Sei sulla pagina 1di 138

> Pratica ambientale > Pericoli naturali

04 > Costruzione di opere di


07 premunizione contro le valanghe
nella zona di distacco
Direttiva tecnica: aiuto all’esecuzione

SLF WSL
ENA Istituto federale
SNV per lo Studio
PNL della Neve e delle
Valanghe SNV
> Pratica ambientale > Pericoli naturali

> Costruzione di opere di


premunizione contro le valanghe
nella zona di distacco
Direttiva tecnica: aiuto all’esecuzione

Editori:
Ufficio federale dell’ambiente UFAM
WSL Istituto federale per lo Studio della Neve e delle Valanghe SNV
Berna, 2007
Valenza giuridica della presente pubblicazione Veste grafica e impaginazione
La presente pubblicazione, elaborata dall’UFAM in veste di autorità Ursula Nöthiger-Koch, Uerkheim
di vigilanza, è un testo d’aiuto all’esecuzione destinato primariamente
alle autorità esecutive. Nel testo viene data concretezza a concetti giuridici Foto di copertina
indeterminati, inclusi in leggi e ordinanze, nell’intento di promuoverne Rete da neve nella premunizione contro le valanghe di Duchli sopra Davos
un’esecuzione uniforme. Le autorità esecutive che si attengono ai testi (2001). SNV, S. Margreth
d’aiuto all’esecuzione possono avere la certezza di rispettare
il diritto federale. Sono tuttavia ammesse anche soluzioni alternative, Distribuzione
purché siano conformi al diritto in vigore. I testi d’aiuto all’esecuzione UFAM
(che finora erano spesso definiti come direttive, istruzioni, Documentazione
raccomandazioni, manuali, aiuti pratici ecc.) sono pubblicati dall’UFAM CH–3003 Berna
nella serie «Pratica ambientale». Fax +41 (0) 31 324 02 16
docu@bafu.admin.ch
www.ambiente-svizzera.ch/uv-0704-i

Nota editoriale Numero di ordinazione:


UV-0704-I
Editore La presente pubblicazione è disponibile anche in lingua tedesca, francese
Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e inglese (UV-0704-D, UV-0704-F, UV-0704-E).
L’UFAM è un ufficio del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti,
dell’energia e delle comunicazioni (DATEC). © UFAM / WSL 2007
WSL Istituto Federale per lo Studio della Neve e delle Valanghe SNV

Autori
Stefan Margreth, Unità di Ricerca Sistemi di Allerta e Prevenzione, WSL
Istituto Federale per lo Studio della Neve e delle Valanghe SNV, Davos

Accompagnamento UFAM
Reto Baumann, divisione Prevenzione dei pericoli UFAM

Collaborazione CEVCP
R. Baumann, presidente CEVCP, divisione Prevenzione dei pericoli UFAM
J. Marx, Amt für Forst und Jagd des Kantons Uri
H. Buri, capo Abteilung Naturgefahren des Kanton Bern

Collaborazione scientifica SNV


S. Margreth (direzione del progetto), F. Leuenberger, T. Lundström,
M. Auer, R. Meister

Revisione tecnica
Dott. W. Ammann, Vicedirettore WSL
A. Böll, SNV
R. Rüegger, studio d’ingegneria
M. Franzi, DdT, Bellinzona (per la versione italiana)

Traduzione
Vito Rossi, Bellinzona, in collaborazione con il Servizio linguistico italiano
dell’UFAM

Indicazione bibliografica
Margreth S., 2007: Costruzione di opere di premunizione contro le
valanghe nella zona di distacco. Direttiva tecnica: aiuto all‘esecuzione.
Pratica ambientale n. 0704. Ufficio federale dell’ambiente, Berna, WSL
Istituto Federale per lo Studio della Neve e delle Valanghe SNV, Davos.
136 p.
> Indice 3

> Indice
Abstracts 5 4.4 Carico supplementare per parete di sostegno
Prefazione 7 non perpendicolare al pendio 47
Scopi e basi legali della direttiva tecnica 9 4.5 Forze di bordo 48
4.6 Pressione della neve sugli elementi slanciati
di una struttura di sostegno 49
1 Campo d’applicazione 11 4.7 Forze laterali 50
1.1 Limitazioni 11
1.2 Riferimento alle norme SIA 11
1.3 Altre misure di protezione 12 5 Dimensionamento delle strutture
di sostegno composte 51
5.1 Materiali da costruzione 51
2 Definizioni 13 5.2 Analisi strutturale e dimensionamento 53
2.1 Organizzazioni 13 5.3 Forma costruttiva 58
2.2 Termini tecnici 13 5.4 Esecuzione e manutenzione delle opere 58
2.3 Unità di misura e osservazioni relative ai simboli 16 5.5 Azioni sulla struttura portante 60
2.4 Simboli 16 5.6 Azioni sulla griglia 67
5.7 Esecuzione e dimensionamento della struttura
portante 69
3 Progettazione delle opere di sostegno 19 5.8 Esecuzione e dimensionamento della griglia 72
3.1 Fattori che innescano la formazione 5.9 Esecuzione e dimensionamento delle fondazioni 77
delle valanghe 19
3.2 Funzione ed effetto delle opere di sostegno 21
3.3 Tipi di strutture 22 6 La malta d’ancoraggio nella costruzione
3.4 Pendenze che necessitano di opere di sostegno 23 di opere di premunizione contro le valanghe 99
3.5 Altezza della neve 28 6.1 Generalità 99
3.6 Altezza delle strutture 32 6.2 Malta d’ancoraggio normale 100
3.7 Distanziamento delle strutture lungo la linea 6.3 Malta d’ancoraggio speciale per l’impiego nel
di massima pendenza 33 permafrost 103
3.8 Intervalli laterali fra le opere 40
3.9 Lunghezze delle griglie di sostegno continue 41
3.10 Fattori locali che influenzano la pressione 7 Premunizioni contro le valanghe
della neve 42 nel permafrost 105
3.11 Condizioni di fondazione 44 7.1 Generalità 105
7.2 Indagini geognostiche 108
7.3 Valutazione della tendenza allo scorrimento
4 Descrizione generica del sottosuolo 113
degli effetti della pressione della neve 45 7.4 Opere di premunizione nel permafrost 115
4.1 Generalità 45 7.5 Ancoraggio nel permafrost
4.2 Componente, parallela al pendio, (terreno sciolto o roccia) 120
della pressione della neve 45 7.6 Impiego della malta nel permafrost 123
4.3 Componente, perpendicolare al pendio, 7.7 Manutenzione 124
della pressione della neve 46 7.8 Diagramma delle fasi di progettazione 125
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 4

8 Omologazione 127
8.1 Scopo 127
8.2 Oggetti esaminati 127
8.3 Procedura amministrativa 128
8.4 Requisiti 129
8.5 Esami 129
8.6 Documentazione richiesta 131
8.7 Costi dell’omologazione 133
8.8 Validità dell’omologazione 133
8.9 Liste dei tipi di strutture e delle malte omologati 133
8.10 Vincolo del segreto e divulgazione a terzi 133

Allegato 135
Figure 135
Tabelle 136
> Abstracts 5

> Abstracts
The technical guideline regulates the planning of snow supporting structures and the Keywords
dimensioning of separated structures. The procedures and criteria for type approval, Defense structures,
together with the requirements for supporting structures and anchor grout are specified. avalanche protection,
Further, an overview of the effects of snow pressure and instructions on the planning of type approval,
defense structures in permafrost are given. The guideline draws heavily on past experi- guideline, permafrost
ence gained with supporting structures, and is complementary to the relevant SIA
standards. It is directed towards designers and project engineers.

Die vorliegende technische Richtlinie regelt die Projektierung von Stützverbauungen Stichwörter
und die Bemessung von gegliederten Stützwerken. Der Ablauf der Typenprüfung und Stützverbau,
die Prüfkriterien sowie Anforderungen an Stützwerke und Ankermörtel werden festge- Lawinenschutz,
legt. Weiter wird eine allgemeine Übersicht über die Schneedruckwirkung gegeben Typenprüfung,
sowie Angaben gemacht, wie Lawinenverbauungen im Permafrost zu planen sind. Die Richtlinie,
technische Richtlinie stützt sich stark auf die in der Vergangenheit im Stützverbau Permafrost
gemachten Erfahrungen ab und ergänzt die einschlägigen SIA-Normen. Sie richtet sich
an Konstrukteure und Projektverfasser.

La présente directive réglemente l’élaboration du projet de construction de paravalan- Mots-clés


ches et le dimensionnement des ouvrages de stabilisation composés. Elle définit le Ouvrage de stabilisation,
déroulement de l’examen des types d’ouvrages, les critères du test ainsi que les exigen- protection contre les avalanches,
ces liées aux ouvrages de protection et aux mortiers d’ancrage. Un aperçu général des examen des types d’ouvrages,
effets de la pression de la neige et des indications sur la planification des paravalanches directive,
dans le pergélisol y sont également présentés. Largement inspirée de l’expérience pergélisol
acquise, cette directive complète les normes SIA en vigueur. Elle s’adresse aux con-
structeurs et aux auteurs de projets.

Questa direttiva tecnica disciplina la progettazione delle opere di premunizione e il Parole chiave
dimensionamento di opere di sostegno strutturate, stabilisce lo svolgimento dell’omolo- opere di premunizione,
gazione dei tipi di strutture e i criteri di esame e fissa i requisiti posti per le opere di protezione contro le valanghe,
sostegno e la malta di ancoraggio. Inoltre, fornisce una panoramica generale della omologazione dei tipi di strutture,
pressione esercitata dalla neve sulle opere di sostegno e indica come pianificare le direttiva,
opere di premunizione contro le valanghe nel permafrost. La direttiva poggia in gran permafrost
parte sulle esperienze acquisite in passato nell’ambito delle opere di premunizione e
integra le vigenti norme SIA. Si rivolge a costruttori e progettisti.
> Prefazione 7

> Prefazione
Unitamente ai boschi di protezione, le opere di sostegno rappresentano per la Svizzera il
più importante sistema di difesa contro le valanghe. Spesso vengono combinati interventi
tecnici e interventi biologici. Attualmente possiamo contare su oltre 500 km di opere di
sostegno permanenti e circa 150 km di opere di sostegno temporanee combinate con rimbo-
schimenti. La più importante conferma dell’efficacia delle moderne opere di sostegno è
avvenuta nell’inverno 1999, quando i ripari esistenti hanno impedito il distacco di numero-
se valanghe i cui effetti sarebbero stati catastrofici. In Svizzera i più importanti interventi
nelle zone di distacco sono stati portati a termine: il grande impegno per il futuro consiste
nella manutenzione delle opere esistenti.

Lo sviluppo delle opere di sostegno ha avuto un lungo percorso: dalle terrazze sottomurate
si è dapprima passati alle opere in calcestruzzo armato e in alluminio e in seguito ai ponti
da neve fondati su ancoraggi e micropali. Nella continua evoluzione della tecnica hanno
avuto un ruolo fondamentale le caratteristiche dei materiali, i risultati della ricerca e le
nuove esperienze. Il contenuto delle direttive tecniche riconosciute in Svizzera e all’estero è
caratterizzato in modo determinante, a partire dagli anni ‘50, dall’opera del dott. Bruno
Salm e, in seguito, di Stefan Margreth dell’Istituto federale per lo studio della neve e delle
valanghe (SNV) in collaborazione con l’Istituto federale per le prove sui materiali (EMPA)
e con gli specialisti della Commissione federale di esperti in materia di valanghe e caduta di
pietre (CEVCP). La presente edizione riveduta della direttiva costituisce il frutto di
un’evoluzione tecnica durata più di 50 anni. Rispetto all’ultima edizione del 1990 sono da
segnalare la revisione della disposizione grafica, l’adeguamento dei contenuti alle recenti
norme SIA sulle strutture portanti e l’aggiunta di nuove conoscenze, derivanti soprattutto
dagli eventi dell’inverno 1999. Sono inoltre stati inseriti i capitoli riguardanti
l’omologazione dei tipi di strutture e delle marche di malta nonché l’impiego della malta
d’ancoraggio nella costruzione di opere di premunizione contro le valanghe.

Se per la costruzione di opere di difesa contro le valanghe vengono chiesti i sussidi federali
conformemente all’articolo 36 dalla LFo, tali sussidi possono entrare in considerazione
unicamente per tipi di strutture e di malta omologati, i cui requisiti sono definiti in questa
direttiva tecnica. L’Ufficio federale dell’ambiente allestisce e pubblica la lista delle struttu-
re e delle malte omologate.

La pressione esercitata dalla neve sulle strutture di sostegno è assai complessa. In questa
direttiva tecnica le azioni e i modelli di carico sono descritti in modo molto semplificato per
facilitare il compito dei progettisti. Occorre tuttavia osservare che in natura possono mani-
festarsi azioni e modelli di carico non descritti in questa direttiva tecnica e ciò richiede il
massimo impegno da parte dei professionisti che operano in questo settore.

Andreas Götz Dott. Walter J. Ammann


Vicedirettore Vicedirettore
Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) Istituto federale di ricerca
per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL)
> Scopi e basi legali della direttiva tecnica 9

> Scopi e basi legali


della direttiva tecnica
Questa direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe
nella zona di distacco è basata sulla legge forestale (legge federale del 4 ottobre 1991
sulle foreste, LFo, RS 921.0), che tra l’altro formula i principi e i presupposti che rego-
lano la concessione dei sussidi federali per i progetti destinati alla difesa della vita
umana e di beni materiali considerevoli dagli eventi naturali (art. 35 e 36 LFo).
Nell’ordinanza del 30 novembre 1992 sulle foreste (OFo, RS 921.01) vengono fissate
le condizioni per lo stanziamento dei sussidi federali. Fra queste è da annoverare la
facoltà dell’UFAM di emanare precise direttive per il settore menzionato (art. 39, cpv.
3 OFo). Se per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe viene richie-
sto un sussidio, da parte della Confederazione è di rigore, in linea di massima, la messa
in opera di strutture e di malte omologate, i cui requisiti sono definiti in questa direttiva
tecnica. Gli obiettivi principali sono:

> fornire un aiuto ai responsabili della progettazione, della costruzione e della manu-
tenzione;
> descrivere gli effetti della pressione esercitata dalla neve;
> stabilire il procedimento per il dimensionamento delle strutture composte;
> stabilire i requisiti della malta d’ancoraggio;
> definire i requisiti costruttivi per le opere di premunizione contro le valanghe in
terreni permanentemente gelati (permafrost);
> regolamentare la procedura d’omologazione delle strutture.

La costruzione di opere di premunizione contro le valanghe avviene generalmente in


altitudine, in luoghi ripidi e difficilmente accessibili, su terreni con caratteristiche di-
verse. Sistemi di costruzione semplici, robusti, sperimentati e a prezzi favorevoli sono
la premessa per opere efficaci e di lunga durata. Questa direttiva tecnica dà molto peso
alle esperienze fatte in passato. Per questo motivo, specialmente per quanto riguarda il
dimensionamento delle fondazioni e degli ancoraggi, si riscontrano differenze rispetto
alla norma SIA 267 (Geotecnica).

Le azioni causate dalla pressione della neve sulle strutture di sostegno sono assai
complesse. Spesso si manifestano fenomeni difficilmente prevedibili anche con attente
osservazioni e misurazioni. Le indicazioni riportate in questa direttiva tecnica rappre-
sentano una marcata semplificazione rispetto a quanto succede in natura. Il professioni-
sta che utilizza questa direttiva deve essere consapevole che ciò gli richiede il massimo
impegno.

Questa direttiva tecnica si rivolge ai costruttori di strutture e ai progettisti. Ai primi


sono principalmente indirizzati i capitoli 4 «Dimensionamento di opere di sostegno
composte» e 8 «Omologazione». Per i progettisti sono particolarmente importanti i
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 10

capitoli 3 «Progettazione» e, se la situazione lo richiede, 5 «Costruzioni di opere di


premunizione contro le valanghe in terreni permanentemente gelati» (permafrost).

Se nell’ambito di una richiesta di sussidi si dimostra che i requisiti posti dalla direttiva
tecnica sono garantiti con altre misure di protezione aventi almeno la stessa efficacia, i
sussidi federali possono essere stanziati anche per soluzioni alternative.
1 > Campo d’applicazione 11

1 > Campo d’applicazione

1.1 Limitazioni

La direttiva tecnica è valida per la progettazione di opere di sostegno nella zona di


distacco di valanghe. I procedimenti di calcolo e di dimensionamento sono riferiti a
strutture composte con superficie d’appoggio rigida o flessibile, perpendicolare o
deviante di un angolo δ rispetto alla linea di massima pendenza.

La direttiva tecnica regola:

> la progettazione di opere di sostegno sul terreno;


> i requisiti per i materiali;
> la determinazione delle azioni causate dalla pressione della neve sulle opere di sostegno;
> il dimensionamento delle opere di sostegno e delle loro fondazioni o dei loro ancoraggi
> l’impiego della malta d’ancoraggio nella costruzione di opere di premunizione contro le
valanghe;
> la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nel permafrost;
> la procedura d’omologazione delle strutture e della malta d’ancoraggio impiegate nella
costruzione di opere di premunizione contro le valanghe.

1.2 Riferimento alle norme SIA

1.2.1 Principi generali

Questa direttiva tecnica è complementare alle norme SIA 261 e 261.1. Se non espres-
samente indicato valgono le norme SIA attualmente in vigore. Queste norme racchiu-
dono le regole riconosciute dell’arte della costruzione e costituiscono la collezione
delle norme svizzere dell’edilizia e del genio civile (cfr. www.sia.ch).

1.2.2 Dimensionamento della sovrastruttura delle opere di sostegno

Se questa direttiva tecnica non contiene altre indicazioni, per il dimensionamento della
sovrastruttura delle opere di sostegno valgono le disposizioni delle norme SIA 262, 263
e 265.

1.2.3 Dimensionamento delle fondazioni delle opere di sostegno

Per il dimensionamento delle fondazioni delle opere di sostegno valgono le disposizio-


ni della presente direttiva tecnica. In casi speciali si può far capo alla norma SIA 267
(Geotecnica).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 12

1.3 Altre misure di protezione

A seconda delle condizioni locali, le opere di sostegno possono essere conveniente-


mente affiancate o addirittura sostituite dalle seguenti misure di protezione:

1.3.1 Deflettori

Opere (pareti, tavolati, barriere) che, sfruttando l’effetto del vento, influenzano il
deposito della neve da esso trasportata con lo scopo di:

> ostacolare la formazione di cornici o


> ridurre il deposito di neve nelle zone di distacco.

1.3.2 Opere di deviazione

Si tratta di manufatti (terrapieni, muri, cunei, gallerie, costruzioni con effetto trampo-
lino) dimensionati in funzione delle sollecitazioni esercitate dalle valanghe e aventi lo
scopo di influenzare il percorso delle masse nevose in movimento mediante devia-
zione, ripartizione o contenimento.

1.3.3 Opere di arresto

Si tratta di manufatti dimensionati in funzione delle sollecitazioni esercitate dalle


valanghe e disposti perpendicolarmente al loro asse di scorrimento, con lo scopo di
intercettare la loro massa (terrapieni di arresto) o di ridurre la distanza d’arresto (cunei,
speroni o cavalletti frenanti).
2 > Definizioni 13

2 > Definizioni

2.1 Organizzazioni

AES Associazione delle aziende elettriche svizzere


CEVCP Commissione federale di esperti in materia di valanghe e caduta di pietre, Berna
EMPA Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca, Dübendorf e San Gallo
SIA Società svizzera degli ingegneri e degli architetti, Zurigo
SNV Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe, Davos
(l’SNV appartiene all’Istituto federale di ricerca WSL, Birmensdorf)
UFAM Ufficio federale dell’ambiente, Berna
WSL Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio, Birmensdorf

2.2 Termini tecnici

Principi generali

Azione variabile Azione che durante il periodo di riferimento non è presente in modo permanente e la cui intensità non è costante né variabile
monotonamente (secondo la norma SIA 260:2003); ad esempio: la pressione della neve.
Campo di bordo Superficie soggetta alle forze di bordo nel caso di una distanza laterale fra le strutture pari a 2 m.
Campo finale Superficie sulla quale agiscono le forze di bordo all’estremità libera di una struttura.
della struttura
Carico Forza dovuta alla gravitazione agente su una struttura portante (norma SIA 261:2003).
Coefficiente d’influenza Il coefficiente d’influenza di un elemento la cui larghezza è limitata costituisce il rapporto fra la pressione della neve effettivamen-
te sopportata dallo stesso e quella che sopporterebbe in un settore di una parete continua dalla stessa larghezza.
Dimensionamento Determinazione delle dimensioni, dei materiali da costruzione (incluse le loro proprietà) e sviluppo dei dettagli costruttivi di una
struttura portante sulla base di considerazioni costruttive o legate all’esecuzione o sulla base di verifiche di calcolo
(secondo la norma SIA 260:2003).
Effetti dell’azione Risposta della struttura portante alle azioni (tensioni, sforzi interni, reazioni, deformazioni, ecc. secondo la norma SIA 260:2003.
Opera di sostegno Insieme di più strutture di sostegno.
Resistenza del terreno Limite della resistenza del terreno di fondazione (resistenza del terreno, resistenza alla rottura, resistenza allo scivolamento,
di fondazione resistenza al taglio secondo la norma SIA 267:2003.
Resistenza ultima Limite della resistenza (secondo le norme SIA 260, 262, 263, 265 e 267:2003).
Soliflusso Scorrimento verso valle degli strati superficiali sciolti e inzuppati d’acqua del terreno.
Struttura singola Struttura di sostegno isolata, normalmente con 2 puntoni e 2 montanti.
Valore caratteristico Valore di un’azione, di una grandezza geometrica oppure di una proprietà del materiale da costruzione o del terreno, ricavato
usualmente su base statistica (valore medio, valore superiore o inferiore) o eventualmente quale valore nominale o quale valore
probabile prudente (secondo la norma SIA 260:2003). I valori caratteristici non comprendono coefficienti di resistenza. Le
pressioni della neve riportate in questa direttiva tecnica sono valori caratteristici.
Valore di dimen- Valore introdotto in una verifica, determinato a partire da un valore caratteristico o da un altro valore rappresentativo, oppure
sionamento quale funzione di valori determinati mediante coefficienti parziali o di conversione oppure definito direttamente in particolari
circostanze (secondo la norma SIA 260:2003).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 14

Sovrastruttura

Barra Elemento della griglia di una rastrelliera da neve in acciaio (per le strutture in legno cfr. «travetti»).
Griglia Superficie d’appoggio formata da traverse, barre o travetti.
Legname della griglia Elementi della griglia delle rastrelliere da neve in legno.
(travetti)
Longarina Elemento della struttura portante che non è a contatto con il terreno e sul quale appoggiano le barre o i travetti
di una rastrelliera.
Montante Elemento della struttura portante sul quale appoggiano le traverse del ponte da neve o le longarine della rastrelliera.
Ponte da neve Struttura con traverse parallele alla linea di livello.
Puntone Elemento della struttura portante che sostiene, verso valle, il montante o la longarina.
Rastrelliera da neve Struttura con le barre perpendicolari alla linea di livello.
Rete Superficie d’appoggio composta da funi.
Rete da neve Struttura con la superficie di sostegno in rete.
Struttura portante È composta da tutti gli elementi che trasmettono alle fondazioni le forze agenti sulla griglia.
Superficie di sostegno Superficie complessiva in grado di sostenere la coltre nevosa (superficie all’interno del perimetro di una griglia o di una rete).
Traverse Elementi della griglia dei ponti da neve.

Fondazione

Ancoraggio con bulbo Ancoraggio in terreno sciolto (da ghiaioso a sabbioso) con una cavità (bulbo) all’estremità inferiore ottenuta mediante
esplosione e riempita con malta d’ancoraggio.
Ancoraggio con guaina Ancoraggio senza bulbo avvolto in una guaina (calza) a rete per evitare inutili perdite di malta.
Ancoraggio senza bulbo Ancoraggio senza bulbo in terreno sciolto grossolano (ghiaia irregolare o blocchi).
Fondazione Insieme delle misure atte a trasmettere al terreno i carichi e le forze agenti su una struttura
(secondo norma SIA 267, ed. 2003).
Fondazione in calcestruzzo Fondazione eseguita nel punto in cui la struttura viene posata (ad es. plinto in calcestruzzo).
Fondazione in calcestruzzo Fondazione eseguita nel punto in cui la struttura viene posata (ad es. plinto in calcestruzzo).
Lunghezza ancorata Lunghezza attraverso la quale la forza è trasmessa al blocco del tirante (secondo norma SIA 267:2003).
Micropalo Elemento della fondazione atto alla trasmissione delle forze di compressione, messo in opera previa perforazione.
«Riegel» Elemento di collegamento, resistente alla trazione e alla compressione, fra la fondazione del montante e quella del puntone.
Soglia Elemento della struttura portante della rastrelliera, interrato o appoggiato sul terreno, che serve a sostenere le barre
e i travetti.
Strato superficiale Strato parallelo al pendio avente uno spessore di 0.5 m nel quale il terreno presenta una resistenza molto ridotta.
Tirante Elemento della fondazione atto alla trasmissione delle forze di trazione, messo in opera previa perforazione.
Tirante in roccia Tirante per la trasmissione delle forze di trazione alla roccia da compatta a leggermente fessurata, messo in opera previa
perforazione.
Tirante in terreno sciolto Tirante per la trasmissione delle forze di trazione al terreno sciolto.
2 > Definizioni 15

Fig. 1 > Ponte da neve.

Traversa

Griglia
Montante

Puntone

Fig. 2 > Rastrelliera da neve.

Barra (rastrelliera in acciaio)

Travetto (rastrelliera in legno)


Struttura portante

Longarina superiore
Longarina inferiore
Montante
Fond. del montante Puntone
Fondazione

«Riegel»
Fond. del puntone

Fig. 3 > Rete da neve.

Rete

Puntone pendolare
Controvento a valle
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 16

2.3 Unità di misura e osservazioni relative ai simboli

In questa direttiva tecnica vengono adottate le unità di misura SI

> azioni: kN, kN/m, kn/m²


> tensioni e resistenze: N/mm², kN/m²
> la densità è espressa in massa per unità di volume 1t/m³ =1000 kg/m³.

Osservazioni riguardanti i simboli applicati in questa direttiva tecnica:

> Gli angoli sono espressi nella suddivisione sessagesimale (360°).


> L’indice nei simboli relativi alle forze significa sempre forza per unità di lunghezza
(carico per metro lineare).
> I simboli relativi a forze senza l’indice citato significano risultanti su determinate
lunghezze.
> Le forze indicate in neretto sono riferite all’altezza totale della struttura, quelle con
caratteri normali ad elementi della struttura o ad un’unità di superficie (pressione
specifica).
> La terminologia relativa alle valanghe è ricavata dal’«Atlante delle valanghe, classi-
ficazione internazionale illustrata delle valanghe» (pubblicato dall’Unesco nel
1981).

2.4 Simboli

I simboli usati in questa direttiva tecnica non corrispondono necessariamente a quelli


delle norme SIA.

Simbolo Unità di Descrizione Capitolo


misura
A m Intervallo laterale tra le opere (misurato lungo la linea di livello) 3.8.1, 5.5.2.4, 8.2.1
a - Rapporto per la determinazione di ε (dipendente dal tipo di neve) 4.3, 5.5.2.2
BK m Altezza della griglia, o della rete 3.6.3, 5.6.1.2, 5.6.1.4
(misura media, perpendicolare alla linea di livello, della superficie di sostegno)
b m Larghezza di carico delle traverse della griglia 5.6.1.2, 5.8.1.1, 5.8.2.1.1
Destr m Spessore estremo della neve (il valore più alto dello spessore massimo della neve misura- 3.5.3, 3.6.3
to durante una lunga serie di anni in un luogo ben definito)
DK m Altezza utile della griglia, o della rete (distanza media tra il bordo superiore della superficie 3.6.3, 5.5.2.3, 5.5.2.4, 5.6.1.2,
di sostegno e il terreno, analogamente allo spessore della neve) 5.8.1.2.1, 8.2.1
Dmax m Spessore massimo della neve 3.5.3
(valore massimo misurato durante un inverno in un luogo ben definito)
D m Spessore della neve in senso generale (misurato perpendicolarmente al pendio) 3.5.3, 3.6.3, 4.4
E N/mm² Modulo d’elasticità della malta d’ancoraggio 6.2.1.3, 6.2.1.4
Ed kN Valore di dimensionamento dell’effetto di un’azione (sollecitazione). 5.2.2.1, 5.9.7.1.8
FS - Resistenza al gelo della malta d’ancoraggio 6.2.1.3, 6.2.1.4, 6.2.2.9, 6.3.1.5
FC m² Superficie della fondazione 5.9.5.3.1, 5.9.6.5
2 > Definizioni 17

Simbolo Unità di Descrizione Capitolo


misura
Fk kN Valore caratteristico delle forze di trazione o di compressione nel tirante, e nel micropalo 5.9.7.1.6, 5.9.7.1.8, 7.5.4.4, 7.5.4.5,
7.5.4.7
fc N/mm² Resistenza alla compressione della malta d’ancoraggio 6.2.1.4, 6.2.2.9, 6.3.1.5
fC - Coefficiente di altitudine 3.10.1, 3.10.6, 5.5.2.1, 5.5.4, 5.7.4.1,
8.2.1
fL - Coefficiente di distanziamento (impiegato per la determinazione di L) 3.7.2
fR - Coefficiente di bordo (per il calcolo delle forze di bordo) 3.10.1, 5.5.2.4, 5.5.3.3
fS - Coefficiente di riduzione della componente, parallela al pendio, della pressione della neve 5.7.4.1
usato per il dimensionamento delle opere di sostegno flessibili
G' kN/m' Peso del prisma di neve compreso tra la superficie di sostegno e il piano perpendicolare al 4.4, 5.5.2.3, 5.7.4.4
pendio passante attraverso l’intersezione della superficie di sostegno con il terreno
G'N, G'Q kN/m' Componenti di G' parallela e, perpendicolare al pendio. Simboli usati nell’edizione 1990 per 4.4, 5.5.2.5
la definizione di cui sopra: G'n', G'q'Q
g m/s² Accelerazione di gravità terrestre 4.2, 4.4
Hestr m Altezza estrema della neve (il valore più alto dell’altezza massima della neve misurato in 3.5.2, 3.5.4, 3.6.2, 3.10.3, 5.5.1
un luogo ben definito durante una lunga serie di anni)
H
⎯ estr m Media areale dell’altezza estrema della neve 3.5.2, 3.5.4
(media delle altezze estreme della neve misurate in una zona, analogamente a Hmax)
HK m Altezza della struttura (misurata verticalmente) 3.4.2.1, 3.6.2, 3.7.2.1, 3.10.3, 5.5.2.1,
5.5.3.1, 5.5.3.4, 5.5.4, 5.7.4.1,
5.8.1.3.3, 5.8.2.3.2, 5.8.3.4
Hmax m Altezza massima della neve (valore massimo misurato durante un inverno in un luogo ben 3.5.1, 3.5.2, 3.5.4
definito)
H
⎯ max m Media areale dell’altezza massima della neve (media delle altezze massime della neve 3.5.2, 3.5.4
Hmax in una zona)
H m Altezza della neve in senso generale (misurata verticalmente) 3.10.1, 4.2,
h m Altezza della neve con la pressione specifica della neve relativa al modello di carico 2 5.5.3.1, 5.5.3.2
K - Coefficiente di scorrimento (dipendente dalla densità della neve e dall’inclinazione del 3.10.1, 3.10.4, 4.2, 5.5.2.1
pendio)
L m Distanziamento fra le strutture (misurato lungo la linea di massima pendenza) 3.4.5.2, 3.7.2.1, 3.8.2
l m Lunghezza della struttura (lunghezza effettiva di una struttura misurata lungo la linea di 3.9.1, 5.8.1.3.4, 5.8.3.5
livello)
Δl m Lunghezza d’applicazione delle forze di bordo (misurata lungo la linea di livello) 4.5, 5.5.2.4, 5.5.3.3
N - Coefficiente di slittamento (dipendente dalla rugosità del terreno e dall’esposizione) 3.7.2.3, 3.10.1, 3.10.5, 4.2, 4.3, 4.6.1,
5.5.2.1, 5.5.2.2, 5.5.2.4, 5.5.4, 5.7.4.1,
8.2.1
P' kN/m' Componente di R' perpendicolare alla superficie di sostegno 5.6.1.2
p'B kN/m' Carico, perpendicolare alla superficie di sostegno, agente su una traversa 5.6.1.2, 5.8.1.2.2, 5.8.1.2.4, 5.8.2.2
ph kN/m² Pressione specifica della neve perpendicolare alla superficie di sostegno nel modello di 5.6.1.2, 5.6.1.3, 5.8.1.2.2, 5.8.2.2
carico 2
Q' kN/m' Componente di R' parallela alla superficie di sostegno 5.8.1.2.1
Qk kN Valore caratteristico di un’azione variabile 5.2.2.1
q'B kN/m' Carico, parallelo alla superficie di sostegno, agente su una traversa 5.8.1.2.1, 5.8.1.2.2, 5.8.1.2.3,
5.8.1.2.4
qh kN/m² Pressione specifica della neve parallela alla superficie di sostegno nel modello di carico 2 5.8.1.2.1
q'S kN/m' Carico trasversale del puntone perpendicolare al suo asse 4.6.1, 5.5.4
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 18

