Sei sulla pagina 1di 20

2 | Il giornale di Libex 2019

Jacovitti, tra politica e censura


Dino Aloi

Jac
straordinario artista del No-
vecento, ha inventato un suo
mondo particolare che ha
espresso a pieno con vignette, fumetti illustra-
zioni e deliziose panoramiche che caratteriz-
zano al meglio la sua produzione. Oltre a sti-
molare la fantasia di intere generazioni con
trovate affascinanti e bislacche sia dal punto
di vista grafico che lessicale, si è anche occupa-
to di politica.
Non è stato un vero e proprio autore di
satira ma si è mosso in modo limitrofo, lam-
bendo comunque gli argomenti. Sin dagli
esordi, con le sue prime storie per "Il Vittorio-
so", ha raccontato a modo suo argomenti
importanti. "Pippo e gli Inglesi", ad esempio,
suo primo racconto a fumetti, presenta la sco-
perta degli inglesi visti da un ragazzo curioso.
Certo, non è tenero con loro e il fumetto è alli-
neato con la retorica tipica dei "figli della lupa"
che parlano della "perfida Albione", ma siamo
nel 1940 e l'Inghilterra è nostra nemica. Di
tono completamente opposto è il racconto
"Pippo e il dittatore" pubblicata su Intervallo,
parodia del dittatore nazista nel 1945 con cen-
sura fascista alle spalle. Da segnalare sono
sicuramente le tavole rimaste inedite e dise-
gnate nel periodo bellico tratte dalla storia
incompiuta "I tre re" che poteva suonare
come parodia di Mussolini, del Papa e del Re.
Sempre su Intervallo troviamo pubblicata
la storia "Battista l'ingenuo fascista" narra-
zione comica su una persona che sbaglia sem-
pre casacca in ogni momento. Lui stesso la
definisce "satira reazionaria di Jacovitti" sicura-
mente per divertirsi. Jacovitti non era di nessu-
no schieramento, ma si divertiva a essere un © Silvia Jacovitti
po' contro. Si definiva un anarchico di centro, a
significare quanto poco gli importasse della lo "Obbedienza cieca, pronta, assoluta" in che porterà la "AVE", editrice del mitico "Diario
politica esprimendo chiaramente il concetto di cui vengono presi di mira i lettori del giornale Vitt" a interromperne la pubblicazione.
esser uomo libero da condizionamenti e ideo- L'Unità accusati di cogliere troppo alla lettera Jacovitti è stato un autore libero, senza nes-
logie, restando comunque su posizioni centri- ciò che viene riportato sulla "bibbia rossa". sun tipo di legame o preconcetto ed è riuscito
ste. Non possiamo paragonarlo a Giovannino La carriera di Jac sarà costellata da censu- a far divertire intere generazioni dando sfogo
Guareschi, prima lealista del re e successiva- re, piccole e grandi. La prima viene posta da "Il alla sua immensa fantasia, proponendo ciò
mente su posizioni di centro destra, in quanto Vittorioso" che non gradisce la sua collabora- che gli veniva in mente, con un gusto innato
Jac, pur essendo fermamente anticomunista, zione al già citato "Il Travaso delle Idee". Jac per la provocazione. E a prescindere da pensie-
non intraprese le battaglie di Giovannino. smetterà la collaborazione in modo ufficiale ri politici individuali ci ha fatto davvero ridere
Restano però le carte politiche realizzate nel ma continuerà a collaborare sotto il nom de
1948 per i Comitati Civici di Gedda che sono un plume Franz cessando però la serie "I due
netto impegno in chiave antisovietica. Oltre Compagni" che sarà continuata da Luigi De
a diverse caricature di Stalin compaiono anche Simoni, con stile ampiamente similJac. Altra
quelle di Togliatti e di Nenni ovvero dei princi- censura sarà posta da "Il Giorno dei ragazzi"
pali leader del Fronte democratico popolare che pubblicherà solo due tavole del personag-
che vedeva l'unione del partico Comunista con gio "Elviro il vampiro" in quanto in una tavola
quello Socialista contrapposti alla Democrazia vengono raffigurate delle battone. Negli anni
Cristiana. In quegli anni la satira si divideva Settanta viene chiamato da Oreste Del Buono
equamente i giornali satirici e esponeva in a Collaborare con "Linus" su cui proporrà vari
burla, talvolta in modo feroce, l'opinione politi- personaggi tra cui "Gionni Peppe". Nel corso
ca. Troviamo, infatti, ancora Jacovitti impegna- della storia saranno molte le sue provocazioni
to sulle pagine de "Il Travaso delle Idee" a rea- al pubblico di Linus, in prevalenza di sinistra,
lizzare vignette dal titolo "I due compagni" in che già non si era dimostrato molto propenso
cui vengono sbertucciati gli avversari politici. E alla pubblicazione dell'artista considerato
di nuovo la mente corre a Guareschi che fece troppo a destra. Si arriverà a consumare una
suo cavallo di battaglia la serie dedicata a "I tri- rottura. Negli anni successivi Jac inizierà a rea-
nariciuti" ovvero uomini con tre narici dal tito- lizzare tavole erotiche per "Playman" cosa
Il giornale di Libex 2019 | 3

© Silvia Jacovitti
4 | Il giornale di Libex 2019

Memoria, presente, futuro.


Ricostruire Notre-Dame de Paris
Lorenzo Vissol | filosofo e musicista

L
'incendio di Notre-Dame di Parigi, costruita tra il mento morto, negherebbe la sua potenza storica. Quin-
1163 e il 1250 ha creato - con l'aiuto della spettaco- di per conservare la sua dimensione storica si deve rico-
larizzazione drammatica dell'evento messa in struirla per farne un monumento vivo portatore del suo
scena dai media - uno tsunami di emozioni nel mondo, passato, del suo presente, capace di vivere il futuro.
raramente visto dalla distruzione delle torri gemelle di L'interesse culturale e cultuale. Voglia di lasciare
New-York nel settembre 2001. Né la distruzione dei Bud-
dha di Bamiyan opera dei Talebani nel 2003 o del sito
archeologico di Palmyra opera dell'Isis nel 2017 -
entrambi capolavori estetici e storici, patrimonio del-
l'umanità - hanno creato tanta emozione e solidarietà
per finanziarne la ricostruzione. Perché tali reazioni
quando tanti capolavori architettonici - anche religiosi -
sono lasciati in abbandono?
Forse una delle risposte è che l'incendio della catte-
drale fu una cruda dimostrazione della precarietà di
qualsiasi realizzazione umana. Non solo la terra e la
natura possono vendicarsi dell'aggressiva e irresponsa-
bile attività umana, con catastrofe più o meno "naturale",
ma l'uomo stesso, può essere responsabile della distru-
zione in poche ore di monumenti che sfidavano il tempo
da secoli. Stupore davanti all'evidenza della fragilità del-
l'uomo e del suo operato quando si crede onnipotente!
Quali sono quindi i motivi per ricostruire la cattedra-
le? Artistici? Storici? Culturali? Cultuale? Identitari? Si
deve ricostruirla identica all'originale, modernizzata o
lasciarla in rovine?
L'interesse artistico. Una ricostruzione identica
all'originale non avrebbe per sé una forza estetica. Al traccia di una cultura un tempo dominante in Europa?
contrario se l'interesse fosse veramente artistico, la cat- La cultura come la storia è vivente. La cultura passata
tedrale guadagnerebbe in potenza lasciata tale quale, deve essere riscoperta in ogni momento della storia.
sventrata. Perché quello che, all'origine ha creato il sub- Ricostruirla in modo tale che possa creare una nuova
buglio artistico ed estetico può essere imitato ma non emozione estetica potrebbe forse insegnarci di più sulla
ritrovato. Nella nostra epoca di gratta-cieli, ha perso la cultura delle cattedrali piuttosto che una ricostruzione
sua monumentalità, i suoi 142 metri di altezza inegua- autentica. Preservare la potenza spirituale di questo
gliata fino all'Ottocento, non impressionano più. Non luogo di culto? Indiscusso per i cattolici sempre meno
sarà mai possibile ricostruire in modo identico la "fore- numerosi. Con la secolarizzazione delle società, la catte-
sta" cioè l'ossatura del suo tetto fatta di alberi multiseco- drale ha perso la sua magia spirituale ed è frequentata
lari. L'arte gotica, rende tutta la sua bellezza, è solo uno più da turisti che da credenti.
stile superato. Le condizioni storiche che le davano la Quindi, forse dietro la facciata di un interesso stori-
sua forza estetica sono trascorse. Viollet Le Duc sostene- co, estetico, culturale o cultuale si nasconde l'usurpazio-
va che restaurare un edificio, non è conservarlo, ripararlo o ne alla quale devono fare fronte la storia e la cultura
rifarlo, è ristabilirlo in un stato completo che potrebbe non nella nostra epoca caratterizzata da un malessere iden-
essere mai esistito in un determinato momento. titario e dalla paura di scomparire.
L'interesse storico. Volontà di fare sopravvivere L'interesse principale sarebbe quindi la preserva-
traccia del passato remoto? Sarebbe paradossalmente zione di sé stesso, della parte di noi che possiamo
negare la sua forza storica. Il passato non è fossilizzato, ritrovare in questo simbolo storico per scongiurare le
vive nel tempo presente, non sappiamo ancora di cosa nostre paure, l'evidenza delle nostre fragilità e conso-
"ieri" sarà fatto. Lasciarlo in rovina ne farebbe un monu- lidare la nostra illusione di eternità
Il giornale di Libex 2019 | 5

