Sei sulla pagina 1di 7

GESTIONE PORTALE TASI-IMU

Aggiornamento versione 0.1

La Tasi è il nuovo tributo per la copertura dei costi dei servizi indivisibili del comune (es. ordine pubblico e sicurezza,
tutela del territorio e dell’ambiente…), mentre l’IMU è l’imposta municipale da pagare per il possesso di immobili. Il
portale TASI-IMU è una calcolatrice libera che serve a determinare l’importo da pagare per la TASI e per l’IMU. Il
portale può essere utilizzato anche con lo scopo di ristampare gli F24 per il pagamento.

Casi particolari non gestiti dal Portale TASI-IMU per i quali è necessario rivolgersi agli sportelli
del comune:
- Non vengono gestiti gli anni antecedenti al 2014.

- Qualora il comune abbia deciso la ripartizione della TASI in quote tra proprietario e inquilino, e il sistema rileva che la
somma dei mesi di locazione nell’anno è maggiore di 6, assume che il detentore sia lo stesso per tutti i periodi
nell’anno locati e quindi ripartisce le quote. Nel caso in cui si tratti invece di locazioni a detentori diversi e la singola
locazione non supera i 6 mesi, il tributo è a totale carico del proprietario il quale deve rivolgersi al comune per il
corretto calcolo.

- In caso di ritardi nell’eseguire i versamenti per ora non è possibile ricorrere all’istituto del ravvedimento operoso che
permette la regolarizzazione della posizione nei confronti del Comune attraverso il versamento di sanzioni ridotte oltre
che di interessi per tardivo versamento.
Attività di base nel Portale TASI-IMU
La prima videata (Figura 1) consente di scegliere l’ente / comune nel quale sono ubicati gli immobili di interesse, se
non è presente un ente di default.

Figura 1. La scelta dell’ente.

Cliccando il pulsante del comune, l’utente accede alla maschera successiva (Figura 2) e ha la possibilità di scegliere se
importare una posizione precedentemente salvata o se effettuare un nuovo calcolo indicando il tipo di tributo al quale
è interessato (IMU, TASI o entrambi TASI-IMU). Per effettuare un nuovo calcolo, l’utente deve poi indicare l’anno di
TASI- IMU- Pagina |2
Data 09/05/2014- Gestione TASI-IMU ver.0.1

imposta al quale è interessato e il proprio indice ISEE (se previsto). L’ISEE (Indicatore Situazione Economica
Equivalente) è un valore attribuito alla situazione economica della famiglia, per acquisire tale dato ci si può rivolgere ai
CAAF e serve ad ottenere delle detrazioni sul totale da pagare.

Figura 2. La scelta del tributo.

Alla conferma dei dati, la procedura mostra all’utente l’elenco degli immobili (Figura 3); non saranno presenti immobili
nel caso abbia optato per un nuovo calcolo, al contrario se ha importato la posizione, visualizzerà gli immobili
precedentemente salvati.

Figura 3. Elenco immobili.

La pagina è composta:
i. Dalla barra dei comandi nella quale si trovano:
- L’indicazione dell’anno d’imposta scelto;
- Il pulsante per la visualizzazione della tabella riepilogativa del totale dovuto dall’utente per l’anno indicato
differenziato per le diverse tipologie di immobile inserite;
- Il pulsante per la ricerca dell’immobile (Figura 7);
- Il pulsante per la creazione dell’immobile, permette di creare un nuovo immobile qualora l’immobile di
interesse non fosse presente in banca dati. All’immobile non sono associati e non è possibile associare,
indirizzo e dati catastali, è invece associato un codice identificativo all’interno del calcolo. In automatico si
apre la finestra per l’inserimento nuovo periodo (Figura 7);
- Il pulsante per la creazione e stampa dell’F24 (Figura 9);
Direzione Prodotti e Servizi
16152 Genova – Via R. Bianchi 137
Tel.+39-010.648671 – fax +39-010.6143119
TASI- IMU- Pagina |3
Data 09/05/2014- Gestione TASI-IMU ver.0.1

- Il pulsante per la creazione e stampa del pdf con l’elenco immobili e riepilogo dei periodi;
- Il pulsante per tornare alla scelta del tributo, riportando l’utente alla pagina precedente (Figura 2), gli
consente di cambiare le scelte precedentemente effettuate (la scelta del tipo di calcolo, l’anno, l’ISEE o se
importare una posizione precedentemente salvata);
- Il pulsante che consente all’utente di cambiare l’ente visualizzando pertanto gli immobili ubicati in altro
comune (Figura 1), visibile se non è presente un ente di default;
- Il pulsante per il salvataggio di un file in locale rappresentante l’immagine della situazione corrente
(immobili e periodi definiti);
- L’indicazione del tipo di tributo che si sta visualizzando/calcolando.
ii. Dall’elenco degli immobili inseriti o creati. Per ogni immobile sono visibili un’intestazione con l’indirizzo, gli
identificativi catastali, i totali dovuti e le detrazioni relative al tributo selezionato. (Per gli immobili creati non
sono presenti le informazioni di indirizzo e dati catastali). All’interno di ogni sezione che identifica il singolo
immobilie, cliccando sull’icona di espandi dettaglio si possono visualizzare/nascondere le informazioni relative
ai vari periodi legati all’immobile (Figura 4).

