Sei sulla pagina 1di 138

COFI s.r.l.

Uffici e Magazzini: Via F.lli Arpe, 47


Sede legale: Via Gramsci, 71
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Tel.: (0185) 280426 - 284180 fax: (0185) 280239
E-Mail: cofi@cofi.it www.cofi.it

GIUNTI COMPENSATORI COFLEX® IN GOMMA


I giunti compensatori COFLEX® in gomma, sono componenti impiegati nella maggior parte
degli impianti industriali, trovando la loro ideale applicazione nelle tubature soggette a collegare
una parte in movimento con una fissa.

I giunti compensatori COFLEX®, grazie alla struttura composita costituita da gomma


interna ed esterna, con un rinforzo tessile, sintetico o metallico consentono, in funzione
della loro figura geometrica, spostamenti più o meno ampi, con la relativa rigidità nei tre assi.

I giunti compensatori COFLEX® in gomma, si dividono in tipi molto elastici con ottime
caratteristiche di isolamento da vibrazioni e rumori strutturali e tipi più rigidi, ma non meno
affidabili per applicazioni anche critiche.

In particolare i giunti compensatori COFLEX® in gomma, trovano applicazione in:

 Collegamento di pompe a condotte di aspirazione e mandata


 Collegamento di tratte di condotte soggette a dilatazione termica
 Collegamento di condotte interrate soggette a movimenti di assestamenti
 Collegamento di motori a basamenti e relative condotte sia per applicazioni navali
che terrestri

Per avere maggiori informazioni sulle caratteristiche che differenziano le due tipologie di
giunto si consiglia di consultare la relazione elaborata dalla COFI per assistere il cliente nella
scelta del giunto COFLEX® più adatto all’applicazione in relazione all’elasticità e capacità
conseguente di tagliare le vibrazioni.
I giunti compensatori COFLEX® in gomma sono realizzati in una vastissima gamma che
parte dal DN20 e arriva fino al DN3500 e oltre.
Si evidenziano alcune esecuzioni in accordo a normative tecniche per uso navale quali:

 Giunti compensatori COFLEX ® rispondenti alla normativa della marina militare


NAV 05 A 163 Ed. 1996
 Giunti compensatori COFLEX ® rispondenti alla normativa MED, direttiva
96/98/EC Mod. 2002/75/EC - ITEM A1.3.15
 Giunti compensatori COFLEX® rispondenti alle norme del RINA, Lloyd’s Register
of Shipping, Det Norske Veritas, Germanisher Lloyd, Bureau Veritas e American
Bureau

Per poter realizzare una corretta progettazione, l' ufficio tecnico COFI ha necessità dei
seguenti dati base:

 Temperatura di progetto e di esercizio dell’impianto e dell'ambiente esterno


 Pressione di progetto e di esercizio dell’impianto
 Tipo di fluido e sua aggressività chimica
 Ampiezza e direzione dei movimenti da compensare
 Frequenza dei movimenti stessi
 Velocità del flusso
 Contenuto di solidi nel fluido
 Speciali esigenze o rispondenza a normative di riferimento
 Necessità di collaudi, test od omologazioni
 Materiali degli accessori come flange o controflange in due metà
 Eventuale rischio incendio

0 04/04 G.Ferrini Prefazione Catalogo Coflex® in Gomma S.Ferro G.Dughera


Rev Data Elaborato da Descrizione Controllato Approvato

Pag. 1 di 2
COFI s.r.l.
Uffici e Magazzini: Via F.lli Arpe, 47
Sede legale: Via Gramsci, 71
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Tel.: (0185) 280426 - 284180 fax: (0185) 280239
E-Mail: cofi@cofi.it www.cofi.it
Sulla base dei dati reperiti, l’ufficio tecnico COFI consiglierà l’adozione di un giunto
standard già esistente nella vasta gamma, o proporrà un giunto realizzato su misura,
verificandone progettualmente le reali caratteristiche operative.

Coflex D3: analisi strutturale Coflex D3: analisi tensione equivalente


per spostamento unitario

VANTAGGI CONSENTITI DALL’UTILIZZO DI GIUNTI IN GOMMA

 Lunga durata d’impiego


 Grande assorbimento di vibrazioni
 Alta flessibilità
 Spostamento nei tre assi X – Y – Z
 Elevato taglio della trasmissione rumori
 Utilizzo fino a temperature con punte di 120°C in funzione del materiale
 Limitati sforzi di reazione (nulli nei giunti autostabili COFLEX® K)
 Ingombri minimi
 Possibilità di scelta di materiali più disparati per tutte le applicazioni
 Possibilità di utilizzo di accessori come flange, tiranti, bulloneria, nei materiali speciali
più disparati, dall’acciaio inox al bronzo alle materie plastiche più sofisticate
 Facili interventi di manutenzione

L' Ufficio Tecnico COFI (tecnico@cofi.it ) è a Vs disposizione per dettagli e analisi.

Esempio di montaggio dog leg, di giunti COFLEX® K, autostabili (non necessitano di tiranti)
0 04/04 G.Ferrini Prefazione Catalogo Coflex® in Gomma S.Ferro G.Dughera
Rev Data Elaborato da Descrizione Controllato Approvato

Pag. 2 di 2
INFORMAZIONE TECNICA N. 0223
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

SCELTA DEL TIPO DI GIUNTO COFLEX®, IN FUNZIONE DELLA LORO


ELASTICITA’ E CAPACITA’ CONSEGUENTE DI TAGLIARE LE VIBRAZIONI
CIASCUN TIPO DI GIUNTO COMPENSATORE HA PROPRI SPOSTAMENTI MASSIMI AMMISSIBILI; LE
DIFFERENZE COSTRUTTIVE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI GIUNTO INFLUISCONO SULLA LORO EFFICACIA
NELLA COMPENSAZIONE DEGLI SPOSTAMENTI (i cui valori massimi sono riportati sulle tabelle inserite nei
singoli disegni) E SUI RELATIVI SFORZI DI REAZIONE (rigidità propria del giunto).

CI SONO SOSTANZIALMENTE DUE TIPI DI GIUNTI:


QUELLI CON ONDA AD OMEGA, DEFINITI ANCHE A “ONDA AD ARCO ACUTO”, CHE HANNO BASSA RIGIDITA’,
ALTA CAPACITA’ DI COMPENSAZIONE E OTTIMO TAGLIO DI RUMORI E VIBRAZIONI.

COFLEX® C COFLEX® D (a 1 o più onde)


E QUELLI CON ONDA MENO PRONUNCIATA, DEFINITI ANCHE A “ONDA A GRANDE CURVATURA”, CHE
PRESENTANO ALTA RIGIDITA’, BUONE CAPACITA’ DI COMPENSAZIONE E DISCRETO TAGLIO DI RUMORI E
VIBRAZIONI.

COFLEX® E COFLEX® K
AUTOSTABILE
RESISTENZA ALLO SHOCK:
ENTRAMBI I TIPI HANNO OTTIMA RESISTENZA AGLI SPOSTAMENTI ISTANTANEI E MULTIPLI; CHIARAMENTE
IL TIPO CON ONDA AD ARCO ACUTO, AVENDO MAGGIORE ELASTICITA’, E’ IN GRADO DI ASSORBIRE E
SOPPORTARE MEGLIO LE ENERGIE CHE SI SVILUPPANO IN TALI SITUAZIONI.
I NOSTRI GIUNTI, COFLEX® P, D e C HANNO SUPERATO LE PROVE D’URTO (SHOCK) PRESSO MARIPERMAN
DI LA SPEZIA, IN ACCORDO ALLA NAV 30 A 001 E, CON IL TIPO K, HANNO SUPERATO ANCHE LE PROVE DI
INVECCHIAMENTO, FATICA E SCOPPIO, NELL’ESECUZIONE IN PIENO ACCORDO ALLA NAV 05 A 163 Ed.1996.

