Sei sulla pagina 1di 177

S.

RINALDI TUFI SERGIO RINALDI TUFI

GLADIATORI
GLADIATORI

UNA GIORNATA DI SPETTACOLI

EDIZIONI QUASAR
In copertina: Anfiteatro di Sutri. Scorcio della cavea.

eISBN 978-88-7140-949-8

© Roma 2018, Edizioni Quasar di Severino Tognon srl


via Ajaccio 43 - 00198 Roma, tel. 0685358444 fax 0685833591
e-mail: qn@edizioniquasar.it – www.edizioniquasar.it
SERGIO RINALDI TUFI

Gladiatori
UNA GIORNATA DI SPETTACOLI

EDIZIONI QUASAR
INDICE

PREMESSA

PERCHÉ QUESTO LIBRO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11


I. DICEVANO DI LORO. GLI AUTORI ANTICHI E LE ISCRIZIONI CI PARLANO DEI GLADIATORI 13
II. ARTISTI E STUDIOSI. IL CRESCENTE INTERESSE PER I GIOCHI DELL’ARENA. . . . . . . . . . . . 35

PARTE I
LA VITA E LA MORTE

I. VERSO IL GRANDE GIORNO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


II. ORIGINE DEI GIOCHI GLADIATORII . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Il 264 a.C. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Etruria o Campania? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Una tradizione che si consolida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
L’ufficializzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Dal Foro all’Anfiteatro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
III. DA DOVE VENIVANO I GLADIATORI? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Prigionieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Area etnico-geografica di provenienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Condannati a morte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Schiavi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Una particolare categoria di gladiatori-schiavi nelle province greche e orientali . . . . 50
Uomini liberi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Gladiatori per un giorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Donne nell’arena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Il caso dell’imperatote Commodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
I gladiatori e i loro valori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
IV. VITA DA GLADIATORI: L’ADDESTRAMENTO, I LUDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Origine dei ludi: gladiatori, ma anche guardie del corpo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Capua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Pompei, Roma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Con Claudio, una novità istituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
I quattro ludi di Domiziano a Roma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
I ludi: l’evidenza archeologica a Pompei e a Roma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Una familia molto peculiare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Tecniche di combattimento: un problema di difficile soluzione . . . . . . . . . . . . . . . 68
Perché arene di forma ovale?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Oltre l’addestramento: cibo, donne, culti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

5
V. CATEGORIE DI GLADIATORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Augusto e la «codificazione» delle categorie di gladiatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Armaturae perdute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Da Augusto in poi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Rilievi e mosaici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
Classi di combattenti: il Trace e il Mirmillone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Combattimenti molto movimentati: Equites, Retiarii, Secutores, Provocatores.. . . . 86
I Pontarii, gli Hoplomachi e gli altri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88

VI. CARRIERE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Una carriera stroncata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
Dall’esordio al culmine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
A carriera finita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
Altre vicende . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93

VII. UNA GIORNATA DI SPETTACOLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94


L’«inumana voluttà» di un futuro vescovo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
Programmi fittissimi, costi pazzeschi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
Giorni terribili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
La «pompa» (processione) iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
Le venationes: costose, spettacolari, sanguinarie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Cacce memorabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Cacciatori e operatori di ogni tipo in una «macchina» molto complessa . . . . . . . . 102
Ad bestias. Feroce esecuzione di condanne a morte. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Ecco infine i gladiatori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106

PARTE II
I LUOGHI DELLO SPETTACOLO

ANFITEATRI A ROMA, IN ITALIA E NELLE PROVINCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115


Posizione nell’impianto urbano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
Prima del Colosseo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
Pompei, il più antico anfiteatro d’Italia: l’arena, la cavea, la rissa, l’affresco . . . . . 117
Paestum e Avella: anfiteatri contemporanei a quello di Pompei . . . . . . . . . . . . . . . 119
Anfiteatro di Sutri: una cavea scavata nella roccia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Cassino: dubbi sulla datazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Gli impianti di età augustea in Italia e in Sicilia: Ancona, Aosta, Arezzo, Siracusa,
Lecce, Lucera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Anfiteatri di Roma prima del Colosseo: Scribonio Curione, Cesare, Statilio Tauro,
Nerone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Anfiteatri augustei nelle province iberiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
L’Anfiteatro delle Tre Gallie a Lione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Verona e gli altri anfiteatri fra Augusto e i Flavii in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Il Colosseo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Dopo il Colosseo in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
Anfiteatri della Narbonense . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
Anfiteatri delle province europee dell’Impero romano nel I e II secolo d.C. . . . . 143
Anfiteatri del III secolo d.C. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155

6
PARTE III
IL MITO DI SPARTACO

UNA RIVOLTA CHE DIVIENE LEGGENDA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161


Chi era Spartaco? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
Schiavi in rivolta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
Una situazione inedita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Vittorie e incertezze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Crasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
La fortuna di una figura-simbolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169

REFERENZE FOTOGRAFICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173

7
PREMESSA
Alla memoria di Alessandro
23 febbraio 1986 - 24 marzo 2006
PERCHÉ QUESTO LIBRO

Questo volume nasce in maniera un po’ particolare. Una prima versione era uscita
anni addietro con Curcio, ma, in conseguenza di una decisione editoriale presa alla
vigilia dell’andata in stampa, era stata pubblicata senza illustrazioni. Grazie anche alle
premurose osservazioni di alcuni amici, mi sono man mano convinto che era opportu-
no tentare una nuova edizione con immagini: la Casa editrice mi ha cortesemente con-
cesso la necessaria autorizzazione a rivolgermi altrove, e così si è stabilito un contatto
con Quasar. Anzi ristabilito, dopo essere stato avviato ai tempi dell’indimenticabile
Severino Tognon e dopo essere stato portato avanti, sia pure in maniera non assidua,
per tanti anni. Oltre alla cortesia con cui sono stato accolto, una forte spinta ad insiste-
re nella mia proposta era data dalla constatazione che ai giochi dell’Anfiteatro Quasar
ha già dedicato molta attenzione, ospitando numerosi contributi di autorevolissimi
colleghi fra cui Gian Luca Gregori, che ora ringrazio per i preziosi suggerimenti for-
niti per la rielaborazione del testo in vista di questa nuova avventura.
D’altra parte, il mio primo articolo scientifico, uscito in Archeologia Classica del
1966 (!) grazie al cordiale sostegno di Filippo Coarelli, era stato dedicato proprio a un
rilievo gladiatorio di Capranica (Viterbo): e quel tema, in vari modi e in diverse circo-
stanze, si è di tanto in tanto riaffacciato. Era ora forse di tentare una sintesi, sfruttando
anche gli innumerevoli libri e articoli di studiosi spesso illustri che continuano a uscire
non solo presso Quasar, ma un po’ dovunque.
Il tentativo è quello di accompagnare il lettore verso una giornata di spettacoli,
fornendogli tutte le possibili informazioni per capirla meglio: origine dei giochi gla-
diatori, chi sono e da dove vengono i gladiatori, qual è il loro tipo di addestramento,
quali sono le loro categorie e come si identificano, come si svolgono le loro carriere.
Si darà spazio, poi, ai temi forse più noti per il grande pubblico: la presenza ovun-
que (a Roma, in Italia, nelle province dell’Impero) di resti talvolta imponenti di centi-
naia di anfiteatri; l’avventura di Spartaco, personaggio dai due volti (gladiatore e schia-
vo) la cui rivolta, iniziatasi nel 73 a.C., diviene leggenda che scavalca i secoli.
Saranno anche introdotti nuovi elementi per valutare situazioni che rischiano di
essere date per scontate, ma che invece vanno riconsiderate: non necessariamente de-
molizioni o sconvolgimenti, ma aggiustamenti del tiro. Un primo esempio: se qual-
cuno tenta di stabilire un qualche parallelo fra i giochi gladiatorii e la pratica agoniti-
ca-sportiva «normale», in genere si tende a rispondere che nell’Anfiteatro si muore, e
questo impedisce ogni confronto: ma alcune ricerche, soprattutto recenti, evidenziano
invece che era piuttosto raro che i combattimenti fossero davvero mortali, e che il fa-
moso momento del pollice recto - pollice verso si risolveva, più spesso di quanto non

11
si pensasse, a favore del soccombente, che pertanto salvava la vita. Il paragone con lo
sport si fa, se non agevole, meno arduo, tenendo anche conto che in certe carriere si
realizzavano alti guadagni.
Anche per quanto riguarda la «gestualità del pollice» nel momento culminante dei
duelli constateremo che c’è qualcosa da rivedere. Ed è perfino da ridimensionare l’uso
della famosa frase «Ave Caesar, morituri te salutant» all’inizio della giornata di com-
battimenti: fu pronunciata una sola volta, e nemmeno in maniera troppo riguardosa, al
cospetto dell’imperatore Claudio prima di una «naumachia» (simulazione di battaglia
navale) sul Lago del Fucino.

12
I
DICEVANO DI LORO
GLI AUTORI ANTICHI E LE ISCRIZIONI CI PARLANO DEI GLADIATORI

Autori antichi. - Per partire informati, è opportuno dare un’occhiata alle numero-
sissime fonti scritte che, in vari modi e da diversi punti di vista, ci parlano dei gladia-
tori. Anzi, se vogliamo cominciare da lontano, ci parlano anche di remoti precedenti,
di circostanze e situazioni che potrebbero esser viste come suggestivi antefatti della
gladiatura, anche se è praticamente impossibile verificare passaggio per passaggio l’ef-
fettiva trasmissione di modelli e influssi. E così, in questa rassegna degli autori greci
e latini, il lettore osserverà con una certa sorpresa che si parte addirittura da Omero.
Ma poi tutte le altre fonti da cui ricaveremo storie e notizie si collocano in età romana,
repubblicana e soprattutto imperiale, fino ad alcuni scrittori tardoantichi.

Omero
Eccoci, dunque, al nome del celeberrimo cantore cui sono attribuite l’Iliade e l’O-
dissea. I due primi grandi poemi dell’Occidente furono concepiti nell’VIII secolo a.C.
e pubblicati per la prima volta nell’Atene dei Pisistratidi (VI secolo a.C.). Omero è
davvero esistito? In quale delle sette città che si contendevano i suoi natali è eventual-
mente venuto alla luce? Si devono a una sola mano i due poemi? È vero che Omero,
o chi per lui, ha raccolto in un insieme organico, come molti pensano, un gran numero
di poemi e canti preesistenti tramandati fino allora oralmente? Impossibile riassumere
qui la sterminata letteratura sulla «questione omerica». Citiamo invece, nella tradu-
zione di Giovanni Cerri (edizioni BUR), i versi 798-825 del libro XXIII dell’Iliade. Si
parla delle onoranze funebri indette da Achille per l’amico Patroclo: dopo che il corpo
è stato arso insieme a numerosissime vittime sacrificali, si svolgono in suo onore giochi
atletici. L’ultima gara è un singolare duello fra Aiace Telamonio e Diomede Tidide.
È un antichissimo esempio di uomini armati che combattono fra loro non nell’ambito
di operazioni belliche, ma in uno «spettacolo» offerto al pubblico in contesto funera-
rio-rituale. Si tratta di giochi gladiatorii ante-litteram? Certo, va tenuto presente che lo
scontro, così come lo annuncia Achille, è del tipo «al primo sangue»; e che gli spettatori
addirittura lo interrompono, decretando un «ex-aequo» che eviti danni e guai.

(Iliade, XXIII, vv. 798-825). A questo punto Achille portò e posò sull’arena
una lancia lunga, un elmo, uno scudo,
le armi di Sarpedone, a lui tolte da Patroclo.
S’alzò in piedi e parlò fra gli Argivi:
«Per questi premi invitiamo due uomini, davvero gagliardi,

13
vestite le armi, impugnato il bronzo che taglia,
a cimentarsi l’uno con l’altro davanti al pubblico.
A colui che per primo colpisca la bella pelle (...)
io darò questa spada a borchie d’argento (...);
offrirò loro nella mia tenda anche un buon pranzo».
Disse così, e allora si alzò il grande Aiace Telamonio,
si fece avanti anche il forte Diomede Tidide.
Quando si furono armati, l’uno di qua l’altro di là dalla folla,
s’incontrarono entrambi nel mezzo, impazienti di darsi battaglia,
con uno sguardo torvo negli occhi: prese un sussulto tutti gli Achei.
Quando poi furono a fronte, venutisi incontro,
tre volte attaccarono, tre volte si furono addosso.
Allora Aiace colpì nello scudo ben bilanciato,
ma non raggiunse la pelle: resisté la corazza dietro lo scudo;
a questo punto il Tidide, al di sopra del grande palvese,
mirava senza posa al collo, con la punta dell’asta lucente.
Allora però gli Achei, trepidanti per Aiace,
li esortarono a smettere prendendo egual premio.
Così la grande spada l’eroe dette al Tidide,
portandogliela con il fodero e con la cinghia ben lavorata.

Terenzio
Publius Terentius Afer nacque a Cartagine nel 185 circa a.C.; schiavo di origine
libica del senatore Terenzio Lucano, fu affrancato in riconoscimento del suo ingegno.
Si dedicò giovanissimo alla poesia e alla composizione di commedie, ispirate a illustri
modelli greci di età ellenistica (soprattutto a Menandro e Apollodoro). Se ne sono con-
servate solo sei: le altre andarono perdute nel 160 circa in occasione di un naufragio,
nel quale, o in conseguenza del quale, perse egli stesso la vita (alcune fonti riferiscono
che il poeta morì all’istante, altre che morì di dolore poco dopo). Fra le sei opere su-
perstiti, inoltre, la Hecyra (suocera) aveva avuto una sorte singolare: la «prima» era
stata interrotta due volte, in differenti occasioni (165 e 160 a.C.), prima di poter essere
rappresentata. Il motivo lo racconta spiritosamente il poeta nel prologo qui riportato,
che fu pronunciato in occasione del terzo tentativo (nello stesso 160): ci interessa perché
testimonia vivacemente la crescente popolarità dei giochi gladiatorii.

(Hecyra, Prologus). Ora vi prego di ascoltare la mia introduzione con animo ben
disposto. Sto presentandovi ancora una volta «La Suocera», che non mi è riuscito finora
di proporre in condizioni di calma e silenzio: a tal punto l’ha colpita la malasorte… La
prima volta che ho tentato di rappresentarla, ho dovuto abbandonare il palco: la fama dei
pugili che si dovevano affrontare di lì a poco, e anche l’attesa di un funambolo, crearono
un accorrere di supporters, uno strepito generale, un chiasso di donne, che mi costrin-

14
sero a uscire anzitempo. Decido di tentare una seconda volta: la prima parte vado bene,
ma poi si sparge la voce che si sta per dare uno spettacolo di gladiatori. La folla accorre,
crea tumulti, grida, si azzuffa per un posto… Ora non vi sono elementi di disturbo, tutto
è pace e quiete: ho finalmente la possibilità di dare lo spettacolo…

Cicerone
Marcus Tullius Cicero, nato ad Arpino nel 106 a.C. e morto a Formia nel 43, fu
uomo politico, avvocato e scrittore fra i più noti e prolifici del mondo antico, figura di
primissimo piano nell’ultimo secolo della Repubblica. Le sue Epistulae sono per noi
un’inesauribile fonte di notizie; meno celebrati, pur se anch’essi noti, sono i trattati e le
opere filosofiche. Famosissime le sue orazioni contro Verre e contro Catilina, nonché,
più tardi, quelle contro Marco Antonio, dette «Filippiche» in quanto sembravano ri-
chiamare, per veemenza, quelle pronunciate nel IV a.C. da Demostene contro Filippo
il Macedone. Ma la sua opposizione ad Antonio segnò la sua rovina: dopo essere stato
escluso nel 60 a.C. dal primo triumvirato (Cesare, Crasso, Pompeo), fu escluso anche
dal secondo (Ottaviano, Antonio, Lepido), e anzi Antonio stesso ne ottenne la proscri-
zione, mandando poi i suoi soldati a ucciderlo nella villa di Formia, dove si era rifugia-
to dopo aver tentato di fuggire per mare verso la Grecia.
Le orazioni Pro Sextio Roscio Amerino (in difesa di Sesto Roscio Amerino) e In
Vatinium (contro Vatinio) contengono preziose indicazioni sulla crescente rilevanza a
Roma dei giochi gladiatorii. Ricordiamo che Roscio era stato ingiustamente accusato
di parricidio nell’80 a.C. da un potente liberto di Silla, e che questo era stato per l’av-
vocato di Arpino il primo momento di notorietà; e che Vatinio, oltre a essere rivale di
Roscio, era entrato in rapporto di collisione con lo stesso Cicerone nel 63, quando era
stato spedito da lui (che in quell’anno era console) a fare il questore a Pozzuoli e aveva
dato pessima prova di sé.
Al grande avvocato-scrittore-uomo politico le venationes e, in genere, i munera non
piacevano. Vediamo in una delle sue Lettere agli amici alcune riflessioni dopo il sontuo-
so spettacolo con cui Pompeo aveva inaugurato nel 55 a.C. il suo teatro.
Citiamo infine un passo delle Tusculanae Disputationes, le «conversazioni a Tusco-
lo», nella villa dove Cicerone si era ritirato, nel 45 a.C., dopo la morte della figlia e in
un momento di tensione con Cesare e di grande difficoltà sul fronte politico. Lo scritto-
re di Arpino, malgrado la sua scarsa simpatia per i giochi, manifesta ammirazione per
il coraggio che i gladiatori dimostrano anche nel momento più drammatico, quello di
accettare il verdetto di morte e di porgere il collo alla lama dell’avversario vincitore
(cfr. p. 109).

(Pro Sextio, LXIV, 133-134). Benché egli (Vatinio, rivale di Sestio) si comportasse
come un pazzo tutti i giorni, o giudici, io non ho mai detto una parola su di lui; né, at-
taccato com’ero con tutti i tipi di macchina da guerra dalla violenza di un esercito o di
grandi truppe, ho mai fatto ricorso neppure a un solo arciere. Dice di non approvare i

15
miei atti: tutti lo sanno, dal momento che non rispetta assolutamente una mia legge che
vieta esplicitamente per un biennio a chiunque si sia candidato per cariche pubbliche,
o stia per farlo, di offrire giochi gladiatorii… Ha messo insieme, credo, una splendida,
nobile, gloriosa familia di gladiatori: sapeva che il popolo lo desidera, ed è a caccia di
applausi e di moltitudini. Spinto da queste aspettative, infiammato dal desiderio di
gloria, non ha potuto trattenersi dall’esibire questi gladiatori nell’arena, presentandosi
come il più bello di tutti…

(In Vatinium, XV, 37). Dato che una mia legge vieta esplicitamente per un biennio
di offrire giochi gladiatorii a chiunque si sia candidato a cariche pubbliche, o stia per
farlo (a meno che non vi sia un giorno stabilito precedentemente per testamento),
quanta follia c’è in te, tanto grande da convincerti a osare di offrire uno spettacolo di
gladiatori proprio al momento della presentazione della tua candidatura?

(Epistulae ad familiares, VII,1,3). (trad. Rossella Rea) Due venationes per cinque
giorni, magnifiche, nessuno lo nega, ma che divertimento può provare un uomo colto
quando un magnifico animale viene trapassato da una lancia? … L’ultimo giorno è
stato dedicato agli elefanti. Ciò ha provocato una grande ammirazione da parte del
popolo, ma nessun divertimento: anzi si è provata una certa pietà e si è raggiunta la
convinzione che ci sia un certo legame tra questi animali e il genere umano.

(Tusculanae Disputationes, II,17,41) (trad. Cinzia Vismara). Quali ferite sopporta-


no i gladiatori, uomini rovinati o barbari! Pensa al modo in cui quelli che sono stati
ben addestrati preferiscono ricevere un colpo piuttosto che schivarlo ignominiosa-
mente! Quanto spesso appare come nulla sia loro più gradito del soddisfare il proprio
padrone o il popolo. Anche pieni di ferite mandano a chiedere ai padroni quale sia la
loro volontà: se quelli sono soddisfatti, da parte loro essi sono pronti a riconoscersi
vinti. Quale gladiatore, anche se di valore modesto, ha mai gemuto? Quale ha mutato
espressione? Quale ha assunto posizioni sconvenienti non solo nel combattimento,
ma anche al momento di sottomettersi? Chi, una volta sottomesso, ha ritratto il collo
al momento del colpo di grazia?

Livio
Titus Livius, uno degli storici più famosi e importanti di ogni tempo, nacque a Pa-
dova nel 59 a.C. da una ricca famiglia, ma soggiornò spesso e lungamente a Roma,
dove ebbe con Ottaviano, poi divenuto Augusto, un rapporto sostanzialmente buono,
anche se piuttosto complesso: legato, infatti, alle virtù patrie e alle tradizioni repub-
blicane, non condivideva fino in fondo politica, ideologia, propaganda del fondatore
dell’Impero, che pure di quelle virtù e di quelle tradizioni si mostrò sempre partico-
larmente rispettoso (quasi come se Livio «smascherasse» l’ambiguità di un ossequio
formale all’eredità del passato accanto a una sostanziale trasformazione della politica

16
e della società). Gran parte della vita dello scrittore patavino fu occupata dalla stesura
di un’opera storica terminata, Ab Urbe condita libri CXLII, di cui restano i libri I-IX
(dalle origini al 293 a.C.) e XXI-XLV (dal 218 al 167). L’opera, si sa, giungeva origi-
nariamente fino al 9 a.C.; Livio morì nel 17 d.C. nella sua città natale, cui era sempre
rimasto legato.
Il brano del libro XLI che qui leggiamo ci mostra come l’organizzazione dei giochi
diviene prerogativa dei potenti, ben presto, anche fuori di Roma, nell’ambito delle
monarchie ellenistiche. Si tratta, in particolare, di Antioco di Siria, che profonde grandi
risorse nell’architettura e negli spettacoli, riprendendo e man mano imponendo, con
grande successo, la tradizione romana dei munera: qui fra l’altro si rammenta la diffe-
renza fra quelli «al primo sangue» e quelli sine missione.

(XLI, 20). Oscurò tutti i re suoi predecessori per il lusso e la varietà degli spettacoli,
ai quali diede nuovo lustro chiamando una folla di artisti greci. Riprese dagli usi dei
Romani i giochi gladiatorii, la cui vista procurò inizialmente più terrore che piacere
a spettatori che non erano abituati a scene così sanguinarie; ma, offrendo sempre più
spesso giochi al pubblico, sia con combattimenti «al primo sangue», sia con combat-
timenti «sine missione» (cioè senza possibilità per gli sconfitti di scampare alla morte),
quel tipo di spettacolo divenne più familiare alla vista, e anche più gradito: la passione
delle armi accese gli animi alla maggior parte dei giovani. Allora, invece di far venire
i gladiatori da Roma con grandi spese, come aveva fatto abitualmente agli inizi, trovò
facilmente gladiatori volontari nel suo regno: molti che si offrivano di combattere
per un modesto compenso. Del resto, in quello che egli fece per gli spettacoli, mo-
strò la stessa cattiva disposizione d’animo e la stessa leggerezza di comportamenti che
mostrava nelle sue restanti azioni: nulla di più magnifico dell’organizzazione di quei
giochi, nulla di più vile e spregevole del re che li organizzava. Questa stravaganza, di
cui aveva dato prova in moltissime occasioni, la portò al massimo livello nei giochi che
fece celebrare a Antiochia: volendo imitare la magnificenza di quelli che Paolo Emilio
aveva indetto in Macedonia dopo la sconfitta inflitta a Perseo, affrontò spese enormi…

Seneca
Lucius Annaeus Seneca, filosofo, scrittore e uomo politico, nacque a Corduba
(Cordova), capitale della Hispania Baetica, probabilmente nel 4 d.C., e compì i suoi
studi a Roma. Senatore, questore nel 31, ebbe momenti difficilissimi nel 39 e nel 41:
scampò alla condanna a morte che l’imperatore Caligola avrebbe voluto infliggergli
per un discorso in Senato; fu relegato in Corsica perché accusato di adulterio con Giu-
lia Livilla, sorella dello stesso princeps. Rientrò a Roma grazie all’interessamento di
Agrippina moglie di Claudio, che lo incaricò dell’educazione del futuro imperatore
Nerone: consigliere di quest’ultimo nei primi anni di regno (54 d.C. e seguenti), si
trovò a crescente disagio dopo il matricidio perpetrato dall’imperatore (59) e la morte
del prefetto del pretorio Afranio Burro, suo principale collaboratore. Ritiratosi negli

17
studi e nella meditazione, nel 65 fu accusato da Nerone, probabilmente a torto, di
aver partecipato alla congiura di Calpurnio Pisone, e fu condannato a morte: si tolse
la vita, come non molto più tardi avrebbe fatto (fra poco lo vedremo) un illustre con-
temporaneo, Petronio.
Numerosissime le sue opere, soprattutto filosofiche (ma si conoscono anche 9 tra-
gedie), testimonianza di uno «stoicismo non sistematico». Spiccano, in 20 libri, le 124
Epistulae morales ad Lucilium, scritte in uno stile teso e vibrante definito dalla critica
«anticlassico» e «barocco». Nel primo brano che qui leggiamo si constata che, a diffe-
renza del conterraneo Marziale, Seneca non ama affatto i giochi, e non solo perché de-
testa le folle; meno che mai gli piacciono (anzi, decisamente le esecra) le esecuzioni dei
damnati ad bestias o dei damnati ad gladium, cioè dei condannati che, fra le venationes
del mattino e i duelli gladiatorii del pomeriggio, all’ora di pranzo erano spinti inermi
in balia di belve o di gladiatori armati (v. cap. VII). Nel secondo brano, nell’ambito di
una sua tipica insistenza sul tema del suicidio (quasi un presagio, o un progetto), esalta
il coraggio dei gladiatori (in questo caso un combattente di «naumachia» o battaglia
navale) che si tolgono la vita. Certo il pensiero stoico influisce su questo atteggiamento
dello spirito.

(Epistulae, I, 7). Mi chiedi che cosa secondo me dovresti soprattutto evitare? La folla.
Non puoi ancora affidarti a essa tranquillamente. Quanto a me, ti confesserò la mia
debolezza: quando rientro non sono mai lo stesso di prima; l’ordine interiore che mi
ero dato in parte si scompone. Qualche difetto che avevo eliminato ritorna. Capita
agli ammalati che una prolungata infermità li indebolisca al punto di non poter uscire
senza danno: così è per me, reduce da una lunga malattia spirituale. I rapporti con
una grande quantità di persone sono deleteri: c’è sempre qualcuno che ci suggerisce
un vizio o ce lo trasmette o ce lo attacca a nostra insaputa. Più è la gente con cui ci
mescoliamo, tanto maggiore è il rischio. Ma non c’è niente di più dannoso alla morale
che l’assistere oziosi a qualche spettacolo: i vizi si insinuano più facilmente attraverso
i piaceri. Capisci che cosa intendo dire? Ritorno più avaro, più ambizioso, più disso-
luto, anzi addirittura più crudele e disumano, poiché sono stato in mezzo agli uomini.
Verso mezzogiorno sono capitato per caso a uno spettacolo; mi attendevo qualche
scenetta comica, qualche battuta spiritosa, un momento di distensione che desse pace
agli occhi dopo tanto sangue. Tutto al contrario: di fronte a questi i combattimenti
precedenti erano atti di pietà; ora niente più scherzi, ma veri e propri omicidi. I gladia-
tori non hanno nulla con cui proteggersi; tutto il corpo è esposto ai colpi e questi non
vanno mai a vuoto. La gente per lo più preferisce tali spettacoli alle coppie normali di
gladiatori o a quelle su richiesta del popolo. E perché no? Non hanno elmo né scudo
contro la lama. Perché schermi protettivi? Perché virtuosismi? Tutto ciò ritarda la
morte. Al mattino gli uomini sono gettati in pasto ai leoni e agli orsi, al pomeriggio
ai loro spettatori. Chiedono che gli assassini siano gettati in pasto ad altri assassini e
tengono in serbo il vincitore per un’altra strage; il risultato ultimo per chi combatte è
la morte; i mezzi con cui si procede sono il ferro e il fuoco. E questo avviene mentre

18
l’arena è vuota. «Ma costui ha rubato, ha ammazzato». E allora? Ha ucciso e perciò
merita di subire questa punizione: ma tu, povero diavolo, di che cosa sei colpevole per
meritare di assistere a questo spettacolo? «Uccidi, frusta, brucia! Perché ha tanta paura
a slanciarsi contro la spada? Perché colpisce con poca audacia? Perché va incontro alla
morte poco volentieri? Lo si faccia combattere a sferzate, che si feriscano a vicenda
affrontandosi a petto nudo». C’è l’intervallo: «Si scanni qualcuno, intanto, per far
passare il tempo.»

(Epistulae, VIII, 70). Durante la seconda naumachia, uno dei partecipanti, un bar-
baro, si conficcò in gola la lancia per tutta la sua lunghezza… «Perché mai, disse, non
dovrei sottrarmi a queste torture, a quasto scempio? Perché dovrei attendere, così
armato, la morte, che arriverebbe sempre troppo tardi?». Tanto fu bello a vedersi-
questo spettacolo del coraggio, quanto è più nobile per gli uomini imparare a morire
piuttosto che a uccidere.

Petronio
Gaius Petronius è un famoso scrittore latino, di cui si ignorano però luogo e data
di nascita: Tacito negli Annales (XVI, 11-19) ce lo presenta come elegantiae arbiter
(arbitro del buon gusto) alla corte di Nerone. Accusato dal consigliere di quest’ultimo,
Tigellino, di aver partecipato a una nota congiura, quella dei Pisoni, si suicidò nel 66
d.C.: una vicenda che si raccorda con quella già narrata a proposito di Seneca.
Celeberrimo (anche se è pervenuto solo in parte) è il Satyricon, resoconto di mol-
teplici episodi e avventure di diversissima natura: spicca l’opulenta «cena di Trimal-
chione», ricchissimo «parvenu» che ostenta nella sfrenata varietà dei cibi e degli in-
trattenimenti la sua straordinaria disponibilità di denaro. Per noi lettori moderni è
una miniera di informazioni, talvolta curiosissime: alcune riguardano anche il mon-
do dei gladiatori. Qui leggiamo (Satyricon, 45), al culmine di una conversazione fat-
ta di pettegolezzi piuttosto pesanti, una malignità su giochi un po’ sgangherati offerti
dal ricco avvocato Norbanus. Ma leggiamo anche (Satyricon, 117) quanto era forte il
legame dei gladiatori (e degli schiavi) con i padroni, in questo caso Eumolpo; mentre,
nell’ultimo brano, vediamo che per subire atroci condanne e morire nell’arena non
era necessario compiere delitti particolarmente efferati, ma era sufficiente inimicarsi
qualche potente.

(Satyricon, 45). Ma, a conti fatti, da quello lì che cosa ci abbiamo ricavato? Ha fat-
to gareggiare dei gladiatori da due lire, con un piede nella bara, che li sbattevi a terra
con un soffio. In passato ho visto dei condannati che di fronte alle bestie erano molto
meglio di loro. Uno era da caricarlo sul mulo, l’altro aveva i piedi piatti e il terzo, che
doveva sostituire un morto, era già morto pure lui con i tendini tagliati. L’unico con un
po’ di fiato da spendere era un Trace, ma pure lui combatteva come se fosse in palestra.
Alla fine li dovettero frustare, tanto la folla gridava «Dai! Dai!»: veri campioni dell’ar-

19
te della fuga. «Io comunque uno spettacolo te l’ho offerto», dice lui. E io ti rispondo:
«Ti ho battuto le mani. Tu fatti i tuoi bravi conti, e vedrai che ti ho dato più di quello
che ho ricevuto».

(117). ...giurammo di obbedire a Eumolpo: saremmo stati pronti a essere bruciati,


legati, frustati e uccisi con la spada, e a qualunque cosa Eumolpo avesse comandato.
Come legittimi gladiatori, offrivamo in dono solennemente al padrone corpi e anime.

(45). ...Oggi faranno entrare nell’arena anche quello schiavo che era un tesoriere di
Glicone. Quest’ultimo lo ha sorpreso con sua moglie e per questo lo ha fatto condan-
nare ad bestias. Certo il pubblico si dividerà fra coloro che parteggeranno per l’amante
e coloro che lo vorranno vedere morire in maniera orribile…

Plinio il Vecchio
Gaius Plinius Secundus, scienziato, scrittore e uomo politico, nato a Como nel 23
d.C., toccò l’apice della sua attività e della sua carriera ai tempi dell’imperatore Vespa-
siano (69-79 d.C.), al cui figlio e futuro successore, Tito, dedicò la Naturalis Historia,
unica opera a noi nota fra le molte e diverse che aveva composto, secondo grande la-
voro enciclopedico del mondo romano dopo quello di Varrone Reatino. Comandante
della flotta di Miseno, morì nel 79 d.C. osservando la celebre eruzione del Vesuvio che
seppellì Ercolano e Pompei: eruzione che fu narrata dal nipote Plinio il Giovane con
grande abbondanza di particolari.
Qui leggiamo un passo della Nat. Hist. dedicato alla cura e al lusso con cui venivano
organizzati i giochi, non solo nel caso dei duelli gladiatorii veri e propri ma anche nel
contrapporre alle belve i condannati a morte; e, oltre ai giochi, anche gli spettacoli tea-
trali e le processioni trionfali. Ne leggeremo poi (nella traduzione di Elena Giannarelli)
altri dedicati agli animali impiegati nelle «venationes», alla cattura degli esemplari
rari, ai costi relativi.

(XXXIII, XVI,40). Anche noi abbiamo fatto cose che i posteri reputeranno fa-
volose. Cesare, il futuro dittatore, fu il primo, mentre rivestiva la carica di edile, a
impiegare solo l’argento per l’allestimento dell’arena in occasione dei giochi funebri
in onore di suo padre; e per la prima volta allora i condannati affrontarono le bestie
feroci con armi d’argento, cosa che ora si fa anche nei municipi. C. Antonio orga-
nizzò giochi su una scena decorata d’argento, e lo stesso fece L. Murena; l’impera-
tore Gaio (cioè Caligola) fece apparire nel circo una macchina in cui si impiegavano
124000 libbre d’argento. Claudio, suo successore, in occasione del trionfo sulla Bri-
tannia, fece indicare su pannelli iscritti che, fra le corone d’oro, quelle che rappre-
sentavano il contributo della Hispania Citerior pesavano 7000 libbre, quelle della
Gallia Comata 9000 libbre. In seguito Nerone, a sua volta successore di Claudio,
fece ricoprire d’oro il Teatro di Pompeo per la durata del solo giorno in cui voleva

20
mostrarlo a Tiridate re di Armenia. E tutto questo non era che una piccola parte di
ciò che conteneva la Domus Aurea, che inglobò una gran parte dell’Urbe.

(VIII, 20-21). Per primo a Roma offrì come spettacolo un combattimento di più
leoni Scevola, figlio di Publio, quando era edile curule; ma Lucio Silla, che poi fu ditta-
tore, durante la pretura fece combattere per primo in assoluto 100 leoni con la criniera.
Dopo di lui Pompeo Magno ne presentò nel circo 600, fra i quali 315 con la criniera;
Cesare da dittatore 400.
Una volta catturarli era un’impresa difficile e si prendevano soprattutto mediante
fosse. Durante il principato di Claudio si scoprì per caso una tecnica di cattura un po’
ingloriosa, quando un pastore della Getulia lanciò un mantello. Con questo metodo,
che si trasferì poi come spettacolo nell’arena, in modo quasi incredibile si paralizza
una belva così feroce se le si copre la testa gettandole addosso anche qualcosa di legge-
ro, così che poi possa essere legata senza opporre resistenza.

(VIII, 24). C’era un vecchio provvedimento del Senato secondo il quale non era
lecito importare in Italia pantere africane. Il tribuno della plebe Gneo Aufidio portò
davanti al popolo una proposta in contrario, e permise che fossero importate per i
giochi del circo. Per primo poi Scauro, mentre era edile, ne fece venire 150, tutte macu-
late, poi Pompeo Magno 410 e il divino Augusto 420. Lo stesso imperatore, durante il
consolato di Quinto Tuberone e di Paolo Fabio Massimo, console per la quarta volta,
alle none di maggio (siamo perciò al 7 maggio 11 a.C.), per l’inaugurazione del teatro
di Marcello, per primo presentò a Roma una tigre in gabbia addomesticata, ma il divi-
no Claudio ne mostrò contemporaneamente quattro.

(VIII, 27). …Una qualche somiglianza con i cammelli hanno due animali. Gli Etio-
pi chiamano nabu una bestia simile nel collo al cavallo, nei piedi e nelle zampe al bue,
nella testa al cammello, con macchie bianche sul pelame fulvo: per questo è chiamata
camelopardalis (giraffa) e fu vista per la prima volta durante i giochi del circo offerti
da Cesare quando era dittatore. Da quel momento la si vede spesso, animale notevole
per il suo aspetto più che per la natura feroce, e per questo ha avuto il nome di pecora
selvatica.

Svetonio
Gaius Suetonius Tranquillus, nato intorno al 70 d.C., fu avviato dall’amico Plinio il
Giovane, durante il principato di Traiano, alla carriera equestre: fu addetto agli archivi,
alle biblioteche, alla corrispondenza dell’imperatore, nonché membro del consilium prin-
cipis. Nel 122 fu congedato dal successore di Traiano, Adriano, per motivi non chiarissimi.
Svetonio intensificò, così, la sua attività di scrittore-biografo. Da ricordare la rac-
colta De vita Caesarum (dodici imperatori da Cesare a Domiziano), autentica miniera
di notizie, anche se queste talvolta sembrano inquadrarsi in schemi stereotipati. Altra

21
nota raccolta è De viris illustribus (poeti, oratori, storici, filosofi, grammatici, retori:
una sorta di storia letteraria di Roma per «generi»), di cui restano però poche biografie:
Orazio, Lucano, Terenzio, Virgilio, Plinio il Vecchio, l’oratore Passieno Crispo.
Della data della morte non abbiamo notizie precisissime: si dovrebbe però collocare
intorno al 140 d.C.
Nel primo brano che qui leggiamo, Svetonio illustra elargizioni e doni disposti da
Cesare, dopo le sue vittorie e i suoi trionfi, a beneficio del popolo romano; nel secondo,
tratto dalla biografia di Augusto, si ricordano gli edifici fatti costruire all’epoca del
fondatore dell’Impero, ma non da lui personalmente, bensì da eminenti cittadini da lui
sollecitati. Nei brani successivi si parla di Caligola e Claudio, non disdegnando i con-
sueti riferimenti di certa produzione storiografica alle loro stranezze e crudeltà (come
quella di cui dà prova Caligola, «tifoso» dei Traci e stupidamente spietato nei confronti
di un Mirmillone). È nel passaggio relativo a Claudio che si parla del noto grido «Ave,
Imperator, morituri te salutant»: un grido che nell’opinione comune si immagina desti-
nato ad essere ripetuto sistematicamente all’inizio di ogni manifestazione, e che invece
fu lanciato in una sola occasione, neppure troppo edificante, come vedremo, per la di-
gnità del «princeps». In un successivo brano, il riferimento alla crudeltà dell’imperatore
è anche, in qualche modo, un aiuto alla ricostruzione dell’evoluzione degli armamenti:
se Claudio vedeva l’espressione dei combattenti, ciò significa che alla sua epoca gli elmi
non coprivano ancora il volto.

(De vita Caesarum, Divus Iulius, XXXIX). Offrì spettacoli di diversi generi: un
combattimento di gladiatori, rappresentazioni teatrali messe in scena anche quartiere
per quartiere in tutta la città (e, per giunta, con attori che parlavano tutte le lingue),
lotte di atleti nel circo, una naumachia. Al combattimento di gladiatori, che si svolse
nel foro, presero parte Furio Leptino, di una famiglia di rango pretorio, e Q. Calpeno,
che era stato senatore e avvocato. La «pirrica» fu danzata dai figli di principi d’Asia e
di Bitinia. Nel corso delle rappresentazioni teatrali, il cavaliere romano Decimo La-
berio recitò un mimo da lui composto, poi, dopo aver ricevuto in dono 500 sesterzi e
un anello d’oro, lasciò la scena e traversò l’orchestra per sedersi su uno dei quattordici
gradini riservati al suo rango. Per quanto riguarda i giochi del circo, dopo che era stato
allargato lo spazio della pista da entrambe le parti ed era stato aggiunto tutt’intorno un
«euripo» (canale artificiale), i giovani delle famiglie più nobili vi fecero correre bighe
e quadrighe e cavalli «desultorii» (cioè addestrati a un particolare gioco acrobatico,
durante il quale i cavalieri saltavano dalla groppa di un animale a quella di un altro).
Furono eseguiti «giochi troiani» (scontri fra cavalieri) fra due squadroni di ragazzi di
età differenti. Cinque giorni furono dedicati alle «venationes» (spettacoli di caccia alle
fiere: se ne parlerà più volte): alla fine vi fu una battaglia fra due schieramenti, ciascuno
composto di cinquecento fanti, venti elefanti, trenta cavalieri (...). Gli atleti lottarono
per tre giorni in uno stadio eretto per l’occasione nel Campo Marzio. Quanto alla bat-
taglia navale, biremi, triremi e quadriremi delle flotte definite «di Tiro» e «d’Egitto»
si affrontarono in un lago scavato nella Codeta minore (località nota solo attraverso

22
questo passo di Svetonio, e perciò di difficile collocazione) con l’impiego di un gran nu-
mero di combattenti. A tutti questi spettacoli accorse da ogni parte una tale quantità di
persone, che moltissimi dormirono in tende montate nei vicoli o nelle strade, e molti
furono schiacciati o soffocati dalla folla, fra cui due senatori.

(De Vita Caesarum, Divus Augustus, XXIX). …Inoltre, egli esortò spesso gli altri
cittadini di rango a abbellire la città, ciascuno secondo le sue possibilità, sia costruendo
nuovi monumenti, sia restaurando o arricchendo quelli già esistenti. Un gran numero
di edifici fu realizzato allora da molti di loro: Marcio Filippo costruì il tempio di Er-
cole e delle Muse; L. Cornificio quello di Diana; Asinio Pollione l’Atrio della Libertà;
Munazio Planco il Tempio di Saturno; Cornelio Balbo un teatro; Statilio Tauro un
anfiteatro; Marco Agrippa molti edifici, e splendidi.

(De vita Caesarum, Caligula, XVIII). Offrì moltissime volte combattimenti di gla-
diatori, alcuni nell’anfiteatro di Tauro, altri nel Campo Marzio: vi fece apparire gran
quantità di lottatori d’Africa e di Campania, scelti tra i più famosi di questi due pae-
si… Offrì anche giochi scenici, in gran numero e molto variati, qualche volta anche di
notte, con lumi accesi in tutta l’Urbe. Inviava agli spettatori doni di ogni sorta, e anche
cesti pieni di pane e di carne. Vedendo un giorno di fronte a lui un cavaliere romano
che mangiava la sua parte con molto appetito e buonumore, gli mandò anche la pro-
pria; e a un senatore, per lo stesso motivo, inviò un biglietto con cui lo nominava pre-
tore straordinario. I giochi che offriva nel Circo Massimo duravano talvolta da mat-
tina a sera, e avevano per intervallo talvolta una caccia di animali africani, talvolta una
corsa troiana. Alcuni di questi spettacoli furono particolarmente notevoli in quanto
l’arena era disseminata di porpora e di polvere d’oro, e in quanto non vi erano aurighi
se non di ordine senatorio. Ne fece svolgere anche alcuni improvvisati, come quando
lo chiesero alcuni dalle case vicine mentre osservava dalla Gelotiana (la «domus» che
l’imperatore aveva acquistato sul Palatino) i lavori in corso nel Circo.

(De vita Caesarum, Caligula, XXX). Caligola preferiva i gladiatori Traci, e ne scel-
se alcuni come guardie del corpo, insieme a soldati germanici.

(De vita Caesarum, Caligula, XXXII). In un «ludus» di gladiatori, quando un Mir-


millone che si allenava contro Caligola si gettò a terra per fingersi sconfitto, l’impera-
tore a sorpresa lo trafisse con il pugnale e poi cominciò a correre esultante nell’arena
con la mano alzata, come facevano di solito i gladiatori vittoriosi.

(De vita Caesarum, Claudius, XXI). (Claudio) distribuì spesso congiaria al popolo
(elargizioni di generi di prima necessità). Offrì giochi tanto frequenti quanto magnifici;
e non di limitò alle rappresentazioni ordinarie, nei luoghi consueti, ma immaginò altri
spettacoli, ne fece rivivere di antichi, e dedicò ad essi nuove sedi… Fece organizzare
spesso giochi nel Circo in Vaticano, e qualche volta, dopo cinque corse di carri, c’era

23
la caccia alle bestie feroci. Ornò il Circo Massimo di «carceres» di marmo e di «mete»
dorate (carceri e mete sono rispettivamente le gabbie di partenza dei cavalli e dei carri
e le delimitazioni delle estremità della spina, l’elemento divisorio centrale della pista),
mentre in precedenza queste erano state di legno o di pietra comune. Lì, assegnò po-
sti riservati ai senatori, che in precedenza non erano stati separati dagli altri spettatori.
Oltre alle gare delle quadrighe, offrì lo spettacolo dei giochi troiani (scontri a cavallo) e
delle cacce africane, eseguiti da uno squadrone di cavalieri pretoriani, con in testa i loro
tribuni e il prefetto stesso. Fece esibire anche quei cavalieri tessali che inseguono nel
Circo tori selvaggi, saltano loro sul dorso dopo averli lasciati liberi di correre e li tirano
a terra per le corna. Moltiplicò gli spettacoli dei gladiatori, e ne offrì di molte specie: uno
annuale nel Castro Pretorio, ma senza particolari allestimenti e senza «venationes»; un
altro, al Campo Marzio, della forma e della durata abituali; un altro ancora, nello stesso
luogo, di breve durata, che chiamò «la sportula» (sorta di cestino con cibo e bevande che
i personaggi eminenti di Roma facevano distribuire ai loro «clientes»), perché, quando
lo aveva annunciato per la prima volta, aveva detto «che invitava il popolo a un piccolo
pasto improvvisato e senza cerimonie». Non c’era spettacolo in cui si mostrasse più af-
fabile e di buon umore: lo si vedeva contare sulle dita della mano sinistra, e ad alta voce,
come il popolo, le monete d’oro offerte ai vincitori; invitare lui stesso ed eccitare tutti gli
spettatori all’ilarità, chiamandoli di volta in volta i suoi padroni, ma mescolando ai suoi
discorsi battute un po’ sciocche, come il giorno in cui il pubblico chiedeva che si esibisse
il gladiatore Palumbus (nome che significa «piccione») e lui rispose: «Ve lo darei, se lo si
potesse afferrare»… Fece rappresentare nel Campo Marzio, come immagine della guer-
ra, la presa e il saccheggio di una città e la sottomissione dei re della Britannia: lui stesso
era presente con il paludamentum del generale (tipica forma di mantello). Prima di pro-
sciugare il lago del Fucino, volle offrire una naumachia. Ma, avendo gridato i combatten-
ti della naumachia stessa, passando davanti a lui, «Ave, Imperator, morituri te salutant»,
rispose «Avete, vos!»: sicché quelli non volevano più combattere, ritenendo che quella
risposta fosse un proscioglimento. Trascorse del tempo pensando se farli morire con il
ferro o con il fuoco; poi scese dal suo seggio, corse qua e là intorno al lago, con passo
barcollante e alquanto ridicolo, minacciando alcuni e pregando altri: finì per convincerli
a combattere. Si videro fronteggiarsi, in questo spettacolo, una flotta siciliana e una rodia,
di dodici triremi ciascuna: il segnale fu dato dalla buccina (tromba dalla forma ricurva)
di un Tritone d’argento, che un macchinario aveva fatto emergere dal bel mezzo del lago.

(De vita Caesarum, Claudius, XXXIV). Claudio nei munera faceva uccidere tutti
coloro che cadevano anche per errore. Gli piaceva guardare il viso dei Retiarii mentre
morivano, per scrutare la paura e la sofferenza. Amava inoltre in modo particolare
gli spettacoli antimeridiani (cioè le «venationes»), in cui la strage di uomini e animali
era enorme e in cui scorreva sangue a fiumi… Moltiplicò a dismisura il numero dei
gladiatori e degli spettacoli…Durante lo spettacolo era molto cordiale, tanto che si fa-
ceva vedere mentre contava il denaro destinato ai vincitori… Si lasciava andare a grevi
giochi di parole o a battute da caserma…

24
Tacito
Publius Cornelius Tacitus fu insigne scrittore, ma anche (tra i Flavi e Adriano)
avvocato e uomo politico: la sua carriera culmina con la designazione al consolato,
sotto Nerva, nel 97 d.C., e con l’incarico di proconsole d’Asia (112-113). Il luogo della
sua nascita (54 o 55 d.C.) è incerto: si oscilla fra Terni, l’Italia Transpadana, la Gallia
Narbonensis.
Esponente di spicco della classe senatoria, fu durissimo nel prendere posizione contro
Domiziano: l’Agricola, composto nel 97 o 98, cioè subito dopo la morte dell’imperatore
(96 d.C.), è una biografia del suocero dello scrittore, valente generale che, proprio agli
ordini dell’ultimo dei Flavi, portò a termine la conquista della Britannia, ma è anche
un impietoso confronto fra le qualità del militare e le colpe del princeps; la Germania, o
meglio l’opuscolo De origine et situ Germanorum (98 d.C.) è un trattatello etnografico
che riflette le conoscenze dell’epoca. Le opere maggiori sono le Historiae e gli Annales:
le Historiae, composte in dodici o quattordici libri fra il 106 e il 111, narravano gli
eventi accaduti fra il 69, primo anno del principato di Vespasiano, e il già ricordato 96:
restano i primi quattro libri e una parte del quinto. Gli Annales, in 16 o 18 libri (an-
ch’essi conservati solo in parte), forse ultimati all’inizio del principato di Adriano, erano
dedicati ai fatti ab excessu divi Augusti. Poco dopo la pubblicazione degli Annales,
intorno al 120 d.C., Tacito morì.
Il passo che qui troviamo citato è tratto dalle Historiae (II,11): si parla dell’anno
“dei tre imperatori” (Galba, Otone, Vitellio) seguìto alla morte di Nerone (69 d.C.), e
si passano in rassegna le truppe a disposizione di Otone. Con qualche imbarazzo, come
vedremo, per la presenza di gladiatori: imbarazzo rivelatore della cattiva reputazione
della categoria…Nei brani tratti dagli Annales riviviamo due celebri sciagure relative
al mondo dei munera: il crollo nel 27 d.C. di un anfiteatro mal costruito a Fidene e la
rissa che si scatenò nell’anfiteatro di Pompei fra Pompeiani e Nocerini nel 59 d.C. Epi-
sodio famosissimo (grazie anche a un notevole affresco: cfr. pp. 115-117), forse dovuto
anche a vecchie ruggini, dato che i Pompeiani rimproveravano agli avversari di aver
goduto di eccessiva protezione da parte dell’imperatore.

(Historiae II,11). Il corpo di truppe fatto giungere da Roma non era da disdegnare:
si componeva di cinque coorti pretorie e dei loro squadroni di cavalleria con la I Le-
gione, e infine di 2000 gladiatori, risorsa umiliante, ma che, nelle guerre civili, anche
generali severi dal punto di vista dell’onore e dei principi non avevano timore di im-
piegare.

(Annales IV, 62). Sotto il consolato di M. Licinio e L. Calpurnio (siamo nel 27


ad.C.) ai disastri delle guerre si aggiunsero quelli di una catastrofe imprevista: il suo
inizio fu anche la sua fine. Avendo avviato la costruzione di un anfiteatro a Fidene per
offrire uno spettacolo di gladiatori, un certo Attilio, di condizione liberto, trascurò sia
di impostare le fondamenta su un terreno solido sia di assicurare con nodi adeguati la

25
struttura di legno, poiché non aveva né abbondanza di denaro né ambizioni di politi-
ca municipale ma si era imbarcato in questa vicenda solo per desiderio di un sordido
guadagno. Accorsero in molti avidi di tali giochi, anche perché durante il principato di
Tiberio non vi erano troppe occasioni piacevoli: uomini e donne d’ogni età, ancora più
numerosi per la vicinanza del luogo a Roma. Ecco che la sciagura fu ancora peggiore,
l’anfiteatro si spostò verso l’interno e poi verso l’esterno, finché crollò all’interno o
franò verso l’esterno e portò con sé e ricoprì un numero enorme di persone che stava-
no vedendo lo spettacolo o che si trovavano tutt’intorno.

(Annales XIV,17). Più o meno nello stesso periodo (qui Tacito parla del 59 d.C.)
da un banale spunto ebbe origine una tremenda strage fra gli abitanti delle colonie di
Nocera e di Pompei durante uno spettacolo di gladiatori indetto da Livineio Regulo…
Dopo essersi scambiati insulti nell’ambito di una rivalità fra città, passarono ai sassi,
e infine al ferro delle armi: era più numerosa la rappresentanza di Pompei, dove lo
spettacolo era stato offerto. Così, molti Nocerini furono riportati in città con il corpo
mutilato dalle ferite, e la maggior parte di loro lamentava la morte di figli e genitori.
Il giudizio su questi fatti fu rimesso dall’imperatore (che era Nerone) al Senato, e il
Senato a sua volta lo delegò ai consoli. Quando il caso fu di nuovo sottoposto ai se-
natori, ai Pompeiani fu vietato di promuovere eventi di questo tipo per dieci anni, e le
associazioni che erano state formate contro la legge furono disciolte; Livineio e gli altri
che avevano fomentato i tumulti furono puniti con l’esilio.

Marziale
Marcus Valerius Martialis nacque a Bilbilis, città di altura nella provincia della Hi-
spania Tarraconensis, intorno al 40 a.C., e venne a Roma intorno al 64, per condurre
una vita da «cliente». Alla nostra sensibilità può sembrare sgradevole che una persona di
un certo livello intellettuale passasse la vita a ricasco di qualche potente, ma nell’antica
Roma la cosa non era infrequente; i protettori di Marziale, fra l’altro, furono personaggi
di spicco, come i familiari di Seneca e, in seguito, gli imperatori Vespasiano e Tito. Il po-
eta fu in buone relazioni anche con Quintiliano, Silio Italico, Plinio, Giovenale; scrisse
qualcosa come 1500 epigrammi, di tutti i tipi, ma quello che ci interessa in questa sede è,
ovviamente, il Liber de Spectaculis, scritto nell’80 per celebrare la prima inaugurazione
dell’Anfiteatro Flavio da parte di Tito. Come pure le opere di Giovenale, quelle di Mar-
ziale (e in particolare, appunto, il Liber) sono per noi fonte di informazioni preziosissime
sulla vita quotidiana in epoca romana, ma risultano talvolta insopportabili per i toni
encomiastici o per l’umorismo un po’ saccente, e talvolta grassoccio. I brani qui riportati
sono un inno al Colosseo (che “oscurerebbe” altre meraviglie del mondo antico, fra cui
alcune delle sette “canoniche”), uno sfrenato assenso alla politica (propria dei Flavii) di
azzeramento delle realizzazioni neroniane e della «restituzione al popolo» di ciò che
Nerone era accusato di avergli sottratto, più alcune composizioni sugli spettacoli stessi,
con una netta preferenza per le venationes e per i loro protagonisti, con alcune vivaci de-

26
scrizioni di «naumachie» (battaglie navali nell’arena appositamente allagata) e con una
irritante esaltazione delle esecuzioni spettacolari, nell’arena durante l’ora di pranzo, dei
condannati a morte: si tratta, in particolare, del bandito Laureolo, del quale il poeta non
sembra sappia neppure esattamente per quali reati venisse punito.
Nel 98 circa Marziale tornò nella Penisola Iberica, dove morì intorno al 102.

(Liber de Spectaculis, I). La barbara Menfi non parli dei miracoli delle Piramidi, il
lavoro degli Assiri non meni vanto dei giardini di Babilonia, i raffinati Ioni non siano
troppo lodati per il tempio di Artemide, l’altare costruito con corni di capra non pro-
curi gloria a Delo, i Carii non portino alle stelle con eccessive lodi il Mausoleo, che
si eleva nell’aria vuota. Tutte le meraviglie del mondo cedono all’Anfiteatro Flavio, la
fama ricorderà fra tutti un solo capolavoro.

(Liber de Spectaculis, II). Qui dove il Colosso di bronzo guarda le stelle più da vici-
no e le alte macchine teatrali si alzano in mezzo alla strada, splendevano le odiose sale
di un feroce tiranno, e una sola immensa residenza occupava ormai tutta la città. Dove
sorge la venerabile mole dell’Anfiteatro, era lo stagno di Nerone; dove ammiriamo la
rapida costruzione delle Terme, uno splendido parco aveva tolto il tetto ai poveri…
Roma è stata restituita ai Romani: sotto di te, Cesare (cioè Tito), ciò che era stato deli-
zia del tiranno è diventato delizia del popolo.

(Liber de Spectaculis, VII). Come Prometeo, legato sulle rupi della Scizia, nutrì con il
suo poderoso petto l’uccello che continuava a piombargli addosso, così Laureolo, appe-
so a una croce vera, offrì le sue viscere indifese a un orso della Caledonia. Gli arti lacerati
erano ancora vivi, pur sanguinando, ma nel suo corpo un vero corpo ormai non c’era
più. Ebbe insomma la pena che si meritava: aveva trafitto con la spada la gola del padre
o del padrone, oppure aveva derubato i templi dell’oro che vi era nascosto, oppure ti
aveva dato fuoco, o Roma, con terribili torce. Quello scellerato aveva superato i crimini
dell’antica leggenda, e in lui quella che era stata una pena mitica divenne pena reale.

(Liber de Spectaculis, XV). Quello che fu nella tua fama, o Meleagro, la gloria più
alta, e cioè l’uccisione del cinghiale, è cosa piccolissima in confronto alla gloria di
Carpoforo. Egli immerse lo spiedo nel corpo di un orso che lo stava assalendo, un
orso che era il più forte fra quelli nati nelle regioni artiche. Abbatté anche un leone di
incredibile grandezza, che sarebbe stato più adatto a un’impresa di Ercole; stese a terra
con una profonda ferita un veloce leopardo. Quando alla fine ricevette il premio, era
ancora in gran forma.

(Liber de Spectaculis, XXIV). Se sei uno spettatore che arriva in ritardo da paesi
lontani, e questo per te è il primo giorno dei sacri munera, non farti ingannare dalla
battaglia navale con le sue navi e dalle onde simili a quelle del mare: sappi che qui pri-

27
ma era terra. Se non ci credi, resta a guardare finché le onde avranno stancato i com-
battenti, e lo spettacolo sarà finito: dirai che qui prima c’era il mare.

Giovenale
Decimus Iunius Iuvenalis nacque ad Aquino in un periodo probabilmente compreso
fra il 50 e il 65 d.C.: le notizie sono incerte, come incerte sono quelle sull’intera sua vita.
Restano le sue opere: 16 ampie satire, composte più o meno fra 100 e 130, che rispecchia-
no le sue vedute di uomo «all’antica». Malgrado gli aspetti positivi della «svolta» che
dal principato di Domiziano aveva proiettato Roma verso un governo migliore e una
maggiore libertà intellettuale con Nerva, Traiano, Adriano, gli atteggiamenti del poeta
sembrano stabilizzarsi sul tema della tristezza dei tempi. La descrizione dell’imperatri-
ce Messalina nel bordello è forse il racconto più memorabile in una serie di situazioni e
di personaggi un po’ foschi: e certo il mondo dei giochi non poteva sfuggire allo sguardo
impietoso dell’uomo di Aquino. Nelle Satire VI, 83-113 (da questi versi prenderemo
solo qualche spunto) e X, 78-81 si accenna a due aspetti della popolarità dei gladiatori
e dei giochi: il grande successo che i combattenti e i combattimenti riscuotevano con il
pubblico femminile; il proverbiale desiderio, da parte della gente, di ricevere dalle cer-
chie del potere «panem et circenses». Secondo alcuni, Giovenale sarebbe morto intorno
al 140 in Egitto, dove sarebbe stato spedito da Adriano offeso per certi suoi versi.

(VI, 83-113). Quando Eppia, moglie di un senatore, fuggì con un gladiatore a Faro
e al Nilo e alla città di Lago (cioè Alessandria), Canopo stesso condannò le mostruosità
e i costumi dell’Urbe… Ma quali erano le grazie giovanili che avevano attratto Eppia?
Che cosa aveva visto in lui, tanto da desiderare di essere chiamata «Ludia» («donna dei
ludi») ? Il suo caro Sergio aveva cominciato a radersi: ma aveva un braccio ferito, varie
deformità nella faccia… Ma era un gladiatore. Era questo che trasformava questi uo-
mini in Giacinti, era questo che ella preferiva ai figli, alla patria, alla sorella, al marito.
Ciò che queste donne amano è la spada…

(X, 78-81). … e il popolo che una volta desiderava comandi, legioni, insegne, ora si
limita, e solo due cose desidera con ansia, panem et circenses.

Dione Cassio
Dio Cassius Cocceianus, storico, nacque in Bitinia attorno al 155 d.C.: era figlio di
Cassio Aproniano, che fu governatore della Cilicia e della Dalmazia, e imparentato con
l’oratore Dione Crisostomo. Percorse la sua carriera politica a Roma, giungendo alla pre-
fettura nel 193 e al consolato nel 210 e nel 229; fu anche proconsole d’Asia e governatore
della Dalmazia e della Pannonia. Compose in 80 libri una poderosa Storia romana, redat-
ta in greco, che parte dall’arrivo di Enea nel Lazio: restano i libri XXXVI-LX (dal 68 a.C.
al 47 d.C.), frammenti di altri (soprattutto LXXVIII e LXXIX), epitomi (riassunti) di

28
altri ancora, opera di Xifilino (XI secolo) e Zonaras (XII). Con stile talvolta assai vivace,
narra le vicende dell’impero, vedendolo come un organismo in cui sono chiamate a giocare
un proprio ruolo anche le élites delle province. Morì nella natia Bitinia attorno al 235 d.C.
Il passo che qui leggiamo è proprio fra quelli che conosciamo grazie a un’epitome,
che qui peraltro non sembra particolarmente stringata. Il tema è costituito dai grandiosi
giochi offerti da Tito, il secondo degli imperatori Flavii, ai quali si deve l’Anfiteatro detto
appunto Flavio, cioè il Colosseo. C’è anche una spettacolare “naumachia”, o battaglia
navale: l’arena si poteva ancora riempire d’acqua abbastanza facilmente perché ancora
non erano stati costruiti i sotterranei. Si noti che l’edificio è definito da Dione il «teatro»
o il «teatro per le cacce», forse perché impressionato dalla rilevanza delle «venationes».

(LXVI, 25). La maggior parte delle sue iniziative architettoniche non è caratteriz-
zato da nulla di eclatante, ma, in occasione dell’inaugurazione del «teatro per le cacce»
e delle terme che portano il suo nome produsse molti notevoli spettacoli. Vi fu una
battaglia fra gru, e anche fra quattro elefanti; furono impiegati animali sia selvatici sia
domestici fino a un numero di 9000; e anche donne (non fa le più illustri, per la verità)
collaborarono a dar loro il colpo di grazia. Quanto agli uomini, molti combattevano
in duelli singoli, ma molti si affrontavano in gruppi sia in battaglie di fanteria sia in
battaglia navale. Tito infatti aveva rapidamente fatto riempire di acqua il «teatro» (è
sempre il Colosseo), e fatto portate al suo interno cavalli e tori e altri animali domestici
che si pensava potessero comportarsi nell’acqua così come si comportavano sulla ter-
ra. Fece portare anche gente sulle barche, che ingaggiò lì un combattimento marino,
impersonando Corciresi e Corinzi.
E altri ancora diedero uno spettacolo simile fuori della città, nel campo di Gaio e
Lucio, un luogo dove Augusto aveva fatto eseguire scavi per questo preciso scopo.
Qui il primo giorno vi fu un’esibizione di gladiatori e una caccia ad animali selvatici,
dopo che il lago di fronte alle statue era stato coperto da un sistema di piattaforme e
impalcature di legno. Il secondo giorno vi fu una corsa di cavalli, il terzo una battaglia
navale con la partecipazione di 3000 uomini, seguita da una battaglia di fanteria. Gli
«Ateniesi» sconfissero i «Siracusani» (erano questi i nomi che i combattenti usavano)
con uno sbarco su un’isoletta (probabilmente nella finzione era Ortigia, l’isola presso
Siracusa), assaltando ed espugnando un muro che era stato costruito attorno al mo-
numento. Questi erano gli spettacoli che erano offerti, e continuarono per 100 giorni.

Tertulliano
Quintus Septimius Florens Tertullianus visse e operò soprattutto a Cartagine fra
160 e 220 d.C. Era di origine pagana, ed ebbe un’eccellente formazione retorica, filo-
sofica e giuridica. Convertitosi al Cristianesimo, ne divenne un esponente di primissi-
mo piano: nella sua fiorente produzione affronta temi assai disparati, ma sempre con
ardore e passione, in una veste formale di alto profilo, con fondamentali contributi
alla formazione della lingua latina cristiana. Implacabile nella lotta alle eresie, finì pa-

29
radossalmente, proprio a causa di questa implacabilità, per abbracciarne una delle più
dure dal punto di vista della disciplina, il Montanismo, che negava autorità alla Chie-
sa predicando invece l’imminente avvento del regno millenario del Cristo. Si occupò
con rigore e severità anche dei problemi di ordine morale: attorno al 200 scrisse il De
Spectaculis, tutto puntato sull’esecrazione di teatri, giochi ginnici e divertimenti, ma
anche fonte preziosa di informazioni, come quelle che sembrano confermare l’origine
funeraria dei giochi gladiatorii (XII, 1,2,3). Altrove (XII, 7) troviamo un’invettiva sul
carattere pagano dell’anfiteatro e degli spettacoli ivi celebrati.

(De Spectaculis, XII 1,2,3). Rimane da esaminare lo spettacolo più famoso e più po-
polare. È chiamato munus per il fatto di essere un officium (=servizio dovuto, n.d.r.):
munus e officium significano la stessa cosa. Gli antichi pensavano di rendere, attraver-
so questo tipo di spettacolo, un servizio ai defunti, dopo averlo temperato con una
forma di atrocità più «umana». Una volta, in virtù della credenza che le anime dei de-
funti fossero rese propizie dal sangue umano, si sacrificavano nei funerali prigionieri
o schiavi di bassa quotazione commerciale. Successivamente si pensò di mascherare
questa crudeltà con qualcosa di piacevole: sicché le persone che erano state procurate
per questo scopo, dopo essere state, nei limiti del possibile, istruite alle armi, in misura
sufficiente per imparare a morire, nel giorno stabilito per le esequie erano consegnate
presso i sepolcri.

(De Spectaculis, XII, 7). L’anfiteatro è consacrato a numi più numerosi e più ese-
crabili di quelli a cui è consacrato lo stesso Campidoglio: è il tempio di tutti i demoni.

Agostino
Aurelius Augustinus, nato a Tagaste (oggi Souk Arhas, in Algeria) nel 354 e morto
a Ippona nel 430, padre della chiesa, è personaggio troppo noto e complesso perché
qui ci si soffermi a lungo. Legatissimo alla madre Monica, fervente cristiana, compì
un lungo e sofferto percorso: legato inizialmente al Manicheismo, studiò a Cartagine
(dove si perfezionò in retorica), a Roma, a Milano. Qui conobbe S. Ambrogio, e fu un
incontro decisivo: nel 387 fu da lui battezzato con la madre e con alcuni amici. Tornato
a Tagaste, fu ordinato sacerdote e nel 395 divenne vescovo di Ippona. La sua esperien-
za pastorale fu intensissima, così come quella di letterato e teologo: fra le sue opere,
spiccano i 15 libri Sulla Trinità, libri che scrisse, con varie interruzioni e riprese, dal 399
al 419; i 22 sulla Città di Dio, contrapposta alla «città terrena»; i numerosi interventi
anti-eresie. Visse i problemi della sua terra fino all’invasione vandalica; morì mentre
Ippona era assediata.
Ma l’opera senza pari è costituita dai 13 libri delle Confessiones, storia della sua
strada verso Dio dai disordini giovanili fino alla definitiva adesione al Cristianesimo.
Fra i tanti spunti biografici, filosofici, teologici, qui riprendiamo una vicenda di non
poco interesse: l’evoluzione dell’atteggiamento nei confronti dei giochi da parte di un

30
amico e compagno di studi, Alipio, che nel prosieguo della sua vicenda umana sarebbe
divenuto vescovo di Tagaste (prima ancora che Agostino lo diventasse a Ippona), e
dopo la morte sarebbe stato santificato.

(Confessiones, VIII, 3). (trad. Gioacchino Chiarini) (Alipio), non avendo nessuna
intenzione di abbandonare la via terrena, che i genitori gli avevano magnificato, mi
aveva preceduto a Roma per studiare diritto, e lì fu rapito da un’incredibile passione
per gli spettacoli dei gladiatori. All’inizio non aveva provato nei loro confronti che
avversione e disprezzo, ma una volta, per caso, incontrati alcuni amici che tornavano
da un pranzo, nonostante il suo veemente rifiuto e la sua resistenza, lo condussero con
affettuosa violenza all’anfiteatro in giorni di gare funeste e crudeli. Lui diceva: «Anche
se trascinate il mio corpo in quel luogo e ve lo costringete, potrete forse costringere il
mio animo e i miei occhi a quegli spettacoli? Sarò lì senza esserci, e così avrò sconfitto
voi e loro». A sentire queste parole, quelli non rinunciarono a tirarselo dietro, proprio
per la curiosità di vedere come se la sarebbe cavata. Arrivati là, presero posto dove po-
terono, ed era già tutto un ribollire di bestiali passioni. Lui, chiuse le porte degli occhi,
impedì all’anima di addentrarsi in tali mostruosità. Avesse voluto il cielo che si fosse
turato anche le orecchie! A un certo punto del combattimento, violentemente colpito
dall’enorme boato dell’intera folla, vinto da curiosità e sentendosi in grado di disprez-
zare e vincere qualunque cosa accadesse anche al vederla, aprì gli occhi e fu colpito da
una ferita ben più grave di quella che aveva colpito nel corpo l’uomo che aveva voluto
guardare e cadde ben più miseramente dell’uomo che, cedendo, aveva provocato quel
boato: questo gli era entrato nelle orecchie e gli aveva aperto gli occhi, per creare il
varco attraverso cui potesse essere ferito e abbattuto un animo più audace che forte e
indebolito dalla fiducia che aveva riposto in sé anziché in te. Come ebbe infatti visto
quel sangue, ne ingurgitò all’istante tutta l’atrocità e non si girò, anzi vi tenne fisso lo
sguardo e ne attingeva tutto il furore e non se ne accorgeva e si beava della criminalità
del combattimento e si inebriava di voluttà cruenta. Non era già più lo stesso di prima,
ma uno dei molti a cui si era unito, degno compare di quelli che ve lo avevano portato.
Che aggiungere? Guardò, urlò, si infiammò, portò via con sé la follia che lo avrebbe
spinto a tornare, non soltanto con quelli che per primi ve lo avevano trascinato, ma
persino prima di loro e trascinando altri a sua volta. Ma là, tuttavia, con mano fortis-
sima e misericodiosissima lo tirasti fuori e gli insegnasti a non aver fiducia in sé stesso,
bensì in te – ma questo molto più tardi.

Servio
Marius Honoratus Servius, grammatico e filologo latino, visse fra IV e V d.C. Com-
pose, oltre ad altri contributi minori, un lungo e dettagliato commento (con abbondan-
za di confronti) dei poemi di Virgilio. Ne possediamo addirittura due versioni: una più
breve, che deve essere quella redatta in senso stretto da Servio, e una arricchita da altri

31
commenti non sempre facilmente attribuibili, fra cui quelli scritti dal maestro di Servio
stesso, Donato.
Nel primo brano qui riportato, si ha un’indicazione precisa circa l’origine funeraria
della gladiatura, “sostitutiva” del puro e semplice sacrificio umano inteso a placare gli
spiriti dei defunti, i Mani (come si è visto, il tema, sia pure in modo diverso, era stato
trattato anche da Tertulliano). Nel secondo brano, Servio ci dà in forma più ampia
un’informazione che invece Livio (XVI) ci fornisce in forma estremamente sintetica:
Decimo Giunio Bruto per primo offrì un combattimento gladiatorio in onore del padre
defunto.

(Commento a Eneide X, 159) (trad. Cinzia Vismara). Era costume che preso le
tombe dei grandi uomini venissero uccisi dei prigionieri: dopo che quest’uso venne
considerato crudele, si decise che davanti alle tombe combattessero dei gladiatori.

(Commento a Eneide III, 67) (trad. Cinzia Vismara). Fu stabilito che vicino ai se-
polcri venissero immolati animali: presso gli antichi venivano uccisi anche uomini, ma
dopo la morte di Giunio Bruto, poiché molte famiglie nobili avevano mandato schiavi
al suo funerale perché venissero sacrificati, il nipote del defunto abbinò fra loro quanti
erano stati inviati e così essi combatterono.

Isidoro di Siviglia
Scrittore ecclesiastico latino, dottore della Chiesa, santo. Nato a Cartagena nel 560,
fu dal 600 circa vescovo di Siviglia: si distinse nell’opera di conversione dei Visigoti
(che allora dominavano la Penisola Iberica), nella promozione di scuole, nel rilancio
di cultura e lettere. Scrisse moltissimo: spiccano i 20 Libri di etimologie (Originum
sive etymologiarum libri XX, per brevità in genere citato come Origines), opera enci-
clopedica onnicomprensiva. Morì a Siviglia nel 636. Nel breve brano qui riportato, ci
fornisce indicazioni su una peculiare classe di gladiatori di cui parleremo più volte, gli
Equites (cavalieri).

(Origines 18,53). Ci sono molti tipi di gladiatori, il primo dei quali è il gioco eque-
stre. Due cavalieri infatti, preceduti dalle insegne militari, avanzavano uno da oriente,
l’altro da occidente su cavalli bianchi, con elmi d’oro e con armi più leggere ed agili.

Iscrizioni. - Oltre alle fonti letterarie, anche quelle epigrafiche offrono contributi
importantissimi. In effetti, molte le troveremo citate nei capitoli che seguono, e ne
potremo valutare l’importanza di caso in caso. Qui diamo uno sguardo di insieme,
cominciando dalla «Regina delle iscrizioni», la Res gestae divi Augusti, e cioè il testa-
mento politico di Augusto: era esposto su pilastri ai lati dell’ingresso del Mausoleo
dell’imperatore in Campo Marzio, a Roma, inciso su lastre di bronzo che sono andate
perdute; conosciamo il testo però attraverso una copia (una delle tante che dovevano

32
essere un po’ dovunque nel mondo romano, ma solo questa si è conservata integra) che
si trova ad Ancyra, l’odierna Ankara. Qui, Augusto dice di aver offerto otto spettacoli
per un totale di ben 10000 gladiatori: cosa tanto più notevole se si pensa che, almeno
a quello che si intuisce dalle fonti letterarie, egli non amava troppo quegli spettacoli.
A complemento di quanto si sa delle medesime fonti a proposito degli alti costi e
delle leggi con cui si tentava di calmierarli, si può citare un’altra iscrizione assai nota,
detta lex Italicensis perché, fra le numerosissime copie che anche in questo caso do-
vevano essere state diffuse, se ne è trovata pressoché integra solo una a Italica (città
natale, fra l’altro, di Traiano e Adriano), nella provincia di Hispania Baetica. La esami-
neremo nei capitoli che seguono.
In un’altra città iberica, Urso, si trova invece una disposizione di rilevanza locale,
ma non trascurabile (CIL II 5439). Chiarisce in quale misura i magistrati locali poteva-
no attingere alle casse delle colonie o dei municipi per integrare il fondo di spesa per i
giochi. Se a organizzare l’evento era un magistrato di prim’ordine (uno dei due duoviri
della città), poteva investire 2000 sesterzi propri e utilizzarne altrettanti provenienti
dalle finanze pubbliche; se era un magistrato di secondo ordine (uno degli aediles), a
parità di investimento poteva prelevare dalle casse pubbliche solo metà dell’importo.
In sostanza, se ufficialmente il princeps e il potere centrale si ponevano il problema di
limitare in qualche modo gli spettacoli “municipali”, in realtà si cercava di non appli-
care in maniera troppo intransigente le disposizioni al riguardo.
Oltre alle iscrizioni pubbliche che dettavano regole e tabelle, vi erano le iscrizioni
(e i graffiti) in cui i magistrati pubblicizzavano le manifestazioni indette ed offerte,
ben consapevoli di quanto queste ultime fossero decisive nel raccogliere consensi (fa-
vor populi) e contribuire alla costruzione di fortune politiche; e vi erano le iscrizioni
dei singoli gladiatori, soprattutto quelle destinate alle loro tombe. In linguaggio mol-
to semplice e con frasi costruite in maniera elementare si riportavano vite e carriere,
vittorie e premi, ma anche sconfitte e decessi: esamineremo più avanti, per esempio,
l’epitaffio del gladiatore Urbicus.
Un particolare tipo di iscrizione è costituito dai graffiti. Si trattava di testi che ve-
nivano incisi, spesso con grande cura e in bei caratteri, su pareti opportunamente pre-
parate con un sottile strato di calce, ad opera di scriptores che lavoravano di notte
accompagnati da assistenti muniti di lucerne: si sono trovati in numero rilevantissimo
soprattutto nella particolarissima situazione di Pompei, ma erano diffusi un po’ ovun-
que. I testi elencano in genere le coppie di combattenti che si esibiranno, quasi come
nei nostri vecchi manifesti delle riunioni pugilistiche: solo che, mentre gli incontri di
boxe si svolgono uno dopo l’altro, i duelli di gladiatori si svolgevano in molti simul-
taneamente. Ma vi sono anche iscrizioni di tifosi e tifose che inneggiano ai loro benia-
mini, e non solo per le loro capacità tecniche: di un reziario (cioè di uno dei gladiatori
che combattevano con la rete, come vedremo), Crescente, si dice che è un puellarum
dominus, mentre un trace (altra categoria ben nota), Celado, è definito suspirium puel-
larum. Forse non c’è bisogno di tradurre.

33
Infine, non si può concludere questo accenno ai contenuti delle epigrafi (sia nella
parte occidentale, sia in quella orientale dell’Impero) senza prendere atto che il tema
dominante è quello encomiastico-celebrativo: dei magistrati che organizzano i giochi,
dello sfarzo sbalorditivo degli spettacoli, dei gladiatori stessi. Questi ultimi, spesso
ispiratori dei testi, tendono a sottolineare l’appartenenza a una sfera non marginale
della società: e in effetti sulla maggiore o minore dignità e pericolosità del loro me-
stiere dovremo tornare più volte. Nei loro monumenti funerari, accanto alle iscrizioni
e alle figure sono spesso rappresentate le corone vinte; ma il fatto che il rischio della
morte sia presente (sia pure in misura forse non drammatica come un tempo si crede-
va) suggerisce per esempio a un gladiatore di Alessandria Troade sepolto a Gortyna un
testo come «Noi non combattiamo per una corona ma per la vita».

34
II
ARTISTI E STUDIOSI
IL CRESCENTE INTERESSE PER I GIOCHI DELL’ARENA

Con diversi gradi di approfondimento, e anche con differenti tappe di avanzamen-


to negli studi delle classi di appartenenza e dei vari altri problemi, il tema «Gladiatori»
è stato lungamente dibattuto a partire dalla fine dell’Ottocento-inizio del Novecento,
con una forte accelerazione nella seconda metà del XX e in questo inizio del XXI
secolo. Già in precedenza, del resto, il mondo dell’anfiteatro era stato oggetto dell’in-
teresse di pittori talvolta illustri.
Nella storia degli studi vanno ricordati anzitutto i grandi repertori-enciclopedie,
come il Dictionnaire des Antiquités grecques et romaines di Daremberg-Saglio (la
grossa voce Gladiator, di G. Lafaye, è nel III volume, 1896) e l’ Enciclopedia dell’Arte
Antica dell’Istituto Treccani, sia nell’edizione diretta da Ranuccio Bianchi Bandinelli
(la voce Gladiatore è nel III volume, 1960), sia nel II Supplemento 1971-1994 diretto
da Giovanni Pugliese Carratelli: qui la voce è nel II volume (1994) ed è redatta da
un’Autrice, purtroppo prematuramente scomparsa, a cui va una notevole parte di me-
rito nella accelerazione di cui si è accennato: Patrizia Sabbatini Tumolesi.
La casa editrice che cortesemente ospita questo volume, Quasar, pubblica, a partire
rispettivamente dal 1980 e dal 1988, due collane epigrafiche: Tituli e Vetera, fondate da
un grande studioso, Silvio Panciera, che (scomparso nel 2016) le ha lasciate in eredità
ai suoi allievi. Molti volumi, soprattutto nella seconda, sono dedicati al mondo della
gladiatura: specialmente la serie Epigrafia anfiteatrale del mondo romano (fra gli au-
tori sono da ricordare, oltre alla già ricordata Sabbatini Tumolesi, Gian Luca Gregori
e Cinzia Vismara), in cui le iscrizioni sono punto di partenza per indagini storiche e
antichistiche di notevole ampiezza.
Al di là delle opere enciclopediche e delle grandi collane, fra gli indizi del persisten-
te interesse riscosso dal mondo dei combattimenti anfiteatrali va registrato l’intensi-
ficarsi di esposizioni e convegni: da ricordare, fra gli eventi di questo tipo, la grande
mostra Sangue e Arena tenuta nel Colosseo a Roma fra giugno 2001 e gennaio 2002.
Si potrà discutere il titolo di facile effetto, e anche un po’ fuorviante, perché in genere
questo tipo di espressione si associa alla tauromachia spagnola e non ai giochi antichi
(si pensi al romanzo del 1908 di Blasco Ibáñez, da cui sono stati ricavati ben tre film:
con il titolo, appunto, di Sangue e Arena quelli con Rodolfo Valentino nel 1922 e con
Rita Hayworth nel 1941, con il titolo di Ossessione d’amore quello con Sharon Stone
del 1989), ma la mostra era notevole.
Una sorte singolare, dal punto di vista della storia degli studi, è quella che riguar-
da il più famoso fra gli edifici in cui gli spettacoli si svolgevano: l’Anfiteatro Flavio,
o Colosseo. Negli anni Sessanta del secolo scorso un grande studioso come Bianchi

35
Bandinelli, quando voleva far capire che mancavano studi adeguati sui grandi mo-
numenti, base necessaria per ogni intervento di tutela e valorizzazione, diceva che il
Colosseo era sostanzialmente inedito. In realtà alcuni studi esistevano (Colagrossi,
von Gerkan, Lugli), altri si sarebbero aggiunti di lì a poco (Cozzo) e altri via via più
intensi si sarebbero aggiunti in anni più recenti, come quelli del Mocchegiani Carpano
e della Rea sui sotterranei e sul sistema idrico (questi e altri sono citati nell’ampia bi-
bliografia presente nel catalogo della mostra del 2001-2002), o come quelli raccolti nel
volume curato da A. Gabucci: effettivamente manca ancora, però, quella che un tempo
si sarebbe chiamata editio princeps, una summa di tutti i possibili dati tecnici e storici:
e forse mancherà ormai per sempre, perché l’impresa diventa sempre più ardua man
mano che gli studi si ramificano.
Per quanto riguarda i gladiatori, le loro caratteristiche, le loro carriere e le modalità di
svolgimento dei giochi, abbiamo dapprima alcuni studi pionieristici: si può considerare
tale quello del Ghislazoni (1908) su un noto rilievo di Chieti, su cui fra breve torneremo;
e si può ancora considerare almeno in parte tale (anche se contiene già alcuni elementi di
approfondimento che saranno poi sviluppati nei decenni successivi) lo studio del Fac-
cenna su un gruppo di rilievi rinvenuti nel Tevere (1956-58). Spiccano però, nella prima
metà del Novecento, le fondamentali raccolte (1940 e 1946) di L. Robert sui gladiatori
nell’Oriente greco. Malgrado, infatti, in quella parte dell’impero esistano pochissimi an-
fiteatri, i giochi erano ugualmente in gran voga, e si svolgevano in teatri riadattati.
Nella storia degli studi, comunque, una sorta di impennata si registra a partire da
quegli stessi anni Sessanta in cui Bianchi Bandinelli lanciava il suo allarme sul Colosseo
«inedito». Anni, peraltro, in cui lo stesso studioso, in un celebre seminario dell’Istitu-
to di Archeologia dell’Università di Roma (a cui parteciparono numerosi allievi della
sua formidabile scuola), coordinava una serie di ricerche sull’arte nell’area sabellica fra
l’età di Claudio e quella di Nerone (Studi Miscellanei 10): fra tali ricerche, quella di F.
Coarelli sul rilievo gladiatorio del monumento di Lusius Storax a Chieti ha segnato
una tappa fondamentale nello studio delle classi di combattenti, delle loro armature,
della connessa cronologia. In quello stesso periodo anche G. Ville, con osservazioni in
gran parte convergenti, aveva avviato le sue ricerche, che si sarebbero concluse con il
volume postumo La gladiature en Occident (1980).
Numerosi altri autori, in tempi recenti, hanno offerto contributi fondamentali: P.
Veyne, M. Junkelmann, J.-C. Golvin, C. Landes, C. Vismara, E. Cantarella (queste
ultime due studiose hanno approfondito soprattutto il tema della esecuzione nell’an-
fiteatro delle condanne a morte), fino agli ultimi, aggiornati (sia pur diversissimi) con-
tributi di F. Guidi e S. Mattesini. Junkelmann ha avviato anche ricostruzioni sperimen-
tali di armi e di combattimenti; con lui si è formato l’italiano D. Battaglia. Numerose
sono, comunque, le associazioni e i gruppi di appassionati che si ripromettono di far
rivivere i numerosi aspetti della gladiatura antica. A. Mañas Bastida, E. Teysser e B.
Lopez e P. Serra hanno tentato, come vedremo, di inquadrare la gladiatura, sia pure
con le sue peculiarità, nell’ambito delle attività “sportive”, quasi come se si avvertis-
se l’esigenza di alleggerire, nelle vicende dei gladiatori, l’ incombere della morte: era

36
Fig. 1. J.-L. Gérôme, Pollice verso, 1872, Phoenix,
Art Gallery.

forse meno frequente di quanto molti non pensino che i combattimenti finissero con
l’uccisione dello sconfitto.
Piuttosto nutrita, infine, è la schiera degli autori che hanno scritto sul gladiatore più
famoso: Spartaco. Ricordiamo fra gli altri i saggi di Dogliani, Foraboschi, Guarino, Iesi,
Salles, oltre a quello, più recente, di A. Schiavone. Altri autori hanno tentato con alterna
fortuna (come vedremo) la via del romanzo, o quanto meno della biografia romanzata,
o altri ancora, più noti per ragioni storico-politiche che non per uno specifico interesse
per il mondo antico (a partire da Marx e Engels), hanno individuato nel grande gladia-
tore trace un antesignano di movimenti rivoluzionari a noi più vicini nel tempo.
A Spartaco è stata dedicata nel 2017 un’importante mostra, allestita nel Colosseo: ma,
malgrado l’ambientazione nell’anfiteatro più famoso, la mostra stessa e il bel Catalogo
sono dedicati più allo schiavo (e al problema della schiavitù in genere) che al gladiatore,
e quindi i pur numerosissimi spunti di interesse non sono “sfruttabili” per questo libro.
Nello stesso 2017 è uscito Ribelli contro Roma: gli schiavi, Spartaco, l’altra Italia:
l’autore è un noto storico, G. Brizzi, e anche qui Spartaco è piuttosto schiavo che gladia-
tore. Ma è un’impostazione che non sorprende, in quanto il libro racconta le ultime fasi
dell’età repubblicana, e sono gli schiavi che sfidano l’Urbe in un’epoca di malcontento e
di sconforto dopo le guerre civili. Malgrado la presenza fra i ribelli di Traci, Galli, Ger-
mani, Spartaco è visto da Brizzi soprattutto come il “condottiero di un’Italia disperata
e furibonda”.

37
Notevoli spunti di interesse ven-
gono proposti anche dalle arti fi-
gurative: ricordiamo alcuni illustri
pittori. Nel 1560 Paris Bordone
rappresenta Giochi gladiatorii in
Roma fantastica (Vienna, Kun-
sthistorisches Museum): un’Urbe
immaginaria, quindi, in cui i com-
battenti si affrontano in una gran-
de piazza. Sembra che si sia voluto
ricostruire un momento caratte-
rizzante nella storia della gladiatu-
ra: ancora non era stato “inventa-
Fig. 2. G. De Chirico, Gladiatori, 1927-29, coll. Privata. to” l’anfiteatro, gli spettacoli ave-
vano luogo nel Foro (v. parte II).
Fra 1637 e 1640 Giovanni Lanfranco compone Duello di gladiatori presso un ban-
chetto (Madrid, Prado), in cui si potrebbero cogliere diverse fonti di ispirazione. La
prima: nel Satyricon di Petronio il ricco Trimalchione aggiunge alla sua già fantasma-
gorica cena anche l’esibizione di combattenti, con aspetti bizzarri di cui si parla nella
Premessa. La seconda: alle origini della gladiatura c’è probabilmente (parte I, cap. II)
una fase in cui si allestiscono duelli in occasione di cerimonie funebri con annessi
banchetti.
Nel 1872 il pittore francese Jean-Léon Gérôme porta a termine la grande tela Polli-
ce Verso, ora a Phoenix, Art Gallery (fig. 1): notissima composizione, un po’ magnilo-
quente ma non priva di efficacia, in cui un gladiatore vittorioso, dall’elmo scintillante
(forse è quest’elmo l’elemento che più si impone all’attenzione), sovrasta lo sconfitto
aspettando indicazioni dal pubblico. Dalle gradinate, una folla esagitata compie una-
nimemente il gesto del pollice verso, cioè puntato verso il basso. Vedremo più avanti
che il significato della gestualità caratteristica di questo tipo di situazione non è forse
quello che un po’ tutti immaginavamo. Per quanto riguarda il Novecento, risale al
1927-1929 un mirabile e complesso ciclo pittorico, Gladiatori (fig. 2), che la “imma-
ginazione potente” del grande collezionista Léonce Rosenberg commissionò, per una
sala della sua casa di Parigi, a Giorgio De Chirico e ad altri noti pittori di quel periodo
(Savinio, Severini, Max Ernst…). Il ciclo è stato ricomposto in occasione di una mostra
tenuta a Varese nel 2003: dal quadro qui riprodotto, in cui compaiono cinque figure
maschili seminude, si può evincere che il Maestro fosse più interessato a quelle vigo-
rose muscolature che alle armi e alle tecniche di combattimento.

38
PARTE I
LA VITA E LA MORTE
I
VERSO IL GRANDE GIORNO

Mancava poco, ormai, al grande giorno del munus. C’era attesa: su vari muri, e
soprattutto su quelli delle osterie e degli altri luoghi pubblici, era apparso, come di
consueto, un accurato graffito con il programma della giornata. In quale città di età
imperiale romana ci troviamo? Per pigrizia potremmo dire Pompei, perché di graffiti
del genere nella città vesuviana se ne sono trovati davvero molti (fig. 3); ma, se voglia-
mo fare un minimo sforzo di fantasia, possiamo immaginare di essere in qualsiasi altro
posto, dato che la stessa situazione si riproduceva un po’ dovunque, anche se altrove
questi tipi di testimonianza sono conservati in quantità assai minore.
Quel graffito non passava inosservato: molti si fermavano a guardare e a commen-
tare. E questo era normale: di «curiosi» in giro, di persone che non avevano un gran-
ché da fare, nelle città romane (a partire dall’Urbe stessa) se ne trovavano sempre un
bel po’. Quello che forse ci avrebbe colpito, se avessimo potuto osservare davvero la
scena, era la competenza e l’accanimento con cui quel programma veniva discusso:
quasi come in un nostro Bar Sport.
La discussione era facilitata dalla notorietà di molti dei gladiatori annunciati, ma
anche dalla chiarezza e dalla riconoscibilità (con rare eccezioni) delle armaturae, o
categorie, in cui questi erano inquadrati, e dai modi, anch’essi spesso abbastanza stan-
dardizzati, con cui le coppie di combattenti venivano assortite. Forse proprio questa
costanza delle regole, questa presenza di punti di riferimento collaudati, è una delle
componenti del successo dei giochi.
Bene, vediamole queste regole, a partire dal momento della nascita dei giochi stessi:
accompagnamo ogni spettatore a prendere posto, ricordandogli come il fenomeno della
gladiatura era cominciato e come man mano si era evoluto verso travolgenti successi.

Fig. 3. Graffito pompeiano con il


gladiatore Oceanus.

41
II

ORIGINE DEI GIOCHI GLADIATORII

I giochi gladiatorii hanno origini antiche, e non sempre facili da decifrare e da rico-
struire. O meglio, se ne possono individuare lontani antecedenti in vaste aree e civiltà
preclassiche: le esequie di uomini illustri erano talvolta accompagnate da sacrifici uma-
ni, e questi a loro volta potevano svolgersi in forma di duelli fra uomini armati (uno dei
quali destinato a soccombere, anche se non sempre l’esito era necessariamente morta-
le); tali duelli peraltro erano spesso inseriti in articolati programmi comprendenti gare
di vario genere. Echi di queste tradizioni si colgono, per esempio, nell’Iliade di Omero
(v. Premessa): nel quadro delle onoranze funebri che Achille predispone per Patroclo,
vengono uccisi sulla tomba dell’eroe numerosi prigionieri troiani, e si svolge, insieme
con incontri di pugilato e di lotta, un duello fra Aiace e Diomede. Duelli (sia pure con
protagonisti meno illustri) in occasione di solenni funerali sono narrati anche in un’o-
pera epica più recente (sia pur riferita a epoche remote), e cioè nell’Eneide virgiliana.
Tali duelli fanno parte dei giochi indetti da Enea in Sicilia per onorare il padre
Anchise. Questi e altri indizi concorrono a collocare la «nascita» della gladiatura in
contesti funerari: ma quando, e seguendo quali influssi, questo tipo di spettacolo fu
introdotto a Roma?

Il 264 a.C.
Vari autori antichi (Livio, Valerio Massimo, Ausonio) forniscono una data, il 264
a.C.: in quell’anno Marco e Decimo Pera, figli del defunto Bruto Pera, in occasione
dei funerali di quest’ultimo fanno combattere nel Foro Boario tre coppie di gladiatori.
Anche gli studiosi moderni concordano che questo si possa considerare un punto di
inizio per la storia della gladiatura nell’Urbe; si è molto discusso, però, su quale possa
essere l’ambito etnico-culturale da cui provengono gli impulsi decisivi.

Etruria o Campania?
Le aree più indiziate sono sono due, l’Etruria e la Campania. Poiché in varie città
dell’Etruria sono note, sia in rilievi (soprattutto urne funerarie) sia in pitture, raffigu-
razioni di duelli di gladiatori, e poiché alcuni autori antichi – da Nicola Damasceno nel
I secolo a.C. a Isidoro di Siviglia nel VI-VII d.C. – propendono per un’origine «tirre-
nica», fino a poco tempo fa si dava per certo che l’usanza fosse stata introdotta dalle
regioni a nord del Tevere. Qualche studioso pensa addirittura che i giochi siano stati
introdotti a Roma in quel 264 a.C. proprio perché, in quello scorcio di tempo, giunge-

42
Fig. 4. Pittura di Paestum, “Tomba del Laghetto
X”. Paestum, Museo Archeologico Nazionale.

vano prigionieri dall’Etruria stessa e dall’Umbria (nel cap. III si accennerà al problema
del rapporto fra prigionieri e munera). Ma a Paestum, città della Campania occupata
alla fine del V a.C. dai Lucani, sono state scoperte tombe ormai celebri (370-340 a.C.)
con raffigurazioni di cerimonie funebri in cui compaiono corse di bighe, incontri di
pugilato, e infine – anche qui – duelli fra uomini armati (fig. 4); inoltre, fra le categorie
di gladiatori più antiche è sempre stata ricordata (e ne abbiamo già accennato anche
noi) quella dei Samnites, che reca il nome di un’altra popolazione che, proveniente
dalle montagne, invase la Campania nel V a.C., e che in seguito diede a più riprese filo
da torcere all’Urbe, fino a soccombere definitivamente solo in occasione dei massacri
perpetrati da Silla nell’82 a.C. Sappiamo anche che, in occasione di una dura sconfitta
che i Romani inflissero ai Sanniti nel 310 a.C., i Campani, alleati dei Romani stessi,
raccolsero sul terreno le armi dei nemici uccisi e le fecero usare ad alcuni gladiatori per
un combattimento pubblico.

Una tradizione che si consolida


È verosimile dunque che l’ «ispirazione» venga da sud. Quest’ipotesi diviene an-
cora più suggestiva se si pensa che, in età repubblicana e per tutta la durata dell’età
imperiale, la città di Capua appare sede di scuole di gladiatori assai importanti, in
una delle quali compie il suo addestramento nientedimeno che Spartaco (parte III):
potrebbe essere l’eredità di un’antica tradizione. Ma quello che più interessa è che,
una volta introdotti, i giochi sembrano radicarsi sempre più. Non solo, ma contem-
poraneamente cominciano a svilupparsi anche le venationes, lotte di gladiatori contro
belve: nel 252 a.C. si tiene a Roma la prima venatio, nel Circo Massimo. Nel 216 i figli

43
di M. Emilio Lepido offrono anche loro, come avevano fatto Marco e Decimo Pera,
un munus per onorare il padre defunto: ma in questo caso le coppie di gladiatori sono
ventidue, e i combattimenti si svolgono nel Foro. Nel 200 un altro illustre scomparso,
Valerio Levino, generale distintosi durante la seconda Guerra Punica, è onorato con
venticinque coppie; e ben settantaquattro sono quelle che si affrontano in un grande
spettacolo offerto nel 174 da T. Flaminino, generale distintosi durante la stessa guerra
e poi durante quella contro Filippo V di Macedonia. Un’altra notizia che abbiamo
per l’anno 160 non è importante dal punto di vista statistico, ma dal punto di vista
dell’evoluzione dei gusti: mentre a teatro si rappresenta l’Hecyra di Terenzio, si sparge
la voce che i figli di Emilio Paolo stanno per dare un munus, e tutti gli spettatori si
precipitano a vederlo (cfr. Premessa). In epoca imperiale si affermerà la definizione di
munus (mentre per il circo e il teatro si parlerà sempre, rispettivamente, di ludi circen-
ses e di ludi scaenici): ciò significa che queste manifestazioni vengono viste come un
«dovere» nei confronti di determinati personaggi da onorare a Roma e nelle aree man
mano romanizzate, ma anche, a poco a poco, nei confronti del pubblico. Il nesso fra
giochi e contesti funerari è confermato in origine, d’altro canto, dall’uso della parola
bustuarius (da bustum, rogo per la cremazione) come sinonimo di gladiatore: parola
che però ben presto si perde.
Sempre fra III e II secolo a.C., in qualche caso si comincia a intravvedere un uso dei
giochi non solo nel quadro di esequie di personaggi di spicco (consuetudine che però
rimane a lungo ben presente), ma anche con sfumature politico-propagandistiche. Nel
206 Publio Cornelio Scipione (più tardi detto Africano), dopo aver affrontato i Car-
taginesi in Spagna e dopo averli cacciati dalla penisola, promuove una lunga cerimonia
a Nova Carthago in memoria del padre P. Cornelio Scipione e dello zio Gn. Cornelio
Scipione Calvo, anch’essi in precedenza impegnati in guerra contro la grande potenza
punica ed entrambi morti nel 211 in terra iberica. In tale occasione viene offerto per
la prima volta un munus lontano da Roma, che produce una grande impressione sulle
popolazioni locali: fra le altre quella dei Lusitani, che nel 140 renderanno omaggio
con combattimenti gladiatorii alla memoria del loro capo Viriato, protagonista di una
lunga e valorosa resistenza contro Roma. Sempre nel corso del II a.C., ma all’estremità
opposta del Mediterraneo, il re Antioco IV Epifane introduce il munus in Siria. L’uso
si diffonde dunque sempre più largamente.
Questa diffusione è tanto più significativa se si pensa che, in origine, ogni forma
di spettacolo aveva incontrato l’opposizione moralistico-politica da parte della classe
senatoria. In quello stesso II secolo a.C., e più precisamente nel 145, il vincitore della
Grecia Lucio Mummio aveva costruito, per ospitare meglio il pubblico, un teatro con
gradinate in legno: gradinate che però dovevano essere smontate subito dopo l’evento.

44
L’ufficializzazione
Solo verso la fine del secolo gli spettacoli pubblici vengono “ufficializzati”: prov-
vede il Senato nel 105 a.C., anno dei consoli P. Rutilio Rufo e C. Manlio. Anche le
venationes prendono piede sempre più visibilmente: nel 99 a.C. Claudio Pulcro ne
organizza una a Roma, in cui sono impiegati anche elefanti. Nell’ultimo secolo del-
la repubblica e all’inizio dell’età imperiale, statisti, condottieri e magistrati di primo
piano continuano a dedicare munera alla memoria dei rispettivi padri: Cesare nel 65
(il padre si chiamava anch’egli Gaio Giulio Cesare, ed era stato pretore e proconsole
d’Asia) con giochi in cui sono impiegate ben 320 coppie di gladiatori; Q. Cecilio
Metello Scipione nel 62 (il padre era P. Scipione Nasica); Fausto Silla nel 59 (figlio
del dittatore Silla e marito di una figlia di Pompeo, Fausto celebrava così il ventesimo
anniversario della morte del padre); C. Curione nel 52 (il padre era l’oratore Gaio
Scribonio Curione, che era stato console, governatore di Macedonia, pontefice mas-
simo); Germanico e Claudio nel 7 a.C. (in memoria del padre Nerone Claudio Dru-
so, il valoroso generale morto improvvisamente due anni prima a Magonza mentre
stava conducendo importanti campagne contro i Germani). Inoltre, lo stesso Cesare
nel 45 a.C. commemora allo stesso modo la figlia Giulia (morta nove anni prima),
mentre Augusto nel 6 a.C. fa anch’egli combattere gladiatori per ricordare il genero
(e collaboratore di fiducia) Agrippa. E ancora alla fine del I - inizio del II secolo d.C.
Massimo, amico di Plinio il Giovane, per celebrare un anniverario della morte della
moglie indice un munus nella città natale di quest’ultima, Verona. Trascinate dall’e-
sempio dei potenti, anche le persone «comuni» prendono l’abitudine di lasciare in
testamento somme di denaro per far organizzare giochi dopo la propria scomparsa o
in anniversari successivi.
Sia i combattimenti fra gladiatori, sia le venationes assumono ormai una connota-
zione politica. Il grande favore popolare fa sì che i magistrati siano spinti a farsi edi-
tores, a promuovere cioè manifestazioni sia in fase di campagna elettorale, sia durante
l’esercizio del proprio mandato: manifestazioni che assumono importanza sempre
maggiore. Cicerone tenta di impedire certi eccessi: console nel 63 a.C., fa approvare
la lex Tullia de ambitu, con la quale si vieta ai candidati, nel biennio precedente le
elezioni, di indire giochi, a meno che questi non siano previsti in istruzioni testamen-
tarie come quelle di cui si diceva. Ma più tardi, anche in sede di dibattito giudiziario
(nell’orazione Pro Sextio del 56 a.C.: v. ancora Premessa, I), il grande avvocato e uomo
politico è costretto a prendere atto che nessun genere di spettacolo esercita tanta attra-
zione nei confronti delle masse: nemmeno i già ricordati ludi circenses e scaenici. Torna
però a sbuffare in una lettera del 52: «Non c’è nessuno che non sia sfinito dalla sazietà
di giochi». Evidentemente non c’è verso di arrestare la grande macchina. Si arriverà
ad assalire cortei funebri per costringere i parenti del morto ad ingaggiare gladiatori:
la notizia è di Svetonio, ed è relativa ai tempi dell’imperatore Tiberio, cioè un po’ più
tarda rispetto all’età di cui stiamo parlando, ma è ugualmente (se non forse ancor più)
significativa.

45
Dal Foro all’Anfiteatro
Nel corso dell’età repubblicana, dopo l’avvio con il Foro Boario nel 264 a.C., a
poco a poco il luogo fisso per i combattimenti diviene il Foro, la piazza principa-
le della città, che si arricchisce di basiliche, portici, gradinate; più tardi si «inventa»
l’anfiteatro, monumento che, nel mondo antico, è noto solo in ambito romano. L’uso
della parola amphitheatrum, stando a quanto per ora ci risulta, viene introdotto in età
augustea: compare nel De Architectura di Vitruvio e nelle Res Gestae Divi Augusti (il
testamento politico del fondatore dell’Impero, che in questo volume è citato più vol-
te). È probabile tuttavia che la parola fosse nata anche un po’ prima, forse intorno alla
metà del I secolo a.C. Ne parleremo nel cap. IV e nella parte II: possiamo accennare fin
d’ora che un passaggio del genere, e cioè da una piazza a una struttura architettonica
più specifica, si verifica anche, più tardi, nella storia della tauromachia in Spagna. Qui,
anzi, un qualche ricordo della sede originaria, la piazza, rimane nella denominazione
dell’arena: «plaza de Toros».

46
III
DA DOVE VENIVANO I GLADIATORI?

Dirigendoci verso l’anfiteatro insieme a migliaia di altri spettatori, poniamoci qual-


che domanda, fra cui, tanto per cominciare: chi erano i gladiatori? Proprio in un mo-
mento in cui riteniamo di averli ben presenti (fra film di successo, mostre, echi di
letture antiche e recenti), ci accorgiamo di non saperne molto. La loro popolarità era
enorme, paragonabile, sia pure con qualche approssimazione, a quella degli odierni
campioni sportivi (ne riparleremo); il loro fascino nei confronti del pubblico femmini-
le era ben noto; il rischio che minacciava la loro vita rende ammirevole ai nostri occhi
il loro coraggio e il loro sprezzo del pericolo. Ma da dove venivano? A quale categoria
di persone appartenevano? Esisteva un ambito etnico-geografico di provenienza ben
individuabile?

Prigionieri
La prima categoria di persone in cui ci imbattiamo è quella dei prigionieri: criminali
a cui sono stati inflitti i lavori forzati, oppure prigionieri di guerra, oppure condannati
a morte. Nel primo caso, la pena poteva consistere nell’attività estrattiva nelle miniere
(damnatio ad metalla) nelle cave di marmo o di pietra: le condizioni di lavoro erano
subumane, i rischi elevatissimi. In questo ambito, i gladiatori venivano reclutati attra-
verso qualcosa di simile a una commutazione della pena: forse (pur tenendo presenti i
pericoli dei combattimenti nell’arena: cap. VI, VII) nel cambio ci guadagnavano. Tanto
più che non venivano mandati allo sbaraglio: acquistati (in quanto in un certo senso
erano, come gli schiavi, merce umana) da un lanista, venivano inviati in una scuola o
palestra (in ludum dabantur) per imparare il mestiere. Chi erano i lanistae? Erano i
proprietari di gruppi, o familiae, di combattenti, che erano chiamate così per analogia
con le familiae di schiavi o di liberti.
Va anche aggiunto che i combattimenti veri e propri, i grandi munera nell’anfitea-
tro, non erano poi frequentissimi: contrariamente a quanto forse molti credono, ogni
gladiatore scendeva in campo al massimo due o tre volte all’anno; inoltre, non sempre
i combattimenti si concludevano con la morte dello sconfitto (v. ancora cap. IV, VI,
VII).
I prigionieri di guerra si trovano in una situazione intermedia: talvolta la loro con-
dizione è assimilabile a quella dei forzati stessi, talvolta a quella dei condannati a mor-
te. La prima ipotesi è quella che si verifica, per esempio, dopo le guerre giudaiche e la
conquista di Gerusalemme del 70 d.C.: Tito invia una parte degli Ebrei catturati a lavo-
rare nelle cave d’Egitto, una parte a combattere in pubblico in varie città della Grecia.

47
Fig. 5. Elmo calcidese del IV a.C. con cimiero a forma di
grifone. Los Angeles, Getty Museum (dis. Mattesini).

Proprio questo provvedimento, per così dire, arti-


colato dà un’idea della quasi intercambiabilità dei
due tipi di trattamento.
A parte il caso di Tito, e l’intercambiabilità o
meno con la situazione dei forzati, i prigionieri di
guerra costituivano comunque, certamente, una
delle fonti di reclutamento più antiche e tradizio-
nali: è questo, fra l’altro, il motivo per cui alcune
categorie di gladiatori recano il nome di popolazio-
ni che in vari momenti furono nemiche di Roma,
come i Traci, i Sanniti, i Galli, e usano equipaggia-
menti etnicamente caratterizzanti, come – nel caso
dei Traci – l’elmo con il cimiero a testa di grifone,
che aveva un’antica tradizione (fig. 5), e la sica, corta spada dalla lama ricurva e taglien-
te, di cui si riparlerà nel cap. V.

Area etnico-geografica di provenienza


Con il passare del tempo, il rapporto fra categorie e area di provenienza va impal-
lidendo: solo i Traci rimangono, fino alla fine dell’età imperiale romana, una classe
di gladiatori popolare, anzi popolarissima; i Sanniti invece (probabilmente, guerrieri
dall’armatura pesante) presto scompaiono e i Galli (quasi certamente) divengono Mir-
milloni. Nel già ricordato caso di Tito, anche se quei prigionieri fossero stati in qual-
che modo inquadrati, a nessuno sarebbe più venuto in mente di istituire una categoria
di Giudei.
Se, quindi, già all’inizio dell’età imperiale il nesso fra provenienza etnica e “classi”
quasi scompare, l’iniziativa di Tito non era un caso unico. Augusto aveva fatto esibire
nell’arena Daci e Svevi, Claudio alcuni gruppi di Bretoni; nel 274 Aureliano avrebbe
messo in campo ben ottocento coppie di gladiatori formate da Goti, Rossolani, Sar-
mati, Franchi, Svevi, Vandali e Germani; nel 282 Probo avrebbe fatto la stessa cosa con
Etiopi, Germani, Sarmati e Isauri. Siamo nell’ambito delle stranezze più o meno atroci
di cui gli autori antichi spesso accusano certi imperatori, come Nerone che, in onore
di Tiridate re dei Parti, fece combattere esclusivamente gladiatori neri, e Domiziano,
che allestì spettacoli con la partecipazione di soli nani.
L’uso si interruppe alla fine del IV secolo, e la abolizione definitivamente sancita
nel celebre codice che venne fatto pubblicare nel 438 dall’imperatore Teodosio II. For-
se si giunse a questa decisione anche in seguito a due gravi episodi verificatisi nel 383 e
393. Nel 383 era stato mandato a combattere nell’Anfiteatro Flavio un gruppo di Sar-

48
mati; nel 393, un autorevole personaggio come l’ex-console Simmaco (campione del
declinante Paganesimo e gran nemico di Sant’Ambrogio) aveva ottenuto da Teodosio
I il permesso di impiegare in un munus indetto dal figlio (che in quell’anno ricopriva
la carica di questore) un gruppo di Sassoni. In entrambi i casi i Barbari avevano fatto
ricorso al suicidio collettivo per evitare l’ignominia.

Condannati a morte
Ben diverso era l’impiego nell’anfiteatro dei condannati a morte: qui, per la verità,
non si può più neppure dire che abbiamo a che fare con la gladiatura vera e propria.
Si può dire, più precisamente, che la pena capitale era, in qualche caso, eseguita du-
rante i munera: alcune sentenze, infatti, prevedevano la damnatio ad bestias oppure
la deputatio ad gladium ludi. L’esecuzione avveniva in genere all’ora di pranzo, fra le
venationes (lotte fra gladiatori e belve) che si erano svolte in mattinata e i duelli veri
e propri che si sarebbero svolti nel pomeriggio: in questa sorta di crudele intervallo, i
condannati inermi erano mandati a fronteggiare animali feroci, oppure il carnefice ar-
mato di spada. Qualche volta, per rendere più «attraente» lo spettacolo, vi erano delle
variazioni: ne riparleremo nel cap. VII.

Schiavi
Un’altra fonte di reclutamento ben nota era costituita dagli schiavi. Vi era anzi
fra schiavi e gladiatori, in certi casi, una sorta di identificazione. La grande ed eroica
rivolta promossa nel 73 a.C. dal più celebre dei gladiatori, Spartaco, raccolse non solo
colleghi di Spartaco stesso, ma anche e soprattutto schiavi: una “guerra servile”, come
altre che, pure in età repubblicana, avevano sconvolto lo stato romano (parte III).
L’argomento “schiavi e schiavitù” è fra i più complessi e coinvolgenti della storia
politica ed economica del mondo antico (e non solo di quello), e gli approcci potreb-
bero essere molteplici. L’economia si basava sul modo di produzione schiavistico (di
cui si parlerà fra pochissimo), nel cui ambito fioriva un diffuso commercio di manodo-
pera servile. Un importante centro di smistamento, per questo come per altri commer-
ci, era l’isola di Delo, dove a partire dal II secolo a.C. un importante monumento come
la cosiddetta “Agorà degli Italiani” era probabilmente, in realtà, proprio un mercato di
schiavi. A Pompei, a tale mercato era destinato forse (in esclusiva o insieme con altri
usi), l’ “Edificio di Eumachia”, costruito nel 20-30 d.C.
Un primo approccio, quasi istintivo, è quello della condanna di tipo morale che ci
sentiamo di formulare noi, uomini degli anni 2000, in nome della morale comune e
di un cristiano spirito di uguaglianza. Ma uno dei più grandi pensatori dell’antichità,
Aristotele, riteneva che gli schiavi fossero solo animali parlanti, e il più grande e uni-
versale predicatore del primo cristianesimo, San Paolo, raccomandava agli schiavi la
sottomissione, e non la ribellione.

49
Un approccio del tutto diverso, diciamo storico-tecnico-epigrafico, è lo studio de-
gli aspetti onomastici, con implicazioni come quelle che vedremo in questo stesso
capitolo. Un altro approccio ancora (stavolta diversissimo) è quello della rilevanza del
lavoro servile dal punto di vista produttivo: è il “modo di produzione schiavistico”
di cui parlano i primi testi del Marxismo, anche se poi sono più pronti (con grande
valorizzazione proprio del mito di Spartaco) a rilevarne le potenzialità eversive e ri-
voluzionarie, sia pure non portate fino in fondo, che a valutarne i risvolti economici.
Questi non consistevano solo nella disponibilità di forza lavoro gratuita (che poi non
era proprio gratuita, perché mantenere in buona efficienza uno schiavo, che era un
investimento prezioso, aveva i suoi costi), ma anche e soprattutto nella capacità di
introdurre una divisione specializzata del lavoro: agronomi come i romani Catone e
Columella apprezzavano l’efficienza del lavoro servile nello sfruttamento dei terreni
coltivabili; all’uso di mano d’opera servile è legata anche, nell’architettura, la tecnica
muraria dell’opus reticulatum; e in effetti fu proprio la crisi di questo tipo di economia
ad avviare, prima di quanto normalmente si pensi (forse già nell’ «età d’oro» degli
Antonini), la crisi più generale dell’Impero romano.
La complessità del problema, e anche il fatto che gli schiavi più abili o fortunati
potessero esser liberati dai loro padroni (di liberti, talvolta anche assai ricchi, le fonti
letterarie ed epigrafiche ce ne fanno conoscere moltissimi), non possono tuttavia far
dimenticare che la vita dello schiavo «medio» era in genere ben poco invidiabile. E non
solo dello schiavo medio. Sappiamo che l’imperatore Vitellio, stancatosi di quello che
era addirittura il suo favorito, Aristarco, lo vendette a un lanista ambulante.
E con questo torniamo a parlare di gladiatori, proprio toccando con mano una for-
ma di reclutamento che doveva essere abbastanza diffusa, anche se (F. Dupont e altri)
meno di quanto si pensasse. Va anche detto che comportamenti brutali come quello
di Vitellio (imperatore, peraltro, dalla breve carriera) non furono adottati indiscri-
minatamente e per sempre. Adriano, si sa, introdusse una norma restrittiva piuttosto
rilevante: lo schiavo avrebbe potuto essere venduto a un lanista solo se consenziente.

Una particolare categoria di gladiatori-schiavi nelle province greche e orientali


Vi è poi una categoria particolare, probabilmente privilegiata, di gladiatori-schiavi:
la troviamo nella parte orientale dell’Impero, nelle province di lingua e cultura greca,
e questo rende necessarie alcune precisazioni. Come si è già accennato, il fatto che
in quest’area siano noti (grazie a resti effettivamente conservati o a notizie letterarie
ed epigrafiche) pochissimi anfiteatri (Alessandria d’Egitto, Corinto, Cesarea di Pale-
stina, Antiochia, Pergamo, Cizico…) potrebbe far pensare che i crudeli spettacoli in
voga a Roma qui non avessero seguito: ne discende la tentazione di contrapporre la
particolare sensibilità della perdurante civiltà ellenica alla brutalità dei nuovi padroni
del Mediterraneo; e di citare al riguardo autori cone Epitteto e Dione Crisostomo,
decisamente contrari ai munera. In realtà già da decenni un grande studioso francese,
Louis Robert, ha rivelato che le cose non stavano così. Tanto per cominciare quegli

50
scrittori tengono una posizione critica, anzi ipercritica, anche nei confronti della gare
atletiche, che invece ai Greci in genere notoriamente piacevano e che avevano grande
impatto anche sulla politica: durante i vari giochi panellenici si interrompevano le
guerre. Epitteto e Dione non esprimono quindi posizioni ampiamente diffuse, ma
personali o comunque di cerchie di intellettuali relativamente ristrette. Inoltre, una
abbondante documentazione epigrafica testimonia che i giochi erano certamente ben
presenti, se non nelle poleis della Grecia vera e propria (forse anche per motivi econo-
mici: non a caso uno dei pochi anfiteatri noti in quest’area è quello di Corinto, città
che in età romana recupera la sua opulenza e intraprendenza), in altre antiche e glorio-
se città del mondo greco: a Efeso, Mileto, Smirne, e anche ad Ancyra e a Sagalasso in
Asia Minore; a Tomi sulla costa occidentale del Mar Nero; nelle isole di Lesbo, Samo,
Cos, Taso. Anzi, a Taso si offriva l’onore della cittadinanza a gladiatori emeriti, e ad
Alicarnasso (come vedremo meglio fra poco) è noto uno dei pochi casi di gladiatrici
donne, Achillea e Amazzone. Quest’ultima realtà ci è rivelata da un rilievo, con iscri-
zione, proveniente dalla città asiatica e conservato nel British Museum di Londra. Per
inciso, va ricordato che nel 1996 è stata rinvenuta proprio a Londra, come vedremo, la
tomba di un’altra «gladiatrice»: singolare (e del tutto casuale) coincidenza. Dato che
gli anfiteatri noti in Grecia e in Oriente sono decisamente pochi, si deve supporre che
i munera si svolgessero nei teatri, opportunamente attrezzati. Neanche a farlo appo-
sta, un’importante testimonianza di questa variazione d’uso, consistente soprattutto
nell’isolamento dell’orchestra – dove evidentemente si svolgevano i combattimenti –
rispetto alle gradinate che ospitavano gli spettatori, la possediamo proprio nell’area di
minore diffusione dei giochi (il che evidentemente non significa, neanche qui, assenza
completa), e cioè in un monumento illustre di Atene, il Teatro di Dioniso.
Ma in che consiste la particolare situazione in cui si trovavano in questa parte
dell’impero i combattenti-schiavi? Qui molto spesso (a differenza di quanto accade
nell’Occidente romano) gli organizzatori dei munera sono gli archiereis, i gran sa-
cerdoti del culto di Roma e di Augusto: in oriente, la venerazione dell’imperatore, e
talvolta (in maniera più o meno velata) non solo dell’imperatore divinizzato dopo la
morte, ma anche dell’imperatore vivente, si affermano più rapidamente e visibilmente,
e certe ricorrenze nell’ambito di quel culto si celebrano anche con l’allestimento di
spettacoli. Per far fronte a questa esigenza della loro ambita carica, gli archiereis giun-
gono a costituire delle squadre permanenti; e anzi – forse più che altrove – si curano
anche di evitare che i duelli siano sempre mortali. I loro schiavi che fanno parte di
queste squadre sono quindi davvero privilegiati.

Uomini liberi
Abbiamo esaminato dunque, con le diverse possibili varianti, i casi di prigionieri
e di schiavi. Ma sono anche noti, non solo in oriente ma anche in occidente, uomini
liberi che si danno alla gladiatura: di questo loro status giuridico testimoniano, nelle
iscrizioni, non solo l’uso dei tria nomina (prenome, nome, cognome), prerogativa di

51
chi gode dei diritti di cittadinanza, ma anche l’esplicita dizione liber (in greco eleuthe-
ros) che accompagna i dati onomastici. In qualche occasione (ma per la verità non è
sempre chiaro in base a quale ulteriore distinzione o caratteristica) si parla di auctorati
depugnandi causa: individui liberi che, anche a costo di affrontare un certo declassa-
mento sociale, divenivano gladiatori.
In che consisteva quel declassamento? Il libero-aspirante-gladiatore doveva com-
piere per iniziare la nuova attività una serie di passi davvero tremendi: alla presenza di
un tribuno della plebe, nonché del lanista o dell’organizzatore di munera a cui si con-
segnava, doveva profiteri ad dimicandum, dirsi pubblicamente disposto a combattere.
Da quel momento, in primo luogo era indicato al disprezzo generale in quanto perso-
na mirante al «sangue venale»; in secondo luogo non poteva più candidarsi per cariche
politiche, testimoniare nei processi giudiziari, godere delle prerogative del suo status
precedente (il cavallo, se si trattava di cavalieri; il posto riservato proprio nell’anfite-
atro, a cui ora accedeva in tutt’altra situazione e posizione), aspettarsi una sepoltura
onorevole (sappiamo di un privato di Sarsina che aveva ceduto un suo terreno alla
città per rendere disponibili spazi per le sepolture, ma escludeva esplicitamente gli
auctorati da tale beneficio); se veniva sorpreso in flagrante adulterio, il marito tradi-
to poteva ucciderlo del tutto impunemente. Inoltre il neo-gladiatore, sempre davanti
al magistrato, doveva dichiarare con una formula piuttosto impressionante (come i
gladiatori normali, del resto) di essere pronto a uri, vinciri, verberari ferroque necari,
cioè a essere bruciato, incatenato, frustato, ucciso con il ferro. Insomma, il padrone a
cui si consegnava aveva diritto di vita e di morte sulla sua persona: vi era, per la durata
dell’ingaggio, in qualche modo un’assimilazione alla condizione degli schiavi.
Malgrado tutto questo, il numero di uomini liberi che sceglievano la gladiatura era
perfino superiore a quanto molti studiosi ritengono. Se infatti si pensa che, ogni volta
che non si usano i tria nomina, si tratti di schiavi, probabilmente si commette un erro-
re, dato che spesso chi combatteva nell’arena, quale che fosse il suo rango originario,
non usava il suo nome anagrafico, ma un nome di battaglia. È forse interessante qual-
che esempio: se Ferox, Invictus, Leo, Tigris alludono al coraggio e alla prestanza fisica,
Bebrix, Castor, Diomedes, Hector, si ispirano a personaggi del mito scelti fra quanti
hanno dato prova di valore e di forza: per quanto riguarda in particolare Diomede, il
suo duello con Aiace, narrato – come si è visto – nell’Iliade, che si svolge in contesto
funerario, più precisamente in occasione dei funerali di Patroclo, può essere in qual-
che modo considerato una prefigurazione dei munera. Hermes, Columbus, Triumphus
erano invece nomi di gladiatori celebri che venivano ripresi da quanti speravano di
emularne le gesta; Chryseros faceva riferimento all’oro e alla ricchezza, Yakinthos,
Narcissos alla bellezza fisica.
Se davvero il numero di liberi che abbracciavano la gladiatura era consistente, a
maggior ragione si pone una domanda: perché tanta voglia di affrontare questo infer-
no? Delusi d’amore, uomini caduti in miseria che così si assicuravano almeno il cibo e
un letto, gente invece che per spavalderia voleva proprio affrontare queste situazioni
di privazioni e di pericolo per tentare la fortuna e l’avventura, alla ricerca di una gloria

52
un po’ particolare. Un esempio noto di questo tipo di avventurieri è dato da coloro
che avevano combattuto nelle guerre civili e che, dopo la pace stabilita da Augusto,
non si rassegnavano a una vita «normale». E un’altra situazione non del tutto diversa si
presenta più tardi, quando Settimio Severo introduce l’uso di reclutare i pretoriani in
provincia: i giovani nati in Italia e addestrati alle armi che avrebbero potuto aspirare a
questo tipo di attività, trovandosi «disoccupati», finiscono in molti casi per intrapren-
dere la gladiatura, se non addirittura il brigantaggio.
Uno studio di A. Mañas Bastida (2013) consente di individuare forse un tipo di
motivazione ancora più forte: secondo lo studioso spagnolo un gladiatore, se diveni-
va una “star”, poteva arrivare a guadagnare l’equivalente di 200.000 euro per un solo
combattimento. Sulle posizioni innovative di questo studioso dovremo tornare anche
a proposito di altri temi.

Gladiatori per un giorno


Doveva esistere poi qualche meccanismo (che non conosciamo) tale da rendere
possibili anche esibizioni occasionali. Non era raro, infine, che anche personaggi in-
sospettabili, come senatori, cavalieri o loro familiari, volessero presentarsi nell’arena.
Nel 46 a.C. sono cavalieri a fronteggiarsi; nel 29, per la prima volta, scende in campo
un senatore, Q. Vitellio. Nell’11 a.C. si vara una legge restrittiva, che tuttavia auto-
rizza ufficialmente i cavalieri a prendere parte ai giochi (probabilmente nell’ambito di
una qualche normativa più ampia): l’imperatore Tiberio però, che pure in genere gli
storici non presentano come un’anima candida, si rifiuta di assistere. Nel 57 d.C., con
Nerone, si scontrano addirittura 400 senatori e 600 cavalieri. Va detto che tutti questi
combattenti un po’ particolari probabilmente usano armi non appuntite e non affilate.

Donne nell’arena
Sul tema della presenza femminile nei munera le fonti antiche non sono partico-
larmente abbondanti. C’è chi si indigna come Tacito (Annales XV 32): «molte donne
d’alto rango e molti senatori (di questi ultimi si è appena parlato - n.d.r.) si degrada-
rono scendendo nell’arena». E c’è chi ironizza come Giovenale (Satira VI 246-262):
qui ci si esime volentieri dal riportare i versi saccentemente ironici, privi di ogni grazia
e leggerezza, a cui il poeta (un po’ come il “collega” Marziale) si lascia andare, come
spesso purtroppo accade, ma si deve prendere atto che vengono esposti in maniera
ben comprensibile gli eccessi di zelo con cui certe donne si allenano nel ludus. Da
altre fonti sappiamo che Tiberio vietò i combattimenti fra donne, che Nerone invece
li autorizzava, che alcune venatrices presero parte alle interminabili cacce che ebbero
luogo in occasione dell’inaugurazione dell’Anfiteatro Flavio; che, sempre in età flavia,
i duelli fra donne non erano infrequenti; che più tardi (intorno al 200 d.C.) Settimio
Severo fu indotto a vietarli di nuovo per le grida e gli insulti cui proprio le donne com-
battenti si abbandonavano. Secondo alcuni autori tali duelli, comunque, erano di tipo

53
“leggero”, ed erano mandati in scena negli intervalli; secondo altri, le donne entravano
in azione più nelle venationes (v. sotto) che nei combattimenti gladiatorii veri e propri.
In mancanza di testimonianze letterarie più ampie, assumono maggiore importan-
za quelle di altro tipo: per esempio il rilievo di cui si è detto (di fattura non squisi-
ta) rinvenuto ad Alicarnasso in Caria (oggi Bodrum, nella Turchia sud-occidentale) e
conservato a Londra, British Museum (fig. 6), presenta due figure in combattimento,
armate di grande scudo rettangolare, manica, spada e di uno schiniere alla gamba sini-
stra. L’iscrizione ci dice che si tratta di due donne, Achillea e Amazon: per la verità, se
non ci fosse quest’indicazione, nella scena, raffigurata in maniera molto semplificata e
approssimativa, non si coglierebbe nulla di femminile. Se questa scultura l’avesse vista
Giovenale, chissà che cosa avrebbe scritto. Le due gladiatrici diedero vita probabil-
mente a un buon combattimento, tanto che (come pure ci dice l’iscrizione) a entrambe
fu concessa la missio¸ furono cioè autorizzate a non protrarre lo scontro fino a esiti
letali.
Evidenze di tutt’altro tipo sono state recuperate a Southwark, non lontano (subito
al di là del Tamigi) dalla City di Londra, l’antica Londinium: sono conservate appunto
nel Museum of London. Nel sito di Southwark sorgeva in antico un anfiteatro capace
di 7000 posti circa (fra botteghe, bordelli e altri edifici per spettacolo): in quest’area fra
l’altro, in epoche più recenti, si sviluppò un’edilizia popolare, comprendente locande e
recinti per combattimenti di animali. Qui, presso una necropoli ma al di fuori del suo
perimetro, sono stati trovati i resti di una giovane donna che era stata cremata: oltre alle
offerte in cibo che erano state sepolte con lei, sono stati recuperati vasi da mensa e lucer-
ne. Di queste ultime, tre raffigurano Anubi, divinità egiziana che accompagna le anime
dei morti, una raffigura proprio un gladiatore: soggetto non raro (come del resto lo stesso
Anubi), ma qui accompagnato da altre circostanze come le modalità della sepoltura (iso-
lata rispetto al cimitero) e la vicinanza dell’arena. L’ipotesi, da qualcuno avanzata, che la
fanciulla fosse una gladiatrice non è priva di senso, anche se manca la certezza definitiva.

Il caso dell’imperatore Commodo


Anche qualche imperatore volle addestrarsi nelle caserme gladiatorie e combattere
nel Colosseo: è il caso di Commodo, che in questa attività non faceva mistero di avere
una buona opinione di sé. E forse furono proprio atteggiamenti di questo tipo a far
nascere maligne dicerie, secondo cui egli sarebbe stato figlio non di Marco Aurelio
e di Faustina Minore, ma di quest’ultima e di un gladiatore. Se sfogliamo la raccolta
di vite di imperatori nota come Historia Augusta, troviamo nella biografia di Com-
modo (attribuita a Elio Lampridio) riferimenti a questa (e altre) bizzarrie: «Non fu
solo spettatore, ma indossò le armi gladiatorie, coprendo le spalle nude con un panno
purpureo. Prese inoltre l’abitudine di far inserire negli Acta Diurna (n.d.r.: una sorta
di «Gazzetta Ufficiale» dello stato romano istituita da Cesare e mantenuta in vita da
Augusto e dai suoi successori) la registrazione di tutto ciò che commetteva di turpe
o di impuro, o di degno di un gladiatore o di un lenone. Chiamò «Commodiano» il

54
pubblico romano, perché in effetti spes-
sissimo combatté come gladiatore alla
sua presenza; ma, poiché gli spettatori,
vedendolo esibirsi così di frequente, lo
applaudivano come se fosse un dio, so-
spettò che si prendessero gioco di lui, e
diede ordine di ucciderli ai marinai della
flotta che manovravano il velum». Ve-
dremo più avanti che cosa era il velum
(cap. VII e parte II): per ora prendiamo
nota del colorito e crudele contesto in
cui si collocava la passione dell’impera-
tore per i munera. Fig. 6. Rilievo con gladiatrici da Alicarnasso. Londra,
British Museum.

I gladiatori e i loro valori


Il mondo dei valori della gente dell’anfiteatro, dei gladiatori di ogni tipo, è espres-
so, oltre che nell’onomastica (di cui si è appena detto), nelle frasi, sia pure sintetiche,
che essi stessi o i loro eredi o ex-colleghi fanno incidere nelle iscrizioni funerarie. Nel-
le iscrizioni che riassumono carriere talvolta brutalmente interrotte, si fa riferimento
alle vittorie, alle «corone» che premiavano le prestazioni più brillanti, all’abilità scher-
mistica (techne), alla vigoria più brutale («molti ne ho ammazzati con la mia forza»).
Quasi patetiche appaiono certe rivendicazioni: «Kinyras è morto per le sue ferite, ma
aveva vinto»; impressionanti certe allusioni a vendette incrociate, come nel caso dell’i-
scrizione del povero Victor: «Sono gli dèi ostili che mi hanno ucciso, e non quello
spergiuro di Pinnas; comunque non potrà vantarsene, perché avevo un compagno,
Polinice, che uccidendo Pinnas mi ha vendicato». Dunque, nel periodo intercorso fra
la morte di Victor e l’apprestamento della sua tomba e del suo epitaffio, anche Pinnas
ha avuto il fatto suo.

55
IV

VITA DA GLADIATORI: L’ADDESTRAMENTO, I LUDI

Gli spettatori che si dirigevano al munus pregustavano lo spettacolo, perché sape-


vano che avrebbero visto in azione, con buona probabilità, combattenti in gran forma,
che avevano svolto una preparazione ben calibarata. Contrariamente a quanto forse
comunemente si crede, i gladiatori, un po’ come i pugili di oggi, non combattevano
molto spesso (cap. VI-VII): dedicavano la maggior parte del tempo alla preparazione,
che al momento opportuno doveva essere perfetta. E così c’era, due o tre volte all’an-
no, nel munus, il grande e terribile momento del duello, o della lotta contro animali
feroci; ma c’era anche e soprattutto una vita quotidiana fatta di attività svolte nel ludus,
che era un po’ caserma, un po’ scuola-palestra, e anche un po’ prigione.

Origine dei ludi: gladiatori, ma anche guardie del corpo


In origine, queste scuole sono private: molti eminenti personaggi di età repubblica-
na possedevano gruppi di gladiatori, che usavano per organizzare munera all’altezza
del loro ruolo nella società, ma anche come difesa personale, una sorta di guardia del
corpo. Nel clima di forte tensione politica che caratterizza il I secolo a.C. a Roma, in
una situazione di violenti scontri fra le opposte fazioni, questi gruppi di uomini ben
armati e ben addestrati trovavano frequente e spregiudicato impiego.
Per dare un’idea dell’aria che si respirava, si può ricordare il caso di Publio Clodio
Pulcro, personaggio che fondò la sua lotta per il potere sull’appoggio delle plebi urba-
ne, ottenuto con l’uso della demagogia e della violenza. Seguace fin troppo zelante di
Cesare, mentre questo era in Gallia cercò (57-56 a.C.) di scatenare la piazza contro Ci-
cerone, Pompeo e i loro seguaci, fra cui Milone; tentò anche di occupare il Senato con
un gruppo di gladiatori «prestati» dal fratello, il pretore Appio Claudio. Anche Milone
mise in campo gladiatori privati. Seguirono scontri nel Foro, con numerosi morti.
Non era una situazione tollerabile: si cercò di porre dei limiti. Già nel 65 a.C. il
Senato aveva decretato che nessuno, nella città di Roma, potesse possedere più di 300
coppie di gladiatori; più tardi Augusto, nel quadro della sua attività di riorganizzazio-
ne dello Stato romano, abbassò questo numero a 120. Sono numeri piuttosto alti: im-
maginiamo perciò quanto fossero elevati prima che questo tentativo di controllo ve-
nisse introdotto. I successori di Augusto, con l’eccezione di Caligola, manifestarono la
tendenza a limitare ulteriormente il fenomeno; con i Flavii, e cioè con Vespasiano, Tito
e Domiziano, sempre attenti all’organizzazione della gladiatura, i ludi divennero in
genere di proprietà imperiale, come in precedenza si era verificato a Capua (v. sotto),
e furono affidati a magistrati di assoluta fiducia.

56
Torniamo alla fase originaria, che merita attenzione per vari motivi, anzitutto per
porre un problema di equità di giudizio: come mai fu così a lungo permesso a illustri
personaggi di possedere gladiatori, e invece il mestiere del lanista (che, detenendo a sua
volta gruppi – o familiae – di combattenti, apparentemente non faceva nulla di troppo
diverso) era considerato infame? Forse perché quegli spregiudicati uomini politici pos-
sedevano gladiatori nell’ambito di un’attività assai complessa (anche se non per questo
necessariamente più lodevole) in cui erano anche proprietari di familiae di schiavi desti-
nati ad altri e diversi fini: medici, operai, pedagoghi, musicisi, braccianti agricoli; mentre
il lanista era dedito esclusivamente, invece, al suo mercato di carne umana, frequentando
aste e mercati a Delo e in altre località del Mediterraneo, dove non di rado agivano pirati
che mettevano in vendita prigionieri catturati nelle loro razzie.
A modo suo, comunque, il lanista teneva in piedi un’organizzazione non certo
trascurabile. Per gli spettacoli, i gladiatori erano dati in affitto, con l’intesa (che però
non era proprio automatica, e talvolta dava luogo a discussioni) che in caso di morte il
valore dell’uomo avrebbe dovuto essere pagato per intero. I lanistae potevano anche
essere «agenti» di gladiatori di proprietà di altri; potevano comunque mettere insieme
notevoli fortune, e, specialmente in questi casi, si autodefinivano cercando di darsi un
certo tono: per esempio, negotiator familiae gladiatoriae.
Non di rado, i due mondi – quello dei potenti proprietari di familiae e quello dei
lanistae – venivano a contatto: i primi si organizzavano in maniera più strutturata e
mettevano in piedi scholae, in cui proprio ai secondi poteva essere delegato, diciamo
così, il problema dell’organico e della gestione. L’addestramento era affidato a speri-
mentati allenatori, o doctores.

Capua
Tutti i proprietari di ludi che conosciamo in età repubblicana sono di rango senato-
rio: lo è, per esempio, il protagonista del caso più antico a noi noto, C. Aurelio Scauro,
nella città di Capua (che manterrà in questo campo una lunga tradizione di eccellenza).
A Scauro si rivolge addirittura uno dei consoli del 105 a.C., P. Rutilio, per chiedere che
i doctores della schola possano essere impiegati come maestri di tecnica schermistica
per i soldati dell’esercito. Di famiglia eminente è anche Cn. Cornelio Lentulo Batiato,
proprietario di un’altra rinomata scuola di Capua, dove nel 73 a.C. esplode la rivolta
di Spartaco (parte III).
E sempre a Capua possedeva un ludus lo stesso Cesare: fu fondato nel 49 a.C. ed
era forte di ben 5000 gladiatori (in effetti non era sbagliato, poco fa, parlare di numeri
elevati). Il ludus, durante la guerra con Pompeo, fu sciolto da quest’ultimo; Cesare
però riteneva tanto importante la disponibilità di una caserma-scuola, che subito dopo
il passaggio del Rubicone pensò di costruirne una nuova a Ravenna, che poi, a quanto
si sa da Strabone, dovette essere effettivamente realizzata.
Probabilmente il ludus di Ravenna fu ereditato da Ottaviano Augusto: fra gli allievi
ne ebbe, secondo alcuni studiosi, uno davvero singolare, nientedimeno Tumelico, fi-

57
glio di Arminio, principe dei Cherusci, che nel 9 d.C. aveva inflitto ai Romani guidati
da Quintilio Varo la celebre disfatta di Teutoburgo ma era stato sconfitto presso il
fiume Visurgis (Weser) nel 16 da Germanico, anche se poi l’imperatore Tiberio aveva
rinunciato a trarre profitto da questa vittoria del suo generale e a portare le truppe
romane fino all’Elba. La moglie Tusnelda e il figlio Tumelico, imprigionati, erano stati
portati a Ravenna: il ragazzo avrebbe intrapreso un carriera di gladiatore. Ipotesi sug-
gestiva ma forse azzardata.
Ma anche il ludus di Capua fu poi ereditato e riattivato da Ottaviano: con lui, poi
divenuto Augusto, nacque quindi il primo ludus imperiale, i cui gladiatori si chiame-
ranno a lungo Iuliani, e poi, con Nerone, Neroniani. Se, inoltre, davvero fu costruita
anche la nuova struttura a Ravenna, anch’essa fu presumibilmente ereditata da Otta-
viano Augusto, che poi l’avrebbe trasmessa ai suoi successori.
Il ruolo di Augusto nella storia dei munera sembra avere molte facce, non sempre
coerenti fra loro: si potrebbe sospettare (anche in considerazione della già ricordata
impronta di misura e di compostezza che egli mirava a conferire a sé stesso e all’impe-
ro) che in genere non amasse troppo i giochi, e potrebbero costituire un’indicazione in
tal senso le misure restrittive da lui promosse, come il numero massimo di gladiatori
consentiti per i ludi privati (di cui si è detto) o le limitazioni imposte alla presenza
delle donne negli anfiteatri (di cui diremo più avanti); ma, nella sua qualità di massi-
ma autorità dello Stato romano, non poteva esimersi dal promuovere manifestazioni
talvolta grandiose, puntualmente registrate nelle Res Gestae, cioè, addirittura, nel «te-
stamento politico» del fondatore dell’Impero. Augusto ricorda di aver assicurato lo
svolgimento di 8 spettacoli di gladiatori (facendo combattere ben 10.000 uomini), di
26 venationes con belve africane «nel circo, nel teatro, nell’anfiteatro», nonché di una
grandiosa naumachia, o battaglia navale (su questo tipo di spettacolo vedi cap. VII).
Svetonio (Augustus, 43) giunge addirittura a dire che Augusto «amava dare spettacoli
in tutte le lingue e combattimenti non solo nel Foro e nell’Anfiteatro (che all’epoca
non era ovviamente ancora l’Anfiteatro Flavio o Colosseo, ma quello di Statilio Tauro:
v. parte II), ma anche nel Circo (cioè nel Circo Massimo) e nei Saepta (la grandissima
piazza che si estendeva a est del Pantheon, che in passato era stata sede delle elezioni e
che in età imperiale aveva assunto solo un valore monumentale-celebrativo)».

Pompei, Roma
Oltre che a Capua e a Ravenna, ludi esistevano anche in altre città d’Italia: proba-
bilmente a Nola, Este, Preneste (non si sa esattamente quando gli edifici di queste città
siano entrati in funzione), certamente a Pompei, dove però la situazione è complessa.
Nella città vesuviana, si sa, si trova il primo anfiteatro stabile di cui si conservano resti
consistenti: è logico, perciò, che vi fosse anche almeno una scuola-caserma. In effetti,
una è da identificarsi con certezza nel portico retrostante la scena del teatro (porticus
post scaenam), rimaneggiato per questo scopo dopo il terremoto del 62 d.C (fig. 7). Ma
anche in precedenza, fin dall’età repubblicana, una struttura del genere doveva essere

58
presente: la si identifica nella cosiddetta Casa dei Gladiatori, edificio di cui dovremo
tornare a parlare in quanto scena di un «giallo» (si sono rinvenuti, oltre a resti sicu-
ramente pertinenti a gente dei munera, anche quelli di un corpo di donna riccamente
ingioiellata), che però per le sue fasi più antiche è ancora in fase di studio. Questa Casa
dei Gladiatori non è quella (definita anch’essa così, ma impropriamente) in cui si è
verificato, nel 2010, un crollo fin troppo narrato dalle cronache.
Oltre che a Pompei, esistevano ludi, ovviamente, anche a Roma. Trasportato nel di-
latato orizzonte dell’Urbe, il fatto non era certo indifferente, a partire dai problemi di
ordine pubblico e da quelli, anche di natura politica, comunque legati alla presenza in
città di gruppi di armati. Sullo scorcio dell’età repubblicana va ricordato per esempio
l’appoggio fornito da gruppi di gladiatori alla rivolta di Catilina.
Certamente, una caserma o qualcosa del genere esisteva in prossimità del luogo
dove fu ucciso Cesare nel 44 a.C. (Curia Pompeia): sappiamo infatti che i congiurati,
temendo le reazioni dei senatori al loro gesto, avevano anche pensato di mobilitare un
gruppo di gladiatori che si stavano allenando nelle vicinanze in vista di un munus che
proprio il capo della congiura stessa, Bruto, aveva indetto nella sua veste di pretore. Si
pensa che la sede di questi gladiatori fosse nell’ampio portico che, insieme con la stessa
Curia e soprattutto con il teatro, faceva parte del grandioso complesso che Pompeo
aveva fatto costruire non molti anni prima. Si sarebbe così verificata a Roma una situa-

Fig. 7. Pompei,
porticus post
scaenam del
teatro.

59
zione non del tutto diversa (e cronologicamente anteriore di oltre un secolo) rispetto
a quella che si è vista a Pompei, con l’installazione di un ludus entro una porticus post
scaenam.
Non molti anni dopo (29 a.C.) Statilio Tauro costruì a Roma il primo anfiteatro
stabile, anche se in gran parte in legno (v. parte II): la famiglia degli Statilii Tauri era
nota per aver avuto un ludus, tanto per cambiare, a Capua, e perciò è da pensare che
ne avesse impiantato uno anche a Roma, in prossimità dell’arena. Non siamo però in
grado di individuare questi edifici, né di dire quale rapporto vi fosse fra questo ludus e
un altro collocato dalle fonti in età augustea e appartenente a un’altra insigne famiglia,
quella degli Aemilii: appunto il Ludus Aemilius, che peraltro più tardi, secondo altre
informazioni, si sarebbe trasformato in un impianto detto balneum Polycleti. Neppu-
re di questo edificio abbiamo resti archeologici significativi: non conosciamo perciò
neanche la sua precisa ubicazione.
Nel prosieguo dell’età giulio-claudia, la gestione di queste scuole-caserme passò pro-
gressivamente, come si è detto, sotto il controllo dell’imperatore: oltre a quelle che Ce-
sare e Augusto avevano lasciato in eredità a Capua e a Ravenna, altre ne furono fondate
a Roma stessa, come quella di Caligola o come quella di Nerone: una familia gladiatoria
di Neroniani, omonima di quella che, a Capua, aveva raccolto l’eredità degli Iuliani.

Con Claudio, una novità istituzionale


Fra l’età di Caligola (37-41 d.C.) e quella di Nerone (54-68), si era verificata però,
ai tempi di Claudio (41-54), una novità istituzionale ben precisa: si era introdotto per
la prima volta nell’Urbe un vero e proprio ludus di Stato. Si tratta del Ludus Matuti-
nus, che alcune fonti e iscrizioni definiscono Ludus Caesaris, cioè ludo dell’impera-
tore. Costituisce motivo di curiosità il fatto che la prima scuola gladiatoria pubblica
dell’Urbe sia una scuola per bestiarii, per coloro cioè che, al mattino (di qui il nome
della struttura: per gli orari dei giochi, vedi cap. VII), si esibivano nelle venationes
contro animali feroci. In genere, si tende a riservare maggiore attenzione ai gladiatori
che combattono fra loro, non foss’altro per il fatto che vi sono delle classi abbastanza
ben individuate per armamento e modalità di combattimento, mentre invece i bestiarii
stessi non sembrano articolati in categorie distinte (o, per lo meno, una simile artico-
lazione non è stata finora approfondita): costoro però, con questa accertata «priorità»
sulla piazza romana, si prendono, in un certo senso, la loro rivincita...

I quattro ludi di Domiziano a Roma


Stesso nome (Matutinus) e stessa destinazione (addestramento per gli specialisti
delle venationes) avrà poi uno dei quattro grandi ludi fatti costruire a Roma da Domi-
ziano: qualche studioso sostiene anzi che il Matutinus di Domiziano sorgesse addirit-
tura sullo stesso luogo di quello di Claudio, ma su tutto ciò non c’è alcuna certezza.
Con lo stesso Domiziano (81-96 d.C.), o per meglio dire con la dinastia Flavia di cui

60
egli è l’ultimo esponente, l’assetto della gladiatura assume una fisionomia definitiva: si
è appena ricordato che sono proprio i Flavii a far costruire il grande edificio che da loro
prende il nome, l’Anfiteatro Flavio, più tardi detto Colosseo (parte II). Viene abolita
nell’Urbe la possibilità che i privati possano avere le loro scuole: possibilità che viene
mantenuta, invece, in altre città d’Italia (le già ricordate Nola, Este, Preneste, Pom-
pei) e dell’Impero (Gallie, province iberiche) e anche ad Alessandria d’Egitto. Anzi,
quasi in nome di una sorta di compensazione, ai magistrati e ai sacerdoti delle colonie
e dei municipi dovettero anche essere concesse agevolazioni. Proprio Domiziano si
adoperò per fare approvare al Senato un decreto de ampliando numero gladiatorum:
coloro a cui spettava l’organizazione dei munera in quelle sedi erano autorizzati, sem-
pre ovviamente se ne avevano i mezzi, a detenere scuole anche di notevoli dimensioni.
E probabilmente era mantenuta in vita la medesima possibilità anche per gli ufficiali
dell’esercito: sappiamo che il governatore della Pannonia Giunio Bleso, ai tempi di
Tiberio (14-37 d.C.), aveva tenuto in addestramento presso di sé gruppi di gladiatori, e
questa tradizione non fu interrotta. Da segnalare anche, nell’isola di Thasos, un ludus
appartenente a una donna.
Ma torniamo alla situazione dell’Urbe e ai quattro ludi di Domiziano. I loro nomi
si possono ricostruire grazie a un noto e importante documento topografico redatto
all’inizio del IV secolo d.C., ai tempi di Diocleziano: i Cataloghi Regionari, ponderosa
compilazione che dà conto degli elementi architettonico-urbanistici e della struttura
amministrativa della città. Oltre al Matutinus di cui si è detto, i Cataloghi elencano il
Gallicus, il Dacicus, il Magnus. Bene, preso atto di questi nomi, cerchiamo di comple-
tare il quadro con le funzioni e con la collocazione topografica, avvertendo fin d’ora
che l’unico ludus di cui si conoscano in misura consistente i resti è il Magnus.
Per quanto riguarda le funzioni, se per il Matutinus è chiaro il nesso con le vena-
tiones, anche per il Gallicus non dovrebbero esserci dubbi. I gladiatori Galli dei tempi
più antichi hanno lasciato il nome e il posto ai Mirmilloni, e perciò è a questa categoria
che la scuola molto probabilmente era riservata. Ne riparleremo nel cap. V, dedicato
appunto alle classi di combattenti, ma intanto osserviamo che il legame esistente fra le
classi medesime e certe origini etniche, pur se (come si è detto) con il tempo si attenua
e scompare, lascia comunque a lungo qualche riconoscibile eco.
Un ritorno ancor più preciso a quell’antico legame, anche se occasionale e circo-
scritto, si ha con il Ludus Dacicus: fu costruito per ospitare, fra i prigionieri catturati
durante le guerre daciche di Domiziano, quelli che (anche qui ripredendo antichi usi)
vennero destinati alla gladiatura. Si sa, peraltro, che quelle campagne avevano avuto un
esito tutt’altro che brillante: fa un certo effetto constatare che vi fossero tanti prigio-
nieri. Certo, un altro forte nucleo di Daci, anzi un numero infinitamente maggiore, si
rese disponibile con le ben più fortunate campagne daciche di Traiano (101-102 e 105-
106 d.C.), e quindi può darsi che altri gruppi di gladiatori di quella medesima origine
etnica siano stati ancora per qualche tempo presenti in queste strutture: non abbiamo
notizie esplicite al riguardo, ma sappiamo che Traiano celebrò quella vittoria con uno
spettacolo gladiatorio lungo 123 giorni, con l’impiego di 10000 combattenti, e non è

61
da escludere che alcuni (o molti) di questi fossero reclutati fra i Daci stessi. Successiva-
mente il nome Dacicus, pur restando in uso, certamente smarrì il significato originario,
e nella struttura dovettero avvicendarsi gladiatori di origini diverse.
Il ludus più importante era, ovviamente, il Magnus, posto sotto la direzione di un
procurator di rango equestre, gerarchicamente più alto in grado rispetto al procurator
del Matutinus, e anche a tutti i procuratores familiarun gladiatoriarum delle numerose
scuole-caserme sparse in Italia e nelle province. Tra i tanti addetti, sottoposti al pro-
curator stesso, quelli più importanti erano i medici e i già ricordati doctores, o maestri
d’armi: ricordiamo (la regola vale per questo ludus, ma probabilmente valeva anche
per tutti gli altri, visto che il più importante edificio del genere nell’Urbe aveva valore
di esempio e modello per l’intero mondo romano) che ognuno dei maestri era spe-
cializzato per una sola classe di gladiatori. Conosciamo anche, attraverso attestazioni
epigrafiche, esempi di arbitro (summa rudis Ludi Magni, secunda rudis Ludi Magni,
cioè arbitro di prima e seconda categoria) e di addetto alle armi e alle attrezzature, il
praepositus armamentario Ludi Magni: questo armamentarium interno, un tipo di
struttura che presumibilmente era presente anche negli altri ludi, non è da confondersi
con quello, certo ben più grande, pertinente al Colosseo.
Se del Ludus Magnus, come vedremo fra poco, si conoscono i resti non lontano dal
Colosseo, vi erano nelle vicinanze altri edifici «satelliti» e complementari di cui non si
sono rinvenuti resti, ma di cui abbiamo dalle fonti letterarie ed epigrafiche notizie utili
a ricostruire tutto un mondo. Il luogo più sinistro era certamente lo Spoliarium, dove
erano spogliati delle armi i gladiatori uccisi nell’arena, e dove veniva dato il colpo di
grazia a quelli feriti a morte. Meno atroci erano certo il Saniarium, e cioè l’infermeria
o ospedale, e il Summum Choragium, il magazzino dei costumi, dei macchinari e di
tutti gli apparati per gli effetti scenici: in genere vi erano Choragia presso le scene dei
teatri, ma il fatto che questo venisse definito summum, così come il ludus era magnus,
significa che era di proprietà imperiale e che le dimensioni richiedevano una colloca-
zione opportunamente studiata. Vi erano inoltre gli Armamentaria o deposito di armi;
e infine i Castra Misenatium, cioè l’accampamento o caserma che ospitava un contin-
gente di militari, provenienti dalla flotta di stanza a Miseno, che era distaccato presso
il Colosseo per manovrare le gomene con cui si distendeva e si ripiegava il velum che
all’occorrenza proteggeva gli spettatori (cfr. anche cap. VII e parte II).
Quanto alla collocazione topografica dei quattro ludi imperiali, tutto ruota intor-
no al Magnus, i cui resti sono visibili più o meno per metà subito a est del Colosseo,
lungo l’odierna Via Labicana. Grazie alla Forma Urbis, la grande pianta marmorea di
Roma redatta (probabilmente rielaborando anche planimetrie più antiche) all’epoca di
Settimio Severo (193-211 d.C.), siamo in grado di ubicare anche i ludi perduti, e cioè
gli altri tre: il Dacicus era subito a nord del Magnus, il Matutinus e il Gallicus in dire-
zione sud-est. Alcuni studiosi attribuiscono al Matutinus resti di strutture murarie per
la verità non chiaramente comprensibili rinvenute nel 1938 non lontano dall’attuale
Ospedale militare del Celio, là dove un tempo correva il Vicus Capitis Africae.

62
I Ludi: l’evidenza archeologica a Pompei e a Roma
Abbiamo così visto la situazione di Pompei e di Roma: a Pompei due casi abbastan-
za peculiari, a Roma molti edifici ma solo uno realmente riconoscibile. In Italia e nelle
province, oltre a questi esempi e a quelli già ricordati di Capua e Ravenna, conosciamo
da fonti letterarie ed epigrafiche menzioni di caserme gladiatorie a Pola e a Verona nel-
la regione della Venetia et Histria, a Salona in Dalmazia, ad Aquincum in Pannonia, ad
Alessandria d’Egitto, a Cizico e a Pergamo in Asia Minore, a Lambaesis e a Gemellae
in Africa: solo in questi ultimi due casi si è ritenuto di poter individuare strutture con-
sistenti in murature ad andamento ellittico interpretate come delimitazione dell’arena
di addestramento. Strutture del genere sono state rinvenute anche in una località della
Britannia romana, Badington: secondo alcuni studiosi non è sicuro però che si tratti
proprio necessariamente di ludi, e quelle murature (peraltro di qualità non eccelsa)
potrebbero essere pertinenti anche a campi di addestramento per la normale cavalleria.
I casi di Pompei e del Ludus Magnus di Roma sono dunque gli unici in cui si ve-
rifica l’effettiva presenza di resti archeologici consistenti. Cominciamo, per motivi
cronologici, da Pompei. Qui, come si è già accennato, il luogo destinato all’acquartie-
ramento e all’addestramento dei gladiatori è ricavato nel portico retrostante la scena
del teatro (porticus post scaenam), un’ampia struttura che – come molti edifici in città
– fu ristrutturata e rimodellata partendo dall’esigenza di un restauro che comunque
si imponeva dopo il famoso terremoto del 62 d.C. Un evento che in qualche modo ci
appare come un inquietante precedente della definitiva tragedia del 79.
In origine, il portico costituiva un insieme organico con il teatro stesso e con il so-
vrastante complesso costituito dal Tempio Dorico e dal Foro Triangolare: in quest’ot-
tica, la porticus non era solo il foyer del teatro, ma probabilmente anche una tappa di
un percorso cerimoniale che univa le varie componenti. Nel restauro e nell’adattamen-
to a ludus, il portico viene ampliato, ma al tempo stesso separato dal resto. La confor-
mazione appare funzionale. Al centro, un grande cortile (55 x 44 metri) costituisce la
palestra per gli allenamenti; tutt’intorno, sotto il portico quadrangolare che delimita il
cortile stesso sono numerose celle disposte su due piani, di cui uno semisotterraneo, in
tutto 66; calcolando che in ogni cella potevano trovare posto due persone, si ha dun-
que una disponibilità per 122 gladiatori. Fra gli altri ambienti si inserisce, al centro del
lato meridionale, una vasta esedra, probabilmente il refettorio, con le pareti ornate di
pitture (oggi perdute) raffiguranti Marte e Venere fra trofei di armi gladiatorie. Oltre
a quelle presenti in queste pitture, sono state trovate nell’edificio armi vere e proprie:
spade e elmi di eccellente fattura. Molto note anche per il loro ottimo stato di con-
servazione, erano forse più armi da parata che da combattimento; alcuni elmi erano
decorati con raffinati rilievi a soggetto mitologico.
Come se tutto ciò non bastasse, la funzione del complesso nella sua nuova sistema-
zione è confermata da graffiti, anch’essi di soggetto gladiatorio. Vi erano inoltre alcu-
ne stanze al piano superiore, che sono state interpretate come abitazione del lanista.

63
Si è già accennato che un altro edificio pompeiano che sicuramente ha a che fare
con questo tipo di destinazione è quello definito con il nome convenzionale di Casa, o
Caserma, dei Gladiatori: definizione dovuta al ritrovamento, anche qui, di interessanti
graffiti. In realtà, della esatta funzione di questo immobile non si può essere certi: la
struttura è alquanto anomala, sia per dimensioni (si affaccia sulla Via di Nola ed è
nettamente più alta delle case che la circondano) sia per distribuzione di ambienti: non
vi sono cubicula, o camere da letto, ben individuabili, ma in compenso vi sono vasti
ambienti di rappresentanza, il che rende difficile pensare che si tratti di edilizia resi-
denziale. Ma per la verità non vi sono neppure, nelle planimetrie, elementi per pensare
con certezza a un ludus: anche perché le fasi più antiche di questo edificio (e questo
è un altro problema, comune peraltro anche ad altre situazioni pompeiane) non sono
ancora state indagate. C’è un elemento da tenere presente: i graffiti sono in alcuni casi
databili, e nessuno di questi casi è successivo al 62, anno del terremoto che ha dato il
via alla trasformazione della porticus post scaenam del teatro. Non è forse azzardato
supporre che l’edificio della Via di Nola, di cui riparleremo per vari motivi, abbia
funzionato come ludus fino al nuovo allestimento della porticus, che poi è subentrata.
E veniamo a Roma. Sul Ludus Magnus, la testimonianza della Forma Urbis non
lascia dubbi: la pianta rappresenta, con tanto di didascalia chiara e leggibile, un edificio
di forma rettangolare, con una serie di ambienti lungo i muri perimetrali, e con un’a-
rena ellittica ben delineata al centro. E, soprattutto, scavi effettuati negli anni Trenta
e Cinquanta del secolo scorso hanno consentito di recuperare la metà settentrionale
dell’edificio, sicché oggi abbiamo un’area archeologica abbastanza estesa e compren-
sibile a due passi dal Colosseo, pur inserita fra costruzioni in gran parte poco entusia-
smanti di fine Ottocento e del Novecento.
Della costruzione domizianea, per la verità, resta poco. In quell’epoca, un terremo-
to colpì la città, danneggiando per esempio in maniera irreparabile un edificio in corso
di realizzazione nel Forum Transitorium (lo hanno rivelato gli scavi eseguiti negli ul-
timi decenni del secolo scorso): probabilmente il sisma determinò problemi di statica
anche nel Ludus. In età traianea (98-117 d.C.) le strutture originarie furono in buona
parte abbattute, e si procedette a una ricostruzione su una quota più elevata, eseguita
quasi completamente in laterizio. Su molti mattoni sono stati individuati «bolli» (così
gli specialisti definiscono i marchi di fabbrica delle officine che producevano questo
materiale) che confermano la datazione. In altre parole, tutti i resti che oggi si vedono
sono traianei, mentre elementi della fase domizianea sono visibili solo in alcuni saggi
in profondità.
L’impostazione architettonica era accurata (fig. 8). Il grande cortile rettangolare era
racchiuso sui quattro lati da portici costituiti da colonne di travertino, e ai quattro angoli
erano altrettante fontanelle triangolari. Sotto i portici si apriva una lunga serie di am-
bienti (sul lato nord, che è l’unico conservato per intero, sono 14), che si ripeteva nei due
piani superiori: erano le celle destinate ai gladiatori, e si calcola che potessero ospitarne
in tutto circa 1000. Un ingresso monumentale (sempre sul lato nord, in posizione cen-
trale; non è escluso che vi fossero ingressi anche sugli altri lati) metteva in comunicazione

64
l’edificio con la Via Labicana, la quale, con lo stesso tracciato della Via Labicana attuale,
conduceva al Colosseo. Anche il percorso di questa strada fu rialzato in età traianea.
Sul lato est era invece inserita un’ampia sala approssimativamente quadrata, dedicata al
culto imperiale (ambienti di questo genere si trovavano in molti complessi monumentali
di vario tipo: terme, ginnasi, fori…). Dal lato ovest (che però è quello che conosciamo
di meno) partiva un passaggio sotterraneo che conduceva all’Anfiteatro: è visibile oggi
solo lo sbocco verso l’arena, corrispondente a una delle quattro gallerie che si diramano
in corrispondenza degli assi principali di quest’ultima. Il passaggio era certamente riser-
vato ai gladiatori e agli altri addetti allo spettacolo; in superficie, fra Colosseo e Ludus
Magnus era un piazzale selciato, anch’esso databile in età traianea. La consistenza degli
interventi attuati in quest’epoca è anche da porre in collegamento, presumibilmente,
con i giochi del tutto «fuori misura» (come si è detto, 123 giorni, con l’impiego di 10000
gladiatori) che Traiano fece organizzare per celebrare la vittoria dacica.

Fig. 8. Roma,
Ludus Magnus: veduta
dei resti sullo sfondo
del Colosseo.

65
Fig. 9. Roma, Ludus Magnus: resti
della cavea dell’arena.

Fig. 10. Roma, Ludus Magnus:


plastico ricostruttivo del
complesso. Roma, Museo della
Civiltà Romana.

Fig. 11. Pompei, affresco della casa


del Sacerdos Amandus.

66
Al centro del grande cortile del ludus era un importantissimo elemento che negli edifi-
ci pompeiani manca (quale che sia l’esatta interpretazione della cosiddetta «Casa dei Gla-
diatori») e che in altri casi abbiamo visto oggetto di ipotesi controverse: l’arena da allena-
mento (figg. 10-11). L’ellisse, con l’asse più lungo orientato in senso est-ovest, misurava
circa 2000 metri quadrati. Era quindi piuttosto grande, anche se priva degli apprestamenti
sotterranei che caratterizzano l’arena del Colosseo, ovviamente maggiore (due volte e
mezza): vedremo nella parte II che tali apprestamenti sono presenti, con varie configura-
zioni, anche in molti altri anfiteatri, ma nel Ludus evidentemente non ve ne era bisogno.
Non mancava nemmeno una cavea, gradinata, ovviamente anch’essa ellittica, per
gli spettatori. Piccola, ma non piccolissima, in quanto capace di circa 3000 posti distri-
buiti su nove gradini, e dotata inoltre di palchi per le autorità; gli ingressi all’arena e la
parete divisoria fra l’arena stessa e la cavea erano rivestiti di marmo pregiato. Si trat-
tava perciò di un impianto per un pubblico di rango elevato: magistrati, alte cariche e
presumibilmente anche l’imperatore stesso, interessati ad assistere agli allenamenti dei
campioni più famosi e magari a qualche «anteprima». Erano forse destinati al comfort
di questo tipo di pubblico alcuni ambienti ricavati nelle sostruzioni della cavea, che
furono obliterati da riparazioni e consolidamenti tardoantichi, spiegabili con il fatto
che i giochi a Roma durarono fino all’età di Onorio (393-423) e le sole venationes
addirittura fino al 536.
Fra gli imperatori, peraltro, ve ne fu uno che non si limitò ad assistere agli allena-
menti: appassionatissimo (come si è detto) della gladiatura, Commodo non si esibì
solo nel Colosseo, ma anche nell’arena del Ludus Magnus; e volle inoltre trascorrere
giorni e notti in questa palestra. Si addestrava come Secutor, l’avversario del Retiarius:
era del resto questa in genere, nei giochi, una delle contrapposizioni (cap. V e VII) più
frequenti e spettacolari.
Un ludus di qualità, quindi, «ben frequentato» e dalla lunga vita. Ma, dopo aver
visto qual era l’ambiente fisico entro cui i gladiatori passavano quasi tutta la loro esi-
stenza, e tenendo presente che, sicuramente, non tutti gli impianti in Italia e nelle
province erano di questo livello, torniamo proprio ai gladiatori stessi e alla loro attività
quotidiana.

Una familia molto peculiare


Nella scuola-caserma, i gladiatori costituivano una familia. Se veniva adoperata,
come nel caso degli schiavi e dei liberti di cui si è detto, una parola dal suono così
dolce, non è solo per un beffardo contrasto con il duro mondo dei combattenti, lega-
to (come traspare fra l’altro da certe epigrafi funerarie in cui si ricordano le gesta di
svariati protagonisti) all’idea della forza e della sopraffazione: c’era anche, in qualche
modo, l’allusione a una situazione di solidarietà che finiva per crearsi fra compagni di
ventura all’interno della struttura che li ospitava.
L’individuazione di questi valori positivi può sembrare contraddittorio in una pro-
fessione del genere. L’intero fenomeno della gladiatura si misura per secoli, del resto,

67
con una contraddittorietà di fondo. È vero che gli spettacoli hanno un grande ruolo
sociale: le classi dirigenti, e anche gli imperatori stessi, già consapevoli che è loro do-
vere organizzare spettacoli, ricevono inoltre forti pressioni in tal senso. Ma è anche
vero che, dall’altro lato, quel mondo (vedremo fra poco la figura del lanista) ci viene
presentato come un mondo disonorato di inhonestae personae.
Ma torniamo alle manifestazioni di solidarietà fra compagni d’armi. Si formavano
anche collegia e organizzazioni di mutua assistenza, la cui manifestazione più pietosa
certo consisteva nella disponibilità ad approntare sepolture per i colleghi sfortunati nel
caso che questi ultimi non avessero una compagna o amici o parenti in grado di prov-
vedere, come del resto nell’esercito accadeva per i soldati. Coloro che dispongono gli
onori funebri si definiscono (sempre nelle epigrafi funerarie di cui si è detto) sodales o
convictores: c’è quindi un’allusione non solo alla colleganza, ma anche alla coabitazione.
Tutto sommato, coloro che erano inquadrati nel Ludus Magnus potevano dire di
essere più fortunati, visto il livello delle strutture, ma anche e soprattutto visto che
Roma era la piazza principale e il culmine di una carriera (cfr. cap. VI). Qui conflui-
vano in quantità elementi delle provenienze più diverse: Egiziani e Spagnoli, Traci e
Tungri. In altre «piazze» la composizione della familia era più legata a realtà locali, e,
se si registravano presenze di «forestieri», in genere si trattava di gente che di strada
non ne aveva fatta tantissima: si conoscono i casi di un Campano a Ravenna, di un Mo-
denese e di un Tortonese a Verona, di un Fiorentino a Milano. Anche se non mancano
del tutto esempi di origini, per così dire, più esotiche: un Egiziano di Alessandria nella
stessa Verona, un Frigio a Brescia, un Germano (di Colonia) e un Greco a Benevento,
un Batavo a Parma.

Tecniche di combattimento: un problema di difficile soluzione


Quale che fosse la provenienza dei combattenti, e quali che fossero l’ubicazione
e il prestigio del ludus di appartenenza, tutta l’attività era improntata all’esaltazione
dei valori guerrieri e all’applicazione di tecniche di combattimento. Vegezio, teorico
e scrittore di cose militari vissuto nel IV secolo d.C., si rammarica che nell’esercito
i soldati non abbiano la stessa abilità schermistica dei gladiatori, e non abbiano per
esempio costanza nell’allenarsi intensamente al palus, un elemento di legno posto ver-
ticalmente sul quale, come su una sorta di punching-ball, si vibravano colpi di prova.
E del resto (in questo stesso capitolo) abbiamo visto, nel 105 a.C., doctores di una
scuola di Capua, quella di Aurelio Scauro, dare «lezioni» all’esercito per iniziativa del
console P. Rutilio. Quell’abilità schermistica (techne) certo si manifestava in modalità
di combattimento diverse a seconda delle singole categorie di gladiatori: per spettatori
che (qualche studioso se lo augura) forse non erano solo assetati di sangue, motivo di
piacere e di «tifo» era certo anche la qualità degli attacchi, delle finte, delle parate e
delle risposte, con le variazioni che ogni tipo di armamento richiedeva.
Sarebbero bei discorsi, se a questo punto si potesse fare qualche esempio concreto:
come attaccava un Trace? Come parava un Mirmillone? La cosa sarebbe interessante:

68
poiché, come si è detto, ogni gladiatore restava ben inquadrato nella sua classe, e ogni
classe aveva nel ludus un istruttore specifico, ore e ore di allenamento dovevano passa-
re nel ripetere gli stessi movimenti e doveva esistere una specie di iper-specializzazio-
ne. Ebbene, dobbiamo confessare che non ne sappiamo molto.
In primo luogo, non ci sono pervenuti scritti tecnico-tattici sulla gladiatura antica
(mentre invece non mancano trattati, si sa, sui tornei medievali). Fra le poche fon-
ti latine che in qualche modo alludono a evoluzioni gladiatorie, si ricorda una frase
dell’Institutio Oratoria di Quintiliano (XV,13,54), che parla di quattro manus (fasi
dell’azione?), di parate e di contrattacchi. Ma il rètore usava questo esempio come
paragone per espedienti di tecnica oratoria (quindi l’allusione è appena accennata) e si
rivolgeva quasi ammiccando a un pubblico che era in grado di capire, mentre noi non
lo siamo.
In secondo luogo, la documentazione figurata, pur abbondante, in realtà coglie
sempre i movimenti in «fotogrammi» che non dicono molto. Spesso sono rappre-
sentate le fasi estreme della fine del combattimento, oppure dell’eventuale iugulatio
o uccisione dello sconfitto (per queste fasi cfr. cap. VII): momenti che con la qualità
della scherma evidentemente non hanno nulla a che fare. Ma, anche quando sono raf-
figurate le fasi attraverso cui si è giunti a tali esiti, spesso accade che, riprendendo in
parte (magari con schematizzazioni e semplificazioni) iconografie lungamente collau-
date nelle tante scene di battaglia proposte dall’arte greco-romana, vengano inquadrati
combattenti in attesa prima di iniziare l’azione, oppure nell’atto di avanzare o di in-
dietreggiare, o ancora nell’incombere sull’avversario caduto o (in caso di sconfitta) nel
cadere e soccombere. Se raffigurati all’attacco, i gladiatori sono colti nell’attimo in cui
vibrano un generico fendente dall’alto verso il basso; quando la lotta si fa più accanita
e ravvicinata, il tipo di colpi tentati si fa più confuso.
Raramente, insomma, viene raffigurato un movimento più specifico: ciò però av-
viene in uno dei non pochi monumenti pompeiani. È uno dei più antichi, anzi forse
la scena gladiatoria più antica di tutte: nella casa detta del Sacerdos Amandus, una
pittura (fig. 11) raffigura due combattimenti. Sono presenti anche due «didascalie»
con i nomi di due dei quattro protagonisti: Philiks Pumpaians e Spartaks. La grafia è
osca, e quindi deve essere anteriore al momento in cui la città fu conquistata da Silla
e romanizzata: insomma, dovremmo essere all’inizio del I secolo a.C. La prima iscri-
zione definisce esplicitamente il personaggio raffigurato come pompeiano, la seconda
fornisce un nome, Spartaco, che ovviamente ha sempre attirato la massima attenzione,
ma che altrettanto evidentemente non si può riferire al leader della grande rivolta del
73-71 a.C. (cfr. parte III) proprio per motivi cronologici. L’ipotesi che si trattasse dello
Spartaco «storico» era stata avanzata perché, in uno dei due duelli raffigurati nella pit-
tura, uno dei contendenti viene colpito alla coscia: e si sa che nella battaglia definitiva
Spartaco fu ferito alla gamba e poi ucciso. Ma non si tratta dell’episodio conclusivo
di quella durissima guerra, bensì – appunto – di due combattimenti nell’ambito di un
munus gladiatorio: ciò si può dedurre dalla presenza di un suonatore di tuba, dato che
sappiamo che l’intero svolgersi dei giochi era accompagnato dalla musica (cap. VII).

69
Ebbene, mentre Spartaco viene colpito alla gamba, il soccombente nell’altro duello
viene colpito al volto: da questa testimonianza figurata si ricava – almeno – l’ovvia
conclusione che spesso si mirava alle parti non protette dallo scudo, anche se non si
chiarisce molto la qualità della scherma.
Lo stesso si può dire per altri tre o quattro casi in cui, pur non essendo mobilitati
nomi così illustri, vengono raffigurati momenti del duello non interlocutorii ma cru-
ciali, con colpi che vanno (o stanno per andare) a segno. Un rilievo proveniente da un
sepolcro presso la Porta Stabiana di Pompei, databile al 20-30 d.C. (rilievo che dovre-
mo riesaminare più volte), rappresenta fra l’altro l’attimo decisivo dello scontro fra
un Oplomaco e un Trace (per queste e per le altre categorie, cfr. cap. V): il primo, che
sembra aver preparato il colpo protendendo in alto e in avanti il piccolo scudo roton-
do, quasi scavalcando lo scudo nemico caduto a terra, letteralmente infilza l’avversario
nella parte destra del petto.
In un altro rilievo meno complesso (una sola scena), decisamente più tardo (III
secolo d.C.) e di tutt’altro ambiente (Efeso), si vede invece l’esito del duello fra un
Trace, Drakon, e un Mirmillone, Asteropaios (i nomi sono indicati da iscrizioni). I
due, in una fase che si direbbe tecnicamente poco ortodossa, sono senza scudi, e si
avvinghiano (per usare un termine pugilistico) in una sorta di clinch: è il Mirmillone
che ha la meglio, immergendo la lama nel fianco sinistro del rivale. Una scena – nella
sua crudezza – interessante, ma apparentemente abbastanza atipica, e quindi forse non
molto indicativa.
Atipica sembra anche la tecnica usata da un altro Trace contrapposto a un altro
Mirmillone, in un mosaico del III secolo d.C. detto appunto Mosaico dei Gladiatori:
stavolta siamo in Germania, e più precisamente a Bad Kreuznach (l’antica Crucinia-
cum) presso Coblenza (fig. 12). Il Trace, che per giunta è mancino (scaeva), è all’at-
tacco: gettata via la parmula (che è raffigurata ancora a mezz’aria), e inchinandosi per
eludere lo scudo proteso dal rivale, sta per colpirlo in pieno petto con la sua sica dalla
lama ricurva.
Un ultimo esempio di attacco che va a segno ci è dato ancora da un mosaico di
ambiente gallo-germanico: siamo in un’insula di Augusta Raurica (Augst, presso Ba-
silea), e, fra i vari riquadri raffiguranti duelli, ve ne è uno che ha per protagonisti un
retiarius e un secutor (v. ancora cap. V e VII). Il reziario ha lasciato cadere il tridente, e,
compiendo una piroetta quasi da torero, allunga il braccio fin dietro la testa del rivale,
colpendolo dall’alto con il pugnale fra collo e dorso. Ecco, fra tutte quelle che abbia-
mo visto forse questa è l’unica mossa veramente schermistica, nel senso che sembra si
tratti di un attacco portato con una tecnica specifica.
Gli studiosi che hanno tentato di occuparsi di questo importante aspetto della gla-
diatura (Markus Junkelmann in Germania e Dario Battaglia in Italia hanno anche crea-
to sperimentalmente una scuola-familia con i vari tipi di gladiatore) hanno anche pro-
ceduto per illazioni muovendo dal tipo di equipaggiamento. Le classi di combattenti
che avevano lo scudo più piccolo certo lo protendevano più velocemente e facilmente
in avanti, e quello scudo poteva essere utile non solo nella difesa ma anche nell’at-

70
tacco: lo pensano anche E. Teyssier e B.
Lopez. Almeno in un caso, la mossa è
tentata anche da un gladiatore armato di
uno scudo più grande: è il Mirmillone
di Cruciniacum, il quale però non sem-
bra stia traendone gran vantaggio.
Non so fino a che punto prendere
atto di quest’uso dello scudo significhi
saperne qualcosa di più sulla sapienza
schermistica delle varie classi. A maggior
ragione, non credo si possano ritenere si-
gnificativi i casi in cui alcuni combattenti
Fig. 12. Cruciniacum (Bad Kreuznach): mosaico con
si liberano dello scudo stesso. È singola-
gladiatori, part. con Trace all’attacco. Bad Kreuzna- re, comunque, che Junkelmann, presen-
ch, Römerhalle. tando in un suo libro le foto che illustra-
no l’attività del suo singolare ludus del
XXI secolo d.C., non illustri nessuno dei movimenti che abbiamo appena elencato.
Se Junkelmann ha documentato, comunque, il suo esperimento nell’ambito di un
ponderoso volume sulla gladiatura, altri gruppi di appassionati hanno anch’essi dato
vita ad associazioni che tentano di riproporre spettacoli gladiatori, ma non hanno an-
cora reso noti i loro sforzi ricostruttivi in pubblicazioni adeguate, se si eccettua il già
ricordato Battaglia (De Rebus Gladiatoriis, scritto insieme con LucaVentura). Alcuni
di essi tentano di risalire a ritroso ai gladiatori antichi partendo dai trattati medievali
sui tornei; oppure tentano di spiegare che le posture di certi combattenti raffigurati in
mosaici o rilievi, posture che a noi sembrano di attesa, in realtà sono già un momen-
to significativo del combattimento. Sicuramente, su alcuni specifici problemi l’analisi
deve essere ancora approfondita.

Perché arene di forma ovale?


Un dato abbastanza sicuro – quali che fossero le tecniche schermistiche impiegate
– è che i duelli di un munus, che quasi certamente (come vedremo meglio in seguito)
si svolgevano simultaneamente, avevano bisogno di spazi ampi, su tutta l’estensione
dell’arena. C’era molto movimento: attacchi e ritirate, inseguimenti e fughe. Quella
che soprattutto è stata tenuta presente, nell’evoluzione dei munera, è l’esigenza di of-
frire vie di scampo al gladiatore incalzato: evitare cioè che quest’ultimo potesse essere
«messo all’angolo», come oggi si direbbe in linguaggio pugilistico. Per questo, ci si
sforza con espedienti successivi di evitare che la forma del terreno di combattimento sia
quadrata o rettangolare, come appunto un ring: insomma che presenti angoli. Quando
ancora i giochi si svolgevano nel Foro, agli angoli stessi venivano poste presumibil-
mente strutture oblique provvisorie in legno (rimuovendole dopo i combattimenti, si
sarebbero restituite alla piazza planimetria e utilizzabilità originarie): la situazione è

71
stata ricostruita da Jean-Claude Golvin. Un’altra studiosa, Katherine Welch, ha poi
anzi osservato che, ai tempi in cui la gladiatura era stata introdotta, e cioè prima della
ristrutturazione del Foro operata da Cesare, la piazza (a quanto è stato accertato) era
ancora più grande di come Golvin la ipotizza, e quindi c’era spazio per strutture in
legno e temporanee, sì, ma quasi paragonabili a una pre-arena. In prosieguo di tempo,
quell’esigenza tecnica venne risolta organicamente, con l’ introduzione dell’arena el-
littica stabile. Il primo anfiteatro che si conosca per intero è, come si è detto più volte,
quello di Pompei, costruito fra 70 e 65 a.C.; ma abbiamo resti, sia pur esigui, di edifici
con arena a Capua e a Pozzuoli che sembra fossero anteriori di qualche decennio.
Anche se basata in parte su ipotesi da verificare, l’evoluzione di una tipologia archi-
tettonica così ricostruita (fig. 13) è certamente interessante, e soprattutto mette in luce
la primaria importanza attribuita alla conformazione dello spazio per lo spettacolo.
Questo spiega perché anche nei ludi, o almeno nel Ludus Magnus di Roma, il più im-
portante di tutti, fosse presente un’arena in piena regola.

Fig. 13. Evoluzione dello spazio per i


combattimenti di gladiatori, secondo Golvin:
dalla piazza all’arena.

Oltre l’addestramento: cibo, donne, culti


Se riesce quindi possibile farsi un’idea degli ambienti entro cui la vita quotidiana si
svolgeva, è certo difficile ricostruire la giornata di un gladiatore minuto per minuto.
Abbiamo appena visto che dell’addestramento schermistico si sa, in sostanza, poco; e
poco si sa, per esempio, anche dell’alimentazione. Probabilmente, qualche indicazione
più precisa si avrà quando saranno disponibili i risultati delle analisi effettuate sui 63
corpi rinvenuti nella già ricordata Caserma dei Gladiatori a Pompei: anche se per la ve-
rità c’è qualche dubbio che tutti i resti appartengano effettivamente agli abituali occu-
panti dell’edificio (e cioè ai gladiatori stessi) e non piuttosto, almeno in qualche caso, a
Pompeiani rifugiatisi qui disperatamente sotto l’incalzare dell’eruzione. Al momento,
comunque, le uniche notizie che abbiamo sui pasti si riferiscono non alla dieta abituale
nel Ludus, nei lunghi periodi di allenamento in attesa del munus, ma alla cena speciale

72
che veniva offerta proprio alla vigilia dei combattimenti «veri». Per alcuni sarebbe
stata l’ultima: a questo rischio alcuni reagivano mangiando spavaldamente tutto, altri
cercando di non eccedere per mantenersi in forma, altri, spaventati (specialmente i
meno esperti), restando quasi digiuni.
Non mancava il tempo per le frequentazioni femminili. Per la verità, il rapporto
delle donne con il mondo dell’arena è multiforme, e ricco di sfumature diverse. Come
spettatrici, non sono certo favorite, in quanto, per evitare promiscuità, sono destinate
agli ordini di posti più alti e più lontani dall’arena: è una delle disposizioni che Au-
gusto emana per disciplinare il fenomeno. In qualche caso, tuttavia, sappiamo anche
di donne che organizzano munera (cap. VII), o addirittura di gladiatrici impegnate
direttamente in combattimento, come Achillea e Amazzone raffigurate in un rilievo
di Alicarnasso o come una vigorosa giovane identificata recentemente presso Londra
(cap. II). Ma le informazioni che con maggiore frequenza ci sono tramandate dagli
autori antichi e dai graffiti che conosciamo sui muri di Pompei riguardano l’attrazione
esercitata dalla prestanza fisica degli eroi dell’arena: un Trace, di nome Celadus, è de-
finito suspirium puellarum; un Retiarius, di nome Crescens, è puellarum dominus (cfr.
Premessa). Qualche volta scoppiavano scandali, come quando la moglie di un senatore
lasciò il marito per un gladiatore, Sergio, o come quando addirittura si insinuò la voce
che l’imperatore Commodo, grande amante dei giochi, non fosse figlio di Marco Au-
relio e Faustina Minore, ma di quest’ultima e di un gladiatore.
Malgrado gli alti rischi del mestiere, alcuni degli ospiti del Ludus avevano una moglie
o una compagna, che qualche volta abitava anche lei nel Ludus stesso, e perciò veniva de-
finita ludia (rare, invece, le attestazioni riguardanti i figli). Conosciamo alcune di queste
donne dai nomi che esse stesse fanno incidere nelle iscrizioni sulle tombe dei compagni
caduti: era frequente infatti (e certo era un’eventualità accettata in partenza) che spet-
tasse a loro curare la sepoltura; altrimenti, come si è visto, provvedevano i colleghi. Ma
poteva anche accadere che fossero i gladiatori a curare le tombe delle mogli, talvolta di-
sponendo anche di una certa larghezza di mezzi (vedremo che i migliori potevano anche
arricchirsi: cap. V): in un bel cippo marmoreo conservato a Roma nell’Antiquarium del
Celio, una grande iscrizione posta da un Mirmillone, Paratus, reca la dedica della tomba
alla moglie, Munatia Prima, a sé stesso e ai discendenti. Un ménage non del tutto usuale:
è uno dei pochi casi in cui si parla anche di figli; la donna, inoltre, era forse discendente
(come qualcuno ha ipotizzato in base al nome) da liberti noti come privilegiati, quelli
della ricca famiglia dei Munatii, e quindi anche lei di condizione presumibilmente agiata.
Su quest’atmosfera di buoni sentimenti familiari, che un po’ ci sorprende nel rude
mondo della gladiatura, viene gettato un velo di ironia un po’ grassoccia dal poeta
satirico Marziale, che definisce un tale Hermes cura laborque ludiarum. Neanche per
queste mogli o conviventi mancavano dunque tentazioni.
In questo discorso sulle presenze femminili si inserisce ancora una volta la Casa,
o Caserma, dei Gladiatori a Pompei. Qui, tra gli altri corpi di cui si diceva poco fa, è
stato rinvenuto anche quello di una donna riccamente ingioiellata. Fin troppo facil-
mente, quindi, è nata la leggenda della matrona amante di un gladiatore che compì una

73
sfortunatissima visita proprio in quel giorno e fu sorpresa durante l’ultimo amplesso.
In realtà, non è da escludere che potesse trattarsi di una ludia (in questo caso non ci
sarebbe nemmeno da stupirsi per i gioielli, perché abbiamo appena visto che i gladia-
tori godevano talvolta di un discreto, o anche notevole benessere), o addirittura di una
passante che in quell’edificio aveva cercato un improvvisato riparo.
Forse non restava molto spazio per la sfera del sacro, anche se nel mondo romano
la “religione di stato” pervadeva ogni tipo di attività. Alcuni culti sono comunque
testimoniati: Marte, figura sempre legata alle armi e al combattimento; Ercole, che rap-
presenta l’idea della forza fisica; Diana, dea della caccia, preferita perciò dai bestiarii,
o gladiatori specializzati in venationes; Fortuna e Nemesi, che vegliano sulla sorte dei
mortali, e che appaiono care non solo ai combattenti, ma anche agli spettatori, vista
la frequenza dei Nemeseia (sacelli dedicati appunto a Nemesi) ricavati nelle strutture
degli anfiteatri (cfr. parte II); Victoria o Nike (a seconda che i gladiatori devoti fossero
di lingua latina o di lingua greca). È testimoniata dunque una certa varietà: forse non
abbastanza, però, da giustificare certe asserzioni di Tertulliano, l’instancabile autore
cristiano attivo all’inizio del III secolo (cfr. Premessa), in una delle sue opere più fa-
mose, proprio il già citato De Spectaculis (XII,7): «L’anfiteatro è consacrato a numi più
numerosi e più esecrabili di quelli a cui è consacrato lo stesso Campidoglio: è il tempio
di tutti i demoni».

74
V

CATEGORIE DI GLADIATORI

Si è già detto (cap. I) che, fra le componenti della popolarità dei giochi, certo non
erano trascurabili né la chiarezza delle regole, né la riconoscibilità (con rare eccezio-
ni) delle armaturae, o categorie, in cui i gladiatori erano inquadrati, né i modi, an-
ch’essi spesso abbastanza standardizzati, con cui le coppie di combattenti venivano
assortite.

Augusto e la “codificazione” delle categorie di gladiatori


Quelle categorie che in gran parte della documentazione disponibile (graffiti e al-
tre iscrizioni, ma anche raffigurazioni in sculture e mosaici) appaiono ben individua-
bili e consolidate non sono immutabili ab aeterno: il momento in cui si «codificano»
è un momento di grande importanza anche per la vita politica dello stato romano, e
cioè l’età augustea. Ottaviano Augusto si trova erede di due ludi di grandi dimensioni
(cap. IV); si preoccupa di delimitare sia il numero di gladiatori che potevano essere
inquadrati in un ludus privato, sia la quantità di munera che potevano essere allestiti
nel corso di un anno (cap. VII); vede sorgere nel 29 a.C. il primo anfiteatro di Roma,
anche se in legno, quello fatto costruito da Statilio Tauro (probabilmente incorag-
giato dallo stesso Ottavianio: cfr. cap. II e parte II); per evitare promiscuità relega le
donne nei posti più alti dell’anfiteatro stesso (parte II). Proprio lui, che forse non è
appassionato della gladiatura, si assume dunque, direttamente o – più probabilmente
– con l’aiuto di collaboratori fidati, il compito di fissare certe norme e certe classi.
Che il primo imperatore non amasse molto i giochi si può dedurre anche dal fatto che
egli non ricorda i suoi provvedimenti neppure nelle Res Gestae, cioè nel suo testa-
mento politico, anche se, come si è visto (cap. II), nella stessa sede rivendica il merito
di aver dato numerosi spettacoli gladiatorii e venationes (non poteva, come uomo di
stato, né evitare di indirli, né fare a meno di dare a tali iniziative il dovuto risalto).
Non basta. Svetonio (Divus Vespasianus, 9) ci tramanda un’altra interessantissima
informazione: «(Vespasiano) realizzò anche nuove opere… e anche un anfiteatro nel
bel mezzo della città, dove sapeva che lo aveva progettato Augusto». Apprendiamo
così che anche l’anfiteatro realizzato da Vespasiano (e completato dai successori Tito
e Domiziano), e cioè il Colosseo, era stato in qualche modo già previsto da Augusto,
anche se evidentemente non si può dire a quale grado di elaborazione fosse giunto
il suo progetto, né in quale misura sia stato eventualmente tenuto presente (v. anche
parte II).

75
Armaturae perdute
Il primo dato da ricordare come frutto della codificazione attuata da Augusto è
la scomparsa di alcune delle categorie, o armaturae, che si erano delineate in età re-
pubblicana, e che ricordavano nei nomi (cap. III) popolazioni tradizionali nemiche di
Roma: Sanniti, Galli, Traci...
Sanniti e Galli sono classi perdute, anche se le loro caratteristiche sono state in par-
te ereditate, come vedremo, da note armaturae dal nome diverso; il Trace sopravvive,
per la verità molto vigorosamente. Quale sarà stato l’armamento di quelle classi? Per
i Galli c’è una testimonianza almeno apparentemente perentoria: «Il tipo di armatura
del Mirmillone è gallico, e gli stessi Mirmilloni prima si chiamavano Galli». Lo dice
Festo, che deduce la notizia da Verrio Flacco. Il cambiamento potrebbe essere avve-
nuto nel corso dell’età augustea (in cui vive appunto Flacco) o forse anche prima, dato
che di Mirmilloni parla già Cicerone. Ne consegue, comunque, che i Galli dovevano
essere armati nella maniera che dopo la riforma sarebbe divenuta tipica dei Mirmilloni,
e di cui fra poco parleremo.
Quanto ai Sanniti (che pure sono in qualche modo connessi con l’origine della gla-
diatura: cap. I), la situazione è più oscura. Ma un rilievo dell’inizio del I secolo a.C.,
proveniente da Amiternum (presso l’odierna San Vittorino), città che Livio definisce
«sannita», mostra due combattenti vestiti di corazza, armati di scudi rettangolari e
lance, seguiti da inservienti ognuno dei quali reca tre lance di ricambio: si combatteva,
dunque, scagliando queste armi, ed è questo il movimento che sembra i due stiano
effettuando. Nel prosieguo dello sviluppo dei giochi ritroveremo l’uso della lancia
solo da parte della categoria egli equites (vedi il penultimo paragrafo di questo stesso
capitolo), ma è difficile che vi sia un nesso: non tanto perché i gladiatori di Amiternum
sono appiedati (sappiamo che una parte dei duelli degli equites stessi si combatteva a
piedi), ma perché il loro scudo è del tutto diverso. Si può forse davvero dire che questo

Fig. 14. Amiternum (San Vittorino): rilievo


con gladiatori (Sanniti?). L’Aquila, Museo Arte
Nazionale Abruzzo.

76
è un tipo di gladiatore che non incontreremo più. Siamo in Sannio, e parlare di Sanniti
non dovrebbe essere considerato imprudente, non solo per questa ovvia constatazione
geografica, ma anche perché un celebre autore di età repubblicana, il già ricordato Ci-
cerone, dice che essi erano armati proprio di lancia. Un solo esempio figurato, poche
notizie letterarie e per di più incidentali: ma certe coincidenze forse non sono casuali.
Di diverso avviso sono Battaglia e Ventura, che vedono il «successore» del Sannita
nell’ Oplomaco, una classe su cui torneremo più avanti.
Due precisazioni. Il fatto che questo sia un tipo di gladiatore che non incontreremo
più non significa che scompaia del tutto l’uso della lancia: questa farà parte proprio
dell’equipaggiamento degli equites (cap. V), che peraltro non compaiono molto spesso
in rilievi e mosaici. Inoltre, prescindendo dal tipo di armatura, studi recenti conside-
rano il rilievo di Amiternum come raffigurazione di uno scontro fra bustuarii: scontri
che, in tradizioni di origine etrusca e/o osca, si svolgevano presso il bustum (rogo) nel
corso di cerimonie funebri.

Da Augusto in poi
Se quindi possiamo dire di considerare in qualche modo recuperabili le fisionomie
delle categorie scomparse, va anche detto che la differenza fra la situazione pre-augustea
e quella post-augustea non sta solo nella presenza o meno di Galli e Sanniti, ma anche
nell’evoluzione delle armature e degli elmi. Le armature nel loro complesso passano da
una fase di relativa elasticità a una fase di caratteristiche ben fissate e costanti, ed è di
quest’ultima, post-augustea, che per forza di cose soprattutto terremo conto; gli elmi,
pur possedendo configurazioni diverse a seconda delle varie categorie, seguono nell’in-
sieme un’evoluzione comune, che negli altri tipi di armi non è individuabile con uguale
nettezza. Inizialmente, il tipo che sembra più diffuso (ma i rilevamenti statistici sono ar-
dui, perché le raffigurazioni di età repubblicana che conosciamo non sono molte) ricorda
molto da vicino quelli in dotazione all’esercito, con paranuca e con ampie «paragnatidi»
(guanciere), ma con la parte anteriore del volto scoperta: lo vediamo raffigurato in un ri-
lievo proveniente dal Tevere (fig. 15), ed è noto agli specialisti come «Weisenau-Nimega»
perché splendidi esemplari databili alla fine del I secolo a.C., ma certo di un tipo in uso da
tempo, sono stati rinvenuti in quelle località sul Reno, sedi di castra di legioni che presi-
diavano il confine dell’Impero. Poi, forse proprio alla fine dello stesso I a.C., si aggiunge
intorno alla testa una tesa circolare, visibile per esempio in un rilievo proveniente dalla
località Due Madonne presso Bologna (fig. 16): rilievo assai strano, fra l’altro, perché vi
è raffigurato un gladiatore soccombente in attesa del verdetto dell’editor (l’organizzatore
del munus, a cui spettava decidere se il vinto andava risparmiato o soppresso) con il lungo
scudo ovale posto di traverso sulla testa. Più tardi, nuova modifica: il volto si presenta
completamente coperto, quasi come se le paragnatidi si fossero del tutto espanse: riman-
gono fori per gli occhi, protetti da piccole griglie; la tesa è ancora presente. Poiché (come
si è detto) si narra che l’imperatore Claudio si compiacesse di spiare l’espressione di gla-
diatori dolenti o morenti, si deve dedurre che quelle protezioni del volto non fossero state

77
Fig. 15. Roma, rilievo con gladiatori rinvenuto nel
Tevere. Roma, Museo Nazionale Romano.
Fig. 16. Bologna, rilievo rinvenuto in località Due
Madonne. Bologna, Museo Civico Archeologico.

introdotte prima del suo principato (41-54 d.C.): forse furono adottate proprio nel corso
di esso. Quel tipo di elmo è comunque raffigurato fra l’altro in uno dei rilievi gladiatorii
più belli e più completi, quello del monumento funerario di Lusius Storax (un ricco ma-
gistrato locale) a Chieti, databile attorno alla metà del I secolo d.C. (figg. 17, 18 a-b-c); ne
conosciamo anche esempi “in natura” nella Caserma dei Gladiatori a Pompei (figg. 19-
20), dove peraltro si sono trovate in maggior numero armi pertinenti a fasi più avanzate.
Tali fasi più avanzate si potrebbero definire neroniane-flavie: sono, per forza di cose,
le ultime attestate a Pompei stessa (ricordiamo che la fine della città si data al 79 d.C.), e
gli elmi rinvenuti appunto nella medesima Caserma dovevano essere in uso al momento
dell’eruzione. In questi elmi (fig. 21; v. anche più avanti fig. 26), le tese si incurvano ai
lati della testa e si abbassano nella parte posteriore; la chiusura a protezione del volto ri-
mane, ma le fessure per gli occhi si ingrandiscono (per consentire una migliore visibilità)
fino a diventare un’unica apertura, sempre riparata da una rete: questa parte anteriore
dell’elmo (chiusura più rete, appunto) è divisa in due valve apribili. Tipi di elmo, dunque,
sempre più elaborati: quest’ultimo rimarrà in uso più a lungo dei precedenti, fino ad età
imperiale abbastanza avanzata. Molti di questi esemplari pompeiani, peraltro, sembrano
più da parata che da combattimento. Sono decorati con magnifici rilievi, con scene piut-
tosto impegnative: divinità con Vittorie e trofei, scene della guerra di Troia. Programmi
figurativi complessi, come nel caso dell’elmo in cui è raffigurata fra l’altro l’uccisione di
Priamo da parte di Neottolemo, mentre sulla tesa si scorgono corpi di Troiani caduti.
Oltre agli elmi, fra le armi gladiatorie conosciamo «dal vero» soltanto schinieri
(ochreae) (fig. 22), alcuni dei quali anch’essi finemente decorati, in massima parte pro-
venienti da Pompei, e alcuni esemplari di spada e di sica: non si riesce però a stabilire
una cronologia. Quanto agli altri elementi dell’equipaggiamento, dobbiamo invece
osservarli, indossati dai combattenti, in rilievi, pitture o mosaici, che peraltro (come si
è più volte ricordato) sono piuttosto numerosi.
Partendo da queste stesse raffigurazioni, e integrandole con dati epigrafici (i famosi
graffiti pompeiani, ma non solo) e con notizie letterarie, alcuni studiosi (Ville, Coarelli,

78
17. Teate Marrucinorum
(Chieti): monumento
di Lusius Storax:
ricostruzione parziale
della facciata. Chieti,
Museo Archeologico
La Civitella.

Fig. 18 a-b-c. Teate Marrucinorum (Chieti):


monumento di Lusius Storax: a) veduta di insieme
delle sculture; b, c) addetti al munus e gladiatori.
Gli elmi, con tesa diritta e aperture per gli occhi
non molto grandi, sono databili in età giulio-
claudia. Chieti, Museo Archeologico La Civitella.

79
Figg. 19-20. Pompei, elmi di Trace e di
Secutor. Pompei, Museo Archeologico
Nazionale. La tesa è diritta, le aperture
per gli occhi sono piuttosto ridotte,
riparate da piccole grate. Età giulio-
claudia.
Fig. 21. Pompei, elmo. Pompei, Museo
Archeologico Nazionale. La tesa
dell’elmo è incurvata, l’apertura sul
volto è ampia, protetta da una griglia
apribile in due valve.

Junkelmann) sono riusciti a fissare le classi di gladiatori in tipologie attendibili. In un


saggio contenuto nel Catalogo di una recente mostra, Sangue e arena, Coarelli sembra
lamentarsi del fato che nessuno, o quasi, intervenga più su questo tema: la “colpa”, gli si
potrebbe rispondere, è proprio sua e degli altri colleghi ricordati, in quanto, grazie alle
loro ricerche, il quadro nell’insieme (a parte qualche possibile precisazione sulle categorie
scomparse) è ormai da tempo abbastanza ben delineato; laddove qualche dubbio sussiste,
sarà ben difficile risolverlo se non emergeranno nuove testimonianze o documentazioni.

Rilievi e mosaici
Per ognuna delle categorie che stiamo per analizzare esiste una serie di raffigura-
zioni (a volte più abbondante, altre meno). Per quanto riguarda i rilievi, dopo i già
ricordati pezzi rinvenuti nel Tevere presso Roma e nella località Due Madonne presso
Bologna, e dopo un rilievo con due equites proveniente dal commercio antiquario

80
romano, ora a Monaco (tutti databili verso la fine dell’età repubblicana), gli esemplari
più significativi e più ricchi di scene notevoli (processioni di apertura, musici, duelli,
venationes) sembrano concentrarsi nel I secolo d.C., anche se questo ovviamente non
significa che non ve ne siano numerosi altri anche più tardi. Ricordiamo per esempio
un grande rilievo proveniente da un mausoleo della necropoli presso la Porta Stabiana
di Pompei, databile al 20-30 d.C. (fig. 23), in cui si vede una dettagliatissima pompa
(processione di apertura) seguita da numerosi combattimenti fra gladiatori e da alcune
venationes, o anche da semplici raffigurazioni di fiere destinate a questi spettacoli;
sempre da Pompei, un grande stucco (oggi perduto, ma noto da una riproduzione
eseguita nel 1824 dal francese Mazois) della metà circa del I d.C., con molti duelli
minuziosamente raffigurati, che decorava la tomba detta di Umbricio Scauro (in realtà
di tale N. Festo Ampliato, ricordato da un’iscrizione) nella necropoli presso Porta
Ercolano; più o meno contemporaneo, il complesso rilievo (frontone più fregio, in
una facciata che ricorda quella di un tempio) del già ricordato monumento funerario
dedicato a un magistrato municipale di Teate Marrucinorum (Chieti), C. Lusius Sto-
rax: nel frontone sono raffigurati come spettatori
il magistrato stesso e altre autorità, fiancheggiati
da numerosi suonatori; nel fregio è presentato
il munus vero e proprio, con una serie di duelli
particolarmente nutrita e accuratamente eseguita
(torna a figg. 17-18).

Fig. 22. Pompei, schinieri. Pompei,


Museo Archeologico Nazionale.
Fig. 23. Pompei, rilievo da
Porta Stabiana. Pompei, Museo
Archeologico Nazionale.

81
E così via. I principali mosaici ci conducono invece a fasi più avanzate: addirittu-
ra avanzatissime (IV secolo d.C.) nei due maggiori esempi di Roma e dintorni, che
provengono dalla Via Appia (ora a Madrid), con due fasi di due duelli diversi, e (par-
ticolarmente importante) dalla Via Casilina (ora alla Galleria Borghese), con combat-
timenti e venationes raffigurati in maniera alquanto cruda (fig. 24), su cui dovremo
tornare (cap. VII). Fuori di Roma, un mosaico di Verona, via Diaz, si data intorno al
200 d.C. e raffigura tre duelli in fasi conclusive. Anche nelle province si ha un’ampia
casistica: in ambito gallo-germanico, un mosaico di Augusta Raurica (già ricordato, e
databile anch’esso intorno al 200 d.C.) presenta cinque riquadri con altrettanti duelli,
e uno di Bad Kreuznach presso Bingen, della metà del III, è assai complesso, con un
grande tondo centrale raffigurante venationes e con intorno otto lunette in cui si alter-
nano ancora venationes e duelli gladiatorii veri e propri (una di queste lunette è a fig.
12). Il repertorio di immagini forse più ricco ci è fornito da un amplissimo mosaico
conservato nel Museo di Tripoli proveniente da Zliten, località a 60 km da Misura-
ta: nella larga fascia che segue i quattro lati si vedono un po’ tutte le componenti di
un’intera manifestazione, dalla processione ai musici ai duelli alle venationes, senza
dimenticare le feroci damnationes ad bestias (fig. 25).

Fig. 24. Roma, Via Casilina:


mosaico con raffigurazione di
munus sine missione. Roma,
Galleria Borghese.
Fig. 25. Zliten (Libia):
grande mosaico con scene
di anfiteatro: esecuzione di
damnatio ad bestias. Tripoli,
Museo Archeologico.

82
Classi di combattenti: il Trace e il Mirmillone
Ma veniamo alle classi di combattenti. Il Trace
(Thraex), unica classe che conservi il nome (ma
forse non più la connotazione etnica) di una delle
popolazioni tradizionalmente nemiche di Roma,
è anche una delle categorie più riconoscibili e più
popolari. Inconfondibile è anzitutto l’elmo (fig.
26). Indipendentemente dalla maggiore o minore
raffinatezza dell’esecuzione e della decorazione, e
quale che sia la datazione (e perciò la fase di evo-
luzione della tesa, della protezione del volto e così
via), è sempre presente un cimiero raffigurante
la testa di un grifone: animale fantastico, un po’
aquila un po’ leone (raffigurato talvolta con la te-
sta dell’uno, talvolta dell’altro animale: negli elmi
dei Traci prevale la testa d’aquila, provvista però Fig. 26. Pompei: elmo di Trace. Napoli,
di corna), proveniente dall’estremità del mondo, Museo Archeologico Nazionale. Come
dove spesso ingaggia lotte contro l’altrettanto fa- nell’elmo a fig. 19, la tesa è diritta e le
aperture per gli occhi, riparate da piccole
volosa popolazione degli Arimaspi (o contro le grate, sono piuttosto piccole.
Amazzoni). È considerato guardiano attento e te-
mibile. Il motivo figurativo giunge dall’Oriente, e si diffonde presto nell’arte greca: com-
pare come attributo di varie divinità, fra cui Nemesi (dea, forse non a caso, molto vene-
rata dai gladiatori), o partecipa ai corteggi di Dioniso (il cui culto, in origine, è introdotto
in Grecia dalla Tracia e dalla Frigia: e qui stiamo parlando appunto di Traci). Inoltre,
secondo Pausania un grifone decorava l’elmo della statua di Athena Parthenos eseguita
da Fidia: un precedente illustrissimo. Un bell’esemplare di elmo con grifo proveniente
dall’Italia meridionale è al Paul Getty Museum di Los Angeles: è di tipo calcidese, ed è
databile al 350-300 a.C. (torna a fig. 5).
Altrettanto inconfondibile nell’equipaggiamento del Trace è la sica, spada dalla
lama corta, talvolta curva talvolta conformata ad angolo ottuso, ma comunque mai
rettilinea (fig. 27). È un’arma tipica di ambiente traco-daco-getico. La usa Decebalo,
re dei Daci (della popolazione danubiana, cioè, che abitava un territorio più o meno
corrispondente all’attuale Romania, e che fu battuta dall’imperatore Traiano in due
durissime guerre nel 101-102 e nel 105-106), per il proprio suicidio, raffigurato nelle
scene conclusive (fig. 28-29) del lungo fregio della Colonna Traiana (che racconta
appunto quelle guerre) e nella stele funeraria del soldato romano che raccolse le
spoglie del sovrano sconfitto, o meglio la testa, Tiberio Claudio Massimo: stele che
si trova nel Museo di Filippi.
Una statuina del Museo di Amburgo mostra una gladiatrice a seno nudo, che in-
dossa però ochreae e subligaculum (fig. 30). Era una combattente mancina, e nella
mano sinistra brandisce appunto una sica. Una gladiatrice Tracia, dunque? O forse è

83
Fig. 27. Raffigurazione di gladiatore
Trace con in evidenza la sica. Disegno
Mattesini.
Fig. 28. Roma, Colonna Traiana:
suicidio del re dei Daci Decebalo.
Fig. 29. Roma, Colonna Traiana:
suicidio del re dei Daci Decebalo:
part. con la sica.
Fig. 30. Provenienza incerta: statuina
bronzea di gladiatrice (?). Amburgo,
Museum für Kunst und Gewerbe.

un’atleta, e non brandisce una sica ma uno strigile? Per ora si tratta comunque di un
caso unico.
Immancabile, infine, nell’armamento di questa categoria di gladiatori è il piccolo
scudo rettangolare: parma o parmula (fig. 31), da cui deriva la definizione di par-
mularii che si conferisce ai Traci stessi, ma anche ai loro sostenitori, fra i quali il più
illustre che si ricordi è l’imperatore Tito. Questa parma può forse essere vista, data
la sua maneggevolezza, anche come arma di offesa (cfr. cap. IV), protesa in avanti per
cercare di spostare lo scudo del rivale e aprire la strada ai colpi della sica. Per com-
pensare, comunque, le ridotte dimensioni dello scudo, l’avambraccio che impugna
la spada è difeso da una robustissima imbottitura, detta manica; entrambe le gambe
presentano schinieri (ochreae) molto grandi, che coprono anche parte delle cosce, e,

84
Fig. 31. Raffigurazione di parma, scudo
proprio del Trace. Disegno Mattesini.
Fig. 32. Raffigurazione di un Mirmillone.
Disegno Mattesini.

sotto gli schinieri stessi, una protezione integrale realizzata con un’imbottitura simile
a quella della manica.
Avversario pressoché immancabile del Trace è il Mirmillone (Murmillo, dal nome
di un pesce, myrma, che ne è il simbolo). Rispetto al Trace, l’armamento è del tutto
diverso, ma tale da non creare troppe sperequazioni per quanto riguarda le possibilità
di difesa (fig. 32). La spada è lunga e dritta; lo scudo, rettangolare incurvato (quasi
un semicilindro), è molto grande: si chiama scutum, e anch’esso dà il nome a una «ti-
foseria», quella degli scutarii, in cui si riconosceva, per esempio, anche l’imperatore
Domiziano. Per controbilanciare, probabilmente, la maggiore consistenza di spada e
scudo, i Mirmilloni hanno una sola ochrea, senza ulteriore difesa delle gambe. Funzio-
ni difensive a parte, gli elmi, pur talvolta molto belli (sono attribuibili a questa classe
di combattenti, tanto per citare un caso noto, i già ricordati esemplari pompeiani con
Vittorie e trofei e con scene della Guerra di Troia), non presentano sul cimiero nulla
di paragonabile al grifone.
Va anche ricordato che, come è confermato da Festo (autore nel II-III d.C. di una
versione abbreviata in «soli» 20 volumi del De verborum significatu dello scrittore
di età augustea Verrio Flacco: versione che sarà a sua volta riassunta e commentata
nell’VIII secolo da Paolo Diacono) e come qui si è già più volte accennato, il Mirmil-
lone “eredita” la caratteristiche dello scomparso Gallus: fra l’altro un pesce (myrma, di
cui si è appena detto) come decorazione dell’elmo, che però nelle raffigurazioni a noi
note non sempre è visibile. Festo parla anche del Mirmillone come avversario del Re-
ziario: in effetti vedremo fra poco che, pur nettamente prevalente, l’abbinamento con il
Trace non è del tutto esclusivo.

85
Combattimenti molto movimentati: Equites, Retiarii, Secutores, Provocatores...
Altre categorie importanti (anche se per queste non abbiamo notizie esplicite di
specifiche tifoserie) sono decisamente gli Equites, i Retiarii (appunto) e i Secutores.
Gli Equites sono cavalieri (come la loro denominazione ovviamente suggerisce), ma
fino a un certo punto, perché in effetti iniziano il combattimento a cavallo, ma lo
terminano a piedi. Alcune testimonianze figurate (poche) li mostrano nella prima
fase, altre (più numerose) nella seconda (figg. 33, 34). Hanno un elmo con due piume,
vestono una tunica lunga fino al ginocchio (probabilmente i due rivali usavano colori
diversi), combattono con la lancia (nella fase a cavallo) o con la spada (nella fase a
piedi).
È uno dei pochi casi in cui si affrontano due gladiatori equipaggiati nello stes-
so modo e appartenenti alla stessa classe: altre volte, come nel caso del Trace e del
Mirmillone o in quello – che vedremo – del Reziario e dei suoi avversari, si punta su
abbinamenti di categorie diverse. Sulla base delle indicazioni, soprattutto, dei graffiti
pompeiani con i programmi dei munera (cap. VII), sappiamo che di solito erano pro-
prio gli Equites ad aprire i combattimenti del pomeriggio, dopo le venationes della
mattina. La situazione ci è resa chiara inoltre da Isidoro di Siviglia, che scrive fra VI e
VII secolo d.C. ma si rifà evidentemente a informazioni più antiche (Origines 18, 53):
«Ci sono molti tipi di gladiatori, il primo dei quali è il gioco equestre (letteralmente
sarebbe ludus equestrium, il gioco degli equestri). Due cavalieri infatti, preceduti dalle
insegne militari, avanzavano uno da oriente, l’altro da occidente su cavalli bianchi,
con elmi d’oro e con armi più leggere e agili». Vedremo (ancora nel cap. VII) come si
svolge questa parte iniziale della manifestazione pomeridiana.

Fig. 33. Raffigurazione di un eques. Disegno Fig. 34. Nennig, villa romana. Mosaico, part. con coppia
Mattesini. di equites che si affrontano.

86
Se il Trace e il Mirmillone erano fra
le categorie più note e apprezzate, se gli
Equites avevano il compito di aprire la
serie di duelli, certamente spettacolari
erano i combattimenti a cui dava vita il
Reziario (Retiarius). È armato, oltre che
della rete da cui prende il nome, di un tri-
dente e di una spada; non porta elmo né
scudo (d’altra parte ha già le mani molto
impegnate…) né schinieri, ma solo una
manica e un galerus, placca protettiva
sulla spalla sinistra prolungata in manie-
ra tale da proteggere anche la gola. L’ab-
bigliamento ricorda quello del pescatore
(la rete costituisce un’allusione evidente,
Fig. 35. Nennig, villa romana. Mosaico, part. con re-
mentre in qualche modo il tridente po- tiarius e secutor che si affrontano.
tebbe anche essere un riferimento al dio
del mare Nettuno): e in effetti Festo dice
che il suo obiettivo è di catturare il pesce che contraddistingue il Mirmillone, anche se,
come vedremo fra poco, apparentemente non è forse il Mirmillone stesso il suo avversa-
rio più frequente. Il fatto che questo gladiatore disponga di tre armi di offesa, due delle
quali manovrabili da una certa distanza (la rete e il lungo tridente), e di una protezione
ridotta (niente scudo) lo rende temibilissimo nella fase di approccio, vulnerabile nello
scontro ravvicinato: deve quindi risolvere la situazione (e il modo più netto per risolverla
è ovviamente quello di avviluppare l’avversario nella rete) prima di pervenire al contatto,
altrimenti per lui la situazione si fa critica. Era un confronto presumibilmente movi-
mentatissimo, con fughe e inseguimenti e, nel complesso, con mosse che forse esulavano
dalle tecniche schermistiche consuete (e per noi, a ogni buon conto, non note). Difficile
dire da dove emerga questa singolare figura di combattente-pescatore: nell’imbarazzo, il
solito Festo ricorre a precedenti mitici. Inventore, per così dire, della specialità sarebbe
uno dei sette sapienti, Pittaco, che, in una contesa per questioni di confine fra gli abitanti
dell’Attica e quelli di Mitilene, affronta appunto con la rete il suo avversario Frinone…
Ci è inoltre noto un precedente meno mitico e più storico: durante l’assedio a Tiro (332
a.C.) da parte dei Macedoni di Alessandro Magno, i difensori avrebbero tentato di ac-
ciuffare gli assalitori con reti e di colpirli con tridenti.
Contro il Reziario, che necessariamente gioca di agilità, di velocità e di destrezza,
viene schierato un avversario armato in maniera poderosa e pesante. Secondo Festo,
come si è detto, sarebbe il Mirmillone, ma per la verità in graffiti e in altre epigrafi si
parla invece prevalentemente di Provocatores, Secutores (fig. 35), Contraretiarii. Co-
munque venga definita (qualche volta, gli studiosi se la cavano parlando genericamen-
te e un po’ lapalissianamente di «avversario del Reziario»), questa categoria non ha
in effetti un armamento troppo diverso da quello del Mirmillone: un grande scudo,

87
una manica, un’ochrea, una spada certo più lunga di quella del rivale; riconoscibile e
peculiare è però, in ogni caso, l’elmo, privo di cimiero per non offrire appigli. In alcu-
ne stele funerarie di gladiatori definiti esplicitamente provocatores, e anche in alcuni
rilievi di maggiori dimensioni, è visibile sul torace un pectorale, lamina con funzioni
difensive, che costituisce un’antica tradizione presto abbandonata dalle altre catego-
rie; l’arma di offesa è una mazza. In ogni caso, il ruolo di avversario del Reziario non
doveva essere poi del tutto privo di soddisfazioni, o subalterno rispetto alla maggio-
re appariscenza del «pescatore” all’assalto: l’imperatore Commodo, appassionato al
punto da voler combattere lui stesso nei ludi e nell’arena, era, o si riteneva, appunto un
Secutor. Qualche volta, si vedono anche Provocatores che combattono fra loro.

I Pontarii, gli Hoplomachi e gli altri


Una variante rara, ma ancor più spettacolare, del Reziario e del suo avversario (più
che una vera e propria categoria) è costituita dal Pontario (Pontarius). Le raffigurazio-
ni e le menzioni epigrafiche sono rare, e a definire questa variante gli specialisti sono
giunti attraverso una serie di congetture: ma si può dire che il nome deriva proprio
dal fatto che il combattimento avveniva su un ponte collocato nell’arena. È uno dei
dispositivi scenici con cui potevano essere movimentati i giochi; si può eventualmente
ipotizzare anche la presenza di un fossato d’acqua. Il fatto che l’azione si svolgesse in
posizione sopraelevata dava maggiore visibilità; inoltre lo scontro doveva essere più
drammatico e dinamico. Fra le ricostruzioni che si sono tentate per dare un’idea dei
possibili scenari, ve ne è una che sembra interessante: il Reziario che difende il ponte,
i suoi avversari (forse qualche volta più di uno, per bilanciare lo svantaggio di partire
dal basso) che lo assalgono; oltre alle sue armi abituali, l’assediato può avere anche
proiettili (pietre o altro) da scagliare su coloro che cercano di occupare la posizione.
Una parentesi crudele: qualche volta (forse raramente, perché di immagini al ri-
guardo se ne conoscono pochissime) il ponte era usato anche per esporre in maniera
più visibile ad bestias i condannati a morte, come poi illustreremo meglio nel cap. VII.
Altre categorie sono delineate meno nettamente, o sono meno spesso citate o raf-
figurate. Il primo posto di questa seconda fascia spetta però all’Oplomaco (Hoploma-
chus), e vedremo che non si tratta necessariamente di «Serie B». Il nome stesso, che
sembra ricordare l’armamento oplitico caratteristico del mondo greco classico, evoca
l’idea di un equipaggiamento pesante: combinando anche qui dati desunti da program-
mi pompeiani e paria (coppie) presenti in raffigurazioni, si identifica come Oplomaco
un gladiatore spesso opposto al Trace o al Mirmillone (si torna a constatare dunque
che costoro non si affrontavano sempre e soltanto fra loro). L’armamento, per la verità,
è pesante solo nel senso che (come del resto il Trace stesso) questo combattente ha due
grandi ochreae, una ulteriore protezione delle gambe e una robusta manica (non ha
però né la sica né il cimiero a testa di grifone). Ma proprio lo scudo (greco hoplon), da
cui la categoria prende il nome e che quindi ci aspetteremmo di maggiore consistenza,
è invece piccolo e rotondo. Forse, maneggevole come la parma o parmula, anch’esso

88
poteva essere in certe fasi usato come arma offensiva, proteso in avanti per preparare
i colpi della spada; e il nome della categoria, che significa «colui che combatte con lo
scudo», più che riecheggiare il nome degli opliti antichi poteva forse alludere a questa
impostazione tecnico-tattica. Analogo al Trace per alcuni aspetti dell’equipaggiamen-
to di protezione, diverso non solo per la forma dello scudo ma anche per la mancanza
del grifone sul cimiero, l’Oplomaco si distingue soprattutto perché, oltre alla spada,
ha a disposizione una lancia. Scudo rotondo e lancia come gli Equites, quindi: con la
differenza però che (come si è visto) questi ultimi combattevano fra loro.
Una categoria poco rappresentata è quella degli Essedarii, che combattevano sui
carri (essedae): anche questi erano gladiatori di armamento simile che combattevano
fra loro; inoltre, certe caratteristiche visibili in alcuni dei non molti monumenti che li
raffigurano (per esempio, l’elmo che talvolta è liscio come quello del Secutor) hanno
fatto perfino ipotizzare che potessero essere opposti, sia pure episodicamente, al Re-
ziario. Doveva essere, in ogni caso, una specialità molto spettacolare ma anche mol-
to impegnativa e dispendiosa, e appunto per questo probabilmente messa in campo
solo di rado. Una delle non frequenti raffigurazioni (curiosità nella curiosità) è su un
bicchiere di vetro tardoantico di Treviri, appartenente a una nota categoria («Trierer
Becher») caratterizzata da gustose iscrizioni del tipo Misce (versa), Bibe (bevi) e così
via. Nel nostro caso, l’iscrizione è Bibamus.
I Sagittarii (arcieri) dovevano pure costituire una categoria interessante, ma poco
rappresentata (si conosce un esempio al Museo Bardini di Firenze). Dotati di coprica-
po orientale (pileus) come quasi sempre gli arcieri nel mondo antico, erano forse poco
impiegati in quanto, a pensarci bene, pericolosi anche per il pubblico.
Non possiamo seguire fino in fondo tutte queste classi più rare: i Velites (armati alla
leggera), gli Andabatae, i Dimachaeri, i Laquearii. Questi ultimi, privi di elmo e scudo
ma difesi sulla spalla sinistra da un galerus simile a quello dei Reziari, combattevano
con una sorta di «lazo» da mandriano americano, o laqueus, con cui tentavano di ac-
ciuffare o strangolare l’avversario. Sono noti anche i Paegnarii, che però (via di mezzo
fra gladiatori e buffoni-clown) si esibivano in baruffe non cruente. Il vocabolo Scaeva
indica non una categoria, ma il combattente mancino.
Tutti costoro, categorie più diffuse e meno diffuse, sono gladiatori che combattono
fra loro nei duelli del pomeriggio. Ma il munus, come si è più volte accennato e come
vedremo meglio nel cap. VII, durava tutta la giornata, e, prima dell’atroce interval-
lo in cui venivano eseguite le condanne a morte, al mattino prevedeva le venationes.
Anche se ovviamente anch’essi opportunamente equipaggiati e addestrati (ricordate il
Ludus Matutinus?), e anche se raffigurati (come i colleghi del pomeriggio) in rilievi,
mosaici e pitture talvolta straordinari, i gladiatori che combattevano contro le belve
non appaiono classificabili in ben distinte categorie. Meno studiati, in ogni caso, dagli
specialisti moderni, venivano forse un po’ sottovalutati anche dagli Antichi: in alcuni
dei mosaici con scene di venatio che ci sono pervenuti, i loro nomi e quelli delle belve
sono riportati in iscrizioni di pari dimensione e accuratezza. Nel cap. VII tenteremo
di riservare loro la giusta attenzione.

89
VI

CARRIERE

È stata rinvenuta a Milano nella zona dell’Anfiteatro (cfr. parte II) ed è conservata
nell’Antiquarium «Alda Levi», che è parte integrante del Parco creato sul sito, la stele
funeraria di un Secutor di nome Urbicus: presenta, sotto la raffigurazione del gladiato-
re stesso (una raffigurazione, a dire il vero, piuttosto rozza e semplificata), un’iscrizio-
ne lunga e complessa (fig. 36). Leggiamola: troveremo, in tredici righe, tutta una vita e
una carriera. E troveremo anche qualche interessante problema da risolvere.
Il testo parla a nome della moglie e delle figlie (sulla presenza di donne nella vita
dei gladiatori, v. cap. III): «Tomba consacrata agli Dei Mani [cioè agli dei dell’Oltre-
tomba - n.d.r.]. A Urbico, secutor, «primo palo”, originario di Firenze, che combatté
13 volte, visse 22 anni, le figlie Olimpia, che lasciò all’età di cinque mesi, e Fortunense
e la moglie Lauricia al marito meritevole, con il quale visse 7 anni».
Seguono due righe in cui la parola passa allo stesso Urbicus: «Ed esorto a che si
uccida chiunque si vinca».
Le ultime due righe sono riservate agli spettatori più fedeli: «I suoi sostenitori ono-
reranno i suoi Mani».

Una carriera stroncata


Nella sua formulazione (che, come di consueto in questo genere di testi, è piuttosto
secca ed essenziale), l’iscrizione ci presenta un’esperienza umana e professionale in-
tensa ma breve. Ecco il primo problema: forse troppo breve. A soli 22 anni, Urbicus ha
due figlie, di cui una piccolissima (e questo potrebbe anche esser vero), ma soprattutto
ha già alle sue spalle (come pure si legge) 7 anni di matrimonio, il che sembra essere,
se non impossibile, certo molto più difficile. Non solo, ha già sostenuto 13 combat-
timenti: e abbiamo visto che, in genere, ogni gladiatore partecipava al massimo a due
munera all’anno.
Urbicus, quindi, dovrebbe aver cominciato sia la sua vita matrimoniale, sia la car-
riera di gladiatore a soli 15 anni: se non è del tutto impossibile che si sia verificata l’una
o l’altra di queste due circostanze, è certo molto difficile che si siano verificate tutte e
due insieme. C’è quindi il sospetto che il lapicida (colui che ha materialmente inciso il
testo sulla pietra) abbia scritto per errore XXII e non XXXII: che egli potesse incorre-
re in sbagli di vario tipo è confermato da alcune sgrammaticature nell’originale latino,
che all’amico lettore abbiamo risparmiato e potremo continuare a risparmiare.
Pur distribuita su un periodo meno sorprendentemente breve, la carriera di Urbi-
cus è ugualmente interessante, e consente qualche considerazione di carattere genera-

90
le. Lo stesso si può dire a proposito del tragico esito, a cui alludono le due righe in cui
il Secutor parla (o si immagina che parli) in prima persona.

Dall’esordio al culmine
Quale che fosse la loro condizione di origine (cap. III), i gladiatori non percorreva-
no una carriera particolarmente articolata e complicata. Vi era un periodo di appren-
distato iniziale, di cui non siamo in grado di ricostruire la durata, ma che probabil-
mente – in circostanze normali – non era molto breve. Quando era ritenuto pronto,
il novizio riceveva la qualifica di tiro e veniva avviato al suo primo combattimento.
Se sopravviveva (questo pesante dubbio, del resto, si sarebbe rinnovato fatalmente a
ogni munus successivo) veniva definito imme-
diatamente veteranus: parola, dunque, che non
designava tanto – come a noi potrebbe sembra-
re logico – coloro che si trovavano in stato di
avanzata anzianità di servizio, quanto coloro
che in qualche modo avevano messo alle spalle
il primo impatto con un duello «vero».
Per ulteriori avanzamenti, scattava un mecca-
nismo che non siamo del tutto in grado di con-
trollare. Certo si teneva scrupolosamente conto
del numero di pugnae (combattimenti) affrontate
e di victoriae conseguite: dati che non necessa-
riamente coincidono, in quanto il gladiatore in
qualche caso poteva, pur sconfitto, essere gra-
ziato (missus), oppure poteva «pareggiare», ed
essere dichiarato stans missus (il magistrato che
conduceva il munus poteva giungere a questa de-
cisione non solo se i due combattenti battevano
la fiacca, ma anche se, pur impegnandosi a fon-
do, non riuscivano a superarsi): tali cifre vengono
puntualmente riportate in molte delle iscrizioni
funerarie che ci sono pervenute. Non si sa se i
gradini successivi della carriera fossero, per così
dire, automatici, se cioè scattassero dopo un pre-
ciso ammontare di successi: erano però solo due,
secundus palus e primus palus. Il palus da cui que-
sta denominazione deriva è probabilmente il palo
di legno su cui i gladiatori (spesso forse con armi
anch’esse di legno) ogni giorno si esercitavano nel
Fig. 36. Milano, stele di Urbicus. Milano,
Ludus: palo che, più o meno propriamente, è sta- Parco dell’Anfiteatro, Antiquarium Alda
to paragonato al punching-ball dei pugili di oggi. Levi.

91
Tiro, veteranus, secundus palus, primus palus: coloro che riuscivano a percorre-
re l’intera carriera lo facevano, tranne rare eccezioni, all’interno di una sola classe, o
armatura. Per alcuni vi era un’altra forma di avanzamento, non in termini di titoli o
gradi gerarchici ma in termini di sede o Ludus. Qualche scuola, e soprattutto il Ludus
Magnus a Roma, poteva rappresentare effettivamente il massimo della notorietà e del-
la gloria, e, di conseguenza, dei tornaconti economici, anche se questi sono difficili da
ricostruire con esattezza: tenteremo di affrontare il problema nel cap. VII.
Un altro problema difficile da chiarire è proprio quello dei trasferimenti da un
Ludus all’altro. Vi erano campagne-acquisti come quelle che oggi hanno per oggetto i
calciatori? Visto che il rapporto gladiatore-lanista era equiparabile a quello fra schiavo
e padrone, e visto che lo schiavo era merce, vendere o comprare campioni (salvo casi
particolari come quello degli auctorati) forse non era inconsueto: ma non abbiamo
testimonianze precise al riguardo.

A carriera finita
Un ulteriore sbocco, per chi era riuscito a diventare primus palus, era quello di doctor
o maestro d’armi. Il nostro Urbicus non ebbe quest’occasione; in ogni caso anche qui
dobbiamo dire che non tutto è chiaro. Non si sa esattamente, cioè, quale fosse in origine
il preciso rapporto fra i doctores e l’organizzazione del Ludus in cui operavano o addi-
rittura vivevano: nel II secolo sembra si tratti di liberi professionisti, sempre specializzati
in una sola categoria. Tutti coloro che arrivavano vivi alla fine della carriera, comunque,
sia che diventassero maestri sia che lasciassero l’ambiente, divenivano rudiarii, cioè ri-
cevevano la rudis, bastoncello che simboleggiava il congedo (da non confondersi con la
summa rudis e con la secunda rudis, bacchette che, come vedremo nel cap. VII, contrad-
distinguevano rispettivamente gli arbitri di prima e di seconda categoria).
Se Urbicus non arrivò a fare l’istruttore, né a sfruttare in qualunque altra maniera
vantaggiosa la buona qualifica che aveva raggiunto, fu a causa di quella maledetta tredi-
cesima pugna. Doppiamente maledetta: non solo perché si era conclusa tragicamente,
ma perché le due righe di iscrizione che furono aggiunte come se fossero state scritte
da Urbicus stesso rivelano una realtà particolarmente beffarda. Et moneo ut quis quem
vicerit occidat, cioè (tradotto un po’ liberamente) «Ed esorto ad uccidere chiunque
si vinca»: la frase messa in bocca al gladiatore commemorato significa che a ferirlo a
morte fu un avversario che lui stesso aveva in precedenza superato, ma non ucciso; e
significa che non bisogna commettere questo errore. Probabilmente a prendere quella
decisione di risparmiare il vinto non era stato Urbicus stesso, ma l’editor che aveva in-
detto il munus, a cui in genere (fiutato anche l’umore del pubblico) spettava la difficile
scelta: il monito un po’ rabbioso che qui leggiamo sembra voler dire a tutti i colleghi
(con un atteggiamento non ortodosso, ma comprensibile) di finire sempre l’avversario
battuto senza aspettare autorizzazioni.

92
Altre vicende
Mentre la stele di Urbicus è partico-
larmente interessante dal punto di vista
epigrafico, ma presenta un rilievo di li-
vello non eccelso, altri monumenti of-
frono un testo più essenziale ma un ap-
parato figurativo più accurato. È il caso
del grande cippo (conservato nella Gal-
leria Doria a Roma) di un altro Secutor,
Batone: l’iscrizione dà soltanto (anche
se con bella grafia) il suo nome al dati-
vo; il rilievo però non solo rappresenta
con cura i dettagli dell’armamento, ma
rende la sua figura in maniera molto
ben bilanciata e ben proporzionata. In-
vece, nella stele del trace M. Antonius
Exochus (fig. 37), nativo di Alessandria
d’Egitto (trovata a Roma, ma oggi per-
duta e nota solo attraverso disegni), en-
trambe le componenti, quella figurata
e quella epigrafica, erano notevoli. Era
raffigurata con grande evidenza la pal-
ma nella mano sinistra; particolarmente
ricca era la decorazione degli schinieri e
dell’elmo; la sica appare accuratamente
appesa alla parete. L’iscrizione, dal can- Fig. 37. Roma (?): stele di Exochus, oggi perduta.
to suo, rivela il fiore all’occhiello di tut- Disegno.
ta la carriera, e cioè la partecipazione ai
munera indetti per celebrare il trionfo di Traiano sui Parti (117 d.C.), da non confon-
dersi peraltro con quello celeberrimo del 107 che durò 120 giorni. Un altro monumen-
to romano, infine, non ci dà il nome del gladiatore commemorato, ma ci presenta una
raffigurazione dei 13 combattimenti da lui sostenuti (un numero fatale, che abbiamo
già incontrato nel caso di Urbicus), aggiungendo anche i nomi degli avversari di volta
in volta affrontati.

93
VII

UNA GIORNATA DI SPETTACOLI

Siamo arrivati, infine, all’arena: se nei precedenti capitoli abbiamo cercato, per così
dire, di scomporre il mondo dei gladiatori esaminandolo da differenti punti di vista e
attraverso differenti protagonisti, qui dovremo dare, se non la cronaca, almeno l’idea
dello svolgimento di un’intera manifestazione. Perché è vero che i giochi non erano
frequentissimi, ma quando si svolgevano assumevano caratteristiche e durate decisa-
mente notevoli: qualche volta anche tre o quattro giorni. Il caso-limite è il munus dato
da Traiano in occasione del trionfo sui Daci, nel 107 d.C.: anche se l’abbiamo varie
volte menzionato, non sarà inutile riepilogare che durò 120 giorni (20 in più del già
incredibile munus di inaugurazione dell’Anfitearo Flavio indetto da Tito nell’80), che
impiegò 10.000 gladiatori e 11.000 animali, e che nessuno spettacolo raggiunse mai più
questi numeri. Numeri tali da far pensare che, contemporaneamente all’Anfiteatro,
fosse impiegato anche il Circo Massimo: il più grande edificio per spettacolo di tutti i
tempi, che non si usava solo per le corse dei carri.

L’ «inumana voluttà» di un futuro vescovo


Se, come si è osservato, gli scrittori cristiani non prendono sempre le distanze come
noi ci aspetteremmo da queste impressionanti carneficine, va però detto che Sant’Ago-
stino (che vive fra 350 e 430), nell’VIII libro delle Confessiones (cfr. Premessa), riesce
decisamente a suscitare il nostro orrore. Ma come lo suscita? Proprio raccontando
l’ «inumana voluttà» di un suo illustre compagno di studi che lo aveva preceduto a
Roma e che più tardi sarebbe diventato vescovo di Tagaste (in Africa Proconsolare,
nella sezione di questa provincia corrispondente all’attuale Tunisia): Alipio, che fu
trascinato da amici all’Anfiteatro inizialmente con riluttanza, ma poi con fin troppa
partecipazione.
«Non era più quello che era venuto – scrive Agostino –, ma uno della plebaglia
fra cui era venuto e degno compare di quelli che ve lo avevano condotto. Che più?
Guardò, gridò, si entusiasmò; se ne venne via portando seco una febbre che lo spinse a
tornarvi non solo con quelli che ve lo avevano portato, ma primo di essi, trascinatore
di altri…»

Programmi fittissimi, costi pazzeschi


Per seguire con tanta passione i giochi gladiatorii bisognava avere in effetti, se non
inumana voluttà, almeno stomaci robusti. Non sempre quegli spettacoli violenti si

94
protraevano per tempi smodati come nel caso dei munera di Tito e di Traiano, ma in
genere i programmi erano comunque molto fitti. Anche nel caso di un semplice magi-
strato locale di Pompei, come un tale Aulo Clodio Flacco di cui conosciamo il graffito
murale, certo non si scherza: ad ogni rinnovo della sua carica egli poteva vantarsi di
aver offerto uno spettacolo di una certa consistenza. In occasione del suo secondo
duovirato, per esempio, la durata fu di due giorni: il primo, nel Foro, con parate di tori
e toreri ed esibizioni di pugili, il secondo, nell’Anfiteatro, con trenta coppie di lotta-
tori, con quaranta coppie di gladiatori e con un numero imprecisato di combattimenti
con le belve.
I costi erano altissimi: ne abbiamo un’idea attraverso un paio di provvedimenti
legislativi che, pur appartenendo a momenti determinati e circoscritti, consentono di
intravvedere linee di tendenza e ordini di grandezza di carattere generale. Del primo
provvedimento si è già accennato, ed è la Lex Italicensis (cfr. p. 00); il secondo era il fa-
moso Edictum de pretiis, il calmiere con cui Diocleziano e gli altri Tetrarchi tentarono
nel 301 di porre un freno all’inflazione.
Qual è il risultato dei tentativi di mettere ordine nel lievitare dei prezzi dei gla-
diatori? Si fissano quattro fasce di spettacolo: 30.000-60.000 sesterzi, 60.000-100.000,
100.000-150.000 e 150.000-200.000; per ogni munus i combattenti sono divisi in due
parti più o meno uguali, la prima costituita di gregarii di basso livello il cui prezzo
era compreso fra i 1000 e i 2000 sesterzi, la seconda di veterani, secundi pali e primi
pali, pagati in proporzione sia alla loro qualifica, sia alla fascia di spettacolo, ma teori-
camente mai oltre i 15.000 sesterzi. 12.000, come si è visto (cap. VI), era il compenso
degli auctorati migliori, ma non mancavano talvolta compensi ben maggiori.
Uno studioso spagnolo già ricordato, A. Mañas Bastida, ha calcolato che alcuni
campioni potevano guadagnare fino all’equivalente di 200.000 euro per un solo com-
battimento.
A parte la rilevanza della cifra, è possibile fre una conversione dei sesterzi in euro?
Per prudenza, azzardiamo solo una verifica del “potere di acquisto”. Nel I secolo d.C.
(i calcoli sono effettuati sulla base di informazioni fornite, ancora una volta, da graffiti
pompeiani) per la spesa quotidiana media di una famiglia di tre persone di sesterzi ne
occorrevano 6, e che 1 sesterzio era il prezzo di un chilo e mezzo di farina o di 300
grammi d’olio.
Ancor più incredibili sono i prezzi delle belve per le venationes (fonte di arricchi-
mento per numerosissimi commercianti e intermediarii), ed è a questi prezzi (insieme
con quelli di tante e tante altre merci) che l’Edictum di Diocleziano tenta di porre un
freno. I tetti che vengono fissati sembrano già altissimi: immaginiamo quale fosse la
situazione prima di questo intervento, che forse peraltro non riuscì neppure a modi-
ficarla troppo. Le belve si dividevano in Libycae (cioè africane, in genere carnivore) e
herbaticae (cioè erbivore), e le prime erano ben più costose: per un leone la quotazione
era fra 125.000 e 150.000 sesterzi, per una leonessa fra 100.000 e 125.000, per un leo-
pardo fra 75.000 e 100.000, per uno struzzo (evidentemente meno costoso in quanto
meno feroce: il poveretto probabilmente dava spettacolo per la velocità con cui ten-

95
tava di sfuggire alla sua sorte) solo 5000. Fra gli erbivori, gli orsi costano fra 20.000 e
25.000, i cinghiali fra 4000 e 6000, gli asini selvatici circa 5000, i cervi fra 2000 e 3000.
Come vedremo, le belve protagoniste delle venationes sono di specie assai numero-
se, talvolta sorprendenti. L’elevatissimo livello dei prezzi, comunque, faceva sì che, per
i munera più importanti, l’editor fosse per forza di cose il princeps. Vi sono 11 casi in
cui sappiamo con certezza l’anno della manifestazione: nell’80 Tito e nel 107 Traiano,
come detto; Adriano (per la verità non ancora imperatore) nel 106-107; Commodo nel
192, Settimio Severo nel 203, Gordiano I nel 238, Filippo l’Arabo nel 248, Gallieno
nel 262, Aureliano nel 274, Probo fra 281 e 282, Costantino nel 312. Certo ve ne sono
da aggiungere altri (per esempio un secondo munus fatto celebrare da Traiano nel 117,
di cui siamo informati, come si è visto nel cap. VI, grazie all’iscrizione di un Trace, M.
Antonius Exochus; oppure munera di cui abbiamo notizie, ma non la data), perché,
anche se i giochi non erano frequentissimi, bisogna pur sempre pensare che ogni im-
peratore ne abbia indetto almeno uno.

Giorni terribili
I munera potevano essere indetti dall’imperatore a Roma, ma anche da magistrati
locali o da privati nelle altre città d’Italia e nelle province. I magistrati erano in genere
quelli di massimo livello: duoviri, duoviri iure dicundo, duoviri quinquennales, talvolta
coadiuvati da ex-magistrati che assumono temporaneamente il ruolo di curatores. Rara,
ma non del tutto inesistente, la presenza di donne, qualche volta in veste di esecutrici
del testamento di un parente, o comunque in veste di organizzatrici di onoranze di illu-
stri defunti (non bisogna dimenticare che i giochi hanno origini funerarie, e che spesso
continuano a essere riproposti anche nel contesto di esequie), ma qualche volta anche in
quanto investite di ruoli pubblici, come quello di Flaminicae o sacerdotesse imperiali.
Sia che fossero indetti dall’imperatore, sia che fossero promossi da altri, i mune-
ra non erano veramente tali se non rispondevano a una ben precisa tipologia e a un
numero minimo di requisiti. La giornata-tipo di spettacolo si fissa, come le categorie
di gladiatori o armaturae (cfr. cap. V), con Augusto: si parla di munus iuxtum atque
legitimum, che deve comprendere almeno tre elementi-base, e cioè le venationes al
mattino, l’esecuzione di condannati a morte già in parte durante la stessa mattinata, e
soprattutto all’ora di pranzo (insieme con varie forme di intrattenimento), i duelli di
gladiatori nel pomeriggio. Non sappiamo per la verità fino a che punto questa scan-
sione fosse davvero ineludibile: un programma dipinto su un muro di Via dell’Abbon-
danza a Pompei appare certamente piuttosto ricco, ma non comprende, per esempio,
le esecuzioni di condanne. Questa tremenda integrazione dello spettacolo era dunque
un «optional»? Vedremo più avanti. Intanto, per entrare nel clima di una giornata di
spettacoli, leggiamo quel programma: «Venti coppie di gladiatori di Decimo Lucrezio
Satrio Valente, flamine perpetuo di Nerone Cesare, figlio dell’Augusto, e dieci cop-
pie di gladiatori di suo figlio Decimo Lucrezio Valente combatteranno a Pompei a
partire dal 4 aprile. Ci saranno la caccia alle fiere e il velario». Possiamo notare che il

96
programma, preciso per quanto riguarda le coppie di gladiatori, è un po’ evasivo sulle
venationes: cosa un po’ strana, perché certamente ai due notabili pompeiani procurarsi
le belve costò molto, e ci si sarebbe potuti aspettare, nell’annuncio, un maggiore risalto
per questo investimento.
I due sono espliciti, in compenso, nell’annunciare l’uso del velum, il grande velario o
tendone, teso sulla parte alta delle gradinate, con cui si riparavano gli spettatori dal sole
o dalla pioggia. Sembra strano, a ben vedere, anche che si voglia esplicitare con tanta
precisione l’uso di questo accorgimento, dato che ad aprile il sole non è forse così forte
e inclemente da impaurire il pubblico. Si ha quasi l’impressione che l’uso del velario sia
esibito per sottolinerare che quello spettacolo era di un certo tono, più che per rimarcar-
ne l’utilità pratica. Assicurare agli spettatori il massimo comfort sembra, da parte degli
editores, una costante aspirazione, tanto più significativa in quanto in genere l’ingresso
(anche se bisognava munirsi preventivamente di tesserae, corrispettivo dei moderni bi-
glietti) era gratuito: non di rado venivano distribuite sportulae, cioè borse contenenti cibi
più o meno prelibati, oppure venivano gettate sulle gradinate monete o perle, oppure ve-
nivano vaporizzati profumi ed essenze. Ogni genere di comfort, dunque: anche se ver-
rebbe da pensare che lo scopo dell’impiego di profumi fosse quello di attutire l’impatto
del tanfo delle belve, o, se vogliamo usate tinte più fosche, per contrastare l’ incombente
odore della morte. Perché questa è una delle tante contraddizioni, la coesistenza di quel-
le ingegnose raffinatezze e della crudeltà dello spettacolo.
Più ancora di annunci scritti come quelli di Decimo Lucrezio padre e figlio, saran-
no forse utili a ricostruire una giornata di munus alcune delle raffigurazioni scultoree
o musive che abbiamo già incontrato, come il rilievo del monumento funerario di
Lusius Storax a Chieti e soprattutto il mosaico pavimentale della villa di Zliten in Tri-
politania (torna a fig. 25).

La «pompa» (processione) iniziale


L’inizio del munus è contraddistinto da una manifestazione davvero solenne e spetta-
colare. In una pompa (processione o corteo) aperta dall’editor preceduto da littori, sfila-
no musicisti, portatori di cartelli, altri addetti che recano strumenti di tortura, gladiatori,
venatores, condannati a morte incatenati l’un l’altro. Qual è il ruolo che ognuno svol-
gerà? Che significa la presenza (già fin d’ora inquietante) di quei cartelli e di quei ferri?
Un ruolo certamente più notevole di quanto ci si potrebbe aspettare è quello dei
musicisti: il loro compito non è solo di allietare la cerimonia di apertura, ma di ac-
compagnare costantemente lo spettacolo, anche nelle sue fasi più cruente. Si impie-
gano trombe e corni, ma anche organi: è probabile che gli spartiti fossero incisivi ma
elementari, perché eseguiti fra boati della folla, urla di gladiatori e degli altri addetti,
gemiti di condannati, ruggiti di fiere: in un ambiente, cioè, non certo adatto all’esecu-
zione di brani raffinati.
Quanto ai cartelli, ve ne erano almeno di due tipi: quelli che annunciavano la serie
dei combattimenti veri e propri, e quelli che indicavano i reati di cui erano incolpati i

97
condannati ad gladium (cioè destinati a essere uccisi dai gladiatori) o ad bestias (cioè
destinati a essere esposti alle fiere). L’uso di scrivere e mostrare i reati commessi (veri
o presunti) era esteso, si sa, a questi e ad altri tipi di esecuzione (come nel caso della
crocifissione del Cristo).
Gli strumenti di tortura che sfilavano nella complessa processione erano fuoco,
frusta, verghe: non erano destinati ai condannati (la cui sorte sarebbe stata comunque
tremenda) ma ai gladiatori, se non avessero mostrato sufficiente impegno. Le regole
per l’uso di questi deterrenti, e in generale tutte le norme relative allo svolgimento dei
combattimenti (lex pugnandi), venivano enunciate dall’editor in una sorta di presenta-
zione iniziale. Seguirebbe, nell’immaginario collettivo, il momento in cui i gladiatori
gridavano all’imperatore (se il munus si svolgeva alla presenza di quest’ultimo) Ave
Caesar (oppure Ave Imperator), morituri te salutant. Per la verità, dell’uso di questo
grido conosciamo un solo caso attraverso una testimonianza di Svetonio (cfr. Premes-
sa) relativa a uno specifico caso, una “naumachia” (di questo tipo di spettacolo ripar-
leremo fra poco) organizzata per conto dell’imperatore Claudio nel lago del Fucino
prima del prosciugamento, naumachia che ebbe peraltro un inizio assai sofferto, in
quanto i gladiatori si fecero convincere con difficoltà a entrare in azione. Fin qui per
quanto riguarda il mondo degli spettacoli: per completezza di informazione bisogna
aggiungere che, dopo quell’avvio stentato, il programma che Claudio aveva pensato
(spettacolo sul lago, poi apertura della diga, che era stata predisposta appositamente, e
svuotamento) non andò a buon fine nemmeno nella fase conclusiva, perché la diga non
funzionò e lo svuotamento non avvenne.
A parte le disavventure di Claudio, il rito inaugurale, che solo in parte lasciava intuire
le violenze che si sarebbero susseguite, conteneva indubbiamente elementi di suggestio-
ne, e non solo per la presenza di musiche e discorsi. Notevolissimo doveva essere, per
esempio, l’effetto delle armi da parata (diverse da quelle usate poi in combattimento),
che, spesso ornate di finissimi rilievi (cfr. cap. V), sfavillavano nella loro lucentezza.
La successione «canonica», e cioè venationes, esecuzione di condanne, duelli di
gladiatori, poteva subire modifiche, sia sopprimendo alcuni particolari (come si è visto
a proposito dei damnati), sia talvolta, in compenso, estendendo incredibilmente la du-
rata o introducendo battaglie sensazionali (ricostruzione di eventi storici o mitici con
la partecipazione di grandi quantità di gladiatori-soldati) e addirittura combattimenti
navali, o naumachie, che comportavano modifiche nell’allestimento degli anfiteatri
per poter riempire d’acqua l’arena. Ne riparleremo.

Le venationes: costose, spettacolari, sanguinarie


Un mosaico africano del III secolo d.C., rinvenuto in una piccola città della Tunisia
e conservato a Sousse, celebra un magistrato altrimenti sconosciuto, tale Magerius, in
quanto munerarius, cioè finanziatore, di uno spettacolo di caccia al leopardo: presen-
ta non solo movimentate e cruente scene della caccia stessa, ma una lunga iscrizione
che ci introduce, con sottolineature non proprio eleganti, nel mondo di questi ricchi

98
editores e delle spese che essi più o meno spontaneamente affrontavano per procurarsi
belve per l’anfiteatro (fig. 38). L’iscrizione, divisa in due parti, è ai due lati di una figura
di riccioluto servitore che reca un vassoio con quattro sacchetti da mille denarii l’uno,
al centro di una composizione che segue con andamento vagamente ellittico i quattro
lati del mosaico stesso, e che rappresenta quattro venatores che trafiggono quattro
leopardi (fra spruzzi di fiotti di sangue, sia gli uomini sia le belve sono contrassegnati
da iscrizioni indicanti i nomi) alla presenza dello stesso Magerius, di Artemide e di
Dioniso. La prima parte dell’iscrizione dice: «Annuncio fatto per mezzo dell’araldo:
signori, affinché i Telegeni, in cambio di un leopardo, ottengano la ricompensa del
vostro favore, date loro 500 denarii». Che significa? Vedremo che i Telegeni sono una
delle agenzie africane di cacciatori di belve feroci. Ma qui colpisce l’esortazione rivolta
in maniera grossolanamente scherzosa agli spettatori (come dire: pagate, se siete ca-
paci): all’acquisto delle fiere ha già provveduto l’editor, con quelle 4 borse che recano
il segno delle due «D» contrapposte che significa 1000. Si direbbe che l’editor abbia
pagato 4000 denari, cioè 16000 sesterzi, il che non è poco, ma non è nemmeno mol-
tissimo rispetto ai prezzi sopra ricordati. Si può ipotizzare che i quattro sacchetti non
vadano interpretati alla lettera, ma come raffigurazione riassuntiva di un gruzzolo ben
più corposo. La seconda parte del testo costituisce, in ogni caso, l’autoincensazione
di Magerius che si presenta come festeggiato e ringraziato dal pubblico: «Acclama-

Fig. 38. Smirat (Tunisia): mosaico di Magerius.


Sousse, Museo Archeologico.

99
zioni: sul tuo modello, possano i munerarii venire in futuro ad apprendere il munus.
Nella misura in cui avrai pagato questo spettacolo, possa l’eco giungere ai munerarii
di domani! Da chi abbiamo ottenuto un uguale munus ? E quando? Sul modello dei
questori offrirai un munus, a tue spese lo offrirai, sarà il tuo giorno! Magerius paga.
Questo significa possedere, questo significa potere, questo sì! Ormai è notte, lasciamo
che i Telegeni si allontanino dal tuo munus con i sacchetti». La qualità letteraria fran-
camente non è eccelsa, e certo colpisce questo inno alla volgare potenza del denaro.
Il mosaico, oltre a questo, sembra documentare anche che le cacce alle belve pos-
sono avere una loro autonomia rispetto ai duelli di gladiatori (il munus a cui qui ci
si riferisce appare costituito dalle sole venationes) e conferma in maniera addirittu-
ra smaccata quale formidabile ritorno di immagine (come diremmo oggi) garantisca
l’investimento operato dall’editor. La menzione della agenzia dei Telegeni (Dioniso,
presente all’esibizione dei venatores, reca addirittura una bacchetta con in cima il cre-
scente lunare, loro simbolo) comincia a metterci sulla via delle complesse strutture
operative e commerciali a cui ci si rivolgeva per acquistare animali. Ma prima bisogna
ricordare che quel grande favore per questo tipo di spettacolo, e anche quel singola-
re gusto per le belve più strane ed esotiche, hanno radici antiche, nel pieno dell’età
repubblicana. Bisogna ricordare anche che non esistevano solo lotte fra gladiatori e
belve, ma anche di belve fra loro.
Nel 252 a.C., furono esibiti in Circo (e cioè nel Circo Massimo, l’unico edificio per
spettacolo che già esisteva a Roma all’epoca) 142 elefanti catturati ai Cartaginesi in
Sicilia da L. Metello. Non si sa se furono soltanto mostrati alla curiosità del pubblico,
che li chiamava «buoi lucani», o aizzati a combattere fra loro, o affrontati da cacciatori
muniti di giavellotti, ipotesi tutte abbastanza impressionanti: il dato fondamentale,
comunque, è che l’inizio delle venationes coincide con il periodo delle guerre puni-
che e con l’apparizione in Italia delle grandi belve africane. Nel 197 fu la volta degli
struzzi, nel 186, in un celebre munus promosso da M. Fulvio Nobiliore, andarono
in scena cacce ai leoni e ai leopardi. Preoccupato della tendenza che andava deline-
andosi, il Senato (anche per non arricchire la nemica e concorrente Cartagine) proibì
l’importazione di belve dall’Africa, ma mai ebbe minor successo. Il divieto è revocato
nel 170, e lascia campo libero a una crescente follia: nel 169 due personaggi di primo
piano, Scipione Nasica e Cornelio Lentulo, che in quell’anno sono edili curuli, fanno
combattere 63 non meglio precisate belve africane, più quaranta fra orsi ed elefanti.
E via così: elefanti contro tori, ippopotami contro coccodrilli (in un Circo Massimo
opportunamente allagato), fino alla straordinaria venatio di cinque giorni offerta da
Cesare per celebrare nel 46 a.C. il suo quadruplice trionfo (dopo i successi conseguiti
in Egitto e nel Ponto, e dopo la sconfitta inflitta agli ultimi sostenitori di Pompeo in
Spagna e in Africa): sappiamo, fra l’altro, che cinquecento uomini affrontarono venti
elefanti, e che, in un’altra vera e propria battaglia, venti elefanti, ognuno montato da
tre uomini, si scontrano con cinquecento fanti e cinquecento cavalieri.

100
Cacce memorabili
In età imperiale il successo delle venationes prosegue ininterrotto, e si ha notizia di
allestimenti imperiali le cui dimensioni rendono addirittura ridicole le vanterie del po-
vero Magerius. In occasione della già più volte ricordata inaugurazione dell’Anfiteatro
Flavio, colpisce non solo il pubblicizzatissimo numero di animali uccisi, e cioè 9000,
ma anche la singolarità degli abbinamenti e delle trovate spettacolari: elefanti contro
gru, belve affrontate da cacciatrici donne, animali ammaestrati (tori, cavalli e altri) che
si esibiscono in uno spettacolo acquatico di sapore circense (nel senso moderno della
parola) nel Colosseo inondato. Per celebrare, invece, i dieci anni di regno di Antonino
Pio (148 d.C.) vengono messi in campo elefanti e leoni, tigri e iene, rinoceronti, coc-
codrilli, ippopotami: e un elefante e un leone appaiono perfino in una moneta (con la
legenda Munificentia) coniata per ricordare l’evento.
E ancora: con Caracalla (188-217) per la prima volta fu fatta combattere anche una
zebra. Gordiano I, prima di salire al trono (che occupò per poche settimane nel 238
d.C.), era riuscito, in qualità di edile, a offrire un munus al mese, e aveva puntato su
grandi numeri: 100 belve africane in un sol giorno, 1000 orsi in un altro, e così via. Si
sa che uno di questi spettacoli era stato raffigurato in un quadro, in cui si vedevano 100
cervi, 300 struzzi, 200 cinghiali... Forse non sempre tutte queste fiere erano massacra-
te: in qualche caso dovevano essere solo esibite, e lo spettacolo era costituito (come si
è ipotizzato per gli elefanti) dalla loro stessa stranezza. Ritroveremo Gordiano I nella
singolare vicenda dell’anfiteatro di El Djem (Parte II).
Ricordiamo ancora la singolarissima figura dell’imperatore Commodo: non fu sol-
tanto, come si è detto, gladiatore, con preferenza per la classe dei Secutores, ma anche
venator di elefanti, ippopotami, rinoceronti; affrontò una giraffa e una tigre; uccise in
un sol giorno cento orsi. La ricca aneddotica su questo personaggio esasperatamente
sopra le righe è completata dalle sue imprese di cacciatore-arciere: suo bersaglio gli
struzzi, che colpiva con sequenze di colpi tanto veloci da staccare loro la testa (che
questa potesse essere, anche prescindendo da Commodo, una fine prevista per i malca-
pitati animali è testimoniato dal mosaico di Zliten, dove si vede uno struzzo decapita-
to) in maniera tale che, per qualche istante, addirittura continuavano ancora a correre.
Se le notizie su Commodo sono un caso-limite, talvolta oltre i confini dell’attendi-
bilità, altri imperatori non esitarono a promuovere spettacoli stupefacenti. Domiziano
organizzò spettacolari cacce e combattimenti di notte, alla luce delle fiaccole: combat-
terono anche donne. Settimio Severo, per celebrare (come si è già visto a proposito
di Antonino Pio) il decennale di regno (203 d.C.), mise in scena un naufragio nel
Colosseo allagato: nella barca che affondava c’erano quattrocento animali, e insieme a
felini e orsi era presente anche un bisonte. È da notare che, mentre all’epoca della già
citata naumachia organizzata da Tito (di cui peraltro parleremo ancora) i sotterranei
dell’Anfiteatro Flavio non erano stati ancora realizzati (lo furono con Domiziano) e
quindi riempire d’acqua l’arena poteve non essere difficilissimo, all’epoca di Antonino
e di Severo i sotterranei c’erano, e i problemi tecnici dovevano essere notevoli.

101
Fra le rare testimonianze (di cui si è già parlato) di presenze femminili nella macchina
dei munera, c’è da osservare che, nelle rare occasioni in cui è una donna a curare la editio
di uno spettacolo, per loro non si parla di munus, e non si tratta di veri e propri combat-
timenti fra gladiatori ma di venationes o, in un caso, di salientes (dal verbo salio = saltare).

Cacciatori e operatori di ogni tipo in una «macchina» molto complessa


Non si trascurava in effetti nessun espediente per rendere questi eventi estrema-
mente spettacolari, talvolta inquadrando le lotte dei venatores con le belve, e anche le
lotte degli animali tra loro, nella narrazione di episodi mitici (ma come vedremo ciò
accadeva più spesso, e in maniera ancor più efferata, nella esecuzione di condannati a
morte) e inserendole in sontuose scenografie: salivano sull’arena dai sotterranei (nei
numerosi casi in cui questi ambienti erano presenti, con strutture talvolta semplici
talvolta molto articolate) piante, monumenti, rocce o altri elementi di ambientazio-
ne. In occasione di una grande caccia organizzata dall’imperatore Probo (276-282)
furono introdotti nell’arena numerosi alberi trapiantati, fino a creare una sorta di fo-
resta artificiale. E non si risparmiavano soluzioni lussuose nell’allestimento dei posti
riservati agli spettatori (cfr. parte II). Che si trattasse, malgrado questi abbellimenti e
queste spettacolarizzazioni, di manifestazioni molto crudeli e violente è testimoniato
non solo dal sangue che sprizza copioso in varie raffigurazioni, ma dai nomi attribuiti
alle belve stesse, attorno alle quali evidentemente veniva costruita una certa notorietà:
Victor, Crudelis, Omicida... Qualche volta suscitava ulteriore interesse, nel bene e nel
male, l’atteggiamento sorprendente degli animali, come quello dei molossi che rinun-
ciarono, davanti a Tito, ad azzannare una cerbiatta, o quello della tigre addomesticata
che, contrapposta a un leone, recuperò la sua originaria ferocia ed ebbe la meglio.
Giocavano in pieno la loro parte, ovviamente, i venatores, con i loro costumi di
appariscente eleganza e con la loro abilità e vigoria. Indossavano equipaggiamenti del
tutto diversi da quelli dei gladiatori veri e propri, e apparentemente non erano divisi in
categorie altrettanto caratterizzate: corte tuniche colorate e frangiate, eseguite in stoffa
preziosa arricchita da ricami e da altre decorazioni (teste di leone, stelle, motivi geo-
metrici) e accompagnate da fasce e bracciali. Quanto alla destrezza e forza, ovviamente
ve ne erano alcuni particolarmente noti e apprezzati, come Carpophorus, a cui il poeta
Marziale (vissuto, ricordiamolo, in età flavia, in uno dei momenti più notevoli della
storia della gladiatura) dedica ben quattro epigrammi. Di lui si narrava soprattutto una
venatio in cui, nel giro di pochi attimi, aveva ucciso a colpi di giavellotto due torelli,
un bufalo e un bisonte e aveva finito a colpi di freccia un leone.
Con la stessa definizione di venatores si designavano anche cacciatori di tutt’altro
tipo, che svolgevano un ruolo meno appariscente, ma anch’esso importante: erano
quelli che assicuravano l’approvvigionamento degli animali da esibire negli spettacoli.
Questi cacciatori erano i primi anelli di una lunga catena, ed erano di vario tipo: cac-
ciatori professionisti o cacciatori militari. I cacciatori professionisti, come dice Filone
di Alessandria (25 a.C.-40 d.C.), sono «capaci di commettere i crimini più efferati, per-

102
.
ché la professione di cacciatore è detestabile...: chi vive con gli animali selvatici sceglie
di vivere la vita di una bestia, e di stare a livello dei bruti della malvagità». In fondo,
verso chi procurava carnivori ed erbivori per l’anfiteatro c’era la stessa «ingratitudi-
ne» che c’era per il lanista che si occupava dei gladiatori. Certo, non ci si potevano
aspettare buone maniere e comportamenti socialmente evoluti da chi operava in aree
remote e selvagge ai confini dell’impero e oltre. In ogni caso, questi operatori specia-
lizzati erano inquadrati in associazioni e società. Le situazioni più note sono in Africa,
e del resto le belve africane erano particolarmente abbondanti, nonché rispondenti
(per aggressività, bellezza, fascino esotico) alle esigenze degli spettacoli. Abbiamo già
incontrato, pagati da quel ricco cafone di Magerius, i Telegeni, che si ponevano sotto
la protezione di Dioniso-Bacco e avevano come simbolo il crescente lunare; a questi
possiamo aggiungere i Pentasii, i Leontii (questi ultimi, in particolare, si ritenevano
protetti da Afrodite-Venere) e i Taurisci, che avevano come simbolo, rispettivamente,
la stella a cinque punte, il ramo di miglio e la foglia d’edera, e come numero preferito
il cinque, il quattro e il tre. In un mosaico di El Djem (conservato a Tunisi, Museo
del Bardo), rappresentanti di queste quattro associazioni, nonché di una quinta di cui
non conosciamo il nome ma di cui è raffigurato il simbolo (un pesce), sono raffigurati
seduti a una tavola curvilinea in una davvero inconsueta scena di banchetto: davanti a
loro sono accovacciati cinque zebù, che evidentemente sono in attesa di destinazione.
Ma non va dimenticato il ruolo dei soldati. Abbiamo testimonianze epigrafiche ri-
guardanti le truppe di stanza sul Reno, che evidentemente fotografano una situazione
che doveva presentarsi ovunque: ursarii, cioè procacciatori di orsi, nella legione XXX
con sede a Vetera (presso l’attuale Xanten), e loro colleghi a Colonia, nella legione
I Minervia, i quali, secondo un’iscrizione, avrebbero catturato cinquanta orsi in sei
mesi. Questi soldati-cacciatori dovevano mantenersi in esercizio, e forse tale eserci-
zio poteva divenire spettacolo per i commilitoni. Ciò spiegherebbe perché, in alcune
situazioni (peraltro assai lontane fra loro, come Lambaesis in Africa e Carnuntum e
Aquincum sul confine danubiano) in cui da un’originaria fortezza si è sviluppata una
città, siano presenti due anfiteatri, presumibilmente uno civile e uno militare: il milita-
re sarebbe appunto adibito a questi allenamenti a porte aperte.
Quale che fosse la tipologia dei cacciatori, i dispositivi per la cattura degli animali
rispondevano ai medesimi requisiti: predisponendo reti, e mobilitando battitori a pie-
di e a cavallo, si convogliavano gli animali verso robuste gabbie (in cui poteva essere
collocata un’esca, per esempio una malcapitata capra): una grande battuta è raffigurata,
fra l’altro, in uno dei celeberrimi mosaici di Piazza Armerina. Questa era la prima
di una serie di tappe (una variante alla tecnica di cattura poteva essere costituita da
fosse coperte di frasche): nelle stesse gabbie, o in carri opportunamente attrezzati,
gli animali erano trasportati in località portuali, e da qui imbarcati. Una destinazione
frequente era Roma, ma non bisogna dimenticare che gli spettacoli si svolgevano un
po’ dovunque. Più difficile, e risolto di volta in volta con espedienti diversi, era il pro-
blema della cattura, del trasporto e dell’imbarco degli elefanti e degli altri animali più
grossi. Per la verità del funzionamento di tutti questi recapiti di belve, pur non man-

103
cando raffigurazioni in rilievi o pitture o mosaici, non sappiamo molto. Si può solo
immaginare che i rischi e le difficoltà della navigazione (si navigava solo nella buona
stagione e, preferibilmente, solo di giorno; il maltempo e le tempeste erano sempre in
agguato) e anche dei percorsi terrestri (asprezza di alcune strade, rischi di attacchi di
briganti) fossero acuiti in presenza di «merci» così particolari; ma, per le medesime
merci come per altre, per così dire, più normali, dobbiamo prendere atto dei collega-
menti che si stabilivano pressoché abitualmente con luoghi lontanissimi.
I traffici di belve erano regolati da una rete statale, che però si appoggiava a orga-
nizzazioni private. La rete era controllata da procuratores, ognuno dei quali era re-
sponsabile di un raggruppamento di province, e quindi di un territorio molto ampio,
all’interno del quale si occupava dei rapporti con i cacciatori (militari e privati, in
collaborazione con l’esercito) e del mantenimento di uomini e animali; d’intesa con i
governatori delle province stesse, assicurava anche la sicurezza dei trasporti. In varie
città (sempre sotto la sua responsabilità) erano dislocati vivaria o serragli, per la rac-
colta e lo smistamento delle fiere.
Il commercio di belve per il circo procurava agli operatori arricchimenti talvolta
notevoli. Una testimonianza di questa situazione lo troviamo, sempre in Africa, nella
città portuale di Leptis Magna, dove un notabile locale, Elio Lamia, vive (e vive mol-
to bene) del commercio di ferae dentatae (belve con i denti, o meglio con le zanne,
presumibilmente elefanti) con i Garamanti, popolazioni attestate nella Phazania, oggi
Fezzan, in un’area del deserto libico che allora era certamente meno deserta di oggi,
ma era anche, altrettanto certamente, molto oltre il confine meridionale dell’impero.
L’ultima tappa delle belve verso il loro destino finale era il soggiorno nella città di
destinazione. Qui, molte sarebbero state mandate ad affrontare i venatores, ma al-
tre sarebbero state strumento dell’esecuzione di damnationes (appunto) ad bestias.
In ogni caso, è difficile ricostruire ciò che accadeva dal momento dell’arrivo (quando
gli animali venivano sistemati nei già ricordati vivaria) a quello dell’entrata in scena.
Prendiamo il caso di Roma: già è arduo dire dove fossero i vivaria stessi. Sembra che
nel I-II secolo d.C. i principali fossero in Campo Marzio, presso i Navalia, antico
porto militare che all’inizio dell’età imperiale era fuori uso; nel luogo dove più tardi
sarebbe sorto l’Anfiteatro Castrense (una sorta di anfiteatro imperiale privato, di cui
riparleremo nella Parte II); e infine presso i Castra Praetoria, sede dei pretoriani (guar-
dia del corpo dell’imperatore), ai quali evidentemente era affidata anche la custodia di
questa preziosa merce vivente.
Ancor più arduo è ricostruire il momento culminante in cui gli animali entravano
in scena, o per meglio dire salivano nell’arena. Un grande anfiteatro come il Colosseo
aveva ben 28 montacarichi, ma si sa che in una mattinata potevano essere impiegati per
le venationes anche centinaia di esemplari, a cui erano da aggiungere quelli da usare
per le esecuzioni. L’arrivo delle gabbie dai vivaria, la loro apertura presso la sede del
munus, il transito delle belve attraverso le gallerie sotterranee: tutto questo flusso do-
veva essere dosato con molta attenzione, nel quadro di uno stupefacente dispiego di
perizia e di tecnologia da parte di un gran numero di addetti.

