Sei sulla pagina 1di 131

Sarda Acque Minerali S.p.A.

Via A. Gallus 79 - 09047 Selargius (CA)

RINNOVO CONCESSIONE “ZINNIGAS” PER


ACQUE MINERALI (SILIQUA – CA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

Studio di Impatto Ambientale

I Tecnici:
Dott. Ing. Monica Casu Dott. Geol. Andrea Pilia

Dott. Geol. Massimiliano Orrù Dott. Geol. Marco Pusceddu

Dicembre 2012
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata
“Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata
“Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

INDICE
INDICE ................................................................................................................................................ 3
1 PREMESSA ................................................................................................................................. 6
1.1 Localizzazione ....................................................................................................................... 7
1.2 Motivazione dell‟intervento ................................................................................................... 9

2 QUADRO PROGRAMMATICO .............................................................................................. 11


2.1 Quadro normativo ................................................................................................................ 12
2.1.1 Concessione mineraria ............................................................................................... 12
2.1.2 Procedura di VIA ........................................................................................................ 12
2.1.2.1 Normativa europea ........................................................................................... 12
2.1.2.2 Normativa italiana ............................................................................................ 13
2.1.2.3 Normativa regionale ......................................................................................... 13
2.2 Strumenti di pianificazione e programmazione a livello regionale ..................................... 14
2.2.1 Piano Paesaggistico Regionale ................................................................................... 14
2.2.2 Piano di Tutela delle Acque ....................................................................................... 17
2.2.3 Piano Regionale dei Trasporti .................................................................................... 20
2.2.4 Piano Regionale delle Attività estrattiva .................................................................... 24
2.2.5 Piano di Assetto Idrogeologico .................................................................................. 26
2.2.6 Piano Forestale Ambientale Regionale ...................................................................... 27
2.3 Strumenti di pianificazione e programmazione a livello provinciale .................................. 29
2.3.1 Piano Urbanistico Provinciale – Piano Territoriale di Coordinamento ...................... 29
2.4 Strumenti di pianificazione e programmazione a livello comunale..................................... 32
2.4.1 Piano Urbanistico Comunale ...................................................................................... 32
2.4.2 Piano di Zonizzazione Acustica comunale ................................................................. 33
2.5 Sistema vincolistico ............................................................................................................. 34
2.6 Vincoli paesaggistici e ambientali ....................................................................................... 34
2.6.1 Zone sottoposte a vincolo paesaggistico .................................................................... 34
2.6.2 Aree naturali protette .................................................................................................. 34
2.6.3 Vincolo idrogeologico ................................................................................................ 34
2.7 Sito di Interesse Nazionale .................................................................................................. 35
3 QUADRO PROGETTUALE ..................................................................................................... 36
3.1 Localizzazione e descrizione del campo pozzi .................................................................... 36
3.1.1 Generalità ................................................................................................................... 36
3.1.2 Opere di captazione dell‟acqua minerale S. Giorgio .................................................. 37
3.1.3 Captazioni dell‟acqua minerale Levia ........................................................................ 38
3.1.4 Captazioni dell‟acqua minerale S. Angelo ................................................................. 38
3.1.5 Captazioni dell‟acqua minerale Pura .......................................................................... 40
3.1.6 Captazioni dell‟acqua minerale Quercetta.................................................................. 40
3.2 Attività di stoccaggio e imbottigliamento ............................................................................ 41
3.2.1 Processo produttivo .................................................................................................... 41
3.3 Scarichi di processo ............................................................................................................. 43
3.3.1 Scarichi del processo di imbottigliamento ................................................................. 43
3.3.2 Scarichi dei servizi igienici ........................................................................................ 43

3
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata
“Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

3.4 Portate di esercizio ............................................................................................................... 44


3.5 Piano di recupero ................................................................................................................. 45
4 QUADRO AMBIENTALE........................................................................................................ 46
4.1 Quadro di partenza ............................................................................................................... 46
4.1.1 Geologia ..................................................................................................................... 47
4.1.1.1 Inquadramento morfologico, geologico e tettonico dell’area vasta ................. 47
4.1.1.2 Geologia e stratigrafica dell’area di Zinnigas ................................................. 57
4.1.2 Idrografia .................................................................................................................... 60
4.1.3 Idrogeologia ................................................................................................................ 62
4.1.4 Clima .......................................................................................................................... 70
4.1.5 Aria ............................................................................................................................. 77
4.1.6 Suolo ........................................................................................................................... 79
4.1.6.1 Inquadramento Geopedologico dell’area vasta ............................................... 79
4.1.6.2 Geopedologia dell’area di Zinnigas ................................................................. 83
4.1.7 Vegetazione ................................................................................................................ 83
4.1.8 Paesaggio .................................................................................................................... 87
4.2 Impatti ambientali potenziali e misure di mitigazione ......................................................... 91
4.2.1 Acque superficiali ....................................................................................................... 91
4.2.2 Acque sotterranee ....................................................................................................... 91
4.2.2.1 Ricarica annua del sistema ............................................................................... 92
4.2.2.2 Analisi storica dei prelievi effettuati ................................................................. 92
4.2.2.3 Stima dei futuri prelievi e valutazione dei potenziali impatti ........................... 93
4.2.2.4 Qualità delle acque sotterranee ........................................................................ 94
4.2.2.5 Fenomeni di intrusione salina........................................................................... 95
4.2.2.6 Collegamento idraulico tra differenti falde acquifere ...................................... 95
4.2.3 Suolo e sottosuolo ...................................................................................................... 95
4.2.3.1 Consumo e degradazione del suolo .................................................................. 96
4.2.3.2 Processi di subsidenza dei terreni .................................................................... 97
4.2.3.3 Inquinamento di suolo e sottosuolo .................................................................. 97
4.2.4 Vegetazione ................................................................................................................ 97
4.2.4.1 Espianto delle specie vegetali ........................................................................... 98
4.2.4.2 Degradazione della vegetazione ....................................................................... 99
4.2.5 Aria ............................................................................................................................. 99
4.2.6 Rumore ....................................................................................................................... 99
4.2.7 Paesaggio .................................................................................................................. 100
4.2.7.1 Impatto visivo e percettivo .............................................................................. 101
4.2.7.2 Altri impatti relativi alle attività dello stabilimento ...................................... 101
4.2.8 Trasporti ................................................................................................................... 101
4.2.9 Sintesi impatti ........................................................................................................... 103
4.3 Monitoraggio ..................................................................................................................... 109
5 Conclusioni .............................................................................................................................. 110
6 Bibliografia .............................................................................................................................. 110

Allegato 1 – Planimetria dell‟area di concessione


Allegato 2 – Piano di Riqualificazione area estrattiva, recupero con ripristino ambientale
Allegato 3 – Analisi chimica acque di scarico, campionamento ottobre 2012

4
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata
“Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

5
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

1 PREMESSA
Il presente documento è stato elaborato nell‟ambito dell‟iter di rinnovo della
concessione “Zinnigas”, localizzata nel territorio comunale di Siliqua (CA),
destinata già a partire dalla fine degli anni „60 allo sfruttamento delle acque di
falda ed al relativo imbottigliamento da parte della Sarda Acque Minerali S.p.A.
(da qui S.A.M. S.p.A.) che è titolare della concessione mineraria dal 1966.
Al fine di ottenere un nuovo rinnovo della concessione la S.A.M. ha
presentato istanza di rinnovo in data 3 luglio 2007, a cui la Regione Sardegna ha
prorogato la scadenza della concessione fino all‟esito dell‟iter istruttorio di
rinnovo, che è di fatto tutt‟ora in corso in virtù del fatto “che i tempi per
l’espletamento dell’iter tecnico per il rinnovo del titolo minerario, con
particolare riferimento agli endoprocedimenti propedeutici all’emanazione
dell’atto finale, non risultano compatibili con l’esigenza di garantire continuità
all’attività produttiva, valutato il pubblico interesse dell’attività in argomento e
la necessità di un provvedimento con efficacia sanante, considerato altresì che la
prosecuzione dell’attività esercitata, consistente esclusivamente
nell’imbottigliamento di una risorsa rinnovabile, non comporta modifiche sia di
carattere ambientale sia impiantistico”.
Nell‟ambito di tale rinnovo si avvia la presente Valutazione di Impatto
Ambientale, ai sensi del D. Lgs. 152/06 e del DGR n. 34/33 del 07/08/2012, al
fine di analizzare e valutare tutti i potenziali impatti ambientali legati all‟attività
produttiva oggetto della concessione.

6
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

1.1 Localizzazione
L‟area oggetto di studio ricade all‟interno del territorio comunale di Siliqua
(CA), a sud ovest del centro abitato, in località “Zinnigas” (settore meridionale
della valle del Cixerri) dove ha sede lo stabilimento industriale della S.A.M.
S.p.A..
Questo occupa, all‟interno di una proprietà di 58 ha, una superficie netta di
1 Ha. L‟area della concessione mineraria corrisponde ad una superficie totale di
oltre 127 Ha con quote comprese tra 100 e 350 m.s.l.m..
I riferimenti cartografici sono rappresentati da:
 Foglio n. 556 sez. III – Siliqua – della Carta Topografica I.G.M. in scala
1:25.000;
 Foglio n. 556-140 “Monte Orri” della Carta Tecnica Regionale Numerica
in scala 1:10.000.

7
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Figura 1. Stralcio aerofotogrammetrico con ubicazione del sito.

8
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

1.2 Motivazione dell’intervento


L‟opera è finalizzata allo sfruttamento delle risorse idriche sotterranee che
caratterizzano l‟area di Zinnigas. Queste risorse sono ben conosciute dagli anni
‟60, quando si intrapresero le prime attività di imbottigliamento.
L‟opera prevede la captazione di queste acque secondo le più moderne
tecnologie, accompagnata da un sistema di gestione atto a gestire la risorsa in
modo sostenibile.

9
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2 QUADRO PROGRAMMATICO

Il quadro pianificatorio e programmatico è stato ricostruito mediante l‟analisi


della normativa di riferimento per l‟opera in oggetto e dei piani e programmi che
governano il territorio comunale, con il fine di raggiungere i seguenti obiettivi:
 fornire gli elementi conoscitivi sulle relazioni tra l‟opera e gli atti di
pianificazione e programmazione territoriale e settoriale;
 individuazione dei vincoli presenti sull‟area interessata;
Si riporta di seguito l‟inquadramento normativo relativo alle concessioni
minerarie in oggetto ed alle procedure di Valutazione di Impatto Ambientale
(paragrafo 2.1).
Nei paragrafi successivi si analizzano i piani e programmi di riferimento per
l‟intervento in oggetto a livello regionale (paragrafo 2.2), a livello provinciale
(paragrafo 2.3) e a livello comunale (paragrafo 2.4).
Nel paragrafo 2.5 si conclude l‟analisi normativa esaminando il regime
vincolistico per l‟ambito interessato dalla concessione mineraria.

11
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.1 Quadro normativo

2.1.1 Concessione mineraria


La zona di Zinnigas è da sempre stata caratterizzata dalla presenza di
numerose sorgenti e per questo è stata oggetto di captazione sin dal 1966 quando
con D.A. n° 238 venne accordata alla S.A.M. S.p.A. la concessione mineraria per
l‟area di “Zinnigas” per una durata di 25 anni.
Il rinnovo della concessione estrattiva è stato poi autorizzata dal D.C.G. n°
178/A del 29 luglio 1993, con il quale è stata concessa alla S.A.M. S.p.A. “la
facoltà di coltivare, per la durata di anni 15, con scadenza il 7 agosto 2008, il
giacimento di acqua minerale nella località denominata “Zinnigas” di Ha
67.78.60.
Successivamente la stessa società ha richiesto, con istanza del 11 aprile
1996, l‟ampliamento della concessione mineraria, che è stato accordato, per una
superficie di poco superiore a 127 Ha, con Decreto Regionale n° 356 del 5
settembre 1997.
Al fine di ottenere un nuovo rinnovo della concessione la S.A.M. ha
presentato istanza di rinnovo in data 3 luglio 2007, prot. 8728.
A questa istanza la Regione Sardegna “considerato che i tempi per
l’espletamento dell’iter tecnico per il rinnovo del titolo minerario, con
particolare riferimento agli endoprocedimenti propedeutici all’emanazione
dell’atto finale, non risultano compatibili con l’esigenza di garantire continuità
all’attività produttiva, valutato il pubblico interesse dell’attività in argomento e
la necessità di un provvedimento con efficacia sanante, considerato altresì che la
prosecuzione dell’attività esercitata, consistente esclusivamente
nell’imbottigliamento di una risorsa rinnovabile, non comporta modifiche sia di
carattere ambientale sia impiantistico” ha prorogato la scadenza della
concessione fino all‟esito dell‟iter istruttorio di rinnovo, che è di fatto tutt‟ora in
corso.

2.1.2 Procedura di VIA

2.1.2.1 Normativa europea


La Valutazione d'Impatto Ambientale è stata introdotta in Europa con la
direttiva 85/337/CEE “concernente la valutazione dell'impatto ambientale di
determinati progetti pubblici e privati”; nell'allegato I della stessa direttiva sono
elencate le opere per le quali la VIA è obbligatoria e nell'allegato II sono elencati
quei progetti per i quali gli stati membri devono stabilire delle soglie di
applicabilità.
La successiva direttiva 97/11/CE del Consiglio del 3 marzo 1997 “che
modifica la direttiva 85/337/CEE concernente la valutazione dell'impatto

12
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ambientale di determinati progetti pubblici e privati”, pur non imponendo nuovi


obblighi, ha ampliato gli elenchi dei progetti da sottoporre a VIA.

2.1.2.2 Normativa italiana


La direttiva 85/337/CEE è stata recepita in Italia attraverso il DPCM n. 377
del 10 agosto 1988 "Regolamento delle procedure di compatibilità ambientale di
cui all'art. 6 della Legge 8 luglio 1986, n. 349, recante istituzione del Ministero
dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale", in base al quale sono
sottoposti a VIA solo i progetti di cui all'allegato I della direttiva 337/85/CEE.
Il DPCM del 27 dicembre 1988 “Norme tecniche per la redazione degli studi
di impatto ambientale e la formulazione del giudizio di compatibilità di cui
all'art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, adottate ai sensi dell'art. 3 del decreto
del Presidente del Consiglio dei ministri 10 agosto 1988, n. 377”,
successivamente modificato e integrato dal DPR n. 348 del 2 settembre 1999
“Regolamento recante norme tecniche concernenti gli studi di impatto
ambientale per talune categorie di opere”, specifica i contenuti degli studi di
impatto ambientale e specifica la formulazione dei giudizi di compatibilità.
Il D. Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 “Norme in materia ambientale” e s.m.i. ha
riformulato il diritto ambientale, specificando nella sua "Parte II" la nuova
"Legge Quadro" sulla disciplina della Valutazione d'impatto ambientale.

2.1.2.3 Normativa regionale


La procedura a livello regionale è normata dalla recente DGR n. 34/33 del
7/8/2012 “Direttive per lo svolgimento delle procedure di valutazione
ambientale” emanata in sostituzione della deliberazione n. 24/23 del 23 aprile
2008.

13
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.2 Strumenti di pianificazione e programmazione a livello regionale

2.2.1 Piano Paesaggistico Regionale


Il Piano Paesaggistico della Regione Sardegna, approvato con Deliberazione
della Giunta Regionale n. 36/7 del 5 settembre 2006, costituisce il quadro di
riferimento e di coordinamento per gli atti di programmazione e di pianificazione
regionale, provinciale e locale e per lo sviluppo sostenibile.
L‟analisi territoriale svolta dal PPR è articolata secondo tre assetti:
ambientale, storico-culturale e insediativo, per ciascuno dei quali sono stati
individuati i beni paesaggistici, i beni identitari, le componenti di paesaggio e la
relativa disciplina generale, costituita da indirizzi e prescrizioni.
Oltre all‟analisi del territorio finalizzata all‟individuazione delle specifiche
categorie di beni da tutelare in ossequio alla legislazione nazionale di tutela, è
stata condotta un‟analisi finalizzata a riconoscere le specificità paesaggistiche dei
singoli contesti, limitata in sede di prima applicazione del PPR alla sola fascia
costiera. Sono stati pertanto individuati 27 ambiti di paesaggio, per ciascuno dei
quali il PPR detta specifici indirizzi volti a orientare la pianificazione
sottordinata, soprattutto comunale e intercomunale, al raggiungimento di
determinati obiettivi e alla promozione di determinate azioni.
Il Comune di Siliqua è parzialmente compreso nell‟ambito di paesaggio n. 7
“Il Bacino Metallifero”, mentre l‟area soggetta alla concessione mineraria ricade
all‟esterno degli ambiti di paesaggio costiero. Conseguentemente, sebbene in
sede di prima applicazione del PPR non siano state svolte analisi specifiche per
gli ambiti di paesaggio non costieri, la disciplina prevista dalle Norme Tecniche
di Attuazione (NTA) è applicabile anche all‟area in concessione, così come
specificato dall‟art. 4 comma 4 delle suddette norme: “le disposizioni del piano
paesaggistico sono immediatamente efficaci per i territori comunali in tutto o in
parte ricompresi negli ambiti di paesaggio costiero di cui all’art. 14”.
In Figura 2 è riportata la cartografia del PPR dove, con un perimetro rosso, è
stata evidenziata l‟area di concessione. Dalla cartografia del PPR si può
osservare che l‟area della concessione è interessata per buona parte da “aree
naturali e sub naturali”, facenti parte della categoria delle “componenti di
paesaggio con valenza ambientale”, soggette a specifica disciplina di tutela
nell‟ambito delle Norme di Attuazione del PPR. Sono inoltre presenti anche le
“aree seminaturali” e “ad utilizzazione agroforestale” limitatamente alla
porzione nord dell‟area di concessione. L‟area interessata dallo stabilimento è
invece cartografato come insediamento produttivo.
La cartografia del PPR include il sito in oggetto all‟interno del “sistema
regionale dei parchi, delle riserve e dei monumenti naturali ex L.R. 31/89”,
mentre attualmente il sito è stato escluso dal Parco a seguito della rettifica dei
confini del Parco Regionale del Sulcis.

14
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Figura 2. Estratto della cartografia del Piano Paesaggistico Regionale (l’area di concessione mineraria è delimitata dalla linea in rosso).

15
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Figura 3. Legenda del Piano Paesaggistico Regionale.

Il sito è parzialmente incluso all‟interno delle “aree dell’organizzazione


mineraria”, considerato bene identitario in quanto luogo caratterizzato da forte
identità in relazione a fondamentali processi produttivi di rilevanza storica (area
di insediamento produttivo di interesse storico culturale). Tuttavia, l‟area della
concessione ricade in una parte marginale del distretto minerario, mai interessata
in passato da attività di estrazione dei minerali.

16
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.2.2 Piano di Tutela delle Acque


Il Piano di Tutela delle Acque (PTA) è stato redatto dalla Regione Autonoma
della Sardegna in attuazione dell'art. 44 del D. Lgs 152/99 e s.m.i. e dell'art. 2
della L.R. 14/00 ed approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n. 14/16
del 4 aprile 2006.
Il PTA è finalizzato all‟utilizzo sostenibile della risorsa idrica, attraverso
interventi, misure, vincoli, volti alla tutela integrata degli aspetti quantitativi e
qualitativi. Il PTA suddivide il territorio Regionale in Unità Idrografiche
Omogenee (UIO), ognuna costituita da uno o più bacini idrografici limitrofi la
cui denominazione è quella del bacino principale.
Il sito in oggetto è compreso nella UIO n. 1 “Flumini Mannu – Cixerri”, di
estensione pari a circa 3566 km2, e comprendente vari bacini idrografici.
Tuttavia, considerando le possibili interferenze dell‟opera con le risorse idriche
sotterranee, risulta opportuno considerare anche la UIO n. 2 “Palmas”.
Nel Piano sono state individuate le “criticità” presenti nelle diverse UIO,
mediante l‟individuazione dei fattori causali che portano al degrado degli aspetti
qualitativi della risorsa idrica a partire dall‟analisi complessiva dei fenomeni che
determinano lo stato quali-quantitivo delle acque superficiali e sotterranee. La
criticità rappresenta quantitativamente una misura della distanza dello stato
qualitativo attuale dagli obiettivi di qualità definiti dalla normativa nazionale
vigente.
Relativamente alla risorsa idrica superficiale, nell‟area di concessione il PTA
individua alcuni corsi d‟acqua di secondo ordine e di primo ordine che
affluiscono al Riu San Giacomo, definito dal PTA come corso d‟acqua rilevante,
a sua volta affluente al Riu Cixerri, definito come corso d‟acqua significativo.
Tra le criticità emerse dal monitoraggio del PTA per le acque superficiali
dell‟area, si rileva lo stato trofico del Cixerri a Genna Is Abis, definito pessimo,
mentre nell‟altra stazione monitorata risulta in uno stato di qualità sufficiente.
Tra gli obiettivi di qualità delle acque superficiali da raggiungere per il 2016,
si riscontra l‟obiettivo di portare la qualità delle acque del Cixerri a Genna Is
Abis e nelle altre stazioni monitorate, al livello buono.
Dal punto di visto della risorsa idrica sotterranea, è da rilevare che il PTA
analizza solamente gli acquiferi di maggiore rilevanza da un punto di vista della
loro potenzialità e vulnerabilità. Nell‟area di studio sono stati analizzati
solamente gli acquiferi detritico-alluvionali plio-quaternari, mentre non è stato
preso in considerazione l‟acquifero interessato dalla concessione in oggetto.
A seguito dell‟individuazione delle criticità, il PTA definisce gli obiettivi di
qualità. Gli obiettivi generali sono stati introdotti dal D.Lgs 152/99, secondo il
quale entro il 31 dicembre 2016 deve essere mantenuto o raggiunto per i corpi
idrici significativi l‟obiettivo di qualità ambientale corrispondente allo stato di

17
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

“buono”, come definito dall‟Allegato 1 dello stesso decreto. Inoltre, a seconda


del giudizio espresso sul corpo idrico nell‟ambito del Piano di Tutela delle
Acque, viene definito un obiettivo generale da raggiungere entro il 2008, i cui
livelli sono definiti dal medesimo allegato. Gli obiettivi specifici invece sono
definiti in funzione dei “macrodescrittori critici”, intendendo per
macrodescrittori i parametri utilizzati dal D. Lgs 152/99 per definire lo stato
qualitativo dei corpi idrici.

18
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Figura 4. Stralcio del Piano di Tutela delle Acque per l’UIO Flumini Mannu - Cixerri.

19
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.2.3 Piano Regionale dei Trasporti


Il Piano regionale dei Trasporti (PRT), approvato con deliberazione della
Giunta regionale n. 66/23 del 27.11.2008, costituisce lo strumento di
pianificazione di medio e lungo termine della politica regionale nei settori della
mobilità aerea, marittima, viaria e ferroviaria rivolto a realizzare sul territorio
regionale, in armonia con gli obiettivi del Piano Generale dei Trasporti (PGT) e
degli altri documenti programmatici interregionali, un sistema equilibrato del
trasporto delle persone e delle merci conformemente ai piani di assetto
territoriale e di sviluppo socio-economico.
Il PRT è stato articolato in modo da comprendere:
 un “piano direttore” in cui sono affrontate tutte le tematiche e operate le
scelte a livello “macro” per il riassetto dei trasporti regionali, quali:
 interventi di natura infrastrutturale (opere civili, impianti, veicoli
necessari all‟adeguamento dell‟offerta alla domanda);
 gestionali (riorganizzazione della rete e dei servizi di trasporto
pubblico e/o privato, delle imprese di produzione dei servizi di
trasporto etc.);
 istituzionali (assetto di enti, nuove norme etc.).
 i piani attuativi, dove sono affrontati i temi specifici nel rispetto delle
scelte generali formalizzate nel PRT;
 gli studi di fattibilità che dettagliano gli interventi specifici previsti o
comunque compatibili con il PRT.
L‟attuale redazione del PRT si compone del piano direttore e del piano del
trasporto pubblico locale di interesse regionale. Il piano direttore individua gli
interventi specifici che potranno essere oggetto di studi di fattibilità, anche se non
preclude la possibilità di elaborarne degli altri qualora se ne dovesse verificare la
necessità.
La redazione del PRT avviene attraverso le tre fasi principali: l‟analisi della
situazione attuale, la costruzione degli scenari futuri con annessi gli interventi
previsti e la simulazione e valutazione delle alternative e la proposta di piano.
L‟analisi della situazione attuale è stata articolata secondo la valutazione
delle seguenti componenti:
 analisi socio-economiche territoriali (compresa quelle dell‟ambiente
fisico);
 offerta delle infrastrutture e dei servizi di trasporto su ferro e su gomma;
 domanda di mobilità, dell‟assetto istituzionale e organizzativo.

20
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Nell‟analisi della situazione attuale vengono dunque analizzate in modo


analitico e quantitativo le attuali condizioni di operatività del sistema dei trasporti
regionali, del sistema delle attività (economico-sociali e territoriali) che con esso
interagisce e del sistema fisico-ambientale nel quale gli interventi presenti
esplicheranno la maggior parte degli effetti.

Figura 5. Gerarchizzazione della rete stradale (stralcio da PRT 2008).


Dall‟analisi della carta in Figura 5, relativa alla gerarchizzazione della rete
stradale sarda condotta dal PRT, emerge che la rete viaria di interesse per il
traffico merci in partenza dallo stabilimento di Zinnigas è definita dalle seguenti
caratteristiche:
 S.S. 293, che collega Giba a Samassi e che in corrispondenza dell‟abitato
di Siliqua si innesta alla S.S. 130; è una rete che il PRT definisce di
interesse regionale di secondo livello con le funzioni direttrici di
connettività per le nuove province ed il relativo sistema urbano di
riferimento e di collegamento e/o raccordo con la rete di primo livello;
 S.S. 130, che rappresenta il collegamento Cagliari – Decimo – Iglesias
attraverso la valle del Cixerri e costituisce la connessione fondamentale

21
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

della provincia di Iglesias- Carbonia con il resto della rete stradale sarda;
è una rete che il PRT definisce di interesse regionale (e di connessione
nazionale) di primo livello con la funzione di collegare tra loro le nuove
province ed i centri urbani di riferimento e le stesse con i principali nodi
di interscambio a completamento della rete fondamentale. In questo
primo livello vengono fatti rientrare anche gli itinerari che presentano
particolare interesse per lo sviluppo socio-economico dell‟isola a
sostegno dei sistemi produttivi, turistici ed insediativi;
 S.S. 131, è la Cagliari - Sassari – Porto Torres e rappresenta l'arteria più
importante della Regione Sardegna, non solo per i flussi di traffico che vi
transitano, ma soprattutto per la funzione di collegamento dei principali
insediamenti produttivi, direzionali e residenziali e dei principali poli di
interscambio con l'esterno (porti ed aeroporti). Rappresenta inoltre
l'armatura portante del corridoio plurimodale Sardegna/Continente e pone
in collegamento diretto tra loro i centri di Cagliari, Oristano, Sassari e
Porto Torres. La S.S. 131 è stata classificata dal PRT come rete
fondamentale, che individua la grande maglia di livello nazionale ed
europeo con funzioni di collegamento tra i capoluoghi di provincia e i
nodi di interscambio con l‟esterno.
La costruzione degli scenari futuri sono articolati nel PRT in scenari di non
intervento e scenari di intervento (di piano). In ognuno degli scenari sono stati
descritti gli scenari futuri dei sistemi esogeni (economico e territoriale) e di
quello dei trasporti nelle sue articolazioni modali e funzionali. In particolare, alla
luce delle prestazioni dello scenario di non intervento (valutate attraverso
opportuni indicatori) sono emerse le eventuali criticità e le opportune strategie e
soluzioni di intervento che sono risultate oggetto degli scenari futuri e della
proposta di piano.
Per quanto riguarda le tematiche affrontate è da evidenziare che il PRT ha
trattato in profondità quella della mobilità regionale delle persone, mentre la
mobilità regionale delle merci invece è stata affrontata solamente in termini
generali, considerando esclusivamente i flussi in tonnellate di merci scaricate nei
principali porti sardi e le problematiche infrastrutturali comuni ai passeggeri ed
alle merci specie per il settore ferroviario e marittimo di collegamento con
l‟esterno.
Gli interventi sul sistema dei trasporti previsti nel PRT della Regione
Sardegna devono garantire il diritto universale alla mobilità delle persone e delle
merci, pertanto gli obiettivi del piano sono sintetizzati di seguito:
 garantire elevati livelli di accessibilità per le persone e per le merci che
intendono spostarsi sulle relazioni sia interregionali
(Sardegna/Continente) che intraregionali (all‟interno della Sardegna), al
fine di conseguire ricadute anche di natura economica (migliorare la
competitività delle imprese), territoriale (attrattività insediativa,

22
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

riequilibrio verso l‟interno, integrazione aree interne e versante costiero)


e sociale (coesione, superamento dell‟isolamento geografico dovuto
all‟insularità e dello spopolamento delle aree interne);
 rendere più accessibile il sistema a tutte le categorie fisiche e sociali;
 assicurare elevata affidabilità, e sicurezza al sistema;
 assicurare lo sviluppo sostenibile del trasporto riducendo il consumo
energetico, le emissioni inquinanti, gli impatti sul territorio specie in quei
contesti di particolare pregio, paesistico ed ambientale e storico-
architettonico (aree costiere e aree montane interne);
 contribuire a governare le trasformazioni volute dai piani economico
sociali e di riassetto territoriale intervenendo, in combinazione con altre
iniziative, per garantire l‟unitarietà funzionale tra fenomeni di migrazione
insediativa, quali lo spopolamento delle aree interne e la
deurbanizzazione delle due concentrazioni urbane di Cagliari e Sassari,
verso aree esterne economicamente ed ambientalmente più appetibili.
Dal momento che l‟utilizzo dei trasporti regionali per il trasporto merci da
parte della SAM SpA non prevede modifiche future, e quindi non comporta un
aumento di traffico indotto rispetto alla domanda di trasporto valutata nello stato
di fatto del PRT, si può ragionevolmente ritenere che il rinnovo della concessione
mineraria in oggetto non comporta pertanto interferenze con l‟attuazione dei
suddetti interventi previsti dal PRT.

