Sei sulla pagina 1di 2

COMODATO

(Art. 1803 C.C.)


Le signore
Olinda Maria Civita MAZZUCCO, nata a Castelforte il 14 marzo 1945, residente in
Latina, via G.Cesare n.19, codice fiscale MZZ LDM 45C54 C104K,
Maria VRATULI, nata a Latina il 27 dicembre 1945, residente in Latina, via
Persicara n.203, codice fiscale VRT MRA 45T67 E472H,
Santina VRATULI, nata a Latina il primo aprile 1947, residente in Prato, via A.
Negri n.25/N, codice fiscale: VRT STN 47D41 E472I,
ciascuna per i propri diritti ed insieme congiuntamente per l’intero,
concedono a titolo di comodato
al signor Ion Sorin CRETU, nato a Brebu (Romania) il 18 aprile 1966, residente
in Latina, via Milazzo n.126, codice fiscale CRT NRN 66D18 Z129K, che a tale
titolo riceve ed accetta la seguente porzione dell’unità immobiliare, tipologia
terratetto in bifamiliare, posta in Comune di Latina, via Cerreto Alto n.1167 e
precisamente:
--porzione di unità immobiliare per civile abitazione, disposta su un piano
fuori terra, oltre seminterrato, composta da sei vani oltre servizi ed
accessori, al piano terreno, e da deposito al piano seminterrato, con annesso
resede pertinenziale, comune anche all’unità immobiliare adiacente. Per accordo
delle parti viene espressamente esclusa dal presente contratto di comodato la
porzione residua del terratetto che è ubicata al piano primo-sottotetto.
Al Catasto Fabbricati del Comune di Latina l’unità immobiliare terratetto
risulta complessivamente rappresentata nel foglio di mappa 226 particella 133
subalterno 2, categoria A/7, classe 2, vani 10, R.C. euro 748,86.
Primo
Oggetto del presente contratto di comodato deve intendersi esclusivamente la
porzione dell’unità immobiliare sopra descritta, senza alcuna mobilia.
Secondo
Il presente contratto di comodato viene stipulato a tempo indeterminato, ai
sensi dell'art.1810 cod.civ., pertanto la parte comodataria è tenuta alla
restituzione della porzione immobiliare detenuta alla parte comodante, non
appena quest’ultima la richieda.
La porzione immobiliare sopra descritta si trova già, nella disponibilità della
parte comodataria, signor Ion Sorin CRETU.
La parte comodataria si obbliga a conservare e custodire detta porzione
immobiliare con cura e massima diligenza, a non destinarla ad altri usi che non
siano quelli previsti, ed a sostenere tutti gli oneri relativi alle
somministrazioni di servizi (energia elettrica, acqua, gas e quant'altro) ed
alle spese ordinarie.
Le opere di manutenzione ordinaria, necessarie alla conservazione dell'immobile,
così come le riparazioni, saranno a totale carico della parte comodataria,
mentre le opere di manutenzione straordinaria saranno a carico delle
proprietarie.
Terzo
La medesima parte comodataria, signor Ion Sorin CRETU, si impegna inoltre
--a non concedere in comodato l'immobile, o porzioni di esso, ad altre persone;
--a non consentire, a qualsiasi titolo, l’uso ed il pernottamento a terze
persone estranee al proprio nucleo familiare, anche se relativo a singole stanze
o porzioni dell'immobile;
--a non effettuare opere di manutenzione straordinaria o modifiche senza il
preventivo consenso scritto della parte comodante;
--a rimborsare integralmente alle proprietarie quanto da queste versato per la
riparazione dei danni arrecati all'immobile.
La medesima parte comodataria si obbliga infine a non apportare alcun
miglioramento o addizione all'immobile in oggetto.
Ove questi venissero realizzati, nessun indennizzo sarà dovuto alla parte
comodataria.
Quarto
L'inosservanza di una qualsiasi delle clausole sopra convenute configurerà
ipotesi di risoluzione di diritto del presente contratto comportando, a carico
del signor Ion Sorin CRETU, l'obbligo dell'immediata restituzione dell'immobile
alle proprietarie e del risarcimento dell’eventuale danno.
Sono parimenti considerate cause di risoluzione di detto contratto tutte le
circostanze in cui giungessero alla parte concedente precise lamentele, avanzate
dai vicini, in merito alla condotta tenuta dalla parte comodataria con
particolare riferimento a schiamazzi, gravi carenze nella pulizia dei locali,
svolgimento di attività non compatibili con la destinazione dell'immobile.
In tutti i casi in cui si verificasse una delle fattispecie risolutive del
contratto, viene espressamente riconosciuta alle proprietarie, dalla parte
comodataria medesima, la facoltà di ricorrere all'autorità giudiziaria, ex
articolo 700 del codice di procedura civile, onde ottenere provvedimento
d'urgenza per il rilascio dell'immobile.
Quinto
Le spese di registrazione del presente atto sono a carico della parte
comodataria.
Per tutto quanto non previsto nel presente contratto le parti fanno riferimento
al disposto degli artt. 1803 e 1812 del codice civile.
Latina, maggio duemilaventi