio e di Bagnoli del Trigno, ricadendo a cavallo dei fogli n. 153 (Agnone) e 154 (Larino)

della Carta d’Italia in scala 1:100000.

Il territorio presenta un assetto morfologico generale caratteristico delle fasce medio-basse dei

versanti collinari; espone un andamento morfologico articolato, strettamente espressivo della singola-

rità strutturali e morfologiche ed appare condizionato essenzialmente da due agenti modellatori:

l’azione gravitativa e l’acqua a deflusso superficiale.

7
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

INQUADRAMENTO TETTONO-STRUTTURALE

Dal punto di vista tettonico-strutturale le principali unità affioranti in Molise sono identificabili

come unità alloctone, caratterizzate da un diverso grado di traslazione orizzontale, delimitate alla base

da superfici di taglio a basso angolo a sviluppo regionale.

La traslazione legata alle fasi orogenetiche ha prodotto uno stile deformativo caratterizzato da

falde alloctone intensamente deformate e traslate, al di sotto delle quali si rinviene (informazioni deri-

vanti da sondaggi profondi a scopo petrolifero) la piattaforma carbonatica Apula intensamente rac-

corciata e con una geometria di tipo duplex (Patacca e Scandone, 1989).

Sono quindi riconoscibili almeno tre stili deformativi derivanti da altrettante fasi tettoniche:

compressiva (thrusting del messiniano-pliocene inferiore), tettonica trascorrente (pliocene superiore)

con rotazione dei blocchi e tettonica estensionale (pleistocene medio-attuale) a direttrice SW-NE.

Una ricostruzione tettonico-strutturale generalmente accettata distingue l’area d’interesse in 4

unità (Patacca et al., 1992):

‐ Unità della piattaforma apula sepolta ( non affioranti nell’area di studio);

‐ Unità di Frosolone (affiorante a SW dell’area di studio);

‐ Unità di Agnone (a NW dell’area di studio);

‐ Unità del Sannio s.l.

In reciproco rapporto tettonico mediante piani di sovrascorrimento a basso angolo, talvolta ul-

teriormente dislocati dall’azione della tettonica trascorrente pliocenica.

Nel particolare la zona d’influenza rappresenta un settore dell’appennino meridionale di tran-

sizione dalle aree di rampa-scarpata carbonatica della Montagnola di Frosolone (Unità di Frosolone),

le successioni bacinali pelagiche meso-cenozoiche del Bacino Molisano (unità di Agnone) ed i depositi

silicoclastici del Flysh di San Bartolomeo (unità del Sannio), intensamente caoticizzate.

Strutturalmente i rapporti tra le unità tettoniche presenti nell’area risultano di difficile indivi-

8
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

duazione a causa della presenza di sovrascorrimenti retrovergenti e zone di taglio ad alto angolo a

cinematica obliqua e trascorrente.

La zona d’influenza del tracciato in esame è caratterizzata dalla presenza dei terreni prevalen-

temente argilloso-marnosi ed arenacei dell’Unità del Sannio, nell’area di sovrapposizione (localizzata

poco più a NW) tettonica sui terreni dell’Unità di Agnone.

INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Lungo l’area d’insistenza del tracciato stradale in esame affiorano i seguenti litotipi:

DEPOSITI RECENTI

‐ DEPOSITI ALLUVIONALI (Olocene – attuale): ghiaie, sabbie a frazione limosa variabile, di natura

alluvionale con presenza di terrazzi fluviali olocenici (sviluppati principalmente in destra i-

drografica del fiume Trigno.).

‐ DEPOSITI DI FRANA (Olocene-attuale): accumuli derivanti da fenomeni gravitativi sviluppatisi

prevalentemente in terreni argillosi plastici. Si presentano con aspetto caotico e contengono

talvolta pezzame litico eterometrico.

UNITÀ TETTONICA DEL SANNIO

‐ FLYSH SAN BARTOLOMEO (Tortoniano superiore-Messiniano inferiore): alternanza di strati di

argille marnose e marne argilloso-siltose di natura silicoclastica, depostasi in un wedge-top ba-

sin relativo ad un ambiente deposizionale di fan deltiza. Molto compatte e a frattura concoide

sono alternate ad arenarie quarzose generalmente tenere in sottili strati (da 5 a 15 centimetri di

colore grigiastro) spesso caratterizzati da gradazione interna.

Localmente si rinvengono strati arenacei a grana grossa e lenti conglomeratiche con elementi

poligenici ben arrotondati relativi ad una facies deposizionale prossimale. La successione rico-

pre in discordanza angolare tutti i termini dell’unità del Sannio.

9
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

‐ MARNE ROSSE E VERDI DI COLLE DOLCE (Burdigagliano sup- Serravalliano): alternanza di mar-

ne ed argille rosse e verdi di scarpata-bacino con all’interno intercalate brecce calcaree. La for-

mazione è sottoposta al Flysch di S. Bartolomeo e ricopre stratigraficamente le argille varicolori

sottostanti.

GRUPPO DELLE ARGILLE VARIEGATE

‐ ARGILLE VARIEGATE SUPERIORI O VARICOLORI (Oligocene sup.-Langhiano sup.): argilliti con

estrema variabilità cromatica ( dal rosso mattone, verde, ocra giallo etc.) in strati centimetrici.

Inglobati nella matrice argillosa si rinvengono spesso blocchi calcarenitici ed arenacei (da qual-

che centimetro ad alcuni metri) mentre nella parte alta della successione si rinvengono affio-

ramenti di calcilutiti e calcareniti biancastre. Non si hanno informazioni sulla base della forma-

zione, ma da dati esplorazioni petrolifere lo spessore può arrivare anche a 1000 metri.

Nell’area di studio le argille varicolori passano verso l’alto ai depositi del flysch diSan Barto-

lomeo mediante discordanza angolare.

Uno spettacolare affioramento è messo alla luce dalla finestra tettonica di Bagnoli del Trigno, il

cui centro storico sorge su strati verticali di calcilutiti, calcareniti biancastre e brecce calcareni-

tiche.

UNITÀ TETTONICA DEL TUFILLO

‐ FLYSH DI SAN BIASE (Messiniano): presenta varie associazioni, ma nell’area in esame (porzione

mediana della sequenza) è composta da marne micacee grigio-azzurre con sottili venature are-

nacee alternate a strati metrici di arenaria.

Nell’area di studio si rinviene una modesta porzione in sinistra idrografica del Trigno, messa

alla luce dall’erosione selettiva dei terreni argillosi delle argille variegate. I termini del Flysch

di S. Biase diventano predominanti più ad W.

10
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

ASPETTI GEOMORFOLOGICI

AGENTE MODELLATORE: GRAVITA’

Le litologie, come è noto, condizionano profondamente le forme presenti sul terreno in quanto

il paesaggio, generalmente morbido per via della diffusa frequenza areale di litotipi pelitici, viene lo-

calmente interrotto da passaggi più aspri, riconducibili alla presenza in affioramento di termini più

competenti, meno facilmente erodibili. Per tale motivo, anche a scala più grande, possono rilevarsi

sensibili differenze morfologiche riconducibili sia alla variabilità litologica locale che, subordinata-

mente, all’incostante spessore delle coltri di ricoprimento.

Il nastro stradale si snoderà in posizione a mezzacosta lungo in sinistra idrografica del fiume

Trigno, che espone un’evoluzione morfologica associata ad un modellamento gravitativo di tipo pla-

stico per via della natura essenzialmente pelitica del substrato. Detta modellazione è testimoniata da

una diffuso allentamento di fondo ed espresso da precipui indizi morfologici, quali gibbosità, incre-

spature, fessurazioni, rigonfiamenti, osservabili lungo le pendici collinari, a varie quote. Tale fe-

nomeni sono essenzialmente associati ad episodi superficiali di creep e reptazione che agiscono, anche

per piccoli sforzi di taglio, nei punti di maggiore acclività; l’azione di creep si esplica a basse profondi-

tà, in maniera molto lenta, ma continua e costante ed è indotta dalla natura argillosa del substrato. E’

inoltre favorita dall’acclività ed è catalizzata da dai cicli di gelo e disgelo stagionali, che produce, ri-

spettivamente rigonfiamento ed essiccazione (crepacciatura) nei terreni superficiali. Da tale azione

consegue una disgregazione e una sconnessione degli strati corticali, con ripercussione ed irregolarità

sulle forme di fondo, solo parziamente celate dall’attività agricola. Risultano assenti accentuati proces-

si denudazionali, con fuoriuscita di substrato roccioso, morfosculture e morfostrutture.

Il profilo longitudinale delle pendici, talora evidenzia accentuate forme concavo-convesse, con

11
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

presenza di irregolarità, terrazzature e ondulature, vestigia di una evoluzione per processi gravitativi,

talora associati a fenomenologie franose in stato attivo, quiescente o sospeso, talora a forme relitte; il

declivio, come di seguito dettagliato non sempre espone un sufficiente grado di stabilità; talora, infatti,

appalesa evidenti e pronunciate manifestazioni di instabilità in atto, che possono costituire un fattore

ostativo alla infrastrutturazione dei luoghi. In molteplici punti, le forme di superficie e la copertura

arborea appaiono espressive della vigenza di stati tensionali lungo il declivio e di manifestazioni di

stati lesionativi imputabili a sforzi di trazione verso il basso. Tale fattore si manifesta in una articola-

zione di “forme di fondo” come gibbosità superficiale che si associa agli orizzonti superficiali plastici e

teneri (reptazione) lungo le fasce più acclivi; ivi, infatti, in occasione di copiose precipitazioni piovose

si registrano fenomeni di plasticizzazione (bulging).

