Sei sulla pagina 1di 26

Atlas Copco

Modulo gateway Elektronikon Mk5

Guida utente
Guida utente
1. Informazioni generali

Modulo gateway Elektronikon Mk5

Numero del documento : 9845 0187 00_IT


Riguardante : Unità fornite del modulo gateway Elektronikon Mk5
Operazioni preliminari : –
Istruzioni di sicurezza : Generale
Persone necessarie : 1
Strumenti speciali : –
Materiali di consumo : –

2. Panoramica del documento


Questo documento copre i seguenti argomenti:
1. Informazioni generali .................................................................................................................................................... 1
2. Panoramica del documento ......................................................................................................................................... 1
3. Copyright...................................................................................................................................................................... 3
4. Informazioni e cronistoria del documento..................................................................................................................... 3
5. Precauzioni relative alla sicurezza ............................................................................................................................... 4
5.1. Icone di sicurezza .................................................................................................................................................... 4
5.2. Precauzioni relative alla sicurezza in fase di installazione ....................................................................................... 4
5.3. Precauzioni relative alla sicurezza in fase di operazioni .......................................................................................... 5
5.4. Sicurezza durante la manutenzione o la riparazione ............................................................................................... 6
6. Prefazione .................................................................................................................................................................... 7
7. Installazione fisica ........................................................................................................................................................ 7
7.1. Modbus e/o Profibus nella rete ................................................................................................................................ 7
7.2. Modulo Gateway ...................................................................................................................................................... 7
8. Installazione e configurazione del software.................................................................................................................. 8
8.1. Struttura cartelle del menu visualizzata sul display.................................................................................................. 8
8.1.1. Cartella Schermo principale (Mainscreen) [ ].................................................................................................... 8
8.1.2. Cartella Impostazioni generali (General Settings) [GE] ....................................................................................... 8
8.1.3. Cartella Compressori [ CP ] ............................................................................................................................... 13
9. Descrizione delle visualizzazioni del gateway ............................................................................................................ 14
9.1. icone ...................................................................................................................................................................... 14
9.2. Led......................................................................................................................................................................... 14
9.3. Tastiera .................................................................................................................................................................. 14
9.4. Password / Codici di accesso ................................................................................................................................ 15
10. Implementazione protocollo di Modbus ...................................................................................................................... 16
10.1. Specifica di Modbus supportata ............................................................................................................................. 16
10.2. Funzioni di Modbus supportate .............................................................................................................................. 16

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 1 di 22


1

10.3. Codice funzioni - campi dati ................................................................................................................................... 16


10.4. Codici d'eccezione ................................................................................................................................................. 17
10.5. Esempi................................................................................................................................................................... 17
10.5.1. Indirizzo dati non valido................................................................................................................................. 17
10.5.2. Pressione di uscita e stato della pressione di uscita ..................................................................................... 17
10.5.3. Modifica della banda di pressione attiva ....................................................................................................... 18
10.5.4. Avvio della macchina .................................................................................................................................... 18
11. Implementazione protocollo di Profibus ..................................................................................................................... 19
11.1. Concetto master-slave ........................................................................................................................................... 19
11.2. Struttura dei buffer ................................................................................................................................................. 19
11.2.1. Header .......................................................................................................................................................... 19
11.2.2. Record dati.................................................................................................................................................... 21
11.3. Codici d'eccezione ................................................................................................................................................. 21
11.4. Esempi................................................................................................................................................................... 22
11.4.1. Indirizzo dati non valido................................................................................................................................. 22
11.4.2. Pressione di uscita e stato pressione di uscita.............................................................................................. 22
11.4.3. Modifica della banda di pressione attiva ....................................................................................................... 22
11.4.4. Avvio della macchina .................................................................................................................................... 22

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 2 di 22


1

3. Copyright
Sono proibiti qualsiasi uso non autorizzato o copia del contenuto o copia di qualsiasi sua parte.
Questo vale in particolare per marchi di fabbrica, denominazione dei modelli, numeri di parti e disegni.

4. Informazioni e cronistoria del documento

Edizione Data Descrizione Autore

00 29/11/2010 Prima edizione CTE-KD

01 22/03/2011 Aggiornamento del testo a cura di Tine Lefebvre CTE-KD

02 10/05/2011 Dispositivi ED rinominati CRC ES CTE-KD

03 23/08/2011 Password cliente / Codici di accesso CTE-KD

04 23/08/2011 Aggiornamento secondo le osservazioni di Guido Willems CTE-KD

05 01/09/2011 Aggiunti esempi per Modbus e Profibus CTE-KD

06 12/09/2011 Aggiornamento secondo le osservazioni di SGS CTE-KD

07 11/04/2012 - Modifica del numero di macchine CTE-KD


- Parametri della macchina

08 24/05/2012 - Parametri della macchina CTE-KD


- Codici d'eccezione addizionali

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 3 di 22


1

5. Precauzioni relative alla sicurezza

5.1. Icone di sicurezza

Pericolo per la vita

Attenzione

Nota importante:

5.2. Precauzioni relative alla sicurezza in fase di installazione

Atlas Copco non riconosce alcuna responsabilità per eventuali danni o lesioni risultanti dalla mancata
osservanza di queste precauzioni o dall’inosservanza delle procedure di normale prudenza e di necessaria
attenzione, richieste nelle operazioni di installazione, funzionamento, manutenzione o riparazione, anche se
non indicate espressamente in questa guida per l’utente.

