Sei sulla pagina 1di 280

¬-.

-E-›---1 ql- aim-3+ - '¬"

f// _ ,, _ “T” ' 'l *


I. _ __ H - _
ii'.-E-1," 1 _..-I' -".'|,_

¬.

*
_ _. __._____ ___.-


___
E ff'hf11,1;

@f`¬›\'
iš.
_
=.~'ê:P'
“Éä?
.

I 0.14:
ÀF»¬a
_
Il '

W Q*
RTE D1Ass1sE D1 RQMA _ '
1
I __.
,-` _
- -'_ :__ ___! .lf fa .-'
I
_l
I

¬ , »
' 1 -` ' f -_" "l "=-¬<"- J I
* › ›Jn'f"
n.
|' '\. 'I
_¬.- ,_ '
'gfiff
_, -I '."I .'-
'|.I_|›_;i _:
l'
1
-
-_'-H
' .
I Il
I

- *-_ - _ 'L1' ;,_' "| . '

'i
ill- H-

` \.jli'~"l-il
.,.
__
1
|

fi; “
I

1*-."ƒ :__ _ __-

i”Ãl Senatore Libero GUALTIERI


Presidente della Commissione
Parlamentare d'lnchiesta sul
terrorismo in Italia e sulle
cause della mancata indivi -
duazione dei responsabili
delle stragi.

Palazzo Sflfl Mflüufü


Via del Seminario, n. 76

Si attesta ehe nella documentazione esibita dal Ministero


deJlflnterno1 contenuta nel Fascicolo lll Cartella 13

del procedimento oenale n. 41/90 R.G. C/Àldi Gino + 12,

la numerazione va d a pag. 1 a D ü 9. 247 riprendendo da pag.


?-1

252 a pag, 283 + n° 2 Fogli senza numerazione,


I l_'-1-Il - _? - i-1:*.'í'“ ì- _:-i __ ' '-l'-L _u _,.- _'_ _ . . ,-ai -i-mi ---- ' 'ír

Roma lì 11.1U.1

xfifißggü
E .
:5_*`f;É-
Éagi:llnt

~¢†›'=* ff \

. ..

i
4

i
l1_---7-_r-u-___'-T-:F: ann,-A-._t:._..~_--_..“__,_.':,.7.|.!

|

._r..,..=._r- `._ H. |
_ | ' 'I--I
.

fl-
.fi

' 1.
¬\\ ,-¬i ifM
«äƒi manca acqua MT: T|m_sMEss_| QALLA PREs1DErqzA DELLA REPUBBLICA - !

AL MINISTRO DELUINTERNO

- Memoria difensiva di Valerio Morucci e Adriana Faranda depositata il


5.3.85 nel procedimento Moro-t_e_r_.

- Corrispondenza riservata tra Morucci-Faranda e le signore Ricci e


Leonardi, suor Teresilla Barillà; lettere di Azzolini e Franceschini:

- relazione di suor Teresilla Barillà al convegno nazionale sul


volontariato svoltosi a Lucca il 9-11 maggio 1986;

- lettera di Morucci al dottor Caveclon;

- flHHllß'¬H'.f'lTIfl Cll l\›'l¬C-l'lI-:cl i;iaLal.u H.l1.3El;

- interrogazioni parlamentari del sen. Flamigni;

- lettera di Morucci a suor Teresilla Barilla del 15.6.36;

- commento del prof. Enrico Fenzi al film "ll Caso Moro" lgiå pubblicato
sul "Popolo";

- domande rivolte dalllon. Piccoli a Morucci e Faranda e relative risposte


(maggio 'l985l;

1% - cd. memoriale Morucci-Faranda.


________
___ _
__"AJ*
_____x
m_ __ ____
____0%
W
_ _____H_ _ /
_ “/_ Iw_“ Mhn_J _M_n i"_HW_
å
hwH__ry
m_Tm_w_“_ _”_M_
pm__ AH/_ _ _ë__ _l
iz mìh
___hu ____“_ _ _h_“
H______ _M k
__”
__E_ ___'
___“ _ I___

W
H_ fl_“ _ü_____ _"m _____ __ _ _
________
_*___*

E
:__
____m_____i
“___ __
(_
_ I_ _H _ F_ _ m_ _W _

_1_____I_._I_________ -_

_____I_
________I_____"_______-
_i _ir ___ _ _ _ _

“___1
ü_~______
_“__%
__Jr__%fl__$W___1_ J
__,

____I__
E__H"_ _ _ _ _ _ _

___L1__ _I__
E_ _h_

-___
__
___-
"___
_____.
____I_I _“___d-_“___
I_"_

___
.____"
_ __

_____I_

fiÉ__äA_J_
__

“_ü_%__ _ _üM_ _-
___,___
“_
hm
__v______Iå_"'__É________t_ ghi____ åWm_Jfim_ __
_*_
_
_ ____
___J ___.
U
____fl
I__
:__
rJ_§h
___`__
_
J...-J
_-F1”.
_*-._-_
:___
'___ m_ _ _w _ _U__"____“__u_ "_ _"_
È-_l_`_Th
_
_“_WF“H___
___`__“ú_r†_-__
L. _
______
_ _"____“__H__“_EE üfimfl
__fi_ I_#__wà
__! __________ “_" H_ _ _ _w_ _
_ _ M_ _ "H_ ____?
____$_ _f_ _ "_
___fa
_ ___? ha: _ü___
___fi__h__-_U__
wN_ _h_ _H
_*w__
__ _______q-_-__
____P______
__ ___
__:_____ __ì_ _ _
_'

"I-.__
-_____
`__
`__.____
Indìflfi ¬ -_ -~ _i __

...JI-

P ' ti I _l i _ I
1- - 'Ir
_ _

premess 8,.:11IIIlIInIIIIIiif1'*_*1*1'*"*'*"""'_"§'f'_**pflg . k-
5
H

I* pfirfifi - Diehieraeieni di VeIerie.HbrueeI

fügtjtuziflfle delle Celenna Romane e prime H


fl .
lnchieste su Here.. iillIIIIIIIIIIIIIIIUIUIIUillilllfl II
H
Irlchíe-SÉE su -E AfldrÉütti.u4¢q¢a¢¢¢| r 1 11|: 1 I l | 15
H'
Inchieste sulla Chiese di S.Chiera...... IIIIIIIIIIIII IS

Le Direríene Strategica Feb. IQTH - PPDIDEG Il


di víå FÈfli¢a¢|uilfrlr|r†I-' - ' - ' - ' - - - - - ' - ' -- 25
"F
Llflßiüflè di Vie Fani . . . . . . . . . . . . . . _. lidllllliilllllil 29 P.

H'
De Vie Fani e Via Hbntelcini IIIIIIIIIIIIF 'ffffffiff ' 35'

ff
.I flfl ,I-¦'.'¦I.1.w.;.|'. .* 141 MINE.: .'f1.I;|.':fl . † f . › - . . - . - - - - - - - - - _ _ _ _ a. _ -II

Il dissídio, l'epilege, 1'ueeieiene di


fl
Iqflrüuf-;1|-1n1IruIunquuuuuuuuiiiieuuruufinr I I 1 I I Q 62
H'
La base Hflfltfllüiniruuuunururivllilli I I I I I I 79
H
La base Gradølillrivriri-rvirvfliilili I I I' I I I 83

LH Cülúnna rumena - Il dissidiú intérnfl


IT
dflPÖ.HfiFD . . . . ... . . . . . . . . . . . . . . - - . --¢--11141 91

Radio città Futura - Il falsa ¢¢muni¢at¢ rr


.Duchessa-11rrifiifi-riii-Illill 96

._1- _. !í

gšgleƒ
_ *.*`J.1 :-'-~ "II

ìfiflil' 1;' I 1'


_, ef» ›_-
lat; Tu ,11 ¢"||_-_'J';' l Il 1

Ešfiíåëfika TIr
. .`: "-';.§.I,' ` ..' '-
I--1L_| *Il
›-~'*_' *`›¬\.'-"*
_ E I _ Il

›J1'. I-

fiš*-1} 2.._ ëfiümwe*¢üHfiÈ


"I-
ul - I. rl

*R31 -; I..
II:
-|| T-1|-I.
_'
I
_-
fil: -_
Il
.
fin il
Il
1.
J .
H|-1.-I
I'
-%

...
/,_#____ewil

I
1111 . . 1 - - -""'l1.. Il
92 *__
_Le-basi delle Brigate Rosse a Roma ..
102
0 e il "compromesso storioo"....,____ u
L›flPBreziane.Mor 106
'I I IIIIIIIII I I-I I

u L E domande dell'avv. Fortuna... . . À


'III 'I -I I
fr
110 -'
I '
Líšággelanaliticoflcronologico della I parte
8.
azioni di Adriana Farand
"II 3 .P arto - Diohiar
' 113
Ingfßåsfl
nelle Brigate Rosse e costituzio- ullll J I il*

rflmflnIau1IIli|I111u||1- 116
ll1›111iillllll"liIII

1 Il prøgoft o di eequestro......- .
l'individuazione 122
Liinohiesta a S.Chiara e -il ÉIIIIIIII
Fili
Q 1...."

di Tfìlapgnlfnlilllilliiøl 14
I 1 il
H'
12?
f La riunione della Direzione Strategica... .
I I I II-il 1 -1 1101 01-Il 111-1 1 H
E Vie Gradoli. .. .. .. ... ..... . 1›-llul H
I"

Il!-lil-ll'

v, La preparazione e l'azione di via Fani " 135


I

I III'-IIIIIIIIIIIIIII' -I -1

1
e I oinquantaoinque giorni. . ... " 148
II' I IIÖIII ÈIII 1-I

I` ' ' ne di Moro l1I1I1il


liillii 110 "
I llullil' -ll!-I fllguli-|
É Indice analitico...

I III" parte - Tavole e Appendici


ll reparazione del . " 152
W H+ Cronologíä politica de 3 p .
:-' ill I I I 'I I I 'II I I Q I I _ Il I j I 1|

1 delle attivitá della ... " 154


3 B- Cronologia genera e stro Horo..... ..
.Q colonna roman
1
-1
. |
a connesse al segue
venimenti dei 55 giorni..... . " 156
C- Cronologia degli av
onali delle
-11111
D- Tavole degli organi direttivi nazí I'IlfIl'l 'IIIIIII

Br durante il sequestro Moro. _


__- _

E Tavola -dël-IH._$-f1rui1tur;e_,flf-Btllagcolonna romana


rlmg g durånßc-ii Heguesiro'@oro................... r Ios

F. Tavola delle basi§Br“a=Roma durante i-55 giorni . " 163

G Testimonianza di Alberto Franceschini sul


stro Merci =Rrooesso_fMetropoli"._.....,....... 154

H- Testimonianza di-Lauro-Azzoliqi sul_scqUc-


- ' -'H ' - '“ -H '
'~*r¬"*-' r I|'1111°1r1›+1111~r1'I|f|1 159

I' Toztimonianza_di_Franco Bonisoli sul acquo-


strfl HUFUI PFUCEÉSU rrfietrflpülirrl11111I11II111111111 1?5

L Interrogazione parlamentare del sen. Flamigni.... 192

H' Considerazioni su1l'interrogazione del sen.


Flamigni .,1111111111111111111111111.1.11.111.1111.11..|¬|.,..,›,, 194

H' Memoria processuale Morucci-Faranda su questio-


ni sollevate da alcuni avvocati di parte civile..... 201

O .Dichiarazioni stampa di Enrico Fenzi sul pro-


cesso di Appello per il sequestro dell'on. Horo..... 213
'U .

P *Lettera inviata da Enrico Fenzi alla Corte -1'

del_proCesso di Appello per il sequestro Moro.,,,,,, 216

G? Dichiarazioni stampa di Antonio Savasta sul pro-


cesso di Appello per il sequestro de1l'on. Horo..... 218
R I 9 comunicati diffusi dalle BR nei 55 giorni.... 220
S Le domande sul caso Moro. Considerazioni poli-
tiche sulla base dei nove comunicati delle BR....... 243

T LE lettere di Horo............................... 254

- -._ ~. 1- -*"-o rw -J¬'?=.~*-H *¬¬-.= -~=.- - -1~ - - .- l


_ _'-
I
I-

5'" '1- I' _', I 1


*if *›.*.5:;:šf.=`- -†?fÉ`:Ef` ie**iìiåii;**ii!3§i“**:fi-ig*-fa i:,€':-'?ff'i*'â-` "f » J
I _
nl' J.

_-1 -1.-;, .lu


-II

F.il 11;.,
' '--fe*-*š=1›:f:-*"
.__ 11-L ~.-ai
:|¦_†.}¬' '-
E _. ile _ 'š11
-*ni-'=¢z`-'ìf"›, `†'I'H£='. f1 *H flí
,; E¦2j†.~i£JT,?r--L
-=;-J.'¢*-*â-1;'.-t,=*-l. -.-f=*`1'.':*
._¬l¬ `-*._:' rf I f
'L._.- Éf..'.
"Iln:-ì
:¦':
I'-L1" "':'. Fr==
fäiqil
*W
fr-äìfl;-'=':gaf' Éfifiäägirett- .-..«~=*i
* el.-I 1';`,,_'
¦-""
-- .
J 1-
"1*-1'-1f.'.¬,-.i=.ë!=?åi=.ei'1_.f-.r-135ei?-'s'ii
,-,;_T€-_?-.†' -' - *_ _; ' ¬;- .«
_"- |-
_ -u- _ __

-I-
_.-

. _ _

- _ -_ J

Elåßåssamåtgrico-Eùlìtiea_ LLug1ìo§\9§ìl: __

Sono trascorsi sei anni dal tragico epilogo della vi-


genda Moro. Holte cose sono _c_am_b__ia.te__da-›_a-lloraj_-ma___- gúesto-
cago posa ancora nella memoria della società per la SU&_pIo-
lunggta e dilaniante drammaticita e per la sua'non'tompleta'_
ghiarificazione. Ora sono finiti 1 giorni de1l'ira in cui e
pfevalsa la rozzezza della logica di-guerra; i giorni delle
dure contrapposizioni all'interno del mondo politico sg"qua-
1a fosse il modo migliore per fronteggiare un terrorismo di
cui si era sopravvalutata la potenza organizzativa e sotto-
1? valutata la sintomaticitå politica.
A questo punto flüfl È füfse püããíhile Hfldäffi Dltffi SERIE
rimuovere dubbi e risolvere quesiti che possono ancora ori-
ginare ipotesi contrastanti; senza che dall'interno di quel-
jha vicenda giunga 'una chiarificazione, anni spiegazione ap-
2. .
I
profondita, resa più obbiettiva dagli anni trascorsi e dal
F
travagliato percorso :Li ripensamento ra critica cfluz questo
F tempo ha segnato.
Questa responsabilità e nostra e si :Hi oggi la neces-
sità che questo passo 'venga compiuto- nonostante Sha grande "l›

difficoltà ad affrontare senza infingiuenti il giudizio del-


la società. f “` *
Il nostro vuole essere un percorso di responsabilizza-
zione e di chiarezza, di rifiuto di ogni scorciatoia giudi-
ziaria e politica, di autogiustificazioni ed assoluzioni
fuori luogo. Ciò che è difficilmente esprimibile è soltanto
la nostra, angoscia. per le irreparabili lacerazioni provo-
cate. coscienti ma cariche «Li una complessa ed intrecciata
casualità, che hanno segnato, nella svalorizzazione di fon-
.H damentali valori etici, lo stravolgimento dei nostri stessi
I.
.-I
*I I:
I
valori e delle intenzioni originarie.
-_': _. 1
Noi abbiamo un debito di chiarezza con questa società,
au- ' con le sue istituzioni, con le donne e gli uomini ooinvolti
nel sangue e nei lotti che per anni hanno segnato e accele-
rato la degenerazione di uno scontro politico.'
¬.- '
È-.'r:fai›
1': I
-...g .

Un debito verso le vittime isnare che hanno visto sca-


_h
¬.-
F,_
..._
|~ -

'Tf-
'Ir
| tenarsi contro di loro una violenza cieca ed incomprensi-
'IH

if
É bile. Verso i familiari di coloro che hanno trovato la mor-
un
:- te inseguendo, come altri giovani in altre nazioni, l'il1u-
1'
Slüfle della semplificazione c della soluzione armata delle
ingiustizie e dei problemi della società.
s
ti
È
I
|
'Eu

f"¦

5
.r
._
'_

¬
ii
'.I
_.

_i

ì _ H"

-¢.¦,___`-,_
I I
|'|
"'|.

_'aaH
'H I È'
|-- _ _ _. - _ _ - . _ ' _
- ¬- _.
_ ' ' I I

-fi: “Ci sentiamo infine in debito verso i detenuti politici,


_ a1í_trovano compressa la loro speranza di liberazione e
L;gu"nserimento› sociale, dalla incontestabíle «esigenza di
drirfíficazione di momenti cruciali del terrorismo che hanno
chiãíormente segnato la coscienza del paese.
"I-na_g Gfgdigmü quindi ChE queåtü PETCOISO di I`ECE!S5JlOflE E
.ssocigzione dalle nostre scelte passate porti necessaria-
~fif+f§*éon.se on-bisogno e un impegno di ricostruzione, cosi
QERE ¢rediamo che, più in generale. questo impegno di rico-
cgfuzíone, fornendo alla società strumenti utili di compren-
:ibng-del proprio passato, possa indirettamente contribuire
31 rafforzarsi di una nuova cultura politica fa di nuove
realtà di partecipazione.
Le scelte dei detenuti politici testimoniano ormai am-
piamente questo impegno a chiarificare e ricostruire, in un
rapporto non sempre facile :uni la magistratura ra l'opinione
pubb1iea, i percorsi organizzativi e politici della propria
figperienza e dei fatti più drammatici che essa ha prodotto.
gg è proprio in considerazione di questo impegno, e del fon-
damento etico e politico del percorso di dissociazione, che
siamo fermamente convinti che questo non possa, e non debba,
essere snaturato nel1'ammittenza giuridica-
L'ammittenza imposta dalla legge non ha senso giuridico
perché stravolgerebbe il diritto alla difesa, imporrebbe al:
la magistratura funzioni puramente inquisitorie, 1 non po¬
trebbe che tradursi nel pieno riconoscimento da parte del-
l'imputato della fondatezza di tutte lt: accuse¬ anche di
quelle non vere. E con le forzature dell'emergenza ce ne
sono state per tutti.
Non ha senso politico perché non sarà certo la fredda e
formale ammissione, imputato per imputato, di tutti i reati
attribuiti dal più grave al più lieve - nessuno escluso pena
il mantenimento di pesantissime condanne - a portare ad una
chiarificazione con le istituzioni e la società sulle moti-
vazioni e modalità di sviluppo del terrorismo di sinistra.
Per questo oggi intendiamo assumersi il compito di
chiarificare secondo tutte le nostre conoscenze gli avveni-
menti che hanno portato al sequestro e alla morte di Aldo
Horo, del ruolo da noi svolto in questa vicenda e di quelli
5”°1tì dagli organi di direzione delle Brigate Rosse.
_ Senza in questo nominare militanti dell'organizzazione
Brigate Rosse, perché ciò sarebbe indebito rispetto alle no-
fiffe scelte politiche, contraddittorio rispetto quei valori
di dignità de11'uomo che sono definitivamente guida delle

6
_-r-'

áflf'

_ _ ... ¬ _ -_ - _
1- - _
I JA- ' 'I
1 - J-
. __ _ I _ _

tfe azioni, indebito infine risPetto sali Stesai refìyfsi


“Us zione degli altri protaS9fl15F} dl qU€Sta_V1¢eÉ 3 E
di matura - d 11€ Brigate Rosse, che potranno contribuire a
della stßfla E 'inno di questi percorsi collettivi.
rendere piena ?ag“d' una'ricostruzione diretta di qufißli flV'
' La-mancanza }-dd'ttorieta. e le .Labilità dei "sentito
vEnifl?nt{iulätffffiršanšo-Éavoriìdfilfƒiorirofd¢lleisuPPU5í'
dif? dèi -pe ti il-e"f¢rirebb'e`ro attri'bu"i"re__ ogni-m_ale occorso
zioni dl quanf "P re ed impenetrabili manovre" di turno.
al Paeããpüaålilzeiüngscäion. potendo'-"in--alcun-modo -facilitare la
Tali 5 , ' - ' a della società :ni avvenimenti
l cümpfeçfilãnímnìtiìirlšèåñíƒügeterminanti, hanno' finito per
F
sšgãüfita Solo un effetto destabilizzante su1l'0PiHíDflE Pub"
P _ ' e-.
blica ÉoS:difu;;:úd:fz:efF:f:dmo in Italia È Pìfiflfimfiflfifi E “U”
' te inserito all'interno di scelte Süsãflttfve-_ ma
Lflr1?m?n t maturate nella degenerazione delle dinamiche
'|-.
lFf!*,-_'†-'.=_'¬|$Ho
"¦.
massliica É? ,,,,`11_., _,,,,,1._,s1.,,-,Q ai canali di rappresenteflflfl
- 1
-
P
CÉÉfb%Ld::vf`sogzetti sociali fa _
ver la 10PU flzíflflfi C°11et`
tiva. _ . . . .
lr
Ha noi non possiamo essere storici di noi StcSâ1¬ ÉÈÈ:
suna 3o-nerazíono PUÖ Scflvefe la Proprlf _st°r1_a' _ un ._
' a ossibile effettuare una ricostruzione P011
diam? aldìimlesspiva del fenomeno dell'eversione di Siflíåfffi
dêêli Inni? '70. L'intricato mosaico di onesto fenomeno po-
.IJ trà riacquistare una Propria immagine ricompostalouango :É
sarà sfuggita la suggggtlqng 0311.1. lšEDI:EIllH. PD 1 1

F- termine del lungo percorso di acquisizioni prozI'ESS1VE Chi?-


oa reídflntifigando il quadro d'insieme delle diverse espe-
n.

'..

P
rienze e della loro Btflflfl- _
Hüì .vüglìamn Eempliggmgntfl Pflftflffl 13. flFl5t-fa tfigtlfilfl-›
nianza diretta di avvenimenti che abbiamo vissuto, l1lJ1Püf"
J'
tante ma pur sempre una testimonianza che, in quanto tale,
J
sottoponiamo :ul ogni criterio di verifica' purché fondato
sullfautonümia di gíudíziu e non su interessi di parte. No-
stro scopo e nostra esisflfl-'HI È Chlaflfl'-73fE'Pef quantn ci
ComPete un avvenimento che ha Pfüfflndamente segnatü la cun-
vivenza civile del nostro paese,
om, ¢j_b vorremmo contribuire a sanare, e_ nonicartì
flsuíre, le controversie delle parti e delle coscienze, PET
Che si Fossa rafforzare il definitivo supfilßffimentn d1-.quE1-
1'emergenza legislativa che, iniziata nel 7å. IH1 fiubltü un
Processo di accelerazione a causa del terrorismo, fino a de-
terminare pesantissime distorsioni nel diritto penale; PET'

'¬ |

if 7
H
+=-*_
___- .
r.

'I
valga uno spirito di riconciliazione 'neLl_abbat- _
ché
u
Pre I-E-CJ-Prüc
' <1 della rigidità. di ruoli fa funzioni ' supe-
tim . dalla mu t a te condizioni. -_ - “ _-_I
rat*

r.-
E-
_ A monte degli,- - '
avvenimenti alla. cui' '
ricos
-
truzione_vo-
_ _ . , _ H
1.'
r.
F'.
tare oggi il nostro contributo. andffibbfi PUSÈH-la
5113 _ erché le Brigate Rosse giunsero a teoria- -__=
r
il.

r-
|'l
.

-.I
PdnmnniabräìiìafeIb'"attacco
E al cuore fiflllfl stfitfin ? puálc'
I
-.I
_-,_ I
lat.E il nesso che laga il sequestro di Aldo Moro all'evolu-
_

*cioe*
onfi stessa del . fenomeno
. brigatista e IHHI ad una
_' Paftifiü'
.r Tira 'occasionalita'.
L

A1 momento del nostro ingresso nelle Brigate Rosse_q:e-


_ -~ adottato la definizione
vano gia ' ' ' di 'Stato Imperia 1-
1*
¦ m-

|r
| |
I
:ii :Sile Huirinsrionaii' (SIM) quale CDHCEÈÈD- _5E*f_°"d“_:E;
- -.
se, ii: grado :H sintetizzare la. profonda ristlut flfflßl H
_ _ 11 F fmg dei 'PDÈEIÈ .
1ntErvã?ä†ìgnìrf:ifbofletaria E petrolifera aveva aoocflLuaLo
rlI I 11,1. H1-igm,-|:E RHHSE la COI'l'Vi.flEZlDflE D113 19 dinamiche di una

nc -sia capitalistica avanzata fossero fløflflißiflflatfl da dfifii*


I. I I

_.
I
i
_

non più riconducibili ad un potere PD1i_ti__¢D_flfa_efli.ã†


¬.-
|
_.
._ _

._
.-
¬-
.__.
zato attorno - ed in funzione di - al sistema n us ria e_ 1
-. ,..
|
'un singolo Paese. Da questa co1_1_vi_nzi_oneR matur<ì1P1'üb:i__7'Èìš
|_
H
"If
.
genre la parziale adesione delle riga E 0559 3 E an _
_.
lfi ' E1-,E_ nei Primi anni ",70 _prevent:|;vavano_ancl:1e peli' 1'1It.-arlãì
--ar
una involuzione autoritaria del PDÈETE - f1"°'i1 CU P”
11

_.

¬|._
.__ J
stato.
fa In questa Uttí¢a - g soprattutto nella sua succcâäiza
variante, che prevedeva la ristrutturazione _del påtere ab
torno :all'ipotesi presidenzialista di una secon a_ rcpud_
blica' - esse svilupparono ricerche ed azioni armate E 1
Propaganda. _ _ _ ,
Successivamente la sempllflcazione anallìlüâ Pffipfla
della definizione di "SIM" si presto meglio alla necessita
delle Brigate Rosse di spiegarsi il complesso intrecciarsi
delle decisioni economiche e politiche nell'ambito del mon-
do occidentale'. Quelle decisioni, e i meccanismi chc.rv1
Presiedevano e le trasmettevanos Sfuâåívflflü Uflfi P0551b111tà
di identifiaazione nc11'ambítD puramente nazionale. _ Da
questo ad immaginarsi che queste decisioni fossero il risul-
-.
rh"

l'

8
__'-
-I _ _ _|.r
_, n..

ato dj-un procedimento unitario, di una coordinazione pro-


. »d1 un disegno globale ed organico di 'dominio sovrana-
Wlìale', il passo fu breve e, in parte, obbligato.
ë}p;'íflisolamento nella cúandestinità, l'abíssa1e spropor-
z_íflnè____1;_;_a'_ tempo del dibattito e' tempo dell'organizzazione,
la "iecešsifàfdämitradurrepl'ana1isi
U _¬- 1 ,- '*f ~= «==_1¬ -t . politica _ iJ1 indicazioni
_ . .
'belliche , sopravanzo g 1 s essi strumenti teorici usati
precedentemente.
- ;1Ia_necessitàa_yitale per una organizzazione che aveva
Ifiivílegiato la violenza terroristica, di giungere in tempi
tfigui alla individuazione di un 'nemico' facilmente connota-
b-le
1 - in iui universo politico complesso ea sconosciuto per
una organizzazione nata come contropotere armato nelle fab-
I I ' q ..

briche del Nord - stravolse :_ caratteri dell analisi ea con


essa ogni 'principio di realtà' dei suoi militanti.
Da questa forzatura derivö l'uso massiccio che le Bri-
gate Rosse fecero del concetto di "Stato Imperialista delle
multinazionali" quale punto di riferimento e di riscontro
per la definizione di un programma di attacco al 'Pot.ere'.
Dì questo potere, posto nel cielo di una totale integrazione
sovranazionale delle decisioni, andavano ricercati i rappre- 1'.
sentanti in terran 'andavano individuati gli organismi e gli
uomini che, secondo le Brigate Rosse, traducevano in Italia
le indicazioni provenienti da tale misteriosa 'entità' sov-
ranazionale.
La potenza semplificatrice di questa analisi, guida si-
cura per individuare e combattere il potere, in inni prima
fase irreti anche noi insieme alla totalità dei militanti
delle Brigate Rosse. Questa analisi divenne Inni presto un
dogma inconfutabile che veniva riaffermato più per fede - e
per la necessità di un punto di riferimento che semplifi-
'H casse al contempo la definizione del 'potere' e quella del
Proprio ruolo rivoluzionario - che per la puntuale verifica
dei suoi assunti. Dal mantenimento di questo dogma dipen-
¬.

¬.
deva ormai la sopravvivenza stessa del1'organizzazione.
¦|
r
Questo dogma stava portando ad.iuui totale separazione
fifllle dinamiche conflittuali della società, determinando un
'1- tfirreno di puro confronto militare tra apparati e il supera-
mento di ogni possibile soglia di reversibilità politica
1-
dfilla lotta armata. Dopo aver tentato inutilmente di confu-
.I
tare quella analisi, dovemmo arrenderci di fronte alla im-
Pfläsibilità :Li razionalizzare il dibattito interno e; tron-
Cammo il rapporto organizzativo.
i.

un-n-|_| -.~|

¬'.

i.
9
1.1

1
Fu.

L'analisi basata sulla formula'“SiM"fportòfpn¬sostan-


.ale cambiamento nella linea-delle°Brigate Rosse. 'Le-com-
Zånenti £onoamentali'del"potere*,-come,progettoJautoritario
ãí rjçonversione istituzionale, non_ erano _più ;rIt¢fiufo
esterne ai canali istituzionali. occulte ci contraddistinta
da connotati unicamente autonitari, bensi forze in_arado di
tradurre direttamente .a- live11b_ istituzionale *1'affermarsi
dei 'nüüví poteri'. ' _ 'pf _ _ _ú_ L:w,: à;e;___
Questo compito di traduzione-nelle isìituzìonieíìaliane
della politica sovranazionale dello "SIM" fu giocoforza im;
patata, secondo la nuova analisi. al partito attorno al qua-
IE erano ruotati per trenta anni gli equilibri politici; - -~
La necessità chi focalizzare l'attenzione 'bellica' su
P un gingolo soggetto politico, centrale nel controllo del go-
verno sociale, indusse le Brigate Rosse ad indicare come se-
condarie quelle forze politiche la cui azione aveva pur de-
terminato negli ultimi anni consistenti modificazioni degli
equilibri politici.
E' pur vero però che le Brigate Rosse. a ridosso del
sequestro Hora, tomeceero le scelte tattiche di quelle forze
politiche che erano suscettibili di determinare il concorso
I
I-
dei ceti operai e proletari al governo della Società. Dato
che ciò sarebbe stato in .alternativa con il progetto di
E "guerra rivoluzionaria" da esse predicato e propagandato.
Per coerenza (HMI la Propria analisi di "ristrutturaj
zione dad. potere multinazionale" andavano colpiti ai livello
intermedio quegli uomini della Democrazia Cristiana che alle
Brigate Rosse sembravano portatori di iui disegno di moder-
nizzazione politica fa di maggiore: efficienza del partito.
Mentre al livello più alto 1'attenzione tornò a puntarsi su-
gli uomini di maggior spicco del ceto dirigente del partito.
Quelli cioè che secondo le Brigate Rosse avrebbero garantito
la "ristrutturazione dello SIM" nella continuità degli equi-
libri di potere interni al partito ed alle istituzioni.
Questo, schematicamente tratteggiata. È il nostro punto
di vista sul percorso che porto le Brigate Rosse ad indivi-
duare nel sequestro di Aldo Moro il momento di massima
E5Pfessione della parola d'ordine "portare l'attacco al
cuore dello Stato".
Nelle dichiarazioni che seguiranno questa premessa cer-
Cheremo di spiegare come si svolse questo tragico avveni-
1› mento e lo scontro politico che su questo si verificò al-
I
1'
1'íflterno delle Brigate Rosse.
3|

"l

10

*I Â
ù-.

| . I.|- .-¬|.-|'l-
F

I“ parte - Dichiarazioni di Valerio Morucci

I'
_¢; sia 1-.ì._.t..ua.i;ei-_a.s,. d etplfls _sal.ø una ,__1:e.,ma n
Ö

P r i le ì H H 11 1 cet ci suoprlogr 0

i _'Cdn_ l-o-_'s:cio'_gflimento delle FCA - Formazioni Comunista


A”-rinate -_ (giugno-1ug'li`o i976), _chiesi_ ad uno dei militanti
delle Brigate Rosse con .i quali ero in contatto (Moretti),
_dí entfare=a;far parte~di-detta_organizzazione. Il mio in-
_gfi.-ésslo' ne*ll_e_Brig_a1_:e___Rosse avvenne nel settembre del 1976 e
-` ù-ì `5ub"ito' _iIns'e"r1;--to È;-_da't_a_.__l;'esperienz-a_ acquisita negli' anni
f - _ U a _
_ I' e¢edonri, nel<settore_lcgistico
_ _i della
_ colonna romana, del
_ ãuape divenni responsabile (all'epoca questo settore non
"esisteva'ed era-quindi-formare da_me pio militanti cui veni-
,wno affidati di volta in volta alcuni lavori. All'epoca so-
pratutto la fabbricazione di targhe). '
Posso ricordare con sufficiente precisione l'epoca del
mio ingresso nelle Brigate Rosse, poiché esso fu immediata-
mente successivo ad un incontro che ebbi a Roma ilmlß agosto
tJj1§_cgp%un_regolare delle Brigate Rosse che operava a Roma
e membro del Comitato Esecutivo (Moretti).
Nel Corso dell'inCofltrü. che era stato preceduto da al-
tri contatti, iniziati fin dai primi mesi del 1976 (quando
si stabili un contatto di dibattito politico tra BR, FCA e
NAP), si. discusse della. mia jpartecipazione alla struttura
romana e del ruolo che in essa avrei ricoperto. A quell'e-
poca (1976) le Brigate Rosse avevano in generale una scarsa
consistenza numerica cui organizzativa. Infatti esistevano
in Italia solo il Comitato Esecutiwo e le direzioni di co-
lonna di Torino, Milano e Genova. A Roma, invece, non c'era
una vera e propria direzione di colonna, ma un livello di-
rettivo composto da due elementi regolari venuti a Roma dal
Nord (Moretti e Bonisoli). Costoro avevano creato, verso la
metà del 1975, una serie di contatti con militanti fuoriu-
sciti da concluse esperienze di gruppi della sinistra rivo-
luzionaria romana, ed a seguito dei quali si era creata una
rete di simpatizzanti. I componenti di questa rete rimasero
Per i primi tempi fuori dall'organizzazione
Brigate delle
Rosse. -
Questa esternità alle Brigate Rosse era conseguenza del
Prflsetto del massimo livello dell'organizzazione di non
cfefirfl per il momento la colonna romana, poiché non ne
esistevano le condizioni (cioê' militanti con sufficiente
¢$PBrienza politica e di lotta armata), ma di portare l'at-
tacco al cuore dello stato a Roma, a nmßzo delle strutture

11
¬.-

ìgfi

2*.-
|, '*

!_'.-
- 1.
. '
-
|
_
'
|
'l- _
- ,-_ _
'¬-
@ .
__
_
-u
_
_
-r
__-H' _.. _
-- _ _. _, _'

..__
, .

U stítuite del Nord, con il solo appoggio


_.- de_lla'_ re_l2E"_ - .
|
_'_-
¬..
._|

ai
già C fi
._ .t -_
.I-E

1:!
___.i
.I .H.
romana' `-' _ _”_- :.* _ " n
;-_-_.
. .
Le Brigate Rosse avevano individuato, fin `da1 19?5,i†
1.

ggmocrazia Cristiana, il punto centrale del cuore del- È


fiellíatm attorno al quale es_íste_v_ano,_ _ s_ec_:_on<_1o” le --Brigate--'-.i _
15 :B anche altri obbiettivi importanti_da_colpire_quali._$
I , " 1 _-' ¬“ ' ° ""°--- -' `
_...H

Rüsflinìstero di Grazia e Giustizia, la Hagìstratura;fle`Por¬ Ãjef'


_LJ
¦;_-
'|' .

il - - - ' '"= ---' `


F- . ' Polizia, i carab1n1er1› la 5tfimP&--@tC- gå
.ng

11-','P_l1¬'¦-.rH;I
.-|
ze di Ne11'ambito di questa strategia,-due militanti delle BR fl
.q:4:.'
¦,'; ' oli e Maria Carla Brioschi) iniziarono una "inchiestafi ll'
1 .
F.
(flünlã gufo (per l'esattezza erano venuti a Roma_specifica-.`
ra"
'_-|

su A1 D'a per individuare obbiettivi legati al problema dei


l lente 51- stante l'allora vigente alleanza politico-operati-
carcìílei
nm ;}unti NAP
nun -esisteva
sia perallora
l'inchiesta su Aldo
un Progetto già Moro), nei cui
stabilito, se
cun Enerioamente, di attacco e tantomeno di sequèåtffle
nfln glnuni il mio ingresso ne11'organizzazione. il Comitato
Esecutivo, modificando il precedente seppur indefinito' _
pfngrammaa intravvide la possibilità. di costituire: una Eu-
lonna effettiva a Roma. Questa avrebbe dovuto agire nella
Capitale e sostenere il peso prevalente dell'"attacco al i
cuore dello stato". _
* .r
.

(Vale a dire che dopo l'ingresso mio e della Faranda, L _ dn-u- -

seguiti dal Seghetti e da altri militanti di una certa espe-


rienza - Savasta, Libera e Arreni da Centocelle, Algranati ei
,un
Casimirri da Primavalle - si profilo la possibilità, non più 1

di compiere una qualche azione al massimo livello con mill»


tanti importati da altre colonne ed appogãlflfl 8118 SÈPUI'
tura di simpatizzanti di Roma - come flvvflflflß Pfif 1'°mifiidi°
Cooo.a Genova - ma di costituire una vera e propria colonna,
su'u'I1°iL1u_rn nnuura più fui Le delle oltre. Oucoto flúflúifi-I'
lità era più .appetibile per le BR perché, seppur rimandava
il progetto di attacco ad un alto dirigente della Democrazia
Cristiana, avrebbe permesso comunque di avere a fioma una co-
lonna operativa su tutto lo spettro de11'"attacco al cuore
dello stato" e che sarebbe comunque giunta - perdipiù con
¬
una maggiore preparazione propagandistica basata su altre e
continue azioni - ad organizzare un attacco ad alto livello
n_

.___1

r-" ¦I-1"'!-|'_¦FI¬'¦Il¬J.'1"alI';=-"l'irI›-¦'_1|;:-'flIH_li-I3' -I Contro la Democrazia Cristiana).


|

Quando si profilo la concreta possibilità di creare una


Struttura Brigate Rosse nella capitale, i due brigatistl che

12
-J-

.-
-

_ -_*"_“ _" -_ I __ I .I I

'-.""Èv'a'-not'gizerlincli
jnéhg '1 Se I c:iiitrtotl€li1nchie§ta.Su
_ Svo ti fino a_Moro'
quel abbandüflafflflo
momento, per
f d JPG-3-fs
. 1 anch ' essi (soprattutto
. .
Bonisoli, mentre la Brio-
pì.. T1-mí,-se sempre defilata rispetto alla colonna romana)
aic 1*
for mazione della colonna.
a n 1- 1 1 l ._
11 nel punto si ritenne impossibile mantenere fuori
-:--'- - I 'g'a'nizzazion'e
A' ' 4| la 'rete din simpatizzanti
n I 1 delle Brigate
1 01° . ..
:iaia-gi;_e_sis:tent_e a Roma dallaiseconda meta del 1975 (e si
.-hr-ì-3ƒ'1_a`-gesti-t'u.z.:one di una prima brigata .1 cui componenti
P ' d vuto dirigere le altre da formare).
vrebberflF01 G . . . .
" Preciso che fu subito dopo il mio ingresso (settembre
šuoçfiqì-:nelle Brigate Rosse che .seppi degli accertamenti gene-
rici aampiuti dai due regolari - venuti dal nord _e non fa-
centi parte 'della struttura romana (lionisoli e Brioschi) -
.HE 1 confronti di aldo Moro, considerato uno degli uomini di
lagainr prestigio della Democrazia Cristiana.
“Di Moro 1 due militanti del Nord (sempre Bonisoli e la
Bfjgsehi) avevano saputo prima del mio ingresso, attraverso
giornali e riviste, che egli era solito andare a Messa ogni
“nina nella chiesa _di S.Ch1ara. I due regolari avevano
fatto dei sopralluoghi in- piazza dei Giochi Delfini per ve-
rificare la fondatezza della notizia stampa. Essi avevano
rilevato che le visite di Moro a S.Chiara erano saltuarie.
'A me fu detto che anch'io avrei dovuto fare dei sopralluoghi
presso la chiesa di S.Chia_ra per accertare se vi andava Ho.-;
ro.
- Mi fu detto all'incirca "Se ti capita, va a dare una
J guardata a S . Ch'iara " . _Passai' alcune volte davanti- alla
:hiesaípredetta -_ con diverse macchine_del1'organizzazione
_.H:;:DCU una 127 ritargata, ma non rilevai mai la presenza di

nu Senonchéaooadde che. dopo la formazione della colonna-


lthãflfl. il Comitato Esecutivo, pur confermando che l'obhiet-
_--den Stratefiico delle Brigate Rosse era "l'attacco al cuore
In Érätìtfl - e alla sua maggiore espressione, la Democra-
,flfenâivä-5 åana -_ passò dalla progettazione di una linea uf-
.stro diaA1(1i1n livello massimo: quale poteva essere il seque-
ferano Eli atot Hzrot :ad azioni. dl m1n°r.e lmiorianqa' quali
Eabui d
|
Efl_ -'=1_t1 incendiari, le gambizzazioni di respon-
..›
- _ Emocratici cristiani periferici.

-
( c ontestualmente al rafforzamento della colonna romana
” Ed .
fl-ne ãníhfi' di tutto le altre colonne - avvenuto proprio ajja
E 1975'. si passo dalla concezione di un attacco ba-

; 13
infa-

- ' -1 _

I _ _ _ . _ ,_ .
“_-ie, ' "" -n . _ -n _
_-› - "'
¬-
_ -I -
-.

sato su azioni uniche; Ésemplari:edseclatanti_- legato-alla


|
J'
scarsjpa numerica nei militanti bierre ed al conseguente mi-
ì-
nore djspieigamento--di _'una s_tr_a¬tc-gia.__di__lotra armata di pin
larga respiro - alla _pratica della--diffusione orizzontale
dE11'attacco_;Hu* meglio coprire .a livello territoriale la
contrapposizione ;totale__tra -"proletariato _in armi" e lo
+

.È .
stata Imperialdsta delle Multinazionali). '
J'-r*~'~.†›*
ø.-
_-|-1.
Furono quindi”compiutilattåochifadfespohenti'della De-
izimf'-mi
rr,
moerazia Cristiana al livello basso'per poi passare (via via
H.-"

.vs che le Brigate Rosse erano convinte di_raggiungere con que-


.I1
'E1 sta azioni una sensibilizzazione di massa`$ulla necessità di
Q...-

attaccare la Democrazia Cristiana) ad un livello superiore e


.
di azione e di obbiettivi.
La Democrazia Cristiana individuata dalle Brigate Rosse
quale asse portante dello 'Stato imperialista delle multina-
1':

zionali' (lo S.I.H.) divenne cosi oggetto di azioni delle


È Brigate Rosse sia a Roma che in altre città italiane.
Nella capitale in particolare c'erano state, a partire
dal dicembre 1976 e fino al 15 marzo 1978, molteplici opera-
'l
ju-
J

É.
zioni contro esponenti locali della Democrazia cristiana.
Ricordo, tra le altre, l'incendio dell'auto di Vittorio
1-C-
Ferrari, esponente De (Centocelle), alla fine del 1976; il
ferimento di Emilio Rossi, direttore del GRP! (Giugno 1972);
il ferimento cH. Remo Cacciafesta, professore universitario
¦|
Dc (Giugno 197?); il ferimento di Mario Perlinif segretario
regionale di Comunione e Liberazione (luglio 1977);,il feri-
mento di Publio Fiori, consigliere regionale Dc (Novembre
1977); l'incendio dell'auto di Ugo Sedano, Consigliere Cir-
coscrizionale Dc, sempre nel 1977. -
Poi 1'incendio de11'auto di Pietro Scoppola, professore
universitario Dc ed il ferimento di Gerolamo Hechelli, con-
Slsliere regionale DC, avvenuti mentre era.:h1 corso il se-
-I. questro di Aldo Moro. '
'L
In altre città... ove esistevano colonne delle Brigate
Rosse, erano state compiute prima del 16 marzo, diverse al-
*L
tre azioni contro la Democrazia Cristiana. -
Appare dunque chiaro che 1'azione contro Aldo Moro rap-
Presento l'epi1ogo (o per meglio dire, l'acme, il punto più
alto) di una campagna iniziata già due anni prima ed annun-
flíata in alcuni importanti documenti delle Brigate Rosse
(fin dal 1975). '
-I-

r' 1a
if- 1
.r

Ji'

J"

xl..\""í_r:ri_q_s_te ..au
.II
'T

' .D andr_e..9_t_ti__e_F...__anfa..n__i
, I
:_-'
_- Â- '
5_
ti-É 1 _
P .
rr - _ -
-1
in-.
_ _. _

prima di decidere il sequestro Moro, le Brigate Rosse.