Le manifestazioni di “vivacità” superficiale trovano ulteriore attestazione nella cartografia as-

sociata al Progetto IFFI (Inventario Fenomeni Franosi Italiani) dell’Ex Servizio Geologico di Stato (oggi

ISPRA, figura 2). In esse, infatti è possibile evidenziare talune aree connotata da fenomeni di colamen-

to lento in verde, o scorrimento rotazionale (in giallo) o da fenomeni complessi (in marrone). Tali aree,

ad eccezione di una specifica area, la cui trattazione costituisce uno specifico paragrafo, rappresentano

episodi di antiche modellizzazioni dei versanti e si trovano in uno stato di attività sospeso.

Ne deriva, pertanto, un generale ambiente geomorfologico non conservativo, ovvero, in esso, le

forme di paesaggio non si mantengono ma risultano mutevoli per effetto delle fenomenologie di am-

maloramento e destrutturazione che affliggono la componente argillosa. Forme più acclivi e stabili,

invece si associano a litologie più resistenti, con forte tenore carbonatico e arenaceo.

12
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Figura 2: stralcio IFFI

AGENTE MODELLATORE: ACQUE SUPERFICIALI

In tale contesto, appare evidente l’influenza strutturale sullo sviluppo delle incisioni vallive

collinari a decorso conseguente (ovvero impostate secondo la massima pendenza) e regime di portata di

tipo idrometeorico, che si innestano, secondo confluenze ad angolo acuto nel collettore basale rappre-

sentato dal Fiume Trigno. Questi ha una fluenza secondo la direttrice SSE-NNW e determina un

pattern idrografico di tipo parallelo (collettori subparalleli) e pinnato (esigua lunghezza dei collettori

secondari), con asta principale ubicata in posizione baricentrica rispetto al bacino idrografico.

Il reticolo idrografico è a media densità di drenaggio, il che riverbera la bassa per-meabilità

media delle litologie, ha un grado di gerarchizzazione fluviale massimo del 4° grado (classificazione di

Horton-Strahler).

13
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

I tributari laterali collinari, secondo la classificazione di Brice (1975) hanno un basso grado di si-

nuosità (da 1,0 1,05), un alveo a larghezza uniforme con grado di intrecciamento < 5% e un grado di

anastomizzazione < 5%, una forma planimetrica rettilinea riflettendo, unitamente al peculiare anda-

mento isoorientato e parallelo (Vallone Faite, Fosso Marechiazzo, Fosso San Polo, Fosso Pellicciaro in sini-

stra idrografica, Fosso Granciano, Fosso Sterparella, Fosso del Lupo, Vallone Creta Rossa in destra idrografi-

ca), un elevato grado di influenza strutturale sul decorso impluviale.

Il regime idrografico è di tipo perenne, con escursioni di portata stagionali minime e possibilità

di ingenerare picchi di piena monogenici, atteso lo scarso apporto percentuale dei tributari laterali.

MORFOLOGIA D’ALVEO ED ELEMENTI DEL TRACCIATO FLUVIALE

Il corpo idrico principale (Fiume Trigno) ha un deflusso a pelo libero, in assenza di condiziona-

menti esterni (ad eccezione di tronchi e ramaglie sovralluvionamento), con un tirante idrico variabile

da pochi decimetri al metro. L’alveo di piena ordinaria è di tipo mobile ed espone una forma anasto-

mizzata e poco incassata, con assenza di divorsioni laterali, vie di deflusso pluricursali della corrente,

risalti idraulici e salti in roccia, tagli di meandro.

Il corpo idrico è, pertanto, dinamicamente stabile, ovvero mantiene invariata la geometria me-

dia (sezione idraulica), senza subire variazioni e divagazioni nel tempo e nello spazio. Tale aspetto è

stato anche confermato da un’analisi di overlay mapping di cartografie ed ortofoto di diversa epoca,

dalle quali non si riscontra la presenza di forme relitte dovute a mobilità laterale. Ne consegue, quindi,

una mobilità fluviale laterale ridotta.

Il sistema arginale non ha subito palesi modifiche idrauliche, drizzagni, rettificazioni o correzio-

ni, mantenendo connotati di primigenia naturalità; nel tratto di interesse sono assenti, in alveo, stroz-

zature naturali che possano aver facilitato il rigurgito e l’esondazione delle acque.

Il collettore idrico non denota approfondimento per erosione del fondo e risulta strutturato in

una morfologia a scala di tratto di tipo riffle/pools (Montgomery & Buffington (1997), con lastricatura di
14
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

fondo ghiaioso-ciottolosaa, per sorting granulometrico; più vistosa è l’azione erosiva e trattiva laterale

concentrata in alcuni punti.

Ulteriori forme d’alveo sono costituite da corpi sedimentari de posizionali, come dossi fluviali,

barre longitudinali, barre di meandro ed isole a forma di losanga formatesi per deposizione e aggra-

dazione ed attestanti un decorso pluricursale solo nei settori vallivi più larghi. A luoghi, tali forme

sono ricoperte da vegetazione igrofila. Risultano assenti opere di protezione spondale.

La peculiare posizione di fondovalle dell’alveo, delimitato da tra sistemi arginali di altezza

media pari a 2,0 m conferisce allo stesso una buona capacità nei confronti di sormonti e disalveamenti,

in condizioni di incremento di portata. A luoghi, l’alveo risulta ostruito da fogliame e ramaglie tra-

sportati dalla corrente nelle fasi di maggior portata o di piena. Tali ostacoli rallentano il deflusso ed

inducono la formazione di pozze e deviazioni di flusso.

Rispetto alla classificazione di Brice (1975), l’attuale morfologia d’alveo è così classificabile:
-grado di sinuosità di tipo medio, con valori compresi tra 1,06 – 1,25;
- grado di intrecciamento medio (5-34%), con caratteri di intrecciamento a barre e isole;
- grado di anastomizzazione medio e compreso tra 5-35%, con canali anastomizzati sinuosi, so-
prattutto all’innesto con i principali collettori laterali e sovente associato a forme conoidali (esempio
Vallone San Polo, Vallone Creta Rossa, ecc).

I principali parametri idraulici e morfometrici possono essere così espressi_

• Larghezza media (L) = 10,0 m

• Profondità media (W)= 1,0 m

• Raggio di curvatura medio (R)= 60 m

• Inclinazione media (I)= 0.02

• Perimetro bagnato (P) = 12,0 m

• Sezione idraulica (S=P x W) = 12,0 m2

• Raggio idraulico (Ri = S/P) = 1,0 m


15
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

• Velocità di flusso (equazione di Chezy), V =(Ix Ri)0.5 = 4,70 m/s, (con  coefficiente di ru-

gosità pari a 1/n *Ri 1/6, con n= 0,03 per alvei ghiaiosi).

• Portata media (Q =V x S) = 0,1 m3/s

• Potenza della corrente (= w x Q x I) = 1,13 Kwatt, (con w peso di volume dell’acqua pa-

ri a 1000 Kg/m3).

Dal diagramma di Hjulstrom (figura 3), si evince che l’azione prevalente operata dal corso

d’acqua, in riferimento a velocità della corrente (calcolata) e la dimensione media dei clasti (20-30 mm)

è il trasporto, con movimentazione delle frazioni più fini (limi per sospensione, e le frazioni sabbiose

per saltazione o rotolamento). Per tale motivo che le acque appaiono torbide. Concreta è anche la possi-

bilità di sconfinamento nel campo della deposizione.

Meno pronunciata è l’azione erosiva ad eccezione di situazioni locali, per specifiche esaltazioni

di condizioni idrauliche.

Figura 3: diagramma di Hjulstrom

16
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

PERICOLOSITÀ SISMICA

L’area indagata ricade a cavallo dei Comuni di Civitanova del Sannio e Bagnoli del Trigno.

Sotto il profilo sismo-tettonico, il territorio esaminato si inquadra nel complesso sistema che

coinvolge l’intero Appennino molisano-campano. Pur non rientrando direttamente in alcuna zona

sismogenetica, pur non ospitando alcuna faglia attiva e/o capace (Catalogo DISS ed ItHaCa), scientifi-

camente riconosciuta, il territorio risente di terremoti di aree limitrofe, come attesta la disaggregazione

di seguito riportata e l’analisi dei cataloghi sismici.

Dalle figure 4-5 si evince che l’area è sovente soggetta a fenomeni sismici, pertanto i Comuni di

Civitanova del Sannio e Bagnoli del Trigno sono entrambi stati classificati mediante criteri basati sulla

valutazione quantitativa dei valori di accelerazione di picco orizzontale del suolo (ag) con probabilità

di superamento del 10% in 50 anni ed inserito, nella “Zona sismica 2” (L.R. 13/2004) contrassegnata

da un valore compreso tra 0,15-0.25g (Deliberazione C.R. 194/06), con possibilità di amplificazioni

(effetti locali) per via di particolari condizioni stratigrafiche e geomorfologiche.

Sotto il profilo sismo-tettonico, l’area rientra nella zonazione sismogenetica ZS 924 (Appennino

meridionale e avampaese apulo), che costituisce un dominio sismogenetico coincidente con il settore as-

siale della catena appenninica.

17
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Figura 4: elenco dei terremoti storici dell’area.

Figura 5: principali terremoti storici registrati che hanno colpito l’area.

Fonte catalogo Parametrico Terremoti Italiani 2011, INGV.


L’area non è attraversata direttamente da lineazioni sismo genetiche; è posta a N della linea si-

smogenetica attiva con codice ITCS077: Pescolanciano-Montagano a Nord (del Database of Individual Sei-

smic Soirce, DISS, versione 3.1.1, INGV) 1 ; è rappresentata da un insieme di faglie ad andamento longi-

tudinale (appenninico) che danno vita a terremoti per meccanismi focali diretti (angolo di rake compre-

18
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

so tra 225-315°), con profondità ipocentrali comprese tra 11-25 km e presentano le caratteristiche si-

smogenetiche medie riassunte in figura 4 e in grado di generare terremoti con magnitudo momento

Mw 7,0.