Precauzioni generali
1. L’operatore deve attuare tutte le procedure di sicurezza durante il lavoro e osservare tutti i relativi criteri e norme in
materia di sicurezza sul lavoro.
2. Qualora una qualsiasi delle affermazioni contenute in questa guida non dovesse risultare conforme alla vigente
legislazione, verrà applicata la normativa più severa tra le due.
3. Le operazioni di installazione, funzionamento, manutenzione e riparazione devono essere effettuate solo da personale
autorizzato, addestrato e specializzato.
4. Prima di eseguire qualsiasi operazione di manutenzione, riparazione, regolazione o qualsiasi altro controllo non di
routine, fermare il dispositivo. Inoltre l’interruttore isolante d’alimentazione deve essere aperto e bloccato.

Precauzioni in fase di installazione


1. Posizionare il dispositivo dove l'aria ambientale è il più possibile fresca e pulita.
2. Durante l'installazione o qualsiasi altro intervento su una delle macchine collegate, la macchina deve essere fermata,
de-energizzata e l'interruttore isolante deve essere aperto e bloccato prima di procedere con qualsiasi operazione di
manutenzione o riparazione. Come ulteriore misura di salvaguardia, le persone che utilizzano comandi su macchine
controllate a distanza dovranno prendere adeguate precauzioni per accertarsi che nessuno stia effettuando controlli o
lavorando su dette macchine. A questo scopo dovrà essere affisso un avviso idoneo sui comandi di accensione.
3. I collegamenti elettrici devono rispettare la normativa locale. Il dispositivo deve essere messo a terra e protetto da
cortocircuiti mediante fusibili in tutte le fasi. In prossimità del dispositivo deve essere installato un interruttore isolante
d'alimentazione che sia possibile bloccare.
4. Per le macchine controllate da un sistema di controllo centrale deve essere affisso vicino al pannello degli strumenti un
cartello con la scritta "Questa macchina può essere avviata senza preavviso".
5. Nei sistemi con più compressori, devono essere installate valvole manuali per isolare ciascun compressore. Per isolare
i sistemi di pressione non ci si deve affidare esclusivamente alle valvole di ritegno (valvole di controllo).
6. Non rimuovere mai né manomettere i dispositivi di sicurezza.

Consultare anche le seguenti precauzioni di sicurezza: Precauzioni di sicurezza durante il


funzionamento e precauzione di sicurezza durante interventi di manutenzione o riparazione.
Queste precauzioni si applicano ai dispositivi elettrici.
Per le precauzioni che si applicano alle apparecchiature collegate consultare il relativo manuale
di istruzioni.
Alcune precauzioni sono di carattere generale e riguardano diversi tipi di macchine e
apparecchiature; per cui alcune formulazioni potrebbero non essere pertinenti per la macchina in
questione.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 4 di 22


1

5.3. Precauzioni relative alla sicurezza in fase di operazioni


Precauzioni generali
1. L’operatore deve attuare tutte le procedure di sicurezza durante il lavoro e osservare tutti i relativi criteri e norme locali
in materia di sicurezza sul lavoro.
2. Qualora una qualsiasi delle affermazioni contenute in questa guida non dovesse risultare conforme alla legislazione
locale, verrà applicata la normativa più severa tra le due.
3. Le operazioni di installazione, funzionamento, manutenzione e riparazione devono essere effettuate solo da personale
autorizzato, addestrato e specializzato.
4. Prima di eseguire qualsiasi operazione di manutenzione, riparazione, regolazione o qualsiasi altro controllo non di
routine, fermare il dispositivo. Inoltre l’interruttore isolante d’alimentazione deve essere aperto e bloccato.

