Sei sulla pagina 1di 28

METODO

CONTEMPORANEO DI
ACCORDATURA PER UN
BATTERISTA LIVE: UNA
INVESTIGAZIONE
Research Methods – Esame 3
1 Maggio 2020 – BIMM Dublin

Michael Reolon
P.s. questa ricerca è stata scritta originariamente in inglese ed è stata tradotta in italiano con
il proposito di condividerla nel Gruppo “Suonare La Batteria” di Corrado Bertonazzi
Alcune parti sono state eliminate per questioni di Privacy del
College e degli esperti intervistati; le parti omesse sono
evidenziate da […].
1
Contenuti

• Astratto p. 3

• Introduzione p. 3

• Definizioni p. 4

• Revisione Letteraria p. 5

• Metodologia p. 8

• Metodi p. 10

• Risultati Finali p. 14

• Conclusioni e Raccomandazioni p. 17

• Bibliografia p. 18

• Appendice A – Immagini e Risorse Utili p. 20

• Appendice B – Risorse Interviste e Masterclass p. 22

• Appendice C – Risultati Esperimenti p. 22

• Appendice D – Dati Visibili dell’Analisi Sonora p. 23

• Appendice E – Domande Questionari e Risultati p. 24

• Appendice F – Ulteriori Letture p. 28

2
Astratto

L'obiettivo di questo progetto di ricerca era trovare un metodo pratico, facile e professionale per

ottenere suoni moderni attraverso l'accordatura e il dampening del Drum Set in una situazione live.

In particolare, sono stati analizzati due elementi del Set:

• Il Rullante con un tono secco e un attacco pronunciato.

• Il Tom dal tono asciutto, rotondo, ricco di basse frequenze.

Nel dettaglio, sono stati esaminati diversi sistemi di dampening necessari per controllare la risonanza

e gli armonici del tamburo, oltre a studiarne gli effetti che essi causano al timbro dello strumento.

La ricerca è stata sviluppata utilizzando un approccio a metodo misto, combinando ricerca secondaria

e dati qualitativi/quantitativi attraverso una triangolazione finale per confrontare i risultati ottenuti.

Questi hanno modellato un metodo efficace e innovativo per il Drum Set per:

1. Risolvere alcuni problemi che il drum kit può dare durante il controllo del suono in una situazione

live (come un sustain troppo lungo del Tom).

2. Dare la possibilità a quei batteristi che non possiedono strumenti elettronici di essere in grado di

ricreare alcuni suoni digitali.

Questo lavoro può essere utile per ricerche riguardanti l'accordatura del drum set e dei sistemi di

dampening per ottenere nuovi suoni, in particolare all'interno di un drum kit ibrido.

Introduzione

La logica alla base di questo progetto di ricerca è il risultato dell'insoddisfazione delle tecniche

contemporanee di accordatura della batteria, basate su due generi specifici: Rock e Jazz. Il 90% delle

parti di batteria (Hasnain, 2017) della musica contemporanea è costituita da suoni digitali

preregistrati, chiamati samples. Questi ultimi sono spesso caratterizzati da un tono secco (chiamato

anche suono morto) per la mancanza della coda del suono (Bertonazzi, 2020). Per questo motivo, i

tipi di accordatura sopra menzionati non sono più sufficienti per replicare questi brani, visto che

3
producono un suono più lungo e più "vintage" (Bertonazzi, 2020), e non tutti i batteristi possono

permettersi di acquistare gli strumenti elettronici necessari per riprodurre queste sonorità. Per questo

motivo, un nuovo sistema consentirebbe a questi musicisti la possibilità di ottenere un suono di

batteria simile a quello usato nelle canzoni moderne anche attraverso la batteria acustica.

Le tre domande di base di questa ricerca sono:

• Quale metodo è il più rapido e professionale per accordare bene un elemento della batteria per

ottenere un suono asciutto?

• In che modo i diversi tipi di dampening influenzano il suono dei fusti?

• Quale combinazione tra sistema di accordatura e dampening consente di ottenere il suono

specifico nel Rullante e nel Tom?

Dampening è il sistema utilizzato per smorzare, attenuare o correggere il tono di uno strumento

(Artopium, 2018).