A
lungo trascurata dai ricercatori, la stampa San Paolo, dove il 70% degli italiani che arrivava in
Diana Cooper-Richet in lingua straniera - nota anche come allo- Brasile sceglieva di vivere, in Argentina, Uruguay o
fona - è, qualunque sia il paese in cui viene Cile -, in Egitto, Francia, Tunisia o anche altrove nel
UN MONDO pubblicata, di una varietà quasi pari a quella della
cosiddetta stampa nazionale, anche se la stampa
mondo. Questa stampa, anarchica, come La Batta-
glia (1903-1913) in Brasile, comunista, sindacalista,
MEDIATICO politica sembra dominare al suo interno. Ha una anche spesso in lotta contro il regime di Mussolini,

DA SCOPRIRE lunga storia ed è sempre molto attiva e dinamica,


come ad esempio The
come La Difesa (1923-1934) pubblicata nella città
di San Paolo, o sempli-

Dissenso
Brussels Times in Belgio. cemente a favore della
Marginale, sotto sorve- libertà di stampa come,
glianza dalla polizia per- oggi, La Voce di New
ché spesso proviene da York www.lavocedine-

politico
gruppi di esuli politici, wyork.com/about-us-
spesso sottoposti a cen- staff-la-voce-di-new-
sura, è per sua natura york/. Sono la testimo-
favorevole alla libertà di niano la vivacità, non-

e proteste
espressione. La prote- ché lo spirito critico
sta espressa in questi che si esercita in que-
giornali riguarda talvolta sto universo mediati-

in lingua
argomenti che possono co parallelo.
essere definiti culturali, La stampa di lingua
come gli inglesi che si italiana del passato,
stabilirono a Firenze come tutta la stampa

straniera
negli ultimi decenni del- allofona nel mondo,
l'Ottocento e che, su rappresenta un conti-
riviste in lingua inglese nente molto ricco di
pubblicate localmente, documenti ancora
come The Florence Gazet- insufficientemente ine-
te (1890-1894), si solle- splorati. I vecchi giorna-
varono contro la moder- li sono, nella maggior
nizzazione della città. parte dei casi, in cattive
Le réseau Transfopress, initiée par des Ma, nella maggior parte condizioni. Solo alcuni
chercheurs du CHCSC/UVSQ, se con- dei casi, le contestazioni di essi sono stati finora
sacre depuis 2012 à l'étude de la presse e proteste di cui sono gli digitalizzati. Per troppo
publiée dans des langues autres que la araldi risultano essere essenzialmente politiche. tempo abbiamo dimenticato che contengono
Giornali militanti in lingua italiana sono stati intere sezioni della storia dell'immigrazione e del
ou les langues nationales. La 6° Rencon-
creati negli Stati Uniti a metà del XIX secolo. A volte dissenso politico. Il loro studio è essenziale per la
tre de ce réseau s'est tenu en mai 2019, à difendono cause inaspettate. Così, negli anni Venti scrittura di una storia globalizzata dei media,
l'Università Roma Tre et à la Biblioteca e Trenta del Novecento, Il Progresso Italo-america- della libertà di espressione, ma anche del modo
di storia moderna et contemporanea, no (1880-1989) intraprende una feroce lotta al in cui le famose forbici di Anastasia hanno scavato
sur le thème: "Protestare in lingua stra- proibizionismo e, dopo la Seconda guerra mon- buchi nei testi, come lo fanno ancora in un modo
niera: la stampa allofona e il dissenso". diale, una campagna mediatica atta a promuove- crescente, come ne testimonia l'attualità
Il a révélé la force et la richesse de for- re un'immagine eroica del soldato italo-america-
mes que peut prendre la protestation no. Tuttavia, per la maggior parte, la stampa Diana Cooper-Richet
politique dans la presse allophone. etnica degli immigrati, come quella degli esuli Ricercatore presso il Centro di storia culturale delle
politici italiani, è molto spesso contestatrice, sia società contemporanee, Università di Versailles
transfopresschcsc.wix.com che essi vivessero in Sud America - nello Stato di Saint-Quentin-en-Yvelines.
6 | Il giornale di Libex 2019

La società della disinformazione


ieri, oggi e domani
Mario Caligiuri

L
a società della disinformazione non si è trasformato in una gigantesca arma di
nasce oggi, in un certo senso c'è sempre distrazione di massa che rende credibili siste-
stata, solo che si manifestava in modo mi politici palesemente inadeguati a dare
differente. Il ruolo della menzogna nella sto- risposte ai cittadini.
ria è conosciuto dalla notte dei tempi e ha Infatti, che significato possiamo effettiva-
segnato sempre profondamente le vicende mente assegnare a sondaggi o a risultati elet-
degli uomini. Oggi la rivoluzione tecnologica torali quando, come accade oggi nel nostro
rappresenta una frattura profonda con Paese, chi si esprime al 75% non riesce a
tutte le epoche precedenti e si fonda, secon- comprendere una semplice frase nella
do me, sulla società della disinformazione, nostra lingua oppure per il 27 % è considera-
che si materializza da un lato con l'eccesso to analfabeta funzionale, cioè non sa leggere,
delle informazioni e dall'altro con il basso scrivere e far di conto? E tra questi ultimi,
livello sostanziale di istruzione. Infatti, oggi è come documenta l'OCSE, ci sono anche oltre
proprio la disinformazione la priorità educa- il 4% di laureati.
tiva ed economica di questo tempo. In pro- Inoltre, la realtà si sta trasformando così
spettiva, l'uso degli algoritmi, espressione velocemente che non abbiamo neanche le
dell'intelligenza artificiale, non solo anticipa- parole adeguate per descriverla. Sosterrebbe
no i desideri dei consumatori ma potranno l'antropologo Arjun Appadurai, che siamo
assumere le decisioni al posto dell'uomo, il alla presenza di un "cedimento semantico",
cui comportamento è "prevedibilmente irra- che spiegherebbe anche la crisi economica
zionale", come hanno ben spiegato diversi del 2008.
premi Nobel per l'economia, da Daniel Kah- Affidarci retoricamente all'educazione
neman a Richard Thaler. La disinformazio- coglie solo un aspetto, pur importante, del
ne quindi potrebbe essere programmata e problema. Infatti, oggi gli strumenti dell'istru-
gestita dagli algoritmi, posseduti da una zione tradizionale non sono più i principali
ristretta cerchia di persone che orientano le © Marco De Angelis, Libertà e algoritmi diffusori della conoscenza, che richiede la
moltitudini. Si tratta della premessa reale di trasmissione di capacità cognitive e selettive
avere a che fare tra non molto, con due Harari, aggiungendo che "la lucidità è pote- che consentano scelte consapevoli nell'ocea-
distinte razze umane: chi controlla l'intelli- re". Ma oggi com'è possibile essere lucidi di no sconfinato delle informazioni.
genza artificiale e chi ne è guidato. fronte alla disinformazione quotidiana e Forse un passettino avanti potrebbe
Oggi il vero potere è sapere quali infor- all'eccesso di informazione? essere rappresentato dall'utilizzo della
mazioni ignorare, dice lo storico Yuval Noah Sotto questo profilo il sistema mediatico recente reintroduzione dell'educazione civica
orientandola esclusivamente allo studio
degli strumenti per difendersi dalla disinfor-
mazione, conseguenza di una "tirannia della
comunicazione", che, secondo Ignatio
Ramonet, alimenta una "società dei fanta-
smi" dove gli annunci e le immagini vengono
identificati con la realtà.
Oggi, il ruolo della propaganda, pubblica
e privata, diventa centrale nei convincimen-
ti e nelle visioni del mondo delle persone.
Pertanto, insistere, come si sta facendo a tutti
i livelli, sulle cosiddette fake news, che sono le
più immediate e semplici da smascherare,
significa affrontare un aspetto infinitesimale
del problema.
Infatti, quasi tutte le notizie che animano
il dibattito pubblico possono essere conside-
rate come false, poiché creano disinformazio-
ne in modo intenzionale, alimentando illusio-
ni e aspettative basate sull'inganno continuo
e programmato.
Questo è il chiaro disegno. Una volta
compreso occorre contrastarlo sviluppando
le capacità del pensiero. E per fare questo, il
percorso ce l'ha indicato prima di morire l'in-
sospettabile Steve Jobs: "Baratterei tutta la
tecnologia che possiedo per una serata con
© Tom Janssen, Social media Socrate"
Il giornale di Libex 2019 | 7

