Sei sulla pagina 1di 56

I

MOTOBRAKE
13MB5005PC
RELEASE 1.0 20/12/2001

MOD. 5005

ISTRUZIONI D'USO
STANDARD OPERATION INSTRUCTIONS
INSTRUCTION POUR L'EMPLOI
BEDIENUNGSANLEITUNG
MODO D'EMPLEO
INSTRUÇÕES DE USO

®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

INDICE

ISTRUZIONI DI SICUREZZA
ISTRUZIONI DI SICUREZZA CONCRETE E SIMBOLI IMPIEGATI .............................................. 3
MISURE FONDAMENTALI CAUTELATIVE DI SICUREZZA PER IL FUNZIONAMENTO
NORMALE............................................................................................................................................. 4
MISURE CAUTELATIVE DI SICUREZZA FONDAMENTALI PER LE OPERAZIONI DI
MANUTENZIONE................................................................................................................................. 4
OPERAZIONI SU APPARECCHIATURE ELETTRICHE................................................................... 5
OSSERVARE LE ISTRUZIONI PER LA DIFESA AMBIENTALE .................................................... 5
DIRETTIVE, LEGGI, NORME ............................................................................................................. 5

BANCO A RULLI 5005


DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ....................................................................................................... 8
Principio di funzionamento ............................................................................................................... 8
Utilizzo conforme alla norma ............................................................................................................ 8
Utilizzo non conforme alla norma ..................................................................................................... 9
IDENTIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI........................................................................................ 9
DATI TECNICI .................................................................................................................................... 10
Dimensioni meccaniche................................................................................................................... 10
Superficie rulli................................................................................................................................. 10
Dati potenza .................................................................................................................................... 10
Condizioni ambientali ..................................................................................................................... 10
Sistema di misurazione.................................................................................................................... 11
Nastri di comando ........................................................................................................................... 11
MESSA IN SERVIZIO......................................................................................................................... 12
Set rulli senza bilancia..................................................................................................................... 12
Set di rulli con bilancia.................................................................................................................... 13
Set di rulli con nastri di comando.................................................................................................... 13
Cablaggio ........................................................................................................................................ 13

BOX INTERRUTTORE CENTRALE


DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ..................................................................................................... 16
DATI TECNICI .................................................................................................................................... 16
MESSA IN SERVIZIO......................................................................................................................... 16
Montaggio alla colonna verticale .................................................................................................... 17
Montaggio alla parete...................................................................................................................... 17
Confezionamento dei cavi ............................................................................................................... 17

SCHEDA ARCNET
MESSA IN SERVIZIO ................................................................................................................................ 20
Descrizione del settaggio Jumper .................................................................................................... 20
Tavola per settaggio indirizzi I/O.................................................................................................... 20
Installazione nel PC......................................................................................................................... 20
Collegamenti cavi per scheda (sulla parte posteriore del PC) ......................................................... 21

® i INDICE
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

RS232/CENTRONICS-BOX
DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ..................................................................................................... 24
Interfaccia Centronics ..................................................................................................................... 24
Interfacce RS-232 ........................................................................................................................... 24
DATI TECNICI.................................................................................................................................... 24
MESSA IN SERVIZIO......................................................................................................................... 24
UTILIZZO ............................................................................................................................................... 25
Utilizzo come comando della stampante......................................................................................... 25
Utilizzo come comando RS232....................................................................................................... 25

TELECOMANDO A RAGGI INFRAROSSI


DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ..................................................................................................... 28
DATI TECNICI.................................................................................................................................... 28
MESSA IN FUNZIONE....................................................................................................................... 28
IMPIEGO ............................................................................................................................................. 29
Selezione dei programmi di prova .................................................................................................. 29
Funzioni di memorizzazione ........................................................................................................... 29
Ripetizione della visualizzazione .................................................................................................... 30
Visualizzazioni della frenatura........................................................................................................ 30
Stampa ............................................................................................................................................ 30
Cancellazione.................................................................................................................................. 30

PROGRAMMI PER PROVE CON BANCO PROVA FRENI A RULLI


MOTORBRAKE MOD. 5005
BNET-SOFTWARE............................................................................................................................. 32
Preparazione alla installazione:....................................................................................................... 32
Installazione .................................................................................................................................... 32
ISTRUZIONI PER LA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL BANCO............................................ 35
Settaggi, tarature e configurazioni .................................................................................................. 35
BOOTLOAD (aggiornamento software rulli) ................................................................................. 35
Avvio Programma ........................................................................................................................... 36
Consigli utili.................................................................................................................................... 36
INFORMAZIONI GENERALI ............................................................................................................ 37
Indicazioni di sicurezza................................................................................................................... 37
Prospetto dei tipi di funzionamento ................................................................................................ 37
Premesse per la misurazione ........................................................................................................... 37
Impostazioni generali della configurazione..................................................................................... 37
INFORMAZIONI GENERALI VERSIONE ITALIA CON PC .......................................................... 38
Software 5020PC ............................................................................................................................ 39
Visualizzazione base banco prova freni .......................................................................................... 40
Interfaccia Ordini con prenotazioni e dati veicolo cliente............................................................... 41
Come effettuare una prova .............................................................................................................. 42
Stampa ............................................................................................................................................ 43

MANUTENZIONE
SERVICE ............................................................................................................................................. 45
Esame della sicurezza ..................................................................................................................... 45
Esame dei pezzi............................................................................................................................... 45

APPENDICE
PIANI ELETTRICI..................................................................................................................................... 47
Lista dei sensori .............................................................................................................................. 49
Caratteristiche dell‘hardware .......................................................................................................... 49

INDICE ii ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

ISTRUZIONI DI SICUREZZA

® 1 ISTRUZIONI DI SICUREZZA
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Dovere di diligenza dell’operatore

L’impianto è stato progettato e fabbricato in considerazione delle


norme unificate nonché di altre specifiche tecniche. Esso corrisponde
allo stato della tecnica e garantisce la massima sicurezza durante il
funzionamento.

Nella pratica operativa, questo livello di sicurezza può essere


raggiunto quando siano state adottate tutte le misure necessarie.
Legge sulla tutela Obbligo dell’operatore è controllarne la pianificazione e assicurarne
del lavoro la realizzazione.

I banchi di prova per freni montati direttamente davanti o dietro una


§§ fossa, possono essere utilizzati esclusivamente con dispositivi di
sicurezza (prescritto nella BRD).

L’operatore deve assicurare in particolare che:


Norme
antinfortunistiche • la macchina venga impiegata solo in osservanza dei regolamenti.
dell • la macchina sia azionata solo in perfette condizioni di
mutue assicuratrici funzionamento e che in particolare sia regolarmente verificata la
di categoria funzionalità dei dispositivi di sicurezza (si veda il capitolo
professionale Manutenzione degli apparecchi corrispondenti).
contro gli infortuni
sul lavoro
• sia disponibile e venga utilizzato l’equipaggiamento necessario
per la protezione del personale responsabile del funzionamento,
della manutenzione e riparazione della macchina.

Istruzioni per l´uso • il manuale di istruzioni sia disponibile in qualsiasi momento in


condizioni leggibili sul posto di lavorazione.