Simbolo Unità di Descrizione Capitolo


misura
R' kN/m' Risultante di tutte le forze esercitate dalla neve 5.5.2.5, 5.5.2.6, 5.6.1.2, 5.8.1.2.1,
Rd kN Valore di dimensionamento della resistenza ultima secondo le norme SIA 5.2.2.1, 5.2.2.2, 5.2.2.4, 5.2.3.2,
5.2.3.3, 5.9.7.1.8
Rk kN Valore caratteristico della resistenza ultima secondo le norme SIA 5.2.2.1, 5.2.3.3
Ra,k kN Resistenza ultima esterna di un tirante o resistenza caratteristica all’estrazione 5.9.7.1.5, 5.9.7.1.8, 5.9.7.2.5,
5.9.7.4.4, 5.9.7.5.5, 7.5.4.4
S'N kN/m' Componente della pressione della neve parallela al pendio 4.2, 4.3, 4.5, 4.6.1, 5.5.2.1, 5.5.2.2,
(pressione di scorrimento e di slittamento) 5.5.2.4, 5.5.2.5, 5.5.6, 5.7.4.1
S'Q kN/m' Componente della pressione della neve perpendicolare al pendio 4.3, 5.5.2.2, 5.5.2.5, 5.7.4.3
(pressione di scorrimento)
S'R kN/m' Componente supplementare, parallela al pendio, della pressione della neve nel campo 4.5, 5.5.2.4, 5.5.2.5, 5.6.1.4
di bordo di una superficie di sostegno (forza di bordo)
SS kN Forza laterale agente su una struttura (parallela alla linea di livello) 4.7, 5.5.6, 5.7.4.3, 5.9.7.3.2
sB kN/m² Carico di rottura al taglio, in terreno vergine, lungo le facce di un plinto in calcestruzzo 5.9.5.4, 5.9.6.4
(sollecitazione alla trazione)
s*B kN/m² Carico di rottura al taglio in materiale sciolto di riempimento a contatto della superficie 5.9.6.4
di una fondazione prefabbricata (sollecitazione alla trazione)
Tk kN Valore caratteristico della forza risultante agente sulla fondazione a monte 5.9.5.3.1, 5.9.5.3.2, 5.9.5.4, 5.9.6.3,
5.9.6.4
t m Profondità della fondazione (misurata verticalmente) 5.9.5.4, 5.9.6.4
Uk kN Valore caratteristico della forza risultante agente sulla fondazione a valle 5.9.4.2, 5.9.6.5, 5.9.6.6
w m Luce netta nella superficie di sostegno (misurata perpendicolarmente agli elementi) 5.8.1.3.1, 5.8.2.3.1, 5.8.3.3
Z m s..m. Altitudine 3.5.4, 3.10.6
α ° Angolo compreso fra la direzione della forza e la parallela al pendio (fondazioni) 8.9.6.6, 5.9.4.4, 5.9.4.5
δ ° Angolo compreso fra la superficie di sostegno e il piano perpendicolare al pendio 4.4, 5.3.2, 5.5.2.3, 5.6.1.2, 5.8.1.2.1
γM - Coefficiente di resistenza 5.2.2.1, 5.2.2.2, 5.2.2.4, 5.2.3.2,
5.2.3.3, 5.9.4.1, 5.9.7.1.8
γQ - Coefficiente di carico per un’azione variabile 5.2.2.1, 5.2.3.1, 5.9.4.1, 5.9.7.1.8
ε ° Angolo compreso fra la risultante della pressione della neve 4.3, 5.5.2.2,
(addizione vettoriale di S'N e S'Q) e la parallela al pendio
εR ° Angolo compreso fra la superficie di sostegno e il piano perpendicolare al pendio 5.5.2.6, 5.6.1.2, 5.8.1.2.1
εcs % Variazione in lunghezza (ritiro) della malta d’iniezione degli ancoraggi 6.2.1.4
η - Coefficiente di influenza di una struttura in rapporto alla pressione della neve sopportata 4.6.1, 4.6.2, 5.5.4
ρH t/m³ Densità media della neve in funzione dell’altezza estrema della neve Hestr 3.10.2, 5.5.2.1, 5.5.3.4
ρh t/m³ Densità media della neve in funzione dell’altezza della neve h 5.5.3.4
ρ t/m³ Densità media della neve (valore generale) 3.10.1, 4.2, 4.4, 5.7.4.4
σα kN/m² Resistenza specifica del terreno 5.9.5.3.1, 5.9.4.4, 5.9.6.5
σ90° kN/m² Resistenza del terreno perpendicolarmente al pendio 5.9.4.4, 5.9.4.6
σΟ kN/m² Resistenza del terreno parallelamente al pendio 5.9.4.4
ϕ ° Angolo d’attrito relativo allo slittamento della neve sul terreno 3.7.2.1, 3.7.2.2, 3.7.2.3
ϕEk ° Valore caratteristico dell’angolo d’attrito nella trasmissione degli sforzi di compressione 5.9.5.4, 5.9.6.4, 5.9.6.6
(fondazioni)
ψ ° Angolo d’inclinazione del pendio 3.5.3, 4.2, 4.3, 4.4, 5.5.2.2, 5.5.2.3,
5.9.4.4, 8.2.1
3 > Progettazione delle opere di sostegno 19

3 > Progettazione delle opere


di sostegno

3.1 Fattori che innescano la formazione delle valanghe

3.1.1 Valanghe di lastroni

3.1.1.1 Origine dei fenomeni di scorrimento e di slittamento

La coltre nevosa che ricopre un pendio è soggetta a scorrimento e, secondo le condi-


zioni di aderenza fra terreno e neve, a slittamento lungo la superficie del terreno (figu-
ra 4).

Questi movimenti dipendono dai seguenti fattori:

> pendenza del terreno,


> spessore della coltre nevosa,
> rugosità del terreno,
> caratteristiche della neve (deformabilità, attrito e, in particolare, contenuto d’acqua
di contatto fra terreno e neve).

Fig. 4 > Velocità di scorrimento e di slittamento della coltre di neve.

v (u, v, w) vettore risultante


della velocità
u componente, parallela al
pendio, della velocità
uu velocità di slittamento
u-uu velocità di scorrimento
parallela al pendio
w velocità di scorrimento
perpendicolare al terreno
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 20

3.1.1.2 Zona neutra

Se i fattori di cui sopra non presentano variazioni locali, i profili della velocità devono
risultare ovunque identici. In questo caso, il peso della coltre nevosa si trasmette in
ogni punto direttamente al suolo come pressione normale e tensione di taglio. Questo è
lo stato della cosiddetta zona neutra, caratterizzata dall’assenza di variazioni di tensioni
nelle direzioni parallele al pendio. Le variazioni locali dei citati fattori determinano
zone di maggior tensione di trazione, di compressione e di taglio nei piani perpendico-
lari al pendio.

3.1.1.3 Distacco delle valanghe di neve a lastroni

Questo tipo di valanghe è caratterizzato dallo scivolamento simultaneo, su una grande


superficie, di un lastrone di neve che acquista rapidamente velocità. La premessa
affinché ciò possa verificarsi è la presenza di strati di neve con una certa coesione
sopra uno strato debole o una zona fragile di contatto fra strati. Il collasso (rottura
primaria di taglio) ha origine all’interno dello strato debole o della zona fragile di
contatto, dove le tensioni locali superano la resistenza della neve. La rottura primaria si
propaga molto velocemente in tutte le direzioni, dando man mano origine a rotture
secondarie nello strato sovrastante: la frattura superiore di trazione e le fratture laterali
di taglio sono una conseguenza di questo fatto. Al bordo inferiore il lastrone in movi-
mento è limitato da una zona di sbarramento («Stauchwall»). Come fattori scatenanti
della rottura primaria entrano in considerazione cause naturali (ad es. il carico supple-
mentare causato dalla neve fresca o una diminuzione della resistenza in seguito ad un
repentino riscaldamento) o cause accidentali, come ad esempio il peso di uno sciatore.

3.1.2 Valanghe di neve a debole coesione

Le valanghe di neve a debole coesione hanno origine in uno spazio limitato, in presen-
za di neve a debole coesione, quando una piccola massa di neve si distacca spontanea-
mente o in seguito ad un minimo urto (caduta di un sasso o di un blocco di neve) e
mette in moto le particelle di neve sottostanti. Questo moto si propaga verso valle
seguendo un percorso di larghezza limitata (a forma di pera), mentre la massa di neve
in movimento aumenta in continuazione.

3.1.3 Formazione di valanghe e pendenza del terreno

La pendenza minima dalla quale ha avuto origine una valanga è di 17° (31 %). Questo
caso è praticamente irrilevante. I distacchi su pendii con inclinazione inferiore a 30°
(58 %) sono rari. Oltre i 45° sono più frequenti le valanghe di neve a debole coesione.
Esse scaricano più frequentemente i pendii ed impediscono la formazione di una coltre
nevosa carica di tensioni, evitando così il distacco di valanghe di neve a lastroni.
3 > Progettazione delle opere di sostegno 21

3.2 Funzione ed effetto delle opere di sostegno

3.2.1 Funzione

Le opere di sostegno devono impedire il distacco di valanghe o, per lo meno, rendere


inoffensivi i movimenti di neve appena iniziati che non possono essere completamente
bloccati. Le valanghe in pieno movimento esercitano forze che le opere di sostegno, di
regola, non sono in grado di sopportare.

3.2.2 Effetto

Le opere di sostegno devono opporre allo scorrimento ed eventualmente allo slittamen-


to della coltre nevosa una superficie di sostegno ancorata nel terreno, più o meno
perpendicolare al pendio e con un’altezza almeno pari a quella della neve. Ciò compor-
ta uno sbarramento, e le velocità di scorrimento e di slittamento si riducono man mano
che la neve si avvicina all’ostacolo. Nella zona di sbarramento, che si estende pratica-
mente su una distanza parallela al pendio uguale ad almeno 3 volte l’altezza verticale
della neve (distanza che dipende essenzialmente dall’entità dello slittamento), si produ-
cono nella neve tensioni di compressione supplementari parallele al pendio. Queste
vengono assorbite dalla superficie di sostegno con una conseguente diminuzione delle
tensioni di taglio ed, eventualmente, di trazione, cause principali della formazione di
valanghe di neve a lastroni.

In caso di frattura le opere di sostegno impediscono il distacco della vecchia coltre


nevosa e limitano la superficie della zona in cui possono propagarsi le fratture di taglio.
Grazie all’effetto frenante delle strutture, la velocità viene ridotta (i danni causati dalle
valanghe sono direttamente proporzionali alla velocità delle masse nevose in movimen-
to). Da segnalare, infine, l’effetto favorevole derivante dal potere di intercettazione
delle opere di sostegno.

3.2.3 Margine di manovra nella disposizione e nel dimensionamento delle strutture

La direttiva tecnica concede un certo margine di manovra per quanto riguarda la dispo-
sizione e il dimensionamento delle strutture. Questa libertà deve essere utilizzata per
adattare le opere di sostegno alle esigenze dei beni da proteggere o al rischio residuo
ritenuto ammissibile. Per la valutazione delle esigenze, oltre alle caratteristiche dei
beni da proteggere (ad es. zona abitata o no), occorre tenere in considerazione la loro
situazione topografica in rapporto alla zona di distacco, alla zona di scorrimento e alla
zona di arresto (ad es. le esigenze di protezione sono elevate se gli oggetti sono situati
nella zona di scorrimento).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 22

3.3 Tipi di strutture

3.3.1 Strutture di sostegno rigide

Se ai movimenti di scorrimento e di slittamento della coltre nevosa viene contrapposta


una parete di sostegno che subisce solo piccole deformazioni elastiche si parla di una
superficie o di una struttura di sostegno rigida (ad es. ponte da neve con traverse in
acciaio, cfr. fig. 1).

3.3.2 Strutture di sostegno flessibili

Se invece la superficie di sostegno può, fino ad un certo grado, adattarsi ai citati movi-
menti si parla di una superficie o di un’opera di sostegno flessibile (ad es. reti da neve,
cfr. fig. 3).

3.3.3 Esigenze poste ad una struttura di sostegno

Come risulta a 3.2.2, una struttura di sostegno è sollecitata sia dalla pressione della
neve che da forze dinamiche. Se la pressione statica della neve è determinante per il
dimensionamento (5), un’opportuna disposizione delle opere (conformemente a 3.7)
dovrebbe limitare l’ampiezza di possibili forze dinamiche in modo tale che le strutture
non vengano danneggiate o subiscano al massimo danni di poco conto.

3.3.4 Scelta del tipo di struttura

La scelta del tipo di struttura deve avvenire in funzione delle esigenze dei beni da
proteggere (3.2.3), tenendo in considerazione le condizioni locali di innevamento, la
topografia e le caratteristiche del terreno di fondazione. Le reti da neve sopportano
meglio i movimenti di scorrimento e la caduta di sassi (cfr. 7.4.3.1) ma sono più diffici-
li da ancorare in terreno sciolto.
3 > Progettazione delle opere di sostegno 23

3.4 Pendenze che necessitano opere di sostegno

3.4.1 Pendenze che necessitano opere di sostegno

I pendii con inclinazione compresa fra 30° e 50° (58 %–119 %) devono di regola essere
premuniti.
In casi eccezionali devono essere premunite anche zone più o meno inclinate, ad
esempio zone di minor pendenza al di sopra di pendii ripidi o comparti meno scoscesi
all’interno di una zona di distacco.

3.4.2 Disposizione delle strutture nella parte più alta del pendio

3.4.2.1 Cornici

Le strutture di sostegno vanno innanzitutto messe in opera sotto i più alti fronti di
rottura di valanghe di neve a lastroni osservati o potenziali (3.1.1), in modo tale che
essi vengano ancora a trovarsi nella zona utile di sbarramento determinata dalle struttu-
re. Secondo il capitolo 3.2.2 ciò si verifica se i filari di strutture vengono eretti ad una
distanza dal fronte di rottura non superiore a 2–3 Hk.

3.4.2.2 Cornici

Se il pendio da premunire è limitato verso l’alto da una cresta sulla quale può formarsi
una cornice di notevoli dimensioni, le strutture superiori devono essere erette il più
vicino possibile alla base della cornice, evitando tuttavia che vengano seppellite.
Devono essere particolarmente solide e dimensionate tenendo in considerazione sia il
forte accumulo di neve a monte delle stesse che le potenziali rotture (con successivi
crolli) di parti della cornice. In molti casi, la formazione di cornici può essere evitata
con la costruzione, prima delle strutture di sostegno, di opere che influenzano il deposi-
to della neve trasportata dal vento.

3.4.2.3 Terreno roccioso

Le strutture superiori devono essere particolarmente solide anche nel caso in cui la
zona da premunire è sovrastata da un pendio roccioso molto ripido. In caso di pericolo
di caduta di sassi, devono essere provviste di una superficie di sostegno particolarmen-
te resistente: entrano in considerazione reti da neve, griglie massicce in acciaio o una
copertura con legname. In determinati casi i danni derivanti da crolli di roccia o da
caduta di sassi o blocchi di ghiaccio da pareti rocciose non premunibili possono essere
evitati con opere di deviazione o di arresto (terrapieni, reti paramassi).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 24

3.4.2.4 Zone di distacco secondarie

Le opere di sostegno vanno innanzitutto realizzate fin sotto i più alti fronti di rottura di
valanghe di neve a lastroni osservati o potenziali. A seconda della situazione occorre
verificare se più in alto possono staccarsi valanghe in grado di raggiungere la zona
premunita. Per questa verifica bisogna ipotizzare una situazione nivometeorologica
estrema.

3.4.3 Disposizione del filare inferiore delle strutture di sostegno

A valle della zona premunita si manifestano, di regola, nuove zone di distacco seconda-
rie. Per questo motivo la zona da premunire deve estendersi verso il basso fintanto che:

> la pendenza del terreno diventa costantemente inferiore a 30° (58 %) circa,
> si può ritenere che le valanghe staccatesi al di sotto della zona premunita o le masse
di neve provenienti dalla zona premunita non possono assumere proporzioni tali da
arrecare danni.

In quest’ultimo caso la valutazione deve essere fatta in funzione della situazione topo-
grafica e delle caratteristiche dei beni da proteggere.

3.4.4 Disposizione delle opere in funzione della direzione della pressione della neve

Nella planimetria, le superfici di sostegno delle opere devono essere disposte il più
perpendicolarmente possibile alla presunta direzione della risultante della pressione
della neve (importante negli avvallamenti stretti).
3 > Progettazione delle opere di sostegno 25

3.4.5 Estensione laterale di una premunizione di sostegno

3.4.5.1 Principio

Le opere di sostegno, già a partire dall’alto (zona di rottura), dovrebbero estendersi in


larghezza in modo tale da coprire un’intera unità di terreno, appoggiandosi lateralmen-
te a delimitazioni naturali (costoni) come illustrato nella figura 5. Se i filari di opere
vanno a finire in zone libere, non protette dall’alto, occorre provvedere alla messa in
opera di strutture di bordo rinforzate conformemente a 5.5.2.4.

3.4.5.2 Filari degradanti e pareti di separazione

Se, a causa della configurazione del terreno o per motivi economici, ciò non fosse
possibile, le opere a confine con la zona non premunita devono essere disposte a filari
nettamente degradanti dall’alto verso il basso, in direzione del centro della zona da
premunire. Cosi facendo si può evitare che le strutture inferiori vengano danneggiate
da eventuali valanghe che si staccano immediatamente a lato della zona premunita. Per
ostacolare lo sconfinamento di valanghe a lastroni limitrofe si possono disporre, al
bordo della zona premunita e al centro fra 2 filari di strutture, delle strutture supple-
mentari aventi una lunghezza complessiva minima pari a 2Dk. Le pareti di separazione
disposte lungo la linea di massima pendenza e aventi un’altezza verticale di circa Hk/2
impediscono lo sconfinamento di valanghe di fondo e riducono sensibilmente le forze
di bordo di cui a 4.5. Per poter garantire anche la protezione dei puntoni, tali pareti di
separazione devono essere prolungate, sempre a lato delle strutture, fino alle fondazioni
dei puntoni.

Fig. 5 > Premunizione completa di un’unità Fig. 6 > Premunizione parziale.


di terreno. Disposizione in file degradanti e separazione
del bordo della zona non premunita.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 26

3.4.6 Sistemi di premunizione

3.4.6.1 Disposizione continua

La premunizione continua consiste in lunghi filari di opere orizzontali, che si estendo-


no sull’intera zona da sistemare e che sono interrotti, al massimo, nelle zone dove non
possono aver luogo distacchi (fig. 7). Nel settore delle premunizioni permanenti rap-
presenta il sistema preferito.

3.4.6.2 Disposizione discontinua

La premunizione frammentaria viene suddivisa fra disposizione interrotta e disposizio-


ne scaglionata.

3.4.6.2.1 Disposizione discontinua

La premunizione interrotta deriva dalla disposizione continua e viene ottenuta interca-


lando spazi liberi nei filari di strutture orizzontali (fig. 8).

3.4.6.2.2 Disposizione scaglionata

La premunizione scaglionata presenta, rispetto a quella interrotta, uno spostamento


alternato in altezza dei singoli filari di strutture (fig. 9).

Fig. 7 > Premunizione continua. Fig. 8 > Premunizione frammentaria interrotta.

Fig. 9 > Premunizione frammentaria scaglionata. Fig. 10 > Premunizione frammentaria combinata.
3 > Progettazione delle opere di sostegno 27

3.4.6.3 Vantaggi e svantaggi dei sistemi di premunizione

Tutti i sistemi menzionati comportano vantaggi e svantaggi. A questo proposito si fa


riferimento alla tabella n. 1.

3.4.6.4 Scelta del sistema di premunizione

La scelta del sistema di premunizione delle opere deve esser fatta in funzione delle
esigenze dei beni da proteggere (3.2.3), tenendo in considerazione le condizioni locali
di innevamento e la morfologia del terreno. In presenza di esigenze molto elevate o di
frequenti valanghe di neve a scarsa coesione (ad es. ad alta quota o per zone di distacco
esposte a Nord) si consiglia esplicitamente la premunizione continua.

Tab. 1 > Vantaggi e svantaggi.

Disposizione Vantaggi Svantaggi Impiego

Continua • La propagazione delle rotture di taglio nella • Ampio e connesso sviluppo, in larghezza, di • In casi normali
(cap. 3.4.6.1) coltre nevosa oltre i filari di strutture, sia a tensioni persistenti di taglio e di trazione nella
monte che a valle, è ampiamente ostacolata. coltre nevosa.
• Ostacolo continuo per le colate di neve. • Possibile propagazione laterale di danni alle
• Forte riduzione delle tensioni di trazione nella opere.
coltre nevosa. • Limitata capacità di adattamento in terreni
• Le opere sono sollecitate dalle forze di bordo fortemente accidentati e con notevoli
unicamente alle estremità dei filari (minima variazioni locali delle condizioni della neve
sollecitazione complessiva delle opere). (più o meno importanti a seconda del tipo di
struttura realizzato).
Frammentaria • Buona capacità di adattamento alla • Possibile passaggio di parte della neve in • In casi eccezionali in terreni
interrotta configurazione orizzontale del terreno e alle movimento attraverso gli spazi liberi fra le molto ripidi e molto
(3.4.6.2.1) variazioni locali delle condizioni della neve. strutture. accidentati, come pure nel
• Localizzazione dei danni su singoli elementi. • Sollecitazione delle strutture causate dalle caso di un rinforzo di una
• Eventuale minor costo (rispetto alla forze di bordo dipendente dalla lunghezza vecchia premunizione non
disposizione continua). degli spazi liberi. conforme alla direttiva
• La propagazione delle fratture di taglio nel
manto nevoso oltre i filari di strutture, sia a
monte che a valle, risulta meno ostacolata
rispetto alla disposizione continua.
Frammentaria • Buona capacità di adattamento alla • Sollecitazione delle strutture causate dalle • In casi eccezionali in terreni
scaglionata morfologia del terreno in tutte le direzioni forze di bordo simile a quelle di una struttura molto ripidi e molto
(3.4.6.2.2) • Ripartizione delle zone residue con tensioni libera. accidentati, come pure nel
di pressione e di taglio • Aumento del costo unitario (in rapporto alla caso di un rinforzo di una
• Lo slittamento della neve è mediamente disposizione continua e frammentaria vecchia premunizione non
inferiore rispetto alle opere continue e interrotta). conforme alla direttiva.
frammentarie interrotte • La propagazione delle fratture di taglio è
possibile in tutte le direzioni.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 28

3.5 Altezza della neve

3.5.1 Definizione generale

L’altezza della neve H viene misurata verticalmente. Essa caratterizza l’innevamento


del terreno. Se le precipitazioni nevose avvengono verticalmente, in assenza di vento e
sono uniformemente distribuite, l’altezza della neve è indipendente dalla pendenza
del terreno.

3.5.2 Definizione delle altezze della neve

> Altezza massima della neve Hmax: valore massimo dell’altezza della neve misurato
in un punto ben definito (ad es. sul luogo di ubicazione di una struttura) durante un
inverno.
> Media dell’altezza massima della neve H ⎯ max: media delle altezze massime Hmax
misurate in una zona relativamente estesa al momento dell’innevamento generale
massimo di un inverno.
> Altezza estrema della neve Hestr: valore massimo prevedibile dell’altezza massima
della neve Hmax sull’arco di molti anni in un punto ben definito (ad es. sul luogo di
ubicazione di una struttura).
> Media areale dell’altezza estrema della neve H ⎯ estr: media dell’altezza estrema
della neve Hestr sull’arco di parecchi anni, in una zona relativamente estesa, al mo-
mento dell’innevamento generale massimo (in media si verifica non più di una volta
ogni 100 anni circa).

3.5.3 Definizione dello spessore della neve

Si definisce spessore della neve, e si rappresenta con il simbolo D (D, Dmax, Destr ecc.),
l’altezza della coltre nevosa misurata perpendicolarmente alla superficie del terreno.
Tra lo spessore e l’altezza della neve sussiste la seguente relazione, in cui la pendenza
del terreno è definita ψ:

D = H ⋅ cos ψ [m] (1)

3.5.4 Determinazione delle altezze estreme della neve

Per la progettazione delle opere di sostegno sono determinanti le altezze estreme della
neve Hestr nei luoghi in cui dette strutture verranno realizzate (cap. 3.6.2). L’efficacia
dell’intervento dipende essenzialmente da una determinazione affidabile dei citati
valori. Nella maggior parte dei casi, per le superfici da premunire, mancano tuttavia le
osservazioni delle altezze della neve registrate sull’arco di parecchi anni. È quindi
necessario basarsi sui rilevamenti effettuati dalle stazioni di osservazione circostanti, e
3 > Progettazione delle opere di sostegno 29

a questo scopo possono servire i dati comparativi delle stazioni dell’SNV (cfr. i Rap-
porti invernali –«Winterberichte» – SNV). Le altezze della neve misurate nelle citate
stazioni sono rappresentative per zone relativamente vaste e non sono praticamente
influenzate dagli effetti derivanti dalla morfologia locale (ad es. ubicazione in una zona
pianeggiante del fondovalle). I valori così misurati in un punto definito possono essere
considerati come valori medi per una determinata zona (media areale). La ripartizione
delle medie areali, relative a vaste regioni, delle altezze estreme della neve H ⎯ ext nelle
Alpi svizzere è rappresentata nella figura 11.

Come base per la rappresentazione sono state utilizzate le misurazioni delle stazioni di
rilevamento dell’SNV e delle stazioni automatiche dell’ENET (SNV e MeteoSvizzera).
I periodi di misura variano fra 10 e 66 anni.

Queste altezze non tengono in considerazione l’azione del vento; esse sono state calco-
late per un periodo di ritorno unitario pari a 100 anni e valgono per tutto il com-
prensorio delle Alpi svizzere. Per le 4 zone, a dipendenza dell’altitudine, si hanno i
seguenti valori (cfr fig. 11):

Zona 1: H
⎯ estr = 1.00 (0.15 · Z–20) (2)
⎯ estr = 1.30 (0.15 · Z–20)
Zona 2: H (3)
⎯ estr = 1.65 (0.15 · Z–20)
Zona 3: H (4)
⎯ estr = 2.00 (0.15 · Z–20)
Zona 4: H (5)

⎯ estr è la media areale dell’altezza estrema della neve (in cm) e Z è l’altitudine (m s.
H
m.).

Il calcolo dell’altezza estrema della neve determinante per stabilire il sito in cui realiz-
zare un progetto si effettua come segue:

> Misurazione dell’altezza massima della neve Hmax sul sito scelto per realizzare il
progetto previsto, possibilmente sull’arco di diversi inverni, mediante sondaggi (con
sonde da valanga) o lettura a distanza di aste metriche. Dal momento che è impor-
tante conoscere la ripartizione locale, la densità dei punti di misura deve essere de-
terminata in funzione della morfologia del terreno, in modo tale da consentire la per-
cezione di ogni variazione locale dell’altezza della neve (ad es. in avvallamenti
stretti). Generalmente occorrono da 25 a 100 misurazioni per ettaro. Al momento
dello scioglimento si possono fare utili osservazioni circa la ripartizione delle altez-
ze della neve al suolo.
> Al momento dell’innevamento massimo nel comprensorio da premunire occorre
determinare la media areale dell’altezza massima della neve H ⎯ max in una zona il
più possibile rappresentativa per un vasto territorio. Per questo scopo ci si può avva-
lere delle osservazioni effettuate in una o più stazioni di rilevamento dell’SNV cir-
costanti oppure della lettura di aste metriche ubicate in luoghi favorevoli. General-
mente, la zona da premunire non è adatta a questo tipo di misurazione in quanto si
trova quasi sempre in una situazione speciale, ad esempio completamente sopra o
sottovento (i dati sono rappresentativi per un territorio di media grandezza).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 30

⎯ estr sulla base


> Determinazione della media areale dell’altezza estrema della neve H
della figura 11, oppure di altri dati affidabili (rappresentativi per un vasto territorio).
Su richiesta, l’SNV fornirà ulteriori informazioni.
> Calcolo dell’altezza estrema della neve Hestr sul luogo di ubicazione di una struttu-
ra partendo dal presupposto che, indipendentemente dall’altezza della neve, la ripar-
tizione della stessa è simile di anno in anno:

Hext
Hestr = Hmax [m] (6)
Hmax

Se le misurazioni sono effettuate sull’arco di diversi anni – come si auspica – i valori di


Hestr variano per lo più di anno in anno. In questo caso il valore più affidabile è quello
derivato dal valore più alto di Hmax. Se le altezze massime della neve risultano quasi
identiche per diversi anni, per il dimensionamento delle opere si dovrà invece prendere
in considerazione il valore più alto ottenuto per Hestr.

Esempio:

Durante 3 inverni sono stati misurate, Dorfberg sopra Davos, sul luogo di ubicazione di
una struttura a 2266 m s. m., le altezze massime della neve Hmax mediante lettura di
un’asta metrica. Il vicino campo di ricerca dell’SNV, posto a 2540 m s. m., ha fornito,
⎯ max rappresentativi per una vasta
per gli stessi giorni, i valori dell’altezza della neve H
zona (nota: occorre verificare scrupolosamente che i valori forniti dalle stazioni di
rilevamento siano realmente rappresentativi per una vasta zona).

Dalla figura 11 si deduce che il campo di ricerca dell’SNV appartiene alla zona 2. La
⎯ estr risulta quindi essere:
media areale dell’altezza estrema della neve H

⎯ estr = 1.30 (0.15 · 2540–20) = 469 cm


H

Data 8.2.1961 7.4.1962 17.1.1963

Altezze della neve [m]:


- Hmax 1.50 2.20 1.20
-H
⎯ max 2.38 2.75 1.40
-H
⎯ estr 4.69 4.69 4.69
Da cui: 4.69 4.69 4.69
- Hestr
1.50 = 2.96 2.20 = 3.75 1.20 = 4.02
2.38 2.75 1.40

Come base per il dimensionamento entra in considerazione il valore 3.75 m. Il valore


massimo assoluto di 4.02 risulta poco attendibile, essendo derivato da un valore di Hmax
manifestamente troppo basso.
3

Fig. 11 > Media areale delle altezze estreme della neve Hestr.

