Sei sulla pagina 1di 44

Il Crogiuolo® sas di Diana Grassadonia & C.

Via Carlo Imbonati, 3

20159 – Milano – Mi

P.Iva 11035450151

Tel 02/69.00.91.80 – 02/66.80.45.45

Fax 02/69.00.93.02

Email info@ilcrogiuolo.it

http://www.ilcrogiuolo.it

Il Crogiuolo

Visitate la nostra pagina Facebook! Troverete informazioni, aggiornamenti e


moltissimi Codici Sconto che potrete utilizzare per i Vostri acquisti via
internet sul nostro portale www.ilcrogiuolo.it.

Nè l’autore nè l’editore sono responsabili di usi impropri che possono derivare dall’impiego dei vari
prodotti elencati. Il seguente testo nasce come documentazione di un excursus sulla ritualistica come
codificato dalla tradizione. Sta al buon senso del lettore la valutazione delle pratiche contenuta che viene
riportata a puro scopo culturale non incentivando in alcun modo il cimentarsi nelle stesse.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 2


Hanno detto:"Da ogni parte c'è la luce di Dio".
Ma gridano gli uomini tutti:"Dov'è quella luce?"
L'ignaro guarda a ogni parte, a destra, a sinistra.
La verità? Guarda soltanto,senza destra e sinistra!".

(Gialal ad-Din Rumi)

Per mille ed una notte la bella Sherazad intrattenne con storie


fantastiche il re di Persia Shahryar lasciandolo ogni notte col fiato
sospeso in attesa dell’episodio successivo, nei racconti della fanciulla gli
antichi spiriti della cultura islamica, i dDjinn, danzavano il canto della
vita con gli esseri umani in una delle sillogi favolistiche più famose della
storia: la magia del deserto affonda le proprie origini agli albori
dell’umanità quando Dio ed i suoi angeli, i malek, diedero origine alla
storia dell’uomo secondo il libro sacro dell’Islam, il Corano. La cultura
araba, i suoi misteri, le sue usanze più antiche, le sue tradizioni più
segrete saranno al centro del nuovo Lunario 2017 de Il Crogiuolo per
offrirVi, cari Amici, una sempre più ampia panoramica di tutto ciò che è
mistero, magia, tradizione e fede, perché lo spirito è un albero dai molti
rami. Sul tappeto volante della magia vi accompagneremo in questo
viaggio fantastico sotto la magica luna del deserto augurando a tutti Voi
un meraviglioso anno ricco di prosperità, serenità e benedizione.

Lo Staff de Il Crogiuolo®

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 3


Ricordatevi che…. Colori degli Orixàs e degli Exus

Offerte rituali: Quando eseguite degli Ogni Entità ha un colore specifico che predilige e che
Ebò rituali nei punti di forza delle Entità, rappresenta maggiormente la sua vibrazione
energetica. La lista che segue é un’indicazione
dovrete, prima di iniziare l’Ebò, bussare
generale dei colori preferiti dalle varie Entità.
a terra tre volte chiedendo il consenso
Ricordiamo che alcune Energie richiedono dei colori
all’Entità padrona del luogo di poter particolari, abbinati anche ai doni, che potrete trovare
lasciare l’offerta in quel posto. Dopo aver nei corsi di magia brasiliana ATABAQUES® e MACUMBA®.
invocato l’Entità e consegnato i doni
rituali, salutate l’Entità con il suo Orikì Exu: rosso, nero, rosso e nero
(saluto rituale), fate tre passi all’indietro, Pomba Gira: rosso, nero, rosso e nero
voltatevi e andatevene senza più girarvi. Oxalá: bianco, sette colori
Non dovrete più passare da quel luogo Yançá: giallo e rosso, bianco, sette colori
per sette giorni e sette notti. Oxum: giallo, bianco, sette colori
Iemanjà: azzurro chiaro, bianco, sette colori, rosa
Offerte nei cimiteri :quando si porta Oxumarê: giallo, sette colori, bianco
Xangô: bianco e/o rosso, sette colori
un’offerta al cimitero é importante
Oxossi: verde, marrone, bianco, sette colori
ricordarsi di lasciare sette monete dorate Ibeji: azzurro, rosa, bianco, sette colori
davanti alla porta del cimitero per Ogum Abaluaiê: viola, azzurro, bianco e nero, bianco, sette
Megé ed Exu Porteira, ed altre sette colori
monete dorate all’interno del cimtero, per Logum Edê:giallo, celeste, bianco, sette colori
Yansã Balè, Omulù ed Exu Caveira. Pretos Velhos: bianco e nero, bianco
Caboclos: verde, marrone, bianco
Offerte nei boschi: quando si fa
un’offerta nelle foreste si accende, Giorni degli Orixàs
all’entrata, una candela bianca ad Ossain,
quindi, appena dentro, una verde per Lunedì: Exus e Pomba Giras, Abaluaê, Omulú,
Oxossi.
Oxum: quando offrirete del miele a Pretos Velhos
Oxum dovrete assaggiarlo prima voi per Martedì: Naná, Oxumaré, Ewá
tre volte.
Mercoledì: Xangô, Iansà, Obá, lbeji
- Ricordatevi che nell’esecuzione di Giovedì: Ogum, Oxossi, Ossain
qualsiasi Rituale di Exu o Pomba Gira, le Venerdì: Pomba Giras, Oxalá, Caboclos
candele e i defumadores dovranno essere
accesi con dei fiammiferi di legno, Sabato: Iemanjà, Oxum
mentre per gli Orixás potrete utilizzare Domenica: Tutti i Santi con Oxalá in testa
un’accendino bianco.

