Sei sulla pagina 1di 33

Indice

Indice 1
Definizioni 2
Topologia dello spazio euclideo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Funzioni da Rn in R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Funzioni da R in Rn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Curve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Integrali Curvilinei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Calcolo Integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Campi Vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
EDO: Definizioni Generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
EDO: Equazioni del Primo Ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
EDO: Equazioni del Secondo Ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Dimostrazioni 13
Relazione tra differenziabilità e continuità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Relazione tra differenziabilità e derivabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Riconoscimento della natura dei punti stazionari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Teorema di Fermat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Operazioni su serie numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Comportamento di una serie a termini non negativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Comportamento di serie notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Condizione di Cauchy per la convergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Criterio del confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Criterio del confronto asintotico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Criterio del rapporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Irrotazionalità di un campo conservativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Lavoro di un campo vettoriale = differenza di potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Equazione lineare omogenea del primo ordine normale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Equazione lineare completa del primo ordine normale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
La soluzione di un’equazione omogenea è uno spazio vettoriale di dimensione n . . . . . . . . . . . . . 28
Equazione differenziale omogenea del secondo ordine a coefficienti costanti . . . . . . . . . . . . . . . 29
Teoremi 30
Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Campi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Serie Numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Equazioni Differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Elementi di topologia dello spazio euclideo

➢ Intorno sferico:
Dato un punto x ∈ Rn , r ∈ R+ , si definisce intorno centrato in x con raggio r
B (x, r) = {y ∈ Rn : d(x, y) < r} con d(x, y) = √∑nk=1(xk − yk )2
∀x = {x1 , x2 , … , x𝑛 }y = {y1 , y2 , … , y𝑛 }

➢ Insieme aperto:
Un insieme si dice aperto in Rn se tutti i suoi punti sono punti interni

➢ Insieme chiuso:
Un insieme si dice chiuso in Rn se comprende la propria frontiera

➢ Punto interno:
Un punto si dice interno se, comunque preso un intorno di raggio δ ∈ R+ , tutti i
punti dell’intorno appartengono all’insieme

➢ Punto esterno:
Un punto si dice esterno se, comunque preso un intorno di raggio δ ∈ R+ ,
nessun punto dell’insieme ricade nell’intorno

➢ Punto di accumulazione:
x0 ∈ R è 𝑑𝑖 𝑎𝑐𝑐𝑢𝑚𝑢𝑙𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 per A ⊆ R se, ∀ε > 0 ∃ y ∈ A, y ≠ x0 : y ∈ B(x0 , ε)

➢ Punto di frontiera:
Un punto si dice di frontiera rispetto ad un insieme A se, comunque preso un intorno di raggio δ ∈
R+ , ∃ almeno un punto ∈ A e almeno un punto ∈ 𝐴∁

➢ Punto isolato:
x0 è un punto isolato dell′ insieme A se, ∃ ε > 0: B ∗ (x0 , ε) ∩ A = ∅ dove B ∗ (x0 , ε)è l′ intorno bucato di x0

⏞):
➢ Interno di un insieme (𝑨
Insieme di tutti i punti interni di un insieme

➢ Frontiera di un insieme (𝝏𝑨):


insieme di tutti i punti di frontiera di un insieme

➢ Chiusura di un insieme (𝑨):


𝐴 ∪ 𝜕𝐴

➢ Insieme limitato:
un insieme A si dice limitato se ∃ 𝑅 > 0 𝑡𝑐 ‖𝑥‖ < 𝑅, ∀𝑥 ∈ 𝐴 ovvero A è contenuto in un intorno
chiuso Br dell’origine

➢ Insieme convesso e connesso:


un insieme A si dice convesso se il segmento che unisce due punti qualsiasi di A è
tutto contenuto in A.
Un insieme A si dice connesso se, comunque presi due punti di A, esiste una poligonale che li congiunge

Definizioni 2
Funzioni da Rn in R
Dominio:
Il dominio o insieme di definizione di una funzione di due variabili reali è rappresentato dall'insieme di tutte le coppie ordinate di
numeri reali (x,y) per le quali è possibile determinare il valore 𝑧 = 𝑓(𝑥, 𝑦)

Curve di livello:
Data una funzione a due variabili reali 𝑓 ∶ 𝑑𝑜𝑚 (𝑓) ⊆ ℝ2 → ℝ, sia 𝑘 ∈ ℝ un numero reale. Si definisce curva di livello l’insieme
costituito dai punti del dominio che soddisfano l’equazione
𝑓(𝑥, 𝑦) = 𝑘, 𝑜𝑣𝑣𝑒𝑟𝑜 𝐿(𝑓, 𝑘) = {(𝑥, 𝑦) ∈ 𝑑𝑜𝑚 (𝑓) ∶ 𝑓(𝑥, 𝑦) = 𝑘}

Curva:
Si dice curva una funzione continua 𝛾 ∶ 𝐼 ⊆ ℝ → ℝ𝑛

Sostegno:
Si dice sostegno di una curva l’immagine Γ = 𝛾(𝐼) ⊆ ℝ𝑚

Condizione necessaria per l’esistenza di un limite


Data una funzione 𝑓: Ω ⊂ ℝ2 → ℝ e un punto di accumulazione (𝑥0 , 𝑦0 ) 𝑠𝑢 Ω per in quali si ha che:
lim 𝑓(𝑥, 𝑦) = ℓ, (1)
(𝑥,𝑦)→(𝑥0 ,𝑦0 )
Allora per ogni sottoinsieme Ω′ ⊂ Ω avente (𝑥0 , 𝑦0 ) come punto di accumulazione vale che:
lim 𝑓|Ω′ (𝑥, 𝑦) = ℓ
(𝑥,𝑦)→(𝑥0 ,𝑦0 )
In pratica se per due cammini diversi il limite (1) fornisce due risultati diversi, il limite non esiste

Condizioni sufficienti per l’esistenza di un limite


1. Esiste una funzione positiva h (x, y) che soddisfa due condizioni:
|𝑓(𝑥, 𝑦) − ℓ| ≤ ℎ(𝑥, 𝑦), 𝑒, lim ℎ(𝑥, 𝑦) = 0
(𝑥,𝑦)→(𝑥0 ,𝑦0 )
2. Passando in coordinate polari, sussiste la proposizione:
Sia ℓ ∈ ℝ, supponiamo esista una funzione positiva 𝑔(𝜌) tale che:
|𝑓(𝑥0 + 𝜌 cos(𝜗) , 𝑦0 + 𝜌 sin(𝜗)) − ℓ| ≤ 𝑔(𝜌)
𝑆𝑒 lim 𝑔(𝜌) = 0 allora lim 𝑓(𝑥, 𝑦) = ℓ
𝜌→0 (𝑥,𝑦)→(𝑥0 ,𝑦0 )

Definizioni 3
Funzioni da R in Rn

➢ Limite:
1. lim 𝑓(𝑥) = 𝑙 ∈ 𝑅 𝑚 se per ogni ε > 0, esiste M > 0 tc
𝑥→∞
∀𝑥 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓, ‖𝑥‖ > 𝑀 ⇒ ‖𝑓(𝑥) − 𝑙‖ < 𝜀
ovvero
∀𝑥 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓, 𝑥 ∈ 𝐵𝑀 (∞) ⇒ ‖𝑓(𝑥) ∈ 𝐵𝜀 (𝑙)‖
2. lim 𝑓(𝑥) = ±∞
𝑥→∞

3. lim 𝑓(𝑥) = ±∞ se per ogni M > 0 esiste δ > 0 tc


𝑥→𝑥0

∀𝑥 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓, 0 < ‖𝑥 − 𝑥0 ‖ < 𝛿 ⇒ 𝑓(𝑥) > 𝑀 − 𝑓(𝑥) < −𝑀


Ovvero
∀𝑥 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓, 𝑥 ∈ 𝐵𝛿 (𝑥0 )⁄{𝑥0 } ⇒ 𝑓(𝑥) ∈ 𝐵𝑀 (±∞)
4. lim 𝑓(𝑥) = 𝑙 ∈ 𝑅𝑚
𝑥→𝑥0

➢ Continuità:
Sia 𝑓 ∶ 𝑑𝑜𝑚 𝑓 ⊆ 𝑅𝑛 → 𝑅 e sia 𝑥0 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓 . La funzione f si dice continua in x0 se per ogni 𝜀 > 0 ∃ 𝛿 > 0 tc
∀𝑥 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓, ‖𝑥 − 𝑥0 ‖ < 𝛿 ⇒ ‖𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 )‖ < 𝜀
Vale a dire
∀𝑥 ∈ 𝑑𝑜𝑚 𝑓, 𝑥 ∈ 𝐵𝛿 (𝑥0 ) ⇒ 𝑓(𝑥) ∈ 𝐵𝜀 (𝑓(𝑥0 ))
Una funzione f si dice continua su un insieme Ω ⊆ 𝑑𝑜𝑚 𝑓 se è continua in ogni punto 𝑥 ∈ Ω

➢ Derivata vettoriale:
Data una funzione 𝑓(𝑥, 𝑦) a valori reali definita su un aperto 𝐴 ⊂ 𝑅2 , siano inoltre (𝑥, 𝑦) ∈ 𝐴 𝑒 𝑣 = (𝑣1 , 𝑣2 ) un vettore di
norma unitaria.
Si definisce derivata direzionale di 𝑓(𝑥, 𝑦) lungo la direzione v il limite, se esiste finito:
𝜕𝑓 𝑓(𝑥 + 𝑡𝑣1 , 𝑦 + 𝑡𝑣2 ) − 𝑓(𝑥, 𝑦)
(𝑥, 𝑦) = lim
𝜕𝑣 𝑡→0 𝑡
𝑢
NB: In caso il vettore fornito (u) non abbia norma unitaria, si procede a normalizzarlo 𝑣 =
‖𝑢‖

Definizioni 4
Curve in Rn
Curva in forma parametrica: Una curva 𝛾 ∶ [𝑎, 𝑏] → 𝑅𝑛 si dice in forma parametrica se è definita dal sistema di equazioni
𝑥 = 𝑓(𝑡)
{
𝑦 = 𝑔(𝑡)
Curva chiusa: 𝑛
Una curva 𝛾(𝑡) ∶ [𝑎, 𝑏] ∈→ 𝑅 si dice chiusa se è tale che 𝛾(𝑎) = 𝛾(𝑏)

Curva semplice: Una curva si dice semplice se è un’applicazione iniettiva, ossia se valori diversi del parametro individuano punti
diversi del sostegno

Curva piana: Si dice curva piana una curva il cui sostegno giace su un piano, l’equazione generica di una curva piana è:
𝛾(𝑡) = (𝑥(𝑡), 𝑦(𝑡), 𝑧(𝑡)) = 𝑥(𝑡)𝒊 + 𝑦(𝑡)𝒋 + 𝑧(𝑡)
Curva cartesiana: una curva definita in coordinate cartesiane è una curva del tipo 𝛾(𝑡) = 𝑥(𝑡)𝑖 + 𝑦(𝑡)𝑗 + 𝑧(𝑡)𝑘

Curve in forma polare: Una curva può essere definita in funzione di raggio e angolo di rotazione come
𝛾𝑝 (𝑡) = 𝑟(𝑡)𝑐𝑜𝑠𝜗(𝑡)𝑖 + 𝑟(𝑡) sin(𝑡) 𝑗

Curva rettificabile: Una curva è rettificabile se è possibile calcolarne la lunghezza

Lunghezza di una curva: Data una curva grafico di una funzione 𝑦 = 𝑓(𝑥)𝑐𝑜𝑛 𝑥 ∈ [𝑎, 𝑏] derivabile su tutto [a, b] la
lunghezza si calcola come:
𝑏 𝑏
1. curve piane parametriche: 𝐿(𝑓, [𝑎, 𝑏]) = ∫𝑎 √‖𝛾′(𝑡)‖ 𝑑𝑡 = ∫𝑎 √∑𝑚 ′ 2
𝑖=1(𝑥 (𝑡)) 𝑑𝑡
𝑏
2. curve definite come grafici: 𝐿(𝑓, [𝑎, 𝑏]) = ∫𝑎 √1 + 𝑓′(𝑡)2 𝑑𝑡
𝜗
3. curve in forma polare (𝝆 = 𝒇(𝝑)): 𝐿(𝑓, [𝜗1 , 𝜗2 ] = ∫𝜗 2 √𝑓′(𝜗)2 + 𝑓(𝜗)2 𝑑𝜗
1