Zona 1
Zona 2
Zona 3
> Progettazione delle opere di sostegno

Zona 4
31
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 32

3.6 Altezza delle strutture

3.6.1 Definizione dell’altezza di una struttura

L’altezza di una struttura Hk è definita come la distanza media, misurata verticalmente,


tra il bordo superiore della superficie di sostegno e il terreno. La definizione relativa ai
singoli tipi di strutture è riportata nel capitolo 5 (ponti da neve a 5.8.1.3.3, rastrelliere
da neve a 5.8.2.3.2 e reti da neve a 5.8.3.4).

3.6.2 Condizioni concernenti l’altezza delle opere

L’altezza d’opera Hk deve corrispondere almeno all’altezza estrema della neve preve-
dibile per il sito in oggetto.
HK ≥ H estr [m] (7)

Dal rispetto di questo requisito fondamentale dipendono da un lato la sicurezza in


situazioni che possono dar origine a valanghe dalle conseguenze catastrofiche e
dall’altro il procedimento per il dimensionamento delle strutture di sostegno. Se si pone
Hk > Hestr, per il dimensionamento delle strutture di sostegno è determinante Hk. Occor-
re tener presente che le opere di sostegno, a seconda del tipo di struttura e delle condi-
zioni del vento, esercitano un’influenza più o meno marcata sul deposito della neve al
suolo.

3.6.3 Definizione dell’altezza della griglia o della rete

Si definisce come altezza della griglia o della rete Bk la misura media, perpendicolare
alla linea di livello, fra il bordo superiore della superficie di sostegno e il terreno (fig.
12).
Per analogia con lo spessore della neve, si definisce altezza utile della griglia o della
rete Dk la distanza media, perpendicolare alla superficie del terreno, fra il bordo supe-
riore della superficie di sostegno e il terreno.

Fig. 12 > Altezza della griglia e della rete.

Altezza della griglia Altezza della rete


3 > Progettazione delle opere di sostegno 33

3.7 Distanziamento delle strutture lungo la linea di massima pendenza

3.7.1 Condizioni per il distanziamento fra le strutture

La distanza fra strutture o filari di strutture lungo la linea di massima pendenza deve
essere dimensionata in modo tale che, oltre a garantire la funzione principale della
premunizione di sostegno secondo 3.2.1, siano contemporaneamente soddisfatte in
maniera adeguata le seguenti 3 condizioni:

> le strutture non devono subire danni dalla pressione statica massima esercitata dalla
neve;
> parimenti, devono essere in grado di sopportare senza danni le forze dinamiche
esercitate dalla neve in movimento;
> la velocità della neve in movimento all’interno di una premunizione non deve
superare un determinato valore limite. L’energia cinetica, che influenza in modo
determinante i danni a valle della zona premunita, viene cosi ridotta a una dimensio-
ne inoffensiva per le strutture.

3.7.2 Formula del distanziamento

3.7.2.1 Calcolo del distanziamento parallelo al pendio

Il distanziamento parallelo al pendio viene calcolato secondo la formula:

L = fL ⋅ HK
[m] (8)

Il coefficiente di distanziamento fL dipende dalla pendenza del terreno e inoltre, quale


conseguenza delle 3 condizioni esposte al capitolo 3.7.1, dall’angolo d’attrito φ fra
terreno e neve, dal coefficiente di slittamento N e dall’altezza d’opera Hk. Dalla figura
3 si ricava fL in funzione dei parametri citati. Con l’aiuto delle 3 serie di curve tan φ, N
e Hk = costante si può dedurre il valore determinante di fL per le condizioni date.

I distanziamenti determinanti L (parallelamente al pendio) e L' (in planimetria) in


funzione di Dk sono deducibili anche direttamente dalle tabelle 2.1 e 2.2, nonché 3.1 e
3.2.

3.7.2.2 Considerazione della rugosità del terreno e requisiti di sicurezza

> Per i terreni con superficie liscia (N>2) o con elevati requisiti di sicurezza valgono i
valori compresi fra tan ϕ = 0.55 e 0.50.
> Per i terreni con superficie rugosa (N < 2), se i requisiti di sicurezza non sono troppo
elevati valgono i valori per tan ϕ = 0.60.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 34

3.7.2.3 Valore massimo ammesso per il fattore di distanziamento

Le curve tan ϕ = 0.60, N > 1.3 e fL = 13 rappresentano i valori massimi ammessi per fL.

3.7.2.4 Coefficiente minimo di slittamento per il dimensionamento delle strutture

Se per il dimensionamento delle strutture si pone N = 1.2, il coefficiente di distanzia-


mento scelto non può trovarsi al di sopra della relativa curva.

3.7.2.5 Opere con altezza rilevante

Se le altezze verticali delle opere Hk sono superiori a 4.5 m, i valori massimi ammissi-
bili per fL risultano dalle curve corrispondenti.

3.7.2.6 Margine di manovra

Il margine di manovra previsto nel calcolo del distanziamento deve essere utilizzato,
conformemente a 3.2.3, per adeguare l’opera di sostegno alle caratteristiche dei beni da
proteggere. Normalmente si consiglia di assumere un valore per fL compreso tra tan ϕ
= 0.55 e 0.50.

3.7.2.7 Clima

Per conseguire un sufficiente grado di sicurezza, nella scelta dei distanziamenti fra le
opere occorre considerare anche le condizioni climatiche. In particolar modo per i
versanti esposti a Nord e per le regioni prealpine soggette ad abbondanti precipitazioni
si dovranno assumere, se del caso, valori ancora inferiori rispetto a quelli validi per tan
ϕ = 0.50.

3.7.2.8 Variazione della pendenza del terreno

Se fra i filari di strutture la pendenza è irregolare, per il calcolo di L si assume un


angolo ψ pari alla pendenza della retta che collega la base delle strutture.
3 > Progettazione delle opere di sostegno 35

Fig. 13 > Coefficiente di stanziamento.

13

12
N ≥ 1.3
11 L
N = 1.2
10 ψ
L'
9
fL FL

8
di stanziamento

tanϕ = 0.60
facteur d’espacement

7
H
K=
5m tanϕ = 0.55
6 H
K=
5. tanϕ = 0.50
5m
Coefficiente

H
K=
5 6m
H
K =6
.5m
4 H
K =7
m

50 60 70 80 90 100 110 120 130


Pendenza del terreno in %
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 36

Tab. 2.1 > Distanziamento L fra le opere parallele al pendio, conformemente alla figura 13 in (m).

Pendenza del DK [m] HK [m] L [m]


terreno N = 1.2 N ≥ 1.3
tan φ = tan φ =
0.60 0.55 0.50 0.60 0.55 0.50

60 % (31°) 1.5 1.75 15.3 18.4


2.0 2.33 20.3 24.6
2.5 2.92 25.4 30.7
3.0 3.50 30.5 36.9
3.5 4.08 35.6 43.1
4.0 4.66 40.7 49.2
4.5 5.25 45.8 49.1
5.0 5.83 43.3 43.3

70 % (35°) 1.5 1.83 13.6 12.8 16.4 12.8


2.0 2.44 18.1 17.1 21.8 17.1
2.5 3.05 22.7 21.4 27.3 21.4
3.0 3.66 27.2 25.6 32.7 25.6
3.5 4.27 31.8 29.9 38.2 29.9
4.0 4.88 36.3 34.2 43.6 34.2
4.5 5.49 35.9 35.9
5.0 6.10 32.5 32.5

80 % (38.7°) 1.5 1.92 13.1 12.3 10.2 15.4 12.3 10.2


2.0 2.56 17.4 16.4 13.7 20.5 16.4 13.7
2.5 3.20 21.8 20.5 17.1 25.6 20.5 17.1
3.0 3.84 26.2 24.6 20.5 30.7 24.6 20.5
3.5 4.48 30.5 28.7 23.9 35.9 28.7 23.9
4.0 5.12 32.1 27.3 32.1 27.3
4.5 5.76 28.6 28.6
5.0 6.40 26.4 26.4
3 > Progettazione delle opere di sostegno 37

Tab. 2.2 > Distanziamento fra le opere L parallelamente al pendio, conformemente alla figura 13 in (m).

Pendenza del DK [m] HK [m] L [m]


terreno N ≥ 1.2
tan φ =
0.60 0.55 0.50

90 % (42°) 1.5 2.02 12.1 10.4 9.1


2.0 2.69 16.1 13.8 12.1
2.5 3.36 20.2 17.3 15.1
3.0 4.04 24.2 20.8 18.2
3.5 4.71 28.2 24.2 21.2
4.0 5.38 26.5 24.2
4.5 6.05 24.1
5.0 6.73 22.4

100 % (45°) 1.5 2.12 10.6 9.4 8.5


2.0 2.83 14.1 12.6 11.3
2.5 3.54 17.7 15.7 14.1
3.0 4.24 21.2 18.9 17.0
3.5 4.95 24.7 22.0 19.8
4.0 5.66 22.8 22.6
4.5 6.36 21.0
5.0 7.07 19.7

110 % (47.7°) 1.5 2.23 9.8 8.9 8.2


2.0 2.97 13.1 11.9 10.9
2.5 3.72 16.3 14.9 13.6
3.0 4.46 19.6 17.8 16.3
3.5 5.20 22.5 20.8 19.1
4.0 5.95 20.2
4.5 6.69 18.8
5.0 7.43 17.7

120 % (50.2°) 1.5 2.34 9.4 8.6 8.0


2.0 3.12 12.5 11.5 10.7
2.5 3.91 15.6 14.4 13.4
3.0 4.69 18.7 17.3 16.1
3.5 5.47 20.1 18.7
4.0 6.25 18.3
4.5 7.03 17.1
5.0 7.81 16.2

130 % (52.4°) 1.5 2.46 9.1 8.5 8.0


2.0 3.28 12.2 11.4 10.7
2.5 4.10 15.2 14.2 13.3
3.0 4.92 18.3 17.1 16.0
3.5 5.74 18.3
4.0 6.56 16.8
4.5 7.38 15.8
5.0 8.20 15.1
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 38

Tab. 3.1 > Distanziamento fra le opere L' in planimetria, conformemente alla figura 1.3 in (m).

Pendenza del DK [m] HK [m] L' = L · cos ψ [m]


terreno N = 1.2 N ≥ 1.3
tan φ = tan φ =
0.60 0.55 0.50 0.60 0.55 0.50

60 % (31°) 1.5 1.75 13.1 15.8


2.0 2.33 17.4 21.1
2.5 2.92 21.8 26.4
3.0 3.50 26.2 31.6
3.5 4.08 30.5 36.9
4.0 4.66 34.9 42.2
4.5 5.25 39.3 42.1
5.0 5.83 37.1 37.1

70 % (35°) 1.5 1.83 11.1 10.5 13.4 10.5


2.0 2.44 14.9 14.0 17.9 14.0
2.5 3.05 18.6 17.5 22.3 17.5
3.0 3.66 22.3 21.0 26.8 21.0
3.5 4.27 26.0 24.5 31.3 24.5
4.0 4.88 29.7 28.0 35.7 28.0
4.5 5.49 29.4 29.4
5.0 6.10 26.6 26.6

80 % (38.7°) 1.5 1.92 10.2 9.6 8.0 12.0 9.6 8.0


2.0 2.56 13.6 12.8 10.7 16.0 12.8 10.7
2.5 3.20 17.0 16.0 13.3 20.0 16.0 13.3
3.0 3.84 20.4 19.2 16.0 24.0 19.2 16.0
3.5 4.48 23.8 22.4 18.7 28.0 22.4 18.7
4.0 5.12 25.1 21.3 25.1 21.3
4.5 5.76 22.4 22.4
5.0 6.40 20.6 20.6
3 > Progettazione delle opere di sostegno 39

Tab. 3.2 > Distanziamento delle opere L' in planimetria, conformemente alla figura 1.3 in (m).

Pendenza del DK [m] HK [m] L' = L · cos ψ [m]


terreno N ≥ 1.2
tan φ =
0.60 0.55 0.50

90 % (42°) 1.5 2.02 9.0 7.7 6.7


2.0 2.69 12.0 10.3 9.0
2.5 3.36 15.0 12.9 11.2
3.0 4.04 18.0 15.4 13.5
3.5 4.71 21.0 18.0 15.7
4.0 5.38 19.7 18.0
4.5 6.05 17.9
5.0 6.73 16.7

100 % (45°) 1.5 2.12 7.5 6.7 6.0


2.0 2.83 10.0 8.9 8.0
2.5 3.54 12.5 11.1 10.0
3.0 4.24 15.0 13.3 12.0
3.5 4.95 17.5 15.6 14.0
4.0 5.66 16.1 16.0
4.5 6.36 14.8
5.0 7.07 13.9

110 % (47.7°) 1.5 2.23 6.6 6.0 5.5


2.0 2.97 8.8 8.0 7.3
2.5 3.72 11.0 10.0 9.2
3.0 4.46 13.2 12.0 11.0
3.5 5.20 15.1 14.0 12.8
4.0 5.95 13.6
4.5 6.69 12.6
5.0 7.43 11.9

120 % (50.2°) 1.5 2.34 6.0 5.5 5.1


2.0 3.12 8.0 7.4 6.9
2.5 3.91 10.0 9.2 8.6
3.0 4.69 12.0 11.1 10.3
3.5 5.47 12.8 12.0
4.0 6.25 11.7
4.5 7.03 10.9
5.0 7.81 10.4

130 % (52.4°) 1.5 2.46 5.6 5.2 4.9


2.0 3.28 7.4 6.9 6.5
2.5 4.10 9.3 8.7 8.1
3.0 4.92 11.1 10.4 9.7
3.5 5.74 11.1
4.0 6.56 10.2
4.5 7.38 9.6
5.0 8.20 9.2
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 40

3.8 Intervalli laterali fra le opere

3.8.1 Premunizione interrotta

Nel caso di una premunizione interrotta, gli intervalli laterali A fra opere vicine che
non sono determinati dalla presenza di zone con pendenze dalle quali di regola non
avvengono distacchi di valanghe non devono superare i 2 m.

A ≤ 2m [m] (9)

Questi intervalli devono essere completamente chiusi, a monte, da strutture situate alla
distanza L (ciò non vale naturalmente per la prima fila in alto).

Se le opere vicine sono leggermente dislocate lungo la linea di massima pendenza, la


proiezione dell’intervallo nella direzione della massima pendenza deve essere ridotta
proporzionalmente al dislocamento delle opere, come indicato nella figura 14.

Fig. 14 > Raccorciamento parziale degli intervalli fra le opere.

A=0 m
max. 6 m

A=2 m

3.8.2 Premunizione scaglionata

Nella disposizione scaglionata la lunghezza degli intervalli non è definita, ma gli spazi
superiori a 2 m devono essere completamente chiusi da opere che, fra di loro, presenta-
no un distanziamento normale L o devono essere parzialmente protetti come indicato
nel capitolo 3.8.1.

Fig. 15 > Intervalli laterali fra le opere nella premunizione scaglionata.


3 > Progettazione delle opere di sostegno 41

3.9 Lunghezze delle griglie di sostegno continue

3.9.1 Definizione

Le griglie di sostegno continue sono composte da un insieme ininterrotto di strutture


singole. La lunghezza l di ogni singola struttura (senza gli elementi della struttura
intermedia) è la misura media effettiva, lungo la linea di livello, della superficie di
sostegno (per i ponti da neve cfr. 5.8.1.3.4, per le reti da neve cfr. 5.8.3.5).

3.9.2 Lunghezze massime e minime

La lunghezza minima di una griglia di sostegno continua non dovrebbe di regola essere
inferiore a 16–22 m. Questa regola vale per tutti i sistemi di premunizione.

Per motivi pratici (possibilità di passaggio) non dovrebbe superare i 50 m.


Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 42

3.10 Fattori locali che influenzano la pressione della neve

3.10.1 Definizioni

La pressione della neve su una struttura di sostegno dipende dai seguenti fattori locali:

> ρ densità media della neve*;


> H altezza verticale della neve sul luogo d’ubicazione dell’opera;
> K coefficiente di scorrimento* dipendente dalla densità della neve e dalla pen-
denza del terreno;
> N coefficiente di slittamento* dipendente dalla copertura, dalla rugosità e
dall’esposizione al sole del terreno;
> fc coefficiente d’altitudine, che caratterizza la dipendenza della densità
dall’altitudine;
> fR coefficiente di bordo dipendente dalla lunghezza degli intervalli laterali fra le
opere (o dal sistema di premunizione) e dal fattore di slittamento.

Alcuni di questi fattori devono essere determinati in situ per ogni singolo progetto e, se
del caso, per ogni singola struttura; gli altri, contrassegnati con * nell’elenco di cui
sopra, vengono ricavati da formule generali. Il calcolo della pressione della neve in
funzione dei fattori menzionati è trattato nei capitoli 4 e 5.

3.10.2 Densità della neve

Per la densità media di una coltre nevosa avente un’altezza estrema si adotta il
valore unitario ρH = 0.270 t/m³, valido, nelle Alpi svizzere, per un’altitudine di 1500 m
s. m. e un’esposizione ONO-N-ENE. La variazione di questo valore di base in funzione
dell’altitudine e dell’esposizione viene tenuta in considerazione applicando il coeffi-
ciente d’altitudine fc (3.10.6) e il coefficiente di slittamento N (3.10.5). Le prescrizioni
per il dimensionamento (5.5.3) considerano l’aumento, rispetto al valore di base citato,
della densità della neve dovuta all’assestamento.

3.10.3 Altezza della neve sul posto della struttura

Come valore di partenza per il calcolo della pressione della neve è determinante
l’altezza della struttura Hk derivata, conformemente a 3.6.2, dall’altezza estrema della
neve Hestr.

3.10.4 Coefficiente di scorrimento

I valori del coefficiente di scorrimento in funzione della densità della neve e della
pendenza del terreno sono riportati al capitolo 4.2 (tab. n. 6). Nella pratica viene trascu-
rata la piccola variazione dovuta alla pendenza nell’intervallo compreso fra 35° e 45°
(si suppone sen2ψ = 1).
3 > Progettazione delle opere di sostegno 43

3.10.5 Caratteristiche del terreno e coefficiente di slittamento

Il coefficiente di slittamento N, che comporta un aumento della pressione della neve in


presenza di uno slittamento della coltre nevosa lungo il terreno (cfr. 3.1.1.1), dipende
dalla rugosità del terreno e dall’esposizione al sole. Esso viene suddiviso secondo 4
classi di terreno e 2 settori di esposizione (vedi tabella 5).

Per terreni con caratteristiche intermedie rispetto a quelle delle classi indicate, i valori
di N possono essere stabiliti per interpolazione. Se la pendenza del terreno supera i 45°,
N deve essere determinato in modo abbastanza rigoroso; se invece la pendenza del
terreno è inferiore a 35°, per la determinazione di N può essere usato un metro legger-
mente meno severo. In presenza di coefficienti di slittamento elevati occorre sempre
valutare se un aumento artificiale della rugosità del terreno (terrazzamento, palifica-
zioni, ecc.) non risulti economicamente più vantaggioso rispetto alla messa in opera di
strutture rinforzate. La costruzione di rastrelliere da neve temporanee di tipo tradizio-
nale, le cui fondazioni a monte sono generalmente in grado di sopportare solo modeste
forze di trazione, richiedono sempre un aumento artificiale della rugosità del terreno.

3.10.6 Coefficiente d’altitudine

Il fattore d’altitudine fc non entra direttamente in gioco nella formula per il calcolo
della pressione della neve, ma è associato alla determinazione della densità. Esso
rappresenta l’aumento generalmente osservato della densità media in funzione
dell’altitudine Z (m s. m.) e tiene anche conto del corrispondente aumento del fattore di
scorrimento. Si ammette che l’aumento della pressione della neve in funzione
dell’altitudine fra 1500 e 3000 m s. m. è pari al 2 per cento ogni 100 m:

Z
fc = 1 + 0.02( − 15) (10)
100

Tab. 4 > Coefficiente d’altitudine in funzione dell’altitudine.


Ad altitudini inferiori a 1500 m s. m. si assume fc = 1.00, oltre i 3000 m s. m. fc = 1.30.

Z: m. s. m. 1500 1600 1800 2000 2200 2400 2600 2800 3000


f c: - 1.00 1.02 1.06 1.10 1.14 1.18 1.22 1.26 1.30
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 44

3.11 Condizioni di fondazione


Lo studio di un progetto comprende un esame approfondito delle condizioni di fonda-
zione. Esso sarà rivolto:

> alla struttura geologica del terreno di fondazione (profondità, tipo e fessurazione
della roccia, caratteristiche della sua copertura, condizioni di umidità e di gelo, pre-
senza di movimenti (soliflusso) in terreno sciolto, eventuali caratteristiche chimiche
e loro compatibilità con i materiali impiegati nella fondazione);
> alla determinazione della resistenza del terreno di fondazione (ad es. prove di resi-
stenza alla trazione con tiranti di prova);
> alla scelta del tipo di struttura: dal momento che i diversi tipi di strutture hanno
esigenze diverse per quanto riguarda le fondazioni, le condizioni del terreno devono
essere esaminate e tenute in considerazione prima della scelta del tipo di struttura
(ad es. prove di perforazione e di resistenza degli ancoraggi);
> al tipo di fondazione (tiranti, micropali oppure calcestruzzo o fondazioni prefabbri-
cate).

Tab. 5 > Classi di terreno e coefficienti di slittamento.

Classi di terreno Fattore di slittamento N

Esposizione Esposizione
ONO-N-ENE ENE-S-ONO

Classe 1
• Detrito grossolano (d* ≥ 30 cm) 1.2 1.3
• Terreno abbondantemente ricoperto da blocchi di roccia di piccole e grandi dimensioni

Classe 2
• Superfici ricoperte da cespugli di ontano ben sviluppati o da pini striscianti alti almeno 1 m 1.6 1.8
• Gibbosità molto ben sviluppate (altezza superiore a 50 cm), ricoperte da cotica erbosa o piccoli arbusti
• Berme provocate dal bestiame, ben pronunciate
• Ciottoli grossi (d* ca. 10–30 cm)

Classe 3
• Cotica erbosa a stelo breve, cosparsa di piccoli cespugli (erica, rododendri, mirtilli, ontani, pini striscianti,con 2.0 2.4
altezza inferiore a circa 1 m)
• Ciottoli di piccole dimensioni (d* ≤ 10 cm) alternati a cotica erbosa e piccoli cespugli
• Gibbosità poco sviluppate (altezza inferiore a 50 cm) ricoperte di cotica erbosa liscia e piccoli cespugli
• Cotica erbosa con berme provocate dal bestiame, poco pronunciate

Classe 4
• Cotica erbosa liscia, a stelo lungo, uniforme 2.6 3.2
• Lastre di roccia affioranti, lisce, con stratificazione parallela al pendio
• Detrito di falda liscio, mescolato con terra
• Conche paludose
d* è il diametro medio determinante dei blocchi per stabilire la rugosità del suolo.
4 > Descrizione generica degli effetti della pressione della neve 45

4 > Descrizione generica degli


effetti della pressione della neve

4.1 Generalità

Questo capitolo orienta, in modo generico, sulle forze che entrano in gioco. Il dimen-
sionamento delle strutture deve avvenire secondo le regole previste dal capitolo 5. La
pressione della neve agente sul piano verticale alla linea di massima pendenza è di
regola composta da una pressione causata dallo smorzamento locale

> del movimento di scorrimento (pressione di scorrimento) e


> dell’eventuale movimento di slittamento (pressione di slittamento).

4.2 Componente, parallela al pendio, della pressione della neve

La componente, parallela al pendio, della pressione di scorrimento e di slittamento su


una superficie di sostegno rigida, perpendicolare al pendio e di lunghezza illimitata
lungo la linea di livello è data dalla formula

H2
S'N = ρ ⋅ g ⋅ ⋅K ⋅N [kN/m'] (11)
2

S'N componente, parallela al pendio, della pressione della neve per unità di
lunghezza della superficie di sostegno (in direzione della linea di livello)
[kN/m']
ρ densità media della coltre nevosa (funzione dell’altitudine e dell’esposizione)
[t/m³]
g accelerazione di gravità terrestre (=10 m/s²)
H altezza della neve misurata verticalmente [m]
K coefficiente di scorrimento (funzione della pendenza del terreno ψ e della
densità ρ secondo la tabella 6)
N coefficiente di slittamento conformemente a 3.10.5

I valori numerici indicati nella tabella di cui sopra, moltiplicati per sen2ψ, danno i
valori approssimativi di K correlati ai diversi valori della densità.

S'N viene generalmente considerata come uniformemente ripartita sull’altezza (si tratta
di una semplificazione, dal momento che la ripartizione della pressione della neve è
assai complessa anche in presenza di una coltre nevosa omogenea).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 46

Tab. 6 > Coefficiente di scorrimento K in funzione della densità media della neve (ρ) e della pendenza
del terreno (ψ).

ρ [t/m³] 0.2 0.30 0.40 0.50 0.60


K/sin2ψ 0.7 0.76 0.83 0.92 1.05

4.3 Componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve

La componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve su una superficie


di sostegno rigida, perpendicolare al pendio, si manifesta quando, a contatto della
stessa, viene impedito l’assestamento (aderenza, rugosità). Si ha:

a
S'Q = S'N [kN/m'] (12)
N ⋅ tan ψ

a S'
= tan ε = Q (13)
N ⋅ tan ψ S'N

S'Q componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve per unità di
lunghezza della superficie di sostegno (in direzione della linea di livello)
[kN/m']
ε angolo compreso fra la risultante della pressione della neve (somma vettoriale
di S'N e S'Q) e la parallela al pendio [°]
a rapporto dipendente dalle caratteristiche della neve (variabile fra 0.2 e 0.5)

S'Q si considera, come S'N, uniformemente ripartita sull’altezza.


4 > Descrizione generica degli effetti della pressione della neve 47

4.4 Carico supplementare per parete di sostegno non perpendicolare al pendio

Se la superficie di sostegno non è perpendicolare al terreno, oltre alle componenti S'N e


S'Q si deve tener conto del peso G' del prisma di neve compreso fra la superficie di
sostegno e il piano perpendicolare al pendio. Se la superficie d’appoggio è inclinata
verso valle rispetto alla perpendicolare al pendio, questo piano passa attraverso
l’intersezione della superficie di sostegno con quella del terreno. In caso contrario (ad
es. staccionata), con inclinazione a monte, il piano passa attraverso il bordo superiore
della superficie di sostegno.

Per una superficie di sostegno piana si ha (cfr. fig. 16):

D2
G' = ρ ⋅ g ⋅ ⋅ tan δ [kN/m'] (14)
2

G' peso del prisma di neve per unità di lunghezza (in direzione della linea di
livello, agente in senso verticale) [kN/m']
D spessore della coltre nevosa misurato perpendicolarmente al pendio [m]
δ angolo compreso fra la superficie di sostegno e la perpendicolare al pendio [°]
G'N, G'Q componente di G' parallela e perpendicolare al pendio [kN/m']]
ρ densità media della coltre nevosa [t/m³]

Fig. 16 > Carico supplementare per superficie di sostegno non perpendicolare al pendio.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 48

4.5 Forze di bordo

Se lungo la linea di livello l’espansione laterale della superficie di sostegno è interrotta,


subentrano forze di bordo supplementari. Ciò poiché la neve può fluire a lato della
superficie e l’effetto di sbarramento si manifesta anche oltre l’estremità della struttura.
Queste forze dipendono dai fattori che determinano la pressione della neve su una
struttura di lunghezza illimitata, in particolare dal coefficiente di slittamento, nonché
dalle dimensioni, dalla forma e dalla rugosità della superficie della griglia. Il principio
della ripartizione delle pressioni della neve è riportato nella figura 17. Per semplificare
il calcolo pratico si assume un carico costante per metro lineare S'R, equivalente alle
forze di bordo e applicato su una lunghezza Δl (cfr. 5.5.2.4).

Il coefficiente di influenza η di una struttura di sostegno o di un elemento slanciato (in


rapporto alle pressioni sopportate) è definito come il rapporto fra la pressione effettiva
della neve, comprese le forze di bordo, e la pressione della neve senza forze di bordo.

Fig. 17 > Ripartizione della pressione della neve su una superficie d’appoggio interrotta lateralmente.

Ipotesi di calcolo

Ripartizione effettiva
4 > Descrizione generica degli effetti della pressione della neve 49

4.6 Pressione della neve sugli elementi slanciati di una struttura di sostegno

4.6.1 Pressione della neve agente sui puntoni

A causa dell’aderenza della coltre nevosa presente sotto la griglia, i puntoni delle
strutture rigide e delle reti sono soggetti a pressioni della neve dirette verso valle (cfr.
fig. 18). La grandezza di queste forze dipende in forte misura dal fattore d’influenza η
del puntone. In presenza di un marcato slittamento della coltre nevosa il fattore di
influenza aumenta. La pressione della neve sui puntoni può essere assunta come un
carico lineare q’S uniformemente ripartito:

diametro del puntone


q'S = η ⋅ S'N ⋅ ⋅ sin α [kN/m'] (15)
lunghezza del puntone

q's pressione della neve agente sul puntone come carico lineare; la direzione di q's
è perpendicolare all’asse del puntone (diretta solo verso valle se il puntone non
può ruotare attorno al suo asse). La linea di applicazione corrisponde con
l’asse del puntone [kN/m']
η coefficiente d’influenza del puntone
S'N componente, parallela al pendio, della pressione della neve per unità di lun-
ghezza della superficie d’appoggio [kN/m'], formula (11)
- diametro e lunghezza del puntone [m]
α angolo tra l’asse del puntone e la superficie del suolo in [°]

Fig. 18 > Pressione della neve q’S sul puntone di una rete da neve.

q' S
Puntone pendolare
S' N

Rete
L u p un
de
ng

α
l

Diametro del puntone


he one
zza
t
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 50

Come valore del coefficiente d’influenza si ammette η = 1. In presenza di movimenti


di scorrimento molto pronunciati, detto valore può aumentare fino a 5. In zone con
scarso slittamento (N <1.6 o se sono stati intrapresi efficaci provvedimenti contro lo
slittamento) le forze trasversali sono generalmente trascurabili.

4.6.2 Pressione della neve sulle funi in fili d’acciaio o barre

In presenza di funi in fili d’acciaio o barre soggette alla pressione della neve (ad es.
controventi laterali) bisogna prevedere degli effetti di bordo molto elevati. Questi
dipendono da tutti i fattori che determinano la pressione della neve sulle strutture di
lunghezza illimitata e inoltre dal diametro delle funi o delle barre, dalla loro posizione
in rapporto alla zona di sbarramento generata dalla struttura di sostegno e, in misura
rilevante, dal coefficiente di slittamento. La pressione della neve può essere determina-
ta in modo approssimativo con la formula (15) nella quale, al coefficiente d’influenza η
, occorre assegnare un valore più alto. La determinazione del valore del coefficiente
d’influenza η può avvenire unicamente sulla base di una stima molto grossolana. Come
ordine di grandezza, con uno spessore della coltre nevosa di 2 m, il valore del citato
coefficiente per una fune avente 1 cm di diametro è di circa 50.

4.7 Forze laterali

A seguito delle irregolarità del terreno e della ripartizione dell’altezza della neve, la
risultante di tutte le forze agenti sulla superficie di sostegno secondo i capitoli da 4.2 a
4.4, in planimetria, non è sempre perpendicolare alla superficie di sostegno (cfr. condi-
zioni a 3.4.4). Si deve quindi considerare una forza laterale Ss parallela alla linea di
livello (5.5.6). A questo punto occorre far notare che nel settore d’influenza delle forze
di bordo si deve prevedere un aumento delle forze laterali.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 51

5 > Dimensionamento delle


strutture di sostegno composte

5.1 Materiali da costruzione

5.1.1 Acciaio

5.1.1.1 Classi di qualità dell’acciaio

Per la scelta delle classi di qualità dell’acciaio valgono i requisiti stabiliti dalla norma
SIA 263 per il settore d’impiego A2 (ad es. edilizia). Secondo la tabella 18, pagina 81,
della norma SIA 263 (edizione 2003) deve essere impiegata la classe JR o, tutt’al più,
una classe superiore.

