Sei sulla pagina 1di 7

13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco

Visitatori nelle ultime 24 ore: 122          

SFOGLIA tutte le
pagine del
clavicembalo ...
Un progetto senza scopo di lucro dedicato a
recensioni, articoli, approfondimenti storici, interviste e al più grande archivio musicale di clavicembalo del mondo!

Tempo di riproduzione totale del clavicembalo: 412 ore e 49 minuti


Recensioni CD: 130 - Introduzione di testo alle registrazioni: 158 - Articoli, saggi ed eventi: 122

30 MITI SUL CLAVICEMBALO BAROCCO


di Claudio Di Veroli
Questo documento è protetto da copyright © 2011 di Claudio Di Veroli
1a edizione, Bray Baroque , Bray, Irlanda, Inverno 2011

A Franz Silvestri

Questo testo è un complemento gratuito dell'eBook Suonare il Clavicembalo Barocco (Di


Veroli 2010) d'ora in poi semplicemente citato come "PBH". Di seguito, organizzato in una
sequenza logica, un catalogo di affermazioni altamente discutibili che spesso si trovano negli
scritti odierni legati al clavicembalo. I chiarimenti che fornisco si basano su idee concordate
dalla musicologia corrente e / o dimostrabili da prove. La maggior parte di questi argomenti
sono trattati in modo completo nell'eBook PBH, che include i riferimenti necessari alle fonti
primarie.

Per i lettori di PBH e di clavicembalisti professionisti, questo testo può essere visto come una
semplice lista di controllo o intrattenimento. Per i lettori che non hanno familiarità con PBH,
ci si aspetta che i 30 miti stuzzichino il loro appetito per ulteriori informazioni sullo strumento
e le relative questioni tecniche e interpretative. Si spera che troveranno queste informazioni
nel libro completo della PBH.

Notazione: come di consueto nei testi inglesi, le note delle scale diatoniche sono identificate
come C, D, E, F, G, A e B. Le diverse ottave nella gamma del clavicembalo sono identificate
così: CC-BB (CC = C più basso al piano), CB (C = corda di violoncello aperta più bassa), cb (cb =
corda di viola aperta più bassa), c'-b '(c' = C più bassa nell'oboe), c "-b" (acuta-più ottava
completa nelle prime tastiere) ec "'- si"' (che include le note più acute nelle tastiere barocche).

MITI SU. . .

Clavicembali e loro azioni


Meccanica, articolazione e ornamento delle dita
Note inégales e alterazioni ritmiche
Tempi per brani per clavicembalo
Voce e registrazione per clavicembalo
Problemi di repertorio: clavicembalo vs altre tastiere

Cembalo doppio francese datato 1700 circa esistente a Roma, Italia

MITI SUL CLAVICEMBRO E LE LORO AZIONI


1. Dobbiamo essere grati a Wanda Landowska per il revival moderno del clavicembalo

Landowska non ha rianimato il clavicembalo. Esattamente un secolo fa, ha incaricato la fabbrica di


pianoforti Pleyel di costruire per lei un pianoforte a pizzico, basato su principi acustici e meccanici diversi
https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 1/7
13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco
da qualsiasi clavicembalo storico. A peggiorare le cose, per tutta la sua lunghissima vita ha suonato un
aggeggio dal suono molto debole con una tecnica delle dita e modi di interpretazione diversi da qualsiasi
cosa descritta nelle fonti antiche. Ci sono voluti decenni prima che organologi, musicologi e musicisti
dissipassero la lista infinita di concetti errati di Landowska, che hanno rovinato generazioni di musicisti più
giovani. Solo negli anni '60 i veri clavicembali iniziarono ad apparire nei recital, e ci sarebbe voluto ancora
più tempo per raggiungere una performance storicamente informata. (PBH pagg. 8, 10 e 18)

2. Lo strumento ideale per il musicista moderno è il doppio di cinque ottave, su cui è


possibile suonare tutta la musica per clavicembalo
SFOGLIA tutte le
Questa è una convinzione comune, ma fuorviante. È vero che l'intero repertorio clavicembalistico può pagine del
essere suonato su uno strumento del genere, tipico della Francia della metà del Settecento. È anche vero clavicembalo ...
che due tastiere erano specificamente richieste da JS Bach per i suoi lavori per clavicembalo su larga scala.
Per altri repertori, invece, i clavicembali fiamminghi o italiani un tempo onnipresenti - e le vergini -
forniscono un adattamento migliore, sia nel suono che nella diversa sensazione dell'azione. (PBH pagg. 14
ss.)