IT0223 Rev1 REV. 1 DATA: 10/03 Pag 1 di 1 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD


LAST REV: 10/07
INFORMAZIONE TECNICA N. 0172
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ELENCO INDICIZZATO GIUNTI COFLEX® IN GOMMA


LIST OF COFLEX® JOINT RUBBER MODELS
TIPO DN OMOLOGAZIONI
STYLE PN FIGURE DISEGNO N°.
COFLEX DA A COFI

1 C MMI – NAV – RINA 040157


20÷32 10
2 CM 040156

3 C 40÷450 16 MMI – NAV – RINA 040037

4 CM 40÷200 10 040101

5 C2 250÷450 16 BUREAU VERITAS 040223

32÷250 MMI – NAV


7 K 16 040103
AUTOSTABILE 05-A-163

8 D 16 MMI – NAV 040161


40÷200
9 DM 10 05-A-163 040158

10 D sino a 1650 10-16 NAV 040167

11 D2 16 MMI – NAV 040163


40÷200
12 D2M 10 05-A-163 040162

MMI – NAV
13 P 20÷600 16 040172
05-A-163

14 PH 20÷600 16 040233

15 PR 20÷50 16 040172

16 G 50÷300 16 040219

18 U-UA 50÷1600 Aspirazione MMI 040149

IT0172 Rev.7 REV. 7 DEL 06-05 DATA: 05-01 Pag 1 di 6 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD
INFORMAZIONE TECNICA N. 0172
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ELENCO INDICIZZATO GIUNTI COFLEX® IN GOMMA


LIST OF COFLEX® JOINT RUBBER MODELS

19 UP 50÷1600 Aspirazione MMI 040155

20 V Aspirazione MMI 040150

21 VR Aspirazione MMI 040148

22 AP 2/asp. MMI 040147

040129
23 AS Aspirazione MMI
040227

MMI
24 DS 1 040160
RINA

GERMANISCHER LLOYD
LLOYD'S REGISTER
28 E 32÷300 16 BUREAU VERITAS 040201
DET NORSKE VERITAS
ABS

GERMANISCHER LLOYD
LLOYD'S REGISTER
29 E 350÷1000 10 BUREAU VERITAS 040201
DET NORSKE VERITAS
ABS

35 F 25÷600 10 * 040154

36 F2 20÷80 10 * 040183

37 F2R 20÷80 10 * 040182

38 PT2 25÷1000 1÷10 * 040151

IT0172 Rev.7 REV. 7 DEL 06-05 DATA: 05-01 Pag 2 di 6 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD
INFORMAZIONE TECNICA N. 0172
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ELENCO INDICIZZATO GIUNTI COFLEX® IN GOMMA


LIST OF COFLEX® JOINT RUBBER MODELS

39 PT3 25÷1000 1÷10 * 040152

40 PT5 25÷1000 1÷10 * 040153

41 PT9 0,5 * 040287

MMI – NAV 040284


50 D3 40÷1800 3
05-A-163 040285

MMI – NAV
51 D4 40÷1800 0,01 040265
05-A-163

52 S * 040016

53 S3 * 040247

54 WW 32÷500 GERMANISCHER LLOYD 040280

55 PRF * 040329

56 PS * 040327

57 DSF * 040326

MMI – NAV
58 D3H 040352
05-A-163

IT0172 Rev.7 REV. 7 DEL 06-05 DATA: 05-01 Pag 3 di 6 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD
INFORMAZIONE TECNICA N. 0172
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ELENCO INDICIZZATO GIUNTI COFLEX® IN GOMMA


LIST OF COFLEX® JOINT RUBBER MODELS
MMI – NAV
59 D3AS 040261
05-A-163

MMI – NAV
60 D5 090498
05-A-163

MMI – NAV
61 D6 090499
05-A-163

ACCESSORI - ACCESSORIES
Tiranti
limitatori di
corsa,
43 TB orecchiette e
* 040159
boccole in
gomma

MMI – R.I.Na
Cuffie di 800°C x 30’
44 CF protezione SP110026
antifiamma

45 CV Convogliatori * 040171

Anelli per il
46 AV vuoto
*

Spirali per il
47 SV vuoto
*

Rivestimento
48 RP interno in PTFE
*

IT0172 Rev.7 REV. 7 DEL 06-05 DATA: 05-01 Pag 4 di 6 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD
INFORMAZIONE TECNICA N. 0172
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ELENCO INDICIZZATO GIUNTI COFLEX® IN GOMMA


LIST OF COFLEX® JOINT RUBBER MODELS

Cuffie di
49 RP protezione * 040278
anticalore

Cuffie di
65 CAA protezione * 040146
antispruzzo

040234
6 CL 500 ÷ 3000 10
**

040224
17 GG 450 ÷ 3200 16
**

040184
25 TI 32 ÷ 600 16
**

040185
26 TP 200 ÷ 3200 16
**

040186
27 TW 32 ÷ 1000 16
**

040235
30 TG 200 ÷ 3200 2 ÷ 10 *
**

040236
31 TO 1100 ÷ 3800 2 ÷ 10 *
**

040225
32 TA 1100 ÷ 2600 10 *
**

040237
33 TU 20 ÷ 65 10 *
**

040222
34 TF 32 ÷ 300 16 *
**

IT0172 Rev.7 REV. 7 DEL 06-05 DATA: 05-01 Pag 5 di 6 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD
INFORMAZIONE TECNICA N. 0172
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ELENCO INDICIZZATO GIUNTI COFLEX® IN GOMMA


LIST OF COFLEX® JOINT RUBBER MODELS

42.1 IL 40 **

42.2 IL 50 **

42.3 IL 20 ÷ 32 **

**= GIUNTI FUORI DISPONIBILI SOLO SU RICHIESTA


IL NS. UFFICIO TECNICO E’ A VOSTRA DISPOSIZIONE, PER AIUTARVI NELLA SCELTA PIU’ APPROPRIATA

IT0172 Rev.7 REV. 7 DEL 06-05 DATA: 05-01 Pag 6 di 6 Compil.: GF Contr.: DM Appr.: GD
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER LA SCELTA


DEI GIUNTI COMPENSATORI
®
IN GOMMA COFLEX

COMPILAZIONE A CURA DELL'UFFICIO TECNICO COFI

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 1 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

Scopo:
Chiarire al potenziale utilizzatore i campi di applicazione dei vari tipi di giunti
compensatori facenti parte della famiglia dei COFLEX® con particolare attenzione
ai materiali che costituiscono il giunto, le relative parti metalliche ed accessori di
protezione o di completamento.

INDICE:
I. GENERALITA’

II. TABELLA CON CODICI E CARATTERISTICHE DELLE GOMME IMPIEGABILI

III. TIPI DI GIUNTI CON DN – LUNGHEZZA E RELATIVE GOMME UTILIZZABILI

IV. QUALITA’ E TRATTAMENTO PARTI METALLICHE UTILIZZABILI NELLE


CONTROFLANGE E FLANGE

V. TIRANTI E LIMITATORI DI CORSA

VI. CUFFIE DI PROTEZIONE SIA DALL’ESTERNO CHE DALL’INTERNO / RIVESTIMENTO

VII. ANELLI PER VUOTO O SPIRALI INTERNE

VIII. CONVOGLIATORI INTERNI / GUAINE IN PTFE

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 2 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

II. GENERALITA’

I giunti compensatori in gomma COFLEX® sono realizzabili a seconda dei vari tipi di
mescole che soddisfano diversi tipi di esigenze. Con questa specifica elenchiamo i
materiali utilizzabili, le relative caratteristiche e I limiti da applicazione con successivo
elenco dei tipi di giunti e combinazioni fornibili.

Tutti i giunti COFLEX® C, P, K e D possono essere realizzati in conformità alle


norme NAV 05 A 163 della Marina Militare Italiana edizione 1996 nell’esecuzione
AN/AN ovvero con gomma nitrilica (NBR), sia internamente che esternamente.

I giunti COFLEX® C dal DN 40 al 450 sono omologati R.I.NA e MED EC


nell’esecuzione AN/AC (ovvero interno NITRILE ed esterno NEOPRENE), per pressioni
sino a 10 BAR.

I giunti COFLEX® K sono autostabili, ovvero non esercitano spinte di reazione sulle
tubolature dell’impianto su cui sono montati; per maggiori dettagli vedi IT0140
relative.

I giunti COFLEX® CCF sono omologati secondo la Direttiva MED EC (Marine


Equipment Directive) N. 96/98/EC (European Community) “as modified by Directive
2002/75/EC item A1/3.15” e sono costituiti da giunti COFLEX® C più cuffie
antifiamma COFLEX® CCF.

Tutti gli altri tipi di giunti compensatori sono realizzabili con le varie qualità’ di
gomma riportate nella tabella III a pag. 4.

