Sei sulla pagina 1di 30

L'UOMO

CORPINO - CAMICIA - PANTALONI

Le misure .... ..... . . . . .... . . ... . . 214


Procedimento di misurazione .... . ..... 215
Tabella misure industriali uomo . . ...... 21 7
Base camicia classica . .... .... ....... 218
La camicia ... . ..... . .. . . . . . . ..... 218
Camicia con carrè ..... . .. .... . ..... 220
Camicia con carrè davanti e dietro . . .... 221
Manica per camicia ... . ... . . ....... 222
I colli .................... . . .... . 223
Camicia con maniche corte .... . ..... . 224
Camicia con taglio davanti .. . .. . ..... 225
Camicia asimmetrica .... . .... ...... . 226
I pantaloni ..... ..... .. . . .. . . ..... 227
Base pantaloni da uomo . . . .......... 228
Modifica del davant i ......... .. ... . . 229
Applicazione della piega centrale ....... 230
Correzione difetti . ..... ..... . . ..... 231
Margini per cuciture .. .. . ... . . .. . .. . 234
Schema lavorazioni ... . . . ...... .... . 235
Pantaloni con risvolti ... . . ..... . .. . . . 2 36
Pantaloni corti . . . . . . . . ....... . ... . 237
Base jeans ........... . ... ........ 238
Base pantaloni per tuta e pigiama ...... 239
Pantaloni per cavallerizzo . ..... ...... 240
Base per tuta . . . . . . . ......... . ... . 241
Tuta corta ... . . .... . . . ...... .. . .. 242

213
LE MISURE

VALORI PROPORZIONALI A ······-······· . ···············- .


T
·················· ............ .
Nello studio della figura, il disegnatore e l'artista . .
usano la testa come unità di misura per l'intera
figura umana, sia in altezza che in larghezza. B ----------- --------- ------------------- ---------
Nell'uomo la larghezza delle spalle è tre volte la ------ ------ ------------------- --
larghezza della testa, mentre l'altezza è otto volte
l'altezza della testa, dall'attaccatura dei capelli al .
....

!
L �cr··; ... .. ... .. '. .. .
mento. In questo caso è utile assegnare dei valori

proporzionali per stabilire le Lunghezze e le Lar­ ( ..... .
ghezze della figura.

Valori in lunghezza o····, ......... !.·


I
.. ..... "'··L ' f
.
A-B Lunghezza testa = Statura : 7,49. \
- B-C Livello ascellare = Statura : 7,49. E ----- -. -----. -- -- ----- -------- ..•-----
, -
- B-D Lunghezza vita = Statura : 3,6. F ····- •.. ....• -·· .. ..•. ······- ······· .
D-E
D-F
Altezza fianchi
Altezza cavallo
=
=
Statura
Statura
:
:
8.
6,57.
'1
�-

. .
. :.. ;
f;
D-G Altezza ginocchio = Statura : 3.
-------------- - ------- ---------- ------ ----- ------
'
- D-H Lunghezza gamba = Statura : 1,65.
.
Valori in larghezza . .

. .... . . .... r . ··· ·


- CIRCONF. T ORACE = Statura: 1,73+vestibilità G ·············· ···-········ ·····i···-···----···· · ·········

(aumenta e diminuisce di cm.2 ogni cm.5 di


altezza).
CIRCONF. VITA = Torace meno 1/ 12 -
Torace+vestibiltà.
CIRCONF. BACINO = Torace più ½4 -
Torace+vestibilià.
CIRCONF. COLLO = 7/16 torace. H
- CIRCONF. B RACCIO SUP. = 1/10 torace x 3,14.
- LARGHEZZA SPALLE = 7/16 torace.
- P-Q Curva dorsale sup. = ½ o torace.
'.
..-. ------- ------,.
'.
..
'. '.
''
R-S Sporgenza natiche = cm.1-2,5.
I-L Abbassamento spalla = ½ o torace. .. ''
.. ...
. .
.' '' ..
r··············r··············, ---··-···
MISURE DEL "NORMOTIPO" CON STATURA 1,70

-
-
ALTEZZA TESTA .............CM.23,7
LIVELLO ASCELLARE .........CM.23,7
ALTEZZA VITA dietro ......... CM.47
: · · · · · · · : -.. . . . . t. . ..... :\·"\'/-!\
�. J cs1. J i
i
:. :.
j'
I:
.. ..
.

- ALTEZZA VITA davanti ........ CM.50


i ·. \, i /
-
-
ALTEZZA FIANCHI ...........CM.21
ALTEZZA CAVALLO ..........CM.25,7 j"
'' ·-rt·)·-·
''

f· .' : . �
ALTEZZA GINOCCHIO........CM.56,6
! \ !/
ABBASSAMENTO SPALLA .....CM.4,8
- LUNGHEZZA MANICA........CM.60
LIVELLO GOMITO ...........CM.29
CIRCONF. TORACE ..........CM.96
- CIRCONF. VITA .............CM.8 8 r· �? ---··1
-
-
-
CIRCONF. BACINO .......... CM.96
CIRCONF. COLLO ........... CM.42
CIRCONF. BRACCIO .........CM.30,1
i ;· i

[ ']
- LARGHEZZA SPALLE .........CM.44
- CURVA DORSALE ...........CM.4,8
- SPORGENZA VENTRE ........CM.2

214
PROCEDIMENTO DI MISURAZIONE

STATURA ___ _

LUNGHEZZA
GAMBA

BACINO
--------------

Statura orizzontale, con giusta tens ione perché possa aderire, ma deve
Per statura si intende la lunghezza totale del corpo. avere però l'agio di morbidezza per entrare fra le due scapole
La misurazione avviene, come dimostra la figura, dal livello e seguire l'incavo posteriore del corpo.
della parte superiore della testa, appoggiando successivamen- Circonferenza vita
te il nast ro centimetro alla base del collo e seguendo poi la Si misura facendo scorrere il nastro nel punto vita tenendo lo
forma fino all'incavo del centro reni e, quindi, dal livello della perfettamente in orizzontale, avendo cu ra di accertarsi che la
natica il nastro scende fi no a terra. persona vesta ordinatamente e non indossi indument i infagot-
Da questa misurazione si detrae la misura dell'eventuale tacco, tanti.
oppure si precisa il punto corrispondente alla cucitura della scarpa. Circonferenza bacino
Lunghezza gamba La persona deve stare in posizione naturale a gambe unite. Il
Si misura ponendo il nastro centimetro sull'estrema propaggi- nastro si deve portare orizzont almente in corrispondenza del
ne dell'osso iliaco, senza entrare però nell'incavo della vita e co lmo delle natiche. La misurazione deve avvenire tenendo il
stendendolo poi in verticale fino a terra o f ino alla cucitura del nastro ben aderente alla persona.
tacco. Circonferenza braccio
Inclinazione spalla Il braccio deve essere tenuto in posizione naturale e il nastro
Si può misurare avvalendosi di un righello posto in orizzontale va posto bene accostato al livello ascellare. La misurazione
appoggiato alla base del collo, stando dalla parte posteriore, deve essere fatta tenendo il nastro ben aderente al braccio.
rilevando la misura fino all'estremo punto scheletrico della Circonfe renza collo
spalla. Questa misura può essere presa a collo nudo, per le camic ie,
Circonferenza t orace oppure con indosso una camicia, per la giacca.
Per la misurazione del torace è necessario innanzi tutto che la In questo caso bisogna fare attenzione che il col letto della
persona stia in posizione rilassata e che tenga le braccia in camicia sia adeguato.
atteggiamento di abbandono . Far passare il nastro atto rn o alla base del co llo e rilevare la
Il nastro va posto ben accostato al livello ascellare e tenuto in misura tenendo il nast ro aderente ma non stretto.

