Sei sulla pagina 1di 28

Marinella Lizza

Ludovico Ariosto: il 
Furioso come poema 
del Rinascimento
Contesto scolastico
4° anno – Liceo Artistico

1° quadrimestre - ore previste: 12


26 alunni (14 maschi e 12 femmine).

La classe presenta un buon livello di socializzazione generale.


Per un alunno, L. G., con D.S.A. (diagnosi di dislessia) è stato
elaborato un P.D.P. dal C. d. C.: l’alunno fruisce degli strumenti
compensativi e delle misure dispensative previste.
Cfr. legge 170/2010, “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in
ambito scolastico” (riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali
disturbi specifici di apprendimento); C.M. n. 8 del 6/3/2013.

Un'alunna, N. F., ha bisogni educativi speciali (B.E.S.*) a causa


di una situazione di svantaggio socioeconomico e culturale.

Tre alunni hanno caratteristiche di eccellenza.


*Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni
educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” e Circolare
ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013. Cfr. anche la Nota di chiarimento n. 2563 del 22
novembre 2013.
B.E.S.

Per gli alunni con B.E.S. le strategie didattiche tengono conto di


tempi di elaborazione, tempi di produzione, quantità dei compiti
assegnati.

Nelle verifiche, verrà ridotto il numero di esercizi senza


modificare gli obiettivi, oppure verrà prolungato il tempo di
verifica.
Gli insegnanti valorizzeranno molto l'impegno, affinché l'alunno
non consolidi convinzioni errate sulle proprie difficoltà (come
pensare ad esempio di essere poco intelligente o poco
volenteroso), convinzioni che potrebbero avere effetti negativi
sull'autostima.
“È compito doveroso dei Consigli di classe [...] indicare in quali altri casi
sia opportuna e necessaria l'adozione di una personalizzazione della
didattica ed eventualmente di misure compensative e dispensative, nella
prospettiva di una presa in carico globale ed inclusiva di tutti gli alunni.
Strumento privilegiato è il percorso individualizzato e personalizzato,
redatto in un Piano Didattico Personalizzato (PDP).” (Circolare
ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013).

“Nella quotidiana esperienza didattica si riscontrano momenti di difficoltà


nel processo di apprendimento. È dato poi riscontrare difficoltà che
hanno un carattere più stabile o comunque, per le concause che le
determinano, presentano un maggior grado di complessità. [...] Il
disturbo di apprendimento ha invece carattere permanente e base
neurobiologica.

Non è compito della scuola certificare gli alunni con bisogni educativi
speciali, ma individuare quelli per i quali è opportuna e necessaria
l'adozione di particolari strategie didattiche.” (Nota del 22 novembre
2013, “Strumenti di intervento alunni BES”).
PIANO DI STUDI
Connessioni interdisciplinari
(collaborazione con altri docenti)

FILOSOFIA
Erasmo da Rotterdam,
Elogio della follia
ARTE
Il Rinascimento
La prospettiva
INGLESE
Thomas More
Sir John Harington:
traduzione dell'Orlando
furioso (1591)
Connessioni interdisciplinari
(classe di concorso A050)

STORIA

La civiltà del Rinascimento


• la stampa dei classici (Aldo Manuzio)
• Lorenzo Valla
• Papa Pio II, riferimento per gli Umanisti
L'invenzione della stampa (Gutenberg, 1455)
Invenzioni e loro conseguenze: Ariosto (Orlando furioso, IX) e
Machiavelli criticano l'uso delle armi da fuoco
Viaggi e scoperte: scoperta dell'America (cfr. Orlando furioso,
XV).
Riforma e Controriforma
La nascita dello Stato moderno in Europa
La civiltà del Rinascimento in Italia

Jacob Burckhardt, La civiltà del Rinascimento in Italia


“Nell'Italia del Rinascimento […] noi ci scontriamo in
singoli artisti, i quali in tutti i rami danno creazioni
affatto nuove e perfette nel loro genere.”

Individualismo Uomo Gloria


Collegamenti con altri autori

Matteo Maria Boiardo, Niccolò Machiavelli


Orlando innamorato - tema della fortuna
Svolta nel poema cavalleresco: - questione della lingua
trasforma i cantari popolari in
un genere destinato alla corte

Pietro Bembo,
Prose della volgar lingua
Prerequisiti
• L’analisi dell'Orlando furioso si inserisce in un modulo
più ampio sulla “grande stagione della poesia
narrativa cavalleresca (Ariosto, Tasso).” (Cfr.
Indicazioni nazionali per il sistema dei licei, DM
211/2010).

