Sei sulla pagina 1di 79

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA

Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

- Lezione 9 -

Prof. Domenico Gattuso


domenico.gattuso@unirc.it
0965/875218
Domenico Gattuso 1
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
Parti di un natante:
• Scafo
• Opera “viva” (o “carena”)
• Opera “morta”

• Prua (fende l’acqua)


• Poppa (diminuisce depressioni e vortici)
• Parte maestra (raccorda prua e poppa, eventualmente organizzata in stive)
parte maestra

B poppa prua

LWL
L

Domenico Gattuso – Lezione 9 2


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

MOVIMENTI ROTATORI
sollevamento
rollio Asse Orizzontale: Rollio
Asse Trasversale: Beccheggio
imbardata
Asse Verticale: Imbardata
oscillazione

moto d’onda
beccheggio MOVIMENTI TRASLATORI
Asse Orizzontale: D’onda
Asse Trasversale: Oscillazione
Asse Verticale: Sollevamento

Domenico Gattuso – Lezione 9 3


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

Forze agenti su un natante:

• Forza di galleggiamento (FA) ed equilibrio verticale

• Resistenza al moto (RTS) e Trazione (Ty)

• Forze all’ancoraggio

Domenico Gattuso – Lezione 9 4


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

Forze agenti su un natante:

• Forza di galleggiamento (FA) ed equilibrio verticale

• Resistenza al moto (RTS) e Trazione (Ty)

• Forze all’ancoraggio

Domenico Gattuso – Lezione 9 5


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
FORZA DI GALLEGGIAMENTO ED EQUILIBRIO VERTICALE
ρc, densità media del corpo
P c g Vc c Vc g, accelerazione di gravità
Vc, volume del corpo
c H m So γc, peso specifico del corpo
ρa, densità dell’acqua (1.030 kg/m3)
Va, volume d’acqua spostato
FA a g Va a Va γa, peso specifico dell’acqua (10.250 N/m3)
Hm, affondamento medio dello scafo
(Spinta di Archimede) So proiezione orizzontale superficie di base

G
• il corpo affonda se FA<P P

Fa
• il corpo si trova in equilibrio se FA=P Cs
Hm

• il corpo emerge e galleggia se FA>P


Domenico Gattuso – Lezione 9 6
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

Forze agenti su un natante:

• Forza di galleggiamento (FA) ed equilibrio verticale

• Resistenza al moto (RTS) e Trazione (Ty)

• Forze all’ancoraggio

Domenico Gattuso – Lezione 9 7


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE
La nave, avanzando sul mare, genera una
perturbazione visibile sulla superficie libera come
una particolare formazione ondosa che dal corpo
si propaga al fluido a valle.

Per effetto di questa perturbazione il liquido si


oppone al moto di avanzamento della nave
generando una forza RTS detta resistenza
all’avanzamento pari alla componente nella
direzione del moto della risultante degli sforzi
dinamici esercitati dal fluido

Domenico Gattuso – Lezione 9 8


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE

Perché la nave avanzi alla velocità vS , un


idoneo propulsore dovrà sviluppare una
forza Ty , detta trazione, uguale e
contraria alla resistenza RTS

Definire le prestazioni propulsive della nave, vale a dire conoscere, in funzione della
velocità, la necessaria potenza da fornire al propulsore, è una importante fase della
progettazione navale

Domenico Gattuso – Lezione 9 9


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE

La nave può essere considerata un “sistema dinamico” composto dalla carena, dal
propulsore e dall’apparato motore

Nave

Carena Apparato motore Elica

Ogni singolo elemento del sistema ha proprie specifiche caratteristiche di funzionamento

I tre elementi, operando insieme, danno origine a mutue interazioni che influenzano il
...funzionamento dell'intero sistema.
Domenico Gattuso – Lezione 9 10
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE

Nave Carena Ipotesi

Nave, in posizione dritta, assimilabile ad un corpo rigido, che


avanzi di moto traslatorio uniforme sulla superficie libera
dell’acqua ovunque in quiete

 Velocità vS orizzontale e contenuta nel piano diametrale

Domenico Gattuso – Lezione 9 11


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE

Nave Carena Resistenza al rimorchio e


potenza effettiva

In dette ipotesi si definiscono

 Resistenza al rimorchio RTS la forza necessaria per


rimorchiare o trascinare la carena alla velocità vS
 Potenza effettiva NES il prodotto NES= RTS * vS