Combattere
© Niels Bo Bojesen

la disinformazione
on-line: il sito
Newsguard
Giampiero Gramaglia

C
'è chi reagisce con ironia, chi con insul- quelli minori. Le valutazioni e le schede di Solo per fare alcuni esempi: sono rossi
ti, chi con minacce. No, non sono gioca- NewsGuard vengono concesse in licenza a pro- Sputnik, che spaccia per informazione propa-
tori di calcio davanti a una decisione del- vider di servizi internet, browser, aggregatori di ganda russa, e DagoSpia, che non distingue le
l'arbitro non condivisa. Sono direttori di siti d'in- notizie e piattaforme di ricerca e social media, opinioni dalle notizie e fa titoli non corrispon-
formazione online, giornalisti, di fronte alle con- al fine di rendere disponibili agli utenti le infor- denti ai contenuti, e ancora SKYTG24News che
testazioni loro fatte sull'attendibilità e sulla qua- mazioni e le valutazioni sui siti di notizie visitati. gioca sulla somiglianza del nome con una testa-
lità dell'informazione da loro prodotta: spesso, Una luce verde significa che, nella sua stima, il ta di prestigio, che non ha, invece, nulla a che
non contestano la pertinenza di una domanda sito è attendibile; una luce rossa che non lo è. farci. E sono verdi, oltre ai siti dei media tradizio-
o di un'osservazione, ma semplicemente il fatto Scaricando una App, si può immediatamente nali più autorevoli - non tutti, va però detto,
che si abbia l'ardire di verificare, controllare, verificare la valutazione di un sito che si sta con- rispettano tutti e nove i criteri -, anche siti regio-
esprimere dubbi, formulare suggerimenti. sultando. nali o locali o minori, come Umbria24, che è ok
Sono eccezioni, non sono la al 100%. Ed è positivo anche il giudi-
norma. E - non è una sorpresa - le zio su un sito come Lercio, perché lì
eccezioni appartengono, in genere, non c'è pretesa di fare informazio-
proprio ai siti che meno curano la ne, ma c'è la volontà dichiarata di
precisione dell'informazione o che si fare satira.
schierano, senza peritarsi d'alterare, Prima del lancio in Italia, News-
o di distorcere, i contenuti di una Guard ha affidato a YouGov un son-
notizia per piegarla a una tesi. I siti daggio, da cui risulta che il 92%
più seri, affidabili, di qualità, accetta- degli intervistati considera un pro-
no volentieri il dialogo con il collega blema le informazioni false e/o
che chiede un chiarimento o offre fuorvianti presenti su Internet e che
un input. il 78% vorrebbe più garanzie di affi-
Quella della mala educazione dabilità dai social media e il 74% dai
d'una parte dei giornalisti italiani, motori di ricerca. L'85% degli inter-
della cattiva tendenza a confondere vistati ha giudicato molto o abba-
libertà d'espressione con liceità d'in- stanza utile un servizio come quello
quinare l'informazione (e di sottrar- ora fornito.
re ai fruitori componenti dell'infor- Si veda www.newsguard-
mazione essenziali) è una delle sfide tech.com/wp-content/uplo-
che NewsGuard sta affrontando e ads/2019/05/YouGov-News-
sta vincendo. Suo obiettivo è contri- Guard-Research-Italy.pdf
buire ad affrontare e a risolvere il Le valutazioni non sono arbi-
problema delle notizie false o fuor- trarie, ma sono professionali: i
vianti online. criteri, deontologici e non ideolo-
Niente robot e niente algorit- gici, e politicamente neutrali,
mi: una squadra di bravi giornali- rispecchiano valori e prassi del
sti e nove criteri guida. Newsguard giornalismo anglosassone.
vuole combattere la disinformazio- Essi comprendono la traspa-
ne online con una "soluzione basata renza sulla proprietà del sito e su
sull'intelligenza umana": dopo gli chi sono responsabili ed autori
USA nel 2018 e il Regno Unito que- delle notizie pubblicate; l'attendi-
st'anno, è attivo da maggio in Italia e bilità delle fonti utilizzate, che
si appresta a esserlo in Francia e in devono essere dichiarate; la cor-
Germania. Lanciato dall'imprendito- rispondenza fra titoli e contenuti
re dei media Steven Brill e dall'ex degli articoli; la separazione fra
giornalista e poi editore del Wall notizie e commenti; i meccanismi
Street Journal Gordon Crovitz, il sito di rettifica; la facilità d'accesso
fornisce valutazioni di credibilità e alla redazione.
dettagliate schede, chiamate etichet- Ulteriori informazioni, spiega-
te nutrizionali, per migliaia di siti di zioni e indicazioni su come scarica-
notizie e informazioni: quelli con re l'app sul sito: www.newsguard-
milioni di contatti giornalieri e anche © Dino Aloi tech.com
8 | Il giornale di Libex 2019

© Ismail Dogan
Stampa venduta
Sostegno
all'informazione:
un giro d'Europa
Gian-Paolo Accardo | direttore di VoxEurop

G
arante dello stato di dirit- se (Iva e spese postali e/o telefoni- ultimi godono di una riduzione del- discussioni nelle istituzioni euro-
to e dell'interesse pubblico, che ridotte, come in Austria, Belgio, l'imposta sul reddito. Nel Regno pee per via dell'ostilità di alcuni
l'informazione libera e indi- Danimarca, Germania, Francia, Ita- Unito sono previste solo esenzioni stati membri a qualsiasi forma di
pendente è uno dei pilastri della lia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spa- dal pagamento dell'Iva. intervento nel settore dell'informa-
democrazia liberale. Ma, a diffe- gna, Svezia e Svizzera), oppure cre- Sia i finanziamenti diretti che zioni. Al momento solo l'emittente
renza degli altri tre, il quarto potere dito d'imposta sugli investimenti quelli indiretti si sono progressiva- Euronews e la rete di radio Euranet
non fa, proprio in nome della sua (come in Danimarca, Francia e Ita- mente ridotti negli ultimi anni un godono di un sostegno finanziario
indipendenza, parte degli organi- lia). Possono anche consistere nel po' dappertutto. E l'Europa, inter- prolungato. Altri progetti editoriali,
smi dello stato, né quindi è da que- garantire alla stampa l'esclusiva viene? Esistono anche delle sov- come le piattaforme europee di
sto in principio finanziato. Ma può per alcuni tipi di contenuti a paga- venzioni a livello europeo: si tratta data journalism ricevono sovven-
però una democrazia affidare un mento (annunci giudiziari o di gare per lo più di sovvenzioni indirette zioni di poche centinaia di migliaia
elemento così fondamentale della pubbliche), o in forme di sconti per progetti editoriali di rilievo e di euro l'anno. Ci sono infine possi-
sua organizzazione e il suo neces- fiscali direttamente rivolti ai giorna- sugli affari europei. La loro creazio- bilità di sostegno finanziario attra-
sario pluralismo alla sola legge del listi, come in Francia, dove questi ne è spesso al centro di lunghe verso progetti legati all'innovazio-
mercato? ne, ma raramente i mezzi d'infor-
È proprio per risolvere questa mazione dispongono delle compe-
equazione che diversi stati hanno, tenze necessarie.
per alcuni da molto tempo, istituito In un contesto nel quale la
dei meccanismi di sostegno finan- stessa democrazia dà segni di crisi
ziario all'informazione. In Europa si in diversi paesi europei, come in
distinguono due atteggiamenti Ungheria o in Polonia ma non solo,
principali: quello dei paesi che in cui la libertà dell'informazione si
escludono che l'informazione degrada di anno in anno, come
debba essere direttamente sov- rivelano i rapporti successivi di
venzionata, e quello dei paesi che Reporter senza frontiere, e in cui
hanno istituito dei meccanismi di l'uccisione di un giornalista quasi
sovvenzioni dirette. non fa più notizia, riteniamo indi-
Le sovvenzioni dirette consi- spensabile che i mezzi d'informa-
stono nel finanziamento puro e zione liberi e indipendenti possa-
semplice dell'attività delle testate, no prosperare grazie anche al
di solito su base annuale, secondo sostengo pubblico. Non è una
criteri più o meno rigidi per quan- scelta politicamente facile, consi-
to riguarda la definizione di "gior- derando la pessima reputazione
nale". Le sovvenzioni dirette esi- della categoria, ma l'alternativa è
stono in Austria, Belgio, Danimar- molto peggio
ca, Lussemburgo, Paesi Bassi e
Svezia. Non esistono invece in
Germania, Spagna (ma le regioni
possono introdurli), Regno Unito,
e Svizzera.
Esistono anche forme di VoxEurop è un sito di notizie e
sovvenzioni pubbliche a proget- di dibattiti multilingue sugli
to, come in Francia, dove esisto- affari europei che importano ai
no diversi fondi che dipendono cittadini. Punta a contribuire
per la maggior parte dal ministe- alla democrazia in Europa e
ro della Cultura. Ci sono infine all'emergenza di uno spazio
forme di sovvenzioni dirette ai pubblico europeo. È gestita da
mezzi d'informazione quando un gruppo esperto di giornali-
sti, traduttori e developer inter-
svolgono di fatto un servizio
nazionali. Funziona come una
pubblico, come per esempio
piattaforma per la produzione
Radio Radicale in Italia. e la condivisione di articoli e
Le sovvenzioni indirette, molto traduzioni delle notizie e delle
più frequenti, consistono invece analisi più interessanti sulle
per lo più in agevolazioni su alcuni vicende europee in 10 lingue.
tipi di prestazioni rivolte alle impre- © Marco De Angelis, Il tappeto
Il giornale di Libex 2019 | 9

© Ramses
altrinformazione.net

Salvare Assange
per salvare la democrazia
Carlo Gubitosa | giornalista e scrittore