𝑏
4. lunghezza della curva in R3: 𝐿(𝑓, [𝑎, 𝑏]) = ∫𝑎 ‖𝑟′(𝑡)‖ 𝑑𝑡, 𝑟(𝑡) = (𝑥(𝑡), 𝑦(𝑡), 𝑧(𝑡)) per cui
𝑏

𝐿(𝑓, [𝑎, 𝑏]) = ∫ √𝑥′(𝑡)2 + 𝑦′(𝑡)2 + 𝑧′(𝑡)2 𝑑𝑡


𝑎
Curva differenziabile: Una curva 𝛾 ∶ [𝑎, 𝑏] → 𝑅𝑛 si dice differenziabile in (𝑥(𝑡), 𝑦(𝑡)) 𝑠𝑒 ∃ 𝛾(𝑡) 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑖𝑛𝑢𝑜 𝑖𝑛 [𝑎, 𝑏]

Curva regolare: Una curva 𝛾 ∶ 𝐼 → 𝑅𝑚 si dice regolare se è derivabile su I con derivata continua e se 𝛾 ′ (𝑡) ≠ 0 ∀𝑡 ∈ 𝐼

Curva regolare a tratti: Una curva si dice regolare a tratti se I è unione di un numero finito di intervalli su cui γ è regolare

Vettore tangente: Il vettore non nullo tangente ad una curva regolare è la derivata della curva stessa

Curve congruenti: Due curve parametriche sono congruenti se, dette queste 𝛾(𝑡) ∶ 𝐼 → 𝑅𝑛 𝑒 𝛿(𝑡) ∶ 𝐽 → 𝑅𝑛 , esiste la
biiezione 𝑓 ∶ 𝐽 → 𝐼
a) Derivabile con derivata continua su [c, d]
b) Ovunque diversa da 0
Tale che risulti 𝛿(𝑡) = 𝛾(𝑓(𝑡))

Curve equivalenti e anti-equivalenti: Due curve congruenti 𝛾 ∶ 𝐼 → 𝑅𝑚 𝑒 𝛿 ∶ 𝐽 → 𝑅𝑚 si dicono equivalenti se la biiezione


𝑓 ∶ 𝐽 → 𝐼 ha derivata strettamente positiva, mentre si dicono anti-equivalenti se f ha
derivata strettamente negativa

Curve opposte: Sia 𝛾 ∶ 𝐼 → 𝑅𝑚 una curva regolare, detto -I l’intervallo {𝑡 ∈ 𝑅 ∶ −𝑡 ∈ 𝐼}, la curva
−𝛾 ∶ −𝐼 → 𝑅𝑚 definita da (−𝛾)(𝑡) = 𝛾(−𝑡) si dice opposta di γ ed è ad essa anti-equivalente

Ascissa curvilinea: Sia 𝛾 ∶ [𝑎, 𝑏] → 𝑅𝑛 una curva parametrica regolare. Si chiama ascissa curvilinea la funzione
𝑠 ∶ [𝑎, 𝑏] → 𝑅 definita da:
𝑡

∀𝑡 ∈ [𝑎, 𝑏] ∶ 𝑠(𝑡) = ∫‖𝛾′(𝜏)‖𝑑𝜏


𝑎
Parametrizzazione canonica La parametrizzazione di una curva è una funzione a valori vettoriali 𝑓 ∶ 𝐼 ⊂ 𝑅 → 𝑅𝑛

Definizioni 5
Integrali curvilinei
Di prima specie:
Si dice integrale curvilineo di prima specie l’integrale di f su γ, definito come
𝑏

∫ 𝑓 = ∫ 𝑓(𝛾(𝑡))‖𝛾′(𝑡)‖ 𝑑𝑡
𝛾
𝑎

Di seconda specie:
Si dice integrale curvilineo di seconda specie l’integrale di linea di f su γ, ovvero
𝑏

∫ 𝑓 ∗ 𝑟 = ∫ 𝑓(𝛾(𝑡)) ∗ 𝛾′(𝑡) 𝑑𝑡
𝛾 𝑎

Significato geometrico di area in R2:


Mediante il concetto di integrale superficiale di f su σ
𝑣𝑒𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑛𝑜𝑟𝑚𝑎𝑙𝑒 𝑖𝑛 𝑃=𝜎(𝑢,𝑣)

∫ 𝑓 = ∫ 𝑓(𝜎(𝑢, 𝑣)) ‖ ⏞
𝜈(𝑢, 𝑣) ‖ 𝑑𝑢 𝑑𝑣
𝑅
𝜎
Si definisce in modo rigoroso l’area di una calotta Σ regolare (a pezzi), ponendo
𝐴(Σ) = ∫ 1
Σ

Riparametrizzazione:
Data una curva γ(t) e definita una funzione 𝜏 ∶ [𝑎, 𝑏] → [𝑐, 𝑑], se τ è una funzione derivabile e a derivata strettamente positiva, le
proprietà di γ(t) si conservano in τ(τ(t)).
𝑑𝜏
𝛾̇ (𝑡) 𝛾̇ (𝜏) 𝛾̇ (𝑡)
̇ |,
𝑑𝑡
Il versore della curva 𝛾(𝑡) è 𝑒1 (𝑡) = mentre il versore riparametrizzato è 𝑒1 (𝜏) = = 𝑑𝜏 = 𝑒1 (𝑡)
|𝛾(𝑡) |𝛾̇ (𝜏)| |𝛾̇ (𝑡)|| |
𝑑𝑡

Calcolo di massa e baricentro di un filo pesante


Detta μ= μ(P) la densità superficiale di massa (massa per unità di superficie) e detti xG, yG e zG le coordinate del baricentro della
superficie,
1
𝑥𝐺 = ∫ 𝑥 𝜇
𝑚
Σ
1
𝑚 = ∫𝜇 𝑒 𝑦𝐺 = ∫𝑦𝜇
𝑚
Σ Σ
1
𝑧𝐺 = ∫𝑧 𝜇
𝑚
{ Σ

Definizioni 6
Calcolo integrale
Definizione generale
Sia 𝐴 = [𝑎, 𝑏] × [𝑐, 𝑑] 𝑒 𝑠𝑖𝑎 𝑓 ∶ 𝐴 → ℝ una funzione limitata. Date due suddivisioni
𝐷1 = {𝑎 = 𝑥0 < 𝑥1 < ⋯ < 𝑥𝑛 = 𝑏}
𝐷2 = {𝑐 = 𝑦0 < 𝑦1 < ⋯ < 𝑦𝑛 = 𝑑}
di [a, b] e [c, d], chiamiamo somma inferiore e somma superiore di f rispetto a 𝐷1 × 𝐷2 le quantità
inf 𝑓
𝑠(𝑓, 𝐷1 × 𝐷2 ) = ∑ (|𝑥 , 𝑥 | × |𝑦 , 𝑦 | ) (𝑥𝑖 − 𝑥𝑖−1 )(𝑦𝑗 − 𝑦𝑗−1 )
𝑖−1 𝑖 𝑗−1 𝑗
𝑖𝑗
Sup 𝑓 (𝑥
𝑆(𝑓, 𝐷1 × 𝐷2 ) = ∑ (|𝑥 )(𝑦
× |𝑦𝑗−1 , 𝑦𝑗 | ) 𝑖 − 𝑥𝑖−1 𝑗 − 𝑦𝑗−1 )
𝑖−1 , 𝑥𝑖 |
𝑖𝑗
Definiamo inoltre i valori 𝐼(𝑓) = sup 𝐷1,𝐷2 𝑠(𝑓, 𝐷1 × 𝐷2 ) 𝑒 𝐽(𝑓) = inf 𝐷1,𝐷2 𝑆(𝑓, 𝐷1 × 𝐷2 ) come integrale inferiore e superiore di f.
Dalla definizione segue che 𝐼(𝑓) ≤ 𝐽(𝑓).
Diciamo quindi che f è integrabile secondo Riemann se 𝐼(𝑓) = 𝐽(𝑓) = ∬𝐴 𝑓(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑥𝑑𝑦

Insiemi x-semplici
Dato 𝐷 ⊂ ℝ2 , se esistono due funzioni continue ℎ1 𝑒 ℎ2 ∶ [𝑎, 𝑏] → ℝ tali che
𝐷 = {(𝑥, 𝑦) ∈ ℝ2 ∶ 𝑎 ≤ 𝑦 ≤ 𝑏, 𝑔1 (𝑦) ≤ 𝑥 ≤ 𝑔2 (𝑦)}
Allora l’insieme D si dice x-semplice

Insiemi y-semplici
dato 𝐷 ⊂ ℝ2 , se esistono due funzioni continue 𝑔1 , 𝑔2 ∶ [𝑎, 𝑏] → ℝ tali che
𝐷 = {(𝑥, 𝑦) ∈ ℝ2 ∶ 𝑎 ≤ 𝑥 ≤ 𝑏, 𝑔1 (𝑥) ≤ 𝑦 ≤ 𝑔2 (𝑥)}
allora l’insieme D si dice y–semplice.

Semplici

Regolari
D di dice dominio regolare se è unione finita di domini x-semplici e y-semplici

Proprietà elementari:
1. Monotonia ➔ 𝑓 ≤ 𝑔 → ∬𝐷 𝑓 ≤ ∬𝐷 𝑔
2. Linearità ➔ ∬𝐷(𝑓 + 𝑔) = ∬𝐷 𝑓 + ∬𝐷 𝑔 , ∬𝐷 𝛼𝑓(𝑥, 𝑦)𝑑𝑥𝑑𝑦 = 𝛼 ∬𝐷 𝑓(𝑥, 𝑦)𝑑𝑥𝑑𝑦
3. Additività rispetto all’insieme d’integrazione ➔ Se 𝑇 = 𝐷 ∪ 𝑆 con {𝐷 ∩ 𝑆} = ∅, allora ∬𝑇 𝑓 = ∬𝐷 𝑓 + ∬𝑆 𝑓

Massa e baricentro di una lamina piana A


∬𝐷 𝑥 𝑑𝑥𝑑𝑦
𝑥𝐺 =
∬𝐷 𝑑𝑥𝑑𝑦 = 𝐴(𝐷)
∬𝐴 𝑦 𝑑𝑥𝑑𝑦
𝑦𝐺 =
∬𝐷 𝑑𝑥𝑑𝑦 = 𝐴(𝐷)

Area di un insieme
𝑨𝑫 = ∬ 𝒅𝒙𝒅𝒚
𝑫

Formule di riduzione per integrali doppi


𝑦2 𝑥2 𝑦2 𝑥2

∬ 𝑓(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑥𝑑𝑦 = ∫ ∫ 𝑓(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑥𝑑𝑦 = ∫ ( ∫ 𝑓(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑥) 𝑑𝑦


𝐷 𝑦1 𝑥1 𝑦1 𝑥1

Cambio variabili: coordinate polari nel piano


Sia 𝐷 ⊂ ℝ2 un insieme compatto e sia 𝑓 ∶ 𝐷 → ℝ una funzione continua nel suo dominio, allora l’integrale doppio di f su D esiste
finito.
Sia 𝑟 ∶ 𝐷, 𝐶 ⊂ ℝ2 una funzione a valori vettoriali continua e biunivoca, tale che 𝑟 ∈ 𝐶1 (𝐶), che fornisce una parametrizzazione per
𝑥 = 𝑥(𝑢, 𝑣)
D. 𝑟(𝑢, 𝑣) = {
𝑦 = 𝑦(𝑢, 𝑣)
Chiamando 𝐽 𝑟(𝑢, 𝑣) la matrice Jacobiana di r, risulta che 𝑑𝑥𝑑𝑦 = |det(𝐽 𝑟(𝑢, 𝑣))|𝑑𝑢𝑑𝑣, pertanto
∬ 𝑓(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑥𝑑𝑦 = ∬ 𝑓(𝑥(𝑢, 𝑣), 𝑦(𝑢, 𝑣)) |det(𝐽 𝑟(𝑢, 𝑣))| 𝑑𝑢𝑑𝑣
𝐷 𝐶
𝑥 = 𝜌 cos(𝜗)
Nel caso particolare di coordinate polari, si ha { da cui deriva che
𝑦 = 𝜌 sin(𝜗)
𝑥 𝑦
∬ 𝑓(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑥𝑑𝑦 = ∬ 𝑓(𝜌 cos(𝜗) , 𝜌 sin(𝜗)) 𝐽 (𝜌 𝜗) 𝑑𝜌𝑑𝜗
𝐴 𝐵