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 3 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

II. TABELLA CON CODICI E CARATTERISTICHE


DELLE GOMME IMPIEGABILI
SIGLA TIPO DI GOMMA TIPO DI GOMMA CARATTERISTICHE ELASTOMERI TEMP.
INTERNO/ INTERNA E SIGLA ESTERNA E SIGLA UTILIZZABILI MAX
ESTERNO ISO ISO
AN AN NITRILE NITRILE ARIA – GAS NATURALI – OLII - 90°
NBR NBR IDROCARBURI CON CONTENUTO DI
AROMATI INFERIORE AL 40%
AA AN NITRILE ALIMENTARE NITRILE ACQUA POTABILE E LIQUIDI 90°
NBR NBR ALIMENTARI – LATTE – OLIO
BN AC NATURALE (*)POLICLOROPRENE PRODOTTI ABRASIVI E CORROSIVI 90°
NR CR
AC AC (*)POLICLOROPRENE (*)POLICLOROPRENE ACQUA DI MARE – ACQUA DOLCE – 90°
CR CR ACQUA INDUSTRIALE – IDROCARBURI
SENZA AROMATICI – ACIDI E BASI
DEBOLI
AN AC NITRILE (*)POLICLOROPRENE ARIA – GAS NATURALI – OLII – 90°
NBR CR IDROCARBURI CON CONTENUTI DI
AROMATI INFERIORE AL 40%
BL AC BROMBUTILE (*)POLICLOROPRENE ACIDI E BASI PRODOTTI CLORATI 100°
BIIR CR DILUITI – ACQUA CALDA E ARIA CALDA
BY AC (*) POLIELITENE (*)POLICLOROPRENE ACIDI E BASI FORTI – SOSTANZE 90°
CLOROSULFONATO CR CHIMICHE – ARIA
CSM
BS AC STIROLICA (*)POLICLOROPRENE ARIA DI RISCALDAMENTO E 90°
SBR CR RAFFREDDAMENTO IN IMPIANTI
TERMOSANITARI E DI
CONDIZIONAMENTO
BW BW BUTILE BUTILE ACIDI E BASI PRODOTTI CLORATI 100°
IIR IIR DILUITI – ACQUA CALDA E ARIA CALDA
AM AM ETILENE PROPILENE ETILENE PROPILENE ARIA DI RISCALD. E RAFFR. IN 100°
EPDM EPR DIENE IMPIANTI TERMOSANITARI E DI COND.
EPDM EPR – SOSTANZE CHIMICHE AL DI FUORI DI
ACIDI E BASI FORTI E OLII
AF AF (*)FLUORURATA (*)FLUORURATA SOSTANZE CHIMICHE PART. 180°
FKM FKM AGGRESSIVE – ACIDI, BASI, OLII,
SOLVENTI AROMATICI – CONSULTARE
COFI INDICANDO IL FLUIDO E TEMP.
AA AC NITRILE ALIMENTARE POLICLOROPRENE ACQUA POTABILE E LIQUIDI 90°
NBR CR ALIMENTARI – LATTE – OLIO
AM AC TERPOLIMERO EPDM POLICLOROPRENE ARIA DI RISCALDAMENTO E RAFFR. IN 100°
EPDM CR IMPIANTI TERMOSANITARI E DI
CONDIZ. – SOSTANZE CHIMICHE AL DI
FUORI DI ACIDI E BASI FORTI E OLII
AF AC FLUORURATA POLICLOROPRENE SOSTANZE CHIMICHE 100°
AF CR PARTICOLARMENTE AGGRESSIVE –
ACIDI, BASI, OLII, SOLVENTI
AROMATICI – CONSULTARE COFI
INDICANDO IL FLUIDO E TEMPERATURA

NOTA: POLICLOROPRENE= NEOPRENE MARCHIO REGISTRATO DU PONT. FLUORURATA = VITON = MARCHIO


(*) REGISTRATO DU PONT. POLITILENE CLOROSULFONATO= HYPALON= MARCHIO REGISTRATO DU PONT.
F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 4 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD
DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

III. TIPI DI GIUNTI CON DN –LUNGHEZZE


E RELATIVE GOMME UTILIZZABILI
TIPO DN LUNGH. ESECUZIONI REALIZZABILI
mm
C 20÷450 150÷300 AN/AC – AA/AN – AA/AC – AC/AC – BL/AC – BS/AC – BN/AC –
BY/AC – AF/AC
CM 20÷200 150 AN/AN – AN/AC – AA/AN – AA/AC
CL 450÷2000 300÷700 AN/AC – AA/AN – AA/AC – AC/AC – BL/AC – BS/AC – BN/AC –
BY/AC – AF/AC
C2 250÷450 300 AN/AC – AA/AN – AA/AC – AC/AC – BL/AC – BS/AC – BN/AC –
BY/AC – AF/AC
D 40÷200 150÷190 AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
DM 40÷200 150÷190 AN/AN – AN/AC – AA/AN – AA/AC
D2 40÷1600 200÷A DIS. AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
D2M 40÷200 200÷300 AN/AN – AN/AC – AA/AN – AA/AC
DL 200÷1600 Secondo AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
esigenze
DS 40÷1600 secondo AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
esigenze
U 50÷1100 60÷118 AN/AN – AN/AC – AA/AC – AA/AN – AC/AC – AM/AC – AM/AM
– BL/AC – AF/AC – BY/AC
UA 50÷1100 60÷118 AN/AN – AN/AC – AA/AC – AA/AN – AC/AC – AM/AC – AM/AM
– BL/AC – AF/AC – BY/AC
UP 50÷1100 60÷118 AN/AN – AN/AC – AA/AC – AA/AN – AC/AC – AM/AC – AM/AM
– BL/AC – AF/AC – BY/AC
K 32÷250 130 AN/AN – AN/AC – AA/AN – AA/AC – BY/AC
F 32÷600 130 AM/AM – AC/AC
F2 20÷80 130 AM/AM – AC/AC
F2R 20÷80 130 AM/AM – AC/AC
V 200÷2000 <150 AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
secondo
esigenze
L 200÷2000 <90 secondo AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
esigenze
VR 100 <50 secondo AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
esigenze
AP 100 <50 secondo AN/AN – AN/AC – AC/AC – AM/AC – BL/AC – BY/AC – AF/AC
esigenze
AS Secondo Secondo AN/AN – AC/AC
esigenze esigenze
P 20÷600 130÷250 AN/AN-AN/AC-AC/AC-AM/AM-(BY*)

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 5 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

PH AM/AM
PR AN/AN-AN/AC-AC/AC-AM/AM-(BY*)

G AN/AN-AN/AC-AC/AC-AM/AM-(BY*)
GG 450÷3200 200÷350 AC/AC-AM/BW-AN/AN-BN/BN-BY/BY

(*) SU RICHIESTA, CON RISERVA.

IV. QUALITA’ E TRATTAMENTO PARTI METALLICHE


UTILIZZABILI NELLE CONTROFLANGE E FLANGE
Le parti metalliche dei giunti (flange o controflange in due metà) possono
essere costruite con i seguenti materiali codificati; inoltre, a richiesta,
possiamo realizzarli nei materiali più disparati richiesti, sempre dopo che il
nostro ufficio tecnico ne abbia verificato l’idoneità e fattibilità, in funzione del
tipo di giunto e dell’applicazione specifica.

MATERIALE CONTROFLANGE IN 2 META’


COD. COFI
E FLANGE INTERE PER GIUNTI A TALLONE

ACCIAIO AL CARBONIO ZINCATO


E
ELETTROLITICAMENTE
ACCIAIO AL CARBONIO ZINCATO
C
A CALDO SECONDO EN 1461
ACCIAIO INOX
A
AISI 304
ACCIAIO INOX
X
AISI 316
BRONZO tipo MMI
B ( GCu Sn10 Zn2 Ni2 UNI 7013 )

BRONZO COMMERCIALE
Z
O SPECIALE SECONDO SPECIFICA CONTRATTUALE.
LEGA LEGGERA
L
ANTICORRODAL 100 o 6082 T651
POLIPROPILENE
P SOLO PER BASSE PRESSIONI, IN AMBIENTI CHIMICAMENTE
AGGRESSIVI
M ACCIAIO AL CARBONIO +
PHENOLINE 1205/C8
ACCIAIO AL
V
CARBONIO VERNICIATO
N.B. PER PROBLEMI DI MONTAGGIO SI POSSONO FORNIRE GIUNTI CON FLANGE CON FORATURE SFALSATE TRA I 2 LATI O CON I
FORI FILETTATI PER EVITARE L'USO DI DADI PER PROBLEMI DI INGOMBRO.