,a¬.,a¬fan<; compiqtfl <1'-211€ "vreinchíeSte". consistenti in infar-
*É-.

.qmazionl generiche sul luogo di abitazione, non solo sul con-


ltn (16110 stesse I-íoro_ ,nella prima metà del 1915, m-áaàn--ch-È
3gü_¢onto di Andreotti e di Fanfani. , i_; %ƒ
À Rìbadlscü cmfi' prima del mio iflßressu .nelfe Èriaate
_-Fosse, era 1n corso, ad opera di due regolari bi`erre"venu|;j_
š@ Roma d§1 HUffi'(BOniso1I E Bríoschi), solo una generica V _
šrífica di notizie riguardanti i movimenti di Àlcle Mero ( ag-
311 fgpflcfl flflfl' Éfiifitflvaflfl H ROMS flflflflflhfl 1' Suppürti IT-

ífijcj per mettere in cantiere una qualsiasi azione anchegål-


šledjg livello).
* Dopo il mio ingressü. cui segui a distanza di circa un
†lílI=°-W' q“e11° di “rima Faranda (E Subito da-pa degli altri
jgiå detti, Ciflë Seãhetti, Savasta, Libera, Arreni, Casimirri
_.___, Algranati). ad una fase nella quale si operò esclusiva
.lente per la creazione di brigate, seguì una fase in ' '
fecero accertamenti, del pari estremamente generìcícui si
conto di Fanfani e Andreotti (si voleva vedere f, sul
_índiv£duabílí le lora abitazioni; elemento basilaríepefsššgg
-successiva eventuale inchiesta) Questi -
_ . _ -
gono a11'1nc1rea al Marzo 1977. - accer '
tamentl rlsal _

E- _ _
In pratica _ quüåtê preìnchieste erano bb * _
;_p1ete. pcuche si risolvevane nello stabìliarea:ëangz1a*1?CåI?
Trrizzi
_dE) risultanti
, da Pubbllcazlflfll
' ' - (giornali,
- - . _ 1 inguj...
riviste, 1'
* c°r1'15PU"dE=-"`-SBYD D meno alla dimora effettiva delle
E
Pfiffiflne cercate.
Mit-
' L'indieaziene dei tre
_
eåfiflnentl della Democrazia C '_
'
una fatta
essere fu üpera
da del G°""~tat“
_ _ _ _ ESEÉUUVO (ma sarebbe parílìa
-1-IE, Qflfllälfläl
_ militante
. b'ie:-re stante la -
n.'
tà :É-I PIE personaggi). ' noto
1 r1 evü tra 1'a1t '
dere stab'ilmente' in vi für ChE Fanfani - sembrava non r'1513' -
,..Pnrte.
.lun nuova Egli si era.nelrisalaošåíšüneš
palazzuì “meera
quartìee Perse Hsultavai
andate a_davivere
qualche
in

=t°Ua.fìE Pubblicate da un -re ratlv Cümfi flPPar1va da fe-


'un indirizzo Preciso S' glflånêqe' che. nun rlpürtava Però
Ffiuza successo. - 1 cere di localizzare il palazzo ma
1.. . In verità in uel ` 1 - _,
flntracciare Faqf
Il Bn
ìperlodfl
1 PCI'
H9" alla
CU1
C era prima
una Prec-*Sa V°10fl1l-il
le
-†_.¬çy¢._-_
_¦__ L¬_
n-_-.
H
|.¦
. F
;'[I|' _I.-' !l¦."'I1|i_-I,_3¬|:_-__
._| _'
|

15
. | |

ai-_-.-1 . _
lilla: _`_ -_

¦ 'J-'É22"-
'-"=.'T' '.- `¦-- 1-.
'q_._:.,;1.›. _ _
Ea-1'..-'~r:'; .~.¬› '
. "- --n_: --_¢ _ ._
Er-i"_:'s1¦'.,_ `

määa -__. `-¦-li.".-


mfiaa"
-'=,.-_. 5-sr;-;.1=a `*_-;
_.
a. _r _ _
.__ --_ " 3- 1 ' ' ' - - --
__ ¬_ _ _ _ .- .-

-I-ífi¢h°e_í-nfono abbandonate. L'inchiesta su Fanfani av-


H:
.' .
-Id.
¦¬
,_
v_!3____ié' 'verso la primavera del 19?? e non fu formalizzato in
.__

J 1
*rigo "_'|;`j[_. fo' "sch'ede.-- J - - ' . .
|., -
aPR“n -' ha Andreotti fu oggetto di una preinchiesta nel
I IF; Anfo e Faranda controllammo la zona della sua abita-
_? .

_' _|_
197 " - Cürso gru-__t¢_.1-in _ insieme ad altri componenti della
-1.-'.4_
.,,.

zii-aneìln -olonnai 'Notammo che Andreotti rientrava al-


ÖifÉ?-}.Pp-É-"-'-1-não- a- b-ordo -.di un'a1fetta civile blindata di
"'›

_ ¬›
_ 2 '

'fi
T; .
- íF“'*£.'.ë'::__'flä'if_špr`:5hf. pe;-gm-ie a bordo, preceduta da un'altra
cfl t - t
-| :I -
¬_.

alfçtta- cggmâiëriš tfríelepveartsoünåprima ancora di sapere che An-


'_:“f_fpivì1bita_sse°in__que1 palazzo, che la targa di una delle
ateo to era intestata alla Legione Carabinieri di Roma.
A|,.mi
-1.- »'5'F._.3'¦Ã5|_`'9',*_;
ìåífišmo notato 1'auto per via della antenna molto alta.
L_..
=-T
f.
1.'
I .

J.
(Questa alfetta fu notata perché a1i'e-poca era molto
entata da militanti bierre una trattoria sita in via
frega ro rio di fronte ai palazzo di Andreotti E HEIIB
Pflzjíìgip råcavano regolarmente a mangiare i carabinieri del'-
É3 scorta. Dopo la .verifica della E-=-N33 ' 2 PH-_mfl d1_ 50°'
prire sulla Guida Monaci che ii abitava Andreotti - al nen-
5,-gvs di aver scoperto una struttura clandestina dei cara-
binieri o dei servizi segreti).

L'.-alfetta di scorta non sembrava blindata. Deducemmo


1 questo dal fatto che i finestrini de1l'autovettura a volte
erano completamente abbassati, cosa che non E 19095151-le con
le auto blindate.
Dopo una serie di controlli. Ci FEHÖENNU Cüntü Cha An'

stato scelto da11'Esecutívo. _ _ _


.--"
E' bene ribadire che questi accertamenti su Andreotti
Erano del tutto gene;-j_¢i E P1-Esgindevano da qualsiasi deci-
sione operativa, come lo erano stati quelli fino ad allora
svolti nei confronti di Fanfani e di Moro .
Da queste Verifiche Beneríche emerse comunque una ob-
biettiva impossibilità iii attuare 1u1 operazione contro An-
dreotti per i. seguenti motivi ,valutati informalmente› con
Moretti: i percorsi ipotizzabili ,ma mai verificati erano
tutti in gone centrali. (cioé in zone :nn: forte presenza di
fflrze di polizia); il traffico eccessivo che avrebbe ostaco-
lato 1a fase della fuga; 1'eccessiva quantità di sensi vie-
tati e di corsie preferenziali lunåfl lieventufilfi Pfifflüfåfli
1'&ccessivo affollamento delle strade che collegavano 1'abi-
|

_I
'I

-|

16
L'|"-1 .15.-_.':.-_H.›
il-__,___
ì
¬_.í

3. __-_
__ * _ _ ¬.¢ .r

_ ' ¬. _

1. ' -

corso lungo 11 quale si sarebbe potuto-nfiè§a,:v:t:uÉ:å_Påã;


prevedibile difficolta di sganciamento.

DOPO ave( compiutfi fie5te_§ .|-


_ '
¬
°-
"

--
- _ __
_ _
I'
_ _ _

di Moro, Fanfanì e Andredìtifjnoãfåfüššålšššfšåãge Sui cüçtü


rl
ste su un grosso esponente della Democraìia Ufistiååìägchåfit
tutto il lavoro del1a'co1onna fu concentrato sulla É-perçhe
ste operative" che riguardavano obbiettivi da col i Inchie-
nella strategia zii costruzione de1la'col0nma-venÈore'š¢ ghe
di una eventuale azione ad alto livello contro la Dana prlqa
gfjstianag: Cacciafesta, Rossi, (Perlini) Fiori eetßåocrašia
qußã-ti O bi&tt.'lVl la C010]-Ina ' . ' _ ' Er
afieguata. capacità. organizzativa írenìljìšìíl ragg}untU gna
.~ dei militanti brigata. _ 9 E dl CI`E."SC..7.tã
f-:
'r
|._

E fmn22°1°í:2i:i:“»1' E
¦'.

DO 0 1'3bba 1- -

rante ln via Paola, presso il quale mangi&vanOi22í::aí;:å:_


gli uomini della scorta :Li Andreotti quando e
trava a casa per il pranzü Questi ›_________i___i __quest1 r1en_
visti durante la preinchiesta ' ' 1 avevamo già
una di_ questa ____________s________i nütammü
dell _:-____PrÈri1av__eara del __1977. In
' Pflscor a di An-
dffiütti Püftêva un revol VET ln ' una fondina ascellare _
Domanda* Un'azione omicidiaria
-_~am_- ' ' ' ' venne ma' '
da parte delle Brigate Rosse contro qualcunoldårìêa ln Esame
della Democrazia Cr'istlana
' g - l espunentì
. _
che furono oggetto di prelflchle-
sta?

Un'azione
____ vista omicidiar'
__e_____c___ ma mm1af__sa__r:_bb:_r:1;ata_ possibiále
- - dal punto
r nel* confronti_ di contro
a ln consi era :lune
Andreo tti.
'
altri es né
'
'
ne*
Democrazia Cristiana. ponenti della
Si riteneva, da parte delle Brigate Rosse, che l'elimi-
5'
1
.___
Hi-'-:ione del partito rl ell - - - É
lL
__ I_
Passare attraverso __ 1? ?Emocraz1a_cr1st1ana, non p0te55%
a E lmlnazione fisica dei. suoi massimi*
rE5P0nSabi1i“ël mateízäessceherefåäššíšši
- - coil un t1P0
_. di, azioni
L prolungate ~ z
.I
|
mocrazia Cristiana, creasserc __ dr__o_ _a ßcnuta della De_ äl
1|

|
ed ìn01tre_ che portasserü a_f:n_rã_ lãioni al suo interno. I

r
è F

I _:

F smi del potgre_ anche tramite lålgcävi :azäone dei meccani_ ||


-1
.-
1

mento rispetto iui alcuni casi clamåer a el suo funziona-


g°1P& bianchi, etc. *'051 quali le stragi,
E

1?

I
-_ -,_.-._ _
'il
- . _.:-.._
. -,
'| ;ì
5 fw-¬r
- --:__'nr
__-_ ___- -
__ Ii... .
U1'- 215;,
..-'_ '
_-4--,_ .- . . . ._
_. . '__ I- I
--'-fa-'F71'
_ .
“'“I-
.-.- _ _
.r',y |
-
.-| I-
.."1¦ _" _

inn
P'.'.
s
'_' --r--
v-
. ¬
' -,_.._

-_--_ _
.- ._.
¬_.
ti
.

--
-I
,_ _ pflƒ'.-'_
1 Lfãggu e_§_iL1I_D
.
Moro l§_mUh '
fa

4
[_,'indicazione di Aldo Moro come obbiettivo da colpire,
' gt t` 1' 3 verso _ un sequestro
. _
E: siúne degli aåtíi obbiettivi, venne alla direzione della co-
di. . persona, e la conseguente
, _ esclu...
,_1Dnn3 ronana _a comitato esecutivo tra la fine di settembre
I-
daje gli inizi di ottobre del 1977. - _'
:sf Certamente. comunque, nel settembre 1977 il comitato'
-n-

'utivo aveva rappresentato alla colonna romana che si


E 5 E C
am, greate le condizioni
I Il I
per attuare una grossa operazione
ÉI _ _
_ Un_ tro la Democrazia Cristiana (cioe 1'0Perazione di "ai-¬
fa mao al cuore dello stato" per cui le Brigate Rosse erano
¬.

¬.

.-scese
a Roma), precisando che che questa operazione düvfiva
7 cflnsistere nel sequestro di un alto esponente' democristiano,
f
E diede incarico alla colonna romana di preparare politica-
_
` ,ante -ed organizzativamente un'azione di questo tipo E di
.-

ù.
¦.-I..
verificare se oggetto di questa azione potesse essere Aldfl
á; Hero.
E
« Fu evidenziato che la scelta di Moro era conseguente nd
alcune valutazioni di carattere politico: che era uno dei
,|

I-\.

Ii
1-1.1
IQ. ' massimi teorici e dirigenti della Democrazia' Cristiana; che
.-

I in quel fnümentfl ETH Presidente della Democrazia Cristiana;


che EI'-'El 11 garante della segreteria Zaccagnini, caratteriz_
2-alla di-1 un forte impulso di rinnovamento, il quale coinci..
dava con il nuovo atteggiarsi dello S.I.M. in Italia (së-
oondo 1'ane1isi delle BR).
Perdipiü MDI'D¬ quale Presidente della repubblica "in
_ pectore", era la persona deputata a portare avanti la ri-
strutturazione dello stato che era ipotizzata dalle BR.
_ dugli altri due, su cui erano state fatte preinchieste,
il comitato esecutivo aveva rilevato che Fanfani si trovava
1-H quella fase ln una posizione defilata, alla Presidenza
del 59113110, E che aveva un ruolo di inore rilievo all'in-

non .sembrava
incarichi otessgea ìI;1tC_flt':P1'_re
a flfvello e' Ossi. S1
a osservo inn-lune rilevanti
breve termine (she Egli
dello stato seá re nell 1 ìzionale nella ristrutturazione
Per qhantup ri na É vaA udtazione delle Brigate Rosse.
difficoltà Dperativeß 51:; :_ n reãttif a Parte le accertate
Moro egli ra resenš lisse c E. _1n 'quel momento. meno di
DE _ QP _ ava azione di r1struttur_azion_e della
mocrazia Cristiana e dello stato, che erano il principale
bfifåflålio delle Brigate Rosse.

ni-_.',__,_
18
Hv-

I I' _
_ _ .. ¬-
- _. _ _.-nl' _ d' __-_ ,_-I' '__ _ --r ¬- -
4- _ _ ° -
_ - .P _ '

-_g;"§ap¢Biarito:¢ne all'epoca si era ancora in una fase di


T ` ostazfgfie politicaidel-progetto_di sequestro di Moro, ri-
.J HH” O 31 quale doveva svilupparsi la maturazione politico-
. 5Pe'.t:lízz3ti.V3. Ö-E113. Cfllflnfla fümana..
Q Qfga Effe proprio@in-questa prospettiva che ebbe luogo, al-
§'fl}íntèrnn della_colonna, una analisi politica della ristrut-
°iv1_ zione in`geEeraIe5dellajßemocrazia_CListiana e in parti-
:i'jPrare della Democrazia Cristiana ii'livel1o locale. Si in-
1:., °.°1-:ífigò inoltre l'assunzione di una' massa di dati sulla
'ajimmbcraaia Cristiana, sulle.sue correnti la sugli uomini che
Ãeimìevano essere individuati quali rappresentanti locali del-
TtE2,fistrutturazione della Democrazia Cristiana, ritenuta in
il delia Brigate Reese.
-iatto Da queste analisi scaturi tra l'altro una particolare
z',ü1enzione sulla struttura dei MILLE (Movimento Italiani Li-
n tmri in Libera Europa) e de11'AREL (centro di ricerche eco-
*É'.`;¦omiche diretto da .4ndre_atta), e successivamente l'azione
' gontro il consigliere regionale Publio Fiori.
awe Nella fase di preparazione politico-militare di questa
:Ei nmflenza, fu attuato un controllo saltuario sulla chiesa di
,__h___;__S.Chiara, mentre solo in seguito venne eseguito un controllo
šsistematico. J
'f A11'epoea (sett. ott. 1977), esisteva ai Velletri-un
iüllino utilizzato come base per le riunioni della direzione
india colonna romana. In questa base venne studiata e messa
È punto l'operazione contro Aldo Moro.
Èäìf Dopo l'attacco del 16 marz o 1978 il villino di Velletri
Èšir che sono in grado di indicare - venne abbandonato per ra-
'Èš_8ùHü di sicurezza, in conseguenza del decreto che stabiliva
*?_šíš-.}í;:;__l'obbligo della denuncia degli affitti alla P.S., ed anche
""`1n considerazione del pericolo di blocchi stradali lungo il
Percorso.
{;; Le successive ri'unioni di colonna vennero tenute a Roma
~1n servizi pubblici ci per la strada. '
La preparazione d e 1-
1'attacco militare
' ' del 16 ma rzo fu preceduta da una inchie-
5t& estremamente precisa ' '
diretta ad acc ertare tutti gli spo-
b't
_.:._..-_;______=_'_ãt*-'1ll1\=!nti di Moro, le sue a i u dini, i percorsi seguiti, i
ÉÈQ
ala “°3h1 in cui sostava. '
?s_
§5a¬ Secondo JJ. ' piano
' .iniziale,
' ' ' Moro doveva. essere seque-
H... ' -
strato senza che la. scorta venisse soppresse L 1-inchiesta
-
' 'ti nella direzione della co -
partì dai dati' di' fatto acquisi
'
___;-S 'WH romana attraverso informa' zioni diffuse :Hi organi di
- 'Ti-'
4.... . tampfl- Sembrava, tra l'altro, che ogni mattina Moro an-

'in-í_¬_`_ ___

se
i
,__

3555 a fare una passeggiata nei giardiniattorno-_al"_Hini«;':-f


" _ _ ..' ¬- _¬- _ _ -r
.1 _ _ -_ 'I' --_.

d
U degli Esteri e che si recasse a messa a S.Chiara e/o a
sfef _ _
5391-ancesco. -- _' * _ ~__ -
Nel corso :ti alcuna. controlli saltuari» compiuti alla
fina del 1977, Moro non fu visto andare a S.Chiara.' si pen-
55 allora di controllare la chiesa di San Francesco in piaz;_
za Honte Gaudio. Si control1ò'se'f1a.-mac.chi'n'a di Moro si
fermava davanti la chiesa di S.Francesco;= Un giorno, alcuni 1
militanti dell'organizzazione (tra_gue11i della direzione di
figjonna - io, Faranda, Gallinari, Segnetti_e Balzerani - che '
“li compivamo I sopra11uoghi`)_notai-ono l'a_ut›o di_Moro-_da-
vanti a. S.Francesco, n~ si dovettef poi escluderef che'Horo
fosse solito andare a 1..-ssa a S.Francesco, trattandosi di
una presenza episodica.
Avendo rilevato che Moro non sembrava frequentare né
5_Chiara né S.Francesco, la. direzione di colonna, and; era
I-
devoluto il compito di compiere l'inchiesta e preparare
-Il

,_
1'attacco, pensò di cercare un punto in cui operare per il
-1

.
Sequestro lungo uno dei percorsi compiuti da Moro da via del
Porte Trionfale al centro di Roma. _
1_|

Si ritenne, in questa ipotesi, che Moro passasse in


auto per via Trionfale ee successivamente .giungesse all'in-
crocio tra via Edmondo de Amicis e via dello Stadio
Olimpico, ove esiste un semaforo. JW
-i.
Ad un certo punt_o, siamo ancora alla fine del 1977,
pervenne da parte di qualcuno dei componenti della direzione
di colonna (che erano responsabili delle ricognizioni su
questa azione), la notizia che Horo era stato visto, di mat-
1"`
tina, andare alla chiesa di S._`hiara a' messa. Fu riscon-
trato da quel momento in poi, ia parte mia e di tutti gli
altri membri della direzione di colonna, un minimo di rego-
I'.
larità nella frequentazione di S.Chiara.
1 .

L- _|.

-u¬...,| _.

“ter
H.'L .
.J-,'
-N
'iu-f5".":"¦II"' -
-I -I.
Si valutò allora la possibilità di compiere il seque-
1_,ë1-'I7'.~1'¬ '

¬¬r1
i Il
la Etro di Moro, all'interno della chiesa di S.Chiara. Si ri-
-ago1
. P,
:_-'

_ ¬
levo che Moro entrava in chiesa accompagnato :hi due uomini
I-._
di scorta e che prendeva posto sempre allo stesso banco,
"Ella parte anteriore della chiesa. Gli uomini che lo ac-
.›-' "r. 1."
"JJ
"-'e - t.'-' '

Éšån fiompagnavano rimanevano sempre ad una certa distanza da


Hüfü- Alcune volte Moro era accompagnato da un solo uomo.
_ _ ||¬-..IH

Giri altri tre uomini della scorta restavano sempre fuori,


åäaf
Lu" vicini a l le au t ovetture
1. L-._

Ég .-.›_
A1 termine della messa Moro e i due uomini uscivano con
'\._-

-rsu..,,'_
- I .
h I ,_._
I.

Iu-
_

Efande tempismo e sveltezza. Il comportamento degli uomini


ì.1..-.~="-f1-:_-:
a--_: --;--_ _
;;,_'_i;.,- nt
'
._L',t
JI'|-
_..', " __'
_..'u.;-I | I ,. I
_ Ed _
¬. .1..¬ _
'I
'

_;-',-,.-'.1-.'.I›: ,
_.
.1'.'¬.-I I' '1.-

1
--

UI-l_-
~ L _-_-_--_. -

I'Èp_,,,_,_._ _

í - _ ,..¬.--"""""'
_n.

fà-5¢gfta non era sempre lo stesso. Uno dei capi-scorta,


-- ;'
nie -13 permanenza
. di rhum: in chiesa,
. svolgeva la Vigi-
figa Percorrendo il. tratto inni la Fiat 130 e l'angolo di
__ß“1z-ån'dO[I3.`i. --
ia Dgpo una serie di accurati controlli, si pensò di at-
Ii.1___Se_qu estro
__ di Moro
_ nella _chiesa di S.Chiara. Si_ ri-
”_¬ 'là chiesa aveva due uscite: una che dava su piazza
“ívö Che _ . . , . .
- f
.qFG10ehi_Del_ici e 1 altra che si collegava con via Zando-
Éfrf-“' 'erso una scuola elementare contigua alla chiesa.
-ä_aPtFaV_
ça infatti un corridoio con vetrate che univa la chiesa
il
8 _ H 1

11 oomman d o op erativo , incaricato di sequestrare Muro,


vélvß d'vidersi
1 . in questo
. modo: due
_ persone
. dovevano en-
lfe nella chiesa prima dell'arrivo. . di . Moro;
. altre due
' lche minu
` to dopo Moro.
_ altri tre
_ brigatisti dovevano at-
nile I' e su via_ Zandonai,
_ all'uscita _ della scuola, due alla
“partiva guida di due auto e uno di copertura. Dei quat-
5*'_bri8H
' tisti_ one avwebbero--dovuto_esseTe~ presenti nella
esa due dovevano immobilizzare gli uomini della scorta,
I
_ . . _ d. _
Ea ucciderli, si gli altri due avevano JJ. compito i se
strare Moro.
Q_ Gli uomini della scorta di_Pku1› ti due presenti nella
esa) dovevano essere messi ai terra, disarmati e immobi-
zati. Fuori in. via Zandonai, come già. detto, dovevano
°ere.in attesa due macchine, una sulla quale si sarebbe
to salire Moro ed l'altra che avrebbe fatto da scorta.
' Sulla prima vettura, al cui posto di guida sarebbe do-
aa
rimanere una persona, sarebbero poi saliti, insieme a
__p'_, i due brigatisti che l'avevano catturato, sulla se-
nda macchina, anch'essa con una persona alla guida in at-
a, avrebbero preso posto i due componenti del commando
È" avevano i'mmobilizzato la scorta di Moro nella chiesa più
ltro brigatista (che era rimasto vicino alle macchine ri-
to verso piazza dei Giochi Delfini) con compiti di coper-
a (nei confronti degli uomini della scor t a ru masti fuori
{a chiesa).
_ 'Venne prevista da parte della direzione di colonna, la
s sibilità di usare le armi solo nel caso di reazione al
C0_ even t ua 1 e de g li uomini della scorta rimasti fuori
18 chiesa. (Ed anche verso gli uomini al1'interno della
:E581 se questi avessero reagito alla cattuna al punto di
chiamare gli uomini fuori).
.¬.-
fa-

_. .
4
_ _ La m&"CChiI1i'=1 GO-_!! _;FiIO_1_"'_d' I et' È'-1fi'_'e;l'_í:ä;:-_'jj if:-¬ fá_P'15i_1_g"gig , _ 'gvfebberü
_vutfl percorrere-v1u1?ándona1'che e una strada senza uggíta
-a E megjjc che -fia'un- _fondo--._c_-rec-o__ dopoƒ-ups_-.c due tra verse .la-
J( ƒßll-)° - " '- ' ° _ _
In fonde. a via Zandonai c'-è un complesso residenziale
fi-"'n una porta meta_r1___1i__c_a__a__s_corr;im_en_1:†o:__ei_ettricc che consente
':¬F D-1_Pa55a,:gg_io
- _ -
_a1_l_-'interno del-Tr complesso _ e lo sbocco succes-
- 0 in
_ via
_ __de-1'1a--Camillucciaf;
_-' _ '-, i-a'-'circa
__--.-_--"__ ..'j-_"_-.-'-_- cin_qu_a_nt_a__-metri dal
_' _' _;-1.---___»
ii'
3-1.50 tra __ 11- Cim_11_:ero- Francese-_--e. -v1a'__de'i- Colli 'della
._1_.
5:-
'_r
- . - _ _
§§*ìrflß51“a' ,_ - .
Per 1 accesso _.a1_ resi_de_nce__ e¬r_a -s__tat_a_ fatta una_chiave
Tín*fi53, ricavata da.una°chiaüe'di lucchett"de1'telefono. La
_'-_-¦
_"
¦||'
. .
fãfiiave serviva ad aprire la porta automa ica del residence.
gif'wa 1
Un volta superato. con le due auto, 1 ingresso dei residen-
|.

I
||

*¬-.
E dalla parte di via Zandonai. il cancello si sarebbe
` il.

jfñçhiuso automaticamente impedendo il passaggio di poss1b111


."j5gguitori. e si sarebbe arrivati (uns voi ts usciti dal-
â
afliuccia.
-[altro
Èiìšã 1
cancello
1
in
1
via
šãfiìgiia prevedibile (da parte di E-venruazr inseguitori, E sia
dei residence)
1
Trionfale;
11'
in
percorrendo
una
.
direzione
,
via della
opposta
Ca-
a

ãfircbbe fl'01f'I-rt-H Iflsicamente essere) via. Zandonai, via del


äto, via Nemea. proseguendo fino a Ponte Milvio.
¬.-'-› _
.__.-F.
. _
.g-:_
¬.¬.
fl '

. -.'I-_
'Q1-1€=St0_ piano operativo venne ideato ne11'ambit0 della '
'__.__}f_¢21°UE dl Cülüflflä (1118 _.i1 passaggio del residence fu sco?
_e__rto solo dopo che si erano eliminati, perché troppa per-1'...
flšzofiosi, tutti gli altri possibili percorsi).
Ma questo progetto fu abbandonato perché si considerò
šåègzšoeåtriantgüreìiãoadi Moro! nella chiesa (o meglio quando
_ sione 1 _
nucleo interno). qualcuno dei
presenti. o qualcun altro entrato successivamente
PQÈÈSSE
._ dare 1':-illarme dentro o fuori 1 a c h'iesa rich' i
cnzione
i degli' uomini
' ' di' scorta rimasti
1 lr a I' vigilare
1 1 vi-
lamanelü

alle macchine in piazza dei Giochi Delfici. - -


G_L& possibilita che la scorta di' Moro rimasta in piazza
:..- 1 . ' il I I "' ' I p
Daelltflifil 1n'te.rVep1S$e| avrabtze r1Ch1'Èfi†fl lllmplqgg
Éäñšiderò _ lëi uomini di copertura in questa-piazza, si
I-ël piano lšllo reil come elemento* negativo per la riuscita
fi-iñ-iéh _ . e ne ie vicinanze di S.Chiara ci fossero delle
Be* la banca d America e d'Ita1ia in via Nemea e un'a1-
wáno
†.'.'¦-5...-_. imâ in_ tv_1a
I diIl Vigna
- Stelluti.
' per la cui1 vigilanza
-r e

il-_ h Pfigna i metronotte e Forze di Polizia. Queste


lfii E b åfü state richiamate dalla possibile esplosione _ di
\'.' ,
s-¦'
_ 1 arma da fuoco.

A.-
.[1-
1'..-
'IL

-|_

hi hl
-.¢-_
¬.'_-

III canclusione. secondo un calcolo ragionevolei i1¬sae_J.


-štrn di Aldo Horn nella chiesa di S.Chiara, avrebbe pia _
É? stu circa venti_fbrigatist1 operativd¬- cioè-iu1_numero di -
fl1Ètanti eccessivo in relazione alla necessità di coordina-_f“
_ 1tu tra i vari partecipanti
_ e al pericolo
f di coinvolgere' _
ÉÈIHHI eventuale sparatoria passanti o persone comunque
faflüe _ _ _
È La estrema difficolta di attuare questo piano indusse_
fidirezicne di colonna a studiare altri possibilifpianr diiìsf
ha estrü d 3 attuare lungo l'itinerario; cio anche in consi-' .=
- zicn e del fatto che durante 1 sopralluoghi in_piazaa
_ dei
I 1 -I I in. Ir : -
ch; Del f io i si accetto che. contrariamente _ a quanto fino___
c . . . ~ .
llo fa ritenuto, la Fiat 130 di Moro non era blindata.
Ö"a fisultü dal fatto che i vetri de1l'auto avevano stampi-
le sigle della fabbrica. circostanza questa che non_
I Il I I I

`_-_f____l›i1evava sui vetri delle macchine blindate che erano di'


irruzione artigianale.
'
xE_ " JJ1
Gia ' P recedenza la direzione di colonna aveva ordi-
' a, Savasta (all'epoca militante «della brigata univer-
|' I 1 ii

i ta)* di' f a re (HH. sopralluoghi all'interno dell Universi È a


“r- controllare gli spostamenti
_ di Horo ai fini_di un possi-
13 sequestro a1l'interno de11'ateneo romano.

Io e gli altri componenti della direzione di colonna


rcammo di. stabilire quali fossero i. percorsi compiuti_Jhi
c o, partendo da1l'abitazione di via del Forte Trionfale. f

ii- L'Ufficio dà lettura ii Morucci delle dichiarazioni di


Âranda
_ sull __
"inc h`esta
I i di S.Chiara. _ -
Horucci E vero Rammento che ci furono alcuni appo-
amenti nei pressi dell'abitazione di Moro per individuare
I ' |
šl auto da lui. utilizzata.
. . .
uscita dalla pa 1 a zzina . si. di-
tesse a destra verso via Trionfale, o invece a sinistra
_____T__SD via -Cortina d'ampezzo, dato che da entrambe le dire-
_ÈHi era possibile raggiungere la chiesa di S.Chiara ii
azza dei Giochi Delfici.
.-_ Faranda: Confermo quanto ho già detto. anche io parte-
P al a questi appostamenti, accertando che Moro non percor-
c *H la. via Cortina d'Ampezzo (peraltro molto _p iù sicura
fiffifië priva di stop). questo almeno nelle poche volte che
ÈFUHU fatti. questi sopralluoghi. Questi' sopra lluoghi ri-
.-“Sono a prima del gennaio 1928. cioè prima che ci fosse
iflfihiesta massiccia su S.Chiara.
fi«';'E-È" '

r"
.._ ._ _ _
._._ _..-:_.
__,__. =- .- _†_.__---_------
.
. - - -
'r_¢..|- __- '_' -dr _ '
- __ _... .

“-"ffflflu E1 proprio cosi, perché se questi sopralluoghi


1,5-íatr_5uccessivi
'H°rug““- '.' al_ ri 1 eva mento-«della presenza di
fgff- iar
f-'a' sarebbero_stati inutili perché a piazza dei
3 5'Ch'¢i '(come venne accertato una volta che Hero fu
ineìíl regolarmente alla chiesa di S.Chiara) le auto
re
fidga»-f--'
av _

.
a 'via
.
deiia
.
camiiiuccia
_
e non asili ai -
Cassia Antica-via_Cortina d Ampezzo

gl- stabi-li, a seguito degli appostamenti nella zona,


f_' '
assava, con la -
sua macchina -
seguita da quella ae1-
lgÃu"p°;"f1'incroci .tra via Stresa e via della Camil-
H
I' uffa- Per _ _ . .
; E 5 i cerco di risalire al percorso
a serie. . di. che procedeva
controlli. . que-
ed una
H ttraversamento. Dopo iui
, di' j P ctesi operative, si penso che l'incrocio via
i
-via
-
della
-
Camilluccra
I 4* 1, I
fosse impraticabile
' '
operativa-
1| '

i apar vari motivi ' 1 alta frequenza


. . di traffico, 'I la im-
.
L bl'lita di sostare con le macchine in . attesa .._ dell arrivo
J' ro- 13 presenza a piazza Walter Rossi - cioe a duecento
l d;ll'incrocio›- di un pullmino blindato della Polizia
›' 1 sostava abitualmente. -
Proseguendo nei sopralluoghi della zona scoprimmo stan-
piazza Monte Gaudio, ove era la chiesa di S.Francesco,
la macchina di Moro, proveniente da via Trionfale, pas-
per via Fani, incrociando quindi per via Stresa e pro*
; ndo per via della Camilluccia.
i '

Poiché il ricordo di alcuni aspetti della vicenda Moro


?§_ preciso, a causa degli oltre sei anni trascorsi
-I. ., . 1 .I 1
epoca dei fatti, ci poiche desidero compiere una rico-
z ione degli avvenimenti
' ' che sia
' la piu` comple-ta possi-
2_ evitando errori specie nei riferimenti temporali,
o di poter, almeno in parte, confrontare i miei ricordi
-u' 1 I ` I dl- I 1 -in

fquelli di Adriana Faranda. Ciò nel solo .interesse di


n'arrazione che sia la più aderente alla realtà ed evi-
m
|,.
lacune.
É
1¬-

i. .
i

sr -
s ¬.-

,_
ir

i u
,_
.,-
;.
|

i. .
|-I

I |
1-
1-

'-H
-ru

l¬.
I.
.II
1
|.
|
r
r
_.-'.
|-'.¦

IF".
I' _. _
F.
|_|.,_'
5..

ln.
lirlìg
:Q V _. .
24
e-"H-'
si.-
E
__-$__.__ I ._ _|_ _ _
_ 1-

niffiflflfls. S!1.,r___flite.s_i_s;a._idial-_;;f_en_bbÃrii-0 '1_97_s-; _. _


J.
.|

.Ia/fr-*
1

__ .

. . H
_ _- _ ._ . __ _ _ _ _ __

Nell febbraio 1_978, _ dflDo_""la'l_!_me_rI-_i-':uë1~'_†_,-asse-_"-_;_,; --,;,,._._,,,,_._._


Presso 'i villino di Velletri, la riunione della Direzione
'.I-
1
-in
|
'_¦
straçegica del _1978, con_ la partecipazione di 13-14 mili-
rs. - .

s I
"._
:-'-
tanti bierre, sia regolari____c_he__.ir.r_egolar.i,_ _appar.t.enan1;_i _-311€
.J.-_
..¬_-il-___
,-_ .__
..-.L__.__
,|._e_.
-
quattro Cùlonne' e al. _cdmitat'o esecutivo". 'Io non ho parteci-
|"_
|c__I-:-_
.-
,ato a questa riunione dei-"cui con'te'ñutí†'i-_5-rin-0--è-31;;tgf info-r-_.
se cosi~ come lo furono
~ _ .i -in altri-'regolari
_@-. -.x ,.a- s -s¬
.- . -

_-_:-____-mata tuttig-li de`l1--'-orga-


iniziazione. _ _ _ _ _
fififi
wo
-:_-i
,:_
_ --
- - _ -__ _ .
_
_ -
1
- .._ _
__ ' _ ' _ " ' -- - _ -

i- .;._
-1:', . __ D.R.: Ho svolto attività preparatoria della riunione s
ri
.' I _
ø I* 1 ,, _
:_--.~.--__
I-|.'|
vigilanza durante il suo svolgimento.
_.. ._
.'J_.`_. :

:__..-
..-

|:-.-' '_ - D.R.: I convocati arrivarono al villino di Velletri 13


,_-.__-__5¢fa del -
giorno precedente . .
la riunione, e nella prima matti..
=;_›._';_¦1itfl del 81°ffl° Sffifisfl. a gruppi di due o tre. Tutti gli
šifisterni alla colonna romana arrivarono con il treno a Ter-
si_fiüú, prendendo in seguito il pullman per Velletri alla sta-
..-
.'.. .L

.:.;__-gione delle autocorriere in Porta S.Giovanni-viale Carlo Fe-


=.."."
-.-I-..fit
muiflfi.
-In.-._

ma_, Io andai a rilevare, insieme ad altro militante della


ägflonna romana (Seghetti), con la sua auto, quelli che arti-
___varono a Vel1etri.la mattina della riunione, indicando lor-o
åiš 'I I ' * * 0 1

u n altra corriera da prendere _


.-al -
¦I"¦'
:¬-11,. Alla fermata convenuta essi"
.
'1`DV3V€-H10 degli altri militanti della colonna romana che li
ccompagnavano al villino.
.f
I-."" H
'Ir _ La riunione e durata una sola giornata
Fl--_=r.j_ .-_-,-
I-J-¬J'-"ti-.
A1 termine
;-i I: ìutti quelli' che_ provenivano
iif'-'is
.' - |
- - ' .
da Milano, Genova, Torino ggng
iii
.gs -L _Pfirt1ti con gli stessi mezzi, con auto de11'organizzazianE

išnlünna romana .tse hoEtì_)unbba'ltro militante r_es_o1ai-s della


É;-t›.hra_ vigìlandü ansie ti adilalmo svolto compiti di coper..
gia-re dai vicini s erno e a vil1a_ove ci facevamo no-
s. per non destare sospetti. La riunione ebbe
"_¦_l'_f '
1,.. '1112-_1one di- - -
ratificare le scelte . . -. . .
politico-militari del-
šÈ;;_;__È-*f8«i\nizzazione . 0

i.,
n..

' . . . . _ _
ši-iv D-R-H momento 'di questa riunione, il comitato esecu-
ai_U flvev a gia deciso
wave ' il sequestro di- Horo e il
- .
luogo in cui.
___.-,__-;›__ Sere ßflmpiuta 1 operazione, cioe in via Fani). ' f U _ o 1|. nr 0 ,

as_É_- - I
_*'~.T '¬
.
vs. -;-,..

:.-ab'
š`*"`*;-_;-'_~
'-¬--H'

1._
favì' -i -

,L_
.

'if-'. _
f..

E' 25

"'1-'I-I-_--1-+_1...._.,,,__
-
___A11'atto-della riunione della Dírezínnè Strat¢gl¢a' .
__›__--ìafla' par 11
' sequestro dz.' Moro, non era stata ançgfa _ (~_QmDí:1_
-1 1

f-P nte messo a Punto militarment ~ -


L-We
:__ch_e_1e - - e, come
auto è1mP1e3ate.nellhgperazione flün slerano
r11evald
ancoñl `
fatto
Lprocurate. eraltro 11 luogo nel quale düveva E a statfi:
..insequestro Moro era già nella dìspfln.b. . _ ssefe tenuto
;_;_=___..=3-.zione-.. Il membro del comìtatg esecätí-£ì'àta_ dell organi_-__
~ lun;-1.-5». romana (fiforettl), - gi av .. 1n Sfrlto-
' n¢11'a - - -
šš_t..EnZa _ ._ di _¢1 u es t c› &PPartamento destinata
EVE! 31a 1nfurmat1
3, fun dell' e_s1-
. _
ì'-äåiflfle
¬.“;. - . EEIE da pri-- - -
;,.:¬_-:_ - .
l.

fifif
.D.R.: Le cose da mette Fe 3 puntg r
J .
- -
É??-_' 0 ¬. 1 _
;fä;__s¢q?°sìf°
_1š-_-_;an1.
era“° 1° mflfifillta specififme ae11'azi:::1°dn-`e1 -Vla
appostamentn e munetizzazione del
di”
;;-
E-__,_1 percorso delle auto sub1t:o _ nucleoE
dopo il Sequestrü ?Perat1vu,
___.___5i¬,_.-U percorso f1nu a via dei Colli Portuensi 11 succesf-

.__ * La fiflfliflfle
_ ` della nirezi S . I
-197B
== non r1guardo affattfi
.._il
._.-l.n.l_`:I-I;.¦_.
:II*
1.üPe::E_ trateglca del febbram
Il 1 "

äilffififa Paffi2¢1paz1one dimnstra Proprio chflürfli E la mia man*


ägsame alcun aspetto del sequestrü di Alda ålun venne preso in
%_ _ (Infatti fa Era lncarlcato
- - d' U - "-`f*"1`=U-›. l
šf†.I,u£"§Ufl€ del Piano flperativfl sia díl cìxìílitrì sia tutta 1 tera- P
É-glagzstlche dell 'az1'or1e, sia B 1 . I utte .Ze necessità
F"
åfzoe*.-lnvestendone __ dlrettamente IVG
il 10 luca le alle _naz1on31eJ¬_
frgnt - .
ägflle).
__ __ _ « _ E lflslstlca nazjo- .--
Fmi- '
'_.-
*E . 'I

_*-É*
12-"'25 ¬-.'. '
|. ,J
16 . - . _
---§@f- F20 .L9 7_B..._11› r_.;.Hë.I›.._s.1_.; 1›1.;_=-1 __F_a_ql
Èfil
É. Sun U afflvatfl
' a -
H1; Pani u
*'“
åãišupavo .
(111 _
ma Scend
Cbiabrera a S Paø1a)“ dall f appartamento che
léfltra°°10flflfl (flflfiísnli) che era vexäuãssleme ap un bíerre
Fia ( 0 & dflrmlre da_noi_
~~w Pêrché non ¢'e -
ris - -
rana 3 Itre b 351' d15POnIb11i
t1tu1ta 'di ' - ed"' ' '
. I~ . centri conc: et;' 0 - - _ _ E q"1fld1.
1'", CH.: Se
als-_1n_£ .sarebbe
ci f stato Possib 1'1 egn;spostarelllaglone H0;-0su daaltre
Via
bero c . l É ' 05-5'El”0 Sta te
-- ,üCch_ erta mente state usate per evitare dl úhrlservadelle basi ' *
.._.
__.hi.
_'gf.
___.
_ . sa -
fi;%x_ Hlfilhi-
-=r'Iu'|[ lo facendo stare tre bíerre - e sl desse
fi;~.*w”š-.†*-í¬.'«l_é*,ë;f'šfi :; 1; Anchfl' 1 'altra bíerre "
.giatfl ai i I esterno_ 1. ,In Clflê
If" appartflmefitü-
Fiùra darmi
Finn na fuma,-,__-_._ H "na'”'1fl1flPP-Hrtamenta
ci-nè Seghettii ca ".
n un altro blerre della ap'
JH ..__un 1- Il

5 71'.
rlr-'È
'I
.'
il-_.-..