3. Una gamma di cinque ottave più è necessaria per la letteratura sul clavicembalo

Domenico Scarlatti e Soler hanno scritto per una gamma di tastiere GG-g '' '. Alcuni compositori francesi e
tedeschi hanno inciso alcuni FF in brani per clavicembalo molto recenti (dopo il 1740). Si potrebbe quindi
sostenere che una gamma di clavicembali "universale" è FF-g '' '(63 tasti). Per quanto importanti, però,
questi pezzi sono una piccola parte dell'enorme corpus di musica per clavicembalo. Tutti gli altri brani del
repertorio sono riproducibili su una gamma GG / AA-re '' '(55 tasti), il che implica uno strumento che può
essere accordato più velocemente, è più piccolo, più economico e più facile da trasportare. (PBH pagg. 21
ss.)

4. La musica di JS Bach richiede uno strumento con stop di 16 '

Questa convinzione ebbe origine in un presunto strumento di Bach con una peculiare disposizione di stop,
che fu la base per l'enorme produzione delle fabbriche di clavicembali tedesche intorno al 1910-1970. Alla
fine si è scoperto che lo strumento non era correlato a Bach e che la sua fermata di 16 'era stata
un'aggiunta del XIX secolo. Tuttavia, una manciata di antichi clavicembali esistenti - tedeschi, fiamminghi
e italiani - hanno un registro originale di 16 '. In un recente forum online, sono stati discussi i possibili
modelli di clavicembalo nella caffetteria di Zimmermann (dove Bach avrebbe suonato la sua musica da
camera), con argomenti avanzati per tipi di strumenti molto diversi. Una cosa è ovvia, tuttavia: Bach
scrisse opere importanti per due o più clavicembali, e anche se uno di loro aveva il non comune 16 ',
difficilmente lo stop sarebbe stato usato in un'esibizione con altri clavicembali che non lo avevano. I
principali produttori ritengono che l'aggiunta di uno stop da 16 'sia significativamente dannoso per la
qualità complessiva del suono. Infine, l'uso dello stop da 16 'ha l'effetto indesiderato di abbassare di
un'ottava l'altezza percepita. L'arresto di 16 'è praticamente assente dalla produzione odierna di
clavicembalo. (PBH pagg. 17 e 19)

5. Costruire un clavicembalo da un "kit" produce uno strumento di seconda classe, se non


uno non suonabile

Questo è certamente così per gli onnipresenti kit assemblati da dilettanti incuranti. Tuttavia, un kit di
buona qualità è un progetto consigliato per qualcuno che intende realizzare uno o due clavicembali nel
corso della sua vita: il kit consente di risparmiare non solo denaro ma anche molti problemi
nell'approvvigionamento di piani, materiali e indicazioni. Molto importante, sono sempre necessarie le
abilità di base nella costruzione del clavicembalo (nella lavorazione del legno, nell'assemblaggio e nella
regolazione). Molti kit costruiti con cura da dilettanti esperti e adeguatamente formati hanno prodotto
strumenti eccellenti. (PBH p. 20)

6. Tutte le modifiche moderne al jack per clavicembalo tradizionale sono dannose

La maggior parte dei produttori oggi preferisce produrre repliche perfette dei jack tradizionali. Questo
perché la maggior parte dei "miglioramenti" moderni, ideati per i cosiddetti "clavicembali moderni"
durante la prima metà del XX secolo, sono dannosi e talvolta persino ridicoli. Tuttavia, alcuni di questi
miglioramenti rendono la regolazione molto più semplice e possono essere montati senza produrre alcun
cambiamento evidente nel peso, nella funzionalità, nell'affidabilità e nel feeling dell'azione dal punto di vista
dell'esecutore. (PBH p. 20)

7. Il jack per clavicembalo funziona in poche fasi consecutive e distintive

Sebbene solo una manciata di fasi - in genere solo quattro - siano illustrate nella maggior parte delle opere
moderne sull'argomento, in realtà l'azione del jack ha non meno di undici fasi consecutive e chiaramente
differenziate. Comprenderli è di primaria importanza per il clavicembalista. (PBH p. 26)