La principale limitazione di questo progetto è legata allo sviluppo di un sistema applicabile solo ad

alcuni tipi di strumentazione e/o situazioni ambientali, in quanto il budget economico non ha

permesso il confronto di tutte le pelli, sistemi di dampening e tipi di materiale con cui vengono

costruite varie parti della batteria sul mercato. Tuttavia, questo non è necessariamente un limite

poiché il progetto esaminerà gli strumenti e gli accessori più comunemente disponibili in ogni negozio

di musica per limitare le varie possibilità di combinazione e ottenere un risultato più mirato e

accessibile.

Definizioni

Alcuni termini chiave per questa ricerca sono:

• L’Envelope è il grafico che indica come un suono varia nel tempo in termini di dinamica; è diviso

in quattro parti: attacco, decadimento, sustain e rilascio (Richardson, 2010, p.18).

• Il Sustain è l'area in cui il suono rimane allo stesso livello (Richardson, 2010, p.18).

4
• Il Timbro è il colore o la qualità del materiale che caratterizza quel fusto; è definito con termini

diversi come luminoso, caldo, secco o scuro (Richardson, 2010, p.17).

• Il Pitch (Richardson, 2010, p.14) è definito dalla frequenza di un'onda sonora o, in altre parole,

dalla velocità di oscillazione (HowMusicWorks, 2020). Di solito, ogni suono è composto da una

bassa frequenza fondamentale alla quale vengono aggiunte frequenze più alte correlate alla prima

con un intervallo integrale e costante. Questi ultimi sono chiamati armonici

(HowMusicReallyWorks, 2020).

• I Overtones sono armonici dissonanti causati dal loro intervallo non regolare con la fondamentale

(Laws, 2013, p.78).

• Il Tone indica come le diverse frequenze sono bilanciate in un suono (Musical U Team, 2017).

• La Risonanza è il fenomeno che si verifica quando un oggetto, messo in vibrazione a una certa

frequenza, mette in moto anche un secondo oggetto, che vibra naturalmente a quella frequenza

(ThePhysicsClassroom, 2020). Un esempio è il violino formato dalla corda e dal corpo in legno

(Farnell, 2010, p.53).

Revisione Letteraria

Quando si tratta dell'argomento "Accordare la Batteria", non esiste un metodo tipico e/o razionale

come quello della chitarra, in cui ogni corda deve vibrare a una frequenza specifica (Richardson,

2010, p.65). Il suono della batteria si basa principalmente su un semplice gusto personale e per questo

motivo non esiste un metodo giusto o sbagliato per accordarla (Bertonazzi, 2020). Tuttavia, alcuni

metodi sono più efficaci di altri per far suonare lo strumento in modo migliore (Osborn, 2018).

Confrontando varie fonti, la più comune e utilizzata consiste in:

1. Pulire il fusto e posizionare la pelle.

2. Applicare il cerchio e mettere le viti in posizione, serrandole con le dita fino alla minima tensione;

quindi allungare la pelle per eliminare i residui di colla (Bertonazzi, 2020).

5
3. Accordatura a Croce: usando l'appropriata drum key, ruotare il

tirante di un'ora di giro; quindi passare alla vite opposta; infine

ripetere il processo su tutti le viti fino a quando non si ottiene

una nota definita, che è la più bassa possibile per quel fusto. In

questo modo, la pelle e il bordo vengono tirati uniformemente

per non rischiare deformazioni di quest'ultimo (Bertonazzi,

2020).

4. Accordatura Fine: colpendo a circa due pollici dal telaio vicino a ciascun tirante, controllare che

tutti siano accordati sulla stessa nota; in questa parte, non è più necessario spostarsi in diagonale,

ma basta andare semplicemente in senso orario (Osborn, 2018).

Questo sistema dovrebbe essere applicato sia alla pelle battente che a quella risonante;

successivamente, l'intervallo musicale tra queste due deve essere stabilito, ovvero la differenza tra le

note di ciascuna. Di solito, la pelle battente determina l'attacco e la risposta sulla bacchetta, mentre la

risonante determina il timbro e il sustain del tamburo (Bertonazzi, 2020). È proprio la relazione di

queste due pelli che determina il suono del tamburo e questo è il punto di partenza della ricerca.

Varie filosofie di pensiero e diversi sistemi di accordatura si ramificano, tra cui:

• Con lo stesso intervallo, il tamburo ha il sustain massimo possibile; viene spesso utilizzato con

due pelli dello stesso tipo in contesti Jazz o quando una maggiore proiezione sonora è necessaria

(Bertonazzi, 2020).

• Con la risonante più tirata nella battente, l'attacco e le basse frequenze sono più pronunciati; è il

metodo più comune tra i batteristi professionisti Rock/Pop (Bertonazzi, 2020).

