Sei sulla pagina 1di 8

10/19/2013

Gli standard
Sono brani noti, arrangiati ed eseguiti da vari musicisti con
modalità e stili diversi.
St tt
Struttura i t
interna
¾ Di solito è composta da 32, 16, o 12 battute che si
ripetono ciclicamente (giro).
¾ Il giro può essere suddiviso in parti di 8 o di 4
battute, armonicamente differenti.

Esempio di giro a 16 battute

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

1
10/19/2013

Gli standard
A volte può essere presente un’introduzione e una coda:

intro giro coda


n

Oppure delle parti alternative:

intro giro 1 coda


n
2

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

Schema a 12 battute
¾ E' lo schema tipico del blues:

1 2 3 4

5 6 7 8

9 10 11 12

Esempi
Blues for Alice, Solar, Israel, Birk's Works, Giant Steps.

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

2
10/19/2013

Schema a 16 battute
¾ E' composto da due parti, A e B, di 8 battute ciascuna:

A 1 2 3 4 5 6 7 8

B 1 2 3 4 5 6 7 8

Esempi
Blue Bossa, Lady Bird, My Little Boat, Tune-Up, Four on Six.

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

Schema a 32 battute
¾ Comprende 4 parti di 8 battute ciascuna.
¾ Lo schema p
più comune è q
quello A A B A.
¾ Le parti A sono simili. La parte B, detta anche inciso,
differisce radicalmente dalla parte A.

1.
• •
A • 1 2 3 4 5 6 7 8 •

2.
A’ 7’ 8’

B 1 2 3 4 5 6 7 8

A’ 1 2 3 4 5 6 7’ 8’

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

3
10/19/2013

Schema a 32 battute
AABA Satin Doll, Afternoon in Paris, Take the 'A' Train,
Scrapple from the Apple.

AABC Autumn Leaves.

ABAC All of Me, Four, The Days of Wine and Roses,


Here's That Rainy Day, How High the Moon,
In A Mellow Tone, Someday My Prince will
Come Just Friends.
Come, Friends

ABCD April in Paris, Dolphin Dance, Stella by Starlight,


How Insensitive.

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

Schema a 36 battute
¾ Comprende 4 parti di 8 battute ciascuna, più una coda
di 4 battute che fa parte del giro.

A 1 2 3 4 5 6 7 8

B 1 2 3 4 5 6 7 8

C 1 2 3 4 5 6 7 8

A’ 1 2 3 4 5 6 7’ 8’

coda 1 2 3 4
Esempio
All The Things You Are.
Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

4
10/19/2013

Modalità di esecuzione
L'esecuzione di uno standard è caratterizzata da cinque
fasi distinte:

Fasi di uno standard


1. Introduzione
2. Esposizione iniziale del tema
3 Improvvisazione
3.
4. Esposizione finale del tema
5. Coda

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

Introduzione
¾ Non esiste uno schema predefinito per l'introduzione:
si possono avere introduzioni di 4, 8, o 16 battute, con
ritmo o libera,, su accordi uguali
g o diversi da q
quelli del
tema.

Tema
¾ Consente all'ascoltatore di indentificare il brano e
comprendere più chiaramente il tessuto armonico che
f à da
farà d base
b all'improvvisazione
ll'i i i successiva.
i
¾ Terminata l'esposizione del tema, il giro di accordi si
ripete, e comincia la fase dell'improvvisazione.

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

5
10/19/2013

Improvvisazione
¾ L'improvvisazione avviene sugli stessi accordi del
tema, eseguendo un numero intero di giri.
¾ Alla fine dell'ultimo giro, il solista deve far capire agli
altri che il suo assolo sta per concludersi, in modo che
il solista successivo si prepari ad entrare all'inizio del
nuovo giro.

giro giro
n n

assolo 1 assolo 2

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

Il Break
¾ Spesso, la fase dell'improvvisazione è preceduta da
un break, ossia da un’interruzione temporanea della
ritmica, in cui il solista improvvisa da solo sulle ultime
due (o quattro) battute del tema.
tema
¾ Il break viene eseguito nei brani in cui si risolve sulla
penultima battuta, e le due battute finali fungono da
collegamento con il giro successivo.
giro k giro (k+1)
••• •••

break Just Friends


Charlie Parker

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

6
10/19/2013

Assolo di basso
¾ A discrezione, anche il basso esegue il suo assolo su
uno o più giri di accordi.
¾ Durante l'improvvisazione del basso,
l'accompagnamento e la batteria riducono
sensibilmente il volume per esaltare il suo assolo:
− l'accompagnamento accenna gli accordi
− la batteria si limita ad accentare i movimenti deboli
(2º e 4º) con il charleston.

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

Assolo di batteria
¾ Vieno dopo l’assolo di basso. Gli altri strumenti non
suonano.
¾ Anche l'assolo di batteria segue la struttura del brano
e dura per uno o più giri.
¾ A volte si alternano 4 battute di improvvisazione
solistica con 4 battute di assolo di batteria (scambi).
¾ Gli scambi possono essere di 8, 4 oppure 2 battute.
¾ Gli scambi cominciano con un solista e finiscono con
l’assolo di batteria, in modo che il solista possa
prepararsi a rieseguire il tema.

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

7
10/19/2013

Assolo di batteria
¾ A volte si eseguono degli scambi alternando un
numero di battute che si dimezza di volta in volta:

solista batteria

1 2 3 4 5 6 7 8

1 2 3 4 5 6 7 8

1 2 3 4 5 6 7 8

1 2 3 4 5 6 7 8

Tema finale

Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo

I finali
Terminato l'ultimo l'assolo, si espone nuovamente il tema
e si ci si prepara a concludere.
Il finale può essere di vari tipi, tuttavia è possibile
identificare alcuni schemi tipici:

¾ Finale sull’accordo risolutivo


¾ Finale dissonante
¾ Finale con break
¾ Finale con ripetizione
¾ Finale a sfumare (fading)
¾ Finale con coda
Introduzione alla musica Jazz - Giorgio Buttazzo