Domenico Gattuso – Lezione 9 12


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE
NDS
Apparato Propulsore
motore
Potenza di trazione

N ES RTS v S
N DS

 L’impianto motore fornisce la potenza NDS al propulsore


 Il propulsore sviluppa la potenza ricevuta sviluppando la
spinta che farà avanzare la nave

Domenico Gattuso – Lezione 9 13


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE
Resistenza al rimorchio RTS e potenza effettiva NES

Nave trasporto LNG

LWL = 83,820 m
H = 6,600 m
NES (KW) B = 14,200 m
m = 5767 t

Domenico Gattuso – Lezione 9 14


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO E TRAZIONE
Resistenza al rimorchio RTS e potenza effettiva NES

Nave veloce trasporto passeggeri


LWL = 26,348 m
H = 1,236 m
NES (KW)
m = 100 t

Domenico Gattuso – Lezione 9 15


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

La resistenza al rimorchio RTS è la componente nella direzione del moto della


risultante degli sforzi dinamici esercitati dal liquido sulla superficie di contatto SW
con la carena

Dipende da:
A. Geometria del corpo
B. Cinematica del moto
C. Sistema delle forze esterne
D. Caratteristiche del fluido

Domenico Gattuso – Lezione 9 16


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
A. Geometria del corpo (1/6)

 rapporti tra le dimensioni principali della carena: L/B, B/H


 coefficienti di finezza: CB , CP , CW , CX
 coefficiente di forma Cf
 forme delle linee, in particolare le ordinate, le linee d’acqua, le longitudinali
 forma della prua e della poppa
 angoli di entrata e uscita delle linee d’acqua

Domenico Gattuso – Lezione 9 17


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
A. Geometria del corpo (2/6)
 Coefficiente di finezza totale CB
Rapporto tra il volume della carena ed il volume del parallelepipedo
ad essa circoscritto

V
CB
H LDWL B H

Domenico Gattuso – Lezione 9 18


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
A. Geometria del corpo (3/6)
 Coefficiente di finezza prismatico longitudinale CP
Rapporto tra il volume della carena ed il volume del cilindro avente
per sezione retta la parte immersa dell’ordinata maestra e per la
lunghezza quella al galleggiamento di progetto

V
CP
LDWL AX

Domenico Gattuso – Lezione 9 19


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
A. Geometria del corpo (4/6)
 Coefficiente di finezza della figura di galleggiamento CW
Rapporto tra l’area della figura di galleggiamento di pieno carico
normale e l’area del rettangolo ad essa circoscritto

AW
CW
LDWL B

Domenico Gattuso – Lezione 9 20


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
A. Geometria del corpo (5/6)
 Coefficiente di finezza della sezione maestra CX
Rapporto tra l’area della parte immersa della ordinata maestra e l’area
del rettangolo ad esso circoscritto

AX CB
H
CX
B H CP

Domenico Gattuso – Lezione 9 21


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
A. Geometria del corpo (6/6)
 Coefficiente di forma Cf
Rapporto tra la lunghezza della nave e la radice cubica del volume
della nave

L
Cf
V 1/ 3

Domenico Gattuso – Lezione 9 22


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
B. Cinematica del moto
Ipotesi
La Nave è considerata un corpo rigido avanzante di moto rettilineo uniforme con il
piano diametrale costantemente verticale e la velocità orizzontale e ad esso
complanare

C. Sistema delle forze esterne

Ipotesi
Si suppone che le forze esterne presenti siano unicamente quelle gravitazionali

Domenico Gattuso – Lezione 9 23


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
D. Caratteristiche del fluido
Estensione del fluido
Il mare si supporrà orizzontalmente indefinito, di profondità illimitata, inizialmente
in condizione di quiete, a temperatura costante.