23
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.2.4 Piano Regionale delle Attività estrattiva


Il Piano Regionale delle Attività Estrattive (PRAE) è in fase di redazione, il
relativo avvio della procedura è avvenuto nel giugno 2008 ai sensi della parte II
del D. Lgs 152/06.
La redazione del PRAE si propone di effettuare una dettagliata definizione
delle caratteristiche del settore e una valutazione degli aspetti tecnici, economici,
sociali e ambientali al fine di inquadrare le problematiche dell‟intero settore
estrattivo sulla base della strategia d‟azione ambientale per lo sviluppo
sostenibile e allarga l'ambito d'interesse al settore minerario (minerali di prima
categoria), in passato non considerato.
Nella definizione del quadro conoscitivo sono state acquisite le informazioni
sulla struttura e organizzazione del settore, attraverso il censimento dell'industria
estrattiva della Sardegna per l'anno 2004 che ha comportato un‟indagine presso le
aziende coinvolte e i titolari di concessione mineraria e di autorizzazione
all'esercizio dell'attività di cava.
La relazione generale dello studio del Piano regionale delle attività estrattive
comprende:
 il quadro di conoscenza del settore estrattivo;
 l'analisi territoriale che riporta una dettagliata analisi dell‟uso estrattivo
del suolo con riferimento sia all‟attività in esercizio che a quella dismessa
in tempi recenti e in tempi storici;
 i criteri di formazione del piano, le scelte di pianificazione, gli ambiti di
pianificazione con ipotesi alternative, le prescrizioni e indirizzi in tema di
esercizio dell'attività estrattiva, programmazione, governo e controllo
come prima base di discussione per la definizione della Normativa
Tecnica di Attuazione.
Il PRAE definisce prescrizioni e indirizzi rivolti agli operatori del settore e
agli enti competenti nelle funzioni di programmazione, governo e controllo delle
attività estrattive di prima e seconda categoria, finalizzati a conseguire obiettivi
specifici di sviluppo sostenibile del settore estrattivo e, in particolare:
 improntare ai criteri della sostenibilità gli iter autorizzativi per il rilascio
di autorizzazioni per l‟apertura di nuove cave o miniere;
 limitare l‟apertura di nuove cave o miniere per l‟estrazione di materiali il
cui approvvigionamento è comunque già assicurato dalle attività
estrattive in esercizio nel rispetto dei vincoli di mercato, e di sostenibilità
dei flussi di trasporto;
 privilegiare nei procedimenti autorizzativi il completamento e
l‟ampliamento delle attività esistenti, rispetto all‟apertura di nuove
attività estrattive;

24
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

 incrementare il numero e la qualità degli interventi di recupero


ambientale delle cave dismesse e non recuperate;
 incrementare nell‟esercizio delle attività estrattive il ricorso alle “buone
pratiche di coltivazione mineraria e recupero ambientale”;
 incentivare il ricorso alle certificazioni ambientali delle attività estrattive;
 migliorare il livello qualitativo della progettazione degli interventi di
carattere estrattivo e degli interventi di recupero ambientale o
riqualificazione delle aree estrattive dismesse;
 razionalizzare i procedimenti autorizzativi e di controllo delle attività
estrattive;
 incentivare il riutilizzo dei residui delle attività estrattive e assimilabili
con prescrizioni nei capitolati di lavori pubblici e nelle V.I.A. di opere
pubbliche (le movimentazioni di terre e rocce da scavo che conseguono il
recupero ambientale di aree estrattive dismesse migliorano la V.I.A.
dell‟opera pubblica);
 promuovere nel settore estrattivo lo sviluppo economico di filiere.
Il rinnovo della concessione mineraria in oggetto risulta coerente con i
suddetti obiettivi, particolarmente con le politiche di innovazione adottate dalla
società al fine di ottimizzare la sostenibilità ambientale dell‟attività svolta.

25
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.2.5 Piano di Assetto Idrogeologico


Il Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) individua le aree a rischio idraulico e
di frana e ha valore di piano stralcio ai sensi della L. n. 183/89. Il PAI è entrato in
vigore con Decreto dell‟Assessore ai Lavori Pubblici n. 3 del 21/02/2006 ed è
stato adottato e approvato limitatamente alla perimetrazione delle aree a
pericolosità H4, H3 e H2 e a rischio R4, R3 e R2.
Il Piano ha lo scopo di individuare e perimetrare le aree a rischio idraulico e
geomorfologico, definire le relative misure di salvaguardia sulla base di quanto
espresso dalla Legge n. 267 del 3 agosto 1998 e programmare le misure di
mitigazione del rischio.
Gli ambiti di riferimento del Piano sono i sette Sub-Bacini individuati,
all‟interno del Bacino Unico Regionale, con deliberazione della Giunta
Regionale n. 45/57 del 30 ottobre 1990, ognuno dei quali è caratterizzato in
generale da un‟omogeneità geomorfologica, geografica e idrologica: Sulcis,
Tirso, Coghinas-Mannu-Temo, Liscia, Posada – Cedrino, Sud-Orientale,
Flumendosa-Campidano-Cixerri.
Il sito in oggetto è compreso nel bacino del Flumendosa-Campidano-Cixerri
e non si rilevano aree a pericolosità idraulica o da frana nell‟area interessata dalla
concessione.

26
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.2.6 Piano Forestale Ambientale Regionale


La proposta di Piano Forestale Ambientale Regionale (PFAR) è stata
approvata dalla Giunta Regionale con Deliberazione n. 3/21 del 24 gennaio 2006.
Il PFAR si propone quale strumento strategico di pianificazione e gestione
del territorio al fine di perseguire gli obiettivi di salvaguardia ambientale, di
conservazione, valorizzazione e incremento del patrimonio boschivo, di tutela
della biodiversità, di miglioramento delle economie locali, attraverso un processo
inquadrato all‟interno della cornice dello sviluppo territoriale sostenibile.
Tra gli obiettivi del piano si annoverano la soluzione di varie problematiche
più o meno direttamente connesse con il comparto forestale, come la difesa del
suolo, la prevenzione incendi, la regolamentazione del pascolo in foresta, la
tutela della biodiversità, degli ecosistemi e la compatibilità delle pratiche
agricole.
Il territorio regionale è stato inoltre compartimentato dal PFAR in 25 distretti
territoriali, la cui delimitazione si basa sul concetto di indivisibilità delle unità
fisiografiche, espressione dei caratteri fisici, geomorfologici, pedologico-
vegetazionali e paesaggistici. I distretti accolgono una varietà di ambiti di
paesaggio caratterizzati da connotazioni omogenee nella loro peculiarità.
I distretti così individuati costituiscono delle unità di pianificazione
territoriale a ciascuno dei quali viene attribuita una destinazione funzionale
propria, il cui riconoscimento consente la proposizione di modelli gestionali
differenti. Per ogni distretto il PFAR riporta una scheda descrittiva del quadro
conoscitivo di contesto preliminare, il quale analizza i dati amministrativi, il
paesaggio, analisi morfometrica, inquadramento vegetazionale, uso del suolo,
quadro della gestione forestale, analisi delle aree di tutela naturalistica istituite e
delle aree di tutela idrogeologica.
Il sito in oggetto ricade all‟interno del Distretto 25 “Monti del Sulcis”.
Le azioni proposte dal PFAR si articolano in cinque linee di intervento e
rappresentano il riferimento per la programmazione degli interventi di settore:
 linea protettiva, orientata alla conservazione e al miglioramento del
livello di stabilità delle terre e dell‟efficienza funzionale dei sistemi
forestali mediterranei;
 linea naturalistico-paesaggistica, orientata alla preservazione e
conservazione della qualità dei sistemi ecologici in tutte le loro
componenti fisiche e biologiche, all‟accrescimento della complessità e
della funzionalità dei popolamenti, al mantenimento e miglioramento del
valore paesaggistico dei contesti forestali;
 linea produttiva, per la crescita economica e il benessere sociale del
territorio agroforestale attraverso la valorizzazione economica delle
foreste e la promozione dell‟impresa forestale;
27
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

 linea informazione ed educazione ambientale, per la promozione


dell‟attività di informazione, sensibilizzazione ed educazione ambientale
applicata al settore forestale;
 linea ricerca applicata e sperimentazione, per il potenziamento delle
conoscenze sull‟entità, distribuzione e stato della vegetazione forestale
regionale, e per la regolamentazione di particolari aspetti della materia
forestale.
Le linee sono articolate in Misure, Azioni e Sottoazioni; le Misure
rappresentano tipologie d‟intervento a carattere generale che, a fronte di una
varietà di contesti territoriali di dettaglio, si particolarizzano in interventi più
specifici. Di conseguenza viene riconosciuta per ogni macroambito territoriale
una misura generale di riferimento ed una molteplicità di azioni e sottoazioni
d‟intervento, per i quali il piano indica gli orientamenti gestionali e standard di
riferimento di buona gestione forestale.
Le attività oggetto della concessione mineraria non risultano in contrasto con
gli obiettivi previsti dal PFAR.

28
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.3 Strumenti di pianificazione e programmazione a livello provinciale

2.3.1 Piano Urbanistico Provinciale – Piano Territoriale di Coordinamento


Il Piano Urbanistico provinciale della Provincia di Cagliari (PUP), redatto ai
sensi del‟art. 16 della L.R. 45/89 "Norme per l'uso e la tutela del territorio
regionale", è stato approvato con Deliberazione C.P. n. 133 del 19.12.2002 ed è
vigente dal 19.02.2004, data della sua pubblicazione sul BURAS.
A seguito dell‟entrata in vigore del PPR, il PUP è stato oggetto di variante al
fine di poter rendere lo strumento urbanistico provinciale adeguato al PPR (le
Norme Tecniche di Attuazione del PPR prescrivono all‟art. 16 che le Province
debbano adeguare il proprio strumento urbanistico al PPR). Pertanto, con
Deliberazione G.R. n. 36/7 del 05.09.2006, è stata approvata la variante al PUP
per quanto riguarda l'ambito territoriale costiero. Tuttavia il sito in oggetto non
rientra nell‟ambito costiero, per cui di seguito si farà riferimento allo strumento
attualmente vigente per l‟area di interesse del presente studio.
Il PUP si articola in quattro momenti sia conoscitivi che strumentali:
 conoscenza di sfondo: raccolta e organizzazione dei dati territoriali che
costituiscono la base conoscitiva del Piano, secondo settori di studio che
vengono definiti geografie;
 ecologie: l‟ecologia è una porzione del territorio che individua un sistema
complesso di relazioni tra processi ambientali, insediativi, agrario-
forestali e del patrimonio culturale. I processi vengono definiti all‟interno
delle componenti elementari che formano l‟ecologia stessa;
 sistemi di organizzazione dello spazio: modalità di gestione dei servizi
pubblici, infrastrutturali, urbani;
 campi del progetto ambientale: aree territoriali caratterizzate da risorse,
problemi e potenzialità comuni cui si riconosce una precisa rilevanza in
ordine al progetto del territorio. La loro individuazione costituisce l‟avvio
del processo progettuale del tipo collaborativo che coinvolge diversi
soggetti territoriali per la costruzione di accordi di campo su specifici
ambiti o campi problematici.
L‟area interessata dalla concessione in oggetto è in relazione principalmente
con le seguenti ecologie insediative individuate dal PUP:
 120 - ecologia dell‟organizzazione infrastrutturale e insediativa della
fossa tettonica del Cixerri;
 129 – ecologia della centralità ambientale del massiccio del Sulcis e della
dorsale di Terraseo – Rosas,
L‟ecologia dell‟organizzazione infrastrutturale e insediativa nella fossa
tettonica del Cixerri trova il suo principale referente ambientale nel sistema della

29
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

piana alluvionale attuale del Rio Cixerri e degli alvei attuali degli affluenti
principali dello stesso. Questo ambito interessa la parte più settentrionale
dell‟area in studio. Le modalità dell‟organizzazione dello spazio sono fortemente
connotate dalla morfologia dei processi dell‟idrografia superficiale e delle
assialità infrastrutturali che innervano la piana.
I processi tradizionali e recenti che caratterizzano la regione ambientale e
storica del Cixerri denotano una stretta aderenza fra le risorse ambientali
rappresentate dal complesso dei suoli pianeggianti della valle del Cixerri e dal
fiume stesso, che infrastruttura in termini ambientali tale territorio, ed il sistema
delle attività agricole che riconosce e si caratterizza in funzione di tale risorsa.
Questa si esplicita attraverso una progettualità proiettata verso la riqualificazione
e riutilizzo dei sistemi idrici, la tutela della risorsa idrica e la attivazione dei cicli
integrati dell‟acqua. Per questa ecologia, le linee di orientamento normativo
nell‟ambito del PUP sono date da:
 il PUP rileva e sottolinea la specificità dei processi economici ed
insediativi dell‟ambito e le potenzialità che il sistema delle risorse
ambientali, insediative ed infrastrutturali definiscono per l‟ecologia in
esame;
 in relazione alla forte caratterizzazione dell‟ambito in cui il Rio Cixerri e
la sua valle assumono un ruolo di dominante ambientale ed
infrastrutturale del territorio, hanno rilievo le pratiche le cui azioni sono
fondate su politiche di gestione delle risorse, orientale verso la
salvaguardia ed il riutilizzo delle stesse.
L‟ecologia del Massiccio del Sulcis e della dorsale di Terraseo Rosas, che
interessa la parte meridionale dell‟area in oggetto, viene identificata come un
ambito territoriale con caratteri di dominante naturalistico-ambientale la cui
valenza di territorio con funzione di centralità ambientale è stabilita dal sistema
di relazioni che i territori e le comunità d‟ambito vi istituiscono e rappresenta
inoltre, per i territori delle ecologie limitrofe un importante elemento di
comunicazione ambientale, insediativa ed economica. I territori limitrofi, infatti,
esplicano diverse attività in relazione alle risorse ambientali localizzate nel
Massiccio, che riflettono diverse modalità di relazione intorno ad un unico
riferimento ambientale, legate ad un sistema di usi del territorio estremamente
articolato. Il sistema delle attività identifica processi di fruizione delle risorse
naturali legate alla presenza di ambiti forestali, e di aree utilizzate come pascoli,
di ambiti destinati al rimboschimento, di processi di valorizzazione e tutela
turistico-ambientale di ambiti interessati da riserve naturalistiche, di
riconversione di siti minerari, di processi storici di frequentazione delle aree del
Massiccio. Per questa ecologia, le linee di orientamento normativo nell‟ambito
del PUP sono date da:
 la tutela della copertura vegetale autoctona e l‟adozione di opportune
strategie di pianificazione e di gestione ambientale per la valorizzazione,

30
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

gestione e promozione dei siti a scopi turistici, produttivi, scientifici e


ricreativi;
 la particolare connotazione naturalistico ambientale dell‟ecologia del
Massiccio del Sulcis e della dorsale del Terraseo Rosas e la
caratterizzazione insediativa, rappresentata dalla presenza di una
articolata rete di percorsi, che storicamente raccordano i diversi ambiti
territoriali al complesso delle risorse naturali, suggerisce l‟adozione di
politiche locali e sovralocali calibrate sulla organizzazione di strategie
volte verso l‟integrazione fra le risorse naturali dell‟area e l‟accessibilità
verso le stesse. La rete dei percorsi esistente costituisce una risorsa
infrastrutturale e la formulazione degli interventi progettuali che
intervengono su tale sistema di relazioni ambientali deve considerare con
attenzione come la possibilità di una valorizzazione del sistema stesso sia
basata sul riconoscimento, sulla organizzazione, gestione e promozione
di tali reti integrate di fruizione ambientale che favoriscono connessioni
fra le specificità degli ambiti territoriali, sia sulla scala locale sia
sovralocale.
Sulla base delle analisi territoriali descritte e tenuto conto degli indirizzi
espressi dallo stesso strumento urbanistico per l‟area in esame, il rinnovo della
concessione mineraria non risulta in contrasto con i dettami del PUP.

31
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.4 Strumenti di pianificazione e programmazione a livello comunale

2.4.1 Piano Urbanistico Comunale


Lo strumento urbanistico attualmente in vigore per il comune di Siliqua è la
Variante al Piano Urbanistico Comunale (PUC) n°3, approvata con deliberazione
C.C. n.10 del 18.03.2011 ed esecutiva a seguito di pubblicazione sul BURAS -
Parte III n.33 del 19.11.2011
L‟obiettivo generale dichiarato dal PUC è quello di promuove il miglior
utilizzo delle risorse e la riqualificazione del territorio comunale nel suo insieme
e governa i processi di trasformazione del territorio perseguendo le finalità di cui
all‟art. 1 della legge regionale 45/89 citata.
L‟area della concessione ricade all‟interno della sottozona E5a (zona
agricola marginale), di cui fanno parte le aree marginali per attività agricola nelle
quali viene ravvisata l‟esigenza di garantire condizioni adeguate di stabilità
ambientale.

Figura 6. Stralcio del Piano Urbanistico Comunale.


La sottozona HAM nei pressi dell‟area oggetto di studio corrisponde invece
ad una zona di interesse paesistico e naturalistico, nella quale deve essere
garantita la conservazione integrale dei singoli caratteri naturalistici, storici,
morfologici e dei rispettivi insiemi, non sono ammesse alterazioni allo stato
attuale dei luoghi e sono consentiti, previa autorizzazione di cui al T.U. (Decreto
32
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Legislativo 22 Gennaio 2004 n°42), i soli interventi volti alla conservazione,


difesa, ripristino, restauro e fruizione della risorsa.

2.4.2 Piano di Zonizzazione Acustica comunale


Il Piano di Zonizzazione Acustica del Comune di Siliqua è stato predisposto
ai sensi del D.P.C.M 14/11/1997. Il piano suddivide il territorio comunale dal
punto di vista acustico in sei classi e l‟area interessata dalla concessione ricade in
seconda classe, ovvero nella categoria di aree destinate ad uso prevalentemente
residenziale: rientrano in questa classe le aree urbane interessate prevalentemente
da traffico veicolare locale, con bassa densità di popolazione, con limitata
presenza di attività commerciali ed assenza di attività industriali e artigianali.
Per tale classe il Piano definisce un valori di qualità pari a 52 dB(A) per la
fascia oraria diurna e 42 per la fascia oraria notturna.

33
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

2.5 Sistema vincolistico

2.6 Vincoli paesaggistici e ambientali

2.6.1 Zone sottoposte a vincolo paesaggistico


L‟area di intervento è interessata dalla Parte III, Titolo Primo del D.Lgs. n.
42 del 22 gennaio 2004 e s.m.i. che all‟art. 142, definisce come beni
paesaggistici anche i boschi.

Figura 7. Aree tutelate ai sensi del D. Lgs 42/04.


Poiché alcuni manufatti ricadono all‟interno delle aree riconosciute come
beni paesaggistici, il rinnovo della presente concessione è stato soggetto ad
autorizzazione paesaggistica.

2.6.2 Aree naturali protette


Il sito ricadeva nel Parco Regionale del Sulcis fino alla recente
riperimetrazione dell‟area del Parco, da cui è stato escluso.

2.6.3 Vincolo idrogeologico


Il sito rientra tra le aree sottoposte a vincolo idrogeologico ai sensi del R.D.
n. 3267 del 30 dicembre 1923 “Riordinamento e riforma in materia di boschi e di
terreni montani” e relativo Regolamento attuativo R.D. n. 1126 del 16 maggio
1926 “Approvazione del regolamento per l'applicazione del R.D. 30 dicembre

34
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

1923, n. 3267, concernente il riordinamento e la riforma della legislazione in


materia di boschi e di terreni montani”.

Figura 8. Aree interessate da vincolo idrogeologico ai sensi del R.D. 3267/23.

2.7 Sito di Interesse Nazionale


I siti inquinati di interesse nazionale vengono individuati dalla L. 426/1998,
che prevede una prima serie di 14 siti, poi perimetrati con decreto del Ministero
dell‟ambiente, sentiti gli enti locali interessati.
Tramite il DM 468/2001 sono stati identificati ed inseriti nel programma
nazionale 23 ulteriori siti, sulla base di criteri di rischio sanitario e ambientale, di
pregio ambientale, di rilevanza socio-economica, tra cui il Sulcis Iglesiente
Guspinese.
La Giunta regionale ha approvato, con Delibera 27/13 del 1 giugno 2011, la
nuova perimetrazione definitiva di dettaglio dei siti inquinati riferita al Sito
d‟interesse Nazionale del Sulcis Iglesiente Guspinese, in cui l‟area della
concessione mineraria è compresa.
A tale riguardo è da evidenziare che le opere connesse all‟attività dello
stabilimento sono state eseguite in regime normativo ante 471/99, mentre per gli
interventi futuri si seguiranno le indicazioni legislative in merito, al fine di
caratterizzare i suoli per eventuali movimenti di terre di una certa entità.

35
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

3 QUADRO PROGETTUALE
3.1 Localizzazione e descrizione del campo pozzi
3.1.1 Generalità
La zona di Zinnigas è da sempre stata caratterizzata dalla presenza di
numerose sorgenti e per questo è stata oggetto di captazione sin dal 1966 quando
venne avviata l‟attività di estrazione ed imbottigliamento dell‟acqua minerale
San Giorgio.
A partire da questa data, per tutti gli anni ‟70 e ‟80, si è sviluppata la
coltivazione di queste acque, mentre in tempi più recenti, a partire dall‟inizio
degli anni ‟90, sono state messe in produzione altre sorgenti, tutte captate
mediante perforazioni profonde, denominate Levia, Pura e S. Angelo. Infine alla
fine degli anni ‟90 è stata investigata anche l‟area a nord dello stabilimento e
sono state avviate l‟imbottigliamento e la vendita dell‟acqua minerale Quercetta.
Nel corso dell‟esercizio tutte le strutture di captazione sono state oggetto di
frequenti interventi di manutenzione e rinnovamento finalizzati ad avere sempre
delle opere di captazione pienamente efficienti e sostenibili per l‟acquifero
interessato dai prelievi.
Attualmente l‟attività di prelievo delle acque sotterranee viene effettuata
tramite l‟esercizio di un pozzo per ogni etichetta. La denominazione e le
coordinate dei 5 pozzi in esercizio vengono riportate nella sottostante tabella 1.

Tab. 1 – denominazione e coordinate pozzi in esercizio

Denominazione Etichetta acque Coordinanate Coordinanate


Pozzo commercializzate EST NORD

Quercetta WQ 479914 4344426


S. Angelo W7 479873 4343800
S. Giorgio W12 479688 4344138
Levia W13 479671 4344090
Pura W14 479638 4344020

Si descrivono di seguito le caratteristiche delle opere di captazione realizzate


per ogni etichetta e del‟impianto di imbottigliamento attualmente in esercizio.

36
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

3.1.2 Opere di captazione dell’acqua minerale S. Giorgio


L‟estrazione e l‟imbottigliamento dell‟acqua S. Giorgio dalla sorgente Mitza
Migheli è stata la prima attività industriale che si è sviluppata nell‟area di
Zinnigas dalla fine degli anni ‟60.
Col passare degli anni, per ottimizzare l‟attività estrattiva, sono stati
realizzati vari pozzi che hanno sempre interessato l‟acquifero costituito dagli
argilloscisti e dalle metasiltiti di età Ordoviciano – Siluriana, caratterizzato
localmente da un elevato grado di fatturazione.
Attualmente il sistema di emungimento è caratterizzato dall‟esercizio del
pozzo W12 la cui ubicazione è riportata nella cartografia allegata.
Questo pozzo è caratterizzato da una profondità di 96 m dal piano campagna
che si trova ad una quota di 185 m s.l.m..
Il pozzo ha un diametro di 200 mm, è stato rivestito con tubazioni in acciaio
inox ed è stato allestito con filtri Johnson.
In corrispondenza della stazione di prelievo è stata realizzata una piazzola in
calcestruzzo delimitata da una recinzione metallica tipo Orsogrill, all‟interno
della quale è stato realizzato un piccolo edificio, di circa 0,6 per 0,4 m di lato, nel
quale sono stati installati i quadri elettrici di comando della pompa. Dalla
captazione l‟acqua viene poi canalizzata entro tubazioni e trasferita allo
stabilimento.

Figura 9. Stazione di emungimento acqua S. Giorgio.

37
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

3.1.3 Captazioni dell’acqua minerale Levia


Come precedentemente riportato l‟estrazione e l‟imbottigliamento dell‟acqua
Levia sono iniziati nel 1990.
Attualmente il sistema di emungimento è caratterizzato dall‟esercizio del
pozzo W13 la cui ubicazione è riportata nella cartografia allegata.
Questo pozzo è caratterizzato da una profondità di 121 m dal piano
campagna che si trova ad una quota di 189 m s.l.m..
Il pozzo ha un diametro di 168 mm, è stato rivestito con tubazioni in acciaio
inox ed è stato allestito con filtri Johnson.
In corrispondenza della stazione di prelievo è stata realizzata una piazzola in
calcestruzzo delimitata da una recinzione metallica tipo Orsogrill, all‟interno
della quale è stato realizzato un piccolo edificio, di circa 0,6 e 0,4 m di lato, nel
quale sono stati installati i quadri elettrici di comando della pompa. Dalla
captazione l‟acqua viene poi canalizzata entro tubazioni e trasferita allo
stabilimento.

Figura 10. stazione di emungimento acqua Levia.

3.1.4 Captazioni dell’acqua minerale S. Angelo


L‟attività di captazione e imbottigliamento dell‟acqua S. Angelo è iniziata,
contestualmente all‟imbottigliamento delle acque Levia e Pura nel 1990.

38
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Attualmente il sistema di emungimento è caratterizzato dall‟esercizio del


pozzo W7 la cui ubicazione è riportata nella cartografia allegata.
Questo pozzo è caratterizzato da una profondità di 140 m dal piano
campagna che si trova ad una quota di 188 m s.l.m..
Il pozzo ha un diametro di 168 mm, è stato rivestito con tubazioni in acciaio
inox ed è stato allestito con filtri Johnson.
In corrispondenza della stazione di prelievo è stata realizzata una piazzola in
calcestruzzo delimitata da una recinzione metallica tipo Orsogrill, all‟interno
della quale è stato realizzato un piccolo edificio, di circa 0,6 per 0,4 m di lato, nel
quale sono stati installati i quadri elettrici di comando della pompa. Dalla
captazione l‟acqua viene poi canalizzata entro tubazioni e trasferita allo
stabilimento.

Figura 11. stazione di emungimento acqua S. Angelo.

39
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

3.1.5 Captazioni dell’acqua minerale Pura


Analogamente alle etichette S. Angelo e Levia la captazione e
l‟imbottigliamento dell‟acqua Pura è iniziata nel 1990.
Attualmente il sistema di emungimento è caratterizzato dall‟esercizio del
pozzo W14 la cui ubicazione è riportata nella cartografia allegata.
Questo pozzo è caratterizzato da una profondità di 157 m dal piano
campagna che si trova ad una quota di 194 m s.l.m..
Il pozzo ha un diametro di 168 mm, è stato rivestito con tubazioni in acciaio
inox ed è stato allestito con filtri Johnson.
In corrispondenza della stazione di prelievo è stata realizzata una piazzola in
calcestruzzo delimitata da una recinzione metallica tipo Orsogrill, all‟interno
della quale è stato realizzato un piccolo edificio, di circa 0,6 e 0,4 m di lato, nel
quale sono stati installati i quadri elettrici di comando della pompa. Dalla
captazione l‟acqua viene poi canalizzata entro tubazioni e trasferita allo
stabilimento.

Figura 12. Stazione di emungimento acqua Pura.