• Con la battente più tirata della risonante, il tamburo ha un sustain più controllato e più breve e le

basse frequenze sono enfatizzate (Bertonazzi, 2020). Per questi motivi, questo sistema è il più

adatto ai suoni contemporanei e ha creato un punto di partenza per la ricerca da cui sono stati

analizzati i diversi effetti dei sistemi di dampening.

6
• Accordatura per intervalli di terza minore, terza maggiore, quarta perfetta e quinta perfetta,

utilizzata principalmente nei primi Jazz Set o negli anni '60/'70 in cui era preferita un'accordatura

"più musicale" legata alla tonalità del brano (Richardson, 2010, p.75).

In questo caso, l'aspetto comune tra tutti i metodi è la necessità di fermare la pelle che non viene

accordata in quel momento con un panno per isolare quella esaminata. Se la distanza dell'intervallo è

ampia, si verifica il problema dell'effetto pitch bending, ovvero una transizione graduale senza

interruzioni tra un tono e l'altro (Sweetwater, 2005).

Il tipo di pelle utilizzato, il tipo di fusto e il materiale con cui sono realizzati i vari tamburi sono

aspetti che influenzano notevolmente il suono di esso, ma poiché questa ricerca si basa su un

intervento istantaneo in una condizione live (dove quindi questi aspetti rimangono invariati), qui

saranno menzionate solo poche informazioni. Il tipo di pelle definisce il pitch (Richardson, 2010,

p.72) e sono principalmente divisi in base a (vedi Appendice A):

• Spessore: ogni pelle è realizzata con un materiale plastico chiamato Mylar e Mil (un millesimo di

pollice) è l'unità metrica utilizzata per misurare il suo spessore. Sono divisi in pelli a strato singolo

e doppio strato (Bertonazzi, 2020).

• Trattamento, diviso in Trasparente, caratterizzato dall'attacco e da alte frequenze pronunciate, e

Sabbiato, identificato da un suono più caldo e con frequenze basse più accentuate.

• Pelli speciali, con varie tecnologie applicate ad esse, come pelli pre-sordinate (cioè con una

sordina già applicata; un esempio è l'EMAD), pelli idrauliche (dove l'olio viene inserito tra i due

strati per controllare meglio il suono; un l'esempio è l’Hydraulic) o pelli con trattamenti speciali,

come HD DRY (D'Addario, 2020).

I tamburi sono divisi in triple flange, superhoop, die cast, woodhoops (Bertonazzi, 2020).

Oggi vengono utilizzati materiali diversi per la costruzione di batterie, offrendo una possibilità tonale

molto ampia (Richardson, 2010, p.72); le uniche classificazioni ancora possibili sono tra

metallo/legno/misto (Owsinski and Moody, 2016, p.3) e la forma del bordo del fusto (diviso in 45°

7
standard, doppio 45°, roundover e roundover vintage) (ModernDrummer, 2013).

I principali sistemi di dampening sono:

• Moongel: piccoli pezzi di gel da attaccare alla pelle.

• Nastro Gaffa: usato sia per riparare che per smorzare.

• Evans E-Ring: l'anello-sordina posto sopra la pelle battente.

• Cotone.

• Big Fat Snare Drum.

• Portafoglio.

Metodologia

La ricerca primaria si basava su uno studio empirico attraverso l'uso di un approccio a metodo misto.

Parlando di accordatura, non possiamo escludere che ogni batterista abbia in testa un suono specifico

che preferisce o con il quale si sente più a suo agio; per questo motivo, la ricerca aveva bisogno di

una parte interpretativa, che consentiva una visione multipla della realtà riguardante un certo

fenomeno (Merriam e Tisdell, 2016, p.9). In questo modo, la possibilità di conoscere più punti di

vista (ad esempio attraverso interviste con diversi professionisti) ha consentito alla ricerca di non

concentrarsi su un metodo specifico di accordatura, ma di conoscere e confrontare quali potessero

essere i più efficaci e veloci. Inoltre, parlando dell'effetto che i diversi sistemi di dampening

producono sul tamburo, è inevitabile cadere nel ragionamento causa-effetto che deve necessariamente

essere descritto (e non misurato) quando si considera il tono di uno strumento a suono indeterminato.

Successivamente, parlando di una situazione live, una misurazione istantanea in cui viene applicato

il metodo non è possibile, in quanto il batterista non possiede gli strumenti e il tempo necessari per

un'analisi così approfondita.