- Ogni opera magica volta alla


purificazione (esorcismo) può essere
eseguita sia in luna calante che in luna
crescente.

- Gli Exus e le Pomba Giras possono


essere invocate sia il lunedì che il
venerdì, si utilizzerà la luna calante per
opere volte al negativo, la luna crescente
per opere volte al positivo.
- Per ottenere un maggior contatto con
l’Energia degli Orixàs vi consigliamo di
invocarli dalle 06.00 del mattino alle
18.00 della sera, per gli Exus e le Pomba
Giras dalle 18.00 della sera a dieci minuti
prima della mezzanotte.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 4


Nella tradizione voodoo ed obeah i resti rituali vengono
abbandonati in linea generale agli incroci, in uno degli angoli.
Tradizionalmente si fanno cadere tre monete per onorare Papa
Legba, il signore delle strade e dei cammini, spirituali e
materiali

I lavori eseguiti per eliminare il male possono essere anche


gettati in un corso d’acqua, mentre quelli eseguiti per la
prosperità o per favorire la nascita/crescita di qualcosa di
nuovo potranno essere abbandonati ai piedi di un grosso albero
frondoso, senza spine.

Le pratiche dedicate ai Guedè ed agli spiriti cimiteriali vengono


tradizionalmente portate nei cimiteri, qualora questo non fosse
possibile si possono abbandonare nei pressi dei campisanti
oppure gettate in un tombino.

I resti e le pratiche dedicate agli spiriti petrò potranno essere


seppellite nelle foreste.

Prima di abbandonare dei resti rituali si deve sempre e


comunque onorare Legba lasciando al suolo almeno tre monete.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 5


Gennaio 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 D Festa di Oxalà nelle vesti di Bonfim, Sili Dantò 7.38 16.50


Piena 2 L San Deshacedor 7.38 16.51
3 M 7.38 16.52
4 M 7.38 16.52
5 G 7.38 16.53
6 V Epifania di Nostro Signore 7.38 16.54
7 S 7.38 16.55

8 D 7.37 16.56
9 L 7.37 16.57
10 M 7.37 16.59
11 M 7.37 17.00
12 G Festa di Ossain (S. Benedetto) 7.36 17.01
13 V 7.36 17.02
14 S 7.36 17.03
15 D 7.35 17.04
16 L 7.35 17.05
17 M Sant’Antonio Abate 7.34 17.06
18 M 7.34 17.08
19 G Santa Marta La Dominadora 7.33 17.09
20 V Festa di Oxossi (S. Sebastiano) 7.32 17.10
21 S Vergine di Altagrazia 7.32 17.11
22 D 7.31 17.13
23 L 7.30 17.14
24 M 7.30 17.15
25 M 7.29 17.16
26 G 7.28 17.18
27 V 7.27 17.19
28 S 7.26 17.20
29 D 7.25 17.21
30 L 7.24 17.23
31 M San Giovanni Bosco 7.23 17.24

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 6


Febbraio 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M 7.22 17.25
2 G Festa di Iemanjà nelle vesti di Calunga - Rituale Candelora 7.21 17.27
3 V Festa di Omolù - Protettore della Salute - San Biagio 7.20 17.28
4 S 7.19 17.29
5 D 7.18 17.30
6 L 7.17 17.32
7 M 7.16 17.33
8 M 7.15 17.34
9 G 7.13 17.36
10 V 7.12 17.37
11 S 7.11 17.38
12 D 7.10 17.39
13 L 7.08 17.41
14 M 7.07 17.42
15 M 7.06 17.43
16 G 7.04 17.44
17 V 7.03 17.46
18 S 7.02 17.47
19 D 7.00 17.48
20 L 6.59 17.49
21 M 6.57 17.51
22 M Santa Margherita 6.56 17.52
23 G 6.54 17.53
24 V 6.53 17.54
25 S 6.51 17.56
26 D 6.50 17.57
27 L 6.48 17.58
28 M 6.47 17.59

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 7


Marzo 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M 6.45 18.00
2 G 6.43 18.02
3 V 6.42 18.03
4 S 6.40 18.04
5 D 6.39 18.05
6 L 6.37 18.06
7 M 6.35 18.07
8 M 6.34 18.09
9 G 6.32 18.10
10 V 6.30 18.11
11 S 6.29 18.12
12 D 6.27 18.13
13 L 6.25 18.14
14 M 6.24 18.15
15 M 6.22 18.17
16 G 6.20 18.18
17 V San Patrizio - Damballah 6.18 18.19
18 S 6.17 18.20
19 D San Giuseppe (nel Voodoo Papa Loko) 6.15 18.21
20 L 6.13 18.22
21 M San Benedetto 6.12 18.23
22 M 6.10 18.24
23 G 6.08 18.26
24 V 6.06 18.27
25 S 6.05 18.28
26 D 6.03 18.29
27 L 6.01 18.30
28 M 6.00 18.31
29 M 5.58 18.32
30 G 5.56 18.33
31 V 5.55 18.34