Prerequisiti
– Conoscere il contesto storico e culturale di riferimento.
– Conoscere il profilo della vita e delle opere di Ludovico
Ariosto (1474-1533).
– Possedere competenze di analisi del testo letterario, che
comunque saranno affinate dall'itinerario didattico
proposto.
Obiettivi
Obiettivi
 CONOSCENZE:

– Conoscere le principali caratteristiche del


Rinascimento.
– Conoscere l'Orlando furioso, i filoni principali
della trama (guerra tra Cristiani e Saraceni,
pazzia di Orlando, storia di Ruggiero e
Bradamante e motivo encomiastico) e i suoi
principali temi, attraverso una scelta di passi
significativi.
Obiettivi
Obiettivi
 ABILITÀ:

– Analizzare testi letterari e riconoscerne le strutture


sintattiche e i procedimenti stilistici e retorici.

– Individuare il rapporto tra il testo, il destinatario ed il


contesto.

– Ricostruire la complessità del testo attraverso


l’individuazione e l’analisi dei diversi livelli di lettura.

– Confrontare testi sul piano diacronico e sincronico.

– Riflettere criticamente sulla lingua e sulla letteratura

– Saper utilizzare la critica letteraria e l’eventuale confronto


con altri testi o opere iconografiche per arrivare a
un’interpretazione più completa e approfondita del testo.
Obiettivi
Obiettivi
 COMPETENZE:

– Consolidamento e potenziamento delle competenze di


analisi del testo.

– Consolidamento e potenziamento delle competenze di


rielaborazione e di argomentazione.

– Sviluppo delle competenze logico-critiche mediante il


confronto, la contestualizzazione e la riflessione.

– Creazione di una rete di relazioni (analogia/contrasto) fra


testi letterari e varie manifestazioni artistiche e culturali.
Metodologia
Metodologie
 Lezione dialogata e lezione frontale, anche con l’ausilio della
LIM.

 Lavori di gruppo (apprendimento cooperativo). Nelle attività


di gruppo, gli alunni con caratteristiche di eccellenza*
lavoreranno in peer tutoring con i compagni che presentano
difficoltà. Ogni gruppo realizzerà un ipertesto da distribuire
alla classe e da esporre oralmente (verifica orale).

 Esercizi di analisi del testo, sia in classe sia a casa.

 Verifica sommativa: analisi del testo (tipologia A).

*Per gli alunni con caratteristiche di eccellenza, cfr. DECRETO LEGISLATIVO n. 262 del
29 dicembre 2007, “Disposizioni per incentivare l'eccellenza degli studenti nei
percorsi di istruzione” e D. M. 8 settembre 2011, “Valorizzazione delle eccellenze”.
Strumenti

• Libri di testo
• Opere degli autori citati
• Mappe concettuali
• Fonti iconografiche
• LIM / videoproiettore /
computer
Itinerario didattico

Fase introduttiva:
– il poema in ottave;
– struttura dell'ottava e caratteristiche dell'ottava
ariostesca;
– il rapporto con i modelli (letterature classiche,
ciclo bretone, ciclo carolingio); da Matteo Maria
Boiardo ad Ariosto;
– le edizioni del poema (1516 e 1521, ambedue in
40 canti; 1532, in 46 canti).
Itinerario didattico
Analisi del testo:
– canto I, ottave 1-4
•(Proemio)
– canto XXIII, ottave 102-136
•(La pazzia di Orlando)
– canto XXXIV, ottave 73-87
•(Astolfo sulla Luna)
Analisi della prima ottava
Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori,
le cortesie, l'audaci imprese io canto,
che furo al tempo che passaro i Mori
d'Africa il mare, e in Francia nocquer tanto,
seguendo l'ire e i giovenil furori
d'Agramante lor re, che si diè vanto
di vendicar la morte di Troiano
sopra re Carlo imperator romano.
Itinerario didattico
Lettura di pagine critiche:
– Lanfranco Caretti, “Ariosto e la sua epoca”
– Presentazione di Italo Calvino, che
approfondisce il personaggio di Orlando
Ariosto e Calvino
Orlando furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo
Calvino: guida alla lettura del testo ariostesco scritta
da Italo Calvino nel 1970.
Trasmissioni radiofoniche di Calvino su Ariosto (1967,
pubblicate nel 1997 da Fonit Cetra).
-------
Il cavaliere inesistente (1959).
Il castello dei destini incrociati (1973) – “Provai subito a
comporre con i tarocchi viscontei sequenze ispirate
all'Orlando Furioso; mi fu facile così costruire l'incrocio
centrale dei racconti del mio "quadrato magico".
Intorno, bastava lasciare che prendessero forma altre
storie che s'incrociavano tra loro”.
Ariosto e Ronconi
https://www.youtube.com/watch?v=UW_ytlrcTWw
Spettacolo messo in scena da Ronconi nel 1969, sceneggiato
dal regista con Edoardo Sanguineti.
Sceneggiato TV mandato in onda dalla Rai nel 1975.
Girato a Palazzo Farnese (Caprarola, in provincia di Viterbo) e
alle Terme di Caracalla.
VERIFICA – Analisi del testo
Astolfo sulla Luna (Canto XXXIV, ottave 73-77)

