Sei sulla pagina 1di 4

USURA BANCARIA – USURA SOMMERSA –

PROCESSO A FORLI’
Da più parti viene pubblicizzata con tutti gli strumenti possibili la
lotta all’antiracket ed antiusura.
Anche stamane vedo una e-mail pervenutami relativa ad un
comunicato stampa di “SOS Impresa – Rete della legalità”, dove
si legge: “Il nostro obiettivo è spingere le vittime alla denuncia”.
Poi bisogna preoccuparsi anche della fine che fanno le denuncie,
ma in pochi lo fanno.
In questo periodo appunto c’è una occasione a proposito del reato
di usura bancaria scaturito dalla denuncia anni addietro di due
piccoli imprenditori cesenati, che in molti stanno perdendo, a
causa dell’occultamento della notizia, nonostante sia di cronaca
giudiziaria e di interesse e carattere generale.
Al processo iniziato a Forlì presso il Tribunale penale, in seguito a
rinvio a giudizio del GUP in data 19.05.2010, rappresento che alla
prima udienza pubblica, tenutasi in data 15 novembre 2010,
rinviata al 24 gennaio 2011, non era presente nessuno, né
personalmente, né tramite delegati, pur essendo un argomento
interessante per quanti sbandierano la lotta all’usura.
Questo processo vede alla sbarra due ex legali rappresentanti ed
un direttore di filiale della Banca Antonveneta (ora Monte dei
Paschi di Siena) con l’accusa di USURA BANCARIA
AGGRAVATA ai danni di una società denominata Transmar srl
di Cesena operante nel settore degli autotrasporti, dichiarata fallita
nel 2006, i cui soci erano il sig. Nisi Antonio (cell.346.3660696)
ex legale rappresentante e suo fratello sig. Nisi Terzo, purtroppo
venuto a mancare di recente prematuramente.
Rappresento che nessuna associazione di quante pubblicizzano
quotidianamente la lotta all’usura ed al racket era presente, quindi
volutamente la questione vuole essere tenuta nascosta.
Nessun giornalista o cronista era presente.
Il processo, sentiti i testimoni ed i consulenti tecnici, nonché un
imputato che ha ritenuto di rilasciare dichiarazioni, è stato
aggiornato al 7 marzo 2011 alle ore 9 sempre presso il Tribunale
penale di Forlì.
Siccome questa era una occasione per quanti predicano tali cose in
astratto di poter presenziare in quanto i processi penali in italia in
genere sono pubblici salvo qualche eccezione a porte chiuse, di
poter ascoltare il contraddittorio di tutte le parti chiamate in causa
per l’accertamento e la verifica dei capi di imputazione che sono
riferiti all’usurarietà emersa in un rapporto di conto corrente e
conto anticipi, nell’esercizio di attività imprenditoriale, quindi a
qualsiasi imprenditore può interessare la questione, ma in
pochissimi erano presenti alla udienza del 24 gennaio scorso.
E’ auspicabile che oltre a voler spingere le vittime dell’usura
(ricordandosi che esiste anche l’usura bancaria) alla denuncia, si
possa mettere in condizione i cittadini ed imprenditori e
consumatori ad assistere a processi penali come quello che si sta
svolgendo a Forlì presso il Tribunale penale con prossima e forse
ultima udienza che si terrà il 7 marzo 2011 alle ore 9, in maniera
che possano ascoltare con le proprie orecchie e vedere con i propri
occhi lo svolgimento del processo.
I processi sono pubblici, è una notizia di interesse generale ma i
giornali vogliono evitare di dare la notizia e quindi occultare
volutamente una notizia ai cittadini.
Se se persone non ne sanno niente è ovvio che non parteciperanno,
e conosceranno gli esiti in base a quanto viene scritto e detto da
altri, ma gli è stato sottratto il diritto di poter presenziare
personalmente attraverso questa sorta di occultamento mediatico.
Anche SOS Impresa può partecipare, così come pure l’On.le
Scilipoti, il 24 gennaio era assente.
Stampa Messaggio http://webmailvtin.alice.it/cp/ps/mail/SLcommands/PrintPopup?d=virgi...