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 8


Aprile 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 S 5.53 18.36
2 D 5.51 18.37
3 L 5.49 18.38
4 M San Isidoro Zaka (Loa Voodoo) 5.48 18.39
5 M 5.46 18.40
6 G 5.44 18.41
7 V 5.43 18.42
8 S 5.41 18.43
9 D 5.39 18.44
10 L 5.38 18.46
11 M 5.36 18.47
12 M 5.35 18.48
13 G 5.33 18.49
14 V 5.31 18.50
15 S 5.30 18.51
16 D 5.28 18.52
17 L 5.27 18.53
18 M 5.25 18.54
19 M Festa di Logum Edè (S. Espedito) 5.23 18.55
20 G 5.22 18.57
21 V 5.20 18.58
22 S 5.19 18.59
23 D Festa di Ogum (São Jorge) 5.17 19.00
24 L 5.16 19.01
25 M San Marcos de Leon 5.15 19.02
26 M 5.13 19.03
27 G 5.12 19.04
28 V 5.10 19.05
29 S 5.09 19.06
30 D 5.08 19.08

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 9


Maggio 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

Piena 1 L 5.06 19.09


2 M 5.05 19.10
3 M 5.04 19.11
4 G 5.02 19.12
5 V 5.01 19.13
6 S 5.00 19.14
7 D 4.59 19.15
8 L 4.57 19.16
9 M 4.56 19.17
10 M 4.55 19.18
11 G 4.54 19.19
12 V San Pancrazio 4.53 19.20
13 S Festa dei Pretos Velhos 4.52 19.21
14 D 4.51 19.22
15 L 4.50 19.23
16 M 4.49 19.24
17 M 4.48 19.25
18 G 4.47 19.26
19 V 4.46 19.27
20 S 4.45 19.28
21 D 4.44 19.29
22 L 4.44 19.30
23 M 4.43 19.31
24 M Maria Ausiliatrice 4.42 19.32
25 G 4.41 19.33
26 V 4.41 19.34
27 S Inizio del periodo di Ramadan 4.40 19.35
28 D 4.39 19.36
29 L 4.39 19.36
30 M 4.38 19.37
31 M 4.38 19.38

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 10


Giugno 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 G 4.37 19.39
2 V 4.37 19.40
3 S 4.36 19.40
4 D 4.36 19.41
5 L 4.36 19.42
6 M San Norberto, Ochossi nella Santeria 4.35 19.42
7 M 4.35 19.43
8 G 4.35 19.44
9 V 4.35 19.44
10 S 4.35 19.45
11 D 4.34 19.45
12 L Festa di Ogum Xoroquè, Ogum cruzado ad Exù 4.34 19.46
13 M Festa di Elegbarà ( S. Antonio), S. Antonio da Padova 4.34 19.46
14 M 4.34 19.47
15 G 4.34 19.47
16 V 4.34 19.47
17 S 4.34 19.48
18 D 4.34 19.48
19 L 4.35 19.48
20 M 4.35 19.48
21 M San Luigi Gonzaga 4.35 19.49
22 G 4.35 19.49
23 V 4.35 19.49
24 S Festa di Xangô Caô (S.Giovanni Battista) 4.36 19.49
25 D Ramadan 4.36 19.49
26 L Festa di Obà ( Santa Giovanna D’arco) 4.36 19.49
27 M Vergine del Perpetuo Soccorso 4.37 19.49
28 M 4.37 19.49
29 G Festa di Xangô Agajó (San Pietro e Paolo) 4.38 19.49
30 V 4.38 19.49

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 11


Luglio 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 S 4.39 19.49
2 D Festa dei Caboclos. Si festeggiano le anime degli Indios 4.39 19.49
3 L 4.40 19.49
4 M 4.40 19.48
5 M 4.41 19.48
6 G Sili Dantò 4.42 19.48
7 V 4.42 19.47
8 S 4.43 19.47
9 D 4.44 19.47
10 L 4.44 19.46
11 M 4.45 19.46
12 M 4.46 19.45
13 G 4.46 19.45
14 V 4.47 19.44
15 S 4.48 19.43
16 D Madonna del Carmelo (nel Voodoo Mama Bujita) 4.49 19.43
17 L San Alessio 4.50 19.42
18 M 4.51 19.41
19 M 4.51 19.41
20 G San Elia (Nel Voodoo Baron del Cementerio) 4.52 19.40
21 V 4.53 19.39
22 S Santa Maria Maddalena 4.54 19.38
23 D Santa Brigida (nel Voodoo Maman Brigitte) 4.55 19.37
24 L 4.56 19.36
25 M San Giacomo (nel Voodoo Ogun Balenyò), San Cristoforo 4.57 19.36
26 M Festa di Nanã Madre di tutti gli Orixàs, Sant’Anna, Anaisa 4.58 19.35
27 G 4.59 19.34
28 V 5.00 19.33
29 S Santa Marta 5.01 19.32
30 D 5.02 19.30
31 L 5.03 19.29

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 12


Agosto 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M 5.04 19.28
2 M 5.05 19.27
3 G 5.06 19.26
4 V 5.07 19.25
5 S 5.08 19.24
6 D 5.09 19.22
7 L 5.10 19.21
8 M 5.11 19.20
9 M 5.12 19.18
10 G San Lorenzo (Iroko) 5.13 19.17
11 V Santa Chiara (nel Voodoo Aizan) 5.14 19.16
12 S 5.15 19.14
13 D Santa Radegonda 5.16 19.13
14 L 5.17 19.12
15 M Festa di Yemanjá 5.18 19.10
16 M Festa di Omulú (San Rocco) il guaritore di piaghe e cancrene 5.19 19.09
17 G 5.20 19.07
18 V Santa Elena 5.21 19.06
19 S 5.22 19.04
20 D 5.23 19.03
21 L 5.24 19.01
22 M 5.25 19.00
23 M 5.26 18.58
24 G Oxumarê (S.Bartolomeo) il grande serpente cosmico 5.27 18.56
25 V 5.28 18.55
26 S Mater Salvatoris (nel Voodoo Erzulie Danthor) 5.30 18.53
27 D 5.31 18.52
28 L 5.32 18.50
29 M 5.33 18.48
30 M 5.34 18.47
31 G 5.35 18.45