215
PROCEDIMENTO DI MISURAZIONE

CURVA DORSALE
-----1•--------------------
LARGHEZZA _SPALLE

DORSALE
POSTERIORE
-------------------- --- SPORGENZA_VENTRE +i-

- - - -- - - - __ ALTEZZA_FIANCHI

I A LTEZZA
... CAVALLO

Larghezza spalle Curva dorsale


Si misura a livello spalla da un estremo punto della spalla all'al- Questa è una misura importante e di facile ri levamento. Si
tro tenendo il nastro orizzontale. appoggia un righello sul centro della schiena in verticale e si
Amp iezza dorsale posterio re rileva la distanza dal collo al righello.
Si misura a livello ascellare da un'attaccatura del braccio all'al- Curva del bacino
t ra, facendo attenzione a non entrare nell'incavo. Si appoggia un righello al centro del bacino diet ro, nella parte
Altezza fianchi più sporgente e si misura la distanza dalla vita al righetto.
Si misura dal punto vita al punto più sporgente del bacino, Sporgenza ventre
tenen do il nastro lungo il fianco e ben aderente alla persona. Per ri levare questa misura bisogna fare tenere alla persona una
Altezza caval lo posizione riposante ma non troppo rilassata, per non falsare in
Questa misura si può prendere facendo sedere la persona su eccesso la misura.
uno sgabello piatto e rilevando la distanza dal punto vita al Si appoggia una riga sul ventre e, tenendola perfettamente a
piano dello sgabello . piombo, si rileva la distanza a livello del giro dalla riga al corpo.

216
TABELLA MISURE INDUSTRIALI UOMO
TABELLA TAGLIE SENZA VESTIBILITÀ

Misure di circonferenza
TAGLIA 44 46 48 50 52 54
Circonferenza torace 88 92 96 100 104 108
Circonferenza vita 80 84 88 92 96 100
Circonferenza bacino 89 92 96 100 105 110
Larqhezza spalle dietro 42 43 44 45 46 47
Larqhezza settore* 10 10,5 11 11,5 12 12,5
Circonferenza collo 40 41 42 43 44 45
Misure di lunghezza
STATURA 170 172 175 176 178 180
Lunqhezza vita 45,2 46,3 47 47,7 48,4 49,1
Profondità qiro ascellare 18 18,2 18,5 18,9 19,3 19,7
Lunqhezza oomito 29 30 31 32 33 34
Lunqhezza manica 60 61 62 63 64 65
Altezza fianchi 19,2 19,6 20 20,4 20,8 21,2
Altezza cavallo 23,2 23,6 24 24,4 24,8 25,2
Altezza qinocchio 58 59 60 61 62 63
Lunghezza gamba esterna 104 106 108 110 112 114

* Misure di controllo

VALORI D I VESTIBILITÀ IN BASE ALLA TIPOLOG IA DEI CAPI

Spolverino
Giacca
TIPOLOGIA Camicia Bolero Cappotto lmperme- Giacche
Costumi e Top e lenta
Abito e Giacca lento abile a vento
DEI CAPI Body Corpino
Gilet modellata
Cappotto
Giaccone Mantella imbottite
modellato

Circonferenza
-4 / -2 0/2 4/8 10 / 12 14 / 16 18 / 20 22 / 24 28/32
torace e seno
Circonferenza
vita
-2,5/-1 0/-1,5 2,5/4 5/6 8/10 . - .
Circonferenza
-4/-2 0/2 4/8 10/12 14/16 18/20 22/24 28/32
bacino
Settore
-1,5/-0,5 0/1 1/1,5 1,5/2 2,5/5 3,5/7 4,5/8,5 6/10
qiro
Larghezza
-1,5 / -0,5 O/ -0,5 1 -1,5 1,5 · 3 3,5 - 4 4,5 · 5 5 · 5,5 7-8
soalle dietro
Lunghezza vita . .
davanti e dietro
- 1 2 2 2 3/4

2 17
LA CAMICIA

NOZIONI GENERALI tezza e devono fuoriuscire dalla manica della giacca per
Nella moda maschile la camicia è l'elemento più importante circa cm.1,5, mentre l'abbondanza della manica sopra il
dello stile classico ed è, assieme alla giacca e alla cravatta, il polsino, durante la cucitura deve essere distribuita con
segno essenziale del vestire civile nell'essere in sintonia con il pieghe regolari ed equidistanti. Il colletto deve anch'esso
mondo manageriale e urbano. aderire perfettamente al collo, non stretto ma mai troppo
Le camicie, specie quelle fatte su misura, devono essere esegui­ largo. Nella forma è sempre meglio evitare quelli troppo
te con una certa, anche se non eccessiva morbidezza, per alti o troppo bassi. I colletti più usati sono: li colletto clas­
consentire confort nei movimenti. sico (alto cm.4-4,5,), il colletto Windsor ed il colletto
I polsini devono aderire ai polsi perfettamente senza len- Botton Down.

BASE CAMICIA CLASSICA

J1
A

J L1 LINEA SPALLE
M L

LINEA ASCELLARE Q LINEA ASCELLARE


H
11 11
;::: o
w
e ci
o
I-
DAVANTI DIETRO "'
I-
z
(J

LINEA VITA E LINEA VITA


B c

LINEA BACINO E1 LINEA BACINO


y X

LINEA FONDO DAVANTI EJ


81
LINEA FONDO DIETRO C1
E2 ;:

Misure: Statura cm.170. - Circonf. torace cm.96. - Vestibilità


torace cm.24-28. - Circonf. collo cm.42. - Scollo camicia
cm.46.

Costruzione tracciato base


Tracciare un angolo retto A-B-C,con: (Es.:½ Larg. Spalle cm.22+1 = 23).
- A-B pari alla lunghezza Vita Davanti (Es.:cm.47). - H-H1 come D-G. Tracciare H1-G.
- 8-C pari alla Semicirconferenza Torace + agio camicia - H1-I1 1/5 H-I più 2.(Es.: cm.60:5 = 12+2 = 14)
cm.24.(Es.: cm.96+24 = 120:2 = 60). - Tracciare I1-J-J 1 parallela a H1-L 1-G.
C-D Lunghezza Vita Dietro (Es.: cm.47). - H-L 1 /3 di D-H (Es.:cm.23,5:3 = 7,8). Tracciare L-M.
- B-E metà 8-C. B-Y e C-X Altezza fianco (Es.: cm. 20).
- A-F come 8-E. Tracciare E-F (LINEA FIANCO). - Tracciare Y-X. LINEA BACINO.
- D-H metà C-D. (Es.: cm.47:2 = 23,5). - D-C1 Lunghezza totale camicia (Es.: cm.75).
- Tracciare H-1. LINEA ASCELLARE - Y-81 come X-C1 meno cm.2.
- D-G misura ½ Larghezza Spalle+1. - Tracciare C1-E2 e 81-E3. Fondo camicia.

218
''

I
/>
I
\

;:: o
;:: z
z DAVANTI ~
I
I
Il:
..... DIETRO
<( I w
w~
Il: <( o I
o
I
<( o o I o
C) o
!!! Il:
o.. >-
z
w
..
u
z
u:
I
I
I
I
I
I
u
z<(
u:
u I
I

8 .__ __ L
_IN_EA W1 E w
_V_IT_A_ __ ~~+i>'-'--- - -L_IN_EA_Vl_TA
_ _ __ ➔C

3,2 3,5

Yt-_ _ __L_IN_EA_BA_C_I_No_ _= - - -
E1,i;;;;;:::-- - L
_ I_NE_A_B
_A_C_
IN_O_ _ _ ___,x
I
I

L-.....:B;..:1- = - - - - - =
---------------!'3 ~
~----------------~
E2
--"-'--___;= -'
Dietro
G-O cm.2,5 (Questa misura dim inuisce se sono
previste spalline).
D-N 1/3 D-G+0,6. (Es.: cm.23:3 = 7,6+0,6 = cm.8,2).
- N-P cm.2,5. Tracciare D-P.
- Tracciare P-O-P1 con misura Lunghezza Spalla+1.
(Es.: cm.17).
- Punto O metà H-1.
- Tracciare P1-L1-0 come in figura.
- E-W cm.1 ,5 o secondo esigenza.
- Tracciare la linea guida C1-E1.
- Tracciare la linea fondo come in figura. --
LINEASPAL E
Davanti
A-U 1/3 D-G del dietro+0,6. LIN A ASCELLARE\.._ LINEA ASCELL RE
o ;:: o
(Es.: cm.23:3 = 7,6+0,6 = 8,2). I=o z Il:
~ DAVANTI DIETRO
.....
w
Tracciare l'arco U-U1. U) <(
o
o o
w u o
Abbassare U1 di cm.1. Il: o z<( Il:
<( Il:
..... u: .....
C)
z z
- J1-Z cm.5-5,5 (Questa misura diminuisce se sono previste w
a: w w
u
u LINEA VITA LINEA VITA
spalline).
- Tracciare U-Z con misura uguale a P-P1 del dietro.
- Tracciare Z-J-Q come in figura.
- U-U2 e Z-Z1 cm.2,5.
- E-W1 come E-W.
BACINO
- Tracciare la linea guida B1-E 1. FONDO
- Tracciare la linea fondo dietro come in figura.
- Riprendere la parte U-U2-Z2-Z e trasportarla sul la linea
spalla del dietro P-P1 per portare in avanti il punto spalla.