Definizioni 7
Campi vettoriali
Integrale come lavoro:
Il lavoro di una forza variabile lungo una singola direzione si esprime come la sommatoria dei lavori su un certo
numero di intervalli Δx, per cui: 𝐿 = ∑ 𝐹𝑘 ∆𝑥, portando gli intervalli all’infinito si ottiene
𝑥𝑓

𝐿 = lim ∑ 𝐹𝑘 ∆𝑥 = ∫ 𝐹(𝑥)𝑑𝑥
∆𝑥→∞
𝑥𝑖
Proprietà:
1) Linearità:
Se i campi F(x) e G(x) sono campi continui in 𝐴 ⊂ 𝑅 𝑛 𝑒 𝛾 è una curva regolare con supporto contenuto in A
∫(𝛼𝑭 + 𝛽𝑮) 𝑑𝑠 = 𝛼 ∫ 𝑭 𝑑𝑠 + 𝛽 ∫ 𝑮 𝑑𝑠
𝛾 𝛾 𝛾
2) Additività:
Se F(x) è un campo continuo in 𝐴 ⊂ 𝑅 𝑛 𝑒 𝛾 è una curva regolare con supporto contenuto in A t.c. 𝛾 = 𝛾1 ∪
𝛾2 , allora
∫ 𝐹 𝑑𝑠 = ∫ 𝐹 𝑑𝑠 + ∫ 𝐹 𝑑𝑠
𝛾 𝛾1 𝛾2
Rotore:
Dato un campo vettoriale tridimensionale 𝐹 ∶ 𝑅 3 → 𝑅 3, il rotore del campo F è un campo vettoriale definito da
𝜕𝐹𝑧 𝜕𝐹𝑦

𝜕𝑦 𝜕𝑧
𝜕𝐹𝑥 𝜕𝐹𝑧
𝑟𝑜𝑡(𝐹) = −
𝜕𝑧 𝜕𝑥
𝜕𝐹𝑦 𝜕𝐹𝑥

[ 𝜕𝑥 𝜕𝑦 ]
Divergenza
Sia F un campo vettoriale 𝐹 ∶ ℝ𝑛 → ℝ𝑛 , se Ω ⊆ ℝ𝑛 è un aperto non vuoto e 𝐹 ∶ Ω → ℝ𝑛 è un campo
vettoriale di classe C1, 𝐹 = (𝑓1 , 𝑓2 , … , 𝑓𝑛 ), allora la divergenza di F è la funzione 𝑑𝑖𝑣(𝐹): Ω → ℝ definita
come
𝜕𝑓1 𝜕𝑓2 𝜕𝑓𝑛
𝑑𝑖𝑣(𝐹) = + + ⋯+
𝜕𝑥1 𝜕𝑥2 𝜕𝑥𝑛

Campo irrotazionale:
Un campo vettoriale 𝑭(𝑥, 𝑦, 𝑧) = (𝐹1 (𝑥, 𝑦, 𝑧), 𝐹2 (𝑥, 𝑦, 𝑧), 𝐹3 (𝑥, 𝑦, 𝑧)) è irrotazionale nel suo dominio D se e solo se
𝑖̂ 𝑗̂ 𝑘̂
𝜕 𝜕 𝜕
∇ × 𝑭 = 𝑑𝑒𝑡 =0
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
[ 𝐹1 𝐹2 𝐹3 ]

Campo conservativo e potenziale:


Un campo vettoriale f, definito in un aperto Ω di ℝ𝑛 si dice conservativo in Ω se esiste un campo scalare φ t. c.
𝑓 = grad (φ) in Ω. La funzione φ si dice potenziale scalare di f
Un campo vettoriale f, definito in un aperto Ω di R3 si dice di tipo rotore in Ω se esiste un campo vettoriale
ϕ t. c. 𝑓 = rot(ϕ)in Ω. ϕ si dice potenziale vettore di f

Caratterizzazione di un campo conservativo


Sia 𝐹 ∶ 𝐴 ⊂ ℝ𝑛 → ℝ𝑛 un campo vettoriale continuo sull’aperto connesso 𝐴 ⊂ ℝ𝑛 . Sono equivalenti le seguenti
affermazioni:
1. F è conservativo in A
2. Per ogni curva semplice, chiusa, regolare a tratti con sostegno contenuto in A risulta ∫𝛾 𝐹(𝑥) 𝑑𝑠 = 0
3. Per ogni coppia 𝛾1 𝑒 𝛾2 di curve semplici, regolari a tratti con sostegno contenuto in A aventi medesimo punto
iniziale e finale, si ha ∫𝛾 𝐹(𝑥) 𝑑𝑠 = ∫𝛾 𝐹(𝑥) 𝑑𝑠
1 2

Definizioni 8
Definizioni generali e equazioni differenziali di ordine n

Equazione differenziale ordinaria di ordine n:


Siano 𝑛 ∈ ℕ, Ω ⊆ ℝ𝑛+2 𝑎𝑝𝑒𝑟𝑡𝑜, 𝐼 ⊆ ℝ 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑣𝑎𝑙𝑙𝑜 𝑒 𝐹: Ω → ℝ una funzione. Un’equazione differenziale ordinaria di
ordine n è un’equazione della forma
𝐹(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛) ) = 0
Dove 𝑥 ∈ 𝐼 e 𝑦 ∶ 𝐼 → ℝ è una funzione derivabile n volte su 𝐼.

Equazione differenziale ordinaria di ordine n in forma normale


Diciamo che un’equazione differenziale ordinaria di ordine n è in forma normale se è della forma
𝑦 (𝑛) = 𝑓(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛−1) )
𝑛+1
Dove 𝑓 ∶ 𝐴 → ℝ è una funzione e 𝐴 ⊆ ℝ è un aperto.

Soluzione
Si dice che 𝑢 ∶ 𝐼 → ℝ è una soluzione (o un integrale) dell’equazione differenziale ordinaria 𝐹(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛) ) = 0
se u è derivabile n volte su 𝐼 e per ogni 𝑥 ∈ 𝐼 si ha che (𝑥, 𝑢(𝑥), 𝑢′ (𝑥), … , 𝑢(𝑛) (𝑥)) ∈ Ω e
𝐹 (𝑥, 𝑢(𝑥), 𝑢′ (𝑥), … , 𝑢(𝑛) (𝑥)) = 0
Analogamente, se scritta in forma normale, si scrive come 𝑦 (𝑛) = 𝑓(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛−1) ), se u è derivabile n volte su
𝐼 e per ogni 𝑥 ∈ 𝐼 si ha che (𝑥, 𝑢(𝑥), 𝑢′ (𝑥), … , 𝑢(𝑛) (𝑥)) ∈ A e
𝑢(𝑛) (𝑥) = 𝑓 (𝑥, 𝑢(𝑥), 𝑢′ (𝑥), … , 𝑢(𝑛−1) (𝑥))

Integrale generale
Siano 𝑛 ∈ ℕ, 𝑛 ≥ 1, 𝐴 ⊆ ℝ𝑛+1 aperto connesso per archi e 𝑓 ∶ 𝐴 → ℝ una funzione. Si dice integrale generale
dell’equazione differenziale 𝑦 (𝑛) = 𝑓(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛−1) ) ogni funzione 𝑦 = 𝑦(𝑥, 𝑐1 , … , 𝑐𝑛 ) dove 𝑐1 , … , 𝑐𝑛 sono n
parametri variabili in n intervalli, soddisfacente le seguenti proprietà:
1. ∀𝑐1 , … , 𝑐𝑛 ∃ 𝐼 ⊆ ℝ | 𝑦 ∶ 𝐼 → 𝑅, 𝑦 = 𝑦(𝑥, 𝑐1 , … , 𝑐𝑛 ) è soluzione dell’equazione differenziale
2. ∀ (𝑥0 , 𝑦0 , 𝑦1 , … , 𝑦𝑛−1 ) ∈ 𝐴 ∃ 𝑢𝑛𝑎 𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑜𝑙𝑎 𝑦 = 𝑦(𝑥, 𝑐1 , … , 𝑐𝑛 ) soluzione del problema di Cauchy
𝑦 (𝑛) = 𝑓(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛−1) )
𝑦(𝑥0 ) = 𝑦0
𝑦 ′ (𝑥0 ) = 𝑦1

{ 𝑦 (𝑛−1) (𝑥0 ) = 𝑦𝑛−1

Integrale particolare
Si dice integrale particolare dell’equazione differenziale 𝑦 (𝑛) = 𝑓(𝑥, 𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛−1) ) ogni funzione ottenuta
dall’integrale attribuendo particolari valori costanti 𝑐1 , … , 𝑐𝑛

Definizioni 9
Definizioni Equazioni differenziali del primo ordine

Equazioni differenziali ordinarie del primo ordine


Sono equazioni differenziali nella forma 𝑦 ′ = 𝑓(𝑥, 𝑦) dove 𝑓 ∶ 𝐴 → ℝ è una funzione e 𝐴 ⊆ ℝ2

Problema di Cauchy: significato geometrico


La soluzione di una equazione differenziale ordinaria del primo ordine permette di ricavare una famiglia di soluzioni
𝑦 ′ = 𝑓(𝑥, 𝑦)
nella forma 𝐹(𝑥, 𝑦) + 𝐶, risolvendo il problema di Cauchy per { si ricava la curva passante per il punto
𝑦(𝑥0 ) = 𝑦0
𝑥0 e il coefficiente angolare della tangente alla curva in quel punto

Equazioni a variabili separabili


Siano 𝐼, 𝐽 ⊆ ℝ due intervalli, 𝑓 ∶ 𝐼 → ℝ 𝑒 𝑔 ∶ 𝐽 → ℝ due funzioni continue. Un’equazione differenziale a variabili
separate è del tipo 𝑦 ′ = 𝑓(𝑥)𝑔(𝑦)
Per risolvere l’equazione a variabili separabili si passa per l’integrale
1
∫ 𝑑𝑦 = ∫ 𝑓(𝑥) 𝑑𝑥 + 𝐶
𝑔(𝑦)

Equazioni differenziali ordinarie lineari


Siano 𝐼 ⊆ ℝ un intervallo e 𝑎, 𝑏 ∶ 𝐼 → ℝ due funzioni continue. Un’equazione differenziale lineare del primo ordine in
forma normale è un’equazione del tipo
𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥)
Se 𝑏 = 0 l’equazione si dice omogenea, altrimenti non omogenea

Integrali generali per equazioni differenziali lineari


1. Per equazioni omogenee del tipo 𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦, l’integrale generale è del tipo
𝑥
𝐶𝑒 𝐴(𝑥) , con 𝐴(𝑥) = ∫ 𝑎(𝑡) 𝑑𝑡
𝛼
2. Per equazioni non omogenee del tipo 𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥), l’integrale generale è del tipo
𝑥 𝑡

𝑒 𝐴(𝑥) [∫ 𝑏(𝑡)𝑒 −𝐴(𝑡) 𝑑𝑡 + 𝐶] , con 𝐴(𝑡) = ∫ 𝑎(𝑠) 𝑑𝑠


𝛽 𝛼

Definizioni 10
Definizioni Equazioni differenziali ordinarie del secondo ordine

Equazioni lineari del secondo ordine


1. Omogenee
2. Non omogenee

Spazio vettoriale delle soluzioni dell’equazione omogenea

Relazione tra integrale generale dell’equazione completa e dell’omogenea associata

Equazione lineare del secondo ordine omogenea a coefficienti costanti


1. Equazione caratteristica
Siano 𝐼 ⊆ ℝ un intervallo, 𝑎0 , 𝑎1 ∈ ℝ 𝑒 𝑏: 𝐼 → ℝ una funzione continua. Un’equazione differenziale lineare
del secondo ordine a coefficienti costanti è un’equazione della forma:
𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0

