Sei sulla pagina 1di 2

Articolo 1

Un alloggio dignitoso è un alloggio che soddisfa le caratteristiche definite da questo decreto.

Articolo 2

L'alloggio deve soddisfare le seguenti condizioni, per quanto riguarda la sicurezza fisica e la salute degli
inquilini:

1. Assicura il chiuso e il coperto. La struttura principale dell'alloggio e i suoi accessi sono in buono stato di
manutenzione e solidità e proteggono i locali da deflusso e upwelling. La falegnameria esterna e la
copertura con i suoi accessori e accessori forniscono protezione contro le infiltrazioni d'acqua nella casa.
Per gli alloggi situati nei dipartimenti d'oltremare, si può tener conto, per la valutazione delle condizioni
relative alla protezione contro le infiltrazioni d'acqua, delle condizioni climatiche specifiche di tali
dipartimenti;

2. È protetto contro le infiltrazioni d'aria parassitarie. Le porte e le finestre dell'alloggio, nonché i muri e le
pareti di questo alloggio che si aprono verso l'esterno o locali non riscaldati hanno una tenuta all'aria
sufficiente. Le aperture delle camere che si affacciano sulla dependance non riscaldata sono dotate di porte
o finestre. I camini devono avere i portelli. Queste disposizioni non sono applicabili nei dipartimenti situati
all'estero;

3. I dispositivi per limitare le persone negli alloggi e i suoi accessi, come ringhiere per finestre, scale, logge e
balconi, sono in uno stato coerente con il loro uso;

4. La natura e lo stato di conservazione e manutenzione dei materiali da costruzione, dei tubi e dei
rivestimenti degli alloggi non presentano alcun rischio manifesto per la salute e la sicurezza fisica degli
inquilini;

5. Le reti e le connessioni di elettricità e gas e le apparecchiature di riscaldamento e produzione di acqua


calda sono conformi agli standard di sicurezza definiti da leggi e regolamenti e sono in buone condizioni di
lavoro e di lavoro;

6. L'alloggiamento consente una ventilazione sufficiente. I dispositivi di apertura e tutti i dispositivi di


ventilazione dell'alloggio sono in buone condizioni e consentono il rinnovo dell'aria e l'evacuazione
dell'umidità adattata alle esigenze di normale occupazione dell'alloggio e al funzionamento
dell'attrezzatura;

7. Le sale principali, ai sensi dell'articolo R. 111-1-1, terzo comma, del codice edilizio e abitativo, hanno luce
naturale sufficiente e un'apertura verso l'aria libero o su un volume di vetro che dà all'aria aperta.

Articolo 3

La sistemazione comprende le seguenti attrezzature e comfort:

1. Un impianto che consente il normale riscaldamento, dotato di energia elettrica e prodotti di evacuazione
dei prodotti della combustione e adattato alle caratteristiche dell'alloggio. Per le sistemazioni situate nei
dipartimenti d'oltremare, queste disposizioni potrebbero non essere applicate quando le condizioni
climatiche lo giustificano;

2. Un'installazione di approvvigionamento di acqua potabile che garantisce la distribuzione all'interno


dell'alloggiamento con pressione e flusso sufficienti per l'uso normale dei suoi inquilini;

3. Impianti per l'evacuazione di acque grigie e fognarie che impediscono il ritorno di odori ed effluenti e
dotati di sifone;

4. Una cucina o una zona cucina predisposta per ricevere un apparecchio di cottura e comprendente un
lavandino collegato ad un impianto di alimentazione di acqua calda e fredda e ad un impianto di
evacuazione delle acque reflue;

5. Un'installazione sanitaria all'interno dell'alloggio comprendente una toilette, separata dalla cucina e dalla
stanza in cui vengono consumati i pasti, e attrezzature per l'igiene personale, che comprende una vasca o
una doccia, disposte a garanzia privacy personale, fornita di acqua calda e fredda e dotata di una presa per
acque reflue. L'installazione sanitaria di un monolocale può essere limitata a un bagno. al di fuori della
sistemazione a condizione che questo bagno essere situato nello stesso edificio e facilmente accessibile;

6. Una rete elettrica che consenta l'illuminazione sufficiente di tutti gli ambienti e degli accessi nonché il
funzionamento di elettrodomestici comuni essenziali per la vita quotidiana.

Negli alloggi situati nei dipartimenti d'oltremare, le disposizioni relative alla fornitura di acqua calda di cui ai
precedenti punti 4 e 5 non sono applicabili.

Articolo 4

La sistemazione ha almeno una stanza principale con una superficie abitabile almeno pari a 9 metri quadrati
e un'altezza del soffitto almeno pari a 2,20 metri, o un volume abitativo almeno pari a 20 metri cubi.

La zona giorno e il volume abitativo sono determinati conformemente alle disposizioni del secondo e terzo
comma dell'articolo R. 111-2 del codice edilizio e abitativo.

Articolo R111-2

La superficie abitativa e il volume di un'abitazione devono essere di 14 metri quadrati e almeno 33 metri
cubi per abitante previsti al momento di stabilire il programma di costruzione per i primi quattro abitanti e
10 metri quadrati e 23 metri cubi al meno per abitante aggiuntivo oltre il quarto.

La zona giorno di un'abitazione è la superficie costruita, dopo aver dedotto le aree occupate da pareti,
pareti divisorie, gradini e scale, condotti, aperture di porte e finestre; lo spazio abitativo corrisponde allo
spazio abitativo totale così definito moltiplicato per le altezze del soffitto.

Non viene preso in considerazione l'area dello spazio attico non sviluppato, le cantine, gli scantinati, i
capannoni, i garage, le terrazze, le logge, i balconi, gli essiccatori all'esterno dell'alloggio, le verande, i
volumi di vetro di cui all'articolo R. 111-10, locali comuni e altre dipendenze dell'alloggio o parti di locali con
un'altezza inferiore a 1,80 metri.