219
CAMICIA CON CARRÈ

t~ \
P2
~ ...._~\.:_"!.'
82 U J1 F
e 'tfi,--__ i -----•
:} i o , ..
'z \.
P1 ,o >...;,, , ~!
01 LINEA CARRÉ
r,::;: ,~i
I •
01
:
)' '
I
I
I
I
I
I
I SCAL.fO
'J L1 LINEA SPALLE
M L

LINEA ASCELLARE LINEA ASCELLARE


H

ot- ;:: oo:


z ;::
t- o
o
"'o:w w
o: e
! DAVANTI
z
~
o:
t-
w
DIETRO
t-
w
o
< o <
e o oo:
< "'
!!! o: o o
"'a:w o. z
t-
u u zt-
w z<( z w
u u
~
u: u.

B
LINEA VITA W1 E w LINEA VITA
c

3,2 3,5

"O Sp4(i_,q
-""'""" 0Y
,,,e:, I
LINEA CARRÉ
~
LINEA SP LLE

LIN EA ASCELLARE~ INEAASCEL ARE


- Eseguire la base della camicia classica.
- D-D1 cm.8-10. o ;:: oo:
z o
~
- Tracciare D1-O1. LINEA CARRÉ.
Tagliare e separare le parti.
,,,o
w
~i
<e DAVANTI
o
z
!:! o DIETRO
t-
w
o
u. u oo:
o:
<( ~~
o. t-
z<(
t-
"'a:w z u: z
w
w
o o
LINEA VITA LINEA VITA

LINEA BACINO
FON--

220
CAM\C\A CON CARRÈ DAVANì\ E D\ETRO

N
a2
dlt:
I~
U
~~...... ...
<\/"'
U2
................
Sp4LL ' , ,
J1
i
~ :
'z
F
~
:
'
P2

o
fi~
~
.
'

= ·,
,

/
.

"' 4 - - -,; :
''
P1
U1 "
21 '' 01
: '

4
9,5

..
LINEA ASCELLARE
I
I

'
I

''
'J
SCAlfO
'
''
'' L2

L1
LINEA CARRÉ

LINEA SPALLE

LINEA ASCELLARE
01

.=z o
...""w
ie ci
o
o .= o
"'...z z "'...z
......o w
u
DAVANTI
i "'...wci
e
DIETRO
w
u
o w o o
u u
V,
w "'<Cl z
<
z
<
"'<Cl w
CL
u:: u::
w
CL
B
LINEA VITA W1 E w LINEA VITA
c

3,2 3,5

FONDO DAVA
B1

Tracciare la base della camicia. LINEA SPALLE

Tracciare le linee del carré davanti e dietro all'altezza e LINEA ASCELLARE


con la forma desiderata, come mostrato in figura.
Riprendere le parti del modello del carré e del corpino .=
z o
o .= "'I;:; o
con un altro foglio di carta, apponendo i contrassegni di z ~ "'...w
~ < < o
o :l: DAVANTI e DIETRO ci
riferimento e il diritto fi lo. V,
e o o
w
o u u o
z
"'Cl< ..."'z z
!!
u.
<
u:: "'...z
w w w
CL u u
LINEA V ITA LINEA V ITA

221
MANICA PER CAMICIA
TROMBA DIETRO

A ,---,--r---r- --=-"'

X
<t
..J
..J
~
"'o
D VANTI "',...z
w
u

N f----lt-+- - - - + - - - -----1 p

B1 B2 B3
F1
~
,-! i
I I
LINEA \ SCARTARE 1
1 DAVANTI I PER POLSINO :
I I
L ___________ i _ _____ _____ - I
B L1 F

26
A D

... ~ j;j
A F D

B c
A1
F1 o POLSINO SEMPLICE
:::;
CUCITURA
cm.0,6 _.
Cl
~ i
LATO DA CUCIRE
ALLA MANICA
..
G ~t
A D
<(
o: ~ o:
:, :,
\i
Cl ~~ ASOLE
UGUALE 11
LINEA DI
F

~1
w w DISTANZA E PIEGATURA
a:
<(
w
z
..
ii:
w
z
DAL CENTRO
II

/ ~~ÙT!~~g
:::; :::;
B c
B
2,5
E
2,5
c
2,5
'\ ANGOLI
DIVERSE SAGOME
l'
FESSINO INGRANDITO POLSINO DOPPIO

Manica - Riprendere la manica del davanti e del diet ro e


- Tracciare un rettangolo A-B-E-F con: tracciare la manica intera come in figura.
- A-B Lunghezza manica+cm.3 per agio. - B2-C1 cm.8,5. Tracciare C1-L3 (Taglio per Fessino).
(Es.: cm.60+3 = 63). Polsino semplice
A-E come misura Settore corp ino+½ medesimo Tracciare un rettangolo A-B-C-D con:
Settore +cm.2 . (Es. : Settore cm.14+7 = cm.21+2 = 23). - A-B pari all'altezza polsino scartato dalla manica cm.7).
A-G come metà J-Z del giro davanti + cm.1 (cm .11). - B-C pari alla circonferenza polso+agio cm.2+sormonto
Tracciare G-X. per allacciatura cm.2 per parte.
Unire G-E con d iagonale. ( Es.: Polso cm.20+2 = 22+4 = cm.26).
A-N metà A-B-2. Unire N-P. Polsino doppio
A-L metà A-E. Tracciare L-L 1. Tracciare un rettangolo A-B-C-D, con:
L2 metà G-E. - A-B pari all'altezza polsino doppia meno cm.1.
G-G1 cm.2. - B-C come polsino semplice.
- Tracciare E-G con linea curva come in figura (Trombadietro) Fessi no
- Tracciare E-G1 con linea curva come in figura (Tromba Tracciare un rettangolo A-B-C-D con:
davanti ). A-B pari all 'altezza dello spacco+cm.3 (cm.15).
- Scartare la misura del polsino al fondo (Es.:cm.7 ). - B-C pari al doppio del fessino desiderato (cm.2-2,5).
F1-B2 cm .17 o a piacere. - B-E metà B-C. Tracciare E-F.
F1-B3 come F1-B2 meno cm.2 (cm .15). - B-A1 come spacco manica cm.12. Tracciare A1-F1 .

222
I COLLI
COLLO A CAMICIA CLASSICO

Q Q
COLLETTO CLASSICO NORMALE COLLETTO CLASSICO BOTTON DOWN COLLETTO CLASSICO WINDSOR

Tracciare un rettangolo A-B-C-D.


A-B Altezza collo+listino+4,5.
(Es.: cm.4+3 = 7+4,5 = cm.11,5).
D1
B-C ½ scollo come corpino Davanti e
Dietro (Es.: cm.21,5).
C-C1 cm.3 . ~--+-------,02
C1-D2 cm.3,5.
D2-D1 cm.4.
"'N ,, ''
B-B1 cm.2-2,5. I2:
B1 tB .E ______ _____ _____ _______ J C
B-B2 cm.4,75.
A-A 1 cm.3 o a piacere.
Lt--------------------;~t~ CE}RO

CENTRO SPALLA DIETRO


- Tracciare la linea guida B2 A 1. DAVANTI
- C-E come scollo dietro corpino.
- Tracciare E-F.
Raccordare i punti come la figura.