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 6 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

V. TIRANTI E LIMITATORI DI CORSA


In funzione delle applicazioni i giunti COFLEX® sono corredabili di sistemi di limitazione
delle corse, che possono essere:

¾ Assiali normali all’allungamento per giunti in mandata


¾ Assiali normali all’allungamento e schiacciamento per mandata e aspirazione
¾ Assiali normali alla compressione per giunti in aspirazione
¾ Laterali / Assiali normali con le combinazioni di cui sopra
¾ Laterali / Assiali normali con snodi sferici sulla base dei tiranti
¾ Silenziati con sistemi elastici di taglio delle vibrazioni composti da boccole in
gomma opportunamente dimensionati per le applicazioni di cui sopra secondo
disegno COFI 040159
¾ Si evidenzia che i giunti COFLEX® K, grazie alla loro particolare conformazione
costruttiva, non necessitano i tiranti, in quanto autostabili.

VI. CUFFIE DI PROTEZIONE SIA DALL’ESTERNO CHE


DALL’INTERNO / RIVESTIMENTO
Le cuffie di protezione che si dividono in due tipologie a seconda della fonte di
provenienza dell’agente aggressivo (protezione dagli spruzzi di eventuale rottura –
interno- o protezione dall’ambiente – esterno-). Possono essere:

¾ Antiurto – metalliche (protezione esterna)


¾ Anticalore (protezione interna o esterna)
¾ Antifiamma (protezione esterna)
¾ Antispruzzo (protezione interna o esterna)
¾ Antispruzzo e anticalore (protezione interna o esterna) – nostro tipo COFLEX® CF

Esistono protezioni già approvate per applicazioni navali mercantili e militari.


Alcuni tipi di giunti possono essere rivestiti esternamente con materiali in grado di
dare protezione con un leggero incremento di spessore, quali ad esempio:
¾ Anticalore da irraggiamento di agenti atmosferici, realizzata con tessuto di vetro
alluminizzato
¾ Antifiamma, realizzata con tessuti ignifughi apprettati esternamente.

VII. ANELLI PER VUOTO O SPIRALI INTERNE

Per giunti che funzionano in forte depressione, sono realizzabili rinforzi interni
antiimplosione che, a seconda del diametro, sono costituiti da spirali o anelli in
acciaio INOX 316, semplice o protetto con guaine in PTFE o altro materiale, secondo
specifiche esigenze.

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 7 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N° 110027
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

VIII. CONVOGLIATORI INTERNI


E GUAINE IN PTFE

Per giunti che trasportano materiali abrasivi o sono in forti depressioni, sono
realizzabili convogliatori cilindrici o tronco-conici flangiati da inserire nei giunti
secondo la direzione del flusso e sono realizzabili in acciaio INOX, acciaio al carbonio,
CUNI 90/10, a seconda del fluido e delle singole esigenze.
Per giunti che trasportano fluidi chimicamente aggressivi sono fornibili guaine interne
in foglia di PTFE, opportunamente sagomata e posizionata all’interno del giunto
stesso. In questi casi il giunto non può funzionare in depressione ed occorre che le
caratteristiche relative agli spostamenti siano riviste dal nostro ufficio tecnico in
quanto quelle standard non sono applicabili.

F.SP110027 Rev.4 DATA: 07/2001 Pagina 8 di 8 Compil.: GF Contr.: AM Appr.: GD


DATA ULT.REV.: 07/2007
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®

GUIDA PER L’UTILIZZO


E LA MANUTENZIONE
DI GIUNTI COMPENSATORI
®
COFLEX

COMPILAZIONE A CURA DELL'UFFICIO TECNICO COFI


File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 1 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD
REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
SOMMARIO
SEZIONE PAGINA OGGETTO

1 3 GENERALITA’ DI IMMAGAZZINAMENTO

2 5 IMMAGAZZINAMENTO IN CANTIERE PRIMA DELL’INSTALLAZIONE

3 6 MONTAGGIO DEI GIUNTI

6 3.0 METODO DI CALCOLO PER LA LUNGHEZZA COFLEX® IN


GOMMA
®
7 3.1 COFLEX serie D e GG da DN500 ed oltre con
controflange in due metà o flange intere
9 3.2 COFLEX® serie K, P,G, F, E e T con flange intere

10 3.3 COFLEX® serie C e D-DS con controflange in due parti

4 13 INSTALLAZIONE DEI TIRANTI STABILIZZATORI

4.1 Assemblaggio

4.2 Serraggio dei bulloni

4.3 Regolazione dei tiranti

4.4 Serraggio dei dadi di bloccaggio su aste


Filettate
4.5 Verifica

5 15 MANTENIMENTO DOPO IL MONTAGGIO

5.1 Prima della messa in servizio

5.2 All’atto della messa in servizio

5.3 Dopo la messa in uso

5.4 Manutenzione

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 2 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
1. GENERALITA’ DI IMMAGAZZINAMENTO

Per la maggior parte dei prodotti a base di elastomeri vulcanizzati uno stoccaggio di una
certa durata provoca inevitabilmente variazioni nelle proprietà fisiche dei prodotti
immagazzinati. Di conseguenza, al momento del loro utilizzo, i prodotti potrebbero non
presentare più le caratteristiche corrispondenti al loro uso ottimale (per es. per un eccesso di
durezza, di rammollimento, di screpolature o di altre degradazioni della superficie) queste
modifiche possono essere il risultato di un fattore particolare o di una combinazione di
fattori, tra i quali l’azione dell’ossigeno, dell’ozono , della luce, del calore e dell’umidità. Gli
effetti di degradazione di questi fattori possono tuttavia essere minimizzati da un’attenta
scelta delle condizioni di immagazzinamento. (Dalla norma UNI 9181 “Guida
all’immagazzinamento di elastomeri prodotti finiti”, la quale concorda parzialmente con la
norma ISO 2230-73)

MISURE DI PROTEZIONE

SCELTA DEL LOCALE. Un locale di immagazzinamento deve essere:

¾ FRESCO: la temperatura ottimale deve essere di 10° C. Non deve scendere sotto 0° C e non
deve superare i 30° C. Tuttavia, nel caso in cui la temperatura discenda sotto lo 0° C,
basterà prendere la precauzione di riscaldare il locale lentamente prima di ogni
manipolazione dei compensatori, per evitare il rischio di danneggiamenti.

¾ RELATIVAMENTE SECCO: lo stato igrometrico migliore dell’aria è circa 45-70% di umidità


relativa, poiché la siccità o una umidità eccessiva sarebbero nociva. Scarti temporanei non
sono permessi

¾ MODERATAMENTE VENTILATO: la ventilazione sarà il più leggera possibile, senza correnti


d’aria.

RISCALDAMENTO

Le stufe, i radiatori e le tubazioni del vapore devono essere isolate. Se questa precauzione
non può essere realizzata, i compensatori devono essere immagazzinati a buona distanza da
queste fonti di calore.

ILLUMINAZIONE

Al momento dell’immagazinamento, i compensatori non dovranno essere esposti alla luce


solare né ad ogni altra fonte di luce che contenga raggi ultravioletti.
File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 3 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD
REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
PULIZIA

E’ buona norma pulire accuratamente il locale prima di porvi i compensatori. Gli oli, i grassi e i
prodotti chimici non devono essere immagazzinati nello stesso locale o, per lo meno, questi
prodotti vanno tenuti isolati dai giunti compensatori.

CONSERVAZIONE

Al fine di far sì che i nostri compensatori conservino tutte le loro caratteristiche durante
l’immagazzinamento, raccomandiamo di non porli vicini ad una fonte produttrice d’ozono.

¾ Si consiglia di immagazzinare i giunti in modo che essi non tocchino il suolo.


¾ I compensatori devono essere posti piani, su di una superficie piana, per evitare ogni
deformazione.
¾ Escludere ogni contatto con gli oggetti appuntiti o taglienti.

Nelle condizioni ottimali descritte qui sopra, i compensatori possono essere immagazzinati per
una durata massima di 2 anni a partire dalla data di fabbricazione.
I compensatori consegnati a casse possono essere immagazzinati sul lato piatto del loro
imballaggio d’origine e restare li depositati per la durata dei 2 anni.