Figura 6: caratteristiche linea sismogenetica ITCS077

Dalla disaggregazione dei dati di pericolosità sismica basata sui valori di mediani (al 50%)

dell’accelerazione al bedrock, con probabilità di superamento del 10% in 50 anni (http://esse1-

gis.mi.ingv.it), invece, il terremoto di riferimento è dato da:

Magnitudo (momento) max attesa: 5,81

Distanza epicentrale: 10,20 Km

= 0.89 (deviazione standard dallo scuotimento logaritmico mediano).

Dal catalogo IITHACA - Catalogo delle faglie capaci, si osserva che l’area è posto a circa 18 Km

1 Database of Seismogenetic Source, fonte INGV), http://diss.rm.ingv.it


19
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

dalla la struttura bordiera settentrionale dei monti del Matese, composta principalmente dalle faglie

del M.te Patalecchia, di Bojano e di Campochiaro (figura 7).

Figura 7: modello digitale del terreno evidenziante il sistema di faglie capaci di Bojano

INDAGINI GEOGNOSTICHE

Per la caratterizzazione geotecnica si è fatto riferimento alle risultanze desunte da una specifiche

indagini di sito e di laboratorio, unitamente a investigazioni sismiche (masw, rifrazione, down hole).

Sentitamente, detta campagna è consistita nell’esecuzione di n. 12 terebrazioni a carotaggio con-

tinuo, spinte fino a profondità massima di 60 m, nel prelievo, a varie profondità, di n. 8 testimoni in-

disturbati di terreno (qualità Q1, AGI Q5) mediante campionatore a pressione a pareti sottili tipo

Shelby, particolarmente idoneo al prelievo indisturbato nelle litologie intercettate. In corso di perfora-

zione, sono state altresì eseguite prove SPT in foro (tipo punta chiusa).

I fori di sondaggio sono stati attrezzati a piezometro tubo aperto (S3-S5-S6), cella di Casagrande

a fondo foro (S1-S1bis) o condizionati a down hole (S2-Ster-S6bis-S7).

Le terebrazioni sono state eseguite a carotaggio continuo, utilizzando un carotiere semplice con

corona di widia di diametro  101 mm e adottando, camicie di rivestimento con  127 mm, senza im-

piego di polimeri e schiumogeni. Tutte le ubicazione sono riportate nella cartografia allegata al Qua-

20
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

derno Indagini.

I lavori di indagine sono stati diretti e vigilati da un tecnico geologo specialista sempre presente

in cantiere, il quale ha provveduto alla stesura delle stratigrafia contestualmente all’avanzamento dei

lavori, al controllo del prelievo campioni ed alla esecuzione delle prove sulle carote estratta (pocket

penetrometer, vane test) e alla documentazione fotografica. Al termine, i punti indagine sono stato geo-

referenziati mediante misurazione GPS.

Le profondità di prelievo sono state scelte onde avere conoscenza sia della porzione più superfi-

ciale del substrato più strettamente interagente con i futuri manufatti, sia per avere una accurata carat-

terizzazione dei livelli immediatamente sottostanti ad esso.

I testimoni di terreno sono stati oggetto di determinazioni di laboratorio in possesso di autoriz-

zazione da parte del Ministero Infrastrutture e Trasporti (Laboratorio Brainstormers Srl).

I test di laboratorio hanno accertato il contenuto granulometrico, le proprietà fisico-

volumetriche, il valore degli indici di Atterberg, classificazione USCS, classificazione AASHTO e han-

no fornito ragguagli sui parametri di resistenza (prova taglio diretto, prova triassiale consolidata non

drenata) e di deformabilità, con ciclo di carico e scarico (prova edometrica). La prova edometrica è

stata eseguita considerando le condizioni tensionali agenti in sito e riferendosi ad un range di valori

comprensivi dei carichi di progetto stimati per le tipologie di costruzioni previste.

Dalla elaborazione delle indagini è stato possibile definire una modellizzazione geotecnica me-

dia e contestualizzata per le tratte di suddivisione del tracciato.

INDAGINI GEOFISICHE

Le indagini geofisiche sono state eseguite e realizzate così da poter analizzare le diverse litologie

presenti. In particolare, gli stendimenti sono stati localizzati in corrispondenza della futura sede stra-

dale e dell'intorno, compatibilmente con gli spazi accessibili.

Sono state eseguite delle indagini geofisiche consistite in 51 stendimenti sismici a rifrazione, 6
21
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

downhole, 4 masw e 2 prove HVSR (vedasi allegato “Indagini geofisiche”).

Data la notevole estensione longitudinale del tacciato stradale si è proceduto a dividere l’area in

tratti omogenei dal punto di vista geologico per avere un modello sismico generale delle stesse aree.

Per le indagini HV si rimanda alla appendice.

PERICOLOSITÀ GEOLOGICA GENERALE

La lettura geomorfologica dell’intero tracciato stradale evidenzia alcune singolarità critiche che

potrebbero interferire con l’infrastrutturazione dell’area: tale evenienze sono essenzialmente espresse

da aree in dissesto (tipo tratta A ed A-bis), per le quale occorre propendere verso soluzioni tecniche

aeree (viadotti), in maniera da minimizzare il contatto tra substrato ed edificato.

La pericolosità geologica generale può essere estrinsecata e sintetizzata attraverso la seguente

matrice (figura 8):

22
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Figura 8

23
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

DISAMINA SPECIFICA DELLE TRATTE STRADALI

TRATTA A

ASPETTI GEOMORFOLOGICI

Si riferisce alla porzione di tracciato delimitata dal seguente sistema di coordinate chilometri-

che (Gauss-Boaga, Datum Roma 1940), tra l’allaccio Fresilia (Km 0.0) e l’intersezione con il Vallone Mare-

chiazzo (Km1+820)

E: 2472588 ± 5 m N: 4612514 ± 5 m Q: 500 m

E: 2473313 ± 5 m N: 4614170 ±5 m Q: 455 m

Il tracciato (elaborato G2) si snoda nei settori più bassi del declivio con esposizione NW, posto

in destra idrografica del Fiume Trigno, al quale competono valori medi di pendenza dell’ordine dei

10-12° (Metodo Amadesi).

Il profilo longitudinale espone un lineamento regolare nei settori più elevati, mentre risulta più

irregolare nei settori bassi, ove si succedono repentine variazioni di curvatura:ciò è motivato da un

cambio litologico in corrispondenza della isoipsa 500 m, ove, si verifica un contatto tettonico, per so-

vrascorrimento, tra le argille varicolori e la formazione flyshoide.

L’azione di modellizzazione è svolta in eguale misura dalla gravità e dalle acque di deflusso

superficiale. La prima si appalesa come una irregolarità di fondo che connota i declivi collinari ed è

dovuta all’azione di allentamento superficiale operata dal creep e dalla reptazione; l’azione operata

dalle acque superficiali si accentua nell’ambito delle linee di deflusso tributarie del fiume Trigno e dà

luogo, talora, a locali fenomeni di incisione, soprattutto nei settori di testata degli impluvi, ma senza

dar ruolo a fenomeni preoccupanti ed interferenti con l’opera.

L’unica significativa eccezione si registra tra le progressive 0+870 e 1+005 Km, località Vallone
24
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Faite, laddove il tracciato interseca un’area in frana attiva (per un fronte di circa 135 m) connotata da

cinematismi a carattere plastico e oggetto di successiva analisi morfologica.

ASPETTI LITOLOGICI

Dal punto vi vista strettamente geologico (formazionale) la tratta A si sviluppa in prossimità di

un contatto tettonico per sovrascorrimento, che porta le argille varicolori a sovrascorrere su unità

flyshoidi (Flysh di San Bartolomeo), con predominanza di termini marnosi ed argilloso-marnosi. La

formazione flyshoide, a tetto (primi 5,0-6,0 m) appare in una facies argilloso-sabbiosa (cfr. stratigrafie

S1-S3), ascrivibile alla alterazione del locale substrato e trasportati a valle dall’azione della gravità (col-

luvium) oppure derivanti dal disfacimento in loco del substrato (eluvium).

Il sondaggio di fondovalle S1bis, invece, si attesta nell’ambito di unità alluvionali grossolane.

Discorso a parte merita la verticale di sondaggio S2, che si sviluppa nell’ambito del corpo di frana

menzionato.

ASPETTI IDROGEOLOGICI

Il settore è interessato da complessi idrogeologici a permeabilità in piccolo (per porosità) da

media a bassa, che non ospitano, perlomeno a bassa soggiacenza, falde idriche di buona potenzialità,

come attestato dalle risultanze delle stese sismiche. La situazione delineata definisce una condizione

tipo acquiclude in cui la scarsa permeabilità del substrato impedisce l’infiltrazione di acque di pioggia,

favorendone, di contro, l’imbibizione e la rapida saturazione degli orizzonti superficiali e facilitando

processi di reptazione superficiale..

ASPETTI LITOTECNICI

Per la definizione delle unità litotecniche si è fatto riferimento alla legenda della Microzona-

zione Sismica della Regione Molise (Dipartimento S.T.A.T., Università del Molise). Sulla scorta di essa è

stato osservato che nella tratta A dello sviluppo viario insistono 3 unità: nelle zone più depresse di
25
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

fondovalle risultano unità di copertura costituiti da materiali sciolti granulari o poco addensati a prevalen-

za ciottolosa indicati con la sigla L5a correlate alla dinamica de posizionale fluviale

Il versante è connotato dal basso in alto da unità di substrato, dapprima argilloso ascrivibile al-

la unità L4 materiale coesivo sovra consolidato, successivamente (all’incirca ad una quota superiore ai 500

m) da materiale intensamente tettonizzato, con uguale rapporto tra argilla, marna, contrassegnato con la la

sigla L2B2.

