Sei sulla pagina 1di 19

Le interrogative indirette

LEZIONE DI RIPASSO
Alcune piccole ma grandi regole...

La cosa più importante è il tempo


del verbo reggente… ma cos’è un
verbo reggente?
VERBI REGGENTI DELLE INTERROGATIVE
INDIRETTE

domandare - interrogare - chiedere -


inquisire - interpellare - sollecitare , ecc
Se il verbo reggente si trova al presente
indicativo...

Si mantengono i tempi verbali del contenuto


del discorso, però potrebbero cambiare altri
elementi (pronomi, soggetto, declinazione
verbale, ecc) e anche il modo… perché...
Le domande sempre sono incertezze…
altrimenti perché domandiamo?

Le domande sempre esprimono incertezze anche se il modo


scelto è l’indicativo… quando le trasformiamo al discorso
indiretto possiamo scegliere tra:

- il congiuntivo
- l’indicativo
Contenuto del
discorso
Esempio senso presente:

Maria: “Ti piace la cioccolata?”


Maria domanda se mi piace la cioccolata.
-- Cambia il pronome indiretto** da ti a mi

-- Si mantiene il modo indicativo ed il tempo


Contenuto del
discorso
Contenuto del
discorso
Esempio senso presente:

Maria: “Ti piace la cioccolata?”


Maria domanda se mi piaccia la cioccolata.
-- Cambia il pronome indiretto** da ti a mi Contenuto
del discorso
-- Cambia il modo dall’indicativo al congiuntivo ed il tempo si mantiene
La scelta è vostra...

Se usiamo l’indicativo siamo in terreno


più certo, se usiamo il congiuntivo
camminiamo sul dubbio e l’incertezza.
VERBO REGGENTE AL PASSATO

Se il verbo reggente si trova al passato,


dobbiamo cambiare i tempi verbali (oltre
agli altri elementi) del contenuto del
discorso… seguendo questa logica...
Verbo della domanda al presente

- imperfetto indicativo
- imperfetto congiuntivo
Contenuto de
Esempio senso di passato: discorso

Maria: “Ti piace la cioccolata?”


Maria mi domandò se mi piaceva la cioccolata.

-- Cambia il pronome indiretto ** da ti a mi Contenuto del


discorso
-- Cambia il tempo verbale ** da presente a imperfetto mantenendosi il modo
Contenuto de
Esempio senso di passato: discorso

Maria: “Ti piace la cioccolata?”


Maria mi domandò se mi piacesse la cioccolata.

-- Cambia il pronome indiretto ** da ti a mi Contenuto del


discorso
-- Cambia il tempo verbale ed il modo ** da presente indicativo a imperfetto
congiuntivo
Verbo della domanda all’imperfetto:

- imperfetto indicativo
- imperfetto congiuntivo
Verbo della domanda al passato
prossimo/remoto:

- trapassato prossimo
indicativo
- trapassato congiuntivo
Verbo della domanda al trapassato prossimo:

- trapassato prossimo
indicativo
- trapassato congiuntivo
Verbo della domanda al futuro semplice e
anteriore, condizionale semplice e composto:

- condizionale composto
Le congiunzioni che introducono il
contenuto della domanda
Se la domanda ha un pronome interrogativo (che, quando,
dove, come, chi, quale…), ci serve per introdurre il
contenuto:

“Qual è il cognome di Maria?”

Mi domanda qual è/sia il cognome di Maria.

Mi domandò qual era/fosse il cognome di Maria.


Le congiunzioni che introducono il
contenuto della domanda:
Se nella domanda non c’è un pronome interrogativo, usiamo la
congiunzione SE per unire la prima frase (del verbo reggente) con la
seconda frase (la subordinata che esprime il contenuto della
domanda):

“Vieni alla festa?”

Mi domanda se vengo/vado/venga/vada alla festa

Mi domandò se venivo/andavo/venissi/andassi alla festa.


Ascolta l’audio, copia le domande e volgile al
discorso indiretto con senso di presente e di
passato...

Silvia ed Elisa un invito


mancato