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 13


Settembre 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 V 5.36 18.43
2 S San Mosè (nel Voodoo Damballah Petrò) 5.37 18.42
3 D 5.38 18.40
4 L Santa Rosalia 5.39 18.38
5 M 5.40 18.37
6 M 5.41 18.35
7 G Madonna di Regla 5.42 18.33
8 V Madonna del Cobre 5.43 18.32
9 S 5.44 18.30
10 D San Nicola da Tolentino 5.45 18.28
11 L 5.46 18.26
12 M 5.47 18.25
13 M 5.48 18.23
14 G 5.49 18.21
15 V Mater Dolorosa (Nel Voodoo Erzulie Freda) 5.50 18.19
16 S 5.51 18.18
17 D 5.52 18.16
18 L 5.53 18.14
19 M 5.54 18.12
20 M Sant Eustachio 5.55 18.11
21 G 5.56 18.09
22 V 5.57 18.07
23 S 5.58 18.05
24 D Madonna della Mercede 6.00 18.04
25 L 6.01 18.02
26 M Festa degli Ibeji (Cosme e Damiano), i santi gemelli protettori 6.02 18.00
27 M 6.03 17.59
28 G San Venceslao 6.04 17.57
29 V Festa di Xangô Alafi Exê (S.Michele) 6.05 17.55
30 S Festa di Xangô Agodó (S. Gerolamo) 6.06 17.53

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 14


Ottobre 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 D 6.07 17.52

2 L Festa dell’Anjo da Guardia, protettore spirituale 6.07 17.52


3 M San Gerardo (nel Voodoo Baron Lacruà) 6.08 17.50
4 M Festa di Ifà, San Francesco d’Assisi 6.09 17.48
5 G 6.10 17.47
6 V 6.11 17.45
7 S 6.12 17.43
8 D 6.13 17.41
9 L 6.15 17.40
10 M San Daniele 6.16 17.38
11 M San Luis Beltran 6.17 17.37
12 G 6.18 17.35
13 V 6.19 17.33
14 S 6.20 17.32
15 D 6.21 17.30
16 L Santa Edvige 6.22 17.29
17 M 6.24 17.27
18 M 6.25 17.25
19 G 6.26 17.24
20 V Santa Marta 6.27 17.22
21 S Santa Orsola 6.28 17.21
22 D 6.29 17.19
23 L 6.30 17.18
24 M San Raffele Arcangelo 6.32 17.16
25 M 6.33 17.15
26 G 6.34 17.14
27 V 6.35 17.12
28 S San Giuda Taddeo 6.36 17.11
29 D 6.38 17.09
30 L 6.39 17.08
31 M Halloween si consiglia l’esecuzione della Ritualistica 6.40 17.07

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 15


Novembre 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M Ognissanti 6.42 17.04


2 G Festa in Onore dei Defunti e di tutte le Entità cimiteriali 6.44 17.03
3 V San Martin De Porres 6.45 17.02
4 S San Carlo Borromeo (nel Voodoo Candelo) 6.46 17.01
5 D 6.47 16.59
6 L 6.49 16.58
7 M 6.50 16.57
8 M 6.51 16.56
9 G 6.52 16.55
10 V 6.54 16.54
11 S San Martino di Tours (nel Voodoo Ogum Bhatalah) 6.55 16.53
12 D 6.56 16.52
13 L 6.57 16.51
14 M 6.58 16.50
15 M 7.00 16.49
16 G 7.01 16.48
17 V 7.02 16.48
18 S 7.03 16.47
19 D 7.05 16.46
20 L 7.06 16.45
21 M Madonna di Regla 7.07 16.45
22 M 7.08 16.44
23 G 7.09 16.43
24 V 7.10 16.43
25 S Santa Caterina da Alessandria 7.12 16.42
26 D 7.13 16.42
27 L 7.14 16.41
28 M 7.15 16.41
29 M 7.16 16.41
30 G Sant’Andrea (nel Voodoo Ogum Ashadè) - Met Kalfou 7.17 16.40

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 16


Dicembre 2017
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 V 7.18 16.40
2 S 7.19 16.40
3 D 7.20 16.39
4 L Festa di Iansá (S.Barbara) 7.21 16.39
5 M 7.22 16.39
6 M San Nicola (nel Voodoo il Sole) 7.23 16.39
7 G 7.24 16.39
8 V Festa di Oxùm, Immacolata Concezione 7.25 16.39
9 S 7.26 16.39
10 D Nostra Signora di Loreto 7.27 16.39
11 L 7.28 16.39
12 M 7.28 16.39
13 M Santa Lucia 7.29 16.39
14 G 7.30 16.39
15 V 7.31 16.40
16 S 7.31 16.40
17 D Festa di Abaluayê (S.Lazzaro) 7.32 16.40
18 L 7.33 16.41
19 M 7.33 16.41
20 M 7.34 16.42
21 G 7.34 16.42
22 V 7.35 16.43
23 S Santo Nino de Atocha 7.35 16.43
24 D 7.36 16.44
25 L Festa di Oxalá bambino, Natale 7.36 16.44
26 M 7.36 16.45
27 M 7.37 16.46
28 G 7.37 16.46
29 V 7.37 16.47
30 S 7.37 16.48
31 D Festa di Yemanjá - San Silvestro - Ossagne 7.38 16.49

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 17


a

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 18


Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 19
LUNA O NON LUNA?

