Sei sulla pagina 1di 730

Guida di riferimento

di Pro Tools
Versione 6.0 per i sistemi TDM o LE per Macintosh
Versione 5.3 per i sistemi TDM o LE per Windows o Macintosh
Versione 5.1.x per i sistemi MIX o LE per Macintosh

Digidesign
2001 Junipero Serra Boulevard
Daly City, CA 94014-3886 USA
tel.: 650·731·6300
fax: 650·731·6399

Supporto tecnico (USA)


650·731·6100
650·856·4275

Informazioni sui prodotti (USA)


650·731·6102
800·333·2137

Uffici internazionali
Visitare il sito Web di Digidesign
per informazioni e assistenza.

Sito Web
www.digidesign.com
Copyright
La presente Guida è protetta da copyright ©2002 di
Digidesign, una divisione di Avid Technology, Inc. (d'ora in poi
chiamata Digidesign), con tutti i diritti riservati. In base alle
disposizioni dei trattati internazionali sul copyright, la presente
guida non può essere copiata, per intero o in parte, senza
autorizzazione scritta di Digidesign.
DIGIDESIGN, AVID e Pro Tools sono marchi o marchi registrati
di Digidesign e/o di Avid Technology, Inc. Tutti gli altri marchi
appartengono ai rispettivi proprietari.
Tutte le caratteristiche e le specifiche sono soggette a
modifiche senza preavviso.
PN 910610773-02 REV A 012/02
sommario

Parte I Introduzione

Capitolo 1. Benvenuti a Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3


Guide di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Informazioni sulla compatibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Registrazione Digidesign . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

Capitolo 2. Configurazioni dei sistemi Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5


Sistemi con modulo TDM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Sistemi Pro Tools LE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

Capitolo 3. Concetti di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11


Registrazione audio su disco rigido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Digidesign Audio Engine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Sessioni di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Risorse del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Concetti MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19

Capitolo 4. Finestre di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21


Finestra Mix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Finestra Edit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Finestra Transport . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

Capitolo 5. Tasti di scelta rapida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33


Principali comandi globali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Focus tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Modalità Numeric Keypad . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

Sommario iii
Parte II Sessioni e tracce

Capitolo 6. Sessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Avvio e chiusura del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Configurazione delle impostazioni di sistema Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Configurazione delle impostazioni hardware di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Creazione di una nuova sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Apertura di una sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Salvataggio di una sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Creazione di modelli di sessione personalizzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Chiusura di una sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Chiusura di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Condivisione di sessioni tra i sistemi Pro Tools TDM e i sistemi Pro Tools LE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Preferences . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58

Capitolo 7. I/O Setup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71


Finestra di dialogo I/O Setup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Routing delle porte I/O hardware agli ingressi e alle uscite di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Creazione e modifica dei percorsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
File di impostazioni di I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
Opzioni di I/O Setup per il percorso di uscita predefinito, il metering, l'ascolto e l'ordine predefinito
dei percorsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89

Capitolo 8. Tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Tipi di tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Controlli delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Creazione delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Occultamento delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Assegnazione degli ingressi e delle uscite alle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Priorità delle tracce e assegnazione di voci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Impostazione degli ingressi e delle uscite MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
Assolo e silenziamento delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Impostazione dello stato inattivo delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Regolazione della larghezza delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Tracce con codifica a colori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Raggruppamento delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112

iv Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 9. Importazione ed esportazione dei dati di una sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Importazione di audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Importazione delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Importazione delle tracce e dei loro attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Caricamento dei file audio mediante la funzione di trascinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Esportazione di audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Trasferimento di audio da CD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Conversion Quality . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Esportazione di tracce Pro Tools come file OMF . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Esportazione del testo di una sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Importazione di file MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
Esportazione di file MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140

Capitolo 10. Gestione e compatibilità dei file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141


Gestione dei file audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
Compatibilità dei file WAV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Compatibilità dei file Avid . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Creazione di sessioni compatibili Mac e PC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
Spostamento di sessioni fra le piattaforme mediante MacOpener . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146

Parte III Registrazione

Capitolo 11. Impostazione della registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151


Livelli audio e connessioni in ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Attivazione delle tracce per la registrazione con il pulsante Record Enable . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Modalità di monitoraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Latenza di monitoraggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Nomi predefiniti delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Finestra di dialogo Disk Allocation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Assegnazione dello spazio sul disco rigido per la registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
Modalità di registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
Registrazione con il click (metronomo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Impostazione del tempo musicale predefinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165

Sommario v
Capitolo 12. Istruzioni di base sulla registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Registrazione di una traccia audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Scelte rapide da tastiera per la registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
Registrazione di più tracce audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
Modalità Record Pause . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
Registrazione di take addizionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
Registrazione punch dell'audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Registrazione di loop audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
Ascolto dei take registrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Impostazione dei punti punch/loop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182

Capitolo 13. Registrazione MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189


Registrazione da dispositivi MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
Attivazione dei dispositivi di ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
Opzione MIDI Thru . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
Finestra di dialogo MIDI Input Filter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
Input Quantize . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
Wait for Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
MIDI Merge/Replace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
Configurazione delle tracce MIDI per la registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
Registrazione su tracce MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
Registrazione punch MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
Registrazione di loop MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Registrazione di dati esclusivi al sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203

Capitolo 14. Registrazione avanzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205


Registrazione audio QuickPunch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
Registrazione da una sorgente digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
Registrazione e riproduzione a velocità dimezzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211

vi Guida di riferimento di Pro Tools


Parte IV Montaggio

Capitolo 15. Nozioni di base sul montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215


Montaggio di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
Materiale di traccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
Visualizzazione dei nomi e dei tempi delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
Regioni e forme d'onda audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
Regioni MIDI e dati MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
Ordini di riproduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
Annullamento multiplo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
Elenchi delle regioni audio e MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
Modalità Edit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
Zoom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
Finestra Universe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
Righelli Timebase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
Scala temporale principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
Timing basato su tic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246

Capitolo 16. Riproduzione e selezione del materiale delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249


Riproduzione delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
Opzioni di scorrimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
Strumento Scrubber . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
Separazione delle selezioni Edit e Timeline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
Selezione del materiale delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
Riproduzione delle selezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
Selezioni Timeline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
Riproduzione delle selezioni Edit e Timeline con la linea Playhead . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272

Capitolo 17. Uso delle regioni e delle selezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273


Creazione delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
Ricomposizione di una separazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
Inserimento delle regioni nelle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
Strumento Trimmer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
Strumento Time Trimmer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
Scorrimento delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
Spostamento minimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
Comando Shift . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
Quantizzazione delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
Blocco delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
Silenziamento/Non silenziamento delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
Comandi di montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
Comando Duplicate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
Comando Repeat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300

Sommario vii
Comando Merge Paste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
Montaggio delle tracce stereo e multicanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
Elaborazione del materiale audio con i plug-in AudioSuite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
Correzione delle forme d'onda con lo strumento Pencil . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
Smart Tool . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304

Capitolo 18. Montaggio avanzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307


Sostituzione delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
Comando Repeat Paste To Fill Selection . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
Comando Compress/Expand Edit To Play . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310

Capitolo 19. Dissolvenze e crossfade . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313


Utilizzo dei crossfade . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
Creazione di un crossfade . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
Creazione delle dissolvenze all'inizio e alla fine delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322
Uso delle dissolvenze automatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
Creazione di dissolvenze e crossfade in batch . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324

Capitolo 20. Gestione delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327


Rimozione dei silenzi dalle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
Inserimento dei silenzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
Comando Consolidate Selection . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
Gestione delle regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
Compressione dei file audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334

Capitolo 21. Tracce Conductor e posizioni memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335


Eventi tempo metrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
Tempo metrico predefinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
Comando Identify Beat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
Eventi tempo musicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
Rinumerazione delle battute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
Posizioni memoria e indicatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
Finestra Memory Locations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352

Capitolo 22. Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355


Informazioni su Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
Requisiti per Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357
Finestra Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
Modalità Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
Definizione di una selezione per Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
Calcolo del tempo metrico con Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
Generazione degli attivatori di battito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
Generazione degli indicatori Battuta|Battito con Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
Modelli DigiGroove . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367

viii Guida di riferimento di Pro Tools


Separazione delle regioni con Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
Uniformazione delle regioni mediante Beat Detective . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
Uniformazione del montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 374
Detection (Normal) e modalità Collection . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375

Parte V Montaggio MIDI

Capitolo 23. Montaggio MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381


Strumento Pencil . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
Impostazione del valore Grid . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
Inserimento di note MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
Modifica manuale delle note MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
Eventi di controller continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
Modifiche di programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393
Eventi esclusivi al sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
Chasing delle note e del controller . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
Impostazione dell'offset delle tracce MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
Note incollate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403

Capitolo 24. MIDI Operations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405


Finestra MIDI Operations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
Select Notes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
Change Velocity . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408
Change Duration . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410
Transpose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
Quantize . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
Groove Quantize . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
Comando Restore Performance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
Comando Flatten Performance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426

Capitolo 25. Finestra MIDI Event List . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427


Finestra MIDI Event List . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
Inserimento di eventi nella finestra MIDI Event List . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
Modifica di eventi nella finestra MIDI Event List . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
Opzioni della finestra MIDI Event List . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435

Sommario ix
Parte VI Missaggio

Capitolo 26. Missaggio di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439


Concetti relativi al missaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
Metering e calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
Flusso dei segnali audio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
Insert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
Visualizzazione di ingressi/uscite, insert e mandate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445
Ingresso della traccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
Uscita della traccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
Mandate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
Finestre Output per tracce e mandate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457
Missaggio secondario per il routing dei segnali e l'elaborazione degli effetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462
Dither . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
Utilizzo di una superficie di controllo con Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469

Capitolo 27. Plug-in e insert hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471


Inserimento di plug-in nelle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
Finestra Plug-In . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
Insert di ingresso/uscita hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
Collegamento e integrazione di dispositivi esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484

Capitolo 28. Automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489


Avvio rapido dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
Ordini di riproduzione dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
Modalità di automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
Scheda Automation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495
Visualizzazione dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498
Scrittura dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498
Attivazione e sospensione dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 502
Eliminazione dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
Riduzione (thinning) dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
Disegno di automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506
Modifica dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
Scrittura dell'automazione fino all'inizio o alla fine di una selezione o su tutta la selezione . . . . . . . . . 514
Trimming dell'automazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516
Creazione dell'automazione di istantanee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517

x Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 29. Missaggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
Registrazione su tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
Bounce to Disk . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 524
Opzioni di bouncing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 525
Registrazione di un missaggio secondario con il comando Bounce To Disk . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
Missaggio finale con il comando Bounce To Disk . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 536
Masterizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 537

Parte VII Surround

Capitolo 30. Concetti di suono surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 541


Formati di missaggio e formati surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 541
Formati di missaggio Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 542
Disposizione degli altoparlanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 543
Monitoraggio del surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 545
Formati e terminologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 547
Concetti relativi al missaggio surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 550

Capitolo 31. Impostazione di Pro Tools per il surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 553


Collegamenti audio Pro Tools per il missaggio 5.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 553
Configurazione di Pro Tools per sessioni multicanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 554
Selettori predefiniti della finestra di dialogo I/O Setup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 558
Disposizioni delle tracce, routing e metering dei formati 5.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 559

Capitolo 32. Tracce multicanale e routing dei segnali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561


Avvio rapido del missaggio multicanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561
Tracce audio multicanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561
Routing dei segnali multicanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 564
Percorsi nei missaggi surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 568
Esempi di percorsi e routing dei segnali per un missaggio surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 570

Capitolo 33. Pan e missaggio surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 575


Introduzione al pan surround di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 575
Finestra Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576
Controlli standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 577
Controlli del panner surround . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 578
Modalità di pan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 580
Fader LFE dei panner multicanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 583
Divergenza e percentuale centro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 584
Plug-in SurroundScope Metering . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 586

Sommario xi
Parte VIII Sincronizzazione

Capitolo 34. Principi di sincronizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 589


Requisiti di sincronizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 589
Aspetti della sincronizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 590
Sincronizzazione di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 590
Formati di frame SMPTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 594
Utilizzo di materiale originato da pellicola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 595

Capitolo 35. Sincronizzazione mediante timecode . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 601


Opzioni di sincronizzazione in Pro Tools. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 601
Finestra Session Setup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 603
Preparazione all'utilizzo del timecode SMPTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 608
Configurazione di Pro Tools per il timecode SMPTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 609
Aumento (Pull Up) e riduzione (Pull Down) del 4% . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 611
Configurazione delle funzioni Pull Up e Pull Down mediante un sincronizzatore SYNC I/O o USD . . . . . . 616
Messa in linea di Pro Tools . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 617
Generazione del timecode . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 618
Utilizzo di MIDI Machine Control . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 619
Sincronizzazione di un sequencer con Pro Tools in un sistema Macintosh OS 9 . . . . . . . . . . . . . . . . . 621
Sincronizzazione di un sequencer con Pro Tools in Windows . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 623
Impostazione del ritardo minimo di sincronizzazione (Minimum Sync Delay) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 624
Preparazione remota delle tracce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 625
Sincronizzazione di Pro Tools con un sequencer compatibile con OMS tramite MMC . . . . . . . . . . . . . . 625
Beat Clock MIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 627
Spotting delle regioni nelle posizioni del frame SMPTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 627
Indicazione ora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 630
Identificazione di un punto di sincronizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 632
Risoluzione dei problemi di sincronizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633

Capitolo 36. Utilizzo dei filmati QuickTime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637


Informazioni su QuickTime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637
Requisiti QuickTime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639
Opzioni della qualità di riproduzione del filmato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639
Importazione di un filmato QuickTime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 640
Riproduzione Firewire dei filmati QuickTime DV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 641
Informazioni sulla finestra Movie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643
Impostazione dell'ora di inizio del filmato (offset del filmato) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 645
Esecuzione dello spotting dell'audio su un filmato QuickTime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 646
Importazione di audio QuickTime e di altri file video compressi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 647
Esecuzione del bouncing su un nuovo filmato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 649

xii Guida di riferimento di Pro Tools


Appendice A. Ritardi causati dal DSP durante il missaggio
(solo sistemi TDM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 651
Fattori di ritardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 651
Compensazione dei ritardi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653

Appendice B. Missaggio TDM e utilizzo di DSP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 655


Vantaggi di TDM II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 655
Assegnazione delle risorse DSP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 657
Utilizzo di DSP con i mixer TDM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660
Utilizzo di DSP con i plug-in TDM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 668
Utilizzo di DSP e assegnazione I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 669

Appendice C. Risoluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 671


Backup del lavoro svolto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 671
Problemi più frequenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 671
Uso dell'utility DigiTest come strumento di diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673
Fattori che influiscono sulle prestazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673
Prima di rivolgersi al servizio di assistenza tecnica di Digidesign . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673

Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 677

Indice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 687

Sommario xiii
xiv Guida di riferimento di Pro Tools
Parte I: Introduzione

1
2
Capitolo 1: Benvenuti a Pro Tools

Benvenuti a Pro Tools®. Pro Tools integra Guida dei Plug-In Digidesign Guida in formato
potenti funzioni di sequencing MIDI e audio PDF con istruzioni per l'utilizzo dei plug-in
digitale multitraccia, offrendo i migliori Digidesign opzionali per l'elaborazione audio
strumenti per la registrazione, l'arrangiamento, basata su file e in tempo reale con Pro Tools.
il montaggio, il missaggio e il mastering di
materiale audio di qualità per musica, video, Guide DigiBase e DigiBase Pro Dettagli relativi
film e produzioni multimediali. all'uso di database e browser Pro Tools DigiBase
per la gestione di dati e supporti (con i sistemi
Pro Tools LE questa guida è disponibile solo in
versione elettronica in formato PDF).
Guide di Pro Tools
Guida delle superfici di controllo MIDI di Pro Tools
Con il sistema Pro Tools acquistato vengono Guida in formato PDF con istruzioni relative al
fornite le seguenti guide: funzionamento di Pro Tools con varie superfici
di controllo MIDI.
Guida introduttiva Istruzioni per l'installazione
del sistema Pro Tools e per il collegamento Guida di espansione dei sistemi (solo nei
dell'impianto di registrazione. sistemi TDM) Istruzioni per l'espansione di un
sistema Pro Tools TDM mediante schede
Guida di riferimento di Pro Tools Istruzioni
Digidesign opzionali o uno châssis di
dettagliate su tutte le funzionalità e le
espansione.
operazioni disponibili in Pro Tools (con i sistemi
Pro Tools LE la Guida di riferimento è disponibile MachineControl Guide (solo nei sistemi TDM)
solo in versione elettronica in formato PDF). Istruzioni per l'utilizzo del software
MachineControl di Pro Tools per l'attivazione
Guida dei menu di Pro Tools Guida in formato
delle comunicazioni seriali con dispositivi audio
PDF in cui vengono descritti i menu disponibili
e video remoti.
in Pro Tools.
Keyboard Shortcut Card PDF elettronici distinti
Guida ai Plug-In DigiRack™ Istruzioni per
per Macintosh e Windows contenenti numerosi
l'utilizzo dei plug-in DigiRack, forniti con il
tasti di scelta rapida non visualizzati nei menu
programma, per l'elaborazione audio basata su
di Pro Tools.
file e in tempo reale con Pro Tools (con i sistemi
Pro Tools LE questa guida è disponibile solo in
versione elettronica in formato PDF).

Capitolo 1: Benvenuti a Pro Tools 3


Digidesign fornisce inoltre guide specifiche I riferimenti incrociati rimandano a sezioni
con interfacce audio e controller dedicati correlate delle guide di Pro Tools.
opzionali, quali Control|24 e ProControl, e
altri prodotti Digidesign, come MIDI I/O,
PRE e SYNC I/O. Consultare la guida Informazioni sulla
fornita con il prodotto opzionale Digidesign.
compatibilità
Convenzioni utilizzate nelle guide Digidesign è in grado di garantire la
compatibilità e fornire il supporto unicamente
Nelle guide Pro Tools vengono utilizzate le per il materiale hardware e software collaudato e
seguenti convenzioni per indicare le scelte di approvato. Per un elenco dei computer, dei
menu e i comandi principali: sistemi operativi e dei dispositivi di altri
:

produttori approvati da Digidesign, consultare


Convenzione Azione le ultime informazioni sulla compatibilità nel
File > Save Session Scegliere Save Session sito Web di Digidesign (www.digidesign.com).
dal menu File

Control e N Tenere premuto il tasto


Control e premere il Registrazione Digidesign
tasto N
Assicurarsi di completare e inviare la scheda di
Opzione e clic Tenere premuto il tasto
registrazione fornita con il sistema Pro Tools.
Opzione e fare clic con il
pulsante del mouse Gli utenti che abbiano eseguito la registrazione
riceveranno notizie sugli aggiornamenti del
Clic destro (Windows) Fare clic con il pulsante software. Per l'assistenza tecnica e le
destro del mouse
informazioni relative alla garanzia, si prega di
fare riferimento alla scheda di registrazione.
I seguenti simboli sono utilizzati per evidenziare
informazioni importanti:

I suggerimenti per gli utenti sono consigli


utili che consentono di ottenere il massimo
dal sistema Pro Tools.

Le avvertenze importanti riportano


informazioni che potrebbero influire sui
dati di sessione di Pro Tools e sulle
prestazioni del sistema Pro Tools.

Questo simbolo indica i tasti di scelta


rapida per la selezione mediante tastiera o
mouse.

4 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 2: Configurazioni dei sistemi
Pro Tools

Vi sono due tipi di sistema Pro Tools: TDM e LE. Sistemi Serie HD
Queste tipologie si riferiscono sia al software di
Pro Tools che alle sue interfacce hardware: Pro Tools|HD 1
• TDM = Software TDM Pro Tools per
Il sistema comprende:
Pro Tools|HD-series, Pro Tools|24 MIX-series e
hardware Pro Tools|24. • Scheda HD Core

• LE = Software Pro Tools LE per Digi 002, • Software TDM Pro Tools
Digi 001, Mbox e hardware Toolbox.
Pro Tools|HD 2
Il sistema di base comprende:
Sistemi con modulo TDM • Scheda HD Core
I sistemi Pro Tools dotati di modulo TDM sono • Scheda HD Process
disponibili nelle configurazioni descritte di
• Software TDM Pro Tools
seguito. Ciascun sistema richiede la presenza di
almeno un'interfaccia audio Digidesign (da
acquistare separatamente). Se necessario, è
Pro Tools|HD 3
possibile espandere i sistemi TDM aggiungendo Il sistema di base comprende:
schede Digidesign supplementari per aumentare
• Scheda HD Core
il numero delle tracce, accrescere la possibilità di
elaborazione di plug-in e mixer, nonché • Due schede HD Process
collegare interfacce audio aggiuntive. • Software TDM Pro Tools

Le prestazioni del sistema Pro Tools


dipendono da fattori esterni quali la
velocità del processore, la quantità di
memoria e le caratteristiche del disco rigido.
Rivolgersi al proprio rivenditore Digidesign
di fiducia oppure visitare il sito Web di
Digidesign per informazioni aggiornate sui
requisiti di sistema e la compatibilità.

Capitolo 2: Configurazioni dei sistemi Pro Tools 5


Sistemi Serie MIX Interfacce audio supportate

Pro Tools|24 MIX Solo sistemi Serie HD

Il sistema di base comprende: Le interfacce audio seguenti sono compatibili


con i sistemi Pro Tools|serie HD:
• Scheda MIX Core
◆ 192 I/O
• Software TDM Pro Tools
◆ 192 Digital I/O

Pro Tools|24 MIXplus ◆ 96 I/O

Il sistema di base comprende: Con i sistemi Pro Tools|Serie HD è


• Scheda MIX Core richiesto l'utilizzo di almeno
un'interfaccia audio di tipo 192 I/O, 192
• Scheda MIX Farm
Digital I/O o 96 I/O.
• Software TDM Pro Tools
Sistemi Serie HD, Serie MIX e Pro Tools|24
Pro Tools|24 MIX3 Con i sistemi Pro Tools Serie HD, Pro Tools serie
24 MIX e Pro Tools|24 è possibile utilizzare le
Il sistema di base comprende:
interfacce audio Digidesign seguenti:
• Scheda MIX Core
◆ 888|24888|24 I/O e 882|20 I/O
• Due schede MIX Farm
◆ 1622 I/O
• Software TDM Pro Tools
◆ ADAT Bridge I/O 24 bit o ADAT Bridge I/O
originale
Pro Tools|24 System
Le interfacce audio che funzionano con i
Pro Tools|24 sistemi della serie HD richiedono
l'utilizzo di almeno un'interfaccia di tipo
Il sistema di base comprende: 192 I/O, 192 Digital I/O o 96 I/O.
• Scheda audio d24
Le interfacce audio 888 I/O e 882 I/O originali
• Scheda DSP Farm funzionano solo con i sistemi Pro Tools|24 MIX
• Software TDM Pro Tools e Pro Tools|24.

6 Guida di riferimento di Pro Tools


Limiti di riproduzione audio, registrazione e condivisione voci
dei sistemi TDM
Nella tabella seguente vengono elencati i limiti di riproduzione audio, registrazione e tracce di
condivisione voci per ciascun tipo di sistema Pro Tools TDM. Le colonne relative alla riproduzione e
alla registrazione indicano il numero di tracce di riproduzione e registrazione simultanee uniche
disponibili nel sistema. Il numero totale delle tracce di condivisione voci indica il numero massimo
di tracce audio in grado di condividere le voci disponibili nel sistema. I limiti definiti per le voci
dipendono dalla frequenza di campionamento della sessione e dal numero di chip DSP assegnati al
Playback Engine (motore di riproduzione) del sistema. Con i sistemi Pro Tools serie HD è possibile
aprire sessioni con un massimo di 256 tracce audio (fino a 128 con i sistemi Pro Tools|24 MIX e i
sistemi Pro Tools|24), ma tutte le tracce oltre il limite di tracce di condivisione voci consentito dal
sistema vengono automaticamente impostate su Voice Off, ossia disattivate.

I sistemi Pro Tools|HD consentono un massimo di 128 tracce ausiliarie (ingressi Aux) mentre
Pro Tools|24 MIX e Pro Tools|24 consentono fino a un massimo di 64 ingressi ausiliari.

In tutti i sistemi Pro Tools dotati di modulo TDM sono disponibili 64 bus di missaggio interni. Tutti
i sistemi TDM sono inoltre in grado di fornire fino a 5 insert e 5 mandate per traccia, a seconda della
capacità di DSP del sistema utilizzato.

Tabella 1. Limiti di riproduzione audio, registrazione e condivisione voci dei sistemi Pro Tools|HD, Pro Tools|24 MIX
e Pro Tools|24

Frequenza di Tracce mono di Totale tracce


Voci (tracce mono di
Tipo di sistema di base campionamento registrazione di condivisione
riproduzione simultanea)
(kHz) simultanea voci

Pro Tools|HD 1 44,1/48 96 96 112

88,2/96 48 48 48

176,4/192 12 12 12

Pro Tools|HD 1, 44,1/48 128 128 224


Pro Tools|HD 2,
88,2/96 64 64 80
e Pro Tools|HD 3
176,4/192 24 24 24

Pro Tools|24 MIX, 44,1/48 64 64 86


Pro Tools|24 MIX espanso,
Pro Tools|24 MIXplus,
Pro Tools|24 MIX3

Pro Tools|24 44,1/48 32 32 43

Pro Tools|24 espanso 44,1/48 64 64 86

Capitolo 2: Configurazioni dei sistemi Pro Tools 7


Interfacce audio per sistemi TDM
Nella tabella seguente vengono elencate le risorse di elaborazione in ingresso e in uscita delle varie
interfacce audio dei sistemi Pro Tools dotati di modulo TDM. Nei sistemi Pro Tools|HD espansi, le
interfacce audio possono essere combinate fino a un massimo di 96 elaborazioni in ingresso e in
uscita (ad esempio, con una scheda HD Core, due schede HD Process e 6 I/O). Nei sistemi Pro Tools|24
MIX espansi, le interfacce audio possono essere combinate fino a un massimo di 72 elaborazioni in
ingresso e in uscita (ad esempio, con una scheda MIX, cinque schede MIX Farm e sei I/O 1622).

Tabella 2. Risorse di canale delle interfacce audio dei sistemi Pro Tools TDM

Frequenze di
Numero di canali Conversion Conversione Ingresso/
Tipo di interfaccia campionament
I/O A/D D/A Uscita digitale
o (kHz)

192 I/O 16 ingressi/16 44,1; 48; 88,2; 24 bit 24 bit 24 bit


uscite 96; 176,4; 192

(la porta di
espansione
supporta fino a 16
canali di
ingresso/uscita
supplementari)

192 Digital I/O 16 ingressi/16 44,1; 48; 88,2; Nessuna Nessuna 24 bit
uscite 96; 176,4; 192

96 I/O 16 ingressi/16 44,1; 48; 88,2; 24 bit 24 bit 24 bit


uscite 96

888|24 I/O 8 ingressi/8 uscite 44,1; 48 24 bit 24 bit (o 20 24 bit


bit meno
recente)

882|20 I/O 8 ingressi/8 uscite 44,1; 48 20 bit 20 bit 24 bit

1622 I/O 16 ingressi/2 44,1; 48 20 bit 24 bit 24 bit


uscite

ADAT Bridge I/O 24 16 ingressi/16 44,1; 48 None 24 bit 24 bit


bit, interfaccia audio uscite

ADAT Bridge I/O 16 ingressi/16 44,1; 48 None 20 bit 24 bit (AES o


originale uscite S/PDIF),
oppure 20 bit
(Optical)

888 I/O 8 ingressi/8 uscite 44,1; 48 18 bit (o 16 18 bit 24 bit


bit meno
recente)

882 I/O 8 ingressi/8 uscite 44,1; 48 16 bit 16 bit 24 bit

8 Guida di riferimento di Pro Tools


Mbox
Sistemi Pro Tools LE
Il sistema Mbox comprende:
I sistemi Pro Tools di tipo LE sono disponibili
• interfaccia audio Mbox
nelle configurazioni descritte di seguito.
• Software Pro Tools LE
Digi 002
Digi ToolBox XP
Il sistema Digi 002 comprende:
Il sistema Digi ToolBox comprende:
• interfaccia audio e controller combinati
Digi 002 • Scheda Audiomedia III PCI

• Software Pro Tools LE • Software Pro Tools LE

La capacità di elaborazione totale di un


Digi 001
sistema Pro Tools LE dipende dalla potenza
Il sistema Digi 001 comprende: di elaborazione del computer. Rivolgersi al
proprio rivenditore Digidesign di fiducia
• Scheda Digi 001 PCI
oppure visitare il sito Web di Digidesign per
• Interfaccia I/O Digi 001 informazioni aggiornate sui requisiti di
• Software Pro Tools LE sistema e la compatibilità.

Capitolo 2: Configurazioni dei sistemi Pro Tools 9


Risorse dei sistemi Pro Tools LE
Nella tabella seguente vengono elencate le risorse di riproduzione, registrazione ed elaborazione in
ingresso e in uscita per ciascun tipo di sistema Pro Tools LE. Tutti i sistemi Pro Tools LE sono limitati
a un massimo di 32 o 24 tracce audio mono come indicato in Tabella 3. Se viene aperta una sessione
Pro Tools creata in un sistema TDM contenente un numero di tracce superiore a quello supportato sul
sistema LE, le tracce che vanno oltre il limite di condivisione del sistema verranno automaticamente
impostate su Voice Off (Pro Tools 6.0 o una versione successiva) oppure non verranno aperte
(Pro Tools 5.3.3 e versioni anteriori). Ad esempio, all'apertura in Digi 002 di una sessione di 64 tracce
creata su un sistema TDM, solo le tracce audio assegnate alle prime 32 voci verranno aperte; se la
sessione viene salvata con Pro Tools LE, tutte le tracce oltre le 32 voci disponibili verranno impostate
su Voice Off (Pro Tools 6.0 o superiore) oppure verranno perse (Pro Tools 5.3.3 e versioni anteriori).

In tutti i sistemi Pro Tools LE sono disponibili 16 bus di missaggio interni. I sistemi Pro Tools LE sono
inoltre in grado di fornire fino a 5 insert e 5 mandate per traccia, a seconda delle capacità di
elaborazione del computer utilizzato.

Tabella 3. Risorse di riproduzione audio, di registrazione e di canale dei sistemi Pro Tools LE

Tracce mono di riproduzione Numero di Conversione Conversione Ingresso/


Tipo di sistema
simultanea canali I/O A/D D/A Uscita digitale

Digi 002 32 fino a 18 24 bit 24 bit 24 bit


ingressi/18
uscite (a 48 kHz
o meno)

10 ingressi/10
uscite (a 96 kHz)

Digi 001 32 (Pro Tools 6.0 o superiore fino a 18 24 bit 24 bit 24 bit
e Pro Tools 5.3.1 o superiore ingressi/18
in ambiente Windows) uscite
24 (Pro Tools 5.2 o anteriore)

Mbox 32 (Pro Tools 6.0 o superiore fino a 2 24 bit 24 bit 24 bit


e Pro Tools 5.3.3 o superiore ingressi/2 uscite
in ambiente Windows)
24 (Pro Tools 5.2)

Audiomedia III 32 (Pro Tools 6.0 o superiore fino a 4 18 bit 18 bit 24 bit
e Pro Tools 5.3.1 o superiore ingressi/4 uscite
in ambiente Windows)
24 (Pro Tools 5.2 o anteriore)

Per informazioni dettagliate sul trasferimento del materiale di sessione tra i sistemi Pro Tools LE e
Pro Tools TDM, vedere "Condivisione di sessioni tra i sistemi Pro Tools TDM e i sistemi Pro Tools LE"
a pagina 57.

10 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 3: Concetti di Pro Tools

Pro Tools è basato su concetti semplici e facili da Pro Tools è un sistema di registrazione non
capire, molti dei quali non sono probabilmente lineare che consente di organizzare e missare il
sconosciuti al lettore. In questo capitolo materiale registrato in modo non distruttivo.
vengono descritti i principi e i concetti che sono
alla base del funzionamento di Pro Tools.

Digidesign Audio Engine


L'applicazione DAE (Digidesign Audio Engine) è
Registrazione audio su
il sistema operativo in tempo reale di Digidesign
disco rigido per i sistemi di registrazione digitali.
La registrazione su nastro viene definita lineare: L'applicazione DAE viene installata
per ascoltare un punto particolare della automaticamente nel sistema quando si installa
registrazione è necessario riavvolgere o far Pro Tools e può essere attivata da Pro Tools.
avanzare velocemente un nastro magnetico. Per
Il sistema operativo di un computer costituisce
ridisporre o duplicare il materiale quando si usa
la base necessaria all'esecuzione dei programmi;
un sistema lineare, è necessario procedere a una
in modo pressoché analogo, l'applicazione DAE
nuova registrazione.
fornisce la maggior parte delle funzionalità
La registrazione su disco rigido viene invece MIDI, di registrazione su disco, di elaborazione
definita non lineare (o ad accesso casuale): è dei segnali digitali e di automazione del
possibile spostarsi immediatamente su un punto missaggio richieste da Pro Tools e dagli altri
qualsiasi della registrazione senza dover eseguire prodotti di Digidesign e dei suoi partner di
il riavvolgimento o l'avanzamento veloce. sviluppo.

I sistemi non lineari offrono notevoli vantaggi. L'opzione DAE Playback Buffer Size determina la
È possibile ridisporre o duplicare con facilità le quantità di memoria assegnata in DAE per
parti di una registrazione modificandone gestire i buffer dei dischi, che influenzano le
l'ordine e/o la frequenza di lettura nel disco prestazioni del sistema. Per ulteriori
rigido. Inoltre, tale ridisposizione è non informazioni vedere "DAE Playback Buffer Size"
distruttiva, nel senso che non altera il materiale a pagina 42. Se necessario, è possibile modificare
registrato originale. l'opzione DAE Playback Buffer Size nella finestra
di dialogo Playback Engine, descritta nella
sezione seguente.

Capitolo 3: Concetti di Pro Tools 11


Finestra di dialogo desidera destinare all'assegnazione delle voci.
Playback Engine Per ulteriori informazioni, vedere
"Configurazione delle impostazioni di sistema
Pro Tools sfrutta il processore host del computer Pro Tools" a pagina 40.
per determinate operazioni e per funzioni di
elaborazione DSP opzionali basate su host. Vedere anche la sezione "Risorse del
sistema" a pagina 16.
In Pro Tools LE viene utilizzata l'elaborazione
host (CPU) per fornire funzioni di registrazione,
riproduzione, missaggio ed elaborazione degli
effetti delle tracce audio. Anche in Pro Tools
Sessioni di Pro Tools
TDM è possibile utilizzare l'elaborazione host Quando si avvia un progetto in Pro Tools, si crea
per eseguire i plug-in RTAS per l'elaborazione una sessione. In questa sezione vengono descritti
degli effetti. Le prestazioni del prodotto alcuni degli elementi di base delle sessioni.
dipendono dal sistema utilizzato e dalle
impostazioni del motore di riproduzione
(Playback Engine) in esso definite. File della sessione

La finestra di dialogo Playback Engine consente


di impostare la dimensione del buffer hardware
e di assegnare una percentuale delle risorse della
CPU per tali operazioni. Per ulteriori Icona di un file di sessione Pro Tools, Pro Tools 6.0
informazioni vedere "Configurazione delle
impostazioni di sistema Pro Tools" a pagina 40.

Icona di un file di sessione Pro Tools, Pro Tools 5.3 o


anteriore

Il file della sessione è il documento creato da


Pro Tools quando si avvia un nuovo progetto.
Vi sono contenute indicazioni complete sugli
elementi associati al progetto, compresi i file
audio, i dati MIDI e tutte le informazioni di
montaggio e missaggio dell'utente. È possibile
Finestra di dialogo Playback Engine del sistema apportare delle modifiche a una sessione e
Pro Tools TDM salvarle in un file della sessione distinto.
In questo modo è possibile creare più versioni
La finestra di dialogo Playback Engine consente
dello stesso progetto oppure eseguire il backup
inoltre di selezionare il numero di voci e di
del lavoro di montaggio e missaggio svolto.
tracce di condivisione voci per il sistema e le
sessioni. Le opzioni relative al numero di voci
disponibili nella finestra di dialogo si basano
sulla quantità di elaborazione DSP che si

12 Guida di riferimento di Pro Tools


File audio
Quando si registra materiale audio in una
sessione di Pro Tools, vengono creati dei file
audio.
Traccia MIDI nella finestra Edit

È possibile montare le tracce audio e MIDI in


regioni, o duplicarle in posizioni diverse, per
creare loop, modificare la disposizione di sezioni
o di interi brani oppure per assemblare le tracce
Icona di un file audio, Pro Tools 6.0
utilizzando materiale proveniente da
numerosi take.

Le tracce audio possono essere mono, stereo


oppure di uno qualsiasi dei formati multicanale
supportati (a seconda del tipo del sistema
Icona di un file audio, Pro Tools 5.3 o anteriore Pro Tools). Quando si crea una traccia audio
nuova, è possibile scegliere il formato desiderato
I file audio di ciascuna sessione vengono
dall'elenco dei formati supportati dal sistema
memorizzati nella cartella Audio Files. I file
utilizzato.
audio sono contenuti nell'elenco delle regioni
audio e possono essere visualizzati in una
traccia. Una sezione di un file audio può essere Regioni (o Loop)
definita come regione. Vedere "Regioni (o
Loop)" a pagina 13.

Tracce
Le tracce di Pro Tools sono gli elementi in cui Regione audio
vengono registrati e montati i dati audio, MIDI e
di automazione. Per regione (o loop) si intende un gruppo di dati
audio o MIDI cui possono essere associati dati di
automazione. Una regione può essere un loop,
un riff di chitarra, un verso di canzone, un
effetto sonoro, un brano di conversazione o un
intero file audio. In Pro Tools le regioni
vengono create a partire da file audio o MIDI e
possono essere disposte negli ordini di
riproduzione delle tracce audio e MIDI.

Tracce audio nella finestra Edit

Capitolo 3: Concetti di Pro Tools 13


Ordine di riproduzione supplementare. Se necessario, è inoltre possibile
creare più versioni dell'audio originale per
impostare valori di durata, dissolvenza in
ingresso e in uscita ed effetti diversi.

Un ordine di riproduzione può essere costituito


da un'unica regione o da più regioni distinte.
Gli elementi che lo compongono possono essere
Menu a comparsa del selettore dell'ordine di omogenei, è il caso delle regioni costituite da
riproduzione
numerosi take diversi di uno stesso assolo,
Per ordine di riproduzione si intende un gruppo di oppure eterogenei, ad esempio regioni con
regioni disposte in una traccia audio o MIDI. Le numerosi effetti sonori. In una singola traccia è
tracce dispongono di ordini di riproduzione di possibile creare un numero qualsiasi di ordini di
montaggio e di ordini di riproduzione di riproduzione di montaggio. Ciò consente di
automazione. assemblare versioni diverse delle prestazioni o
dei montaggi nella stessa traccia audio o MIDI e
Per le tracce audio, l'ordine di riproduzione di di scegliere quella più appropriata da un
montaggio indica al disco rigido i file audio da apposito menu a comparsa della traccia.
leggere e l'ordine di lettura da seguire.
Ad esempio, è possibile utilizzare la stessa Ogni traccia contiene un unico set di ordini di
regione audio per accedere, più volte e in riproduzione di automazione per le opzioni
posizioni diverse, allo stesso gruppo di dati volume, pan, mute e per tutti i parametri di
audio, senza utilizzare spazio su disco attivazione dell'automazione per le assegnazioni
insert e di mandata della traccia.

Figura 1. Vista posteriore dell'interfaccia 192 I/O, con 16 canali di ingresso e di uscita

Canale Ad esempio, l'interfaccia audio 192 I/O


(Figura 1) può fornire fino a 16 canali di ingresso
Con il termine canale vengono descritti e uscita a un sistema Pro Tools|HD. L'interfaccia
numerosi componenti correlati di un sistema audio 888|24 I/O fornisce otto canali di ingresso
Pro Tools. Si parla di canale, innanzi tutto, per e uscita analogici a un sistema Pro Tools TDM.
far riferimento ai dispositivi fisici di ingresso o
uscita del sistema Pro Tools.

14 Guida di riferimento di Pro Tools


Il secondo uso del termine canale fa riferimento Routing dei segnali
a una fila di mixer della finestra Mix di
Pro Tools. Con fila di canali si allude alla fila di In Pro Tools sono disponibili controlli di
mixer di una traccia qualsiasi (traccia audio o missaggio e di routing dei segnali basati sul
MIDI, ingresso Aux o master fader) di una software, inclusi principalmente nella finestra
sessione. Mix. Alcuni di essi sono accessibili anche
mediante la finestra Edit.
Le file di canali audio e MIDI dispongono di
controlli simili, che tuttavia hanno funzioni Esempio di routing dei segnali
leggermente diverse. Ad esempio, i fader della
fila di canali audio e ingresso Aux (ausiliario) Una delle più comuni operazioni di routing dei
consentono di controllare il mixer di Pro Tools, segnali consiste nell'effettuare il missaggio
mentre quelli della fila di canali MIDI secondario di numerose tracce in un'unica fila di
consentono di inviare i dati di volume MIDI canali (come un ingresso Aux o un master fader)
(controller MIDI 7). per la condivisione dell'elaborazione e il
controllo del livello. L'esempio seguente illustra
il missaggio secondario di tre tracce audio verso
un ingresso Aux stereo.

Plug-in
stereo

Ingresso da
Uscite percorso di
verso bus stereo
percorso di
bus stereo Uscita verso
percorso di
uscita stereo

Figura 2. Fila di canali della finestra Mix Tracce audio Ingresso Aux

Missaggio secondario verso un ingresso Aux


Il termine canale può inoltre descrivere una
fase distinta di un'operazione MIDI. Vedere
"Concetti MIDI" a pagina 19.

Capitolo 3: Concetti di Pro Tools 15


Le opzioni di routing dei segnali comprendono: routing I/O multicanale e stereo o di
sottopercorsi di uno stesso percorso principale.
Controlli di ingresso/uscita delle tracce Il tipo di Per ulteriori informazioni, vedere Capitolo 7,
routing dei segnali più semplice è quello "I/O Setup".
costituito dall'ingresso e dall'uscita di una
traccia. A ogni traccia deve essere assegnato un Formati di missaggio Le sessioni possono
percorso di ingresso per la registrazione del includere combinazioni di tracce in formato
materiale audio e un percorso di uscita affinché mono, stereo e multicanale, bus, ingressi, uscite
risulti udibile attraverso l'uscita hardware del e insert. (I formati multicanale sono supportati
sistema. Utilizzando bus interni, è inoltre solo nei sistemi Pro Tools Serie HD e MIX.)
possibile indirizzare i segnali verso e da altre
tracce di Pro Tools o ingressi e uscite hardware
diversi.
Risorse del sistema
Ingressi Aux e master fader Gli ingressi Aux
Funzionalità quali il conteggio delle tracce,
sono tracce che possono essere utilizzate come
l'elaborazione dei plug-in, le opzioni di percorso
ritorni, mixer secondari e bus principali. I
e routing dei segnali, oltre alla disponibilità
master fader vengono utilizzati come controlli
delle voci, sono limitate dalle risorse del
di livello principale del bus e dell'uscita. Sia gli
computer host combinate alle risorse
ingressi Aux che i master fader possono essere
dell'hardware di Pro Tools.
dotati di insert o di plug-in.
Con Pro Tools è possibile gestire e preservare le
Mandate Le mandate indirizzano l'audio a bus
risorse disponibili in vari modi, ottimizzando al
interni per l'invio ad altre tracce di Pro Tools o a
tempo stesso le prestazioni del sistema. Quando
uscite hardware.
si inizia a lavorare con le sessioni e le tracce di
Plug-in e insert I plug-in software e gli insert Pro Tools, è possibile sfruttare le funzionalità
hardware elaborano l'audio sulle rispettive descritte di seguito per accrescere l'efficacia della
tracce associate. L'elaborazione dei plug-in viene DSP e delle altre risorse disponibili.
eseguita completamente nel sistema Pro Tools. ◆ Pro Tools consente di intervenire sulle
Gli insert hardware utilizzano gli ingressi e le prestazioni del sistema mediante la modifica
uscite dell'interfaccia audio per il routing di delle impostazioni (come CPU Usage e H/W
insert tradizionale verso (e da) dispositivi di Buffer Size) che agiscono sulla capacità di
effetti e di altro tipo esterni. elaborazione, riproduzione e registrazione.
Vedere "Configurazione delle impostazioni di
Percorsi In Pro Tools è possibile definire
sistema Pro Tools" a pagina 40.
raggruppamenti logici di più ingressi, uscite o
bus caratterizzati da un nome e da un formato ◆ La funzione di impostazione attivo/inattivo

(di canale) unici. Tali raggruppamenti consente di alternare selettivamente lo stato


comprendono gli elenchi delle opzioni di attivo (on) e lo stato inattivo (off) degli
routing disponibili nei selettori di traccia I/O e elementi, ad esempio tracce e insert. È quindi
in altri menu. I percorsi si rivelano possibile assegnare con esattezza le risorse DSP e
particolarmente utili per l'assegnazione del le altre risorse nella fase di sviluppo degli ordini
di riproduzione, delle tracce e dei missaggi.
Vedere "Elementi attivi e inattivi" a pagina 17.

16 Guida di riferimento di Pro Tools


◆ Nei sistemi Pro Tools TDM e Pro Tools LE 6.0 Plug-in Quando un plug-in è inattivo in una
sono disponibili opzioni vocali flessibili per le traccia, le risorse DSP non più utilizzate
tracce disco. Per ulteriori informazioni sulla vengono rese disponibili per altri plug-in e
gestione e le opzioni delle voci, vedere "Tracce di funzioni di elaborazione. Le assegnazioni dei
condivisione voci e priorità delle tracce" a plug-in possono essere rese inattive
pagina 106. manualmente o automaticamente (vedere
"Impostazione automatica e manuale dello stato
inattivo" a pagina 18).
Elementi attivi e inattivi
Percorsi e assegnazioni di percorso Quando un
In Pro Tools è possibile impostare come inattivi
percorso o un'assegnazione di percorso sono
determinati elementi (ad esempio le tracce
inattivi, le risorse mixer rispettive vengono rese
audio) per rendere disponibili ulteriori risorse
disponibili per altre operazioni di routing dei
DSP e console di missaggio.
segnali della sessione. I percorsi e le assegnazioni
Gli elementi di Pro Tools che possono essere resi di percorso possono essere resi inattivi
inattivi o attivi sono: manualmente o automaticamente (vedere
"Impostazione automatica e manuale dello stato
◆ Tracce audio, ingressi Aux e master fader
inattivo" a pagina 18).
◆ Ingressi e uscite di traccia
Tracce Solo nel caso dei sistemi TDM (Pro Tools
◆ Mandate
5.1 e versioni successive) e Pro Tools LE 6.0,
◆ Ingressi sidechain quando una traccia è inattiva, la voce ad essa
◆ Plug-in associata viene resa disponibile per un'altra
traccia. Inoltre, quando una traccia audio, un
◆ Insert hardware
ingresso Aux o un master fader vengono resi
◆ Percorsi (a livello di sessione) inattivi, anche i rispettivi plug-in, gli insert, le
mandate e le assegnazioni di ingresso/uscita
Le tracce MIDI non possono essere rese
diventano inattivi.
inattive.

Oltre a consentire l'impostazione manuale dello


stato attivo e inattivo, in condizioni di risorse
insufficienti o indisponibili Pro Tools procede
alla disattivazione automatica di alcuni
elementi.

Quando sono attivi, gli elementi sono occupati e


operativi al massimo delle possibilità.

Quando sono inattivi, gli elementi sono


silenziosi e non operativi anche se la maggior
parte dei parametri possono comunque essere
modificati. Vari elementi inattivi influiscono
sulle risorse di sistema disponibili secondo
modalità specifiche, come descritto di seguito.

Capitolo 3: Concetti di Pro Tools 17


Visualizzazione degli elementi inattivi l'impostazione dello stato inattivo degli
elementi. È possibile rendere gli elementi
I nomi degli elementi inattivi vengono inattivi (o attivi) manualmente per gestire in
visualizzati in corsivo su sfondo di colore grigio modo selettivo le risorse del sistema durante le
scuro. Quando una traccia è inattiva (solo nei fasi di montaggio e missaggio.
sistemi TDM), l'intera fila di canali diventa più
scura. Elementi inattivi automaticamente
Attivo Plug-in inattivo All'apertura di una sessione, può accadere che
parte dei percorsi dei segnali, dei plug-in o delle
interfacce audio utilizzate nella sessione non sia
disponibile come definito nel sistema corrente.
Quando ciò si verifica, la sessione viene aperta
con la configurazione dell'ultimo salvataggio
eseguito. Tutti gli elementi indisponibili o non
caricati a causa di una condizione di risorse
Traccia inattiva
insufficienti vengono resi inattivi.

Applicazione manuale dello stato


attivo/inattivo

È possibile applicare manualmente lo stato


attivo o inattivo agli elementi per gestire in
modo ottimale le risorse del sistema. Quando si
rende inattivo un elemento, le risorse ad esso
associate vengono rese disponibili per altre
operazioni della sessione.

Di seguito vengono fornite alcune istruzioni di


base per l'applicazione manuale dello stato
inattivo agli elementi. Tutti gli elementi che
possono essere resi inattivi (e le relative
istruzioni) sono segnalati all'interno della Guida
di riferimento di Pro Tools.
Elementi e tracce attivi e inattivi
Per rendere un elemento attivo o inattivo:
Impostazione automatica e manuale ■ Premere i tasti Comando+Control
dello stato inattivo (Macintosh) o Ctrl+Start (Windows) e fare clic
La possibilità di impostare gli elementi come sull'elemento.
attivi e inattivi costituisce uno strumento
Utilizzando i tasti di modifica standard di
potente per le operazioni di trasferimento tra le
Pro Tools (Opzione e Opzione+maiuscole con il
sessioni e per la gestione delle risorse del
Macintosh, Alt e Alt+Maiusc in Windows), è
sistema. In Pro Tools sono disponibili due
possibile applicare lo stato attivo o inattivo a
modalità, automatica e manuale, per
tutte le tracce o a tutte le tracce selezionate.

18 Guida di riferimento di Pro Tools


Gli ingressi sidechain supportano l'alternanza Attraverso un solo cavo MIDI è possibile
diretta degli stati attivo e inattivo, ma non la trasmettere un gruppo distinto di messaggi per
funzione che ne consente l'applicazione a tutte ciascun canale di una serie di 16 canali.
le tracce o a tutte le tracce selezionate. Questi 16 canali corrispondono a dispositivi
MIDI distinti oppure a più canali dello stesso,
unico dispositivo (se il dispositivo è di tipo
multitimbro). Ogni canale rappresenta un suono
Concetti MIDI di strumento distinto; ad esempio, il basso è
MIDI (Musical Instrument Digital Interface) è associato al canale 1, il pianoforte al canale 2 e
un protocollo di comunicazione per strumenti la batteria al canale 10. Come un registratore
musicali. Si tratta di uno standard industriale multitraccia a nastro, un sequencer MIDI è in
che consente i collegamenti tra un gran numero grado di registrare arrangiamenti complessi,
di dispositivi creati da produttori diversi. anche quando viene utilizzata una sola tastiera
Costituiscono materiale compatibile con il multitimbro.
protocollo MIDI, ad esempio, i sintetizzatori, i
moduli audio, le drum machine, i quadri
Termini MIDI
incroci, i processori di effetti, le interfacce MIDI
e i sequencer. Di seguito vengono descritti alcuni termini
MIDI di base.
I dispositivi MIDI sono dotati di connettori DIN
a 5 pin, con etichette IN, OUT o THRU. Interfaccia MIDI Insieme di elementi hardware
che consente di collegare il computer ai
La porta MIDI OUT trasmette i messaggi, mentre dispositivi MIDI affinché comunichino tra loro.
la porta MIDI IN li riceve; la porta MIDI THRU,
infine, replica tutto ciò che viene ricevuto dalla Dispositivo MIDI Qualsiasi tastiera, modulo
porta IN. I dispositivi MIDI vengono collegati audio, dispositivo per effetti o altro materiale in
mediante appositi cavi MIDI disponibili presso grado di inviare o ricevere le informazioni MIDI.
la maggior parte dei negozi di musica.
Controller MIDI Qualsiasi dispositivo MIDI che
trasmette i dati relativi alle prestazioni MIDI. Si
tratta di tastiere, controller per chitarra MIDI,
messaggio IN replicato
strumenti a fiato MIDI e altri dispositivi simili. I
controller trasmettono le informazioni MIDI
attraverso la propria porta MIDI OUT.

Superficie di controllo MIDI Qualsiasi


dispositivo, ad esempio Mackie HUI, che
Flusso del segnale MIDI utilizza un collegamento MIDI per inviare
messaggi di controllo a un programma, ma che
generalmente non viene usato per la
Non tutti i dispositivi sono dotati delle tre
registrazione delle informazioni MIDI.
porte MIDI (IN, OUT e THRU).

Capitolo 3: Concetti di Pro Tools 19


Sorgente sonora MIDI Qualsiasi strumento MIDI Eventi di controller continuo Istruzioni MIDI che
in grado di riprodurre i suoni generati dal consentono di apportare modifiche in tempo
protocollo MIDI. Le sorgenti sonore ricevono le reale alle note riprodotte al momento, ad
informazioni MIDI attraverso la propria porta esempio Pitch bend, Modulation, Volume, Pan e
MIDI IN. molte altre.

Multitimbro Qualità dei dispositivi in grado di Dati esclusivi al sistema (Sysex) Dati MIDI
riprodurre, simultaneamente e su canali distinti, utilizzati comunemente per l'invio e il recupero
numerosi suoni di strumenti diversi, ad esempio delle informazioni sui parametri di patch per
il piano, il basso e la batteria. Un'unica sorgente fini di memorizzazione.
sonora MIDI può quindi riprodurre interi
arrangiamenti. Equivoci più comuni relativi al
protocollo MIDI
Canale MIDI Attraverso un solo cavo MIDI
possono essere trasmessi fino a 16 canali di dati Il protocollo MIDI non deve essere confuso con
relativi alle prestazioni MIDI. Il numero di l'audio. I messaggi che attraversano un cavo
canali facilita la separazione dei vari messaggi in MIDI non sono altro che numeri che vengono
modo che le sorgenti sonore possano ricevere convertiti in istruzioni specifiche. Ad esempio,
quelli giusti. quando si preme un tasto della tastiera MIDI,
viene inviato un messaggio alla porta MIDI OUT
Evento modifica di programma Comando MIDI per indicare a un altro dispositivo, collegato e
che indica a una sorgente sonora i suoni (o i impostato sullo stesso canale MIDI, di
patch sonori) da usare. Il protocollo MIDI riprodurre quella particolare nota.
consente di scegliere in una gamma di 128
patch.

Messaggio Bank Select Molti dispositivi


dispongono di più di 128 patch, disposti in
banchi. Il messaggio Bank Select è il comando
MIDI che specifica il banco di patch in cui
effettuare la scelta.
Percorsi dei segnali per strumenti MIDI
Controllo locale Impostazione di controller
Tuttavia, per udire effettivamente il secondo
presente nella maggior parte delle tastiere MIDI
dispositivo, la cosiddetta sorgente sonora, è
che consente a tali dispositivi di riprodurre la
necessario collegarne le uscite audio a un
propria sorgente sonora. La disattivazione del
sistema sonoro. Gli strumenti MIDI dispongono
controllo locale fa in modo che la sorgente
di due percorsi dei segnali, uno per l'audio e
sonora interna di un dispositivo venga
l'altro per le informazioni MIDI.
riprodotta solo mediante messaggi MIDI esterni.
Il protocollo MIDI non consente di usare i
Quando si usa Pro Tools, è preferibile disattivare
dispositivi oltre le loro capacità. Alcuni
il controllo locale. Anche quando il controllo
strumenti particolari sono dotati di proprie
locale è disattivato, la tastiera continua a
funzioni di limitazione per la generazione di
trasmettere i dati alla propria porta MIDI OUT.
suoni, la polifonia e la caratteristica
multitimbro.

20 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 4: Finestre di Pro Tools

In Pro Tools sono disponibili due strumenti automazione e funzioni di assolo e


complementari per la visualizzazione di una silenziamento. Ognuno dei controlli di traccia
sessione: la finestra Mix e la finestra Edit. Un viene descritto nelle sezioni seguenti del
terzo strumento, la finestra Transport, consente capitolo.
di controllare il trasporto e le funzioni ad esso
correlate. Per visualizzare i controlli di ingresso/uscita, gli
insert, le mandate e i commenti di Pro Tools,
La finestra Mix e la finestra Edit vengono selezionare Display > Mix Window Shows > All.
visualizzate diversamente a seconda della
versione di Pro Tools utilizzata. Per passare dalla finestra Mix alla finestra
Edit e viceversa, premere i tasti
Comando+uguale (=) (Macintosh) o
Pro Tools 6.0
Ctrl+uguale (=) (Windows).
Per ulteriori informazioni sugli elementi
principali delle finestre Mix e Edit, vedere i
riferimenti di pagina riportati nella Figura 3 a
Finestra Edit
pagina 22 e nella Figura 4 a pagina 23. La finestra Edit fornisce una visualizzazione
timeline dell'audio, dei dati MIDI e
Pro Tools 5.3.x e 5.1.x dell'automazione di missaggio per la
registrazione, il montaggio e la disposizione
Per ulteriori informazioni sugli elementi
delle tracce. Come nella finestra Mix, per ogni
principali delle finestre Mix e Edit, vedere i
traccia sono disponibili controlli per
riferimenti di pagina riportati nella Figura 5 a
l'attivazione della registrazione, le funzioni di
pagina 24 e nella Figura 6 a pagina 25.
assolo e silenziamento e la modalità di
automazione.

Nei sistemi dotati di Pro Tools AVoption è


Finestra Mix
disponibile anche la visualizzazione timeline
Nella finestra Mix, le tracce vengono delle tracce di filmato.
visualizzate come file di mixer (o file di canali),
Per visualizzare i controlli di ingresso e uscita, gli
con controlli specifici per insert, mandate,
insert, le mandate e i commenti nella finestra
assegnazioni in ingresso e in uscita, volume,
Edit, selezionare Display > Edit Window Shows
pan, attivazione della registrazione, modalità di
> All. È possibile scegliere di visualizzare tutti gli
elementi disponibili o solo una parte.

Capitolo 4: Finestre di Pro Tools 21


Insert di plug-in
Pulsante Program delle
(pagina 471)
tracce MIDI (pagina 393)

Mandata con
controlli di mandata
(pagina 451)

Vista Inserts
Elenco (pagina 96)
Show/Hide
tracce
(pagina 100)
Vista Mandate
(pagina 453)
Automation
(pagina 492)
Vista I/O
(pagina 96)
Selettore voci
(pagina 105) Pan canale
(pagina 97)
Pulsante
finestra Output Controlli
(pagina 449) traccia
(pagina 26)
Elenco Mix
Groups
(pagina 113) Volume canale
(pagina 97)
Indicatore
ID Gruppo
Meter livello
Indicatore
(pagina 97)
AutoMatch
(pagina 496)

Nome traccia
(pagina 99)

Vista
Commenti
traccia Traccia audio Ingresso Aux Traccia MIDI
(pagina 98) Mono (pagina 93) (pagina 93)
(pagina 93)
Traccia audio Stereo Master Fader
(pagina 93) (pagina 93)

Figura 3. Finestra Mix di Pro Tools (Pro Tools 6.0)

22 Guida di riferimento di Pro Tools


Selezioni Timeline Indicatori di posizione
(pagina 257) (pagina 27)
Strumenti di
montaggio Timeline
Pulsanti Zoom Area di modifica degli
(pagina 237) (pagina 26) eventi (pagina 27)
Focus Valori Grid e
comandi Nudge
(pagina 34) (pagina 27)

Pulsanti
modalità Edit
(pagina 234)
Elenco
Tab to regioni
Transients audio
(pagina 267) (pagina 230)

Righelli Vista
(pagina 243) Audio
Waveform
Elenco
(pagina 217)
Show/Hide
tracce
(pagina 100)
Vista
Automazione
volume
Traccia audio (pagina 217)
(pagina 93)

Elenco Edit
Groups
(pagina 113)

Traccia MIDI
(pagina 93)
Elenco regioni
Vista Notes MIDI
MIDI (pagina 230)
Vista Velocity MIDI (pagina 217)
(pagina 217)
Regione selezionata
(pagina 259)

Figura 4. Finestra Edit di Pro Tools (Pro Tools 6.0)

Capitolo 4: Finestre di Pro Tools 23


Pulsante Program delle
tracce MIDI (pagina 393)
Mandata con
controlli mandata Insert di plug-in
(pagina 451) (pagina 471)

Elenco Vista Inserts


Show/Hide (pagina 96)
tracce
(pagina 100)

Vista
Mandate
(pagina 453)

Vista I/O
(pagina 96)
Automation
(pagina 492) Controlli
traccia
Pulsante finestra
(pagina 26)
Output
(pagina 449)
Pan canale
Indicatore (pagina 97)
ID Gruppo

Volume
Elenco Mix
canale
Groups
(pagina 97)
(pagina 113)

Indicatore Meter livello


AutoMatch (pagina 97)
(pagina 496)
Nome traccia
(pagina 99)

Vista
Commenti
traccia
(pagina 98) Traccia audio Ingresso Aux Traccia MIDI
Mono (pagina 93) (pagina 93)
(pagina 93)
Traccia audio Master
Stereo Fader
(pagina 93) (pagina 93)

Figura 5. Finestra Mix di Pro Tools (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)

24 Guida di riferimento di Pro Tools


Pulsanti Zoom Area di modifica degli Valori Grid e
Pulsanti (pagina 237) Strumenti di eventi (pagina 27) Nudge
Link Selections modalità Edit montaggio (pagina 27)
(pagina 257) (pagina 234) (pagina 26) Indicatori di posizione
(pagina 27)
Timeline
Focus
comandi
(pagina 34)

Tab to Transients
(pagina 267) Elenco
Regioni
Righelli Audio
(pagina 243) (pagina 230)
Elenco
Show/Hide Vista
tracce Audio
(pagina 100) Waveform
(pagina 217)
Traccia audio
(pagina 93)
Vista
Automazione
Volume
(pagina 217)
Traccia MIDI
(pagina 93)

Elenco Edit
Groups
(pagina 113)

Regione selezionata
(pagina 259) Vista Notes MIDI Elenco regioni
(pagina 217) MIDI (pagina 230)
Vista Velocity MIDI
(pagina 217)

Figura 6. Finestra Edit di Pro Tools (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)

Capitolo 4: Finestre di Pro Tools 25


Controlli delle tracce
Pulsante Record Enable
(pagina 152)

Selettore modalità automazione Nome traccia (pagina 99)


(pagina 492)
Selettore ordine di riproduzione
Pulsante Solo (pagina 109) (pagina 226)
Selettore modalità
Pulsante Mute (pagina 110) automazione (pagina 492)
Pulsante Mute (pagina 110)
Selettore voci (pagina 105)

Pulsante Record Enable (pagina 152) Selettore voci (pagina 105)

Controlli delle tracce audio e MIDI della finestra Mix, Selettore altezza traccia
visualizzazione estesa (Pro Tools 6.0) (pagina 219)
Selettore vista Track (pagina 217)

Pulsante Record Enable (pagina 152) Pulsante Solo (pagina 109)

Selettore modalità automazione Controlli delle tracce della finestra Edit, altezza traccia
(pagina 492) Medium (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)
Selettore voci (pagina 105)

Pulsante Mute (pagina 110) Strumenti di montaggio

Pulsante Solo (pagina 109) Trimmer Selector Grabber Scrubber


(pagina 280) (pagina 249) (pagina 260) (pagina 254)
Controlli delle tracce audio e MIDI della finestra Mix,
visualizzazione estesa (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)

Nome traccia (pagina 99) Selettore ordine di riproduzione


(pagina 226)
Pulsante Record Enable
(pagina 152)
Pulsante Solo (pagina 109)
Zoomer Smart Tool Pencil
Pulsante Mute (pagina 110) (pagina 237) (pagina 304) (pagina 303 & pagina 381)
Selettore altezza traccia Strumenti di montaggio della finestra Edit
(pagina 219)
(Pro Tools 6.0)
Selettore modalità
automazione (pagina 492)
Trimmer Grabber
(pagina 280) (pagina 260)
Selettore voci (pagina 105)
Selector
(pagina 249) Scrubber (pagina 254)
Selettore vista Track (pagina 217)

Controlli delle tracce della finestra Edit, altezza traccia


Medium (Pro Tools 6.0)

Zoomer Smart Tool Pencil


(pagina 237) (pagina 304) (pagina 303 & pagina 381)

Strumenti di montaggio della finestra Edit (Pro Tools


5.3.x e 5.1.x)

26 Guida di riferimento di Pro Tools


Area di modifica degli eventi Indicatori di posizione, valori Grid
e Nudge, visualizzazione del
L'area di modifica degli eventi fornisce
informazioni di tempo, tono e di altro genere
cursore corrente
relative ai dati audio o MIDI correntemente Gli indicatori di posizione, i valori Grid e Nudge
selezionati. Inoltre, consente di definire le e la visualizzazione della posizione del cursore
selezioni mediante la modalità di immissione da nella timeline forniscono opzioni di
tastiera. spostamento e montaggio.