N
el carcere londinese di Belmarsh dovrebbe vincere un premio, e non essere rin- Nel frattempo, cambia il vento politico in
(descritto come "la Guantanamo britan- chiuso come un terrorista. E infatti per l'attività Ecuador, e l'ambasciata decide di revocare l'asi-
nica") c'è Julian Assange, un cittadino di Wikileaks Julian Assange ha vinto una dozzina lo ad Assange con motivazioni solidissime: era
australiano che ha messo in piedi un sito di di prestigiosi premi giornalistici e sei nomination disordinato e lasciava spesso i piatti sporchi nel
nome Wikileaks, per proteggere chi vuole rive- al Nobel per la Pace, ricevute puntualmente lavandino. Si arriva all'arresto dell'11 aprile
lare segreti inconfessabili di aziende, eserciti e ogni anno dal 2010 al 2015. 2019, quando il mondo si spacca in due: da una
governi. Ma nel 2010 arrivano parte c'è chi considera Assange un criminale, un
Tramite Wikileaks sono anche i problemi, con la agente russo, un terrorista, un hacker, dall'altra
stati divulgati milioni di denuncia presentata in Sve- c'è chi lo considera un coraggioso giornalista
documenti classificati, tra cui zia da due ragazze che accu- perseguitato da un governo di cui ha svelato
video con civili e giornalisti sano Assange di aver avuto scandali politici e militari. Io sto tra questi ultimi,
massacrati in Iraq per mano con loro rapporti sessuali e in buona compagnia: a difesa di Assange si
di militari statunitensi, detta- non protetti, mentre loro sono schierati anche Noam Chomsky, il premio
gli sulle condizioni di deten- avevano acconsentito solo a Pulitzer Glenn Greenwald, la American Civil
zione nel carcere di Guanta- rapporti protetti. Anni dopo il Liberties Union, Amnesty International, Repor-
namo, lo spionaggio inter- caso verrà chiuso per l'incon- ters sans Frontieres, Human Rights Watch e altre
nazionale della NSA (Natio- sistenza delle prove, ma organizzazioni per i diritti civili.
nal Security Agency) che intanto Assange viene rag- Il 26 giugno 2019, giornata internazionale
intercettava i capi di gover- giunto dalle accuse di mole- per le vittime di tortura, Nils Melzer, il "relatore
no europei, la censura stie a Londra e rilasciato in speciale" delle Nazioni Unite sulla tortura, ha
segreta operata in Australia libertà vigilata. Nel timore di dichiarato che Assange è stato "sistematica-
per censurare su Internet essere deportato negli Stati mente calunniato per distogliere l'attenzione
contenuti leciti sgraditi al Uniti, Assange chiede asilo dai crimini che ha documentato", e la posta in
governo, la lista dei militanti politico rifugiandosi nell'am- gioco non riguarda solo il futuro del giornalista,
del Partito Nazionalista Bri- basciata dell'Ecuador, e ma anche la creazione di "un precedente che
tannico di estrema destra viene accusato in Gran Bre- potrebbe condannare la democrazia occidenta-
che ha esposto alti ufficiali di © Kap, Assange tagna di aver violato i termini le, se dire la verità sarà considerato un crimine e
esercito e polizia, le operazioni di aziende infor- per la libertà vigilata. ci arrenderemo alla censura". Perché ho raccon-
matiche milanesi che vendevano a stati canaglia Dall'altra parte dell'oceano, le accuse tato tutto questo? Perché le informazioni rivela-
dei software per controllare l'attività degli contro Assange per richiedere la sua estradi- te da Assange le ho usate anche io, e come me
smart-phone, le tecnologie per la sorveglianza di zione negli USA riguardano un tentativo fallito migliaia di giornalisti in tutto il mondo, che si
massa imposte in Russia ai fornitori di servizi di aggirare una password per aiutare Chelsea sono presi gli scoop lasciando a lui la galera. E
internet dal ministero dell'Interno e dai servizi Manning, il soldato che ha consegnato a Wikile- vorrei dirgli pubblicamente grazie per quello che
segreti, e perfino i documenti con i piani segreti aks le rivelazioni sui crimini di guerra dell'eser- ha fatto, e scusa per quello che non siamo riusci-
del Pentagono per fermare Wikileaks. Uno così cito statunitense in Iraq. ti a fare
Marianne
Catzaras F
otografa, poeta e
scrittrice. Nata da
genitori greci in Tuni-
mali si mescolano in un'orchestrazione dell'im-
possibile. Oggi, dà a vedere un mondo più spo-
gliato dove i colori sono scomparsi. Un mondo
sia, dove vive. Dopo aver in cui l'ansia e l'insolito si sposano. Creatore dei
studiato letteratura, si è Ghar-el-MeMelh Photo Meetings. Molte mostre
dedicata alla fotografia e delle sue foto sono state organizzate in Germa-
alla poesia. Gran parte del nia, Francia, Tunisia, Grecia, Stati Uniti e Italia.
suo lavoro è stato quello Autore di molti libri. Commissaria di Mostre a
di evidenziare le minoran- Tunisi, Livourne, Jeddah, ecc. Grand Prix della
ze, ma negli ultimi anni il suo lavoro sta evolven- Città di Tunisi, Cavaliere des Arts et des Lettres
do e i suoi lavori più recenti tendono a mettere della Repubblica Francese. Membro del Consi-
in scena un mondo onirico in cui uomini e ani- glio scientifico di Librexpression
Queste strade che ci abitano e che attraversiamo
cosa vogliamo da loro
cosa ci aspettiamo dalle loro nebbie e dai loro tronchi bluastri
questi archivi che raccogliamo in barche di pietra.
Queste strade che abitiamo e che ci ossessionano
cosa dicono nei loro volti di polvere
e nei loro chilometri di pietre sul ciglio della strada
alcuni viaggiatori che vagano nelle banchine dei porti...
12 | Il giornale di Libex 2019

Riflessioni critiche 50
Thierry Vissol
storico

anni dopo l’allunaggio


D
a millenni l'osservazione del cielo ha
affascinato la specie umana e il sole e la
luna sono stati gli astri più importanti e
simbolici. La luna, in particolare, che contraria-
mente al sole si può contemplare, è presente
come divinità benevola in tutte le civiltà conosciu-
te: dal dio Sin o Nanna dei mesopotamici, dalla
dea Coyolxauhqui degli aztechi, Annighan degli
Inuit, Chang'e dei cinesi, alla Selene dei greci. La
regolarità del suo ciclo ha condotto alla creazione
di calendari lunari per scandire l'attività umana. Il
primo conosciuto risale a 32.000 anni fa. L'Islam
utilizza ancora un calendario lunare chiamato
"Hijri", e molti paesi islamici hanno una mezzalu-
na sulla loro bandiera. Poi, non si deve dimentica-
re la sua perenne dimensione romantica. Secon-
do i nostri antenati i sospiri degli amanti volavano
fino alla luna: chi non ha baciato, sognato d'amo-
re sotto la luna piena?
Per questo fascino centinaia di milioni di
persone sono rimaste incollate al televisore per
vedere, in diretta, il primo uomo camminare sulla
luna, il 20 luglio 1969. Non ha rotto il selenico
incanto, almeno in un primo momento. Dimo-
strava la potenza dell'inventività della razza
umana e si poteva intuire l'importanza dei pro- sferico che ne fa un "patrimonio comune dell'uma- nomy, allorché non esistono né regole in materia,
gressi al servizio dell'umanità che avrebbe per- nità" (articolo 11), affermando che "non è soggetto né tecniche per spostare o eliminare i frammenti
messo. Difficile, nel XXI° secolo, immaginare la ad appropriazione nazionale né rivendicandone la che si trovano su orbite utili. Come la terra, lo spa-
nostra vita senza le tecnologie dell'informazione, sovranità, né occupandolo, né con ogni altro mezzo" zio è fragile e se non si mantiene pulito diventerà
senza i satelliti che offrono servizi di meteo, di (articolo 2) e vieta ogni uso militare dell'orbita ter- prima o poi inutilizzabile.
monitoraggio del pianeta, di GPS, di telecomuni- restre e sui corpi celesti, inclusi i test di armi o l'in- Altro che un patrimonio comune dell'uma-
cazione, di gestione delle raccolte, senza le espe- sediamento di basi militari. nità, lo spazio sta diventando la nuova frontiera
rienze realizzate nelle stazioni spaziali internazio- La militarizzazione dello spazio non basta- del lucro per il potere e del potere per il lucro
nali, per migliorare la conoscenza del corpo va, le grandi potenze l'hanno aperto al mercato
umano, ecc. privato. Denis Tito, 415° essere umano a viaggiare
Eppure, dal primo allunaggio, si poteva nello spazio, fu il primo turista a soggiornare nella Piattaforma per la protezione
capire il lato oscuro, questo Yin and Yang che stazione russa MIR nel 2001, al costo di $ 20 milio- del giornalismo e la sicurezza dei
caratterizza la razza umana. Accanto al messag- ni. Aprì l'era del turismo spaziale e l'appetito di
gio di pace lasciato ai piedi del Challenger da Niel
giornalisti del Consiglio d'Europa
miliardari come l'inglese Richard Branson con Vir-
Amstrong e Buzz Aldrin: "Qui l'uomo venuto dal gin Galactic, Jeff Bezos con Blue Origin, Paul Allen coe.int/en/web/media-free-
pianeta Terra pose per la prima volta piede sulla con Stratolaunch o Elon Musc, con SpaceX. Ovvia- dom/the-platform
Luna. Luglio 1969, anno del Signore. Siamo venuti in Spazio pubblico volto a facili-
mente, essi non si limitano al turismo, né vogliono
tare la raccolta, il trattamento
pace per tutta l'umanità", i due astronauti ameri- solo commercializzare le orbite basse - un giro di e la diffusione di informazioni
cani hanno fatto quello che tutti i conquistatori affari di 360 miliardi di dollari nel 2018 con un relative a serie preoccupazio-
fanno in segno di presa di possesso: piantare la potenziale di crescita di 5% l'anno- ma sviluppare ni in merito alla libertà dei media e alla sicurezza
bandiera americana. Contraddizione amplificata un vero mercato spaziale, una "New Space econo- dei giornalisti negli Stati membri garantite dall'art.
dall'espressione "anno del signore" nella targa, my". L'intento è di sfruttare le riche risorse minie- 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uo-
escludendo così una parte dell'umanità. Meno re della Luna, degli asteroidi e di Marte. mo echr.coe.int/Documents/Convention_ITA.pdf.
male che Houston abbia impedito ad Aldrin l'uso Tutto ciò potrebbe essere gradito, visto Aiuta il Consiglio d'Europa a proporre risposte
pubblico del suo kit di comunione. l'importanza delle scoperte e delle innovazioni, il politiche adeguate nel campo della libertà dei
Nonostante l'incredibile cooperazione media. 12 ONG internazionali e associazioni di
numero di posti di lavoro che ne derivano, se
giornalisti sono partner (coe.int/en/web/media-
internazionale dal 1972 tra russi e americani e i fosse fatto in modo sostenibile, applicando il prin- freedom/partners). In conformità con un Memo-
loro alleati - escludendo fino ad oggi la Cina che se cipio di precauzione. Tuttavia, la capacità dell'uo- randum d'intesa (rm.coe.int/1680479b43), la piat-
ne vendica alla grande - lo spazio è, sin dall'inizio, mo di sporcare tutto quello che tocca, non rispar- taforma consente ai partner di presentare segna-
un terreno di competizione economica, tecnologi- mia lo spazio, che sta diventando nelle orbite lazioni, dopo averle sottoposte alle proprie proce-
ca e militare tra le nazioni. Sviluppatosi grazie al basse una vera pattumiera, con più di 700.000 dure e standard di verifica. Ogni partner è
contributo dei nazisti durante la Seconda guerra rifiuti e frammenti più grandi di 1 cm, i quali sono responsabile delle informazioni fornite. Laddove
mondiale - il missile V2 del SS Von Braun e dei suoi in grado se non di distruggere di gravemente le circostanze lo permettano, il Consiglio d'Europa
ingegneri finiti nelle mani dei russi e degli america- danneggiare, satelliti, navicelle spaziali, con un e lo Stato membro cui si fa diretto riferimento in
ni - e nel contesto della guerra fredda, l'avventura una segnalazione inserita nella piattaforma pos-
rischio di effetto a catena, la "sindrome di
sono pubblicare informazioni sulle misure adot-
spaziale rimane la nuova frontiera della geopoliti- Kessler", come nel film di Alfonso Cuarón "Gravi- tate dai rispettivi organismi e istituzioni in rispo-
ca e dell'attività militare, nonostante il trattato ty" (2013). Una minaccia che crescerà con il lancio sta a tali segnalazioni.
internazionale del 1967 sullo spazio extra-atmo- di centinaia di micro-satelliti dalla New Space Eco-
Il giornale di Libex 2019 | 13