8. Gli smorzatori tradizionali non smorzano mai le stringhe quando uno stop è
disinnestato: gli smorzatori a bandiera sì, e inoltre "overdamp"

Non c'è niente di più pericoloso di una verità parziale. In effetti, gli antichi clavicembali avevano per lo più
le corde non smorzate quando non era in uso un fermo: ma non era sempre così. Per quanto riguarda gli
smorzatori a bandiera, se realizzati con il materiale appropriato non sovrastampano affatto. Per un
semplice e piccolo pezzo di stoffa, la storia e il funzionamento dello smorzatore per clavicembalo sono
incredibilmente complessi: è ora disponibile una spiegazione completa. (PBH p. 110-113)

https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 2/7
13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco

SFOGLIA tutte le
pagine del
Tastiera del verginale di de Rossi, Milano 1577 clavicembalo ...

MITI SU MECCANICA, ARTICOLAZIONE E ORNAMENTO DELLE DITA


9. La tipica tecnica barocca si basa sul ritirare ogni diteggiatura curvandola verso il
palmo della mano, il cosiddetto "scatto"

Lo schiocco è stato descritto per la prima volta negli scritti post-barocchi. La sua attribuzione a JS Bach,
nientemeno, è tardiva e dubbia. Difficilmente compatibile con la tecnica tradizionale del clavicembalo, non
vi è alcuna giustificazione per utilizzare lo snap per l'esecuzione del repertorio barocco. (PBH pagg. 29-30)

10. L'articolazione di base o predefinita del clavicembalo è il legato

Praticamente tutti gli studiosi oggi concordano sul fatto che non è mai stato così. Durante l'era del
clavicembalo, si trovano molte prove univoche e uniformi contro il legato come articolazione della tastiera
di base. È ora disponibile un'analisi storica approfondita. (PBH pagg. 31-34)

11. In alcune circostanze, i trilli barocchi e i mordenti dovevano essere suonati prima del
ritmo

Di nuovo, praticamente tutti gli studiosi oggi concordano sul fatto che non è mai stato così. Questo mito è
una miscela moderna e può essere dimostrato falso controllando le fonti antiche nei testi e nelle partiture.
(PBH pagg. 39-49)

12. La maggior parte della musica per clavicembalo, specialmente gli accordi, doveva
essere eseguita con diversi gradi di arpeggio udibile

Questa è ancora un'altra convinzione infondata: per quanto comune, l' arpeggio non è mai stato una
caratteristica di esecuzione predefinita. È ora disponibile un esame completo. (PBH pagg. 54-55)

Frontespizio e abbellimenti dall'edizione di Roger delle Sonate per violino di Corelli op. V, Amsterdam 1710

MITI SU NOTE INÉGALES E ALTERAZIONI RITMICHE


13. La pratica delle note inégales era flessibile e documentata in modo vago o diverso: è
impossibile stabilire regole rigide per essa

Al contrario, raccogliendo le fonti antiche, emerge un quadro molto chiaro di una pratica notevolmente
uniforme, con regole precise e sensate sull'esecuzione delle inégales : ritmo, articolazione, quando
applicarle e ulteriori dettagli. (PBH pagg. 56 sgg.)

14. Nella musica barocca francese, le note confuse a coppie implicano inégales

Non è raro sentire esecuzioni registrate eseguite in questo modo. Questo è un peccato, perché le fonti
attestano che le coppie confuse - su qualsiasi strumento e non solo sulle tastiere - implicavano sempre le
égales . (PBH pagg. 61)

15. Nella musica di Rameau, ci sono prove che le coppie confuse siano inégales

Legato al Mito precedente, anche questo è - è dimostrabile - un malinteso, derivante da confronti


fuorvianti tra le opere per clavicembalo di Rameau e le versioni orchestrali da lui composte in tempi molto
successivi. (PBH pagg. 67-73)

16. Nei pezzi barocchi tedeschi, compreso JS Bach, quando i doppietti coesistevano con
terzine a voci diverse, i doppietti venivano sempre assimilati ai doppi

Questa era davvero una regola generale, seguita anche da compositori barocchi non tedeschi, ma aveva
importanti eccezioni. Bach, in particolare, ha lasciato prove schiaccianti che intendeva che i doppietti
fossero suonati come scritti, seguendo la moderna moda sesquialter . (PBH pagg. 75-78)

https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 3/7
13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco
17. Le note inégales si applicano solo alla musica francese, non alla musica barocca
scritta in stile francese ma al di fuori della Francia, ancor meno a JS Bach

Le prove - certamente scarse - suggeriscono fortemente che sia i musicisti tedeschi che quelli inglesi
avrebbero effettivamente suonato inégales come un dato di fatto nelle loro opere in stile francese. È molto
probabile che Bach intendesse eseguire con inégales un numero significativo di brani nelle sue Suite e
Partite . (PBH pagg. 79-84)

SFOGLIA tutte le
pagine del
clavicembalo ...