PARAMETRIZZAZIONE GEOTECNICA (MEDIA)

Il substrato soggiacente alla tratta A ha una natura a predominante pelitica, con progressivo

aumento della consistenza con la profondità, poggiante su un substrato argilloso marnoso plurideca-

mentrico attestato a quote variabili, a decorrere da una profondità di circa 8,0 m.

Nei settori vallivi predomina si riscontra la sola componente alluvionale grossolana (S1bis).

Tale situazione può essere ricondotta alla seguente modellazione geotecnica sommaria:

Tabella 1: parametri geotecnici medi .

Strato Prof. Spessore Range ' Range C’ n Litologia Determinazione


(m) (m) (KN/m3)
(KN/m3)
1 0,5 –8,5 8,50 20-22° 19-22 18.50-19.5 Argilla limosa Laboratorio
Argilla mar-
2 8,5-60 >40 m 24-26° 25-26 19.5-20.5 Sismica
nosa

' = angolo d’attrito C’= coesione; n = densità nat.;

CONSIDERAZIONI GEOTECNICHE

Sui campioni indisturbati sono state effettuate test di laboratorio (analisi granulometriche, proprietà

indice, Limiti di Atterberg, Taglio diretto a rottura), in maniera a avere un’ampia disponibilità di parame-

tri di resistenza e di deformazione.

26
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Strato 1

Lo strato 1 corrisponde ad unità argilloso limose ad elevata compressibilità e scarsa consistenza

(qu), con mediocri proprietà geotecniche. Dalla disamina dei valori medi dell’’indice di plasticità (Ip=

54 %) il materiale denota un comportamento molto plastico; l’indice di consistenza (Ic= 0,98) esprime

una consistenza solido-plastica. Il grado si saturazione è prossimo al 100 %. L’indice di Attività (Skem-

pton, 1953) fornisce un valore di ≈ 1,0 , per cui l’argilla è normalmente attiva.

Dai valori di LL, Lp e Ip si desume che il minerale argilloso prevalente è illite.

Sulla scorta del valore di LL (78 %) e Ip (54%), in riferimento alla Carta della Plasticità di Casa-

grande, il terreno testato ricade nella classe CH argille inorganiche di alta plasticità.

Strato 2

Consta di unità argillose ed argilloso-marnose, le cui caratteristiche sono state desunte dai dati

sismici. Trattasi di un’unità a buone proprietà geotecniche e media consistenza.

CARATTERIZZAZIONE DINAMICA

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo può essere ripartito media-

mente in n. 3 sismostrati, con le seguenti velocità intervallari:

Spessore min-max (m) Vp media Litologia

(m/sec)

Sismostrato 1 2-7 350-445 Coperture

Sismostrato 2 5-15 1400-1800 Argilliti

Sismostrato 3 Indefinito >2000 Substrato non rigido

Le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano un aumento costante delle velocità delle

onde di compressione con l'aumentare della profondità. In particolare si evidenzia la presenza di un

primo livello con profondità massime fino a 7 metri e con velocità P inferiori a 430 m/sec, associabili a

27
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

falde detritiche, di copertura e frane con inglobati blocchi marnoso-argillosi.

Al di sotto di questo livello le velocità risultano compatibili con le formazioni marnoso-argillosi

mediamente alterate per valori inferiori ai 1800 m/sec.

La velocità delle onde P crescenti con la profondità, che raggiungono velocità superiori ai 2000

m/sec indicano un aumento di competenza geo-meccanica delle formazioni che costituiscono il locale

substrato

In tale tratta sono state eseguite ulteriori indagini geofisiche per determinare la classificazione

del suolo di fondazione ai sensi delle N.T.C. 2018, in particolare è stata eseguita una downhole nel

foro di sondaggio S2 e una Masw in corrispondenza del foro di sondaggio S3.

La Downhole ha evidenziato una Vs,eq pari a 520 m/sec mentre per la Masw è di circa 490

m/sec.

I risultati di tali indagini anche se posti a distanza convergono verso la stessa categoria di suolo

di fondazione che rientra nella seguente categoria:

- B: Rocce tenere e depositi di terreni a grana grossa molto addensati o terreni a grana fina molto

consistenti, con spessori superiori a 30m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà

meccaniche con la profondità e da valori di Vs equivalente, compresi fra 360 m/s e 800 m/s.

28
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

ANALISI PARTICOLAREGGIATA AREA IN FRANA (VALLONE FAITE)

La tratta A, come indicato, è caratterizzata dalla presenza di un’area in frana (località Vallone

Faite), che ha reso necessaria un’analisi particolareggiata dello stato evolutivo del fenomeno. L’area di

frana costituisce un areale incolto.

Il fenomeno si disloca a mezza costa (punto culminale a quota di circa 700 m) lungo il declivio

nord-occidentale che si sviluppa dall’abitato di Duronia fino a raggiungere il fondovalle del Trigno ed

è accompagnato da infossamenti e avvallamenti lungo il versante.

Attualmente, come detto, l’evento franoso è progradato lungo l’intero declivio, fino a raggiun-

gere il fondovalle. Globalmente, il corpo di frana espone una morfologia accidentata, con pronunciata

disarticolazione e sconnessione di fondo, gibbosità nella parte mediana; tale circostanza denota la vi-

genza di stati tensionali lungo il declivio.

Per lo svolgimento dell’analisi geomorfologica dell’area in stabilizzata si è fatto riferimento alle

raccomandazioni UNESCO per l’Inventario Mondiale delle Frane (Working Party on World Landscape In-

ventory, WP/WLI 1990, 1991) e in accordo con gli indirizzi applicativi elaborati dal Gruppo Nazionale di

Geografia Fisica e Geomorfologia utilizzati per il Progetto IFFI e alle indicazioni di Cruden (1991) e Varnes

(1994) per gli aspetti morfometrici.

La caratterizzazione e modellizzazione geotecnica è stata ottenuta attraverso lo svolgimento e

la successiva disamina ed interpretazione di investigazioni di sito svolte ad hoc. Si è partiti

dall’analisi, raffronto e comparazione di foto aeree ed ortoimmagini riferite a vari periodi temporali;.

In sito sono stati effettuate investigazioni mediante sondaggi a carotaggio continuo, prove in foro tipo

SPT, prelievo di testimoni indisturbati di terreno con relative determinazioni di laboratorio, integrate

da un’analisi dinamica mediante indagini down hole.

MORFOMETRIA AREA IN FRANA

Il dissesto interessa l’intero declivio di un rilievo collinare (da quota di circa 770 m slm) avente
29
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

acclività media di 15° ad esposizione NW. Ha una estensione planimetrica di circa 135 m ed una lun-

ghezza lobata massima di poco superiore ai 2 Km.

Dalle verticali di sondaggio si evince che l’area in dissesto presenta uno spessore di circa 4,80-

5,10 m, con sovrapposizione di più episodi di colata, di cui quello più superficiale e recente espone le

caratteristiche geotecniche peggiori ed è stimabile in una profondità di circa 2,5 -3,0 m.

La conformazione morfologica globale del versante denota un’evoluzione ed un modellamento

gravitativo associato ad antiche e ripetute fenomenologie di instabilità, con ripetute fasi di attivazione

e quiescenza. Il profilo longitudinale della pendice, infatti, denota forme concavo-convesse, con pre-

senza di irregolarita, terrazzature e ondulature, ramificazioni e lobature laterali.

L’ambiente geomorfologico risulta non conservativo, ovvero, in esso, le forme di paesaggio

non si mantengono ma risultano mutevoli per effetto delle fenomenologie di ammaloramento e de-

strutturazione che affliggono le unità litologiche, a forte componente argillosa.

Sulla cartografia associata Progetto IFFI (Inventario Fenomeni Franosi Italiani) dell’ISPRA, il fe-

nomeno viene evidenziato e riportato come un cinematismo plastico di tipo complesso.

Il cinematismo in atto, richiamando i principi statuiti dalle raccomandazioni UNESCO circa

l’Inventario Mondiale delle Frane e secondo la classificazione internazionale di Cruden & Varnes (1996),

allo stato del fenomeno è ovviamente attivo, la distribuzione è di tipo costante (ovvero la superficie di

rottura non mostra variazioni apprezzabili), lo stile è complesso (ci sono 2 fenomeni distinti a reologia

plastica che avvengono nell’ambito della massa instabile: uno scorrimento a carattere rotazionale nella

parte di testata ed un colamento lento prevalente verso valle, con plasticizzazione al piede (bulging)).

Infine, lo stadio cui è possibile ascrivere il fenomeno è avanzato, ovvero il movimento franoso si è in-

nescato ed attualmente si trova in una fase di sviluppo evoluta. L’azimuth del movimento è circa N

280°, la velocità è da molto lenta (5*10-8 m/s) a lenta (5*10-6 m/s). La sintesi degli aspetti morfometrici è

riportata nella allegata scheda monografica allegata.

30
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Dal punto di vista meramente litologico la frana risulta aver riattivato fenomeni antichi già ve-

rificatisi, che hanno portato, verso il basso, alla giustapposizione di più cumuli. La coltre instabile è

costituita da unità pelitiche a struttura scompaginata con discreto tenore arenaceo e selcioso; essa, co-

me verificato nel corso della terebrazioni di sondaggio S2, raggiunge uno spessore di circa 10,00 m,

con una facies più superficiale più scadente di circa 4,0 m con un substrato (verosimilmente ricondu-

cibile a pregressi fenomeni) leggermente migliore, ma comunque di scadenti proprietà geotecniche.

A decorrere da una progressiva di circa 10,0 m si riscontra il substrato intatto consolidato (ar-

gilloso-limoso), che funge da “piano di scollamento”. A maggiore profondità il materiale assume carat-

teristiche migliori (substrato marnoso argilloso). La coltre superficiale è satura o bagnata e ciò ne faci-

lita e favorisce la tendenza alla mobilizzazione.