3.1.6 Captazioni dell’acqua minerale Quercetta


La captazione e l‟imbottigliamento dell‟acqua Quercetta rappresenta la più
recente attività estrattiva posta in esercizio e presenta caratteristiche lievemente
differenti rispetto a quelle che l‟hanno preceduta. Infatti, come mostrato nella
cartografia riportata in allegato, la captazione, realizzata nel 2000, si trova
sensibilmente più a nord rispetto a tutte le altre captazioni, ad una quota
topografica sensibilmente inferiore rispetto a quella caratterizzante tutti gli altri
pozzi oggetto di captazione. Infatti la bocca pozzo si trova ad una quota di circa
40
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

154 m s.l.m., mentre gli altri pozzi realizzati presentano quote di bocca pozzo
variabili tra 180 e 190 m s.l.m..
Questo pozzo è inoltre, a differenza degli altri, di tipo di artesiano e
caratterizzato da una profondità di 38m, sensibilmente inferiore a quella
caratterizzante tutti gli altri pozzi.
Il pozzo è ubicato all‟interno di un edificio di dimensioni circa 0,3 per 0,3
per 0,25 m. L‟acqua captata dal pozzo viene poi canalizzata entro tubazioni e
trasferita allo stabilimento.

Figura 13. Stazione di emungimento acqua Quercetta.

3.2 Attività di stoccaggio e imbottigliamento


3.2.1 Processo produttivo
Le acque prelevate dalle 5 captazioni esistenti, una volta recapitate presso lo
stabilimento, vengono sottoposte ad un processo di trattamento tramite filtri a
pirolusite che permettono una efficace rimozione del ferro presente in soluzione
nelle acque sotterranee. Dopo la filtrazione le acque vengono immagazzinate in
sili e poi avviate all‟imbottigliamento.
L‟imbottigliamento viene garantito da due unità. Alla prima, dedicata al
formato da 2 litri, le bottiglie in plastica giungono su convairs che tramite un
getto d'aria compressa permettono lo scorrimento delle bottiglie in apposite
guide; la seconda unità è invece dotata di un monoblocco di soffiaggio-

41
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

riempimento per cui le provette vengono soffiate in linea e, una volta trasformate
in bottiglie, riempite.
Da qui le bottiglie vengono inviate ad un tappatore che le sigilla per poi
essere etichettate. Una volta etichettate le bottiglie vengono trasportate su nastri e
poi confezionate presso una fardellatrice. Infine le bottiglie confezionate
vengono trasportate su nastri fino alle manigliatrici che provvedono ad applicare
su ogni confezione una maniglia autoadesiva.

Figura 14. Planimetria dello stabilimento.

Alla fine di ogni linea produttiva si trova un palletizzatore che provvede ad


ordinare e sovrapporre a strati le bottiglie confezionate su pedane in legno sulle
quali il prodotto finito verrà consegnato.
Segue una rappresentazione schematica del processo produttivo:
Emungimento Filtrazione in Stoccaggio Imbottigliamento Confezionamento Prodotto
acque deferrizzatori in sili finito

UNITA’ DI IMBOTTIGLIAMENTO
Al fine di imbottigliare efficacemente i vari formati di bottiglie in vetro ed in
plastica sono attualmente operativi i seguenti impianti di imbottigliamento:

42
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

 riempitrice Krones: dedicata esclusivamente all‟imbottigliamento


dell‟acqua minerale in bottiglie in plastica da 2 litri;
 riempitrice Nuova Krones: dedicata all‟imbottigliamento dell‟acqua
minerale in bottiglie in plastica nei formati 0.50 naturale e gasata, 1 lt
naturale e gasata, 1.5 lt naturale e gasata e 2 lt naturale.

3.3 Scarichi di processo


Tutte le operazioni di scarico di seguito descritte sono soggette
all‟autorizzazione allo scarico n° 644 emessa dalla Provincia di Cagliari in data 3
luglio 2007. In allegato viene riportata la più recente analisi delle acque di
scarico, relativa al mese di ottobre del 2012, effettuata nell‟ambito dei periodici
controlli previsti dalla stessa autorizzazione.

3.3.1 Scarichi del processo di imbottigliamento


Il processo produttivo di imbottigliamento origina delle acque di scarico
costituite dalle perdite o scarti di acqua che si determinano nel corso delle
operazioni di lavaggio ed imbottigliamento.
Queste acque vengono raccolte tramite pozzetti ed inviate a vasche di
accumulo da 100 e 300 m3; i troppo pieno di queste vasche vengono convogliati
al Rio Zinnagas. Questo corso d‟acqua, che scorreva nella valle
antecedentemente alla nascita dell‟insediamento, è stato incanalato in
corrispondenza dello stabilimento ed in esso convergono gli scarichi meteorici ed
industriali. Dati i quantitativi degli additivi e dei trattamenti di lavaggio e di
sanificazione degli impianti, assai limitati, ed i volumi delle acque destinate allo
scarico, non viene eseguito su di esse alcun processo depurativo.

3.3.2 Scarichi dei servizi igienici


Presso lo stabilimento sono inoltre presenti servizi igienici le cui acque
vengono convogliate in un apposito impianto di depurazione a fanghi attivi
dimensionato per 30 abitanti equivalenti a cui corrisponde un carico di 1,8 Kg
BOD5/gg con una portata di scarico medio di 0,2 m3/h.
L‟impianto consta delle seguenti fasi:
 grigliatura manuale;
 ossidazione;
 sedimentazione e ricircolo di fango;
 disinfezione;
 spurgo aut. dei fanghi;
 ispessimento.

43
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Anche le acque trattate da questo impianto vengono scaricate nel Rio


Zinnigas.

3.4 Portate di esercizio


Come precedentemente esposto la Sarda Acqua Minerali è titolare della
concessione mineraria “Zinnigas” dal 1966. Inizialmente la concessione era stata
concessa per una superficie di circa 67 Ha per poi essere ampliata ad una
superficie di poco superiore ai 127 Ha.
Nella suddetta concessione idrica non si fa riferimento ad un volume
massimo di prelievo.
Come si vedrà in dettaglio nel successivo capitolo, tutte le captazioni
realizzate nell‟ambito di questa concessione hanno sempre determinato delle
ridotte variazioni piezometriche, utilizzando in modo sostenibile le acque captate.
I più recenti dati di emungimento, derivanti da quanto rilevato nel corso del
2012, evidenziano un volume annuo emunto complessivo di circa 315000 m3.
Come si vedrà con chiarezza nel capitolo successivo il complessivo volume
emunto è, seppur di poco, progressivamente aumentato nei primi 15 anni di
osservazione riportati in questo lavoro, tra il 1997 ed il 2011.
Va inoltre evidenziato come la Società stia attivando un piano di
investimento finalizzato a migliorare tutte le fasi del processo produttivo ed in

44
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

particolare a ridurre la differenza tra volumi idrici captati e volumi imbottigliati,


aumento così l‟efficienza del processo.
Questo piano ha già ridotto sensibilmente le portate di esercizio dei pozzi,
che sono passati da un volume annuo complessivo di circa 420000 m3 che aveva
caratterizzato il 2011 e che era stato inizialmente stimato dalla Società per il
2012 (Orrù M., Pilia A.; Relazione geologica ed idrogeologica, 2012) ad un
complessivo volume di circa 315000 m3.
Si prevede che questi interventi proseguiranno nei prossimi anni riducendo
in modo costante il rapporto tra volumi emunti e volumi imbottigliati.
Alla luce di questi dati, in accordo con gli investimenti attualmente in corso
da parte dell‟azienda, si prevede per i prossimi anni un progressivo incremento
dei volumi imbottigliati e contestualmente un progressivo ulteriore aumento
dell‟efficienza del processo produttivo con una minimizzazione dei volumi idrici
emunti e non imbottigliati.
Per questo si prevede che nei prossimi anni di esercizio i volumi annui di
emungimento aumenteranno progressivamente senza però mai determinare il
prelievo dall‟acquifero di volumi annui superiori ai 500˙000 m3.

3.5 Piano di recupero


In osservanza rispetto a quanto previsto dalla legge 30 luglio n° 221 ed a
quanto previsto dal Piano Paesaggistico Nazionale la Sarda Acque Minerali ha
già presentato un “Piano di Riqualificazione area estrattiva, recupero con
ripristino ambientale” che viene per comodità allegato al presente documento.

45
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4 QUADRO AMBIENTALE
Con riferimento alle componenti e ai fattori ambientali interessati dal
progetto il quadro di riferimento ambientale definisce l‟ambito territoriale, inteso
come sito ed area vasta, ed i sistemi ambientali interessati dal progetto, sia
direttamente che indirettamente, entro cui è da presumere che possano
manifestarsi effetti significativi sulla qualità degli stessi.

4.1 Quadro di partenza


Nell‟ambito di uno studio di Valutazione di Impatto Ambientale, la
redazione del quadro di riferimento ambientale è uno degli aspetti più complessi
da affrontare e valutare. Infatti, mentre la stesura del quadro di riferimento
programmatico fa riferimento ad atti e procedure definite dal progetto, quindi
facilmente accessibili, al contrario il quadro di riferimento ambientale deve
analizzare e relazionare fenomeni ambientali differenti tra loro e ricorrere a
variegate fonti informative talora difficilmente reperibili.
La ricerca bibliografica ha rappresentato il punto di partenza nello studio dei
vari elementi che compongono il quadro di riferimento ambientale ed ha visto la
raccolta di dati, informazioni e lavori già realizzati riguardanti suolo, clima,
geologia, tettonica, morfologia, vegetazione, uso del suolo, etc..
Per la ricostruzione del contesto geologico locale e delle caratteristiche
litostratigrafiche dei terreni interessati dalle opere di captazione si è proceduto,
oltre all‟analisi di alcuni tagli presenti nell‟area d‟indagine, all‟analisi ed
all‟interpretazione di dati stratigrafici ottenuti da vari studi commissionati a
soggetti pubblici e privati dalla S.A.M. S.p.A. e dalla letteratura geologica ed
idrogeologica locale.
Per quanto riguarda gli aspetti idraulici ed idrogeologici si è fatto particolare
riferimento alla pubblicazione scientifica: “Studio idrogeologico delle acque
minerali dell’area di “Zinnigas” (Siliqua Sardegna SW)”, a cura di F.
Bordicchia, C. Marini, A. Pala (2002). Questo studio oltre ad analizzare alcune
prove di portata su pozzi già esistenti, descrive la stratigrafia di dettaglio di
alcuni sondaggi realizzati ad hoc, alcuni dei quali allestiti a pozzi e messi
successivamente in emungimento.
Oltre a questo sono stati reperiti ed abbondantemente utilizzati i dati raccolti
dalla S.A.M. S.p.A. nel corso dell‟esercizio di tutte le captazioni. In particolare
questi dati hanno permesso di ricostruire per un periodo di 15 anni l‟andamento
dei livelli piezometrici in relazione alle portate emunte presso i principali punti di
captazione.
Per la definizione delle caratteristiche idrogeologiche del sistema si sono
infine consultate alcune prove di portata, commissionate dalla S.A.M. S.p.A., al

46
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

fine di definire presso i principali punti di emungimento le portate critiche e le


portate ottimali di esercizio.
L‟analisi ambientale dell‟area di Zinnigas ha fatto riferimento ad una base di
informazioni, dati e studi abbastanza ricca e variegata che ha permesso una
descrizione qualitativa e quantitativa sufficientemente dettagliata.

4.1.1 Geologia

4.1.1.1 Inquadramento morfologico, geologico e tettonico dell’area vasta


Da un punto di vista morfologico, l‟area in esame può essere suddivisa in un
settore meridionale prevalentemente montuoso e in un settore settentrionale
pianeggiante.
Il settore meridionale è costituito da rilievi montuosi, talora impervi, con
copertura vegetale assai differenziata e con diversi gradi di conservazione. Le
quote massime raggiunte sono di 500/600 m s.l.m. (P.ta Acquaniedda: 489 m,
P.ta Sa Perrima: 511 m, P.ta Orreddu: 608 m). Andando verso nord, ad ovest
della località Zinnigas, si osservano dei rilievi collinari, molto spesso accidentati
e articolati, impostati su formazioni paleozoiche che raggiungono altezze
comprese tra 200 e 350 m s.l.m.. Tali rilievi con andamento E-W degradano
verso la Valle del Cixerri, rappresentandone lo spartiacque meridionale.
Presentano una vegetazione di tipo arbustivo, col cisto prevalente sulle altre
specie. Questo paesaggio collinare, tuttavia, è caratterizzato da brusche
variazioni morfologiche.
In questo settore sono ubicati, un po‟ ovunque, i detriti di versante e le
conoidi alluvionali che nascondono il passaggio tra le formazioni paleozoiche,
terziarie e/o quaternarie. In particolare, andando verso sud dell‟area in studio, si
rilevano dei coni di deiezione generati dai ruscelli che scorrono sui terreni
paleozoici. Le incisioni vallive, che in generale seguono i principali lineamenti
tettonici, risultano piuttosto accentuate.
Nel settore più meridionale e sud-occidentale si può constatare che il
territorio più accidentato si ha in corrispondenza di formazioni carbonatiche. Qui
i rilievi sono ricoperti da un fitto manto vegetale, costituito da quercia da
sughero, leccio, olivastro e ginepro.
Il settore settentrionale è caratterizzato da una piana alluvionale con
andamento E-W, che occupa la Valle del Cixerri. Questa ha un andamento
perpendicolare alla fossa del Campidano, dalla quale ne è separata, come un
bacino a se stante, dalla “soglia” di Siliqua.
Questa zona si presenta come una successione irregolare di depositi
alluvionali terrazzati e conoidi giustapposti e saldati tra loro. L‟area si presenta
con una tipica morfologia a terrazzi, interrotta ogni tanto da basse colline
derivanti da litologie differenti (Formazione del Cixerri). Tale continuità
47
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

morfologica è inoltre interrotta localmente in corrispondenza dei piccoli rilievi


conici eruttivi del terziario, localizzati principalmente a sud est del centro abitato
di Siliqua. Nella Valle del Cixerri sono stati individuati quattro ordini di terrazzi
(Maxia, 1936): il primo ordine si rinviene tra i 180-200 m s.l.m., il secondo a
circa 150 m, il terzo a 120 m ed infine il quarto ordine è compreso tra 50 e 60 m,
a sud-est di Siliqua. Secondo l‟Autore questi terrazzi sarebbero inegualmente
sviluppati in estensione ed altezza, e su questo avrebbe influito la disposizione
asimmetrica del reticolo idrografico. Una caratteristica morfologica osservabile
lungo la valle del Cixerri è l‟alternanza di impluvi ed interpluvi, orientati
prevalentemente N-S, ortogonali all‟asse della valle.
Nel settore in studio si osserva la sovrapposizione di diverse fasi tettoniche
complesse che si sono succedute nei tempi e con intensità differenti. Il grado di
deformazione e di metamorfismo della fase ercinica non è elevato ed ha
permesso di ricostruire le deformazioni pre-erciniche. Per quanto riguarda la
tettonica paleozoica, le diverse fasi deformative che hanno interessato i terreni
cambrici possono essere sintetizzate in quattro fasi fondamentali (Poll, 1966):
 Fase Sarda: piegamenti blandi, con direzione assiale Est-Ovest, anteriori
alla trasgressione ordoviciana. I raggi di curvatura di queste pieghe
variano notevolmente, si passa infatti da pieghe blande a pieghe strizzate;
 Prima Fase Ercinica: pieghe con direzione assiale Est-Ovest, che
accentuano le precedenti;
 Seconda Fase Ercinica: pieghe con direzione assiale circa Nord-Sud, con
una forte scistosità associata;
 Terza Fase Ercinica: deformazioni modeste con direzioni assiali variabili.
I movimenti tettonici che si sono manifestati tra il Cambriano medio e
l‟Ordoviciano inferiore (Fase Sarda), hanno dato luogo a strutture ben evidenti.
La discordanza tra i sedimenti cambrici e i conglomerati ordoviciani
(“Puddinga”), dimostra l‟esistenza di deformazioni attribuibili alla Fase Sarda
(Stille, 1939). La discordanza cambro-ordoviciana è netta in diverse località e
sembra avere importanza regionale. E‟ stato infatti accertato, sia nell‟Iglesiente
che nel Sulcis, che grandi strutture con andamento E-W nei terreni cambrici sono
ricoperte, in discordanza, dall‟Ordoviciano. Alcuni Autori non riconoscono gli
effetti e la presenza di una Fase Sarda in questo settore, perché anche le
formazioni post-cambriane sono piegate secondo assi E-W, a causa della
successiva Fase Ercinica.
Piccole Pieghe E-W sono ben esposte nella sinclinale di Iglesias, appena
fuori dall‟area oggetto di studio. Queste strutture minori riflettono la geometria
delle grandi strutture E-W e la fase sarda ha determinato solo blandi piegamenti
E-W di grande lunghezza d‟onda. Tra queste strutture si mette in evidenza
l‟anticlinale, con nucleo del Cambriano inferiore (Formazione di Nebida), che
affiora nel territorio comunale di Villamassargia, a pochi km da Siliqua. In

48
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

questa struttura i fianchi meridionali e nord-orientali presentano, in successione,


la Formazione di Gonnesa e la Formazione di Cabitza. La Fase Sarda è
caratterizzata da due principali serie di faglie che hanno direzione N-W e N-E.
Queste si sarebbero generate in seguito a spinte compressive in direzione N-S
che avrebbero formato pieghe con assi diretti a E-W.
La valle del Cixerri ricade in una sinclinale che fa parte del sistema di pieghe
con asse E-W derivanti dal corrugamento ercinico. Essa è compresa tra due
ampie volte anticlinali con nucleo granitico e mantello scistoso rappresentate dal
M. Arcosu e M. Lattias.
Successivamente, l‟attività tettonica riprende con direttrici di compressione
N-S (seconda fase ercinica), che, come anticipato, ha determinato pieghe di ogni
dimensione accompagnate da una scistosità molto marcata. Queste grandi
strutture con direzione assiale circa N-S hanno generalmente piano assiale
prossimo alla verticale. Spesso queste pieghe sono associate a sovrascorrimenti,
che possono portare le formazioni del Cambriano inferiore a contatto con
l‟Ordoviciano. Nella “Puddinga”, in genere, è sempre ben evidente la scistosità e
gli elementi clastici sono ben orientati, mentre nella Formazione di Nebida la
scistosità è ben sviluppata solo nelle intercalazioni pelitiche. A queste spinte
compressive si sono sommate spinte secondarie, che hanno dato fratture con
direzioni N 15° W, N 75° W, N 75° E e N 15° E. Tali fratture interessano le
successioni cambriane, ordoviciano e siluriane.
Al termine dell‟orogenesi ercinica si hanno innalzamenti ed abbassamenti
del terreno per mezzo di faglie trascorrenti e normali; questi movimenti
perdureranno per tutto il Mesozoico dando luogo a lacune sedimentarie.
All‟inizio del Terziario, cominceranno a delinearsi le grandi fosse della
Sardegna, tra cui quella del Cixerri. Quest‟ultima sarebbe il risultato di un
abbassamento posteriore all‟Oligocene (Pala et al., 1977), successivo o
concomitante alle eruzioni andesitiche oligo-mioceniche.
Lungo il bordo meridionale della Fossa del Cixerri si segnala la presenza di
piani di faglia che si immergono verso Nord. Considerando che soltanto lungo
questo margine si rinvengono centri effusivi terziari (Monte Exi, Monte Gioiosa
Sa Guardia, Castello di Acquafredda di Siliqua), si ritiene che questa fossa sia
asimmetrica, più depressa a sud che a nord. La presenza, in questa valle, di
diversi ordini di terrazzi sarebbe in parte legata all‟eustatismo quaternario e in
parte ai movimenti epirogenetici responsabili della riattivazione della Fossa del
Cixerri.
La tettonica terziaria ed i movimenti neotettonici, pare che abbiano avuto
una certa influenza nell‟intera area, condizionando gli aspetti litologici e
morfologici delle varie formazioni interessate.
Nell‟area in esame affiorano complessi litologici risalenti al Paleozoico ed al
Terziario, sui quali giacciono in modo esteso i depositi del Quaternario.

49
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Il territorio in esame ricade, secondo la zonazione strutturale della Sardegna


ercinica (Carmignani et al., 1980), nella zona esterna della catena. In questo
settore affiorano le formazioni, datate come le più antiche di tutta l‟isola, che
costituiscono la successione del Cambriano dell‟Iglesiente-Sulcis settentrionale.
Questa è caratterizzata, alla base, da una parte più o meno detritica e carbonatica
denominata Formazione di Nebida, che nel Sulcis meridionale è in continuità
strutturale con la Formazione di Bithia. La Formazione di Nebida è seguita dalla
Formazione di Gonnesa, caratterizzata dall‟essere esclusivamente carbonatica. La
Formazione di Cabitza, costituita da calcari nodulari e da scisti, chiude la
successione cambrica.
La suddetta successione cambrica affiora in un settore collinare e montuoso,
localizzato nella settore sud e sud-occidentale dell‟area in studio.
La Formazione di Nebida rappresenta la formazione più antica della
successione cambrica dell‟Iglesiente-Sulcis settentrionale. Questa formazione è
stata suddivisa da Rasetti (1972) in due membri che dal basso verso l‟alto sono: il
Membro di Matoppa ed il Membro di Punta Manna. Il primo membro è costituito
da una alternanza monotona argilloso-arenacea, di colore grigio verde, dovuto
alla presenza di termini argillo-scistosi, frequenti nella parte alta. I termini
arenaci, invece, di colore marrone-violaceo, presentano un‟elevata componente
quarzosa. Si rinvengono inoltre delle lenti calcaree ad alghe ed archeociati che in
precedenza venivano raggruppate in almeno tre livelli con spessori crescenti
dall‟alto verso il basso (Carmignani et al., 1982). Sulla base delle caratteristiche
litologiche e paleontologiche si ritiene che l‟ambiente di deposizione di questo
membro fosse un fronte deltizio orientato verso E e SE, nelle cui aree più riparate
si instaurarono, localmente, mounds algali o ad archeociati. Non essendo stata
osservata la base di questo membro, non si può valutare con precisione la sua
potenza, che in ogni caso dovrebbe superare i 300 metri.
Direttamente sui depositi terrigeni, e solo localmente sulle lenti calcaree ad
alghe ed archeociati, si ritrova un caratteristico orizzonte oolitico che costituisce
la base del successivo Membro di Punta Manna. Tale orizzonte presenta spessori
fino a 100 metri, sovente con facies oolitiche e oncolitiche. Assai frequenti sono
anche i calcari a grana fine con stratificazione incrociata di tipo hurring-bone
(Debrenne et al., 1980). L‟ambiente di deposizione corrisponde a quello di un
sistema di barriera oolitica con subambienti di delta oolitico, laguna e spiaggia
(Debrenne et al., 1985).
L‟orizzonte oolitico è sormontato da una ritmica alternanza di arenarie e
calcari. Nelle arenarie sono diffuse strutture sedimentarie come la stratificazione
incrociata, ripple marks asimettrici e bioturbazioni mentre i calcari sono più o
meno dolomitizzati, talora oolitici con stratificazione incrociata e spesso ricchi di
frammenti di archeociati, trilobiti, echinodermi e lingulidi. Nella parte alta della
sequenza le intercalazioni carbonatiche sono dolomitiche e presentano strutture
da disseccamento o tappeti algali che preannunciano i caratteri del successivo
Membro della Dolomia Rigata.
50
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Le condizioni deposizionali di questo membro, il cui spessore è stato stimato


intorno ai 250-300 metri, corrispondono ad un ambiente lagunare in cui l‟apporto
terrigeno si alternava alla deposizione carbonatica con apporto di organismi di
mare aperto (Carmignani et al., 1986). Le rocce di questa formazione si
presentano nel loro complesso intensamente laminate e fratturate. Tale
fatturazione, tuttavia, non impedisce, nella maggior parte dei casi, di distinguere
l‟andamento della stratificazione, evidenziata da strutture sedimentarie come i
piani di stratificazione e laminazioni piano-parallele, variazioni granulometriche
e cromatiche, dal grigio chiaro al grigio scuro, al verdastro e al rossastro.
L‟inclinazione misurata su tali strutture varia tra i 90° e i 45°, mentre le direzioni
seguono quelle dell‟anticlinale, ovvero E-W.
La Formazione di Gonnesa, in passato denominata “Metallifero” per la
presenza di concentrazioni metallifere (solfuri di Pb e Zn), marca la fine della
sedimentazione silicoclastica e l‟inizio della sedimentazione esclusivamente di
facies carbonatiche, dolomitiche alla base e calcaree sulla sommità. Tale
Formazione è suddivisa in unità litostratigrafiche, o membri, che dal basso verso
l‟alto sono: Membro della Dolomia Rigata e Membro del Calcare Ceroide. A
questi due si aggiunge un terzo membro, denominato Dolomia grigia massiva
(Cocozza, 1979) o Membro della Dolomia Blu (Galassi e Gandin, 1992), che
sarebbe derivato dalla dolomitizzazione diagenetica di parte del Calcare ceroide e
di parte della Dolomia rigata. Nel suo complesso, lo spessore della Formazione
di Gonnesa varia tra 180 e 480 metri.
Il membro della Dolomia Rigata è costituito da metadolomie primarie a
tappeti algali e metacalcari ben stratificati, con uno spessore variabile tra 80 e
180 metri. Tali litologie sono caratterizzate da ripetizioni cicliche di facies
costituite da fanghi carbonatici stratificati, stromatoliti laminate, stromatoliti
laminate con pseudomorfi su gesso o anidride, pisoliti vadose e/o brecce da
disseccamento. Localmente, si rilevano anche livelli oolitici o a pellets e noduli
di selce. La base di questa formazione è caratterizzata dalla presenza di sottili
livelli di ossidi e idrossidi di ferro e da frequenti lenti di barite. L‟ambiente di
deposizione di questo membro corrisponde ad una piana di marea che si instaura
su una morfologia dolce, o comunque poco movimentata, in condizioni di clima
caldo e arido. La distribuzione delle litofacies testimonia un graduale e
progressivo approfondimento del bacino. L‟ambiente di sedimentazione è di tipo
intertidale e sopratidale, caratterizzato dalla presenza di tappeti algali, più
raramente sabbie contenenti ooidi, bioclasti e piccole stromatoliti. I reperti
paleontologici, seppur rari, caratterizzati per lo più da archeociati e rinvenuti
esclusivamente a Cala Domestica e Planu Sartu, hanno permesso di riferire il
Membro della Dolomia Rigata al Botomiano (Debrenne e Gandin, 1985).
Il Membro della Dolomia Rigata è localmente interessato da fenomeni di
dolomitizzazione epigenetica permo-triassica (Dolomia Gialla). In questo
periodo si sono instaurate condizioni di tipo lagunare ed evaporitico, responsabili
della dolomitizzazione epigenetica dei calcari e delle dolomie cambriche. La