2. Costruzione di un sistema fondamentale di soluzioni


Data l’equazione lineare omogenea del secondo ordine a coefficienti costanti 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0, si passa
anzitutto all’equazione associata 𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 = 0 e si determinano le variabili 𝜆 risolvendo l’equazione
algebrica del secondo ordine in 𝜆. L’integrale generale dell’equazione lineare omogenea del secondo ordine a
coefficienti costanti è rappresentato da 𝑦(𝑥) = 𝐶1 𝑒 𝜆1 𝑥 + 𝐶2 𝑒 𝜆2 𝑥 .
𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0
Risolvere il problema di Cauchy nella forma {𝑦 0 = 𝜆1 𝐶1 𝑒 𝜆1 𝑥0 + 𝜆2 𝐶2 𝑒 𝜆2 𝑥0 = 𝑦0 permette di ricavare
′ (𝑥 )

𝑦(𝑥0 ) = 𝐶1 𝑒 𝜆1 𝑥0 + 𝐶2 𝑒 𝜆2 𝑥0 = 𝑦1
l’integrale particolare ricercato

Ricerca di una soluzione particolare per un’equazione lineare completa del secondo ordine
1. Caso di forzante polinomiale
Sono equazioni della forma 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 𝑃(𝑥) con 𝑃(𝑥) un polinomio di grado q. Una soluzione
particolare dell’equazione è della forma
𝒚(𝒃(𝒙)) = 𝒌𝟎 + 𝒌𝟏 𝒙 + 𝒌𝟐 𝒙𝟐 + ⋯ + 𝒌𝒒 𝒙𝒒
Dove 𝑔 = 𝑞 + 𝑟 con r minimo ordine di derivazione nell’equazione differenziale non omogenea. Le costanti
𝛼 sono da determinare

2. Caso di forzante sinusoidale


Sono equazioni della forma 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 𝑃(𝑥) sin(𝛼𝑥) + 𝑄(𝑥)cos(𝛼𝑥). Si cerca un integrale
particolare della forma
𝒚(𝒃(𝒙)) = 𝒙𝒎 [𝒌𝟏 𝐬𝐢𝐧(𝜶𝒙) + 𝒌𝟐 𝐜𝐨𝐬(𝜶𝒙)]. 𝑵𝒐𝒕𝒂: 𝒏𝒐𝒏 𝒔𝒐𝒏𝒐 𝒔𝒊𝒄𝒖𝒓𝒐 𝒄𝒉𝒆 𝒌𝟏 𝒆 𝒌𝟐 𝒔𝒊𝒂𝒏𝒐 𝒈𝒍𝒊 𝒔𝒕𝒆𝒔𝒔𝒊 𝒄𝟏 𝒆 𝒄𝟐 𝒅𝒆𝒍𝒍′𝒐𝒎𝒐𝒈𝒆𝒏𝒆𝒂
Dove m è la molteplicità della soluzione 𝛼 nell’equazione associata. In particolare, se la coppia complessa
coniugata ±𝛼𝑖 non è soluzione dell’equazione associata, si ha che m = 0.

3. Caso di forzante esponenziale


Sono equazioni della forma 𝑦 ′′ +𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 𝑃(𝑥)𝑒 𝛼𝑥 . Una soluzione particolare è della forma:
𝒚(𝒃(𝒙)) = 𝒙𝒎 𝑸(𝒙)𝒆𝜶𝒙
Dove 𝑄(𝑥) è un polinomio dello stesso grado di 𝑃(𝑥) ed m è la molteplicità della soluzione 𝛼 nell’equazione
associata 𝛼 2 + 𝑎1 𝛼 + 𝑎0 = 0. In particolare, se 𝛼 non è una soluzione dell’equazione associata, m = 0

4. Caso di forzante somma di tipi elencati precedentemente


Sono equazioni della forma 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 𝑏1 (𝑥) + 𝑏2 (𝑥) + ⋯ + 𝑏𝑛 (𝑥) dove ogni termine b(x) costituisce
una forzante di un certo tipo. Per il principio di sovrapposizione degli effetti, l’integrale particolare
dell’equazione differenziale completa è dato dalla somma di integrali particolari delle equazioni differenziali
della sola forzante 𝑏𝑘 (𝑥), ∀𝑘 ∈ ℕ ≤ 𝑛

Integrale generale dell’equazione lineare completa


𝑦(𝑥) = 𝑦0 (𝑥) + 𝑦1 (𝑥) = 𝐶1 𝑒 𝜆1 𝑥 + 𝐶2 𝑒 𝜆2 𝑥 + 𝑦(𝑏(𝑥))

Definizioni 11
Serie numeriche a termini positivi

Serie numeriche di numeri reali


Sia {𝑎𝑛 }𝑛 una successione di numeri reali. Diciamo serie numerica la scrittura ∑∞
𝑛=1 𝑎𝑛 , equivalente ma più semplice
di 𝑎1 + 𝑎2 + 𝑎3 + ⋯ + 𝑎𝑛 + ⋯

Successione alle somme parziali


Data la serie {𝑎𝑘 }𝑘≥0 è detta successione delle somme parziali la successione costruita come
𝑛 ∞ 𝑛

𝑠𝑛 = ∑ 𝑎𝑘 ⟹ ∑ 𝑎𝑘 = lim ∑ 𝑎𝑘 = lim 𝑠𝑛
𝑛→∞ 𝑛→∞
𝑘=0 𝐾=0 𝑘=0

Serie convergenti divergenti e indeterminate


Data la successione {𝑎𝑘 }𝑘≥0 e posto 𝑠𝑛 = ∑𝑛𝑘=0 𝑎𝑘 , si consideri il limite lim 𝑠𝑛 .
𝑛→∞
Se il limite esiste finito o infinito, il suo valore s è detto somma della serie e si scrive come

∑ 𝑎𝑘 = lim 𝑠𝑛 = 𝑠
𝑛→∞
𝑘=0
- Se s è finito, si dice che la serie ∑∞𝑘=0 𝑎𝑘 converge
- Se s è infinito, si dice che la serie ∑∞𝑘=0 𝑎𝑘 diverge
Se il limite non esiste, si dice che la serie ∑∞
𝑘=0 𝑎𝑘 è indeterminata

Serie geometrica
diverge positivamente per q ≥ 1
∞ 1
𝑘 converge a se |q| < 1
𝑠𝑛 = ∑ 𝑞 ,
𝑘=0 1−q
{ è indeterminata se q ≤ −1

Serie di Mengoli
∞ 1
𝑠𝑛 = ∑ , converge a 1
𝑘=2 (𝑘 − 1)𝑘

Serie armonica

Converge per α > 1, ∀β
1 converge per α = 1, β > 1
𝑠𝑛 = ∑ 𝛼>0 , {
𝑘 (log(𝑛))𝛽 Diverge positivamente per α = 1, β ≤ 1
𝑘=1
Diverge positivamente per α < 1, ∀β

Invarianza del carattere di una serie


Una serie non cambia comportamento se si aggiunge, modifica o elimina un numero finito di termini

Condizione necessaria alla convergenza


Sia {𝑎𝑛 }𝑛 una successione di numeri reali e ∑∞ ∞
𝑛=1 𝑎𝑛 la serie numerica ad essa associata. Se ∑𝑛=1 𝑎𝑛 converge, allora
il limite della successione del termine generale vale zero, ovvero lim 𝑎𝑛 = 0.
𝑛→∞
In modo analogo se lim 𝑎𝑛 = 0, la serie ∑∞
𝑛=1 𝑎𝑛 converge.
𝑛→∞

Serie somma di due serie


Siano ∑∞ ∞ ∞ ∞ ∞
𝑘=0 𝑎𝑘 = 𝑠 e ∑𝑘=0 𝑏𝑘 = 𝑡, ∑𝑘=0 𝑎𝑘 + ∑𝑘=0 𝑏𝑘 = ∑𝑘=0(𝑎𝑘 + 𝑏𝑘 ) = 𝑠 + 𝑡 diverge se 𝑠 + 𝑡 = ±∞, converge
se 𝑠 + 𝑡 ∈ ℝ, altrimenti è indeterminata. Se anche una sola delle serie è indeterminata, anche la serie somma lo è.

Serie a termini di segno alterno



∑ (−1)𝑘 𝑏𝑘
𝑘=0
Assoluta convergenza
Si dice che la serie ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑎𝑘 converge assolutamente se converge la serie a termini positivi ∑𝑘=0|𝑎𝑘 |. Inoltre se la serie
∞ ∞ ∞
∑𝑘=0 𝑎𝑘 converge assolutamente, allora essa converge e si ha |∑𝑘=0 𝑎𝑘 | ≤ ∑𝑘=0|𝑎𝑘 |

Definizioni 12
Relazione tra differenziabilità e continuità

Enunciato
Se 𝑓 ∶ 𝐷 → ℝ è differenziabile in 𝑥0 ∈ 𝐷 allora f è continua in 𝑥0

Dimostrazione
𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 )
𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 ) = |𝑥 − 𝑥0 |
|𝑥 − 𝑥0 |
𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 ) − < ∇𝑓(𝑥0 ), 𝑥 − 𝑥0 > +< ∇𝑓(𝑥0 ), 𝑥 − 𝑥0 >
| | |𝑥 − 𝑥0 | ≤
|𝑥 − 𝑥0 |
𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 ) − < ∇𝑓(𝑥0 ), 𝑥 − 𝑥0 > |< ∇𝑓(𝑥0 ), 𝑥 − 𝑥0 >|
≤ [| |+ ] |𝑥 − 𝑥0 | ≤
|𝑥 − 𝑥0 | |𝑥 − 𝑥0 |
𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 ) − < ∇𝑓(𝑥0 ), 𝑥 − 𝑥0 >
≤ [| | + |∇𝑓(𝑥0 )|] |𝑥 − 𝑥0 |
|𝑥 − 𝑥0 |
𝑓(𝑥)−𝑓(𝑥0 ) − <∇𝑓(𝑥0 ),𝑥−𝑥0 >
Dal momento che la funzione è differenziabile in 𝑥0 , [| |𝑥−𝑥0 |
| + |∇𝑓(𝑥0 )|] è una quantità finita. Al
tendere di 𝑥 → 𝑥0 la disequazione tende ad un prodotto tra una quantità definita e un infinitesimo, per cui
lim 𝑓(𝑥) − 𝑓(𝑥0 ) = 0, ovvero lim 𝑓(𝑥) = 𝑓(𝑥0 ). Quindi la funzione è continua in 𝑥0
𝑥→𝑥0 𝑥→𝑥0

Dimostrazioni 13
Relazione tra differenziabilità e derivabilità (formula del gradiente)

Enunciato:
Sia 𝑓 ∶ 𝐷 ⊆ 𝑅 2 → 𝑅 una funzione differenziabile in (x, y). Dato qualsiasi versore 𝑣 = (𝑎, 𝑏), esiste la derivata
direzionale 𝐷𝑣 𝑓 𝑖𝑛 (𝑥, 𝑦) e inoltre risulta che
𝐷𝑣 𝑓(𝑥, 𝑦) = 𝛻 𝑓(𝑥, 𝑦) ∗ 𝑣

Dimostrazione:
Essendo f differenziabile in (x, y) possiamo scrivere
𝑓(𝑥 + ℎ, 𝑦 + 𝑘) = 𝑓(𝑥, 𝑦) + 𝑓𝑥 (𝑥, 𝑦)ℎ + 𝑓𝑦 (𝑥, 𝑦)𝑘 + 𝑅(ℎ, 𝑘)
dove R (h, k) è tale che:
𝑅(ℎ, 𝑘)
𝑙𝑖𝑚 =0
(ℎ,𝑘)→(0,0) √ℎ 2 + 𝑘 2
Consideriamo l’incremento dato da (h, k) = (a∆t, b∆t) e scriviamo la precedente relazione con questo incremento
𝑓(𝑥 + 𝑎∆𝑡, 𝑦 + 𝑏∆𝑡) = 𝑓(𝑥, 𝑦) + 𝑓𝑥 (𝑥, 𝑦)𝑎∆𝑡 + 𝑓𝑦 (𝑥, 𝑦)𝑏∆𝑡 + 𝑜|∆𝑡|
Divido tutti i membri per Δt e passando al limite per Δt  0
𝐷𝑣 𝑓(𝑥, 𝑦) = 𝑓𝑥 (𝑥, 𝑦)𝑎 + 𝑓𝑦 (𝑥, 𝑦)𝑏 ovvero 𝐷𝑣 𝑓(𝑥, 𝑦) = 𝛻 𝑓(𝑥, 𝑦) ∗ 𝑣