Precauzioni in fase di utilizzo


1. Le persone che utilizzano comandi su macchine controllate a distanza dovranno prendere adeguate precauzioni per
accertarsi che nessuno stia effettuando controlli o stia lavorando su dette macchine. A questo scopo dovrà essere
affisso un avviso idoneo sui comandi di accensione remoti.
2. Non mettere mai in funzione il dispositivo in presenza di fumi, vapori o particolato infiammabili o tossici,
3. Non fare mai funzionare la macchina al di sotto o al di sopra dei valori limite.
4. Tenere tutti gli sportelli e i pannelli della struttura chiusi durante il funzionamento. Gli sportelli possono essere aperti
solo per brevi periodi, p. es. per eseguire controlli di routine. Indossare cuffie di protezione quando si apre uno
sportello, se pertinente.
5. Le persone presenti in ambienti o locali in cui il livello di pressione sonora raggiunge o supera o 90 dB(A) dovranno
indossare cuffie di protezione.
6. Controllare periodicamente che:
• Tutte le protezioni siano in posizione e fissate saldamente
• Tutti i tubi rigidi e/o flessibili all’interno della macchina siano in buone condizioni, sicuri e non subiscano attriti
• Non ci siano perdite
• Tutte le mollette di fissaggio siano serrate
• Tutti i contatti elettrici siano sicuri e in buono stato
• Le valvole di sicurezza e altri dispositivi di limitazione della pressione non siano ostruiti da terriccio o vernice
• Le valvole di scarico aria e la rete di distribuzione dell’aria, cioè tubi, giunti, collettori, valvole, tubi flessibili, ecc.
siano in buone condizioni, non usurate né danneggiate
7. Non rimuovere mai né manomettere i dispositivi di sicurezza.

Consultare anche le seguenti precauzioni di sicurezza: Precauzioni di sicurezza durante


l'installazione e precauzione di sicurezza durante interventi di manutenzione o riparazione.
Queste precauzioni si applicano ai dispositivi elettrici.
Per le precauzioni che si applicano alle apparecchiature collegate consultare il relativo manuale
di istruzioni.
Alcune precauzioni sono di carattere generale e riguardano diversi tipi di macchine e
apparecchiature; per cui alcune formulazioni potrebbero non essere pertinenti per la macchina in
questione.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 5 di 22


1

5.4. Sicurezza durante la manutenzione o la riparazione


Precauzioni generali
1. L’operatore deve attuare tutte le procedure di sicurezza durante il lavoro e osservare tutti i relativi criteri e norme locali
in materia di sicurezza sul lavoro.
2. Qualora una qualsiasi delle affermazioni contenute in questa guida non dovesse risultare conforme alla legislazione
locale, verrà applicata la normativa più severa tra le due.
3. Le operazioni di installazione, funzionamento, manutenzione e riparazione devono essere effettuate solo da personale
autorizzato, addestrato e specializzato.
4. Prima di eseguire qualsiasi operazione di manutenzione, riparazione, regolazione o qualsiasi altro controllo non di
routine, fermare il dispositivo. Inoltre l’interruttore isolante d’alimentazione deve essere aperto e bloccato.

Precauzioni durante la manutenzione o la riparazione


1. Utilizzare solo gli attrezzi adatti per operazioni di manutenzione o riparazione
2. Usare solo parti di ricambio originali
3. Inoltre, sui comandi di accensione è necessario apporre il cartello di pericolo "lavori in corso; non avviare", compresi i
comandi di avviamento a distanza.
4. Le persone che utilizzano comandi su macchine controllate a distanza dovranno prendere adeguate precauzioni per
accertarsi che nessuno stia effettuando controlli o stia lavorando su dette macchine. A questo scopo dovrà essere
affisso un avviso idoneo sui comandi di accensione remoti.
5. Per la pulizia delle parti non utilizzare mai solventi infiammabili o tetracloruro di carbonio. Adottare le opportune
precauzioni di sicurezza contro i vapori tossici dei detergenti liquidi.
6. Osservare scrupolosamente la massima pulizia durante le operazioni di manutenzione e di riparazione. Proteggere
dallo sporco i pezzi e le aperture esposte coprendole con uno straccio, carta o nastro adesivo puliti.
7. Non utilizzare mai una sorgente luminosa con fiamma libera per effettuare l'ispezione dell'interno della macchina.
8. Tutti gli strumenti di regolazione e di sicurezza devono essere mantenuti con cura al fine di assicurarne il corretto
funzionamento. Non devono essere messi fuori uso.
9. Prima di procedure con la pulizia della macchina per impiegarla dopo interventi di manutenzione o riparazione,
controllare che la pressione di esercizio, le temperature e le impostazioni di tempo siano corrette. Controllare che tutti i
dispositivo di controllo e arresto siano inseriti e funzionino correttamente.
10. Non utilizzare mai solventi caustici che potrebbero causare danni ai materiali della rete di distribuzione dell'aria.

Consultare anche le seguenti precauzioni di sicurezza: Precauzioni di sicurezza durante


l'installazione e precauzione di sicurezza durante il funzionamento.
Queste precauzioni si applicano ai dispositivi elettrici.
Per le precauzioni che si applicano alle apparecchiature collegate consultare il relativo manuale
di istruzioni.
Alcune precauzioni sono di carattere generale e riguardano diversi tipi di macchine e
apparecchiature; per cui alcune formulazioni potrebbero non essere pertinenti per la macchina in
questione.