5.1.1.2 Sicurezza contro la rottura fragile

Tipi particolari di costruzioni, elementi sensibili alle tecniche di saldatura, lamiere di


grande spessore, deformazioni plastiche a freddo, tensioni interne, ecc. esigono una
scelta di classi di qualità dell’acciaio aventi una sufficiente sicurezza contro la rottura
fragile.

5.1.2 Legname

5.1.2.1 Classificazione del legname

Per la classificazione del legname valgono le disposizioni della norma SIA 265/1,
capitolo 5, «Classificazione del legname tondo e segato».

5.1.2.2 Resistenza delle specie legnose

La durabilità di una struttura di sostegno può essere notevolmente aumentata con la


scelta di specie legnose resistenti al marciume, come ad esempio il castagno, la quercia
e la robinia. Anche con il durame del larice, notoriamente meno resistente, è possibile
raggiungere, a seconda delle condizioni del sito, una durabilità di almeno 10 anni.
L’alburno di questa specie legnosa è invece altrettanto soggetto al marciume quanto il
legno di abete rosso e bianco, duglasia, faggio e frassino.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 52

5.1.2.3 Protezione chimico-tecnica del legno

L’impregnazione industriale del legno di abete rosso, abete bianco e pino silvestre
con una penetrazione minima di 15 mm del prodotto preservante viene ottenuta con il
cosiddetto metodo a pressione alternata. Un trattamento meccanico preliminare (ad es.
la perforazione) o una protezione supplementare nella zona di contatto fra terreno e aria
(in uso per i pali del telefono) aumenta in modo considerevole la durabilità dei puntoni
e del legname della griglia (vedi ad es. AES/SWISSCOM, 1999 Richtlinie für die
Anwendung des Bohrverfahrens als mechanische Vorbehandlung von Leitungsmasten.
VSE Nr. 2.59. Verband Schweizerischer Elektrizitätswerke (AES), Zurigo). A questo
punto occorre far notare che le vigenti norme legali in materia di sostanze velenose e di
protezione dell’ambiente prescrivono l’impiego di sostanze inoffensive per l’uomo e
l’ambiente. Se si impiega legname impregnato occorre assolutamente che questo sia
accompagnato dal marchio di qualità LIGNUM «Legname impregnato sotto pressio-
ne», che garantisce la presenza del quantitativo di prodotto previsto. L’ordinanza
contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) prescrive che l’eliminazione del legname
impregnato sotto pressione può avvenire unicamente presso un impianto adeguato
(centrale per l’incenerimento dei rifiuti o fabbrica di cemento). Per motivi tecnici ed
ecologici l’impregnazione fatta in proprio è sconsigliata. Senza autorizzazione dei
servizi tecnici cantonali non è autorizzata (ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti
ai prodotti chimici, ORRPChim, 2005).

La costruzione di opere di premunizione con elementi non impregnati deve avvenire


unicamente con legname di castagno, robinia o quercia. Se si ritiene sufficiente una
durabilità inferiore ai 20 anni può entrare in considerazione anche il larice (senza
albume) proveniente da stazioni a crescita lenta.

5.1.3 Altri materiali

Se si utilizzano altri materiali quali funi in fili d’acciaio, metalli leggeri, calcestruzzo,
materie sintetiche, ecc., occorre specificare con precisione le loro caratteristiche di
resistenza e di deformazione.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 53

5.2 Analisi strutturale e dimensionamento

5.2.1 Principi generali

5.2.1.1 Verifiche

In deroga alle norme SIA occorre verificare unicamente la sicurezza strutturale in


base alle ipotesi di carico della presente direttiva tecnica. La verifica dell’efficienza
funzionale non è richiesta.

La durabilità dei materiali impiegati deve essere garantita per tutta la durata
d’utilizzazione prevista.

5.2.1.2 Azioni

I valori delle azioni derivanti dalla pressione della neve calcolati secondo la direttiva
tecnica sono valori caratteristici.

5.2.2 Verifica della sicurezza strutturale della struttura portante e della griglia

5.2.2.1 Criterio di dimensionamento

Le ipotesi di carico della presente direttiva tecnica sono da considerare come azioni
variabili Qk. Per la verifica della sicurezza strutturale il coefficiente di carico γQ è pari
a 1.5. Lo stato limite della sicurezza strutturale è da considerare verificato se risulta
soddisfatto il seguente criterio di dimensionamento:

Ed ≤ Rd (16)

Ed = γQ · Qk: valore di dimensionamento dell’effetto dell’azione (sollecitazione), dove


Qk è il valore caratteristico dell’azione variabile (ad es. la pressione della
neve) e γQ =1.5 è il coefficiente di carico;
Rd = Rk / γM: valore di dimensionamento della resistenza ultima, dove Rk è il valore
caratteristico della resistenza ultima (ad es. profilato d’acciaio) e γM è il
coefficiente di resistenza.

5.2.2.2 Valori di dimensionamento della resistenza ultima dell’acciaio

Il valore di dimensionamento della resistenza ultima Rd dell’acciaio è calcolato secon-


do la norma SIA 263. Di regola, valgono i seguenti coefficienti di resistenza:

> γM1=1.05 per la verifica della resistenza e della stabilità


> γM2=1.25 per i mezzi di congiunzione e le verifiche nella sezione netta
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 54

5.2.2.3 Valori di dimensionamento della resistenza ultima per il legno

Per il legno valgono i valori di dimensionamento relativi alla resistenza fd previsti


dalla norma SIA 265. Per il dimensionamento della struttura portante questi valori
devono essere ridotti applicando un coefficiente d’umidità del legno ηw pari a 0.7. Per
il dimensionamento del legname della griglia le resistenze previste non devono invece
essere ridotte. Questi elementi, facilmente sostituibili, possiedono perciò una sicurezza
contro la rottura leggermente inferiore a quella degli elementi della struttura portante.

5.2.2.4 Valori di dimensionamento della resistenza ultima per le funi in fili d’acciaio

Per le funi in fili d’acciaio il valore di dimensionamento della resistenza ultima Rd


deve essere determinato applicando al carico di rottura minimo un coefficiente di
resistenza γM pari a 1.35.

5.2.2.5 Valori di dimensionamento della resistenza ultima per gli altri materiali da
costruzione

Per gli altri materiali da costruzione, conformemente a quanto previsto dal capitolo
5.1.3, il valore di dimensionamento della resistenza ultima deve essere determinato di
volta in volta in collaborazione con un tecnico competente.

5.2.3 Verifica della sicurezza strutturale della fondazione

5.2.3.1 Criterio di dimensionamento

Anche lo stato limite della sicurezza strutturale della fondazione viene verificato
secondo la formula (16). Per tutti i carichi (azioni continue e variabili) viene considera-
to, per semplicità, un coefficiente unitario di carico γQ = γG,sup = 1.5. A questo modo,
per le azioni permanenti (ad es. peso del terreno ), viene introdotto un coefficiente di
carico superiore a quello previsto dalla norma SIA 261.

5.2.3.2 Sicurezza strutturale interna

La sicurezza strutturale interna della fondazione viene verificata con lo stesso


procedimento della struttura portante. Il valore di dimensionamento della resistenza
ultima interna Rd delle fondazioni prefabbricate in acciaio, dei tiranti e dei micropali
deve essere determinato con un coefficiente unitario di resistenza γM pari a 1.05.

5.2.3.3 Sicurezza strutturale esterna

La sicurezza strutturale esterna della fondazione viene verificata con un procedimen-


to semplificato rispetto a quello proposto dalla norma SIA 267. La resistenza del
terreno di fondazione Rk viene determinata sulla base di valori caratteristici sia per
quanto riguarda i parametri geotecnici sia per quanto riguarda le resistenze del terreno.
Il valore di dimensionamento della sicurezza strutturale esterna Rd viene determinato
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 55

con un coefficiente unitario di resistenza γM = 1.35 sia per le fondazioni superficiali che
per i tiranti e i micropali.

Per evitare velocità di deformazione troppo elevate occorre prevedere un fattore di


sicurezza pari a 1.5.

5.2.4 Indicazioni per il dimensionamento e la costruzione di strutture in acciaio

5.2.4.1 Determinazione degli sforzi interni

Per la verifica della sicurezza strutturale gli sforzi interni devono essere determinati
con la teoria elastica. Le strutture devono presentare un appoggio staticamente defini-
to.

5.2.4.2 Indicazioni generiche relative alla protezione contro la corrosione

La sovrastruttura, in generale, non richiede una protezione contro la corrosione. Un


maggior spessore degli elementi a compenso della corrosione non è quindi necessario.
È tuttavia indispensabile dedicare la massima attenzione alla ricerca di dettagli costrut-
tivi atti ad eliminare le possibilità di corrosione (ad es. facilitando lo scolo dell’acqua).

5.2.4.3 Protezione contro la corrosione nel terreno e nelle sue vicinanze

Gli elementi non sostituibili vicini al terreno (vale a dire fino a 40 cm al di sopra del
suolo), come ad esempio i tiranti e gli elementi della fondazione a contatto con il suolo
devono essere protetti contro la corrosione. Ciò può essere attuato mediante un sup-
plemento di spessore «a compenso della ruggine» pari a 2 mm per ciascuna delle
superfici esterne. La zincatura delle barre d’ancoraggio non è consigliabile.

In terreni molto aggressivi e/o soggetti agli effetti di correnti vaganti critiche i tiranti
devono essere provvisti di una protezione contro la ruggine della classe 2, come
previsto dalla norma SIA 267 (messa in opera di un tubo supplementare in materia
sintetica).

5.2.4.4 Nota per i costruttori

Per quanto riguarda la forma costruttiva occorre tener presente che, secondo il tipo
d’acciaio utilizzato, nelle zone di saldatura e di sovrapposizione sono da prevedere
importanti segni di corrosione.

5.2.4.5 Requisiti per i profilati della griglia

Per i profilati della griglia non è consentito utilizzare materiale avente uno spessore
inferiore a 5 mm. Questi profilati possono inoltre essere sottoposti alla prova di
resilienza utilizzando un’energia d’urto pari a 3.5 kN. In questo caso la riduzione del
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 56

momento d’inerzia non può superare il 15 per cento. Questa prescrizione non vale per
la struttura portante.

5.2.4.6 Spessore delle pareti dei profilati dei puntoni

Al fine di evitare danni durante il trasporto, le pareti dei profilati cavi devono avere
uno spessore di almeno 4 mm.

5.2.5 Indicazioni per il dimensionamento e la realizzazione di costruzioni in legno

5.2.5.1 Principi generali

Per mezzo di un’approfondita elaborazione dei dettagli costruttivi è possibile prolunga-


re notevolmente la durabilità degli elementi che non vengono a contatto con il terreno.
Queste misure devono in primo luogo impedire la penetrazione e il ristagno dell’acqua
meteorica e/o favorire un rapido essicamento. Occorre quindi provvedere affinché
l’acqua possa sempre scolare senza impedimenti. Per questo motivo, per le opere di
sostegno in legno, è più vantaggiosa la griglia della rastrelliera che non quella del ponte
da neve.

5.2.5.2 Accorgimenti costruttivi per la protezione del legno

Gli accorgimenti costruttivi per la protezione del legno assumono una grande impor-
tanza. Le prescrizioni che seguono devono essere osservate in ogni caso:

> impiegare unicamente legname sano;


> evitare diametri inutilmente grossi al fine di raggiungere un più veloce essiccamen-
to;
> prevedere una posizione ritta o per lo meno inclinata degli elementi;
> coprire gli elementi orizzontali (ad es. le longarine);
> per la struttura portante (puntoni, longarine) occorre impiegare specie legnose che
garantiscono la massima durabilità. Per le longarine orizzontali dovrebbe essere im-
piegato unicamente legname di castagno, anche se gli altri elementi della costruzio-
ne sono realizzati con altre specie legnose (ad es. larice o abete rosso impregnato).

Le misure di cui sopra non sostituiscono tuttavia l’impregnazione del legname con
prodotti adeguati e non consentono di soprassedere all’impiego di durami resistenti.
Ciò vale specialmente per gli elementi a contatto con il terreno.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 57

5.2.6 Indicazioni per il dimensionamento e la realizzazione di costruzioni con funi in fili d’acciaio

5.2.6.1 Deviazione

Nel caso di appoggi intermedi le funi in fili d’acciaio devono essere sostenute e guidate
da segmenti circolari aventi un raggio minimo pari a 2.5 volte il diametro della fune.
Per angoli di deviazione inferiori a 5° non sussistono limitazioni per il raggio. La
pressione trasversale (carico lineare) nella zona d’appoggio non può superare il valore
di 1 kN/mm’.

5.2.6.2 Congiunzioni

Le congiunzioni mediante morsetti, asole e radance devono essere eseguite conforme-


mente alle rispettive norme EN e DIN.

5.2.6.3 Funi in fili d’acciaio

I fili d’acciaio di funi e reti sostituibili devono avere una zincatura della classe B
secondo EN 10264, o una zincatura normale secondo DIN 2078, oppure devono essere
dotati di un’equivalente protezione contro la corrosione.

5.2.6.4 Tiranti a fune

Per elementi a trazione in fune di fili d’acciaio devono essere impiegate funi spiroidali.
Per i fili d’acciaio è richiesta una zincatura della classe A secondo EN 10264, o una
zincatura forte secondo DIN 2078. La testa del tirante a fune deve inoltre essere protet-
ta da un tubo in acciaio chiuso e annegato nella malta d’ancoraggio oppure da
un’equivalente protezione contro la corrosione.

Per ancoraggi a fune in terreni particolarmente aggressivi e /o soggetti agli effetti di


correnti vaganti critiche occorre prevedere una protezione contro la corrosione della
classe 2, come previsto dalla norma SIA 267 (messa in opera di un tubo supplementare
di rivestimento in materiale sintetico).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 58

5.3 Forma costruttiva

5.3.1 Generalità

In linea di principio, la scelta della forma costruttiva della struttura portante è libera.
Ciò riguarda la geometria (inclinazione e punto d’appoggio dei puntoni, angolo con il
terreno, lunghezza delle campate, ecc.). Occorre tuttavia tener presente che le soluzioni
ottimali non si raggiungono tenendo in considerazione unicamente le forze esterne e la
pendenza del terreno: una grande importanza assumono, infatti, le caratteristiche delle
fondazioni e il procedimento di montaggio. A questo proposito si osserva che, in pre-
senza di una pendenza del terreno variabile, la sicurezza pressoché costante per tutti gli
elementi (comprese le fondazioni) è garantita quando il valore degli angoli del triango-
lo formato dalla griglia, dal puntone e dalla superficie del terreno rimane costante.

5.3.2 Inclinazione della superficie di sostegno rispetto alla perpendicolare al pendio

5.3.2.1 Superficie di sostegno rigida

Per superfici di sostegno rigide si consiglia un’inclinazione a valle di circa δ = 15°


rispetto alla perpendicolare al pendio (fig. 16).

5.3.2.2 Superfici di sostegno flessibili

Per superfici di sostegno flessibili si adotta un angolo di circa 30° riferito al piano che
collega la base e i punti superiori di sospensione della rete.

5.3.2.3 Terreni ripidi

In terreni molto ripidi i valori dell’angolo δ devono essere leggermente più bassi
rispetto a quelli riportati nei capitoli 5.3.2.1 e 5.3.2.2. Ciò per evitare che la griglia
risulti troppo piana.

5.4 Esecuzione e manutenzione delle opere

5.4.1 Esecuzione

5.4.1.1 Materiali e dimensioni

I materiali impiegati e tutte le dimensioni devono corrispondere a quanto riportato dai


piani approvati in sede di omologazione.

5.4.1.2 Durata di utilizzazione

La durata di utilizzazione prevista per le strutture di sostegno permanenti è di 80 anni.


5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 59

5.4.2 Manutenzione

5.4.2.1 Controllo annuale

Le opere necessitano, di regola, di un controllo visivo annuale.

5.4.2.2 Controllo periodico

Lo stato di manutenzione delle strutture di sostegno deve essere verificato dopo ogni
importante sollecitazione o almeno ad intervalli di 3–5 anni. Gli elementi critici (ad es.
i collegamenti fra ancoraggi e sovrastruttura) devono essere ispezionati accuratamente.

5.4.2.3 Valutazione dello stato di manutenzione e pianificazione degli interventi

I danni rilevati sono da analizzare come indicato nella tabella 7 e, se necessario, da


eliminare entro un tempo utile.

Tab. 7 > Analisi dello stato di manutenzione delle opere di sostegno.

Valutazione della Conseguenze per la sicurezza Orizzonte tempo- Conseguenze per Esempi
necessità di intervento strutturale (raggiungimento della rale per l’insor- l’efficienza funziona-
e dell’urgenza di resistenza ultima o perdita della gere di danni le delle strutture di
riparazione stabilità generale della struttura di ulteriori sostegno
sostegno)

Grado di manutenzione 1 «buono»


Nessuna urgenza: Limitate > 5 anni Nessun pregiudizio • Traverse della griglia piegate
Continuare le ispezioni • Erosione attorno al plinto di fondazione
di controllo < 10–20 cm
• Deposito di materiale sulla griglia con spessore
< 50 cm
• Corrosione (ruggine) regolare

Grado di manutenzione 2 «difettoso»


Urgenza media Medie 2–5 anni Ancora nessun • Puntoni leggermente ricurvi
Ripristino in 1–3 anni pregiudizio • Morsetti serracavo spostati
• Micropali sprofondati
• Ancoraggi (ancora intatti) sporgenti dal terreno
su una lunghezza superiore a 20–40 cm

Grado di manutenzione 3 «insufficiente»


Grande urgenza: Elevate 1 anno Pregiudizio molto • Puntoni piegati
ripristino immediato, o Pericolo di cedimento strutturale forte. Funzione di • Montanti molto deformati o rotti
sostituzione o rifac- sostegno non più • Tiranti rotti o strappati
mento prima del garantita o molto • Micropali deformati
prossimo inverno. limitata • Funi metalliche rotte
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 60

5.5 Azioni sulla struttura portante

5.5.1 Generalità

Se si assume HK> Hex, per il dimensionamento è sempre determinante Hk (cfr. 3.6.2).

5.5.2 Pressione della neve, modello di carico 1

5.5.2.1 Componente, parallela al pendio, della pressione della neve

Il modello di carico 1 considera l’innevamento completo della struttura con altezza


della neve Hk. La componente, parallela al pendio, della pressione della neve nel
settore esente da forze di bordo è data dalla formula:

S'N = HK2 ⋅ N ⋅ fc [kN/m'] (17)

HK altezza della struttura misurata verticalmente in [m]


N coefficiente di slittamento conformemente a 3.10.5
fc coefficiente d’altitudine conformemente a 3.10.6

La formula (17) deriva dalla formula (11), dove per la densità media della neve è stato
assunto il valore relativamente basso ρH = 0.270 t/m³, valido per un’altitudine di base di
1500 m s. m. e per un’esposizione ONO-N-ENE. Inoltre sono stati introdotti K = 0.74 e
2senψ = 1.00 (cfr. 4.2), che sono valori validi per una pendenza di 45°.

5.5.2.2 Componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve

La componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve diventa:

a
S'Q = S'N [kN/m'] (18)
N ⋅ tan ψ

a S'
= tan ε = Q (19)
N ⋅ tan ψ S'N

dove, di volta in volta, bisogna tenere in considerazione il caso più sfavorevole, ponen-
do a = 0.35 oppure a = 0.50.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 61

5.5.2.3 Carico supplementare per parete di sostegno non perpendicolare al pendio

La forza del peso verticale del prisma di neve per una griglia piana, considerando una
densità media leggermente superiore nella zona di contatto con la superficie
d’appoggio, è:

G' = 1.50 ⋅ D K2 ⋅ tan δ


[kN/m'] (20)

DK altezza utile della griglia in [m], dove DK = HK · cos ψ


δ angolo compreso fra la superficie di sostegno e la perpendicolare al pendio

5.5.2.4 Forze di bordo

Le forze di bordo S'R vengono considerate come carichi supplementari al metro lineare
paralleli al pendio e con lunghezza d’applicazione Δl (non vengono considerate ulterio-
ri forze perpendicolari al pendio). Cfr. fig. 20.

S'R = fR ⋅ S'N [kN/m'] (21)

con il coefficiente di bordo fR uguale a:

A
fR = (0.92 + 0.65 ⋅ N) ≤ (1.00 + 1.25 ⋅ N) (22)
2

N coefficiente di slittamento conformemente a 3.10.5


A distanza laterale fra le strutture in [m]

II valore limite superiore a destra nella formula (22) vale per una struttura libera (A > 2
m) e non può essere superato (fig. 19).

A DK
Δl = 0.60 ⋅ ≤ [m] (23)
2 3

Δl lunghezza d’applicazione di S'R in [m]


DK altezza utile della griglia, o della rete in [m]

Il valore limite superiore a destra nella formula (23) vale per una struttura libera (A > 2
m) e non può essere superato (fig. 19).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 62

Esempi:

I valori di volta in volta determinanti (sottolineati) di fR e Δl derivano dalle formule


(22) e (23):

Calcolo del coefficiente di bordo fR con la formula (22).


A
N = 2.4 A=2m fR = (0.92 + 0.65 ⋅ N) = 2.48
2
fR ≤ 1.00 + 1.25 ⋅ N = 4.00

A
N = 2.4 A=4m fR = (0.92 + 0.65 ⋅ N) = 4.96
2
fR ≤ 1.00 + 1.25 ⋅ N = 4.00

Calcolo della lunghezza d’applicazione Δl della forza di bordo con la formula (23).
A
A=2m DK = 4 m Δl = 0.6 = 0.60m
2
DK
Δl ≤ = 1.33m
3

A
A=2m DK = 1.5 m Δl = 0.6 = 0.60m
2
DK
Δl ≤ = 0.50m
3

Fig. 19 > Fattore di bordo secondo la formula 22. Fig. 20 > Distribuzione delle forze di bordo nel caso di un’estremità libera
di una struttura (campo finale della struttura) e nel caso di una distanza fra le
strutture pari a 2 m (campo di bordo).
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 63

Per opere vicine, leggermente dislocate lungo la linea di massima pendenza (cfr. 3.8.1),
si applicano forze di bordo uguali a quelle agenti su una struttura non dislocata.

In casi particolari, malgrado una sollecitazione differenziata delle due estremità di una
struttura, si consiglia una costruzione simmetrica, dimensionata in funzione delle
forze di bordo più elevate. Ciò vale in particolare per filari di strutture aventi una
lunghezza ridotta e ubicate lungo l’orlo libero (non protetto) di una zona premunita nel
caso in cui occorra prendere in considerazione un serio pericolo derivante da azioni
dinamiche.

5.5.2.5 Grandezza della risultante

La grandezza della risultante R' si ottiene dall’addizione vettoriale delle somme delle
componenti parallele e perpendicolari al pendio conformemente ai capitoli 5.5.2.1,
5.5.2.2, 5.5.2.3 e 5.5.2.4 (fig. 20 e 21).

Per una parete di lunghezza illimitata si ha:

R'N = S'N + G'N (24)

R'Q = S'Q + G'Q (25)

R' = R'N2 +R'Q


2
[kN/m'] (26)

Entro la lunghezza d’applicazione delle forze di bordo, alle componenti parallele al


pendio S'N e G'N occorre ancora aggiungere la forza di bordo S'R.

R'N = S'N + S'R + G'N (27)

Fig. 21 > Risultante della pressione della neve.


Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 64

5.5.2.6 Direzione della risultante

La direzione della risultante (nel piano perpendicolare alla linea di livello) si ottiene
con la formula

R'Q
tan εR = (28)
R'N

dove εR è l’angolo compreso fra la risultante e la parallela al pendio (entro la lunghezza


d’applicazione delle forze di bordo, R' ha un’inclinazione diversa rispetto a quella che
ha nella zona non soggetta a tali effetti. Nella verifica della sicurezza strutturale della
struttura portante la direzione della risultante deve essere determinata proporzional-
mente, in funzione delle relative superfici di applicazione).

5.5.2.7 Punto di applicazione della risultante

Il punto d’applicazione della risultante può essere ipotizzato a metà altezza della
struttura.

5.5.3 Pressione della neve, modello di carico 2

5.5.3.1 Definizione

Il modello di carico 2 considera l’innevamento parziale dell’opera con un’altezza della


neve h pari a

h = 0.77 ⋅ HK [m] (29)

e una risultante R' avente grandezza e direzione uguali a quelle del modello di carico 1
(fig. 22).

5.5.3.2 Particolarità

Rispetto al modello di carico 1, il modello 2 è caratterizzato dalle seguenti particolari-


tà:

> il punto di applicazione della risultante viene a trovarsi più in basso, esattamente ad
un’altezza h/2 = 0.385 HK e
> la pressione specifica della neve [kN/m²] è maggiore (aumento dato dal fattore
1/0.77 = 1.3).

5.5.3.3 Forze di bordo

I fattori di bordo fR e le lunghezze di applicazione Δl vengono ipotizzate uguali per


entrambi i modelli di carico.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 65

Fig. 22 > Punti di applicazione nei due modelli di calcolo della risultante e distribuzione della pressione
specifica della neve.

Modello di carico 2
Modello di carico 1

5.5.3.4 Nota

Le caratteristiche della neve assunte per il modello di carico 2 derivano dal modello di
carico 1 tenendo conto dell’assestamento e di un ulteriore apporto di neve. La densità
media così aumentata assume il valore ρh = 0.400 t/m³, valido per un’altitudine di base
di 1500 m s. m. e per un’esposizione ONO-N-ENE. Si tenga presente che, in questo
modo, ρh · h > ρH HK.

5.5.4 Forze trasversali sui puntoni

La pressione della coltre nevosa che aderisce ai puntoni delle strutture rigide e delle
reti comporta l’insorgere di forze trasversali. Queste sono relativamente piccole e
vengono ipotizzate come carico lineare uniformemente ripartito q'S , il cui valore risulta
dall’espressione (cfr. fig. 18):

diametro del puntone


q'S = η ⋅ S'N ⋅ ⋅ sin α [kN/m'] (30)
lunghezza del puntone

η coefficiente di influenza, che dipende in particolare dal coefficiente di slitta-


mento e che può essere ritenuto pari a 1.0. Nei luoghi in cui lo slittamento è
particolarmente elevato occorre considerare coefficienti d’influenza più elevati
(cfr. 4.6.1)
HK altezza della struttura in [m]
– diametro e lunghezza del puntone in [m]
α angolo tra l’asse del puntone e la superficie del terreno in [°]
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 66

La direzione di q's è perpendicolare all’asse del puntone. La linea di applicazione


coincide con l’asse del puntone.

5.5.5 Peso proprio

Se i pesi propri delle costruzioni sono importanti devono essere tenuti in considerazio-
ne per il dimensionamento.

5.5.6 Forze laterali

Per ottenere una sufficiente rigidità laterale delle strutture va tenuto conto della forza
laterale Ss, parallela alla linea di livello e agente da entrambe le parti (cfr. 4.7). Se nel
campo di bordo o nel campo finale della struttura la risultante della pressione della
neve, in planimetria, non agisce perpendicolarmente alla parete di sostegno (ed es.
negli avvallamenti), la forza laterale SS deve essere moltiplicata per il coefficiente di
bordo fR.

Per ogni singola struttura avente lunghezza l si ha:

SS = 0.10 ⋅ S'N ⋅ l
[kN] (31)

Il punto di applicazione viene ipotizzato a metà altezza della struttura (carico unifor-
memente ripartito sull’altezza).

Occorre prevedere un’adeguata trasmissione di questo carico dalla griglia (o rete) alla
struttura portante e alle fondazioni.

Per fondazioni con tiranti e micropali si rimanda ai capitoli 5.9.7.1.4, 5.9.7.2.1,


5.9.7.3.2 e 5.9.7.3.3.

5.5.7 Forze ascendenti

Le strutture di sostegno possono essere sollecitate da pressioni esercitate dal vento


dirette verso monte. È necessario prevedere una sufficiente trasmissione di queste forze
dalla struttura portante alle fondazioni e al terreno. Le pressioni esercitate dal vento
devono essere determinate conformemente alla norma SIA 261, capitolo 6 «Vento».
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 67

5.6 Azioni sulla griglia

5.6.1 Azioni perpendicolari al piano della griglia

5.6.1.1 Principio

In natura la distribuzione della pressione sulla superficie di sostegno è spesso irregola-


re: ciò costringe ad ipotesi più severe per quanto riguarda il carico specifico agente
sugli elementi della griglia.

5.6.1.2 Carico specifico

Per entrambi i modelli di carico si dovrà assumere quale carico base la pressione
specifica della neve derivante dal modello di calcolo 2. Conformemente alla figura
23, per una griglia piana si ha:
P' = R'· cos(δ-εR) [kN/m'] (32)
P' componente di R' (formula 26) perpendicolare alla griglia
εR angolo compreso fra R' e la parallela al pendio, da calcolare conformemente a
5.5.2.6 con a = 0.35

La pressione specifica ph perpendicolare alla griglia diventa quindi


P'⋅ cos δ P'
ph = = [kN/m²] (33)
0.77 ⋅ D k 0.77 ⋅ BK
(aumentata entro la lunghezza d’applicazione delle forze di bordo)

Il carico lineare agente perpendicolarmente su una traversa avente una larghezza di ca-
rico b (= larghezza della traversa + parte dello spazio intermedio adiacente) ammonta a:
p'B = ph'·b [kN/m'] (34)
Fig. 23 > Carico perpendicolare alla griglia.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 68

5.6.1.3 Supplemento

Al carico specifico di cui al capitolo 5.6.1.2 si deve aggiungere, a partire dalla superfi-
cie del terreno fino ad ¼ dell’altezza della griglia e per tutta la lunghezza della struttu-
ra, un supplemento pari al 25 per cento della pressione specifica della neve ph agente
al di fuori della lunghezza di applicazione delle forze di bordo (fig. 24).

5.6.1.4 Forze di bordo e modelli di carico

Per le griglie che possono essere sollecitate da forze di bordo ( 4.5) valgono due mo-
delli di carico determinanti (fig. 25):

> modelli di carico con le forze di bordo S'R calcolate secondo 5.5.2.4
> modelli di carico senza forze di bordo S'R

5.6.2 Azioni parallele al piano della griglia (forze trasversali)

Le forze trasversali da tenere in considerazione dipendono dalla conformazione della


griglia, quindi dal tipo di struttura. Per questo motivo verranno trattate unitamente alle
particolarità dei singoli tipi di strutture.

Fig. 24 > Modello di carico 1 per la griglia. Fig. 25 > Modello di carico con e senza forze di bordo.

Con forze di bordo Senza forze di bordo


5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 69

5.7 Esecuzione e dimensionamento della struttura portante

5.7.1 Generalità

5.7.1.1 Principio

Per il dimensionamento della struttura portante fanno stato le azioni e i modelli di


carico di cui ai capitoli 5.5.2, 5.5.3, 5.5.4, 5.5.5 e 5.5.6. Se necessario devono essere
presi in considerazione anche i modelli di carico con e senza forze di bordo S'R trattati
nel capitolo 5.6.1.4.

5.7.1.2 Distanza fra gli appoggi

Per gli elementi della costruzione collegati rigidamente con la fondazione di monte, la
distanza fra gli appoggi si estende verso il basso fino al punto B, da considerare come
cerniera (cfr. 5.9.5.3.1 e 5.9.6.3). L’elemento strutturale compreso fra la superficie del
terreno e la cerniera B può essere considerato come non soggetto a sollecitazioni.

5.7.1.3 Struttura singola determinante

Per il dimensionamento della struttura portante è di regola determinante la struttura


singola con una distanza orizzontale fra le opere A = 2.0 m.