104
Ad bestias. Feroce esecuzione di condanne a morte
Se restiamo stupefatti dell’organizzazione e dell’articolazione in grande stile di
tutta la serie di operazioni e di traffici che stava a monte delle venationes, certo è
impressionante anche pensare a un altro, e ancor più sconcertante, tipo di approvvi-
gionamento: quello di condannati a morte destinati a dare spettacolo con la loro stessa
esecuzione. Queste esecuzioni avevano luogo, come integrazione del munus, in parte
già durante le cacce del mattino, e si concentravano soprattutto nell’intervallo di metà
giornata. Fra i magistrati preposti all’organizzazione di munera e quelli che si occu-
pavano della vera e propria amministrazione della giustizia era necessario concertare
precisi rapporti, affinché questi ultimi fornissero la «materia prima».
Quante volte questa materia prima era costituita da martiri cristiani? Vale la pena
di affrontare questo argomento perché, anche per influsso di straordinari romanzi e
film (fra cui i vari Ursus e Quo Vadis?), probabilmente è molto diffusa nel cosiddetto
immaginario collettivo l’ipotesi che negli anfiteatri i seguaci di Gesù siano stati uccisi
a migliaia. Molti saranno perfino convinti che coloro che furono accusati da Nerone
dell’incendio di Roma del 64 d.C. furono massacrati nel Colosseo, senza pensare che a
quell’epoca l’Anfiteatro Flavio non esisteva ancora (anche se l’Anfiteatro di Nerone, pur
costruito in buona parte in legno, era tutt’altro che un edificio secondario: cfr. Parte II).
Colosseo a parte, che c’è di vero in queste storie di sterminio? Per la verità i cristia-
ni, malgrado l’insanabile inconciliabilità fra la loro fede e la religione di stato romana,
non furono costantemente e sistematicamente perseguitati. Certo, dopo Nerone (se-
guito in parte da Domiziano) molti imperatori affrontarono il problema, ma lo fecero
con durezza discontinua: da segnalare per esempio la cautela di Traiano nel carteggio
con l’amico Plinio il Giovane nei panni di governatore della Bitinia (Plinio chiede
istruzioni, l’imperatore ricorre a limitazioni e distinguo).
Di grandi persecuzioni si può parlare con Settimio Severo (un editto del 202 vieta
il proselitismo), con Decio (un editto del 249-50), Valeriano (due editti, di cui il primo
nel 257), Diocleziano (ben tre editti nel 303 e uno nel 304). Non mancano episodi
di estrema crudeltà, magari su scala locale: è il caso dei “Martiri di Lione” del 177
a.C., di cui abbiamo notizia grazie a Eusebio di Cesarea. In quello che era noto come
l’Anfiteatro delle Tre Gallie (cfr. Parte II), in cui si riunivano ogni anno per tributare
il culto all’imperatore (ma anche per trattare temi politici al cospetto dei magistrati di
Roma) i rappresentanti delle 60 tribù della Gallia Lugdunense, della Belgica e dell’A-
quitania, si svolgevano evidentemente anche munera e manifestazioni di vario tipo:
quella volta furono giustiziati appunto alcuni cristiani, due donne (Blandina e Bilbide)
e tre uomini (Santo, Maturo e Attalo) che si erano rifiutati di venerare l’imperatore.
Furono sottoposti, prima dell’esecuzione, al carcere duro e a torture; venuto il giorno,
non solo furono esposti alle belve, ma a nuovi tormenti, stavolta in pubblico, tra cui la
sedia rovente; sopravvissuti miracolosamente, furono finiti con le armi.
Non bisogna però pensare che queste crudeltà fossero tipiche solo del trattamento
riservato ai Cristiani. Fin da quando, nel 167 a.C., Paolo Emilio (vincitore contro

105
Perseo) aveva fatto calpestare dagli elefanti i disertori stranieri, questi modi spaven-
tosamente fantasiosi di dare la morte in pubblico si erano moltiplicati: riservate ini-
zialmente appunto ai disertori e ai prigionieri di guerra, le damnationes ad bestias
erano state estese poi ai criminali comuni. Il mosaico di Zliten ci mostra personaggi
dalla carnagione scura (forse gruppi dei già ricordati Garamanti, abitualmente partner
commerciali degli operatori romani a cui vendevano proprio belve, ma talvolta ribelli
e perciò puniti) sospinti su piccoli carri appositamente costruiti, con le mani legate a
un palo dietro la schiena, davanti a felini dall’aspetto famelico: uno dei prigionieri sta
subendo l’attacco di un leopardo, che gli sta azzannando la testa. Ancor più sinistre
sono le notizie riportate da Marziale e da altri autori antichi, secondo cui l’esecuzione
veniva talvolta messa in scena come raffigurazione di un episodio storico o mitico: esi-
stevano anche le mulieres ad ferrum datae (donne condannate a morte), e quindi una
poveretta poteva essere condannata a interpretare (non sappiamo bene come, e forse è
meglio non saperlo) il ruolo di Pasife posseduta dal Toro cretese (è l’episodio leggen-
dario in cui fu concepito il Minotauro); un altro sciagurato poteva invece essere Muzio
Scevola, e forse la punizione non si limitava alla mano; oppure poteva essere messo in
scena Orfeo che incantava le fiere, ma alla fine una di queste si ribellava e sbranava il
cantore. Peggio ancora andò, in età flavia, a un bandito di nome Laureolo, condannato
a interpretare Prometeo, il gigante che gli Dei (per punirlo di aver rivelato il fuoco ai
mortali) avevano fatto incatenare a una roccia, con un’aquila che gli divorava il fegato:
solo che il disgraziato, invece di essere incatenato alla roccia, fu crocifisso, e, invece
dell’aquila, fu impiegato un orso. Ce ne parla Marziale (v. Premessa): la mancanza di
senso della misura che spesso lo caratterizza è qui ancora più inopportuna del solito.
Perché esecuzioni così crudeli? Secondo alcune teorie, l’esigenza era quella di dare
in pubblico forti esempi, con funzione deterrente; ma non è certo da escludere un’altra,
più ovvia motivazione, e cioè il sinistro fascino della “morte come spettacolo”, che è il
filo conduttore di tutto il munus. Proprio questa esigenza di spettacolarità è alla base di
certe scelte: il condannato esposto alle belve muore in tempi né troppo brevi (al contra-
rio di colui che è ucciso con la spada) né troppo lunghi (al contrario di chi viene croci-
fisso); inoltre, lo si vede bene in faccia, e si vedono le ferite e lo sgorgare del sangue, per
tutta la durata dell’evento (cosa che non accade per chi viene bruciato sul rogo).

Ecco infine i gladiatori


Già eccitato dalle cacce alle belve, dalle lotte delle belve fra loro, dalle esecuzioni
di condannati, dalla vista e dall’odore del sangue, il pubblico è ora pronto ad assistere
ai combattimenti di gladiatori. Sui protagonisti sappiamo già molto: le loro origini, la
loro vita quotidiana e il loro addestramento, le loro categorie e specializzazioni, le loro
carriere: ora è il momento di vederli in azione. Annunciati nei programmi, presentati
nella sfilata iniziale della giornata (e, almeno in alcuni casi, già noti alla maggior parte
degli spettatori), accompagnati dalla musica, essi cominciano con il compiere esercizi
di riscaldamento (lusiones), e si avviano alla sfida: l’incontro si svolgerà alla presenza di

106
Fig. 39. Pompei: graffito
con scene di anfiteatro.
Necropoli di Porta
Nocera, tomba 14.

prima rudis e di secunda rudis (arbitro di prima e di seconda categoria), e sarà seguito
con attenzione da incitatores (addetti al controllo del comportamento dei combattenti:
in caso di scarso impegno, intervengono per spronarli). Bisogna anche ricordare che i
combattimenti non si svolgevano probabilmente uno dopo l’altro, come si potrebbe
pensare osservando i programmi e i resoconti esposti nei graffiti pompeiani (fig. 39):
tenendo presenti altri elementi come le dimensioni dell’arena, alcuni studiosi, a par-
tire dal Golvin, pensano (come già si è ricordato) che i numerosi duelli si svolgessero
simultaneamente. Inoltre, in occasione di munera imperiali o comunque banditi da
grossi editores, i combattenti erano addirittura decine o centinaia, magari in rievoca-
zioni di grandi battaglie storiche o mitiche, con complesse ricostruzioni ambientali. Se
per esempio Cesare fece raffigurare lotte fra Romani e Galli, Tito fece mettere in scena
una naumachia (battaglia navale) fra Corciresi e Corinzi nell’Anfiteatro Flavio oppor-
tunamente allagato (all’epoca, come si è detto, i sotterranei non erano stati ancora rea-
lizzati: a proposito di questo tipo di spettacolo vedi una ricostruzione cinquecentesca
del Du Pérac: fig. 40). E non sono casi del tutto isolati.

107
Fig. 40. Ricostruzione (Etienne du Pérac, 1581)
di una naumachia nel Colosseo.

Negli anfiteatri dall’allestimento più completo, dotati cioè proprio di ambienti di


servizio sotto l’arena, era là che i gladiatori aspettavano il loro turno. Non dovevano
essere momenti distensivi, perché il piano dell’arena stessa era costituito da tavole
coperte di sabbia, e attraverso gli interstizi la sabbia poteva cadere sui malcapitati:
insieme con il caldo, l’aria chiusa, i cattivi odori, doveva essere un inferno.
Ogni duello poteva avere una durata breve o lunga, a seconda dell’equilibrio delle
forze in campo e della combattività dei contendenti. Quando uno dei due gladiatori era
ferito in maniera tale da non poter più proseguire, alzava la mano destra con l’indice
teso: era il momento di massima tensione, in quanto spettava all’editor (nel caso che si
trattasse di un munus imperiale, spettava all’imperatore stesso) dire se il soccombente
poteva essere missus, cioè risparmiato, o doveva essere iugulatus, cioè soppresso me-
diante sgozzamento. Naturalmente si tenevano presenti, in genere, gli umori della folla:
ma alla fine era decisivo il gesto che il massimo responsabile dello spettacolo faceva con
la mano destra. Tale gesto era in realtà alquanto diverso da quanto in genere si pensa
(pollice verso ecc.): il pollice poteva essere puntato verso l’alto, simboleggiando il gesto
di brandire il gladio per sopprimere lo sconfitto, oppure venire ripiegato all’interno del
pugno chiuso, suggerendo cioè di non usare il gladio, e perciò di non uccidere. Lo si de-
duce da un medaglione databile al II-III secolo d.C. rinvenuto a Cavillargues in Proven-
za (fig. 41): di fronte a combattenti in attesa di giudizio, il funzionario preposto compie

108
proprio il gesto appena descritto, e una
breve iscrizione spiega che si tratta di
stantes missi, cioè di combattenti in piedi
sulle proprie gambe che erano stati ri-
sparmiati. Si sa anche, però, di missi che,
pur sottratti alla iugulatio, morivano per
le ferite in precedenza riportate.
Ovviamente era più facile che la missio
venisse concessa se il gladiatore sconfitto
aveva combattuto molto valorosamente,
perché non era intesesse di nessuno che il
numero di combattenti validi diminuisse
troppo: la domanda era forte, il numero
di anfiteatri esistenti era alto (quelli a noi
noti sono 385). Fra i missi fortunati abbia-
mo conosciuto, nel cap. VI, l’avversario Fig. 41. Cavillargues (Provenza): medaglione con stan-
tes missi. Nîmes, Museo Archeologico.
del povero Urbicus, che era sopravvissuto
a una sconfitta con questo Secutor e che in un successivo combattimento lo aveva battuto e
ucciso. C’èanche da prendere atto, però, che qualche volta i missi, per quanto sottratti alla
iugulatio, morivano per le ferite in precedenza riportate. Il caso-limite era quello in cui i
combattenti si affrontavano con tale accanimento da morire entrambi, come un Provoca-
tor e un Mirmillone in un munus a Pergamo.
Nei casi (forse non moltissimi, dunque) in cui la missio non viene concessa, quello
che suscita sorpresa è l’atteggiamento apparentemente pacato e professionale con cui
l’eventuale colpo di grazia viene eseguito dal vincitore e subito dallo sconfitto. Il vin-
citore vibra un solo colpo, destinato a non lasciare scampo; lo sconfitto non fa nulla
per opporsi, e questo coraggio è lodato esplicitamente da alcuni scrittori latini (cfr.
Premessa). Fra le raffigurazioni di scene di questo tipo, richiama la nostra attenzione
soprattutto un mosaico (di cui si è già accennato) proveniente dalla Via Casilina e con-
servato nella Galleria Borghese a Roma (fig. 42), in cui è presentata un’impressionante
serie di iugulationes, e accanto ai protagonisti sono registrati con burocratico zelo
tutti i nomi. Si pensa che sia la narrazione di un munus sine missione, un munus cioè
in cui, fin dall’inizio, era stabilito che tutti i vinti fossero comunque uccisi. L’istintivo
orrore che tutto ciò potrebbe causare in noi si può almeno in parte attenuare se si tiene
presente che nei primi secoli dell’impero munera di questo tipo erano piuttosto rari,
mentre qualche caso in più (compreso quello testimoniato dallo stesso mosaico Bor-
ghese, che è di poco posteriore al 300) si conosce per il III-IV secolo d.C.
Un’ importantissima scoperta effettuata a Efeso in Asia Minore (confermando fra
l’altro ancora una volta, insieme con il caso appena ricordato di Pergamo, l’importanza
che la gladiatura aveva anche nella parte orientale dell’Impero, malgrado gli spettacoli
non di svolgessero di norma negli anfiteatri, ma in teatri riadattati) da una missione
dell’Università di Vienna (Karl Grossschmidt e Fabian Kanz) ha fornito una serie di

109
indicazioni su vari aspetti della gladiatura, e in particolare sulla iugulatio e su altri modi
di dare la morte. Si tratta di una necropoli con centinaia di scheletri di combattenti del
II secolo d.C.: in alcuni casi l’esame delle ossa consente di ricostruire il percorso della
spada che entrava dalla spalla e affondava verso il cuore e i polmoni spezzando la clavi-
cola. In altri casi si tagliava il collo: un vero e proprio sgozzamento. In altri casi ancora,
la situazione è ancora più “forti”: uno dei crani presenta tre fori netti, compatibili con
un colpo di tridente, il che significa che il vincitore doveva essere un Retiarius. I dati
di Efeso sono obiettivamente impressionanti: chi pensa però che le vittime dei munera
fossero meno numerose di quanto un tempo non si credesse (ipotesi affacciata da più
parti) potrebbe ipotizzare che gli scheletri di Efeso siano stati deposti lungo un arco di
tempo prolungato.
Folle enormi assistevano agli spettacoli: in una provincia fortemente romanizzata
come la Gallia Narbonense poteva accadere che due città vicine come Arles e Nîmes
fossero entrambe provviste di anfiteatri capaci di oltre 20.000 spettatori (e nella stes-
sa provincia un altro importante edificio dello stesso genere, sia pur meno capiente,
era a Fréjus); a Roma, e cioè sulla “piazza” ovviamente più importante, il Colosseo
conteneva 60.000 spettatori, ma sicuramenente in certi casi-limite (come si è visto in
occasione dei «mostruosi» munera di Tito e di Traiano più volte ricordati) veniva
utilizzato anche il Circo Massimo, che nelle varie epoche ha subito evidentemente
modifiche e rifacimenti, ma che in alcune fasi offriva oltre 300.000 posti.
Chissà fino a che punto queste grandi masse riuscivano a cogliere tutti i dettagli dello
spettacolo: bisogna anche pensare che – come pure si è detto – l’arena era arricchita, con
effetti suggestivi ma fuorvianti, da scenografie e ambientazioni di vario tipo. Anche per
un momento certo tremendo, quello in cui i corpi dei gladiatori uccisi venivano portati
via attraverso una porta detta libitinaria verso lo spoliarium, vi era un tentativo di «ele-
gante» trasposizione mitologica: gli addetti erano vestiti come Ermes-Mercurio (divinità
che fra le sue varie incombenze aveva anche quella di accompagnare le anime nell’aldilà)
o come Caronte, il traghettatore del fiume Stige che metteva in comunicazione con gli

Fig. 42. Roma, Via Casilina: mosaico con munus


sine missione: Roma, Galleria Borghese.

110
Inferi. È anche difficile immaginare, per la verità, con quali sistemi veniva organizzata
la triste incombenza di portar via le spoglie: razionalizzare questo movimento doveva
essere quasi altrettanto complicato quanto regolarne all’inizio l’afflusso. Per le esequie
dei gladiatori (cfr. cap. IV) provvedevano mogli o concubine, o, in mancanza di queste,
i compagni di ludus, in nome di un’innegabile solidarietà derivante dalla dimestichezza
quotidiana e dall’incombere di un comune pericolo.
Mentre c’era chi provvedeva a queste meste necessità, la folla acclamava i vincitori:
su questa ebbrezza talvolta scomposta si è ormai detto molto, e si può solo ricordare
ancora una volta l’episodio del 79 a.C., quando l’anfiteatro di Pompei fu pesantemente
squalificato per una rissa fra i «padroni di casa» e i Nocerini. Tacito parla di orribile
massacro, e racconta che si passò dai semplici insulti iniziali al lancio di pietre all’uso
delle armi: negli scontri ebbero la meglio i Pompeiani.
Ovviamente l’imperatore, o comunque l’editor dello spettacolo, pur mirando ad
evitare il ripetersi di certi eccessi, assecondava in vari modi quella passione così in-
tensa. Uno di questi modi consisteva nell’ostentare l’entità delle spese sostenute: lo
abbiamo visto applicare, nel suo piccolo, dal Magerius ricordato in un mosaico di
Sousse (torna a fig. 38), ma allo stesso desiderio di dare pubblicità ai pagamenti effet-
tuati indulge talvolta anche il princeps. Ciò accade, per esempio, quando è il momento
di dare il compenso a un campione particolarmente celebrato, anche sconfinando dalle
tabelle abituali: la consegna avviene in qualche caso nel bel mezzo dell’arena, contando
platealmente il denaro versato. In caso di vittorie particolarmente brillanti, oltre al
compenso in denaro si assegnava anche la corona (una corona decora anche lo scudo
di Exhocus: torna a fig. 37).

111
PARTE II
I LUOGHI DELLO SPETTACOLO
ANFITEATRI A ROMA, IN ITALIA E NELLE PROVINCE

Dopo il nostro percorso di avvicinamento alla giornata del munus, dobbiamo pren-
dere visione dei luoghi dove i munera si svolgevano: gli anfiteatri o, in alcuni casi,
teatri opportunamente modificati. L’addestramento, come abbiamo già visto e come
ancora vedremo, aveva luogo nei ludi. Ricordiamo che, prima che negli edifici espres-
samente costruiti per ospitare spettacoli, i giochi avevano spesso avuto la loro sede nel
foro. Il passaggio dalla forma rettangolare di quest’ultimo alla forma ovale nell’arena
fu suggerito dall’esigenza di rendere più movimentato lo spettacolo (i quattro angoli
alle estremità delle piazze forensi potevano rischiare di divenire angoli morti). In un
primo momento, come ci tramanda Erone di Alessandria (un erudito dei tempi di
Nerone), la pianta dell’arena non divenne un’ellisse vera e propria, ma un rettangolo
con i lati minori arrotondati: di questa soluzione, la testimonianza più nota è quella
di età augustea a Caesarea Iol (Cherchel in Algeria). Una testimonianza in un certo
senso attardata (perché a quell’epoca le arene erano un po’ dovunque già ellittiche): ma
in questi ultimi anni un esempio più antico è stato scoperto a Virunum (Klagenfurt in
Austria). La genesi geometrica dell’arena ellittica è spiegata da Balbo, un agrimensore
che fra l’altro lavorò per Domiziano nelle non brillantissime campagne daciche (che
poi sarebbero state riprese con ben altri risultati da Traiano): «Esistono figure geome-
triche formate da più cerchi senza angoli come le arene tracciate con quattro cerchi».
Definizione lodevolmente concisa, ma per la verità non semplice da capire.
Quando si pensa agli anfiteatri si pensa al Colosseo, e così forse molti saranno
tentati di pensare che il grande anfiteatro romano sia stato un po’ il «padre» di tutti
gli edifici consimili. In realtà il Colosseo, o Anfiteatro Flavio, fu realizzato, in varie
fasi, appunto all’epoca degli imperatori Flavii: Vespasiano (69-79 d.C.), Tito (79-81),
Domiziano (81-96). In epoca, cioè, abbastanza avanzata, dopo che l’architettura an-
fiteatrale aveva compiuto già un lungo percorso, con numerose e variegate sperimen-
tazioni; dopo che (come vedremo subito) erano state realizzati a Roma vari, e talvolta
ingegnosi e impegnativi, edifici in legno; e dopo che l’evoluzione degli edifici per spet-
tacolo nel loro insieme, e dei teatri in particolare, aveva conosciuto nell’Urbe tappe
fondamentali: per esempio con il più bel teatro del mondo antico, quello di Pompeo,
inaugurato nell’Urbe nel 55 a.C.
Dopo essere stato realizzato il Colosseo divenne però, questo sì, una sorta di mo-
dello: quasi come se avesse assorbito ed elaborato tutte quelle sperimentazioni, rica-
vandone un nuovo archetipo. Un archetipo non sempre ripreso allo stesso modo e
nella stessa misura: le varianti sono numerose, come numerosi sono gli edifici. Solo nel
territorio italico, gli anfiteatri noti (sia grazie all’esistenza di resti di varia consistenza,

115
sia grazie alla menzione in fonti letterarie e epigrafiche) sono 133; nelle province sono
252. Si tratta di edifici progettati e realizzati con molta cura, in cui sono spesso pre-
senti, oltre alla cavea per gli spettatori (che ha varie dimensioni e si avvale di tecniche
costruttive di diverso tipo) e all’ arena per i combattimenti, elaborati ambienti di servi-
zio sotterranei e in superficie, nonché funzionali canalizzazioni per la circolazione e lo
smaltimento delle acque; sono molto più numerosi nelle province occidentali che non
in quelle orientali, nelle quali è frequente l’uso di teatri riadattati, o «teatri-anfiteatri»;
in genere è anche ben studiato il loro inserimento nel contesto urbano, nonché il loro
collegamento con il sistema stadale sia urbano sia suburbano e extraurbano.

Posizione nell’impianto urbano


Inserimento ben studiato, si diceva: in effetti c’era da produrre uno sforzo pro-
gettuale notevole, perché l’impianto-base della città romana (come ha osservato Paul
Zanker) si era sostanzialmente definito nel clima culturale della Media Repubblica, e
l’introduzione di anfiteatri, teatri e terme (proprio i monumenti-simbolo della vita
quotidiana nell’Urbe, in Italia e nelle province) si verificò solo più tardi, andando a
impattare situazioni già definite. La situazione di Roma è un caso a parte, data la sin-
golare planimetria apparentemente disordinata della città Caput Mundi (in realtà un
ordine, sia pure non immediatamente percettibile, certamente esisteva, e molti studiosi
hanno tentato, con esiti diversi, di individuarlo: ma non è il caso di addentrarsi nella
discussione in questa sede); altrove però il problema si crea, e si fronteggia in varie
maniere. Quasi paradigmatico il caso di Verona, dove l’anfiteatro (la celebre Arena, di
cui parleremo fra poco) e il teatro sono costruiti al di fuori dello schema ortogonale
della città, il primo a sud, il secondo a nord, al di là dell’ansa dell’Adige. Colpisce,
comunque, la posizione dominante che questi edifici, con le loro grandi dimensioni,
ovunque assumono: formidabili strumenti di aggregazione, perché a quelle gradinate
sono ammessi tutti, compresi donne, schiavi, stranieri. Una sorta di microcosmo, dice
ancora Zanker: si spiega anche perché il numero degli spettatori che si può calcolare
per quelle cavee appare talvolta sovraproporzionato rispetto al numero di abitanti
ricostruibile per le rispettive città.

Prima del Colosseo


Confermando, in un certo senso, l’importante ruolo giocato dalla Campania e dalla
Magna Grecia nell’origine della gladiatura, non mancano notizie su una nutrita serie
di anfiteatri costruiti nel II secolo a.C., o agli inizi del I, a Capua, Cales, Cuma, Li-
terno, Nola, Pozzuoli, Teano, Telesia… I resti superstiti sono per la verità piuttosto
scarsi; per alcuni edifici, come quelli di Capua e di Pozzuoli, troveremo peraltro testi-
monianze di ben altra consistenza per quanto riguarda le fasi successive. Il primitivo
anfiteatro di Capua, quindi, costruito proprio negli anni di passaggio fra i due secoli,
è da ricordare per motivi storici: sia per l’importanza da tutti riconosciuta alla scuola

116
di gladiatori che aveva sede in quella città, sia perché nell’ambito della scuola stessa
emerse un personaggio come Spartaco, promotore della celeberrima rivolta del 73-71
a.C. (cfr. Parte III).

Pompei, il più antico anfiteatro d’Italia: l’arena, la cavea, la rissa, l’affresco


Pochi edifici per spettacolo presentano motivi di interesse paragonabili a quelli
che ci offre l’anfiteatro di Pompei (fig. 43). Anzitutto, è il più antico edificio di que-
sto genere che ci sia pervenuto pressoché integro. Fu costruito poco dopo l’80 a.C.,
nei primi momenti di vita della colonia fondata da Silla, per impulso di due eminenti
personaggi che si erano arricchiti durante le guerre civili e che ricoprivano importanti
cariche cittadine, C. Quinzio Valgo e M. Porcio: è testimonianza, come vedremo me-
glio fra poco, di un fase letteralmente fondante dell’architettura anfiteatrale; deve la
sua notorietà anche al fatto di essere stata la sede, nel 59 d.C., di una disastrosa rissa
fra Pompeiani e Nocerini (come si accennato alla fine del capitolo precedente), che
provocò numerosi morti e feriti e che è ricordata sia da un passo degli Annales di Ta-
cito (v. Premessa) sia da un affresco rinvenuto in una casa non lontana, quella di Actio
Aniceto, e conservato nel Museo Nazionale di Napoli (fig. 44). La rissa procurò all’an-
fiteatro una lunga squalifica: nel 62 l’edificio doveva però essere tornato in funzione,
dato che, dopo il noto terremoto che colpì Pompei in quell’anno, due rappresentanti
della famiglia dei Cuspii, un padre e un figlio, ritennero opportuno finanziare conso-
lidamenti e restauri. La riconoscenza della città nei loro confronti si manifestò con
l’erezione di due statue.

Fig. 43. Pompei: veduta


dell’Anfiteatro sullo
sfondo del Vesuvio.

117
Siamo all’angolo sud-orientale dell’abitato: l’edificio, che sviluppa un diametro di
168 metri, nell’affresco appena esaminato è raffigurato abbastanza efficacemente. Si
imposta su un poderoso terrapieno ellittico, che a nord e a ovest è delimitato da un
muro di contenimento, mentre, appunto, a sud e a est si raccorda con il terrapieno
della cinta della città. Il muro è rafforzato da contrafforti, raccordati fra loro da ar-
cate; vi si appoggia, pure rafforzata da contrafforti e arcate, una doppia rampa con
cui si accede alla parte superiore della cavea destinata agli spettatori. Quest’ultima è
interamente scavata, e le gradinate poggiano direttamente sul terreno (in parte quello
naturale, in parte quello del terrapieno artificiale): non vi sono cioè, a sorreggere le
gradinate stesse, le sapienti combinazioni di volte, scale, gallerie che caratterizzeranno
gran parte degli anfiteatri successivi. In corrispondenza dell’ordine di posti più basso
(gli ordini erano tre: ima, media e summa cavea) c’è però, sotto i sedili, una galle-
ria che gira tutt’intorno all’arena; rispetto a quest’ultima e ai combattimenti che vi si
svolgevano, gli spettatori erano protetti da un alto muro, che era decorato con dipinti
raffiguranti proprio scene di gladiatori e di venationes. Ad alcuni personaggi eminenti
erano riservati seggi e podi particolari. In alto, la cavea è invece completata da una
singolare sopraelevazione (l’unica struttura che sporge, come una sorta di tamburo,
dal terrapieno) con una serie di piccoli palchi: all’esterno erano gli anelli di pietra che
sorreggevano i pali che a loro volta tenevano in tensione il velum, cioè il velario che,
all’occorrenza, proteggeva gli spettatori dal sole.
Sempre nell’affresco che raffigura gli incidenti del 59 d.C., il velum appare almeno
parzialmente in funzione. Si possono notare anche un paio di altre caratteristiche:
l’estrema vivacità con cui sono rese le figure che si affrontano sia all’interno sia all’e-
sterno dell’arena, e il sostanziale realismo con cui, pur nel disinteresse per l’esattezza

Fig. 44. Pompei: mosaico con


rissa fra Pompeiani e Nocerini.
Napoli, Museo Archeologico
Nazionale.

Pagina a fianco
Fig. 45. Sutrium (Sutri): veduta
dell’Anfiteatro.

118
delle dimensioni e della prospettiva, è reso l’aspetto delle arcate, della doppia rampa
esterna, del tamburo superiore e della cavea.

Paestum e Avella: anfiteatri contemporanei a quello di Pompei


Sembra che l’anfiteatro di Paestum, anch’esso costruito all’inizio del I secolo a.C.,
presentasse alcune interessanti analogie con quello di Pompei: in particolare, appunto,
la cavea sorretta da un terrapieno delimitato da un muro di contenimento e l’accesso
assicurato da una doppia rampa. L’edificio purtroppo fu gravemente danneggiato, in
pratica tagliato in due, in occasione dalla costruzione, nel 1929, della strada nazionale
Tirrena Inferiore.
L’anfiteatro di Avella, che pure risale all’inizio del I d.C., presenta una cavea che si
appoggia in parte, come quella di Pompei, al terrapieno delle mura della città, e in parte a
un pendio naturale, ma che per un buon tratto è sorretta da un terrapieno artificiale, raf-
forzato però (è una novità, e avrà in prosieguo di tempo grandi sviluppi) da muri radiali.

Anfiteatro di Sutri: una cavea scavata nella roccia


Siamo ora nell’Etruria meridionale, corrispondente all’attuale Lazio settentriona-
le. Questo piccolo anfiteatro fu costruito probabilmente poco dopo il 41 a.C., anno
in cui a Sutrium (città che nelle lotte fra Antonio e Ottaviano aveva parteggiato per
Antonio) fu dedotta una colonia: sarebbe perciò di una quarantina di anni più recente
di quello di Pompei. Misurava circa metri 49 x 40; tranne che per qualche rifinitura
in laterizio (per esempio in corrispondenza dei vomitoria), era interamente scavato in

119
Fig. 46. Sutrium (Sutri): Anfiteatro:
ricostruzione della cavea (Golvin).
Fig. 47. Sutrium (Sutri): Anfiteatro:
pianta e sezione (Golvin).

un’altura di roccia tufacea, asportando il materiale come se si trattasse di una cava, se-
condo una tecnica non molto frequentemente impiegata ma non del tutto sconosciuta
(la troveremo usata, ancora in età repubblicana, ad Antiochia, e in seguito a Siracusa,
Cagliari, Leptis Magna, Sabratha). Alla base della cavea, tutt’intorno all’arena, è rica-
vato un corridoio delimitato da un podio con dieci aperture; ai piedi di quest’ultimo,
sempre lungo il bordo della cavea, corre un canale che probabilmente doveva con-
correre allo smaltimento delle acque piovane. La collina su cui si trova l’anfiteatro,
situata all’esterno delle mura di Sutri lungo la Via Cassia, presenta anche una serie
di tombe rupestri (alcune etrusche, ma la maggior parte di età romana), nonché un
edificio ipogeo di forma allungata, a tre navate, che probabilmente in origine era un
Mitreo e che nel Medioevo fu trasformato nella chiesa della Madonna del Parto; la
collina stessa è occupata oggi sulla sommità dalla villa Staderini e dall’annesso parco,
da cui si godono pittoresche vedute sull’arena e sulle gradinate.

Cassino: dubbi sulla datazione


Nel Lazio meridionale, in un territorio che fu prima osco e poi sannita, i resti
dell’anfiteatro di Cassino (Casinum, città che in età imperiale raggiunse il rango di co-
lonia) si impongono all’attenzione per due motivi: 1) ricordano la situazione dell’an-
fiteatro di Avella, in quanto la cavea poggia in parte su un pendio naturale, in parte su
un terrapieno artificiale provvisto di muri radiali; 2) si sarebbe perciò tentati di pensare
a una datazione non dopo la metà del I secolo a.C., ma un’iscrizione menziona un fi-
nanziamento da parte di una ricca dama, Ummia Quadratilla, di cui si conosce la data
di morte: 107 d.C. Si può ipotizzare che in effetti l’impianto fosse piuttosto antico, e
che fra fine I e inizio II secolo si fossero eseguiti lavori di ristrutturazione o restauro.

120
Gli impianti di età augustea in Italia e in Sicilia: Ancona, Aosta, Arezzo, Siracusa, Lecce,
Lucera
Con Ottaviano, prima e soprattutto dopo il conferimento del titolo di Augusto (27
a.C.), si sviluppa, come si sa, a Roma, nelle altre città d’Italia e nelle province dell’Im-
pero un’intensissima attività architettonica e urbanistica: per Roma, in particolare, ce
ne informa l’imperatore stesso nelle sue Res Gestae; fra le altre fonti antiche ricordia-
mo Suetonio (v. Premessa); ma soprattutto abbiamo una gran quantità di evidenze ar-
cheologiche. Gli anfiteatri non mancano: i giochi hanno assunto una crescente popola-
rità; per quanto riguarda le forme architettoniche, esistono soluzioni già sperimentate,
ed esiste certo la capacità di adottarne ancora altre.
Dell’anfiteatro di Ancona restano avanzi notevoli, ma assai parziali: sembra che
l’edificio, costruito alla fine del I secolo a.C., avesse, come altri visti finora, la cavea
poggiata su un terrapieno con muri radiali: questi dividevano la massa della struttura
in dodici compartimenti («terrapieno compartimentato»). Invece l’anfiteatro di Aosta,
che (contrariamente a quanto accade altrove) è inquadrato nel rigoroso impianto ur-
banistico della colonia (Colonia Augusta Praetoria, fondata nel 25 a.C.), presenta uno
dei più antichi esempi di gradinate «a struttura cava», non poggianti cioè su terrapie-
no, né scavate nella roccia, ma sorrette da elementi portanti in muratura: per la preci-

Fig. 48. Lupiae (Lecce): Anfiteatro nel cuore della città attuale, part.

121
sione, due corone concentriche di muri radiali, separati a un corridoio coperto a volta.
Si ritiene comunemente che un’impostazione architettonica del genere sia ispirata alla
cavea del teatro di Pompeo, risalente al 55 a.C. L’anfiteatro di Arezzo, pur conservato
solo in parte, è abbastanza ben comprensibile e ricostruibile: sembra ricordare le carat-
teristiche di quello di Aosta, e si data anch’esso alla prima età imperiale.
A Siracusa, l’anfiteatro è il più vistoso intervento di età romana nel tessuto dell’an-
tica colonia corinzia dell’VIII secolo a.C. Probabilmente il grande edificio fu costruito
intorno al 21 a.C., anno in cui Augusto soggiornò in Sicilia per promuovere la riorga-
nizzazione del territorio: in parte fu scavato con la tecnica di una cava (come si è detto
per Sutri, ma su dimensioni assai maggiori); in parte, la cavea poggia su un terrapieno;
in parte ancora, la struttura è in muratura, con corridoi concentrici e ambienti radiali.
Altri anfiteatri realizzati successivamente nell’isola sono quelli di Termini Imerese (I
secolo d.C.) e di Catania (II d.C.); in alcuni centri, come Taormina e Tindari, furono
riadattati per i giochi i teatri, in linea con quanto prevalentemente avvenne anche in
altre aree dell’Impero che avevano fatto parte in precedenza del mondo greco.
Interessanti i casi noti nel territorio della Regio II (Apulia et Calabria). L’anfiteatro
augusteo di Lecce (l’antica Lupiae) è collegabile in un certo senso con quanto si è visto
a Siracusa. È conservato solo in parte, ma quella parte è molto ben visibile, e ben si pre-
senta, se vogliamo, anche come elemento di arredo urbano nel cuore della città attuale:
il settore orientale era scavato nella compatta pietra del posto, il resto poggiava su vani
radiali e su due corridoi ellittici. La facciata esterna era ad arcate, mentre all’interno,
sopra il consueto podio che separava l’arena dalla cavea, era un parapetto decorato da
scene di venationes. A Lucera (Luceria Apula) l’anfiteatro si impone all’attenzione
sia per la sua struttura (che riprende in parte soluzioni viste fin qui, ma con qualche
variazione), sia perché si è conservata l’iscrizione di dedica, che contiene indicazioni
assai interessanti. Più precisamente: per quanto riguarda la struttura, l’arena e la parte
inferiore della cavea sono scavate nel terreno, il resto poggia su un terrapieno continuo
rafforzato però da muri anulari concentrici. Per quanto riguarda l’iscrizione, la men-
zione delle cariche dell’imperatore Augusto consente una datazione fra 22 e 2 a.C.;
inoltre compare qui per la prima volta la parola amphitheatrum!

Anfiteatri di Roma prima del Colosseo:


Scribonio Curione, Cesare, Statilio Tauro, Nerone
Nel 52 a.C., per consentire lo svolgimento dei giochi in onore del padre defunto,
il futuro tribuno della plebe C. Scribonio Curione fece costruire una struttura che ai
nostri occhi appare mirabolante, ma che era alla portata del patrimonio di conoscenze
tecnologiche antiche, che aveva conosciuto grande impulso in età ellenistica. Ce ne
parla Plinio: furono realizzati due teatri di legno affiancati a stretto contatto fra loro:
anzi, nel punto in cui si toccavano erano, come dire, incardinati, e potevano ruotare
fino a creare un’ellisse (figg. 49-50). Tutto questo sembra dare una spiegazione etimo-
logica alla parola amphitheatrum: si tratterebbe in effetti, letteralmente, di un «doppio

122
teatro». Purtroppo per noi questo edificio è completamente perduto. Come pure è
perduto l’anfiteatro, anch’esso ligneo, che Cesare fece costruire (forse nel foro, forse
nel Campo Marzio) per i giochi indetti in occasione del trionfo del 46 a.C. dopo una
stupefacente serie di guerre vittoriose. Forse è questo l’anfiteatro raffigurato schema-
ticamente in un rilievo del Palazzo della
Cancelleria.
Nel quadro dell’attività edilizia di età
augustea, che abbiamo appena vista in-
tensissima, si inserisce il primo anfitea-
tro in muratura dell’Urbe (alcune parti,
però, dovevano essere ancora in legno),
quello fatto costruire nel 29 a.C. da Sta-
tilio Tauro, membro di una eminente
famiglia che aveva appoggiato l’erede di
Cesare nella lotta contro Marco Anto-
nio. Tauro faceva parte, come ci racconta
Suetonio, di un nutrito gruppo di illustri
personaggi che il fondatore dell’impero
aveva espressamente incoraggiato (po-
tremmo dire costretto?) a partecipare al
rinnovamento architettonico della città:

Figg. 49-50. Roma: doppio teatro


girevole di Scribonio Curione:
ricostruzioni del funzionamento.

123
l’anfiteatro sorgeva nel Campo Marzio, ma non si sa esattamente dove. Secondo alcuni,
i resti sono forse nascosti sotto l’altura su cui sorge Palazzo Cenci, il grande edificio co-
stituito da vari corpi di fabbrica realizzati in più fasi fino al Cinquecento; secondo altri
l’edificio era presso i Saepta, la grande piazza monumentale (inizialmente sede di elezio-
ni, funzione che poi aveva persa) a est del Pantheon. Certamente non era molto grande,
dato che sappiamo che Tiberio rinunciò a usarlo e Caligola cominciò a costruirne uno
nuovo; con l’incendio neroniano del 64 d.C. l’anfiteatro di Tauro andò distrutto.
Poco conosciamo anche della struttura dell’anfiteatro che fu fatto costruire dallo
stesso Nerone nel 57 d.C. (in un solo anno, dice Tacito): era in legno, e questo spiega
la sua scomparsa. Il fatto che fosse in legno però non significa che fosse un edificio di
poco conto. Plinio il Vecchio loda sia la bellezza del velario blu decorato con stelle, sia
un sorprendente dettaglio architettonico: l’uso della trave più lunga mai vista a Roma
(120 piedi), precedentemente impiegata da Tiberio per un ponte sul Tevere, il ponte
della Naumachia. Altre notizie ci danno un’idea del lusso profuso in questa costru-
zione: un lusso che sotto Nerone peraltro non sorprende, se si pensa per esempio alla
Domus Aurea. La sabbia dell’arena era mista a polvere d’oro; le strutture lignee erano
ornate di ambra, che un cavaliere di fiducia dell’imperatore andò a procurarsi in un’ap-
posita spedizione sul Baltico. Il poeta Calpurnio Siculo, che scrive proprio all’epoca di
Nerone, parla di un portico coperto d’oro, di un corridoio ornato di gemme e di altre
meraviglie, esaltando anche il sapiente uso scenografico dei sotterranei dell’arena da
cui uscivano animali per le venationes.
Il cavaliere inviato sul Baltico, peraltro, non era un personaggio di secondo piano:
era Claudio Giuliano, procurator Ludi Magni, poi procurator Ludi Gladiatorii. Dopo
la morte di Nerone, in quell’anno 69 d.C. che vide avvicendarsi quattro imperatori,
Vitellio lo mandò contro Vespasiano, o meglio contro i marinai della flotta di Miseno
che appoggiavano quest’ultimo: Giuliano era al comando di una coorte urbana e di un
gruppo di gladiatori appositamente ingaggiati. Una soluzione in teoria anomala (anche
se non del tutto nuova: v. cap. II), ma che in alcuni casi veniva evidentemente adottata.

Anfiteatri augustei nelle province iberiche


Fra le province dell’Impero, le tre della Penisola Iberica sono quelle dove i giochi
gladiatori hanno un successo più precoce. La conquista, si sa, fu lunga e cruenta: co-
minciò durante la seconda Guerra Punica e finì nel 19 a.C. con Augusto. L’esito, però,
fu una romanizzazione assai accentuata.
Proprio durante le campagne spagnole del conflitto con Cartagine, Scipione l’A-
fricano, dopo aver battuto Annibale, organizzò a Carthago Nova (Cartagena), nel
207 a.C., combattimenti di gladiatori in memoria del padre e dello zio. Si avviava così,
potremmo dire, un rapporto privilegiato fra la penisola e i giochi, che poi, ultimata la
conquista e organizzato il territorio in tre province (Hispania Tarraconensis, Hispania
Baetica, Lusitania), si materializzò con la costruzione di importanti anfiteatri. Nell’8-
7 a.C. si inaugura quello della Colonia Iulia Augusta Emerita (Mérida), capitale della

124
Lusitania: la data è attestata dall’iscrizione con cui si dedica il monumento all’impe-
ratore. A est la cavea poggiava su un pendio naturale, per la restante parte su un ter-
rapieno artificiale diviso in compartimenti da corridoi radiali. La facciata esterna era
rivestita di poderosi blocchi squadrati lavorati a bugnato; al centro dell’arena era, in
origine, un largo bacino (in cui confluivano canali), dove forse si svolgevano nauma-
chie, ma in seguito (II secolo d.C.) questo apprestamento fu modificato, trasforman-
dosi in ambiente sotterraneo.
Non molto più tardi fu costruito l’anfiteatro della Colonia Iulia Augusta Tarraco
(Tarragona), capitale appunto della Hispania Tarraconensis. L’edificio è fuori del cen-
tro urbano, in riva al mare: per sorreggere la cavea vengono impiegate addirittura tre
soluzioni diverse, con un tratto che poggia sul pendio sul quale sorge la parte alta della
città, un tratto costituito da un terrapieno diviso in compartimenti (sono tecniche che
abbiamo appena visto a Mérida) e inoltre un tratto a struttura cava. Al centro dell’a-
rena è un grande ambiente sotterraneo. Un’iscrizione ci informa che la costruzione fu
finanziata da un flamen provincialis, cioè da un sacerdote del culto imperiale. Proprio
a tale culto era dedicato il grandioso santuario che sorgeva sulla città alta: terrazze su
diversi livelli, tempio, circo... Si può pensare che, come vedremo anche (in maniera più
complessa) a Lugdunum (Lione), l’anfiteatro fosse collegato con il culto stesso, che
prevedeva fra l’altro una riunione annuale dei rappresentanti della realtà provinciale.
Nelle province iberiche bisogna ricordare almeno altri due anfiteatri: uno del I secolo
d.C., piccolo ma suggestivo, a Segobriga (Saelices) nella stessa Tarraconensis (cavea per
metà ricavata nella roccia di una collina, per metà costituita da un terrapieno a compar-
timenti), uno, molto noto, a Italica nella Hispania Baetica, città natale di Traiano e di
Adriano: fu questo secondo imperatore a farlo costruire, e ne parleremo più avanti.

L’Anfiteatro delle Tre Gallie a Lione


Nell’ambito delle province galliche, la Gallia Narbonense venne annessa allo stato
romano già nel II secolo a.C., mentre le Tres Galliae (Belgica, Aquitania, Lugdunense),
frutto della conquista di Cesare, ebbero il loro ordinamento nel 51 a.C. Ma è proprio
in queste province più recenti che troviamo l’anfiteatro più antico (fig. 51): più precisa-
mente a Lugdunum (Lione), capitale appunto della Lugdunense, ma sede, nel sobborgo
di Condate, alla confluenza fra Rodano e Saône, di uno straordinario complesso monu-
mentale, che ospitava il Concilium Galliarum. Di che si tratta? Nel quadro delle mani-
festazioni legate al culto imperiale, qui si riunivano il primo agosto di ogni anno, presso
l’Ara di Augusto fondata da Druso nel 12 a.C., i rappresentanti dei sessanta raggrup-
pamenti (nationes) in cui il fondatore dell’impero aveva diviso la popolazione: 25 per la
Lugdunense stessa, 18 per la Belgica, 17 per l’Aquitania. L’Ara, inquadrata da colonne e
situata al centro di un recinto sacro, è andata perduta, ma è nota grazie al ritrovamento di
elementi della decorazione architettonica, e soprattutto attraverso numerosissime ripro-
duzioni in monete coniate appunto a partire dal 12. Si conserva, invece, una parte con-
sistente del vicino anfiteatro, dove si svolgevano giochi celebrativi. Anche qui, come a

125
Tarragona, un’iscrizione ci rivela chi è il
personaggio che ha finanziato la costru-
zione, e anche qui si tratta del sacerdote
del culto imperiale, che in questo caso ha
avuto il contributo del figlio e del nipote:
in base ai dati epigrafici, la datazione deve
essere anteriore al 19 d.C. Inizialmente la
cavea dell’anfiteatro (in parte poggiante
su un pendio naturale, in parte costrui-
ta artificialmente con notevoli difficoltà
dovute al terreno scosceso) presentava
solo quattro gradinate, e quindi era de-
stinata a ospitare poche persone: non do-
veva essere realmente aperta al pubblico,
ma riservata solo ai rappresentanti delle
nationes. Nel II secolo, con Adriano, la
struttura fu ampliata. Malgrado le sugge-
stive motivazioni che erano alla base del-
la costruzione del monumento, le vicen-
de successive per cui ci è noto sono tutte
un po’ sinistre. Caligola vi si installò nel
Fig. 51. Lugdunum (Lione): scorcio dell’Anfiteatro
39 d.C., inscenando ogni tipo di proce-
delle Tre Gallie. dura per perseguitare e derubare i ricchi
Lionesi; nel 69 Vitellio, dopo la vittoria
contro Otone che gli assicurò (sia pure per poco) il potere imperiale, offrì alla popo-
lazione giochi di gladiatori, ma gettò anche ad bestias lo sfortunato Mariccus, che era
stato il promotore di una insurrezione (si tenga presente che, per quanto riguarda questi
due episodi, siamo ancora nella fase in cui la capienza era limitata); nel 177 furono uccisi
nell’arena sette martiri cristiani (cfr. Parte I, cap. VII), e di questo siamo informati da
una lettera che la loro comunità scrisse ai confratelli di alcune comunità di Asia Minore,
lettera poi trascritta da Eusebio di Cesarea. Giovanni Paolo II, nel 1986, volle celebrare
qui un grande incontro ecumenico.

Verona e gli altri anfiteatri fra Augusto e i Flavii in Italia


Probabilmente intorno al 30 d.C. fu costruita l’Arena, il monumento più noto della
Verona romana (fig. 52), situato presso un luogo notissimo della città attuale (Piazza
Bra), ai margini del cuore della città antica, e ancora oggi usato (in seguito a scelte di-
scutibili ma ormai consolidate) soprattutto per eventi musicali. Vi si svolgevano com-
battimenti fra gladiatori e venationes: con le sue misure imponenti (m 152,4 x 123,2),
è uno dei più grandi anfiteatri che si conoscano, per la precisione il quarto in Italia,
dopo quelli di Roma, Capua e Milano. Era capace di 28-30000 spettatori: la cavea era

126
Fig. 52. Verona, Arena:
dettaglio delle arcate.
In basso
Fig. 53. Mediolanum
(Milano): resti
dell’Anfiteatro.

sorretta da un sistema di tre gallerie concentriche fra le quali erano inserite due serie
di vani radiali. La fronte esterna presentava due ordini di 72 arcate più un attico con
finestre arcuate, ma oggi, a causa di spoliazioni e terremoti, è quasi completamente
perduta, se si eccettua la cosiddetta «Ala» con 5 pilastri e 4 fornici. Resta in vista perciò
il nucleo interno della struttura della cavea, dove le arcate sono ben visibili, ma solo
su due ordini, con impiego di blocchi squadrati di pietra chiara di Valpolicella. Pur
incompleto, il monumento ha quindi grande impatto visivo, anche per effetto della
ricostruzione, all’interno, delle gradinate per gli spettatori e per il ripristino dei 64 vo-
mitoria. Notevoli erano i resti della porta Triumphalis (attraverso cui entrava nell’are-
na la parata che apriva i giochi) e di quella Libitinensis, attraverso cui uscivano invece
i gladiatori morti. Tecnicamente funzionale appare il sistema di deflusso idrico, con
canali che passavano sotto la cavea (da segnalare soprattutto quelli di cui erano dotate
le tre gallerie concentriche) e confluivano in un bacino al centro dell’arena: malgrado
la complessità di questa realizza-
zione, non è sicuro che (come pure
è stato ipotizzato) vi si allestissero
spettacoli di giochi d’acqua.
Sia pur di pochissimo, come si
è accennato, l’anfiteatro di Mila-
no (fig. 53), databile anch’esso al I
secolo d.C. (arduo proporre data-
zioni più precise), era più grande
dell’Arena di Verona, ed era il più
grande dell’Italia settentrionale:
si calcola che le misure fossero di
m 155 x 125. Si conserva, però, in

127
misura assai ridotta: alcuni dei muri radiali che sostenevano la cavea; tratti dei muri
curvilinei esterni. Siamo nell’area subito al di fuori delle mura, presso Porta Ticine-
se: recenti indagini hanno fornito, in aggiunta a quelle conoscenze alquanto limitate,
alcuni dati molto interessanti per quanto riguarda le procedure costruttive. Sono sta-
te individuate le grosse buche risultanti dall’estrazione della sabbia necessaria per la
preparazione della malta, nonché i solchi lasciati dalle ruote dei carri impiegati per il
trasporto del materiale; si è anche evidenziato che, a integrazione del trasporto per via
di terra, vi era anche uno spostamento delle pietre da costruzione per mezzo di imbar-
cazioni, dato che si sono poste in luce le tracce di un canale realizzato appositamente.
Sono stati anche istituiti il Parco dell’Anfiteatro e l’Antiquarium «Alda Levi».
Il terzo anfiteatro dell’Italia settentrionale antica in ordine di grandezza (m 132 x
105) era quello di Pola (figg. 54-55): la città, che oggi è in Croazia, era inquadrata nella
regione augustea Venetia et Histria. Il grandioso edificio è quello che oggi ci dà me-
glio l’idea dello sviluppo e del prestigio raggiunti dalla colonia fondata probabilmente
da Cesare (sulla data di tale fondazione si è a lungo discusso), poi distrutta alla fine
delle guerre civili (aveva appoggiato il Cesaricida Cassio) e ricostruita con il nome di
Colonia Pietas Iulia Pola Pollentia Herculanea. L’anfiteatro, ultimato probabilmente
in età giulio-claudia e capace di 23000 spettatori, si trova in riva al mare, al di fuori del
centro urbano: abbiamo visto ormai che questa posizione “periferica”, che tuttavia
non impedisce di apprezzare il forte impatto visivo degli anfiteatri, è molto frequente,
e risponde all’esigenza di non convogliare troppe persone nel traffico cittadino. Ma
torniamo a Pola: la cavea era in parte appoggiata a un pendio naturale; per quasi tutta
la sua estensione era costruita artificialmente, anche se i muri radiali, le gallerie anulari,
le arcate e le rampe che dovevano costituire la struttura portante delle gradinate sono
pressoché scomparsi. Si conserva molto bene invece la facciata esterna: due ordini di
72 arcate in blocchi di pietra squadrata, cui si sovrappone un attico con finestre; a est
si aggiungono all’esterno (e sembra che sia un caso unico) due torri contenenti rampe
di scale all’interno. Singolare, comunque, il confronto con lo stato di conservazio-
ne dell’Arena di Verona, dove è successo esattamente il contrario: perduta la facciata
esterna, sopravvissute le gradinate. Dal punto di vista della configurazione architetto-
nica, notevoli (a parte le torri esterne) appaiono le analogie con l’anfiteatro di Salonae,
capitale della non lontana provincia Illyricum-Dalmatia.
Sempre nell’area della regione augustea Venetia et Histria, ma nell’area degli attuali
Veneto (come nel caso di Verona) e Friuli-Venezia Giulia, sono da ricordare, per mo-
tivi diversi, gli anfiteatri di Padova e di Aquileia. Quest’ultima, si sa, già importantis-
sima in età repubblicana, fu fra le maggiori città dell’Impero romano: l’anfiteatro era
probabilmente commisurato a tale importanza, ma le sue rovine, situate nella zona
sud-occidentale dell’area urbana, sono troppo esigue per poter avere un’idea precisa.
La spoliazione dei materiali antichi, che è stata intensissima in tutta la città, qui è stata
particolarmente rilevante: l’area è oggi occupata da vigneti. A Patavium (Padova),
dove (a differenza di quanto avvenuto ad Aquileia) alla città antica si è sovrapposta
quella moderna, l’anfiteatro, di dimensioni notevoli (m 134 x 97), si trovava immedia-

128
Fig. 54. Pula (Pola): Anfiteatro:
ricostruzione E. Dyggve.
Fig. 55. Pula (Pola): Anfiteatro: scorcio
dello stato attuale.