Dimostrazioni 14
Riconoscimento dei punti stazionari, caso del minimo relativo

Data una funzione 𝑓(𝑥, 𝑦) ∈ ℝ2 , un punto 𝑥0 ∈ 𝐷𝑜𝑚 𝑓 in cui f è diffrenziabile si dice punto critico o stazionario per f
se ∇𝑓(𝑥0 ) = 0.
Se invece ∇𝑓(𝑥0 ) ≠ 0, il punto 𝑥0 si dice regolare per f.
Sia 𝑥0 ∈ 𝐷𝑜𝑚 𝑓. Si dice che 𝑥0 è punto di minimo relativo (o locale) per f se esiste un intorno ℬ𝑟 (𝑥0 ) 𝑑𝑖 𝑥0 tale che:
∀𝑥 ∈ ℬ𝑟 (𝑥0 ) ∩ 𝐷𝑜𝑚 𝑓, 𝑓(𝑥) ≥ 𝑓(𝑥0 )
Il valore 𝑓(𝑥0 ) dicesi minimo relativo di f
Si dice che 𝑥0 è punto di minimo assoluto (o globale) per f se
∀𝑥 ∈ 𝐷𝑜𝑚 𝑓, 𝑓(𝑥) ≥ 𝑓(𝑥0 )
Il valore 𝑓(𝑥0 ) dicesi minimo assoluto di f.
In entrambi i casi il minimo si definisce stretto se 𝑓(𝑥) > 𝑓(𝑥0 ) per 𝑥 ≠ 𝑥0

Dimostrazioni 15
Teorema di Fermat

Enunciato:
Sia x0 un punto di estremo per f, con f differenziabile in x0. Allora x0 è un punto stazionario per f

Dimostrazione:
Per ipotesi, la funzione di una variabile 𝑥 → 𝑓(𝑥01 , … , 𝑥0𝑖−1 , 𝑥, 𝑥0𝑖+1 … 𝑥0𝑛 ) è definita per ogni i in un intorno di
𝑥0𝑖 ed è derivabile in quell’intorno; inoltre essa ha un punto di estremo in 𝑥0𝑖 , pertanto si applica il teorema di Fermat
𝜕𝑓
monodimensionale che fornisce (𝑥0 ) =0
𝜕𝑥𝑖

Dimostrazioni 16
Somma di due serie

Siano
∞ ∞

∑ 𝑎𝑘 𝑒 ∑ 𝑏𝑘
𝑘=0 𝑘=0

Due serie. La serie somma è definita come la serie il cui termine generale è 𝑐𝑘 = 𝑎𝑘 + 𝑏𝑘 , ossia
∞ ∞ ∞

∑ 𝑎𝑘 + ∑ 𝑏𝑘 = ∑(𝑎𝑘 + 𝑏𝑘 )
𝑘=0 𝑘=0 𝑘=0

Supponendo che ciascuna delle due serie di parenza sia convergente o divergente, indichiamo con
∞ ∞

𝑠 = ∑ 𝑎𝑘 𝑒 𝑡 = ∑ 𝑏𝑘
𝑘=0 𝑘=0

La loro somma (𝑠, 𝑡 ∈ ℝ ∪ {±∞}). Allora la serie somma è determinata se e solo se l’espressione s+t è definita. In tal
caso si ha

∑(𝑎𝑘 + 𝑏𝑘 ) = 𝑠 + 𝑡
𝑘=0

Questa serie converge se 𝑠 + 𝑡 ∈ ℝ e diverge se 𝑠 + 𝑡 = ±∞. Se una delle due serie converge e l’altra è
indeterminata. Al di fuori di questi casi non è possibile stabilire a priori il carattere della serie somma

Prodotto di una serie per uno scalare


Sia 𝜆 ∈ ℝ \{0}; la serie

𝜆 ∑ 𝑎𝑘
𝑘=0

È definita come la serie il cui termine generale è 𝜆𝑎𝑘 . Il comportamento di questa serie coincide con il comportamento
della serie originale e in caso di convergenza o divergenza si ha:

∑ 𝜆𝑎𝑘 = 𝜆𝑠
𝑘=0

Dimostrazioni 17
Comportamento di una serie a termini positivi (o non negativi)

Enunciato
Sia

∑ 𝑎𝑘
𝑘=0
Una serie a termini positivi. Allora tale serie converge oppure diverge positivamente

Dimostrazione
Sia

∑ 𝑎𝑘
𝑘=0
Una serie a termini positivi, la successione alle somme parziali 𝑠𝑛 è monotona crescente, difatti
𝑠𝑛+1 = 𝑠𝑛 + 𝑎𝑛 ≥ 𝑠𝑛 , ∀𝑛 ≥ 0
Applicando il teorema di esistenza del limite delle successioni monotone, si conclude che lim 𝑠𝑛 esiste, finito o
𝑛→∞
positivamente infinito

Dimostrazioni 18
Comportamento di una serie geometrica
Data la serie

∑ 𝑞𝑘
𝑘=0
Con 𝑞 ∈ ℝ.
Se 𝒒 = 𝟏
Risulta 𝑠𝑛 = 𝑎0 + 𝑎1 + ⋯ + 𝑎𝑛 = 𝑛 + 1, 𝑑𝑎 𝑐𝑢𝑖 lim 𝑠𝑛 = ∞ da cui risulta che la serie diverge
𝑛→∞
Se 𝒒 ≠ 𝟏
1
𝑠𝑒 |𝑞| < 1
1−𝑞𝑛+1 1−𝑞
2 3 𝑛
Si ha 𝑠𝑛 = 1 + 𝑞 + 𝑞 + 𝑞 + ⋯ + 𝑞 = da cui si ottiene { ∞ 𝑠𝑒 𝑞 > 1 ovvero
1−𝑞
∄ 𝑠𝑒 𝑞 ≤ 1
∞ 𝑐𝑜𝑛𝑣𝑒𝑟𝑔𝑒 𝑠𝑒 |𝑞| < 1
∑ 𝑞𝑘 , { 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑟𝑔𝑒 𝑠𝑒 𝑞 > 1
𝑘=0 𝑖𝑛𝑑𝑒𝑡𝑒𝑟𝑚𝑖𝑛𝑎𝑡𝑜 𝑠𝑒 𝑞 ≤ 1

Comportamento di una serie di Mengoli


Data la serie

1

(𝑘 − 1)𝑘
𝑘=1
Risulta
1 1 1
𝑎𝑘 = = −
(𝑘 − 1)𝑘 𝑘 − 1 𝑘
E dunque
1 1 1 1 1 1
𝑠2 = 𝑎2 = =1− , 𝑠3 = 𝑎2 + 𝑎3 = (1 − ) + ( − ) = 1 −
1∗2 2 2 2 3 3
E, in generale
1 1 1 1 1 1
𝑠𝑛 = 𝑎2 + 𝑎3 + ⋯ + 𝑎𝑛 = (1 − ) + ( − ) + ⋯ + ( − )=1−
2 2 3 𝑛−1 𝑛 𝑛
Allora
1
lim 𝑠𝑛 = lim (1 − ) = 1
𝑛→∞ 𝑛→∞ 𝑛
Quindi la serie converge e la sua somma vale 1

Comportamento di una serie armonica


Data la serie

1
∑ , 𝛼>0
𝑘𝛼
𝑘=1
Si osserva che
1 1 1 1
> 0 < 𝛼 < 1, < 𝛼>2
𝑘𝛼 𝑘 𝑘𝛼 𝑘2
Applicando il criterio del confronto si deduce che la serie diverge per 0 < 𝛼 < 1 e converge per 𝛼 > 2
Applicando il criterio integrale è inoltre possibile notare che

1
∫ 𝑑𝑥
𝑥𝛼
1
Converge se e solo se 𝛼 > 1, da questo si conclude in definitiva che la serie diverge per 0 < 𝛼 ≤ 1 e converge per
𝛼>1

Dimostrazioni 19
Condizione necessaria di Cauchy alla convergenza di una serie
Enunciato
Sia ∑∞
𝑛=0 𝑎𝑛 una serie numerica (reale o complessa). Se essa converge ad S allora si ha che:

lim 𝑎𝑛 = 0
𝑛→∞

Dimostrazione
Sia 𝑠𝑘 = ∑∞ 𝑛=0 𝑎𝑛 la successione delle somme parziali. Per ipotesi sappiamo che la serie converge ad un numero S e,
per definizione di serie convergente, si ha che:

∑ 𝑎𝑛 = lim 𝑠𝑘 = 𝑆
𝑛=0 𝑘→∞

Si ha quindi che:
𝑎𝑘 = 𝑠𝑘 − 𝑠𝑘−1 , ∀𝑘 ∈ ℕ > 0
Passando al limite membro a membro:
𝑆 𝑆
lim 𝑎𝑘 = ⏞
lim 𝑠𝑘 − ⏞
lim 𝑠𝑘−1 = 0
𝑘→∞ 𝑘→∞ 𝑘→∞

È dimostrato quindi che se la serie converge, allora il suo termine n-esimo tende a zero.
Non vale tuttavia in alcun modo l’opposto

Dimostrazioni 20
Criterio del confronto

Enunciato
Siano
∞ ∞

∑ 𝑎𝑘 𝑒 ∑ 𝑏𝑘
𝑘=0 𝑘=0
Due serie numeriche a termini positivi e si abbia 0 ≤ 𝑎𝑘 ≤ 𝑏𝑘 ∀𝑘 ≥ 0, allora si ha:
1. Se la serie ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑏𝑘 converge, allora converge anche ∑𝑘=0 𝑎𝑘
2. Se la serie ∑∞
𝑘=0 𝑘𝑎 diverge, allora diverge anche ∑ ∞
𝑘=0 𝑏𝑘

Dimostrazione
Indichiamo rispettivamente con {𝑠𝑛 } e {𝑡𝑛 } le successioni delle ridotte delle serie ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑎𝑘 𝑒 ∑𝑘=0 𝑏𝑘 .
Poiché 𝑎𝑘 ≤ 𝑏𝑘 ∀𝑘, si ha:
𝑠𝑛 ≤ 𝑡𝑛 , ∀𝑛 ≥ 0
Per ipotesi, la serie ∑∞
𝑘=0 𝑏𝑘 converge, si ha quindi lim 𝑡𝑛 = 𝑡 ∈ ℝ. Inoltre il comportamento di una serie a termini
𝑛→∞
positivi assicura che esiste, finito o infinito lim 𝑠𝑛 = 𝑠. Applicando il primo teorema del confronto alle successioni
𝑛→∞
{𝑠𝑛 } e {𝑡𝑛 } si ha
𝑠 = lim 𝑠𝑛 ≤ lim 𝑡𝑛 = 𝑡 ∈ ℝ
𝑛→∞ 𝑛→∞
Dunque, 𝑠 ∈ ℝ e la serie ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑎𝑘 converge. Inoltre 𝑠 ≤ 𝑡; questo permette di concludere che se la serie ∑𝑘=0 𝑏𝑘
converge, anche ∑∞
𝑘=0 𝑎𝑘 converge.

In modo analogo si dimostra il punto 2.