Inoltre, da una disamina geomorfologica superficiale, il fenomeno appare inquadrabile me-

diante una modellizzazione di tipo “pendio indefinito”, essendo contraddistinto da bassi rapporti tra

l’apparente profondità coinvolta e l’intera lunghezza del movimento.

31
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

SCHEDA MONOGRAFICA

32
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

33
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

34
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

CAUSE DEL FENOMENO

La genesi del dissesto può essere ascritta alla concausa di diversi fattori, alcuni prodromici e

predisponenti, altri, invece, di tipo scatenante.

ASPETTI PREDISPONENTI

Litologia

Il substrato si compone di unità litologiche pelitiche a forte componente argillosa sensibile, a-

venti struttura caotica a forte rimaneggiamento, consistenza medio-bassa ed in condizioni di resisten-

za residua. Ne consegue una naturale tendenza alla plasticizzazione ed alla ingenerazione di fenomeni

di instabilità e allentamenti di fondo; ciò è testimoniato da precipui indizi morfologici, quali gibbosità,

increspature, fessurazioni, rigonfiamenti (bulging), osservabili lungo il pendio, a varie quote.

Idrogeologia

La scarsissima permeabilità del substrato argilloso impedisce l’infiltrazione di acque di piog-

gia, favorendone, di contro, l’imbibizione superficiale e l’esplicarsi di una reptazione superficiale (soli-

flusso), a reologia plastica (scorrimenti rotazionali e colate viscose).

Geotecnica

Il substrato è dotato di proprietà geotecniche piuttosto modeste, particolarmente svilite per ef-

fetto della aggressione degli agenti atmosferici.

FATTORI SCATENANTI

Elevata piovosità

Da informazione raccolte da persone frequentanti i luoghi si è appreso che i fenomeni di insta-

bilità si sono acuiti a seguito di eventi piovosi di particolare intensità e/o durata, che hanno determi-

nato una rapida imbibizione e saturazione del terreno, il cui conseguente aumento di peso di volume

ha facilitato la mobilitazione del materiale.

35
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

L’evoluzione della fenomenologia descritta è proseguita (e prosegue) nel corso del tempo me-

diante ripetute attivazioni di “strappi franosi” nell’ambito della più ampia e generale area instabile,

sempre secondo cinematismi ascrivibili a plasticizzazioni locali e flussi viscosi lenti.

PIANO DI MONITORAGGIO E CONSIDERAZIONI TECNICHE

Nei successivi fasi progettuali, considerata la situazione vigente, si suggerisce il controllo dei:

 vettori spostamento mediante posa in opera di inclinometri (controllo profondo) e capisaldi per

monitoraggio topografico di superficie;

 controllo di escursioni di falda mediante installazione di piezometri.

Le soluzioni progettuali dovranno:

 evitare il contatto tra il terreno e l’arteria viaria, adottando soluzioni di sviluppo aereo (viadot-

to);

 consolidare la colata instabile mediante sezionatura, a varie quote, con paratie di pali lungo

l’intero sviluppo longitudinale;

 drenaggio della frana mediante canalizzazioni, pozzi/trincee drenanti.

TRATTE A-BIS E C-BIS

Le caratteristiche delle due tratte, pur distinte per posizione, in quanto costituiscono due ipote-

si di variante al tracciato principale, possono essere uniformate, in quanto afferiscono alla medesima

unità litologica

ASPETTI GEOMORFOLOGICI

Si riferisce alla porzione di tracciato delimitata dal seguente sistema di coordinate chilometri-

che (Gauss-Boaga, Datum Roma 1940):

Tratta A-bis: dal Km 0+206 al Km 2+146 (località San Biase)

36
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

E: 2472614 ± 5 m N: 4612717 ± 5 m Q: 486 m

E: 2473258 ± 5 m N: 4614750 ±5 m Q: 468 m

Tratta C-bis: dal Km 6+140 all’allaccio con la S.S. 650 “Fondo Valle Trigno”.

E: 2474074 ± 5 m N: 4618201 ± 5 m Q: 413 m

E: 2474499 ± 5 m N: 4619302 ±5 m Q: 366 m

Le due varianti di tracciato A-bis e C-bis (elaborato G2) si snoderanno nei settori più bassi del

declivio con esposizione SE, posto in sinistra idrografica del Fiume Trigno, al quale competono valori

medi di pendenza dell’ordine dei 10° (Metodo Amadesi).

Il profilo longitudinale espone un lineamento molto irregolare ed articolato, con diffusa acci-

dentalità di fondo e gibbosità sintomo di fenomeni superficiali di reptazione e creep che affliggono il

substrato

L’azione di modellizzazione è svolta, in egual misura dalla gravità che predispone al dissesto

diffuso e alle azione dell’acqua che produce rigonfiamento e disseccamento del materiale e ne favori-

sce la tendenza alla mobilizzazione. Quest’ultima, come detto, appare essenzialmente come fenomeno

superficiale (creep); ad essa, localmente, si accompagnano evidenze di fenomeni più profondi che e-

volvono in cinematismi franosi per colata lenta.

ASPETTI LITOLOGICI

La formazione di substrato è costituita da argilliti ed argilliti marnose ad aspetto scaglioso e

destrutturato (presenza di superfici translucide slickensides prodotta da frizioni tettoniche), con lami-

nazioni sabbiose fini millimetriche. La formazione esprime una estrema variabilità cromatica ( dal

rosso mattone, verde, ocra giallo etc.) e contiene, in strati centimetrici, intercalazioni di blocchi calca-

renitici ed arenacei (da qualche centimetro ad alcuni metri).

Le caratteristiche di consistenza di tale unità sono negativamente influenzate dalla plasticità


37
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

medio-alta degli orizzonti più pelitici.

Da segnalare, a varie progressive si intercettano trovanti carbonatici, marnoso e marnoso sel-

ciosi (sondaggio S1 ter).

ASPETTI IDROGEOLOGICI

La permeabilità è generalmente bassa, ma variabile in funzione della minore o maggiore pre-

senza delle frazioni lapidee e del loro grado di fatturazione e fessurazione.

ASPETTI LITOTECNICI

I versanti sono connotati di substrato indicati con la sigla L2B3s, materiale intensamente tettoniz-

zato, con predominanza di marna ed argilla.

Superficialmente, i litotipi manifestano caratteristiche meccaniche più scadenti ed un basso

grado di addensamento/consolidazione.

PARAMETRIZZAZIONE GEOTECNICA (MEDIA)

Il substrato soggiacente alle tratte A-bis e C-bis ha una natura a predominante pelitica, con pro-

gressivo aumento della consistenza con la profondità.

Tale situazione può essere ricondotta alla seguente modellazione geotecnica sommaria:

Tabella 2: parametri geotecnici medi .

Strato Prof. Spessore Range ' Range C’ n Litologia Determinazio-


(m) (m) (KN/m3) ne
(KN/m3)
Argilla limo-
1 0,5 –5,5 5,0 19-21° 8-13 19.50-20.0 Laboratorio
sabbiosa
2 8,5-60 >40 m 21-23° 13-20 19.5-20.5 Argilla marnosa Laboratorio

' = angolo d’attrito C’= coesione; n = densità nat.;

38
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

CONSIDERAZIONI GEOTECNICHE

Sui campioni indisturbati sono state effettuate test di laboratorio (analisi granulometriche, proprietà

indice, Limiti di Atterberg, Prova edometrica,Taglio diretto a rottura, triassiale CU), in maniera a avere

un’ampia disponibilità di parametri di resistenza e di deformazione.

Strato 1

Lo strato 1 corrisponde ad unità argilloso limose/sabbiose ad elevata compressibilità e scarsa

consistenza (qu), con mediocri proprietà geotecniche. Dalla disamina dei valori medi dell’’indice di

plasticità (Ip= 23-35 %) il materiale denota un comportamento plastico; l’indice di consistenza (Ic= 0,97-

1,09) esprime una consistenza da solido-plastica a semisolida. Il grado si saturazione è prossimo al 100 %.

L’indice di Attività (Skempton, 1953) fornisce un valore compreso tra 0,75-1.0 , per cui l’argilla è nor-

malmente attiva.

Dai valori di LL, Lp e Ip si desume che i minerali argillosi prevalenti sono illite-caolinite.

Sulla scorta del range di valori di LL (41-60 %) e Ip (22-36%), in riferimento alla Carta della Pla-

sticità di Casagrande, il terreno testato ricade nelle classi CL-CH argille inorganiche di media/alta plastici-

tà.

Dal diagramma di compressibilità (e – log P) della prova edometrica (ad incrementi di carico) si

evince che il terreno è di tipo normalconsolidato, con pressione di preconsolidazione di circa 80 KPa

(Metodo Casagrande, 1936); il materiale resta nel campo deformativo elastico fino a valori di circa 250

KPa, oltre il quale subisce deformazioni plastiche. Il campo elastico è contrassegnato dai seguenti pa-

rametri deformativi (relativi all’intervallo 200-400 KPa, compatibili con i sovraccarichi di progetto):

Modulo edometrico 8.400 Kpa

Coefficiente di consolidazione 6,5 x10-2 mm2/sec

Variazione indice dei vuoti e = 0,0488

Cedimenti h =0,21 mm

39
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Coefficiente di compressibilità (Cc= 1,42 IP, Wroth & Wood, 1978) Cc= 42,60

Dal diagramma cedimenti – tempo (campione S1ter) e sempre restando nell’intervallo di elastici-

tà, si evince un cedimento di 0,50 mm ed un t100 (durata del processo di consolidazione primaria) di

circa 200 minuti, con coefficiente di consolidazione secondaria c di circa 4,6 x 10-5.

Strato 2

Consta di unità argillose ed argilloso-marnose, le cui caratteristiche sono state desunte essen-

zialmente dai dati sismici. Trattasi di un’unità a buone proprietà geotecniche e media consistenza.