• solo personale qualificato e autorizzato azioni e esegua la


manutenzione e le riparazioni della macchina.

• questo personale venga regolarmente istruito, prima


dell’accettazione dell’attività e successivamente minimo ogni
anno, su tutte le questioni pertinenti la sicurezza sul posto di
lavoro e la difesa ambientale, nonché sia a conoscenza del
manuale di istruzioni e delle istruzioni di sicurezza contenutevi.

• tutti i simboli di sicurezza e di avvertimento riportati sulla


macchina non vengano rimossi e siano leggibili.

Indicazioni di sicurezza specifiche sono contenute nei capitoli riguardanti i singoli apparecchi per
prove.

ISTRUZIONI DI SICUREZZA 2 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

ISTRUZIONI DI SICUREZZA CONCRETE E SIMBOLI IMPIEGATI

Il seguente manuale contiene le istruzioni di sicurezza concrete, in modo da indicare i pericoli residui
inevitabili durante il funzionamento della macchina. Questi pericoli residui rappresentano un rischio per:

• persone

• il prodotto e la macchina

• l’ambiente

I simboli impiegati nelle istruzioni per l’uso hanno la funzione di attirare l’attenzione sulle indicazioni di
sicurezza!

Questo simbolo indica la presenza di pericolo soprattutto per


persone.
(pericolo di morte, pericolo di lesioni)
Pericolo

Questo simbolo indica la presenza di pericolo soprattutto per


la macchina, il materiale o l’ambiente.

Attenzione

Pericolo di natura generale

L’obiettivo principale delle istruzioni di sicurezza è di evitare danni a persone.


Il simbolo impiegato non sostituisce il testo della relativa istruzione di sicurezza. Di conseguenza, leggere sempre
l’intero testo!

Questo simbolo non indica istruzioni di sicurezza, bensì informazioni che contribuiscono
ad una migliore comprensione dei processo operativi.

Nota

® 3 ISTRUZIONI DI SICUREZZA
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

MISURE FONDAMENTALI CAUTELATIVE DI SICUREZZA PER IL FUNZIONAMENTO


NORMALE

La macchina può essere azionata esclusivamente da personale addestrato e


autorizzato, che sia a conoscenza delle presenti istruzioni per l’uso e che le osservi
so durante le operazioni!
r l´u
pe
oni Prima dell’avviamento della macchina, assicurarsi che:
truzi
Is
- solo personale autorizzato si trovi in prossimità della macchina,
- nessuno corra pericolo di subire lesioni all’avviamento della macchina!

Prima di ogni impiego della macchina, verificare che questa non presenti danni
visibili e assicurarsi che venga messa in funzione solo in perfette condizioni!
Eventuali danni e guasti devono essere comunicati immediatamente al superiore!
Prima di ogni avviamento, assicurarsi che i dispositivi di sicurezza funzionino
perfettamente!

MISURE CAUTELATIVE DI SICUREZZA FONDAMENTALI PER LE OPERAZIONI DI


MANUTENZIONE

Per l’ispezione e la manutenzione, osservare gli intervalli indicati nel manuale di


istruzioni!

Bloccare l’accesso alla zona operativa della macchina a persone non autorizzate
prima di dare inizio alle operazioni di manutenzione e riparazione! Apportare un
segnale di avvertimento per comunicare l’esecuzione delle operazioni di
manutenzione e riparazione!

Prima di dare inizio alle operazioni di manutenzione e riparazione staccare la presa


di alimentazione della corrente o, in caso di alimentazione fissa, disinserire
l’interruttore principale e bloccarlo con un lucchetto. La chiave del lucchetto deve
essere custodita dall’addetto alle operazioni di manutenzione e riparazione!
Nella sostituzione di parti pesanti della macchina, utilizzare esclusivamente
dispositivi di sospensione del carico e di imbragatura idonei e perfettamente
funzionanti!

Sostanze lubrificanti, refrigeranti o per la pulitura inquinanti devono essere


debitamente smaltite!

Vecchia
dell´olio

ISTRUZIONI DI SICUREZZA 4 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

OPERAZIONI SU APPARECCHIATURE ELETTRICHE

Riparazioni delle apparecchiature elettriche della macchina possono essere


eseguite esclusivamente da un elettricista addestrato e autorizzato!
Verificare regolarmente le apparecchiature elettriche!
Stringere le connessioni allentate!
Sostituire immediatamente i fili/cavi danneggiati!
Tenere costantemente chiusa la sede di apparecchiature elettriche! Possono
accedervi solo persone autorizzate con una chiave/utensile!
Le sedi di apparecchiature elettriche non devono essere mai spruzzate con getti
d’acqua per la pulizia!

OSSERVARE LE ISTRUZIONI PER LA DIFESA AMBIENTALE

In caso di operazioni con e sulla macchina, osservare gli obblighi di legge


riguardanti l’evitare rifiuti, il riciclaggio e lo smaltimento corretto.
In particolare durante l’esecuzione di operazioni di installazione, manutenzione o
riparazione, è vietato inquinare il terreno o gli impianti di fognatura con sostanze
inquinanti come:
- Grassi e oli lubrificanti
- Oli idraulici
- Liquidi refrigeranti
- Detersivi contenenti solventi

Queste sostanze devono essere conservate, trasportate, raccolte e smaltite in


recipienti idonei!

DIRETTIVE, LEGGI, NORME

Nella progettazione e costruzione degli apparecchi per prove sono stati osservati i contenuti e le
indicazioni delle seguenti direttive e regolamenti:
- Direttiva per l’impiego, la qualità e il controllo di banchi di prova per freni.
- DIN EN 60204-1 Apparecchiatura elettrica di macchine
- GS-EM I04 Fondamenti di controllo delle macchine e gli apparecchi per la messa a punto ed il
controllo di veicoli.

® 5 ISTRUZIONI DI SICUREZZA
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

ISTRUZIONI DI SICUREZZA 6 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

BANCO A RULLI 5005

® 7 BANCO A RULLI 5005


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

Principio di funzionamento

L’apparecchio è un banco di prova frani a rullo per la verifica degli impianti frenanti per veicoli ad una
traccia con un carico massimo sugli assi di 1t, per il § 29 StVZO previsto in collegamento all’allegato
VIII Esami base (per es. motociclette, trikes,..).

I rulli di movimento sono muniti di un rivestimento in plastica e corindone, particolarmente resistente alle
abrasioni con uno straordinariamente alto fattore di attrito e tuttavia protettivo per i pneumatici e che
garantisce lunga durata. Il paio di rulli viene azionato da un motore elettrico che genera una potenza
nominale di 3,7 kw. Il passaggio di forza tra i rulli di verifica viene realizzato mediante catene.

Le forze di reazione generate alla frenata vengono registrate mediante componenti sensoriche molto
moderne. Il comando a microprocessori valuta i risultati della misurazione così che l’utente dispone di
informazioni dettagliate sul rapporto di frenata dell‘intero veicolo.

Il tasto a rullo controlla il movimento della ruota (esame dell’accelerazione) e la posizione della ruota e si
assume la funzione di comando e di sicurezza del banco di prova. Tra i tasti a rullo vi è una sicura per il
piede, che impedisce che il piede scivoli all’interno e gli offre uno stop.