Proprietà fisiche del fluido


• Densità e Peso specifico
• Viscosità
• Comprimibilità
• Tensione superficiale

Domenico Gattuso – Lezione 9 24


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
Proprietà fisiche del fluido: densità e peso specifico

m kg kg
g
V m3 m2 s 2

ρ [kg/m3] γ [kg/m2s2]
Acqua dolce a 15 C 1.025,9 10.064,08
Acqua mare a 15 C, con salinità 3,5% 999,0 9.800,19
Aria a quota zero, 760 mm Hg, a 15 C 1,225 12,027

Domenico Gattuso – Lezione 9 25


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO
Proprietà fisiche del fluido: viscosità
La viscosità è una proprietà dei fluidi che indica la resistenza allo scorrimento su
una superficie di contatto
Viscosità dinamica (μ)
• F forza di scorrimento
F h N s • h distanza tra i piani di scorrimento
Pa s
A v m2 • A superficie di contatto
• v velocità relativa di scorrimento

Viscosità cinematica (ν)

m2 • μ viscosità dinamica
• ρ densità
s
Domenico Gattuso – Lezione 9 26
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO
Proprietà fisiche del fluido: viscosità dell’aria e dell’acqua

Temperatura Acqua dolce Acqua di mare Aria


( C) 3,5% salin 760 mmHg
μ·106 ν·105 μ·106 ν·105 μ·106 ν·105
[Pa·s] [m2/s] [Pa·s] [m2/s] [Pa·s] [m2/s]
-20 - - - - 15,6 11,2
-10 - - - - 16,2 12,1
0 1.786 1,7866 1.880 1,8284 16,8 13,0
+10 1.306 1,3064 1.390 1,3538 17,4 13,9
+20 1.002 1,0037 1.082 1,0537 17,9 14,8

Domenico Gattuso – Lezione 9 27


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO
Proprietà fisiche del fluido: Comprimibilità
Sotto effetto della pressione un fluido tende a comprimersi e a ridurre il proprio
volume. Una misura di questo effetto è data dal modulo di comprimibilità α
definito come rapporto fra la variazione percentuale di volume e la variazione di
pressione che la ha prodotta.
V
V V p
m2 / N
p V p
p
p 1 Atmosfera 10 5 Pa 10 5 N / m 2 1,013250 bar
V V
0,005 % per l’acqua 95,31 % per l’aria
V V
Domenico Gattuso – Lezione 9 28
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
Proprietà fisiche del fluido: Comprimibilità

α [m2/N]
Acqua dolce a 0 C 5,099·10-10
Acqua dolce a 20 C 4,594·10-10
Aria a quota zero, 760 mm Hg, a 0 C 9,406·10-6

FLUIDO INCOMPRIMIBILE

V
1 1
Vo

Domenico Gattuso – Lezione 9 29


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
Proprietà fisiche del fluido: Tensione superficiale
La tensione superficiale è la forza (per unità di superficie) che tende a mantenere
tesa la superficie di separazione tra fluidi non miscibili o tra fluidi e pareti di solidi

dT 1 1
ds1ds2 R1 R2

• σ parametro che dipende dalla


natura del fluido
• R1 ed R2 raggi di curvatura
per acqua distillata alla
temperatura di 10°C
σ=7,60*10-2 N/m
Domenico Gattuso – Lezione 9 30
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO
Le componenti della resistenza al rimorchio RTS

RTS Rf Rw Ra

Rf Resistenza viscosa (o d’attrito)


Rw Resistenza d’onda
Ra Resistenza aerodinamica

Domenico Gattuso – Lezione 9 31


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
La nave si muove sulla superficie di
separazione di due fluidi poco viscosi:
l’acqua e l’aria.

Gli effetti della loro viscosità e la


formazione ondosa generata determinano
l’insorgere sulla superficie bagnata di azioni
dinamiche che si oppongono
all’avanzamento della carena.

La loro forza risultante ha una componente


nella direzione del moto: la resistenza al
rimorchio RTS.

Domenico Gattuso – Lezione 9 32


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
Aria e acqua non viscosi

RTS = Rw

Se l’acqua e l’aria fossero fluidi non viscosi, le azioni dinamiche legate alla
viscosità sarebbero nulli. Resterebbero solo quelle dovuti alla
perturbazione ondosa generata dall’avanzamento della nave.
In tale caso, la resistenza al rimorchio è la resistenza d’onda Rw

Domenico Gattuso – Lezione 9 33


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

Corpo profondamente immerso in un fluido viscoso

RTS = Rf

Se il corpo è profondamente immerso, ad esempio un sommergibile, non si


rileva in superficie alcuna formazione ondosa e le relative azioni dinamiche
sono nulle; restano, pertanto, solo quelle dovute alla viscosità dell’acqua e
la resistenza al rimorchio è solo viscosa