Le unità e/o le parti usate devono essere smaltite con modalità sicure e rispettose dell'ambiente e
in linea con le raccomandazioni e le normative locali

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 6 di 22


1

6. Prefazione
Questo documento descrive come implementare un collegamento Modbus e/o Profibus con la rete del software di controllo
dei compressori Elektronikon MkIV e/o Elektronikon Mk5.

7. Installazione fisica

7.1. Modbus e/o Profibus nella rete


Nel sistema Elektronikon, tutti i compressori di una installazione possono essere collegati da una rete di dati e/o di comandi.
Ciò avviene in conformità alle istruzioni relative al Cablaggio della rete di compressori (9820 3585 00). Queste istruzioni
spiegano quali connettori e cavi devono essere utilizzati per interconnettere differenti compressori/centraline della rete.
Fondamentalmente si tratta di una rete basata su CAN.
Per installare un collegamento Modbus e/o Profibus con uno o più compressori di questa rete, occorre inserire nella rete uno
speciale modulo.
Questo si comporterà come un server proxy Modbus/Profibus che consente l'accesso a tutti i compressori della rete, per
mezzo del quale ciascun compressore avrà un proprio indirizzo Modbus (concetto proxy).
Il modulo si comporterà come un ponte per accedere ai dati archiviati nel Dizionario oggetti del nodo CAN. Per un corretto
funzionamento questo modulo ponte dovrà essere assegnato a un nodo ID slave. Dal punto di vista master questo ponte
funge da via d'accesso alle informazioni della rete CANBUS.
NOTA: Il produttore profibus del modulo deve creare un cosiddetto file “Electronic Datasheet” o GSD che dichiara le dimensioni e il tipo di
dati scambiati. Questo file è costituito da informazione necessarie per gli utenti Profibus affinché possano interfacciarsi col modulo ponte.

7.2. Modulo Gateway


Per il collegamento Modbus e/o Profibus occorre utilizzare un cosiddetto modulo Gateway. Questo è un modulo di
comunicazione seriale di utilizzo generale. Una volta scaricato il software corretto, esso svolgerà la funzione di server proxy
e/o di ponte.
Verranno utilizzate le seguenti connessioni:
• 6x36 : per collegare una fonte di alimentazione 24 Vac
• 6x20 : Per collegarsi alla rete di compressori (CAN)
• 6x25 : per collegarsi a un PC per scaricare l'applicazione nel modulo
• 6x22 : per collegare la linea Modbus RS485
• 6x37: per collegare la linea Profibus
L'altro connettore 6x38 non è utilizzato in questa applicazione.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 7 di 22


1

8. Installazione e configurazione del software


Prima che il modulo possa essere utilizzato per un collegamento Modbus e/o Profibus occorre scaricare la corretta
applicazione software ed effettuare le impostazioni. Questa operazione può essere effettuata dal personale AC Service che
utilizza AC Speci5.
Dopo l'installazione del software, la configurazione può anche essere effettuata da personale qualificato Atlas Copco che
utilizza AC Modi5.

8.1. Struttura cartelle del menu visualizzata sul display


Dopo avere scaricato il modulo, su di esse si trovano le impostazione predefinite. A questo punto è importante impostare
correttamente il modulo in base alle esigenze personali.
Ecco come viene visualizzata sul display la struttura del menu:

Ogni cartella ha una o più sottocartelle a cui si può accedere col tasto Invio della tastiera. Per uscire dalla cartella utilizzare
il tasto Canc. Per navigare attraverso le varie cartelle premere i pulsanti Sinistra e Destra.
Una volta raggiunta un'impostazione in una specifica cartella, verrà visualizzato il valore delle impostazioni correnti.
Premendo Canc si esce dal menu corrente. Premendo Invio, tuttavia, si permetterà all'utente di modificare le impostazioni
(il valore comincerà a lampeggiare) mediante i pulsanti Su e Giù. A questo punto l'utente potrà annullare la modifica delle
impostazioni correnti facendo clic su Canc. In questo caso verrà di nuovo visualizzato il valore delle impostazioni correnti.
Tuttavia, facendo clic su Invio il valore delle impostazioni verrà memorizzato e il modulo si comporterà di conseguenza.

8.1.1. Cartella Schermo principale (Mainscreen) [ ]


La cartella Schermo principale non ha sottocartelle ed è utilizzata solo per visualizzare informazioni di carattere generale. Il
modulo ritornerà sempre a questa cartella nel caso che nessun pulsante venga premuto nell'arco di un certo periodo.

