Sei sulla pagina 1di 15

ECONOMIA AZIENDALE

BANCA E C/C
BANCA & INTERMEDIARI FINANZIARI

Scambi sul mercato —> regolati da operazioni di credito

Credito: è un diritto del creditore, di ottenere in futuro una controprestazione.

Caratterizzate da fiducia e presenza del fattore di rischio.

Credito DIRETTO - INDIRETTO ( intervento di intermediari finanziari)

‣ Credito alla Produzione: debitore è un’impresa che necessita dei finanziamenti

‣ Credito alla consumo: debitore persona singola/famiglia

Banca: impresa di servizi che svolge attività di intermediazione finanziaria, prestando denaro con le
risorse ottenute da terzi a titoli di debito.

II DIRETTIVA DEL 1993 "TESTO UNICO BANCARIO” stabilisce le regole della banca creando un
modello organizzativo UNIVERSALE.

‣ Ogni banca nell’U.E. può offrire tutti i servizi indicati.

‣ Presenza sul mercato di enti creditizi di altri paesi UE

‣ Possibilità per tutte le banche di effettuare direttamente operazioni di leasing e possedere


partecipazioni nel capitale proprio di impresa non finanziarie
FUNZIONI SVOLTE DA BANCHE

Operano nel settore terziario, attività di intermediazione, finanziaria e prestazioni di numerosi servizi.

Necessitano di risorse finanziarie acquisiscono a titolo di capitale propio e di debito.

Emettono azioni x raccogliere fondi per creare il capitale sociale

Funzioni banche:

‣ CREDITIZIA: operano come intermediari tra soggetti che offrono capitali e i soggetti che li
richiedono, stimolando il risparmio e indirizzandolo verso attività produttiva x favorire espansione del
sistema economico

‣ MONETARIA: il regolamento degli scambi avviene con strumenti bancari cartacei ed elettronici

‣ TRASMISSIONE DEGLI IMPULSI DI POLITICA MONETARIA: le banche influenzano il processo di


produzione e di distribuzione del reddito nazionale attraverso la concessione del credito. Le autorità
creditizie adottano provvedimenti modificandone il comportamento.

‣ DI SERVIZI: offrono ai clienti servizi diversi di investimento in strumenti finanziari e di servizi


complementari

‣ SUPPORTO ALLO SVILUPPO DELLE IMPRESE: partner delle imprese nei loro processi di sviluppi
fornendo di prodotti e servizi innovativi adatti alle mutate esigenze.
OBBIETTIVI BANCA

‣ LIQUIDITA: operano prelevamenti con fondi ricavati dai clienti, le banche devono regolare con
tempestività le richieste di rimborso e agli altri pagamenti.

‣ SOLVIBILITA: avere un patrimonio adeguato x fronteggiare impieghi finanziari a breve e a


medio-lungo termine

‣ REDDITIVITA: risultato economico in grado di remunerare il capitale investito e di potenziare


l’attività attraverso autofinanziamento.

Per ottenere la max liquidità la banca non deve impiegare i fondi ricevuti dai depositanti.

Per conseguire max redditività la banca impiega tutti i fondi ricevuti dai depositanti, ottenendo così la
maggiore remunerazione possibile.

‣ Analizzano nel tempo l’andamento della gestione

‣ Confrontano i risultati di altre banche

‣ Rapporto elevato maggiore è il conseguimento degli obbiettivi


PROBLEMI

A. Problemi di liquidità -> con destinare una parte dei fondi raccolti in investimenti che garantiscono i
mezzi necessari a conservare in equilibrio la tesoreria.

B. Richiesta di rimborso -> creazione di riserve di liquidità costituite da denaro in cassa.

C. Rischio d’impresa -> procedere al frazionamento dei rischi distribuendo i mezzi raccolti tra un ampio
e diversificato numero di impieghi. Si attua:

1. Concedendo prestiti di importo limitato a un numero ampio di soggetti

2. Diversificando la clientela

3. Estendendo attività operativa su aree sempre più vaste.


RISCHI

Rischi:

‣ Di credito: derivano dall’attività di intermediazione creditizia e si suddividono in rischi finanziari e


rischi economici

‣ Di mercato: instabilità dei mercati che determinano variazioni dei tassi si interesse, delle quotazioni
dei titoli e delle quotazioni delle valute

‣ Operativi: legati all’attività online delle banche, all’utilizzo illecito dei sistemi tecnologici o a danni di
reputazione in conseguenza della violazione di norme di legge e di regolamento

‣ Altri: dovuti a errate decisioni strategiche, a lentezze nella direzione, alle ricadute sull’immagine
aziendale di eventi negativi

Le banche devono fidelizzare la clientela.