Uno dei grandi temi della magia è quello delle fasi lunari. L’astro lunare è
da sempre guida di chi si affida alle arti magiche. Normalmente ad ogni fase
lunare del calendario si attribuisce una vibrazione/funzione specifica. Se è
vero che molte tradizioni non seguono strictu sensu le fasi lunari, abbiamo
deciso di riportare per praticità i significati attribuiti dalla magia alla luna.

Luna Nuova: chiamata anche buio di luna (perché l’astro non è


visibile nel cielo), è il periodo che segue la luna calante e
precede la luna crescente. In questo periodo si eseguono tutti i
rituali o le pratiche che presuppongono la nascita di qualcosa
di nuovo e che ancora non c’è. Può essere un sentimento di cui
non esistono le basi (es. X vuole sedurre Y ma tra di loro non c’è nulla o
nulla ancora c’è stato), una nuova attività, un progetto. L’inizio della luna
nuova è teatro anche di opere atte a danneggiare qualcuno, mettendo la
base di problematiche, ostacoli, difficoltà che devono restare inizialmente
nell’ombra (tradimenti, inimicizia destinata a trasformarsi in odio ecc).

Luna Crescente: segue la Luna Nuova. L’astro lunare inizia a


mostrare la sua falce nel firmamento. In Luna Crescente si
eseguono tutti i rituali che implicano la crescita di qualcosa o
comunque un incremento. Può essere un sentimento in cui già
sono presenti delle basi, un aumento di denaro, un progetto
già avviato che stenta a procedere. Come accennato precedentemente non
bisogna pensare alla Luna Crescente come una fase unicamente buona dal
momento che influisce anche sulla crescita di odio, di inimicizia, di malattia
o di problemi.

Il massimo di forza di questo quarto lunare è chiamata Luna Gobba (fig. a


sinistra) ed inizia ad essere visibile in cielo al terzo giorno di Luna
Crescente. Dal periodo di Luna Gobba in avanti, fino alla Luna Piena si
opera soprattutto per portare a compimento una situazione, un progetto,
un rapporto interpersonale, un contratto.

Luna Piena: corrisponde al massimo climax della forza lunare. Dura un


giorno solo. In magia si opera la notte di plenilunio per ogni tipo di opera
che implichi un coronamento, viene tradizionalmente associata al
compimento, alla fecondità, al successo. E' il momento più efficace per

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 20


dare il colpo finale alle magie d'amore o a quelle che
riguardano in genere le relazioni affettive, soprattutto quando
finalizzate ad un matrimonio. Ovviamente agisce su tutti i
fronti, non solamente quelli sentimentali. La Luna Piena è
considerato il momento ambivalente per antonomasia. In
passato era legata ai grandi rituali, alle iniziazioni, ai momenti importanti.

Luna Calante: segue immediatamente la Luna Piena, già il


giorno successivo inizia a fare sentire il suo influsso, prima in
maniera flebile, poi sempre con maggiore forza, fino al buio di
luna. In questo periodo si eseguono tutte le pratiche atte a
fare decrescere qualcosa. Se è vero che in Luna Calante si
eseguono la maggior parte dei rituali atti a portare inerzia,
ostacoli, sfortuna e negatività, occorre sfatare il mito della Luna Calante
come pura fase negativa. Le pratiche di purificazione ed esorcismo, ad
esempio, andrebbero eseguite in questo periodo, perché implicano un calo
finalizzato all’annullamento di entità negative. Se si devono eliminare degli
ostacoli è bene operare in Luna Calante. Tutte le pratiche destinate a
togliere, ammansire, dominare si eseguono in questa fase.

Nella pratica quotidiana non sempre questa categorizzazione (tratta dal


testo Botanica Magica edito da Il Crogiuolo®) viene strettamente
considerata. Nell’Hoodoo, ad esempio, esistono pareri contrastanti. Ci sono
rootworkers che, influenzati in maniera preponderante dalla magia
occidentale e ispirati dagli scritti salomonici o cabalistici, si attengono in
maniera marcata alle lunazioni, altri che agiscono in ragione del bisogno,
altri ancora che modellano una pratica esoterica in ragione del fine: se per
esempio volessero favorire un’unione in luna calante opererebbero
eliminando tutto ciò che fosse di ostacolo alla suddetta unione, cavalcando
l’onda della lunazione.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 21


Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 22
Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 23
In principio…
In questo breve saggio (cui presto farà seguito un libro completo) vorremmo
parlarvi di una tradizione millenaria, affascinante e misteriosa. Finalmente
dopo anni di ricerche e studi, grazie anche alla conoscenza ed alla
disponibilità di una sensitiva araba, vi faremo conoscere i misteri della
magia di quei luoghi, quella vera, quella sussurrata con circospezione e
segreto di madre in figlia.
Ci perderemo nella notti incantate del deserto, sotto cieli tempestati di
stelle, cammineremo su fresche dune di sabbia e scopriremo la magia dei
DDjinn, gli spiriti di quei luoghi incantati. Potremmo chiamarli in
innumerevoli modi: geni, folletti, orchi, spiriti o spiritelli… ma noi
preferiamo mantenere il nome originale con cui gli antichi li battezzarono.
Questi esseri speciali, soprannaturali, venuti al mondo grazie alla volontà di
Dio si distinguono in “Amir” principi, guerrieri, donne affascinanti,
mutaforma, esseri spaventosi pronti a tentarti, ostacolarti e, addirittura,
divorarti se fragile ma altresì protettori, compagni fedeli, amici a cui ci si
può rivolgere in tutte le situazioni della vita.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 24