La Cina alla conquista


La Cina ama il Portogallo
© Cristina Sampaio

dell’Europa?
Xavier Richet

D
iciassette paesi, con la 2013. Essa mira a promuovere accordi con i cinesi. Il progetto che e nucleari), che coinvolgono
recente adesione della Gre- l'inter-connettività tra paesi e con- mobilita risorse finanziarie signifi- principalmente imprese cinesi,
cia, forse un giorno 18 se tinenti attraverso la costruzione di cative. Un fondo di oltre 10 miliar- capocommessa esclusiva. Il pro-
l'Italia vi aderirà, il "Formato rotte terrestri, marittime e digitali, di di dollari è dedicato al finanzia- getto di strutturazione, sotto
17+1" che riunisce la Cina e 17 mobilitando le competenze e le mento di progetti nella regione. forma di T, consiste nel collegare il
paesi dell'Europa centrale e risorse finanziarie della Cina. L'Eu- Sono in corso diversi programmi Pireo alla Polonia attraverso l'Un-
sudorientale ha istituzionalizzato ropa è una destinazione essenzia- di costruzione (ferrovie, autostra- gheria e l'asse orizzontale che col-
la presenza della Cina in questa le. L'Italia e il Portogallo sono inte- de, ammodernamento dei porti, lega la Russia alle città della Ger-
regione dall'inizio del 2010. I suoi ressati e hanno già concluso ristrutturazione di centrali termi- mania settentrionale. Le imprese
membri si riuniscono ogni anno cinesi sono coinvolte nella fornitu-
alternativamente in Cina e in uno ra di servizi (costruzione di infra-
dei paesi membri della regione. strutture), nell'acquisizione di
L'ultimo vertice si è tenuto a imprese (ma con scarsi investi-
Dubrovnik nel maggio 2019. Il For- menti incorrotti) e nella ricerca di
mato è soprattutto una foglia di nuovi mercati per i loro prodotti.
vite che maschera i rapporti bila- Quali sono i vantaggi per i
terali tra il Regno di Mezzo e cia- paesi ospitanti? Un modo per rag-
scuno dei 17 membri. Questi ulti- giungere il mercato cinese, diversi-
mi comprendono una varietà di ficare le fonti di investimento este-
paesi: tre ex repubbliche sovieti- ro e ridurre la presenza dell'Europa
che, gli ex "paesi dell'Est", sei occidentale. Nel sud, per aprire
paesi dell'ex Jugoslavia, due dei queste aree economiche a lungo
quali sono membri dell'UE, più il trascurate dall'UE. Per i paesi "illi-
Kosovo, seguiti dai paesi in via di berali" (Polonia, Ungheria) o paesi
stabilizzazione e dall'Albania, tutti gravati dal comportamento dell'UE
destinati ad aderire all'UE. Tutti nei loro confronti (Grecia), è un'op-
avevano finora reindirizzato i loro portunità per trovare un orecchio
scambi commerciali verso l'UE. Gli attento alle loro lamentele in cam-
investimenti diretti europei contri- bio del sostegno alla Cina su que-
buiscono attivamente a sostenere stioni delicate (diritti umani). Tutto
l'attività economica. I paesi svilup- questo ha un costo: i paesi, spesso
pati del nord-est, da socialisti, privi di molte risorse finanziarie,
sono diventati "capitalisti dipen- sono fortemente indebitati (Mon-
denti", entroterra dell'industria tenegro, Bosnia-Erzegovina), altri
tedesca. La maggior parte dei non vedono i benefici attesi: ritardi,
paesi della regione sono o diven- bassi benefici in termini di posti di
teranno membri della NATO. lavoro, investimenti, difficoltà a
Che cosa cerca la Cina in que- raggiungere il mercato cinese.
sta parte d'Europa per la sua pre- L'Europa, designando recen-
senza poliedrica? Quali sono i temente la Cina come rivale stra-
vantaggi che i paesi ospitanti si tegico, sarà in grado di contrasta-
aspettano e possono trarre da re la presenza della Cina nella
ciò? Il gioco è un gioco "win-win" regione? È ancora troppo presto
come amano dire i cinesi, o si rive- per rispondere
lerà un gioco con un vincitore e
diversi perdenti? Xavier Richet
Il formato 17+1 fa parte del- Professore Emerito di Economia,
l'ambizioso progetto Belt and Università della Sorbona Nouvelle,
Road Initiative (le nuove vie della © Alexander Dubovsky Il piatto cinese Parigi, titolare della cattedra Jean
seta) lanciato da Xi Jinping nel Monnet.

L'European Data Journalism Network (EdjNet, Europa. EdjNet punta a fornire ai mezzi d'infor-
Rete europea per il giornalismo dei dati) è una mazione europei e non solo notizie e contenuti
piattaforma indipendente di informazione basa- affidabili e rigorosi, strumenti editoriali di qualità
ta sui dati. Ci occupiamo di affari europei in per capire meglio l'Europa, e un'assistenza tecni-
senso lato: non solo di quello che succede a Bru- ca per lavorare col giornalismo dei dati. I conte-
xelles, ma anche dei fenomeni che toccano diret- nuti prodotti dalla rete sono disponibili gratuita-
tamente la vita dei cittadini. La rete è stata creata mente in diverse lingue.
nel 2017 da un consorzio di mezzi d'informazio-
ne e giornalisti dei dati provenienti da tutta www.europeandatajournalism.eu
14 | Il giornale di Libex 2019

Tunisia
Libertà, tra
© Willis from Tunis
singolare e plurale
Paura e libertà Ilaria Guidantoni | giornalista e scrittrice

P
arlando della Tunisia una per molti aspetti hanno anticipato l'applicazione ci sia poi una grande l'accesso dignitoso al lavoro - e la
considerazione è essenziale l'Europa ma che non sono riuscite discrezionalità perché è lo stesso democrazia, nel senso di una giu-
in premessa, la declinazione a radicare il senso della libertà soggetto titolato, il cittadino, a non stizia indipendente dal potere poli-
della libertà, in termini universali e come responsabilità individuale, saperla richiedere nell'esercizio. tico, è stata uno degli slogan, è
giuridici e le libertà al plurale che demandando totalmente alla Quello che è emerso dopo la rivol- forse la conquista più importante,
rende la stessa forse imperfetta legge il tema della gestione della ta del 2011 rispetto alla quale la anche se in termini formali più che
ma esercitabile. La Tunisia d'altron- stessa. Questo ha fatto sì che nel- libertà insieme alla dignità - ovvero sostanziali.
de ha vissuto sempre la libertà È sancita dalla Costituzione
come un miraggio, essenziale, fin più che nelle coscienza dove come
dall'eredità della Costituzione di ha ben sottolineato lo psicoanali-
Cartagine, della quale in qualche sta e professore all'Università Paris
modo è figlia: la prima Costituzione Diderot, Fethi Benslama in Soudain
democratica della storia, non scrit- la révolution!, il popolo tunisino si è
ta, che non prevedeva la schiavitù. liberato del dittatore ma non del-
Ora il sogno talora esaspera, l'autorità paterna interiore. Sotto
esalta un concetto senza però iscri- il profilo della libertà di espressio-
verlo nella storia. Le prime elezioni ne, la Costituzione la protegge,
realmente libere sono state quelle anche se è soprattutto su Internet
del 23 ottobre 2011, visto che i e sulla stampa digitale che si eser-
"tunisini" sono da sempre domina- cita. In linea con gli standard inter-
ti dai Romani, Arabi, Turco-Otto- nazionali anche la libertà artistica
mani e poi dai Francesi; e dal 1956 su tutti i fronti con un fiorire di
il primo presidente della Repubbli- manifestazioni, a cominciare dal
ca Habib Bourguiba ha favorito più rap. Vero è che poi le proteste e
la laicità che la libertà. Ha certo for- manifestazioni che si moltiplicano,
nito al popolo gli strumenti per sono spesso disperse non sempre
© Willis from Tunis Tunisia vista dal satellite

poter esercitare la libertà, in qual- con metodi ortodossi dalla polizia.