COLLO ALLA COREANA


- Misurare lo scollo della base eseguita.
- Tracciare un rettangolo A-B-C-D con:
A-B pari all'altezza del colletto+cm.2
B-C pari a ½ scollo base davanti e
dietro+cm.1.
- B-B1 cm.2.
D-C1 cm.2.
C-E misura scollo dietro.
C-C1 Altezza colletto.
·;lC::=
t
:f
t
CENTRO CENTRO
A-A1 cm.1. DAVANTI DIETRO
Unire i punti con linee in forma come lo
o- schema.

COLLO PER CAMICIA DA SMOKING

Misurare lo scollo della base eseguita.


Tracciare un rettangolo A-B-C-D con:
A-B pari all'altezza del colletto+cm.2
B-C pari a ½ scollo base davanti e dietro
+cm.1 .
B-B1 cm.2-2,5.
B-B2 cm.5.
E1
- D-C1 cm.2.
C-E misura scollo dietro. ~+----==_,..:;,E_ _ _ _ _ _~C
t t
B
- C-C1 Altezza colletto.
t cENTRO
I - A-A1 cm.1. DAVANTI PUNTO CENTRO
SPALLA DIETRO
- B2-A2 Altezza piegatura (cm.3,5-4).
- Unire i punti con linee in forma come lo
schema.

223
CAMICIA CON MANICHE CORTE
E COLLO SPORTIVO

"'
.;

LINEA CARRÉ
L2 D1
SCALFO
LINEA SPALLE

LINEA ASCELLARE
I
I
I
;:: I
TASCA o
z
"'...w
I
I ~
~
o I
I
I

i5
I
o I ;:: o o
"'...z I 14 z "'...z
i "'...i5
I
I
w I w w
u <( I o u
..."'',
::, ,
Z I
DAVANTI
o
u
z
o
u
z<( DIETRO
O'
::. • su. u:
<'
0: I

a.< :' LINEA VITA LINEA VITA

LINEA BACINO LINEA BACINO

_____ i _______ LINEA BI

TROMBA DAVANTI
<(
...J
...J

~
1/)

~
DAVANTI !z DIETRO
w RACCORDARE
u
PIEGARE
"',.;
I I
I I
\ I
\ I
I I
I I
I I
\ I
I I
I I

\I I
:
I I
\ I
I I
\ I
I I
\ I
I
I
I
I
COLLO
I I
\ I
~ I :
I I I
L----- - - - - ----- --L----- - ---- ----- --J

224
CAMICIA CON TAGLIO DAVANTI

IETRO P2
J1 F
------..-------·
I I
.., , I
D
tn:z :
: P1
U4 1 :
' 01 LINEA CARRÉ D1 D2
I
I
U5 I
I
4
I
I
I
I

SCAL.fO LINEA SPALLE


L1 L

LINEA ASCELLARE
H
I 111

12 :
, ________
SOTTO
_,,.
J

F o
<(

o
z
~ DAVANTI ..
F
z
~
o
"'tu DIETRO
"'ti:;
5
o o 5 o
"'z
1-
o
u
o
u "'zw
1-

w z z
<( <( u
u u: u:

s...__ - 4_ -~L~IN~E~A~V_IT
_A_ _ W1 f E
__,~ +pw - -- --L_I_NE_A_ V_ l_~_ _ __ _,c

'---.....-=...- -...-=______________.!'~4
B2 B1
~----------------~-~--- ---'=---
E2 C1 C2

LINEA CARRÉ

Tracciare la base della camicia. LINEA SPALLE


Tracciare le linee del carré dietro 01-D1 all'altezza
desiderata, come mostrato in figura. _.,I LINEA ASCELLARE

Tracciare l'estensione del centro dietro per la piega


F
, __SOTTO
I ____,I I
i= o
z z o
ce nt rale D2-C2. "'w
Tracciare l'estensione del centro davanti per il sormonto io ~
<(
"'w
I- I-

DAVANTI o 5 DIETRO 5
o o ou o
dell'allacciatura U 1-U4.
Tracciare la linea della scollatura U2-U5.
"'z
I-
w
u
..
u
z
u:
z<(
u:
"'z
I-
w
u
Tracciare la linea del taglio davanti U3-B3. LINEA VITA LINEA VITA
Riprendere le parti del modello del carré, del taglio e
del co rpino con un altro foglio di carta, apponendo i
contrassegni di riferimento e il diritto filo .

LINEA BACINO

FONDO

225
CAMICIA ASIMMETRICA

L :.,__ _;.;L;;;l;.;N;;;EA;.;_;C;.,A;,;.R;;.R;;;È.,_ _...,___,


14 2
01

PIEGA
SCALFO LINEA SPALLE

13,5
UNE A ASCELLARE LINEA ASCELLARE
I
I
I ;:: ocr
FODERA .,,, I
z
TASCA ~: ~
<(
t;;
I
I o o
;:: I o ;:: o ~
z
I
cr z
14 I cr
I _______ __ ____ I
z>- !zw
<(

~
o
ocr w
u
o
cr
>-
io >-
w
o DIETRO u
o >- (/)
o o
u
z<(
(/)
w z u
z
u
z
o cii s; <(
u: ;:: ;:: u. u:
z z
~
<(

~ <(
LINEA VITA LINEA VITA
LINEA VITA o o
oo o
o
cr cr
oa, oa,

DAVANTI SIN. DAVANTI DES.

LINEA BACINO LINEA BACINO LINEA BACINO


I I
I AV. I
L____________ ____ _ -----------------~
I

B2 B1 L-------- --------~-~-~---_;:;;;;;;""'.J..~

22

14
,,

~ LINEA ASCELLARE
I
I I
I I
;:: I FODERA ;::
z<( TASCA '
I ;:: ;:: z
I z z <(
~ I <(
~
o
o ----------
I
I io ~
o
o
o
u
z<( o ocr u
cr z
z>-
<(
u: w
z>- u:
w
u u
LINEA VITA LINEA VITA

DNANTI SINISITRO DAVANTI DES.

lr
LINEA BACINO LINEA BACINO

FONDO 10 2 FONDO

226
I PANTALONI

I pantaloni maschili hanno una modellatura diversa da quella


dei pantaloni femminili, soprattutto nella zona dell'inforcatura
e del cavallo, per le ragioni ovvie di conformazione, ma anche
per motivi di linea e di estetica, salvo che per i jeans e per i
pantaloni sportivi, considerati unisex.
La tecnica per la realizzazione della base è simile a quella usata
per i pantaloni femminili, ma con valori diversi e con la diffe-
renziazione fra lato sinistro e lato destro, per la realizzazione
del cosiddetto lato forte, necessario per la conformazione
maschile.
Il livello inforcatura è un elemento fondamentale nella costru-
zione dei pantaloni maschili.
Non deve essere alto per non urtare, non deve essere basso
per non disturbare il movimento e perciò è conveniente misu-
rarlo con attenzione e determinarlo con precisione.
Ma eseguire questa misura con precisione, il più delle volte
non è facile, perché vi sono diverse difficoltà, sia per un certo
ritegno del sarto (e molto di più per una sarta), sia per il clien-
te che potrebbe avere vergogna, specie se non c'è confiden-
za.
Per ovviare a questo inconveniente e per eseguire una model-
latura di base che vada bene anche per la confezione industria-
le, questa diversificazione del cavallo fra destra e sinistra, è
stata eseguita sulla base di calcoli e di prove effettuate su
persone con conformazione normale.
Per soggetti che hanno una conformazione diversa, si dovrà
rico rrere a debiti adeguamenti.
I modelli di pantaloni maschili sono solitamente più classici e
meno vistosi di quelli femminili: per linea, per colori e per
tessuti, ma sono più tecnici e quasi sempre foderati e rinforza- PANTALONI CLASSICI CON RISVOLTO
ti con tele.