Jean-Philippe Rameau, incisione realizzata nel 1762 su un precedente busto di Caffieri

MITI SU TEMPI PER PEZZI DI CLAVICEMBALO


18. La maggior parte della musica per clavicembalo doveva essere suonata con un rubato
continuo e molto apparente

Mentre molti artisti moderni ben rispettati si astengono da questi eccessi, altri suonano in modo tale da
perdere ogni senso del ritmo. Tuttavia, lasciatemi citare:

"Le prove barocche per il rubato sono limitate a pochi suggerimenti in alcuni documenti di pochi autori
per alcuni passaggi in alcuni tipi di pezzi." (PBH pagg. 89-91)

19. Per la maggior parte dei brani barocchi, è molto difficile stabilire, con un certo grado
di certezza, il tempo inteso dal compositore

Anche se il metronomo è apparso solo in epoca romantica, almeno tre principi generali sono stati utilizzati
fin dall'antichità per determinare la velocità più adeguata per un brano (PBH pp. 91-92). Ulteriori
informazioni sono disponibili per i molti brani che seguono forme standard come particolari danze di suite
francesi o movimenti di Concerto italiano. (PBH pagg. 95 sgg.)

20. Molte delle Variazioni Goldberg di Bach sono esibizioni virtuosistiche , ovviamente
destinate ad essere suonate il più velocemente possibile

Nelle odierne esecuzioni pubbliche delle Variazioni Goldberg, i clavicembalisti suonano la maggior parte di
esse molto velocemente. Ci sono molte ragioni per cui lo fanno. Vorrei citare da PBH, p. 100:

"1. Mettere in mostra quello che sanno fare, che, essendo virtuosi del clavicembalo , è
proprio quello che ci si aspetta da loro.
2. Possono farlo perché hanno dovuto sviluppare una tecnica virtuosistica per diventare
clavicembalisti professionisti nel competitivo di oggi. . mondo
3. Essi possono tranquillamente svolgere le Goldberg con diteggiature moderni e
movimenti delle dita.
4. Essi hanno praticato assiduamente per una performance pubblica ordinata evitando note
sbagliate.
5. stanno giocando tutte le variazioni di una singola prestazione: velocità più basse
potrebbero trasformare il recital o la registrazione di una lunga relazione per il mondo
frenetico di oggi.
6. Un bel po 'di pubblico, abituato ai soliti tempi veloci, potrebbe trovare noioso uno
spettacolo più lento. Alcuni possono persino diventare assonnati:
dopotutto, la leggenda vuole che le Variazioni siano state scritte per aiutare un nobile con
insonnia! "(ancora un altro mito ...)

Ha senso, non è vero? Eppure, ai tempi di Bach, nessuno dei motivi sopra esposti era valido! È ora
disponibile un'analisi completa e una ricostruzione dei tempi storicamente probabili . (PBH pagg. 100-103)

https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 4/7
13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco

SFOGLIA tutte le
pagine del
clavicembalo ...

Metronomo in legno Wittner, 1970 circa

MITI SUL VOICORDO E SULLA REGISTRAZIONE


21. L'8 'superiore negli strumenti a due manuali aveva una voce molto più bassa rispetto
allo stop di 8' inferiore: l'8 'superiore era inteso solo per effetti pianissimo o eco

Questa pratica non è rara al giorno d'oggi, ma è ingiustificata: va contro alcuni fatti concreti e significative
prove indirette. (PBH p. 116)

22. Negli strumenti che hanno sul manuale inferiore - o solo - la disposizione 8 'e 4',
quest'ultima dovrebbe essere espressa molto più dolcemente dell'8 '

