Sei sulla pagina 1di 10

3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

ico

3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro


dell’architettura; sulla Terra e oltre

DI JEFF LINK
ARCHITETTURA - 12 GIU. 2018 - 5 MIN. TEMPO DI LETTURA

Rendering di Mars Ice House. Per gentile concessione di Clouds Architecture Office (Clouds AO) e Space
Exploration Architecture (SEArch).

Verso una Architettura


Con un riferimento a , la fondamentale raccolta di saggi scritti da Le

Corbusier nel 1923, Towards a Robotic Architecture (Verso un’Architettura Robotica) guarda con
fiducia al futuro tecnologico di questa disciplina. Curata da Mahesh Daas, preside della School of

Architecture & Design presso l’Università del Kansas, in collaborazione con Andrew John Wit,

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

assistente di Digital Practice presso la Temple University, l’opera illustra le possibilità di utilizzare i

robot e l’intelligenza artificiale (IA) nella progettazione architettonica.

Daas è sempre stato affascinato dalle ramificazioni filosofiche della tecnologia IA. Se il futuro

dovesse evolversi come lui immagina, un mondo in cui i robot progetteranno, costruiranno ed

abiteranno con noi e tra noi non sarebbe poi così lontano. “Questa è l’alba di una nuova era, l’era in

cui le forme di vita che noi stessi abbiamo creato cammineranno e lavoreranno tra noi”, scrive Daas

nel capitolo di apertura. “Ci aiuteranno ad esplorare possibilità senza precedenti, a sfidare la nostra

visione del mondo, a ridefinire la condizione umana e, in quanto parte integrante di queste

trasformazioni globali, riusciranno ad influenzare anche l’architettura”.

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

La progettazione robotica potrebbe perfezionare la complessità geometrica, il comportamento dei

materiali e la fabbricazione su scale che rispettano quelle della natura. Per gentile concessione di

Neri Oxman.La fabbricazione digitale di biomateriali che reagiscono all’ambiente circostante, la

comparsa di soft robot (robot morbidi) nelle strutture di assistenza, l’utilizzo dei robot per costruire
insediamenti extraterrestri su Marte: questi sono solo alcuni degli aspetti discussi nel nuovo mondo

immaginato da Daas, Wit e da coloro che hanno contribuito alla stesura del loro libro.

1. Gli edifici al passo con l’IA seguiranno il design della natura


Un’area di ricerca inesplorata e promettente, scrive Daas, “è quella degli edifici, dei mobili e degli

interni robotici”. In altre parole, edifici che si comportano come robot.

Al MIT Media Lab di Cambridge, Massachusetts, Neri Oxman, Joshua Van Zak, Jorge Duro-Royo e

Mediated Matter Group


il loro gruppo di ricerca nel offrono un esempio di dove potrebbe arrivare
l’architettura grazie a un prototipo sperimentale che inserisce strutture viventi nell’arena della

fabbricazione digitale.

In un capitolo intitolato “Parametric Chemistry: Reverse Engineering Biomaterial Composites for

Robotic Manufacturing of Bio-cement Structures Across Scales” (Chimica parametrica: biomateriali

compositi basati sul reverse engineering per la manifattura robotica di strutture in biocemento su

diverse scale), i ricercatori illustrano come la riconfigurazione di due biopolimeri (chitosano e

cellulosa) permetta di “sintonizzare e ottimizzare” le strutture in biocemento su scale “che si

avvicinano, e spesso corrispondono, a quelle della natura”. Immaginate una struttura in lattice a

forma di canoa, alta due piani e biodegradabile.

La novità del progetto, secondo Daas, è nell’uso che si fa dell’intelligenza artificiale per ricreare

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

processi e proprietà naturali. “Tradizionalmente, i materiali sono sempre stati trattati come materia

inerte”, dice l’autore. “Grazie alla possibilità di applicare i calcoli ai materiali, questi ultimi

diventeranno intelligenti e in grado di rispondere all’ambiente circostante o alle funzioni che

svolgono”.

2. Esseri umani e robot morbidi e soffici lavoreranno in armonia.


Daas osserva che i robot sono già presenti dappertutto: nelle catene di montaggio, nelle case, nelle

auto, nei corpi, persino nei box per bambini. Sono presenti nelle tecnologie computazionali, come la

gestione delle informazioni sugli edifici (BIM), la produzione assistita da computer (CAM), gli

impianti a controllo numerico (CNC), le stampanti 3D e le macchine per il taglio laser, che hanno

trasformato la progettazione architettonica e la fabbricazione digitale. Tuttavia, se le previsioni di

Daas sono attendibili, i robot del futuro saranno più morbidi, più fragili e meno precisi nei loro

movimenti.

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

“I robot morbidi” – sapranno interagire in maniera più naturale con gli esseri umani, dice Daas.”È

un’idea interessante, robot morbidi”, dice Daas. “Quando pensiamo ai robot, tendiamo ad

immaginare componenti metallici rigidi che funzionano ad alta velocità e con grande potenza. Ma,

poiché gli esseri umani e altri esseri viventi interagiscono con i robot sempre più spesso, vedremo

questi robot operare in modo molto più interattivo e saranno in grado di stringerci la mano senza

frantumarla”.