" :J':'E-I'. --¬'.'


r-.=---I
_ -_I\.-__..,- I-'i
' -._ 7:* .- T ._¬
In 1?. ;=_I-',.|- 1.:.-

"-:' j'-'-'É
J...
'.-.¬"_
,, --
'

'. _ W. -'..-
._ 1
.|¦-| ._ nur.
-.
'@;1
iu-

. if;¬'_ :ff!-šƒ
<4 "_|.
J" -
'- 1.

_
'§__;-_;,_.T_rI.".*___._;._1_.›-'I'.'- _
-'- BJ Ch
l

% 1*', _. -Â..
.l._. __--H-1-.
. .,.,.
__ _._.š__¬ . I. ii- .ih ___ _
.._=:Jl_.:::_ ii; '
1 .:¦_-.}_v`I.___. - .
.. -
1'..'_';,_" .-]I_;.- - uh.
. I _fl'-Z".-.
EI,.¢J::f ;:_I".'. .-.Ã.I- ' - - '

-,vé'-- 5'_-i'~_pI_1__å-- d-ire-__ c1_1e_-questa eventuale base di riserva non


a~- '*'
_-.-. '..
_- _..-
..-- __3_ ggsefo-scomparti-menfiara .rispetto ad altri miiiranri,
1-...ll
.-_.-
.-'J'
e
Éåd-fl".-__:~-"-ff'e_gf'érn'i'_"- p'e'rch'é"ë quasi ' certo che proprio Boni-
e'_:'›_".__5f'-' _ U __. _ ___ ___- _ _'_ _ _ - _ _ _ _ _ , _
25'?-`51fi'fi'fdlã~`;*fi quanto _-'unico-.a-1 tro' membro 'dei com.: ta to esecoti vo
bbia'-_p.-ártecnipauto all'a'zione'di via Fani' - fosse la per-
-ache conc,-_<;¢_e-.›a 1 'appartamento di via Hontalcini nel caso
-@0113 _ __-uecesso _4;u3.._1¢g_-;_a_.._-.3 --Ho_retr.1. - Quindi avrebbe dovuto
"f05.ã-Ègaríamente' c'o_noS¢__e_re il presunto appartamento di riser-
-n'€-Éç lb -If,-ójìë .fa-'_'_'~¬_g;fj_ñä-1' __f__u__5_n..;.~;§ __.p_¢1j_- gdormirci anzi che sovrac-
'I3' ` Q basefiifn cui 'eravamo -'10' 19 la F-Hfflfld-9-)

Ci: 5_iamo_-s'pos`tat'i-' con- la-_1_2_7 -bi_anca- che era in mia do-


- nè con targa e documenti duplicati da un auto apparte-
tazlu ai servizi commerciali della SIP. I primi numeri di
nente erano Roma
taäzstantg R2... di
il mercato Convia
questa autoDoria.
Andrea arrivammo
Qui.nella zona
lasciata
f.-11.: -|27_ prendemmo la A112 con la quale ci recammo diretta-
ente in Via. SÈIESE1. _
m Da qui. passando per una traversa, ci portammo in via
Fani, oltre il giornalaio ridiscendendo poi verso l'incro~_-
,,50 con via Stresa dove arrivarono, separatamente tutti gli
altri.
J-
Il n.1 (Horetti) arrivo in via Fani con la 128 blu as-
.- sieme a Barbara Balaerani e risalì a piedi. senza far alcun
cenno e senza dare a vedere di conoscere gli altri, tut-ta
ma
via Fani controllando che tutti i componenti del nucleo fosi
I-.=_
'I' .
I. . sero presenti.

ä;' .-.
D.R.: La mattina del 16 marzo non ci fu alcun interven-
__.. I
..I
.¬.:..
to nella SIP. (Cioè non si intervenne in alcun modo per
bloccare le comunicazioni telefoniche.
-I.
.._.¦
E' ovvio che dopo
'F
tutti i colpi sparati in via Fani non si poteva certo pen-
: '.
_ ;-

fi-sare che fosse possibile bloccare in qualche modo l I allarme.


2:15!
or;-_1'-" quindi molto probabile che il blocco dei telefoni sia
u,
*Stato soltanto
.-|.
conseguente a.ll'ovvio sovraccarico delle .Ii-
nec.)

ma-fa D.R.. Non_ abbiamo mai fatto dei sopralluoghi in via I


I'

travestiti da netturbini (sarebbe stato pericoloso per


1-1.-

.-1...
Possibile incontro con nettorbini "aotentici"). né tanto-
s:-:_ lfiflfl
*IL
sono state fatte prove di frenata con le auto impiegate
.-É* -.__.|.
'I
r...
1:.-_'
-u-.'
I-¦.;.._..__'
_.. II-.l.
"E11 azione del 16 marzo U o con altre auto.
I
.. -
F. ......

I.
u

._ _ ,' . ..
_f
1.
-|_|
1

J'-J' J* .
_-..I
-|. .
1.-_ J
".e

21
.L

P_fTie';1a~*š=f-.'s;
u.--|.-__
__-
__-H
_ '___
¬-'f-'¦
.

» -
_'- -u .-
¬- -1- _ .| _ _
_.. __ .___
l-- 1.

_ ' _ _ _ -.;

(0 gesta delle provg di fre È _ _- _¬3- _-,_


' _ _ * .- _ -. 'l-

.___
effettuata .I11 F13
- na Éa'
Fani; U cflmufiqqfi
una di una---flya__
delle _t'à!_tE __ _ _ __
causate da testi 1-'ant - . __ _ _ spEr_.._ _
lr pato che .I aâlflsli dlfitffl ÉHI ci SI
effi' -I Pfläãäããio
iii.Horo ' ,.
ai 3 essere conosciuto degli aber an __i della
. _ _ _ _ “'_*II_1EI_i
v i_n_croc_io
“ dal -gio_í-'-_-
gio. dal fioraio i - _ U HH prova - del-
- _ ' - - -.-.-mi - _- - _ _ . . _ -
compromettere tutta 1 fa P Era sione.
_- gen-Er-È
Ha 5"1"iÈ_b=_5§_
andrebbe a'_._l.gf_i3i_i:_1__¬_
da-tffl____-_.___ _ _
-___-;tante la pericolosità di effgfttu _ _ __
'jr-be. con le frenate brusche _t are Pfvve su strade - ~
i_ L'nnica
flflfl renneprova
effettuati S.
de1l'&2iofle
nE...n_
f
E _.____
_
urta 1-I *__
' i "
fe-5'!-'Gi _-__._
1
questa _
'_ '" - “
c compiuta nel giardino del <
.___-.___ d'i_ Veli_etri_. una volta ehe si fa üptat
p U di azione
_ _ in via F 5 ni. I quattro che avre bberoG FEI* quel
1"ia Ferri si . appostarono dietro
' - sparato
,f _
erre I auto del
.'__cancello di .Seabetti
villino E quella
fino una siepe
della
al fondo del muovendošj
d'Faranda,
1 glfiffl'-fflfl. _
I_ , E 1* d.
b il ruolo deli'auto di moro E G.. s ar ino. svoi..
= 1 Quella della scorta)
D.R .¦O11'
I E 1 componente -
il nucleo arrivo in via Fani mu-
ìfl dêll. iš'l.I'Il1i':t dâ IÉLIDGU pürsflnale E d 1 n
Rhui partecipanti a11'aziDnE le arãå Éüìra. Ai due irre-
ittina stessa del 16 ma;-Zfl (da S_______É_) urono consegnate 13
:
. i " il
-nl

'..
il F

.-;,_-_. ._ _
FT? '
_
ii? H
I
'll-. -'
. '
I. -_ -
-›-'71
;._ -.
_ _-._
-i _
:¬':-'-
.I`_
P! I.¦_..
ir" - -
Il
_- -- ' ._

-'-° '..
!?' ;
"'-'arl-. .

__.

'1-

_
.|.
'I. . 23
"|'l.. Il-..,._,_______

¦_|
.|" I
|.'
-_.-I
I -r
- p-41 via Fani _
_š¢†uniie»-›W¬«»fi«"~
-I' _

.r
ihllp ore 3,45 del 16 marzo 1978, un gruppo composto da
4-

"_ rl-E si porto al1'incrocio tra via Fani con via Stresa
13 1 0 Ir 1 I I 1 1

-
I
_1 _-U flnendosi in varie posizioni, secondo il piano elaborato
is? villino di Velletri dalla direzione della colonna romana
'el' fgvato dal comitato esecutivo delle Brigate Rosse.
3: Io
1_ía'r_te-'-di"É'que_sto nucleo d'assa1to.
'_Poiché' non intendo fare i nomi degli altri 8 brigati-
ficostruiro le varie fasi de1l'azione indicando i vari
Ei
|_'4__ -
1- _

z ;-šecfypant-i alla stessa con numeri e sulla base di grafici


_
-_ `_|"'
_|.|

'-:é-guiti dal1'ufficio e utili a descrivere i successivi mo-


,fìflentl degli uomini e dei veicoli impegnati nell azione. ' I i I I r I- 1| i I '.

f' Sul luogo de1l'azione, la mattina del 16 marzo, erano


_ -f.-'
!I'l'J'

fìlfíesenti uomini e auto disposti nel modo seguente (partendo


J .
I

jflsl 1'a parte , alta di via Fani' e scendendo verso I'incroci'o


__-~lt31e con via Stresa).
.-

4.:.
Un bierre, contraddistinto dal numero 1 (Horetti) era
a Fani con la Fiat 123 giardinetta (veicolo A) targata
iüp"su1la destra di via Fani subito dopo via Sangemini,
äifinendo da via Trionfale e con il muso o'el1'auto in dire-
-Éìnne d'el1'incroci'o con via Stresa.
I bierre numei-o_2 e 3 (Loiacono e Casinirri) erano a
áfiflo della Fiat 128 bianca (veicolo B), sulLa stessa partei
fiivia Fani, pass più avanti delia Fiat 123 targata CD.
-,I'..

La_ Fiat 128 blu (veicolo C) era posteggiata con una


..brr--' '1
-' :E' I ".
151:? '
* di.
: 1.-E'
,11
..,_¬
"-
åsona a bordo (bierre numero 1+ - Balzeraní) al -lato oppo-
'l":l.'F
_

,Ip di via Fani, superato l'incrocio con via Stresa e in di-


.i
2'.-

pzione contraria, con il muso de11'auto rivolto verso la


I-'lfiì _g"r'es.£onedi' provenienza delle auto di Moro.
-G-

fišfaltro brigatista (il numero S - Seghe-tti) era ferma in


Una quarta autovettura, la Fiat 132 blu (veicolo D) con
0 |› -u
ßF_Stresa.,parcheggiata contro mano sul lato sinistro, a
metro da11'incroc-io di via Fani, con la parte poste-
E-iš
verso l'incrocio,
1 -
pronta a portarsi- a retromarcia -
.ac-
-;-_†'
;=_.'_ _
-'5_.0_ fllla 130 di' Moro.
'__-si-_ 'I'
_ _ __1_;' . ,
:_Uno quinta autovettura (veicolo E), una A112 senza per-
.3'_ ,-hà! 1
-›..
1|
'..I ¬"
--
r.r
_-_i-g-su

I-'Â-su _
F ,_;.E--›: âa bordo, era parcheggiata in via Stresa, sul lato de-
far

*-'ooa
rn§?;ì*-dßlla strada a venti metri da via Fani, in direzione
':_".fÉ_*-§f':_;`.få:"* '_“
-|.'-.'-'__;- _
Trionfale.
_
`
._.__.__ _.-,,___ _ _ _
-_~_›-_-."._'*-'-'-
-.zie --_ ..-.¬~- .-
`,., 1- '

D ed- altri tre brigatisti, (rispettivamente i numeri


il-1.-1-ul I

-.I-,
-.-,.., -,¢_ 1"-'J
.-' 1-
' J-
9 " F-Iüre, Gallínarí, Bonísoli) eravamo dietrole sie-
_;-1 r. | . 'I' 4

"È'1--I
.-._|'
I
_ u_;
_ --__;.-_. '=-.='---
E il _; _.. -_
H'
_.."f_1r-
_
J _ |-|'
1" E
1..."-
-¦-¬-if TE-II4
:_-'. È
. , ' I"
_., L |¬_ |'I-
_.':_;.g| E1. "r_
In
It 1- He di In-¬._-"
¬.-'

. .-\. .|-,Er ._:-1'l.-.


:___ I
- .du
|._
--_†,.-:_:
;†,:,,-'-
'I,I.r.
_
1. -4-
J.-r -¬.u-
.' .'113-
_-_' '
J- .J
I _,__'_I¦ '
u- _:.

¬ --.-of -
.-
nti5t3nti†il'bar
- - _ - _
ülivetti,
_- _;_-
situato
_
a1l'incrocio
__.-_ _ _ --
tr a' '
Vla
s~-?s¢iv.ia Stfssa- "' e a s
“ *-L*azione si è'sviluppataíin“§ùešto'modo. ' ' `
É -'AP pena 'lla - Fiat ' 130 ' blu ~ con_Horo;
e * seguita da11'alfetta,
¬;mb0¢ca o via t I F
ani I
proveniente-da via Trionfale,
' J _
la Eüat
1ian¢a targata CD condotta dal bierre ru1* (Moretti), si
8553 nella carreggiata-ii si_ë diretta_yerso l'incrocio
-; Fani-via.. Sstrpesä'-†'J_ -' '
'LD -5t'es_s`o.,_'-bi_err,e ._1=__-(rfloifo-_1ƒÈ.i.)_¬;
-dopo "aver, bloccato la I
n~ DCO ;prima dello -stopff;facendbsìiÉfampbnarel dalla .Fiat
33lëguìta~da1l'a1fétta, è rimasto per qualche tempo quasi
Lg*-53113 fine _de1Ia_ sparator_i_a,-_sulla stessa a_1._1to*che si è
gflÈt3'in avanti a causa-dei ripetuti tamponamenti da par-
j få=_äe11'autista del 130, che cercava di guadagnare un pas-
- aria sulla destra, verso via Stresa
La presenza casuale di una Mini"Minor in via Fani,
fiÈä@Lü:all'altezza del1'incrocio con via Stresa, può avere
.-I'

Éjmrte contribuito ad impedire la manovra di svincolo


Eí1a 130. _
,Dopo il tamponamento della Fiat 128 targata CD da parte
,ua 130 di Moro - a sua volta tamponata dall'alfetta di
' ùüa - si è posta dietro questa, trasversalmente rispetto
"'51 strada, la 128 bianca con i bierre nn. 2 e 3 (Loiacono
.flasi'mi'rr.i), che avevano il compito di bloccare il traffico
sia Fani e rispondere entrambi ad eventuali attacchi del-
Forze di Polizias'
Nel frattempo il bierre iLJí (ßalzerani) discese dalla J' "'1-

åp_28 blu, parcheggiata daI1'aItr0 lato del1'inCroCIO, Si


il 1 Q n I 1 1 -u 1 '
i ato a centro dell incrocio di via Fani con via Stresa
bloccare il traffico proveniente dalle diverse dire-

Io e i bierre nn.7,8 e 9 (dal basso Fiore, Gallineri e-


,FOIí), portatici sulla .strada, abbiamo sparato' contro
šmomini della scorta di Moro, in modo da evitare che vef
íÈ;oolPito Aldo Moro -
,jlo ed il bierre ni? (Fiore) abbiamo sparato contro gli -Il-I.

,pr
113. a bord o d ella 130. .I bierre :ni B e E7 (ßonisoli e
iåflflfi) hanno sparato contro ;i tre uomini h
otta di scorta. _
c e erano sul- I'

_ÃFEI1'azione si sono inceppate diverse armi tra cui lo i


1*- 43 in mio possesso e 1'H12 in possesso di uno degli
ì.tre uomini (Fiore, che sperava anch'eg1i sulla 130).
* In conseguenza del1'incepPamentn della mia arma, per n-I-h1
.-|_. -ul-

( !

äfi-ai-_, ii. I-1-3 --_


_ J

fl.'-""'I;_-“'-pr-- -.|.i;.¦. I sm.


aa

1 r '

n.hoí"t_fa1,C1are gli altri. 'mi sono portato verso-' v'ìa---S.


impiegato del tempo per 'diginfieppare 1» __ .t"'_`É5a--'
EO o sono` tornato ac
“Canto alla 130 Ed . ho -sp'a_1*at0_
_ _arm'É"
alt _.-3_'-1-Dito
.
_í_ ma l auto era sia ferma. Notai che il n 1 (H _-r};`<3U~1*?._--_'
èra ancora aaaaa aaiia 128 cn. 1 bierre s a' 9 (sg:1°1*f1) aaa -
-' 15011) usarono anche le ° _ inari €-
_ Pistole in lo ~
I lnceppfifüflo anche i loro mitra -rü dotazlofig'-perQhé_

-
Nel frattempo, 11 bierr e 1 H * -
† _ -«f
-- '.. -----.-'=-__;.__-
55- al centro delliìncfflfliflf come( PDrIeEvtits1t)o' --dalirece' ddl 'Po-rtaf:-"-__--
tacco. Per äapnossiare la Balzerani nella difPiano_iLi'at_
__¢rocio.7side8 portato accanto alla 130 di Mùrò. _:5-'=`iin:.ç_11_ in* _.
.-_bäB;;
' e caricatü
e ' . . -
(sí-1101:-ide;1:a;å:1É:çÉ)Jrl;ad:ì~fle\£`ato_ ie
l'ostag:ioa<eL.
yattempo, facendo retromarcia da via straesaiat 1_32, che nei
.era afšianãata alla Fi.-ai; 1'30 di Haru a via Fani, si
opo iche, lo stesso bierre '
a,
__'¢anto _
a11'3_utista 1 H' *
(bierre n 5 __ Seghflgtííetšååte~ sallito
- ac..
«Posteriore ha presa püstü ace t a _ _re su sedile
:EL an o a Moro il bierre 7 (F10-
Caricato Moro che fu C0
- _ P t - _
ha pre-5° VE-F50 Vi-H*Stresa in ãi:r:zi::1TeuId'Pla'1d, 1-3 Flat 132
bierre 2 e 3 (Loiaoono e Casinirri) I-is ä_V}H Trionfale; i
co, che aveva nba;-I-ato Via Fani ¬dieta itilvsul 128 bi.-an-
scorta._ hanno raccolto il bierre 8 (Gai-ii' I a'lfetta- della
accodati alla Fiat 132, su cui Moro veniva Égfílå e 'si .anno
- .
Mimasto Il ferma
bierre“elia
9 (aaa.-aa1i› è s 1 - 1; :üsul_
parte jnferiírâ 128 3blu° *'18-
- che era
rivoito. verso i'incrocio non Via .stresflvla Fani con il muso
di fianco al Posto di guida. Sul sedil E ha'PI-eso Posto
frattempo risalito il bierre 4 (ßaizerania) Püstermre era nel

.E
- . (A Sêsuito di alcune '
agg,-un risultanze de* ' * - effettuati
r
_ |¬| .I

in via Fani bisogna 1 rilievi


- ge _
--
JL H-.
-"'1_..
__¬.-
|- 'II__

1'_."'r "'

'It-JH'-,i
d' + .›
._.|-
¬
¦
“Effe 3 - cioè Bonisoli' - cher: che imolffl Pfflbflbilmente il
er-
in
-_-1--
È;-__
._
" 1.' H. '_
'waftfo "avier.í", o'oPo i'incePP fa f ufitlmfl versa Iialto dei
rato con la soa pistola H-Won o ei _soo mitra ha 5 _
ìr. ._ LI

-1.
- cont f . _ P3
“E510 forse anche da Gaiiinra '1 agente Iflzglnfl ' fllfltato in
1'--M1":
_;3
__,.___E
tro lato de11I_.;1f-atta Sparanãri - e dopo ha girato da11ra1_
7'-1É;..
maãmfi
:rr '
. 1'-"'-.P
1
If'
IL
'I-::::q||-È-...lv

S-'-'Oi _occuPanti. Una volta sìiffšfifa altri CL-':1Pi_ ¢°"tf° -f


-1
"¦l''l-1*?-_ _
.-_. _ _
E
f'_-_=_-- _
_-_:-Il.--_ Prflbê'-bile che sia ritornato al '128 bi-G lata di V1-2 Fani è
a
11L'-- .
.fm Ill.
.--:'=
I I
Eoìl Essendo stati ritrovati dei bossgišåssíršgg da quel ia-
'¬ È. Ll-

. I'..
IJ.-r
E "N, e iui _ era i'on'ico ad ' ' -ca 'I 'ra_ 7'65 Para'
iflesto calibro. alla base di unavelrbe lg Vla.Fa"_1 unrarma di
_¬_- I
a ere lo sita 19 Prossimità
”if"
.Jr
1,
.
--
I-J'.--1
~ .'- 1-

_. ¬.
ua


Il.

a-'int I-I _
1 § H 1 ,
.- - 111.1* ci o

í:{_,fj.:l'_1c_Iš_q-__--'_
'CIIE SEMPIE ãbblå' £'Sp.Ã0.sa dei
E-_fl.¢JPj_ '¢';:ont-J'p_- .í_1 _teste Marini. _
Mentre si può escludere che da .Ii abbia .sparare azrri'
'íficont-ro' ,ilf mare-sc1a1_1o Leonardi. Sia perche' la linea
-mio
.HQ
:_ É. Ilfi
era' impedita dalla Hini Morris, sia perché su quella
Èffll
aljflfia
di tiro si. sarebbero trovati Moretti, Fiore e Seghetti
;___.__fi_E_5{_3vano-..cariç:ando- Moro sulla 132).
I
|

'a.'
r
.-
_ rh-
:___ç_ ,_ _ _ . . _ _
Li-p_:. _ - _ I _

='=.-;;-_;~,_....-f--__'--1-nia-ye_\{-11_†.J;1_:c_omp;_to,--una vo1ta_ sparato contro la scorta


*š§Éf_«l-ìå--'f13ü` d'i_'-'Mo'}o," di- prendere le borse di Moro dal1'auto,
e -
si .J
.J-
hg eseguito questa operazione con un certo ritardo r1-
aid?-ëtt_9_---al;-pr_e.v1-e-to_._ E_' accaduto infatti che, subito dopo
,inizio de:1l'azl1oine - o meglio subito dopo ehe_ gli ,agenti
|..
se
I. E H
*1 0 stati uccisi - ho provato i un 1
senso di i .
confusione che
:-

_å;__Ii ha fatto perdere per alcun.: momenti la cognizione del


.In .._

_
._ -I||'¬
fa '
_,..'I'l
11 -
J
_' Pg, e mi ha fatto muovere sul luogo dell azione
1
senza
_ JH ' - I: ii! Il
_ -_ -_
eseguirecon
1
la necessaria
I
rapidita
1 ø 1.
J.u compiti che mi erano
i-stati affidati.
r.-' '
_____,-
Il .I I

-¬›-.'-1'J:.'\.1¦
ai
É” Rammento che fui ridestato da questo stato di confu-
_.: °| .
,'..
'Tione
iii dal richiamo di uno dei bierre occupanti la 128 bianca
WfÈi6'allinari)†,-I
.c1._I.-f
I.
-|
che mi esortò a muovermi, poiché la 132 con
era già andata via e altrettanto stavano facendo loro
.,.

§ÉÈ_.(6a11inari, Loiacono e Casimirri) con la 128 di scorta, men*


*F›-=š§";;e io ero rimasto li in mezzo alla strada.
A questo punto mi sono portato presso il 130 di Mono
Eëf-1
q,'. .

'prelevando
. L
due
b
borse del-'
.
Presidente della Democrazia Crif '
šäetiana. e orse_erano in pelle e sono state portate da me
Fai.-..sulla 128 blu, d1 cui presi la guida. Ho imboccato via
"Stresa, ponendomi al seguito delle altre due autovetture (ia
Fiat 13.2, con Horn, in testa e la Fiat !28), da cui ero di-
fi;;;-Lstaccato di circa 50 metri.
Il
. .
I D

ff (Il piano originale prevedeva invece che la 123 blu aa-


|-I-.-.

r--'--
šebbe dovuta essere la macchina di testa delle tre ed aprire
;._
Ji Strada alla
¢._'..*'_-":_.|¬'_..F.ri
-_¦*-
132 con Moro, seguita dalla 128 bianca in co-
._a'Ha
.f--.-.W'-..I2¬;I:-.L
. ~iÉâ
|';_
Pèrtura posteriore.
_.1_.__.-_:_L'
' La perdita di tempo in via Fani ha fat-
invece ai che la 128 sia stata .[.'u.ltima auto a lasciare
ai.h;1- !R_t:} lflflao, recuperando
I
poi la sua
,
posizione
_ '
di apriatrada I
-{° P000 prima che le macchine si immettesaero au via
Éj§,..f10flfale) .
T'57Ö' .'31-1_f
T* D.R.: Nessuna
F. Honda o altra moto di questo tipe, e dj
È?-f ste
hl.
qual ' ' I IL › .
;1flf1_a1t:ro tipo, e stata impiegata _
ne11'az1on'e. Il tc-
J'

;:;} . arini si e s1curamente sbagliato. (Nessuna moto è" pe..


rÉ-§-f-
FE'
`l| -1

|-

1.1

1|
¬¬a..:='-,
.*.*¦
.'›.-
. .
:f-1_-

im-`=`
-nn
I .
|

32
0 passata per i'incrocio fino a che:nü@'êÉparfjtaj1Jg1a Q
- mabühina, cioe la 128_bio,;oitima dopo;cheTgiá-le altre -
€351- grano allontanare'.-_' Una- mpt__ocic.ie_t-ra.-puo.-anche essere
€_ 3,3 successivamente, ma _ non -era delle 'Brigate -.Rosse -e'
I ¢3pisce il motivo per cui i suoi occupanti avrebbero
3* 5 arare ai Marini). - -
iãí«vf° P '
_. Noi quattro, ,c_h`e_'_-'er_ava_,mo _Jd_1gt_1__'__p__¢__la_1_s_ie3pe_d_i-via__ _
antistante 11- Bar- 01_.1`vett1_,_ _i_ndošsa_vamo~'-.fi`m_pe'-r'ìfi`e'a'bi1i.*_'
all* '
-,.--ácquistati in diversi magazzini della Standa (uno presso
,ande di via Chiabrera' dove __si. trovava_una___o*eiie__,basi___
rfatjve della coionna_ romana).._ ' I'--gradi da tenente -e' da
_.-*tano erano stati acquistati in un negozio di viale Giu-
ä_-Cesare. nei pressi della scuola Allievi Carabinieri, da
ìi"`Pflf5°?“E"* . . . . _ . _
.La borsa made 111 Germany, poi lasciata si terra in via
ß era stata acquistata da me in via di Porta Castello a
la in un piccolo negozio di fronte al cinema. La striscia
TALIA che si notava incollate sulla borsa, è stata ri-
ìliata da una borsa di tela ALITALIA in vendita in molti
ifozi. Il fondo della striscia ritagliato dalla borsa di
Ia è stato da me annerito con dell'inchiostro, poichéda
fga di cuoio "made in Germany" era nera, mentre quella di
à-era blu. _ __
,~ Parimenti è stato dipinto da me il rosso e il verde cheƒui
vede sulla A della scritta ALITALIA. Nella borsa era cu-
o lo F.N.A. ú3 in mio possesso.

Qggggga: Quando sono state lasciate in via Licinio Cal-


le auto utilizzate dalle Brigate Rosse per 1'operazione I

gia Fani?
rš_'.'.1-.B_i__§posta: Tutte e tre le auto sono stato parcheggiate
___via Licinio Calvo la stessa mattina del 16 marzo, nello
:io di tempo di circa venti minuti dopo 1'azione di via
1'. (E Cioè tra le 9,10 e le 9,30). La 132 È stata par-
Sßiata da Fiore subito dopo che era stato effettuato il
s šordo di Moro sul furgone 350 in piazza Madonna del Ce- |:

o o.

[Q____,________
EJ E È! ¦-1 Q- il Come venne finanziata l'operazione di via

ßååkåååëi Con danaro proveniente dal sequestro Costa. <


-_;-.Un1c1 fondi di cui disponevano le Brigate Rosse erano
GPUC-H i soldi provenienti dal sequestro Costa che ven- 1-l|.n-1Hn.-:son1- I -'I -I |

"''|"'|*'F"-lI'-nIH- l-Il.-|-- .-_-|,_.

st

33 i
- H-

¬.
¬.
ä 1'.

'-un-ibuiti tra le quattro colonne. Il potere ai ai--"


|' "-¦'.
I' - 4
.I"'
..tn of
0 d' 15dßl d E naro 1 ovunque questo
_ _
fosse custodito,
_
spettava
'Uffa to esecutivo che lo amministrava tramite 1'approva-
É?-'gmíta . . . . . .
;'_;;1'c dei bilanci trimestrali presentati delle colonne e dei
n..

iflne i nazional i ° _ . . _
š,1_ff_Pflt- L'azi'one Moro, essendo azione centrale (cioe rignar
ta? '
le Brigate Rosse nel loro comp 1 e sso , cosi -comeera -già-,
šãflßfitã per Sossi, per Coco, per il sequestro Costa), sottojla
“Stat
äir r
esponsabilità
_ ,
del
,.
comitato
,. 1.
esecutivo,
s
fu anche
1
fi--_
ii! *I 1-ate con i fondi a , d ispo sizione
. .
del
-
comitato esecutivo.
. del-
filling- Il E osto del1'_azione di via Fani, escluso -il costo
3;-tamento di' '
via Mon t a .lcini . gia in dotazione delle-
'-Iipp Rosse puo farsi ammontare a circa 700.000 lire.
fißfite ' . .
so 1-ísulta in parte da l bi 3 lietto da me scritto e ritro-
gita in via Gradoli, intestato Fritz. (In questo biglietto
dia
É 0
-
flportate le spese e ff e ttuate
. . .
per le sirene,
.
le tron-
Han b .rse gli impermeabili, i berretti etc.).
Éécbfis-i' le U I'
EEL'

"FT
I-Il ~ pouanga: Che cosa significa "Fritz"?_
venzionale di_ aldo Moro
È- fiìššogågi Fritz era il nome con
gfìsato ne11'ambito di col_oro che si occupavano dell'operazio-
, del sequestro . " Fritz
' " era un a trasformazione di "froz-
'ß che si riferiva al ciuffo di capelli bianchi che carat-
fb rizzava
'IHfb la capigliatura di Moro.
*-an' E
aP1'i-ä't“H†-1"*-a`,3ä`*f=a.=.':=a:ba › . Domanda I-I
Come e da chi furono acquistate le radio rin-
venute in via Gradoli?
Ri_s_p__os_t_a: Le radio furono acquistate, da me prima del
__” io inflšreslso -nelle Brigate Rosse, in' ' di rodotti
un negozio p
'
radio, '
in
':_.
cui` erano i'n libera vendita in quanto operanti
.|',
|

“..1i'-
fiwwafiwmsulla frequenza CB (citizen band) 27,750 Mhz. Erano radio
E.-.
È.

della potenza di 5 watt da applicare su auto. L

seas_;rato dal
(Tutto l'oceorrente per l'azione di via Fani fu procu-
logistico di colonna, quindi da me, con 1'aiuto
I-della Faranda. Dalle sirene usatersulle auto, ai fregi ed
ël'
¬ berretti r le borse, gli impermeabili, le tronchesi usate
¬.J
.in via Casale de Bustis. Come riportato nel fogliettino
É,-=' Z5

È; “E112 s P ese ritrovato in via Gradoli tutte le spese furono


'TWflfflssiate
È ' .da me che presentai'- poi' i'l t o tale a Moretti , es-
“'51”-'flfl'o't
_ U E le s P ese per .Nazione di via Fani a carico del
tt
Comitato esecutivo. Cosi come sempre io acquista.: le due
Éradifl ricetrasmittenti che ll'ini'zio si voleva usare per
1
J
Sfisnalare l'arrivo di Moro a. nucleo disposto in via Fani.
r
|
'ff

1
Hu-

+- -Z1
,_ _
| .
1.
-1,, 1
|

¬_.-'¬.
-__|_

Non-;_fu ri_ç_b_iest0_-___=.a_cI1uisto di nessun sistema telev.


' ff-'-Q',-__;1" f_,;,'- 5h}.,__'-1*--_ _* -- - - _ _ ___
._,__,____e _(-'_ . ___¬5_':[-_,_- -'fé-PP_ure_l_'gcquisto fosse st,-gf d
I-__;-' __~'_fl-d 31fF_I~., E 'c~_1fl- '* . - . D E*
_”-d;€I_ _ ._ _
- -- to _ ta Han
---nnmunque-. eff-ettua da_ E'pfl5S'lb11ef
me
_ e da.
- Mar la _ Prova
_ etti, sar E bb e
responsabili
'fa' . - '--'..-f - -- _
ita -›5t1'ci del.-I _ 'az_ione~. _ _ -~
.____-'-_;_¦ - --
______1_fli [1 solo apparecchio del genere in possesso _ delle 5
di pezzi fondame n t ari-
H'. .' . _

Ross-8__9{3_.__f'{'3_-;-telåsamera ,mancante 1.i


n. -_
-_ ._

-
_-1_funzionamento _ _ ._ __ _ . .
ritrovata in via Gradoli - non pot
eva
Èiešfiefle giu£?d7,fìç0-nl?ç?99'Éa-iqfåg-?qç¢_-Il;-H_ Vi-a_ Montalcini - che era
-I' avenfi-0 _ d1_`UH __f-I-_I1`t0 avvenn.to'ì_anni Ip,-1',,}a)_ -
1. _ -

_ .
-_____3
-Le armi usate-un in
__dotazi0I1§2_;_ via
-M12 Fani erano
___(Fin_r,9); ' _ una le
_-13245 ((_.a.11____a_____)
seguenti. u
° n F¢›N»A,
111. l __ - ._ __
1trO__F.N.A. (Boni-soli) e“un 'HAB'38/42
` (Moretti) ehe non
È ha
1111

JÈP arßfü-
______nO - Oltre i mitra,_ i vari
1e pistole_automatiche componenti
in dotazione del'nu¢1,.-,Q
personale' una avSaw E1

39 Galli-fIa.r-Ip
_ _ che
_ ha sparata dei uina Beretta

__-a1_7,65 (di Bonisoli, che ha ancn'essa sparato dei Gfllpi) E


Browning HP (di Horetti, Horus-ci e Fiore Pistole 1-
"jap non hanno sparato). - ones e
Altre armi portate dei res _
fa E '
a ndo, ma non usate (Cioè che Han _':_____-:__ componenti del com-
fu elle automatico cal.30 M1 ,___ la Cz Sküfipfãârëtëš. eranoun
1 nvenute in viale Giulio Casa,-E ( ,_ _ ¬.› . entrambe
all arresto mio e dg;
_alranda) ed in dotazione ris ' la
Pcttivamente a1'n 3 (Loi-H cono,
b _e era sulla _
128 e- copriva la
: ¬ +
parte superiore di vis Fani
íhe
_ era _ in via Fani
_ sub't
i o n'ietro l'alfetta della polizia, É ~>
n h (flalzeranl) che ETH H1 centro dell inc rDC1U.

1-

"I

-T-l¬.

_- ss
-IlI1|||3,,,- _ -_ -
'F -I _
ífi
_ 4
_ .¦.I;-
f ._E§:*
__... -_
. ___?-_¦'|'š:
.__._ ._ __.

_¦.F,r|-
._;1_ .-._ _- _
*I 1' -

.5-*I

“fr
¬l-:'-__.-f..,___
'-

\__
¬' -rr -Ik' _ _

"1 il _r__ifl slots __-11 ssessatta - _


Hi
'-I
.I
É.
_ ls- UL
. _ ._ _ __-_ ___ _ ___ _ _

L'1tinerario compiuto dopo 1'azione di via Pani è stato


.I 5
Eguente :
le tre auto
_
(132 con _ Moro, 128 _ bianca
__
e_ !2S
_ hanno percorso di concerto via ___Str.e_sa___f_ino __;a _p__ia_z_za__
I
n_____ Gaudio ed. hanno imboccatovia .TriIon`fa1e`percorIrend_ola
_' -I -I _ _

§ofi -I ' - `I_If_` + ¬i¬-'=._ ..?._`


-gffifl il ICeIntrUI '.. ._ __ ._ _ -"'I'II_ --T I'- :“.__II*_
01trepassato largo Gervinia,_ hanno _svoltato›1muf-via
proseguendo ¬per via Casale _de_ Bustis, ove un bierre,
sili
5,; dalla 132 blu (Horetti)- ha tr-anciato -_l_a catenaj- che__
E i 1 i. l " -I _

If o C .Cava il cancelletto ivi esistente. ' _

D.R.: Ogni auto era dotata di una tronchese. (Si era


gr esisto, che per un qualsiasi motiv__o, ognuna delle tre auto
s rebbe potuta arrivare per prima, o da sola, in via de Bu-
È 1-5, Infatti la l'28 blu che _ guidava il gruppo
_ fu superata
_
-ajje altre per un errore di manovra nell'imbocco di via
E111', cosi al cancello arrivò per prima l'auto che la se-
ujvn, cioe la 132 con Moro). _

Le tre auto hanno quindi proseguito per via Hassini.


l 1|. s . s 1 1 1 s
1 laltezza dell incrocio tra via Massimi e via Bitossi,
uno sceso dal 128 bl u, alla cu'1 g ui'd a si' È post o i1__;'L_.,_9
E _ _ _ _ _
onisoli),_e mi sono avviato, con le borse prese sull'aut'o
i Horn, verso un autofurgone grigio chiaro parcheggiato
e lla stessa via Bitossi, poco prima de1l'angolo con via
e rnardini. Nel frattempo le tre macchine (132, 128 bianca
128 blu), hanno proseguito verso via Serrante. Sulla si*
i stra di via Massimi era parcheggiata una Dvane azzurra
e nza alcuna persona a bordo.
(La 132 si É fermata accanto ai Dyane e ne è sceso
I
autista, Seghetti, che si ê posto alla guida del Dyane),
h e ha poi seguito la 132 (alla cui guida si era posto Ho-
e tti) fino a piazza Hadonna del Cenacolo.
Nel frattempo il 128 bianco con i bierre 2,3 e 8 (Lois-
o flfl. Casimirri_e Gallinari) ed il 128 blu con i bierre á e
(Bonisoli e Balaerani) si sono portati in via Licinio Gal'-
J - ove hanno abbandonato le auto, allontanandosi a piedi
i É 1o_scala sottostante ,che conduceva a viale delle Meda-
I ifi 5 Oro-piazza Belsito.

__ À piazza Madonna del Cenacolo, ove era previsto che av-


-Disse il trasbordo di Moro dal 132 al furgone, sono giunti

36
; I I

__ *--|I- -I.-I

'i

-T

-"-'.
Pv
__.
la 132 con a bordo Moro (guidato da Moretti' e-con a
.3__-.__-ár-,C11-_g _I-"1"ore che era rimasto fin o'a1.l'1`n.izio_v1'c.ino a
ȧg?;"-'e'--5-ubito dopo la Dvane (con a bordo il solo Seghet-

}fl_Qué5te-macchine-sono state portate nella rientranza Sul


destro della piazza, in direzíQ_!1§___<}';ÈH,_XÃ..ê.__.-_Milli!IÉD..s_io, il
_Blš°aYan1_;i alla l)yane._ Subito dopo, è giunto l'autofurgone
__E_.da't;_ó'*da me, proveniente da via Bitossi-via Bernardini.
|_._§_1.P_íazza_ 1›ia__çlonna del Cenacolo mi sono disposto a fianco
--fí1'a':_":_l32,;"nello stesso senso di marcia, dalla parte sini-
-£ ándeli 'aUto,- quella ove era stato spostato Moro.
_tf Tra l'autofurgone e la 132 c'era un metro e mezzo di
iifgšš-nza_"` Il trasbordo è stato eseguito dal bierre n.1 (Ho-
ittj) e dal bierre n.7 (Fiore) sceso dal 132.* Io mi sono
' Q nello spazio tra il furgone e la 132, nella parte an-
Posiore dei due veicoli. Il n.7 e il n.1 (Fiore e Moretti)
I'
:nno caricato Moro ,che era ricoperto. con un plaid, dallo
,91-teilo laterale del furgone, nell'interno del furgone e
5:11 dentro una cassa di legno, fatta costruire apposita-
'd
*ante e li disposta.
V La cassa, di un metro e venti circa per un metro, è
gfata poi chiusa con dei ganci a scatto. La cassa aveva dei
fori per la respirazione.

D.R Piazza_Madonna del Cenacolo fu scelta per l'operg†


Éione di trasbordo poiché era frequentata pochissimo ed era
uori zona rispetto alla via di fuga; quale poteva essere
prevista dalla polizia, stante il depistamento di via de
ustis. Per evitare che l'operazione di trasbordo potesse
_ssere percepita da eventuali passanti, il Dyane fu posto
osteriormente al 132 ed al furgone, tra i due veicoli, in
odo da coprire lo spazio tra questi esistente. Per impedi-
_e ulteriormente la vista ai passanti e agli inquilini degli
tabili della piazza, io mi posi tra il furgone e la 132 sul
§ID anteriore. Da questa parte la percezione del trasbordo
fa impedita anche dallo sportello aperto della 132.

Il bierre n.7 (fiore) si è quindi posto alla guida del-


___.-132 ormai vuota ed è andato in via Licinio Calvo, se-
._F_THí0. subito dopo aver lasciato la macchina, la via di
Éillfliamento già seguita dagli altri, cioè le scalette che
.flrqtavanu in via delle Medaglie a'o1-D.
åà_ Qui i bierre provenienti da altre colonne (cioè Fiore E
qmsfllí), si sono liberati in una toilette di un bar di

in-11 _- _ _'
_; .

"
¬___r ...-

§"de11ë Hedaglie*üd'0rPfcdeiaggiubbeiri,-antiproietti1e,
a.mPefmeabilìi Qui erano già state Ioite'infauto_1e mo-
ficfie erano'appljcateippnmautomatici, e delle borse con
E cm1segn_ando- il _-tutto-'agli 'altri-'della' 'colonna ro-
Fã' fjpiegati (cioè Balzerani, 'Casimirri e Loiaoono.
Ãliggllinari si era subito allontanato per raggiungere
êfit31¢jni)};fÉ$uccessivamente.~presero.il -primo autobus
to-ållavsçnziong_@ergini;;§q;_rientrare immediatamente
bittà di provenien-za*--"`_(-Tori.nä'>pe§i=7--=-:11*i-or_ef-_-†e---'Milano per
01i)- _ _ ' *' ' '

f.fiI1'i bierre n.1_,: *daga -11,*rf.sa~sbdrfa†a';-aisenza -inpiazza Ma-


f_de1 Cenacolo, si è posto alla guida del furgone, sul
suon ¢'era altri che Moro chiuso nella cassa. Io e il
segfietti) ci siamo posti sul Dyane. I due veicoli han-
mpiuto un lungo e tortuoso percorso fino a giungere al-
_anda di via dei Colli Portuensi, impiegando oltre 20
i da piazza Madonna del Cenacolo.
fNe1 parcheggio sotto la Standa, 1'autofurgone 850 Fiat
›1ore bianco-grigio con a bordo Moro È rimasto fermo
3 quando, verosimilmente, non è avvenuto l'ultimo trae
0 di Moro su altra auto che ha poi condotto l'ostaggio
uogo ove fu tenuto in sequestro per tutti i 55 giorni.
1'altro occupante del Dyane ci siamo allontanati prima
ultimo trasbordo, una volta verificato che nel parchege
utto era tranquillo, e non abbiamo visto su quale auto
to caricato Moro, per motivi di compartimentazione.
È...
,_

}(Non é stata vista 1'auto però si sapeva che nei mesi


denti era stata acquistata' un'auto - sempre con fondi
pmitato' esecutivo - per Laura Braghetti. Si trattava
afflitroen Ami_3 Break di colore beige munita di portel-
7"_p'osteriore.-'- Cioè del tipo idoneo a trasportare una
ššenza pur tuttavia dare troppo ne1l'occhio). _
._.-; J'. -
..Q

ID-R.: Non ho mai conosciuto la prigione di Moro.