Dimostrazioni 21
Criterio del confronto asintotico
Enunciato
Date due serie a termini positivi

∞ ∞

∑ 𝑎𝑘 𝑒 ∑ 𝑏𝑘
𝑘=0 𝑘=0

Se le successioni {𝑎𝑘 }𝑘≥0 𝑒 {𝑏𝑘 }𝑘≥0 sono equigrandi per 𝑘 → ∞, allora il comportamento delle due serie coincide

Dimostrazione
Affermare l’enunciato equivale a dire che
𝑎𝑘
lim = ℓ ∈ ℝ \{0}
𝑘→∞ 𝑏𝑘

𝑎 𝑏
Pertanto, le successioni { 𝑘 } 𝑒 { 𝑘} sono entrambe convergenti e di conseguenza limitate per il teorema di
𝑏𝑘 𝑘≥0 𝑎𝑘 𝑘≥0
limitatezza.
Esistono quindi due costanti 𝑀1 , 𝑀2 > 0 | ∀𝑘 > 0 si ha
𝑎𝑘 𝑏𝑘
≤ 𝑀1 𝑒 ≤ 𝑀2 , 𝑜𝑣𝑣𝑒𝑟𝑜 𝑎𝑘 ≤ 𝑀1 𝑏𝑘 𝑒 𝑏𝑘 ≤ 𝑀2 𝑎𝑘
𝑏𝑘 𝑎𝑘
Applicando il criterio del confronto si ottiene quindi la tesi

Dimostrazioni 22
Criterio del rapporto

Enunciato
Sia data la serie

∑ 𝑎𝑘 𝑐𝑜𝑛 𝑎𝑘 > 0 ∀𝑘 ≥ 0
𝑘=0
Si supponga che esista, finito o infinito, il limite
𝑎𝑘+1
lim =ℓ
𝑘→∞ 𝑎𝑘
Se ℓ < 1, la serie converge, se ℓ > 1, la serie diverge

Dimostrazione
Sia ℓ finito. Per definizione di limite si ha che ∀𝜀 > 0, ∃𝑘𝜀 ≥ 0 intero tale che
𝑎𝑘+1 𝑎𝑘+1
∀𝑘 > 𝑘𝜀 ⟹ | − ℓ| < 𝜀 𝑜𝑣𝑣𝑒𝑟𝑜 ℓ − 𝜀 < <ℓ−𝜀
𝑎𝑘 𝑎𝑘
1−ℓ 1+ℓ
Supponiamo anzitutto ℓ < 1. Scelto 𝜀 = , poniamo 𝑞= e osserviamo che
2 2
𝑎𝑘+1
0< < ℓ + 𝜀 = 𝑞, ∀𝑘 > 𝑘𝜀
𝑎𝑘
Reiterando il processo si ha
𝑎𝑘+1 < 𝑞𝑎𝑘 < 𝑞 2 𝑎𝑘−1 < ⋯ < 𝑞 𝑘−𝑘𝜀 𝑎𝑘𝜀+1
E quindi
𝑎𝑘𝜀 +1 𝑘
𝑎𝑘+1 < 𝑞 , ∀𝑘 > 𝑘𝜀
𝑞 𝑘𝜀
Per il criterio del confronto si ha quindi che la serie geometrica di ragione q<1 converge
Se invece ℓ > 1, scelto 𝜀 = ℓ − 1, si osserva che
𝑎𝑘+1
1 =ℓ−𝜀 < , ∀𝑘 > 𝑘𝜀
𝑎𝑘
Pertanto, 𝑎𝑘+1 > 𝑎𝑘 > ⋯ > 𝑎𝑘𝜀 +1 > 0 e non è verificata la condizione necessaria di convergenza visto che lim 𝑎𝑘 ≠
𝑘→∞
0
Se invece abbiamo ℓ = ∞, posto A = 1 nella condizione di limite, ∃𝑘𝐴 ≥ 0 | 𝑎𝑘 > 1 ∀𝑘 > 𝑘𝐴 da cui si nota che
ancora non è verificata la condizione necessaria per la convergenza

Dimostrazioni 23
Irrotazionalità di un campo conservativo

Un campo vettoriale F si dice conservativo se ammette un potenziale, cioè se esiste una funzione
𝑈 ∶ 𝑅 3 → 𝑅 tale che:

𝜕𝑈
= 𝐹𝑥
𝜕𝑥
𝜕𝑈
= 𝐹𝑦
𝜕𝑦
𝜕𝑈
{ 𝜕𝑧 = 𝐹𝑧

che possiamo riscrivere in forma compatta tramite l’operatore gradiente:

𝛻𝑈 = 𝐹

Dove il gradiente è l’operatore che associa ad una funzione il vettore delle derivate parziali. Ad esempio in R 3
𝜕𝑈 𝜕𝑈 𝜕𝑈
𝛻𝑈 = [ , , ]
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧

Riscrivendo le prime due equazioni e derivandole in funzione rispettivamente di y e x si ottiene

𝜕𝑈 𝜕𝐹𝑥 𝜕𝑈 𝜕𝐹𝑦
= 𝑒 =
𝜕𝑥𝜕𝑦 𝜕𝑦 𝜕𝑦𝜕𝑥 𝜕𝑥

Il teorema di Schwarz dice che le derivate parziali seconde non dipendono dall’ordine di derivazione, a patto che il
campo vettoriale considerato sia di classe C 1 sul proprio dominio, condizione che il potenziale U considerato soddisfa,
perciò:
𝜕𝑈 𝜕𝑈
= da cui si ricava
𝜕𝑥𝜕𝑦 𝜕𝑦𝜕𝑥

𝜕𝐹𝑥 𝜕𝐹𝑦 𝜕𝐹𝑥 𝜕𝐹𝑦


= 𝑜𝑣𝑣𝑒𝑟𝑜 − =0
𝜕𝑦 𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑥

Per cui la prima componente del rotore è nulla.


In modo analogo si dimostra che anche le altre componenti del rotore devono essere nulle, concludendo quindi che il
rotore di un campo conservativo è irrotazionale

Dimostrazioni 24
Lavoro di un campo vettoriale = differenza di potenziale

Enunciato:
Sia 𝐹 ∶ 𝐴 ⊂ 𝑅 𝑛 → 𝑅 𝑛 un campo vettoriale continuo e conservativo sull’aperto 𝐴 ⊂ 𝑅 𝑛 . Se γ è una curva regolare a
tratti con sostegno contenuto in A e punto iniziale x 0 e finale x, allora:

∫ 𝐹(𝑥) 𝑑𝑠 = 𝑈(𝑥) − 𝑈(𝑥0 )


𝛾

Con U potenziale del campo vettoriale F su A.

Dimostrazione:
Sia γ(t), 𝑡 ∈ [𝑎, 𝑏], una parametrizzazione della curva γ t.c. 𝛾(𝑎) = 𝑥0 𝑒 𝛾(𝑏) = 𝑥. Dalla definizione

∫ 𝐹 𝑑𝑠 = ∫ 𝐹(𝛾(𝑡)) ∗ 𝛾′(𝑡) 𝑑𝑡
𝛾 𝑎

Poiché il campo F è conservativo e U è un suo potenziale risulta𝐹(𝛾(𝑡)) = ∇𝑈(𝛾(𝑡)) ∗ 𝛾′(𝑡).


Dalla formula fondamentale del calcolo integrale si ottiene quindi

𝑏 𝑏

∫ 𝐹 𝑑𝑠 = ∫ ∇𝑈(𝛾(𝑡)) ∗ 𝛾′(𝑡) 𝑑𝑡 = ∫ 𝑓′(𝑡) 𝑑𝑡 = 𝑓(𝑏) − 𝑓(𝑎) = 𝑈(𝛾(𝑏)) − 𝑈(𝛾(𝑎))


𝛾 𝑎 𝑎

Da questo risultato emerge dunque che il lavoro compiuto da un campo conservativo dipende unicamente dal punto di
inizio e d’arrivo della curva e che quindi il lavoro di un campo conservativo su una superficie chiusa è nullo.

Dimostrazioni 25
Espressione dell’integrale generale di un’equazione lineare del primo ordine in forma
normale

Enunciato
Siano 𝐼 ⊆ ℝ un intervallo e 𝑎, 𝑏 ∶ 𝐼 → ℝ due funzioni continue. Allora l’integrale generale dell’equazione lineare del
primo ordine 𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥) è data da
𝑦(𝑥) = 𝑒 𝐴(𝑥) (∫ 𝑒 −𝐴(𝑥) 𝑏(𝑥) 𝑑𝑥)
Dove A è una qualunque primitiva di a su 𝐼

Dimostrazione
Sia c una primitiva di 𝑒 −𝐴 𝑏 𝑠𝑢 𝐼. Si dimostra anzitutto che la funzione 𝑦(𝑥) = 𝑒 𝐴(𝑥) 𝑐(𝑥) è una soluzione
dell’equazione lineare 𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥). Si ha che y è derivabile in quanto prodotto di funzioni derivabili con
𝑦 ′ (𝑥) = 𝐴′ (𝑥)𝑒 𝐴(𝑥) 𝑐(𝑥) + 𝑒 𝐴(𝑥) 𝑐′(𝑥)
Essendo 𝐴′ (𝑥) = 𝑎(𝑥) e 𝑐 ′ (𝑥) = 𝑒 −𝐴(𝑥) 𝑏(𝑥) ∀𝑥 ∈ 𝐼 questo equivale a
𝑎(𝑥)𝑦(𝑥) + 𝑒 𝐴(𝑥) 𝑒 −𝐴(𝑥) 𝑏(𝑥) = 𝑎(𝑥)𝑦(𝑥) + 𝑏(𝑥)
Quindi y è una soluzione dell’equazione lineare 𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥).
Si dimostra ora che ogni soluzione dell’equazione lineare è della forma
𝑦(𝑥) = 𝑒 𝐴(𝑥) 𝑐(𝑥)
Dove c è una primitiva di 𝑒 𝑏 𝑠𝑢 𝐼. Poniamo 𝑧(𝑥) = 𝑒 𝐴(𝑥) 𝑐(𝑥) e siano una soluzione dell’equazione lineare e 𝑢 =
−𝐴

𝑦 − 𝑧. Per quanto visto finora, z è una soluzione dell’equazione lineare 𝑦 ′ = 𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥). Osserviamo che u è una
soluzione dell’equazione omogenea 𝑦′ = 𝑎(𝑥)𝑦. Infatti, u è derivabile in quanto differenza di funzioni derivabili con
𝑢′ = 𝑦 ′ − 𝑧 ′ = (𝑎(𝑥)𝑦 + 𝑏(𝑥)) − (𝑎(𝑥)𝑧 + 𝑏(𝑥)) = 𝑎(𝑥)(𝑦 − 𝑧) = 𝑎(𝑥)𝑢
Ne segue che u è soluzione dell’equazione a variabili separabili
𝑢′ = 𝑎(𝑥)𝑢
Per l’osservazione 3.3 le soluzioni sono date da
𝑢(𝑥) = 𝑘𝑒 𝐴(𝑥) , 𝑘∈ℝ
Essendo 𝑢 = 𝑦 − 𝑧 si ha che
𝑦(𝑥) = 𝑢(𝑥) + 𝑧(𝑥) = 𝑘𝑒 𝐴(𝑥) + 𝑒 𝐴(𝑥) 𝑐(𝑥) = 𝑒 𝐴(𝑥) (𝑐(𝑥) + 𝑘)
Ed essendo c una primitiva di 𝑒 −𝐴 𝑏 𝑠𝑢 𝐼 anche 𝑐 + 𝑘 lo è. Pertanto si è dimostrata la tesi.

Dimostrazioni 26
Integrale generale di un’equazione lineare completa in forma normale

Enunciato
L’integrale generale dell’equazione completa si ottiene aggiungendo all’integrale generale dell’equazione omogenea
una soluzione particolare della completa.