51
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Dolomia Gialla appare di colore giallo chiaro e con una grana assai variabile, ma
sempre distinguibile anche ad occhio nudo. Le condizioni di giacitura dimostrano
l‟origine epigenetica a spese delle dolomie e dei calcari (Brusca e Dessau, 1968).
Il Membro della Dolomia Blu è costituito da dolomia massiva,
equigranulare, con grana minuta talora con fenomeni di ricristallizzazione, che
mascherano le tessiture originarie. Il suo spessore è estremamente variabile: da
20 a 100 m e, a causa dell‟intensa dolomitizzazione, l‟ambiente di
sedimentazione non è ben chiaro; sembra tuttavia che si tratti ancora di ambiente
tidale.
Il Membro del Calcare Ceroide completa la successione della Formazione di
Gonnesa. Esso è costituito da metacalcari massicci di colore grigio a frattura
concoide, generalmente mal stratificati. Si distinguono quattro litofacies
fondamentali: 1) mudstone-wackestone con bioclasti; 2) grainstone con ooliti e/o
oncoliti, echinodermi e resti di trilobiti; 3) boundstone criptoalgali, localmente
boundstone scheletoalgali con archeociati; 4) pisoliti vadose. Queste litofacies,
nel loro complesso, indicano ambienti variabili tra il supratidale ed il subtidale.
La loro distribuzione rileva una morfologia a piattaforme e bacini connessa con
una tettonica distensiva sinsedimentaria (Gandin e Turi, 1985; Cocozza e
Gandin, 1990). A livello paleontologico, tale membro è considerato pressoché
sterile. I pochi resti fossili ritrovati sono costituiti da placche di echinodermi e
frammenti di trilobiti.
Per quanto riguarda l‟ambiente di sedimentazione, pare che la piattaforma
carbonatica corrispondente ai metasedimenti della Formazione di Gonnesa si sia
evoluta in un ambiente di sabka (Debrenne e Gandin, 1985), testimoniato dalla
facies della Dolomia rigata, ad una piattaforma carbonatica tipo Bahamas,
rappresentata dalla deposizione del Calcare ceroide. La transizione tra i due
sistemi, come precedentemente accennato nella descrizione del Membro della
Dolomia Blu, è indice di cambiamento ambientale verso condizioni più umide.
La Formazione di Cabitza è suddivisa in due membri (Rasetti, 1972;
Cocozza, 1979) che dal basso verso l‟alto sono: Calcare nodulare e gli Scisti di
Cabitza. Il membro inferiore della Formazione di Cabitza poggia con contatto
netto sul Membro del Calcare Ceroide. Esso è costituito da una fitta alternanza di
sottili livelli di metargilliti più o meno siltosi rossi e verdi, più raramente neri e
da metacalcari grigi e rosati con struttura nodulare e marne giallastre. All‟interno
di questo membro si distinguono tre litofacies (Gandin, 1987): calcari massivi
(prevalentemente wackestone e packestone), calcari nodulari più o meno marnosi
e ricchi in resti fossili, e, infine, alternanze di calcari e marne. I calcari nodulari
rappresentano la litofacies più frequente di questo membro e contengono
abbondanti resti di echinodermi, trilobiti, Chancelloria, brachiopodi, spicole di
spugne e hyolithidi. L‟associazione di trilobiti indica la parte bassa del
Cambriano medio (Rasetti, 1972; Pillola, 1986). Questo membro segna l‟inizio
dell‟annegamento della piattaforma carbonatica in conseguenza dell‟attività
tettonica distensiva. L‟ambiente di deposizione è quindi di tipo marino nefritico,
52
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

probabilmente non troppo profondo e poco ossigenato. Le facies nodulari


vengono fatte coincidere con la deposizione su alti morfologici in via di
subsidenza, mentre le facies massive e laminari sono la prova dell‟esistenza di
zone morfologicamente più stabili, sia su alti che in zone più profonde.
Verso l‟alto il Calcare Ceroide passa in maniera graduale agli Scisti di
Cabitza che chiudono la successione cambrica. Il Membro degli Scisti di Cabitza
è costituito da un un‟alternanza ritmica di spessore da centimetrico a millimetrico
di argilliti e siltiti con colorazione varia. Raramente si rinvengono carbonati. Si
rinvengono anche dei subordinati livelli di arenarie, generalmente fini, dove la
parte superiore è costituita da metarenarie fini e quarziti con frequenti
laminazioni incrociate.
L‟ambiente di sedimentazione evolve da neritico a pelagico non molto
profondo. In corrispondenza alla deposizione del Calcare nodulare si ha la
frammentazione e l‟annegamento della piattaforma carbonatica, a cui segue la
deposizione degli Scisti di Cabitza che segnano la fine della sedimentazione
carbonatica e l‟inizio di una sedimentazione terrigena pelagica più profonda. Gli
Scisti di Cabitza sono ricoperti, in discordanza, dai sedimenti clastici ordoviciani
(“Puddinga”). Questa è rappresentata da una sequenza di conglomerati, siltiti e
arenarie, colorate in gran parte di rosso.
La “Puddinga”, costituita da sedimenti clastici ordoviciani ricopre in
discordanza la precedente Formazione di Cabitza, marcando la cosiddetta
Discordanza Sarda. La “Puddinga”, infatti, rappresenta la ripresa della
sedimentazione successiva ai piegamenti e all‟erosione della Fase Sarda.
In quasi tutto l‟Iglesiente questa formazione inizia con una sequenza di
conglomerati, siltiti e arenarie interstratificate in quantità variabile, di colore
rosso-violaceo, per uno spessore variabile dai 30 ai 150 metri. Le dimensioni dei
clasti varia dai blocchi ai ciottoli, fino ai granuli (“Puddinga bassa”, Leone et
al.,1991; unità “A” di Laske e Bechstadt, 1987; 1989; unità “a1” di Hammann et
al., 1990).
Talora si rinvengono delle brecce calcaree, spesso dolomitizzate, intercalate
con il conglomerato basale. Spesso si osservano variazioni cromatiche che
potrebbero essere delle testimonianze di un cambiamento nell‟ambiente di
sedimentazione, da ossidante (rosso-violaceo) a riducente (verde).
I conglomerati della “Puddinga” sono costituiti da clasti di scisti argillosi,
argilloso-arenacei e di arenarie, che derivano da rocce che vanno dal Cambriano
medio al Tremadoc. Mancano i clasti di dolomia della Formazione di Gonnesa e i
clasti di arenaria della Formazione di Nebida. Nella matrice i granuli variano da
grossi a fini ed il contenuto in silt e argilla è generalmente basso; inoltre, sia i
clasti che i granuli della matrice presentano un‟intensa colorazione rossa (Leone
et al., 1991).
La deposizione della “Puddinga”, in base al contesto stratigrafico, è riferibile
al primo Caradoc.
53
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

In tutto il Sulcis-Iglesiente la “Puddinga” è sormontata da depositi neritici


molto fossiliferi che costituiscono la parte inferiore della successione
dell‟Ordoviciano superiore dell‟Iglesiente. Questa successione, è costituita da
un‟alternanza di metasiltiti da grigie a verdi, metargilliti, metarenarie siltose fini
e grossolane, metarenarie e metasiltiti grigio scure debolmente carbonatiche e
fossilifere, metargilliti con pirite e noduli fosfatici (Formazione di M. Orri e
Formazione di Portixeddu). In quest‟ultima, in particolare, sono abbondanti resti
di brachiopodi, briozoi, cistoidi, crinoidi e subordinati gasteropodi, bivalvi,
trilobiti, conularidi e coralli del Caradoc-Ashgill). La parte mediana della
successione (Formazione di Domusnovas) è costituita da metasedimenti che
indicano sedimentazione di alta energia in ambiente regressivo. Si tratta di
metasiltiti arenacee, matarenarie e metarenarie quarzitiche grossolane e medie
con scarsi resti fossili (gasteropodi, briozoi e brachiopodi). Verso l‟alto si passa a
metapeliti rossastre talora carbonatiche, e a metacalcari marnosi rossi alternati a
metargilliti calcaree rossastre con resti di faune bentoniche costituite da briozoi,
crinoidi, brachiopodi e trilobiti. Il livello carbonatico spesso è costituito da livelli
silicei grigio-nerastri.
Sopra alle formazioni sopradescritte affiorano orizzonti metavulcanoclastici.
Nel dettaglio si tratta di metaconglomerati e metabrecce ad elementi di vulcaniti
basiche, alternati con metasiltiti che costituiscono la base della formazione di Rio
S. Marco (Ordoviciano superiore). I contenuti in Ti/Zr/Y provano una
derivazione delle meta vulcaniti da basalti intraplacca. La suddetta formazione
continua con una sequenza clastica costituita da metarenarie micacee con
intercalazioni di metasiltiti e metargilliti micacee con strutture da corrente e
laminazioni parallele, incrociate e ondulate. Localmente si rinvengono livelli di
microconglomerati minuti e metarenarie grossolane di origine glaciomarina.
Nella Zona esterna, gli “Scisti a graptoliti” Auct. o formazione di Genna
Muxerru (Siluriano inferiore), affiorano in modo discontinuo a causa
principalmente delle laminazioni tettoniche determinate dalla messa in posto
della sovrastante Unità dell‟Arburese. Si tratta di depositi prevalentemente
pelitici (metargilliti e metasiltiti nere carboniose, con locali intercalazioni di
metarenarie). La parte inferiore è caratterizzata dalla presenza di intercalazioni di
quarziti nere (liditi). L‟ambiente di sedimentazione è marino epicontinentale con
prevalenti condizioni riducenti sul fondo ed ossigenante in superficie.
Seguono la Formazione di Fluminimaggiore (“Calcari ad Orthoceras” Auct.
p.p.) e la Formazione di Mason Porcus (“Calcari ad Orthoceras” Auct. p.p.),
entrambe non particolarmente diffuse nell‟area in studio. La prima formazione,
riferibile al periodo Siluriano inferiore - Devoniano inferiore presenta livelli
centimetrici di liditi e resti fossili soprattutto di graptoliti, conodonti, cefalopodi,
crinoidi, ostracodi e lamellibranchi. La Formazione di Mason Porcus (Devoniano
inferiore) invece è caratterizzata da metacalcari nodulari stratificati e matacalcari
massivi alernati a metargilliti e meta siltiti scure. L‟ambiente di sedimentazione
di questi depositi è di mare epicontinentale di bassa profondità.

54
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Molto diffusa nell‟area in studio, in particolare nelle località Pau Viana e


Zinnigas, è la potente successione terrigena denominata Arenarie di S. Vito
(Cambriano medio- Ordoviciano inferiore), costituita da metarenarie micacee,
quarziti e, subordinatamente, metarenarie feldspatiche e metagrovacche, di colore
variabile. Queste metareniti formano alternanze da centimetriche a metriche con
metapeliti scure e rari livelli conglomeratici. L‟ambiente di sedimentazione
corrisponde ad un vasto sistema deltizio sottomarino con sedimentazione di tipo
torbiditico.
Tale formazione alloctona, afferente all‟unità tettonica dell‟arburese, è
sovrascorsa sulle formazioni Ordo-Siluriane del basamento autoctono del Sulcis-
Iglesiente descritte precedentemente.
Assai diffuso appare il complesso intrusivo e filoniano tardo paleozoico,
rappresentato prevalentemente da filoni idrotermali costituiti da quarzo e
subordinatamente da barite. Tale complesso interessa sia le formazioni alloctone
che quelle del basamento autoctono del sulcis-iglesiente.
A partire dall‟Eocene medio-Oligocene si deposita la “Formazione del
Cixerri” che rappresenta un deposito di tipo fluvio-deltizio con giacitura in
banchi sub orizzontali, costituita da arenarie quarzoso-feldspatiche di vari colori
(grigio violacee, bruno verdastre oppure rosso violacee), alle quali s‟intercalano
lenti e banchi conglomeratici, spesso in potenti banchi a ciottoli di rocce
paleozoiche (soprattutto scisti neri, quarzo, graniti, porfidi) o di calcari mesozoici
con intercalazioni siltose e argillose rosso-violacee.
Alla “Formazione del Cixerri” segue la messa in posto delle vulcaniti oligo-
mioceniche (24.9 ± 1.0 a 22.6 ± 0.9 Ma). Queste affiorano nell‟area in esame ad
est e sud est di Siliqua e sullo stesso abitato. Le vulcaniti, sottoforma di corpi
lavici o di piccoli apparati esplosivi conici si intrudono in tutta l‟area in esame
nel basamento paleozoico e nelle Formazione del Cixerri.
Le lave si presentano massive di colore grigio o verdastro, dovuto alla
presenza nella pasta di fondo di cristalli prismatici di anfibolo con dimensioni
fino ai 3 cm. Nell‟area in esame distinguiamo essenzialmente due facies
vulcaniche: facies laviche massive, che creano strutture sia cupoliformi sia
filoniane e brecce poligeniche collegate ai piccoli apparati vulcanici imbutiformi
(diatremi). Le facies laviche si sarebbero formate per iniezione lavica entro
fratture beanti assumendo una forma filoniana, oppure quando l‟iniezione si è
verificata in area di intersezione di più direttrici tettoniche, ne deriva una forma
cilindro-conica tipo neck. Le facies brecciate si rinvengono in apparati di forma
conica e cilindrica di modeste dimensioni. La colorazione prevalente di questi
litotipi è bruno-verdastra ed è possibile osservare i clasti provenienti sia da rocce
del basamento paleozoico sia da frammenti lavici. Questi ultimi hanno
caratteristiche microscopiche identiche a quelle delle lave prima descritte, anche
se presentano un‟accentuata alterazione. Alla sedimentazione continentale oligo-

55
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

miocenica seguono i sedimenti marini e fossiliferi del Miocene inferiore-medio,


poco diffusi nell‟area in studio.
Il Quaternario continentale è rappresentato da depositi alluvionali terrazzati
di età plio-pleistocenica, da depositi alluvionali terrazzati, probabilmente
riferibili al Pleistocene medio, e, infine, da alluvioni oloceniche e attuali. Oltre
alla deposizione di alluvioni terrazzate si segnala la presenza di deboli coperture
detritiche localizzate alle pendici dei principali rilievi, sia paleozoici sia oligo-
miocenici, e di depositi di glacis. Queste coltri sono caratterizzate da clasti
spigolosi, la cui natura riflette la composizione del materiale originale da cui
derivano.
La deposizione delle alluvioni ed il loro terrazzamento sarebbero influenzati
sia da movimenti epirogenetici, che hanno interessato la Valle del Cixerri nel
Cenozoico, sia dalle variazioni glacioeustatiche del Quaternario (Aru et al.,
1970), durante le quali si sono alternate fasi di accumulo e di erosione associate a
diverse fasi climatiche (glaciali ed interglaciali).
Sono stati individuati quattro ordini di terrazzi, localizzati prevalentemente
nel settore nord, disposti lateralmente all‟asse del Rio Cixerri, che formano una
piana di modesta altitudine, in quanto si presentano per lo più spianati.
I depositi alluvionali più antichi sono abbondantemente diffusi sul territorio
alle quote topografiche più elevate, tra i 100 ed i 180 metri di altitudine, anche se
non mancano dei lembi a quote differenti. Tali depositi si estendono dalla base
dei rilievi paleozoici e oligo-miocenici sino alla pianura, ricoprendo i depositi
terziari. Questi ultimi, talora, affiorano formando delle colline intensamente
sottoposte ad erosione, sia naturale che antropica. Le alluvioni plio-
pleistoceniche hanno una composizione ciottolosa-sabbiosa argillosa e sono
costituite da sedimenti clastici molto elaborati e arrotondati con dimensioni
centimetriche piuttosto variabili, rappresentanti tutti i litotipi che affiorano nel
bacino del Cixerri ovvero scisti, metacalcari, metadolomie, quarziti ed andesiti.
Tali depositi si presentano maggiormente costipati di quelli più recenti e
mostrano una colorazione rossastra sia superficiale che profonda. Su questi
depositi è molto frequente ritrovare delle bande screziate legate all‟alternanza di
fenomeni di ossido riduzione, che testimoniano variazioni nelle condizioni
ambientali che si sono avute durante il corso del Quaternario. Analizzando delle
sezioni in campagna su questi depositi si sono osservati segni di difficoltà di
drenaggio, imputabili alla presenza di livelli cementati con ferro e silice. Si
ritiene che tali depositi possano essere stati interessati da movimenti neotettonici.
Con limite molto sfumato e graduale, spesso difficilmente individuale,
proseguono sulle quote morfologiche più basse, i depositi alluvionali terrazzati
del Pleistocene medio. Anche questi depositi, come quelli più antichi, sono
eterometrici e poligenici, e presentano un grado di arrossamento decisamente
minore. La tessitura superficiale e franco argillosa e la quantità di scheletro è
generalmente elevata. Anche in questi depositi è molto frequente ritrovare delle

56
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

bande screziate legate all‟alternanza di fenomeni di ossido riduzione; infatti,


questi depositi si sviluppano su quote topografiche basse, in cui spesso la falda
acquifera è superficiale.
Le alluvioni oloceniche ed attuali, infine, presentano la stessa natura e
composizione di quelle pleistoceniche, anche se prevale una frazione arenacea
più fine. Si presentano meno arrossate e ferruginose, mostrando una colorazione
giallo-grigiastra con maggiore presenza di strati argillosi intercalati a livelli più
ciottolosi. Anche in questi depositi la quantità di scheletro è piuttosto elevata e il
drenaggio interno, rispetto ai depositi alluvionali più antichi, è decisamente
migliore.
Localmente affiorano dei depositi ciottolosi misti sia arrotondati che
spigolosi, di natura arenacea, scistosa e quarzosa. Tali depositi sono stati definiti
da Seuffert come un glacis policiclico, di età probabilmente simile a quella dei
depositi alluvionali del Pleistocene medio, precedentemente citati.
I depositi di versante affiorano nel settore meridionale e, talvolta,
mascherano il passaggio tra le alluvioni e le formazioni cambriche.

4.1.1.2 Geologia e stratigrafica dell’area di Zinnigas


I depositi recenti di origine colluviale e alluvionale che rendono più dolce il
salto morfologico tra il settore meridionale (montuoso e collinare) e centro
settentrionale (pianeggiante) ricoprono, seppur per deboli spessori, le rocce
paleozoiche e terziarie che rappresentano il substrato geologico interessato dalle
opere di captazione idrica.
Il Paleozoico, come ampiamente descritto in precedenza, è rappresentato in
questo settore dalle formazioni alloctone del Cambriano-Ordoviciano
(Formazione delle Arenarie di S. Vito) afferenti all‟Unità tettonica dell‟Arburese
e dalle formazioni dell‟Ordoviciano-Siluriano (Formazione di Rio S. Marco e
Formazione di Genna Muxerru) del basamento autoctono del Sulcis-Iglesiente.
L‟area di Zinnigas è interessata da un‟importante contatto tettonico dove l‟Unità
tettonica dell‟Arburese è sovrascorsa sul basamento autoctono del Sulcis-
Iglesiente.
Le formazioni paleozoiche sono interessate in maniera estesa da faglie e
fratture, talora riempite da filoni e brecce di quarzo, nelle quali si hanno delle
importanti scaturigini.
Le principali linee disgiuntive sono: 1) Faglie d‟Is Abieddus, fra loro
incrociate (nord-sud e sud-est) ed interessate da inquarzamenti; 2) Faglia di M.te
Orri con direzione nord-sud, anch‟essa con inquarzamenti; 3) Faglia di Nannilai,
con caratteristiche simili alle precedenti, in corrispondenza della quale ricade
Mitza Migheli; 4) Faglia di Aquaniedda convergente anche‟essa verso l‟area
sorgentizia di Zinnigas; 5) Faglia del Cixerri, con direzione ovest-est, svolge

57
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

un‟importante funzione di soglia idraulica. Essa infatti rappresenta un importante


elemento tettonico che mette in contatto verticale le formazioni paleozoiche
fessurate con quelle eoceniche impermeabili.
Per la ricostruzione della stratigrafia e la determinazione delle caratteristiche
litostratigrafiche e idrogeologiche dei terreni interessati dalle opere di captazione
si è proceduto, oltre alla consultazione della cartografia geologica ufficiale
dell‟area, all‟analisi delle stratigrafie acquisite dall‟Università di Cagliari
(Bordicchia et alii, 2002) nell‟ambito di una campagna di indagini ambientali
realizzata in quest‟area e all‟analisi dei dati stratigrafici ed idrogeologici acquisiti
dalla S.A.M. nell‟ambito delle attività di realizzazione ed esercizio delle
captazioni.
Nella seguente Figura 12 si riportano l‟ubicazione dei 6 sondaggi realizzati
nel 1995 dall‟Università di Cagliari nell‟area indagata.

Figura 15. Sondaggi realizzati dall’Università di Cagliari.

I sei sondaggi a carotaggio continuo, dei quali si riportano di seguito le


stratigrafie, hanno permesso di acquisire dati di dettaglio relativamente alla
successione stratigrafica dell‟area in esame, mentre le perforazioni realizzate da
S.A.M. S.p.A. allestite a pozzi di emungimento hanno fornito importanti dati

58
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

sulle caratteristiche idrogeologiche delle stesse unità stratigrafiche, anche tramite


la realizzazione di alcune prove di portata.
Sondaggio S1
0 -6m: Argilloscisti neri degradati (Siluriano)
6-12m: Argilloscisti neri brecciati (Siluriano)
12-30m: Argilloscisti neri interessati da diaclasi (Siluriano)
Sondaggio S2
0 -2,5m: Suolo
2,5-9,2m: Siltiti argillose violacee (Form. del Cixerri)
9,2-10,5m: Arenarie violacee (Form. del Cixerri)
10,5-13m: Siltiti arenacee (Form. del Cixerri)
13-15,3m: Arenarie (Form. del Cixerri)
15,3-16,5m: Arenarie conglomeratiche (Form. del Cixerri)
16,5-22m: Conglomerati arenacei (Form. del Cixerri)
22-26m: Argilloscisti e metarenarie (Cambriano-Ordoviciano)
Sondaggio S3
0-3m: Suoli argillosi
3-5m: Arenarie e siltiti (Form. del Cixerri)
5-13mArenarie (Form. del Cixerri)
13-14m: Brecce di metarenairie (Cambriano-Ordoviciano)
14-20m: Metarenarie quarzose (Cambriano-Ordoviciano)
Sondaggio S4
0-57m: Metarenarie (Cambriano-Ordoviciano)
57-100m: Argilloscisti fratturati (Siluriano)
Sondaggio S5
0-60m: Metarenarie (Cambriano-Ordoviciano)
60-100m: Argilloscisti fratturati (Siluriano)
Sondaggio S6
0-20m: Argilloscisti con quarzo (Siluriano)

I dati acquisiti evidenziano come la più tipica successione stratigrafica che


caratterizza quest‟area è rappresentata nella sua parte sommitale dalla
Formazione del Cixerri di età Terziaria che poggia sulle formazioni alloctone
59
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Cambro-Ordoviciane afferenti all‟Unità Tettonica dell‟Arburese. Le litologie


Cambro-Ordoviciane sono sovra scorse sulle formazioni Ordoviciano-Siluriane
del basamento autoctono del Sulcis-Iglesiente, che costituiscono pertanto la parte
basale della successione appena descritta.
A causa degli intensi fenomeni tettonici ed erosivi che hanno caratterizzato
quest‟area gli spessori di queste formazioni attraversate dai diversi sondaggi sono
molto variabili. La Formazione del Cixerri è stata attraversata in 2 dei sondaggi
realizzati, per uno spessore massimo di circa 20m, mentre le litologie Cambro-
Ordoviciane sono state attraversate per uno spessore massimo di 60m. Quando
raggiunte le rocce Ordoviciano-Siluriane hanno sempre caratterizzato i sondaggi
sino al fondo foro. In queste indagini lo spessore massimo di questa formazione
attraversato è stato di circa 40m, ma i principali dati bibliografici indicano che in
quest‟area questa formazione presenta uno spessore nell‟ordine dei 150 m
(Bordicchia et alii, 2002).

4.1.2 Idrografia
L‟idrografia è fortemente condizionata dalla morfologia e dalla geologia del
sito. I corsi d‟acqua che attraversano i depositi alluvionali hanno una lunghezza
considerevole ma alvei spesso ristretti, con portate variabili in funzione del
regime pluviometrico. Nei terreni arenaceo-scistosi il reticolo idrografico si
presenta di tipo dendritrico. Nel complesso carbonatico invece i corsi d‟acqua
sono scarsissimi, ad eccezione di precipitazioni abbondanti che favoriscono la
formazione di ruscelli a carattere torrentizio, i quali hanno breve sviluppo e solo
raramente giungono nel fondovalle. Sui terreni carbonatici e scistosi del settore
meridionale di Siliqua si osservano varie sorgenti spesso caratterizzate da buone
portate.
Il talweg più importante è rappresentato dal Fiume Cixerri che attraversa
l‟omonima valle e termina il suo percorso nel Cagliaritano. L‟idrografia nel
dettaglio dell‟area di Zinnigas è rappresentata da alcuni affluenti a carattere
stagionale e torrentizio del suddetto Riu Cixerri che scorre a nord dello
stabilimento.
L'alveo del Riu Cixerri risulta impostato su depositi alluvionali quaternari
mentre quello dei suoi affluenti si sviluppa dapprima in roccia nel settore
montano dell‟area di Zinnigas. Qui, complessivamente il reticolo idrografico
mostra un andamento radiale centrifugo a partire dagli alti strutturali e può essere
considerato di tipo dendritico, rappresentato da numerosi corsi d'acqua, aventi
delle portate molto limitate, per lo più a carattere torrentizio temporaneo, con
attività solo durante alcuni periodi della stagione invernale e primaverile. Spesso
risulta difficile distinguere un netto passaggio tra solco di ruscellamento
concentrato e vallecola con fondo a V che in genere è un proseguimento naturale
del primo per le acque provenienti dai versanti. Per tale motivo la maggior parte
delle canalizzazioni può essere considerata come appartenente alle forme dei
60
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

processi di versante. Possono invece essere considerati come forme dei processi
di modellamento fluvio-torrentizio i corsi d'acqua che mostrano di possedere una
azione continua, anche se esplicata per lo più in sub-alveo, soprattutto durante il
periodo estivo.
I corsi d'acqua sono inoltre interessati dalla presenza di un letto alluvionale
formato da ciottoli arrotondati ed eterometrici, a volte di notevoli dimensioni, che
denotano l'elevata capacità di trasporto raggiunta occasionalmente da questi
canali. Tale capacità era sicuramente più elevata in passato, quando le portate
d'acqua erano di gran lunga superiori. Questo fatto è confermato ad esempio
dall'estensione delle alluvioni nella zona della Piana di Siliqua, in netto contrasto
con l'attuale regime del Riu Cixerri.
Gli alvei dell‟area montana sono prevalentemente impostati in roccia
(metarenarie e scisti), entro strette valli a V spesso caratterizzate da un
andamento meandriforme ("meandri incassati"), anche se non mancano tratti
dove le valli fluviali si allargano ed assumono un profilo a fondo piatto. In questi
casi la velocità dell'acqua, e di conseguenza l'energia di trasporto, si riduce, ed il
corso del torrente può assumere un andamento a canali anastomizzati sul letto
alluvionale.
Procedendo verso nord, le valli dei corsi d'acqua si allargano, diminuisce la
pendenza ed aumenta la loro capacità di deposito. Aumentano inoltre le
testimonianze di sedimentazione e di successive re-incisioni come i piccoli bordi
di terrazzo di depositi del Pleistocene, Olocene e sub-attuali che orlano in
maniera discontinua i letti dei torrenti principali. Esistono anche testimonianze di
deposizione come i glacis osservate lungo le strade pedemontane in
corrispondenza di canali d'erosione a sezione semi-circolare, all'interno dei quali
esse si ritrovano ormai con un certo grado di compattazione e parzialmente
pedogenizzate. I suddetti canali sono stati probabilmente scavati da antichi
torrenti che durante il Pleistocene andavano a confluire nel corso d'acqua
principale.
Si può affermare che, nella fascia di raccordo pedemontana e nei settori
pianeggianti, il fattore di modellamento predominante sia stato lo scorrimento
delle acque superficiali con relativi fenomeni di erosione e di deposizione
accentuati o mitigati dalle variazioni climatiche quaternarie. La discontinuità
delle portate dei corsi d'acqua principali è legata soprattutto all'alternanza di
climi umidi e climi aridi che ha dato origine ai differenti tipi di deposito
riconosciuti sulla base di alcuni caratteri peculiari, come ad esempio la maturità
del profilo pedologico, il grado di costipamento e di alterazione degli elementi
costituenti ed il colore della matrice. Più precisamente, nei periodi interglaciali,
caratterizzati da una ridotta copertura vegetale, hanno predominato i processi di
denudamento dei versanti e vi è stato il massimo sviluppo degli apporti di
materiale solifluidale nei fondivalle; viceversa nei periodi glaciali, con climi di
tipo caldo-umido, sono stati favoriti i processi pedogenetici a discapito della
produzione di nuovi detriti.
61
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

L'evoluzione dei principali corsi d‟acqua è stata quindi condizionata da tali


oscillazioni eustatiche e climatiche alle quali si devono le numerose variazioni
del livello di base degli alvei i quali ha subito generalmente una serie di
innalzamenti ed approfondimenti successivi.
A sud dell‟area in esame si rinviene la valle di Campanasissa, ereditata da
antichi sistemi idrografici, nella quale si ritrovano alcuni sedimenti fluviali
dell'Eocene.

4.1.3 Idrogeologia
Unità idrogeologiche dell‟area vasta
Sulla base dei litotipi e dell‟assetto geo-strutturale dell‟area studiata e di
considerazioni concernenti i meccanismi idraulici ed i parametri petrofisici
caratteristici, sono state identificate le principali Unità Idrogeologiche.
Di seguito si descrivono le caratteristiche dei terreni che affiorano nell‟area
in studio partendo da quelli più antichi del paleozoico sino ad arrivare ai depositi
recenti ed attuali del quaternario.
La formazione di Cabitza, che rappresenta il complesso terrigeno, è
intensamente piegata ma con fratturazione limitata ai soli banchi arenacei e
calcarei. Questa presenta permeabilità per fessurazione nulla o comunque scarsa.
Si ha una modesta circolazione limitatamente alle intercalazioni carbonatiche.
Il complesso carbonatico, con spessori compresi tra 500-1000 m, rappresenta
un acquifero assai complesso, il cui limite inferiore è dato dal Membro della
Dolomia Rigata mentre il Membro dei Calcari Nodulari rappresenta quello
superiore. Il primo Membro è scarsamente permeabile sia a causa della bassa
fratturazione sia della trascurabile carsificazione. Il secondo invece è
caratterizzata dalla presenza di livelli argillosi che divengono più consistenti
verso l‟alto. L‟acquifero, rappresentato dalla dolomia grigia e dal calcare ceroide
è soggetto a variazioni locali in funzione delle giaciture e della presenza di filoni.
Le due formazioni, pur avendo simile comportamento idrodinamico, si
differenziano per il fatto che la dolomia ha permeabilità per carsismo subordinata
rispetto a quella per fessurazione, mentre il calcare è permeabile per fessurazione
e per carsismo.
La parte terminale dei Calcari nodulari e gli Argilloscisti di Cabitza sono
prettamente impermeabili e danno origine ad importanti soglie di permeabilità.
Si distingue infine un complesso terrigeno a permeabilità assai variabile in
funzione della litologia e del grado di fratturazione conseguente agli stress
tettonici, comprendente i terreni ordoviciani e siluriani. Questi presentano spesso
una importante permeabilità per fessurazione e affiorano in modo discontinuo
nell‟area in studio a causa principalmente delle laminazioni tettoniche
determinate dalla messa in posto della sovrastante Unità dell‟Arburese.

