Sei sulla pagina 1di 3

FONETICA

Le vocali:
a e i o u
è ò
Tutte le vocali si pronunciano come in spagnolo. Le uniche diverse sono <è> e <ò>, che
sono vocali aperte, come nel catalano. Non esiste una regola per sapere quando sono
aperte e quando sono chiuse.
Le consonanti:
Tutte le consonanti si pronunciano come in spagnolo tranne:
 <b> bilabiale
 <v> labiodentale
 <z> si pronuncia come una <t> seguita da una <s>
 Esistono <s> che sono sonore, ma non esiste una regola (io per esempio
faccio tutte le <s> intervocaliche come sonore. È un consiglio per te)
Casi speciali:
 <gli> si pronuncia come una <ll> spagnola antica
Esempio: figlio (hijo)
 <qu> e <gu>: la <u> si pronuncia sempre
Esempio: questo (esto), Quirinale (è il nome di un palazzo), guerra,
guidare (conducir), quando
 <gn> si pronuncia come <ñ> in spagnolo
Esempio: Spagna
La <C>:
 <c> + <a/o/u> = /ka/ /ko/ /ku/
Esempio: casa, cosa, cucchiaio (cuchara)
 <c> + <e> = /tʃe/ (in spagnolo /che/)
Esempio: cervo (ciervo)
 <c> + <i> = /tʃi/ (in spagnolo /chi/)
Esempio: cilindro
 <c> + <i> + <a/o/u> = /tʃa/ /tʃo/ /tʃu/ (in spganolo /cha/ /cho/ /chu/)
Esempio: ciao (hola y adiós), cioccolato (chocolate)
 <c> + <h> + <i> = /ki/
 <c> + <h> + <e> = /ke/
La <G>:
 <g> + <a/o/u> = /ga/ /go/ /gu/
Esempio: gatto, gomma, guscio (cáscara, piel de comida)
 <g> + <e> = /dƷe/
Esempio: gelato
 <g> + <i> = /dƷi/
Esempio: ginnastica (gimanasia)
 <g> + <i> + <a/o/u> = /dƷa/ /dƷo/ /dƷu/
Esempio: già (ya), giovane (joven), giù (abajo)
 <g> + <h> + <e> = /ge/
Esempio: streghe (brujas)
 <g> + <h> + <i> = /gi/
Esempio: maghi (magos)

ABECEDARIO
A B C D E F G H I L M N
(a) (bi) (ci) (di) (e) (effe) (gi) (acca) (i) (elle) (emme) (enne)
O P Q R S T U V Z
(o) (pi) (cu) (erre) (esse) (ti) (u) (vu) (zeta)

GENERE E NUMERO
Esistono due forme di fare il genere e il numero dei sostantivi e degli aggettivi. Devi
immaginare che sono come due declinazioni del latino. Alcune parole si fanno come nel
primo gruppo e altre come nel secondo.
Gruppo 1
singolare plurale
maschile -o -i
femminile -a -e

Esempio: bambino, bambina, bambini, bambine


(niño, niña, niños, niñas)

Gruppo 2
singolare plurale
maschile/femminile -e -i

Esempio: fiore, fiori


(flor, flores)
Il genere delle parole di questo gruppo lo devi imparare a memoria. Per esempio, “fiore”
(flor) è un sostantivo maschile, ma in spagnolo è femminile.
A volte troviamo parole che fanno la flessione di genere e numero di forma aleatoria.
Ad esempio: uovo (huevo), uova (huevos)
Esistono sostantivi che rimangono uguali sia al singolare sia al plurale, come le parole
straniere, i monosillabi o le parole che finiscono in vocale accentuata.
Per esempio: computer, tè, re, città
PRONOMI PERSONALI
Singolare Plurale
Io Noi
Tu Voi
Lui/Lei Loro