5.7.2 Dimensionamento dei puntoni

5.7.2.1 Forze trasversali

Nel dimensionamento dei puntoni delle strutture portanti rigide e flessibili, oltre alla
forza di compressione centrica con linea d’azione sull’asse del puntone, occorre consi-
derare anche la forza trasversale causata dalla pressione della neve (cfr. 5.5.4). En-
trambe le forze agiscono contemporaneamente con tutta la loro grandezza (interazione
della flessione e della forza normale).

5.7.2.2 Maggior lunghezza

I puntoni e i «Riegel» devono essere dimensionati tenendo in considerazione una


maggior lunghezza di almeno 0.5 m.

5.7.3 Particolarità per le rastrelliere da neve

Per il dimensionamento della longarina inferiore in funzione del carico normale è


determinante il modello di carico 2 con una maggiorazione pari al 25 per cento del
valore di ph (conformemente a 5.6.1.3).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 70

5.7.4 Particolarità per le reti da neve

5.7.4.1 Riduzione della pressione della neve parallela al pendio

La riduzione della componente, parallela al pendio, della pressione della neve, deter-
minata dalla flessibilità della superficie di sostegno, viene considerata con un coeffi-
ciente di riduzione fs. Questo coefficiente, se analizzato a fondo, dipende da diversi
fattori come lo slittamento della coltre nevosa lungo il terreno (fs aumenta con
l’aumentare di N), il valore della freccia, la forma, la pendenza e le dimensioni della
maglia della rete (quanto minore è la freccia e più strette sono le maglie, tanto maggio-
re è fs).

La componente, parallela al pendio, della pressione della neve diventa (a modifica di


quanto previsto a 5.5.2.1):

S'N = fS ⋅ HK2 ⋅ N ⋅ fC [kN/m'] (35)

fs fattore di riduzione per una parete di sostegno flessibile. Per condizioni di


slittamento medie si può ipotizzare fs = 0.8
HK altezza verticale della struttura in [m]

5.7.4.2 Freccia

Dal momento che le sollecitazioni delle reti da neve dipendono in grande misura dalla
freccia, è necessario che il suo valore sia verificato in sede di montaggio e dopo forti
sollecitazioni (allungamento delle funi). Il valore della freccia deve corrispondere a
quello prescritto dal costruttore ed equivalere al 15 per cento circa della corda della
rete.

5.7.4.3 Componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve e forze laterali

La componente, perpendicolare al pendio, della pressione della neve (cfr. 5.5.2.2) e le


forze laterali (cfr. 5.5.6) non vengono tenute in considerazione.

5.7.4.4 Supplemento

Il prisma di neve, il cui peso G' (ρ = 0.3 t/m³) va aggiunto alla pressione esercitata dalla
neve, è formato dalla superficie della rete e dalla superficie perpendicolare al pendio
passante per il bordo a monte della rete.

5.7.4.5 Modello di carico 2

Per il dimensionamento della struttura portante delle reti da neve è determinante il


modello di carico 2.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 71

5.7.4.6 Appoggio della rete sul puntone

Se, durante la fase di massima sollecitazione, la rete viene a trovarsi parzialmente


addossata al puntone, in quel punto occorre considerare una forza trasversale pari alla
pressione totale della neve agente sul corrispondente settore della rete secondo la
formula (35). Vedi anche 5.7.4.2.

5.7.4.7 Eccentricità del puntone pendolare

Se per motivi legati a particolarità costruttive può insorgere una sollecitazione eccen-
trica del puntone, la forza di compressione deve essere considerata tenendo conto della
massima eccentricità possibile.

5.7.4.8 Controventi

I controventi laterali non protetti dalla superficie della rete (cfr. anche 4.6.2) sono
soggetti alla pressione totale della neve (aumento dei coefficienti di influenza e di
bordo a seconda della distanza laterale intermedia). Ciò deve essere considerato in fase
di dimensionamento.

5.7.4.9 Base del puntone

Per il calcolo degli sforzi interni alla base del puntone, oltre alla forza trasversale
secondo il capitolo 5.5.4, occorre considerare un’imprevista inclinazione del puntone
lungo la linea di pendenza di 10° (verso monte). La forza trasversale risultante deve
avere un valore minimo pari al 20 per cento della forza massima agente sul puntone.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 72

5.8 Esecuzione e dimensionamento della griglia

5.8.1 Dimensionamento della griglia dei ponti da neve (traverse parallele alla linea di livello)

5.8.1.1 Carichi normali

5.8.1.1.1 Larghezze di carico

Le traverse devono essere dimensionate in funzione delle larghezze effettive di carico


b, ad eccezione della traversa superiore, che non deve risultare più debole di quelle
sottostanti.

5.8.1.1.2 Traversa inferiore

La larghezza di carico della traversa inferiore si estende fino alla superficie del terreno
(cfr. fig. 26).

5.8.1.2 Carichi trasversali

5.8.1.2.1 Carico specifico e carico lineare trasversale

Per il dimensionamento delle traverse si deve tener conto di un carico lineare qB' agente
verso il basso o verso l’alto, di ugual valore in entrambi i casi (fig. 28).

Secondo la figura (27) si ha

Q' = R' · sin (εR-δ) [kN/m'] (36)

Q' componente di R' (5.5.2.5) parallela alla griglia


εR angolo compreso tra R' e la parallela al pendio, da calcolare come indicato a
5.5.2.6 con a = 0.5

Il carico specifico trasversale uniformemente distribuito risulta:

Q'⋅ cos δ Q'


qh = = [kN/m'] (37)
0.77 ⋅ DK 0.77 ⋅ BK

Il carico lineare agente su una traversa diventa:

q'B = qh · b [kN/m'] (38)


5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 73

5.8.1.2.2 Valore minimo del carico trasversale

Quale valore minimo per il carico trasversale si considera:

q'B = 0.20 · p'B [kN/m'] (39)

(p'B = ph · b; ph secondo le formule (33) e (34))

Questo valore minimo è quasi sempre determinante nel caso di fattori di slittamento
elevati e forti pendenze del terreno.

5.8.1.2.3 Linea di applicazione

La linea di applicazione della forza trasversale q'B si trova sul bordo più esterno, verso
monte, della traversa (fig. 28).

5.8.1.2.4 Carico normale

Il carico normale p'B deve essere fatto variare, (considerando contemporaneamente


l’azione del carico trasversale q'B) fra il suo valore massimo e quello di q'B. Occorre
verificare se in tal modo non risultino situazioni di carico più sfavorevoli.

5.8.1.2.5 Sollecitazioni di torsione

Le sollecitazioni di torsione dovute ai carichi trasversali sono da considerare integral-


mente. Ciò può anche avvenire, approssimativamente, raddoppiando il carico trasversa-
le q'B secondo la formula (39).

Fig. 26 > Larghezze di carico delle traverse Fig. 27 > Forze parallele alla superficie Fig. 28 > Carico trasversale sulle traverse.
della griglia. della griglia.

Traversa

Montante
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 74

5.8.1.3 Ulteriori disposizioni

5.8.1.3.1 Luce netta

Il valore ideale della luce netta w fra le traverse è di 250 mm.

Le variazioni massime ammissibili da questo valore sono:

> nei 3/4 superiori dell’altezza della griglia 200 mm ≤ w ≤ 280 mm,
> nel quarto inferiore dell’altezza della griglia 150 mm ≤ w ≤ 280 mm.

Tra il terreno e la traversa inferiore w non dovrebbe superare i 250 mm.

5.8.1.3.2 Traversa superiore

In considerazione di possibili sollecitazioni dinamiche, la traversa superiore deve


essere fissata in modo particolarmente solido verso l’alto.

5.8.1.3.3 Altezza della struttura

Nel caso di strutture con traverse ad altezza alternata, si definisce altezza utile
dell’opera HK la media aritmetica delle distanze verticali tra il terreno e il bordo supe-
riore delle traverse più alte e di quelle più basse.

5.8.1.3.4 Lunghezza della struttura

Si definisce lunghezza della struttura l la distanza media delle rette che congiungono le
estremità delle traverse.

5.8.2 Dimensionamento della griglia delle rastrelliere da neve


(griglia con barre, travetti, perpendicolari alla linea di livello)

5.8.2.1 Carichi normali

5.8.2.1.1 Larghezze di carico

Le barre devono essere dimensionate in funzione delle loro larghezze effettive di


carico b, ad eccezione di quella più esterna, per la quale occorre assumere una lar-
ghezza di carico pari all’interasse fra quest’ultima e quella contigua. La barra situata
sul bordo esterno è soggetta a una maggiore pressione specifica della neve.

5.8.2.1.2 Larghezza di carico inferiore

Verso il basso, la larghezza di carico di una barra si estende fino alla superficie del
terreno.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 75

5.8.2.1.3 Supplemento

Il supplemento del 25 per cento applicato alla pressione specifica della neve previsto
dal capitolo 5.6.1.3 non vale per le barre (per contro si deve considerare il capitolo
5.7.3).

5.8.2.1.4 Modello di carico 2

Anche per le barre è da considerare determinante il modello di carico 2.

5.8.2.2 Carichi trasversali

Quale ipotesi di carico trasversale più sfavorevole agente sul piano della griglia paral-
lelamente alla linea di livello si deve supporre, per una barra, un carico lineare q'B con
linea di applicazione sul bordo più esterno (a monte) della barra. La grandezza di
questo carico è:

q'B = 0.10 · p'B [kN/m'l (40)

p'B carico normale massimo di una barra


(p'B = ph · b; ph secondo formula (33) e capitoli da 5.8.2.1.1 a 5.8.2.1.3.)

Per il collegamento delle barre alla struttura portante occorre tener conto della forza
trasversale di assestamento (componente perpendicolare al pendio di R').

5.8.2.3 Ulteriori disposizioni

5.8.2.3.1 Luce

> Il valore ideale della luce w fra le barre è di 300 mm.


> Le variazioni massime ammissibili da detto valore sono: 250 mm ≤ w ≤ 330 mm.
> Fra il terreno e la testata inferiore delle barre w non dovrebbe essere superiore a 200
mm.

5.8.2.3.2 Altezza della struttura

Si definisce altezza utile della struttura la distanza verticale delle rette che congiungo-
no le testate superiori delle barre con il terreno.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 76

5.8.3 Particolarità per le reti da neve (superficie di sostegno flessibile in funi di fili d’acciaio)

5.8.3.1 Carico specifico

Per il dimensionamento delle reti e in particolare anche dei loro elementi che trasmet-
tono le forze alla struttura portante, o alle fondazioni, si assume, conformemente a
5.6.1.2 e con le modifiche di cui a 5.7.4.1 e 5.7.4.3, il carico specifico determinato con
il modello di carico 2 su tutta l’altezza della rete.

5.8.3.2 Ripartizione e direzione del carico specifico

La pressione specifica della neve viene considerata come uniformemente ripartita


sull’altezza della superficie della rete, con direzione parallela alla risultante R', compo-
sta da S'N, G'N, G'Q ed eventualmente da S'R.

5.8.3.3 Luce netta

Per la luce w tra le funi o i fili che compongono la superficie di sostegno (dimensioni
della maglia) vale quanto segue:

> se non viene applicata una rete metallica a maglia stretta, la luce netta w non deve
essere superiore a 100 mm;
> se invece viene applicata una rete metallica con una maglia di 50 mm, per le funi
basta una maglia che può variare da 200 a 250 mm;
> per garantire un sufficiente effetto frenante anche per la neve a debole coesione in
movimento, le reti possono essere ricoperte con una rete metallica con una maglia di
50 mm oppure a scacchiera con lamiera, rete a maglia fine o altro. Nel caso della
copertura a scacchiera con lamiera si consiglia una maglia della rete della griglia o
lati delle coperture da 200 a 250 mm.

5.8.3.4 Altezza della struttura

L’altezza utile HK è data dalla media aritmetica delle distanze verticali fra il terreno ed
il punto più alto e quello più basso del bordo superiore dalla rete, misurate in una
campata centrale in condizione di carico.

5.8.3.5 Lunghezza della struttura

Si definisce lunghezza della struttura l, per le reti a forma trapezoidale o triangolare, la


media aritmetica tra la lunghezza della base e quella del bordo superiore, misurata
all’altezza delle testate dei puntoni.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 77

5.9 Esecuzione e dimensionamento delle fondazioni

5.9.1 Principio

Per il dimensionamento delle fondazioni si applicano i due modelli di calcolo secondo i


capitoli 5.5.2 e 5.5.3 e le azioni di cui ai capitoli da 5.5.4 a 5.5.7.

5.9.2 Tipi di fondazione

5.9.2.1 Opere di premunizione rigide (3.3.1)

Per la fondazione di strutture permanenti di sostegno in terreno sciolto possono entrare


in considerazione tiranti, micropali, fondazioni prefabbricate (piastre in acciaio) e plinti
in calcestruzzo. (figure 1, 2, 29 e 30). Di regola si fa capo a due fondazioni separate
(figure 29 e 30): una fondazione a monte (fondazione del montante o soglia (se si tratta
di rastrelliere in legno) e una fondazione a valle (fondazione del puntone). In presenza
di terreni cedevoli, in movimento o poco resistenti è possibile collegare la fondazione
del montante con quella del puntone mediante un «Riegel» in calcestruzzo, resistente
alla trazione e alla compressione. Indicazioni circa i movimenti di scorrimento ammis-
sibili possono essere tratti dalla tabella 13.

5.9.2.2 Opere di premunizione flessibili (reti da neve)


e costruzioni speciali (steccati, palizzate)

Le forze di trazione possono essere assorbite mediante tiranti (cfr. 5.9.7). Per le premu-
nizioni contro le valanghe in pendii soggetti al permafrost con fenomeni di scorrimento
del terreno tollerabili entrano in considerazione solo le reti da neve, assai meno sensibi-
li al citato fenomeno rispetto alle strutture rigide (cfr. 7.4.3.1).

5.9.2.3 Opere di sostegno temporanee

Le fondazioni a monte di alcuni fra i tipi più comuni di rastrelliere da neve in legno
sono in grado di sopportare solo forze di trazione molto ridotte (cfr. fig. 32). Per ridurre
al minimo queste forze, occorre:

> prevedere un aumento della rugosità del terreno con terrazzamenti o palificazioni se
si è in presenza di coefficienti di slittamento elevati,
> evitare di mettere in opera simili strutture su terreni molti ripidi o in zone con altez-
ze della neve troppo elevate.

In caso contrario si devono prevedere fondazioni speciali, dimensionate in funzione


delle forze di trazione (ad es. tiranti come previsto a 5.9.7) oppure strutture di sostegno
permanenti.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 78

Fig. 29 > Struttura di sostegno con fondazioni separate e con indicata la determinazione grafica
delle forze di fondazione di un puntone con collegamento a cerniera alle 2 estremità e un montante
con appoggio a cerniera in B (arco a tre cerniere).
La fondazione del puntone è costituita da una piastra, quella del montante da un micropalo e da
un tirante in terreno sciolto.

Montante
R = risultante

B
Tirante in terreno sciolto
Puntone T

Diagramma delle
Micropalo
forze
T

U
R Riempimento con materiale
di scavo

Piastra di fondazione

Fig. 30 > Struttura di sostegno con «Riegel». La fondazione a valle è costituita da un micropalo
e da un tirante in terreno sciolto, quella a monte da un tirante in terreno sciolto.

Montante

Puntone

Tirante in
«Riegel» terreno sciolto

Tirante in
terreno sciolto

Micropalo
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 79

5.9.3 Collegamento fra struttura portante e fondazione

5.9.3.1 Principio

In linea di principio, il collegamento fra struttura portante e fondazione può essere


previsto sia rigido che articolato (a cerniera).

5.9.3.2 Collegamento della fondazione a monte

Per le fondazioni a monte della struttura portante eseguite in calcestruzzo o prefabbri-


cate conformemente ai capitoli 5.9.5 e 5.9.6, il collegamento articolato (a cerniera)
entra in considerazione solo in presenza di roccia affiorante o situata ad una profondità
tale da permettere che l’elemento a sbalzo che sostiene l’articolazione possa essere
saldamente incastrato in roccia. In caso contrario, vale a dire in terreno sciolto, il
collegamento articolato comporta una sollecitazione sfavorevole del terreno o dimen-
sioni della fondazione non più razionali. Per questo motivo, in presenza di terreno
sciolto, è consigliabile prevedere un collegamento rigido del montante con la fondazio-
ne, tenendo un conto dell’aumento della distanza fra gli appoggi (non è consentito
tener conto degli incastri volti a ridurre le forze esercitate dalla struttura portante
[soliflusso, ecc.]).

5.9.3.3 Collegamento della fondazione a valle

Per la fondazione a valle il collegamento articolato del puntone è favorevole in quanto


non comporta pressioni sfavorevoli sul terreno o dimensioni irrazionali delle fonda-
zioni.

5.9.3.4 Collegamenti con tiranti e micropali

Per le strutture di sostegno fondate su tiranti e micropali bisogna prevedere collega-


menti articolati.

5.9.3.5 Collegamenti tra il puntone e il montante

Di regola, nel caso di fondazioni a monte e a valle separate (5.9.2.1, fig. 29), il colle-
gamento tra il puntone e il montante deve essere articolato. Nel caso in cui è previsto
un «Riegel» (5.9.2.1, fig. 30) o se la fondazione risulta in roccia, questa articolazione
può invece essere rigida.

5.9.3.6 Considerazione delle forze ascendenti

Nella progettazione del collegamento tra la fondazione e la struttura portante occorre


tenere in considerazione l’effetto derivante dalle forze ascendenti.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 80

Fig. 31 > Rete da neve.


Rete da neve fondata su due tiranti a fune e una piastra. La piastra è assicurata
con una fune di ritenuta (cfr. 5.9.4.2).

Rete

Ancoraggio a fune

Controvento di valle Puntone Fune di ritenuta


pendolare
Piastra di fondazione

Ancoraggio a fune

Fig. 32 > Rastrelliera da neve in legno. La fondazione a monte è eseguita con un elemento orizzontale
detto soglia.

Longarina

Travetto

Saetta

Puntone Soglia

Piastra di base del puntone


5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 81

5.9.4 Osservazioni sul dimensionamento

5.9.4.1 Verifica della resistenza strutturale

Le formule semplificate, riportate nel seguito per il dimensionamento delle fondazioni,


derivano dal criterio di dimensionamento esposto nella formula (16), dove sono stati
introdotti un coefficiente di carico γQ = 1.5 e un coefficiente di resistenza, γM = 1.35
(ipotesi: γQ · γM = 1.5 · 1.35 ≈ 2.0 ).

5.9.4.2 Strato superficiale del terreno

Le superfici di terreno sollecitate a compressione devono trovarsi integralmente al di


sotto dello strato superficiale avente uno spessore minimo di 0.5 m (misurato per-
pendicolarmente alla superficie del terreno, come risulta dalle figg. 33 e 40) se l’angolo
α compreso fra la direzione della forza normale del puntone UN,k e la parallela al
terreno è inferiore a 75° (fig. 33).

5.9.4.3 Forze trasversali

Se le fondazioni trasmettono al terreno forze trasversali, le superfici del terreno solleci-


tate al taglio devono trovarsi interamente al di sotto dello strato superficiale di 0.5 m
(misurato perpendicolarmente al terreno). Se, per esempio, nella costruzione di reti da
neve vengono posate piastre di fondazione in vicinanza della superficie del terreno, le
forze di taglio non possono essere trasmesse direttamente al terreno (figg. 31 e 50, o
cap. 7.4.3.4.3).

Fig. 33 > Piastra di fondazione di una rete da neve fondata sulla superficie del terreno.

<0 Strato superficiale


.5
,k m
UN
k
U T,

α
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 82

5.9.4.4 Relazione fra la resistenza del terreno e la direzione della forza

Per le fondazioni in calcestruzzo e prefabbricate di cui ai capitoli 5.9.5 e 5.9.6 si am-


mette la relazione fra la resistenza del terreno e la direzione della forza risultante
riportata nella tabella 8. α è l’angolo compreso tra la direzione della forza e la parallela
al pendio, σο è la resistenza specifica del terreno parallelamente al pendio, è la resi-
stenza specifica del terreno nella direzione della forza (cfr. fig. 34) e ψ la pendenza del
terreno. La resistenza del terreno perpendicolarmente al pendio σ90 è massima, la
resistenza del terreno parallelamente al pendio σ0 è minima.

Tab. 8 > Determinazione della resistenza specifica del terreno.

α [°] 0° 15° 30° 45° 60° 75° 90°


σα / σο [-] 0.40 0.53 0.66 0.80 0.90 0.97 1.00

Fig. 34 > Resistenza specifica del terreno σα in funzione della direzione della forza α.

σα
σo
α
ψ

5.9.4.5 Forze di trazione nel terreno

La tabella 8 è valida unicamente per forze di compressione nel terreno. In presenza di


forze di trazione le fondazioni devono essere dimensionate alla stessa stregua di quelle
dei pali (maggiori dettagli in merito sono riportati nei capitoli seguenti). Per tiranti e
micropali vale il capitolo 5.9.7.

5.9.4.6 Resistenza del terreno di fondazione perpendicolarmente al pendio

La resistenza del terreno (limite della resistenza) perpendicolare al pendio σ90 dipende
dalla pendenza, dalle caratteristiche del terreno, dalle dimensioni e dalla profondità
d’incastro della fondazione. Questo valore deve essere determinato scrupolosamente in
funzione delle caratteristiche locali. Sulla base dell’esperienza nel settore delle premu-
nizioni contro le valanghe si può ritenere che la resistenza del terreno di fondazione
perpendicolare al pendio σ90 varia dai 500 ai 1000 kN/m².

5.9.4.7 Riempimento con materiale di scavo

Dopo la messa in opera delle fondazioni il materiale di scavo va riposto nello scavo e
costipato accuratamente.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 83

5.9.5 Fondazioni in calcestruzzo in terreno sciolto

5.9.5.1 Definizione

Le fondazioni in calcestruzzo sono fondazioni eseguite sul luogo dell’opera.

5.9.5.2 Pericolo di corrosione

Per elementi annegati nel calcestruzzo, in particolare per quelli realizzati in leghe di
alluminio, occorre tener conto del pericolo di corrosione.

5.9.5.3 Dimensionamento della fondazione a monte in calcestruzzo in funzione delle forze


di compressione nel terreno

5.9.5.3.1 Collegamento rigido tra struttura portante e fondazione.

Il carico trasmesso alla fondazione consiste in un’unica forza TK. Il punto di applica-
zione B di TK deve essere ipotizzato ad una distanza pari a 0.4 c dalla base della fonda-
zione (c = altezza della fondazione, cfr. fig. 35). B corrisponde all’appoggio inferiore,
considerato puntiforme, del relativo elemento strutturale e determina la distanza fra gli
appoggi. Per il dimensionamento del montante si suppone che l’appoggio possa ruotare
liberamente attorno a B.

Fig. 35 > Dimensionamento della fondazione a monte in calcestruzzo in funzione


delle forze di compressione nel terreno.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 84

La faccia della fondazione rivolta a valle Fc deve soddisfare la seguente condizione:

2 ⋅ ( TN,k + GN,k )
Fc ≥ [m²] (41)
σα

TN,k componente, perpendicolare alla faccia della fondazione Fc, del valore caratte-
ristico della forza risultante sull’appoggio
GN,k componente, perpendicolare alla faccia della fondazione Fc, del valore caratte-
ristico del peso della fondazione (compreso il materiale di riporto tratteggiato
nella fig. 35)
σα resistenza specifica del terreno di fondazione nella direzione perpendicolare a
Fc (cfr. tab. 8 e cap. 5.9.4.6)

5.9.5.3.2 Collegamento articolato (non rigido) tra struttura portante e fondazione.

Il carico trasmesso alla fondazione consiste in una forza caratteristica singola Tk, che
agisce eccentricamente. Il punto di applicazione di Tk si trova nell’articolazione.
Secondo il capitolo 5.9.3.2 questo tipo di collegamento non entra di regola in conside-
razione nel caso di fondazioni separate in terreno sciolto.

5.9.5.4 Dimensionamento della fondazione a monte in calcestruzzo in funzione delle forze


di taglio nel terreno

Il valore caratteristico della forza di trazione deve soddisfare le seguenti condizioni


(cfr. anche 5.5.5):

(F1 + 2F2 ) ⋅ sB + GT,k + (TN,k + GN,k ) ⋅ tan ϕEk


TT,k ≤ [kN] (42)
2

TN,k componente, normale alla faccia della fondazione Fc, del valore caratteristico
della forza risultante sull’appoggio
GN,k componente, normale alla faccia della fondazione F1, del valore caratteristico
del peso della fondazione, compreso il peso del terreno (superficie tratteggiata
nella fig. 36)
GT,k componente, parallela alla faccia della fondazione F1, del valore caratteristico
del peso della fondazione, compreso il peso del terreno (superficie tratteggiata
nella fig. 36)
F1 faccia a valle della fondazione fino alla superficie del terreno
F2 faccia laterale della fondazione fino alla superficie del terreno (tratteggiata
nella fig. 36)
sB carico di rottura al taglio lungo le facce della fondazione in terreno vergine
secondo tabella 9.
ϕEk valore caratteristico dell’angolo d’attrito per la trasmissione delle forze di
compressione (supposto costante)

tan ϕEk = 0.8 (43)


5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 85

Fig. 36 > Dimensionamento della fondazione in calcestruzzo a monte in funzione delle forze di taglio
nel terreno.

Se non vengono eseguite prove specifiche in situ per la determinazione del carico di
rottura al taglio sB, dovranno essere applicati i valori che seguono, validi per una
profondità della fondazione t pari a 1 m:

Tab. 9 > Carico di rottura al taglio lungo le facce della fondazione in terreno vergine.

Tipo di terreno sB [kN/m²]

Roccia buona, compatta > 800


Roccia fessurata di cattiva qualità 80–800
Terreno fortemente precaricato, morena 20–80
Ghiaia molto grossolana e compatta 20–40
Ghiaia e sabbia limosa e compatta 20–25
Ghiaia e sabbia poco compatte e detriti di roccia 15–20

L’aumento dei valori di sB in funzione della profondità di fondazione t può essere


desunto dalla tabella 10:

Tab. 10 > Aumento della carico di rottura al taglio sB in funzione della profondità di fondazione.

Misura verticale della profondità Valore effettivo di sB in funzione del valore di sB per una profondità
della fondazione t in m della fondazione pari a 1 m

1.0 1.0·sB (1 m)
1.5 1.2·sB (1 m)
2.0 1.3·sB (1 m)
3.0 1.4·sB (1 m)
Per altre profondità i valori intermedi possono essere calcolati tramite interpolazione lineare.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 86

Esempio:
se per una ghiaia molto grossolana e compatta il valore di sB per una profondità di
fondazione di 1 m è di 30 kN/m², per una profondità di fondazione di 1.25 m il carico
di rottura al taglio sarà

SB = 1.1·30 = 33 kN/m²

5.9.5.5 Fondazione a monte in calcestruzzo in presenza di roccia adatta ai tiranti,


ricoperta da uno strato sottile di materiale sciolto

Le forze di trazione possono essere assorbite da tiranti in roccia convenientemente


dimensionati come previsto al capitolo 5.9.7.2 (cfr. fig. 37). Il collegamento articolato
tra struttura portante e fondazione è possibile e rappresenta generalmente la soluzione
più economica.

Fig. 37 > Fondazione in roccia adatta ai tiranti.

Terreno sciolto

Roccia

Fig. 38 > Dimensionamento della fondazione prefabbricata a monte


in funzione delle forze di compressione nel terreno.

T G
T,
k T,
k
Gk
k
N,
G

B
Tk Fondazione
c prefabbricata a monte
0.
4c
k
N,
T
1
F
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 87

5.9.6 Fondazioni prefabbricate in terreno sciolto

5.9.6.1 Definizione

Le fondazioni prefabbricate vengono eseguite in officina e messe in opera sul cantiere


(ad es. piastre di fondazione composte da profilati d’acciaio).

5.9.6.2 Corrosione

Se si prevedono fondazioni prefabbricate occorre porre la massima attenzione al peri-


colo di corrosione (eventualmente si possono fare eseguire delle prove per valutare il
comportamento del terreno sulle parti potenzialmente corrodibili).

5.9.6.3 Dimensionamento della fondazione prefabbricata a monte in funzione delle forze


di compressione nel terreno

Per le congiunzioni rigide tra la struttura portante e la fondazione (fig. 38) si fa riferi-
mento al capitolo 5.9.5.3.

5.9.6.4 Dimensionamento della fondazione prefabbricata a monte in funzione delle forze


di taglio nel terreno

Per le fondazioni prefabbricate non provviste di un appoggio a risega, i valori di sB


riportati nella tabella 9 non sono validi. Ciò poiché la rottura dovuta all’estrazione della
fondazione avviene nel materiale di riempimento, la cui coesione è ridotta. Il procedi-
mento di calcolo che segue presuppone che il materiale di riempimento sia costipato
nel migliore dei modi.
Il valore caratteristico della forza di trazione TT,k deve soddisfare le seguenti condizioni
(cfr. anche 5.5.5):
(F1 + 2F2 ) ⋅ s *B +GT,k + (TN,k + GN,k ) ⋅ tan ϕEk
TT,k ≤ [kN] (44)
2
TN,k componente, normale alla faccia della fondazione F1, del valore caratteristico
della forza risultante sull’appoggio (premessa: collegamento rigido tra la strut-
tura portante e la fondazione)
GN,k componente, normale alla faccia della fondazione F1, del valore caratteristico
del peso del terreno (superficie tratteggiata nella fig. 39)
GT,k componente, parallela alla faccia della fondazione F1 , del valore caratteristico
del peso del terreno (superficie tratteggiata nella fig. 39)
F1 faccia della fondazione a valle fino alla superficie del terreno
F2 faccia laterale della fondazione fino alla superficie del terreno (superficie
tratteggiata nella fig. 39)
s*B carico di rottura al taglio lungo le facce dello zoccolo in materiale di riempi-
mento. Per una profondità di fondazione t di un metro vale:
s*B(1m) = 10 kN/m² (45)
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 88

L’aumento dei valori di s*B in funzione della profondità di fondazione t (in m) può
essere calcolato con la formula seguente:

s *B(1m )
s *B( t ) = ⋅ (1 + t )
2 [kN/m²] (46)

ϕEk angolo d’attrito caratteristico per la trasmissione delle forze di compressione


(ritenuto costante; tanϕEk = 0.8, vedi formula 43)

Fig. 39 > Dimensionamento della fondazione prefabbricata a monte in funzione delle forze di taglio
nel terreno.

T F2
T, G
k T, k
Gk
k
N,
G

Tk Fondazione
c prefabbricata a monte
0.4
c
k
N,
T

t F1

Fig. 40 > Dimensionamento della fondazione prefabbricata a valle.


Il collegamento articolato tra il puntone e la fondazione risulta vantaggioso. Il carico agente
sulla fondazione consiste in una forza perpendicolare UN,k e in una forza trasversale UT,k.

Zona superficiale
>0
Materiale di riempimento .5
m

UN,k
UT,k
Piastra di fondazione

α FC
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 89

5.9.6.5Dimensionamento della fondazione prefabbricata a valle in funzione delle forze di


compressione nel terreno

La faccia a valle della fondazione FC, che deve trovarsi per intero al di sotto dello stato
superficiale di 0.5 m (fig. 40), deve soddisfare la seguente condizione:

2 ⋅ UN,k
FC ≥
σα
[m²] (47)

UN,k valore caratteristico della forza assiale del puntone normale alla faccia della
fondazione Fc
σα resistenza specifica del terreno nella direzione normale a Fc (cfr. tab. 9 e
5.9.4.6)

5.9.6.6 Dimensionamento della fondazione prefabbricata a valle in funzione delle forze di


taglio nel terreno

La forza trasversale deve soddisfare la seguente condizione:

UN,k ⋅ tan ϕEk


UT,k ≤
2 [kN] (48)

UT,k valore caratteristico della forza trasversale alla base del puntone parallela alla
faccia della fondazione Fc
ϕEk angolo d’attrito caratteristico per la trasmissione delle forze di pressione
(ritenuto costante, tanϕEk = 0.8, vedi formula 43)
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 90

5.9.7 Tiranti e micropali

5.9.7.1 Generalità e concetti

5.9.7.1.1 Generalità

La fondazione delle strutture di sostegno con tiranti e micropali è di regola più vantag-
giosa rispetto ai metodi descritti nei capitoli 5.9.5 e 5.9.6.