62
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

L‟Unità dell‟Arburese rappresentata in questo territorio dalla Formazione


delle Arenarie di S. Vito è considerata prettamente impermeabile in virtù della
sua composizione litologica.
La Formazione del Cixerri è sostanzialmente impermeabile ma può dar
luogo a venute d‟acqua, per svuotamento di sacche in corrispondenza dei livelli
ghiaiosi.
La permeabilità delle vulcaniti risulta mediamente bassa ed è legata
esclusivamente alla fratturazione; i litotipi presenti risultano infatti permeabili
solo nelle aree più fratturate, favorendo così l‟infiltrazione delle acque
superficiali che danno luogo a degli accumuli idrici di modesta entità. La
morfologia, spesso tormentata, non favorisce tuttavia un‟ottimale infiltrazione
dell‟acqua.
I depositi alluvionali olocenici e attuali, che si rinvengono lungo una fascia
più o meno ampia attorno ai corsi d‟acqua principali, presentano una porosità
efficace maggiore dei depositi alluvionali pleistocenici. Conseguentemente la
loro permeabilità è generalmente medio-alta, anche se si possono avere, in
funzione della percentuale di materiali fini presenti, situazioni in cui la
permeabilità decresce ed altre in cui invece aumenta consistentemente. Nei
depositi alluvionali pleistocenici invece la permeabilità è generalmente media,
localmente può essere medio-bassa.
I depositi alluvio-colluviali e di glacis che si rinvengono alla base dei
versanti, composti da clasti eterometrici, immersi in matrice argillosa-sabbiosa,
presentano permeabilità da scarsa a media. Il grado permeabilità è funzione della
maggior o minor quantità di materiali fini presenti.
Unità idrogeologiche dell‟area di Zinnigas
Come precedentemente indicato la successione stratigrafica che tipicamente
caratterizza quest‟area presenta nella sua parte sommitale la Formazione del
Cixerri. Questa formazione è tipicamente caratterizzata da una permeabilità da
bassa a molto bassa per porosità e non ospita pertanto al suo interno nessun
significativo acquifero.
Su questa formazione poggiano normalmente le formazioni Cambro-
Ordoviciane dell‟Unità Tettonica dell‟Arburese che sono sovrascorse sulle
formazioni autoctone Ordoviciano-Siluriane.
Le formazioni Cambro-Ordoviciane sono caratterizzate da permeabilità da
bassa a molto bassa per fratturazione e costituiscono pertanto un nuovo orizzonte
idrogeologicamente improduttivo.
In quest‟area l‟orizzonte acquifero è invece costituito dalle sottostanti
formazioni Ordoviciano-Siluriane, caratterizzate da un elevato grado di
fratturazione che conferisce alle stesse una permeabilità per fratturazione
generalmente elevata.

63
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Le indagini realizzate dall‟Università di Cagliari in quest‟area hanno


attraversato questa formazione per non più di 40 m, ma i principali dati
bibliografici indicano che in quest‟area questa formazione presenta uno spessore
nell‟ordine dei 150 m (Bordicchia et alii, 2002).
Modello concettuale di funzionamento dell‟acquifero
I dati idrogeologici appena esposti evidenziano pertanto in quest‟area la
presenza di un acquifero caratterizzato da forti spessori ed elevate permeabilità.
Le formazioni poco permeabili che si poggiano su questo acquifero determinano
un importante confinamento di questa falda acquifera, quasi sempre in pressione
e talvolta artesiana, che garantisce alla stessa un buon tasso di protezione rispetto
ad eventuali inquinamenti superficiali.
A causa della forte complessità geo-strutturale e della grande estensione
delle strutture tettoniche di quest‟area risulta piuttosto complicato definire
l‟estensione areale di questo acquifero.
Infatti il bacino idrografico che caratterizza l‟area delle captazioni ha
un‟estensione di soli 0,5 Km2 (Bordicchia et alii, 2002) a fronte di una risorsa
idrica captata molto produttiva, che indica un bacino idrogeologico molto più
esteso.
L‟unico limite idrogeologico netto che caratterizza questo acquifero è quello
settentrionale, rappresentato dalla faglia del Cixerri che mette a contatto
l‟acquifero con la formazione scarsamente permeabile del Cixerri, che delimita
pertanto meridionalmente l‟acquifero (Bordicchia et alii, 2002; Leone et alii,
1991).
Tutti gli studi precedentemente svolti su quest‟area hanno evidenziato come
tutta l‟area di Siliqua sia caratterizzata dalla presenza di imponenti strutture
tettoniche, che determinano una modalità di circolazione idrogeologica molto
complessa, con una sovente circolazione idrica molto profonda e frequenti
risalite di queste acque tramite faglie e fratture.
Allo stato attuale della ricerca è pertanto ancora impossibile definire con
precisione il reale bacino idrogeologico e le aree di alimentazione che
caratterizzano questa risorsa.
Appare in ogni caso evidente come vi debba essere una connessione
idrogeologica tra il bacino idrografico precedente descritto ed i bacini idrografici
che caratterizzano le aree paleozoiche a monte di questo bacino.
Pur non essendo in grado di definire con esattezza i limiti del bacino
idrogeologico che alimenta l‟area delle captazioni Bordicchia et alii indicano
come l‟alimentazione di questo sistema avviene su un bacino presumibilmente
delimitato da uno spartiacque che delimita le cime del M.te Orri, M.te Sisineddu,
Perda Bianca, Guardia Nucciau e Concas Arrubias.

64
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

I dati piezometrici rilevati e la difficoltà di correlazione tra gli stessi, tipica


degli acquiferi fessurati, non permettono di tracciare una superficie piezometrica
in quest‟area ma mostrano una principale direzione di deflusso idrico sotterraneo
orientata da sud verso nord.
Prelievi in atto sull‟acquifero
Come precedentemente descritto l‟acquifero è oggetto dell‟attività di
emungimento da parte della Sarda Acque Minerali dalla metà degli anni ‟60.
L‟attività, iniziata con l‟estrazione e l‟emungimento dell‟acqua San Giorgio,
è stata poi caratterizzata da numerosi interventi di manutenzione e rinnovamento
delle captazioni, sino a giungere alla situazione attuale, per la quale si ha
l‟emungimento da 5 pozzi, uno per ognuna delle etichette in vendita.
Al fine di quantificare i prelievi che hanno caratterizzato e che caratterizzano
attualmente l‟acquifero e gli abbassamenti piezometrici che gli stessi hanno
determinato si riporta di seguito per ogni etichetta una tabella riassuntiva degli
emungimenti operati negli ultimi 15 anni.
Va inoltre precisato che, al fine di valutare il carico complessivamente
incidente sull‟acquifero, oltre al calcolo dei prelievi in corso da parte della
S.A.M., si è proceduto a verificare se nel sistema fossero in atto altre
significative captazioni. Per questo nel bacino idrografico oggetto delle
captazioni è stata effettuata una verifica presso il Settore Ambiente - Ufficio
Acque della Provincia di Cagliari sull‟eventuale presenza di altri pozzi ed è stato
poi fatto un rilievo dell‟area finalizzato alla stessa verifica tramite la
consultazione di foto aeree ed il rilievo sul campo. La verifica aerofotografica e il
rilievo di campo sono stati inoltre estesi anche alle aree limitrofe al bacino
idrografico per verificare la possibilità che vi fossero significativi emungimenti
in atto nei bacini idrografici presumibilmente collegati idrogeologicamente al
bacino idrografico oggetto della coltivazione. Tutte queste ricerche hanno dato
esito negativo, evidenziando come gli emungimenti operati dalla S.A.M. siano
gli unici significativi prelievi incidenti sull‟acquifero.

65
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Studio del bacino idrogeologico e analisi delle modalità di ricarica


dell‟acquifero
Come precedentemente evidenziato tutti i dati acquisiti mostrano come
l‟area estrattiva si trova all‟interno di un bacino idrografico molto ridotto; lo
stesso ha infatti una superficie di circa 0,5 Km2 ed è delimitato da P.ta Bega Is
Scalas, P.ta sa Perrima e Arcu Pilloni Caria.
In considerazione delle caratteristiche idrogeologiche del sistema appare
evidente come il bacino idrogeologico sia sensibilmente maggiore rispetto a
questo bacino idrografico, anche se allo stato attuale degli studi non è stato
possibile delimitarlo in modo netto.
In ogni caso gli studi condotti in quest‟area dall‟Università di Cagliari
(Bordicchia et alii, 2002) indicano come l‟alimentazione di questo sistema
“avviene su un bacino presumibilmente delimitato da uno spartiacque che
delimita le cime del M.te Orri, M.te Sisineddu, Perda Bianca, Guardia Nucciau e
Concas Arrubias”, caratterizzato da un‟estensione di 7,8 Km2.
Pertanto, al fine di stimare l‟entità delle risorse idriche caratterizzanti
l‟acquifero oggetto della captazione, si è considerato il bacino ipotizzato in
questo studio e si sono considerati dei valori relativamente a tutti i parametri di
bilancio analoghi a quelli definiti dall‟Università di Cagliari. Pertanto si è
considerato un afflusso meteorico medio annuo di 876 mm, così come risultante
dalla media dei deflussi registrati negli ultimi 50 anni nelle stazioni di Terraseu e
Min. Rosas, una temperatura media fittizia di 15,6°C, un‟infiltrazione effettiva
del 20%, ed una evapotraspirazione reale annua di 379 mm.
Questi dati permettono di calcolare un teorico volume annuo di infiltrazione
nell‟acquifero di circa 800000 m3.
A fronte di questa ricarica, per il calcolo dei complessivi emungimenti in
atto nell‟acquifero, sono stati sommati gli emungimenti effettuati nel corso del
2012 dai 5 pozzi di captazione precedentemente descritti, che hanno dato un
valore di circa 315000 m3.

4.1.4 Clima
E‟ stato eseguito uno studio climatico sulla base di dati pluvio-termometrici
delle stazioni più prossime al territorio in studio, in quanto nella zona di Zinnigas
non sono presenti stazioni di rilevazione continua.
Le stazioni meteo prese in esame sono:
70
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

 Stazione di Siliqua, a nord-est di Zinnigas. Quota topografica 53 m;


 Stazione di Campanasissa, a nord-est di Zinnigas. Quota topografica 53
m;
 Stazione di Villamassargia, a sud del centro abitato di Villamassargia e a
sud ovest dell‟area di Zinnigas. Quota topografica 154 m;
 Stazione di Monte Rosas, a sud-ovest di Zinnigas. Quota topografica 326
m;
 Stazione di Terraseu, a sud-ovest di Zinnigas. Quota topografica 325 m.
Le stazioni meteo considerate sono state scelte sia in funzione della distanza
rispetto all‟area della concessione mineraria di Zinnigas, che non è
eccessivamente ampia, sia in funzione della posizione topografica occupata, con
lo scopo di analizzare i parametri climatici sia dell‟area montana (Stazione di
Campanasissa, Terraseu e Monte Rosas) sia di quella sub-pianeggiante (Stazione
di Siliqua e Stazione di Villamassargia) tenendo in debita considerazione che
l‟area in studio rappresenta un‟area di raccordo tra le due diverse zone
morfologiche.
Per determinare le caratteristiche climatiche della zona, sono stati elaborati
statisticamente i dati contenuti nel “Nuovo Studio dell‟Idrologia Superficiale
della Sardegna – R.A.S.” relativi ai principali elementi climatici: temperatura e
precipitazioni. Da questi sono stati poi costruiti i diagrammi termici,
pluviometrici ed i relativi diagrammi di Bagnouls e Gaussen delle stazioni
considerate per gli anni 1922-1992. Si precisa che per la stazione di
Campanasissa sono disponibili solamente dati pluviometrici.
Per tutte le stazioni considerate, come riportato in tabella 7, risulta che le
temperature più basse sono relative ai mesi di Dicembre, Gennaio e Febbraio; a
Dicembre si hanno valori compresi tra 10,20 °C (stazione di Terraseu) e 8,8 °C
(stazione di Monte Rosas), mentre a Gennaio le medie mostrano valori inferiori a
10,2 °C, e i valori più bassi si registrano nella stazione di Siliqua (7,9 °C). A
Febbraio, infine, si hanno valori compresi tra 9,9 °C (stazione di Siliqua) e 8,8 °C
(stazione di Terraseu).
I mesi più caldi sono Luglio, con valori compresi tra 24,6 °C (stazione di
Terraseu) e 25,7 °C (stazione di Villamassargia), ed Agosto, con valori compresi
tra 25,0 °C (stazione di Monte Rosas) e 26,5 °C (stazione di Siliqua). Almeno
quattro mesi (Giugno, Luglio, Agosto e Settembre), presentano una temperatura
media superiore ai 20 °C. Tale innalzamento termico è dovuto alla presenza di
masse d‟aria tropicali che insistono in questo periodo in tutto il mediterraneo. La
temperatura media annua oscilla tra 15,8 °C (stazione di Monte Rosas) e 16,8 °C
(stazione di Siliqua). Ciò determina una rapida trasformazione della sostanza
organica, che si riflette in un basso tenore in humus nei suoli. Le temperature
assumono i caratteri tipici dell‟ambiente mediterraneo.

71
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

L‟insularità della Sardegna e la breve distanza dal mare della zona in esame,
determinano un clima mite; l‟entità dei rilievi e la loro distribuzione, grosso
modo in senso meridiano, cioè parallelo alla direzione delle correnti dominanti,
fa in modo che il Sulcis-Iglesiente sia fortemente influenzato dalle correnti umide
medio-atlantiche. Questo determina una maggiore piovosità del Sulcis-Iglesiente
rispetto ad altre zone della Sardegna, come ad esempio quelle del basso
Campidano. E‟ da tenere presente che la piovosità è in funzione dell‟altitudine,
aumenta cioè all‟aumentare della quota topografica; infatti, la pioggia che cade
nell‟arco dell‟anno è sempre maggiore nelle zone montuose, dove può superare i
1000 mm annui, mentre nelle pianure, come nella Valle del Cixerri in cui è
presente l‟abitato di Siliqua, non sempre si superano i 600 mm annui.
E‟ interessante notare anche come il periodo di aridità estiva sia mediamente
di tre mesi e come in casi non rari superi anche i quattro mesi.
Gli eventi di tipo alluvionale si verificano solitamente nel periodo tardo
estivo e nella prima parte dell‟autunno. In maniera improvvisa si passa infatti
dalla fase di aridità prolungata ad un periodo di piogge consistenti che si
verificano in un arco temporale molto breve. Tutto ciò contribuisce sovente al
verificarsi di fenomeni alluvionali anche di dimensioni rilevanti.
I mesi più piovosi sono Ottobre, Novembre, Dicembre e Gennaio, al quale fa
seguito un periodo asciutto più o meno lungo secondo le annate. I massimi
piovosi si hanno, per tutte e cinque le stazioni, nel mese di Dicembre: stazione di
Campanasissa con 140,6 mm; stazione di Villamassargia con 98,3 mm; stazione
di Monte Rosas con 129,6 mm; stazione di Siliqua con 92,8 mm; stazione di
Terraseu con 127,70 mm. Le medie annue delle precipitazioni individuano in
Villamassargia (646,8 mm) e Siliqua (622,1 mm) le stazioni meno piovose. Tali
valori, essendo registrati nelle stazioni a più bassa quota, possono caratterizzare
con buona approssimazione i territori della Valle del Cixerri, ove è compreso il
settore più settentrionale e subpianeggiante del territorio comunale di
Villamassargia. I dati registrati nelle stazioni di Monte Rosas, Terraseu e
Campanasissa sono invece sempre superiori a 800 mm. Queste stazioni, essendo
prossime al settore più meridionale dell‟area Zinnigas ed essendo localizzate a
quote superiori rispetto alle precedenti, possono essere quindi utilizzate con
buona approssimazione per caratterizzare la piovosità media annua del territorio
montano di Siliqua.
Tra l‟inizio di Febbraio e l‟inizio di Maggio, l‟andamento delle
precipitazioni è abbastanza costante. I mesi meno piovosi, per tutte e cinque le
stazioni, sono invece Luglio e Agosto. Il regime pluviometrico delle stazioni
considerate è di tipo A. I. P. E., quindi con valori decrescenti di precipitazioni
dall‟Autunno-Inverno-Primavera-Estate.
Secondo Le Lannou (1941) e Peguy (1961), la Sardegna è caratterizzata da
due regimi massimi raddoppiati: uno autunno-invernale ed uno primaverile.
Inoltre, esiste un breve periodo arido invernale, che nell‟isola è conosciuto col

72
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

nome di secche di Gennaio. Infatti, durante i mesi di Gennaio e Febbraio, l‟isola


cade sotto l‟influenza dell‟anticiclone freddo continentale, che le assicura un
periodo di relativa stabilità climatica, in cui le precipitazioni sono assenti. Il
fenomeno, però, può essere piuttosto breve. Per questo le temperature dei mesi di
Gennaio, Febbraio e, molto più raramente, Marzo non si discostano troppo dalla
media invernale. Le considerazioni fatte per i dati termopluviometrici delle
stazioni in esame, concordano con le teorie di Le Lannou (1941) e Peguy (1961).
La quantità delle precipitazioni è variabile da un anno all‟altro. Sussiste,
quindi, il fenomeno dell‟infedeltà pluviometrica (Arrigoni, 1968). In ogni caso,
pare che nell‟ultimo ventennio le precipitazioni siano diminuite sopratutto nei
mesi di Gennaio e Febbraio. Ciò dimostra che nella nostra isola vi è un reale
pericolo di andare incontro ad un fenomeno di siccità prolungata.
I diagrammi ombrotermici, inoltre, hanno confermato le somiglianze
climatiche delle quattro stazioni considerate: le curve dei diagrammi, pur avendo
picchi differenti soprattutto nei valori pluviometrici, mostrano lo stesso
andamento, come si può osservare nei grafici 3, 4, 5,6.
Tali grafici riportano sull‟ascissa i mesi dell‟anno e sull‟ordinata le
precipitazioni e le temperature. I valori delle precipitazioni sono riportati in scala
doppia rispetto alle temperature. Il diagramma cosi elaborato, consente il
confronto grafico fra il regime termico annuale e quello pluviometrico. Secondo
Gaussen (1954), quando la curva delle precipitazioni va al di sotto di quella delle
temperature (P<2T), il periodo deve considerarsi secco.

Tabella 7. temperature medie mensili (1922-1992), espresse in °C


STAZIONE G F M A M G L A S O N D
SILIQUA 7,90 9,90 12,70 13,00 17,50 21,10 25,50 26,50 23,50 18,60 14,30 9,10
VILLAMASSARGIA 9,50 9,00 13,60 12,40 14,90 21,80 25,70 26,10 24,10 18,10 13,00 9,50
MONTE ROSAS 10,20 8,90 12,70 12,10 15,20 20,60 25,40 25,00 22,60 16,80 12,90 8,80
TERRASEU 9,30 8,80 11,40 12,50 16,20 20,20 24,60 25,20 21,90 17,60 13,30 10,20

73
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

DIAGRAMMA TERMICO
MEDIE (1922-1992)
T(°C)

30

25

20

15

10

5 SILIQUA

VILLAMASSARGIA
0
G F M A M G L A S O N D
MONT E ROSAS
MESI
Grafico 1. T ERRASEU

Tabella 8. precipitazioni medie mensili (1922-1992), espresse in mm.


STAZIONE G F M A M G L A S O N D
SILIQUA 70,70 69,70 57,70 45,40 35,90 14,80 5,40 10,80 42,00 85,80 89,00 92,80
CAMPANASISSA 109,90 103,30 86,70 58,90 44,80 11,40 7,10 11,60 37,40 110,10 115,80 140,60
VILLAMASSARGIA 86,90 81,40 69,20 52,30 34,00 10,90 3,80 9,30 33,10 76,50 94,90 98,30
MONTE ROSAS 123,20 109,40 89,60 66,80 44,90 12,00 6,10 11,60 39,60 100,10 123,40 129,60
TERRASEU 121,20 109,30 78,30 66,90 46,60 17,00 4,60 12,50 40,80 88,50 115,00 127,70

DIAGRAMMA PLUVIO METRICO


MEDIE (1922-1992)
P (mm)

160

140

120

100

80

60

40
SILIQUA
20
CAMPANASISSA
0
VILLAMASSARGIA
G F M A M G L A S O N D
MONT E ROSAS
MESI
Grafico 2. T ERRASEU

74
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

DIAGRAMMA O MBRO TERMICO


P (m m ) STAZIO NE DI SILIQ UA T (°C)
(Medie 1922-1992)
140 70

120 60

100 50

80 40

60 30

40 20

20 10

0 0
G F M A M G L A S O N D
MESI P RECIP ITA ZIONI
Grafico 3.
TEM P ERA TURE

DIAGRAMMA O MBRO TERMICO


P (m m ) STAZIO NE DI MO NTE RO SAS T (°C)
(Medie 1922-1992)
140 70

120 60

100 50

80 40

60 30

40 20

20 10

0 0
G F M A M G L A S O N D
MESI P RECIP ITA ZIONI
Grafico 4.
TEM P ERA TURE

75
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

DIAGRAMMA O MBRO TERMICO


P (m m ) STAZIO NE DI VILLAMASSARGIA T (°C)
(Medie 1922-1992)
140 70

120 60

100 50

80 40

60 30

40 20

20 10

0 0
G F M A M G L A S O N D
MESI P RECIP ITA ZIONI
Grafico 5.
TEM P ERA TURE

DIAGRAMMA O MBRO TERMICO


P (m m ) STAZIO NE DI TERRASEU T (°C)
(Medie 1922-1992)
140 70

120 60

100 50

80 40

60 30

40 20

20 10

0 0
G F M A M G L A S O N D
MESI PRECIPITAZIONI
Grafico 6.
TEM PERATURE

L‟analisi dei venti rappresenta un altro aspetto importante nello studio del
clima di un‟area. I venti locali appaiono influenzati sia dalla circolazione
atmosferica generale che dal rilievo, quest‟ultimo è in grado di modificare anche
notevolmente la direzione e l‟intensità dei venti. Per verificare quali di questi
risultano dominanti nell‟area si è fatto riferimento ai dati relativi alle stazioni

76
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

meteorologiche dell‟Aeronautica Militare. Da tali tabulati si evidenzia come nel


settore sulcitano si ha una circolazione dominante avente direzione nord-ovest ed
una subprevalente con direzione sud-est. Questo concorda anche con
l‟orientamento generale dei sistemi montuosi che assumono prevalentemente una
direzione NW-SE.
Il vento di maestrale tende a disporsi più da nord in tutte le aree costiere
dell‟Iglesiente e della parte occidentale del Sulcis, dove la vicinanza del rilievo
alla costa modifica la direzione del vento.
Nella piana del Cixerri, essendo orientata W-E, ruota in senso inverso
disponendosi da W e assumendo i connotati di un vento di ponente.
In tutte le restanti zone non si osservano invece particolari variazioni della
direzione.
Per quanto riguarda la componente da sud-est, va notato come anche in
questo caso la vicinanza dei rilievi al mare influisce sulla direzione locale dei
venti, specie nella parte più occidentale e meridionale del Sulcis. Lo scirocco
tende infatti a ruotare e ad assumere la direzione est lungo tutta la costa del sud e
nella piana del Cixerri.

4.1.5 Aria
Nello studio sulla qualità dell‟aria di Zinnigas, non essendo presenti delle
centraline di rilevazione, si è fatto riferimento alle “Relazioni annuali sulla
qualità dell'aria in Sardegna” per gli anni compresi tra il 2005 ed il 2010 redatti
dall'Assessorato della Difesa dell'Ambiente della Regione Autonoma della
Sardegna.
In questi documenti, viene fatta un‟analisi annuale sulla qualità dell'aria nel
territorio regionale, suddiviso per aree omogenee, sulla base dei dati provenienti
dalla rete di monitoraggio regionale, con particolare riguardo alle aree industriali
e ai principali centri urbani, gestita attualmente dall'ARPAS e dalla rete del
comune di Cagliari.
La rete pubblica regionale è attualmente in fase di adeguamento, dal
momento che è stata progettata e realizzata nel decennio 1985-1995 secondo
logiche che la normativa ha modificato almeno in parte; ad esempio alcuni
inquinanti ora presi in considerazione dalla normativa, quali benzene e PM10,
non lo erano al momento della realizzazione della rete. Inoltre, nel frattempo è
andato modificandosi il quadro regionale delle sorgenti emissive, soprattutto a
seguito della crisi di alcuni comparti industriali e della progressiva introduzione
di tecnologie e carburanti meno inquinanti, in particolare nell‟ambito dei
trasporti.
Il progetto di adeguamento è articolato sulla base di alcuni risultati e
indicazioni dello studio realizzato dall‟Assessorato della Difesa dell‟Ambiente,

77
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

denominato “Realizzazione dell‟inventario regionale delle sorgenti di emissione,


del documento sulla valutazione della qualità dell‟aria ambiente in Sardegna e
individuazione delle possibili misure da attuare per il raggiungimento degli
obiettivi di cui al D.lgs. 351/99” approvato con delibera della Giunta Regionale
n. 55/6 del 29.11.2005.
Tale studio aveva evidenziato per quanto riguarda la salute umana, alcune
criticità relative al biossido di zolfo e ai PM10 (e qualche volta all‟ozono, sul
quale però è più difficile intervenire essendo in parte di provenienza extra-
regionale) indicando, complessivamente, come zone/agglomerati da risanare
alcune delle zone potenzialmente critiche indicate durante la prima fase di
valutazione, precisamente: l‟agglomerato di Cagliari, comprendente i comuni di
Cagliari, Quartu S.E., Quartucciu, Selargius, Monserrato, la zona di Sarroch, la
zona di Portoscuso, la zona di Porto Torres e la zona di Sassari. Per quanto
riguarda gli ecosistemi lo studio aveva invece evidenziato una situazione di
rischio moderato ma sufficientemente diffuso per l‟ozono e situazioni di elevate
concentrazioni di SO2 nelle aree di Sarroch, Portoscuso, Porto Torres e Sassari,
quest‟ultima anche per l‟influenza delle emissioni dell‟area industriale di Porto
Torres.
Considerato che nell‟agglomerato di Cagliari, comprendente anche i comuni
di Quartu Sant‟Elena, Quartucciu, Selargius, Monserrato, sono presenti
importanti ecosistemi da preservare (stagni di Molentargius e Santa Gilla) si era
ritenuto opportuno indicare per gli ecosistemi le stesse zone definite per la
protezione della salute umana; in tal modo la zonizzazione per la protezione degli
ecosistemi e per la protezione della salute umana venivano a coincidere.
Gli elementi di incertezza che derivano sia dalle stime modellistiche, sia dai
risultati del monitoraggio hanno fatto inoltre ritenere prudente proporre, anche
alla luce dei risultati della fase preliminare dello studio, un elenco di zone da
tenere sotto controllo con un adeguato monitoraggio, oltre naturalmente a quelle
da risanare. Queste zone comprendono i territori dei maggiori centri urbani e i
comuni nelle cui vicinanze sono presenti attività industriali o comunque pressioni
ambientali di rilievo, come porti e aeroporti; nello specifico comprendono i
territori di Alghero, Olbia, Siniscola, Nuoro, Ottana, Macomer, Oristano,
Nuraminis, Samatzai, San Gavino, Villacidro, Villasor, Iglesias, Carbonia,
Gonnesa, Sant‟Antioco, San Giovanni Suergiu, Villa San Pietro, Pula, Assemini,
Elmas.
Da una prima analisi dei suddetti documenti si evince che l‟area di Zinnigas
non rientra nell‟elenco delle zone da monitorare da parte della regione e pertanto
non sono presenti centraline e non è in progetto la loro futura installazione.
Inoltre, essendo considerevole la distanza tra l‟area di Zinnigas e i centri
industriali di Portoscuso ad Ovest, Macchaireddu ad Est e Sarroch a Sud est si
ritiene che non esistano altre situazioni di criticità per la componente aria nelle
vicinanze del sito e che lo stato qualitativo della componente sia buono.

78
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.1.6 Suolo

4.1.6.1 Inquadramento Geopedologico dell’area vasta


La ricerca bibliografica dei dati pedologici esistenti (fattori di formazione del
suolo e caratteristiche pedologiche), della cartografia ufficiale e l‟esecuzione di
rilievi in campo ha permesso l‟analisi e l‟individuazione delle diverse unità
pedologiche presenti nel territorio. In particolare si è fatto riferimento al
“Database pedologico georeferenziato e alla Carta dei Suoli della Sardegna”,
elaborati dal Dipartimento di Ingegneria del Territorio e dal Nucleo Ricerca
Desertificazione dell‟Università degli Studi di Sassari. Le unità pedologiche
rappresentano porzioni di territorio ad uguale comportamento per tipo ed
intensità di processo morfogenetico, entro le quali è possibile includere
un‟associazione di suoli differenti, ma comunque accomunati da parametri fisici
omogenei, quali substrato litologico, copertura vegetale, uso del suolo, quota,
pendenza, tipo ed intensità di erosione. I suoli vengono quindi riuniti su superfici
sufficientemente omogenee sia per attitudini naturali sia nelle risposte agli usi cui
queste aree sono sottoposte in rapporto al tipo, o ai tipi, di suolo in esse presenti.
Nell‟area in esame si possono distinguere le seguenti unità pedologiche riunite
nelle diverse unità di paesaggio.