Domenico Gattuso – Lezione 9 34


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

Caso generale: corpo in superficie, aria e acqua viscosi

RTS = Rf + Rw + Ra

 Rf = Resistenza viscosa (o di attrito)


 Rw = Resistenza d’onda
Ra = Resistenza aerodinamica

Domenico Gattuso – Lezione 9 35


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza viscosa (o di attrito) Rf

Domenico Gattuso – Lezione 9 36


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza viscosa (o di attrito) Rf


La componente nella direzione del moto:

• degli sforzi tangenziali è la resistenza di attrito superficiale Rf1


• degli sforzi normali è la resistenza di pressione di origine viscosa Rf2

B Rf1
Rf2

Domenico Gattuso – Lezione 9 37


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza viscosa (o di attrito) Rf

La resistenza viscosa Rf , fissate le forme e le dimensioni della carena


dipende:

 dalla velocità della nave


 dalla densità e dalla viscosità dell’acqua
 dall’estensione della superficie bagnata della carena

Domenico Gattuso – Lezione 9 38


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza d’onda Rw


Rw è la forza opposta al senso del moto della carena e corrisponde all’energia
trasmessa dalla carena alla formazione ondosa da essa prodotta

Il treno d’onda generato comprende due sistemi di onde divergenti (di poppa e di
prua) e due sistemi di onde trasversali (di poppa e di prua) comprese tra la nave e le
onde divergenti.

Onde trasversali Onde divergenti

Domenico Gattuso – Lezione 9 39


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza d’onda Rw

Rw = Rw1+ Rw2 + Rw3

Rw1 Resistenza relativa al profilo dell’onda, deducibile da misure delle


elevazioni d’onda sufficientemente distanti dalla carena

Rw2 Resistenza dovuta al frangersi dell’onda, corrispondente alla


dissipazione di energia nella turbolenza caratteristica della spuma
conseguente al frangersi delle onde

Rw3 Resistenza dovuta agli spruzzi, dovuta agli spruzzi d’acqua che
investono la parte di prua della carena

Domenico Gattuso – Lezione 9 40


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza d’onda Rw

 Una riduzione di Rw è possibile applicando alla prua della nave una


particolare appendice, detta “bulbo”, con forma diversa a seconda del tipo di
nave

Nave mercantile Nave mercantile Navi militari


(petroliera, bulk veloce
carrier)

Domenico Gattuso – Lezione 9 41


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO: Resistenza aerodinamica Ra

La resistenza dell’aria Ra dipende dalla velocità della nave, dalla viscosità


dell’aria e dall’estensione della superficie dell’opera morta, in particolare dalle
sue proiezioni AL e AT sui piani diametrale e trasversale dello scafo

 Ra può variare in relazione alla direzione ed all’intensità del vento

Domenico Gattuso – Lezione 9 42


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
R

Resistenza totale

Resistenza aerodinamica

Resistenza residua (onda)

Resistenza di attrito (viscosa)


vc v

Resistenza aerodinamica Ra = f (v2) 2-4% RTS


Resistenza d’onda Rw = f (v3) 10-60% RTS
Resistenza viscosa (o di attrito) Rf 40-90% RTS

Domenico Gattuso – Lezione 9 43


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
Risultati sperimentali evidenziano che esiste una velocità critica oltre la quale
Rw aumenta rapidamente

vc 2,127 LWL nodi

Domenico Gattuso – Lezione 9 44


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

 Metodi teorici (non trattati)

 Metodi numerici (non trattati)

 Metodi sperimentali

Domenico Gattuso – Lezione 9 45


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

La resistenza RTS si ottiene trasferendo con il METODO DI FROUDE quella


RTM misurata sperimentalmente in laboratorio su modello

Domenico Gattuso – Lezione 9 46


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO
Esperienze su modello di nave veloce
Modello
LWL = 2,196 m
H = 0,103 m
m =0,056 t
Nave
LWL = 26,348 m
H = 1,236 m
m = 100 t
Rapporto di scala 1:12
Domenico Gattuso – Lezione 9 47
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

NES (KW)

Domenico Gattuso – Lezione 9 48


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
RESISTENZA AL MOTO
Esperienze su modello di nave gassiera
Modello
LWL = 4,191 m
H = 0, 330 m
B= 6,75 m
m =0,073 t

Nave
LWL = 83,820 m
H = 6,600 m
B= 14,200 m
m = 5.767 t
Rapporto di scala 1:20
Domenico Gattuso – Lezione 9 49
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO

NES (KW)

Domenico Gattuso – Lezione 9 50


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Fissate forme e dimensioni di una nave, la resistenza dipende dalla
densità e viscosità dell’aria e dell’acqua, dalla gravità, dalla velocità

RTS = Rf + Rw + Ra = RTS (v, g, ρ, μ )

Considerando soltanto le componenti viscosa e d’onda, essendo Ra


relativamente modesta

RTS = Rf (v, g, ρ, μ ) + Rw (v, g, ρ, μ )

Domenico Gattuso – Lezione 9 51


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Separando e ritenendo indipendenti gli effetti della viscosità e quelli
della gravità si può scrivere la relazione (approssimata) :

RTS = Rf (v, ρ, μ ) + RW (v, g, ρ )

1 2 1 2 1
CT S v Cf S v CW S v2
2 2 2
Coeff. resistenza totale
Coeff. resistenza viscosa
Coeff. resistenza d’onda

Domenico Gattuso – Lezione 9 52


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

CT RN , FN C f RN CW FN

Numero Reynolds
v L
RN
/

Numero Froude
v
FN
g L
Domenico Gattuso – Lezione 9 53
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

Domenico Gattuso – Lezione 9 54


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

Domenico Gattuso – Lezione 9 55


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

Domenico Gattuso – Lezione 9 56


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Carene geometricamente simili

LS BS HS
LM BM HM
Domenico Gattuso – Lezione 9 57
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Carene geometricamente simili

LS BS HS
LM BM HM

Domenico Gattuso – Lezione 9 58


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Rapporto tra i dislocamenti
Le carene del modello e della nave sono geometricamente simili; g è la
stessa.

Indicato con ks il rapporto tra le densità segue:


PS S g VS S g C BS LS BS H S 3
ks
PM M g VM M g C BM LM BM H M

Domenico Gattuso – Lezione 9 59


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


La similitudine fisica tra
nave e modello richiede
che il rapporto tra le
2 lunghezza delle onde
lWS v S2
g trasversali disegnate sulle
rispettive carene sia uguale
a quello di similitudine
geometrica

2 2
lWS
lWM vM
g
lWM
Domenico Gattuso – Lezione 9 60
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

2
lWS v S2
g

2 2
lWM vM
g

lWS v S2 vS
2
lWM vM vM
Domenico Gattuso – Lezione 9 61
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

I fenomeni ondosi dipendono dalla gravità

La legge di trasferimento delle velocità

vS
vM

è valida per fenomeni legati alla gravità ed in particolare per la


resistenza d’onda, ma non per quella viscosa

Domenico Gattuso – Lezione 9 62


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Si può dimostrare che:

RWS=kS·λ3·RWM

essendo vS vM
vS vM vM vM
FNS FNM
g LS g LS LS g LM
g

Quindi FNM FNS FN


Mentre RNM RNS

Domenico Gattuso – Lezione 9 63


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

CTM ( FNM , RNM ) C fM ( RNM ) CWM ( FNM )

CTS ( FNS , RNS ) C fS ( RNS ) CWS ( FNS )

vS
FNM FNS FN CWM CWS CW
vM

RNM RNS C fM C fS

Domenico Gattuso – Lezione 9 64


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


RwM RwS
C wS C wM Cw
1 2 1
M SM vM S S S v S2
2 2

1
S S S v S2
RwS 2 RwM kS 3
RwM
1 2
M S M vM
2

kS λ2 λ
Domenico Gattuso – Lezione 9 65
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Legge di trasferimento della resistenza d’onda

3
RwS kS RwM con FNM FNS FN

Resistenza viscosa

RNM RNS C fM C fS

Domenico Gattuso – Lezione 9 66


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Calcolo della resistenza viscosa
Ipotesi della lastra equivalente
La formula di Hughes è un’espressione adimensionale della
resistenza per corpi di forma semplice, per una lastra piana
immersa in moto con la velocità nel suo piano

0,066
Cf0 2
log 10 R N 2,03

Domenico Gattuso – Lezione 9 67


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


Applicando la formula di Hughes con un fattore correttivo pari a 1,136 che
permette di tener conto della tridimensionalità della carena si avrà il
coefficiente di resistenza d’attrito con la formula ITTC’57