Quando si prevede un immagazzinamento più lungo è indispensabile prevedere una protezione


per le parti in elastomero dei compensatori, ricoprendoli in fabbrica con due strati incrociati di
pittura speciale CSM (a base di Hypalon).
Questo trattamento riguarda in particolare i pezzi di ricambio, che devono essere posti in
deposito prolungato e per i quali il trattamento di protezione solitamente è già precisato in
sede di richiesta d’offerta e confermato al momento della commessa.

I compensatori che hanno subito questo trattamento possono essere immagazzinati per una
durata totale di massimo 5 anni, nelle condizioni sopra scritte. (I primi 2 anni possono essere
immagazzinati nella loro cassa di imballaggio, come i compensatori non trattati.)

N.B.
I componenti metallici, come tiranti e bullonerie, devono essere immagazzinati nei loro
imballaggi d’origine e subire eventualmente un trattamento appropriato alle condizioni usuali di
conservazione dei pezzi metallici in funzione della durata dell’immagazinamento.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 4 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
2. IMMAGAZZINAMENTO IN CANTIERE
PRIMA DELL’INSTALLAZIONE

Caso di immagazzinamento in cantiere prima dell’installazione dei pezzi, durante la costruzione,


quando l’infrastruttura d’immagazinamento del cliente non è disponibile.

Questo immagazzinamento, al massimo di qualche mese, deve rispondere alle esigenze


seguenti:

¾ Immagazzinare i compensatori sul lato piatto, su di una superficie piana, rivestita di legno
coperto da una tela o da una pellicola in plastica.

¾ Immagazzinare i compensatori lontano dall’acqua (protetti da pioggia, acqua di ruscelli o


simili).

¾ Coprire i compensatori per proteggerli dalle intemperie e dai raggi solari (tele chiare o
pellicole opache se l’aria dell’immagazzinamento è esposta a raggi solari).

¾ Conservare una aerazione naturale, evitando le correnti d’aria e le turbolenze.

¾ Prendere le precauzioni necessarie per evitare il contatto, anche accidentale, con prodotti
cimici, oli, grassi, ecc.

¾ I giunti compensatori dovranno essere allontanati da ogni fonte di calore, generatrice


d’ozono e essere protetti da atti malevoli.

¾ Non ci sono restrizioni sulle condizioni ambientali finché la temperatura è superiore a 0° C.


Immagazzinare i compensatori per quanto possibile all’ombra di un edificio.

¾ Controllare che i compensatori siano piazzati in modo che la marca di identificazione sia
visibile senza necessità di spostarle.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 5 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®

3. MONTAGGIO DEI GIUNTI


3.0 METODO DI CALCOLO PER LA LUNGHEZZA D'INSTALLAZIONE
DEI GIUNTI COFLEX IN GOMMA

COMPRESSIONE ALLUNGAMENTO SPOST.LATERALE SPOST.ANGOLARE

LI

LUNGHEZZA LIBERA LUNGHEZZA D'INSTALLAZIONE


DI FABBRICAZIONE

PER CALCOLARE LA LUNGHEZZA DI INSTALLAZIONE POSSIBILE DI GIUNTI


ANTIVIBRANTI CON LIMITATI SPOSTAMENTI, OCCORRE PROCEDERE COSI':

 GIUNTI COMPENSATORI TIPO: COFLEX® C - CM - C2 - D - DS - DM - D2 - D2M -


E - GG - TI - TP - TW – TA

CONSIDERATA LA LUNGHEZZA DI FABBRICAZIONE CON LA RELATIVA TOLLERANZA (PARI A


+5 / -0 mm, ASSIMILABILE PER TUTTI I TIPI), SI DEVE CONSIDERARE UN INCREMENTO MAX
DI 5 mm E UNA RIDUZIONE MAX DI 10 mm. AD ESEMPIO, IL COFLEX® P PUO' ESSERE
MONTATO INDISTINTAMENTE (essendo di lunghezza libera di fabbricazione 130 mm), DA
LUNGHEZZA DI INSTALLAZIONE 120 mm, A 135 mm.
QUALORA SI VOGLIA SFRUTTARE LA CARATTERISTICA DI AUTOSTABILITA’ DEI COFLEX®
K, E’ NECESSARIO INSTALLARLI ALLA LUNGHEZZA PREVISTA A DISEGNO, PER CIASCUN DN.

 GIUNTI COMPENSATORI TIPO: COFLEX® F – F2 - F2R - TF


(con minori capacità di compensazione)

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 6 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
CONSIDERATA LA LUNGHEZZA DI FABBRICAZIONE CON LA RELATIVA TOLLERANZA (PARI A
+5 / -0 mm, ASSIMILABILE PER TUTTI I TIPI), SI DEVE CONSIDERARE UN INCREMENTO MAX
DI 2 mm E UNA RIDUZIONE MAX DI 3 mm. AD ESEMPIO, IL COFLEX® F PUO' ESSERE
MONTATO INDISTINTAMENTE (essendo di lunghezza libera di fabbricazione 152 mm), DA
LUNGHEZZA DI INSTALLAZIONE 149 mm, A 154 mm.

3.1. COFLEX® serie D e GG (DA DN500 ED OLTRE)


CON CONTROFLANGE IN DUE METÀ O FLANGE INTERE

3.1.1. VERIFICHE

Per la longevità dei pezzi è importante assicurare che i lati del montaggio, più gli
spostamenti di funzionamento, si inscrivano nelle possibilità ammissibili dei nostri
prodotti (vedere le proposte tecniche per le lunghezze di montaggio e le specifiche
tecniche dei prodotti).

Assicurarsi ugualmente che le pressioni di servizio e le qualità siano compatibili con


le caratteristiche di funzionamento.

3.1.2. MONTAGGIO

Precauzioni prima dell’installazione.


¾ Prendere tutte le precauzioni utili al momento della manutenzione al fine di non
danneggiare i giunti compensatori.
¾ Utilizzare gli anelli di manutenzione delle controflange.
¾ I giunti COFLEX® tipo D e GG devono essere montati assolutamente su flange di
tubazione a facce piatte, sgrassate, pulite e asciutte.
¾ Nessuna giuntura deve essere interposta tra le facce di flangia e le flange in
gomma dei giunti COFLEX®.
¾ Nel caso dei giunti consegnati con precarico, non rompere le cinghie di
contenimento.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 7 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®

Presentazione del giunto per installazione.

¾ Sostenere il giunto in posizione: fori delle controflange e delle flange del giunto
allineate sui fori delle flange della tubazione.
¾ Una volta posizionato il giunto, verificare la lunghezza dei bulloni di fissaggio
affinché questi non rischino di incidere la gomma dell’onda una volta che il giunto
è al lavoro.
¾ Utilizzare se necessario un perno conico di centraggio.
¾ Posizionare tutti i bulloni chiudendo leggermente i dadi sulle due flange.
¾ Tagliare e levare le cinghie di contenimento senza incidere il rivestimento del
giunto.

Installazione del giunto.

¾ Effettuare il serraggio dei bulloni moderatamente, cominciando dalla metà della


flangia come illustrato.
¾ Rispettare la procedura d’ordine di serraggio dei bulloni (opposta diametralmente
e incrociata).
¾ Ritornare al serraggio dei bulloni in vari passi successivi.
¾ Primo passo: chiudere a circa il 10% del valore massimo della coppia di serraggio
ammissibile dalla bulloneria.
¾ Secondo passo: chiudere a circa il 30% di questo valore massimo.
¾ Terzo passo: dopo 2 ore (minimo) richiudere al 30% del valore massimo per
recuperare la diminuzione del serraggio dopo il rilassamento delle costrizioni del
serraggio del secondo passo.
¾ E’ importante che tutti i bulloni siano chiusi allo stesso valore.
¾ Se necessario, richiudere fino alla soppressione di fuga o deformazione delle
sommità delle flange in gomma al momento della messa in servizio.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 8 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
3.1.3 PRECAUZIONI

Le parti in elastomero non devono essere nè pitturate nè lubrificate.

3.2 COFLEX® serie K, F, E e T CON FLANGE INTERE

3.2.1 VERIFICHE

¾ I giunti COFLEX® K sono consegnati pronti al montaggio.


¾ Per la longevità dei pezzi, è importante assicurarsi che i lati di montaggio e gli
spostamenti di funzionamento si inscrivano nelle possibilità ammissibili dei nostri
prodotti. (Vedi le proposte tecniche per le lunghezze di montaggio e le
specifiche tecniche dei prodotti.)
¾ Assicurarsi ugualmente che le pressioni di servizio e le qualità siano compatibili
con le caratteristiche di funzionamento.
¾ Le controflange metalliche girevoli facilitano l’assemblaggio ed evitano i
montaggi in torsione.
¾ La debole rigidità intrinseca dei COFLEX® K facilita la messa in quota del
montaggio.

3.2.2 MONTAGGIO E SERRAGGIO

¾ Per ottenere i risultati indicati nei dati tecnici è necessario che le teste dei
bulloni siano montati sul lato onda del giunto. In caso di impossibilità,
controllare che il trabocco delle aste filettate sia limitato allo stretto necessario
(da 2 a 3 filetti al massimo).

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 9 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®

¾ Il serraggio dei bulloni deve essere effettuato progressivamente in senso


“incrociato” e regolarmente ripartito. Il serraggio efficace è dell’ordine di 8 Kg x
m secondo la qualità dei bulloni utilizzati.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 10 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
3.2.3 PRECAUZIONI

Le parti in elastomero non devono essere nè pitturate nè lubrificate.

3.3 COFLEX® serie C e D/DS CON CONTROFLANGE IN DUE META’

3.3.1 VERIFICHE
¾ Per la longevità dei pezzi, è importante assicurarsi che le quote di montaggio,
oltre che gli spostamenti di funzionamento, restino nei dati indicati ed ammessi
per i nostri prodotti (vedere le informazioni tecniche per le lunghezze di
montaggio e le specifiche tecniche dei prodotti).
¾ Assicurarsi che le pressioni di servizio e le qualità siano compatibili con le
caratteristiche di funzionamento.

3.3.2 MONTAGGIO

Precauzioni da prendere prima dell’installazione.


¾ Prendere tutte le precauzioni utili all’atto della manutenzione, allo scopo di non
danneggiare il giunto di compensazione.
¾ I giunti COFLEX® devono essere montati su delle flange di tubazioni prive di
grassi, pulite ed asciutte.
¾ Le flange delle tubazioni devono imperativamente essere a facce piane per
delle pressioni uguali o maggiori di 10 bar.
¾ Nessuna guarnizione deve essere interposta tra le facce delle flange in gomma
dei giunti COFLEX® e le facce delle flange delle tubazioni.

Posizionamento del giunto per l’installazione

¾ Sostenere il giunto affinché i fori delle controflange e delle flange del giunto siano
allineati ai fori delle flange delle tubazioni.
¾ Una volta che il giunto sia stato messo in posizione, appoggiare le controflange
superiori dai due lati ed introdurre i bulloni e poi inserire i dadi.
¾ Verificare la lunghezza dei bulloni di fissaggio allo scopo di controllare che gli
stessi non rovinino la gomma dell’onda, una volta che il giunto sia stato messo in
opera.
¾ Il bullone deve essere inserito con la testa verso l’onda del giunto.
¾ Mettere le controflange inferiori ed effettuare le stesse operazioni qui sopra
descritte. Assicurarsi che la distanza testa a testa delle controflange in due metà
sia veramente ridotta a zero sulle due flange (al massimo 2 mm per basse
pressioni).
File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 11 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD
REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
3.3.3 SERRAGGIO

¾ Posizionare tutti i bulloni serrando leggermente i dadi sulle due flange.


¾ Su una semi-flangia effettuare il serraggio dei bulloni cominciando dal mezzo
della semi-flangia, rispettando la procedura dell’ordine di serraggio dei bulloni
(opposti diametralmente ed incrociati) come da illustrazione (vedi sopra).
¾ Stessa operazione per la seconda flangia.
¾ Ricontrollare il serraggio dei bulloni ripetendo la stessa operazione completa in
più passaggi successivi.
¾ Primo passo: serrare a circa il 10% del valore massimo della coppia di serraggio
ammesso dal bullone.
¾ Secondo passo: serrare a circa il 30% di questo valore massimo.
¾ Terzo passo: dopo 2 ore minimo riserrare al 30% del valore massimo per
recuperare la perdita del serraggio dopo l’allentamento del serraggio stesso
all’atto del secondo passaggio.
¾ E’ importante che tutti i bulloni siano serrati con la stessa forza.
¾ Se necessario riserrare fino alla scomparsa della perdita, trasudazione o
deformazione della parte esterna delle flange in gomma all’atto della messa in
servizio o all’atto delle prove alla “pressione di prova”.

3.3.4 PRECAUZIONI

Le parti in elastomero non devono essere nè verniciate nè lubrificate.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 12 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
N.B. Tutti i giunti compensatori in gomma di tipo COFLEX® possono essere forniti
con cuffie di protezione antifiamma (CF), che si montano sul giunto già installato e si
fissano con dei gancetti e filo metallico (come da figura e da informazione tecnica
Cofi IT0029).

4. MONTAGGIO DEI TIRANTI STABILIZZATORI

4.1 ASSEMBLAGGIO
¾ La disposizione dei diversi elementi che compongono l’insieme dei tiranti viene
rappresentato sui disegni contrattuali.
¾ L’ordine di montaggio di questi elementi deve essere imperativamente rispettato.
¾ I raccordi a sfera, le rondelle o dadi sferici (nel caso in cui i tiranti ne siano equipaggiati)
devono essere ingrassati ma facendo attenzione che il giunto non ne venga sporcato.

4.2 SERRAGGIO DEI BULLONI DEI TIRANTI

¾ Effettuare il serraggio progressivo dei bulloni seguendo un ordine diametrale e opposto con
più passaggi.
¾ Il serraggio deve essere effettuato all’atto del montaggio del giunto e secondo il metodo
descritto nella sezione 3 di questo manuale, ivi compreso il serraggio dei bulloni delle
placche tiranti.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 13 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
4.3 REGOLAZIONE TIRANTI

¾ I tiranti devono essere regolati in modo tale che la lunghezza di montaggio del giunto sia
rispettata.
¾ Le sole tolleranze ammesse (dopo il serraggio) sono indicate eventualmente sul disegno
contrattuale dei tiranti.

4.4 SERRAGGIO DEI DADI DI REGOLAMENTAZIONE E DI


BLOCCAGGIO SULLE ASTE FILETTATE

¾ Una volta che i tiranti siano stati regolati e leggermente serrati tramite posizionamento dei
dadi che si trovano sui lati delle placche, serrare i controdadi di bloccaggio. Un semplice
bloccaggio manuale effettuato a regola d’arte costituisce il serraggio definitivo dell’insieme
dado/contro-dado.

4.5 VERIFICA

¾ Verificare dopo il serraggio che le posizioni in lunghezza e gli eventuali giochi dei tiranti
siano tutti identici.

Questa verifica dopo il serraggio permette di assicurarsi che gli sforzi di reazione siano
ripartiti in egual misura su ogni tirante.

5. MANUTENZIONE DOPO IL MONTAGGIO


5.1 PRIMA DELLA MESSA IN SERVIZIO

¾ Eliminare ogni traccia di polvere o corpo estraneo che possa essersi infiltrata all’interno del
giunto.
¾ Assicurarsi che durante questo periodo non si verifichino danni accidentali o danni causati
da sabotaggio. Sarebbe bene effettuare la copertura dei giunti per eliminare questa
possibilità.
¾ Viene suggerito il montaggio di un lamierino leggero di protezione.
¾ Verificare che non vi siano fonti di liquidi, chimici o lubrificanti o carburanti, che possano
cadere sul giunto COFLEX®.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 14 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
SPECIFICA TECNICA N°110040
Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

GUIDA PER L’UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DI


GIUNTI COMPENSATORI COFLEX®
5.2 ALL’ATTO DELLA MESSA IN SERVIZIO

¾ Assicurarsi che sia stata ottenuta la tenuta stagna. In caso contrario riportarsi alla sezione 3
del presente manuale.
¾ Verificare, se necessario, l’efficacità dei tiranti stabilizzatori di reazione.

5.3 DOPO LA MESSA IN SERVIZIO

¾ Un giunto COFLEX® deve essere installato in luoghi accessibili e non deve mai essere
ricoperto da materiali isolanti o verniciato.
¾ Solo i nostri rivestimenti anti-fuoco, se prescritti, possono essere installati.
¾ Effettuata la messa in servizio, assicurarsi che i valori di spostamento restino all’interno dei
limiti ammissibili o prescritti per quel tipo di giunto.

5.4 MANUTENZIONE

¾ Viene raccomandato di effettuare ogni sei mesi un controllo.


¾ Le eventuali modifiche al rivestimento esterno sono un indicatore di un comportamento
anomalo.
¾ Assicurarsi dell’efficacia del serraggio dei bulloni.
¾ Verificare che gli spostamenti in servizio siano sempre nelle tolleranze previste per quel
tipo di lavoro.
¾ Viene raccomandato di procedere ogni 5 anni ad un controllo approfondito e minuzioso del
giunto che sia stato prima smontato in modo tale da consentire una visita al suo interno
¾ In caso di giunti COFLEX® CCF, provvisti di cuffie antifiamma, le stesse devono essere
controllate e riposizionate con estrema cura, onde evitare la perdita di efficacia e sicurezza.
In caso di danneggiamento, richiedete tempestivamente lo specifico ricambio.

File: SP110040 Rev.1 DATA: 06.2000 Pag 15 di 15 Compil.: GD Contr.: AM Appr.: GD


REV. 1 DATA: 03/2005
INFORMAZIONE TECNICA N. IT0269

Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE DI GIUNTI COFLEX® K


AUTOSTABILI, DESTINATI A UNITA’ NAVALI MILITARI DELLA MMI COSTRUITI
IN ACCORDO ALLE NORME NAV 05 A163 Ed. 1996.

I giunti Coflex® K AN-AN realizzati in accordo alla norma NAV O5 A 163 Ed. 1996 sono in gomma
nitrilica sia all’interno che all’esterno ed all’esterno (AN-AN) hanno una marcatura in bassorilievo e una
targhetta in alluminio incisa che risponde al punto 6.3 della norma citata e precedente Tabella 11.
Sulla targhetta è riportata anche la marca prevista dagli schemi di bordo per un corretto posizionamento
e si trovano ulteriori dati utili.
I giunti per aspirazione sono corredati di spirale in acciaio Inox AISI 316 posizionata all’interno e
l’installatore deve verificare che i pezzi posizionati a valle di pompe e quindi in potenziale depressione,
ne siano dotati.

®
I giunti Coflex K sono atti a veicolare solo i seguenti fluidi:
Gas – Aria compressa – combustibili – olio
Idrocarburi – Prodotti grassi
Acqua di scarico – Acqua mare

Da non essere usati in sistemi di


Tubazione atti a veicolare i seguenti fluidi
Prodotti abrasivi – Prodotti acidi e corrosivi –
Alimenti acidi e basici – Acqua potabile
Solventi.
®
Installazione e uso del giunto di espansione Coflex K

Condizioni di immagazzinaggio

Non alla luce diretta dei raggi del sole, se possibile, luce flebile.
Temperatura raccomandata della stanza 10/20°C. Le temperature sotto 0°C sono accettabili soltanto
provvedendo che il giunto di espansione ritorni ad una graduale temperatura positiva.
A seconda del pescaggio provvedete una minima naturale ventilazione.
L’ozono e le apparecchiature che generano ozono devono essere rimosse dall’area di immagazzinaggio.
I giunti di espansione non devono essere in contatto con i seguenti prodotti o articoli aggressivi:
- Liquidi: grasso, acidi o basici.
- Elementi appuntiti o saldature ad elevata temperatura o parti smerigliate.
Evitare l’accatastamento dei giunti di espansione il più possibile per prevenire ogni deformazione
permanente ( arco, modanatura ).

Installazione

Controllare che il giunto non sia stato danneggiato durante l’installazione e l’immagazzinamento.
Controllate che il giunto sia il modello ordinato, in particolar modo se è presente al suo interno, quando
richiesto, l’anello di acciaio per l’esercizio in aspirazione o sottovuoto.
Pulire le battute di supporto del tubo flangiato: devono essere completamente pulite da materiale come
cemento, pittura, ruggine, e non presentare deformazioni anomale.
I giunti di espansione non devono essere installati sulle superfici delle flangie montate per anelli sigillanti
o su flangie fissate ( vedi disegno).
Se i giunti di espansione sono installati usando flangie girevoli, assicuratevi che il tubo non sia sporgente
o incassato sul cuscinetto di supporto e che non abbia saldature visibili.

IT0269.doc REV. 2 DATA: 14/11/07 Pag. 1 di 5 Compil.: DM Contr.: PF Appr.: GD


INFORMAZIONE TECNICA N. IT0269

Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

Se il giunto di espansione è installato usando flangie a collare, assicuratevi che il diametro del collare
abbia una sufficiente superficie di supporto con la sbordatura in gomma del giunto di espansione.
Non usare grassi o adesivi nel posizionamento del giunto, se necessario usate acqua fresca o insaponata
per facilitare lo slittamento tra i cuscinetti di supporto.
La lunghezza del bullone è importante. Se possibile, i bulloni dovrebbero essere fissati con la testa verso
il corpo del giunto. Se questo non è possibile, assicuratevi che, dopo l’avvitamento, la fine del bullone
non sporga più di 3mm oltre il dado.
Ripetete l’avvitamento del bullone diverse volte in sequenza, aumentando la torsione cruciforme, con la
pressione dei bulloni equamente distribuita ( vedi diagramma ). Il punto massimo di torsione dipende dal
diametro del bullone. Fate riferimento alla scheda tecnica dei giunti.

M12 M14 M16 M20 M24 M27


Coppie di serraggio bulloni

Coppia raccomandata 5 6 8 12 16 25
Coppia massima 7 9 12 18 24 35

I valori espressi sono in m.daN

Quando installate il giunto di espansione, il non allineamento assiale e laterale della tubazione non deve
essere superiore ai 3 mm di lunghezza regolare.
Oltre questo valore, questa sfasatura è da dedurre dalle capacità massime di movimento del giunto di
espansione.
Le tubature devono avere appropriati specifici ancoraggi in modo che i giunti non debbano supportare
alcun peso delle tubature.
La precedente nota è da non tenere in considerazione solo nel caso in cui si installino nella
configurazione con curva interposta ( vedi IT Cofi 140 ).

IT0269.doc REV. 2 DATA: 14/11/07 Pag. 2 di 5 Compil.: DM Contr.: PF Appr.: GD


INFORMAZIONE TECNICA N. IT0269

Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

IT0269.doc REV. 2 DATA: 14/11/07 Pag. 3 di 5 Compil.: DM Contr.: PF Appr.: GD


INFORMAZIONE TECNICA N. IT0269

Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

Utilizzi

I valori dati dalle pressioni e temperature d’esercizio non devono eccedere i limiti.
Questo giunto di espansione è disegnato per essere stabile sotto pressione. Quando è installato a
lunghezza neutra, assicurandosi che il giunto non sia compresso, non esercita alcuna pressione sulle
tubature, e non ha bisogno di controllo. Fate riferimento alla scheda tecnica per lunghezza neutra, Lq.
Nell’eventualità di un colpo d’ariete, e/o di un allungamento più lungo del dovuto ( fate riferimento alla
scheda tecnica), installate tiranti per limitare i movimenti assiali che eccedono dagli ammissibili.
Non coprite i giunti di espansione con materiale isolante incollato e non dipingete le parti in gomma dei
giunti.
Per supportare un fluido molto abrasivo, una protezione metallica allungherà la durata del giunto di
espansione.
Il giunto di espansione ha una base di gomma e non deve essere esposto a fiamme o fonti intense di
calore. Usate, se necessario, la copertura antifiamma “Coflex ® CF”.
I giunti di espansione hanno un alto effetto isolante. Per eliminare elettricità statica o per mettere a
massa il sistema di tubazioni, ponete un filo metallico tra le due flangie.
Per la prima messa in funzione, alzate la pressione gradualmente e controllate l’interfaccia per le
perdite.
Riavvitate i bulloni , se necessario.
Sotto effetto di un fluido caldo, la copertura e le flangie girevoli possono raggiungere temperature
elevate.
Fate attenzione ad ogni rischio di scottatura da contatto.
E’ consigliabile mettere uno schermo di sicurezza se le persone sono vicine.

Rimozione
Prima di rimuovere un giunto di espansione, siate sicuri che non abbia pressione interna residua e che i
fluidi pericolosi siano stati tolti. Vi raccomandiamo di svitare con cura i bulloni.
Se i giunti di espansione hanno bisogno di pulizia, usate acqua insaponata ma non solventi.
Se i bulloni sono da riutilizzare, assicuratevi che siano puliti ed in buone condizioni.