Dimostrazione
Sia 𝑦(𝑡) una soluzione dell’equazione 𝑓(𝑡) = 𝑦 ′ (𝑡) + 𝑎(𝑡)𝑦(𝑡) e 𝑦̃(𝑡) una soluzione particolare della stessa
equazione.
Allora 𝑧(𝑡) = 𝑦(𝑡) − 𝑦̃(𝑡) soddisfa l’equazione omogenea 𝑧 ′ (𝑡) + 𝑎(𝑡)𝑧(𝑡) = 0. Viceversa sia 𝑧(𝑡) una qualunque
soluzione di 𝑧 ′ (𝑡) + 𝑎(𝑡)𝑧(𝑡) = 0 𝑒 𝑦̃(𝑡) una soluzione particolare di 𝑓(𝑡) = 𝑦 ′ (𝑡) + 𝑎(𝑡)𝑦(𝑡). Allora 𝑦(𝑡) =
𝑧(𝑡) + 𝑦̃(𝑡) è soluzione dell’equazione completa

Metodo della variazione della costante


Si cerca una soluzione particolare nella forma:
𝑦(𝑡) = 𝑐(𝑡)𝑒 −𝐴(𝑡)
Si determina quindi c(t) in modo che 𝑦̃ soddisfi l’equazione 𝑓(𝑡) = 𝑦̃ ′ (𝑡) + 𝑎(𝑡)𝑦̃(𝑡). Si trova
𝑐(𝑡) = ∫ 𝑓(𝑡)𝑒 𝐴(𝑡) 𝑑𝑡
Quindi
𝑦̃(𝑡) = 𝑒 −𝐴(𝑡) ∫ 𝑓(𝑡)𝑒 𝐴(𝑡) 𝑑𝑡
L’integrale generale risulta per cui essere
𝑦(𝑡) = 𝑐𝑒 −𝐴(𝑡) + 𝑒 −𝐴(𝑡) ∫ 𝑓(𝑡)𝑒 𝐴(𝑡) 𝑑𝑡
Si determina quindi la costante c a partire dalla condizione iniziale 𝑦(𝑡0 ) = 𝑦0 ..
𝑡
Scegliendo 𝐴(𝑡) = ∫𝑡 𝑎(𝑠) 𝑑𝑠, l’integrale di 𝑓(𝑡) = 𝑦̃ ′ (𝑡) + 𝑎(𝑡)𝑦̃(𝑡) che soddisfa la condizione iniziale è dato da
0
𝑡

𝑦(𝑡) = 𝑦0 𝑒 −𝐴(𝑡) + 𝑒 −𝐴(𝑡) ∫ 𝑓(𝑠)𝑒 𝐴(𝑠) 𝑑𝑠


𝑡0

Dimostrazioni 27
L’insieme delle soluzioni di un’equazione omogenea del secondo ordine è uno spazio
vettoriale

1. Le soluzioni di un’equazione differenziale omogenea del secondo ordine è uno spazio vettoriale

Dimostrazione

Un’equazione lineare omogenea ha la forma

𝐹(𝑦, 𝑦 ′ , … , 𝑦 (𝑛) ) = 0, (1)

Con F lineare. Osserviamo che esiste sempre almeno una soluzione (quella identicamente nulla). Se 𝑦1 (𝑥) 𝑒 𝑦2 (𝑥)
sono soluzioni, allora

(𝑛)
𝐹(𝑦1 , 𝑦′1 , … , 𝑦1 (𝑛) ) = 0 𝑒 𝐹 (𝑦2 , 𝑦 ′ 2 , … , 𝑦2 ) = 0

Per la definizione di equazione differenziale lineare, 𝐹(𝑎𝑦1 + 𝑏𝑦2 , (𝑎𝑦1 + 𝑏𝑦2 )′ , … , (𝑎𝑦1 + 𝑏𝑦2 )(𝑛) = 0 ovvero
𝑎𝑦1 (𝑥) + 𝑏𝑦2 (𝑥) è soluzione. Quindi l’insieme delle soluzioni è uno spazio vettoriale.

2. Le dimensioni dello spazio vettoriale soluzione di un’equazione differenziale omogenea sono pari al
grado dell’equazione stessa.

Dimostrazione

Consideriamo le soluzioni 𝑦1 , 𝑦2 , … , 𝑦𝑛 dei problemi di Cauchy con condizioni iniziali

𝑦1 (𝑥0 ) = 1 𝑦1 (𝑥0 ) = 0 𝑦1 (𝑥0 ) = 0


𝑦 ′1 (𝑥0 ) = 0 𝑦 ′1 (𝑥0 ) = 1 𝑦 ′1 (𝑥0 ) = 0
, ,… ,
⋮ ⋮ ⋮
(𝑛) (𝑛) (𝑛)
𝑦
{ 1 (𝑥0 ) = 0 𝑦
{ 1 (𝑥0 ) = 0 {𝑦1 (𝑥0 ) = 1

Le funzioni 𝑦1 , 𝑦2 , … , 𝑦𝑛 sono soluzioni linearmente indipendenti. Dimostriamo che le soluzioni dell’equazione (1)
sono tutte e sole le combinazioni lineari di 𝑦1 , 𝑦2 , … , 𝑦𝑛 .
Per linearità le combinazioni lineari sono soluzioni; viceversa, sia y la soluzione del generico problema di Cauchy
dell’equazione (1), con condizioni iniziali

𝑦1 (𝑥0 ) = 𝑤1
𝑦 ′1 (𝑥0 ) = 𝑤2

(𝑛)
{𝑦1 (𝑥0 ) = 𝑤𝑛

Sempre per linearità dell’equazione anche 𝑤1 𝑦1 + 𝑤2 𝑦2 + ⋯ + 𝑤𝑛 𝑦𝑛 è soluzione del problema di Cauchy e quindi per
unicità della soluzione deve essere 𝑦 = 𝑤1 𝑦1 + 𝑤2 𝑦2 + ⋯ + 𝑤𝑛 𝑦𝑛 ovvero la soluzione dell’equazione (1) sono tutte e
sole le combinazioni lineari di n funzioni linearmente indipendenti e quindi formano uno spazio vettoriale di
dimensione n

Dimostrazioni 28
Integrale generale di un’equazione lineare omogenea del secondo ordine a coefficienti costanti

Enunciato
Data l’equazione differenziale lineare del secondo ordine a coefficienti costanti omogenea 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0
Ottenuta sostituendo 𝜆𝑘 al posto di 𝑦 (𝑘) ∀𝑘 = 0, 1, 2 con la convenzione che 𝑦 (0) = 𝑦, allora valgono le seguenti proposizioni:
1) Se Δ = 𝑎12 − 4𝑎0 > 0, allora l’equazione caratteristica 𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 = 0 ammette due soluzioni reali distinte 𝜆1 , 𝜆2 e
l’integrale generale dell’equazione differenziale omogenea 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0 è
𝑦(𝑥) = 𝑐1 𝑒 𝜆1𝑥 + 𝑐2 𝑒 𝜆2 𝑥 , 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℝ
In altri termini, due soluzioni linearmente indipendenti dell’equazione differenziale sono
𝑦1 (𝑥) = 𝑒 𝜆1𝑥 𝑒 𝑦2 (𝑥) = 𝑒 𝜆2𝑥
𝑎1
2) Se Δ = 𝑎12 − 4𝑎0 = 0, allora l’equazione caratteristica 𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 = 0 ammette la soluzione reale 𝜆 = − con
2
molteplicità due e l’integrale generale dell’equazione differenziale omogenea 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0 è:
𝑦(𝑥) = 𝑐1 𝑒 𝜆𝑥 + 𝑐2 𝑒 𝜆𝑥 , 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℝ
In altri termini, due soluzioni linearmente indipendenti dell’equazione differenziale sono
𝑦1 (𝑥) = 𝑒 cos(𝛽𝑥) 𝑒 𝑦2 (𝑥) = 𝑒 𝛼𝑥 sin(𝛽𝑥)
𝛼𝑥

Dimostrazione
Considero la funzione 𝑦(𝑥) = 𝑒 𝜆𝑥 e determino per quali 𝜆 ∈ ℂ è soluzione dell’equazione differenziale omogenea
𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0
Si ha che per ogni 𝑥 ∈ ℝ
𝑦 ′ (𝑥) = 𝜆𝑒 𝜆𝑥 , 𝑦 ′′ (𝑥) = 𝜆2 𝑒 𝜆𝑥
Sostituendo nell’equazione differenziale si ottiene
𝑦 ′′ (𝑥) + 𝑎1 𝑦 ′ (𝑥) + 𝑎0 𝑦(𝑥) = 0 ⟺ 𝑒 𝜆𝑥 (𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 ) = 0 ⟺ 𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 = 0
Quindi 𝑦(𝑥) = 𝑒 𝜆𝑥 è soluzione dell’equazione differenziale se e solo se 𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 = 0. Siano 𝜆1 , 𝜆2 ∈ ℂ le soluzioni
dell’equazione algebrica 𝜆2 + 𝑎1 𝜆 + 𝑎0 = 0. Allora si ha che:
𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = (𝐷 − 𝜆2 𝐼) ∘ (𝐷 − 𝜆1 𝐼)𝑦
Infatti
(𝐷 − 𝜆2 𝐼) ∘ (𝐷 − 𝜆1 𝐼)𝑦 = (𝐷 − 𝜆2 𝐼)[(𝐷 − 𝜆1 𝐼)𝑦] =
= (𝐷 − 𝜆2 𝐼)(𝐷𝑦 − 𝜆1 𝑦) = (𝐷 − 𝜆2 𝐼)(𝑦 ′ − 𝜆1 𝑦) =
= (𝐷 − 𝜆2 𝐼)𝑦 ′ − (𝐷 − 𝜆2 )(𝜆1 𝑦) = 𝐷𝑦 ′ − 𝜆2 𝑦 ′ − 𝐷(𝜆1 𝑦) + 𝜆1 𝜆2 𝐼 =
= 𝑦 ′′ − (𝜆1 + 𝜆2 )𝑦 ′ + 𝜆1 𝜆2 𝑦 = 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦
Ne segue che l’equazione omogenea 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 0
È riscrivibile come (𝐷 − 𝜆2 𝐼) ∘ (𝐷 − 𝜆1 𝐼)𝑦 = 0
Pongo
𝑢 = (𝐷 − 𝜆1 𝐼)𝑦, (1)
Allora u risolve l’equazione (𝐷 − 𝜆2 𝐼)𝑢 = 0
Ovvero 𝑢′ = 𝜆2 𝑢. Siccome 𝜆2 è continua su I, si ha che 𝑢(𝑥) = 𝑘2 𝑒 𝜆2𝑥 , 𝑘2 ∈ ℂ

Risolvendo la (1) rispetto a y si ottiene 𝑦 ′ = 𝜆1 𝑦 + 𝑘2 𝑒 𝜆2𝑥


Quindi y risolve un’equazione lineare del primo ordine non omogenea. L’integrale generale dell’equazione lineare del primo
ordine è dato quindi da:
𝑦(𝑥) = 𝑒 𝜆1𝑥 (𝑘2 ∫ 𝑒 − 𝜆1 𝑥 𝑒 − 𝜆2𝑥 𝑑𝑥) = 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 (∫ 𝑒 (𝜆2+𝜆1)𝑥 𝑑𝑥)
Sussistono due casi:
1) Se 𝜆1 = 𝜆2 allora si ottiene
𝑦(𝑥) = 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 (∫ 𝑑𝑥) = 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 (𝑥 + 𝑘1 ) =
= 𝑘1 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 + 𝑘2 𝑥𝑒 𝜆1 𝑥 =
Posti 𝑐1 = 𝑘1 𝑘2 𝑒 𝑐2 = 𝑘2
= 𝑐1 𝑒 𝜆1 𝑥 + 𝑐2 𝑥𝑒 𝜆1𝑥 , 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℝ
Quindi, posto 𝜆 = 𝜆1 , l’integrale generale dell’equazione differenziale omogenea è
𝑦(𝑥) = 𝑐1 𝑒 𝜆𝑥 + 𝑐2 𝑥𝑒 𝜆𝑥 , 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℝ
2) Se 𝜆1 ≠ 𝜆2 , allora si ottiene
𝑦(𝑥) = 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 (∫ 𝑒 (𝜆2−𝜆1)𝑥 𝑑𝑥) =
1 𝑘2
= 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 ( 𝑒 (𝜆2−𝜆1 )𝑥 + 𝑘1 ) = 𝑘1 𝑘2 𝑒 𝜆1𝑥 + 𝑒 𝜆2𝑥 =
𝜆2 − 𝜆1 𝜆2 − 𝜆1
𝑘2
Posto 𝑐1 = 𝑘1 𝑘2 𝑒 𝑐2 = 𝜆2 −𝜆1
= 𝑐1 𝑒 𝜆1𝑥 + 𝑐2 𝑒 𝜆2𝑥 , 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℂ
Se 𝜆1 , 𝜆2 ∈ ℝ, allora le soluzioni sono reali se e solo se 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℝ. Quindi l’integrale generale dell’equazione differenziale
omogenea è:
𝑦(𝑥) = 𝑐1 𝑒 𝜆1𝑥 + 𝑐2 𝑒 𝜆2 𝑥 , 𝑐1 , 𝑐2 ∈ ℝ