Man mano che i robot diverranno più morbidi, probabilmente anche l’ambiente che li circonda si

evolverà. Non saranno più costretti a stare all’interno di gabbie, come i potenti robot che possiamo

trovare oggi in molti impianti di produzione automobilistica ma, secondo Daas, si muoveranno con

maggiore libertà, lavorando insieme alle persone in ambienti più accoglienti e più gradevoli.

“Immaginate il mondo di un bambino. Com’è il mondo di un bambino? Accogliente, molto più

benevolo, meno rischioso. Gli ambienti che creiamo dovranno essere dotati di quel tipo di comfort”.

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

3. Gli Architetti aizuterrano a colonizzare Mars


Fino a poco tempo fa, la costruzione di insediamenti umani su Marte con l’ausilio dei robot era

NASA Mars 3D-Printed Habitat Challenge


considerata un’idea assurda ma ora, nell’ambito della ,è
stato lanciato un progetto in questo senso. “Andare su Marte sarà impossibile senza robot”, dice

Daas. “Prima di mettere piede sul pianeta dovremo lavorare tanto e con molto impegno nel campo

di queste tecnologie”.

Congresso Annuale Astronautico Internazionale


Nel corso del 67° a Guadalajara, in Messico, il

CEO di production-à-la-demande/SpaceX, Elon Musk, ha presentato il progetto della sua azienda


per inviare esseri umani su Marte e fondare una colonia; la sua idea architettonica si basa su

cupole geodetiche costruite con lastre di vetro autoctone e telai in fibra di carbonio. Lo scenario di

Musk è improbabile, almeno in un primo momento, a causa dei costi delle risorse e di altri fattori,

secondo Petr Novikov, cofondatore e capo della R & S della Asmbld a New York e autore

dell’ultimo capitolo di Towards a Robotic Architecture, “Robotic Construction on Mars”.

Ciò che potrebbe essere affascinante, tuttavia, è l’idea di una casa di ghiaccio simile a un igloo,

traslucida e rinforzata con fibra di vetro, stampata da ice bot autonomi, come delineato nel capitolo
di Novikov. Nota come “Project Mars Ice House”, la struttura potrebbe essere utilizzata come base

abitabile in attesa dell’arrivo degli astronauti.

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

Sezione della Mars Ice House. Per gentile concessione di Clouds Architecture Office (Clouds AO) e
Space Exploration Architecture (SEArch)..

Come spiega Novikov nel suo capitolo, servirebbero due tipi di robot per costruire la struttura. I

robot semi-autonomi chiamati WaSiBos verrebbero utilizzati per primi, per dragare il ghiaccio e la

regolite marziana e sinterizzare le fondamenta. Successivamente, gli ice bot stamperebbero l’intera
struttura in 3D e aggiungerebbero strati di ghiaccio, fibre e aerogel arrampicandosi sulla struttura

stessa durante la costruzione.

Se l’insediamento su Marte diventasse realtà, afferma Daas, i metodi di progettazione e

costruzione sviluppati e modellati sarebbero incoraggianti e potrebbero essere adattati per essere

utilizzati nelle aree povere di risorse di questo pianeta.

La cosa più importante, comunque, è che ormai non dobbiamo più temere questi salti interstellari,

ma accettarli. “Le principali invenzioni tecnologiche, dalle macchine a vapore ai computer e così

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

via, hanno sempre generato grosse ansie”, afferma Daas. “Stiamo vivendo la robotica e

l’intelligenza artificiale con lo stesso livello di ansia. Ma dovremmo avvicinarci a queste tecnologie

con cauto ottimismo. Le sfide globali che ci troveremo ad affrontare non potranno essere gestite

senza abbracciare nuove aree di conoscenza e la robotica e l’intelligenza artificiale rappresentano

una parte sostanziale della soluzione”.

#ENERGIA E RISORSE NATURALI - #INTELLIGENZA ARTIFICIALE - #MATERIALI

Sullo stesso argomento…

ARCHITETTURA

Thyssenkrupp esplora la tecnologia degli ascensori di domani con una


torre di prova
DI FRIEDERIKE VOIGT

ARCHITETTURA

Il Teatro di Rabat, in Marocco: il capolavoro postumo lasciatoci in eredità


da Zaha Hadid

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

DI KIM O’CONNELL

ARCHITETTURA

L’architetto visionario I.M. Pei, 102 anni vissuti tra polemiche e discolpe
DI JEFF LINK

Non perderti nemmeno un articolo.


Iscriviti alla nostra newsletter.

Redshift

INFORMAZIONI SU REDSHIFT AUTORI CONTATTI NEWSLETTER ITALIANO

Redshift-Site-Icons Redshift-Site-Icons

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]
3 modi in cui i robot possono contribuire al futuro dell'architettura; sulla Terra e su Marte

© 2019 AUTODESK, INC TUTTI I DIRITTI RISERVATI INFORMATIVA SULLA PRIVACY (INGLESE) NOTE
LEGALI E TRADEMARK (INGLESE) RIPORTARE LA MANCATA CONFORMITÀ (INGLESE)

Impostazioni privacy-statement

https://www.autodesk.it/redshift/robot-in-architecttura/[24/10/2019 10:53:22]