5.9.7.1.2 Definizione di tirante

I tiranti sono elementi portanti slanciati e relativamente corti, messi in opera previa
trivellazione e sollecitati a trazione. Con riferimento a questa direttiva tecnica non
vengono, di regola, messi in tensione.

I tiranti si distinguono in tiranti in roccia e tiranti in terreno sciolto. I tiranti in


terreno sciolto sono a loro volta suddivisi in tiranti senza bulbo (in questa categoria
sono compresi anche i tiranti con guaina) e in tiranti con bulbo. I tiranti in fune sono
costituiti da un elemento a trazione in fune di fili d’acciaio (cfr. 5.2.6.4).

5.9.7.1.3 Definizione di micropali

I micropali sono elementi portanti di piccolo diametro, relativamente corti, messi in


opera previa trivellazione e generalmente sollecitati a compressione.

I micropali si distinguono in micropali senza bulbo e in micropali con bulbo.

5.9.7.1.4 Introduzione delle forze

L’introduzione delle forze dalla struttura portante al tirante o al micropalo deve avveni-
re all’altezza della superficie del terreno, senza nessuna sporgenza.

5.9.7.1.5 Prove di estrazione

Per grandi progetti o in presenza di condizioni problematiche del terreno, prima di


scegliere il tipo di struttura o di indire la gara d’appalto si rende necessaria una serie di
prove per determinare il valore caratteristico della resistenza all’estrazione Ra,k di
tiranti e micropali. Per ogni tipo di terreno con parametri geotecnici simili devono di
regola essere eseguite almeno 3 prove di estrazione. Se per un certo tipo di terreno
vengono eseguite solo 1 o 2 prove, per la definizione del valore caratteristico della
resistenza ultima Ra,k occorre ridurre il valore più basso della resistenza ultima esterna
Ra del 40 per cento, e del 20 per cento.

5.9.7.1.6 Verifiche e controllo della qualità

Forti deformazioni o danni riscontrati nel corso di un’ispezione di controllo (vedi


5.4.2) devono essere analizzati ed eliminati al più presto. Se necessario è consigliabile
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 91

la verifica della resistenza mediante prove di estrazione, con sollecitazioni fino a 1.35
volte la forza di trazione massima prevedibile Fk. Se necessario, i tiranti e i micropali
devono essere sostituiti. Per la verifica della qualità d’esecuzione è consigliabile ese-
guire prove di trazione sul 5 per cento circa dei tiranti o almeno 3 prove per tipo di
terreno con parametri geotecnici simili.

5.9.7.1.7 Prevenzione contro la corrosione

Per quanto riguarda la protezione contro la corrosione si rimanda ai capitoli 5.2.4.3 e


5.2.6.4

5.9.7.1.8 Dimensionamento

Per quanto riguarda la verifica della sicurezza strutturale valgono anche i capitoli 5.2.2
e 5.2.3.

La sicurezza strutturale esterna di un tirante, o di un micropalo, risulta verificata se è


soddisfatto il seguente criterio di dimensionamento:

ED ≤ RD (49)

Ed = γQ·Fk: valore di dimensionamento dell’effetto dell’azione (sollecitazione), dove


Fk è il valore caratteristico della forza di trazione, o di compressione (ad
es. in seguito alla pressione della neve) e γQ =1.5 è il coefficiente di cari-
co.
Rd=Ra,k/ γM: valore di dimensionamento della resistenza ultima del tirante, o del micro-
palo, dove Ra,k è il valore caratteristico della resistenza ultima esterna del
tirante (resistenza all’estrazione) o del micropalo (resistenza del palo) e γM
=1.35 è il coefficiente di resistenza.

La resistenza strutturale interna di un tirante, o di un micropalo, deve essere verifi-


cata tenendo in considerazione la sezione staticamente utile dell’acciaio, conforme-
mente a 5.2.3.2.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 92

5.9.7.2 Tiranti in roccia

5.9.7.2.1 Principio

I tiranti in roccia sono in grado di assorbire forze di trazione e forze trasversali. Se i


tiranti sono sollecitati anche da forze trasversali (direzione della trazione ≠ dalla dire-
zione del tirante) il loro dimensionamento deve tener conto di questo fatto. In casi
simili l’impiego di un tirante in fune di fili d’acciaio risulta di regola più favorevole.

5.9.7.2.2 Esecuzione

Nella roccia adatta ai tiranti viene praticato un foro, nel quale viene introdotto un
tirante (barra nervata o fune metallica) con o senza dispositivo di bloccaggio. Il foro
viene riempito con malta d’ancoraggio dal basso verso l’alto, muovendo nel contempo
la barra.

5.9.7.2.3 Impiego

Si definisce adatta ai tiranti una roccia da compatta a leggermente fratturata, non


alterata e normalmente perforabile.

5.9.7.2.4 Requisiti vincolanti

Il diametro minimo del foro deve corrispondere ad almeno 1.5 volte il diametro della
barra, ammesso che la copertura minima di malta raggiunga i 10 mm. Prima
dell’iniezione il foro deve essere convenientemente pulito con aria compressa.

5.9.7.2.5 Dimensionamento

I tiranti in roccia devono essere dimensionati conformemente a 5.9.7.1.8. La lunghezza


del tirante deve essere definita in base alla qualità della roccia. La sicurezza strutturale
del tirante dipende dal grado di alterazione della roccia, dalla composizione minerale,
dal tipo di roccia e dalla spaziatura della fratturazione. Dal momento che gli strati
superficiali della roccia presentano spesso una scarsa resistenza, la lunghezza del
tirante in roccia deve essere di almeno 1.5 m. Per la roccia poco fratturata possono
essere adottate, per quanto riguarda la rottura, le seguenti resistenze all’estrazione Ra,k'
per metro lineare di lunghezza ancorata:

Tab. 11 > Resistenza specifica ultima, esterna alla trazione, per tiranti in roccia poco fratturata
in funzione del diametro della perforazione.

Diametro della perforazione Tensione di rottura fra malta Resistenza ultima all’estrazione e per
d’ancoraggio e roccia metro lineare di lunghezza del tirante
(mm) sk (N/mm²) Ra,k' (kN/m')
30 1.00 95
45 2.00 280
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 93

5.9.7.3 Tiranti in terreno sciolto

5.9.7.3.1 Principio

I tiranti in terreno sciolto sono in grado di assorbire le forze di trazione agenti in dire-
zione assiale.

5.9.7.3.2 Trascurabilità delle forze trasversali

La possibile presenza di forze trasversali, originate dalle forze laterali descritte nel
capitolo 5.5.6, viene tenuta presente ma non viene presa in considerazione per il di-
mensionamento.

5.9.7.3.3 Presa in considerazione delle forze trasversali

Per contro, le forze trasversali derivanti dalla deviazione della forza agente sui tiranti a
monte (in fune d’acciaio) delle reti devono essere tenute in considerazione per il di-
mensionamento. In condizioni favorevoli (terreno solido e compatto) è sufficiente la
messa in opera di un tubo di stabilizzazione supplementare in acciaio. Se le condizioni
sono sfavorevoli (presenza di humus, terreno soffice, slittamento pronunciato) è rac-
comandabile l’esecuzione di una fondazione in calcestruzzo.

Se si prevede che, in planimetria, la risultante della pressione della neve non agisce
perpendicolarmente alla superficie di sostegno (a causa delle irregolarità del terreno o
della ripartizione della neve), per il dimensionamento dei tiranti di strutture singole o
di filari di strutture corti, (L < 10 m) devono essere considerate le forze trasversali
derivanti dal carico supplementare conformemente a 5.5.6.

Fig. 41 > Fondazione in calcestruzzo armato per l’assorbimento delle forze di deviazione.
La fondazione riduce la pressione sul terreno esercitata dal tirante a fune.

Fondazione in
calcestruzzo armato

Ancoraggio in
fune di fili d’acciaio

o
ggi
nc ora onte For
d’a a m za
r za de
o l ti
deviazione

F ra
Forza di

n te
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 94

5.9.7.4 Tiranti con guaina

5.9.7.4.1 Messa in opera

La barra d’ancoraggio - se necessario avvolta in una guaina a rete - e la lancia


d’iniezione vengono introdotte fin sul fondo del foro, che viene iniettato con malta
d’ancoraggio dal basso verso l’alto, ritraendo progressivamente la lancia.

5.9.7.4.2 Impiego

Questo tipo di tirante è adatto per i seguenti tipi di terreno:

> ghiaia irregolare,


> sottosuoli permeabili, con grossi blocchi (come detriti di falda e di roccia).

5.9.7.4.3 Requisiti vincolanti

Sono considerati vincolanti i seguenti requisiti:

> il diametro minimo del foro deve essere pari a 90 mm;


> la maglia massima della guaina a rete deve essere pari a 10 mm;
> gli ancoraggi devono essere centrati nel foro nel migliore dei modi;
> la malta d’ancoraggio utilizzata deve avere le caratteristiche di cui al capitolo 6 della
presente direttiva tecnica;
> la lunghezza ancorata necessaria deve essere determinata per ogni singolo proget-
to (cfr. 5.9.7.1.5 e 5.9.7.4.4);
> la pendenza minima dei tiranti rispetto alla parallela al pendio deve essere di 15°;
> la copertura di malta degli elementi a trazione (barra d’ancoraggio, filo d’acciaio)
deve avere uno spessore di almeno 20 mm. La copertura di malta dei tubi di rivesti-
mento deve avere uno spessore di almeno 10 mm.

5.9.7.4.4 Dimensionamento

I tiranti con guaina devono essere dimensionati conformemente a 5.9.7.1.8. Per il pre-
dimensionamento può entrare in considerazione la resistenza caratteristica all’estra-
zione Ra,k di un tirante dello stesso tipo in funzione della lunghezza ancorata e del tipo
di terreno, secondo il diagramma riportato nel seguito (fig. 42). Ciò se non sono state
eseguite prove di estrazione di tiranti o se non si dispone di esperienze pratiche in
terreni simili. La pur affidabile suddivisione in condizioni di terreno medie e scadenti
(terreno molto soffice) è assai difficile da attuare sul cantiere. Per la determinazione
definitiva delle lunghezze dei tiranti deve essere eseguita una serie di prove di estrazio-
ne. Per ettaro di zona da premunire occorrono almeno da 3 a 5 prove (cfr. 5.9.7.1.5). Se
le condizioni del sottosuolo sono molto eterogenee, il numero delle prove deve essere
aumentato di conseguenza.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 95

Fig. 42 > Valore caratteristico della resistenza limite all’estrazione Ra,k in funzione della lunghezza ancorata e del tipo di terreno
per tiranti con e senza bulbo.

700
Valore caratteristico della resistenza all’estrazione Ra,k

valido a partire da una lunghezza ancorata di 3.0 m

600

500

terreno medio
400
terreno scadente
terreno molto soffice
300 fascia di deviazione

200

100

0
2 3 4 5 6 7 8
Lunghezza ancorata in [m]

Terreno medio: terreno compatto con materiale fine coesivo (ad es. detrito grossolano unito a materiale fine, ghiaie sabbiose asciutte).
Terreno scadente: terreno soffice, con materiale fine senza coesione e non legante, con angoli d’attrito bassi (ad esempio prodotti di alterazione umidi
e a grana fine che non garantiscono una buona aderenza fra ancoraggio e terreno), detriti di falda.
Terreno molto soffice: terreno molto soffice, simile all’humus, con vuoti.

5.9.7.5 Tiranti con bulbo

5.9.7.5.1 Esecuzione

Una carica fatta esplodere all’estremità inferiore del foro crea una cavità (bulbo) a
forma di cipolla. Il foro deve essere preventivamente protetto con un tubo in acciaio
per permettere l’introduzione, dopo l’esplosione, della barra d’ancoraggio che deve
attraversare tutto il bulbo. Bulbo e foro vengono in seguito completamente iniettati con
malta d’ancoraggio per mezzo di una lancia d’iniezione.

5.9.7.5.2 Impiego

Questo tipo di ancoraggio è adatto per terreni da ghiaiosi a sabbiosi ben compatti.

La decisione circa l’impiego di ancoraggi con bulbo e la determinazione della quantità


di esplosivo devono avvenire con la massima prudenza.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 96

5.9.7.5.3 Requisiti vincolanti

Sono considerati vincolanti i seguenti requisiti:

> il diametro minimo del foro deve essere pari a 90 mm;


> i tubi di rivestimento devono essere in acciaio ed avere un diametro esterno di
almeno 60 mm e uno spessore delle pareti di almeno 2 mm. I tubi, alla loro estremità
inferiore, devono essere schiacciati a punta mediante 4 tagli longitudinali di 100–
150 mm e successiva sagomatura. Su tutta la lunghezza devono essere provvisti di
fessure o fori per permettere alla malta di uscire e di avvolgere completamente il
tubo. La larghezza delle fessure o il diametro dei fori devono misurare almeno 20
mm. Queste aperture devono essere sfalsate e avere una distanza di circa 500 mm
l’una dall’altra;
> la carica esplosiva deve essere introdotta fino alla punta del tubo;
> l’accensione elettrica delle cariche è di regola raccomandata: è comunque assolu-
tamente necessaria in presenza di ancoraggi vicini (ad es. ancoraggi doppi, che ri-
chiedono un’esplosione simultanea);
> la lunghezza della barra d’ancoraggio deve superare quella del tubo di protezione di
300 mm per avere la certezza che possa trapassare tutto il bulbo. Essa deve inoltre
essere centrata nel tubo nel migliore dei modi;
> la malta deve essere iniettata in modo tale che possa risalire, all’interno e
all’esterno del tubo, fino alla superficie del terreno. Essa deve avere caratteristiche
di cui al capitolo 6 della presente direttiva tecnica;
> la lunghezza d’ancoraggio necessaria deve essere determinata per ogni singolo
progetto.

5.9.7.5.4 Nota

L’esperienza insegna che da 50 a 100 g di esplosivo lento formano un bulbo avente una
capacità variante da 30 a 50 l.

5.9.7.5.5 Dimensionamento

Gli ancoraggi con bulbo devono essere dimensionati conformemente a 5.9.7.1.8. Per un
predimensionamento può essere stimata la resistenza caratteristica all’estrazione Ra,k
di un ancoraggio dello stesso tipo in funzione della lunghezza ancorata e del tipo di
terreno secondo il diagramma riportato nel seguito (fig. 46). Ciò se non sono state
eseguite prove di estrazione di ancoraggi o se non si dispone di esperienze pratiche in
terreni simili. Il diagramma è valido anche per ancoraggi doppi. La pur affidabile
suddivisione in condizioni di terreno medie e scadenti è assai difficile da attuare sul
cantiere. Per la determinazione definitiva delle lunghezze d’ancoraggio deve essere
eseguita una serie di prove di estrazione. Per ettaro di zona da premunire occorrono
almeno 3–5 prove (cfr. 5.9.7.1.5). Se le condizioni del sottosuolo nella zona da premu-
nire sono molto eterogenee, il numero delle prove deve essere aumentato di conse-
guenza.
5 > Dimensionamento delle strutture di sostegno composte 97

Fig. 43 > Valore caratteristico della resistenza all’estrazione Ra,k in funzione della lunghezza ancorata e del tipo di terreno
per ancoraggi con bulbo.

700
valido a partire da una lunghezza ancorata di 3.0 m
Valore caratteristico della resistenza all’estrazione Ra,k

600

500

400 terreno medio


terreno scadente
300
fascia di deviazione

200

100

0
2 3 4 5 6 7 8
Lunghezza ancorata in [m]

Terreno medio: terreno compatto con materiale fine coesivo (ad es. detrito grossolano unito a materiale fine, ghiaie sabbiose asciutte).
Terreno scadente: terreno soffice, con materiale fine senza coesione e non legante con angoli d’attrito bassi (ad es. prodotti di disgregazione umidi
e a grana fine che consentono una scarsa aderenza fra ancoraggio e terreno), detriti di falda.

5.9.7.6 Micropali

5.9.7.6.1 Principio

I micropali sono in grado di assorbire forze agenti in direzione assiale.

5.9.7.6.2 Forze trasversali

Le forze trasversali (al minimo il 20 % della forza di compressione centrica con linea
d’azione sull’asse del puntone) causate da carichi supplementari (errori di perforazione,
forze trasversali agenti sui puntoni secondo 5.5.4) devono essere considerate per il
dimensionamento della fondazione. Queste forze devono essere assorbite da ancoraggi
supplementari o dalla resistenza del terreno.
In presenza di terreni con caratteristiche scadenti, di marcato slittamento o di pendenze
localmente elevate, il micropalo deve essere assicurato con un ancoraggio supplemen-
tare.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 98

5.9.7.6.3 Esecuzione

I micropali vengono messi in opera alla stessa stregua degli ancoraggi.

5.9.7.6.4 Requisiti vincolanti

Per garantire la sicurezza alla pressoflessione dell’estremità superiore, i micropali


devono essere irrigiditi, per almeno 1.5 m, mediante tubi di rinforzo, plinti in calce-
struzzo o accorgimenti simili. I tubi di rinforzo devono estendersi fino all’estremità
superiore del micropalo, in modo tale che la barra d’ancoraggio non risulti sporgente.
La copertura di malta dei tubi di rinforzo deve avere uno spessore minimo di 10 mm.

5.9.7.6.5 Dimensionamento

I micropali devono essere dimensionati conformemente a 5.9.7.1.8. La resistenza ulti-


ma di un micropalo sollecitato a compressione è superiore del 50 per cento rispetto a
quella di un tirante sollecitato a trazione. Il predimensionamento può avvenire facendo
capo ai valori per ancoraggi senza bulbo con guaina o per ancoraggi con bulbo riportati
dalle figure 42 e 43.
Per il calcolo della resistenza ultima interna può essere presa in considerazione solo la
sezione dell’acciaio (cfr. 5.2.3.2).

5.9.7.6.6 Nota

Nel caso in cui la direzione dell’introduzione della forza di compressione non sia
definita in modo esatto (ciò riguarda ad esempio i puntoni pendolari delle reti da neve,
collegati alla fondazione mediante un’articolazione sferica, la fondazione, in terreno
sciolto, mediante micropali e tiranti è da ritenere precaria. In casi simili è più vantag-
gioso prevedere un plinto in calcestruzzo o una piastra di fondazione.

5.9.7.7 Procedimenti esecutivi particolari

In presenza di condizioni scadenti di terreno (ad es. scarsa resistenza, forti perdite di
malta, fori instabili) si può far capo ad ancoraggi autoperforanti, ancoraggi a sacco,
iniezioni successive sotto pressione, o a perforazioni con il rivestimento del foro (cfr.
5.9.7.4). In questi casi, per la definizione della lunghezza ancorata necessaria, sono
indispensabili delle prove di resistenza.
6 > La malta d’ancoraggio nella costruzione di opere di premunizione contro le valanghe 99

6 > La malta d’ancoraggio nella costruzione


di opere di premunizione contro le valanghe
6.1 Generalità

6.1.1 Scopo

Nei capitoli che seguono viene stabilito il procedimento per le prove di idoneità e per il
controllo della conformità della malta d’ancoraggio durante i lavori di iniezione sul
cantiere. Le prescrizioni che seguono sono vincolanti per l’impiego della malta d’anco-
raggio nelle opere di premunizione contro le valanghe sovvenzionate dalla Confedera-
zione.

6.1.2 Prova d’idoneità

L’idoneità di una malta d’ancoraggio deve essere dimostrata mediante una prova ese-
guita presso un laboratorio neutro. La prova di idoneità e il relativo rapporto perdono la
loro validità dopo 3 anni. La prova di idoneità costituisce la base per l’omologazione
della malta d’ancoraggio (cfr. 8.3).

6.1.3 Controllo della conformità

Durante i lavori di iniezione sul cantiere è necessario un controllo continuo della con-
formità del prodotto utilizzato. La frequenza delle prove deve essere adeguata al quan-
titativo di malta impiegato, all’importanza del cantiere, alla competenza dell’impresa e
alle esperienze fatte con le attrezzature impiegate (combinazione miscelatrice-pompa);
essa deve inoltre essere stabilita in modo tale da consentire la percezione dell’effettiva
dispersione delle caratteristiche dalla malta. La prova deve aver luogo in un laboratorio
neutro. Dal momento che per conoscerne i risultati sono necessari da 1 a 2 mesi è
consigliabile procedere alle prove preliminari prima dell’inizio dei lavori; durante le
operazioni di iniezione ci si può limitare al controllo delle caratteristiche della malta
fresca determinandone il contenuto in pori d’aria.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 100

6.2 Malta d’ancoraggio normale

6.2.1 Prova d’idoneità

6.2.1.1 Esami

La malta da sottoporre alla prova dell’idoneità deve possedere una consistenza tale da
permettere un regolare pompaggio. La prova deve comprendere i seguenti esami:

6.2.1.2 Proprietà della malta fresca

Sulla malta fresca vengono determinati secondo il metodo EMPA i valori della sedi-
mentazione e dell’espansione, il contenuto dei pori d’aria e la massa volumica.

6.2.1.3 Esami sulla malta indurita

Sulla malta indurita sono previsti i seguenti esami, per i quali vengono impiegati prismi
di 40/40/160 mm, confezionati secondo il metodo EMPA:

> massa volumica, resistenza alla flesso-trazione e alla compressione dopo 24 ore, 3,
7, 14 e 28 giorni (conservazione all’aria, ad una temperatura di 20° e con un’umidità
relativa del 90 %), come previsto dalla norma SIA 215.001;
> misura del modulo d’elasticità dopo 28 giorni, conformemente alla norma SIA
262/1, allegato G (intervalli di tensione σ = 0.5 ... 5.0 N/mm²);
> determinazione della resistenza al gelo FS secondo la vecchia norma SIA 162/1,
prova n. 7, su sezioni di prisma (inizio della prova dopo 21 giorni);
> misura dalla variazione in lunghezza secondo norma SIA 261/1, allegato F (condi-
zioni ambientali: 20 °C e 70 % di umidità relativa), durata della prova fino a 90 gior-
ni.

6.2.1.4 Requisiti posti alla malta d’ancoraggio

La malta d’ancoraggio deve possedere i seguenti valori limite:

> Resistenza alla 7 giorni: fc ≥ 22 N/mm²


compressione: 28 giorni: fc ≥ 35 N/mm²

> Modulo E ≤ 25’000 N/mm²


d’elasticità: (intervalli di tensione σ = 0.5 … 5.0 N/mm²)

> Resistenza al gelo: FS ≥ 1.5

> Variazione in dopo 28 giorni εcs ≤ 2.0‰


lunghezza (ritiro):
6 > La malta d’ancoraggio nella costruzione di opere di premunizione contro le valanghe 101

6.2.2 Controllo della conformità

6.2.2.1 Confezione dei provini

Il prelievo della malta e la confezione dei provini avvengono in cantiere. La malta da


esaminare, che deve provenire da un impasto normalmente preparato, viene prelevata
durante i lavori sul luogo d’impiego, alla fine del tubo di iniezione.

6.2.2.2 Numero di provini necessari

Per gli esami sono necessari i seguenti provini:

> 9 prismi 40/40/160/mm oppure


> 2 cilindri Ø = h = 200 mm oppure
> 2 cubi di 200/200/200 mm o provini con un volume analogo

6.2.2.3 Contrassegno e trasporto dei provini

I provini devono essere contrassegnati in modo chiaro e persistente. Il trasporto al


laboratorio deve avvenire al più presto dopo la presa della malta e al più tardi dopo 2
giorni.

6.2.2.4 Conservazione

La conservazione dei provini dopo la preparazione e fino all’arrivo al laboratorio deve


avvenire in modo tale da evitare perdite di umidità e da garantire una temperatura
minima di 10 °C (avvolgimento in fogli di plastica, conservazione in acqua, disposto
nella baracca di cantiere).

6.2.2.5 Indicazioni da fornire al laboratorio

Per garantire una sicura interpretazione dei risultati, al laboratorio, unitamente ai


provini, devono essere date le seguenti indicazioni:

> generalità del committente;


> rapporto di preparazione dell’impasto;
> modalità e data della preparazione dei provini;
> temperatura dell’aria e della malta al momento dell’impasto;
> data della scasseratura;
> condizioni di conservazione.

6.2.2.6 Provini

L’esame avviene su prismi di 40/40/160 mm o su carote Ø = 50 mm (diametro =


altezza), estratte da provini provenienti dal cantiere.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 102

6.2.2.7 Conservazione in laboratorio

La conservazione dei provini in laboratorio fino al momento degli esami avviene ad


una temperatura di 20 °C, con un’umidità relativa pari al 90 per cento.

6.2.2.8 Esami previsti dal controllo della conformità

Il controllo della conformità deve comprendere i seguenti esami:

> massa volumica e resistenza alla compressione dopo 7 e 28 giorni conformemente


alla norma SIA 215.001 ed EN 12504–1;
> determinazione della resistenza al gelo secondo la vecchia norma SIA162/1, prova
n. 7 (inizio della prova dopo 21 giorni).

6.2.2.9 Requisiti per la malta d’ancoraggio

Per la prova di conformità valgono i seguenti valori limite:

> Resistenza alla 7 giorni: fc ≥ 22 N/mm²


compressione: 28 giorni: fc ≥ 35 N/mm²

> Resistenza al gelo: FS ≥ 1.5


6 > La malta d’ancoraggio nella costruzione di opere di premunizione contro le valanghe 103

6.3 Malta d’ancoraggio speciale per l’impiego nel permafrost

6.3.1 Prova d’idoneità

6.3.1.1 Generalità

La malta speciale deve possedere tutti i requisiti previsti dalla prova d’idoneità della
malta normale. L’esame della malta avviene secondo il capitolo 6.2.1.

Inoltre deve sottostare ad una prova specifica di idoneità all’impiego in terreno o roccia
permanentemente gelati. L’impiego della malta speciale viene esaminato fino a una
temperatura del sottosuolo di –4 °C. Per poter permettere il confronto dei risultati
occorre che le prove vengano eseguite secondo il metodo adottato dall’EMPA.

6.3.1.2 Confezione dei provini

La malta speciale da esaminare viene miscelata conformemente alle prescrizioni del


fornitore ad una temperatura di 20 °C (cfr. 7.6.2). La malta viene poi colata in recipienti
in materia sintetica aventi un diametro corrispondente a quello del foro d’ancoraggio
(normalmente 100 mm) e un’altezza superiore al diametro (cfr. fig. 44). Nella loro
parte superiore e inferiore i provini vengono isolati con uno strato di 30 mm di polisti-
rolo. Lo spessore delle pareti del recipiente non può superare 1.0 mm. Complessiva-
mente sono necessari 8 provini. A metà altezza di uno dei provini occorre introdurre,
sia al centro che verso l’esterno, una sonda termica.

Fig. 44 > Dimensioni del provino.

Diametro Ø D
Durchmesser
(generalmente 100 mm)
(i.a. 100 mm)

Isolazione
Wärmedämmung
(polistirolo)
(Polystyrol) 30

Kunststoffbecher
Recipiente cilindrico
(spessore delle
(Wandstärke pareti al
max.
massimo 1 mm)
1.0mm)
AcquaSolbad
salata (-4°C)
(-4°)

Sonde termiche
Thermistoren
(al centro und
(zentrisch e verso
aussen,
inl’esterno, a metà altezza)
halber Höhe)
H>D

Thermistor
Sonda termica
(nell’acqua salata)
(im Solbad)
Mörtelfüllung
Riempimento con malta

Isolazione
Wärmedämmung
(polistirolo) 30
(Polystyrol)
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 104

6.3.1.3 Decorso del raffreddamento della malta fresca

Gli 8 provini devono essere subito depositati in una salamoia (acqua con il 10 % di
sale), precedentemente raffreddata a –4 °C, e rimanere completamente immersi fino alla
base dello strato superiore d’isolazione. Il decorso del raffreddamento della malta e,
per controllo, la temperatura del bagno salato devono essere misurati in continuazione.
Il volume della salamoia preraffreddata per la conservazione di un provino è di 5 l. Il
rapporto fra il volume della salamoia e quello del provino è di 5:1. Con questo pro-
cedimento un provino inerte (che ha già fatto presa e che quindi non libera più il calore
provocato dall’idratazione) viene raffreddato, in 60–75 minuti, da 20 °C a 0 °C. Questa
velocità di raffreddamento corrisponde a quella che si verifica durante l’iniezione di
malta in terreno sciolto o roccia permanentemente gelati.

6.3.1.4 Conservazione al gelo

La salamoia e i provini sono tenuti ad una temperatura costante di –4 °C per tutto il


periodo di conservazione, che è di 28 giorni (raffreddamento dell’ambiente).

6.3.1.5 Requisiti per la malta dopo la permanenza al gelo

Dopo la permanenza al gelo la malta deve avere i seguenti valori limite, conformemen-
te a 6.2.2. La resistenza alla compressione viene determinata per tutti i provini, che
prima della prova vengono riscaldati per 24 ore ad una temperatura di 20 °C.

> Resistenza alla 7 giorni: fc ≥ 22 N/mm² (3 provini)


compressione: 28 giorni: fc ≥ 35 N/mm² (3 provini)

> Resistenza al gelo: FS ≥ 1.5 (1 serie ricavata sezionando 1


provino, prova secondo la vecchia norma
SIA 162/1 n. 7, inizio della prova dopo 21
giorni)

6.3.1.6 Lavorabilità

La lavorabilità della malta speciale deve essere dimostrata mediante prove pratiche con
le comuni attrezzature d’impasto e d’iniezione. Devono essere esaminate la consistenza
(che deve essere idonea all’iniezione) e la durata della lavorabilità.

6.3.2 Controllo della conformità

Il controllo della conformità della malta speciale deve avvenire secondo il capitolo
6.2.2.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 105

7 > Premunizioni contro le valanghe


nel permafrost
7.1 Generalità

La pubblicazione «Lawinenverbauungen im Permafrost» (rapporto conclusivo e com-


menti, ottenibile presso l’Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe,
Flüelastr. 11, 7260 Davos-Dorf) contiene spiegazioni relative ai temi trattati nei capito-
li che seguono.

7.1.1 Definizioni e concetti

7.1.1.1 Permafrost

Per permafrost (o terreno permanentemente gelato) si intende la parte esterna della


crosta terrestre che durante tutto l’anno è caratterizzata da temperature negative (fig.
45). Determinante per la definizione di permafrost non è la presenza di ghiaccio nel
terreno ma unicamente la temperatura.

Fig. 45 > Tipico andamento della temperatura nel permafrost.


di gelo-disgelo
può
alcune
mehreren
Metern mächtig)

Oberfläche
Superficie
Au ftauschicht

decine di metri)
spessore

-lla
raggiungere

saisonale ure aer )


T eProofilpe erno

Oscillazioni
atd umr
prtem inv

efirlo oramt )
m fi (Wra )

Schwankungen
stagionali
p
pelo itnu

r o e
cuizu

P l (p tate
m S
Strato

T e otefim
(

rade trea

s
(e
tulla r)

pr
(bis

Permafrost-
r-

Tetto del
(il

spiegel
permafrost
può raggiungere
zehn
di metri)
Perm afrostkörper
mehreren
mächtig)
spessore
decine

Gradient
Permafrost

Metern
cui zu

geot
G radient
alcune

e geoterm
(il(bis

thermi sche
ico

Permafrost-
r

Base del
basis
permafrost

negative
Temperature 0°C positive
Temperature
Temperaturen
negative Temperaturen
positive
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 106

7.1.1.2 Tetto del permafrost

Il tetto del permafrost è il limite superiore della porzione di terreno interessato dal
fenomeno. Esso si trova alla profondità a partire dalla quale ha inizio il permafrost vero
e proprio. Il terreno sottostante presenta temperature negative durante tutto l’anno. Il
limite inferiore del permafrost è denominato base del permafrost. Lo strato di terreno
che si trova sopra il tetto del permafrost, che disgela durante l’estate e rigela durante
l’inverno, viene definito strato di gelo-disgelo (active layer).