‣ Diversificare gamma e servizi

‣ Estendere rete distributiva

‣ Rendere comprensibili e trasparenti le clausole e informazioni

‣ Facilitare alla clientela l’ingresso


OPERAZIONI BANCARIE
Operazioni di intermediazione creditizia: banca raccoglie e impiega fondi

A. RACCOLTA FONDI: banca si procura i mezzi tramite i depositi in banca, è un operazione passiva
perchè diventa debitrice de cliente.

1. Op. originarie: dirette con clientela che deposita i risparmi o le proprie disponibilità liquide

2. Op. Derivate: mercato telematico, finanziamenti tramite depositi in altre banche

3. Op. Indirette: clientela in collegamento a rapporti o servizi particolari

B. IMPIEGO FONDI: banca concede finanziamenti, operazione attiva in quanto diventa creditrice.

C. INVESTIMENTO FINANZIARIO: ente acquista titoli i stato e li gestisce permettendo di avere


interessi su titoli o minusvalenze

D. SERVIZI DI INVESTIMENTO E ACCESSORI: la banca gestisce per conto dei clienti strumenti
finanziari e valute estere, ricavando commissioni e diritti

E. COMPLEMENTARI: servizi di incasso e pagamento, locazione di cassette di sicurezza ecc


PREZZO OPERAZIONI BANCARIE

Prezzo operazioni bancarie rappresentato da tasso ( x impieghi e e raccolta fondi)

Da commissioni (x servizi)

Elementi accessori (valute, gg, recupero spese e oneri fiscali) influenzano il costo finale.

x stabilire tassi si basano su alcuni valori:

1. Euribor tasso medio d’interesse applicato nel mercato dei depositi interbancari

2. Libor tasso d’interesse a breve scadenza x le eurovalute

‣ Tassi attivi: applicati sui finanziamenti concessi alla clientela, più il finanziamento è alto o lungo
termine più sono alti i tassi

‣ Tassi passivi: dipendono da giacenza in banca e capitale.

2 forbici:

1- divario tra tassi attivi e passivi, banca deve coprire i costi intermediazione e oneri impropri

2- divario tra top rate e il primo rate.


TUTELA CLIENTI

Tutelato da sistema che assicura solvibilità delle banche sia da creazione di organi x risolvere le
controversie sia da un apposita normativa in materia di trasparenza bancaria.

2 tipi di tutela

‣ Indiretta: in caso di insolvenza di una banca le autorità intervengono acquistando la banca e


risanando i debiti

‣ Diretta: ricorrendo a compagnie di assicurazione sia all’interno del sistema bancario sia nel
caso in cui la banca viene posta in amministrazione straordinaria

Nuove regole:

‣ Rafforzamento misure preventive con piano di risanamento

‣ Procedura di risoluzione

In caso di crisi di banche tutti i depositi o C/C con nominativi fino a 100.000 euro sono tutelati dal
Fondo Interbancario di Tutela dei depositi e dal fondo di garanzia dei depositi del credito
cooperativo.
DOCUMENTAZIONE

Trasparenza bancaria: semplificare la documentazione x la clientela

Utilizzo di strumenti:

Documenti contenenti i principali diritti dei clienti: documento con i diritti del cliente e la guida

Fogli informativi: informazioni sull’intermediario

Documenti di sintesi: in maniera personalizzata riporta le condizioni pubblicizzate nei fogli


informativi

Indicatore sintetico di costo: ISC è il resoconto delle spese effettuate in un anno

Comunicazione alla clientela: è l’estratto conto che deve essere mandato periodicamente al cliente,
ha il riepilogo di tutte le operazioni svolte.
DEPOSITO BANCARIO
DEPOSITO BANCARIO: depositi di denaro, con cui le banche diventano debitrici verso chi deposita ai
quali deve restituire il capitale + interessi maturati.

