Sei sulla pagina 1di 6

Contratto di lavoro

tra

Monte Carpatica Srl la cui sede legale è a VIA TORINO, 13, 20021,
Bollate, Milano,
Registrato con il seguente numero : MI 07932560969,
e rappresentato da Istrate Florin, come : Manager

di seguito Datore di lavoro

_______________________________________________________
di seguito Dipendente

Se non viene accordata priorità alle norme del contratto collettivo di lavoro (CCL) valgono i
seguenti accordi tra le Parti:

1. Inizio del lavoro


Il Dipendente inizia il lavoro il 20.06.2020.

2. Durata
Il contratto di lavoro viene stipulato a tempo indeterminato. Valgono i periodi di preavviso
stabiliti dalla legge.

3. Luogo di lavoro
Questo contratto sarà eseguito principalmente presso la sede del datore di lavoro. Questa posizione
non è un elemento essenziale del contratto, vale a dire che il lavoratore può essere trasferito
temporaneamente o permanentemente in qualsiasi altro luogo in Italia.
Il luogo di lavoro è operatore di produzione di cetrioli.

4. Funzione
Il Dipendente è assunto come assistente del personale. I settori di lavoro sono definiti
dettagliatamente nella descrizione dell'impiego separata/nel capitolato separato.
Se necessario al Dipendente potrà essere affidata anche un'attività diversa o aggiuntiva che sia
adeguata e corrispondente alla sua preparazione e alle sue capacità.
5. Orario di lavoro
L'orario di lavoro settimanale ammonta a 40 ore con un tasso d'occupazione del 33% (inserire
tasso d'occupazione in %).
Facoltativo:
I tempi di presenza giornalieri (inizio del lavoro, fine del lavoro, pause) vengono stabiliti in
accordo con il superiore e si orientano alle esigenze aziendali.
Devono tuttavia essere rispettati i seguenti orari di lavoro:

Da lunedì a venerdì: dalle 9:30 alle 17:30


Sabato: giorno libero
Domenica: giorno libero

6. Ore straordinarie
Entro i limiti ragionevoli, il Dipendente è tenuto a effettuare le ore straordinarie necessarie per
l'azienda.
Il lavoro straordinario deve essere compensato di comune accordo con riposo compensativo
della stessa durata.
Per le ore straordinarie viene concessa una compensazione sotto forma di indennità di
guadagno.

7. Periodo di prova
I primi 3 mesi del rapporto di lavoro valgono come periodo di prova.

8. Stipendio
Lo stipendio mensile lordo ammonta a 1600 € e deve essere corrisposto al Dipendente
sempre il giorno 25 di ogni mese.
Dallo stipendio lordo vengono detratti i contributi di previdenza sociale prescritti dalla legge
(AVS/AI/IPG, INP, AD, LPP).
Se il rapporto di lavoro viene disdetto già durante il periodo di prova il Dipendente perde il
suo diritto "pro rata temporis" alla tredicesima mensilità.

9. Vacanze
Oltre al diritto alle vacanze prescritto dalla legge, con un tasso d'occupazione del 100% il
Datore di lavoro concede un diritto supplementare alle vacanze di 10 giorni per ogni anno
civile. Con un tasso d'occupazione a tempo parziale questo diritto si riduce in misura
corrispondente.

10. Preavviso

Durante il periodo di prova: 7 (solitamente 7 giorni)


Nel 1° anno di servizio: 10 (almeno un mese)
Dal 2° anno di servizio: 7 (almeno due mesi)
Dal 10° anno di servizio: 5 (almeno tre mesi)

11. Norme particolari


Attività secondaria: il Dipendente è tenuto a comunicare al Datore di lavoro qualsiasi attività
secondaria, anche non remunerata. Il Datore di lavoro è autorizzato a vietare tale attività nel
caso in cui sussistano interessi aziendali legittimi.
Divieto di concorrenza: il Dipendente si impegna a non entrare in concorrenza con il Datore
di lavoro per la durata di 3) anni dopo la cessazione del rapporto di lavoro, né come
impiegato, né come indipendente, né come cointeressato o socio di un'azienda dello stesso
settore.
Il Datore di lavoro può pretendere in modo cumulativo il rispetto effettivo del divieto di
concorrenza ed il pagamento della pena convenzionale nonché il risarcimento dell`ulteriore
danno.

Riservatezza: il Dipendente s`impegna a tenere segrete le questioni commerciali di cui è


venuto a conoscenza nell'ambito della sua attività anche dopo il periodo di validità del
contratto e a non utilizzarle in altro modo.

In caso di controversie derivanti dal presente contratto, le parti dichiarano di rivolgersi


congiuntamente ad un mediatore riconosciuto dalla Federazione Svizzera delle Associazioni
di Mediazione per una procedura di mediazione prima di dare avvio ad una procedura
giudiziaria. Esse si accordo con la presente a designare congiuntamente un mediatore della
Federazione Svizzera delle Associazioni di Mediazione.

12. Modifiche ed integrazioni


Tutte le modifiche e le integrazioni sono valide solo se concordate per iscritto e registrate in
un allegato al contratto.