Comprensione:

Riassumi i contenuti delle ottave lette.

Contestualizza il testo nella trama dell'Orlando furioso.

Analisi:

Individua le principali figure retoriche presenti nelle ottave lette e
commentane l'uso.

“Ciò che si perde o per nostro diffetto,/ o per colpa di tempo o di Fortuna:/
ciò che si perde qui, là si raguna”: la luna viene presentata come un
mondo alla rovescia. Commenta il significato del termine “perdere” nelle
ottave proposte.

Quale posto assegna il poeta alla fama?

Approfondimento e confronto:

Sviluppa una riflessione sul tema della pazzia e sul tema della Fortuna nel
poema e in riferimento ad altri autori ed opere.
Griglia di valutazione
Indicatori Descrittori Punteggio Punteggio
prova

Rispetto della L’elaborato rispetta la consegna in modo completo. 1


consegna
1

L’elaborato rispetta la consegna in modo parziale. 0,5

L’elaborato non rispetta o rispetta in modo scarso la consegna. 0-0,5

Comprensione del L'elaborato evidenzia una comprensione corretta ed approfondita 3


testo del testo. Bene assimilate le conoscenze.
3

L'elaborato palesa una comprensione del testo abbastanza 2,5


corretta. Buone le conoscenze.

L'elaborato palesa una comprensione sostanzialmente corretta 2


del testo.

L'elaborato dimostra una comprensione generica e superficiale 1,5


del testo. Alcune imprecisioni.

L'elaborato dimostra una comprensione incerta del testo. 0-1


Inesattezze e lacune.
Griglia di valutazione
Analisi del testo L'elaborato svolge un’analisi completa. Le competenze e le 2
2 conoscenze sono molto buone.

L'elaborato dimostra competenze nell’analisi complessivamente 1,75


buone.

L'elaborato svolge un’analisi essenziale del testo. Alcune 1,5


imprecisioni.

L'elaborato svolge un’analisi poco approfondita e non del tutto 1


esauriente. Le competenze sono deboli.

L'elaborato sviluppa un’analisi del testo non completa. Le riflessioni 0-0,5


sono incerte e male organizzate

Rielaborazione ed L'elaborato sviluppa ampie e articolate riflessioni personali. Le 2


Approfondimenti capacità di rielaborazione sono molto buone.
2

L'elaborato sviluppa riflessioni globalmente buone. Discreta la 1,75


capacità di rielaborazione.

L'elaborato sviluppa considerazioni che denotano una conoscenza 1,5


generale dell'argomento e una sufficiente capacità di rielaborazione.

L'elaborato sviluppa riflessioni limitate stabilendo collegamenti 1


deboli e generici.

L'elaborato non approfondisce e rielabora in maniera del tutto 0-0,5


insufficiente.
Griglia di valutazione
Struttura del testo, Il testo è coerente e coeso. 1
coerenza logica,
coesione
1

Il testo è globalmente organizzato pur con qualche 0,75


incongruenza.
Il testo palesa incongruenze logiche e scarsa coesione. 0 – 0,5

Competenza L’elaborato è fluido e senza errori. Lessico, registro e 1


linguistico- punteggiatura sono corretti ed appropriati.
espressiva
1

L'elaborato è sostanzialmente corretto. Complessivamente 0,75


adeguati lessico, registro e punteggiatura.

L'elaborato presenta alcuni errori di sintassi, d’ortografia e di 0 - 0,5


punteggiatura. Improprietà nel lessico e nel registro.

Punteggio 10
Correzione della verifica e recupero

Consegna dei compiti che saranno valutati


rispettando la griglia distribuita agli studenti.
Didattica dell’errore. Recupero.