Da: biancalarocca@sosimpresa.it
Inviato il: 28-gen-2011 12.28 AM
A: "Sos Impresa"<biancalarocca@sosimpresa.it>
Cc:
Oggetto: Comunicato stampa: La Rete per la Legalità incontra il Commissario antiracket

Allegati:

1 di 2 28/01/2011 8.20
Stampa Messaggio http://webmailvtin.alice.it/cp/ps/mail/SLcommands/PrintPopup?d=virgi...

La Rete per la Legalità incontra il Commissario antiracket. Prefetto Trevisone:


“L’associazionismo antiracket e antiusura sono imprescindibili nella lotta contro il crimine”.
Lorenzo Diana: “Il nostro obiettivo è spingere le vittime alla denuncia”

Questa mattina il Commissario di Governo per il coordinamento


dell’iniziativa antiracket ed antiusura Prefetto Giancarlo Trevisone ha
ricevuto una delegazione della RETE PER LA LEGALITÀ composta
dal coordinatore nazionale Lorenzo Diana, dal Presidente nazionale di
SOS IMPRESA Lino Busà e dall’avvocato Fausto Amato in
rappresentanza dell’Ufficio Legale. Durante l’incontro è stata presentata
al Commissario antiracket la nuova organizzazione di Associazioni,
Fondazioni e Confidi contro il racket e l’usura nata a Roma il 6 dicembre
scorso e che, già oggi, si presenta come l’organizzazione maggiormente
rappresentativa nel mondo dell’associazionismo antiracket ed antiusura
nazionale.
Il Commissario ha ribadito l’importanza che l’associazionismo antiracket e antiusura esercita nella più generale battaglia contro
questi due odiosi reati, soprattutto nell’attività di accompagno delle vittime durante la fase processuale, e nell’assistenza a seguito
delle denunce. Ed ha assicurata tutta la collaborazione necessaria.
Il coordinatore nazionale della RETE Lorenzo Diana ha ringraziato il Prefetto Trevisone ed ha dichiarato che “La RETE è nata
proprio per far crescere e potenziare il movimento contro il racket e l’usura e per aiutare di più le imprese a difendersi da ogni
condizionamento criminale. La RETE - ha proseguito Diana – conta, a poco più di un mese dalla sua nascita, più di quaranta
adesioni e numerosi Sportelli d’aiuto sparsi in tutto il territorio nazionale. Inoltre ci distinguiamo da qualsiasi altre organizzazioni per
la volontarietà dell’impegno e la gratuità nell’assistenza alle vittime. Il nostro primo obiettivo – ha, infine, concluso - è quello di
aumentare la presenza di questo movimento a favore di tutte le imprese che si sentono minacciate dal racket e dall’usura.
Roma, 27 gennaio 2011
www.sosimpresa.it
Il vostro indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per inviare news e informazioni relative a Sos Impresa . Esso non
sarà comunicato o diffuso a terzi e non ne sarà fatto alcun uso diverso. Ai sensi della Legge 675/1996, in relazione al D.Lgs
196/2003 informiamo che l'indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso e-mail o
adesioni da noi ricevute. In ottemperanza alla direttiva europea sulle comunicazioni on-line (direttiva 2000/31/CE), se non
desiderate ricevere ulteriori informazioni e/o se questo messaggio vi ha disturbato o non dovesse interessarti, ti invitiamo a
cancellarti cliccando qui con oggetto :"richiesta di cancellazione". Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta
(Privacy L.75/96). Informazione ai sensi dell'art. 10 della legge 31 dicembre 1996, n. 675. Grazie

Questo messaggio e' ad uso esclusivo del destinatario e può contenere informazioni di carattere riservato e confidenziale. Se
l'avete ricevuta per errore comunicatelo immediatamente al mittente ed eliminate l'originale e gli allegati eventuali. Ogni
altro utilizzo del suo contenuto e' proibito ed espone il responsabile alle relative conseguenze civili e penali.

This message is for the designated recipient only and may contain privileged, proprietary, or otherwise private information.
If you have received it in error, please notify the sender immediately and delete the original and any attachments. Any other
use of the email by you is prohibited and can expose the responsible party to civil and/or criminal penalties.

2 di 2 28/01/2011 8.20