A – Paesaggi su calcari, dolomie e calcari dolomitici del Paleozoico e del


Mesozoico e relativi depositi di versante
A1-unità cartografica 1.
Tale unità è ampiamente diffusa in corrispondenza delle aree con forme
accidentate, da aspre a subpianeggianti, prevalentemente prive di copertura
arbustiva ed arborea. Prevale la roccia affiorante e suoli a spessore variabile nelle
anfrattuosità della roccia con profili A-R e A-Bt-r. Le tipologie pedologiche
prevalenti sono rappresentate da Rock Outcrop e Lithic Xerorthents, mentre i
Rhodoxeralfs e gli Haploxerolls sono i suoli subordinati. I suoli sono
generalmente argillosi, poco permeabili, neutri, saturi. La pietrosità e la
rocciosità sono elevate. L‟unità ricade nelle VIII - VII classi di capacità d‟uso,
con limitazioni dovute alla rocciosità e pietrosità elevata. I suoli di questa unità,
nonostante il forte pericolo d‟erosione a cui sono soggetti, vengono spesso
destinati al pascolo. Su queste aree è auspicabile la totale eliminazione di
qualsiasi forma di utilizzazione, se non quelle del ripristino naturale.

A2-unità cartografica 2.
In questa unità le condizioni pedoambientali consentono lo sviluppo di
specie arbustive ed arboree, anche se spesso appaiono fortemente degradate dal
sovrapascolamento, dal ripetersi degli incendi e dalle lavorazioni su superfici
anche a forte pendenza. il profilo dei suoli è prevalentemente di tipo A-R, A-Bw-

79
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

R, A-Bt-R e subordinatamente Rock Outcrop. Le tipologie pedologiche


prevalenti sono rappresentate da Lithic e Typic Xerorthents, Lithic e Typic
Rhodoxeralfs, Lithic e Typic Xerochrepts, Rock Outcrop mentre gli Xaploxeroll
sono i suoli subordinati. I suoli sono da poco profondi a profondi, con tessitura
da franco sabbio argillosa ad argillosa, da mediamente a poco permeabili, neutri,
saturi. L‟unità ricade nelle classi VII – VI di capacità d‟uso, con limitazioni a
tratti dovute alla scarsa profondità ed alla rocciosità e pietrosità elevate, al forte
pericolo erosivo. Su questa unità oltre ad evitare il pascolamento sarebbe
opportuna la conservazione e l‟infittimento della vegetazione naturale. E‟ altresì
possibile l‟utilizzazione agricola su modeste superfici pianeggianti e con suoli
profondi.

B - Paesaggi su metamorfiti del Paleozoico e relativi depositi di versante


B1-unità cartografica 3.
Tale unità è diffusa in corrispondenza delle aree con forme aspre e con
pendenze elevate, prevalentemente prive di copertura arbustiva ed arborea.
Prevale la roccia affiorante mentre i suoli, di spessore limitato, sono diffusi su
modeste superfici. Dove non risulti la presenza di affioramenti rocciosi (Rock
outcrop), il profilo dei suoli è prevalentemente di tipo A-C e subordinatamente
A-Bw-C. Le tipologie pedologiche prevalenti sono rappresentate da Rock
outcrop, Lithic, Dystric e Typic Xerorthents, mentre quelli subordinati sono gli
Xerochrepts. I suoli sono poco profondi, con tessitura da franco sabbiosa a franco
argillosa, mediamente permeabili, subacidi, parzialmente desaturati. La pietrosità
e la rocciosità sono elevate. L‟unità ricade nelle classi VIII – VII di capacità
d‟uso, con limitazioni dovute alla scarsa profondità, alla rocciosità e pietrosità
elevata, eccesso di scheletro, al forte pericolo erosivo. Sui suoli di questa unità, si
dovrebbe eliminare l‟utilizzazione pascolativa, favorendo la conservazione ed il
ripristino della vegetazione naturale.

B2-unità cartografica 4.
Tale unità è ampiamente diffusa in corrispondenza delle aree con forme da
aspre a subpianeggianti al di sotto di 800-1000 m con scarsa copertura arbustiva
ed arborea. La posizione fisiografica occupata è del versante medio alto.
Localmente i processi erosivi di natura gravitativa, idrica diffusa ed idrica
incanalata, determinano un ringiovanimento del profilo. Frequentemente infatti si
riscontrano ampie superfici denudate con roccia affiorante. Ove non risulti la
presenza di affioramenti rocciosi (Rock outcrop), il profilo è prevalentemente di
tipo A-C, A-Bw-C e subordinatamente A-Bt-C. Le tipologie pedologiche
prevalenti sono rappresentate da Typic, Dystric e Lithic Xerorthents; Typic,
Dystric e Lithic Xerochrepts, mentre quelle subordinate sono: Palexeralfs;
Haploxeralfs; Rock Outcrop e Xerofluvents. I suoli sono da poco a mediamente
profondi, con tessitura da franco sabbiosa a franco argillosa, da permeabili a
80
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

mediamente permeabili, subacidi, parzialmente desaturati. La pietrosità e la


rocciosità sono elevate. L‟unità ricade nelle classi VII – VI di capacità d‟uso, con
limitazioni dovute alla scarsa profondità, alla rocciosità e pietrosità elevata, al
forte pericolo erosivo. I suoli di questa unità, nonostante il forte pericolo
d‟erosione a cui sono soggetti, vengono spesso destinati al pascolo e alle
coltivazioni agrarie.

H-Paesaggi su argille, arenarie e conglomerati (Formazione del Cixerri e di


Ussana) dell‟ eocene, oligocene e miocene
H1-unità cartografica 25.
Tale unità è ampiamente diffusa in corrispondenza delle aree con forme
ondulate e brevi tratti sub pianeggianti con prevalente utilizzazione agricola. Il
profilo è prevalentemente di tipo A-C, A-Bw-C e A-Bk-C. Le tipologie
pedologiche prevalenti sono rappresentate da Typic e Lithic Xerorthents; Typic e
Lithic Xerochrepts; Calcixerollic Xerochrepts. I suoli sono da poco profondi a
profondi, con tessitura da franco sabbiosa a franco sabbiosa argillosa, da
permeabili a mediamente permeabili, da neutri a subalcalini, saturi. L‟unità
ricade nelle classi II – III di capacità d‟uso, con limitazioni a tratti dovute alla
scarsa profondità, eccesso di scheletro e di carbonati e al drenaggio lento dovuto
alla natura del substrato impermeabile, forte pericolo erosivo.

D - Paesaggi su rocce effusive acide (andesiti, rioliti, riodaciti) ed


intermedie (fonoliti) del cenozoico e loro depositi di versante e colluvi
D1-unità cartografica 13.
Tale unità è ampiamente diffusa in corrispondenza delle aree con forme
generalmente aspre, prevalentemente prive di copertura arbustiva ed arborea.
Prevale la roccia affiorante mentre i suoli, a minimo spessore, sono limitati a
modeste superfici. Ove non risulti la presenza di affioramenti rocciosi (Rock
outcrop), il profilo è prevalentemente di tipo A-C e subordinatamente A-Bw-C.
Le tipologie pedologiche prevalenti sono rappresentate da Rock Outcrop e Lithic
Xerorthents, mentre gli Xerochrepts sono i suoli subordinati. I suoli sono poco
profondi, con tessitura da franco argillosa ad argillosa, da mediamente a poco
permeabili, neutri, saturi. La pietrosità e la rocciosità sono elevate. L‟unità ricade
nella VIII classe di capacità d‟uso, con limitazioni dovute alla scarsa profondità,
alla rocciosità e pietrosità elevata, al forte pericolo erosivo. I suoli di questa
unità, nonostante il forte pericolo d‟erosione a cui sono soggetti, vengono spesso
destinati al pascolo. Su queste aree è auspicabile la totale eliminazione di
qualsiasi forma di utilizzazione, se non quelle del ripristino naturale.

81
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

I - Paesaggi su alluvioni e su arenarie eoliche cementate del Pleistocene


I1-unità cartografica 26.
In questa unità si colloca l‟area prevalentemente pianeggiante del territorio
comunale di Siliqua. Questa è caratterizzata da depositi alluvionali terrazzati
pleistocenici e la forma del paesaggio è prevalentemente piana, con pendenze
comprese tra lo 0 e il 6%, e quote inferiori a 200 m. s.l.m. I corpi alluvionali
presenti nella zona in studio sono disposti in una serie di superfici terrazzate che
degradano dolcemente verso il centro della valle del Cixerri, formando una piana
di modesta altitudine, in quanto si presentano per lo più spianate. L‟uso del suolo
dominante è quello agricolo, con coltivazioni arboree, orticole o erbacee, o
pascoli.
L‟evoluzione dei suoli è molto spinta con formazione di profili A-Bt-C e A-
Btg-Cg, caratterizzati dalla presenta di orizzonti argillici ben evidenziati.
Nonostante l‟abbondanza di scheletro, questi suoli presentano difficoltà di
drenaggio, che costituisce una delle principali limitazioni all‟uso agricolo. La
permeabilità è condizionata dall‟illuviazione di materiali argilliformi, dalla
cementazione e dall‟eccesso di sodio nel complesso di scambio. La stessa
destinazione d‟uso è condizionata da questi caratteri, talvolta difficilmente
modificabili. Sono inoltre caratterizzati da una tessitura da franco sabbiosa a
franco sabbioso argillosa in superficie e da franco sabbioso argillosa ad argillosa
in profondità.
L‟unità ricade nelle classi III – IV di capacità d‟uso, con limitazioni a tratti
dovute all‟eccesso di scheletro, al drenaggio interno lento e al forte pericolo di
erosione.
I suoli predominanti sono i Typic, Aquic, ed Ulitic Palexeralfs, mentre quelli
subordinati sono gli Xerochrepts e Xerofluvents.

L - Paesaggi su alluvioni e su conglomerati, arenarie eoliche e crostoni


calcarei dell‟Olocene
L1-unità cartografica 29.
Tale unità si rinviene in prossimità delle foci dei fiumi e lungo la parte finale
dei corsi d‟acqua, laddove la morfologia diviene leggermente depressa. I suoli
presentano un evoluzione piuttosto modesta con profili A-C o in maniera molto
subordinata, A-Bw-C. Si tratta di Suoli a componente di scheletro variabile, così
pure come variabile è la capacità di drenaggio, generalmente sono fertili e
presentano una elevata attitudine all‟uso agricolo (Classi I – II di capacità d‟uso).
I suoli predominanti sono i Typic, Vertic, Aquic e Mollic Xerofluvents con
subordinati Xerochrepts.

82
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.1.6.2 Geopedologia dell’area di Zinnigas


I suoli presenti in quest‟area, sono quelli dei paesaggi delle metamorfiti
(scisti, scisti arenacei, argilloscisti, ecc) del Paleozoico e relativi depositi di
versante, ed in maniera minore, quelli che si sviluppano sulla Formazione del
Cixerri.
L‟associazione di suoli caratterizzanti questa unità è ampiamente diffusa in
corrispondenza delle superfici anche a forte pendenza e sulle dorsali dei rilievi.
L'intensità dei processi erosivi che si esplicano su queste morfologie determinano
un continuo ringiovanimento del profilo del suolo. Ove non risulti la presenza di
affioramenti rocciosi (Rock Outcrop), il profilo è prevalentemente di tipo A-C e
A-R (Lithic e Typic Xerorthents) e subordinatamente di tipo A-Bw-C, dove i
processi erosivi risultano meno intensi (Lithic Haploxerepts). Sono poco
profondi, con tessitura franco-sabbiosa o sabbioso-franca. La pietrosità e la
rocciosità sono da comuni ad elevate. Il drenaggio superficiale è veloce, mentre
quello interno varia da normale a rapido.
I suoli che si sviluppano sulla Formazione del Cixerri occupano invece una
modesta porzione di superficie del settore settentrionale su morfologie ondulate e
nelle superfici di raccordo con la pianura. Localmente possono essere presenti
affioramenti di roccia che intervallano suoli poco evoluti, a profilo A-C, e con
debole spessore dell‟orizzonte superficiale. La tessitura varia da sabbiosa a
sabbioso-franca e lo scheletro va da comune a scarso. Il drenaggio superficiale è
normale, mentre quello interno è generalmente normale negli orizzonti
superficiali, ma rallenta in profondità a contatto con la roccia. Sono stati
individuati i seguenti sottogruppi: Lithic Xeropsamments, Typic Haploxerepts e
Typic Xerorthents. La copertura del suolo è caratterizzata localmente da una
macchia rada a cisto, che spesso si apre dando luogo al pascolo nudo.

4.1.7 Vegetazione
Attraverso la consultazione di carte topografiche a diversa scala e l‟analisi di
ortofoto in scala 1:10.000 sono stati programmati una serie di sopralluoghi volti a
verificare, ricercare e descrivere le differenti formazioni vegetali presenti nel
territorio in esame.
Il territorio dell‟area montana di Zinnigas è impervio, caratterizzato da
condizioni ecologiche differenti dovute alla presenza di corsi d‟acqua a carattere
torrentizio, alla diffusa presenza di roccia affiorante e di frammenti dovuti alla
loro erosione (pietraie) nonché dalla variabilità della profondità del substrato
pedogenetico che condizionano e determinano in maniera evidente la differente
composizione floristica. Occorre evidenziare che queste aree sono state per secoli
prevalentemente boscate, scarsamente antropizzate e, solo in questo secolo vi
sono state estese utilizzazioni forestali volte alla produzione di legna da ardere e
carbone.

83
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Tra le formazioni boschive prevalenti, che rivestono particolare importanza


botanico-naturalistica vi sono vasti nuclei forestali dominati dal leccio anche se è
evidente lo stato di degradazione di estese superfici ricoperte da macchia
mediterranea a composizione omogenea e derivante dalla degradazione della
foresta di sclerofille sempreverdi. Sulla base dei livelli altitudinali, si identificano
due tipi di lecceta:
 Leccete mesofile: localizzate nelle parti più alte dei versanti o lungo i
corsi d‟acqua, come si può osservare nei rilievi Arcu Pilloni Caria, Punta
Monte Orreddu e Monte Orri, sono caratterizzate da specie proprie dei
boschi sempreverdi densi ed ombrosi dell'area mediterranea, in
particolare da: Quercus ilex, Phyllirea latifolia, Arbutus unedo ed Erica
arborea.
 Leccete termofile: rispetto alle precedenti sono slegate dal fattore acqua e
per questa ragione maggiormente diffuse nell‟intero territorio in esame.
Caratterizzati da una buona partecipazione nel sottobosco di specie come:
Pistacia lentiscus, Olea europaea e Juniperus oxycedrus, questi boschi si
compenetrano verso l'alto con la lecceta mesofila e verso il basso con
boscaglie e macchie termofile. Si tratta prevalentemente di cedui
caratterizzati da una modesta elevazione e da un debole accrescimento
anche a causa della rocciosità ed aridità del substrato.

Di particolare interesse economico-forestale sono i boschi a prevalenza di


Quercia da sughero, vegetazione potenziale dell‟intera area con morfologia più
dolce. Da un punto di vista dinamico la sughereta è considerata come un "climax
antropico" ovvero una condizione di equilibrio dove l'uomo ha giocato e gioca un
ruolo importante, con tagli selettivi ed attività pastorale che hanno privilegiato la
sughera a svantaggio del leccio.
Rispetto al leccio la sughera è una specie più termofila e igrofila, che
necessità di suoli più sviluppati dal punto di vista pedogenetico.
I boschi di sughera in esame appaiono luminosi ed aperti e costituiti da un
numero variabile di individui; isolati o in numero ridotto come nel caso della
località Arcu Pilloni Caria e Punta Monte Orreddu, oppure in cenosi più
numerose come nel rilievo P.ta Bega is Scalas mentre in località Narboni Aresus,
ad est di Monte Orri, si distingue un bosco di sughera maggiormente esteso e
ricco di specie della macchia mediterranea, spesso associato alla presenza del
leccio con il quale può determinare in funzione alla sua maggiore frequenza,
formazioni più chiuse.
Nei primi anni ‟90, un‟ampia porzione di territorio nei pressi della Miniera
di Rosas e del Monte Orri è stata oggetto di lavori di rinaturalizzazione, con
l‟eliminazione della vegetazione non autoctona impiantata negli anni precedenti

84
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

(in prevalenza eucalipti) che è stata gradualmente sostituita da impianti di


sughera.

Un altro tipo di vegetazione frequente sono le macchie di degradazione della


lecceta, presente nelle località Arcu Pilloni Caria, Punta Monte Orreddu, Punta
Bega is Ortus, ed in generale in tutto il settore Sud-Orientale. Queste sono
derivanti dalle locali intense utilizzazioni boschive, dagli incendi e dal pascolo.
In linea generale si tratta di formazioni molto fitte, con altezza variabile tra 2 e 5
m, con residui di matricine e polloni del ceduo di leccio preesistente. Vengono
distinte sulla base della specie prevalenti ma, nel nostro caso specifico le più
diffuse sono le macchie a lentischio. Formatesi in seguito alla degradazione più
spinta della vegetazione a causa di ripetuti incendi o per tagli eccessivi
(ceduazione), con la conseguente erosione del suolo. Queste particolari
condizioni ecologiche favoriscono le specie con rinnovazione agamica più rapida
(Pistacia lentiscus e Phyllirea latifolia) o con riproduzione per seme più
abbondante (famiglia delle Cistaceae).

Assai diffuse nel territorio sono le boscaglie e macchie termofile;


caratterizzate per la loro complessità data dalla presenza di numerose specie
arbustive di Olea europaea, Euphorbia dendroides, Juniperus oxycedrus,
Pistacia lentiscus, Myrtus communis, Rhamnus alaternus, Arbutus unedo e Pyrus
piraster. Il leccio è sporadico ed in certi casi assente.
Le macchie termofile sono tipiche formazioni dell'orizzonte mediterraneo
caldo arido ed in funzione delle condizioni stazionali e dello stadio dinamico si
possono riconoscere diversi tipi di boscaglia e di macchia: macchia termoxerofila
a prevalenza di ginepri, macchia a carrubo, macchia a lentisco, macchia a cisto e
macchie subrupestri.
La macchia termoxerofila a prevalenza di ginepri è un tipo di formazione
spesso molto bella e di notevole interesse naturalistico; abbondano il Juniperus
oxicedrus con partecipazioni di Phyllirea latifolia, Rhanus alaternus, Oleae
uropaea e Pistacia lentiscus. Tale macchia presenta una altezza media tra 3 e 6 m
e predilige suoli poco evoluti come quelli presenti in alcune parti dei versanti
dell‟Arcu Pilloni Caria e Punta Monte Orreddu.
La macchia a carrubo; albero tipico della macchia termo xerofila, è più
frequente alle quote inferiori fino ad arrivare all‟adiacente pianura alluvionale nel
settore Sud-Orientale, ove si presenta a piccoli nuclei e con individui isolati,
talora di grosse dimensioni, che testimoniano l'uso del carrubo da parte dell'uomo
per l'alimentazione del bestiame.

85
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

La macchia a lentisco è tipica delle quote più basse della località di Punta
Bega is Scalas e del settore Sud-Orientale ed associata alla presenza di Mirtus
communis e Cistus monspelliensis.
La macchia a cisto è diffusa nelle zone sottoposte ad incendi come il
versante esposto a sud del rilevo Punta Begas is Scalas. Strutturalmente è una
macchia di altezza non superiore a 1,5 m che occupa zone aride con suoli di
debole spessore e ciottolosi. Sono formazioni vegetali rinvigorite periodicamente
dagli incendi, in quanto gli abbondanti semi presenti nel terreno germinano con
percentuali elevatissime, permettendo al cisto di entrare facilmente in
concorrenza sia con le specie erbacee pabulari che con le altre specie arbustive.
I cisteti sono più frequenti nella parte bassa del bacino, ossia nelle zone più
aride, in particolare in prossimità di strade o mulattiere, talvolta completamente
invase.
Le macchie sub rupestri sono localizzate nelle zone a forte inclinazione, con
substarti molto rocciosi e dove il ginepro non riesce a costruire formazioni più
compatte. In queste condizioni si sviluppa una macchia rada termofila e pioniera
a prevalenza di Olea europaea ed Euforbia arborea come osservato a nel rilievo
Arcu Pilloni Caria e Punta Monte Orreddu.

Al limite delle boscaglie termofile in prossimità della valle e della piana


alluvionale, si rinvengono:
 aree di ricolonizzazione naturale a Pinus halepensis (nel confine
meridionale dello stabilimento) ed Eucaliptus camaldulensis (dalla
località Zinnigas sino ad arrivare in prossimità della località Corte
Gadoni). La disponibilità d‟acqua nell‟area di Zinnigas, anche a livello
superficiale (risorgive) favorisce l‟accrescimento di quest‟ultima essenza
tropicale che altrimenti troverebbe in questi ambienti difficoltà di
sviluppo;
 aree occupate prevalentemente da colture agrarie con prevalenza di
colture agrumicole ed altre colture agrarie come oliveti e piante da frutto
in generale per soddisfare il fabbisogno alimentare del coltivatore. Queste
aree si rinvengono in una modesta porzione di territorio, ubicata in
località Zinnigas, compresa tra il limite settentrionale dello stabilimento e
la strada che porta al piazzale dello stabilimento;
 aree a pascolo naturale ed aree soggette a “miglioramento pascolo”.
L‟allevamento ovi caprino è la forma di utilizzazione più diffusa
nell‟area compresa tra la strada pedemontano e le aree di raccordo tra la
piana ed i rilevi.

86
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.1.8 Paesaggio
Contemporaneamente all‟evoluzione del pensiero geografico del concetto di
Paesaggio, che ha aperto nuovi scenari di studio e nuovi approcci metodologici,
si sta assistendo ad una crescente attenzione del legislatore nei confronti della
tutela del paesaggio, della difesa e della conservazione del suolo, e delle relative
problematiche, le quali già gravi all‟inizio del secolo, hanno acquistato nel
tempo, con le mutate condizioni socio-economiche, connotazioni sempre più
complesse, per la cui conoscenza e soluzione si richiede un impegno di diverse
dottrine e saperi.
Come sopradetto, il significato di paesaggio è oggi cambiato rispetto a quello
che aveva fino a pochi decenni addietro, quando era riferibile alle sole bellezze
naturali ed assumeva il semplice ruolo di veduta. Il concetto di paesaggio si è
quindi evoluto da una concezione di tipo vedutistico, come quella che emerge
dalla nozione di paesaggio insita nella legge 29 Giugno 1939 n. 1497, ad una
sempre più ampia che lo vede come il risultato dell‟interazione delle componenti
ambientali, socio-culturali ed economiche di una determinata porzione di
territorio.
L‟interesse nei confronti del paesaggio è oggi sancito da una serie di
documenti internazionali, come la Convenzione Europea del Paesaggio (firmata a
Firenze il 20 ottobre 2000). La Convenzione Europea vede oggi nel paesaggio
una risorsa culturale, ambientale ed economico-sociale, e pone il problema della
pianificazione non solo dei paesaggi esistenti ma anche di quelli che si
prefigurano come tali. Oltre alla necessità di salvaguardia dei paesaggi
caratterizzati da delle qualità oggettivamente riconosciute, si delinea l‟urgenza di
recuperare le aree degradate e/o suscettibili di degrado, delle zone industriali
dismesse e delle zone di agricoltura periurbana o di frangia. Con questo
importante documento il paesaggio viene descritto secondo un criterio più ampio
identificandolo come: “una determinata parte di territorio, così come è
percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali
e/o umani e dalle loro interrelazioni ”.
Tutti gli strumenti di pianificazione che vengono attualmente utilizzati e
quelli in via di elaborazione si basano sulla prioritaria individuazione delle Unità
di Paesaggio, che si ottengono dall‟incrocio di una serie complessa di fattori
(geologia, suoli, elementi geomorfologici, quota, clima ed altri caratteri fisico-
geografici nonché socio-economici, vegetazione ed espressioni materiali della
presenza umana sia attuale che passata) e che rappresentano ambiti territoriali
con specifiche, distintive ed omogenee caratteristiche di formazione e di
evoluzione.
La caratterizzazione dei paesaggi è stata realizzata sulla base
dell‟interpretazione preliminare mediante la visione di ortofoto e della
sovrapposizione in ambiente GIS di tutti i tematismi ambientali d‟interesse. In
questa fase si sono delineate delle aree uniformi dal punto di vista ambientale

87
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

(Unità Ambientali), definibili come aree distinguibili a livello percettivo e che


hanno un tipo di ambiente omogeneo, in relazione ai caratteri ed alle differenti
combinazioni di quota, pendenza, litologia, suoli, uso attuale e copertura del
suolo, ecc. In questa analisi, oltre che gli aspetti prettamente ambientali, sono
stati considerati anche elementi culturali e socio-economici di maggior rilievo
(usi storici, testimonianze architettoniche, etc.).
In questo lavoro sulla base dei principi espressi dalla Convenzione Europea,
che da molto peso agli aspetti percettivi del paesaggio e che definisce la necessità
di delineare i paesaggi secondo un criterio scientifico, è stata effettuata un‟analisi
i cui risultati possano al contempo essere riconosciuti non soltanto dalla comunità
scientifica ma anche da tutti i fruitori e utilizzatori del paesaggio.
Da un punto di vista percettivo, in netto contrasto, l‟area in studio è
contraddistinta principalmente da due tipologie morfologiche: un‟area montana e
una di pianura. L‟omogeneità all‟interno delle due aree tuttavia è solo apparente
in quanto è risultante da una generica osservazione da lunga distanza dell‟area
vasta. In realtà la osservazione in prossimità o all‟interno dell‟unità permette di
percepire ulteriori paesaggi d‟interesse ambientale.
L‟area montana comprende la parte meridionale, formata prevalentemente da
rocce metamorfiche del Paleozoico, con forme talora aspre, aree di cresta
denudate, spuntoni e pareti rocciose, forti pendenze ed incisioni dove prevale il
Quercis Ilex sulle altre specie vegetali. Non mancano tratti con forme talora dolci
ed arrotondate spesso alternate a superfici di spianamento (naturali). Qui i suoli
sono più profondi e tendono all‟acidità, ossia con un rapporto basi/idrogeno di
scambio piuttosto basso. In questi casi il suolo ha fortemente condizionato la
biodiversità, favorendo la predominanza della sughera (Quercus suber) con
sottobosco prevalentemente a cisto (Cistus monspelliensis). La presenza di queste
specie in questo settore appare l‟elemento che maggiormente caratterizzano il
paesaggio dal punto di vista percettivo.
Localmente, laddove la morfologia lo consente si hanno allevamenti ovini e
caprini.
Purtroppo la sughera nell‟ultimo secolo ha visto diminuire la sua estensione
a causa di incendi periodici e per il sovrapascolamento (n° di capi/ ettaro).
Spesso l‟eccesso di bestiame costringe gli allevatori alla coltivazione di erbai, su
superfici anche a forti pendenze, i cui segni, dopo piogge di elevata intensità
oraria ed istantanea, si fanno sempre più marcati con gravi fenomeni erosivi sino
alla totale scomparsa del suolo (desertificazione).
Gli antichi rilievi e le aree colluviali, una volta coperti da una fitta foresta di
sughera, vedono di anno in anno ridurre la propria copertura forestale a seguito
degli interventi di “miglioramento pascolo”. Da quanto detto, sarebbe opportuno
valutare e gestire tali risorse in maniera più consona, programmando degli
interventi mirati e decisi.

