Sei sulla pagina 1di 2

Percorso di insegnamento nei

bambini dai 5 anni in su

Presentazione per l’esame di Metodologia dell’insegnamento strumentale

Introduzione
Questo scritto è presentato sulla base delle lezioni con un bambino di 5 anni senza alcuna
formazione musicale precedente. Il focus essendo lo sviluppo musicale e le abilità relative al
suonare il pianoforte. Ho applicato l'approccio appreso durante il suddetto corso con il Prof.
Matteo Costa e ho tratto spunto da diverse risorse.

Le prime lezioni

Avevo desiderato lavorare in un ambiente abbastanza formale, visti i miei inizi simili. Ma
presto mi sono reso conto che non era favorevole al suo progresso musicale, piuttosto un
impedimento. Si è ritenuto necessario passare a un approccio diverso, in cui il bambino si
sentiva in grado di raggiungere obiettivi musicali ed era interessato all'ambiente di
apprendimento (Dunst, 2001).

Rinizio

Le modifiche introdotte ci hanno aiutato a ottenere alcuni risultati positivi nel corso di 2-3
lezioni. Il mio scopo era aiutarlo a distinguere tra:

a. Dinamiche
b. Suoni gravi e suoni acuti

Naturalmente, ho pensato che fosse meglio procedere con gli estremi per entrambi i casi.
L'utilizzo di immagini d’animali (per esempio leone per ff e topo per pp) si è rivelato un modo
efficace per introdurre questi concetti. Inoltre, sentivo che questo metodo stimolava la sua
immaginazione a una certa misura, che a sua volta aveva portato ai conclusioni piuttosto
soddisfacenti.

Introduzione a tempo

Per aiutare il bambino ad apprezzare la differenza tra metro semplice e metro composto,
sono passato a parole e frasi ordinarie. I riferimenti extra-musicali erano sempre molto
efficienti per impregnare i fondamenti della musica soprattutto in questa fase introduttiva. I
giochi che coinvolgono output percussive erano di grande interesse per lui. Essendo
piuttosto accessibili e meno complessi, i giochi sono stati presi come una sfida, al cui
completamento ha tratto un certo piacere. Come se fosse sfidato da un immaginario
concorrente in una partita in solitario. A questo punto ho notato il suo interesse per le sfide
in quanto tali. I risultati sono stati molto più incoraggianti anche se la mia intenzione era quella
di iniziare la musica in metro semplice.

Frammenti di scala maggiore

Pensando di collegarlo al movimento musicale, alcuni movimenti particolari vennero in mio


aiuto. Ad esempio: un aereo che decolla, passi, salendo/scendendo le scale. Non abbiamo
avuto un successo in ogni caso, ma è stato sicuramente utile per sviluppare la sua
comprensione dei concetti musicali. Il decollo essendo stato interpretato come un glissando
mentre i passi assumevano la forma di frammenti unidirezionali sulla tastiera.

Dopo questa fase, l'introduzione ai frammenti di scala richiedeva uno sforzo notevolmente
inferiore. Ci siamo limitati a un frammento di cinque note della scala maggiore sui tasti
bianchi, aggiungendo note guidate dal flusso musicale naturale e non in serie. Ho dedotto
che sarebbe meglio evitare di impegnare tutte e cinque le dita, risultando in una sorta di
semplificazione dove ha avuto lo spazio per apprezzare la semplicità di una scala maggiore.
Combinandolo con cadute sull'indice, ha portato l'idea del coinvolgimento muscolare. E
abbastanza sorprendentemente, ha notato la differenza nel suono effettuata da un tale
movimento.

Introduzione alla musica

Sentendo che era pronto per suonare un po 'di musica, ho cercato alcune filastrocche
popolari. Si sono rivelati una fonte familiare da cui andare avanti potrebbe essere più facile.
Forse l'introduzione alla musica avrebbe dovuto avvenire attraverso il canto. Un bambino lo
trova il più facile da affrontare. Farglielo cantare e battere su queste rime lo ha aiutato ad
avere un'idea più chiara prima di eseguirle sullo strumento. Citando (Trainor e corrigol)
"L'esposizione alla musica della propria cultura porta alla conoscenza implicita del suo tono
e struttura ritmica”

Citazioni che sono in linea con le mie inferenze

“In tutti questi esempi, la mia posizione partecipativa, guidata dall’allievo, ci ha permesso di
concentrarci sul processo di creazione della musica e non su un obiettivo o prodotto
desiderato. Il processo in sé è stato piacevole perché era interattivo”
-Lauren Kooinstra

“I bambini si dedicano alla musica consistente con "adulti, fratelli, pari e influenze mediate
che hanno conosciuto. Gli ambienti informali consentono queste influenze inclinazione
all'essere musicale.”
-Campbell, Kooinstra

Kanishka
15.10.2020