7.1.1.3 I ghiacciai rocciosi

I ghiacciai rocciosi, che rappresentano una tipica manifestazione del permafrost, sono
costituiti da una massa di detriti sovrasaturi di ghiaccio. A causa della viscosità del
ghiaccio i cosiddetti ghiacciai rocciosi attivi sono soggetti a movimento gravitativo e
scorrono lentamente verso valle. I ghiacciai rocciosi fossili, denominati anche inatti-
vi, sono invece antichi flussi di ghiacciai rocciosi, che in seguito alla fusione del
ghiaccio non sono attualmente più in movimento.

7.1.1.4 Permafrost continuo e alternato

Laddove il permafrost interessa il sottosuolo senza soluzione di continuità si parla di


permafrost continuo. Il permafrost alternato è invece caratterizzato da sottosuoli
gelati frammisti a sottosuoli non gelati.

7.1.2 Presenza e caratteristiche del permafrost

7.1.2.1 Presenza

Il permafrost è presente nelle Alpi ad altitudini superiori a 2500–3000 m s. m. Il limite


inferiore preciso, cioè l’altitudine fino alla quale, su un versante, il permafrost può
spingersi verso il basso, dipende da diversi fattori. L’esposizione, le condizioni clima-
tiche locali (temperatura dell’aria, irradiazione solare, condizioni del vento), le caratte-
ristiche del sottosuolo, lo spessore della coltre nevosa durante l’inverno e la durata
dell’innevamento influenzano in modo determinante il limite inferiore del permafrost.
Nella zona di transizione compresa fra i 2500 e i 3000 m s. m., il permafrost non è
continuo ma presente solo in modo alternato.

7.1.2.2 Condizioni del sottosuolo

Il sottosuolo di una zona di permafrost può essere costituito di materiale sciolto (in alta
montagna si tratta sovente di detrito di falda o di morena) o di roccia. Nei versanti
interessati dal permafrost, gli strati di terreno in prossimità della superficie sono soven-
te composti da materiale grossolano disgregato che ricopre la roccia madre.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 107

7.1.2.3 Contenuto di ghiaccio

I terreni sciolti permanentemente gelati sono suddivisi, secondo il contenuto di ghiac-


cio, in:

1. permafrost asciutto (nessuna presenza di ghiaccio = 0);


2. permafrost insaturo (contenuto di ghiaccio inferiore al volume dei pori d’aria del
materiale sciolto);
3. permafrost saturo (contenuto di ghiaccio pari al volume dei pori d’aria);
4. permafrost sovrasaturo (contenuto di ghiaccio maggiore del volume dei pori d’aria).

Il terreno sciolto da quasi saturo a sovrasaturo è denominato permafrost ricco di ghiac-


cio, il terreno sciolto da asciutto a insaturo è denominato permafrost povero di ghiac-
cio.

7.1.2.4 Scorrimento

Soprattutto il terreno sciolto ricco di ghiaccio, come ad esempio i ghiacciai rocciosi


(7.1.1.3), tende a muoversi verso valle a causa del comportamento viscoso del materia-
le che lo compone.

7.1.2.5 Fessure

Le fessure della roccia soggetta a permafrost sono spesso colme di ghiaccio.

7.1.3 Impatto delle opere di sostegno sul permafrost

Le opere di sostegno del manto nevoso non comportano un riscaldamento dimostrabile


del terreno interessato dal permafrost. Durante l’estate, le fondazioni delle strutture in
acciaio (ponti o reti da neve) non danno nessun apporto misurabile di calore al terreno.
attraverso le fondazioni delle opere in acciaio (ponti o reti da neve). Simulazioni a
lungo termine effettuate al computer indicano che le mutate condizioni di innevamento
in una zona premunita comportano solo un influsso trascurabile sul regime delle tem-
perature nel permafrost. La fessura che di solito durante l’inverno si forma nella coltre
nevosa immediatamente a valle delle superfici o delle reti di sostegno, e che è causata
dallo slittamento e dallo scorrimento della neve, a lungo termine ha un effetto legger-
mente raffreddante e quindi favorevole al mantenimento della situazione di permafrost.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 108

7.2 Indagini geognostiche

7.2.1 Valutazione della presenza di permafrost nel sottosuolo

7.2.1.1 Limite inferiore del permafrost

Dal momento che la presenza di permafrost dipende da diversi fattori (7.1.2.1), non è
possibile definire genericamente il limite inferiore (altitudine in m s. m.) del perma-
frost.

7.2.1.2 Probabilità della presenza di permafrost

Durante la fase preliminare di un progetto di premunizione contro le valanghe la


probabilità della presenza di permafrost può essere grossolanamente stimata per mezzo
del diagramma che segue (fig. 46), basato su valori derivanti dall’esperienza. Un’even-
tuale presenza è definita «improbabile», «possibile» o «probabile» ed è in funzione
dell’esposizione del pendio e dell’altitudine. Deviazioni da questo diagramma rispetto
alle effettive condizioni locali non sono da escludere. Specialmente in zone estrema-
mente ombreggiate o fortemente esposte al vento il limite inferiore del permafrost può
localmente spingersi verso il basso in modo discontinuo.

Fig. 46 > Diagramma per la valutazione della presenza di permafrost.

W E
3200

3100

3000
2900
2800
2700
2600
2500
2400
2300
2200

2100 m a.s.l.
m.ü. M

S
Permafrost
Permafrost unwahrscheinlich
improbabile

Permafrost
Permafrostmöglich
possibile

Permafrost (secondo
(nach Haeberli,
Haeberli, 1975)
1975)
Permafrostwahrscheinlich
probabile
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 109

7.2.1.3 Interpretazione delle fotografie aeree

Mediante l’interpretazione di fotografie aeree (da richiedere all’Ufficio topografico


federale, 3084 Wabern/BE, oppure al Centro di coordinamento per le fotografie aeree,
KSL, 8600 Dübendorf) possono essere riconosciuti i fenomeni di scorrimento del
terreno (ghiacciai rocciosi e soliflussi) causati dal permafrost. Terreni sciolti e saturi di
ghiaccio sono soggetti, a causa della loro viscosità, a movimenti di scorrimento gravi-
tativo, la cui morfologia è parzialmente riconoscibile sulle fotografie aeree. Le stesse
permettono inoltre di localizzare le zone con o senza vegetazione per la distinzione fra
ghiacciai rocciosi attivi e fossili.

7.2.1.4 Visita sul terreno

L’esame geomorfologico dà indicazioni circa la possibile presenza di permafrost nel


sottosuolo. Una visita sul terreno con un geomorfologo o con un geologo/geotecnico
consente di stimare la presenza di permafrost e l’eventuale sua estensione. Dal versante
opposto possono essere riconosciute forme di scorrimento del terreno causate dalla
presenza del permafrost. I principali criteri d’esame sono (cfr. tabella 12):

Tab. 12 > Criteri d’esame.

Criteri d’esame: Indicatori della presenza di permafrost nel sottosuolo: Indicatori dell’assenza di permafrost nel sotto-suolo:

Vegetazione • Assente o molto sporadica • Prato alpino continuo


Caratteristiche della superficie • Forme di scorrimento riconoscibili, fenomeni di soliflusso • Nessuna forma di scorrimento riconoscibile
• Detrito grossolano
Ghiacciaio roccioso • Attivo • Fossile
– Riconoscibili fenomeni di scorrimento attivi – Riconoscibili unicamente fenomeni di scorrimento
– Nessuna forma di vegetazione fossili
– Fronte del ghiacciaio roccioso molto ripido – Presenza di vegetazione
– Rotture nel terreno
Morena • Forme di scorrimento riconoscibili • Condizioni di stabilità
Chiazze di neve • Durante l’estate non si sciolgono (nevi perenni) • Si sciolgono durante l’estate
Temperatura estive • < 2 °C • > 2 °C
dell’acqua di sorgente

7.2.1.5 Metodi indiretti e semi-diretti per l’individuazione del permafrost

Tutti i metodi indiretti conosciuti, come ad esempio il rilevamento della temperatura


della neve a contatto con il terreno, e quelli geofisici semi-diretti, come ad esempio i
sondaggi geoelettrici, la sismica e le esplorazioni radar sono solo parzialmente adatti
per una concreta pianificazione dei metodi di lavoro in terreni interessati dal perma-
frost. Spesso le aree da premunire si trovano nella zona di transizione fra permafrost e
terreni non gelati. In queste condizioni i metodi indiretti e semi diretti spesso non
danno risultati inequivocabili e non consentono quindi un giudizio definitivo. Oltre a
ciò, il permafrost è sovente asciutto o insaturo di ghiaccio. In questi casi il contenuto di
ghiaccio è troppo esiguo e per mezzo di sondaggi geofisici, in particolar modo sondag-
gi geoelettrici ed esplorazioni radar, non è possibile pervenire ad una distinzione fra
permafrost e terreni normali.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 110

7.2.2 Indagine approfondita del permafrost

7.2.2.1 Sondaggio

Se sulla base delle prime valutazioni e delle osservazioni fatte sul terreno (cfr. 7.2.1.2–
7.2.1.4) si sospetta la presenza di permafrost, nella successiva fase di progettazione
occorre prevedere dei sondaggi geognostici (fig. 47). Le perforazioni perpendicolari
dovrebbero raggiungere una profondità di 8–10 m e possono essere eseguite con le
attrezzature normalmente impiegate sui cantieri di premunizione contro le valanghe
(martello fondo foro). Il numero e la disposizione dei sondaggi nella superficie da
premunire devono essere stabiliti in modo tale che l’indagine possa essere rappresenta-
tiva per tutto il perimetro. Come regola generale, se il terreno è omogeneo, potrebbero
bastare 1–2 sondaggi per ettaro; in zone con terreno di condizioni mutevoli il numero
dei sondaggi deve essere aumentato di conseguenza.

7.2.2.2 Misurazione della temperatura

3–4 settimane dopo la perforazione, la temperatura all’interno del foro si stabilizza.


Essa deve essere misurata a diverse profondità (ad es. ogni ml), ciò che permette di
allestire il profilo della temperatura (fig. 47). Il termometro (può essere usato un ter-
mometro manuale convenzionale) deve essere introdotto asciutto e calato molto accu-
ratamente, per evitare di disturbare, e quindi di mescolare fra loro, i diversi strati d’aria
all’interno del tubo di rivestimento. Per ogni misura occorre attendere che la tempera-
tura si sia stabilizzata.

Fig. 47 > I differenti profili della temperatura nelle zone con e senza permafrost.

PiccoloBetonschacht
kleiner pozzetto
conDeckel
mit coperchio
Marcatura
Markierungdella
des
perforazione
Bohrloches
(z.B.
(ad es.mit
con un
Armierungs-
ferro d’armatura
eisen d=12mm)
d=12mm)
8-10m 8-10 m

Spazio Spalt mit


della perforazione

da otturare
Mörtel
con malta
verdämmen
ProfonditàBohrtiefe

Polyaethylenrohr
Tubo in polietilene
d=50-60mm
d=50-50 mm
(wasserdicht, unten
(impermeabile,
mit Boden, oben mit
otturato in fondo, con
Deckel)
coperchio)

Bohrloch
Perforazione
d = d=95mm
95 mm
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 111

7.2.2.3 Serie di sonde termiche

Il foro può anche essere equipaggiato con una serie di sonde termiche, allacciate ad un
raccoglitore di dati (datalogger) per la memorizzazione degli stessi. Questo procedi-
mento, anche se più oneroso di quello convenzionale a mano, permette una misurazio-
ne continua della temperatura.

7.2.2.4 Momento per le misurazioni della temperatura

I rilievi della temperatura nel sottosuolo devono avvenire, almeno una volta, nel mese
di settembre e di ottobre. In questo periodo, nel sottosuolo, ad una profondità di 4–6 m,
si riscontrano le temperature massime. Se alla profondità indicata si trovano temperatu-
re < 0 °C, significa che la zona esaminata è interessata dal permafrost. L’interpretazio-
ne delle temperature negative in prossimità della superficie deve essere molto accurata,
poiché nel mese di ottobre ha già inizio il raffreddamento del terreno a partire dalla
superficie. La presenza di eventuali temperature negative negli strati superficiali del
sottosuolo potrebbe essere causata dal rigelo degli strati disgelati o unicamente da una
gelata stagionale, senza che nel sottosuolo vi sia presenza di permafrost. Si è in presen-
za di permafrost vero e proprio solo quando vengono misurate temperature negative a
partire da 2–5 m di profondità.

Fig. 48 > I differenti profili della temperatura nelle zone con e senza permafrost.

Permafrost: Non-Permafrost:
ra -
tu luar
l ra elt
1m

pfie dr a

1m
ftau-
sch icht

rmo filpoe
Strato di

ra ellra-
disgelo

pe dtu
gelo-

ra
tpe reom

mfil lor a
tu
Au

teo ofpi e
PT

Tetto del
Permafrost-
1m

1m

pr Prm

permafrost
spiegel
Te
1m

1m
non gelato
nich t gefroren

1m
Untergrund
Permafrost

1m
afrost

Sottosuolo

1m
Perm

1m
1m

1m
1m

1m

neg. pos. neg.


Temperature pos.
Temperature
Temperature 0°C Temperature 0°C
Tempera-
negative Tempera-
positive Tempera-
negative Tempera-
positive
turen turen turen turen
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 112

7.2.2.5 Distinzione fra terreni con e senza permafrost

Per mezzo delle misure della temperatura e dei relativi profili è possibile distinguere le
zone con permafrost da quelle non interessate dal fenomeno (fig. 48). Il profilo della
temperatura permette inoltre di determinare lo spessore dello strato di gelo-disgelo e la
profondità del tetto del permafrost.

7.2.2.6 Requisiti di precisione posti al termometro

Per la misura della temperatura occorre far capo ad uno strumento idoneo. Questo non
deve essere troppo lento, poiché è necessaria una rapida reazione alla variazione di
temperatura. La sua precisione deve essere verificata periodicamente in acqua con
disciolto del ghiaccio: se necessario si procederà a una taratura del termometro. Allo
scopo si prepara un miscuglio di cubetti di ghiaccio sminuzzati e acqua fredda, che
deve essere rimestato in continuazione. Il calore sprigionato dallo scioglimento del
ghiaccio permette di mantenere una temperatura costante di 0 °C. Al posto del ghiaccio
può venir usata della neve.

7.2.2.7 Perforabilità del sottosuolo e presenza di ghiaccio

Le perforazioni geognostiche con un martello fondo foro permettono anche di determi-


nare la perforabilità del sottosuolo. Una forte presenza di ghiaccio può ridurre note-
volmente la velocità d’avanzamento e rendere difficoltosa o addirittura impedire
l’espulsione del detrito di perforazione (7.5.1.1). Le perforazioni consentono pure una
valutazione del profilo geotecnico del sottosuolo, in particolare la distinzione fra
materiale sciolto e roccia. L’analisi del materiale espulso (presenza di particelle di
ghiaccio) permette di riconoscere la presenza di ghiaccio nel terreno.

7.2.2.8 Perforazione con estrazione del nucleo

Se è necessaria una conoscenza approfondita delle condizioni del sottosuolo, occorre


prevedere la perforazione a rotazione con estrazione del nucleo.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 113

7.3 Valutazione della tendenza allo scorrimento del sottosuolo

7.3.1 Generalità

La valutazione dei possibili movimenti di un pendio rappresenta la base decisionale per


la progettazione delle opere di premunizione. Pendii stabili o solo in leggero movimen-
to possono essere premuniti con una certa garanzia di durata delle opere. Se invece i
movimenti sono marcati o forti, bisogna aspettarsi una minor durata delle stesse. Di
conseguenza devono essere valutate altre possibilità di premunizione in alternativa alle
opere di sostegno. Gli intervalli dei valori di scorrimento tollerabili sono riportati nella
tabella 13.

7.3.2 Valutazione qualitativa

7.3.2.1 Movimenti di scorrimento del permafrost

La valutazione geomorfologica e geologica sul posto (7.2.1.4) dà indicazioni circa


possibili scorrimenti del sottosuolo causati dal permafrost. Le fotografie aeree (7.2.1.3)
permettono di evidenziare la tipica morfologia dei ghiacciai rocciosi e i fenomeni di
soliflusso. I ghiacciai rocciosi attivi, anche se di piccole dimensioni, a causa della
viscosità propria del materiale che li compongono (miscuglio di ghiaccio e di detrito)
scivolano verso valle a una velocità che può variare da diversi centimetri a diversi
decimetri all’anno. In queste condizioni non è consentito costruire opere di premuni-
zione contro le valanghe. La valutazione geomorfologica e geologica e l’inter-
pretazione delle fotografie aeree consentono unicamente una valutazione qualitativa
circa la stabilità o meno di un pendio. Considerazioni sui valori di scorrimento sono
oltremodo difficili.

7.3.2.2 Equilibrio instabile del detrito di falda poco compattato

Dal punto di vista geotecnico il detrito di falda con forte pendenza e poco compattato si
trova in uno stato di equilibrio instabile, poiché l’angolo d’attrito interno del materiale
corrisponde a quello del pendio. Questo tipo di detrito può pertanto essere soggetto a
movimenti superficiali di pochi millimetri all’anno, senza che la causa sia da addebita-
re al permafrost in terreni sciolti saturi di ghiaccio.

7.3.3 Misurazione degli scorrimenti

7.3.3.1 Generalità

Se sussistono incertezze a proposito della stabilità di un dato versante è possibile


procedere ad un monitoraggio dei movimenti causati dal fenomeno di scorrimento
mediante misurazioni geodetiche o inclinometriche (fig. 49). La campagna di misura-
zione deve durare almeno 2–3 anni.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 114

7.3.3.2 Misure geodetiche

Per le misurazione geodetiche devono essere posati sul terreno (ad es. su grossi sassi)
dei punti muniti di bulloni di misurazione. Il luogo di stazionamento dello strumento
deve essere scelto su terreno stabile (ad es. su roccia) ed assicurato mediante più punti.

7.3.3.3 Misure inclinometriche

I fori per la posa dei tubi inclinometrici possono essere eseguiti con le perforatrici
comunemente impiegate nei cantieri di premunizione contro le valanghe (con martello
fondo foro). Il tubo, compreso il fondo e il coperchio (fig. 49) deve essere impermeabi-
le all’acqua, che, se fosse in grado di penetrare, comporterebbe la formazione di ghiac-
cio nel tubo. Le misure danno indicazioni circa l’entità dei movimenti e dell’eventuale
orizzonte di slittamento. La base del tubo inclinometrico deve possibilmente trovarsi
ancorata nella roccia, in modo tale che le misurazioni possano basarsi su un punto di
riferimento fisso. Se ciò non è possibile, la parte superiore del tubo deve essere monito-
rata mediante misurazioni geodetiche, al fine di determinare i movimenti superficiali
del pendio.

Fig. 49 > Tubo inclinometrico per la misurazione dei movimenti di un pendio.

Piccolo
kleinerpozzetto
Betonschacht
con
mit coperchio
Deckel
Marcatura del
Markierung tubo
des
inclinometrico
Inklinometerrohres
(z.B.
(ad esmit
conArmierungs-
un ferro
eisen d=12mm)
d’armatura d=12 mm)
della posizione
perforazione

roccioso
orizon t
dije

Iniezione Vermörteln
substrato
Bohrtiefe

con malta
in funzione
Profondità

delFelsh
nach

Inklinometerrohr
Tubo inclinometrico
(Durchmesser=71mm,
(diametro = 71mm,
Rohr,suolo
tubo, Boden und
e coperchio
Deckel wasserdicht)
impermeabili)
m 1.0 m

ntso
m in.

izoio
oror cc
min. 1.0

h
eralsto
Ft
bs Perforazione
Su Bohrloch
d=120-130mm
d=120-130mm
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 115

7.4 Opere di premunizione nel permafrost

7.4.1 Valutazione del sottosuolo relativa allo scorrimento

7.4.1.1 Valori di scorrimento

I valori dello scorrimento (misurati in cm/anno) di un pendio sono determinanti per


decidere se lo stesso può essere premunito con opere di sostegno o se ciò non può
entrare in considerazione poiché troppo oneroso o addirittura tecnicamente impossibile.

7.4.1.2 Movimenti ammissibili per la messa in opera di strutture di sostegno

Le esperienze relative alla messa in opera di strutture di sostegno in terreni interessati


dal permafrost in movimento alle quali possiamo fare riferimento riguardano periodi
relativamente corti. Pertanto i valori di spostamento riportati di seguito sono stimati e
si riferiscono ai casi di danni finora conosciuti e alle misurazioni inclinometriche
eseguite su terreni soggetti al permafrost.

7.4.1.3 Pendii in movimento

Terreni in movimento con orizzonti di scivolamento profondi (più di 10 m) e con valori


di scivolamento regolari rappresentano condizioni meno critiche per le opere di premu-
nizione contro le valanghe. Movimenti superficiali discontinui nella zona da premunire
sono invece assai problematici.

Tab. 13 > Valori di scorrimento e possibili misure di premunizione.

Condizioni del sottosuolo Valori di scorri- Provvedimenti


mento stimati

Stabili
(massimamente in roccia) 0 cm/ anno • Premunizione secondo 7.4.2

Movimenti contenuti
(terreni sciolti ricchi di ghiaccio, 0.5−2 cm/ • Premunizione secondo 7.4.3:
detriti di falda discretamente stabili) anno – È probabile un maggior dispendio di mezzi per la manutenzione

Movimenti marcati
(terreni sciolti ricchi di ghiaccio, 2−5 cm/ anno • Premunizione secondo 7.4.3:
detriti di falda instabili) – da eseguire con strutture di sostegno solo se è giustificato un rapporto costi-benefici elevato
– si renderà necessario un maggior dispendio di mezzi per la manutenzione, poiché a medio
termine sono da attendersi dei danni
– probabile durata ridotta delle strutture di sostegno
– devono essere valutati interventi alternativi alle strutture di sostegno nella zona di distacco

Movimenti forti
(terreni sciolti ricchi di ghiaccio, > 5 cm/ anno • La premunizione è consentita solo se non sussistono alternative valide:
ghiacciai rocciosi, detriti di falda – la durata delle opere a medio e lungo termine non è garantita
molto instabili) – devono essere eseguite opere alternative alle strutture di sostegno nella zona di distacco
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 116

7.4.1.4 Elaborazione del progetto

In fase di progettazione bisogna determinare i valori di scorrimento che possono essere


tollerati e se il rapporto fra costi e benefici è giustificato.

7.4.2 Misure di premunizione in roccia soggetta a permafrost, senza movimenti di scorrimento

In presenza di condizioni di roccia stabili (senza movimenti), possono essere messi in


opera tutti i tipi di strutture omologati e adatti alla stazione riportati sulla «Typenliste
Lawinenverbau» (cfr. 8.9). Per la malta d’ancoraggio valgono i requisiti di cui al
capitolo 6.3.

7.4.3 Misure di premunizione in terreni sciolti soggetti a permafrost, con scorrimenti tollerabili

7.4.3.1 Strutture di sostegno flessibili

La premunizione delle zone di distacco su pendii con movimenti tollerabili secondo la


tabella 13 deve avvenire con strutture flessibili (come ad es. le reti da neve), che me-
glio di quelle rigide sono in grado di sopportare leggeri movimenti del terreno. In
seguito ad eventuali modifiche della loro geometria, le reti possono essere registrate
intervenendo sui controventi di valle e di monte.

I tipi di strutture omologati per il permafrost sono riportati nella «Typenliste Lawine-
verbau» (diffusione: UFAM, Servizio di documentazione, 3003 Berna) che viene
periodicamente aggiornata (cfr. 8.9).

7.4.3.2 Strutture di sostegno rigide

I ponti da neve rigidi non sono ammessi, poiché in seguito ai movimenti del terreno
sono soggetti a sovraccarichi e a sollecitazioni sfavorevoli alla loro stabilità.

7.4.3.3 Dimensionamento delle strutture di sostegno

I valori della pressione della neve sulle strutture sono uguali a quelli che si verificano
nelle zone senza permafrost. Il dimensionamento della sovrastruttura in funzione della
pressione della neve può avvenire conformemente a quanto previsto dal capitolo 5. Lo
slittamento della coltre nevosa nelle zone interessate dal gelo permanente, secondo
l’esperienza, è generalmente contenuto (scarso irradiamento solare, presenza frequente
di detrito grossolano).

7.4.3.4 Fondazioni

7.4.3.4.1 In generale

I puntoni delle reti da neve possono essere fondati su micropali (costituiti da tubi in
acciaio e non da semplici barre) o su piastre d’acciaio.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 117

7.4.3.4.2 Micropali

Il micropalo deve essere composto da un tubo in acciaio rigido (fig. 50) avente le
seguenti caratteristiche: diametro esterno = 76 mm, spessore delle pareti = 10 mm,
acciaio di qualità Fe 355 ...). Per garantire un buon attrito fra l’acciaio e la malta
d’ancoraggio il tubo deve essere irruvidito (ad es. mediante incisioni sulla parete
esterna). Le forze trasversali causate da eventuali leggeri ribaltamenti del puntone sono
assorbite dal micropalo rigido, che nella parte superiore deve essere munito di un
tirante. In detriti di falda poco compattati occorre valutare la necessità di una fondazio-
ne supplementare in calcestruzzo attorno alla parte superiore del micropalo.

7.4.3.4.3 Piastra di fondazione in acciaio

La piastra di fondazione in acciaio (fig. 50) è poco sensibile al ribaltamento del punto-
ne. La geometria delle reti da neve può essere registrata assai facilmente. A seconda
delle condizioni del terreno, la piastra deve essere posata su un letto di calcestruzzo e
fissata mediante una fune d’acciaio ai tiranti a fune a monte e a valle oppure a un
tirante separato. Nell’ambito del calcolo degli sforzi interni alla base del puntone, oltre
alle forze trasversali indicate nel capitolo 5.5.4, va presunta un’imprevista inclinazione
supplementare del puntone pari a 10° lungo la linea di massima pendenza, verso monte.
La forza trasversale risultante deve avere un valore minimo pari al 20 per cento della
forza massima agente sul puntone. Strati di terreno superficiale insufficientemente
compattati devono essere rimossi. Il dimensionamento della superficie della piastra
deve avvenire in funzione della resistenza del sottosuolo (cfr. 5.9.4.6).

Fig. 50 > Fondazione del puntone pendolare in presenza di movimenti di scorrimento.

Stahlrohr
Tubo unter alla
d’acciaio Grundplatte aus in acciaio
Piastra basale
Pendelstütze Stahl unter
base del puntone alla base del puntone
Pendelstütze
P end
P en d

s-
ePlst

n g rzo
unütot ze

ti gurinfo onte
Peulnstt ü t z

s i
efueni ud dtei na m
2 B2 fle
ne

zran igen
onee

i ti t
Evtl. Beton- sedei gsei
r
Eventuale fondazione
s- be kern
fundament
in calcestruzzo un g igen An un
e
f e st ig fotarzlsoeit o r af
B e dzi urim n l l e
od
e i o
eil a va g
ra g r
Fusne iraannteker co k e
deSl teil Anei lan
Betonaus-
Strato di calcestruzzo S
Tirante a fune gleichsschicht
di livellamento
Zuganker zur
stabilizzante
Stabilisation

Stahlrohr
Tubo in acciaio
daussen
dext = 76= mm
76 mm
t t==10
10mmmm
(mit Quetschungen)
(irruvidito)
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 118

7.4.3.4.4 Forze di deviazione esercitate dai tiranti a fune a monte

In detriti di falda molto poco compatti i tiranti a fune, che devono sopportare sollecita-
zioni molto elevate, richiedono una fondazione in calcestruzzo armato per la ripresa e
la ripartizione nel terreno delle forze di deviazione risultanti (fig. 41). La resistenza del
sottosuolo va stabilita secondo 5.9.4.4 e 5.9.4.6.

7.4.3.4.5 Tiranti a valle

Il tirante a valle può essere eseguito in modo convenzionale con una fune metallica.

7.4.4 Premunizioni su pendii con movimenti non tollerabili

7.4.4.1 Strutture di sostegno non autorizzate

Le strutture messe in opera su pendii con movimenti non tollerabili conformemente


alla tabella 13 sono soggette, a medio-breve termine, a deformazioni irreversibili e
danni. Ciò vale anche per le strutture flessibili, come ad esempio le reti da neve. Una
stabilizzazione del pendio con interventi tecnici non è quindi possibile. In queste
condizioni le opere di sostegno della coltre nevosa non sono ammesse, poiché la loro
durata limitata comporta un rapporto costi-benefici sfavorevole.

7.4.4.2 Provvedimenti alternativi

La premunizione contro i danni causati dalle valanghe deve avvenire mediante inter-
venti alternativi, come ad esempio l’accertamento delle zone soggette a pericolo di
valanghe e le relative evacuazioni nei momenti di pericolo, la costruzione di terrapieni
di deviazione o di arresto, ecc.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 119

7.4.5 Terrapieni in terreno sciolto soggetto a permafrost

7.4.5.1 Terreni sciolti con forte contenuto di ghiaccio

In terreni sciolti con forte contenuto di ghiaccio, come ad esempio i ghiacciai rocciosi,
non è consentito costruire terrapieni, poiché le sollecitazioni trasmesse al sottosuolo
(fig. 51) potrebbero causare un incremento dei valori di scorrimento. L’aumento delle
tensioni nel terreno potrebbe comportare un aumento dello scorrimento del pendio.

Fig. 51 > Terrapieno su terreno soggetto a permafrost sciolto.

Terrapieno di deviazione
Auffangdamm

Permafrostboden
Permafrost
(eisreiches Lockergestein) Aum v
(terreno sciolto ricco e e rstä r
di ghiaccio) diPsecrm anfrto d kt s
orrim ostkel em o
echevimen
enrito
deln p to
erma
frost

7.4.5.2 Terreni sciolti con poco contenuto di ghiaccio

In terreni sciolti con poco contenuto di ghiaccio, che non hanno tendenza allo scivola-
mento, la costruzione di terrapieni è ammessa. Mediante le necessarie indagini geotec-
niche occorre dimostrare che la stabilità complessiva del sottosuolo non è compromes-
sa. I valori dell’angolo d’attrito dei terreni sciolti gelati sono ridotti, quelli della
coesione sono tuttavia più alti.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 120

7.5 Ancoraggio nel permafrost (terreno sciolto o roccia)

7.5.1 Tecnica di perforazione

7.5.1.1 Espulsione del materiale

Nel permafrost possono verificarsi delle difficoltà di avanzamento della perforazione a


rotopercussione (espulsione del materiale mediante aria compressa). Ciò è dovuto al
fatto che il martello fondo foro riduce il materiale sciolto e saturo di ghiaccio in una
massa viscosa. In presenza di simili condizioni si rende necessario ritirare frequente-
mente l’asta di perforazione e procedere ad una pulizia del foro con aria compressa. Se
le condizioni sono estremamente svantaggiose (sottosuolo con forte presenza di ghiac-
cio), l’avanzamento della perforazione con un martello fondo foro potrebbe addirittura
risultare impossibile.

7.5.1.2 Rivestimento

Negli strati superficiali del terreno, costituiti spesso da detrito di frana scarsamente
addensato, può risultare utile il rivestimento del primo metro di perforazione. In pre-
senza di terreni sciolti insufficientemente stabili, bisogna in ogni caso valutare
l’opportunità di impiegare ancoraggi autoperforanti (ancoraggi combinati per la perfo-
razione e l’iniezione).