CARATTERIZZAZIONE DINAMICA

Le caratteristiche delle due tratte, pur distinte per posizione, possono essere uniformate, in

quanto afferiscono alla medesima unità litologica delle argille varicolori.

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo può essere ripartito media-

mente in n. 2 sismostrati, essi presentano le seguenti velocità intervallari:

Spessore min- Vp media Litologia

max (m) (m/sec)

Sismostrato 1 4-7 430-660 Depositi di Coperture coerenti sciolte

Sismostrato 2 Indefinito 1800-2100 Argille marnose grigie compatte

Anche qui le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano un aumento costante delle ve-

locità delle onde di compressione con l'aumentare della profondità.

Le coperture argillose presentano una profondità massima fino a 7 metri laddove sono presenti

forme di accumulo associabili a falde di copertura e frane e presentano velocità P inferiori a 660

m/sec.

La velocità delle onde P del substrato non rigido raggiungono velocità intorno a 1800-2100

m/sec.
40
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

In tale tratta è stata eseguita una MASW per determinare la classificazione del suolo di fonda-

zione ai sensi delle N.T.C. 2018, in particolare è stata eseguita una MASW in corrispondenza del foro

di sondaggio S8.

La Masw ha evidenziato una Vs,eq pari a 430 m/sec, i risultati indicano una categoria del sotto-

suolo pari a B per l’area in oggetto.

- B: Rocce tenere e depositi di terreni a grana grossa molto addensati o terreni a grana fina molto

consistenti, con spessori superiori a 30m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà

meccaniche con la profondità e da valori di Vs equivalente, compresi fra 360 m/s e 800 m/s.

CONSIDERAZIONI TECNICHE

Nei successivi fasi progettuali, si suggerisce dii evitare che lo sviluppo stradale possa interessare

le tratte A-bis e C.bis, in quanto affette da un diffuso dissesto ed un precario equilibrio geomorfologi-

co, che può facilmente essere alterato da operazioni di scavo, sbancamento di versante, cagionando

fenomeni di instabilità che possono costituire pregiudizio per l’infrastrutturazione.

TRATTA B

ASPETTI GEOMORFOLOGICI

Si riferisce alla porzione di tracciato compresa tra l’intersezione con il Vallone Marechiazzo (Km

1+820) e la progressiva Km 6+151, delimitata dal seguente sistema di coordinate chilometriche (Gauss-

Boaga, Datum Roma 1940):

E: 2473313 ± 5 m N: 4614170 ±5 m Q: 455 m

E: 2473457 ± 5 m N: 4615644 ± 5 m Q: 448 m

Il tracciato (elaborato G2) si snoda nei settori più bassi del declivio con esposizione NW, posto

41
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

in destra idrografica del Fiume Trigno, al quale competono valori medi di pendenza dell’ordine dei

10-12° (Metodo Amadesi).

Il profilo longitudinale espone un lineamento che, lungo la linea di massima pendenza, si pre-

senta rettilinearizzato nella parte alta, in corrispondenza di unità litoidi calcarenitiche e arenacee, per

poi evolvere in una forma più concava nel tratto di diretto interesse progettuale, ove affiorano unità

flyshoidi pelitiche.

L’azione di modellizzazione è svolta, in maggior misura dalla gravità che dà luogo ad una

blanda irregolarità di fondo, acuita dalla natura plastica del substrato, senza però dar luogo a cinema-

tismi franosi o a dissesti diffusi..

ASPETTI LITOLOGICI

La formazione di substrato è costituita unità flyshoidi con alternanza di marne ed argille rosse

e verdi di scarpata-bacino con all’interno intercalate brecce calcaree.

A tetto, la formazione palesa dei pacchi più detritici con diffusa presenza di clasti eterometrici

carbonatici e selciosi spigolosi in matrice sabbiosa grossolana (sondaggio S4bis). Da segnalare, a varie progres-

sive intercalazioni carbonatiche e marnoso e marnoso selciose.

ASPETTI IDROGEOLOGICI

La permeabilità è generalmente bassa, ma variabile in funzione della minore o maggiore pre-

senza delle frazioni lapidee e del loro grado di fatturazione e fessurazione.

ASPETTI LITOTECNICI

I versanti sono connotati di substrato indicati con la sigla L2B3, materiale con predominanza di

marna ed argilla.

Superficialmente, i litotipi manifestano caratteristiche meccaniche più scadenti ed un basso

grado di addensamento/consolidazione.
42
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

PARAMETRIZZAZIONE GEOTECNICA (MEDIA)

Il substrato soggiacente ha una natura a predominante pelitica, con progressivo aumento della

consistenza con la profondità.

Tale situazione può essere ricondotta alla seguente modellazione geotecnica sommaria:

Tabella 3: parametri geotecnici medi .

Strato Prof. Spessore Range ' Range C’ n Litologia Determinazio-


(m) (m) (KN/m3) ne
(KN/m3)
1 0,5 –6,5 6,0 23-25° 5-8 18.00-19.0 Detrito di falda Sismica
2 8,5-30 >20 m 21-23° 15-20 19.5-20.5 Argilla marnosa Laboratorio

' = angolo d’attrito C’= coesione; n = densità nat.;

CONSIDERAZIONI GEOTECNICHE

Sui campioni indisturbati sono state effettuate test di laboratorio (analisi granulometriche, proprietà

indice, Limiti di Atterberg, Prova edometrica,Taglio diretto a rottura), in maniera a avere un’ampia disponi-

bilità di parametri di resistenza e di deformazione.

Strato 1

Si tratta di un orizzonte detritico, realmente discontinuo, costituito da pezzame lapideo etero-

metrico e spigolosi in matrice pelitica, scarsamente addensato. Le caratteristiche geotecniche sono sta-

te desunte dai dati sismici e da investigazioni pregresse.

Strato 2

Lo strato 2 corrisponde ad unità argilloso-marnose, di medie proprietà geotecniche. Dalla disa-

mina dei valori medi dell’indice di plasticità (Ip= 25 %) il materiale denota un comportamento plastico;

l’indice di consistenza (Ic= 1,05) esprime una consistenza semisolida. Il grado si saturazione è prossimo

al 100 %. L’indice di Attività (Skempton, 1953) fornisce un valore prossimo a 0,75, per cui l’argilla è
43
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

normalmente attiva.

Dai valori di LL, Lp e Ip si desume che il minerale argilloso prevalente è l’illite.

Sulla scorta del range di valori di LL (45%) e Ip (26%), in riferimento alla Carta della Plasticità di

Casagrande, il terreno testato ricade nelle classi CL argille inorganiche di media plasticità.

Dal diagramma di compressibilità (e – log P) della prova edometrica (ad incrementi di carico) si

evince che il terreno è di tipo normalconsolidato, con pressione di preconsolidazione di circa 110 KPa

(Metodo Casagrande, 1936); il materiale resta nel campo deformativo elastico fino a valori di circa 250

KPa, oltre il quale subisce deformazioni plastiche. Il campo elastico è contrassegnato dai seguenti pa-

rametri deformativi (relativi all’intervallo 200-400 KPa, compatibili con i sovraccarichi di progetto):

Modulo edometrico 9.665 Kpa

Coefficiente di consolidazione 3,9 x10-2 mm2/sec

Variazione indice dei vuoti e = 0,483

Cedimenti h =0,29 mm

Coefficiente di compressibilità (Cc= 1,42 IP, Wroth & Wood, 1978) Cc= 35,50

Dal diagramma cedimenti – tempo (campione S4) e sempre restando nell’intervallo di elasticità,

si evince un cedimento di 0,050 mm ed un t100 (durata del processo di consolidazione primaria) di circa

200 minuti, con coefficiente di consolidazione secondaria c di circa 3,3 x 10-5.

CARATTERIZZAZIONE DINAMICA

Tale tratta è stata investigata su entrambi i versanti delle sponde del F. Trigno, dove affiorano li-

tologie diverse, argillosa il versante in sinistra fluviale e detritico-arenacea il versante in destra fluvia-

le.

VERSANTE IN SINISTRA FLUVIALE.

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo in sinistra fluviale può essere

44
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

ripartito mediamente in n. 3 sismostrati, con le seguenti velocità intervallari:

Spessore min-max (m) Vp media (m/sec) Litologia

Sismostrato 1 3-6 400-470 Coperture

Sismostrato 2 10-15 1500-1700 Argille

Sismostrato 3 Indefinito >2000 Substrato non rigido

Anche qui le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano un aumento costante delle ve-

locità delle onde di compressione con l'aumentare della profondità. In particolare si evidenzia la pre-

senza di un primo livello di coperture pelitiche con profondità massime fino a 6 metri e con velocità P

inferiori a 470 m/sec, associabili a falde di copertura e frane in argilla.

Al di sotto di questo livello le velocità risultano compatibili con le formazioni delle argille vari-

colori con valori inferiori ai 1700 m/sec.

La velocità delle onde P crescenti con la profondità, che raggiungono velocità superiori ai 2000

m/sec indicano un aumento di competenza geo-meccanica delle formazioni che costituiscono il locale

substrato non rigido.

In tale tratta sono state eseguite ulteriori indagini geofisiche per determinare la classificazione

del suolo di fondazione ai sensi delle N.T.C. 2018, in particolare è stata eseguita una downhole nel

foro di sondaggio S1ter e una Masw nel fondovalle in prossimità del foro di sondaggio S4.

La Downhole ha evidenziato una Vs,eq pari a 530 m/sec mentre per la Masw è di circa 350

m/sec.

I risultati di tali indagini indicano una categoria del sottosuolo pari a B per il versante, mentre è

pari a C per il fondovalle.

- B: Rocce tenere e depositi di terreni a grana grossa molto addensati o terreni a grana fina molto

consistenti, con spessori superiori a 30m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà

45
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

meccaniche con la profondità e da valori di Vs equivalente, compresi fra 360 m/s e 800 m/s.