8
Tuttavia, non va sottovalutato che il progetto studia con particolare attenzione il sustain di un

tamburo, che è facilmente misurabile attraverso la durata di quest'ultimo; pertanto, sono necessari

l'esame numerico e un approccio quantitativo positivista, specialmente laddove le conoscenze siano

ottenute attraverso la sperimentazione e l'analisi comparativa attraverso i numeri (Walliman, 2011,

p.21). In effetti, la sperimentazione dei vari metodi e sistemi di dampening è il fulcro della ricerca

primaria, in cui verranno quindi analizzati i primi risultati ottenuti, assegnando così un carattere

oggettivo che altrimenti danneggerebbe la loro validità.

In termini di validità e affidabilità, non ci sono state complicazioni perchè:

• Ogni metodo è stato testato, registrato ed esaminato;

• È possibile riprodurre qualsiasi esperimento;

• Ogni risultato ottenuto è stato confrontato con i suoni presi come riferimento (Snare 808 e Tom

808 presi dal Roland SPD-Sx);

• Sono stati scelti un Rullante e un Tom con caratteristiche inadatte per ottenere questi tipi di suoni;

in questo modo, trovato il metodo migliore, quest'ultimo sarà sicuramente efficace su una batteria

con caratteristiche più appropriate.

• Ogni sistema proviene da professionisti che nel corso degli anni hanno accumulato esperienza e

soluzioni per affrontare i suddetti problemi.

• Quando è stato trovato il metodo di accordatura ideale per il tipo di suono,

sono stati utilizzati i Tama Tension Lock che, applicati ai tiranti,

consentono di mantenere la stessa tensione.

Come descrive Donley (2012, p.88), un risultato che si ripete con lo stesso metodo conferisce a

quest'ultimo un carattere affidabile. Tuttavia, non conferisce necessariamente validità alla ricerca, in

quanto identifica la capacità della metodologia di produrre risultati che si intende misurare.

In questa ricerca, tuttavia, non ci saranno questi tipi di problemi, poiché la registrazione del suono

ottenuto dai vari metodi è stata analizzata nel suo sustain, un fattore determinante per definire la

9
somiglianza o meno con i campioni. Inoltre, i vari dati, provenienti dai diversi metodi, sono stati

quindi confrontati attraverso una triangolazione finale, che ha permesso di ottenere maggiore validità

e affidabilità. In effetti, secondo Brannen, ogni metodo dovrebbe supportare gli altri e non solo

verificarli (Donley, 2012, p.66).

In termini di parzialità, il gusto personale per quanto riguarda il suono della batteria può svolgere un

ruolo importante nella ricerca in quanto può influenzare il decreto di quanto il risultato ottenuto con

quel metodo possa avvicinarsi ai suoni contemporanei. Per questo motivo, era essenziale assumere

un suono di riferimento, in modo che fosse possibile confrontarlo con quelli ottenuti dalla

sperimentazione in termini di intonazione, sustain e timbro. Come rivela Cohen (Bell, 2005, p.186),

la ricerca che integra un approccio qualitativo è più soggetta a un risultato parziale, in quanto

implementa una descrizione soggettiva. Per questo motivo, questa ricerca presenta anche una parte

quantitativa e una triangolazione per ottenere risultati validi, affidabili e oggettivi. Un altro motivo di

distorsione potrebbe essere la scelta di ricercare utilizzando solo il marchio Evans, escludendo altre

società come Remo e/o Aquarian. Tuttavia, questa scelta è stata adottata per limitare le variabili che

potrebbero essere presenti durante la sperimentazione; infatti, tutte le pelli Evans hanno la tecnologia

Level 360, che consente un'accordatura più facile e più uniforme, concentrando così la

sperimentazione solo sulla tecnica di accordatura e sulla tecnica di dampening (D’Addario, 2020). In

termini di etica, alcuni metodi hanno presentato complicazioni, ma le soluzioni a quest'ultime saranno

spiegate nel paragrafo specifico che segue.

Metodi

Dopo aver approfondito l'argomento attraverso la ricerca secondaria, il progetto ha intrapreso un

percorso basato sulla sperimentazione e sull'analisi oggettiva, portando così all'uso di un approccio a

metodo misto. I metodi quindi utilizzati sono stati:

10
Qualitativi Quantitativi

Evans Masterclass Interviste Sperimentazioni Analisi Sonora Questionario

Evans Masterclass

Questa Masterclass individuale, tenutosi presso MusicMaker il 16 novembre 2019, ha permesso

un'intervista non strutturata, oltre a confermare la revisione della letteratura fatta in precedenza;

potendo assistere a una sessione di accordatura in prima persona, è stato possibile chiedere all'esperto

[…] (rappresentante di Evans) quali tipi di pelle fossero ideali per ottenere i tipi di suoni esaminati.