"._l"Q.|--3 '
ÈTI'.-I” .- `. _ .
.;_;..

à$Questa affermazione e vera in relazione ad una cono- 1 \ 1 1- '

ggdrretta della casa o della sua abitazione. E' pero


-Vero che sia verso i'estate del 197? Moretti comunico
direzione della colonna romana che occorreva reperire
,ffistanome per l'aoquisto -di strutture de11'organiz-
n
__._e ífl investimento del ricavato dei sequestro Costa,
Hiflfii nel1'apriie di que11'anno.
_..- _
'
L-""':“ _'.
r. _
.TL .
H .
I-1;,
- .,.
I".
E3, -'
I _I'
1 "
. __'|'
'I-U
'I JJ!
u- ' -
.'-ui..-'
1-u
H-

lnim.a-. .- ._l . LISI 1


_ _ 1
_ I H '

Un prestanome fu reperito e destinato


' all I'acquisto.Hi
~ -_-a

Pa rtamento che doveva _ essere utilizzato


_ per
- la redazin#'f;
ag un progettato giornale delle Brigate Rosse_f Un}altrn.i
dl _ _
,sf gnome
_ passo` invece
' _ direttamente
_ sotto il controllo_ _ d_i'= __
ti per la gestione di una struttura strategica che si
-fe
Eva ' _ _ _ _
I _
essere la prigione per un _
sequestro__'_ _ Chi__ __
aveva
_
repe-
_
al .1 l Pf estanome era Segnetti e non era difficile ar'gu'ire' '
pu re le regole formali della compartimentazione impe ij h
1 L, domande
_ e/o conferme - che si trattava -¬ di _ Laura
, é Bra-
- ' '
åtfl' _ _ _ . -
' Ne ll 'estate del 1978, poi , la direzione- della colonna
_ _
ana fu investita di un problema riguardante lla Bragbet i,
d Polizia _ C _ _ .F p
E U che costei _ _ era stata oggetto
_ di un control o * i
__ aspettativa
_
Ego l ' ufficio dal q uale si era posta in d3
' one ci .fu detto
i ma ancora _ del sequestro
p ' _ .In quell occasi
tti che la Bragbetti andava assolutamente protetta
r Hore _ _ _'
ghé coinvolta in una grossa operazione e non doveva asso-
teme nte essere arrestata _ Successivamente, a n che se ai
gine delle riunioni d e il a direzione della colonna romana
il l . -I 1- I I. I 1

r etti e Gallinari parlarono della necessita di togliere un


mezzo e fare altmu. lavori in iui appartamento dell orga-
E I r- I I'

zzazione_ All ' epoca l ' unico


' appar t amen to delle Brigate
sse a Roma non _ conosciuto dagli altri poteva essere sol-
nto quello della Braghetti_) nf'
¬.

D.R.: Se non ricordo male, l'autofui-gone con cui fu


` 'azza S_Cosimato_
esportato Horo era stato rubato in pi

S' Io e il rnßi (Seghetti) ci siamo portati.-.a bordo del


? ne che aveva scortato il
' furgone con Moro fino
' allo Stan ' '
r di via dei Colli Portuensi - in viale Trastevere,V dopo
t 1-
per percorso tutta la via dei Colli Portuensi, via 1 e
ia 'I Porta S_Pancrazio e via Garibaldi fino a viale Traste-
|.
I

IE, ove io sono sceso, mentre il bierre 5 parcheggiava


åuto in zona.
r.
M".
*_
_
furono prese
ii D.R.: Le borse prelevate dal 130 di Moro,
1_fiünSegna
l'
dal . < Moretti),
n 1 *
.
che guido
_
* ~ il
' furgone da piaz-
ij-Hadonna del Cenacolo a via dei._ Colli- Portuensi_ Non ho
l *tv il contenuto delle borse, né ho più visto le borse
ÈRU il 16 marzo.

ì' D_R __' . Seppi' in


'_ seguito,
_
' da
_
uno dei componenti del 1 comi
FU esecutivo
Tr'¬\.._
L.._ ,- _
(Moretti), che in una delle due borse c erano
I 1

1i':;-_- I

___' -¬.
¦ "¬-¬_fl
r.,71'.-' LT _

'DJ 'HD
Q1-

z_ ""F-"il
-J""'
_ “|
1
3-H'-

_ ._-_ g--,¢1ne- e__ nell'a1tra


_ alcuni documen i i Horo,
Iífm
__- ' tto di-unificazione tra le Forze di Poliz
§”' .direzione
__¬;1__ ._ della colonna romana, da parte del membro
*J tato
_'-mi
1'
esecutivo (sempre Moretti) che questo era uno
.F*:.cumen1;1 piu rilevanti Da cio, stante la sua scarsa
*Hd
za deducemmo che gli altri documenti di Horo non
E ___
Yang-esse
a -' re particolarmente importanti
._ __ __ _ _ _'. _n_ ___ _ __ _ _

_§1ì>purcorso.tra_via Fani_e via dei Colli


_-
? -_ i
ortuensi e P

3; sìmdiato, a vari spezzoni, da tutti 1 componenti della


~unE di colonna romana L'u1timo tratto di questo tra-
z1_ _ - - -
Épèra a conoscenza solo dei tre brigatist- che lo avreb-
ÈP
Efcorso il 16 marzo (cioe io, Moretti, S rbetti)
-ln

ifD_p_- Il percorso da via dei Colli Portuensi al luogo


h'¢ümg prigione era conosciuto solo da pochissimi, che
ìml momento in poi, cioe dal momento del nostro defini-
sggnciamento, avrebbero avuto contatti diretti con Ho-

(Contatti diretti nel senso che lo avrebbero visto e lo


Lbbero custodito, non nel senso che con lui avrebbero
gin. Questo compito spettava di certo solo a Moretti
era 1 unico inc aricato dal comitato esecutivo ad inter-
zƒe Moro)
_: _

_Tutto il percorso fu studiato in funzione di evitare i


edibili blocchi che sarebbero stati attuati, dopo 1 at
p del 16 marzo, sulle principali vie di scorrimento del
fico
r

L
_-D.R __Sono in grado di ricostruire il percorso da via
*alla Standa di via dei Colli Portuensi e sono disposto
r1o_

»¬._

_.-¬_' _|;

=-.
I. _. Il
-':"-'
., ,--
.-
.._ |
.,-
s-._
r
|-_.

_,....

/gi_,_,__,-_;;__;';___g_1__e_li__§,_¢_1ui=;_§__g 1 ' '“_` "j __-ff


I ii ù ,I _- ,_ _
0 E Adriana Faranda ricevemmo l'incar1co,` a respan_
E del comitato esecutivo con il quale eravamo in con-
Moretti) di far pervenire ai giornali, scelti da noi
1 comunicati
E tterg _. emessi
_ _ durante
_ il 'L sequestro, con.:i senza
e i messaggi di Mornf? ij _i,_&_*¢5wg_;;_;,q_:
Dgvevamo, inoltre, provvedere.gall'-inv'i_o'*__=de'l'1fe:_'1l'etft'eji';e`
'ro ai destinatari, sia di quelle che il comítato*esecu-
O
riteneva di :uni rendere pubbliche, sia di_ quelle che
CE si decideva di far pervenire-ai giorna1i;o 5 ' -7*
j:-11 delicato incarico di inoltrare i comunicati e le
e fa venne affidato a noi in considerazione della nostra
rienza, della nostra insistenza, della nostra conoscenza
3' situazione romana, della nostra collocazione
'ambito della colonna.
E Credo
_ opportuno precisare
_ che la gestione del sequestro
clusivamente a carico del comitato esecutivo, dei mili-
1' delle Brigate Rosse che tenevano in custodia Moro
è soltanto Moretti e Gallinari) e di noi due che ci oc-
amo dell'inoltro dei messaggi.

i Io e Faranda provvedevamo alla consegna dei comunicati


lle lettere di Moro affidateci in consegna. Il problemÉ`
quello rtl far' arrivare i. comunicati ai. giornali =e le
ere ai. destinatari prima cflua intervenisse la lPolizia.
comportava la scelta di un posto idoneo e sicuro, tro-
Ãil quale ci allontanavamo mantenendoci comunque nei pa-
i. Subito dopo telefonavamo alla redazione del giornale
_ra stato
'E scelto assieme al responsabile del comitato
itivo. _ _
Il posto doveva essere scelto nelle vicinanze del gior-
___Por dare la possibilità al redattore di prelevare- la
Ilflon il comunicato, di arrivare sul posto, prima della
_!-la, se questa fosse venuta conoscenza del nostro mes-
F0 tramite le intercettazioni telefoniche. I
QPiù complessa era la trasmissione delle lettere, poiché
la avveniva sempre tramite una delle persone indicate da
3 Moretti, che ci mostrava i-ndirizzi e telefoni diret-
1rffi dalla agendina di Moro, e cioè Don Hennini, Tritto e
L Fvmunicando ad uno di loro di volta in volta, tramite
È*'~É*"°› il luogo 'dove potevano rinvenire la busta con'le
I
.I`E_ -

._

a-
-;== '-
å1
_.
l.,TI- _
.ih-
- 1. _

_* .`l "-
.- _-._
.--su --
a- fa-_ -
.IV
=...¬1-- 'l`J_¬
-_ - __. _ _
.lai _¦_| - _
JJ* ..'..
_t,_ _ _-._' _' _
`;': _.H~._F1- ,_.r"l.' ' -
-mr_ '_'
:-È \. _ _|. ._ _
=-12:12-É'1.; _. _¦;_..
"'.-,1'I\.!'_ ""'- -
' I - -"I-_I mu-L
Ifi.|.' r
--.I s _
._ :.ì._ _
. ' ".'_" _ I I
..~'*':'} -
..fl'.' ' .

::_-_.
|.?..I-
|.._.
.-_..
'..
_..

'|

(I H rea 1:*a ci' f u ano s e un ' altra persona ' che svolse per '
5013 volta - per questo non fu ricordato a1'momento _

ggnaverbalizzazione
- -
alla famiglia de lettere di Moro Cioè l'avvo-
- il
11... ruolo ch.
-intermediario
_ per la'

pm-tuna, sia allievo di Moro, il quale si incarico di


are un plico di lettere verso le undici di sera presso
I'
h,›,;_,5¢o di piazza deli Esedra, dopo che invano avevamo -- e O f ; -

-
ato - fino a quell r ora per noi estremamente tarda e' -_
,ü10S3_- una delle altre persone.) '

'De11e lettere scritte da Moro , alcu ne venivano mandate ;


givamente ai destinatari - senza cioè che fosse mandata
, tocgpia _ 1 giornali - altre , se rit enu t e d a 1 comitato
l I . . 4| I I O

1 tivo politicamente importanti e tali da "smascherare la


,razia Cristiana agli occhi del proletariato", venivano
,te in copia ai giornali per la pubblicazione (accompa-
ge c'era, da un comunicato, altrimenti da sole) ed in
nale ai destinatari.
Per gli spostamenti in città, al fine di collocare le
.re e i comunicati, noi ci servivamo sempre di autobus.
U impiegavamo giornate intere per la scelta di punti
i in cui collocare le lettere. Provvedevamo anche a
opiare le lettere in originale di Aldo Moro prima del-
ltro, consegnando poi 11: fotocopie al responsabile del
ato esecutivo (Moretti) al primo appuntamento dei giof:}
ccessivi. _
Non ci sono stati altri bierre incaricati, oltre me e
da 1 per la consegna dei comunicati e delle lettere. A
qualche altro militante fu incaricato di far ritrovare
copie dei comunicati ad altri quotidiani e ad emit-
_radio private (Radio Onda Rossa e Radio Proletaria cui
ano fatti rinvenire solitamente da Seghetti). .
Ripeto che le Brigate Rosse non avevano alcun tramite
s o da noi per far pervenire le lettere di Moro alla fa-
a 0 agli altri destinatari dei messaggi.
'Yenendo ai singoli comunicati emessi durante il seque- *C
ricordo che iJ. 17 marzo, di pomeriggio,'rícevemmo da
IC -1) il '
comunicato n.1 che deponemmo poco tempo dopo
D.n
macchina 'I'
fotocopiatrice che si trovava nel sottopas-
fii largo Argentina.
_-ãlfbìto dopo telefonammo alla redazione del Messaggero
icare il punto in cui era collocata la busta
fl comuni-
mâitresi che La busta conteneva una foto di Aldo Moro.
e› Contrariamente a quanto ci aspettavamo, la mattina

I
|¦ | L.
_.-I n
42
.C

il ¬ì- í|í-11 eq-I __


É_
-I' I I
_ «Ii-_,.
_"f2' ,. I
' JE---1?:Ha-
.

. IL' '
_
'I -'I
'I
*'-*J-.-. .
.
-ra'-_',
1'-'-' - '
..pv-___
._ 'L I

' - _\-"5..`.!__ ,.-


iiáarao Hoflaleesemmoesuitfiessagsotfl_ilfltesto del comu~
_1_'B __Te1_e'_§onaIanio__--___nuoífanie¬nte al-la 'redazione del Messag-
'fi“'åQqfia1e cbiedemmo come mai non fosse stato pubbli-
;Qi cflmuñicatd n.1{s-Ricordo che io chiesi espressamente
fi-áagg non fosse stato imposto ai giornali il black-out
â-nfltìzlejii l .; 1 - __g_--_ _ -. - _ . .
i_infu=r1sposto†che_non si trattava di questo ma di al-
_ lhfgtti il pomeriggio del_l].i giornalisti erano arri-
_:†__.;'n.é'1 $n1:t_dpa.ss'-a'g'g.{:o"'-`.diT=_-lar--'g”o._-Ar.g'eriti_na'ma non avevano
äjü"jJj'comunicato; 'Ripetei, che il- comunicato n.1 si I
ga-sopra la macchina fotocopiatrice di detto,sottopas-
?* E jnella volta la bnsra.fu trovata ed il comunicato
1ca¢g'assieme alla foto di Moro. _
l;Tutti i comunicati emessi dalle Brigate Rosse durante
,maestro Moro, ci vennero dati da (Moretti). Il conte-
dei comunicati veniva espresso esclusivamente dal comi-
iesecutivo, nel cui ambito veniva discusso a Firenze, in
fimesso a disposizione dal comitato rivoluzionario to-

UI comunicati dati ai giornali, in qualunque città ve-


éro diffusi dalle Brigate Rosse, provenivano tutti dalla
gg macchina da scrivere e dallo stesso ciclostile che
g a Firenze. E' cui tener' presente, peraltro, che il
comunicato, a differenza dei successivi, venne sicura-
preparato prima del sequestro e battuto a macchina a"`
'subito dopo questo. (Comunque, anche se il comitato
utivo non aveva preventivamente discusso il testo esatto
volantino, ne aveva stilato una scaletta alla quale si
bbe dovuto attenere Moretti). _
"isarebbe stato impossibile agire diversamenten poiché
udere il testo del comunicato da una riunione del comi-
ffesecutivo , successiva al sequestro, avrebbe richiesto
iiillünghi, incompatibili con 1'esigenza di inviare il co-
Èfto subito dopo il sequestro Moro. .
__ - - .

_ Fl

al 'I r 0 I -n -u
(Sia perche fosse chiaro da subito che Moro era prigio-
,delle Brigate Rosse, impedendo cosi la formulazione di
._*9-F-i_ che avrebberopotuto radicarsi e nuocere all'esito
tico dell'operazione, sia perché bisognava dimostrare
t0 che Moro era vivo e lo si teneva in ostaggio, onde
ãflififi Che la convinzione ed assuefazione alla sua possi-
Iìmãrte rendessero poi difficoltosa ogni richiesta di
ir'
_-ID . ._

íl_í __, .__ _ -


' _ ' ' u .
_. '
- -- "" ¬\ _ _ _-
- -_ -
- ' 1
- ._ ' _~+ -_ .¬- .___ -._- ___1__r
. . . _ _'

A noi, quindi, veniva consegnato_un cicloatilato-ugga1ë;;r


-_S-

'110 dato a tutte 'le altre colonne. _ 'Uno-_d_ei .ffo_g',li___c_i: _


,lati veniva affidato ad altri membri -della _colonna f
_-3 geghetti e Balzerani) che provvedevano a ribatterlo
íácehine da scrivere diverse da quella usata dal comi-
esecutivo ed a ciclostilare-da,questa"`--nuova"'matrice-5'i--fa
tini che poi essi stessi curavano _-dis_tri;buäire:_alile;..___
brigate per la diffusione nella città. -J i_ -~1=;gjì1:{u-
_La macchina da scrivere IBM usata da1'comitato_esecu-É
si trovava verosimi1mente_a_Firenze nello stesso luogo
1 11 comitato si riuniva durante il sequestro. ¢¬i-IQ" ¬'
rTutti i comunicati distribuiti a Roma ai giornali veni-
ghiusi in buste arancioni commerciali.
Dal 17 al 25 marzo, giorno della emissione del secondo
ìcato, c'è stata una assenza di rapporti con Moretti e
scussione con lui sulla gestione del sequestro di Aldo
'cio perché tutti noi, membri della direzione della co-
romana, dovemmo gestire l'operazione Moro nei rapporti
E varie brigate, alle quali dovevano essere spiegati i
i dell'azione e della scelta di Moro.

Eåpanga: Nel periodo immediatamente successivo al se-


mi ci fu uniattivita. di informazione ci di discussione
componenti de1le_brigate, fatta dai regolari dellarco-
ilwromana
i (cioè da Morucci,
_ . . . Faranda, Balzerani e Se-
.
) per spiegare i motivi della scelta di Moro e della
$. . _ _ . _ . _ *
ita politica di una azione di quel tipo
Registrammo una reazione di sbigottimento non rispetto
P_ . _ . _
o di azione prolungata, quanto al livello cosi alto,
-
E_r la figura
. di Moro, sia per la rilevanza dell'azione
a_re. I militanti di brigata con cui avevamo contatti
jfgalvanizzati per la enormità de1l'azione compiuta
JJfganizzazione, e proprio per questo stato emozionale
r_3no assolutamente in grado di valutarne la portata, le
;azioni e le conseguenze
Éä11'inizio c'era un ottimismo generalizzato sui risul-
ål questa azione per 11: sviluppo della guerra rivolu-
.ì-.L1 a -'
fiåågggi: Dopo la diffusione del comunicato n.1, ci fu
'__3t_t_imana di contatti con le brigate, noi successiva-
-F; sottraemmo a questi contatti (lasciati a Seghetti e
rraflí) per ragioni di sicurezza legate all'ímpegno della
Lbuzione delle lettere di Moro.
¬`-H¦-

|
,_
_.

-r
.
.
|.' ,_.

L-__|| .

`H:.*':'
« .
a e, I-
rJ¦1._ _

E“
".' .¬¬-\'-- ' _

_¬.
I ..hl I -ì

'__' =f:_- _
'.i'.-'.
-“rr
|5¬,.. -¬. -.
_. .
'.'¬:_ .
"cl 1+- '-'_ _ .
_. .
'..=:-
" .. "t .- .
-.--_.-_--.yi
.. _ _- .
-- -'f'r -u-- . .
Il '* ¬..f"e.-'¬_-- -
-. .1-. 1" ,_,-.
_ .. |. .-. I
-. ..
,FL -,.-
..-
-l;
_'!r.";.-
- -'E' "|'

. _._.
. ____-.
,¢.--H.,.I
_ . .-
1-`:_`.í'
-'hr ¬
I".' ' ._

È
'
x,i¬ia -fdIk,a_tte_gg.i_amento
a-al _
tinti!
. _ I-_ _ _ dei militanti dell'or g a nizzazione
' fu,_
gnåfàléqwdi incredulita fa di eccitazione, perché scopo
Eåpale dell'organizzazione era atta
1_az1_
[C1-_":
_¬_ -unaE '_ _ _
rappresentav a addirittura
' ' iuiccare lo
livello
' stato E
impensato
tìuazione di questo scopo.
.g-1Md~
E ;,-yrammentare che -tutti i componenti delle brigate
bi a11'oscuro
_ della pmeparaz'ione del sequestro di Aldo
.__¢_~;__:a-n-¢hg_.-_.'ge-_'-sapevano _che.era in preparazione una impor-
;”5pgrazione ad opera dell'organizzazione.
'pflí eomponenti delle varie brigate esistenti a Roma
EF 5pg¢eata,_ Universita, Centocelle, Primavalle) dove-
spiggare come gestire polit' ' ' '
icamente 1 azione a livello
nvimento.
Essi dovevano ikx generale riportarsi ai contenut' d '
tini e ai temi che avrebbero formato`oggetto della1 Ri-
ei
lune della. Direzione Strategica.|del Febbraio 1978, la
era già conosciuta dai núlitanti avendone questi di-
e le bozze preparatoria, ma sarebbe stata diffusa.so1o
1 comunicato n.ú ai primi di aprile 1978.
Ai vari componenti delle brigat '
e si impartirono anche
z ioni sul comportamenti da tenere nei l
, sulle norme :Li sicurezza d oro movimenti in
3 DSSEIÈFHPE, S11 CDIIIE CDM-
F'_si rispetto alle Forze di Polizia in
*
_ caso di arresto,
Il 25 marzo provvedemmo alla consegna del comunicatro
:on il solito sistema della scelta accurata del luogo
ressi del giornale "Il Mess "
'edazione. aggero e della telefonata

Il comunicato n.3 del 29 marzo ci venne consegnato da


i assieme alle tre prima lettere di Moro. Una diretta
iga, allora Ministro dell'I t
n erno, una
di Moro, e la terza alla moglie. f a Rana, segre-
H oretti ci disse che si sarebbe dovuta far ritrovare
e dazione de "Il Messaggero" ' '
assieme
l a fotocopia della lettera di al comunicato
Moro diretta n.3,
ai Cossiga.
1'originale doveva essere consegnato assieme alle
a Rana.
Puesto fatto provocò 1 a prima reazione mia e di Adriana
r verso il comitato esecutivo. Noi, infatti, ritene-
L F I

E la lettera a Cossiga, scritta dal prigioniero come


Sio riservato, non andava resa pubblica, poiché. solo
Eos se mantenuto '
il segreto sul suo contenuto, Cossiga

45
___ ._

__
¬-

' ' _ ._ ' L._'¬. _ ` '_¬|-_ - _ - _


- __ - -"
._ _ '- - .?-- "' __ _¬"'__°'1.- .. r' __ _
__..- --_ -
__- -- _ _ _ _
_ - - ¬ _
_ _; _ - _

bbc forse Pfltlltü -_Soi_leci'-t-a`i'é_ -ad E-'u-n'a'.__ìna_'g'g-iore -disp'onib'i-


_-._a`f;'_t.. 48113. Democra_z1a__
r e ' - - 1--' -
1__st1_a;_1_a____u_e_r_so_ ie proposte di Moro (E
u - _ '.› -' ' - -_ -

È _ _ 1a Interessi u e 11 e B rigata
'71 _ °_ _ - _ _
j Rosse, ' - -___comunque
_ _ _ Q _ _ _ Che
_ altrimentl
__ _. '

lsiasi nostra proposta non poteva neanche essere presa in


L
güåsiderazione). - ._ _
1'\ . .

.
á'
_.
Ã'f;«; '
1:--
"I"-'
5.0 E' _dë _tfinåfe-"__P_1`1?'5ÈflI?"`C138---.iflì--_E-_-Fa-randa -ff-seppure al-la
'- T _: H
_
H-
.-'

_
.|_-_.
__J,_2
,_-*__
|:_ I fl-'ne siamo stat1_'t_r_a promo_t____o'r_i____eo'__organiszatori de1_1'azio-
v'-
ne _- e_1-avamo__._contrarJ._ _a1__ s_eque_str_o-giorn_-_3-__..__-_!_n:-__.gì;_a_ntq.-¬tale'
-M. |

r4 ì_.
.'..

--at-3

Il
_
-.F'4_'
I-_.-'I
|'_.
I
I
cíflê indipendentemente-. dalla' sua -conclusione _"'- poiché
_
. l
*fl _.
,,,_..
_ J-'.-.

Il-ge-nevamo che_ -_questa-azione f_oss_e_ _e_stranea politica-mente


, _.
ed 0;-_ga'n1zzat1vamente__ -al-la ___s.1-tu_a_z'1on_e- '_--r-om._a_na_ _ E1 ghe _ in
_ .-._fl ..

¬, ;e~'
.,_, _

_-
-_
_ . ai ¬:“.-
'iìll' ..
_
:-1-
.-
-l.1_-
g-ene;-ale avrebbe danneggiato 11 Movimento. _
- -:I '
›_* 1 -zJ-
_ -- _
_
¦ |.'
r ..
(Già allora - anche se poi questa idea avrebbe preso
corpo solo successivamente mentre allora si arrese al prin-
cipio della disciplina di partito - ritenevamo infatti che
compito delle Brigate Rosse non fosse quello di ingaggiare
una guerra solitaria con lo stato, ma quello di seguire po-
liticamente ed organizcativamente lo svilupparsi di tutto
1'arcipelfls'fl di gruppi che spontaneamente prsticavano la
lotta armata prefigurando lo sviluppo di un "contropotere
proletario armato". Questa pregressa contrarietà che si era
gopita nei mesi precedenti il sequestro - dopo aver accet-
tato la linea della maggioranza ed esserci convinti che.f~c.o-
munque 1'operazione Hcr*o`poteva essere positiva - riemer"se
nella discussione sulla pubblicità delia lettera di Moro a
Cossiga).

1_L_I
Cio ci induceva ad essere più attenti anche su come il
se-:__;uestro Moro sarebbe stato gestito dal comitato esecutivo.
Noi temevamo infatti - cosa che si è poi puntualmente e tra-
sicamente verificata - un irrigidimento reciproco da- parte
delle Brigate Rosse e dello Stato. (Proprio perche' il con-
tendere era pubblico e quindi obbligato ogni comportamento
dl reciproca rigidità).
¬.
“_ vite Moretti invece sosteneva c1_1e tut_to_cio _che poteva ser-
reso a ___s___ma__scherare la Democrazia Cristiana, doveva essere
__s____________Pu_ l1co__, perché le brigate Rosse sarebbero comunque
vittoriosa dal braccio di ferro con lo Stato e la De-
m
“Grazia Cristiana avrebbe ceduto.
° -I 0 '

I
_,¦ |.-4 "_. __
_ ' '_-_-¦'
1..
20 D.R. : _De11e lettere scritte da Moro. consegnateci il
'
__.
. ,u-.-
'r.
-.-. _ - _
.-"“_-_¬
.;,
Ill .;

-;_
_ _
'_ _ ' avemârzo assieme al comunicato n.3, il comitato esecutivo
I.. _ -__..
' 1-':-_ I .-
;;f - .'-, _ _ V8 deciso che sarebbe dovuta giungere alla stampa per la
".-.

nfifila-
'.-
É-I1.
L'-:¢ ' 46
. -" .
11:'
.-
_'| ¦"
.I. -' .
E

"'f`='--1"
“!"-F.?"iÉ.
-¬_. _ __ I

-.I
|
' ' _ -n. . -
;_- _ .-|. ' 3 - _
-I _
|

Une solo quella diretta a Cossiga, poiché le altre; _


 icflßl
r

WI
n.
' _ 'E
3 Rana e alla moglie 1 di Moro 1-non erano1 po1iticamente»;-_
1- I
ßtt * E :uni mettevano in luce .i meccanismi di potere -
I I' I' _ ' _

@_ntBfno della Democrazia Cristiana.


L 1
-~ Fafšggg: Confermo iflui Moretti, nel sostenere la decifí* '
ii
E "ššeunta di pubblicare la lettera di Horn a Cossiga,
'_ ` -1 1 _ _ . _ h -r '
:angle da una parte che le Brigate Rosse ritenevano _c e _ _
L lorg punto di maggior forza era quello di tenere Horo in --
ggig, molto più che le iniziative col1ater_a1i da'lui
ìzflssg. Dal1'a1tra che la pubblicazione se'rviva_a sma-
1E
rare il metodo di patteggiamenti clandestini e di conni-
:Z3 nella gestione del potere.
Questo smascheramento (secondo-ifioretti e il' comitato
E
cfltjvo) avrebbe avvadorato lei teoria delle Brigate Rosse
13 non ufficialità della rete decisionale dello Stato Im-
I-1a1ista delle Hultinazionali. (Indebolendo cosi la Demo-
I 'gjg Cristiana e costringendola ad acconsentire alle ri-
I este delle Brigate Rosse).
I

§9;g55;: Si È cosi. Il problema principale delle Bri-


E Rosse era 111 smascheramento -dello Stato- Imperialista
1a Hultinazionali.

La decisione del comitato esecutivo venne da noi ese=;


ta, sia pure dopo un'aspra critica a questa linea, sicché*
"pomeriggio del 29 marzo, io e Faranda, provvedemmo al-
nvio al Messaggero, con il solito sistema, del comunicato
e della fotocopia della lettera a Cossiga.
'. Il giorno prima di quello della pubblicazione sul Mes- É
gero. io e Faranda avevamo telefonato a Rana, che non era
asa. Credo che lo trovammo poi in via Savoia, nello stu-
"di Horn e gli dicemmo che c'erano tre lettere di Moro da
irare. Le lettere erano in una busta posta tra 1'edico1a
,piazza Vidoni e il muro della chiesa di S.Andrea della
'Ei
Èl.I0 e Faranda restammo in vista de11'edico1a per verifi-
È' cosa succedeva, dato anche che quelle erano le prime
Ã__tE'1"E che si consegnavano, e dopo una mezz'ora vedemmo
Fßfiffi un'auto civile della polizia da cui scese un uomo
Prelevò la busta con le tre lettere. Deducemmo da 'ciò
sil telefono a cui rintracciammo Rana, cioè quello dello
fifl di Moro in via Savoia, era controllato da parte della
Zia.
5
'J

¬ _
5.'.

.___
|
l Ii.
-|

E 4.!

-*_ ,_

1 _
. .-_.
|

ì''\.
pi _=
1.
.L1 Q'.

iii ___ .
5.

31-- 47
_ _ _ __
'.-'F Â 'l- 1 1| r_ . '
__ _., -¬- _
-›“¬r _-0 _ _ _

¢omuni_ca__1i¢;,_-n;-3 si_'-o_-Er-ifico un fatto che avrebbe


- _r- _

_§ff'ãflntpibuire_indirettamente ad inni maggiore apertura


äuf°_;iò_'I:i¢'_.p_b_1"i_ti'-'chee"__qu_indi ad una conclusione incruenta
3,51-1_e 'qu'e5t,ro.
*_g1_5e4í P1-imi di aprile alla relazione del Congresso del
"-52" '___'--.¬Cfa;.¢i-_-_--'pur----affermando
_.__. _
che lo_stato. non poteva cedere
15' 'bi5ngnava___trovare _1a prigione di Moro., disse che tut-
_-_f'_*¦_t_!_'B_:_____-*_"f..-
-non--__ --___---'-o-______i' -'- __'
5 1__ _ pot_ev_a____.-s '_ - 1
cpr--ta're¢ _ "
_ur_1_--_-eventuale margine ragione-
*"”'*'Ö 1'¢í-studio' di' 'soluzioni _ alternative _
1*: Per -› . 1 .
,?_,_'__B-gapemmo dai giornali che Craxi, coerentemente con quan-
_i§;1;›'“'_.-go!-'›te._i1u't~o;_:-'nel5con-gr'es_so_.del _P.S.I._,
- si' era rivolto
` al-
°'
Lav'-'Ocato Guiso, _ _ legale di alcuni
_ esponenti
_ . delle
,_ , Brigate
_
¬ _ per verificare se questi ragionevoli margini di ma-
fia egistevano.
°- 51 era saputo in quei giorni di un sibillino comunicato
' de tenuti
bierre in cui si affermava che Moro non aveva
È-responsabilità di altri leader della Democrazia Cri-
a. .

ìgnä.

« 11 4 aprile fu consegnato a me e a Faranda, sempre da


fiégtti, il comunicato n.4 con una lettera di Moro per la
iglia, un'a1tra per Zaccagnini e alcune copie della Riso-
ione della Direzione Strategica febbraio 1978, appena fi-
edi stampare nella tipografia di Triaca in via Pio Foa. ___...
anche in questo caso seguimmo le stesse modalita per \
ri'

__.-pervenire il comunicato ai giornali e le lettere ai_ d e _


iiatari. Mettemmo 1'originale della lettera a Zaccagnini
ìeme alla lettera per la famiglia Hora in un posto che
nalammo ad una delle tre persone indicate dal parlamen-
E _ _ _ _ _ _
, e cioe Don Mennini, Tritto e Rana
Non sono in grado di dire se queste lettere furono in-
c ettate dalla Polizia prima di giungere
_ ai_ destinatari.
_ _
v yedemmo inoltre a segnalare telefonicamente alla reda-
___~'å'_di un giornale. il punto in cui avevamo nascostoil
nicato n.4 e la lettera a Zaccagniní che era in fotoco-

lll 6 aprile l'onorevole Taviani smentiva Moro, il quale


a“§ßritto a Zaccagnini che la propria posizione sui se-
trl di persona era sempre stata favorevole alla tratta-
l Füme egli ebbe modo di dire durante il sequestro Sos-
Lfl cosa, scrisse Moro. avrebbe potuto essere confermata
-“_11°1"a Ministro de1l'Interno Taviani e da1l'a1lora Mi-
Fs della Difesa sui.
1'-É. '-
é;-J-'
'

.
_.,- ._ -H"
._ .,

~'Lf3 aprile io e Faranda lasciammo per_Tritto_dell§:kèfí;B '


_,dí Moro di cui una-diretta al1a:moglie. 'La busta venne
É-ítata in -piazza Augusto "Imperatore, ,sotto fia 'cabina=
É-%ATAC parallela a via Tomacelli. (úuestai busta-fu se-
ätrafa dalla polizia farne quella volta ci si rivolse come
ermediario a Don Hennini). ___,,x ,Ég,T,,-.;¢¬: É-Mp{åp_-___ H.
11 10 aprile, segnalammo al _Messaggero la emissione da ' <
te delle Brigate Rosse, del comunicato~mf§:assjeme§ad,upa5_ ;.
tera con la quale Moro rëplicava a Tavianioe lo smentivai -'
ua volta, riconfermando <Li_essere stato favorevole alle
ttative nel caso del sequestro del giudice_Sossi}- a; -__ ;
È E' importante rammentare che durante il sequestro Moro
verificò un altro episodio che ebbe una certa influenza
la gestione del sequestro.
- L'11 aprile 19?8 fu ucciso a Torino dalle Brigate Rosse
gente di custodia Cotugno. Costui avrebbe dovuto essere
U ferito, ma reagi ferendc il brigatista Piancone e venne
iso. Subito dopo l'attentato venne tratto in arresto il
ncone. L'episodio provocò un irrigidimento sia da parte
1o Stato che delle Brigate Rosse. Il comitato esecutivo
ìrrigidì perché Piancone avrebbe subito una forma di tor-
H1 attraverso_ ha somministrazione (Li psicofarmaci, credo
thotal. 1 *_ _ E ',..

- -Il 15 aprile, previa telefonata


Messaggero nella al <
d a serata, facemmo pervenire
. . .
111 comunicato
_ ! che .si_
riti
E ludeva con la condanna a morte di. Moro, . .
riconosciuto
pevole dalle Brigate Rosse. La condanna di Moro da parte
le Brigate Rosse era ampiamente prevista poiché costi-
va la logica premessa per la formulazione della richiesta
scambio di prigionieri. '
E Io e Faranda eravamo ben consapevoli del fatto che la
ìesta di scambio sarebbe avvenuta dopo la emanazione e
Comunicazione all'esterno della condanna ai morte del-
tflãsio Sapevamo che .L1 comunicato n 6 avrebbe aperto
fnuova fase nella gestione del sequestro, poiché si era
e.i250 con la condanna di Moro il processo alla Democrazia
s rana.
f..

-'.-11 ,
-I-r _

5-." (Più che chiudersi il processo alla Democrazia Cri-


Éna Può dirsi, mantenendo la metafora Siuridica, che si
jfiflflclusa la sua fase dibattimentale e di discussione,
-.
_"-
40.00la condanna, la parola passava direttamente alla
il .
.._
_.-_
.-.._

¬,_..
._ .E .
,|r'_. -_ _
-f!
-;.:.-'

.Fs @-
..

íüê_al ricatto ed alla richiesta di scambio. _L'at-


VÉ'Hive diretto,
. dopo
. . il tentativo,
. fallito, . di sma-
la Democrazia Cristiana tramite Moro. Si trattava
'-e- _ . _ .
3 'P-iegarla, di costringerla alla resa - Ed infatti' in
E;-lodo continuano a venire eseguite "condanne" con-
sšgnenrj della Democrazia Cristiana in varie citta
-£-81_ja)- _
1-_“.;;ontenuto delle dichiarazioni di Moro, in quella
.- - .Il-
.--of

_ a del sequesitro, Moretti appariva particolarmente


" püíçhé Moro fino a quel momento aveva a -suo dire
c._.-C51-,1erato" molto, ma non aveva fatto rivelazioni impor-
.sul ruolo della Democrazia Cristiana negli ultimi
ifH ann*' d'1 storia ' sulle presunte . strutture
. . internazio-
C he manovravano . la Democrazia Cristiana
. . e attraverso
.. .
3 11 potere nel nostro paese, cioe sulle cose piu im-
äfn t'1 ehe le Brigate Rosse _ speravano di sapere da Moro.
'311 comitato esecutivo dava per scontato che la Democra-
"H-

cristiana , negli ultimi tempi, si stava rinnovando e


-assumendo un nuovo aspetto, che pero rappresentava
1.'-sostanza la continuazione della politica di potere
'T Democrazia Cristiana finalizzata alla ristrutturazione
flfi
_
-stato.
.I

*I

*"(Era infatti accadutocne Moro, sopravvalntando la ra ..r""-


lità politica delle Brigate Rosse - ormai annichilita
ilitarismo della gestione di Moretti - e sottovalutando
___chi della mancata accettazione del
'
processo , rispose ' H H' If "

nuando a fare politica. Moretti rimase molto colpito


u esto comportamento perche' a sua volta aveva sottovalu-
_ nella visione semplicistica e manichea one le Brigate
favevano dello stato e della Democrazia Cristiana - lo
_°_I'E politico di Moro ed aveva creduto che Moro si sa-
åimmediatamente "sciolto", cosi come si' era "sciolto"
¬3`-'3"C'ome si sarebbe sciolto un qualsiasi rappresentante
dio livello dello stato. '
Sii alti dirigenti della Democrazia Cristiana ave-
.€V1dentemente"`ano spessore politico ed una esperienza
ffrflotare grandi pericoli ben maggiore di quella di un
F31 Sos-si. Moro in particolare non era il pescecane
_?-"E di un partito di pescecani, -come ci si aspettava,
9m° del compromesso, il teorico della necessità di
tteffl alla mediazione istituzionale .i fenomeni poli'-
b°PP0sizione. 'Di ricondurli alla ragione della diffi-

I'

I'
III-.II i_|.._ ,-..._ _. I ii 5 - _ ._ f
_ _-

'ål I _.

'I _.. _ ' - - _

_'_"¬.'__.'.'-ffãffp' deli-`igove_rñ'o:. __-:I1_n_';_co_n_seguenz_a del suo rapimento


file fu --C-ost_'re_t'tof:a-_;rend-e.rsi--conto che -la sua grande opera
;fd1""m'èdj-åz.ione--' e-r.a_-____difettos_a ,_ _c1_ze _nella_ società italiana
__: - _ _ _ . J _- . -' _ -" - . , ,
_-ai 'ano U fenomenij, -_ fenomeni anche 'potenti ,- - sfugsi ti ad ogni
:_bw" 3di - controllo'politico. Moro trovandosi
_ di fronte ad
farm 'gg fino ad _allora_-_sottovalutato, o ridotte ad un pro-
iftan--311'-'p.o'li'zi'ä',`-§al'1-arjgd'-"il-'suo problema immediato e dram-
-b1'""."ab.å;l- p'r.pblema¬.gen_ei§al_e._della lotta armía ta e delle irri-
~ì3"`É: .-fans-ioni-_ _so'c"i“al_i_:_ê` -`pdl*ift'i-_cf[1e= 'cf-l1'ef_'-l3"'al imen ta vano .-
_š_";- Cosi 'proprio Émentre "rifiutava -di' farsi strumento del
šìirocgsgg _a,_É:la Demoçr-_a_z_._ia_ _(lr_i_stiana", _Horo_ rriconosceva la
-P- tà politica
.'31 . . della Llotta arma*-ta. "Questo 'comportamento
_(-ídace ed imprevisto, ma tutto moroteo, sorprese le Brigate
3 s 8 sorprese il Governo, sorprese i partiti politici.
'La sua strategia di inglobamento delle opposizioni, in
Pgnsabilità governative era alla fine prevalsa con diffi-
fol tä ma era molto difficile far capire in quelle circo-
actaflzef ghe lo stesso metodo poteva essere allargato anche
,He Brigate Rosse. Che anche le Brigate Rosse potevano es-
_;,E;-e irretite da un disegno politico che poteva offrire loro
1.15-*ng sbocco ma svuotarleal contempo della loro potenzialità
offensiva.
_; Lui era a contatto diretto con le Brigate Rosse ed
fyeva capito cbe_un disegno del genere era possibile, che
'iflerano spazi per' un loro irretimento politico. Ha chi e*'i~`a
Éfuori, e già con difficoltà aveva accettato la sua politica
icompromesso con il PCI,_non sapeva cosa fossero le Bri-
zte Rosse e nel timore di trovarsi in presenza di potenti
disegni' di destabilizzazione, scelse la via classica: la re-
jiiessione e l 'intransigenza.
`_ Per il PCI, invece, il problema era probabilmente che
Évprio nel momento in cui, dopo trenta anni, era stato ri'-
conosciuto dalla Democrazia Cristiana come forza politica
_P_fl cui trattare, non poteva accettare che si trattasse con
B8 organizzazione addirittura- alla sua sinistra e su posi-
ioni di classe antagoniste alla sua politica.
`* Moro non dice alle Brigate Rosse praticamente nulla di
Cheesse speravano. Fa un quadro realistico della scar-
alåvtenza organizzativa della "ristrutturazione" della
"f"°¢`1`82ia Cristiana che fßwfb tutto l'opposto di quello che
ršƒfflvano le Brigate Rosse.
136 "rivelazioni" su Taviani non possono poi certo es-
Èfle interpretate come cedimento dell'"i'mp-stato" Moro. - Se
Veffl avesse deciso di parlare, non si sarebbe soffermato
1.