- C: Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente

consistenti con profondità del substrato superiori a 30 m, caratterizzati da un miglioramento delle

proprietà meccaniche con la profondità e da valori di velocità equivalente compresi tra 180 m/s e 360

m/s.

VERSANTE IN DESTRA FLUVIALE.

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo in destra fluviale può essere

ripartito mediamente in n. 3 sismostrati, con le seguenti velocità intervallari:

Spessore min-max (m) Vp media (m/sec) Litologia

Sismostrato 1 2-10 360-640 Coperture granulari

Sismostrato 2 10-20 1000-2000 Arenarie e conglomerati

Sismostrato 3 Indefinito >2000 Substrato rigido

Anche qui le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano un aumento costante delle ve-

locità delle onde di compressione con l'aumentare della profondità.

L’ampio range delle velocità del secondo sismostrato è da imputare alla diversa competenza,

tessitura e composizione dei litotipi, che passa da una facies arenacea a conglomeratica.

Le coperture regolitiche presentano una profondità massima fino a 10 metri laddove sono pre-

senti forme di accumulo associabili a falde di copertura e presentano velocità P inferiori a 640 m/sec.

Al di sotto di questo livello le velocità risultano compatibili con le formazioni arenacee con valo-

ri inferiori ai 2000 m/sec.

La velocità delle onde P del substrato rigido raggiungono velocità fino a 3000.

In tale tratta sono state eseguite ulteriori indagini geofisiche per determinare la classificazione

del suolo di fondazione ai sensi delle N.T.C. 2018, in particolare è stata eseguita una downhole nel

46
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

foro di sondaggio S6 e una Masw nel fondovalle in prossimità del foro di sondaggio S5.

La Downhole ha evidenziato una Vs,eq pari a 420 m/sec mentre per la Masw è di circa 350

m/sec.

I risultati di tali indagini indicano una categoria del sottosuolo pari a B per l’area ove è stata ese-

guita la Downhole, mentre è pari a C per l’area della Masw.

- B: Rocce tenere e depositi di terreni a grana grossa molto addensati o terreni a grana fina molto

consistenti, con spessori superiori a 30m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà

meccaniche con la profondità e da valori di Vs equivalente, compresi fra 360 m/s e 800 m/s.

- C: Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente

consistenti con profondità del substrato superiori a 30 m, caratterizzati da un miglioramento delle

proprietà meccaniche con la profondità e da valori di velocità equivalente compresi tra 180 m/s e 360

m/s

CONSIDERAZIONI TECNICHE

La tratta appare sufficientemente affidabile dal punto di vista della staticità, per cui può acco-

gliere l’infrastruttura prevista, senza particolari gravami.

Nelle successive fasi progettuali sarà necessario approfondire e discretizzare in dettaglio il vo-

lume significativo, in funzione delle opere d’arte che si intenderà effettuare, mediante ulteriori inve-

stigazioni di sito, laboratorio e geofisiche.

TRATTA C

ASPETTI GEOMORFOLOGICI

Si riferisce alla porzione di tracciato tra il Km e 3+346 e l’allaccio con la S.S 650 “Fondo Valle

Trigno”, delimitata dal seguente sistema di coordinate chilometriche (Gauss-Boaga, Datum Roma 1940):

47
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

E: 2473457 ± 5 m N: 4615644 ± 5 m Q: 448 m

E: 2474910 ± 5 m N: 4619431 ± 5 m Q: 359 m

Il tracciato (elaborato G2) si snoda nei settori più bassi del declivio con esposizione NW, posto

in destra idrografica del Fiume Trigno, al quale competono valori medi di pendenza dell’ordine dei

15-18° (Metodo Amadesi).

Il profilo longitudinale espone un lineamento abbastanza regolare e rettilinearizzato, con locali

curvature (concave o convesse) , in corrispondenza di litotipi più teneri ed erodibili.

L’azione di modellizzazione è svolta, in maggior misura dalla gravità che dà luogo ad una

blanda irregolarità di fondo, acuita dalla natura plastica del substrato, senza però dar luogo a cinema-

tismi franosi o a dissesti diffusi..

ASPETTI LITOLOGICI

La natura litologica del substrato è riconducibile riconducibili al complesso del cosiddetto Flysh

di San Bartolomeo. Trattasi di arenarie quarzoso feldspatiche di colore giallo chiaro, in strati e banchi di

spessore da 20 cm a 6-8 m superficialmente in facies destrutturata ed alterata, con intercalazioni di

argille azzurre o grigio-verdastre e marne. Nella parte medio-bassa della successione sono presenti

corpi di conglomerati poligenici di spessore talora superiore al decametro. I conglomerati sono formati

da elementi sub-arrotondati (talvolta di natura ignea) compresi in matrice arenacea.

ASPETTI IDROGEOLOGICI

La permeabilità è generalmente medio-bassa, ma variabile in funzione della minore o maggio-

re presenza delle frazioni lapidee e del loro grado di fatturazione e fessurazione.

48
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

ASPETTI LITOTECNICI

Da punto di vista litotecnico, la tratta è interessata da materiale intensamente tettonizzato, con u-

guale rapporto tra argilla, marna e calcari/arenarie. Struttura fortemente fratturata, contrassegnato con la

sigla L2B2.

I litotipi di copertura espongono terreni a più scadenti caratteristiche meccaniche, con elevato

tenore argilloso-sabbioso e un basso grado di addensamento/consolidazione.

PARAMETRIZZAZIONE GEOTECNICA (MEDIA)

Il substrato consta di unna unità a tetto di elevato tenore argilloso-sabbioso, che costituisce la

copertura detritico-eluviale, cui soggiace una alternanza tra livelli arenacei e marnosi.

Tale situazione può essere ricondotta alla seguente modellazione geotecnica sommaria:

Tabella 4: parametri geotecnici medi .

Strato Prof. (m) Spessore Range ' Range C’ n Litologia Determina-


(m) (KN/m3) zione
(KN/m3)
Copertura detri-
1 0,5 –20,00 19,50 22-24° 15-20 18.50-19.50 Laboratorio
tico eluviale
Arenarie e mar-
2 20-40 >20 m 26-28° 50-70 19.0-21.0 Sismica
ne marnosa

' = angolo d’attrito C’= coesione; n = densità nat.;

CONSIDERAZIONI GEOTECNICHE

Non sono stati eseguiti campioni Sui campioni indisturbati sono state effettuate test di laborato-

rio (analisi granulometriche, proprietà indice, Limiti di Atterberg, Taglio diretto a rottura), in maniera a avere

un’ampia disponibilità di parametri di resistenza e di deformazione.

Strato 1

49
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Si tratta di un orizzonte detritico eluviale, la cui potenza aumenta vistosamente verso il fondo-

valle, ove si interrela ai depositi alluvionali. E’costituito da pezzame lapideo vivente arrotondato in

matrice a grana fine.

Dalla disamina dei valori medi dell’indice di plasticità (Ip= 37 %) il materiale denota un compor-

tamento plastico; l’indice di consistenza (Ic= 0,91) esprime una consistenza solido-plastico. Il grado si

saturazione è prossimo al 100 %. L’indice di Attività (Skempton, 1953) fornisce un valore prossimo a

<0,75 (0,68), per cui l’argilla è inattiva.

Dai valori di LL, Lp e Ip si desume che i minerali argillosi prevalenti sono l’illite e la caolinite.

Sulla scorta del range di valori di LL (45%) e Ip (26%), in riferimento alla Carta della Plasticità di

Casagrande, il terreno testato ricade nelle classi CL argille inorganiche di alta plasticità.

Strato 2

Consta di unità argillose ed argilloso-marnose, le cui caratteristiche sono state desunte essen-

zialmente dai dati sismici. Trattasi di un’unità a buone proprietà geotecniche e media consistenza.

CARATTERIZZAZIONE DINAMICA

L’area C è la più vasta per ci si è preferito suddividerla sismicamente in base alla geologia.

Il primo tratto è collocato a Ovest dell’abitato di Bagnoli, lungo il versante, ove affiorano litolo-

gie competenti, segue l’area del bivio per Bagnoli prossima a Sprondasino, infine l’area fluviale del

Trigno.

VERSANTE OVEST BAGNOLI DEL TRIGNO

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo può essere ripartito media-

mente in n. 2 sismostrati, con il 3° sismostrato visibile solo in 4 rifrazioni, essi presentano le seguenti

velocità intervallari:

Spessore min-max (m) Vp media (m/sec) Litologia

50
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

Sismostrato 1 1-10 320-480 Coperture granulari sciolte

Sismostrato 2 5-15 1000-2500 Arenarie compatte/substrato rigido

Sismostrato 3 Indefinito >2300 Substrato rigido

Anche qui le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano un aumento costante delle ve-

locità delle onde di compressione con l'aumentare della profondità.

L’ampio range delle velocità del secondo sismostrato è da imputare alla diversa competenza,

tessitura e composizione dei litotipi arenacei.

Le coperture regolitiche presentano una profondità massima fino a 10 metri laddove sono pre-

senti forme di accumulo associabili a falde di copertura e presentano velocità P inferiori a 480 m/sec.

La velocità delle onde P del substrato rigido raggiungono velocità fino a 2500 m/sec.

In tale tratta sono state eseguite ulteriori indagini geofisiche per determinare la classificazione

del suolo di fondazione ai sensi delle N.T.C. 2018, in particolare è stata eseguita una downhole nel

foro di sondaggio S6bis e un’altra nel foro di sondaggio S7.

La Downhole in S6Bis ha evidenziato una Vs,eq pari a 790 m/sec mentre per la downhole in S7 è

di circa 310 m/sec.

I risultati di tali indagini indicano una categoria del sottosuolo pari a B per l’area in S6bis, men-

tre è pari a C per l’area in S7.