È possibile impostare la visualizzazione dei È possibile impostare le visualizzazioni Main


valori Start, End e Length su un formato di scala (principale) e Sub (secondaria) su un formato di
temporale diverso, ad esempio Bars:Beats, scala temporale diverso, ad esempio Bars:Beats,
Minutes:Seconds e così via. Per ulteriori Minutes:Seconds e così via. Per ulteriori
informazioni vedere "Scala temporale informazioni vedere "Scala temporale
principale" a pagina 244. principale" a pagina 244.

Indicatori Attributi Indicatori di posizione (pagina 251) Posizione cursore


selezione Nota (pagina 249)
(pagina 28) (pagina 390) Tono Valore Grid
(pagina 289)
Velocity
di attacco Valore cursore
Valore Nudge (pagina 249)
Velocity (pagina 290)
di rilascio

Area di modifica degli eventi con dati di traccia MIDI


(Pro Tools 6.0) Visualizzazione della finestra Edit con dati di traccia
MIDI (Pro Tools 6.0)
Indicatori Attributi
Selezione Nota Indicatori di posizione Valore Nudge Valore Grid
(pagina 28) (pagina 390) (pagina 251) (pagina 290) (pagina 289)

Tono
Velocity di attacco
Velocity di rilascio

Area di modifica degli eventi con dati di traccia MIDI


(Pro Tools 5.3.x e 5.1.x) Posizione cursore Valore cursore
(pagina 249) (pagina 249)

Visualizzazione della finestra Edit con dati di traccia


MIDI (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)

Capitolo 4: Finestre di Pro Tools 27


Return to Zero Consente di riposizionarsi
Finestra Transport all'inizio della sessione.

È possibile impostare la finestra Transport in Per riposizionarsi all'inizio della sessione, è


modo che vengano visualizzati i controlli di anche possibile premere il tasto A capo
trasporto, i contatori e i controlli MIDI di base. I (Macintosh) o Invio della tastiera
contatori della finestra Transport riflettono i alfanumerica (Windows).
valori degli indicatori di posizione situati nella
parte superiore della finestra Edit. Rewind Consente di riavvolgere a partire dalla
posizione di riproduzione corrente. È inoltre
possibile fare clic ripetutamente per riavvolgere
Controlli di trasporto e contatori
con incrementi basati sulla scala temporale
di base
principale, come indicato nella tabella seguente:

Return to Zero Fast Forward Incrementi di riavvolgimento


Rewind
(Riavvolgimento) Go to End Formato scala
Play Record temporale Quantità dell'incremento
Online Stop (Registrazione)
principale

Min:Sec 1 secondo

Pre-Roll Time Code 1 frame


Post-Roll
Bars:Beats 1 battuta
Master trasporto Valori Start, End e Length Feet.Frame 1 piede
della selezione Timeline

Visualizzazione della finestra Transport con controlli di Campione 1 secondo


trasporto e contatori di base (Pro Tools 6.0)

Quando la modalità Numeric Keypad è


Return to Zero Fast Forward
Rewind impostata su Transport, è possibile
(Riavvolgimento) Go to End riavvolgere premendo il tasto 1.
Play Record
Online Stop
(Registrazione) Stop Consente di arrestare la riproduzione o la
registrazione in corso.

Pre-Roll Per arrestare l'operazione in corso è possibile


Post-Roll usare anche le scelte rapide seguenti:
• Premere la barra spaziatrice.
Master trasporto Valori Start, End e Length
della selezione Timeline • Con la modalità Numeric Keypad impostata
Visualizzazione della finestra Transport con controlli di su Transport, premere il tasto 0.
trasporto e contatori di base (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)
Play Consente di avviare la riproduzione o la
Online Consente di impostare lo stato "in linea"
registrazione (se in precedenza si è fatto clic sul
di Pro Tools in modo che la riproduzione e la
pulsante Record) a partire dal punto di
registrazione siano attivate da una sorgente di
inserimento della Timeline.
timecode esterna.

28 Guida di riferimento di Pro Tools


Quando l'operazione in corso è arrestata, Go to End Consente di posizionarsi alla fine
premere il tasto Control e fare clic (Macintosh) della sessione.
oppure fare clic con il pulsante destro del mouse
(Windows) sul pulsante Play per Per riposizionarsi alla fine della sessione, è
attivare/disattivare la modalità Loop Playback. anche possibile premere i tasti Opzione+A
Quando la modalità è attivata, sul pulsante Play capo (Macintosh) o Ctrl+Invio della tastiera
viene visualizzato un simbolo di loop. alfanumerica (Windows).

Per avviare la riproduzione è possibile usare Record Consente di attivare Pro Tools per la
anche le scelte rapide seguenti: registrazione (il pulsante lampeggia). Fare clic
sul pulsante Play per avviare la registrazione.
• Premere la barra spaziatrice.
• Con la modalità Numeric Keypad impostata Quando l'operazione in corso è arrestata,
su Transport, premere il tasto 0. premere il tasto Control e fare clic (Macintosh)
oppure fare clic con il pulsante destro del mouse
Per riprodurre a velocità dimezzata, usare le (Windows) sul pulsante Record per passare
scelte rapide seguenti: ciclicamente da una della quattro modalità di
• Premere il tasto delle maiuscole e la barra registrazione all'altra. Il pulsante Record cambia
spaziatrice. per indicare la modalità selezionata al
momento: vuoto per Nondestructive, D per
• Premere il tasto delle maiuscole (Macintosh) e
Destructive, un simbolo circolare per Loop
fare clic sul pulsante Play.
Record e P per QuickPunch.
Fast Forward Consente di avanzare velocemente
Per avviare la registrazione è possibile usare
a partire dal punto di inserimento della
anche le scelte rapide seguenti:
Timeline. È inoltre possibile fare ripetutamente
clic per avanzare velocemente con incrementi la • Premere F12.
cui quantità è basata sulla scala temporale • Premere i tasti Comando+barra spaziatrice
principale. (Macintosh) o Ctrl+barra spaziatrice
Incrementi di avanzamento veloce (Windows).

Formato scala • Con la modalità Numeric Keypad impostata


Quantità dell'incremento
temporale principale su Transport, premere il tasto 3.

Min:Sec 1 secondo Per avviare la registrazione a velocità


Time Code 1 frame dimezzata, premere i tasti
Comando+maiuscole+barra spaziatrice
Bars:Beats 1 battuta (Macintosh) o i tasti Ctrl+Maiusc+barra
Feet.Frame 1 piede spaziatrice (Windows).

Campione 1 secondo Pre-Roll Durante la fase di riproduzione o


registrazione, specifica la quantità di traccia
riprodotta prima della posizione di riproduzione
Quando la modalità Numeric Keypad è del cursore nella Timeline o prima dell'inizio
impostata su Transport, è possibile della selezione Timeline. La funzione Pre-roll si
avanzare velocemente premendo il tasto 2. rivela particolarmente utile per la registrazione

Capitolo 4: Finestre di Pro Tools 29


punch, in quanto fornisce il tempo necessario a oppure trascinando l'indicatore di riproduzione
"prendere il battito" prima di raggiungere il corrispondente nel righello Timebase
punto di punch definito. Per impostare la principale. Per ulteriori informazioni vedere
funzione Pre-roll, immettere il valore desiderato "Indicatori di riproduzione" a pagina 183.
in questo campo oppure trascinare la bandierina
Pre-Roll nel righello Timebase principale. Length Consente di specificare la lunghezza
dell'intervallo di riproduzione o di registrazione.
Per attivare la funzione, fare clic sul pulsante È possibile impostare la lunghezza desiderata
Pre-Roll situato a sinistra del campo per immettendo una posizione in questo campo
evidenziarlo. oppure selezionando un intervallo in uno
qualsiasi dei righelli Timebase.
Post-Roll Durante la fase di riproduzione o
registrazione, specifica la quantità di traccia che Quando le selezioni Edit e Timeline sono
viene riprodotta dopo la fine di una selezione collegate, per impostare l'intervallo di
Timeline. La funzione Post-roll è utile nella riproduzione e di registrazione è possibile
registrazione punch, in quanto la riproduzione effettuare un trascinamento nell'ordine di
continua dopo il punto di fine del punch; in riproduzione di una traccia.
questo modo si ha la possibilità di verificare se la
transizione verso il materiale registrato in Master trasporto Specifica il "master" utilizzato
precedenza è soddisfacente. Per impostare la per le funzioni di trasporto. Fare clic su questo
funzione Post-roll, immettere il valore pulsante ed effettuare una scelta nel menu a
desiderato in questo campo oppure trascinare la comparsa per selezionare il master preferito tra
bandierina Post-Roll nel righello Timebase Pro Tools, Machine, MMC e Remote. Per
principale. ulteriori informazioni, consultare il Capitolo 35,
"Sincronizzazione mediante timecode".
Per attivare la funzione, fare clic sul pulsante
Post-Roll situato a sinistra del campo per
evidenziarlo.

Start Consente di specificare l'inizio


dell'intervallo di riproduzione o di registrazione.
È possibile impostare il punto iniziale desiderato
immettendo una posizione in questo campo
oppure trascinando l'indicatore di riproduzione
corrispondente nel righello Timebase
principale. Per ulteriori informazioni vedere
"Indicatori di riproduzione" a pagina 183.

End Consente di specificare la fine


dell'intervallo di riproduzione o di registrazione.
È possibile impostare il punto finale desiderato
immettendo una posizione in questo campo

30 Guida di riferimento di Pro Tools


Controlli MIDI Click Quando questo pulsante è selezionato,
durante la riproduzione o la registrazione è
Wait for Note possibile ascoltare un metronomo secondo le
Countoff modalità specificate dalle impostazioni della
Click MIDI Merge finestra di dialogo Click/Countoff Options.

Per visualizzare la finestra di dialogo


Click/Countoff Options, fare doppio clic sul
Tempo pulsante Click.

Quando la modalità Numeric Keypad è


Meter impostata su Transport, per attivare il click
Conductor è possibile premere il tasto 7.
Finestra Transport con controlli MIDI visualizzati
Countoff Quando questo pulsante è selezionato,
(Pro Tools 6.0)
prima dell'avvio della riproduzione o della
registrazione viene contato il numero di misure
Wait for Note
specificato, indicato sul pulsante.
Countoff

Click MIDI Merge Per visualizzare la finestra di dialogo


Click/Countoff Options, fare doppio clic sul
pulsante Countoff.

Tempo
Quando la modalità Numeric Keypad è
impostata su Transport, per attivare la
funzione Countoff è possibile premere il
Meter
tasto 8.
Conductor

Visualizzazione finestra Transport con dati di traccia MIDI Merge Quando questo pulsante è
MIDI (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x) selezionato, ossia quando è attivata la modalità
Wait for Note Quando questo pulsante è Merge, i dati MIDI registrati vengono uniti al
selezionato, la registrazione non ha inizio materiale esistente della traccia. Quando è
finché non viene ricevuto un evento MIDI. Ciò deselezionato, ossia quando è attivata la
consente di avviare la registrazione quando si è modalità Replace, i dati MIDI registrati
pronti per suonare e garantisce che la prima sostituiscono il materiale esistente della traccia.
nota, o altri dati MIDI, siano registrati
Quando la modalità Numeric Keypad è
esattamente all'inizio dell'intervallo di
impostata su Transport, per attivare la
registrazione.
funzione MIDI Merge è possibile premere il
Per attivare il pulsante Wait for Note è tasto 9.
possibile premere il tasto F11, a meno che
non sia stata selezionata l'opzione Disable
F11 for Wait for Note nella scheda
Operation.

Capitolo 4: Finestre di Pro Tools 31


Conductor Quando questo pulsante è
selezionato, viene utilizzata la mappa del tempo
metrico definita nel righello Tempo. Quando è
deselezionato, viene attivata la modalità
Manual Tempo e la traccia del tempo metrico
viene ignorata.

In modalità Manual Tempo, è possibile


immettere un valore BPM nel campo Tempo
oppure fare ripetutamente clic sul pulsante Tap
fino a visualizzare il valore desiderato.

Meter Consente di visualizzare il tempo


musicale corrente della sessione sulla base della
posizione di riproduzione. Per visualizzare la
finestra Change Meter, fare doppio clic sul
pulsante Meter.

Tempo Consente di visualizzare il tempo


metrico corrente della sessione sulla base della
posizione di riproduzione. In modalità Manual
Tempo è possibile immettere un valore BPM in
questo campo. Inoltre, quando il campo Tempo
è selezionato, è possibile definire il tempo
metrico desiderato utilizzando un controller
MIDI.

32 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 5: Tasti di scelta rapida

Principali comandi globali


Comando Macintosh Windows
Nella presente sezione vengono descritti tasti di
scelta rapida applicabili a molte funzioni di Applicazione di Opzione + Alt +
un'azione a tutte azione azione
Pro Tools.
le tracce e a tutte
le file di canali
Funzioni relative alle tracce
Applicazione di Opzione + Alt +
• Modifica della modalità di automazione
un'azione alle maiuscole Maiusc +
• Abilitazione degli ordini di riproduzione tracce e alle file di + azione azione
canali selezionate
• Aggiunta dei plug-in
• Attivazione per la registrazione, assolo e
silenziamento delle tracce Selezione di elenchi e parametri
• Protezione contro la registrazione e l'assolo • Selezione delle tracce nell'elenco Show/Hide
delle tracce • Abilitazione dei gruppi nell'elenco dei gruppi
• Assegnazione di ingressi, uscite e mandate • Parametri della finestra Automation Enable
• Attivazione/disattivazione della • Impostazione dei parametri delle posizioni
visualizzazione del volume, del picco e del memoria
ritardo
• Eliminazione dei meter Comando Macintosh Windows

• Modifica dell'altezza delle tracce Attivazione/disattiva Opzione e Alt e clic


zione di un elemento clic sull'ele- sull'ele-
e impostazione dello mento mento
stesso stato per tutti
gli altri elementi

Attivazione/disattiva Comando e Ctrl e clic


zione di un elemento clic sull'ele- sull'ele-
e impostazione dello mento mento
stato opposto per
tutti gli altri elementi

Capitolo 5: Tasti di scelta rapida 33


Controlli e strumenti di montaggio
◆ Vengono utilizzati per spostare i controlli, i Focus
elenco regioni audio
fader e i dispositivi di scorrimento dei plug-in, lo
strumento Scrubber e i dati di automazione. Focus
comandi

Comando Macintosh Windows

Regolazione Comando e Ctrl e clic Focus


precisa dei clic sull'ele- sull'ele- elenco dei gruppi
dispositivi di mento mento
scorrimento, delle
manopole e dei
punti di
interruzione

Focus
elenco regioni MIDI
Focus tastiera Pulsanti focus tastiera (Pro Tools 5.3.x e 5.1.x)
Il focus tastiera di Pro Tools determina le
È possibile abilitare un solo focus tastiera alla
modalità di funzionamento dei tasti
volta. L'abilitazione di un focus tastiera
alfanumerici. In base al focus tastiera abilitato, è
comporta la disabilitazione di quello selezionato
possibile utilizzare i tasti sulla tastiera
in precedenza.
alfanumerica per selezionare le regioni
nell'elenco delle regioni audio e MIDI, abilitare
Per impostare il focus tastiera:
o disabilitare i gruppi oppure per impartire
■ Fare clic sul pulsante a-z corrispondente al
comandi di montaggio e di riproduzione.
focus che si desidera abilitare.
–o–
Focus
Focus elenco regioni audio
comandi Tenendo premuti i tasti Comando+Opzione
(Macintosh) o Ctrl+Alt (Windows), premere uno
dei tasti seguenti: 1 (comandi), 2 (elenco regioni
audio), 3 (elenco regioni MIDI) o 4 (elenco dei
gruppi).
Focus
elenco dei gruppi Focus comandi (solo tutti i sistemi TDM e
Pro Tools LE 6.0) Quando è selezionata, questa
opzione fornisce una vasta gamma di scelte
rapide a tasto singolo, selezionabili dalla tastiera
alfanumerica, per le operazioni di montaggio e
Focus
elenco regioni MIDI riproduzione.
Pulsanti focus tastiera (Pro Tools 6.0)

34 Guida di riferimento di Pro Tools


Quando il focus comandi è disattivato, è
possibile accedere comunque a tutti i relativi Modalità Numeric Keypad
tasti di scelta rapida premendo
Il funzionamento del tastierino numerico per le
contemporaneamente il tasto Control
operazioni di transport viene impostato nella
(Macintosh) o Start (Windows) e il tasto
scheda Operation.
desiderato.
Indipendentemente dal tipo di modalità
In Pro Tools è disponibile un elenco selezionata, è sempre possibile utilizzare il
elettronico dei tasti di scelta rapida in tastierino numerico per selezionare e immettere
formato PDF. Scegliere Help > Keyboard i valori nell'area di modifica degli eventi, negli
Shortcuts. indicatori di posizione e nei campi di trasporto.
Focus regioni audio Quando questa opzione è
selezionata, è possibile individuare e selezionare Per impostare la modalità Numeric Keypad:
le regioni audio nel relativo elenco digitando le 1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic su
prime lettere del nome della regione desiderata. Operation.

Focus regioni MIDI Quando questa opzione è 2 Sotto l'opzione Numeric Keypad Mode,
selezionata, è possibile individuare e selezionare selezionare la modalità desiderata tra Classic,
le regioni MIDI nel relativo elenco digitando le Transport e Shuttle, quindi fare clic su Done.
prime lettere del nome della regione desiderata.

Focus elenco gruppi Quando questa opzione è Classic


selezionata, è possibile attivare o disattivare i Questa modalità emula il funzionamento delle
gruppi di montaggio e di missaggio digitando la versioni di Pro Tools anteriori alla 5.0. Quando
lettera di ID del gruppo desiderato. la modalità Numeric Keypad è impostata su
Classic, è possibile eseguire le operazioni
Consultare la scheda relativa ai tasti di
seguenti:
scelta rapida in Pro Tools: Scegliere
Help>Keyboard Shortcuts. • Riprodurre fino a due tracce di audio in
modalità Shuttle Lock. Premere il tasto
Control (Macintosh) o Start (Windows),
seguito da un numero compreso tra 0 e 9, a
seconda della velocità di riproduzione
desiderata. Premere i tasti Più e Meno per
invertire la direzione.
• Richiamare le posizioni memoria digitando il
numero della posizione desiderata seguito da
un punto.

Capitolo 5: Tasti di scelta rapida 35


Transport Shuttle
Questa modalità consente di impostare (Solo nei sistemi TDM)
numerose funzioni di registrazione e In Pro Tools è disponibile un'altra forma di
riproduzione, nonché di eseguire funzioni di scorrimento, diversa da quella della modalità
transport dal tastierino numerico. Shuttle Lock. Quando la modalità Numeric
:

Keypad è impostata su Shuttle, la riproduzione


Funzione Tasto
della selezione Edit corrente viene attivata
Attivazione/disattivazione 7 tenendo premuti i tasti sul tastierino numerico.
dell'opzione Click Quando i tasti vengono rilasciati, la
riproduzione si interrompe. Sono disponibili
Attivazione/disattivazione 8
dell'opzione Countoff diverse velocità sia per la riproduzione in avanti
sia per quella indietro. In questa modalità, i
Modalità MIDI Merge/Replace 9 tempi di pre/post-roll vengono ignorati.
:

Attivazione/disattivazione della 4
Funzione Tasto
modalità Loop Playback
Avanti 1x 6
Attivazione/disattivazione della 5
modalità Loop Record Riavvolgimento 1x 4
Avanti 4x 9
Attivazione/disattivazione della 6
modalità QuickPunch Riavvolgimento 4x 7

Rewind (Riavvolgimento) 1 Avanti 1/4x 3


Riavvolgimento 1/4x 1
Fast Forward (Avanzamento veloce) 2
Avanti 1/2x 5+6
Record (Registrazione) 3
Riavvolgimento 1/2x 5+4
Riproduzione/Interruzione della 0 Avanti 2x 8+9
riproduzione
Riavvolgimento 2x 8+7
Quando la modalità Numeric Keypad è Avanti 1/16x 2+3
impostata su Transport, è inoltre possibile Riavvolgimento 1/16x 2+1
eseguire le operazioni seguenti:
Selezione dei loop (1x) 0
• Riprodurre fino a due tracce di audio in
modalità Shuttle Lock. Premere il tasto Quando la modalità Numeric Keypad è
Control (Macintosh) o Start (Windows), impostata su Shuttle, è inoltre possibile eseguire
seguito da un numero compreso tra 0 e 9, a l'operazione seguente:
seconda della velocità di riproduzione • Richiamare le posizioni memoria digitando
desiderata. Premere i tasti Più e Meno per un punto, il numero della posizione memoria
invertire la direzione. desiderata e un altro punto.
• Richiamare le posizioni memoria digitando
un punto, il numero della posizione memoria La modalità Shuttle Lock non è disponibile
desiderata e un altro punto. quando la modalità Numeric Keypad è
impostata su Shuttle.

36 Guida di riferimento di Pro Tools


Parte II: Sessioni e tracce

37
38
Capitolo 6: Sessioni

Nel presente capitolo vengono fornite le 7 Avviare Pro Tools o qualsiasi applicazione
nozioni di base su come iniziare un progetto in MIDI o di terze parti.
Pro Tools, tra cui quelle relative
all'impostazione e al salvataggio di una sessione. Spegnere il sistema Pro Tools attenendosi alla
seguente procedura:
1 Uscire da Pro Tools e da tutte le applicazioni in
Avvio e chiusura del sistema esecuzione.

Affinché i componenti del sistema Pro Tools 2 Spegnere o abbassare il volume di tutti i

comunichino correttamente tra loro, occorre dispositivi di uscita del sistema.


avviarli in un ordine specifico. 3 Spegnere il computer.

4 Nei sistemi TDM, spegnere le interfacce audio.


Avviare il sistema Pro Tools nel seguente ordine:
1 Nei sistemi TDM dotati di châssis di 5 Nei sistemi TDM dotati di châssis di
espansione, accendere prima lo châssis di espansione, spegnere lo châssis.
espansione. 6 Spegnere i dispositivi e le interfacce MIDI o le
2 Accendere gli eventuali dischi rigidi esterni. periferiche di sincronizzazione.
Attendere all'incirca dieci secondi affinché 7 Spegnere tutte le unità disco rigido esterne.
questi raggiungano la velocità di rotazione di
esercizio.

3 Accendere i dispositivi e le interfacce MIDI o


le periferiche di sincronizzazione.

4 Abbassare il volume di tutti i dispositivi di


uscita del sistema.

5 Nei sistemi TDM, accendere le interfacce


audio di Pro Tools. Attendere almeno quindici
secondi affinché sia completata
l'inizializzazione dell'hardware.

6 Accendere il computer.

Capitolo 6: Sessioni 39
Per impostare la dimensione del buffer hardware:
Configurazione delle 1 Scegliere Setups > Playback Engine.
impostazioni di sistema
Pro Tools 2 Dal menu a comparsa H/W Buffer Size,
scegliere la dimensione del buffer audio in
Pro Tools consente di regolare le prestazioni del campioni.
sistema mediante la modifica delle impostazioni
3 Fare clic su OK.
di sistema che controllano la capacità di
elaborazione, di riproduzione e di registrazione.
Limite massimo di utilizzo
Nella maggior parte dei casi le impostazioni
della CPU
predefinite garantiscono prestazioni ottimali.
Tuttavia, è possibile che si rendano necessarie La funzione CPU Usage Limit consente di
alcune modifiche nel caso, ad esempio, di stabilire la percentuale di risorse della CPU
sessioni Pro Tools di grandi dimensioni o che destinate alle attività di elaborazione host di Pro
richiedono un alto grado di elaborazione. Tools.

Pro Tools 5.3.3 (e versioni anteriori) consente


Dimensione del buffer hardware un limite massimo di utilizzo della CPU di 85%.
Hardware Buffer Size (H/W Buffer Size) controlla Pro Tools 6.0 consente un limite massimo di
le dimensioni della cache hardware utilizzata utilizzo della CPU di 85% per computer dotati di
per la gestione di operazioni host come un unico processore, e di 99% per computer con
l'elaborazione di plug-in RTAS (Real-Time più di un processore (con l'impostazione del
AudioSuite). 99% uno dei processori viene dedicato
◆ L'impostazione di valori bassi consente di interamente a Pro Tools).
ridurre la latenza di monitoraggio, una funzione ◆ Le impostazioni meno elevate di CPU Usage
particolarmente utile durante le registrazioni di Limit consentono di ridurre gli effetti
ingressi live. dell'elaborazione Pro Tools su altre operazioni
◆ I valori Hardware Buffer Size più alti invece che prevedono un utilizzo intenso della CPU
consentono un maggior numero di effetti e una (come gli aggiornamenti dello schermo) e sono
maggiore elaborazione audio e sono particolarmente utili nel caso si sia verificato un
particolarmente utili per il missaggio e l'utilizzo rallentamento dei tempi di risposta del sistema o
di diversi plug-in RTAS. quando siano in esecuzione altre applicazioni.
◆ L'impostazione di valori elevati per questa
Oltre a rallentare le funzioni di risposta
funzione consente di potenziare la capacità di
dello schermo e a ridurre la latenza di
elaborazione di Pro Tools e può essere utile per
monitoraggio, un buffer di dimensioni
la riproduzione di sessioni di grandi dimensioni
superiori può avere delle ripercussioni anche
o per utilizzare un maggior numero di plug-in
sulla precisione dell'automazione per i
real-time.
parametri del plug-in e i dati di
silenziamento, nonché sulla
sincronizzazione delle tracce MIDI.

40 Guida di riferimento di Pro Tools


Per modificare il conteggio voci:
L'incremento di CPU Usage Limit può
1 Scegliere Setups > Playback Engine.
contribuire a rallentare ulteriormente la
funzione di risposta dello schermo nei
computer più lenti.

Per modificare il parametro CPU Usage Limit


1 Scegliere Setups > Playback Engine.

2 Dal menu a comparsa CPU Usage Limit,


selezionare la percentuale massima delle risorse
della CPU da assegnare a Pro Tools.
Finestra di dialogo Playback Engine (ProTools 6.0)
3 Fare clic su OK.

Numero di voci
(Solo nei sistemi TDM)

Sui sistemi TDM il parametro Number of Voices


consente di impostare il numero di voci
disponibili e l'assegnazione delle stesse ai DSP
del sistema. Ad esempio, su un sistema Pro Tools
HD 1 sono disponibili per impostazione
predefinita 48 voci con un DSP (a frequenze di Finestra di dialogo Playback Engine (ProTools 5.1.3)
campionamento di 44,1 kHz o 48 kHz). 2 Selezionare il numero delle voci e dei DSP che
si desidera destinare all'assegnazione delle voci
La modifica del numero di voci ha delle
scegliendo uno dei valori dal menu a comparsa
ripercussioni anche sull'utilizzo del DSP,
Number of Voices (Pro Tools 5.3 e successive)
sul numero totale delle tracce di
oppure facendo clic su uno dei valori sotto
condivisione voci e sulle prestazioni generali
Playback Engine (Pro Tools 5.1.3).
del sistema.
• Selezionare un elevato numero di voci
A seconda della frequenza di campionamento quando sul computer utilizzato sono
corrente e del numero di schede TDM di cui è presenti soltanto schede PCI Digidesign
dotato il sistema, saranno disponibili scelte oppure quando viene utilizzato uno châssis
diverse. Per conoscere i limiti delle voci sui vari di espansione per l'esecuzione di un elevato
sistemi HD, vedere "Limiti di riproduzione numero di tracce.
audio, registrazione e condivisione voci dei • Selezionare una quantità media di voci
sistemi TDM" a pagina 7. quando si utilizzano schede Digidesign in
uno châssis di espansione oppure quando
si utilizzano altre schede PCI insieme alle
schede Digidesign.

Capitolo 6: Sessioni 41
• Selezionare un basso numero di voci se si ◆ L'assegnazione di un buffer più piccolo può
utilizzano schede PCI con larghezza di migliorare la velocità iniziale di riproduzione e
banda elevata (come le schede di registrazione ma potrebbe compromettere la
acquisizione video) oltre alle schede riproduzione e la registrazione delle tracce sui
Digidesign. dischi rigidi più lenti.

3 Fare clic su OK. ◆ L'assegnazione di un buffer DAE Playback di


dimensioni maggiori può consentire una
maggiore densità di operazioni di montaggio
Frequenza di campionamento nella sessione; tuttavia, questo potrebbe causare
predefinita un ritardo all'inizio della riproduzione o della
L'impostazione di Sample Rate viene indicata registrazione. Un analogo tempo di attesa
come frequenza di campionamento predefinita potrebbe verificarsi anche quando si effettua il
nel momento in cui viene creata una nuova montaggio durante la riproduzione.
sessione. Questo valore può essere modificato
solo quando non vi siano sessioni aperte. Per modificare il valore di DAE Playback Buffer
Size (Pro Tools 5.3 e versioni successive):
Il valore di Sample Rate può avere delle 1 Scegliere Setups > Playback Engine.
ripercussioni sul numero di voci disponibili
nei sistemi TDM.

Per modificare il valore Sample Rate predefinito:


1 Scegliere Setups > Playback Engine.

2 Selezionare la frequenza di campionamento


dal menu a comparsa Sample Rate.

3 Fare clic su OK.

Finestra di dialogo Playback Engine (Pro Tools 6.0)


Al momento della creazione di una nuova
sessione Pro Tools, questo valore può essere 2 Selezionare un valore dal menu a comparsa
modificato selezionando un nuovo valore DAE Playback Buffer. I requisiti di memoria
nella finestra di dialogo New Session. corrispondenti ai diversi valori sono visualizzati
(Vedere "Creazione di una nuova sessione" a nella finestra di dialogo Playback Engine, in
pagina 47.) basso.

3 Fare clic su OK.


DAE Playback Buffer Size
4 Se Pro Tools richiede una quantità di memoria
L'opzione DAE Playback Buffer Size determina la maggiore per il buffer DAE Playback, apparirà un
quantità di memoria utilizzata da DAE per la messaggio con la richiesta di riavviare il
gestione dei buffer dei dischi e pertanto può computer.
avere ripercussioni sulle prestazioni del sistema.

42 Guida di riferimento di Pro Tools


Per modificare il valore di DAE Playback Buffer Per ridurre al minimo la quantità di memoria
Size (Pro Tools 5.1.3): assegnata:
1 Avviare DAE. Se Pro Tools è già in esecuzione, 1 Scegliere Setups > Playback Engine.
passare all'applicazione DAE.
2 Selezionare l'opzione Minimize System
2 Scegliere File > Set Playback Buffer Size. Memory Allocation.

3 Fare clic su OK.

4 Riavviare il computer.

Configurazione delle
impostazioni hardware di
Pro Tools
Pro Tools consente di configurare il routing dei
segnali, il formato di ingresso/uscita digitale, la
frequenza di campionamento predefinita, la
Finestra di dialogo DAE Playback Buffer Size
(Pro Tools 5.1.3) sorgente di clock e altre impostazioni hardware
a seconda della configurazione del sistema
3 Selezionare una dimensione buffer. utilizzato.
4 Fare clic su OK.
La sezione seguente descrive la configurazione
5 Uscire da Pro Tools (se è già in esecuzione) o di un sistema Pro Tools|HD dotato di una o più
uscire dall'applicazione DAE. Le nuove interfacce HD (con una o più interfacce serie
dimensioni verranno applicate al successivo MIX collegate).
avvio di Pro Tools .
Per configurare un sistema Pro Tools Serie
MIX, Pro Tools|24 o Pro Tools LE,
Assegnazione della memoria consultare la Guida introduttiva fornita con
di sistema il sistema utilizzato.
(solo sistemi Pro Tools 6.0 TDM)
Configurazione di
All'avvio del computer, Pro Tools riserva
automaticamente una parte della memoria del
Pro Tools|HD Hardware
sistema per il buffer di riproduzione DAE. Sui sistemi TDM, è necessario configurare le
Questa parte di memoria non potrà essere impostazioni Hardware per tutte le interfacce
utilizzata da altre applicazioni, anche quando audio collegate. Ad esempio, i sistemi serie
Pro Tools non sia attivo. Pro Tools|HD possono avere interfacce audio
192 I/O, 192 Digital I/O o 96 I/O collegate alle
Pro Tools può essere impostato in modo che
schede HD Core e HD Process del sistema.
venga riservata solo la quantità minima
Queste interfacce audio possono a loro volta
necessaria, così che la memoria rimanente risulti
essere collegate ad altre interfacce (ad esempio, a
disponibile per altre applicazioni.
interfacce audio Digidesign audio meno recenti

Capitolo 6: Sessioni 43
oppure a I/O Legacy quali 888|24 I/O, 882|20 I/O Sono inoltre disponibili schede aggiuntive in cui
e 1622 I/O). Per ulteriori informazioni, è possibile configurare altri parametri per le
consultare il Capitolo 2, "Configurazioni dei varie interfacce audio (ad esempio,
sistemi Pro Tools". l'impostazione dei livelli di esercizio).
Consultare la Guida Introduttiva fornita con il
Configurazione di Hardware Setup sistema oppure la guida fornita con l'interfaccia
audio utilizzata.
Nella scheda Main della finestra di dialogo
Hardware Setup è possibile definire quali
ingressi e uscite fisici dell'interfaccia audio
devono essere indirizzati agli ingressi e alle
uscite disponibili in Pro Tools.

Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia 192


I/O (scheda Analog In)

In qualsiasi momento è possibile


identificare le connessioni di interfaccia
Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia audio selezionando il nome dell'interfaccia
192 I/O (scheda Main) nell'elenco Peripherals, quindi facendo clic
su Identify. Tutti i LED situati sul pannello
frontale dell'interfaccia si accenderanno.

Per configurare le interfacce audio su un


sistema HD:
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.

2 Nell'elenco Peripherals, selezionare


l'interfaccia audio Digidesign collegata alla
prima scheda del sistema HD. Si tratta
dell'interfaccia visualizzata per prima
nell'elenco.

3 Fare clic sulla scheda Main.

44 Guida di riferimento di Pro Tools


4 Dal menu a comparsa Clock Source Gli ingressi e le uscite di formato simile vengono
selezionare la sorgente di clock adatta al sistema. distinti nei menu a comparsa dei canali di
Nella maggior parte dei casi verrà utilizzata la ingresso e di uscita. Ad esempio, gli ingressi e le
modalità Internal. Le altre opzioni del menu uscite AES/EBU nello châssis 192 I/O sono
vengono utilizzate per la sincronizzazione di elencati come AES/EBU [Encl], mentre gli
Pro Tools con sorgenti di clock esterne. A ingressi e le uscite AES/EBU presenti sulla scheda
seconda dell'interfaccia audio utilizzata, il menu Digital I/O installata al momento della
a comparsa Clock Source può contenere le spedizione vengono visualizzati, a coppie, come
opzioni seguenti: AES/EBU [Encl], S/PDIF, AES/EBU 1–2, AES/EBU 3–4, AES/EBU 5–6 e
Optical [Encl], AES/EBU 1–8, TDIF, ADAT e Word AES/EBU 7–8. Per le interfacce 192 I/O dotate di
Clock (con frequenze di campionamento più scheda Digital I/O, le porte AES/EBU I/O
elevate sono disponibili frequenze di Word opzionali sono visualizzate come AES/EBU 9–10,
Clock opzionali). AES/EBU 11–12, AES/EBU 13–14 e AES/EBU
15–16.
5 Dal menu a comparsa Ext. Clock Output,
selezionare l'uscita clock appropriata per i 10 Fare clic sulle altre schede (ad esempio,
dispositivi collegati all'interfaccia audio. Analog In e Analog Out) per impostare altre
opzioni di configurazione specifiche
6 Selezionare la porta I/O digitale dello châssis
dell'interfaccia audio utilizzata. Sono possibili le
dell'interfaccia audio attiva nella sezione Digital
seguenti operazioni:
Format. Le opzioni disponibili sono le seguenti:
AES/EBU, S/PDIF e Optical (S/PDIF). La selezione • Configurazione dei livelli di esercizio degli
di Optical (S/PDIF) comporta la reimpostazione ingressi e delle uscite analogici (+4 dBu o
della porta fisica Optical I/O (che per –10 dB) sull'interfaccia 96 I/O.
impostazione predefinita rappresenta otto • Impostazione del connettore di ingresso,
canali di ADAT I/O) su due canali dell'interfaccia del trimming in ingresso (A o B) e del Soft
S/PDIF Optical I/O. Limit per l'ingresso analogico
dell'interfaccia 192 I/O.
7 Per garantire la compatibilità S/PDIF con i
• Configurazione dei due gruppi di controlli
registratori DAT Tascam DA30, selezionare
di regolazione per gli ingressi e le uscite
l'opzione Tascam nella sezione S/PDIF Format.
dell'interfaccia 192 I/O.
8 Per l'interfaccia 96 I/O, fare clic sul menu a • Configurazione degli ingressi e delle uscite
comparsa Meters e scegliere i segnali di ingresso su schede opzionali A/D, D/A o Digital I/O
o di uscita da attivare. installate nell'unità, nell'interfaccia 192
9 Dai menu a comparsa Input e Output,
I/O.
selezionare le porte fisiche (come Analog 1-2 o
Per ulteriori informazioni sui parametri
Optical 1-2) che verranno indirizzate ai
Hardware Setup di ciascuna interfaccia
corrispondenti canali di ingresso e uscita
audio HD, consultare la Guida introduttiva
Pro Tools (ad esempio Ch 1-2 o 3-4) elencati sul
a HD o la guida fornita con l'interfaccia
lato sinistro della scheda Main.
audio.

Capitolo 6: Sessioni 45
11 Ripetere la procedura per la configurazione di 6 L'opzione "No Interface" appare due volte
tutte le interfacce audio della serie HD. nell'elenco Peripherals, esattamente sotto
l'interfaccia audio primaria. Fare clic sulla prima
Per scorrere l'elenco delle periferiche, delle due indicazioni "No Interface". Nella
utilizzare i tasti Freccia su e Freccia giù. finestra di dialogo Hardware Setup viene
visualizzato il menu a comparsa Interface in cui
12 Ripetere la procedura per tutte le interfacce
sono elencate tutte le interfacce I/O supportate
I/O Legacy collegate alle interfacce audio serie
disponibili.
HD del proprio sistema. Per poter configurare
un'interfaccia I/O Legacy, è necessario prima 7 Dal menu a comparsa Interface selezionare il
inizializzarla nella finestra Hardware Setup tipo di interfaccia I/O Legacy cui si è collegati.
(Vedere "Inizializzazione delle periferiche della
8 Impostare l'opzione External Clock Output
serie MIX" a pagina 46.)
dell'interfaccia HD su 256x (velocità clock
13 Fare clic su OK. richiesta per I/O Legacy).

Dopo la selezione dell'interfaccia audio, la


Inizializzazione delle periferiche
scheda Main viene aggiornata con controlli
della serie MIX
configurabili. Consultare la guida fornita con
Per poter configurare un'interfaccia I/O Legacy, l'interfaccia audio per informazioni dettagliate
è necessario prima inizializzarla nella finestra su ciascuno di tali controlli.
Hardware Setup.
9 Ripetere la procedura per tutte le interfacce
I/O Legacy.
Per inizializzare un'interfaccia I/O Legacy su un
sistema HD: Per ulteriori informazioni sui parametri
1 Avviare il sistema Pro Tools. Vedere "Avvio e Hardware Setup di ciascuna interfaccia
chiusura del sistema" a pagina 39. audio Legacy, consultare la guida fornita
con l'interfaccia.
2 Assicurarsi di aver abbassato il volume dei
dispositivi di uscita in quanto prima Configurazione della finestra I/O Setup
dell'inizializzazione dell'interfaccia I/O
potrebbero essere emessi rumori molto forti. La finestra di dialogo I/O Setup fornisce una
rappresentazione grafica del routing dei segnali
3 Accendere l'interfaccia I/O della serie MIX.
di tutte le interfacce audio collegate e contiene i
4 Nell'elenco Peripherals, scegliere l'interfaccia controlli che consentono l'indirizzamento delle
audio primaria, ossia quella a cui è collegata porte fisiche dell'interfaccia audio ai punti di
l'interfaccia I/O meno recente della serie MIX. ingresso e di uscita Pro Tools. Questi controlli
rispecchiano i controlli di routing presenti nella
5 Nella scheda Main (sezione Port Settings) della
finestra di dialogo Hardware Setup; tutte le
finestra di dialogo Hardware Setup, selezionare
modifiche apportate all'impostazione del
l'opzione Legacy I/O.
routing in una di queste due finestre vengono
sempre applicate anche nell'altra. Nella finestra
di dialogo I/O Setup è inoltre possibile
etichettare e assegnare gli ingressi, le uscite, gli

46 Guida di riferimento di Pro Tools


insert e i percorsi dei segnali di Pro Tools.
Per ulteriori informazioni sui percorsi, la loro
etichettatura e l'assegnazione, vedere
Capitolo 7, "I/O Setup"..

Routing di una coppia di uscite


Pro Tools a più destinazioni
La finestra di dialogo Hardware Setup consente
di indirizzare le coppie di canali Pro Tools a più Finestra di dialogo Hardware Setup dell'interfaccia 192
I/O, scheda Main
uscite di un'interfaccia audio. Ad esempio, se le
uscite dell'interfaccia Analog 1–2 e Analog 3–4 6 Ripetere la stessa procedura per selezionare
vengono assegnate alla coppia di uscite nuove destinazioni di uscita. La scelta delle
Pro Tools 1–2, un segnale inviato alle uscite uscite è limitata dal numero di uscite disponibili
Pro Tools 1–2 verrà contemporaneamente nel sistema.
indirizzato a entrambe le coppie di uscite
dell'interfaccia audio. È possibile indirizzare coppie di uscite Pro Tools
verso più uscite dell'interfaccia audio anche
Questa operazione consente di inviare lo stesso nella finestra I/O Setup. Per ulteriori
segnale (coppia stereo, missaggio di gruppo o informazioni vedere "Routing delle porte I/O
missaggio multicanale) a più destinazioni, ad hardware agli ingressi e alle uscite di Pro Tools" a
esempio a dispositivi di mastering multipli. pagina 77.

Per selezionare più porte di uscita per una coppia


di canali di uscita Pro Tools:
Creazione di una nuova
1 Scegliere Setups > Hardware Setup.
sessione
2 Dall'elenco Peripherals selezionare
Il primo passaggio per iniziare un progetto
un'interfaccia.
Pro Tools consiste nel creare una nuova
3 Fare clic sulla scheda Main. sessione. Così facendo, viene automaticamente
creata una nuova cartella denominata in base
4 Selezionare una coppia di uscite dal menu a
alla sessione. La nuova cartella contiene il file
comparsa Output.
della sessione e due sottocartelle, Audio Files e
5 Premere il tasto Control (Macintosh) o Start Fade Files.
(Windows) e fare clic nuovamente sullo stesso
La cartella Audio Files contiene l'audio registrato
menu per scegliere un'ulteriore coppia di uscite.
o convertito durante la sessione. La cartella Fade
Il nome dell'uscita verrà aggiornato e davanti a Files contiene tutti i dati audio di crossfade
esso verrà visualizzato il segno più (+) per generati dalla sessione.
indicare che sono state selezionate diverse porte
di uscita. Nel menu a comparsa, tutte le coppie
di porte fisiche assegnate a quella coppia di
uscite Pro Tools sono contrassegnate da un
segno di spunta.

Capitolo 6: Sessioni 47
Quando si registra una nuova traccia audio, la 3 Selezionare Enforce Mac/PC Compatibility
traccia viene salvata come nuovo file audio nella (Macintosh) se si desidera creare file della
cartella Audio Files. È inoltre possibile importare sessione e file audio che possano essere utilizzati
nella sessione altri file audio ed eseguire varie indistintamente nelle versioni per Macintosh e
operazioni anche con questi file. per Windows di Pro Tools. Per ulteriori
informazioni, vedere "Creazione di sessioni
compatibili Mac e PC" a pagina 145.

Se è necessario utilizzare caratteri


giapponesi o non ASCII per i nomi delle
tracce e delle regioni o per i commenti delle
tracce, disattivare l'opzione Enforce Mac/PC
Tipica cartella di sessione Compatibility quando si crea una nuova
sessione.
Per ulteriori informazioni sull'assegnazione
delle tracce audio a vari dischi rigidi, inclusi i Il salvataggio di una copia della sessione
volumi condivisi, vedere "Finestra di dialogo con la funzione Enforce Mac/PC
Disk Allocation" a pagina 158. Compatibility abilitata determina la perdita
di tutti i caratteri giapponesi e non ASCII.
Per creare una nuova sessione:
4 Selezionare il formato del file audio per la
1 Scegliere File > New Session. sessione.

Per la massima compatibilità tra le sessioni


Windows e Macintosh, impostare il formato di
file su WAV. I file Sound Designer II (SD II) non
sono supportati nei sistemi Windows e in
Pro Tools non è possibile scegliere SD II come
formato di file se l'opzione Enforce Mac/PC
Compatibility è selezionata (oppure se si tratta
di una sessione PC).

5 Selezionare la profondità bit (16 bit o 24 bit) e


la frequenza di campionamento.

6 Selezionare le impostazioni di I/O da utilizzare


nella sessione. Nel sistema sono incluse varie
impostazioni I/O preconfigurate; in alternativa è
possibile selezionare le impostazioni I/O
personalizzate create. Per ulteriori informazioni,
Finestra di dialogo New Session vedere Capitolo 7, "I/O Setup".
2 Scegliere l'unità in cui si desidera salvare la 7 Assegnare un nome alla sessione.
sessione. La sessione dovrebbe essere salvata su
8 Fare clic su Save.
un'unità audio dedicata.

48 Guida di riferimento di Pro Tools


Scelta della profondità bit e della
frequenza di campionamento Apertura di una sessione
Quando si sceglie una profondità bit o una Quando viene aperta una sessione, Pro Tools
frequenza di campionamento per la sessione, è esegue la ricerca dei file di dissolvenza (fade) e
importante tenere presente lo spazio su disco dei file audio associati a quella sessione.
richiesto dalla selezione. I file audio a 24 bit
occupano circa il 50% di spazio su disco in più Per aprire una sessione esistente:
rispetto ai file audio a 16 bit. I file con 1 Scegliere File > Open Session.
frequenza di 192 kHz occupano uno spazio
2 Individuare la sessione che si desidera aprire e
quattro volte maggiore rispetto ai file con
frequenza di 44,1 kHz. fare clic su Open.

La profondità di bit e la frequenza di


campionamento possono anche avere delle
ripercussioni sulla potenza di missaggio
disponibile in una sessione. Sui sistemi TDM,
nelle sessioni a 24 bit e nelle sessioni con
frequenze di campionamento più elevate sono
disponibili meno canali di missaggio (vedere
Appendice B, “Missaggio TDM e utilizzo
di DSP”). Nei sistemi LE, le sessioni a 24 bit
richiedono a loro volta una maggiore potenza di
elaborazione.

La combinazione di diverse profondità di bit


all'interno di una stessa sessione Pro Tools non è
consentita; i file di profondità bit diverse
devono essere convertiti e importati all'interno
Finestra di dialogo Open Session
della sessione.

Capitolo 6: Sessioni 49
Apertura di una sessione Con Pro Tools LE 5.3.x e versioni anteriori:
contenente risorse non disponibili ◆ Tutte le tracce oltre il numero massimo di voci
disponibili sul sistema utilizzato vengono
Quando viene aperta una sessione contenente
rimosse dalla sessione. Se la sessione viene
voci, percorsi I/O, risorse DSP o plug-in non
salvata, le tracce rimosse andranno perse.
disponibili, viene visualizzato un messaggio.
Questa situazione è abbastanza comune quando
Tutti i sistemi Pro Tools:
si trasferiscono delle sessioni a sistemi con
dispositivi hardware Digidesign diversi. ◆ Gli insert assegnati a plug-in non disponibili
vengono resi inattivi.
◆ Gli ingressi, le uscite e le mandate assegnati a
percorsi non disponibili vengono resi inattivi.

Salvataggio di una sessione


È necessario salvare periodicamente la sessione
corrente per garantire che il lavoro svolto venga
memorizzato sul disco rigido.
Apertura di una sessione con risorse non disponibili

La finestra di dialogo contiene un elenco dei Velocizzazione dei salvataggi mediante


componenti della sessione mancanti. Per salvare riduzione della dimensione della cache
un file di testo contenente un report più del disco
dettagliato, oltre che l'azione risultante, fare clic
(Solo Mac OS 9)
su OK nella finestra di dialogo.
Per velocizzare le operazioni di salvataggio delle
Quando viene aperta una sessione con elementi
sessioni e di bouncing su disco, si consiglia di
non disponibili, si verifica quanto segue:
ridurre a 512 kb la dimensione della cache del
Con sistemi Pro Tools TDM: Macintosh (dalla finestra di dialogo Memoria >
del Pannello di Controllo).
◆ Tutte le tracce oltre il numero massimo di voci
disponibili sul sistema utilizzato vengono rese
inattive. Salvataggio del file della sessione
Il comando Save Session consente di salvare le
Con Pro Tools LE 6.0:
modifiche apportate alla sessione e di scriverle
◆ Tutte le tracce oltre il limite massimo di voci nella versione del file di sessione salvata in
disponibili sul sistema utilizzato vengono precedenza. Il comando Save Session non può
impostate su voice off. essere annullato.

Per salvare una sessione:


■ Scegliere File > Save Session.

50 Guida di riferimento di Pro Tools


Comando Revert to Saved Salvataggio di una copia
Se sono state apportate delle modifiche a una
della sessione
sessione dall'ultima volta che è stata salvata, è Per salvare una copia della sessione corrente
possibile annullare le modifiche e tornare allo assieme ai file di dissolvenza e ai file audio,
stato precedentemente salvato. utilizzare il comando Save Session Copy In.
Inoltre, è possibile specificare per la copia un
Per tornare all'ultima versione salvata formato per il file della sessione, un formato per
di una sessione: i file audio, la profondità bit e la frequenza di
■ Scegliere File > Revert to Saved. campionamento.

Assegnazione di un nuovo nome al


file di sessione
Per salvare una copia della sessione con un
nome diverso e in un altro percorso, utilizzare il
comando Save Session As. Questo comando
chiude la sessione corrente e consente di
continuare a lavorare sulla copia rinominata, ed
è quindi utile se si stanno facendo delle prove e
si desidera salvare i diversi stadi della sessione.

Lavorando in questo modo, è possibile risalire


velocemente tra tutti i passaggi effettuati nel
caso si desideri tornare a una versione
precedente della sessione. Con il comando Save
Session As viene salvata soltanto la nuova
versione del file della sessione e non le versioni
duplicate dei file di dissolvenza o dei file audio.

Per salvare una sessione con un altro nome:


Finestra di dialogo Save Session Copy In
1 Scegliere File > Save Session As.
A differenza del comando Save Session As, il
2 Immettere un nome per la sessione.
comando Save Session Copy In non chiude la
3 Fare clic su Save. sessione originale, per cui le operazioni di
montaggio successive vengono eseguite nella
Il file della sessione rinominato viene salvato
sessione originale. È possibile utilizzare le copie
nella cartella della sessione assieme alla versione
per archiviare sessioni importanti o come mezzo
originale. Tutti i nuovi file audio registrati nella
per preparare le sessioni al trasferimento in un
sessione rinominata verranno salvati nella
altro sistema Pro Tools.
cartella Audio Files creata per la sessione
originale.

Capitolo 6: Sessioni 51
Con il comando Save Session Copy In vengono Utilizzare l'opzione Latest se si lavora con
salvati solo i file audio effettivamente utilizzati Pro Tools 5.1 o una versione successiva.
nella sessione. Il materiale audio registrato o
importato e successivamente rimosso dalla Il salvataggio delle sessioni con versioni
sessione non verrà inserito nella nuova copia anteriori alla 5.1 comporta la perdita delle tracce
della sessione. multicanale e dei plug-in multi-mono. In questo
caso, è necessario separare le tracce e i plug-in in
L'utilizzo del comando Save Session Copy In è singole tracce mono prima del salvataggio.
l'unico modo per modificare le frequenze di
campionamento di una sessione. Parametri della sessione (Session
Parameters)
Quando si salva una copia della sessione
con una velocità bit inferiore, potrebbero Audio File Type
essere applicati il dither e la riduzione del
rumore. Osservare la tabella seguente. È possibile salvare la sessione in modo che faccia
riferimento a file audio WAV o AIFF. Su
Dither e riduzione del rumore con il comando Save Macintosh, è inoltre possibile salvare la sessione
Session Copy In: con riferimento a file audio SD II (con frequenze
di campionamento fino a 48 kHz).
Conversione velocità bit Save Session Copy

Da 24 bit a 16 bit Sì Le sessioni SD II non sono supportate in


(dither e riduzione del Pro Tools per Windows o con frequenze di
rumore) campionamento superiori a 48 kHz. In
Da 24 bit a 8 bit No
Macintosh, il file audio della sessione non
(solo riduzione del può essere impostato su SD II se l'opzione
rumore) Enforce Mac/PC Compatibility è stata
abilitata o se la frequenza di
Da 16 bit a 8 bit No
(solo riduzione del
campionamento della sessione di
rumore) destinazione è superiore a 48 kHz.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del Utilizzo di formati di file misti


dithering assieme al comando Save Session Una sessione può utilizzare formati di file audio
Copy In, vedere "Dither" a pagina 467. misti. Se nella sessione originale vi sono formati
di file misti, questi non verranno convertiti in
Formato della sessione (Session Format) un altro formato a meno che non si specifichi di
È possibile salvare la copia della sessione nei eseguire la conversione. Tuttavia, quando si
seguenti formati: utilizzano formati di file misti, le prestazioni
audio saranno ridotte (a causa di un carico
• Latest (Pro Tools versione 5.1 o successiva)
supplementare richiesto per la gestione di alcuni
• Pro Tools 5 Session formati di file).
• Pro Tools 4, 24-Bit Session
• Pro Tools 4, 16-Bit Session
• Pro Tools 3.2 Session

52 Guida di riferimento di Pro Tools


Bit Depth Tutti i file audio diversi da SDII (All Non-SDII
Audio Files)
È possibile salvare la nuova sessione con una
profondità di 16 bit o 24 bit. Se la sessione è in Il nome di questa opzione varia a seconda del
una profondità bit diversa, i file audio verranno tipo di file audio selezionato. Se viene
convertiti nella profondità bit della nuova modificato il tipo di file audio della sessione,
sessione e copiati nel percorso specificato. questa opzione fa in modo che tutti i file della
sessione copiata vengano convertiti nel tipo di
Frequenza di campionamento file selezionato. Utilizzare questa opzione per
evitare un calo delle prestazioni in una sessione
La nuova sessione può essere salvata a una
con formati di file misti.
frequenza di campionamento di 44,1 kHz o
48 kHz (su sistemi Mbox, Digi 001 e serie MIX) e L'opzione viene selezionata automaticamente
a una frequenza di campionamento massima di quando si modifica la profondità di bit o la
96 kHz (su Digi 002) o di 192 kHz (su sistemi frequenza di campionamento oppure quando si
serie HD). Se la sessione è in una frequenza di copia una sessione Macintosh convertendola
campionamento differente, i file audio verranno dal formato SD II al formato AIFF o WAV con
convertiti nella frequenza di campionamento l'opzione Enforce Mac/PC Compatibility
della nuova sessione e copiati nel percorso selezionata.
specificato.
Don’t Copy Fade Files
Ad una maggiore qualità di conversione della
frequenza di campionamento corrisponde un Quando questa opzione è selezionata, i file di
tempo di elaborazione del file audio più lungo. dissolvenza non vengono copiati nella cartella
Fade Files della nuova sessione. All'avvio della
Opzione Enforce Mac/PC Compatibility sessione, nella finestra di dialogo Find Files verrà
(Macintosh) chiesto di individuarli. È possibile individuare i
file di dissolvenza esistenti utilizzando la
Questa impostazione induce le versioni
finestra di dialogo Find Files oppure scegliere
Macintosh o Windows di Pro Tools a creare file
Skip All in modo che vengano nuovamente
della sessione e audio utilizzabili su entrambe le
creati in Pro Tools dal documento della sessione.
piattaforme. Per ulteriori informazioni vedere
"Creazione di sessioni compatibili Mac e PC" a
Session Plug-In Settings Folder
pagina 145.
Quando questa opzione è selezionata, la cartella
Elementi da copiare (Items to Copy) Plug-In Settings della sessione viene copiata
nella nuova posizione. I riferimenti alle
Tutti i file audio (All Audio Files) impostazioni di plug-in della sessione vengono
reindirizzati in modo che rimandino ai file di
Quando questa opzione è selezionata, tutti i file
impostazioni copiati.
audio vengono copiati nella nuova posizione.

Questa impostazione viene selezionata


automaticamente quando vengono modificate
la profondità di bit o la frequenza di
campionamento della sessione.

Capitolo 6: Sessioni 53
Root Plug-In Settings Folder 4 Impostare la frequenza di campionamento e la
profondità bit della sessione.
Quando l'opzione è selezionata, il contenuto
della cartella Plug-In Settings del livello 5 Selezionare Enforce Mac/PC Compatibility se
principale viene copiato in una cartella si desidera creare file della sessione e file audio
denominata Place in Root Settings Folder; questo che possano essere utilizzati indistintamente
per indicare che, prima di poter essere utilizzati, nelle versioni per Macintosh e per Windows di
i file interessati dovranno essere spostati nel Pro Tools. Per ulteriori informazioni, vedere
livello principale della cartella delle "Creazione di sessioni compatibili Mac e PC" a
impostazioni di plug-in presente nel sistema di pagina 145.
destinazione. I riferimenti a questi file di
6 Selezionare gli elementi da copiare nella
impostazioni della sessione non vengono
nuova sessione.
reindirizzati per rimandare ai file copiati.
7 Fare clic su Save.
Movie/Video Files

Quando l'opzione è selezionata, i file di filmati


della sessione (file video QuickTime o file video Creazione di modelli di
AVoption o AVoption XL) vengono copiati sessione personalizzati
nella nuova posizione e i riferimenti della
sessione vengono aggiornati per rimandare ai È possibile creare documenti di sessione
file di filmati copiati. personalizzati che siano preconfigurati con le
impostazioni di traccia, le impostazioni della
console di missaggio, la disposizione delle
Per salvare una copia di una sessione in un nuovo
percorso: finestre, i livelli di zoom e le posizioni memoria
utilizzati più di frequente. In questo modo si
1 Scegliere File > Save Session Copy In.
eviterà di dover configurare lo studio di
2 Nella finestra di dialogo Save Session Copy, registrazione da zero ogni volta che si avvia una
scegliere la destinazione desiderata e immettere nuova sessione.
un nome per il nuovo file della sessione.

3 Impostare l'opzione Audio File Type su AIFF,


WAV o SD II. Se si desidera che i file audio siano
compatibili sia con la piattaforma Macintosh
che con la piattaforma Windows, selezionare
AIFF o WAV.

54 Guida di riferimento di Pro Tools


Creazione di modelli 5 Individuare il file della sessione appena
per Macintosh salvato.

Nei sistemi Macintosh, è possibile creare un 6 Fare clic una volta sul file per selezionarlo.
modello della sessione salvando un file della 7 Scegliere File > Get Info > General
sessione come documento Stationery Pad. Una Information.
volta salvata come Stationery Pad, la sessione
funge da modello e sarà possibile aprirla e
salvarla nuovamente come una sessione
normale.

Per creare un modello di sessione personalizzato


in un sistema Macintosh:
1 Creare una sessione e configurare gli elementi
nel modo desiderato. Oltre a configurare la
traccia, è possibile impostare i routing di
segnale, configurare insert e mandate, definire i
parametri di visualizzazione delle finestre Mix e
Edit e le impostazioni Ruler e Preference.

2 Scegliere File > Save Session As.


Salvataggio di una sessione come Stationary Pad
3 Assegnare un nome alla sessione e fare clic su (Macintosh)
Save.
8 Fare clic sull'opzione Stationery Pad per
4 Chiudere la sessione. salvare il file come modello, quindi chiudere la
finestra di informazioni.

Per utilizzare il modello, fare doppio clic oppure,


se Pro Tools è già in esecuzione, aprirlo con il
comando Open Session. È possibile creare vari
modelli personalizzati per le impostazioni dello
studio di registrazione utilizzate più di
frequente.

Quando si apre una sessione salvata come


Stationary Pad, Pro Tools consente di
modificare il modello o di avviare una nuova
sessione utilizzandone le impostazioni. Se si
sceglie New Session, verrà creata una nuova
cartella che conterrà una copia del modello della
sessione e delle cartelle Audio e Fades.

Capitolo 6: Sessioni 55
Creazione di modelli per Windows 7 Nella sezione Attributi, deselezionare Archivio
e selezionare Sola lettura.
In Windows è possibile creare un modello della
sessione impostando come documento di sola
lettura un file della sessione.

Per creare un modello di sessione personalizzato


in Windows:
1 Creare una sessione e configurare Pro Tools
nel modo desiderato. Nelle varie finestre è
inoltre possibile definire numerosi parametri,
quali il routing dei segnali, la configurazioni
degli insert e delle mandate, le viste delle tracce,
nonché le impostazioni del righello e delle
preferenze.

2 Scegliere File > Save Session As.

3 Assegnare un nome alla sessione e fare clic su


Save.

4 Chiudere la sessione.

5 Individuare il file della sessione appena Impostazione di una sessione come file di sola lettura
(Windows)
salvato.
8 Fare clic su OK.
6 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul
file e scegliere Proprietà. Per utilizzare il modello, fare doppio clic oppure
aprirlo con il comando Open Session. Quando si
salva la sessione per la prima volta, verrà chiesto
di assegnare un nuovo nome alla sessione. Il
modello della sessione originale rimarrà
invariato.

Per modificare il modello della sessione, sarà


necessario aprire nuovamente la finestra
Proprietà, deselezionare l'opzione Sola lettura e
selezionare l'opzione Archivio, apportare le
modifiche desiderate, quindi ripristinare
l'attributo Sola lettura.

56 Guida di riferimento di Pro Tools


Chiusura di una sessione Condivisione di sessioni tra i
Poiché Pro Tools consente di lavorare su una
sistemi Pro Tools TDM e i
sola sessione alla volta, se si desidera lavorare su sistemi Pro Tools LE
un'altra sessione è necessario chiudere la Pro Tools favorisce la condivisione delle sessioni
sessione corrente. Il comando Close Session tra i sistemi Pro Tools LE e i sistemi dotati di
consente di chiudere la sessione Pro Tools modulo TDM. Tra i due tipi di sistemi esistono
corrente lasciando Pro Tools in esecuzione. Per tuttavia alcune importanti differenze che
salvare il lavoro svolto utilizzare il comando possono condizionare le modalità di
Save Session o Save Session As prima di chiudere trasferimento del materiale delle sessioni.
la sessione corrente.
Differenze tra i sistemi TDM e LE
Per chiudere una sessione: Funzione Sistemi TDM Sistemi LE

■ Scegliere File > Close Session. Numero di fino a 256 fino a 32


tracce audio (serie HD) (Pro Tools 6.0
su tutti i
sistemi,
Chiusura di Pro Tools fino a 128 Pro Tools 5.3.1
(serie MIX) e versioni
Sebbene un messaggio chieda se si desidera successive su
salvare le modifiche prima della chiusura Windows)
dell'applicazione, si consiglia di salvare
fino a 24
preventivamente il lavoro svolto.
(Pro Tools 5.3.x
e versioni
Per chiudere Pro Tools in un sistema Macintosh: anteriori su
Macintosh,
■ Scegliere Pro Tools > Quit Pro Tools Pro Tools 5.1.x e
(Pro Tools 6.0) o File > Quit (Pro Tools 5.3.x e versioni
versioni anteriori). anteriori su
Windows)
Per chiudere Pro Tools in Windows: Numero di 64 bus 16 bus
■ Scegliere File > Exit. bus di
missaggio

Insert per fino a 5 insert fino a 5 insert


traccia

Mandate per fino a 5 fino a 5


traccia mandate mandate

Quando si apre una sessione TDM in


Pro Tools LE, vengono applicate le seguenti
regole:

Capitolo 6: Sessioni 57
Con Pro Tools LE 6.0 e versioni successive
(tutti i sistemi) o Pro Tools 5.3.1 e versioni Preferences
successive (Windows):
La finestra di dialogo Preferences presenta
◆ Tutte le tracce dopo le prime 32 e tutte le diverse schede nelle quali è possibile specificare
tracce inattive vengono impostate su voice off. le impostazioni preferite per i vari parametri
◆ Le tracce surround multicanale vengono della sessione. Le preferenze impostate verranno
rimosse dalla sessione. usate in ogni nuova sessione.
◆ Tutte le assegnazioni di bus oltre le prime 16
vengono rese inattive. Scheda Display
◆ I percorsi di ingresso e di uscita non
disponibili vengono resi inattivi.
◆ I plug-in TDM con equivalenti RTAS vengono
conservati; quelli senza equivalenti vengono
resi inattivi.

Con Pro Tools LE 5.3.x e versioni anteriori


(Macintosh) o Pro Tools LE 5.1.x e versioni
anteriori (Windows):
◆ Le tracce oltre le prime 24, e tutte le tracce
inattive, vengono rimosse dalla sessione.
◆ Le tracce surround multicanale vengono
rimosse dalla sessione.
◆ Tutte le assegnazioni di bus oltre le prime 16
Edit Window Follows Bank Selection
vengono rese inattive.
Questa opzione, se si usa una superficie di
◆ I percorsi di ingresso e di uscita non controllo supportata con Pro Tools, consente di
disponibili vengono resi inattivi. scorrere nella finestra Edit durante la modifica
◆ I plug-in TDM con equivalenti RTAS vengono dei banchi sulla superficie di controllo in modo
conservati; quelli senza equivalenti vengono da poter visualizzare il banco di tracce
resi inattivi. attualmente selezionato.

Show Meters in Sends View Quando la vista


Sends visualizza singoli controlli di mandata, è
possibile selezionare questa opzione per
mostrare i meter di livello di mandata. La
disattivazione dell'opzione consente di
accelerare gli aggiornamenti dello schermo e
l'elaborazione.

58 Guida di riferimento di Pro Tools


Mix Window Follows Bank Selection panoramica, accertarsi che la preferenza sia
Questa opzione, se si usa una superficie di abilitata, salvare e chiudere la sessione, quindi
controllo supportata con Pro Tools, consente di riaprirla. Alla riapertura tutte le panoramiche
scorrere nella finestra Mix durante la modifica della sessione verranno ricreate.
dei banchi sulla superficie di controllo in modo
da poter visualizzare il banco di tracce Edit Window Default Length Questa opzione
attualmente selezionato. consente di impostare una durata predefinita
per la finestra Edit in ore, minuti, secondi e
Draw Grids in Edit Window Consente di frame. La funzione è utile quando si desidera
aggiungere linee di griglia alla finestra Edit. La assemblare una sessione di una durata
risoluzione delle linee dipende dal livello di particolare o lasciare dello spazio supplementare
zoom della finestra Edit. per espandere l'area di lavoro della finestra Edit
nella sessione. Una sessione di Pro Tools può
Draw Waveforms Rectified Consente di avere una durata massima di 13 ore.
visualizzare i dati delle forme d'onda audio in
una vista rettificata. In tale vista, le forme Zoom Toggle Track Height Consente di
d'onda audio vengono visualizzate in modo che impostare l'altezza predefinita della traccia
le relative escursioni positive e negative, cioè le quando la funzione Zoom Toggle viene
parti che si trovano al di sopra e al di sotto della utilizzata per ingrandire una selezione.
linea centrale, siano sommate e compaiano
sotto forma di un unico segnale di valore Edit Window Color Coding L'insieme delle
positivo. In questo modo le forme d'onda opzioni Edit Window Color Coding consente di
vengono visualizzate più dettagliatamente sia definire l'assegnazione dei colori alla
nelle viste di altezza delle tracce normali che visualizzazione delle forme d'onda nella finestra
nelle viste ridotte. Ciò può risultare Edit.
particolarmente utile durante il montaggio di
None Consente di disattivare l'assegnazione dei
dati di automazione del volume, in quanto i
colori alla visualizzazione delle forme d'onda
livelli delle forme d'onda vengono visualizzati a
delle tracce nella finestra Edit.
partire dal basso della traccia.
Tracks and MIDI Channels Consente di
Recompute Invalid Overviews Questa opzione fa
assegnare un colore alla visualizzazione della
sì che Pro Tools, all'apertura delle sessioni,
forma d'onda di ciascuna traccia nella finestra
esegua una ricerca dei dati di panoramica (ossia
Edit in base al numero di voce e all'assegnazione
dei dati utilizzati per creare le visualizzazioni
del canale MIDI.
delle forme d'onda) eventualmente mancanti o
danneggiati. Se vengono individuati dati di Tracks and MIDI Devices Consente di assegnare
panoramica mancanti o danneggiati, verranno un colore alla visualizzazione della forma
create nuovamente una o più panoramiche per d'onda di ciascuna traccia nella finestra Edit in
la sessione. Nel caso in cui vi siano molte tracce base al numero di voce e al tipo di dispositivo
nella sessione, questa operazione potrebbe MIDI.
richiedere alcuni minuti. Se si ritiene che i dati
di panoramica di una sessione siano stati
danneggiati o se si importano in una sessione
file audio che non dispongono di dati di

Capitolo 6: Sessioni 59
Groups Consente di assegnare un colore alla Timeline Insertion Follows Playback
visualizzazione della forma d'onda di ciascuna Questa opzione fa sì che la posizione del cursore
traccia nella finestra Edit in base all'ID di di riproduzione sullo schermo venga aggiornata
gruppo. Se i gruppi vengono sospesi mediante il in base al punto in cui la riproduzione viene
comando Suspend Groups, tutte le forma interrotta.
d'onda vengono visualizzate in nero.
Edit Insertion Follows Scrub/Shuttle
Opzioni Peak Hold Questo insieme di opzioni Quando questa opzione è selezionata, il cursore
consente di determinare per quanto tempo gli di montaggio si posiziona automaticamente sul
indicatori di picco restano accesi sui meter della punto di interruzione dello scrub.
traccia dopo l'individuazione di un picco.
Support Background Record Applications
3-Second Peak Hold Quando questa opzione è Questa opzione consente l'esecuzione in
selezionata, i meter di traccia visualizzano background di altre applicazioni di registrazione
l'ultimo livello di picco per tre secondi. audio contemporaneamente a Pro Tools. È
possibile importare i file registrati in
Infinite Peak Hold Quando questa opzione è background in Pro Tools, eseguirne il trimming
selezionata, i meter di traccia visualizzano e visualizzarli mentre la registrazione continua.
l'ultimo livello di picco fino a quando non si fa
clic sugli stessi per azzerarli. Sends Default to –INF Questa opzione consente
di impostare su –∞ (nessun livello di segnale
No Peak Hold Quando questa opzione è udibile) il livello iniziale del fader delle nuove
selezionata, i meter di traccia non mantengono mandate create.
la visualizzazione del livello di picco registrato.
Audio During Fast Forward/Rewind
Quando questa opzione è selezionata, l'audio è
Scheda Operation
udibile durante l'avanzamento veloce o il
riavvolgimento.

Limit Pull Ups to NTSC/PAL Film Standards


Questa opzione, abilitata per impostazione
predefinita, consente di filtrare l'elenco delle
frequenze di aumento (Pull Up) disponibili nella
finestra Session Setup.

Latch Record Enable Buttons Quando è


deselezionata, questa opzione impedisce che più
tracce vengano attivate per la registrazione.
L'attivazione di una traccia audio per la
registrazione disabilita la modalità di
attivazione per la registrazione di tutte le altre
tracce audio.

60 Guida di riferimento di Pro Tools


Latch Solo Buttons Quando è deselezionata, Transport Consente di impostare numerose
questa opzione impedisce che più tracce funzioni di registrazione e riproduzione,
vengano impostate per l'assolo. L'impostazione nonché di eseguire il transport dal tastierino
dell'assolo per una traccia comporta il numerico. Quando la modalità Numeric Keypad
silenziamento di tutte le tracce per le quali è è impostata su Transport, è possibile riprodurre
stato impostato l'assolo. fino a due tracce di audio in modalità Shuttle
Lock. Premere il tasto Control (Macintosh) o
Link Mix and Edit Group Enables Quando è Start (Windows), seguito da un numero
selezionata, questa opzione consente di compreso tra 0 e 9, a seconda della velocità di
collegare l'abilitazione e la disabilitazione dei riproduzione desiderata. Premere il tasto più (+)
gruppi nelle finestre Mix ed Edit. Ad esempio, o meno (–) per invertire la direzione. Richiamare
l'abilitazione del gruppo A nella finestra Edit le posizioni memoria digitando un punto (.), il
abilita automaticamente il gruppo A nella numero della posizione memoria desiderata e
finestra Mix. un altro punto (.).
Use F11 Key for Wait for Note Quando questa Shuttle (Solo TDM) Consente di selezionare un
opzione è selezionata, premendo il tasto tipo di scorrimento diverso da quello della
funzione F11 è possibile impostare la modalità modalità Shuttle Lock. Quando la modalità
Wait for Note per la registrazione MIDI. Numeric Keypad è impostata su Shuttle, la
riproduzione viene attivata premendo e
Numeric Keypad Mode
tenendo premuti i tasti sul tastierino numerico.
L'insieme di opzioni Numeric Keypad Mode Quando i tasti vengono rilasciati, la
determina il funzionamento del tastierino riproduzione si interrompe. Sono disponibili
numerico. È sempre possibile utilizzare il diverse velocità sia per la riproduzione in avanti
tastierino numerico per selezionare e immettere sia per quella indietro. È inoltre possibile
i valori nell'area di modifica degli eventi, negli richiamare le posizioni memoria digitando un
indicatori di posizione e nei campi di trasporto. punto (.), il numero della posizione memoria
desiderata e un altro punto (.).
Classic Emula la modalità di funzionamento
delle versioni di Pro Tools anteriori alla 5.0. Autosave Questa preferenza consente di
Quando la modalità Numeric Keypad è determinare il funzionamento di Autosave.
impostata su Classic, è possibile riprodurre fino
a due tracce di audio in modalità Shuttle Lock. Enable Session File Auto Backup Quando questa
Premere il tasto Control (Macintosh) o Start opzione è selezionata, Pro Tools esegue
(Windows), seguito da un numero compreso tra automaticamente la creazione di copie di
0 e 9, a seconda della velocità di riproduzione backup del file della sessione Pro Tools su cui si
desiderata. Premere il tasto più (+) o meno (–) sta lavorando. I campi Keep e Backup Every
per invertire la direzione. Richiamare le consentono di specificare il numero totale di
posizioni memoria digitando il numero della backup successivi da conservare e la frequenza
posizione memoria desiderata seguito da un di salvataggio della sessione.
punto (.).

Capitolo 6: Sessioni 61
Online Options Machine Chases Memory Location
Quando questa opzione è selezionata, la
Record Online at Time Code (or ADAT)
navigazione a una posizione specifica di una
Lock Quando questa opzione è selezionata, la
sessione mediante una posizione memoria fa sì
registrazione in linea inizia non appena
che il transport collegato si porti su tale
Pro Tools si sincronizza con il timecode o ADAT
posizione.
sync.
Machine Follows Edit Insertion/Scrub Quando
Record Online at Insertion/Selection Quando
questa opzione è selezionata, la navigazione a
questa opzione è selezionata, la registrazione in
una posizione specifica di una sessione
linea inizia dalla posizione del cursore di
mediante lo spostamento del punto di selezione
montaggio e continua fino all'interruzione del
o lo scrub di una traccia fa sì che il transport
ricevimento del timecode da parte di Pro Tools.
collegato si porti su tale posizione.
Se si effettua una selezione, Pro Tools registra in
linea per la durata della selezione. Machine Cues Intelligently Quando questa
opzione è selezionata, se si naviga a un punto di
Open Ended Record Allocation Questa inizio (cue point) distante più di 10 secondi
preferenza consente di determinare la quantità dalla posizione corrente, Pro Tools fa sì che un
di spazio disponibile sul disco rigido da transport collegato scorra alla nuova posizione
assegnare alla registrazione. alla massima velocità entro 10 secondi dal
punto di inizio. Il cueing torna quindi alla
Use All Available Space Quando questa opzione
velocità normale fino a quando il punto non
è selezionata, viene assegnato tutto lo spazio su
viene raggiunto. Questo consente di accelerare
disco disponibile. A volte ciò può rallentare il
notevolmente il cueing del nastro.
processo di registrazione sui dischi rigidi che
utilizzano determinati tipi di file system, tra cui Stop at Shuttle Speed Zero Questa opzione fa sì
HFS+ e NTFS. che Pro Tools invii un comando di Stop ogni
volta che viene arrestata la funzione di shuttle e
Limit To Consente di impostare la durata
si rivela utile nel caso di dispositivi che
massima di registrazione consentita.
richiedono l'invio di un comando di stop
Assegnando solo una parte del disco rigido, è
esplicito per posizionarsi correttamente in
possibile ridurre il tempo necessario per iniziare
modalità di pausa.
la registrazione. Il numero di minuti specificato
viene assegnato a ciascuna traccia attivata per la
Modalità Remote ( 9-pin Deck Emulation)
registrazione. Per ottenere le prestazioni di
registrazione desiderate potrebbe essere (Solo nei sistemi TDM)
necessario fare delle prove con valori diversi.
Punch In Frame Offset Consente di impostare un
offset in frame per compensare avanzamenti o
Machine Control
ritardi di sincronizzazione di punch-in.
Queste preferenze consentono di determinare il
modo in cui un transport collegato risponde a Punch Out Frame Offset Consente di impostare
Pro Tools. un offset in frame per compensare avanzamenti
o ritardi di sincronizzazione di punch-out.

62 Guida di riferimento di Pro Tools


Comando Delay After Play Consente di Scheda Editing
impostare un offset in frame per compensare il
tempo di sincronizzazione dei dispositivi
esterni.

Ignore Track Arming Questa opzione fa sì che


Pro Tools ignori i comandi di preparazione delle
tracce in entrata (attivazione per la
registrazione). Questa funzione è utile se si sta
utilizzando un controller master per preparare le
tracce in altri dispositivi, ma non si desidera che
vengano preparate delle tracce in Pro Tools.

Auto Regions Fade In/Out Length Consente di


impostare una durata predefinita per le
dissolvenze in ingresso/in uscita da applicare
automaticamente ai limiti delle regioni.
L'utilizzo di dissolvenze in ingresso e in uscita Recall Original Track Selections Quando questa
automatiche elimina la necessità di dovere opzione è selezionata, le posizioni memoria che
eseguire montaggi nei punti che passano per lo richiamano una selezione richiamano anche la
zero o di creare numerose dissolvenze traccia nella quale è stata effettuata la selezione.
renderizzate per eliminare imperfezioni durante
la riproduzione. Le dissolvenze automatiche Auto-Name Memory Locations When Playing
non vengono scritte su disco. Per l'opzione Auto Quando questa opzione è selezionata, Pro Tools
Regions Fade In/Out Lenght, l'intervallo dei assegna alle nuove posizioni memoria dei nomi
valori consentiti è compreso tra 0 e -10 ms. Il predefiniti in base alle relative posizioni
valore zero, che costituisce l'impostazione temporali nella sessione. Le unità di tempo
predefinita, disattiva la funzione di dissolvenza correntemente selezionate nel menu Display
automatica. Il valore di dissolvenza automatica determinano le unità per i nomi.
viene salvato con la sessione e applicato Auto-Name Separated Regions Quando questa
automaticamente a tutti i limiti indipendenti opzione è selezionata, Pro Tools assegna
delle regioni fino a quando non viene automaticamente un nome alle regioni appena
modificato. separate mediante l'attribuzione di un numero
Calibration Reference Level Consente di alla fine del nome della regione.
impostare un livello di calibrazione di Region List Selection Follows Track
riferimento predefinito in dB quando Pro Tools Selection Quando questa opzione è selezionata,
è in modalità Calibration. una regione selezionata in una traccia viene
selezionata anche nell'elenco delle regioni.

Track Selection Follows Regions List


Selection Quando questa opzione è selezionata,
la selezione di una regione nell'elenco delle
regioni fa sì che la ricorrenza di tale regione
venga evidenziata in una traccia.

Capitolo 6: Sessioni 63
Crossfade Preview Pre-Roll Questa opzione Matching Start Time Takes List
consente di specificare la quantità di pre-roll da
Premendo il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl
aggiungere durante l'ascolto dei crossfade nella
(Windows) e facendo clic su una regione in una
finestra di dialogo Fades.
traccia, è possibile visualizzare un elenco di
Crossfade Preview Post-Roll Questa opzione regioni il cui indicatore/ora corrisponde alla
consente di specificare la quantità di post-roll da posizione corrente del cursore. Le preferenze
aggiungere durante l'ascolto dei crossfade nella descritte di seguito determinano le regioni, o
finestra di dialogo Fades. take, visualizzati nell'elenco:

Take Region Names That Match Track Names


Default Fade Settings
Quando questa opzione è selezionata, nel menu
Fade In Consente di selezionare la forma di a comparsa Takes List vengono visualizzate solo
inviluppo predefinita per le dissolvenze in le regioni il cui nome d'origine corrisponde a
ingresso. quello della traccia e dell'ordine di
riproduzione.
Crossfade Consente di selezionare la forma di
inviluppo predefinita per i crossfade. Take Region Lengths That Match Quando questa
opzione è selezionata, nel menu a comparsa
Fade Out Consente di selezionare la forma di
Takes List vengono visualizzate solo le regioni
inviluppo predefinita per le dissolvenze in
che corrispondono alla durata della selezione
uscita.
corrente.
Conversion Quality Consente di selezionare la
"Separate Region" Operates On All Related
qualità di conversione della frequenza di Takes Quando questa opzione è selezionata, la
campionamento. La conversione della modifica di una regione con il comando
frequenza di campionamento viene utilizzata in Separate Region influisce anche su tutti gli altri
numerosi processi di Pro Tools, tra cui la take correlati aventi lo stesso indicatore/ora
conversione e l'importazione in una sessione di definito dall'utente (User Time Stamp).
file audio di formati diversi, nonché il bouncing L'opzione consente di confrontare sezioni
e il salvataggio di tracce con una frequenza di diverse in un gruppo di take correlati.
campionamento o una profondità bit diverse.
Ad una maggiore qualità di conversione della QuickPunch Crossfade Length Consente di
frequenza di campionamento corrisponde un specificare una durata predefinita per i crossfade
tempo di elaborazione del file audio più lungo. creati mediante la registrazione QuickPunch. I
crossfade hanno luogo prima del punch-in e
dopo il punch-out.

Levels Of Undo Consente di impostare il numero


massimo di azioni (fino a 16) che è possibile
annullare mediante la funzione di
annullamento multiplo. L'impostazione di un
valore inferiore può aumentare la velocità dei
computer più lenti.

64 Guida di riferimento di Pro Tools


Scheda Automation
L'opzione Write Switches to Touch After
Pass non influisce sulla modalità Trim. In
modalità Trim, le tracce non passano
automaticamente dalla modalità
Trim/Auto Write alla modalità Trim/Auto
Touch dopo un passaggio di automazione.

Mutes Follow Groups Quando questa opzione è


selezionata, l'impostazione del silenziamento di
una traccia appartenente a un gruppo di
missaggio comporta l'impostazione del
silenziamento di tutti gli altri membri del
gruppo; se questa opzione non è selezionata,
l'impostazione del silenziamento delle tracce
avviene individualmente. È inoltre possibile
impostare il silenziamento per i singoli elementi
Faders Move During Playback Quando questa di un gruppo premendo il tasto Control
opzione è selezionata, i fader sullo schermo si (Macintosh) e facendo clic oppure facendo clic
spostano se in precedenza è stata scritta con il pulsante destro del mouse (Windows) sui
un'apposita automazione. Quando l'opzione è rispettivi pulsanti Mute.
deselezionata, i fader sullo schermo non si
spostano ma l'automazione rimane attiva; la Solos Follow Groups Quando questa opzione è
disattivazione dell'opzione consente di selezionata, l'impostazione dell'assolo di una
accelerare gli aggiornamenti dello schermo e traccia appartenente a un gruppo di missaggio
l'elaborazione. comporta l'impostazione dell'assolo di tutti gli
altri membri del gruppo; se questa opzione non
Smooth and Thin Data After Pass Quando questa è selezionata, l'impostazione dell'assolo delle
opzione è selezionata, i dati di automazione tracce avviene individualmente. È inoltre
creati in un passaggio di automazione vengono possibile impostare l'assolo per i singoli
uniformati automaticamente e quindi ridotti in elementi di un gruppo premendo il tasto
base al grado di riduzione specificata. (Vedere Control (Macintosh) e facendo clic oppure
"Riduzione (thinning) dell'automazione" a facendo clic con il pulsante destro del mouse
pagina 505.) (Windows) sui rispettivi pulsanti Solo.

Write Switches To Touch After Pass (Solo nei Send Mutes Follow Groups Quando questa
sistemi TDM) Quando questa opzione è opzione è selezionata, l'impostazione del
selezionata, dopo un passaggio di automazione silenziamento di una mandata in una traccia
in modalità Auto Write, Pro Tools attiva appartenente a un gruppo comporta il
automaticamente la modalità Auto Touch. Nei silenziamento della corrispondente mandata
sistemi TDM è possibile deselezionare l'opzione (A–E) in tutti gli elementi del gruppo; se questa
per restare in modalità Auto Write. opzione non è selezionata, l'impostazione del
silenziamento delle mandate avviene
individualmente. È inoltre possibile impostare il

Capitolo 6: Sessioni 65
silenziamento per i singoli elementi di un Touch Timeout Quando si scrive l'automazione
gruppo premendo il tasto Control (Macintosh) e in modalità Auto Touch e si interrompe lo
facendo clic oppure facendo clic con il pulsante spostamento di un controllo non sensibile al
destro del mouse (Windows) sui rispettivi tocco, l'automazione continua a essere scritta
pulsanti Mute. per il periodo di tempo impostato con l'opzione
Touch Timeout.
Send Levels Follow Groups Quando questa
opzione è selezionata, la regolazione del livello Allo scadere di tale periodo, la scrittura
di una mandata in una traccia appartenente a dell'automazione si interrompe e i dati di
un gruppo di missaggio comporta la regolazione automazione tornano al valore di automazione
della mandata (A–E) in tutti gli elementi del precedente alla velocità specificata con
gruppo; se questa opzione non è selezionata, la l'opzione AutoMatch Time.
regolazione del livello delle mandate avviene
individualmente. È inoltre possibile regolare i AutoMatch Time Quando si scrive l'automazione
singoli elementi di un gruppo premendo il tasto in modalità Auto Touch, al rilascio di un fader o
Control (Macintosh) o Start (Windows) e di un controllo la scrittura dell'automazione si
trascinando i rispettivi fader del livello di interrompe e i dati di automazione tornano al
mandata. valore di automazione precedente. La velocità di
ritorno al valore precedente è determinata
LFEs Follow Groups Quando questa opzione è dall'impostazione dell'opzione AutoMatch
selezionata, la regolazione di un controllo LFE di Time. Vedere "Auto Match" a pagina 496.
una traccia o mandata appartenente a un
gruppo comporta la regolazione dei controlli Amount of memory to reserve for automation
recording Questa opzione consente di assegnare
LFE di tutti gli altri membri del gruppo; se questa
la memoria per l'automazione. Per informazioni
opzione non è selezionata, la regolazione dei
dettagliate vedere la sezione "Impostazione della
controlli LFE avviene individualmente. È inoltre
dimensione del buffer di automazione" a
possibile regolare i singoli elementi di un
pagina 496.
gruppo premendo il tasto Control (Macintosh) o
Start (Windows) e trascinando i rispettivi
controlli LFE. Con LFE basati su mandata, il
raggruppamento influisce solo sulla mandata
(A–E) in altre tracce.

Degree of Thinning Questa opzione consente di


specificare il grado di riduzione applicato ai dati
di automazione quando si utilizza il comando
Thin Automation oppure quando si seleziona
l'opzione Smooth and Thin Data After Pass.
(Vedere "Riduzione (thinning)" a pagina 495.)

66 Guida di riferimento di Pro Tools


Scheda Processing Bit Depth
16, 18, 20 e 24 Bits Le opzioni di profondità bit
disponibili per l'audio a cui è stato applicato il
dither.

AudioSuite Buffer Size


L'insieme di opzioni AudioSuite Buffer Size
consente di impostare le dimensioni del buffer
di memoria utilizzato per l'elaborazione audio e
la visualizzazione in anteprima con i plug-in
AudioSuite. Generalmente, la scelta di un buffer
di dimensione minore accelera le funzioni di
anteprima audio AudioSuite, mentre la scelta di
un buffer di dimensione maggiore accelera le
funzioni di elaborazione AudioSuite. Impostare
AudioSuite Dither il buffer in base all'operazione corrente: prima di
ascoltare un plug-in AudioSuite, impostare il
Use AudioSuite Dither Quando è selezionata, buffer su Mini o Small. Durante l'elaborazione di
questa opzione consente di applicare il dither a un file, impostare il buffer su Large o Jumbo.
specifiche operazioni di elaborazione
AudioSuite come Gain e Normalize.
TC/E
Dither Plug-In Consente di specificare il plug-in TC/E Plug-In Consente di selezionare il plug-in
utilizzato per l'elaborazione dithering quando è utilizzato per la compressione e l'espansione
selezionata l'opzione Use AudioSuite Dither. temporale quando si esegue il montaggio
Edit Settings Il plug-in dither di Digidesign dell'audio mediante lo strumento Time
consente di applicare un dither normale o di Trimmer. Tale strumento utilizza il plug-in Time
riduzione del rumore. Compression/Expansion per far corrispondere
una regione audio alla durata di un'altra
regione, a una griglia tempo, a una scena video o
a un altro punto di riferimento.

Default Settings Consente di specificare le


impostazioni predefinite utilizzate dal plug-in
Time Compression/Expansion selezionato.

Capitolo 6: Sessioni 67
Scheda Compatibility Scheda MIDI

Convert All Imported "WAV" Files To Play MIDI Notes When Editing Quando questa
AES31/BroadcastWave Quando è selezionata, opzione è selezionata, le note MIDI inserite
questa opzione viene applicata a tutti i mediante lo strumento Pencil o trascinate
file .WAV appena importati, in modo da mediante lo strumento Grabber vengono
renderli conformi allo standard di trasmissione riprodotte.
AES31/EBU.
Default Note On Velocity Consente di impostare
Avid Compatibility Mode Quando questa opzione la velocity Note On predefinita per le note MIDI
è selezionata, tutti i file multimediali OMF inserite nella finestra Edit e nell'elenco degli
importati vengono considerati file di sola eventi MIDI.
lettura. In tal modo, si impediscono processi di
montaggio distruttivi come quelli utilizzati Pencil Tool Resolution Consente di impostare la
dagli strumenti Pencil e Time Trimmer e risoluzione predefinita per i dati del controller
dall'elaborazione AudioSuite. MIDI creati mediante lo strumento Pencil.
L'impostazione di una risoluzione minore
consente di evitare di creare inutilmente troppi
dati del controller. L'intervallo dei valori è
compreso tra 1 e 100 millisecondi.

Global MIDI Playback Offset Consente di


impostare un offset nei campioni per
compensare la latenza MIDI. L'immissione di un
valore in questo campo equivale
all'impostazione di un offset mediante il
comando MIDI Track Offset (Windows > MIDI
Track Offset). I valori di offset possono essere
positivi (posticipo) o negativi (anticipo).

68 Guida di riferimento di Pro Tools


MIDI Note Display Questo insieme di opzioni
consente di impostare il riferimento del Do
sotto il rigo (middle C) su C3 e C4 o come
numero di nota MIDI 60.

Default Thru Instrument Consente di impostare


lo strumento MIDI Thru predefinito
selezionandolo dal gruppo di strumenti MIDI
disponibili.

Capitolo 6: Sessioni 69
70 Guida di riferimento di Pro Tools
Capitolo 7: I/O Setup

La finestra di dialogo I/O Setup fornisce gli Ogni sistema Pro Tools può avere una
strumenti per etichettare, formattare e assegnare configurazione di impostazioni di I/O specifica,
i percorsi dei segnali di ingresso, uscita, insert, definita in base ai fattori seguenti:
collegamento tramite bus e SampleCell di • Se si tratta di un sistema Pro Tools LE o di un
Pro Tools per ogni singola sessione. I percorsi sistema Pro Tools TDM
SampleCell sono disponibili solo nei sistemi
della serie MIX dotati di schede SampleCell • Se si tratta di un sistema Serie HD, Serie MIX o
TDM. Pro Tools|24
• Il numero e i tipi delle interfacce audio (su
Per percorso dei segnali si intende un sistemi TDM)
raggruppamento logico di più ingressi, uscite o
bus caratterizzato da un nome e da un formato • Il plug-in Mixer correntemente installato (su
(di canale) unici. In Pro Tools i percorsi sono sistemi TDM)
simili ai gruppi, noti agli specialisti dei settori Ogni sessione di Pro Tools conserva le proprie
video e cinematografico (vedere "Gruppi e configurazioni di percorso come impostazioni
missaggi di gruppo" a pagina 74). La finestra di di I/O. Le impostazioni di I/O salvate con la
dialogo I/O Setup consente di definire e sessione vengono caricate automaticamente al
assegnare un nome ai percorsi a seconda delle momento dell'apertura della sessione. Gli
esigenze dei vari progetti. elementi indisponibili, inclusi gli elementi
Sui sistemi serie HD, la finestra di dialogo I/O hardware, i percorsi o le risorse necessarie,
Setup fornisce una rappresentazione grafica del rimangono nella sessione come elementi
routing dei segnali di tutte le interfacce audio inattivi (vedere "Percorsi attivi e inattivi" a
collegate e contiene i controlli che consentono pagina 83).
l'indirizzamento delle porte fisiche ai punti di Quando si creano nuove sessioni, è possibile
ingresso e di uscita Pro Tools. Questi controlli specificare una configurazione di I/O Setup
rispecchiano i controlli di routing presenti nella predefinita, che comprenda preimpostazioni
finestra di dialogo Hardware Setup; tutte le per i formati di missaggio stereo o multicanale
modifiche apportate all'impostazione del (per il missaggio multicanale è necessario un
routing in una di queste due finestre vengono sistema serie HD o serie MIX).
sempre applicate anche nell'altra.
La finestra di dialogo I/O Setup consente inoltre
di salvare e importare i file delle impostazioni
di I/O.

Capitolo 7: I/O Setup 71


Percorsi nelle sessioni Percorsi e I/O Setup
Nel corso delle sessioni l'audio viene indirizzato Nella finestra di dialogo I/O Setup vengono
mediante i selettori di ingresso, uscita, insert, definiti i tipi di routing dei segnali disponibili in
plug-in e mandata delle tracce. I selettori una sessione.
consentono di assegnare le tracce alle uscite e
agli ingressi hardware, ai bus interni e ad altri
percorsi dei segnali di Pro Tools.

I percorsi comprendono gli elenchi delle


opzioni disponibili nei selettori di ingresso,
uscita, insert e mandate.

Finestra di dialogo I/O Setup e percorsi di uscita


sistema Digi 001
Selettori di ingresso della traccia

Selettori di ingresso e di uscita delle tracce

Finestra di dialogo I/O Setup e percorsi di uscita


di un sistema HD

72 Guida di riferimento di Pro Tools


Percorsi principali e sottopercorsi Impostazioni di I/O predefinite
I percorsi visualizzati nella finestra di dialogo Pro Tools procede automaticamente
I/O Setup sono suddivisi in percorsi principali e in all'installazione di un file di impostazioni I/O
sottopercorsi. predefinite, in modo che l'utente possa
cominciare il proprio lavoro con un set di
percorsi predefiniti, senza dover prima
Percorso stereo principale
configurare la finestra di dialogo I/O Setup.
Sottopercorso mono La configurazione di I/O Setup può essere
Sottopercorso mono personalizzata in qualsiasi momento in base alle
esigenze dei diversi progetti (vedere "Finestra di
Percorsi principali e sottopercorsi nella griglia dei
canali della finestra I/O Setup dialogo I/O Setup" a pagina 75).

Percorsi principali File di impostazioni predefinite


I percorsi principali sono raggruppamenti logici Il file di impostazioni predefinite Stereo,
di ingressi, insert, bus o uscite. Ad esempio, il disponibile su tutti i sistemi Pro Tools, contiene
percorso di un'uscita stereo principale potrebbe percorsi principali stereo, tutti con il proprio
essere denominato Main Out. I nomi dei sottopercorso mono.
percorsi stereo spesso contengono ".L" (sinistra)
o ".R" (destra). I file di impostazioni multicanale sono
disponibili solo nei sistemi Pro Tools Serie HD e
Sottopercorsi MIX. Queste impostazioni forniscono
definizioni di percorso specifiche per il
Un sottopercorso rappresenta il percorso dei missaggio surround. Vedere "Configurazione di
segnali definito all'interno di un percorso Pro Tools per sessioni multicanale" a
principale. Ad esempio, un percorso di uscita pagina 554.
stereo predefinito consiste di due sottopercorsi
mono, sinistro e destro. Le tracce e le mandate Nomi predefiniti dei percorsi
mono possono essere indirizzate a uno qualsiasi
dei sottopercorsi mono del percorso di uscita I nomi predefiniti dei percorsi di ingresso, uscita
stereo. e insert sono determinati dal tipo di sistema
(sistemi LE) o dal tipo e dal numero di interfacce
La definizione e la denominazione dei utilizzate (sistemi TDM).
sottopercorsi è particolarmente utile nel caso
di configurazioni di missaggio complesse
come, ad esempio, un missaggio surround di
tipo 5.1.

Capitolo 7: I/O Setup 73


Gruppi e missaggi di gruppo
L'utilizzo di gruppi e missaggi di gruppo ha
avuto origine nel settore della postproduzione
come metodo di organizzazione e gestione degli
elementi di missaggio in base al tipo o al
contenuto.

Ad esempio, un missaggio di filmati richiede


spesso un missaggio di gruppo per il Foley, uno
per gli effetti sonori, uno per i dialoghi e un altro
per la musica. Il missaggio di gruppo per i
dialoghi, ad esempio, contiene tutti gli elementi
del dialogo missati gli uni rispetto agli altri. È
quindi possibile combinare il missaggio di
gruppo per i dialoghi con gli altri gruppi durante
il missaggio finale della scena o della bobina. Il
missaggio finale risulta semplificato grazie alla
possibilità di controllare il livello di ciascun
gruppo piuttosto che la grande quantità di
tracce individuali di cui è costituito il tipico
missaggio di un filmato.

In Pro Tools è possibile utilizzare i percorsi


principali e i sottopercorsi secondo le stesse
modalità d'uso dei missaggi di gruppo. I percorsi
possono essere assegnati in base alle necessità,
con la possibilità di assegnare più uscite alle
singole tracce e mandate. Per ulteriori
informazioni vedere "Assegnazioni di uscite
multiple" a pagina 449.

74 Guida di riferimento di Pro Tools


Finestra di dialogo I/O Setup
La finestra di dialogo I/O Setup consente di definire i percorsi di ingresso, uscita, insert e bus di
Pro Tools. La finestra può essere utilizzata anche per il routing delle porte dell'interfaccia I/O agli
ingressi e alle uscite di Pro Tools.

Schede dei tipi di percorso


Selettore dei formati di percorso
Colonna dei nomi di percorso Griglia dei canali

Selettori
Espansione/ di ingresso e uscita
Compressione

Percorsi principali
e sottopercorsi

Stato
Attivo/Inattivo

Opzioni Strumenti dei


percorsi

Figura 7. Finestra di dialogo I/O Setup di un sistema Pro Tools|HD con interfaccia 96 I/O

Per aprire la finestra di dialogo I/O Setup: Chiusura della finestra di dialogo I/O Setup
1 Assicurarsi che le interfacce audio siano state Per chiudere la finestra di dialogo I/O Setup è
attivate e configurate correttamente nella possibile fare clic su Cancel in qualsiasi
finestra di dialogo Hardware Setup. momento. Quando invece si fa clic su OK, viene
2 Scegliere Setups > I/O Setup. dapprima eseguita la verifica di numerose
impostazioni per accertare la validità del routing
Per aprire le schede Input, Output, Insert, Bus o affinché non si verifichino loop di feedback.
SampleCell nella finestra di dialogo I/O Setup: Se vengono rilevate impostazioni conflittuali o
non valide, verrà chiesto di correggerle prima
■ Fare clic sull'apposita scheda nella parte
della chiusura della finestra di dialogo
superiore della finestra di dialogo I/O Setup.
I/O Setup. Per ulteriori informazioni vedere
"Inizializzazione di I/O Setup" a pagina 83.

Capitolo 7: I/O Setup 75


Controlli della finestra di Griglia dei canali Consente di assegnare i
dialogo I/O Setup percorsi a interfacce e canali specifici.

Questa sezione fornisce una panoramica dei Strumenti dei percorsi Consentono di
controlli disponibili nella finestra di dialogo I/O personalizzare la configurazione di I/O Setup.
Setup. Sono disponibili i pulsanti seguenti: New Path,
New Sub-Path, Delete Path e Default.
Schede dei tipi di percorso Consentono di
selezionare il tipo di I/O da configurare. Le Show Original Setup Viene visualizzato nella
schede disponibili sono Input, Output, Insert, finestra di dialogo I/O Setup in determinate
Bus o SampleCell. I percorsi SampleCell sono situazioni di trasferimento della sessione. Per
disponibili solo nei sistemi della serie MIX informazioni su questa funzione, vedere
dotati di schede SampleCell TDM. "Pulsanti Show Original Setup e Show Current
Setup" a pagina 86.
Selettori di ingresso e di uscita Consente di
selezionare le porte fisiche dell'interfaccia audio Opzioni Questi pulsanti visualizzano dei menu a
da indirizzare agli ingressi e alle uscite di comparsa per l'impostazione dei percorsi o degli
Pro Tools. Le porte sono selezionate a coppie di ordini per le funzioni di metering, ascolto
canali. I tipi delle porte disponibili per ogni (anteprima dell'elenco delle regioni), uscita
singola interfaccia visualizzata dipendono dalle predefinita (per le nuove tracce) e ordine
impostazioni della finestra di dialogo Hardware predefinito dei percorsi. Vedere "Opzioni di I/O
Setup; se ad esempio sono stati abilitati in Setup per il percorso di uscita predefinito, il
Hardware Setup, gli ingressi e le uscite AES/EBU metering, l'ascolto e l'ordine predefinito dei
di un'interfaccia sono disponibili per il routing percorsi" a pagina 89.
nella finestra di dialogo I/O Setup. Le
funzionalità fornite dai selettori di ingresso e di
uscita sono identiche a quelle fornite nella
scheda Main della finestra di dialogo Hardware
Setup.

Colonna dei nomi di percorso Mostra i percorsi


disponibili per la selezione, con il nome di tutti
i percorsi definiti.

Espansione/Compressione Consente di
visualizzare/nascondere i sottopercorsi associati
a un percorso principale.

Stato Attivo/Inattivo Consente di visualizzare, e


se necessario cambiare, lo stato attivo/inattivo
di ciascun percorso.

Selettore dei formati di percorso Consente di


visualizzare e selezionare il tipo/formato (mono,
stereo, Quad, 5.1) di ciascun percorso definito.

76 Guida di riferimento di Pro Tools


4 Dal menu a comparsa, selezionare la coppia di
Routing delle porte I/O porte fisiche, ad esempio Analog 1–2, che verrà
hardware agli ingressi e alle indirizzata alla coppia di canali di Pro Tools, ad
uscite di Pro Tools esempio A 1–2, nella colonna Path Name, a
sinistra.
Nella finestra di dialogo I/O Setup è possibile
definire le porte fisiche della periferica di I/O da 5 Ripetere la procedura per tutte le coppie di

indirizzare agli ingressi e alle uscite di Pro Tools. canali.


I selettori di ingresso e di uscita della finestra di 6 Fare clic su OK.
dialogo I/O Setup fungono da dispositivo di
collegamento per l'indirizzamento degli ingressi
Routing di una coppia di uscite
e delle uscite fisici al mixer di Pro Tools.
Pro Tools a più destinazioni
La finestra di dialogo I/O Setup consente di
indirizzare le coppie di canali Pro Tools a
numerose uscite di un'interfaccia audio. Ad
esempio, se le uscite dell'interfaccia Analog 1–2
e Analog 3–4 vengono assegnate alla coppia di
uscite Pro Tools 1–2, un segnale inviato alle
uscite Pro Tools 1–2 verrà contemporaneamente
indirizzato a entrambe le coppie di uscite
dell'interfaccia audio.

Questa operazione consente di inviare lo stesso


segnale (coppia stereo, missaggio di gruppo o
missaggio multicanale) a più destinazioni, ad
esempio a dispositivi di mastering multipli.

Per indirizzare una coppia di canali di uscita


Menu a comparsa del selettore dei canali di I/O
Pro Tools a più porte di uscita
Per configurare il routing I/O nella finestra di dell'interfaccia audio:
dialogo I/O Setup: 1 Scegliere Setups > I/O Setup.
1 Scegliere Setups > I/O Setup.
2 Fare clic sulla scheda Output.
2 Fare clic sulla scheda Input o Output per
3 Fare clic sul selettore di uscita di una coppia di
visualizzare il tipo di percorso corrispondente. canali dell'interfaccia, situato appena sotto
3 Fare clic sul selettore d'ingresso o di uscita per l'icona dell'interfaccia audio.
la prima coppia di canali dell'interfaccia, situato 4 Dal menu a comparsa, selezionare la coppia di
sotto l'icona della prima interfaccia audio. porte fisiche, ad esempio Analog 1–2, che verrà
indirizzata alla coppia di canali di Pro Tools
corrispondente, ad esempio A 1–2, nella
colonna Path Name, a sinistra.

Capitolo 7: I/O Setup 77


5 Premere il tasto Control (Macintosh) o Start
(Windows) e fare clic sul selettore di uscita per Creazione e modifica
selezionare un'ulteriore coppia di uscite dallo dei percorsi
stesso menu.
La finestra dialogo I/O Setup consente di creare
Il nome dell'uscita verrà aggiornato e davanti a e personalizzare le definizioni dei percorsi dei
esso verrà visualizzato il segno più (+) per segnali.
indicare che sono state selezionate diverse porte
I percorsi possono essere:
di uscita. Nel menu a comparsa, tutte le coppie
di porte fisiche assegnate a quella coppia di • Rinominati, per facilitarne l'identificazione
uscite Pro Tools sono contrassegnate da un dopo la modifica o il cambio del nome delle
segno di spunta. interfacce audio

6 Ripetere la stessa procedura per selezionare • Riassegnati, a o da sorgenti o destinazioni


nuove destinazioni di uscita. La scelta delle diverse
uscite è limitata dal numero di uscite disponibili • Disattivati (o riattivati) per la gestione delle
nel sistema. risorse di I/O non disponibili o non necessarie

Le assegnazioni dei percorsi di uscita non • Eliminati


possono essere in conflitto le une con le È inoltre possibile importare ed esportare le
altre. Per informazioni dettagliate vedere la configurazioni di I/O Setup come file di
sezione "Percorsi validi e requisiti" a impostazioni di I/O, nonché impostare
pagina 83. parametri di percorso predefiniti.
È possibile indirizzare le coppie di uscite di La seguente tabella elenca gli attributi
Pro Tools a più uscite dell'interfaccia audio disponibili per ogni tipo di percorso.
anche nella finestra di dialogo Hardware Setup.
Per ulteriori informazioni vedere "Routing di Opzioni di percorso in base al tipo
una coppia di uscite Pro Tools a più Tipo di Opzioni di percorso (attributi)
destinazioni" a pagina 47. percorso

Ingresso Nomi, formati e canale sorgente


(interfaccia audio analogica o
digitale o ingresso CPU)

Uscita Nomi, formati e destinazione


(canale di uscita o bus di mandata
interno dell'interfaccia audio)

Insert Nomi, formati e destinazione


(canali di interfaccia audio)

Bus Nomi e formati

SampleCell Nomi di ingresso


(solo nei
sistemi Serie
MIX)

78 Guida di riferimento di Pro Tools


Creazione di un percorso principale o di Creazione di nuovi percorsi
un sottopercorso predefinito
È possibile creare percorsi principali e
Un tipo di percorso in I/O Setup può essere sottopercorsi con nomi, formati e assegnazioni
configurato in qualsiasi momento secondo i personalizzati. I nomi personalizzati dei percorsi
valori predefiniti. appaiono nei selettori di ingresso e di uscita
della traccia di una sessione.
Per ripristinare i percorsi e i nomi dei percorsi
predefiniti: Per creare un nuovo percorso:
1 Scegliere Setups > I/O Setup. 1 Scegliere Setups > I/O Setup.

2 Fare clic sulla scheda Input, Output, Insert, 2 Fare clic sulla scheda Input, Output, Insert,
Bus o SampleCell per visualizzare la Bus o SampleCell per visualizzare il tipo di
corrispondente finestra di percorso. percorso corrispondente.
3 Fare clic su Default. 3 Fare clic su New Path oppure premere i tasti
Comando+N (Macintosh) o Ctrl+N (Windows).
Vengono creati tutti i percorsi stereo principali
possibili. Vengono inoltre creati –o–
automaticamente i sottopercorsi mono per ogni
Selezionare un percorso principale e fare clic su
percorso stereo principale. Questi nomi
New Sub-Path.
predefiniti appaiono nei selettori di ingresso e di
uscita della traccia di una sessione. 4 Fare doppio clic nel campo Name e immettere
un nome per il percorso. Premere Tab per
spostarsi sul campo modificabile successivo,
oppure premere A capo (Macintosh) o Invio
(Windows) per impostare il nuovo nome
percorso.

5 Scegliere un formato dal selettore dei formati


di percorso (mono, stereo o multichannel).

Percorsi di uscita stereo predefiniti

Per ottimizzare l'utilizzo delle risorse DSP di


Pro Tools, è preferibile creare sottopercorsi
mono per le uscite e i bus, anziché percorsi
principali mono.
Selettore dei formati di percorso

Capitolo 7: I/O Setup 79


6 Ripetere la procedura per configurare nuovi Per selezionare più percorsi principali o
tipi di percorso (Input, Output, Insert, Bus o sottopercorsi:
SampleCell). ■ Tenere premuto il tasto delle maiuscole e fare
7 Fare clic su OK per chiudere la finestra di clic sui nomi dei percorsi.
dialogo I/O Setup. Se vengono rilevati percorsi
sovrapposti o con lo stesso nome, verrà chiesto Per selezionare tutti i percorsi principali o
di correggerli prima della chiusura della finestra sottopercorsi:
di dialogo I/O Setup. Per ulteriori informazioni ■ Tenere premuto il tasto Opzione (Macintosh)
vedere "Inizializzazione di I/O Setup" a o Alt (Windows) e fare clic sui nomi dei percorsi.
pagina 83.
Per riordinare i percorsi:
I percorsi e il missaggio multicanale sono
illustrati nel Capitolo 31, "Impostazione di ■ Trascinare verso l'alto o verso il basso uno o
Pro Tools per il surround". più nomi.

Selezione e disposizione dei percorsi Reimpostazione dei percorsi


La colonna dei nomi di percorso della finestra di Il pulsante Default della finestra di dialogo
dialogo I/O Setup consente di selezionare uno o I/O Setup offre due funzioni principali:
più percorsi. È possibile spostare i percorsi e i
• Consente di creare nuovi percorsi predefiniti
sottopercorsi selezionati all'interno della
in base alla capacità delle interfacce audio e
colonna in modo da modificare l'ordine dei
delle risorse disponibili del sistema. Vedere
selettori di ingresso e di uscita della traccia.
"Creazione di un percorso principale o di un
Questi, inoltre, possono essere eliminati. I
sottopercorso predefinito" a pagina 79.
sottopercorsi seguono i percorsi principali cui
appartengono quando questi vengono spostati • Consente di reimpostare i nomi dei percorsi
all'interno della finestra di dialogo I/O Setup. selezionati su percorsi corrispondenti della
configurazione corrente di I/O Setup. Se ad
Per selezionare un percorso principale o un esempio si seleziona un'altra modalità in un
sottopercorso: sistema Digi 001 oppure si sostituisce
■ Fare clic sul nome del percorso. un'interfaccia audio in un sistema Pro Tools
Serie HD o MIX, è possibile utilizzare il
pulsante Default per aggiornare le definizioni
di I/O Setup con la nuova configurazione
hardware.

Nei sistemi TDM è possibile personalizzare


i nomi delle interfacce audio. Vedere "Nomi
delle interfacce audio TDM" a pagina 81.
Selezione dei percorsi nella finestra di
dialogo I/O Setup

80 Guida di riferimento di Pro Tools


Per reimpostare i nomi dei percorsi: Per rinominare un'interfaccia audio nella finestra
di dialogo I/O Setup:
■ Fare clic su Default.
■ Fare doppio clic sul testo visualizzato sopra
Supponendo che siano disponibili percorsi l'interfaccia, immettere il nuovo nome, quindi
corrispondenti alla nuova configurazione del premere A capo (Macintosh) o Invio (Windows).
sistema, i percorsi esistenti verranno aggiornati
in modo da includere nuove interfacce audio Nome dell'interfaccia

(sistemi TDM) o la selezione della modalità di


I/O (solo sistemi Digi 001).

Ripristino dei bus di missaggio (solo nei


sistemi TDM)
Pro Tools 5.3 (e versioni successive) supporta
fino a 64 bus di missaggio per i sistemi TDM. Nome dell'interfaccia
Tuttavia, quando viene aperta una sessione
creata con Pro Tools 5.0.1 (o versioni anteriori) Eliminazione dei percorsi
sono inizialmente disponibili solo 32 bus. È possibile eliminare le definizioni dei percorsi
dalla sessione corrente per riflettere le modifiche
Per rendere disponibili 64 bus nelle sessioni apportate alle impostazioni hardware oppure
create con Pro Tools versione 5.0.1 o anteriori:
per rimuovere dai menu dei selettori delle tracce
1 Aprire la finestra di dialogo I/O Setup. le voci non desiderate o non necessarie. Dopo
l'eliminazione di un percorso, le eventuali tracce
2 Fare clic sulla scheda Bus, l'ultima a destra.
o assegnazioni di mandata associate al percorso
3 Fare clic su Default. vengono reimpostate su No Output.

Nomi delle interfacce audio TDM Per eliminare un percorso principale o un


sottopercorso:
Nei sistemi Pro Tools dotati di modulo TDM, la
1 Nella finestra di dialogo I/O Setup, selezionare
finestra di dialogo I/O Setup consente di
il percorso che si desidera eliminare.
assegnare nomi personalizzati alle interfacce
audio. La finestra di dialogo I/O Setup utilizzerà 2 Fare clic su Delete Path.
i nomi personalizzati per la creazione dei nomi
dei percorsi predefiniti. Per eliminare tutti i percorsi:
1 Tenere premuto il tasto Opzione (Macintosh)
o Alt (Windows) e fare clic sui nomi dei percorsi.

2 Fare clic su Delete Path.

Capitolo 7: I/O Setup 81


Assegnazione dei canali traccia univoche, Pro Tools consente di
impostare il formato predefinito nella finestra di
Un percorso creato e formattato può essere dialogo I/O Setup (vedere "Opzioni di I/O Setup
assegnato a canali di interfaccia audio, bus o per il percorso di uscita predefinito, il metering,
SampleCell specifici nella griglia. l'ascolto e l'ordine predefinito dei percorsi" a
pagina 89).
Per assegnare i canali:
1 Selezionare un percorso principale o un
sottopercorso.

2 Nella riga del percorso selezionato, fare clic


sulla colonna della griglia sotto l'interfaccia
audio e il canale desiderati. Gli eventuali altri
canali esistenti per quel tipo di percorso
verranno visualizzati a destra.

Assegnazione dei canali Percorsi di uscita personalizzati per un missaggio 5.1

Ad esempio, durante l'assegnazione di nuovo Riassegnazione dei canali


percorso stereo, quando si fa clic nella riga del
percorso sotto il canale di uscita 1 vengono È possibile spostare le singole assegnazioni su
visualizzati i canali 1 e 2 (a sinistra il canale 1, a canali diversi per cambiare l'ordine della
destra il 2). definizione del percorso (ad esempio, per
cambiare un'assegnazione multicanale in L-R-C-
Per riassegnare i canali di un percorso, vedere Sub-LS-RS).
"Riassegnazione dei canali" a pagina 82.
Per riassegnare i canali di un percorso:
Assegnazione dei canali e mixer surround
■ Trascinare il canale nella nuova posizione
(Solo nei sistemi Pro Tools Serie HD e della griglia. Le altre assegnazioni di canale
Serie MIX) verranno spostate per fare posto ai canali
Quando si assegnano percorsi multicanale, il trascinati.
canale di sinistra (L) viene assegnato per primo
alla casella selezionata nella griglia e i canali Spostamento dei canali
rimanenti vengono visualizzati
Lo spostamento di un segnale da destra a sinistra
immediatamente a destra secondo l'ordine
comporta lo spostamento degli altri segnali
predefinito dei percorsi. Poiché alcuni formati di
dopo il nuovo canale di destinazione. Lo
missaggio multicanale utilizzano disposizioni di
spostamento di un segnale da sinistra a destra
comporta lo spostamento di tutti gli altri segnali
dopo il nuovo canale di destinazione e lascia
vuoto il canale precedente.

82 Guida di riferimento di Pro Tools


Elementi minimi di definizione dei percorsi
La modifica del formato di un percorso
cancella l'assegnazione dei canali corrente. È necessario che tutti i percorsi abbiano un
nome, un formato specifico e un'assegnazione
I sottopercorsi seguono i percorsi principali di I/O valida.

Quando si riassegna un percorso principale, i


Canali sovrapposti e percorsi validi
relativi sottopercorsi, se ve ne sono, vengono
riassegnati automaticamente per garantire Per quanto riguarda la sovrapposizione dei
l'uniformità del routing. Ad esempio, la percorsi, l'assegnazione dei canali segue
riassegnazione di un percorso stereo a uscite determinate regole.
hardware diverse provoca lo spostamento di
◆ Non può esservi una sovrapposizione parziale
tutti i sottopercorsi relativi.
o completa tra due percorsi di uscita principali,
due percorsi di insert o due percorsi di bus
Inizializzazione di I/O Setup principali.
◆ È necessario che un percorso di uscita o di bus
Per impostare la configurazione corrente di appena creato sia completamente indipendente
I/O Setup:
rispetto ad altre assegnazioni, vale a dire non
■ Fare clic su OK nella finestra di dialogo assegnato ad altre interfacce o canali di I/O
I/O Setup. disponibili, oppure sia un sottopercorso
contenuto interamente in un percorso più
La configurazione di I/O Setup verrà applicata
ampio, ad esempio un sottopercorso LCR
solo dopo la verifica della validità dei percorsi.
all'interno di un percorso 5.1 più ampio.
◆ I percorsi di uscita e di insert possono
Percorsi validi e requisiti
sovrapporsi in I/O Setup, ma solo uno dei due
Quando si configura la finestra I/O Setup, la potrà essere utilizzato in qualsiasi momento di
definizione dei percorsi e l'assegnazione dei una sessione. È tuttavia possibile indirizzare i
canali richiedono il rispetto di determinate percorsi di ingresso e SampleCell a più tracce.
regole.

Sebbene sia possibile impostare assegnazioni Percorsi attivi e inattivi


non valide nella griglia dei canali senza I percorsi di Pro Tools possono essere attivi (on)
conseguenze immediate, la configurazione di o inattivi (off o indisponibili). È possibile
I/O Setup non viene accettata se tutti i percorsi impostare manualmente lo stato attivo o
non soddisfano i requisiti di definizione e di inattivo dei percorsi intervenendo traccia per
assegnazione dei canali descritti di seguito. traccia o a livello di sessione. Inoltre, i percorsi
vengono resi automaticamente inattivi quando
le risorse di I/O non sono disponibili.

Capitolo 7: I/O Setup 83


Assegnazioni di percorso di tracce singole Applicazione globale o selettiva dello
È possibile rendere inattive le assegnazioni dei stato attivo/inattivo
percorsi di ingresso, di uscita e di bus di una
I modificatori Opzione (Macintosh) e Alt
traccia utilizzando il selettore della traccia in
(Windows) consentono di applicare lo stato
questione. Nonostante la traccia selezionata
attivo/inattivo a tutte le tracce, mentre i
venga in questo modo disconnessa dal percorso
modificatori Opzione+maiuscole (Macintosh) e
di uscita o di bus, la disattivazione non ne
Alt+Maiusc (Windows) consentono di applicare
modifica l'ordine di riproduzione. Utilizzare
lo stato attivo/inattivo a tutte le tracce
questa procedura per rimuovere una traccia da
selezionate. La modifica viene tuttavia applicata
un percorso dei segnali.
solo alle assegnazioni di percorso identiche, se
Assegnazioni di percorso a livello di sessione ve ne sono, della traccia o delle tracce correnti.
Nella finestra I/O Setup è possibile rendere i L'applicazione dello stato attivo e inattivo a più
percorsi attivi o inattivi nel loro insieme. tracce ha effetto solo sulle tracce che hanno la
Utilizzare questa procedura per rendere inattivo stessa assegnazione di percorso della traccia resa
un percorso dei segnali su tutte le tracce ad esso attiva o inattiva esplicitamente.
correntemente assegnate. Vengono resi inattivi
anche i percorsi non disponibili. I percorsi Applicazione dello stato attivo/inattivo
possono essere indisponibili quando le risorse a più percorsi
hardware o di altro tipo del sistema sono a loro Se una traccia dispone di una sola assegnazione
volta indisponibili, ad esempio quando viene di uscita principale, è possibile tenere premuti i
aperta una sessione salvata precedentemente in tasti Comando+Control (Macintosh) o
un sistema diverso. Ctrl+Start (Windows) e fare clic sul selettore di
uscita della traccia per rendere inattiva l'uscita
Assegnazioni di percorso principale. In presenza di più assegnazioni, il
di tracce singole selettore della traccia verrà visualizzato per
(Finestre Mix e Edit) consentire di specificare il percorso di ingresso,
uscita, insert o bus.
Per rendere attiva o inattiva l'assegnazione del
Se una mandata (A–E) dispone di numerose
percorso di una traccia:
assegnazioni di uscita e una di esse viene resa
■ Nella finestra Mix o Edit, tenere premuti i tasti attiva o inattiva, tuttele assegnazioni di uscita di
Comando+Control (Macintosh) o Ctrl+Start quella particolare mandata (A–E) verranno a
(Windows) e fare clic sul selettore di ingresso, loro volta rese attive o inattive.
uscita, insert o mandata della traccia.

Le assegnazioni di percorso inattive vengono


indicate con un asterisco (*) nel menu del
selettore di traccia corrispondente. I percorsi
impostati globalmente come inattivi nella
finestra I/O Setup vengono elencati in corsivo.

84 Guida di riferimento di Pro Tools


Assegnazioni di percorso a I percorsi inattivi sono visualizzati in corsivo nei
livello di sessione selettori di percorso delle tracce.

(Finestra di dialogo I/O Setup)

È possibile configurare in modo globale lo stato


attivo o inattivo dei percorsi nella finestra di
dialogo I/O Setup.

Visualizzazione dello stato attivo e inattivo

Non evidenziato (in corsivo) Indica che il


percorso è inattivo.

Evidenziato (non in corsivo) Indica che il


percorso è attivo. Percorsi attivi e inattivi del selettore di uscita di una
traccia
Evidenziato (in corsivo) Indica che il percorso è
attivo, ma che le risorse di sistema disponibili Impostazione hardware e
non sono sufficienti. trasferimento delle sessioni
Nelle sessioni create in Pro Tools 5.1 e versioni
Attivo successive vengono memorizzati il tipo e l'ordine
delle interfacce audio collegate e attive al
Inattivo momento dell'ultimo salvataggio.

Percorsi attivi e inattivi nella finestra di dialogo I/O Risorse di I/O non disponibili
Setup
All'apertura di una sessione, Pro Tools verifica se
Per disattivare o attivare un percorso in modo la configurazione hardware è stata modificata
globale:
dopo l'ultimo salvataggio eseguito. Se la
1 Scegliere Setup > I/O Setup. configurazione hardware corrente è diversa da
quella salvata nella sessione in precedenza, i
2 Selezionare un tipo di percorso utilizzando le
percorsi associati alle risorse I/O non disponibili
schede presenti nella parte superiore della
vengono resi inattivi.
finestra.

3 Impostare il controllo Active/Inactive del Riassegnazione


percorso.
La riassegnazione si verifica quando le
È inoltre possibile disattivare traccia per impostazioni di I/O originali di una sessione
traccia qualsiasi assegnazione di percorso. non corrispondono a quelle del sistema corrente
Vedere "Percorsi attivi e inattivi" a e i percorsi della sessione vengono nuovamente
pagina 83 assegnati all'hardware corrente.

Capitolo 7: I/O Setup 85


Nei sistemi con funzionalità di I/O equivalenti, Quando si apre una sessione conservando le
la riassegnazione viene eseguita direttamente. risorse di I/O non disponibili, è possibile
Ad esempio, una sessione gestita in un sistema riassegnare le tracce interessate ai percorsi di I/O
Pro Tools Serie HD mediante due interfacce disponibili.
audio 192 I/O comprenderebbe 32 percorsi di
ingresso distribuiti nelle due interfacce a 16 Per informazioni sulla nuova definizione
canali. Si supponga che in seguito la sessione dei percorsi, vedere "Creazione e modifica
venga trasferita, per ulteriori operazioni di dei percorsi" a pagina 78.
montaggio, in un sistema Pro Tools diverso, che
dispone di un'interfaccia audio 96 I/O (un'unità
di I/O a 16 canali) alla cui porta Legacy è File di impostazioni di I/O
collegata un'interfaccia audio 1622 (un'unità di
È possibile gestire le impostazioni di I/O durante
I/O a 16 canali); in questo caso, Pro Tools
il trasferimento delle sessioni e quando si
assegnerà i 32 percorsi di ingresso agli ingressi
sviluppano le configurazioni di I/O Setup nel
delle due interfacce.
corso di più sessioni e progetti.
Quando l'hardware non è disponibile per una
sessione in fase di apertura, è possibile sostituire
Impostazioni predefinite, file di
le assegnazioni utilizzando l'opzione di
impostazioni e ultime
riassegnazione oppure aprirle come inattive.
impostazioni utilizzate per le
Non sarà possibile ascoltare le tracce assegnate a
un percorso non disponibile. Ciò può tuttavia
nuove sessioni
risultare vantaggioso quando si desidera Quando si creano nuove sessioni, è possibile
riassegnare le tracce al missaggio del sistema una selezionare la configurazione di I/O Setup della
per una. sessione corrente utilizzando le opzioni
seguenti:
Per ulteriori informazioni, vedere "Percorsi
attivi e inattivi" a pagina 83. Default I/O Setups Il programma di
installazione di Pro Tools fornisce
Pulsanti Show Original Setup e Show Current preimpostazioni di fabbrica per le
Setup configurazioni di I/O Setup stereo e surround (il
Quando si apre una sessione che contiene missaggio surround è supportato solo nei
definizioni di percorso per moduli di I/O non sistemi Pro Tools Serie HD e MIX). Per ulteriori
disponibili, la finestra di dialogo I/O Setup informazioni, vedere "File di impostazioni di I/O
elenca tali percorsi in corsivo. predefinite" a pagina 88.

Il pulsante Show Original Setup visualizza le Custom Presets È possibile memorizzare e


interfacce audio utilizzate nella sessione richiamare le preimpostazioni personalizzate
originale. Questa visualizzazione temporanea utilizzando le funzioni di esportazione e
consente di controllare la configurazione I/O importazione della finestra di dialogo I/O Setup.
originale per riferimento durante la
configurazione della sessione per il sistema.

86 Guida di riferimento di Pro Tools


Last Used La configurazione di I/O Setup più Importazione delle impostazioni di I/O
recente, ossia utilizzata per ultima, viene salvata
Le impostazioni I/O possono essere importate
come file di impostazioni Last Used. Per ulteriori
prima di aprire una sessione oppure quando la
informazioni, vedere "Impostazioni I/O Last
sessione è già stata aperta. Durante
Used" a pagina 88.
l'importazione, si può decidere di eliminare le
definizioni dei percorsi inutilizzati prima di
Impostazioni di I/O predefinite al primo importare i percorsi nuovi oppure di mantenere
avvio tutte le definizioni intatte e aggiungere i nuovi
Quando si crea una sessione per la prima volta, è percorsi alla configurazione I/O Setup corrente.
possibile scegliere le impostazioni predefinite di
missaggio stereo o di missaggio surround, a Per importare le impostazioni di I/O:
seconda del sistema e delle scelte di 1 Nella finestra di dialogo I/O Setup, fare clic su
installazione. Vedere "File di impostazioni di I/O Import Settings.
predefinite" a pagina 88.
2 Selezionare il file di impostazioni I/O nella
finestra di dialogo Import Settings e fare clic su
Importazione ed esportazione dei file di
Import.
impostazioni di I/O
3 Una finestra di dialogo chiederà all'utente se
È possibile esportare e importare le
desidera procedere all'eliminazione dei percorsi
configurazioni di I/O Setup come file di
esistenti. Eseguire una delle seguenti operazioni:
impostazioni. Questa procedura consente di
salvare le impostazioni per progetti diversi, • Fare clic su Yes per eliminare i percorsi
importare impostazioni per la riconfigurazione inutilizzati e aggiungere i percorsi
di I/O Setup e gestire le definizioni dei percorsi e importati alla configurazione I/O Setup
le impostazioni del routing dei segnali. corrente. Verranno eliminati anche tutti i
dati di automazione e le assegnazioni
Esportazione delle impostazioni di I/O eventualmente associate ai percorsi
inutilizzati.
Per esportare e salvare una configurazione di I/O • Fare clic su No per aggiungere i percorsi
Setup: importati alla configurazione I/O Setup
1 Fare clic su Export Settings. corrente.

2 Assegnare un nome al file di impostazioni e Se l'operazione provoca la sovrapposizione di


salvarlo. alcuni percorsi, i percorsi appena importati
appariranno nella finestra di dialogo I/O Setup
Per avviare le sessioni con una finestra di come inattivi. (Vedere "Percorsi attivi e inattivi"
dialogo I/O Setup vuota, è necessario creare a pagina 83.)
ed esportare un file di impostazioni I/O in
cui siano state eliminate tutte le definizioni. Dopo l'importazione delle impostazioni di I/O,
nella finestra di dialogo I/O Setup è possibile
eliminare, riassegnare e rinominare i percorsi
per reimpostare la definizione dei routing.
(Vedere "Creazione e modifica dei percorsi" a
pagina 78.)

Capitolo 7: I/O Setup 87


Impostazioni I/O Last Used In particolare, la preimpostazione Stereo Mix
consente di creare il massimo numero di
Le eventuali modifiche apportate alla finestra di percorsi di ciascun tipo, come determinato dalle
dialogo I/O Setup durante una sessione vengono configurazioni I/O Setup e hardware disponibili
salvate nel file delle ultime impostazioni del sistema.
utilizzate (Last Used) quando si chiude la
finestra di dialogo I/O Setup facendo clic su OK. File di impostazioni per il missaggio surround
(solo nei sistemi TDM)
Le modifiche alla finestra I/O Setup vengono
salvate assieme alla sessione corrente. I file di La preimpostazione Surround Mix fornisce
preimpostazioni definite dall'utente non impostazioni aggiuntive di uscita e di bus
conterranno le modifiche recenti a meno che specifiche per il surround. Per ulteriori
non si esporti un file di impostazioni informazioni, vedere "File delle impostazioni
aggiornato. per il missaggio surround" a pagina 555.

Le impostazioni Last Used sono disponibili


come facoltative durante la creazione o
Informazioni sulla modalità
l'apertura delle sessioni in aggiunta alle
Direct Outputs
impostazioni predefinite descritte di seguito. La modalità Direct Outputs, presente nelle
versioni precedenti di Pro Tools, è stata
File di impostazioni di I/O predefinite sostituita dai sottopercorsi mono predefiniti
disponibili in tutti gli ingressi e le uscite validi
In Pro Tools sono disponibili file di
della finestra di dialogo I/O Setup.
impostazioni di I/O per il missaggio stereo e
surround, che contengono definizioni generali Il pulsante Default crea percorsi di uscita
dei percorsi principali e dei sottopercorsi per principali con sottopercorsi mono appropriati.
entrambi i formati di missaggio. Tali sottopercorsi forniscono un routing
monofonico distinto.
File di impostazioni per il missaggio stereo
Quando viene aperta una sessione salvata
La preimpostazione Stereo Mix è composta da precedentemente in modalità Direct Outputs,
tutti i possibili percorsi stereo e mono tutte le assegnazioni di uscita vengono
utilizzabili nella sessione. assegnate ai sottopercorsi mono equivalenti, se
disponibili. Per ulteriori informazioni sulla
L'utilizzo della preimpostazione Stereo Mix
riassegnazione, vedere "Impostazione hardware
equivale a fare clic su Default in tutte le
e trasferimento delle sessioni" a pagina 85 .
schede della finestra di dialogo I/O Setup.
Per informazioni dettagliate vedere la Per convertire una sessione in modo da emulare
sezione "Creazione e modifica dei percorsi" a la modalità Direct Outputs, utilizzare la
pagina 78. funzione Auto Assign Ascending Outputs.

88 Guida di riferimento di Pro Tools


Per assegnare automaticamente le uscite delle Per specificare un'uscita predefinita nella
tracce per la modalità Direct Outputs: finestra I/O Setup:
1 Assicurarsi che tutte le tracce siano visibili, in ■ Selezionare un formato e un percorso di uscita

quanto quelle nascoste non verranno prese in dal selettore di uscita predefinito.
considerazione.

2 Selezionare tutte le tracce desiderate tenendo


premuto il tasto delle maiuscole e facendo clic
sul nome di ciascuna traccia.

3 Tenendo premuti i tasti Comando+Opzione


(Macintosh) oppure i tasti Ctrl+Alt (Windows),
fare clic sul selettore di uscita della traccia
all'estrema sinistra e assegnare la traccia al
sottopercorso per l'uscita 1. Tutte le tracce Selezione dei percorsi di uscita predefiniti
visibili verranno assegnate automaticamente
alle uscite univoche dei sottopercorsi mono in Percorso di ascolto
ordine crescente. Il percorso di ascolto è il percorso di uscita
attraverso il quale i file e le regioni vengono
visualizzati in anteprima, ossia ascoltati,
Opzioni di I/O Setup per il nell'elenco delle regioni.

percorso di uscita predefinito,


Per ascoltare le regioni del relativo elenco:
il metering, l'ascolto e
Tenendo premuto il tasto Opzione
l'ordine predefinito ■

(Macintosh) o il tasto Alt (Windows), fare clic


dei percorsi sulla regione nell'elenco.
Nei sistemi Pro Tools sono disponibili ulteriori
funzioni di I/O Setup, che comprendono il Utilizzo del percorso di ascolto
routing predefinito dei segnali per il metering e predefinito
l'ascolto e la disposizione predefinita delle tracce
Quando si ascolta un file o una regione
per i formati di missaggio multicanale.
dell'elenco delle regioni, Pro Tools indirizza
l'output sonoro attraverso il percorso di ascolto.
Percorso di uscita predefinito Un percorso di ascolto predefinito viene
assegnato al primo percorso di uscita principale
È possibile specificare l'assegnazione del
disponibile nel formato specificato. La finestra
percorso di uscita predefinito per le nuove tracce
di dialogo I/O Setup consente di selezionare un
in ciascuno dei formati disponibili.
percorso di ascolto diverso.

Nei sistemi TDM con più di un'interfaccia


audio, è possibile selezionare soltanto la
prima interfaccia audio come percorso di
ascolto.

Capitolo 7: I/O Setup 89


Configurazione dei percorsi di ascolto Ascolto in loco
È possibile specificare le uscite di monitoraggio
Quando si ascolta un componente mono di una
per l'ascolto dell'elenco delle regioni utilizzando
regione multicanale, la modalità di ascolto è del
il menu dei percorsi di ascolto.
tipo in loco per impostazione predefinita: il
Menu principale dei percorsi di ascolto Il menu componente mono viene cioè riprodotto dal
principale comprende tutte le opzioni di canale di altoparlante corrispondente della
formato dei percorsi disponibili nel sistema relativa regione multicanale di livello superiore.
corrente (Mono e Stereo in tutti i sistemi, LCR e
superiori nei sistemi con funzionalità surround). Per ascoltare in loco:
1 Nell'elenco delle regioni, assicurarsi che la
Sottomenu dei percorsi di ascolto Ciascuna
opzione di formato dei percorsi dispone di un regione stereo o multicanale sia visualizzata
sottomenu che elenca i percorsi di uscita per il nella vista espansa, con .L, .R e i canali degli altri
formato corrispondente. Il sottomenu Mono componenti.
elenca i percorsi di uscita di qualsiasi formato. 2 Tenendo premuto il tasto Opzione
(Macintosh) o il tasto Alt (Windows), fare clic
Per configurare i percorsi di ascolto: sulla regione del canale desiderato.
■ Selezionare un percorso dal menu o dai

sottomenu dei percorsi di ascolto. Ascolto attraverso tutte le uscite

È possibile indirizzare in modo uniforme le


regioni mono a tutte le uscite del percorso di
ascolto della regione di livello superiore.

Per ascoltare attraverso tutti i canali del percorso


di ascolto principale:
■ Tenendo premuti i tasti maiuscole+Opzione
Selezione di un percorso di ascolto
(Macintosh) oppure i tasti Maiusc+Alt
Ascolto di segnali distinti negli elementi (Windows), fare clic sul segnale nell'elenco delle
multicanale regioni.

Nell'elenco delle regioni audio, le regioni


multicanale vengono ascoltate attraverso il
percorso di ascolto corrente. È possibile
ascoltare i segnali "in loco" oppure attraverso
tutte le uscite, come descritto di seguito.

90 Guida di riferimento di Pro Tools


Ordine predefinito dei percorsi
(Solo nei sistemi TDM)

Il selettore dell'ordine predefinito dei percorsi


consente di selezionare la disposizione
predefinita delle tracce che si desidera venga
rispettata durante la creazione e l'assegnazione
del percorso principale o dei sottopercorsi in
formato 5.1 nella finestra di dialogo I/O Setup.

Questa impostazione non influisce sulle


definizioni di percorso esistenti o sul metering,
in quanto si limita a specificare l'assegnazione
dei canali nei nuovi percorsi in formato 5.1.

Per scegliere un ordine predefinito dei percorsi:


■ Selezionare l'assegnazione dei canali dal menu
dell'ordine predefinito dei percorsi.

Selettore dell'ordine predefinito dei percorsi

Per ulteriori informazioni sul missaggio


multicanale, consultare il Capitolo 31,
"Impostazione di Pro Tools per il surround".

Selettore dei percorsi di metering


(Solo ProControl)

Il selettore dei percorsi di metering determina il


percorso visualizzato nei meter di uscita di
ProControl. Per informazioni dettagliate,
consultare la documentazione aggiornata di
ProControl.

Capitolo 7: I/O Setup 91


92 Guida di riferimento di Pro Tools
Capitolo 8: Tracce

Il presente capitolo descrive le operazioni di Tracce di ingresso Aux


base di gestione delle tracce, quali la creazione e
Le tracce di ingresso Aux possono essere
l'eliminazione, l'assegnazione di voci e di canali
utilizzate come mandate di effetti, destinazione
di uscita e il raggruppamento.
per missaggi alternativi e per il bouncing,
ingressi per il monitoraggio o l'elaborazione del
materiale audio (ad esempio, dei dati audio
Tipi di tracce provenienti da sorgenti MIDI) e per molte altre
operazioni di routing audio.
In una sessione Pro Tools è possibile disporre di
diversi tipi di tracce, ovvero di tracce audio,
Tracce master fader
tracce di ingresso Aux (ausiliario), tracce MIDI,
tracce master fader e tracce QuickTime Movie. Le tracce master fader controllano il livello
Su un sistema Macintosh, le sessioni possono complessivo delle tracce audio indirizzate ai
disporre di tracce QuickTime, AVoption o percorsi di uscita principali della sessione. Si
AVoption XL Movie. supponga, ad esempio, di disporre di 24 tracce
in una sessione in cui i canali 1–8 siano
Le caratteristiche delle tracce QuickTime indirizzati all'uscita Analog Output 1–2, i canali
Movie sono descritte nel Capitolo 36, 9–16 all'uscita Analog Output 3–4 e i canali
"Utilizzo dei filmati QuickTime". 17–24 all'uscita Analog Output 5–6; in questo
caso sarebbe possibile creare tre master fader per
Tracce audio, di ingresso Aux e controllare ciascuna delle coppie di uscita.
master fader
Pro Tools supporta tracce audio, tracce di Tracce MIDI
ingresso Aux e tracce master fader in formato
Le tracce MIDI memorizzano note, strumenti e
mono, stereo e multicanale.
dati del controller MIDI. Le tracce MIDI non
sono attraversate da segnali audio, pertanto al
Tracce audio
momento della creazione non verrà proposta
Le tracce audio contengono disposizioni di file alcuna opzione di selezione del formato.
audio registrati o importati e possono essere in
formato mono, stereo o multicanale (le tracce
multicanale sono supportate solo nei sistemi
Pro Tools Serie HD e Serie MIX).

Capitolo 8: Tracce 93
Formati delle tracce Pur con piccole differenze, le file di canali delle
tracce audio contenute nella finestra Mix sono
Tracce Mono simili alle tracce rappresentate nelle figure
seguenti.
Una traccia audio, di ingresso Aux o master
fader in formato mono controlla il volume e, in Per aggiungere le tracce audio a una sessione si
alcuni casi il pan, per un singolo canale audio. usa il comando New Track.
Una traccia mono utilizza una sola voce.

Tracce Stereo
Insert
Una traccia audio, di ingresso Aux o master
fader stereo consiste in una singola fila di canali
che riproduce due canali audio come coppia
stereo. Le tracce stereo utilizzano due voci. Mandate

Tracce multicanale (solo nei sistemi Pro Tools


Serie HD e Serie MIX) Selettori di Ingresso/Uscita
Selettore della modalità di
Una traccia multicanale consiste in una singola automazione
fila di canali che riproduce più canali audio (da Dispositivi di scorrimento pan
3 a 8 canali alla volta). Ciò consente a Pro Tools Indicatori Pan
di supportare formati di missaggio multicanale, Pulsanti Solo e Mute
tra i quali i formati 3+1, 5.1, 6.1 e altri ancora. Selettore voci
Finestra Open Output
Per ulteriori informazioni sul missaggio Pulsante Record Enable
surround con Pro Tools, consultare i seguenti Fader del volume
capitoli:
Meter di livello
• Capitolo 31, "Impostazione di Pro Tools per il
surround"
• Capitolo 32, "Tracce multicanale e routing ID gruppo
dei segnali" Indicatore del tipo di traccia
• Capitolo 33, "Pan e missaggio surround" Indicatore Volume/Picco/Ritardo
Nome della traccia

Fila di canali delle tracce audio Commenti della traccia

Ogni traccia audio dispone di un proprio gruppo


di controlli per volume, pan, finestra di uscita, Fila di canali di una traccia audio stereo
attivazione della registrazione, modalità di (Pro Tools 6.0)
automazione, funzioni di assolo e
silenziamento, commenti e assegnazione delle
voci.

94 Guida di riferimento di Pro Tools


Fila di canali delle tracce MIDI
Ogni traccia MIDI dispone di un proprio gruppo
Insert di controlli per volume, pan, attivazione della
registrazione, modalità di automazione,
funzioni di assolo e silenziamento, assegnazione
di patch MIDI (modifica del programma) e
Mandate
assegnazione di canali MIDI.

Per aggiungere le tracce MIDI a una sessione si


Selettori di Ingresso/Uscita
usa il comando New Track.
Indicatore Volume/Picco/Ritardo
Indicatore Pan Selettore di ingresso MIDI
Selettore della modalità di automazione
Selettore di uscita MIDI
Attivazione registrazione/Assolo/ Selettore della modalità di
Silenziamento/Voce automazione
Dispositivo di scorrimento pan Dispositivo di scorrimento pan MIDI
Finestra Open Output
Indicatore Pan MIDI
Pulsanti Solo e Mute
ID gruppo
Modifica di programma
Fader del volume
Record Enable
Meter di livello Fader volume MIDI

Indicatore del tipo di traccia Meter velocity MIDI

Nome della traccia


ID gruppo
Commenti della traccia Indicatore del tipo di traccia
Indicatore volume MIDI
Nome della traccia
Fila di canali di una traccia audio mono
Commenti della traccia
(Pro Tools 5.1.3)

Fila di canali MIDI (Pro Tools 6.0)

Capitolo 8: Tracce 95
Per visualizzare la vista I/O:
■ Selezionare Display > Edit Window Shows (o
Canale MIDI
Mix Window Shows) > I/O View.

Modalità di automazione In Pro Tools 6.0, le file di canali della


Attivazione registrazione/Programma/ finestra Mix visualizzano sempre anche i
Assolo/Silenziamento selettori di ingresso e di uscita oltre che i
Pan MIDI
valori di pan e di volume, pertanto non
Fader volume MIDI
saranno disponibili altre opzioni di
visualizzazione I/O View.

Per informazioni dettagliate sui selettori di


Meter velocity MIDI
ingresso e di uscita, vedere "Assegnazione degli
ingressi e delle uscite alle tracce" a pagina 102.

Indicatore Volume/Picco/
Nome della traccia
Ritardo canale
Fila di canali MIDI (Pro Tools 5.1.3)
L'indicatore di volume delle tracce audio
dispone di tre modalità: Volume, Picco e Ritardo
canale.
Controlli delle tracce
Per passare da una modalità all'altra:
Selettori di Ingresso/Uscita
■ premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl

La vista I/O visualizza i selettori di ingresso e di (Windows) e fare clic sull'indicatore in modo
uscita delle tracce audio e MIDI. che vengano visualizzate le seguenti modalità:

Indicatore volume Mostra il livello di volume


Selettore di ingresso
corrente o il livello di ingresso di una traccia,
Selettore di uscita
così come impostato dal fader del volume.
(o Selettore dispositivo/canale MIDI)

Dispositivo di scorrimento pan Indicatore di picco Funge da indicatore del


margine di sicurezza, basandosi sull'ultimo
Indicatore Pan
livello picco di riproduzione. Per reimpostare il
Vista Ingresso/Uscita (Pro Tools 6.0) contatore di picco, fare clic su un punto
qualsiasi del meter. L'intervallo dei valori è
compreso tra +6 dB (segnale di livello massimo)
Selettore di ingresso e –∞ (nessun segnale).
Selettore di uscita
(o Selettore dispositivo/canale MIDI)
Indicatore di ritardo canale Visualizza, in
campioni, il ritardo totale verificatosi nella
Indicatore Livello/Picco/Ritardo canale
traccia a causa dell'utilizzo di plug-in TDM sul
Indicatore Pan canale interessato.
Vista Ingresso/Uscita (Pro Tools 5.1.3)

96 Guida di riferimento di Pro Tools


Indicatore Pan Meter di livello delle tracce
L'indicatore Pan visualizza l'impostazione di Nelle tracce audio, i meter di livello indicano il
pan corrente di una traccia. L'intervallo dei livello del segnale registrato o riprodotto dal
valori pan utilizzabili è compreso tra <100 disco rigido. Il colore verde indica livelli
(completamente a sinistra) e 100> nominali, il giallo indica il pre-clipping (–6 dB
(completamente a destra). I controlli Pan sono sotto l'intera scala) e il rosso indica il clipping.
disponibili solo per le tracce stereo o per le Quando una traccia è attivata per la
tracce mono indirizzate a un'uscita stereo. registrazione, questi meter indicano i livelli di
registrazione.

Dispositivo di scorrimento pan Nelle tracce MIDI il meter di livello indica la


velocity MIDI dell'evento MIDI più recente.
Il dispositivo di scorrimento Pan consente di
controllare il bilanciamento di una traccia tra gli
Pre-Fader e Post-Fader Metering
elementi della coppia di uscite assegnata. Viene
visualizzato soltanto quando si usano tracce Selezionando o deselezionando il comando
stereo o tracce mono indirizzate a un'uscita Operations > Pre-Fader Metering, è possibile
stereo. impostare globalmente i meter di livello audio
delle tracce per indicare i livelli pre o post-fader.
Il dispositivo di scorrimento Pan di una traccia
Quando è selezionata la funzione Pre-Fader
MIDI è efficace solo quando si controlla un
Metering, i meter di livello mostrano i livelli
modulo audio che supporta la funzione di pan
indipendentemente dalla posizione del fader.
MIDI.
Quando è selezionata la funzione Post-Fader
Metering, i meter di livello rispondono alla
Fader del volume posizione del fader.

Il fader del volume consente di definire il


Peak Hold
volume delle tracce in fase di riproduzione e il
livello di monitoraggio delle tracce in fase di Quando si verifica il clipping, il LED superiore
registrazione. È possibile collegare i livelli di rimane acceso (rosso). Inoltre, i meter di
volume e di monitoraggio attivando l'opzione Pro Tools forniscono la funzione Peak Hold
Link Record and Play Faders della scheda (mantenimento della visualizzazione
Operation. dell'ultimo livello di picco registrato), dotata di
tre opzioni. 3 Second Peak Hold, Infinite Peak
Il fader del volume di una traccia MIDI è efficace Hold e No Peak Hold.
solo quando si controlla un modulo audio che
supporta la funzione di pan MIDI. Per scegliere un'impostazione Peak Hold:
■ Scegliere Setups > Preferences, fare clic su

Display e selezionare l'opzione di Peak Hold


desiderata.

Capitolo 8: Tracce 97
Per azzerare il meter: Vista Comments delle tracce
Per eliminare il clipping o azzerare l'indicazione La vista Comments mostra i commenti immessi
Peak Hold di un meter, fare clic su un punto nella finestra di dialogo Track
qualsiasi del meter. Name/Comments. Quando una traccia è
visualizzata, è possibile digitare il commento
Per azzerare tutti i meter: direttamente nell'apposita area della finestra.
■ Tenere premuto il tasto Opzione (Macintosh)
o Alt (Windows) e fare clic su un meter qualsiasi. Per visualizzare la vista Comments:
■ Selezionare Display > Mix Window Shows (o

Wide Meters View Edit Window Shows) > Comments.


(Solo nei sistemi Pro Tools 6.0) Per informazioni più dettagliate sull'aggiunta di
commenti alle tracce, vedere "Denominazione
Wide Meters View consente di aumentare
delle tracce" a pagina 99.
l'ampiezza dei meter di livello delle tracce nelle
finestre Mix ed Edit in modo da facilitare la
lettura degli stessi.
Creazione delle tracce
Per abilitare Wide Meters View:
È possibile creare tracce mono e stereo in tutti i
■ Premere i tasti Comando+Opzione+Control e sistemi. Nei sistemi Pro Tools Serie HD e MIX è
fare clic sui meter di livello nella finestra Mix o possibile creare anche tracce multicanale.
nella finestra Edit.
Il sistema assegna automaticamente alle nuove
tracce un nome predefinito che può
successivamente essere modificato.
◆ Per far sì che le nuove tracce appaiano accanto
a una traccia specifica di una sessione, fare clic
sul nome della traccia nella relativa fila di canali:
le nuove tracce vengono aggiunte
immediatamente dopo la traccia selezionata.
◆ Per far sì che le nuove tracce appaiano come le
ultime tracce di una sessione, assicurarsi che
sulla schermata non sia selezionato alcun nome
Wide Meters View, finestra Mix e finestra Edit di traccia.

Per disabilitare Wide Meters View:


■ Premere i tasti Comando+Opzione+Control e

fare clic nuovamente sui meter di livello nella


finestra Mix o nella finestra Edit.

98 Guida di riferimento di Pro Tools


Per creare una traccia: Denominazione delle tracce
1 Scegliere File > New Track. I nomi delle tracce vengono utilizzati per
denominare automaticamente regioni e file
Formato della traccia audio registrati (vedere "Nomi predefiniti delle
Numero di tracce da creare Tipo della traccia
tracce" a pagina 157).

Finestra di dialogo New Track

2 Dal menu a comparsa Track Type, selezionare


il tipo di traccia che si desidera creare. Per
spiegazioni più dettagliate sui vari tipi di tracce, Finestra di dialogo Track Name/Comments
vedere "Tipi di tracce" a pagina 93.
Per rinominare una traccia:
Per scorrere automaticamente il menu a 1 Nella finestra Edit o Mix, fare doppio clic sul
comparsa dei tipi nella finestra di dialogo pulsante Track Name della traccia che si desidera
New Track, premere il tasto Comando rinominare.
(Macintosh) o il tasto Ctrl (Windows) e
utilizzare i tasti Freccia su/giù. 2 Nella finestra di dialogo Track
Name/Comments, digitare il nuovo nome della
3 Selezionare il formato della traccia (mono, traccia.
stereo oppure uno dei formati surround
3 Fare clic su Previous o Next per assegnare un
multicanale) dal menu a comparsa dei formati
nuovo nome alle altre tracce visualizzate.
di traccia. I formati surround sono disponibili
solo nei sistemi Pro Tools Serie HD e Serie MIX.
Per passare alla traccia precedente o
successiva nella finestra di dialogo Track
Per scorrere automaticamente il menu a
Name/Comments, premere il tasto
comparsa dei formati, premere il tasto
Comando (Macintosh) o Ctrl (Windows) e
Comando (Macintosh) o il tasto Ctrl
utilizzare rispettivamente i tasti Freccia su e
(Windows) e utilizzare i tasti Freccia
Freccia giù.
sinistra/destra.
4 Fare clic su OK.
4 Immettere il numero di tracce nuove
desiderato, quindi fare clic su Create.

5 Per configurare i controlli di traccia da


visualizzare nella finestra Mix o nella finestra
Edit, selezionarli rispettivamente da Display >
Mix Window Shows e da Display > Edit Window
Shows.

Capitolo 8: Tracce 99
Aggiunta di commenti alle tracce 3 Fare clic su OK per rimuovere le tracce
selezionate dalla sessione.
Per inserire gli eventuali commenti relativi
a una traccia: Duplicazione delle tracce
1 Nella finestra Edit o Mix, fare doppio clic sul
Il comando Duplicate Selected Tracks consente
pulsante Track Name della traccia che si desidera
di duplicare una o più tracce con i relativi
rinominare.
attributi (dati audio o MIDI, ordini di
2 Fare clic direttamente sull'area commenti, riproduzione, automazione e altri ancora).
digitare i commenti desiderati e premere A capo
(Macintosh) o Invio (Windows). Per duplicare una traccia:
–o– 1 Fare clic sul nome della traccia, nella relativa
fila di canali, per selezionarla.
Fare doppio clic sul pulsante Track Name della
traccia in questione, digitare gli eventuali Per selezionare più tracce, premere il tasto
commenti nella casella di testo Comments e fare delle maiuscole e fare clic sui rispettivi
clic su OK. nomi.

Per immettere un ritorno a capo nella 2 Scegliere File > Duplicate Selected Tracks. Ogni
casella di testo Comments, premere i tasti traccia duplicata viene creata a destra della
maiuscole+A capo (Macintosh) o traccia originale rispettiva.
Maiusc+Invio (Windows) della tastiera
alfanumerica.

Eliminazione delle tracce Occultamento delle tracce


Quando si eliminano le tracce, i dati della L'elenco Show/Hide, situato nella parte sinistra
regione audio o MIDI rimangono nell'elenco delle finestre Mix e Edit, contiene tutte le tracce
delle regioni, ma la disposizione delle regioni della sessione e consente di visualizzare o
sulla traccia eliminata, ovvero l'ordine di nascondere una traccia nelle due finestre
riproduzione della traccia, viene perduta. selezionandone o deselezionandone il nome.
Anche se una traccia è nascosta, il materiale
Non è possibile annullare il comando Delete presente sulla traccia viene comunque
Selected Tracks. riprodotto come parte della sessione. Le tracce
inattive vengono visualizzate in corsivo
Per eliminare una traccia: nell'elenco Show/Hide.
1 Fare clic sul nome della traccia, nella relativa
fila di canali, per selezionarla.

Per selezionare più tracce, premere il tasto


delle maiuscole e fare clic sui rispettivi
nomi.

2 Scegliere File > Delete Selected Tracks.

100 Guida di riferimento di Pro Tools


Il comando Sort Tracks By consente di ordinare
Menu a comparsa Show/Hide Tracks le tracce per nome (Name), tipo (Type), gruppo
di montaggio (Edit Group), gruppo di missaggio
(Mix Group) o voce (Voice). Il nuovo
Tipo della ordinamento viene riflesso nell'elenco
traccia Show/Hide della finestra Edit e della finestra
Mix.

Nomi delle tracce

Elenco Show/Hide delle tracce

Il menu a comparsa presente nella parte


superiore dell'elenco Show/Hide contiene
comandi che consentono di visualizzare o
nascondere tutte le tracce, le tracce
correntemente selezionate su schermo o tipi di
tracce specifici (audio, MIDI, di ingresso Aux o Comando Sort Tracks By
master fader).
Quando una traccia appartenente a un gruppo
attivo viene nascosta, le operazioni di
montaggio eseguite su altri elementi del gruppo
nella finestra Edit non hanno effetto sulla
traccia nascosta. Nella finestra Mix, tuttavia,
tutte le operazioni, tranne l'attivazione della
Comando Show Only registrazione, avranno effetto su una traccia
nascosta appartenente a un gruppo attivo.

Nei sistemi TDM, anche se una traccia è


nascosta, la sua posizione rispetto alle altre
tracce influisce sulla priorità di
riproduzione come traccia di condivisione
voci (vedere "Tracce di condivisione voci e
priorità delle tracce" a pagina 106).

Per nascondere una traccia:


■ Fare clic sul nome evidenziato della traccia

interessata nell'elenco Show/Hide Tracks.

Per visualizzare una traccia correntemente


nascosta:
■ Fare clic sul nome non evidenziato della

traccia nell'elenco Show/Hide Tracks.

Capitolo 8: Tracce 101


Per visualizzare tutte le tracce:
1 Fare clic sul pulsante Show/Hide nella parte
Assegnazione degli ingressi e
superiore dell'elenco.
delle uscite alle tracce
2 Dal menu a comparsa, scegliere Show All Gli ingressi per le tracce audio e per le tracce di
Tracks. ingresso Aux possono essere assegnati ai bus o ai
canali dell'interfaccia audio. Le uscite per le
Per nascondere tutte le tracce: tracce audio, per le tracce di ingresso Aux e per le
tracce master fader possono essere assegnate ai
1 Fare clic sul pulsante Show/Hide nella parte bus o ai canali dell'interfaccia audio.
superiore dell'elenco.
Traccia impostata Traccia impostata su
2 Dal menu a comparsa, scegliere Hide All sull'ingresso audio 2 nessun ingresso
Tracks.
Traccia impostata sul
bus 2
Per riordinare le tracce su schermo,
trascinarne i nomi sulle posizioni desiderate
nell'elenco Show/Hide.
Assegnazioni di ingresso/uscita per tre tracce
Gruppi ed elenco Show/Hide audio mono

Quando una traccia è nascosta, ma appartiene a Per le tracce stereo e surround multicanale, gli
un gruppo attivato, tutte le operazioni della ingressi e le uscite vengono visualizzati come
finestra Mix eseguite su un altro membro del coppie stereo e gruppi multicanale. Gli ingressi,
gruppo, ad eccezione dell'attivazione della le uscite e i bus disponibili sono definiti come
registrazione audio o MIDI, interessano anche la percorsi nella finestra di dialogo I/O Setup
traccia nascosta. Quando si attiva la funzione (consultare il Capitolo 7, "I/O Setup").
Solo, Mute o di scrittura dell'automazione per
una traccia appartenente a un gruppo, qualsiasi Assegnazioni automatiche degli
elemento nascosto del gruppo viene a sua volta ingressi e delle uscite
elaborato con la funzione attivata.
Quando si aggiungono delle tracce a una nuova
Nella finestra Edit, invece, le operazioni di sessione, gli ingressi vengono assegnati
montaggio eseguite sugli elementi di un gruppo automaticamente in ordine crescente. Se ad
attivato non influiscono sulle tracce nascoste esempio si dispone di un'interfaccia audio
appartenenti allo stesso gruppo. dotata di otto ingressi, la creazione di quattro
nuove tracce audio mono comporta l'aggiunta
automatica di quattro tracce audio i cui ingressi
vengono assegnati ai primi quattro percorsi
definiti nella finestra di dialogo I/O Setup.
Quando si creano tracce stereo, gli ingressi
vengono assegnati automaticamente a coppie di
ingressi in ordine crescente.

102 Guida di riferimento di Pro Tools


Le uscite assegnate automaticamente alle nuove Assegnazione di uscite alle
tracce sono determinate dall'uscita predefinita tracce audio
impostata nella finestra di dialogo I/O Setup.
(Tracce audio, di ingresso Aux, master fader)

Assegnazione di ingressi alle Per assegnare un'uscita a una traccia audio:


tracce audio 1 Per visualizzare gli ingressi e le uscite nella
(Tracce audio e di ingresso Aux) finestra Edit, selezionare Display > Edit Window
Shows > I/O View.
Per assegnare un ingresso a una traccia audio:
2 Nella finestra Mix o Edit, fare clic sul selettore
1 Nella finestra Edit, selezionare Display > Edit di uscita della traccia ed effettuare la scelta tra i
Window Show > I/O View. bus e i canali di interfaccia audio disponibili. Per
2 Nella finestra Mix o Edit, fare clic sul selettore
le tracce stereo e surround multicanale le uscite
di ingresso della traccia ed effettuare la scelta tra sono disponibili sotto forma di coppie e di
i bus e i canali di interfaccia audio disponibili. gruppi multicanale.
Per le tracce stereo e surround multicanale gli
ingressi sono disponibili sotto forma di coppie e
di gruppi multicanale.

Il selettore di ingresso consente di indirizzare


qualsiasi ingresso audio o qualsiasi bus interno
di Pro Tools a una traccia audio o a una traccia
di ingresso Aux. Le opzioni disponibili nel menu
a comparsa sono determinate dalla
configurazione I/O Setup. Gli ingressi utilizzati
da un'altra traccia appaiono in grassetto nel
Selettore di uscita di una traccia audio
selettore di ingresso.
‘ Il selettore di uscita consente di indirizzare una
traccia a qualsiasi uscita audio o bus interno
configurati. Le opzioni disponibili nel menu a
comparsa sono determinate dalla
configurazione I/O Setup. Le uscite utilizzate da
un'altra traccia appaiono in grassetto nel
selettore di uscita.

Selettore di ingresso di una traccia audio Se si desidera assegnare automaticamente tutte


le tracce visibili a uscite di sottopercorso mono
Per rimuovere un'assegnazione di ingresso: univoche in ordine crescente, tenere premuti i
■ Selezionare No Input dal selettore di ingresso. tasti Comando+Opzione (Macintosh) o Ctrl+Alt
(Windows), fare clic sul selettore di uscita della
traccia situata più a sinistra e assegnare la traccia

Capitolo 8: Tracce 103


al sottopercorso dell'Uscita 1. Tutte le tracce l'uso di ulteriori voci. . Sebbene tutte le tracce
visibili verranno assegnate automaticamente a possano essere registrate o importate, ridisposte
uscite di sottopercorso mono univoche in e preparate per la riproduzione, non tutte
ordine crescente. possono essere riprodotte simultaneamente.

Nei sistemi TDM, è anche possibile assegnare


Per rimuovere un'assegnazione di uscita:
voci specifiche alle tracce in modo che queste
■ Selezionare No Output dal selettore di uscita.
voci possano essere condivise da più di una
Gli ordini di riproduzione delle tracce prive di traccia. La combinazione di tracce di
assegnazioni di uscita vengono disattivati. riproduzione/registrazione e di tracce che
condividono le voci costituisce il totale delle
L'assegnazione di una traccia audio, un
tracce di condivisione voci di un sistema TDM.
ingresso Aux o un master fader a No Output
Vedere "Tracce di condivisione voci e priorità
causa la perdita dei relativi dati di
delle tracce" a pagina 106.
automazione per i parametri pan e plug-in.
Quando le tracce della sessione superano il
numero di voci disponibili, è possibile che le
Priorità delle tracce e tracce con priorità inferiore non vengano
assegnazione di voci ascoltate. In questi casi, Pro Tools assegna un
ordine di priorità alle tracce in attesa delle voci
(solo sistemi Pro Tools TDM e disponibili. Poiché il numero delle tracce può
Pro Tools LE 6.0) essere superiore al numero delle voci
Il numero delle voci disponibili (canali di disponibili, alcune modalità consentono di
riproduzione e registrazione audio simultanei) regolare la priorità di riproduzione delle tracce
dipende dal tipo di sistema Pro Tools TDM audio.
utilizzato. Ad esempio, un sistema Pro Tools|HD
1 è in grado di fornire fino a 96 voci di Modifica della priorità di riproduzione
riproduzione e registrazione a una frequenza di delle tracce
campionamento di 44,1 o 48 kHz. Per ulteriori
Le tracce con le posizioni superiori (quelle più a
dettagli sulle funzionalità dei sistemi TDM,
sinistra nella finestra Mix e quelle più in alto
vedere Tabella 1 a pagina 7.
nella finestra Edit) hanno la precedenza rispetto
I sistemi Pro Tools LE forniscono fino a 32 voci alle tracce situate in posizioni inferiori.
di riproduzione e registrazione audio
simultanei. Per ulteriori dettagli sulle Per aumentare la priorità di una traccia, eseguire
funzionalità dei sistemi LE, vedere Tabella 3 a una delle seguenti operazioni:
pagina 10. ■ Nella finestra Edit, trascinare il pulsante Track

Name al di sopra delle altre tracce della sessione.


Le tracce visualizzate più in alto nella finestra
Priorità delle tracce
Edit hanno priorità superiore rispetto a quelle
L'hardware Pro Tools consente l'uso di un visualizzate più in basso.
numero fisso di voci mentre i software Pro Tools
TDM e Pro Tools LE 6.0 sono in grado di
potenziare questa funzionalità per consentire

104 Guida di riferimento di Pro Tools


■ Nella finestra Mix, trascinare il pulsante Track Assegnazione delle voci
Name a sinistra delle altre tracce della sessione.
Le tracce visualizzate a sinistra nella finestra Mix L'assegnazione voce di una traccia può essere
hanno priorità superiore rispetto a quelle impostata su Auto o su Off e, sui sistemi TDM, la
visualizzate a destra. voce può essere assegnata a un numero
specifico. Quando le tracce di una sessione sono
■ Nell'elenco Show/Hide delle tracce, trascinare impostate su Auto, Pro Tools gestisce
il nome della traccia su una posizione superiore automaticamente la voce in background,
nell'elenco. Le tracce visualizzate nella parte assegnando le voci non utilizzate da altre tracce.
superiore dell'elenco hanno priorità più alta
rispetto a quelle visualizzate nella parte Sui sistemi TDM, le tracce assegnate a un
inferiore. numero di voce specifico sono prioritarie
rispetto alle tracce assegnate automaticamente.
È anche possibile regolare la priorità relativa Per garantire che una traccia possa essere
delle tracce, semplicemente rilasciando le voci ascoltata o sia disponibile per la registrazione
all'interno delle tracce individuali e rendendole QuickPunch, si consiglia pertanto di assegnarla
disponibili per altre tracce della sessione. a un numero di voce.

Per rilasciare la voce di una traccia, procedere in Pro Tools LE 6.0 supporta solo
uno dei seguenti modi: l'assegnazione automatica delle voci. Non
■ Fare clic sul selettore voce della traccia e sono consentite le assegnazioni voci
impostarlo su Off (renderlo inattivo). individuali.

■ Tenendo premuti i tasti Comando+Control Per le tracce stereo e multicanale, le voci


(Macintosh) o i tasti Ctrl+Start (Windows), fare vengono visualizzate in coppie e in gruppi
clic sull'icona del tipo di traccia nella finestra multicanale. Le voci già assegnate a un'altra
Mix. traccia vengono visualizzate in grassetto nel
menu a comparsa del selettore voci.
■ Accertarsi che la traccia non abbia
un'assegnazione di uscita o di mandata.

■ Sui sistemi TDM è possibile rilasciare


temporaneamente la voce di una traccia durante
la riproduzione impostando il silenziamento
(vedere "Opzione Mute Frees Assigned Voice" a
pagina 110).

Capitolo 8: Tracce 105


Per impostare l'assegnazione di voci Per assegnare tutte le tracce audio
a una traccia: a voci successive:
■ Fare clic sul selettore voci e impostare la ■ Tenendo premuti i tasti Comando+Opzione
traccia su Auto, Off oppure, nei sistemi TDM, (Macintosh) o Ctrl+Alt (Windows), selezionare il
selezionare una voce. numero della voce iniziale dal selettore voci
della traccia visualizzata per prima nella parte
superiore della finestra Edit o all'estrema sinistra
della finestra Mix.

La voce viene assegnata alla prima traccia e le


voci successive vengono assegnate alle tracce di
uguale formato con priorità inferiore.

Per assegnare tutte le tracce audio selezionate a


voci successive:
1 Selezionare le tracce audio tenendo premuto il
tasto delle maiuscole e facendo clic sui relativi
nomi.

2 Tenendo premuti i tasti Comando+Opzione


Selettore voci per le tracce audio stereo (Pro Tools 6.0) (Macintosh) o Ctrl+Maiusc (Windows),
selezionare il numero della voce iniziale dal
selettore voci della traccia selezionata nella
parte superiore della finestra Edit o a sinistra
nella finestra Mix.

La voce viene assegnata alla traccia iniziale e le


voci successive verranno assegnate alle tracce di
uguale formato e con priorità inferiore
attualmente selezionate.

Tracce di condivisione voci e priorità


delle tracce
Selettore voci per le tracce audio stereo
(Pro Tools 5.1.3) (Solo nei sistemi TDM)

Assegnazione automatica di voci in Nei sistemi Pro Tools TDM è disponibile anche
ordine crescente la funzione di assegnazione dinamica delle voci,
che consente l'assegnazione di più di una traccia
(Solo nei sistemi TDM)
alla stessa voce. La traccia con la priorità più alta
È possibile assegnare automaticamente tutte le controlla quella voce ma, quando si apre uno
tracce o tutte le tracce selezionate a voci spazio vuoto in una traccia con priorità
successive. Ad esempio, è possibile selezionare superiore, la relativa voce condivisa diventa
otto tracce audio e riassegnarle alle voci da 9 a temporaneamente disponibile e la traccia
16. successiva con priorità superiore "si inserisce" e

106 Guida di riferimento di Pro Tools


viene riprodotta. Quando la traccia originale
riprende, la traccia che si era inserita cede la Impostazione degli ingressi e
voce condivisa alla traccia con priorità delle uscite MIDI
superiore.

L'esempio seguente dimostra il concetto di Assegnazione di ingressi alle


assegnazione dinamica delle voci: tracce MIDI
Il selettore di ingresso MIDI consente di
scegliere il dispositivo e il canale MIDI da cui
una traccia MIDI riceve l'ingresso. È quindi
possibile impostare Pro Tools per la
registrazione di numerose tracce MIDI nella
stessa sessione di registrazione. I canali utilizzati
dall'ingresso di un'altra traccia appaiono in
grassetto nel selettore di ingresso MIDI.
Le regioni "Rhythm" vengono riprodotte quando non
esistono regioni "Lead" Per assegnare l'ingresso a una traccia MIDI:
Nella figura precedente le due tracce visibili 1 Nella finestra Edit, selezionare Display > Edit
sono assegnate alla stessa voce. La traccia Window Show > I/O View.
superiore contiene un'area in cui non è
2 Nella finestra Mix, fare clic sul selettore di
visualizzata alcuna regione. La voce è quindi
ingresso MIDI della traccia e assegnare il
libera, poiché non è utilizzata, e la traccia con
dispositivo e il canale che verrà registrato.
priorità superiore successiva assegnata a tale
voce, ovvero la traccia nella parte inferiore, si
inserirà e verrà riprodotta.

Eseguendo prove con la priorità delle tracce e


l'assegnazione delle voci, nonché disponendo le
regioni in modo che vadano a occupare gli spazi
vuoti delle tracce con priorità superiore, è
possibile scoprire utili modalità di applicazione
delle tracce di condivisione voci nei sistemi
TDM.

Selettore di ingresso MIDI

Capitolo 8: Tracce 107


Assegnazione di uscite alle Per assegnare più destinazioni a una singola
tracce MIDI traccia MIDI:
■ Tenere premuto il tasto Control e fare clic
Mediante il selettore dispositivo/canale, è
(Macintosh) oppure fare clic con il pulsante
possibile assegnare le tracce MIDI a uno o più
destro del mouse (Windows) sul selettore
canali del dispositivo MIDI. Quando una traccia
dispositivo/canale MIDI e selezionare i canali
è assegnata a più canali, il materiale viene
aggiuntivi da un dispositivo qualsiasi.
inviato a tutti i canali interessati.
Per informazioni dettagliate sulla registrazione e
Le tracce MIDI di Pro Tools non possono
sull'importazione di dati MIDI, consultare il
contenere più canali di dati MIDI.
Capitolo 13, "Registrazione MIDI"..

Per assegnare una traccia MIDI e tutte le sue


regioni a un canale di dispositivo MIDI specifico:
■ Fare clic sul selettore dispositivo/canale MIDI Assolo e silenziamento
della traccia e assegnare un dispositivo e un delle tracce
canale dal menu a comparsa. I canali già
I pulsanti Solo e Mute possono essere utilizzati
assegnati a un'altra traccia vengono visualizzati
in qualsiasi momento durante la riproduzione e
in grassetto in questo menu.
hanno effetto sia sulle tracce MIDI che sulle
tracce audio. In una sessione è possibile
impostare l'assolo o il silenziamento di più
tracce contemporaneamente.

Il raggruppamento influisce anche sul


comportamento delle funzioni di silenziamento
e di assolo. Normalmente, selezionando il
silenziamento o l'assolo di una traccia
appartenente a un gruppo di missaggio attivo si
ottiene il silenziamento o l'assolo di tutte le altre
tracce appartenenti allo stesso gruppo. Tuttavia,
modificando le impostazioni Mute e Solo nella
finestra di dialogo Pro Tools Preferences, è
possibile disattivare tale comportamento.

Per disattivare il silenziamento di gruppo


delle tracce:
Selettore dispositivo/canale MIDI 1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic su
Automation.

2 Deselezionare l'opzione Mutes Follow Mix


Groups e fare clic su Done.

108 Guida di riferimento di Pro Tools


Quando l'opzione è deselezionata, il 2 Fare clic sul pulsante Solo di un'altra traccia.
silenziamento di un traccia appartenente a un I pulsanti di entrambe le tracce vengono
gruppo attivo non ha effetto sugli altri elementi evidenziati e tutte le altre tracce vengono
del gruppo. silenziate.

È inoltre possibile impostare il Per annullare l'assolo delle tracce:


silenziamento e l'assolo per i singoli
■ Fare clic sul pulsante Solo delle tracce
elementi di un gruppo: è sufficiente tenere
premuto il tasto Control (Ctrl) mentre si fa impostate per l'assolo.
clic sul pulsante Mute o Solo della traccia
interessata. Per rendere indipendenti i pulsanti di assolo:
1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic su
Per disattivare l'assolo di gruppo delle tracce: Operation.
1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic su
2 Deselezionare l'opzione Latch Solo Buttons e
Automation.
fare clic su Done. Quando l'opzione è
2 Deselezionare l'opzione Solos Follow Mix disattivata, premendo un pulsante Solo si
Groups e fare clic su Done. ottiene il silenziamento di tutte le tracce ad
eccezione della traccia di cui è stato appena
Quando l'opzione è deselezionata, l'assolo di un selezionato l'assolo.
traccia appartenente a un gruppo attivo non ha
effetto sugli altri elementi del gruppo.
Modalità Solo Safe

Pulsante Solo Pro Tools consente inoltre di proteggere l'assolo


di una traccia. In questo modo si impedisce che
Il pulsante Solo imposta il silenziamento di tutte una traccia venga silenziata anche se si imposta
le altre tracce della sessione consentendo di l'assolo di altre tracce. Questa funzione è utile
ascoltare solo la traccia scelta. Generalmente gli per le tracce, ad esempio le tracce di ingresso
assolo sono legati, cioè, quando si premono i Aux, che vengono utilizzate come missaggio
pulsanti Solo l'uno dopo l'altro, i relativi assoli secondario di tracce audio, o di ritorni di effetti,
vengono aggiunti al missaggio di assoli delle in modo che la traccia audio o di effetti rimanga
tracce. È tuttavia possibile "rendere in un missaggio anche quando si imposta
indipendenti" gli assoli, in modo che la l'assolo delle altre tracce. È utile inoltre per
pressione di un pulsante Solo comporti il proteggere l'assolo delle tracce MIDI, in modo
silenziamento di tutte le tracce ad eccezione che la loro riproduzione non sia condizionata
della traccia di cui è stato appena impostato dall'impostazione per l'assolo delle tracce audio.
l'assolo.

Per impostare l'assolo delle tracce:


1 Fare clic sul pulsante Solo di una traccia.
Il pulsante viene evidenziato e tutte le altre
tracce vengono silenziate.

Capitolo 8: Tracce 109


Per proteggere l'assolo di una traccia: Opzione Mute Frees Assigned Voice
■ Tenendo premuto il tasto Comando (Solo nei sistemi TDM)
(Macintosh) o Ctrl (Windows) fare clic sul
pulsante Solo della traccia desiderata. In questo Quando si seleziona Operations > Mute Frees
modo si impedisce che una traccia venga Assigned Voice e viene impostato il
silenziata anche se si imposta l'assolo di altre silenziamento di una traccia, la riproduzione
tracce. Quando la modalità Solo Safe è attiva, il della traccia viene disattivata e il controllo della
pulsante Solo assume un colore trasparente. voce associata passa alla traccia con priorità
superiore, e identica assegnazione di voce,
Per ripristinare il normale funzionamento di una successiva.
traccia di cui è stato protetto l'assolo:
Quando questa opzione è attivata, è possibile
■ Tenendo premuto il tasto Comando che si verifichi un ritardo, di durata variabile da
(Macintosh) o Ctrl (Windows), fare nuovamente uno a più secondi, secondo la potenza di
clic sul pulsante Solo della traccia. elaborazione del sistema, tra il momento in cui
si attiva o disattiva il silenziamento di una
Pulsante Mute traccia e il momento in cui è possibile ascoltare
l'effetto di tale impostazione nella riproduzione.
Il pulsante Mute attiva il silenziamento per la
traccia scelta. È possibile impostare il Per evitare questo ritardo, disattivare l'opzione
silenziamento di più tracce Mute Frees Assigned Voice. Un altro fattore di
contemporaneamente. Se l'opzione Operations ritardo è l'impostazione dell'opzione DAE
> Mute Frees Assigned Voice (solo nei sistemi Playback Buffer Size, ovvero la dimensione del
TDM) è attivata, il silenziamento di una traccia buffer di riproduzione. L'opzione Playback
comporta l'assegnazione della voce associata Buffer Size è impostata nella finestra di dialogo
alla traccia di condivisione voci con priorità Playback Engine. Maggiore è la dimensione
superiore (assegnata alla stessa voce) successiva. scelta per il buffer di riproduzione, maggiore
sarà il tempo del potenziale ritardo tra il
Per attivare il silenziamento di una traccia: momento in cui si fa clic sul pulsante Mute e
l'attivazione effettiva del silenziamento.
■ Fare clic sul pulsante Mute della traccia. La

traccia appare disattivata e silenziata. Quando si imposta il silenziamento di una


traccia con l'opzione Mute Frees Assigned
Per disattivare il silenziamento di una traccia: Voice attivata, la voce associata non viene
■ Fare nuovamente clic sul pulsante Mute. rilasciata per la registrazione QuickPunch.

110 Guida di riferimento di Pro Tools


Per rendere inattive una o più tracce:
Impostazione dello stato 1 Fare clic sul nome della traccia, nella relativa
inattivo delle tracce fila di canali, per selezionarla.
(solo sistemi TDM e Pro Tools LE 6.0)
Per selezionare più tracce, premere il tasto
È possibile rendere inattive le tracce audio, di delle maiuscole e fare clic sulle tracce
ingresso Aux e master fader. Le tracce inattive supplementari.
non utilizzano risorse DSP né voci. Nelle tracce
inattive, i plug-in, le mandate, le voci e 2 Scegliere File > Make Selected Tracks Inactive.
l'automazione sono disattivati. Le tracce
possono essere rese inattive anche
automaticamente, ad esempio mediante Regolazione della larghezza
l'apertura di sessione su un sistema che dispone
delle tracce
di minore potenza DSP del sistema su cui sono
state create. Finestra Mix

Le tracce MIDI non possono essere Il comando Narrow Mix Window consente di
rese inattive. visualizzare tutte le tracce o tutti i canali della
finestra Mix a una larghezza ridotta per
risparmiare spazio su schermo in una sessione di
Pro Tools LE 5.3.x (e anteriori) non grandi dimensioni. (Per informazioni sulla
supportano le tracce inattive. regolazione dell'altezza delle tracce nella finestra
Edit, vedere "Altezza delle tracce" a pagina 219.)
Per impostare lo stato attivo/inattivo
di una traccia:
Per ridurre la larghezza delle tracce nella
■ Tenendo premuti i tasti Comando+Control finestra Mix:
(Macintosh) o i tasti Ctrl+Start (Windows), fare
■ Selezionare Display > Narrow Mix Window.
clic sull'indicatore Track Type nella finestra Mix.

Per visualizzare le tracce con larghezza normale:


Indicatore del tipo di traccia
■ Deselezionare Display > Narrow Mix Window.

Impostazione dello stato attivo e inattivo di una traccia Tracce con codifica a colori
Gli ordini di riproduzione delle tracce inattive La preferenza di visualizzazione Edit Window
sono ombreggiati e i controlli delle tracce sono Color Coding determina le modalità di
visualizzati in grigio. assegnazione dei colori alle forme d'onda e ai
dati MIDI nella finestra Edit. I colori possono
indicare gruppi e assegnazioni di voce per le
tracce audio e canali o dispositivi per le tracce
MIDI.

Capitolo 8: Tracce 111


La codifica a colori delle voci è particolarmente
utile quando si lavora con tracce assegnate alla Raggruppamento delle tracce
stessa voce. Dato che le tracce assegnate alla
In Pro Tools è disponibile una funzione di
stessa voce condividono lo stesso colore, è facile
raggruppamento relativo per il collegamento
identificare e ordinare le regioni in modo che
delle tracce e dei rispettivi controlli. I gruppi
non si sovrappongano o entrino in conflitto con
possono applicati alla finestra Mix o alla finestra
altre regioni di tracce assegnate alla stessa voce.
Edit oppure a entrambe le finestre.

Per configurare la codifica a colori I gruppi sono utili per montare più tracce
della finestra Edit: esattamente nello stesso modo o per missare più
1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic sulla tracce, ad esempio una coppia di tracce stereo o
scheda Display. un missaggio secondario, mantenendole allo
stesso livello di volume relativo.
2 Selezionare una delle opzioni di codifica a
colori seguenti: Pro Tools supporta le funzioni di
raggruppamento seguenti:
None Questa opzione disattiva l'assegnazione
• Fino a 26 gruppi diversi
dei colori alle tracce nella finestra Edit.
• Gruppi annidati, ovvero sottogruppi
Tracks and MIDI Channels Questa opzione all'interno di gruppi
assegna un colore a ogni traccia della finestra
• I fader e i controller raggruppati mantengono
Edit in base alla relativa assegnazione di voce e
i propri livelli in relazione reciproca
di canale MIDI.
Il raggruppamento può influire sui parametri di
Tracks and MIDI Devices Questa opzione
traccia seguenti:
assegna un colore a ogni traccia della finestra
Edit in base alla relativa assegnazione di voce e • Livelli di volume
di dispositivo MIDI. • Assoli
Groups Questa opzione assegna un colore a ogni • Silenziamenti
traccia della finestra Edit in base al relativo ID di • Modalità di automazione
gruppo. Se i gruppi vengono sospesi mediante il
• Livelli di mandata
comando Suspend Groups, tutte le forme
d'onda vengono visualizzate in nero. • Silenziamenti di mandata

3 Fare clic su Done per chiudere la finestra di • Visualizzazione delle tracce


dialogo Preferences. • Altezza delle tracce
• Funzioni di montaggio

112 Guida di riferimento di Pro Tools


Il raggruppamento non influisce sui parametri
Fare clic per
seguenti: Menu a comparsa dei gruppi
selezionare un
• Attivazione della registrazione gruppo
digitandone la
• Pan lettera
Fare clic per Fare clic per
• Pan di mandata selezionare attivare un
gli elementi gruppo
• Assegnazione delle voci
del gruppo
su schermo Fare clic per
• Assegnazione delle uscite
disattivare
• Creazione di istanze di plug-in un gruppo

Fare clic per nascondere


ID di gruppo
Utilizzo dell'elenco dei gruppi Elenco dei gruppi

Elenco dei gruppi


Le funzioni di raggruppamento di Pro Tools
sono ubicate nell'elenco dei gruppi, situato sul Il cerchietto pieno indica che tutti gli elementi
lato sinistro della finestra Mix o Edit. In questa del gruppo sono correntemente selezionati e che
finestra scorrevole vengono visualizzati i nomi altri elementi al di fuori del gruppo non sono
di tutti i gruppi della sessione, oltre al menu a selezionati.
comparsa per l'accesso ai comandi di
raggruppamento. Da questo menu è possibile
selezionare e attivare i gruppi.
Il cerchietto vuoto indica che solo alcuni
Per impostazione predefinita, ogni sessione elementi del gruppo sono correntemente
presenta un gruppo denominato All che include selezionati.
tutte le tracce della sessione. Non è possibile
modificare o eliminare il gruppo All .

A sinistra di ogni nome contenuto nell'elenco Il cerchietto con un punto al centro indica che
dei gruppi è visualizzata una lettera (a - z) che ne sono correntemente selezionati tutti gli
indica l'ID di gruppo e a sinistra di questa appare elementi del gruppo e altri elementi al di fuori
un simbolo che indica se il gruppo è selezionato del gruppo.
nella finestra attiva (Edit o Mix). I simboli
indicano quanto segue:

Capitolo 8: Tracce 113


Il menu a comparsa Show/Hide Groups Suspend All Groups Questo comando consente
consente di visualizzare o nascondere le tracce di rendere temporaneamente inattivi tutti i
di un gruppo oppure di visualizzare soltanto le gruppi attivi.
tracce di un gruppo. Fare clic sul nome del
gruppo e tenere premuto il pulsante del mouse Delete Selected Groups Questo comando
per visualizzare il menu a comparsa, quindi consente di rimuovere un gruppo dall’elenco
selezionare l'opzione Show/Hide. dei gruppi in modo permanente. Prima di
eseguire questa operazione è necessario
selezionare il nome di un gruppo dall’elenco dei
gruppi.

Creazione di un gruppo
Per creare un gruppo:
1 Premere il tasto delle maiuscole e fare clic sui
nomi delle tracce che si desidera includere nel
Elenco dei gruppi
gruppo.
Menu a comparsa dei gruppi
Nel menu a comparsa dei gruppi sono presenti
comandi che consentono di creare, eliminare e
sospendere i gruppi. I comandi disponibili sono:
Selezione delle tracce da raggruppare

2 Scegliere New Group dal menu a comparsa dei


gruppi oppure scegliere File > Group Selected
Tracks.
3 Immettere un nome per il gruppo.

Menu a comparsa dei gruppi

New Group Questo comando consente di creare


un nuovo gruppo. Prima di eseguirlo, è
necessario selezionare due o più tracce o file di
canali su schermo.

Display Questo comando consente di impostare


la visualizzazione dell'elenco dei gruppi su Mix
Groups (gruppi di missaggio) o su Edit Groups Finestra di dialogo New Group
(gruppi di montaggio). Se tutti i gruppi sono 4 Scegliere il tipo di gruppo che si desidera
stati definiti sia nella finestra Edit che nella creare, selezionando l'opzione Edit, Mix o Edit
finestra Mix, l’elenco dei gruppi visualizzato and Mix.
sarà uguale per entrambe le finestre.
5 Scegliere una lettera ID di gruppo (a–z).

6 Fare clic su OK per aggiungere il nuovo gruppo


all’elenco dei gruppi.

114 Guida di riferimento di Pro Tools


Modifica dei gruppi Per eliminare un gruppo:
1 Nell'elenco dei gruppi, selezionare il nome del
Modifica degli elementi di un gruppo
gruppo o dei gruppi che si desidera eliminare.
È possibile aggiungere o rimuovere elementi da 2 Fare clic sul menu a comparsa dei gruppi e
un gruppo in qualsiasi momento. scegliere Delete Selected Groups.

Per modificare gli elementi di un gruppo:


Collegamento dei raggruppamenti di
1 Premere il tasto delle maiuscole e fare clic sui missaggio e di montaggio
nomi delle tracce che si desidera includere nel
gruppo. Tramite l’opzione Link Mix and Edit Group
Enables l’attivazione del gruppo viene condivisa
2 Scegliere File > Group Selected Tracks dal tra le finestre Mix e Edit.
menu a comparsa dei gruppi.
In Pro Tools è possibile creare gruppi bivalenti,
3 Nella finestra di dialogo visualizzata
cioè che siano al tempo stesso gruppi di
selezionare l'ID gruppo che si desidera missaggio e di montaggio. Tuttavia in alcuni
aggiornare. casi è preferibile non collegare l'attivazione dei
4 Fare clic su OK. gruppi Mix e Edit. Ad esempio, quando si
utilizza la finestra Mix per il missaggio, è
Assegnazione di un nuovo nome a un gruppo preferibile utilizzare gruppi annidati di grandi
dimensioni. Nella finestra Edit, invece, è
È possibile rinominare un gruppo in qualsiasi preferibile eseguire operazioni di montaggio
momento. all’interno di un gruppo più piccolo. La
preferenza Link Mix and Edit Group Enables
Per rinominare un gruppo: dovrebbe essere allora disattivata per poter
1 Nell’elenco dei gruppi, fare doppio clic a lavorare con gruppi diversi nelle due finestre.
sinistra del nome del gruppo interessato,
nell’area con i simboli circolari. Per scollegare i gruppi di missaggio
e di montaggio:
2 Nella finestra di dialogo visualizzata,
immettere il nuovo nome per il gruppo. È anche 1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic su

possibile cambiare il tipo di gruppo. Operation.

3 Fare clic su OK. 2 Deselezionare l’opzione "Link Mix and Edit


Group Enables", quindi fare clic su Done.
Eliminazione di un gruppo

I gruppi possono essere eliminati in qualsiasi


momento. Questa operazione, tuttavia, non può
essere annullata in seguito.

Capitolo 8: Tracce 115


Attivazione dei gruppi Selezione dei gruppi dalla tastiera
Le operazioni di montaggio non vengono Mediante il focus dell'elenco dei gruppi,
applicate agli elementi di un gruppo nascosti semplicemente digitando l'ID del gruppo, è
tramite l’elenco Show/Hide delle tracce. Le possibile attivare e disattivare automaticamente
operazioni di missaggio, eccetto l’attivazione il gruppo in questione.
della registrazione per le tracce, vengono ◆ Nella finestra Mix, il focus dell'elenco dei
applicate alle tracce nascoste. gruppi è sempre abilitato.
Pro Tools consente di creare gruppi separati per ◆ Nella finestra Edit, al contrario, il focus

il montaggio e il missaggio. L'apposita opzione dell'elenco dei gruppi deve essere abilitato prima
viene impostata quando si utilizza il comando di poterlo utilizzare.
New Group. È possibile separare i gruppi che si
applicano sia al montaggio che al missaggio. Per attivare e utilizzare il focus dell'elenco
Edit Groups:
Per attivare un gruppo: 1 Fare clic sul pulsante a-z nell'angolo superiore
■ Nell’elenco dei gruppi, fare clic sul nome del destro dell'elenco Edit Groups.
gruppo che si desidera attivare. Il nome del –o–
gruppo viene evidenziato per indicare che è
attivato. Premere i tasti Comando+Opzione+4
(Macintosh) o Ctrl+Alt+4 (Windows).
Per attivare gruppi aggiuntivi, fare clic sui
relativi nomi nell’elenco dei gruppi. Non è
necessario fare clic tenendo premuto il tasto
delle maiuscole per attivare o disattivare più
gruppi.

Lo spostamento del fader di un elemento del


Focus dell'elenco dei gruppi attivato
gruppo provoca lo spostamento relativo di tutti
gli elementi del gruppo. Se un fader appartiene a 2 Digitare la lettera di ID del gruppo (a - z) per
più gruppi e questi entrano in conflitto quando attivare o disattivare automaticamente il gruppo
i fader vengono spostati, il fader segue il gruppo corrispondente.
più in alto o di "livello superiore" a cui
appartiene.

Per disattivare un gruppo:


■ Nell’elenco dei gruppi fare clic sul nome del

gruppo che si desidera disattivare.


L'evidenziazione viene rimossa dal nome del
gruppo per indicare che non è più attivato.

116 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 9: Importazione ed
esportazione dei dati di una sessione

Pro Tools consente l'importazione di una serie


di dati all'interno di una sessione, fra cui i file Importazione di audio
audio e MIDI, i file video, gli ordini di
Le regioni e i file audio possono essere importati
riproduzione delle tracce, le configurazioni di
su tracce nuove oppure nell'elenco delle regioni
I/O e di routing.
audio, da dove sarà poi possibile trascinarli su
◆ Con Pro Tools 5.3.x e versioni anteriori, è tracce esistenti.
possibile importare file audio e MIDI all'interno
di una sessione, oppure trasferire interamente le Nelle sessioni Pro Tools è possibile importare
tracce MIDI o audio, con tutti i loro attributi, da file audio dei seguenti tipi:
un'altra sessione. Vedere anche le sezioni • AIFF
"Importazione di audio" a pagina 117 e
• WAV
"Importazione delle tracce" a pagina 121.
• SD II
◆ Inoltre, se Pro Tools 6.0 viene utilizzato in un
sistema TDM, l'utente avrà la possibilità di • SD I
importare da un'altra sessione qualsiasi • MP3 (con l'acquisto dell'opzione MP3)
combinazione di attributi come, ad esempio, gli
• Sound Resource (AIFL: solo Macintosh)
ordini di riproduzione delle tracce audio e MIDI,
il routing dei segnali, i plug-in e l'automazione. • WMA (Windows Media: solo Windows)
Vedere anche le sezioni "Importazione di audio"
Le regioni e i file supportati possono essere
a pagina 117 e "Importazione delle tracce e dei
ascoltati prima dell'importazione.
loro attributi" a pagina 124.
Se un file audio contiene definizioni di regione,
è possibile convertire e importare solo l'audio di
una regione senza dover importare l'intero file
audio di livello superiore.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 117


I tipi di file non supportati devono essere
convertiti per l'importazione. I file con Pro Tools consente di aggiungere a una
frequenze di campionamento diverse da quella sessione i file con frequenza di
della sessione corrente devono essere convertiti campionamento diversa da quella della
per poter essere riprodotti alla velocità e con la sessione. Nel campo dei commenti della
tonalità giuste. finestra di dialogo Import Audio viene
visualizzato un messaggio di avviso che
specifica che questi file, se non convertiti,
Copia, aggiunta e conversione
saranno riprodotti alla velocità e con la
dell'audio
tonalità sbagliate.
In base alle proprietà dei file audio che si stanno
importando, è possibile aggiungere, copiare o Copy
convertire i file. La finestra di dialogo Import Se è possibile aggiungere un file alla sessione,
Audio visualizza le seguenti opzioni (se sarà disponibile anche l'opzione di copia.
disponibili per il file audio selezionato). Questa opzione consente di creare una copia del
file audio, che viene memorizzata in un cartella
Add scelta dall'utente. Quando viene copiato un file
I file audio con la stessa profondità di bit e lo audio, la sessione crea un riferimento al file
stesso formato possono essere aggiunti copiato nella sua nuova posizione.
direttamente a una sessione. Quando viene
L'opzione Copy consente di spostare l'audio da
aggiunto un file audio, la sessione crea un
un'unità non supportata o rimovibile a un'altra
riferimento al file nella sua posizione originale.
unità audio, oppure di archiviare i file audio di
Utilizzare questa opzione per risparmiare spazio
una sessione in un percorso specifico.
su disco in presenza di file audio la cui
profondità bit e frequenza di campionamento
Convert
sono già uguali a quelle della sessione.
I file audio con profondità di bit o frequenza di
Pro Tools consente di aggiungere a una sessione campionamento diverse oppure di formato non
i file audio che non sono del formato originale compatibile (come i file SD II in Windows)
della sessione. Nei sistemi Macintosh, ad devono essere convertiti prima di poter essere
esempio, è possibile aggiungere file in formato utilizzati in una sessione. Durante la
SDII, AIFF o WAV a qualsiasi sessione e in conversione di un file audio, viene creato un
Windows è possibile aggiungere file in formato nuovo file con profondità di bit, formato e
AIFF o WAV. Tuttavia, le prestazioni delle frequenza di campionamento corretti, che viene
sessioni con formati di file misti saranno ridotte. memorizzato in una cartella scelta dall'utente.
I file audio con profondità di bit diversa da La qualità della conversione della frequenza di
quella della sessione devono essere convertiti campionamento utilizzata da Pro Tools è
prima dell'importazione. determinata dalla preferenza Conversion
Quality. Per informazioni dettagliate, vedere
"Conversion Quality" a pagina 135.

118 Guida di riferimento di Pro Tools


Importazione di file stereo 2 Nella parte superiore della finestra di dialogo
Import Audio, selezionare un file audio per
Quando si utilizza il comando Import Audio to visualizzarne le proprietà e le regioni associate.
Track, i file stereo "interleaved" vengono
automaticamente importati in tracce stereo.

I file audio stereo (dual mono) divisi possono


essere importati automaticamente nelle tracce
stereo. I nomi dei file audio stereo divisi devono
contenere l'identificatore di canale ".L" e ".R" (ad
esempio, nomefile.L e nomefile.R) e i file devono
essere della stessa lunghezza. In Windows o in
modalità di compatibilità Mac/PC, ai nomi di
questi file viene aggiunta un'estensione di 3
lettere dopo l'identificatore di canale ".L" o ".R".

Importazione di file audio


e regioni
Con Pro Tools sono disponibili diverse modalità Figura 8. Finestra di dialogo Import Audio
di importazione dei file audio e delle regioni in
È possibile limitare la visualizzazione a un solo
una sessione aperta. Pro Tools 6.0 consente di
formato di file specifico, ad esempio AIFF,
importare l'audio direttamente da un browser
selezionando quel formato dal menu a
DigiBase. Vedere "Importazione di file Audio da
comparsa Show. Per visualizzare tutti i formati
browser DigiBase mediante la funzione di
di file supportati, selezionare All Documents dal
trascinamento" a pagina 120.
menu a comparsa Show.

Per importare file o regioni audio in una sessione: In Macintosh solo i file Sound Resource con
1 Scegliere File > Import Audio to Track per estensione ".SFIL" possono essere importati
importare file audio e posizionarli con Pro Tools.
automaticamente all'interno di nuove tracce.
3 Per ascoltare una regione o un file prima di
–o– importarli, selezionarli e fare clic sui pulsanti
Play e Stop.
Scegliere Import Audio dal menu a comparsa
dell'elenco delle regioni audio per importare Regolare il volume di riproduzione con il
l'audio nell'elenco delle regioni senza che dispositivo di scorrimento verticale. Per
vengano create automaticamente nuove tracce. spostarsi su una sezione particolare del file,
utilizzare il dispositivo di scorrimento
Per l'importazione di tracce intere da altre
orizzontale vicino ai pulsanti Play e Stop.
sessioni, vedere "Importazione delle tracce" a
pagina 121. Per impostazione predefinita, viene utilizzata
l'uscita di ascolto Channel 1–2; nei sistemi TDM
questa impostazione può essere modificata nelle
finestre di dialogo I/O Setup e Hardware Setup.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 119


4 Per inserire un file o una regione nell'elenco di Se è stato scelto il comando Import Audio
importazione, ubicato nella parte inferiore dall'elenco delle regioni audio, le regioni e i file
destra della finestra di dialogo nei sistemi vengono visualizzati come regioni nell'elenco
Macintosh oppure a destra in Windows, delle regioni audio.
selezionare il file (oppure tenere premuto il tasto
delle maiuscole e fare clic per selezionare più
Importazione di file Audio da
file) quindi fare clic su Add o Convert. È
possibile fare clic su Add All o Convert All anche
browser DigiBase mediante la
per importare tutte le regioni e i file nella
funzione di trascinamento
directory corrente. Solo con Pro Tools 6.0

Nell'elenco di importazione è possibile Pro Tools 6.0 consente di importare file audio
distinguere i file audio dalle regioni tramite le trascinandoli direttamente da un browser
rispettive icone. DigiBase alla finestra di Edit della sessione
corrente.

Icona di file audio Per importare file audio nell'elenco delle


regioni audio:
1 Selezionare i file da un browser DigiBase.
Icona di regione audio
2 Trascinarli sull'elenco delle regioni audio nella
sessione corrente.
Icone di file e di regione nella finestra di
dialogo Import Audio
Per importare file audio all'interno di
5 Per rimuovere un file o una regione dall'elenco una traccia esistente:
di importazione sulla destra, selezionare 1 Selezionare i file da un browser DigiBase.
l'elemento e fare clic su Remove. Per rimuovere
2 Trascinare i file sulla traccia nella finestra di
tutte le regioni o tutti i file, fare clic su Remove
All. Edit della sessione corrente e rilasciarli nel
punto desiderato.
6 Dopo aver aggiunto i file e le regioni audio
all'elenco di importazione, fare clic su Done. Per importare file audio su tracce nuove:
7 Se si stanno copiando o convertendo i file, 1 Selezionare i file da un browser DigiBase.
viene richiesto di scegliere una cartella di
2 Tenendo premuto il tasto delle maiuscole,
destinazione per i nuovi file audio. Scegliere una
trascinare i file in un punto qualsiasi della
cartella in un'unità audio valida per la sessione
finestra di Edit della sessione corrente.
corrente, ad esempio Audio Files.
–o–
Se in precedenza è stato scelto il comando File >
Import Audio to Track, le regioni e i file Trascinare i file in un qualsiasi punto
vengono importati in nuove tracce audio e disponibile nella finestra di Edit della sessione
visualizzati come regioni nell'elenco delle corrente.
regioni audio.

120 Guida di riferimento di Pro Tools


Se il sistema Pro Tools corrente non supporta il
Per informazioni più dettagliate missaggio surround, le tracce surround non
sull'importazione di file mediante DigiBase, vengono visualizzate nella finestra di dialogo
vedere la guida DigiBase. Import Tracks.

4 Selezionare le tracce da importare. Per


selezionare più file contigui, fare clic tenendo
Importazione delle tracce premuto il tasto delle maiuscole. Per selezionare
Pro Tools 5.3.x e versioni anteriori più file non contigui, fare clic tenendo premuto
il tasto Comando (Macintosh) o Alt (Windows).
Utilizzando il comando Import Tracks, è
possibile importare le tracce da una sessione 5 Scegliere l'opzione di associazione di timecode
Pro Tools alla sessione corrente. Nei Macintosh è per i file audio importati.
possibile importare le tracce da sessioni
6 Se le frequenze di campionamento delle
Pro Tools 3.2 e versioni successive. In Windows
sessioni sono diverse, scegliere la frequenza di
è possibile importare le tracce da sessioni
campionamento per la sessione sorgente.
Pro Tools 4.2.5 e versioni successive.
7 Quando possibile, scegliere fra le opzioni di
È possibile importare tracce audio, tracce MIDI, importazione disponibili nei menu a comparsa
tracce di ingresso Aux e tracce master fader. Audio Media Options e Video Media Options.
Durante l'importazione, l'utente può convertire
i file nel formato file della sessione corrente e 8 Per importare le tracce del tempo musicale e
modificarne la profondità di bit e la frequenza di del tempo metrico dalla sessione sorgente,
campionamento. selezionare l'opzione Import Tempo/Meter Map.

9 Al termine, fare clic su OK.


La finestra Import Tracks consente inoltre di
impostare le opzioni di posizionamento del 10 Se si è scelto di copiare o consolidare i
timecode, le opzioni di conversione della supporti, scegliere un percorso di
frequenza di campionamento e le opzioni di memorizzazione per i file multimediali.
conversione multimediale di audio e video.
Le tracce importate vengono rese inattive se
Per importare le tracce: il relativo supporto sorgente non è
disponibile, o se la sessione corrente non
1 Aprire una sessione esistente o crearne una
contiene un percorso di uscita equivalente.
nuova.

2 Scegliere File > Import Tracks.

3 Individuare e selezionare la sessione dalla


quale importare le tracce e fare clic su Open.
Nella finestra di dialogo Import Tracks vengono
visualizzate le tracce disponibili per
l'importazione.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 121


Finestra di dialogo Import Tracks Timecode Mapping Options
Pro Tools 5.3.x e versioni anteriori Le opzioni Time Code Mapping consentono di
specificare il punto in cui posizionare le tracce
Nella finestra di dialogo Import Tracks è
importate nella sessione corrente. Le
possibile visualizzare le proprietà della sessione
informazioni di tempo sono espresse in
sorgente, selezionare le tracce da importare e
timecode per i sistemi TDM e in minuti:secondi
configurare le impostazioni che regolano la
per i sistemi Pro Tools LE.
modalità di importazione delle tracce nella
sessione corrente. Maintain Absolute Timecode Values Questa
opzione consente di posizionare le tracce nella
stessa ubicazione in cui erano nella sessione
sorgente. Ciò significa che, se la sessione
corrente inizia alle 00:01:00:00 e la sessione
dalla quale si sta importando inizia alle
10:00:00:00, le tracce importate nella sessione
verranno visualizzate, al più presto, 9 ore e 59
minuti dopo l'inizio della sessione.

Maintain Relative Timecode Values Questa


opzione consente di posizionare le tracce allo
stesso valore di offset dall'inizio della sessione
sul quale erano posizionate nella sessione
Finestra di dialogo Import Tracks
sorgente. Ad esempio, si supponga che l'inizio di
Source Properties una sessione sorgente sia impostato su
01:00:00:00 e che questa contenga una traccia
Nella finestra di dialogo Import Tracks vengono che inizia alle 01:01:00:00; se la sessione
visualizzate le proprietà della sessione sorgente. corrente inizia alle 02:00:00:00, la traccia sarà
Tali proprietà includono il nome, il formato, posizionata alle 02:01:00:00.
l'ora di inizio, la profondità bit audio e la
frequenza di campionamento della sessione Map Start Timecode to hh:mm:ss:ff Questa
sorgente. Nelle sessioni di Pro Tools 5.1 e opzione consente di posizionare le tracce in
versioni successive vengono visualizzati anche il relazione all'ora d'inizio della sessione originale.
programma con cui è stata creata la sessione e il Ciò significa che, se la sessione corrente inizia
formato del file audio della sessione. alle 00:01:00:00 e la sessione dalla quale si
stanno importando le tracce inizia alle
Source Tracks 10:00:00:00, è possibile impostare il timecode di
inizio alle 00:01:00:00 per evitare di posizionare
In quest'area della finestra di dialogo è possibile i file a 9 ore e 59 minuti dall'inizio della sessione.
selezionare le tracce sorgente da importare. Per
selezionare più tracce contigue, fare clic su
ciascuna traccia tenendo premuto il tasto delle
maiuscole. Per selezionare più file non contigui,
fare clic su ciascun file tenendo premuto il tasto
Comando (Macintosh) o Alt (Windows).

122 Guida di riferimento di Pro Tools


Sample Rate Conversion (SRC) Options che richiedono la modifica della profondità di
bit o la conversione, verranno invece copiati.
È possibile impostare le opzioni che regolano la Grazie a questa opzione, è possibile fare
conversione della frequenza di campionamento riferimento anche ai file di formato diverso da
nei file audio importati. Se la sessione sorgente e quello dei file della sessione corrente.
la sessione corrente hanno la stessa frequenza di
campionamento, quest'area della finestra di Copy from Source Media Questa opzione
dialogo risulta disattivata. consente di copiare da una sorgente a una
nuova posizione tutti i file collegati alle tracce
Source Sample Rate Con file audio creati in una importate convertendo, quando necessario, il
sessione qualsiasi, indipendentemente dalla formato, la profondità di bit e la frequenza di
frequenza di campionamento della sessione, è campionamento in modo che risultino uguali a
possibile che durante il processo di conversione quelli dei file della sessione corrente. È utile se si
della frequenza di campionamento i file importano tracce da una sorgente quale un CD
vengano elaborati in modo diverso per ROM o una memoria condivisa e si desidera
compensare le frequenze di frame pull-up, pull- posizionare i file audio in un disco rigido
down e NTSC o PAL. Questa impostazione diverso.
consente di scegliere la frequenza di
campionamento dalla quale si desidera iniziare Consolidate from Source Media Questa opzione
il processo di conversione. offre la possibilità di consolidare l'audio durante
la copiatura ed è utile se si desidera copiare solo
Destination Sample Rate La frequenza di le regioni dei file audio effettivamente utilizzate
campionamento di destinazione è sempre nelle tracce sorgente; inoltre questa opzione
impostata sulla frequenza di campionamento consente di copiare l'audio consolidato
della sessione corrente. convertendo, quando necessario, il formato, la
Conversion Quality Questa opzione consente di profondità di bit e la frequenza di
impostare la qualità del processo di conversione campionamento in modo che risultino uguali a
della frequenza di campionamento. Vedere quelli dei file audio della sessione corrente.
"Conversion Quality" a pagina 135. Grazie a questa opzione è anche possibile
scegliere la quantità di handle (in millisecondi)
Audio Media Options da applicare all'audio consolidato; per handle si
intende la porzione del file audio originale che
Format for New Audio viene conservata prima e dopo ogni regione nel
caso si renda necessario apportare modifiche
Scegliere il formato dei nuovi file multimediali
tra SDII, WAV o AIFF. alle nuove regioni.

Force Audio Media to New Format Questa


Opzioni di importazione
opzione consente di convertire tutti i file audio
Refer to Source Media (dove possibile) importati nel formato del file audio selezionato.
Questa opzione consente, quando possibile, di
far riferimento ai file originali in modo da
evitare la duplicazione dei file audio. I file
sorgente che non risiedono in un mezzo
supportato, ad esempio un CD-ROM, oppure

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 123


Video Media Options impostazioni di missaggio di tutte le tracce di
una sessione o di un modello di sessione, è
È possibile scegliere di lasciare i file multimediali possibile riutilizzare un intero missaggio
video nella loro posizione originale oppure di Pro Tools su tutte le sessioni di un progetto.
copiarli in una nuova posizione. Questa opzione
è utile se si importano tracce da una sorgente
Per importare le tracce o i loro attributi:
quale un CD ROM o una memoria condivisa e si
desidera posizionare i file video in una unità 1 Aprire una sessione esistente o crearne una
diversa. nuova.

2 Scegliere File > Import Session Data,


Import Tempo/Meter Map selezionare la sessione da cui importare i dati e
fare clic su Open.
Selezionare questa opzione per importare le
tracce del tempo musicale e del tempo metrico –o–
dalla sessione sorgente.
Trascinare il file di sessione contenente gli
attributi o le tracce che si desidera importare dal
browser DigiBase all'area dell'ordine di
Importazione delle tracce e riproduzione delle tracce nella finestra di Edit
dei loro attributi della sessione corrente.

Solo con Pro Tools 6.0 Per informazioni dettagliate


sull'importazione di file mediante DigiBase,
Mediante il comando Import Session Data, è
vedere la guida DigiBase.
possibile importare le tracce da una sessione
Pro Tools alla sessione Pro Tools corrente. I 3 Per selezionare le tracce da importare, fare clic
sistemi TDM consentono di specificare quali sui relativi nomi nell'elenco Source Tracks; se il
attributi delle tracce si desidera importare. sistema Pro Tools utilizzato non supporta il
missaggio surround, le tracce surround non
Nei sistemi TDM, oltre a importare tracce intere
vengono visualizzate nell'elenco Source Tracks.
con tutte le impostazioni a loro associate, è
Per selezionare più tracce contigue, premere il
anche possibile scegliere di importare solo
tasto delle maiuscole e fare clic sui rispettivi
l'audio della traccia nel mixer Pro Tools. Questa
nomi; se le tracce non sono contigue, fare clic
operazione è simile alla sostituzione della
sui nomi tenendo premuto il tasto Comando
bobina del nastro in uno studio tradizionale
(Macintosh) o Alt (Windows).
fornito di dispositivo a nastro e console di
missaggio. 4 Nei sistemi TDM, è possibile scegliere se si
desidera importare la traccia selezionata come
È anche possibile importare tutte le
nuova oppure utilizzare come destinazione una
impostazioni di missaggio di una traccia senza
traccia esistente nel relativo menu a comparsa.
l'audio, il che equivale, praticamente, a
Per fare in modo che il sistema crei
importare una fila di canali da utilizzare su una
automaticamente una corrispondenza fra le
traccia della sessione corrente. Importando le
tracce di origine e di destinazione denominate
allo stesso modo, fare clic su Find Matching
Tracks.

124 Guida di riferimento di Pro Tools


5 Nei sistemi TDM, selezionare una delle Finestra di dialogo Import
opzioni Track Playlist per stabilire la modalità di Session Data
importazione delle tracce sorgente.
Solo con Pro Tools 6.0
6 Quando possibile, scegliere fra le opzioni di
Nella finestra di dialogo Import Session Data è
importazione disponibili nei menu a comparsa
possibile visualizzare le proprietà della sessione
Audio Media Options e Video Media Options.
sorgente, selezionare le tracce da importare e,
7 Scegliere l'opzione di associazione di timecode nei sistemi TDM, scegliere gli attributi delle
(Time Code Mapping) per i dati importati. tracce che si desidera importare nella sessione
corrente.
8 Nel caso di sessioni con frequenze di
campionamento diverse, scegliere la frequenza
della sessione sorgente dal menu a comparsa
Source Sample Rate.

9 Per importare le mappe del tempo musicale e


del tempo metrico dalla sessione sorgente,
selezionare l'opzione Import Tempo/Meter Map.

10 Nei sistemi TDM, selezionare l'opzione


Import Mic Pre Settings per importare le
eventuali preimpostazioni di microfono della
sessione sorgente.

11 Al termine, fare clic su OK.

12 Se si è scelto di copiare o consolidare i


supporti, scegliere un percorso di
memorizzazione per i file multimediali.

Le tracce importate vengono rese inattive se Finestra di dialogo Import Session Data
il relativo supporto sorgente non è (Pro Tools TDM 6.0)
disponibile, o se la sessione corrente non
contiene un percorso di uscita equivalente.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 125


Copy from Source Media Questa opzione
consente di copiare da una sorgente a una
nuova posizione tutti i file collegati alle tracce
importate convertendo, quando necessario, il
formato, la profondità di bit e la frequenza di
campionamento in modo che risultino uguali a
quelli dei file della sessione corrente. È utile se si
importano tracce da una sorgente quale un CD
ROM o una memoria condivisa e si desidera
posizionare i file audio in un disco rigido
diverso.

Consolidate from Source Media Questa opzione


offre la possibilità di consolidare l'audio durante
la copiatura ed è utile se si desidera copiare solo
Finestra di dialogo Import Session Data
le regioni dei file audio effettivamente utilizzate
(Pro Tools LE 6.0)
nelle tracce sorgente; inoltre, questa opzione
Source Properties consente di copiare l'audio consolidato
convertendo, quando necessario, il formato, la
Nella finestra di dialogo Import Session Data profondità di bit e la frequenza di
vengono visualizzate le proprietà della sessione campionamento in modo che risultino uguali a
sorgente. Tali proprietà includono il nome, il quelli dei file audio della sessione corrente.
formato, l'ora di inizio, la profondità bit audio e
la frequenza di campionamento della sessione Grazie a questa opzione è anche possibile
sorgente. Nelle sessioni di Pro Tools 5.1 e scegliere la quantità di handle (in millisecondi)
versioni successive vengono visualizzati anche il da applicare all'audio consolidato; per handle si
programma con cui è stata creata la sessione e il intende la porzione del file audio originale che
formato del file audio della sessione. viene conservata prima e dopo ogni regione nel
caso si renda necessario apportare modifiche
Audio Media Options alle nuove regioni.

Refer to Source Media (dove possibile) Questa Convert Audio Media to New Session Format
opzione consente, quando possibile, di far
Questa opzione consente di copiare e convertire
riferimento ai file originali in modo da evitare la
i file con formato, profondità di bit e frequenza
duplicazione dei file audio. I file sorgente che
di campionamento diversi da quelli della
non risiedono in un mezzo supportato, ad
sessione corrente. Al contrario, per i file con
esempio un CD-ROM, oppure che richiedono la
formato, profondità di bit e frequenza di
modifica della profondità di bit o la
campionamento uguali a quelli della sessione
conversione, verranno invece copiati. Grazie a
corrente, verrà creato un riferimento diretto.
questa opzione, è possibile fare riferimento
anche ai file di formato diverso da quello dei file
della sessione corrente.

126 Guida di riferimento di Pro Tools


Video Media Options stanno importando le tracce inizia alle
10:00:00:00, è possibile impostare il timecode di
È possibile scegliere di lasciare i file multimediali inizio alle 00:01:00:00 per evitare di posizionare
video nella loro posizione originale oppure di i file a 9 ore e 59 minuti dall'inizio della sessione.
copiarli in una nuova posizione. Questa opzione
è utile se si importano tracce da una sorgente
Opzioni Track Offset
quale un CD ROM o una memoria condivisa e si
desidera posizionare i file video in una unità È possibile specificare un offset di traccia oltre
diversa. agli offset eventualmente già specificati dalle
opzioni Time Code Mapping, in modo che per
Timecode Mapping Options l'audio importato venga creato l'offset
desiderato nella timeline della sessione corrente.
È possibile specificare in quale punto della I valori possono essere immessi in
sessione corrente devono essere posizionate le Minutes:Seconds, Bars|Beats, Samples, Time
tracce importate. Le informazioni di tempo Code o Feet/Frames.
sono espresse in timecode per i sistemi TDM e in
minuti:secondi per i sistemi Pro Tools LE.
Sample Rate Conversion (SRC) Options
Maintain Absolute Timecode Values Questa
È possibile impostare le opzioni che regolano la
opzione consente di posizionare le tracce nella
conversione della frequenza di campionamento
stessa ubicazione in cui erano nella sessione
nei file audio importati. Se la sessione sorgente e
sorgente. Ciò significa che, se la sessione
la sessione corrente hanno la stessa frequenza di
corrente inizia alle 00:01:00:00 e la sessione
campionamento, quest'area della finestra di
dalla quale si sta importando inizia alle
dialogo risulta disattivata.
10:00:00:00, le tracce importate nella sessione
verranno visualizzate, al più presto, 9 ore e 59 Source Sample Rate Con file audio creati in una
minuti dopo l'inizio della sessione. sessione qualsiasi, indipendentemente dalla
frequenza di campionamento della sessione, è
Maintain Relative Timecode Values Questa
possibile che durante il processo di conversione
opzione consente di posizionare le tracce allo
della frequenza di campionamento i file
stesso valore di offset dall'inizio della sessione
vengano elaborati in modo diverso per
sul quale erano posizionate nella sessione
compensare le frequenze di frame pull-up, pull-
sorgente. Ad esempio, si supponga che l'inizio di
down e NTSC o PAL. Questa impostazione
una sessione sorgente sia impostato su
consente di scegliere la frequenza di
01:00:00:00 e che questa contenga una traccia
campionamento dalla quale si desidera iniziare
che inizia alle 01:01:00:00; se la sessione
il processo di conversione.
corrente inizia alle 02:00:00:00, la traccia sarà
posizionata alle 02:01:00:00. Destination Sample Rate La frequenza di
campionamento di destinazione è sempre
Map Start Timecode to hh:mm:ss:ff Questa
impostata sulla frequenza di campionamento
opzione consente di posizionare le tracce in
della sessione corrente.
relazione all'ora d'inizio della sessione originale.
Ciò significa che, se la sessione corrente inizia
alle 00:01:00:00 e la sessione dalla quale si

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 127


Conversion Quality Questa opzione consente di Find Matching Tracks
impostare la qualità del processo di conversione
(Solo sistemi TDM)
della frequenza di campionamento. Vedere
"Conversion Quality" a pagina 135. Se si stanno importando ordini di riproduzione
da tracce sorgente di nome uguale a quello delle
Source Tracks tracce di destinazione, fare clic su Find
Matching Tracks per creare automaticamente
In quest'area della finestra di dialogo vengono una corrispondenza fra le tracce in questione.
elencate le tracce che possono essere importate Perché possa essere eseguita questa
dalla sessione sorgente, ognuna con il proprio corrispondenza automatica, le tracce devono
menu a comparsa. essere dello stesso tipo e avere lo stesso nome e
lo stesso formato canale.
Menu a comparsa
Operation/Destination Track Finestra di dialogo Session
Per ogni traccia sorgente esiste un menu a Data to Import
comparsa nel quale sono elencate le opzioni (Solo sistemi TDM)
disponibili per l'importazione e, nei sistemi
TDM, le possibili tracce di destinazione nella Il menu Session Data to Import consente di
sessione corrente. I menu a comparsa scegliere quali attributi delle tracce selezionate si
contengono i seguenti elementi: desidera importare nella sessione corrente.

Do Not Import Non verranno importati né la


traccia né i suoi attributi.

Import as New Track La traccia sorgente e tutti


gli attributi selezionati nel menu Session Data to
Import verranno importati in una nuova traccia
della sessione corrente.

(Nomi delle tracce di destinazione) Nei sistemi


TDM, nella parte inferiore del menu a comparsa,
vengono elencati anche i nomi delle tracce di
destinazione possibili nella sessione corrente.
Gli ordini di riproduzione importati e tutti gli
attributi selezionati in Session Data to Import
verranno posti nella traccia di destinazione
scelta. Opzioni Session Data nella finestra di dialogo
Import Session Data
Nel menu a comparsa vengono visualizzate solo Gli attributi selezionati verranno applicati a
le tracce di destinazione di tipo (audio, MIDI, tutte le tracce che si deciderà di importare nella
Auxiliary Input o Master Fader) e formato canale sessione corrente.
(mono, stereo o altri formati multicanale
supportati) corrispondenti a quelli della traccia
sorgente.

128 Guida di riferimento di Pro Tools


Replacing Track Attributes Regions and Media Consente di importare tutti i
file audio e le regioni della traccia sorgente e li
Gli attributi importati da una traccia sorgente a
posiziona nell'elenco delle regioni audio (Audio
una traccia già esistente nella sessione vanno a
Regions List).
sostituire i valori specificati per quegli attributi
nella traccia di destinazione. Se si sceglie di non Volume Automation and Setting Consente di
importare un attributo dalla traccia sorgente, importare l'impostazione Volume Fader e gli
verrà mantenuto l'attributo della traccia di eventuali dati di automazione presenti
destinazione. nell'ordine di riproduzione Volume Automation
della traccia sorgente. L'impostazione Volume
Replacing Track Path Names Fader e i dati di automazione del volume già
presenti nella traccia di destinazione verranno
Quando si importano le assegnazioni di ingresso
in questo modo sostituiti.
e di uscita oppure le assegnazioni di uscita delle
mandate e degli insert hardware, gli eventuali Pan Automation and Setting Consente di
nomi di percorso personalizzati e le importare l'impostazione Pan Slider e gli
configurazioni di I/O della sessione sorgente eventuali dati di automazione dell'ordine di
non vengono importati. Per importare i nomi riproduzione Pan Automation della traccia
dei percorsi e le configurazioni I/O è necessario sorgente, che andranno a sostituire le relative
importare le impostazioni di I/O. Per ulteriori impostazioni nella traccia di destinazione.
informazioni, vedere "File di impostazioni di
I/O" a pagina 86. Mute Automation and Setting Consente di
importare l'impostazione Mute e gli eventuali
Selezione degli attributi di traccia da importare dati di automazione presenti nell'ordine di
riproduzione Mute Automation della traccia
È possibile selezionare All (tutti), None
sorgente, che andranno a sostituire le relative
(nessuno) oppure qualsiasi combinazione degli
impostazioni nella traccia di destinazione.
attributi visualizzati. I seguenti attributi
possono essere importati: Main Output Assignments Consente di
importare le assegnazioni di uscite canale della
All Consente di importare tutti gli ordini di
traccia sorgente, comprese le eventuali
riproduzione della traccia sorgente (in base
assegnazioni di più uscite. In questo modo, tutte
all'impostazione dell'opzione Track Playlist) e
le assegnazioni di uscite canale della traccia di
tutti gli attributi presenti nell'elenco Session
destinazione verranno sostituite.
Data to Import.
Send Output Assignments Consente di
None Consente di importare solo l'ordine di
importare le assegnazioni di uscita delle
riproduzione principale (in base
mandate della traccia sorgente che andranno a
all'impostazione dell'opzione Track Playlist) e
sostituirsi ai relativi valori eventualmente
nessun altro attributo della traccia sorgente.
presenti nella traccia di destinazione.
Alternate Playlists Consente di importare solo
gli ordini di riproduzione alternativi,
visualizzati nel relativo menu a comparsa della
traccia di destinazione.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 129


Plug-In Assignments Consente di importare le Track Active State Consente di importare lo
assegnazioni dei plug-in dalla traccia sorgente. stato attivo/inattivo della traccia sorgente dalla
Tutti i plug-in presenti nella traccia di relativa sessione.
destinazione vengono rimossi e le impostazioni
e automazioni associate verranno persi. Track Comments Consente di importare i
commenti associati alla traccia sorgente che
I plug-in della traccia sorgente eventualmente andranno a sostituirsi agli eventuali commenti
non disponibili nel sistema di destinazione già presenti nella traccia di destinazione.
vengono comunque visualizzati nella traccia di
destinazione e resi inattivi. Impostazioni Record Safe/Solo Safe Consente di
importare le impostazioni Record Safe e Solo
Plug-In Settings and Automation Durante Safe della traccia sorgente che andranno a
l'importazione delle assegnazioni dei plug-in sostituirsi alle relative impostazioni
dalla traccia sorgente, questa opzione consente eventualmente già presenti nella traccia di
di importare le impostazioni dei plug-in e tutti destinazione.
gli eventuali dati di automazione ad essi
associati. Se non viene eseguita l'importazione Track View Settings Consente di importare la
dei plug-in, questa opzione non avrà alcun vista di altezza e dell'ordine di riproduzione
effetto. della traccia sorgente dalla relativa sessione.

Hardware Insert Assignments Consente di Track Playlist Options


importare le assegnazioni di insert hardware
(Solo sistemi TDM)
della traccia sorgente, che andranno a sostituire
quelle eventualmente già presenti nella traccia Le seguenti opzioni consentono di decidere la
di destinazione. modalità di importazione dell'ordine di
riproduzione principale delle tracce sorgente
Voice Assignments Consente di importare
nella traccia di destinazione.
l'assegnazione di voce della traccia sorgente
dalla sessione. In questo modo, tutte le
Import Main Playlists - Replacing destination
assegnazioni di voce eventualmente già presenti
main playlists
nella traccia di destinazione verranno sostituite.
Consente di importare l'ordine di riproduzione
Input Assignments Consente di importare le principale dalla traccia sorgente in una traccia
assegnazioni di ingresso di canale della traccia esistente, in modo che questo vada a sostituirsi
sorgente, che andranno a sostituire quelle già all'ordine di riproduzione principale della
presenti nella traccia di destinazione . traccia di destinazione.

Sidechain Assignments Durante l'importazione ◆ La selezione di questa opzione e

delle assegnazioni dei plug-in della traccia l'importazione di tutti gli attributi della traccia
sorgente, questa opzione consente di importare sorgente equivale a importare l'intera traccia.
anche tutte le assegnazioni sidechain associate ◆ Se, al contrario, si seleziona questa opzione
ai plug-in. Se non viene eseguita l'importazione senza importare nessuno degli attributi della
dei plug-in, questa opzione non avrà alcun traccia sorgente, vengono sostituiti gli ordini di
effetto. riproduzione audio ma verranno mantenute le
impostazioni di missaggio correnti.

130 Guida di riferimento di Pro Tools


Import Main Playlists - Overlaying new with Import Mic Pre Settings
existing, trimming existing regions
(Solo sistemi TDM)
Consente di importare l'ordine di riproduzione
Consente di importare le impostazioni del
principale dalla traccia sorgente in una traccia
preamplificatore di microfono Pro Tools dalla
esistente. Con questa opzione, tutti i dati relativi
sessione sorgente, che andranno a sostituirsi ai
all'ordine di riproduzione già esistente che
valori eventualmente presenti nella sessione di
dovessero sovrapporsi ai dati importati dalla
destinazione.
traccia sorgente verranno sottoposti a trimming
e sostituiti con i dati importati. I dati che invece
non si sovrappongono rimarranno nella traccia
di destinazione. Caricamento dei file audio
mediante la funzione
Do Not Import Main Playlists - Leaving
destination playlists intact
di trascinamento
Pro Tools offre un metodo conveniente per il
L'ordine di riproduzione principale della traccia
caricamento in modalità batch dei file audio in
sorgente non viene importato. Nelle tracce
una sessione aperta.
selezionate vengono importati soltanto gli
attributi selezionati nell'elenco Session Data to
Per caricare in batch i file audio in una sessione:
Import senza l'audio.
1 Aprire una sessione esistente o crearne una
◆ La selezione di questa opzione e
l'importazione di tutti gli attributi della traccia nuova.
sorgente (ingresso, uscita e plug-in) equivale a 2 Sul desktop, individuare i file audio che si
importare una fila di canali. desidera importare. Assicurarsi che i file
corrispondano al formato file, alla profondità
Import Tempo/Meter Map bit e alla frequenza di campionamento della
sessione.
Consente l'importazione delle mappe di tempo
metrico e di tempo musicale dalla sessione I file audio devono essere in formato WAVE,
sorgente, così come queste appaiono nei righelli SDII o AIFF/AIFC per poter essere trascinati in
Tempo e Meter Conductor. Tutti gli eventi di Pro Tools.
tempo metrico e musicale già presenti nella
sessione di destinazione verranno sostituiti. I file audio con profondità bit e numero di
canali non corretti verranno convertiti. In caso
di conversione, verranno convertiti in file mono
con il formato di file audio predefinito e la
profondità bit e la frequenza di campionamento
della sessione.

3 Trascinare i file audio sull'icona o su alias di


Pro Tools.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 131


Esportazione di audio
In Pro Tools è possibile utilizzare tre modalità di
esportazione: l'esportazione delle regioni come
file audio, l'esportazione di file audio sinistro e
destro come file stereo interleaved e
l'esportazione delle definizioni delle regioni.

È possibile esportare l'audio da Pro Tools anche


eseguendo il bouncing o consolidando le tracce
audio. Per ulteriori informazioni vedere "Bounce
to Disk" a pagina 524.

Esportazione di una regione come


nuovo file audio
È possibile esportare le regioni come file audio
con il comando Export Selected As Files.
Utilizzare questo comando se si prevede di usare
una regione in altre sessioni o applicazioni
audio, senza utilizzare il relativo file sorgente di
livello superiore. Finestra di dialogo Export Selected

Questo comando offre inoltre un modo per 3 Nella finestra di dialogo Export Selected,
convertire le regioni in un formato audio, una impostare il tipo di file, il formato, la risoluzione
frequenza di campionamento o una profondità bit e la frequenza di campionamento. Inoltre,
bit diversi. specificare la qualità di conversione desiderata e
scegliere la directory di destinazione.
Per esportare le regioni come nuovi file audio: 4 Selezionare un'opzione per la modalità di
1 Nell'elenco delle regioni audio, selezionare le risoluzione della duplicazione dei nomi di file.
regioni che si desidera esportare. Se si seleziona l'opzione Prompting for Each
Duplicate, verrà richiesto un nuovo nome per i
2 Dal menu a comparsa dell'elenco delle regioni
file che hanno lo stesso nome dei file già
audio, scegliere Export Selected As Files. Viene
presenti nella directory di destinazione.
visualizzata la finestra di dialogo Export
Selected. L'opzione Auto Renaming consente di
modificare automaticamente il nome di
qualsiasi duplicato di file mediante l'aggiunta di
un numero alla fine, ad esempio file-01.
L'opzione Replacing with New Files consente di
sostituire i file che hanno lo stesso nome con i
nuovi file.

132 Guida di riferimento di Pro Tools


5 Dopo aver configurato le opzioni di Per esportare le regioni come
esportazione, fare clic su Export per esportare i file stereo interleaved:
nuovi file audio. 1 Selezionare una regione audio stereo
dall'elenco delle regioni audio o nell'ordine di
Quando si esporta la selezione (Export
riproduzione della traccia. Se le regioni sono
Selected) oppure si salva una copia della
visualizzate su tracce mono della sessione,
sessione (Save Session Copy In) con una
selezionare le due regioni mono.
velocità bit inferiore, potrebbero essere
applicati il dither e la riduzione del rumore. 2 Dal menu a comparsa dell'elenco delle regioni
Osservare la tabella seguente. audio, scegliere Export Selected As Files.

3 Nella finestra di dialogo Export Selected,


Il dither e la riduzione del rumore vengono applicati nel
selezionare Interleaved dal menu a comparsa
modo seguente:
Format.
Conversione velocità bit Export Selected
4 Configurare opportunamente gli altri
Da 24 bit a 16 bit (dither e Sì parametri di uscita, quindi fare clic su Export per
riduzione del rumore)
esportare il nuovo file stereo interleaved.
Da 24 bit a 8 bit Sì
(solo dither)
Esportazione delle definizioni
Da 16 bit a 8 bit Sì delle regioni
(solo dither)
In Pro Tools è possibile memorizzare le
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del definizioni di regione per i file audio in ogni
dithering insieme alle funzioni di salvataggio, sessione. Se si desidera utilizzare le regioni di un
vedere Vedere "Dither" a pagina 467. file audio in un'altra sessione o con un'altra
applicazione che le supporti, è possibile
Esportazione dei file stereo interleaved esportare le informazioni sulle regioni.

È possibile utilizzare il comando Export Selected A differenza di quanto avviene con il comando
As Files per esportare regioni audio in file stereo Export Selected As Files, con il comando Export
interleaved in modo da utilizzarle in altre Region Definitions non viene eseguita
applicazioni (le sessioni Pro Tools non l'esportazione delle regioni come file audio,
supportano i file stereo interleaved). Affinché bensì la memorizzazione dei puntatori che
ciò funzioni, le regioni selezionate devono avere indicano le regioni all'interno del file sorgente
nomi identici con i suffissi ".L" e ".R", ad di livello superiore.
esempio, vocals-01.L e vocals-01.R. Queste
regioni vengono visualizzate come regioni
stereo nell'elenco delle regioni audio.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 133


Per esportare le definizioni delle regioni Per importare una traccia audio di un CD
di un file audio: (Mac OS X):
1 Nell'elenco delle regioni audio, selezionare 1 Inserire il CD audio nell'unità CD-ROM.
tutte le regioni di cui si desidera esportare la
2 Scegliere Movie > Import Audio From Other
definizione. Non è necessario selezionare la
Movie.
regione audio del file di livello superiore.
3 Individuare e selezionare la traccia audio da
2 Scegliere Export Region Definitions dal menu
importare, quindi fare clic su Open.
a comparsa dell'elenco delle regioni audio.
4 Fare clic su OK nella finestra Track Import.
3 Fare clic su Export.
5 Posizionarsi su una destinazione e fare clic su
Choose.

Trasferimento di audio da CD Pro Tools converte il formato, la profondità di


(Solo Macintosh) bit e la frequenza di campionamento della
traccia audio del CD in modo che risultino
Pro Tools consente di trasferire le tracce audio uguali a quelli del file audio della sessione,
da un CD audio con il comando Import Audio quindi procedere a salvare la traccia sul disco
From Other Movie. Poiché il trasferimento viene rigido.
eseguito in ambiente digitale, non vi è perdita di
segnale. Il file audio importato viene visualizzato
nell'elenco delle regioni audio, da dove sarà
La frequenza di campionamento dei CD audio è possibile trascinare la regione su una traccia
di 44,1 kHz. Di conseguenza, se la frequenza di della sessione corrente.
campionamento della sessione è impostata su
48 kHz o su un valore superiore, la frequenza di Per importare una traccia audio di un CD
campionamento dell'audio importato viene (Mac OS 9):
convertita. Prima di importare l'audio del CD,
1 Inserire il CD audio nell'unità CD-ROM.
impostare in modo adeguato la preferenza
Conversion Quality. Per informazioni 2 Scegliere Movie > Import Audio From Other
dettagliate vedere la sezione "Conversion Movie.
Quality" a pagina 135.
3 Individuare e selezionare la traccia audio da

Una traccia audio importata da CD viene importare, quindi fare clic su Convert.
dapprima importata come filmato QuickTime. Il 4 Nella finestra di dialogo Save, fare clic su
filmato importato viene successivamente Options.
convertito in file audio nel formato di file della
sessione. Prima di importare l'audio del CD,
assicurarsi che il disco rigido disponga di spazio
sufficiente per il filmato importato e per i file
audio convertiti.

134 Guida di riferimento di Pro Tools


5 Nella finestra di dialogo Options, selezionare Il file audio importato viene visualizzato
la frequenza di campionamento, la profondità nell'elenco delle regioni audio da dove sarà
di bit e il formato stereo dell'audio importato. possibile trascinare le regioni su una traccia
della sessione corrente.

Conversion Quality
La preferenza Conversion Quality determina la
qualità della conversione della frequenza di
campionamento utilizzata durante la
conversione e l'importazione di audio nella
sessione e durante l'importazione di tracce
audio da un CD (solo Macintosh). Sono
disponibili cinque impostazioni di qualità, da
Low a Tweak Head. La durata dell'operazione è
direttamente proporzionale alla qualità e alle
Finestra di dialogo Audio CD Import Options dimensioni della conversione.
(Macintosh)
Per impostare la qualità di conversione della
6 Nella parte inferiore della finestra di dialogo
frequenza di campionamento:
Options, impostare l'intervallo della traccia CD
che si desidera importare regolando l'ora di 1 Selezionare Setups > Preferences e
inizio (Start) e l'ora di fine (End), quindi fare clic fare clic su Editing.
su OK. 2 Dal menu a comparsa Conversion Quality,
7 Per ascoltare una traccia CD prima di selezionare la qualità di conversione desiderata.
importarla, utilizzare i pulsanti Play e Stop.

8 Posizionarsi sulla destinazione desiderata e


fare clic su Save.

La traccia audio del CD viene importata come


filmato QuickTime e memorizzata sul disco
rigido.

9 Fare clic su OK nella finestra Track Import.

Pro Tools converte il formato, la profondità di


Preferenza Conversion Quality
bit e la frequenza di campionamento della
traccia audio in modo che risultino uguali a Con la maggior parte delle applicazioni, le
quelli del file audio della sessione. opzioni Good e Better garantiscono ottimi
risultati.

3 Fare clic su Done.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 135


Opzioni Export Session Text
Esportazione di tracce
Pro Tools come file OMF
Pro Tools 5.1.3 e versioni successive

L'opzione DigiTranslator Integrated di Pro Tools


consente di esportare singole tracce o un'intera
sessione Pro Tools in formato OMFI. Questa
opzione richiede l'uso di DigiTranslator 2.0 o
versioni successive.

Per informazioni più dettagliate


sull'installazione e l'utilizzo di
DigiTranslator con Pro Tools, vedere la
relativa guida.

Esportazione del testo Finestra di dialogo Export Session Text


di una sessione
Include File List/Region List
(Solo sistemi TDM)
È possibile esportare un elenco di file e di regioni
È possibile utilizzare il comando Export Session audio della sessione. Nell'elenco dei file (File
As Text per creare un file di testo contenente List) vengono visualizzati tutti i file audio e tutte
informazioni complete sulla sessione corrente. le dissolvenze della sessione, oltre ai relativi
percorsi nel disco rigido. Nell'elenco delle
Il file di testo può contenere l'elenco dei file
regioni (Region List) vengono visualizzate tutte
audio, l'elenco delle regioni audio, gli EDL (Edit
le regioni audio della sessione e il file audio
Decision List) delle tracce, gli indicatori data e
sorgente di ogni regione.
ora definiti dall'utente e informazioni sui
crossfade.
Include Track EDLs
Gli EDL di traccia vengono esportati come testo (ordini di riproduzione)
delimitato da tabulazioni, inserite tra le
È possibile esportare gli EDL (ordini di
intestazioni di colonna e i parametri di evento. È
riproduzione) delle tracce. Gli EDL delle tracce
possibile utilizzare questi dati in un programma
possono essere utilizzati per controllare in modo
di lettura specifico oppure formattare i dati EDL
casuale la posizione e le caratteristiche di
in tabelle utilizzando un programma di
montaggio di una regione oppure in un
elaborazione testi o un foglio di calcolo.
programma di uniformazione per applicazioni
di postproduzione. In circostanze estreme l'EDL
può essere utilizzato per creare nuovamente
l'intera sessione.

136 Guida di riferimento di Pro Tools


File Format
Gli EDL delle tracce MIDI non vengono
esportati. Per l'esportazione è possibile scegliere uno
qualsiasi dei vari formati di testo disponibili.
Per l'esportazione degli EDL delle tracce sono Questi ultimi includono formati di testo
disponibili le opzioni seguenti: standard e i formati Microsoft Word e Excel.

Show Subframes
Testo esportato della sessione
Questa opzione consente di esportare, con gli
EDL, le informazioni temporali relative ai Informazioni sulla sessione
subframe, se utilizzati nella sessione.
Il file di testo della sessione inizia con
informazioni di base sulla sessione. Le
Include User Timestamps
informazioni includono il nome, la frequenza di
Con gli EDL è possibile includere gli indicatori campionamento, la profondità bit, il formato di
data e ora definiti dall'utente. Gli indicatori data timecode nonché il numero di tracce audio,
e ora indicano la posizione di sessione definita regioni audio e file audio della sessione, come
dall'utente per la regione o la posizione originale mostrato nell'esempio seguente.
della regione al momento della registrazione.
Informazioni sulla sessione

Fade Handling NOME SESSIONE: Ripley II-092700

Con gli EDL, è possibile scegliere se visualizzare FREQUENZA DI 48000.000000


CAMPIONAMENTO:
i crossfade, non visualizzarli oppure se
combinare le regioni di cui è stato eseguito il PROFONDITÀ BIT: 24 bit
crossfade. Quando le regioni vengono
FORMATO TIME CODE: 30 frame
combinate, la durata e la posizione relative
vengono elencate fino al centro del crossfade N. DI TRACCE AUDIO: 19
per la regione iniziale e a partire dal centro del
N. DI REGIONI AUDIO: 203
crossfade per la regione seguente.
N. DI FILE AUDIO: 54
Time Format
Elenco dei file ed elenco delle regioni
È possibile selezionare il formato temporale
adeguato su cui basare l'esportazione delle Di seguito, se è stato scelto di includerli,
informazioni EDL. Ad esempio, per la vengono riportati gli elenchi dei file e delle
postproduzione, è preferibile selezionare il regioni audio.
formato temporale SMPTE, mentre per creazioni
musicali bloccate su una griglia è preferibile
selezionare Bars & Beats.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 137


EDL delle tracce
Importazione di file MIDI
L'elemento finale, se esportato, è l'elenco di EDL
delle tracce. Nell'EDL di una traccia vengono È possibile importare file MIDI standard nelle
elencati il nome della traccia e tutte le relative sessioni Pro Tools. Utilizzare il comando Import
informazioni di montaggio, inclusi il numero di MIDI to Track per posizionare i dati MIDI
evento, il nome della regione, l'ora di inizio e di importati su nuove tracce; oppure utilizzare il
fine e la durata della regione. Quando si comando Import MIDI del menu a comparsa
seleziona questa opzione viene esportato anche dell'elenco delle regioni MIDI per posizionare i
l'indicatore data e ora della regione e i subframe dati nell'elenco delle regioni MIDI, da cui sarà
vengono visualizzati in ogni campo dell'ora. possibile trascinarli su tracce esistenti.

Pro Tools non consente di importare file di


Esportazione di una sessione come testo:
sequenze proprietari. Per utilizzare le sequenze
1 Scegliere File > Export Session As Text. di altre applicazioni MIDI nella sessione
Pro Tools, sarà necessario salvarle prima come
2 Selezionare le opzioni di inclusione
file MIDI standard. Per informazioni dettagliate
corrispondenti agli elementi da includere
sul salvataggio dei file MIDI standard, fare
(elenco dei file, elenco delle regioni e EDL delle
riferimento alla documentazione del
tracce).
produttore.
3 Se si sceglie di includere gli EDL delle tracce,
scegliere se visualizzare i subframe e se includere Esistono due tipi di file MIDI standard, entrambi
gli indicatori data e ora definiti dall'utente. supportati da Pro Tools:
Selezionare inoltre un'opzione per la gestione ◆ I file MIDI Type 0 consentono di memorizzare
dei crossfade. i dati di tutti i canali MIDI di una singola traccia.
Quando questi file vengono importati, i dati
4 Se si sceglie di includere gli EDL delle tracce,
vengono separati per canale e i dati di ciascuna
selezionare un'opzione di formato temporale
traccia vengono posizionati in regioni e tracce
per il testo esportato dal menu a comparsa Time
separate.
Format.
◆ I file MIDI Type 1, talvolta definiti anche file
5 Selezionare il formato di file per il testo
MIDI multitraccia, contengono più tracce di
esportato utilizzando il menu a comparsa.
dati MIDI. Quando questi file vengono
6 Dopo aver impostato le opzioni, fare clic su importati, i dati di ciascuna traccia vengono
OK. posizionati nelle rispettive nuove tracce MIDI
della sessione Pro Tools.
7 Selezionare una posizione e immettere un
nome per il file di testo esportato. In Windows al
Per importare un file MIDI standard
nome file viene aggiunta l'estensione corretta di in nuove tracce:
3 lettere, mentre nel sistema Macintosh, viene
aggiunta l'estensione file ".txt". 1 Scegliere File > Import MIDI to Track.

138 Guida di riferimento di Pro Tools


2 Selezionare il file MIDI che si desidera 5 Nella finestra Mix, fare clic sul selettore
importare. dispositivo/canale MIDI per ogni nuova traccia
e assegnare uno strumento e un canale MIDI nel
modo desiderato.

Per importare un file MIDI standard nell'elenco


delle regioni MIDI:
1 Scegliere Import MIDI dal menu a comparsa
dell'elenco delle regioni MIDI.

2 Selezionare il file MIDI che si desidera


importare.

3 Per importare le tracce del tempo metrico e del


tempo musicale del file MIDI, selezionare
l'opzione Import Tempo From MIDI File.

Questa opzione consente di sovrascrivere gli


eventi tempo musicale e tempo metrico esistenti
Finestra di dialogo Export MIDI nella sessione corrente. Se non si desidera
sovrascrivere gli eventi esistenti, selezionare
3 Per importare le tracce del tempo metrico e del l'opzione Use Existing Tempo From Session.
tempo musicale del file MIDI, selezionare
l'opzione Import Tempo From MIDI File. 4 Fare clic su Import (Macintosh) o su Open
(Windows). Se richiesto, specificare se si desidera
Questa opzione consente di sovrascrivere gli conservare o eliminare le tracce e le regioni
eventi tempo musicale e tempo metrico esistenti MIDI esistenti che risiedono nella sessione
nella sessione corrente. Se non si desidera corrente.
sovrascrivere gli eventi esistenti, selezionare
l'opzione Use Existing Tempo From Session. I dati MIDI vengono importati come regioni e
posizionati nell'elenco delle regioni MIDI.
4 Fare clic su Import (Macintosh) o su Open
(Windows). Se richiesto, specificare se si desidera I file MIDI standard che contengono
conservare o eliminare le tracce e le regioni indicatori vengono importati solo se la
MIDI esistenti della sessione corrente. sessione corrente non contiene indicatori.

I dati MIDI vengono importati in nuove tracce 5 Trascinare le nuove regioni MIDI sulle tracce
MIDI e visualizzati come regioni nell'elenco MIDI esistenti secondo le esigenze.
delle regioni MIDI.

I file MIDI standard che contengono


indicatori vengono importati solo se la
sessione corrente non contiene indicatori.

Capitolo 9: Importazione ed esportazione dei dati di una sessione 139


Le informazioni MIDI esportate includono note,
Esportazione di file MIDI eventi controller, modifiche del programma e
dati esclusivi del sistema, oltre a eventi per il
Per esportare le tracce MIDI di una sessione e
tempo metrico, il tempo musicale e gli
utilizzarle in un'altra applicazione MIDI oppure
indicatori.
riprodurle con un sequencer MIDI esterno
(hardware), è possibile salvare le tracce come file Viene esportata inoltre l'ora di inizio SMPTE
MIDI standard. della sessione. In tal modo le tracce esportate,
quando riprodotte da un'altra applicazione
Durante l'esportazione, è possibile unire le
MIDI, si allineano con i frame SMPTE
tracce della sessione in una singola traccia
appropriati e si sincronizzano correttamente
multicanale (Type 0) oppure salvarle come
con periferiche a nastro e video, o con Pro Tools.
tracce multiple (Type 1).
Consultare la documentazione del sequencer
Per esportare tutte le tracce MIDI della MIDI di terze parti per determinare se il
sessione corrente: dispositivo supporta l'importazione delle ore di
1 Disattivare il silenziamento di tutte le tracce inizio SMPTE dai file MIDI.
MIDI che si desidera esportare.