Dimostrazioni 29
Teoremi Funzioni di più variabili reali

Teorema di Weierstrass:
Sia f una funzione continua su un insieme compatto 𝐾 ⊆ 𝑑𝑜𝑚 𝑓. Allora l’immagine f (K) è un intervallo chiuso e
limitato; in particolare, f assume su K valore minimo e massimo

Teorema di Schwarz:
Sia 𝑓 ∶ 𝐴2 , con A insieme aperto. Supponiamo che in ogni punto 𝑃 = (𝑥, 𝑦) ∈ 𝐴 esistano
𝑓𝑥 (𝑥, 𝑦), 𝑓𝑦 (𝑥, 𝑦), 𝑓𝑥𝑦 (𝑥, 𝑦) 𝑒 𝑓𝑦𝑥 (𝑥, 𝑦). Se in un punto 𝑃0 = (𝑥0 , 𝑦0 ) ∈ 𝐴 le funzioni 𝑓𝑥𝑦 (𝑥, 𝑦) 𝑒 𝑓𝑦𝑥 (𝑥, 𝑦) sono
continue, allora si ha: 𝑓𝑦𝑥 (𝑥0 , 𝑦0 ) = 𝑓𝑥𝑦 (𝑥0 , 𝑦0 )

Proprietà dei limiti:


1. Teorema di unicità del limite
Sia f una funzione con dominio Dom (f) e un punto di accumulazione 𝑥 ∈ 𝐷𝑜𝑚 (𝑓).
Se ∃ finito o infinito lim 𝑓 = 𝑐 ∈ 𝐷𝑜𝑚(𝑓) ⟹ 𝑐 è unico
𝑥→𝑥0
2. Teorema di permanenza del segno
𝑛
Sia f una funzione con dominio Dom (f) e un punto di accumulazione 𝑐 ∈ ℝ . Se il limite per
𝑛
𝑥 → 𝑐 di f è uguale a ℓ ∈ ℝ , allora esiste un intorno di sferico (eventualmente bucato) di c appartenente a
Dom (f) in cui la funzione assume lo stesso segno del limite
3. Teorema del confronto
1) Sia 𝑥0 ∈ 𝒟(Ω). Se esiste 𝛿 > 0 tale che 𝑓(𝑥) ≤ 𝑔(𝑥) ≤ ℎ(𝑥) ∀𝑥 ∈ 𝒟(𝑥0 , 𝛿) ∩ (Ω \ {𝑥0 }) e lim 𝑓(𝑥) =
𝑥→𝑥0
𝜆 𝑒 lim ℎ(𝑥) = 𝜆, allora ∃ lim 𝑔(𝑥) = 𝜆
𝑥→𝑥0 𝑥→𝑥0
2) Sia 𝑥0 ∈ 𝒟(Ω). Se esiste 𝛿 > 0 tale che |𝑔(𝑥)| ≤ ℎ(𝑥) ∀𝑥 ∈ 𝒟(𝑥0 , 𝛿) ∩ (Ω \ {𝑥0 })
𝑒 lim ℎ(𝑥) = 0 allora ∃ lim 𝑔(𝑥) = 0
𝑥→𝑥0 𝑥→𝑥0
4. Teorema di esistenza degli zeri:
sia f una funzione continua su una regione 𝐷 ⊆ 𝑅𝑛 . Se f assume in D tanto valori strettamente positivi quanto valori
strettamente negativi, allora si annulla in D

Teoremi 30
Teoremi Campi Vettoriali

Teorema della divergenza:


Dato un insieme 𝑄 ⊂ 𝑅 3 limitato da una superficie chiusa 𝜕𝑄 regolare con normale n esterna alla superficie,
se le componenti del campo vettoriale 𝑭(𝑥, 𝑦, 𝑧) = (𝐹1 (𝑥, 𝑦, 𝑧), 𝐹2 (𝑥, 𝑦, 𝑧), 𝐹3 (𝑥, 𝑦 𝑧)) hanno le derivate
parziali prime continue in Q, allora vale:
∬ 𝑭 ∗ 𝒏 𝑑Σ = ∭ 𝑑𝑖𝑣𝑭(𝑥, 𝑦, 𝑧) 𝑑𝑉
𝜕𝑄 𝑄
𝜕𝐹1 𝜕𝐹2 𝜕𝐹3
Dove 𝑑𝑖𝑣𝑭(𝑥, 𝑦, 𝑧) = + +
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧

Lavoro di un campo vettoriale = differenza di potenziale


Sia 𝐹 ∶ 𝐴 ⊂ 𝑅 𝑛 → 𝑅 𝑛 un campo vettoriale continuo e conservativo sull’aperto 𝐴 ⊂ 𝑅 𝑛 . Se γ è una curva
regolare a tratti con sostegno contenuto in A e punto iniziale x 0 e finale x, allora:

∫ 𝐹(𝑥) 𝑑𝑠 = 𝑈(𝑥) − 𝑈(𝑥0 )


𝛾
Con U potenziale del campo vettoriale F su A.

Condizioni necessarie e condizioni sufficienti affinché un campo sia conservativo:


1) Condizione necessaria e sufficiente: ∮Ω 𝐹 𝑑Ω = 0 per qualsiasi curva chiusa Ω

2) Condizioni sufficienti: Dato un campo vettoriale F irrotazionale e fissato un qualsiasi aperto Ω


semplicemente connesso, F è conservativo se 𝐹 ∈ 𝐶 1 (Ω)

3) Condizioni Necessarie: Condizione necessaria ma non sufficiente affinché un campo vettoriale F sia
conservativo è che F sia irrotazionale

Teoremi 31
Teoremi Serie Numeriche
Criterio del confronto
Siano ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑎𝑘 e ∑𝑘=0 𝑏𝑘 due serie numeriche a termini positivi e si abbia 0 ≤ 𝑎𝑘 ≤ 𝑏𝑘 , ∀𝑘 ≥ 0
1. Se la serie ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑏𝑘 converge, allora converge anche ∑𝑘=0 𝑎𝑘
∞ ∞
2. Se la serie 𝑘=0 𝑎𝑘 diverge, allora diverge anche 𝑘=0 𝑏𝑘
∑ ∑

Criterio del confronto asintotico


Date due serie a termini positivi ∑∞ ∞
𝑘=0 𝑎𝑘 𝑒 ∑𝑘=0 𝑏𝑘
Se le successioni {𝑎𝑘 }𝑘≥0 𝑒 {𝑏𝑘 }𝑘≥0 sono equigrandi per 𝑘 → ∞,
allora il comportamento delle due serie coincide

Criterio della radice


Sia data la serie ∑∞
𝑘=0 𝑎𝑘 con 𝑎𝑘 ≥ 0, ∀𝑘 ≥ 0.
Si supponga che esista, finito o infinito, il limite lim 𝑘√𝑎𝑘 = ℓ
𝑘→∞
Allora se ℓ < 1, la serie converge; se ℓ > 1, la serie diverge

Criterio del rapporto


Sia data la serie ∑∞
𝑘=0 𝑎𝑘 𝑐𝑜𝑛 𝑎𝑘 > 0 ∀𝑘 ≥ 0
𝑎𝑘+1
Si supponga che esista, finito o infinito, il limite lim =ℓ
𝑘→∞ 𝑎𝑘
Se ℓ < 1, la serie converge, se ℓ > 1, la serie diverge

Criterio integrale
Sia f una funzione positiva, decrescente e continua in [𝑘0 , ∞), con 𝑘0 ∈ ℕ. Allora valgono le seguenti
disuguaglianze:
∞ ∞ ∞
∑ 𝑓(𝑘) ≤ ∫ 𝑓(𝑥) 𝑑𝑥 ≤ ∑ 𝑓(𝑘)
𝑘=𝑘0 +1 𝑘0 𝑘=𝑘0
Di conseguenza la serie e l’integrale improprio hanno lo stesso comportamento; precisamente

1. ∫𝑘 𝑓(𝑥) 𝑑𝑥 𝑐𝑜𝑛𝑣𝑒𝑟𝑔𝑒 ⟺ ∑∞
𝑘=𝑘0 𝑓(𝑘) converge
0

2. ∫𝑘 𝑓(𝑥) 𝑑𝑥 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑟𝑔𝑒 ⟺ ∑∞
𝑘=𝑘0 𝑓(𝑘) diverge
0
𝟏
Con applicazione al carattere ∑ 𝜷
𝒏𝜶(𝐥𝐧 𝒏)

Criterio di Leibniz
Data una successione a termini di segno alterno∑∞ 𝑘
𝑘=0(−1) 𝑏𝑘 , se valgono le due condizioni:
1. lim 𝑏𝑘 = 0
𝑘→∞
2. La successione {𝑏𝑘 }𝑘≥0 è monotona decrescente

Allora la serie è convergente. Detta s la sua somma, per ogni 𝑛 ≥ 0 si ha


|𝑟𝑛 | = |𝑠 − 𝑠𝑛 | ≤ 𝑏𝑛+1 𝑒 𝑠2𝑛+1 ≤ 𝑠 ≤ 𝑠2𝑛

Teoremi 32
Teoremi Equazioni Differenziali

Principio di sovrapposizione degli effetti


Siano 𝐼 ⊆ ℝ un intervallo, 𝑎0 , 𝑎1 ∈ ℝ, 𝑛 ∈ ℕ, 𝑛 ≥ 1 𝑒 𝑏1 , … , 𝑏𝑛 : 𝐼 → ℝ funzioni continue.
Allora un integrale particolare dell’equazione differenziale lineare del secondo ordine a coefficienti costanti non
omogenea 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 𝑏1 (𝑥) + ⋯ + 𝑏𝑛 (𝑥) è dato da 𝑦(𝑥) = 𝑦1 (𝑥) + ⋯ + 𝑦𝑛 (𝑥) dove ogni 𝑦𝑘 (𝑥) è un
integrale particolare dell’equazione non omogenea 𝑦 ′′ + 𝑎1 𝑦 ′ + 𝑎0 𝑦 = 𝑏𝑘 (𝑥), ∀𝑘 = 1, … , 𝑛

Teorema di esistenza e unicità locale


Siano 𝑓 ∶ 𝐴 ⊆ ℝ𝑛+1 → ℝ con A aperto di ℝ𝑛 , (𝑡0 , 𝑦0 ) ∈ 𝐴, con 𝑡0 ∈ ℝ, 𝑦 0 ∈ ℝ𝑛 e
𝐾 ≔ [𝑡0 − 𝑟, 𝑡0 + 𝑟] × 𝐵̅𝑏 (𝑦0 ) un compatto contenuto in A con 𝐵̅𝑏 (𝑦0 ) ≔ {𝑦 ∈ ℝ𝑛 ∶ ||𝑦 − 𝑦0 || ≤ 𝑏. Supponiamo
inoltre che f sia continua in K e che sia localmente lipschitziana rispetto a y, uniformemente rispetto a 𝑡 ∈
[𝑡0 − 𝑟, 𝑡0 + 𝑟], ossia
∃𝐿 > 0 | ∀ (𝑡, 𝑦), (𝑡, 𝑧) ∈ 𝐾 𝑟𝑖𝑠𝑢𝑙𝑡𝑎 ||𝑓(𝑡, 𝑦) − 𝑓(𝑡, 𝑧)|| ≤ 𝐿||𝑦 − 𝑧||
Allora esiste 𝛿 > 0 ed esiste una e una sola funzione

𝑦 ∶ [𝑡0 − 𝛿, 𝑡0 + 𝛿] → ℝ

Tale da essere soluzione del problema di Cauchy

𝑦 ′ (𝑡) = 𝑓(𝑡, 𝑦(𝑡))


{ ∀𝑡 ∈ [𝑡0 − 𝛿, 𝑡0 + 𝛿]
𝑦(𝑡0 ) = 𝑦0
Inoltre, 𝑦 ∈ 𝐶 1 ([𝑡0 − 𝛿, 𝑡0 + 𝛿])

Questo teorema garantisce l’esistenza di una e una sola soluzione al problema di Cauchy in un intorno di 𝑡0

Teoremi 33