MODELLI DI PANTALONI MASCHILI PIÙ USATI

~
\
....-J..trd;l:.:~~-c;:;:z; I

PANTALONI PANTALONI PANTALONI PANTALONI PER PANTALONI PANTALONI


CLASSICI CON RISVOLTI JEANS CAVALLERIZZO CORTI PER TUTA

227
BASE PANTALONI DA UOMO

\ .,, A2
6 , M2
.--J-,à1i;i;~v;i-e2-z; I A A1 M

VITA
B

;;:::
z:
..:
> :'
.
..:
o:
o:
"' :
,__:
z,
UJ :
(.) !
G ---i LINEA BACINO
H

E1 /
_____., E
LINEA
X
AVALLO

LATO 1 I
FORTE I
I E2
I
I
I
I
I
I
DA\ ~NTI DIET O

I LINEA RACCORDO L1 L..--....L_1_ _L_IN_EA_RA_c...o_R_D_O_ 1


_ _ _ ,1
11
X1 X1
M isure: Circonf. bacino cm.100. - Cir-
conf. vita cm.84. - Altezza fianco cm.20.
- Altezza cavallo cm.24. - Lunghezza pan- ~
o ,__ o
talone cm.105. GINCX CHIO GINO CHIO

Davanti
Disegnare un rettangolo A-8-C-D,
con A-8 pari a ¼ Circonf. bacino. c3
UJ
(Es.:cm.100:4 = cm.25) e A-C pari ii:
..:
alla lunghezza totale pantaloni UJ
z
:::;
(Es.: cm.105).*
- A-E misura Altezza cavallo (cm .24)
8-F come A-E. Tracciare E-F. -
- A-G misura Altezza fianco (cm.20)
Tracciare G-H. (BACINO).
- E-E1 1/ 5 di E-F. (Es.: cm.25:5 = 5).
- E-I come A-E.
- Tracciare I-L. ,,
- Punto X metà di E1-F.
FONDO N1 FONDO N
- Tracciare M-N con incrocio al punto
C1 C N D1 D D1---:D~--==:::t;::::=:=:.Ac1~ c
X e scrivere LINEA PIEGA e N1

DIRITTO FILO.
- M-O Altezza ginocchio (Es.: cm.60)
M-M2 cm .6.
- Tracciare la pince o la piega con
profondità e larghezza necessarie. pari alla lunghezza totale pantaloni A1-A2 cm.2-3,5.
- X1-L 1 cm.12,5. (Es: cm.105). 8-81 cm.0,5.
- X1 -I1 come X1-L 1 (COSCIA). - A-E misura Altezza caval lo (cm.24). Tracciare A2-B3 passando per B1,
- N-N 1 cm.1,5. 8-F come A-E. Tracciare E-F. con misura pari a A-8. (VITA)
- N-C1 cm .11 (o a piacere). - A-G misura Alt ezza fianco (cm.20). 83-84 1/ 3 di A2-B3 (cm.9).
- N-D1 come N-C1. - Tracciare G-H. (BACINO). Pince con larghezza e profondità
- Tracciare C1-N1-D1. - (FONDO). - E-E1 1;3 di E-F+cm .1,5. secondo la necessità.
- Tracciare E1-G-A1 con linea curva. (Es: cm.27:3 = 9+1,5 = cm.10,5). X1 -L1 cm.14.
- Tracciare E1 -I1 -C1 con garbo. - E1 -E2 cm.2 X1 -I 1 come X1 -L1 (COSCIA).
- Tracciare 8-A 1 con garbo e - E-I come A-E. N-C cm.12.
scrivere - VITA. - Tracciare I-L. N-D cm.12.
Tracciare 8-H-L1-D1 con garbo. - Punto X metà di E1-F. N-N 1 cm.1,5.
Dietro - Tracciare M -N con incrocio al punto - Tracciare C-N1 -D. (FONDO) .
- Disegnare un rettangolo A-B-C-D, con: X e scrivere LINEA PIEGA. Tracciare E2-E-A2.(CENTRO DT.)
A-8 pari a ¼ Circonf. bacino+2 - M-O Altezza ginocchio (Es.: cm.60). - Tracciare E2-I1-C1 . (I NT. GAMBA).
(Es.: cm.100:4 = 25+2 = 27), - A-C - A-A1 cm.4,5. Tracciare 83-F-L 1-D (FIANCO).

228
MODIFICA DEL DAVANTI
PER IL "LATO FORTE"

INTRODUZIONE
Il lato forte è l'ampiezza che si conferisce ad una parte del minima e, in certi casi, può addirittura non servire, specie nella
davanti dei pantaloni da uomo per contenere le parti virili confezione industriale.
maschili. Nei pantaloni aderenti ed in quelli eseguiti su misura con infor-
L'entità varia in rapporto all'ampiezza dell'inforcatura dei pantaloni. catura aderente, per il lato forte si richiede un'ampiezza varian-
Infatti, se il pantalone è aderente, si richiede un agio maggiore, te da cm.1 a cm.1,5.
oerché il dietro obbliga il davanti a seguire il corpo e a mette- Questa misura non è una entità proporzionata, nè si può pre-
re in evidenza la differenza di forma. cisare, anche per il fatto ovvio che concorre all'effetto l'età o
Se l'inforcatura è ampia, invece, può bastare una differenza la virilità della persona.

TAGLIARE

At
VITA .::
z VITA
~
o<
o
RACCORD~ / ffi"'
u UNE

TAGLIARE ~ l'?.
E APRIRE 1 " '
____. ',
I
PIEGA DI
SORMONTO\
·\ X /'
RACCORDARE
----+ I DA ANTI DA ANTI
/'
RACCORDARE LINEA RACCORDO LINEA RACCORDO

GINO CHI GINO CHI

~
w
~
w
o: o:
<
w <
w
z z
:i :i

FONDO FONDO

1° SISTEMA 2° SISTEMA

TECNICA DEL "LATO FORTE" misura desiderata. Quindi raccordare con garbo il modello.
Vi sono vari sistemi per eseguire questa modifica al modello Secondo sistema
base. Le più comuni sono due: Questo sistema è molto più semplice, anche se meno preciso
Primo sistema del precedente.
Questo sistema è il più comune e, come si vede nella figura, Si può real izzare con un allargamento parallelo del centro da-
vanno eseguiti tre tagli nel modello: uno verticale parallelo al vanti fino alla linea cavallo, ottenendo i centimetri necessari
centro davanti; uno orizzontale a cm.6,5 dalla linea cavallo e per il lato forte.
uno a cm.14 dalla linea cavallo. Quindi si esegue il raccordo col sotto gamba.
Tagliare lungo queste linee e creare l'ampiezza facendo ruotare i Oppure si può applicare l'aumento disegnando la parte a
due pezzi di modello sui fulcri A e X fino al raggiungimento della mano libera o con l'aiuto di un curvilineo.

229
APPLICAZIONE DELLA PIEGA CENTRALE

INTRODUZIONE
La funzione della piega centrale nel davanti dei pantaloni non strati; il secondo è predisposto per il mantenimento dell'am-
è solamente estetica, ma può diventare strumento per il mi- piezza al ginocchio e il terzo, consigliabile per pantaloni per
glioramento della mobilità dei pantaloni stessi . Infatti la piega uomo grosso, perché aiuta il davanti a mantenersi equilibrato.
centrale giustifica una maggiore ampiezza al ginocchio per un Per questa piega non si può parlare di proporzioni, ma è im-
distanziamento del davanti della gamba. portante che stia chiusa e ben composta, anche se può essere
Per l'applicazione della piega ci sono tre procedimenti, dei più indicato farla minima per un soggetto panciuto e più ac-
quali il primo è il più comune e il più rispondente ai valori illu- centuata per un soggetto scarso di vita.