che modo le premesse, l'alfabetiz- La protesta e la libertà
zazione, restando fermo nel suo d'espressione è esercitata dal
ruolo di Pater familias. mondo studentesco in modo
Il colpo di stato del 1987 ha poco consapevole, spesso emoti-
avuto buon gioco nel sostenere vo e romantico, con una storia
che la Tunisia sia un paese biso- tutta da costruire, tanto che spes-
gnoso di una forte guida. Gli anni di so accade che siano più gli inse-
Bourguiba liberi nel senso di libera- gnanti nelle università a battersi
ti dallo straniero e promotori di per la libertà. Inoltre è' ancora forte
libertà nel senso di consapevolezza il divario tra quello che vige sulla
grazie a una netta separazione tra carta e la realtà dei fatti, con una
Stato e religione, istruzione obbli- bilancia che pesa dalla parte di chi
gatoria per i due sessi fino a sedici ha più cultura e uno stato sociale
anni, legge sul divorzio e sull'abor- più elevato. Se questa è una regola
to, Codice di Statuto Personale per generale ma nei paesi terzi è più
i diritti della donna e nei primi anni vero che in Europa o negli Stati
Sessanta campagne di pianificazio- Uniti con dei vincoli legati ad esem-
ne familiare per rendere la donna pio al visto per motivi turistici e di
libera di muoversi nel mondo del studio che penalizzano molto gli
lavoro. Conquiste importanti che stessi intellettuali e studenti

THE COUNSIL OF EUROPE’S 70th ANNIVERSARY


OUR RIGHTS OUR FREEDOMS OUR EUROPE
Il giornale di Libex 2019 | 15

Israele
La libertà d’espressione
entra in resistenza
Michel Kichka | vignettista
© Michel Kichka

U
na vera democrazia deve verenza. In una sana democrazia
soddisfare almeno due le loro frecce sono accolte con
condizioni: la libertà di tolleranza e moderazione. Non
stampa, uno dei contropoteri, e fu il caso di Katz addirittura accu-
la libertà di espressione, garan- sato di antisemitismo. Accusa
zia della prima. Quando la senza senso, che taglia ogni pos-
democrazia si indebolisce, que- sibile dibattito soprattutto per-
ste due libertà fondamentali ché è la legge dello Stato-nazione
sono le prime ad essere messe in ad essere antisemita, dato che
discussione. Questo accade da anche gli arabi sono semiti!
più di dieci anni nell'Israele di Osservando ciò che sta acca-
Netanyahu, dove si cancella gra- dendo nel mondo occidentale,
dualmente la qualifica "liberale" questo fenomeno non è una
di questa democrazia, macchina malattia orfana ma una epide-
infernale alimentata dall'osses- mia che devasta lentamente le
sione di delegittimare ogni oppo- nostre società. L'ultimo esempio
sizione percepita come nemica è quello del New York Times (si
della nazione. Tutto avviene veda l'articolo di Tjeerd Royaards,
democraticamente attraverso NdE). La decisione di questo pre-
leggi approvate dalla maggioran- stigioso giornale di non pubblica-
za della Knesset. La lista dei re più vignette politiche è un
"nemici della nazione" include la segnale d'allarme. Trasmette un
stampa, spesso accusata di esse- messaggio che riflette il cattivo
re di sinistra - anche se non lo è vento che soffia: "vignettisti, dise-
più da tempo - come se fosse un gnate a vostro rischio e pericolo
crimine. La stampa è solo la perché ci dissoceremo dopo la
parte visibile dell'iceberg antili- pubblicazione", oppure: "Meglio
berale, la cui parte sommersa è licenziare un vignettista che perde-
una accozzaglia di social net- re un lettore".
work, tweet e fake-news che Contrariamente all'Otto-
creano una sorta di terrore di cento, quando la vignetta satiri-
fondo. ca era un argomento commercia-
Un esempio è stato la le per trattenere il lettore, sareb-
repressione contro il vignettista be diventata oggi una guastafe-
Avi Katz nell'estate del 2018. ste ingombrante e fastidiosa? Se
Subito dopo l'approvazione della un buon disegno è meglio di un
"Legge sullo Stato nazionale", un lungo discorso, censurando una
deputato del Likud fece scalpore vignetta si taglia semplicemente
con un selfie insieme a Netanya- la parola.
hu e ad altri deputati, tutti con Certo, Israele non è ancora
un grande sorriso di soddisfazio- © Michel Kichka arrivato a questo punto. Non è la
ne. Questa legge inutile relega De Russia di Putin, la Turchia di
Jure, gli arabi di Israele, al rango Erdogan o l'Ungheria di Orban
di cittadini di seconda classe, in uguali degli altri". All'indomani ta, ne discute con l'autore che che si vanta di essere una demo-
totale contraddizione con la della sua pubblicazione sul Jeru- può modificarla o rifarla. Può crazia "illiberale", un bel nome
Dichiarazione di indipendenza salem Post, dopo più di 25 anni succedere e va bene così. per una dittatura populista e
dei Padri Fondatori di Israele del di collaborazione, Katz fu licen- Elettroni liberi, i vignettisti xenofoba.
1948. Avi Katz, grande professio- ziato con un semplice colpo di godono generalmente di un Ma Israele a poco a poco
nista, disegnò i protagonisti telefono. Una faccenda mai vista ampio spazio di libertà dove si entra nel vasto cerchio delle
come maiali, aggiungendo la prima in Israele! Nell'etica della esprimono soddisfacendo i letto- pseudo-democrazie. Per inverti-
famosa frase di George Orwell in stampa, quando un editore ri che apprezzano il loro spirito re la tendenza c'è una sola
"Animal Farm": "Tutti gli animali pensa che una vignetta si spinge ribelle e provocatorio, il loro arma: continuare a disegnare e
sono uguali ma alcuni sono più troppo in là per essere pubblica- umorismo caustico e la loro irri- pubblicare
16 | Il giornale di Libex 2019

Il New York Times


Tjeerd Royaards
vignettista e direttore smette di pubblicare
vignette politiche
di Cartoon Movement

D
opo la controversia sulla dietro questa censura.
vignetta dell'artista porto- Scrive Chappatte: Temo che non
ghese Antonio Antunes che si tratti solo di vignette, ma di gior-
criticava la relazione tra Trump e nalismo e di opinione in generale.
Netanyahu pubblicata nell'edizione Siamo in un mondo in cui la ressa
internazionale del New York Times moralista si ammassa sui social
il 25 aprile, vignetta ampiamente media e si alza come una tempesta,
criticata perché giudicata antisemi- cadendo sulle sale stampa con un
ta, il NYT ha deciso di chiudere suo colpo schiacciante. Ciò richiede con-
sito CartoonArts International, tromisure immediate da parte degli
dove riceveva le vignette politiche editori, senza lasciare spazio a rifles-
di artisti registrati di tutto il mondo sioni o discussioni significative.
al fine di poter scegliere quelle da Si tratta quindi di una decisio-
pubblicare secondo i suoi fabbiso- ne per paura. E nessun buon gior-
gni. Ha deciso di non pubblicare più nalismo è mai nato dalla paura.
vignette politiche, mettendo anche La democrazia richiede un dibat-
fine ai contratti con i suoi due tito pubblico. I media dovrebbero
vignettisti abituali, Heng e Patrick avere il coraggio di fornire una
Chappatte. Chappatte ha scritto un piattaforma per un'ampia gamma
pezzo eloquente, riflessivo e per- di opinioni da ascoltare e discute-
spicace su questa decisione sul suo re. Ovviamente, in questo modo si
sito web, che vi consiglio leggere: commettono errori e a volte viene
www.chappatte.com/en/the- data visibilità a un'opinione che
end-of-political-cartoons-at-the- non lo merita. Se questo accade,
new-york-times/ dovremmo reagire, discuterne e,
Il NYT pretende che la decisione si spera, imparare da esso. Non si
di interrompere la pubblicazione di dovrebbe usare come scusa per
vignette era già allo studio da oltre mettere a tacere tutte le opinioni
un anno, tuttavia Chappatte e molti
altri vignettisti ritengono questa © Tjeerd Royaards, il ballo dei potenti Nota dell'editore
decisione direttamente collegata Il vignettista israeliano
no troppo oltre o simboli che pos- trovano così offensiva? Che cosa
alla vignetta di Antunes. Michel Kichka ha anche lui
sono essere interpretati come inu- è permesso quando critichiamo
Questo la rende una decisio- commentato, nello stesso senso,
tilmente odiosi o offensivi. E, per Israele e cosa non lo è? Quali sim-
ne spaventosa e miope. le decisioni del NYT dopo la pub-
alcuni, era il caso della vignetta di boli possiamo usare, fino a che
Le vignette politiche forniscono blicazione della vignetta
Antunes. punto e in quale modo possiamo
un contributo prezioso al dibattito di Antonio Antunes:
In un sano dibattito pubblico realizzare caricature di un politico
pubblico, condensando questioni https://fr.kichka.com/2019/06/1
(che un giornale della reputazio- israeliano? Tutte domande perti-
complesse in una unica e spesso 2/le-new-york-times-scie-la-
ne del New York Times dovrebbe nenti che dovrebbero favorire un branche-sur-laquelle-il-a-assis-
potente immagine. Capita a noi
promuovere) quello che segue è dibattito permettendoci di dise- sa-reputation/
vignettisti di fare dei "pasticci".
una discussione sul perché que- gnare vignette più forti, migliori e
Usiamo stereotipi, universalmente
sta vignetta ha superato la linea meno "inutilmente" offensive.
riconoscibili che, a volte, si spingo-
rossa. Perché molte persone la "Inutilmente" tra virgolette per- Cartoon Movement
ché spesso le vignette devono Media platform with a focus on
essere offensive. editorial cartoons and comics.
Quello che non dovrebbe Community of international edi-
accadere è di costringere al com- torial cartoonists and fans of
pleto silenzio questa forma di political satire'. With a network
giornalismo visivo. Perché allon- of over 500 professional car-
© Antonio Antunes

tana dal dibattito pubblico. Que- toonists from over 80 coun-


tries, we are the first truly global
sto si chiama, per mancanza di
online publishing platform and
una parola migliore, censura.
community that offers perspec-
Uso la parola censura non a
tives on the world news through
causa della decisione stessa (è cartoons and comics. We think
prerogativa di ogni media di deci- the future of editorial cartoo-
dere cosa pubblicare e cosa non ning is online, and with this plat-
pubblicare, nonostante il fatto form we want to be at the fore-
che uno possa essere in forte front of media developments.
disaccordo con essa), ma l'appa- www.cartoonmovement.com
rente argomentazione che sta
Il giornale di Libex 2019 | 17