2 Scegliere File > Export MIDI.


Elementi non esportati con i file MIDI

3 Specificare una cartella di destinazione e un L'automazione del silenziamento e le regioni


nome per il file MIDI. silenziate non influiscono sui dati MIDI
esportati. Fino a quando una traccia non viene
silenziata facendo clic sul pulsante Mute,
vengono esportati tutti i dati MIDI che vi sono
contenuti.

Quando si esportano file MIDI da Pro Tools, le


assegnazioni di dispositivo per le tracce non
vengono conservate, al contrario delle
assegnazioni di canale. Di conseguenza, se si
esportano tracce MIDI da Pro Tools e
successivamente le si reimportano, sarà
Finestra di dialogo Export MIDI necessario riassegnare le tracce ai dispositivi
desiderati.
4 Specificare se il file MIDI standard deve essere
Type 0 (unito, a traccia singola) oppure Type 1 Tutte le informazioni degli ordini di
(multitraccia). riproduzione delle tracce MIDI vengono perse
5 Fare clic su Export. Tutte le tracce MIDI della durante l'esportazione. Ad esempio, le tracce
sessione corrente vengono esportate in un file che precedentemente contenevano dozzine di
MIDI standard e memorizzate nel disco rigido. regioni MIDI, dopo l'esportazione e la nuova
importazione risultano "appiattite" e
contengono solo regioni singole.

140 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 10: Gestione e compatibilità
dei file

Con Pro Tools verranno utilizzati molti file di


diverso tipo, alcuni dei quali dovranno risiedere Gestione dei file audio
in determinate aree del disco rigido per garantire
il corretto funzionamento dei sistemi Pro Tools. ID file univoci
◆ Il software Pro Tools deve risiedere nell'unità In Pro Tools, a ogni file audio di una sessione
di avvio, ovvero nell'unità che contiene il viene assegnato un identificatore univoco che
sistema operativo e altri file correlati al sistema. consente di distinguere i file anche quando ne
◆ Nei sistemi Pro Tools TDM, i file di dati, come siano stati modificati il nome o la posizione.
i file di sessione, i file audio e i file di dissolvenza,
possono essere memorizzati in una qualsiasi Individuazione dei file audio
unità compatibile collegata al bus SCSI interno,
ProTools 5.3.x e versioni anteriori
al bus SCSI esterno oppure a una scheda SCSI
host bus adapter (HBA) del computer. Per Quando si apre una sessione, se l'individuazione
garantire prestazioni ottimali, si raccomanda dei file audio contenuti nella sessione non
l'uso di unità SCSI per i sistemi Pro Tools TDM; risulta possibile, viene visualizzata una finestra
sono supportati anche i bus FireWire e ATA/IDE. di dialogo di ricerca. È possibile effettuare la
◆ Nei sistemi Pro Tools LE, i file di dati possono ricerca dei file di sostituzione utilizzando il
essere memorizzati in un qualsiasi disco rigido nome o l'ID univoco del file.
collegato ai bus ATA/IDE, FireWire o SCSI interni
Quando l'identificatore univoco non è presente,
o esterni.
Pro Tools consente di identificare un file audio
mediante altri attributi, come la frequenza di
campionamento, la profondità di bit, la
lunghezza, la data di creazione o la data di
modifica. In questo caso, viene effettuata la
ricerca dei file con attributi simili e al termine i
file potenzialmente corrispondenti ai criteri
vengono visualizzati nell'elenco Candidates.

Capitolo 10: Gestione e compatibilità dei file 141


Elenco dei file Candidates (corrispondenza esatta)

Le corrispondenze esatte sono contrassegnate


nell'elenco dei file Candidates dal segno "->"
posto prima del nome del percorso.

5 Se necessario, selezionare un file candidato per


visualizzarne gli attributi nell'area di
informazione sottostante.

Finestra di dialogo Find File 6 Per ascoltare un file audio selezionato, fare clic
su Play e regolare il dispositivo di scorrimento di
Per individuare un file audio: riproduzione per scegliere la posizione della
1 Nella maggior parte dei casi, è possibile riproduzione nel file.
trovare file creati o modificati da Pro Tools 7 Se si stabilisce che un file dell'elenco dei file
selezionando Current Folder o Current Volume candidati non è il file di destinazione desiderato,
in Search In. Per cercare in tutte le sottocartelle fare clic su Skip. Per eliminare tutti i file
della cartella corrente, selezionare Look in dall'elenco, fare clic su Skip All.
Subfolders. Se la ricerca così definita non
fornisce risultati adeguati, è possibile 8 Una volta individuato il file di destinazione
selezionare All Volumes per cercare in tutte le corretto, fare clic su Open.
unità e partizioni disponibili.
Se non si riesce a individuare il file di
2 Scegliere se si desidera cercare il file tramite le destinazione, l'intera regione del file e le regioni
opzioni Matching Name o Matching Unique ID. che si basano su di essa vengono visualizzate
La ricerca di un file viene eseguita più come supporto fuori linea nell'elenco delle
rapidamente se si utilizza l'opzione File Name; regioni audio e nelle tracce della finestra Edit.
tuttavia, questa ricerca potrebbe risultare meno
utile se si ricerca il nome di un file comune, ad
Individuazione dei file audio
esempio Audio-01.
Solo con Pro Tools 6.0
3 Fare clic su Search.
La finestra Relink di Pro Tools 6.0 consente la
4 Se la ricerca del file di destinazione risulta
gestione dei collegamenti ai file audio e ai file di
infruttuosa, viene visualizzato un elenco di altri supporti. Inoltre, Pro Tools suddivide i
corrispondenze esatte dei file, oltre ai file volumi di archiviazione in base al loro
candidati. Si tratta di file con il nome corretto, potenziale utilizzo in termini di esecuzione
ma dotati di un ID univoco diverso. (registrazione o riproduzione) e trasferimento

142 Guida di riferimento di Pro Tools


(archiviazione o copiatura) dei file audio e di 4 Scegliere Copy and Relink dal menu Browser.
altro tipo. I file audio devono essere archiviati
5 Indicare la posizione in cui copiare i file su un
nei volumi adibiti all'esecuzione ed essere
volume adibito all'esecuzione.
appositamente collegati in modo da poter essere
riprodotti nelle sessioni Pro Tools. 6 Fare clic su OK.

Per ulteriori informazioni sulla Per ulteriori informazioni sull'operazione di


classificazione dei volumi di archiviazione, ricollegamento dei file di trasferimento,
vedere la guida fornita con DigiBase. vedere la guida fornita con DigiBase.

Anche quando all'apertura di una sessione File mancanti


Pro Tools non trova i file audio in uno dei
volumi dedicati all'esecuzione oppure non trova Un file che non si trovi più nella posizione in cui
i file contenuti nella sessione, è comunque si trovava al momento dell'ultimo salvataggio
possibile individuare o copiare i file in questione della sessione, viene definito "mancante".
in modo da poter riprodurre la sessione: questa
operazione viene definita ricollegamento. Per aprire una sessione contenente file che
risultano mancanti:

File di trasferimento 1 Aprire la sessione Pro Tools. Nel caso alcuni


file non vengano trovati, Pro Tools visualizza un
I file di trasferimento risiedono su volumi di messaggio di avvertimento.
archiviazione non adatti alla riproduzione,
come i CD-ROM e le unità di rete.

Per aprire una sessione contenente file di


trasferimento:
1 Aprire la sessione Pro Tools. Se i file si trovano
in un volume non adatto alla riproduzione,
Pro Tools visualizza un messaggio di avviso. Avviso di file mancanti all'apertura di una sessione

2 Eseguire una delle seguenti operazioni: 2 Scegliere una delle opzioni seguenti:

• Fare clic su Yes per aprire la finestra di Automatically Find and Relink Esegue la ricerca
dialogo Copy and Relink. di tutti i file di nome, formato, lunghezza e ID
• Fare clic su No per aprire la sessione con univoco corrispondenti in tutti i volumi
tutti i file di trasferimento offline. dedicati all'esecuzione e, quando possibile, crea
automaticamente il collegamento ai file
Per fare in modo che i file di trasferimento possano mancanti.
essere riprodotti nella sessione corrente:
Manually Find and Relink Apre la finestra Relink
1 Scegliere Windows > Show Project Browser.
in cui è possibile cercare, confrontare, verificare
2 Fare doppio clic sulla cartella Audio Files in e ricollegare i file mancanti.
modo che vengano visualizzati tutti i file audio.
Skip All Ignora tutti i file mancanti e le
3 Scegliere Select Transfer Files dal menu dissolvenze. I file mancanti resteranno offline
Browser. nella sessione.

Capitolo 10: Gestione e compatibilità dei file 143


Regenerate Missing Fades Le dissolvenze non
vengono incluse nell'operazione di Compatibilità dei file Avid
ricollegamento e vengono ricalcolate.
Quando la modalità di compatibilità Avid è
3 Fare clic su OK. attiva, Pro Tools aggiunge ulteriori metadati
durante l'esecuzione del bouncing su disco o
Per ulteriori informazioni sul durante la registrazione da un bus. Questi
ricollegamento dei file mancanti, vedere la metadati includono il nome della sessione e il
guida fornita con DigiBase. nome della sorgente di bouncing (uscita del bus
o della traccia). Quando il file di cui è stato
eseguito il bouncing viene aperto in un sistema
Compatibilità dei file WAV Avid, le informazioni dei metadati consentono
di identificare più facilmente la sorgente dei
Opzione Convert all imported WAV files to
componenti dei file.
AES31/BroadcastWave
Inoltre, quando la modalità di compatibilità
In Pro Tools vengono sempre creati file WAV
Avid è attivata, tutti i supporti OMF vengono
compatibili AES31/Broadcast quando il file
considerati come di sola lettura in Pro Tools.
viene creato nel programma. Questa opzione,
alla quale si accede scegliendo Setups >
Per attivare la modalità di compatibilità Avid:
Preferences > Compatibility, rende i file WAV
importati compatibili con lo standard 1 Scegliere Setups > Preferences > Compatibility.
AES31/EBU Broadcast.
2 Selezionare Avid Compatibility Mode.
AES31/Broadcast Wave è una variante del 3 Fare clic su Done.
formato di file audio WAV standard. Oltre ai
dati audio PCM non elaborati, il formato AES31
contiene altre informazioni, come gli indicatori
ora SMPTE.

Questa variante è conforme agli standard


stabiliti dalla EBU (European Broadcasters
Union) e dalla AES (Audio Engineering Society).
Scegliere questa opzione per garantire la
compatibilità con le altre stazioni di lavoro che
riconoscono questo formato di file.

144 Guida di riferimento di Pro Tools


richiede all'utente di digitare un nuovo nome.
Creazione di sessioni Durante l'importazione dei file in una sessione
compatibili Mac e PC impostata per la compatibilità Mac/Windows, i
caratteri non compatibili vengono convertiti in
L'opzione Enforce Mac/PC Compatibility
caratteri di sottolineatura ("_").
consente di creare e salvare le sessioni Pro Tools
compatibili sia con Macintosh che con Nelle sessioni compatibili PC/Mac o Mac/PC
Windows. Queste opzioni sono disponibili non è possibile utilizzare i seguenti caratteri:
quando si crea una nuova sessione, oppure
quando si salva una copia di una sessione con / (barra)
Pro Tools 5.3 e versioni successive.
\ (barra rovesciata)

Limiti di sessione per più piattaforme : (due punti)

Formati di file audio * (asterisco)

I file Sound Designer II (SDII) non vengono letti ? (punto interrogativo)


dai sistemi Windows. Di conseguenza, quando
" (virgolette)
si creano file di sessioni utilizzabili sia nei
sistemi Macintosh che in Windows, il formato < (segno minore di)
di file audio della sessione deve essere AIFF o
WAV. > (segno maggiore di)

| (barra verticale o pipe)


Estensioni dei nomi dei file

Per garantire la compatibilità tra più Qualsiasi carattere digitato tenendo premuto il
piattaforme, tutti i nomi dei file di una sessione tasto Comando.
devono avere un'estensione di 3 lettere. I file
delle sessioni Pro Tools 5.1 e versioni successive Creazione e salvataggio di
hanno l'estensione ".pts", mentre quelli delle sessioni Cross-Platform
sessioni Pro Tools 5 hanno l'estensione ".pt5". I
file WAV hanno l'estensione ".wav", mentre i Per creare una sessione compatibile con i sistemi
file AIFF hanno l'estensione ".aif". Macintosh e Windows:
1 Scegliere File > New Session.
Caratteri ASCII non compatibili
2 Scegliere l'unità in cui si desidera salvare la
Per i nomi delle regioni, delle tracce, dei file e le
sessione. La sessione dovrebbe essere creata su
impostazioni di plug-in non si possono
un'unità audio dedicata.
utilizzare i caratteri ASCII non compatibili con
entrambi i sistemi. 3 Immettere un nome per la sessione.

Durante la creazione di un nuovo nome, se 4 Nella finestra di dialogo New Session,

viene rilevata un'incompatibilità quando la impostare l'opzione Audio File Type su AIFF o
modalità di compatibilità Mac/PC è attivata, WAV. Questi formati di file sono compatibili con
viene visualizzata una finestra di dialogo che entrambe le piattaforme.

Capitolo 10: Gestione e compatibilità dei file 145


5 Impostare la frequenza di campionamento e la
profondità bit della sessione. Spostamento di sessioni fra
6 Selezionare le impostazioni di I/O da utilizzare
le piattaforme mediante
nella sessione. Il sistema include varie MacOpener
impostazioni di I/O preconfigurate e consente MacOpener consente di registrare e riprodurre
anche di scegliere le impostazioni di I/O audio da unità disco rigido HFS/HFS+ nei sistemi
personalizzate create dall'utente. Per ulteriori Pro Tools per Windows e di aprire sessioni
informazioni, vedere Capitolo 7, "I/O Setup". Pro Tools create su Macintosh. Vedere
7 Selezionare Enforce Mac/PC Compatibility. È "Creazione e salvataggio di sessioni Cross-
necessario selezionare questa opzione per Platform" a pagina 145.
rendere la sessione compatibile con più
Per abilitare la condivisione delle sessioni
piattaforme.
Pro Tools tra Macintosh e Windows, selezionare
8 Fare clic su Save. l’opzione Enforce Mac/PC Compatibility
durante la creazione della sessione o durante il
Per salvare una sessione esistente affinché sia salvataggio di una copia della sessione.
compatibile con i sistemi Macintosh e Windows:
I file SDII possono essere esportati o
1 Scegliere File > Save Session Copy In.
convertiti durante l’importazione, ma non
2 Nella finestra di dialogo Save Session Copy, possono essere utilizzati nelle sessioni
scegliere la destinazione desiderata e immettere Pro Tools in Windows.
un nome per il nuovo file della sessione.
Per installare e configurare la versione
3 Impostare l'opzione Audio File Type su AIFF o dimostrativa di MacOpener fornita con Pro Tools:
WAV. Questi formati di file sono compatibili con
1 Inserire il CD Installer di Pro Tools nell'unità
entrambe le piattaforme.
CD-ROM.
4 Impostare la frequenza di campionamento e la
2 Nella cartella MacOpener Demo, fare doppio
profondità bit della sessione.
clic sul file di installazione MacOpener e
5 Selezionare Enforce Mac/PC Compatibility. È procedere all'installazione seguendo le
necessario selezionare questa opzione per istruzioni visualizzate sullo schermo. Al termine
rendere la sessione compatibile con più dell’installazione, riavviare il sistema.
piattaforme.
3 Scegliere Start > Programmi > MacOpener >
6 Selezionare gli elementi da copiare nella MacOpener Driver Preferences.
nuova sessione.
4 Verificare che MacOpener Driver sia abilitato.
7 Fare clic su Save. In Driver Settings, selezionare l’opzione Enable
MacOpener Driver.
Se nella sessione sono stati precedentemente
utilizzati i file SDII, i file vengono convertiti nel 5 In Extension Mapping selezionare Do not add

nuovo formato di file audio. the PC extension to the Mac file name.

146 Guida di riferimento di Pro Tools


• In un sistema Pro Tools LE per Windows, se si
Tutte le operazioni di formattazione e selezionano tutti i file nella finestra di dialogo
manutenzione delle unità HFS/HFS+ vanno Import Audio e uno o più nomi contengono
eseguite con l'unità collegata a un 13 caratteri o più, nessuno dei file verrà
Macintosh. aggiunto all'elenco di importazione quando si
fa clic su Convert All. Per aggiungere questi
Limitazioni di prestazione di MacOpener
file all'elenco, premere il tasto delle maiuscole
• Per poter aprire una sessione da un'unità e fare clic sui singoli nomi.
HFS/HFS+, è necessario che questa sia stata
creata con Pro Tools 5.1.1 o versioni
successive, e che non contenga file di formati
misti. Per utilizzare sessioni di formati misti in
Pro Tools, salvare una copia della sessione e
convertire i file in un formato supportato
mediante il comando Save Session Copy In.
• Quando si utilizza il comando Bounce To
Disk, la destinazione di bouncing deve essere
un'unità FAT/FAT32 o NTFS mentre
l’esecuzione del bouncing su unità HFS/HFS+
non è supportata.
• Operazioni quali l’apertura di una sessione,
l’avvio di una riproduzione, il disegno di
forme d’onda quando lo zoom è attivato e
l’assegnazione di file registrati risultano più
lente sulle unità HFS/HFS+ rispetto alle unità
FAT/FAT32 o NTFS.
• Dato che in MacOpener la cache del disco
viene svuotata dopo che è stata eseguita la
copia tra le unità HFS/HFS+ e FAT/FAT32 o le
unità NTFS, l'avvio di Pro Tools risulterà
molto lento dopo l’esecuzione delle copie del
disco.
• Per visualizzare i file SDII nella finestra di
dialogo Import Audio, è necessario scegliere
All Files dal menu a comparsa File Of Type.

Capitolo 10: Gestione e compatibilità dei file 147


148 Guida di riferimento di Pro Tools
Parte III: Registrazione

149
150
Capitolo 11: Impostazione della
registrazione

Prima di avviare la registrazione, assicurarsi che


il sistema Pro Tools sia collegato e configurato in I modelli Digi 001, Digi 002 e Mbox sono
modo corretto. Per informazioni dettagliate sul eccezioni alla presente regola. Il modello
collegamento di Pro Tools allo studio di Digi 002 è dotato di un dispositivo I/O con
registrazione, consultare la Guida introduttiva due ingressi con preamplificatori, ai quali è
fornita con il sistema. possibile collegare segnali di basso livello e
quattro ingressi supplementari con
Benché alcune delle informazioni contenute nel guadagno in entrata. I modelli Digi 001 I/O
presente capitolo valgano anche per la e Mbox dispongono di due ingressi con
registrazione MIDI, per dettagli più specifici preamplificatori, ai quali è possibile
sull'impostazione del sistema per la collegare segnali di basso livello. Il modello
registrazione MIDI consultare il Capitolo 13, Digi 001 I/O dispone inoltre di sei ingressi
"Registrazione MIDI". supplementari con guadagno in entrata.

I controlli del pan e del volume per le tracce di


Pro Tools influiscono soltanto sui livelli di
Livelli audio e connessioni monitoraggio e non sui livello di guadagno di
in ingresso registrazione in entrata. I meter LED delle
interfacce audio indicano sia il segnale digitale
Quasi tutte le interfacce audio Digidesign
massimo (livello più elevato prima del clipping)
funzionano come dispositivi di livello di linea e
sia il clipping reale dei segnali in uscita di
non offrono preamplificazione. Occorre quindi
Pro Tools. I meter sullo schermo di Pro Tools
regolare il livello di un segnale in ingresso in
indicano soltanto il clipping reale.
base al livello della linea prima che arrivi a
Pro Tools. Le sorgenti di basso livello, quali
microfoni e chitarre elettriche, devono essere Clipping digitale
preamplificate. È possibile farlo con una console Il clipping si verifica quando si invia a un
di missaggio di qualità o un preamplificatore registratore o una console di missaggio un
dedicato, quale Digidesign PRE. segnale che ha un volume più alto di quello
consentito dal dispositivo. In molti deck a
nastro analogici, un leggero clipping aggiunge
una tonalità più calda al suono, dovuta alla

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 151


compressione del nastro. Nella registrazione potenziometri di regolazione, il livello di
digitale, tuttavia, il clipping provoca una ingresso può essere controllato via software
distorsione digitale, indesiderabile e che deve selezionando Setups > Hardware Setup
essere sempre evitata. (consultare la Guida dell'interfaccia specifica).

Per ulteriori informazioni sulla calibrazione


Come impostare livelli di ingresso
dell'interfaccia audio o sull'utilizzo della
elevati ed evitare il clipping
modalità Calibration, consultare la Guida
Quando si invia un segnale a un qualsiasi di 888|24 I/O o le istruzioni per la
sistema di registrazione audio, incluso calibrazione di 192 I/O.
Pro Tools, occorre regolare il livello di ingresso
per ottimizzare la gamma dinamica. Regolare il
segnale in ingresso per registrare al massimo Attivazione delle tracce per la
livello possibile nel meter del segnale in ingresso
registrazione con il pulsante
senza attivare l'indicatore di clipping. Se il
livello di ingresso è troppo basso, non sarà
Record Enable
possibile sfruttare in modo ottimale la gamma Per poter effettuare una registrazione su una
dinamica del sistema Pro Tools. Se il livello di traccia, è necessario innanzitutto attivare la
ingresso è troppo alto, tuttavia, si verificherà il traccia per la registrazione con il pulsante
clipping. Record Enable. Se è necessario registrare
simultaneamente su più tracce, è possibile
Calibration Mode attivare per la registrazione numerose tracce
audio o MIDI.
(Solo nei sistemi TDM)

È possibile utilizzare la modalità Calibration di Dopo aver attivato una o più tracce per la
Pro Tools per regolare i livelli di ingresso e di registrazione, è possibile fare clic sui pulsanti
uscita dell'interfaccia audio in modo che Record e Play della finestra Transport per avviare
corrispondano a quelli della console di la registrazione.
missaggio e degli altri dispositivi dello studio di
A differenza delle tracce audio, le tracce
registrazione.
MIDI possono essere attivate per la
L'interfaccia audio 192 I/O dispone di ingressi registrazione durante la registrazione stessa.
con livelli +4 dBu e –10 dBV, nonché di uscite
Per attivare per la registrazione una traccia
con livello +4 dBu, con propri potenziometri di
audio o MIDI:
regolazione per una calibrazione corretta.
■ Nella finestra Edit o Mix, fare clic sul pulsante
L'interfaccia 888|24 I/O dispone di
potenziometri di regolazione per gli ingressi e le Record Enable della traccia per attivare o
uscite. disattivare la registrazione per la traccia.
Quando la registrazione è attivata il pulsante
Le interfacce audio TDM seguenti sono prive di Record Enable è acceso e nella finestra Mix il
potenziometri di regolazione dei livelli di fader della traccia è evidenziato.
ingresso e di uscita: 192 Digital I/O, 96 I/O,
882|20 I/O, 1622 I/O e ADAT Bridge I/O. In
alcune interfacce audio I/O Digidesign, prive di

152 Guida di riferimento di Pro Tools


Per attivare per la registrazione tutte le tracce
audio o MIDI:
■ Premere il tasto Opzione (Macintosh) oppure

il tasto Alt (Windows) e fare clic sul pulsante


Record Enable per attivare o disattivare per la
registrazione tutte le tracce audio o MIDI.

Per attivare per la registrazione tutte le tracce


audio o MIDI selezionate:
■ Premere i tasti Opzione+maiuscole

(Macintosh) o Alt+Maiusc (Windows) e fare clic


sul pulsante Record Enable su qualsiasi traccia
audio o MIDI selezionata per attivare o
disattivare per la registrazione tutte le tracce
audio o MIDI selezionate.

Sebbene l'attivazione per la registrazione


non abbia effetto sulle tracce audio
appartenenti a un gruppo, è possibile
selezionare tutte le tracce di un gruppo
facendo clic a sinistra del nome del gruppo
nell'elenco dei gruppi. Successivamente,
Traccia audio attivata per la registrazione (finestra Mix) premere i tasti maiuscole+Opzione
(Macintosh) oppure i tasti Maiusc+Alt
(Windows) e fare clic per attivare per la
registrazione tutte le tracce selezionate.

Traccia audio attivata per la registrazione (finestra Edit)

Per attivare per la registrazione più tracce audio o


MIDI contemporaneamente:
■ Nella finestra Edit o Mix, fare clic sul pulsante
Record Enable di ciascuna traccia per attivarla o
disattivarla per la registrazione.

Se la modalità Latch Record non è attivata,


premere Maiusc e fare clic sul pulsante
Record Enable di ciascuna traccia per
attivarla o disattivarla per la registrazione.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 153


Per attivare per la registrazione una traccia MIDI Modalità Record Safe
durante la registrazione:
La modalità Record Safe di Pro Tools consente di
■ Fare clic sul pulsante Record Enable della
evitare che le tracce vengano attivate per la
traccia MIDI quando è arrestata oppure quando
registrazione. Utilizzarla per proteggere
in Pro Tools è in corso una riproduzione o una
registrazioni importanti.
registrazione. Quando si attiva per la
registrazione un'altra traccia durante la
Per attivare la modalità Record Safe per una
registrazione, la traccia attivata in precedenza
traccia audio o MIDI:
viene disattivata.
■ Premere il tasto Comando (Macintosh)
–o–
oppure Ctrl (Windows) e fare clic sul pulsante
Tenendo premuto il tasto Comando Record Enable della traccia. Il pulsante Record
(Macintosh) o Ctrl (Windows) e premere i tasti Enable viene disattivato (visualizzato in grigio).
Freccia su/giù per attivare per la registrazione la
Premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl
traccia MIDI precedente o successiva. La traccia
(Windows) e fare clic nuovamente per
di registrazione precedente (o successiva) non
disattivare la modalità Record Safe per la traccia.
sarà più attivata per la registrazione.

Per mantenere attivata per la registrazione Per attivare la modalità Record Safe per tutte le
tracce:
la traccia precedente, premere i tasti
maiuscole+Comando+Su/Giù (Macintosh) ■ Premere i tasti Comando+Opzione

o Maiusc+Ctrl+Su/Giù (Windows). (Macintosh) oppure Ctrl+Alt (Windows) e fare


clic sul pulsante Record Enable di una traccia
Modalità Latch Record qualsiasi.

Quando l'opzione Latch Record Enable Buttons Premere i tasti Comando+Opzione (Macintosh)
della scheda Operations è selezionata, è o Ctrl+Alt (Windows) e fare clic nuovamente per
possibile attivare per la registrazione ulteriori disattivare la modalità Record Safe per tutte le
tracce audio facendo clic sui rispettivi pulsanti tracce.
Record Enable. Le tracce precedentemente
attivate per la registrazione rimangono attivate Per attivare la modalità Record Safe per tutte le
per la registrazione. I pulsanti Latch Record tracce correntemente selezionate:
Enable sono solo per le tracce audio. ■ Premere i tasti Comando+Opzione+maiuscole

(Macintosh) o Ctrl+Alt+Maiusc (Windows) e


Quando l'opzione Latch Record Enable Buttons
fare clic sul pulsante Record Enable di una
è deselezionata, l'attivazione per la registrazione
qualsiasi delle tracce selezionate per
di un'ulteriore traccia comporta l'esclusione
attivare/disattivare la modalità Record Safe.
della traccia attivata in precedenza dalla
modalità di attivazione per la registrazione.

154 Guida di riferimento di Pro Tools


Input Only Monitoring
Modalità di monitoraggio
In questa modalità, quando una traccia è
In Pro Tools sono disponibili due modalità di attivata per la registrazione, viene effettuato
monitoraggio degli ingressi, Auto Input soltanto il monitoraggio dell'ingresso audio,
Monitoring e Input Only Monitoring (selezionabili indipendentemente da eventuali selezioni di
dal menu Operations), che determinano come punch in/out.
devono essere monitorati i segnali in ingresso
durante la registrazione audio. Quando la modalità Input Only Monitoring è
attivata, il pulsante Record della finestra
Transport assume il colore verde.
Auto Input Monitoring
In questa modalità, quando la riproduzione
della sessione viene interrotta, viene effettuato il
monitoraggio dell'ingresso audio. Quando viene Il pulsante Record è verde quando la
avviata la riproduzione per un punch in, viene modalità Input Only Monitoring è attivata

effettuato il monitoraggio del materiale di Finestra Transport


traccia esistente fino al punto di punch. Mentre
viene effettuato il punch in, viene monitorato il Livelli di monitoraggio per
segnale in ingresso. Durante il punch out, il registrazione e riproduzione
monitoraggio viene nuovamente applicato al
materiale di traccia esistente. Ciò è simile al ProPro Tools tiene in memoria due livelli di
principio di commutazione automatica fader diversi per il monitoraggio di ciascuna
implementato nei dispositivi a nastro traccia audio: il primo indica il volume della
multitraccia analogici e digitali. traccia quando è attivata per la registrazione e il
secondo indica il volume della traccia quando
Quando la modalità Auto Input Monitoring è non è attivata per la registrazione.
attivata, il pulsante Record della finestra
Transport appare grigio. I due stati di livello dei fader vengono
memorizzati automaticamente. Se si regola un
Quando si utilizza la modalità Auto Input fader quando una traccia è attivata per la
Monitoring, il ritorno al monitoraggio del registrazione e quindi si annulla l'attivazione
materiale di traccia durante il punch out della traccia per la registrazione, il fader torna al
non è istantaneo. Per passare proprio livello di riproduzione.
istantaneamente al monitoraggio del
materiale di traccia durante il punch out, Quando le tracce audio sono attivate per la
utilizzare la modalità QuickPunch (vedere registrazione, i rispettivi fader di volume della
"Registrazione audio QuickPunch" a finestra Mix diventano rossi, per indicare che il
pagina 205). livello di monitoraggio della registrazione è
attivo.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 155


Link Record and Play Faders Per impostare la dimensione del buffer hardware:

Quando l'opzione Link Record and Play Faders 1 Scegliere Setups > Playback Engine.

della scheda Operation è selezionata, i livelli di 2 Scegliere il numero di campioni desiderato dal
registrazione e riproduzione delle tracce audio menu a comparsa H/W Buffer Size.
non vengono memorizzati. In questo caso,
l'attivazione per la registrazione di una traccia 3 Fare clic su OK.

audio non ha effetto sul livello del fader della


Per i computer dotati di CPU più lente è
traccia. Ciò consente di mantenere un missaggio
preferibile non utilizzare l'opzione 128 per
costante indipendentemente dall'operazione,
la dimensione del buffer, in quanto tale
registrazione o ascolto, in corso.
impostazione può comportare errori nelle
prestazioni.

Latenza di monitoraggio Low Latency Monitoring


(Solo nei sistemi Pro Tools LE) (Solo nei sistemi Pro Tools LE)

Dato che in Pro Tools LE per l'elaborazione, la Nei sistemi Pro Tools LE, è possibile ridurre la
riproduzione e la registrazione audio viene quantità di latenza di monitoraggio riducendo
utilizzato il processore host del computer, nel la dimensione del buffer hardware. Tuttavia,
sistema si verifica un piccolo ritardo audio, o anche con la dimensione di buffer minima, vi è
latenza. Il valore della latenza è strettamente sempre un po' di latenza. Inoltre, riducendo la
correlato alla dimensione del buffer hardware: dimensione del buffer si limita il numero di
maggiore è la dimensione del buffer, maggiore è tracce audio simultanee che è possibile registrare
la latenza. senza che si verifichino errori nelle prestazioni.

Sebbene in determinate condizioni un buffer di Nei sistemi Digi 002, Digi 001 e Audiomedia III
maggiore dimensione sia conveniente, ad è possibile utilizzare l'opzione Low Latency
esempio quando si desidera utilizzare un Monitoring per registrare su tutte le tracce che il
numero più elevato di tracce con più plug-in, in sistema supporta con una latenza di
genere per la registrazione di audio monitorata monitoraggio estremamente ridotta.
tramite un sistema Pro Tools LE è preferibile
impostare un buffer di dimensione ridotta. Per utilizzare l'opzione Low Latency Monitoring:

Se il monitoraggio della sorgente di 1 Attivare per la registrazione tutte le tracce

registrazione viene eseguito tramite un mixer audio (o di ingresso Aux) desiderate, facendo
esterno prima dell'indirizzamento a Pro Tools, clic sui pulsanti Record Enable rispettivi. La
non si percepirà alcuna latenza. funzione Low Latency Monitoring viene
applicata solo alle tracce i cui ingressi sono
impostati su un'interfaccia audio (e non su un
bus).

156 Guida di riferimento di Pro Tools


2 Nel selettore di uscita, assegnare ciascuna
traccia all'uscita Output 1 o Output 2. La Vedere "Denominazione delle tracce" a
funzione Low Latency Monitoring viene pagina 99.
applicata solo alle tracce assegnate a queste
uscite.
Nomi predefiniti per i file e le
regioni audio
3 Selezionare Operations > Low Latency
Monitoring. Quando si registra su una traccia audio, i nomi
dei file e delle regioni risultanti vengono creati a
Quando la funzione Low Latency Monitoring è partire dal nome della traccia. Ad esempio, la
attivata, le mandate e i plug-in assegnati a tracce prima registrazione effettuata su una traccia
attivate per la registrazione e indirizzate alle denominata Electric Gtr comporta la creazione
uscite 1–2 vengono automaticamente ignorati sul disco rigido del file audio Electric Gtr-01.
ed è necessario che continuino a essere ignorati. Inoltre, nell'elenco delle regioni audio viene
Inoltre queste tracce non verranno rilevate sui visualizzata una regione denominata Electric
meter dei Master Fader. Gtr-01-00.

Ai successivi take registrati sulla stessa traccia


Low Latency Monitoring e
viene assegnato un nome di base identico, ma la
Bounce To Disk
prima serie di cifre, quella che indica il numero
Quando la funzione Low Latency Monitoring è del take, contiene un valore più alto. La seconda
attivata, con il comando Bounce To Disk serie di cifre è utilizzata soltanto per
vengono prese in considerazione solo le tracce l'assegnazione dei nomi alle regioni e per
audio, mentre le tracce di ingresso Aux vengono indicare una regione creata automaticamente da
ignorate. un montaggio.

Per registrare le tracce di ingresso Aux con la Con la modalità QuickPunch viene
funzione Low Latency Monitoring attivata, è utilizzato un metodo di numerazione delle
necessario registrare il materiale in tempo reale. regioni leggermente differente. Per
informazioni dettagliate, vedere
"Numerazione dei take e delle regioni con
QuickPunch" a pagina 208.
Nomi predefiniti delle tracce
Quando si creano nuove tracce audio e MIDI, Quando si registrano tracce MIDI, viene
vengono denominate Audio o MIDI e numerate utilizzato uno schema di assegnazione dei nomi
in successione. Ad esempio, quando si creano 2 simile, ma con una sola serie di cifre.
nuove tracce audio, i nomi predefiniti assegnati Ad esempio, dopo la registrazione su una traccia
sono "Audio 1" e "Audio 2". È possibile denominata "Synth 1", viene creata una regione
rinominare le tracce e inserire commenti per chiamata "Synth 1-01". Le regioni successive
ciascuna traccia. della traccia, generate da take registrati o
montaggi di regioni supplementari, vengono
Quando si effettua una registrazione su una numerate in modo sequenziale (ad esempio,
traccia, i nomi di traccia costituiscono la base Synth 1-02).
per la definizione dei nomi delle regioni e dei
file creati.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 157


Nomi della tracce audio stereo Nella finestra di dialogo Disk Allocation non
vengono visualizzati i dischi rigidi pieni.
Quando si registra su tracce audio stereo, ai
nomi dei file e delle regioni audio per i canali Per aumentare le prestazioni del sistema, è
sinistro e destro vengono aggiunti, possibile registrare e riprodurre ogni traccia da
rispettivamente, i suffissi ".L" e ".R". un disco rigido diverso. Mediante la funzione
Round Robin Allocation, è inoltre possibile
Nomi delle tracce multicanale distribuire automaticamente le tracce appena
create su più unità audio.
(Solo nei sistemi TDM)

Quando si registra su tracce surround


multicanale, ai nomi dei file e delle regioni
audio di ciascun canale vengono aggiunti i
suffissi indicati nella tabella seguente.

Formato
Suffisso regione e file
multicanale

LCR L, C, R

Quad L, R, Ls, Rs

LCRS L, C, R, S Finestra di dialogo Disk Allocation

5.0 L, C, R, Ls, Rs Per assegnare le unità audio del sistema:

5.1 L, C, R, Ls, Rs, LFE 1 Scegliere Setups > Disk Allocation.

6.0 L, C, R, Ls, Cs, Rs, LFE 2 Nella finestra di dialogo Disk Allocation,
assegnare un disco rigido a ciascuna traccia
6.1 L, C, R, Ls, Cs, Rs facendo clic nella colonna Root Media Folder e
7.0 L, Lc, C, R, Rc, Ls, Rs selezionando un volume nel menu a comparsa
Disk Allocation.
7.1 L, Lc, C, R, Rc, Ls, Rs, LFE

Finestra di dialogo
Disk Allocation
Menu a comparsa Disk Allocation
Per impostazione predefinita, i file audio
vengono memorizzati nella cartella Audio Files In ogni disco rigido viene creata una cartella con
contenuta nella cartella principale della il nome della sessione, che contiene le
sessione. Per specificare altri percorsi di sottocartelle per i file audio e di dissolvenze.
destinazione dei file audio per ciascuna traccia • Per assegnare tutte le tracce allo disco
audio, è possibile utilizzare la finestra di dialogo rigido, premere il tasto Opzione
Disk Allocation. (Macintosh) o il tasto Alt (Windows) e
selezionare il nome dell'unità desiderata.

158 Guida di riferimento di Pro Tools


• Per selezionare più elementi contigui, Salvataggio delle impostazioni di
premere il tasto delle maiuscole e fare clic assegnazione del disco
su un nome di traccia nella colonna Track
per estendere la selezione in modo da Per salvare le impostazioni della finestra di
includere le tracce già selezionate e tutte le dialogo Disk Allocation in modo da poterle
tracce intermedie. utilizzare in sessioni future, salvare la sessione
come modello. Per informazioni dettagliate,
• Per selezionare più elementi non contigui,
vedere "Creazione di modelli di sessione
premere il tasto Comando (Macintosh) o
personalizzati" a pagina 54.
Ctrl (Windows) e fare clic su un nome di
traccia nella colonna Track per estendere la
selezione in modo da includere le tracce già Disk Allocation e sessioni per più
selezionate ma non le tracce intermedie. piattaforme

3 Per salvare i file audio registrati in una cartella Pro Tools per Windows supporta la registrazione
esistente, senza creare un'altra cartella della e la riproduzione di audio da più dischi rigidi,
sessione, selezionare Customize Allocation ma per garantire la compatibilità su più
Options, quindi fare clic sul pulsante Change e piattaforme è necessario che le sessioni create in
scegliere la cartella. Per creare sottocartelle in Pro Tools per Macintosh e i file audio ad esse
questa cartella, selezionare Create Subfolders for associati si trovino su unità formattate per il file
audio, video, and fade files. system Macintosh (HFS o HFS+).

4 Per distribuire automaticamente le nuove Analogamente, le sessioni Windows e i file


tracce create tra le unità disco rigido collegate al audio ad esse associati devono trovarsi su unità
sistema, selezionare l'opzione "Use Round Robin formattate per Windows (FAT32 o NTFS). Se si
Allocation for New Tracks". desidera condividere le sessioni su piattaforme
Windows e Macintosh, tenere presenti queste
Se si utilizza la funzione Round Robin
limitazioni quando si assegnano le tracce alle
Allocation e si desidera che l'audio venga
unità.
registrato sull'unità di avvio del sistema:
• Su Macintosh OS X, aprire il browser
Workspace e impostare Volume Designator
Riassegnazione delle tracce
per il volume di sistema su Quando si apre una sessione in cui alcuni dei
Record/Playback (vedere "Definizione del dischi rigidi precedentemente assegnati non
volume dello spazio di lavoro" a sono più disponibili (o non corrispondono alla
pagina 160). piattaforma della sessione corrente), le tracce
–o– vengono automaticamente riassegnate al
• Su Macintosh OS 9 o Windows, selezionare volume in cui è memorizzato il file della
Include System Volume. Per informazioni sessione. In casi del genere, se è necessario
dettagliate, vedere "Registrazione nel riassegnare le tracce ad altre unità, utilizzare la
volume di sistema" a pagina 160. funzione Disk Allocation.

La funzione Round Robin Allocation non è


supportata per i dischi rigidi partizionati.

5 Al termine, fare clic su OK.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 159


La nuova assegnazione delle tracce non ha Assegnazione dello spazio sul
effetti sull'audio registrato in precedenza, in disco rigido per la
quanto definisce unicamente la
registrazione
destinazione di salvataggio delle nuove
registrazioni audio. Le opzioni della sezione Open Ended Record
Allocation della scheda Operation determinano
Definizione del volume dello spazio la quantità dello spazio disponibile sul disco
di lavoro rigido da assegnare ogni volta che si effettua una
(Solo Macintosh OS X) registrazione in una o più tracce con Pro Tools.

La definizione del volume dello spazio di lavoro Quando la preferenza è impostata su Use All
può alterare la disponibilità del disco, andando Available Space, viene assegnato tutto lo spazio
quindi a influire su Disk Allocation. Nel browser disponibile sull'unità. Ciò può rallentare il
Workspace, definire i volumi come Record, processo di registrazione nei dischi rigidi che
Playback o Transfer. Se si modifica la definizione utilizzano determinati file system, tra cui
di un'unità rendendola di sola lettura (Play Only HFS+ e NTFS.
o Transfer), sarà necessario ricercare in Disk
In casi del genere, è possibile ridurre il tempo
Allocation le tracce assegnate in precedenza a
necessario all'avvio della registrazione
tale unità. Per ulteriori informazioni vedere la
assegnando soltanto una parte del disco rigido.
Guida di DigiBase e DigiBase Pro.

Per assegnare una parte del disco rigido


Registrazione nel volume per la registrazione:
di sistema 1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic su

Sebbene con Pro Tools sia possibile effettuare Operation.


registrazioni nel volume di sistema, è preferibile 2 Nella sezione Open Ended Record Allocation,
non utilizzare questa procedura. Le prestazioni selezionare Limit To e immettere il numero di
di registrazione e riproduzione audio sulle unità minuti da assegnare.
di sistema sono peggiori rispetto a quelle
garantite dai dischi rigidi non di sistema.

Si consiglia di registrare nelle unità di sistema


solo quando è assolutamente necessario, ad
Sezione Open Ended Record Allocation, scheda
esempio quando il computer utilizzato è dotato Operation
di una sola unità disco rigido o quando lo spazio
disponibile sulle altre unità è esaurito. Il numero di minuti specificato viene assegnato
a ciascuna traccia attivata per la registrazione.
Per ottenere le prestazioni di registrazione
desiderate potrebbe essere necessario fare delle
prove con valori diversi.

3 Al termine, fare clic su Done.

160 Guida di riferimento di Pro Tools


Scegliere Windows > Show Disk Space per Quando si effettua una registrazione, è
verificare lo spazio disponibile nelle unità possibile risparmiare spazio su disco
disco. eliminando i take registrati non desiderati
(vedere "Rimozione delle regioni
indesiderate" a pagina 333) e comprimendo
Modalità di registrazione i file audio (vedere "Compressione dei file
audio" a pagina 334).
In Pro Tools sono disponibili quattro modalità
per la registrazione dell'audio: Modalità Nondestructive Record
• Nondestructive Record (modalità predefinita) Nella modalità normale Nondestructive Record,
• Destructive Record Pro Tools registra l'audio in modo non
• Loop Record distruttivo, ossia se si registra sopra le regioni
esistenti di una traccia, l'audio non verrà
• Modalità QuickPunch cancellato dal disco rigido. Sia i nuovi che i
Per attivare la modalità Destructive Record, vecchi file audio restano nel disco rigido,
Loop Record o QuickPunch, selezionare la voce disponibili come regioni nell'elenco delle
corrispondente dal menu Operations. Se non regioni audio.
viene selezionata nessuna di queste modalità, la In modalità Nondestructive Record l'intervallo
modalità attiva è quella normale di registrazione è definito selezionando un
Nondestructive Record. intervallo nel righello o nell'ordine di
riproduzione di una traccia o specificando i
punti di inizio e fine nella finestra Transport.
Se non si effettua alcuna selezione, la
Modalità Destructive Record attivata
registrazione inizia dalla posizione corrente del
Per passare da una modalità di registrazione cursore e continua finché non si fa clic sul
all'altra, è inoltre possibile premere il tasto pulsante Stop della finestra Transport.
Control e fare clic (Macintosh) oppure fare clic
con il pulsante destro del mouse (Windows e Per poter impostare un intervallo di
Macintosh OS X) sul pulsante Record nella registrazione mediante selezione nell'ordine
finestra Transport. In questo caso si passa da una di riproduzione di una traccia, è necessario
modalità all'altra in sequenza e il pulsante che le selezioni Edit e Timeline siano
Record cambia di volta in volta per indicare la collegate. Vedere "Separazione delle
modalità correntemente selezionata: vuoto per selezioni Edit e Timeline" a pagina 257.
Nondestructive, D per Destructive, un simbolo
Le impostazioni di pre/post-roll consentono di
circolare per Loop Record e P per QuickPunch.
riascoltare il materiale fino a e oltre i punti
iniziale e finale, funzione questa utile quando si
effettua la registrazione punch (vedere
"Registrazione punch dell'audio" a pagina 177).

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 161


Modalità Destructive Record
Per poter impostare un intervallo di
In modalità Destructive Record, la registrazione registrazione mediante selezione nell'ordine
su regioni esistenti comporta la sostituzione di riproduzione di una traccia, è necessario
definitiva del materiale audio originale; ciò che le selezioni Edit e Timeline siano
consente di ridurre al minimo indispensabile collegate. Vedere "Separazione delle
l'utilizzo del disco. Tuttavia, se si dispone di selezioni Edit e Timeline" a pagina 257.
sufficiente spazio su disco, in genere è preferibile
utilizzare la modalità Nondestructive Record, Quando si utilizza la modalità Loop Record,
per evitare la perdita di qualsiasi materiale ciascun take successivo viene visualizzato come
precedentemente registrato. regione nell'elenco delle regioni audio e
numerato in modo sequenziale. I take che
Quando si definisce l'intervallo di registrazione hanno durata e ora di inizio identici possono
e le impostazioni di pre/post-roll, la modalità essere facilmente ascoltati e inseriti nella
Destructive Record funziona nello stesso modo posizione corretta della traccia mediante il
della modalità Nondestructive. menu a comparsa Takes List (vedere "Ascolto dei
take registrati" a pagina 180).
A differenza delle altre modalità di registrazione,
quando si utilizza la modalità Destructive
Record non è possibile annullare i take registrati
Modalità QuickPunch
(vedere "Annullamento dei take registrati" a La modalità QuickPunch consente di eseguire
pagina 172). manualmente e istantaneamente il punch in
(avvio della registrazione) e il punch out (arresto
Modalità Loop Record della registrazione) sulle tracce attivate per la
registrazione nel corso della riproduzione
La modalità Loop Record consente di registrare
facendo clic sul pulsante Record della finestra
in modo non distruttivo un take dopo l'altro
Transport. La registrazione con QuickPunch è di
della stessa sezione di audio ripetuta più volte. Si
tipo non distruttivo.
tratta di una tecnica particolarmente utile per
registrare rapidamente più take di una parte Quando si utilizza la modalità QuickPunch, al
senza perdere spontaneità. momento di inizio della riproduzione viene
avviata la registrazione di un nuovo file, con
L'intervallo di tempo ripetuto e registrato, che
conseguente generazione automatica di regioni
deve avere una durata di almeno un secondo,
nel file in corrispondenza di tutti i punti di
viene definito mediante la selezione di un
punch in/punch out. Le regioni appaiono
intervallo nel righello o in un ordine di
nell'ordine di riproduzione della traccia. Il file
riproduzione della traccia, oppure mediante
audio completo appare nell'elenco delle regioni
l'indicazione dei punti iniziale e finale nella
audio, unitamente alle regioni create tramite
finestra Transport. L'impostazione di pre-roll, se
QuickPunch. In un singolo passaggio è possibile
attivata, viene utilizzata durante il primo
effettuare fino a 100 "punch istantanei".
passaggio di registrazione, ma nei loop
successivi i tempi di pre/post-roll vengono
ignorati.

162 Guida di riferimento di Pro Tools


Benché sia possibile effettuare la registrazione Se MIDI Merge non è attivato, la registrazione
punch anche nelle altre modalità di MIDI è distruttiva (benché sia possibile
registrazione specificando manualmente annullare un passaggio di registrazione MIDI),
l'intervallo di registrazione, soltanto la modalità sia mediante la sovrascrittura dei dati che
QuickPunch consente di passare mediante l'aggiunta di nuovo materiale di
istantaneamente al monitoraggio del materiale regione. Un'eccezione alla regola si verifica
al momento del punch out. quando la modalità Loop Record è attivata; in
tale modalità, le regioni di traccia esistenti
vengono sostituite da nuove regioni quando
Modalità di registrazione e MIDI
viene registrato il nuovo materiale. Le regioni
Oltre alle quattro modalità di registrazione precedenti rimangono tuttavia intatte e
descritte, nella finestra Transport è disponibile disponibili nell'elenco delle regioni MIDI e nel
anche il pulsante MIDI Merge, che consente di menu a comparsa Takes List. In modalità Loop
definire come vengono registrati i dati MIDI. Record, la funzione MIDI Merge non ha effetto,
Quando il pulsante MIDI Merge è selezionato quindi il pulsante è disattivato.
(modalità Merge attivata), la registrazione sulle
regioni MIDI esistenti comporta l'unione dei
nuovi dati con i dati precedenti. Quando il
pulsante MIDI Merge è deselezionato ed è
Registrazione con il click
quindi attiva la modalità Replace, il nuovo
(metronomo)
materiale sostituisce il materiale precedente. Se si prevede di lavorare con tracce MIDI nella
sessione oppure se l'audio su cui si sta lavorando
Pulsante MIDI Merge è basato su battute e battiti, è possibile registrare
le tracce mentre si ascolta il click (metronomo).
Ciò garantisce che il materiale registrato, sia
MIDI che audio, venga allineato rispetto alle
Modalità MIDI Merge attivata battute e ai battiti della sessione.
La registrazione MIDI funziona ugualmente Quando il materiale di traccia è allineato con i
anche se si utilizzano le modalità battiti, è possibile sfruttare alcune utili funzioni
Nondestructive o Destructive Record. Inoltre di montaggio di Pro Tools, quali la
non occorre che QuickPunch sia attivato per quantizzazione delle regioni MIDI e audio, la
eseguire il punch istantaneo dei dati MIDI, quantizzazione delle singole note MIDI, nonché
questa funzionalità è disponibile nelle modalità la copia e l'incollamento di misure e di parti di
Nondestructive e Destructive Record. brani musicali in modalità Grid.
A differenza del materiale audio, i dati MIDI
Il materiale registrato senza ascoltare il
possono essere registrati in modalità loop
metronomo può comunque essere allineato
quando l'opzione Operations > Loop Playback è
rispetto alle battute e ai battiti mediante
attivata. In questa modalità, lo stato del
Beat Detective (vedere Capitolo 22, "Beat
pulsante MIDI Merge, selezionato o
Detective") o utilizzando il comando
deselezionato, determina se il materiale
Identify Beat per determinare il tempo.
esistente viene unito o sostituito.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 163


Per configurare le opzioni del click del metronomo: 4 Selezionare un'opzione per il momento di
riproduzione del click tra During play and
1 Scegliere MIDI > Click Options.
record (Durante la riproduzione e la
–o– registrazione), Only during record (Solo durante
la registrazione) e Only during countoff (Solo
Fare doppio clic sul pulsante Click o Countoff
durante il conteggio).
nella finestra Transport.
5 Se si utilizza il conteggio, specificare il numero
2 Dal menu a comparsa Output della finestra di
di battute da contare. Per udire il conteggio
dialogo Click/Countoff Options, scegliere il
soltanto durante la registrazione, selezionare
numero della porta (dispositivo) e del canale che
l'opzione Countoff only when recording.
riprodurranno il click. Se si utilizza il plug-in
DigiRack Click, selezionare None. (Per 6 Fare clic su OK.
informazioni sull'utilizzo del plug-in Click,
vedere la Guida ai plug-in DigiRack.) Per attivare il metronomo dal menu MIDI:
■ Scegliere MIDI > Click.

Per attivare il click del metronomo nella


finestra Transport:
1 Per visualizzare i controlli MIDI nella finestra
Transport, selezionare Display > Transport
Window Shows > MIDI Controls.

Finestra Transport con i controlli MIDI

Finestra di dialogo Click/Countoff Options 2 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
Click per evidenziarlo.
3 Per le note accentate e non accentate,
specificare la nota, la velocity e la durata
utilizzando il tastierino numerico. Se il
dispositivo è collegato, è anche possibile Pulsante Click
riprodurre nuovi valori di nota dalla tastiera del
controller MIDI.
Click attivato
Quando si ascolta il click nelle sessioni
3 Per utilizzare il conteggio durante la
Pro Tools, la nota accentata viene riprodotta sul
registrazione o la riproduzione, fare clic sul
primo battito di ciascuna misura, mentre la nota
pulsante Countoff nella finestra Transport per
non accentata viene riprodotta sui battiti
evidenziarlo.
rimanenti.

164 Guida di riferimento di Pro Tools


Gli eventi tempo musicale, che possono
verificarsi ovunque in una sessione Pro Tools,
sono memorizzati nella traccia Meter e vengono
visualizzati nel righello Meter. L'inserimento e
Pulsante Countoff
l'editing degli eventi tempo musicale vengono
Conteggio attivato trattati nella sezione "Eventi tempo musicale" a
pagina 341.
Ascoltare il conteggio prima della registrazione è
utile per farsi un'idea del tempo metrico prima
Per impostare il tempo musicale predefinito per
di iniziare a suonare. Il pulsante Countoff della una sessione:
finestra Transport visualizza il numero di
1 Scegliere Windows > Show Tempo/Meter.
battute da contare.
–o–
Il conteggio viene ignorato quando Pro Tools
è online ed è in corso la sincronizzazione Fare doppio clic sul pulsante Meter nella finestra
con un timecode SMPTE. Transport.

Wait for Note e Countoff


Le funzioni Wait for Note e Countoff si
escludono reciprocamente e non possono essere
Pulsante Meter
attivate contemporaneamente. Se ad esempio il
pulsante Countoff è attivato e si fa clic sul
pulsante Wait for Note, il pulsante Countoff 2 Immettere il tempo musicale da utilizzare per
viene disattivato. la sessione e impostare l'opzione Location su
1|1|000 (in modo che l'evento tempo musicale
inserito sostituisca quello predefinito).

Impostazione del tempo


musicale predefinito
Quando si apre una nuova sessione in Pro Tools,
l'impostazione predefinita del tempo musicale è
4/4. Se si prevede di registrare con il click e si sta
lavorando con un tempo musicale diverso,
impostare il tempo predefinito
conseguentemente.
Finestra Tempo/Meter Change
Se il tempo musicale di una sessione non
corrisponde alla musica che si sta registrando, i 3 Scegliere un valore di nota per il numero di
click accentati non si allineeranno a ciò che si click che devono essere riprodotti in ciascuna
sta riproducendo, con il risultato che il misura.
materiale registrato non verrà allineato alle
4 Fare clic su Apply per inserire il nuovo evento
battute e ai battiti nella finestra Edit.
tempo musicale.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 165


Impostazione del tempo 3 Immettere il valore BPM da utilizzare per la
metrico predefinito sessione e impostare l'opzione Location su
1|1|000 (in modo che l'evento tempo metrico
Quando si apre una nuova sessione in Pro Tools, inserito sostituisca quello predefinito).
il valore del tempo metrico predefinito è 120
BPM. Se si intende registrare con il click 4 Per basare il valore BPM su un valore diverso
(metronomo) e si sta lavorando con un tempo dalla semiminima predefinita, selezionare il
metrico diverso, impostare il tempo metrico valore di nota desiderato.
predefinito conseguentemente. Se si conosce il 5 Fare clic su Apply per inserire il nuovo evento
tempo metrico che verrà utilizzato per la di tempo metrico.
sessione, è possibile inserire un evento tempo
metrico all'inizio della traccia Tempo. Per ulteriori informazioni sul tempo metrico
predefinito, vedere "Tempo metrico predefinito"
Gli eventi tempo metrico, che possono a pagina 338.
verificarsi ovunque in una sessione Pro Tools,
sono memorizzati nella traccia Tempo e
Utilizzo della modalità Manual Tempo
vengono visualizzati nel righello Tempo.
L'inserimento e l'editing per gli eventi tempo In modalità Manual Tempo, gli eventi tempo
metrico vengono trattati in modo approfondito metrico della traccia Tempo vengono ignorati e
nella sezione "Eventi tempo metrico" a la riproduzione viene eseguita in base al tempo
pagina 335. metrico visualizzato nella finestra Transport. Il
tempo metrico manuale può essere impostato
Per inserire un evento tempo metrico predefinito: mediante il dispositivo di scorrimento Tempo,
oppure, se non si è sicuri del tempo metrico
1 Scegliere Windows > Show Tempo/Meter.
effettivo, definendo il valore desiderato con il
–o– pulsante Tap.

Fare doppio clic sul pulsante Meter nella finestra Benché sia possibile regolare il tempo metrico
Transport. manuale durante la riproduzione, così facendo
2 Nella parte superiore della finestra la riproduzione verrà momentaneamente
Tempo/Meter Change, scegliere Tempo Change interrotta.
dal menu a comparsa.
Per impostare il tempo metrico manuale con il
dispositivo di scorrimento Tempo:
1 Per visualizzare i controlli MIDI nella finestra
Transport, selezionare Display > Transport
Window Shows > MIDI Controls.

2 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante


Conductor in modo che non sia più
evidenziato.

Finestra Tempo/Meter Change

166 Guida di riferimento di Pro Tools


1 Per visualizzare i controlli MIDI nella finestra
Pulsante Conductor Transport, selezionare Display > Transport
Window Shows > MIDI Controls.
Modalità Manual Tempo attivata 2 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante

Viene così attivata la modalità Manual Tempo. Conductor in modo che non sia più
In questa modalità, qualsiasi evento di tempo evidenziato. Viene così attivata la modalità
metrico nella traccia Tempo viene ignorato. Manual Tempo. In questa modalità, qualsiasi
evento di tempo metrico nella traccia Tempo
3 Per basare il valore BPM su un valore diverso viene ignorato.
dalla semiminima predefinita, modificare il
valore di nota nel menu a comparsa Beat Value, 3 Fare ripetutamente clic sul pulsante Tap fino a

situato a sinistra del pulsante Tap. visualizzare il valore di tempo metrico


desiderato.
4 Per immettere un nuovo tempo metrico,
trascinare il dispositivo di scorrimento
Pulsante Tap
orizzontale Tempo nella finestra Transport.

Pulsante Tap
Valore BPM
–o–
Dispositivo di
scorrimento Tempo
Fare clic nel campo Tempo per evidenziarlo e
Dispositivo di scorrimento Tempo immettere il tempo metrico suonando una nota
ripetutamente con il tempo desiderato sulla
Per ottenere una risoluzione più precisa con il
tastiera del controller MIDI.
dispositivo di scorrimento Tempo, premere il
tasto Comando (Macintosh) o Ctrl (Windows) Per calcolare il nuovo tempo metrico, sono
mentre si trascina. necessarie almeno quattro immissioni con il
pulsante Tap (ciascuna delle quali è visualizzata
Per uscire dalla modalità Manual Tempo e attivare nell'area Tap quando viene ricevuta). Il valore
la traccia Tempo:
BPM calcolato viene visualizzato nel campo
■ Fare clic sul pulsante Conductor nella finestra Tempo della finestra Transport.
Transport per evidenziarlo.

Per impostare il tempo metrico manuale con il


pulsante Tap:
Immissioni di tempo metrico rappresentate nella
finestra Transport

Per completare l'impostazione del nuovo tempo


metrico:
■ Disattivare la modalità Manual Tempo

facendo clic sul pulsante Conductor, quindi


inserire un evento tempo metrico (con il nuovo
valore) all'inizio della traccia Tempo.

Capitolo 11: Impostazione della registrazione 167


168 Guida di riferimento di Pro Tools
Capitolo 12: Istruzioni di base sulla
registrazione

3 Specificare il formato, analogico o digitale,


Registrazione di una degli ingressi dell'interfaccia audio utilizzata.
traccia audio Scegliere Setups > Hardware Setup, scegliere
l'interfaccia audio, quindi selezionare il formato
Quando si registra da una sorgente mono,
per la coppia di canali.
registrare su una singola traccia audio mono in
Pro Tools. Un singolo file audio mono viene In alcune unità di I/O Digidesign, ad esempio
scritto sul disco; la nuova regione appare Digi 001 o Mbox, solo due canali (Ch 1–2)
nell'ordine di riproduzione e nell'elenco delle possono essere impostati per il formato
regioni. analogico o digitale.

Per registrare una sorgente audio stereo in 4 Se la sessione non contiene tracce, scegliere
Pro Tools, utilizzare una singola traccia audio File > New Track e specificare 1, Mono o Stereo
stereo. Nel disco rigido viene scritto un file Audio Track, quindi fare clic sul pulsante Create
audio mono unico per ciascun canale, di sinistra nella finestra visualizzata.
e di destra, della traccia stereo e le regioni
vengono visualizzate negli ordini di
riproduzione di entrambi i canali. Inoltre, una
regione multicanale (stereo) viene visualizzata
nell'elenco delle regioni audio.

Finestra di dialogo New Track


Per configurare una traccia audio
per la registrazione:
Per scorrere automaticamente il menu a
1 Collegare una sorgente sonora mono o stereo
comparsa dei tipi nella finestra di dialogo
all'ingresso appropriato dell'hardware audio.
New Track, premere il tasto Comando
2 Se si desidera avviare una nuova sessione con (Macintosh) o il tasto Ctrl (Windows) e
una frequenza di campionamento diversa, utilizzare i tasti Freccia su/giù.
scegliere File > New Session, quindi selezionare
la frequenza di campionamento desiderata. Fare
clic su Save.

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 169


5 Se necessario, rinominare la traccia creata. I 7 Nella finestra Mix, fare clic sul selettore di
nomi delle tracce vengono utilizzati per uscita della traccia e assegnare un'uscita
assegnare automaticamente il nome a regioni e hardware.
file audio registrati. Per ulteriori informazioni
vedere "Nomi predefiniti delle tracce" a
pagina 157.

6 Nella finestra Mix, utilizzare il selettore di


ingresso della traccia per assegnare un ingresso
hardware.

Selettore di uscita, finestra Mix

–o–

Nella finestra Edit, con la vista I/O attivata,


utilizzare il selettore di uscita della traccia per
Selettore di ingresso, finestra Mix assegnare un'uscita hardware.

–o–

Nella finestra Edit, con la vista I/O attivata,


utilizzare il selettore di ingresso della traccia per
assegnare un ingresso hardware.