129
tamente a nord-est del nucleo urbano antico, ed è inserito in un’area estremamente
qualificante della Padova medievale e moderna: fu acquistato dagli Scrovegni, che fe-
cero costruire a ridosso del monumento romano i loro palazzi e la loro celeberrima
Cappella. La facciata esterna della cavea era costituita da due ordini di 80 arcate; le
gradinate erano sostenute da due corridoi ellittici concentrici. Resta oggi in vista un
discreto tratto del muro intermedio fra i due corridoi. Datato in precedenza agli anni
60-70 d.C., dopo nuovi studi è stato collocato in età augustea.
All’estremità opposta dell’Italia settentrionale, troviamo i resti della colonia Augu-
sta Praetoria (Aosta). Più noti, in vista delle Alpi, i resti del teatro, e soprattutto della
scena: l’anfiteatro era immediatamente a nord, a completare, all’angolo nord-orientale
del regolarissimo impianto urbano, una sorta di «comparto dello spettacolo». Il sito è
oggi occupato dal convento di Santa Caterina: nel giardino di quest’ultimo sono visibi-
li otto arcate dell’anello esterno. È stato possibile ricostruire le dimensioni dell’arena:
m 86 x 76, che corrisponderebbero a una capienza di 15000 spettatori, numero perfino
superiore a quello degli abitanti della città (gli spettacoli evidentemente richiamavano
folle anche dai dintorni). L’edificio dovrebbe essere databile alla metà del I secolo d.C.
Nella regione augustea Liguria, ma inserita oggi nel Piemonte, e più precisamente
nell’area delle Langhe, era la città di Pollentia (Pollenzo), lungo la valle del Tanaro, fra
Alba Pompeia (Alba) e Augusta Bagiennorum (Benevagienna). Dell’impianto urbano
antico resta solo l’anfiteatro, riconoscibile però non tanto da resti ben visibili, quanto
dall’inconfondibile andamento ellittico di un gruppo di abitazioni che si è insediato
sulla cavea. Nelle cantine si possono osservare resti delle volte a botte e dei muri ra-
diali su cui poggiavano le gradinate.
Nelle Regiones confinanti (Etruria, Aemilia) e in quelle dell’Italia centrale, a parte
Roma, nessun anfiteatro raggiunge le dimensioni di quelli di Milano, Pola, Verona, ma
gli esempi, quasi tutti di età giulio-claudia (si sa quanto forte era la passione dell’impe-
ratore Claudio per i giochi), sono molto numerosi. In Etruria, Luca (Lucca) si basa su
un impianto ortogonale che è lo stesso della colonia romana: la situazione più carat-
teristica è però proprio quella dell’Anfiteatro. L’edificio, di forma piuttosto semplice
ma di dimensioni non trascurabili, fu costruito nel corso del I secolo d.C.: i lavori
cominciarono probabilmente con Claudio stesso (si sono trovare molte monete risa-
lenti a questo imperatore) ma furono completati in età flavia grazie alla munificenza
(ricordata in un’iscrizione) di un ricco cittadino, Quinto Vibio. Qui, come a Pollentia,
sulla cavea si sono sviluppati edifici, ma in scala ben più monumentale (fig. 56): l’in-
tervento decisivo, nell’Ottocento, è dell’architetto lucchese Nottolini, che creò una
suggestiva Piazza dell’Anfiteatro, con la funzione di «Mercato delle vettovaglie». A
Rusellae (Roselle), l’edificio è ben conservato, e situato in posizione suggestiva, ma la
capienza non doveva essere molto elevata, dato che la cavea è piuttosto piccola: cosa
che contrasta con le dimensioni dell’arena, che invece sono notevoli. La tecnica di co-
struzione della cavea stessa è a terrapieno continuo.
A Interamna Nahars (Terni) abbiamo, come a Tarragona e a Lione, un altro esem-
pio, testimoniato dall’iscrizione di dedica (qui databile al 32 d.C.) da parte di un sacer-

130
Fig. 56. Luca (Lucca): Anfiteatro trasformato
in ”Mercato delle vettovaglie”.

dote del culto imperiale. L’edificio non è fuori del limite del centro urbano (soluzione
che abbiamo visto assai frequente), ma all’interno (sia pure presso l’ingresso in città
della Via Flaminia), vicino al teatro; la cavea era a struttura cava, con una galleria che
correva dietro la facciata. Come accade anche altrove, un dato curioso è l’occupazione
di almeno un terzo della cavea stessa da parte di edifici di età successiva. Anche a Hi-
spellum (Spello) la cavea poggia su strutture artificiali, con la facciata esterna ad arcate,
mentre a Ocriculum (Otricoli) la tecnica è mista: la cavea è in parte scavata nel banco
tufaceo, in parte costruita artificialmente, con una serie di vani radiali. Nell’antica co-
lonia di Alba Fucens fu realizzato intorno al 40 d.C., nei primi tempi di Claudio (forse
era stato già iniziato da Tiberio), un anfiteatro entro le mura, in asse con il reticolo
stradale dell’impianto urbano: la cavea in parte è ricavata nel pendio della collina det-
ta oggi di San Pietro (collina resa suggestiva dalla presenza della bella chiesa del XII
secolo, costruita dove in antico sorgeva il tempio di Apollo), in parte è costituita da
un terrapieno artificiale contenuto da muri realizzati con diverse tecniche. Alla stessa
epoca risale la costruzione dell’anfiteatro di Venafrum presso Isernia: ancor più che a
Terni, la cavea è oggi nascosta (ma non troppo: l’andamento ellittico è ben riconosci-
bile) da strutture successive, in questo caso una grande fattoria medievale.
Questo cammino verso l’epoca flavia, quella cioè in cui fu costruito a Roma il Co-
losseo, culmina con la Campania, regione dove la gladiatura aveva conosciuto, come si
è più volte detto, i primi sviluppi. Sia a Pozzuoli, sia a Capua, nei luoghi in cui erano
stati realizzate importanti arene in età repubblicana, sorgono nuovi e grandi anfiteatri:
nel primo caso siamo poco prima dell’Anfiteatro Flavio, nel secondo poco dopo. L’e-
dificio di Pozzuoli viene definito «neroniano-flavio», perché è vero che fu completato
sotto Vespasiano, ma è anche vero che la costruzione si era avviata prima: secondo
alcuni studiosi, avevano posto mano al progetto anche Severo e Celere, gli architetti
che per Nerone avevano progettato a Roma la Domus Aurea. La cavea era sorretta da
strutture ardite e imponenti: si conserva magnificamente il primo ordine di gradinate;
particolarmente elaborato è il sistema di ambienti di servizio sotto la cavea. L’edificio
ebbe lunga vita. Nel 305, durante le persecuzioni di Diocleziano, furono esposti ad
bestias sette martiri cristiani: il più noto è San Gennaro, che era vescovo di Benevento
ma che divenne poi, come si sa, patrono di Napoli.

131
A Capua, sul sito dell’anfiteatro che aveva visto le gesta di Spartaco, fu costruito
in posizione decentrata, non lontano dal passaggio della Via Appia (presso il centro
dell’attuale città di Santa Maria Capua Vetere), un nuovo edificio (fig. 57) che si data
poco dopo il Colosseo, a cui sembra ispirarsi: all’esterno tre ordini di 80 arcate più
attico, all’interno tre ordini di posti più portico. Di queste gradinate restano settori
molto significativi; ancor meglio ricostruibili, forse, sono gli ambienti, molto estesi,
ricavati sotto l’arena. Nel II secolo l’imperatore Adriano abbellì l’edificio con sculture
e decorazioni architettoniche di gran pregio: viene da qui, per esempio, la statua nota
appunto come Venere di Capua.

Fig. 57. Capua: Anfiteatro presso la Via Appia.

Il Colosseo
Ed eccoci all’Anfiteatro Flavio, l’anfiteatro più famoso e più grande di tutti, model-
lo per molti. Poteva ospitare oltre 60000 spettatori (ma sull’esatta capienza si è a lungo
discusso): vedremo, comunque, che questo è sotto vari aspetti un edificio «dai grandi
numeri». Fu costruito nella valle compresa fra Palatino, Esquilino (con altura della
Velia) e Celio, laddove in precedenza Nerone aveva fatto realizzare un lago artificiale,
uno degli elementi di maggiore attrazione della Domus Aurea: lo sforzo profuso nel
colmare il lago e nel gettare, come base per l’edificio per spettacoli, una gigantesca

132
piattaforma in muratura (costituita in sostanza da una enorme platea ad anello) fa
capire l’importanza simbolico-propagandistica dell’operazione. Vespasiano, il primo
degli imperatori Flavii (69-79 d.C.), ostentatamente praticò una politica di restituzio-
ne all’uso pubblico delle aree che Nerone aveva «privatizzate» per la realizzazione
della sua dimora. Ironia della sorte, proprio Nerone in un certo senso ha lasciato il suo
nome all’anfiteatro, perché la definizione di Colosseo, che viene adottata più tardi (il
nome è testimoniato per la prima volta nell’XI secolo) ma si afferma nell’uso popolare
fino ai giorni nostri, deriva da una non lontana e celebre scultura, la grande statua (la
più grande statua in bronzo dell’antichità: 35 metri, 3 di più del Colosso di Rodi) che
l’ultimo dei Claudii si era fatta erigere e che, modificata in effigie del Dio Sole, era
rimasta sul posto: sarebbe stata poi spostata, non di molto, da Adriano, per occupare
appunto la nuova posizione presso l’Anfiteatro.
Va anche detto che, ovviamente, l’uso di quest’area così importante non era nato
con Nerone: sappiamo che, laddove accanto all’anfiteatro fu più tardi realizzata la Meta
Sudans (v. sotto) e ancor più tardi l’Arco di Costantino, vi era stata a partire dall’VIII
secolo a.C. una serie di fortificazioni, prima a carattere militare (difesa dell’insediamento
sul Palatino) poi a carattere religioso (delimitazione di aree sacre); e si era poi andato
creando un incrocio di strade importantissime. Non solo questo settore, ma l’intera area
della valle fu urbanizzata ed edificata nel I a.C., e forse già Augusto, come si è visto, ave-
va pensato di collocare qui un anfiteatro; Nerone stesso, al momento del suo intervento,
non solo aveva profittato delle distruzioni causate dal famoso incendio, ma aveva anche
sottratto ai privati abitazioni, che evidentemente si erano sviluppate in buon numero.
Vespasiano, poco prima di morire, fece «inaugurare» un edificio che in realtà non era
ancora completato; Tito (79-81 d.C.) portò avanti i lavori, e celebrò una seconda inau-
gurazione che durò cento giorni (ben 5000 belve uccise nelle venationes, mentre non ci
sono pervenute indicazioni sul numero di gladiatori); Domiziano (81-96) completò la
parte alta della cavea e fece costruire i sotterranei dell’arena. L’operazione, che già di per
sé stessa è di enorme portata, appare ancor più notevole se si pensa che furono restaurati
nella zona terme e templi, e che fu creata una serie di ludi, edifici dove i gladiatori abita-
vano e si addestravano (parte I, cap. IV); fu anche creata un singolare fontana di forma
conica, detta Meta Sudans, che oggi non vediamo più (fu abbattuta durante il Fascismo
nella sistemazione dell’area fra l’Anfiteatro e l’Arco di Costantino), ma di cui sono state
recuperate, in scavi della fine del Novecento, attrezzature e canalizzazioni sotterranee. Il
Colosseo è raffigurato in monete dell’80 d.C. (anno dell’inaugurazione da parte di Tito)
e anche in un noto rilievo, che, con altri pure conservati nel Museo Lateranense, pro-
viene dal sepolcro della famiglia di un ricco costruttore, Q. Haterius Tychicus, sepolcro
che fu scoperto (e spogliato) nell’Ottocento in località Centocelle sulla via Casilina. Qui,
l’Anfiteatro è insieme con altri quattro monumenti completati nell’età di Domiziano
(fig. 58). Da ricordare, peraltro, che il più noto dei rilievi è quello detto dell’Apoteosi,
in cui il defunto sul letto funebre è raffigurato in alto, sopra la sommità di un tempio
funerario: scena in cui le prospettive e le dimensioni sono «non naturalistiche», e in cui
domina, catturando l’attenzione, un gigantesco argano.

133
Più volte danneggiato da incendi, più volte restaurato nel corso della sua lunga
vita, l’Anfiteatro era isolato, rispetto alla viabilità circostante, da una zona di rispetto
lastricata in travertino. È davvero imponente nei suoi quattro ordini costruiti in bloc-
chi squadrati, che si impostano su un basamento a due gradini; l’altezza è di 52 metri,
l’asse maggiore e quello minore misurano rispettivamente 188 e 156 metri. I primi tre
ordini si articolano in 80 arcate scandite da pilastri e semicolonne, il quarto ordine,
corrispondentemente, in 80 riquadri scanditi da lesene, in 40 dei quali (cioè, uno sì e
uno no) si aprono finestre (fig. 59). Le semicolonne del primo e secondo ordine han-
no, rispettivamente, capitelli dorici e tuscanici, quelle del terzo ordine hanno capitelli
corinzi a foglie lisce: una variante già attestata in età repubblicana nel Tabularium (il
noto, grande edificio che dal Campidoglio guarda il Foro Romano) e poi nel Teatro di
Marcello. Questa facciata esterna si conserva solo in parte, sufficiente tuttavia a con-
sentire una ricostruzione dell’insieme.

Fig. 58. Roma: monumenti degli Haterii: part. con il Colosseo. Roma, Musei Vaticani.
Fig. 59. Roma: veduta del Colosseo.

134
All’interno, gli ordini di posti erano cinque: un primo settore ad ampi gradoni
(destinati a ospitare appositi seggi, i subsellia), riservato ai senatori e alle loro famiglie,
poi (con denominazioni un po’ complesse) il maenianum primum, il maenianum se-
cundum imum e il maenianum secundum summum, tutti con gradinate in marmo, e
infine il maenianum summum in ligneis, con gradinate, appunto, in legno all’interno
di un portico colonnato.
L’enorme struttura era sorretta da un sistema di ambulacri, muri radiali, rampe, volte,
che si presenta come il più razionale e avanzato fra quelli fin qui realizzati (fig. 60). Alcuni
spazi sono di servizio (come l’ambulacro che gira tutt’intorno all’arena e i corridoi che ad
esso conducono), ma ben più numerosi sono quelli destinati ad assicurare agli spettatori
un veloce accesso alle gradinate, sulle quali infine ci si affacciava mediante molti ingressi
o vomitoria, posti in corrispondenza delle praecinctiones orizzontali che separavano un
maenianum dall’altro; altrettanto veloce, in accordo con le esigenze di sicurezza, era il

Fig. 60. Roma: Colosseo sezione della cavea e delle


strutture su cui poggia.

135
deflusso. Mentre gran parte di questa struttura interna è conservata, molte delle gradinate
sono andate perdute; stessa sorte hanno subìto i palchi che erano posti alle due estremità
dell’asse minore, e che erano riservati all’imperatore e alle più alte autorità.
Sono pure perduti o dispersi, come è fin troppo noto, i preziosi rivestimenti in
marmo che caratterizzavano la facciata esterna (anche nei tratti in cui questa si con-
serva, per il resto, integra) e le numerosissime sculture che erano poste, sempre verso
l’esterno, entro le arcate.
L’arena raggiunse con Domiziano il suo assetto definitivo. In precedenza era pro-
babilmente priva di ambienti di servizio sotterranei, e completamente stagna, tanto

che poteva essere riempita d’acqua per ospitare


battaglie navali. Questo non fu più possibile (se
non in circostanze eccezionali, e presumibilmen-
te a prezzo di grosse difficoltà tecniche) quando
vennero realizzati gli ambienti e i percorsi, molto
complessi, ancor oggi visibili, destinati a ospitare
e spostare (anche con l’aiuto di ascensori) mac-
chine e attrezzature, e soprattutto gladiatori e
animali prima dei combattimenti (figg. 61-62).
Su tutto questo poggiava il campo di battaglia,
costruito in assi e tavole di legno, come mostra il

Figg. 61-62. Roma:


Colosseo: pianta di insieme
dei sotterranei e part. del
corridoio centrale.

136
settore recentemente ricostruito a scopo didattico (e anche per ospitare eventi): sulle
tavole si gettava la sabbia, che tuttavia attraverso gli interstizi doveva, sia pure in mi-
nima parte, cadere di sotto, rendendo ben poco confortevole il tempo di attesa per chi
doveva entrare in scena (parte I, cap. VII).
Se si dovesse esprimere in maniera schematica e sintetica l’assetto di insieme dei
sotterranei, si potrebbe dire che una serie di muri paralleli fra loro, e inoltre paralle-
li all’asse maggiore dell’arena, delimitassero corridoi di lunghezza simmetricamente
decrescente (si assecondava così, ovviamente, la forma ellittica dell’arena stessa) che
dovevano essere allestiti in funzione di svariate destinazioni. Di singolare importanza
era il cosiddetto “corridoio B”, che “avvolgeva” tutti gli altri seguendo l’andamento
ellittico dell’arena: era attrezzato con ben 28 ascensori, fondamentali per portare in
superficie, al momento giusto, uomini e belve.
Si è ricostruito, grazie all’attento studio (da parte di un’équipe dell’Istituto Archeo-
logico Germanico) degli alloggiamenti che furono man mano predisposti sui muri
paralleli per sorreggere le teste delle travi portanti della pavimentazione lignea, che le
fasi di costruzione e ricostruzione furono molteplici (figg. 63-65), e che si protrassero
fino al III secolo d.C., dopo l’incendio e il terremoto che si verificarono nel 217 d.C.,
ai tempi dell’imperatore Macrino.
Da ricordare lo stretto legame dell’Anfiteatro con il Ludus Magnus che sorgeva
immediatamente a est (di cui si parla nella Parte I al cap. IV), collegato da un passaggio
sotterraneo di cui resta un tratto piuttosto limitato. In qualche modo si collegava con
questo passaggio (come una sorta di diramazione) anche una galleria ipogea (fig. 66)
nota come «passaggio di Commodo» (si narra che l’imperatore amante dei giochi e tal-
volta ospite del Ludus sfuggì a stento a un attentato in un anfratto della grande cavea
del Colosseo stesso): un galleria decorata con stucchi e pitture che certo non è davvero
del tempo di Commodo (180-192 d.C.), ma che fu realizzata in un secondo momento
rispetto a quello della costruzione flavia.
Di restauro in restauro, la vita dell’Anfiteatro Flavio fu lunghissima. Gli ultimi
combattimenti fra gladiatori di cui abbiamo notizia si svolsero nel 434-435, le ultime
venationes addirittura nel 523: ma di un uso assai protratto nel tempo abbiamo te-
stimonianza attraverso le indicazioni relative ai loca, i posti assegnati sulle gradinate.
Si ha, distribuita nei secoli con una serie di iscrizioni che si sono andate man mano
aggiungendo, un’ampia gamma di nomi e categorie: numerose, per esempio, sono le
menzioni di senatori di età tardoantica.
La fortuna storica del monumento è stata, si sa, multiforme e rilevante. Fu oggetto
di culto cristiano, anche se bisogna ancora precisare che, rispetto a quanto forse comu-
nemente si ritiene, le condanne “ad bestias” di martiri, e altre forme di persecuzione
spettacolarizzata, non furono particolarmente numerose (cfr. parte I, cap. VII): bisogna
ricordare però che la consacrazione in questo senso, e l’inserimento nella Via Crucis
del Venerdì Santo, si data ad epoche recenti, al 1744, per impulso di Benedetto XIV. Ma
l’Anfiteatro fu visto, nel Medioevo, come tempio di demoni e, alternativamente, come
grande santuario del Sole (coperto in origine, si favoleggiava, da una cupola dorata); fu

137
Figg. 63-65. Roma: Colosseo:
fasi delle strutture murarie dei
sotterranei.
Pagina a fianco
Fig. 66. Roma: Colosseo:
cosiddetto “Passaggio di
Commodo”.

138
anche invaso e trasformato dalle residenze di grandi famiglie (Frangipane, Annibaldi)
che si impiantarono fra le strutture antiche, insieme a case minori, botteghe, fabbriche
di calce ricavata dai marmi. Fu spogliato a lungo nel Rinascimento... Storie del massimo
interesse, che tuttavia esulano dall’orizzonte di questo libro
Il Colosseo, però, è anche un tema talvolta malamente sfiorato, quasi che la sua fama
spinga a menzionarlo nell’ambito delle discussioni più disparate, anche a sproposito.
Abbiamo citato più volte Gladiadores di A. Mañas Bastida: l’autore, probabilmente a
ragione, sostiene che i combattimenti, pur ovviamente rischiosi, non necessariamente
erano mortali, e perciò potevano essere considerati “sport” come la lotta, il pugila-
to, il pancrazio. Da qui deriva un confronto fra la notorietà dei migliori gladiatori e
i campioni dello sport odierno, soprattutto (ovviamente) i calciatori: ma, entrato in
questo mondo, lo studioso spagnolo sembra perdere la bussola. Il Colosseo, dice, era
la Champions League dello sport gladiatorio. Ma che vuol dire? Qui si confondono
l’importanza della sede con quella della manifestazione, e si rischia di gettare l’ombra
del dubbio sul tipo di attenzione con cui l’intero discorso può essere stato affrontato.

Dopo il Colosseo in Italia


Fra gli edifici per spettacolo dei primi due secoli dell’Impero, pochi sono, in Italia,
quelli che si datano con certezza dopo il Colosseo. Risale a poco dopo l’80, nel Pice-
num, l’anfiteatro di Urbs Salvia (Urbisaglia, in provincia di Macerata), ubicato fuori
delle mura a sud della città (fig. 67), lungo la via Salaria Gallica, e fatto costruire da un
eminente cittadino, Lucio Flavio Silva Nonio Basso: aveva fra l’altro guidato nel 73
a.C., al comando della legione X Fretensis, il celebre assedio di Masada. La gradinata
dell’anfiteatro doveva essere divisa orizzontalmente in due o tre ordini di posti: si
conserva bene l’ima cavea (l’ordine più basso), il che consente di apprezzare la plani-
metria, le dimensioni (m 59 x 35) e alcuni interessanti elementi costruttivi. All’ester-

139
Fig. 67 a-b. Urbs
Salvia (Urbisaglia):
due immagini
dell’Anfiteatro.

no, la facciata era movimentata da grossi nicchioni a sezione semicircolare; pilastri in


avancorpo costituivano un portico a livello del terreno, funzionando al tempo stesso
da sostegno per gli ordini superiori (in gran parte perduti). Si conservano resti rilevan-
ti degli ingressi principali, dei canali di deflusso, della porta Libitinensis (attraverso la
quale, come si è detto, si facevano uscire dall’arena i corpi dei gladiatori uccisi).
Al II secolo risale invece l’anfiteatro di Spoletium (Spoleto), situato a ovest e all’e-
sterno dell’originaria cinta muraria lungo il torrente Tessino. Con i suoi m 119 x 90
si collocherebbe fra i più grandi a noi noti, ma resta in pratica solo l’ordine inferiore
(peraltro con un notevole corridoio ellittico a volta): i materiali furono in gran parte
spogliati per costruire la Rocca dell’Albornoz; sulle sue strutture si sono impiantati
la chiesa di San Gregorio Minore e il convento di Santa Maria della Stella. Presentava
all’esterno un doppio ordine di arcate e forse un attico.

140
Fig. 68. Ariminum (Rimini):
resti dell’Anfiteatro.

Pure al II secolo, e più precisamente all’età adrianea, si data l’anfiteatro di Arimi-


num (Rimini), che era al margine nord-orientale dell’importantissima colonia romana
sull’Adriatico (fig. 68). Le misure erano notevoli (m 118 x 68, capienza circa 10000
spettatori), come pure doveva essere notevole la facciata esterna con 60 arcate su due
ordini, presumibilmente con notevole impatto per chi veniva dal mare (la linea di costa
antica era ben più vicina dell’attuale). Resta un discreto tratto dei muri radiali della
cavea. All’epoca di Gallieno e Aureliano (253-276 d.C.) l’edificio fu inglobato nella
cinta muraria frettolosamente apprestata come difesa contro gli Alamanni, che erano
già penetrati in Italia e minacciavano nuovi attacchi.

Anfiteatri della Narbonense


La Gallia Narbonense era una provincia romanizzatissima: anzi, la provincia per
antonomasia, come testimonia il nome attuale della regione, Provence (Provenza),
evidentemente derivato dall’antica definizione dell’unità territoriale. Plinio scrisse ad-
dirittura che la Narbonensis si poteva considerare “Italia piuttosto che provincia”.
Questa situazione si riflette negli impianti urbani (Arelate, Nemausus, Arausio, Aven-
nio, Forum Iulii, oltre alla capitale Narbo Martius: le attuali Arles, Nîmes, Orange,
Avignone, Fréjus, Narbonne) e nella qualità dei singoli edifici.
Ad Arles, fra l’altro, si costruiscono fra il 60 e l’80 d.C. nuovi grandi edifici per spet-
tacolo: il circo, in area suburbana, e soprattutto un anfiteatro di notevoli dimensioni,
capace di 26000 spettatori (figg. 69-70). Magnificamente conservato (pur con l’aggiunta
di qualche struttura risalente a quando, nel Medioevo, fu usato come fortezza), usato
talvolta per corride (la Provenza ha importato la tauromachia dalla vicina Spagna), pre-
senta all’esterno due ordini di arcate, inquadrate da colonne con capitelli dorici (ordine
inferiore) e con capitelli corinzi (ordine superiore). Particolarmente accurata è la realiz-

141
zazione delle gallerie coperte a volta, dei muri radiali e delle altre strutture sottostanti
la cavea. L’anfiteatro nasce nell’ambito di un nuovo piano di sviluppo urbano, che si
aggiunge al nucleo originario, augusteo: segue perciò, rispetto a quest’ultimo, un orien-
tamento diverso, in asse con un ponte di battelli sul fiume Rodano.
Arles era, sotto l’amministrazione romana, una sorta di laboratorio urbanistico e
architettonico, destinato a fungere da modello per le altre città della provincia. Lo
schema dell’anfiteatro viene ripreso rapidamente a Nîmes, città vicina e rivale, in ma-
niera assai fedele (qui, inoltre, non vi saranno interventi architettonici successivi rile-
vanti) anche se con qualche variazione: capienza di 24.000 spettatori anziché 26.000,
all’esterno capitelli dorici sia nell’ordine inferiore sia in quello superiore (fig. 71), gal-
leria sottostante la cavea coperta con lastroni piatti anziché a volta (fig. 72). Anche qui
è da registrare un uso moderno come sede di corride: sia Arles sia Nîmes, del resto,
distano poco dalla Camargue, area di grandi allevamenti di tori.
Notevole anche l’anfiteatro di Fréjus, risalente probabilmente alla fine del I secolo
d.C. (l’insediamento era stato fondato, molto prima, come colonia dei veterani della
battaglia di Azio del 31 a.C.): situato subito all’esterno della cinta muraria della città,
è parzialmente appoggiato a un’altura naturale. Conteneva circa 10.000 spettatori: i
resti sono abbastanza notevoli, e consentono di ricostruire, rispetto agli altri edifici
analoghi della provincia, una struttura più semplice, con gradinate e con ordini esterni
di dimensioni abbastanza contenute, ma con un attico molto alto. L’arena era scavata
nel suolo per una profondità di circa due metri.

Figg. 69-70. Arelate (Arles): due immagini dell’Anfiteatro.


Pagina a fianco: figg. 71-72. Nemausus (Nîmes): due immagini dell’Anfiteatro.

142
Anfiteatri delle province europee dell’Impero romano nel I e II secolo d.C.
Italica era uno dei più antichi insediamenti romani nella Penisola Iberica, e più pre-
cisamente nella provincia di Hispania Baetica: fu città natale degli imperatori Traiano
e Adriano e, per volontà di quest’ultimo, conobbe un forte impulso urbanistico con
la creazione di una Nova Urbs dall’impianto regolare. Un’iniziativa più celebrativa
che dettata da esigenze reali: la città non scavalca Corduba nel ruolo di capitale pro-
vinciale. Gli edifici però sono cospicui: case mosaicate, Traianeum (tempio di Traiano
divinizzato dopo la morte), anfiteatro. L’arena è situata fuori del perimetro della Nova
Urbs, e impostata secondo assi non coincidenti con quelli dell’impianto urbano: l’e-
dificio poteva ospitare 25000 spettatori, e il dato è notevole in quanto gli abitanti di
Italica si calcolano in 8000. Da un lato, bisogna pensare che fosse previsto anche per
le folle di appassionati provenienti da città vicine; dall’altro lato, questa capienza so-
vradimensionata è un ulteriore indice degli intenti eminentemente celebrativi di cui si
è detto. L’anfiteatro è quindi fra i più grandi del mondo romano, ma è anche fra quelli
più intensamente spogliati: i materiali vennero usati per la costruzione di Siviglia. Re-
sta una grossa porzione del primo ordine di posti della cavea e di parte del secondo,
compresi i vomitoria; si è rinvenuta qui, inoltre, la famosa iscrizione di bronzo dell’e-
poca di Marco Aurelio (161-180 d.C.), copia (di cui abbiamo già parlato: Lex Itali-
censis) di una delibera del Senato sulla diminuzione delle spese per i giochi gladiatorii.
In Gallia Belgica, spicca soprattutto Augusta Treverorum (Trier, Treviri), città
fondata da Augusto, che nell’epoca tetrarchica diverrà una delle capitali dell’impero.
Restano monumenti importantissimi: fra questi l’anfiteatro, costruito all’inizio del II
secolo d.C. L’arena reca al centro un sotterraneo a pianta cruciforme; la cavea, capace
di 20000 spettatori, è appoggiata a un’altura (Petrisberg), ma il pendio naturale è rego-

143
.
larizzato e completato da una cavea in muratura. Si ha perciò una situazione piuttosto
singolare: un’ellisse di tre ordini di gradinate circondata da terrapieni. Alle estremità
dell’asse maggiore dell’ellisse stessa erano due porte monumentali. Quando, alla fine
del II secolo, si costruisce il muro di cinta della città, si verifica una realtà anch’essa
singolare: le mura inglobano l’anfiteatro (fig. 73: si noti la linea delle mura stesse, con-
trassegnate con “M”), sovrapponendosi alla parte occidentale della cavea, sfruttando
la porta settentrionale e lasciando all’esterno quella meridionale. L’edificio per spetta-
colo assume l’inconsueta funzione di porta di città: chi entra a Treviri da questa parte
deve attraversare l’arena.
Se nella Belgica domina la scena l’anfiteatro della città capitale, in un’altra provincia
delle Tres Galliae, l’Aquitania, gli edifici di questo genere erano senz’altro più numerosi.
Ma a Vesunna (Périgueux), a Augustoritum (Limoges), a Limonum Pictorum (Poitiers),
nonché a Arduenna (Lardenne, uno dei quartieri di Tolosa), le strutture superstiti sono
scarse o nulle; solo a Mediolanum Santonum (Saintes) e a Burdigala (Bordeaux) abbia-
mo resti più consistenti. A Saintes, la costruzione dell’anfitetatro, che era stata avviata
durante il principato di Tiberio, fu completato durante quello di Claudio. L’edificio,
situato sul fondo di una stretta vallata, è quasi completamente ricavato nella roccia, se si
eccettuano le due estremità dell’arena ellittica; la capienza doveva essere di circa 20000

Fig. 73. Augusta Treverorum (Tier-Treviri): pianta


dell’Anfiteatro. Con “M” è indicato il tracciato
delle mura che ne modificano le funzioni.

144
spettatori. Più noto è l’anfiteatro di Bordeaux, in quanto i resti sono ben visibili e sono
situati in zona centrale nel tessuto della città attuale: si tratta della porta settentrionale
e di alcune arcate. La definizione popolare di questo complesso, a partire dal Trecento,
era «Palazzo di Gallieno», espressione che a sua volta era una deformazione di Palacium
Gallienae, espressione con cui nel medioevo si faceva riferimento a Galliena, fanciul-
la saracena che Carlo Magno aveva sposato in gioventù in Spagna. Un po’ di fantasia
nei nomi, dunque: di recente si è ricostruito che la cavea doveva essere sorretta da tre
gallerie concentriche e da mura radiali, e doveva aprirsi all’esterno con una serie di 60
arcate. La tecnica edilizia, costituita da mattoni alternati a blocchetti squadrati, sembra
paragonabile a quella in uso in molti edifici del III secolo d.C.: qualche studioso però
tende ad anticipare tale datazione, qualche altro ad attribuire i resti a noi noti a una fase
di rifacimento di un impianto precedente. Tentativi, forse, di rispondere a una domanda
che ci si potrebbe porre se si accettasse sic et simpliciter la datazione al III: come mai una
città così importante non aveva un anfiteatro prima di tale epoca?
Per quanto riguarda la Gallia Lugdunense, si è già detto dell’ «Anfiteatro delle Tre
Gallie» a Lione, ricordando non solo le sue caratteristiche architettoniche ma il suo ri-
levantissimo ruolo sia dal punto di vista politico, sia dal punto di vista religioso (punti
di vista che spesso nel mondo romano venivano fatti coincidere). Un altro anfiteatro
importante è a Caesarodunum Turonum (Tours): era parzialmente scavato nella roc-
cia, ma era integrato con strutture in muratura, fra cui i quattro ingressi monumentali.
Alcuni muri erano alti fino a 20 metri. Costruito in età adrianea (117-138 d.C.), il mo-
numento venne rimaneggiato intorno al 275, quando venne inglobato nelle mura che,
qui come altrove, si allestirono frettolosamente in presenza della pressione dei Barbari
alle frontiere dell’impero.
Nella Lugdunense, in ogni caso, sono particolarmente noti i cosiddetti teatri-an-
fiteatri, o anfiteatri a scena. Si tratta di teatri dotati di una cavea maggiore del semi-
cerchio, che non forma però un’ellisse completa; è presente un edificio scenico, ma al
posto dell’orchestra c’è una vera e propria arena, pur se di dimensioni non enormi. In
sostanza, sono teatri adattati per ospitare, accanto ad altri tipi di spettacolo, giochi gla-
diatorii. È un tipo di monumento piuttosto diffuso, come vedremo, anche in altre aree
originariamente celtiche: in questa provincia è testimoniato a Iuliobona (Lillebonne),
dove peraltro conosciamo inoltre un teatro «normale»; a Iuliomagus (Angers), dove si
data all’età di Claudio (41-54 d.C.); ad Aragenua (Vieux), dove l’edificio appare il frut-
to dell’ampliamento (realizzato con gradinate lignee) di un precedente teatro; a Der-
ventum (Drévant), dove la presenza di una scena costituita da una piccola piattaforma
(per dare spazio anche ad altri tipi di spettacolo) testimonia di un edificio polivalente
che poteva ospitare 5000 spettatori ed era dotato, a quanto si può ricostruire, di ottima
acustica; e infine a Lutetia Parisiorum (Paris, Parigi), dove (come a Lillebonne) abbia-
mo sia un teatro vero e proprio, sia, appunto, un teatro-anfiteatro. Quest’ultimo si
trova in quello che oggi chiamiamo Quartiere Latino, sulla Rive Gauche, ed è in parte
ricavato nel pendio della collina detta Sainte-Généviève. Fu costruito nel I secolo d.C.:
delle strutture originarie conosciamo oggi circa un terzo (recuperato a fine Ottocento

145
grazie anche alle insistenze di Victor Hugo), ma è stato possibile calcolare che la cavea
contenesse 35 file di posti, e potesse ospitare fino a 15000 persone.
Per quanto riguarda le province germaniche, dobbiamo citare almeno un caso nella
Germania Inferior e tre nella Germania Superior: a Xanten, sul corso inferiore del
Reno, e a Windisch, Avenches, Augst sul corso superiore.
Presso l’attuale incantevole villaggio di Xanten fu fondata attorno al 100 d.C., non
lontano da un precedente castrum detto Castra Vetera, la Colonia Ulpia Traiana. Dal
1977 a Xanten è visitabile un grande parco archeologico, dove i monumenti della città
fondata da Traiano sono ricostruiti con grandissimo impegno e rigore: fra questi spic-
ca l’anfiteatro, la cui cavea era interamente artificiale (mancano alture cui appoggiare
la struttura), ed era costruita in parte in pietra, in parte in legno. L’edificio fu eretto,
come spesso accadeva, in corrispondenza di un angolo delle mura della città, in questo
caso l’angolo sud-est, circa un secolo dopo l’insediamento della colonia: fu perciò in-
serito in un progetto urbanistico già consolidato.
Nella Germania Superior, l’anfiteatro di Vindonissa (Windisch) era un edificio pic-
colo, ma dotato di ingressi monumentali, costruito in parte in pietra, in parte in legno
(fu usato fra I e IV secolo d.C., e i resti, opportunamente riadattati, si usano ancora).
L’anfiteatro di Aventicum (Avenches) era di dimensioni considerevoli. Fu costruito
probabilmente poco dopo la fondazione della colonia stessa da parte di Vespasiano
(75 d.C.), presso il teatro, nell’ambito dunque di un settore urbano dedicato al mondo
dello spettacolo. Difficile stabilire con esattezza la capienza, anche perché le gradinate,
che erano in legno, sono andate perdute: le misure complessive erano di metri 115 x
87. L’elemento più significativo era forse il grande ingresso monumentale, dotato di
un arco e forse preceduto da un portico curvilineo. Aventicum è una delle città più im-
portanti della Superior¸ insieme ad Argentorate (Strasbourg, Strasburgo) e a Mogon-
tiacum (Mainz, Magonza): per trovare un altro edificio che ci interessi in questa sede,
bisogna però prendere in considerazione Augusta Raurica (Augst). Più che di un altro
edificio, si dovrebbe parlare di una serie di edifici sovrapposti: in questa città in cui si
conoscono anche altri monumenti non trascurabili, lo spazio riservato agli spettacoli
fa parte di un grande complesso che comprende anche il foro e due templi. In epoca
augustea fu costruito un teatro, la cui cavea era parzialmente appoggiata a un’altura
naturale. Negli ultimi decenni del I secolo d.C., su quell’edificio se ne sovrappose un
altro, che si può considerare un teatro-anfiteatro: la principale novità introdotta (al di
là di alcune modifiche nella cavea) è infatti una vera e propria arena ellittica al posto
dell’orchestra. Alla metà del II secolo questo complesso fu distrutto, e fu di nuovo co-
struito un teatro vero e proprio: si deve pensare che sia stato costruito altrove, in que-
sto momento, un anfiteatro in piena regola, anche se non sappiamo esattamente dove.
In Britannia, gli anfiteatri sono piuttosto numerosi, anche se non di grandi dimen-
sioni: in una provincia, come si sa, fortemente militarizzata, spesso si trattava di edifici
riservati più alle guarnigioni che alle popolazioni civili. La cavea era quasi sempre
costituita da terrapieni. A Isca Silurum (Caerleon) l’anfiteatro, costruito subito dopo
la conquista nel 43 d.C. e restaurato intorno al 90, presenta una cavea, appunto, in

146
terrapieni compartimentati, capace di circa 6000 spettatori. A Deva Victrix (Chester)
l’edificio, costruito in muratura intorno all’80 d.C. presso un angolo della fortezza
legionaria (fig. 74), era di poco più grande. Forse il maggiore della provincia, che pro-
prio con Caerleon si contende una singolare prerogativa: quella (secondo alcuni stu-
diosi inglesi) di essere stata la prima sede della Tavola Rotonda di Re Artù.
A Durnovaria (Dorchester) la cavea è su terrapieno continuo: sembra che l’edificio
sorga sul posto di un circolo megalitico preistorico. A Calleva Atrebatum (Silchester)
l’edificio, sempre fuori delle mura, è capace di 4500 spettatori. Sicuramente impor-
tanti erano gli impianti di Camulodunum (Colchester), che fu capitale della provincia
prima di Londinium (Londra), e di Rutupiae (Richborough), uno dei porti più attivi,
i cui avanzi però non sono troppo significativi. Da ricordare anche gli impianti di
Corinium (Cirencester), Durnovaria (Dorchester), Venta Silurum (Caerwent), Viro-
conium (Wroxeter), e anche, per motivi molto particolari (cfr. p. 54), l’anfiteatro di
Londinium. A Verulamium (St. Albans) è in corso da lungo tempo uno degli scavi
più notevoli fra i tanti eseguiti nell’Isola, che ci ha rivelato estensivamente gran parte
di un’antica città, con le sue case, i suoi templi (fra cui un santuario di tipo cosiddetto
gallo-romano, a pianta quadrata e galleria perimetrale) e con un tipo di edificio per
spettacolo anch’esso evidentemente noto in area celtica, e cioè un teatro-anfiteatro.

Fig. 74. Deva Victrix (Chester): castrum


sviluppatosi in città e anfiteatro. Ricostruzione.

147
Lungo le Alpi era distribuita una serie di province: le Alpes Maritimae, Cottiae e
Graiae (o Atrectianae atque Poeninae) nell’arco occidentale, la Raetia e il Noricum
più a est: da ricordare gli anfiteatri di Segusio (Susa), capitale delle Cottiae, in un’area
che oggi fa parte del Piemonte, e di Cemenelum (Cimiez), capitale delle Maritimae, in
un’area che oggi si trova in Francia, e costituisce, più precisamente, un elegante quar-
tiere di Nizza. Sono due anfiteatri piuttosto piccoli: anzi, quello di Susa, costruito nel
II secolo d.C. sulla strada che porta al Mons Matrona (Monginevro), è il più piccolo
su suolo italiano, con i suoi 46 metri per 37 e con i suoi 3 ordini di gradinate; quello
di Cimiez, costruito in età augustea e rifatto nel III secolo, non è di molto più grande:
sembra sia stato ricavato nel sito di una fortezza celtica del III a.C. Nella Rezia e nel
Norico non disponiamo di realtà di pari interesse, se si eccettua l’anfiteatro di Viru-
num, capitale del Norico a partire dal 45 d.C (fig. 75). Presenta varie fasi costruttive
(importanti quelle dell’età di Adriano e dell’età di Commodo), ma è soprattutto pecu-
liare la sua forma allungatissima, più che un’ellisse un rettangolo con i lati minori ri-
curvi. Una forma che ricorda in qualche modo, come fra poco vedremo, quella dell’an-
fiteatro di Cherchel in Mauretania, che si data alla fine del I secolo a.C.: ma, mentre in
quel caso la forma è stata spiegata ipotizzando che non fosse stato ancora sviluppato
un tipo di arena “canonico”, a Virunum si è invece pensato che non si trattasse di un
anfiteatro vero e proprio, ma di un luogo di addestramento.
In Pannonia abbiamo a Carnuntum (Bad Deutsch Altenburg - Petronell) e ad
Aquincum (Budapest) importanti città che si sviluppano da insediamenti militari. Si-

Fig. 75. Virunum (presso Magdalensberg): Anfiteatro: veduta aerea


Pagina a fianco: fig. 76. Viminacium (presso Kostolac): città e Anfiteatro raffigurati nella Colonna Traiana.

148
tuazioni non inconsuete, ma qui la articolazione in strutture di difesa e strutture civili
si manifesta, quasi come uno sdoppiamento di servizi, proprio nella presenza di due
anfiteatri diversi per ognuna delle due città. Dei quattro edifici, tre presentano una
cavea costruita su terrapieno. Il più importante è l’anfiteatro civile di Aquincum, il più
grande delle province danubiane, che presenta strutture in muratura: sia l’arena, sia la
cavea presentano numerose irregolarità e asimmetrie.
In Moesia Superior si conosce l’anfiteatro di Viminacium (Kostolac), importante
città a ridosso del Danubio, in un’area oggi appartenente alla Serbia: è stato scavato ed
è in corso di ricostruzione, e forse sono stati individuati i resti di una seconda arena.
Viminacium e il suo anfiteatro sono raffigurati nella Colonna Traiana (scena 25 del
lungo rilievo che narra le guerre daciche del 101-102 e 105-106 d.C.: fig. 76): qui giun-
ge sul limes danubiano l’esercito di Traiano dopo una lunga marcia di avvicinamento
all’inizio della seconda campagna, ma già nel corso della prima il sito aveva avuto
notevole importanza.
La Dacia è la provincia conquistata da Traiano con le celebri guerre del 101-102 e
105-107, raccontate nella Colonna Traiana. Non restò lunghissimamente nell’Impero
romano, dato che fu abbandonata nella seconda metà del III secolo d.C. da Aureliano,
ma conobbe un’intensa attività urbanistica e architettonica, a partire dalla capitale Ulpia
Traiana Sarmizegetusa, che riprende nel nome, ma non nell’ubicazione topografica (dista
circa 60 chilometri), l’eredità dell’antica capitale del re Decebalo, Sarmizegetusa Regia.
Fra gli altri importanti monumenti (foro, templi…) spicca un cospicuo anfiteatro (fig.

149
Fig. 77. Ulpia Traiana
Sarmizegetusa:
Anfiteatro: veduta
dell’arena.

77): l’arena è abbastanza ben conservata, e sembra fosse provvista di alcuni sia pur mode-
sti spazi sotterranei; la cavea poggiava su strutture in muratura, fra le quali si conservano
soprattutto resti di muri radiali in blocchetti non squadrati. L’anfiteatro, oltretutto, fun-
zionava da polo di riferimento per una rilevante area sacra extraurbana, ma aveva anche,
nelle vicinanze, una schola gladiatorum, vasto edificio suddiviso in molteplici ambienti.
Altre arene erano a Buridava sul limes Alutanus (il confine della provincia lungo il fiume
Olt), presso il castrum di Micia (si trattava dunque di un anfiteatro castrense) a Drobeta
(è raffigurato in un’altra scena della Colonna Traiana, la n. 72) e a Porolissum.
In Dalmatia, si è individuato, sia pur ipoteticamente, il sito dell’anfiteatro di Ia-
der (Zadar, Zara), mentre si conserva in notevole misura (fig. 78-79) l’anfiteatro della
capitale Salonae (in questa città si conservano resti anche del teatro, e sono in pratica
questi gli unici due edifici per spettacolo noti nella provincia). Tale anfiteatro si trova
all’estremità nord-occidentale della cinta muraria: le mura stesse aderiscono per oltre
metà della circonferenza all’esterno della cavea, e non è facile dire quali siano le rela-
zioni cronologiche e funzionali fra le une e l’altra, anche se entrambe le realizzazioni
dovrebbero inquadrarsi nell’ambito del II secolo d.C. La cavea si divide in due ordini
(maeniani), cui si aggiunse, all’epoca di Diocleziano, un loggiato sovrastante; all’ester-
no, a questi tre livelli corrispondevano due ordini di arcate e uno di finestre rettango-
lari, provvisto inoltre di mensole forate destinate a ospitare i pali per il velum. Si con-
servano gran parte delle sostruzioni dei muri e radiali e molte delle arcate di sostegno
della cavea, che doveva ospitare fra i 13000 e i 15000 spettatori; la pietra impiegata era
(come in molti edifici di Salonae) cavata nell’isola di Brattia (Brač). L’edificio, uno dei
più importanti della provincia, è stato confrontato con l’anfiteatro di Pola (che, come
già detto, si trova oggi anch’essa in Croazia come Salona-Spalato, ma in età romana

150
Fig. 78-79. Salonae
(presso Split-Spalato):
Anfiteatro: ricostruzione
Dyggve e stato attuale.

151
non era in Dalmazia, bensì nella Venetia et Histria). Alle innegabili analogie (si veda-
no le finestre del terzo ordine) sono da aggiungere alcune differenze: non si trovano a
Salona, né in realtà altrove, le torri esterne con rampe di accesso che caratterizzano il
monumento istriano.
A sud della Dalmazia, nel montuoso Epiro, spiccano in età romana Dyrrhachion
(che prosegue la vita della greca Epidamnos), oggi Dürrhës-Durazzo, e Buthroton
(Butrinto). L’anfiteatro di Durazzo, capace in origine di 15000-20000 spettatori, si
conserva per metà circa delle sue dimensioni: la cavea è sorretta da corridoi ad anello
(asimmetrici), scale, gallerie. La datazione è in età traianea; nell’edificio si inserirono
nell’Alto Medioevo diverse cappelle, e alla cavea si addossarono le mura bizantine.
Nel mondo greco-asiatico, i munera erano ugualmente popolarissimi, ma si svol-
gevano nei teatri, talvolta opportunamente riadattati: i soli anfiteatri noti sono a Co-
rinto, nella provincia di Achaia (noto anche nell’ambito delle avventure dell’Asino
protagonista delle Metamorfosi di Apuleio), e a Cizico e a Pergamo, nella provincia di
Asia. Le strutture superstiti, in tutti e tre i casi, sono piuttosto scarse, il che ci costringe
a liquidare con queste poche righe la situazione di aree culturali per altri versi impor-
tantissime. Sull’edificio di Pergamo, c’è da osservare che la cavea era di una particolare
forma, quasi circolare più che ellittica, e che la cavea stessa era scavata nella roccia.
Più numerosi gli esempi dei primi due secoli dell’età imperiale per quanto riguarda
le province africane, anche se la loro distribuzione è singolare: pochi sono quelli della
Mauretania e della Numidia, più numerosi quelli dell’Africa Proconsularis¸ mentre per
la Cirenaica si conosce solo quello della stessa Cirene. Fra gli anfiteatri della Maure-
tania (corrispondente a parte dell’attuale Marocco e dell’attuale Algeria, e divisa in
Mauretania Caesariensis e Mauretania Tingitana) si impone all’attenzione (fig. 80) il
singolare edificio di Caesarea Iol (Cherchel), nella parte di provincia a cui dà appunto
il nome: edificio creato, addirittura prima che fosse costituita la provincia, ad opera del
re Giuba II, che era amico di Augusto e che si era prefisso lo scopo di costruire una
Roma in Africa. Ed ecco così un progetto urbanistico ambizioso, con lunghe mura, un
foro, templi: si fonda una città che sarà notevolissima inoltre dopo la creazione della
provincia di Mauretania Caesariensis, e che sarà abbellita anche da Settimio Severo
con la creazione di un secondo foro. L’anfiteatro è degli stessi anni in cui a Roma si
costruisce il Teatro di Marcello (25-15 a.C.), ma non esiste ancora un anfiteatro stabile:
quindi la pianta, non ancora codificata, si presenta a Cherchel in forma non propria-
mente ellittica, ma come «somma» di una parte rettangolare al centro e di due parti
semicircolari alle estremità (se ne è già accennato poco fa parlando di Virunum). Altro
dato peculiare: l’arena, con i suoi 4042 metri quadrati, è la più grande finora nota nel
mondo romano.
Come se non bastasse, esisteva a Cherchel anche un teatro-anfiteatro. O meglio: in
origine era un teatro, anch’esso costruito sotto Giuba II, la cui cavea era poggiata su
un’altura naturale; sulla sommità della cavea stessa era un tempio; la frons sceaenae era
costituita da tre ordini sovrapposti di colonne corinzie. Quando, nella seconda metà
del I secolo d.C., l’edificio viene trasformato – appunto – in teatro-anfiteatro, la scena

152
Fig. 80. Caesarea Iol (Cherchel): Anfiteatro: pianta.

non viene abbattuta, perché si lavora soprattutto sull’orchestra, abolita per far posto a
un’arena, e sulla cavea, ampliata anche se non «raddoppiata».
Nella stessa provincia, un teatro-anfiteatro è anche a Lixus, nella Tingitana, ed è un
altro edificio assai singolare: l’arena, circolare e non ellittica, è parzialmente ricavata dal
taglio della collina su cui sorge l’acropoli, complesso a sua volta molto problematico; sul
fronte di questo taglio fu ricavato un emiciclo di gradini in muratura; per il resto, l’arena
stessa è circondata semplicemente da un alto muro, decorato però da pitture.
Infine, tornando in Caesariensis, è da ricordare l’anfiteatro di Tipasa: la cavea, co-
struita su terrapieno compartimentato, poteva ospitare oltre 5000 spettatori. Resta una
notevole porta di ingresso, e soprattutto resta la singolare planimetria, con la cavea che
presenta, come d’uso, forma ellitica, ma è delimitata da un muro perimetrale rettango-
lare: uno schema che, semmai, si trova talvolta nei ludi o scuole di gladiatori.
In Numidia (entità territoriale che finisce per confluire nell’ Africa Proconsularis)
conosciamo anfiteatri a Gemellae, Theveste, Lambaesis, Rusicadae; nella Proconsularis
vera e propria ne conosciamo oltre venti. Fra quelli dei primi due secoli dell’Impero,
se ne ricordano due a Cartagine, uno dei quali era addirittura il quinto del mondo per
grandezza, dopo quelli di Roma, Capua, Pozzuoli e Verona, ma non ci ha lasciato re-
sti particolarmente significativi: per secoli, durante il Medioevo, viene segnalato come
oggetto di ammirazione per le sue arcate, poi viene spogliato di tutti i materiali finché
non resta visibile la sola arena. Due anfiteatri erano anche a Thysdrus (El Djem): uno
più piccolo (forse nato come ludus) ma assai interessante, che in origine era scavato nella
roccia ma che poi fu dotato (II secolo d.C.) di una cavea più grande in muratura sorretta

153
da compartimenti giustapposti; l’altro, famoso e importantissimo, è il cosiddetto «Co-
losseo Africano» che si data al III secolo e che perciò tratteremo successivamente.
Spicca fra gli altri l’anfiteatro di Leptis Magna (la grande città sorta sul sito di un
antico emporio fenicio), inaugurato durante il principato di Nerone nel 56 d.C.: fu re-
alizzato usando come una cava, tagliandola dall’alto, una collina di arenaria (fig. 81). I
gradini, rivestiti di lastre di calcare, recavano in neo-punico i nomi dei proprietari, dei
porti, fra cui Alessandrini, Nicomedensi e altri commercianti di origine orientale che
forse avevano contribuito alle spese. La capienza era di circa 16.000 spettatori. Sopra
le gradinate settentrionali era un sacello dedicato ad Artemide Efesia. Qui come altro-
ve, l’arena ospitava ambienti e gallerie sotterranei, come in quello di Sabratha, pure in
Tripolitania, che però si conserva in misura molto minore.
Nel 172 d.C. si aggiunse il circo, lungo 450 metri, in parte scavato anch’esso nel
banco di arenaria: fra i due edifici fu stabilito un collegamento mediante una galleria.
Sempre nell’ambito dell’attuale Libia, ma non in Tripolitania, bensì in Cirenaica
(parte della provincia di Creta et Cyrenae), troviamo Cirene, che era stata fondata da
coloni greci provenienti da Thera nel VII secolo a.C. (data tradizionale: 631). Nume-
rosissimi i monumenti di grande importanza: un teatro greco del VI a.C., sul ciglio di

Fig. 81. Leptis Magna: Anfiteatro scavato nella roccia.


Pagina a fianco: fig. 82. Castra Albana (Albano): Anfiteatro.

154
un’altura che guarda verso Apollonia, fu trasformato nel II d.C. in anfiteatro con la
creazione di un’arena e con l’aggiunta di nuovi posti, quasi sfidando il pendio.

Anfiteatri del III secolo d.C.


Si può dire che, nella stragrande maggioranza dei casi, le città e le comunità che ave-
vano avvertito l’esigenza di dotarsi di un anfiteatro (a Roma, in Italia o nelle province)
avevano provveduto entro il II secolo d.C. Nel III, le arene di nuova costruzione non
sono molte, ma ve ne sono da ricordare alcune che sono espressione di situazioni dav-
vero peculiari.
La prima situazione che ci si presenta è ad Albano, nei Castelli Romani: è l’area (in-
sieme con quelle di Marino, Ariccia, Rocca di Papa) dove in tempi remoti si era esteso il
territorio di Alba Longa, e dove, in età romana repubblicana e imperiale, si era insediata
una serie di ville di potenti personaggi, poi passate, con Domiziano, fra i possessi dell’im-
peratore. Proprio all’inizio del III secolo (202 d.C.), Settimio Severo insediò qui i Castra
Albana, la base fortificata della sua guardia del corpo costituita in gran parte da soldati
della Legio II Parthica; attorno alla metà dello stesso secolo, fu fondato un anfiteatro,
che certo era un punto di riferimento per i militari (anche per addestramenti?), ma che
conteneva fino a 16000 spettatori, e quindi era aperto anche a un pubblico più allargato
(fig. 82). La cavea era in gran parte scavata nel locale banco di peperino, in parte costruita

155
in opus quadratum, struttura in blocchi squadrati (sempre di peperino). Sia i fornici che
sostenevano le gradinate, sia i vomitoria di accesso alla cavea presentano irregolarità e
asimmetrie, testimonianza di un progetto che fu man mano riadattato in corso d’opera.
A Roma stessa, l’Anfiteatro Castrense (figg. 83-84) è un singolare edificio fra le Mura
Aureliane e la chiesa di Santa Croce in Gerusalemme. Fu costruito nell’ambito di una
sontuosa dimora voluta dai Severi, di cui facevano parte anche un impianto termale e
un cospicuo ippodromo: saranno le Mura stesse, quando sarà realizzato questo tratto,
ad adattarsi alla forma dell’edificio, inglobandone la parte meridionale. L’Anfiteatro, in
particolare, fu aggiunto forse da Elagabalo (204-222) per arricchire la residenza di uno
spazio per venationes riservato alla corte. La definizione «castrense» che ci è pervenuta
è quella usata da una fonte del IV secolo, i Cataloghi Regionari: la parola castrum, oltre
che «fortezza», in epoca tarda significa «dimora imperiale», il che conferma che l’edifi-
cio è stato probabilmente sotto il controllo del princeps fin dal momento della costru-

Figg. 83-84. Roma: Anfiteatro


castrense, due vedute.
Pagina a fianco
Fig. 85. Thysdrus (El Djem).
Anfiteatro dopo i consolidamenti
e restauri.