"Fi-n|È.'|
lleito delle Brigate Rosse Essendo quello del ricd-É;
tú politico la principale aspettativa delle Briga e
:Il . . t, -
111
I-ante il sequestro Floro, io e Faranda -speravamoqd-i_' -
111 ìlizzare qualunque segno in questo senso per rimet-_
ri
digcussione la esecuzione della condanna a morte dií-

LR- Da tenere presente che le Brigate Rosse considera-_f'


ggååflfl o il loro riconoscimento da parte del_la Demo-_`-"
'gfístiana e non erano interessate a quello eventual-_
,roveniente da altre forze politiche. __

'A proposito del "riconoscimento" andrebbe considerato *c


H si trattava di un atto formale, il riconoscimento
r Ettamente legato - e da questo non poteva essere po-
Il ente scisso per le Brigate Rosse - dal processo alla
I zia Cristiana e ai suoi trenta anni di regime. Non
quindi, il riconoscimento formale di una specifica
organizzata, quasi fosse una faccenda diplomatica.
;ro, in modo meno lineare, il riconoscimento doveva
una implicita ammissione delle malefatte nei con-
di tutto il proletariato che erano state contestate
B rigate Rosse- alla Democrazia Cristiana.
' E, tramite
'
n riconoscimento della legittimità storica di una op-
Jne armata). = ' _ __,. ___
_ ' f
! _ _ _ . . . . . d 1 _ t
ei
giorni successivi alla diffusione e comunica o
1 furono tre importanti interventi in favore della
: a d ella vita
' d'i H o r:
o que 11 o d'i Pao l o lll ; que ll o
1
basciatore americano all I ONU Young e infine quello
E retario dell'0NU Waldheim ' . Dopo questi interventi,
ao' di convincere gli altri militanti delle Briga te
fomane, tra cui_anche Horetti, che tali autorevoli ap-
Potevano essere considerati riconoscimenti politici a
Eli effetti e quello di E-íaldheim, addirittura di li-
internazionale.
ÉÃ fece rilevare che questi fatti potevano essere con-
1;I;-dalle Brigate Rosse condizioni sufficienti per il
di Horo. 'l
U
e-_.~_u:'“
-¬ _-|
-.›,|

[Più che'. per 'il rilascio di Moro, che allora non si


E" -
lbfldimmo che- secondo noi. questi. interventi
. .
erano tali.
1.' Efo
I
positivamente
f 1 1
in
À
movimento la
1.
situazione.
- _

BBB
-|
n.
ir
_
le Brigate -Rosse potevano dialettizzarsi con le
5.
¬.|¢
-*_-

FF.-.I '
H.
H
“`
!|¢I__
1
|
|. ._
'\.|-I
__,|.
Ii

Ln un
.Sh|.'i I\_¬-cn'.-

=- |-I--'
rl-H _

_. -I ,- I _ __ _ _ -il---' '
_.-|
. .l- '
_|..'J _. .
.- .'l
. I. .. .'.|'
'I' .
'--.-1
.ii-.
. ¬-'.
5 -r _I|'_
I.
J-in
. .__,
I.-'F '5
__.›«_',- _; _ __ _

-22"' _' '


¬.!-
|"
.,-

Èzlflfll
5”'fassunteidapqueste¢forze
-_ _ - 1 -_ "
_utilizzando il loro rico-
1
_-ent¢-per_rafforzare_la_ propria posizione politica Q
_ _ _ I -- :_ -_' 'a' -a r ho n

__p_r_e-s_L[_P1?Q$_£'_1f.._di
una liberazione di' Moro - anche
"P" _ cambio-'es-d_a*-un__-_punto
3_í"a"- - di vista di forza e non di
ZZ3 1) _
ale _ _
z I

--fiI:fu¬risposto-inni questi appelli,-sicuramente impor-


ti n0fi_pqtevang_§upplire_al fatto che i comunicati della
|›

c;a;1a_-Uristiahaj;continuassero- ad- essere _ambigui nel


J
3'ecenno a'varìe
. possibilità_di-liberare
. . . . . Moro, senza co-
.
u¢_una chiara_esplicitazione politica su queste "possi-
Iìtà"_ _

(Moretti purtroppo - in questo per nulla aiutato dagli


1 tre componenti del comitato esecutivo, anch essi poco
t; di senso politico -.non aveva la edasticita mentale
H _ . . .
sgaria per una gestione dinamica del sequestro Le va-
b.
9,. i if '-
ili in gioco erano troppe e le mosse richieste rapide ed
a ci. Troppo per chi si era prefigurato un andamento per-
È amente lineare del sequestro : abbiamo Moro, lo proces-
m 0, lo condanniamo, chiediamo ed otteniamo lo scambio.
La tattica politica, la capacità di sfruttare a proprio
faggio delle situazioni che non lo sono completamente, ma
possono contribuire a raggiungere un risultato positivo,
strumento che' non aveva molto spazio in una organizza-nf
Fl e che --sotto la gestione dei quadri politicamente meno
parati delle Brigate Rosse, dopo ;i Curcio, i Fianceschi-
C ale politica,
Cagol
. . - aveva
e non
sempre
.. piu. assunto la violenza come
piu la violenza come mero strumento
1 tico).

La valutazione da parte del comitato esecutivo che la


J crazia
. . .
Cristiana .
:uni aveva risposto .
con chiarezza al-
Ltimatum posto nel comunicato n.7, provocò un ulteriore
il I- l- o e-
sidimento al1'interno delle Brigate Rosse, che portò
i diffusione del comunicato n.8. In questo comunicato
il 1 u 1 1- - e 1 1 1 I 1
Vfl posta in termini espliciti e irrinunciabili la libe-
ì
One di 13 detenuti politici. i I I -Il

Nei giorni tra 1'appel1o di_Pao1o VI, che mi si rammen-


ris . _. i la . . .
alire al 22 aprile 1978 e. diffusione del comuni-
2 n.8 che è d el 2 4' ap rile 1978, si presento` Lanfranco
_ Pa-
1
H uno dei ristoranti in cui io e Q 1-
Faranda eravamo soliti o ø

1 Zare da anni, quello sito in via Genovesi o via dei Sa-

56

_-"-ì-í¬-ivi. ,fi _,_ _ _*_, lll-I 1-*_ - "_


il-'P

«dietro piazza in Piscinula. Si tratta di un ristoran-


íllan n con I e pareti riccamente addobbate con oggetti
ñíenti dalla Sicilia. '
_11 Pace ci disse che da alcuni giorni girava per i vari
Öranti da noi frequentati abitualmente, per rintrac-
“i Q chiederci se effettivamente la Brigate Rosse, dopo
fiunicati_ n. ti e n.7, avessero intenzione :Li uccidere
' Pace conosceva quel ristorante perché prima del pe-
% in cui ebbe contatti con le Brigate Rosse - tra l'au-
" E1 1977 e i primi di giorni del 1978 - egli l
fiariamente frequentato assieme a noi. o aveva
“Pace esternò la sua preoccupazione per una eventualità
;genere, ritenendo che essa avrebbe comportato un irrigi-
Èhtn .assoluto della prassi repressive dello st t
fonti del Movimento. a ocerto
La posizione di Pace non era nei
ata, poiché era noto che essa era condivisa da tutti gli
organismi di Movimento, che ave_vano_esposto pubblicamente
šäpgiornali preoccupazioni analoghe. Del resto erano state
_p¢äw_
_ _ em ee di massa all'Università sub'ito dopo il se-
,gåügtro Moro, nelle quali fu espressa condanna del se uest
_{_,;,vviamente in quanto questo era ' q ro
:¢;g_ pericoloso per'.Ll f Movimen-
perche era stato colpito Moro)
;†jåesortazione a liberare Moro. e ormulata
' _ Disse anche che se ne era parlato nelle organizzazioni
H 'romane della sin'is t ra extraparlamentare fa che
;_rhnracciarci, voleva da no' , sperando di
i sapere quali
ì_bUità che le Brigate Rosse uccidessero Moro. fossero le possi-
: Ci disse tra l'a1tro che, lui e Piperno ne avev
_ che_ parlato con dei giornal'is t'1 del settimanale
, ano an-
1'Espresso
_ che da a nni' seguiva
' con particolare
' attenzione e competenzaI
i1nob1emi del terrorismo. Soggiunse che in conseguenza di
'questo scambio di opinioni sul sequestro Moro, sulle sue
_ pmsibili interpretazioni, sui suoi possibil' 'l
v snatura delle Brigate Rosse, si erano incontrati anche sul-
i svi uppi, con
_ Sponente del PGI, interessato all'approfondimento della
_ÂmHoscenza del f
enomeno e. delle opinioni interne all'area
fdflla estrema sinistra sulla probabili intenzioni e motiva-
;ÈHmí delle Brigate Rosse. Questo, cosi ci disse Pace, al
__ fflfidi
_ meglio v a 1 utare la possibilita
' ' ` ` di' rendere più ef-
È-Wflce e puntuale un iniziativa delle istituzioni per giun-
Ègüì-alla liberazione di Horo.
.
ii

àvd Ioie Faranda dicemmo a Pace che la condanna a morte non


_ presa alla lettera, ma che era solo il passaggio for-
.
i
il

1.
r
E'.
¦.I.
_--_
_ . '
J

_
H..
¬-, .-J
s7
P.

i.
f
IH ¬ _ _ _ _ - II'-

_-il i

I'
Cesgarìo alle Brigate Rosse per forzare la DemocraziÂ?”ì=
a mediante lei richiesta di scambio dei prigionieoirf
:re un riconoscimento politico. Gli facemmo rilevare '
questo terreno l'unica cosa cüm: contava per le Bri¬ L
ssa, ai fini della salvezza di Moro, era una maggiore
za delle posizioni della Democrazia Cristiana in_re~
al confronto con le Brigate Rosse. _ ¬- ,¢ '*;p5fQ-fiv'-_
n questo senso noi vedevamo soprattutto ehe le-dettere.e-fa
'I
E 1e iniziative politiche 1- 1| 1
che provoeavano,
1- 1- -'F 1-
potevano
-- ' ' - ' 1 _
3 re 12 posizioni della Democrazia Cristiana. G1i
m'mo il nostro parere -ehe il sequest1¢› Moro_ era Per;
Errore politico fin da1l'inizio, che secondo noi Moro"
rilasciato senza contropartita alcuna, ma che la no-
) _ I . . I I - I .

sizione era minoritaria a1l'interno delle Brigate


¢he_non si poteva far altro che operare necessaria-
e ; ottenere una maggiore apertura delle forze politi-
na maggiore apertura ci avrebb e potuto consentire di
Il re
I-I le Brigate Rosse che l'obbiettivo era stato rag-
I
nr ehe quindi si poteva rilasciare Moro.

Voi credevamo e sostenevano ~


U g I il I '\ -Il
a parte ogni considera-
1- I 1 In

r lia impossibilita
. _ . moral e. d .i uccidere iui_nrigioniaro
_
É.a possibile
. _ una liberazione senza
_ contropartita
._ per-
fu
i le Brigate Rosse avevano dimostrato cio che vole-
5cioe, i innanzitutto la ioro esistenza a livello in-
.I ' " ' J i '_' ' ' ' _ _

. - _ . .
_na1e poi la loro potenza di attacco, ed infine la
iƒdi tenere in scacco i o stato. Tutti obbiettivi che
e
“bbero che potuto rafforzare Ia immagine delle Bri-
jse quale organizzazione rivoluzionaria.)
I

i 'dicemmo
E
,.
anche che in questo senso ci sembrava che
5;-'andassero
.I

bene:
_
c'era stato l'appello di Paolo VI 'I'
rastato molto importante , e su ques t o avremmo potuto
1- --_ I- l 1- Q 1 l p | -'
I a rigidita degli altri bierre Poi la Democrazia
-1 1 1- 1 i I 1- 1-
a Iå
aveva
'I
cominciato
_ . i
a porsi il problema . _
di l
seguire
_fie possibili per salvare Moro e nei giorni succes-
no
.H
I _' -_
prevedibili altri autorevoli interventi a favore
ll ll 1 1- 1- 1- -1 -

ehe
'-
avrebbero' potuto risolvere
1
il
I
problema
iu,Htrovammo
. d'a-ccordo con lui che la posizione P ol'-
1
H}äeria espressa dal PSI avrebbe potuto favorire una
e_- ' . .-
¬w 1 maggiore chiarezza della Democrazia Cristiana.
â,Mmmo
i no 1 tre che tale maggiore chiarezza avrebbe do-
Bssariamente
ill prescindere , sia.
' pure solo per omis-
H
äš posizioni di fondo enunciate da tutti i partiti
e I I

"a
|.'k.-,- 'v I
|,'
.._ .-._
I.-LL -I r
1|- ni...
|.
-' -1.- ._
-lim-
.I

ifififit
.".-
I.-
5..- .- un oo
_- _|- 1- - _

sà-_alèš;_"_£;::c%o'nd'a;n-na_delfterrorismo, esclusione del ce-


'- -_ _1.: _ _ - --

àšlfù stato, esclusione di ogni possibilità di trat-


_~Èí-igfit-à_-_del1e; azioni di polizia per catturare i
åèlig Brigate Rosse e liberare Horo.
anjfestammo al Pace un_certo ottimismo sulla possibi-
g__1,i_____z_,_gcadimenti__futuri _e i risultati dell'-azione
af-`E*-d'g1-le 'argomentazioni espresse da I-loro nelle let-
__ág;,f_;e_bb__è_'_f†9_;___po_1;Tut_o.___perme-t_t_er_ci di meglio sostenere la
1É_¬1f1_'-¦5p'po'rtiiiiii--tà?__di' rilasciarlo vivo.

mJ|_F5_1__gr-_;Pac_e r_i_jvelò__._il nome deli'-esponente del PSI con


_e¬,,-3 'avuto ci:-nta't`ti`? ' '
._;ì,i5Efl51;_a: Non mi ricordo se Pace ci fece il -nome del-
Éfgnte del PSI. Per noi questa notizia non era ri-
ftg, poiché le cose dette-ci nulla aggiungevano a quanto
-'isultava pubblicamente sulla posizione del PSI. (Si
poi che si trattava di Claudio Signorile.)
(L3 posizione di Pace sul sequestro Moro era quella
5.555 da tutto il movimento a livello non solo romano ma
,-image, Quindi le sue iniziative non ne-cessitavano di un
'cl1e"'misterioso ispiratore" ma erano semplicemente con-
enti alla convinzione di tutti i militanti di estrema
,1-stra. Se altri,ave-ssero potuto avere un contatto con le
ate Rosse lo avrebbero certamente utilizzato. 'ms
D'altrond'e non È assolutamente detto” che cio non sia
iššfenuto in altre città, mentre avvenne di certo a Roma ad
Eefra-di Daniele Pifano che cerco di parlare del sequestro
'Teodoro Spadaccini, da lui conosciuto come militante
Elle Briga te Rosse.
Né' peraltro fu insolita la ricerca di contatti con
ip-:-nenti della estrema sinistra per avere indicazioni poli-
icbe sulla natura del fenomeno brigatista e sulle sue fina-
Ãfå- Si sa che il PH Fitalone incontro .Pifano a questo
NPD- Ha certamente ci furono molti altri incontri pro-
"-5'-Si delle forze e dalle persone più svariate e che nessuno
Fefli avuto il coraggio di ammettere. anche-_ perche' sui
'151' conosciuti, come quello di Pace, si è scatenata subito
'É-Wannaia della magistratura e delle illazioni più fanta-
,WFE E sciagurate.) -

__ La prima volta che con la Faranda ho visto Moretti dopo


,is-.lnfiflntro con Pace fu sicuramente il 2-E- aprile, in occa-
._

-r ..L
“E della consegna del comunicato n.8, che è diffuso la
_
'H-.

"ii

il-

.¬..

59
`i '.I¬

n._._
1- |
¬;-
___rl - _. _ _ _
_ ' ' ___- 1|. ' _ i.|- - ._
__ _. _ ._ ¬- - ___ __ _ -._ 1- -_-_ -1 F ._ - -- _ - ' -
_ _ _ __ _ _ _ _ - _J- 7
- _.'
- I -2 I' - 1 . _ 2 --

. ' I ' 'I' ' _ -_ :H _. _-I _ U ' --_ - _ I

successiva. _' Gli _riferi'-m'mo.--quanto 'e-ra " _ -


avvenuto, _ ' _ _
cioe I- 'li
_
"ae ci aveva cercato diverse'-'volt'~e;;e--*_,f_ina1me'n_t_e_-rin-~
___a.ctfl 31 ristorante di - Trastever-'e'-' _-e' che -durante I' il
Éiaci aveva parlato dei tentativi del P.S.I. per giun-
ipd una soluZione_incruenta del_seguestro,__a“__fi___ gn___
_3H_____et¢j ci __rit-adi q_uanfo'-'no-i. a'vev_a_m0--.già espregsfi .al _
_,:_5u11a posizione uffi-cia'lje' '-d'el-le_-iB_r_¬i___g__a.t-e_.,sR_o_s;se-,í_.--__opv-ero:_:-__
Cunfi-onto e_ra'con__la Democr_azi-a_- Cri-st_iana_.._°e_--Éhe -»PEr:.-'- _
allo;-gnnizzazione non era interessata a seguire tenta-
ügti in essere da a'lt're_-forze-_politic_l1e.__-__ -___ __
,gia era in pratica- 'quanto avevamo' '-già-""mani'fes`tato`bal”
šfi-'_,_;-_Informammo Moretti per puro scrupoli:-. Egli' ci chiese
E*;1-ìgposta avevamo dato e noi gli riferimmo .he avevamo
åtfl 1a tesi ufficiale delle Brigate Rosse.
un ricordo esattamente, ma penso di si, se egli ci
-Sie 5-_;-_ avevamo stabilito un successivo appuntamento con
gn Noi gli dicemmo che non avevamo ritenuto opportuno
E-rna, sia perché sapevamo quale era la posizione delle
ate Rosse, sia perché stimavamo pericoloso rivedere il
ghe era stato fermato nel marzo precedente.
VHel1'occasíone Horetti ribadi :H1 po' duramente che le
gte Rosse non erano interessate ad alcun rapporto che
osse ufficiale e- pubblico. _______ _

ƒ=A.D.R.: Pace ci aveva proposto un nuovo incontro al


di essere messo a conoscenza de1l'evoluzione della vi-
Ha noi, come ho già detto, ritenendo che egli nulla
sse fare, gli rispondemmo negativamente, a che anzi vi
o solo pericoli nel rivederci.
|.'- '

. ¦ E' vero'che Pace, nel ristorante di Traste-


disse che insieme a Piperno aveva incontrato qualche
D-'prima un giornalista dell*Espresso e che in seguito
mbi avevano incontrato anche un esponente socialista.
Durante i 55 giorni non abbiamo mai incontrato Piperno
lri esponenti del disciolto Potere üperaio. _
'ëäåäååii Confermo quanto ho già dichiarato. Durante il
E-Etro non abbiamo incontrato Franco Piperno con il quale
bbiamo avuto contatti di nessun altro tipo. Confermo
fidi non aver incontrato nel corso dei 55 giorni né
.-åantl di P.O. né persone estranee al1'organizz-azione
Brigate Rosse. -

_ -_----i. ---3. ii--|..-. -_ - 1.--,I

-_
,_
.r

''ti
v.~¬ens`ës1- J-
I

'H.

Ré in né la Faranda abbiamo mai svolto funzioni di in- ~


%
F t~ i tra.=dirigenti delle Brigate Rosse ed esponenti _
I" dlardi
:F: ' 1-
'- qualsiasi partito.
I

1 I-. 1 1
1 I
l I I I
_ 1. - '
afiinfefmo- quanto gia dichiarato circa ,l impossibilita
'-°'- ' |. -0 I 1
:_20°
-_ -. ì8 verificato un incontro tra Moretti e l On.1e Si-
al 5 ge tale incontro si fosse verificato, anche al di
gãèlla mia mediazione, io e Faranda ne saremmo quanto-__
W 'nutl* a conoscenza successivamente.
Q 1-
` 1
--' ¬_
1-' -
afarandgz Escludo anche io che possano essersi verifi-_
,f;ӤHfi3, incontri tra dirigenti delle Brigate Rosse ed--
ßnti P olitci durante i 55 giorni, poiche se cio fosse
I lì.:

i to u
sarebbe certamente emerso nelle successive accese_.
“I I i I

Èsìoni e valutazioni che avemmo con Moretti. _

lFaragQa: Ricevo lettura delle dichiarazioni rese da Mo-


lin ordine ai contatti avuti da Pace, verso la fine del
;,con le Brigate Rosse. Confermo che tali contatti ci
l 0 ma inni si tradussero in iui rapporto organizzativo
mivoa Tali contatti si inquadrarono nell'ambito di di-
don e della "brigata servizi". Questa -struttura era
denominata perché sd. occupava del settore dei servizi
| 1, vale a dire Sip, ATAC, Ferrovie, etc.
,Q nando dalla fase di discussione si passo ad una pro-
iva di concreto inserimento nell'attività organizzativa
1 ce (volantinaggio, inchieste, etc), le verifiche sulla-
effettiva volontà di un impegno organico nell'attívità"'
-,Brigate Rosse, furono negative. Infatti Pace manco a
si appuntamenti
'Horucci: Confermo che nell'ambito della direzione della
ma romana si-discusse di questo comportamento del Pa ce.
u 1- 1- ' 1 n s _
cise di andare ancora agli ulteriori appuntamenti di
_
ero, ma Pace non si presento a nessun altro. appunta- I.

›- A seguito di ciò si decise che Pace non poteva es-


considerato un aspirante delle Brigate Rosse. -

._ 1, 1

61
JH"

af 'f...a-a ,dele:=-1fi=i_sn_eÉs_tí'eì;.ì 1 dica S 'i'dIi_i_' E _l_Lf.__s_ee.i_§ci.9.s_._fl ._ di

_. Onoscev
o - Pace
-' _
da _- lunghi
-
anni.
.-
Egli all'epoca non era
'fi:=å=*t¢-'-í'§`n "`a-l'ciína`_"T-attiv'i_~t°à" politica' concreta. -Ebbi la
Ã-,È.'§Fí-_B-n'e-,- ne_1_.____cors_c_›.__.dq3':1_-l-_'.incontro, che egli si fosse au-
fìäfmjiondi-una”responsabi1itaìmhe7bbmpénsava la mancanza
Liflwsüo impegno politico. Plno1tre'era_chiaro che Pace si
i7§gá esaltato perché_tra_le migliaia di militanti del Ho-
”*Q{0.; i_milioni”dLQpersone'che avrebbero voluto sapere
Èiù sul destino di Aldo Hero, era l'unico che, grazie
:gun conoscenza personale :uni noi due, poteva addirit-
*É'c0noscere le intenzioni delle Brigate Rosse in merito
vicenda Horo.
" NOT! flte
' nemmo 1 io e Adriana Faranda, che Pace potesse
igm alcun ruolo in ' ques t a vicenda , non solo perché non
1.3 persona adatta, ma anche perche noi, data la nostra
finne di minoranza e Inni decisionale sul sequestro, non
¬mmo dare indicazioni vincolanti. Peraltro i contatti,
i quanto lui ci disse, aveva con esponenti del P.S.I.,
nano da noi ritenuti al mmmento risolutivi, poiché il
-I. nulla poteva fare oltre quanto già faceva pubblica- "fi-

_Del resto io si Adriana Faranda eravamo completamente


fimti nel lavoro di consegna delle lettone di Moro che
itenevamo potessero avere iui peso rilevante aj. fini di
oluzione incruenta del sequestro. I Ö 'I I 1 U Dì

Tranquillizzammo quindi Pace sul possibile svi upp p


vo dell'intera vicenda e sul nostro moderato ottimismo
_1a possibilità di salvare Horo e ci lasciammo dicendo-
fie lui nulla avrebbe potuto fare per incidere sulla vi-
R;-. oltre quello che già era stato espresso, ripetuta-
'
È E chiaramente, da tutto il '
Movimento dell ' es t r ema si-

Peraltro, proprio uno o due giorni prima, la Repubblica


Ènamfl. aveva dichiarato la prop ria disponibilità ad
ÈTE ì detenuti eventualmente scarcerati' in
` Ita 1°ia, cosa
il che non era avvenuta neanche durante il sequestro
E Che. poteva positivamente -influire sulle decisioni
stato italiano. _
G11 chiarimmo che l'esito di questa vicenda poteva di-
re HOR tanto dalla scarcerazione di detenuti politici,
1'
.-

- _., . .

Principalmente dalla esplicitazionegdi uniíicpngggit ___


FPp01itico che le Brigate Rosse ritenevano dovesše;pg¢=f{*f>_
P-dalla Democrazia Cristiana. _ ; t -_e _~f«** If--a' "f"
ii ¢gngedammo quindi senza prendere un impegno¬di_£u1--
;'¢ontri, ritenuti peraltro da noi pericolosissimi;'sia -
i n
on avevamo alcun u
controllo
1
su quanto
1-'
Pace' 1
avrebbe _,

på I-accontare ad altri di questo inc__ontr_o,___s__i_a__perche-


gara già stato fermato dalla poliziaƒi1›17%marzo,*insieF'“'f-"
11;;-i esponenti del vecchio -Potere-_#Op'eraio_,.-_ e.__=_p:o_t1=.ìv¬e_.;;-_;_-__- _
3 . .
3» essere ancora oggetto di-pedinamenti. ;_;"=_. ;_-5 _>T-__
là Seguito della diffusione de1l'appe1lo di Waldheim; e c
a conseguente discussione che io e _ _Faranda _avemmo_ con_ _
tuti) circa il valore da dare al'1'intervento-, e..'-della
sta poco incoraggiante che da lui ricevemmo, io e
ma Faranda annettemmo sempre maggiore importanza alle
ere di Moro e alla funzione di mediazione politica e di
ùgsione che queste avrebbero potuto svolgere nei con-
ìi delle forze politiche e delle istituzioni.
proprio in quella settimana. io e Faranda, consegnammo
¢ lettere di Moro dirette ai suoi collaboratori e ad
fignti politici. In quei giorni il presidente del Senato
ani visito la famiglia Moro, unico democristiano da pa-
hi giorni. e successivamente ricevette al Senato sia il
tro dell'Interno Cossiga che il segretario della Demo-
a Cristiana Zaccagnini.
Questo ci fece sperare che un autorevole intervento di.«.
a ni potesse produrre una mediazione tra la necessità di “
re la vita di Moro e l'obbligata necessità politica di
edimento della Democrazia Cristiana alle richieste del-
igate Rosse.

Qin quei giorni, che precedettero 1'u1timo comunicato,ci


_d.una parte una dichiarazione dei bierre processati a
9__ circa la disumanità delle condizioni carcerarie. e
altra la pubblicizzazione del lavoro fatto dal P.S.I.
.åinizi di aprile del 78 per trovare soluzioni che po-
H'9_ indurre indirettamente le Brigate Rosse a liberare
promuovendo una serie di iniziative istituzionali. Il
_TPrOpose, tra l'altro, che venisse attenuato il rigore
_grceri speciali e che si scarcerassero dei detenuti po- n
fiågìn precarie condizioni di salute e che non avessero
€950 reati di sangue. -
ififií. pur sapendo che questi atti da soli non avrebbero
essere considerati sufficienti dalle Brigate Rosse,
.nu

¬.-
avnì

di ug`ualmente a. evidenziarne iJ. valore, argomontando


Éìtessp Curcio sembrava aver proposto questo 'come ter-
“"S1'bile
"
e di'- una. so l uzione
05 gli' H tti di clemenza
` della vicenda .
. .
ipotizzati
. da parte _ di espo-
_
' '
D}_;|_t1Cl› 51' Par]-01 tra l'altro a anche della scarcera-
;'Pao1a Besuschio che era compresa nel1'elenco dei 13
'del comunicato n.8. _

3}grebbe forse specificato, a proposito della lista < ~


“tape questa venne completamente redatta dai detenuti _
ghgnti_al1e Brigate Rosse - al momento sotto sequestro
f - loro soltanto potevano infatti essere in grado di
Pig valutare, quali detenuti andassero messi nella
f*gj¢è, in pratica, quali detenuti oltre i brigatisti
šbiuti, erano divenuti in carcere militanti delle Bri-
figse. Come Delli Veneri ex-nappista, o Notarnicola
Èa Cavallero, o Rossi ex-22 Ottobre.
'_"'quindi ovvio che i detenuti delle Brigate Rosse,
pfimilitanti storici", hanno partecipato attivamente al
ire per quanto riguarda la richiesta di scambio.)

el frattempo anche l'0LP era perdipiù intervenuta pub- _


ente perché Moro fosse rilasciato.
un tutti quei giorni avvennero ripetuti incontri con
ti) e ~con ij componenti della. colonna romana. in cui ,m, '
'_ofl__- di far risaltare il valore politico di eventuali -"
ive istituzionali iui questa direzione. .A seguito di
ostra azione incalzante, e a seguito anche della va-
eƒ del comitato esecutivo che' riteneva che queste
e avevano spostato il terreno del confronto -_perchÉ'
no il problema dello scambio e del riconoscimento po-
implicito in questo -'fu deciso dallo stesso comitato
vo di effettuare la telefonata del 30 aprile a casa

gesta telefonata aveva lo scopo di far comprendere che <


si iniziativa istituzionale nel senso_flel1e proposte
225 D di altre similari (cioè ogni tipo di scarcera-
_åfldiretta" di detenuti politici, ammalati-od altro).
tåfå prescindere da una chiara presa di posizione
emocrazia Cristiana attraverso il suo segretario Zac-
. -|.
\'lI'_ ' 1

iii Questa telefonata fu effettuata da Moretti, alla


ìfesenza, 1a'domenica del 30 aprile, nel primo pome

.--

-un

_ ì_ i --_ __ I__'* -I-


-rh
.
_ .I

r;.¦

B. . r-
|-"..
La-_ .
"_

_.__..
lI¬,'T.r. -

J _

_. I _. __ _ -_ _ --

. -- _ - _ _ I-._-_ - I _ _
_ ._ _- '_ _ _ ._-_ _ _ _ _ _
- «_ . -- - __ .J _ _ .
_ ' __ . _-v _' ¬. ' _ . _
_ _ I-'_ _ _ _¬' _ ' - I -

d da-_'?“} ƒt_e;1E_of¢fle-"a muro -dei-ntssiiepas-saggi- delia- sta-


_Term1"1'_ B' r' _`*-F;“5¬_-~1.j› _. ; __ __
-D.R_¦ Pf-11113 E1El]_..'&.-tfilâfüilátâ., '1_D_lE Faranda Ci eravamg
dati con Moretti in un ristorante nei pressi di piazza
Zini eve parlammopsL;lungo_del contenuto della telefo-
è de11a'necessita`<Lu farfcomprendere_fiirettamente che
ín;1ntervento_ielLa Democrazia Qristiana, che prendesse
|ei~connotati_PU1itíti-çéllaiflëtenzionegdíffloro_e_de11a-
Ossibilità di- liberazione', avrebbe 'potuto _mettere in
wioneílfesecuzione della condanna a morte di Moro.

: Al momento _`della_ telefonata del 3D_ aprile a


1 ore, emerse dalla discussione con Moretti, che il co-
I esecutivo delle Brigate Rosse era ormai giunto a11e
erezione che il sequestro fosse al suo epilogo ehehe a
,gi sarebbe dovuto dare una conclusione, salvo un in-
to del Segretario della Democrazia Cristiana, che fun-
da riconoscimento politico del sequestro. Questo in-
to si sarebbe dovuto verificare nei giorni immediata-
successivi la telefonata. _
Faranda: Il problema era stato posto in questi termini.
_i non indico una scadenza precisa entro la quale do`-
erificarsi l'intervento del segretario della Democra-
istiana. I1:comitato esecutivo considerava che quello
e stato l'ultimo tentativo per rimettere in discus-f"
la conclusione del sequestro.
H_;;ggg;: Noi fummo presenti alla telefonata fatta da
i alla famiglia Moro; questa fu l'unica 'telefonata
da lui alla famiglia Moro, mentre agli amici di Moro
nammo sempre noi per i motivi già indicati.
I› .._..

3i_recammo insieme alla stazione Termini ma, conside-


che la telefonata non sarebbe stata breve, scartammo
inc sulla piazza, e solo dopo molto tempo trovammo le
ioni adatte ad effettuare la telefonata da uno degli
Cfihi situati nei sottopassaggi.
3-R1: Gli incontri con. Läoretti) per la. consegna dei
¢atl;dE11e'Brigate Rosse e delle lettere, avvennero in
P°§h1 52111 Città, esercizi pubblici, giardini, etc.
fil questi_incontri avvennero nell'appartamento occu-
gti: 2 Fafianda all'epoca e da me affittato anni prima.
.àw_aflei_I appartamento di via Chiabrera a S.Paoio che
_ittato nei settembre 1976 quale base della di-
B della colonna romana). j
.i

2.

i |
_ _ 65
r .

'_

'.".. ' -iti!! I I-Il-In---1-¬ -||-_ 1 1-I --

"I'\'-|-,›,- _' In .

"'h'H-lu. -1'-I.
'iE'-."i _[-st'
È
J'-i.
-¬'|\--I
I!
Llxll-'
1.'
"" .n.'\ 5-..;_ ,._ 1-J;
___-. .I___|i n..--
"'- '
.:i,l|_._i-
.hi
_;ii._
_ '|-|,'
II.
I.

_lliii-__;_______
1,..

, _

_ - _ _ _ - _ _.
_ ___ ¬_. __
_ _ 1 _ - 1-
_ . _ ¬_

;__-' Questo appartamento fu poi abbandonato per motivi -_d__-È,-_f'_


___ :za a seguito _della __ diffusione radio televisiva_de
'_"f _ Jllg _
isf'- razione della mia telefonata del 9 maggio al professor _
Infatti tutti i. rapporti :uni la proprietaria del- '*
rw- -
aftamento erano stati da me tenuti a mezzo telefono. _ .
'PP _
nei giorni precedenti avevamo inoltrato. con le solite _'
lesse modalita, le lettere «che Moro aveva scritto a1lee<f;
:img autorità dello stato, tra cui Andreotti, Leone,;In- _
5.; Fanfani
_ .e Craxi ' Iolettere
_ queste e Faranda speravamo_che
_ gli ef-
pr combinati d 1
e della telefonata del 30 .
i le - potessero sbloccare la situazione.
_ * '
Ma della telefonata del 30 aprile non fu data notizia
igiornali dei giorni successivi. Furono riportate solo
azioni su una telefonata alla famiglia Moro_ che an-
_

150!
Fi
ggva l'imminente esecuzione. '
Comunque il primo maggio apparve su un quotidiano a
ii dg tiratura un comunicato della famiglia Moro, molto
t"ico nei confronti della Democrazia Cristiana. Nei primi
ìni di maggio ci fu un incontro tra la delegazione socia-
t_a e quella democristiano, nel quale si analizzarono le
poste del P;S.I.
. .¬.-
In quegli stessi giorni recapitammo anche una lettera
'ifhoro aveva *sc'ritto_ad una sua persona di fiducia, la
le sembra avesse curato i rapporti tra la Democrazia Cri:
an a e il P . C . I . nel periodo precedente la formazione del
erno di unità nazionale.
È-.1' |.
(Si trattava di Tullio Ancora.)
*all _ _ *I

È,
ti Subito dopo apparve sul Popolo un comunicato della De-
razia Cristiana in cui si invitava il governo a prendere
considerazione le proposte socialiste Alla fine del co-
lcato si affermava che lLa Repubblica avrebbe saputo te-
e comportamenti. di1 clemenza se si1- fosse abbandonato 1 | uso
la violenza
:me . '
Questo
_ _
parve a me e ad Adriana
_ _.
Faranda
_ _
una
$ per un implicito riconoscimento politico nella misura-
ÉU1_Sí affermava che la Repubblica, cioè lo Stato si sa-
Pe confrontata con il problema politico della violenza.
--_

Ma queste cante aperture e il gran parlare che si fece


-_...
¬|_›_ _
.P _

Éfiqeí giorni dedf mille impedimenti tecnici all'eventuale


Ffierazione di qualche detenuto politico, non furono rite-
5 dal comitato esecutivo, la risposta che era stata sol-
diat&=con la telefonata del-3D aprile.
er In uno di quegli stessi giorni a me e a Faranda - ri-
I." -
|.| ' -
¬_._

"1--.
3';
...
J

I" |

'.=_.-._-
:'. I- .

|-
r
I -. L
-I 1-

'HL'-_
r-'ai '
. .j L1*-' I
'_ 1f
-fa --
.__'-I.-I '- _
'__È '\`l;_ '

_. |ì _. - _
f§meßLe_QQNɬÉ9WP°Ff_ìí del Prgnte_Logistico nazionale
i_;ä_-fš_u1gL_§i_nfia*;_-D_S__- _f-_u_-_.':.-_-._to da_Hore-.tti un_ appuntamentg in
gggfberini. ln. ci informo che era 1J1.atto_da'pgrre
äifàpgfesecutivo-una-consultazione, tua tutti i diri-
_üe[1e-Brigate Rosse, sulla decisione di dare seguite
hndanna a morte di Moro. Ci fu detto che il comitato
i\,¢,____g_;_a--pervenuto alla decisione di uccidere Horn e
“gitre direzioni di colonna e i membri dei Pronti ave-
;§e}§preå§o_la_propria ratifica. Dopo questo giro di
f§EioniÉträ_i,militanti regolari, ci sarebbe stata una
tazione, puramente formale, anche all'interno delle
e_" _'-T ' _ `- ` P--"_ _'. ' ¬ e I- J

M-eretti-ci~spiego che la decisione di eseguire la con-


Era motivata dal fatto che lo Stato Imperialista delle
azionali aveva chiaramente ~espresso, durante 'butti i
rei, la propria volontà di misurarsi con le forze ri-
enarie esclusivamente sul terreno della guerra. Que-
3 il motivo per cui il S.I.H., ci disse Moretti, non
ceduto alle richieste delle Brigate Rosse e aveva
di sacrificare Moro, ma le Brigate Rosse non potevano
rei da questo oggettivo terreno di scontro, pena
tramento di tutto il movimento rivoluzionario.
Era ormai chiaro, per il comitato esecutivo, che sempre
sognava prepararsi, come organizzazione, alla guerra
lo stato e che túsognava imporre questo stesso ter-
d un movimento che sembrava non rendersi conto della_
gabile necessità, che la lotta rivoluzionaria doveva
ariamente trasformarsi in lotta armata contro lo

Io ed Adriana Faranda esprimemmo la nostra totale con-


ta alla esecuzione di Aldo Hero. .Non essendo quello
ento di riprendere fino in fondo i motivi della nostra
pposizione politica con l'organizzazione (anche perché
1 momento questi motivi non erano configurati come di-
do sulla strategia di fondo, ma sopratutto sui pas-
tattici, quali 1'azione Moro e .la decisione di ucci-
l'os-taggio), cercammo di sviluppare argomenti convin-
Per far recedere da quella decisione. '
Dicemmo, tra l'altro, che il passaggio alla lotta arma-
tutto il movimento doveva avvenire per una maturazione
il c non poteva certo essere imposto dall'accentuarsi
repressione che sarebbe seguita alla esecuzione di

V 67
___.,
. ._ .
. .' .'-
.__._¢- 1.
I' " .
._-1-. _-
__ .:_..
rh _.

'-¦' 'É _

,»-_,..- -

1.'-__.
1--“_._.
.,-r..-. - _

,___ . _ __ _ -
_ _ __ ¬. _ ¬_ - _
_ ' _- -_ _ _ -.' _- _ -
1.; - -- . _- -- "" ---___ .-..- r _ -
______
¬.| _ _ .__ ' - _
-_ ._ ' ' _ - ¬- _ .
.' _ __ - ' _ _ - __: _ ' -
|_' _ - ' . _ _ 'H' - -._ _ .. '
"- _ ._ _' - _ ' "

_ Dícemmo ancora_che-untorganizzazíone che-aveva chiesto -


†_ber3zi0ne di prigionìerì_-politicii;istigmatiaaando_ le __
åëioni di detenzione- applicate: dallo Stato' capitali- _
Eä* “gn ipfltflvfl poi, contraddittoriamente, uccidere un
3 ìern inerme. _- _ _ _ - _
rlun _ _-›- 1-- _' _-- ---- --- --_ -_ _ -__'- _ -_____ _.- _ - _
1 Durante la-discussionevdicemmo-anche.che di fatto c'e-
mail =f'°“¢P1.1°.*
__-Esistenza politicaI*i'=:°"°-l*°*“@.H*lfzfšeelešePiece-eäee Pim-~==1_1-2*-
era ;_o_1__jmai -rl-¢-;_0_,}D$¢1__,J:ta__';.lun:-_;-.tuttojü...-†:_
5 e che quindi ci sembrava folle ridurre 1.azione poli¬'
_ad una guerra' senza quartiere con__1o_ stato, che né
šanizzazionet :Hi-il movimento rivoluzionariqi sarebbero
i in grado di sostenere e che avrebbe appiattito comple-
Il
te il terreno dello scontro. '
questa discussione si svolse in strada e fu molto ani-
=_ tanto che tutti e tre ci dovemmo spostare più volte
Ino alla piazza. Moretti era recalcitrante perche di-
che erano tutte storie dilatorie che aveva già sentito
e la cosa doveva essere risolta in breve tempo.
Questa riunione per la strada iniziò alle 17 e terminò
19, quando arrivarono sul luogo gli altri due compo-
i della direzione della colonna romana (cioè Swghetti e
alzerani). Si riaffrontò anche con loro la discussione.
_espressero il loro appoggio alla decisione del comitato
utivo e dopo una decina di minuti la riunione si sciolse
hé, dissero gli altri a quel punto, c'erano altri appun-}-
nti da rispettare e cose da fare.
A1 termine di questa discussione ci fu detto che la no-
posizione era assolutamente minoritaria e che quindi 11
t ato esecutivo
- . .
avrebbe tenuto conto della opinione della
i oranza favorevole all'assassinio di Moro.

-Dopo questo giro dii consultazioni, il 5 maggio in un


D pubblico, rivedemmo Moretti che ci consegnò il comuni-
n _ 9 _ contenente la comunicazione
. . che la condanna a mor-
a rebbe stata eseguita° _
Cercammo di convincerlo a ritardare la consegna di que-
omunicato, anche in virtu del comunicato della Democra-
G ristiana
' ' '
apparso sul n Popolo" e del fatto che sembrava
1.Ella Democrazia Cristiana le cose si stessero muovendo,
J che era stata convocata la direzione per il giorno 9.
1 EV-amo fosse- in corso uno sviluppo positivo che si sa-
À
- potuto automaticamente bloccare con la diffusione del-
E
-Clfiíone delle Brigate Rosse di eseguire la condanna.

' 68
af-
r~
__"""_
_.
u¬-'

__ _
I

.-
.ra
F-
,_

,:._- _ _ _ .
.-ei-
pun
._ |' _ _

igänche su questo :uni fummo ascoltati ed .il comunicato J


ì consegnato alla stampa. '
ÈJA
__ quel punto
_ _ la decisione di uccidere Moro era 'opera--
I ' ".' _
ir, Moretti disse che :uni
riunío ` erano previste altre
fìòmitnto esecutivo, che ni-
rendere' .aveva delegato lui ai
üt_i¬_,«a la condannaƒa morte. Da quel punto qualsiasi no-
Ö era buono perche Moro venisse ucciso. _ _.@_ __ .-- 'v
,vñnchn se il comunicato fu consegnato alla stampa, in.;,_.<
ìf¢'a1le: nostre argomentazioni, .Moretti si. convinse ad" Â
fidere almeno un altro giorno che si evolvesse la situa- - -
,“po1itica a1l'interno della Democrazia Cristiana. --
1.'
|-
..n.

š“(Andrebbe detto per completezza che ii rinvio non fu


fa soltanto alle nostre insistente - ché solo queste non
bbern state sufficienti a smuovere Moretti -.ma all'in-
rione di questo ìcon le sue stesse esitazioni. Queste
1 zioni erano dovute alla sua, forse non espressa, consa-
Iezza che l'uccisione di Moro non sarebbe stata certa-
r una vittoria per le Brigate Rosse e che quindi poteva
-e ia pena di .aspettare~ qualcosa che capovolgesse la
zione.)

Morucci: Effettivamente, dopo la riunione del comitato


tivo che aveva stilato il comunicato n.9 e stabilito la
mmediata diffusione, la decisione :ti uccidere Moro era_
iatamente esecutiva. 'W
Il valore vincolante di questa decisione era ulterior-
rafforzato dalla consultazione generale dei 'regolari"
varie colonne che la aveva ratificata. Spettava a Ho-
'stabilire le modalità organizzative, i tempi e i luo- ~
el1'esecuzione. Il differizento della. esecuzione era
e legato soltanto alla. soluzione di questi problemi.
n parte per la nostra insistenza, in parte per-i dubbi
remote di Moretti, accentuati dalla nostra insistenza,
rinvio di giorno in giorno, dal 5 maggio, 1'organizza-
della esecuzione, senza consultarsi con gli altri
L del comitato esecutivo. Dato che in quei giorni
2 a Roma per-seguire ora per ora la situazione.
E§£åggg¦ Confermo quanto ho già detto al riguardo. La
.one di differire 1'esecuzione fu sicuramente una ini-
'a autonoma di Moretti, almeno per quanto capimmo dal
'mportamento, dato che ogni giorno successivo al 5 mag-'
1 misurammo con la sua volontà di eseguire la condanna
rno stesso.