I nastri di comando controllano in collegamento con il tasto a rullo se un veicolo si trova nel set di ruote
(ruota nel banco di verifica – piede sul nastro di comando). Questo è importante per poter effettuare il
funzionamento automatico.

Il 5005 è allacciato al sistema del bus di campo (ARCNET) del gruppo degli apparecchi di verifica
“Percorso di controllo autoveicoli”. L’utente aziona il decorso di verifica con un telecomando ad
infrarossi o azionando le superfici di comando del funzionamento di un apparecchio di visualizzazione
qualunque.

I dati di misurazione possono essere rappresentati da un apparecchio di visualizzazione. Inoltre il banco


di prova fornisce tutti i dati di un esame della franata richiesti dalle organizzazioni ufficiali di verifica.
se un modulo di stampa è integrato nel sistema, vi è la possibilità di trasmettere i dati risultati nelle
stampe delle liste o dei grafici.

Utilizzo conforme alla norma

L’esaminatore può accendere o spegnere il motore di avviamento del set di rulli con il telecomando.
Inoltre è possibile tuttavia anche un modo “Servizio automatico” per l’effettuazione degli esami della
frenata.
tra i tasti a rullo si trova anche una sicura per il piede, per evitare che questo scivoli all’interno e gli offre
un blocco.

Metodo di lavoro corretto:


- Un esame della frenata può essere effettuato solamente se la ruota del veicolo preme verso il basso il
tasto a rullo.
- Se il veicolo lascia durante l’esame della frenata il set dei rulli o il tasto a rullo si muove verso l’alto,
il rullo di avviamento viene spento automaticamente.
- Se la forza di frenata è maggiore alla forza di attrito tra la ruota ed i rulli di verifica, comincia a
sguizzare la ruota (blocco). Il comando del banco di prova spegne automaticamente il rullo di
avviamento. Nel caso di differenza troppo grande tra la velocità dei rulli e quella della ruota (>25%)
non viene più misurata la forza della frenata, ma la forza di abrasione tra ruota e rullo di prova.
Questo risultato della misurazione è inutilizzabile per l’esame della frenata. Grazie allo spegnimento
dello scorrimento viene inoltre impedito un danno al pneumatico.

BANCO A RULLI 5005 8 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Utilizzo non conforme alla norma

- Il pneumatico tocca il bordo del banco di prova.


- Introduzione e passaggio troppo rapido della meccanica dei rulli (max. 10 km/h).
- Movimenti di sterzo troppo rapidi all’esame dell’asse anteriore.
- Superamento del carico consentito di esame e passaggio (vedi dati tecnici).
- Utilizzare i nastri di comando su fondo non piano e sciolto.
- Al passaggio dei nastri di comando sterzare e frenare bruscamente.

Se il banco di prova dei freni a rullo non viene utilizzato secondo questa
norma, non è garantito alcun servizio sicuro di questo apparecchio!
Per tutti i danni alle cose o alle persone provocato dall’utilizzo non
conforme alle norme o da modifiche di propria volontà dell’apparecchio da
parte dell’utente, non `il produttore ma l’utente del banco di prova dei
freni a rullo responsabile!

IDENTIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI

Durante il servizio di misurazione, il 5005 viene azionato da un apparecchio di visualizzazione. Come


immagine di scelta o come criterio di riconoscimento servono le figure sotto rappresentate.

Icona

® 9 BANCO A RULLI 5005


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

DATI TECNICI

Dimensioni meccaniche

Dimensioni L x L x S (mm) 800 x 620 x 250


Peso circa 200 kg
Velocità di verifica 5 km/h
Valore di scorrimento sull‘asciutto 0,8
Valore di scorrimento sul bagnato 0,7
Lunghezza dei rulli 300 mm
Diametro rulli 205 mm
Distanza asse rulli 381 mm
Inclinazione dei rulli posteriori verso i rulli anteriori 25 mm o stesso valore
Differenza di altezza bordo superiore rulli avanti e base officina -10 mm
Carico d’esame consentito 1000 kg
Carico di passaggio max. consentito 4000 kg
Potenza nominale del motore di avviamento 3,7 kW
Numero di giri del motore 2840 1/min
Trasmissione ingranaggio i = 20
Numero di giri deriva 142 1/min
Minima grandezza ruota verificabile 10“
Massima grandezza ruota verificabile 20“
Ingranaggio autobloccante per aiuto uscita Sì

Superficie rulli

Metallo stirato DIN 791 (grata stirata) Lunghezza maglia 62 mm


Larghezza maglia 21 mm
Spessore anima 2 mm
Larghezza anima 2,5 mm
Spessore grata stirata 2 mm
Rivestimento plastica-corindone Vani intermedi riempiti di materiale
plastico
Strato di plastica circa 1mm sopra la grata
stirata
Granulometria 2,0 - 3,2 mm
Colore rullo nero

Dati potenza

Alimentazione di tensione 3 x 400 V (AC)


Alimentazione di potenza 4 x 1,5 mm²
Alimentazione bus 2x2x0,5 mm²

Condizioni ambientali

Tipo di protezione (secondo DIN 40 050) IP 54


Umidità dell’aria consentita (relativa senza scongelamento) fino 85 %
temperatura di servizio -10 - +60 °C
Deposito -10 - +60 °C

BANCO A RULLI 5005 10 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Sistema di misurazione

Stantuffo con striscie di misurazione dell’estensione (DMS)

Nastri di comando

Dimensioni L x L x S (mm) 400 x 200 x 15


Peso circa 1,3 kg
Carico di passaggio max. lecito 1500 kg
Pressione di comando minima 20 kg
Superficie di comando attiva L x L (mm) 340 x 140
Tipo di protezione IP 65
Temperatura di servizio -5 - 50 °C
Immagazzinamento -20 - 70 °C

Targhetta caratteristiche

La targhetta caratteristiche, dove sono riportati i dati identificativi, tecnici ed omologativi del 5005 è
collocata sul BOX INTERRUTTORE CENTRALE.
I dati di targa risultano visibili senza la rimozione di coperchi, portelli ecc..

® 11 BANCO A RULLI 5005


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

MESSA IN SERVIZIO

Set rulli senza bilancia

Smontare tutte le lamiere di copertura.


Per sollevare il set dei rulli fissare viti rotonde M8 (Classe 8) nella filettatura angolare.

• L’attrezzo di sollevamento dovrebbe dimostrare


una forza di tenuta di almeno 500 kg. Rispettare
l’angolo di inclinazione max. 60°.

• Rispettare le norme di sicurezza per attrezzi di


sollevamento!

Fissare con dei tasselli due barre piatte d’acciaio da 660x50x20 mm (abbassamento verso il basso) alla
distanza di 560 mm centralmente e orizzontalmente nel fondamento dello scavo (vedi piano di
installazione nella cartella di pianificazione).
Sollevare e regolare il set di rulli nel luogo prestabilito.
Viti per sicuro
a nello scavo

• Regolare e fissare senza gioco con 8 viti il set di rulli


nello scavo.
Filettatura per sollevare
a nello scavo

Effettuare il cablaggio come descritto in seguito.