156
zione. Secondo alcuni studiosi sarebbe stato il Vivarium, il luogo dove le belve venivano
conservate vive in attesa del munus. La pianta è ellittica alquanto irregolare. Il primo e il
secondo ordine presentavano serie di fornici delimitati, rispettivamente, da semicolonne
e da paraste; il terzo era provvisto di finestre, cui si alternavano le mensole per il velario.
Le strutture, prevalentemente in mattoni (solo alcuni dettagli sono in travertino), sono
abbastanza ben conservate per quanto riguarda i primi due ordini dell’ellisse perime-
trale; l’ordine superiore lo conosciamo attraverso disegni rinascimentali, mentre per le
gradinate possediamo, in particolare, una sezione eseguita dal Palladio.
Fra i casi da ricordare nel III secolo fuori dell’Italia e di Roma, il più interessante e
singolare è quello dell’anfiteatro di Thysdrus (el-Djem) in Africa Proconsolare, nel ter-
ritorio dell’attuale Tunisia: è il già ricordato “Colosseo Africano”, uno degli edifici più
celebri della grande provincia (fig. 85). Si aggiungeva a un edificio nettamente più picco-
lo, forse un ludus, che, come si è visto, già esisteva in città; fu costruito probabilmente
intorno al 230 d.C., quando divenne proconsole d’Africa Marco Antonio Gordiano, in
un momento in cui la città stessa, grazie all’abbondanza di olio prodotto nel suo territo-
rio, era al massimo dell’opulenza. Ma ben presto, forse a causa di una sovraproduzione
che provocò calo nei prezzi, forse a causa della forte pressione fiscale esercitata dall’im-
peratore Massimino, la situazione precipitò. Nel 238 un gruppo di produttori, contadini
e soldati uccise, proprio nell’anfiteatro, il procuratore di Massimino e acclamò Gordiano
imperatore. Massimino diede però ordine alla legione III Augusta di attaccare Gordiano

157
e di saccheggiare e bruciare Thysdrus: l’ordine fu eseguito, e la città non si risollevò più.
Il grande monumento, quindi, restò in funzione meno di un decennio, trovandosi per
giunta a ospitare un evento drammatico, specchio dei tempi. Ma le dimensioni e la com-
plessità architettonica sono notevolissime, lo stato di conservazione assai buono. La ca-
vea, il cui asse maggiore misura quasi 150 metri, poteva contenere circa 30000 spettatori:
siamo in presenza del sesto anfiteatro (in ordine di grandezza) del mondo romano, dopo
Roma, Capua, Pozzuoli, Verona e dopo quello, anch’esso africano, di Cartagine (di cui
però si è già ricordata l’esiguità dei resti); ed è l’unico ad essere costruito interamente
in blocchi di pietra squadrata, pietra rosata peraltro bellissima proveniente da Reijche,
località a una trentina di chilometri. All’esterno, l’edificio presenta tre ordini di arcate
inquadrate da colonne, cui si aggiungeva in alto un muro di coronamento, in gran parte
perduto; all’interno, a questi quattro livelli corrispondono tre ordini di posti, più un por-
tico in summa cavea. L’arena era separata dalle gradinate mediante un alto podio e una
galleria anulare; ospitava nel sottosuolo numerosi apprestamenti e ambienti, gravitanti su
una lunga galleria centrale. L’unità di misura impiegata sembra non sia il piede romano
ma il «cubito» punico (circa 50 cm), che rivela così la sua lunghissima sopravvivenza.
L’edificio era stato certamente concepito, viste le sue dimensioni, per ospitare anche
spettatori provenienti dalle città vicine: altro elemento che rende paradossale la sua
breve vita.

158
PARTE III
IL MITO DI SPARTACO
UNA RIVOLTA CHE DIVIENE LEGGENDA

Proprio un ludus, e cioè quello di Lentulo a Capua (parte I, cap. III), svolge un suo
ruolo nella vicenda di Spartaco, il gladiatore ribelle, figura storica la cui avventura breve
ma intensa diviene leggenda: una leggenda che si prolunga nel tempo tramandandone la
fama fino ai giorni nostri. In quella scuola, una «piazza» ben nota, nel 73 a.C. scoppia
una rivolta: una settantina di gladiatori galli, traci e germani riescono a fuggire, e si diri-
gono verso il Vesuvio. Portano con sé, certamente, quel certo grado di dimestichezza e
di colleganza che non di rado si sviluppa in queste caserme-prigioni, e ovviamente una
grande padronanza dell’uso delle armi, perfino superiore, come si è detto più volte nella
parte I, a quella di cui disponevano i soldati dell’esercito. Ma questo non basterebbe a
spiegare il travolgente, sia pur effimero, successo della rivolta stessa: successo che si deve
invece, in larga misura, alla figura di un leader che emerge fra gli insorti.

Chi era Spartaco?


Spartaco (fig. 86) è un personaggio di origine tracia: i Traci erano da sempre (in un
territorio corrispondente più o meno all’attuale Bulgaria) una popolazione di pastori,
guerrieri e allevatori di cavalli; già Erodoto, nel V secolo a.C., aveva scritto che, se si
fossero mai uniti sotto un solo re, sarebbero stati invincibili. Attraverso vicende che sia-
mo in grado di ricostruire solo in parte, questo valorosissimo personaggio fu dapprima
soldato ausiliario nell’esercito romano (forse arruolato giovanissimo intorno all’85 o
poco dopo, quando Silla era in Grecia e in Macedonia ad organizzare la guerra contro
Mitridate re del Ponto), poi disertore e brigante (probabilmente nel 77-76, dopo essersi
rifiutato di partecipare a una spedizione proprio contro i Traci), infine catturato e av-
viato alla gladiatura. Doveva essere nato intorno al 100 a.C. Il fascino da lui esercitato
si deve a una forza non comune, intesa non solo come potenza fisica, ma anche come
possesso di virtù magiche. La sua vita è accompagnata da fatti apparentemente prodi-
giosi, come il serpente che gli si avviluppa alla testa nella notte in cui giunge a Roma per
essere venduto. L’alone di mistero è alimentato inoltre dalla figura della moglie, anche
lei di origine tracia, di cui si narravano le capacità profetiche e si ricordavano le frequenti
estasi nell’ambito del culto orgiastico di Dioniso-Bacco, divinità del vino e del teatro.

Schiavi in rivolta
A quel pugno di gladiatori cominciò a unirsi un numero sempre crescente di schiavi
provenienti soprattutto dalle campagne: gente che si impossessava dei tesori dei padro-

161
ni, catturando questi ultimi e rendendoli a
loro volta schiavi, e infine consegnando a
Spartaco persone e cose. A Roma si conti-
nuava a parlare di un trascurabile bellum
servile: eppure non mancavano precedenti
che avrebbero dovuto essere preoccupan-
ti. In Italia meridionale e in Sicilia, fughe
di schiavi si erano sempre verificate in
notevole quantità (a Pozzuoli era stata
perfino istituita una professione, quella
del fugitivarius, specializzata nella cattura
dei malcapitati), ma poi il fenomeno aveva
raggiunto proporzioni di massa.
A partire del 133 a.C., in un giro piut-
tosto breve di decenni, rivolte di schiavi
si erano accese un po’ dovunque nell’a-
rea mediterranea, ma con particolare fre-
quenza in Italia meridionale e in Sicilia.
Soprattutto le guerre condotte in Oriente
Fig. 86. Spartaco. Part. di una statua di Denis Foyatier
avevano ridotto in servitù intere popo-
(1847). Bruxelles, Musée des Beaux Arts. lazioni, alimentando un mercato che co-
nobbe grande fioritura: nell’isola di Delo,
principale centro di questo commercio (come anche di molti altri di diverso tipo) si
arrivava a vendere 10000 schiavi al giorno. E non solo a Roma, ma nelle terre man
mano assoggettate, gli sviluppi di molte attività manifatturiere si dovevano in gran
parte all’uso di manodopera servile. Ma le ribellioni covavano, e di tanto in tanto
esplodevano con comprensibile violenza.
In quell’anno 133 Euno, schiavo nativo di Apamea di Siria, anch’egli ritenuto in
possesso di poteri magici, aveva capeggiato in Sicilia una rivolta inizialmente scoppiata
contro un padrone crudele, Damofilo da Enna; da tutta l’isola erano confluiti altri ri-
belli, fino a mettere insieme 200000 persone; il console Rupilio ne aveva avuto ragione
dopo una guerra durissima.
Nel 104 un’altra violenta ribellione era scoppiata ad Alicie, cittadina fra Lilibeo ed
Entella, sotto la guida di uno schiavo di nome Vario: la risposta dello stato romano,
attraverso il governatore della Sicilia P. Licinio Nerva, era stata molto determinata, e i
ribelli si erano suicidati in massa.
Ma già nel 103 si erano avute due nuove rivolte simultanee, una a occidente e una
a oriente dell’isola: quella a est guidata da un Cilicio di nome Atenione, quella a ovest
da Salvio, un «re» acclamato dai ribelli stessi, che si era anche preoccupato di creare un
corpo di cavalleria: solo nel 99 i Romani ne avevano avuto ragione. Tutte queste vicen-
de erano state accompagnate da episodi di grande crudeltà da una parte e dall’altra, da
momenti di disperato valore, da tradimenti che avevano facilitato le repressioni.

162
Una situazione inedita
La vicenda di Spartaco si pone fin dall’inizio come qualcosa di nuovo rispetto a
questi precedenti, sia per il fatto che i ribelli sono in origine gladiatori, e quindi parti-
colarmente temibili in battaglia, sia per la singolare figura del leader, che compie uno
sforzo costante di dare un seguito, per così dire, istituzionale ai successi sul campo. Le
armi gladiatorie, il cui uso era stato probabilmente decisivo nell’aprirsi una strada verso
la fuga, vengono presto abbandonate in quanto «vergognose»; ai diseredati delle cam-
pagne (braccianti, mandriani, pastori non solo schiavi ma anche liberi) che man mano si
uniscono al nucleo originario di gladiatori procurando bottini, si raccomanda di razzia-
re più ferro e bronzo che argento e oro, forse proprio per fabbricare nuove armi «nor-
mali». I bottini stessi vengono poi divisi equamente fra tutti: cosa capace di esercitare
una forte attrazione, e che in effetti la ha esercitata, sia – allora – su ulteriori masse di
ribelli, sia – più di recente – su alcuni storici che parlano di comunismo spartachiano.
L’ex-gladiatore tracio si associa inoltre al comando due luogotenenti, Crisso e Eno-
mao. Ma quanti sono quei ribelli? Le cifre fornite dagli scrittori antichi non concordano,
ma sono comunque alte. Se Orosio parla di 30000 seguaci di Spartaco e 10000 di Crisso,
Appiano dice che gli insorti nel loro complesso sono addirittura 70000. Una massa enor-
me e determinata, che in affetti consegue una serie di vittorie: cerchiamo di raccontarle,
ma anche di ricostruire in quale contesto Spartaco tenta di organizzarne i risultati.

Vittorie e incertezze
Il primo successo si verifica proprio alle falde del Vesuvio, punto di convergenza
dopo la fuga dei gladiatori da Capua e le prime adesioni esterne. Qui i Romani invia-
no ad assediare i ribelli, al comando di Clodio Glabro, un esercito composto non da
legionari, ma soprattutto da ausiliari. Non è detto, per la verità, che questi ultimi do-
vessero essere necessariamente meno valorosi; ma non è da escludere che vi fosse una
certa sottovalutazione di un fenomeno che si riteneva inglorioso, un bellum servile
privo di vera rilevanza militare.
Spartaco e i suoi non solo riescono a eludere il blocco, ma a piombare di sorpresa
sui Romani e a sconfiggerli, dilagando poi per la Campania. La loro forza si manife-
sta non solo nelle vittorie contro altre truppe romane che man mano accorrono, ma
anche nell’atteggiamento tenuto contro le città italiche del sud che, al contrario delle
campagne, non aderiscono alla rivolta: i ribelli si impadroniscono di Nola e Nocera, di
Turii e di Metaponto. Successivamente si dirigono a nord attraverso l’Appennino, e si
impongono anche a Modena, distruggendo l’accampamento dei Romani al comando
di Cassio.
La loro forza è fin qui evidente, e decisiva è l’intelligente guida di Spartaco, che
continua a programmare organicamente anche le razzie, procurando soprattutto ca-
valli: organizzare un’efficiente cavalleria (come aveva tentato di fare uno sfortunato
predecessore, Salvio in Sicilia occidentale nel 103 a.C.) è una precisa aspirazione di

163
questo leader, memore forse dei famosi allevamenti della sua Tracia natale. È anche
evidente che egli si sente investito da una missione altissima: scelto dal suo dio per mi-
surarsi contro la potenza egemone, sulla quale del resto circolavano angosciose profe-
zie. Si parlava di sconfitte contro condottieri asiatici, o comunque stranieri; si scriveva
(come l’oratore Antistene di Rodi) di indicibili devastazioni.
Meno evidente è lo scopo finale della rivolta, sul quale non si trovano d’accordo
né gli scrittori antichi, né gli storici moderni. Uno sbocco plausibile, del tutto logico,
sarebbe stato quello di ridare la libertà ai Traci, ai Germani, ai Galli, facendoli tor-
nare alle loro terre d’origine attraverso l’Italia settentrionale e i valichi alpini. Ma in
tale caso, dopo Modena, sarebbe stato coerente, per quelle schiere sorprendentemente
vincenti, proseguire verso nord: invece Spartaco e i suoi a questo punto si fermano,
e addirittura puntano a sud verso Roma. Come mai? Si potrebbe pensare che, indu-
cendo i Barbari del settentrione a rinunciare al progetto di riguadagnare le loro patrie,
fossero le masse di Italici a far prevalere il desiderio di vendetta contro l’Urbe. E inve-
ce sembra di no, perché secondo Sallustio (uno dei più attendibili fra i tanti autori che
in qualche modo ci raccontano questi fatti) proprio i Galli e i Germani appariranno in
seguito, con Crisso, fra i più decisi a spingere per l’attacco alla capitale.
In ogni caso, le schiere di Spartaco si dirigono a sud, anche perché le truppe che
sbarrano la strada verso Roma sono ora guidate da un personaggio eminente e temibi-
le: l’ex-pretore Marco Licinio Crasso. Lo stesso che più tardi avrà un ruolo di rilievo
all’epoca delle guerre civili, formando con Cesare e Pompeo il cosiddetto primo trium-
virato, e che successivamente porrà fine in maniera disastrosa alla sua carriera e alla
sua vita, imbarcandosi a 60 anni in un’improvvida guerra d’Oriente e soccombendo
a Carre contro i Parti nel 53 a.C.: i Parti lo uccideranno insieme con il figlio Publio.

Crasso
Ma adesso siamo nel 71 a.C. e quei giorni sono ancora lontani. I ribelli puntano
verso il Piceno e poi verso la Lucania, dove non mancherebbe l’occasione di organiz-
zarsi, perché inizialmente le truppe romane restano lontane. Ma i progetti sembrano
continuare a variare: ora l’obiettivo è la Sicilia, che del resto, come si è visto, era già
stata teatro di rilevanti insurrezioni. Spartaco, conseguendo anche altre vittorie, giun-
ge a Reggio, ma non riesce forse (come si direbbe oggi) a radicarsi nel territorio; delle
molte città fino allora assediate, punite e saccheggiate non prende effettivo possesso.
Inoltre, trova difficoltà a passare lo Stretto: un accordo (nientemeno) con i pirati del-
la Cilicia, che si impegnano a fornire navi, alla fine non si concretizza. A peggiorare
ancora la situazione, giunge infine Crasso, che gli fa scavare alle spalle, fra Canale
di Sicilia e Ionio, un enorme fossato e fa costruire un alto muro. Per la verità, sia la
strategia del generale romano, sia la realizzazione della struttura sono estremamente
grossolane, e infatti Spartaco riesce anche stavolta a passare e a tornare verso nord; ma
a questo punto c’è una divisione fra i ribelli, e i Galli e i Germani con Crisso (come si
diceva poco fa) puntano su Roma. Vengono sconfitti, e Crisso muore.

164
Spartaco ha ancora moltissime unità sotto il suo comando, ma ora non ha contro
solo Crasso. Deve fronteggiare anche Pompeo che torna dalla Spagna dopo aver bat-
tuto Sertorio, nonché Lucullo che rientra dall’Asia dopo la vittoria contro Mitridate.
In una località non precisata della Lucania avviene lo scontro finale, in cui i Romani e
i ribelli schierano tutte le loro forze al completo: e la battaglia campale non è certo la
situazione preferibile per i ribelli stessi, che hanno le loro armi migliori nella guerriglia
e nell’attacco a sorpresa. All’inizio degli scontri, Spartaco (secondo Sallustio, ripreso
da Plutarco) abbatte ritualmente il suo cavallo, che per i Traci è un animale sacro, di-
cendo che, se avesse vinto, ne avrebbe avuti molti e belli, sottratti ai nemici; se fosse
stato sconfitto, non ne avrebbe avuto più bisogno. Per i ribelli la battaglia si risolve in
un disastro. 60000 muoiono nello scontro, 6000 superstiti in fuga vengono catturati, e
saranno crocifissi sulla Via Appia fra Roma e Capua: una di quelle punizioni smodate
tutt’altro che infrequenti nel mondo antico. Spartaco, colpito a una gamba, continua
a battersi valorosamente fino alla fine, secondo un succedersi di eventi su cui esistono
varie versioni: come un comandante vittorioso, scrive Floro; mentre si difende acca-
nitamente, dice Sallustio. Ma del suo corpo, stando agli autori antichi, non si trovano
neppure i resti. Era l’esito di un conflitto che aveva creato a Roma forti difficoltà, e
che Roma volle dimenticare in fretta: Crasso non poté nemmeno celebrare il trionfo,
perché il bellum servile, malgrado l’impegno fortissimo che aveva richiesto, non veni-
va concepito come una guerra degna di tal nome.
E dire che Spartaco, gladiatore anomalo e uomo dalla storia complessa, aveva cerca-
to con insistenza (come si è già accennato) una legittimazione. Desiderando che il suo
fosse considerato – appunto – un esercito «vero», aveva custodito con cura le insegne
e i fasci sottratti alle molte truppe romane via via sconfitte. Da quando Crasso aveva
preso il comando, si era inoltre aperta una sorta di competizione fra i due capi nemici,
quasi come se ognuno volesse mostrare di essere il più ferocemente determinato. Ov-
viamente non era una gara: le guerre antiche erano sempre condotte in modi che a noi
appaiono assai crudeli, ma che invece costituivano regole del gioco, fra le quali poteva
anche rientrare la crocifissione di migliaia di persone come monito e come spettacolo.
Assumendo il comando, Crasso aveva punito subito uno dei reparti sconfitti in pre-
cedenza da Spartaco facendo uccidere 50 uomini; battuto a sua volta, ne aveva soppressi
addirittura 4000, perché tutti imparassero a temere più il loro generale che non il nemico.
Spartaco, nella sua aspirazione a legittimarsi, aveva concesso ai suoi ufficiali caduti onori
analoghi a quelli che in genere erano riservati agli ufficiali romani: ma, quando Crisso era
stato ucciso, durante i funerali aveva fatto combattere presso il suo rogo gruppi di pri-
gionieri romani (ricordate le origini della gladiatura? qui è una sorta di contrappasso), e
ne erano morti (secondo Appiano) ben 300. E anche quando Spartaco intende rimediare
in qualche modo agli eccessi dei suoi uomini nel corso delle razzie, finisce sempre per
far scorrere sangue: per rendere omaggio alle esequie di una matrona romana suicidatasi
dopo essere stata violentata dai ribelli, fa combattere ancora una volta prigionieri romani.
Emerge comunque, sia pure attraverso manifestazioni tortuose, una personalità di
assoluto rilievo, la cui aspirazione fu di condurre una rivolta fino in fondo, di «tuffarsi

165
– come ha scritto Aldo Schiavone – nel vuoto politico e sociale» che minacciava l’Urbe,
prefigurando addiritura quelle che avrebbero dovuto essere le nuove situazioni dopo
un’eventuale vittoria: conservare fasci e insegne significava farsi garante dell’ordine,
applicare procedure spietate significava seguire comportamenti da potenza egemone.
Abilissimo nell’organizzare truppe di fuggiaschi e disperati, non si pose con chiarezza
(come dice ancora Schiavone) l’obiettivo di trascinare le popolazioni urbane: e questo
fu forse il limite principale della grande avventura.

La fortuna di una figura-simbolo


Se è vero, dunque, che in questo nostro viaggio attraverso il mondo dei gladiatori
non si poteva non parlare di Spartaco, è anche vero che, nel corso della sua vicenda,
questo personaggio supera di gran lunga i limiti della categoria: all’inizio, come si è
visto, addirittura con una rimozione volontaria. Già gli autori antichi esaltano il suo
valore, e fino ai giorni nostri si guarda a lui, sotto varie angolazioni e in diversi con-
testi, come all’eroe che prese il comando di una massa di diseredati e non solo mise in
pericolo la potenza di Roma, ma sviluppò un suo disegno politico. La sua figura, vista
talvolta più come simbolo che come oggetto di ricostruzione storica, ispira sia opere
d’arte, sia trattazioni politiche.
Le opere d’arte sono le più varie. Fra i testi teatrali e i drammi in musica si può
ricordare quello di G. Porsile, rappresentato a Vienna nel 1726. Risale invece al 1951 il
romanzo Spartacus di Howard Fast (1951): più che un romanzo, un trionfo editoriale,
con tre milioni di copie vendute in 35 lingue. Come spesso accade, un grande scrit-
tore riesce a interpretare una vicenda del mondo antico con intensità forse maggiore
rispetto a un archeologo o a uno storico: ecco per esempio un paio di passaggi in cui si
coglie il desiderio delle autorità romane di superare e dimenticare quell’episodio, non
senza una perdurante inquietudine. Dice un ufficiale romano: “Mi feci la mia idea di
Spartaco, ma non mi ritengo in grado di tracciarne un ritratto. Penso che nessuno ne
sia in grado. Quelli che avrebbero potuto ora pendono lungo la Via Appia, e Spartaco
stesso è già ormai una leggenda. Rifaremo di lui uno schiavo”. Oppure: “Fu fatto a
pezzi e di lui non rimase nemmeno un’unghia… Se ne è andato così come era venuto:
dal nulla al nulla, dall’arena al macello”.
Proprio da quel romanzo viene tratto un film anch’esso celebre, anzi quasi oggetto
di culto: Spartacus di Stanley Kubrick, con Kirk Douglas (1960, restaurato nel 1991).
Successo, commozione e lacrime anche per il balletto di A. Katchaturian, presentato
nel 1968 al Bolscioi di Mosca con coreografie di Y. Grigorovich e interpretato dal
grande ballerino Vassiliev, che conferisce al personaggio le dimensioni di un Gesù
liberatore. Poi, ancora film, non sempre di prim’ordine, e, in questi ultimissimi tempi,
un rilancio in grande stile, con una lunga serie televisiva americana che in Italia è stata
trasmessa da Sky Uno: Spartacus. Sangue e sabbia di Steven DeKnight. Il sangue in
effetti è presente copiosamente, con effetti speciali che ne esaltano lo zampillare (esa-
sperando, con le nuove tecniche, un elemento che era stato introdotto nell’arte filmica

166
da Sam Peckinpah); scene erotiche al limite del porno-soft riempiono una trama che
però, forse, non aiuta troppo a ricostruire la vera vicenda storica (sulla quale del resto,
è bene ricordare, le nostre informazioni sono tutt’altro che complete). Un caso a parte
è costituito (come ne Il Gladiatore di Ridley Scott) dalla fantasia delle armature.
Nella letteratura italiana Spartaco non ha avuto grande fortuna: solo presenze mar-
ginali, tranne che in un caso, peraltro piuttosto singolare. Nel 1874 un autore non
molto noto, Raffaello Giovagnoli, pubblica un romanzo, ovviamente intitolato Spar-
taco, che non solo ha un notevole successo immediato (cinque ristampe in pochi anni),
ma viene anche ripresentato nel 1955. E questa edizione ampiamente postuma coglie
echi ancora maggiori, con varie traduzioni nell’Europa sovietica, in un’area cioè, come
abbiamo già intravvisto, molto sensibile al tema. Non da adesso: le figure di maggio-
re spicco del Marxismo avevano già guardato con grande attenzione al mondo degli
schiavi e alle loro rivolte.
«Spartaco appare come il tipo più in gamba che ci sia proposto da tutta la storia an-
tica. Grande generale, carattere nobile, realmente rappresentativo dell’antico proleta-
riato», scrive nel 1861 Karl Marx, che, a differenza di altri leader e ideologi comunisti
(Lenin, Stalin), conosceva il latino, il greco e, in genere, la cultura classica. Marx inoltre
attribuisce al gladiatore trace virtù strategiche superiori a quelle di Garibaldi. Anche
Lenin però, nel saggio Sullo Stato, che è pubblicato postumo nel 1930, è perentorio:
«L’impero romano, in apparenza onnipotente, interamente fondato sulla schiavitù, fu
esposto a scosse e a colpi per via di una potente sollevazione di schiavi, che si erano
armati e avevano costituito sotto il comando di Spartaco un gigantesco esercito». Si
potrebbe proseguire con altri esempi tratti da Stalin e dalla storiografia da lui ispira-
ta: ma vediamo che il gladiatore originario è effettivamente rimosso, come Spartaco
stesso aveva desiderato, e prevale la figura del leader di schiavi in rivolta. Non è qui
rilevante sottolineare, come invece molti storici fanno, che gli schiavi non costituivano
una «classe servile», e che quindi non possono essere presentati come precursori di
una vera lotta di classe; è invece doveroso aggiungere che il capo di quella ribellione
del 73 a.C. viene esaltato ancora oggi da gruppi libertari di varia natura, anche al di
là della possibile ricostruzione delle vicende storiche reali. Il caso forse più noto è
quello dello Spartakusbund (Lega di Spartaco), formazione di estrema sinistra guidata
in Germania, subito dopo la fine della prima guerra mondiale, da Karl Liebknecht e
Rosa Luxemburg. La Lega promosse a Berlino la costituzione di un movimento in-
surrezionale armato, che dopo la Rivoluzione d’Ottobre avrebbe assunto il nome di
Partito Comunista Tedesco, e che avrebbe tragicamente concluso la propria parabola,
nel 1919, con l’uccisione dei due leader da parte delle forze dell’ordine.
Ma lo spirito di Spartaco continua ad aleggiare ancora nella Germania divisa del se-
condo dopoguerra. Nel 1971, nella Repubblica Federale si fonda, proprio con il nome
di Spartakus, una lega studentesca che si muove nel perdurante spirito del Sessantotto
e degli anni seguenti; nella DDR era riemersa, in un certo senso, anche la figura del
gladiatore inteso come atleta, in quanto si definivano «Spartachiadi» gare riservate a

167
ragazzi e a giovani. Con lo stesso nome si chiamavano anche manifestazioni sportive
popolari nell’Unione Sovietica e nei paesi inseriti nella sua orbita.
Tornando però (eravamo rimasti a Giovagnoli) agli autori italiani, è da segnalare
il saggio di Aldo Schiavone da cui abbiano già tratto alcune osservazioni. Si intitola
Spartaco. Le armi e l’uomo, ma, al di là di questa formulazione ad effetto, è particolar-
mente acuto sia nella ricostruzione biografica (in cui cava tutto il possibile dalle non
molte fonti disponibili) sia nella valutazione storica di insieme.
Il successivo, recentissimo libro di Giovanni Brizzi (v. Premessa) inserisce invece la
vicenda di Spartaco in un quadro più ampio di rivolta e di rabbia nel nondo romano
alla fine dell’età repubblicana.
Al di là degli sviluppi talvolta impensabili della sua fama, la figura di Spartaco,
eroico combattente e condottiero morto con le armi in pugno, è ben presente nell’im-
maginario collettivo: non sempre e non necessariamente come figura storica o come
simbolo politico, ma anche talvolta come generico mito. Scoperte come quella della
pittura pompeiana con due scene di combattimento, in una delle quali compare la di-
dascalia Spartaks, rischiano di suscitare (come si è visto nel cap. II) non solo interesse
scientifico, ma anche una partecipazione emotiva che può portare a forzare i dati.

168
BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

AA.VV. (S. Panciera, P. Sabbatini Tumolesi, G.L. Gregori e altri), Epigrafia anfiteatrale
dell’Occidente romano, volumi della collana Vetera, 1988 e seguenti.
J.M. Alvarez Martínez - J.J. Enríquez Navascués (acura di), El Anfiteatro en la Hispania roma-
na (Atti Convegno Mérida), Mérida 1994.
D. Augenti, Spettacoli del Colosseo nelle cronache degli Antichi, Roma 2002.
E. Baldini, Il gladiatore dimenticato. Mito e realtà nella vicenda di Tamelico, figlio dell’eroe
germanico Arminio, Roma 2009.
A. Balil, La ley gladiatoria de Italica, Madrid 1961.
D. Battaglia - L. Ventura, De Rebus Gladiatoriis, Roma 2010.
H.-J. Beste, The wooden arena floring of the Colosseum, in Journal of the Roman Archaeology,
13, 2000, pp. 79-92.
E. Borgia - D. Colli, Roma, S. Croce in Gerusalemme. Nuove acquisizioni topografiche. I, in
Bullettino Comunale XCIX, 1998, pp. 243-246.
D. Briquel, Les femmes gladiateurs: examen du dossier, in Ktema, XVII, 1992, pp. 47-53.
G. Brizzi, Ribelli contro Roma: gli schiavi, Spartaco, l’altra Italia, Bologna 2017.
M. Buonocore, Epigrafia anfiteatrale dell’Occidente romano, III, Regiones Italiae II-V, Sicilia,
Sardinia et Corsica (Vetera, 6), Roma 1992.
E. Cantarella, I supplizi capitali in Grecia e a Roma, Milano 1991.
J. Carcopino, La vita quotidiana a Roma all’apogeo dell’Impero, trad. it. V ed. Roma-Bari
1978.
G. Carettoni, Le gallerie ipogee del Foro Romano e i ludi gladiatorii forensi, in Bullettino Co-
munale LXXVI, 1956-58, pp. 23-44.
F. Castagnoli, Gli edifici rappresentati in un rilievo del sepolcro degli Haterii, in Bullettino
Comunale LXIX, 1941, pp. 59-69.
M.A. Cavallaro, Spese e spettacoli. Aspetti economico-strutturali degli spettacoli nella Roma
giulio-claudia (Antiquitas, Reihe 1, 34), Bonn 1984.
F. Coarelli, Il rilievo con scene gladiatorie, in AA.VV., Il monumento teatino di Lusius Storax
al Museo di Chieti, in Studi Miscellanei X, 1966, pp. 85-99.
F. Coarelli, L. Franzoni, Arena di Verona. Venti secoli di storia, Verona 1972.
P. Colagrossi, L’Anfiteatro Flavio nei suoi venti secoli di storia, Roma 1913.
A.M. Colini - L. Cozza (a cura di), Ludus Magnus, Roma 1962.
D. Colli ed altri, Le campagne di scavo nell’Anfiteatro Castrense a Roma, in Bullettino comu-
nale XCVIII, 1997, pp. 249-282.
A. Comellini - A.M. Liberati (edd.), Lo sport nel mondo antico: “Ludi”, “Munera”, “Certami-
na” a Roma (Cat. Mostra Roma), Roma 1987.
A. Corbeill, Nature Embodied. Gesture in Ancient Rome, Princeton 2003.
G. Cozzo, L’Anfiteatro Flavio nella tecnica edilizia, nella storia delle strutture, nel concetto
esecutivo dei lavori, Roma 1971.
J.P. Darmon, Mosaïques d’Amphithéâtres en Occident, in Spectacula 1990, pp. 147-149.
O. Diliberto, Ricerche sull’auctoramentum e sulla condizione degli auctorati, Milano 1981.

169
M. Dogliani (a cura di), Spartaco. La ribellione degli schiavi, Milano 1997.
C. Domergue - C. Landes - J.-M. Paillier (a cura di), Spectacula I, II: Gladiateurs et amphithéâtres
(Atti colloquio Toulouse-Lattes), Lattes 1990.
F. Dupont, Gli spettacoli, in A. Giardina (a cura di), Storia di Roma dall’antichità a oggi. Roma
antica, Roma-Bari 2000. pp. 281-306.
R. Etienne, La naissance de l’Amphithéâtre. Le mot la chose, in Revue des études latines XLIII,
1965, pp. 213-220.
D. Faccenna, Rilievi gladiatori, in Bullettino Comunale LXXIII, 1949-50, pp. 3-14, e LXXVI,
1956-58, pp. 37-75.
M. Fora, I munera gladiatoria in Italia. Considerazioni sulla loro documentazione epigrafica,
Napoli 1996.
D. Foraboschi, La rivolta di Spartaco, in E. Gabba, A. Schiavone (a cura di), Storia di Roma, II, 1,
Torino 1990, pp. 715-723.
G. Forni, s.v. Anfiteatro, in EAA I, Roma 1958, pp. 374-390.
R. Frei-Stolba, Le donne e l’arena, in Labeo XLVI,2, 2000, pp. 282-289.
A. Futrell, Blood in the Arena. The Spectacle of Roman Power, Austin 1997.
A. Gabucci (a cura di), Il Colosseo, Milano 1999.
A. von Gerkan, Das Obergeschoss des Flavischen Amphiteaters, in Römische Mitteilungen XL,
1925, pp. 11-50.
E. Ghislazoni, Il rilievo gladiatorio di Chieti, in Monumenti Antichi dei Lincei, 1919.
J.-C. Golvin, s.v. Anfiteatro, in EAA II Suppl., I, Roma 1994, pp. 233-235.
J.-C. Golvin, L’amphithéâtre romain. Essai sur la théorisation de sa forme et de ses fonctions, 2
volumi, Paris 1988.
J.-C. Golvin, C. Landes, Amphithéâtre et Gladiateurs, Paris 1990.
G.L. Gregori, Epigrafia anfiteatrale dell’Occidente romano, II, Regiones Italiae VI-IX (Vetera, 4),
Roma 1989.
G.L. Gregori, Ludi e munera. 25 anni di ricerche sugli spettacoli di età romana, Milano 2011.
A. Guarino, Spartaco. Analisi di un mito, Napoli 1979.
F. Guidi, Morte nell’arena. Storia e leggenda dei gladiatori, Milano 2006.
L. Iacobelli, Gladiatori a Pompei, Roma 2003.
D. Iacobone, Gli anfiteatri in Italia fra tardo antico e medioevo, Roma 2008.
F. Iesi, Spartaco. Simbologia della rivolta, Torino 2000.
M. Junkelmann, Das Spiel mit dem Tod. So kämpften Roms Gladiatoren, Mainz 2000.
J. Kolendo, À la recherche de l’ambre baltique: l’expédition d’un chevalier romain sous Néron,
Warszawa 1981.
J. Kolendo, La répartition des places aux spectacles et la stratification sociale dans l’Empire
romain. À propos des inscriptions sur les gradins des amphithéâtres et théâtres, in Ktema VI,
1981, pp. 301-315.
A. La Regina, Amphitheatrum Castrense sive Vivarium, in A.M. Affanni (a cura di), La Basilica
di Santa Croce in Gerusalemme a Roma, Viterbo 1997, pp. 3-7.
A. La Regina (a cura di), Sangue e Arena (Cat. Mostra Roma), Milano 2001.
R. Lattuada, Dai gladiatori a Tiger Man, in Iacobelli, Gladiatori a Pompei, cit., pp. 107-114.
G. Legrottaglie, Il sistema delle immagini negli anfiteatri romani, Lecce 2012.
Les Gladiateurs (Catalogo Mostra Lattes), Lattes 1987.
G. Lugli, L’Anfiteatro Flavio, Roma 1961.
L. Luschi, Potere pubblico: spese, spettacoli, feste e i loro luoghi, in S. Settis (a cura di), Civiltà
dei Romani. Il potere e l’esercito, Milano 1991, pp. 217-234.
M.Malavolta, Auctoramentum. L’attrazione irresistibile del modello proibito, in Civiltà roma-
na, II, 2015, pp. 65-71.

170
D. Mancioli, Giochi e spettacoli (Vita e costumi dei Romani antichi, 4), Roma 1987.
A. Mañas Bastida, Munera gladiatorum. Mujeres gladiadoras, in Florentia Iliberritana, XXIII,
2012, pp. 127-151.
A. Mañas Bastida, Gladiadores. El gran espectáculo de Roma, Barcelona 2013.
C. Mann, I gladiatori, Bologna 2014.
A. Manodori, Anfiteatri, circhi e stadi di Roma, Roma 1982.
S. Mattesini, Gladiatori, Roma 2009.
M. Mirabella Roberti (ed.), Spettacolo in Aquileia e nella Cisalpina romana, Atti XXIV Settimana
di studi aquileiensi (Antichità alto adriatiche, 14), Udine 1994.
A. Neppi Modona, Gli edifici teatrali greci e romani, Firenze 1961.
S. Orlandi, I loca senatoria dell’Anfiteatro Flavio. Analisi tecnica e ipotesi ricostruttive, in S.
Panciera (a cura di), Atti dell’XI Congresso internazionale di epigrafia greca e latina, Roma
1999, pp. 711-719.
S. Palladino, Gli scavi nell’Anfiteatro Castrense, in A.M. Affanni (a cura di), La Basilica di S. Croce
in Gerusalemme a Roma, Viterbo 1997, pp. 21-24.
F. Paolucci, Gladiatori. I dannati dello spettacolo, Milano 2006.
M. Papini, Munera gladiatoria e venationes nel mondo delle immagini, in Memorie dei Lincei,
Serie IX, 19, 2004, pp. 5-221.
R. Paris, Origine e diffusione della gladiatura, in Anfiteatro Flavio. Immagine testimonianze
spettacoli, Roma 1988, pp. 119-130.
C. Parisi Presicce, O. Rossini, Spartaco. Schiavi e padroni a Roma (Cat. Mostra Roma), Roma 2017.
A. Pasqualini, Passione e repulsione: le due facce dell’arena, in Civiltà romana, II, 2015, pp.
51-64.
R. Rea, Anfiteatro Flavio, Roma 1996.
A.M. Reggiani - R. Rea (edd.) AA.VV., Anfiteatro Flavio. Immagine testimonianze spettacoli,
Roma 1988.
T. Ritti, Spettacoli dell’arena in età imperiale, in Öffentlichkeit, Monument, Text. XIV Congressus
Internationalis Epigraphiae Graecae et Latinae, Berlin-Boston 2014.
L. Robert, Les gladiateurs dans l’Orient grec, Paris 1940.
L. Robert, Monuments de gladiateurs dans l’Orient grec, in Hellenica III, 1946, pp. 112-150 e
VIII, 1950, pp. 39-72.
P. Sabbatini Tumolesi, Documenti gladiatori dell’Occidente romano. I. Iscrizioni dell’età re-
pubblicana, in Rendiconti Lincei, serie VIII, XXIX, 1974, pp. 283-292.
P. Sabbatini Tumolesi, Gladiatorium paria: annunci di spettacoli gladiatori a Pompei (Tituli, 1),
Roma 1980.
P. Sabbatini Tumolesi, Epigrafia anfiteatrale dell’Occidente romano. I. Roma (Vetera, 1), Roma
1988.
P. Sabbatini Tumolesi, s.v. Gladiatore, in EAA II Supplemento, II, Roma 1994, pp. 790-795.
C. Salles, Spartacus et la revolte des gladiateurs, Bruxelles 1990.
A. Schiavone, Spartaco. Le armi e l’uomo, Torino 2011.
P. Serra, I gladiatori, atleti del passato, Roma 2014.
J.J. Storch de Gracia, Gloire et mort dans l’arène: les représentations des gladiateurs dans la Pénin-
sule Ibérique, in Spectacula, 1990, pp. 185-195.
I. Tantillo, I munera in età tardoantica, in A. Giardina (a cura di), Roma antica, Roma-Bari 2000,
pp. 120-125.
E. Teyssier - B. Lopez, Gladiateurs. Des sources à l’expérimentation, Paris 2002.
J.P. Thuiller, Les origines de la gladiatore: une mise au point sur l’hypothèse etrusque, in Spectacula,
1990, pp. 137-141.
G. Tosi (a cura di), Gli edifici per spettacoli nell’Italia romana, I-II, Roma 2003.

171
P. Veyne, Il pane e il circo. Sociologia storica e pluralismo politico, trad. it. Bologna 1984.
P. Veyne, Païens et chrétiens devant la gladiature, in Mélanges Ecole Française III, 2, 1999, pp.
883-917.
G. Ville, La gladiature en Occident des origines à la mort de Domitien, Roma 1981.
C. Vismara, Il supplizio come spettacolo (Vita e costumi dei Romani antichi, 11), Roma 1990.
C. Vismara, M.L. Caldelli, Epigrafia anfiteatrale dell’Occidente romano. V. Gallia Narbonen-
sis, Tres Galliae, Germaniae, Britannia, Roma 2000.
C.W. Weber, Panem et circenses, Düsseldorf-Wien 1983, trad. it. Milano 1986.
K. Welch, The Arena in late-Republican Italy: a new interpretation, in Journal of Roman Ar-
chaeology, 7, 1994, pp. 59-80.
Th. Wiedemann, Das Ende der römischen Gladiatorenspiele, in Nikephoros VIII, 1995, pp. 145-159.
P. Zanker, The City as Symbol: Rome and the Creation of an Urban Image, in E. Fentress (a
cura di), Romanisation and the City (atti Convegno Roma 1988), Portsmouth 2000, pp.
37-40.
F. Zisa, L’Anfiteatro Castrense, in A.M. Affanni (a cura di), La Basilica di S. Croce in Gerusalemme
a Roma, Viterbo 1997, pp. 17-20.

172
REFERENZE FOTOGRAFICHE*

* (quando la fonte è un’opera presente nella Bibliografia, qui sarà citata in forma abbreviata)

Fig. 1. J.-L. Gérôme, Pollice verso, 1872, Phoenix, Art Gallery (da Golvin, Amphithéâtre et
gladiateurs).
Fig. 2. G. De Chirico, Gladiatori, 1927-29, coll. Privata (da P. Baldacci, cat. Mostra Varese 2003).
Fig. 3. Graffito pompeiano con il gladiatore Oceanus (da Iacobelli,Gladiatori a Pompei).
Fig. 4. Pittura di Paestum, “Tomba del Laghetto X”. Paestum, Museo Archeologico Nazionale
(da La Regina, Sangue e Arena).
Fig. 5. Elmo calcidese del IV a.C. con cimiero a forma di grifone. Los Angeles, Getty Museum.
Dis. Mattesini (da Mattesini, Gladiatori).
Fig. 6. Rilievo con gladiatrici da Alicarnasso. Londra, British Museum (da Briquel, Les femmes
gladiateurs).
Fig. 7. Pompei, porticus post scaenam del teatro (da Iacobelli, Gladiatori a Pompei).
Fig. 8. Roma, Ludus Magnus: veduta dei resti sullo sfondo del Colosseo (foto autore).
Fig. 9. Roma, Ludus Magnus: arena: resti della cavea (foto autore).
Fig. 10. Roma, Ludus Magnus: plastico ricostruttivo del complesso. Roma, Museo della Civiltà
Romana (foto Museo).
Fig. 11. Pompei, affresco della casa del Sacerdos Amandus (da Iacobelli, Gladiatori a Pompei).
Fig. 12. Cruciniacum (Bad Kreuznach): mosaico con gladiatori, part. con Trace all’attacco (foto
autore).
Fig. 13. Evoluzione dello spazio per i combattimenti di gladiatori, secondo Golvin: dalla piazza
all’arena (da Golvin, L’amphithéâtre).
Fig. 14. Amiternum (San Vittorino): rilievo con gladiatori (Sanniti?). L’Aquila, Museo Arte
Nazionale Abruzzo (da La Regina, Sangue e Arena).
Fig. 15. Roma, rilievo con gladiatori rinvenuto nel Tevere. Roma, Museo Nazionale Romano
(da La Regina, Sangue e Arena).
Fig. 16. Bologna, rilievo rinvenuto in località Due Madonne. Bologna, Museo Civico
Archeologico (da La Regina, Sangue e Arena).
Fig. 17. Teate Marrucinorum (Chieti): monumento di Lusius Storax: ricostruzione parziale
della facciata. Chieti, Museo Archeologico La Civitella (da La Regina, Sangue e Arena).
Fig. 18 a-b-c. Teate Marrucinorum (Chieti): monumento di Lusius Storax a) veduta di insieme
delle sculture; b, c) addetti al munus e gladiatori. Gli elmi, con tesa diritta e aperture per gli
occhi non molto grandi, sono databili in età giulio-claudia. Chieti, Museo Archeologico La
Civitella (da Coarelli, in Studi Miscellanei, X).
Figg. 19-20. Pompei, elmi di Trace e di Secutor. Pompei, Museo Archeologico Nazionale. La
tesa è diritta, le aperture per gli occhi sono piuttosto ridotte, riparate da piccole grate. Età
giulio-claudia (da La Regina. Sangue e Arena).
Fig. 21. Pompei, elmo. Pompei, Museo Archeologico Nazionale. La tesa dell’elmo è incurvata,
l’apertura sul volto è ampia, protetta da una griglia apribile in due valve (da La Regina,
Sangue e Arena).

173
Fig. 22. Pompei, schinieri. Pompei, Museo Archeologico Nazionale (da Iacobelli, Gladiatori
a Pompei).
Fig. 23. Pompei, rilievo da Porta Stabiana. Pompei, Museo Archeologico Nazionale (da
Iacobelli, Gladiatori a Pompei).
Fig. 24. Roma, Via Casilina: mosaico con raffigurazione di munus sine missione. Roma, Galleria
Borghese (dal sito wikiwand.com).
Fig. 25. Zliten (Libia): grande mosaico con scene di anfiteatro: damnatio ad bestias. Tripoli,
Museo Archeologico (da Vismara, Il supplizio).
Fig. 26. Pompei: elmo di Trace. Napoli, Museo Archeologico Nazionale. La tesa è incurvata,
l’apertura sul volto è protetta da una grata divisa in due parti apribili (da La Regina, Sangue
e Arena).
Fig. 27. Raffigurazione di gladiatore Trace con in evidenza la sica. Disegno Mattesini (da
Mattesini, Gladiatori).
Fig. 28. Roma, Colonna Traiana: suicidio del re dei Daci Decebalo (da F. Coarelli, La Colonna
Traiana, Roma 1999).
Fig. 29. Roma, Colonna Traiana: suicidio del re dei Daci Decebalo: part. con la sica (da F.
Coarelli, La Colonna Traiana, Roma 1999).
Fig. 30. Provenienza incerta: statuina bronzea di gladiatrice (?). Amburgo, Museum für Kunst
und Gewerbe (da Mañas Bastida, Mujeres gladiadoras).
Fig. 31. Raffigurazione di parma, scudo proprio del Trace. Disegno Mattesini (da Mattesini,
Gladiatori).
Fig. 32. Raffigurazione di un Mirmillone. Disegno Mattesini (da Mattesini, Gladiatori).
Fig. 33. Raffigurazione di un eques. Disegno Mattesini (da Mattesini, Gladiatori).
Fig. 34. Nennig, villa romana. Mosaico, part. con coppia di equites che si affrontano. Bad
Kreuznach, Römerhalle (da J. Mertens, Funde und Ausgrabungen im Bezirk Trier, XIII,
1910).
Fig. 35. Nennig, villa romana. Mosaico, part. con retiarius e secutor che si affrontano. Bad
Kreuznach, Römerhalle (da J. Mertens, Funde und Ausgrabungen im Bezirk Trier, XIII,
1910).
Fig. 36. Milano, stele di Urbicus. Milano, Parco dell’Anfiteatro, Antiquarium Alda Levi (da La
Regina, Sangue e Arena).
Fig. 37. Roma (?): stele di Exochus, oggi perduta. Disegno.
Fig. 38. Smirat (Tunisia): mosaico di Magerius. Sousse, Museo Archeologico (da La Regina,
Sangue e Arena).
Fig. 39. Pompei: graffito con scene di anfiteatro. Necropoli di Porta Nocera, tomba 14 (da
Iacobelli, Gladiatori a Pompei.
Fig. 40. Ricostruzione (Etienne du Pérac, 1581) di una naumachia nel Colosseo.
Fig. 41. Cavillargues (Provenza): medaglione con stantes missi. Nîmes, Museo Archeologico
(da La Regina, Sangue e Arena).
Fig. 42. Roma, Via Casilina: mosaico con munus sine missione: veduta di insieme. Roma,
Galleria Borghese (dal sito wikiwand.com).
Fig. 43. Pompei: veduta dell’Anfiteatro sullo sfondo del Vesuvio (da P.G. Guzzo, Pompei.
Storia di un’eruzione, Stuttgart 2004).
Fig. 44. Pompei: mosaico con rissa fra Pompeiani e Nocerini. Napoli, Museo Archeologico
Nazionale (da Iacobelli, Gladiatori a Pompei).
Fig. 45. Sutrium (Sutri): veduta dell’Anfiteatro (foto autore).
Figg. 46-47. Sutrium (Sutri): Anfiteatro: ricostruzione Golvin (da Golvin, Amphithéâtre).
Fig. 48. Lupiae (Lecce): Anfiteatro, part. (foto Annelise Casetti).

174
Figg. 49-50. Roma: doppio teatro girevole di Scribonio Curione: ricostruzioni del funziona-
mento (da Coarelli, Roma, Guide Archeologiche Laterza, e da Mattesini, Gladiatori).
Fig. 51. Lugdunum (Lione): scorcio dell’Anfiteatro delle Tre Gallie (foto autore).
Fig. 52. Verona: Arena (foto autore).
Fig. 53. Mediolanum (Milano): resti dell’Anfiteatro (dal sito del Parco Archeologico dell’An-
fiteatro, Milano).
Fig. 54. Pula (Pola): Anfiteatro: ricostruzione E. Dyggve (da E. Dyggve, Recherches à Salone,
Copenaghen 1928).
Fig. 55. Pula (Pola): Anfiteatro: scorcio dello stato attuale (foto autore).
Fig. 56. Luca (Lucca): Anfiteatro trasformato in ”Mercato delle vettovaglie”.
Fig. 57. Capua: Anfiteatro presso la Via Appia (da J. Golvin, in L’archéologue, CXII, 2011).
Fig. 58. Roma: monumenti degli Haterii: part. con il Colosseo. Roma, Musei Vaticani (da A.
Giuliano, in Memorie dell’Accademia dei Lincei XIIi, 1967-68).
Fig. 59. Roma: veduta del Colosseo (foto autore).
Fig. 60. Roma: Colosseo: sezione della cavea e delle strutture su cui poggia (da Beste, Journal
of Roman Archaeology).
Figg. 61-62. Roma: Colosseo: pianta di insieme dei sotterranei e part. del corridoio centrale (da
Gabucci, Il Colosseo).
Figg. 63-65. Roma: Colosseo: fasi delle strutture murarie dei sotterranei (da Gabucci, Il Co-
losseo).
Fig. 66. Roma: Colosseo: cosiddetto “Passaggio di Commodo” (da Gabucci, Il Colosseo).
Fig. 67 a-b. Urbs Salvia (Urbisaglia): due immagini dell’Anfiteatro (foto autore).
Fig. 68. Ariminum (Rimini): resti dell’Anfiteatro (foto autore).
Figg. 69-70. Arelate (Arles): due immagini dell’Anfiteatro (foto autore).
Figg. 71-72. Nemausus (Nîmes): due immagini dell’Anfiteatro (foto autore).
Fig. 73. Augusta Treverorum (Tier-Treviri): pianta dell’Anfiteatro. Con “M” è indicato il trac-
ciato delle mura che ne modificano le funzioni (da Die Römer am Mosel und Saar, cat,
Mostra 1983.
Fig. 74. Deva Victrix (Chester): castrum sviluppatosi in città e anfiteatro. Ricostruzione.
Fig. 75. Virunum (presso Magdalensberg): Anfiteatro: veduta aerea (da R. Barlovits, in Jahrbuch
des Landesmuseums Kärnten, 2009-2010).
Fig. 76. Viminacium (presso Kostolac): città e Anfiteatro raffigurati nella Colonna Traiana (da
F. Coarelli, La Colonna Traiana, Roma 1999.
Fig. 77. Ulpia Traiana Sarmizegetusa: Anfiteatro: veduta dell’arena (foto Annelise Casetti).
Figg. 78-79. Salonae (presso Split-Spalato): Anfiteatro: ricostruzione Dyggve e stato attuale
(da E. Dyggve, Recherches à Salone, Copenaghen 1928).
Fig. 80. Caesarea Iol (Cherchel): Anfiteatro: pianta (da Enciclopedia dell’arte antica).
Fig. 81. Leptis Magna: Anfiteatro scavato nella roccia (foto Annelise Casetti).
Fig. 82. Castra Albana (Albano): Anfiteatro (foto Museo Albano).
Figg. 83-84: Roma: Anfiteatro castrense, due vedute (foto autore).
Fig. 85. Thysdrus (El Djem). Anfiteatro dopo i consolidamenti e restauri dal sito (wikiwand.
com).
Fig. 86. Spartaco. Part. di una statua di Denis Foyatier (1847). Bruxelles, Musée des Beaux Arts
(da Storica - National Geographic n.24, 2011).

175
Finito di stampare nel mese di dicembre 2018
presso la Global Print — Gorgonzola (MI)

Potrebbero piacerti anche