Tutto è stato anche registrato, dopo averlo concordato tramite il modulo di consenso.

Un problema di distorsione ed etica può essere riscontrato in quanto la vendita e la descrizione del

prodotto come le migliori sul mercato sono nell'interesse dell'esperto. Questa visione, tuttavia, è stata

negata dal rappresentante in quanto egli descriveva semplicemente le qualità delle pelli di Evans;

inoltre, la scelta di utilizzare questo produttore nella ricerca era già stata fatta in precedenza.

Interviste

Successivamente, la necessità di indagare l'argomento in modo specifico ha portato la ricerca a

intervistare tre batteristi professionisti e specializzati nel campo dell'accordatura in situazioni live:

[…], […] e […].

In particolare, sono state formulate tre domande per ciascuno di essi, riassunte qui:

• Il tipo di accordatura utilizzato in una situazione dal vivo e varie correzioni all'interno della sede.

• Le tecniche utilizzate durante il soundcheck per controllare e/o eliminare sustain e overtones.

• L'approccio riguardo il suono dello strumento se assunto per suonare una setlist di musica

elettronica avendo a disposizione solo un set acustico e i sistemi di accordatura e dampening

disponibili.

In termini etici, è stato necessario richiedere l'autorizzazione per registrare la conversazione e poterli

menzionare all'interno della ricerca, tutti concordati attraverso il modulo di consenso. Come

sottolinea Bell (2005, p.157), anche se limitano la conversazione con un basso numero di persone,

11
l'adattabilità di un'intervista consente al ricercatore di ottenere diversi punti di vista che possono

quindi essere confrontati in punti comuni e in disaccordo.

Sperimentazione

Questa è stata la parte fondamentale della ricerca in quanto tutti i metodi raccolti sono stati testati sul

campo. In particolare, sono stati verificati il metodo principale di accordatura descritto nella revisione

letteraria e i seguenti metodi di dampening:

• Per il rullante: Moongel, Nastro Gaffa, E-Ring Evans, Big Fat Snare Drum.

• Per Tom: Moongel, Nastro Gaffa, E-Ring Evans, Cotone.

Il portafoglio è stato escluso poiché ogni batterista ne ha uno diverso e pertanto non può essere

considerato una variabile costante.

È stato usato:

• Rullante Pearl Vision 14x5.5 Birch con Evans G2 Coated e Snare Side Hazy 300.

• Tom Pearl Vision 10x8 Birch con Evans G2 Coated e G1 Clear.

• Microfono Shure SM57 posizionato sempre alla stessa distanza e nello stesso ambiente, in modo

che le uniche variabili fossero i sistemi di accordatura e dampening.


12
Sebbene consenta di creare una condizione causa-effetto pura in cui il fenomeno può essere replicato,

la sperimentazione include in sé il rischio di un errore umano che potrebbe comprometterne la validità

(LG, 2020). Questo problema può essere ignorato poiché stiamo cercando un metodo che consenta di

ottenere un suono il più simile possibile a quello elettronico preso come riferimento poiché è

impossibile riprodurre quest'ultimo su un tamburo che naturalmente ha un sustain; inoltre, è

impossibile colpire il tamburo esattamente con la stessa intensità e precisione, il che porta quindi ad

escludere questo fattore che rimane una variabile inevitabile.

Analisi Sonora

Dopo aver registrato i vari suoni ottenuti con le varie tecniche, sono stati confrontati con i suoni di

riferimento. Logic era il software utilizzato per analizzare il parametro pitch, sustain e timbro di ogni

suono.

Questionario

Successivamente, è stato organizzato un sondaggio per chiedere a vari batteristi (professionisti e non

professionisti) di esprimere la propria opinione sui risultati ottenuti. In particolare, è stato chiesto:

• Quale suono è più simile al suono di riferimento; c'erano due domande distinte, una per il Rullante

e una per il Tom.

• Quali metodi di dampening usano in una situazione dal vivo; ancora una volta, sono state poste

due domande a scelta multipla per ciascun elemento della batteria.