Rimontare poi tutte le lamiere di copertura in ordine inverso.

BANCO A RULLI 5005 12 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Set di rulli con bilancia

Smontare tutte le lamiere di copertura.


Per sollevare il set i rulli fissare nelle filettature angolari viti rotonde M8 (classe 8).

• L’attrezzo di sollevamento dovrebbe dimostrare


una forza di tenuta di almeno 500 kg. Rispettare
l’angolo di inclinazione max. 60°.

• Rispettare le norme di sicurezza per attrezzi di


sollevamento!

Sollevare il set di rulli fino a che i sensori della bilancia sino ben raggiungibili dal basso.
Regolare i 4 perni del cilindro M16x45 nella ricezione della bilancia in modo che il banco di prova dopo
l’inserimento nello scavo sia centrato orizzontalmente al boro superiore dello scavo (comprese le lamiere
di copertura). Tra il fondamento dello scavo ed il bordo inferiore del banco di prova dovrebbero esserci
almeno 10mm di aria.
Fissare poi le viti dei cilindri con i dadi M16.
Inserire il set di rulli nello scavo e verificare se questo è regolato orizzontalmente al bordo superiore dello
scavo (comprese le lamiere di copertura).
Viti per sicuro
a nello scavo

Regolare e fissare con un gioco di circa 1 mm con 8 viti


il set di rulli nello scavo.
Filettatura per sollevare
a nello scavo

Effettuare il cablaggio come descritto in seguito.


Rimontare poi tutte le lamiere di copertura in ordine inverso.

Set di rulli con nastri di comando

Far passare il cavo di collegamento attraverso il tubo vuoto verso il set di rulli (vedi piano di installazione
nella cartella di pianificazione).

• Al montaggio del corridoio superiore montare i due


Nastro di comando nastri di comando alla cornice antiinciampo.
a montaggio del
corridoio superiore
• Al montaggio del corridoio inferiore mettere i due
nastri di comando nello scavo.
Nastro di comando
a montaggio del
corridoio inferiore

Cablaggio

Piegare e riconfezionare le parti finali troppo lunghe dei cavi (vedi confezionamento dei cavi box
dell’interruttore centrale).

Far passare il cavo di potenza attraverso il tubo vuoto DN 70 verso il box dell’interruttore centrale o
verso il banco di prova precedente (per es. test motrice).

® 13 BANCO A RULLI 5005


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Se è presente una visualizzazione analogica, la linea di terra va fissata all’impianto meccanico e fatta
passare attraverso un tubo vuoto DN 70 all’armadio di visualizzazione.
Far passare il cavo del bus attraverso il tubo vuoto DN 70 e portarlo fino all’armadio di visualizzazione o
al banco di prova precedente (per es. test motrice).

Disposizione dei colori nella presa di cablaggio del


box dell‘elettronica

Cavo bus verso la


visualizzazione
analogica Fino bus

+15VDC (marrone) 1
+15VDC (marrone) 1 marrone
marrone GND (bianco) 2
GND (bianco) 2 bianco
bianco A-IN (verde) 3
A-IN (verde) 3 verde
verde B-IN (giallo) 4
B-IN (giallo) 4 giallo
giallo A-OUT (grigio) 5 A (verde)
A-OUT (grigio) 5 A (verde) grigio
grigio
B-OUT (rosa) 6 B (giallo)
B-OUT (rosa) 6 B (giallo)
rosa
rosa
7
7
Schermo
Schermo

Cavalletto Cavalletto
dei cavi nell´ Cavo bus per es. dei cavi nell´ Cavo bus per es.
apparecchio dalla segnalazione apparecchio dalla segnalazione
di verifica analogica di verifica analogica

Disposizione dei colori nella presa di cablaggio per i


nastri di comando

Nastro di Nastro di
comando comando
avanti indietro

Adesivo sul coperchio

Schaltmatte - vorn Schaltmatte - hinten Nastro di comando avanti Nastro di comando indietro
Safety mat - front Safety mat - rear Safety mat - front Safety mat - rear
1 2 3 4 6 7 8 9
sw rot gelb weiß sw rot gelb weiß
black red yel white black red yel white 1 2 3 4 6 7 8 9
nero rosso giallo bianco nero rosso giallo bianco
+12V GND Sign. +12V GND Sign. black red yel white black red yel white
SR TR
+12V GND Segn. +12V GND Segn.

SR TR

Cavo di collegamento
verso il cavalletto cavi

BANCO A RULLI 5005 14 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

BOX INTERRUTTORE CENTRALE

® 15 BOX INTERRUTTORE CENTRALE


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

Con l’interruttore centrale di emergenza l’impianto viene acceso e spento o fermato in caso di emergenza.

Attraverso un alimentatore di rete viene generata una tensione uniforme di 15 VDC per l’alimentazione
dell’impianto elettronico degli apparecchi.

DATI TECNICI

Dimensioni meccaniche
Dimensioni L x A x S (mm) 240 x 160 x 90
Peso circa 3 kg
Dati di potenza
Alimentazione di tensione 3 x 400 V (AC)
Alimentazione 5 x 2,5 mm²
Fusibili 3 x 20 A
Potenza dell’interruttore centrale 25 A
Alimentazione della rete entrata 90 - 264 V
Alimentazione della rete uscita 15 V / 45 VA
Condizioni ambientali
Tipo di protezione (secondo DIN 40 050) IP 54
Umidità dell‘aria cons. (relativa senza scongelamento) fino all‘85 %
Temperatura di servizio -10 - +60 °C
Temperatura del deposito -10 - +60 °C

MESSA IN SERVIZIO

Generalità

Il box dell‘interruttore centrale è sempre il primo apparecchio dell‘impianto. Qui è fissato anche
l’ultima fine del bus. La fine del bus inclusa viene fissata all’installazione dell’impianto presso
l’ultimo utente del bus alla fine del bus.

Disposizione dei colori nel box dell’interruttore centrale

Fine del bus Cavo bus Morsetto Funzione

Marrone Marrone 1 +15VDC


Bianco Bianco 2 GND
Verde Verde 3 A
Giallo Giallo 4 B
Schermo PE Schermo

BOX INTERRUTTORE CENTRALE 16 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Montaggio alla colonna verticale

Smontare il manico dell‘interruttore centrale ed il coperchio. Montare il box dell‘interruttore centrale alla
piastra di fissaggio.
Introdurre l’alimentazione della rete presso l‘avvitamento destro nel box e fissare le fasi in alto
all‘interruttore centrale, la messa a terra in alto al morsetto della messa a terra e la scala N in alto al
morsetto N.
Introdurre il cavo di potenza della meccanica nell’avvitamento medio nel box e fissare le fasi sotto
l’interruttore centrale e la messa a terra in basso al morsetto di messa a terra.
Introdurre il cavo del bus all’avvitamento sinistro nel box e fissare (vedi tabella in alto „disposizione dei
colori“).