Ma partiamo dall’inizio… surah Al Anbiya (21:30) “I Cieli e la Terra erano
uniti insieme, poi Noi li separammo” e Dio diede origine al Cielo e la Terra
e tutto ciò che vi è in mezzo, universi, pianeti, inferno, paradiso e le
creature che in essi vivono.
Dopo aver creato l’Uomo, Dio chiese a tutte le creature viventi di
inginocchiarsi davanti ad esso ma Shaytan si rifiutò di obbedire. Si allontanò
dunque dal Paradiso promettendo che avrebbe controllato e dominato le
teste degli uomini deboli ma delle menti degli Uomini di Dio non sarebbe
mai riuscito impadronirsene. Ma Dio non lo creò da solo Adam, e lo
accompagnò dalla nascita con due Karine, uno buono ed uno tentatore. Si,
proprio così, noi tutti nasciamo accompagnati da due Karine, che ci seguono
in ogni istante della vita, ci guidano, proteggono e… ci tentano. Ci
accompagnano altresì due Malek (angeli) che sono sulle nostre spalle e
trascrivono tutte le azioni, quelle buone il Malek alla nostra destra e quelle
cattive il Malek alla nostra sinistra. Tutti i giorni, nell’ora ASOR, orario a
metà tra il mezzodì ed il tramonto, riportano all’angelo Eserafil i nostri
comportamenti.
I Malek, in quanto angeli, vengono considerati immortali mentre i Karine
nascono e muoiono insieme a noi. Anch’essi, come i DDjinn, possono
talvolta disturbare il sonno; è consigliabile, in questi casi, posizionare un
paio di forbici aperte o una lama sotto al cuscino.
Esistono DDjinn di aria, terra, acqua, fuoco ed aria. Questi conducono vite
simili alle nostre, riproducendosi esattamente come noi esseri umani.
Nella credenza popolare, si pensa che possano spesso vivere nelle fogne e
venire disturbati dal pianto dei bambini o dall’acqua bollente versata in
modo repentino nel lavandino, perciò si consiglia di non sgridare i bambini
in bagno, altrimenti il DDjinn potrebbe disturbargli la mente rendendoli
irrequieti o provocandogli incubi notturni. Mentre si versa l’acqua bollente,
ad esempio per scolare la pasta, è consigliabile dire: “Destur”, che significa
permesso, per evitare che un DDjinn ci possa creare fastidi nell’arco della
giornata o addirittura della vita.
È altresì raccomandabile, in bagno, chiudere il wc con il coperchio e non
fischiare ripetutamente o, quando si fanno i picnic, non toccare la terra con
le mani: norme igieniche, sicuramente, ma anche metodi infallibili per non
richiamare queste entità; una raccomandazione doverosa: quando vi verrà
voglia di sbadigliare non dimenticatevi di portare la mano davanti alla
bocca perché, se è pur vero che il Djinn può infastidirsi e renderci irritabili,
alcuni di loro vivono dentro di noi (malbuse) e ci accompagnano, difendono
come veri e propri guardiani ed alcune persone malintenzionate potrebbero
rubarci il nostro protettore proprio durante un semplice sbadiglio.
I Djinn possono essere allontanati, rubati ed addirittura uccisi mediante
esorcismi o pratiche effettuate con l’ausilio di un’Entità più potente che gli
ubbidisca, rigorosamente di Venerdì. Si possono richiamare a noi dicendo:

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 25


BAHUR ABYAD e comunicare con loro mediante telescrittura, pendolo,
tavola oui-ja o ascoltare la loro voce se si possiede il dono dell’udito,
vederlo con fattezze umane o addirittura incorporarli se medium di
transport; in quest’ultimo caso se la sua presenza fosse troppo forte su di
noi bisognerebbe dirgli: stai più leggero su di me “RAFIF ANNI” o stai più
leggero su di lei: RAFIF ANNA.
Salomon possedeva tutti questi carismi e riusciva a vederli, sentirli e
comandarli.
Attraverso loro si possono ottenere favori o risolvere problemi di varie
origini, se continuerete a leggere in queste mie pagine vi insegnerò come
togliere il malocchio, considerato persino fatale nella tradizione Araba,
richiamare a se una persona che si è allontanata, unire due persone o
aumentare i guadagni… se siete curiosi ed assetati di sapere leggete nelle
prossime pagine.

