Sei sulla pagina 1di 2

lo sono la tua terra e Tu sei il mio sole

Si fonde la corazza di gelo che ha attanagliato la terra e il suolo


petroso di ghiaccio si fa morbido, duttile, cedevole.
Dammi, Signore, un cuore di carne, che nutra compassione e tene
rezza, che sappia fremere e commuoversi. E dammi occhi piangenti,
che non abbian vergogna delle lacrime, ma piuttosto di una petrosa
aridità.
Dammi, Signore, un cuore nuovo, dammi degli occhi nuovi, dei
piedi nuovi, delle mani nuove; perché possa amarTi e guardarTi con
fervore, camminare con rettitudine, ed operare con giustizia.
Fammi verzicare come l'erba, fammi fiorire come il prato, e profu
mare come il fieno di maggio.
Dammi rugiada e brezza, sereno e caldo; perché io sono la tua terra
e Tu sei il mio sole.
Miserere
Pietà di me, o Dio, perché sei buono.
Nel tuo amore infinito cancella i miei peccati.
Lavami per sempre dal mio delitto:
purificami dal mio peccato. lo riconosco le mie colpe,
ho sempre davanti il mio peccato.
Contro di Te, contro Te solo ho peccato,
ho fatto il male innanzi
ai tuoi occhi;
lo confesso perché Tu sia giusto quando giudichi, e retto quando dai la sentenza.
Vedi: io sono nato nell'iniquità, e nel peccato mi ha concepito mia
madre.
L0 so: la verità Tu la cerchi nell'intimo: e nel segreto mi insegni
la sapienza.
Aspergimi con issopo, e sarò puro; lavami, e sarò più bianco della
neve.
Fammi sentire gioia e letizia; perché esultino le ossa che Tu hai
fiaccato.
Distogli lo sguardo dai miei peccati; e tutte le mie colpe cancella.
Crea in me, o Dio, un cuore puro; rinnova in me uno spirito
saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza; non togliere da me il tuo Santo
Spirito.
Ridammi la gioia della tua salvezza: sostienimi con uno spirito
forte.
Insegnerò agli sbandati le tue vie; perché i peccatori ritornino a Te.
Liberami dal sangue versato, o Signore, Dio della mia salvezza; e
la mia lingua canterà la tua giustizia.
Signore, apri Tu le' mie labbra; perché la mia bocca canti le tue lodi.
Perché Tu non gradisci vittime; e se Ti offrono olocausti non Ti
piacciono. .
Il mio sacrificio è un'anima pentita: Tu, o Dio, non disprezzi un
cuore infranto e umiliato.
130
TEMPO QUARESIMALE
SiiI propizio, nella tua bontà, verso Sion: ricostruisci le mura di
Gerusnlemme.
allora gradirai i sacrifici rituali, le offerte e l'olocausto: allora si
offriranno vitelli sul tuo altare.
Salmo 51
Attende, Domine
Guarda, Signore, ed abbi misericordia, poiché abbiamo peccato
contro di Te.
Verso di Te, o Re, Signore, solleviamo lo sguardo con le lacrime