88
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Nel settore a sud ovest affiorano i calcari dolomitici che danno origine a
suoli caratteristici. Nelle Terre Rosse o terre rosse brunificate la specie
dominante è il leccio, associato alla fillirea, al corbezzolo, all‟olivastro, al
ginepro e nelle parti più elevate in quota all‟acero montano ed all‟agrifoglio.
Questi boschi hanno avuto nel recente passato un‟importante funzione
nell‟attività mineraria, in quanto fornivano il legname più pregiato per la
coltivazione.
Nel settore settentrionale si rinvengono vaste superfici delle aree alluvionali
caratterizzate da suoli molto evoluti, ad altissimo grado di pedogenizzazione, con
profili fortemente differenziati negli orizzonti e quindi nei processi di eluviazione
ed illuviazione, spesso desaturati (Alfisuoli, Ultisuoli), cementati, con drenaggio
difficile e poco fertili.
Questi suoli sono tipici di alluvioni e glacis molto vecchi, dove il bacino di
alimentazione è formato prevalentemente da rocce acide metamorfiche.
In passato si aveva in questi suoli una macchia-foresta di sclerofille, con
predominanza della sughera. Questa specie trovava in questi suoli delle buone
condizioni ambientali, di cui rimangono quà e là soltanto delle testimonianze
sparse; purtroppo non è possibile la reintroduzione del bosco, in quanto mancano
le condizioni ambientali per la ricostituzione di questo ecosistema.
L‟interesse agricolo è modesto sia per le condizioni naturali sia per un
eccesso di idromorfia nel periodo invernale, autunnale e primaverile. Questa è la
ragione per cui, pur trattandosi di zone pianeggianti, sono presenti aziende di
grandi dimensioni caratterizzate da ampi spazi con colture foraggere che
caratterizzano il paesaggio rurale attuale.
La morfologia pianeggiante ha indotto pianificatori e progettisti alla
realizzazione di vaste superfici irrigue, con risultati molto modesti e talvolta
fallimentari. Soprattutto nelle condizioni attuali l‟agricoltura intensiva pone seri
problemi di sopravivenza e di difficoltà di gestione; tant‟è che attualmente la
pastorizia, con l‟introduzione di erbai, sostituisce via via l‟agricoltura intensiva e
l‟allevamento bovino.
In queste superfici, con questi suoli, sono molto poco diffusi i
paleoinsediamenti, proprio a causa delle limitazioni agricole presenti.
Procedendo verso nord, nelle fasce corrispondenti al Quaternario superiore e
all‟Olocene (alluvioni recenti) con suoli meno evoluti, si percepisce un paesaggio
rurale caratterizzato da un‟agricoltura intensiva ed estensiva di antica tradizione.
Questa area si distingue dalle altre per una certa presenza di insediamenti sparsi,
infatti appare diffusa la piccola proprietà contadina con tratti ad intensa
polverizzazione. I limiti di proprietà sono generalmente segnati da siepi arbustive
e arboree.
Le forme sono per lo più pianeggianti ed ondulate con idrografia superficiale
nelle aree con drenaggio più difficile o dove i suoli sono a bassa permeabilità.

89
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

L‟uso tradizionale è dato da agricoltura estensiva con cerealicoltura e


leguminose da granella, viticoltura e olivicoltura, allevamenti di bovini ed ovini.
Il paesaggio rurale attuale è dominato principalmente dalla cerealicoltura,
colture ortive da pieno campo e subordinatamente colture protette ed olivicoltura.
L‟intero territorio è privo di grandi insediamenti, ad esclusione di quello
industriale di Zinnigas che tuttavia occupa una stretta conca immersa nella
vegetazione naturale ed artificiale (Eucaliptus camaldulensis e Pinus halepensis)
che ne limitano la visibilità dalla lunga distanza.
Dall‟analisi effettuata si evince come il suolo, inteso come risultato della
pedogenesi (combinazione dei fattori: roccia madre, il clima, la morfologia, gli
organismi viventi - compreso l‟uomo - ed il tempo), condiziona in se
l‟evoluzione o l‟involuzione del paesaggio, in quanto influisce sulle forme, e
rappresenta insieme al clima, uno dei principali fattori responsabili della
biodiversità. Condiziona inoltre il deflusso delle acque e costituisce un filtro per
le acque che vanno ad alimentare le falde.
Poiché il suolo sopporta ed è capace di sopportare la vita delle piante, ha
condizionato nei secoli l‟attività agricola, quella pastorale e la selvicoltura, con
evidenti riflessi sul paesaggio. L‟uomo da sempre ha operato una scelta dei
luoghi per sviluppare le sue attività, siano esse agricole, commerciali o
industriali. I suoli e le acque rappresentano da tempi immemorabili i fattori che
influenzano le scelte d‟ insediamento dell‟uomo. Uno sguardo alla storia
dimostra l‟importanza strategica di queste scelte, sotto l‟aspetto dell‟economia,
della difesa e persino della salubrità dei luoghi.

90
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.2 Impatti ambientali potenziali e misure di mitigazione


4.2.1 Acque superficiali
Come evidenziato precedentemente l‟esercizio dell‟attività genera una
quantità molto ridotta di acque di scarico derivanti essenzialmente dalle
operazioni di lavaggio e di imbottigliamento e dai reflui generati dai servizi
igenici presenti nello stabilimento.
In accordo con quanto stabilito dall‟autorizzazione allo scarico N° 644
emessa dalla Provincia di Cagliari in data 3 luglio 2007, tutte le acque di scarico
vengono scaricate nel Rio Zinnigas.
Come riportato nella stessa autorizzazione “i quantitativi degli additivi e dei
trattamenti di lavaggio e sanificazione degli impianti sono assai limitati” e
pertanto queste acque non sono soggette a processi depurativi.
Va inoltre precisato che in questo scarico vengono anche convogliate le
acque derivanti dalle operazioni di controlavaggio effettuate sui filtri a pirolusite,
deputati all‟abbattimento del ferro e del manganese contenuti nelle acque
sotterranee.
Va infine evidenziato come nello stesso scarico vengano anche inviate le
acque di troppo pieno provenienti dai pozzi in emungimento.
L‟insieme di queste operazioni genera uno scarico caratterizzato da
concentrazioni abbastanza ridotte di tutti i potenziali inquinanti, in ogni caso
inferiori ai limiti normativi previsti per lo scarico in corpo idrico superficiale.
In virtù di quanto sopra esposto e tenuto conto della tipologia del processo
produttivo, che non comporta la produzione di sostanze contaminanti, si può
affermare che lo scarico determini un basso impatto ambientale relativamente
alla qualità del corpo idrico superficiale.

4.2.2 Acque sotterranee


Come evidenziato nei capitoli precedenti al fine di poter stimare il potenziale
impatto dell‟opera si è provveduto ad analizzare i parametri che determinano la
capacità di ricarica della falda acquifera oggetto delle opere di captazione in
modo da poter valutare il volume di ricarica annua che caratterizza la captazione.
Contemporaneamente si è effettuata un‟analisi storica dei prelievi insistenti
sulla risorsa, estendendo questa analisi anche alle altre eventuali captazioni
insistenti sulla stessa falda acquifera, valutando contestualmente gli impatti che i
prelievi hanno determinato sulla risorsa.
Infine si è effettuata una stima sull‟evoluzione dell‟attività produttiva, in
particolare relativamente ai volumi di emungimento, in modo da poter valutare
l‟impatto dei futuri prelievi sulla risorsa.

91
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.2.2.1 Ricarica annua del sistema


Come precedentemente illustrato il bacino idrogeologico che delimita la
falda acquifera captata è notevolmente complesso, tanto che allo stato attuale
delle ricerche non è stato ancora possibile delimitarlo in modo netto.
Per la delimitazione dello stesso si sono considerati in questo lavoro le più
recenti ricerche svolte dall‟Università di Cagliari (Bordicchia et alii, 2002) che
ipotizzano un bacino di 7,8Km2 di superficie.
Il dato fornito da questa ricerca ha permesso di stimare un volume medio
annuo di infiltrazione nell‟acquifero di circa 800000 m3.

4.2.2.2 Analisi storica dei prelievi effettuati


L‟attività, iniziata negli anni ‟60, è stata caratterizzata dal costante
rinnovamento e miglioramento dei sistemi di emungimento ed imbottigliamento.
Al fine di valutare l‟evoluzione delle attività estrattive si sono reperiti e
precedentemente riportati i dati relativi ad ogni singola captazione per gli ultimi
15 anni.
Per valutare l‟evoluzione complessiva dell‟attività estrattiva si riportano
nella Tabella 9 i prelievi annui complessivi operati.
Tab. 9 – volumi complessivi emunti
Anno Volumi annui estratti (m3)
1997 169594
1998 175410
1999 174517
2000 176696
2001 385825
2002 387029
2003 388093
2004 389824
2005 389862
2006 392045
2007 391397
2008 395234
2009 394340
2010 397830
2011 417116
2012 314632

92
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

I dati riportati mostrano una significativa variazione a partire dal 2001, anno
dal quale si è avviata l‟attività di estrazione ed imbottigliamento dell‟acqua
Quercetta.
Da quest‟anno si sono registrati dei volumi annui di prelievo abbastanza
stabili con un lieve trend di aumento che nel corso del periodo dal 2001 al 2011
ha portato gli emungimenti complessivi da un volume di circa 386000 m3/annuo
a circa 420000 m3/anno. Una nuova significativa variazione nell‟evoluzione delle
modalità di emungimento si è avuta nel 2012, quando grazie agli interventi di
ottimizzazione dei processi estrattivi, si è conseguita una forte diminuzione degli
emungimenti complessivi, scesi a circa 315000 m3/anno.
Per analizzare il complessivo impatto incidente sulla risorsa oltre al calcolo
dei prelievi in corso da parte della S.A.M., si è proceduto a verificare se nel
sistema fossero in atto altre significative captazioni. Tutte le ricerche hanno dato
esito negativo, evidenziando come gli emungimenti operati dalla S.A.M. siano
gli unici significativi prelievi incidenti sull‟acquifero.
Contestualmente all‟analisi dei prelievi operati si è provveduto ad analizzare
su ogni captazione l‟impatto che gli stessi hanno determinato a livello
piezometrico. I dati raccolti relativi ai livelli piezometrici medi annui registrati
negli ultimi 15 anni su tutti i pozzi in emungimento hanno mostrato come in tutti
i casi i livelli piezometrici dinamici si siano stabilizzati su valori piuttosto
costanti indicando come le portate estratte siano sempre state adeguatamente
sostenute dall‟acquifero.

4.2.2.3 Stima dei futuri prelievi e valutazione dei potenziali impatti


L‟analisi storica degli emungimenti ha evidenziato come nell‟ultimo anno di
rilevamento (2012) i prelievi siano stati di circa 315000 m3/anno con una
sensibile riduzione rispetto ai volumi degli anni precedenti.
Questa variazione è dovuta ad un processo di miglioramento dell‟efficienza
produttiva che è tutt‟ora in corso, finalizzato alla riduzione della differenza tra
volumi emunti e volumi imbottigliati.
Questo aspetto costituisce un obbiettivo strategico della S.A.M. finalizzato
ad una riduzione dei consumi energetici ed a una mitigazione degli impatti sulla
risorsa idrica sotterranea. In considerazione dei risultati già conseguiti e degli
ulteriori risultati attesi da questo processo e prevedendo contestualmente un
aumento dei volumi venduti si prevede che l‟emungimento complessivo annuo
non sia mai superiore a 500000 m3.
Pertanto il volume di emungimento annuo sarà sempre notevolmente
inferiore al valore di ricarica media annua dell‟acquifero stimata in 800000
m3/anno. Un valore di emungimento così cautelativo determinerà un basso
impatto dell‟opera sulla risorsa idrica immagazzinata nell‟acquifero anche in
eventuali annate siccitose.

93
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.2.2.4 Qualità delle acque sotterranee


L‟opera in esame ha comportato la realizzazione di numerose perforazioni di
profondità variabile che hanno intercettato le rocce metamorfiche Ordoviciano –
Siluriane sede dell‟acquifero oggetto delle captazioni.
Oltre ai pozzi l‟attività produttiva ha comportato la realizzazione dello
stabilimento nel quale le stesse acque vengono imbottigliate.
Come evidenziato precedentemente l‟esercizio dell‟attività genera una
quantità molto ridotta di rifiuti costituiti essenzialmente dagli scarichi che
derivano dalle operazioni di lavaggio e di imbottigliamento e da quelli generati
dai servizi igienici presenti nello stabilimento.
Per valutare i potenziali impatti che può generare l‟opera sulle acque
sotterranee è necessario valutare la stratigrafia e le caratteristiche delle rocce
attraversate dalle perforazioni e le caratteristiche costruttive dei pozzi.
Come evidenziato dai 6 sondaggi a carotaggio continuo effettuati
dall‟Università di Cagliari nell‟area della concessione e utilizzati per ricostruire
le caratteristiche geo-stratigrafiche della zona l‟acquifero si trova generalmente al
di sotto di un potente spessore di materiali a bassa permeabilità, rappresentati
dalle rocce Cambro-Ordoviciane che sono sovrascorse sui materiali produttivi
dell‟Ordoviciano-Siluriano.
Inoltre in vari casi si è registrata, al di sopra delle rocce Cambro-
Ordoviciane, la presenza dei sedimenti della Formazione del Cixerri.
Queste caratteristiche stratigrafiche delle aree di captazione conferiscono
all‟acquifero un elevato tasso di protezione contro qualsiasi possibile
contaminante che dal piano campagna possa percolare sino alla falda acquifera.
L‟unica eccezione è costituita dal pozzo Quercetta, caratterizzato da una
minore soggiacenza dell‟acquifero e in corrispondenza del quale affiorano in
superficie le litologie Ordoviciano-Siluriane.
Come premesso, oltre alle caratteristiche geo-stratigrafiche, per valutare i
potenziali impatti è fondamentale analizzare le caratteristiche costruttive delle
captazioni.
In corrispondenza di ogni pozzo è stata realizzata una piazzola in
calcestruzzo, utile a ridurre fortemente la possibilità che in occasioni di forti
precipitazioni le acque di ruscellamento superficiale possano scorrere al di sopra
della bocca del pozzo. Inoltre in corrispondenza della bocca pozzo di ogni
captazione è stata collegata una tubazione in acciaio inox, in grado di evitare
l‟ingresso di acque superficiali all‟interno del pozzo.
Inoltre a ulteriore garanzia sanitaria nel caso della captazione Quercetta, oltre
all‟installazione a bocca pozzo delle tubazioni in acciaio inox, è stato realizzato
un edificio in muratura, provvisto di un tetto smontabile che consente di eseguire
tutte le operazioni di manutenzione e mantenimento della captazione.

94
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Considerando tutti questi si deduce pertanto che l‟opera determina un basso


impatto relativamente alla possibile contaminazione delle acque sotterranee.

4.2.2.5 Fenomeni di intrusione salina


L‟elevata distanza dalla costa ed il fatto che la falda acquifera si trovi ad una
quota sensibilmente superiore al livello del mare fanno considerare nullo
l‟impatto relativo a possibili fenomeni di intrusione salina.

4.2.2.6 Collegamento idraulico tra differenti falde acquifere


Come evidenziato in precedenza tutte le captazioni emungono dall‟acquifero
costituito dalle rocce metamorfiche Ordoviciano – Siluriane. La maggiore parte
delle perforazioni per arrivare a questo acquifero attraversano le rocce a scarsa
permeabilità Cambro-Ordoviciane, caratterizzate da bassa permeabilità e pertanto
idrogeologicamente improduttive. Pertanto l‟opera non determina nessun
potenziale impatto relativamente all‟eventuale collegamento idrogeologico tra
differenti falde acquifere.

4.2.3 Suolo e sottosuolo


Il substrato pedogenetico dell‟area di Zinnigas è rappresentato
prevalentemente da rocce metamorfiche paleozoiche e subordinatamente, nelle
aree a morfologia più dolce, da depositi arenaceo-siltitico-argillosi dell‟Eocene e
da deboli coltri alluvio-colluviali del Quaternario. Il Paleozoico, come
ampiamente descritto nel capitolo sulla geologia, è rappresentato in questo
settore dalle formazioni alloctone del Cambriano-Ordoviciano (Unità tettonica
dell‟Arburese) e dalle formazioni dell‟Ordoviciano-Siluriano (basamento
autoctono del Sulcis-Iglesiente). L‟area di Zinnigas è interessata da
un‟importante contatto tettonico dove l‟Unità tettonica dell‟Arburese è
sovrascorsa sul basamento autoctono del Sulcis-Iglesiente.
Tutte le captazioni attingono dai terreni autoctoni, intensamente fratturati ed
intersecati da faglie distensive, mentre al tetto si rinvengono quelli alloctoni poco
permeabili o nulla permeabili che conferiscono un ottima protezione
dell‟acquifero.
I suoli che caratterizzano l‟area della concessione di Zinnigas presentano in
generale severe limitazioni per l‟utilizzazione agricola: pericolo di erosione,
pendenze elevate, morfologia accidentata, scarsa profondità. L‟uso, in generale, è
limitato esclusivamente al pascolo (localmente andrebbe maggiormente regolato
per non distruggere la copertura vegetale), al bosco ed alla vita della fauna locale.

95
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

In questo contesto pedologico si colloca anche lo stabilimento e le relative


opere di captazione dove prevale la roccia affiorante ed i suoli a debole spessore,
frequentemente troncati dall‟erosione. Ove non risulti la presenza di affioramenti
rocciosi, il profilo è prevalentemente di tipo A-C e A-R e subordinatamente di
tipo A-Bw-C, dove i processi erosivi risultano meno intensi. La tessitura è
franco-sabbiosa o sabbioso-franca. La pietrosità e la rocciosità sono da comuni
ad elevate. Il drenaggio superficiale è veloce, mentre quello interno varia da
normale a rapido.
A causa dei caratteri su descritti, nel settore a sud di Zinnigas non risulta
economicamente vantaggioso applicare alcuna forma di utilizzazione agro
zootecnica.
Nelle aree di raccordo tra il rilievo e la piana vengono praticate delle
tecniche di miglioramento dei prati-pascoli e dei pascoli che espongono spesso il
suolo al rischio erosione, talora irreversibile. Localmente possono essere presenti
affioramenti di roccia che intervallano suoli poco evoluti, a profilo A-C, e con
debole spessore dell‟orizzonte superficiale. In generale su questi suoli il
drenaggio superficiale è normale, mentre quello interno è generalmente normale
negli orizzonti superficiali, ma rallenta in profondità a contatto con la roccia.
I suoli di maggior pregio, caratterizzati da una buona vocazione agro-silvo-
forestale, si collocano al di fuori della concessione nelle aree occupate da
depositi alluvionali del quaternario. Qui infatti trova sede il comparto agricolo
più produttivo.

4.2.3.1 Consumo e degradazione del suolo


In questo paragrafo vengono valutati i processi di degradazione del suolo in
senso pedologico, e di consumo del suolo stesso. Nonostante l‟inevitabilità degli
impatti sul suolo, questo si può considerare limitato se riferito alle sole superfici
interessate direttamente da impianti, infrastrutture, edifici e opere di captazione
sulla superficie totale soggetta a concessione. La realizzazione delle opere ha
quindi determinato una perdita della risorsa suolo limitatamente alle aree in cui
sono presenti strutture e basamenti in calcestruzzo armato.
L‟impatto sul suolo relativamente alle opere connesse all‟attività mineraria
(fabbricati di alloggiamento stazione di captazione, manufatti di alloggiamento
stazioni di captazione, impianto di captazione, tubazioni in acciaio inossidabile,
silos in acciaio e relativi basamenti in calcestruzzo, piccole opere d‟arte, vasche e
piccoli manufatti in calcestruzzo) è da considerarsi temporaneo, in quanto si
prevede il ripristino dei luoghi ed il recupero ambientale allo scadere della
concessione così come previsto dal piano di riqualificazione area estrattiva,
recupero con ripristino ambientale riportato in allegato. I suoli, da un punto di
vista qualitativo presentano una scarsa valenza agronomica, ad eccezione di
poche e limitate aree, e saranno dedicati alla ricostituzione della vegetazione in

96
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

equilibrio con l'ambiente, favorendo il più possibile, la diffusione delle specie


tipiche locali.
In virtù della natura prevalentemente litoide dei terreni interessati dalle
captazioni e dalla distanza reciproca delle stesse non si ritiene possibile un
peggioramento a larga scala delle caratteristiche geotecniche.

4.2.3.2 Processi di subsidenza dei terreni


Il problema della subsidenza dei terreni in corrispondenza di aree
caratterizzate da importanti captazioni si è registrato in alcune località del Sulcis-
Iglesiente. I fattori che possono determinare questo fenomeno sono
essenzialmente i forti abbassamenti piezometrici associati alla presenza di un
acquifero superficiale alluvionale, che possa quindi desaturarsi e nel quale quindi
i volumi dei vuoti non vengano più riempiti dalle acque sotterranee.
Dato che in questo caso non si ha il verificarsi di queste condizioni è da
considerarsi nullo l‟impatto relativamente ai possibili fenomeni di subsidenza.

4.2.3.3 Inquinamento di suolo e sottosuolo


L‟attiva non prevede scarichi di nessuna natura sul terreno ma unicamente
scarichi su corpo idrico superficiale, secondo quanto stabilito nell‟autorizzazione
allo scarico n° 644 emessa dalla Provincia di Cagliari in data 3 luglio 2007.
Tuttavia, in caso di sversamento accidentale di sostanze inquinanti, oltre
all‟importante proprietà auto epurante del suolo, il sottosuolo offre una buona
protezione dell‟acquifero. Infatti, come ampiamente descritto, al tetto
dell‟acquifero si collocano formazioni autoctone caratterizzate da scarsa o nulla
permeabilità. Inoltre, in tutta l‟area montana di alimentazione del bacino non si
rilevano attività antropiche di nessun genere, ad eccezione di qualche area di
rimboschimento, che possano interferire in qualche modo sulle caratteristiche
qualitative e sanitarie dell‟acqua emunta nei pozzi più a valle.

4.2.4 Vegetazione
L‟area montana di Zinnigas è impervia, quindi inadatta alle coltivazioni
agricole. E‟ stata per secoli prevalentemente boscata e presenta un bassissimo
grado di antropizzazione. Solo in questo secolo vi sono state estese utilizzazioni
forestali volte alla produzione di legna da ardere e carbone. Tracce di tali
utilizzazioni sono ancora evidenti per la frequente presenza di aie carbonili,
sentieri di esbosco e punti di riunione del prodotto già pronto per essere
trasportato a destinazione.
Tra le formazioni boschive prevalenti, che rivestono particolare importanza
botanico-naturalistica vi sono vasti nuclei forestali dominati dal leccio anche se è

97
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

evidente lo stato di degradazione di estese superfici ricoperte da macchia


mediterranea a composizione omogenea e derivante dalla degradazione della
foresta di sclerofille sempreverdi. Oltre alla presenza delle leccete mesofile
(Quercus ilex, Phyllirea latifolia, Arbutus unedo ed Erica arborea) e di quelle
termofile (con abbondanza nel sottobosco di: Pistacia lentiscus, Olea europaea e
Juniperus oxycedrus) si rinvengono anche ampie superfici a sughera (Quercus
Suber). I boschi di sughera in esame, sviluppati nelle aree morfologia meno
accidentata rispetto a quelle occupate dalle leccete, appaiono luminosi ed aperti
e, quindi ricchi di specie della macchia; spesso è mescolata al leccio, in varie
proporzioni, con il quale determina formazioni più chiuse.
Appaiono diffuse anche le Boscaglie e macchie termofile (Olea europaea,
Euphorbia dendroides, Juniperus oxycedrus, Pistacia lentiscus, Myrtus
communis, Rhamnus alaternus, Arbutus unedo e Pyrus piraster). Queste si
compenetrano verso l‟alto con la suddetta lecceta termofila. A seconda delle
condizioni stazionali e dello stadio dinamico si distinguono diversi tipi di
boscaglia e di macchia.
Al limite delle boscaglie termofile in prossimità della valle e della piana
alluvionale, si rinvengono aree di rimboschimento a Pinus halepensis (nel
confine meridionale dello stabilimento) ed Eucaliptus camaldulensis (dalla
località Zinnigas sino ad arrivare in prossimità della località Corte Gadoni), aree
occupate prevalentemente da colture agrarie (agrumeti ed oliveti in prossimità
del Rio Zinnigas), aree a pascolo naturale ed aree soggette a “miglioramento
pascolo” (aree a debole pendenza di raccordo tra versante e pianura), aree
agricole con coltivazione prevalente di foraggere (soprattutto nei settori
pianeggianti).

4.2.4.1 Espianto delle specie vegetali


L‟attività, intrapresa negli anni ‟60, ha determinato un impatto sulla
vegetazione quasi esclusivamente nelle fasi iniziali di realizzazione delle opere e
dei fabbricati dello stabilimento.
Allo stato attuale non si rende necessario procedere all‟espianto di alberi e/o
arbusti.
Le attività future prevedono la realizzazione di eventuali nuove captazioni.
Durante lo svolgimento di tali attività si eviterà di praticare alcun espianto e di
esercitare pressioni sulle aree naturali limitrofe. La pratica dell‟espianto verrà
praticata solo se inevitabile, con lo scopo di poter raggiungere aree produttive e
sarà comunque limitata alla superficie di ingombro dei mezzi destinati alla
perforazione ed ai fabbricati e manufatti di alloggiamento dell‟impianto di
captazione.

98
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.2.4.2 Degradazione della vegetazione


Per degradazione della vegetazione s‟intende la temporanea o permanente
riduzione della densità, struttura, composizione di specie o produttività della
copertura vegetale.
I fattori (pratiche agricole, fuoco, pascolo) maggiormente responsabili della
degradazione della vegetazione non si attuano nell‟area dello stabilimento e
pertanto l‟impatto è da ritenersi basso.

4.2.5 Aria
Nelle aree sia interne che esterne dello stabilimento non si ha produzione di
polveri in quanto le attività di movimentazione, carico e trasporto avvengono su
percorsi dotatati di pavimentazione. Le polveri possono essere prodotte seppure
temporaneamente in occasione di attività straordinarie quali
smontaggio/montaggio di impianti tecnologici.
Nell‟assetto attuale e futuro dell‟impianto produttivo le emissioni in
atmosfera costituite dai prodotti di combustione (NOx, SO2, polveri, CO,
incombusti) sono dovute ai motori dei mezzi impiegati nelle attività di trasporto
(camion) del prodotto finito. Si rileva pertanto un potenziale impatto a scala
regionale ed extraregionale legato al trasporto delle merci nel territorio regionale
ed extraregionale.
Dal momento che lo stabilimento è ubicato in un‟area extraurbana e la
viabilità di collegamento con le principali arterie di traffico regionale non
attraversa alcun centro abitato, l‟impatto del traffico indotto sulla qualità dell‟aria
a scala comunale non determina criticità in aree sensibili.
Le trasformazioni indotte dall‟opera non sono tali da indurre modifiche al
microclima.

4.2.6 Rumore
Le sorgenti sonore determinate dall‟attività in oggetto sono date dai
macchinari in funzione per la captazione e l‟imbottigliamento della merce
(sorgenti fisse) e dai mezzi impiegati nelle attività di carico/scarico e trasporto
(sorgenti mobili).
L‟analisi condotta, finalizzata a quantificare l‟impatto acustico, ha inteso
determinare in primo luogo il rumore che lo stabilimento è intrinsecamente in
grado di produrre e, in secondo luogo, gli impatti potenzialmente significativi
sull‟ambiente valutabili sulla base della presenza di eventuali recettori vulnerabili
o in funzioni di possibili condizioni critiche presenti.

99
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

E‟ stato condotto uno studio di impatto acustico ai sensi delle “Direttive


regionali in materia di inquinamento acustico ambientale”, approvate con
Deliberazione della Regione Sardegna N. 62/9 del 14.11.2008, allegato al
presente studio, in cui sono stati misurati i livelli di emissione sonora generati
dalle attività dello stabilimento e confrontati con i limiti dati dal Piano di
Zonizzazione Acustica del Comune di Siliqua. Le misure effettuate sono risultate
entro la norma per la classe di zonizzazione cui appartiene il sito.
Inoltre, in virtù della localizzazione extraurbana dello stabilimento, non si
rileva alcun tipo di impatto sulla popolazione, data l‟assenza di recettori o aree
sensibili all‟inquinamento acustico.
Sebbene nello stabilimento le attività non generano rumori di tipo impulsivo
ma di carattere continuo, sorgenti sonore non continue sono date dal passaggio di
automezzi pesanti. Tuttavia, l‟impatto complessivo sull‟ambiente si stima molto
basso anche in virtù della particolare conformazione orografica dell‟area e la
presenza di vegetazione di alto fusto intorno allo stabilimento che costituisce una
barriera acustica la quale funge da ostacolo per la propagazione del suono e
genera un‟attenuazione del fenomeno stesso sull‟ambiente locale.

4.2.7 Paesaggio
Nell‟area in studio, da un punto di vista percettivo si delineano
principalmente due tipologie morfologiche: un‟area montana e una di pianura.
Nella prima spiccano ampie superfici a bosco di leccio e sughera intervallate da
un sottobosco ricco delle essenze più tipiche della macchia mediterranea, su suoli
caratterizzati da pendenze e rocciosità spesso elevate.
Nella seconda invece si colloca il tipico paesaggio rurale della Valle del
Cixerri, caratterizzato da forme di utilizzazione agricola intensiva ed estensiva e
pastorali in cui i limiti di proprietà appaiono generalmente segnati da siepi
arbustive e arboree.
Nell‟area di raccordo tra queste due morfologie sorge lo stabilimento che,
nel dettaglio, occupa una conca valliva immersa in una copertura arborea-
arbustiva che caratterizza i rilievi metamorfici che bordano la valle del Cixerri,
mentre le opere di captazione si trovano alla base del versante nord orientale del
monte Arcu Pilloni Caria (W12, W13, W14) a nord ovest dello stabilimento, in
prossimità della strada che collega lo stabilimento alla strada pedemontana
(WQ) ed infine W7 a sud dello stabilimento.
Tale morfologia, unitamente alla presenza di alberi ed arbusti, rendono l‟area
dello stabilimento e delle opere di captazione non percettibili dalla lunga distanza
e pertanto ben si integrano nell‟ambiente naturale ed in quello colturale (WQ).