M
;:: ;:: D
V ITA z VITA z
o
u
ie o
u
~
<(
e
z o z o
<( <(
a'.
u: t- u: a'.
t-
z z
w w
BACINO u BACINO u

CAVALLO CAVALLO

DAVANTI DAVANTI

x2. X2
LINEA RACCORDO
INEA RA CORDO

GIN CHIO GINO CHIO GINO CHIO

<( <( <(


(!I (!I (!I
w w w
a: a: a:
<( <( <(
w w w
z z z
:i :i :i

FONDO FONDO FONDO

N
1'PROCEDIMENTO 2' PROCEDIMENTO 3'PROCEDIMENTO

T ECN ICA DI ESECUZIONE


Primo procedimento Terzo procedimento
- Tracciare il davanti dei pantaloni con misure e vestibilità - Tracciare il davanti dei pantaloni.
adeguate. Tagliare lungo la linea piega fino al punto X2.
- Tagliare lungo la linea piega M-N Tagliare lungo la linea L-X2.
- Aprire di cm.2 da una parte e cm.2 dall'altra. Fare ruotare la parte del modello M-D-L di cm.4, con
Secondo procedimento perno su X2 , facendolo sormontare sul punto L.
- Tracciare il davanti dei pantaloni. Durante la confezione è necessario slentare col ferro
- Tagliare lungo la linea piega fino al punto X2 . da stiro la parte esterna del fianco a livello ginocchio.
- Aprire cm.2 da una parte e cm.2 dall'altra.

230
CORREZIONE DIFETTI

BACINO CURVO E
._.
1

;: VITA11
z
~ ""
,,
,, o
<
o u
I z
o I
::;
"'
,-.
z
u.
w
ULINEA BACINO
_J LINEA CAVALLO

'
DA\. ANTI
LINEA RACCORDO LINEA RACCO DO
Questa conformazione è molto ostica da lavorare
perché risulta inizialmente da irrigidimento o arre-
tramento della gamba dalla caviglia verso l'alto, - ,-
quindi il bacino è costretto a piegarsi in avanti per GINO CHIO GINO CHIO

ristabilire l'equilibrio.

- Punto E aumento di cm .1. <


Cl
w
Punto G apertura di cm.2. a:
Punto H apertura conseguente. <
w
z -
Punto I aumento di cm.0,5. :::;

Punto D rientro di cm.2.


Inforcatura - aumento di cm.2.

FONDO
FONDO

BACINO ROVESCIATO

;:VITA
z
D

-1_,E
~~
c 1
I
I
I
...
~ I
<
o
I
I
ou
o z
<
"'z
1-- u::
w
u BAC INO ~
,J CAVI LLO
t1

DA' ANTI DIETR


Questa conformazione è tipica deg li obesi, che,
per bilanciare il peso, assumono una posizione LINEA RACCORDO LINEA RACCO DO

rovesciat a del bacino.

Punto A allungare cm.0,5.


- -
GINO CHIO GINO CHIO
- Punto B allungare cm.1.
- Punto C scartare cm.1.
- Punto D allungare cm.1.
<
Cl
- Punto E aumentare cm.1. w
a:
- Punto F sovrapporre cm.2. <
w
- Punto G aumentare cm.1. z
:::;
- Punto H sovrapporre cm.1,5.
- Punto I sovrapporre cm.2 .
- Punto L sovrapposizione.
- Punto N rientrare cm.0,5. 'FONDO
FONDO
- Punto O abbassare cm.0,5.

231
CORREZIONE DIFETTI
F IANCO STRETTO E SEDERE SPORGENTE

AGGIUNGERE+ SCARTARE

;:: VITA , . - -
A +
z ~ B
;; I
<(
e o I,
<JI
o z,
....o: _,
<(I

Difetti: z
w ""\
u LINE BACINO '2
- Fianchi più stretti di cm.1.
Sedere sporgente di cm.2.
,J LINEA CAVALLO

Correzione ~

- Punto A aumentare di cm.1.


- Punto B diminuire di cm.1. DA\ ANTI
- Punto C diminuire di cm .2.
LINEA RACCORDO
- Punto D aumentare di cm.2 .
- Punto E spostamenti
I~ \__,/ conseguenti . - ~

- Punto F allungare di cm.0,5. GINO ~CHIO

Aumentare la punta
dell'inforcatura di cm.2.
<I:
e,
w
o:
<I:
w
z
::i

'FONDO
FONDO

FIANCO LARGO E SEDERE PIATTO

;:: VITA
z
;;
<(
e
o
e:
z
w
u LINE BACINO

LINEA CAVALLO

Difetti:
- Fianchi più larghi di cm.1. DA ANTI
- Sedere scarso di cm.2.
LINEA RACCORDO DO

Correzione
Punto A rientrare di cm.1.
Punto B aumentare di cm.1. GINO CHIO GIN CCHIO
I
I
Punto C aument are di cm.2. I
I
I
Punto D aumentare di cm.1.
Punto E sovrapporre di cm.2. <I:
e,
Punto F sovrapporre. w
o:
Punto G abbassare cm.0,5. <I:
w
z
::i ::i

FONDO
FONDO

232
BACINO ASIMMETRICO

TA~LIARE

;::: --- -- -,
z VITA
~
<(
e o
o u ,
z ,
"'.... :! ,
ffi I
"- '
I

u ! : -- ---- j' c
/CA~ALLO
A• ' CAVALLO
B
'
BACINO

'"
DA' ANTI \I DIETR

LINEA RACCORDO LINEA RACCO DO

- I-
GINO CHIO GIN CCHIO

<( <(
(!)
w ~
a: ;;::
<( <(
w w
z z
::; ::;

·~
FONDO
FONDO

..
TAGLIARE

~
..
TAGLIARE

;::: VITA\
z
~
<(
o
e I u
I z
o I <(

"'....z I

'
ii:

''
w
u I BACINO F
D
/ E
CAVALLO CAVALLO

Il bacino sbandato determina un fianco alto e un fianco basso


in misura uguale, per cui bisogna diminuire il colmo sul lato DA\ ANTI DIETR
basso e aumentare quello sul lato alto . LINEA RACCORDO LINEA RACCO DO

Lato basso - I-
GINO ~CHIO GIN CCHIO
- Punto A sovrapporre di cm.1 sul punto C.
- Punto B sovrapporre.

<(
Lato alto <(
(!) (!)
w
w
Punto D apertura di cm.1 . ;;:: a:
<( <(
- Punto E apertura conseguente. w w
z z
::; ::;

'FONDO
FONDO

233
MARGINI PER CUCITURE
E CONTRASSEGNI PER LA LAVORAZIONE DEL FERRO

Questo grafico riporta tutte le indicazioni relative alla lavorazi o-


ne del ferro da stiro per dare la giusta forma al tessuto.
I margini per le cuciture sono di diversa entità in base alla po-
sizione e devono seguire parallelamente le linee del modello.