Manutenzione
Proteggete i giunti di espansione contro particelle roventi o scintille se il lavoro viene svolto in ambienti
circostanti.
I giunti ad espansione devono essere perfettamente raggiungibili per facilitare controlli regolari e
rimozioni veloci.
I giunti ad espansione devono essere inclusi in un piano di manutenzione.

IT0269.doc REV. 2 DATA: 14/11/07 Pag. 4 di 5 Compil.: DM Contr.: PF Appr.: GD


INFORMAZIONE TECNICA N. IT0269

Cofi s.r.l.
Sede Legale: Via Gramsci, 71
Uffici: Via F.lli Arpe, 43,47,49
Magazzini: Via Dogali 58/10°
16038 Santa Margherita Ligure (GE)
Telefono: +39-(0)185284180
Fax: +39-(0)185280239
E-mail: cofi@cofi.it
Web: www.cofi.it

TABELLA DI RIFERIMENTO DATI TECNICI IN ACCORDO ALLA NORMA NAV

DATI TECNICI GIUNTI COFLEX® K

N (1) 32 40 50 65 80 100 125 150 200 250 300


(2)
Lf (mm) 130
(3)
Lq (mm) 130 130 130 130 130 135 140 140 145 150 155

(4) UNI EN (2x)


PN 6 (2x) 4xM12 (2x) 4xM16 (2x) 8xM16
1092 12xM16 (2x)
(4) UNI EN (2x) (2x) 12xM20
PN10
1092 (2x) 8xM20 12xM20
(2x) 4xM16 (2x) 8XM16
(4) UNI EN 8xM20 (2x)
PN 16
1092 12xM20
Bulloni (2x) 12xM24
(2x) (2x)
PN 20 (4) ANSI 150 (2x) 4xM16 (2x) 8xM16
4xM14 8xM16
(4) UNI EN (2x) (2x) (2x) (2x) (2x)
PN 25 (2x) 4xM16 (2x) 8xM24
1092 8xM16 8xM20 12xM24 12xM27 16xM27
(4) (2x)
BS 10 (2x) 4xM16 (2x) 8xM16 (2x) 8xM20
4xM14
Compressione (mm) 25 25 25 25 25 25 25 20 20 15 15
Spostamenti max Estensione (mm) 10 10 10 10 10 10 15 15 20 25 30
non cumulativi
dalla Lf Laterale (mm) 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15
Angolare (°) 20° 20° 20° 20° 17° 14° 14° 10° 10° 8° 7°

Pressione massima ammissibile(6) 16 bar

760mmHg
(Pressione 230mmHg (Pressione 30%)
Massimo vuoto. (7)
100%)

Spinta a 16 bar per il giunto di espansione


0 0 0 0 0 550 1200 1750 4150 7500 11 000
installato a Lf. (daN)
Spinta a 16 bar per il giunto di espansione
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
installato a Lq. (daN)
Massimo Diametro int. della superficie di
52 52 62 77 92 112 137 162 215 270 328
supporto (4) (mm)

Peso con anello di sicurezza (kg) 3 3,4 4 4,7 5 6,2 7.07 10 12,2 16,7 20

Peso del contenuto in equivalente d'acqua


0,4 0,4 0,5 0,8 1 1,4 2,1 2,9 5 7,5 10,7
(kg)

NOTE
1) Il DN è segnato nella parte centrale del giunto di espansione Coflex ® K
2) Lf = lunghezza di fabbricazione = lunghezza nominale.
3) Lq = lunghezza all’equilibrio = lunghezza di “auto-stabilità” a 10 bar di pressione.
4) Bullonatura standard, classe 8.8.Lunghezza da determinare a secondo dello spessore della flangia della tubatura. Per altre dimensioni
di foratura, vedi gli standard pertinenti.
5) Non applicabile per i giunti realizzati a norma NAV.
6) Non applicabile per i giunti realizzati a norma NAV.
7) Questi valori di vuoto sono i massimi valori permessi senza la spirale di acciaio. Sotto questi valori, è richiesta una spirale di acciaio
per permettere all’arco di resistere al vuoto. Questa viene fornita incorporata al giunto di espansione.
IT0269.doc REV. 2 DATA: 14/11/07 Pag. 5 di 5 Compil.: DM Contr.: PF Appr.: GD
CATALOGO GIUNTI IN GOMMA
COFLEX®
SEZIONE III Bis

Navy qualification test


eseguiti da MARIPERMAN
in accordo a NAV 05A 163 Ed. 1996

INDICE
Tipo
Documento Caratteristiche
Pos. Data Coflex® Destinatario
/Ente Principali
testato

Cert Flangiati “UNI”


0 06/09/00 D2 D.D.G.
4490/ITE in gomma 2 onde DN150

Unità
Cert. Flangiati “UNI”* e “MMI”** Idroceanografiche
1 06/07/00 C - CM ARTUSA
4485/ITE in gomma 3 onde DN 25
e
GALATEA
Nuove Unità
Flangiati “UNI”
Cert. Minori Combattenti
2 21/03/01 C-D in gomma 1 onda
4518/ITE Classe
DN 80-100-125-150-200
“COMANDANTI”
Flangiati “UNI”
in gomma 1 onda
Nuove Unità
DN50-65
Cert. Minori Combattenti
3 05/09/01 C-K
4551/ITE Classe
A tallone con flange “UNI” in
“COMANDANTI”
bronzo - 1 onda DN80
“autostabili”

Flangiati “UNI”
in gomma 3 onde DN25
Unità
(anche per acqua potabile)
Idroceanografiche
Flangiati “MMI”
Cert.
4 13/12/01 C - DM - K in gomma 1 onda DN 40
4517/ITE ARTUSA
A tallone con flange “UNI” in
e
bronzo - 1 onda
GALATEA
DN 32 - 50 - 80
“autostabili”

Indice SezIII bis_Mariperman 05_2008.doc REV.2 DATA: Mag.2008 Pag 1 di 2 Compil.: FC Contr.: AM Appr.: GD
Flangiati “UNI”
in gomma 1 onda
DN 50-65-80-100-125-150-
200 Riepilogo
Cert. D – C – CM –
5 22/02/02 Flangiati “UNI” e “MMI” NUMCO-NUPA-
3448/ITE K
in gomma 3 onde DN 25 Idroceanografiche
A tallone con flange “UNI” in
bronzo – 1 onda
DN 32-50-80 “autostabili”

Cert. 52/03 Flangiato “UNI”


C PORTAEREI
6 03/06/03 Macchine in gomma 1 onda DN 65 con
DN65 CAVOUR
motori cuffie antifiamma “MED”

Flangiato speciale SAE


Cert. 53/03
D3 in gomma 3 onde DN125 PORTAEREI
7 03/06/03 Macchine
DN125 con cuffia antifiamma CAVOUR
motori
“MED”

Cert. 54/03 A tallone


P PORTAEREI
8 03/06/03 Macchine speciale SAE
DN 100 CAVOUR
motori 1 onda DN 100

Flangiato speciale SAE


Cert. 55/03
D3 in gomma 3 onde DN100 PORTAEREI
9 03/06/03 Macchine
DN 100 con cuffia antifiamma CAVOUR
motori
“MED”

Flangiato “UNI”
Cert. 56/03
D4 in gomma 4 onde DN 100 PORTAEREI
10 09/06/03 Macchine
DN 100 con cuffia antifiamma CAVOUR
motori
“MED”
Flangiati speciale SAE
in gomma 3 onde
DN 100 – 125
Cert. PORTAEREI
11 10/11/03 D3 – D4 – C Flangiati “UNI”
4675/ITE CAVOUR
in gomma 4 onde DN 100
Flangiati “UNI”
in gomma 1 onda DN 65
A tallone con flange
PORTAEREI
Cert. “UNI”/SAE in acciaio
12 19/11/03 P CAVOUR
3514/ITE zincato/bronzo 1 onda
ed altre unità
DN 20 – 100 – 150

* Flange UNI: tipo standard PN 6 – 10 – 16


**Flange MMI: tipo “serie leggera MMI” derivata da UNI 1629 fino DN 50 quadre – da DN 65 ed oltre tonde

Indice SezIII bis_Mariperman 05_2008.doc REV.2 DATA: Mag.2008 Pag 2 di 2 Compil.: FC Contr.: AM Appr.: GD