Selettore di ingresso, finestra Edit

Selettore di ingresso, finestra Edit

170 Guida di riferimento di Pro Tools


8 Nella finestra Mix, fare clic sul pulsante 9 Regolare il livello di uscita della sorgente
Record Enable della traccia audio per attivare la sonora (strumento, mixer o preamplificatore).
traccia per la registrazione. I fader di volume Monitorare i livelli dei meter della traccia in
delle tracce attivate per la registrazione Pro Tools per essere certi di ottenere il segnale
diventano rossi. più elevato possibile senza clipping.

10 Nella finestra Mix, regolare i fader del pan e il


volume della traccia come desiderato. Queste
impostazioni servono soltanto a fini di
monitoraggio e non hanno ripercussioni sul
materiale registrato.
–o–

Nella finestra Output della traccia, regolare il


fader del volume e i controlli di pan della traccia
nel modo desiderato. Queste impostazioni
servono soltanto a fini di monitoraggio e non
hanno ripercussioni sul materiale registrato.

Per registrare in una traccia audio:


1 Nel menu Operations, deselezionare
Destructive Record, Loop Record e QuickPunch.

2 Se necessario, attivare Click e Countoff nella


finestra Transport. Inoltre, specificare il tempo
musicale e il tempo metrico predefiniti della
sessione. Per informazioni dettagliate, vedere
"Registrazione con il click (metronomo)" a
Pulsante Record Enable (finestra Mix)
pagina 163.
–o–
3 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
Nella finestra Edit , fare clic sul pulsante Record Return to Zero per azzerare i tempi iniziale e
Enable della traccia audio per attivare la traccia finale. In questo modo la registrazione verrà
per la registrazione. avviata dall'inizio della traccia.

4 Fare clic su Record nella finestra Transport per


attivare la modalità Record Ready. Il pulsante
Record lampeggia.

5 Quando si è pronti per iniziare la


registrazione, fare clic sul pulsante Play.
Se si utilizza Countoff, viene dapprima eseguito
il conteggio del numero di misure specificato,
quindi la registrazione viene avviata.
Selettore di ingresso

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 171


6 Al termine della registrazione, fare clic su Stop Per annullare una registrazione audio:
nella finestra Transport.
■ Una volta arrestata la funzione Transport,

Il materiale appena registrato viene scritto sul scegliere Edit > Undo Record Audio.
disco e visualizzato come regione audio
Viene ripristinato lo stato precedente dell'ordine
nell'ordine di riproduzione della traccia. La
di riproduzione della traccia. Tuttavia:
nuova regione audio viene visualizzata anche
◆ Se prima dell'arresto della funzione Transport
nell'elenco delle regioni audio.
sono state effettuate più operazioni di punch in
Per riprodurre la traccia audio registrata: e punch out, viene annullato soltanto l'ultimo
punch.
1 Fare clic sul pulsante Record Enable della
◆ Quando si utilizza la modalità Loop Record,
traccia audio in modo che non sia più attivata
vengono eliminati tutti i take di ciascun
per la registrazione. I fader di volume della
passaggio di registrazione.
traccia funzioneranno ora come controlli di
livello della riproduzione.
Se si annulla un passaggio di registrazione e
si interrompe la registrazione, verrà
Se la modalità Auto Input Monitoring è
visualizzato l'avviso seguente: "The current
attivata, è sufficiente fare clic sul pulsante
record pass will cause a previously undone
Record nella finestra Transport per uscire
record pass to be removed from the session.
dalla modalità Record Ready, quindi
Would you like the files from the previous
premere il pulsante Play, lasciando la
record pass to be removed from disk?" (Il
traccia attivata per la registrazione. La
passaggio di registrazione corrente
traccia passa direttamente alla modalità di
provocherà la rimozione dalla sessione del
riproduzione quando si preme il pulsante
passaggio precedente non annullato. Si
Play e torna alla modalità Input quando si
desidera rimuovere dal disco i file del
preme il pulsante Stop. Vedere "Auto Input
passaggio di registrazione precedente?) Se si
Monitoring" a pagina 155.
sceglie Sì, i file registrati in precedenza
2 Nella finestra Transport fare clic su Return To verranno eliminati.
Zero per far iniziare la riproduzione dall'inizio
della sessione. Annullamento dei take registrati

3 Fare clic sul pulsante Play nella finestra Durante la registrazione, è possibile eliminare il
Transport per avviare la riproduzione. Regolare i take registrato corrente. Ciò comporta la
fader del pan e il volume della traccia secondo le rimozione dell'audio registrato fino a quel
esigenze. punto dal disco rigido e l'eliminazione della
regione dall'ordine di riproduzione della traccia.
Questa funzionalità non è disponibile in
Annullamento della registrazione audio
modalità Destructive Record.
Dopo aver registrato una traccia audio e aver
arrestato la funzione Transport, è possibile
annullare il take registrato precedente.

172 Guida di riferimento di Pro Tools


Per annullare un take registrato durante la
registrazione: Scelte rapide da tastiera per
■ Premere i tasti Comando+punto (Macintosh) la registrazione
o Ctrl+punto (Windows) prima di arrestare la Oltre a fare clic sul pulsante Record nella finestra
funzione di Transport. Transport, è possibile avviare la registrazione
Se si utilizza la modalità Loop Record, vengono anche utilizzando i seguenti tasti di scelta
eliminati tutti i take di ciascun passaggio di rapida:
registrazione. • Per iniziare immediatamente la registrazione
premere F12.

Registrazione di tracce • Per iniziare a registrare premere i tasti


multicanale Comando+barra spaziatrice (Macintosh) o
Ctrl+barra spaziatrice (Windows).
(Solo nei sistemi Pro Tools TDM)
• Per iniziare a registrare, premere 3 sul
La registrazione delle tracce multicanale è molto tastierino numerico (quando la modalità
simile alla registrazione delle tracce audio Numeric Keypad è impostata su Transport).
stereo. Un singolo file audio mono viene scritto
per ciascun canale della traccia e le regioni Per avviare la registrazione a velocità
vengono visualizzate nell'ordine di dimezzata, premere i tasti
riproduzione per ciascun canale. Inoltre, una Comando+maiuscole+barra spaziatrice
regione multicanale viene visualizzata (Macintosh) o i tasti Ctrl+Maiusc+barra
nell'elenco delle regioni audio. spaziatrice (Windows). Per informazioni
dettagliate, vedere "Registrazione e
Per ulteriori informazioni sulle tracce riproduzione a velocità dimezzata" a
multicanale, vedere "Tracce audio pagina 211.
multicanale" a pagina 561.

Registrazione di più tracce


audio
In Pro Tools è possibile registrare più tracce
audio simultaneamente, senza tuttavia superare
i limiti di registrazione delle tracce imposti dal
sistema. Per registrare su più tracce audio,
attivare per la registrazione ciascuna traccia sulla
quale si desidera registrare.

Per registrare più tracce audio:


1 Collegare le uscite dalla sorgente sonora agli
ingressi appropriati dell'hardware audio.

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 173


2 Configurare ciascuna traccia per la 8 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
registrazione. Seguire la stessa procedura Return to Zero per azzerare i tempi iniziale e
utilizzata per creare una nuova sessione e nuove finale. In questo modo la registrazione verrà
tracce e per assegnare ingressi e uscite a ciascuna avviata dall'inizio della traccia.
traccia, illustrata in "Registrazione di una traccia
9 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
audio" a pagina 169.
Transport. Quando si è pronti per iniziare la
Premere i tasti Comando+Control+Opzione registrazione, fare clic sul pulsante Play.
(Macintosh) o Ctrl+Alt+Start (Windows) e 10 Al termine della registrazione, fare clic su
fare clic sul selettore di ingresso di una Stop nella finestra Transport.
traccia per assegnare automaticamente
tutte le tracce successive al primo percorso di Per ciascuna traccia attivata per la registrazione
input disponibile. viene scritto sul disco un nuovo file audio e
viene creata una nuova regione, visualizzata
3 Attivare per la registrazione le tracce audio nell'ordine di riproduzione. Le nuove regioni
sulle quali si desidera registrare facendo clic sul audio vengono visualizzate anche nell'elenco
pulsante Record Enable corrispondente. delle regioni audio.

Finché la preferenza Latch Record Enable


Buttons è selezionata, è possibile attivare
per la registrazione ulteriori tracce facendo Modalità Record Pause
clic sul pulsante Record Enable
Quando si registrano numerosi canali o tracce o
corrispondente. Le altre tracce già attivate
si riproducono numerose tracce durante la
per la registrazione rimarranno tali.
registrazione, l'avvio della registrazione
4 Regolare il livello di uscita delle sorgenti potrebbe subire un certo ritardo. Per evitare il
sonore (strumenti, mixer o preamplificatore). ritardo, attivare la modalità Record Pause prima
Monitorare i livelli dei meter delle tracce in di avviare la registrazione.
Pro Tools per assicurarsi di ottenere il segnale
più elevato possibile senza clipping. Per registrare con la modalità
Record Pause attivata:
5 Regolare il volume della traccia e i controlli
1 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
del pan secondo le esigenze. Queste
Transport. Il pulsante Record lampeggia.
impostazioni servono soltanto a fini di
monitoraggio e non hanno ripercussioni sul 2 Premere il tasto Opzione (Macintosh) o il tasto
materiale registrato. Alt (Windows) e fare clic su Play nella finestra
Transport per attivare la modalità Record Pause.
6 Nel menu Operations, deselezionare
I pulsanti Play e Record lampeggiano.
Destructive Record, Loop Record e QuickPunch.

7 Se necessario, attivare il click (metronomo) e il


conteggio (countoff) nella finestra Transport.
Inoltre, specificare il tempo musicale e il tempo
metrico predefiniti della sessione. Per
informazioni dettagliate, vedere "Registrazione
con il click (metronomo)" a pagina 163.

174 Guida di riferimento di Pro Tools


3 Per iniziare immediatamente la registrazione, Se Operations > Link Edit and Timeline
fare clic su Play. Al termine della registrazione, Selection è attivata, fare clic in qualsiasi punto
fare clic su Stop nella finestra Transport. dell'ordine di riproduzione della traccia per
iniziare a registrare da tale punto.
Durante la registrazione o la riproduzione di
un numero elevato di tracce, utilizzare la Per informazioni su come registrare un
modalità Pause per ridurre il tempo di intervallo specifico della traccia, con punti
ritardo quando si effettua la iniziale e finale precisi, vedere
sincronizzazione con un timecode. "Registrazione punch dell'audio" a
pagina 177.

4 Fare clic sul pulsante Record nella finestra


Registrazione di take Transport. Quando si è pronti per iniziare la
addizionali registrazione, fare clic sul pulsante Play.
Dopo la registrazione su una traccia audio, è 5 Al termine della registrazione, fare clic su Stop
possibile registrare take addizionali sulla stessa nella finestra Transport.
traccia. Se tuttavia i take addizionali vengono
registrati in modalità Destructive Record, l'audio Un file audio per il nuovo take viene scritto sul
dei precedenti take memorizzato nel disco disco e viene visualizzato come regione audio
rigido andrà perduto definitivamente. nell'ordine di riproduzione della traccia. La
nuova regione audio viene visualizzata
Per conservare l'audio dei take precedenti, nell'elenco delle regioni audio.
registrare i nuovi take in modo non distruttivo
nella modalità Nondestructive Record. L'audio del take originale rimane sul disco rigido
ed è ancora disponibile come regione
Per informazioni dettagliate sui nomi delle nell'elenco delle regioni audio.
regioni e dei file audio per i nuovi take,
vedere "Nomi predefiniti delle tracce" a Per registrare in modo distruttivo su
pagina 157. un take precedente:
1 Selezionare Operations > Destructive Record.
Per registrare in modo non distruttivo un nuovo
take sulla stessa traccia: Quando si utilizza la modalità Destructive
Record, sul pulsante Record viene visualizzata la
1 Attivare la modalità Non-destructive Record
lettera "D".
di Pro Tools. Nel menu Operations,
deselezionare Destructive Record, Loop Record e Destructive
Record
QuickPunch.

2 Assicurarsi che la traccia contenente il take Modalità Destructive Record attivata


precedente sia ancora attivata per la
2 Assicurarsi che la traccia contenente il take
registrazione.
precedente sia ancora attivata per la
3 Per registrare dall'inizio della traccia, fare clic registrazione.
sul pulsante Return to Zero nella finestra
Transport.
–o–

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 175


Se Operations > Link Edit and Timeline materiale verrà aggiunto alla fine della traccia.
Selection è attivata, fare clic in qualsiasi punto Se si utilizza la modalità Destructive Record, il
dell'ordine di riproduzione della traccia per nuovo audio viene aggiunto alla fine del file e
iniziare a registrare da tale punto. della regione audio a partire dal primo take.
In modalità Nondestructive Record vengono
3 Per registrare dall'inizio della traccia, fare clic
creati un nuovo file e una nuova regione.
sul pulsante Return to Zero nella finestra
Transport.
Registrazione in un ordine di
–o– riproduzione nuovo
Se Operations > Link Edit and Timeline Invece di registrare sulle regioni audio esistenti,
Selection è attivata, fare clic in qualsiasi punto vi è un altro metodo per registrare in modo non
dell'ordine di riproduzione della traccia per distruttivo nuovi take sulla stessa traccia. È
iniziare a registrare da tale punto. sufficiente creare un nuovo ordine di
riproduzione per la traccia, quindi effettuare la
Per informazioni su come registrare un
registrazione secondo le procedure descritte.
intervallo specifico della traccia, con punti
iniziale e finale precisi, vedere Le tracce possono avere più ordini di
"Registrazione punch dell'audio" a riproduzione di montaggio, ciascuno dei quali
pagina 177. memorizza un elenco di regioni riunite in un
determinato ordine. Inoltre, poiché gli ordini di
4 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
riproduzione seguono i gruppi, la duplicazione
Transport. Quando si è pronti per iniziare la
o la selezione di ordini di riproduzione
registrazione, fare clic sul pulsante Play.
alternativi per una traccia di un gruppo
5 Al termine della registrazione, fare clic su Stop selezionato avrà effetto su tutte le tracce del
nella finestra Transport. gruppo.

L'audio del nuovo take viene scritto sul disco e Per registrare in un nuovo ordine di riproduzione
sovrascrive l'originale in modo permanente. Il per una traccia:
nuovo materiale sostituisce il materiale
1 Dal menu a comparsa del selettore dell'ordine
originale nella regione esistente. La regione non
di riproduzione della traccia, scegliere New.
viene rinominata.
Immettere il nome del nuovo ordine di
riproduzione e fare clic su OK.
Aggiunta di nuovo materiale alla fine
delle tracce
È inoltre possibile aggiungere nuovo materiale
alla fine delle tracce. A questo scopo,
individuare la fine della traccia interessata
utilizzando il pulsante Go to End nella finestra
Transport (per individuare la fine della sessione)
oppure spostarsi fino al punto finale dell'ultima Selettore dell'ordine di riproduzione
regione della traccia. Sarà quindi sufficiente
iniziare a registrare da quel punto: il nuovo

176 Guida di riferimento di Pro Tools


Quando si crea un nuovo ordine di
riproduzione, il nome assegnato sostituisce il Registrazione punch
nome della traccia. Quando l'ordine di dell'audio
riproduzione è attivo, i nomi delle nuove
Per definire un intervallo di registrazione
regioni e dei nuovi file audio sono basati sul
nell'ordine di registrazione o per sostituire una
nome dell'ordine.
parte di una traccia registrata, è possibile
2 Assicurarsi che la traccia sia ancora attivata per effettuare un punch in specificando l'intervallo
la registrazione. di registrazione prima di registrare.
3 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
Per informazioni sull'esecuzione manuale
Return to Zero.
del punch in e del punch out su tracce audio
4 Fare clic sul pulsante Record nella finestra attivate per la registrazione durante la
Transport. Quando si è pronti per iniziare la riproduzione, vedere "Registrazione audio
registrazione, fare clic sul pulsante Play. QuickPunch" a pagina 205.

5 Al termine della registrazione, fare clic su Stop Benché esistano vari metodi per impostare gli
nella finestra Transport. intervalli di registrazione e riproduzione (vedere
"Impostazione dei punti punch/loop" a
Un file audio per il nuovo take viene scritto sul
pagina 182), il metodo più semplice consiste nel
disco e viene visualizzato come regione audio
selezionare l'intervallo da registrare nell'ordine
nell'ordine di riproduzione della traccia. La
di riproduzione della traccia.
nuova regione audio viene visualizzata
nell'elenco delle regioni audio. Per poter impostare un intervallo di
6 Per ascoltare il nuovo take, fare clic su Play
registrazione o riproduzione mediante la
nella finestra Transport. selezione del materiale nell'ordine di
riproduzione, è necessario che le selezioni
7 Per tornare a un ordine di riproduzione Edit e Timeline siano collegate (selezionare
precedente in modo da confrontarlo con il Operations > Link Edit and Timeline
nuovo take, selezionarlo dal selettore dell'ordine Selection).
di riproduzione della traccia.
Durante il processo di registrazione, la
La selezione di un ordine di riproduzione fa sì riproduzione ha inizio dal valore temporale
che le regioni vengono richiamate così come impostato per il pre-roll (se attivato) e continua
erano visualizzate in precedenza nella traccia. fino all'ora di inizio (il punto di punch in), da
Tutte le regioni di tutti gli ordini di riproduzione cui viene avviata la registrazione. Quando viene
sono sempre disponibili nell'elenco delle raggiunta l'ora finale (il punto di punch out), la
regioni, ed è possibile scambiarle tra ordini di modalità di registrazione viene
riproduzione e tracce diversi. automaticamente disattivata e la riproduzione
continua per la durata del post-roll specificato.
Per ulteriori informazioni sugli ordini di
Questa funzione di punch in/out automatizzata
riproduzione e l'editing degli ordini di
è un modo potente e preciso per registrare o
riproduzione, vedere "Ordini di
registrare nuovamente una parte della traccia.
riproduzione" a pagina 226.

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 177


Per effettuare la registrazione punch su una La registrazione ha inizio quando viene
traccia audio: raggiunto il punto iniziale o di punch in e
1 Per registrare in modo non distruttivo, continua finché non viene raggiunto il punto
assicurarsi che il comando Operations > finale o di punch out, a meno che non venga
Destructive Record non sia selezionato. interrotta tramite un clic sul pulsante Stop nella
finestra Transport. Se il post-roll è attivato, la
–o–
riproduzione continua per la durata di post-roll
Se si desidera registrare e sovrascrivere specificata.
definitivamente l'intervallo di registrazione
Se si registra in modo non distruttivo, un nuovo
specificato, selezionare Operations > Destructive
file audio viene scritto sul disco rigido e una
Record.
nuova regione audio viene visualizzata nella
Se si registra nella modalità Nondestructive traccia di registrazione e nell'elenco delle regioni
Record, i punch non sostituiranno audio.
definitivamente il materiale registrato in Se si registra in modalità Destructive Record, il
precedenza. Se si desidera registrare e nuovo audio sovrascrive il materiale
sovrascrivere definitivamente l'intervallo di preesistente nella regione e nel file audio
registrazione specificato conservando solo esistenti.
l'ultimo take, ovvero il più recente,
selezionare Operations > Destructive
Monitoraggio durante i punch in
Record.
In Pro Tools sono disponibili due modalità di
2 Verificare che la traccia sulla quale si desidera
monitoraggio per la registrazione: Auto Input
registrare sia attivata per la registrazione.
Monitoring e Input Only Monitoring. Per il
3 Selezionare Operations > Link Edit and monitoraggio durante la registrazione punch-in,
Timeline Selection. selezionare Operations > Auto Input
Monitoring. Per informazioni dettagliate,
4 Utilizzando il selettore, effettuare un
vedere "Auto Input Monitoring" a pagina 155.
trascinamento nell'ordine di riproduzione della
traccia finché la selezione non comprenderà Attivando le funzioni di pre-roll e post-roll, è
l'intervallo di punch desiderato. Per altri metodi possibile ascoltare qualsiasi materiale della
di impostazione dell'intervallo di registrazione, traccia esistente fino a e oltre l'intervallo di
vedere "Impostazione dei punti punch/loop" a registrazione punch definito.
pagina 182.

5 Per ascoltare qualsiasi materiale di traccia


esistente fino al punto iniziale o dopo il punto
finale, attivare e impostare i valore temporali di
pre-roll/post-roll. Per informazioni dettagliate,
vedere "Impostazione del pre/post-roll" a
pagina 184.

6 Fare clic sul pulsante Record nella finestra


Transport. Quando si è pronti per iniziare la
registrazione, fare clic sul pulsante Play.

178 Guida di riferimento di Pro Tools


Quando si effettua la registrazione di audio con
Registrazione di loop audio la modalità Loop Record, viene creato un unico
file audio che include tutti i take. I take vengono
La modalità Loop Record di Pro Tools consente
visualizzati come regioni singole nell'elenco
di registrare un take dopo l'altro mentre viene
delle regioni audio e numerati sequenzialmente.
continuamente ripetuta la stessa sezione di
Una volta arrestata la registrazione, è possibile
audio. Si tratta di una tecnica particolarmente
ascoltare uno qualsiasi dei take registrati.
utile per registrare rapidamente più take di una
parte senza perdere spontaneità.
Per registrare una traccia audio con la
Quando si utilizza questa modalità di modalità Loop Record:
registrazione, occorre innanzitutto specificare i 1 Selezionare Operations > Loop Record.
punti iniziale e finale del loop. Benché esistano Quando la modalità Loop Record è attivata, sul
vari metodi per impostare gli intervalli di pulsante Record viene visualizzato un simbolo
riproduzione e registrazione (vedere circolare.
"Impostazione dei punti punch/loop" a
pagina 182), forse il modo più semplice consiste
nel selezionare il materiale di cui effettuare il
loop nell'ordine di riproduzione della traccia.
Modalità Loop Record attivata
Per poter impostare un intervallo di 2 Attivare per la registrazione la traccia audio
registrazione o riproduzione mediante la desiderata facendo clic sul pulsante Record
selezione del materiale nell'ordine di Enable corrispondente.
riproduzione, è necessario che le selezioni
Edit e Timeline siano collegate (selezionare 3 Selezionare Operations > Link Edit and

Operations > Link Edit and Timeline Timeline Selection.


Selection). 4 Utilizzando il selettore, effettuare un
trascinamento nell'ordine di riproduzione della
Attivando le funzioni di pre-roll e post-roll, è
traccia finché la selezione non comprenderà
possibile ascoltare il materiale della traccia fino
l'intervallo di loop desiderato.
a e oltre l'intervallo di registrazione loop.
Per altri metodi di impostazione dell'intervallo
L'impostazione di pre-roll, se attivata, viene
di registrazione, vedere "Impostazione dei punti
utilizzata solo durante il primo passaggio di
punch/loop" a pagina 182.
registrazione, mentre l'impostazione di
post-roll, se attivata, viene utilizzata solo 5 Per ascoltare il materiale della traccia fino al
durante l'ultimo passaggio. Nei passaggi punto iniziale del loop, attivare e impostare la
intermedi, i valori di pre-roll e post-roll vengono durata del pre-roll. Per informazioni dettagliate,
ignorati. Per compensare tale mancanza, è vedere "Impostazione del pre/post-roll" a
preferibile impostare un intervallo di loop pagina 184.
leggermente più lungo. Successivamente, sarà
6 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
possibile "accorciare" i take registrati e renderli
Transport. Quando si è pronti per iniziare la
della lunghezza desiderata utilizzando lo
registrazione, fare clic sul pulsante Play.
strumento Trimmer (vedere "Strumento
Trimmer" a pagina 280).

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 179


Il pulsante Record lampeggia durante il pre-roll.
La registrazione ha inizio quando viene Ascolto dei take registrati
raggiunto il punto iniziale. Quando viene
Dopo aver registrato più take con la modalità
raggiunto il punto finale, si torna all'ora di
loop o punch, è possibile sostituire il take che si
inizio e la riproduzione e la registrazione
trova al momento nella traccia con take
continuano da quel punto.
precedenti e quindi ascoltare questi ultimi.
7 Per annullare tutti i take registrati durante la
Tutti i take sono numerati sequenzialmente.
registrazione loop, premere i tasti
Comando+punto (Macintosh) o i tasti
Per posizionare e ascoltare i take precedenti:
Ctrl+punto (Windows).
1 Nella finestra Edit, selezionare il take corrente
8 Al termine della registrazione, fare clic su Stop
con lo strumento Grabber.
nella finestra Transport.
2 Premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl
Se si arresta la registrazione prima di raggiungere (Windows) e trascinare un altro take dall'elenco
il punto centrale del loop, il take viene delle regioni audio nell'ordine di riproduzione.
eliminato. Se all'arresto della registrazione è
stata registrata una quantità di take superiore La regione selezionata sostituisce il take
alla metà, il take rimane nella traccia. precedente e si inserisce esattamente nella
posizione corretta.
I take registrati vengono visualizzati come
regioni nell'elenco delle regioni audio e 3 Ripetere i passaggi precedenti per ascoltare gli
numerati sequenzialmente. L'ultimo take altri take.
registrato rimane nella traccia di registrazione.
Per informazioni dettagliate sull'ascolto dei vari Ascolto dal menu a comparsa
take dal menu a comparsa Takes List, vedere
Takes List
"Ascolto dal menu a comparsa Takes List" a
pagina 180. Tutte le regioni create durante un passaggio di
registrazione loop o punch hanno la stessa ora
Riproduzione in loop e di inizio (User Time Stamp, o indicatore ora definito
registrazione audio dall'utente). Ciò consente di selezionare con
facilità i take da ascoltare dal menu a comparsa
Durante la registrazione, le impostazioni di Takes List, anche mentre la sessione viene
riproduzione in loop vengono ignorate. L'unico riprodotta o ripetuta.
modo per utilizzare la funzione di loop consiste
nell'attivare la modalità Loop Record.

180 Guida di riferimento di Pro Tools


Per selezionare un take dal menu a comparsa sufficiente richiamare le posizioni memoria.
Takes List: Per ulteriori informazioni vedere
1 Premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl "Memorizzazione e richiamo delle selezioni Edit
(Windows) e fare clic con il selettore (con valori di pre-roll e post-roll)" a pagina 186.
esattamente sul punto iniziale dell'intervallo di
Per modificare l'indicatore ora di altre regioni in
loop o di punch.
modo che vengano visualizzate nel menu a
–o– comparsa Takes List per una data posizione,
utilizzare il comando Time Stamp Selected nel
Se il take che si trova al momento nella traccia è
menu a comparsa dell'elenco delle regioni.
selezionato, premere il tasto Comando
Per ulteriori informazioni vedere "Indicazione
(Macintosh) o Ctrl (Windows) e fare clic su di
ora" a pagina 630.
esso con il selettore.

Elenco dei take e tracce multiple


Se sono state registrate più tracce e ciascuna di
esse contiene take con indicatori ora identici, è
possibile utilizzare il menu a comparsa Takes
List per sostituire tutti i take simultaneamente.

Per sostituire i take di numerose tracce:


1 Scegliere Setups > Preferences, fare clic sulla
scheda Editing e attivare le seguenti opzioni:
• Take Region Name(s) That Match Track
Menu a comparsa Takes List
Names
Viene visualizzato un menu a comparsa che • Take Regions Lengths That Match
contiene l'elenco delle regioni con lo stesso
indicatore ora. 2 Fare clic su Done per chiudere la finestra di
dialogo Preferences.
2 Scegliere la regione desiderata dal menu a
comparsa Takes List. La regione selezionata 3 Utilizzando il selettore, selezionare in
sostituisce il take precedente e si inserisce ciascuna traccia l'intervallo di take che si
esattamente nella posizione corretta. desidera sostituire.

3 Ripetere i passaggi precedenti per ascoltare gli 4 Premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl
altri take. (Windows) e fare clic con il selettore su uno
qualsiasi dei take selezionati.
Un modo per garantire che i take futuri abbiano
lo stesso indicatore ora (e vengano visualizzati nel Viene visualizzato un menu a comparsa che
menu a comparsa Takes List) consiste nel contiene l'elenco delle regioni che condividono
memorizzare le selezioni di registrazione loop e lo stesso indicatore ora di quella traccia.
punch come posizioni memoria. Se in seguito è
necessario registrare take addizionali, sarà

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 181


5 Scegliere una regione dal menu a comparsa L'opzione consente di confrontare sezioni
Takes List. La regione selezionata sostituisce il diverse in un gruppo di take correlati. Ad
take precedente e si inserisce esattamente nella esempio, è possibile suddividere rapidamente in
posizione corretta. Inoltre, vengono selezionati sezioni un intero gruppo di take vocali correlati,
automaticamente gli stessi numeri di take delle quindi ascoltare e selezionare il materiale
altre tracce selezionate. migliore da ciascuna sezione.

Quando l'opzione è selezionata, assicurarsi che


Opzioni della scheda Editing e siano selezionante anche le opzioni "Take
regioni take Region Names That Match Track Names" e "Take
Region Lengths that Match". Se non lo sono, il
Oltre ad avere lo stesso indicatore ora, le regioni
comando Separate Region riguarderà tutte le
visualizzate nel menu a comparsa Takes List
regioni della sessione aventi lo stesso indicatore
sono limitate dalle opzioni della scheda Editing
ora.
descritte di seguito.
Nella maggior parte dei casi, è preferibile
Take Region Name(s) That Match Track Names deselezionare l'opzione "Separate Region
Quando questa opzione è selezionata, nel menu Operates On All Related Takes", per impedire la
a comparsa Takes List vengono visualizzate creazione di un numero elevato di regioni
soltanto le regioni che hanno lo stesso nome di quando si utilizza il comando Separate Region.
base della traccia o dell'ordine di riproduzione.
Ad esempio, il menu a comparsa Takes List della
traccia "Gtr.L" mostrerà le regioni "Gtr.L-01" e Impostazione dei punti
"Gtr.L-02-01", ma non la regione "Guit.L-01".
punch/loop
Take Region Lengths That Match I punti iniziale e finale di un intervallo di
registrazione per la registrazione loop e punch
Quando questa opzione è selezionata, nel menu
possono essere impostati con i seguenti metodi:
a comparsa Takes List vengono visualizzate
soltanto le regioni la cui lunghezza corrisponde • Selezione di un intervallo nell'ordine di
alla lunghezza della selezione corrente (anche se riproduzione di una traccia
questa non include una regione intera). Se non • Selezione di un intervallo in un righello
vi è nessuna selezione, vengono visualizzati tutti Timebase
i take con lo stesso indicatore ora.
• Trascinamento degli indicatori di
riproduzione nel righello
"Separate Region" Operates On
All Related Takes • Immissione delle ore iniziale e finale nella
finestra Transport
Quando questa opzione è selezionata, la
modifica di una regione con il comando • Richiamo di una posizione memoria
Separate Region influisce anche su tutti gli altri
take correlati aventi lo stesso indicatore ora
definito dall'utente.

182 Guida di riferimento di Pro Tools


Per impostare l'intervallo di registrazione Per impostare l'intervallo di registrazione in un
nell'ordine di riproduzione di una traccia: righello Timebase:
1 Se necessario, impostare la modalità Edit su 1 Se necessario, impostare la modalità Edit su
Grid in modo che la selezione sia vincolata al Grid in modo che la selezione sia vincolata al
valore Grid corrente. valore Grid corrente.

2 Selezionare Operations > Link Edit and 2 Utilizzando il selettore, effettuare un


Timeline Selection. trascinamento in un righello Timebase qualsiasi
finché la selezione non comprenderà l'intervallo
3 Utilizzando il selettore, effettuare un
di registrazione desiderato.
trascinamento nell'ordine di riproduzione di
una traccia finché la selezione non comprenderà
l'intervallo di registrazione desiderato.

Selezione Timeline
Selezione nell'ordine di riproduzione
Se il selettore non è attivo, non è necessario
–o–
selezionarlo manualmente. Quando
Se i punti iniziale e finale di una regione vengono utilizzati nel righello Timebase,
definiscono l'intervallo di registrazione, fare clic infatti, gli altri strumenti di montaggio, ad
sulla regione con lo strumento Grabber. esempio Grabber, assumono
automaticamente la funzione di selettore.
È inoltre possibile definire un punto iniziale
e un punto finale durante la riproduzione. Indicatori di riproduzione
Premere il tasto Freccia giù per impostare il
Quando le tracce sono attivate per la
punto iniziale e il tasto Freccia giù per il
registrazione, gli indicatori di riproduzione
punto finale. Osservare che se si immettono
relativi all'ora di inizio e fine sono visualizzati
i punti con questo metodo in modalità Grid,
nel righello come frecce su/giù di colore rosso.
i punti stessi non verranno bloccati sulla
Se nessuna traccia è attivata per la registrazione,
griglia.
gli indicatori di riproduzione sono blu.

Indicatori di riproduzione nel righello

È possibile spostare gli indicatori di


riproduzione, separatamente o
contemporaneamente, per impostare gli
intervalli di riproduzione e registrazione.

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 183


Per impostare l'intervallo di registrazione Nei campi Start e End è possibile immettere le
trascinando gli indicatori di riproduzione: posizioni per impostare l'intervallo di
1 Se necessario, impostare la modalità Edit su riproduzione o di registrazione desiderato.
Grid in modo che gli indicatori di riproduzione Gli indicatori di riproduzione nel righello
trascinati siano vincolati al valore Grid corrente. vengono aggiornati di conseguenza.

2 Trascinare il primo indicatore di riproduzione Per impostare l'intervallo di registrazione


(freccia giù) sul punto iniziale dell'intervallo. immettendo l'ora di inizio e di fine nella finestra
Transport:
1 Selezionare Display > Transport Shows >
Expanded.

Trascinamento di un indicatore di riproduzione (ora di 2 Nella finestra Transport, fare clic nel campo
inizio) nel righello Start.
3 Trascinare il secondo indicatore di –o–
riproduzione (freccia su) sul punto finale
Premere i tasti Opzione+barra (/) (Macintosh) o i
dell'intervallo.
tasti Alt+barra (/) (Windows) sul tastierino
Se l'intervallo di registrazione corrente è già numerico per selezionare il campo Start nella
della lunghezza giusta e occorre soltanto finestra Transport.
spostarlo, premere il tasto Opzione
3 Digitare la posizione iniziale e premere il tasto
(Macintosh) o il tasto Alt (Windows) e
barra (/) sul tastierino numerico per immettere il
trascinare uno degli indicatori di
valore e spostarsi automaticamente nel campo
riproduzione per spostarli entrambi nella
End.
posizione desiderata (mantenendo
inalterata la lunghezza dell'intervallo). 4 Digitare la posizione finale e premere Invio
per accettare il valore.
Campi Start e End
Per spostarsi tra i campi Start e End,
È possibile ridimensionare la finestra Transport utilizzare il tasto punto (.) o i tasti Freccia
per visualizzare i valori temporali di inizio, fine e sinistra/destra. Utilizzare i tasti Freccia
durata, nonché le impostazioni di pre-roll e su/giù per aumentare o diminuire i valori
post-roll (scegliere Display Transport Window numerici.
Shows > Expanded). L'impostazione di un
intervallo di registrazione o riproduzione si
Impostazione del pre/post-roll
riflette in questi campi sotto forma di valori
numerici. I valori di pre-roll e post-roll vengono
visualizzati nel righello sotto forma di
bandierine colorate. Quando le funzioni pre-roll
e post-roll sono attivate, le bandierine sono
verdi, altrimenti sono grigie.

Finestra Transport con i campi Start/End visualizzati

184 Guida di riferimento di Pro Tools


Per spostarsi tra i campi pre-roll e post-roll,
utilizzare il tasto punto (.) o i tasti Freccia
Bandierine pre/post-roll verdi (funzioni attivate) nel sinistra/destra. Utilizzare i tasti Freccia
righello
su/giù per aumentare o diminuire i valori
È possibile immettere le quantità di pre-roll e numerici.
post-roll desiderata nella finestra Transport,
impostarla nell'ordine di riproduzione o nel Impostazione di pre-roll e post-roll in un
righello Timebase di una traccia oppure ordine di riproduzione
richiamando una posizione memoria.
Per attivare e disattivare le funzioni di pre-roll e
Le funzioni di pre-roll e post-roll richiedono post-roll, è possibile fare clic con il selettore
l'utilizzo di ingenti risorse di sistema nell'ordine di riproduzione di una traccia.
supplementari e dovrebbero essere
disattivate quando non strettamente Per impostare e attivare le funzioni pre-roll e post-
roll facendo clic in un ordine di riproduzione:
necessarie (in special modo quando si
utilizza QuickPunch, che a sua volta 1 Verificare che sia selezionata Operations >
richiede risorse aggiuntive). Link Edit and Timeline Selection.

2 Utilizzando il selettore, effettuare un


Impostazione del pre/post-roll nella
trascinamento nell'ordine di riproduzione della
finestra Transport
traccia finché non comprenderà l'intervallo di
Le funzioni di pre-roll e post-roll possono essere registrazione desiderato.
attivate e impostate mediante gli appositi campi
3 Utilizzando il selettore, premere il tasto
della finestra Transport.
Opzione (Macintosh) o Alt (Windows) e fare clic
nell'ordine di riproduzione della traccia prima
Per impostare e attivare i tempi di pre-roll e post-
della selezione per attivare il pre-roll in quella
roll nella finestra Transport:
posizione.
1 Selezionare Display > Transport Shows >
Expanded. 4 Utilizzando il selettore, premere il tasto
Opzione (Macintosh) o il tasto Alt (Windows) e
2 Nella finestra Transport, fare clic nel campo fare clic nell'ordine di riproduzione della traccia
pre-roll. dopo la selezione per attivare il post-roll in
3 Digitare la quantità di pre-roll desiderata e quella posizione.
premere il tasto barra (/) sul tastierino numerico
per immettere il valore e spostarsi Per disattivare le funzioni pre-roll e post-roll
facendo clic in un ordine di riproduzione:
automaticamente nel campo post-roll.
1 Utilizzando il selettore, premere il tasto
4 Digitare la quantità di post-roll desiderata e
Opzione (Macintosh) o il tasto Alt (Windows) e
premere Invio per accettare il nuovo valore.
fare clic nella selezione della traccia su un punto
5 Per attivare la funzione di pre-roll o di post vicino all'inizio per disattivare il pre-roll.
roll, fare clic sul pulsante appropriato per
evidenziarlo.

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 185


2 Utilizzando il selettore, premere il tasto Per impostare le quantità di pre-roll e post-roll
Opzione (Macintosh) o il tasto Alt (Windows) e mediante trascinamento nel righello:
fare clic nella selezione della traccia su un punto 1 Se necessario, impostare la modalità Edit su
vicino alla fine per disattivare il post-roll. Grid in modo che le bandierine trascinate siano
vincolate al valore Grid corrente.
Nella timeline, è possibile reimpostare su
zero i valori di pre-roll e post-roll. In primo 2 Trascinare la bandierina di pre-roll nella
luogo, trascinare la bandierina di pre-roll posizione desiderata nel righello.
sull'indicatore di riproduzione situato sul
punto iniziale dell'intervallo, quindi
trascinare la bandierina di post-roll
sull'indicatore di riproduzione situato sul
punto finale dell'intervallo. Trascinamento di una bandierina di pre-roll nel righello

3 Trascinare la bandierina di post-roll sulla


3 Trascinare la bandierina di pre-roll
posizione desiderata nel righello.
sull'indicatore di riproduzione situato sul punto
iniziale dell'intervallo. Per impostare i valori di pre-roll e di post-
4 Trascinare la bandierina di post-roll roll sulla stessa quantità, premere il tasto
sull'indicatore di riproduzione situato sul punto Opzione (Macintosh) o il tasto Alt
finale dell'intervallo. (Windows) e trascinare la bandierina di
pre-roll o post-roll nel righello. La
bandierina deselezionata verrà
Attivazione delle funzioni pre-roll e
immediatamente reimpostata sullo stesso
post-roll dal menu Operations
valore dell'altra e continuerà ad essere
Le funzioni pre-roll e post-roll possono essere regolata conseguentemente mentre si
attivate e disattivate insieme dal menu trascina la bandierina selezionata.
Operations.
Memorizzazione e richiamo delle
Per attivare sia il pre-roll che il post-roll dal menu selezioni Edit (con valori di pre-roll
Operations: e post-roll)
■ Selezionare Operations > Pre/Post Roll È possibile memorizzare le selezioni Edit come
Playback. posizioni memoria che possono includere i
valori di pre-roll e post-roll correnti.
Trascinamento delle bandierine pre-roll
Per ulteriori informazioni sulle posizioni
e post-roll nel righello Timebase
memoria, vedere "Posizioni memoria e
È possibile spostare le bandierine pre-roll e post- indicatori" a pagina 345.
roll nel righello, separatamente o
contemporaneamente, per impostarne le Per salvare una selezione Edit con una
posizioni. posizione memoria:
1 Selezionare Operations > Link Edit and
Timeline Selection.

186 Guida di riferimento di Pro Tools


2 Impostare l'intervallo di registrazione 2 Scegliere Windows > Show Memory
effettuando una selezione nell'ordine di Locations.
riproduzione o nel righello oppure immettendo
i valori temporali di inizio e di fine nella finestra
Transport.

3 Se necessario, attivare e impostare le quantità


di pre-roll/post-roll intervenendo nella finestra
Transport oppure trascinando le bandierine pre-
roll e post-roll nel righello.

4 Premere Invio sul tastierino numerico.

5 Nella finestra di dialogo New Memory


Location, selezionare l'opzione Selection nella
sezione Time Properties e, se necessario,
selezionare l'opzione Pre/Post Roll Times nella
sezione General Properties.
Finestra Memory Locations

3 Nella finestra Memory Locations, fare clic sul


nome o sul numero della posizione memoria.
–o–

Richiamare le posizioni memoria desiderate


digitando un punto, il numero della posizione
memoria desiderata e un altro punto sul
tastierino numerico. Vedere la sezione
"Modalità Numeric Keypad" a pagina 35.

Vengono richiamate le impostazioni dei valori


di inizio e di fine, nonché le impostazioni di
pre-roll/post-roll, memorizzate nella posizione
Finestra di dialogo New Memory Location memoria.
6 Immettere il nome della nuova posizione
memoria e fare clic su OK per salvarla.

Per richiamare una selezione Edit con una


posizione memoria:
1 Selezionare Operations > Link Edit and
Timeline Selection.

Capitolo 12: Istruzioni di base sulla registrazione 187


188 Guida di riferimento di Pro Tools
Capitolo 13: Registrazione MIDI

Benché la registrazione MIDI in Pro Tools sia


simile alla registrazione audio, vi sono alcune Registrazione da
importanti differenze: dispositivi MIDI
◆ A differenza della registrazione audio, la Gli ingressi MIDI per le tracce MIDI attivate per
registrazione MIDI è quasi sempre distruttiva. la registrazione determinano quali dati MIDI
Per informazioni dettagliate vedere la sezione vengono registrati in Pro Tools. Gli ingressi
"Modalità di registrazione e MIDI" a pagina 163. MIDI possono essere impostati su un dispositivo
◆ A differenza delle tracce audio, le tracce MIDI (porta) e un canale specifici oppure su "All", nel
possono essere attivate per la registrazione qual caso tutti i canali di tutti i dispositivi
istantaneamente durante la registrazione. vengono uniti e indirizzati alla traccia.
◆ Come le tracce audio, le tracce MIDI sono Le tracce MIDI in Pro Tools non contengono
dotate di un selettore di ingresso che determina canali multipli e vengono sempre riprodotte sui
quali porte dell'interfaccia MIDI (dispositivi) e dispositivi e i canali assegnati (uscita MIDI) della
quali canali MIDI verranno indirizzati e traccia. È possibile registrare simultaneamente
registrati sulla traccia. Quando il selettore di più canali MIDI su più tracce.
ingresso è impostato su All, vengono indirizzati
alla traccia tutti i canali di tutti i dispositivi. Le seguenti opzioni di Pro Tools determinano se
è possibile registrare da un dispositivo controller
◆ Non è necessario utilizzare QuickPunch per
MIDI:
effettuare il punch in istantaneo con le tracce
MIDI. Questa funzionalità è disponibile nelle ◆ I dispositivi assegnati come MIDI Controller

modalità Non-destructive Record e Destructive nella finestra di dialogo Peripherals vengono


Record. ignorati durante la registrazione delle tracce
MIDI. Ciò per evitare la registrazione di dati da
superfici di controllo MIDI quali ad esempio
Mackie HUI.
◆ Nei sistemi Macintosh, il dispositivo scelto
per la registrazione deve essere attivato nella
finestra di dialogo Input Devices. Per ulteriori
informazioni vedere "Attivazione dei dispositivi
di ingresso" a pagina 190.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 189


Inoltre, le seguenti opzioni influenzano le Per attivare i dispositivi di ingresso:
modalità di registrazione dei dati MIDI in
1 Scegliere MIDI > Input Devices.
Pro Tools.
2 Nella finestra di dialogo MIDI Input Enable,
◆ L'opzione MIDI Input Filter consente di
selezionare i dispositivi MIDI da cui si desidera
filtrare i messaggi MIDI che non si desidera
registrare. Assicurarsi inoltre che siano
registrare, quali i dati di aftertouch polifonico o
selezionati tutti i dispositivi che verranno
esclusivi al sistema. Per ulteriori informazioni
utilizzati come superficie di controllo.
vedere "Finestra di dialogo MIDI Input Filter" a
pagina 192.
◆ Quando è attivata, l'opzione Input Quantize
consente di quantizzare automaticamente
(correzione temporale) tutte le note MIDI
registrate. Per ulteriori informazioni vedere
"Input Quantize" a pagina 192.

Attivazione dei dispositivi


di ingresso
(Solo Macintosh)

Per poter registrare da un controller MIDI in


Pro Tools, il dispositivo deve essere attivato Finestra di dialogo MIDI Input Enable
nella finestra di dialogo Input Devices. Questa
3 Deselezionare tutti i dispositivi che si desidera
finestra di dialogo consente inoltre di evitare la
registrazione di note indesiderate da ignorare durante la registrazione MIDI.
determinati dispositivi, quali batterie 4 Al termine, fare clic su OK.
elettroniche (drum machine) o arpeggiatori.
Pro Tools Inputs
Superfici di controllo MIDI Per poter utilizzare le
superfici di controllo MIDI quali CM Labs Motor (solo nei sistemi Pro Tools 6.0)
Mix occorre attivarle nella finestra di dialogo
Pro Tools dispone di quattro ingressi MIDI
Input Devices.
virtuali, detti Pro Tools Inputs, che possono
MMC Per poter eseguire la sincronizzazione con ricevere dati MIDI da altre applicazioni
MMC in Pro Tools , la sorgente MMC deve supportate. Ad esempio i Pro Tools Inputs
essere attivata nella finestra di dialogo Input consentono la sincronizzazione con timecode
Devices. MIDI generato da un'altra applicazione
supportata, il controllo dei plug-in
sintetizzatore software in Pro Tools (quali Bruno
e Reso) e la registrazione di dati MIDI da un altro
sequencer MIDI alle tracce MIDI di Pro Tools.

190 Guida di riferimento di Pro Tools


Strumento Thru predefinito
MIDI Patchbay è un'utile applicazione per il
routing di dati MIDI tra applicazioni che Oltre che alle tracce MIDI attivate per la
supportano gli input MIDI virtuali (quali registrazione, è possibile indirizzare i dati MIDI
Pro Tools), e applicazioni che non allo strumento Thru predefinito. In questo
supportano tale funzione (quali Reason). modo si evita di creare e attivare per la
Per ulteriori informazioni, visitare il sito registrazione una traccia MIDI per ascoltare un
http://pete.yandell.com/software. canale o un dispositivo MIDI particolare.

A differenza delle tracce MIDI, che "ascoltano"


soltanto il dispositivo e il canale assegnati al
Opzione MIDI Thru proprio selettore di ingresso, tutti i dati MIDI in
Per monitorare le tracce MIDI durante la ingresso vengono indirizzati allo strumento
registrazione, attivare l'opzione MIDI Thru. Thru predefinito.
Quando l'opzione è attivata, i dati MIDI dei
Se lo strumento è assegnato a una traccia MIDI
controller vengono indirizzati al dispositivo e ai
attivata per la registrazione, i dati vengono
canali assegnati alla traccia MIDI correntemente
indirizzati soltanto alla traccia attivata per la
attivata per la registrazione.
registrazione.
L'opzione Global MIDI Playback Offset
della scheda MIDI e i singoli offset delle Per impostare lo strumento Thru predefinito:
tracce MIDI non influenzano i dati MIDI 1 Scegliere Setups > Preferences e fare clic sulla
indirizzati mediante MIDI Thru. scheda MIDI.

2 Dal menu a comparsa Default Thru


Quando l'opzione MIDI Thru è attivata, gli Instrument, selezionare il canale e il dispositivo
eventi esclusivi al sistema (sysex) vengono MIDI a cui verranno indirizzati i dati MIDI. Per
replicati al dispositivo MIDI assegnato alla disattivare lo strumento Thru predefinito,
traccia attivata per la registrazione, ma selezionare None.
soltanto se tali eventi sono inferiori a 256
byte.

Per attivare l'opzione MIDI Thru:


■ Selezionare MIDI > MIDI Thru.

Quando si utilizza l'opzione MIDI Thru


occorre disattivare il controllo locale, se
presente, sui dispositivi MIDI. In caso
contrario il dispositivo MIDI potrebbe
ricevere note MIDI doppie, che a loro volta
potrebbero originare note incollate. Per
informazioni sulla disattivazione del
controllo locale per lo strumento, consultare
la documentazione del produttore.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 191


Quando si utilizza l'opzione All Except, i
Finestra di dialogo messaggi MIDI selezionati non vengono
MIDI Input Filter registrati. Al contrario, quando si utilizza
l'opzione Only, verranno registrati soltanto i
Utilizzare MIDI Input Filter bloccare la
messaggi MIDI selezionati.
registrazione di determinati messaggi MIDI. È
possibile impostare il filtro su "All" per registrare
tutti i messaggi, su "Only" per registrare soltanto
i messaggi specificati o su "All Except" per Input Quantize
registrare tutti i messaggi tranne quelli
Quando la funzione Input Quantize è attivata,
specificati.
tutte le note MIDI registrate vengono
quantizzate automaticamente. Per mantenere il
Ad esempio, per escludere l'aftertouch polifonico:
"feeling" originale delle tracce MIDI registrate,
1 Scegliere MIDI > Input Filter. disattivare la funzione.

2 Nella finestra di dialogo MIDI Input Filter,


Per attivare la funzione Input Quantize:
selezionare l'opzione All Except.
1 Scegliere MIDI > Input Quantize.

2 Nella finestra Input Quantize, selezionare


l'opzione Enable Input Quantize.

Finestra di dialogo MIDI Input Filter

3 Selezionare l'opzione Polyphonic Aftertouch.


Lasciare deselezionate tutte le altre opzioni.
Finestra Input Quantize
4 Fare clic su OK.
Configurare le altre opzioni della finestra Input
Quantize secondo le esigenze. Per informazioni
dettagliate sulle varie opzioni di quantizzazione,
vedere "Quantize" a pagina 413. Al termine,
chiudere la finestra Input Quantize.

192 Guida di riferimento di Pro Tools


Per la registrazione di loop di tipo batteria, 2 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
utilizzare la funzione Input Quantize mentre si Wait for Note per evidenziarlo.
registrano i loop MIDI in modalità Merge
(vedere "Registrazione di loop in modalità
Merge" a pagina 200).
Pulsante Wait for Note

Funzione Wait for Note attivata


Wait for Note
Il pulsante Wait for Note, situato nella finestra Quando l'opzione Use F11 for Wait for
Transport, determina le modalità di avvio della Note della scheda Operation è attivata, per
registrazione in Pro Tools. Quando il pulsante è attivare la funzione Wait for Note è
attivato, la registrazione non avrà inizio finché possibile premere F11.
non verrà ricevuto un evento MIDI. Ciò
garantisce che la registrazione inizi quando si è
pronti a suonare e che la prima nota, o altri dati
MIDI, vengano registrati esattamente all'inizio
MIDI Merge/Replace
dell'intervallo di registrazione (ora di inizio). Il pulsante MIDI Merge, situato nella finestra
Transport, determina le modalità di
Il pulsante Wait for Note può essere utilizzato
registrazione dei dati MIDI quando si effettua
quando si registra in modalità normale, in
l'overdubbing o il punch in. Quando la funzione
modalità punch in o in modalità loop. Se la
MIDI Merge è attivata (modalità Merge ), i dati
funzione pre-roll è attivata, l'effetto del pulsante
MIDI registrati vengono uniti al materiale di
si verifica dopo che è stato ricevuto l'evento
traccia esistente. Quando la funzione MIDI
MIDI e prima che la registrazione abbia inizio.
Merge è disattivata (modalità Replace), i dati
esistenti nella regione in cui è stato effettuato il
Per attivare la funzione Wait for Note: punch vengono sostituiti dal materiale appena
1 Per visualizzare i controlli MIDI nella finestra registrato.
Transport, selezionare Display > Transport
Il pulsante MIDI Merge può essere attivato e
Window Shows > MIDI Controls.
disattivato durante la riproduzione o la
registrazione. In modalità Loop Record, la
funzione MIDI Merge non ha effetto, quindi il
pulsante è disattivato.

Per attivare la modalità MIDI Merge


Finestra Transport con i controlli MIDI
tramite i tasti di scelta rapida, impostare la
modalità Numeric Keypad su Transport e
premere il tasto 9 sul tastierino numerico.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 193


Per attivare la modalità MIDI Merge: 2 Rinominare la traccia MIDI come desiderato. I
nomi delle tracce vengono utilizzati per
1 Per visualizzare i controlli MIDI nella finestra
assegnare automaticamente i nomi alle regioni
Transport, selezionare Display > Transport
registrate. Per ulteriori informazioni vedere
Window Shows > MIDI Controls.
"Nomi predefiniti delle tracce" a pagina 157.
2 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
3 Nella finestra Mix, fare clic sul selettore di
MIDI Merge per evidenziarlo.
ingresso MIDI della traccia e assegnare il
dispositivo e il canale che verrà registrato.

Pulsante MIDI Merge

Modalità MIDI Merge attivata

Configurazione delle tracce


MIDI per la registrazione

Utenti Macintosh OS 9: se il bus IAC è


attivato come ingresso MIDI e si tenta di
registrare su una traccia MIDI assegnata a
un canale MIDI IAC 2 o superiore, il
Selettore di ingresso MIDI, finestra Mix
sistema si blocca a causa di un loop di
feedback MIDI. Disattivare il bus IAC quale –o–
sorgente in ingresso selezionando MIDI >
Nella finestra Edit, con la vista I/O attivata, fare
Input Devices oppure disattivare l'opzione
clic sul selettore di ingresso MIDI della traccia e
MIDI Thru.
assegnare il dispositivo e il canale che verrà
Per ulteriori informazioni su OMS Setup, registrato.
consultare la Guida introduttiva.

Per configurare una o più tracce MIDI


per la registrazione:
1 Se non vi sono tracce MIDI su cui effettuare la
registrazione, scegliere File > New Track e
specificare 1, MIDI Track, quindi fare clic sul
pulsante Create nella finestra visualizzata.

Selettore di ingresso MIDI, finestra Edit


Finestra di dialogo New Track

194 Guida di riferimento di Pro Tools


4 Nella finestra Mix fare clic sul selettore di Nella finestra Edit, con la vista I/O attivata, fare
uscita MIDI della traccia e assegnare un clic sul selettore di uscita MIDI della traccia e
dispositivo e un canale dal menu a comparsa. I assegnare un dispositivo e un canale dal menu a
canali già assegnati ad altre tracce vengono comparsa. I canali già assegnati ad altre tracce
visualizzati in grassetto nel menu. vengono visualizzati in grassetto nel menu.

Selettore di uscita MIDI, finestra Edit

5 Per assegnare più destinazioni a una singola


Selettore di uscita MIDI, finestra Mix
traccia MIDI, premere Control (Macintosh) o
–o– Start (Windows), fare clic sul selettore di uscita
MIDI e selezionare ulteriori canali da qualsiasi
dispositivo. Quando per una singola traccia
MIDI sono selezionate più destinazioni, il nome
della prima destinazione appare affiancato da
un asterisco "*" nel selettore di uscita MIDI della
traccia in Macintosh OS X, e da un segno più "+"
nel selettore di uscita MIDI della traccia in
Macintosh OS 9 e Windows.

6 Se necessario, assegnare una modifica di


programma predefinita alla traccia. Fare clic sul
pulsante Program (Prog), effettuare le
impostazioni necessarie per la selezione del
banco e del programma, quindi fare clic su
Done.

Le modifiche di programma predefinite


vengono inviate ad ogni riproduzione della
traccia. Per ulteriori informazioni vedere
"Modifiche di programma" a pagina 393.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 195


7 Se la registrazione viene effettuata su più
tracce MIDI, ripetere le operazioni dei passaggi Registrazione su tracce MIDI
precedenti per ciascuna traccia, quindi
In Pro Tools è possibile effettuare la
riprendere la procedura.
registrazione su una o più tracce MIDI. La
8 Se necessario, attivare e configurare il click e registrazione simultanea su più tracce MIDI
impostare i tempi metrico e musicale consente di:
(tempo/meter) predefiniti per la sessione. Per • Registrare contemporaneamente da più
informazioni dettagliate, vedere "Registrazione dispositivi MIDI, acquisendo materiale da vari
con il click (metronomo)" a pagina 163. performer
9 Se necessario, attivare la funzione Wait for • Registrare più canali dallo stesso dispositivo,
Note o Countoff nella finestra Transport. acquisendo dati da una tastiera divisa
10 Per sostituire il materiale della traccia • Trasferire le tracce MIDI da un sequencer
esistente, disattivare la funzione MIDI Merge MIDI esterno
nella finestra Transport.
Per sfruttare in modo ottimale le
11 Se necessario, attivare la funzione Input funzionalità di montaggio MIDI di
Quantize per quantizzare automaticamente il Pro Tools, si consiglia di registrare con il
materiale registrato (vedere "Input Quantize" a click (metronomo) attivato. Ciò garantisce
pagina 192). che i dati registrati vengano allineati con le
12 Verificare che il comando MIDI > MIDI Thru battute e i battiti della sessione.
sia selezionato, quindi riprodurre alcune note
Per registrare su una o più tracce MIDI:
sul controller MIDI. Lo strumento MIDI
assegnato alla traccia dovrebbe suonare e i meter 1 Configurare una traccia MIDI per la
della traccia dovrebbero registrare l'attività registrazione. Vedere "Configurazione delle
MIDI. tracce MIDI per la registrazione" a pagina 194.

13 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante 2 Attivare per la registrazione la traccia MIDI
Return to Zero per azzerare i tempi iniziale e che si desidera registrare facendo clic sul
finale. In questo modo la registrazione verrà pulsante Record Enable corrispondente.
avviata dall'inizio della traccia.
Tenere premuto Maiusc e fare clic per
14 Nella finestra Mix o nella finestra Edit fare attivare o disattivare per la registrazione più
clic sul pulsante Record Enable della traccia tracce MIDI contemporaneamente.
MIDI per attivare la traccia per la registrazione.
3 Attivare la modalità Non-destructive Record
Una volta eseguite queste operazioni, si è pronti di Pro Tools. Nel menu Operations,
per registrare i dati MIDI sulle tracce MIDI deselezionare Destructive Record, Loop Record e
attivate per la registrazione. Vedere QuickPunch.
"Registrazione su tracce MIDI" a pagina 196.

196 Guida di riferimento di Pro Tools


4 Fare clic su Record nella finestra Transport per 3 Fare clic sul pulsante Play nella finestra
attivare la modalità Record Ready. Il pulsante Transport per avviare la riproduzione.
Record lampeggia.
I dati MIDI registrati vengono riprodotti
attraverso il dispositivo (porta) e il canale
assegnati a ciascuna traccia.

Pulsante Record

5 Quando si è pronti per iniziare la


Annullamento di una
registrazione, fare clic sul pulsante Play. Se si registrazione MIDI
utilizza Countoff, viene dapprima eseguito il È possibile annullare il take registrato
conteggio del numero di misure specificato, precedente.
quindi la registrazione viene avviata.
–o– Per annullare una registrazione MIDI:
■ Una volta arrestato il Transport, scegliere Edit
Se si utilizza la funzione Wait for Note, i pulsanti
> Undo MIDI Recording.
Play, Record e Wait for note lampeggiano. La
registrazione inizia quando viene ricevuto un Viene ripristinato lo stato precedente dell'ordine
evento MIDI. di riproduzione della traccia. Tuttavia:
6 Al termine della registrazione, fare clic su Stop ◆ Se prima dell'arresto della funzione Transport
nella finestra Transport. sono state effettuate più operazioni di punch in
e punch out, viene annullato soltanto l'ultimo
7 Al termine della registrazione, fare clic su
punch.
Stop.
◆ Quando si utilizza la modalità Loop Record,
Per ciascuna traccia attivata per la registrazione vengono eliminati tutti i take di ciascun
viene creata una nuova regione MIDI, passaggio di registrazione.
visualizzata nell'ordine di riproduzione. Le
nuove regioni MIDI vengono inoltre
Annullamento di un take registrato
visualizzate nell'elenco delle regioni MIDI.
È inoltre possibile eliminare il take registrato
È possibile utilizzare vari tasti di scelta corrente prima di arrestare la funzione
rapida per avviare la registrazione. Per Transport.
informazioni dettagliate vedere la sezione
"Scelte rapide da tastiera per la Per annullare un take registrato durante la
registrazione" a pagina 173. registrazione:

Per riprodurre le tracce MIDI registrate: ■ Premere i tasti Comando+punto (Macintosh)

o Ctrl+punto (Windows) prima di arrestare la


1 Fare clic sul pulsante Record Enable di
funzione di Transport.
ciascuna traccia MIDI in modo che le tracce non
siano più attivate per la registrazione. Se si utilizza la modalità Loop Record, vengono
eliminati tutti i take di ciascun passaggio di
2 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
registrazione.
Return to Zero.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 197


Se la funzione pre-roll è attivata, verrà
Registrazione punch MIDI riprodotto il materiale della traccia fino al punto
di punch in. È possibile iniziare a suonare
Per sostituire una parte di una traccia MIDI, è
durante il pre-roll per conformarsi al "feeling"
possibile effettuare un punch in specificando
dei dati da registrare. Il materiale non viene
l'intervallo di registrazione prima di registrare.
registrato finché non viene raggiunto il punto
iniziale.
Per effettuare il punch in su una traccia MIDI:
1 Configurare una traccia MIDI per la La registrazione ha inizio quando viene
registrazione. Vedere "Configurazione delle raggiunto il punto iniziale. e continua finché
tracce MIDI per la registrazione" a pagina 194. non viene raggiunto il punto finale, a meno non
venga interrotta facendo clic sul pulsante Stop
2 Nel menu Operations, deselezionare
nella finestra Transport. Se il post-roll è attivato,
Destructive Record, Loop Record e QuickPunch. la riproduzione continua per la durata di post-
3 Nella finestra Transport, disattivare le roll specificata.
funzioni Wait for Note e Countoff. 10 Al termine della registrazione, fare clic su
4 Selezionare Operations > Link Edit and Stop nella finestra Transport.
Timeline Selection.
I dati MIDI appena registrati vengono
5 Utilizzando il selettore, effettuare un visualizzati nella traccia.
trascinamento nell'ordine di riproduzione della
traccia finché la selezione non comprenderà Registrazione punch istantanea con
l'intervallo di punch desiderato. MIDI
Per altri metodi di impostazione dell'intervallo Non è necessario impostare un intervallo di
di registrazione, vedere "Impostazione dei punti registrazione per effettuare il punch in su una
punch/loop" a pagina 182. traccia MIDI. In effetti è possibile effettuare il
punch in e il punch out liberamente in qualsiasi
6 Per ascoltare il materiale di traccia esistente
momento della riproduzione. A differenza di
fino al punto iniziale o dopo il punto finale,
quanto accade per le tracce audio, non è
attivare e impostare i valore temporali di pre-
necessario attivare QuickPunch per eseguire
roll/post-roll. Per informazioni dettagliate,
registrazioni punch in tempo reale.
vedere "Impostazione del pre/post-roll" a
pagina 184.
Per effettuare la registrazione punch istantanea
7 Attivare per la registrazione la traccia che con dati MIDI:
contiene il take precedente facendo clic sul
1 Configurare una traccia MIDI per la
pulsante Record Enable corrispondente.
registrazione. Vedere "Configurazione delle
8 Fare clic su Record nella finestra Transport per tracce MIDI per la registrazione" a pagina 194.
attivare la modalità Record Ready. Il pulsante
2 Attivare la modalità Non-destructive Record
Record lampeggia.
di Pro Tools. Nel menu Operations,
9 Quando si è pronti per iniziare la deselezionare Destructive Record, Loop Record e
registrazione, fare clic sul pulsante Play. QuickPunch.