CRITERI DI CLASSIFICAZIONE:

1.Modalità di attuazione del rapporto:

‣ Depositi semplici: somma depositata deve essere ritirata solo una volta a scadenza con
interessi maturati —> certificati di deposito

‣ Depositi a risparmio: versamenti e prelievi più volte in banca —> libretti di risparmio

‣ Conto Corrente: prelievi tramite A/B, ATM e versamenti originati da molteplici operazioni

2.Durata del rapporto:

‣ Dep rimborsabili a vista o breve preavviso

‣ Dep rimborsabili con preavviso: somme ritirate solo dopo un certo periodo di preavviso

‣ Dep scadenza fissa: ritiro solo a scadenza convenuta


CONTO CORRENTE

3. Contratti conclusi con clientela:

‣ Depositi a risparmio libero, rimborsabili a vista

‣ Depositati a risparmio vincolato a scadenza fissa: rimborsabili alla scadenza prefissata

‣ Certificati di deposito: depositi semplici a scadenza fissa, che vengono emessi con unico versamento
e rimborsati con interessi

‣ Pronti contro termine: vendite di titoli con patto di riacquisto a scadenza prefissata

‣ Deposito a risparmio vincolato a scadenza indeterminata: soggetti a periodo di preavviso prima di


essere rimborsati

‣ Programmi di risparmio personalizzato: prevede versamenti mensili di importo costante al fine di


accumulare un det capitale

‣ Conti correnti: uso di A/B e accesso a tutti i servizi offerti da banche.


CONTO CORRENTE

Conto corrente di corrispondenza è uno strumento che consente ai clienti di utilizzare la moneta
cartacea ed elettronica per regolare le operazioni e servizi bancari. Si presento sia alla raccolta sia
all’impiego dei fondi.

Sono regolati in base alla disciplina giuridica del mandato e applicando procedure standard.

Caratteristiche:

1. Alimentati da operazioni di accreditamento e addebitamento: accrescono disponibilità sul C/C e


vanno in Avere, riducono disponibilità sul C/C e vanno in Dare.

2. Possibilità a vista di utilizzare le somme: posso usare subito le somme che ho in banca

3. Considerati come operazioni di raccolta o impiego fondi: quando banca concede di prelevare
somme superiori agli importi accreditati fissando un max di finanziamento.

Quindi possono presentare saldi a credito o a debito.

1. Passivi x banca:

2. C/C per elasticità di cassa: può essere positivo o negativo, ma non deve superare il fido
concesso perchè se no ci sono tassi elevati

3. Attivi x la banca:
ONLINE BANKING & TENUTA CONTO CORRENTE
Remote banking: automazione aperta al pubblico, operatività bancaria attraverso telefono o web

ONLINE BANKING

Attività:

Stipulazione di contratti per aggiungere servizi

Stipulare con banca C/c utilizzabile solo via internet

Stipulare C/c con banche virtuali istituti e controllate da banche tradizionali

x aprire C/C:

Identificare soggetto

Sottoscrizione contratto in 2 esemplari; deposito della firma dell’intestatario

Effettuazione prima operazione

Rilascio del libretto assegni

Sottoscrizione del contratto x carta di credito


TENUTA CONTO CORRENTE

Incassi: operazioni di trasferimento fondi che le banche curano su iniziativa di soggetti creditori che
danno impulso all’operazione prestando alla banca i titoli di crediti da riscuotere

Pagamenti: operazioni di trasferimento fondi che le banche curano su iniziativa dei soggetti debitori

Le varie operazioni vengono documentate da ricevute da contabili di accredito e di addebito

Codice IBAN: codice alfanumerico che serve per realizzare bonifici bancari

Saldo liquido: risulta in un dato momento considerando solo le operazioni maturate

Saldo contabile: risulta in un dato momento in base a tutte le operazioni che sono state registrate a
debito e credito del correntista

Saldo disponibile: risulta in un dato momento tenendo presente solo le operazioni di cui la banca
conosce effettivamente l’esito.

Valuta: è il giorno a partire dal quale maturano gli interessi sulle operazioni di versamento e cessano
di fruttare interessi sulle operazioni di prelievo