=--
;::
z
;;-,:
e
oir
I-
z
w
u
LINEA BACINO LINEA BACINO

LINEA CAVALLO LINEA CAVALLO

(
~ DA NTI DIET O

LINEA RACCORDO LINEA RAC ORDO

GINO CHIO * GINO CHIO

* RIENTRARE FONDO FONDO

234
SCHEMA LAVORAZIONE
8 - CINTURA
1 - PINCE 9-PASSANTI

CINTURA

15 - ACCESSORI

10 - FINTA CERNIERA
OPPURE OCCHIELLI

3 -ALETTE

2 - ORLO

7 -FIANCHI
13 -CAVALLO
14 - FONDELLO FINITURE

D CON
[ ( ] RISVOLTO

rnSENZA
~RISVOLTO

FONDELLO TASCHE BATTITACCO

1 ) Pince: - Confezione pince aperte ai quarti 5) Chiusura tasche: - Fermatura profili tasche al capo - Travettatura finta - Ribattitura fi nta.
anteriori - Confezione pince chiuse ai quarti - Cucitura prolungamento profilo - Chiusura tasche 11 ) Finta chiusura lampo o bottoni: - Sorfila-
anteriori - Confezione pince ai quarti posteriori - Rovesciatura tasche - Chiusura tasche a ribattitura tura riporto e t ratto corrispondente del quarto
- Stiratura. diretta - Fissaggio paramontura al profilo tasca. anteriore - Unione fodera al riporto - Applica-
2) Orlo: - Sorfilatura al fondo dei quarti - Ap- 6) Taschino: - Cucitura fodera su riporto - Cu- zione riporto al pantalone -Applicazione cernie-
plicazione battit acco a due cuciture ai quarti citura fodera su quarto pantalone - Taglio di- ra o bottoni -Chiusura terrrf'inale cintura - Rove-
posteriori o a giro completo, ad unione fian- mensione taschino - Chiusura fodere tasch ino sciat ura fodera, finta e terminale cintura.
chi già avvenuta. Pantaloni con risvolto, orlo - Rovesciatura taschino. 12) Cinturini e punta cintu re: - Unione pezzi
chiuso nel battitacco. - Cucitura orlo al fondo 7) Fianchi: - Unione fianchi e chiusura gambe cinturini tensionatori - Cucitura punta cintura
a punto invisibile - Imbastitura del risvolto - - Stiratu ra - Apertura cuciture. -Rovesciatura cinturini e punta cintura - Cuci-
Fermatura del risvolto . 8) Cintura: - Allestimento nastri a sbieco di tu ra elastico ai cinturini tensionatori.
3) Alette paramonture: - Applicazione fode- fodere e rinforzi - Piegatura nastri a sbieco - 13) Cavallo: - Sorfi latura quarti posteriori in
ra all'aletta tasca - Rovesciat ura alette - Stira- Cucitura con linguetta rigida per fermatura corrispondenza del cavallo - Bordatura quarti
tura alette - Sorfi latura paramontura tasca - invisibile, 2 nastri fodera, 1 rinforzo - Piegatu- posteriori in corrispondenza del cavallo - Chiu-
Applicazione paramontura alla fodera tasca - ra e stiratura della fodera - Applicazione della sura caval lo - Stiratura-apertura cucitura - Fer-
Rovesciatura - Stiratura paramont ura applicata cintura prefabbricata alla fascia - Unione fa- matu ra finte all'inizio cavallo - Fermatura finte
- Applicazione preventiva del bottone alla pa- scia cintura al pantalone - Apertura - Sti ratura inizio cavallo.
ramontura tasca scartando la fodera. cuciture cintura - Fermatura fodere tasche alla 14) Fondello finiture: - Sorfilatura mezzelune
4) Profili tasche: - Cucitura tasche tagl iate a ci nt ura - Fermatura invisibile della linguetta - fondello - Piegatura - Stiratura triangoli fondel-
due profili - Cucitu ra tasche tagliate a due Ribattitura cintura. lo - Unione pezzi fondello - Applicazione fon-
profili con inserimento alette - Taglio ai 4 an- 9) Passanti: - Confezione passanti - Rovesciatura dello - Finitura slarghi ci ntura.
goli -Rovesciatura profili - Cucitu ra di ribattitu- passanti - Stiratura passanti - Travettatura passanti. 15) Accessori: - Confezione occhielli - Appli-
ra profili - Cucitura profili tasche anteriori - 10) Finta chiusura lampo o occhielli: - Unio- cazione bottoni - Applicazione etichette - Ap-
Cucitura paramontura tasche anteriori - Cuci- ne fodera al tessuto finta occhielli - Confezione plicazione ganci cintura.
tura estremità profilo tasche anteriori su ripor- chiusura lampo o occhielli su finta - Applicazio-
to - Fermatura tasche anteriori. ne seconda fodera su finta - Appl icazione finta

235
PANTALONI CON RISVOLTI

A A1 M ~JM2 B
I
VITA

-,
....
z, ·I
I

i:
0 I
o,I
.....
z,
0:: I

w,
u,
I

G _,I LINEA BACINO


H

__.,, E1 /

LATO 1 1
E
LINEA CAVALLO
X
F

FORTE 1
I E2
I
1
I
1
I
I
DA\ ANTI DIET O

I LINEA RACCORDO L1 L L ___


L1_ _LI_ N_
EA
_ RA
_ C-+O_R_DO
_ ___,_._ _-f
11 I1
X1 X1

-o
GINO< CHIO- " o
GINO CHIO

,
~
<t
<.!)
w w
E: E:
4
w i.i'i
z z
::; ::;

- -

C1 c FONDO N1 01
D D 01 FONDO N c C1
RISVOLTO RISVOLTO C1
02 02
C2 C2
PIEGARE PIEGARE

C3 03 03
C3
SOTTO 04 04 SOTTO
C4 C4
N N1

Il risvolto dei pantaloni si ottiene allungando il davanti e il dietro C2-C3 linea di piega, stessa distanza di C-C2 .
di una misura che può variare dai cm.3 ai cm.5, secondo lo stile. - Tracciare C3-D3.
Stabilire la lunghezza dei pantaloni prima di aggiungere il ri- C3-C4 parte sotto, ½ di C2-C3.
svolto, usando come guida il modello base messo a punto. Tracciare C4-D4.
Tracciare la base dei pantaloni con o senza pince. - Unire i punti tracciati C1 -C2-C3-C4 e i punti D1 -D2-D3-
C1 -C2 altezza desiderata del risvolto finito (cm.4). D4 con linee con inclinazione opposte alle preced enti,
- Tracciare C2-D2. per aderire perfettamente quando vengono piegate.

236
PANTALONI CORTI

A2
A2 A1 M B

;: WA~
z
~
<(
o
o
z"'
I-
o(.)
UJ
(.) z
<(
ii:
r. LINEA BACINO LINEA BACINO
H

E1 / LINEA CAVALLO
<(
C)
UJ
E2
ii:
<(
UJ
z
:::;

DA\ ANTI DIET O

11
I
LINEA RACCORDO
,x1
I
L1 .
L L1 LINEA RACCORDO
,x1
11

I
I
'
I
' '
'''I
I I

'I 'II
I
O• I 'o
-+--- I
GINOqCHIO ! G1NolcH10
I
I I
!

- Tracciare la base dei pantaloni con misure e vest ibilità


adeguate.
- Eseguire la lunghezza desiderata.
- Tracciare l'estensione per la piega.

PANTALONI CORTI PIÙ AMPI

TAGLIARE
EALrRGARE A2
A1 B

VITA

;:
z
~
<(
o
o
TAGLIARE
E ALLARGARE
"'
I-
z
UJ
I (.)
I
I
G BACINO
H

CAVALLO
F

/!;7

Se si vuole un pantalone più comodo, soprattutto nella zona


cavallo, vanno eseguite le trasformazioni riportate nel grafico.

237
BASE JEANS

RACCORDARE
ELIMINARE CHIUDERE A2

A A1 ~ \s
-~ B1

3'
_lo
VITA
..-
82
!z ,~ u ~
z
<(
''
!1'.5 u: ''
01 ''
~ 1.91 I
''
,..., ' fl2
''
ffi: 1 I
f35
O) \ '\
I
'G
I
I BACINO ,,,. 1

I
H1
H H
''
\ /

E1 '' )t--
/
..,,..CAVALLO
F
E2

.-w----------==l>f,41'--'-'---'---".:. C::.-=-------..........I 11
I'
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I

FONDO
10 N 10 _ _ _ -•
N D2 D1 ------ C2 C1
N1
Tracciare la base del pantalone.
- Eliminare le pince e le pieghe sul fianco.
- Rientrare dai punti 11 e L1 sia del dietro che del
davanti di cm.1,5-2.
Tracciare i punti C2 e D2 della misura voluta (il dietro è
sempre più largo di cm.2).
Raccordare i punti E1-I2-C2 e F-L2-D2 del davanti.
Raccordare i punti E2-I2-D2 e F-L2-C2 del dietro. TASCA DIETRO FINTA IN TESSUTO
- Tracciare la baschina dietro A2-A3-B2-B1 nella misura
voluta. I
I
- Tracciare la tasca dietro con misure e forma voluta. I
\
Tracciare la tasca del davanti B2-B3 con la forma \
\

voluta. '
- Tracciare la finta B4-B5 a cm.4 circa dal bordo della BORD)'--
TASCA
tasca.
Tracciare il sacco grande della tasca A1 -G1-X-H1-B1
su cui va cucita la finta di tessuto.
- Rilevare il sacco piccolo della tasca (che va cucito al
bordo tasca) A1 -G1-X-H1-B5-B4. SACCO TASCA PICCOLO SACCO TASCA GRANDE