Iran
United Sketches
is an International Organi-
zation for Freedom of
expression and Cartoo-
nists in exile. Founded on
March 8th 2015 and

Una nazione
based in Normandy –
France (Le Mémorial de
Caen), It’s the World’s big-
gest growing professional

un regime
network of cartoonists by
its active ambassadors in
each country. United Sket-
ches‘s ambassadors are
engaged, active and inde-
pendent cartoonists who
suggest and/or confirm
potential new members.
Kianoush www.unitedsketches.org
vignettista direttore di United Sketches

L
'Iran è stato sulle agenzie e tra i principali argomenti dei media È per questo che ci sono molti iraniani imprigionati, torturati e giu-
di tutto il mondo per un lungo periodo. Ma recentemente questo stiziati per le loro idee, dottrine ed attività politiche dall'inizio della rivo-
paese è tornato di nuovo in auge grazie a Trump e alle sue luzione islamica fino ai giorni nostri. Nonostante ciò, il popolo iraniano
pesanti sanzioni e serie provocazioni che portano al limite di un'altra non vuole nessun intervento militare esterno e nessuna guerra causata
guerra in Medio Oriente. da paesi stranieri. Non ricerca la sua libertà tramite gli estranei.
Tuttavia, l'Iran ha anche un altro significato millenario: il popolo Come il mondo può aiutare il popolo iraniano? Specialmente
iraniano! La parte che generalmente manca quando i media rivolgono quelli che sono in prigione?
la loro attenzione a questo paese. Purtroppo il popolo iraniano è l'uni- La risposta non può essere trovata nel mondo politico e dei politi-
co a subire queste sanzioni dato che il regime (iraniano) trova SEMPRE ci. L'omicidio di Jamal Khashoggi testimonia che l'unico valore per i
qualche modo per sopravvivere e generare reddito grazie all'ipocrisia paesi occidentali sia l'interesse economico. Finché gli Stati Uniti e
e ai benefici dei paesi occidentali. l'Europa potranno vendere le loro armi e beneficiare delle necessarie
La maggioranza del popolo iraniano odia il regime islamico di Mul- fonti di energia fossile, non "sacrificheranno" mai questo profitto per
lah, ma al contrario dell'Iraq, della Siria e dell'Afghanistan, un concetto chiamato "diritti umani". Ciò comprende il regime
non chiede e non tollera azioni militari da parte di iraniano, la grande importanza geopolitica che rappre-
potenze straniere all'interno della loro nazio- senta e i benefici che comporta per i paesi occi-
ne. Durante la guerra tra Iraq e Iran, dentali. D'altra parte, le ONG internazionali
durata 8 anni, molte opposi- e I media indipendenti possono aiu-
zioni politiche in esi- tare gli attivisti iraniani condi-
lio, tornarono nel videndo la loro voce e
paese e andarono al trasmettendo il
fronte per difendere loro messaggio
la propria patria con- al resto del
tro l'esercito irache- mondo; dando
no. Potevano essere visibilità a colo-
arrestati e perfino ro che non pos-
giustiziati in qualsiasi sono vedere
momento! Ma hanno nulla al di fuori
corso il rischio per degli scuri muri
difendere il loro paese. delle loro prigioni.
Il regime iraniano è Affermate campa-
una dittatura islamica, gne internazionali
il risultato di una rivo- dichiarano che que-
luzione rubata. Questo sta visibilità costrin-
regime ha tolleranza gerà il regime irania-
zero per qualsiasi oppo- no a rilasciare i pri-
sizione politica o opinio- gionieri per migliora-
ne differente. re la loro immagine
esterna

© Kianoush
La democrazia
vista dai mollah
18 | Il giornale di Libex 2019

© Sebastian Dieguez
Il cavaliere bianco

D
ispute da idioti. Tra dendosi a loro volta per
quelli che dicono questa ondata d'indignazio-
che non c'è più nien- ne.
te da dire, ma che lo dico- Sul piano teorico, si
no lo stesso, e quelli che ottiene quindi un modello
dicono che si potrebbe dir abbastanza semplice, in cui
di tutto, ma che poi non a rotazione ognuno monta
dicono nulla, ci sono quelli sul suo cavallo, indossa un
che non vogliono più sen- costume da cavaliere bianco
tir niente, ma ascoltano sempre più candido, e
tutto. aumenta così il livello gene-
Questa mostra è colo- rale di magniloquenza
nialista. Quest'opera teatra- morale. Ma oggi disponia-
le è razzista. Queste mani- mo anche di dati che confer-
festazioni sono manipolate. mano l'esistenza di questo
Questa serie è sessista. fenomeno. Nel primo studio
Questo deputato è antipa- empirico sulla magnilo-
triottico. Questi propositi quenza morale, ricercatori
fanno l'apologia del terrori- dell'Ohio e del Texas hanno
smo. Questo disegno è messo a punto una misura
antisemita. Questi cessi per questa tendenza e la
sono transfobici… Potremo hanno testata su più cam-
andare avanti così per tutto pioni. Ne risulta che gli indi-
il giorno… vidui avidi di prestigio e di
E di fatto è quello che volontà di dominio che si
oramai fanno molti di noi indignano rapidamente per
tutto il giorno: denunciare, le questioni politiche e
criticare, deplorare, indi- morali, sono anche estro-

I «peggiori»
gnarsi, offendersi, sempre, versi e narcisisti e si situano
ovunque, su tutto e su qua- piuttosto agli estremi dello
lunque cosa. E anche velo- spettro politico. Esiste una
cemente. Lì, bum, ecco, magniloquenza locale sia di
succede proprio così: vedo destra che di sinistra, e que-

della morale
una qualsiasi cosa, ci st'ultima prevede in gran
appongo immediatamente parte il desiderio di impe-
il marchio della mia indiscu- * gnarsi nelle dispute su que-
tibile disapprovazione. Cer- stioni politiche e morali.
cando bene, non avrete alcu- In altri termini, il dibatti-
na difficoltà a trovare chi vi to pubblico è oggi ostaggio dei
spieghi in 20.000 caratteri per- Sebastian Dieguez grandi retori che hanno un'alta
ché "Joséphine ange gardien" bana- stima del loro valore personale e
lizza la cultura dello stupro, o qualcosa del no la pista della "magniloquenza morale". che tengono a farlo sapere. Ciò non ci svela
genere. E se così non fosse, sarebbe una prova Secondo questo approccio, se siamo sempre di realmente se "Joséphine ange gardien" faccia o
supplementare della discriminazione di cui più a denunciare sempre più violentemente un meno l'apologia dello stupro, ma è rassicurante
sono vittime le, ehm, persone basse. numero sempre più grande di idiozie, è a causa sapere che in realtà a nessuno interessa trop-
Come si può spiegare una tale esaspera- di un meccanismo abbastanza perverso. po. Resta da scoprire fin dove si possa spingere
zione della denuncia morale perenne? Abbia- Disapprovare apertamente qualcosa permet- una tale escalation verbale, prima che diventi
mo scoperto solo ora che esistono così tanti te soprattutto di dimostrare che disapprovia- impossibile distinguerla dalla satira
farabutti, canaglie, nemici e delinquenti? È pos- mo la cosa. Così facendo, chi disapprova sotto- *Traduzione dell’articolo pubblicato in francese
sibile che oggi disponiamo dei mezzi e del linea le sue qualità morali e più lo fa con convin-
coraggio necessari per manifestare finalmente zione, più apparirà virtuoso agli occhi degli altri.
dal giornale satirico Vigousse del 19 aprile 2019.
il nostro disgusto per l'immoralità, risorse che Sì ma quindi, gli altri? Eh, beh, gli altri, vedendo Si veda: "Moral grandstanding in public discour-
forse erano meno diffuse prima. Ma un'altra le eccezionali qualità morali di questa persona, se: status-seeking motives as a potential expla-
ipotesi sarebbe che, francamente, queste idio- tenteranno di rincarare la dose esprimendo natory mechanism in predicting conflict" J.
zie stanno diventando assurde. un'indignazione pari o, se possibile, superiore. Grubbs e altri, pre-pubblicato in: https://psyar-
A questo proposito alcuni ricercatori seguo- Oppure tenteranno di distanziarsene, offen- xiv.com/gnaj5/

Vigousse est un hebdomadaire satirique photomontages, des critiques culturelles et des


suisse romand fondé en 2009 par le dessina- fake news garanties authentiques. Indépendant
teur Barrigue. Tous les vendredis, le journal des grands groupes médiatiques, Vigousse
décortique l'actualité romande, suisse et inter- défend une presse libre et compte sur le soutien
nationale avec humour, impertinence, fantai- de ses lecteurs pour vivre. Le journal est disponi-
sie et une bonne dose de mauvaise foi. Au ble en kiosque en Suisse et sur abonnement.
programme : des articles de fond, des chroni- Pour s'abonner et consulter les anciens numéros:
ques, des parodies, du dessin de presse, des www.vigousse.ch
Il giornale di Libex 2019 | 19