8.1.2. Cartella Impostazioni generali (General Settings) [GE]


La cartella Impostazioni generali consiste di 4 sottocartelle che verranno spiegate nei paragrafi seguenti.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 8 di 22


1

Cartella Comunicazioni (Communication) [ Co ]


La cartella Comunicazioni offre fondamentalmente la passibilità di modificare i parametri utilizzati per comunicare
correttamente sul canale CAN (coi moduli collegati Elekronikon sulla rete CAN), sul canale RS485 Modbus e sul canale
Profibus.
Offre inoltre la possibilità di definire/modificare le impostazioni EtherNet.

Motore Modbus (Modbus Engine)


Il motore Modbus può essere avviato/arrestato qui.
NOTA: Nel caso che il motore Modbus sia attivo, le impostazioni relative a Baudrate di Modbus , Parità di Modbus e Stopbit di Modbus non
sono accessibili.

Baudrate di Modbus (Modbus Baudrate)


La tabella qui di seguita elenca i possibili baudrate di Modbus, così indicati:

Valore visualizzato: Baudrate

0 9600 bps
1 19200 bps
2 38400 bps
3 57600 bps
4 115200 bps
5 230400 bps
6 460800 bps

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 9 di 22


1

Parità di Modbus (Modbus Parity)


La tabella qui di seguita elenca le possibili parità di Modbus, così indicate:

Valore visualizzato: Parità

0 Nessuna
1 Pari
2 Dispari

Stopbit di Modbus (Modbus Stopbits)


Selezionare il numero di stopbit utilizzati (1 o 2).

Motore Profibus (Profibus Engine)


Il motore Profibus può essere avviato/arrestato qui.
NOTA: Nel caso che il motore Profibus sia attivo, le impostazioni relative a SlaveAddress di Profibus e DataRecords di Profibus non sono
accessibili.

SlaveAddress di Profibus (Profibus SlaveAddress)


Lo SlaveAddress di Profibus può essere regolato qui.

Valore visualizzato:

1 .. 255

DataRecords di Profibus (Profibus DataRecords)


Ci sono 4 possibili impostazioni, indicate come segue:

Valore visualizzato: #

1 1 record dati
2 2 record dati
4 4 record dati
8 8 record dati

Motore EtherNet (EtherNet Engine)


Il motore EtherNet può essere avviato/arrestato qui.

Indirizzo IP EtherNet (EtherNet IP Address)


L'indirizzo IP EtherNet può essere impostato/modificato qui.

Network mask EtherNet (EtherNet Network Mask)


La network mask EtherNet può essere impostata/modificata qui.

Gateway EtherNet (EtherNet Gateway)


Il gateway EtherNet può essere impostato/modificato qui.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 10 di 22


1

Motore CAN (CAN Engine)


Il motore CAN può essere avviato/arrestato qui.
NOTA: Nel caso che il motore CAN sia attivo, le impostazioni relative al canale di CAN non sono accessibili.

Canale CAN (CAN Channel)


La tabella qui di seguito elenca i possibili canali CAN, così indicati:

Valore visualizzato: Canale

1 Primario
2 Secondario

Cartella CAN [ CA ]
La cartella CAN ospita le impostazioni utilizzate dal motore interno CAN e contiene le seguenti sottocartelle:

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 11 di 22


1

Ogni voce può essere impostata su uno dei sottostanti valori:

Valore visualizzato: Priorità

0 Off:
1 Normale
1 Alta
2 Richiesta

Impostazioni password [ PW ] (Password Settings)


Le varie cartelle password offrono la possibilità di abilitare/disabilitare e di modificare la password del cliente.

Informazioni di programma [ PI ] (Program Information)


La cartella Program Information (Informazioni di programma) visualizza le informazioni associate all'applicazione corrente.

Numero di programma (Program Number)


La cartella Numero di programma visualizza il numero di programma associato all'applicazione corrente.

Revisione di programma (Program Revision)


La cartella Program Revisione (Revisione di programma) visualizza la revisione del programma associato all'applicazione
corrente.

Sistema operativo (Operating System)


La cartella Operating System (Sistema operativo) visualizza il numero del sistema operativo associato all'applicazione
corrente.

Software di avvio (Boot Software)


La cartella Boot Software (Software di avvio) visualizza il numero del software di avvio associato all'applicazione corrente.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 12 di 22


1

8.1.3. Cartella Compressori [ CP ]


La cartella Compressori ospita 31 sottocartelle ( da [CP01] a [CP31]) ciascuna delle quali contiene due sottocartelle, che
descrivono i parametri dei compressori.

Cartella Nodo di Modbus (Modbus Address) [ MA01 ]


Questo parametro definisce il controller nella comunicazione di Modbus.