Montaggio alla parete

Smontare il manico dell‘interruttore centrale ed il coperchio. Montare il box dell‘interruttore centrale alla
parete (vedi piano i montaggio nella cartella di pianificazione).
Introdurre l’alimentazione della rete presso l‘avvitamento destro nel box e fissare le fasi in alto
all‘interruttore centrale, la messa a terra in alto al morsetto della messa a terra e la scala N in alto al
morsetto N.
Introdurre il cavo di potenza della meccanica nell’avvitamento medio nel box e fissare le fasi sotto
l’interruttore centrale e la messa a terra in basso al morsetto di messa a terra.
Introdurre il cavo del bus all’avvitamento sinistro nel box e fissare (vedi tabella in alto „disposizione dei
colori“).

Confezionamento dei cavi

Piegare le fini dei cavi troppo lunghi e riconfezionarle.

nero
80
Cavo di potenza:
marrone

blu
Pos. 1 = Cavo
Pos. 2 =Boccola della fine del filo
giallo/verde Pos. 1
Pos. 2

Cavo del bus:


80
Pos. 1 = Cavo
Pos. 2 =Boccola della fine del filo
Pos. 3
0,75 mm²
Pos. 1 Pos. 2 Pos. 3 = Boccola della fine del filo
Pos. 4 Pos. 5 0,50 mm²
Pos. 4 = Tubo aderente
Pos. 5 = Tubo di isolamento

Cordoncino di messa a terra:


Pos. 2 Pos. 3

Pos. 1 Pos. 1 = Cordoncino


Pos. 2 = Capocorda circolare
Pos. 3 = Boccola della fine del filo

® 17 BOX INTERRUTTORE CENTRALE


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

BOX INTERRUTTORE CENTRALE 18 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

SCHEDA ARCNET

® 19 SCHEDA ARCNET
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Messa in servizio

Descrizione del settaggio Jumper

Il jumper di settaggio per IRQ5 e I/O Adr Ox300 devono corrispondere alla seguente illustrazione:

Tavola per settaggio indirizzi I/O

IO/Adr A4 A5 A6 A7 A8 A9
0x200 X
0x220 X X
0x300 X X
0x330 X X X X

Installazione nel PC

Assicurarsi che il computer sia spento. Scollegare il cavo di alimentazione dalla presa di rete.

Rimuovere il coperchio del PC.

Individuare sulla motherboard del PC uno slot ISA libero e rimuovere il coperchio dalla finestra
corrispondente. Tenere la vite.

Infilare accuratamente la scheda ARCNET nel connettore ISA premendola sul bordo.

Fissare la scheda con la vite rimossa in precedenza.

Richiudere il computer e collegare il cavo di alimentazione.

SCHEDA ARCNET 20 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Collegamenti cavi per scheda (sulla parte posteriore del PC)

18

1
2
3
4
5

Filo/Connettore Colore

1 Marrone
2 Bianco
3 Verde
4 Giallo
5 Calza/massa

® 21 SCHEDA ARCNET
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

SCHEDA ARCNET 22 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

RS232/CENTRONICS-BOX

® 23 RS232/CENTRONICS-BOX
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

Possono essere azionati contemporaneamente diversi tipi di interfaccia.

Interfaccia Centronics

Attraverso l‘interfaccia Centronics possono essere mandati alla stampante i dati della misurazione degli
apparecchi di verifica.

Interfacce RS-232

Attraverso le due interfacce seriali possono essere letti e ulteriormente elaborati dati della misurazione di
2 apparecchi esterni (non a portata di bus, per es. test gas di scarico).

È attiva rispettivamente un’interfaccia.

DATI TECNICI

Dimensioni meccaniche
Dimensioni L x Lx S (mm) 200 x 120 x 75
Peso circa 500 g

Dati potenza
Alimentazione di tensione / allacciamento bus 15V / Arcnet
Port stampante Centronics (SubD 25)
Port seriale 2x RS232 (SubD 9)

Condizioni ambientali
Temperatura di servizio +15 - +35 °C
Temperatura del magazzino -10 - +60 °C
Umidità dell’aria relativa fino a 85 %
Tipo di protezione IP 54

MESSA IN SERVIZIO

Disimballare il box del converter, smontare il coperchio e montare il box nella posizione prevista.

Introdurre il cavo bus nell’avvitatura e fissarlo alla serie di morsetti sinistra.

Fissare la fine del bus alla serie di morsetti destra. Se dopo il box del converter viene allacciato un
ulteriore strumento, al posto della fine del bus fissare il cavo di prolunga. Per questo scopo deve essere
sostituito l’avvitamento cieco con una regolare vite.

Rimontare il coperchio.

RS232/CENTRONICS-BOX 24 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Utilizzo

Utilizzo come comando della stampante

Disimballare la stampante e montarla nel luogo previsto.

Inserire ed avvitare il cavo della stampante all’allacciamento a 25 poli (LPT 1).

Innestare ad un’alimentazione di tensione adatta il cavo della rete della stampante.

Accendere la stampante.

L’avvio della stampante è descritto nei rispettivi apparecchi di verifica.

Utilizzo come comando RS232

Inserire ed avvitare il cavo seriale all’allacciamento a 9 poli (COM 1 o COM 2).

L’uso è descritto nei rispettivi apparecchi di verifica.

® 25 RS232/CENTRONICS-BOX
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

RS232/CENTRONICS-BOX 26 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

TELECOMANDO A RAGGI INFRAROSSI

® 27 TELECOMANDO A RAGGI INFRAROSSI


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

Con il telecomando a raggi infrarossi vengono eseguiti comandi, immissioni di dati e modifiche di
programma. I tasti sono in parte occupati con più funzioni.

L’occupazione dei tasti del telecomando è riportata nella figura in questa copertina del capitolo.

In caso di irradiazione solare diretta del ricevitore a raggi infrarossi, possono insorgere problemi con il
raggio d’azione.

DATI TECNICI

Scostamenti meccanici
Misure Lu x La x P (mm) 180 x 67 x 15
Peso ca. 100 g

Dati sulla potenza


Alimentazione di tensione Pila da 6V
Durata d’esercizio min. 1 anno
Campo operativo 10 – 20 m

Condizioni ambientali
Umidità dell’aria consentita (relativa senza condensa) fino a 85 %
Temperatura d’esercizio da 0 a +60 °C
Temperatura di deposito da -10 a +60 °C

MESSA IN FUNZIONE

Scartare il telecomando a raggi infrarossi e aprire il coperchio del vano pile.

Scartare la pila e inserirla correttamente nel vano pile.

Importante: non azionare alcun tasto per circa 5 secondi, poiché il telecomando esegue un reset.

Richiudere il coperchio del vano pile.

Azionare ogni tasto singolarmente e controllare se il LED rosso del telecomando tremola.

TELECOMANDO A RAGGI INFRAROSSI 28 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

IMPIEGO

Selezione dei programmi di prova

Il funzionamento, che viene azionato premendo i tasti del telecomando, viene descritto in questo capitolo
delle istruzioni per l’uso.

Il veicolo è situato sul gruppo di rulli:


Funzionamento normale
Il motore sinistro e destro si avviano.