69
1-1 lun Inni fl -I _

.
in

'l.
:-,'-
u--

__'.
,_.. _
.__-
g-I.
._ .
-,_
.-..I - ' .
ne-
1--
LI-i-_ | ._
I

,.,..f _;-.'
.-
|$_
|
'r-;'
.i
'::_'J.1
J
P i
.._|_ 4
,.¢
P.

i.-'-*_ -- -:_.' - .'_'¬-


'.
-1'-_
-'
-. .--' -r . I ' I _ __
_.
----- _ -
- ..P
_ _
 __-
._ _ - _ -_ _ _ _ ' I _

_I(Ngfei¢i *alzava ogni giorno. dopo 11 5 massivv che sa- <


_ _ .__ _ a _ _ ' _ _- -_ ' _- n
' _' Ju f . _ ' . _ .

.r

1-stägfl-i_oLtimo_e che avrebbe_esegu to la Cüflüâflfiã. IH


J.__ 1| n `
Ju

rågcrefln cè lo dicesse perché_anche lui si trovava in un


ft jeno. Non solo, infatti, egli era convinto che Horn
ci-1°
F E E uçciso nonostante ciò non sancisse una vittoria, ma
ii-
__ 1 ;trovava-a'dover'rendere conto agli altri del comitato
'J 1'
,gg di- _ questa
_ '
decisione che egli' stesso aveva appog-
f

F_
_ _
- _ -'--- _ _*-¬___ :----.-
- ' _ '¬' __
._
-~.--
;,_
" -
-_ __ __ 1
. - hi'
-
._ -___ _ -
- 1
_†'
.
_
_
- _
. -
--__-
ll- _
-. _-_ _
I- _ - - -.-- - -- _ . " '= - _ - __ '

[Di _ . -- - .. . _ _
;~5e infatti fosse accaduto_qualcosa inn* cui non si sa-
Pjù _po__t_L_1to__ uccidere Moro, senza però avere in cambio
Q8
.ih E-5í'volëva c o'loçsi_fosse dovuto uccidere lo stesso,
bn n una minore giustificazione politica a causa «ii even-
Ii proposte sopravvenute da parte della Democrazia Cri-
g,1_3 - la responsabilità sarebbe stata sua.
Da un lato quindi era tentato di aspettare, nella spe-
E _, che si maturasse una vittoria per le Brigate Rosse,
I 'altro aveva timore che l'attesa avrebbe solo potuto
E 3;-e a qualche mossa astuta della Democrazia Cristiana
avrebbe potuto offrire troppo poco per la liberazione di
1 'na abbastanza per far apparire ancora più ingiustifi-
, la sua uccisione agli occhi dell'opinione pubblica.
intuando cosi ancora di più la non-vittoria delle Brigate
ie-) _, I
- n
' I

7 Il 6 maggio, i giornali riportavano la notizia di una;


H'a di Eanfani a casa Moro. .Rata che questa visita era
: nuta dopo la rottura del primo maggio tra la famiglia
: e la Democrazia Cristiana, tentammo di convincere Ho-
t i che questo fatto avrebbe potuto preludere a un'auto-
J le intervento di Fanfani e quindi ad una svolta nella
_
zione della Democrazia Cristiana.
- Perdipiù in quegli ultimi giorni si era tenuta un'a1tra
:mblea di movimento .all'interno del1'Università. che si
conclusa con la diffida alle Brigate Rosse di uccidere
L
_ Si arrivò così ad attendere i discorsi della Domenica
L' . i 1-
H campagna elettorale nella speranza di iui segnale di
L' 1' o _ -n e o I I I I'
ficazione nelle posizioni della Democrazia Cristiana
E
ffetti I
la domenica O
parlò il
I
fanfaniano Bartolomei
I -I
in un
É

orso che fu riportato dalla televisione e dai giornali


L unedi 8 maggio.
. Tentammo di convincere Moretti, incontrato anche l'3
I iv. che quel.discorso, pur nella sua ermeticità, annun-
W-ini probabile sviluppo positivo. Ci fu risposto che

70

í_ _______ _ _ _
nui`E|i-| H.¬5l"-1

›,..

:~L,_' ¬_
:___
!.i†._' .*-'_
*H-I--_.
' . __-_
__ _É
___|_. __
-.
H.
..-"
.:_-_-
I .
_.¦l_
¬'- -|.-:.'-',-___- ,_.
al..-|__ -_... ._ __.
"" *"|.1Ã..fl-. :l|..'_': '-L'-¦._,. il-I
_ ' -|,_._-__.
._ - '- - - _ `"f
- -'-lb.-g...
-.-. .:L'="'›_--__~..__.!-
1:.-. .-5'".;_'-_¬-..-›1-.'*«'-'-
. __g¦.-_ _.'-I
. là».-«_ Il . . È» rIl\_.i¬L.TI.|I'à"'.|-*'!'_-
|---'I-' .-».=Hr.._ .ei ._'-'\I|¬-I'-._- I'r.||I"
nc, 1e solite chiacchiere democfis'ti'a'ne3-';'e'1'usí\ie1 Q gh-E .nu-“_-__
-_~-=.rfi.-
-gçìgílìficavä-HD nulla, se - non 11
- --
_tentat11.§:o__d1 - -- †--
_guada_gnarE_-tEm_-_.
_ _ - _ _ _ _ . _
, - - `-_-.--_;-- _
.T-;+:'P“ _ _ - _. __ 1.- - - , -
(E' probabile che in questa reciproca incomprensione 51
,B giocata la vita di Aldo Moro. Le istituzioni, il gover-
Ia Democrazia Cris t_ia_na, __n,on ---a_v_evano-__-çapi_to-†___la1--_strut-_-tura. _
_"*"'9š ragionamenti politici '_delle _;'B_r_iga_te' _R_osše,__ __per___§quanto __
deesgafosse mol to sempl1f..f._cata_ 'e l;1ne'a`re"_ n'e`l"'-`_'ì§-u*o'____sfc_b_}ema'.¬,:; _
_,__-iismp ideologico . Le Brigate Rosse( per loro.-'conto,"¬n'on -
.
Il ,-ano assolutamente compreso - la complessità della for-
.VE l 1 _ -ll I. _ ' I'. ' _-

azjone della decisione polgtica, co_nvi'n__te_ __co'me____erano-che---__


iãtga la politica fosse dipendente da decisioni prese cen-
trajmente ed applicate da una macchina istituzionale e par-
tírjea perfettamente funzionante e disciplinata. La tat-
_,,-E3, la necessità di far consumare le posizioni contrarie
_p,.;,,,a di poter avanzare vittoriosamente le proprie, senza
1,;-uciarle in premature sortite, era arte del tutto scono*
5,-,juta alle Brigate Rosse, e non poteva essere altrimenti
,Er un'organizzazione che faceva viaggiare la sua politica
E115 velocità supersonica delle pallottole. .
Qualcosa si stava muovendo ed avrebbe anche potuto por-
tare ad un diverso atteggiamento di fronte agli eventi. Noi
intuimmo questa possibilità ma la paranoia brigatista - come
quella dello stato unicamente dovuta alla demonizzazione
iell'avversario e alla mancata conoscenza delle sue obbli-
gate regole di comportamento, nonche' delle sue reali possi- '
bilità operative e decisionali - ebbe il sopravvento.
Il comitato esecutivo aveva sia deciso che tutto ciò
che si stava muovendo avrebbe potuto portare soltanto alla
formulazione di proposte e di iniziative che sarebbero state
insufficienti rispetto alle richieste politiche delle Bri-
gate Rosse, ma abbastanza credibili a livello di massa, da
far apparire del tutto ingiustificata la decisione_di ucci-.
dere Moro senza neanche averle prese in considerazione
Su questo dilemma si sono probabilmente consumati gli
ultimi giorni e le ultime ore della vita di Moro. Ucciderlo
ore sarebbe stata una non vittoria, ma doverlo comunque uc-
fiidere dopo -¬ per non cedere a proposte insufficienti - sa-
rebbe stata certamente una sconfitta
Moro non è quindi morto per un parossistico furore ri-
Vvluzionario che ha fatto scambiare un atto inutile per un
fitto esaltante e fondamentale .ma, ancor più drammaticamente,
F-'Erchd la sua morte era in quel momento ritenuta dal comi-

- ?1

___
*I

. Il ..r-':-
.. ., "'|.'.-.ah-+__-:_
_ _ .-. :_'.-_.li. _'___`_ ru.

_ _ '_*=¬`f¬'
:_i'¬¬_-1;›:“-=
=-
'ff
"-__$_ecl£}fj_vo del-le' Brigate Rosse come il male minore.
«atta che poteva risparmiare problemi ancora più com-
i_erpn1emiche senza fine all'interno di tutto il movi-
;"riVD_1U.ZJ:OH£!I`.íD.
Ome giustificare infatti la uccisione di Moro dopo
,Pep esempio, lo stato si fosse effettivamente impegnato
f'fgre la Besuschio o Buonoconto, o si fosse impegnato a_
recjì carceri speciali, in fosse intervenuto positiva-
Èbef la liberazione di prigionieri politici in Cile, o
Bfasjjg, o in Argentina, o in Bolivia?
Q _0uesto era il grande rischio che non si poteva correre.
6 '13' 'situazione che si sarebbe determinata se lo stat'o_
359 fatto qualche piccolo passo concreto, e _"prome-sse"
djbili e significative, sufficienti a stringere le Bri-
tè Rosse in una tripla morsa. Da una parte le richieste
šjjberaziohe che si sarebbero di conseguenza fatte sempre
U pressanti - e a questo punto più giustificate; dall'al-
á 1'"obbligo" di dover ancora attendere del tempo per ve-
,ìumre lo sviluppo delle "promesse" prima di poter libera-
“'Moro e da ultima, sfruttandole entrambe, la pressione
,M13 polizia che-:uu: avrebbe certo abbandonato la ricerca
daga prigione di Moro.)

, La mattina successiva, dato che io e Faranda avevamo


šfimto i contatti con gli amici di Moro, cui avevamo fattqH_
ifixovare 11: sue lettere, fummo incaricati. da Moretti d1 H
*rintracciare uno di loro per comunicare alla famiglia deve
rnebbero potuto trovare il cadavere dello statista.
Effettuai questa telefonata in presenza di Adriana Fa-
inma, da una cabina telefonica della stazione Termini, co-
imúcando prima con il professor Tritto e poi con il padre,
cum risulta dalla nota registrazione di quella telefonata.
1 Anche in quella occasione mi qualificai come il profes-
sm Niccolaí, nome convenzionale da me usato per contattare
hate e tre queste persone.
'H .
-

a` HDoman_gg'. Gli incontri con il responsabile del comitato


'ßficutivo avvennero a scadenze fisse e quando? ,
L gigposta: Incontrammo il responsabile del comitato ese-
Púivo (Moretti) nella prima parte dei 55 giorni, agli ap-
Puflfiamentí che egli ci fissava .di volta in volta, oppure
_pìmite gli altri membri della direzione di colonna che egli
*"¢Dntrava. -

HH'
_ 72
..-

. _ _ -_ --_ - _
_ -_'__ "__ - _IIlI -_ _;--_ 11-'. .._ - -_; _ .r ' _ - _ _ - _ - - _ _ -
. ' . . _ - -_ _ - .-u-P - ' ' _

Da1_30Öaprile in=poi{:giorno†in`cui capimmo che 1a_vi-


_s,aog-perraveregun;esito"traeì¢Q..facemmo in modo di
?_,r_a;_a il- p._íì`.1.' s_pess'o--*possíb-i»1e Moretti -o 'comunque di
àre con lui appuntamenti tramite altri membri della di-
..fles di _ß°1P"°_e._<Sfvfv-f__2_-m12°<e~+>
onrraf?†"fÈ~ 'F “;'l* *"*"'
che Egli Peters
_ ' _ É __- '_ =' '_-_ __.-__- w-_- ._ _ _ ' - ._ _ - _ __ .
" _- _ . ' _ ' """ ' __ .°_i __":-_,_:° -r _-____fl-_._. .. __ .. __-___. F- _ - __ _ --_ ' ..-._ -T'

_: Q95§nda:_QuaLe_era_;LL_sensopdel_gerund1o eseguendo
Jcomunicatofn. 9 del 5 maggiol- ' ` §`-
pisposta: L' "eseguendo" non voleva significare alcuna
. ensione de1la-condànma, ma stavaesemplicemente ai defi-
__e ufflazione non ancora avvenuta al momento della emis-
e del comunicato. Il comitato esecutivo aveva deciso di
share l'u1tímo comunicato prima della morte di Moro e non
nflh (Anche perché cosi facendo c'era sempre la possibilita
ié1'emissione del comunicato provocasse nelle ore immedia-
amenfe successive - questo era il limite ormai posto dal
'Mfitato esecutivo - qualche fatto nuovo.)

f Domanda: Perché nel comunicato n.9 furono cosi pesante-


*gna attaccate le posizioni del P.S.I.?
ii gipppstaz Ritengo cflu: cio avvenne perché .Le proposte
iflm dal P.S.I. non mutavano comunque dai presupposti del1a%_
jandanna delle Brigate Rosse e della impossibilità per lo-f
inno di cedere al ricatto terrorista. '
- Tali proposte tentavano quindi, secondo il comitato
secutivo, di mettere in difficoltà le Brigate Rosse aggi-
mmo il nodo politico dello scambio dei prigionieri, e del
ümnoscímento politico in questo implicito, posizioni
ìúndi che le Brigate Rosse ritenevano pericolose.

Q Qpgapga: Non è esatta, dunque, la tesi secondo cui la


rte di Moro era decisa fin dal 16 marzo? _
_ ßjsposta: Ho. La sola cosa scontata era che il processo
1 sarebbe concluso con la condanna a morte e che sarebbe
Èšfli possibile rilasciare l'ostaggio solo se ie Brigate
'WSe avessero ottenuto qualcosa in cambio. ,
Peraltro, per larga parte dei 55 giorni, ;Ll comitato
Secutivo, rimase convinto che avendo Moro in ostaggio, sa-
iMW'riuscito a indurre lo stato ad una_forma di'scambio,
aßì quindi con molta improvvisazione.
(gin che .si
era stabilito f in dal settembre--o't tobre ' " '
fa C 1-1 3 q uesta
volta r se lo stato non avesse -accon i- '
e ' | r 1- _ J ' . -.-. _

a lle richieste delle Brigate R o sse , non si sarebbe ri-


C35 o Sossi ie che quindi l ostaggio_ sarebbe _sta È o
_ _ I' 1 1 I I '

1-0 un __ _ __
gn. Su
questo eravamo piu o meno_ _ tutti _ _gene-r_icam_ente
___ __ __ __
cflfdo 1- Nel senso che
_ comunque_ ' noi°due,
' ___ _ __ _ come
_______ tutti
___ gli- __

edevamo che questa eventualita non si__-sarebbe pre; _ 1


if cf _ a _ _
-ata, dato che con Moro in mano non" __si 'sarebbe "pos to __- '-
problema p er far accettare lo scambio.) _ _ " `
_

pemandg: Poteva dipendere dal-comportamento di Éoio lai-_ :


_5 alvezza? _
-. _B_ise_<;›.s___
' ta: Questa era teoricamente possi'b'1 1 e se Aldo Mo-
" se stato in grado di soddisfare le aspettative delle
gate Rosse sulla conoscenza dei. meccanismi _ . effettivi
. . che
ie davano al funzionamento
` e a lla ristrutturazione dello
nta Imperialista delle Hultinazionali, richiesta questa
"'01" o non era in ' grado di' soddis
' £ are .
ig Rosse erano scarsam ente interessate alla rivelazione
Peraltro le Bri-

_“;'%egreti di stato".

ii; (L'affermazione che Moro non era in grado di soddisfare


§p'ricbieste delle _Brigate Rosse sul funzionamento dello
“" '
gti-to Imperialista ' 1 delle lfultinazionali,
' ' ' e` conseg uente allure
''inesistenza
' '
di questo SI M- cos i come lo vedevano le Brigate '
imma, le quali erano ovviamente ' '
interessate a t r ovare con-
"
ferme ' e non certo smentite ' a q uesta loro visione .
_
if P rop rio per questo le Briga ' - Rosse non e rano interes-
üte.ai "segreti :Li Stato". Questi infatti rispecchiavano
'situazioni occasionali ed eccezionali di decadimento e de-
razione
' della prassi' di' alcune co m p onenti istituzionali,
ientre le Brigate Rosse erano interessate al disegno -- di
lflwo periodo e non occasionale, maggioritario e non minori-
Qmüo - che seco ndo esse stava permeando in senso autorita-
fflrtutte le istituzioni dello stato e tutti i partiti.
io non to g lie però che - come gia
C" " detto - se Moro
“HSE voluto parlare dei rapporti tra le componenti del suo
P,"flffl
° piu
' ` legate
` ag l i' Sta ti Uniti d 'America e - il governo
*QUEI paese - accondiscendendo cosi a l meno in parte alla
_"-51-UHE che le Brigate Rosse avevano della Democrazia ' Cri -
'üfiä e dello Stato Imperialista delle Hultinaziona
' ' li - av-
_Ebb E Certamente posto una pes ante ipoteca sulla possibilità
-¬e5$€rc poi ucciso.)

_ __ _
:fí`É"* “ll bierre che interrogava Moro (Horetti)'mi sem-
.-«D-R-=
' '
amerae;gliato_ dallo
_ s p essore politico del prigioniero, il
. _ .
"'paì1ava
12 _ .molto."
. accennando
. ao. un futuro in cui se
3*Ebberfl P otuti risolvere _ molti problemi. _ Moro diceva che
b be_ ..' prestato
re_ - I-__- _- `
la massima attenzione al
* * I
problema dei-
I I 1» 1
*"' si. rese conto che le disattenzioni istituzionali
_ I I i I i Il 1 g

canali
50.“ _ di
_-_. partecipazione
-- per i nuovi soggetti sn¢1a11
šì§£fneglifanniQfi7Q e per i valori sociali da questi rap-
Iwsgfinati. la delusione dopo .La grande speranza del 1968,
.-pesantezza oelle _condizioni carcerarie dei _prigionieri
¢fj_'t_i`c'i.íav-eva-no_ .contribuito a creare condizioni per l'e-›
ìúgdere della violenza politica. _ _
Resosi' conto , in conseguenza del sequestro e durante la
81'onia ' della realtà di questi problemi, fino a quel mo-
¢11'=° 5° ttovalutati -. .' egli si ripromise che nel . futuro della
attività politica, avrebbe prestato maggiore attenzione
, r In

questi as p etti della realta sociale, .anche consideran


n
` do
che la raoicalizzazione
_ estrema
. . di fenomeni
_ . ritenuti mar-
šymli era giunta a mettere in discussione gli stessi equi
nmri istituzionali.
Moretti ci fece intendere che Moro era convinto che sa-
ffime stato salvato perché sarebbe riuscito a convincere le
:finze politiche a prendere una posizione tale da permettere
s1asua liberazione. _
' .-'
DiEL_nl-
anda: A Moro fu detto che sarebbe stato ucciso?
Risppgta: Mi sembra di'ruL Ho saputo in seguito che
'
nmzgli in detto per non aggiungere ulteriori' so ff e renze.

(Questo è vero solo in relazione alle ultime ore del


sequestro. Al momento del trasbordo sulla Renault rossa non
fa certamente detto 'a Moro che sarebbe stato ucciso. Men-
ù I I* i I
1 re, ovvia
' mente , per tutto il resto dei 55 giorni gli
Iktto che sarebbe stato ucciso se lo stato non avesse accon-
ìüsceso alle richieste delle Brigate Rosse.)

' Domanda: Le dichiarazioni di Moro furono registrate ed


fififlü so lpo q_uelle trovate in via Montenevoso? ,
Risposta: Che io sappia gli interrogatori furono regi-
Stfflti. ' '
Non vedo il motivo per cui trascrizioni ` d'i altre
Pafbi de1l'interrogatorio :ti Moro dovessero essere da qual-
“W-altra parte.

' 75
.-"
' Ia. '
Ã'.'-'»;_. r
_|' ¦. 'I' .
_¦i_'
lì: rl.

i .
In

É.
._,..-

:¬-
|'_ .i
.-'PI-_
. ._ _'_ _ ' _ _ __

Q _
_ _ _ __
-
'
-1.
-. '
_
_ -1_ _- -_
_
'-' .
1
- n_ -
_'
_-
_ __-..--r_
--
,b
-"' -_-
-
'_-
-E .._
_
_
.
.
'
' _ - _ _ I

3 _ ' _ - -I _ -. _ I ' U- '_ _ - _I'


:__ _.. . . _. _ ' _

_ H _' " _

___ _
_ -

I "
_, '- - _" _ _ _
'
-
_ °
-
-
-
'
I'
1
_ ' '-

via Montenevoso --a'b'i tavano-'~ assieme- due' membri- del-


1” " e fBo'i'oli--è evidente che an-
3 o esecutivo, Azzo ina 1 _ ___ n , s _..., ,_“_ _
ofU ef tan gituazione-logistica
. compito
il . di sbobinare
--ha fatto- si. -che -a- loro due
gli interrogatori e pre-
ff; dat
-.
bozza dell'opuscolo
_ ___; -
della
1' ___- ..___'-., - ¬. -__... _
"campagna_di
___ ____ _,___- _-
primavera".
_ _ _ _
-Eil-comitato
' 'fi esecu f 't-'_
ivo ' in oteva '---curare' -ques ta -'pu'bbli'ca- "
e';01n quella casa offrivailappqgsibilita di_farci la-
e insieme due membri dei_comitato*eseeutivnrg-si1-:-_ j- -
il-R i Non sono mai venuto in possesso delle bobine o
tras crizioni. = ~ - ~ _ _---_ .

H nda:
Quando è stato ucciso Moro?
"¦¦¦
--"'_"'-'.. FFFFFF *__ iu. I 1- ir 1' -

M osta: Moro e stato ucciso il 9 maggio.


'31 H-O E -I-""'-""EH_-ñ-1-I-“_
L 8 maggio, I 1. 1 1 1 1

I 0 tentammo per 1 ultima volta di rinviare 1 esecuzione,


era 311 cora vivo. ' _
<.'
(La mattina del 9 maggio 1978 alle ore 3 e 30 la Renau
0 i . _
d e lla p alazzina . . .
di via Hontalcini
ssa lascia il garage Aldo
I'
11
F
interno
A b
del quale era poco prima stato ucciso ålywz'-_
or do , oltre al corpo di. Moro, vi. sono due persone.9¢g|,.
ü
, . . . . . .
I
L auto raggiunge J
via dei Colli ..
Portuensi e riprende da
E
o ste sso P ercorso .
che aveva gia effettuato la Dyane az-
.
'
il 16 marzo, - dopo che ebbe scor t a t o fino allo Standa ƒ__
u g e con Aldo Moro P Raggiunge quindi Monteverde e, ff-
r on
o rrendo sempre strade secondarie come aveva fatto la
e I : E lunga in viale Glorioso da cui, all'altezza_ del Mi-
e ro della Pubblica Istruzione, attraversa viale Ivastee
Percorsi poche decine di metri g ira a destra per via
n
o e di1 limi attraverso
_
strade laterali, raggiunge piazza
iscinula.
f
Da piazza in Piscinola attraversa Ponte Rot- I' D

percorre il lungotevere sul retro dell 'Anagrafe e rag-


se piazza di Monte Savello, a poca distanza dalla Sina-

Oui i due parcheggiano l'auto e raggiungono a piedi al


düe bierre che erano li in at t esa . Questi ultimi comu-
H0 agli altii l'esito delle ultime ricognizioni sul
rffl finale del percorso da compiere quella mattina, poi
UE coppie di uomini raggiungono le rispettive macchine.
La seconda auto e una Simca 1300 verde metallizzato che
'É Per prima aprendo la strada alla Renault. La Simca
le Per le strade del ghetto e raggiunge piazzetta Hat-
dfl li gira per via Paganica e al suo termine si affac-

?s_

- 1.
.._ .
,-_

%_
su _;-in delle Botteghe Oscure per verificare che non_ci _- '
_Prg5enza di polizia. _ _ f_ _ ii. ,
` Imbocca poi via delle Botteghe Oscure per giraresubito "_-'_
'astra per via Caetani, seguita dalla Renault. La Simca '
eda ,lentamente cercando un parcheggio per ia Renault. _
F05-tolibero e` solo verso la fine della via. Qui g1'_i ¢;;¢;1-¦Z°""**'¬"-ma
angƒ' della Simca fanno cenno a quell.: de1._la_-Rena-u1t".'.di†--if..'Q-'
icheggiare, si fermano poco più avanti e scendono o'a1I-fn_u-1-__- __.
per proteggere la manovra della Renault._ -Parcheggiata-__ _.: -
'fi' sta, 1'uo1no che aveva guidato la Simca si incarica --di
tare via questa auto, mentre gli altri si incaarminanoper '_
8 vie dei ghetto fino a giungere ancora in _piazz'a _o'i Monte_ ' -
savejjn, dove si separano. Sono le 9 e qualche minuto.
Dalle 9.30 cerco di rintracciare Don Mannini, Ibrtuna f
altre persone i cui nomi .erano riportati sulla agendina
di gg;-o, nella speranza che 1 .loro *telefoni non, siano sotto
antfnllo e possano quindi avvertire la famiglia Moro in
bdc. che per _prima possa raggiungere via Caetani. Cosi cer-
*--'ándn di esaudire un desiderio espresso da Moro già tempo
`f_-r img di essere ucciso.
_
ff? Non trovo nessuna delle persone cercate ed alla fine,
fyono le 12 e 30, decido di chiamare Franco Tritto - nono-
Qstante sapessi che il suo telefono era sotto controllo -
Q-perché a quei punto non c'era null 'altro da fare.)
. ..
_ I .,.*il\._
. _. _

l_)_o_g__a__n_d__a: Furono informati i detenuti della decisione di "'


'eseguire la condanna a morte?
il ..ßispog;a: Alla nostra argomentazione che 1'uccisione di <
Horn avrebbe, tra 1'a1tro, esposto i detenuti politici a
__'r-appresaglie, Moretti rispose che essi erano perfettamente
consapevoli dei rischi cui andavano incontro.

_ L'ufficio chiede a Morucci se egli abbia simulato trae- <


-'re di sabbia e di catrame sotto le scarpe e i pantaloni di
[H0 al fine di sviare le indagini degli inquirenti nella
1_¢erca della prigione.

g- Risposta: Come ho già detto non ho avuto alcun contatto


°H Aldo Moro e.11 luogo della sua pr1g1one. Non ho mai
"E110 in consegna i capi di vestiario di Moro. So che ai
-'Uni di maggio del 1978, dopo che era già .stata decisa la
seculione della condanna a morte di Moro, alcuni militanti
"WHO incaricati di andare a reperire, sulle spiagge del li-
_°ra1E laziale, sabbia, catrame, parti di piante da mettere

IP'.
1..
.__r
_.. _. __ _ _ _ _
I
. .I-il
- :_¦.
'I. 'I
. ___.,
|› ¬,. ¦
._-J-_ _."
_. .--
""[
I- 'I
*'.- -
.|_| .|
| 7" '
+-_:
Ir-*.-- '-.
-.f-,§~---
T1'. -
-'51 '
4- I .I
:..-,-

.¬'-

- H-I' I' . _ "" _ _.


. ' _ - _ -_.. "_ __ _ . 4- . _ - _ _ __ _ _ _ _
L- .-f* . " - _' _- _ ' ' 1 -.›- '
1. _ - - _ _ - ...- _ - _
_ __ ,__ _ _ _ _- _ . __. _ _ _ _ _
_.' ' _ _ ,_ _ _ _ ._ _ "F _. ._ _ _. '_ __
' . I '

'i'7¬',«eš't`itì'e sotto le Scarpe di Moro per~ depistare le inda-


1'fá_*_'ši.i'-†gri“:;c;f;.-gssí_\{e_-:al _rít_-rovamento del cadavere.
_ - _F _- '_ _ _ __

__ ` (Questo episodio avvenne quando fu deciso che Moro sa-


bb_E_'_sta_to__u__c_cis_o se___non fosse intervenuto un segno da par-
'_?i--dèjia-'-Democrazia' Cristiana nei giorni immediatamente suc-
_ÉÈì5_,-__3;;_l,.__;.__A-g:_;_;qu_e_l__3nom_en_t_o__ s_i__ poteva ancora sperare che ac-
F:d'è"€a*e_T_qua'l__c'o'sa-ffche"”ifa'ce_s'se -concludere positivamente l 'ope-
ijdgne, ma fu-dato contemporaneamente mandato di premunirsi
iii ças_o__si_fosse dovuto uccidere l-'ostaggio.) _

Domanda: La sabbia, il catrame e le parti di piante,


furono prese a Nord del litorale laziale?
gisposta: Hi sembra ad Ostia, o forse anche più a Nord.

Domanda: C'erano basi delle Brigate Rosse a Fregene o


5 _-"'-" _ . _ t .
ul litorale laziale a Nord di Roma prima o duran e il se-
uegtro Moro?
fl
_l_§ispo____§_1_:_:.;i: No. Prima o durante il sequestro Moro non
Ele;-a alcuna base in quelle zone.

_Q_g_g;__a_;_i__d___g: Risulta dalla perizia balistica che la Skor-


ion rinvenuta in viale Giulio Cesare e stata utilizzata per
1 'uccisione di Moro. Da chi e stata usata? !_.___
R_i_s_p_o_§_j;_a: La CZ Skorpion non era nella disponibili-'tà
nia o di Adriana Faranda fin dal ferimento di Publio Fiori
I novembre .1977)
U el febbraio
; Rientrammo
' _.. in
° possesso
. della CZ Skorpion
_ .
19:9 1 quando gia eravamo in procinto di abban-
'
io nare 1 ' organizzazione. .

(Per l'esattezza la CZ Skorpion era rientrata nella ba-


E 1 1- e '
e di via Gregorio VII, occupata da me e dalla Faranda, poco
F.

rin.: dell 'azione omicidiaria nei confronti di Gerolamo Tar-


'U 7 I I I I I' 1 Q

Ea i -Il 1 'I I I I'

Slione, per poi essere ridata a Gallinari, cui fu richie-


s ffl poco prima della uscita dalle Brigate Rosse con la scu-
Hate di una verifica meccanica).

Dona__i_:_i%:* Quale era il suo nome di battaglia durante il


*Equestre Moro?
1ì_i_§_p_o___s_g:. Matteo. '

~ - vs
1.
n ¬-'

¬ ---- _ --° "" '* `

9:
ø-
.1
'I

J.-
'.'*
f'¦'|-+-._,-'

*.''.'r
.-I-'if'
:.- -

mi, _. _›-

.. _
.-¢-._ ' -

il\%
;_.«.¦.
Ir' ., 1 .-. _ -_"¬' ._ -. _ .,- .

Ö
¬'-:§:¬'\
- di " di Moäfl - _ :~.~U;- _
Z
_ _ E

. . ||
" up;-igione di- l~íoro"e_r.a
' I -_ 'I '_ '_ › ` .
corfipartime_ii't_ä_ta__a..1 .
massimo. _
La E . ' _
d 1 percorso che andava -da piazza Madonna' del "
ff to , . s . _
Par D f'no
i a1l'incrocio tra via della Nocetta e la via
cflåai era praticamente__conos›c_iu-ta__da- t_u-t_ta 3_1a__d__i_1_:_ezion_e __ _
Päflnna (cioe 'da .me,._Ba1zeƒan1] Seghetti, e -Faranda,'
ci _ I- I _. -| ... __ l

r
0 H ratti e Gallinari¬già-conoscevano:$u{toéa§5@erco;so5_¬_
0 1 _' 1. |' I )._ -' 'I' '__'
' --
jie
'cfifldfl 1'ubicazione . della
. . prigrone =Liu1timo »tratto_C
“ D tr a 1 "incrocio di_ via della . Nocetta con.
H . 1 a via
*.
..--rìãa
I e la Standa di _via -dei Co11i__ Port-.uens-1,-__er.a _ co- -j
.iutü solo ai tre componenti della colonna romana che' '-
'i
.sel-Q '
flfifl 3.113 Standa (cioê›.Moretti 1 sul 'furgone- con
:
- e me e Seghetti sul Dyane azzurro. Ma ovviamente era
3'e ¢onosciuto° da G a ll'lflâ ri. dato che. egli conosceva anche.
Lßtinazione ultima, ed era probabilmentese durante la personafosse
l'azione cui
äarebbe 'consegnato Moro , ,
,dute qualcosa a Moretti).

_ P e r una sicura localizzazione della prigione, e certo


E sapere che durante i 55 giorni della prigionia di Ho-_
Il
nel primo periodo,
' . I , . I
io e la Faranda
I I
incontiammo Horetti -I 1 -

1
inizio di via Oderisi da Gubbio, dalla parte di piazzale I

a Radio. Si era di pomeriggio e in quella occasione Ho-


t i ci disse che occorreva acquistare in farmacia un_medif
a le su "commissione " di Aldo Moro.
-' Non ricordo il tipo di medicinale né il tipo di esi-
ze che dovesse sodo isfare. Ricordo però che tale medici-
e, per acquistare il. quale falsificammo :uu: ricetta me-
a, fu acquistato da noi nella farmacia che si trova in
ziale della Radio, dalla parte di via Oderisi da Gubbio.
Per ragioni di sicurezza fummo direttamente io e la Fa-
da ad acquistare tale medicinale, dato che il Moretti
quentava 1'appartamento ove era tenuto prigioniero Aldo
o. questo episodio si è verificato a11'inizio della pri-
nía di Aldo Horn, il quale aveva fatto subito richiesta
Questo medicinale;
' A parziale modifica di quanto sopra, ricordo ora che in
Precedente occasione a quella indicata, avevo incontrato
uno dei primi giorni del sequestro Mario Moretti al capo-
Iea del 27 (Circonvallazione Gianicolense, vía.«del Casa-
ìfiv inizio via dei Colli Portuensi). Fu in quella occa-

79
È .

pp-n ¬--I _?- _- -i-


ííi

' 3-.- _
'I . .' .-' ,__' . -'_'r

_ _ _ _ .._
*ii ' si. .'£'.~_f':'-=¢:: -I-¬ -
' 9' ---¢'.'-'..'-~.
-I- I-__'-||_--_'
.
..'“~||'- h- ,- _
I5.-.__
"|-
J i ii 1| ii il - i'
f_-_- ,
. |-I "I
_ I*

' ...rl '


i-j-f-'J _J'. .
:'j.:=- -'L -
._IJ|- _ .
ai J"
l|¦l_.i . -.
--H -È'-I .
.lI._',
,'; _ J
1-_.
.__._ __ __ .._

:H
'~›,-'~*
.'.__
¢_ _ _

K'-5.'
E!
|.

%ánB'che Moretti mi commissionò di trovare un modo_per ac- _


,iis-ta,-e quel medicinale per 3-foro che gli fu poi consegnato
{Éme e Faranda in via Oderisi da Gubbio. Ripeto che_era il
ñwriggio di uno dei primi giorni del sequestro.
°; 11 riferimento temporale si basa sulla circostanza che
rìghiesta del medicinale avvenne o contestualmente, o po* _
:i-_-..giorni dopo, la' comunicazione da parte di Moretti del
ùfifo diåfãleãono e åelåo indirizzo dihNiåola1Rana, segre- ,
ario di o dono'. a raàmm_eHntare ho ef ico a Rana fu la
fifla persona e _entourage i oro c e u contattata da me
da Faranda per il ritiro della lettera a Cossiga e della -
ettepa alla moglie di Moro. _ _ il i
I due messaggi furono lasciati - come gia detto - in
üjza S.Andrea della Valle lo stesso giorno in cui fu con-
Inato alla stampa il comunicato n.3 del sequestro Moro.
Mi pare di*ricordare :Hu: in occasione della consegna
E1 comunicato n.3, al capolinea del 27,_ Moretti avesse
fagendina di Aldo Moro chi cui traemmo indirizzi e numeri
ìtelefono delle persone che Moro aveva indicato come tra-
Hj per la consegna delle sue lettere. .

i, D.R.:
_ Ricordo
_ .che in occasione
. della richiesta del me
cinale da parte di Moretti, lo stesso osservò che Aldo
› fo stava bene ' ma che ;_
era un p U' fissato
' con le medicine
' ' e
le , quindi,
' ' per sua tranquillità il medicinale andava co-
I nque acquistato, anche se cio comportava dei rischi.
Moretti disse :hi que1l'occasione che lfinterrogatorio
Horo avveniva regolarmente :ui in modo pacato, sulla base
una traccia che era gia stata preparata dal comitato ese-
I tivo ma che egli modificava ed ampliava nello svilupparsi
l confronto. -
Moretti era molto preso dall'interrogatorio di Aldo Mo-
-e dal ruolo che egli stava svolgendo in questa vicenda e,
r quanto io conoscessi le sue abitudini, so che certamente
li fissava i luoghi di questi appuntamenti con noi in
nti che, pur non potendo ricondurre alla. localizzazione
11'appartamento-prigione, non fossero troppo distanti dal-
Prisione stessa, per' consentirgli iui rapido_xitorno per
Prosecuzione del1'interrogatorio.

Verso la fine di aprile, nella discussione sull'anda-


HÉD dei sequestro, a ridosso quindi della decisione* di
C-lffere Moro, Moretti parlò anche del fatto che uno' degli

BD

,___ “__ i -

Jì _
,___
;..

'ii-'J 11
Fl - _- _
_ il-I -ì.

_-I'-_ ' -

- _--
_. r ' ___" -4. _ - _ -___ __ _ -¬-
_- ___- __
_.. _ __ _,___ ,__ I__ _ _ _ _ _ __ - _ _ F

I-astrellamenti __cc{mp_i_u'ti-' _da_ll}e_' Éor.ze dell Ordine, era


lim-tà _'nel"l-'e' _vic:'i'na_n_å`e 'della prigione. - - '
jiI_¢nÈ1('I'n'f"q*fi¢'1'1 'ooeasinn_e-'l'l---ìjastrellamento -credo fosse avve-
ll ,jella -zona:s'o_t'tostante'-piazza' S.Giovanni' di Dio verso i
1' Portuensi, relativamente vicino quindi a via Montal-
se g1__i'__§__te_ssi_'___t:astrell_am_en_ti avessero seguito un crlte-
à""_'_gn`pp`eto'-'anziché' casuale.)-' ' -

p¢,||;_g__g_gl__a: _ Quando"',_=.con___q"ú`a'l-_i__"'m-odal1-tà; "e con- quali fini la


i ' nflfl "Ji-"iìoma'na
_ 'acquistò appartamenti
_ a Roma?
_ _ _
1.0?-Ri__sp__o__§__ta: Rico_rd_o_.__che, dopo aver i_ncassato,il riscatto
šelqmuestro'Costa','_-all'inizi--o' d'i'†--aprile. del'1977, il comi-
tü esecutivo appronto un piano generale per 1'uti1izzo del
I.-¦'-'
__? fo, Questo piano prevedeva 1'acquisto di vari apparta-
:.='j:?.†-_ azfiì da- parte di tutte le colonne, tramite prestanome pu-
=¦¦:'
r-_ _
_.,__ L.._

šffa.-1i ti * - -«
| *I - ¦

§_:f.'- -' Gli appartamenti acquistati in questo modo erano rite-


uti più sicuri poiché essendo di proprietà, e potendo ri-
åfitafdare agevolmente la registrazione de11'acquisto, si eli-
;-Èš'--Iinavano tutte le dipendenze dal controllo dei proprietari,
ifšfiflfll ìnistratori, portieri, etc, cui si era soggetti nel caso
ls'

šqiappartamenti presi in affitto.


Ir."-
]'__.
Quindi, un poco prima dell'estate del 1977 fu dato in-
šiuštarico alla direzione della colonna romana di reperire più
gšpfestanome possiliilli per_l'acquisto di case da destinare _a_d_
abitazione per i militanti regolari o come strutture na-*
“fr”*šiionali con funzioni specifiche, come ad esempio i sequestri
'persona _ '
'I

\'›a-.-

- Per quanto concerne la colonna romana, ricordo che fu-


šífrano trovati solo tre prestanome per l'acquisto di altret-
fitanti appartamenti. _ Uno di questi fu acquistato in via A1-
šaburnoz da Adriana Faranda, che al1'epoca, seppur 'regolare
Èì-Ãfiâale' del1'organizzazione, non era ricercata, né si pen-
yava fosse stata individuata dalla Polizia. Questo apparta-
É_-'finto era destinato ad abitazione mia e di Faranda, ma non
mai abitato per sopravvenuti motivi di sicurezza. (Si
_ |
_-iffiprl infatti che l'a1tro inquilino del pianerottolo era un
ffiflrionario del Ministero dell'Interno che già--più volte
|..'__

“Vi fermato per le scale con la pistola in pugno persone


*lui non conosciute e ritenute malviventi.)
_ Un altro appartamento è quello che ho poi saputo essere
11 .
tfiflto in via Palombini, destinato a base per il progettato
_______fttflre
. .,g_ di stampa e propaganda su piano nazionale, secondo
lr.,
;'_`
-_

_f;
il
'J

--

¬-

_ a1
"..-"If
._-I. '-
_ ._É_I
j_:- _-'.;l*
'-.' '¬"=
.
_ -=^--.-
.| J II'.
' -L'
ff'f.__-'
¬

iii' '
-:""";
- -
__ _ _
s _-_*¬_
al -*_
1-.-
_1
H _ _
_ '._|
-|- - ¬ _
›-'-1\'___ _
- _ _' __
'_ _
_
._ _ - d
- __
- .._ -n _ ¬- _
.yz I ° ' -__ _
_-_I_,_.-_ _ _ _.-_ _ -_ ___ -_.. _ _ -
1 - _ - - _ _ - _'

äìògfamma che :uni fu poi_realizzato._ ll_prestapomeƒper§ _;,:


appartamento fu reperito tra -1-c_o'nftattí__'d_'_i. adriana
§bda_ (Cioe tra i militanti, o loro contatti,'delle"bni€f-'
i che erano dirette da Adriana Faranda). 7' ' "ff " _
-È per l'acquisto del terzo appartamento serviva un terzo
åtanome, che tu solo successiv_a_mente_ _se_g_n_al__a't__l____-__d-al_-__$_e_-_- __
tti alla direzione della colonna romana._ :' f¬ 'F *›-f ' I
11 Seghetti non disse il nome del prestanome,asecpndelm Q;
_¢gü1e di compartimentazione, ma forni solo generiche_in=' ff-'
nmzioni sul grado di conoscenza, sicurezza, affidabilità
qesione politica alla linea.dell'organizzazione- _ __ :___§ __
(Ei ovvio che tutti noi sapevamo comunque che il pre-- "t
name trovato dal Segnetti non poteva essere altri che An-
Lanna Bragbetti, all'epooa sua convivente. Però mai fu
to ufficialmente il suo nome, ragione per cui questa.no-
3 certezza non poteva, e'non doveva, avere nessun valore
cgssuale.)
E' da notare che il Seghetti aveva già reclutato nelle
gate Rosse molti dei militanti che a quel tempo erano
1 E brigate, provenienti dalle più disparate zone di Roma
alle più diverse esperienze politiche. -
Comunque, appresa questa disponibilità di un terzo pre-
n -Q I' I

ome, il Moretti - si era iui poco prima dell'estate del


7 - assunse direttamente la gestione di questo prestanome
disse destinato all'acquisto di un appartamento che po†_
a essere utilizzato in caso di sequestro di persona di un
Uo dirigente della _Democrazia Cristiana;
_ _ sequestro
_ di cui
_ _
a quel momento si era parlato nei termini non operativi
cu'i ho g .à riferito
` ' I
I'
v
Da quel momento non abbiamo piu saputo nulla ne del
S

tanome-ne'dell'avvenuto acquisto I -I

dell'appartamento, .

an-
perché i conti relativi a questi acquisti non rientra-
o nel bilancio di colonna, che era da noi conosciuto e
atto, ma in quelli del comitato esecutivo.