Non ci sono prove storiche per questa pratica moderna comune, che impedisce l'uso del 4 'come sosta
solista. Eppure questo è stato specificamente menzionato come una possibilità nelle fonti francesi. Un 4
'molto morbido ha anche lo svantaggio di non avere alcun effetto udibile se aggiunto ai due stop da 8' per
un fortissimo . (PBH p. 116)

23. Il buff stop fornisce un brutto effetto pizzicato e non veniva quasi mai utilizzato

Le registrazioni moderne difficilmente presentano il buff stop. Eppure i clavicembali fiamminghi erano
molto popolari in tutta Europa nel primo e medio periodo barocco, e avevano registri buff. La maggior
parte dei clavicembali Rucker avevano i loro buff stecche divisi in sezioni di bassi indipendenti e di acuti:
questo dimostra che il buff era considerato una caratteristica importante. Sfortunatamente, nella maggior
parte dei clavicembali antichi, i tamponi color cuoio non sono sopravvissuti e non abbiamo alcuna
informazione sul loro materiale, dimensione e posizione. Un buff stop può suonare molto brusco, come un
violino pizzicato , quando i pad sono morbidi, grandi e non abbastanza vicini al dado. Tuttavia, piccoli pad
in pelle situati molto vicino ai perni dado producono un suono caratteristico e bellissimo simile a un liuto.
(PBH p. 117)

24. La registrazione era considerata irrilevante nell'era del clavicembalo, quindi


dovremmo seguire questa filosofia

Questa convinzione potrebbe essere alla base di così tanti recital moderni in cui la maggior parte dei pezzi
viene suonata sulla combinazione 2x8 ', anche in doppi che potrebbero fornire una significativa varietà di
suoni con le diverse combinazioni dei loro tre cori più il buff. Antichi documenti attestano che la varietà dei
registri e delle loro combinazioni era considerata una caratteristica molto positiva dei clavicembali. È vero
che la maggior parte degli spartiti musicali non aveva indicazioni di registrazione, ma questo era così
perché scoraggiavano molti potenziali acquirenti, proprietari di strumenti più semplici con quasi nessuna
possibilità di modifiche all'arresto. Tuttavia, non pochi importanti compositori hanno incluso nelle loro
istruzioni musicali per clavicembalo indicazioni sul volume o sui manuali, mostrando così il loro interesse
per le possibilità espressive disponibili tramite la registrazione e / o l'uso dei due manuali in doppio. (PBH
pagg.

25. Nell'antichità i doppi clavicembali erano di regola suonati con manuali accoppiati -
2x8 '- e spesso anche con i 4' impegnati

La prova sostenuta per questo consiste in alcune affermazioni indirette che è improbabile che abbiano il
significato presunto. Le implicazioni sono state completamente studiate. (PBH p. 121)

26. Nell'antichità, i clavicembalisti suonavano di regola su registri singoli

Questo è l'opposto del mito precedente, e anche alcune prove sono state dimostrate. Tuttavia, tutto
sommato, sembra molto probabile che non ci fosse una registrazione "predefinita". I clavicembali con due o
tre registri mobili venivano spesso suonati con un arresto solista o con una combinazione. Ciò ha permesso
di ottenere diversi effetti e sonorità, che sono effettivamente richiesti nelle fonti del XVIII secolo. (PBH p.
124 ss.)

27. Le indicazioni di registrazione sono così scarse nella letteratura per clavicembalo che
non c'è speranza di formulare regole sull'uso autentico dei registri per clavicembalo

Si può dimostrare che JS Bach ha utilizzato indicazioni di registrazione contrastanti ("piano" e "forte") per
sei effetti musicali chiaramente differenziati (PBH pp. 128ss.). Molti altri autori hanno prescritto anche
alcuni di questi effetti. Sicuramente solo una piccola percentuale dei brani per clavicembalo reca indicazioni

https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 5/7
13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco
di registrazione: tuttavia, sono stati scritti da importanti compositori e consentono, attraverso un'analisi
approfondita e confronti, di ricostruire un set molto completo di regole di registrazione per i diversi modelli
di clavicembalo barocco. (PBH 120 sgg.)

SFOGLIA tutte le
pagine del
clavicembalo ...