Il veicolo non è situato sul gruppo di rulli:


Funzionamento automatico inserito

Misurazione dell’ovalizzazione

I motori si arrestano

Funzionamento automatico disinserito


Funzionamento superautomatico disinserito

Funzioni di memorizzazione

Asse anteriore

Asse posteriore

Freno di stazionamento

® 29 TELECOMANDO A RAGGI INFRAROSSI


ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Ripetizione della visualizzazione

Peso complessivo

Valori max. asse anteriore

Valori max. asse posteriore

Ovalizzazione.
In caso di diverse misurazioni dell’ovalizzazione
viene visualizzata inizialmente la 1° misurazione;
ripetendo il comando, viene visualizzato il 2° ecc; al
contrario della visualizzazione del valore massimo,
possono essere rappresentati solo i valori di
ovalizzazione dell’ultimo asse provato

Visualizzazioni della frenatura

Frenatura complessiva freno d’esercizio

Il rispettivo valore viene rappresentato sul display LCD superiore a 4 cifre.


Il display lampeggia, se è stato superato il valore limite inferiore impostato. Il lampeggiamento può essere
disinserito confermando con il tasto “ENTER”.

Stampa

La lingua di stampa desiderata può essere selezionata nella configurazione.

Stampa standard

Cancellazione

Cancellare l’ultima misurazione

Cancellare l’intera memoria

I valori memorizzati possono essere sempre sovrascritti immettendo un nuovo valore per la stessa
attribuzione o memorizzando nuovamente per lo stesso sistema operativo e lo stesso asse.
L’intera memoria viene cancellata se sono state eseguite una o più stampe e l memorizzazione di una
nuova misurazione.

TELECOMANDO A RAGGI INFRAROSSI 30 ®


Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

PROGRAMMI PER PROVE CON BANCO PROVA FRENI


A RULLI MOTORBRAKE MOD. 5005

® 31 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

BNET-SOFTWARE

Preparazione alla installazione:

- Chiudere tutti i programmi sul PC;


- Disinstallare eventuali programmi precedendi di BnetTool utilizzando sempre
avvio Æ impostazioni Æ pannello di controllo Æ Aggiungi/Rimuovi Programma Bnet.

Installazione

Inserire CD. Avvio Æ Esegui Æ D:\MB30 Software \ Setup.exe

Avvio installazione “setup.exe”

Selezionare lingua per il programma

Selezionare “All” per installazione


completa (consigliata)

Selezionare “Custom” per una


installazione di alcuni componenti
personalizzata

PROGRAMMI 32 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Æ Se si seleziona “Custom”

Cliccare sui componenti da installare

Selezionare tipo di collegamento con


scheda ARCNET

Oppure con porta seriale SIO = Scatola


porta Seriale 3151

Selezionare la versione Windows


relativa

Æ Se si seleziona Porta Seriale

Selezionare COM2

La porta COM1 è utilizzata per il


ricevitore del telecomando

® 33 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Selezionare la installazione relativa al


programma di una delle due versioni
sottostanti:
• MB30 DIGIT/KOMBI
MB30 DIGIT/KOMBI • MB30 PCSCREEN
MB30 PCSCREEN

NB. Per versione MB30 PCSCREEN


chiederà di configurare anche la porta
seriale del telecomando:
SELEZIONARE COM2

I files saranno copiati nella directory


relativa al programma B-Net.

Riavviare il computer

PROGRAMMI 34 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA INSTALLAZIONE DEL BANCO

Settaggi, tarature e configurazioni

(Versione con collegamento a COM2 PC e COM2 scatola NC 3151)

Collegare il cavo seriale in dotazione tra la COM2 della scatola 3151 e la COM 2 del PC.
Collegare il ricevitore IR sulla seriale COM1 del PC (solo versione MB30 PCSCREEN)
Avviare il programma Bnet Tools (nella directoryBNet/BnetTools) ed eseguire le seguenti operazioni :
Sul PC selezionare avvio Æ Programmi Æ BeissbarthNet Æ BNetTool
Effettuare eventualmente un collegamento sul Desktop.

Avviare Scanner Bus F1 e posizionarsi su directory +Beissbarth network


Cancellare i dati con tasto cancella tutto F3 e poi F2 per confermare cancellazione.
Selezionare “+ test programm” e “icona service pc”
F4 per set-up test programm.
Selezionare prova freni moto 1 e confermare con OK, pronto
Entrare nella nuova icona MB30 e selezionare F4 configurazione salvata (vedere messaggio in basso a
sinistra di conferma)
Calibrazione automatica del banco. Uscire da +test programm ed entrare nel +Beissbarth network
Selezionare icona banco a rulli e selezionare F1 dati sensore Æ F4 per calibrazione automatica. Appare il
messaggio “calibrazione annullata vuoi continuare ?” Confermare con si ed attendere circa 30 secondi per
completare l’operazione. Selezionare F4 configurazione salvata (vedere messaggio in basso a sinistra di
conferma)

Se durante la calibrazione appare il messaggio test fallito su una delle celle di pesatura
verificare la corretta regolazione meccanica delle stesse celle, poiché debbono appoggiare tutte e 4 in
modo corretto sul pavimento. Verificare eventualmente con la funzione dati sensori/test sensori e
cliccando con il mouse sul sensore che visualizza il messaggio di errore (vedi istruzioni BnetTool).

BOOTLOAD (aggiornamento software rulli)

Qualora la versione software fosse obsoleta, occorre effettuare l’aggiornamento tramite la funzione
BOOTLOAD.

Selezionare icona banco a rulli nella directory Beissbarth network e selezionare F3.
Selezionare la versione software MB30 V.X.XX standard hand+ pedal force
Premere F2 Start Bootload. Attendere circa 2/3 minuti fino al termine dell’aggiornamento
Selezionare F4 configurazione salvata (vedere messaggio OK in basso a sinistra di conferma)
Dopo il bootload effettuare la calibrazione automatica dei rulli come da istruzioni precedenti

SE DURANTE QUESTE FASI SI DOVESSERO VERIFICARE DELLE INTERRUZIONI O DEI


MESSAGGI, USCIRE DAL PROGRAMMA BNETTOOL E RIENTRARE.

® 35 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Avvio Programma

Accendere il PC ed il quadro comandi del banco. Se è collegata anche l’unità analogico/digitale, premere
il tasto Stop o Enter del telecomando fino a quando non viene visualizzato sul display LCD il
messaggio P1.

Sul PC selezionare avvio Æ Programmi Æ BeissbarthNet Æ Dati frenometro. Inserire i dati di


omologazione/numero di serie /data di scadenza.

Sul PC selezionare avvio Æ Programmi Æ BeissbarthNet Æ Hostmanager

AVVIARE IL PROGRAMMA SEMPRE E SOLAMENTE DAL FILE “HOSTMANAGER.000”

NON AVVIARE IL PROGRAMMA DA ALTRE DIRECTORY. SI CONSIGLIA DI


EFFETTUARE UN COLLEGAMENTO SUL DESKTOP.