- B: Rocce tenere e depositi di terreni a grana grossa molto addensati o terreni a grana fina molto

consistenti, con spessori superiori a 30m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà

meccaniche con la profondità e da valori di Vs equivalente, compresi fra 360 m/s e 800 m/s.

- C: Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o terreni a grana fina mediamente

consistenti con profondità del substrato superiori a 30 m, caratterizzati da un miglioramento delle

proprietà meccaniche con la profondità e da valori di velocità equivalente compresi tra 180 m/s e 360

51
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

m/s.

La differenza di velocità è imputabile alle diverse litologie che caratterizzano il versante, arena-

ceo compatto in S6bis e detritico-conglomeratico in S7.

BIVIO PER BAGNOLI DEL TRIGNO

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo può essere ripartito media-

mente in n. 2 sismostrati, con il 3° sismostrato visibile solo in 2 rifrazioni, essi presentano le seguenti

velocità intervallari:

Spessore min-max Vp media (m/sec) Litologia

(m)

Sismostrato 1 1-4 480-600 Depositi di Coperture coerenti sciolte

Sismostrato 2 4-15 1500-1600 Argille grigie compatte

Sismostrato 3 Indefinito >2100 Substrato non rigido

Anche qui le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano un aumento costante delle ve-

locità delle onde di compressione con l'aumentare della profondità.

Le coperture argillose presentano una profondità massima fino a 4 metri laddove sono presenti

forme di accumulo associabili a falde di copertura e frane e presentano velocità P inferiori a 600

m/sec.

La velocità delle onde P del substrato non rigido raggiungono velocità superiori a 2100 m/sec.

In tale tratta non sono state eseguite ulteriori indagini geofisiche.

AREA FLUVIALE DEL TRIGNO

Dalla disamina dei dati sismici (sismica a rifrazione) il sottosuolo può essere ripartito media-

mente in n. 2 sismostrati, il 2° coincide con la falda del Fiume Trigno, in base al fatto che le onde P non

52
PROGETTO PER IL COPMLETAMENTO DELLA SP. 59 “FRESILIA” IN DIREZIONE SPRONDASINO
Progetto di fattibilità tecnica ed economica Relazione geologica

si propagano nell’acqua, essi presentano le seguenti velocità intervallari:

Spessore min-max Vp media (m/sec) Litologia

(m)

Sismostrato 1 2-4 580-680 Ghiaie fluviali sciolte

Sismostrato 2 Indefinito 1500-1600 Ghiaie in falda

Le elaborazioni delle sismiche a rifrazione evidenziano la presenza della falda del F. Trigno a

circa 4 mt dal p.c. ; non è possibile determinare lo spessore dei depositi ghiaiosi, i quali fuori falda

presentano velocità P inferiori a 600 m/sec.

In tale tratta non sono state eseguite ulteriori indagini geofisiche.

CONSIDERAZIONI TECNICHE

La tratta appare sufficientemente affidabile dal punto di vista della stabilità, per cui può acco-

gliere l’infrastruttura prevista, senza particolari gravami.

Nelle successive fasi progettuali sarà necessario approfondire e discretizzare in dettaglio il vo-

lume significativo, in funzione delle opere d’arte che si intenderà effettuare, mediante ulteriori inve-

stigazioni di sito, laboratorio r geofisiche.

53
 

INDAGINE SISMICA PASSIVA A STAZIONE SINGOLA – HVSR 
 
MISURA HV‐S6BIS 
 
  L’indagine  svolta  ha  permesso  di  caratterizzare  il  sito  mediante  la  definizione  dello  spettro  di 
frequenza  maggiormente  significativo;  in  particolare  è  stata  definita  la  frequenza  di  sito  (f0  =  frequenza 
fondamentale) per la quale il terreno può subire effetto di amplificazione sismica per azione di risonanza 
legato  alla  variazione  stratigrafica  di  maggior  significato,  oltre  ad  altre  frequenze  coalescenti  (f1,  fn)  che 
sono legate a variazioni stratigrafiche secondarie. 
La strumentazione adottata è denominata: SR45 Geobox della SARA E.I. che misura la frequenza di 
sito  tramite  una  terna  di  velocimetri,  con  frequenza  propria  nominale  di  4,5  Hz,  associati  ad  un 
digitalizzatore a 24 bit e frequenza di campionamento a 300 Hz. 
La  misura  ha  visto  una  registrazione  per  la  durata  temporale  di  20  min,  così  da  permettere 
un’acquisizione del segnale utile fino a frequenze di 0,1 Hz. 
 

 
 
  A seguito di un post processing dei dati acquisiti, che ha definito le frequenze di risonanza tipiche 
per ciascuna componente cartesiana (X, Y, Z con X=Nord), è stato possibile svolgere un rapporto spettrale 
evidenziando quindi la frequenza maggiormente significativa (frequenza di sito f0). 
  Durante  l’implementazione  sono  state  filtrate  18  finestre  temporali  da  50  secondi,  discriminando 
quelle meno attendibili: 

 
Grafico delle finestre temporali usate. 
  Dall’analisi del rapporto spettale ottenuto dall’elaborazione delle indagini di sismica passiva HVSR, 
tramite il software GEOPSY, è stato ottenuto il seguente risultato. 
 

 
Il grafico mostra la presenza di un picco del massimo valore del rapporto H/V con un segnale a circa 
10 Hz. 
Nella figura seguente si riporta la direzionalità del segnale relativamente alla verticale azimutale. 
 
 

 
 
La  curva  mostra  un  picco  ben  delineato  a  10  Hz,  giustificabile  con  la  presenza  nel  sottosuolo  di  un 
contrasto di impedenza sismica tra un deposito meno rigido sovrapposto ad un deposito più rigido. 
La  curva  mostra  altri  picchi,  poco  pronunciati,  probabilmente  dovuti  a  deboli  contrasti  di 
impedenza sismica in profondità. 
 
  DATI RIASSUNTIVI 

N° acquisizione f0 ‐ Hz

HVSR  10 
 

f0 (Hz)  <1  1‐2  2‐3  3‐5  5‐8  8‐20 >20 


h (mt)  >100  50‐100 30‐50 20‐30 10‐20 5‐10 <5 
Tabella  1:  Abaco  per  la  stima  dello  spessore  delle  coperture  (h)  a  partire  dai  valori  delle  frequenze  di 
risonanza  (f0)  determinate  dalle  misure  H/V  [D.  Albarello  &  S.  Castellaro,  2011.  'Tecniche  sismiche 
passive: indagini a stazione singola ‐ Supp. Riv. Ingegneria Sismica Anno XXVIII n.2‐2011]. 
        
 
 
 

 
FOTO 1: Esecuzione indagine HVSR. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

MISURA HV‐S2 
 
  L’indagine  svolta  ha  permesso  di  caratterizzare  il  sito  mediante  la  definizione  dello  spettro  di 
frequenza  maggiormente  significativo;  in  particolare  è  stata  definita  la  frequenza  di  sito  (f0  =  frequenza 
fondamentale) per la quale il terreno può subire effetto di amplificazione sismica per azione di risonanza 
legato  alla  variazione  stratigrafica  di  maggior  significato,  oltre  ad  altre  frequenze  coalescenti  (f1,  fn)  che 
sono legate a variazioni stratigrafiche secondarie. 
La strumentazione adottata è denominata: SR45 Geobox della SARA E.I. che misura la frequenza di 
sito  tramite  una  terna  di  velocimetri,  con  frequenza  propria  nominale  di  4,5  Hz,  associati  ad  un 
digitalizzatore a 24 bit e frequenza di campionamento a 300 Hz. 
La  misura  ha  visto  una  registrazione  per  la  durata  temporale  di  20  min,  così  da  permettere 
un’acquisizione del segnale utile fino a frequenze di 0,1 Hz. 
 

 
  A seguito di un post processing dei dati acquisiti, che ha definito le frequenze di risonanza tipiche 
per ciascuna componente cartesiana (X, Y, Z con X=Nord), è stato possibile svolgere un rapporto spettrale 
evidenziando quindi la frequenza maggiormente significativa (frequenza di sito f0). 
  Durante  l’implementazione  sono  state  filtrate  14  finestre  temporali  da  50  secondi,  discriminando 
quelle meno attendibili: 

 
Grafico delle finestre temporali usate. 
  Dall’analisi del rapporto spettale ottenuto dall’elaborazione delle indagini di sismica passiva HVSR, 
tramite il software GEOPSY, è stato ottenuto il seguente risultato. 
 

 
Il grafico mostra la presenza di un picco del massimo valore del rapporto H/V con un segnale a circa 3 
Hz. 
Nella figura seguente si riporta la direzionalità del segnale relativamente alla verticale azimutale. 
 
 

 
 
La  curva  mostra  un  picco  ben  delineato  a  3  Hz,  giustificabile  con  la  presenza  nel  sottosuolo  di  un 
contrasto di impedenza sismica tra un deposito meno rigido sovrapposto ad un deposito più rigido. 
La  curva  mostra  altri  picchi,  poco  pronunciati,  probabilmente  dovuti  a  deboli  contrasti  di 
impedenza sismica in profondità. 
  DATI RIASSUNTIVI 

N° acquisizione f0 ‐ Hz

HVSR  3 
 

f0 (Hz)  <1  1‐2  2‐3  3‐5  5‐8  8‐20 >20 


h (mt)  >100  50‐100 30‐50 20‐30 10‐20 5‐10 <5 
Tabella  2:  Abaco  per  la  stima  dello  spessore  delle  coperture  (h)  a  partire  dai  valori  delle  frequenze  di 
risonanza  (f0)  determinate  dalle  misure  H/V  [D.  Albarello  &  S.  Castellaro,  2011.  'Tecniche  sismiche 
passive: indagini a stazione singola ‐ Supp. Riv. Ingegneria Sismica Anno XXVIII n.2‐2011]. 
        
 
 
 

 
FOTO 2: Esecuzione indagine HVSR. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche