Sei sulla pagina 1di 637

ENCICLOPEDIA

DELL'ARTE ANTICA

CLASSICA E

ORIENTALE

ISTITVTO DELLA
ENCICLOPEDIA ITALIANA

FONDATA DA GIOVANNI TRECCANI

ROMA

PROPRIETA ARTISTICA E LETTERARIA RlSERVATA


Copyright by

lstituto della Eodclopedia Italiana

foodata da Giovanni Tteccani

19 81

Stampo,o in Ilalia - Prinkd in l!ary

ROMA - ISTITUTO POLIGRAFlCO E ZECCA DELLO STATO


=_':C-­

ISTITVTO DELLA

ENCICLOPEDIA ITALIANA

FONDATA DA GIOVANNI TRECCANI

PRESIDENTE

GIUSEPPE ALESSI

VICE..PRESIDENTI
GIULIANO VASSALLI - GIANNI NO PARRAVICINI

CONSIGLIO
ARNALDO M. ANGELINI; SAVERIO AVVEDUTO; PAOLA BAROCCHI; GILBERTO BERNARDINI;

GIOVANNI BATTISTA BONINO; ITALO BORZI; UMBERTO BOSCO; VITTORE BRANCA; GUIDO

CALOGERO; RENZO CANESTRARI; MARIO CONTI; SERGIO COTTA; AUGUSTO DEL NOCE;

ALESSANDRO FAEDO; FRANCESCO GABRIELI; EUGENIO GARIN; ALBERTO M. GHISALBERTI;

TULLIO GREGORY; AUGUSTO GUZZO; FRANCO LOMBARDI; GIUSEPPE MONTALENTI; GIUSEP­

PE MORUZZI; SABATINO MOSCATI; GIUSEPPE PADELLARO; BRUNO PARADISI; MARIO PE­

DINI; GIORGIO PETROCCHI; GIAN DOMENICO PISAPIA; PIETRO PRINI; GIOVANNI PUGLIESE

CARRATELLI; ERNESTO QUAGLIARIELLO; ANGIOLA M. ROMANINI; SERGIO ROMANO; ROSA­

RIO ROMEO; FRANCESCO SANTORO PASSARELLI; FRANCESCO SISINNI; GIOVANNI SPADO­

LINI; PAOLO SYLOS-LABINI; ROBERTO TUCCI; GIULIANO VASSALLI; SALVATORE VILLARI;

ANTONINO ZICHICHI

COMITATO Dr AMMINISTRAZIONE
ARISTIDE SAVIGNANO, Vicepresidente del Banco di Napoli; CIRO DE MARTINO, Presidente onorario
del Banco di Sicilia; GIOVANNI CODA NUNZIANTE, Presidente del Monte dei Paschi di Siena; MARIO
FORNARI, Direttore Generale dell'Istituto Nazionale delle Assicurazioni; ROSARIO LANZA, Presidente
dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

DIRETTORE GENERALE

VINCENZO CAPPELLETTI

REVISOR]
PASQUALE CAROPRESO; FRANCO CASAMASSIMA; ANTONIO MAROTTI;

VITTORIO MORGERA; TOMMASO PALMISANI

FERDINANDO IZZI, Delegato della Corte dei Conti

ATLANTE

DELLE FORME CERAMICHE

CERAMICA FINE ROMANA

NEL BACINO MEDITERRANEO

(MEDIO E TARDO IMPERO)


~

ENCICLOPEDIA DELL'ARTE ANTICA CLASSICA E ORIENTALE

DIRETTORE DI REDAZIONE

GIOVANNI PUGLIESE CARRATELLI, Professore nella Scuola Normal, Superiore, Pi,.

REDAZIONE

IDA BALDASSARRE, Professore nell'[stituto Universitario Orientale di Napoli; Dr. TERESA LANZILLOTTA;

Dr. MARIA BARBIERI BECATTI; Dr. MARIA LATINA CHIMA; Dr. GRAZIA MANNIRONI LUBRANO;

Dt. SALVATORINO SALOMI

SEGRETERIA

Dr. SIMONETTA PAOLUZZI

COLLABORATORI DEL VOLUME I

LUCILLA ANSELMINO, [stituto di Archeologia d,ll'U"iversito., Roma (L. A.)

ANDREA CARANDINI, Professor, n,Il'Universita, Siena (A. C.)

CARLO PAVOLINI, Soprintendenza Archeologica, Ostia Antica (C. P.)

LUCIA SAGU1, [s,ituto di Archeologia d,Il'Universita, Roma (L. S.)

STEFANO TORTORELLA, l"ituto di Archeologia dell'Universitli, Roma (S. T.)

EDOARDO TORTORICI, [stituto di Topografia Antica dell'Universita, Roma (E. T.)

Coordinatore: ANDREA CARANDINI

Disegni di TOMMASO SEMERARO

Revisione dell'edi2ione a cura di IDA BALDASSARRE

1fJl"'"~

SOMMARIO

l'REsENTAZIONE . . . . . . Pag. XIII

Abbreviazioni bibliografiche . » xv

PREMESSA CA. Carandini) » XXVII

AVVERTENZA • • • » XXXII

1. CER~ICA NARBONESE » 1

I. TERRA SIGlllATA ,B» E »PRElUCENTE " CA. Carandini) 3

II. TERRA SIGILLATA , LUCENTE " (A. Carandini) . . . . 5

III. TERRA SIGILLATA "ARANCIONE--GRIGIA " (A. Carandini) 5

IV. TERRA SIGILLATA DETTA , MACEDONICA " (A. Carandini) . 7

II. CE~ICA AFRICANA » 9

INTRODUZIONE » II

TERRA SIGILLATA: VASI 19

I. VASI NON DECORATI 0 DECORATI A STAMPO .


» 19

A) Prodnzione A (A. Carandini - S. Tortorella)


19

B) Prodnzione AID (A. Carandini - S. Tortorella)


52

C) Prodnzione C (A. Carandini - L. Sagui). .


58

D) Produzione D (A. Carandini - S. Tortorella) .


"
78

E) Prodnzione CjE (A. Carandini - E. Tortorici) .


I17

F) Prodnzione F (A. Carandini - E. Tortorici) .


I) II9

La decorazione a stampo delle produzioni esportate


I) 122

I. Catalogo (S. Tortorella) . 124

II. CIJT/Cordanze con gli stamp; classificari da J. W. Hayes (S. Tortorella)


135

G) Prodnzioni per uso regionale (A. Carandini) . . . .


" 137

I. Terra ,igillata «Tripolitana» (S. Tortorella) . . . . » 137

II. Terra sigillara della Tunisia meridionale (S. Tortorella) 138

III. Terra ,;gillata della Tunisia centrale (S. Tortorella) . " '39

IV. Terra sigillata della Tunisia occidentale (S. Tortorella) )'; 14°
V. Terra ,;gillata dell'Algeria orientale e centrale (S. Tortorella) » 14°
VI. Altre produzioni (S. Tortorella) . . . . . . . . . . .
I,
141

II. VASI DECORATI A MATRICE E A RILIEVO APPLtCATO . . . . If 141

A) Prodnzione A (A', A'/') decorata a matrice (A. Carandini - S. Tortorella) 141

B) Prodnzione A (All', A') decorata a rilievo applicato (A. Carandini - S. Tortorella) 144

C) Prodnzione Cl e C' decorata a rilievo applicato (A. Carandini - E. Tortorici) » 147

D) Prodnzione C' e C' decorata a rilievo applicato a matrice (A. Carandini - E. Tortorici) 156

Elenco .d~ ~oti~ ~ecorativi a ~trice della produzione C' (E. Tortorici). . . . . . . 163

CompOstztom urntane (E. Tortona) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 164

Decorazioni di carnice (E. Tortorici) . . . . . . . . . . . . . . » 165

Elenco dei motivi decorativi a rilievo applicato delle produzioni A e C (L. Sagui - E. Tortorici) . » 165

E) Prodnzioni di Navigius, Oliltesis, SeplUs, Tahinas, SalUrninus e Gududio decorate a matrice (A. Ca­
randini - E. Tortorici) . . . . . . . . 176

Elenco dei motivi decorativi a matrice (E. Tortorici) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i) 180

F) Prodnzioni delle arnpolle olearie e delle brocche antropomorfe decorate a matrice (A. Carandioi ­
E. Tortorici) . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I) 181

Elenco dei motivi decorativi a matrice delle ampoJIe olearie (E. Tortorici) " 18 3

TERRA SIGILLATA: LUCERNE .


18 4

INTRODUZIONE (L. Anselmino - C. PavoIini)


18 4

LUCERNE IN CERAMICA COMUNE DELL'AFRICA ROMANA (I-IV 'ECOLO D.C.) (C. Pavolini) Pag. 186

I. LUCERNE AllECCO . . . . . . • . . . . . . . . . . . . .
, 188

A) Lucerne decorate a matrice 0 a rillevo applicato (L. Ause1mino) .


,
188

I. Decorazione di tipo C' e C' (I). Forme I-III (L. Auselmino)


, 188

B) Lucerne decorate a matrice . . . . . . . . . . . . .


, 190

I. Decorazioni di tipo C' e C' (?). Forma IV (L. Anselmino) » 190

II. Decorazwni di Navigius. Forma V (L. Au'elmino). . . . » 191

III. Decorazioni van.. Forma VI (c. Pavolini) . . . . . . . , 19 1

IV. Decoronioni di tipo C3. Forma VII (C. Pavolini). . . . .


192

V). Decorazioni di Navigiu! a di altro tipo. Forme VIII eIX (c. Pavolini) .
192

VI. Decoronioni di tipo C'-C' e D'_D'. Forme X, XI, XII (L. Anselmino) .
198

VII. Produzione« Tripolitana ". Forme XIII-XV (L. Anselmino) 204

II. LUCERNE PRIVE Dr BECCO . . . . . . . . .


205

Forma XVI (L. Auselmino) . . . . . . . . .


» 205

SUPPLEMENTO 1979 (L. Anselmino - C. Pavolini) » 207

CERAMlCA DA CDCINA (S. Tortorella) . 208

SUPPLEMENTO 1979 (S. Tortorella) . . . , 224

III. CERAMICA MICROASIATlCA 229

I. CERAMICA NON nECORATA E DECORATA ASTAMPO . . . . . . . . . . . . . 23 1

A) Terra sigillata pergamena (, Eastern Sigillata C >, 0 di <;:andarli) (A. Carandini)


B) Terra sigillata dell'Asia Minore (, Late Roman C» 0 di Costaotinopoli) (A. Carandini) ,• 23 1

23 1

C) Terre sigillate varie (A. Carandini) • 232

II. CERAMICA DECORATA A MATRICE . .


, 233

A) Ceramica di enido (E. Tortorici)


233

IV. CERAMlCA CIPRIOTA . . . » 237

TEaM SIGlLLATA (, Late Roman EID ,) (A. Carandini) , 239

V. CERAMICA EGIZIANA . . . . . . . .
, 241

I. CERAMICA NON DECORATA 0 DECORATA A STAMPO .


243

A) Terra sigillata A (0 «Copta >,) (A. Canmdini) .


» 243

B) Terra sigillala B (del Delta e del Fayyum) (A. Carandini)


» 244

C) Terra sigillata C (Imitazione della B tanIa) (A. Carandini)


» 244

II. CERAMICA CON SOVRADIPINTURE (E. Tortorici) . 245

VI. CERAMlCA PALESTINESE 247

TERRA SIGILLATA (A. Carandini) 249

VII. CERAMlCA GRECA . 25 1

I. CERAMICA NON DECORATA 0 DECORATA A STAMPa 253

A) Ceramica Ateniese (E. Tortorici) . . . . . 253

II. CERAMICA CON SOVRADIPINTURE E CON DECORAZIONE A MArRIeE


A) Ceramica Ateniese con sovradipintnre (E. Tortorici) . . . ,
254

254

B) Ceramica Corinzia decorata a matrice (E. Tortorici) . . . » 255

C) Ceramica della Grecia centrale con sovradipinture (E. Tortorici) » 25 6

AGGlUNTE (S. Tortorella) . . . 257

INDICE DELLE FORME E DEI TIPI » 259

TAVOLE I-CLXV
~".':"
~,,-.,y

PRESENTAZIONE

A Giovanni Becatti, che ha diretto questa Enciclopedia dal 1969 al 1973, auno della sua morte,
si deve l'idea di dedicare aile ceramiche romane dell'instrumentum domesticum due volumi della sede
di Atlami della quale egli e Ranuccio Bianchi Bandinelli diedero l'aununzio nella Presentazione del
Supplemento 1970 dell'Enciclopedia dell'Arte Antica, edito nel 1972: « La redazione intende proporsi
anche nel futuro come un centro di elaborazione delle acquisizioni scientifiche nel campo dell'archeo­
logia e della storia dell'arte antica, sia con i volumi di Supplementi, sia con Adami tipologici ed
iconografici, di cui il primo e giit stato pubblicato con il titolo: Atllmte dei complessi figurati e degii
ordini architettonici ,). L'improvvisa scomparsa del Becatti ha ritardato rna non interrotto l'attua­
zione del suo progetto; e il primo dei due volumi previsti per Ie ceramiche, aflidato dal Becatti
stesso alle cure di Andrea Carandini, studios» tra i piu esperti dei documenti dell'arte e della tecnica
del mondo romano, vede ora la luce dopo anni di assidua ricerca ed elaborazione, a cui hanno parte­
cipato con pari impegno tutti i collaboratori. Tra questi edoveroso aunoverare, anche se Ie lora sigle
sono assenti, Ida Baldassarre, che ha segnito attentamente l'elaborazione dell'opera in tutte Ie su~
fasi e ha notevolmente contdbuito a perfezionarla, e Teresa Lanzillotta, della cui preziosa esperienza
come redattrice dell'Enciclopedia dell'Arte A1itica anche questo volume si elargamente giovato.
I principi che hanno guidato gli autod del volume sono indicati dal curatore nella Premessa ch~
segue a questa pagina. Qui desidero porre in rilievo come questo Adame si iscriva armonicament~
nello schema che Bianchi Bandinelli e Becatti hanno definito nel ventennio della lora condirezione.
A giusto titolo, infatti, nell'Enciclopedia i prodotti dell'artigianato destinati all'uso corrente son col­
locati accanto ai monumenti dell'arte: testimoni, gli uni e gli altd, dei caratteri delloro tempo, quali
i lora autod, umili 0 eccelsi, hanno concorso a formare; e I'opera, che si propone come uno strumento
di ricerca in sussidio della storia dell'arte antica, include nel suo orizzonte tanto la « grande arte »
quanto il modesto artigianato che da quella riceve stimoli e suggerimenti. Coerentemente si fa qui va­
lere anche I'ineliminabile esigenza di distinguere poesia e non poesia, che eun criterio di conoscenza.
A questa ampia visione della storiograiia artistica si sono concordemente richiamati i due con­
direttori, pur in un'amichevole e fruttuosa divergenza di vedute, quale si emanifestata specialmente
nelle pagine in cui Becatti ha discusso (La Parola del Passato, XII, 1957) il saggio di Bianchi Ban­
dinelli su Organicita e astrazione. Sulla via ch'essi hanno segnato prosegue I'opera loro. E chi ha
accettato il compito, onorevole quanto impegnativo, di curare la continuazione, desidera ora ricor­
dare I'assiduitit e la sagace acdbia con cui Ie sue collaboratrici della Redazione hanno atteso al non
lieve lavoro di preparazione per la stampa e di revisione delle bozze del presente libro. Come a loro
si deve gratitudine a Tommaso Semeraro, che ha curato I'iconografia, dando un nuovo saggio della
sua perizia e della finezza del suo disegno.
GIOVANNI PUGLIESE CARRATELLI

XIII
ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE
per: periodici sonG state adottate Ie abbreviazioni dell' Annee PhiloJogUzue.

ABDUL-HAK 195 I .....


1_,
S. e ll. Abdul-Hak, Catalogue il­
d, Dipartement des Anti­
quites greco-romaines au Musie
AnnSocCo'mt Annuaire de la Societe arr.hiologilJue
de la ProfJina de Constantine.

de Damas, I, Damas 1951. AnzSchwAlt .. Anzeiger jUr Sthweizeriscne Alter­


tumskunde.
ActesCongrSaVQ1ltes 1961 Actes du ~tre-vingt-six:ieme Con­
gres na!ional des Societes Sa­APL .. Archivio de Prehistona Levantina.
vantes, ~iontpellier 196 r. Archeologie suus-marine .. Actes du llIbne Congres interna­
ABBORB 1963 . A. M. Adroer, La ceramica roma· c£onale d' archeologie Sl):J.S-marine
na procea~ente de una 1li!cropolis (Barcelone 1961), Bordighhe
de Baradona, in RSL, XXIX, 1971.
1963, Po 99 ss. ArqPort .. o arquedlogo porttigUes.
A1.ARcio-MOUfINHO DE I. Alarm) - A. Moutinho de Ars Fupaniae . Aa. vv., Ars Hispaniae. Historia
ALARcio 1966. Alardio J 0 espolio da necr6pole universal del arte hispanico, II,
!uso-romlna de Valdoca (Aljus­
Madrid '947.
trel), in Conimhriga, V, 1966,
p. 7 58• AVIGAD 1956 .........
N. Avigad, The Sixth Season of
Excavations at Beth She'arim,
llLLAlS 1957 . Y. Allais, Note sur qmlques lessons 1954, in Eretz Israel, 4, 1956,
de Diemila, in Libyca, V, 1957, p. 85 ss.
p. 37 s'­
BABELON 1916 E. Babelon, Le freSOr d'argfmterie de
PucLA1S 1959 ......•... Y. Allais, Plat de Djemila a decor Berthou:ville, Paris 19[6.
mytholo,rique, in Liby,a, VII,
1959, p. 43 58. BABELON 1920 E. Babelon, Note sur w; fragment
de pateTie a figures, in BeTH,
llLLAIs 1960 . Y. Allah,_ Note complbnenlaire sur Igzo, p. 231 S3.
des pla:J au dicor mythologique,
in Liby.:a, VIII, 1960, p. 125 SS. BAG . Bullettino di Archeologir:. cristiana.
llIMAGRO 1964 . M. ALmaJrO, Excavaciones en la BACHOfRN 1890 . J. J. Bachofen, Romische Grahlam~
Palaia:pol!·s de Ampurias~ in Exca­ pen nebst eir.igen andem Grab­
vadane!- arqueol6gicas en Espa~ denk11liilern 'l!orzugsweisi! eigener
ria, 27, 1964. Sammlung, Basel 1890.
!\IMAGRO-AIIOROS '953­ M. Almagto ~ L. R. Amoros, BAGATTI 1935 B. Bagatti, 11 cimitero di Comnwdil­
1954­ Excava4.'iones en la necropolis ro­ la, Roma 1936.
mana di can Fanals de Pol/entia BAGATTI 1953 P. B. Bagatti, ~ Terre sig-;Uate t in
(Aleudia, Mal/orca), in Am­ Palestina nei secoli V e VI, in
punas, XV-XVI, 1953-54, p. Faenza, XXXIX, 1953, p. 70 S3.
237 ss.
BAGATTl 1967 .........
P. B. Bagatti, Gli scavi di Nazareth,
ALMAGRO • LAMBOGLL\ M. AlmalfO - N. Lamboglia, La I, Publ. St. Bibl. Frtmcis.:anum,
'959· estratigrujia del deeumano A de '7, 19 67.
Ampur£asJ in Ampurias, XXI,
1959, p. 1 SS. BAILBY 1963 .. D. M. Bailey, Greek and Roman
Pottery Lamps, London 1963.
ALVAREz-OSSORIO 1942 •• F. Alvarez - Ossorio, Lw::ernas 0
lamparaJ antiguas, de barro co· BAILBY '972-73 . D. M. Bailey, Cnidian P.eJiej Ware
T
cido, de. lvfuseo Arqueo16gico Na­ Vases and Fragmen'Ji in the
cional, in AEA, XV, 1942, British Museum, in RCP.F, XlV­
p. 271 :;So XV, 1972~73, p. II S3l.

ALZINGER 1955 ••..••• W. AlOOg;:r, Kleinfunde 'VOn Agun­ BAlRRAO OLE1RO 1952 . J. M. Bairrio Oleiro, Catalogo de
tum aus den ]ahren 1950 his 1952, lucernas roma~, Coimbra 1952.
Wien '955. BALY 1962 .. T. J. C. BaIy, The Po:tery, in
ExcavarimlS at Nessaw I, JL.on­
llNDRBAU 1974 ........
J. Andreau, Balsena (Poggio Mo­ don 1962.
j

scini): ies deux citernes communi­


cames. Materiel reeueilli dans les BARADRZ 1961 J. Baradez, Nouvelles jouilles a
deux d..ternes, in MEFRA, 86, Tipasa, in Libyca, IX, 1961,
'974, p. 27 6ss . p. 75S.

xv

BAlWlEZ '967 .. J. Baradez, Grands plats chre­ BESNItiR-BLANCHET 1900 M. Besnier - P. Blanchet, Collection
liens de Tipasa: ceramique afri­ Farges, Paris 1900.
caine orangie et «sigJ1/ata chiara Ii,
in MEFR, LXXIX, 1967, p. BIRD [977 J. Bird, African Red Slip Ware
231 55. in Roman Britain, in Roman Pot­
tery Studies in Britain and Bey­
BARATTE 1971 F. Baratte, La coupe a l'Q;Jriga ond: Papers Presented to John
vainqueur (sigillie claire) du .Musee Gillam, British ArchaeologUal
du Louvre, in BSAF, 197r, p. Reports, Supplementary Series,
'78 ss. 30, 1977, p. 269 58.

BASS ~ VAN DOORNINCK G. Bass-F. Van Doorninck, A BMe", . British Museum Catalogue.
1971. Fourth Century Shipwreck at
M

Yassi Ada, in AJA, LXXV, Bo.'IBadiaGrottaferrata Bollettino della Badia Greca di


1971, p. 27 55. Grotta/errata.

B.\UR 1922 P. V. C. Baur, Catalogue of the Bmm.;u 197'-72 . A. Boninu, Catalogo della ceramica
Rebecca Darlington Stoddard Col­ ~ sigil/ata chiara a/ricana ~ del
lection of Greek and Italian Vases Museo di Cagliari, in SS, XXII,
in Yale University, New Haven '971-72, p. 293 ss.
1922 • Eo:"s 1952 . E. B. Bonis, KesiihelIenisztikus dom­
BECATT' 1969 ........
G. Becatti, Seavi di Ostia, VI. bormiives edinycsoport elterjedise
Edi[tcio con opus sectile Juori a R6mai tartom6nyokban, in Ar­
Porta Marina, Roma 1969. chaeologiai Ertesitii, 79, 1952,
p. 23 ss.
BECKER 1913 E. Becker, Malta sotterra1Ua,
Strassburg '9'3. BOUCHENAKI 1975 ... ­ M. Bouchenaki, Fouilles de la
nicropole occidentale de Tipasa
BERN 1910 F. Behn, R6mische Keramik mit (1968-72), Alger '975.
Einschluss der hellenistischen Vor­
stuJen, Mainz 1910. BOURGEOIS 1969 . a reliefs d' ap­
A. Bourgeois, Plats
plique de Belo, in MCV, V,
BELCIIIOR '969
C. Belchior, Lucernas romana:> de '969, p. 31 SS.
COllimbriga, Coimbra 1969.
BOVON '966 .. A. Bovon, Lampes d'Argos, Paris
Belo '926 .
AJJ..vv., Fouilles de Bela (I9I7~22), '966.
II. La necropole, BEHEH, VI,
Bordeaux - Paris 1926. BR1JL~FORD 1947 . J. W. Brailsford, The Mildenhall
Treasure - A Provisional Hand­
Belo 1974 . Aa.vv., Excavaciones de la Casa book, London '947.
de Velazque.s en Belo (Bolcnia­
Cadiz). Campaiias de 1966 a BRhNTS 1913 •.••. " •. ". J. Brants, Antieke Terra-Cotta Lam­
1971, in Excavacwrus arqueolOgi­ pen uie hee Rijksmuseum van
cas en Espana, 79, 1974­ Oudheden te Leiden, Leiden
'9'3·
B""""" 196. .. ........
M. G. Berard, La nicropole gallo­
romaine de la Galade a Cabasse !lEJ,VAR 1964-66 . G. M. Bravar, Lucerne paleocri­
(Var), in Gallia, XIX, 1961, p. stiane dalla villa romana di
105 ss. Desenzano, in Sibrium, VIII,
[964-66, p. II3 ss.
BERNA.BD BREA~CAvALIER L. Bemabo Brea-M. Cavalier, Me­
ligunis-Lipara, I. La stazione BUCCIA 1924 ."." .... E. Breccia, Le Musk grko-rommn.
'9 60. 1922-23, Alexandrie 1924.
preistarica dilla 'ontrada Diana
e la necropoli protostorica di BRESC1~1 1968 . E. Bresciani, Missione di scavo a
Lipan", Palermo 1960. Medinet Madi: Rapporto preli­
BERNABO RREA-CAVALIER L. Bemabo Brea~M. Cavalier, Me~ minare delle campagne di scavo
ligunis-Lipara, II. La necropoH 1966 e 1967, Milano-Vares. 1968.
'965.
greca e ramana nella contrada J. K. Brock, Excavations in Siphnos,
BROCK '949 ..
Diana, Palermo 1965. in ABSA, XI....IV, 1949, p. I 55.

BEENHARD 1955 M. L. BernhJlrd, Lampki starozyt­ BRONEER 1930 ........ O. Broneer, Cort'nth. Results of
nt, Warszawa 1955. Excavations, IV, 2. Terracotta
BERTHffiE 1943 . A. Berthier, Les vestiges du chrislia~ Lamps, Cambridge 1930.
nisme antique dans la Numidie BRl1'\EAU 1965 . P. Bruneau, Exploration archeolo­
centrale, Alger 1943. gique de Delos, XXVI. Les lampes,
Paris '965.
BEETIUER-MARTIN '948 A. Berthier - M. Martin, Note
sur un plat orne representant BRUIK 1934 ..... ".... G. Brusin, Gli scavi di Aquileia,
Adam et Eve, in RecSocQmst,
Udine '934.
LXVI, '948, p. 125 ss.
BSrMd " " " Bollettino dell' Associazione Interna­
BESCHAOUCH 1966 ... " . . A. Beschaouch, La mosaique de zionale di Studi Mediterranei.
chasse a l'amphitedtre dicoU1.Jerte
a Smirat en Tunisie, in CRAI, HUlAS 1929 K. Hulas, Les illustrations antiques
'966, p. '34 ss. de l'lliade, Lwow 1929.

XVI

BuilArchStDalmata Bullettirw di archeologia e storia CECCHELLI 1951-52 C. Ceeehelli, La vita di Roma ?leI
dalmata. Medio Eva, I, Roma 1951~52.

Bu Njem 11)66-11)67 Aa. vv., Bu Njem 1967, in LihAnt, CH.Aru.AN 1930-1931 .. M. Chaillan, Documents archeolo-­
III - IV, 1966-1967, p. 49 ss. giques de la Camargue, in BCTH,
BullOran Bulletin de la Societe de Ceogra­ 1930-1931, p. 455 >s.
phie et d'Archiologie de la Pro­ CHARLESTON 1955 .... R. J. Charleston, Roman Pottery,
vince d'Oran. London 1955.
CABALLERO ZOREDA 1971 L. caballero Zoreda, Ceramica si­ CINIAS 1950 .......•. ­ P. Cintas, Ceramique punique. Pu­
gillata clara decorada de lcs tipos blications de 1'Institut des Hautes
A, A/C y G, in Trabajos de Etudes de Tunis, vol. III, Paris
Prehistoria, 28, 1971, p. 227 55. 1950.
CAMPS 1955 -. ­ G. Camps, La necropole de Dran'Q-. CLERC~D·AGl..' EL 1904 .. M. Clerc - G. A. d'Agnel, Decou­
eI- Achour, in Libyca, lII, J955, vertes archeologiques a Marseille,
p. 225 ss.
Marseille 1904.
CAPUTO 1951 . G. Caputo, Scavi Sahariani. Ri­ CLERMONT - GANNEAU C. Clermont-Ganneau, Archaeolo­
cerche nell'Uadi el~Agial e nel H

1899· gical Researches in Palestine during


rOasi di Gat. Parte seconda, in the years 1873-74, vol. I~ Pale­
MonAL, XLI, 1951, col. 201 55. stine Exploration Fund~ London
CARANDINI 11)62 .... _. A. Carandini, R£cerche sui problemi 1899·
dell'ultima pittura tardo-antica CLPA .. eakiers ligures de prehistoire et
nel bacino del Medirerranen meri~ d' archiologie.
dionale, in ArchClass, XIV, 1962,
p. 210 58. COLOMINES 1942 ...•.. J. Colomines, ExcavaciolieS de ne­
cropolis romanas en lbiza y For­
CJu<ANDINl 1965 . A. Carandini, La secchia Doria:
mentera, in Ampurias, IV, 1942,
una @ storia di Achille)) tardo­
p. 139 SS.
antica, in Studi Miscellanei> 9>
Roma 1965. CongrNazArchCrist Aui del congresso nazionale di ar­
cheolagia cristiana.
CARANDINI 1967 .. - - - ­ A. Carandini, La Villa di Piazza
Armerina, la circolazione deUa Conimbriga 1975 Aa. vv., Fouilles de Conimbriga,
cultura figurativa afmana nel IV, Les sigilJees, Paris I975.
tardo impero ed altre precisazioni,
in Dialoghi di Archeologia, I, COONEY 1943 ........
J. D. Cooney, Late Egyptian and
1967, p. 93 >s. Coptit Art, Brooklin Museum
1943·
CARANDIN[ 1969 ..... ­ A. Carandini, Una nuova forma
dt' terra sigillata chiara, in Arch CORBO 1955 .. P. V. Corbo, Gli scam di Khirbet
Class, XXI, 1969, p. 284 55. Siyar el-Ghanam (Campo dei
Pastori) e i monasteri dei dintorni,
CARANDINI 1970 . A. Carandini, Produzione agrkola Gerusalemme [955.
e produzione ceramica nell' Africa
di eta imperiale. Appunti sulla COURBY 1922
F. Courby, Les Vases grees a re­
economia della Zeugitana e della liefs, Paris 1922.
Byzacena, in Studj Mi'jcello 4

Cox 1949 ..
D. H. Cox, The EXCCl!Vo.tions at
nei, IS, Roma 1970, p. 95 SS. Dura-Europos, Final Report, IV,
CARANDINI 1976 . A. Carandini, Studio di una forma Part I, fase. 2. The Greek and
ceramica africana, un esempio dr· Roman Pottery, New Haven
selezione artigianale, in Studi Mi­ 1949·
scellanei, 22, Roma 1976, p. 45. GREMOSNIX 1962 . 1. Cremo§nik, Nalaz terrE sigillate
CARrrrONI 11)67 . G. Carettoni, Rama (Palatioo). chiare iz Visica (Capljina) (D~
Scm10 della zona a sud-west Fund von Terra sigiUaro. chiara
della cosa di Livia. Prima rela­ aus ViliCt), in GlaInik Sarajevu>
zione: 1a cosa republicana, in XVII, 1962, p. u5 ss.
NSA, 1967, p. 287 ss. CREMOSNIK 1966 1. Cremosnik, Funde von Sigillaten
Cartet'a 1967 . Aa. vv., Carreia, Excavacioms ar­ mediterraner Toepfereien in Bos­
queol6gicas, 58, 1967. nien und der Hercegovina, in
Archlug, VII, 1966, p. 41 SS.
CARTON 1909 .••...•. Dr. Carton, Note sur un vase chre­
tien a reliefs figures, trouve a CROWFOOT 1957 . J. W.Crowfoot e altri, Samaria ­
Thelepte (Tunisie), in CRAl, SebasIe, III, The Objects from
1909, p. 597 ss. Samaria, London 1957.
Cat. Alaaui 1897 Aa. vv., Catalogue du Musie Ala­ CUADRADO DIAZ 1952 .. E. Cuadrado Diaz, Cartagena (Mur­
oui, Paris 1897. cia), in NAH, I, 1952, p. 134 ss.
Cat. Alaoui 1910 Aa. vv., Catalogue du Musie Ala­
CURLE 1923 _ A. O. Curle, The Treasure of
oui, SuppL, Paris 1910.
Traprain; A Scottish Hoard of
Cat. Alaoui 1922 Aa. VV" Catalogue du Musie Ala­ Roman Silver Plate, Glasgow
ow', Suppl. II, Paris 1922. [9 2 3.

XVII
2 - En,-idop~d;d del!'A,fe - Ad. F. c.. I
J)ALTON 1901 . O. M. Dalton, Catalogue of Early DE LUQUE 1968 . A. De Luque, Arqueologia Ante­
Christian Antiquities in the Bri­ gutranOl, in Xl Cangreso Nadona!
tish Museum, Londcn 1901. de Arquealogia, M:Jrido 1968, za­
ragoza 1970.
DARTON 1972 . A. Darton, Sigillie claire B de
la vallie du Rho.., in RSL, DENEAUVE 1969 J. Deneau\"eJ La..rr.pes de Carthage,
XXXVIII, '972, p. 137 ss. Paris 1969.

Das Tier in der Antike A3.. vv., Das Tier in der Antike, DENBAUVE 1972 J. Deneauye, Ceramiques et lampes
1974· Ziirich '974. africaines sur 10 cOte de Pro­
ver.ce, in AntAlr, 6, 1972, p.
DE CARDAlLLAC 1890 F. De Cardaillac, Histl!ire de la 219 55.
lampe antique en Afrique, in
BullOtan, X, 1890J :p. 241 58. DENEAUVE 1974 ]. DeneaUOTe, Un dipotoir paleo­
chretien sur 1a wlline de Byrsa a
DE CARDAILLAC 1922 .. F. De Cardaillac, De quelques. lam­ Garihagi,) in AntAfr, 8, 1974,
pt.s antiques decwvertes dam p. 133 55.
I'~ du Nord, Tarbes '922.
DB PALOL 1967 . P. De Palo), AriJueologia cristiana
DJiCIIELETTE 1904 J. Deche1ette, Us 'Vuscs ceramiques de la E;pana romana, St"glos
oroo de la Gaule romaine, vol. IV-VI, Va1lad<>lid '967.
II, Paris '904.
DERINGER 1965 H. Deringer, RDmische Lampen
DE FIGUEREIDO GARCIA M. A. De Figuereido GaIcia Pe­ "'" Lauriaaon, Lim 1965.
PBREIRA '97'. reira, Suhstiiio para 0 estudo da
terra sigillata de Mirobriga, in DE ROSSI 1867 G. B. De Rossi, Le lucerne cristiane
A,,,,, do II Congresso Nadona! rimltmute nel palazzo dei Cesari,
de Arqueolcgia, Conimbriga '97', in BAC, V, 1867, p. 9 55.
p. 443 ss. DESllAYES 1966 J. Desbayes, Argos. Les fouilles de
DELATTRE 1880 A. L. Delattre, Lampes chretien~ lo. Deirc.s, Paris 1966.
nes de Carrlwge, Lyon 1880. DE WAAL 1886 A. De Waal, in F. X. Kraus,
DELATTRE 1886 A. L Delanre, Arcf.eoIogie <bre­ Real-En:yklopii.die der chrislli­
rienne de Carllwge, Les Missions chen AlterthUmer, II, s.v. La»l­
catholiques, XVIII .annie, Lyon pen, p. 267 ss., Freiburg 1866.
1886, p. 65 ss. DE W AAI. 1904 . A. De Waal, Altchristliehe Thon.
DELATTRE 1890 A. L. De1attre, Lampes chretiennes sehiisseJr., in RQA, XVIII, 1904,
de Carrlwge, Lille 1890. p. 308 ss.

DELATTRE 1891 A. L. De1attre, l.an;pes chretiennes Dr VITA in stampa .... A. Di Vita, Ceramua importata e
de Carthage (suit~~, in Re'CArt produzicne locale: un conlributo
Chrit, XXXIV, 1891, p. 39 S~. .QUa .noria ecomJrnUa delle dUa
dt" Tn"poIitania fra il //-1 seeolo
DELATTRE 1893 . A. L. DeJattre, Lampes et plats a. C. e i) IV d. C., Monografie
chretiens dt CartkIge, in Rev di Ar~heo1ogia Libica, in stampa.
ArtChrit, XLIII, [393, p. 34 88.
Donn 1961 ........ _.
E. C. Dodd, Byzantine SlIver
DELATTRE 1899 . A. L. De1attre, MusJt Lavigerie de Stamps, in Dumbarton Oaks Stu­
Saint Louis de Cr:vthage, III, dies, n. 7, Washington, D.C.,
1899· 196 1.
DELATTkE 19II . A. L. Delattre, Les dependon,es WLGER '922-1943 .... F. J. DOlgcr, Die Fischdenkmiiler
de la basilique de Damourel­ in der frudmsrlichen Piascik, Ma­
Karita a Carrhag" in GRA!, lera una KleinJi.unst, III-V, Miin­
1911, p. 566 S5. ster 1922- I943.
DELBRtiCK 1933 R. DeIbriick, Spiituntike Kaiser­ DOUBLET·GAUCKLER G. Doublet - P. Gauclder, Musie de
portrlits, Berlin-Leipzig 1933. 1892. Cvnstanune, Paris 1892.
DELGADO 1967 . M. Delgado, Terra iigillata clara DREXEL 1909 F. Drexel, Akxandrinische Silber·
de Conimbriga, in Conimbriga, gefasse deT Kaiserzeit, in BJ,
VI, '967, p. 47 ss. CXVIIl, '909, p. 176 88.
DELGADO 1968 . M. Delgado, Terra ,;gillara clara DREXEL '9'5 F. Drexe:', aber e-inen spiitantiken
de museu! do Alentejo e Algarv$, Silbertel'lcr mit mythologischer
in Conimbriga, VII, '968, p. Damellung, in JDAI, XXX,
41 ss. 1915, p. 192 SS.
DIlLOUGA2 1960 ..... P. Deloug." A Byz:mtine Chunh DUNCAN·JONES '974 .. R. Duncan-Jones, The Economy of
or Khirbar al-Karilk. The Obiects, the R07rnln Empire. Quantitalive
Univ<fSiry of ChUogo Orientul Studks, Cambridge '974.
Imrirute Publicati4ns. vol. 85,
Chicago 1960. DUVAL 1956 . K. Duval, Nom.!elles recherches de
aTchiologie et d' epigraphie chri­
DELPLACE 1974 C. Delplace, in Ordona, IV. Pri­ tiennes ci Sufetula (Byzacene),
Senlalion de l'erlSOllhle des lam­ in MEFR, LXVIII, 1956, p.
pes, Bruxelles - Rome '974. 247 88.

XVTII .

DYGGVE·EGGER 1939 .. E. Dyggve • R. Egger, Farschungen FALLlCO 1971 . A. M. Fallico, Siracusa. Saggi di
in Salona, III. Der altehristliche scavo nell'area della Villa Maria,
Fnedlwj Marusinac, Wien 1939. in NSA, '97', p. 581 SS.
EDGAR 1911 .........• C. C. Edgar, Catalogue genlra! des FALLICO 1974 " . A. M. Fallico, /Jcum caratteri di
antiquites igyptiennes du Musk prodotti artigiO.Jlali 1udla Sid/ia
du Caire. Greek Vases, Le Caire orientale, in C,mgNazArchCrist,
I9II. III, '792, Trieste '974, p. 475 ss.
EGGER 1921 .. R. Egger, Fuhrer durch die Antiken­
FllNDRI 1961 . M. Fendri, BasiJiques chritiennes
sammlung des Landesmuseums in de la Skhira, Faris 1961.
Klagenfart, Wien 1921.
FERREIRA DE ALMEIDA J. A. Ferreira de Almeida, Introw

EGGERS 1951 . H. J. Eggers,' Der romische Impurt '953· dUfao ao est:udtJ das lucernas ro­
im freien Germanie.n, Hamburg mcmas em Pornigal, in ArqPort,

'95 . N. S. II, 1953> p. 5 ss.


'
Emery·Kirwan 1938 ... W. B. Emery· L. P. Kirwan, The FllRRI '933·34 . S. Ferri, Intorno ill problema degli
Royal Tombs of Ballana and « OinopJwroi)), in BStMed, IV,
Qustul (Mission artheologique 4·5, '933-34, p. 16 .s.
de Nubie, 1929.1934), Cairo
1938. FEVRIER 1956 ........ P. A. Femer, G"ne t:ampagne de

fauilles a Utique. Rapport pre·


ENNABLI 1976 A. Ennabli, Lampes chrJtiennes de liminaire, in Kar!hago, VII, 1956,
Tunisie (Musee du Bardo et de p. 139 ss.
Carthage), Paris 1976.
FEVRIER 1963 ........ P. A. Fevrier, Remarques prili­
ENNABLI in stampa A. Ennabli, Catalogue des lampes minaires sur Ia dramique romaine
en terrecuite rouge a bandeau d'Afrique du Nord, in RSL,
pastille des Musks du Bardo et XXIX, 1963, P. 125 5S.
de Carthage, Cahier 3, Paris
197 6. FEYRIER 1965 . P. A. Fevrier, Fouil!es de Setif:
les basiliques chrttier.nes au quar~
ESTEVA CRUANAS 1962 .. L. Esteva Cruaiias, Ceramica TO-­ tier nord-ouest, Paris 1965.
mana de epoca tardia hallada
en San Feliu de Guixols (Gerona), FEVRIER-GASPARY P. A. Fevrier A. Gaspary, La
N

in BSEAA, XXVIII, Valladolid 1966·67. necropole orientc& .tk Setif. Rap­


'962, p. 49 ss. port priliminairr sur Ies fouilles
ejfectuies dt 1959 a 1964, in
ETIENNE·A!.ARcAO 1971 R. Etienne - J. Alarclo, La chrono­ BAA, II, 196£-61, p. II 55.
logie des cryptoportiques aConim w
G. Fiorelli, Cast:elvetrano. Rela­
FIORELLI 1885 ........
briga, in Actes do II C01'lgresso zione del prof. Cav. A. Salinas,
Nacional de Arqueologia, Conim­ sugli acquedotti eli Selinunte e
briga 1971, p. 479 55. sulle lw::erne tr(,:1,'ate nella vasc.a
EVELEIN 1928 M. A. Evelein, De Romeinsche Lam­ di Bigini presso Castelvetrano~ in
pen, 'S~Gravenhage 1928. NSA, 1885, p. 288 ss.
FITZGERALD 1931 . G. M. FiI2gerald, Beth-Shan Exca·
FA . Fasti Archeologici. vations I9ZI-I923, III, Tm Arab
FAIDER-F'EYTMANS 1952 G. Faider - Feytmans e aitri, Us and Byzantine koe/', Philadel·
antiquitis igyptiennes
grecques, phia 1931.
itrusques,romaines et gallo--ro w
FORRER 1893 .......... R. Forrer, Die frUhchristlichen
maines du Musie de Mariemont, AlterthUmer aUS dem Graberjelde
~ Bruxelle. 1952. von Achmin-Par~Hs, Strasburg
t
,
if
!)"
e'
FALBR 1833 . C. T. Falbe, Recherches ,ur
placement de Carthage, Paris
r.m·
FOUCHER 1958
1893·
L. Foucher, TherrrK.' rmr.ains des £1'l­

~ 1833· wrens d' HadTWr'-ite, Tunis 1958.


1967 . A. M. Fallico, Ragusa. Esplora· FOUCHER 1964 L. Foucher, Hau~<"lt1fl£tum, Tunis

I
FALLICO
zione di necropoli tarda, in NSA, 1964.
1967, p. 407 5S. FOUCHER 1965 L. Foucher, La tnJison des masques
a Sousse. Fouilb 1962-63, Tu­
FALLICO 1969 .... , ... A. M. Fallico, La documentazione nis 1965.

[
FALLICO 1969.7° .
di epoca romana a Favignana,
in NSA, 1969, p. 341 55.

A. M. Fallico, Ceramica r011Ul1M del


FOUCHER 1967.68 L. Foucher, Mre:ie archeologigue
de Sousse. Acq!!isitior.s de 1949
a 1964, in Ajri.;a, II, r967-68,
territorio di Chiaromonte (Sici­ p. 205 58.
lia), in RCRF, XI·XII, '969.70, FOUEr 1969 . G. Fouet, La viJ1.a gallo--Tomame
p. 8 55. de Montmaunn, in Gallia, SuppL
F ALLIeD 1970 . A. M. Fallico, Nuovi elementi icono­ XX, 1969.
graft"ci in alcune lw::erne (l africa­
FREh-lERSDORF 1958 .... F. Freroersdorf, Nordafrikanische
ne l) del Museo di Siracusa, in Terra Sigillata ellS Koln, in- KiiI­
SicGymn, N.S. XXIII, '970, ner Jahrbuch fir Vor· und Friih·
p. 89 5S. geschichte, III, 1958, p. I I 55.

I XIX
ii

FRE.>lERSDORF 195!1 .... F. Fremersdorf, Die Denkmiiler des GUERIJNI 1974 . L. Guerrini, Aminoe (1965-1968).
riimischen Koln, V. Rihnische Materiali ceramici, Roma 1974.
Glilse""';, Fadenauflage in Kaln
GtJERy 1970 R. Guery, Notes de ceram£que, in
(Schlangefadengliiser uru1 Ver­
BAA, IV, 1970, p. 267 S8.
wandtes), Koln '959.
GuER=' r'TI2 R. Guery, Nouveaux fragments de
FREY 1970 ......•..... O. H. Frey, Zur archiiologischen plats r«tangulaires de terre euite,
Unterwasser ~ Forschung an den in BVAB, XLVII, '972, p.
Kusten Mallorcas. Untersuchun­ 114 ss.
gen im Hafen 'Von Porto Cruta,
in MDAI(M), II, 1970, p. 122 GUITJ.RT DURAN 1970.. J. Guitart Duran, Excavaci6n en lo
SS. zona Sudeste de la V£l1a romana
de Sentroma (T£ana), in Pyrenae,
FUHRER 1897 J. Fiihrer, Forschungen zur Skilt'a 6, 1970, p. III 58.
sotterranea, Miinchen 1897. HAMMer", 1965 . P. C. Hammond, The Excava~
Fti~R-SCHULTZf 1907 J. Fuhrer - V. Schultze, Die al,­ tions 0/ the Main Theater at
christlichen Grabstiitten Siziliens, Petra I96I~I962, Final Report,
inJDAl, SuppL VII, Berlin '907. London '965.
HAN0UN3 1970 . R. Hanoone, Lampes de Gravt"scae,
1'uHRMANN '940 ..•... H. Fuhnnann, Studien zu den
ConsuJardiptychen verwandten in MEFR, LXXXII, '970, p.
DenkmiiJern, II, Tonerne Mis­ 237 5S.
soria aus der Zeit der Tetrarcht"e, HAUS>tAMN '954-55 .... V. Hausmann, OIN(){P()POI, in
in MDAl(R), LV, '940, p. MDAl(A), LXIX-LXX, '954­
9 255 . 55, p. 125 ss.
GALUP '97' . P. D. Galup,Les thermes de Taverna HAUS>lANN 1956 •..... V. Hausmann, [rerum Oinophoroi,
a
S. Maria Poggio, in Decouver~ in MDAI(A), LXXI, '956, p.
tes archeologiques fortuites en 107 ss.
Corse, I, Bastia 197I. HAUSMANN '958 . V. Hausmann, Eine Spiitromische
O. Garana, Le cataannbe miUane e Reliefkanne in RGZM Mainz, in
GARANA 196,
i loro martiri, Palermo I96r. JRGZM, 5, 1958, p. 266 ss.
f1AYES 1968 . J. W. Hayes, Excavations in Sara­
GARBSCH 1966 J. Garbsch, Der Moosberg bei fhane in Istanbul, in DOP, 22,
Murnau, Miindlener Beitriige 1968, p. 203 ss.
zur Vor- una FrUh-geschichte,
12, Miinchen 1966. HAYES 1972 J. W. Hayes, Late Roman Pottery,
London 1972.
GARRUCC' '880 ••.....• R. Garrucci, Storia dell'arte cri­
stiana, VI, Prato 1880. HAns [976 J. W. Hayes, Roman Pottery in
tlu Royal Ontario Museum. A
GAcCJCLER '897 •... · ... P. Gauckler, Rapport ipigraprnque Catalogue, Toronto 1976.
sur les decouvertes /aites en Tu­ HAYES '977 .....•.•.• J. W. Hayes, Nor'h African ftanged
nisie, in BeTH, 1897, p. 362 SS. bOftJI,. A problem in fifth cen'ury
(JENTILI 1950 . G. V. Gentili, Piazza Armerina, cronology, in Roman Pottery Stu­

Grandiosa villa romana in cun­ dies in Britain and Beyond: Pa­

trada «Casale &, in NSA, 1950, pers Presented to Jolm Gillam.


p. 291 55. British Archaeologka/ Reports,
Supplementary Series, 30, 1977,
GENTIL' '973 G. V. Gentili, Studi e ricercJu su p. 269 ss.
l'an/iteatro di Siracusa, in Pal­
rtELLST3.0M 1965 . P. Hellstrom, Labraunda, II, I,
ladio, XXIII, 1973> p. 3 ss. Pottery of classkal and later ,,
GHALI-KAHIL I;J60 .... L. Ghali - Kahil, Un lagy1WS au date, terracotta lamps and glass, [
Musie du Caire, in MMAI, 51, Lund 1965.
1960, p. 73 58. HEllMET '934 . F. Hennet, La Graufesenque. Vases
I
GIL FABRES '947-48 " O. Gil Farres, Lucernas romanas
decoradas del Museo Emeritense, VON HE3&EN 1966 .
sigilli,. II. Graffites, Paris 1934.
O. v. Hessen, Die langobardenzei­
I
i
in Ampurias, IX-X, '947-48, p. tlichen Grabfunden aus Fiesole bei
97 ss. Florenz, Miinchen 1966.
Glalnik ......•.....•. GlaInik Zemaljskog Muzejd u Sa­
rajevo (Arheologija).
HOLW• .", '936 . J. H. Holwerda, Het Laat-grieksche
en Rome;nsche gebruiksaardewerk
I
uit her Middellandsche-zee-gebied

GOUDINEAU [968 . Chr. Goudineau, La ceramique in het Rijksmuseum van Oudheden

aritine lisse. Supplements aux te Leiden, 's Gravenhage 1936.

Milanges, 6, IV, Paris 1968.


I'cep[ 1963
G. lacopi, L'antro di Tiberio a
GRAZ'AN' ABBI"-'l1 1969 M. Graziani Abbiani, Lucerne fit­ Sperlonga, Roma 1963.
tili paleocrisriane nell'[tal£a set­
tentrionale, Bologna 1969. IACOPI 1965 .
G. Iacopi, L'antro di Ttberio e il
Museo archeologico nazionale d£
GR3IFENHAGEN 1963 A. Greifenhagen, Beitriige zur ant£­ Sperlcmga. ltinerari de; muse;,
ken Reliefkeramik, in JDAI (Er­ gallerie e monument; d'Ital£a, n.
giinzungsheft 21,) '963, p. 66 ss. 107, Rom. 1965.

xx

ICONOMU 1967
C. lconomu, Opaite greco-rornam, KRrCHELDORF 1962 ....
H. I<richeldorf, Auktion XII. Ton­
Constanta 1967. lampen der Antike, Stuttgart 1962.
ISINGS 1957 ..
C. Isings, Roman Glass from dated KUBLER 193' .
K. Kiibler, Mitteilungen aus dem
Finds, Groningen-Djakarta 1957. Kerameikos, V. Spatantike Stem­
pelkeramik, in MDAI(A), LVI,
Isola Sacra 1975 ., ....
Aa. vv., Per la staria dell'Isola 1931, p. 75 SS.
Sacra, Mostra dei rinvenimenti,
Roma 1975. Kunst und Altertum 1973 Aa. vv., Amiken aus rheinischem
Privatbesitz, Kunst und Alter­
IVANYI 1935 . D. Ivanyi, Die pannonischen Lam­ tum am Rhein, Koln 1973.
pen, Budapest 1935.
LA BAUME 1964 .
P. La Bawne, Romisches Kunstge­
JAlIN 18 63 .. O. Jahn, Romische Graber in Gels­ werbe, Braunschweig 1964.
dar!, in BJ, XXXIII-XXXIV,
1863, p. 224 55. LA BAUME-SALOMONSON
P. La Baume - J. W. Salomonson,
1976. Romische Kleinkunst Sammlum:
JODIN 1967 .. A. Iodin, Les itahlissements du rm l(arl IlijJl", in Wissenschafrliclu
Juba II aux lies Purpuraires Kataloge des Romisch-Germani­
(Mogador), Tanger 1967. sc}wn Museum KOln, Band III,
IODIN 1971 .•..•..... A. Iodin, Les fouilles de Mariana p. 120 SS.
(Corse), 2. La terre s£gillee claire LA LOMIA 1971 . M. R. La Lomia, Lucerne fitti!i
et la ciramique estampee gn'se, provenienti ria un ipogeo cristiano
Bastia 197I. di Sirte (Tripolitania), in LibAnt,
JODIN-PONSICH 1960 •• A. Iodin - M. Ponsich, La dra­ VIII, 1971, p. 7 ss.
mique estampee du Maroc romain, LAMBOGLIA 1941 N. Lamboglia, Terra sigillata chia­
in BAM, IV, 1960, p. 287 SS. ra, in RSL, VII, 1941, p. 7 5S.
JODIN-PONSICH 1967 .. A. Iodin - M. Ponsich, Nouvelles LAMBOGLIA 1950 N. Lamboglia, Gli scavi di Albin­
observatiom sur la ceramique timilium e ia cronologia della ce.­
estampee du Maroc romain, in rarnica rom!l1la, I, Campagne di
BAM, VII, 1967, p. 499 5S. scavo 19J5-I940, Bordighera.
JOLY 1974 . E. Joly~ Luurne del Museo di 195°·
Sabratha, Roma 1974. LAMEOGLlA 1958 . N. Lamboglia, Nuave asservazioni
JONES 1950 . F. F. Jones, The Pottery, in Exca­ sulla «terra sigillata chiara &, in
vations at Gozlil KuZe, Tarsus, I, RSL, XXIV, 1958, p. 257 ss.
The Hellenistic and Roman Pe­ LAMBOGLIA 1962 ....•• N. Lamboglia, Punti fermi su!
riods, Princeton 1950, p. 149 55. tearro romano di Venzimiglia, in
KANTOR 1958 ........
H. J. Kantor, The Pottery, in RSL, XXVIII, 1962, p. 270 SS.
Soundings at Tell Fakhariyah, in LAMBOGLlA 1963 . N. Lamboglia, Nuove osservazimi
University of Chigago Oriental sulla ~ terril sigillata chiara », k
Institute Publications, vol. 79, RSL, XXIX, 1963, p. 145 SS.
Chicago 1958, p. 21 S5.
LANCEL 1970 . S. Lancel, Tipasitana. IV. La
KANTOROWICZ 1961 ..•. E. H. Kantorowicz, Gods in Uni­ necropole romaine occidentale de
form, in PAPhS, IDS, 4, 1961, la porte de Gesaree. Rapport
p. 368 ss. preliminaire, in BAA, IV, 1970,
KELSEY 1926 .. F. W. Kelsey, EXClJvatio1'l$ at Car­ p. 149 ss.
thage 1925. A Preliminary Re­ LANE 1957 .. A. Lane, Early Islamic Pottery,
port, New York 1926. London 1957.
KENNER 1858 . F. Kenner, Die antiken Thonlam­
LANTIER 1931 ........ R. Lantier, Les grands champs de
pen des }(. }(. Miinz-und-An­
fouilles de r Afrique du Nord, ir:
tiken~Cabinetes und det' K. K.
AA, XLVI, 1931, p. 461 SS.
Ambraser-Sammlung, Wien 1858.
LASSUS 1956 . J. Lassus, Fout1les a Mila, Campa­
KERN 1909 O. Kern, EleusinMche Beitriige, gne preliminaire (juin-juillet
t Halle 1909. 1957), in Libyca, IV, 1956, p.
I KERN 1958 J. H. C. lCern, A Roman Terra
~
199 ss.
,
1, Sigillata Dish from Tunisia In
Leyden, in Mnemosyne, set". IV,
LASSUs 1958 ..........
J. LaS5U5, L'archiologie algerienne

,!(
~,
en 1957 (Tiddis), in Libyca, VI,
XI, 1958, p. 152 S8.
1958, p. 251 55.
l(1,"~ke l(unst 1975 .. Aa. VV., KIQ$sieke Kunst uit Par­
LECLERCQ 1907 . H. Leclercq, Manuel d'archeologk
tieulier Bezit, Leiden 1975. chretienm depuis les origines jus­
~
lCORoSEC 1956 . J. Korosec, Arheoloike Ostaline v qu'au VIIr siecle, I-II, Paris
Predjami (The Archaeological
~.
t907·
Remains at Predjama), Razpra­ H. Leclercq, in F. CabroI - H.
LECLERCQ 1928 .
'lie Dissertationes IV/I, Ljublj­
t Leclerc~ Dictionnaire d' archeolo­

t; KEAus 1896
ana 1956.
F. X. Kraus, Geschichte der christli­
gie chritienr.e et de liturgie, VIIl,
I, Paris 1928, col. 1086 ss., s.'l..'.
chen Kunst, I, Freiburg 1896. Lampes.

XXI

LECLERCQ 1939 •.•.•... H. Leclercq, in F. Cabrol - H. MARAE1N1 MOEVS '973 M. T. Marabini Moevs, The Ro­
Leclercq, Dic.tionnaire d' archeo­ man thin walled Pottery from
logie chritienne et de liturgie, Cosa ([948-1954), Jfemoirs of
XIV, Paris 1939, col. II75 55., the American Academy in Rome~
s,v. Plat. vol. 32, Rome 1973.
LERAT 1954 •.•......• L. Lerat, Catalogue des collections MAREc 1958 E. Marec, Monuments chretiens
artheologiques de BesaTlfcm, I. d'Hippone, Paris 1958.
Lu Lampes antiques. Annaks Ii,­
tiraires de l' Universiti de BesanR MAREc 1959 .......... E. Marec, Hippone: Deux interpre­
9(JTJ, 2 Ser. I, I, Paris. 1954. tations du (I Sacrifice d' Abraham »,
in Libyca, VII, 1959, p. 147 S5.
LEYNAUD 1922 •.•..... A. F. Leynaud, Les 'atacombes afri­
Gaines. Sousse - Hadrumete, Alger MARTIN 1969 . G. Martin, Consideraciones sobre
1922. la terra sigillata hispanica, mau­
Titana y la sigillata clara en
LIBERTIN1 1930 G. Libertini, 11 Museo Biscari, Marruecos, in PLAV, 6, 1969,
Roma 1930. p. 151 S5.

LISSI CARONNA 1966 •• E. Lissi Caronna, Lanuvio. Loca­ MARTIN 1973 ........ T. Martin, La ceram£que s£gillee
litO. S. Lorenzo, al bivio della claire t D j) du Musee archeolo­
via Appia Vecchia con La via gique de Narbanne, in Narbonne.
prOflinciale per Lanuvio. Tratto Archiologie et histoire, Montpel­
di stratia basolata cd edifici del lier 1973, p. 205 5S.
IV s«olo d. C., in NSA, 1966,
p. 91 SS. MARTIN 1977 .......... Th. Martin, Quelques formes ine­
dites de sigil/ee claire D, in
L1SS1 CARONNA '97' .. E. Lissi Caronna, Fondi. Resti di Figlina, 2, 1977, p. 97 S5.
parte di un impianto termale in
piazza della Unita, in NSA) MARTIN DE CASTILLO G. Martin de Castillo, Notas pre­
1971, p. 330 55. 1965. liminares sabre la terra sigillata
ckira de Pollencia (Mallorca),
LOESCHCKE 1936 . S. Loeschcke, Friih'hristliche Denk­ in RCRF, VII, 1965, p. 71 S5.
maIer aus Trier, in Rheinischer
Vadn fUr Denkmalpflege und .MARTIN DE CAsTILLO G. Martin de Castillo, Terra sigil­
Heimatschutz, 29, 1936, p. 91 1966. lata clara estampada con ruede­
SS. cilIa, in IX Congreso Nacional
de Arqueologia (Valladolid [965),
LoPFREDA 1974 S. Loffteda, Cafaruao, II. La zaragoza 1966, p. 358 55.
ceramial, Jerusalem 1974.
MARTlN-MAsCARELL G. Martin - M. G. Mascarell, La
LlI1Ii 1973 . Aa. vv., Scavi di Luni. Relazione
19 69. romanizacion en el campo de
prdiminare delle campagne di Liria, in PLAV, 7, 1969, p. 23
scavo 1970-1971, Roma 1973. ss.
MAruru 1933 . A. Maiuri, La casu del Menandro e MARTiN-SERRES 1970 .. G. Martin - D. Serres, La facwria
il suo teSOTQ di argenteria, Roma oj,
pesquera de Punta de l'Arenal y ~

'933· Olros restos romanos de Iavea


(Alicante), Valencia 1970.
MAErZKE 1958 ........ G. Maetzke, Orbetello. TrQVamenti
archeologiti vari, in NSA, 1958, MARUCCHI-STEVENSON O. Marucchi - E. Stevenson, in 1­

p. 34 ss. 1878. BAC, III, Serie III, 1878, p. 1


56-57·
JfaUa 1964 ......•..• Aa. vv., Missione archeologica ita­
Materiali i £ssledovanija po archeo­
Materiali
;~iTii
Liana a Malta. Rapporto preli­
mioore 1963, Roma 1964. logii SSSR.
')
Jfal,a 1965 .......... Aa. vv., Missione archeowgica ita­ Jfem.MusArqProv Memorias de los Museos arqueolo­ ,x
liana a Malta. Rapporto preli­ gicos (provinciales). ?
minare della campagna 1964,
Roma 1965. MIlNzEL 1954 ........ H. Menzel, Antike Lampen t'm
ROmisch-Germanischen Zentral­ 'j
'!
Jfal'a 1967 •......... Aa. vv., Missione archeologica ita~ museum zu Mainz, .Mainz 1954.
liana a Malta. Rapporto preli­
'':I
minare della campagna 1966, MERCANDO 1962 . L. Mercando, Lucerne greche e fj

bfaua 1968 ..••..•..•


Roma 1967.
Aa vv., Missione archeologica ita­
. liana a Malta. Rapporto preli­ ME!u.rn 1913
ramane deWAnciquarium Comu­
nale, Roma 1962.
A. Merlin, Note sur un plat a sujet
1
minare delJa campagna 1967, figure trouve en Tunisie, in 'i; ,
:'1'
Roma 1968. BeTH, 19'3, p. 324 ss.

:,
Jfalta 1969 ........•. Aa. vv., Missione archeologica ita­ MElu.IN 1915 A. Merlin, Rapport sur les recen­
liaoo a Malta. Rapporto preli­ tes decouvertes archeologiQues en
minare della campagna 1968,
Roma 1969.
Tunisie, in BeTH, 1915, p.
CLXXII ss. 'I
i,

I
,%
" '

XXl1
MERLIN 1916 •.•..... A. Merlin, Rapport sur les recentes MOZIA 1966 .. Aa. vv., Mozia II. Rapporto pre­
dicmmertes archeologiques en Tu­ liminare della Missione aTche'J~
nisie, in BCTH, 1916, p. CXXIV logica della Soprintendenza aUe
ss. Antichita della Sicilia ocdden~_
tale edell' Universita di Rama,
MERLIN 1917 ........ A. Merlin, Note sur des vases en
Rom. 1966.
forme de tete humaine decouver­

tes dam la nicropole romaine d'EI MSAF Mimoires de la Societe des Anti­

Acnifa (Tunisie), in BCTH, 1917, quaires de France.

p. CCIX ss.
MuTZ 1972 .......... A. Mutz, Die Kunst des Metail­

MERLIN 1918 A. Merlin, Oenochois avec goulot en drehens bei den Romern, Basel
fonne de face de femme, dans la 1972.
necropole Ii'El Aouja, in BCTH,
1918, p. CLXXIV ss. NA . Notiziario Archeologico.

AlERLIN-CONSTANS 1918 A. Merlin - L. A. Constans, Se­ NAH .. Noticiario ArqueolOgico Hispanico.


pultures decouvertes a Gightis NEUGEBAUER 1932 K. A. Neugebauer, Fuhrer dUTCh
(Tunisie), in BCTH, 1918, p. lias Antiquarium, II. Vasen, Ber~
124 55. lin 1932.
MERLIN 1920 .... , ... A. Merlin, Note sur des vases a NIEMEYER 1962 . H. G. Niemeyer, Feldbegehur.g bei
figures provenants de la fabrique Torre del Mar, in MDAI(M), 3,
romaine d'El Aouja, in BCTH, 1962, p. 38 ss.
1920, p. 21 55.
NIEMEYER 1965 ....•... H. G. Niemeyer, Archiiologische
MERLIN 1943-45 . A. Merlin, Communication sur des Beobachtungen auf Formentera, in
vases a panse en forme de tete MDAI(M), 6, 1965, p. 91 58.
humaine trrnroes en Tunisie et

conserves au Musee du Louvre in j N"""EYER 1967-68 .... H. G. Niemeyer, Schwarzrand~

BCTH, 1943-45, p. 67 ss. ware aus Koln, in Kiilner Jahr­

buch fir vor-und Frilhgeschich­


MEZQUIRIZ DE CATALAN M. A. Mezquiriz de Catalan, Terra te, 9j 1967-68, p. 79 58.
1961 Sigillata Hispanica. The tril­
liam L. Bryant Foundatil»l. Pu­ NiEMEYER-RUGER 1962 .. H. G. Niemeyer C. Riiger, Vor­
M

blicaciones de Arqueologfa hispa­ bericht iiber die Arbeiten in Cent­


mea, 1j Valencia 1961, celles, 2. Die Keramik der Gra~
bungen 1959-1961, in MDAI(M),
MIClIELUCCI 1975 •.•... M. Miche1ucei, La collezione di 3, 1962, p. 101 88.
luarne del Museo Egizio di Fi­
renze, Firenze 1975. NIESSEN 19II . C. A. Niessen, Beschre:ibung rii­
mischer Alterrumer, gesammelt von
Michigan I . J. H. Humphrey (ed.), Excavation G. A. Niessen, Koln I9II.
at Carthage 1975 CI»lducted by
the University of Michigan, vol. Olympiabericht Bericht Uher die Ausgrabungen in
I, Tunis 1976. Olympia.
Michigan IV . J. H. Humphrey (ed.), Excava­ ORSI 1897 . P. Orsi, Vi alcuni ipogei crislicmi a
tion at Carthage 1977 cl»lducted Sirawsa, in RQA, XI, 1897,
by the University of Michigan, p. 475 ss.
vol. IV, Kelsey Mnseum, Aon
Arbor, Michigan 1978. Ostia I Aa. vv., Ostia I, Studi Miscel!anei,
13, Roma 1968.
MIKL CURK 1969 I. Mild Curk, Prispevek prouleva­
nja rimske keramike k pornava­ Ostia II Aa. vv., Ostia II, Studi Miscelland j

nju gospodarske zgodovine naSih 16, Roma 1970.


krqjev, in AArchSlov, XX, 1969, Ostia III .. Av. vv., Ostia III, Studi Miscellami,
p. 125 85. 21, Roma 1973.
MILTNER 1937 ,. F. Miltner, Forschungen in Ephe­ Ostia IV .. Aa. vv., Ostia IV, Studi Miscellanei,
sos, IV, 2. Das Coemeterium der 23, Roma 1977.
Sieben Schliifer, B.den 1937.
OSWALD-PRYCE 1920 .. F. Oswald - T. D. Pryce, An
MINGAZZINI 1949 ...••• p, Mingazzini, Gagliari. Resti di Introduction to the Study of
santuario punico e di aIm ruderi Terra Sigillata, London 1920.
b a monte di Piazza del Carmine,
in NSA, 1949, p. 213 ss. PAGENSTECHER 1909 .... R. Pagen8techer, Die Calenische
Reliejkeramik, in JDAI, Ergan­
t MONn-MYERS 1940 .... R. Mond - O. H. Myers, Temples
of Armant: A Preliminary Sur­ zungsheft VIII, 1909, p. 180 ~5.
lf vey, London 1940. PAGENSTECHER 1912 R Pagen8techer, «Calena », in
~;, MOREL 1962-65 J.-P. Morel, Cir~ d'Hippane, JDAI, XXVII, 1912, p. 146 so.

,
~"
U:;
~

~ MOUCHOT 1963
in BAA, I, 1962-65, p. 107 ss.
D. Mouchot, Quelques vases de
ciramique (I sigiltee claire~, trou­
vJs a Cimier, in RSL, XXIX,
PAGENSTECHER 1913 R Pagenstecher, Die griechisch­
iigyptische Sammlung Ernst von
Sieglin, III. Die Gefiisse in Stein
und Ton. Knochenschnitzereien,

"~;

1963, p. 137 ss. Leipzig 1913.

1.y

,;
XXIII
1

PALLAllES 1959 F. Pallares, Terra sigillata clara POTTIER 1913 M. Pottier, Sur quelques documents
de tipo ({ A )} decorada en Valena'a ciramiques du Musee du Louvre,
y Ventimiglia, in RSL, XXV, in CRAI, '9'3, p. 440 ss.
1959, p. 125 58.
PRAsCHNIKER-KENNER C. Praschniker ~ H. Kenner, Der
PALLARES 1960 F. Pal1ares, Notas complementarias '947· Riiderbezirk von Virunum, Wien
sabre (I terra sigillar.a clara ». Si~
'947·
gillata clara A en el Museo de

Copenhague, in RSL, XXVI, PROVOOST '970 .. , ....


A. Provoost, Les lampes a recipient
1960, p. 264 58.
allonge trouvees dans Ies cata­
combes romaip.es. Essai de clas­
PAPELES VALENCIA 1962 Aa. vv., La dudad ramana de Va~ sification typologique, in BIRR,
Zenda. Estudios varios, in PLAV, XLI, 1970, p. 17 ss.
I, 1962.
QDAP Quarterly of the Department of
PERnmZET 1908 P. Perdrizel, Fouill" de Delphes, Antiquities for Palestine.
V, 1. Monuments figures, pe­ QUINTERO ATAURI 1942 P. Quintero Atauri, Excavacio­
tits bronzes, terres-cuites, anti~
nes en Tamuda. Memoria re­
quites diverses, Paris 1908. sumen <k las praeticadas en 1941,
l'ERIzwEIG 1961 J. Perlzweig, The Athenian Agora, Larache '942.
VII. Lamps of the Roman Period, QUINTERO MAURI 1945 P. Quintero Atauri, Museo Arqueo­
Princeton 196 I. logiw de Tetuan (Marruews). La
colcedon de lueernas, in MemMus~
PERNICE-WINTER 19°1.. E. Pernice - F. Winter, Der Hilde­ ArqProv, VI, 1945, p. 208 SS.
shelmer Silberjund, Berlin 19°1.
FUu>DATZ 1973 .•...... K. Raddatz, Mulva I. Die Gra­
PERRE"i: 1851 L. Perret, Cat~ombes de Rome, I, bungen in der Nekropole in den
Paris 1851. Jahren I957 und I958, Madri­
PETRIE 19°5 W. M. F. Petrie, Ehnasya, 1904, der Beitrlige, 2, Mainz am Rhein
London '905. 1973·

PETSAS 1966 Ph. Petsas, Archaiotete~ kai mrumeia Rama' Rahel 1962 .... Aa. vv., Excavations at Ramat
kmtrikes Makedonias, in AD, 21, Rahel, Seasons 1959 and 1960,
1966, P. 2.2., p. 331 SS. Rome 1962.

p£azza Armerina 1971 .. Aa. vv., La v£/la del Casale a RAMos FOLQuES 1963 .. A. Ramos Folques, Unos pozos
Piazza Armerina. Problemi, saggi manantiales de epoca romana en
stratigraftd ed altre ricerche, in La Alcudia de Blche, in ABA,
MEFRA, 83, I, 1971, p. 141 SS. XXXVI, '963, p. 234 ss.
PICARD 1955 ......•... e. G. Picard, Catalogue du Musee RaqqadJz 1973 Aa. vv., La necropDle romaine de
Alaaui, Nouvelle Sene. Call. RaqqadJz, Tunis 1973.
Puniques, t. I, Tunis 1955. RAVOlSIE 1846 A. Ravoisie, Exploration scienti­
PLAV Papeles del Laboratorio de Arqueo~ fique de I' Algerie pendan' les
Iogia de Valencia. annies 1840-1845, Paris 1846.

POHL 1962 ...........• G. Pohl, Die fruhchristliche Lampe RecSocConst . Recueil des notices et memoires de
'{Jam Lorenzberg bei Epfach, Land­ la Societe Archeologique du De­
kreis Schongau. Versuell dna Glie­ parument de Constantine.
derung der Lampen vom mediter­ ~\ULT 1911 . J. Renault, Cahiers d'archeologie
ranen Typus,inAus Bayerns FrUh­ tunisienne, 1. serie, IV, Tunis
zeit. F. Wagner zum 75. Geburts­ I9 1 I.
tag, Miinchen 1962, p. ZI9 ss.
!tENAULT 1913 . J. Renault, Cahiers d' arche%gie
POHL-WERNER 1969 .... G. Pohl - J. Werner, Der Lorenz­ tumSienne, 2. sene, I, Tunis
berg bei Epfach. Die spiitromischen
und friihmittelalterlichen Anlagen, '9'3·
Miinchen 1969. RevArtChret Revue de l' Art Chretien.
PONS1::II 196 I •.•••.•. M. Ponsich, Les lampes romaines en RIGOIR 1960 J. Rigoir, La dramique paleochre­
terre cuite de la Mauretanie tin­ rienne sigillee grise, in Provence
gitane, Rabat 1961. Historique, X, 42, 1960, p. 1 ss.
PONSICH 1963 •..•..•. M. Ponsich, Les lampes romaines de RIGom 1968 . J. Rigoir, Les sigillees paleochre­
la roUection Ingres, in RACF, riennes grises el orangees, in
II, 1963, p. 100 SS. GaUia, XXVI, 1968, p. 177 SS.
PONSIa! 1970 .••••••• M. Ponsich, Recherches archiolo­ RIZZA-SCRINARl 1968 .• G. Rizza - V. Scrinari, Il Santuario
giques a Tanger et dans sa region, sull'acropoli di Gortina, I, Roma
Paris 1970. . 1968.
PONSICH-T ARRADELL M. Ponsich - M. Tarradell, Ga­ ROBINSON 1959 H. S. Robinson, The Athenian
19 65. rum et industries antiques de sa­
Agora, V. Pottery of the Roman
laison dans la Mediterranee occi­
Period, Chronology, Princeton
dentale, Paris 1965.
'959·

XXIV
ROEDER 1959 .........• G. Roeder, Hcrmopolis 1929-1939, SCHNEIDER '934 •..... A. M. Schneider, Die Broroermeh­
Hildesheim '959. TungskiTche von et-tabga am
Gerusarethsee und ihre Mosaiken,
ROLLaND '95' H. Rolland, Fouilles de Saint-Blai­ Paderbom '934.
se (Bouches-du-RhOne), in Gallia,
SuppI. III, '951, SELLIN-WATZINGER 1913 E. Sellin - C. Watzinger, Jericho.
Die Ergebnisse ckr Ausgrabungen,
ROLLER 1881
T. Roller, Les catacombes de Rome, Leipzig 1913.
II, Paris '881, SERRA VILAR6 1946 .... J. Serra Vilaro, Scavi e ritTovamenti
in Spagna, Istituto eli Studi
ROMAN y CALVET 1906..
J. Roman Los Nombres e
'f Calvet, Romani, Roma 1946.
Importancia Arqueologica de las
Islas Pythiusas, Barcelona 1906. SERRANO RAMos 1970 •• E. Serrano Ramos, Novedades en
la «terra sigillata dara» del
RUGER 1968 C. B. Riiger, Riimische Keramik aus teatro romano de Malaga, in
dem Kreuzgang der Kathedrale IX Gongresso Nacional de Ar­
von Tarragona, in MDAI(M) 9, queologia (Merida 1968), Zara­
1968, p. 237 5S. goza 1970, p. 737 ss,

RUGER 1969 ........•.


C. B. Ruger, Vorbericht ilber die
Seti! '970 Aa. vv., Fawl/es de Setif (1959­
1966). Quartier nord-ouest, rem­
Arbeiten in Centcelles 4. Da­ part et cirque, BAA, Suppl. II
tierende riimische Keramik, in
'970.
MDAI(M), 10, '969, p. 25' ss.
Sibari 1969 Aa:. vv" Sibari. Saggi di scavo
SALLER 1957 S. J. SaUer, Excavations at Bethany al Parco del Cavallo (1969), in
(I949-'953), in Publ. Stud. Bibl. NSA, Suppl. I, '969.
Franciscanum, 12, Jerusalem
'957· Sibari 1970 Aa. VV., Sibari. Scavi al Parco
del Cavallo (1960-1962; 1969­
SALOMONSON 1960 .... J. W. Salomonson, The «Fancy 1970) e agli Stombi (1969-197°),
Dress Banquet if. Attempt at in­ in NSA, Suppl. III, '970.
terpreting a Roman Mosaic from
El Djem, in B V AB, XXXV, Sibari 197Z A3. vv., Sibari III. Rapporto
1960, p. 24 5S. preliminare della campagna dt'
scavo: Stombi, Gasa Bianca, Par­
SALOMONSON 1962 .... J. W. Salomonson, Late-Ramal: co del Cavallo, San Mauro
Earthenu'are with Relief Deco­ (1972), in NSA, Suppl., '972.
ration found in Northern Africa
and Egypt, in OMRL, XLIII, SOTGIU 1968 G. Sotgiu, Iscrizioni latine della
1962, p. 53 5S. Sardegna. (Supplemento al GIL,
X e all'Ephemeris Epigraphica,
$ALOMONSON 1964 .... J. W. Sakrnonson, Mosaiques ro­ VIII), 11, 1. Lucerne, Padova
maines de Tunisie, Exposition: Pa­ I968.
lais de Beaux-Arts - Bruxelles 171
IV-'6/VI '964, Bruxelles '964. Spitzer 194Z D. C. Spitzer, Roman Relief Bowles
from Corinth, in Hesperia, XI,
SALOMONSON 1968 .. .. J. W. Salomonson, Etude sur la 1942, p. 162 SS.
ciramique romaine d' Afrique si­
gillee claire el ciramique commune SQUARCIAPINO 1951 .... M. Floriani Squarciapino, Note
de Henchir eI Ouiba (Raqqada), per 10 studio del 'L'asellame fit­
en Tunisie centrale, in BVAB, tile romano. Frammenti ostiensi
XLIII, 1968, p. 80 S8. della c.d. ceramica tania A, in
Aui della Accademia Nazionale
SALOMONSON 1969 .... J. W. Salomonson, Spiitromische dd Lince£, Sene VIII, Rendiconti,
rote Tonware mit ReJiejverzierung vol. VI, 1951, p. 133 ss.
aus Nordafrikanischen Werkstiit­
ten. Entwicklungsgeschichtliche STERN 1968 E. M. Stem, Note analytique sur
Untersuchungen zur Reliefge­ des tessons de sigillee claire D
schmiickten Terra Sigillata Chiara ramasses a Henchir es Srira et
~ C », in BVAB, XLIV, 190, Sidi Aich, in BVAB, XLIII,
p. 485. '968, p. '46 85.
SALOMONSON 1971 •..• J. W. Salomonson, Roman Pottery: STRONG 1966 D. E. Strong, Greek and Roman
a Source of In/ormation for Hi­ Gold and Silver Plate, London
storians and Archaeologists, in I966.
BVAB, XLVI, '97', p. '7385. STUCCHI 1965 .•....•• S. Stucchi, L'agora di Cirene,
SALOMONSON 1973 .... J. W. Salomonson, Kunstgeschicht­ Roma '965.
liche und ikonographische Unter­ STUHLFAlITH 1898 .... G. StuWfauth,Bemerkungen von ei­
suchungen zu einem Ton/ragment ner christlich-archiiologischen Stu­
der Sammlung Benaki in Athen, dienreise ncu;h Malta und Norda­
in BVAB, XLVIII, '973, p. frika, in MDAI(R), XIII,I898,
3 ss. p. 275 ss.
Salona 1975 Aa. vv., Excavations at Salona, SVOBODA 1972 .......•
B. Svoboda, Neuerworbelle riimische
Jugoslavia) Park Ridge, New Metallge/asse aus Srrdie be:" Pie­
Jersey '975. Siany, Bratislava 1972.

xxv
I
SZENTLELEKY 1969 T. SzentleIeky, Ancient Lamps, Bu­ WAAGE 1933 F. O. Waage, The American Exca­
dapest 1969. vations in the Athenian Agora,
First Report: the Roman and
TARRADELL-MARriN M. T,rr,dell - G. Martin, Els Byzantine Pottery, in Hesperia,·
'970. Antigons Lucentum. Una du­ II, '933, p. 279 ss.
dad romona en el casco urbano de
Alicante, in PLAV, 8, 1970. WAAGE 1948 F. O. Waage, Hellenistic and Ro­
man Tableware of North Syria,
Thamusida 1965 •. • . .. Aa. vv., Thamusida I, PaIis 1965. in Anu'och on-tke-Orontes, IV,
I, p. 1 55.
TOUTAIN 1904 J. Toutain, in C. DaIemberg - E.
Saglio - E. Pottier, Dictionnaire WALTERS 1908 ......•• H. B. Walters, Catalogue of the
des antiquitis grecques et romai~ Roman Pottery z'n the Department
nu, III, 2, p. 1320 55., S. v. of Antiquities, Bn·tish Museum,
Lmerna, Paris 1904. London 1908.

TOUTAIN 1928-29 ....•• J. Toutain, Note sur deux vases VVALTERS 1921 . H. B. Walters, Catalogue of the
de terre cuite trouves en Tuni­ Silver Plate (Greek, Etruscan
sic (Sidi el Bani; Haidra), in and Roman) in the British Mu­
BCTH, '928-29, p. 179 ss. seum, London 19U.

TOYNBEE 1957 ........


J. M. C. Toynbee, Fragments of WABD ]970
P. Ward, Sabratha, New York
Italian Red-Gloss Ware from the '970.
Domus Aurea, Rome, in Lato­ WESSEl. 1963
K. Wessel, Koptische Kunst, Reck­
mus, XVI, 1957, p. 18 58. linghausen 1963.
ULBERr 1968 . T. Ulbert, EI Germo, Kirche und WESTF.OLM 1936 .
A. Westholm, The Temples of Soli,
Profonbau aus dem /rUhen 7. Stockholm 1936.
Jahrhundert, in MDAI(M), 9,
'968, p. 329 ss. WINLOCK-CRUM 1926 ..
H. E. Winlock - W. E. Clum,
The Monastery of Epiphanius a'
IIEGAS 1963 . M. Vegas, Vorliiufiger Bericht iiber Thebes, I, Publication of Metro­
romische Gebrauchskeramik aus politan Museum of Arts. Egyp­
PoUetltia (Mallorca), in BJ, 163, tian Expedition, III, New York
'963, p. 275 ss. 1926 .
IIEGAS 1965 ......•... M. Vegas, Spiitkaiserzeitliche KeTa­ WOLLMANN 1924 . H. Wollmann, Romische Tonlam­
mik aus Pol/entia (Mal/orca, Spa­ pen, in Roma Aeterna, 7, 1924,
nien), in BJ, 165, 1965, p. 18055. p. 3 ss.

IIEGAS 1973 ......•... M. Vegas, Ceramica comtin ro­ WUII.LEUMIER-AUDIN P. Wuilleumier - A. Audin, Les
mana del Mediterraneo occiden­ '95 2 • medaillons d' applique gallo-ro­
tal, Barcelona 1973. mains de la Valtee du RhOne,
Paris 1952.
IIEBMASEBEN 1956 •.•... M. J. Vermasereu, Corpus inscrip­
tionum et monumentorum religionis WULFF 1909 . O. Wulff, Kiinigliche Museen zu
mithriacae, I, The Hague 1956. Berlin. Altchristluhe und mittelal­
ter[£che, byzantinische und italie­
IIERMASEREN-IIAN ESSEN M. J. Vermaseren - C. C. Van nische Bildwerke, I, Berlin 1909.
19 65. Essen, The Excavations in the
Mithraeum of ,he Clmrch of Santa YACOUB 1969
M. Yacoub, Le Musee du Bardo,
Prisca in Rome, Leiden 1965. Tunis 1969.

IIERTET 1961 ..........


H. Vertet, Ceramica romana impe­ ZEISS 1933 .
H. Zeiss, Spiitriimische stempel­
rial hallada en Oued Bibi (Con­ verzierte Keramik aus Portugal
stantina, Argelia), in ABA, und Spanien, in Homenagem a
XXXIV, 1961, p. 204 ss. Martins Sarmento, Guimaraes
'933·
VESSBERG-WESTHOLM O. Vessberg - A. Westholm, The
1956. Hellenistic and Roman Periods ZEVI-POIll. 1970
F. Zevi - I. Pohl, Ostia. Saggi di
in Cyprus (The Swedish Cyprus scavo, in NSA, Suppl. I, 1970.
Expeditiim IV, 3), Stockholm
1956. ZINGERI.E 1907 .
J. ZingerIe, TonschUssel aus Carnun­
tum, in JOEAI, X, '907, p.
VISCONTI 1872 ......•• C. L. VisC\1nti, Bassorilievo mi­ 330 ss.
trioco scoperro al Campidoglio e
tazza mitriaca, in BeAR, I, ZOVATTO 1971 .•....•.
P. L. Zovatto, Portogruaro, Museo
1872, p. [{ I 55. Nazionale Concordiese - Concor­
dia, S cavi, Battistero - Summaga,
VUILLEMOT 1971 . G. Vuillemot, Siga et son port flu­ Abhazia - Sesto al Reghena,
vial, in AntAfr, V, 1971, p. 39 S5. Abbazia - Caorle, Bologna 1971.

XXVI

PREMESSA

Oggetto di questo Atlante ela ceramica del medio e tardo Impero esportata nel Mediterraneo.
La ceramica da mensa della prima eta imperiale (italica, sudgallica, ispanica, microasiatica, siriaca
e cipriota) verra invece trattata in un Atlante successivo, affidato alla cura di Giuseppe Pucci. Nella
prima eta imperiale I'Italia, centro non solo politico dell'Impero, esercitava la sua egemonia sul­
l'Europa e sui Mediterraneo. Ma in seguito la Penisola perse questo primato. Smarrito il principio
unificatore italico, l'Europa e il Mediterraneo imboccano orrnai strade divergenti (qui forse risiede
il nocciolo della successiva « decadenza'> imperiale), e il Mediterraneo viene allora sottoposto alla
nuova egemonia dell'Africa, 0 meglio della Provincia Proconsolare (con epicentro nell'atruale Tu­
nisia). Di qui la ragione sostanziale della distinzione dei due Atlanti. Se nella studio delle formazioni
sociali non basta considerare solo la diffusione quantitativa dei fenomeni, rna occorre distinguere
con chiarezza la limitatezza e la forza di chi ha la qualita di dominare 0 egemonizzare, allora si puo
dire che l' Atlante della ceramica della prima eta imperiale avra come protagonista l'Italia, mentre
l'Atlante che qui presentiamo non potra che vedere il Maghreb al primo posto. In questa direzione
si e spostata la fortuna nella storia romana. La ceramica africana e in effetti quella che raggiunge la
massima diffusione nel Mediterraneo, e oltre. Ma non dobbiamo per questo dimenticare il complesso
gioco delle altre produzioni, occidentali e orientali, che ora brevemente menzioniamo (si pensi in
particolare alla ceramica ritenuta costantinopolitana).
In seguito alIa crisi delle officine sudgalliche della prima eta imperiale si aff=a nella Nar­
bonese una nuova tradizione artigiana, che si articola nelle produzioni che gli archeologi defi­
niscono B, Prelucente, Lucente, Arandone-grigia e cosiddetta Macedonica. La terra sigillata B
venne inserita da Nino Lamboglia nella serie delle sigillate africane «< chiare ») dette A, B, C, D,
che egli erroneamente riferiva (anche se sempre pili dubbiosamente) al Mediterraneo occidentale­
settentrionale. Insieme alIa Pre!ucente, la sigillata B e diffusa in Francia meridionale, Liguria e Ca­
talogna, fra il II e il III secolo d. C. 11 nostro contributo in questo Atlante per queste classi e con­
sistito soltanto nel fondere e ordinare Ie classificazioni di Lamboglia e di Darton. Al IV secolo si
deve invece attribuire la ceramica Lucente, diffusa nella Valle del Rodano e sulle coste settentrionali
del Mediterraneo occidentale. Abbiamo riprodotto nell'Atlante, appena riordinandola, la classifica­
zione di Lamboglia. Ai secoli IV e V si data quindi la sigillata Arancione-grigia, diffusa in Francia,
Spagna, Baleari, Marocco, Italia e Sardegna (con rare attestazioni in Svizzera e in Grecia). Nel-

XXVII .

I'Atlante abbiamo riproposto, organizzandola diversamente, la classificazione di Rigoir. Infine per


I'evanescente ceramica detta Macedonica abbiamo preferito fare diretto riferimento a Hayes. Di tntte
queste produzioni provenzali si dit nell'Atlante un'ampia documentazione grafica (che mancava del·
tntto nel manuale di Hayes). Non abbiamo invece preso in considerazione la sigillata Ispanica, bench<:
sm stata prodotta fino all'eta tardo-antica, perch<: essa sorge e continua poi a far parte di una tradi­
zione artigianale tipica del Mediterraneo occidentale-settentrionale al tempo della prima eta imperiale.
Le cerarniche mieroasiatiche si diffondono prima e dopo di queUe africane. La sigillata Pergamena
(<< Eastern Sigillata C ') 0 di t;:andarli) fa concorrenza a quella della Proconsolare, di fronte a cui finisce
periJ per soccombere scadendo, intorno alIa meta del III secolo, al rango di produzione regionale.
Una piu tarda sigillata dell' Asia Minore «' Late Roman C ,») fiorisce fra la meta del V e gli inizi del
VII secolo. Essa imita la sigillata africana, cui riesce infine a rubare i1 primato nel Mediterraneo
orientale, a partire dal suo mercato principale, Costantinopoli, che era forse anche i1 suo centro di
produzione. Anche la sigillata Cipriota «, Late Roman EjD ») si diffonde fra la meta del V e gli inizi
del VII secolo ed imita la sigillata africana, che riesce a soppiantare in Oriente, a partire da Alessandria,
che era i1 suo maggiore centro di smercio. Imitano altresi Ie sigillate maghrebine quella Egiziana,
databile fra i1 IV e il VII secolo, quella Palestinese della seconda meta del IV e quella Ateniese situabile
tra il III e il V secolo (ma queste ultime produzioni sono di rilievo assai piu limitato). L'importante
e osservare che la sigillata africana, quali che siano Ie sue fomme, non smette di costituire il punto
di riferimento, la produzione di moda. Per quanta riguarda questa serie di sigillate orientali abbiarno
sostanzialmente riproposto neII'Atlante Ie classificazioni di Hayes, il maggiore esperto nel campo,
aggiornandole in alcuni casi ed in altri ampliando la documentazione grafica, come per Ie ceramiche
egiziane e ateniesi decorate con sovradipinture e per quelle di Cnido e di Corinto decorate con ri­
lievi a matrice.
Ben diverso e stato illavoro (non compilazione ma vera ricerca) per quanto riguarda la cerarnica
Africana. II stata rea1izzata una schedatura della bibliografia, sistematica dal secolo scorso al 1975 e
selettiva delle opere piu significative fino al 1977 (per la produzione vascolare e stato previsto anche
un aggiornamento fino al 1979); i1 tutto nel faticoso evolversi dellavoro e nelle more della stampa.
Ogni disegno edito, che fosse di forma intera 0 di frammento, e stato fotocopiato e su questa docu­
mentazione (oltre che su alcune evidenze inedite) e stata redatta la bibliografia e la tipologia. Di ogni
tipo 0 variante, salvo rarissime eccezioni, e stato dato un disegno. Ampia e a volte inedita e la do­
cumentazione fotografica, che si e preferito concentrare sulla produzione decorata. Per quanto
riguarda la classificazione dei vasi, abbiamo preferito restare nell'ambito di una tipologia ancora
preliminare, priva pertanto di una sua numerazione. L'edizione degli scavi in corso nell'Africa set­
tentrionale (in particolare di quelli fondamentali e numerosi di Cartagine) aumentera di molto Ie
nostre conoscenze su queste produzioni, avvicinando considerevolmente il momento in cui si potra
elaborare una tipologia compiutarnente formalizzata. Per Ie lucerne si epensato invece di presentare
una tipologia con numerazione propria, perche quelle disponibili erano troppo povere e somrnarie
per potervi fare anche temporaneo riferimento. Oltre questa integrale revisione bibliografica e
morfologica, che ha permesso di dilatare la documentazione in molte direzioni, si e cercato di espli­
citare nel modo (anche didatticamente) piu chiaro la classificazione dei tipi per produzioni e <' fab­
briche », tenendo conto delle esperienze di Salomonson, nostre e di Hayes. Quest'ultimo fornisce
utili osservazioni e compie importanti scoperte al riguardo, ma non giunge ad una pur provvisoria
sistematizzazione delle (\ fabbriche ,), rendendo per tale ragione piuttosto ardua la consultazione del
suo manuale (Ia ceramologia, quale che sia 10 stato di avanzarnento dei suoi lavori, non deve restare
una scienza per iniziati). Si e cercato anche di precisare Ie cronologie delle produzioni e dei singoli
tipi sulla base delle nostre pili dirette esperienze (dai materiali <, vesuviani ,) alIe stratigrafie di Ostia,
del Nador in Algeria, di Cartagine e anche a dati inediti). Una. cura particolare e stata prestata alIo

XXVIII'

~~~.

studio della produzione decorata, ampliando e riorganizzando I'elenco dei motivi a stampo che Hayes
per primo aveva presentato (di cui si forniscono Ie equivalenze), presentando per la prima volta
quello relativo ai motivi a rilievo applicato e a matrice ed inserendo produzioni generalmente tra­
Iasciate (anche da Hayes), quali Ie produzioni di Navigio e delle ampolle olearie. Nuova organizza­
zione e poi stata data al settore produttivo da noi chiamato della «Ceramica da cucina I), che pur fa­
cendo parte della stessa tradizione artigiana della sigillata, conviene distinguere, per livello di Iavo­
razione e per praticitll, dalIa ceramica fine da mensa. In questo iunbito sono state studiate fabbriche
e tecniche di produzione nuove, si e cercato di ampliare il repertorio dei tipi, di dame una cronologia
pin aggiornata e di chiarire i rapporti fra Ia terra sigillata e questa ceramica pin andante, ma assai
largamente esportata (per questo presa in considerazione nell'Atlante). Una documentazione molto
ampia epoi stata accordata alIe produzioni di carattere regionale: della Tunisia centrale e meridionale
(riordinando i tipi editi da Stern), dell'Algeria orientale e centrale (ciassificando i tipi rinvenuti a
Serif e in altri siti), della Tunisia occidentale e della Tripolitania (facendo riferimento a Hayes). Del
tutto originale einfine la tipologia delle lucerne verniciate (ma non puo dimenticarsi il debito nei con­
fronti di Salomonson e di Ennabli).
E opportuno esplicitare i criteri seguiti nell'edizione della produzione vascolare africana. E stata
evitata, come si edetto, una nuova numerazione delle forme, per cui si econtinuato a far riferimento
alIe tipologie di Lamboglia, Salomonson e Hayes (LAMBOGLIA I9S8 e I963; SALOMONSON I968 e I969;
STERN I968; HAVES I972). Nella definizione della forma, figura inizialmente I'autore che per primo
I'aveva compresa nella sua tipologia; seguono, sotto forma di equivalenze, gli altri autori di classifi­
cazioni in ordine cronologico (Forma Lamboglia IO = Salomonson A II = Hayes 19). Quando una
forma ecostituita da pin tipi, si usano, per distinguerli, barre inclinate nel testa epunti nell'intitolazio­
ne (Forma Salomonson A 1= Hayes 3A/Lamboglia 4/36A = Hayes 3B/Lamboglia 4/36B = Hayes 3C).
Nel caso di alcune equivalenze si ereso necessario citare non solo il tipo di Hayes, ma anche il numero
di uno 0 pin esemplari da lui pubblicati in elenco (Hayes 8A, n. I). Nel caso di forme presenti in
diverse tipologie e che si basano su uno 0 due esemplari, I'equivalenza tipologica viene indicata ri­
correndo alIe parentesi tonde: Forma Lamboglia 22A (Hayes I4, n. 3). Le forme che non fanno
parte delle tipologie tradizionali vengono definite facendo ricorso alIa loro prima edizione (autore
e anno nel caso di monografie 0 articoli citati pin di tre volte; rivista 0 serie e auno nel caso di articoli
citati meno di tre volte; serie e numero del volume nel caso di scavi editi da un collettivo di lavoro,
per cui sarebbe complicato riferirsi agli autori delle singole parti: Ostia II, Michigan I). Le forme
nuove sono indicate facendo riferimento alIa tavoia e alIa figura dell'Atlante (Atlante, tav. XXVII,3).
Per quanto riguarda la successione delle forme, quelle aperte precedono Ie chiuse, Ie pin antiche
sono anteposte alIe pin reeenti; inoltre si etenuto conto delle somiglianze morfologiche e di eventuali
anche se ipotetiche evoluzioni tipologiche.
Dopo la definizione 0 titolo della forma e dei tipi seguono Ie voci seguenti: descrizione, tipologia,
produzione, decorazione, cronologia, diffusione e bibliografia. Nella voce descrizione si delineano
Ie caratteristiche principali della forma (comprese Ie dimensioni), rimandando alIa voce seguente la
descrizione dei singoli tipi. Nella voce tipologia si illustrano Ie peculiaritil. dei singoli tipi, identificati
sulla base della frequenza statistica ed in alcuni casi dalla specificitil. e originalitil. morfologica di pochi
esempIari; Ie alterazioni morfologiche meno significative, pin dubbie e sporadiche sono relegate al
rango di varianti. Nella successione dei tipi si e seguito un ordine cronologico 0 di presunto sviluppo
morfologico; Ie differenze di misure fra i singoli tipi sono state specificate solo quando esse paiano
significative; in questa voce si trovano i rimandi alIe tavole e alIe figure. Nella voce produzione si
indicano Ie {( fabbriche» e si propongono confronti con altre produzioni ceramiche 0 con recipienti
in materiale diverso. Nella voce decorazione si precisano gli aspetti relativi alI'artigianato artistico
di serie; per Ie produzioni decorate a matrice 0 a rilievo applicato ogni esemplare 0 frammento e

){XIX .

identificato tramite un numero fra parentesi tonde, che compare identico nella voce biblingrafia
prima dell'abbreviazione bibliografica; segue il numero del motivo decorativo che figura su di esso,
che rimanda agli elenchi dei motivi decorativi; per la decorazione a stampo si fa riferimento soltanto
alio « stile ,) di Hayes (ma nell'elenco dei motivi si citano anche Ie forme su cui il singolo motivo
compare). Nella voce cronologia si menzionano Ie datazioni proposte nelle tipologie pili accreditate
o dagli autori che pubblicano i singoli tipi; si fa aItresl riferimento ad attestazioni stratigrafiche ri­
tenute particolarmente sieure e rilevanti (edite e anche inedite); si ricordano inoltre siti datati in
assoluto che non si trovino citati nelle tipologie tradizionaIi; si danno infine i nostri giudizi cronolo­
gici, quando divergono da quelli proposti da aItri. Nella voce dijfusione si forniscono indicazioni di
massima per vaste aree geografiche (tenendo conto anche di certa evidenza non pubblicata). Nella
voce bibliografia vengono elencate Ie pubblicazioni relative alIa fotrna, articolate per paesi moderni
o musei e collezioni (per gli esemplari senza provenienza); nell'iunbito dei singoli paesi, Ie citazioni
seguono l'ordine cronologico; Ie monografie e gli articoli citati pili di tre volte sono abbreviati con il
cognome dell'autore e l'anno di pubblicazione; per Ie riviste si efatto ricorso alie abbreviazioni della
Annie Philologique, 0 ad aItre ancora, che figurano nell'elenco delle abbreviazioni di questo Atlante.
I criteri bibliografici che abbiamo esposto vaIgono non solo per la ceramica africana rna per
l'intero AtIante e sono stati dettati soprattutto da esigenze di brevim. Le didascalie delle figure, in­
tercalate per comodita alie tavole, fanno riferimento alia produzione ceramica dell'esemplare, alia
forma e al tipo, alIa provenienza 0 aI museo in cui e conservato, aI numero di inventario per Ie foto­
grafie, alIa fonte bibliografica per il disegno; segue infine il rimando alIa pagina del testo in cui la fotrna
viene trattata. I disegni dei tipi ceramici sono ridotti in scala I: 3 e i motivi decorativi in scala 1:2.
Alcuni Iimiti di questo Atlante possono gia scorgersi nel licenziare Ie bozze per la stampa. Vi e
mnanzi tutto una disparim nel modo in cui Ie diverse ceramiche mediterranee sono state studiate
(si tratta pero di una disparita voluta, sia per contenere l'Atlante entro una cerra dimensione, sia
perche pensiamo che una grande quantita dei suoi lettori si troveranno ad operare in Italia e nella
parte occidentale del Mediterraneo). Si potrebbe quindi accennare aI carattere « chiuso)} di aIcuni
elenchi (si sarebbero potuti usare sisterni di numerazione pili sofisticati, aperti a future aggiunte).
Manca poi un indice dei luoghi, che sarebbe stato prezioso e soprattutto non e stato possibile rea­
lizzare delle cartine di distribuzione analitiche e sintetiche, comunque aggiornate, seguendo l'esempio
di Hayes (ma nell'Atlante vi sono i dati per ricostruire eventualmente a posteriori tali indici e canine).
Manca anche uno studio sintattico degli stampi sui tipi vascolari, in particolare africani (da com­
pararsi con i motivi analoghi che figurano sulle produzioni non africane). Inoltre non e stata
condotta una ricerca sistematica sui motivi figurati delle lucerne africane, considerati in rapporto
con quelli che figurano sugli aItri recipienti decorati. Infine 10 studio di queste decorazioni avrebbe
potuto essere inquadrato in una ricerca pili ampia sulla cultura figurativa dell'epoca. Sono tutti spunti
per future ricerche.
E opportuno sottolineare che illavoro di questo Atlante, in particolare la parte riguardante la
cerarnica africana (dove si concentra pili propriamente l'aspetto della ricerca), eStato svolto in modo
sostanzialmente collegiale, discutendo suI taglio del volume, sulla scelta dei criteri, sulla definizione
di ogni tipo e variante. Cio premesso, si spera di offrire ai lettori (0 meglio ai consuItatori) dell'Atlante
un prodotto che, pur nei suoi Iimiti, appaia relativamente omogeneo. Le singole parti sono fitrnate
con Ie iniziali dei vari autori. Hanno recato illoro contributo aI lavoro comune Lucilla Anselmino,
Andrea Carandini, Carlo PavoIini, Lucia Sagui, Stefano Tortorella e Edoardo Tortorici, che si erano
formati nel laboratorio dell'instrumentum domesticum dell'istituto universitario romano. Ostacoli non
sonG mancati nel corso della ricerca, rna sono stati superati con la buona volonm, grazie anche alIa
collaborazione della redazione dell'Encic1opedia. I disegni sono stati affidati alIa mana di Tommaso
Semeraro, fattasi abile illustrando con finezza di stile e rigore di criteri i materiali delle Terme ostiensi

XxX
del Nuotatore. Infine Stefano Tortorella ha recato un contributo sostanziale nella definizione dei
criteri, nel raccordo fra i diversi ricercatori e Ie diverse parti dellavoro, facilitando sotro tutti gli aspetti
l'opera del curatore.
Vi sarebbero infine da menzionare gli studiosi che ci hanno aiutato nella redazione di questo
Atlante. Sono certamente troppi per poterli menzionare tutti. Nomineremo soltanto, primo fra tutti,
John Hayes, massimo esperto in questo campo di studi, quindi Henry Hurst e Friedrich Rakob con
Ie loro equipes di specialisti, che ci hanno liberalmente mostrato i reperti degli scavi cartaginesL
Preziosi sono stati i consigli di Mounir Bouchenaki, Antonino Di Vita, Abdehnajid Ennabli, Auna
Sommella e Jan Willem Salomonson, che assistette ai nostri primi passi di fronte ai materiali ostiensi.
E poi PaUl Albert F6vrier, David Whitehouse e tanti altri amici.
Alia memoria di Giovanni Becatti, primo ispiratore di questi atlanti sulla cultura materiale del
mondo antico, e di Nino Lamboglia, che per primo comincii> a scavare stratigraficamente un centro
romano e a classificare Ie (' sigillate chiare » in ltalia, dedic.'liamo questo primo Atlante sulla ceramica
romana, sperando che altri possano presto seguire come validi strumenti nella ricerca sui campo
e nella riflessione storica. Di una storia che non disdegni di partire dalla modestia dei lavori quotidiani
(quindi anche dai « cocci») per giungere aile realizzazioni, spesso irripetibili, delle grandi azioni
politiche e dei capolavori artistici (di cui si eprivati in tempi di crisi materiale e morale).

ANDREA CARANDINI

XXXI'

AVVERTENZE

Le designazioni delle forme (e dei tipi), quando costituiscono i titoli delle descrizioni delle forme stesse, sono
stampate in maiuscoletto e disposte in righe successive; quando sono citate nel testo, sono stampate in carattere
tondo e si susseguono, separate da una barra obliqua. Le forme che vengono presentate per Ia prima volta in questa
opera sono desiguate col nome« AnANTE », segnito dal numero della rispettiva tavola. (Si veda, ad esempio, la secon­
da colonna della pag. 105).
L'identita perfetta di piu tipi e indicata col seguo =. Le varianti di una forma non sono indicate nel titolo
ma figurano nel testo.
Le forme delle lucerne sono indicate con un numero romano (da I a XVI); per i tipi, i1 modo di designazio­
ne e 10 stesso di quello adottato per i vasi.
Nella descrizione delle forme i motivi decorativi (citati col numero d'ordine dei rispettivi elenchi), sono tal­
volta preceduti da un numero in parentesi: questo rimanda a1 corrispondente numero della bibliografia, nella quale
e messa in evidenza Ia distribuzione geografica dei motivi stessi. (Si veda, ad esempio, la pag. 194).
Le tavole di questo Atlanlt sono indicate con i numeri romani in maiuscolo; Ie pagine con: pag. Le tavole
d'altre opere citate sono indicate con numeri romani in maiuscoletto; Ie pagine con: p.
Nei disegni e stata adotrata la scala 1:3 per Ie forme e la scala 1:2 per i motivi decorativi.
Nelle tavole dei disegni delle lucerne Ia decorazione e stata riprodotta solo quando conCOITe a definire il tipo.
Un asterisco sovrapposto ad un diseguo indica che in questo e riprodotta Ia sola forma di una lucerna fornita di
decorazione.
Per la corrispondenza delle norme tipografiche adotrate con i criteri segniti nell'edizione si vedano Ie pagg.
XXIX-XXX.

'~

·'8

~
~j
~j
)'~
::z

XXXIJ
;
i·,',',
,
~
1. TERRA SIGILLATA (.B» E «PRELUCENTE,>

La sigillata B e una classe che e stata individuata ed Potrebbe chiamarsi sigillata tardo-gallica, se questa de­
ordinata per la prima volta da N. Lamboglia suna base finizione non portasse a pericolose confusioni con Ie 5i­
dei materiali di Albintimilium e di una larga serie di gillate centro-galliche ed est-galliche. La sigillata B pIe­
confronti. La pasta e tenera, di colore arancione chiaro; senta caratteri ora piu tipicamente contioentali, ora pill
la vernice e di colore arancione vivo e si disgrega in propriamente mediterranei. Esistono degli evidenti punti
modo uniforme e poroso; essa assume a volte toni violacei di contatto con la produzione« lucente ;. Scarsi sono in'flee
e lucenti: si tratta della qualita « prelucente », che e sem­ quelli con la ceramica di LezOllX e con quella pill tarda
brata segnare il momento di trapasso della B aIla «lucente ., dell'Argoune. Praticamente inesistenti sonG quelli con la
vera e propria. L'area di produzione sembra trovarsi sigillata 'arancione-grigia» e cou queIla africana. Que­
nella Valle del Rodauo. A Ventimiglia la classe e testi­ st'ultima e stata generalmente classificata - per quanto
moniata a partire daIla meta del II secolo circa fino aIla attiene aile produzioni A, C, D - nella serie delle ( si­
seconda meta del secolo successivo. Nell'area di pro­ gillate chiare'> - cui appartiene la B - secondo 'IDa
duzione i limiti cronologici sono probabilmente piu ampi concezione ormai superata di sviluppo unitario delle si­
(vi sono indizi che la produzione comiuci gill ue! I secolo). gillate presenti lungo Ie coste settentriouali del Medi:er­
La qualitil, pre!ucente., e nota a partire dall'etil severiana. raneo occidentale. Diamo l'elenco delle forme secondo la
Generalmente non e possibile attribuire datazioni aile tipologia edita in LAMBOGUA 1958, e aHarsa poi integrata
singole fonne. L'area di diffusione e limitata sostanzial­ in DARTON 1972. Non si apportauo modifiche aIla classifi­
mente aIla Liguria, aIla Francia meridionale ed aIla Cata­ cazione tradizionale. Si fa pero osservare che nellc sforza di
logna. In Spagna e Portogallo sono note alcune fabbriche contenere il numero delle forme, seguendo una tipologia
che in via generale si possono ricollegare a questa ciasse, organica di tutte Ie sigillate nate nel Mediterranec occiden­
rna che presentano delle caratteristicbe particolari. Questa tale - dalla sud-gallica all'africana - si efinito per racco­
sigillata sembra diffondersi posteriormente aIla crisi delle gIiere $Otto uno stesso numero forme assai diverse. In que­
officine sud-galliche. Essa eredita varie forme della sud­ sto senso la classificazione tradizionale appare pill come un
gallica; e fra l'altro I'ultima a presentare, nell'area pro­ ordinamento preliminare che non una tipologia per gruppi
venza1e, dei vasi decorati a mattice, ed in questo senso di forme, fonne, tipi, sottotipi e varianti (osservaziane
appare un fenomeno parallelo aIla sigillata tardo-itallca. questa che non vale certo soltanto per questa classe).

FORMA LAMBOGLIA 9 a (tav. I, I). FORMA LAMBOGLIA 9 b (tav. 1,2).


I tipi DARTON 1972, un. 1-3 sembrano molto simili La Darton ha pubblicato diverse varianti; una
ad una forma di sigillata africana Cl e C' (Hayes 49, forma anaIoga si trova nella sigillam «!ucente, (tav.
un. I--{,/Ostia I, fig. 99[Hayes 49, no. 7-8[Hayes 62, VI, I).
n. 15); il tipo n. 8 e avvicinato ipoteticamente al tipo
FORMA LAMBOGLIA 10 (tav. I, 3).
Lamb. 2/9 della sigillata africana Dl; i1 tipo n. 9 e del
tutto particolare. La Darton conosce anche una imita­ Una forma anaIoga e nota nella sigillna «lucente •.
zione della forma Lamb. 40 his/Lamb. 40/Hayes 50, n. 55/ FORMA LAMBOGUA 32 (tav. 1,4).
Hayes 50 B, no. 56-59 della sigillata africana Cl e C'. La forma DARTON 1972, 32/39 uon sembra attribnibile
I tipi di cui si e fatto riferimento come imitazioni di aIla fonna Lamb. 32.
forme africane meritano probabilmente un piu accurato
esame, per cui al momento sembra prudente tenerli da FORMA LAMBOGLIA 4/9 (tav. 1,5-7),
parte. FORMA LAMBOGLIA 4/23 (tav. 1,8).

3
CERAMICA NARRONESE

FORMA LAMBOGLlA 4/36 (1.1'. 1,9-10). FoRMA LAMBOGLIA 28 (tal'. III, I2).
Presenta decor.zioni simili a quelle che 3i trovano sulle
FORMA LAMBOGLIA 4 (tal'. I, II).
forme Dechelette 72 eli Lezoux.
eft. una form. analoga in sigillata «lucenle >: (1.1'. VI,
2); pet la forma inleta, efr. DARTON 1972, n. I; si "eda foRMA LAMBOGLlA 28 A (1.1'. III,I3).
la forma analoga (Lamb. 4/36) in Sigillal' {( lucenIe» e La decorazione mammillare ricorda la classe delle
in sigillata sudgallica (di'. OSWALD-PRYCE 1920,1'1'. LlX) 'pareti sottili >:.
(tal'. I, I2); il Iipo e StaIO a"vicinalo ipoIeIicamenIe a FORMA LAMBOGLIA 14­
fonne eli Sigillal' africana. Si tratra eli un umeum, che 'Jresenta la Slessa forma delle
FORMA DARTON 1972, 36 (tav. I, 13). 'ollette a collaIino'} della c~ a «pareti sottili» (e
Ricoreliamo l'.naloga form. in sud-gallica; eft. anche petranlo non viene riprodotIo).
la forma Lamb. 3S. FORMA DARTON 1972, 14, mi. 1-2 (Iav. III,I4-I5).
FORMA DARTON 1972, 19 (tal'. I, 14). E attestata nei secoli III-IV.
Enol. la qua1iIa « prelucenle <>. FoRMA LAMBOGLIA 26 (1.1'. III,I6).
Si tratIetebbe eli un. form. tipicamente severiana.
FORMA LAMBOGLIA 31 (tal'. I, IS).
FORMA LAMBOGLlA 30 (tal'. IV, 1).
FORMA LAMBOGLlA 33 (tal'. I, 16).
Ricoreliamo I. forma analog. in sud-gallica. FORMA LAMBOGLIA 29 (Iav. IV, 2).

FORMA LAMBOGLIA 4/36 (tal'. I, Ii). FORMA DARTON 1972, 15 (tal'. IV,3).
Si conosce una fonna analoga in ceramica comune
FORMA LAMBOGLlA 8 (tal'. 11,1-6). che a Ventimiglia e parsa databLe inlorno all'anno 200
ar. I. forma Ritter1ing 8 e la form. analoga in sigill'Ia circa; si trovano anche confronti nella ceramica dell'Ar­
«Iucenle <> (1.1'. VI, 4); piu forme sono raccolle in una gonne.
forma sola.
FORMA DARTON 1972, 29, N. I (:av. IV, 4).
FORMA DARTON 1972, 1/3 (1.1'. II,7)'
FORMA DARTON 1972, 13 (tav. IV,5).
E conosciula nella qua1itit prelucenIe; si veda anche la La forma e Iestimoniala a Ventimiglia intomo alia fine
forma analoga in sigillata «lucenIe<> (tal'. VI,IO); eft. del II secolo; si conosce una forma analog. in sud-gallica.
anche 1a forma Rittet\ing 9.
FORMA LAMBOGLlA 76 (Iav. IV, f).
FORMA LAMBOGLlA 2 (tal'. II,8-I2). E conosciuI2. anclie la qualila • prelucenle »; si tratta
Deriva dal1a forma Drag. 37 in sud-gallica; esisle di vasi :a medaglione applicalo dell. Valle del Roda­
anche decorala a matrice (forma Lamb. 37) ed in sigillata no (WUILLEUNJER-AUDIN 1952); efr. la forma Deche­
,lucenIe'} (tal'. VI, 9); si conoscono sOltotipi e vatianti lette 76.
(DARTON 1972, 2, n. 8); tal'. II,8 costituisce una forma
a se stanle. FORMA DARTON 1972, 16 (tav. 1'1,7),
La forma ha tre anse e puc. presenrare due medaglioni
FORMA LAMBOGLIA 35 (tal'. II, 13). applicali (efr. la forma precedente).
Si veda la forma analoga in sud-gallica; enota la qualitil FORMA LAMBOGLlA 37 (taVl'. IV,8-9 e V,I-4).
« prelucenle <>.
Deriva dall'analoga forma in sud-gallica, rna l'orlo e a
FORMA LAMBOGLlA 8/35 (I",'. II,I4)· mandorla; efr. 1a forma Lamb. 2 che e la versione non
FORMA LAMBOGLlA 18 (1.1'. III, I). decoral'; si tratra dell'ultL'lla produzione eli ceramica
decorala a m.rtice (lOa cfr. rna furma in sigillata «aran­
E nota una varianIe: DARTON 1972, 18, n. I.
cione-grigia »: ta". VIII, 7).
FORMA DARTON 1972, I2 (tav. III,2-3)· FORMA DARTON 1972, 39 (101'. V, 5).
FORMA LAMBOGLlA 38 (tal" III,4). III-IV secolo; efr. la forma analoga in sud-gallica ed
FORMA LAMBOGLlA 24/25 (tal'. III, 5-6). anche la forma DARTON 1972, 32/39.

FORMA DARTON 1972, «


(ta'l. III, 7). FORMA DARTON 1972, 185, N. I (Ia". V, 6).
Si conoscono vari sonotipi. FORMA LAMBOGLlA 1958, 324 (esemplare da Valence)
(tal'. V, 7).
FORMA LAMBOGLlA 34 (Iav. III,8-9).
FORMA DARTON 1972, 44 (Iav. V, 8).
FORMA DARTON 1972, 28, N. 2 (1.1'. 111,10). Versione decorala della form. non decorala.
Si tratra di una forma nota an6e nel IV secolo :ce­
ramica dell'Argoooe). FORMA DARTON J972, 183 (tal'. '1,9).

FORMA DARTON 1972, 28, N. I (Iav. III, II). (per i motivi decorativi di quesle forme v. tal'. V, 10-78).
E una forma attest.Ia nell. classe delle "p.reti
SOItili '. A. C.

TERRA SIGILLATA (,ARANCIONE-GRIGIA&

II. TERRA SIGILLATA «LUCENTE,)

Si tratta di un gruppo ceramico classificato per la prima sopratrutto nel IV secolo. Non vi sono punti di contano
volta da N. Lamboglia. La vernice e di colore bruno fra questa ceramica continentale e la sigillata african.,
metallico con iridescenze; l'argilla e di colore giallo­ mentre ve ne sono con la Bela {( prelucente » da una pane
arancione; l'impasto e morbido, poco tagliente. Questa e con la ceramica dell'Argonne dall'altra. Sigillata B,
ceramica e diffusa sulle coste settentrionali del Mediter­ " prelucente, e «Iucente I} appattengono ad una stessa
raneo occidentale e nella Valle del Rodano. E testimoniata tradizione artigiana.

FORMA LAMBOGLIA 9 B (tav. VI, I). FORMA LAMBOGLIA 45 (tav. VI, II).
Cfr. una forma analoga in sigillata B (tav. 1,2). Presenta un beccuccio a forma di muso di leone; e
FORMA LAMBOGLIA 4/36 (tav. VI,2). talora decorata a metope con disegno cruciforme; Lam­
ar. una forma analoga in sigillata B (tav. I, II~. boglia data la forma fra la fine del III e la prima meta
FORMA LAMBOGLIA 33 (tav. VI,3). del IV secolo.
FORMA LAMBOGLIA 3/8 (tav. VI,4). FORMA LAMBOGLIA 24/25 (tav. VI, IZ).
Cfr. una forma analoga in sigillata B (tav. II, I). Cfr. una forma analoga in sigillata «arancione-grigia »
FORMA LAMBOGLIA 3 (tav. VI,5-6). (tav. IX, 7).
FORMA LAMBOGLIA 1/3 A (tav. VI,7). FORMA LAMBOGLIA 19 (tav. VI,I3-I4).
FORMA LAMllOGLIA 1/3 B (tav. VI,8).
Cfr. la fonna precedente. FORMA LAMBOGLIA 14 (tav. VI,I5-I6).
Cfr. una forma analoga in sigillata B (tav. III, 16).
FORMA LAMBOGLIA 2137 (tav. VI,9).
ar. la forma analoga in sigillata B (tav. II,9-I2). FORMA LAMBOGLIA z8 (tav. VI,I7).
FORMA LAMBOGLIA 1/3 C (tav. VI,IO). FORMA LAMBOGLIA 14/26 (tav. VI,I8).
Cfr. una forma analoga in sigillata B (tav. II,7). A.C.

III. TERRA SIGILLATA «ARANCIONE-GRIGIA»

Si tratta della ceramica che un tempo veniva improptia­ provenzale e del basso Rodano, con centro a Marsiglia.
mente definita come «visigotica » (DECHELETTE 1904). La tecnica della riduzione e predominante. Esistono dif­
II colore della pasta va dal giallQ-{}cra al grigio pilI 0 :neno ferenze fra Ie produzioni dei centri costieri e quella delle
scuro. Quello della vernice va dal giallo-arancione della officine locali dell'intemo. Marsiglia e un centro che
tecnica ossidante al grigio pilI 0 meno scuro della tecnica esporta questa ceramica, seppur assai raramente, nel bacino
riduttrice. La classe si ricollega alia stessa tradizione orientale del Mediterraneo (Grecia). Cronologia: V secdo
artigiana delle altre ceramiche narbonesi (B, «prelucente " (HAYES 1972, p. 403). 3) Area atlantica edell'Aquiron:a,
ducente ,). Ma il repertorio delle forme e diverso e la con centro a Bordeaux (Ia ceramica ,'visigotica, di Hayes~.
tecnica della riduzione appare come una novita. Carat­ Prevale la tecnica a riduz!one. La vernice e grigio-scura
teristica della classe e la cos! dena decorazione a stampo, e saponosa. Mancano Ie forme Rigoir 3 e 18. La deoora­
che essa mutua dalla sigillata africana (<< stile A,: 420­ zione a stampo presenta delle caratteristiche proprie (non
470 circa). Le aree di produzione sono tre. Una di queste e influenzata dalla sigillata africana). Cronologia: VI s<:­
non tientra nei lirniti dell'antica Narbonensis. I) Area colo (HAYES 1972, pp. 403-404). La diffusione di questa
della Linguadoca con centro a Narbona. II 40/60 % della ceramica narbonese riguarda, oitre la Gallia, la Spagna
produzione e realizzato con la tecnica ossidante. La ver­ e Ie Baleari, il Marocco, I'ltalia e la Sardegna, la Svizzera,
nice e di color giallo-arancione, simile a quella della e la Grecia. Seguiamo la tipologia edita in RIGOIR 1<)68,
sigillata B. Si conosce una produzione pilI fine ed una ma ricordiamo che alcuni numeri raccolgono in realtil
meno fine, attribuibile ad alcune officine locali. Crono­ pilI forme e che gran patte dei confronti non sembrano
[ogia: 350-400 e oltre (HAYES 1972, p. 403). 2) Area convincenti. Per la decorazione a stampo cfr. RIGOIR 1960.

CERAMICA NARBONESE

FORMA RlGOill 4 (tav. VII, I). forma Drag. 27, rna sembra pill probabile quella della
Frequente a Bordeaux. forma Drag. 29.
FORMA RiGore 8 (tav. VII,2). FORMA RlGOIR 16 (tav. VIII,8).
Tipica di Marsiglia; sotto questa forma sana raccoll; Meglio testimoniata iu Lingoadoca, a sud del Massiccio
dei tipi che sembrano imitazioni di una forma in si­ Ceutrale.
gilhta africana D' (eft. tav. XLV, 1-2).
FORMA RiGOIR 32 (tav. VIII,9).
FORMA RiGOIll. II :tav. VII,3)' Forma rara.
Tipica di Marsiglia; perla coppa efr.la forma Rigoir 33. FORMA RiGOIR 9 a (tav. VIII,10).
FORMA RlGOre 12 (tav. VII,4). Cfr. la forma aualoga in sigillata B; la decorazione a
Tipica di Marsiglia; per Ia coppa efr.la forma Rigoir 35. rotella sui fonda ligura auche nella sigillata africana D'
(cfr. tavv. XXXVII,4; XLVIII, II-16 e XLIX, I-II;
FORMA RiGore I (tav. VII,5).
XLIX, 12-13; XLIX, 14 e L, I; L, 6-7).
efr. Ia forma Drag. 51 e una forma in sigillata afri­
cana D' (efr. tavv. XXXII, IQ-13; XXXIII); ediffusa nel FORMA RIGOIR 9 b (tav. VIII, II).
gruppo narbonese-marsigliese; e testimoniata soprattutto Cfr. la fonna Drag. 38.
nei centri urbani e nelle fJillae; forma servizio insieme alle FORMA RiGOIR 15 b (tav. VIII, 12).
forme Rigoir 2 e 3. Meglio testimoniata in Linguadoca.
FORMA RiGOre 30 (tav. VII,6). FORMA RiGOIR 17 (tav. VIII, 13).
FORMA RiGOre 5 a (rav. VII,7). E considerata una variante della fonna 15.
Forma rara; cfr. la forma Drag. 32 (?). FORMA RIGOIR 15 a (tav. VIII,14).
FORMA RiGOn: 34 (tav. VII,8). FORMA RIGOIR 20 (tav. VIII, 15).
efr. Ia forma Rigoir 12.
FORMA RlGOIR 2 (tav. IX, I).
FORMA RiGOre 33 (tav. VII,9). Estata avvicinata alla forma Lamb. 4/23 della sigillata B;
Cfr. Ia fOM.a Rigoir II. efr. anche Ie forme Rigoir I e 3.
FORMA RlGOre 5 b (tav. VII,10). FORMA RIGOIR 3 a (tav. IX,2).
Cfr. la forma Drag. 32(?); forma rara. Si veda Ia forma Drag. 35; efr. anche Ie forme Rigoir
FORMA RiGOre 10 (tav. VII, II). I e 2; appartiene a questa forma il tipo inedito del LAM­
Si e supposta una derivazione dalla forma Rigoir 8; BOGLI.~ 1958, p. 318; e particolarmente frequente nella
forma rara. regione di Marsiglia e nei centri costieri.
FORMA RiGOre 13 (tav. VII, 12). FOR1>L~ RlGOIR 3 b (tav. IX, 3).
E testimoni.ta solo a Marsiglia. Cfr. anche la forma Rigoir 3 a; analogo madelia del­
I'orlo nella forma Lamb. 48/WAAGE 1948, n. 856 k della
FORMA RlGOIR 3r (tav. VII,13). sigillata africana D'.
FORMA RlGOIR 14 (tav. VII,14). FOR1>L~ RiGOIR 3 c (tav. IX, 4).
Tipica di Marsiglia.
FORMA RlGOIR 29 (tav. IX, 5).
FORMA RiGon: 21 (tav. VIII, I). Sembra essere la sola forma da cucina.
L'aodamento della parete ricorda Ia forma Drag. 33;
forma rara. FOR1>lA RiGOIR 24 a (tav. IX, 6).

FORMA RiGOIF. 7 (tav. VIII,2). FOR1>lA RiGOIR 22 (tav. IX, 7).


E stata proposta una derivazione dalla forma Lamb. 19
FORMA RIGOIF. 6 a (tav. VIII,3). della sigillata {( lucente}} (tav. VI,13-14).
La forma 6 predomina in Lingoadoca. FORMA RlGOIR 18 (tav. IX,8).
FORMA RiGOIF. 19 (tav. VIII, 4). Non e testimoniata nell'area atlantica.
Forma rara, testimoniata a Marsiglia. FOR1>lA RlGOIR 25 (tav. X,I-2).
FORMA RiGOIF. 6 b (tav. VIII,5). FORMA RiGOIR 24 b (tav. X,3-4).
1: stata proposta una derivazione della forma Hermet 24.
FORMA RlGOIR 23 (tav. X,5-6).
FORMA RIGOIR 6 c (tav. VIII,6).
Le oflicine della forma dovevano trovarsi nella bassa FORMA RiGOIR 26 (tav. X,7).
Valle del RodEno (St. Blaise, ArIes, Valence). FORMA RlGOIR 27 (tav. X,8-9).
FORMA RiGOIR 36 (tav. VIII,7). FORMA RIGOIR 28 (tav. X,10).
Noti due esemplai da Mezarac e da Marsiglia; e de­ (per i motivi decorativi di queste forme v. tavv. X, I I-54;
corata a matrice, ultima testimonianza di una pill antica XI, 1-127; XII, I-70).
tecnica decoraj':a; e stata proposta la derivazione dalla • A.C.

TERRA SIGILLATA DETTA (,MACEDONlCA.

IV. TERRA SIGILLATA DETTA «MACEDONICA.

Hayes attribuisce a questa gruppo solo alcune testimo­ tinopoli (I) e in Romania (?) sono considerate delle imita­
nianze di Corinto e forse di Atene (HAYES 1972, pp. 405, zioni locali della sigillata {( arancione-grigia') databili fra
417). Altre, raccolte a Salonicco, Atene, Corinto, Costan- la fine del IV e gli inizi del V secolo. Cfr. tav. XII, 71-75.
A.C.

INTRODUZIONE

Chiamiamo "terra sigillala africana)} l'insieme delle tipi di forme aperte e soprattutto di forme chiuse si cono­
produzioni che Lamboglia defini come "terra sigillala scono soltanto in Africa settentrionale e ttovarro spesso
chiara)} A, C, 0 (esc1usa Ia B, che si e invece rivelata riscontro nella ceramica comune locale, contemporanea 0
di origine narbonese) e che Hayes ha piu recentemente pili antica. 5) Snlla ceramica decorata a riIievo applicato
definito (, Mrican Red-Slip Ware ». Secondo questo auro­ di "fabbrica)} C' e C' appaiono iscrizioni e fignrazioni
re sarebbe consigiiabile distinguere Ie ceramiche con che si riferiscono a costurui di vita africani e in particolare
vernici brillanti della prima eta imperiale (Red-Gloss bizaceni (si pensi ad esempio alle sodalitates, che erano
Terra Sigillata) da quelle con vernice menu brillailte Ie "mafin del tempo). 6) I motivi della decorazione a
della media e larda imperiale (Fine Red-Slip Wares). stampo 0 a rilievo si inquadtano perfertamente nei reper­
Abbiamo preferito, cio nonostante, conservare iI termine tori e nei linguaggi fignrativi della cultura artistica africana
, terra sigil1ala »per Ia grande maggioranza delle ceramiche (appaiono addirittura inunagini delle personificazioui della
fini da mensa del medio e lardo impero, sia per ragioni Mauretania, dell'Africa e di Cartagine). 7) Snlla ceramica
di uniformira terminologica (non bisogna spavenlare gli del tipo (, Navigio" compaiono firme di ceramisti cer­
archeologi «umanisti» con eccessive complicazioni), sia tamente maghrebini e gli stessi vasi a forma di testa
per ragioni strettamente tecniche (pensiamo, ad esempio, umana ricordano per fisionomia e particolari antiquari
alle vernici brillanti e alle argil1e assai depurate di alenne figure indigene africane del tempo. 8) Conosciamo dei
produzioni della Bizacena). centri di produzione (il cui numero va crescendo), quali
La terra sigillata africana - tentiamone una prima Oudna (Uthina), Renchir el Biar (presso Thebourba),
definizione - e una ceramica: I) manufatla in pili aree Renchir es Srira (in Tunisia centrale), Sidi Kalifa (Phe­
di produzione e officine dell'Africa Proconsolare e della radi Maius), Sidi Aich (Gemellae). 9) Sono noti aIcuni
Mauretania (dall'Algeria alla Libia, con epicentro in strumenti di produzione, quali dei punzoni per la deco­
Tunisia); 2) appartenente ad una stessa tradizione arti­ razione a stampo, che sono stati trovati a Thysdrus, Cirta
giana che si sviluppa fra iI I e iI VII secoIo d.C.; 3) che e Timgad.
si rivoIge alle necessira regiona\i africane e soprattutto La diffusione doveva avvenire principahnente, anche se
al grande mercato mediterraneo (e oItre); 4) di qualita non esc1usivamente, per mare, e raggiungeva i pili diversi
pili 0 meno raffinata, coperta per intero 0 in parte da insediarnenti urbani e rurali e gli ordini piu vari della
una vernice color rosso-arancione, pin 0 meno liscia e sodeta (almeno fino al V secoIo). Penetra nell'interno
brillante, in alcuni casi variamente decorata (a barbotina, dell'Africa fino al Fezzan, raggiunge la Spagna soprat­
a rotella, a impressione a stampo, a rilievo a matrice e tutto costiera, il Portogallo, la Francia meridionale, Ie
applicato). I Baleari, Ia Corsica, Ia Sardegna, I'Italia, la Sicilia, Maho,
La produzione di questa sigillata e stata attribuita auto­ j: la Oahnazia, Ia Grecia, I'Egeo, I'Asia Minore, la Siria
revohnente all'Mrica grazie a una serie di indi2i e di I (compresa Dura Europos), Cipro, la Palesrina, la Valle
prove, che qui conviene solo brevemente ricordare. de! Nilo (fino alla Nubia) e la Cirenaica. Ii nota un fram­
I) Appare innanzitutto in Occidente e solo in un secondo mento anche a Axum in Etiopia; e rara nelle province
momento in Oriente, per cui non puo trattarsi di una europee settentrionali (in Austria, Svizzera, Renania,
produzione del Mar di Levarrte. 2) Appartiene ad una Olanda, Inghiiterra e Scozia); einfine attestata anche ne!
tradizione artigiana che nnlla ha in comune (salvo che Mar Nero. Una tale diffusione, per allora "mondiale)},
per taIune contralfazioni) con Ie abitudini Iavorative dei non trova coufronto nelle altre produzioni coeve narbonesi,
ceramisti italici, gallici e ispanici, per cui si deve pensare ispaniche, microasiatiche, cipriote, egiziane, palestinesi e
per I'area di produzione alle province occidentali del della penisola greca (HAYES 1972, pp. 1-18, 428ss.).
colitinente africano. 3) I tipi vascoIari pili antichi si rin­ Si puo anzi addirittura alferrnare che si tratta della ce­
vengono soIlanto nel Maghreb, dove essi sostituiscono, ramica pili diffusa nel Mediterraneo durante tutta I'an­
fin dagli anui '70 del I secoIo, Ie altre sigi\1ate occidentaIi tichita c1assica (l'archeologo si diverte ne! constatare che
che vi venivano precedentemente importate; iI che avverra essa non e mai nominata da una fonte Ietteraria).
anche in ltalia, Gallia e Spagna, ma soltanto nel corso del 11 primo frammento di sigillata africana e stato pub­
II secolo (speciahnente dalla sua seconda meta). 4) Alcuni blicato nel 1833. La prima officina (Uthina, nella Tunisia

II

r'
'.j
~

CERAMICA AFRlCANA

settentrionale) e stata edita nel 1897 (si veda la biblio­ Cia premesso, bisogna ricordare gli importanti studi
grafia). La prima articolazione della produzione in fab­ di Jan Willem Salomonson (SALOMONSON 1968 e 1969),
briche e dovuta aI britannico Waage, con Ie sue (I Late che e stato iI primo a stabilire Ie equivalenze fra Ie clas­
Roman B I' (equivalente aile «sigillate chiare A cD» sificazioni delle due diverse tradizioni e quindi a ricon­
di Lamboglia) e (I Late Roman A >, (equivalente alia (I si­ ferire alle produzioni africane quella dimensione globale
gillata chiara C >, di Lamboglia). Ad esse egIi affiancava, e cosmopolita che e lora propria. I! stato anche iI primo
pur considerandole distinte, Ia «Late Roman C", la a dare nuovo impulso agli studi sui rapporti fra la sigillata
(I Late Roman D » e Ia (I Late Roman E", che sono pro­ africana e i prodotti delle altre arti africane, minori e
duzioui pergamene e cipriote. II Waage commise dunque maggiori. Si e inoltre rive1ato otrimo conoscitore delle
per primo I'errore, poi ripetuto da Lamboglia, di inserire decorazioui a rnatrice e a rilievo applicato (su vasi e lu­
in una stessa serie delle cerarniche di provenienza anche cerne), fra I'eta dei Severi e i Vandall. Ha poi individuato
molto diversa (rna come non giustificare questi primi som­ nella cerarnica di EI Aouja, in quella di tipo «Navigio"
mari raggrupparnenti dei «padri fondatori >, della ceramo­ e nelle contemporanee lucerne vetuiciate nuovi aspetti
logia romana?). AI Waage va in ogni modo riconosciuto della lavorazione cerarnica africana. Con la pubblicazione
il merito di aver intuito per primo I'africanicitit delle sue della necropoli di Raqqada (nella Tunisia centrale) ha
due prime (I fabbriche >, (WMGE 1948). L'iniziatore in dato infine un notevole contributo alia cronologia delle
Occidente di questi studi e state (rna si tende a volte a diverse produzioni e delle singole forme.
dimenticarlo) Nino Lamboglia (LAMBOGLIA 1958 e 1963). Contemporaneamente venivano svolgendosi Ie ricerche
A questo che potremmo definire nel senso migliore del italiane, in particolare quelle legate aile ricerche ostiensi
termine (I dilettante >, - aIIeato dell'archeologia ufliciale e africane (condotte per 10 piu da coloro che avevano
italiana, non ne fece mai veramente parte e forse proprio seguito I'inseguamento di Lamboglia). Si riconosceva
per questa riusci a colmare Ie gravi lacune di quest'u1tirna una fabbrica di sigillata africana a Pherad! Maius. Si indi­
(dallo scavo stratigraftco, alla classificazione sistematica viduava la nuova «fabbrica" della A/D. Si precisava 10
dei reperti, all'archeologia sottomatina) - si deve dunque studio della cerarnica «a patina cenerognola" e «a orlo
la prima classificazione delle forme della sigillata che noi annerito» (come aIIora si soleva chiarnare la «cerarnica
chiarniamo africana per «fabbriche» e i Iineamenti fon­ da cucina " africana), ponendo particolarmente attenzione
damentali della lora cronologia, dal I al IV secolo, ricavati alia produzione della aIIora detta (I A a strisce» (ora
sulla base delle stratigrafie occidentali (in particolare di delinita come cerarnicada cucina polita a bande). Si
Albintimilium, iI primo centro dell'Italia romana scientift­ chiarivano i rapporti fra la sigillata africana e la cerarnica
carnente indagato). da cucina piu diffusa, che cominciava in quegli anni ad
Esistevano un tempo notevoli divergenze fra la scuola apparire anch'essa come africana. Si apportavano dei
ceramologica occidentale e quella orientale, Ie quali non ritocchi ai terrnini cronologici delle singole produzioni e
si riconoscevano e si ignoravano a vicenda. La scuola forme. Si tentava una localizzazione geogralica delle pro­
occidentale (soprattutto italiana) aveva a volte della duzioni e un'analisi dei rapporti fra produzione cerarnica
(I latinita >, una idea ristretta, che 5i fondava piuttosto su (lucerne comprese), produzione agricola e produzione arti­
presupposti ideologici «nazionalistico-fascisti >, che non stica (CARANDINl 1970). I volumi di Ostial-IV e gli studi
su realta storiche oggettive. La scuola orientale (soprat­ collettivi e individua1i che si sono sviluppati a lato e a
tutto britannica) mostrava in altri casi una presunzione, partire dallo scavo delle Terme ostiensi del Nuotatore
forse di tradizione «imperiale " che portava ad ignorare divenivano nel frattempo importanti per I'avanzamento
la bibliografta che non fosse in lingua anglosassone. Con nella conoscenza della cultura materiale dell'Mrica setten­
iI maturare dei tempi Ie vecchie barriere si sono. fortuna­ trionale (ricorderemo in particolare 10 studio de L'mstru­
tamente e deliuitivarnente infrante e nuovi rapporti cul­ mentum domesticum di Ercokmo e Pompei, Roma 1977).
turali si sono venuti stabilendo fra Ie diverse nazioui e Frutto di una ricerca quindicennale, usciva nel 1972
tradizioui, anche in questo campo di studio I! cos! ac­ iI volume di John Hayes, lAte Roman Pottery. In molti
caduto che gIi studiosi della scuola orientale hanno co­ punti esso si accordava con i risultati delle ricerche
minciato a riconoscere i meriti scientiftci della scuola ostiensi sopra menzionate, precisandoli e arnpliandoli in
occidentale (anche se un franco confronto stenta ancora rnisura decisiva. Nel manuale del ceramologo britannico
ad avviarsi nel campo delle recensioni). D'altra parte sono prese in considerazione tutte Ie ceramiche lini della
gli studiosi della tradizione occidentale hanno linito per media e tarda eta imperiale: una impresa mai tentata.
riconoscere la possibilita: a) della produzione africana La base documentaria e tratta fondamentalmente dagli
della sigillata (I chiara >, A, C, D (cui per molto tempo scavi orientali (Abu Mena, Alessandria, Antiochia, Apol­
non avevanocreduto); b) di riconoscere nuove fabbriche Ionia in Cirenaica, Atene, Ballana, Costantinopoli, Corfu,
di sigillata africana, meno rilevanti di quelle preceden­ Corinto, Cipro, Dura Europos, Emporio a Chio, Geru­
temente individuate, ma comunque importanti, perche salemme, Pergamo, Salonicco, Tarso, Tocra). Ma Hayes
frequentemente espottate, aI fine di una comprensione conosce assai bene anche gli insediamenti e i musei oc­
complessiva del fenomeno produttivo della cerarnica cidentali (Iia tra I'altro seguito da vicino gli scavi ameri­
africana ; c) della diffusione delle diverse produzioui cani di Cartagine e la ricognizione topogralica della
anche in Oriente (di qui la necessita di equiparare la British School di Roma nell'Etruria meridionale internal.
classificazione britannica con quella italiana); d) di ab­ Oltre a situare per Ia prima volta la sigillata africana nel
bassare di vari secoli la fine delle sigillate africane. quadro delle produzioni delle due parti del Mediterraneo,

12 I
I
.. >c

r
""

CERAMlCA AFRICANA

egli ha avuto il merito di individuare un'altra «fabbrica , encina esportata anche in regioni molto lonrane, quasi
relativamente importante (da noi denominataj)), eli rico­ si trattasse di merci raffinate (non mancano storiti del­
!
,
noscere Ia continuita della C fino a tuno il V e della D
fino al VII secolo. Egii studia inoltre finalmente in modo
I'economia antica che ritengono ancora che nel :nondo "
romano riuscissero a valicare il mare solo Ie merei di
sistematico Ia decorazione a stampo, proponendo un. lusso).
datazione anicolata, seppure del tuno preliminare, degli La produzione pili antica e quella della A (Ia £ Late
«stili» di questo semplice modo di impreziosire Ie sto­ Roman B, early phase» di Waage), ambientabile nella
viglie ceramiche tardo-antiche. Hayes affronta inoItre regione di Cartagine. Nei primi due secoli dell'Impero
anche Ie produzioni africane che hanno avuto una dif­ essa appare fortemente subordinata alia tradizione ani­
fusione soltanto regionale (Ia "tripolitaua » e quella pin giana italica e gallica (tanto da esordire con delle volgari
ampiamente trattata). D'altra pane egli non distingue contraffazioni), anehe se non mancano forme cIte ricar­
nel manuale fra la terra sigi1lata e Ie produzioni da cucina dano Ie pili rozze esperienze locali. Questa produzione
esportate, che pur dovevano differenziarsi per uso e comincia, come molti altti fenomeni Iavorativi afri,:rni, a
prezzo dalle stovig!ie fini di mensa. Lo studioso inglese partite dall'eta flavia. Ie primissime importaziDni (seo­
non tratta poi di altre produzioni, quali quella del tipo brerebbe di fonne chiuse) si rinvengono forse nei (e"tri
«Navigio» e riserva inoltre solo brevi cenci alle kceme. ovesuviani I, (sepolti dall'eruzione del 79 d. C.), ma Ia
Infine nel catalogo delle forme non si speciJicano Ie varie prima reale, anche se limitata diffusione cominci. nell'eta
«fabbriche » se non per grandi linee e attraverso descri­ domizianea (come hanno definitivamente dimostra:o Ie
zioni empiriche tanto accurate e rivelatrici quanto poco stratigrafie ostiensi delle Terme del Nuotatore). Con
sistematiche e sinteticIte (per cui riesee difficile al lettore Traiano e Adriano Ie importazioni si intensificano, rna
non specialista risalire dalla descrizione del singolo caSo in Itali. non arrivano ancora a superare Ie prodaioni non
alle produzioni vere e proprie). Infine Ia rapidita dei cenni decorate italiche e galliche. In Mrica settentriouale Ie
stratigrafieo-eronologici se non infirma i risultati generaE importazioni dalle regioni occidentali e settentriona:i del
dello studio, certo fa apparire alcune datazioni come Mediterraneo cessano invece gia a partite dagli an.,i '70,
apodittiche e bisognose di anche rilevanti correzioni" salvo Ie lucerne italiche, importate e imitate (in sueclmali?)
Ma queste critiche nulla tolgono al rango scientifico di nel Maghreb fino al terzo quarto del II secolo cit:::. La
Hayes e al valore fondamentale del suo manuale" Esso massima diffusione della sigil1ata A si verifica fra la meta
offre infatti una ossatura cronologica all'archeologia ro­ del II e il III secolo inoltrato - dal Portogallo all" Pale­
mana mediterranea. II lavoro fa dunque epoca, oome Ia stina, ed eccezionalmente anche in Europa centrale ­
fece quello del predecessori britannici Felix Oswald e quando ormai fItalia e morta (ne rismcitera fino al tardo
T. Davies Pryce sulla Terra Sigillata italica e soprattutto medioevoJ) per i grandi commerci trausmarittioi (un'altra
gallica, che e del 1920. Non si PUD a questo punto non verita che stenta ad es'ere accolta presso molti .torici,
rilevare che il fondamento tecuico dell'archeologia ro­ rna che non mancher' di afIerrnarsi per Ia chiarezza del­
mana (intesa non soltanto come mera «storia dell'arte »~ l'evidenza archeologica).
viene posto per Ia prima volta nei cinquant'anni cIte ci L' eleganza dei primi prodotti serve alla loro afferma­
stanno alle spalle, per merito principale della senola zione sul mercato provinciale d'origine (a scapito delle
britannica. E mentre molti italiani sventravano Roma importazioni) e poi sni mercati interprovinciali. La stan­
(come raceonta Antonio Cederna nel suo Mussolini urba­ dardizzazione degli stes,i prodotti, a partire dall'eta an­
nista: dove gli intellettuali fanno peggiore fignra del duce) tonina, serve invece alla eonqnista definitiva dei mercati
e Iasciavano poi trasformare in gesso i rillevi mannorei occidentali: in primo luogo quello gigantesco di R'lm.,
del pili grande impero dell'eta antica - distruzione quindi anche gli altri grandi centri crbani, Ie ville e Ie
fascista e miracolo economico furono ambedue servi della fanorie. Poi i tipi ceramici della A, cIte avevano servito
speculazione edilizia - giungevano da quelle che ven­ Ia mensa di milioni di uomini (fra cui Ie due megalopoli
nero definite Ie «poteuze plutocratiche dell'Occidente I) di Occide:>te), scompaiono dalla seena rifugiando,i nei
(in particolare dall'Inghiiterra) gli strurnenti principali Iimiti del mercato regio:la1e di partenza, per poi 'parite
per capire anche la storia della nostra Penisola dal punto o confondersi nel mare delle produzioni co:nuni, ri'lolte
di vista dei suoi resti materiali: strurnenti nmiIi dati a esclusivamente al consumo locale. Questo e il destino
noi, tanto amanti dell'arte da aver messo a ferro e fuoco morfologico ed economico di molti prodotti, che an­
arte e non-arte di quello che un tempo veniva unanima­ drebbero studiati caso per caso (uno di "uesti riguar­
mente definito come il (, bel paese ». da Ia zup?iera, forma Lamboglia 2I: efr" CARAND1N1
Non si capisce Ia realta della terra sigi1lata africana se 1970),
nOn la inquadriamo nelle condizioni generali delle pro­ Ma ritomiamo alla fine del II secolo, quando si ,upera
vince nord-africane, in particolare della Proconsolare; se in Afrie;; la subordinazione nei eonfronti dell'Halia cen­
non pensiamo, cioe: I) al colonato come si e venuto rtale titrenica e della Narbonese. Le esperi= impor­
confignrando dall'etil flavia; 2) alla produzione del­ tate vengono ora riassorbite nella tradizione artigianale
rolio e di altre derrate alimentari e dei 10ro contenitori, locale e il vinto si trasforma (come spesso avviene) in
che raggiungono anch'essi i mercati transmarini (gnarda vineitore., La produzione della A domina nell'eta degli
caso) a partire dall'eta flavia; 3) alle pin tarde esporta­ Antonini proprio nel cuore dell'Impero, cIte cooincia
zioni di ampolle per oli profumati e di lucerne, e soprat­ ora a vivee un'eta dell'oro rovesciata - t:.na profonda
tutto, 4) allo straordinario fenomeno della ceramica da crisi: altro che aurea eta! - in favore dell'altra sponda

13
CERAMlCA AFRlCANA

del Mediterraneo. Non molro dopo abbiamo la decadenza vare il movimento della storia politica ed economica
di questa (, fabbrica », che per prima aveva simboleggiato proiettato sulIa dimensione delle translationes geogra­
10 spostamento del primato produttivo dalle province fiche. E ormai il tempo delle produzioni, anch'esse
mediterranee occidentali settentriouali a quelle meri­ destinate all'esportazione, della AID e della ben pin
diouali. famosa C (]a Late Roman A di Waage). Non I: un caso
I campi della provincia Proconsolare sono ormai popo­ che da quest'cpoca, 0 poco dopo, cominciamo a conoscere
lati da piccoli contadini possessori delIa terra - tutelati Ie prime anfore prodotte per contenere e trasportare olio
in alcuni casi da patti agrari pin certi (stabiliti dallo Slato) (e alae derrate Iiquide), manufatte a Neapolis, Hadru­
e forse in certa misura pin favorevoli rispetto a quel1i metum, Leptis Minor e Sulleetum (i porti appunto della
tradizionali nella zona - che trovano ora Ie condizioni costa orientale della Proconsolare). Le aufore {( africane
materiali e sociali per rivoluzionare il paesaggio agratio piccole »cominciano a diffondersi intorno agli anni 160-ISO
di molte zone del Maghreb: ora un vero e proprio giardino e quelle «africane grandi » poco dopo, fra il 190 e il 200
alberato (gli ulivi punteggiano Ie grandi pianure, a per­ (Ostia I-IV). L'apice della diffusione di questi conte­
dita d'occhio). L'olio africano I: esportato in ltalia fin nitori si pone dunque intorno alla meta del III secolo.
dalla seconda mera del I secolo d. C. (come dimostrono D'altra parte Ie prime lucerne verniciate (quindi anch'esse
Ie aufore {( tripolitane» e quelle {( tunisine »: Ostia Ill, ormai con ambizioni, se non aneora con successo di mer­
forma LIX). Si moltiplicano contemporaneamente Ie cato) cominciano ad essere fabbricate (ma non ancora
cittil, Ie strade e i portio Fra Adriano e Settimio Severo esportate) intorno agli anni 230-240. Ma fro l'ultimo
I'olio africano diventa sempre pin essenziale per Roma, quarto del II e il ptimo del III secolo cominciano giil
J'Itaiia e molte province delI'Impero. II successo e la a lavorare ollicine indipendenti dalle centrali italiche,
centralita della Proconsolare vengono lissati e celebrati che producono lucerne e ampolle per oli profumati in
dalla propaganda imperiale nell'anno 192, allorche Car­ cerarnica di buona qualira, rna non ancora vernidata.
tagioe viene sollevata al rango di una (, Alessandria to­ I diversi fenomeni si muovono, come si vede, con un
gata ». Quando la nuova f10tta annonaria commodiana certo parallelismo. Non a caso assistiamo contemporanea­
raggiunge Cartagine viene ora accolta eotro un nuovo mente a un ridimensionamento del peso politico di Car­
sisterna portuale, tanto funzionale quanto monumentale, tagioe, dovuto allo smantelIamento della pertica Cartha­
come hanno dimostrato i recenti scavi britannici e ame­ ginensium, ma la ricerca in questa direzione deve essere
ricani, di cui stanno uscendo i rapporti preliminari. approfondita, con la delicatezza che si deve usare quando
Questi e molti altti sono segni che muovono tutti in si passa dall'universo degli oggetti a quelIo delIe isti­
un'unica direzione: I'Mrica come cardine del Mediter­ tuzioni (A. Carandini, in Dialoghi di Archeologia, 1973,
raneo. Si tratta di un fatto nuovo, che rompe la continuira p. 312 ss.).
delIo svolgimento storico precedente, imprimendo una La produzione C (dal1a vemice opaca 0 C') I: la prima
brusca sterzata al sistema di riproduzione sociale ed eco­ produzione ceramica africana ad essere reahnente {( uni­
nomico delJ'Impero (I' era moderna riservera sorprese versale », nel senso che essa domina ormai anche nel
ancora maggiori, quando soranno Ie citta del Mare del Mediterraneo orientale, del tutto incontrastata per ben
Nord a svolgere il ruolo principale e il Mediterraneo due secoli (dalla meta del III alla meta del V). NelIa prima
non apparira se non come uno dei tanti angoli del mondo). mera del III secolo questa ceramica raggiunge Dura Eu­
D'altra parte vi sono precisi riscontri a questa situazione ropos e nel IV, sporadicamente, l'Europa .centrale (I:
inedita, anche a livelIo della composizione del blocco ram in Mauretania). Cade pertanto, rna non soltanto
sociale dirigente delIo Stato: nel senato e nelle procu­ SulIa base di questa specifica evidenza, il vecchio mito
ratele equestri prevalgono ormai gIi africani su tutti gIi (che I: anche di alcnni storici del Medioevo) di un perenne
altri provinciali di lingua latina. Fiorisce la letteratura, primato nelI'antichira delle produzioni orientali su quelle
l'arte musiva e molte altre ancora, ormai romane e afri­ occidentali (quasi che il vizio del commercio fosse carat­
cane ad un tempo. Fatti questi singolarmente ben noti, teristico soltanto del Levante). Con Ie officine delIa C
rna che assumono la loro dimensione (il loro spessore si accentua ulteriormente il carattere che in termini di
storico) soltanto se messi in serie: quando ciol: possiamo economia politica si definirebbe di {( valore di scambio »,
misurare quantitativamenre il fenomeno del rivolgimento tanto che spariscono quasi del turto Ie forme chiuse (che
guardando all'insieme della cultura materiale. E plausi­ pure crano state prodotte nelIe ollicine della A), pin
bile che gli spostamenti della fortuna seguano gli spo­ difficili da impilare nelIe stive delIe navi e piil facili alla
stamenti dei potenti (per cui la rovina della Penisola rortura (si usavano invece recipienti di metallo, vetri e
italica sia legata a quella della sua atistocrazia). ceramica comune locale). Caratteristica della {( fabbrica »
Con gli Antonini e i Severi (imperatori africani questi della C I: la semplicita delle coppe e dei piatti, che ap­
ultimi) 10 spostamento delIe forze produttive verso me­ paiono di una finezza straordiuaria, tanto da riusclre a
ridione, gia osservato nel quadro complessivo del Me­ superare spesso quella pur notevole dei pin antichi pro­
diterraneo, si ripete, in piccolo, nell'ambito della stessa dotti italici e sud-gallici e da somigliare per solidira e
Proconsolare: dal1a regione di Cartagine a quella di sottigliezza aile stoviglie in metallo. Questi risultati tecnici
Hadrumetum: la ricca Bizacena, solcata dalle due grandi si ottengono principalmente (I: la tesi di Hayes) ricorren­
{( strade dell'olio », che dai rilievi della Dorsale (dai centri do all'uso di matrici anche per la lavorazione di vasi
di Thala e CilIium) conducono al mare (ai porti di Hadru­ non decorati. Vi I: da notare che in quest'epoca i piatti
metum e Sullectum). Si ha cosl I'impressione di osser­ (forma ora di modal e Ie scodelIe raggiungono dimensioni

14

CERAMICA AFRlCANA

che ci stupiscono, tanto da far pensare a una trasforma­ delle produz:oni artistiche e attigiane. Meno chiaro e
zione nei modi di servire tavola e di mangiare (meno in­ quel {;he avviene in Oecidente, d,ove gli strati archeologici
dividuali e pill collettivi). tardc>-antiehi hanno destato raramente l'interesse del­
Fra Ia fine del III e gli inizi del IV secolo si assiste l'archeologo (s1la caeeif. delle "-flitigia {' migliori » 0 «ar­
a una ripresa fQrtunatissima delle officin~ della Tunisia caiche ,) delle civilta): una crisi eforse da ipotizzare anche
settenttionale, ehe parevano del tutto scomp=. La pro­ per questa parte, ma i: ane,ora IUtta da veriticare e mi­
duzioue della .'\ rinasee, come daile sue ceneri, sotto Ie surare. In ogoi modo vi scno segni evidenti di ripresa
spoglie rinnovate della D (Ia ,Late Roman B, middIe­ c.opo la riconquista bizmtina (Hayes). La produzione
late phase » di Waage), che viene prodotta fino aI VII della D raggio.mge Ie foci del Reno nel IV secolo, la
secolo. Queste stoviglie sono manufatte awaler.dosi pro­ Scozia nel VI e Ie necropoli lvngobarde iu Italia nel
babilmente di manici anche per la qualitil non decorata, VII (rna orma; essa viene ,ista come esotica e di lusso).
ehe ormai pero appare 'empre pill frequentemente im­ Fra Ia meta del VI e la meta del VII secolo a Costanti­
preziosita da sistemi di decorazione a snnnpc', gia pre­ nopoli Ia sigillata africana, se non !ieoe pill il primo posto,
senti precedenremeute, rna eccezionalmente, nelle pro­ riesce tuttavia a eonservare Ia seconda posizione, e non
duzioni A, AjD e C, e che ora si diffondono con un gusto e poco. Nel eerso del VII secolo si assiste invece ad una
per I'Iwrror va."'; ehe ritroviamo anche in arti di diverse indiscutibile Hessione della produzione, cui I'invasione
genere (CARANnIN1, 1962, p. 2[0 ss. e A. Carandini, in araba presta furse poco pill che il nome (' fine '). Non
Archeologia dassifXJ, HT/0-71, p. 120 ss). II merito della aveva aIlora del turto torto Pireune, quando sostene­
cronologia della D (specie della sua • late phase') e di va che I'estremo tennin. del mondo antico venne se­
Hayes, ehe si serve delle associazioni con Ie eeramiche gnato daII'aecendersi delle prL'lle candele, per mancanza
orientali e delle stratigcafie delle ehiese da:ate di Costan­ dell'olio africano da ill.n:nin:t2ione (I'olio era I'oro nero
tinopoli. Lo scavo inglese, italiano e can~dese del Muro dell'eta cIassica). In questo '=0 Ia fine della grande
di Teodosio II a Cartagine, datato al 425, ha fomito un e,portazione dclI'olio africano 'egna anche la morle di
aItro importante caposaldo eronologico, queIIa che altro non era se non una semplice merce di
Passando alle altre merci cerarniche, vi e cia rieordare .::compagno: '" sigillata africana, appunto. Impilata
che aile lucerne della Tunisia centrale (ti:oo Heochir es neIle stive delle navi, probabJn:ente negli interstizi fra
Srira), largamente esportate daIla meta del IV secolo, Ie funziouali, leggere e gcandi anfore africane (per I' olio
subentrano agli inizi del V Ie lucerne dette «dassiche », e Ie salse di pesce), essa rappresenta proprio per questo
da attribuirsi appunto alia Tunisia setrentrionale (0 Zeu­ lID preziosissimo indizie non solo della propria preseoza,
gitana). Queste lucerne, pur conoscendo UCla straordinaria ma soprattutto dei fenemeni prc-duttivi e distributivi di
fortuna nel Mediterraneo occidentale, non raggiungono base su cui si reggeva il maudo antico: gli scambi e i
in quello orientale Ia forruna delle produzioni vascolari movimenti forzati delle derrat¢ alimentari.
(salvo ehe in Egitto, ,dove sono piuttosto diffuse). La Intorno alla meta del IV secclo conosdamo un ulteriore
ripresa produttiva della regione di Cartagine, dopo Ia spostamento ,-erso mezzogiomo delle produzioni cera­
erisi del III 'ecolo, e confermata - obe che dane pro­ miche africane (con quanto esse possono eomponare):
duzioni del vasi e delle lucerne in sigiliatl D - da altri quasi un procedere dell. civili2zazione del capitale com­
dati significativi, come quello dello sviluppo erlilizio di merciale verso il meridione (rioordiamo una produzione
Cartagiue, che raggiunge il suo vertice ",ella periferia pill ill aofure olearie anche a Thaenae, simata appunto nella
lontana dai porti (quindi nel luogo pi" significativo) Tunisia meridionale). ena J:UO\-a «fabbrica » individuata
proprio alia fine del IV secolo (come ha potuto dimostrare da Hayes (da noi denominata E, preceduta forse da
10 scavo italiano) e quello della comparsa conlemporanea prodromi che .bbiamo definito come CjE), e ambienta­
di una nuova forma di anfora detta «cilindrica del basso bile con tutr2 probabilita nclla. Tunisia meridionale.
impero », i cui fomi sono stati rinvenuti appun:o in una Anche questa produzione si avvaIe di matriei per Ia Iavo­
frazione vicina alia grande citta. La sua fortuna si data razione dei vas: non decorati e viene esportata iu Tunisia,
ai secoli IV e V; poi subentra Ia forma degli i spatela», Libia, Grecia e Egitto. Per qud. che sappiamo, essa i:
ehe prevaIe fra il Veil VII secolo (Os.ia IV). assente nel Mediterranec cccidentale, il che ci serve
La massima dilfusione delle oflicine della D, sia per non poco a intendere Ia logica delle rotte commerciali
quanto riguarda i vasi et.e Ie lucerne, e da simarsi fra Ia mediterranee deU'epoca. I pre,dotti imbareati nei porti
meta del IV e Ia meta del V secolo. Quando nel setten­ d"~lla Tunisia centrale e soprattutto meridionale raggiun­
trione occidentale dell'Impero giil si par:a di rovesci e gono infatti .;;on maggiore difficolta Ie coste oceidentali
disastri, I'egemonia africana pare indenne e al suo culmine. dell'Africa se:t~ntrionale e i1 Ponente meillterraneo. I
Le produzioni della D veugono imitate da qUllSi tutte Ie successi eoevi della E, della C e della D non sono dunque
pill importanti produzioni ceramiehe fini ncn a::ricane wtti della ste"a natura e delio stesso rilievo, pur rien­
dell'Impero ed anche da diverse ceramiche di uso locale. tIando nel quadro della medesima esperienza produttiva.
Con i Vandali le esportazioni sembrano calare (I'Egitto La fortuna d'una ceramica "a~rebbe pettanto dipendere
a parte) iu Oriente, dove prevaIgono ormai Ie produzioni non tanto daUa locaIizzazioBe co'tiera dei forni, quanto
pergamene, cipriote e egiziane. La cenw.Jitil dell'Africa p:uttosto dalla 10ro prossimita agli. sbocchi e ai ceotri di
e I'unita del Mediterraneo sotto il suo segno mai era n:anipolazione delle derrate alimentari Iiquide destinate
stata cosl grande e viene ora, per Ia priml volta, messa al mercato transmarino e dalia lora vicinanza ai porti
in discussione. Se ne ha subito il rifless,) nella qualita n:eglio simati rispetto aile rotte aIlora pill frequentate.

IJ

CERA.MICA AFRICAJ.'\TA

Con il IV seoolo sorgono anche molte altre produzioni raffigurazioni vascolari 0 la grande arte applicata del
in terra sigillata, di rillevo pero regionale, che non i: certo mosaico, che ',;ve ora la sua stagione migliore. Non vi e
qui il caso di menzionare per esteso. fuse imitano Ie pro in questa momento (come. in mnti altri dell'antichitil
duzioni costiere maggiormente esportate. Sono in qualche classica) alcuna solUZ::one di Continuit' fra Ie ani maggiori
modo 1'= di queste ultime (il segno della lora forza della decorazione architettonica e Ie arti minori della
esplosiva) alI'interno delle province, nelle lora aree pin suppellettile pili preziooa 0 a buon mercato. Non e un
arretrate.Appare in ogni modo evidente cne la ceramica caso che proprio in questi anni la tecnica della lavora­
afri=a, quali che siano la varieta delle caratteristiche, zione cerarnica raggiunga il suo masSIDlO livello.
il grado della commercializzazione, il livello qualitativo, La fine del III secolo e i primi dece.oni del successivo
la destinazione funzionale, la complessit" della decorazione, costituiscono :t momenta della massima diffusione della
e un fenameno produltivo tanto straordinario quanta cultura fignrativa africana nel Mediterraneo occidentale
sostanzialmente unitario, che va studiato nella sua orga­ (I'arte non si diffonde nel nondo antico facilmente
nicit'. quanto Ie merd di illO p:n comune). Viaggiano ara anche
Dalle tecniche di produzione, dalle tipologie, dalle . Ie maestranze dei mosai:isti formatisi nei grandi centri
carre di distribuzione e possibile (e do"eroso) risalire agli urbani africani e sorgono Ie dime·re lussuose e burocratiche
aspetti <Ii artigianato artistico che queste stesse cerarniche dei grandi latifondisti: e iI momento della villa di Piazza
vengono a rivestire, anche se la fortuna di queste officine Arroerina, che funge senz'altro da caso embleruatico pur
si bas. pin che altro sulle produzioni non decorate. nella sua relativa eccezionalitil (A. Carandini, in Dialoghi
SfioraudoJ tale aspetto pin (l artistico ,} della cerarnica di Archeologia, 1966, p. 93 ss.).
africana, possiamo dire che nel II secolo si imitano, del II massimo successo confin. tuttavia spesso can la
tutto ecxezionalmente e a matrice, alcuni motivi deco­ prima decadenza. Con la seconda meta del IV secolo
rativi !rlIdizionali (scene dionisiache e di genere) della entra infatti in crisi, nella produzione vascolare e nelle
produzione italica. La decorazione a rillevo applicato luceroe, la decorazione a rilievo applicato e prevale de­
del III secolo su vasi della produzione A e su vasi e lu­ finitivarnente quella a matrice (rna i vasi tipo «Navigio ,},
cerne della produzione C mostra, come si e detto, I'as­ darabill fra il 290 e il 320, eranJ giil decorati a matrice).
similaziolle e il superarnento delle esperienze legate alIe Comincia ora ]a dissoluzione della forma africana, come
merci di importazione occidentali, cioe la fine della su­ si era avuta quella della forma romana, circa due secoli
bordinazione culturale al centro dell'I:npero. Le de:o­ prima. Le raffigurazioni sui va,i si fauno ora pin com­
razioni riJlettono per la prima volta un crudo realismo plesse, unitarie, gerarchicbe e magoiloquenti - si vuol
nei conteouti e un fresco naturalismo nello stile. Le raf­ raggiungere con poca spesa un grande effetto - rna esse
figurazioni, 'live e semplici, sono realizzate attraverso il appaiono senz'altro pin fredde, disorganiche, ripetitive
libero assemblaggio di singoli motivi, scelti da un ricco e convenzionali, ormai subalterne alIe arti maggiori: dalla
repetrorio (di circa duecento clementi). Le iconografie grande pittura al grande mosa:co (da questo :nomento
piu viete, quali i paesaggi idillici della tradizione elle­ Ie iconografie comprender:mno anche soggelti di carat­
nistico-romana, 'lengono ora scanati a favore della rap­ tere biblico--cristiano). Ora e non priroa e da porsi I'inizio
presentazione realistica di falti e arnbienti locali e quo­ del Iingoaggio figurativo tardo-antico in Africa. Ogni
tidiani (si pensi aile scene di anfiteatro di Thysdrus). provincia ha un suo momento per tale inizio e , inaugu­
II fenomeno e rivoluzionario sui piano della storia del­ rare la serie " state proprio it tardo-antico antonino
I'arte (ma e traccia di ben altro), almeno quanto quello (non e un controsenso) :n Roma. La disgregazione del
della scoperra del paesaggio naturalistico ellenistico, e realismo e della cultura figurativa di tradizione ellenisti­
trova soltanto rari precedenti nell'arte (l plebea}} del­ co-africana si osserva soprattutto nella decorazione ar­
I'Italia e in quella delle altre province settentrionali (:na chitettonica «monumentale'} delle grandi cina costiere
non vi sono prove di «conratto }} fra queste diverse espe­ africane (nell'interno il lingoaggio antinaturalistico era
rienze di realismo figurativo). Le sabbie ricoprirarmo stato semp"e presente, per cui s; potrebbe parlare di una
nel Medioevo - bruciati gli ulivi dai nomadi - questi condizione endemica di tarda-antichit' nella cultura
racconti fi"crurati dei paesaggi urbani e rmali dell'Urica figurativa, se con questo termine non dovessimo definire
romana. L'Europa non li riscoprir' 50 non quando Ie piuttosto la storia della :>erdita di egemonia di un'arte
cavallerie e gli aratri del colonialismo francese sconvol­ che volge verso la fine del mondo antico che non una
geranno quei suoli, al ritrllo della (l propriet' privata '. Per qualsiasi condizione di subalteroit' culturale). La crisi
conoscere, sempre in Europa, un realismo di analoga si rillette anche in Sicilia, nelle ville di Tellaro e di Patti,
intensitit hisoguer. attendere I'arte delle rinascenti classi che sembrano piu tarde del palazlO di campagna di Piazza
medie commereiali mediterranee ed europee, sicurarnente Armerina. Nelle varie arti non si l,vora pili per una classe
ignare delle precedenti conquiste degli artigiani nord­ agiata di funzionari e piccoli dirigenti, ma ormai piut­
africani, alIora aneora sepolte. tosto per un gruppo ristretto d, honestiores, 50mpre pili
Per quanto riguarda la ceramica, si tratta all'inizio di distaccati dagli umili. ALa frattura artistica conisponde
merci de'tinate soprattutto ai mercati regionali (si pe.:lsi una frattnra sociale. All'irrigidiroellto dello stile fa ri­
aIle brocxhette di EI Aouja e aile luceroe corrispondenti scontro quello degli orOO e deg'i status (a pili forte
in C' e C'), ma poi (dal 280 circa), anche di merci per privilegio, pin duro sfruttamento). La sfera di azione della
un mercato per allora mondiale (si pen,i aile produzioni cultura egemone si restringe, come era gia awenuto
in C' eO). II confronto pin spontaneo e fra queste nell'epoca rardorepubblicana in Italia, rna seuza che vi

16 .
CERA.MllCA AFRlCANA
sia piu quella compatta certezza nella cultura ellenistica economico africano. In questo bipolarismo esemplare
e classicistica di origine microasiatica e attica, poi divenuta non si possono dimenticare Ie altre province. Ma bisogna
anche romana. Ormai si ha solo un ritardato disfacimentn, partire d. questi dati fondamentali della storia di lungo
una imbalsamazione dell'ordine anche formale prece­ periodo, per poi scendere alle particolarita e alle \"arianti.
dente, una {{ rivoluzione passiva l}. Come se si tratrasse di un disegno :Ii contorno clIe at­
«Et paene ipsa (Mrica) omnibus gentibus olei pra",tat l', tende che il chiaroscuro 10 dissolva.
recita I' Exposino. I resti materiali dimostrano che nnn si
tratra di una frase retorica (e l'olio, ormai 10 sappiamo, Un tempo si soleva interpretare Ia lex Ma.ciana
significa molti altti prodotti ancora). Le merci africane come un intervento volto a stimolare la produzione agri­
(alimentari e altre) ci aiutano certamente a vedere l'ar­ cola in alcune zone dell'Africa settentrlonale lttraverso
chitetrura dello sviluppo produttivo africano (economico Ia formazione di un largo strato di liberi contadini. Si
e artistico), tramite una griglia di evidenza continua nello profila ora una tendenza contraria, che rende a negare
spazio e nel tempo, tanto da permetterci di classificare ogni trasformazione del modo di produrre nelle province
(ricucire) una pluralita di fenomeni diversi, che alt:ri:::J.euti africane durante l'em imperiale. I mutamenti di proprieta
apparirebbero soitanto come membra sparse, da cui (impossibili da negare) si sarebbero svolti in sfere tanto
sarebbe difficile trarre un qualche significato. elevate da non lambire quella della popolaziOl:e lavora­
Ma da queste stesse merci non riusciamo ancora (per il trice. Questa presunta continuita nel sistema di produzione
momento) a strappare it segreto piu prezioso: doe it present. cetramente it vantaggio di dare una spiegazione
«modo sociale l) in cui vennero prodotte. Sulla forma di alla mancanza di uno sviluppo generalizzato della schiavitiJ.
produzione schiavistica in Italia cominciamo ad avere rurale nel Maghreb: "the Romans left farming much as
qualche idea chiara (A. Carandini, L'anatomia della they foud it l) (serive C. R. Whitraker in un denso e
scimmia, Torino 1979; A. Carandini-S. Settis, Schiw.n originale articolo in Klia, 1978, p. 355). Questa tesi
e padroni nell'Etruria Romana, Bar! 1979). I sistemi non esclude che la commercializzazione dell'agricoltura
schiavistici della villa e della manifattura urbana erano abbia pOtuto modificare entro certi limit! la sitnazione
riusciti a costringere molti uomini a cooperare forzata­ sociale, ma senzU alterare i rappotti eli prodnzione di
mente fra di Ioro, valorizzando capitali commerciali e fondo - ecco it punto - almeno prima della fine del
producendo merci per amp! mercati. Ma sulle cor.dizioni III secolo d. C.: «it was not until the later third century
degli arrigiani africani (probabilmente non schiavi, coU".e A. D. that export of a cash-£rop in olive oil developed
si ricava dagli studi di Kolendo e Whittaker), sulla loro on any scale ll. Si ammette insomma una commercializ­
autonomia dalla campagna, sui loro concreti processi lOzione di alcune derrate alimentari, limitata e tardiva.
lavorativi sappiamo ancora veramente poco (bisogoer<bbe Di qui il prevalere della continuitil "e1Ie strutture della
scavare pia spesso nelle periferie delle citta alla ricerca popolazione rurale africana e una interpretazione riduttiva
dei quartieri artigianali). Ma una cosa e certa e al tempo della stessa lex Manciana, la quale altro non avrebbe
stesso costituisce il maggiore problema storico: che non fatro - sempre secondo questa tesi - se non riconoscete'
solo il sistema schiavistico classico (quello, ad emnpio, formalmente (al tempo di Vespasiano) Ie C01l5uetudini
della ceramica aretina) e riuscito a produrre nel mondo lavorative locali, la cui tradizione sembre:rebbe pcrdersi
antico merci largamente esportate. Insomma la produzione nel tempo «lungo l) delle comuni rurali.
di valori di scambio non e forzatamente legata al fenomeoo Non vi e qui modo ne sufficiente competen"" per cri­
della schiavitil: ricordiamo, fra l'altro, che la ceramica ticare questo punto di vista. Ma una prima impressione
sud-gallica era prodotra da artigiani-£ontadini di condi­ sorge partendo daIIa evidenza archeolcgica come oggi
zione libera, seppure con l'aiuto di schiavi (F. Favory, noi la conosciamo (trattata per una parte in questo stesso
Le monde des potiers gallo-romains, in Les dossi"., de At/ante): che si sia cioe passati da una visione moderni­
l'archiologie, 1974, p. 90 ss.). sti<:a della realm africana (la lex com~ strurnento eli go­
L'Italia e l'Mrica: due mondi differenti, due principi verno dell'economia in un senso quasi capitalistico) ad
di unificazione e di dominio economico del Mediterraneo una concezione fortemente primirivi,rica (in cui si av­
profondamente divers!. La fortuna dell'Mriea su=de, vertono i toni della gnerra mossa dalla scuola storio­
forse presuppone (ma il modo non e chiaro) il declino grafica di Cambridge nei confronti eli ogni signifieativa
dell'Italia. Questi due momenti simboleggiaoo comunqlJt: fioritura del capitale commerciale nel mondo anrico).
nel modo piu efficace i due versanti principali della s:oria Nel testo che precede, abbiamo visto, seppure sommaria­
dell'Impero romano (sopratrutto se vista con occhi latini). mente, che tUfto cambia nell'Africa settemrionale a par­
Con il III secolo, come si e notato, Ie fortune della Peni­ tire dall'eta flavia, ma dovremmo credere che la vita del
sola si erano gia da tempo consumate. La deeadenza delle contadino fosse restata la stessa, cioe fondamentalmente
province africane e altra e successiva: ultimo atto di 10 ancora immersa in una condizione di tipo comunitario,
dramma cominciato molto prima. Ecco il significato foo­ in una situazione di quasi «asiatica " immutabilitil. Ma se
damentale del confronto fra queste due parti principa:i il possesso della colonla parziaria, in questa epo,;a critica
del Mediterraneo occidentale. Per il resto bisogna ricor­ e in zone economiche chiave, non si fosse fatto piu indi­
dare che l'Italia e Roma stessa non sono ormai che una viduale, definito e garantito dallo Stato, se Ie forme di
frazione della zona di influenza e della forza di penetra­ subordinazione (i patti agrari) non si fcssero tr.sfonnati,
zione dei centri produttori africani. Ai dolori del mincob magari verso del tratramenti anche di poco pit \"antag­
economico italico sono dunque segniti quelli del mir.cob giosi rispetto a quelli preeedenti, se non si po:es,e pre­

17
4- Encic!opedia de/J'Arie - At!. F. c., I
CERAMICA AFRICANA
r
!g
supporre una migliore coopertzione fra i lavori delle Africa cosl idillico da non sconvolgere in punti decisivi
diverse famiglie contadine, se il prelevamento di rendite (entro delle (' eccezioni domioanti ») Ie pill antiche tradi­
e tasse non fosse divenuto pili efficace (contribuendo a zioni della vita produttiva? L'incongruenza dell'impo~
razionalizzare pili efficacemente la produzione), se non stazione primitivistica sopra ilIustrata si rivela quando si e
fossero mutate Ie tecno[ogie agrarie, i sistemi di sfrul:ta­ costretti a posticipare, contro ogni evidenza specifica, la
mento delle acque, se la vita neJe campogne non si fosse commercializzaziooe dell'clio e delle salse di pesce (spo­
modiJicata per [0 sviluppo straordinario dell'urbanizza­ stata da Whittaker alia fine del HI secolo). Insegniamo
zione (che dovette inghiottire buona parte dell'artigianato), piuttosto Ie merci africane nei loro depositi terrestri e
se cioe non si fosse trasformaro il paesaggio agrario e marittimi al fine di scoprire la realtit dell'Mrica anche
umano in aree limitate e decisive del Maghreb, come fuori dell'Mrica e allora ci renderemo conto che il «rni­
spiegarsi allora il (' boom (il termioe e volutamente
» racolo economico» africano e lI1meno di un secolo pill
provocatorio) africano, che la culrura materiale atresta antico (per parlare in termini di dominio di mercato e
incontrovertibilmente, proprio a pattire dall'epoca in cui non in termini eli formazione di un mercato, perche al­
(guarda caso) si data la ltx Manciana? Viene allora il lora dovremmil risalire ulteriormente nel tempo).
sospetto che i mutamenti nei rappotti di propried, la
commercializzazione dei prodotti alirnentari, i prelievi Se questo Allame suJIa ceramica romana servira a far
dell'annona e 10 sviluppo del lavor;> nelle cittil abbiano rifiettere 10 storico delia societa antica, a indurlo a porsi
modificato i rappotti di produzione in alcuni settori nuove domande e a avanzare nuovi dubbi, al fine di rinno­
fondamentali dell'economia. Cii> non esclmie affatto che vare Ie nostre attuali idee ill o:mtinnita e di rotrora, di spa­
in ampie zone (magari anche geograficamente prevalenti zio e di tempo, allora questo nostro lavoro avra raggiunto il
ma strutruralmente subalterne) 5i siano conservatiaspetti suo scopo princip ale, che nOll consiste soltanto nel fomite
lavorativi anche molto pili antichi e primitivi. Occorre uno strumento utile alia pralica archeologica, bensl anche
insomma distinguere fra area e area, tempo e tempo, e neIIo sfondare Yecchi steccati, nell'allargare 10 stesso
bisogna intendere il modo di Iavorare degli uomini non campo delle fonti (fino alle immondizie ceramiche), nel­
in senso troppo ristretto (economicistico) per inquadrarlo l'adeguare ['ampiezza e la qualid dell'evidenza alia com­
nell'insieme della riproduzione sociale dell'Africa romana plessita dei vari mondi che componevano l'unita statale
e dell'Impero: solo cosl si pm.sono intendere Ie novid! pollmorfa dell'Impero romano.
di quella storia. Se non vi fosse stato qualche aspetto D'altra parle i resti di questo mondo non si trovano
peculiare e favorevole nei patti agrari di lI1cune grandi nascosti sull'altra faccia della Luna rna si conservano
aziende, come darsi ragione del fatto che nell'eta anto­ stratificati sotto i nostri piedi, sono raggiungibili con Ie
nina i celoni del demanio imperiale del &gradas recla­ nostre mani e con la nootn intelligenza. Non tenerne
massero non altri patti agrari, rna iI risperro di quegli conto sarebbe come per 1a conoscenza dell'uomo dimen­
stessi patti che i conductores tendevano a violare, aggra­ ticare l'esistenza del snbcooscio. L'archeologia svolge
vando gli oneri dei contadini? Tuna la questione poi nella storiografia la stessa funzione che nelle scienze
si riassume nella domanda: e possibile che il colonialisrno umane svolge la psicoaualisi (non a caso ambedue si av­
romano (particolare quanto si voglia, rna comunque il valgono del metodo stratigrafico).
pill forrnidabile prima dell'epoca moderna), sia stato in A. C.

I8

1
t
~

TERRA SIGILLATA: VASI

I. VASI NON DECORATI 0 DECORATI A STAMPO

A) PRODUZIONE A

1. FORME APERTE vessels indicate careful polishing of the slip. On SCome


overfired examples the surface of the slip tends to flake
off, or has a slightly mottled appearance. This is the
normal fabric from the late first century until late in the
a) Forme antiche e derivate (A', AIl', A'). second» (HAYES 1972, p. 289). Ricordiarno peril de
alcune forme non sono verniciate all'interno (specie quelle
1. - Forme ehe direttamente 0 indirettamente rieordano che prevedono un coperchio). Abbiamo definito con A'
la sigl1lala italica e sud-galliea (tavv. XIII, 1-19; XIV, la versione pili antica (fine I - meta II sec. circa) con verni­
1-12). ce fine e brillante, e con A''' la versione di cronologia inter­
media (seconda meta II sec. circa) con vernice meno fine
Si tratta di scodelle di I4-20 centimetri con piede ad e brillante. La prodnzione A' che e anche la pili tarda
anello, imitanti per 10 piu forme sud-galliche (Drag. 18131, (III sec. circa) ecosl descritta da Hayes:« on later examples
15/17, 35,36, 29), a volte contrassegnate da un bollo of this ware (roully late second-mid third century) the
in planta pedis che ricorda Ie sigillate italiche (tipi Lamb. slip tends to become thinner and duller and the surf.ce
I8/3I/Hayes 5 B, Lamb. 5; cfr. anche il tipo Pall. 33 bis). correspondingly rougher. A more pinkish tone is :lot
Figurano come decorazioni scanalature, rotellature, foglie uncommon» (HAYES 1972, p. 289). Per un'analisi micro­
d'acqua a barbotina (cfr. HAYES 1972, pp. 281-28,) e scopica della pasta e delle vernici, si veda Ostia I, pp. 38-39.
impressioni a staropo (Hayes 3, n. II3). Si conosce una Per quanto riguarda la diffusione, Ie testimonianze si con­
produzione classica destinata anche all'esporta2ione, i cui centrano nell'Africa settentriouale dal Marocco alla Libia,
centri dovevano trovarsi nella Tunisia settentrionale (re­ in panicolare nella Tunisia (HAYES 1972, p. 297), e nel
gione di Cartagine), ed una produzione locale, pro::>ria badno del Mediterraneo occidentale. Se la prodnzione
della Tunisia centrale (Raqqada). Sulle aree di produzione della A' dovette cominciare con la prima eta flavia, e se
si veda CARANDINI 1970, p. II4 ss. e HAYES 1972, p. 29&. eeceziona1mente qualche pezzo (generalmente forme chiu­
Le forme sono realizzate nella produzione A', un certo se) raggiunse l'Italia negli anni 70 (testimonianze dell'area
numero di esse in A''' e solo alcune in A' (tipi Lamb. «vesuviana»), possiamo far risallre Ie primissime impor­
4/36 B, Lamb. 23 (?), Hayes 6 c, Lamb. I c, Lamb. 2 c). tazioni a Ostia in eta domizianea. Durante reta di Traiao
Le produzioni A'e A''' sono cosl descritte da Hayes: e Adriano Ie importazioni si intensificarono, rna non sern­
{, the earliest fabric... is an orange-red or brick-red ware bra che ancora superassero Ie produzioni «lisce r, italiche
of granular texture and medium thickness with a slip e sud-galliche (CARANDINI 1972, p. 108; Ostia III, p. 659
of similar colour. Fine qnarz particles, some fine lime ss.). Forse giiI nel I secolo la forma Hayes 2 raggiunse
and a little mica are present, producing rough breaks and, i1 Fezzan. E d'altra parte probabile che gill nella secoLda
frequently, a rather pimply surface. The slip covers the meta del II secolo la forma Lamb. 7 a/Lamb. 7 b toc­
whole of the surface; this is of good quality and norrnaly casse la costa atlantica (Portogallo). Fra il II secolo avan­
slightly lustrous, in a few cases (mainly early?) attaining zato ed i1 III Ie forme Sal. AI/Lamb. 4/36 A/Lamb. 4/
a glossy appearance quite close to that of gaulish terra 36 B e Lamb. I a/Lamb. I b/Lamb. I c raggiungono la
sigillata. Fine hair lioes visible on the surface of mmy Iugoslavia, la Grecia, quindi la Siria e la Palestina.

19
,

CERAMlCA AFRICANA
2. - Forme varie (Hayes I]). forma pill capace della produzione A - e nota in tutte Ie
produzioni: dalla A" in eni il profilo e la decorazione a
Inseriamo in questa categoria un piatto (di forma loede) rote11a eonferiscono alia forma un aspetto abbastanza e1e­
decorato a stampo. La vernice brillante farebbe pensare gante, alia AIl' in cui il recipiente, pur rnantenendo una
alla prima meta del IT secolo, rna la provenienza da Atene cem. qualita di faltura, subisce un processo di standardiz­
dell'unico pezzo noto sconsiglierebbe una dat:a2ione cosl zazione (e questo il momento dene ultime esp<!rtazioni),
alta. La somiglianza con Ie forme in A'/' decorata a rilievo alla'\' can vernice che copre solo I'interno e l'odo del vaso
applicaro (Hayes 24) ed in C' (Salomonson XXVIII b) famo (0 A3) - secondo il classico risparrnio dena D - in cui la
propendere per una datazione alla seconda metit - fine del fom:a degradata circola soltanto in un mercato locale ­
secolo (efr. anche Ie forme At/ante, tav. XVII, (7 e Sal. fino ad arrivare ad una versione non verniciata che ormai
A 3 e A 4). La comparsa di piatti di piccole dimen1,ioni in non si distingue piu da11a ceramica comune (Ie ultime due
quest'epoca, accanto alIe pill usuali scodelle e 1J:l fatt" versioni sono frequenti in strati di Cartagine databili alla
che va notato come illizio di una moda (a cui dovette seconda meta - fine del IV secolo). Lo sviluppo morfologi­
forse corrisp<!ndere un particolare modo di alimentarsi; co dell~ forma Lamb. 21 sernbra dunque segnire dene tappe
che si affermera pienamente nel III secolo. La deco:azione che sono forse in connessione con i suoi diversi gradi di
a stampo, gill. presente sulla variante Hayes 3, n. II3, cmmnercializzazione e di riduzione a semplice valore d'uso
si incontrera nuovamente nel tipo Pall. 33 hisjPall. 33 (CAJ<MlJINI 1976, pp. 53-56).
e nella forma BONDlU r971-1972, fig. 42. E un ::ip<! di
decorazione assai antico e raro, che ritroveremo in altre
produzioci della sig'Jlata africana (AfD, C') e che carat­
terizzeril la produzione D a partire dal secondo venti­ b) Fo:me tarde.
einquennio del IV secolo e la produzione E da1I~ metit
della Slesso secolo. I. - Forme usuali (tavv. XVI, 4-16 e XVII, I-ro).

]. - Frmne ehe possono accompagnarsi a eoperehi. a) Co­ Si IraIra di forme che sono prodotte non prima della
p<Tehi (tav. XIV,I4-I7). b) Forme da tll'lJola (tam>. XV, metiL e generalmente a partite dalla fine del II secolo e
1-16 e XVI, I-i'. durante il III secolo. Si tralta anche qni di forme deri­
vate dalla aadizione locale la cui stlUtroIa morfologica e
a) II coperchio Lamb. 20, verniciato ovviamente sol­ elementare e funzionale. Non presentano decorazioni a
tanto all'esterno, presenta una sagoma articolata ed una rot:eIla od altre eleganti finiture (sono attestate solo Ie
decorazione complessa in cui predomina la rotella. Da­ scanalature). La difficolni di classificare soddisfacenternen­
tabile con probabilini entro il II secolo, ha raggbnto il te i dirersi tipi e varianti deriva probabilmente dal fatto
Portoga1!c, la Iugoslavia e la Grecia. L'altro eoperchia che i centri di produzione operavano in maniera meno
Lamb. 19jHayes 22, n. 3 e molto pill semplice e dnra organica. Pet il tip<! Lamb. 3 c' sono note varianti 10ca1i
forse pill a lungo. di Raqqada. II tipo Lamb. 9 b presenta un fondo piano;
b) Fra le forme da tavola, alcune prevedevano sicura­ con la lorma Lamb. 9 bjLamb. 9 ajLamb. 9 a' si abban­
mente un copercbio non essendo verniciate all'intemo donmo Ie dimensioni ridotte dei recipienti della fine del
(Ostia III, fig. 28ljOstia III, fig. 282; Lamb. 6; Atlame, I e dela maggior parte del II secolo e ci si orienta verso
tav. XV, 4; Lamb. 19ms; Lamb. 1O),mentrealrrepnrpo­ Ie basse scodelle, tipiche del III secolo, che raggiungono
tendo accoglierne uno dovevano essere vendute senza co­ anelll: i 30 em di diametro. Le forme che qni ttattiamo
perchio essendo verniciate anche alI'interno (Hayes IIi sono quelle tipicamente prodotte in A' (rna il tipo Lamb. 9 a
Atlante, tav. XV, 10; CARANDINr 1976, fig. IjCAR.\NDINI e noto anche in AIl'), qnindi nel III secolo. In questo
1976, fig. 2-3jHayes 10, nn. I, 4jLamb. 21fHayes 10, periodc la produzione A perde il monopolio di unica
n. 3jc,w.NDINI 1976, fig. 7jCARANDINI 1976, fig. 8j ceramica fine da mensa nord-africana. Sorgono altre pro­
CARANDINI 1976, fig. 9). Si traIra di recipienti i quali, al duzOOni che in segnito descriveremo. Ci" spiega perche
contrario delle forme deseritte nel paragrafo A, I, a), I, queste forme, in generale, sono testimoniate anche in AjD
si riconegano ad una tradizione ceramica locale africana. e in C :cfr. Lamb. 43). Per quanto riguarda la diffusione,
Ci" e particolarmente evidente per la forma Lamb. 10, ossemamo che Ie forme Lamb. 9 bJLamb. 9 a', Lamb.
testimoniata sopratlUtto in Tunisia, che e la prima a pre­ 3 c'lRayes 16, n. 16, Lamb. 3 b', Hayes 14 B, n. IIj
sentare, invece del normale piede ad anello, un fondo Lamb. 3 b' raggiungono il Ponogallo, Ia Grecia e la Pa­
concavo striato, munito di tre protuberanze (eft. Ia for­ lestina. La forma Lamb. 3 b' e nota anche in Austria ed
ma Ostia II, fig. 303). La decorazione a rotella e quella e la prima a raggiungere, seppnre eccezionalmente,
ad impressioni digitali (Hayes IIjAtlante, tav. XV, ra) l'Europa centrale.
non riescono a nascondere I'origine locale delle forme.
Si conoscono varianti di diffusione regionale, come il 2. - Farme rare (tavv. XVII, H-I9 e XVIII, I).
tipo Sal. A 10 di Rqqada. Tutte '1ueste forme sono pro­
dotte in At. La Lamb. 6 enota anche in AIl'. Solo alcune Si tratta di forme relative alla produzione A'. Sono
forme (tavv. XV, 5-7; XV, II-16eXVI ,1-3) sono prodotte anche qni forme di tradizione locale, sernplici e disadorne
anche in A', e quindi databili probabilmente nel HI (e atteHata raramente una decorazione a rotella trasan­
secolo. La (, zuppiera)) (tavv. XV, II-16 e XVI, 1-3) -Ia data;. AIcune di esse sono prodotte anche in AfD, C"

20

TERRA SIGILLATA: VASI

C', ceramica a patina cenerognoIa, D. Non raggiungono n. 2/Lamb. 14 e peril anche nota in AI", e A': si tratta
generaImente II Mediterraneo orientale (salvo II tipo della forma di maggior successo e durata. AItre forme
Hayes 31, un. 2,6 attestato in Sida). Questa serie po­ sono rare enote solo in Tunisia. Uno dei vasi i: un prodotto .
co omogenea di forme piuttosto rare sta ad indicare locale di Raqqada. La mauifattura dei vasi polori sem­
una fase sperimentale, un periodo di crisi, di disartico­ bra dipendere da tradizioui artigianali non africane,
Iazione della produzione; quindi una sua subordinalione pili di quella delle forme aperte; pili difficilmente riesce
nei confronti di nuove produzioui che affiorano e si con­ ad innestarsi 0 a fondarsi su una produzione autonoma
solidano afliancandosi alIa decadente mauifattura della A locale. Forse anche per questa ragione questa categoria di
(si pensi ai piedi atrofizzati, che sostituiscono quelli ad vasi tende a sparire ne!l'uItima fase di produzione dell. A.
anello tipici della prima sigillata africr.aa).

c) Forme di diffusione locale (Raqqada) (rav.


III. FORME CHIUSE.
XVIII, 2-7).
a) Vasi senza anse (tav. XIX, 13).
Abbiamo preferito inserire nella ripoIogia normale del­
Ia A Ie forme di Raqqada che sono parse varianti di forme
b) Vasi monoansati.
classiche. Prendiamo qui in considerazione soItanto sci
forme tutte particoIari, dalla morfoIogia assai semplice
I. - A colla largo (taoo. XIX, 14-18; XX, 1-7; CXXXII,
(nessuna delle quali con piede ad anello), per 10 piu dif­
ficihnente databili. Stanno ad indicare I'emergere daI 3). 2. - A colla strozzaro (tavv. XX, 8-11; Hayes 152;
livello piu popoIare della produzione ceramica di una tra­ CXXXII,4). 3. - A colla stretto e alto (taoo. XX, 12-14;
dizione locale di sigillata africana, che peril resta subaIterna XXI, I-II). 4. - Forme di dijfusione locale (Raqqada)
e disorganica, emarginata com' e dai grandi mercati - in (taoo. XXII, 1-2; CXXXIII,2).
quanto forse anche geograficamente periferica rispetto al­
I'area di produzione tipica della A. c) Vasi biansati.

I. - A colla largo (taoo. XXII, 3-6; CXXXIII, 3).


z. - A colla strozzato (tav. XXII, 7,. XXII,8-1O). 3. ­
II. VASI PorORI A colla stretto e alto (tavv. XXIII, I,. CXXXIII, 4).
La maggior parte delle forme sono prodotte in A' e in
a) Forme derivanti dalla sigillara sud-gallica (tav. AIl'. I fondi sono generaimente apodi (come si e gia
XVIII, 8-10). osservato a proposito dei vasi potori). Solo una diecina
di forme sono prodotte in A' e sono quindi databili ne!
Si tratta di un bicchiere non vetuiciato all'intemo. Un III secoIo. La meta circa degli esempIari nori riferibili
tipo di questa forma irnita Ia forma ceramica sud-gallica a forme chiuse proviene dall'Africa settentrionaIe, ed
Drag. 30, vitrea Isings 21 e in ceramica a pareti sottili Ma­ in particoiare dalla Tunisia. Alcune forme harmo ragg:unto
rabini XXXIII-XXXIV, LVI. I bolli in planta pedis, che ri­ I'ItaIia prima de! 79 d.C. provenendo con tutta probabilita
cordano Ie sigillate itaIiche, sono usati come eIemento daII'area «vesuviana ": Hayes 153 (Quaderni di cultUTa ma­
decorativo insieme a motivi geometrici a stampo e alIa teriale, I, 1976, tav. VII,I-4); Hayes 161, n. 1 (Qua­
decorazione a rotella. II bicchiere e prodotto in AI. dertti di cultura materiale, I, 1976, p. 23 ss.). Come per
i vasi potori, anche nelle forme chiuse si notano Ie irnita­
zioni di forme ceramiche prodotte in Gallia (Ia forma
b) Forme imitanti la ceramica detta «a pareti Lamb. 13(H.yes 147, n. 3/Lamb. 13 his ricorda Ia Hermet
SOttilil} (tavv. XVIII, II-I5; XIX, 1-12).
13 della sigillata gallica), 0 di vasi realizzati in aItri materiali
(bronzo e vetro). Per altro verso Ie forme pili tarde sem­
brano ricollegarsi a tradizioni ceramiche Iocali. Analoga­
Come per Ie forme di cui al paragrafo I a) e II a), si mente aIle altte categorie sono note anche forme di dif­
tratta nuovamente di irnitazioui di prodotri italici 0 fusione locale provertienti da Raqqada. La forma BONlNU
delle province settentrionaIi del Mediterraneo occiden­ 197r-I972, fig. 42 - come Ia variante Hayes 3, n. II3,
tale, questa volta in parere sottile (Marabini, III, IV, II tipo Pall. 33 his e Ia forma Hayes r3 - presenta una
VIII, XVI, XLVI, XLVII, L, L1, LVII). Si tratta di coppette e decorazione a stampo.
boccaIini i quaIi, oItre Ia solita decorazione a rotella, pre­
sentano quella a grandi e piccoIe depressioni caratteristica
della ceramica a pareti sottili e del vetro. Essi non sono
verniciati all'intemo. II fondo e generalmente piano. In IV. CALAMAI (rAv. XXIII,2-3).
un caso I'ansa e modellata con Ia sinuosita tipica della
produzione vitrea. Tutte Ie forme sono realizzate in A'. Si tratta di una forma che non oitrepassa II II secoIo e
La forma Hayes I34/Hayes 138, n. 3/Pall. I4/Hayes r40, che ricorda II caIarnaio Ritterling 13 della sigillata gdIica.

21

ri
!
CERAMICA AFRICANA

V. GUTU :rAV. XXIII,4-5; XXIII,6-9; XXIII, tradizioui artigianali del Mediterraneo occidentale e set­
, tentrionale (N), da1J'assorbimento di esse come aspetto
IO-II;.
colto nella pratica Iavorativa provinciale (NI') si passa,
con un completo distaceo da quei modi di Iavorare Ia
Si trana ill forme prodolte in AI e in All' e pertanto ceramica, ancora Iegati all'artigianato artistico di serie, ad
databili entro il II secolo. una mauifartura standardizzata, piuconsona alle neeessita
materiali e sociali dell'epoca (A'). Questa svolta non e
per Ia verita che un sintomo <Ii ben piu Iarghi sommovi­
menti, quali 10 spostamento dell'asse fondamentale delle
fone produttive da un blocco geografico (IIalia, Narbo­
VI. VASI IMlTANTI OGGETTI (rAv. XXIII,12-I5;
nese, Baetica) ad un altra (Mauretania, Africa). Rivolu­
XXIII,16; XXIII,I7; CXXXIII,5). zione questa che ha condizionato tutta Ia storia romana
di et1t imperiale. Meglio capiremo Ie vicende della produ­
Si tralta di asko! e ill vasi a forma ill bolte e di melagra­ zione ceramica se ricordiamo Ia ristrurturazione della
na generalmente databili entro il II secolo, salvo Ia forma produzione agricola africana (arboricoltura, arbusticoltura,
Hayes r23, n. 3/'Lamb. 15 che sembra raggiungere il III. colonato) a partire dall'e!1t Ravia; Ie prime esportazioui
d'olio della Proconsolare (Adriano); Ie prime disttibu­
In conclusione Ia produzione A e molIo fine ne! periodo zioui d'olio aRoma (Antouino Pio) e in Italia (Setti­
in cui essa conquista il mercato intemo (a partire dagli mio Severo); il grande sviluppo della rete viaria e dei
armi 70-80 sembrano arrestarsi Ie importazioui ill sigillata centr; urbani, primo fra tutti Cartagine, chiamata nel 192
in Africa) e comincia a penettare in quello del Mediterraneo • Alexandria togata », il cui porto, ristrurturato monu­
occidentale (produzione AI: eta Havia - eta adrianea); e mentahnente, e ora dotato di un nuovo tempio e, forse,
a"oora abbastanza fine ne! periodo in cui riesce a soppian­ di un faro (v. H. Hurst, in AntJ, LV, 1975, p. II ss.),
tare Ie altre produzioui ceramicbe sigillate nella stessa ed e capace di ospilare la nuova Hotta commodiana; e
area (produzione NI'; eta antouina); rna piu ci si avvicina se consideriamo Ia supremazia degli africani sugli altri
a! periodo della sua massima diffusione, piu Ia tecnica si provinciali <Ii lingua latina in Senato e nelle procurate!e
standarillzza e decade. A partire dai Severi e per lUtto il equestri; il sorgere delle prime testimonianze di una
III secolo si assiste ad una svolta, ad una risttntturazione cultura Ietterarla Iarina e, per fare un esempio ne! campo
ill queste officine (si pensi aile forme delle tavv. XVI,4-6; della decorazione architettouica, 10 sviluppo dell'arte
XVI,7-9; XVI,IO-I5; XVI, 16; e XVII, I; XVII,2-4; del mosaico (in cui si nota l'abbandono progressivo de!
XVII, 5-10 in A'). Scaillmento della qualita e oonquista paesaggio di genere elleuistico e l'adozione di rappresen­
dei mercati sono dunque fenomeui che sembrano oonnessi tazioni realistiche legate al paesaggio agrario ed urbano
(si pensi ad esempio che ne! III secolo nessuna produzione locale), Ie distribuzioui regolari ill olio africano all'Italia,
<Ii sigillata a!ncana se non la A sembra raggiungere Ie coste cominciate con Settimio Severo.
deEa Mauretauia). Da una dipendenza dalle prestigiose A. C.

FORMA H.\VES r. Cronologia.


6e-80 circa? (Hayes).
Dewizior.e. Diffu,ione.
Seodella imitante Ia forma Drag. 18/31 in sigillata sud­ L'unico esemplare noto e stato rinvenuto a Malta;
gallica (eft. OSWALD-PRYCE 1920, tav. XLV, un. 14-15) = presenta, all'interno, graffita sulla parete, l'iscrizione
Gou:lineau 43 in sigillata italica (eft. GoUDINEAU 1968, MEAI1.0TOr.
p. 30S). L'arlo segnato all'intemo da due scanalature e
poco differenziato dalla parete, che, nettamente obliqua, Bibliografia·
Maim. ZAMMIT~ in Ant], III, 1923. p. 22, fig. 5 HAYES 1972,
si congiunge ad angolo con il fondo, fomito di un piede p. 18, fig. 2, forma I, D. 1.
=

ad anello. All'interno de! vasa tre scanalature solcano il


fonoo, Ia C'.ll congiunzione alla parete e sottolineata da
un Ieggero listello. FORMA LAMBOGLIA 18/31 = HAYES 5 A.

Diametro: em 14,2 circa. HAYES 5 B.

Tipalogia. LAMBOGLIA 18 = HAVES 5 C.

Si conosee un solo tipo (tav. XIII, I).


Descrizione.
PrQduzione. Scodella carenata imitante la forma Drag. 18/31 in si­
Forma prodotta in sigillata africana N. Hayes ritiene gillata sud-gallica ~ Gaud. 43 in sigillata italica (efr. Ia
che essa sia l'anello di congiunzione tra Ia forma Drag. 18 forma Hayes I). Presenta Ia parete inelinata, spesso segnata
in sigil1ata italica e Ia Lamb. I8/3I/Hayes 5 BjLamb. IS verso la meta da una scanalatura. All'intemo de! vaso una
in sigillata african. A. Ieggera profilalUra a rilievo sottolinea Ia congiunzione della

22

TERRA SIGILLATA: VASI

parete con una Ieggera carena. II fondo mostra un piOOe FORMA LAMBOGLIA 5= HAYES 4 A.
anu1are, pili basso che nella forma Hayes I. Diametri: HAYES 4 B.
em 12-24.

Tipologia. Descrizione.
Lamb. 18/3!. - La forma del vaso e piuttosto svasata. Scodella carenata di forma svasata che ricorda, come
All'interno dell'orlo e visibile una scanalatura. II fondo andamento generale, la forma Drag. 15/17 in sigillata
presenta una decorazione a rotella e, a volte, impresso nn sud-gallica (efr. OSWALD-PRYCE 1920, tavv. XLII-XLIII).
bollo in planta pedis (efr. i tipi Lamb. 5 e Pall. 33 his) Presenta l'odo a sezione triangolare e Ia parete carat­
(tavv. XIII,2 e CXXXI, I). terizzata da un gradino che Ia divide dalla carena (efr.
Hayes 5 B. - L'angolo di congiunzione della parete con il tipo Hayes 29 in sigillata africana A/D). Nell'interno
Ia carena diventa pili acuto. La scanalatura che nel tipo A del vaso si notano scanalature in corrispondenza dell'orlo
e all'interno dell'orlo segna l'orlo stesso. Caratteristiche e una Ieggera risega in corrispondenza del gradino.
anche di questo tipo Ia decorazione a rotella e, limitata­ Diametri: em 15-21,5 circa.
mente ad alcuni esemplari, Ia planta pedis su1 fondo e Ia
Tipologia.
scanalatura sull'esterno della parete (tav. XIII,3).
Variante Sal. A8. La scodella appare pili alta e pre­ Lamb. 5. - La decorazione a rotella evisibile all'interno,
senta l'orlo non scanalato, Ia parete scanalata, il fondo suI fondo e talora suIla risega che separa la parete dalla
decorato a rotella. carena. Alcuni esemplari presentano suI fondo un bollo
Lamb. 18. - L'orlo appare ingrossato e, in alcuni casi, in planta pedis (efr. i tipi Lamb. 18/3I/Hayes 5 Be Pall.
arrotondato all'esterno; e comunque privo della scanala­ 33 his) (tav. XIII, 5).
tura. Su1 fondo sono assenti Ia decorazione a rotella e la Variante Sal. A 2. L'orlo e Ieggermente arrotondato, Ie
planta pedis. Solamente alcuni esemplari mostrano la pareti sono molto svasate (tav. XIII, 6).
scanalatura a meta della parete esterna (tav. XIII,4). Variante Sal. A 25 b. All'esterno e visibile, invece del gra­
dino, una protuberanza formante quasi un secondo piede
Produzione. ad anello (cfr. il tipo Sal. A 25 a in AID) (tav. XIII, 7).
Forma prodotta in sigillata africana A' e A'I'. Hayes 4 B. - La decorazione a rotella manca (tav.
XIII, 8).
Decorazione.
Produzione.
Motivo a stampe n. 104 0 105.
Forma prodotta in sigillata sud-gallica e in sigillata
Cronologia. africana A' e A'I'.
Lamb. 18/31: eta lIavia 0 poco prima (Hayes). Decorazione.
Hayes 5 B: fine I - inizi II secolo (Hayes).
Lamb. 18: meta II secolo? (Hayes). Motivo a stampo n. 104 0 105.
Cronologia.
Diffusione.
Lamb. 5: fine I - inizi II secolo (Hayes, il qnale ritiene
Forma documentata nell'Mrica settentrionale, partico­
gli esemplari pili antlch! databili in era prellavia).
larmente in Tunisia ed espertata limitatamente nel Me­
Vadante Sal. A 2: attestazione in contesti della mera del
diterraneo occidentale. Esemplari inediti sono presenti
II secolo.
nei magazzini del Museo Archeologico di Tipasa e del
Variante Sal. A 25 b: indeterminata.
Museo Archeologico di Orano (provenienti, nel secondo
Hayes 4 B: meta II secolo ? (Hayes).
caso, da Portus Magnus: Fouilles Simon, 1897). Un
esemplare, privo della indicazione della provenienza, Diffusione.
si,trova nel Castle Museum di Colchester (BIRD 1977,
Forma documentata nell'Africa settentrionale, partico­
p. 273).
Iarmente in Tunisia ed esportata limitatamente nel Medi­
Bibliografia. terraneo occidentale.
Algeria. BARADEZ 1961, p. 29, tav. V, tomba XIV a. LANCEL
1970, p. 228, fig. 75, n. 9; p. 236, fig. 80, n. 37. Setif 1970, p. 152, Bibliografia.
fig. 39. n. 246. Algeria. LANCEt 1970, p. 236, fig. 80, n. 13.
Italia. FALLICO 1969-10, p. 14, fig. 2. HAYES 1972, p. 28, fig. 3, ItaHa. LAMBOGLIA 1941, p. 14 = LAMBOGLlA 1958, p. 268. Lrr.::ro,
forma 5, nn. 26, 30. Luni 1973, tav. 68, n. 2. in NSA, 1946, p. 199, fig. 8, n. 5. HAYES 1972, p. 20, fig. 2,
Libia. HAYES 1972, p. 28, fig. 3, forma 5, n. 14. forma 4, n. 14.
Marocco. MARTIN 1969, p. 163, fig. 6. Lib£a. HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 4, n. 4.
Spagna. LAMBoGLIA 1958, p. 271, 7 h; p. 286. ADROER 1963, Spagna. NIEMEYER 1965, p. 101, fig. 4, n. 6.
p. 121, n. 7535. Tunisia. .MERLIN-CoNSTANS 1918, pp. 130-131. HOLWERDA 1936,
Twzisia. HOLWERDA 1936, p. 43, fig. 12, tav. IV, nn. 599-608 p. 43, fig. 12; tav. V, nn. 609-61 I. CVA Copenhague 7, tav. 307~
(n.603 = HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 5, n. I). CVA Copenhague nn. 2-5 = PALLAREs 1960, p. 271, fig. 6, on. 2-5. FEvIuER 1956,
7, tav. 306, nn. 6-7 ,;" PALLAREs 1960, p. 271, fig. 6, nn. 6-7. SA­ p. 166, fig. 9, tomba IV 2s , n. 2. SALOMONSON 1968, p. 99, fig. 14~
LOMONSON 1968, p. 94, fig. 9; p. 102, fig. 17, A 8 = Raqqada 1973, M; p. 108, fig. 23, A 25 b. Raqqada 1973, tav. XXIII, tomba Br6;
tav. I, fig. 8; tav. XXXII, tomba B 26, A 8. tav. XXVII, tomba H20; tav. XLIII, tomba B44, Al; tav. VI, fig.
Musei e Collezion£. LAMBOGLIA 1958. p. 286. HAYES 1972, p. 28, 29, A25 b.
fig. 3, forma 5, n. 8. Musei e Collezion£. HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 4, n. 1.

23

CERAMICA AFRlCANA

FORMA LAMBOGLIA 17 (HAYES 4, N. 13). FORMA SALOMONSON A 1 = HAYES 3 A.


LAMBOGLIA 4/36 A = HAYES 3 B.
De5CTizione. LAMBOGLIA 4/36 B = HAYES 3 C.
Scodella carenata imitante la forma Drag. 15/17 in
sigiJ.Iata sud-gallica. Presenta la parete quasi vertica1e e un Descrizione.
gradino simile a quello della forma precedente al quale
corrisponde aII'interno una profilatura decorata a rotella. Piatto imitante la forma Drag. 36 in sigillata sud-ga1lica
SuJ fondo sonG visibili una scanalatura e un cerchietto (efr. OSWALD-PRyCE 1920, tav. LIn) con orlo rivolto
impresso. Diametro: em IS circa. verso l' estemo, spesso decorato da una serie eli foglie
d'acqua a barhotina. In alcuni esemplari all'intemo del­
Tipologia. l'orlo compare una scanalatura per accogliere il coperchio.
Si conosce un solo lipo (tav. XIII,9). Diametri: em 10-26 circa.
Tipologia.
Prcduzimze.
Sal. A 1. - Con decorazione a foglie d'acqua sull'orlo
Fonna prodotla in sigillata africana N. e scanalatura per accogliere il coperchio (rav. XIII, 12).
Gronologia. Lamb. 4/36 A. - Con decotazione a foglie d'acqua sul­
l'orlo (tav. XIII, 13).
Hayes comprende questa forma nel numero degli esem­ Variante Hayes 3, n. u3. Molivi a stampo appaiono
pla.!'i pill anlichi della fonna precedente, datandola in eta sull'orlo in luogo della decorazione a barbotina (rav.
prellavia 0 alia fine del I secolo.
CXXXI,2).
Diffusione. Lamb. 4/36 B. - Non decorato (tav. XIII,I4).
L'unico esemplare noto e conservato nel museo eli Produzione.
Sassati. Forma prodotta in sigillata africana AI, AIl', N. L'esem­
plate decorato a stampo appare privo eli vernice, secondo
Bibliografia·

Uusei e Collez£om. LAMBOGLIA 1958, p. z8s.


l'osservazione della Pallares (cfr. PALLARES 1960, p. 278).
Derorazione.
Molivi a stampo un. 8, 44.
FORMA HAYES 2.
Cronologia.
DescnzUme. Sal. A I: 60-90 circa (Hayes).
Coppa di forma quasi emisferica imitante la forma Lamb. 4/36 A: 75-150 (Hayes). Un esemplare eli questo
Drag. 35 in sigi11ata sud-ga1lica (cfr. OSWALD-PRYCE lipo conservato nel Deposito del Museo Nazionale eli
1920, tav. Lin). Presenta I'orlo rivolto verso I'esterno e Napoli (inv. n. rr6632) proverrebbe da Pompei; tale
decorato da una serie eli foglie d'acqua a barbotina. Al­ inelicazione, se confermara, suggerirebbe una datazione
I'interno dell'orlo corre una scanalatura che serviva pro­ anteriore al 79 d.C. E ptobabile che i1 lipo sia stato pro­
bacilmente ad accogliere un coperchio. Piede ad anello. dotto ancora in eta antonina.
Diametri: em 9-16. Lamb. 4/36 B: prima metil del II secolo (Hayes). Ap­
pare ptobabile una cronologia piu tarda: fine II-III se­
Tipologia. colo (Ostia f).
Si conosce un'solo lipo (tav. XIII,Io-II). Diffusione.
Produzione. Forma diffusa nel Mediterraneo occidentale e sulla co­
Forma prodotta in sigillata africana N. sta atlanlica. Alcuni esemplari sono noli inoltre in Grecia
e in Siria. Esemplari interi e frammentari sono testimoniali
Gronologia. da vatie localitil ioglesi (Cirencester?, Leicester?, London,
Eta flavia 0 poco prima? (Hayes). Pudding Pan Rock?, Southwark) (BIRD 1977> p. 273).
Bibliografia·
Diffusione. Algeria. CAMPs 1955, fig. S (dope p. 236) tipo VI. LASSUS 1956,
Gli esemplari noti provengono dal Fezzan e dalla Tuni­ p. 219, !aV. I, n. 68. BARADEZ, in boyea, V, 1957, tav. V (dopo p. 220),
tomba B, 30 his, b. BARADEZ 1961, p. 15, tav. I, tomba I, d-I; p. 25,
sia. E incerta la provenienza degli esemplari conservali al tav. IV, tomba XI, bi p. 29, tav. V, tomba XII, d; p. 37, tav. VIII,
museo di Cagliari. Un frammento e stato rinvenUlo in tomba XXII, a; p. 39, tav. IX, tomba XXIII, Q; p. 43, tav. X, tomba
XXXIII, a; p. n9, tav. I, nn. 34·39. VERIET 1961, p. 205, fig. 2, n. 2.
Inghilterra, a Garden Hill (BIRD 1977, p. 273). FEVRIER 1965, fig. 25, C-D7. c. 7, nn. 1-2.; fig. 27, G-H. c. 2, n. 5;
fig. 27, F 1-2, C. 4, n. Ii fig. 28, G-H 1-2, c. 3, n. 6; fig. 35, G-H
Bibiiografia. 7-8, c. 3, n. 9; fig, 36, G-H 7-8, c. 4, nn. 7-9. FEvRmR-GASPARY
Fezzatl. HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 2, n. I. 1966-67, p. 29. fig. 20, D. 3; p. 31. fig. 22, n. I. BARADEZ, in AntAfr.
Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 43, fig. 12; tav. IV, nn. 583-590. 3. 1969, p. 96. fig. 7, DD. Ie-II. Sed! 1970. p. 144. fig. 37. nn. 160­
eVA Capenhague 7, tav. 304, n. 5 = PALLARES 1960. p. 268, fig. 3, 165, 168; p. 148, fig. 38. nn. 184-186,206-207; p. 152, fig. 39. nn.
n. 5 = HAyES 1972: p. 20, fig. 2, forma 2, n. 4. 244-245. LANCE!. 1970. p. 228, fig. 75, nn. 1-3; p. 236, fig. 80, nn.
Musei e CoUezioni. BONINU 1971-72, p. 301, fig. 6; tav. II, n. t. 21-22. VUILLEMoT in AntA/r, 5, 1971, p. 62, fig. 17, D. 25.

24

I,
!
TERRA SIGILLATA: VASI

I
,
Francia. eVA France 6, tav. 51, n. 26. GALUP 1971, p. II" fig. 14,
n. 30. IODIN 1971, pp. II-I3, figg. 27-37.

Grecia. WAAGE 1948, fig. 26. ROBINSON 1959. tav. 69.

Iralia. WALTERS 1908, L 50 = HAYES 1972, p. 20, fig. 2, fonna 3,

Variante Lamb. 18 A. 'L'orlo, a tesa piana, manca della


scanalatnra ed e leggermente rivolto verso l'a1to.

n. 79. BAROCELLI, in MQnAL, XXIX, 1923, pp. 129-130, fig. 41 d. Produzione.


LAMBOGLIA 1941, p. 14 = l.AMBOGLIA 1958, p. 267, 4f36A. MIN­
GAZZINI 1949, p. 258, fig. 32; p. 260, fig. 34 d. LAMBOGLIA 1950, Forma prodotta in sigillata africana A', AIl' e N.
p. 28, fig. 7, n. II; p. 31, fig. 8, n. 13; p. 35, fig. 9, n. 15; p. la,
fig. 79, n. 12; p. 199, fig. 118, n. 2. Lo PORTO, in 58, XIV-XV, 1955­ Cronologia.
,
I 57, tav. I (dop(l p. 306), on. 15-19. LAMBOGLIA 1958, p. 267, 4-/368.

1.AMBOGLIA 1962, p. 275, fig. 5, n. II. VERMASEREN-VAN EsSEN


Sal. A 9 a: Lamboglia, che non conosceva esemplari con
l
i 1965, p. 496, n. 417. FALLICO 1969-70, p. 14, fig. 2, n. II. SibQri

1970, p. 34, fig. 12, n. 120 = p. 67, fig. 58, n. 275; p. 504, fig. 562,

n. 5807; p. 509, fig. 566, n. 5869. PALLlCO· 1971, p. 607, fig. 30,

decorazione a rotella, era incline a datare la fonna nella


seconda mera del II secolo; turravia la presenza della
I A134, 4. HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 3, on. 22, 109. Lun£ 1973,
decorazione a rotella sul fondo e iI fano che questo tipo
,i
tav. 67, n. 7; tav. 107, n. 2; !aV. 210, n. 28. ANDREAu 1974, laV. 17,

69-148~17.
ricorra in contesti di prima meta di II secolo, rende pro­
babile la datazione proposta da Hayes: line I - inizi n
~ Iugoslavia. CREMOSNIK 1962, tav. (dopo p. 144) III, no. 22-23.
Libia. CAPUTO 1951, coL 339, fig. 129. BROGAN, in LibAnt, I, secolo.
I~ 1964, tav. XXXII, no. 13-14. HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 3,
nn. 23,88.
Marocco. PONSICH-TARRADELL 1965, p. 46, fig. 29; p. 64, fig. 39,
Lamb. 23: questa tipo e realmente piu tardo; sm Hayes
che Lamboglia sono concordi nell'assegnarlo alia sewnda

I
o. I; p. 7[, fig. 46. }ODIN, in BAM, VII, 1967, p. 483, fig. 5, no. 16~I7; mera del II secolo. Sembra non essere pili prodotlo nella
p. 492, fig. 12, on. 38,4°.
Portogallo, DaGAna 1968, tavv. (dopo p. 66) I, no. II-I2; II, prima meta del III secolo (Ostia 1).
no. 1-2 = DE FIGUEREIDO GARCIA PEREIRA 1971, p. 444, fig. II.
Hayes 6 C: Hayes ritiene che questo tipo sia legger­
Siria. WAAGE 1948, tav. IX, n. 847.

mente piu tardo del precedente.


Spagna. AoROER 1963, p. 120, n. 7537. BERTRAN, in Ampurias,

XXIX, 1967, p. 209, fig. 8, no. 3-5. VEGAS, in MDAI(M), 10, 1969,
p. 204, fig. I, on. 52-54. FREY 1970, fig. (dopo p. 128) 2, o. 3. MARTm­
Diffusione.

I
SERRES 1970, p. 49, fig. 24, n. 31; p. 56, fig. 30, n. 278; p. 67. fig. 39,

nn. 34-35.

Tunisia. MERLIN-CONSTANS 1918, p. 131, fig. 4, D. 7. HOLWERDA

Forma diffusa nel Mediterraneo occidentale e .ulla


costa atlantica. Un esemplare del primo tipo estate- rin­
I
1936, p. 43, fig. 12, tav. IV, on. 547-548, 552, 567, 572, 574-57'5,

592-593, 596, 598. CVA Copenhague 7, fav. 302, D. 5; tav. 303;

venuto in Inghilterra, a Rivenhall (BIRD 1977, p. 273,


«in a F1avian context" ?).
I

!'r

!aV. 304, no. 1-4,7 (= HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 2/3, n. 87),

10-12; tav. 308, n. 2; tav. 312, on. 12·15 = PALLARES 1960, p. 266,

fig. I, n. 5; p. 267, fig. 2; p. 268. fig. 3, no. 1-4,7,10-12; p. 212,


fig. 7, D. 2; p. 276. fig. II. nn. 12-15. Ftv1uER 1956, p. 166, fig. 9,
Bibliografia.
Algeria. CAMps 1955, fig. 5 (dopo p. 236), n. 7, tipo VI. H;.RADEZ
tomba IV, 4, D. I; fomba IV. 2 a, D. I. CHARLESTON 1955. fig. 24B. 1961, p. 43, tav. X, tomba XXXII; p. 119, tav. I, no. 34-35. L.ilicEL,
SALOMONSON 1968, p. 99, fig. 14. AI = Raqqada 1973, !aV. XIII, in BAA, I, 1962-65, p. 61, tav. III, Z 1/2-3. FEVRIER-GJSPARY
tomba A18, AI. 1966-67, p. 28, fig. 20, n. 4; fig. 24, n. I. Setif 1970, p. 144, fi..b. 37,
Musei e Colleziom·. Cat. of the Greek Vases in the Fitz'l.o.,jlliam on. 166-167. LANCEL 1970, p. 228, fig. 75, n. 6; p. 236, fig. SO, on.
Museum, Cambridge 1897, p. 89. D. 269 = HAYES 1972, p. 20, fig. 2, 15-18. VUU.LEMOT 1971, p. 62, fig. 17, n. 21.
forma 3, D. 2. BoNINU 1971-1972. pp. 302-313, figg. 7-16; tavv. II-III. Franda. eVA France 6, tav. 50, n. 26. LAMBOGLIA 1958, P 291,
HAYES 1972, p. 20, fig. 2, forma 3, D, 28; ta\"o IA. 23 a = BERARD 1961, p. 139, tav. XXIV, n. 134- JODIN 19-71, p.
21, figg. 62-64.
[talia. CVA Genova-Pegli I, IVB f, !aV. I, D. 5 = LAMroGLIA
1958, p. 291, 23 a. GENTILI, in NSA, 1954, p. 322, fig. 17,. D. 6.
FORMA SALOMONSON A 9 a = HAYES 6 A. LAMBOGUA, in Archiologie som-marine, p. 247. fig. 21, n. 1. FJ.l.UCO
LAMBOGLIA 23 = HAYES 6 B. 1969-70, p. 15, fig. 3. n. 16. HAYES 1972. p. 28, fig. 3, forma 6,
nn. 1,17.
HAYES 6 C. Libia. CAPUTO 1951, col. 339, fig. 129. HAYES 1972, p. 28: fig. 3,
forma 6, n. 2.
Marocco. PONSICH-TARRADELL 1965, p. 46, fig. 29, D. 39•.MARTDl
Descrizione. 1969, p. 163, fig. 7, n. 2.
Portogallo. DELGADO 1967, p. 122, tav. II, no. 30-33. DaGAn:.
Scodella con orlo orizzontale a volte leggermente pen­ 1968, tav. II (dopa p. 66). n. 3.
dente verso iI basso, recante una scanalatnra sulla snper­ Spagna. LAMBOGLIA 1958, p. 286, 18A; p. 291, 23 b. Garreia
Iicie superiore. La parete e ricurva, raramente scanalata 1967, p. 66. fig. 74, n. II45. MARTIN-SERRES 1970, p. 35, fi.;. 17;
p. 49, fig. 24. n. 33.
aII'esterno, e si unisce ad una leggera carenatura; a tale Tunisia. HOLWERDA 1936, fav. IV, p. 44, fig. 13~ nn. 61{-61-;'.
congiunzione corrisponde aII'intemo una scanalatnra. CVA Copenhague 7, ta\'o 308, nn. 3-5; tav. 309, no. 1-4 = PAU.ARES
1960, p. 272, fig. 7, no. 3-5; p. 273, fig. 8, no. 1-4. SALOM·:JNSm:r
Piede ad anello. Diametri: em 19-22 circa per i primi 1968, p. 102, fig. 17, A9 = Raqqada 1973, {aV. I, fig. 10; tav. II,
due tipi; II-I2,6 per il terzo tipo. fig. 9, A9.
Musei e Colleziolli. BONINO 1971-72, pp. 315-316, figg. 17-18;
Tipologia. tav. IV, nn. 1-2. HAYES 1972, p. 28, fig. 3, forma 6, un.. 16.41.

Sal. A 9 a. - II fondo e decorato a rotella (tav. XIII, 15­


16). FORMA LAMBOGLIA 7 a = HAYES 7 A.
Variante Sal. A 9 b. L'orlo e leggermente rivolto vel1>O
LAMBOGLJA 7 b = HAYES 7 B.
l'a1to e munito di doppia scanalatnra. All'interno, in
luogo della scanalaturn, e visibile un leggero saliente
(tav. XIII,I7). Desmz£one.
Lamb. 23. - II fonda e privo della decorazione a r·~teila Coppa ernisferica 0 leggermente carenata che rimrda,
(tav. XIII, 18). come andamento generale, la forma Drag. 18/31 in 5igiJ­
Hayes 6 C. - Vaso di piccole dimensioni, maggiormente lata sud-gallica. Orlo poco ingrossato e piede ad :oello.
carenato (tav. XIII, 19). Esternamente una scanalatura a mera della parete 0 poco

2}
CERAMICA AFRICANA

sopra divide tra loro fasce multiple decorate a rotella op­ Tipologia.
pure Ia superiore zona decorata dalla restante parete liscia. Lamb. I a. - Lobo centrale dell'orlo a sezione convessa
Diametri: em 16-23. finemente decorato a rotella (tav. XIV, 3). Negli esemplari
Tipologia. pill anticbi l'orlo si presenta leggennente estroflesso.
Lamb. I b. - Lobo centrale dell'orlo a sezione angolare.
Lamb. 7 a. - All'interno della parete souo visibili due
scanalature(cfr. forma Lamb. I a/Lamb. I b/Lamb. I c) Decorazione a rotella meno fine e pill rada (tav. XIV, 4-5).
Lamb. I c. - L'orlo pui> mantenere Ie caratteristiche del
(tav. XIV, I).
tipo precedente (tav. XIV,6) rna, come linea di tendenza
Variante Hayes 7 A, n. 4. L'orlo e rivolto all'interno,
dove sono assenti Ie scanalature; la decorazione a rotella generale, va sempre pill defonnandosi fino a perdere la
sua articolazione (cfr. Ostia I, figg. 4-6). Manca la deco­
e molto fine. razione a rotella (tav. XIV, 7).
Lamb. 7 b. - Mancano Ie scanalature interne; la deco­
razione a rotella e generalmente meno fine (tav. XIV, 2). Produzione.
Produzione. Forma prodotta in sigillata africana: il tipo Lamb. I a
Forma prodotta in sigillata africana A' e A'I'. generalmente in N rna anche in NI'; il tipo Lamb. I b
per 10 pill in NI2 rna anche in N; il tipo Lamb. I c
Cronologia. generalmente in A2 rna anche in NI'.
Lamb. 7a: eta f1avia - ioizi II secolo? (Hayes). Attesta­ Cronologia.
zioni in contesti della seconda mera del II secolo (Ostia,
dati inediti). Lamb. I a: 90 - meta del II secolo (Lamboglia;
Ostia III e numerosi altri contesti). Nell'Mrica setten­
Lamb. 7 b: prima mera del II secolo ? (Hayes). Secondo
Lamboglia questa forma e attestata per tutto il II secolo. trionale fu prodotta probabilmente gia a partire dagli
anni ottanta circa, come del resto suggerisce Ia data­
Dijfusione. zione di Hayes.
Forma diffusa nel Mediterraneo occidentale e sulla Lamb. I b: 150 - inizi III secolo? (Lamboglia, Ostia III).
costa atlantica. Hayes ritiene che tale tipo non superi Ia seconda meta
del II secolo.
Bibliografia· Lamb. r c: III secolo (COLOMINES 1942; Ostia I;
Aiger£a. BARADEZ 1961, p. II9, tav. I, nn. 20-24. Seti! 1970, Ostia III).
p. 1;:2, fig. 39, n. 246 (1).
Francia. LAMBOGLIA 1958, p. 270, forma 7 a = BoYER, in CLPA,
VIII, 1959, p. 94, fig. 6, n. 7· rODIN 1971, p. 15, figg. 42-43.
Diffusione.
It!1lia. LAMBOGLIA, in RSL, XIII, 1947, p. 171, on. 26-27. LAM­ Forma diffusa in tutto il bacino del Mediterraneo e sulla
BaGlIA 1950, p. 31, fig, 8, n. 14. St'bari 1970, p. 484, fig. 533, n. 647 =
p. 5[5, fig. 571, D. 20854. ZEVI-POm. 1970, p. 151, fig. 72, n. 43· costa atlantica. Una coppa Lamb. I a (inv. n. 1881/1455)
HAYFS 1972, p. 28, fig. 3, fonna 7, n. 4- Luni 1973, rav. 67, n. 8. di incerta provenienza si trova nel Deposito del Musco
LiNa. HAyES 1972, p. 28, fig. 3. forma 7, n. 6. Nazionale di Napoli. Un esemplare antico, molto fine,
Afarocco. PONSICH-TARRADELL 1965, p. 64, fig. 39, n. 8.
Portogallo. DELGADO 1968, tav. II (dopo p. 66) n. 4. con orlo estroflesso e stato rinvenuto a Porms Magnus
Spagna. LAMBOGLIA 1958, pp. 270-271, forma 7 a e 7 b. MARTiN (Fouilles Simon, 1897) ed e conservato nel Museo Ar­
DE CAsTILLO 1966, p. 366, fig. 5, D. 17. .MARTIN~SERRES 1970, p. 49,
fig. ~, n. 30. cheologico di Orano. Due esemplati provengono da
Fishbourne, in Ingbilterra (BIRD r977, p. 273, (, pre­
A.D. 75 ') ?).
FORMA LAMBOGLIA I a= HAYES 8 A, N. 1. Bibliografia·
LAMBOGLIA I b = HAYES 8 A, NN. 3-4, 30. Algeria. CAMps 1955, fig. 5 (dopo p. 236), n. 9, tipo VIII. ALLAIS
LAMBOGLIA I C = HAYES 8 B. 1957. tav. (dopa p. 4Z) tipo III. BARADEZ 1961, p. 43, tav. X. tomba
XXV a; p. 119, tav. I, DD. 1-4,12. Sirif 1970, p. 144. fig. 37, nn.
154-15.5; p. 148, fig. 38, DD. 202-204; p. 152, fig. 39, nn. 239-243.
LANGEL 1970, p. 228, fig. 75, n. 4; p. 236, fig. 80, Dn. 1-10,12, 3I.
Desmzione. VUILLEMOT 1971, p. 62, fig. 17, D. 22.
Coppa carenata derivante dalla fonna Drag. 29 sud­ Francia. eVA Fram:e 6, tav. 47, n. 19. CoURTIN~GoURVEST, in
CLPA, VIII, 1959, p. 187, fig. 2. MOUCHOT 1963, p. 139, figg. 1-2.
gaIlka nella tanla produzione di eta f1avia (cfr. OSWALD­ FOUEr 19691 p. 228, fig. 106. n. 30. GALUP 1971, p. 10, fig. 13, nn.
PRYCE 1920, tav. IV, un. 8-10). L'orlo e costituito da un 3-4,6. IoDIN 1971, pp. 5-6, fig. I-II. AA.vv., in Camers Corsica.
lobo centrale limitato superiormente da un labbro legger­ 27-28, Bastia 1973, p. 13. fig. 14, n. 147.
Grecia. WAAGE 1933, p. 295, fig. 2; tav. IX, D. 133.
mente pronunciato all'estemo e inferiormente da un li­ [calia. PASQUI, in NSA, 1910, p. 502, fig. 8. LAMBOGUA 1941,
stello poco sporgente. Parete piana pill 0 meno inclinata p. II, 1 a-b. BERNAB6-BREA, in NSA, 1947, p. 227. fig. 6. WAAGE
verso I'estemo. Carena congiunta alia parete con un angolo 1948, fig. 27 = CHARLESTON 1955, tav. 24A. 1..AMBOGLlA 1950, p. z8.
fig. 7. n. 9; p. 31, fig. 8, D. 12 (= LAMBOGLIA 1958, p. 262, I a);
vivo raramente sottolineato da una scanalatura. n fondo p. 35, fig. 9, D. 13; p. 14.2, fig. 79. n. 8; p. 184, fig. 107, n. 9; p. 187,
presenta un piede ad anello. Caratteristiche di questa fig. 109, n. 15; p. 196,fig. 117. n. 4. POGNANTE, in Giornale storieo della
Lunigiana. VIII, luglio-dicembre 1957, p. 84, n. 403 (= LAMBOGLIA
forma sono due scanalature nell'interno della parete al­ 1958, p. 262, I c) on. 404-406. CARETIONl, in NSA, 1961, p. 284,
l'altezza dell'orlo (cfr. il tipo Lamb. 7a). La decorazione fig. 19 a-d. LAMBOGLIA 1962, p. 271, fig. I. VERMASEREN-VAN ESSEN
e costituita da una rotellatura pill 0 meno fine sui lobo 1965, p. 425, D. 252; p. 429, n. 261; p. 506, D. 430. BERNABO-BREA­
CAVALIER 1965, tav. CCXXIII, n. 9 (tomba 125). B1SI, in NSA,
centrale dell'orlo e sui punto di congiunzione fra parete 1966, p. 322, fig. 19. Sibari 1969, p. 23, figg. 18-19, un. 7, 9-10;
e carena. Diametri: em 12-30 circa. p. 101, fig. 86. n. 3. Ostia I, figg. 1-6. FAIl..ICO 1969-70, p. 14, fig. 2,

26

'r
" .,... 'c·c·•.•.

I _-------------------T~E=RRA SIGILLATA: VASI

I
I
nn. 2-5. Sibari 1970, p. ] IS, fig. 95, 1m. I~2 = p. 187, fig. 20::!~ on.
8387~Il484; p. 484, fig. :33, n. 642; p. 50I, fig. 559. n. 5930; p.. 503,
fig. 561, n. 4590; p. 512: fig. 568, n. 5199; p. 516, fig. 572, n. 5924.
ZEVI-POHL 1970~ p. 33., fig. ~4,nn. 3-S;P. 151, ng. 72, nn. 41-42; p. 201,
fig. r03, D. 495; p. 2IO, fig. 107, nn. S79~58o; p. 228, fig. n6, n. 22.
Cronologia.
Lamb. 2 a: 100-r60 e oltre (Hayes). Attestazioni in
contesti della seconda meta del II secolo (Ostia, dati
inediti).
FALUCO 1971, p. 607, fig-. 30, AI4D-I4I.l.JSSI-CARONNA 1971, p.. 362,

! fig. 46, n. 2. HAYES 1972~ p. 32, fig. 4: forma 8, on. 30, 32. a..OR!,
in AFLB. XVI, Ban 1973, p. 236. !aV. XIX, g-h. GENTILI J973,
p. IS, fig. 10 c (in alto), 1::-<1 (in basso). Luni 1973, tav. 67, n. I; tav.
t01, n. I. Forma ItaTiae: Gollatia, Ro..""l13 1974, p. 476, fig. 989 a-b;
p. 857, fig. 1922 d.
Lamb. 2 b: seconda meta del II secolo (Hayes). Sembra
non essere pin prodoltO nella prima meta del III secolo
(Ostia 1).
Lamb. 2 c: inizi del III secolo (Lamboglia).
Jugoslavia. PETROVIC, .:n Glasnik, XIII, 1958, p. 22, tav. I ::dopa
p. 271), n. 2. GREMOSN:rK 1962. tav. I (dopa p. 144), nn. 1-6. CRE­ Diffusione.
MOSNIK 1966, tw. 2 (dopv p. 62), n. 7'; 3, n; 2.
Lihia. CAPUTO 1951, col 378, fig. 166, tomba 2. HAYES 1972, Po 32, Forma diffnsa in tutlo iI baeino del lv1editerraneo e
fig. 4, forma 8, h. 4. ,ulla costa atlantica. Sono documentati alenni esemplari
Malta. Malte 1966, fig. 7, n. S. Malta 1967, fig. 9, on. 15-18;
fig. 54, D. 2. Melta 1968, fg. 7, n. 33. anche in Inghilterra, a South Shield, e a Baldock (BIRD
, Marocco. EUZENNAT, :n BAM, V, 1964, p. 243, tav. 2, n. 18.
PONSICH, in BAM, V, IQ64, p. 241, tav. Jr, D. 185. PONSICH-TAR­
RADELL 1965, p. 20, fig. 9:: D. I; p. 23, :Jg. 12, nn. 1-5; p. 30, fig. 17,
[977> p. 274).
Bibliografia,
I n. 7; p. 46, fig. 29; p. 64, fig. 39, nn. 3-5i p. 71, fig. 46; tavv. XIII,
AIgen·a. LAssus 1956, p. 219, tav. I, n. 69. BARAnEZ 1961,}:. II9,
XIV, n.·3. lonIN, in BAM, vn, 1967, p. 478, fig. I, n. I; P.480,
i
I
fig. 2, llD. 2-3.l\1.ARTIN 1969, p. 1:54, fig. 2~ fin. I, 3.
Paleslina. CRClWFOOT 1957, p. 343, fig. 83, n. 24.
Portogallo. DELGADO 1968, tay. I (dopa p. 66), no. 1-3.
~.a\'.
I, 1lIl. 14-19. VERTET 1961, p. 205, fig. 2, n. I. FtvRrER 1965,
jg. 27, FI e 5, n. I. LANCEL 1970, p. 228, fig. 75, nn. 5, 10. seli!
1970, p. 144, fig. 37, no. 156-159; p. 148, fig. 38, n. 205.
Francia. CVA France 6, tav. 47, n. 17. BERARD 1961, p. 14?, tav.
I
,~
Sma. WAAGE 1943, ta.'. IX, n. 843.
XXIX, n. 208. FOUEr 1969, p. 228, fig. 106, O. 12. GALUP 1971, p. 10,
Spagna. COLOMlNES 1942-, tav. IV (topa p. 152), nn. 1-2. R.w6sw
II FOLQuEs, in NAH, II, 1:;153, tav. loa. ALMAGRO-LAMBOGLIA 1959,
p. 12, fig. 13. TRIAS RUBES, in PyrenlU, II, 1966, p. III, fig. 9,::1.4.
:fig. 13, nn. 1-2,5,7-10. JODIN 1971, p. 7, flgg 12-17.
Grecia. WAAGE 1948, fig. 26. HAns 1972, p. 32, fig. 4, fonna 9,
:tn. 1-2.
5.
BERTRAND, in AmpuT£as~ XXIX, 1967, p. 20~h fig. 8, n. 7. C7teia
ltalia, LAMBOGLIA 1941, p. 12 = LAMBOGUA 15=58, p. 264, 2 a
1967, p. 31, fig. 31, nIl. 515-656; p. 66, fig. 74, on. 1136-7; Y. 35,
I fig. 35, n. 408; p. 37, fig. 40, n. 482. Ml\RTIN-SERRES 1970, p. 49,
e 2 b. L.'\MBOGLIA 1950, p. 28, fig. 7, n. 10; p. 31, fig. 8, n. 14; p. 35,
jg. 9, n. 14; p. 132, fig. 72, n. 5; p. 133, fig. 73, n. 7; p. 142, r-g. 79,
I fig. 24, nn. 27-28; p. 56, fig. 30, n. 279; p. 67, fig. 39, n. 31.
Tunis2·a. HOLWERDA 1936, p. 44, fig. 13, tav. IV, o. 628. eVA ::m. 9-II; p. 199, fig. II8, n. I = LAMBOGUA 1958, )). 264, 2 C.
! Copenhague 7, tav. 306, no. 10-12 = P:J.I.AREs 1960, p. 270, ig. 5, CARETTONl, in NSA, XV, 1961, p. 284, fig. 19, n. 29 b. LAMEOGLIA

II
[962, p. r:5, fig. 5, n. 10. BERTOCCHI, in Klearchc!, V, 1963, p. 146,
nn. Io-U. FEviuER ]956, p. 166, fig. 9, tomba IV. 2, n. 5. HAYES
jg. 6 b. EISI, in NSA, 1966, p. 337, fig. 29. Cmffi.o..PIS.!\.NO, inMomAL,
1972, p. 32, fig. 4, forma 5, n. 3.
Musei eCollezioni. Bmmro I971-72~ p. 294, figg. 1-2; p. 296,:ig. 3; XLVII, 1966, p. 296, fig. 50. LISSI CARONNA, in j\lSA, 1969, p. 84,
:ig. 19. FALLICO 1969-70, p. 14, fig. 2, n. 6. FAIUCO 1971, P. 607,
tav. I, no. 1-3. HAYES 15=72, p. 32, fi.£. 4, forma 8, n. ].
jg. 30, D. AI4Z. Sihari 1970, p. 503, fig. 561, n. 5S93; p. 504, fig.

I
562, ll. 3419; p. 516, fig. 572, n. 5923. LAMBoGLIA, in Archwlogie
sous-mar:ne, p. 184, fig. 8. HAYES 1972, p. 32, fig. 4, forma 9, n. 10.
GENTILI 1973, p. 15, fig. 10 h. Luni 1973, tay. 67, In. 2-4; tav. 210,
FORMA LA.\!:BOGLIA 2 a = HAYES 9 A. ll. 22. A~DREAU 1974, tav. 17,69-148-4. Forma Ioaliae: Cc.llatia,
Rcma 1974, p. 848, fig. 1907 a 0).
LAMBOGLIA 2 b = HAYES 9 E, NN. 16,20. lugosl':lvia. CREMO~NIK 1962, tav. II (dopa p. :44), n.. 1-14. CnE­
LAMBOGL1A 2 C (HAYES 9 E, N. 24). MOSNIK 1956, tav. III (dopo p. 52), n. I.
Libia. BROGAN, in LibAllt, I, 1964, pp. 52-55, rav. xxxn, no.
[5-17· libAnt, III-IV, 1966-67, p. 33, fig. 2 (in axabo).
Mal~. Malta 1967, fig. 9, 0.16; fig. 54, n. 3. HAYES 1972, p. 32,
Descrizione. ng. 4, n. lZ.
Maro.:cc. PONSICH, in BAM, 1964, p. 243, tav. IV, no. [9-20.
Coppa raramente emisferica, pin spesso leggermente ?ONSICH-TARRADELL 1965, p. 14, fig. 5, n. 2; p. 23, fig. 12, nn. 6-7;
carenata con orlo indistinto dalla parete. Due SC81ll­ p. 40, fig. 24, no. 1-2; p. 64, fig. 39, n. 7; p. 7I, fig. 46; taw. XIII,
lature all'esterno dell'orlo delimitano una fascia fOCO XIX, n. 7. JODIN, in BAM, VII, 1967, p. 481, fig. 3, nn. 8-9. MARTIN
[969, p. IS7, fig. 3, nn. 1-2.
rilevata a smone cocwessa. Piede ad anello. Diametri: Portogaifo. DELGADO 1968, tav. I (dopa p. 66), nn. 4-9. DE Fr­
em r2,3-21. GUEREIDO GARCIA PEREIRA 1971, p. 439, fig. 12 (?).
Siria. WAAGE 1948, tav. X, n. 897.
Spagr..a. CuADRADO DIAZ, in NAH, I, 1952, p. ISO,. fig. 59, o. 12.
Tipologia. FERRER, in ABA, XXVIII, 1955, p. 178, fig. s. ALMAGRO-LAM:I!OGLIA
[959, p. 5, fig. 3, o. 2; p. 12, fig. 13. NIEMEYER 1965.lI p. 101, fig. 4, D. 3.
Lamb. 2 a. - Corpo emisterico 0 leggermente carenato, BERTRAN, i'1 Ampurias, XXIX, 1967, p. 209, fig. 8, no. 8-10. Carreia
fascia esterna decora'll a rotella (tav. XIV,9-10). Negli [967, p. 65, fig. 72, n. II25; p. 66, fig. 74, n. II33. l\tLuTIN-SERRES
esemplari pin antichi tale fascia edelimitata da scanalature [970, p. 35, fig. 17, n. 45; p. 49, fig. 24, n. 29; p. 67, fig. 39, 00. 32-33·
TWlisia. HOLWERDA 1936, p. 44, fig. 13; tav. IV, o. 626. CVA
pin profonde, epin eotesa e tende ad assumere I'aspetl)) di Gopenhague 7, tav. 306, nn. 3-8 = PALLAREs 1960, p. 270, fig. 5,
un vero e proprio lobo a smone convessa (tav. XIV, 8). on. 3-8. FEvRIER 1956, p. 166, fig. 9, tomba IV.2, n. 6. HAYES
Raramente e visibile la decorazione a rotella anel1/: in [972, p. 32, fig. 4, forma 9, D. 13.
Musei e Collezioni. HAyES 1972, p. 32, fig. 4, for:na 9, n. 16.
corrispondenza dd punto di congiunzione tra parete e
carena.
Lamb. 2 b. - Corpo leggermenre carenato, fascia esterna
FORMA HAYES 13.
non decorata (tav. XIV, II).
Lamb. 2 c. - Pareti naggiormente inclinate verso I'ester­
no, fascia esterna non decorata (tav. XIV,12). Descrizz·one.
Piccolo piatto con orlo orizzontale reca:lte sulla su­
Produzione,
perficie inferiore dell'orlo due scanalature a cui corri­
Forma prcdolta in sigillata africana A', N!' e A'. 'pondono, sulla superficie superiore, due sottili sporgenze

2,7
,
l,"

CER..'I.MlCA AFRlCANA

fra Ie quali trova posto una decorazione a stampo. Scana­ Crollologia.


latnra all'interno della parete e decorazione a rotella sui Fine I - illizi II secolo? (Hayes). Attestaziom in con­
fondo. Piede ad anello. Diametro: em II,S. testi adrianeo-antonini. La forma sembra non essere pro­
Tipokgia. dotta oltre Ia fine del II secolo (Ostia III e dati inediti).
Si conosce un solo tipo (tav. XIV, 13). Diffusioue.
Produ.-ione. Forma poco documentata ne! Mediterraneo occidentale
ed orientaie e sulla costa atlantica.
Questa forma e prodotta in sigillata africana A' ma e
strettamente imparentata con Ie forme Hayes 24 in sigillata Bibliografia.
africana A decorata a rilievi applicati e Hayes 2S in A Greti4. HAYES 1972, p. 46, fig. 7, fonna 20, n. 5.
ltalia. CuRRb-PISAN<}, in MonAL, XLVII, 1966, ce. 295-296,
decorata a matrice e con la forma Sal. XXVIII b in sigil­ fig. 50. Si1Jari 1970, p. 429, fig. 468, n. 298. ZEvI-Pom 1970, p. 32,
lata africana C' decorata a rilievi applicati. fig. 23, n. 15994. Ostia III, fig. 280. Luni 1973, lav. 50, S. 5, 37;
mv. 68, n. 3.
Decorazione. Iugotlavia. CREMOSNIK 1962, tav. VI (dopo p. 144), n. 2.
Portoga.'lo. DELGADO 1968, tav. II (dopo p. 66), nn. 8-15.
Hayes non precisa i motivi decorativi. Spagna. UMBOOLIA 1958, p. 288.
Tunisia. eVA Copenhague 7, tav. 307, n. 1 a = KERN 1958, tav.
II (dopo p. 152) = PALLARts 1960, p. 271, fig. 6, n. 1 a; p. 28r =
Cronnlogia. HAYES 1972, p. 46, fig. 7, forma 20, n. I.
Inizi II secolo ? (Hayes). n rinvenimento ad Atene Mu.tei e Collezioni. BoNINU 1971-72, p. 322, fig. 23; p. 324, fig. 24;
rav. V, nn. 2-3.
dell'esemplare conosciuto fa ritenere piuttosto alta Ia CIo­
nologia di Hayes. II confronto con Ie forme citate aIla
voce Produzione induce ad una datazione nella seconda
meta - fine del II secolo. FORMA LAMBOGLIA 19 (HAYES 22, NN. 1-2).
HAYES 22, N. 3.
Dijfuione.
:l! noto un solo esemplare provemente dall'Agora Descrizione.
di Attne. Coperchio con presa concava internamente, general­
Bibliwafia· mente decorato di striature a rotella in cerchi concentrici.
Gredo-. HAYES 1972, p. 35, fig. 5. forma 13, D. I.
Manca la vermce all'interno. Costituisce servizio con
quelle forme aperte, anch'esse non verniciate internamente,
che presuppongono un coperchio. Diametri: em 12-18.
FORMA LAMBOGLIA 20 = HAYES 20. Tipalogia.
Lamb. 19. - L'orlo non si distingue dalla parete se non
Descrizione. in alcuni casi grazie ad una scanalatura. Cfr. i tipi Ostia I,
Coperchio di forma comca verniciato solo all'esterno· figg. 18-19, e Ostia II, fig. 302 in ceramica africana a stri­
Presenta un listello orizzontale che puo avere una 0 piu see e ad orlo annerito (tav. XIV,16).
scanalature e un anello rilevato che segna il punto di HaJ'es 22, n. 3. - L'orlo e piu 0 meno ingrossato, a
congiunzione tra il listello e it coperchio. AI di sotto del volte a mandorla. Cfr. anche Ostia I, figg. 21-22 in A,
listel~) eun e1emento verticale che funge da base. La presa Ostia I, fig. 20 in ceramica africana polita a strisce (tav.
del coperchio e concava all'interno e piana 0 scanalata XIV,17)·
all'es:erno. II coperchio puo presentare una decorazione
a rotella sullistello e sulla parte inferiore del corpo comco, ProduziOlle.
oppure in una delle due sedi e sulla zona rilevata in cor­ Form' prodotta in sigillata africana A', A'/'.
rispondenza della counessione tra listello e coperchio.
Diarnetri: em II,3-I9,6. Cronologia.
Prima meta de! II secolo e oltre? (Hayes). Non si puo
Tipologia. eseludere che la forma fosse prodotta anche in eta anto­
Si conosce un solo tipo (tav. XIV, 14). Solo un esem­ °
nina agli illizi del III secolo.
plare da Tarragona presenta una decorazione molto ela­
borat:! (tav. XIV, IS). Diffusior.e.
Forma documentata in scarsa misura nel Mediterraneo
Prod""ione. occidentale.
Forma prodotta in sigillata africana A'. Una forma
Bibliografta.
simile e documentata in C' decorata a rilievi applicati Algeria. Sitij 1970, p. 152, fig. 39, n. 247.
(Sal. XXII). Questa forma, come Ia suceessiva, costitui­ Franck IODIN 1971, p. 19, fig. 58.
see servizio insieme con Ie forme aperte, generalmente ltali'a. LAMBOGLIA 1958, p. 287. Ostia I, figg. 21-22.
MUSe1 t Collezioni. eVA Univ. of Michigan 1, tav. XLV, n. 23 =
non:vermciate internarnente, che presuppongono un HAYES 19~2, p. 46, fig. 7, forma 22, n. 3. BONmU 1971-72, p.322,
copeJdrio. fig. 22; t~v. V, n. I.

28
r-

i TERRA SIGILLATA: VASI


I!
FORMA «OSTIA IIh, FIG. 281. BiCliograjUl.
Algen'a. MOREL [962-65. 1=. 134, fig. 98 (?).
(,OSTIA IIh, FIG. 282. FraJ'lcia. LAMBOG:IA 194I~ p. 15 = LAMBOGLIA 1958, p. 269.

MCTJCHOT 1963, p. 140, n. 3.


!tal£a. LA.\i30GLL\ 1950, p. 28, fig. 7, n. 12. HAYES 1972, p. 58,
Descrizione. fg. ~o, forma 34•

Coppa con orlo finemente decorato a mtella ano a .~arocco. PONSICH-TARRADEI..L 1965, p. 71, fig. 46C?).

I
rieevere un coperchio. La decorazione poo occupare la
parte centrale del vaso, delimitata da scanalatnre oppure XV, 4.
!

anche la fascia sottostante all'orlo. La par<te verticale e


eareoata. Per la maocanza di una forma inter. non si pub
dire nulla del fondo. L. verniee e dist;:sa solamente
FORMA (,ATLANTH, TAV.

De!crizwne.
\ all'esterno. Diametri: em 19,2-19,5. Coppa con orlo rivolto all'esterno, munito internarnente
~
~ Tipologia.
di una profilatuca probabilmente per appoggiarvi un
coperchio. Esternarnenl< la parete presenta due scanala­
;
L. documentazione e troppo Seat'S. per d<finire un. lure e, al di sotto, la decorazione a rotella. Per la mancanza
1 tipologia sufficienternente .mpi. e comple~a. Tunavia
,

~
distinguiamo per ora due tipi:
di una forma intera non si pub dire nulla del fondo.
La vernice e di';lesa un:camente all'esterno. Diarnetro:
.* Ostia III, fig. 281. - L'elernento terminale dell'orlo,
rivolto all'e~terno, e ingrossato (tav. XV, I).
em 16,8.
~
[t Tipologia.
f. Ostia III, fig. 282. - Cfr. l'orlo della forma L1IIlb. 19 bis
i (tav. XV, 2). Si conosee un solo tipo (tav. XV, 4).
I,,
ProduzUme. Pr.,duzione.
,

\ Forma prodotta in sigillata africana A'; per quanto


rigoarda la strunura del vaso e imparentata all. forma
Forma prodolta in sigillata africana AI; per quanto
frammentaria essa appare simile a forme in A' e NI' (tav.

!i Lamb. 6 in AI e AI" e in A decorat•• rilievi .pplicati.


Gronologia.
Fine 1- p,ima mdl del II 5<0010 (Ostia IIn.
XV, 1-2; XV,J).
Cronologia.
Prim. meta dd II seeolo?
I

I Diffusione. Diffusione.
i

!
Fonna molta r.ra, docanentata finor. so[c ad Ostia.
Bibliografia.
Forma documentat. linora solamente a Cartagine.
Bibliografia.
i! ltalia. Ostia III, figg. 28[-282. Tunisia. Arlame, tav. X\~. 4.
I
,I
FORMA LAMBOGLIA 19 his = HAYES 21.
I
FORMA LAMllOGLIA 6 = HAYES 34.
i Descrizione. Descrizione.
I

!
Coppa con orlo • tesa piana, piil 0 men;) pronunciata,
piil 0 meno inclinato all'esterno. Dne sC21l31atnre al­
Zuppiera a corpo arrotondato provvista <Ii una gola al
di sotto dell'orlo e di un basso prede ad anello. L'orlo

II
I'esterno segnano generalmente il punto di congiunzione
fra parete e earen.. Piede ad anello. Manca la vernice
all'interno. Diarnetri: em 14-17 circa.
pill 0 meno ingressato e profilato presenta un andamento
verticale e mostra un incavo per il coperchio; e decorato
a rotella, ttanne che in un frammento rinvenuto a Mariana
in Corsic. (efr. IODIN 1971, fig. 57;' II vaso e verniciato
I Tipologia. solo esternamente. Diarnotri: em 12,5-15,5.
! Si conosee un solo tipo (tav. XV, 3).
Tipologia.
Produzione. Si conosce un ,010 tipo (t.v. XV, 5-6).
Forma pmdott. in sigillata africana AI e NI'. La strut­ Vari.nte Sal. A :0. L'orIo corte e verticale e sagomato
tura del vaso ricorda la forma precedente. Cfr. una forma in corrispondelIDl del limite superiore della gola (tav.
simile in A" A'I' decorata a rilievi applicati (tav. LXXII, XV, 7).
8-9).
P"duzione.
Gronologia. Forma prodona in A', NI', A'. E notevohnente affine
Fine II - inizi III secolo? (Hayes). Attes:azioni in con­ alla forma Sal. XXIII in C' decorata • rilievi applicati.
testi della p,iffia meta del II secolo (Ostia, dati inediti). L' cdo esimile a quello eel tipo Ostia III, fig. 282 in A'.
Diffusione. Gronologia.
Forma ab-oastanza rar., documentata nel M<diterr.neo Seconda meta II - illizi. III secolo (Larnbogli.); prima
occidentale. meta del II secolo? (Hayes).

2y

CERAMICA AFRlCANA

PeI Ia variante: meta 0 seconela meta del II secolo decomto ad impressioni digitali. Diametri: em 27-35

(Sdomonson). circa.

D"jjusione. Tipologia.
Forma non comune, documentata nel Mediterraneo Si conosce un solo tipo (tav. XV, 9"10).
occidentale.
Produzione.
Bil;Hografia;
Fmf:lCi<". IODIN 19'71, p. 19, figg. 55-57.

Forma prodotta in sigillata africana N. La decorazione

ItCilia. LAMBOGUA 1950, p. 27. fig. 6, n. 3. LAMBOGLIA 1958,


con impressioui digitali si nota anche in un frammento

p. ~87. HERTOCCHI, in Klearchos. V, 1963~ p. 149. fig. 8 c. Sibari eli una forma ignota di sigillata africana A rinvenuto

1970, p. 523, fig. 578, n. 14046. HAYES 1972, p. 46, fig. 7, furma 21.
SPagna. LAMBOGUA 1958. p. 287.
ad Ostia (cli:. ZEV!-POlIL 1970, p. 224, fig. II5, n. 26).

Tunisic. SALOMONSON 1968, p. 92, tav. II; p. 103, fig, 18, Am = Cft. la forma Atlante, tav. XXV, 10 in A/D. II ptofilo

Ra.nada 1973. tav. V, fig. II, All), del vaso e fa carenatnta ricolelano Ia forma documentata

aile tavv. XV, 1-16 e XVI,I-3.

FORMA LAMBOGLIA 10 = SALOMONSON A II = Cronalogia.


HAYES 19. II secolo (Hayes). Attestazioui in contesti della seconda

meta del II secolo (Ostia, dati inediti).

De"rizione.
Dijjusiane.
Casseruola imitante Ia forma Ostia II, fig. 303 in ce­
ramica africana a ?atina cenerognola. Orlo e parete sono Forma rara, nota solamente attraverso frammenti nel

verticali. La parete presenta ad una cetta a1tezza una Meditermneo occidentale.

strozzatura che forma protnbetanza all'interno per pog­ BihNografia·


giarvi un coperchio. II fondo COllcavo e generahnente sol­ Algeria. BARADEl 1961, p. II9, tav. I, n. 28.
cato da striarnre concentriche e foruito di tre hugne Italia. HAYES [972, p. 36, fig. 5, forma II~ n. I. At/alite, tav. XV, 9.
Tunisia. AtIante, tav. XV, 10.
disfoste simmetricamente. Le bugne stanno ad indicate
una forma eIa fuoco aelattata a forma da tavola. La ver­
nice e distesa solo all'esterno. Diametri: ern 13-16. 2:
FORMA CARANnINI 1976, FIG. 1.

Tipologia. CARANDINI 1976, FIGG. 2-3.

Si conosce uu sdo tipo (tav. XV, S). HAYES 10, NN. I, 4.

Produziane. LAMBOGLIA 21 (HAYES 10, N. 2).

Forma prodotta in sigillata africana A" e, analogarnente, HAYES 10, N. 3.

in ceramica africana a patina ceuerognola (forma Osria II, CARANnINI 1976, FIG. 7.

iig. 303). CARANDINI 1976, FIG. 8.

Cronologia. CARANnINI 1976, FIG. 9.

Fine 1- inizi II secolo (Hayes e Ostia, dati inediti).


Meta II secolo circa (Salomonson). Descrizione.
Zuppiem carenata con orlo bilobato e piede ad anello.

Diffwione. Diametri: ern 22-48.

Forma rara, documentata nel Mediterraneo occiden­


tale, sopmtrutto in Tunisia. Tipologia.
CARANDINI 1976, fig. 1. - II lobo dell'orlo, rivolto

B"blWgrafia. all'esterno, forma con iI suo tilievo una incavatura adatta

ItGlia. 1.AMBoGUA 1;)50, p. 31, fig. B.. n. IS; p. 35. fig. 9. n. 16.
Sibari ]97~ p. 66~ fig. 57, n. 154. a ricevere un coperchio e presenta uella parte inferiore

MOlMCCO. PONSICHwTARRADELL 1965, tavv. XII (1), XIX, n. 9. una gola che 10 Iacmlda con una fascia leggermente ri­

Spatna. LAMBOGLlA 1958, p. 276. levata e decomta a IOteila. La parete, appena incurvata,

TI41l;sia. HOLWERDA 1936, fig. 17, D. 687 = KERN 1958, !aV.


I (dQpo p. 152). eVA Copenhague 7. tav. 307, n. 1 = KERN 1958, tav. e carenata. II punto di carena e segnato all'<Sterno da un

II (do{:o p. 152) = PAI.LAREs 1960, p. 271, fig. 6, n. I b; p. 2.79 = leggero rigonfiarnento e all'interno da una piccola depres­

HAYEg I97Z, p. 46, fig. 7, forma 19, n. 1. SALOMONSON 1968, p. 103,


fig. IS, Au = RiUlqada 1973, tav. V, :fig. 12, All. Ouia III, figg. sione. La zona sotro iI punto di carena doveva presentare

I025 1026.
w probabihnente una decorazione a rotella. 11 piede doveva

Mimi e Collezioni. LAMBOGLIA 195B, p. 276. essere ad anel10 (tav. XV, II).

CARANnINI 1976, figg. 2-3. - 11 lobo superiore del­

I'orlo, che Ita Ia forma di un rigonfiamento curvilineo, de­

FOR...... A HAYES 1[.


terntina una mvatura, come nel tipo precedente. II lobo

inferiore, piu 0 meno arnpio, rilevato e convesso, appare

Desaizione. ben distinto e decorato a rotella. La parete, appena in­

Zuppiera carenata con orlo bifido e atto a ricevere curvata, e carenata. II punto di catena e segnato all'esteI­

un C3?elchio. Pocc al di sotto e applicato un mrdone no eIa un leggero rigonfiarnento e da una 0 pill scana1ature


TERRA SIGILLATA: VAST

e all'interno da una depressione. La zona sotto il punto XV, 16; XVI, I; XVI, 2) ed in una ceramica simile a
di carena e decorata a rotella. II piede doveva essere ad quella della sigillata rna che ha petso ogni vernice ed in
anello (tav. XV, 12-13). una tecnica assai rozza (cfr. il tipo alia tav. XVI, 3). Nei
Hayes 10, un. I, 4. - II lobo superiore dell'orio pre­ tipi alia tav. XVI, 1-2, la vernice copre I'interno del vaso
senta al limite interno un piccolo rilievo che ne,;. tipo e all'esterno la zona che riguarda I'orio. La forma ricorda
precedente si avvertiva appena. Eccezionalmente il piccolo la zupplera Hayes II in A'.
rillevo non raggiunge illivello del lobo superiore, il quale,
Cronologia.
a contatto con quello, viene cosi a formare una incavatCita
molto meno marcata che nel tipo precedente. General­ CARANDINI 1976, fig. I: II seoolo (I 50-ZOO circa).

mente questo lobo presenta nella sua parte superiore un CARANDINI 1976, figg. 2-3: 90-150 circa.

andamento piano; in questo caso il rillevo al limite interno Hayes 10, un. 1,4: 150-300 circa e forse oltre.

dell'orio emerge chiaramente daI Iivello del lobo, che Lamb. 21 ed Hayes la, n. 3: 223/225-300 circa e forse

finisce, in tal modo, per svolgere la funzione di un listello olITe.


adatto a ricevere un coperchio, come accade anche nel CARANDrnI 1976, figg. 7-9: attesrazione a Cartagine
tipo seguente. II lobo inferiore e meno evidente che nel in contesti di fine IV secolo (HAYES 1977 e Missione Ira­
tipo precedente ma e sempre ben individuabile. La parete liana a Cartagine, dati inediti). II tipo CARA:'IDINI 1976,
assume un andamento curviIineo, per cui iI recipiente fig. 7 e documentato in un altro contesto, datato tra il
assume una forma emisferica; tuttavia figura ancora una 320 e iI 360 circa.
falsa carena segnata da un rigonfiamento, all'esterno, e, Hayes propone una datazione indicativa aI II seeolo,
a Iivello di poco superiore, all'interno. II lobo infuiJre ma iI tipo di vernice e Ie stratigrafie di Ostia (Ostia I,
dell'orio e la parete subito sotto il punto di carena sono III; ZEVI-POHL 1970) e di Cartagine consentono di pre­
generalmente decorati a rotella, rna possono anche non cisare ulteriormente la cronologia.
presentare questa decorazione. Raramente si osservano Diffusione.
delle scanalature in corrispondenza del punto di carena
(tav. XV, 14). Forma documentata nel Mediterraneo occidentale.
Lamb. 21. - L'odo e uguale a quello piu generalmente Bibliografia.
attesrato nel tipo precedente. II lobo inferiore subisce Algeria. BARADEZ 1961, p. II9, tav. I, n. 25. LwCEL 1970, p. 236.
un processo di deterioramento morfologico: a volte appate fig. 80, n. II.
Francia. JODIN 1971, p. 20, figg. 59~I.
atrofizzato e a volte e assente. La decorazione a rotella Italia. O~(ia I, figg. 639-647· Sibari 197<:. p. SIS. fig. 571, o. 20853.
e per 10 pili presente, anche se resa in modo maIdestro. ZEVI-POHL 1970, p. 151, fig. 72. n, 44. HAYES 1972. p. 36, fig. 5,
L'andamento della parete e analogo a quello del tipo forma 10. n. 3. Lun£ 1973. [avo 107, O. 3. Ostia III, fig. 153. CARAN­
DIN! 1976, p. 50, ftgg. 2-3j p. 51, fig. 6.
precedente e cosl pure la carena. Sotto iI punto di carena Lilria, HOLWERDA 1936. [avo V, n. 631 = HAYES 197p. p. 36, fig. 5.
figura quasi sempre una deeorazione a rotella trasandata forma 10, n. 4 = CARANnINI 19]6, p. SO. fig. 4. HAYE3 1972, p. 36,
fig,S, forma la, n. I.
(rav. XV, IS). A>farocco. MARTiN DE CAsTILLO 1966. P. 365, fig. 4, ll. 16. IODIN,
Hayes 10, n. 3. - L'orio e piano nella sua parte superiore, in BAM, VII, 1967. p. 481, fig. 3. Dn. Io-II.
e non vi e traccia del rillevo al suo limite interno. II lobo Spagna. LAMBoGLIA 1958, p. 288 = CARANoINI [976, p. 51,
fig.' 5. M.ItRTiN DE CAsTILLO Ig66, p. 365, fig. 4, nn. 13-14 (?), 15.
inferiore e pili 0 meno atrofizzato e a volte decorato a SANMARTI GREGO, in Ampurias, 33-34, 1971-72, p. 371, fig. I.
rotella. La parete tende ad assumere un profilo pili retti­ Tunisia. CARANDINI 1976, p. 50, fig. I; p. 51, ngg-, 7-9. HAYES
1977, p. 67. fig, 8, nn. 16-17.
lineo, laddove tale deeorazione manchi (tav. XV, 16).
CARANDINI 1976, fig. 7. - II rillevo a1 limite interno
dell'odo e appena avvertibile, 0 e assente. II lobo inferio­
FORMA LAMBOGLIA 9 b = HAYES 26.

re e atrofizzato. La parete ha un andamento leggermente


curviIineo. Manca la decorazione a rotella (rav. XVI, I). LAMBOGLIA 9 a = HAYES 27, NN. 1-2.

CARANDrnl 1976, fig. 8. - II lobo superiore dell'orio LAMBOGLIA 9 a' (HAYES 27, N. 7).

I assume la forma a tesa piana. II rillevo aI limite interno


dell'odo e scomparso. II lobo inferiore e scomparso; il Descrizione.
riIievo che appare sotro l'orio ne e forse un ricordo. La Piatto con orio inclinato all'interno, parete ricurva piu
parete e rettilinea e carenara; a meta altezza compaiono o meno svasata, talora unira al fondo a spigolo vivo. Pre­
due esili scanalature. Manca la deeorazione a rotella senta una 0 spesso piu scanaIature all'interno sui fondo.
(tav. XVI,2). Diametri: em 20-36 circa.
CARANDINI 1976, fig. 9. - L'orio e a tesa pia.em; il
lobo inferiore e scomparso. La parete e rettilinea e ca­ T,pologia.
renata, ma nessuna depressione segna ormai iI punto di Lamb. 9 b. - Scanalatura all'interno sotto I'odo e fondo
carena all'interno del recipiente. Manca la deeorazione a piano (tav. XVI,4).
rotella (rav. XVI,3). Variante Ostia I, fig. 13. La scanalatura e alI'esterno in­
veee che all'interno.
.Produzione. Lamb. 9 a. - Scanalatura all'interno sotto I'orio e fondo
Forma prodotta in sigillara africana A' (efr. iI tiFo alia con basso piede ad anello (rav. XVI,5).
tav. XV,I2-I3), in A'/' (efr. i tipi alia tav. XV, II; Lamb. 9 a'. - Manca la scanalatura; fondo con basso
XV,14), in A' (efr. i tipi alle tavv. XV,I4; XV, 15; piede ad anello (rav. XVI,6).

Jl
r,

CERAMICA AFRICANA

Variante Hayes 27, n. 9. Nel congiungersi al £)ndo Cronologia.


la parete forma uno spigolo vivo, cui corrispor.c.e,. al­ Etil antmUniana e oltre (Lamboglia). Metil del II secolo?
I'interno, una scanalatura. Hayes considera questo esem­ (Hayes). Attestazioni ad Ostia dalla fine del II al III secolo.
plare come variante di passaggio tra i tipi Lamb. 9 a'
ed Hayes 31, un. 2,6 in N. Diffusione.
Forma documentata nel Mediterr2neo occidentale ed
Produzione. orientale.
Forma prodotra in sigillata africana AIl', A'. n tipo
Bibliografia.
Lamb. 9 a' appare documentaw mche in A{D (Ostia I, Grecia. H!.YiS 1972, P. 40. fig. 6, forma 14, n. I.
fig. 16). Italia. LAMBOOLIA 194:, p. 13, 3 b-c. LAMBOGLlA 1958, p. 265,3 a.
HAYES 1972, P.~40, fig. 6~ fQrma 14, nn. 4-5. Luni 1973, tav. 210, n. 21.
Gronologia. Iugmlavia_ CrmMOSNIK 1')62, tav. III (dopo p. 144), nn. 1-2.
Marocco, PONSICH-TARRIDELL I96S, p. 45, fig. 28.
Seconda meta del II - inizi III secolo (Lamboglh, Spagna. Riic-ER 1968, fig. (dcpo p. 258) 10, n. I. MARTIN-MAsCARELL
1969, p. 37, fig,. II, n, I. DOMERGUE, in IX Congr. Nac. ck Arqueol.
Hayes). Attestazioni in comesti di fine II - prima meta (Merida I96r.), Zangoza 1970, fig,S (d,);to p. 624), n. 13.
III secolo (Ostia I e III). Variante Hayes 27, n. 9: fine
Il- ptima meta III secolo (Hayes).
FORMA h\,\lllOGUA 3 c' = HAYES 16, N. I.
Diffusione. HAYES 16, N. 16.
Forma comunemente documentata ne! Medit~rraneo
occidentale e orientale e sulla costa atlantica. Descrizione.
Bibliografia. Piattofscodella ca:enato con or:o in~istinto dalla parete
Alg~ia. LANCEL 1970, p. 236, fig. 80, nn. 24-P. o ingrossa!O, parete notevolmecte inclinata all'esterno,
Francia. JODIN 1971, p. 16, fi,gg. 45-5&. piede ad nello. La =ena mCoStra generalmente un anda­
Grecia. HAYES 1972, p. 50, fig. 8, forma. 27, n. 9. mento oblquo, cbe, in aleuni casi, ,i alteaua tanto che :i
lsraele. CROWFOOT 1957, n. 343, :fig. 83, n. 1[. :1
Italia. LAMBOGLIA 1958, p. 274, 9 a. CARETIONI 1967, po 304, tra carena e fondo non c'e soluzione di continnitil. Dia­ ,1
flgg. 22-23. n. 2 i. Ostia 1, figg. 13,629. FALLIOO 1969-70, p. IS, fig. 3, metri: em IZ, 3 - 16, 2. ~
no. 14-15. Sibari 1970, p. 504, fig. 562, n. 6Ir~. H~YES 1912. p. so,
fig. 8, fanna 26, n. 2; forma 27, n. 2. Luni 1973, tav. 67, nU.9-IO; Tipnlogia. j
$
tav. 210, nn. 24~25, 29.
L£bia. WRIGHT, in PaIEQ, 1962-63, p. 3r, fig. 3. HAns 1972,
p. 50, fig. 8, forma 27. n. II.
Lamb. 3 c'. - Orlo indistinto dalla parete, che forma
con la carena un ango:o netto (tav. XVI, IO-U).

Marocco. IODIN. in BAM, VII, 1967, p. 485, fig. 7, n.r:.. 20-21;
p. 488, fig. 10, nn. 30,32. PONSICH- TARRADELL 1965, p. 45. fig. za. Variante Sal. A '2. Esemplare molto aperro e munito di

II
Porrogallo. ALARcAo-MOUTINHO DE AI.ARcAO 1966, rav. ri, tomba un alto piede, tIIvenulo a Raqqada. Diametro: em 18,9
29, n. 2. DELGADO 1967, p. 121, tav. I, D. I. Conimariga 1975, p. 295, (tav. XVI, 12).
tav. LXIII, n. 4.
Spagna. SERRA VUARO 1946, p. IS, tav. IX, fig. ro. LAMBOGLI.'\ Variante Sal A 12 b. Esemplare munito di parete po­
1958, p. 274, 9 b; p. 275, 9 a2 • RUGER 1968, fig. 7 (;lopo p. ~58), co inclina:a e di U1IE leggera profilatura a rilievo, in
n. '59(?). corrispondenza della congh".,zione tra parete e carena,
Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 44, fig. 13; tav. V, n. 612 "" a ..yES
1972, p. 50,fig. 8, forma 27,n. I. CVA Coperihague 7" tav. 311, D. 5-6 = rinvenuto a Raqqada. Diamerro: em 24 (tav. XVI, 13).
PALLAREs 1960, p. 275, fig. 10, n. 5-6. Hayes 16, n. 16. - arlo ingrossalO. La parete forma con

Musei e ColIeziorn. BONINU 1971-12, p. 320, :ig. 21; tav. nT, :1. 5.
la carena un angolo meno netto (tav. XVI, 14).

Produziom.
FORMA LAMBOGLIA 3a = HAyES 14 A, NN. 1,4-5· Forma prodotta in sigiIlata afric,na N. Cfr. forme aperle

in A' (tav. XVI, 7-9, IS) e il tipo Ostia I, fig. 12 in AID.

Descrizione. Gli esemplRri di Raqqada presentano caratteristiche parti­

colati, che f.llIlO pensare ad una produzione locale non

Coppa piil 0 meno carenata con odo indistinto da1la


espottata.

parete 0 leggermente ingrossato, che in un esemplare


frammentario rinvenuto nella zona di Eretum appare Gronologia.
arrotondato (cfr. Hayes 14 A, n. 5). La parete inclinata e Seconda met. de! II secolo e oltre? (Hayes). Prima me­

verso I'esterno, il piede ad anello. Diametri: em 16-22. til del III secolo (Lamboglia, Ostia I). Per Ie varianti:

seconda metil del II - inizio del III secolo?; fine III

Tipologia. secolo? (SalCllIlcnson).

Si conosce un solo tipo (tav. XVI, 7-8).


Vatiante MARTIN-MAsCARELL 1969, fig. II, n. 1. In un Diffusiun<·
vaso rinvenuto a Litia (Spagna) la parele, pur essendo Forma docuDentalfi ne! Mediterraneo occidentale ed

inclinata verso I'esterno, presenta superiormente una leg­ orientale e salla coHa atlanti::a.

gera rientran2a (tav. XVI,9). Bibliografia.

Algtt"ia. BAeADEZ 19SI, p, II9, ~av, r, n, 50. LANCEL 1970, p.

Produzione. 228, fig. 75, Do 7·

Francia. ]ortK 197r, (:, 9, figg. 2;J-26,

Forma prodotra in sigillata africana N. Cfr. Ie forme ltalia. eVA. Ilidia XVI, Todi, tav. [6, n. I. LAMBOGLIA 1941,

aperle in A' (tav. XVI, 10-15). p. 13, 3 a. LnLIu, in NSA, 1949, p. :::.;6, fig. I j n, 3, GENTILI, in

32
TERRA SIGILLATA: VASI

NSA, 1954, p. 320, fig. 17, n. 4. LAMBOGLIA 1958, p. 266, 3 ct , Diffusirme.


(J.RETTDNI 1967, p. 303, fig. 20; p. 305, fig. 24, 2 m. Ostia I, fig. II.
FALUCO 1969-70, p. 14, fig. 2, un. 7-8. Sibari 1970, p. 504, fig. 562, Forma documentata nel Mediterraneo occidentale, sulla
n. 6120. HAYES I972, p. 40. fig. 6, forma 16, n. 16. Lrmi 1973, costa atlantica e in Austria.
tav. 67, n. 6.
Iugoslam'a. (;REMOSNIK 1962, tav. III (dopa p. 144), nn. 6, 8-9.
Marocco. PONSICH, in BAM. V, 1964, p. 249, tav. IV, fig. 6. Bibliografia.
PONSICH-TARRADELL 1965, p. 14. fig. $, n. 15. MARrIN 1969, p. 160, Algeria. CAMPs 1955, fig. 6 (dopa p. 236), nn. 1-2 J tipo IX.
fig. 4, n. 2. Austria. PRAsCHNIKER-KENNER 1947, p. III, fig. 102, n. 82:11.
PortogallQ. A1.ARcio-MOUTINHO DE A1.ARcio 1966, tav. I, tomba I, Francia. IODIN 1971, pp. 8-9, figg. 18-21, 23.
n. 2. Com'mbriga 1975, p. 295, tav. LXIII, nn. 2-3. Italia. LAMBOGLIA 1958, p. 265, 3 bl, Ostia I. fig. 10. HAYES 19]2,
Spagna. AnRoER 1963, pp. II8-u9, nn. 7519. 7536. NIEMEYER p. 40, fig. 6, forma 14, n. 8. LUlIi 1973, rav. 67, n. 5.
1965, p. 101, fig. 5, 00. 4-5. Iugoslavia. CRRMOSNIK 1962, tav. II (dopo p. 144), nn. 7, 9-12,
Tunisia. HOLWERDA 1936, rav. IV, n. 624. eVA Copenhague 7, 15-18 (?).
tav. 312, nn. 6-7 = PALLAREs 1960, p. 276, fig. II, on. 6-7. SA­ Marocco. PONSICH-TARRADELL 1965, p. .<is, fig. 28. leDIN, in BAM.
LOMONSON 1968, p. 103, fig. 18, A 12; p. 94, fig. 9; p. 104, fig. 19, VII, 1967. p. 482, fig. 4, nn. 12-15. MARriN 1969, p. 160, fig. 4, n. 1.
A 12 b = Raqqada 1973. tav. I, fig. 13, A 12; tav. IV, fig. 14, A 12 b. Portogallo. ALARci.o--MOUTINHO DE A1.ARcio 1966, tav. XV, to)Tlba
Musei e Collezioni. HAYES 1972, p. 40, fig. 6, forma 16. n. 1. 210. Conimbriga 1975, p. 295, tav. LXIII, n. I.
Spagna. MARTIN-SERRES 1970, tav. XXV, n. 9.
Tunisia. HAYES 1972, p. 40, fig. 6, forma IS, n. I.
Musti e Collezioni. BONINU 1971-72, Pl'. 298-299, figg. 4-5; tav. I,
FORMA LAMBOGLIA 3 C' (HAYES 16, N. 18). DD. 4-5.

Descrizirme.
Piatto di piccole dimensioni che richiama Ia forma FORMA HAYES 14 B, N. II.
precedente con orlo indistinto dalla parete, la quale appare LAMBOGLIA 3 b' = HAYES 14 C.
fusa con la carena. Piede ad anello pia alto all'interno nel
connettersi aI fondo. Diametro: em 14,4. Descrizione.
Tipologia. Coppa carenata con la parete verticale 0 leggermente
Si conosce un solo tipo (tav. XVI, IS). inclinata all'interno, sempre pia corta della carena e con
piede ad anello. Diametri: em 14-18 circa.
Produzirme.
Tipologia.
Forma prodotta in sigil1ata africana N. Secondo 1'08­
servazione di Lamboglia (cfr. LAMBOGLIA 1958, p. 266) Haye8 14 B, n. II. - Coppa pia alta, orlo generalmente
Ia vernice manca quasi completamente. indistinto dalla parete (tav. XVII,2).
Lamb. 3 b'. - Coppa pia bassa, orlo indistinto dalla
Gronologia. parete, tenninante con taglio netto 0 smussato (tav. XV:I,
Prima mem del In secolo e oltre? (Lamboglia). 3-4).
Variante LA BAUME SALOMONSON 1976, tav. 51, n. 3.
Diffusione. Coppa con decorazione mamillare (tav. CXXXI, 3).
Forma raramente documentata nel Mediterraneo oc­
cidentale. Prodl/zione.
Forma prodotta in sigillata africana A'. Cfr. Ia forma
Bibliografia.
Spagna. LAMBOGLIA 1958, p. 266, 3 c2 •
precedente.
Granologia.
FORMA LAMBOGLIA 3 b' = HAYES 14 B, N. 8. Fine II - inizi III secolo? (Hayes, e, per la variance,
Salomonson). Attestazioni nella prima mem del III secc.lo
Descrizirme. (Ostia I).
Coppa carenata con orlo generalmente smussato a1­ Diffusione.
l'interno, parete verticale 0 pia spesso rivolta all'interno,
piede ad anello. Diametro: em 16,5-24,2. Forma doeumentata nel Mediterraneo occidentale, orien­
tale e sulla costa atlantica.
Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tavv. XVI,I6; XVII, I).
Bibliografia.
Algeria. CAMps 1955, fig. 6 (dopa p. 236), nn. 3,4 (?), tipo IX.
Variante Hayes IS, n. 1. L'esemplare, proveniente da BARADEZ 1961, p. 119, tav. I, n. 49.
Sonsse, presenta Ia parete a1quanto convessa, munita di Francia. IODIN 1971, p. 9, fig. 22.
scanalature, esternamente poco aI di sotto dell'orlo e in lsraele. CROWFOOT 1957, fig. 49, n. 3089.
Italia. LAMBOGLIA 1950, p. 144, fig. 8o, n. 41. LAW...BOGUA 1958,
corrispondenza della congiunzione con Ia carena. 3 b'Z. Ostia I, figg. 7~9. FALLlCO 1969-70, p. 14, fig. 2, no. 9-10.
HAYES 1972, P' 40, fig. 6, forma 14,' n. II.
Produzirme. Jugoslavia. OmMOSNlK 1962, tav. II (do~o p. 144), un. 8, 13-14 (?).
Marocw. PONSICH-TARRADEll. 1965, p. 14, fig. 5,n.); p. 45, fig. 28.
Forma prodotta in sigillata africana A'. Si ricollega Portogallb. DE A1.ARcio-MOUTINHO DE ALARcAO 1966, cav. N.
alia forma documentata alia tav. xvn, 2-4. !omba 28, n. I. DELGADO 1968, tav. I (dopo p. 66), n. 10.
Spagna. A1.MAGRo-AMoR6s 1953~54, p. 260, fig. 20, n. 1. AnRC'ER
Gronolog;a. 1963, p. 119, n. 7538. MARTIN-SERRES 1970, p. 35, fig. 17, n:l. 46-47.
Musei e Collezioni. LA BAUME~SALOMONSON 1976, Pl'. 122-123:
Prima mem del III secolo (Lamboglia, Ostia I, Hayes). n. 539.

5 - Enciclopedia ddl' Arte - Atl. F. c.. I


33
CERAMICA AFRICANA
,

FORMA HAYES 14/17, N. I. Tipologia.


LAMBOGLlA 3/8 (HAYES 17 A, N. 4). Lamb. 22 a. - Cfr. la forma Lamb. 3 a (tav. XVII, II).
LAMBOGLIA 8 E 8 bis = HAYES 17 A, N. 5. Lamb. 22. - Cft. il tipo Lamb. 8 e 8 his (tav. XVII, 12).
(,OSTIA h, FIG. 57. ProJuzione.
Forma prodolta in sigillata africana A'.
Descrizione.
Coppa ad andamento emisferico 0 carenato con orlo CrlJTlologia.
indistirJ:o dal1a patete. II fondo presenta generalmente Indeterminata. Lamboglia assegna questa forma alia
un basso piede ad anello. Diametri: em 10-13. fase pi'l tatda della produzione della sigillata africana A.
Tipologia. Diffusione.
Hayes 14/17, n. I. - CoPP" alta carenata imitante la Forma malta rara, documentata linora da soli due esem­
forma Lamb. 3 a (tav. XVII, 5)· plari, rinvenuti in Francia.
Lamb. 3/8. - Coppa bassa carenata imitante iI tipo Lamb.
3 c'. E documentato un basso piede ad anello, distiIito dal Bibliografia.
FTanQa. LAMBOGLIA 1958, p. 290.
fondo piano grazie ad una s=a1atura (tav. XVII,6).
Lamb. 8 e 8 his. - Coppa alta e emisferica (tav. XVII, 7).
Ostia I, fig. 57. - Coppa bassa emisferica (tav. XVII, 8).
Variante FALLICO 1969-70, fig. 3, n. 13. Un esemplare FORMA LAMBOGLIA 35 = HAYES 44, NN. 4-5, 9·
da Chiaramonte (Sicilia) presenta la patele inclinata verso
l'esterno pi'll lunga della carena (tav. XVII,9). Descrizione.
Variante Hayes 17 B, n. II. Un esernplate daIla Tunisia Coppa a corpo emisferico can arlo rivolto all'eslemo,
presenta un profilo molto aperto (diametro: em 16,9) a tesa piana a leggermente arrotondato, munito di una
e iI piede atrofizzato (tav. XVII,IO). scanalatura che da luogo ad un leggero gradino. Piede
Non sono stati attribuiti alli. forma 8 i tipi 8 A-B ill ad anello. Diametro: em 12,1-16,2.
Lamboglia perche relativi alia sigil1ata africana C' e C',
iI tipo 8 C perche relativo alia Eastern Sigil1ata B. Tipowgia.
Si conosce un solo tipo (tav. XVII,13).
Produzione.
Forma prodolta in sigil1ata africana A'. Coppe simili Produzione.
sono prodotte in AfD (forma Hayes 17 B, no. 8-9 e tipo Fonna prodOlta in sigillata africana A', documentata J
:;
Sal. A 20), C'-C' (Lamb. 43 e 43 bis). similmente in C' e C' (tipo Lamb. 35, 35 bis) e in C' 'i%

Cronologia.
decorata a ri1ievi applicati (forma Sal. XXVI). ~!:
fj,
~"
Seconda meta del II secolo) (Hayes). Prima meta III Cronolcgia. ;:§
,<,
secolo. (Ostia J). Attestazione in contesto della prima meta del III secolo !~
:~
(Ostia IV). 220-240 circa - fine III secolo (Hayes).

I
Diffusimle.
Forma relativamente comune nel Mediterraneo occi­ Diffusicne.
dentale.
Bibliograjia.
Algeri;;. FEvIum 1<}65, fig. 36, H6 - c. S. n. 10. FEVRIER-GASPARY
1966-67. p. 33, fig. 26, n. I.
Frandri:. JODIN 1971, p. IS, fig. 44·
Iudia. Ostia 1, figg. 57-5&, 672-671. FAU.ICO 1969-70, p. IS, fig. 3,
Forma rata, documentata ad Osria e in Tunisia.
Bibliogra}ia.
ltarUl. Ostia IV, fig. I.
Tunisia. HOLWERDA 1936, tav. IV, n. 627 = HAYES 1972, p. 61,
forma 44, n. 4.
·I
i;
"~J.
n. 13. Sihari 1970, p. 523, fig. 578, n. 16286. HAYES 1972, p. 40,
fig, 6, f<x::ma I4{I7, n. I. GENTILI 1973. p. IS, fig. 10 f (in basso),
MalIa. HAYES 1972. p. 40, fig. 6, forma 17, n. 5.
MaroQ:o. PONSICH-TARRADELL 1965, p. 14, fig. 5, n. 5. IODIN. FORMA LAMBOGLIA 24 (HAYES 6 C, N. 42).
in BAM, Vll, 1967, p. 484, fig. 61 on. 18-19; p. 495, fig. 14, n. 52.
MARTIN I969, p. 161, fig. 5.
Spagm... LAMBOGLIA 1958, p. 272. Deserizione.
Tunisii:. HOLWERDA 1936, p. 44, fig. 13; tav. IV, n. 618; tav. VII Coppa di piccole dimensioni a corpo emisferico con
n. 6S9(?l. CVA Copenhague 7, t2v. 3'2, nn. 2>3(1) ~ PALLAREs
:960, p. 276, fig. II, n.. 2 (= HAYES 1972, p. 40, fig. 6, forma 17B, orlo orizzontale a gradino segnato da una scanalatura
n. II), 3 ~ ?). sulla superficie superiore e piede ad anello. Diametri:
em 10-12,6 circa.
FORMA LAMBOGLIA 22 a (HAYES 14 A, N. 3). Tipologlil.
LMrnOGLIA 22 (HAYES 17 B, N. 10). Si CO:lOsce un solo tipo (tav. XVII, 14).
Descrizi;)tle. ProduzWne.
Coppt a corpo emisferico ccn orlo leggermente estro­ FOI1llll prodolta in sigillata africana A'. Richiama iI
lIesso. Piede ad anello. Diametr:: em 11-16. tipo Hay~ 6 C in A', dal quale forse potrebbe derivare. ~~

34

TERRA SIGILLATA: VASI

Cronologia. Cronologia.
Fine II - prima mem III secolo (Lamboglia, Ostia I). Attestazioni in contesti della prima mem de! III se­
colo (Ostia I e IV).
Diffusione.
Forma piuttosto rara, documeutata ne! Mediterraneo Diffusione.
occidentale. Forma molto rara, documentata finora solo ad Ostia
attraverso frammenti.
Bibliografia·
[talia. Sibari 1969, p. 101, fig. 86, n. 45; p. II4, fig. 103. Ostia I, Bibliografia·
fig. 60. ltalia. Ostia I, figg. 27, 696.
Marocco. MARTIN 1969, p. 163, fig. 7, n. I.
Spagna. LAMBOGLIA 1958, p. 292. MARTiN AVILA, in PLAV, 1,
1962, p. 99, fig. 5, n. 52.
Musei e Collezioni. BONINU 1971-72, p. 318, fig. 19; tav. IV, n. 3. FORMA «ATLANTE», TAV. XVII,17.

Descrizione.
FORMA LAMBOGLIA 24/25 (HAYES 92, N. 4).
Piatto di piccole dimensioni con orlo ricurvo rivolto
Descrizione. verso I'esterno direttamente in counessione con il fondo
che mostra un piede ad anello. All'interno e ~isibile suI
Vaso a corpo ernisferico munito di listello ricurvo leg­ fondo la decorazione a rotella. Diametro: CIIl 13,8.
germente inclinato verso il basso. Piede ad anello. Dia­
metro: CIIl 15 circa. Tipologia.
Tipologia. Si conosce un solo tipo (tav. XVII, 17).
Si conosce un solo tipo (tav. XVII, 15). Produzione.
Produzione. Forma prodotta in sigillata africana All' e, similmento,
in A decorata a rilievi applicati.
La classificazione dell'unico esernplare noto appare pro­
blematica. Ii possibile attribuirlo alla sigillata africana A' Cronologia.
per il piede anuIare, per la mancanza della decorazione a Forma presente ad Ostia in contesti di eta antonina.
rotella suI fondo, per la vernico, che, secondo Lamboglia
e «opaca e tipica del tipo A piu tardo» (eft. LAMBOGLIA Diffusione.
1958, p. 293). Richiama i vasi a listello piu comunemente Forma molto rara, documentata finora solamente ad
noti in D ,tavv. XLVIII, 11-16; XLIX, I-II; XLIX, Ostia.
12-13), ma attestati anche in E (tav. LV,IO), alla cui Bibliografia.
produzione Hayes sembra riferire quesro esernplare (eft. ItaIia. Atlante, tav. XVIl, 17.
HAYES 1972, p. 145).
Cronologia. FORMA «OSTIA I I), FIG. 86.
Indeterminata. Forse fine II-III secolo? HAYES 31, NN. 2, 6.
Diffusione.
Si conosce un solo esernplare, proveniente da St. Chamas Descrizione.
in Provenza. Piatto con parete leggermente inclinata verso l'esterno.
Non e sernpre facile distinguere gli esernplari di qnesta
Bibliografia.
Francia. LAMBOGLIA 1958, p. 293, 24/25.
forma in sigillata africana A da qnelli nelle a1tre produ­
zioni AID e C sulla base della sola documentazione
grafica. Negli esernplari in sigil1ata africana A e presente
FORMA «OSTIA h, FIG. 27. una carenarura piu 0 meno accentuata e sembra piu fre­
quente uno staeca abbastanza netto tra fondo e parete;
Descrizione. 10 spessore della parete e pin grosso. II piede tende ad
Scodella a pareti convesse con orlo indistinto dalla essere di maggiori dimensioni e di fonna transizionale tm
pareto, talora scanalata all'esterno aI di sotto dell'orlo. il piede ad anello e il piede atrofizzato tipico della fonna
n fondo e ignoto; e piano, leggermente convesso nella in AID; generalmente la forma sembra essere pili chiusa.
Diametrl: em 18,2-34 circa.
forma analoga in ceramica africana a patina cenerognola
(Hayes 193, n. I). Diametro: CIIl 23. Tipologia.
Tipologia. Osria I, fig. 86. - Tipo transizionale tra il tipo Lamb.
Si conosce un solo tipo (tav. XVII, 16). 9 a' (v. anche la variante Hayes 27, n. 9) e quello seguente
(eft. anche i tipi Hayes 27, n. II e 27/u in sigillata afri­
Produzione. cana AID) (tav. XVII, 18).
Forma prodotra in sigillata africana A', in AID (eft. Hayes 31, un. 2, 6. - Tipo cite si ricollega al tipo Lamb.
p. 222) e in ceramica africana a patina cenerognola (Hayes 40 his in 0, C' (eft. anche it tipo Hayes 31, un. 1,4 in
193, n. I). AID) (tavv. XVII, 19; XVIII, I).

35

,
,
CERAMICA AFRlCANA

Produzion'. zione tra parete e fondo si nota un piede ad anello. Dia­

Forma prodott. in sigillata africana A'. metro: ern 17,4.

Cronolugia. Tipologia.
Prima met. del III secolo (Hayes, Ostia 1). Si conosce un solo tipo (tav. XVIII, 4).
Diffusione. Produziooe.
Forma diffUEa nel bacino occidentale del Mediterraneo FOl1llll prodotta in sigillata africana AI.
e raramente nel bacino orientale.
CronologUL.
Bibliograf.a· Indeterminata.
ItaJia. Ostia I, figg, 86-88; 697-699. HAYES 1972, p. 54, fig. 9,
forma 31, D. 2. Bibliografia.
Malta. HAYES 1972, p. 54, fig. 9, fonna 31, n. 6.
Marc..:ro. MARTIN 1969, p. 165, fig. 8, on. 1-2. Twrisi.::. SALOMONSON 1968, p. 106, fig. 21, All = Raqqada 1973,

Siri.a. W.':.AGH 1948, tav. IX, nn. 836, a-k. tav. I, fig, 23. An.

Spagna. SERRANO RAMos 1910, p. 738, fig. I.


TunmfL HOLWEIDA 1936, tav. VI, on. 691 (= CHARLESTON 1955,
tav. 2SA), 694. eVA Copenhague 7, tav. 312, nn. r6-17; 18 (?) =
P.ALLARts 1960, p. ~76, fig. II, un. 16-17; 18 (?).
FORMA SALOMONSON A 24.
Descrizirme. .~;
FORMA SALOMONSON A 3. Scodella ad orlo a tesa breve e piana, segnato da una ,~
scanalatura. Piede ad anello. Diarnetro: ern 19,8.
Descrizz"one. ~;;
SOJdella ad orlo smnssato all'interno, basso piede ad Tipologia. ;.;

anello. All'interno sono impressi suI fondo dne cercbi Si conosce un solo tipo (tav. XVIII, 5). ].
concentrici. Diametro: ern 17,I. ~
1i1
Produzione. Mi
Tipologia.
Si conDsce un solo tipo (tav. XVIII, 2).
F011ll2 prodotta in sigillata africana AI. I
.~

Cronologia. ~
Produziome. 1i%\
Indet:enninata.
Forma prodotta in sigillata africana AI.
Bibliografia·
Cror.o/l)gi~. Tuni.ia.. SALOMONSON 1968, p. 108, fig. 23, A24 = Raqqada 1973,

Prima meta H secolo (Salomonson). lav. II, fig. 27, A:~4.

Bibliogra}ia.
Tuniii2_ S-"J.OMONSON 1968, p. 99, fig. 14, A3 = Raqqada 1973, FORM.\ SALOMONSON A 22.
tav. XXI, tomba BI3, A3.

DercriZ'ione.
FORMA SALOMONSON A 17. Tazza ad orlo indifferenziato dalla parete verticale.

Piede ad anello. All'interno il fondo e segnato da una

Descrizione. scanalamra circolare. Diametro: ern 10,5.

Piatto ad orlo smussato e pareti spesse. Piede ad anello.


Tipologia.
Diameo:D: ern 18,6.
Si conosce un solo tipo (tav. XVIII,6).
Tipologia.
Si conosce un solo tipo (ta\.. XVIII, 3). ProduFione.
Forma prodotta in sigillata afrkana A.
ProdJJ.z;rme.
Forma prodotta in sigillata africana All'. Cronologia.
Cronowgia. Indeterminata.
Fine I - prima met. II secolo (SaIomonson). Bibliognfia.
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 106, fig. 21, Azz = Raqqada 1973,

B.bliog;-afia· tav. II, f..g. 24, A2z.

Tu,asia. SALOMONSON 1968, p. 106, fig. 21, AI? = Raqqada 1973,


tav. IV, fig. 19, An.
FORMA SALOMONSON A 4.
FORMA SALOMONSON A 21.
Descriz1"one.
DesaiFirme. Scc<1ella ad orlo leggennente ingrossato e arrotondato,

SooteD. ad orlo leggermente arrotondato, parete al­ seguato all'interno da una scanalatura e con basso piede

quanto ondulata e fondo piatto. Nel punto di congiun­ ad anello. Diametro: em 21,3.

36
TERRA SIGILLATA: VASI

Tipologia. FORMA SALOMONSON A 27.


Si conosce un solo tipo (tav. XVIII, 7).
Produzione. Descrizione.
Forma prodotta in sigillata africana AI. Tazza con arlo leggermente ingrossato, pareti svasate,
fonda piano. Poco sotto I'orlo si attaccano due anse che
Cronologia. vanna fino al fonda. E probabile che la vernice sia assente
Indeterminata. all'interno. Non sana note Ie dimensioni.
Bibliografta. Tipologia.
TW'lisia. SALOMONSON 1968, p. 100, fig. I5,'A4 = Raqqada ]973,
tav. II, fig. 4; tav. XXIX, tomba HZ3, A4. Si conosce un solo tipo (tav. XVIII, II).

Produzione.
FORMA PALLAREs 33 his (HAYES 143, N. 2). Forma prodotta in sigillata africana AI; richiama la
PALLARES 33 (HAYES 143, N. I). forma Hayes 142 in sigillata africana A' e una forma in
ceramica a pareti sottili (efr. MARABINI MORvs '973,
Descrizione. forma LVII).
Bicchiere di forma conica can piede ad anello. Presenta Cronologia.
decorata la maggior parte della parete esterna separata
da1la parte inferiore Iiscia grazie ad una profilarora a Indeterminata. Cfr. la forma a tav. XVIII, 12.
rilievo. Sana visibili motivi a stampo da soli, a altemati Diffusione.
e
alia decorazione a rotella. La vernice distesa solamente
Forma dOCUDIentata a Raqqada; un esemplare simile e
all'esterno.
conservato al Museo del Bardo di Tunisi. E possibile che
Tipologia. si tratti di una forma locale.
e
Pall. 33 bis. - L'orlo malta simile a quello degli esem­
Bibliografta.
plari piu antichi del tipo Lamb. 2 a; pui> essere liscio a Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 97, fig. II, A:27.
decorato a rotella. Le fasce decorate a stampo sana sepa­
rate tra loro da una zona decorata a rotella, a da una fascia
!iscia leggermente incavata. La parte inferiore e piu semi­ FORMA HAYES 142.
circolare, il piede meno accenroato che nel tipo seguente
(tavv. XVIII,8-9 e CXXXI,4).
Pall. 33. - L'orlo presenta un labbro appena ispessito, Descrizione.
segnato da una scanalarora. Fasce decorate a rotella si Tazza con arlo indistinto dalla parete ricurva, che,
altemano a fasce decorate a stampo e sana separate tra all'esterno, presenta, nella parte superiore, due sottili sca­
lora da scanalarore a da fasce poco estese, leggermente nalarore al di satta dell'arlo e, nella parte inferiore, tre
incavate (tavv. XVIII, 10 e CXXXI, 5). depressioni imitanti una decorazione tipica della cera­
Produzione. mica a pareti sottili (thumb impressions), datata nel I se­
colo d. C. (efr. MARABINI MORvs '973, p. 291). II fonda
Forma prodotta in sigillata africana AI: ricorda la piano presenta due scanalarore che permettono di di­
forma Drag. 30 (efr. OSWALD-PRYCE '920, tavv. VII-VII! stinguere un falso piede. Manca la vernice all'interno.
in sigillata sud-gallica per il tipo Pall. 33) e forme in Diametro: em '4,5.
vetro (efr. ISINGS '957, p. 38, forma 21) e in ceramica
a pareti sottili (efr. MARABINI MORvs '973, forme XXXII!­ Tipologia.
IV, LVI con ansa). Si conosce un solo tipo (tav. XVIII, 12).
Decorazione.
Produzione.
Motivi a stampo un. 8, 44, 104-105.
Forma prodotta in sigillata afrkana AI; richiama la
Cronologia. forma Sal. A 27 in AI e una fonna in ceramica a pareti
Eta f1avia-traianea (Hayes). Attestazione in contesti sottili (efr. MARABINI MOEvs 1973, forma LVII). Per
dall'eta f1avia alla prima meta del II secolo (Ostia, dati il fonda scanalato, efr. Ie forme Pallare, 26 A in A' e
inediti). BONINU '97'-72, figg. 39 e 43 in A' (?). Le depressioni
sana presenti anche nei tipi Hayes '34, '35, n. 5 e nella
Diffusione. forma CARANDINI 1969, fig. I in AI, A'I'. Per iI gusto
Forma raramente dOCUDIentata nel Mediterraneo occi­ delle depressioni nel vetto, efr. ISINGS 1957, p. 4658.,
e
dentale. Un esemplare inedito presente a Trieste. forme 32, 33, 35, nella seconda mera del I secolo; in ar­
gento, efr. MAIURI 1933, p. 361, fig. 14n.
Bibliografia.
Algeria. MOREL 1962-65, p. 134, fig, 99.
Cronologia.
Tunisia. eVA Copenhague 7, tav. 306, nn. 1-2 = PALLAREs :960,

p. 270, fig. 5, no. 1-2; p. 286. Fine del I secolo? (Hayes).

37

CERAMlCA AFRICANA

Diffusione. Diffusione.
Si conosce un solo esemplare, al Museo del Louvre; il Forma documentata nel Mediterraneo occidentale.
luogo di consen·azione potrebbe far pensare ad una pro­
venienza da!l'Mriea settentrionale. Bibliografia.
Algeria. BARADEZ 1961, p. 25, tav. IV, tomba IX b. LANCEL 1970,
Bibliografia. p. 211, fig. 63; p. 230, fig. 76. n. 3.
Mwei e Collezioni. HAYES 1972) p. 174, fig. 34, forma [42, n. 1.
Franaa. LAMBOGLIA 1958, r4A.
Grecia (?). HAYES 1972, p. 174, fig. 34, forma 132, n. 1.
Spagna. ALMAGRo-AMOR6s 1953-54, p. 259, fig. 18, on. Z-3.
MARTiN DE CAsnuo 1965) p. 73) forma 28. MARTIN-SERRES 1970)
p. 80, fig. 47 (I).
FORMA HAyES 131, NN. 1-2; 132, N. l Tunisia. HOLWERDA 1936) tav. VI) p. 49, fig. 16, nn. 662 (= HAYES
HAYES 131, NN. 3-4; 132, N. 1. 1972, tav. II d) 663, 664-665; fig. 19, n. 677 (= HAYES 1972, tav.
III c). CVA Copenhague 7, tav. 305, n. 5 = PALLAREs 1960) p. 269,
PALLAREs 14A = HAYES 135, NN. 1-4. fig. 4, n. 5; p. 280, I¢
LAMBOGLIA 14 A (HAYES 132, N. 2).
HAYES 135, N. 5.
FORMA HAYES 134.
Destrizione. HAYES 138, N. 3.
Boccalini a corpo ovoide 0 globulare 0 piriforme, imi­
PALLAREs 14 (HAYES 140, N. I).
tanti la forma analoga in ceramiea a pareti sottili, larga­ HAYES 140, N. 2.
mente testimoniata nell'ltalia centrale e titteniea alia fine LAMBOGLIA 14 =
HAYES 140, NN. 3-4.
del I secolo. L'orlo e svasato oppure leggermente ingros­
sato e aTtotondato all'estemo, l'ausa scanalata, il fon­ Descrizione.
do piano. .
Boccalino a corpo globulare, con orlo a collarino, fon­
Tipowgia. do piano. L'ansa presenta tre scanalature. AItezze: em
Hayes 131, nn. 1-2; 132, n. 3. - Boccalino ovoide (cfr. 8,5-12,6.
ceramiea a pareti sottili: MARABINI MOEVS 1973, forme
Tipologia.
VIII - senza anse -, XLvt, LI). n corpo pui> essere sol­
eato da una scanalatura all'altezza dell'attacco superiore Hayes 134. - Boccalino non decorato. L'orlo presenta
dell'ansa; questa e soleata da scanalature in nlIffiero da una scanalatura suI labbro. L'ansa e sagomata secondo
uno a tre. AItezze: em 6-9,3 (tav. XVIII,I3). la tecniea del vetro, cioe mostra un ripiegamento, quasi
Hayes 13I, un. 3-4; 132, n. 1. - Boccalino globulare a formare un ocemello (tav. XIX, 5). In un esemplare
(cfr. ceramiea a pareti sottill: MARABINI MOE1'-S 1973, rinvenuto a Bulla Regia (Hayes 134, n. I) il corpo mostra
forma L). Altezze: em 4,2-9,3. L'ansa c generalmente quattro depressioni el'ansa csokata da quattro scana1ature.
soleata da una scanalatura (tavv. XVIII, 14-15 e XIX, I). Hayes 138, n. 3. - Con decorazione a rotella (tav.
Pall. 14 A. - Boccalino piriforme (cfr. ceramica a pareti XIX, 6).
sottili: MARABINI MoEVs 1973, forma XLVII) decorato Pall. 14. - Con piccole depressioni imitanti foglie di­
a rotella. La decorazione a rotella si stende sul corpo sposte diagonalmente e una seanalatura sopra e sotto
del boecalino, in una fascia spesso delimitata da una (tav. XIX, 7).
scanalatura superiormente ed inferiormente 0 solo supe­ Hayes 140, n. 2. - Con una fila di depressioni com­
riormente. In alenni easi l'orlo mostra una scanala­ presa tta una doppia linea di decorazione a rotella (tav.
tur2. L'ansa preseuta due seanalature. AItezze: em 7-7,5 CXXXI,6).
(tav. XIX, 2). Lamb. 14. - Con una linea di decorazioni a rotella a
Lamb. 14 A. - Boccalino piriforme non decorato. L'ansa forma di stelo, fiancheggiata da due file di depressioni a
presenta una seanalatura. Altezza: em 4,8 (tav. XIX, 3). forma di foglie. 11 foudo presenta un piede bifido (cfr. Ie
'Hayes 135, n. 5. - Boeealino piriforme con depressioni forme BONINU tWI-72, figg. 39 e 41) (tav. XIX, 8).
sul corpo. L'ansa presenta due scanalature. Altezza:
em 7,2 (tav. XIX,4). Produzione.
Forma prodotta generalmente in sigillata africana A',
Produzione. ma anche in NI'; il tipo Lamb. 14 e attestato in NI2
Forma prodotta in sigillata africana A'. 11 gosto delle e in A'. Per il gusto delle depressioni nel tipo Hayes
depressioni nel tipo Hayes 135, n. 5 ricbiarna la forma 134, eft. il tipo Hayes 135, n. 5 e Ie forme Hayes 142
Marabini LXIX = Ostia Ill, fig. 223 in ceramica a pareti e CARANDIN[ [969, fig. I in A'l', A'. Hayes sembra in­
sottili e il tipo Hayes 134 e Ie forme Hayes 142 e CARAN­ dicare una evoluzione morfologiea dai boccalini piriformi
DINl 1969, fig. I in A', A'I'. (Hayes 135) alIa forma in questione, considerando come
esemplare transizionale il tipo 138, n. 3; tali osservazioni
Crrmologia. non sembrano convincenti, come pure il confronto della
Fine 1- inizi II seeolo? (Hayes). Attestazioni non fre­ decorazione del tipo Lamb. 14 con Ie sovradipintnre in
que::lti in contesti della seconda meta del II secolo (Ostia, bianco dei boccalini a collarino (cfr. HAYES 1972, pp. 4[2­
dati inedici). 413), artestate a Ostia a partire dalla eta severiana (cfr.

38

TERRA SIGILLATA: VASI

Ostia III, tabella a p. 361). La forma in sigillata africana FORMA HAYES I44.
sembra ricordare per certi asperti, in particolare per I'orlo,
i boccalini a collarino in ceramica a pareti sottiIi, datati Descrizione.
a partire dalla meta del I secolo (MARABINI MOEVS 1973,
forma LXVIII). Biccbiere biansato a corpo ovoide, con orlo rivoll~
all'esterno, basso piede. n corpo presenta Iinee di deoora­
Cronologia. zione a rotelIa comprese tra scanalature oppure due sea­
Hayes 134: fine I - inizi II secolo (Hayes). nalature SOlto I'odo. Le anse sono solcate da due scarra­
Hayes 138, n. 3: II secolo e oltre? (Hayes). lature. AItezze: ern 8-9 e oltre.
Pall. 14; Hayes 140, n. 2: meta II secolo 0 poco prima
(Hayes). Prima meta del II secolo e rare attestazioni in Tipologia.
contesti della seconda meta dello stesso secolo (Ostia, Si conosce un solo tipo (tavv. XIX, II e CXXXII, I}.
dati inediti). Variante Hayes 144, n. 3. Hayes considera tale un esem­
Lamb. 14: fine II - inizi III secolo (Larnboglia, Hayes). plare frammentario conservato ad Ostia (n. I6067): il
corpo mostta, aI di sopra del fondo, una eurvatura pEl
Diffusione. accentuata verso I'interno, iI fondo e piano. Sorro ·;isibili
Forma documentata nel Mediterraneo occidentale. AI­ Iinee di decorazione a rotelIa nella parte snperiore con­
cuni esernplari inediti sono presenti nei Magazzini del servata e due scanalature inferiormente, aI di SOltO del­
Museo Arcbeologico di Tipasa, a1tri nel Museo Archeolo­ I'altacco dell'ansa. Resta tuttavia incerto se I'esemplare
gico di Orano (da Portus Magnus, Fouilles Simon 1897). ostiense possa essere attribnito alia forma in questione
Bibliografia. (tav. XIX, I2).
Francia. IODIN 1971, p. 18, fig. 54.
Produzione.
Iudia. LAMBOGLIA 1941, p. 13 = LAMBOGLIA 1958, p. 282. S£bari
1970, p. 516, fig. 572, n. 5875. Forma prodolta in sigilIata africana AI; ricbiarna una
Jugoslavia. l:REMOSNIK 1962, tav. VII, nn. 12-15 (?).
Spagna. PEMAN in Corona de estudios, J. Martinez Santa-Olalla, forma simile in cerarnica a pareti sotrili (MARABINI-MoE\'S
Madrid 1941, tav. XXXI, n. 5 = In/ormes y Memorias, I, Madrid I973, forme III-IV senza anse; XVI biansato con corp·~
1954, tav. II, n. 5. .
Tunisia. Cat. Alaoui,- 1897, tav. XLII, n. 215. HOLWERDA 1936, pin arrotondato).
p. 49, fig. 16, n. 667 (= HAYES 1972, tav. TIl a), 669 (= HAYES
1972, tav. Va). eVA Copenhague 7, tav. 305, n. 6 = PALLAREs Cronologia.
1960, p. 269, fig. 4, n. 6; p. 280.
Fine I - inizi II secolo ? (Hayes).
Diffusione.
FORMA PALLARES 28 = HAYES I36.
Forma molto rara, documentata in Tunisia e ad Ostia (?).
Descrizione. Bibliografia·
Boccalino a corpo ovoide che imita la forma analoga Italia. Atlante, tav. XIX, 12 (= HAYES 144, n. 3).

Tunisia.. BOTH, 1914, p. eel (senza illustrazione). HOC'WEltM

in ceramica a pareti sottili (clr. MARABINI-MoEVS 1973, 1936, p. 49, fig. 16, n. 676 = HAYES 1972, tav. Vb.
forma XLVI). L'orlo e svasato, il corpo tende a restrin­
gersi verso il basso, il fondo e leggermente concavo crean­
do in tal modo un piede. Sui corpo del vaso si nota la FORMA LAMBOGLIA 27 (HAYES 125).
decorazione a rotella, a volte compresa tra due scanaIature.
L'ansa pub essere solcata da due 0 tre scanalature. AItezze: Descrizione.
ern 9-II circa.
Ampollina a corpo g10bulare con collo stretto, munilD
Tipologia. di piccolo foro e con piccolo coperchio. AItezza: ern 8>4.
Si conosce un solo tipo (tav. XIX,9-ro). Tipologia.
Produzione. Si conosce un solo tipo (tav. XIX, 13).
Forma prodotta in sigillata africana AI.
Produzione.
Cronologia. Forma prodolta in sigillata africana A (probabilmente
Fine I - inizi II secolo (Hayes). Eta fiavia (BARADEZ A' ancbe se manca ogni iodicazione).
1961). II secolo (Pallares).
Cronologia.
Diffusione. II secolo? (Hayes).
Forma molto rara, documentata in Algeria e Tunisia.
Diffusione.
Bibliografia.
Algeria. BARADEZ 1961, p. 19, tav. II, tombe III-IY,g,
Si conosce un solo esernplare ad Ostia.
Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 49, fig. 16, n. 666 ",;, HAYES 1972,
mv. III d. eVA Copenhague 7, tav. 305, n. 4 = PALLAREs 1960" Bihliografia.
p. 269, fig. 4, n. 4; p. 284, 28. ltalia. LAMBOGLIA 1958 p. 294.

39
r

"

CER:\MICA AFRlCANA

FORMA LAMBOGLIA 26 b = HAYES 137, NN. 1-2. FORMA PALLARES 26 A bis = HAYES 138, NN. 1-2.

De$crizione. Descrizione.
Piccola brocca a forma di olla piriforme. Orlo legger­ Piccola brocea a corpo piriforme con orlo a collarino
mente estrofiesso, fondo piano. Scanalature e decorazione segnato da una sottile scanalatura e fondo piano. Una
a rotella sonovisibili all'altezza dell'attacco inferiore del­ decorazione a rotella, su pill file, spesso disposta a spirale,
!'ansa. La dimensione dell'ansa fa pensare che si tratti occupa la zona al di sopra dell'attacco inferiore dell'ansa.
di un vaso per versare piuttosto che per bere. Altezza: Questa I: solcata da tre scanalature. Altezze: em 9,3­
em 8,6 circa. 10,8 circa.
Tipolagia. Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XIX, 14). Si conosce un solo tipo (tav. XIX, 16).

Produzione. Produzione.
Forma prodotta in sigillata africana A'; ricorda per
Forma prodotta in sigillata africana A, presumibil­
!'orlo, l'ansa e la decorazione, la forma Hayes 139 in A'
mente AI.
e per l'orlo la forma Sal. IV in sigillata africana C' e
Grunoiogia. C' (?) decorata a rilievi applicati.
Fine I - metil II secolo e oltre (Hayes). Gronologia.
Diffusior.e. II secolo 0 poco dopo (Hayes). Va comunque osservato
che generalmente la decorazione a rotella non sembra
Sono noti solamente due esemplari, da Ibiza e Ostia.
superare Ia seconda meta del II secolo.
Bibliografia.
Diffusione.
Spagna. LA.\U3OGLIA 1958, p. 294, forma 26 b.

E una forma molto rara, documentata nel Mediterraneo


occidentale.
FORMA PALLARES 26 A = HAYES 137, NN. 3,4,S(?), Bibliografia.
6. Spai/Ul. ALMAGR.o--LAMBOGLIA 1959. p. 5, fig, 3, n. 3.
Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 49, fig. 16; tav. IV. n. 668 -= HAYES
1972, tav. IV c (Holwerda indica Carragine come luogo di provenienza
Descrinane. dell'esemplare di Leida; Hayes, Carpi in Italia). eVA Cope.nhague 7,
tav. 305, 2 = CHARlESTON 1955, fig. 23A = PAI.LAREs 1960, p. 269,
Piccola brocca a corpo piriforme con orlo estroflesso fig. 4, n. 2; p. 283, z6A.
segnatn da una scanalatura e con fondo piano in cui si
distingue il piede grazie ad una scanalatura. n corpo
presenta una fascia di decorazione a rotella, talora deli­ FORMA HAYES 139.
mitata da una scanalatura in corrispondenza dell'attacco
inferiore dell'ansa 0 compresa entro doppie scana!ature; Deserizione.
tale decorazione I: sostituita da due scana!ature nell'esem­ Brocca a corpo ovoide con orlo a collarino segoato da
plare Hayes 137, n. 5, la cui attribuzione a questa forma una scanalatura. La zona superiore del corpo, a partire
I: peraltro iucerta, mancando ogni documentazione graftca dall'attacco inferiore dell'ansa, presenta la decorazione a
o fotografica. Altezze: em 904-10,5. rotella in pill file a spITale. L'ansa I: soleata da tre sca­
Tipologia. nalature. Altezze: em II,4-15,5.
Si cnnosce un solo tipo (tav. XIX, 15). Tipologia.
Produzione. Si conosce un solotipo (tav. XIX, 17).
Forma prodotta in sigillata africana A, presumibilmente Produzione.
AI. Per il fondo scanalato che consente di distinguere il Forma prodotta in sigillata africana Ai. Ricorda per
piede, cfr. Ie forme Hayes 1<\2, n. I in A' e BONINU r971­ I'orlo, I'irnpostazione dell'ansa e per la decorazione la
72, figg. 39 e 43 in A' (?). forma Pall. 26 A bis in sigillata africana AI, con cui co­
stituiva probabilmente servizio; il tipo di orlo richiama
Gronologia. anche la forma Sal. IV in C' e C' (?) decorata a rilievi
Fine I - meta II secolo e oltre ( ?) (Hayes). applicati. Nella struttuta questa forma non I: lontana
dalla forma Pall. 26 B bis in A.
Diffusione.
Forma molto rara, documentata in Tunisia. Gronologio.
Hayes sembra mettere in relazione questa forma con Ie
Bibliografia. forme chiuse in C' decorate a rilievi applicati. Un esem­
Tunisit. HOLWERDA 1936, p. 49, ng. 16, nn. 670 (= HAYES 1972,
tav. IV c), 672 (= HAYES 1972 tav. IVa). eVA Copenhague 7, plare I: stato rinvenuto nella necropoli della Porta di
tav. 305, n. I = PALLARES 1960, p. 263, fig. 4, n. I; p. 283,26 A. Cesarea in un contesto della fine del I secolo, insieme

TERRA SIGILLATA: VASI

ad una moneta di Domiziano (LANGEL 1970). Va notato Bibliografia.


comunque che generalmente la decorazione a rotella non Dalia. FALLICO 1971, p. 631, fig. 48, H3I.

sembra superare 1a seconda meta del II secolo. Tunisia. eVA Copenhague 7, lay. 3II, n. 10 = PA.I.J..AR.Es 1960,

p. 275, fig. 10, n. 10; p. 283, 26B. SALOMONSON 1968, p. 96, tav. III, ­
n. I; p. 105, fig. 20, AI4 = Raqqada 1973, tav. III, fig. 16, AI4.
Diffusione.
Forma molto rara, documentata finora in Algeria e in
Tunisia.
FORMA PALLARES 30 C (HAyES 157).
Bibliografia·
Algeria. LANCEL 1970, p. 230, fig. 76, n. I. Descrizione.
Tunisia. HOLWERDA [936, p. 49, fig. 16" n. 675 = HAYES 1972,
tav. IV d (Holwerda indica Cartagine come luogo di proven:ienza Brocea a corpo piriforme, con orlo a sezione triangolare
dell'esemplare ill Leidaj Hayes invece Carpi). separato dall'alto eollo grazie ad un piccolo listello. II
fondo leggermente concavo da luogo ad un piede. Una
doppia scanalatura divide il collo dal corpo, su cui sono
FORMA PALLARES 26 B (HAYES 137, N. 7). visibili la decorazione a rotella e una scanalatura. Altez­
za: em 12,3.
Descrizione. Tipologia.
Brocca a corpo ovoide con orlo estroflesso segnato da
Si conosce un solo tipo (tav. XX,2).
una scanalaruta e con fondo leggermente concavo che
erea un piede. Nel punto di maggiore espansione della Produzione.
parete sono visibili due scanalature. Altezza: em 9,4 circa. Forma prodotta in sigillata africana N. Per Ia forma
Tipologia. dell'orlo, efr. BONINU 1971-1972, fig. 46 in A' (?).
Si conosce un solo tipo (tav. XIX, 18). Cronologia.
Produzione. Inizi Il secolo? (Hayes). Fine I - inizi II secolo
Forma prodotta in sigillata africana A (Ia vernice ap­ (Ostia III).
pare di qualita scadenre secondo Posservazione della Pal­ Diffusilme.
lares, efr. PALLAREs 1960, p. 284).
Si conosce un solo esemplare, al museo di Copenhagen,
Cronologia. proveniente, con tutta probabilita, dalla Tunisia.
Fine I - meta II secolo e oltre ? (Hayes). Bibliografia.
Itah"a. Ostia III, fig. 452.

Diffusione. Tunir.a. CVA Copenhague 7, tav. 305, n. 3 = PALLA..~S 1960,

Forma molto rara, documentata in Tunisia. p. 269, :ig. 4, n. 3; p. 285, 30e.

Bibliografia·
Tunisia. eVA Copcn1/Clgue 7, fig. ~-05, n. 7 = PALLAREs ]960,
p. 269, fig. 4, n. 7; p. 283, 26B. FORMA PALLARES 30 A (HAYES ISS).

Descrt"zione.
FORMA PALLARES 26 B his = SALOMONSON A 14. Brocca a corpo ovoide con collo alto e orlo a co1larino
svasato e trilobato. Due scanalarute segnano l'attaccatura
Descrizione. del collo al corpo del vaso. Fondo leggermente concavo
Brocca a corpo piriforme con orlo estroflesso e fondo che da luogo ad un piede. Altezza: em r3,6.
leggermente concavo che erea un piede. II corpo del vaso Tipologia.
puo presentare Ia decorazione a rotella 0 essere tiscio.
Si conosce un solo tipo (tav. XX, 3).
Altezza: em It-It,4.
Tipologia. Produzione.
Forma prodotta in sigillata africana N. Per l'andamento
Si conosce un solo tipo (tav. XX, r).
del corpo, cfr. la forma Pall. 30 B in N.
Produzione.
Cronologia.
Forma prodotta in sigillata africana A.
Fine I - inizi II secolo ? (Hayes).
Cronologia.
Diffusione.
Fine II - illizi III secolo? (Salomonson). Va osservato
che generalmeute la decorazione a rotella non sembra
E noto un solo esemplare proveniente probabiltnente
dalla Tunisia.
superare la seconda meta del II secolo.
I3;ffusione. Bibliografia.
Tunisia. CVA Copenhague 7, tav. 305, n. 8 = PALLA...'Ws 1960.
Forma molto rara, documentata in ltalia e in Tunisia. p. 269, fig. 4; p, 285, 30A.

41

CERAMICA AFRlCANA
f
FORMA BONlNU 1971-72, FIG. 42. FORMA (,ATLANTE>j, TAY. CXXXII,3. I!
Deserizione. 'jI
Descrizione.
1
Brocea a corpo ovoide, collo espanso con orlo ripie­ Brocca. A1tezza: em '4,6. ',:1

gam all'interno, fondo piano. Una proluberanza all'interno


segm. il punto di congiunzione Ira collo e corpo. A1­ Tipalagia. .i
l'esterno corrispondentemente due solcature delimitano
una serie di motivi a stampo. L'ansa e striata. A1tezze:
em 14,1-17,5.
Si conosce un solo tipo (tav. CXXXII,3)'
Praduzione.
I
Forma prodotta in sigillata africana A2•
Tipaibgia.
Gronalagia.
1
Si conosce un solo tipo (tav. XX,4 e CXXXII,2).
1
Praduziane.
Forma prodotta in sigillata africana A'; per l'andamento
Forma rinvenuta in associazione con una moneta di

Marco Aurelio.
f!
del corpo ricmama Ie forme Pall. 30 A e 30 B, Hayes 161, Diffusione. :1
n. 1, BONINU t971-72, fig. 46 in AI.
Decorazi011£.
L'unico esemplare noto proviene dalla tomba F della
necropoli romana di Costa Rei (Muravera) in Sardegna. ~l
\~
Motivo a stampo n. 10. Bibliograjia.
ltalia. Atlante, tav. CXXXII,3.
Gronalagia.
La vemice e la decorazione fanoo ritenere probabile
una datazione ana fine del I - illizi II secolo. Un esem­ FORMA ('QUADERNI Dl CULTURA MATERIALE') 1977,

plare e stato rinvenuto in una tomba della fine del I se­ TAV. YII, 1-4.

colo nella necropoli dena Potta di Cesarea a Tipasa


(LANGEL (970). Descrizione.
Diffusione. Brocca a corpo ovoide, con orlo rivolto all'esterno,

Forma molto rara, documentata da un esemplare a fondo piano. L'ansa, non scanalata, risale al di sopra del

livello dell'orlo. Altezza: em 12>4.


~I'
Tipasa e da un altro al museo di Cagliari di provenienza
ignota. Tipalagia.
Bibliagrajia. Si conosce un solo tipo (tav. XX, 6).
Algeria. LANCEL 1970, p. 230.1ig. 76, n. 2; p. 232, fig. 77.

Musei e CtJllezioni. BONlNU 1971-72, p. 348, fig. 42, tav. IX, n. 1.


Prad"zione.
Forma prodotta in sigillata afrieana A'. L'andamento

del corpo richiama in particolare Ie forme BONINU 197r-72,

FORMA HAYES 153. figg. 42 e 46, ma anche Hayes 16r, n. 1 e Pall. 30 A e

30 B in AI.

Deseriziane.
Granolagia.
Brocca a corpo piriforme, con collo leggermente svasato,
orlo arrotolldato all'estemo, fondo piano. L'ansa e soleata L'indicazione delluogo di rinvenimento suggerisce una

da due scanalature. Altczza: em r2. cronologia anteriore al 79 d.C.

Tipalagia. Diffusione.
Si conosce un solo tipo (tav. XX, 5). I! noto un unico esemplare proveniente da Pompei e

conservato nel Museo Nazionale eli Napoli (inv. n. 16(92).

Praduziane.
Forma prodotta in sigillata africana AI. Bibliografta.
1ralia. Quaderni di cultura materiale, I, 1977, tav. VII, I~4.
Gronolagia.
Fine I secolo? (Hayes). L'indicazione, peraltro non
skura, del luogo di rinvenimento, Torre Annunziata, FORMA BONINU 1971-72, FIG. 41.
suggerirebbe una relazione con Pompei e i centri vesuviani
e una datazione forse anteriore al 79 d.C. Descrizione.
Diffmione. Brocca a corpo piriforme con orlo trilobato e piede

bifido. Si notano due leggere nervature sotto I'orlo e due

L'unico esemplare noto, conservato al British Museum, gradilli sporgenti, I'uno all'attaccatura del collo con il

proverrebbe da Torre Annunziata. corpo e l'altro all'attaccatura del corpo col fondo in modo

Biblicgrajia. da formare una leggera carena. Tra questi due graelini

lralia. HAYES 1972, tav. VI b. varle file eli decorazione a rotella e sole.lure. L'ansa pre­

42
TERRA SIGILLATA: VASI

senta due scanalature e risale al di sopra del livello del­ L'ansa, ad andamento quasi ad angolo reno, non e scana­
l'orlo. Altezz": c:n II,S. lara e risale al di sopra dellivello dell'orlo. Fondo piano.
Altezza.: em 19,1.
Tipologia.
Si conosee un solo tipo (tav. XX,7). Tipologia.
Produzione. Si CCoDosee un solo esemplare (tav. XX,9).
Forma prodolta in sigillaca africana N. Rieorda per Produzione.
l'andamento generale la forma Sal. v in una produzione Forma prodona in sigillata afrieana N. Secondo Hayes
non decorata nell'ambito de11a C, priva tunavia della imira una forma in metallo.
boeca triloba. II piede bifido e presente ancbe nel tipe
Lamb. 14 in N", A' e nella forma BONlNU 1971-72, Cronolcgia.
fig. 39 in A'(?). Per il gusto delle nervature in altre forme Fine I sooolo? (Hayes).
di sigillata africana AI, AI", A', eft. la rav. XXI, 5: Diffmiene.
XXI, 6; XXI, 7-11; nel vetto efr. Ie osservazioni fane a
proposito dena fNma BONINU 1971-72, fig. 39. L'unieo esemplare noto proviene da Torre Iacova,
nel Lazio.
Cronologia. Bibliografia·
Indeterminata; la presenza della decorazione a rotella ltalia. HAYES 197Z, tav. VI c..
fa pensare al II seeolo, forse la seconda meta.
Diffusione.
FORMA HAYES 152.
II noto un solo esernplare, al museo di Cagliari, ill
ineerta prove::lier.za.
Descrizione.
Bibliografia. Broeca a corpo ovoide. Pcr la desctizione, cfr. HAYES
Muse£ e Colle=ioni. BONINU 1971-72, p. 347, fig. 41; tav. VIII, n. 5.
1972, p. 186. Altezza: em 13,1.
Tipologia.
FORMA HAyES 154. Si eCoDosee un solo tipo.

Descn"zione.
Produzione.
Forma prodona in sigillata africana N; una forma
Brocca a eorpo ovoide con orlo svasato unito all'esrer­
simile in argcnto e nota a Pompei, proveniente dalla Casa
no ad un bec·;:uecio a sezione sernicircolare, ehe presenra
del Menandro (efr. HAYES 1972, p. 186, nota I).
illabbro sagomalo. L'ansa, cbe presenra tre seanalature,
risale oltre it livello dell'orlo. Fondo piano. Altezza: Cronolos;ia.
cm II,S. Eta flavia? (Hayes).
Tipologia. Diffusiene.
Si eonosee un solo tipo (tav. XX, S;" E noto un solo esernplare dalla Libia.
Produzione. Bibliografia.
Forma proJotta in sigillata africana N. Una forma LiMa. HAYES 1972) p. 1&6, fonna 152.
simile e docnmentata in bronzo, a Pompei (Napoli 69142,
eft. Catalogue il!ustr' de Sobatino De Angelis & Fils,
Naples, Naples ]900, p. 147). FORMA SALOMONSON A 28.
Cronologia.
SALOMONSON A 28 his.
Fine I seeolo? (Hayes).
Descr£zione.
DifJusione. Broeca a eorpo ovoide 0 biconico con largo orlo a tesa
L'unieo esemplare noto proviene da Aries. piana. Non sono note Ie dimensioni.
Bibliografia· Tipologia.
Francia. Coil. Julien Gria/I, tav. CCCXLV, n. 7 = HAYES 197z~
tav. VI c. Sal. A 28. - Corpo ovoide, fondo piano (?) di altezza.
rilevante. Sui eollo sono visibili linee di decorazione a
rotella (rav. XX,IO).
FORMA HAYES 15I. Sal. A 28 bis. - Corpo biconico, fondo piano (?). Una
fascia rilevata e visibile nel punto di maggiore espansione
della parete (tav. XX, II).
Descriziane.
Broeca a curpo ovoide con orlo a tesa piana, ehe pre­ Produzione.
senta due lobi in eorrispondenza dell'anaeco dell'ansa. Forn:a prodotta in sigillara africana A'.

43

i
~.
f

CERAMICA AFRICANA

Cronologia. FORMA PALLAREs 39 = SALOMONSON A IS.


Prima meta III 5e~010? (Salomon50n).
De~crizione.
Diffusion,.
Fonna attestata 50lamente nella necropoli eli Raqqada. Brocca a corpo biconico, collo leggermente tronco-coni­
co, orlo ripiegato all'esterno, piede ad anello. AI eli sotto
Bihliografia. dell'orlo sono visibili due scanalature sui colla. L'ansa e
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 98, fig. 13, A28. solcata da due scanaIarure. AItezze: em 16-16,2.
Tipologia.
FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, rAY. 52, N. 4. Si conosce un solo tipo (tav. XX, '3).
Produzione.
Descrizione.
Forma prodotta in sigilIata africana A'. Per I'anda­
Brocca. Tra il collo e il corpo del vaso e visibile un
menta del collo e del corpo questa forma trova il confronto
cordone decorato ad impressioni e1igitali (cfr. la forma
pin vicino nella forma Hayes 156, n. 1 I BONINU 1971-72,
Hayes II in AI).
fig. 40 in N e in una forma eli ceramica punica (cfr.
Tipologia. ClNI~S 1950, tav. VII, n. 98 quater); la caratteristica
Si con05ce un solo tipo (tav. CXXXII,4). biconicitA del corpo ricbiama anche Ie forme Sal. A 7
in A', Sal. xx in una produzione non decorata nell'antbito
Produzione. della C e Sal. XXI in C' decorata a rilievi applicati, una
Forma prodotta in sigi1lata africana A. Imita fot5e forma in ceramica locale e1ipinta eli Henchir el Aouja e
modelli metallici. Raqqada (SALOMONSOK 1968, p. 135, fig. 46) e Ie lagoenae
biconi~he eli Navigius (cfr. Atlante, tav. LXXXIX, I).
Cronologia.
III secolo? Cronologia.
Diffusione. Inizio a prima mera del III secolo (Salomonson).
La provenienza dell'unico esemplare pubblicato e Diffusione.
ignota. Forma molto rara, documentata finora solantente in
Bibliografia. Tunisia.
Musei e Col/ezwm. LA BAUME-SALOMONSON 1976, pp. 126-127,
n. 548, tav. 52, n. 4.
Bibliografia.
Twmia. eVA Copenhague 7, tav. 3II, n. 9 = PALl.AIffis 1960,
p. I7S, fig. 10, n. 9; p. 288. SALQMONSON 1968, p. 96, tav. III, n. 2;
p. 105. fig. 20, AI5 = Raqqada 1973. tav. III, fig. 17. AIS.
FORMA U\MPURIAS'} 1968, P. 276, FIG. 2.

Descrizioree. FORMA HAYES 156, N. L

Brocca a corpo globuIare con orio ripiegato all'esterno, BONINU 1971-72, FIG. 40.

collo leggermente tronco-conico, quasi ciIindrico e piede


ad anello. La decorazione a rotella occupa la parte del
corpo compresa tra una solcarura e doppie scanalature e n.....,..:.zione.
quella immediatamente sottostante. L'ansa presenta cinque Brocca trilobata a corpo pin omena biconico. Sui ~orpo
scanaIature. i'Jtezza: em 20,7. del vasa e visibile la decorazione a rotella e1isposta su
pm file, cbe pui> essere deIimitata superiormente da una
Tipologia. scanalatura. Due sottili scanaIature possono solcare il
Si conosce un solo tipo (tav. XX,12). collo come nella fonna precedente, quamo sono visibili
Produzione. sull'ansa nell'unico esemplare intero. Altezze: em 12,1­
14,8.
Forma prodotta in sigillara africana A. E simile al
tipo BONINU 1971-72, fig. 37 in NI'. Tipologia.
Cronologia. Hayes 156, n. I. - Corpo biconico, collo tronco-conico
La presenza della decorazione a rotella indica iI II secolo quasi ~drico e fondo piano.
forse nella sua seconda mera. 140-180 (Ripoll Perell6­ BONINU 1971-72, fig. 40. - Corpo meno accentuatantente
Marti Jusmet). biconico, collo leggermente svasato, ansa rimontante e
fondo leggermente concavo cbe dA luogo ad un piede
Diffusione. (rav. XX, '4).
E noto un solo esemplare, rinvenuto a Barcellona.
Produzione.
Bihliografia.
Spagna. RIPou. PERELLO - MARTi JU8MET, in Ampurias, XXX, Forma prodotta in sigilIata africana N; per I'andamen­
1968, pp. 276-7, fig. 2-2 bis. to del corpo richiama la fOrnIa Pall. 39 in N. E nota

44
TERRA SIGILLATA: VASI

un esemplare in bronzo a Pompei, molto simile nella Iipologia.


strnttnra del corpo e dell'OriD (MAWRI 1933, p. 443, Lamb. 12. - Con decorazione a rotella, fondo piano e
fig. 171). ansa recante due 0 tre scanalature (taw. XXI,2 e
CXXXIII, I).
Cronologia.
Variante Hayes 158, n. 6. L'esemplare da Sbeitla pre­
Inizi II secolo ? (Hayes). Prima meta III secolo (Bo­ senta un basso piede, una linea di decorazione a rotella
NINU 1971-72). La presenza della decorazione a rotella appena accennata e una vernice di scadente qualita;
fa pensare probabilmente alia s=nda mem del II secolo. potrebbe trattarsi di una imitazione locale.
Diffusione. BONINU 1971-72, fig. 37. - Di rnaggiori dimensioni,
corpo tendeute alia forma biconica, orlo inclinato all'ester­
Si conoscono due esemplari, conservati nei musei di
no con una rientranza verso l'interno in modo da strin­
Leiden e di Cagliari.
gere I'in:boccamra del vaso. Piede ad anello, ansa recante
Bibliografia· cinque scanalature (tav. XXI,3).
Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 49~ fig. 16, n. 680 = HAYES 1972,
tav. VII c. Produzicne.
Musei e Colleziolli. BoN:NU ]971-7.1, p. 346, fig, 40; tav. VIII, n. 4. Forma prodotta in sigilJata africana A con vernice
leggermente brillante NI', oppure opaca A', ma sempre
di buona qualim. Una forma simile e documentata ne!
FORMA BERNAllO BREA-CAVALIER 1965, vetro (IsINGS 1957, p. 69 ss., forma 52). II tipo BONINU
TAV. CCXXIII, N. 8. 1971-72, fig. 37 richiama per diversi aspetti (forma del
vaso, decorazione, piede ad anello, ansa scanalata) la
Descrizione. forma Amj>'.trias, 1968, p. 276, fig. 2 in sigilJata africana A.
Brocca trilobata a corpo cilindrico, modellato a fasce Cronoiogia.
ori2zontali bombate; opalla <futinta, collo tronco-conico,
fondo probabilmente pian-J. Vansa e soleata da scana­ Em antouiniana - eta severiana (Lamboglia). Seconda
lature. Altezza: em II >4­ mem II secolo (Hayes).

Tipologia. Diffusior.e.
Si conosce un solo tipo (tav. XXI, I). FormE abbastanza rara, documentata nel bacino oc­
cidentale del Mediterraneo. Un esemplare econservato ne!
Produzione. Musec Archeologico di Algeri, un altro ne! museo di
Forma prodotta in sigilJata africana A (presumibilmente Orano (da Portus Magnus, Nieropole de I'est).
AI). La strnttnra del OJrpo richiama la fonna Hayes 122 BI
BONINU 1971-72, fig. 29/Hayes 122 A. Bibliografia.
A!geria. DE CARnILLAC 1890, fig. a p. 263 (?).
Fran~. 1..A.MBOGLlA 1958, p. 28.
Cronologia.
1lizl£c. Osti:: I. figg. 35 (?), 37 (?). FAlllCO 1971, p. 631, fig. 48 (?).
Attestazione in una tomba della fine de! I - inizi del Lilna. CAPUTO 1951, ce. 327-328, figg. 119-120.
II secolo (BERNABO BREA - CAvmER 1965). Turri;ia. HOLWERDA 1936, p. 49, fig. 16, n. 681 = HAYES 1972,
tav, VII b. $ALOMONSON I968, p. 105, fig. 20, AI3 = Raqqada 1973,
tav, III, fig. 15, AI3.
Diffusione. .\fwd e Cdlezioni. BONINU 1971-72, pp. 342-343, figg. 37-38;
E noto un solo esecplare rinvenuto nelle Isole Lipari. tav, VIII, 1-2.

Bibliografia.
Italia. BERNABe. BREA-CAvAUER I96s, tav. CCXXIII,. n. 8.
FORMA BONINU 1971-72, FIG. 43.

FORMA LAMBOGLL\ 12 = SALOMONSON A 13 =


Desmz£cne.
HAYES 158, NN. 1-5. Brocca a corpo ovoide con orlo estroflesso separato
mediante una solcatura dal collo leggermente atfusolato.
BONINU 1971-72, FIG. 37 = HAVES 158, NN.
AI di sotto de! collo sono visibili sui corpo alcune soleature.
7-9 (?). L'ansa non scanalata mostra una sezione quasi circolare,
il fonc.o piano e solcato da una scanalatura che permette
Descrizione. di distin511ere un piede. Altezza: em 20,5.
Brocca a corpo globulare, collo cilindrico e orlo in­
clinato verso il basso. La decorazione a rotella e disposta Tipologia.
su pili file generalmente sulla parte snperiore del corpo, Si conosce un solo tipo (tav. XXI,4).
oppure puo occupare sia la tascia delimitata superiormente
da una scanalatura, hferiormente da una 0 due scana­ ProduzifJ1le.
lature, sia quella immediatamente sottostante. Altezze: Forma ptodotta in sigilJata africana A (A'?). E molto
em IO-II circa. Esemplari di maggiori dimensioni, altezze: simile ad una forma di ceramica comune della Tunisia
em 19,2-22. ceutri.e (cfr. S'II.OMONSON 1968, p. 129, fig. 40, CCI4).

45

r
CERAMlCA AFRlCANA

Pet il fonda seanalato, eft. Ie fonne Pall. 26 A, Hayes Tipologia.


142 in AI, BoNINU 1971-72, fig. 39 in A' (?). Si conosce un solo tipo (tav. XXI, 6).
Cronologia. ProJuzione.
IndeteIminata. La fonna in CeIamica comune e stata
Forma pIOdotta in sigiIIata aftieana A; un esemplare
rinvenuta in contesti di seconda meta - fine II secolo
di furma molto simile alia Lamb. n A, rinvenuto nella
(Salomonsor.)..
necrc-poli otientale di Setif, presenta Ia pasta delIo stesso
Diffusitmi!. colore e consistenza deIIa A, rna e privo di vernice btiI­
Forma moito rara, documentata nel museo di Cagliari. lante e peI questo e pubblicato come relativo ad una
produzione imitante la A (eft. FEvRIER-GAsPARY 1966-67,
Bibliografia· p. 26, fig. 17). PeI iI gusto delle nervature, efr. Ie forme
Musei e Colinioni. BoNINU 1971-72, p. 349, fig. 43; tav. IX, n. 2. in A', All', A' (tavv. XX,4; XXI, 5; XXI,7-n). Per i
confmnti con iI vetro si vedano Ie osservazioni fatte a
FORMA BONlNU 1971-72, FIG. 39. proposito delIa forma precedente.
CrlNlOlogia.
Descnzione.
Indetetminata. II confronto con Ia forma seguente fa­
Brocea a corpo ovoide, con orio svasato munito di un rebbe pensare alia seconda meta del II e agli inizi del
IabbIO ripieg;3.to, collo tronco-conico, fondo piano con una III s::colo. La mancanza delIa decorazione a roteIIa non
scanalatura che consente di distinguere un piede in nega­ ostacolerebbe una evenwale datazione nel III secolo.
tivo. L'ansa e solcata da due scanalature. Sull'orio si
notano quattro nervature, sui corpo due ispessimenti DiJfu,ione.
della parete, I'uno supetiormente, in corrispondema del­ E ooto un solo esernpIare, al museo di Marsiglia, di
I'attacco con iI colIo, I'altro infetiormente, tra i quaIi e ignota provenienza.
compresa la decorazione a IOteIIa. AItezza: em 21,1.
Bibliograjia.
Tipologia. Musei e Collezioni. LAMBOGLIA 1958, p. 279, IIA.
Si conosce un solo tipo (tav. XXI, 5).
Produzitmi!.
Forma prodetta in sigiIIata africana A' (?). Richiama Ie FORMA AlMAGRo-AMOROS 1953-54, FIG. II, N. 2
forme in AI, All', A' (tavv. XX,4; XXI, 6; XXI, 7-n) (HAYES 160, N. 10).
pet Ie nervawre dell'orIo, che, del resto, si titrovano anche U.MBOGLIA II, II his = HAYES 160, NN. 1-9;
nella forma Sal. II I Sal. II his in C' e C' (?) decorata a 14-18. :;,:
,·.t
"1­
rilievi applicati, a questa piit vicina nelIa struttura del U ..MBOGLIA II teT = SALOMONSON A 6 = HAYES J1
vaso. II gusto delIe nervature, tipico del vetro, e docu­
fY
160, 1\,..
II-13, 19. 'I
mentato a partire daI1a seconda merit del II secolo (IsINGS
1957, p. 106, forma 88 c) e petmane anche in fo:me
~~
f1}.
flli
Descr:zione.
pin tatde (IsINGS 1957, p. 149, forma t20 a, circa 270 ­ ~,;"
inizi IV secob). Pet il fondo scanalato efr. Ie forme Hayes Fia,chetta a corpo piit 0 meno espanso a doppio ti­
142; Pall. 26 A in AI; BoNINU 1971-72, fig. 43 in A' (?). gonfu.mento, colIo articolato in due settori, I'uno infedore,
cilindrico, I'altro supetior4:Piit stretto, decorato da ner­
CrlNlOlogia. vature. L'orio e piit 0 meno svasato e presenta talora iI
Fine II - inizi III secolo (BoNINU 1971-72). Iabbro poco ingrossato.' L'ansa e solcata genetalmente da
Diffusione. una ,canalatura. Altezze: em 11-16,8.
L'unico esemplate noto edi ineetta ptOvenieU2a. Tipologia.
Bibliografia. AL'MGRo-AMoROS 1953-54, fig. II, n. 2. - L'orIo e
Musei e Colle::w..,i. BoNDW 1971-72, p. 345, fig, 39; tav. VIII, n. 3. molto svasato, il settore del colIo decorato da nervature e
cilindrico, iI punto di congiUU2ione Ira Ie due parti con­
vesse del corpo e sottolineato da una rientranza. Fondo
!lJ
~
A
FORMA LAMBOGLIA II

Des.:rizione.
(HAYES 159). leggermente concavo che dit luogo ad un piede. II punto
di maggiore piegatura dell'ansa e piit alto rispetto al­
l'orIo (tav. XXI, 7).
I
Brocca con il corpo costitnito da un doppio rigonfia­
mento e coli,) • sezione leggermente convessa. L'otlo di
fOIDll tronco-coniea ptesenta il Iabbro leggermente in­
gro;sato. Due DeIVature consentono di distioguere il colIo
daI1'orlo, mentre un gradino unisce iI corpo con iI collo.
L'ansa e solcata da una scanalatura, iI fondo piano. Al­
tezza: em 15,5.
Lamb. II, II bis. - II settore del collo decorato da ner­
vature e cilindrico, tronco-coDico, oppure espanso. Talora
in corrispondenza delI'attacco supetiore delI'ansa e pre­
sente una pIOtuberanza. Fondo leggermente concavo,
scanalato 0 piano (tav. XXI,8-to).
Lamb. II ler. - II corpo e piu schiacciato e slandato,
iI fooJ:> piano. II disegno di Lamboglia dell'esemplare
I
II

46

TERRA SIGILLATA: VASI

di Valencia nO:J permette di distinguere se in tale esem­ FORMA SALOMONSON A 19.


plare I'ansa sia scanalata oppure rechi una depressione
nel mezzo (tav. XXI, II). Deserizione.
Produzione. Fiascbetta dal corpo mo:to elaborato forse rafligurante
\Ill recipiente munito di una protezione esterna. II corpo
Forma prodotta in sigillata africana A'I' e A2. Per la
forma del 00110 si confrontino Ie forme Sal. II;Saln bis
eformato da tre troncbi di COllO decorati a rotella, sempre
e Sal. IX in (. e C' (?) decorate a rilievi appliclti. Per il
pm graneli a parcire dal f,)ndo, sovrapposti e divisi tra
I;)IO da due tori. L'orlo e svasato e presenta una leggera
gusto delle nervature, efr. forme in sigillata africana A',
profi1atnra alI'esterno, i: collo stretto e corto, il fondo
A'I', A' (taw. XX, 4; XXI, 5; XXI, 6). Per il gusto delle
piano. A1tezza: em 21,1.
nervature nel ',etro si vedano Ie osserVazioni fatte a pro­
posito della forma BONINU 1971-72, fig. 39. Tipologia.
Cronologia. Si conosce un solo tipo (tav. XXII,2).
Seconda mem II - inizi III secolo (Lamboglfu-Hayes). Produzione.
Un esemplare riferibile al tipo Lamb. II, II bis e stato Forma prodotta in sigillata africana A; I'orlo di questa
rinvenuto in un contesto della necropoli della Porta di fuona piuttosto inconsueta si ritrova nelle forme Sal.
Cesarea a Tipasa, insieme con una moneta di Adriano A£8 in A' (?), Sal. VI in C' decorata a rilievi applicati,
(LANCEL 1970;. II fatto che la forma non sia decorata Sal. CC12 in ceramica comune di Raqqada (SALOMONSON
a rotella, il oonfronto con i vetri e con Ia C', C' (?) r968, p. 128, tav. v, n. 2;, e similmente nel vetro (efr.
decorata a rilievi applicati rendono amrnissibile una da­ ISINGS 1957, p. 120, forma 102). Cfr. Ia forma seguente.
tazione anche nel III secolo.
Cionologia.
Diffusione. Fme II - inizi III secolo (Salomonson).
Questa fOrmE appare diffusa nel baeino occidentale del
Mediterraneo.
Diffusione.
Forma documentata solamente a Raqqada; si tratta
Bibliografia. ?robabilmente eli una forma locale.
Algeria. FE\'RIER-G.'\SPARY ]966-07, p. 26. fig. 17 en. LANCEL
1970, p. 230, fig. 76 1 n. 5. Bibiiografia.
Italia. Forma Italiae: Libarrl3 J rav. IZ, fig. 42. LAMBOGLIA 1941,
Tunisia. SALOMONSON 196~, p. 96, tav. III, n. 4.
pp. 23-27 = LAMEOGLlA 1958, p. 279.
Jugoslavia. COLNAGO, in JOA1, XVIII, 1915, p. 182, tg. 92.
Spagna. CO:'OAiINES ]942. P. 143; tav. II, n. 90). ALMAGRO­
AMOR6s 1953-54. p. 255, fig. n, n. 2. ADROER 1963, p. 121, n. 7528.
Tunisia. SALDMONSON [968, p. 90, fig. 7; p. 101, fig. 16, A6. FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, TAV. 52, N. 3.
Musei e Colleziitni. HOLWDIDA 1936, p. 60, fig. 21, n. 874. eVA
Genova-Pegli I, ]'/ Bf, [aV. I, n. ,. LAMBOGUA 1958, P. 279. Bo­
NINU 1971-72, pp. 336-340, figg. 33-36; rav. VII. HAYES 1972, rav. Discriz£one.
VII c. Brocca.
Tipowgia.
FORMA SALOM-ONSON A 16.
Si conosce un solo tipo (tav. CXXXIlI,2).
Descnz£one. Pr.duzione.
Brocca a corpo bi:onico, coIlo cilindrico ed orlo in­ Forma prodotta in sigillata africana N.
grossato. L'ansa e ripiegatl in alto secondo una tecnica
piu prossima al vetto cbe alia ceramica. A1tezza: em 19,3. Cronologia.
Fine II 0 prima meta del III secolo. (Cfr. la forma
Tipologia. ¥eceden~. .
Si conosce un solo tipo (tav. XXII, I).
lJiffu,,:one.
Produzione. La provenienza dell'unico esemplare pubblicato e
Forma prodotta in sigillata africana A (pmumibil­ ign<>ta.
mente in A'j; una brocea affine e documentatr. in una
serie eli vasi in ceramica comune rinvenuti a Raqqada lMliografia.
della fine I - prima oern II secolo (SALOMONSC'N 1968, Musei e Collezioni. LA BAUME~SALOMONSON 1976, p. 125, n. 545,
13''f.52, n. 3.
p. 126, fig. 38,3, forma CC8).
Cronologia.
FORMA HAYES 161, N. I.
Fine I - prima meta II secolo (Salomonson).
Diffusione. De.scrizione.
Forma nota ~ Raqqada. .'\nforetta a corpo ovoide, con orlo ripiegato all'interno,
Bibliografia. CJndo leggermente concavo cbe d. luogo ad un piede.
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 96, tav. III, n. 3, Al6. Le anse non sono scanalate. Altezza: cm 21,3.

47

1,
CERAMICA AFRICANA
Tipologia. ad WI piede. Una scana1atur. separa Yorio dal collo, un
Si conosce nn solo tipo (lav. XXII,3). sottile listel10 il <:0110 dal corpo. Le ame sono solcate da
Variante LA BAUME-SALOMONSON 1976, tav. 51, n. 1 una scanalatura. AItezz.: em 16,4_
(tav. CXX:'{III,3). Tipololfoa.

Produzione. Si conosce WI solo tipo (lav. XXII,5).

Forma pmdotta in sigillala africana N. L'andamento


Produzione.
del corpo ricorda in particolare 10 forma Pall. 30 B, rna
anche Ie forme Pall. 30 A, BONINU 1971-72, figg. 42 e Form. prodotta in sigillala africana A (presumibilmen­

46 in sigiUata africana A'. E molto comune a Pompei te A'); " sinille per l'.ndamento del corpo aile forme

una forma aualoga On bromo (cfr. MAwR! 1933, tav. HV, Pall 30 A e B, Hayes 161, n. 1, BON;NU 1971-72, fig. 42

E; LA BAl:ME 1964, p. 49, fig. 38. Per coufronti fnorl in N. L'orlo richiama piuttosto quello della forma Pall.

dell'Italia: H. DE V1LLEFOSSE, in Gazette ArchJologique, 30 C anche in N.

1885, p. 1':)6, fig. I). Una forma simile" prodotta anche Cronologia.
in vetro (efr. ISINGS 1957, p. 32, forma 15). Fine II - inizi III secolo (BONINU 1971-72). Tale ere­

Cronologia. nclogia appare insicur.; piu probabilmente questa forma

L'indiacione delluogo di proveoienza, Pompei, sugge­ v. datata alia fine del I - inizi II secolo per il confronto

risce nn. d.tazione anteriore aI 79 d.C. Per 10 variante con Ie forme citate.

Salomonson propone un. datazione alia fine del I secolo. Diffusione.


Diffusione. L'unico esemplare conosciuto, di ignota provenienza,

L'unico esemplare conosciuto, proveniente d. Pompei, e conservato nel museu eli Cagliari.

" conservaro al Museu Nazionale eli Napoli. Bibliografia.

Bihliografia. Muse; t! Collezioni. BoNINU 1971-72. p. 3~2, fig. 46; tav. IX, n. 5.

Ita/£a. fLl.i";!'s 1972, p. 174, fig. 34. forma 161, n. I.


Musei e C(,lU~zi()m. LA BAUME.SA!.oMoNSON 1976, p. 120, n. S27.
FORMA LAMBOGLIA 26 A (HAYES 162).
FORMA PAJ:.LARES 30 B (HAYES 161, N. 2). Descrizione.
Auforetta con corpo piriforme, coUo leggermente espan­ r
DescriziUM.
so, orin segnato aII'estemo da una scana1atura. L'ansa " ~
f'
Auforetta a corpo ovoide con orlo leggermente pro­ solcata da due scanalature, il fondo e piano. AItezza: il
nunciato .ll'esterno. Una scanalatur. in corrispondenza em 14,6.
dell'attacco superiore dell'ansa segn. il punto di congiun­ t
zione fra orlo e collo. Fondo leggermente concavo che Tipologia. !
~
crea un piede. AItezza: em 13,8. Si cunosce un solo tipo (tav. XXII, 6). ·u
Tipologia. Produzione. i,
~
Si concsce un solo tipo (tav. XXII,4). Forma prodotta in sigill.ta african. A (N ?). i
Produzione. Cronowgia. !
Form. prodotta in sigillata africana N. L'andamento Fine I - inizi II secolo? (Hayes). I
del corpo ricorda Ie forme Pall. 30 A, BONINU 1971-72,
figg. 42 e 46, Hayes 161, n. I iu N. Diffusione.
E noto WI solo esemplare, proveoiente d. Ampurias,
I
Cronologia.
Fine I secolo (Hayes). E probabile che questa forma
sia st.1a prodott. anche agli inizi del II secolo.
al Museu Archeulogico eli Barcellona.

Bihliografia·
I,
Diffusion<.
SPafna. 1.AMBOOUA 1958, p. 294, 26 a
I
Si cone-see WI solo esernplare, proveniente dalla Tunisi.
e conservato al museu eli Copenhagen.
Biblwgrafia..
FORMA BONINU 1971-72, FIG. 44.

Descrizione.
I
!
Tunisia. eVA Gvpenhague 7, tav. 305, n. 9 = PALLAREs 1960,

II
p. 269, fig. "'"' n. 9; p. 285, forma 30 B. Auforetta • corpo ovoide, con orlo alto ed espanso, che

finlge da collo, terminante in un labbro arrotondato; fondo

leggermente concavo che dil luogo ad WI piede 0 fondo

FORMA BONINU 1971-72, FIG. 46. piano. Due scanalature congiungonc I' orlo al corpo; Ie

anse sono solcate da tre scan.lature. Altezze: em II,9-12,6.

Descriziom:.
Auforetta a COI'?O ovoide, con orlo a tesa piana, collo
appenaespanso, fondo leggermente concavo che dil Inogo
Tipolagia.
Si conosee un solo tipo (tav. XXII,7). I
48
I

~
,t TERRi\. SIGILLATA: VASI
~
i Praduzione. decor.ta (cfr. HERMEr 1934, uW. 4, form. 13), io sigil1ata

I
~
1
Forma prodotta in sigillata africana NeAll'.
Gronalagia.
Fioe II - illizi III secol" (BONINU 1971-72). La ero­
ispanica decorata (efr. MEzQUIRIZ DE CATALAN 1961,
t.v. 31) e in sigillata afrieana C' (tav. XXXI,18).
Granalogia.
i nologia proposta dalla Booinu e molto insicura, tanto pili Fioe I - illizi II secolo e oltre (Hayes). Va notato che
!, che gli esemplari pubblicati presentano una -,ernice pili se e gillSto accettare la datazione pili antica, relativa all.
prima fase di produzione della A (fine I - prima meta
o meno brillante.
ii Diffusione.
II seeolo; cfr. a que;to proposito il riovenimento di un
i esemplare della form. in esane a La Cal.de, Cabasse, in
~ Si conoscono due esemplari al museo di Cagliari di una tomba con moneta di Domiziano dell'80 d.C., io Gal­
~ incerta provenienza. lia, XIX, 1961, p. l0S ss.), non si puo eseludere la sua

!I Bibliagrafia·
Musei e Collaioni. BoNlNU 1971-7Z, pp. 350-351, figg. 44-45;
tav. IX, an. 3-4.
produzione nella ,econd. fase (seconda metit II - illizi III
secolo). A questa datazione sernbrerebbero riportare I'at­
testazione della forma in contesti ostiensi della seconda

~,,
mera del II secolo, la vemice del tipo NI' e talora A2
riscontrabile io alcuni esemplari, il tipo Lamb. 13 Iris
FORMA LAMBOGLIA 13 (HAYES 147, N. 2).
privo di decorazione a rotella e con orlo simile a quello
i HAYES 147, N. 3. della form. Lamb. II A, anch'essa non decor.ta e datata
1
LAMBOGLIA 13 his (HAYES 147, n. 6). alla second. meta del II - ini,i III secolo.
i
!! Descnzione. Diffu.<ione.
Forma documentata nel M,,:literraneo occidentale e
ri Borracda a corpo lenticolare oltenuto da due parti a
sezione convessa unite iosieme. Alt=e: cm 13,7-17,9. sulla co'ta at:.antica.
Diametri del corpo: ern lC'kI7,6. BibliWtrafia·
Tipologia. A!geria. L\NGEL 1970, p. 232, fii;. 79.
Francia. U...MBOGUA 1958, p. 28~. FOUST 1969, p. 228, fig, 106,
Lamb. 13. - L'odo non e distillto dal collo; si nota un nn, 255-256.
labbro leggermente prominente all'intemo cni c"rrisponde ltillia. LurnOOLIA 19$0. p. 35, Eg. 9, n. 26 (?). LAMBOGLIA 1958,
p. 2KI. Ostia I, fig. 25 {?).
q talora una scanalatura all'estemo. Su entrambe Ie facce Spa,gna. FROTHINGAM, Silillate Po;t"ry, New York 1937. tav. XVIII
del vaso sono visibili linee di decorazione a rotella dispo­ The Hispar.ic Soa'ety of AmeriCd: Handbook, 1938) p. lIO =
!
=
CHARLESTON I955, tav. 26 = HAYES 1972, tav. V c.
ste circolarmente; rammente la decorazione a rotella circo­ Twlsia. HQLWERDIL 1936, p. 49, fig. 16, n, 686.
scrive una scanal.tura a cercllo. Sono impostate due anse,
I
I
che possono essere soleate da scanalature in numero d.
due. quattro oppure non essere scanalate (tav. XXII,8).
I Hayes 147, n. 3. - L'orlo «a corolla» (cfr. il tipo Bo­
FOR&IA SALOMONSON A7 = HAYES 163.
I NlNU 1971-72, fig. 29 in N) e distinto dal collo. Su en­
I trambe Ie facce del vaso puo essere presente una scana­
I.tura. Le due anse moscano un andamento pili sinuoso
D"cri..oione.
Anforetta a corpo biconico ron orlo alto e svas.to e collo

II
e sono soleate d. due scanalature (t.v. XXII, 9).
Lamb. 13 bis. - L'orlo di forma tronco-coniea (efr. la
forma Lamb. II A io A) e distillto dal collo. Manc. la
decorazione a rotella. E impostara una sola ansa, soleata
cilindtico, piede ad anello. A volte puo apparire una scana­
latura che consente di distinguere l' orlo daI collo. Le ame
sono soleate da quattro scanalature. Altezze: cm 16-20.
Tipc!ogia.

I
da una 0 pili scanalature e con andamento simile alle anse
del tipo Lamb. 13; daI disegno di Lamboglia dell'esem­ Si conosce un solo tipo (tav. XXIII, I).
plare del Museo Borely di Marsiglia sembrerebbe che Proauz£one.
I'ansa nasea daI collo iovece che dall'orlo (tav. XXII, 10). Forma proc.otta in sigil1ata africana N. Per il corpo,

II Produzione.
Forma prodotta generalmente io sigillata a:rieana N,
NI', rna anche in N. E.emplari simili a questa forma
sono attestati a Pompei, Ostia, nel museo di Cagliari
cfr.la form. Pall. 39 ioA'. Una forma simile nella sttuttur.
genernie del vaso appare documentata in ceramiea pumca
(efr. CINTAS 1950, tav. VIT, n. 98 ler). Come Ie altre
forme biconiche monoansate, fiche quest. forma sembra
prodolta per i mercati della Tunisia centrale e pertanto
(efr. BONlNU 1971-72, P? 325-329, figg. 25-28) realiz­

II
non destillata all'esportazione.
zati in un. ceramiea partirolare, car.lterizzati d. un'argilla
opaea di colore bi.ncastro 0 beige dalla decorazione a Cnmologia.
rotell. e d. sleceature che ricoprono tutt. la superficie Prima meta III secolo (Salomonson, Hayes).
! fino al collo. Nel caso in c1Ii fosse dimostr.bile una deriva­
D~'fusione.
i zione da questa forma, sarebbe un punto di conlalto tra
E una forma molto ram, documentat. in Tunisi•.
II la sigillata africana e Ie produzioni italiche. Si tratta peral­
tro di una forma prodolta anche in ceramic. punica (efr. Bibliografia.
I, CINTAS 1950, tav. XXXI, n. 364), in sigill2ta gallica Tunisi~. SALot-lONSON r9!S8, p. 9f, fig. 8; p. lor, fig, 16, A7.
f:i
i
W
I
~ 6 - E~citl()pedi4 drtl'Arte - Atl. f. C, I
49

t
CERAMlCA AFRlCANA

FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, TAV. 51, N. 2. FORMA LAMBOGLlA 16 = HAYES 121, N. I.


FEVRIER 1963, FIG. 1 (HAYES 121, N. 6).
Descrizione.
Anforetta. Descrizione.
Ouuus a corpo biconico, con orIo appena rilevato, di­
Tipologia. schetto concavo, munito di piccoli fori, e beccnceio che
Si conosce un solo tipo (tav. CXXXIII,4). forma con il corpo un angolo retto od obliquo. NeIla parte
inferiore, al di sopra del fondo, e visibile un gradino.
Produzione. Altezze: em 6,7-7,8. Diametri dell'orIo: cm 6,3-8,7.
Forma prodotta in sigiIIata africana A'.
Tipologia.
Cronologia. Lamb. 16. - E inrpostata un'ansa scanalata nel punto
Fine II - inizi III secoIo? opposto al beccnccio. Piede distinto grazie ad una scana­
latora dal fondo leggermente rialzato 0 fondo piano
DiffusWne. (tav. XXIII, 4).
La pro'l"enienza dell'unico esemplare pubblicato e FEVRIER 1963, fig. 1. - Manca l'ansa, il corpo e piu
ignota. arrotondato, il fondo mostra un piccolo piede ad anello
oppure un piede distinto grazie ad una scanalatura. NeI­
Bibliograjia. l'esemplare di Setif il gradino neIla pane inferiore del
Musei e C-ollezioni. LA BAUME·SALOMONSON 1976, pp. 122-123,
corpo appare piu ridotto (tav. XXIII, 5). Manca ogni docn­
n. 538, tav. 51, n. 2.
mentazione grafica di un esemplare conservato al museo di
Sassari, daIla Collezione Sanna n. 243, citato da Lamboglia,
che presenterebbe il dischetto semiaperto invece che forato.
FORMA HAYES 124, N. 1.
LAMBOGLIA 16 bis (HAYES 124, N. 2). Produzione.
Forma prodotta in sigi11ata africana A'. Per altri vasi
Descrizione. a beccnccio in sigiIIata africana A', A"', A', cfr. tav.
x..XIII,6-9; XXIII 10-11; XXIII,IZ-15.
QJl.m.io che ricorda la forma Ritterling 13 in sigil­
lata gallica (cfr. OSWALD-PRyCE 1920, tav. LXX). Pre­ Cronologia.
senta un foro al centro e uno piu piccolo nel punto in Etil flavia-traianea per gli esemplari nn. 1-2 di Hayes
cui la parete e maggiormente inclinata. AItezze: em 5k (va notato tuttavia che la cronologia dei contesti di Germa
6,9. Diarnetri: em 8,6-9,6. epiuttosto insicura). II secolo in generale (Hayes).
Tipologia. Diffusione.
Hayes 124, n. 1. - Parete a forma di coppa semicircolare Forma raramente documentata nel Mediterraneo oc­
e piede ad .mello (tav. XXIII,2). cidenrale.
Lamb. 16 his. - Parete svasata e piede distint,'. grazie Bihlwgrajia.
ad una scanalatora, dal fondo leggermente rialzato (cfr. Algeria. FEvRIER 1963, p. 127, fig., t.

il piede del tipo Lamb. 16) (tav. XXIII, 3). Francia (?). LAMBOGLIA 1958, p. 284.

Liina. HAYES 1972, p. 174. fig. 34. forma 12[, n. I.

Produzione. Spagna. CuADRADO DIAZ, in NAH, I, 1952, p. ISO, fig. 59. n. 13.

Forma prodotta in sigiIIata africana A'; e attestam in


sigillata gallica, in Eastern Sigillata B, in ceramica in­ FORMA HAYES 122 B.
vetriata, in una produzione locale di OJrinto.
BONINU 1971-72, FIG. 29.
Cronologia. HAYES 122A.
Hayes 11.4, n. 1: etil flavia-traianea? (Hayes). Atte­
stazione in contesti della seconda meta del II secolo DescrizitJne.
(Ostia, dati inediti).
Lamb. 16 his: II secolo (Hayes).
Diffusione.
Ourrus a corpo cilindrico 0 tronco-conico, soicato da
scanalature che 10 articolano in vari settori orizzontaIl dal
profilo piu 0 meno lobato (<<zone sferiche ,). Le parti
superiore e inferiore del vaso sono lisce e arrotondate.
i
"1.
;'';'
'J
Forma moito rara, documentata da esemplari interi e AI beccnccio corrisponde nel punto opposto l'inrbocca­ <£
frammentari a Ostia e da un esemplare a Yale di ignota tura del vaso, alta e stretta; al centro si nota un'ansa a j
'~~
provenienza. nastro soicata da piu scanalamre. Manca Ia vernice al­ ;~
l'intemo del vaso. Altezze: em 9,6-11,3. -lii
'\1
Bihlwgrafia.
lcalia. 1..AMBOGLIA 1958, p. 284 = HAYES 1972, p. 174. fig. 34,
fOImS I24. n~ 2 (va Dotata che il disegno pubblicato da Larnbc:glia
Tipologia. j
\:oc
presalta alcune mesattezze rispetto a quello di Hayes). Hayes 122 B. - OJrpo cilindrico, inrboccatura e bec­
•i\-fusei e Cllllezjoni. HAYES 1972, p. 174, fig. 34. forma 124. 1:. I. cuccio ad apertura piu Iarga, fondo piano (tav. XXIII, 6). i,

I
r.
fO
TERRA SIGILLATA: VASI

BONINU 1971-72, fig. 29. - Corpo tronco-conic;) solcato Diffusione.


dJl!le scana!ature, che, insieme con la parte inferiore E una fonna rarissima, caratteristica dell'Africa set­
abbastanza sviluppata, da luogo ad un andamento biconico tentrionale e probabilmente non esportata.
del vaso. Per I'OOboccamra, cfr. I'orlo del tipo Hayes
r47, n. 3 e, anche se leggermente diverso, I'orlo del tipo Bibiiografia·
Algeria. L\,."«:EL 1970, p. 230J fig. 76, n. 6.
Lamb. 13 his. Lel zone sferiche ') tendono ad essere meno MarDcco. Thamusida 1965, ta.... 13E, n. 6.
regolari e rilevate. II fondo e piano (tav. XXIII,7-8). Tuniria. HA'!tllS 1971, p. 174, fig. 34. forma 126. n. I.
Hayes 122 A. - Corpo tronco-conico, piede ad anello
(per Hayes e indice di antichitA). Per I'OOboccarura, cfr.
I'orlo del tipo Lamb. [5. Le ,c zone sferiche» sono ancora FORMA HAYES 123, N. 3.
meno rilevate; la parte inferiore del vaso e malto poco l.AMBOGUA 15 = HAYES 123, NN. 1-2, 4-20,
sviluppata (tav. XXIII,9). 22-25·
ProduzilJ1le.
DiJsmzione.
Forma prodotta in sigillata africana A'. Per altri vasi
a beccuccio in sigillata africana A', A'/', A' (eft. tav. AsMs oon orlo espanso e collo ph) 0 meno strozzato
XXIII, 4-5; XXIII, IO-U; XXIII, 12-15). II guSto delle in posizione verticale oppnre leggermente inclinato, cui
,zone sferiche» sovrapposte si riscontra nelh forma corrisponde un beccuccio all'estremita opposta. L'ansa e
BERNABO BREA - CAVALIER 1965, tav. ccmn, n. 8. i:npostata nella parte superiore del vaso ed e solcata da
piJi: scanalamre. II oorpo si presenta ora piJi: slanciato, ora
Cronologia. piJi: panciuto. Lunghezze: em '4-15. Altezze: em 7-9 circa.
Fine 1- inizi II secolo? (Hayes).
Tipologia.
Diffusione. Hayes 123, n. 3. - Orlo ad OObuto, piede ad anello (tav.
Forma raramente documentata in Tunisia; si ignora la XXIII, 12; non e certo che l'unico ad avere il piede ad
provenienza di aJcuni esemplari conservati nel ousco di anello, fra i Ire esemplari sinvenuti a Bulla Regia e conser­
Cagliari. van aI Musco del Bardo aTunisi, sia qnello qui raffigorato).
Bibliografia· Variante CVA GenlYOa-Pegli t, IV Bj, tav. I, n. 6.
Tunisia. Cat. Alaoui, 1897, ta\'o XUI. n. 217. HOLWf["..j)A 1936, Esemplare pili: profondo, munito di piede ad anello e di
p. 49, fig. 16, nn. 683-684 = HAYES 1972, tav. 11 o1-b. un'ansa che ~embra descrivere un arco piu basso.
Mwn e Col/enom', Bo:iINU 1971-72, pp. 331-:332, flu. 29-30;
tav. VI, nn. 1-2.
Lamb. r5. - Orlo ad anello 0 a profilo triangolare, fondo
piano (tav. XXIII, 13-14).
Variante CARANDINI 1969, tav. CIV. Esemplare di tipo
FORMA HAYES 126. partioolare, c1ie presenta un beccuccio a forma di testa
<Ii volatile (tav. XXIII,I5).
DescrizilJ1le. Produzione.
Guttus a corpo globulare 0 oVllide, munito di un beccuc­
Forma prodotta in sigillata africana A" All' e A'.
cio, con collo leggermente S\'llSato, orlo appiattito oppnre
Un vaso simile alia variante CARANDINI 1969, tav. CIV,
solcato da una scanalatura all'esterno, fondo leggermenre
concavo che da luogo ad un piede. Vansa presenta una sca­
e atlestato in ceramica punica (cfr. CrNTAS 1950, tav.
tIV, no. 8-<). Altre furme a beccuccio sono testimoniate
nalarura 0 una depressione nel mezzo. AIl'interno del vaso,
in A' (cfr. tav. XXIII, 4-5; XXIII, 6-9; XXIII, IO-U).
tra il collo e il corpo vi e una sorta di intercapedine con
einque fori per far passare illiquido. Altezza: em 10-12. Cronologia.
Tipologia. Hayes 1230 n. 3: inizi II secolo (Hayes).
Lamb. r5: seconda meta II - inizi III secolo (Hayes).
La scarsa documentazione di cui si e in possesso 00­ In general. gli esemplari piu antichi, in A', non molto
pedisce una tipolngia organiea (tav. XXIII, Io-U). frequenti, devono risalire alia prima meta del II secolo.
Produzione. La maggior parte della produzione, in All', si concentra
Forma prodotta in sigillata africana A (presumibilmente nella seconda meta del II secolo, Ie forme in A' sono rela­
A'). Esemplari simili di maggiori dimensioni sono arte­ tive alia prima metA del III secolo.
stati in ceramica comune a Tipasa, in contesti dalla fine DiffusilJ1le.
del I secolo alia eta antonina (cfr. LANGEL 1970, p. 232, Fonna documentata nel baeino occidentale del Mediter­
fig. 78). Per confumti in ceramica punica, si veda CINTAS Wloo. Un e,emplare inedito e conservato nel Musco Ar­
1950, tav. XXXIII, n. 372; in vetro ISINGS 1957, p. u8, c,'teologico di Orano (da POIlUS Magnus, « Nicropole de
forma 99. Altre forme a beccuccio sono attestate in sigil­ I'm »).
lata africana AL, Al", A' (cfr. tav. XXIII, 4-5; XXIII, 6-9;
XXIII, 12-15). Bibliografia.
A"igeria. DE CARDILLAC 1890, p, 263_. fig. 8. LANCEL 1970, p. 230,
Cronologia. Qg. ,.6, n. 7.
Itt1Iia. BAUR 1922, p. 24&. fig. 108, n. 550. eVA Robinson Call. 3,
II secolo? (Hayes). IniziJ 0 prima meta II secolo? t~v. 31,.
n. 7. 1..AMBoGLIA 1950, p. 35, fig. 9, n. 22. LAMBOGLIA 1958,
(LANCEL 1970> p. 283. BERN....f.O BREA ~ e'IYALIER 1965, tav. CCXXV, figg. I b, 3 h.

JI

CERAMlCA AFRlCANA
Libia. GmSLUl"lONl, in NA, I, 1915, p. 29, fig. 12, n. 7. Cronolcgia.
Spagna. CUADRADO-DIAZ, in NAH, I, 1952, p. ISO, fig. 59, n. 9.
BRU VIDAL, in APL, XI, 1966, p. 223, tav. II, n. 9· Fine II - inizi III secolo?
Tunisia. DElATIRE, :en RA, XII, 1888, p. 158. Cat, Alaoui, 1397.
tav. XLII, D. ZIt. eVA Copenhague 7, lav. 3I1, n. II. CARANDINl DiJfusione.
1969, rav. ClV, F..AYES 1972, tav. II c.
Musei e CoUe~ior.i. BAUR 1922, p. 248. fig. 108, on. 549-j51.
La provenienza dell'unico esempl:rre pubblicato eignota.
HOLWERDA 1936, p. 49, fig. 16, n. 685. eVA Genova-Pegli I, IV Bf, Bihliografia.
rav. I, n. 6. BONIl>.'"U 1971-72, pp. 334-335, figg. 31-32; rav. VI,
nn. 3-4. Musei' e Collezioni. LA BAUME-SALOMONSON 1976, pp. 124-125,
n. 54, tav. 52, n. 2.

FORMA SALO.l.lONSON A 18. FORMA CARANDINI 1969, FIG. 1.


Descrizione. Descrizione.
Vaso biansato a furma di botticella. L'orlo e soleato da Pisside che imita la forma di una melagraua. II corpo
due scanalatur~; molte altre decorauo il corpo della bt­ del vaso presenta quattro depressioti disposte simmettiea­
ticella. Altezza: em 15,5. Lungbezza: em 20,8. mente, collegate tea 1010 da quattro leggere soleature oriz­
Tipologia. zontaIi. L'orlo mostra un leggero ingrossamento, visibile
Si cooosce Im solo tipo (tav. XXIII, 16). all'interno del vaso. II copercbio ha una presa a corona,
formata da sette elementi disposti intomo ad una protube­
Produzione. ranza centrale. II fondo presenta un ombeIico e un leggero
Forma prodotta in sigillata africana A. Si tratta pro­ rigonfiarnento avvertibile all'interno. Altezza: em 12,4.
babilmente di un prodotto caratteristico della Tunisia cen­ Diametri: massimo em. 12,4; minimo) in corrispondenza
trale, non destinato all'esportazioue. Sono attestate forme delle depressioni, 10,2.
simili in ceramiea comune (?) provenienti da Pompei (eft.
BERN 1910, ta\'. XII, no. 399-400). ar. ]a forma seguente. Tipologia.
Si conosoe un solo tipo (tav. XXIII, 17).
Cronologia.
Metil del II secolo? (Salomonson).
ProiJuzione.
Forma prodotta in sigillata africana A'/'; un esemplare
DiJfusione. proveniente da1Ia Tunisia e pubblicato come relativo
II noto un solo esemplare, rinvenuto nella necropoli alla sigi1Iata africana C, ma non e da escludere che possa
di Raqqada. attribnirsi alIa A (eft. Kunst und Altertwn, 1973, tav. 72,
Bibliografla. n. ISS; Atlante, p. 77). Per il glEto delle depressioni,
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 96, tav. III, AIS. efr. in sigillata africana A' i tipi Bayes 134> 135, n. 5 ,
e Ia forma Bayes 142; in oeramica a pareti sottili MA­
RABINI MOEVS 1973, forma LXIX = Ostia III, fig. 223; I;
FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, TAV. 52, N. 2. in vetto ISINGS 1957, p. 46,s., forme 32-33, 35. '1
;
"
Cror.olagia.
Descrizione.
Seconda meta I! secolo circa (Carandini).
Botticella.
Dijfusiane.
Tipologia. '~
Forma molto rara, documentata in Tunisia e in Tri­ '~
Si conosoe un solo tipo (tav. CXXXIII,5). politania. '~
Produzione. Bihhografia· i~
Forma prodotta in sigillata africana A. Cfr. ]a forma
precedente e L!l BAUME 1964, p. 158, figg. 139 (bromo),
Tunisia. CARANDINI 1969, p. 285, fig. Ii tav. e1I1, on. 1-3.
,,~
e'
'~
140 (vetro). S. T.
1
,
I
B) PRODUZIONE AID
(Tavole XXIV-XXV).
~
-'1
'~
':J
.~~
:1.
Un tempo questa produzione veniva confusa con quelJa mostly rather thick, contrasring markedly with the thick '{l

della A. t stata identifieata suI materiale ostiense (Ostia I, lustrous slip; fine tooling-marks attest careful smoothing. .~
p. 31 ss.) e parallelamente da Hayes che ne da ]a se­ There is a slightly tendency for :he slip to flake off» ~'
guente descrizione: a series of vessels of early thiro­ (HATIlS 1972, p. 289); (per una anaIisi microscopica ,~
~'
century date, mostly large dishes, have a thicker brighter della pasta e della vernice, efr. Ostia I, p. 38). Abbiamo
slip. The body-clay of these is on the coarse side and definito questa produzione tipica del II! secolo AjD - non
!
l

1
52 I
I
I
~;'~'- ..

TERRA SIGILLATA: VASI

B, per non creare confusioni con la «sigillata chiara B » elargamente .ttestata in Tunisia ed in Italia; alcune forme
di Lamboglia, che e narbonese - per J suo cuattere di nggiungonC> la Iugoslavia, la Grecia e la Siria (come gia
produzione transizionaIe, dalle caratteristiche contra­ avevamo notato per la A del III secolo). Una caratteristica
stanti, che ricordano per certi asperti diversi tipi di fab­ di questa si~ta e Ia pre.enza del basso piede serru­
bricazione. atrofizzato 0 atrofizzato (indice dell'uso di matrici? Cfr.
Alcune caratteristiche la avvicinano alia A, aItre alla C HAYES 1972, pp. 292 ss.) e dell'alto piede a sezione trian­
ed aItre ancora alla D. Della A imita Ie forme tarde piu golare. Essa fta ad indicare una rottura con la traclizione
diffuse (efr. tavv. XVI,4-6; XVI, 7-9; XVI,IO-I4; del piede ad anello, tipico "eUa A ed una connessione
XVI, 15; XVI, 10 e XVII, I; XVII,2-4; XVII, 5-10) cnn i1 filone produttivo della C. Si deve inoltre osservare
(Hayes 18, n. I/Sai. A2J; Hayes I7B, un. 8-<); Ostia f, fig. cnme la venriee bri1lante - da non confondere con quella
16) e anticipa (0 imita?) forme tipiche della C' e C' (Hayes della A - sewbra essere I'amecedente della vemice bri1­
27, n. II, 27f3I/Haye, 31 nn. 1,4; Hayes 33, un. 2-5; !ante della D". L'area eli produzione eli questa ceramica
Hayes 32) e D' (Ostia f, fig. 31, 30). Non rnancano agganci resta ancora da definite nel'ambito della Tunisia (po­
conla ceramica a patina cenerognola (O,tia f, fig. 27) e con­ trebbe anche :rattarsi di una prima produzione per l'espor­
nessioni con Ie oflicine di Raqqada. Le scodelle ed i piatti tazione della Bizacena). Dal III secolo (e soprattutto
(orrnai una forma abitoaIe) raggiungono grandi misure da1 IV) Ie ofIicine della si~ta africana cominciarono a
(fino ai 36 centimetri), Sembrano meritsi alla AID aI­ proliferare. Alcune si collegberanno piu 0 meno organica­
coni tip} di zuppiera, rinvenuti recentemente a Ca:1:agine, mente alle pi.ncipali fabbriacioni eostiere che producono
caratterizzati all'interno da una vemice spessa e brillame, per la provincia e per i1 commercio interprovinciale. Altre,
all'estemo da una patina cenerognola. Pasta non molto petcorrendo 'lie di penetrazione ancora da definite, se­
raflinata, vemice molto spessa e brillante e forme fun­ gniranno destini particolari limitandosi a servire i mercati
zionali (sulla traceia delle forme tarde della A) costitni­ 1<X:ali dell'interno.
scono il segreto del successo di questa produz:one. Essa A.C.

FORMA HAYES 18, N. 1. Tipologia.


SALOMONSON A20 (HAyES 18, N. 3). Si conosce un solo tipo.
Produzirme.
DescrizWne.
Forma prodotta in sigillam africana AfD e, simihnente,
Cfr. Ie forme Lamb. 3 c1/Hayes 16, n. I e Lamb. 3 c' in N (efr. tBv. XVII, 5-10; particolarmente XVII,7) e
in N. II piede puo essere ad anello normale 0 ad anello in C' e C' ,:ta". XXX, 1-2).
parzialmente atrofizzato. Diametri: cm 19-27.
CrDnologia.
Tipologia. Attestaziooi nella prima meta del III secolo (Ostia 1).
Hayes 18, n. 1. - Cfr. la forma Lamb. 3 c'/Hayes 16, Fine II - inizi III secolo (Hayes).
n. I in A' (tav. XXIV, 1-2).
Sal. A20. - Cfr. la forma Lamb. 3 c' e il tipo Ostia f, Diffusirme.
fig. 57 in A' (tav. XXIV,,). Forma tara, attestata finor'- in Tripolitania e in ltalia.
Produzirme. Bibliografia.
Italia. Ostic; i, fig. 59.
Forma prodotta in sigillata africana AID. Libia. HAYES 1,72, p. 43, forIm. I7B, nn. 8-g (questi esernplari
seno inediti).
Crrmologia.
Inizi III secolo ? (Hayes). Attestazioci in contesti della
prima metil del~III secolo (Ostia 1). FORMA (,OSTIA h, FIG. :6.
Diffusirme.
Descrizione.
Forma scarsamente attestata ne! Mediterranoo oc­
cidentale. Cfr. il tipo Lamb. 9 a' ill A"', N. II piede e parzial­
mente atrofizlato. Diametro: em 23.
Bibliografia·
1talia. Ostia 1J figg.12, 628. Tipologia.
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 106, fig. 21. }UO = Rwq~ada 1973,
tav. IV, fig. 22, Azo. HAYES 1972, p. 40, fig. 6, forma IS.~. r. Si conosce un solo tipo (nv. XXIV, 4).
Produzione.
FORMA HAYES I7B, MM. 8-9. Forma prodotta in sigillata africana AID.
Crrmologia.
Descrizivne. Attestazio:li in contesti deb prima meta del III secolo
Cfr. i1 tipo Lamb. 8, 8 hi, in N. Diametri: em 9,6-10,8. (Ostia f).

53

CERAMlCA AFRICANA

Diffusione. Bibliografia.
GrecUJ. HAYES 1972, p. 54, fig. 9, forma 31, 00. 1,4.
Forma attestata solamente ad Ostia. ltalia. LAMBOGLIA 1941, p. 16 = LAMBoGUA 1958, p. 274. Ostia I,
figg. 89, 700.
Bibliografia· IugosIavia. CREMohmc 1962, tav. VI, n. 8 (?).
ltalia. Ostia 1, figg. 16, 6J2. Libia. HAYES 1972, p. SQ, fig. g, forma 27, n. II. RILEY, in Sornty
or Libyan Studies Annual Report, 6, [974-75, p. 27, fig. 4, n. 2.

FORMA «OSTIA h, FIG. 27 (IN A/D).


FORMA «OSTIA II~, FIG. 608.
Descrizitme. Descrizione.
eft. ]a forma Ostia f, fig. 27 in A'. Diametro: em 20.
n wlo frammento conosciuto non consente I'indi­
Tipologia. viduazione di una fonna precisa. Va forse rifetito ad una
Si conosce un solo tipo. coppa sinrile alia forma Ostia f, figg. 61-77 in Ali' decorata
a rilievi applicati e al tipo Ostia IV, fig. 192 in 0, C'.
Produzione. Presenta suII'odo una decorazione a stampo, compresa
Forma prodotta in sigillata africana A[D, nota anche entro scanalature. Diametro: em 14,3.
in A' e in ceramica africana a patina ceoerognola (Ostia f, Tipologia.
fig. 273).
Si conosce un solo tipo (lav. XXIV, 7).
CrOtWlogia.
Produzione.
Attestazione nella prima meta del III secolo (Osria f).
Forma prodotta in sigillata africana A[D.
Diffusior.e.
Decorazione.
Forma documentala solamente ad Ostia.
Motivo a stampo n. 193.
Bibliografia·
ltalia. Ostia I, p. 48. CrOtWlogia.
Attestazione in un contesto posteriore aII'eta severiana
(Ostia Il).
FORMA HAYES 27, N. II, 27/31. DijfusiOfW.
HAYES 31, NN. 1,4.
Forma documentata solamente ad Ostia.
Descrizione. Bibliografia.
[talia. Ostia II, fig. 60S.
Scodella pill 0 meno carenata con odo indistinto daIla
parete e piede ad anello atrofizzato. A volte compaiono
scanalature sui fondo. Diametri: em 28-35,8.
FORMA HAYES 33, NN. 2-5·
Tipologia.
Hayes 27, n. II, 27/31. - ar. il tipo Ostia f, fig. 86 Descrizione.
in N. L'esemplare da Sabratha, Hayes 27, n. II, Piatto con odo a tesa piana, orizzontale 0 rivolto verso
presenta una scanalatura all'intemo sotto l'odo (tav. il basso, raramente scanalato e con piede atrofizzato. Al­
XXIV,s)· I'interno, in corrispondenza della congiunzione Ira parete
Hayes 3t, on. 1,4. - Cfr. il tipo Hayes 31, on. 2,6 e fondo, e spesso visibile una scanalatura. Raramente
in A' (tav. XXIV, 6). la scanalatura e esterna, oltre che interna. Diametri:
em 22-36.
ProduziQ11£.
Fonna prodotta in sigillata africana A[D. Oltre alia Tipologia.
forma in N, e sinrile al tipo Lamb. 40 his in 0, C'. Si conosce un solo tipo (tav. XXIV, 8-9).
Cronologia. Produzi'ne.
Hayes 27, n. ll, 27/31: eta sevetiana 0 poco prinra Fonna prodotta in sigillata africana A[D. E sinrile al
(Hayes). Attestazioni nella prima meta del III secolo tipo Lamb. 41 in 0, O.
(Ostia 1).
Hayes 31, on. I, 4: prima meta del III secolo (Hayes, CrOtWlogia.
Ostia f). Attestazioni in contesti della prinra meta del III secolo
circa (Pallares, Ostia f, Hayes).
Diffusione.
Forma documentata nel Mediterraneo occidentale ed Diffusione.
orientale. Fonna documentata nel Mediterraneo occidentale.

J4

TERRA SIGILLATA: VASI

Bibliograjia. Diffusione.
Italia. PALLAREs, in RSL, XXV, 1959, p. Z33. Ostia I, figg. 100,
714. HAYES 19'72, p. 54, fig. 9, forma 33, n. 5. Sibari 1970, p. ~o4J Forma raramente documentata nel Mediterraneo oc­
fig. 562, n. 6121; p. SU, fig. 558, o. 4265. cidentale.
Jugoslavia. Ostia If fig. 707.
1.£6£a. HAYES 1972, p. 54, fig. 9, forma 33, n. 2. Bibliograjia.
Spagna. PALI.ARES, in RSL, XX'"V, 1959, :p. 234. Tunisia. WAAGt 1948, tav. VIII, n. 826 k. HAYES 1972, p. 50,
fig. 8. forma 28, n. I.

FORMA HAYES 30.


FORMA HAYES 29, N. 1.

Descriziane.
SALOMONSON A2S a (HAYES 29, N. 3).
Scodella con orlo liscio 0 scanalatc·, e piede ad anello.
In corrispondenza del piede e visibile all'interno un leg­
Descrizione.
gero gradino. Talora 1<1 parete presenta una scanalatura Scodel1a con orlo rivolto alI'esterno e fondo munito di
all'lntemo, al di sotto del1'orlo. Diarnetro: em 28,5. piede ad anello phi 0 meno atrofizzato. All'estemo della
parete compare una Ieggera protuberanza, cui corrispon­
Tipologia. dono una 0 phi scanalamre, che costitoisce ora una pro­
Si conosce un solo tipo (tav. XXIV, 10). filatura con valore decorativo, ora un secondo piede ad
anello. Diametti: em 21-27.
Produziane.
Tipologia.
Forma prodotta in sigillata africana AfD. Non e molto
diversa dalla forma Hayes 29 nella medesima produ­ Hayes 29, n. 1. - Orlo a tesa piana segnato da una
zione. scanalatura verso l'interno (efr. la forma Hayes 28).
AIl'esterno e visibile una leggera protuberanza (cfr. i1
Cronologia. tipo Lmnb. 5 e 1<1 variante Sal. A25 b in AI, Ail') (tav.
Prima met\ del III secolo (Hayes). Nelle terme ro­ XXIV,IZ).
mane di Corfu questa forma e associata alla variante Sal. A25 a. - Orlo arrotondato. Doppio piede ad anello
Hayes 27, n. 9 in A' e al tipo Hayes 31, un. I, 4 atrofizzate (tav. XXIV, 13).
in A[D. Produzione.
Diffusione. Forma prodotta in sigillata africana A[D. Costitoisce
servizio O)n la forma Hayes 28 (eft. anche Hayes 30).
Forma raramente documentata nel Mediterraneo occi­ La struttuta della scodella richiaroa 1a forma Sal. A24
dentale ed orientale. Un esemplare hedito e presente ad
in A'.
Aquileia.
Cronologia.
Bibliograjia.
1.i1>;a. HAYES 1972, p. $10, fig. 8, fanna ~:): n. I. lnizi III secolo ? (Hayes).
8iria. WAAGE I94B, tav. VIII, 1:. 824 (~),
Diffusione.
Forma documentata nel Mediterraneo occidentale ed
FORMA HAYES 28.
orientale.
Bihliograjia.
Descrizione. Tunisia. SALO~ONSON 1968, p. loS, fig. 23, A2S a = Raqqada
1973, tav. VI, fig. 28, A2S a. HAYES 1972, p. SO, fig. 8, forma 29, n. I.
Coppa con orlo a tesa piana segnaro da una scanala­ Siria. WAAGE [948, fay. VIII, n. 826a(?).
tura verso l'interno e fondo con piede a sezione triangolare
piuttosto alto, cui couisponde all'intemo un leggero gra­
dino. Diarnetri: em 16,5-20 dlca. FORMA SALOMONSON A23 b.
Tipologia. Descrizione.
Si conosce un 5010 tipo (tav. XXIV, II). Coppa con orlo a tesa piana munito di un leggero gra­
Produzione. dino verse I'esterno e fondo con piede a sezione triangolare.
Diametro: em 16,5.
Forma prodotta in sigillata africana AlD. Costitoisce
servizio con iI tipo Hayes 29, n. I (dr. anche Hayes 30) Tipologia.
in AID. La struttura generale e in particolare i1 tipo di Si cone-sce un solo tipo (tav. XXV, I).
piede richiamano la forma Sal. A23 b nella medesima
produzione. Produzione.
Forma prodotta in sigillata africana AID. La forma e
Cronologia. in particolare il tipo di piede richiamano 1<1 forma Hayes
Inizi III secolo? (Hayes;. 28 nella stessa produzione.

Jf

CERAAUCA AFRICANA

Cronalagia. DiffusiOn<.
Indeterminata. Presumibilmente la forma pul> essere Forma nota nella necropoli ill Raqqada in Tunisia.
datata nella prima meta del III secolo.
Bibliografia.
Diffu,ione. Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 101, fig. 16, As = RQIlqada 1973,
tw. XLVII, tomba 0-, As.
Forma nota nella necropoli ill Raqqada in Tunisia.
Bibliografia. FORMA HAYES 32.

Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 107, fig, 22, &3 b = Raqqada


11;73, tav. V, fig. 26, A23 b. ' «OsTIA I .), FIG. 29.

.OSTIA h, FIG. 31.

FORMA SALOMONSON A23 a. De;crizione.


Scodella con orlo a tesa piana. All'interno sono visibili
De,criziar.e. una scanal.tura in corrispondenza della congiunzione tra
Coppa con largo orlo leggerrnente ripiegato, 'egoato par<te e fondo, talora sottolineata da un leggero gradino,
da una scanalatura, e fondo con piede ad anello atrofizzato e talvolta una 0 piu scanalature verso it centro. Diametri:
cci cormponde all'interno una scanalatnra. Diarnetro: em 23-31,6 circa.
CIIl. 20,1.
Tipologia.
Tipalogia. Hayes 32. - Fondo leggermente concavo con piede ad
Si conosce un solo tipo (tav. XXV, 2). a::lello atrofizzato. Spesso esternamente sui fondo i: visibile
una scanalatura (tav. XXV, 4).
Produzione. Ostia f, fig. 29. - Fondo piano (tav. XXV, 5).
Forma prodotta in sigillata africana A/D. L'andamento O,tia f, fig. 31. - Nella parte esterna iI fondo si con­
generale della forma potrebbe ricordare Ie forme Sal. nette alla parete in modo da formare una rienttanza. Cfr.
A23 b e Hayes 28, pure in AjD. il tipo Hayes 32/58 in D' (tav. XXV, 6).

Cronologiu. p,.,duziane.
Indeterminata. Presumibilmente Ia forma puc essere Forma prodotta in sigillata africana A/D. Prelude par­
datata nelia prima meta del III secolo. ti~)larmenteper iI tipo Ostia f, fig. 31 ad una delle forme
p:u. comuni della D' (tav. XXXII, 1-9). Ricorda mche la
Diffusione. forma Hayes 58A in CjE.
Forma nota nella necropoli ill Raqqada in Tunisia. Cnwlogia.
Bibliografia.. Hayes 32: prima meta del III secolo e oltre (Hayes);
Twti~ia. SALOMONSON 1968, p. 107, fig. 22, A23 a '= Raqqada attestazione nella prima meta del III secolo (Ostia f).
1973, t"v. V, fig. 25; tav. XII, A23 a.
Ostia f, fig. 29: attestazioni nella prima meta del III
secdo (Ostia I).
Ostia f, fig. 30: attestazioni nella prima meta del III
FORMA SALOMONSON AS. secolo (Ostia f).
DescriziolW. Diffi<sione.
Scodella carenata con orlo a tesa piana leggermente Forma diffusa nel Meillterraneo occidentale ed orientale.
ricurvo e fondo munito ill piede ad anello atrofizzato. Tre esemplari sono stati rinvenuti forse a Cirencester, in
Dhmetro: em 24•. lr.ghiltetra, (BIRD 1977> p. 274).

Tipolagia. Bibliog-rafia..
G"tcia. HAYES 1972, p. 54. fig. 9, forma 32, n. 4.
Si conmce un solo tipo \tav. XXV, 3). !t;;:l!-a, Ostia I, figg, 29, 650; 31, 65l. HAYES 1972, p. 54, fig. 9,
forma 32, n. 3.
Libia. HAYES 1972, p. 54, fig. 9, forma 32, n. I. RILEY, in Societ),
Produzimu. for Libyan Studies Annual Report, 6, 1974-75, p. 27, fig. 4, n. 1.
L'attribuzio::le ill questa forma alla sigillata africana
A{D non e afatto certa. Si i: ritenuto comunque :Ii in­
serirl. in questa produzione per I. affinita che presenta FORMA (' OSTIA 1», FIG. 30.
con la forma segnente e per iI piede atrofizzato tipico
della A/D. De~crizione.
Soodella con largo orlo scanalato. Diametto: cm 36,6.
Cranalogia.
Anestazioni in un contesto della fine del II - ini,i del Tipe1agia.
III secolo (Salomonson). Si conosce un solo tipo (t.v. XXV, 7).

56
r'

I TERRA SIGILLATA: VASI

Produzione. FORMA (I ATLANTE )}, TAY. XXV, 10.


Forma prmbtta in sigillata africana A/D. Appare
non dissimile da una forma in D' :tavv. XXXII, 10-13; DtJcn'zione.
XXXIII). Zuppiera carenata con orlo bifido per appoggiarvi un
Cronologia. eo?erehio, parete spessa, decorata sulla superficie esterna
al di sotto dell'orlo di un cordone ad impressioni digitali.
Attestazioni in comesti della prirr:. meta del III secolo
Diametro: cm 34,8 circa.
(Oslia l).
Tipologia.
Diffusione.
5i conosoe un solo tipo (tav. XXV, 10).
Sono conosciui a!cuni frammenti ad Ostia e a Roselle.
Produzione.
Bihliografia·
Italia. Ostia I, ftg. 30, Forma podotta in sigiIlata africana A/D. La vermee,
spessa e di colore arancione scuro, e<!istesa solo aIl'interno
e ,uIl'orio. La superficie esterna sem"Jra presentare, in
FORMA «OSTIA I )}, FIG. 32. alcuni punti, i resti di una patina cenerognola, partico­
!armente visibile sotto l'orlo, e di un ingobbio (?) ros­
Descrizione. siocio. II vaso edel tutto simile aIla foroa Hayes II in N.
Coppa con orlo a tesa piana leggerm~te rilevato verso Cronologia.
il margine esteroo. Diametro: em 30,2. .ol..ttestazioni in contesti della fine del II secolo (Missione
Tipologia. Italiana a Cartagine, dati inediti). -
Si conosce un solo tipo (tav. X.X""\',8). Diffusione.
Forma documentata a Cartagine.
Produzione.
Forma prodotta in sigillata africana A/D. Richiama Ie BiOliagrajia.
forme Sal. 1\23 l: e Hayes 28 e Ostia f, fig. 34 nella me­ TU!lisia. Aflame, tav. XXV, 10.

desima produzione.
Cronelogia. FORMA (IATLANTE)}, TAY. XXV, II.
Attestazione nella prima meta del III secolo (Oslia f).
Descrizione.
Diffusione. Zuppiera con orlo munito di un m:avo adatto a rice­
Sono noti alcuni frammenti ad Ost:a e in Tunisia. vere un ccperchio, al quale corrispondeun-cordone ad
impressioni digitali sulla superficie esterna della parete.
Bibliografia·
ltalia. Ostia 1, figg. 32, 799. Diametro: em 32 circa.
Tipolagia.
Si conosee un solo tipo (tav. XXV, II).
FORMA « OSTIA I )}, FIG. 34.
Prodt,zialle.
Descrizione. Forma prodotta in sigillata africam' A/D. La vernice,
Coppa cor. orb a tesa piana. La vemice ricopre sol.­ spessa e di colore arancione scuro, quasi rosso, e distesa
mente la parce esterna del vaso. Diametro: em 20,5. sull. superficie interna del vaso.L'esterno presenta una
patina cenerognola nerastra.
Tipologia.
Grano!ogia.
Si conosce un solo tipo (XXV, 9).
Atrestazioni in contesti della fine del II secolo (Mis­
Produzione. sione Italiana a Cartagine, dati inediti).
Forma prodetta in sigillata africana A/D. Ricorda Ie
D~lusione.
forme Ouia I, fig. 32, Sal. A23 b e Hayes 28 nella stessa
produzioIie. Forma atrestata a Cartagine.

Cronelogia. Biblicgrajiiz.
Tunisia. At/ante, rav. XXV, II.
Attestazioni nella prim. meta del III secolo (Oslia I
e Ostia IV).
FORMA «OSTIA I », FIG. 28.
Diffusione.
Sono noti frammenti rinvenuti ad Ostia e in Tunisia. Descrizione4
Bibliograjia. Coperchb con orlo rivolto verso l'alto. La vern.ice e
[talia. Ostia I, figg. 34, 737. dist~sa solamente sulla parte esterna. Diametro: em 29,6.

57

CERAMICA AFRICANA

TifJl!logia. Diffu.ione.
Si conosce un solo tipo (tav. XXV, 12). Sono noti alcuni frammenti riovenuti ad Ostia.
Produzione.
Bibliografia·
Forma prodotta in sigillata africana A/D.
Cr6noiogia.
ItaIia. Ostia [, figg. 28, 649.
j
~
Attestazion! nella prima metil del III sceolo (Oslia I). S. T.
~
i
I

C) PRODUZIONE C
ii!
;1
J
Con I'eta severiana la regione della Bizacena assume
un rilievo economico e culturale tutto particolare nel
A.D. 200 or shortly after (...). They are characterized
by a thinner purer fabric and a thinner smoother slip (...).
I11
quadro della provincia Proconsolare. A partire da questo La C' ha ,< a very pure splintery clay with a thin smooth
momento sono anestate Ie prime esportazlon! dell'anfora
bizacena dena «africana grande ~ (Oslia III, pp. 580 ss.;
gloss)' slip., e '< tend to be thin-walled (around 3-4 mm.) ";
a volte • the slip (...) has a finely mottled or marbled
'\
685 Ss.): un indice di un rinnovato impulso nella pro­ appearance ». La C' i: descritta nel modo segoente: «the

duzione di derrate a1imentari liquide della Tunisia centro­ typical fine (...) ware evolves by the middle of the third

orientale. Intomo al 200 entrano in attivitil Ie ollicine century. This is a fine pure ware, of the texture of terra

della C' decorata (eft. pp. 147 ss.), una generazione dopo sigt1iata, with smooth surfaces and a thin slip, usually

quelle di lucerne in cerarnica comune di Bararus e Aquae matt in appearance. The clay tends to be laminated and

Regiae e intomo alia meta del secolo quelle di lucerne to splinter, but is otherwise clean-breaking; it is often

in sigillata (eft. pp. 184 ss.). Si damno inoltre .ll'eta di pinkish rather than orange-red in colour. Ouly occasional

Settimio Severo Ie prime distribuzion! regolari ill olio specks of lime and mica are visible; whether this is due

«africano • in Italia (rna i: probabile che esse fossero state to the use of a fine-grained alluvial clay or to careful

prograrnmate gill da Commodo, interessato com'era al­ ko'igation is not clear. The potting is thin (normal wall­

I'Alessmdria d'occidente). Questo spostamento verso me­ thiclrness about 2-5 mm.), even in the case of very large

ridione delle forze produttive della Proconsolare, questa examples. Surfaces are smooth, with fine tool-marks

pili accentuata divisione del lavoro, con Ie consegoenti visible in places, particu1arly on the outside around the

specializzazion! regionali delle culture e manifatture, i: frot; the insides appear to be finished off with a fine

ancora in parte da studiare. E possibile che da una parte brush. Fine orizontal scratches appear on the outsides

la drasrica diminuzione del peso politico di Cartagine, of some examples. The slip is generally very thin, with

forse :nche di Utica, dovuta allo smantellamento voluto da a slight lustre, and tends to merge with the body-clay;

Settimio Severo della perlita Carthaginensium, dall'a!tra 10 it is sometimes impossible to disriogoish it from mere

spostamento della regio da Hadrumetum a Leptis Minor wet-smoothing of the surface. Some early examples

(CARANDINI, in DArch, VII, 1973, p. 319) siano un rillesso are given a complete slip-coariog, but on most the slip

di questa nuova situazione, Ie cui consegoenze non tar­ extends over the inside and the upper part of the outside

der= • farsi sentire, ben oltre i 1imiti della provincia, ocly, with an irregular lower edge. On some mid third­

fin nel Mediterraneo orientale. In questo quadro com­ century vessels (...) a little slip is brushed over the under­

plesso, rna ancora non chiaro, si inserisce la produzione side. This fabric is current from about 240 to 320/330»

della sigil1ata C, con la quale la tecuica dei cemmisti (HAYES 1972, pp. 289-290).

africani raggiunge Ie sue rnassime acquismon!, tanto da La differenza cronologica di oltre una generazione fra Ie

eguagliare in !inezza i famosi prodotti sud-gallici, di oltre due produzioni - C' e C' - non i: un fatto certo; i: possibile

un &ecolo pili antichl. Nell'ambito della tradizione artigia­ che essa sia dovuta a diverse tecuiche di produzione e, se

nole dell. Proconsolare vi i: dunque soluzione di conriouita. i: esistita una differenza cronologica, i: probabile che si

La sigil1ata africana C, cos1 denominata da Lamboglia che dehba limitare a meno di una generazione (Ostia Ill,

per prOmo la identificiJ a Ventimiglia (LAMBOGUA 1950, p. 332). E invece probabile che la C' sia durata oltre la C',

p. 29 .,.), cortisponde alla classe ceramica individuata da ciol: nell'ultima parte del III e nei ptimi decenn! del IV

Waage nel bacino orientale del Mediterraneo, e defiuita secolo.

rw
Lou Roman A MGF. 1933, p. 294 ss.). Per un'analisi microscopica della pasta e della vernice

Hayes alferma che tutta la sigillata C i: stata prodotta delle due produzioni, eft. Ostial, p. 39.

facendo ricorso ad una nuova tecuica: quella della matrice Le officine della C' e della C' hanno prodotto qnamo

(HAYES 1972, pp. 293-295). forme di piatti (Ostia I, fig. 102/0st;a I, fig. 103/0stia I,

Cominciamo con la descri2ione della C' e della C'. Per figg. 104, 106; Lamb. 41fHayes 48B, un. 6-9,10 (?);

la definizione della C' ricorriarno come sernpre ad Hayes: Hayes 47; Hayes 49, un. 1-6/0stia I, fig. 99/Hayes 49,

• the first examples of the finer ware (...) appear about un. 7-8). Alcune forme di questo genere erano state os­

[8
TERRA SIGILLATA: VASI

servate nelle produzioni gia descritte (A', A/D), e si io­ range from a medium red or pinkish tone to a deep
contreranno io altre ancora da trattare (produzione A red-brown or purplish-red, indicating a harder firiog of
decorata a rilievi applicati, C' decorata a rilievi applicati), many examples. Surfaces are mosdy smooth, often with
roa e io questa produzione che iI piatto viene forse addi­ promioent turning-marks at the base of the wall and
rittura ioventato e comunque assunto come una forma fine brush-marks on the ioside (...). However, many of
importante. I piatti superano a volte i 40 em di diametro, the numerous small bowls with flat rims exhibit irregular
pur conservando una grande finezza di esecuzione. Essi ridges and brush-marks on the underside of the rim (...).
sono diffusi, oltre che nel Mediterraneo occidentale e in This fabric is common duriog the fourth century and
Portogallo, io Grecia, in Siria, snlla costa settentrionale the first half of the fifth» (HAYES 1972, pp. 290-291).
del Mar Nero e io Austria. I.e stesse officine hanno pro­ A partire da questo momento la produzione della C si
dotto otto forme di scodelle (Ostu. I, fig. 105; Ostu. I, aflianca a quella della D, della E e delle prodU2ioni 10caJi.
fig. I07/0stia IV, fig. 192; Ostia IV, fig. 347; Hayes Diverse tradizioui artigianaJi finiscono cosl per iotrecciare
42, n. I/Hayes 42, n. 2; LA BAUME-SALOMONSON 1976, Ie loro esperienze. Solo due forme della C' sembrano
tav. 52, n. I; Lamb. 42/Sal. C3/Hayes 45C, un. 15, 16 (?); durare fino alla meta e seconda meta del IV secolo, pro­
Ostia I, fig. II 5; Lamb. 40 bis). dotte quiodi anche io C' (Hayes 62, n. 15; Lamb. 40/
Le loro dimensioni vanno dai 17 ai 45 em di diame­ Hayes 50, n. 55/Hayes soB, nn. 56-59). La prodU2ione
tro. Una serie di espedienti decorativi e di motivi mor­ della C' non ioventa alcuna forma di piatto, lOa Ie si
fologici fa pensare ad imitazioni di vasi metallici (de­ possono attribuire cinque forme di scodelle (Papeles
corazione a stampo, prese sagomate, manico con estremita Valencia 1962, fig. 5, un. 58-59; Hayes 57; Ostia IV,
a forma di testa di leone). Queste scodelle raggiungono, fig. 3; Hayes 53B; Hayes 75), Ie cui dimensioni variano
oltre ai soliti mercati, Cipro, Israele, iI Mar NeIO e Ia tra i 17 e i 30 em di diametro. Ricorre Ia feather-rouletting
Germania. A Dura Europos la C epresente prima del 256, (HAYES 1972, pp. 282-283). Esse raggiungono anche la
mentre arriva io Germania nei primissimi anni del IV Grecia, Ia Siria e Israele. La produzione delle coppe
secolo. Assistiamo iosomma ad una espansione verso set­ riguarda quattro forme, Ie quaJi presentano a volte den­
tentrione e verso oriente che e davvero impressionante. tellature e piccoli rigonfiamenti perJiformi, che richia­
La C, io particolare la C', e dunque la prima merce cera­ mano Ie decorazioui di vasi io metallo (DELGADO 1968,
mica africana che pussa dirsi «universale ». Le prodU2ioni tav. III, n. I; Hayes 71A; Hayes 71B; Hayes 72, nn. 2-3?,
mioori contemporanee raggiungono anch'esse, come si e 4-6). Le loro dimensioni vanno da 9 a 18 em di diametro.
visto, mercati lontani, rna probabilmente al seguiro della C Esse raggiungono, oltre ai soliti mercati, iI Portogallo,
(e questa probabilmente al seguito di derrate a1imentari). Ia Siria e I'Austria.
Si ha di fatto che dal quioto decennio del III secolo la Segue Ia produzione che abbiamo chianIato 0. Hayes
ceramica africana domina iocontrastata nel Mediterraneo la definisce cosl: «some dishes oftate fourth - to fifth ­
orientale per la durara di quasi due secoli. I.e officine di century date exhibit a slighdy poorer, thicker version
cui stiamo trattando hanno prodotto anche tre forme di of the same ware. These are mosdy softer-fired, orange­
coppe (Lamb. 43 e 43 bis; Lamb. 4/46; Lamb. 35 e 35 bis/ red, red or pinkish io colour, with a sIighdy granular
Lamb. 35 ter/Hayes 44, un. 10, I2fHayes 44, n. II e clay containiog some lime. Walls are of medium thickness
52A, n. 3), Ie cui dimensioni variano fra i 9 e i 17 centi­ (around 5-7 mm). The slip is applied more thickly, and
metri di diametro, ma Ia loro diffusione sembra ioferiore has a more or less lustrous appearance; surfaces are
a quella dei piatti e delle scodelle, non superando i Jimiti well smoothed» (HAYES 1972, p. 291). Si possono at­
della Grecia, della Libia e del Portogallo. Bisogna ag­ tribuire a questa prodU2ione Ia scodella Hayes 76,
giungere che alcone prodU2ioni 10caJi imitano Ia produ­ n. 7 e Ie coppe Lamb. 571Hayes 73B e Hayes 74, Ie
zione classica della C', quale quella di Raqqada nella quali sono documentate anche io Portogallo, Israele
prima meta del III secolo (forme Sal. C6 e C9). Rare e Siria.
sono Ie forme chiuse (Sal. I; I bis; III; VIIfHayes 127; L'ultima prodU2ione riferibile alls tradizione artigia­
Sal. v; XX; LA BAUME-SALOMONSON 1976, tav. 53, un. 1-2; nale della C e quella che abbiamo definito C'. Essa riguarda
Sal. VIII; XIV; XIII; Hayes 164; LA BAUME-SALOMONSON un servizio composto di tre scodelle (Lamb. 55AfHayes
1976, tav. 58, n. 4; Atlante, tav. XXXI, 18), che imitano 82B; Hayes 83; Hayes 84), una coppa (Hayes 85A/B),
generaimente forme della C', C' (?) decorata a rilievo forse un coperchlo (DENEAUVE 1974, fig. 9, n. II) e una
applicato; esse non superano i Jimiti del III secolo e non forma chiusa (Atlante lav. XXXI, 19). Questa produzione
vengono generaimente esportate (si conosce peri> un e cosl descrltta da Hayes: «the fabric (...) is on average
esemplare in Grecia). rather finer and thinner than that of the precediog types
Fra i primi anni del IV secolo e la mem del successivo (si riferisce alla D); the clay tends agaio to be spliotery
si data la prodU2ione che abbiamo definito C' (Ostia III, (as on third-century examples), the slip is mosdy thin
p. 333). Hayes la descrive nel modo seguente: «the ware and smooth, and the forms have a metallic sharpness.
(...) is not quite as fine as that of the earlier series, and Slight tooling-marks occur on the walls, ioside and outside.
the potting not quite so thin (mosdy around 3-5 mm.). This fine fabric is most common duriog the mid-late fifth
The clay, though clean-breaking, is faiody granular, and century» (HAYES 1972, p. 292). Decorazlone tipica di
less ioclined to splinter; the slip is generally a lime thicker, questo servizio e la feather-rouletting; altra caratteristica
with a matt appearance, and covers rhe inside and the e il piede pluttosto alto. Le scodelle, che misurano fra
Upper patt of the outside only. The normal colours I 20 ed i 40 em di diametro, sono databili fra iI 420 e

59

CERAMlCA AFRlCANA

il 500 ed oitre, e raggiungono l'Egitto (ove in questo 440-5°0 e oitre) e sono imitate dalla fonna Hayes 2 della
periodo non si nota quel decliuo nelle esportazioni afri­ sigillata cipriota e dane forme WINLOCK-CHUM 1926,
cane attestato per il resto del Mediterraneo orieLlaIe) e H-I,J della sigillata egiziana A. La sigillata africana svole
Israele. La coppa, attribnibile aIla metil- seconda meta ge dunque ancora un molo egemonico nella produzione
del V secolo, ragghmge la Grecia, mentre il coperchio e Ia della ceramica fine da mensa del Mediterraneo orientale:
forma chiusa sono documentati soitanto in Tunisia. Le tre e una meree di grande prestigio.
scodelle presentano la decorazione a stampo (stile Hayes D: A.C.

FORMA «OSTIA 1», FIG. 102. FORMA LAMBOGLIA 41 = HAYES 48A E 48B, N. 5.
« OSTIA h, FIG. 103. HAYES 48B, NN. 6-9,10 (?).
«OSTIA h, FIGG. 104, 106.
Descrizione.
Descrizionf. Piatto con orlo orizzontale 0 pili 0 meno incliuato verso
Piattocon orlo a tesa orizzontale, parete rettilinea ° I'alto, recante nella maggior parte dei casi una scanalatura
rieurva, piede generalmente atrofizzato. sol margine superiore eHemo. Geoeralmente presenta un
piede atrofizzato. Diametri: em 16,8-41,8.
Tipologia.
Ostia I, fig. I02. - Di piccole dimensioni (iliametro: Tipologia.
em 17). Orlo piano. Parete rettilinea, moito bassa e Ieg­ Lamb. 41. - L'orIo, OIfizzontaie 0 Ieggermente inclinato
germente sv<sata (tav. XXVI, I). verso l'alto, ha un andamento ricurvo ed e direttamente
Ostia I, fig. 103. - Di dimensioni medie (diametro: in connessione con il fondo all'interno. La distinzione
em 24). Simile al precedente, ma con parete pili alta e Ira orio e parete e indicata soitanto dal profilo estemo.
piede piuttosto pr<lffiinente, di forma troncoco:rica (tav. II fondo puo presentare alI'interno due solcature (tav.
XXVI, 2). XXVI, 5-6).
Ostia I, ligg. 104,106. -,- Di grandi dimensioni (diametri: Variante Sal. C8. L'odo ha un aodamento a quarto di
em 51-52 circa). Orlo con due.modanature nella parte su­ cerchio ed e direttamente in connessione con il fondo
periore, Ieggermente ricurva. Parete ricurva. Sol fondo, sia all'interno che all'eHerno. II fondo, apode, presen­
all'intemo, e un gradino in corrispondenza del piede ta all'interno due scaollarure. Si tratta probabilmente
(tav. XXVI, 3). di una variante locale (Raqqada), non esportata (tav.
Nell'esemplare Ostia I,. fig. 106, Ia parere ha, a1­ XXVI, 7).
l'intemo, ~ and&"Ilento rettilineo. SuI fondo, all'ester­ Hayes 48B, nn. 6-9, 10 (?). - L'orlo, pili largo che nel
no, sono due so!catnre in prossimita del piede (tav. tipo precedente, e not"''Ilimente incliuato verso ralto ed
XXVI, 4). ha un andarnento rettUneo. La distinzione tra orlo e
parete e evidente sia all'intemo che all'estemo. II fondo
Produzione.
puo presentare all'intemo due solearure (tav. XXVI, 8).
Ostia I, fig. 102: sigillata africana C'. La vernice ha un Variante Hayes 48, n. 13. L'orlo e moito largo. La
aspetto marmorizzato., " . parete ha un andamento verticale. Sol fondo e una soI­
Ostia I, fig. I03: sigillata africaoa C'. Una formaidentica catnra.
a questo tipo e stata raccoita da Salomonson in Tunisia: Variante Ostia IV, fig. 193. L'orlo, simile a quello del
Ia vernice non e pero quella classica della C'. tipo Hayes 48B, nn. 6-9,10 (?), e decorato a rotella. La
Questi due tipi presentano notevoli analogie con Ia distinzione tra orlo e parete e indicata soitanto dal profilo
fcinna Hayes 33, nn. 2-5, in AID e con il tipo Lanb. 41, esterno, come nel tipo Lamb. 41 (tav. XXVI, 9).
in C' e C':'
Ostia I, figg. 104, 106: sigillata africana 0. Costi­ ProduzWne.
tnisee probabilmente servizio con Ie scodelle Ostia I,
Lamb. 41: generalmente sigillata africana 0, ma anche
fig. 105, in C" e Ostia I, fig. I07/0stia IV, fig. 192, in
C'. L'esemplare Hayes 48, n. 4, e in C/E.
o e C'. A questo tipo sembran,) preludere Ie forme Atlame, tav.
Cronologia. XVII, 17, in AIl' e Atla"te, tav. LX.'CII, 2, in A decorata
a rilievi applicati; Hayes 33, nn. 2-5, in AiD e i tipi
Forma attestata in contesti della prinxa metl del III Ostia I, fig. I02/0stia I, fig. 103, in C' e 0.
secolo (Osiia 1). Variante Sal. C8: sigillata africana C'. Presenta notevoli
Diffusione. analogie con Ie forme Hayes 60, nn. 1-2jGuERY 1970,
fig. 69, in D\ e Stern XII, in sigillata della Tunisia cen­
Fonna documentata finora esclusivamente ad Ostia. trale e meridionale.
Bwliografia. Hayes 48B, nn. 6-<), IO (?): sigillata africana C'; una
!talia. Os!ia 1, n.gg. 102; r03, 718 a-b; 716 a-b; 7Jl a-b; 733 a-hi forma aoaloga e prodotta in C' decorata a rilievi applicati
[04, 712 a-b; D6, 7II a-b. (forma Sal. F).

60

TERRA SIGILLATA: VASI

Varianti Hayes 48, n. 13 e Ostia IV, fig. 193: sigillata FORMA HAYES 49, NN. 1-6.
africana 0. «OSTIA 1», FIG. 99.
Cronologia. HAvES 49, NN. 7-8.
Lamb. 41: 220-270 circa (Hayes). Frequenti attestazio­ HAYES 62B, N. 15.
ni in contesti della prima mern del III secolo (Ostia I).
Variante Sal. C8: meta del III - secondo venticinquennio Descrizione.
o meta del IV secolo (?) (Salomonson). Piatto con orlo generaImente inclinato alrinterno. Parete
Hayes 48, un. 6-9,10 (?): 260-320 circa (Hayes). Non piil 0 meno ricurva. II fondo presenta nella maggior patte
i: documentato ad Ostia.
dei casi un piede atrofizzato. Diametri: em 20,1-48 circa.
Vatiante Hayes 48, n. 13: mancano dementi cronologici.

II tipo di produzione fatebbe comunque pensare alia


Tipologia.
prima mern del III secolo.
Hayes 49, nn. 1-6. - Orlo accenttIatamcnte inclinato al­
Vatiante Ostia IV, fig. 193: attestata finora soltanto ad
l'intemo. Patete ricurva. II fondo pub presentare una 0
Ostia, in contesti della prima meta del III secolo (Ostia IV).
due solcature alI'intemo (tav. XXVI, Io-U).
Ostia I, fig. 99. - Parete a qUaIto di cerchio. II fondo
Diffusione. presenta un gradino in Iuogo del piede (mv. XXVI, 12).
Forma diffusa nel bacino del Mediterraneo e sulla VaIiante WAAGE 1948, n. 837. Simile al tipo precedente,
costa atlantica, documentata in Austtia. Un esemplare i: rna con piede atrofizzato.
stato rinvenuto a Londra (BIRD 1977, pp. 274-275). Variante Sal. D. Simile al tipo precedente, rna con
Bibliografia. fondo piano. Si tratta probabilmente di una variante
Austria. PRASCHNIKER-KENNER 1947. p. III, fig. 102, n. 7IIO. locale (Raqqada), non espottata (tav. XXVI,I3).
Grecia. HAYES 1972, p. 64. fig. II, forma 48A, n. I. Hayes 49, nn. 7-8. - Orlo leggermente inclinato al­
Italia. VERMASEREN - VAN EsSEN 1965, p. 377, n. II3 (?); p. 422, l'interno. Patete ricurva, rna di forma piil apetta rispetto
n. 236; p. 451, n. 303 (?); tav. CXXVIII, n. 4 (?). Ostia I, figg. 108,
710 a-b; 109; lID, 715 a-b; III-IIZ; Ill. 717 a-b. Sibari I970~ ai tipi precedenti. II fondo pub presentate due scanalature
p. 504. fig. 562, n. 4072. Luni 1973. tav. 68, n. 14. Ostia IV, fig. 193. all'interno, a! centro, 0 alI'estemo, non Iontano dal piede
Portogallo. DELGADO 1967, p. 123, tav. III, n. 42 (?). In. 1968,
tav. III (dopa p. 66), n. 9. Conimbriga 1975, mv. LXIII (dopa (tav. XXVI,I4).
p. 291), n. 10. Hayes 62B, n. 15. - Parete leggermente rieurva, con
Siria. WAAGE 1948, tav. VIII, un. 807 a (?), k, u. andamento piil aperto rispetto al tipo l'recedente. Un
Spagna. LAMBOGLIA 1963, p, lSI = CABALLERO ZaRED! 1971,
p. ~33, fig. 3 (a sinistra, in basso). RAMos FOLQuEs 1963, p. 248, gradino distingue la patete dal fondo, sia alI'intemo che
fig. 44 (suI fondo, all'esterno, e graffito «MAXIM!.: p. 246, fig. 40). all'estemo. SuI fondo sono scanalature c decorazioni a
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. n6, fig. 29, C8 = Raqqada 1973. stampo (tav. XXVI,I5).
tav. VII, fig. 38. HAYES 1972, p. 64, fig. II, forma 48B, n. 8.
Prodllzione.
FORMA HAYES 47. Hayes 49, un. 1-6: sigillata africana 0 c C'. Presenta
notevoli analogie con la forma Sal. XXVIII, in 0 decorata
a rilievi applicati.
Descrizione.
Ostia I, fig. 99: sigillata africana 0 e C'. Per questo
Piatto con orlo a tesa quasi orizzontale, segnato da una tipo e per Ie sue vatianti, cfr. il tipo Lamb. 9A, in co­
scanalatura suI margine superiore esterno. Sui fondo sono ramica da encina.
tre scanalature. Per il profilo del piede, efr. Ie forme Vatiante WAAGE 1948, n. 837: sigillata africana 0 0 CO.
Lamb. 42/Sal. C3/Hayes 4SC, un. 15,16 (?), in C' e C', Variante Sal. C2: sigillata africana C'.
e Hayes 46, in CjE. Diametro: em 2M. HAYES 49, un. 7-8: sigillata africana C'. Ricorda il tipo
Tipologia. Lamb. 9 a', in sigillata africana N.
Si conosce un solo tipo. HAYES 62B, n. IS: sigillata africana C'. Cfr. il tipo
Hayes 62A, n. 5, in sigillata africana E.
Produzione.
Decorazione.
Probabilmente sigillata africana 0.
Lo Hayes nota che la vemice, di colore piuttosto scuro, Hayes 62B, n. IS: stile Hayes C.
ha un aspetto marmorizzato. Non si hauno ne foto ne Cronologia.
discgni del piatto, che, sulla base della descrizione, sero­
Hayes 49, nn. 1-6: 230/40-300 circa (Hayes). E attestato
bra costituire servizio con i tipi Lamb. 42/Sal. C3, in
soprattutto in contesti della prima meta del III secolo
sigillata africans 0 e C'.
(DuIa EUIOpOS, Ostia 1).
Cronologia. Ostia I, fig. 99: attestato finora soltanto ad Ostia, in
Probabilroente met. - fine del III secolo (?) (Hayes). contesti della prima mera del III secolo (Ostia I).
Variante WAAGE 1948, n. 837: mancano elementi cro­
Diffusione. nologici.
E noto un solo esemplare, da El Aouja. Variante Sa!. C2: il solo esemplare databile appartiene
Bibliografia. ad un contesto del terzo venticinquennio del III secolo
Tunisia, HAYES 1972, p. 65, forma 47. (Salomonson).

61

CERAMICA AFRICANA

Hayes 49, nn. 7-8: per il profilo e per Ia faltura nel Tipalogia.
complesso meno fine rispetto a que11a dei tipi precedenti, Ostia I, fig. 107. - Vorlo e decorato a rotella (tav.
sembra eostituire l'anello di congiunzione tra questi ed XXVII, 2).
il tipo Hayes 62B, n. 15. Lo fuyes propone una datazione Ostia IV, fig. 192. - L'orlo e decoraro a stampo (tav.
di massima tra Ia fine del III e Ia meta del IV secolo. XXVII, N).
Hayes 62B, n. 15: fine del IV secolo (Hayes).
Produzione.
Diffusione. Ostia I, fig. 107: sigi1lata africana 0.
Fonna non molto comune, attestata nel hacino del Ostia IV, fig. 192: sigillata africana 0 (tav. XXVII, 3)
Mediterraneo, suIla costa settentrionale del Mar Nero e e CO (tav. XXVII, 4). La decorazione a stampo suIla
forse suIla costa atlantica. sigi1lata africana 0 e C' e nota attualmeIi.te soltanto dai
Bibliografia· due esemplari eli quesco tipo.
Grecia. WAAGE 1933, tall. IX, n. [19 e?). HAyES 1972, p. 68, Questa fonna costituisce probabilmente servizio con il
fig. u, forma 49, n. 6; p. no, fig. 18. forma 6zB, n. Ij. tipo Ostia I, figg. 104> 10:16, e con la forma Ostia I, fig. 105,
ltalia. Ostia I, figg. 98, 704 a-b; 70S; 99, 706. HAYES 1972, p. 68, in sigi1lata africana C'. E prodona mche in sigi1lata afri­
fig. 12, forma 49, n. 8.
Portogallo. ETIENNE-.A1.ARclo 197), tav. VI (dopa p. 486), n. I (?). cana Ail' decorata a rilievi applicati (forma Ostia I, figg.
Siria. WAAGE 1948, tav. IX.,:c.n. 837-838 f,p. COx I949.P. IS. n. 91. 61-77) e AfD (fonna O!tia II, fig. 6c8).
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. II5. fig. 28, C1. RQfqadll 1973.
tav. XIX, tomba Bn his. Decorazione.
Um"ane Sovietico. NICORESCU, in D~c:ia. Ill-IV, I927-I';}32, p. 586,
fig. 87 (a1 centro e a sinistra in basso).. Ostia IV, fig. 192: motivi nn. 5 (tav. XXVII,J); 6
Musei e Collezioni. HAYES 1972, p. 68, fig. 12, forma 49. n. I. (tav. XXVII, 4).
Granologia.
FORMA «OSTIA 1», FIG. 105. Fonna attestata in oontesti della prima meta del III
secolo (Ostia I e Ostia IV). .
Descrizione. Dijfusione.
Scodella con orlo a tesa, leggermente rivolto verso Fonna documentata attua1mente soltanto ad Ostia.
I'alto. Per it profilo dell'orlo, efr. it piatto Ostia I, figg.
104, 106, in 0, e la scodella Ostia I, fig. 107/0stia IV, Bibliograjia.
fig. 192, in 0 e C'. Parete leggennente ricurva e accen­ l1alia. Ostia I. figg. ]07 a-b, 709 a-b. Ostia IV, figg. 192, 533.
tuatamente svasata. II solo esemplare noto e pri'!o del
fondo. Diametro: em 37 circa. FORMA «OSTIA IV.>, FIG. 347.
Tipologia.
Descrizione.
Si conosce un solo tipo (tav. XXVII, I).
Scodella con orlo a tesa rivolto verso I'alto. La parte
Produzione. supetiore interna dell'Qrlo e leggermente concava. Parete
Sigi1lata africana C'. Costit:cisce probabilmente servizio retti1inea, svasata e leggermente carenata. n solo esem­
con it piatto Ostia I, figg. 104,106, in 0, e con Ja soodella plate noto eprivo del fondo. Diametro: em 3I circa.
Ostia I, fig. I07/0stia IV, fig. 192, in C' e C'. Tipologia.
Gronologia. Si conosce un solo tipo (tav. XXVII,5).
Prima meta del III secolo lOstia I). Produzione.
Diffusione. Sigi1lata africana C'.
E noto finora un solo ese,nplare, da Ostia. Gronologia.
Bibliografia· Prima mem del III secolo (Ostia IV).
[talia. Ostia I, figg. lOS, 7.(,8' Q-b-. Diffusione.
II solo esemplate nom e stato rinvenuto ad Ostia.
FORMA ({OSTIA h, FIG. 107. Bibliograjia.
({ OSTIA IV~, FIG. 192. [talia. Ostia IV. fig, 347.

Descrizione. FORMA HAYES 42, K. I.


Soodella con orlo a tesa onzzontale. Per it profilo del­ HAyES 42, N. 2.
I'orlo, efr. il tipo Ostia I, figg. 104, 106 e la fonna Ostia I,
fig. 105, in sigi1lata africana 0. Corpo emisferico. Gli Deserizione.
esemplati noti sono privi del f'mdo. Diametri: em 23>4­ Scodella con orlo a tesa pin 0 meno accentuatamente
25 circa. rivolto verso I'alto.

D2

~, '

TERRA SIGILLATA: VASI

Tipologia. Granologia.
Hayes 42, n. 1. - Orlo accentuatamente rivolto verso Inizio del III secolo.
I'alto, munito di due latghe ptese sagomate. Sull'orIo
sono due 0 piu solcatute. Patete leggermente svasata, con Diffusione.
andatnento rettilineo. SuI fondo sono tre solcature al La provenienza dell'unico esemplare pubblicato i: ignota.
centro ed una all'altezza del piede. Piede atrofizzato.
Bihliografia.
Diametri orlo: em 28-28,7. Diametri prese: em 35-38,2 Musei e CoUezioni. LA BAUME-SALOMONSON 1976, p. I~4) n. S43~
(tav. XXVII, 6 a: sezione attraverso l'orIo; 6 b: sezione tav. 52, n. I.
atrraverso Ie prese; 6 c: vista dall'alto).
Hayes 4Z, n. 2. - OrIo quasi orizzontale, con una 0 piu
modanatute. La frammentatietA degli esemplari noti non FORMA LAMBOGLIA 42 = SALOMONSON C7 =
consente di stabilire se anche questo tipo sia caratteriz­ HAYES 45A.
zato, come i1 precedente, da prese sagomate. Patete ricurva. SALOMONSON C3 = HAyES 45B, NN. 8, 10.
Una depressione pub distinguere all'interno la parete dal
fondo. Piede a sezione triangolare. Diametri: em 22­ HAYES 45C, NN. 15, 16 (?).
34,4 (?) (tav. XXVII,7)·
Descrizione.
Produzione.
Forma prodotta in sigillata africana 0. Piatti 0 vassoi
Scodella con largo orIo generahnente a tesa, piu °
rneno accentuatamente rivolto verso l'alco 0, raramente,
con prese sagomate, imitanti vasellame in metallo, sono orizzontale. Parete ricurva. II fondo, talvolta leggermente
prodotti in sigillata africana AIll decorata a matrice convesso, presenta un basso piede triangolare, delimitato
(Forma TOYNBEE 1957, tav. I ss.), in sigillata africana C' verso l'interno da un gradino. Diametri: em 20,7-38.
decorata a rilievo applicato (forma Sal. C), ed ancbe in
ceramica aretina, in sigillata centro gallica ed est gallica, Tipologia.
in cerarnica invetriata: si veda a questo proposito la bi­ Lamb. 42. - Con decorazione a rotella sull'orIo e suI
bliografia re1ativa a11a Forma TOYNBEE 1957, tav. ISS. fondo. SuI margine superiore esterno dell'orIo sono una
II tipo Hayes 42, n. 2 presenta notevoli somiglianze con 0, piu raramente, due scanalature. Alcuni esemplari pre­
Ie Forme Hayes 24, in AIll decorata a rilievi applicati, e sentano una 0 due scanalature anche suI margine infe­
Sal. XXVIII bis, in C' decorata a rilievi applicati. °
riore esterno dell'odo, una scanalatura sulla parte su­
Gronologia. periore, al centro (tav. XXVIII, I).
Variante SALOMONSON 1971, p. 190, fig. 16. AlI'orIo i:
L'esernplare Hayes 42, n. I i: datato dal Salomonson applicato un manico decorato a rnatrice nella parte su­
alla printa meta del III seoolo. periore (tavv. XXVIII,2-3; CXXXIV, 2).
Per entrambi i tipi Hayes suggerisce una datazione Variante Ostia I, fig. 114. Con decorazione a rotella
intorno al 220-240/50. nella parle inferiore dell'orIo (tav. XXVIII,4).
Diffusione. Sal. C3. - Non decorato. L'orIo presenta generalmente
Forma rara, documentata in Tunisia, in Italia, in Por­ una, raramente due scanalatute suI margine superiore
togallo e forse in Siria. esterno. Alcuni esernplari mostrano una scanalatuta anche
nella parte inferiore dell'orIo, al centro. SuI fondo possono
Bihliografia· essere una 0 piu scanalatute (tav. XXVIII,5-6). Esi­
ltalia. Ostia I, figg. 101, 71] a-b (?). HAYES 1972, p. 58, fig. 10, stono probabilmente esemplari di questo tipo con de­
forma 42, n. 2. Luni 1973, tav. 68, o. 13. corazione a rotella sui fondo: eft. Gonimbriga 1975, tav.
Portogallo. Gonimbriga [975, tav. LXIII, (dopa p. 291) O. 6.
Siria. WAAGE 1948, tav. VIII, o. 813 P (?). LXIV (dopo p. 291), n. 16.
TUltisia. SALOMONSON 1964, o. 49, fig. f (nel disegno non sono Hayes 45C, nn. 15, 16 (?). - Non decorato. Orlo rivolto
rappresentate Ie solcature suU'arlo e suI fondo) = HAYES 1972, p. 58,
fig. 10. forma 42, o. I. verso ralto, con labbro leggermente pendente. SuI fondo
sono due scanalature. .!l dubbia I'atrribuzione a questo
tipo dell'esemplare n. 16 di Hayes: non i: chiaro se i1
FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, TAV. 52, N. 1. vaso, che sembra presentare un fondo piano, sia in sigi1lata
africana C 0 CIE.
Variante Sal. C4. OrIo ricurvo, con una scanalatura
Descriziane. suI margine superiore esterno. SuI fondo sono due scana­
Scodella con manico decorato a mattice. latute. Si tratta probabilmente di una variante locale
(Raqqada), non esportata (tav. XXVIII,7).
Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. CXXXIV, I). Produzione.
Lamb. 42: generalmente sigillata africana 0, rna anche
Produzione. C'. Hayes nota che in molti casi la vernice ha un aspetto
Sigillata africana 0 (?). marmorizzato. Alcuni esemplari presentano una deco­
Cfr. la variante SALOMONSON 1971, p. 190, fig. 16, razione a rotella del tipo feather-rouletting, caratteristica
probabihnente in C'. della produzione C tarda (efr. la forma Hayes 53 B, in

6J

CERAMICA AFRICANA

co). Ii probabile che questo tipo sia prodotto anche in Francia. IODIN 1971, p. 27, nn. 79-82.
Greda. WAAGE 1933', p. 295, fig. 2, frammento priVQ di numero,
sigillata africana C/E: cfr. Conimbriga 1975, p. 2S6, in alto a sinistra, e n. 138 (= tav. IX, n. 138); tav. IX, n. 120. BROCK
nr.. 14-1S. 1949, p. 71, fig. IS, n. 2; tav. 22, on. 26,29. ROBINSON 1959, tavv.
Variante SALOMONSON 1971, p. 190, fig. 16: probabilmente 12,64, K3 = LAMBOGLIA 1963, pp. 152-]53, in alto. BoMMELAHR­
GItAND]EAN in BCH, XCVI, I, 1972, p. 2JJ7, fig. 77. HAYES 1972,
sigillata africana C'. Si veda quanro detto a proposito della p. -64, fig. II, forma 4SA, n. 2; 45B, n. 10. ID. 1976, p. 77, fig. 6,
forma Hayes 148, in A' decorata a matrice. Cfr. la forma n·97·
precedente. l:raele. CROWFOOT 1957, p. 359, fig. 84, n. 3. LOFFREDA 1974.
p. 134. fig. 48. n. 12.
Variante Ostia I, fig. II4: sigillata africana C'. luilia. 1.AMBoGLIA 1963. pp. 152-153, in basso. CARErroNI 1967,
Sal. C3: generalmente sigillata africana C', ma anche C'. °
p. 3Q3, fig. 20; p. 305, fig. 24, nn. 2 (?) (il disegno mostra un fonda
piano), 2 n. FlNGERLIN-GARBSCH-WERNER, in AN, XXXIX, 1968,
A1cuni esemplari presentano la vernice dall'aspetto varie­ pp. II7-II8, fig. 10, n. I = IDD., in Germania, 46, 1968, p. 102, fig.
gato, caratteristica del tipo Lamb. 42. Questo tipo e 10, n. I. Ostial, figg. 7I9-726; 114a-b, 727 a-b; 728-730 a-b; 732 a-hi
prodotto anche in sigillata africana CfE (Hayes 4SB, 714 a-b. S£bari 1972, p. 325, fig. 348, n. IIJ (= p. 403, fig. 441,
n. 1526). ANDREAU 1974, tav. 17 (dopa p. 340), n. 69-156-6.
un. 9, II). Per il profilo dei tipi Lamb. 42 e Sal. C3, cfr. Jugoslavia. CREMOSNIK Ig62, tavv. VIII (dopo p. 144). nn.4-5;
in panicolare Ia forma Hayes SIA, in sigillata africana C' X, no. 5, g. In. 1966, tav. III (dope p. 51), n. 7. MIKL CuRK 1969,
p. 130, ng. 2, in alto.
decorata a rilievi appIicati. Marocco. IODIN, in BAM, VII, 1967, p. 495, fig. 14, no. 49-51.
Hayes 4SC, un. 'S, 16 (?): l'esempJare n. IS e pro­ M..'tRTIN 1969, p. 167, fig. 9, on. 1-2.
babilmente in sigillata africana C'. Non echiaro se I'esem­ Portogallo. ALARcAo-MoUTINHO DE AuRcAO 1966, tav. XXIX.
plate n. 16 sia in C 0 CfE. Questo tipo e prodc·tto piiI
(dopa p. 1(4), tomba 402, n. 2 (il disegno mostra un fondo accentua­
tamente convesso ed un basso piede ad anello). DELGADO 1967,
frequentemente in CfE (Hayes 4SC, un. 12-14). p. 12-3, tav. III, nn. 44-47. Conimbriga 1975, tav. LXIV, (dopa
Variante Sal. C4: sigillata africana C'. Per il profilo, p. 291), nn. II (= tav. LXXX, n. II}-13, 14 (?)-IS(?), 16.
Siria. WAAGE 1948. fig. 28, on. I (= tat'. VIn, n. 812 a), 3 (?);
cfr. in particolare Ie forme Sal. XXVI, in C' decorata a ta'IV. VIII. n. 812 Pi X, LAI. Cox: 1949. p. 15, no. 92""93 (= tav. V,
rilievi appIicati, Ostia I, fig. II S, in C" e Hayes 46, on. 92-93) = CHARLEsTON 1955. tav. OR
Spagna. MARTIN~SERRES 1910, p. 68, fig. 40, nn. 46-47.
in C/E. Per il profilo del piede di questa forma, efr. Ie Tunisia. SALOMONSON 1968, p. II4, fig. 27, Cj (= p. lI8, fig. 30,
fanne Hayes 46, in CfE, e Hayes 47, probabilmente in 0. C7 = Raqqada 1973, tav. VII, fig. 37); p. ] 16, fig. 29. C3 (= Raqqada
Imitazione locale di questa scodella e probabilmente la 1973, tav. IV, tomba AS), C4 (= Raqlfada 1973, tav. VII, fig. 34),
Raq(jada 1973. tavv. V. tomba A7j VI, tomba A8.
f0trna Lamb. 42 A, amibuita forse erronearnente alIa Turchia. JONES 1950, figg. 16S, n. 816 (= 207. n. 816); 207, n. 817.

produzione D (LAMBOGLIA 1963, Pl'. 192-193). Musei e Collezwni. SALOMONSON 1971, p. 190. fig. 16.

Decorazione.
FORMA « OSTIA h, FIG. IIS. .~.
SALOMONSON 1971, p. 190, fig. 16: I) scanaJature verti­
~
cali fiancheggiate da trani obIiqui. AlIa estremitit del
manico, testa di leone (tavv. XXVIII,2; cxx...XIV,2). Descrz'zione. a
2) Simile al precedente, con una rosetta nella zoua cen­
rrale e scanalature orizzontaIi verso l'estremitit del manico
Scodella con largo orIo ricurvo rivolto verso l'alto, se­
gnato da una scanalatura sui margine superiore esterno, I
!I
(tav. XXVIII, 3). rarameme anche su quello inferiore. Gli esemplari noti,
tutti frammentari, conservano soitanto il tratto iuiziale I
Cronologia. della parete, Ieggermente ricurva e con andamento verti­ ~
Lamb. 42 e Sal. C3: Hayes propone per entrambi i cale. Per il tipo del piede, cfr. probabilmente la forma
"
tipi una datazione tra il230/40 e il320, notando comunque
c:te gIi esempJari piiI antichi, rinvenuti a Dura Europos,
apparrengono al tipo Lamb. 42. Anche ad Ostia, in con­
Lamb. 42/Sal. C3fHayes 4SC, un. IS, 16 (?), in C' e C'.
Diametro: em 23,S circa.
Tipologia.
I
!

I
testi della prima metit del III secolo (Ostia 1), il tipo
Lamb. 42 e attestato piiI frequentemente del tipo Sal. C3. Si conosce un solo tipo (tav. XXVIII,8). Ii probabile
Quest'ultimo e presente a Raqqada in un contesto della che gIi orIi con decorazione a IOtella descrini in Ostia I
mem - terzo venticinquennio del III secolo (Salomonson). siano da attribuire alia forma Sal. XXVI, in sigillata afri­

II
Variante SALOMONSON 1971, p. 190, fig. 16: mancano ele­ carra C' decorata a rilievi appIicati, piuttosto che a questa:
menti cronologici. Datazione indicativa: III secolo. cfr. Ostia I, p. S8, forma 73.
\'ariante Ostia I, fig. II4: attestata finora sollanto ad Produzione.
Ostia, in contesti della prima meta del III secolo (Ostia I). Sigillata africana Cl. Per il profilo, cfr. Ie forme Sal.
Hayes 4SC, un. IS, 16 (?): inizio - meta del IV secolo XXVI, in 0 decorata a rilievi applicati, Hayes 46, in
(Hayes). C/E, e la variante Sal. C4, in O.
Variante Sal. C4: seconda meta del III secolo (Salo­
oonson). Cronologia.
Forma documentata in contesti della prima mem del
Diffusione. III secolo (Ostia I).
Forma molto comune, diffusa nel bacino del Mediter­
raneo, sulla costa atlantica e in Austria. Diffusione.
Forma rinvenuta finora soltanto ad Ostia.
Bibliografia.
Austria. PRASCHNIKER-KENNER 1947, p. 102, fig. 95, nn. 8173, Bibliografia.
Italia. Ostia 1, figg. lIS, 735 a-b, ~
~52S,7743, 7695·

64
I
TERRA SIGILLATA: VASI

FORMA LAMBOGLIA 40 his = SALOMONSON Cl = Variante Hayes 62B, n. 14: meta del IV secolo circa (?)
HAYES 50A, NN. 1-45. (Hayes).
LAMBOGLIA 40 = HAYES 50A, NN. 47-54. Lamb. 40: 300-360 circa (Hayes).
HAYES 50, N. 55. Hayes 50, n. 55: non esistono dati cronologici precisi:
si tratta comunque di un tipo di transizione tra i tipi
HAYES soB, NN. 56-59.
Lamb. 40 e Hayes 50B, un. 56-59.
Hayes 50B, un. 56-59: 350-400 circa (Hayes).
Deseriz£one.
Scodella con orlo indistinto, pii! 0 meno affusolato. Diffusione.
Parete generalmente rettilinea, pii! 0 meno svasata. II E la forma tipica e piiI comune della produzione C, in
fondo, talvolta leggermente concavo, presenta nella mag­ patticolare della C'. E diffusa in tutta I'area mediterranea
gior parte dei casi un piede atrofizzato. SuI fondo, al­ e sulla costa atlantica, nell'Europa continentale e sulla
l'esterno) possono essere una 0, piu raramente, due costa settentrionale del Mar Nero. Alcuni esemplari sono
scanalature. Diametri: em 17-44,8. statio rinvenuti in Inghilterra (BIRD 1977> p. 275).
Tipologia. Bihliografia.
Algeria. FAIDER-FEYTMANS 1952, tav. 57, R88.
Lamb. 40 bis. - Orlo generalmente affusolato. Parete Cipro. WESTHOLM 1936, tav. XXX (Monochrome Red Ware. c).
rettilinea e relativamente poco svasata. Negli esemplari Frarn:ia. MOUCHOT 1963. p. 141, n. 6 (?). FOUET 1969, p. 228.
piiI anticbi la parete pub unirsi con il fondo, all' esterno, fig. 106, nn. 21.86. IODIN 1971, p. 24. nn. 74-77.
Germania Occidentale. FREMERSDORF 1958, p. 12, iigg. I a (= tav.
a spigolo vivo, come nella maggior parte degli esemplari 2, fig. I c), z c; p. 14, fig. 5 b (= tav. 2, fig. I a); p. IS, fig. 6 a
prodotti in sigillata africana A' e A/D. II fondo presenta (= tav. 2, fig. I b).
generalmente un piede atrofizzato, che spesso, negli esem­ Grecia. TECHNAU, in MDAI(A), LIV, 1929, Bei!. XXVI. 2 (= p. 50,
fig. 41: nel disegno non e indicata la concavita del fondo, visibile nella
plari pii! anticbi, i: seguito verso l'interno da una 0 due foto corrispondente; l'indicazione della scala e errata) = ILIFFE, in
scanalature; raramentei: piano 0 munito di un basso gradi­ QDAP, VI, 1937, p. 18, fig. I. WAAGE 1933, tav. IX, no.. n6.n7,
137, 139. BROCK 1949, p. 71. fig. IS, on. lA-IE. WALTER, in Olympia­
no. La fartuta molto fine e Ie caratteristiche dell'argilla e beridlt, VI, 1953-1955. p. 61, fig. 47 e; p. 62, fig. 49. F'REMERsnORF
della vernice (sigillata africana C' e 0) sono elementi 1958, p. 12, fig. I d. ROBINSON 1959, tavv. 12,64, KI (= LAMBOGLIA
fondamentali nella distinzione tra questo e i tipi che se­ 1963, pp. 148-149, forma. 40); tav. 64, Kz, M139. PErSAS 1966,
rav. 350, b = HAYES 1972, p. 68, fig. 12, fonna 5oAIB, n. 55. HAYES
guono (tav. XXVIII,9-IO). 1972. p. 68, fig. 12, forma 50A, nn. 7-8; soB, n. 56; p. IIO, fig. 18.
Variante Hayes 62B, n. 14. Un gradino distingue all'inter­ forma 62B, n. 14.
no la parete da1 fondo, decorato a stampo (tav. XXVIII, II). [sraele. ABDUL-HAx. 1951, laV. XLII, I (al centro, in alto). CORBO
1955, p. 71, fig. 22, n. 23 (?). AVIGAO 1956, p. 88, fig. 3, n. 19.
Lamb. 40. - Orlo generalmente non affusoIato. Parete CROWFOOT 1957, p. 359. fig. 84. DO. 1,2 (?). BAGATTI 1967, p. 280.
leggermente ricurva e maggiormenIe svasata. Fondo piano fig. Z1.7, n. 4.
Italia. ORSI, in NSA, 1912, p. 359. fig. 12 (in alto. at centro) (?).
o munito di un gradino (tav. XXVIII,I2). LAMBOGLIA 1950, p. 23, fig. 4, nn. 7-8; p. 28, fig, 7, n. 19; p. 35,
Hayes 50, n. 55. - Parete rettilinea, accentuatamente fig. 9, n. 21; p. 139, fig. 77. n. 24; p. 144, fig. 80, nn. 15-16; p. 183,
svasata (cfr. il tipo seguente), piede atrofizzato (cfr. il tipo fig. 106, D. 3; p. 194, fig. 116, nn. 1-2. BERNABO BREA - CAVALIER
1960, p. 129, fig. 37, n. I. I..A.MBOGLIA 1963, p. 147 = RIVERO DE
Lamb. 40 bis) (tav. XXVIII, 13). LA HIGUERA, in Zephyrus, XXI-XXII, 1970-1971, p. 332, fig. 4,
Hayes 50B, un. 56-59. - Orlo generalmente non affu­ forma 40. BERNABO BREA - CAVALIER 1965, tav. j, n. 13 (= tav.
solato. Parete leggermente ricurva e accentuatamente sva­ CCXXV, I c) (?). VERMASEREN - VAN EsSEN 1965. p. 382, n. 145;
p. 475, n. 384 (?). Ostia l, figg. 90,7°1; 9Ij 92.702; 93-94; 95,70];
sata. II fondo, piano 0 munito di un gradino, ha una lar­ 96-97. FAU.ICO 1969.197°, p. 15, fig. 3, n. 11. Luni 1973, tav. 68,
ghezza inferiore a quella dei tipi precedenti. Gli esemplari n. 10. ANDREAU 1974, cav. 17 (dopa p. 340), on. 69-148-12, 69-148-18.
di questo tipo sono generalmente di piccole dimensioni Iugoslavia. CoLNAGO, in JOBAl, XVIII. 1915, pp. 177-178, fig.
88 a (?). CREMOSNtx 1962, cav. VI (dopa p. 144), no. 4,7.10. 1966,
(diametri: em 20-25>4), e pii! simili quindi a coppe che a tavv. I (dopa p. 51), n. 14; III, n. 4; IV, n. 3.
scodelle (tav. XXVIII, 14). Maroceo. IODIN. in BAM, VII, 1967, p. 493, fig. 13, nn. 44-4~
Portogal1o. ALARcio-MoUTINHO DE AuRcio 1966, tav. XVII, tom­
Produzione. ba 244, n. 5. DELGADO 1967, p. 123, tav. III, nn. 41 (l'orlo pre­
sena una scanalatura all'estemo), 43. 10. 1968, tav. III (dopa p. 66),
II tipo Lamb. 40 bis i: prodotto in sigillata africana C' e, on. 3-5. ETIENNE·A1.ARcio 1971, rav. VI (dopa p. 486), n. 2. Co­
pii! frequentemente, 0. La variante e gli altri tipi sono nimbriga 1975, tav. LXV (dopo p. 291), nn. 18-23. .
Siria. WAAGE 1948, tav. IX, on. 836 p, u. w, x. Cox 1949, p. IS,
in sigillata africana C'. n.9O.
Questa scodella i: nota anche nelle produzioni A' (for­ Spagna. NIEMEYER 1962, p. 43, fig. I, n. 28. Papelu Valencia
ma Ostia I, fig. 86/Hayes 31, un. 2, 6), A/D (tipo Hayes 1962, p. 99, fig, 5, on. 60,62 (?), 63. RAMos FOLQUBs 1963, p. 248,
figg. 43 (suI fondo, all'estemo, egraffito ~ IXXI M E ETaLIT~:
31, un. I, 4), C/E (cfr. l'esemplate Hayes 50, n. 46), p. 246, fig. 39), 45. ALMAGRO 1964, p. 47, fig. 13, no. 120), 2o(?);
D' e D' (forme Hayes 50 B, n. 60fHayes 50B, n. 61; p. 56, fig. 17, nn. 6(?), 7(?). NIEMEYER 1965, p. 101, fig. 5. n. I.
MARTIN-SERRES 1970, p. 50, fig. 25, n. 5[; p. 68, fig. 40, nn. 44-45;
Hayes 50B/64). Sembra inoltre dar Inogo ad imitazioni p. ,8, fig. 46, no. 10-13. RADDATZ 1973, p. 65, fig. 23. n. 1 (= tav.
locali (cfr. LAMBOGLIA 1963, p. 149). 19, n. 4).
Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 44, fig. 13, n. 695 (= tav. VI, n. 695 =
Decorazione. F1u!M.ERsDORP 1958, tav. 2. fig. 2 b = tav. 3. fig. I); p. 48, fig. IS,
on. 697 (= tav. VI, n. 697)-698. eVA Copenhague 7, tavv. 311,
Variante Hayes 62B, n. 14: probabilroente stile Hayes C. nn. 7-8 (= PALLARts 1960, p. 275, fig. 10, nn. 7-8); 312, nn. 19-22
(= PALLARES 1960, p. 276. fig. II, nn. 19-22). SALOMONSON 1968,
Cronologia. p. lIS, fig. 28, CI. Raqqada 1973, tavv. III, tomba A4; X, tomba
Lamb. 40 bis: 230/40-325 circa (Hayes). Frequenti at­ AI3; XXXII, tomba B26; LUI, tomba D 1.
Turchia. JONES 1950, flgg. 165, n. 812 (= 207. n. 812); 207,
testazioni in contesti della prima meta del III secolo n. 813. TUCHELT, in MDAI (1),21, 1971, p. 77, fig. 18, n. 212 (= tav.
(Ostia f). 13. n. 212,5).

OJ
7- Encidopedia delt'Arte - AIL F. C, I
CERAMICA AFRICANA

Unione SO'Vietica. NICORESCU, in Dacia, III-IV, 1927-1932, p. 586, re considerata una variante fine delle forme aile tavv.
ti&:.
87 (all'estemo). HOLWERDA 1936, p. 32, fig. 9. n. 700 (= tav.
XXXll,I-9 e LIV,5-6, prodotte rispettivamente in D'
VI, n. 700) = FREMERSDORF' 1958, tav. 2, fig. 2 a (= tav. 3, fig. 2).
Musei e Colkzirmi. NIESSEN I9II, tav. XCII, n. 2253 (proveniente e C[E.
probabilmente da Colonia),
Gronologia.
325-400 circa (?) (Hayes). Attestazioni in contesti della
FORMA «PAPELES VALENCIA 1962,), FIG. 5, NN. fine del IV - inizi del V secolo (Ostia IV).
58-59· Diffusi<me·
Forma diffusa nel baeino del Mediterraneo.
Descrizione.
Scodella con orlo a sezione triangolare, accentuatamente Bihliografia.
inclinato all'interno e unito esternamente alia parete a [mule. BAGATTI 1961. p. 280, fig. 227. n. I.

ltalia. VERMASEREN - VAN. ESSEN 1965. p. 375, n. 96. Ostia IV.

spigolo vivo. Parete ricurva. Nel solo esemplare intero fig. 4­


finora noto il fondo presenta all'interno una scanalatura, Libia. HAYES 1972, p. 92, fig. 14, forma 57, n. I.
all'esterno un gradino in luogo del piede. Non sono note Malta. HAYES J972, p. 92, fig. 14, forma 57, n. 2.
S£ria. WAAGE 1948, tav. VIII, nn. 820 a, k.
Ie dimensioni. Tunisia. RWJqada 1973, tav. VIII, fig. 36, tipo C c.

Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXIX, I). FORMA (, OSTIA IV,), FIG. 3.
Produzione.
Un esemplare, da Sabratha, 1: in 0. Due esemplati, Descrizione.
da Valenda, sono atttibniti alia sigilIata africana C, senza Scodella con orlo a tesa piana leggermente sporgente
ulteriori precisazioni. Questa scodella, che sembra de­ all'interno, segoato da due solcature nella parte superiore.
rivare da1 tipo Hayes 49, un. 1-6, in C' e C', 1: tra Ie piu Parete ricurva, acceotuatamente svasata. Una solcatura
comuni nella produzione D (eft. tavv. XXXIV; XXXV, segna, sia all'interno che all'esterno, il punto di unione
r-7). Gli esemplati in esame, in sigillata africana C, sonO tra parete e fondo, piano. Diametri: em 28-30,8.
in tutto simili al tipo Hayes 61, nn. I, 4> 7, 18, in D'.
Tipologia.
Gronologia. Si conosce attnalmente con certezza un solo tipo (tav.
n solo esemplare databile, da Sabratha, appartiene ad XXIX, 4). A questo si atrribnisce anche I'esempla£e
un contesto dei primi anni del IV secolo. Ostia III, fig. II3 che, pur presentando l'orlo notevolmente
Diffusione. ristretto e la parete a quarto di cerchio, mostra evidenti
difetti di fabbricazione.
Forma molto rara nella produzione C, attestata in Non 1: certa I'attribuzione alia sigillata africana C di
Libia (Sabratha) e in Spagna (Valencia). alcuni esemplari: eft. HAYES 1972, pp. 94-95, forma 58B,
Bibliografia. varianti un. 17-18; Gonimbriga 1975, tav. LXV (dopo p.
Libia. (Sabratha, 1v1ausoleo A. pozzo angola NO· riempimento-) 291), n. 28 (per Ia descrizione, eft. p. 257). Non 1: pos­
scavo in corso di pubblicazione in LibAnt. sibile, in mancanza di documentazione grafica, Ia defi­
Spagna. PaPel" VaJenda r962, p. 99, fig. 5, nn. 58-59 (1a scala
dei disegni non e indicata). nizione tipologica degli esemplari in sigillata africana C
tarda rinvenuti a Piazza Armerina: efr. Piazza Armerina
1971, p. 158. L'esemplare Ostia III, fig. 106, atttibnito
FORMA HAYES 57. erroneamente alia sigillata africana C, 1: prodotto in D.
Produzione.
Descrizione.
Sigillata africana C3. Presenta notevoli analogie con la
Scodella con orlo a tesa leggermente inclinato verso il forma Hayes 57, in C3, e come questa puo essere conside­
basso, talvolta orizzontale, segnato generalmente da una rata una variante fine delle forme aile tavv. XXXII, 1-9
o due scanalature nella parte superiore. Parete con an­ e UV, 5-6 prodotte rispetrivamente in sigillata africana
damento rettilineo, accentuatamente svasata. AIl'interno D' e CfE.
un gradino puo distingoere Ia parete dal fondo, segnato
da una 0 due scanalature. AIl'esterno il fondo presenta Gronalogia.
un gradino 0 un piede atrolizzato, raramente1: piano e Forma attestata in contesti della fine del IV - inizi
unito alia parete a spigolo vivo. Diamerti: em 20-25. del V secolo (Ostia III - Ostia IV).
Tipologia. Diffusione.
Si conosce un solo tipo (tav. XXIX, 2-3). Forma documentata attnalmente con certezza soltanto
Produzione. ad Ostia.
Sigillata africana C'. Presenta notevoli analogie con Ia Bihliografia·
forma Ostia IV, fig. 3, in ca, e come questa puo esse- Italia. Ostia Ill, fig, 113. Ostia IV, fig. 3.

66

TERRA SIGILLATA: VASI

FORMA HAYES 53B. Tipologia.


II noto attoalmente un solo tipo (tav. XXIX, 7). Per un

Descrizione. esemplare di Serif dal profilo simile, Ie cni caratteristiche

Scodella eon orlo indistinto, pill 0 meno affusolato. di produzione sembrano oscillare tra quelle della sigil1ata

Parete ricurva 0 leggermente carenata, segnata all'interno africana C e quelle della D, cfr. FEVRIER 1963, p. 129,

da due scanalature, poste a breve distanza dall'orlo. Sui fig. 4. Sono probabilmente da amibuire a questa sco­

fondo, piano 0 lievemente concavo, sono dne scanalatore della alcuni orli frammentari, con decorazione simile a

seguite da un'ampia zona decorata a rotella. Un gradino quella della coppa Hayes 72, nn. 2-3?, 4-6, in 0: cfr.

distingne generalmente il fondo all'esterno. Diametri: HAYES 1972, p. 124.

em 17,6-19,5. Produzione.
Tipologia. Forma prodotta in sigillata africana C'. Costitoisee pro­

Si conosce un solo tipo (tavv. XXIX, 5-6; CXXXIV, 3). babilmente servizio con la coppa Hayes 72, un.2-3?, 4-6,

in C'. Per il profilo, cfr. il tipo Hayes 76, un. 1,3, in D'.

Produzione.
Forma prodotta in sigil1ata africana C', C' decorata a Decorazione.
rilievi applicati (forma Sal. a) e D' (forma Hayes 53B). Stile Hayes D.
Presenta notevoli analogie eon la forma Sal. XXVIIj
Cronologia.
XXVII bis, in sigil1ata africana C' decorata a rilievi ap­
plicati. La decorazione a rotella, del tipo comunemente 420-450 circa (Hayes). Gli esemplari con decorazione

definito feather-rouletting, si ispira alle decorazioni di vasi sull'orlo sono probabilmente, secondo Hayes, di poco

d'argento del IV-V secolo: cfr. DALTON 1901, tav. XXI, anteriori.
~

un. 358-359; Curu.E 1923, tav. xv; BRAILSFORD 1947, Diffusione.


tav. 5 a. Questo tipo di decorazione e caratteristieo di un
grau numero di vasi prodotti in sigil1ata africana, dalla Si conosce un solo esemplare intero, da Bolseoa. Un

fine del IV agli inizi del VI secolo: efr. Ie forme Lamb. frammento, di inCerta amibuzione, proviene da Luni.

55AjHayes 82B, Hayes 83, Hayes 84 e Hayes 85AjB, Uno degli orli decorati descritti da Hayes estato rinvenuto

in CS, Atlante, tav. XXXI, 19 e DENEAUVE 1974, fig. 9, nell'Agoril di Atene.

I n. II, probabilmente in C tarda, Hayes 92, in E, e la


fonna alle tavv. XLVIII, II-I6; XLIX, I-II, in D.
C,.onologia.
Bibliografia.
ltalia. HAYES 1972, p. £22, fig. 21, forma 75, n. 1(= tav. XVI a).

Luni 1973, tav. 70, n. 6 (?).

370-430 circa (Hayes).


FORMA HAyES 76, N. 7.
Diffusione.
Forma diffusa nel bacino del Mediterraneo. Numerosi Descriziane.
esemplari, inediti, sono stati rinvenuti a Sperlonga.
Scodella con largo orlo a tesa leggermente rivolto verso

Bibliografia. l'a1to, piano 0 segnato da scanalature nella parte superiore.

Grecia. WAAGE 1933, p. 295, fig. 2, n. 146 (= tav. IX, n. 146). L'orlo tennina eon un labbro perpendicolare cbe presenta

Nella fig. 2, in basso a sinistra, sono aitri frammenti privi di numero.


HAYES 1972, p. 74, fig. 13, forma 53B, nn. 17-18.
all'esterno due scanalature e nella pane superiore gruppi

I ltalia. Sibari 1969, p. ID8, fig. 98, n. 4. Sibari 1970, p. 507, di dentellature. Gli esemplari noti sono frammentari:

I fig. 564, n. 6123 (forma Sal. a 0 Hayes 53 B). FALLICO 1971, p. 607,
fig. 3D" AI74 (forma Sal. a 0 Hayes 53B); p. 608, fig. 31, AI7S-AI76.
Jugoslavia. Atlante, tav. CXXXIV,3.
Libia. HOLWERDA 1936, p. 44, fig. 13, n. 70I = SALOMONSON I969,
per il profilo della parete e del fondo, cfr. la fonna alle

tavv. XXXVIII,6-Io; XXXIX,1-4, in D'. Diametri:

em 39,5-40 circa.

p. 61, fig. 79.


Siria. WAAGE 1948, fig. 28, n. 2 (= tav. X, n. 89I). Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXIX, 8).
FORMA HAYES 75. Produzione.

Sigil1ata africana Dl (tipo Hayes 76, n. 6) e 0. Co­

Descrizione. stitoisce probabilmente servizio con la coppa Lamb.

Scodella con largo orlo a tesa rivolto verso I'alto, segnato 57jHayes 73B, prodotta generalmente in sigillata africana

da una scanalatura nella parte inferiore. L'orlo termina 0, talvolta in D, e con questa ha in comune il profilo

con un labbro pendente, dal quale si distingue per mezzo dell'orlo e dellabbro: cfr. in particolare la variante Hayes

di un gradino. Parete ricnrva. n punto di unione tra 73, n. 10.

parete e fondo e segnato all'interno da un gradino, al­ Per il profilo dellabbro, cfr. anche la forma Hayes 74,

I I'esterno da una modanatura simile ad un basso piede,


non avente funzione di appoggio. Sui fondo, leggermente
concavo, sono due scanalature e la decorazione a stampo.
Diametro: em 22,4.
in C' e C'. Per il tipo di decorazione del labbro, cfr. la

forma Hayes 7IA, in C', alla voce Produzione.

Forme simili sono prodotte in sigil1ata della Tunisia

centrale e meridionale: si veda quanto detto per la forma

! 67
·

CERAMlCA AFRICANA fI

~

aile tavv. XXXVIII, 6-10; XXXIX, 1-4, in D', alla voce Secondo Hayes la decorazione a rotella sui fondo e ;"
Produzione. tipica degli esemplari pill tardio
~
Diffusione. ;~
Cronologia.
Mancano elementi eronologici: I'analogia con la forma Forma dilfusa nel bacino del Mediterraneo e sulla costa J
1:

di cui sopra, in sigi1lata africana D', rende comunque atlantica.


probabile una datazione tra il secondo e il terzo venticin­ Bibliografia. 11
queunio del V secolo. Egitto. WULFE 1909. tav. LXXII, n. 1557. EMERy-KIRWAN 1938,
tav. II4, un. 88 b-88 c. ROEDER 1959, tav. 82, q. r. HAYES 1972,
Diffusiane. p. 130, fig. 23, forma 82, n. 5 (= tav. XVI c). GUERRINI 1974. fig.
.1
'~
15, n. I; tav. 29, n. I.
Forma piuttosto rara, documentata in Italia (Sperlonga), Francia. LAMBOGLIA 1963, pp. 202-203, forma 5SA (nel disegno ,
::}

Tunisia (Cartagine) e Libia (Sabratba). non compaiono la decorazione a rotella sulla parete e quella a stampo
i

Bibliografia·
Libia. HAYES 1972, p. 122, fig. 21, forma 76, n. 7.
sul fondo).

Grecia. WAAGE 1933, tav. IX, n. 130. HAYES 1972, p. 130, fig. 23,

.forma 82, no. 1,7.

I
Iugosla1JJ'a. DYGGVE-EGGER 1939, p. 46, fig. 65 (nel disegno non

Per altri esemplari, l'attribuzione dei quali alla sigillata africana C 4 compare la decorazione a rotella sulla parete).

o D non e determinabile, eft. quanto deno per la forma alle tavv. Portogallo. Conimbriga 1975, tavv. LXXII (dopa p. 291), on. 97~98;

XXXVIII, 6-10; XXXIX, 1-4, in Dl, alIa voce Produzione. LXXX, n. 97 a.

Tunisia. HAYES 1972, p. 130, fig. 23, forma 82, n. 2.

FORMA LAMBOGLIA 55A = HAYES 82A.


FORMA HAYES 83.
HAYES 82B.
Descrizione.
Descrizione.
Scodella con orlo ingrossato, segnato da due 0 pill

Scodella con orlo di forma approssimativamente trian­ scanalature nella parte superlore. La parete, a quarto di

golare, segnato all'esterno da due 0 tre scanalature. La cerchio, ptesenta all'esterno una decorazione a rotella,

parete presenta all'esterno una decorazione a rotella di illituite inferiore della quale e generalmente segnato da

ampiezza variabile, all'interno due 0 pill scanaiatuIe, pill una scanalatuIa in prossituira del piede. Sui fondo sono

o meno vicine all'orlo. Sui fondo gruppi di scanalatuIe serie di scanalature e la decorazione a stampo. Piede alto

delimitano zone concentriche, nelle quali sono variamente e sottile. Diametri: cm 2&-35.

disposte la decorazione a stampo e, talvolta, quella a


rotella. Piede di media altezza, generalmente a sezione Tipologia.
triangolare. Diametri: cm 26,6 - 41 circa. Si conosce un solo tipo (tav. XXIX, 12).

Variante Hayes 83, n. 1. Sulla parete e una decorazione

Tipologia. a rotella a spina di pesce.

Lamb. 55A. - Parete leggermente ricurva e quasi oriz­ Produziane.


zontale. Fondo piano (tav. XXIX, 9).
Variante Atlante, tav. XXIX, 10. Parete priva della deco­ Forma prodotta in sigi1lata africana C'.

razione a rotella, con due scanalature all'estemo. Costituisce probabilmente servizio con Ie forme Lamb.

Hayes 82B. - Parete retrilinea e accentuatamente sva­ 55AjHayes 82B, Hayes 84 e Hayes 85AfB, in C'.

sata. Fondo concavo (tav. XXIX, II). Per il tipo della decorazione a rotella (fearher-rouletting),

si veda quanto detto a proposito della forma Hayes 53B,

Produzione. in sigi1lata africana C'. La decorazione a rotella a spina

di pesce, presente sulla variante, e caratteristica della

Forma prodotta in sigil1ata africana C'. Costituisce


produzione E.

probabilmente servizio con Ie forme Hayes 83, 84 e 85AfB,


in C'. Decorazione.
Per il tipo della decorazione a rotella, si veda quanto Stile Hayes D.
detto a proposito della forma Hayes 53B, in sigi1lata
africana C'. Questa scodella costituisce forse il prototipo Cronologia.
della forma WINLOCK-CRuM 1926, H-I, in sigillata egi­ 420-460 circa (Hayes). Per il tipo della decorazione a

ziana A. rotella la variante e databile, secondo Hayes, all'inizio

del V secolo.

Decorazione.
Diffusione.
Stile Hayes D.
Forma rara, attestata sulle coste meridionali della Fran­

Cronologia. cia, in Egitto e particolarmente in Grecia.

Lamb. 55A: 430-475 circa (Hayes). Bibliografia.

Variante Atlante, tav. XXIX, 10: mancano elementi ere­ Francia. ROLLAND 1951, p. 265, fig. 179, a destra.

Gr€cia. WAAGE 1933, p. 295, fig. 2, 131 (= tav. IX, ll. 131).

nologici. Musei e Collezioni. HAyES 1972, p. 130, fig. 23, forma 83, n. 2

Hayes 82B: 460-500 circa ed oltre (Hayes). (= tav. XVI b) (da Alessandria?),

68 .
TERRA SIGILLATA: VASI

FORMA HAYES 84. I'intemo. Piede piu 0 meno alto e sottile. Diametri:
em 9,6-11.
Descrizione. Tipologia.
Scodella carenata con orlo di forma approssimativamente Si conosce un solo tipo (tav. XXX, I). Un esemplare, da

II triangolare, segnato alI'esterno da due scanalature. La


parete, piu 0 menD svasata e retti1inea, presenta alI'estemo
una decorazione a rotella, illimite inferiore della quale e
Ventimiglia, mostra una struttura nel complesso pesanre
e piu simile a quella di a1cuni esemplari appartenenti alia
forma aualoga in sigillata africana A (tav. XXX, 2).

i,
talvolta indicato da una scanalatura sulla carena. AIl'in­
temo un gradino distingue la parete dal fondo. Sui fondo, Produzione.
piu 0 menD concavo, serie di scanalature delimitano zone
,i concentriche nelle quali sono variamente disposte Ia de­
corazione a stampo e, talvolta, quella a rotella. Piede di
Forma prodotta in sigillata africana C' e C'. Fonne
molto simili sono prodotte in A' (tav. XVII,5-IO) e

I
AiD (Hayes I7B, un. 8-9).
media a1tezza, a sezione triangolare. Diametri: em 20-37.
Tipologia. Cronologia.

Ii Si conosce un solo tipo (tav. XXIX, '3). Hayes nota


che gIi esemplan PIU tardi presentano la parete maggior­
Mancano dati cronologici precisi. Attestazioni in con­
testi della prima meta del III secolo (Ostia 1).
mente svasata ed il fondo piu accentuatamente concavo,
i cosl da assumere un profilo simile a quello del tipo Hayes
Diffusione.
i 82B, in sigi1lata africana C'. Forma tara, documentata in ItaIia (Ostia, Ventimiglia).
I Produzione. Bibliografia·
[talia. 1.AMBoGLIA 1941, p. )5,7 a {= 10. 1958, p. 273. SA = !D.
Forma prodotta in sigi1lata africana C'. Costituisce

I
1963, p. 155, 43, secondo esemplare\ 7 b (= In, 1958. p. 273. 8B =
probabilmente servizlo con Ie forme Lamb. 55A/Hayes 1D. 1963, p. IS5, 43, primo esemplare). Ostia I, :fi.gg. 82-84 (fondi
appartenenti a questa 0 alIa forma di rav. XXX, 5-13. in 0 e C'I),
82B, Hayes 83 e Hayes 85AjB, in C'.
Per il tipo della decorazione a rotella (feather-rouletting),
si veda quanto detto a proposito della forma Hayes 53B, FORMA LAMBOGLIA 4/46 (HAYES 43, N. I) =
in sigillata africana C'. Presenta notevoIi aualogie con il HAYES 43, N. 2.
tipo Lamb. 60 bis, in sigillata africana D', e con Ie forme
Hayes 9, in sigillata «tripolitana >, e FEVRIER '965, fig. z6, Descn'zione.
E 5 e 6, n. 7, in sigillata dell'Algeria orientale e centrale.
Forme simili sono prodotte anche in sigillata cipriota Coppa carenata con orlo a tesa orizzontale. Parete ret­
(forma Hayes 2) e in sigillata egiziana A(forma W,NLOCR­ tilinea, leggermente svasata. Piede a sezione triangolare.
CRUM 1926, J). Diametri: em II-I4,5 circa.

I Decorazione.
Stile Hayes D.
Cronologia.
Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXX, 3).
Variante Sal. CIO c. Con orlo leggermente riearvo e
rivolto verso l'a1to, e basso piede ad anello. Si tratta pro­
400-500 circa (Hayes). Secondo Hayes Ia decorazione babilmente di una variante locale (Raqqada), non espor­
a rotella sui fondo e tipica degIi esemplari piu tardio tata (tav. XXX,4).
Diffusione. Produzione.
Forma attestata nel baeino occidentale del Mediter­ Sigillata africana C'.

raneo (a1cuni frammenti sono stati rinvenuti a Sperlonga) Una forma simile eprodotta in sigi1lata B (Lamb. 4/46).

ed in quello orientale, particolarmente in Grecia.


Cronologia.
Bibliografia.
Algeria. HAYES 1972, p. 130, fig. 23, forma 84, n. 7.
Mancano dati cronologici precisi: Ie caratteristiche del­
Egitto. HAYES 1976, p. 77. fig, 6, n. 102 (= tav. 13, n. 102). I'argilla e della vernice rendono comunque probabile una
Grecia. WAAGE 1933, p. 295, fig. 2, nn. 132 (= tav. IX, n. 132), datazione intorno alia prima meta del III secolo, con:e
134 (= tav. IX, n. 134); tav. IX, n. 129. HAYES 1972, p. 130, fig. 23,
fonna 84, nn. 1-2. suggerito dallo Hayes.
[mule. CORBO 1955, p. 71, fig. 22, nn. 21-22. Per Ia variante il Salomonson propone una datazione
Musei e Collezioni. HAYES 1976, p. 77, fig. 6, n. 101 (= tav. tra la meta e la seconda meta del III secolo.
13, n. lor).
Diffusione.
FORMA LAMBOGLIA 43 E 43 his (HAYES 17B, N. 7).
Forma rara, documentata in Italia (Ostia) e in Tunisia

I Descrizione.
Coppa entisferica con orlo indistinto, generalmente
affusolato. n fondo pui> presentare una scanalatura a1­
(EI Aouja e Raqqada).
Bibliografia·
Italia. UM:BOGLIA 1963, p. 156, forma 4/46.
TtmiJia.
1973. tav.
SALOMONSON 1968, p. 119, fig. 31, Cro c =
X, fig. 43,
Raqqada

69

r;

'<
i;
· CERAMlCA AFRICANA

FORMA LAMBOOLIA 35, 35 bis = HAYES 44, NN. Cronologia.


1-3, 8. 220/40 circa - fine del III secolo a poco oltre (Hayes).
LAMBOOLIA 35 ter = HAYES 44, NN. 6-7 E 52A, Attestazioni in contesti della prima meta del III secolo
NN. 1-2. (Ostia 1). Per gil esernplari cbe attribuisce al ripo 52A,
HAYES 44, NN. 10, 12. di trausizione tra Ia forma non decorata e qUella decorata
a rilievi applicari, Hayes suggerisce una datazione intorno
HAYES 44, N. II, 52A, N. 3. all'inizio del IV secolo, sottolineandone comunque l'ap­
partenenza a contesti privi di elementi cronologici sicuri.
Dcscrizione. Per la varianre C5 Salomonson propone una datazione
Coppa emisferica con orlo a tesa piana 0 ricurvo, se­ tra ]a prima meta ed il terzo venticinqnennio del III se­
gmto talvolta da una scanalatura sui margine superiore colo. II contesto archeologico delle altre varianti e carat­
esterno. In alcuni esemplari il piede epiuttosto alto, sottile terisrioo della meta - seconda meta del III secolo (Sa­
o a sezione triangolare, in altri e basso, ad anello pili 0 lomonson).
meno atrofizzato. Diametri: em 10,6-17. Dijfusione.
Tipologia. Forma documentata nel bacino del Mediterraneo e
Lamb. 35 e 35 his. - Orlo a tesa piana (tav. XXX, 5). sulla costa atlantica.
Lamb. 35 ter. - Orlo pili a meno ricurvo (tav. XXX, 6). Bibliografia·
Gli esemplari Hayes 52A, un. 1-2 presentano una scana­ Grecia. WAAGE 1933, tav. IX, n. 125 (?). 'THOMPSON-SCRANTON,
latura sui fondo. in H~rperia) XII, 1943, p. 371, fig. 65, a. HAYES 1972, p. 58, fig. 10,
Hayes 44, un. 10, 12. - Orlo pili 0 meno ricurvo, rivolto forma 44~ o. 2.
[Ialia. LAMBOGLIA 1963, p. 154. Ostia I, figg. 79, 692; 80; 8'1,
verso l'alto (tav. XXX, 7). 693 a-b; 82-84 (fondi apparteoeoti a questa a alla forma Lamb. 43
Hayes 44, n. II e 52A, n. 3. - Orlo rivolto verso I'alto, e 43 &is, in 0 eO). Ostia II, fig. 610 (?). Lwti 1973. !aV. 68, o. 9.
Libia. Bu Njem 1966-1967, p. 127, fig. 12, C51 (?).
con labbro leggermente pendente (tav. XXX, 8). L'esem­ Mizlta. HAYES 1972, p. 58, fig. la, forma 44, o. II; p. 74, fig. 13,
plare Hayes 52'\, n. 3, presenta un piede simile a quello forma 52, n. I.
della fJrma di tav. XXVIII, 1-7, in sigillata africana 0 Marocco. MARTIN 1969, p. 167. fig. 9, no. 4-5.
Portogallo. DELGADO 1968, tav. III (dopa p. 66), o. 2. CQnimbriga
e C'. Si conoscono inoltre Ie seguenti varianti, probabil­ 1975, tav. (dopo p. 291) LXIII, no. 7-9.
mente di produzione locale (Raqqada), non espottate: Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 115, fig. 28, Cs (= Raqqada 1973,
tay. XII, tomba A (7); p. Il9, fig. 31, CIa a (= Raqqada 1973,
Sal. C5. Orlo a tesa leggermente inclinato verso iI basso tay. IX. fig. 40), C 10 b (= Raqqada 1973, rav. IX, fig. 41), CIa e
(tav. XXX,9). (= &uzqada 1973, tav. X, fig. 44). HAYES 1972, p. 58, fig. 10, forma
Sal. CIO a. Orlo ricurvo, con labbro pendente (tav. 44, n. 10, Raqqada 1973, tav. IX, fig. 42, tipo C IO C.
XXX,IO).
Sal. Cw b. Otlo ricurvo, con una scanalatura nella parte
'~
superiore, al centro (tav. XXX, II). FORMA DELGADO 1968, TAV. III, N. 1. "'i
,"
Sal. CIO e. Orlo a tesa rivolto verso l'alto, seguato da
modanature nella pane superiore (tav. XXX,I2). Descrizione.
~
i~
RlliJ.qada 1973, CIO c. Orlo a tesa piana, con labbro Coppa dal profilo analogo a quello della scodella (taw. ',j

distinto mediante una depressione (tav. XXX, 13). XXXVII, 9-11; XXXVIII, 1-4) in sigillata africana D1 e
Prod!lZione. D'. n solo esemplare intero presenta un basso piede ad ,;j
!!{
anello. Diametri: em 15-18 (?). ,~
Questa forma e prodotta in sigillata africana A' ~forma
Lamb. 35), C' e C', ed anticipa chiaramente la forma Tipologia. .,
analoga in sigillata africana C' decorata a rilievo applicato La scarsa conoscenza di questa forma nella produzione .;
(ta-,. LXXVII, 3-6). Non sono chiari gli e1ementi in base C non consente una sicura definizione tipologica. Si cono­
ai quali Hayes distingue un tipo di transizione (Hayes 52A) scone attualmente esemplari con labbro pili 0 meno ;~
tra Ia fo= non decorata e quella decorata a rilievo ap­ ingrossato (tav. XXX, 14-15) 0 pendente (tav. XXX,I6),
plica:o: efr. HAYES 1972, pp. 76, 78. segnato generalmente da una scanalatura nella parte '}

Le caratteristicbe di argilla e vernice delle varianti di J~


superiore.
Raqqada sembrano corrispondere a quelle della sigillata
african. C'. Produzione. ~
a
L'esemplare Hayes 44, n. 13, e in C/E. La Delgado attribuisce gli esemplari di Conimbriga ':<1
'"
Questa forma presenta analogie con un gran numero di ad una produzione intermedia tra]a C e 1a D e, riferendosi
coppe e sccdelle prodotte in sigillata africana: si vedano alia tipologia di Hayes, li assimila ai migliori esernplari
in particolare per il tipo Lamb. 35 e 35 his la forma Lamb.
4/46, in 0; per il tipo Lamb. 35 ter Ie forme Sal. XXVI,
della forma 52 (C'?), alia forma 73 e ad alconi esemplari
della forma 52 (C'?): eft. Conimbriga 1975, pp. 255,
~i
3
;!!
in (1 decorata a rilievi applicati e Hayes 46, in CJE; 264-265- ';j
per E tipo Hayes 44, nn. 10, 12 la forma Ostia I, fig. u5, Frammenti in tutto simili a quelli di Conimbriga, rna
i:l C'; per it tipo Hayes 44, n. u e 52A, n. 3 i tipi Hayes
45C, un. 12-14, in CjE e Hayes 45C, un. 15,16 (?),
sieurarnente prodotri in sigillata africana D, sono stati
rinvenuti a Cartagine, Gerona, Sperlonga e Luni. E pro­ ,:~
probabilmente in C'. habile che anche alcuni esemplari della forma alle taw.

~,~
,'j


i
~'~

TERRA SIGILLATA: VASI

XXXVII, 9"" II; XXXVIII, 1-4, nola finora sohanto nella Iugoslaf.lia. breMO~NIK 1962;, tav. (dopo p. 144) VIII, on. 6-6 a.
Purrogallc. Conimbriga 1975, tav. LXXII (dopa p. 291), n. 86
produzione D, siano in sigillata africana C' 0 C': eft. (Ie dentellature sul labbro sembrano continue; l'esemplare sembra
WAAGE 1948, pp. 49-50, un. 869-873; RIVERO DE LA prodotto in sigillata afrieana 0: efr. pp. 256-257).
HIGUERA, in Zephyrus, XXI-XXII, 1970-1971, p. 333,
fig. 5, n. 1.
FORMA HAYES 71B.
Cronologia.
Mancano dati cronologici precisi. II comunque pro­ Descrizione.
babile che la coppa sia contemporanea alla cortispondente
scodella, datata da Hayes fra il 360 e il 470 circa. Coppa con orlo orizzontale 0 rivolto verso ralto, co­
stituito nella zona centrale da una fascia convessa deli­
Diffusiune. mitata da due modanatnre. L'orlo termina con un labbro
I pochi esemplati finora noti sono stati tinvenuti a pendente, cite pub presentare groppi di dentellatnre nella
Conimbriga. patte superiore. La parete Ita un andamento rettilineo.
sur fondo possono esserci due scaoalatnre. Basso piede
Bibliografia. ad anello. Diametri: em 14,8-15,7.
PortogaIlo. DELGADO 1968, tav. III (dopo p. 66), n. I. Conimbriga
1975, lav. LXX (doo<> p. '91), nil. 70-7',73(1)-74. Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXX, t9). Simile da1 punto
FORMA HAYES 71A. di vista tipologico, rna non atttibmbile con certezza alla
produzione classica, e un esemplare frammentario da
Descriziune. Setif (tav. XXX, 20). .
Coppa con orlo atticolato nella parte superiore in due Produzione.
zone, distinte da un listello: la zona interna e orizzontale Forma prodotta in sigillata africana 0. II profilo del­
o lievemente inclinata verso ralto, quella esterna, gene­ rorlo e simile a quello del tipo Hayes 68, un. 6-7, in si­
ralmente pili larga, e pili accentoatamente rivolta verso gillata africana E. Per il tipo di deeorazione del labbro,
ralto. L'orlo ternrina con un labbro pendente, segnato si veda quanto detto a proposito della forma Hayes 71A,
nella parte superiore da groppi di dentellatnre. Parete in C'.
leggermente ricurva 0 rettilinea, pili 0 meno svasata. SuI
fondo, all'interno, sono una 0 due scanalature. Basso piede Crunologia.
ad anello. Diarnetri: em 9,2-18. II solo esemplare databile e quello rinvenuto a Serif,
Tipologia. in un contesto della fine del IV seeolo.
Si conosce un solo tipo (tav. XXX, 17). Diffusione.
L'esemplare Hayes 71A, n. I presenta illabbro ingros­ Forma rata: oltre a quello di Serif, si conosce un esem­
sato (tav. XXX, 18). Esemplari da1 profilo simile, forse da plare, inedito, da Sperlonga. Un esemplare e conservato
attribuire ad una produzione locale con carattetistiche al Museo del Bardo, a Tunisi, uno al museo di Tripoli.
di argilla e vernice che ricordano quelle della sigillata
africana C sono stati rinvenuti a Serif: cfr. Serif 1970, Bibliografia.
Algeria. FEvRrER 1965, fig. 35, GH 7 e 8-c. 3, n. 12.
p. 124, fig. 28, n. 50; p. 135, fig. 33, nn. II8-II9. Musei e Colleziom. HAYES 1972, p. 120, forma 71B, nn. 4~5.

Produziune.
Forma prodotta in sigillata afticana O. FORMA HAYES 72, NN. 2-3(?), 4-6.
La decorazione con dentellatore, caratteristica anehe
delle forme Hayes 71B e 72, nn. 2-3?, 4-6, in C', Lamb.
571Hayes 73 Be Hayes 76, n. 7, in C', si ispira chiaramente Descrizione.
a quella di coppe d'argento e di bronzo, comune nel IV Coppa con orlo rivolto verso ralto, terntinante con un
secolo: eft. CURLE 1923, tavv. IlIA, IV, XIV; BRAILSFORD labbro ingrossato 0 pendente. La parte superiore del­
1947, tavv. 4,5 a; DODD 1961, p. 230, n. 81; p. 233, rorlo e decorata da piccole protoberanze generalmente
n. 82; p. 238, n. 85; STRONG 1966, tav. 66B. distinte in groppi e disposte su una stessa linea, raramente
continue 0 disposte su due linee, alle quali si accompagna­
Cronologia. no spesso scaoaltnre e, talvolta, la decorazione a rotella.
375-4001420' circa (Hayes). Illabbro pub presentare groppi di dentellatnre nella parte
Diffusiune. superiore 0 scanalatore all'esterno. SuI fondo possono
essere due scanalatore. Basso piede ad anello. Diametti:
Forma piuttosto rara, attestata in Portogallo, in Italia em 15,t-18 circa.
(un esemplare, inedito, e stato rinvenuto a Sperlonga),
in Iugoslavia, in Siria e soprattutto in Greda. Tipologia.
Bibliografia. Hayes distingoe due tipi: uno con orlo non decorato
Grecia. WAAGE 1933, p. 295, fig. 2, n. 153 (= tav. IX, n. 153). (Hayes 72A) ed uno con orlo decorato (Hayes 72B). Al
HAYES 1972, p. lIB, fig. 20, fonna 71, nn. 1-2. primo tipo riferisce due esemplari, da Serif (tav. xxx, 21)

71

CERAMICA AFRlCANA

e da DjemiIa (Hayes 72A, n. 3): Ia loro pertinenza aIla FORMA LAMBOGLIA 57 = HAYES 73A, NN. 1-4,6-7.
produzione classica non e periJ del tutto certa. HAYES 73B.
Orli apparentemente non decorati sono da attribuire a1la
produzione classica, ma la loro franunentarieta non consen­ Descrizione.
te di esdudere che appartenessero a forme decorate.
Sembra quindi opportuno, in attesa di ulteriore documen­ Coppa con orlo a tesa orizzontale 0 leggermente incli­
tarione, individuare un unico tipo, con orlo decorato, al n.to verso l'alto, terminante con un labbro ingrossato,
quale possono essere riferiti tutti gli esemplari nei quali pendente 0 rivolto in alto. Un gradino 0 una scanalatur.
i vari elementi della decorazione sono associati secondo possono distinguere l'orlo dal labbro, che presenta gene­
schemi diversi (tav. XXX, 22-23). ralrnente una serie di dentellature nella parte superiore.
Caratteristici per Ia varietil della decorazione sono gli La parete ha un andamento rettilineo. Talvolta sui fondo,
esemplari di Serif, forse da attribuire ad una produzione all'interno, e una scanalatura. Basso piede ad anello, in
locale, con argilla e vernice simili a quelle della C: cfr. alcuni casi quasi atrofizzato. Diametri: em 10,3-23.
FEv1uER 1965, fig. 26, E5 e 6, un. 6, 8; fig. 27, G e H-c. Tipologia.
2, n. 6; fig. 31, 14 e 5. b., un. 34> 42-43; fig. 34, GH 7-8­ Lamb. 57. - Seuza scanalature sull'orlo (tav. XXXI, I).
c. 2, un. 25, 27-31, 48, 50; Sell! 1970, p. 124, fig. 28,
L'esemplare Hayes 73A, n. I presenta il labbro piuttosto
un. 48-49; p. 135, fig. 33, n. II7.
alto e la parete sottile e ricurva (tav. XXXI, 2).
Variante HAYES 72, n. 1. Con orlo quasi orizzontale e
Variante HAYES 73, n. 10. Di maggiori dimensioni (dia­
labbro indistinto (tav. XXX, 24).
metro: em 24,6 circa), con dentellature probabilmente
Produzione. continue (tav. XXXI, 3).
Hayes 73B. - Con una 0 due scanalature sull'orlo (tav.
Forma prodotta in sigillata africana C'. Costituisce XXXI, 4). Hayes sembra escludere I'esistenza di esemplari
probabilmente servizio con la scodella Hayes 75, in C'. ill questo ripo con dentellature sui labbro (HAYES 1972,
Sembra derivare direttamente dalIa forma di tav. LXXVII, p. 123): a Sperlonga ne sono stati invece rinvenuti al­
3-6, in sigillata africana C' decorata: efr. il profilo dell'orlo cuni (tav. XXXI,s).
in alcuni esemplari di questa forma. AI rilievo applicato si
sostituiscono, con un diverso gusto decorativo, gruppi di Produzione.
rigonfiamenti aventi l'aspetto di «perline ». Questo tipo Fonna prodotta in sigillata africana C' e, pili raramente,
di decorazione si produceva nell'argilla ancora fresca con D (cfr. I'esemplare Hayes 73A, n. 5). Anche a Sperlonga,
uno sttumento che, praticando dei fori nella parte inferiore su circa quaranta franunenti, si nota una prevalenza della
dell'orlo, generalmente lungo una direttrice segnata da produzione C' rispetto a1la D. Esistono probabilmente
una scanalatura, determinava su quella superiore un nu­ alcune varianti locali di questa forma: efr. JODIN-PONSICH
mero corrispondente di rigonfiamenti. 1960, p. 294, fig. 6, b; PONSICH-TARRADELL 1965, p. 14,
La decorazione con protuberanze (cfr. anche la forma fig. 5, un. 6-7; p. 20, fig. 9, no. 5-6, 12-13, 17; p. 27,
Hayes 75, in C') e dentellature (cfr. anche Ie forme Hayes fig. 14; p. 34, fig. 20; p. 47, fig. 30, no. 6,8; JODIN
7IA e 7IB, in C', Lamb. 57fHayes 73B e Hayes 76, n. 7, 1967, p. r49, fig. 26; MARTIN 1969, p. 170, fig. 10;
in 0) imita quella di coppe d'argento e di bronzo: efr. p. 173, fig. II. Questa fonna sembra costituire servizio
CURLE 1923, tavv. IlIA, IV, XIV; BRAILSFORD 1947, con la scodella aile tavv. XXXVIII, 6-10; XXXIX, 1-4,
tavv. 4,5 a; DODD 1961, p. 230, n. 81; p. 233, n. 82; in D" con Ia quale ha in comune il profilo dell'orlo e
p. 238, n. 85; STRONG 1966, tav. 66B. Cfr. anche rorlo del labbro.
di specchi di bronzo: MUTZ 1972, pp. 129-131, figg. 349­ Presenta notevoli somiglianze anche con la forma Rigoir
35 0, 353-354· 3 a, in sigillata «arancione-grigia ».
Per I. variante Hayes 73, n. 10, cfr. in particolare il
Cronologia. tipo Hayes 76, n. 6, in sigillata africana D" e la forma
Inizio del V secolo (Hayes). La variante Hayes 72, n. I, Hayes 76, n. 7, in C'.
sembra essere leggermente anteriore (HAYES 1972, p. 121). Per il tipo di decorazione del labbro, si veda quanto
detto a proposito della forma Hayes 71 A, in sigillata
Diffusione. africana C'.
Forma non molto comune, attestata nel bacino del Cronologia.
Mediterraneo e in Austria. Un esemplare, inedito, e stato
rinvenuto a Brescia. Hayes suggerisce una datazione tra il 420 e il 475,
notando che gli esemplari decorati con dentellature sem­
Bibliografia. brano essere anteriori a quelli non decorati. A Moosberg
Austria. AllINGER 1955. tav. 2) n. 68 (ll diametro indicato nel testa, (Germania occidentale) si hanno peraltro attestazioni in
a p. 14, non corrisponde esattamente a Quello risultante daDa scala contesti della fine del IV secolo. Molti esemplari, per la
del disegno).
Francia. eVA France 6. tav. 51, n. 29. maggior parte non decorati, sono stati rinvenuti ad Abu
Grecia. HAYES 1972, p. 122, fig. 2£, forma 72, n. 6. Mena, in un deposito databile dal480 circa.
ltalia. FALLICO 1971, p. 607, fig. 30, AIS5. HAYES 1972, p. 122, L'esemplare Hayes 73A, n. I, distinto dagli altri per il
fig. 21, forma 72, n. 4.
Sina. WAAGE 1948, fig. 28, n. 10 (= tav. IX, n. 866 u). profilo e per la fattura molto accurata, potrebbe essere
Tunisia. FOUCHER 1965, p. 38, fig. 54. D. 6. tra i pili antichi.

72

TERRA SIGILLATA: VASI

e
La variante Hayes 73, n. 10, stata rinvenuta in un Bibliografia.
eontesto della prima meta del V secolo. Grecia. HAYES 1972, p. 122, fig. 21, fonna 74, n. I.

Diffusione.
Forma diffusa nel bacino del Mediterraneo, nell'Europa FORMA HAYES 8SA.
continentale e sulla costa atlantica. HAYES 8SB.
Bibliogrtifia.
e
La sigillata africana C 4 poco nota e spesso canfusa con la D: Descrizione.
non essendo possibile, sulla base della sola documentazione grafi.ca,
distinguere la produzione dei singoli esemplari, indichiamo sia quelli
Coppa con orio ingrossato, segnato da due 0 pili sca­
sieuramente attribuibili alIa sigillata africana' C 4, conrrassegnandoli nalature nella parte superiore. Sulla parete, all'esterno, e
con asteriscD (*), sia quelli per i quali l'attribuzione e incerta. una decorazione a rOlella pili 0 meno ampia. Sui fondo,
Algeria. BARADEZ 1961, p. II9, tav. I, n.. 48 (?); p. 123. tav. II,
on. 5,6(1). alI'interno, sono due seanalature. Piede alto e sottile.
Franda. eVA France 6, tav. 50, n. 27. LAMBOGUA 1963. p. 204, Diametri: em 10-12.
forma 57.
Germania Occidentale. *GARBSCH 1966, tav. 39, n. 15. Tipologia.
Grecia. *HAYES 1972, p. 122, fig. 21, forma 73 A var., n. 10.
lsraele. CROWfOOT 1957, p. 359, fig. 84, n. 4. Hayes 85A. - L'orlo e orizzontale e segnato da quattro
IraJia. MINGAZZINI 1949, p. 261, fig. 35, ee'. LAMBOOLIA 1950, scaoalature. Una scaoalatura distingue all'esterno I'orlo
p. 144, fig. 80, n. 46 (?). FALLICO I97I, p. 607, fig. 30, AI53-AI54.
Luni 1973, tav. 70, no. 7 (?)-8.
dalla parete. La parete, emisferica, e interamente decorata
Jugoslavia. KOROSEC 1956, lav. XVI, n. 4. a rotella (tav. XXXI, 7). .
Lib£a. HAYES 1972, p. 122, fig. 21, forma 73A, n. 2; *73B, n. 8.
Marocco. PONSICH 1970, p. 371, tav. CXVII, n. 2 (= p. 374,
e
Hayes 85B. - L'orlo rivolto alI'interno e seguato da
fig. 92).
due 0 tre seanalature. Una modanatura puo distinguere
Portogallo. DELGADO 1967, p. 127, tav. VII, n. 94. ID. 1968, all'esterno I'orio daiia parete. La parete, espansa, e de­
tav. III (dopa p. 66), no. 6-7. ETIENNE-MARcia 1971, tav. VI corata a rotella su tutta la superficie 0 su una zona ri­
(dopa p. 486), n. 7. *Conimbriga, 1975, tav. LXXI (dopa p. 291),
nn. S7-S8. stretla (tav. XXXI, 8-9).
8£r£a. WAAGE 1948, tav. IX, n. 866 k.
Spagna. ALMAGRO 1964. p. 47, fig. 13, n. 17. RUGER 1968. fig. 10 Produzione.
(dopa p. 25S), o. 6. Forma prodotta in sigillata africaoa C'.
Tun£S£a. *HOLWERDA 1936, p. 48, fig. IS, n. 630 (= tav. V, n. 630)
= HAYES 1972, p. 122, fig. 21, forma 73A, n. I. CVA Copenhague 7,
Costituisee probabilmente servizio con Ie forme Lamb.
tav. 312, n. 15. 55A/Hayes 82B, Hayes 83 e Hayes 84, in C'.
Una forma molto simile e prodotta in sigillata dell'Al­
geria orientale e centrale: efr. At.LAIS 1957, lav. n. 19
FORMA HAYES 74. (dopo p. 42). Cfr. anche la forma Hayes to, in sigillata
«tripolitana >,.
Descrizione. Per il tipo della deeorazione a rotella, imitante quella
Coppa carenata con orio a lesa leggermente inclinato di vasi d'argento, si veda quanto detto a proposito della
verso I'alto, tenninante con un labbro pendente seguato forma Hayes 53B, in sigillata afrieana C'.
alI'esterno da due seanalature. Una depressione distingue
I'orio dal labbro. Parete rettilinea, leggermeute svasata.
Cronologia.
Sui fondo, all'intemo, sono tre scaoalature. Piede sottile, Hayes 85A: meta del V seeolo (Hayes).
di media altezza. Diametri: em 12-12,2. Hayes 85B: seeonda meta del V secolo (Hayes).

Tipologia. Diffusione.
Si eonosee un solo tipo (tav. XXXI, 6). Forma rara, documentata in Italia (alcuni esemplari,
Un frammento, da Sperionga, presenta una solcatura inediti, sono stati rinvenuti a Sperionga), in Tunisia e in
sulla parte superiore del labbro ed una sola seanalatura Grecia.
su quella esterna. Bibliografia.
Hayes conosee aleuni frammenti nei quali la depressione GreC£a. WAAGE 1933, p. 295, fig. 2, n. 135 (= tav. IX, n. 135) =
e
cbe distingue I'orio dal labbro decorata a rotella. HAYES 1972, p. 130, fig. 23, forma 85, n. 4. HAYES 1972, p. 130,
fig. 23, fonna 85, n. I.
Produzione. Iralia. FAlllCO 1971, p. 607, fig. 30, AI59.

Forma prodotla in sigillata africana C' e 0. Per il


profilo dellabbro, efr. i tipi Sal. Cn, in C' decorata a FORMA DENEAUVE 1974, FIG. 9, N. It.
rilievi applieati, e Hayes 76, n. 6, in Dl, e la forma Hayes
76, n. 7, in C'. Descrizione.
CroncWgia. Coperehio di forma troneoconica, con larga presa eon­
Terzo ventieinqueunio del V secolo (Hayes). cava alI'inlemo, piana e con modanature all'esterno. Pre­
senta un listello rivolto verso I'alto, con modanature nella
Diiffiuswne.
.
parte superiore, e un elemento verticale in funzione di
Forma rara: e noto un solo esemplare intero, dall'Agora piede. II eorpo e deeorato a rotella. La verniee e soltanto
di Atene. Due esemplari, inediti, sono stati rinvenuti a all'esterno. Diametro piede: em IO,!. Diametro Iistello:
Sperlonga e a Brescia. em 12. Allezza: em 3,8.

7J

r
if
§
CERAMICA AFRICANA

Tipologia. sono due scanalatnre ed un'ampia zona decorata a rotella.


Si conooce un solo tipo (tav. XXXI, 10). Piede ad anello, seguito verso I'interno da un piede di
altezza inferiore, non avente funzione eli appoggio. Diame­
Produzione. tro orlo: em 16,5 circa. Dianretro listello: em 22,7 circa.
La descrizione delYargilla e della vernice (di colore Tipologia.
rosso chiaro), il tipo della decorazione a rotella (fealher­
rouletting) ed il contesto ne! quale l'esemplare e stato Si conosce un solo tipo (tav. XXXI, 12).
rinvenuto rendono probabile I'attribuzione alla sigillata Produzione.
africana C tarda, forse C'.
Le caratteristiehe dell'argilla e della vernice sembrano
In via de! tntto ipotetica si suggerisce l'associazione del
corrispondere a quelle della sigillata africana C' (efr.
coperchio con Ia coppa Hayes 8SA/B, in sigi1lata afri­
SALOMONSON '968, p. II9).
cana C'.
Per 1a struttora e per il tipo eli decorazione a rotella
Per il tipo della decorazione a rotella, si veda quanto
(feather-rouletting) questo vaso sembra essere l'antece­
detto a proposito della forma Hayes 53B, in sigillata
dente, in ceramica fine, eli una delle forme pia comuni in
africana C'.
sigillata africana D (tavv. XLVIII,II-I6; XLIX, I-II).
Cronologia.
Cronologia.
Meta V - illizi VI secolo (DENEAUVE).
Meta de! III secolo circa (Salomonson).
Diffusione.
Diffusione.
E noto un solo esempIare, da Cartagine. Forma eli produzione locale (Raqqada), non esportata.
Bibliografia.
Tunisia. DENEAUYE 1974, p. 144, fig. 9, n. II (= p. 155. fig. 17,
Bibliografia.
n. II). Tunisia. SALOMONSON 1968, p. II4, fig, 1.7, Cg (= p. n6, fig. 29.
Cg) = Raqqada 1973, tav. X, fig. 39.

FORMA SALOMONSON C6.


FORMA SALOMONSON I = HAYES '7', NN. 49-50.
Descrizione.
Descrizione.
Scodella con orlo a tesa orizzontale. Parete ricurva.
Sui fondo, all'interno, e un gradino segnato da una sca­ Brocca a corpo piriforme, con stretta imboccatnra. Per
nalatnra. Basso piede eli notevole spessore, seguito verso la descrizione, efr. Ia forma Sal. I, in sigillata africana C'
l'interno da un secondo piede ad anello. Diametro: e C' (?) decorata a riIievo applicato. AItezze: em 15,2-16,7.
em 16,2 circa. Tipologia.
Tipologia. Si conosce un solo tipo.
Si conosce un solo tipo (tav. XXXI, II). Produzione.
Produzione. Non facilmente identificabile, oscillante tra la A', Ia
Le caratteristiche della vernice (eli colore rosso-aran­ e' e la C'.
cione, lucente) sembrano corrispondere a quelle della Cronologia.
sigillata africana C'.
Per una forma analoga, della quale non e comunque for­ 280-300 (?) (Hayes).
nita alcuna descrizione, efr. Raqqada '973, tav. VIII, Diffusione.
fig. 36, tipo Ca.
Si conoscono due esemplari, dalla Tunisia.
Cronologia.
Bibliografia.
Prima meta - meta del III secolo (Salomonson). Tunisia. HOLWERDA 1936, (aV. VI, n. 679 = HAYES 1972, tav.
VII d.
Diffusione.
Forma eli produzione locale (Raqqada), non esportata.
FORMA SALOMONSON I his = HAYES '7', N. 51.
Bibliografia.
Tunisia. SALOMONSON 1968, p. 118. fig. 30, C6 = Raqqada 1973,
tav. VIII, fig. 36, tipo C b. Descrizione.
Boccalino a eorpo piriforme, con larga irnboccatura.
Per la descrizione, efr. Ia forma Sal. 1bis, in sigillata
FORMA SALOMONSON C9.
africana C' e C' (?) decorata a rilievo applicato. Altez­
za: em 9,7.
Deserizione.
Vaso con largo listello ricurvo, Ieggermente inclinato Tipologia.
verso il basso. Orlo ingrossato. Parete ricurva. Sui fondo Si conosce un solo tipo.

74

~'"

TERRA SIGILLATA: VASI

Produzione. Gronologia.
Non facilmente identificabiIe, oscillante tra Ia A', la C' Sal. VII: 200-280 (Salomonson).
e la 0. Hayes 127: probabilmente prima meta del III secolo
(Hayes).
Gronologia.
280-300 (?) (Hayes). Diffusione.
Si conoscono soltanto due esemplari interi, dalIa Tu­
Diffusione. nisia. Un esemplare frammentario, simile al tipo Hayes
11 noto un solo esemplare, da Corinto. 127, e stato rinvenuto nell'Agora di Atene.
Bibliografia· Bibliografia.
Grecia. HAYES 1972, p. 174, fig. 34, forma 171, n. 51. Tunisia. MERLIN 1916, p. CXXVII, fig. 1. SALOMONSON 1968,
tav. II, n. VII.

FORMA SALOMONSON III = HAYES 174, NN. 16-18.


FORMA SALOMONSON V.
Descrizione.
Fiaschena a corpo globulare. Per la descrizione, cfr. Ia Descnzione.
forma Sal. III, in sigiIlata africana C' e C' (?) decorata Brocca a corpo piriforme, con orio espanso e corto
a rilievo appIicato. collo ciIindrico. Ansa a mattice. Basso piede ad anello.
Altezza: em II,S circa.
Tipologia.
Si conosce un solo tipo. Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXXI,14).
Produzione.
Non facilmente identificabiIe, oscillante tra la A', la Produzione.
C' e la C'. Non faeilmente identificabiIe, oscillante tra la A', la
C' e la C'.
Gronologia. Per I'andamento del corpo ricorda la forma BONINU
280-300 (?) (Hayes). 1971-1972, fig. 41, in N.
Diffusione. Gronologia.
Sono noti alcuni esemplari, dalIa Tunisia. 200-280 (Salomonson).
Bibliografia. Diffusione.
Tunisia. FOUCHER 1967-1968, p. 239, tav. IX, n. 28.
L'unieo esemplare noto econservato nell'Antiquarium
di Cartagine.· .
FORMA SALOMONSON VII. Bibliografia·
HAYES 127. Tunisia. SALOMONSON 1968, [avo II, n. V.

Descrizione.
Fiasca a corpo globulare, con lungo collo ciIindrico.
FORMA SALOMONSON XX.
Ansa a mattice. II fondo, alto e con piede sotriIe, e di­
stinto dal corpo mediante un Iistello. A1tezze: em 17,8­ Descrizione.
19 circa. Brocca a corpo biconico, con collo a tronco di cono
rovesciato. Ansa a mattice. Basso piede ad anello. AI­
Tipologia. tezza,: em 12,2 circa.
Sal. VII. - Cfr. quanto deno alia voce Descrizione
(tav. XXXI, r3). Tipologia.
Hayes 127. - L'orio e chiuso da un diaframma convesso, Si conosce un solo tipo (tav. XXXI, IS).
che presenta un foro al centro. II fondo presenta nove
fori, uno al centro, otto lungo la circonferenza. Produzione.
Non facilmente identificabiIe, oscillante tra la A', la
Produzione. C' e la C'.
Sal. VII: non faciImente identificabiIe, oscillante tra Vasi simili, in ceramica locale dipinta, sono stati rin­
la A', la C' e la C'. venuti ad Henchir el Aouja e Raqqada (eft. SALOMONSON
Hayes 127: Ie caratteristiche descritte dalIo;,Hayes 11)68, p. 135, fig. 46; p. 137, fig. 48, n. 2). Per I'andamento
sembrano corrispondere a queIle della sigillata africana C' del corpo, cfr. anche Ie forme Sal. A7 e PaIl. 39, in
(cfr. HAYES 1972, p. 178, forma 127). sigillata afrieana A', Sal. XXI, in C' decorata a rilievo

75

CERAMICA AFRlCANA

applicaro, e Ie lagoenae biconiche in ceramica di Na­ FORMA SALOMONSON XIV = HAYES 165.
vigio (tav. LXXXIX, 1-2).
Descrizione.
Cronologia.
Anforetra a corpo ovoide. II collo presenta un leggero
200-280 (Salomonson). rigonfiamento. L'orlo e segaato da una scanalatura. Anse
Diffusion<. a matrice. Fondo piano. Altezze: cm 17-21,9.
L'unico esemplare noto econsetvato nell'Antiquarium Tipologia.
di Cartagine. Si conosce un solo lipo (tav. XXXI,16).
Bibliografia. Produzione.
Tunisia. SALOMONSON 1968, tav. II, n. XX.
Non facilmente identificabile, osclllanre tra la A', Ia
C' e la C'.
Per una forma simile, la cui produzione e incerta, cfr.
FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, TAV. 53, SALOMONSON 1968, p. 97, fig. 12, forma A26.
NN. 1-2.
Cronologia.
Descn"zione. 200-280 (Salomonson). Probabilmenre III secolo (Ha­
Brocca a corpo biconico. SulI'ansa e inclsa una deco­ yes).
razione vegetale. Sulla spalla e graflita I'iscrizione «Ex Diffusione.
OFICINA VILUTI ».
Sono noti alcuni esemplari, dalIa Tunisia.
Tipologia. Bibliografia·
Si conosce un solo lipo (tav. OOL'{IV, 4). Tunisia. SALOMONSON 1968, tav. II, n. XIV.

Produzione.
Forma prodotta in sigillara africana C' (?). FORMA SALOMONSON XIII.
Cronologia. Descriziolle.
Probabilmente prima meta del III secolo. Anforetta a corpo ovoide. Collo cllindrico, pili largo
a1I'atraceo con Ie spalle. arlo svasato, con labbro legger­
Bihliagrafia. mente rientrante. Anse a matrice. Fondo alto, con piede
Muse; e Colkzioni. LA BAUME-SALOMON,SON 1976, p. 126, n. 547,
tav. 53, nn. I~2.
sottile. Alrezza: em 16 circa.
Tipologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXXI, 17).
FORMA SALOMONSON VIII = HAYES 172, N. 27.
Produzione.
De'crizione. Non facllmente identificabile, oscillante tra la N, la
Anforetta. Per la desctizione, efr. la forma Sal. VIII bis! e' e la C'.
VIII in sigillata africana C' e C' (?) decorata a rilievo
Per il profilo dell'orlo, efr. Ia forma Sal. XI, in sigillata
applicato. Altezza: em 19,5 circa. africana C' e C' (?) decorata a rilievo applicato.
Cronologia.
Tipologia.
200-280 (Salomonson).
Si conosce un solo lipo.
Diffusione.
Produzione.
E noto un solo esemplare, al Museo del Bardo.
Non facilmente identificabile, oscillante tra la N, la
C' e la 0. Bibliografia.
Tumsia. SALOMONSON 1968, tav. II, n. XIII.
Cronologia.
280-300 (?) (Hayes).
FORMA HAYES 164.
Diffusion<.
Sono noli attualmente tre esemplari: uno da Gigthis, Descrizione.
uno da El Aouja, ora aI Museo del Bardo, ed uno aI Anforetra a corpo ovoide. Per la descrizione, cfr.
museo di Constantine. HAYES 1972, p. 191, forma 164. Altezza: em 19,5 circa.

Bibliografia. Tipologia.
Tunisia. Mmu.m-CoNSTANs 1918, p. 131, fig. 4, n. 3. Si conosce un solo lipo.

76

~"

TERRASIGILLATA: VASI

Produzione. briga [Commiga 1975, rav. LVI (dopo p. 213), un.


Non facilmente identificabile, oscillante tra la A', la 362 -3 63].
e' e la C'. Crono/q;ia.
Gronologia. Mancano dati cronologicL II tipo <Ii vernice e Ie affinita
Prima mera del III sceolo (Hayes). con la forma suddetta in sigillata africana A rendono pro­
babile una datazione intorno al III secolo.
Diffusiotu!.
Diffusi01ie.
Sono noti due esemplari, da11a Tunisia.
Si conosoe un solo esempIare, conservato nell'Antiqua­
Bibliografia· rium Comunale <Ii RoOlll.
Tunisia. HAYEs 1972. t. 191, forma 164­
Bibliografia.
Musei e Colleziom. Atlanre, ta\"o XXXI,18.
FORMA LA BAUME-SALOMONSON 1976, TAV. 58,
N·4· FORMA • KUNST UND l\LTERTUM)} 1973, TAV. 72,
N. ISS.
Descrizione.
AsMs. Deserizione.
Tipologia. Pisside imitante la forma di una melagrana. L'orlo e
Si conosce un solo tipo (tav. CXXXIV,5). rivolto verso I'esterno e reca una .erie <Ii dentellature, ad
imirazione di una corolla. Due modanature distioguono la
Produzwne. spalla daI collo e dal corpo. Sui corpo sono sei depressioni.
Sigillata africana (l. Collo, spalla ., corpo sono segnati da scanalarure. Sovra­
cipinrure eli colore bianco-gia!lastro sono appena evidenti
Grona/ogia. sulI'orlo, sia all'interno elle all'estemo, e sulla parte su­
Meta del III secolo. periore del colla. Una serle <Ii elementi a gocda, dello
Slesso colore, circonda la parte superiore del corpo: da
Diffusione. questi pendono quattto grappoIi d'U'la, Ia disposizione dei
La provenienza dell'unico eseoplare pubblicato e 'quali ncn rispetta la logi.:a stru:turale del vaso. AItezza:
ignota. em 15,2. Diametro: em }2,6.
Bihliografia. TipologiJ.
Musei e Collezioni. S.\LOMONSON, in BVAB, 1975. pp. 37-38
(cat. n. 638), figg. 95-96; LA BAUME-SALoMONSON [976. p. 147. n. 592, Si conosce un solo tipo (rav. CX-XXIV, 6).
tav. 58, n. 4.
Produzione.
II vaso e atttibnito alia sigillara africana C (argilla rossa,
FORMA «ATLANTH, TAV. XXXI,18. vemice sottile, Ieggermente brillante, di colore rosso
chiaro). Per Ie notevoIi analogie che presenta con I" forma
Descriziane. CARfu'lD:Nl 1969, fig. I, in sigillata africana Al", non si

Borraceia a corpo Jenticolare, con o~lo di forma cilin­ puo escludere comunque che sia anch'esso prodotto in A.
drica distioto dal collo e due anse segnar, da una scanala­ Per il gusto delle depressioni, si veda quanto detto a
tura. II collo, impostandosi interamente .u una sola faccia proposito della forma CARANDINI 1969, fig. I.
del vaso, ne consente la posizione orinontale. Sulla parte Gronologio.
superiore del corpo e una solcatura eircolare. Diametro
IV 8ecolo (I) CKunst und Altertum 1973> p. 103).
orlo: em 3- Diametro corpo: em 19,8 circa.
Diffusion<.
Tipologia.
E note un solo esemplare, p:oveniente dalla Tunisia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXXI, 18).
Bibliopa)ia.
Produzione. Twmic. Kunst uml AlrertUi1i 1973. tav. 7'1.. n. 155 = LA BAUME­

II solo esemplare finora noto presenta una vernice di SALOMONWN 1976, tav. 51, n.. 4­
tipo C'. Si tratta di una variante del 'laso « a borraccia)}
tipico, noto in numerose produzioni: si veda a questo
FORMA (ATLANTE», !AV. XJCXI, 19.
proposito quanto detto per la forma Lamb. 131Hayes
147, n. 3fLamb. 13 his, in Al, All', A'.
Dal punto di vista strutturale presenta analogie con un Descriziune.
esemplare, probabilmente in =amica comune, prove­ Anforetta a corpo piriforme, con collo a tronco di
niente da Pompei (BolIN 1910, tav. XII, n. 398), e con cono royeseiato ed orlo inrlistioto. Una modanarura separa
due esemplari in sigillata ispanica, rim'enuti a Conim­ il collo dal corpo, che presenta neIla parte centrale un'am­

77

CERAMICA AFRICANA

pia zona decorata a rotella, compresa tra scanalature. Per il tipo della decorazione a rotella, si veda quanto
Altezza approssimativa: em 15· deno a proposito della forma Hayes 53B, in sigillata
africana C'.
Tipologia.
Cronologia.
Si conosce un solo tipo (tav. XXXI, 19). Mancano elementi eronologici. Datazione indicativa:
,<:conda meta d::l IV-V secolo.
Produzione.
La conoscenza di questa forma su11a sola base foto­ Diffusione.
grafica rende impossibile una arrribuzione sicura. La II noto un solo esemplare, conservato al Musco del
decorazione a rotella del tipo feather-rouletting, carat­ Bardo a Tunisi.
teristica della sigillata africana C' ed in particolare C', Bibliografia.
potrebbe comunque suggerire l'affinita con una di queste Tunis£a. AtJanu, tav. XXXII 19_
produzioni. L. S.

D) PRODUZIONE D

1. FAS! E PRODUZIONI. sixth centuries two versions ofthe standard (Late Roman B)
ware are current. The first, characterized by a rather
thin dull slip and a tendency to pimply surfaces, appears
Si e indotti a ritenere la sigillata africana D prodotta to be a simple continuation of the Late B ware common
per 10 pili mediante matrici da alcune considerazioni in the fourth century (i. e. Waages middle phase) ,)
tecniche, qua1i il risparmio della vernice sulla parete (HAYES 1972, pp. 291-292).
esterna, che peraltro appare generalmente ben lisciata, il La produzione D' (prima fase: fine IV - inizi VI se­
fondo che in molti vasi presenta una rientranza in corti­ c,lo) e descritta nel modo seguente: {< a series of fifth­
spondenza della congiunzione con la parete e i1 profilo and early sixth-century pieces with a similar body-clay
netto di alcuni esemplari (efr. HAYES 1972, pp. 294-295). exhibit a thick, bright, higWy polished slip, similar in
Sono stati identificati essenzialmente due filoni nella ~ppearance to that of the early third-century series
produzione della sigi11ata D. II primo, da noi definito D', mentioned above, and with a similar tendency to flake.
riprende la tradizione della sigillata africana A, in parti­ These contrast markedly with the dull-surfaced vessels
colar modo della A' il secondo, D', riprende invece of the main series. The body-clay of these pieces tends
que11a della AfD· to be coarse-grained and is mostly rather poorly fired,
Tale articolazione e dovuta ad Hayes, che sembra di­ with a tendency to an orange or light brownish colour.
stinguere due fasi per oguuno de; due filoni, non tanto The surface show tooling-marks, and the slip tends to
in ragione di differeuze tecniche quanto di ambiti ero­ have a burnished appearance. Occasionally areas of the
noJogici. surface are left rough and decorated with lightly burnished
La produzione D' (prima fase: IV-V secolo) e cosi patterns ». La produzione D' (seconda fase: fine V­
descritta da Hayes: • the standard coarser fabric of the meta VII secolo): «the second version, which is far more
fourth and fifth centuries, constituting Waage's Late B common, has a thicker, semi-lustrous polished slip, more
ware (middle phase), and most of Lamboglia's D ware, or less identical in appearance with that of the earliest
appears to he the direct successor of the normal early African products. This is combined with a rather coarse
ware (Lanboglia's A ware), the main difference being ware in which lime is the predominant impurity. Its
"that the slip no longer covers all of the exterior. The CQlour is regularly orange-red or btick-red, as that of
clay varies from finely granular to coarse in texture, the the early series; the slip frequently ends at the lower
earlier examples being on the whole the best; the ware edge of the rim. A characteristic of this ware is the
is at first of medium thickness, sometimes quite thin, Slll{)othing of the unslipped exterior with a brush, produc­
but tends to get thicker (about 6-9 mm) as time goes on. ing a finely corrugated surface. This feature is commonest
The slip, which varies in thickness, tends to be less on the smaller vessels; the undersides of the larger dishes
lustrous than that of the early ware; a pinkish tinge, often bear tooling-marks instead ,) (HAYES 1972, pp.
perhaps the result of harder firing, is qnite common, <'91- 2 92 ).
along with normal orange-red and brick-red colours. Definiamo D11' la produzione di alcune forme raramente
Fine tooling-marks are visible on somes of the larger ~ttestate, che presentano una vernice semibrillante, rna Ie
pieces, particularly on exterior surfaces; other pieces cui caratteristiche tecniche generali non appaiono per ora
exhibit a rather pimply surface. The hair-lines characte­ ben definibili, a causa della insufliciente dO<.'UIl1entazione.
ristic of the earlier series are less in evidence, indicating Non e possibile l'attribuzione delle medesime forme
less careful polishing ». La prodnzione D' (seconda fase: alla sigil1ala afri-:ana D' 0 alia D', che pure annoverano
fine V- meta VII secolo): {, during the late fifth and l:l1volta esemplari con vetnice semibrillante, anche se l'una

78 .

TERRA SIGILLATA: VASI

e caratterizzata generalmente davernice opaea, l'altra da .= decorazione a rotella ~cfr. alcune for.me in D', tavv.
vernice bri1Iante. XLIII, 3-7 e XLIV, 1-2; XLIV, 4-6; XLV, 8; XLVI,
Caratteristiche di argilla e vernice in parte assimilabili 1-2).
a quelle della sigillata afrieana C' sono comuni nelle La forma Lamb. 60 bis/Hayes 86, n. 2 in D' sembra ri­
forme Atlante, tav. XXXVI,I/Conimbriga 1975, tav. far'i aLa Hayes 84 in C'. La scodella Hayes 87A in D',
LXXI, n. 90; in D' Atlante, ta,. XL,9fLamb. 55E. Le talcra polita a strisce all'interno, costituisce probabilmente
ultirne due forme sen6rann essere prodotte secondo di­ 10 sviluppo morfologico di 'ma forma in D' e D' (tavv.
versi livelli qualitativi. Hayes 80A/Lamb. 58, Hayes 81/ xx.'{lV e XXXV, 1-7; efr. il tipo 61B di Hayes). La
Atlante, tav. XLVIII,7, in D'. forma Hayes 8gB, che raggiunge eccezionalmente i em
La produzione D' presenta gli stili di. Hayes A(i)<ii)-(iii) 64,5 di diametro, rappresenta la versione meno fine della
e E(i) della decorazior.e a stampo; la D' gli stili A(iii), 3ayes S9A in C' decorata 11 matrice e a tilievi applicati.
E(i)-(ii). JIl piatto da portata, Hayes III, prodotto in D', presenta
ricettao,li a sezione semicircdare, ad imitazione di patene
sacramentali d'argento e di mense marmoree cristiane.
I va,i sono decorati dagli stessi motivi considerati nel
II. MORFOLOGIA. gruppo dei piatti e scodelle senza piede 0 con piede atro­
fizZlltO. La forma Arlante, tav. XLVII, r4 in D'12 mostra
sovradipinture, Ie quali compaiono normalmente sni vasi
a) Forme aperte. a melogrann in A e probabilmente in C.
Tutte Ie forme pm testimoniate, esclusa una forma in
I. - Piatti e scodelle senza piede 0 con piede atrojiz­ D'(taV'l. XLIII, 3-7 e XLIV, 1-2), sono decorate a stampo
zato (300-S00 circa) (taw. XXXIl- XXXIX; XL, 1-8; negli stili E(i)-(ii).
CXXXV, 1-2).
Si tratta di forme d:. 20-55 centirnetri di diarnetro. Le j. - Coppe e vasi a listelln senza piede 0 con piede atro­
notevoli dimensioni di questi piatti e scodelle, come in fizzato C3So;~so circa) (raw. XLIII-XLIX; L, 1-10;
generale di rutto il vasellarne da tavola prodotto in sigillata GXXXV,3)·
africana D, vanno forse rnesse in re!azione con nuove Le coppe presentano un diametro generalmente compre­
abirudini cu1inarie. so tra i 14,5-23 centimetri, i vasi a Iistello tra i 12-41 cen­
Sono imitati vasi in ,igillata afrieana AID (il tipo Hayes tirnetri.
32/58 in D'), in 0, C' (Ie f3r.me Hayes 60, nn. I-2.'GuERY n fondo puo essere piano, eventualmente seanalato, in
1970, fig. 69, Hayes 50B, n. 60jHayes 50B, n. 61 in D' :nolo da creare un falso pie:ie, 0 FlO essere munito di un
e in D'), in C' (la forma Hayes 53B, in D'), in C' (la ::>asso piede, pill 0 meno atrofizzato.
forma Hayes 56 in D:I'). E pc'ssibile che Ia forma HOLWERDA 1936, tav. VI,
Spesso il fondo si ccnnette alia parete in modo da for­ :1.658 in D' derivi dal tipo Lamb. 4f36B in A', cni appare
mare una rientranza. Non mancano tipi con un fondo aflbe per Ia struttura generale d~ corpo e per la deco­
semplicemente piano, (0 con fondo piano muniro di scana­ cazione a barbotina dell'orlo, la quale, ne! caso della forma
Iarura e/o ineavi che permettono di distinguere un falso ;Jrodotta in D, sembra imitare un beccuccio.
piede, 0 con un fondo munito di una scanalatura oppure La forma Hayes 8oAfLamb. 58 el'unica a presentare la
ineavo che 10 separano dalla parete, 0 con un fon'b prov­ decorazione a stampo di slil. A(iii)fE(i).
visto di un piede atrofizzaro stretto, raramente largo, 0
con un fondo con piede ad anello. 4. - Coppe conpiede (400/4so-6SG circa) (taw. L, II-IS;
Compaiono accanto ai motivi tradizionali - scanalature, LI-LII; LIII, I-4; CXXV,4; CXXXVI,I-2).
profilarure 0 fasce a riEevo, decorazioni a rotella, tacche ­
nuovi tipi di decorazione, da1Ie r.ervature imitanti il vetro, Si tratta di coppe di em [3,5-23.5 di diarnetro, Ie quali
spesso alternate ad impressioni, aile perline e baccellature, sooo munite di un piede di a1tezza diversa, talora rastte­
che si rifanno a motivi tipici dei vasi in argento. La forma :naco e svasaro, ora piu sottile, ora pill spesso. II tipo
Hayes 87B in D' presenta una politura a strisce, de! tipo WAAGE 1948, laY. x, 110, 878k!P, in D' presenta un
comune nella ceramiea da cucina. piede atrofizzato.
La decorazione a stampo EgUll su tutte Ie forme Alcune coppe di dimensioni ridotte - em 6-10>4 di
pill comuni, con l'eccezione di una forma in D' (tav. dia:netro - mostrano un altO piede, che puo essere carn­
XXXII, 1-9), negli stili A:i)-(ii)-(iii), e, raramenre E(i). ;>anulato, 0 semplicemente svasato, 0 costituito di due
clemen:! congiunti ad angolo.
La forma LA BAUME-SALOMONSON 1976, tav. 54, n. 2,
2. - Piatti e scodelle con piede(4ool4So-6So circa) (taw.
XL,9-IO; XLI-XLVII). imitrmt. in cerarnica I'analq:a coppa in argento, e ornata
da nervature sulla parete estema, che abbiamo gia indicato
Sono vasi generalmente compresi entro i 25-55 centi­ come tipic1Je del vetro. La forma Hayes IIO in D' e
metri di diametro - salvo 'ma serie di scodelle profonde caratterizzara da una serie di baccellature sulla parte supe­
di em 1')-35 - muniti di piede di a1tezza diversa, che :-:lore dolla parete esterna. II calice su alto sostegno Hayes
puo essere svasato, rastremato e di spessore variabile. II [70, prodotto in D', trova confronti ne! vetro e ne!­
piede presenta talora una 0 piu scanalature e raramente l'argento.

79

CERAMICA AFRICANA

Akune coppe in D' (tavv. L, II-IS eLI, 1-8; LI, 12­ in D' (tav. XXXII,I-9), clie comparirebbe a partire daI
13; LI, 14-15) sono decorate a stampo negli stili E(i)-(ii). 290/3 00 .
Ricordiamo che per la prodnzione D Ie cronologie di .
5. - Coperchi (!av. LIII,5). Hayes si fondano sni depositi dell'Agorit di Atene (III-VII
VII secolo), di Corfu (Terme romane), di Antiochia
(VI-VII secolo; cfr. in particolare gli strati telativi aI
b) Forme semichiuse. terremoto del 526), di Abu Mena e di Karanis in Egitto
(V-VI secolo), di Tocra e di Apollonia (Palazzo bizantino)
E noto un solo vaso di questo tipo, decorato da motivi in Cirenaica, di Emporio (Chios, forte bizantino: Iivello
a stampo sulla parete esterna (tav. LIB,6). del 660), sugli strati delle chiese datate di Costantinopoli
(VI-VII secolo) e sulle associazioni con Ie ceramiche
c) Forme chiuse. orientali per a1tro verso datate (efr. carte di diffusione
in HAYES 1972, p. 456 ss., A 8-10; p. 463, B 26-30).
La recente pubblicazione di una colle2ione privata Gli strati relativi alia costrnzione della villa del Casale
(efr. LA BAU1>IE-SALOMONSON 1976) ha rivelato I'esistenza a Piazza Armerina documentano la presenza di due fra Ie
di a1cune fOlme chiuse di IV-V secolo (?), che riproducono forme piu antiche prodotte in Dl (tavv. XXXII, 1-<);
modelli in metallo (tav. CXXXVI,4-6). XXXII, 10-13 e XXXIII); in contesti piu tardi e stato
Le stratigrafie di Cartagine hanno permesso I'individua­ rinvenuto un frammento di un vaso a Iistello in D' (tavv.
2ione di una produzione locale di forme chiuse, ancora XLVIII, II-16 e XLIX, I-II) (efr. Piazza Armerina
non ben identificate, caratterizzate da una vemice general­ 1971, p. ISS ss.).
mente brillante e di colore quasi marrone, databili aI n massimo di diffusione si ha fra la metit del IV e
V-VI secolo :tav. LIII, 8- '4). la metit del V secolo. Tutte Ie forme piu comuni so­
no documentate non solo nel bacino occidentale, ma
anche in quello orientale del Mediterraneo e sulla co­
d) Askoi. sta atlantica. Alcune forme in Dl, D' (tavv. XXXII, 1-9;

Come nella produzione A, cosl nella D e documentato


un aslWs, il quale e decorato a stampo (tavv. LIII,7;
CXXXVI,3)·
XXXII,10-13 e XXXIII; XXXIV e XXXV, 1-7;
XXXVII, 9- II e XXXVIII, 1-4) appaiono Ie piu espor­
tate. Due di queste (tavv. XXXII,10-13 e XXXIII;
XXXIV e XXXV, 1-7) raggiungono rEuropa continen­
I
~
!
I
tale e il Mar Nero. Alia fine del IV secolo la sigillata D
e documentata sulle coste ove sfocia il Reno.
Coppe e vasi a Iistello non sono testimoniati prima della
III. AREA DI PRODUZIONE. fine del IV secolo.
Le imitazioni, sia a Iivello locale, sia in Occidente e in
Non conosciamo la precisa ubicazione delle officioe che Oriente, ci consentono di misurare I'egemonia di questo I
I
producevano]a sigillata africana D, tranne rare eccezioni. • fossile gnida ». A partire dal IV secolo, particolarmente
Si puo pero identiticare con sicnrezza I'area di prodnzione daIia metit, e per tutto il V, fioriscono Ie prodnzioni locali
nella Tunisia settentrionale, piu precisamente nella regione nord-africane (sigillata (I tripolitana », della Tunisia me­
I
che aveva 10 sbocco principale nel porto di Cartagine. ridiouale, centrale, occidentale, dell'Algeria centrale ed
Lo stile .) A ,) della decorazione a stampo della D i: te­ orientale).
stimoniato in questa area, analogamente alIe forme piu In Occidente la terra sigillata grigia e arancione nar­
anticbe della prodnzione A. Officioe di Oudna produce­ bonese imita la decorazione a stampo della sigillata afri­
vano sigillata africana D decorata a stampo nello stile E(i). cana (stile A) di IV-V secolo. D'a1tra parte ceramiche
In un centro costiero, Pheradi Maius, sono stati rinvenuti locali ispaniche, ancora mal note, ricbianIano Ie prime e
scarti di fornace di sigillata D. Altri centri produttori di piu diffuse forme di D.
sigillata D (classica 0 locale?) erano Henchir el Biar, In Oriente, dalla seconda metit del IV secolo, la piu
Henchir Mahrine, Bordi eI Djebri (CAltANDINl 1970, importante imitazione i: la «Late Roman C ,j. AlIa fine
p. II4)· del secolo la D penetra nelle regioni piu interne del corso
del Nilo, infIuenzando Ie produzioni locali (efr. HAYES
1972, p. 421).
La dominazione vandala (<<0-540 circa) sembra compor­
IV. AREA Dr DIFFUSIONE E CRONOLOGIA.
tare un declino delle esportazioni verso rOriente, dove
la D viene sostituita prevalentemente dalla ceramiche
E possibile che a1meno un settore della prodnzione pergamene (<< Late Roman C »), cipriote (. Late Roman
della sigillata africana D vada collegata ad una ripresa D ,»), cd egiziane. L'Egitto sembra non essere toccato da
delle officine, che, decadute nel corso del In secolo, tale declino. Una certa crisi nell'esportazione si avverte
avevano prodotto sigillata A di scadente quailtil. anche in Occidente, anche se in misura minore, special­
Hayes fa risa1ire aI 320-325 I'inizio di produzione delle mente in Spagna e in Marocco (sulle conseguenze della
forme piu antiche di D (D'), con I'eccezione di una forma dominazione vandala sull'esportazione, cfr. HAyES 1972,

So
r-

I TERRA SIGILLATA: VASI

p. 423 ss.). Tuttavia ::a forma Lamb. 48/WMGt 1948, lucerne, e, sopratultto, delle derrate alioJentari liqnide,
tav. IX, n. 8561<:, e tesillnoniata anche in Renania. per Ie quill i contenitori (Ie anfore) restano la fonte prin­

I
ii
La diffusione della rigillata afticana D riprende con la
riconquista bizanfua. Nel VI secolo la forma Hayes
Io<!A/WAAGE 1948, ta','. VIII, n. 805a in D' e documen­
tata nel Mediterranec occidentale ed orientale e snlla
cipale di conoscenza.
La produzione delle lucerne e caratterizzata da un
not·,vole s-muppo quantitativo e da11a commercializzazione,
nella seconda mem del IV secolo, della forma VIII (lu­
I costa atlantica. cerne di Henchir es-Srira), e dalla massima fioritura, nel
Nel VI secolo, in Britannia, la produzicne« Late Roman pieno V secolo, della forma X Oe "africane classiche»).
C ') e la sigillata D sono state rinvenute in associazione Per quanto riguarda Ie antore, si nota nel IV secolo
con anfore v:nane per 10 piu orientali, il che potrebbe un massi:cio sviluppo produttivo nelle regioni setten­
indicare relazioni commerciali dirette con i Bizantini triar.ali dell'Africa. Accanto a contenitori africani gill
(eft. HAYES ]972, pp. 422-423). La forma Hayes IC4B, affermati, sono prevalenti Ie anfore ci1indriche del Tardo
n. IS in D' e Stata rinvenuta nel monastero di Iona, nella Impero. A. Ostia, in uno strato della fine del IV - inizi
Scozia occidentale. del V secolo, Ie anfore prodotte dalle province afticane
AIla fine del Vl-VII secolo e piuttosto comune una costituiscono oltre il 50 % del totale (Osria IV, p. 247).
I forma in D' (taVl'. XLIII,3-7; XLIV,I-2), che rag­ La conqnista vandala sembra causare una crisi nella
~ giunge forse il Mar Nero. produzione e nella espottaziane (Ostia IV, p. 190). La

I Un'altra conrrazione nella produzione avviene fra la


fine del VI secolo e l'invasione araba (cfr. la carlina AI2
in HAYES 1972).
pielU ripresa della esportazione della sigillata afticana D
presuppone I'esistenza di un prodotto esportato, l'olio
della Tunisia, e dei suoi contenitori da IraSpOrIo. II

I L'invasione araba in Mrica (647-698) interrompe l'espor­


tazione della sigilla:a africana D, e, in generale, di tutte Ie
com:nerdJ dell'olio non sembra interrompersi printa della
OJnquista araba (Ostia IV, p. 186).
II produzioni africane. In Occidente Ie uItime attestazioni
sono offerte dalle necropoli longobarde di Castel Trosino,
Nocera Umbra, e forse Fiesole. In Oriente la sigil1ata D
Da torto cio si deduce che il periodo che si apre con il
IV sl:1:olo, lungi daI1'essere un'epoca di ripiegarnento pro­
dntrivo dell'Africa settentrionale, e un momenta di proie­
i e presente in note':ole misura, al secondo posto dopo la zio"e del commercio africano nel bacino del Mediterraneo,
i
Ii {, Late Roman C " in uno SIrato datato tra il 550 e il 650 che raggimge ora la sua massinta diffusione.
a Sara~hane ad Istanbul (HAYES 1968, p. 195). Con la II quaero offerro dalla documentazione relativa alia

I
metit del VII secolo prevale la cerarnica invetriata bizan­ pro:1uzione agricola e cerarnica trova conferma anche nelle
tina e araba. fonti letterarie e in altri aspetti della documentazione
La produzione della sigi11ata africana D pone innanzi­ archeologica (eft. CARANoIN1 1970, pp. 102-II4). La erisi
tutto un problema di petiodizzazione della storia economi­ effetti,a della produzione africana pare dunque doversi
ca dell'Africa settentrionale. spostare in epoca tarda, in concomitanza con l'invasione
Per chiarire il momento della decadenza della produzio­ araba. La interruzione della produzione ed esportazione
ne agricola e artigianale occorre aver presente, oltre aIlo delle ceramiche segua in effetti ]a fine del mondo antico nel
svolgimento della ]'"'oduzione eli cerarnica fine da mensa, Merl:terraneo sud-occidentale (eft. CARANDINI 1970, p. t14).
Ie condizioni de1la ptJduzione e del commercio delle A.C.-S. T.

I!
i
FORMA HAYES
HAYES
HAYES
S8B,
S8B,
32/58.

N.
N.
I~.

9.

di s:analature leggermente inclin.to verso il basso


(tay. XXXII, I).
Hayes 58B, n. IS. - Fondo come nel tipo precedente.
HAYES S8B, N. 21. Orlo rivolto in basso munito di una scanalatura (tav.
HAYES S8B, N. II.
XXXII,2).
Hayes SSB, n. 9. - Fondo come nel primo tipo. Orlo
HAYES S8B, N. IS.
orizzontale munito di una 0 due scanalamre. Eccezional­
SALOMONSON D2 a. mente e 'nsibile una scana1atura nel punto piu basso
LAMBOGLIA S2C. della parete, poco printa della rientranza del fondo (tav.
LAMEOGLIA S2B. xx.XIl,N)·
Hayes 58B, n. 21. - Fondo come nel primo tipo. Per
Descrizione. I'orb e per la struttura generale del Yaso, efr. il tipo Hayes
Scodella a pareti pill 0 meno svasate, con orlo a tesa 58B, n. 19.
piana, liscio 0 munito di una 0 pill scanalature. All'interno Hayes S8B, n. II. - II fondo presenta un piede
sono visibili una scmabtura in corrispondenza della con­ atrofizzato. Orlo orizzontale munito di scanalatura (tav.

II
i
giunzione tra patete e fondo e due scanalature versa il
centro. Diametri: em 22-42.
Tipologia.
XXXII,S)·
Hayes 58B, n. 19. - II fondo epiano e mostra un leggero
incavo, lit dove esso si congiunge alia parete (cfr. il tipo
Lamb. 9A in Dl). Orlo ispessito a sezione triangolare,
I Hayes 32/58. - Nella parte esterna il fondo si connette mnnim generalmente di una .canalatura. In generale la
I alia parete in modo da formare una rientranza. Orlo privo forma sembra essere piu profonda (tav. XXXII,6).

I• 81
I 8 - Enciclvpedia df!ll'An~ - AIL F. c., I
r
CERAMICA AFRlCANA

Sal. D2 a. - Fonda come nel tipo precedente. Orlo 196;, p. 373, figg. 90-91. FMlJCO, in NSA, 19('9, p. 344, fig. 45 d( ?).
FALL1CO 1971, p. 607. fig. 30. AI45 (?), A157 (?). LISSI CARONNA
orizzontale scanala:o (tav. XXXII,7)' 1971, p. 335, fig. 7, n. 4. Osti.:lIII, fig. 107. Lu:zi 1973, tav. 69, n. 10.
Lamb. 52C..' Fonda piano, arlo a tesa piana privo di Ostia IV, figg. 14-16.
scanaIature, parete malta svasata (tav. XXXII, 8). Vanna Jugoslavia. L:REMO~ 1900, tav. III (jopo p. 144), nn. 14-15 (?).
GREMOSNIK 1966, Ill•. II (dopo p. 5'), nn. 13-r4 (1).
forse tiferiti a questo tipo alcuni esempIari rinvenuti a MarocCD. JODIN, in BAM, VII, 1967, p. 492., fig. 12, n. 37.
Draria-el-Achour (Algeria), non considerati da Hayes PortogaUo. ALARcXo-MuUT:NHO DE Jl.J.ARci.o 1966, p. 92, tav.
nell'ambito della forma in esame, caratterizzati da un arlo XXXII, tomba 439, n. 2. OnGADO 19'67, p. 123, tav. III, n. 48;
p. 125, tav. V, on. 65, 67-69, 7L DELGADC 1968. tav. III (dopo p. 66),
leggermente rivolto verso i1 basso, apparentemente non n. r6. DE FIGUERElDO GARCI.' PEREIRA 1971, ? 444, fig. 13, n. 13.
scanalato e da un fonda piano, in nessun modo distinto Siria. WAAGE 1948, tav. IX, n. 821.
Spagna. Papeles V31encia ]962, p. 101, fig. 6, n. 67 (?). EsTEVA
dalla parete (eft. CAMPs 1955, fig. 4, tipo II, nn. 6, 8). CRUA&AS 1962, p. 60. fig. 6, on. 2-3. G1.'"1TART DURAN 1970, p. 153,
Lamb. 52B. - Fonda munito di piede ad anelIo, arlo fig. 26, n. 14; p. rOO, fig. 31, n. 2. MARnN-SERlIBS 1970, p. 50, fig. 25,
arrotandato, parete svasata (tav. XXXIl,9). n. 41; p. 68, fig. 40, nn. 51 (?), 53 (?).
Tun£sia. HOLWERDA 1936, p. 48, fig. IS; 'av. V, nn. 635, 637,
640-641, 643 (= HA"!ES 1972, p. 92, fig. 14,. fonna 32/581 n. 22).
Produzione. CVA Copenhague 7, tav. 310, nn. 7-9 = PA:I..LAREs 1960, p. 274,
fig. 9, nn. 7~9. SALOMONSOS 1968, p. 122, fig. 34, D2 a = Raqqada
Forma prodotta in sigillata afrieans D'. La verniee i: 1973, tav. IX, tomba A12; taY. XI, fig. 47.
normalmente opaca, talora semibrillante. PuO :icoprire Musei e ColleZ£om·. HAYES 1972, p. 92, fig. 14, forma 58, n. 19.
compIetamente i1 vasa, rna riveste generalmente l'interno HAYES 1972, p. 94, forma 5SB, n. 16 = HAns 1976, fig. 6, n. 98.

e Ia parte superiore delIa parete esterna. II tipo Hayes


32/58 i: l'anelIo di congiunzione tra Ia forma Hayes 32/
Ostia I, fig. 2910stia I, fig. 31 in AfD (particoIarmente FORMA LAMBOGLlA 5r, 51A = HAYES 59, NN. 9,
l'uItimo tipo, da cui queI10 in D' sembra distinguersi 16-17; 65, N. 2.
unicamente per la vernice) e la forma in esame. Per con­ FALLlCO 1971, FIG. 30, Ai49.
fronti can altre produzioni, eft. forme in C' (tav. XXIX, HAYES 59, NN. I (?), 19.
2-4), in CfE (tav. LN, 5-6) in sigillata della Tunisia me­ HAYES 65, N. I.
ridionale (tav. LXVI,I7), della Tunisia settentriona!e LAMBOGLIA 51B (HAYES 59, N. 7).
(tav. LXVII,9), in sigillata nordafricana (tav. LXIX, 26). JODIN-PONSICH 1960, FIG. 6 a.
La forma non appare mai decorata a stampo; farebbe
eecezione un esempIare a St. Blaise, secondo l'indicazione
Descrizione. §
di Lamboglia (eft. LAMBOGLIA 1963, p. 197). '~

ScodelIa a pareti ricurve, con largo orlo liscio 0 diver­ '5


'~

Cronologia. samente profilato. All'interno sano .,isiblli una scanalatura q


~.

Hayes 32158: fine III-inizi IV secolo (Hayes;. in corrispondenza della congiunzione Ira parete e fonda, IZi
Hayes 58B, n. IS; n. 9; n. 21: 2901300-375 (Hayes). e due 0 tre serie di doppie scanalatnre, che comprendono
Hayes 58B, n. II: 350-375 (Hayes). la decorazione a stampo. Diametri: cm 21-42. i~
Hayes 58B, n. 19: fine III - inizi IV secolo? (Hayes). ~

Sal. D2 a: secondo venticinquennio a meta del IV se­


colo (Salomonson).
Tipologia.
Lamb. 51, 51A. - Nella parte esterna il fondo si connette
,
.t
!l
!J
Lamb. 52C; 52B: indeterminata. alIa parete in modo da fO<II1are una rientranza. Parere a ""I,"
In genetale Ia forma appare ben doeumentata in strati quarto di cerchio pia 0 meno allargato. II fondo puo esse­
di fine IV - inizi V secolo a Ostia (Ostia Ill-n'). Gli re leggermente concavo (tavv. XXXII, 10-13; XXXIII, I;
esemplari di Draria-e1-Achour sono stati rinvennti in CXXXV, I).
tombe unitamente al tipo PONSICH 1970, fig. 93 in D" D'. FALLICO 1971, fig. 30, A149. - Fonda come nel tipo
precedente, generalmente concavo. Parete svasata (tav.
Diffusione· XXXII,2).
Forma comunemente attestata nel Mediterraneo oc­ Hayes 59, nn. 1 (?), 19. - II fondo presenta un pie­
cidentale ed orientale e suIla costa atlantica. Appare poco de atrofizzato e puo essere pia 0 meno concavo (tav.
doeumentata a Cartagine, in confronto alIe due forme XXXIII,N)·
seguenti, che sono di gran lunga Ie pia comuni. 1 tipi Hayes 65, n. I. - Fondo piano, pareto a quarto di cer­
Hayes 58B, n. 15 en. 9 sono i pia testimoniati. chio pia 0 meno allargato (rav. XXXIII, 5).
Lamb. 5IB. - Fondo piano, parete svasata (tav.
Bibliografia· XXXIII,6).
Algeria. CAMPs 1955. fig. 4 (dopo p. 236), tipo II, nn. 5, 8. AL­ }ODlN-PONSICH 1960, fig. 6 a. 11 fando presenta un
LAIS 1957, tav. (dopo p. 42), tipo V, D. 12 (?). BARADEZ 196(, p. 123, piede ad anello (tav. XXXIII,7).
tav. II, n. 10.
Frar..cia. 1.AMBOGLL'\ 1963, p. 197. 52B. IODIN 197=, p. 39, Sono stati individuati alcuni tipi di arlo (oltte alIe
figg. II3-IIS· figure gill citate, cfr. tav. XXXIII, 8-12), a partire da un
Grccia. HAYES 1972, p. 92, fig. 14. forma 58, nn. 9. II. orlo liscio (tav. X.'CXIII,6) fino ad un orlo munito di
lsrae~. AVIGAD 1956, fig. 3, n. 18 (?). CROWFOOT 1957, p. 359.
fig. 84, n. 18 (?). BAGATII 1967, p. 280, fig. 227. n. 3. LoFFREDA pia scanalature (tav. xx.1:III, I). Un orlo del genere
1974, p. 66, fig. 17, nn. 28-29, 31-33; p. 122, fig. 41, n. 25. rafligurato alia ravola XXXII, l i e documentato anche
Italic. ORSI, in NSA, 1912, p. 359, fig. 12. LAMBOG-L1A 1950,
p. J44,fig. 80, nn. 25, 36-38; p. 16<), fig. 98, n. 26 (?); p. 183,fig. 106, nel tipo Hayes 59, nn. 1(?), 19, altri orli (eft. tavv.
on. 6-1':). LAMBOGUA [~63, p. 197, 5zC. VERMASEREN-V1S EsSEN XXXlII,4; XXXIII, 7) anche nel tipo Lamb. 51, 51A.

82

TERRA!SIGILLATA: VASI

Produzione. Lima. HAYES 1972, p. 98, fig. IS, forma 59, n. I; p. no, fig. 18.
forma 65, n. 2.
Forma prodotta in sigillata africana D'. La vernice e Marocec. }ODIN-PONSICII.I960, p. 294, fig. 6 a = ]ODIN-PONSICH
1967, p. 516, fig. 3 b. PONSICH-TARRADELL 1965, 1:. 23, fig. 12, n. n( ?).
generalmente sottile ed opaca, in alcuni casi spessa e JODIN, in BAM, 1967, p. 492, fig. 12, n. 43 (?); PI'. 5]4-515. tavv.
semibrillante. All'esterno essa ricopre generalmente l'orlo III-N. MARTIN '969, p. '70, fig. 10 (1).
e parte della parete sottostante. PortogaUo. DELGADO 1967, p. 123, tav. III, n. 42; p. 124, tav. N,
nn. 58. 60-61; 1'.125, tav. V, nn. 62, 64, 66" 68 (?). DEI.GADO 1968,
Spesso la parete e decorata all'esterno da nervature rav. III (dopa p. 66), nn. I<r13. Canimbriga 1975, p. 299, tav. LXVII,
impresse nell'argilla ancora fresca e rilevabili anche aI­ on. 42-48.
l'interno (per una decorazione analoga nel vetro, eft. Siria. WAAGE 1948, rav. IX, nn. 817 a, k; :~r8 a; fig. 28, n. 8.
Spagna. MARTiNEz BtmGOS, in Mem. M~ Arq. PrtY.J., VI, 1945,
SALOMONSON 1973, p. 61, figg. 47-50; eft. il tipo Hayes 63, p. 28, rav. V, nn. II-IZ. Papeles Valmcia 1962, p. [03, fig. 7, n. 70.
n. I in D' e Ie forme Hayes 56, LA BAUME-SALOMONSON EsTEVA ClmANAS 1962, p. 59, fig. 5, tav. 1,2, n. 7; p. 60, fig. 6, n. I;
p. 64, fig. 8, ray. I, I, n. 6. GUITART DURAJ:i 197C, p. 145, fig. 19,
1976, tav. 54, n. 2 in D'/' e D'). Si distinguono i seguenti nn. 8-9 (?); p. 153, fig. 26, on. 12-13. TARRADELL-M.'\RTfN 1970,
tipi di decorazione: a) serie di nervature singole (tavv. rav. XIII (dopo p. 41), on. 21-22. MANANES :'n BSEAA~ XXXVIII,
XXXII, 13; XXXIII, 4) ; b) nervature alternate ad im­ 1972, p. 202, fig. 8, n. I. VlCENT ZARAGOZll.-MuNOZ dMILmIA, in
Excavaciones ArqueolOgicas en Espana, 77, 1973, p. 33, fig. 13, n. II.
pressioni digitali (tav. XXXIII, 3); c) nervature alternate Tunisia. HOLWERDA 1936, p. 46, fig. 14. tavv. V, VI, X. on. 644,
ad impressioni triangolari (tav. XXXIII,7; cfr. anche 646, 647 (~CHARLESTON '955, lav. 23B). eVA c.p""hague 7,
ray. 310, n. 6 = PALI.ARES 1960, p. 274, fig. 9, n. 6. SALOMONSON
il tipo Hayes 63, n. I in D'); d) serie di nervature alter­ 1973, p. 61. fig. 46.
nate a ttiplici impressioni digitali (cfr. PETSAS 1966, Turchia. HEllsTROM 1965, tav. 37, n. 324- BAsS~VAN DOORNINCK
fig. 350, n. 5); e) serie di nervature singole alternate a 197I, pp. 34-35, tav. 2, on. 14 a-c.
V.R.s.S. Arch. Pamatki, XIII, Kiev 1963, p. 2], fig. 13, lei a.
nervature verticali ed oblique che creano palmette (tav. Musei e Collezioni. HAYES 1972, p. 98, fig. IS, forma 59, nn. 9, 16.
XXXIII, I). Questa forma e imitata in una produzione
locale ben documentata a Conimbriga (cfr. Conimbriga
1975, pp. 332-333, tavv. LXXXV-LXXXVI, nn. 44-49; it FORMA HAYES 61, NN. I, 4, 7, 18.
n. 49 presenta la parete decorata da nervature). HAYES 61, N. 13.
Decorazione. WAAGE 1948, TAV. IX, N. 831 K.
WAAGE 1948, TAV. IX, N. 831 U.
Stili A (i)-(ii) (Hayes).
HAYES 61, N. 26.
Cronologia. LAMBOGLIA 53 bis = HAYES 61, NK. 29-30, 33.
320-400/420 (Hayes). Attestazioni in contesti di IV se­ LAMBOGLIA 54 bis (HAYES 61, :"f. 3).
colo a Piazza Armerina (Piazza Armerina 1971, passim), HAYES 61, N. 21.
a Ventimiglia (Lamboglia), di fine IV - inizi V secolo ad LAMBOGLIA 54, 54 ter (HAYES 61, NN. 17, 25).
Ostia (Ostia III-IV) ein contesti di IV-V secolo aCartagine. PONSICH 1970, FIG. 93.
}ODIN-PONSICH 1960, FIG. 5.
Diffusione. DENEAUVE 1972, TAV. II, e77l, I.
Forma documentata ne1 Mediterraneo occidentale ed
orientale, nell'Ita1ia settentrionale (Aquileia, Milano, Vi­ Descrizione.
mercate), sulle coste dell'Atlantico e del Mar Nero, e Scode1la con orlo piil 0 meno inciimt() all'interno, 0
in Renania.
verticale, 0 tendente all'esterno, che si oongiunge con 1a
Bibliografia. parete 0 a spigolo vivo, 0 creando un gradino all'interno,
Algeria. ALI.AIs 1957, tav. (dopo p. 42), tipo V, n. 13 (?). BARADEZ sottolineato da una scanalatura 0 da un leggero solen, 0
1961, p. 129, lav. IV, un. 18, 26. all'esterno, 0 all'interno e all'esterno del vaso. Interna­
Egiuo. PETRIE 1905, tav. XXX, n. I.
Francia. eVA, France 6, ColI. MQuet, tav. 50, nn. 24~25. JODIK mente sonG visibili una scanalatura in corrispondenza della
1971, p. 38, figg. nO-U2. MARTIN 1973, p. 208, fig. I , nn. 3-7; congilffizione tra parete e fondo e serie di scana!ature, in
p. 212, fig, 2, on. 1-2. numero da una a cinque, che includono la decorazione a
Getl7iama Occidentale. NIESSEN 1911, tavv. XCII, XCIV, n. 2252 =
FREMERSDORP 1958, p. 16, lav. 3, nn. 3-4 = LA BAUME 1964. p. 139. stampo. Diametri: em 22-41.
fig. 123. FREMERSDORF 19S8, p. r6, fig. 7, tav. 3, n. 5.
Grecia. WAAGE 1933, p. 297, fig. 3, n. 182; !aV. IX, on. ISS' Tipologia.
(= HAYES 1972. p. 98, fig. 15, forma 59, n. 20), 181-182. BROCK
1949, p. 71, fig. IS, n. 9. PEtsAs 1966, fig. 350, n. 5. Hayes 61, un. 1,4,7, 18. - Nella parte esterna il fondo
Israele. SALLER 1957. p. 258, fi2'. 49, nn. 3081. 4039. BAGATTI si connette alla parete in modo da formare una rientranza.
1967, p. 280, fig. 227, n. 14,. LoFFREDA 1974, p. 66, fig. 17, n. 22;
p. 73, fig. ZI, on. 1-5. Orlo inclinato all'interno, che si congiunge con la parete
Italia. MINGAZZINI 1949, p. 28. fig. 35 d. LAMBOGLIA 1950, p. 23, a spigolo vivo (tav. XXXIV, I).
fig. 4, n. 6; p. 144. fig. 80, on. 39-40; p. 169, fig. 98, n. 27; p. 181, Hayes 61, n. 13. - Fondo come Del tipo precedente.
fig. 104, on. 6 (= LAMBOGUA 1963, p. 195, 5IB)-7; p. 193, fig. 114,
n. 13; p. 198, fig. 118. n. 5. IACOPI 1963, p. 162, fig. 170. LAMBOGLIA Orlo inclinato all'interno, munito di gIadino all'interno
1963, PI'· 194-195, 51~ 51A. VERMASEREN-VAN EssEN 1965, p. 375, (tav. XXXIV, 2).
fig. 98; p. 422. fig. 244; p. 496, fig. 423. LIssI CARONNA 1966, p. 107~
fig. 19, n. 2; p. 105. fig. 17. on. 3, 5. Sibari 1970, p. 512, fig. 568,
WAAGE 1948, tav. IX, n. 831 k. - Fondo come nel primo
n. 4430. FALLICO ]971, p. 607. fig. 30. AI49-AI50. Ostia III, fig. 129. tipo. Orlo inc1inato all'interno, munito di gradino al­
I Luni 1973. rav. 69, nn. 5-8. ANDRl!AU J974. tav. 17 (dopo p. 340), I'esterno (tav. XXXIV,3).
i 69-148-10. Ostia IV, figg. 9-13.
I Iugoslavia. KOROOEC 1956, tav. XV, D. 5. CREMmNIK 1966, tav. n WAAGE 1948, tav. IX, n. 831 u. - Fondo come nel primo
(dopo p. 52), n. 20. tipo. Orlo verticale, che si congiunge con la parete a

I
f
83
CERAMICA AFRlCANA r
spigolo vivo. Ii vaso pub presentarsi ora piil alto, ora piu
ba.so (rav. XXXIV, 4-5).
Hayes 61, n. 26. - Fondo come nel primo tipo. Orlo
verticale munito eli gradioo all'esterno, piil 0 meno pro­
V secolo ad Ostia (Ostia III-IV), in contesti di IV-V se­
colo a Cartagine. Ii tipo DENEAUVE 1972, tav. II, Cn1, 1
e documentato nel retitto di Port-Miou, associato ad
altre forme di sigillata africana D, di cui Ie piu tarde sono
i
I
I
"
nunciato (rav. xx.XIV,6-7)·
Lamb. 53 bis. - Fondo come nel primo tipo. Orlo ten­
darabili nel V secolo (DENEAUVE 1972).
Diffllsione.
i
~
\
dente all'esterno, munito eli gradino all'interno e all'ester­ ~
no. Forma piil proionda e piu aperta (tav. XXXIV, 8). Forma diffusa comunemente nel Mediterraneo occi­ ~
dentale ed orientale, sul1a costa atlantica; altri esemplari
Lamb. 54 bis. - II fondo presenra un piede atrofizzato
largo. Orlo inclinato all'interno, che si congiunge con la
parete a spigolo vivo (tav. XXXIV, 9).
SODO documentati nell'Ira1ia settentrionale (Brescia, Mi­
lano, Trieste, Aquileia, Treviso),~, piil raramente, nel­
I
@
~
Hayes 61, n. 21. - II fondo presenra un piede atrofiz­ l'Europa continentale. I
zato stretto. Orlo inclinato all'interno, che si congiunge
COIl I. parete • spigolo vivo (rav. XXXV, 1).
Lamb. 54, 54 ter. - Fondo come nel tipo precedente.
Bibliografia·
Algeria. CAMPs 1955, fig. (dopa p. 236) 5, tipo IV. nn. 1-5, 6 (?).
BAltADEZ 1961, p. 119, tav. I, no. 45. 47; p. 127, tav. III, nn. I,
I,
~
15-19. LANGEL 1970, p, 236, fig. So, n. ~3. i
Orlo verticale, che si congiunge con la parete a spigolo Frana'a. CHABOT, in CLPA, XIV, 1965, p. t08, fig. 8, n. 2. )ODIN I
vivo. II vaso appore ora piu alto, ora piu basso (rav. 1971, p. 42, fig. 120. DENEAUVE 1972, p. 228, tav. I, C874, 883 (?); I
XXXV,2-3)·
p. 22.9, tav. II, C769, 770 (?), 771) I, 810, 873, 877 (?), 878-880, II
882; 1'. 230, tav. III, C839J 861-862, 864-865, 868; p. 231, tav. IV,
PONSICII 1970, fig. 93. - Fondo piano. Orlo inclinato aI­ C866-867 (?). MARTIN 1973. p. 208, fig. I, n. 2.
Germania OccidentaJ~. GARBSCH 1966. tav. 40, nn. II-IS; !aV.
,I
l'interno, che si congiunge con la parete a spigolo vivo
(rav. XXXV, 4).
JODIN-PONSICH 1960, fig. 5. - Fondo piano. Orlo verti­
cale che si congiunge con la parete a spigolo vivo. Ii vaso
53, n. 3. POHL-WERNER 11)69. tav. 31 (dopa p. 293), nn. 3-9. 22.
Grecia. WAAGE 1933, tav. lX, nn. 16[ (?), 168-170. WALnR, in
Olympiabericht. VI, 1958, pp. 7G-7h figg. 61, 63. HAYES 1972, p. 105,
fig. 17, forma 61, n. 7. Atlante, tav. XXXIV,2. I
I
Jsnele. AVIGAD 1956. p. 83, fig. 3, n. I]. CROWFOOT 1957. p. 359,
pub presenrarsi ora piu alto, ora piu basso (rav. XXXV, 5). fig. 84, D. 20. LOFFREDA 1974. p. 73. fig. 2[, on. 8-10; p. 112, fig. 37.
DENEAUVE 1972, rav. II, Cn1, 1. - Fondo piano. Orlo n. 14; p. IlS, fig. 38, D. 14; p. 124, fig. 42. n. 2; p. 130. fig. 45, D. 12.
tendente all'esterno, munito eli gradioo all'intemo e ai­
ftalia. LAMBOGU,\ 1950. p. 144, fig. So, nn. 31-35; p. 173, fig. 100,
n. 13; p. 181. fig. 104, n. 9; p. 183, fig. !06, n. 5; p. 193, fig. II4,
!
l'es,erno. Forma pD. profonda e aperta (rav. XXXV, 6). 00. 10-11. LAMBOGUA 1<)63, pp. 198-199. VllRMASEREN-VAN EssEN !
~
1965, p. 379. fig. 139; p. 461, fig. 340. Sibari 1970, p. 504, fig. 562,
n. 516. FALLICO 1971, p. 607, fig. 30, AI60, AI65. A168. LISSI CA­

Prodllzione. RONNA 1971, p. 354. fig. 34, nD. 2-3; p. ]:56, fig. 31, n. 3. Ostia III,

Forma prodotta in sigillata africana D' e in D'. In figg. :16-117, 130. Luni 1973, !aV. 70, nn. 2-3; tav. 107. nn. 14, 16.

Ostia IV, fig. I7.

particolare, la vernice appare opaca e sottile (J)1), 0 anche lugoslavia. CREMoSNIK 1966. tav. II (dopa p. 52), nn. 18, 22.
semibril1ante, negli esemplari poco profondi, in cui 1'0rlo Libia. HAYES 1972, p. 102. fig. 16. forma 61, 00. I. 21; tav. XII a.
einc1inato all'intemo (efr. in generale il tipo Hayes 61A), Marocro. )ODIN-PONSICH ]960, p. 293, fig. 5 = )ODlN-PONSICH
1967, p. 518, fig. 5· PONSICH-TARRADELL 1965. p. 47. fig. 30, n. 7.

spessa e bril1ante (D') negli esemplari piu profondi e piu


aperti (efr. in generale il tipo Hayes 61B), nei qua1i tal­
PONSICH 1970. p. 371. tav. CX"VII, nn. 1~ 3; p. 372, fig. 91; p. 375,

fig. 9~..
I
i
voha sono visibili all'interno i segni del tornio, in alcuni Portogallo. AA. W., in Cronic4 del III CG.Te50 Nac. de Arqueologia.

Galicia 1953, tav. I (dopa p. 578), n, J. DaGADo 1967, p. 125, tav. Vl

casi cosi evidenti che sembra trattarsi di ceramiea polita DD. 73-74; p. 126, tav. VI, no. 75-78, 79-30 (?), 81. DELGADO 1968.

a strisce. La vernice pub ricoprire interamente il vaso, !aV. III (dopa p. 66), n. 15. Con£mbriga I~n5, p. 300, tav. LXVIII,

nn. 53-58; p. 301, tav. LXIX. nn. 59-66; p. 302, (av. LXX, fin. 67~

oppure risparmiare la parte esterna inferiore. Scarti di 68;!p. 306, (av. LXXIV, D. 123.

fomace re1ativi ad un tipo non identifieato sono srati tin­ Siria. WAAGE 1948, tav. IX, nn. 804 u, 1!30, 831 kl ro, u.

vennti a Pheradi MllUS (rav. XXXV,7)· Spagna. FLETCHER VALLS, in APL, V, ]954, tav. V (dopa p. 224),

n. I = LAMBOGLIA 1963, pp. 198-199. EsrnvA CRUANAS 1962, p. 61.

Questa forma appare imitata in diverse produziorti: in 'fig. 7. Papeles Valerida 1962. p. 101, fig. 6. n. 66. LAMBOGLlA 1963.

sigil1ata dell'Algeria centrale e orientale (tav. LXVIII, 4-5), pp. 198-199. ALMAGRO 1964. p. 47, fig. ]3, DO. 3. 6. 8, IS. RUGER

1968, fig. 10 (dopa p. 258), on. 4-5. RUGER 1969, p. 266, fig. 6. D. I.

in sigil1ata «tripolitana» (rav. LXV,2), in sigil1ara della GUITART DURAN 1970, p. 145, fig. 19, n. 7; p. 147, 'fig. 20, on. II-12 (?);

Turtisia occidentale (tav. LXVII,19), in sigil1ara egi­ p. 153, fig. 26, n. II. MARTIN-sEruuis 197C, p. 98, fig. S0, n. 3. NIE­

zian. A (efr. HAYES 1972, p. 393, forma AA), in cerarrtiea MEYER,. in MDAI(M:I, 13, 1972, p. 145. fit. 10 d.

Tunisia. HOLWElWA 1936, p, 46, fig. 14..; tavv. V. X. ou. 632, 633

atertiese (tav. CXXVn,6), in sigil1ata locale ben docu­ (= Riiksmuseum... Gids wor de Verzameling van griekse Vasen, 1955,

mentata a Cortimb:iga (efr. Conimhriga 1975, p. 330, p. 36, fig. 20), 634- eVA Copenhague 7, ta'1. 3Il, un. I, 2 (= HAYES

tav. LXXIII, no. 23-25, 33), in una produzione locale ispa­ I97Z, p. 104, fig. 17, n. 18), 3 = PALLAllts 1960, p. 275, fig. 10,

nn. 1-3. Atlante, tav. XXXV l 7.

rtiea (eft. GUITART DURAN 1970, p. 147, fig. 20, no. Tuu:hia. HELLSTROM 1965, rav. 37, un. 322, 325. HAYES 1972,
II-12; p. 159, fig. 29, n. 19). p. 1-::12, fig. 16. D. 13,
Musei e Collezjoni. HAYES 1972. p. 102, fig, 16, forma 61. nn. 29­

30; p. 104, fig. 17, nn. 4, 26, 33; tavv. XII b, XIV a, XV a-b.

Detorazione.
Stili A (i)-(ii)-(iii) (Hayes) (tav. CXXXVII,I-3).
FORMA HAYES 60, NN. 1-2.

Cronologia. GuERY 1970, FIG. 69.

325-450 circa (Hayes). In particolare 325-4°0[420 per


il tipo Hayes 61A, 38o{390-450 per il tipo Hayes 61B Descrizione.
(per la cronologia i:Jiziale, efr. Ie osservaziorti in HAvES Piatto con orlo piu 0 meno rivolto all'esterno, general­

1977, p. 282). Attestaziorti in contesti di fine IV - inizi mente munito di una scanalatura wI margine superiore

84
TERRA SIGILLATA: VASI

esterno. All'interno iI fondo e soleato da serie eli scana­ Ctmimbriga 1975, tav. LXXI, n. go. II fondo presenta
Iatnte, comprendenti I a decorazione a stampo. Diame­ scanalatnte che permettono di distingnere un falso piede
tri: em 30-42· (cfr. tipi in D', D', tavv. XXXVII,9-II e XXXVIII I;
XXXVIII,4; XXXVIII 6-n XLVIII,I3; XLIX,6-8,
Tipologia. forme in D', tavv. XXXVIII,5; XLVIII,I-3). L'orlo
Hayes 60, nn. 1-2. - Nella parte esterna il fondo si e munito eli scanalatnte 0 profi!atnte a rilievo; snl mar­
connette alla parete in modo da formare una rientranza gine esterno sono visibili due 0 piit scanalatnte (cfr. iI
(tav. XXXV,8). tipo Hayes 76, n. 6, in D') (tav. XXXVI,2).
Variante Atlante, tav. XXXV, 9 (efr. HAYES 1972, p. 100,
esemplare n. P7555 dell'Agora di Atene). L'orlo mostra Produzione.
una fascia a rilievo snl margine superiore esterno. Forma prodotta in sigillata africana D'. L'argilla e
GuERY 1970, fig. 69. - II fondo presenta un piede atro­ piuttosto fine. La vernice opaca, sottile, richiama peraltro
fizzato (tav. XXXV, 10). In un esemplare rinvenuto a Ia C'. La forma ricorda la Hayes 60, nn. I-zIGuEKY 1970,
Coninrbriga iI margine esterno e munito di due scana­ fig. 69 in D', la Hayes 60, n. 3 in E.
latnte (tav. XXXV, II).
Crtmologia.
Produzione. Atlante, tav. XXXVI, I: Hayes data un esemplare rin­
Forma prodolta in sigillata africana D" derivante forse vennto nell'Agora di Atene al 350 circa. Un frammento e
dal piatto in 0, C' (tav. XXVI, 5-9). La vernice, general­ documentato a Cartagine in un contesto inedito della
mente opaca, e talvolta semibrillante e ricopre l'esterno seconda meta del IV secolo.
solo in parte. L'argilla e abbastanza fine. Piatti simili Ctmimbriga 1975, tav. LXXI, n. 90: gli elementi di
sono documentati in sigillata della Tunisia centrale e me­ affinita con forme in D', D' (taw. XXXVII,9-II e
ridionale (tavv. LXVI, 2; LXVII, I). Si conoscono imita­ XXXVIII, 1-4; XXXVIII, 5; XXXVIII, 6-10 e XXXIX,
zioni di qnesta forma in ambito dalmata (cfr. CERMANO­ 1-4) indicherebbero, per qnesto tipo, una datazione piiJ.
VIC, in Inv. Archaeologica, Jugoslavija, 8, 1965, Y77, n.4). tarda rispetto a qnella proposta da Hayes per iI tipo pre­
Decorazione.
cedente. Non risulta chiaro dal testo (Conimhriga 1975:'
.se i frammenti rinvenuti a Coninrbriga si riferiscono a
Stile A(ii) (Hayes). livelli di IV 0 di V secolo (465/468).
Cronologia. Diffusitme.
320 (?)-380 circa (Hayes). Attestazioni in un contesto Forma raramente documentata nel Mediterraneo occi­
tra iI 360 e iI 440 (Missione Italiana a Cartagine, dati dentale ed orientale e sulla costa adantica.
inediti) e in livelli eli distruzione relativi agli ann! 465­
468 a Coninrbriga (Conimbriga 1975). Bibliografia.
Grecia. Atlante, tav. XXXVI, I.
Diffusione. Italia. LISSI CARONNA 1971, p. 335, fig. 7, n. 3 (?). Luni 1973.
tav. 70, n. 12 (?).
Forma non comune, documentata nel Mediterraneo Portogallo. DELGADO 1967, p. 126, tav. VI, n. 83. Conimbrige
occidentale ed orientale e snl!a costa arlantica. 1975, p. 303, tav. LXXI, nn. go-gI.

Bibliografia.
Algeria. GuERY 1970, p. 292, fig. 69. FORMA LAMBOGLIA 9A.

Grecia. WAAGE 1933, tav. IX, n. 178. HAYES 1972, p. 98, fig. 15,
forma 60, n. 1. Atlante, tav. XXXV, 9. LAMBOGLIA 9B (HAYES 63, n. 2).

Israele. LoFFREDA 1974, p. 108, fig. 35, n. 3. HAYES 63, N. 1.

Italia. LAMBoGLIA 1950, p. 135, fig. 76, n. 12.


Mbia. HAYES 1972, fig. 15, forma 60, n. 2. RUGER 1968, FIG. II, N. II.

Portogallo. Conimbriga 1975, p. 300, tav. LXVIII, nn. 49-50. (, LUNI » 1973, TAV. 68, N. 16.

S.iria. WAAGE 1948, tav. IX, nn. 808 a, k.


LAMBOGLIA 2/9 (HAYES 63, N. 3).

FORMA (' ATLANTE », TAV. XXXVI,!. Descrizione.


«CoNIMBRIGA» 1975, TAV. LXXI, N. 90. °
Piatto con orlo inelistinto dalla parete 0 bifido estro­
l!esso, pareti piit 0 meno a quarto eli cerchio. In corri­
Descrizione. spondenza della congiunzione tra parete e fondo e ge­
Piatto con orlo estrol!esso, il cui margine esterno e neraImente visibile all'interno una scanalatnta. II fondo
ingrossato e leggermente pendente. Diametri: em 39,6-55. puo presentare due 0 tre scanalatnte, che comprendono la
decorazione a stampo. Diametri: em 22-52,5.
Tipologia.
Atlante, tav. XXXVI, I (cfr. HAYES 1972, p. 100, esem­ Tipologia.
plare dell'Agora di Atene n. P 11103). All'esterno iI fondo Larob. 9A. - Orlo indifferenziato dalla parete, priva di
si connette alia parete in modo da formare una rientranza. scanalature all'esterno; una scanalatnta 0 una leggera
L'orlo presenta una scanalalUra snl margine superiore; depressione separa il fondo piano dalla parete (cfr. iI tipo
iI fondo una doppia scanalatnta all'interno. Hayes 58B, n. 19 in DI) (tav. XXXVI,3).

Sf
f
CERAMICI\. AFRICANA I
~

Lamb. 9B. - Orlo indifferenziato dalla parete, che connette alla parele in modo da formare una rientranza;
i
I
presenta due a tre scanalature; fonda piano senza soIu­
zione di conrinuitil can Ia parete (tav. XXXVI, 4). Rara­
all'interno sana visibili doppie scanalature. Diarnetro:
em 34 circa.
i
j
mente 1'0r1o e inciso da una serie di tacche. ~
Tipolagia.
Hayes 63, n. r. - Orlo indifferenziato dalla parete, che
presenta due scanalature e nervature alternate ad impres­
sioni triangolari (dr. 11 tipo JODIN-PONSICH 1960, fig. 6 a,
Si conosce un solo tipo (tav. XXXVI,9).
Proauzi01U!.
I
j,
in Dl; per Ie nervature, efr. Ie fonne Hayes 56 e LA Fonna prodolta in sigillata africana D11'. L'argi!la pre­ 1
IlAUME-SAWMONSON 1976, tav. 54, n. 2 in D1/' e D'); 11
fondo presenta un piede atrofizzato (tav. XXXVI,5).
senta fin! inclusioni di calce. La vernice, seruibrillante, ri­ I
ROGER 1968, fig. II, n. II. - Orlo bifido, parete al­
copre esternamente gran parte delle pareti. Cfr. Ia fonna
precedente in D'. I1
quanta svasata, decorata da due scanalature. Non e atte­
stato alcun tipo di fonda (tav. XXXVI,6). Cronologia.
Attestazione in un contesto datato tra 11 360 e i1 440
1
j
L!lni 1973, tav. 68, n. 16. - Orlo bifido inciso da
una serie di tacche (dr. forme in C', tav. XXX, 17-18; (Missione Italiana a Cartagine, dati inediti). f
XXX, 19-20; XXX, 21-24, in C', taw. XXIX, 8; XXXI, Diffud01U!. I
1-5, tipi b D', law. XXXVIII,9-10; XXXIX, 1-4, i
Ie forme Hayes 91, n. 29 e Hayes 12{I10 in D'), parete
decorata da due scanalature. Non e llttestato alcun tipo
di fonda (tav. XXXVI, 7).
Forma documentata finora esclusivarnente a Cartagine.
Bibliografia·
Tunisia. Atlante, tav. XXXVI,9.
I
Lamb. 2{9. - Orlo estrof!esso, parele decorata da due
scanalature; 11 fonda piano appare rialzato verso Ia mern
circa (tav. XXXVI, 8).
Produzione.
FORMA HAyES 50B, N. 60.
HAYES 50B, N. 6r.
I
Forma prodotta in sigillata africana D'. La veruice e Descnz£one.
generaImenle opaca, ma anche semibrillante e ricopre Scodel1a con arlo indisrinto da1!a parete 0 leggermente

I'esterno solo in parte, mostrando delle colature. Fonne smussato a1!'esterno, pareti svasate, fondo piano che si

simili sana ptodotte in D'{' (tav. XXXVI,9), in D' connette alla parete mediante una rientranza. A1!'interno

(tav. XXXVII, 5-6), in E (tav. LN,8-9). Sana documen­ una scanalatora pub comprendere Ia decorazione a stampo.

tate imitazioui di questa forma (efr. CERMANOVIC, in Diarnetri: em 20-37.

1rev. Archae'logica, Jugoslavija, 8, 1965, Yn, n. 3).


Tipologia.
Decarazione. Hayes 50B, n. 60. - Orlo indisrinto dalla parete; una

Stile A (ii) (Hayes). scanalatura in corrispondenza della congiunzione tra pa­

rete e fonda pennette di disringuere un falso piede (tav.

Cronologia. XXXVII, r).

375-4oo;:irca ? (Hayes). Atteslazioni in un contesto Hayes 50B, n. 61. - Orlo Ieggermente smussato al­

datato tra 11 360 e il 440 (Missione Italiana a Cartagine, l'esterno, pareti mollo svasate. A1!'interno e visibile una

dati inediti). scanalatora in corrispondenza della rientranza del fondo

DiffUSio1U!. (tav. XXXVII,2).

Va forse considerata come una variante locale un esem­

Forma documentata nel Mediterraneo occidentale e plare di Raqqada, in cui Ia parete ricurva tende a rien­

snlla costa atlantica; rararnente anche nel Mediterraneo traresuperionnente (efr. Sal. D4 a).

orientale. Un esemplare inedito e presente ad Aquileia.


Produzi01U!.
Bibliografia. II primo tipo sembra prodotto in sigillata africana D';

Frar..aa. Ll.MEOGLlA 1958, p. 275, 2/9. LAMBOGLlA 1963, p. 187,


gA. JODiN 19';'1) p. 33. figg. 97 a-b. DENEAUVE 1972, p. 228, tav. I, 11 secondo in D' e presenta un'argi!la piuttosto fine e una

C 857. vemice spessa e brillante. In entrarnbi i tipi Ia vernice

ltalia. LAMBCGLIA 1963, pp. 186-187, gB. LISSI CARONNA 1971,


p. 335, fig.?, n.:. Luni 1973, tllV. 67, n, 13 (?)j ttv. 68, n. 16.
e dislesa a1!'intemo, e, limitatamente all'orlo, all'esterno.

Lili.a.. HAYES 1972, p. HO, fig. 18, fonna 63, n. I. La forma in esame appare simile al tipo Hayes 50B, n. 56

Portogollo. DELGADO 1967, p. 124, tav. IV, nn. 50, 53. Conimbriga 10 C', e alla fonna 50B{64 in D'.

1975, p. 302, tay. LXX, n. 69.

Spcgna, ReGER 1968, fig. II (dopa p. 128). n. 5.


Decoramone.
Ttmisia. Atulnre, rav. XXXVI, 7.

Stili A (ti)-(ill) (Hayes).


FORMA {<ATLANTE'>, TAV. XXXVI,9. Cronologia.
350-400 e oitre? (Hayes).
Descrizione. DiffusW1U!.
Piatto ad orlo Ieggennente ingrossato, parete ricurva,