D.R.: L'appartamento usato come luogo della prigionia


*loro era già pronto al momento in cui si lavorava sul
g _ _ _ _
otto da attuare nella chiesa di S.Chiara (gennaio 1978). I _

n
Qpmanga: Se la prigione era pronta al gennaio 1978, da
I 0 I I -
to tempo l organizzazione ne disponeva*

a
Riåposga: L'appartamento doveva essere
1- 1 l i l- 1› 1.
stato acquisito
n |-
disponibilità dell'organizzazione alcuni mesi prima del

82_

È _. _-._--_---"-'

f _ _
__ *_
___r__'__ _ __
.r-'. '.-'
_ .'.. --:_:_- i,_.-..
_ _. __ _
I
,_ ' _r1',-.__F.'_I-.:'
-' - ' _H___-41-'_
_--., Q5-li.
--u- I .I
.

i.
.-;=f__'T_-_:_,.I¬-__+_-._-,¦
_¬¦
7 rr-?v:_'
. _ _†T'-:'_*
_.
F-í__ _-_

_.--j--.
-._- ' _ _ _
-',._ .. _ ,,
_ | ,-

E 1;t0 I di 'S.'Ch1ara,
_ _ per verifìßarne la. sicurezza* e per
531131
fl _
1- lavori
(L3-base-usata per la "prigionia" di Aldo Moro non P.:-,_
-«-egsere un appartamento acquistato da poco. Sia perche'
.§_C01_ ¢¢mpo_ si poteva guadagnarsi la fiducia dei vicini
-071' oontempo, ver'ificar`e chi abitava nel palazzo o nei_pa-
i :ad_jg_¢enti,__ come, 'da chi e a che ora veniva frequentato
fi-51,5-gg-_¬p;a~p§sia~p¢=n-ché dopo apportati 1 1.-,wafr di modifica
-ig
ofl náof.-,I far-passare
. . un certo tempo per verificare che nes-
5 vicino .sr fosse rnsospettrto).
La prigione non poteva essere molto distante
ma Standa di via dei Colli Portuensi perché ciò avrebbe
cresciuto il rischio di imbattersi nei controlli che a
E1 momento si dava per scontato fossero estesi a tutta la
it tà ' _ La prigione
, non poteva trovarsi in luogo il cui
di una grossa
àggjungrmento imponesse Uattraversamento
teria di scorrimento. <
F I1 veicolo con l'ostaggio, sicuramente diverso dal fur-
ono che aveva trasportato Moro fino alla Standa (si è già
ífifo che fo certamente usata la Citroen Ami 8 Break della
gfaghetti). era sicuramente privo di scorta nel tratto suc-
Egosivo -al nostro sganciamento (cioè dalla Standa fino ai-
1'appartamento-pr=ig'ione. E già basterebbero queste poc{:,e_ _.. .

oosideraaioni per poter- concludere .logicamente che la pri-


gione poteva essere soltanto in via Hontaicini, dato che
ella sona limitrofa alla Standa, o facilmente raggiungibile
apartire da questa, non esistevano altre basi delle Brigate
Rosse.) il

_ L'Ufficio mi informa che, nel corso del1'istruttoria, è


emerso che la Polizia, nel1'estate del 1978, stava condu-
cendo degli accertamenti sul conto di Laura Braghetti e Hau-
Tizio Altobelli, a1l'epoca occupanti 1'.-appartamento di. via
ififlntalcini n.8, e che, durante questi accertamenti,- il sud-
'detto appartamento venne precipitosamente abbandonato e suc-
fififisivamente venduto dalla Braghetti e da1l'Altobe11i.
"fi Al riguardo, mentre ribadisco che non sapevo che il_
Lt'-*F20 appartamento acquistato dall'organizzazione - nell'e-
.State del 1977 - fosse situato in via Hontalcini n.8, ricor-
'10 Perù altri fatti che possono essere ricollegati a quanto
'Lei mi chiede. '

83
1.

,-_ .-1-I-_*-I-*'*"_
.I-I-|_l.l-1-Il i r- _ - l'. -
1*
|

'I
. '.'I'|'
__ '|.
' -1 |
. sy.

_ .._".'
_.-r, - --
Jtfißi-
_____._ _
'ìfif_.|_¬. -:I:
_-___ _ _

I. _
i.:.*iÉ.' '_
_. _ _ _ _ _ -
¢'__;_ .' * - _ _.- - - __ _ _ -
-, ': - - _ _ -- _ _ -_-_- 1- _ _ - _ __
.
- ._ i
_ -¬'
_ _-
¬- _
'- '
- -1_1 '
_ ._ II- _
_ 1 - ' _ _ - -- _ .
__ _- ¬. ""-"_- 1 ' _ - '
. - 'r _ _.-

Ne11'estate de__1 _l9__?8__' .E~j_,_,;?1.s_e_ja_1_1a__“di_re_zione;-'della' Co-


romana-'_1a_ seg_n'a'1a_._:í:ione_____{'porta_t_a _o'al Gallinari' e' dal
_;í:.-metti) che la B'i_'ag1'_1e1:t'_'i_`,_": alflüra-"_ .semplice ¬presta_nome
€ndj`militante-irregolare,'era forse pedinatafl '
ii si fecero accertamenti sulla macchina civile che la se-
àva e_oi veriiicosal_Q_R_aì,cbe?la_pagina relativa.a quel-
targa non'riportava alcunedato, fatto questo già riscon-
at,-, per 'altre 'auto in-do't;a_zion'e_1_-__a-li-1.F__†.____-§'o_;j_ze;_-d_i:_:_P.o_lizia ma
Opa,-te". '-
_ -Contemporaneamente ai-questo accertamento sulla targa
Ivonne-la-notizia-che una persona qualificata come agente
polizia si era recata all'E.U;R_, presso l'ufficio ove la
aghetti aveva lavorato prima di mettersi in aspettativa,
ìedendo notizie di quest'u1tima. (La Braghetti seppe di
esta episodio perché di tanto in tanto, proprio per veri-
care quanto reggesse la sua copertura, telefonava alle sue
jleghe dell'ufficio_) _
Questo secondo fatto confermo alla direzione della co¬
una romana e a Moretti, che la Braghetti era soggetta a
ytrolli della polizia tesi a verificare la possibilità
11a sua appartenenza alle Brigate Rosse. -

m Ponendosi
_ . questo
_ _ problema in direzione di colonna ve-_
mo ufficialmente a conoscenza del fatto che la Braghetti
E ' ' _
va acquistato iui appartameoha per conto dell I organizza*
* _ _
D _ _ _ _
ne e che questo andava immediatamente abbandonato Con-
s tualmente al porsi di questo problema, ebbi occasione di
n tire Gallinari e Moretti parlare con preoccupazione della
cessità di rimuovere, evidentemente in un appartamento
ll'organizzazione, un tramezzo che era stato da loro co-
ruito per ricavare un'intercapedine. I due riuscirono poi
smantellare il_muro, ai portare fuori de1l'appartamento i
lcinacci, i mattoni e 1'altro materiale di risulta - favo-
ti in questo dalla possibilità di caricare la macchina nel
fflãe interno, ci a fare scomparire dall'appartamento' le
icce di questa parete da loro costruita. '
Mi parve di capire, in quella occasione, dai discorsi
Gallinari e I-joretti, che l'ingresso che da questa parete
rtava all'interno de1l'intercapedine, utilizzata certa-
fitfi come prigione, fosse costituito da iui pannello celato
*tro un radiatore di riscaldamento.

(Dal sopralluogo effettuato successivamente assieme al

_ Be

E ,__,í ,.--Il-I-lílfl* __:.1-H

-J.
,_
al ¬._ -_
"I
E - ¦_'\__ ' - ' _ __' _- ' _' _ _ _ __ __ ' ___ _

-ce Imposimato e risultato ` '.


che Moretti l
e Gallinari non' __
_ l _ _ ¬ _'Ir

:_ _:__;_'_j_;l'1__0 fiusci ti a cancellare completamente le tra_co_e_ del t_za.._- -_ -


anche se fino ad allora nessuno vi' aveva 1 fat to -caso-_'
una delle stanze ho infatti notato, da una parte _ 311 'g1_-
deus stanza, delle strisce scure sul parquet che cor-
parallele al muro di fondo ad una distanza di un
;{'___'-'l;=rF____, g dieci. Queste strisce erano _ch_ia"ramen_te --'-i_l_--"_s'egno'--' -_
;;"I'-_-Iijlfappoggio a terra del muro di tramezzo con- __i1.__quale__in_
"ff-Ffíeljg stanza era stata ricavata l'intercaped_ine usata'_`come_;'_-3

*_' Domanda: Da1l'insieme di tutti gli elementi sopraindi-_


___ti_ lei ha avuto la possibilità i individuare l'appar-
ì_-° ento in cui Moretti e Gallinari .vevano compiuto questi
" a 1 4 0 1-
Èavofí di demolizione e di capire :a chi al1'epoca fosse
ofifiupato? _ _
= Risposta: all'epoca di questi fatti non collegai tra
___,-0 tutti gli elementi sovraesposti perché, per abitudine
lentale, ad un brigatista sono inibiti automaticamente mec-
caniomi mentali volti a soddisfare curiosità personali.
Inoltre la la vicenda Moro si era conclusa, come sap-
Piamg, con la sconfitta della nostra posizione e, tanto pifi,
,mn c'era interesse a sapere fatti ormai irrilevanti ri-
spetto a1l'esito del sequestro. E' evidente oggi che, anche
5, allora non ha; costituito motivo di particolare attenzione
.da parte mia, 1'appartamento nel quale Moretti e Gallinari-
' sono andati a smontare la parete, doveva essere necessaria-
mente lo stesso appartamento occupato dalla Brazhetti che si
'era deciso di abbandonare, in quanto costei e i sospettata
dalla polizia.
Altrettanto evidente è che, per il modo in cui ne par-
lavano, anche Moretti e Gal1inar_i conoscevano bene l'appar-
tamento incui c'era il muro da rimuovere. (Se fosse stato
Vappartamento di un altro regolare non lo avrebbero neces-
sariamente conosciuto entrambi, mentre entrambi erano certa-
mente stati nell'appart'amento che era servito da prigione
Per Aldo Moro.)

_ D.R.: Per quanto concerne le basi esistenti al1'epoca


dfil sequestro, noi ignoravamo 1'esistenza di quella di via
Hontalcini n.8, della quale abbiamo saputo dopo il suo ri-
tfüvamento da parte della Polizia nel 1980. (La verbalizza-
Zlflne può trarre in inganno perché' ciò che si era affermato

85
1
È .'-.___
¦_- :-
.
--._-__-__'-.;_Éh;<5_'=_____o`Éi:'_§"I,Ie.$f_ta_ _bj'aso___.non' 'se ne conosceva l 'ubicazione-3
'.'l- . ma se
__; J-_

¬. _
Il
_.
-._ __
1ë_"_con`o's'c'eva;per-o
__ l esistenza). - '_ _ *
| I' I 2 _

†-'- _ -- _ ¬-
_ " ___ - _n- __: '_ ' -_ _ ' _ _ _'
- _-of
"|-_'¦ ¦ °_ - - _, - _ _ _ _ Q
H
'-1- _-
:_-'-.I-'Che' la- Braghetti avesse una base lo sapemmo quando do-
_:|_
'u

vette passare clandestina, essendosi accorta di essere pedí-'-


.._
__ _

'_' _
'- _

ta .`..
dalla Polizia, che - aveva precedentemente assunto infor-
.__|

.___.'__- :_-_ ._ ' 1| o n ,


oßzfünijpresso-il suo luogo di lavoro di via de1l'Umanesimo.
a . 1 -|-
-_.-_ '
"__ _Posso_escludere in modo assoluto che Moro sia stato te-
;':_É:__`ȧ,É"iì›f§iffgioniƒeito-i'ir¦__.:'v'ia"Gradoli, o nella base di Velletri, o
E;-___:,,ua1'che-.altra delle- basi gestite a Roma, o nei pressi di
È__m;_,__ dalle Brigate Rosse durante il sequestro. _
I
'--_';-”Posso_'--anche-escludere che Moro sia stato portato in
1
¬.'l 1- __

Nago coperto_ da im_mu_nità' diplomatica o in qualche sede di


¬-

Partito politico o in qualsiasi altro luogo che fosse estra-


.___
|

nea al1'organizzazione. Essendo responsabile del settore


wgistico e del fronte logistico nazionale lo avrei saputo.
(Considerando le argomentazioni sviluppate sulla di-~
,tanza della prigione dalla Standa dei Colli Portuensi, an-
drebbe parimenti escluso qualsiasi luogo che non rispondesse
3311' stessi requisiti di vicinanza da quell'ultimo trasbor-
fl ¢
d)_ Escludo altresì che Moro sia stato tenuto in più di una
prigione.

Sono arrivato a via Fani uscendo da11'appartamento ghe


oocupavo (in via Cbiabrera a S.Paolo), assieme ad un bierre'
dialtra colonna (Bonisoli) che era venuto a dormire da noi.

(Bonisoli dormi nell'appartamento occupato da me e dal-


la Faranda perche' non c'erano altre basi disponibili ed è
quindi destituita di riscontri concreti ogni illazione su
'-"IIIiÉIi" altre basi in cui sarebbe' stato possibile spostare I-foro da
via Hontalcini. Se* ci fossero state delle basi di riserva,
sarebbero certamente stato usate per evitare che si desse
.ull'oochio facendo stare tre bierre in un appartamento.-
-_ Perdipiù anche l'altro bierre "esterno", cioè Fiore.
fiumi appoggiato in una miniappartamento con un altro bierre
fiüla colonna romana, cioe Segbetti. Quindi quella mattina,
Eƒfl-cosa poteva dare nell'occhio ai vicini, uscirono alle 8
ll
|
di mattina da_ due diversi appartamenti delle Brigate Rosse
É* Coppie di uomini, con borse pesanti, infagottati con
I

."

fiflbbetti antiproiettle, e con indosso uguali impermeabili


U.

1-¢
HI'
I _ .|.

_ v
_' ___¦¦'
'--Lf'. z
_ _-__._,›,_ ._
_1__ '¬.- ¬'
- --_-1'
¦- 4__-__
1_|,_|_ na-_
'H
._1.¬.__
'
1' ¬.__P.'

s _

.¦¦_È~f_.!¢ '
___L. ,_ _ _
J''~¬-
_-7. _ _ _ _ _ _ _ _ '
J-_,_:_.--'-
__ _ __' ' __ _ __- -__ _ ___ ___ -.- -\_. _____
' ._ _ __ _ J __ _ -. _ _ _
_ ._ _ _ _- _ -- _ -. - _ _ _ _ _.
- - . __ ___ _-_ _ -_ __; _--_ '
E' evidente che se ci :_fo55fç_'_s'tata_ un _ali'_raI..ba.-sie"--_13-51-':
.usata per essere `s_iour_i__†c_he no_n____f_osse_ro s;coperte_ le
iis due. Per qualche sesf_1ala2__i<5n_e su¢b¢?_ss†i__va a-lil -'.azi-bne- di
:Fani da parte di vicini insospettifi.. *' ' " ' "
1"
_'_Né si può dire che questa eventuale_base di1 riserva _
non
__;____e__.'3 essere scompart_i__men_ta_t_a_t.-rispett_o-;sa__d ¢_a'l_t_r_~__i______m_i1.j_¢am§_f___
d,più ESCEIH1 pe_rcb__e_ e quasi certo che proprio Boni-
___ _. -in quanto unico Taltro'-meìnb-r'oT-'dei-_"cfo.mit_a;to__'-esecn_;;_i-va_. _
ho _3bbia partecipato"all'azioneÉdi-via«Fani -Öfosseílafpepilu _
gli
_., che conosceva l'a_ppartament:o di via Hontalcinì nel caso `
på sg successo qual cosa' a' Horst.-tii. _ _ Quind-i--_ a-vrebbe __d_ovu1;fl_
_c__._.,5sariamente conoscere il presunto appartamento -di riser- '
Ir
,E lo poteva quindi usare per dormirci anziché sovrac-
__-,foare la base in cui eravamo io e la Faranda.)-

_-lfJ_"¬¬_
_ "_

__ 87
h_ _'

'í% í-- -
T

hn_,..___ _
H- -iii in '__ .
""'*- .
Il-I|l||.|-...yi

.-'--"

¬-

-n.

. fide- G,,1F.a_!=.1..fl.iiL..

.l'
i

Conosco la base di via Gradoli per avervi abitato in-'


img alla Faranda da1l'inizio alla metà del 1977._-"-I-n _-se-_' ,_

šãitu ci sono ritornato fino a poco prima del sequestrg


ira _ Escludo che Moro sia stato portato in via Gradoli.
äärdè sempre rimasto nello stesso' posto. '-

1).R. Essendo il responsabile del settore logistico e


šümpnnente dei fronte logistico nazionale, avrei dovuto es-
sere necessariamente a conoscenza _de1l'e.s1stenza di 'un appa-
[atü ricetrasmittente per contatti organizzativi, se questo
fassa esistito.

Nella base di via Gradoli. erano depositati vari appa-


rati, radio. C'era una coppia di radio ricetrasmittentí per
aut;-, sulla frequenza ordinaria CB. non in grado di funzio-
nare perché staccati e privi di allaccio per 1'-antenna.
g'erano più parti di una telecamera, anche questa non in
grado di funzionare.
(Sarebbe questa telecamera uno degli argomenti di chi
vuole sostenere l'esistenza di un film girato dalle Brigat_e
Rosse nella prigzione di _Horo. Ha, come già detto ailorƒail-
questa telecamera non poteva funzionare perché mancante di
.alcune parti, né peraltro era mai stata usata dalle Brigate
Rosse in altra occasione. D'aitroncle se era in via Gradoli
il 18 aprile del 19.78 non poteva essere contemporaneamente
in via Montalcini.)
C'erano, forse, delle radio ricetrasmittenti portatili
Iíalkie-Talkie, anche- queste su frequenza CB. C'erano poi
delle radio in grado di ricevere le comunicazioni della
Pslieia e dei Carabinieri. Non c'era nessun apparato r_ice-
rrasmittente per lunghe distanze in grado di funzionare (ma
non ce ne erano neanche delle parti). come quello ipotizzato
isesuito delle dichiarazioni di un testimone.

deu' _I_2_;_:_›__g1_a___r_1__:_1__a :`Le Brigate Rosse sono mai state in possesso


un autofurgone_Vo1kswagen targato BS 111992 o_comunque di
maiülltofurgone di' questo t'1po?_ In caso affermativa lo hanno
Str portato in viia Gradoli prima, durante o dopio iliseque-
di 0 Moro? Le Brigate Rosse hanno mai avuto la disponibilità
E liflltra auto Wolkisvagen io Fiat 850 S targata Trieste 81395
hanno mai utilizzata in via Gradoli?

88
' I 1-... _ _ ' - .
_ 'r _ a- _1__ __' _ -_,__ -_- _fl-|_`_'f' , _ .- _ _ _ _ . _ _ . -- . - '
._ . . _¢- _ - -

_£1_s_clii_do categoricamente che le Brigate Rosse


='{re`55er_-o___i_n; dì:|__t-_az_io'-ne'-_;Ie-"auto" da lei-indicate. Se esse fos-
H 3 ero-State nella disponibilita dell organizzazione, io avrei
i 5 üvutg saperlo. Da oltre un anno prima del sequestro Moro,
f._f11_á _Br__i-gat_e;_Ros-se__.no.n--u.s-ava.no._più -auto -con targa non di Roma.
F f 'uniche*due auto utilizzate dalla colonna romana con tar-
.--e-_ -___
'----Lhc__non__Jd_i---Bona-_, ;=f_u_r.ono_;_ ; 1_a-.__._1ç2_1+.- giardinetta
. - .
che aveva circo-
f._5-.-to prima-odi”es"s-er-ef-abtfandonata 'con le targhe doganali te-
_f_1:sche 265-Z-922, ritrovate in via Gradoli, e la 132 ritro-
_dá_ta-'g_Roma._-ne-l cortile-__di_ un_.__ ospedale del Gianicolense, e
-fhementava farghë d"upli'c`ate da un'auto Montedison, mentre
'fnprecedenza aveva montato targhe di Genova. C-ib finche la
Èülünna romana non fu in grado di produrre autonomamente
_ta,ghe automobilistiche, cosa. che avvenne alla fine del
1975, (La 124 era stata targata con le targhe tedesche da
me prima ancora di entrare nelle BR. La 132 blu era stata
3n¢h'essa in mia dotazione nel periodo in cui abitai a via
fgfadoli. Poi fu usata da Moretti dopo che a costui fu ru-
bata sotto l'abitaaione della Balzerani al Casaletto la A1-
fetta che aveva in dotazione. La 132 fu ritrovata dallapo-
,iizia nel cortile di un ospedale con degli opuscoli Brigate
mßse all'interno del bagagliaio. L'avevano lasciata li dei
ladri dopo averla_rubata, anche questa ed ancora una volta,
.sotto l'abitaaio.ue della Balaerani. A quel punto .-*foretti¬---e
fa Balaerani dovettero abbandonare l"appartamento e tornarfe
'fiivia Gradoli).

L _Qomanga : La targa 265-Z-922 fu procurata da organizza-


=noni terroristiche tedesche?
- §_{__i,_s_@__s_.__t_;_a : No! Quella targa fu portata da me nelle
'-Brigate Rosse, a11'_atto del io ingresso. Me l'ero procu-
-rata tramite un italiano che con documenti falsi acquisto in
ssrmania, nel 197%, (cioè prima della venuta a Roma di Ho-
zfetti) se non ricordo male, esportando in 'Italia' una- Fiat
'100 appena marciante, la quale fu dotata di quelle targhe
FEI' 1 'esportazione.
1 D.R.: Non intendo fare il nome di questa persona (co-
'mmque estranea alle Brigate Rosse). _
` ° Non conosco Ehehalt (terrorista della RAF)
DQRCÈ Il

1 ti : Il furgone con targa tedesca notato nei pressi di


DURO

-H-terbo durante~i 55 giorni del sequestro, non aveva alcun


.°°11&gamento con le Brigate Rosse. . _

:-_ B9

.\\
IfI '_' "UI F-H---III ìíí,í_ì__,*_

._.

i- - . ,|
ep
-'-'--.7¦I'-il-.i-:r'.;-:fu
-."-s
È
1" "H

1:
-_
' " ' '-1-ui-1. _ _
- _--II-in-._|..

_' 5
.._¦'.*› 3
|,..
._ ,_

J .
:-J:
J. _|-I
I _._. '.
--.
.-_- _
,r-.. .
¬.g,ì¦u__-

-ti-'~

___ .

. . _ _ ___ _ _. -1. _ .._ _ _


_ _ _ ____ _. . _

_- -a -.|.
__ - . _ _ _ _ _
. _ ¬.- _

35 La scoperta del covo di via Gradoli'È_avvenuta del tut-


:__ cacualmente a seguito del lento' e "pr_o'g`r_es__s'i'vo}_a'l:1aI'rga.rs'i
fliuna perdita d'acqua interna al muro del-bagno, che si era
di- manifestata chiaramente da quando io _e Faranda occupa-
Siafl 1'.-appartamento. _ _- -
llam- Faranda chiamo il- portjierìe -e-ij'a'mminis1;r_a--tore' per-7 far
Gru notare la perdita' e la n'ec'essi't'å -di «-una-u;r__g-en-t_fe_;_r_ji;paij.a_¬__ _ __
1-.ün.E. 3
L'amministratore ed 'il portiere "s-i `imp_e.`gnar'ono *faì:l
Il n
' 1 ni, -_
zffettuare la riparazione ma non provvidero a cio.
E Per ovviare a questo inconveniente _e_per i_mp_edire-__l_'e†-_ _
spandersi della perdita, ogni -volta che--uscivano' da'i1'gpp_-ir-_
tamento, chiudevamo la chiave generale dell'acqua.-
Con l'uso continuo della pinza, invece de1l'apposita
chiave, questo perno si era consunto, rendendone difficol-
'I

“,53 la chiusura._ (Dopo la lettura,_avvenuta in seguito.. di


3;,-;nne testimonianze dei pompieri intervenuti in via
,;_-idoli, sembra potersi ritenere che la perdita d'acqua che
Fürrò alla scoperta della base delle Brigate Rosse non fu
dsvuta a questa vecchia perdita, ma proprio ad uno sbagliato
Fflgizionamento della doccia, forse lasciata aperta per
Hçjacquare della biancheria .)

D.R.: Faranda e io non siamo più tornati in via Gradoli


mnante il sequestro Moro. ~

__I_J_o_m_a__n_d_g_.: E' possibile che le Forze di Polizia abbiano


individuato la base di via Gradoli già prima del 16 marzo e
comunque prima della sua scoperta del 18 aprile 1978?
R__i__s_p__g_s___t_a: Per quanto è a mia conoscenza rispetto gli
accurati controlli effettuati dagli occupanti dell'apparta-
mento prima del loro ingresso nello stesso, e rispetto la
facilitazione di questi controlli offerta dalla particolare
conformazione di via Gradoli, strada molto stretta e tortuo-
SH. ritengo si possa escludere che l'appartamento abitato da
.Furetti e Balzerani sia stato individuato prima del 16 marzo
TÉIFS.

~ 90

____ _
_ _ _ ' . _ -n _ . _¬- ' . _ '___ _
_ _* _ __-u - ._,. -J i- _ - - . _ . _
._ _ _ u -
_ _ _1- _ '

'1azZ0 _¢ Fhe, BVÉVI-ii-"'flEl' -P.DIIa'1ía'a&'ã1i*del' mate-rial`e docu-


tale delle Briga-_te_ Ros_s_e_.._ __-___ _ _ _ _ _

31iaepattaaente= ~
ff; terzo appartamento abitato da me e da Faranda, per
_-evissi_n_\o_-pe_riodo-_-d.i-- tempo,=-_ve_nne-_--preso -_-'in-affitto nella
i-'šnagéffa 'del __1__9_'-7_7_' in *Largìo _lfalsu_gana. S_i trova in un pa-
2O_d“ango1ofi*all'ültimdzirjakvpennitjmun_pianoa__”Le fine-
p danno-sulla via che inizia all*angolo-di via Valsugana.
Esso si componeva di una grande stanza d'ingresso, una
mera.da-letto, i_servizi.;>aveva-dei_piccoli_balconi. Fu
fittatodda Bonisoli con 'nome falso dopo l'abbandono del-
:appartamento da lui occupato precedentemente.
Io e Faranda andammo ad abitare in questo appartamento
lasciare libero quello di via Gradoli (ove dovevano tor-
ara Moretti is la Balzerani), ma 1'appartamento di largo
ålgugana non si rivelò adatto alle nostre esigenze per via
Q1 portiere che era molto pignolo. Egli ci chiedeva in-
fatti insistentemente dove fosse l*affittuario, e cioè Boni-
fšgli. abbandonato questo appartamento~io e Faranda tornammo
11;; via Gradoli. '

vj raliaeeaiiamsstai
" Si trova in via Conca d'0ro in un palazzo verso il
fondo della stradza, in direzione di via dei Prati Fiscali'.
Esso era abitato dal nappista Pier Domenico Delli Veneri,
'Nedo dal 1975 e fino al suo arresto del settembre 1976.
° Questo appartamento passò in gestione alle Brigate
E-esse tramite il rapporto che io avevo con Lo Muscio. Esso
imn fu mai utilizzato dalla Brigate Rosse. Era munito del
telefono e della segreteria telefonica che fu poi portata in
Ha Chiabrera, e fu utilizzato da me come recapito per
Faffitto dell'appartamento di via Chiabrera che, cosi dissi
alla proprietaria, doveva fungere da ufficio.
Si compone di una monocamera con finestra molto alta,
Pfifché parzialmente interrato. ad esso si accede dal por-
tüflc scendendo una rampa di scale. In fondo al corridoio
4°*-'E è situata la porta dell'appartamento, si trova una
PDFIH secondaria del palazzo che dà su un grande piazzale
ffitrostante.
L'appartamento di via Conca d'0ro fu abbandonato e
sßümberato da me e da Moretti, dopo l'omicidio di Lo Moscio
awênuto nel giugno 1977. Nel soffitto dovrebbe trovarsi un

100
_ -' ---In _ ' ¬_
_ '-..P -.. -' _

ietrile di salibrfl 9 partito accidentalmente ;.dá11°--a.-'pì'-*r---_


D13 di Delli Veneri. _ ' °*' _ --____-- ____ _

' Un altro appartamento di cui ricordo l'esistenza e


io abitato da Balzerani e da Marini dal 1974 al 1975
_nD 3 quando la_Balzerani non andò ad_abitare-a via de1§ca¬_¬¢
1etto e Marini in via Urbana presso _-_Gabr_i'e_l_l_a_.__Hari'a_n_i." __
a1g appartamento era munito di utenza t_elefo__n'i"ca`_'ciìe'“riì`=--`*._1
lee dagli elenchi della rete di Roma. --. _ '.f '. 4-
Si dà atto :HH: l'Ufficio consulta l'elenco telefonico
äß11Panno 1975-76 e rileva al nome di Balzerani'Barbara,_via, _
ìüggi, il numero telefonico 53?.b8.??. '
Sono pronto ad indicare all'Ufficio 1'esatta ubicazione
negli appartamenti da me descritti.
|..- _

.|.-

- -Ir
É
“ .-'

'I

101
r _ _ _

1.3' _
_-__; 1- o a_t.i_-_I{a__r__e_n_d_elli_s_1;_n_s'n¢_i
se ¬-
"'r'
. ¬.-.
- _
_
Prendo atto delle dichiarazioni della Faranda sulla
'i ügizione della colonna romana all'epoca del sequestro
a%wP- _
fldf°' La direzione
- ° - _ della colonna romana era composta da 5 mi-_
_
. ¬.

Éà'______-_,__¦_-,_._»-,†;i°-jpiù un altro militante, membro del comitato esecu-


§Ègq__aggregato alla colonna, ma senza compiti specifici in
'iii (Moretti). A tutte le riunioni della direzione di co-
sia
gg;-__nna partecipavano questi 6 militanti. -
._ __
.| '

H- (Fino al settembre 1976 la direzione della-colonna ro-


?"_,_.'fl3 era formata da Morucci, Faranda, con Moretti che andava
una veniva.e
Dal settembre 1976 entrarono nella direzione di1 1 n e 1 «-
_-.fllflnna Segbetti e la Balzerani, come militanti regolari
-ijegaii' - cioè un gradino sotto i regolari clandestini - e
gllinari destinato a Roma dopo un periodo di attesa succes-
sjoo alla sua evasione dal carcere di Treviso. Moretti par-
tpgipava alle riunioni della direzione di colonna ma non
lavorava a Roma, dedicandosi esclusivamente al fronte logi-
fljco nazionale e all comitato esecutivo. Durante›_Ll seque-
stro Moro Gallinari e Moretti erano impegnati, rispettiva-
omnc nella gestione della casa di via Hontalcini e nell'in-
ierrogatorio diififoro. __La direzione di colonna era quindi
aflfidata, come gia fino al 1977, a Morucci e Faranda coadiu-
vati da Seghetti e Balzerani' che lavoravano con le brigate
sotto il controllo dei primi due.)

Fgpppdg: Quando ho detto che i regolari della colonna


moana erano cinque, non mi riferivo alla direzione di co-
lonna, ma ai militanti che avevano responsabilità organizza-
tive specifiche nell'ambito della colonna. La direzione di
mlonna era formata da questi cinque più il membro del comi-
hto esecutivo aggregato alla colonna romana (Moretti).
Hqpppgiz Confermo quanto ha detto la Faranda circa il
flflmero delle brigate al momento del conferimento a lei di
"E5Ponsabilità di direzione di questa attività, nei primi
“E51 del 1977.' A quel momento, infatti, le brigate erano
i'_1&ttro: Torre Spaccata, Centocelle, Primavalle e Univer-
sità.
Successivamente le brigate aumentarono di numero, poi-
thë ad esse si aggiunse la brigata servizi, istituita poco
temvfl prima del sequestro -Moro. Ciascuna di queste brigate

91
___ Mi-_ ___-
H_§bmposta'mediamente`fiifü†ü;peTsoue ed_ogni brigata avev
rete di contatti divisa`in Fsimpatizzanti'. che non era-a
3*_conos§Eh2fl_iQeiia__mi1itanza _ne1le Brigate Rosse dei
Ponfiflti de1_1e_-= ì:g__r_i_ga-te?-c_on' eu'i"par1avano.E in 'contatti'.
he_invece ne erano a conoscenza. in attesa che il ra
turasse fino al loro possibile inserimento pporto
ne11'organizza~
;ìü_nE›--.-_-__--'__-_-__ F". 7 - T ` 'r ' '
' ~ I:íi_j__a`__r__|__r;l__§. ' Ranimen-to"-ì;efie'¬'l .o1_'fl_:-Ir-eìz ¬a":_.'c11_ie'st_é"i -5 -brigate-. era
tata informata 'prima -~ì:1'e_l"' se'ques_tro Moro; _'un_a struttura di cui
0 ho fatto parte all'inizio. distaccata dal lavoro territo-
l_i'a1'e 'e inserita __ne-_1__: settore- d_e_.`_[1_a_ .-"c_ontrorivoluzione'.
mßsta struttura si interessava delle inchieste a Roma. sul-
äà magistratura. sulle forze di polizia, sulle forze politi-
*Ehe e sulle forze economiche.
Questa struttura era composta da 6 persone com r '
aìcuni (due) militanti regolari. Gli orientamenti di la- , p esi
_,_.ü;-n, e le indicazioni delle inchieste. provenivano a questa
d.
'brigata irettamente dal Fronte Nazionale della Controrivo-
luzione di cui faceva parte uno dei due militanti regolari
(Gallinari).
E* vero, la formazione della brigata di co-
nna della controrivoluzione è precedente il sequestro H -
..'-..1
D La sua composizione ed il funzionamento È quello de-
Il o
scritto dalla Faranda.
_ _ Ricordo ora che c'era anche 1
un a tro
ìásettore, che era il settore logistico. in cui operavano trje
gpimilitanti e che si occupava di falsificazioni d' t' 1:1 '
i im ri e
piccolilavori meccanici sotto la mia diretta responsabili-
if-='ti.' (I componenti di 'questo settore erano Piccioni che aiu-
i“ta va ne I coordinare ii lavoro degli altri due.
p Petrella che
Lf. si occupava dei timbri ea' ii marito Novelli che si occupava
dl + s |.
e ci piccoli iavori meccanici).
§ La colonna romana era composta solo da queste strutture
nonostante le varie
'
fantasticherie su un numero esorbi--
jtante di militanti. il numero complessivo era di circa 35-úü
-_ Persone. d

_ _ _flg;gggi: Prendo atto delle dichiarazioni rese dalla Pa-


dfãnda 1n or d'ine ai' contrasti già profilati nella direzione
el
__1& '
colonna romana al momento della proposta di accentua-
Zlflne dell'attacco contro la Democrazia Cristiana nel set-
tfimhre 1977.
Al riguardo posso dire che su questi aspetti della vi-
cfiflfìa ci eravamo ripromessi di scrivere, io e la Faranda,

92
_. _ _..
| ' '¦:,': _.
'|'_ -'_

3 ."1 _
_ _'._|. .
_:-,_ .
-*J- _-.H'_\._.` -
-L
,.-
:.-
è"..
~__.._
._

,
W,
www
LI- - .-
-dl' - -
¢
.
I .
.-_- _
è-f .
›J._|- '

hp:-igìinde _esplica.ti_ve da allegare *ai v_er._ba1i_'_,'_-__data" la-'_ _


mpleseita ei problemi e la difficolta a chiarire in p9ehe;_ _
&01e.i termini di una battaglia politica. ` ` - *
È;
. Faínpda:
.........- i ......... Del resto io non considero esaustivi del con- w
' l I
hutg del contrasto 1; brevi accenni che ix› ho fatto 1
'ecedenti dic_hia_raz_1oni, che vanno ne le
puntu_a__1izzatE___E_..ìn.t¬e_
ate da ulteriori riflessioni scritte; f* _ *“-“-* W" 2*-°"
flgåycci: Probabilmente la ricostruzione7difquestiìcon}áf=“_
asti più aderente alla realtà potrà ricavarsi:dag1i'stessi?'
aumenti sequestrati ihi viale Giulio Cesare, che chiediamq
esaminare nuovamente. ` ` - -
gäååggg: Rammento che it:-e Morucci scrivemmo."nell'e4`
ate del 1978, negli ultimi giorni :Li vacanza, un breve
gumento manoscritto. nel quale criticavamo pesantemente la
I ' I
H ea dell attacco . . all'uomo, . considerandola
. una evoluzione
r amente terroristica della linea delle Brigate Rosse 0

šgígggi E vero. Ricordo che quel documento fu da noi


-I ' I i

atto
1g _ e fu poi da me portato alla riunione del Fronte L -
. . . . o
tico nazionale, avvenuta a venezia alla fine di agosto di
a1l'anno. .
In quella occasione fu brevemente discusso il documento
cui contenuto ebbe un effetto scioccante per gli alt `
'tecipanti alla riunione, tra ri
cui due membri del comitato
_ .
.cutivo (Azzolini e Moretti) perché mai le Bri ate R
:vano usato la 'parola g
'terrorismo' in riferimento osse
abla
mria attivita. ' _ "
fiårandg: In verità le Brigate Rosse più che non usato.
.avevano mai addirittura pensato che la loro attività po-
se essere definita terroristica, espressione usata dai
mici" e dalla stampa.

_!~_I_o_;_-__i;cci: Mi fu detto in occasione di quella riunione


fronte logistico a Venezia che i contenuti di quel do -
to potevano anche essere discussi, ma che comunque non cusi
eva definire terroristica la linea d'attaeco all'uom
. stante la delicatezza del problema, quel documento osa-e
be stato unicamente discusso dal comitato esecutivo e che
avr ei` d ovuto distruggere la copia in mio possesso. Cosa
dovetti fare subito. .Non seppi, in seguito, dei risul-
i åella discussione del comitato esecutivo. Ma dal man-
ímento - nelle discussioni della direzione della colonna
BHE - della linea privilegiata di attacco all'
fesso delle Brigate Rosse. dedussi che il documento uomo
non

93

í__*

1|
- --.-. ------. --.¬....-..-_.....-._|...-.- - I----f~¬'H-u-\-u.s.p.|¬-u-1.-ic-n.1»-J-_i.-_u.1_¢,.¦';|--_"Ii'-I"--_I..¦¦i" .=iI.l.l“ D. _

" .
_-.:_"'
; _ _
1 ._ _ . _.
- '
ci". _- _- _ - . -

ienuto in grande conto dai membri del comitato esecutivo.


qefioqa Moretti. Hicaletto, Azzolini e Bonisoli).
"' Son so se l'originale di tale documento, che era stato
-'ritto a mano su fogli di quaderno a quadretti. sia stato
_Uva;0¬in,qualche base delle Brigate Rosse. _
pgranga: Ricordo che Morucci mi disse che la produzione
$1;@¢;nmento;¬jalla riunione del fronte logistico, aveva
ffiìtdìun effetto dirompente e che lì non se ne era discusso
arlungo, anche perché .L1 Fronte Logistica :un: soa la sede
flmItì_per_portare avanti critiche politiche alla linea del-
uvfirganizzazione. Morucci mi disse che era stato redarguito
-ar 1'uso che aveva fatto, in quel documento interno. di
,fifmini con implicazioni politiche cosi gravi.

f (Di questo documento - che era il primo tentativo di


'dare spessore politico e teorico ai dissensi di fondo fino
iflfallora espressi soltanto in momenti contingenti e su pro-
'Hemj particolari - ha peraltro parlato Azzolini nella sua
.|.¦
1; Pf
}mposizione al processo Metropoli.
|.

` In quella sede Azzolini ba detto che le critiche da noi


¬.

'I
f.
' I
..II
4| u
|"r'.-r.|l“'

e. "portate
_%__|-nl
avanti erano critiche interne alle Brigate Rosse.
L1' -ll'

che cioe rispeccniavano problemi vissuti anche da altri mi-


. .__
|

;1"
Jitanti nel loro rapporto con la linea di lotta armata por-
'Ãìgata avanti dali'organizzazione. Azzolini ha anche detto
.
che lui all'epoca aveva'in parte condiviso le mie critiche, -
ma che quelle posizioni erano prematuro e si sarebbero svi-
1-

*». - 1
'I' 1

_Juppate col tempo.


g Di fatto il comitato esecutivo discusse quei documento,
e la tesi in esso contenuta della incongruenze del prosegui-
-I

'L
sento della linea omlcidiaria sulla quale le Brigate Rosse
"'r
n_-.,_,-.¢.__1__;
_.

_%__stavano sempre più scivolando senza trovare una via d'usci-


'ta. Sl sosteneva in quel documento che la forza della lotta
' f
-3'
-_" E'.l.

=';___armata rivoluzionaria non poteva essere esclusivamente giu-


_§_';_-Stizialista, ma che doveva necessariamente articolarsi -in
una capacità militare di occupazione di strutture del ne-
_1__

"Uf-TO. dimostrando la superiorità della guerriglia in occupa-


Èzlflfli che , proprio per evidenziare il carattere politico
5-I
dclle azioni, rappresentative della presenza nel paese di un
Pvfere alternativo rivoluzionario. non dovevano fare vit-
eiiíme.
Questa linea fu sbeffeggiata dal comitato esecutivo e
Pflftata avanti solo a Roma con l'attacco alla volante 4 e la
4.- .
ii-
r
šidfipina delle auto dei carabinieri dal garage di via Salaria,
'_ a me promosse. Entrambe queste azioni furono aspramente

'ii
91;
_.,-_

_ - I _' ¬| _ -.._
_ '_' _- _ 1.. ¬ _

cate da tutti dirigenti delle Brigate Ross_e_, ,_§_ra_n_ne_-_:__*- _


ar; - Azzolinr, Micaletto, Moretti _- -p.erc_he"____non'_'_rap-' _
gavano il momento Particolare di guerra dichiarata tra“7““-f_*
ígago Rosse e lo Stato. Momento di guerra che secondo*"
fo P oteva essere esplicitato soltanto negli omicidir) ,
_ - _ |¬- ' _ .
_- _ _ _ _ __ _,
. -- -- ._ - -:.- - '-- ._ _ __ |. .
_ _ _ ._ _ _ -__ _ -_¦_
| ,

L'Ufficio chiede a Morucci e Faranda, con riferimento a';- '“ä¢


Q che in qualche modo parteciparono -alla 'ge'¦.='›tione-de1;c__-_, ._-
urergtro. se cflmeflnfiflti dalla brigata noir-f_ers"ítari_a; rice-.`“_›§_
-E-ìèfn incarico, durante 1 "S5 giorni", dJ._ prendere con- '
È; con esponenti de11'Autonomia, ed in..particolare con _,_;,¬
Èle Pifano.

Morucci: Escludo che alcun mi itante della br sata uni-


itaria fu incaricato, durant- il sequestro Horo, di '
ndere contatti con esponenti dei Autonomia romana.
ff Per quanto riguarda Spadaccini, ricordo che all'epoca
1 era già stato "congelato" dal1'attività politica di- QI
fa della brigata universitaria, proprio a motivo del
to che aveva rifiutato di dover rendere conto alla orga-
yzazione di tutti i contatti politici. da lui presi nel-
ånbito del suo intervento politico all'Università.
if 'In quel periodo egli svolgeva comunque minime funzioni
anizzative ed aveva appuntamenti settimanali con uno dei É'1
litanti regolari della brigata (Seghetti). ,¬_ ,I
Fanggdg: Mi sembra di ricordare che durante il seque- < È
' '
ro,"-tramite la brigata universitaria, '
giuns e alla dire- |*, 11
1

one della colonna romana notizia che Spadaccini, nel1'am- I


dei contatti politici da lui tenuti al di fuori del ,É
&nmollo de1l'organizzazione, aveva parlato con Daniele 1
iiano del sequestro Moro (riportando la convinzione degli I'
äutonomi' della necessità di non uccidere Moro). La cosa `.

provocò una immediata reazione della direzione di colona, I


ante l'arbitrario e incontrollabile comportamento di Spa- .
accini. Il responsabile della brigata (Seghetti) fu quindi I
hmaricato di ordinare allo Spadaccini di interrompere qual- s
i
-Siasi rapporto con Pifano..
i: _flg;gggi: Rammento anche io questo episodio." L'organiz-
'É-H-lone non prese in minima considerazione le valutazioni '_
Provenientì da Spadaccini, e qualsiasi sua iniziativa snc-
fifissiva, o delle persone da lui contattate, non avrebbe E
P°tuto avere alcuna '
incidenza su ll' e sito del sequestro ¬
“Sendo
I sviluppate al d'1 f uo ri dell'ambito organizzativo _
5.
J:
t.