SurveyMonkey è il sito Web utilizzato per creare il sondaggio, in cui è stato inserito un collegamento

YouTube per consentire agli intervistati di ascoltare i vari suoni. A ciascun numero è stato assegnato

un numero in modo che il rispondente non fosse a conoscenza del metodo utilizzato, per ottenere un

giudizio oggettivo e libero da pregiudizi. Inoltre, è stato messo in guardia prima di compilare il

questionario sul contenuto delle registrazioni, in modo da non incorrere in problemi etici. Infine, non

richiedendo dati specifici o personali, non sono emersi problemi relativi all'anonimato e alla

riservatezza.

13
Risultati Finali

Confermato sia nella Masterclass che in ogni intervista, il sistema di accordatura più preciso e

affidabile è quello tramite Accordatura a Croce e Accordatura Fine, descritto nella revisione letteraria.

La migliore relazione tra le due pelli per i suoni presi in considerazione consiste nell'avere la pelle

battente più tirata di quella risonante, specialmente sul Tom. Nel sondaggio, in una delle risposte, è

stato trovato un diverso sistema di accordatura per il rullante, che consiste nell'allentare i tiranti più

vicini al batterista e nel tirare maggiormente i tiranti sul lato opposto; in alcuni casi, questo sistema

viene utilizzato anche dal professionista […]. In particolare, nelle interviste, tutti e tre hanno

confermato la necessità di prestare attenzione al sistema di accordatura e dampening utilizzato nella

pelle risonante, poiché quest'ultimo determina il sustain. Un altro punto di accordo era il fatto di usare

i Moongel per eliminare gli armonici del rullante; in effetti, questo prodotto è stato progettato per

questo motivo, ma non per eliminare il sustain. In effetti, i risultati del sondaggio hanno mostrato che

circa il 40% dei casi usa il Moongel per eliminare sia gli armonici del rullante sia il sustain del Tom.

QUESTION 3 - SNARE QUESTION 4 - TOM


DAMPENING DAMPENING
Other Other 5%
13% Moongel Moongel
39% Cotton Wool 43%
13%
Big Fat
Snare
15%
E-Ring
17%

E-Ring
14%
Tape 19% Tape
22%

14
I tre professionisti intervistati hanno anche sconsigliato l'uso del nastro in quanto rovina la pelle e

produce un suono meno arrotondato. Tuttavia, rimane uno dei sistemi efficaci più utilizzati (circa il

20% in entrambi i casi) per la sua praticità e variabilità. La sperimentazione ha prodotto diversi

risultati, in particolare nel suono di Tom (dodici suoni sono stati ottenuti tra le varie combinazioni);

tuttavia, attraverso l'analisi, alcuni suoni sono stati scartati, perché inefficaci; così, il numero è stato

ridotto a 5 per fusto e ha permesso una scelta più mirata all'interno dell'indagine.

QUESTION 1 - SNARE SOUND QUESTION 2 - TOM SOUND


Big Fat Snare Tape (Bottom) + E-Ring
Tape 10% Cotton Wool 6%
Evans + Tape
22% Cotton Wool
Small Ring
21% 15%
13%

Evans Big
Ring Cotton Wool Cotton Wool
Moongel + Moongel + E-Ring
26%
29% 31% 27%

Sia i dati del sondaggio che l'analisi del suono concordano sul fatto che nel Rullante il metodo più

efficace sia usare il Moongel o l'E-Ring, confermato anche dai dati delle interviste (anche se l'esperto

[…] sconsiglia il primo perché si perde facilmente). Per quanto riguarda Tom, l'analisi ha dimostrato

l'efficacia del batuffolo di cotone nel fungere da gate naturale e ridurre drasticamente il sustain, senza

perdere il tono rotondo; ciò è stato confermato anche dal sondaggio nella seconda domanda e dalle

interviste, in particolare quella con l'esperto […]. Inoltre, l'uso del Moongel o dell'E-Ring consente

di ottenere rotondità e timbro basso, molto simili al suono in esame.