13. Fondamenti giuridici


Le condizioni contrattuali/condizioni d'impiego (se disponibili) sono parte integrante di
questo contratto e vengono accluse in allegato.
Viene inoltre applicato il diritto svizzero (Art. 319 segg. CO).

Luogo, data
08.06.2020

Firma del Datore di lavoro

Monte Carpatica Srl la cui sede legale è a VIA


TORINO, 13, 20021, Bollate, Milano,
TVA MI 07932560969

Firma del Dipendente

______________

Allegati:

Condizioni d'impiego
Assenze
Le assenze prevedibili (vacanze, servizio militare, ecc.) ed imprevedibili (incidente, malattia,
ecc.) devono essere segnalate quanto prima possibile e tempestivamente sia al superiore,
sia all'ufficio del personale. In caso di incidente o malattia il certificato medico dev’essere
fatto pervenire all'ufficio del personale:
 immediatamente dopo l'incidente
 dopo 3 giorni di assenza per malattia.
Se possibile le visite mediche, dentistiche, ecc. devono avvenire al di fuori dell'orario di lavoro.
Le assenze per motivi privati sono consentite solo in via eccezionale e previa autorizzazione
del superiore gerarchico.
Disdetta

1. Per la disdetta del rapporto di lavoro valgono innanzitutto i periodi di preavviso concordati nel
contratto di lavoro.
2. Qualora il contratto di lavoro non preveda alcuna particolare disposizione, si applicano i seguenti
termini.
Durante il periodo di prova secondo l'art. 335b CO il rapporto di lavoro può essere disdetto nel
rispetto di un termine di preavviso di 7 giorni.
Dopo il periodo di prova la disdetta può essere data per la fine di un mese secondo l'art. 335c CO,
e cioè con un termine di
 1 mese nel 1° anno di servizio
 2 mesi dal 2° al e nel 9° anno di servizio
 3 mesi dal 10° anno di servizio
 4 mesi per i dipendenti con un'età superiore ai 50 anni (senza considerare la durata
dell'impiego) e per i dirigenti del livello direttivo 2 e 3
 6 mesi per dirigenti del livello direttivo 1.
3. Il partner contrattuale dev’essere in possesso della disdetta al più tardi l'ultimo giorno lavorativo
del mese di disdetta e/o prima che inizi a decorrere il periodo di disdetta di 7 giorni. E'
determinante la data di ricezione (e non del timbro postale). Se richiesto dall'altra parte
contraente, la parte che dà la disdetta deve motivarla per iscritto.
4. Entrambe le parti possono recedere dal rapporto di lavoro immediatamente per cause gravi (Art.
337 CO).

Decesso di un dipendente

Se il rapporto d'impiego termina in seguito al decesso del dipendente, oltre allo stipendio del mese in
corso il datore di lavoro corrisponde ai suoi superstiti (coniuge, figli minorenni, persone a carico) altre
tre mensilità.

Certificato

Il dipendente può chiedere in ogni momento al datore di lavoro un certificato che indichi la natura e la
durata del rapporto di lavoro e si pronunci sulle prestazioni e sulla condotta.
A richiesta esplicita del dipendente, il certificato dev’essere limitato alla natura ed alla durata del
rapporto di lavoro.
I certificati devono essere oggettivi e veritieri.

Regali e vantaggi: concessione e accettazione, corruzione

Tutti i dipendenti devono evitare conflitti tra interessi personali ed interessi aziendali. Di conseguenza,
non devono né accettare, né concedere vantaggi ingiustificati collegati con l’attività. Questo vale
anche per i loro familiari e persone a loro vicine.
Regali e/o inviti a o da partner commerciali devono corrispondere alla consueta prassi commerciale e
non devono mirare ad influenzare decisioni commerciali in modo illegittimo.
Inoltre è da tenere presente che non devono essere concessi vantaggi a funzionari statali, politici ed
altri rappresentanti di istituzioni pubbliche che potrebbero mettere in discussione la loro indipendenza.
I dipendenti non devono né accettare, né accordare tangenti.

Animali sul posto di lavoro

La presenza di animali sul posto di lavoro può pregiudicare lo svolgimento del lavoro e l'igiene,
mettere a rischio la tranquillità e la sicurezza e creare un notevole potenziale di conflitto tra i
dipendenti (allergie, paura, fobie, incompatibilità con altri animali, ecc.). Per questi motivi la presenza
di animali sul posto di lavoro è generalmente vietata. Sono esclusi da tale divieto i cani guida per
ciechi.

Dovere di diligenza e fedeltà, tutela dei valori aziendali

I dipendenti devono eseguire con diligenza i compiti assegnati e tutelare in buona fede i legittimi
interessi del datore di lavoro, nonché utilizzare e trattare con diligenza il materiale affidato. Il mancato
rispetto di questo obbligo può fondare delle pretese di risarcimento del datore di lavoro.
Ogni dipendente è responsabile della tutela dei valori aziendali (proprietà materiale e intellettuale).