Sei sulla pagina 1di 5

Approssimazione di Stirling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Al crescere di n, il rapporto tra (ln n!) e (n ln n − n) tende a 1.

In matematica l'approssimazione di Stirling o formula di Stirling o formula approssimata di


Stirling è un'approssimazione per fattoriali grandi. Deve il suo nome al matematico scozzese James
Stirling (1692-1770).

La formulazione corretta è:

che viene scritta spesso come:

Per valori elevati di n il secondo membro della formula fornisce una buona approssimazione di n!
che si può calcolare rapidamente e facilmente. Ad esempio la formula per 30! fornisce
l'approssimazione 2,6452 × 1032, mentre un valore più preciso è 2,6525 × 1032; in questo caso si ha
una discrepanza minore dello 0,3%, più precisamente:

Indice

 [nascondi] 
 1 Stime elementari
 2 Derivazione
 3 Velocità di convergenza e stima dell'errore
 4 Formula di Stirling per la funzione gamma
 5 Una versione convergente della formula di Stirling
 6 Cenni storici
 7 Voci correlate
 8 Note
 9 Bibliografia

Stime elementari [modifica | modifica sorgente]


Una stima elementare per il fattoriale si può ricavare tramite una tecnica di somma parziale. Sia
un intero, allora

dove e sono la parte intera e la parte frazionaria di .

Segue che

che, passando all'esponenziale, diventa

Derivazione [modifica | modifica sorgente]


La formula, come pure la stima dell'errore, può essere derivata sviluppando il logaritmo naturale del
fattoriale

e per espressioni come questa si può utilizzare la formula di Eulero-Maclaurin.

Tale formula di approssimazione può essere espressa in forma logaritmica:


o ancora, applicando le proprietà dei logaritmi all'ultimo termine:

La costante o vale approssimativamente 0,918938533204673, arrotondata


alle 15 cifre decimali.

La formula si può ottenere anche attraverso ripetute integrazioni per parti. Il termine principale
dell'espressione può ottenersi applicando il metodo dello steepest descent.

Velocità di convergenza e stima dell'errore [modifica | modifica sorgente]


Più precisamente si ha

con

In effetti la formula di Stirling è una approssimazione della seguente serie (ora chiamata serie di
Stirling):

Quando , l'errore della serie troncata è asintoticamente uguale al primo termine omesso.
Questo è un esempio di sviluppo asintotico.

È chiamata serie di Stirling anche quella dello sviluppo asintotico del logaritmo:

In questo caso si dimostra che l'errore che si commette troncando la serie ha lo stesso segno e al più
la grandezza del primo termine omesso.

Formula di Stirling per la funzione gamma [modifica | modifica sorgente]


La formula di Stirling si può applicare (non sempre) anche alla funzione gamma, la funzione che
estende il fattoriale al campo complesso, denotata con le seguenti scritture
e definita per tutti i numeri complessi eccetto gli interi non positivi. Se allora

Integrando per parti ripetutamente si ottiene lo sviluppo asintotico

dove Bn è l'n-esimo numero di Bernoulli. La formula vale per |z| sufficientemente grande quando
, con ε positivo, con un termine di errore del tipo quando si usano
i primi m termini dello sviluppo.

Una versione convergente della formula di Stirling [modifica | modifica


sorgente]

Per ottenere una versione convergente della formula di Stirling bisogna valutare

Un modo per far questo si serve di una serie convergente di fattoriali crescenti. Se scriviamo
, si trova

dove

Da qui si ottiene una versione della serie di Stirling

che converge quando .

Cenni storici [modifica | modifica sorgente]


La formula venne scoperta per la prima volta da de Moivre (1667-1754) nella forma
[1]

Il contributo di Stirling consiste nell'aver dimostrato che la costante di proporzionalità è uguale a


.

Versioni più precise sono state ottenute da Binet.

Voci correlate [modifica | modifica sorgente]


 Fattoriale
 Stima asintotica
 Gamma di Eulero
 Formula di Eulero-Maclaurin

Note [modifica | modifica sorgente]


1. ^ Si è adottata la notazione della Stima asintotica

Bibliografia [modifica | modifica sorgente]


 M. Abromowitz, I. Stegun (1964): Handbook of Mathematical Functions,
http://www.math.hkbu.edu.hk/support/aands/toc.htm
 R. B. Paris, D. Kaminsky (2001): Asymptotics and the Mellin-Barnes Integrals, Cambridge
University Press
 E. T. Whittaker, G. N. Watson (1963): A Course in Modern Analysis, IV ed., Cambridge
University Press. ISBN 0-521-58807-3

Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica


Categorie:

 Teoria dei numeri


 Funzioni speciali
 Analisi asintotica

Potrebbero piacerti anche