100
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.2.7.1 Impatto visivo e percettivo


L‟integrazione delle opere nel sistema paesaggistico di riferimento è favorito
dalle intrinseche condizioni di limitata visibilità del sito dai vari punti di
osservazione possibili. L‟area d‟intervento non si scorge dalla lunga distanza,
come dalla strada pedemontana o dalla strada che dalla pedemontana collega lo
stabilimento (unica via possibile per il raggiungimento del sito) grazie allo
schermo naturale prettamente morfologico e vegetazionale. Alla vegetazione in
particolare si deve una efficace azione di mascheramento delle opere anche da
distanze relativamente brevi
L‟impatto visivo e percettivo delle opere primarie dello stabilimento nonché
di quelle relative ai punti di captazione si può quindi considerare basso oltre che
per il succitato contesto morfologico e vegetazionale nella quale sono inserite
(conca valliva circondata da rilievi, contornata da alberi ed arbusti) anche per le
scelte progettuali sulla tipologia costruttiva (strutture non particolarmente
sviluppate in altezza).
Inoltre, come specificato nel piano di riqualificazione dell‟area estrattiva
verranno dismesse le opere che meno si integrano con il paesaggio locale come
silos in acciaio, tubazioni in acciaio inox e fabbricati e opere di alloggiamento
delle stazioni di captazione.

4.2.7.2 Altri impatti relativi alle attività dello stabilimento


Le attività che si svolgono all‟interno dello stabilimento e nelle aree ad esso
funzionali, per natura e tipologia non determinano alterazioni significative del
paesaggio. Infatti, non vengono praticate le attività più impattanti sul paesaggio
come escavazioni e sbancamenti, alterazioni morfologiche sostanziali, degrado
del suolo e del soprassuolo, realizzazione di strutture particolarmente elevate.

4.2.8 Trasporti
Il traffico indotto dal trasporto delle merci prodotte nello stabilimento
rappresenta un elemento da valutare nell‟ambito dello SIA in quanto sorgente
potenziale di eventuali interferenze indesiderate (quali rumore e inquinamento
atmosferico) e di eventuali rallentamenti indotti o sovraccarichi generati nella
rete viaria interessata.
La quantificazione del traffico indotto può essere definita mediante il
numero di autocarri per il trasporto merci che giornalmente circolano in ingresso
e uscita dallo stabilimento, pari a circa 4000 mezzi all‟anno, quantitativo che
corrisponde dunque a circa 16 mezzi al giorno. Il flusso di traffico è diretto verso
i punti di distribuzione e consumo della merce a scala regionale, attraverso la rete
stradale locale composta da:

101
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

 la strada comunale, che collega lo stabilimento alla strada provinciale e


attraversa un‟area extraurbana, per un tratto di circa 6 km;
 la S.S. 293, che si collega alla S.S. 131 dopo un tratto di circa 30 km in
direzione NE;
 la S.S. 131, che collega i principali centri urbani dell‟isola.
Dal punto di vista del traffico indotto a scala comunale, dal momento che la
rete viaria interessata al trasporto merci non interessa i nuclei abitati, l‟impatto a
scala urbana può ritenersi basso.
Relativamente al traffico indotto a scala regionale si rileva una incidenza
molto bassa sul quantitativo di traffico esistente.

102
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.2.9 Sintesi impatti


Al fine di poter descrivere in modo sintetico tutti i potenziali impatti
verificati per le diverse componenti ambientali si riporta di seguito una tabella
per ogni componenti ambientale nella quale oltre ad una descrizione e
quantificazione di ogni impatto vengono riportate le eventuali misure mitigative
previste.
Nella tabella seguente sono stati sintetizzati i risultati ottenuti dalla
valutazione degli impatti ambientali mediante una matrice in cui, per ogni aspetto
della componente ambientale analizzata si è attribuito un giudizio di impatto,
secondo la seguente scala:
- Molto basso
- Basso
- Medio
- Alto
- Molto alto
Coerentemente con questa classificazione, non sono stati riportati gli impatti
risultati nulli.
Nella stessa tabella sono anche descritte le misure di mitigazione che si
intende prevedere.

103
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

Tab. 10 – impatti ambientali

ASPETTO QUANTIFICAZIONE MISURE DI


DESCRIZIONE SINTETICA
IMPATTO IMPATTO MITIGAZIONE

ACQUE SUPERFICIALI

L‟attività determina uno scarico sul Rio Zinnigas


delle acque derivanti dalle operazioni di lavaggio,
controlavaggio dei filtri a pirolusite e troppo pieno
Qualità delle acque
dei pozzi in emungimento. Le acque di scarico BASSO
superficiali
sono caratterizzate da concentrazioni abbastanza
ridotte di tutti i potenziali inquinanti, in ogni caso
inferiori ai limiti normativi.

ACQUE SOTTERRANEE
Il bilancio idrico effettuato mostra come i volumi
emunti siano sensibilmente inferiori ai volumi
Aumento dell‟efficienza degli
Quantità delle teorici della ricarica media annua dell‟acquifero.
impianti al fine di ridurre il
risorse idriche L‟analisi storica dei livelli piezometrici mostra una
rapporto tra volumetrie
immagazzinate sostanziale stabilità degli stessi nei 15 anni di BASSO
emunte e volumetrie
nella falda osservazione, confermando la sostenibilità degli
imbottigliate (processo già
acquifera attuali volumi emunti. Si rileva un rapporto
avviato)
abbastanza elevato tra volumetrie emunte e
volumetrie imbottigliate

Qualità delle acque Le caratteristiche stratigrafiche dell‟area di MOLTO BASSO

104
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ASPETTO QUANTIFICAZIONE MISURE DI


DESCRIZIONE SINTETICA
IMPATTO IMPATTO MITIGAZIONE
sotterranee captazione, che garantiscono una elevata
protezione naturale da una potenziale
contaminazione e le adeguate modalità costruttive
delle captazioni impediscono eventuali eventi che
possano pregiudicare la qualità delle acque
sotterranee

SUOLO E SOTTOSUOLO

Il consumo del suolo è riferibile solamente alle


superfici occupate da impianti, infrastrutture e
Consumo e
opere di captazione che risultano essere limitate
degradazione del MOLTO BASSO
rispetto all‟area della concessione. Da un punto di
suolo
pedologico si tratta di suoli a bassa vocazione
agricola

Propagazione della La natura impermeabile del sottosuolo impedisce


contaminazione in che eventuali contaminanti possano propagarsi in MOLTO BASSO
caso sversamenti modo significativo in profondità

105
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ASPETTO QUANTIFICAZIONE MISURE DI


DESCRIZIONE SINTETICA
IMPATTO IMPATTO MITIGAZIONE

VEGETAZIONE

Allo stato attuale non si rende necessario ampliare


Espianto delle
le superfici infrastrutturali dello stabilimento BASSO
specie vegetali
pertanto non verranno praticati espianti.

I fattori maggiormente responsabili della


Degradazione della
degradazione della vegetazione non si attuano MOLTO BASSO
vegetazione
nell‟area dello stabilimento

PAESAGGIO

Il contesto morfologico e vegetazionale nonché la


Impatto visivo e
presenza di strutture non particolarmente
percettivo dello
sviluppate in altezza rende l‟area dello stabilimento BASSO
stabilimento e delle
non percettibile dalle principali zone e strade di
relative opere
frequentazione della zona

Degradazione del Le attività che si svolgono all‟interno dello


paesaggio a causa stabilimento e nelle aree ad esso funzionali, per
MOLTO BASSO
delle attività dello natura e tipologia non determinano alterazioni
stabilimento significative del paesaggio

106
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ASPETTO QUANTIFICAZIONE MISURE DI


DESCRIZIONE SINTETICA
IMPATTO IMPATTO MITIGAZIONE

ARIA

Sebbene non siano presenti dei punti di


monitoraggio, si rileva la presenza di un potenziale
impatto sulla componente dovuto al traffico indotto
Qualità dell‟aria dal trasporto merci. Tuttavia il collegamento con le BASSO
principali arterie di traffico avviene in un‟area
extraurbana per cui non si rilevano impatti sulla
qualità dell‟aria in zone urbanizzate.

Le trasformazioni indotte dall‟opera non sono tali


Microclima MOLTO BASSO
da indurre modifiche al microclima

RUMORE

I rilievi acustici effettuati mostrano dei valori MOLTO BASSO


Impatto sulla diurni entro i limiti di legge. In virtù della
popolazione localizzazione extraurbana dello stabilimento, non
si rileva impatto di alcun tipo sulla popolazione.

Impatto Sebbene nello stabilimento le attività non generano MOLTO BASSO


sull‟ambiente rumori di tipo impulsivo ma di carattere continuo,
sorgenti sonore non continue sono date dal

107
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ASPETTO QUANTIFICAZIONE MISURE DI


DESCRIZIONE SINTETICA
IMPATTO IMPATTO MITIGAZIONE
passaggio di automezzi pesanti. Tuttavia, l‟impatto
complessivo sulla componente si stima basso
anche in virtù della particolare conformazione
orografica dell‟area e la presenza di vegetazione di
alto fusto intorno allo stabilimento che costituisce
una barriera acustica che mitiga notevolmente
l‟impatto sull‟ambiente.

108
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

4.3 Monitoraggio
I programmi di monitoraggio hanno lo scopo di raccogliere con metodi
standardizzati delle informazioni sul reale impatto delle opere sulle componenti
ambientali e di dare indicazioni sulle tendenze dinamiche degli ambienti
considerati.
Nel caso specifico, in considerazione delle caratteristiche dell‟attività
oggetto di questa valutazione, le attività di monitoraggio si sono concentrate sulle
componenti acque sotterranee ed acque superficiali.
Al fine di verificare che i volumi di emungimento siano sempre compatibili
con i volumi di ricarica dell‟acquifero verranno monitorate in continuo le portate
emunte da ogni singolo punti di captazione. I valori rilevati verranno
automaticamente trasmessi ad una stazione di controllo ubicata all‟interno dello
stabilimento in modo che possano essere contestualmente consultati ed elaborati.
Oltre a questo fondamentale controllo relativo alla matrice acque sotterranee
verrà effettuato un controllo qualitativo e quantitativo relativamente alle acque
scaricate nel corpo idrico superficiale, denominato Rio Zinnigas.
In particolare, così come previsto dalla vigente autorizzazione allo scarico
verrà effettuato con cadenza semestrale un campionamento delle acque
superficiali che verranno successivamente analizzate in laboratorio per la
determinazione dei parametri n° 1, 6, 7, 8 e 50 della Tabella 3 dell‟Allegato 5
della parte III del D. LGs. 152/06.
Infine, al fine di monitorare i quantitativi scaricati nel corpo idrico verrà
effettuata una misura volumetrica mensile delle acque convogliate nel Rio
Zinnigas.

Tab. 11 – indicatori individuati per il monitoraggio delle acque

Componente Indicatore

Volumi emunti dalla falda


Acque sotterranee
acquifera (continuo)

Chimismo acque di scarico


Acque superficiali
(mensile)

Volumi scaricati in corpo idrico


Acque superficiali
superficiale (continuo)

109
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

5 Conclusioni
A seguito delle analisi condotte si può affermare che le opere realizzate sono
compatibili con gli aspetti paesaggistici ed ambientali.
Infatti l‟attività comporta principalmente l‟emungimento di acque
sotterranee, per l‟imbottigliamento e la vendita di acque minerali, in quantitativi
pienamente sostenibili per l‟acquifero oggetto delle captazioni.
Inoltre la politica aziendale prevede e ha avviato una serie di misure,
attualmente in fase di ottimizzazione, finalizzate alla riduzione della differenza
tra volumi idrici emunti ed imbottigliati ed ad un conseguente riduzione dei
consumi di energia elettrica.

6 Bibliografia
ARANGINO, F., ARU, A., BALDACCINI, P., VACCA, S., 1986a. I suoli delle
aree irrigabili della Sardegna. Piano Generale delle Acque, R. A. S. – E. A. F.,
Cagliari, 133 pp. 1 Carta in scala 1:250.000.

ARANGINO, F., BALDACCINI, P., VACCA, S., ARU, A., 1986b. Carta dei
suoili delle aree irrigabili della Sardegna, foglio 233-Carbonia, scala 1:100.000.
Piano Generale delle Acque, R. A. S. – E. A. F., S.EL.CA., Firenze.

ARU, A., BALDACCINI, P., DELOGU, G., DESSENA, M.A., MADRAU, S.,
MELIS, R.T., VACCA, A., VACCA, S., 1990. Carta dei suoli della Sardegna, in
scala 1:250.000. Dipartimento Scienze della Terra Università di Cagliari,
Assessorato Regionale alla Programmazione Bilancio ed Assetto del Territorio,
SELCA, Firenze.

ARU, A., BALDACCINI, P., VACCA, A., 1991. Nota illustrativa alla Carta dei
Suoli della Sardegna. R. A. S. Ass. Prog. – Univ. degli studi di Cagliari, Dipart.
Scienze della Terra, Cagliari.

BARCA, S., ANNINO, E., COSTAMAGNA, L.G., 2002. Evoluzione


stratigrafico-strutturale del Basamento Ercinico del Sulcis (Sardegna sud-
occidentale). In: Atti Sem. Fac. Sci. Univ. Cagliari, 65-120.

BARCA, S., COCOZZA, T., DEL RIO, M., PILLOLA, G.L., PITTAU
DEMELIA P., 1987. Datation de l’Ordovicien par Dictyonema flabelliforme et
par Acritarches dans la partie supérieure de la Formation “Cambrienne” de
Cabitza (SW de la Sardigne, Italie). Consequence geodinamique. C.R. Acad. Sci.
Paris, t.305, serie II, 1109-1113.

BIASUTTI, R., 1962. Il paesaggio terrestre. UTET, Torino.

110
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

BORDICCHIA et alii, 2002. Studio idrogeologico delle acque minerali dell’area


di “Zinnigas”. In: Rendiconti seminario facoltà di Scienze Università di Cagliari
Vol. 72, Fasc. 1.

BRUNET, R., 1974. Analyse des paysages et sémiologie. Éléments pour un


débat. In: «L'Espace Géographique», n.2, pp. 120-126.

BRUSCA, C., DESSAU, G., 1968. I giacimenti piombo-zinciferi di S. Giovanni


(Iglesias) nel quadro della geologia del cambrico sardo. L‟industria mineraria,
19, 470-494, 533-556, 597-609.

BROSSARD, T, WIEBER, J.C., 1984. Le paysage trois définitions, un mode


d'analyse et de cartographie. In «L'Espace Géographique», n.1, pp. 5-12.

BURROUGH, P.A., 1988. Principles of Geographical Information Systems for


Land Resources Assessment. Oxford University Press, New York.

CARMIGNANI, L., OGGIANO, G., BARCA, S., CONTI, P., SALVADORI, I.,
ELTRUDIS, A., FUNEDDA, A., & PASCI, S., 2001. Geologia della Sardegna,
Note Illustrative della Carta Geologica della Sardegna a scala 1:200.000. Mem.
Descr. Carta Geologica d‟Italia, Serv. Geol. It., 60, 283 pp., Ist. Poligr. Zecca
dello Stato, Roma.

CARMIGNANI, L., COCOZZA, T., GANDIN, A., PERTUSATI, P.C., 1986.


The Geology of Iglesiente. In: Guide book to the excursion on the Paleozoic
basement of Sardinia. IGCP n.5. Newsletter (special issue), 31-49.

CARMIGNANI, L., COCOZZA, T., MINZONI, N., PERTUSATI, P.C., RICCI,


C.A., 1980. E’ la Corsica il retropaese della catena ercinica della Sardegna?.
Mem. Soc. Geol. It., 20, 47-55.

CCE (Commissione delle Comunità Europee), 2002. Comunicazione della


Commissione al Consiglio e al Parlamento Europeo. Verso una strategia
tematica per la protezione del suolo. COM 179 del 16.04.2002, Bruxelles.

CENCINI, C., 1999. Il paesaggio come patrimonio: i valori naturali. In: «Boll.
Soc. Geogr. Ital.», Roma, serie XII, vol. IV, 1999, pp.279-294.

CHERCHI, A., MAXIA, C., ULZEGA, A., 1974. Evoluzione paleogeografia del
Terziario della Sardegna. Rend. Sem. Fac. Scienze, Univ. di Cagliari.

CHERCHI, A., MONTADERT, L., 1982. Oligo-miocene rift of Sardinia and the
early history of the Western Mediterranean Basin.
111
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

COCOZZA, T., GANDIN, A., 1990. Carbonate deposition during early rifting:
the Cambrian of Sardinia and the Triassic-Jurassic of Tuscany, Italy. Spec.
Publs., int. Ass. Sediment., 9, 9-37.

COCOZZA, T., JACOBACCI, A., NARDI, R., SALVADORI, I., 1974. Schema
stratigrafico strutturale del massiccio Sardo-Corso e minerogenesi della
Sardegna. Mem. Soc. Geol. It. 8, pp. 85-186.

COCOZZA, T, LEONE, F., 1977. Sintesi della successione stratigrafica


paleozoica della Sardegna sud-occidentale. Escursione in Sardegna 1977:
risultati e commenti (a.c. di G.B. Vai), GLP, 2-1977, Suppl., 15-23.

DEBRENNE, F., GANDIN, A., 1985. La Formation de Gonnesa (Cambrien, SW


Sardaigne): biostratigrafie, paléogéografie, paléoécologie des Archéocyathes.
Boll. Soc. Geol. Fr., 8.

DEBRENNE, F., GANDIN, A., PILLOLA, G.L., 1985. La sezione tipo del
Membro di Punta Manna (Formazione di Nebida. Cambriano inferiore,
Sardegna SW). In: Evoluzione stratigrafica, tettonica, metamorfica e magmatica
del Paleozoico italiano; (COCOZZA, T. & RICCI, C.A. Eds.) Riunione
scientifica, Siena; extended abstract, 33-34.

DEBRENNE, F., GANDIN, A., SIMONE, L., 1980. Studio sedimentologico


comparato di tre “lenti” calcaree ad archeociati dell’Iglesiente e Sulcis
(Sardegna Sud-occidentale). Mem. Soc. Geol. It., 20, 379-393.

DENT, D., YOUNG, A., 1981. Soil Survey and Land evaluation. George Allen
and Onwin, London.

DERIU, M., 1962. Stratigrafia, cronologia e caratteri petrochimici delle


vulcaniti oligoceniche in Sardegna. Mem. Soc. Geol. 3, pp. 675-707.

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA, 1998. Nuovo studio dell’idrologia


superficiale della Sardegna. Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato
della Programmazione, Bilancio ed Assesto del Territorio-Centro Regionale di
Programmazione, Cagliari, CD-rom.

Fadda A.F., 1990. L’evoluzione del paesaggio in Sardegna - geomorfologia e


idrografia. Co Edi Sar, Cagliari, Italia

FAO-ISRIC-ISSS, 1998. World Reference Base for Soil Resources. World Soil
Resources Reports 84, FAO, Rome.

112
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

GALASSI, R., GANDIN, A., 1992. New structural data and their bearing on the
Cambrian stratigraphy of the Iglesiente region (SW Sardinia, Italy). C.R. Acad.
Sci. Paris, 314 II, 93-100.

GANDIN, A.,1987. Depositional and paleogeographic evolution of the


Cambrian in south-western Sardinia. In SASSI & BOURROUILH Eds. IGCP
proj. n.5. Newsletter 5, 151-166.

GANDIN, A., DEBRENNE, F., 1984. Lower Cambrian bioconstructions in


Southwestern Sardinia (Italy). Geobios. Mém. Spécial, 8, 231-240.

GANDIN, A., PILLOLA, G.L., 1985. Biostratigrafia e sedimentologia della


Formazione di Cabitza nell‟Iglesiente. In Evoluzione stratigrafica, tettonica,
metamorfica, e magmatica del Paleozoico italiano; (COCOZZA, T. & RICCI,
C.A. Eds.) Riunione scientifica, Siena; extended abstract, 30-31.

LEONE, F., HAMMANN, W., LASKE, R., SERPAGLI, E., VILLAS, E., 1991.
Lithostratigraphic units and biostratigraphy of the post-sardic Ordovician
sequence in south-west Sardinia. Boll. Soc. Paleont. It., 30(2), 201-235.

LICHERI, P., 2008: “Relazione tecnica finanziaria per la richiesta di rinnovo


della concessione mineraria Zinnigas in territorio del Comune di Siliqua (CA)”.

MADRAU, S., DEROMA, M.A., LOI, G., BALDACCINI, P., 2006. Il database
pedologico georeferenziato e la Carta dei Suoli della Sardegna, Dipartimento di
Ingegneria del Territorio, Nucleo Ricerca Desertificazione, Università degli Studi
di Sassari, Sassari.

MARINI, A., MURRU, M., 1983. Movimenti tettonici in Sardegna fra il


Miocene superiore ed il Pleistocene. Geogr. Fis. Dinam. Quat. 6, pp. 39-43.

MAXIA, C., PECORINI, G., 1969. Il Quaternario della Sardegna. Atti sul X
Congresso Inter. Studi Sardi, Cagliari.

MAXIA, C., PALMERINI, V., ULZEGA, A., BARCA, S., 1970. Geomorfologia
e sedimentologia del settore sud-orientale del Campidano, (Sardegna sud-
orientale). Boll. Soc. Geol. It 89, pp. 567-597.

MEREU, G., SILANOS, L., 1987. Rilevamento pedologico della valle del
Cixerri. CRAS, Cagliari, 44 pp., 1 Carta in Scala 1:25.000.

MONTALDO, P., 1959. Sulla tettonica quaternaria del campidano di Cagliari


(nota preliminare). Boll. Soc. Geol. It. 1979 Roma.

113
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

MOTRONI, A., CANU, S., BIANCO, G., LOJ, G., 2004. Carta delle Aree
Sensibili alla Desertificazione (Environmentally Sensitive Area to
Desertification, ESAS), scala 1:100.000. S.A.R.

ORRU‟, M; PILIA, A., 2012. Stabilimento Sarda Acque Minerali, Località


Zinnigas, Siliqua (CA) - Relazione geologica ed idrogeologica.

OZER, A., PASKOFF, R., SANLA VILLE, P., ULZEGA, A., 1980. Essai de
correlation du Plèistocène de la Sardaigne et de Tunisie. C. R. Acad. Sc. Paris.
T. 291 (17 Novembre 1980). Serie D, pp. 801-804.

OZER, A., ULZEGA, A., 1982. Quaternary sea levels in Sardinia. XI Inqua
Congress Mockba. Abstracts Vol. II.

PALA, A., PECORINI, G., PORCU, A., 1976. Struttura idrogeologica della
soglia di Siliqua tra la fossa del campidano e la fossa del Cixerri (Sardegna
Meridionale). Boll. Soc. Geol. It. 95, pp. 705-724.

PECORINI, G., 1966. Sull’età oligocenica del vulcanismo al bordo orientale


della fossa del Campidano. Rend. Acc. Naz. Lincei. 6, VIII – XL. Roma.

PECORINI, G., POMESANO, CHERCHI, A., 1969. Ricerche geologiche e


biostratigrafiche sul Campidano meridionale. (Sardegna). Mem. Soc. Geol. It.8,
pp. 421-451.

PILLOLA, G.L., GROSS, U., 1982. Stratigrafia del Membro di Matoppa della
Formazione di Nebida (Cambriano inferiore) nell’area si M.te S. Giovanni- M.te
Uda. In Guida alla Geologia del Paleozoico sardo. Guide Geologiche Regionali.
Mem. Soc. Geol. It., 79-82.

PINNA, M., 1954. Il clima della Sardegna. Libreria Goliardica, Pisa.

PINNA, M., 1974. Climatologia. Utet, Torino.

PITTA, U, DEMELIA, P., 1979. Palinologia e datazione della sezione di Tanca


Aru nella valle del Cixerri (Sardegna sud-occidentale). Boll. Soc. Paleont. It.
Vol 18 n.2, pp. 303-314.

POLL, J.J.K., 1965. Geological map of the Rosas-Terraseo area, scale 1:25.000.
Geological Institute, Leiden University.

POLL, J.J.K., ZWART, H.J., 1964. On the tectonics of the Sulcis area, S
Sardinia. Geol. En Mijnbow, 43 (4), 144-146.

114
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

RAS - Regione Autonoma della Sardegna - Assessorato della Difesa


dell'Ambiente, 2005-2011. Relazioni annuali sulla qualità dell'aria in
Sardegna”. In: http://www.regione.sardegna.it. R. A. S. , Cagliari.

RAS - Regione Autonoma della Sardegna - Assessorato della Difesa


dell'Ambiente, 1998. Nuovo studio dell’idrologia superficiale della Sardegna.
Assessorato della Programmazione, Bilancio ed Assetto del Territorio, Ente
Autonomo del Flumendosa, Cagliari”.

RASETTI, F., 1972. Cambrian Trilobite Faunas of Sardinia. Mem. Acc. Naz.
Lineei, 11 (1), 1-100.

SAVELLI, C., BECCALUVA, L., DERIU, M., MACCIOTTA, G., MACCIONI,


L., 1979. K/Ar geocronology and evolution of the Tertiary “Calc-Alcalic”
volcanism of Sardinia (Italy). Jorn. Of. Sed. Petro. 33, pp. 180-190.

SELVINI, A., 1996. La cartografia di base per i sistemi informativi territoriali.


Bollettino della SIFET, 3, 11-19.

SESTINI, A., 1963. Il paesaggio. TCI, Milano.

SEUFFERT, O., 1970. L’evoluzione nel Campidano e nel bacino del Cixerri.

SOIL SURVEY DIVISION STAFF, 1993. Soil survey manual. USDA-SCS


Agric. Handb. 18. U.S. Gov. Print. Office, Washington, DC.

SOIL SURVEY STAFF, 1999. Soil Taxonomy. A Basic System of Soil


Classification for Making and Interpreting Soil Surveys. Second Edition. USDA-
NRCS Agric. Handb. 436. U.S. Gov. Print. Office, Washington, DC.

SOIL SURVEY STAFF, 2003. Keys to Soil Taxonomy, 9 Th Edition. USDA–


NRCS. U.S. Gov. Print. Office, Washington, DC, 332 pp.

SOIL SURVEY STAFF, 2006. Keys to Soil Taxonomy, 10 Th Edition. USDA–


Natural Resources Conservation Service, Washington, DC.

SPANO, C., MELONI, D., 1992. Macrofauna and paleoenvironment of the


Langhia-Serravallian deposit from the Cagliari area (South Sardinia, Italy).
IGCP No 276, newsletter vol. n°5, Siena 1992, pp. 199-214.

THORNTHWAITE, C.W., MATHER, J.R., 1957. Instruction and Tables for


Computing Potential Evapotranspiration and the Water Balance. Publications in
Climatology 10 (3), Centerton, NJ.

115
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

VALLEGA A., 1979. Il paesaggio, concetto mitico. In «Il paesaggio costiero


della provincia di Savona. Evoluzioni e problemi», Cassa di Risparmio di
Savona, Savona, 1979, pp.303-314.

VARDABASSO, S., 1955. Il Quaternario della Sardegna. Congresso INQUA,


Roma-Pisa.

VARDABASSO, S. 1962. Questioni paleogeografiche relative al terziario


antico in Sardegna. Atti Conv. “Il Paleogene in Sardegna”. Mem. Soc. Geol. It.
3, pp. 655-673.

WIEBER, J.C., 1985. Le paysage visible, un concept nécessaire In Berdoulay


Vincent, Phipps Michel, «Paysage et système», Éditions de l‟Université
d‟Ottawa, Ottawa, 1985, pp.167-177.

ZERBI, M. C., 1993. Paesaggi della geografia. Giappichelli, Torino

116
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ALLEGATO 1
Planimetria dell’area di concessione

117
479600 480000 480400 480800 481200

ALLEGATO 1 - PLANIMETRIA DELL'AREA DI CONCESSIONE


4344800

4344800
D
F

A
4344600

4344600
D

WQ
!
.
4344400

4344400
D
B
4344200

4344200
W12
W13
!
.
E !
.
W14
D
!
.
4344000

4344000
C
D

W7
4343800

4343800
!
.

Sigla X_WGS Y_WGS


A 479412 4344597
B 480157 4344312
C 480370 4343925
D 479930 4343451
4343600

4343600
!
. Pozzi E 479292 4344073

1:5.000
F 481268 4344810

Vertici della concessione Nom e Sigla X_WGS Y_WGS

D
D QUERCETTA WQ 479914 434442
S. GIORGIO W12 479688 434413
Area 0 125 250 LEVIA W13 479671 434409
PURA W14 479638 434402
Meters S. ANGELO W7 479873 434380
D
479600 480000 480400 480800 481200
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ALLEGATO 2
Piano di Riqualificazione area estrattiva, recupero con ripristino
ambientale

118
SARDA ACQUE MINERALI S.P.A
Valutazione di Impatto Ambientale della concessione mineraria per acque minerali
denominata “Zinnigas” sita a Siliqua (CA)
Rapporto Ambientale

ALLEGATO 3
Analisi chimica acque di scarico, campionamento ottobre 2012

119