Cartella Stato di CAN (CAN Status) [ MA02 ]


Questo parametro definisce se il controller sia controllato tramite CAN.
NOTA: nel caso CAN Status (Stato di CAN) sia disabilitato per un determinato controller, nessun dato verrà recuperato e pertanto i rispettivi
registri saranno 0 nella comunicazione Modbus e/o Profibus.

Cartella Informazioni (Information) [ Info ]


In questa cartella possono essere visualizzati il tempo del ciclo di CAN Normal, CAN High e la velocità delle risposte di
Modbus.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 13 di 22


1

9. Descrizione delle visualizzazioni del gateway

9.1. icone

Icona Descrizione

Lampeggiante: Menu relativo al compressore: la macchina è in errore CAN

On: Motore CAN fermo


In funzione: Motore CAN in funzione

Off: Motore Modbus fermo


On: Motore Modbus in funzione

Off: Motore Profibus fermo


On: Motore Profibus in funzione

Off: macchina non definita/abilitata


On: macchina definita/abilitata e in grado di richiedere dati
Lampeggiante: macchina definita/abilitata e in grado di richiedere impostazioni

Off: comunicazione CAN con questa macchina disabilitata


On: comunicazione CAN con questa macchina abilitata

9.2. Led

Led Descrizione

On: modulo gateway alimentato

NOTA: nessun altro LED viene utilizzato durante il funzionamento dell'applicazione.

9.3. Tastiera

Tasto Descrizione

Su
Modifica parametri delle impostazioni
Giù:
Sinistra
Naviga attraverso i differenti menu
Destra
Avvio Menu relativo al compressore: abilita la comunicazione con questa macchina
Stop Menu relativo al compressore: disabilita la comunicazione con questa macchina

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 14 di 22


1

9.4. Password / Codici di accesso


Consultare la tabella seguente per conoscere il tipo di password da inserire in un determinato menu.
La password cliente e/o i codici di accesso possono essere identificati dal loro aspetto sul display.

Tasto(i) Tasto(i) non


Descrizione
lampeggiante(i) lampeggiante(i)

1 cifra 3 trattini Immettere la password cliente


3 trattini 1 cifra Immettere il codice di accesso pertinente
1 cifra 3 cifre Immettere la nuova password cliente
3 cifre 1 cifra Confermare la nuova password cliente

I codici di accesso devono essere richiesti ad Atlas Copco.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 15 di 22


1

10. Implementazione protocollo di Modbus

10.1. Specifica di Modbus supportata


Il modulo Gateway supporta la seguente variante di Modbus:
• Modalità di trasmissione RTU
• Sistema di codifica: binario
• Modalità: RS485
• Numero di bit d'avviamento: 1
• Numero di bit di dati: 8
• Baudrate: 9600, 19200, 38400, 57600, 115200, 230400, 460800
• Controllo di parità: pari, dispari, nessuna
• Numero di stop bit: 1, 2
• Controllo d'errore: CRC16

La sincronizzazione di frame in modalità RTU è effettuata simulando un messaggio sincrono. Il dispositivo slave monitora il
tempo trascorso tra due ricezioni di dati. Se è trascorso il tempo di tre caratteri senza che appaia un nuovo carattere, il
dispositivo ritiene che il messaggio sia completato e il byte seguente sarà l'indirizzo.

Il formato della struttura dei messaggi è la seguente:

T1 T2 T3 indirizzo Corpo del messaggio CRC T1 T2 T3

10.2. Funzioni di Modbus supportate


Il Modbus di Elektronikon Mk5 supporta il seguente tipo di messaggi, a seconda del tipo di dati coinvolti (vedi dettagli qui di
seguito).
• Funzione 01: read coil register
• Funzione 03: read holding register
• Funzione 06: preset single register

NOTA: non è possibile modificare i parametri per i controller Elektronikon Mk5.

10.3. Codice funzioni - campi dati


In una risposta normale, lo slave ripete il codice funzione della query originaria.
In una risposta d'eccezione viene aggiunto 0x80 al codice funzione originario.
Nello stesso tempo un codice d'eccezione è aggiunto al Campo dati.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 16 di 22


1

10.4. Codici d'eccezione

Codice Nome Descrizione

01 Funzione non valida Il codice funzione ricevuto nella query non è un'azione
permessa per lo slave
02 Indirizzo dati non valido L'indirizzo dati ricevuto nella query non è un indirizzo
permesso per lo slave
03 Valore dati non valido Un valore contenuto nel campo dati della query non è
un valore permesso per lo slave
06 Riprogrammazione rifiutata Comando rifiutato perché il comando precedente non è
stato ancora eseguito
07 Comando rifiutato Comando rifiutato perché il comando precedente non è
stato ancora eseguito
08 Dati non disponibili Controllare il cavo di comunicazione tra Elektrikon e il
modulo Gateway
09 Comando illegale Viene inviato un comando sconosciuto
0A Checksum CRC non valido Il checksum CRC16 ricevuto non è corretto
0B Scrittura rifiutata Modifica parametro rifiutata