15
Di seguito è riportata la tabella relativa agli effetti prodotti dai sistemi di dampening.

Strumento Effetto sul Rullante Effetto sul Tom

Moongel • Riduzione degli armonici • Damping della nota

• Arrotondamento del suono

Nastro Gaffa • Riduzione degli armonici • Riduzione degli armonici

• Causa un cambiamento della nota • Incremento delle frequenze alte

• Rovina le pelli • Rovina le pelli

Ring • Drastica riduzione degli armonici • Drastica riduzione degli armonici

senza cambiare la nota senza cambiare la nota

• Facile da posizionare/rimuovere • Arrotondamento del suono,

enfatizzando le frequenze basse

• Facile da posizionare/rimuovere

Big Fat Snare • Riduzione pronunciata degli • Riduzione pronunciata degli armonici

armonici e del sustain

• Significativo abbassamento della • Significativo abbassamento della nota

nota • Facile da posizionare/rimuovere

• Facile da posizionare/rimuovere

Cottone • Riduzione dratica del sustain (Gate

naturale), senza cambiare nota

• Da applicare precedentemente

16
Conclusioni e Raccomandazioni

Per concludere, lo studio del suono di un fusto della batteria è molto più complesso di uno strumento

normale con un suono determinato, ma per questo motivo, è affascinante, perché implica la possibilità

di ottenere un numero infinito di suoni diversi dallo stesso fusto.

Grazie a questa ricerca, è stato possibile confermare l'efficacia dei Moongel nell'eliminazione dei

Overtones, ma anche la loro sopravvalutazione e/o uso errato quando si tratta di sustain, il quale può

essere controllato solo attraverso il dampening della pelle risonante (ad esempio attraverso cotone).

Sfortunatamente, questa ricerca si è limitata allo studio dell’accordatura e dell'uso dei sistemi di

dampening, ma quando si tratta del suono dei tamburi, molti altri fattori partecipano alla sua

caratterizzazione (cerchi, materiale, tipo di pelle, ambiente e tecnica del batterista sono qualche

esempio). Per questo motivo, ulteriori ricerche sarebbero interessanti per comprendere l'esatta

dinamica tra questi vari componenti e il risultato che deriva da questa coesione.

Lo sviluppo di questa ricerca ha permesso un maggiore approfondimento personale nello studio di

questo strumento, soprattutto nella concezione dell'importanza sia della tecnica che del suono con cui

ci esprimiamo. In effetti, se non trattato, quest'ultimo può comunicare una sensazione diversa da ciò

che il batterista vuole infondere e quindi influenzare la risposta del pubblico durante l'esecuzione.

17
Bibliografia

• Artopium (2018) Dampen. Available at: https://musicterms.artopium.com/d/Dampen.htm

(Accessed: 11th January 2020).

• Bell, J. (2005) Doing Your Research Project. Fourth Edition. Berkshire: Open University Press.

• Bertonazzi, C. (2020) Accordare La Batteria: Corso Pro. Available at:

https://accordarelabatteria.it (Accessed 5th January 2020).

• D’Addario (2020) Evans DrumHead. Available at:

https://www.daddario.com/products/percussion/evans-drumheads/ (Accessed: 5th January 2020).

• Donley, A. M. (2012) Research Methods. New York: Facts on File, Inc.

• Farnell, A. (2010) Designing Sound. Cambridge: Mass The MIT Press.

• Hasnain, Z. (2017) How the Roland TR-808 revolutionized music. Available at:

https://www.theverge.com/2017/4/3/15162488/roland-tr-808-music-drum-machine-

revolutionized-music (Accessed 5th January 2020).

• HowMusicReallyWorks (2020) Chapter 3: How Tones and Overtones REALLY Work; 3.2

Overtones: The Harmonic Series; 3.2.1 THE TONE PATH TO YOUR BRAIN. Available at:

https://www.howmusicreallyworks.com/Pages_Chapter_3/3_2.html (Accessed: 10th January

2020).

• HowMusicWorks (2020) Sound and Music: (1.3) Amplitude and Frequency. Available at:

https://www.howmusicworks.org/103/Sound-and-Music/Amplitude-and-Frequency (Accessed:

10th January 2020).

• Laws, C. (2013) Headaches Among the Overtones. New York: Rodopi B.V..

• LG (2020) 16 Advantages and Disadvantages of Experimental Research. Available at:

https://vittana.org/16-advantages-and-disadvantages-of-experimental-research (Accessed: 14th

March 2020).

18
• Merriam, Sharan B. and Tisdell, Elizabeth J. (2016) Qualitative Research: A Guide to Design

and Implementation. Fourth Edition. San Francisco: Jossey-Bass.

• ModernDrummer (2013) What You Need to Know About…Bearing Edges. Available at:

https://www.moderndrummer.com/2014/12/need-know-bearing-edges/ (Accessed: 11th January

2020).