7.5.1.3 Attitudine alla perforazione

L’attitudine alla perforazione del sottosuolo può essere verificata in occasione delle
perforazioni geognostiche (7.2.2), ciò che permette di pianificare tutti gli accorgimenti
necessari.

7.5.2 Forze agenti sui tiranti in roccia

I tiranti in roccia possono essere messi in opera conformemente al capitolo 5.9.7.2. Per
il predimensionamento vale la tabella 11, mentre che il dimensionamento definitivo
deve avvenire sulla base di una serie di prove, conformemente al capitolo 7.5.4.

7.5.3 Forze agenti sui tiranti in terreni sciolti poveri di ghiaccio

Nei pendii che rappresentano potenziali zone di distacco di valanghe (pendenza del
terreno superiore a 28°) si trova generalmente un terreno asciutto o con poco contenuto
di ghiaccio. Ciò è dovuto al fatto che l’acqua di superficie defluisce lungo il pendio e
pertanto non può verificarsi un’importante formazione di ghiaccio nel sottosuolo. Sulla
base delle perforazioni geognostiche eseguite risulta possibile effettuare una valutazio-
ne qualitativa della presenza di ghiaccio nel sottosuolo (7.2.2.7). In terreni sciolti
asciutti o insaturi di ghiaccio il predimensionamento degli ancoraggi può avvenire sulla
base della figura 42 del diagramma. La differenziazione delle condizioni del sottosuolo
richiede una valutazione visiva, sul posto, delle qualità e del grado di compattazione
del terreno secondo 5.9.7.4.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 121

7.5.4 Prove sui tiranti

7.5.4.1 Generalità

Una distinzione visiva affidabile fra terreno medio, sfavorevole e molto poco compatto
è estremamente difficile. Per il dimensionamento definitivo della lunghezza dei tiranti
devono essere compiute delle prove di resistenza all’estrazione (fig. 52). L’esecuzione
di queste prove risulta vantaggiosa se avviene in concomitanza con le perforazioni
geognostiche per la determinazione dell’eventuale presenza di permafrost (7.2.2). Per
ettaro di superficie da premunire devono essere eseguite almeno da 3 a 5 prove. Se le
caratteristiche del sottosuolo della zona da premunire sono molto eterogenee, il numero
delle prove deve essere convenientemente aumentato.

7.5.4.2 Prove di resistenza all’estrazione

Le prove di resistenza all’estrazione possono essere eseguite conformemente alla


norma SIA 267/1. La determinazione della resistenza ultima esterna del tirante Ra,k
(carico di rottura) si effettua mediante un diagramma semilogaritmico di scorrimento
viscoso con un tasso di scivolamento viscoso kkrit pari a 2.0 mm. Le lunghezze necessa-
rie per i tiranti e per i micropali sono determinate secondo le formule che seguono. Il
metro superiore del tirante viene considerato non portante. La prova di resistenza
all’estrazione secondo la figura 52 fornisce la resistenza specifica all’estrazione Ra,k'
per una lunghezza ancorata di 1 m.

Fig. 52 > Esecuzione di prove di resistenza alla trazione.

Versuchsanker:
Tirante di prova:

Micrometro
Messuhren Martinetto
Kraftmessdose
Elevatore
Presse
min. 40-50 cm

Auflagerbalken
Trave d’appoggio

Eichenschwellen
Traversine di rovere
libera
del tirante
Ankerlänge
mm
Lunghezza

2-3.02-3
freie

Tubo di plastica
Plastikrohr
(con Schrumpf-
(mit guaina
kerungs-

termoretraibile)
schlauch abgedichtet)
Lunghezza

½
ancorata
länge
1.0m
1,0 m
Veran

Giunta scorrevole
Gleitfuge
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 122

7.5.4.3 Dimensionamento dei tiranti

In un terreno omogeneo la lunghezza totale necessaria di un tirante in funzione delle


effettive forze caratteristiche causate dalla pressione della neve è determinata secondo
la formula seguente (50):

Fk ⋅ 4 ⋅ a
L = +1 (50)
Ra,k '

dove:
L: lunghezza totale necessaria in [m] del tirante
Fk : valore caratteristico della forza di trazione o di compressione (forza agente sui
tiranti determinata dalla pressione della neve senza coefficiente di carico) [kN]
a: profondità media della lunghezza ancorata (fig, 52) durante la prova di resi-
stenza all’estrazione [m]
Ra,k': resistenza specifica all’estrazione su una lunghezza ancorata pari a 1.0 m (fig.
52)

7.5.4.4 Dimensionamento dei micropali

La resistenza ultima di un micropalo sollecitato a compressione è superiore del 50 per


cento rispetto a quella di un tirante sollecitato a trazione (5.9.7.6.5). La lunghezza
totale necessaria del tirante o del micropalo per le sollecitazioni effettive causate dalla
pressione della neve viene determinata per analogia secondo la formula precedente (Fk
= valore caratteristico della forza di compressione in [kN], senza coefficiente di cari-
co).

7.5.4.5 Terreni stratificati

In occasione di prove di trazione in terreni stratificati le lunghezze ancorate devono


essere definite per ogni singolo strato. La resistenza all’estrazione risulta dalla somma
delle resistenze all’estrazione specifiche ammissibili, determinate nei singoli strati.

7.5.4.6 Controllo della qualità

L a corretta iniezione dei tiranti deve essere controllata dalla direzione dei lavori. Se
sussistono dubbi che la tenuta possa essere insufficiente, durante l’esecuzione dei
lavori i tiranti possono essere sottoposti alla prova di resistenza alla trazione. In questo
caso la forza cui è sottoposto il tirante deve essere pari al 135 per cento della forza
effettiva Fk agente sui tiranti. Per questa prova, attorno alla testa del tirante va rimossa
la malta d’ancoraggio su una lunghezza di 0.5 m al fine di evitare un’interazione di
forze indesiderate fra il tirante e la struttura di appoggio. Il tasso di scorrimento viscoso
kadm non può essere superiore a 1.0 mm.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 123

7.6 Impiego della malta nel permafrost

7.6.1 Malte speciali per permafrost

Le caratteristiche della malta devono soddisfare le condizioni previste dal capitolo 6.3.
Le normali malte d’ancoraggio non sono ammesse. Le malte speciali, omologate per il
permafrost, ossia per terreni o rocce con temperature inferiori a 0 °C, sono riportate
dall’UFAM nell’elenco comprendente i tipi di strutture omologati («Typenliste Lawi-
nenverbau», cfr. 8.9). Queste malte possono essere impiegate fino a temperature del
sottosuolo di –4 °C. Durante l’estate, nel permafrost è raro che le temperature, nello
strato di terreno interessato dai tiranti, scendano a valori inferiori. Le temperature del
sottosuolo vengono misurate in occasione delle perforazioni geognostiche (7.2.2).
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 124

7.6.2 Preriscaldamento, iniezione

Per garantire l’inizio del processo di presa, prima dell’iniezione le malte speciali
devono essere riscaldate fino a 20 °C. Per far ciò basta semplicemente riscaldare
l’acqua prima di procedere all’impasto. Nella tabella 14 che segue (ammettendo un
rapporto di mescolanza acqua/malta secca pari a 0.18) è riportata la temperatura che
deve avere l’acqua in funzione di quella della malta secca:

Tab. 14 > Temperature dell’acqua necessarie a seconda della temperatura della malta secca.

Temperatura della malta secca prima dell’impasto Temperatura dell’acqua necessaria

0 °C 44 °C
4 °C 39 °C
8 °C 34 °C
12 °C 29 °C
16 °C 24 °C
20 °C 20 °C

7.6.3 Metodi per il preriscaldamento dell’acqua e per la misurazione della temperatura

Per il preriscaldamento dell’acqua sul cantiere possono essere utilizzati un bollitore a


gas, eventualmente dotato di un termostato o, più semplicemente, un contenitore in
acciaio nel quale l’acqua viene riscaldata mediante un fornello a gas. Durante
l’iniezione la temperatura della malta deve essere controllata sistematicamente. La
misurazione della temperatura dell’acqua, della malta secca e della malta impastata può
essere effettuata con un comune termometro. La temperatura della malta impastata non
deve essere inferiore a 20 °C ma non superiore a 30 °C, per evitare un troppo rapido
inizio del procedimento di presa.

7.6.4 Iniezione

La posa delle barre d’ancoraggio e dei micropali nonché la susseguente iniezione


devono avvenire subito dopo la perforazione, in ogni caso il giorno stesso. Questo per
evitare la formazione di ghiaccio nei fori in seguito alla penetrazione di acqua.

7.7 Manutenzione

Le opere di premunizione nel permafrost devono essere controllate in base al capitolo


5.4.2. Se necessario, deve essere ripristinata la geometria delle reti da neve.
7 > Premunizioni contro le valanghe nel permafrost 125

7.8 Diagramma delle fasi di progettazione

Fig. 53 > Diagramma.

Valutazione della presenza


di permafrost secondo
capitolo 7.2.1.1 à 7.2.1.3

Permafrost Permafrost possibile


improbabile o probabile

Con l’aiuto
Sopralluogo con
- della geomorfologia/geologia
Permafrost un geomorfologo
- di misurazion inclinometriche
improbabile o un geologo
- delle misurazioni condotte da ingegneri
capitolo 7.2.1.4
capitolo 7.3.2, 7.3.3

Permafrost possibile
o probabile

Esecuzione di:
- perforazioni geognostiche Permafrost Valutazione del grado
Permafrost
- misurazioni della temperatura presente di scorrimento
escluso
- valutazione della perforabilità del sottosuolo
capitolo 7.2.2, 7.5.1

Movimento di scorrimento: Nella roccia: Movimento di scorrimento


non tollerabile nessun movimento tollerabile nel terreno
nel terreno sciolto secondo di scorrimento secondo sciolto secondo
capitolo 7.4.1 capitolo 7.4.1 capitolo 7.4.1

Opera di Opera di sostegno Opere di sostegno con Opera di premunizione con


premunizione con non autorizzata tipi di strutture reti da neve
reti da neve convenzionali (secondo la (secondo la «Typenliste
(secondo la Misure di protezione «Typenliste Lawinenverbau») Lawinenverbau») capitolo 7.4.3
«Typenliste alternative al posto capitolo 7.4.2
Lawinenverbau») di premunizioni Prove sui tiranti
nelle zone di per il dimensionamento
capitolo 7.4.4 della loro lunghezza
capitolo 7.5.4

Malta normale omologata Malta speciale per permafrost


per la costruzione di opere
di premunizione contro le (secondo la
valanghe (secondo la «Typenliste Ankermörtel»)
«Typenliste Ankermörtel») capitolo 6.3.1, 6.3.2, 7.6
capitolo 6.2.1, 6.2.2
8 > Omologazione 127

8 > Omologazione
8.1 Scopo

Se per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe vengono chiesti


sussidi federali secondo l’articolo 36 LFo, è di rigore la messa in opera di tipi di strut-
ture e marche di malta ufficialmente esaminati ed omologati. Questo capitolo regola le
procedure di esame e di omologazione. La direttiva persegue i seguenti obiettivi:

> la regolamentazione delle procedure d’omologazione;


> la definizione dei requisiti per le strutture di sostegno, fondazioni comprese, e per la
malta d’ancoraggio;
> la creazione delle premesse per il sovvenzionamento, da parte della Confederazione,
delle strutture di sostegno, fondazioni comprese, e della malta d’ancoraggio nell’am-
bito della costruzione di opere di premunizione contro le valanghe.

8.2 Oggetti esaminati

8.2.1 Strutture di sostegno

Vengono esaminati i tipi standard di strutture di sostegno permanenti e le relative


fondazioni che beneficiano di sovvenzioni concesse dall’erario. I tipi di strutture
standard devono essere dimensionati in funzione dei seguenti parametri locali:

> pendenza del terreno ψ = 45°,


> coefficiente di slittamento N = 1.8 o 2.5,
> coefficiente d’altitudine fc = 1.1,
> altezza utile della griglia DK = 2.0/2.5/3.0/3.5/4.0/4.5/5.0 m,
> distanza laterale fra le strutture A = 2.0 m.

Se in una zona da premunire si riscontrano parametri locali più elevati (ad es. pendenza
del terreno > 45° o N > 2.5) occorre prevedere strutture di sostegno dimensionate di
conseguenza (costruzioni speciali).

La procedura di omologazione non viene attuata per le strutture di sostegno tempora-


nee e per le costruzioni particolari.

8.2.2 Malta d’ancoraggio

La malta d’ancoraggio impiegata nelle premunizioni contro le valanghe sovvenzionate


dalla Confederazione è soggetta ad esame.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 128

8.3 Procedura amministrativa


Le pratiche amministrative relative all’omologazione vengono sbrigate dall’UFAM,
che riceve le richieste dei costruttori di strutture di sostegno e dei produttori di malta
d’ancoraggio, avvia la pratica e rilascia il certificato d’omologazione. L’omologazione
viene eseguita dall’SNV e dalla Commissione federale di esperti in materia di valanghe
e caduta di pietre (CEVCP). I risultati e le osservazioni fatte durante i singoli esami
vengono messi a verbale e raccolti in un rapporto.

Tab. 15 > Procedura di omologazione delle strutture di sostegno.

Responsabile/Interessato Fasi della procedura

1 Costruttore, fornitore Richiesta all’UFAM con documentazione


2 UFAM Registrazione, conferma di ricevuta, orientamento relativo ai costi
3 SNV Verifica dei calcoli statici e dei piani presentati con rapporto al richiedente
e all’UFAM
4 Costruttore, fornitore Invio dei piani verificati e corretti all’UFAM in 11 esemplari
5 CEVCP Verifica della praticità d’impiego.
Rapporto al richiedente e all’UFAM comprendente una valutazione
generale e il preavviso (sì/no) relativo all’omologazione.
6 UFAM Decisione d’omologazione.
Iscrizione nella lista dei tipi di strutture omologati.
Ad 1: il costruttore o il fornitore di un tipo di struttura invia una richiesta d’omologazione all’UFAM. Allo stesso tempo fornisce la
documentazione prevista dal capitolo 8.6.1.
Ad 2: l’UFAM registra l’iscrizione e la documentazione e, in accordo con l’SNV, orienta il costruttore sulla procedura e i termini.
Ad 3: l’SNV verifica i calcoli statici e i piani. Se necessario, i difetti riscontrati sono enumerati in un rapporto tecnico. La documentazione
corretta deve essere di nuovo inoltrata all’SNV per un riesame.
Ad 5: la CEVCP, ad esame della documentazione avvenuto, comunica al richiedente se e con quali modalità è prevista una prova sul terreno. Da
ultimo redige una valutazione generale che comprende anche un preavviso (si/no) all’UFAM concernente l’omologazione.
Ad 6: l’UFAM decide circa l’omologazione del tipo di struttura e allestisce la lista dei tipi di strutture omologati.

Tab. 16 > Procedura di omologazione della malta d’ancoraggio.

Responsabile/Interessato Fasi della procedura

1 Fabbricante, fornitore Attivazione della procedura d’omologazione.


Richiesta all’UFAM con allegato il rapporto relativo alla prova d’idoneità.
2 UFAM Registrazione e conferma di ricevuta
3 SNV Verifica del rapporto relativo alla prova di idoneità. Resoconto della prova
al richiedente e all’UFAM
4 CEVCP Verifica della praticità d’impiego.
Rapporto comprendente una valutazione generale e il preavviso (si/no)
relativo all’omologazione.
5 UFAM Decisione d’omologazione.
Iscrizione nella lista delle marche di malta omologate.
Zu 1: il produttore o il fornitore invia 2 sacchi di malta asciutta all’EMPA o ad un altro laboratorio neutro per l’esecuzione della prova di idoneità.
Sui sacchi devono figurare le indicazioni di cui al capitolo 8.6.2.
Zu 2: l’UFAM registra l’iscrizione e la documentazione e trasmette il rapporto della prova d’idoneità all’SNV.
Zu 5: l’UFAM decide circa l’omologazione della malta d’ancoraggio e allestisce la lista delle marche di malta omologate.
8 > Omologazione 129

8.4 Requisiti

8.4.1 Strutture di sostegno

Il dimensionamento delle strutture di sostegno deve essere conforme ai contenuti della


direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella
zona di distacco, come pure delle norme SIA e dell’Eurocodice.

8.4.2 Malta d’ancoraggio

Le caratteristiche della malta d’ancoraggio devono essere provate mediante una prova
d’idoneità. I valori minimi vincolanti sono riportati nel capitolo 6 «Impiego della malta
d’ancoraggio nella costruzione di opere di premunizione contro le valanghe».

8.5 Esami

8.5.1 Strutture di sostegno

8.5.1.1 Verifica dei calcoli statici

Vengono verificate le ipotesi concernenti la pressione della neve e i modelli di carico


determinanti, il dimensionamento e la geometria della superficie di sostegno, il dimen-
sionamento della struttura portante (puntone, «Riegel», montante, collegamenti), le
reazioni determinanti degli appoggi, il dimensionamento degli stessi e il sistema di
protezione contro la corrosione previsto per le fondazioni. In seguito viene verificato
l’impiego in funzione della meccanica della neve e delle valanghe. Vengono esaminati
i punti seguenti:

> azioni conformemente alla direttiva tecnica per la costruzione di opere di premuni-
zione contro le valanghe nella zona di distacco (2006);
> modello strutturale/sistema statico (requisiti per l’utilizzazione);
> calcolo degli sforzi interni e delle reazioni degli appoggi;
> dimensionamento degli elementi rilevanti in acciaio secondo la norma SIA 263 o
l’Eurocodice 3 «Costruzioni in acciaio»;
> strutture di sostegno rigide: traverse della griglia, puntoni, montanti, «Riegel»,
collegamenti (piastre di supporto, spinotti, bulloni, introduzione delle forze, saldatu-
re), diametro di tiranti e micropali, piastre di fondazione (profili, introduzione delle
forze);
> strutture di sostegno flessibili: puntoni, pioli (sforzi tangenziali e di taglio), base del
puntone, maglia della rete, fune perimetrale della rete, controventi di valle, funi di
collegamento, funi di rinforzo della rete, ancoraggio del puntone, tiranti a fune/an-
coraggi;
> qualità della protezione contro la corrosione degli ancoraggi;
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 130

> materiali da costruzione impiegati (caratteristiche meccaniche, classe di qualità; per


materiali non previsti dalla norma SIA 263 o dall’Eurocodice 3 devono essere alle-
gati i rapporti delle relative prove);
> funi in fili d’acciaio utilizzate (costruzione, caratteristiche meccaniche dei fili, carico
di rottura minimo, certificati esistenti).

8.5.1.2 Esame della praticità d’impiego

a) Esame dei piani:


vengono esaminati, tra l’altro, il numero e il peso degli elementi, il sistema di mon-
taggio della struttura, il tipo di fondazione, l’adattabilità della struttura al terreno, la
natura dei materiali utilizzati, la vulnerabilità in caso di caduta di sassi, le tolleranze
d’esecuzione, le possibilità di controllo e di riparazione, l’impatto ambientale e
l’economicità.

b) Prova sul terreno:


– per nuovi tipi di strutture di sostegno è richiesta la messa in opera di strutture di
prova. Queste devono dimostrare la loro efficienza durante 2 o più inverni (a se-
conda delle condizioni climatiche) in un luogo prescelto dalla CEVCP.
– nel caso di modifiche costruttive di tipi di strutture già omologati viene di regola
richiesta una prova di montaggio. La messa in opera e il montaggio della struttura
vengono esaminati dalla CEVCP.
– nel caso di modifiche poco importanti (ad es. altezza utile della griglia confor-
memente a 8.2.1) non sono previste prove sul terreno.

8.5.2 Malta d’ancoraggio

La prova d’idoneità della malta d’ancoraggio deve essere fatta eseguire, direttamente
dal produttore, dall’EMPA o da un altro laboratorio di prova neutro. Il procedimento
della prova è descritto al capitolo 6 (Impiego della malta d’ancoraggio nella costruzio-
ne di opere di premunizione contro le valanghe). L’SNV e la CEVCP esaminano il
rapporto della prova d’idoneità tenendo conto dei valori limite previsti dal capitolo 6.
8 > Omologazione 131

8.6 Documentazione richiesta

8.6.1 Strutture di sostegno

Per l’apertura della pratica di omologazione occorre inviare all’UFAM la seguente


documentazione (indirizzo: UFAM, divisione Prevenzione dei pericoli, 3003 Berna).

a) Documentazione generale
Richiesta di omologazione con t:
– generalità e indirizzo del richiedente,
– oggetto da esaminare con i parametri locali,
– indice dei piani e dei calcoli statici inoltrati,
– luogo, data e firma.

b) Calcoli statici
– fascicolo dei calcoli statici con le generalità dell’autore, la data, l’oggetto da
esaminare con i relativi parametri locali,
– contenuto dei calcoli statici: tutti i calcoli e le verifiche devono essere esposti
in modo da poter essere ricostruiti (formule di calcolo, valori ipotizzati, risultati
intermedi e finali). I calcoli con il solo risultato finale, senza derivazione,
non sono accettati.

c) Piano d’assieme della costruzione completa


– piano con numero, data, tipo, costruttore ed eventuali modifiche,
– scala raccomandata: 1:25–1:20,
– descrizione delle possibili varianti di fondazione,
– indicazioni circa le forze massime agenti sulle fondazioni.

d) Piani costruttivi dei singoli elementi (se necessari)


– ogni piano con numero, data, tipo, costruttore, eventuali modifiche,
– scala consigliata: 1:2–1:20,
– indicazione delle misure degli elementi rilevanti come: montante, puntone,
collegamenti, congiunzioni, ecc.

e) Lista del materiale


– lista del materiale degli elementi rilevanti con tipo di profilato, misure e peso.

f) Istruzioni per il montaggio


– istruzioni per il tracciamento,
– mezzi d’aiuto e attrezzi necessari,
– istruzioni per il montaggio comprendenti tutti i singoli passaggi,
– lista per il controllo finale del montaggio,
– lista per i lavori di manutenzione.
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 132

g) Altre indicazioni (se necessarie)


– verifica della qualità della gestione della ditta,
– certificati esistenti.

h) Documentazione da inoltrare
– inoltro dei formulari di richiesta, dei calcoli statici e dei piani, in 2 copie,
all’UFAM, Divisione Prevenzione dei pericoli, CH 3003 Berna
– Dopo la verifica, con esito positivo, dei calcoli statici e dei piani da parte
dell’SNV, la documentazione corretta deve essere inoltrata, in 11 esemplari,
all’UFAM, Divisione Prevenzione dei pericoli, CH 3003 Berna.

8.6.2 Malta d’ancoraggio

Il rapporto relativo alla prova d’idoneità deve comprendere i seguenti esami:

> caratteristiche della malta fresca secondo il metodo EMPA,


> resistenza alla compressione,
> misura dell’elasticità,
> ritiro,
> resistenza al gelo.

Sui sacchi di malta devono essere indicati:

> nome del prodotto,


> generalità del fornitore,
> indicazione facilmente leggibile della data di produzione,
> indicazione facilmente leggibile della data di scadenza,
> numero di produzione,
> condizioni di magazzinaggio.
8 > Omologazione 133

8.7 Costi dell’omologazione

8.7.1 Esame dei calcoli statici

I costi relativi all’esame dei calcoli statici vengono fatturati, di regola, in funzione del
tempo impiegato.

8.7.2 Prova d’idoneità della malta d’ancoraggio

I costi derivanti dalla prova d’idoneità sono a carico del richiedente.

8.7.3 Esame della praticità di impiego

I costi relativi alla fornitura della struttura di prova sono a carico del richiedente. I costi
derivanti dalla messa in opera sono a carico del relativo progetto di premunizione. Se la
struttura viene omologata, il costo della stessa sarà rimborsato al fornitore. I costi
complessivi di una struttura di prova non devono superare quelli di una struttura rego-
lare nel medesimo cantiere.

8.8 Validità dell’omologazione

> La validità dell’omologazione delle strutture di sostegno è illimitata.


> La prova d’idoneità della malta d’ancoraggio deve essere ripetuta ogni 3 anni.
> Se dopo l’omologazione vengono riscontrati difetti delle strutture di sostegno o della
malta d’ancoraggio, oppure se strutture o malta non corrispondono più allo stato del-
la tecnica e delle conoscenze, l’omologazione deve essere ripetuta.

8.9 Liste dei tipi di strutture e delle malte omologati

Le strutture di sostegno (ad eccezione di quelle previste per parametri locali più eleva-
ti) e le malte d’ancoraggio omologate vengono riportate, per conto dell’UFAM, sulle
relative liste dei tipi, o delle marche omologati. Queste liste sono aggiornate costante-
mente e pubblicate sul sito Internet dell’UFAM.

8.10 Vincolo del segreto e divulgazione a terzi

Tutta la documentazione trasmessa all’UFAM, all’SNV e alla CEVCP è trattata con


riservatezza. Ad eccezione delle liste dei tipi e delle marche omologati, informazioni a
terzi vengono rilasciate solo con il consenso del richiedente. Il Dipartimento federale
dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni decide in merito ad
eventuali pubblicazioni tramite la CEVCP.
> Allegato 135

> Allegato
Figure Fig. 20
Distribuzione delle forze di bordo nel caso di un’estremità libera
Fig. 1 di una struttura (campo finale della struttura) e nel caso di una
Ponte da neve. 15 distanza fra le strutture pari a 2 m (campo di bordo). 62
Fig. 21
Fig. 2
Rastrelliera da neve. 15 Risultante della pressione della neve. 63

Fig. 3 Fig. 22
Punti di applicazione nei due modelli di calcolo della risultante e
Rete da neve. 15
distribuzione della pressione specifica della neve. 65
Fig. 4
Fig. 23
Velocità di scorrimento e di slittamento della coltre di neve. 19
Carico perpendicolare alla griglia. 67
Fig. 5
Premunizione completa di un’unità di terreno. 25 Fig. 24
Modello di carico 1 per la griglia. 68
Fig. 6
Premunizione parziale. Disposizione in file degradanti e Fig. 25
Modello di carico con e senza forze di bordo. 68
separazione del bordo della zona non premunita. 25
Fig. 26
Fig. 7
Premunizione continua. 26 Larghezze di carico delle traverse della griglia. 73

Fig. 8 Fig. 27
Premunizione frammentaria interrotta. 26 Forze parallele alla superficie della griglia. 73

Fig. 9 Fig. 28
Carico trasversale sulle traverse. 73
Premunizione frammentaria scaglionata. 26
Fig. 29
Fig. 10
Premunizione frammentaria combinata. 26 Struttura di sostegno con fondazioni separate e con indicata la
determinazione grafica delle forze di fondazione di un puntone
Fig. 11 con collegamento a cerniera alle 2 estremità e un montante con
Media areale delle altezze estreme della neve Hestr. 31 appoggio a cerniera in B (arco a tre cerniere). 78
Fig. 12 Fig. 30
Altezza della griglia e della rete. 32 Struttura di sostegno con «Riegel». La fondazione a valle è
Fig. 13 costituita da un micropalo e da un tirante in terreno sciolto, quella
Coefficiente di stanziamento. 35 a monte da un tirante in terreno sciolto. 78
Fig. 14 Fig. 31
Raccorciamento parziale degli intervalli fra le opere. 40 Rete da neve. 80
Fig. 15 Fig. 32
Intervalli laterali fra le opere nella premunizione scaglionata. 40 Rastrelliera da neve in legno. La fondazione a monte è eseguita
con un elemento orizzontale detto soglia. 80
Fig. 16
Carico supplementare per superficie di sostegno non Fig. 33
perpendicolare al pendio. 47 Piastra di fondazione di una rete da neve fondata sulla superficie
del terreno. 81
Fig. 17
Ripartizione della pressione della neve su una superficie Fig. 34
d’appoggio interrotta lateralmente. 48 Resistenza specifica del terreno σα in funzione della direzione
della forza α. 82
Fig. 18
Pressione della neve q’S sul puntone di una rete da neve. 49 Fig. 35
Dimensionamento della fondazione a monte in calcestruzzo in
Fig. 19
funzione delle forze di compressione nel terreno. 83
Fattore di bordo secondo la formula 22. 62
Direttiva tecnica per la costruzione di opere di premunizione contro le valanghe nella zona di distacco UFAM / WSL 2007 136

Fig. 36 Tabelle
Dimensionamento della fondazione in calcestruzzo a monte in
funzione delle forze di taglio nel terreno. 85 Tab. 1
Fig. 37 Vantaggi e svantaggi. 27
Fondazione in roccia adatta ai tiranti. 86
Tab. 2.1
Fig. 38 Distanziamento L fra le opere parallele al pendio, conformemente
Dimensionamento della fondazione prefabbricata a monte in alla figura 13 in (m). 36
funzione delle forze di compressione nel terreno. 86 Tab. 2.2
Fig. 39 Distanziamento fra le opere L parallelamente al pendio,
Dimensionamento della fondazione prefabbricata a monte in conformemente alla figura 13 in (m). 37
funzione delle forze di taglio nel terreno. 88
Tab. 3.1
Fig. 40 Distanziamento fra le opere L' in planimetria, conformemente alla
Dimensionamento della fondazione prefabbricata a valle. 88 figura 1.3 in (m). 38
Fig. 41 Tab. 3.2
Fondazione in calcestruzzo armato per l’assorbimento delle forze Distanziamento delle opere L' in planimetria, conformemente alla
di deviazione. La fondazione riduce la pressione sul terreno figura 1.3 in (m). 39
esercitata dal tirante a fune. 93 Tab. 4
Fig. 42 Coefficiente d’altitudine in funzione dell’altitudine. 43
Valore caratteristico della resistenza limite all’estrazione Ra,k in Tab. 5
funzione della lunghezza ancorata e del tipo di terreno per tiranti Classi di terreno e coefficienti di slittamento. 44
con e senza bulbo. 95
Tab. 6
Fig. 43 Coefficiente di scorrimento K in funzione della densità media
Valore caratteristico della resistenza all’estrazione Ra,k in
della neve (ρ) e della pendenza del terreno (ψ). 46
funzione della lunghezza ancorata e del tipo di terreno per
ancoraggi con bulbo. 97 Tab. 7
Analisi dello stato di manutenzione delle opere di sostegno. 59
Fig. 44
Dimensioni del provino. 103 Tab. 8
Determinazione della resistenza specifica del terreno. 82
Fig. 45
Tipico andamento della temperatura nel permafrost. 105 Tab. 9
Carico di rottura al taglio lungo le facce della fondazione in
Fig. 46
terreno vergine. 85
Diagramma per la valutazione della presenza di permafrost. 108
Tab. 10
Fig. 47 Aumento della carico di rottura al taglio sB in funzione della
I differenti profili della temperatura nelle zone con e senza
profondità di fondazione. 85
permafrost. 110
Tab. 11
Fig. 48 Resistenza specifica ultima, esterna alla trazione, per tiranti in
I differenti profili della temperatura nelle zone con e senza
roccia poco fratturata in funzione del diametro della perforazione. 92
permafrost. 111
Tab. 12
Fig. 49 Criteri d’esame. 109
Tubo inclinometrico per la misurazione dei movimenti di un
pendio. 114 Tab. 13
Valori di scorrimento e possibili misure di premunizione. 115
Fig. 50
Fondazione del puntone pendolare in presenza di movimenti di Tab. 14
scorrimento. 117 Temperature dell’acqua necessarie a seconda della temperatura
della malta secca. 124
Fig. 51
Terrapieno su terreno soggetto a permafrost sciolto. 119 Tab. 15
Procedura di omologazione delle strutture di sostegno. 128
Fig. 52
Esecuzione di prove di resistenza alla trazione. 121 Tab. 16
Procedura di omologazione della malta d’ancoraggio. 128
Fig. 53
Diagramma. 125

Potrebbero piacerti anche