10.5. Esempi
Gli esempi seguenti utilizzano questi parametri:
• Modulo collegato: Mk5 – LU – GA30P_08
• ID del nodo: 5

10.5.1. Indirizzo dati non valido


Se al dispositivo slave viene richiesto un parametro che non è in grado di elaborare, tale dispositivo slave risponderà con il
codice d'errore Indirizzo dati non valido.
In questo caso, ad esempio, è necessaria la velocità del motore richiesta.
• Richiesta: 16#05 16#03 16#03 16#20 16#00 16#01 16#84 16#00
• Risposta: 16#05 16#83 16#02 16#81 16#30

10.5.2. Pressione di uscita e stato della pressione di uscita


Consultare il documento Address Mapping (Mappatura indirizzi) creato da Speci5 per ottenere il registro corretto per la
pressione di uscita e il relativo significato.
In questo caso, ad esempio, lo stato della pressione di uscita è reperibile nel primo registro di ingresso analogico e il valore
della pressione di uscita è reperibile nel secondo registro di ingresso analogico.
• Richiesta: 16#05 16#03 16#00 16#00 16#00 16#02 16#C5 16#8F
• Risposta: 16#05 16#03 16#04 16#00 16#80 16#19 16#64 16#B4 16#60

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 17 di 22


1

10.5.3. Modifica della banda di pressione attiva


Consultare il documento Address Mapping (Mappatura indirizzi) creato da Speci5 per ottenere il registro e il valore corretti
per regolare la selezione della banda di pressione.
In questo caso, ad esempio, il registro corretto è 16#03 16#5C. Per passare dalla banda di pressione 1 alla banda di
pressione 2, è necessario utilizzare il valore 16#00 16#02.
NOTA: accertarsi di utilizzare la banda di pressione 1 prima di inviare la richiesta effettiva.

• Richiesta: 16#05 16#06 16#03 16#5C 16#00 16#02 16#C9 16#D9


• Risposta: 16#05 16#06 16#03 16#5C 16#00 16#02 16#C9 16#D9

10.5.4. Avvio della macchina


Consultare il documento Address Mapping (Mappatura indirizzi) creato da Speci5 per ottenere il registro e il valore corretti
per avviare la macchina.
In questo caso, ad esempio, il registro corretto è 16#07 16#D0 e il valore corretto è 16#00 16#01.
NOTA: accertarsi che la macchina sia controllata tramite LAN prima di inviare la richiesta effettiva.

• Richiesta: 16#05 16#06 16#07 16#D0 16#00 16#01 16#49 16#03


• Risposta: 16#05 16#06 16#07 16#D0 16#00 16#01 16#49 16#03

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 18 di 22


1

11. Implementazione protocollo di Profibus

11.1. Concetto master-slave


Il profilo è basato sul principio master-slave. Questo significa che tutta la comunicazione è iniziata dal master e la risposta è
generata dallo slave.
Tutti i buffer devono essere di lunghezza totalmente omogenea.

11.2. Struttura dei buffer


Il profilo può essere utilizzato per buffer di diversa lunghezza: 8, 16, 32 e 64 byte. Questo buffer è diviso in 2 parti:
• header: 1 byte
• Sezione dati: n * record dati (7byte)

La lunghezza dei buffer è così definito come segue::

Numero di record dati (n) Lunghezza totale usata dei


Lunghezza totale buffer
buffer

1 8 8
2 16 15
4 32 29
8 64 57

NOTA: Non tutte le funzioni consentono il trasferimento di più di 1 record dati. Fondamentalmente le operazioni di lettura possono essere
gestite per diversi record dati in 1 ciclo, mentre le operazioni di scrittura sono valide solo per un solo record dati per volta.

11.2.1. Header
Lo header è un valore di 1 byte t codificato a livello dei singoli bit L'interpretazione è diversa per la comunicazione Master >
Slave e Slave > Master.

Master > Slave


Lo header è suddiviso in 3 parti:

Sinc Funzioni Numero dei parametri

• Sinc
I bit di sincronizzazione sono utilizzati per sincronizzare le richieste del master con le risposte dello slave. Lo slave
risponderà sempre con la stessa sequenza di bit nella sua risposta. In questo modo una risposta “vecchia” può
essere distinta da una nuova.

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 19 di 22


1

• Funzioni:

Valore Funzione

0 Nessuna operazione
1 Richiede valore parametro (lettura)
3 Modifica valore parametro (scrittura)

NOTA: solo un parametro può essere scritto in un ciclo,
il numero dei parametri deve essere 1
NOTA: non è possibile modificare i parametri per i
controller Elektronikon Mk5.
2,4,5,6,7 Riservato

• Numero dei parametri:


Il numero di parametri deve essere minore o uguale al numero di record dati.