© Sulaj Agim
Freedom of press

L'Associazione di volontariato
italiana «Ossigeno per l'Infor-
mazione Onlus» è l'unico osser-
vatorio indipendente non gover-
nativo in Europa. Dal 2006 effet-
tua il monitoraggio delle minacce
rivolte a giornalisti, blogger e altri
operatori dell'informazione allo
scopo di intimidirli, di impedire la
pubblicazione di notizie non gra-
dite o di punirli per avere rivelato
verità scomoda. L'alta attendibili-
tà di Ossigeno è stata riconosciu-
ta dal Parlamento e da numerose

Minacce e intimidazioni
istituzioni nazionali e internazio-
nali, tra cui dalla divisione Media
dell'Unesco, dal Rappresentante
per la libertà dei media e dal suo
ufficio a Vienna, i quali hanno

a giornalisti in Italia
ripetutamente utilizzato la docu-
mentazione di Ossigeno per chie-
dere spiegazioni al governo ita-
liano. Guarda i nomi delle
minacce online
www.ossigeno.info
Alberto Spampinato | direttore di Ossigeno per l'Informazione

S
ono state in Italia oltre 3900 ne a mezzo stampa a pene detenti-
negli ultimi 10 anni le minac- ve, per un totale di 103 anni. Il
ce rivolte a giornalisti, blog- costo di spese legali supportato dai
ger e altri operatori dell'informa- giornalisti è stato di € 54 milioni.
zione allo scopo di intimidirli, di Sotto la punta dell'Iceberg.
impedire la pubblicazione di noti- Una gran parte delle intimidazio-
zie non gradite o di punirli per ni e minacce rimangono sommer-
avere rivelato verità scomode. se, non visibili. Queste sono le
Queste intimidazioni, rivolte a croni- ragioni principali: le stesse vittime
sti che hanno rispettato l'etica pro- non segnalano molti attacchi, per-
fessionale e la reputazione altrui, ché pensano che sia troppo
sono state accertate rigorosamente rischioso. Per ottenere informazio-
dalla Onlus "Ossigeno per l'informa- ni da loro, è necessario acquisire la
zione" che le ha verificate in modo loro fiducia e promuovere la soli-
da non potere essere messe in dub- darietà pubblica nei loro confronti.
bio o smentite. Ognuno degli episo- È evidente che per rendere visibile
di presi in considerazione rappre- questa massa sommersa di viola-
senta un'evidente violazione del zioni non basta leggere giornali o
diritto di informare e di essere infor- notizie su Internet o mandare que-
mati previsto dall'articolo 10 della stionari in giro.
Convenzione Europea dei Diritti Un muro di indifferenza. È
dell'Uomo (CEDU). Nei primi 6 mesi quindi necessario rompere ovun-
del 2019 l'Osservatorio ha rilevato © Ismail Dogan que il muro dell'indifferenza
più di una minaccia al giorno: 249 in 179 giorni (in 30.000 hanno subito intimidazioni. Gli accerta- verso le violenze e gli abusi contro i giornalisti.
media 1,4 al giorno) di cui 137 sono state verifica- menti dell'Osservatorio dicono inoltre che circa Denunce retoriche hanno dimostrato di essere
te e certificate come vere, mentre gli le altre sono il 40 % di tutte le intimidazioni è costituito da inefficaci per raggiungere questo risultato. È
state classificate come "probabili". querele pretestuose, infondate. necessario documentare e rendere pubbliche
Le Minaccia online rilevate nel 2018 sono Il flagello delle querele temerarie. In Italia tutte le violazioni che possiamo identificare. Tut-
state l'11% del totale. Le giornaliste donne rap- ogni anno le querele pretestuose per diffama- tavia, la ricerca attiva delle violazioni e la loro
presentano il 40% delle minacce online regi- zione a mezzo stampa sono circa cinquemila. I verifica accurata significa un lavoro qualificato e
strate in 7 regioni diverse, ma il 71% si è verifica- dati ufficiali dicono che ogni anno sono quasi incessante. Il problema rimane la grande diffi-
to in due regioni: Lazio e Sicilia. In totale, 20 gior- 6.000 le nuove accuse penali per diffamazione e coltà di trovare qualcuno che paghi per questo. I
nalisti vivono sotto scorta pesante e, conside- oltre il 90 % di esse risultano infondate, immoti- dati di Ossigeno sono indicativi di come anche in
rando, che i 3.900 casi accertati da Ossigeno vate, temerarie e perciò vengono archiviate dai altri paesi europei la libertà di informazione
sono solo la parte visibile del fenomeno, la giudici. Tuttavia, ogni anno 155 persone (per lo possa essere limitata dalla violenza e
punta dell'iceberg, si può dedurre che oltre più giornalisti) sono condannate per diffamazio- dall'abuso
20 | Il giornale di Libex 2019

La libertà d'espressione Il giornale


di Libex
e la satira in pericolo Rivista del Centro Euro-Mediterraneo
Librexpression - www.libex.eu -

Editoriale | Thierry Vissol


Al New York Times priva-
to dei cartoons editoriali Fondazione Giuseppe di Vagno
fondazione.divagno.it
mancherà qualcosa.
info@fondazione.divagno.it
Anche se spesso o proprio Via San Benedetto, 18
perché in contrasto con la 70014 Conversano (BA)
linea politica di un giorna-
le la vera satira è un indi-
spensabile cane da guar-
dia della libera informa-
zione. L'alternativa è
dotarsi di un cane guida.
© Uber

Curatela editoriale
Thierry Vissol
Hanno collaborato a questo numero
Gianpaolo Accardo, Dino Aloi, Mauro Biani,
Niels Bo Bojesen, Mario Caligiuri, Jaume
Capdevilla (KAP), Marianne Catzaras, Marco
de Angelis, Sébastien Dieguez; Ismail
Dogan, Alexander Dubovsky, Christian
Durando, Giampiero Gramaglia, Carlo Gubi-
tosa, Ilaria Guidantoni, Tom Janssen (TOM),
Gian Lorenzo Ingrami, KAL, KAP, Kianoush
Ramezani (KIANOUSH), Michel Kichka,
Fabio Magnasciutti, Pitch, Ramses Morales
Izquierdo (RAMSES), Diana Richet-Cooper,
Xavier Richet, Tjeerd Royaards, Cristina
Sampaio, Agim Sulaj, Lamberto Tomassini
(TOMAS), Gianfranco Uber (UBER), Lorenzo
Vissol, Thierry Vissol, Willis from Tunis.
Copyleft
il giornale è pubblicato con la licenza
Creative Commons attribuzione
Non Commerciale. Non opere derivate 3.0

S
Italia (CC BY-NC-ND 3.0 IT)
alvo reazioni sporadiche non sembra più mazione" ha documentato negli ultimi 10 anni in Ita-
Progetto grafico e impaginazione
creare indignazione l'assenza di rispetto dei lia 3.900 casi di minacce rivolte a operatori dell'infor- Vincenzo Perillo su base
diritti dell'uomo da parte di governi, politici, mazione allo scopo di intimidirli, per impedire la della maquette di Carlo Gubitosa
poteri economici e religiosi, delle mafie, in nome pubblicazione di notizie non gradite o di punirli per Correzione bozze
della sicurezza, dell'interesse nazionale, del credo o avere rivelato verità scomode. In questi tempi di e traduzioni dall’inglese
della difesa dei poteri. Questo è particolar- sviluppo dell'intelligenza artificiale, di regres- Alessia Ciuffolini
mente vero nel caso della libertà di espres- sione dell'intelligenza umana, di scompar- Responsabile di produzione
sione e della satira politica (art.10 della sa della memoria, di sfiducia verso "pro- Vincenzo Perillo
Convenzione europea dei diritti dell'uo- fessionisti" e intellettuali, dove slogan e Stampa
mo). Un pericolo gravissimo per le Tweet costituiscono il nodulo duro Grafica080 - Modugno (BA)
democrazie. È dal modo in cui si tratta- della comunicazione politica, dove i Supplemento speciale di Pagina ‘21
no giornalisti e vignettisti che si puo social network diventano arma di Iscritto al n. 9/2019 del Registro Stampa
giudicare una società. La libertà di disinformazione massiva e di dittatu- del Tribunale di Bari
Direttore responsabile
espressione e di satira, non solo nei ra del pensiero, è sempre più difficile Oscar Antonio Buonamano
regimi (Cina, Turchia, Siria, Russia…) e parlare alla ragione, spiegare i fatti, pagina21.eu
nei paesi illiberali (Ungheria, Polonia, dimostrare come le illusioni create da Con il patrocinio del
Brasile…), ma anche sempre di più per- demagoghi per assicurarsi facile con- dott. Thorbjørn Jagland
fino nei paesi occidentali considerati sensi si possono rimbalzare contro di Segretario Generale
del Consiglio d’Europa
liberali - anche se in essi con modi più loro. Come far fronte a questa ipersem-
©

sottili e insidiosi - è vittima, nel migliore dei plificazione della posta in gioco, delle Con la co-progettazione di
Ub

casi, di censura, intimidazioni, minacce, san- sfide di un mondo in rapido cambiamento?


er

zioni legali o economiche, persecuzioni, nel La satira grafica è uno dei possibili mezzi di
peggiore dei casi, è negata, con la chiusura di media, contrattacco, perché di fronte all'arroganza dei
la carcerazione di giornalisti e vignettisti fino ad arri- poteri di qualsiasi tipo e dei ben-pensanti, può esse- Promosso e sostenuto da
vare alla loro esecuzione. Il Consiglio d'Europa, dal re efficace solo l'oltranza di una vignetta satirica.
2015 al luglio 2016, ha identificato 577 episodi gravi Quindi essa deve essere difesa, con le unghie e con i
contro giornalisti o vignettisti e 26 assassini tra cui denti, perché si deve poter ridere di tutto, per non
17 mai chiariti. L'associazione "Ossigeno per l'infor- essere costretti prima o poi a piangere