0,075
C fM 1,136 C f 0 2
log 10 R N 2
Ponendo nella formula RN=RNM ed RN=RNS si calcolano CfM e CfS e di
conseguenza le resistenze RfM ed RfS

Domenico Gattuso – Lezione 9 68


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE

1. Si costruisce un modello geometricamente simile alla nave

2. Si porta il modello nelle corrispondenti condizioni di carico e di


galleggiamento della nave
PS HS
PM ; HM
3
kS

3. Si rimorchia il modello in acqua alla velocità


vS
vM

Domenico Gattuso – Lezione 9 69


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


4. Si misura la resistenza al rimorchio RTM del modello

5. Si calcola con la formula ITTC’57 la resistenza di attrito del


modello RfM
1 2
R fM C fM S M vM
2
6. Si calcola la resistenza residua del modello

RwM RTM R fM

Domenico Gattuso – Lezione 9 70


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA AL MOTO – IL METODO DI FROUDE


7. Si calcola la resistenza d’onda della nave
3
RwS kS RwM

8. Si calcola CfS (con la formula ITTC’57) e poi la resistenza di


attrito della nave RfS
1
R fS C fS S S v S2
2
9. Si ottiene la resistenza a rimorchio della nave
RTS RwS R fS

Domenico Gattuso – Lezione 9 71


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

RESISTENZA DI ATTRITO (O VISCOSA)

R fS ff Sc v
• ff, coefficiente di attrito
• Sc, superficie della carena, espressa in m2
• v, velocità della nave, espressa in m/s
• α, esponente pari a 1,8
• ρ, densità dell’acqua (999 kg/m3)

Domenico Gattuso – Lezione 9 72


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

Forze agenti su un natante:

• Forza di galleggiamento (FA) ed equilibrio verticale

• Resistenza al moto (RTS) e Trazione (Ty)

• Forze all’ancoraggio

Domenico Gattuso – Lezione 9 73


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

FORZE ALL’ANCORAGGIO

L’analisi delle forze all’ancoraggio consiste nella determinazione


delle forze idrostatiche e nella distribuzione di pressione. Tali forze
sono sostanzialmente legate alle pressioni idrostatiche che agiscono
sulla nave.

Domenico Gattuso – Lezione 9 74


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

FORZE ALL’ANCORAGGIO

Forza longitudinale (secondo l’asse y)


1 • Cy, Cx, Cz coeff. di forma
2
Ya Cy v Hm L
c
2 • ρ densità dell’acqua
• vc velocità media della corrente
Forza trasversale (secondo l’asse x)
• Hm pescaggio medio
1 2
Xa Cx v Hm L
c • L lunghezza fuori tutto
2
Momento di imbardata (attorno all’asse z)
1
Mz Cz vc2 H m L2
2
Domenico Gattuso – Lezione 9 75
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO

EQUILIBRIO DURANTE LA NAVIGAZIONE A REGIME

Nella direzione del moto y, l’equazione generale della trazione è:

Ty Rf Rw Ra

Rf, resistenza viscosa (o di attrito)


Rw, resistenza d’onda
Ra, resistenza dell’aria

Domenico Gattuso – Lezione 9 76


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
POTENZA
RTS v S
N DS W

• RTS, resistenza totale, espressa in N


• vS, velocità della nave, espressa in m/s
• , rendimento dell’apparato motore

Per navi da carico da 5.000-10.000 t si può assumere la seguente formula sperimentale:

3
v
N DS md2 / 3 S CV
320
• md, dislocamento (massa del volume d’acqua spostato), espresso in t
• vS, velocità della nave, espressa in nodi
Domenico Gattuso – Lezione 9 77
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
IMPATTI - CONSUMI

N ES f c (l / v S ) N ES
E fc
mc l mc v S

• NES potenza della nave [KW]


• mS capacità di carico della nave [ton]
• l lunghezza della rotta navigata [miglia]
• vS velocità [nodi]
• fc coefficiente di consumo di carburante [adimensionale]

Domenico Gattuso – Lezione 9 78


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI INGEGNERIA
Corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti I

TRASPORTO MARITTIMO
IMPATTI - CONSUMI
HP/(DWT
N ESv )
n
(PSt-1
mc v S
nodi-1
)*
0.04 Variazione del consumo unitario al
variare della dimensione della nave
0.03

0.02

0.01

1 2 5 10 20 50 mc(t)
DWT

Domenico Gattuso – Lezione 9 79