Valore

1 000
2 001
3 010
4 011
5 100
6 101
7 110
8 111

Slave > Master


Lo header è suddiviso in 3 parti:

Sinc Funzioni Codice d'errore

• Sinc
L'impostazione dei bit di sincronizzazione sarà identica ai bit del master > slave.

• Funzioni:

Valore Funzione

0 Nessuna operazione, o ancora nessun dato


2 Trasmette il valore(i) dei parametri
7 Operazione non possibile
1,3,4,5,6 Riservato

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 20 di 22


1

• Codice d'errore:

Valore Spiegazione

0 Nessun errore
1 numero di record dati non corretto
2 Funzione non corretta
3 numero di record dati per scrittura non corretto

11.2.2. Record dati


Ogni record dati è lungo 7 byte e contiene le seguenti informazioni:
• indirizzo del nodo: 1 byte, indirizzo CAN dello slave a cui collegarsi.
• ID parametro: 2 byte, ID del parametro per lettura/scrittura
• Dati: 4 byte

Indirizzo del nodo


Questo è l'indirizzo di Elektronikon MkIV o Mk5 CAN.
NOTA: In caso di errore sarà impostato il bit 7

11.3. Codici d'eccezione


Quando viene impostato il bit più alto dell'indirizzo del nodo, c'è un errore nella richiesta. Il tipo d'errore può essere trovato
nella parte più bassa del byte della risposta dello slave.

Codice
Descrizione
d'errore:

01 Indirizzo del nodo: non trovato


02 Parametro di Profibus non trovato
05 Dati compressore non validi
06 Comando non eseguito
07 Comando rifiutato
08 Scrittura rifiutata

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 21 di 22


1

11.4. Esempi
Gli esempi seguenti utilizzano questi parametri:
• Modulo collegato: Mk5 - LU - GA30P_08
• ID del nodo: 5
• Indirizzo slave di Profibus: 1
• DataRecords di Profibus: 1

11.4.1. Indirizzo dati non valido


Se al dispositivo slave viene richiesto un parametro che non è in grado di elaborare, tale dispositivo slave risponderà con il
codice d'errore Indirizzo dati non valido.
In questo caso, ad esempio, è necessaria la velocità del motore richiesta.
B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8
• Richiesta: 16#08 16#05 16#03 16#20 16#00 16#00 16#00 16#00
• Risposta: 16#10 16#85 16#03 16#20 16#00 16#00 16#00 16#02

11.4.2. Pressione di uscita e stato pressione di uscita


Consultare il documento Address Mapping (Mappatura indirizzi) creato da Speci5 per ottenere il registro corretto per la
pressione di uscita e il relativo significato.
In questo caso, ad esempio, lo stato della pressione di uscita è reperibile nel primo registro di ingresso analogico e il valore
della pressione di uscita è reperibile nel secondo registro di ingresso analogico.
B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8
• Richiesta: 16#48 16#05 16#00 16#00 16#00 16#00 16#00 16#00
• Risposta: 16#50 16#05 16#00 16#00 16#19 16#64 16#00 16#80

11.4.3. Modifica della banda di pressione attiva


Consultare il documento Address Mapping (Mappatura indirizzi) creato da Speci5 per ottenere il registro e il valore corretti
per regolare la selezione della banda di pressione.
In questo caso, ad esempio, il registro corretto è 16#03 16#5C. Per passare dalla banda di pressione 1 alla banda di
pressione 2, è necessario utilizzare il valore 16#00 16#02.
NOTA: accertarsi di utilizzare la banda di pressione 1 prima di inviare la richiesta effettiva.

B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8
• Richiesta: 16#D8 16#05 16#03 16#5C 16#00 16#00 16#00 16#02
• Risposta: 16#D0 16#06 16#03 16#5C 16#00 16#00 16#00 16#02

11.4.4. Avvio della macchina


Consultare il documento Address Mapping (Mappatura indirizzi) creato da Speci5 per ottenere il registro e il valore corretti
per avviare la macchina.
In questo caso, ad esempio, il registro corretto è 16#07 16#D0 e il valore corretto è 16#00 16#01.
NOTA: accertarsi che la macchina sia controllata tramite LAN prima di inviare la richiesta effettiva.

B1 B2 B3 B4 B5 B6 B7 B8
• Richiesta: 16#98 16#05 16#07 16#D0 16#00 16#00 16#00 16#01
• Risposta: 16#90 16#05 16#07 16#D0 16#00 16#00 16#00 16#01

31/05/2012 PM 9845 0187 00_IT Pagina 22 di 22


PM B,7/ 2012-05 - Printed in Belgium

www.atlascopco.com