Se è presente solo il PC (senza analogico digitale), sul video appare il messaggio: strumento non
collegato con P1 in neretto. Premendo tasto ENTER del telecomando si effettua la sincronizzazione ed
il collegamento tra i rulli ed il PC ed in sequenza : Inizializzazione, MB30 self-test- MB30! Nessun
veicolo nei rulli.
Premendo 2nd + STOP si ritorna alla condizione precedente con il messaggio P1 in neretto sul video

Se oltre al PC è presente anche lo strumento analogico digitale, sul video appare il messaggio: strumento
non collegato e sul display LCD il messaggio P1.
Premendo tasto ENTER del telecomando si effettua la sincronizzazione ed il collegamento tra rulli, PC e
strumento analogico. Seguito in sequenza dai messaggi: inizializzazione, MB30 self-test- MB30! Nessun
veicolo nei rulli.
Premendo 2nd + STOP si ritorna alla condizione precedente con il messaggio P1 visualizzato dal dispaly
LCD.

Consigli utili

PRIMA DI USCIRE DAL PROGRAMMA DEL PC, SI CONSIGLIA DI POSIZIONARE LA


STRUMENTAZIONE NELLA FUNZIONE di stand-by P1 (tramite 2nd + STOP del telecomando)
Per uscire dal programma PC cliccare (con tasto destro del mouse) sulla piccola icona in basso a
destra del monitor relativa al Hostmanager.

Se il display LCD visualizza stabilmente dei messaggi strani del tipo “ id, boot ,error“
Premere tasto CL del telecomando fino a visualizzare il messaggio P1.

PROGRAMMI 36 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

INFORMAZIONI GENERALI

Indicazioni di sicurezza

Si prega di leggere i seguenti settori del capitolo “Banco prova freni a rulli
5005”:
Principio di funzionamento
Impiego conforme

Le disposizioni e prescrizioni indicate nel presente documento, nonché


altre specifiche e indicazioni tecniche devono essere assolutamente
osservate.

Impiego corretto:
Una prova dei freni può essere eseguita solo quando una ruota del veicolo preme verso il basso il rullo
tastatore.
Se il veicolo abbandona il gruppo di rulli durante la prova o il rullo tastatore si muove verso l’alto, il rullo
di comando viene automaticamente disattivato.
Se la forza frenante diventa superiore alla forza di attrito tra la ruota e i rulli di prova, la ruota inizia a
slittare (bloccarsi). Il comando del banco di prova disinserisce il rullo di comando automaticamente. In
caso di differenza troppo grande tra la velocità del rullo e della ruota (>25%), non viene più misurata la
forza frenante, bensì la forza di attrito tra la ruota ed il rullo di prova. Questo risultato non è utilizzabile
per la prova dei freni. Tramite il disinserimento per slittamento viene inoltre evitato un danneggiamento
dei pneumatici.

Prospetto dei tipi di funzionamento

Con il banco di prova a rulli, la misurazione può essere eseguita nei seguenti tipi di funzionamento:

Tipo di
Nota Impiego pratico
funzionamento

Funzionamento I rulli di prova vengono avviati tramite


Prova universale
normale “asse“ telecomando e ne viene visualizzato il risultato.
Quando un veicolo si trova sul gruppo di rulli e Nessun telecomando
viene azionato un tappeto sensibile alla necessario.
pressione, i rulli di prova vengono azionati Prova rapida di veicoli.
Funzionamento
automaticamente. Viene eseguito un controllo dei
automatico
freni per asse. Alla fine della misurazione, i rulli di Nessuna valutazione con
prova si riavviano se il veicolo non ha stampa del risultato
abbandonato il gruppo di rulli. possibile!
Funzionamento Prova speciale di veicoli, nell’ambito della quale Base per l’accettazione di
superautomatico vengono utilizzati diversi apparecchi per prove. un’officina.

Premesse per la misurazione

Quanto riportato di seguito deve essere eseguito con le funzioni del sistema operativo. Ulteriori
informazioni sono contenute nel capitolo “Funzioni del sistema operativo”.

Impostazioni generali della configurazione

Queste funzioni del sistema operativo vengono già impostate dal tecnico di assistenza durante la prima
installazione.
Configurazione hardware Calibratura dei sensori

® 37 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

INFORMAZIONI GENERALI VERSIONE ITALIA CON PC

In conformità alle normative del Ministero dei Trasporti, sono state implementate delle nuove funzioni
che qui di seguito elenchiamo:

Dati veicolo e specifiche ordine :


- Selezione della categoria del veicolo L1,L2 e del tipo di circuito frenante.

Tester freni:
- Visualizzazione dello sforzo frenante per singola ruota
- Selezione della funzione sforzo pedale e/o manuale leva1/ leva2
- Visualizzazione del peso dinamico
- Visualizzazione dell’efficienza
- Definizione dei valori limite per tipo e categoria di veicolo
- Controllo funzioni per dati ordine

Stampa:
- Protocollo di stampa in conformità alle normative Ministeriali.
- Tabella specifica dei valori limite confrontabili con i valori reali
- Stampa dei valori di sforzo al pedale e /o leva1 leva2
- Temperatura, umidità, pressione aria e ora di inizio/fine del test.

PROGRAMMI 38 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Software 5020PC

CD Rom per installazione software su Windows 95, 98 ME, 2000, NT e stampanti compatibili MS-
WINDOWS (LaserJet, Seikosha, Olivetti, InkJet)

Attenzione:
- Il nuovo referto di stampa conforme alle normative Ministeriali può essere effettuato solamente con
una stampante del PC. Se la stampante è collegata direttamente all’unità analogico/digitale verrà
stampato un referto di stampa non conforme.Verifica dei valori limite e del circuito frenante.
- I limiti dei valori ufficiali sono memorizzati nel software. Tali valori relativi a tutte le categorie e tipi
di veicoli sono visualizzati in una tabella specifica.
- Qualora in futuro venissero modificati dei parametri, sarà sufficiente editare il file in WORDPAD o
con un altro programma editor del sistema WINDOWS. Salvare sempre con l’opzione solo testo.

Ciclomotori Motocicli

Immatricolati prima Immatricolati dal


del 01.01.1985 01.01.1985
Efficienza frenante 40% 40% 50%
Sforzo sul comando manuale ≤ 200 N
Sforzo sul comando a pedale ≤ 350 N

Impianto frenante Schema Leva 1 Leva 2 (o Pedale)


Tradizionale II Ant Post
Integrale o combinato semplice IC Ant Ant Post
Combinato CC Ant Post Ant Post

® 39 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Visualizzazione base banco prova freni

Verifica della versione italiana del


software e del tipo di programma
Normale o Automatico.

Blocchi di Memoria per le


procedure di controllo
delle prove:
Peso dinamico
Peso statico
Sforzo pedale/manuale

Forza frenante Misura sforzi pedale/manuale

Per inserire i dati delle condizioni ambientali inserie i valori all‘apertura del programma Host
MANAGER

Come effettuare un test

Effettuare l’inserimento dei dati veicolo cliente cliccando su NUOVO:


- Inserire i dati cliente e veicolo.
- Iniziare il test e memorizzare le prove di ciascuna ruota.
- Il sistema calcola automaticamente l’efficienza totale.
- Stampare il referto ufficiale e salvare i valori nel database.
- Il test è terminato

Durante il test, è possibile visualizzare i valori di ovalizzazione, efficienza.

PROGRAMMI 40 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Interfaccia Ordini con prenotazioni e dati veicolo cliente

Inserire i dati del Cliente e del Veicolo

Selezionare menù
NUOVO

Per iniziare la procedura


ufficiale, è necessario
compilare almeno tre
campi.