Il potere degli Incensi


Nella magia Araba trovano un ruolo
fondamentale gli incensi, questi vengono
impiegati per ottenere praticamente qualsiasi
cosa. Ogni incenso rappresenta un’emozione e
l’atto di bruciarlo rappresenta l’elevarsi della
preghiera che sale verso il cielo, metafora
della fede dell’animo umano che si affida alla
misericordia di Dio.
Ogni incenso possiede caratteristiche proprie,
significati specifici e, unito ad altri, assume
proprietà completamente differenti, ad
esempio, l’incenso utilizzato per esorcizzare se mescolato ad altre resine
pregiate, tradizionalmente attira il successo o la riuscita. Un incenso
d’amore se unito ad altri elementi potrebbe essere impiegato in una
ritualistica per il denaro, ma vediamo meglio di seguito una lista di resine
ed i loro utilizzi principali:

CHOEB contro il malocchio,


esorcismo

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 26


DEMEN ALMISK amore

contro le difficoltà, le
GHASSOUL tentazioni e i dispetti
dei Djinn

OUDH SANDAL richiamo positivo

OUDH SALIB purificazione

DJAOUI BLANC purificazione

DJAOUI amore

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 27


per donare la doppia
vista, per attirare la
FASHOUR ricchezza e la
prosperità

LUBAN ZACAR esorcismo,


purificazione

MUCOL AZRAC esorcismo

MYSORE prosperità, abbondanza

SALABAN contro la sfortuna, per


gli affari ed i contratti

AMUDI per spezzare la magia


nera

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 28


AMBRE per amore, protezione
e fortuna

COPAL Purificazione,
esorcismo

Contro i nemici,
STORAX allontana cattive
influenze. Va sempre
associato ad un altro
incenso

Ricordate che se volete utilizzare gli incensi secondo i significati della


magia araba è bene seguire le lunazioni, a riguardo potrete consultare a
pagina 20 di questo lunario il significato esoterico delle stesse.
Alcuni incensi, come è il caso del choeb, non sviluppano fumo vero e
proprio ma vapori, tuttavia a livello esoterico questo tipo di elementi ha
una valenza totalmente magica che trascende la scienza dei profumi e degli
odori tipica della tradizione classica.
Ciascuno degli incensi elencati si impiega combusto su carboni ardenti. Per
ottenere i massimi risultati si consiglia di impiegare le classiche cialde auto
combustibili (carboncini) ed attendere che gli stessi siano perfettamente
accesi prima di versare sopra i vari ingredienti.
Se non specificato esplicitamente i resti degli incensi e le ceneri si gettano
nella terra, questo procedimento si rifà al concetto di “semina magica”,
una pratica antichissima che contempla l’idea di seminare le proprie
richieste nella terra in attesa che possa fiorire nella propria vita.
Quando le richieste riguardano la prosperità e l’amore si possono gettare
nel proprio giardino o in una pianta che si tiene in casa, nel caso invece di
purificazioni o esorcismi sarebbe bene gettarle nella terra (o in certi casi in
un corso d’acqua) possibilmente lontano da casa.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 29


Il Ramadan
Il termine del Ramadan ha due significati: quello di nono mese del
calendario islamico e quello della chiusura del mese di digiuno islamico. Il
Ramadan è uno dei cinque pilastri dell'Islam ed è considerato precetto nella
religione islamica. Formalmente è «Il mese in cui fu rivelato il Corano come
guida per gli uomini e prova chiara di retta direzione e salvezza»
Celebra l'annuncio della Rivelazione fatta dall'angelo Gabriele a Maometto.
Nel corso del mese di Ramadan i musulmani debbono astenersi - dall'alba al
tramonto - dal bere, mangiare, fumare e dal praticare attività sessuali.
Particolarmente intensa dev'essere la lotta contro i cattivi pensieri, le
cattive azioni, la rabbia: «Iddio Potente e Glorioso ha detto: “Ogni azione
del figlio di Adamo gli appartiene, eccetto il digiuno, che appartiene a Me,
ed Io ne do ricompensa; il digiuno è un'armatura, e quando sia giorno di
digiuno per uno di voi, non nutra propositi osceni né vociferi, e se qualcuno
lo ingiuria o lo combatte, dica: 'Sto digiunando'; e per Colui nella Cui Mano
è l'anima di Muhammad, l'alito cattivo che promana dalla bocca di colui che
sta digiunando è migliore davanti a Dio del profumo del muschio. Chi
digiuna ha due motivi di cui rallegrarsi: si rallegra quando lo rompe, e si
rallegrerà del digiuno fatto quando incontrerà il suo Signore».
Durante il periodo di Ramadan, che varia da anno ad anno, non è
consigliabile, secondo la tradizione, eseguire pratiche magiche di nessun
tipo. Per chi desiderasse cimentarsi nelle ritualistiche contenute in questo
Lunario abbiamo provveduto a segnalare in giallo i giorni di Ramadan per
l’anno 2017 all’interno della sezione calendario: quest’anno il periodo di
Ramadan inizia il 27 di maggio e termina il 25 giugno.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 30


Secondo il celebre antropologo sir James Frazer (Il Ramo d’oro) la
differenza basica tra magia e religione starebbe nel fatto che la prima
implicherebbe un imperativo della volontà sulla realtà, la seconda invece si
limiterebbe ad un implorare la misericordia del divino per accondiscendere
alle proprie esigenze. La tradizione araba, come del resto altre culture,
hanno dimostrato però che questa dicotomia non sempre sia così marcata.
La preghiera infatti è spesso associata a pratiche tradizionali, squisitamente
“magiche” nella forma che si fondono alla religione vera e propria creando
un mix di grandissimo spessore religioso ed emotivo.
Entriamo dunque nel vivo della meravigliosa magia araba per scoprire
alcune delle tecniche più famose di questo universo spirituale.
I rituali che seguono sono solo una parte di una più ampia collezione di cui a
breve sarà disponibile il libro completo, un vero e proprio manuale ricco di
formule, incantesimi, orazioni speciali e talismaniche provenienti da questa
cultura.