Figura 4: – Le colonne presenti nell’elenco dei periodi variano in funzione della configurazione del sistema.

Nella maschera di dettaglio è possibile modificare i dati dell’immobile selezionato:


o Nel caso in cui l’elenco di periodi definiti non copra interamente l’anno d’imposta e le informazioni da inserire
riguardino periodi non segnati, è possibile l’inserimento di un nuovo periodo per l’immobile selezionando
“Aggiungi periodo nell’anno” (Figura 5);
o Nel caso in cui l’elenco dei periodi copra l’intero anno e le informazioni relative agli immobili siano variate,
l’utente deve variare i periodi selezionando il pulsante “Modifica periodo” del periodo di interesse (Figura 6).
o Nel caso in cui un periodo sia errato e l’utente volesse eliminarlo deve selezionare “Elimina periodo” nel
periodo di interesse e confermare la richiesta di eliminazione.

Direzione Prodotti e Servizi


16152 Genova – Via R. Bianchi 137
Tel.+39-010.648671 – fax +39-010.6143119
TASI- IMU- Pagina |4
Data 09/05/2014- Gestione TASI-IMU ver.0.1

Figura 5. Esempio di inserimento nuovo periodo.

Dopo aver selezionato l’icona di inserimento nuovo periodo, indicare:


(I campi eventualmente obbligatori vengono segnati tramite asterisco rosso)

a. Periodo di riferimento: inserire la data di inizio e di fine periodo scegliendole dal calendario. Il
sistema, in base alla scelta del comune, applicherà i giorni o i mesi per il calcolo. A tal fine il mese
durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni è computato per intero.
(Attenzione: per il corretto calcolo delle detrazioni inserire i periodi delle pertinenze
abitazione principale coincidenti con quelli dell’abitazione principale, ad esempio se una
casa è di proprietà dal 1/1 al 31/12 e la pertinenza dal 1/1 al 31/3 inserire per la
pertinenza il periodo 1/1 – 31/3 e per l’abitazione dividere i due periodi 1/1 – 31/3 e 1/4 -
31/12.)
b. Tipologia: selezionare dall’elenco delle tipologie disponibili quella corrispondente alla propria
situazione: Abitazione principale, Pertinenze dell’abitazione principale, Altri fabbricati, Area
fabbricabile e Terreni agricoli (quest’ultima non è possibile per il calcolo TASI in quanto tipologia
esente, per il corretto calcolo dell’Imu è previsto l’inserimento di un solo immobile con questa
tipologia relativo a tutti i terreni agricoli posseduti);
c. Utilizzo: l’utente seleziona l’utilizzo dell’immobile dall’elenco degli utilizzi disponibili. I possibili
utilizzi sono configurati in base alle scelte del singolo comune.
d. Ruolo del contribuente: l’utente seleziona la casella “Detentore” se detiene l’immobile come
inquilino oppure se ha stipulato un contratto di leasing, se invece è proprietario non seleziona
nulla;
e. Rendita catastale: indicare l’importo, questo campo non è visualizzato nel caso si sia scelto di
inserire un immobile con tipologia ‘Area fabbricabile’ o ‘Terreni agricoli’;
f. Categoria catastale: vi è un elenco predefinito filtrato sulla base della tipologia, selezionare il
valore corrispondente al proprio immobile. Questo campo non è visualizzato nel caso si sia scelto
di inserire un’immobile con tipologia ‘Area fabbricabile’ o ‘Terreni agricoli’;
g. Valore: indicare l’importo, questo campo è visualizzato solo per la tipologia ‘Area fabbricabile’;
h. Reddito dominicale: indicare la somma del reddito dominicale di tutti i terreni agricoli posseduti,
questo campo è visualizzato solo per la tipologia ‘Terreni Agricoli’. Nel caso vi sia una variazione
dei terreni posseduti con conseguente variazione del totale dei redditi dominicali, inserire più
periodi;
Direzione Prodotti e Servizi
16152 Genova – Via R. Bianchi 137
Tel.+39-010.648671 – fax +39-010.6143119
TASI- IMU- Pagina |5
Data 09/05/2014- Gestione TASI-IMU ver.0.1

i. Solo nel caso in cui il ruolo del contribuente sia ‘Proprietario’:


i. Se la configurazione lo prevede, indicare la percentuale di possesso sull’immobile da
parte del contribuente nel corso del periodo considerato;
ii. Se la configurazione lo prevede, indicare numero di proprietari residenti nell’immobile
nel corso del periodo considerato;
j. Selezionare “immobile storico/artistico”, “immobile inagibile/ inabitabile” o “coltivatore diretto o
IAP” se, nel periodo di riferimento, l’immobile (o l’utente nel caso del coltivatore diretto o IAP)
selezionato possiede tali caratteristiche. I campi sono visualizzati in base alla tipologia scelta;
k. Sezione TASI (Viene visualizzata solo per il calcolo TASI):
i. Riduzioni (campo visualizzato solo se esistono delle riduzioni per il Comune e l’anno di
imposta considerati): selezionare le riduzioni di competenza;
ii. Solo nel caso in cui il ruolo del contribuente sia ‘Detentore’ (e se la configurazione lo
prevede), indicare il numero di detentori. Rappresenta il numero complessivo di
detentori firmatari del contratto di locazione o leasing dell’immobile nel corso del
periodo considerato. Serve per la corretta divisione del dovuto tra i debitori.
iii. Se il comune lo prevede e se la tipologia scelta è ‘Abitazione principale’, indicare il
numero di figli conviventi a carico al 50% e al 100%. Serve per il calcolo delle ulteriori
detrazioni per figli a carico.
Cliccare su “Conferma” per salvare il periodo e calcolare il dovuto. (Nel caso in cui l’immobile sia in stato
‘Locato’ per almeno un periodo, il sistema verifica se la somma dei mesi di tutti i periodi è superiore o uguale a
6 mesi ed eventualmente suddivide il dovuto in quote proprietario e in quote detentore. Mostra infine l’icona
con l’informazione sulla divisione del calcolo.
Cliccare su “Reset campi” per cancellare tutti i dati inseriti.
Cliccare su “Annulla” per tornare alla pagina precedente (Figura 4).

Figura 6. Modifica periodo.

Direzione Prodotti e Servizi


16152 Genova – Via R. Bianchi 137
Tel.+39-010.648671 – fax +39-010.6143119
TASI- IMU- Pagina |6
Data 09/05/2014- Gestione TASI-IMU ver.0.1

Dopo aver selezionato l’icona di modifica periodo, il sistema precarica nei campi della maschera i dati presenti
sulla riga che l’utente vuole modificare. L’inserimento dei dati, i controlli e le funzioni dei pulsanti sono
analoghi all’inserimento nuovo periodo (Figura 5).
(Durante la funzione di modifica viene disabilitata la possibilità di nascondere il dettaglio dell’immobile,
inserirne, modificarne o eliminarne altri fino alla conferma o all’annullo dell’operazione in corso.)

Cerca immobile: selezionando l’icona dalla Figura 3 si accede alla pagina per la ricerca degli immobili tra quelli censiti in
catasto (Figura 7).

Figura 7. La ricerca di un immobile.

Nella finestra inserire gli identificativi catastali (sezione, foglio, mappale, subalterno – sono tutti campi obbligatori) o in
alternativa l’indirizzo (via e civico sono i campi obbligatori).
Cliccando su “Cerca” vengono mostrati i risultati della ricerca (Figura 8).
Cliccando su “Reset campi” si cancellano i valori inseriti.

Figura 8. I risultati della ricerca.

Selezionando l’immobile dall’elenco dei risultati (Figura 8) si passa alla maschera di inserimento nuovo periodo (Figura
5).

Stampa F24: selezionando l’icona dalla Figura 3 si accede alla pagina per la creazione dell’F24 in formato pdf (Figura 9).

Direzione Prodotti e Servizi


16152 Genova – Via R. Bianchi 137
Tel.+39-010.648671 – fax +39-010.6143119
TASI- IMU- Pagina |7
Data 09/05/2014- Gestione TASI-IMU ver.0.1

Figura 9. La stampa del modello F24.

L’utente può inserire i dati anagrafici così da riportare tali informazioni sull’F24 (non sono obbligatori e non restano
salvati. Neppure a seguito del “salva posizione” in quanto è un pulsante che consente la sola memorizzazione degli
immobili con i periodi associati).
Vi è la possibilità di scegliere se si intende pagare in un'unica soluzione o a rate. A seconda della scelta effettuata
verranno mostrate le rate disponibili per la stampa dell’F24.

Nel caso sia stata scelta la modalità di calcolo combinata TASI-IMU per comodità si può segliere “Accorpa per scadenze
omogenee” in questo modo viene creato un unico modello F24 per le rate selezionate le cui scadenze coincidono.
Selezionare le/a rate/a delle/a quali/e si vuole la stampa del modello F24.
Premendo il pulsante “Stampa F24 rate selezionate” verrà prodotto un file pdf del modello F24 che sarà possibile
stampare o salvare per una stampa successiva. Il pulsante è disabilitato se il dovuto annuo è minore della soglia
minima stabilita dal comune (solitamente 12 euro); in questo caso viene mostrato il messaggio esplicativo “NESSUN
IMPORTO DOVUTO”.

Direzione Prodotti e Servizi


16152 Genova – Via R. Bianchi 137
Tel.+39-010.648671 – fax +39-010.6143119