1. Selezione della
categoria del veicolo
(L1 l2...)
2. Selezione circuito
frenante II,IC,CC
3. Selezione tipo sforzo
pedale , Leva1 /Leva2

Cliccare sempre su icona


SALVA prima di uscire
dalla maschera di
prenotazione.

® 41 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Compilato l’ordine nei campi


previsti, Selezionare il veicolo
pronto per la prova ed inviare i
dati cliccando sull’ Icona 5005.

È possibile visualizzare l’elenco


di tutti i dati inseriti e della
situazione delle prove effettuate
e/o memorizzate

I parametri di prenotazione data


inizio e fine della prova vengono
visulaizati e possono essere
modificati nella videata
Posizione.

Come effettuare una prova

Impostati i dati cliente e veicolo nell‘interfaccia ordine , iniziare la prova entrando con il veicolo nei rulli
bloccando la ruota che in quel momento non si trova nei rulli stessi.
Premere tasto avvio motori dal telecomando.

All‘avvio dei rulli attendere qualche secondo prima di iniziare a frenare.


Iniziare a frenare dolcemente fino al raggiungimento del bloccaggio.
Memorizzare i dati relativi alla ruota anteriore o posteriore tramite i tasti gialli sul telecomando.
Utilizzando gli sforzi al pedale e/o manuale il bloccaggio dei rulli potrebbe essere attivato al
raggiungimento massimo dei relativi valori di soglia che sono 350 N per il pedale e 200N per quello
manuale. Nel caso in cui il valore superi il limite di tolleranza, appare automaticamente una finestra di
avvertimento :L’operatore può continuare e/o ripetere la prova premendo il tasto STOP o il tasto ENTER
del telecomando.
Per rivedere i risultati finali premere tasto 2nd + tasto giallo per ruota ant. o post. Per rivedere i valori
finali di efficienza ant/post/totale premere nuovamente tasto giallo ruota ant. o post.

PROGRAMMI 42 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Stampa

Premendo tasto stampa su telecomando si ottiene il referto di stampa ufficiale con:


- Risultati di misura con i parametri del veicolo;
- Valutazione finale;
- Valori di sforzo al pedale e/o manuale;
- Inizio e fine della prova;
- Condizioni ambientali.

L’efficienza totale è sempre calcolata in relazione al peso dinamico del veicolo al momento del
bloccaggio dei rulli.

® 43 PROGRAMMI
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

PROGRAMMI 44 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

MANUTENZIONE

SERVICE

MOTORSCAN®
Str. Martinella, 28/A
43100 PARMA
Tel. 0521-266211
Fax 0521-266259

Il set di rulli del 5005 sia con la bilancia che senza non richiede manutenzione.
Solo la catena di avviamento deve essere controllata regolarmente riguardo la tensione giusta (10 mm di
gioco nel punto più lungo) a sufficiente lubrificazione (grasso per catene usuale) e se necessario deve
essere tesa o lubrificata ulteriormente.
Pulire o aspirare le impurità (per es. pietre) dal set dei rulli e i nastri di comando (non utilizzare pulenti ad
alta pressione), per garantire un servizio corretto.
In particolare bisogna fare attenzione che lo scarico dell’acqua sia libero o non possa intasarsi.

Le operazioni di riaparazione possono essere effettuate solamente dal personale di servizio autorizzato.
Le misure di sicurezza per la manutenzione e la messa a punto sono, come anche descritto al capitolo
„Indicazioni di sicurezza“, da rispettare.

Esame della sicurezza

L’utente deve verificare almeno una volta ogni anno i dispositivi rilevantio per la sicurezza
dell’impianto.
(Norma della corporazione professionale BGV A1, §39 par. 1 e 3).
Poiché l’impianto elettronico installato verifica queste funzioni ad ogni accensione, l’utente deve
effettuare solamente l’esame visivo.

Esame dei pezzi

L’esame dei pezzi va eseguito prima della prima messa in servizio da un meccanico del servizio di
assistenza tecnica autorizzato.
Questo deve essere ripetuto ogni 2 anni.
L’esame dei pezzi deve essere effettuato dopo ogni riparazione del banco di prova, se siano stati sostituiti
dei gruppi costruttivi rilevanti per la misurazione.

Prima di eliminare i difetti il banco di prova non può essere utilizzato per esami dei freni secondo
§29 StVZO e allegato VIII StVZO in collegamento al §41 StVZO.
L’esame dei pezzi deve essere effettuato nuovamente entro 4 settimane dall’efettuazione della
riparazione.

La data dell’esame dei pezzi successivo deve essere apportato in luogo adatto visibile sul banco di prova.

® 45 MANUTENZIONE
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

MANUTENZIONE 46 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

APPENDICE

Piani elettrici

® 47 APPENDICE
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

APPENDICE 48 ®
Release 0.0 MOD. 5005 ITALIANO

Lista dei sensori

Per un servizio di misurazione senza errori è necessario un procedimento di calibratura della sensorica
corretto. La seguente tabella presenta un prospetto delle possibili componenti sensoriche.
Informazioni più dettagliate sono contenute al capitolo Funzioni del sistema operativo „S.CAL“!

N. Abbr Denominazione Annotazioni Valori limiti/ Ampiezze di


valori durante la calibratura

1 SL Sensore di scorrimento sinistra 25 – 150 Digit / 750 – 980 Digit


2 SR Tappetino di commutazione - scarico / 530 – 900 Digit
davanti carico / 45 – 530 Digit
3 TL Sensore palpatore sinistra 25 – 150 Digit / 750 – 980 Digit
4 TR Tappetino di commutazione - scarico / 530 – 900 Digit
dietro carico / 45 – 530 Digit
5 KL Sensore forza frenante - sinistra 25 – 250 Digit / 750 – 980 Digit
2500 N (Valore massimo)
6 Nc
7 Nc
8 Nc
9 WLV Sensore bilancia 25 – 150 Digit / 750 – 980 Digit
davanti a sinistra 500 kg (valore massimo)
10 WRV Sensore bilancia 25 – 150 Digit / 750 – 980 Digit
davanti a destra 500 kg (Valore massimo)
11 Nc
12 Nc
13 Nc
14 Nc
15 WLV Sensore bilancia 25 – 150 Digit / 750 – 980 Digit
dietro a sinistra 500 kg (Valore massimo)
16 WRV Sensore bilancia 25 – 150 Digit / 750 – 980 Digit
dietro a destra 500 kg (Valore massimo)

Caratteristiche dell‘hardware

Ogni apparecchio di verifica e di visualizzazione ha diverse impostazioni base, le quali vanno definite
secondo la fornitura e il modello. Il procedimento dettagliato viene illustrato al capitolo Funzioni del
sistema operativo „H.Con“.

Valore
Num. Nome Nota
default

A seconda del numero di giri del motore


(frequenza della rete), trasmissione
Frequenza nominale rullo di
1 ingranaggi e tipo rulli a tasto. 37
accelerazione
Motore standard: 50 Hz =37 Hz 60 Hz =
44 Hz

® 49 APPENDICE
ITALIANO MOD. 5005 Release 0.0

Blank page

APPENDICE 50 ®