238
BASE PANTALONI PER TUTA E PIGIAMA

LINEA
PIEGATURA

I
I
: 3 3 I
LINEA CAVALLO I I LINEA CAVALLO
E
X

:i:
u
z-,:
NTI ii:
DIET o
-,:
w
z
::;

LINEA RACCORDO LINEA RACCOR


I I
:
I
I
I
I
I I
I I
I I
I I
I I
I
o I
I
I o
I I
GINO CHIO I I GINO
I
I
I
\
I
I 'I
I
I I
I I
I
j
I
'II
I
-,: I
I
I
(!) I I
UJ I I
a: I
I
-,: 'I
I
I
I
UJ I
z I
I
I
::; I
I
I
I I
I I
I
I
I
\
I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I I
I
,I ______ _
I
-------- ---l
FONDO FONDO

B B1 z

- Tracciare un rett angolo A-8-C-D, con A-8 con misura


lunghezza pantaloni+cm.6 e A-D con misura
circonferenza bacino+cm.6.
- A-V metà A-D. Tracciare V-Z.
II 2,5
:IEGARE

Posizionare in questo rettangolo, sulla linea guida del


tcALCAGNO CAVIGLIJ-
cavallo, la base del pantalone, tenendo distanziate le
linee dei fianch i di cm.3 per parte dalla linea V-Z e la FASCIA CAVIGLIA
linea vita del dietro cm.3-3,5 dalla linea A-D.
- Prolungare le linee del centro davanti e del centro
dietro fino alla linea A-D.
Z-81 misura fondo davanti+cm .3.
Z-C1 misura fondo dietro+cm.3, per ampiezza. Nota: li modello può essere posizionato intero oppure dividendo il dietro
- Unire E-81 e E1-C1. dal davanti, nel caso serva la cucitura nel fianco per cerniere o altro.

239
PANTALONI PER CAVALLERIZZO

B2 B2
VITA

;::
z o(.) ALZARE
i I
~
<(
z
<(
o i:.:
o
z"'
....
w
<> TAGLIARE
E APRIRE
CM.3
'
'
'F F1
3

I
I
I
I
I
:
I
I
LINEA : RACCORDO
:x1
I
I
I
I
I
I

GINOdCHIO

TAGLIARE ,o
- "'0_3_ ____,.,,0""4~-+":"".'"-----,-.,.f'"-!
:01
, I
I
I
I
I , :
,

--
I I
I
<(' I <(
(!) I
-o..W',, , l~
<( I
,, 10..
I
I <(
w' , I W

-..Jz :'' , :~
,..J
,,
I I
I
,,
I
I
I I
I I
I
I , I
I
I
D I , I
1

,,
I 6 N2 C3
,!--- - ---!,~ , - - - - ~ C2 C2 ..,__ _~ 1.;;.2-,5....;.._.,;.;;..._1_2_
,5_ __.: 02
,
,,"V
I
I

,,
I
I I ' 1

,, / : C2, I
TAGLIARE '
I

/
/ :
I I
/ :
I
E APRIRE I

'
I

,, /
/ I
: I
,' I
I '
I
, I I I I I

/ : / : ' 'I
----- / : FOJ-JDO l : : FONDO : :
...... __ .J..
----- ............... _
i - --- -,,,f - - -- - --- --- - - - ~ •------------+------------•
--...--1'

- Tracciare la base dei pantaloni classici.


Davanti
Tracciare una linea 02-03 a cm.2 dalla linea ginocchio,
tagliare e aprire cm.7-7,5 facendo perno sul punto 02.
- Tracciare il fianco e il sottogamba come in figura.
• 04
Dietro Il
"
- Tagliare lungo la linea E-F e ruotare la parte superiore ,"",
Il

di cm.3 facendo perno sul punto F. I \


/ I
/ I <(
F-F1 cm.2. Tracciare F1 -B2 con misura uguale a F1 -B2 /
I
I
I
(!)
w
/ I
ii:
del davanti. /
I I
I

Tracciare il fianco e il sottogamba come in figura. I


/
/ I
I
I
ii'iz
/ I :::;
I t
Tracciare la linea 02-03 a cm.3 sotto la linea ginocchio I t

e tagliare la parte 02-03-C2-D2 .


- Tagliare lungo la linea (3-04 e allargare cm .3 sul
C3
fondo.

240
BASE PER TUTA

SPOSTAMENTO
PER AGIO TORACE LINEA SPALLE

LINEA ASCELLARE
I
I
O'
DAVANTI [l'. I
,- I
~ ~
01
oIl'. 'I
,- I
z'
w
u,\
I
SPOSTAMENTO I
PER AGIO VITA VITA I
- - - - -++ ------------
: l
I
I
,-r--
:
:
r--7T I l
I
I
I
I
,2
I
ou
..
! : I I
I
I
:
!
I I
11 z \, 8z
I :
I
I
;
:
u: I
\U:
dC
I : I
1 I
) LINEA BACINO

LINEA CAVALL
LArct,,
FORTE \
I DA ANTI

..
(!)
UJ

..
o:
UJ
z
::::;

FONDO
FONDO

Tracciare la base dei pantaloni con vestibilità adeguata


al capo.
- Tracciare la base del corpino, con vestibilità uguale ai
pantaloni.
- Unire il davanti e il dietro del corp ino a quelli dei
pantaloni tenendoli distaccati di cm.2 sulla linea vita del
centro dietro e cm.2 nella parte alta del centro davanti,
per il movimento, come mostrato in figura.
Eliminare le pince sia del corpino che dei pantaloni e
ridurre lo scarto del fianco secondo le esigenze del
modello.
- Eseguire l'estensione per l'allacciatura di cm.2-2,5.
Raccordare tutte le linee del davanti e del fianco.

241
TUTA CORTA

SPOSTAMENTO
PER AGIO TORACE LINEA SPALLE

;::
z DAVANTI
<
;i
o i
o ",,"
"'....z I\
UJ
u " I I
11
SPOSTAMENTO I 1
I 1
PER AGIO VITA VITA I 1
- - ----------
-----~r----- - ---i-'-:: _;;.,;:-:---
---
I
I
---:1-:-
1
J
I
J ,2
I I I I
I
I J o \, ou
J
I
J
,,
I I
, z
I
I
, ..:
J
I
\ u:
1
J
I

LA ~I
FORTE 11
I

DA ANTI DI TRO

LINEA CCORDO LINE


1
I
I
:
I I
J I
I
I
I
I
I
I
I
I

I
I I I I I
I I I
J I I I
I J I I I I
I I I __._ I
J J
J GINOCCHIO J \ GINÒCCHIO /
I I I I I
I I
J 1 1 I
J I I I
J I
J I I I
J I I I
J J
J I I I
<'
<!> '
I
I
1
I
I<(
I(!)
I
I
~:
c.•
I
J
I
:
I
:~
I Q.
:
I
-,:,I J
J
UJI \ :~ i
\ -,
ZI
-',
I
I
I
I
I
I I
: ~
I -1 I
I
I

'\\
I I I I
I I
I I I I
I J I I
J J
J I I I
I I I J
I I
I I I I
I I I I
J I
I J I I
I J I I I I
J J I I I
J J J
I
J
I I : : t
I J I I I I
I I I I I
I FONDO:
!..- -► - - --- - -1 : FONoo: :
·- - - - - - --....1..--- - - - - - ·

Tracciare la base della tuta lunga.


- Tracciare la linea della lunghezza gamba desiderata.
Scartare la parte inferiore delle gambe.
Raccordare il modello con garbo.

242

Potrebbero piacerti anche