;-.
M112 Brigate Rosse;
l .i "l!“_”:
"'I-l"'-I ;'l|':l|-:P
L
i-_

_-._.rs-QI H
1,.
E..

1
.-" 95
-ì ¢.|,...1í___ .__ ,A 2 .__ _. |aa-il Hi í__l1-_

ì
ÉÈ È

agio Qittèmšninra = -
_;

_Qgpagda: E' possibile che Radio Città Futura ed in.par-


Cülgfe Renzo Rossellini, possano essere stati informati
l1'¢-,perazione di via Fani già prima della sua esecuzione
in caso affermativo, come ciò può essere accaduto?'_[Q l'
g__;___§__p__o_§*_t__a__.: Come ho già detto, la preparazione- di ulna _
ii'-Perazione delle Brigate Rosse di cosi notevole--rilevanza
.ãigra a conoscenza, oltre che dei componenti della direzione
{É=*'de11a colonna romana e del comitato esecutivo,-'anche -da al-'
jàcuni militanti irregolari, almeno fin dall'inizio del 1978.
sia è possibile che da questi militanti irregolari la notizia
š@`_:f_'5ìg filtrata all'esterno delle Brigate Rosse. Questi mili-
.tanti non erano però a conoscenza delle precise modalità e
fdgj, tempi dell'operazione (cioè del giorno della sua attua-
lione. Quindi nessuno al di fuori delle Brigate Rosse po-
teva sapere che l'azione sarebbe avvenuta proprio il 16
marzo. Anzi non lo sapevamo neanche noi perche', anche se
generalmente la strada era quella, era già avvenuto che Moro
,ela sua scorta facessero una strada diversa da via Fani).
L'operazione di via Fani è divenuta operativa qualche
giorno prima dell'acquisto dei berretti dell'alitalia uti-
1izzati per il travestimento del gruppo operativo di via
Fani. 1 _ '*` J

La decisione di adottare quel travestimento, precedette


fi.pochi giorni l'acquisto dei berretti e del resto. (A loro
volta gli acquisti precedettero di una ventina di giorni
i'azione).

illsonuaioatacnclififieilåaan.dellalßushseaafi
A.D.R.: L'organizzazione discusse del falso comunicato
n.7 del 18 aprile. Si ritenne allora che il comunicato po-
tesse essere stato redatto e diffuso da organismi statali
lfisati a forze di polizia, per creare una situazione di ac-
flsttazione della morte di Moro. La discussione ebbe luogo
“Ei siorni immediatamente successivi alla scoperta della
hflse di via Gradoli. Erano presenti Moretti ed alcuni meme
bfi della direzione della. colonna romana. Furono trattati
la Scoperta della base di via Gradoli e la discussione di
quflsto falso comunicato.

96
___»-

J-

_ ¬- __ __ -- ¬- ___ _ _,_- _1__-I' _ _ _ _ _ . _ _

|- _
- _- " I- _ _ _.. _ __

_ _ u- - -- ' .
_ _ I

- In--un _m_o`m_en_t`o'"su_c_ces's!ivo, _ che posso collocare, se la


;;;::š,_,,¬-Urla non "mi inga'nna,_"tr'a--'l__a "fine-'_d_eI; 1980 e 1'inizio del
”`†'i_I_åm- ¢_ioè- in epoca- successiva al mio arresto, venni a sa-
-re che quel comunicatoera stato compilato da Enrico Pa-
~. gra E da
? __ _ a_1tr_¬i_~_
__ _d_i___-un
_ _ .._gr_u_ppo
_ __ 'a_nar.chi_co_ o- .para-anarchico
_ di
"' -ñgn -'so altro, come lo stesso - Paghera aveva confidato ad
_.;:sf?;f'1*t:,-1_-detenuti.-'-'_ -Mat-›ivo;_-dpi"-1a__€-di£1£us_i_on_e-,._-_a,-_de-tra.
- d' P -
1 a
;"i'=fi"ara. °'e__ra qu__e1lo-1-di-dist.og`_liiere.-'parte `del'l'-app_a'rato di po-
ìii---zía P0;-.to_ intorno_a _Roma, per permettere la fuoriuscita, o
---1-ng;-esso, nella--citta di.__al-cuni_.ricerc;a_ti non italiani, mi
I - L 1 n '_ l 1- _ ' . __ _ In ° _

'“"-=',.;'|11bra sudamericani, vicini o comunque in contatto con il


S-'ruppü di Pagi'l&I'_a. i . _ . '
In seguito, sempre in ambiente carcerario, ho avuto ul-
.t-eriüre conferma a tale versione.

La targa__ _CD____d__e_1_l_a____F_i_at___1,2_§ _g_,ia1i_~___di;_i____et__'_l_:__a


_-

A.D.R.: Per quanto concerne la provenienza della targa


gp apposta sulla 128 Fiat giardinetto bianca usata in via
Fani, devo dire che tale targa era stata da me "acquisita"
ricordo bene se nel corso del 1974 o del 1975, e succes-
šff-'givamenteconferita alle Brigate Rosse all'atto del mio in-
f`_-gresso ne11'organiz.-razione. E' quindi destituita di fonda-'
nento la notizia riportata- dai giornali, secondo cui la tar-
_. CD usata in via Fani sarebbe quella restituita dall Am-
!
-;-"hasciataVenezuelana al Ministero degli Esteri poco tempo
i
-
. I *ífiprima del
r
I
16 marzo.

4_.

97 .
_ _ . ___ __ _ .__ __ ¬__

-r
_ __,
"' _

__ _.. _

___? . . ._siJ_;i1:_.=-in..t.s...;.i_s.l.__* S ssusizi-f ~' -


_,l›_1_o.r,e - _ s _

,Ö Sono in grado di indicare alcuni_appartamentiroccupntífn-=†


A me, da Faranda e da altri núlitanti'delle.Brigate Fosse E
epoca precedente e contemporanea al- sequestro__Horos°"'
alcuno è stato occupato in epoca successiva. _ .'ƒ_ ' --_
Gli appartamenti si trovano tutti a.Roma e sono_i se-
IE-. . _ __ .' __ _- '_ _
J
a

_l.I._-ae.ea..r_t_a.m_e_n..t.o =
s' Si trova in via Chiabrera, fu affittato da me con docu-
= ti falsi. nel settembre 1976 e: fu abbandonato verso la
-tà del 1978. L'appartamento fu scelto tramite il cartello
.me . -n
"`uAff1tt3.5 1 .
F Ad esso si perviene imboccando via Chiabrera dal lato
nella Basilica di S.Paolo, fino ad uno stabile, anzi ad un
"fuppo di palazzi tutti attaccati. L'appartamento è in uno
gi questi palazzi. Dovrebbe essere il primo o il secondo
portone dopo la prima traversa a destra, di fronte ad una
V1mga scalinata.
Si trova al primo piano, prima porta a sinistra del
ifianerottolo. Si compone di :hu: stanze, cucina, bagno, un,
-piccolo sgabuzzino di fronte alla porta di ingresso, al
-'-fondo del corridoio. _
' ' Una delle due stanze, il bagno e la cucina danno sul
"cavedio interno all'isolato, l'a1tra stanza affaccia invece
Tsui portone di ingresso. Per questo appartamento pagavamo
lasomma di circa 300.000 lire al mese. Questo appartamento
èstato utilizzato come base logistica. Custodiva la mac-
china da scrivere IBM con cui venivano compilati i comuni-
UHLL un ciclostile, documenti vari dell'organizzazione,
irmi e munizioni, targhe.
Lo stesso appartamento è stato utilizzato come sede
'Ella direzione della colonna romana, fino a1l'affitto del
\'1_1lino di Tíelletri da me già indicato, e dopo che il vil-
hfw fa abbandonata nei marzo dei 1978. ru anche abitata in
“fi periodi da me e da adriana Faranda in casi di emer-
geflla. Ci abbiamo abitato anche durante i 55 giorni.
I _ In questo appartamento furono ribattuti e poi ciclosti-
.--. ati per la distribuzione a Roma, tutti i comunicati diffusi
. ¬_
gufñnteil sequestro Moro. Gli originali venivano portati
¬ a Moretti da Firenze e affidati a Seghetti e Balzerani per
-_|
-|¬

HH.L-¬1'

"i

98
_ _ _..- .
._ |- -
.n-__ . _ _

7'-P 'ffgduzionfi.
" ' " ' 'mentre io e Faranda ci occupavamo della di-
a.

I'

_.buz.i..0nQ .degli originali, secondo le modalita gia de-


te- ' ' .
fit Questa era la sola base delle Brigate Rosse a Roma mu-
|¬.-
-di apparecchio telefonico e di' sagre t e ria telefonica.
"`a' '
,,.-te-1ef_onate ' trate . che erano telefonate di appunta-
resi'-I
¢---.-1r -son---É*-'
0 state distrutte
' '-_.
insieme alla segreteria . te1efo-
-'F1-.È-__(_]5;"ƒ;¢=;›”'_non“_;funzionava troppo bene) ed altro materiale non
ãìgp-ans-abile all'organizzazione._ Tutto questo materiale
buttato no 1 fiume Tevere sotto il ponte Marconi. dopo
*""'“a1:';a'" in 'vigore`del1a legge
ifnffil' _ sull'obb1igo
, della denuncia
*E affittate (Tutto il materiale eccedente e d inu
ale “He
' 9 fu buttato per tenere. la base in condizioni di essere
~ ' _.
. i . . . _
fa 1 se necessario, in poco tempo).

)` .R.: Alcuni degli incontri tra me, Faranda e Moretti


ìiìvennero proprio nel1'appartamento di via Chiabrera. anche
É.-n¢ontri' con altri' regolari' de ll a c olonna avvennero in via
flhiebrera.
É' (Cioè si svolsero in questo appartamento tutte le poche
'I '
fíunioni' della direzione
' della colonna romana che d uran te I
'
-'55 giorni ' si' tennero a I chiuso. Piu spesso veniva usata da
5 F E randa I' Balserani e Seghetti per discutere delle
* * '
[decisioni ' tecnic' h E ed o P erative da prendere nel corso dei Q5
"fiorni, riguardanti -solo,-l'attivi'tà della colonna romana e-›
ion la gestione del sequestro.)

.......a.e.n_e_t..!;.a_m_e_a.t_<.=:=
Si` trova in
' una via
' sottostante via del Casaletto.
dalla parte della Circonvallazione Gianicolense. Di fronte
al portone non c ' e rano altri palazzi. A11'appartamento si
accede entrando dapprima in un cortile interno comune a va-
fie palazzine. Esso è situato nella palazzina di destra.
~_11l'ultimo piano. E' composto da una grande stanza subito
"1
'GPU la porta d'1 '
ing resso , forse da una stanza più piccola.
Pflsno e cucina e terrazzo.
Era stato affittato da Barbara Balzerani già nel 1975
{'-1PPena dopo la- venuta di' Moretti' a Roma, e 1 affitto da
I c

Pafffl sua de11'apparta.mento di' via


' Gradoli),
' e pi' obabilmente
- 3°'"b
_ fato ne 1 1976. Tale appartamento fu abitato in vari
Pfiriodi, sia dalla Balzerani da sola che con Moretti. Io e
a Fflranda siamo andati in
' questo appartamento per sg ombe-
“'10. dopo che fu rinvenuta dalla Polizia una Fiat 132 blu.
-Il - . .
3 “G1 intestata alla Montedison, che era tata ru b ata s otto
..,__I |
, __
, _|
.-,¬ rI _ _
-_.- .
I..
- .
r=-~
'..'| I
: _¦_-
__' 2"? --
-.f-.r 1.
_j--__--
--
:'..
1;. ._
_I I

il.
F.r - '
a~“~- fa--1-"' '
:.--._._._ __ s _ _ -
,L ' _ 'I
- _,

irãfaiione
____._ floro
. - __... __-e- e il Éconprolesgg
- -- -- -- __- - stg;igg_
-- . - -

,_

_..

-' _ ' I- _. - - -
_- - .- i . 1 1 il O 1'
_ _. -
-L 1 Ufficio
'
cbiede a Morucci di chiarire quale influenza
2- aver avuto, nella decisione di eseguire il sequestro
iãáda parte delle Brigate Rosse, la politica di alleanza
Ha-1 partito comunista Italiano Prflcuznata da Horn. anche
@í;¢ba5g=fii:quanto emerge dalla risoluzione DS del novem-
욃gjgìflgulliorganizzazione".

__-_Morucci_dichiara: Premesso che le Brigate Rosse, nella


o'ana11si'¦nfl. potere capitalistico, avevano individuato
I . - - I _
Er
ha Democrazia Cristiana
r -"I
1 asse portante
* '
della
°
struttura`°
I
110 Stato Imperialista delle Multinazionali,
0 .
va .
altresi
i'
1evato che collateralmenbe a questa analisi. storicamente , 4 o " -

IL
volta ai partiti della borghesia che da sempre rappresen-
. ø -I I 1- l I

L vano_ il potere capitalistico,


_ si era
_ sviluppata una modi-
'eazione
I. nella valutazione che le Brigate Rosse davano del-
, politica del P.C.I. Questo partito.. Già dal 1975+ 11011
1 più visto semplicemente come partito riformista che ave-
. "tradito .gli interessi. del proletariato" - quindi come
1 rtito contro cui sviluppare una battaglia politica per la
I ppresentanza degli interessi della classe operaia - ma co-
; partito che tendeva ad inserirsi direttamente nella ge-
Hone
I antiproletaria
_ dello stato e nella repressione delle I *F

anguardie rivoluzionarie.
In conseguenza di questo nuovo ruolo. che secondo le
H'igate Rosse aveva assunto il P.C.I.4 si poneva un'assimi-
* _ _
zione a pieno titolo di questo partito all'interno dello
:hieramento controrivoluzionario con le possibili conse-
.I enze di attacco militare che ciò avrebbe potuto compor-
i TE-
E A ridosso , del sequestro Moro._ si . svilupparono
. _ all'in-
E rno delle Brigate Rosse,. sollecitazioni
. affinchè fossero
_
cantonate le scelte tattiche che fino a quel momento ave-
a 1 t I I' " _
no portato a scartare la possibilità di attaccare diret
a mente il
. .
Partito .
Comunista .
Italiano i
Tali considerazioni tattiche erano sempre state rela-
i've al timore' di inimicarsi, con attacchi del genere, la
1 asse operaia. precludendo cosi una possibilità di maggiore
iffusione delle proposte politiche e ~0r8Bní22fit1VB dfillfi
fiãate Rosse
Tra l'altro furono posti al centro di questa attenzio-
e † giornalisti e giudici che portavano avanti in prima fila

102

'I-
-íí_*$åÉ#;+íí.í í--ìníiìíììíí-th-å_ií-J-lIn_l -I

I _ _
' ' ¬ _ I- - ' I- -
J'.
__ _|* ' _ _ . '__ - .¬¬_ _ _ _ _

,'..-I_r
.-,|_-,
_1' F. _ battaglia contra- _1a'___B_r_isaÉ'e'_»_Rcošššef”a' .cha 'erano-' ritenuti
-
_:;-,
._ -.-.
-_.-b -ul
.E5311 al P.C.II_ F-f. _d p':_ __ _ _
-_:_;i
,'5-
r.;- I : _-la
_ Fin dal 1919-furono condotte ripetute e assidue inchie-
E22.
.!¬-_
fi' _

_ - I: _
JH
gte nei confronti del giudice di Torino Giancarlo Caselli.
:L _ _
1- ítgnuto
uno dei giudici legati al Partito Comunista Italia-
r
42

_._.
in.

a ¦1 U che svo1s§VêDO_QHp!UQ}Q_prettamente,controrivoluzionariou
_-fjUn-documento-dellelßrigate Rosse da cui risulta questa
'-1
_›_ -_.
,_
'-ìlrz.:-E-"-J
_1_-

[51
_,__ _
ne¢gssità-difipassare_duråttamannÈ{n¢_nn3gÉtgçgq militare nei
~;';.;cu..fron-tçi delu P;-_C,I¬. e' stato; ad- esìemplo. fr-i.nv_enuto'in via
Gradfllilø _ _ _ T . _
¦=i
_.|.
L _ .
_ _ |
_ - - .__ -._ 1.. __ _
_ - - __ ' _ __ _ - _ a -- _ - _ ' .-.

" L-Ufficio acquisisce';£r`documento'iJ1-questione reper-


_-mia*-.rpäani
tatn, tra il materiale di via Gradoli. con il ns3å0 "Appunti
-|-_I' j'-'r.|,_.¦
_ .__,_'_
5u1 compromesso storico". senza data.
fu.-'f-'
:__ _
-'T'
Chiede a Morucci se si tratta del documento a cui ha
:_›.¬-:~
.|'.
Y
fatto cenno e Morucci dichiara:
=~_~
_
-_.-.
'F-¦.'¦-n'f†¬
-1-_
il
I temi trattati nel documento suddetto rientrano nel
5-.=_
dibattito che a più riprese è stato condotto all'interno
delle Brigate Rosse sulla politica del P.C.I. ea su1l'atteg-
giamento che 1'organizzazione doveva tenere nei confronti di
questo partito.
Questo documento, interno all'organizzazione. corri-
sponde al momento in cui andò maturando il riesame della
collocazione del P.C.I. e della condotta da tenere nei suoi
confronti. momento chepuò farsi risalire al1'incir'ca al-
1'autunno del 1977.
' Successivamente la discussione su questi argomenti al-
l'interno dell'organizzazione portò alla valutazione. e alle
conseguenti decisioni. che túsognava sviluppare iui attacco
nei confronti della politica del P.C.I.. identificando alcu-
ni suoi membri che ricoprivano funzioni specifiche all'in-
terno dei settori istituzionali che le Brigate Rosse ritene-
vano essere direttamente impegnati nella politica controfi-
voluzionaria dello Stato Imperialista delle Hnltinazionali.
Vale a dire che questi esponenti del P.G.I. andavano attac-
cati per- la funzione: controrivoluzionaria_ che ricoprivano.
al fine di garantire un più efficace smascheramento della
Éflnnivenza tra'i1 Partito Comunista e la "controrivoluzione
1mPerialista".
Le Brigate Rosse ritenevano che da un lato attaccare
figure di questo tipo. compromesse con il pmtere. non por-
tasse necessariamente ad inimicarsi le masse proletarie. e
dfi11'altro che ciò avrebbe permesso. gradatamente. di.equi-

103
_ _ _ 7..-1
._ ._rr

agli occhi del proletariato I immagine del--*P.C__.-'I-."a _-


1 _ _

'-1-
_-'_È;___11a_
di un partito. .apertamente controrivoluzionari-o...`.-'Per--__:
= . __T_-'
. .I
J' un attacco diretto al P_C.I.. che non .passasse-per-_
mediazioni, avrebbe portato necessariamente ad inimi- '
Z: ______r5,_
. la classe operaia' che. per la presenza radicata - _ di.
of Ééstfl partito nella_sua storia. avrebbe-fat:-0 _-qù_g_d'r_gt0-_-_á-t1__-;_-
_.%-.årno 31 partito anzichè sviluppare -le critiche c_he _-si _era_no_ _
1

"?“_'fe manifestando già da tempo. - - ' Q "'fä-


*'-.*
ga;
| 'a.'-
Da questa impostazione politica. che mediava l'odio e
disprezzo delle Brigate Rosse nei confr_onti del___P.C.I.-
_.
_
1
1-_
1 -
" 1e esigenze tattiche di penetrazione all'interno della
_

_:':": aäge operaia. derivarono la azioni compiute dalla Brigate


'
-J . 'I '.

.'..-'_'
1.
contro esponenti del Partito Comunista.
ì-il

_.___¬-_ 'ig'
IQ?
_e1!É:
. _H
. ¦_EJ'_.¦_¬_-
ho
ri
Ad esempio Carlo Castellano fu colpito principalmente
i 'bl'

-_

responsabile della ristrutturazione all'Ansaldo e poi


§_§§§_§'_-came membro del P_C.I. genovese. e Guido Rossa come attivi-
;_:.;_; 5113del P_C.I.
,|.-|.

i che
_ _ aveva collaborato con la Polizia per la
š1*ì.::__ìndividuazione di militanti dell'organizzazione (con una ov-
preminenza di questo secondo elemento).
%;
. ¬.--
- .ai
In conseguenza di quelle necessità tattiche. si decise
_- ._'-I-
__ _
inizialmente questo tipo di attacco. per i motivi sud-
aa-detti. non poteva esplìcitarsi in omicidio. ed .infatti anche
1;.

"1'azione contro.Guido Rossa non doveva essere omicidiari_a__


f"'-“_' \"- "'-1'†iu.J_--
=`=_f

'1n quel caso, fu proprio la difficoltà di mediare il pio.-


_,__
'r."

T _
fondo odio accumulato nei confronti del P_C.I. con le esi-
'I

genze. tattiche anzidette. a far si che il nucleo incaricato


__- _

di questa azione andasse oltre le decisioni prese. uccidendo


'Guido Rossa. (Cioè andò oltre Riccardo Dura che. dopo che
un altro bierre aveva, come stabilito. sparato alle gambe.
uccise il Rossa).
Dopo questa azione. il responsabile del nucleo opera-
tivo che l'aveva condotta (Riccardo Dura. capo di fatto del-
la colonna genovese). fu aspramente criticato all'in_terno
dell'organizzazione ma. pur accettando le decisioni tat-
šìÉhe."costui ribadi che "era giusto ammazzare le spie del
. .I_ _ .
(L'i'mponente mobilitazione di massa per i funerali di
G'-fido Rossa avevano infatti confermato che era prematuro at-
fiflcare membri dei P. C.I. con lo stesso metro con cui si at-
tfiflfiavano quelli di altri partiti meno legati alle tradi-
Zmflì della classe operaia).
Dopo questa azione, e le critiche che furono rivolte
a11'ínterno del1'organizzazione alla colonna genovese. nel-

10€:
..I-J r--.- ' _-L.
- - ' " - _ ` _
|,_ _ _-I" _ ._
_- _ _- _ .- - I
_ 1- _ 0 |

'u'1"timo volantino-che Adriana Faranda ed io compilammo per


--

Brigate Rosse _ne1 febbraio 1979, fu espressa un'aperta


'i¢á alla colonna genovese per l'omicidlo di Guido Rossa.'
Un fatto del genere (cioé una critica interna alle Bri-
åƒ-'te posse _riportata in un volantino diffuso alla stampa)
ùfëra'mai avvenuto e contribuì ad accentuare le aspre cri-
šh¢_nei_nostri confronti da parte del comitato esecutivo e
tgggecatura che era in atto da tempo tra noi e le Brigate
näfiez' ' ' _
_.. _ 4

|"'

.-._

.»""' _
-___.

,_

¬.-

1-.
105
III-I¬:!fFUiÉFÉÉÉIIIQE!QIIIIIIIIIIIIIIIIIUIIIIIIIIIIII

_ 'Uh _.
.__. _ __

_,.-

.1g_¢¢1r11l'a,vv.,.Fnrtana e
Fortuna:
Può dirci quale_ è stata
g%_...._.._....._ _ la reazione della
ångta al-momento,dell*attacco?; F- »ff*'f ._f-«- ~ _
_ floruccir Mentre ficercavo di _disinceppare il mio mitra
;;autis_ta ge 11a_ 130;, _1 '_af5p_uììt'a'to:-' '_-R'~i*c1c-ì ;_-.-;_'_;c.er1cò.---dispera-tamente
' guadagnare un varco al 13U'verso via-fitresa-e più volte
ace marcia indietro e in avanti per guadagnare questo pas-
_;§,ggio.' Tutto ciò _ment__re era-__-_:iI_1- c-o_r.so_-1a_;spar_atoria.__ Il
aresciallo Leonardi, invece, si preoccupo per prima cosa di
roteggere l'on.Horo, cioè si girò verso Moro per farlo ab-
bassare; ed in quella posizione fu poi trovato. Debbo dire
¢h¢ questo comportamento, ripensandoci dopo, mi ha molto
golpito, perché solitamente si ritiene che una persona che è
S088 etta a dei colpi di arma da fuoco cerchi per prima cosa,
istintivamente, di ripararsi. Queste pe rsone invece si com-
'
portarono in altro modo. Lo stesso accadde per l'agente
Iozzino che, anziché ripararsi, riuscì ad uscire da1l'a1fet-
ta di scorta e ad esplodere un paio di colpi con la sua pis-
tola.

Avv Fortuna: L'agguato è stato fulmineo, tanto da non


F-_
dare ne a Ricci né a-"Leonardi, l'opportunità di reagine e
tuttavia c ' è 11
-.If
.'š“.' `~'“"='
' sospetto che Leonardi in particolare non ate
ff? bia reagito per avere in qualche modo riconosciuto qualcuno
che era accanto al 130, qu esto lei lo può escludere.
_ur
i

ve-.ge I|
florucci: S1' lo posso esc l u d e re perché .il Maresciallo
I

1.
Leonardi era seduto dalla parte destra del 130 e su quel
- fa
I'|
lato della strada, al momen t o de1l'arresto della 128 e ai-
'
1'inizio della sparatoria, non c ' era nessuno', ché altrimen-
ti, questo qualcuno, sare bbe rimasto colpito dai nostri col-
'-I'
'
Pi ,ed è il motivo per cui' 11` n on p oteva esserci il fioraio
' ' ' '
Spiriticchio. Dalla pa rte sinistra non può aver visto nes-
'
suno perché dopo 11 tamponamento si'ano fulmineamente usciti
da dietro .i cespugli' d e 1 Bar Olivetti, iniziando immedia-
tamente a sparare. E comunque il maresciallo Leonardi una
reazione ce l'ha avuta, non è vero che non ce l'ha avuta: ed
E stata quella di proteggere l'on.Horo.
'
E' ovvio che in '
una frazione di secondi non poteva som-
mire questo tipo di reazione protettiva nei confronti del-
1'on. Moro ed una nei nostri confronti, anche perché credo
Chfi quello fosse più compito della scorta sni1'alfetta.

UL
106
-1-_.

__________________*_________'__|__H__ .iu p _
. T:'-'
,._,_..
:I
: Qui c'è una contrad_dizione con-que.ll-o-che..
detto e_ le dichiarazioni rese da' Savasta al'la-"commìgf
di inchi_es_ta. Savasta parl_a'di una 'specializzazione
.s*j§ff%'I'_',_=,onardi, cioe dice, credo di ricordare testualmente: "la
;;.ä_È-.Ita di Moro al1'Università non era una scorta "formale,
. ~›= scorta molto addestra ta , ta nto _ è ve ro __che*'-non.:-gi-;
figùscivn ad avvicinarlo". Invece lei -parla _di-u_ria__-:_sc'ort__a
511,'nddestrata... - _' _ _ _
Morucci: No, no, io non ho parlato minimamente di man-
di specializzazione, ho detto che non hanno avuto- il
di reagire oltre quello che era ipotizzabile": ovvia-
';,f,,1;p,questo tipo di scorte sono molto più preparate a pro-
%;É›fë†g"gere una persona quando si trova a piedi tra la folla.
äífi:-'frangenti del genere le scorte sono molto più efficienti.
rispetto ad un attacco del tipo di via Fani, può funzio-
solo laipreveggenza, non è che possa esserci una possi-
;;;:_§,;:fì{,f.:i-15_1;à qualsiasi a meno che, sia la 130 che l alfetta, non
ifiossero state blindate. Questo era 1'unico espediente tec-
che poteva permettere una reazione.
iyj- Avv. Fortuna: Lei ha fatto un accenno ed io vorrei una
Éägiìfiiåggiore precisione: se 'fosse stato accertato che l'automo-
di Moro era blindata sui sarebbe rinunciato all'azione
via Fani? ~
䆓 Morucci: Si sarebbe rinunciato solo nella misura in cui
š;`='=_iion si fosse trovato un altro luogo, tipo la chiesa d'i"_
§i.f§.Chiara, in cui l'on.Horo era costretto a scendere dalla
:jÉ':*Ã_n_acchina. Si sarebbe forse ripresa in esame 1'ipotesi del-
._ìf__l'Università, o si sarebbero portate avanti altre indagini,
:Fuagari anche in via Savoia, o magari anche in un altro pos-
'to. Perché a. quel punto il problema sarebbe stato quello:
_f.__fare in modo di poter intervenire superando l'ostacolo del-
-v1'auto blindata. '
Se anche tutte queste ulteriori indagini non avessero
§_;_1H:rtato a nulla, solo allora, si sarebbe dovuto cambiare ob-
ë_-biettivo; perché a que1l"epoca le Brigate Rosse non erano ,in
Erado di intervenire su auto blindate.
:|.
Non avevano le armi
fjflfllcessarie per intervenire su auto blindate.
|.

- ßvv. Egrtuna: Dunque in quei periodo il possesso di una


-"Ettore blindata era sufficiente a far escludere, a far ri-
mlflziare ad un attentato.
_ Morucci: Rinunziare non 1'ho detto. Avrebbe creato dei
3*'-'1Ssi problemi, dato che le Brigate Rosse avrebbero do_vuto
-'pfflüurarsi le armi necessarie a perforare la blindatura.

10'?
-|-

,-?áff*epoca,'l'unica possibilita sarebbe stata quella di


?;ubape-allfesercito dei fucili mitragliatori FAL. Quella
Išltunica possibilità, come dire, a portata di mano allora
'ug-'entrare 'in possesso di armi in grado di perforare la
.É datura delle macchine. Ciò (procurarsi queste armi) non
"ìifi-†`im'p'ö'ssibile;'ma' avrebbe' certamente comportato degli ag-
fìví organizzativi di_non poco conto.

šfi ivo. Fortuna: Lei ebbe modo, durante lo spostamento di


'iug d;ll;_7§E_;lia 132 in via Fani, di sentire se l'on. Mo-
fà ífiflquellafcircostanza ha pronunciato qualche parola?
¬?' ncrucci: Io ero ancora accanto alla 130 quando la per-
--Qna ghe era vicino a me e 1'autista della 128 CD' (Fiore e
iåregtj) hanno prelevato l'on.Horo. Ho visto` in faccia
lun, Moro mentre usciva dalla macchina. Ero li fa lui non
fia detto nulla.
_ Avv, Fortuna: Vorrei chiarire, se possibile una volta
*' .J'

aes-:ev-egr :~:_¦|_~_';-_
šìer tfirte, ;Ll problema delle. borse, risollevato- da1l'avv.
(altro avvocato di parte civile militante P:CI, NdR).
Éfiueste borse erano cinque.
ì\¢.yJ
Io ho una conoscenza diretta del
nßnntenuto di tre dd. queste borseg che contenevano tesi di
ti-lt
:1'-'.= _
.
älaurea.
|.{_,_ I
Le altre due contenevano una delle medicine e 1'al-
ššrl . 1 I s 1
'stra dei. documenti riservati.
.¦ _
Queste: due borse. sono state
nprelevate da. lei.
LI .-
Ecco, il. contenuto :ii queste borse, a
.='-Iparte le tesi di laurea che sono state poi restituite, è
;_

ostato restituito in parte e questo ha fatto nascere dei dub-


.__:
'b-.

Sübi sul fatto che possa esserci ancora una base delle Brigate
ÈBosse che contenga questi materiali che non sono stati res-
itituiti 3113 famiglia. E' stato restituita, per esempio, la
5 macchinetta. per misurare la pressione. 'Lei sa dare una
;<spiegazione di questa coincidenza.
i Morucci: Si, ma innanzitutto vorrei chiarire anche que-
zflsta storia delle borse,-perché sono state fatte, anche_qui,
inlte illazioni.
i5
t-_
A domanda del1'avv. Zupo, che chiedeva co-
. me mai su cinque borse io avrei preso proprio le più "pre-
rfi

åƒziose", in ho detto che ho preso semplicemente quelle che


P".
,.

sperano più vicine alla portiera destra del 130.


H'
-I-.
Dopodiché,
:2ìnnanzitutto, c'è da contestare che una borsa di medicinali
-._ .
fa

“ Ski una borsa "preziosa", semmai lo era l'altra, mentre


¬.
n.,__
n
u_.,1

š.quella dei medicinali non poteva certo interessare le Briga-


te Rosse, Dopodiché si è fatta una illazione che, proprio
*1Pfif questa loro presunta preziosità, queste borse siano sta-
g te tra5ce1te_ magari seguendo qualche indicazione. Ora io
1-,.__. . _
_ _ g

È.
È;
unl-
d-
1.
._-.

ii* _'.

1 08
Ir-

_ _ .,_ _ ¬- _ ., -ru- .|-


- _ I

' _ _ _ .,
1- - .. _ _ _ _. . .
_ - ' ._ J ' _ -. _ - _

ghe le altre tre-borse-non-erano_cosi vicine alla por-


oosi come lo erano le due-ohe;io:ho_preso:'addirittura
go che alcune fossero nel portabagagli...
: Due infatti erano nel portabagagli, e
ai credo quella con le tesi di@laurea,.era su11o¢31n¢¢¢hia
11|',-Jn. 'Horo c_he_`s-t_a_v__a__ap`punto 1eg_g_en_do__:le tesi di laurea
p avrebbe dovuto'discntere-di flJpjo;¢ezz{o;a;ail!Universi¬

* Horucci: Meno ma1e,.abbiamo sciolto quest'a1tra storia.


inni 1o due borse .che ho. p_reso___io_ erano .1-e__più_ a portata
i mano dalla portiera destra, quindi`non“c'era nessuna co-
scenza, precostituita, sul contenuto di queste borse,
Per rispondere alla sua domanda iniziale: il contenuto
1 Q ueste borse è stato subito portato con sé dal responsa-
le d e 1 comitato esecutivo (Moretti) che lo avrà vagliato e
01 deciso cosa tenere di quel materiale. La cosa certa è
Hhe delle medicine contenute nella borsa sono state utiliz-
ate per le necessità de1l'on. I-loro, mentre quelle che non
nlerano, come ho già detto, furono appositamente acquistate.
.utto il materiale avanzato è evidente che sia stato poi
_uttato. alcune carte considerate inutili, e che erano con-
tenute in una delle due borse, furono, per esempio, bruciate
a Hoiano, me presente, dopo l'estate del 19?8.
.-.

¬.-;:.j 5
.-

.¦.

-n.
ì'._'.

:.-.-
J.
fl |

:.---
l'!'
¬.

i.

109
Prí1

Indice analitico-cronologico I* parte


(simbolo di riferimento nel testo: <)

- ¬-

razione della colonna ro- La consegna del comunicato n.1, 42-


e brigate 1976-1977 91- 43
I comunicati del sequestro Hbro, 43
azioni su azioni omicidia- La reazione delle brigate al seque-
1 confronti dirigenti DC stro, 44-45
Il contrasto sulla lettera di.Hbro
sposta del sequestro, 18 a Cossiga, 45-47
a no di sequestro nella Taviani smentisce.Horo, 48
a di S' Chiara, 21-23 .Moro replica a Taviani, 49-
1 viduazione del passaggio di La condanna a morte di Hbro, 49
in via Fani, 24 Il comportamento di.Hbro, 50-52
o va dell'azione di via Fa- La richiesta di liberazione dei
detenuti BR, 52' .~.
eppamento delle armi in via La scoperta della base di via“Gra-
doli e il comunicato del Lago della
elevamento di.Horo, 31 Duchessa, 53
P i sparati sulla destra di La perdita d'acqua in via Gradoli,
a ni, 32 90
E iapponesi in via Fani, 33 Il *riconoscimento politico", 55
d i delle Brigate Rosse, 33 La rigidità politica del comitato
S to materiale dell'azione di esecutivo delle BR, 56
a ni, 34 Le curiosità di Pace, 56-60
1 oni sul terrorista tedesco La posizione di Pace ed altri in-
e Fritz", 34 terventi similari, 59
m 1 di via Fani, 35 La reazione di Hbretti all'incontro
o cco dei telefoni, 27 con Pace, 59 _
asbordo di Hbro, 37 L'esperienza di Pace nelle BR, 61
a sbordo allo Standa 38 L'importanza delle lettere di Horn,
o isto di basi a Roma prima 63
e questro Moro, 38-39 Il primo intervento dei "capi sto-
n Segna delle lettere di Ho- rici", 63
La Wlista dei 13", 64

'uI'\.¬.¬_|_

_ _ _. __ ,__ __.__-.._--1 III-_--I-_--›-__ ___.._._,.,.. _ ¬ .. _ _


-_ _ _ _ __
¬_.- '_. _' " _- .- _,n- -- - '

1-_ " _ _\- _ _ - - .


_-. __ _ _ .
¬-

LIe1'é;f_oi:a_ta_del_ 36' aprile a _

'çjìjmo comunicato della Demo-


azjg Cristiana, 66 i i
_ cant;-asta .s_ul-la _decis_ione fi-'
"@-del comitato esecutivo, 67-

1 iinìio' dell 'es_e_c-uzione, 69 _'


'- ,gsitazioni di Horetti, 70
re,-_›_iprocne . incomprensioni tra
“šíáfp e Brigate Rosse," 71-72
telefonata del 9 maggio, 72,77
Lw,_._.5gguendo" del comunicato n. 9,
-13 _ . . .
1;, decisioni preventive sulla
...._f$,',;¢e di Horo, 73
-r-_*
.›.|.
'

L,risposte di Horo alle domande


;;._-...Fm una possibili tà di salvez-
,,;›~,74 (so-sz)
f._. _

"L, registrazione dell 'interroga-


torio. 75
1
gg via Hontalcini a via Caetani,
fší . 75- 77 _
55 I detenuti BR e la :decisione di
uccidere Moro, 77
La sabbia sulle scarpe di Moro, 77
'Lemedicine per Horn; la sua
"prigione", 79-80
I rastrellamenti nelle vicinanze_
della "prigione", 8!
La base di via Hontalcini, Sf-87
La telecamera delle BR, 88
I contrasti prima e dopo il se-
questro Moro, 92
Uintervento indiretto di Pifa-
fifl. 95
La reazione della scorta, 106
Vento blindata, fl??
LE borse di Moro, 108

ink lll
| -'
n' _
J. *ln ' i I H i il- -H. _
_ |_- . " J. ' -. " _ _" .
_ - __ ._ .. _ ____.. _- _.
| ¬ _ _ - ' ' _

II* parte - Dièhíarazínni di Adrìaha Faranda


_ 1› ' .¬. _
, _ - 1.- -:
' '_-Ti -'-
| -|-
.,._ -_
__.
'___;_.
:' ¦F' '-
""-È:

È
v =. .-
I_' _- _

_ -,-
F _
1'
`|-'
.In __
|"I
,__
_.
,|
,_
._._.
I. - I _

Èjšfesss M112 B,-mare m


jflfil
E1

5 Sono entrata a far parte delle Brigate Rosse alla-fine


Q Settembre 1976, circa 20 giorni dopo 1'ingresso di Vale:
,J Morucci. Il mio ingresso nella organizzazione' BR. fu
geeduto da alcuni brevi contatti con Moretti, un militante
golare delle Brigate Rosse, non di Roma, che in seguito
lv' P1 essere componente del Comitato Esecutivo. 'Girca_'10
_úrni dopo la mia adesione alle Brigate rosse,_ebbi dei ri-
msamenti che manifestai al mio referente, al quale dissi
| E intendevo recedere dalla mia decisione. Dopo un breve
_riodo di. distacco is di. ulteriore -riflessione, ripresi. i
pntatti con le Brigate Rosse per ridiscutere la possibilità
_ una nuova adesione all'organizzazione. Yiste le mie in-
¢rtezze
I e perplessità,
_ _ _ _ le BR decisero _ di sottopormi
_ _ _ ad
U
I 'attenta verifica
_ politica,
l I attraverso
i Z discussioni
._ _ sui d -
menti prodotti dalle BR sulla loro linea politica, sulla
elta della. clandestinita, sua :rapporti con il movimento,
l lla strategia di attacco al cuore dello Stato, sulle teo-
.e organizzative (particolare importanza ebbe il dibattito
l lla Direzione;Strategica n.2 del Novembre 19?5)_ Si de-
.se inoltre, da parte delle BR, di sottopormi ad una veri-
_ca comportamentale per stabilire se questa mia decisione
- reingresso 'nell'organizzazione fosse definitiva. Bi
.tto fui esclusa da qualsiasi struttura di 1avoro,anche pe-
ferico, fino a1l'inizio del 1977. Solo a questa data si
.cise, infatti¬ il mio inserimento .all'interno della. co-
Inna, nel settore della controrivoluzione che a1l'epoca si
cupava della costituzione delle Brigate Territoriali.
-ntemporaneamente entrai a far parte della Direzione di Co-
~nna. _
D.R.: Io avevo iniziato, diciamo, a far politica nel
B e avevo maturato nel corso degli anni la convinzione che
-sse necessario, a1l'interno della situazione italiana e
ü in generale, proprio come assunto ideologico, che fosse
.indi necessario e possibile avviare un processo rivoluzio-
.rio e questa mia convinzione mi aveva portata a conside-
re la lotta armata come uno strumento indispensabile al
-sgiungimento di questo scopo. Quindi c'erano delle pre*
sse di ordine ideologico, c'erano anche delle premesse di
dine sociale che facevano pensare che questo processo ri-
luzionario potesse essere avviato, c'erano scontri e con-

113
_ _ _ __ .u ,_ _ __ _

'I
'f' _ _,_ ¬_ _ _ __. ___- _-__ ì___:-_ r- _ _ _ __ ._ _ _
.-'
.'I_
_ ._
_ -__. - _- _ - _ _r
_ _-_
'_ .
-
_ J __ __ -_ _ _ _ _ _ _ _ ._
|.__.- _ _ _ _ _ _ -_ _ _ _ _ - _
_ |' - _n. - -

iåìffunlitå sociali altissimi, con dei contenuti anche abba-


;.è_--tfiaì-,zg"*-i'n'c'ñns__u'e"t'i-_, _'_nuovi,. di- egualitarismo, abbastanza in-
šÉ¢nci'li*a,b`ili' -con quello' che era il funzionamento tradizio-
le delle '
categorie 1
che Q
governavano
l I
la I
società Quindi,
I

_äue5;¢__dn_e_c_9se__s_i__combinarono insieme, cioè una convinzione


;.dFÈ'o-l_o3'í--ca*con delle condizioni ambientali sociali di scon-
`È_.ú_ __£.eg_e_r_a-1,_ig-za_t_;o _;_ç_h_e_____a_p_punto__-si _ ampliava e la convinzione
lghgifbsšefnecessárfo,”alliinterno :Li questa ottica, che un
F
31-coldi _mi1itanti*'de1la sinistra si responsabilizzasse in
-qa
uesta lavo:-o_ proprio _per dimostrare che comunque la lotta
` _ -“_;"'-- _ -id ' _ _!-_ "'- _ _ o
'armata' 'era' -praticabile-~e 'poteva essere uno strumento effi-
cage, questo convincimento mi porto. a cercare un rapporto
Mn l'organizzazione che più di ogni altra poteva essere in
grado di attuare questo progetto. Ciè da dire anche che in
quel periodo c'era a1l'interno del movimento una sorta di
-_-iisorientamento, una incapacità di 'affrontare il discorso
della lotta armata e della violenza in maniera continuativa
g coerente, non c'erano altre realtà organizzate che potes-
sero portare avanti questo discorso con efficacia.
.Nascita della colonna romana
Al1'atto del mio ingresso, non c'era una colonna romana
già operante. Esistevano da tempo una serie di con