198 Guida di riferimento di Pro Tools


3 Disattivare le funzioni Wait for Note e Poiché le ore di inizio e fine si trovano
Countoff nella finestra Transport. all'interno delle regioni esistenti, viene creata
una nuova regione per riempire lo spazio tra di
4 Attivare per la registrazione la traccia che
esse.
contiene il take precedente facendo clic sul
pulsante Record Enable corrispondente. prima della registrazione punch

5 Avviare la riproduzione facendo clic sul


pulsante Play nella finestra Transport.

6 Quando si raggiunge il punto di punch in, fare


clic su Record nella finestra Transport.
dopo la registrazione
–o–

Con i sistemi Digi 001 e Digi 002 (o i controller


dedicati Digidesign ProControl e Control|24)
collegati a un footswitch, premere il footswitch
quando si raggiunge il punto di punch in. materiale
appena registrato nuova regione
Il pulsante Record smette di lampeggiare e Figura 9. Regione aggiunta dopo la registrazione punch
rimane illuminato durante la registrazione.
Tuttavia, se si seleziona un'intera regione o una
7 Per effettuare il punch out, fare nuovamente sezione di una regione prima di effettuare il
clic sul pulsante Record (o premere il punch, non viene creata nessuna regione
footswitch). nuova. In questo caso, viene modificato
soltanto il materiale che si trova nella regione
La modalità di registrazione viene disattivata,
esistente e non viene registrato materiale nuovo
ma la riproduzione continua. È possibile
al di fuori della regione.
eseguire punch supplementari durante lo stesso
passaggio. A differenza della registrazione audio, la
registrazione MIDI in uno scenario di questo
Registrazione punch e regioni tipo è distruttiva. Se una regione viene
modificata mediante un take registrato, il
A seconda dell'intervallo di registrazione, dopo materiale originale viene definitivamente
la registrazione punch potrebbero essere create perduto (a meno che non si scelga Edit > Undo
nuove regioni. Ad esempio, la Figura 9 mostra MIDI Recording) oppure unito al nuovo
due regioni esistenti prima della registrazione. materiale (se la funzione MIDI Merge è stata
abilitata durante la registrazione). Se una
regione esistente contiene materiale
importante, è preferibile utilizzare il comando
Duplicate per creare una copia della regione
(vedere "Comando Duplicate" a pagina 299) o
dell'ordine di riproduzione della traccia (vedere
"Uso degli ordini di riproduzione" a pagina 227).

Capitolo 13: Registrazione MIDI 199


Per effettuare la registrazione di loop
Registrazione di loop MIDI con MIDI Merge:

La registrazione di loop MIDI può essere 1 Configurare una traccia MIDI per la
effettuata secondo due metodi diversi: registrazione. Vedere "Configurazione delle
tracce MIDI per la registrazione" a pagina 194.
• In modalità Non-destructive Record, attivare
le funzioni Loop Playback e MIDI Merge per 2 Nel menu Operations, deselezionare
una registrazione di loop di tipo batteria Destructive Record, Loop Record e QuickPunch.
elettronica (drum machine).
3 Selezionare Operations > Loop Playback.
–o– Quando la modalità Loop Playback è attivata,
• Utilizzare la modalità Loop Record per sul pulsante Play viene visualizzato un simbolo
registrare più take in ciascun passaggio di circolare.
registrazione. Ciò è simile alla registrazione di
loop audio.

Funzione Loop Playback attivata


Registrazione di loop in
modalità Merge 4 Se non lo si è già fatto, attivare per la
registrazione la traccia MIDI facendo clic sul
Per una registrazione di loop di tipo batteria pulsante Record Enable corrispondente.
elettronica, utilizzare la modalità Non- Assicurarsi che non vi siano tracce audio attivate
destructive Record con le funzioni Loop per la registrazione.
Playback e MIDI Merge attivate. Con questo
metodo i dati MIDI vengono registrati e uniti 5 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
alla stessa regione ad ogni nuovo passaggio di MIDI Merge per evidenziarlo.
registrazione; ciò consente, ad esempio, di 6 Disattivare le funzioni Wait for Note e
registrare hi-hat nel primo passaggio e kick e Countoff nella finestra Transport.
snare nel passaggio successivo.
7 Selezionare Operations > Link Edit and
Assicurarsi che il pulsante MIDI Merge sia Timeline Selection.
attivato nella finestra Transport, altrimenti,
8 Utilizzando il selettore, effettuare un
dato che sarebbe attiva la modalità Replace,
trascinamento nell'ordine di riproduzione della
ciascun take successivo sostituirà quello
traccia finché la selezione non comprenderà
precedente.
l'intervallo di loop desiderato.
È possibile attivare per la registrazione
Per altri metodi di impostazione dell'intervallo
un'altra traccia MIDI istantaneamente
di registrazione, vedere "Impostazione dei punti
mentre si effettua la registrazione di loop.
punch/loop" a pagina 182.
Tenendo premuto il tasto Comando
(Macintosh) o Ctrl (Windows), utilizzare le 9 Per ascoltare il materiale della traccia fino al
Frecce su/giù per attivare per la registrazione punto iniziale del loop, attivare e impostare la
la traccia MIDI precedente o successiva. durata del pre-roll. Per informazioni dettagliate,
vedere "Impostazione del pre/post-roll" a
pagina 184.

200 Guida di riferimento di Pro Tools


10 Fare clic sul pulsante Record nella finestra È possibile utilizzare questo metodo di
Transport. Quando si è pronti per iniziare la registrazione di loop MIDI per registrare
registrazione, fare clic sul pulsante Play. successivi take senza arrestare il processo di
registrazione, preservando in questo modo la
Il pulsante Record lampeggia durante il pre-roll. spontaneità creativa. Un altro vantaggio di
La registrazione ha inizio quando viene questo metodo di registrazione MIDI, che è non
raggiunto il punto iniziale. Quando viene distruttivo, consiste nel fatto che le regioni
raggiunto il punto finale, si torna al punto esistenti e quelle appena registrate rimangono
iniziale e la riproduzione e la registrazione intatte (e disponibili nell'elenco delle regioni
continuano da quel punto. MIDI).
11 Riprodurre alcune note sul controller MIDI. I
dati MIDI appena registrati vengono visualizzati Per registrare dati MIDI in modalità Loop Record:
sotto forma di regione nella traccia di 1 Configurare una traccia MIDI per la
registrazione. Durante ciascun take successivo, il registrazione. Vedere "Configurazione delle
materiale registrato comparirà nella regione, tracce MIDI per la registrazione" a pagina 194.
senza sostituire il materiale dei take precedenti.
2 Selezionare Operations > Loop Record.
12 Se lo si desidera, passare a una nuova traccia Quando la modalità Loop Record è attivata, sul
di registrazione. Tenendo premuto il tasto pulsante Record viene visualizzato un simbolo
Comando (Macintosh) o Ctrl (Windows), circolare.
utilizzare le Frecce su/giù per attivare per la
registrazione la traccia MIDI precedente o
successiva.

13 Al termine della registrazione, fare clic su Modalità Loop Record attivata


Stop nella finestra Transport.
3 Se non lo si è già fatto, attivare per la
I dati MIDI appena registrati vengono registrazione la traccia MIDI facendo clic sul
visualizzati come regione MIDI nell'ordine di pulsante Record Enable corrispondente.
riproduzione della traccia e nell'elenco delle Assicurarsi che non vi siano tracce audio attivate
regioni MIDI. per la registrazione.

4 Disattivare le funzioni Wait for Note e


Registrazione loop di take multipli Countoff nella finestra Transport.

Quando si registrano dati MIDI in modalità 5 Selezionare Operations > Link Edit and
Loop Record, vengono create nuove regioni Timeline Selection.
ogni volta che viene ricevuto nuovo materiale
durante un passaggio di registrazione. Ciò è
abbastanza diverso dalla registrazione di loop
audio, durante la quale vengono creati regioni e
file audio separati a ciascun passaggio di
registrazione successivo.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 201


6 Utilizzando il selettore, effettuare un I take registrati vengono visualizzati come
trascinamento nell'ordine di riproduzione della regioni nell'elenco delle regioni MIDI e
traccia finché la selezione non comprenderà numerati sequenzialmente. I take, che sono
l'intervallo di loop desiderato. della stessa lunghezza e facilmente
intercambiabili, possono essere ascoltati dal
Per altri metodi di impostazione dell'intervallo menu a comparsa Takes List, anche mentre la
di registrazione, vedere "Impostazione dei punti sessione viene riprodotta o ripetuta.
punch/loop" a pagina 182.

7 Per ascoltare il materiale della traccia fino al Per ascoltare i vari take registrati:
punto iniziale del loop, attivare e impostare la 1 Premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl
durata del pre-roll. Per informazioni dettagliate, (Windows) e fare clic con il selettore
vedere "Impostazione del pre/post-roll" a esattamente sul punto iniziale dell'intervallo di
pagina 184. registrazione.
8 Fare clic sul pulsante Record nella finestra –o–
Transport. Quando si è pronti per iniziare la
registrazione, fare clic sul pulsante Play. Se il take che si trova al momento nella traccia è
selezionato, premere il tasto Comando
Il pulsante Record lampeggia durante il pre-roll. (Macintosh) o Ctrl (Windows) e fare clic su di
Quando viene raggiunto il punto iniziale, la esso con il selettore.
registrazione ha inizio. Quando viene raggiunto
il punto finale, si torna al punto iniziale e la Viene visualizzato un menu a comparsa che
riproduzione e la registrazione continuano da contiene l'elenco delle regioni con lo stesso
quel punto. indicatore ora.

9 Riprodurre le note sul controller MIDI. Una


nuova regione MIDI contenente il materiale
appena registrato viene creata automaticamente
e visualizzata nell'ordine di riproduzione della
traccia, al posto della regione preesistente.
Ascolto di take registrati in loop
Le regioni vengono sostituite (in modo non
distruttivo) durante i passaggi di registrazione 2 Scegliere una regione dal menu a comparsa
successivi quando viene ricevuto nuovo Takes List. La regione selezionata sostituisce il
materiale MIDI. take precedente e si inserisce esattamente nella
posizione corretta.
10 Al termine della registrazione, fare clic su
Stop nella finestra Transport. L'ultimo take Per ulteriori informazioni sull'ascolto e sulla
registrato rimane nella traccia di registrazione. gestione dei take, vedere "Ascolto dei take
registrati" a pagina 180.

202 Guida di riferimento di Pro Tools


7 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
Registrazione di dati esclusivi Return to Zero per azzerare i tempi iniziale e
al sistema finale. In questo modo la registrazione verrà
avviata dall'inizio della traccia.
In Pro Tools è possibile effettuare la
registrazione e la riproduzione di dati esclusivi al 8 Quando si è pronti per iniziare la
sistema (sysex) con le tracce MIDI. Ciò consente registrazione, fare clic sul pulsante Record nella
di utilizzare le tracce MIDI in Pro Tools per finestra Transport.
memorizzare dati di configurazione e patch per i
I pulsanti Record, Play e Wait for Note
dispositivi MIDI oppure per registrare in tempo
lampeggiano per indicare che il sistema è in
reale le modifiche esclusive al sistema relative a
attesa di dati MIDI.
un parametro specifico di un dispositivo MIDI
non controllabile da un controller MIDI 9 Avviare il trasferimento sysex dal dispositivo
Standard. MIDI, attenendosi alle istruzioni contenute
nella relativa documentazione. Al ricevimento
Per registrare un dump esclusivo al sistema dei dati MIDI, la registrazione ha inizio
all'inizio di una traccia MIDI: automaticamente.
1 Assicurarsi che la porta MIDI OUT del 10 Una volta completato il trasferimento
dispositivo che invia i dati esclusivi al sistema (secondo quanto riportato nella
sia collegata alla porta MIDI IN dell'interfaccia documentazione del dispositivo MIDI), fare clic
MIDI. sul pulsante Stop nella finestra Transport.
2 Configurare una traccia MIDI per la
I dati MIDI appena registrati vengono
registrazione. Vedere "Configurazione delle
visualizzati come regione MIDI nell'ordine di
tracce MIDI per la registrazione" a pagina 194.
riproduzione della traccia e nell'elenco delle
3 Attivare la modalità Non-destructive Record regioni MIDI. Le regioni MIDI che contengono
di Pro Tools. Nel menu Operations, dati esclusivi al sistema appaiono vuote quando
deselezionare Destructive Record, Loop Record e il formato di visualizzazione della traccia è
QuickPunch. impostato su Regions.

4 Nella finestra di dialogo MIDI Input Filter, Per visualizzare i blocchi di eventi esclusivi al
attivare la registrazione dei dati esclusivi al sistema, che indicano la posizione dei dati,
sistema selezionando l'opzione System impostare la vista MIDI Track per la
Exclusive. visualizzazione dai dati Sysex (vedere "Vista
Regions delle tracce MIDI" a pagina 225). Per
5 Se non lo si è già fatto, attivare per la
informazioni dettagliate sullo spostamento e la
registrazione la traccia MIDI facendo clic sul
copia dei dati sysex, vedere "Eventi esclusivi al
pulsante Record Enable corrispondente.
sistema" a pagina 399.
6 Attivare la funzione Wait for Note nella
finestra Transport.

Capitolo 13: Registrazione MIDI 203


Per inviare nuovamente i dati sysex da Pro Tools:
1 Nel dispositivo che riceve i dati esclusivi al
sistema, assicurarsi che la porta MIDI IN sia
collegata alla porta MIDI OUT dell'interfaccia
MIDI. Inoltre, assicurarsi che il dispositivo sia
impostato per ricevere i dati sysex. Alcuni
dispositivi richiedono che la protezione della
memoria sia disattivata.

2 Per la traccia registrata in precedenza, fare clic


sul relativo pulsante Record Enable in modo che
la traccia non risulti più attivata per la
registrazione.

3 Fare clic sul selettore dispositivo/canale MIDI


della traccia e assegnare il dispositivo dal menu
a comparsa.

4 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante


Return to Zero.

5 Fare clic sul pulsante Play nella finestra


Transport per avviare la riproduzione.
La riproduzione ha inizio e viene effettuata la
trasmissione dei dati sysex precedentemente
registrati al dispositivo MIDI assegnato.

204 Guida di riferimento di Pro Tools


Capitolo 14: Registrazione avanzata

consente di passare immediatamente al


Registrazione audio monitoraggio del materiale di traccia al
QuickPunch momento del punch out. Tutte le registrazioni
QuickPunch sono di tipo non distruttivo.
In Pro Tools è disponibile una modalità
intelligente per il punch istantaneo denominata Per effettuare un punch istantaneo con le
QuickPunch. La modalità QuickPunch consente tracce MIDI, non è necessario utilizzare
di eseguire il punch in e out immediato sulle QuickPunch. Questa funzionalità è
tracce audio attivate per la registrazione durante disponibile nelle modalità Non-destructive
la riproduzione, mediante un semplice clic sul Record e Destructive Record.
pulsante Record nella finestra Transport.
QuickPunch Crossfade Length
Nei sistemi Digi 001 e Digi 002 e nelle
superfici di controllo Digidesign, per Quando si utilizza la modalità QuickPunch, è
effettuare il punch in e out quando si possibile ottenere la scrittura automatica di un
registra con QuickPunch è possibile crossfade per ciascun punto di punch. La durata
utilizzare un footswitch. dei crossfade è determinata dall'opzione
QuickPunch Crossfade Length nella scheda
Quando si utilizza la modalità QuickPunch, al Editing.
momento di inizio della riproduzione viene
avviata la registrazione di un nuovo file, con Per impostare la durata dei crossfade QuickPunch:
conseguente generazione automatica di regioni
1 Scegliere Setups > Preferences e selezionare la
nel file in corrispondenza di tutti i punti di
scheda Editing.
punch in/punch out. Le regioni appaiono
nell'ordine di riproduzione della traccia. Il file 2 Immettere un valore (in millisecondi) per
audio completo appare nell'elenco delle regioni l'opzione QuickPunch CrossFade Length.
audio, unitamente alle regioni create tramite
QuickPunch. In un singolo passaggio è possibile La durata di crossfade ideale per i punch è di
effettuare fino a 100 punch istantanei. A 4 millisecondi. Se si imposta l'opzione su zero,
differenza della registrazione punch normale non verranno creati crossfade nei punti di
(vedere "Registrazione punch dell'audio" a punch in/out.
pagina 177), la registrazione QuickPunch 3 Fare clic su Done.

Capitolo 14: Registrazione avanzata 205


Se l'opzione QuickPunch Crossfade Length Se il numero di voci richiesto per le tracce
viene impostata su un valore diverso da zero, attivate per la registrazione non è disponibile
verrà scritto un pre-crossfade nel punto di quando si passa alla modalità QuickPunch, verrà
punch in (che si verifica fino all'inizio della richiesto di liberare le voci necessarie.
regione di cui si è effettuato il punch, ma non
dopo tale inizio) e un post-crossfade nel punto Per liberare voci sulle tracce non attivate per la
di punch out (che si verifica dopo la regione di registrazione e che non si desidera ascoltare
cui si è effettuato il punch). durante la registrazione:
■ Impostare le assegnazioni delle voci per le
Anche se l'opzione QuickPunch Crossfade
tracce su Off.
Length è impostata su zero, viene comunque
eseguito un crossfade di "solo monitoraggio" –o–
(non scritto sul disco) di 4 millisecondi, per ■ Rendere inattive le tracce.
evitare i rumori indesiderati che potrebbero
verificarsi quando si attiva e disattiva la Se necessario, le voci utilizzate da altre tracce
modalità di registrazione. non attivate per la registrazione possono essere
"prese in prestito" durante la registrazione con
Successivamente è possibile modificare i QuickPunch. La priorità delle tracce durante la
crossfade QuickPunch secondo le stesse registrazione con QuickPunch è definita nel
modalità di modifica applicate ai crossfade modo seguente:
standard. Per informazioni dettagliate, vedere
"Utilizzo dei crossfade" a pagina 313. • Tracce con voci assegnate che non sono
attivate per la registrazione
• Tracce con voci assegnate che sono attivate per
Linee guida per QuickPunch nei
la registrazione
sistemi TDM
• Tracce assegnate automaticamente alle voci
Quando si utilizza la modalità QuickPunch nei che non sono attivate per la registrazione
sistemi TDM, sono richieste due voci per
• Tracce assegnate automaticamente alle voci
ciascuna traccia mono attivata per la
che sono attivate per la registrazione
registrazione. Ciò significa che è possibile
registrare un numero di voci pari alla metà delle Se nella sessione vi sono numerose voci
voci disponibili nel sistema. Ad esempio, in un disponibili, è probabile che non si verifichi
sistema Pro Tools|HD configurato per 64 voci è alcun problema nell'utilizzo di QuickPunch con
possibile registrare simultaneamente con le tracce assegnate automaticamente alle voci.
QuickPunch su un massimo di 32 tracce mono Se tuttavia le voci disponibili stanno per
(o 16 tracce stereo). esaurirsi e si desidera essere sicuri che una
traccia sarà udibile quando si registra in
modalità QuickPunch, assegnare una voce alla
traccia.

206 Guida di riferimento di Pro Tools


QuickPunch e assegnazione Per registrare simultaneamente più di otto
automatica delle voci tracce con QuickPunch sarà necessario ridurre il
numero di tracce della sessione.
(Solo nei sistemi TDM)

Quando si utilizza la modalità QuickPunch in In Pro Tools LE, la modalità QuickPunch


un sistema Pro Tools TDM configurato per un utilizza la potenza di elaborazione della
massimo di 128 o 64 voci, è necessario CPU e il numero di tracce e di plug-in
impostare su Auto l'assegnazione delle voci per utilizzabili potrebbe essere ulteriormente
ciascuna traccia audio. Ciò garantisce che la ridotto.
distribuzione delle voci tra i due set di voci verrà
gestita automaticamente da Pro Tools. In un Registrazione con QuickPunch
sistema Pro Tools|HD configurato per 128 voci,
ad esempio, la funzione di assegnazione Per effettuare il punch istantaneo con
automatica garantisce una distribuzione QuickPunch:
uniforme delle voci nei quattro set di voci 1 Selezionare Operations > QuickPunch.
disponibili (1–32, 33–64, 65–96 e 96–128). Quando la modalità QuickPunch è attivata, sul
pulsante Record viene visualizzata la lettera "P".
Se non si utilizza l'assegnazione automatica
delle voci, le voci devono essere distribuite
uniformemente fra tutti i motori DSP. Ad
esempio, per utilizzare QuickPunch su 32 tracce
Modalità QuickPunch attivata
senza assegnazione automatica delle voci, le
tracce 1–16 devono essere assegnate alle voci 2 Se necessario, configurare l'opzione
1–16 e le tracce 17–32 devono essere assegnate QuickPunch Crossfade Length nella scheda
alle voci 33–48. Editing (vedere "QuickPunch Crossfade Length"
a pagina 205).

Linee guida per QuickPunch in 3 Attivare per la registrazione le tracce su cui si


Pro Tools LE desidera effettuare il punch in. Assicurarsi che
(Digi 002, Digi 001, Mbox e Audiomedia III) nel sistema vi siano sufficienti voci disponibili.

4 Prepararsi alla registrazione portandosi sulla


Nei sistemi non TDM, oltre al numero massimo
posizione appropriata (se necessario, attivare un
di tracce mono supportato dal sistema Pro Tools
valore di pre-roll nella finestra Transport).
LE specifico (vedere "Risorse dei sistemi
Pro Tools LE" a pagina 10) è possibile registrare 5 Avviare la riproduzione facendo clic sul
simultaneamente fino a 8 tracce audio con pulsante Play nella finestra Transport.
QuickPunch.
6 Quando si raggiunge il punto di punch in, fare
clic su Record nella finestra Transport.
–o–

Per i sistemi Digi 001 o Digi 002 collegati a un


footswitch, premere il footswitch nel punto di
punch in.

Capitolo 14: Registrazione avanzata 207


Il pulsante Record smette di lampeggiare e Numerazione dei take e delle regioni
rimane illuminato durante la registrazione. con QuickPunch
7 Per effettuare il punch out, fare nuovamente Dopo la registrazione in modalità QuickPunch,
clic sul pulsante Record (o premere il le nuove regioni audio vengono visualizzate
footswitch). nell'elenco delle regioni audio. Tra le nuove
regioni visualizzate vi sono la regione audio
Mentre la riproduzione continua, è possibile
whole-file, che comprende tutti i punch del
effettuare ulteriori punch (fino a un massimo di
passaggio di registrazione, e le regioni create in
100). Quando si registrano più punch durante lo
seguito ad ogni punch effettuato.
stesso passaggio, viene registrato un singolo file
audio da cui vengono create le regioni Ai nomi delle regioni interessate dalla modalità
appropriate. QuickPunch vengono assegnati numeri
consecutivi, iniziando da "01". Ad esempio, se la
QuickPunch con una selezione Edit modalità QuickPunch viene utilizzata per
effettuare un doppio punch in su una traccia
Quando si effettua una selezione Edit e si
denominata Lead Gtr, vengono visualizzate una
utilizza la modalità QuickPunch, sono valide le
regione per il file audio principale, denominata
seguenti regole:
Lead Gtr-01, e due regioni per i punch,
◆ Se Transport non è online, la registrazione denominate Lead Gtr-01-01 e Lead Gtr-01-02.
inizia e si arresta quando si fa clic sul pulsante
Record, indipendentemente dal punto iniziale o Se si arresta la riproduzione e si registrarono
finale della selezione. punch supplementari con QuickPunch, le
regioni successive vengono denominate
◆ Se Transport è online, il comportamento di
mediante l'incremento progressivo delle prime
punch in/out è controllato dalle opzioni della
due cifre del nome. Ad esempio, durante il
sezione Online Options nella scheda
secondo passaggio, alle regioni di cui si è
Operations. Se si seleziona l'opzione Record
effettuato il punch vengono assegnati i nomi
Online at Insertion/Selection, QuickPunch
Lead Gtr-02-01, Lead Gtr-02-02 e così via.
effettua il punch in e out soltanto nella
selezione (nel caso di un punto di inserimento,
soltanto dopo il punto di inserimento). Se si
seleziona l'opzione Record Online at Time Code
Lock, QuickPunch non tiene conto della
selezione ed effettua il punch in e out quando lo
si desidera (una volta che Pro Tools si è
sincronizzato con il timecode).

208 Guida di riferimento di Pro Tools


È tuttavia possibile utilizzare simultaneamente
Registrazione da una gli ingressi I/O e scheda Digital dello châssis
sorgente digitale dell'interfaccia 192 I/O. Su un interfaccia
192 I/O, ad esempio, è possibile scollegare una
Se si intende utilizzare un registratore DAT o un
sorgente da uno degli ingressi dello châssis e
lettore CD dotato di uscita digitale con il sistema
utilizzare un altro ingresso digitale delle porte
Pro Tools, assicurarsi che il dispositivo supporti
digitali mediante una conversione della
il formato digitale corretto. Ad esempio, gli
frequenza di campionamento, ottenendo in
ingressi e le uscite AES/EBU dell'interfaccia
questo modo due sorgenti digitali.
devono essere collegati solo a un altro
dispositivo AES/EBU.
Sistemi Pro Tools|24 MIX
Sistemi Pro Tools|HD Nelle interfacce 888|24 I/O, ADAT Bridge I/O 24
bit e ADAT Bridge I/O originale, le uscite
Le interfacce 192 I/O, 192 Digital I/O e 96 I/O
AES/EBU e S/PDIF sono sempre attive, per cui al
dispongono di opzioni digitali AES/EBU, S/PDIF
momento del missaggio è possibile inviare
e ADAT. Inoltre le interfacce 192 I/O e
audio digitale a due dispositivi digitali diversi
192 Digital I/O dispongono di opzioni I/O
simultaneamente. Tuttavia, Pro Tools può
digitali TDIF.
ricevere audio digitale solo da una sorgente
Con un'interfaccia 192 I/O, 192 Digital I/O o digitale (AES o S/PDIF) alla volta.
96 I/O, Pro Tools è in grado di ricevere in
Inoltre, benché l'interfaccia 888|24 I/O
qualsiasi momento audio digitale
disponga di quattro coppie di ingressi stereo
dall'interfaccia Optical (ADAT) I/O installata
AES, soltanto la coppia di ingressi 1–2
all'origine (se l'opzione digitale attiva non è
dell'interfaccia audio master (la prima
S/PDIF). Tuttavia, Pro Tools può ricevere audio
interfaccia audio collegata alla scheda DSP
digitale solo da una delle proprie sorgenti
principale), è in grado di accettare una sorgente
digitali contraddistinte dalla dicitura [Encl],
di clock digitale esterna.
ovvero AES, S/PDIF o Optical (S/PDIF).

Le sorgenti digitali incluse nella dotazione di Sistemi Pro Tools LE


base dello châssis delle interfacce I/O HD
Digi 001 e Digi 002 includono le opzioni digitali
appaiono su schermo come versioni [Encl]
S/PDIF e ADAT.
affinché possano essere distinte dagli ingressi e
dalle uscite digitali disponibili sulla scheda Mbox e Audiomedia III includono soltanto
Digital I/O dell'interfaccia 192. Ad esempio, gli l'opzione digitale S/PDIF.
ingressi e le uscite AES/EBU inclusi nella
dotazione di base dello châssis dell'interfaccia Tutte le uscite digitali sono sempre attive, per
192 I/O vengono indicati con la dicitura cui al momento del missaggio è possibile inviare
AES/EBU [Encl]. audio digitale a dispositivi digitali diversi
simultaneamente.
Le altre porte digitali delle interfacce 192 I/O e
192 Digital I/O sono TDIF, AES/EBU e ADAT.
Pro Tools può ricevere audio digitale solo da una
di tali porte alla volta.

Capitolo 14: Registrazione avanzata 209


Registrazione da DAT 8 Nella finestra Mix, fare clic sul selettore di
uscita della traccia e assegnare un'uscita
Per registrare da un registratore DAT hardware stereo.
con Pro Tools:
–o–
1 Collegare l'uscita digitale del registratore DAT
all'ingresso digitale appropriato dell'hardware Nella finestra Edit, con la vista I/O attivata,
audio. utilizzare il selettore di uscita della traccia per
assegnare un'uscita hardware.
2 Se si desidera avviare una nuova sessione con
9 Nel menu Operations, deselezionare
una frequenza di campionamento diversa,
scegliere File > New Session, quindi selezionare Destructive Record, Loop Record e QuickPunch.
la frequenza di campionamento desiderata. Fare 10 Nella finestra Transport, fare clic sul pulsante
clic su Save. Return to Zero per azzerare i tempi iniziale e
3 Specificare il formato (digitale) degli ingressi
finale. In questo modo la registrazione verrà
dell'interfaccia audio utilizzata. Scegliere Setups avviata dall'inizio della traccia.
> Hardware Setup, scegliere l'interfaccia audio, 11 Nella finestra Mix, attivare per la
quindi selezionare il formato per la coppia di registrazione la nuova traccia audio facendo clic
canali appropriata. In alcune unità di I/O sul pulsante Record Enable corrispondente.
Digidesign, ad esempio Digi 001, solo due canali
–o–
(Ch 1–2) possono essere impostati per il formato
analogico o digitale. Inoltre, se l'hardware audio Nella finestra Edit , fare clic sul pulsante Record
supporta formati digitali diversi (ad esempio Enable della traccia audio per attivare la traccia
AES/EBU e S/PDIF), selezionare il formato per la registrazione.
digitale da utilizzare.
12 Fare clic sul pulsante Record nella finestra
4 Nei sistemi HD, scegliere Setups > Hardware Transport. Quando si è pronti per iniziare la
Setup e selezionare la sorgente di clock adeguata registrazione, fare clic sul pulsante Play.
collegata all'interfaccia audio I/O appropriata o
13 Avviare la riproduzione sul registratore DAT.
selezionare la sorgente di clock nella finestra
Session Setup. 14 Quando il materiale DAT sarà esaurito, fare

5 Fare clic su OK per chiudere la finestra di


clic su Stop nella finestra Transport.
dialogo Hardware Setup.
Per ulteriori informazioni su come
6 Scegliere File > New Track e specificare 1, configurare il proprio sistema Pro Tools per
Stereo, Audio Track, quindi fare clic su Create. la registrazione da una sorgente digitale,
consultare la Guida introduttiva.
7 Assegnare i selettori di ingresso per la traccia
agli ingressi appropriati. Poiché si tratta di un
trasferimento digitale, è possibile ignorare i
livelli di ingresso.

210 Guida di riferimento di Pro Tools


Dopo un trasferimento digitale Se riprodotto a velocità normale, il materiale
registrato a velocità dimezzata verrà riprodotto a
Al termine di una registrazione digitale, una velocità due volte superiore (nell'ottava
impostare nuovamente su Internal il menu a superiore).
comparsa Clock Source (Pro Tools 6.0) o Sync
Mode (Pro Tools 5.x) della finestra Session Utilizzare la registrazione a velocità
Setup. In caso contrario, il valore di clock dimezzata per registrare tracce MIDI difficili
interno di Pro Tools non verrà ripristinato e da riprodurre. Ciò consente di udire le tracce
l'audio non verrà registrato o riprodotto in audio durante la registrazione. La
modo corretto. Se non si reimposta l'opzione registrazione e la riproduzione a velocità
Internal, in genere si verificano problemi di dimezzata non hanno ripercussioni sulle
tono (riproduzione lenta o veloce) o errori DAE, modalità di riproduzione del suono delle
poiché un registratore DAT o un lettore di CD tracce MIDI.
inattivo può passare automaticamente a una
frequenza di campionamento diversa oppure Per riprodurre a velocità dimezzata:
cessare di emettere il clock della frequenza di 1 Premere il tasto delle maiuscole e la barra
campionamento. spaziatrice. La riproduzione ha inizio e tutto il
materiale della traccia viene riprodotto a
velocità dimezzata. Le tracce audio registrate a
Registrazione e riproduzione velocità normale verranno riprodotte a velocità
dimezzata e nell'ottava inferiore; le tracce
a velocità dimezzata
registrate a velocità dimezzata verranno
Pro Tools consente di riprodurre e registrare a riprodotte come se fossero state registrate a
velocità dimezzata. Questa funzionalità è simile velocità normale.
a quella dei deck a nastro in cui è possibile
registrare materiale a velocità dimezzata e In Macintosh è anche possibile riprodurre a
quindi riprodurlo a velocità normale velocità dimezzata tenendo premuto Maiusc
(nell'ottava superiore) per ottenere effetti e facendo clic sul pulsante Play.
speciali.
2 Fare clic sul pulsante Stop nella finestra
Transport per arrestare la riproduzione.
Per registrare a velocità dimezzata:
1 Premere i tasti Comando+barra spaziatrice Utilizzare la riproduzione a velocità
(Macintosh) o Ctrl+barra spaziatrice (Windows). dimezzata per apprendere o trascrivere
La registrazione ha inizio e tutto il materiale di passaggi difficili nelle tracce registrate.
traccia esistente viene riprodotto a velocità
dimezzata.

2 Al termine della registrazione, fare clic su


Stop.

Capitolo 14: Registrazione avanzata 211


212 Guida di riferimento di Pro Tools
Parte IV Montaggio

213
214
Capitolo 15: Nozioni di base sul
montaggio

Montaggio durante la riproduzione


Montaggio di Pro Tools
Con Pro Tools è possibile eseguire numerose
La finestra Edit di Pro Tools fornisce una operazioni di montaggio durante la fase di
potente raccolta di strumenti per il montaggio e riproduzione della sessione. Questa potente
l'assemblaggio delle tracce audio e MIDI. È funzionalità consente di modificare e montare
possibile eseguire il montaggio delle tracce in una sessione in modo interattivo, ascoltando le
modo non distruttivo e in tempo reale durante modifiche mentre le si apportano. Quando si
la riproduzione. lavora a una sessione, l'uso di questa
funzionalità contribuisce ad aumentare la
Montaggio non distruttivo produttività in numerose situazioni.

La maggior parte delle operazioni di montaggio Di seguito vengono riportati alcuni esempi di
audio eseguite in Pro Tools è di tipo non operazioni di montaggio che possono essere
distruttivo. Funzioni quali il taglio, eseguite durante la riproduzione normale o in
l'incollamento, il trimming, la separazione o loop delle tracce.
l'eliminazione delle regioni vengono infatti • Acquisizione, separazione e trimming delle
eseguite su una mappa dei dati audio reali. I file regioni
audio sorgente non vengono assolutamente
• Inserimento, spotting o ridisposizione delle
modificati. Se un processo o uno strumento
regioni
particolare funziona in modo distruttivo, ossia è
in grado di modificare in modo permanente i • Aggiunta di dissolvenze o crossfade alle
file audio presenti nel disco rigido, tale regioni audio
indicazione viene riportata nella presente guida. • Trasposizione, quantizzazione (anche Groove
Quantize) e altre modifiche delle tracce MIDI
Sebbene il montaggio delle tracce MIDI sia di
tipo distruttivo in determinate condizioni, • Spostamento minimo delle regioni audio o
grazie ad alcune precauzioni è possibile MIDI
salvaguardare le regioni e le tracce MIDI • Ascolto di ordini di riproduzione diversi
importanti quando si eseguono le operazioni di
• Regolazione o aggiustamento dei dati di
montaggio (vedere "Montaggio audio non
automazione
distruttivo" a pagina 223).

Capitolo 15: Nozioni di base sul montaggio 215


• Inserimento di plug-in tempo reale. un plug-in AudioSuite. Le regioni audio whole-
• Elaborazione dell'audio con un plug-in file fanno riferimento a un file audio completo
AudioSuite memorizzato nel disco rigido. Le regioni audio
whole-file sono visualizzate in grassetto
Alcune impostazioni non possono essere nell'elenco delle regioni audio (vedere "Elenchi
modificate quando Pro Tools riproduce una delle regioni audio e MIDI" a pagina 230). Le
sessione: ad esempio, il routing alle mandate e regioni normali fanno spesso riferimento solo a
l'assegnazione delle uscite. una parte del file audio principale e vengono
create durante il montaggio e, in alcuni casi,
quando si effettua una registrazione punch.

Materiale di traccia Regioni definite dall'utente Si tratta delle regioni


definite in modo esplicito, ad esempio quando
Ogni volta che si registra o importa materiale
si registra o importa materiale audio o MIDI;
audio e MIDI, vengono create apposite regioni
si acquisisce, separa o consolida una selezione, si
per i nuovi dati di traccia, che non indicano
esegue il trimming di una regione audio whole-
semplicemente l'inizio e la fine del materiale,
file e si rinomina una regione esistente.
ma forniscono informazioni importanti sulla
forma e il contenuto. Quando si registrano Regioni create automaticamente Si tratta delle
ulteriori take oppure si effettua una regioni che vengono create in modo automatico
registrazione "punch in" in un punto specifico di durante il montaggio e, in alcuni casi, quando si
una traccia, vengono create regioni effettua una registrazione punch su regioni
supplementari. esistenti. Poiché queste regioni si accumulano
nel corso di una sessione, è possibile
La creazione di nuove regioni è possibile anche
nasconderle in modo che non vengano
mediante operazioni di taglio e incollamento,
visualizzate negli elenchi delle regioni audio e
ridimensionamento, separazione e nuova
MIDI (vedere "Gestione delle regioni" a
acquisizione di regioni esistenti. Le regioni di
pagina 331). Cambiandone il nome, è possibile
una sessione sono contenute negli elenchi delle
convertire le regioni create automaticamente in
regioni audio e MIDI, da cui possono essere
regioni definite dall'utente.
trascinate sulle tracce esistenti. Una traccia può
contenere un numero illimitato di regioni, Regioni offline Le regioni sono offline quando i
disposte secondo l'ordine preferito. rispettivi file audio principali risultano
L'organizzazione e la posizione delle regioni in introvabili o indisponibili all'apertura di una
una traccia costituiscono l'ordine di riproduzione. sessione o durante l'importazione di una traccia.
Le regioni offline sono visualizzate in corsivo e
Tipi di regione in grigio nell'elenco delle regioni audio, mentre
negli ordini di riproduzione vengono
Esistono vari tipi di regione, definiti in base alle
visualizzate in azzurro con i nomi in corsivo.
modalità di creazione.
Sebbene sia possibile eseguirne il montaggio
Regioni audio whole-file Queste regioni audio come qualsiasi altra regione, le regioni offline
vengono create quando si registra o importa non possono essere elaborate con i plug-in
materiale audio, si consolidano regioni esistenti AudioSuite.
e si esegue un'elaborazione non distruttiva con

216 Guida di riferimento di Pro Tools


Regioni multicanale Queste regioni, visualizzate Tracce MIDI Le tracce MIDI possono essere
come regioni singole nell'elenco delle regioni impostate su Blocks, Regions, Notes, Volume, Pan,
audio, fanno riferimento a più regioni e file Mute, Velocity, Pitch Bend, After Touch, Program,
audio per le tracce stereo e surround. Facendo Sysex e su qualsiasi tipo di controller continuo.
clic sul triangolo che viene visualizzato accanto Ad eccezione della fase di montaggio dei dati di
al loro nome, è possibile espanderle per vederne controller, delle modifiche di programma e
i singoli canali, che possono essere trascinati degli eventi esclusivi al sistema, le tracce MIDI
individualmente sulle tracce. sono generalmente impostate su Notes o
Regions, che visualizzano le note in un formato
che ricorda i rotoli di carta perforata dei
Vista Track
pianoforti. Utilizzare la vista Notes per
La vista Track determina i dati visualizzati e l'inserimento, il montaggio, la copia e
modificabili nell'area dell'ordine di l'incollamento delle note MIDI; utilizzare la
riproduzione della traccia. vista Regions per disporre, acquisire o
consolidare le regioni.
Tracce audio Le tracce audio possono essere
impostate su Blocks, Waveform, Volume, Pan,
Mute o su qualsiasi altro parametro di plug-in
automatizzato. Ad eccezione della fase di
montaggio dei dati di automazione, le tracce
audio sono impostate automaticamente su
Vista Track impostata su Regions per una traccia MIDI
Waveform, formato in cui il materiale viene
disegnato graficamente con forme d'onda di Quando la vista Track è impostata su Blocks, le
ampiezza (una rappresentazione del suono in regioni audio e MIDI vengono visualizzate sotto
ambiente temporale). Si tratta di una vista che forma di blocchi vuoti che portano il nome della
fornisce il dettaglio necessario per operazioni di rispettiva regione. Questa modalità si rivela di
montaggio più complesse sulle regioni. grande utilità dopo aver concluso l'acquisizione
e il montaggio delle regioni nella vista
Waveform o durante un evento MIDI e ci si
appresta a spostarle e a cambiarne la
disposizione. Con questo formato
l'aggiornamento delle schermate è più veloce.
Vista Track impostata su Waveform per una traccia
audio Quando una traccia audio viene visualizzata con
Volume, Pan o un altro parametro
Tracce di ingresso Aux Le tracce di ingresso Aux
automatizzato oppure una traccia MIDI è
possono essere impostate su Volume, Pan, Mute o
impostata su uno dei tipi di controller continuo
su qualsiasi altro parametro di plug-in
(Volume, Pitch Bend, After Touch), i dati
automatizzato.
vengono visualizzati sotto forma di grafico
Tracce Master Fader Le tracce Master Fader lineare con una serie di punti di interruzione
possono essere impostate su Volume o su modificabili. È possibile trascinare i punti di
qualsiasi altro parametro di plug-in interruzione per modificare i dati di
automatizzato. automazione e, utilizzando lo strumento Pencil
o Grabber, inserirne di nuovi.

Capitolo 15: Nozioni di base sul montaggio 217


Passaggio da una vista Track all'altra
Per le tracce audio, la maggior parte delle
operazioni di montaggio viene eseguita nelle
viste Waveform e Volume. Per le tracce MIDI, la
maggior parte delle operazioni di montaggio
Vista Track impostata su Pan per una traccia audio
viene eseguita nelle viste Notes e Regions. In
Per informazioni dettagliate sul montaggio dei Pro Tools è facile alternare queste viste per le
dati di automazione per le tracce audio, vedere tracce che contengono una selezione Edit o il
Vedere "Automazione" a pagina 489 Per cursore di montaggio.
informazioni dettagliate sull'inserimento e il
montaggio dei dati di controller per le tracce Per passare da una vista Track all'altra:
MIDI, vedere "Eventi di controller continuo" a
1 Fare clic sulla traccia interessata. Per
pagina 391.
selezionare più tracce, premere il tasto delle
maiuscole e fare clic, o trascinare, le tracce
Per impostare la vista Track:
supplementari nel selettore.
■ Fare clic sull'apposito selettore e scegliere il
2 Premere i tasti Control+Meno (Macintosh) o
formato desiderato dal menu a comparsa.
Start+Meno (Windows) nella tastiera
Fare clic per visualizzare il menu a alfanumerica.
comparsa Track View
–o–

Dopo aver attivato il focus comandi, premere il


tasto Meno della tastiera alfanumerica.

Per le tracce audio vengono alternate le viste


Selettore Track View (Pro Tools 6.0)
Waveform e Volume, mentre per le tracce MIDI
vengono alternate le viste Notes e Regions.

Formato vista principale


Le tracce audio e MIDI dispongono di viste
Track dette "principali". Quando una traccia è
visualizzata nel proprio formato principale,
Selettore Track View (Pro Tools 5.x) qualsiasi modifica apportata viene applicata a
tutti i dati della traccia. Ad esempio, quando
La traccia viene visualizzata nel nuovo formato.
una traccia audio è impostata su Waveform,
Se la traccia in questione appartiene a un gruppo
operazioni quali la copia e l'incollamento non
di montaggio attivo, tutte le tracce del gruppo
riguardano unicamente le informazioni
vengono a loro volta impostate sul nuovo
waveform, bensì tutti i dati di automazione.
formato.

218 Guida di riferimento di Pro Tools


Le viste Track principali per le tracce audio e ■ Fare clic sul triangolo accanto al selettore viste

MIDI sono: della traccia per visualizzare il menu a comparsa


• Tracce audio: Waveform e Blocks delle altezze.

• Tracce MIDI: Regions, Blocks e Notes (quando Fare clic per visualizzare il menu a
si usa il selettore)

Per le tracce di ingresso Aux e le tracce Master


Fader non esistono viste principali. Ciò significa
che tutti i montaggi effettuati su una traccia di
ingresso Aux o su una traccia Master Fader
hanno delle ripercussioni anche su tutti i dati di
automazione di quella traccia
Menu a comparsa delle altezze di traccia
(Pro Tools 6.0)
Altezza delle tracce La traccia corrente viene ridimensionata in base
Nella finestra Edit è possibile visualizzare le all'altezza scelta. Se la traccia in questione
tracce scegliendo fra sei altezze diverse: Mini, appartiene a un gruppo di montaggio, tutte le
Small, Medium, Large, Jumbo ed Extreme. I formati tracce del gruppo vengono a loro volta
di altezza più grandi sono particolarmente utili impostate sulla nuova altezza.
per operazioni di montaggio che richiedono
Premere il tasto Control (Macintosh) o Start
precisione. I formati di altezza più piccoli
(Windows) e i tasti Freccia su/giù per
consentono invece di non occupare inutilmente
aumentare/diminuire l'altezza della traccia
lo spazio dello schermo in una sessione di
che contiene una selezione o in cui sia
grandi dimensioni.
attualmente posizionato il cursore di
È possibile regolare le altezze traccia per traccia montaggio.
oppure impostare tutte le tracce sulla stessa
altezza. L'altezza delle tracce può essere regolata
Visualizzazione espansa delle tracce
durante la riproduzione. Le tracce stereo e multicanale condividono lo
stesso ordine di riproduzione per le opzioni
Per impostare l'altezza di una traccia: Volume e Mute. Normalmente, l'ordine di
■ Fare clic sull'area situata immediatamente a riproduzione condiviso occupa tutta l'altezza
destra dei controlli della traccia e scegliere della traccia e si estende attraverso tutti i canali.
l'altezza desiderata dal menu a comparsa.

Ordine di riproduzione Volume per una traccia stereo

Menu a comparsa delle altezze di traccia (Pro Tools 5.x) Utilizzando la funzione Expanded Track
Display, è possibile visualizzare
–o– individualmente gli ordini di riproduzione per
ogni canale e quindi rendere più agevoli le

Capitolo 15: Nozioni di base sul montaggio 219


operazioni di montaggio dei punti di parte dei pulsanti vengono ridotte e, in
interruzione. La funzione si rivela utile anche Pro Tools 5.x e versioni anteriori, le opzioni dei
per la modifica dei dati di plug-in pan o multi- menu Track Height e Track View sono accessibili
mono, che possono essere diversi per ogni mediante lo stesso menu a comparsa.
canale.

Altezza di traccia Small (Pro Tools 5.x)

Quando l'altezza della traccia è impostata su


Mini, sono visibili soltanto i controlli delle
Traccia stereo in visualizzazione espansa
funzioni Mute e Solo e le opzioni dei menu
La funzione Expanded Track Display offre anche Playlist, Track Height e Data display sono
un formato di visualizzazione Waveform più accessibili mediante lo stesso menu a comparsa.
grande (uguale a quello delle tracce audio
mono), oltre a un selettore delle viste Track e a
un meter distinti per ciascun canale.

Per attivare la funzione Expanded Track Display


per una traccia stereo o multicanale:
■ Dal menu a comparsa delle altezze di traccia,
Altezza di traccia Mini (Pro Tools 5.x)
selezionare Expanded Track Display.
Quando l'altezza della traccia è impostata su
Large, Jumbo o Extreme, tutti i controlli
vengono visualizzati alle dimensioni massime.

Menu a comparsa delle altezze di traccia

Controlli della traccia e altezza


della traccia
L'opzione Track Height, che definisce l'altezza Altezza della traccia impostata su Large
della traccia, influisce sulle modalità di
visualizzazione dei controlli nella finestra Edit.
Ad esempio, quando l'altezza di una traccia è
impostata su Small, le dimensioni della maggior

220 Guida di riferimento di Pro Tools


User Time Stamp Visualizza il valore User Time
Visualizzazione dei nomi e dei Stamp per ogni regione. Il valore User Time
tempi delle regioni Stamp, che assume automaticamente il valore di
Original Time Stamp, può essere ridefinito con il
A volte i nomi delle regioni possono nascondere
comando Time Stamp Selected.
le forme d'onda audio e i dati MIDI nelle viste.
In casi del genere è preferibile disabilitarne la
visualizzazione.
Regioni e forme d'onda audio
Per disattivare la visualizzazione dei nomi delle
Quando la vista Track per le tracce audio è
regioni negli ordini di riproduzione:
impostata su Waveform, in Pro Tools viene
■ Deselezionare Display > Display Name In disegnato un diagramma di tipo forme d'onda
Regions. dell'audio. Le forme d'onda audio forniscono
numerose informazioni sul suono registrato.
Per attivare la visualizzazione dei nomi delle
regioni negli ordini di riproduzione:
■ Scegliere Display > Display Name In Regions.
Ciò si rivela di grande utilità quando si lavora
con filmati e video.
Figura 10. Forme d'onda audio di un loop di batteria

La Figura 10 mostra le forme d'onda audio di


una traccia di batteria. I "picchi" rappresentano i
punti della registrazione (battiti) in cui l'attacco
del suono provoca un momentaneo aumento
Visualizzazione attivata per i nomi e i tempi della
del volume. I picchi sono seguiti da "valli", cioè
regione
da punti in cui il volume si abbassa.
Per visualizzare i tempi delle regioni:
A tipi di suoni diversi corrispondono tipi di
■ Dal menu Display > Display Time In Regions, forme d'onda differenti. La batteria, ad esempio,
selezionare una delle opzioni seguenti: in genere produce forme d'onda con transienti
acuti (picchi di breve durata) definiti molto
None Disabilita la visualizzazione dei tempi
chiaramente. Il suono della batteria è
delle regioni.
caratterizzato da un attacco forte e acuto e da un
Current Time Visualizza i tempi di inizio e fine rapido decadimento.
delle regioni.
Altri tipi di suoni, ad esempio i suoni di voci o di
Original Time Stamp Visualizza il valore Original tastiere sostenute, producono forme d'onda
Time Stamp per ogni regione. Original Time molto diverse, con picchi e valli meno
Stamp indica la posizione del codice orario pronunciati. Ciò è dovuto al fatto che questi
originale della regione al momento della sua suoni sono generalmente caratterizzati da
prima registrazione o creazione. attacchi più bassi e da decadimenti più lunghi.

Capitolo 15: Nozioni di base sul montaggio 221


Preferenza Draw Waveforms Rectified Durante il montaggio provare a creare regioni
che consentano di ottenere un ritmo costante.
Quando si seleziona la preferenza Display Draw Le regioni definite in modo che contengano un
Waveforms Rectified (Setups > Preferences > numero intero di battiti possono essere collegate
Display), le forme d'onda audio vengono fra di loro in modo da ottenere un ritmo
visualizzate in un formato in cui le escursioni uniforme e regolare.
positive e negative vengono sommate e
visualizzate sotto forma di segnale singolo di Spesso conviene avere una forma d'onda
valore positivo. Tuttavia, anche se questa regolare e ben definita, ad esempio una traccia
preferenza è attivata, ingrandendo un di batteria, da usare come guida per la selezione
particolare oltre un determinato valore si e la definizione di altre regioni. Se i battiti sono
provoca la visualizzazione normale delle forme stati rispettati durante l'esecuzione, facendo
d'onda. riferimento alla forma d'onda della batteria si
possono creare regioni ritmicamente esatte.

Alcune regole importanti da tenere presenti


durante la definizione delle regioni:
◆ Quando è possibile, impostare precisamente
Audio visualizzato in modalità Rectified
l'inizio di una regione prima di un picco di
volume e impostarne la fine immediatamente
prima del picco di volume successivo.
◆ Quando è possibile, fare in modo che la
regione inizi e finisca esattamente sulla stessa
parte di un battito.
Audio visualizzato in modalità normale

La modalità Rectified consente di visualizzare Come evitare rumori indesiderati


forme d'onda più dettagliate quando si usano le
altezze di traccia Medium e Small e può rivelarsi Se una regione montata inizia o finisce in un
particolarmente utile durante il montaggio dei punto di ampiezza elevata, si possono udire
dati di automazione del volume, poiché mostra rumori indesiderati quando Pro Tools termina la
"livelli" di forma d'onda che iniziano dalla parte riproduzione di una regione e passa alla regione
inferiore della traccia. successiva. Per evitare tali rumori, eseguire una
delle seguenti operazioni:
◆ Accertarsi che i punti iniziale e finale della
Linee guida per il montaggio delle
selezione siano il più vicino possibile al punto in
forme d'onda
cui l'ampiezza della forma d'onda diminuisce
Lo strumento Selector della finestra Edit fino a raggiungere la linea di passaggio per il
consente di selezionare parti delle forme d'onda punto zero, ossia la linea centrale della
audio e di dividerle in segmenti, definiti regioni, visualizzazione delle forme d'onda della traccia.
che possono essere disposti e manipolati a
piacimento nelle tracce.

222 Guida di riferimento di Pro Tools


Se necessario, usare gli strumenti di zoom della riproduzione in modo da poter tornare con
finestra Edit (vedere "Zoom" a pagina 237) per facilità a uno stato precedente della traccia
visualizzare le forme d'onda con maggiore elaborata. Per informazioni dettagliate vedere la
dettaglio. sezione "Ordini di riproduzione" a pagina 226.

Regioni audio e dati


di automazione
I dati di automazione per l'audio risiedono nelle
tracce e non nelle regioni. Ciò significa che
quando si trascina una regione audio dall'elenco
delle regioni audio su una nuova traccia, nessun
Selezione che inizia e finisce sulla linea di passaggio dato di automazione viene inserito nella traccia
per il punto zero di destinazione. Se invece si trascina una regione
◆ Nei sistemi Pro Tools TDM, usare la funzione audio da una traccia esistente (che quindi
AutoFade per applicare dissolvenze in ingresso e contiene i dati di automazione) su un'altra
in uscita in tempo reale a tutti i limiti di regione traccia, i dati di automazione della traccia di
che non sono in contatto o si sovrappongono ad origine vengono inseriti nella traccia di
altre regioni. Per informazioni dettagliate vedere destinazione.
la sezione "Uso delle dissolvenze automatiche" a
pagina 323.
◆ Applicare un crossfade tra le regioni che Regioni MIDI e dati MIDI
provocano i rumori indesiderati. Per
Le viste Track utilizzate più spesso per le tracce
informazioni dettagliate, vedere "Creazione di un
MIDI sono Notes e Regions. Usare la vista Notes
crossfade" a pagina 320.
per l'inserimento e il montaggio di note MIDI
singole e per la manipolazione di gruppi di note.
Montaggio audio non distruttivo
Quando invece è necessario lavorare alla
Con Pro Tools il montaggio di un ordine di disposizione delle regioni o si desidera crearne
riproduzione di una traccia audio non consiste di nuove, usare la vista Regions.
nell'effettivo taglio e spostamento di parti di
suono come avviene per i nastri analogici. Si Per ulteriori informazioni sull'impostazione
utilizza invece una mappa del file audio creata della vista Track, vedere "Vista Track" a
da Pro Tools nel disco rigido, che descrive la pagina 217.
sequenza di riproduzione delle parti della
Per alternare la vista di una traccia, fare clic
traccia.
sulla traccia desiderata e premere il tasto
Quando si effettua il trimming delle regioni Control e il tasto meno (-) (Macintosh) o il
audio con lo strumento Trimmer oppure si tasto Start e il tasto (-) (Windows) della
ridispongono o riordinano le regioni all'interno tastiera alfanumerica.
di una traccia, utilizzare più ordini di

Capitolo 15: Nozioni di base sul montaggio 223


Vista Notes delle tracce MIDI sopra o al di sotto dell'area visualizzata sono
rappresentate con linee di un pixel poste ai
Quando la vista Track di una traccia MIDI è limiti superiore e inferiore della gamma (vedere
impostata su Notes, le note MIDI vengono la Figura 11).
visualizzate in un formato che ricorda i rotoli di
carta perforata dei pianoforti. Ogni nota è Per far scorrere verso l'alto o verso il basso la vista
rappresentata da un piccolo rettangolo; la Notes di una traccia MIDI:
collocazione verticale del rettangolo indica il
■ Fare clic sulla freccia Su o sulla freccia Giù
tono, mentre la collocazione orizzontale indica
della minitastiera.
la posizione e la durata della nota.

Nota della traccia oltre la


Freccia Su
visualizzazione corrente

Scorrimento delle note con la freccia Su della


minitastiera

–o–

■ Dopo aver selezionato uno qualsiasi degli

strumenti della finestra Edit, ad esempio Pencil,


premere i tasti Comando+Opzione+Control
Riferimento tastiera
(Macintosh) o Ctrl+Alt+Start (Windows) e
Nota MIDI
Freccia Giù
trascinare verso l'alto o verso il basso.

Figura 11. Traccia MIDI con note visualizzate

A sinistra dell'ordine di riproduzione della


traccia MIDI si trova una minitastiera verticale,
corredata di numerazione delle ottave, per la
rappresentazione del tono. Per ascoltare i toni,
premere il tasto Comando (Macintosh) o Ctrl Scorrimento della vista Notes mediante trascinamento
(Windows) e fare clic sulla minitastiera. Le
Gli strumenti della finestra Edit consentono di
frecce situate al di sopra e al di sotto della
inserire, trasporre e spostare le note, nonché di
minitastiera (non disponibili quando sono
eseguirne il trimming. Per ulteriori informazioni
impostate le altezze di traccia ridotte)
vedere "Modifica manuale delle note MIDI" a
consentono di far scorrere la visualizzazione
pagina 386.
delle note verso l'alto e verso il basso.

La gamma di toni visualizzabile per le note MIDI


dipende dall'altezza di traccia impostata e dal
valore di zoom corrente. Quando l'altezza
corrente non consente la visualizzazione di tutte
le note di una traccia, le note che si trovano al di

224 Guida di riferimento di Pro Tools


Vista Regions delle tracce MIDI
È possibile visualizzare le tracce MIDI anche con
la vista Regions, simile alla vista Waveform delle
tracce audio. La vista Regions non consente il
montaggio individuale delle note di traccia che
vi sono visualizzate. In effetti le operazioni di
montaggio vengono eseguite in un intervallo di
tempo che include tutti i dati della traccia,
compresi gli eventi di controller continuo, le
modifiche di programma e gli eventi esclusivi al
sistema.

Usare la vista Regions per definire regioni che


rappresentino sezioni e clip di brani oppure per
ridisporre o assemblare il materiale di traccia. Taglio di una regione MIDI con sovrapposizione di nota

Per ulteriori informazioni sull'impostazione ◆ Regole simili vengono applicate anche

della vista Track, vedere Vedere "Vista Track" a quando si esegue il trimming delle regioni MIDI
pagina 217. con lo strumento Trimmer. Se il punto iniziale
della regione MIDI viene spostato oltre il punto
Per alternare la vista di una traccia, fare clic iniziale di una nota, quest'ultima viene rimossa.
sulla traccia desiderata e premere il tasto Se il trimming del punto finale della regione fa sì
Control e il tasto meno (-) (Macintosh) o il che il punto iniziale di una nota venga a trovarsi
tasto Start e il tasto (-) (Windows) della all'interno della regione, mentre il punto finale
tastiera alfanumerica. della nota si trova all'esterno, la nota rimane e si
sovrappone al margine della regione.
Di seguito vengono descritte alcune
conseguenze da tenere presenti quando si Quando si spostano e inseriscono regioni MIDI
eseguono operazioni di selezione, copia e che contengono note sovrapposte, queste
incollamento e trimming delle regioni MIDI: ultime si spostano sempre con le regioni.
◆ Quando si taglia o cancella una selezione di Quando si inseriscono regioni MIDI che
regione che include il punto iniziale di una contengono note sovrapposte accanto a un'altra
nota, quest'ultima viene interamente rimossa. regione o nelle sue vicinanze, le note
Ciò si verifica anche quando si seleziona solo sovrapposte si estendono alla regione adiacente.
una parte della nota che include tuttavia il
punto iniziale.
◆ Quando si copia o taglia una selezione di
regione che include il punto finale, ma non il
punto iniziale, di una nota, la nota rimane e si
sovrappone al margine della regione.

Capitolo 15: Nozioni di base sul montaggio 225


Montaggio MIDI non distruttivo A differenza degli eventi di controller continuo,
che rappresentano sfumature appartenenti
Se il montaggio delle regioni audio è all'esecuzione MIDI, Mute di Pro Tools è un
generalmente non distruttivo, quello delle ordine di riproduzione di automazione che in
regioni MIDI presenta alcune eccezioni. Ad effetti silenzia il modulo MIDI. L'automazione
esempio, quando una regione MIDI si trova in Mute non corrisponde a eventi MIDI reali e
una sola traccia in un'unica posizione, il quindi non viene esportata quando si esegue il
montaggio di quella regione è distruttivo. Ciò salvataggio sotto forma di file MIDI standard.
significa che modificando il tono, la durata o la
collocazione delle note nella vista Notes si altera
permanentemente la regione.
Ordini di riproduzione
Tuttavia, il montaggio di una regione MIDI
definita anche altrove, nella stessa traccia (in La possibilità di creare gli ordini di riproduzione è
un'altra posizione o in un ordine di una delle caratteristiche più potenti di Pro Tools
riproduzione diverso) o in una traccia differente, e una delle ragioni per cui il programma risulta
è non distruttivo e dà luogo a una regione creata molto più versatile dei registratori multitraccia
automaticamente. Per tornare al materiale tradizionali.
precedente, trascinare la regione originale