• Musical U Team (2017) What's the difference between tone, timbre and texture?. Available at:

https://www.musical-u.com/learn/whats-the-difference-between-tone-timbre-and-texture/

(Accessed: 11th January 2020).

• Richardson, P. G. M. (2010) ACOUSTIC ANALYSIS AND TUNING OF CYLINDRICAL

MEMBRANOPHONES. Degree of Doctor of Philosophy. Anglia Ruskin University.

• Osborn, K. (2018) How to Tune Drums. Available at: https://www.sweetwater.com/insync/how-

to-tune-drums/ (Accessed: 5th January 2020).

• Owsinski, B. and Moody, D. (2016) The Drum Recording Handbook. Second Edition.

Milwaukee: Hal Leonard.

• Sweetwater (2005) Pitch Bend. Available at: https://www.sweetwater.com/insync/pitch-bend/

(Accessed: 10th January 2020).

• ThePhysicsClassroom (2020) The Physics Classroom » Physics Tutorial » Sound Waves and

Music » Resonance. Available at: https://www.physicsclassroom.com/Class/sound/u11l5a.cfm

(Accessed: 11th January 2020).

• Walliman, N. (2011) Research Methods: The Basics. London: Routledge.

19
Appendice

Appendice A – Immagini e Risorse Utili

• Spiegazione delle Tecnologie Evans

20
• Sperimentazione - Rullante

• Sperimentazione - Tom

21
Appendice B – Interviste e Masterclass

[…]

Appendice C – Risultati Sperimentazione

• Suoni Tom

o Niente sulla pelle risonante - Clicca QUI

▪ Niente

▪ E-Ring

▪ Moongel

▪ Nastro

o Nastro sulla pelle risonante - Clicca QUI

▪ Niente

▪ E-Ring

▪ Moongel

▪ Nastro

o Cotone sulla pelle risonante - Clicca QUI

▪ Niente

▪ E-Ring

▪ Moongel

22
▪ Nastro

• Suoni Rullante - Clicca QUI

o Niente

o E-Ring

o Moongel

o Nastro

Appendice D – Dati Visivi sull’Analisi Sonora

• Rullante

• Tom

23
Appendice E – Questionario: Domande e Risultati

Questionario Completo - Clicca QUI

• Domanda 1 – Video Clicca QUI

• Domanda 2 – Video Clicca QUI

24
• Domnda 3

• Domanda 4

• Risultati

Totale Domanda 1 Risposte Percentuale


62 Big Fat Snare 6 10
Evans Small Ring 8 13
Evans Big Ring 16 26
Moongel 18 29
Tape 14 23

Domanda 2
Tape (Bottom) + Ring 4 6
Cotton Wool 9 15
Cotton Wool + Ring 17 27
Cotton Wool + Moongel 19 31
Cotton Wool + Tape 13 21
25
Domanda 3
Moongel 35 39
Tape 17 19
E-Ring 12 13
Big Fat Snare 13 15
Other 12 13

Domanda 4
Moongel 34 44
Tape 17 22
E-Ring 13 17
Cotton Wool 10 13
Other 4 5

Question 1 - Snare Sound

Tape

Moongel

Evans Big Ring

Evans Small Ring

Big Fat Snare

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

26
Question 2 - Tom Sound

Cotton Wool + Tape

Cotton Wool + Moongel

Cotton Wool + Ring

Cotton Wool

Tape (Bottom) + Ring

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Question 3 - Snare Dampening

Other

Big Fat Snare

Ring

Tape

Moongel

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33

27
Question 4 - Tom Dampening

Other

Cotton Wool

Ring

Tape

Moongel

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 101112131415161718192021222324252627282930313233343536

Appendice F – Ulteriori Letture

• MusicProGuides (2013) The Worship Drum Book: Tom Tuning and Pitch Interval Choices.

Available at: https://www.youtube.com/watch?v=KEChigwwh40 (Accessed: 10th January 2020).

• MusicProGuides (2013) The Worship Drum Book: Basic Snare Tuning and Wire adjustments.

Available at: https://www.youtube.com/watch?v=Aeikr4rvXig (Accessed: 10th January 2020).

• Seymour, M. (2010) Engineer’s Guide To Tuning and Damping Drums. Available at:

https://www.soundonsound.com/techniques/engineers-guide-tuning-and-damping-drums

(Accessed: 10th January 2020).

• Winkler, A. (2015) Drum Programming versus Remote Recording Drums. MASTER of ARTS

in the study programme Music for Film & Media. Danube University Krems.

28

Potrebbero piacerti anche