Frontespizio delle Variazioni Goldberg di Bach, 1741

MITI SUI TEMI DEL REPERTORIO: CLAVICEMBRO VS. ALTRE TASTIERE


28. La musica per tastiere del Rinascimento e del primo Barocco non era specifica per
nessuna tastiera

Alcuni lo erano e altri no. Per secoli, i clavicordi sono stati piccoli strumenti portatili e la musica suonata su
di essi sarebbe stata spesso pubblicata sia per l'organo che per il clavicembalo. La musica pubblicata per
"organo" spesso includeva brani senza pedali, alcuni dei quali con segni rivelatori di essere stati concepiti
per una tastiera a corde. Viceversa, alcune musiche pubblicate per "tastiera" includevano brani che
richiedevano un organo a pedale. Anche in opere in cui sono citati sia il clavicembalo che l'organo (es.
Frescobaldi) è spesso possibile identificare alcuni brani come scritti ovviamente per l'organo, ed altri
ovviamente pensati per il clavicembalo. (PBH pagg. 145 sgg.)

29. Almeno siamo tutti d'accordo che il WTC di JS Bach è stato concepito per il
clavicembalo (o era il clavicordo o l'organo?)

Il punteggio WTC è stato scritto per essere compatibile con qualsiasi tipo di strumento a tastiera. I
tentativi di dimostrare che il WTC è stato concepito principalmente per uno strumento particolare hanno
dimostrato di incorrere in contraddizioni inevitabili. È possibile, tuttavia, identificare chiaramente alcuni
pezzi del WTC vol. Io come concepito per il clavicembalo e alcuni altri per l'organo. Lo stesso vale per il
successivo WTC vol. II, dove un bel po 'di pezzi mostrano i segni rivelatori della musica composta per il
clavicordo senza timbri allora di moda. (PBH p. 151)

30. Bach ha scritto la Toccata e Fuga in re minore BWV565 per organo, e non ci sono prove
del contrario

Williams e Humphreys nei loro famosi articoli del 1981 e del 1982 hanno dimostrato che l'ipotesi della
paternità di Bach porta a contraddizioni di fatto. Non hanno affermato di aver dimostrato che BWV565 è
una trascrizione e spuria. Tuttavia, si può dimostrare che le loro argomentazioni dimostrano in modo
conclusivo che le possibilità che Bach ne sia l'autore sono trascurabili. È anche possibile affermare con
relativa certezza il vero autore, la data approssimativa di composizione e che l'opera era originariamente
concepita per il clavicembalo o il violino solo. (PBH pagg. 152-153)

UTILIZZO DI QUESTO TESTO, TERMINI E CONDIZIONI

Citazioni di testo : la copia del testo da questa pagina Web e l'inserimento in altre pubblicazioni o
pagine Web è consentito automaticamente a condizione che siano soddisfatte le seguenti condizioni:

a) Come di consueto, il testo copiato deve essere compreso tra virgolette e lasciato invariato tranne che
per le eliminazioni. Quest'ultimo non dovrebbe modificare in alcun modo il significato e dovrebbe essere
identificato con dei puntini di sospensione.

b) La fonte deve essere citata come "Myth NN from Claudio Di Veroli, 30 Myths on Baroque
Harpsichord Playing, Bray Baroque, Bray, Ireland 2011. http://play.braybaroque.ie/mythsplay.htm".

c) L'autore dovrebbe essere immediatamente avvisato tramite e-mail: vedere http: /play.braybaroque.ie
per i dettagli.

Citazioni / copie non aderenti alle condizioni sopra indicate saranno considerate in violazione del diritto
d'autore dell'autore e potranno seguire azioni legali.

Disclaimer : Le affermazioni qui fatte su persone e scritti si basano su prove tratte da materiale
pubblicato debitamente riconosciuto, aggiornato a febbraio 2011. L'autore non si assume alcuna
responsabilità per qualsiasi offesa o danno causato dalla lettura di questa pagina web: il suo contenuto è
letto e utilizzato al rischio dell'utente. Per qualsiasi problema relativo a quanto sopra, non esitare a
inviare un'e-mail all'autore: vedere http: /play.braybaroque.ie per i dettagli.

https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 6/7
13/10/2020 Sala del Cembalo - 30 miti sul clavicembalo barocco

HOME & NEWS - Newsletter

Informazioni legali - Privacy e cookie


SFOGLIA tutte le
Mille grazie a tutti i volontari di saladelcembalo.org! pagine del
clavicembalo ...

https://www.saladelcembalo.org/instruments/myths30.htm 7/7