Questo tipo di sortilegio va eseguito di giovedì, nella magia araba questo


giorno è legato all’amore ed alla seduzione. La pratica che vi insegneremo
si esegue tradizionalmente quando una donna desidera trovare un
compagno; agisce tradizionalmente solo sul tipo di partner che possa
corrispondere ai vostri gusti.
Ecco cosa vi serve: acqua di fonte (di bottiglia andrà benissimo), hennè in
polvere, djaui, coriandolo, un mortaio, resina di ambra, almisk, un filo di
lana, miele, zafferano, paciuli, gelsomino, un sacchetto di tessuto color
porpora. Il giovedì che avrete scelto dovrete alzarvi alla buon’ora per
andare a seppellire un po’ di polvere di hennè all’entrata di un mercato,

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 31


preferibilmente l’entrata sud dello stesso. Sul luogo direte:”CHE L’OBLIO
IN CUI FINO AD ORA HO VISSUTO CESSI E IL MIO CUORE SIA POPOLATO
COME QUESTO LUOGO”. Attendere che la giornata scorra normalmente.
Alla sera, quando tutti dormono ed è calato il silenzio ci si recherà nella
propria camera da letto e ci si spoglierà completamente. Versare sette
bicchieri d’acqua in un mortaio in modo che strabordino sul pavimento e
quindi bruciare un po’ di djaui e coriandolo. Terminata la combustione
rovesciare al suolo il mortaio e farlo rotolare sul pavimento. Quindi andare
a dormire. Durante la notte in sogno si manifesterà il volto della persona
che è stata evocata. Il giovedì seguente tornare al mercato, seppellire un
altro po’ di hennè come fatto precedentemente. Quindi camminare per il
mercato e far cadere al suolo ogni tanto un pizzico di hennè. Raccogliere
altresì un po’ di terra pari alla quantità di hennè gettato. Mentre si esegue
questa pratica dire:”IO LASCIO QUI LA MIA SFORTUNA E RACCOLGO
FORTUNA”. Tornate a casa fare un pacchettino in un foglietto di carta con
la terra raccolta ed aggiungere gelsomino, paciuli e coprire il tutto con un
po’ di miele e zafferano. Legare il pacchettino con un filo di lana e farlo
passare sui fumi di una defumazione a base di ambra e almisk. Quindi
mettere il pacchettino nel sacchettino color porpora, chiuderlo e
conservarlo come un talismano dicendo:”ATTACCO SU DI ME LO SPIRITO DI
TUTTI GLI UOMINI CHE HANNO CALPESTATO LA TERRA CHE HO
RACCOLTO. IO TI PORTO CON ME NEL NOME DI DIO, NEL NOME DI
MAHOMET E NEL NOME DI KOUNA BEN EL-KOUN E CHIEDO CHE SI REALIZZI
CIÒ CHE LA MIA BOCCA CHIEDE. GIUNGA LA MIA RICHIESTA GIUNGA AI
CUORI ED AGLI SPIRITI DI TUTTI GLI UOMINI AFFINCHÈ MI VENGANO A
CERCARE. SE L’UOMO CHE DESIDERO È IN QUESTA CITTÀ CHE IL SUO
CUORE MI SEGUA. SE È LONTANO.. LE MONTAGNE DIVENTINO PIANURA ED
I ROVI DIVENTINO SETA. OGNI MIA RICHIESTA ED OGNI MIO DESIDERIO SI
REALIZZINO”.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 32


La pratica che segue viene eseguita quando la persona amata per un
qualsivoglia motivo si sia allontanata e si desidera farla tornare, pentita ed
innamorata. Si deve eseguire il rituale in un giovedì di luna crescente. Ecco
cosa serve: un piatto di terracotta, djaui, coriandolo, rosa in boccioli,
cumino, miele, almisk, carboncini, olio, un fazzoletto o un pezzo di vestito
appartenente alla persona amata. Ridurre in polvere in un mortaio lo djaui,
la rosa, il coriandolo, il cumino. Bruciare su un carboncino un po’ di almisk.
A questo punto tagliare il fazzoletto o il capo di biancheria della persona
amata in sette piccoli rettangoli della lunghezza media di 4 per 3 cm circa.
Appoggiare sulla coscia destra nuda, uno alla volta, i pezzi di stoffa,
riempirli con le erbe polverizzate in precedenza ed arrotolarle dal basso
verso l’alto. Quindi bloccarli uno ad uno servendosi del miele. Metterli nel
piatto di terracotta riempito in precedenza con dell’olio ed accenderli
come fossero stoppini servendosi di fiammiferi. Coprire le fiamme con un
coperchio di terracotta (o un altro piatto in terracotta) e dire:”NON È LA
STOFFA CHE INFIAMMO, MA IL CUORE DI (NOME DELLA PERSONA),
FIGLIO/A DI (NOME DELLA MADRE). NON AVRÀ PACE FINCHÈ NON SARÀ AL
MIO FIANCO”. Il giorno successivo seppellire il feticcio nel proprio giardino
o ai piedi di una pianta.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 33


A tutti piace essere amati e benvoluti, capitano però situazioni in cui ci si
trovi a fronteggiare un ambiente ostico e poco accogliente, sia in ambito
lavorativo che sentimentale. Questo semplice rituale arabo si esegue per
ammaliare e conquistare le persone che frequentano o vivono in un
determinato luogo. Non ha un giorno specifico di esecuzione, ma si consiglia
di eseguirlo in fase di luna crescente. Occorrente: una candela rosa, olio di
rosa, hennè, miele, tessuto di colore rosa, fiori di lavanda, terra del luogo
su cui si vuole influire, carboncini. Prelevare dal luogo in cui si desidera
esercitare simpatia della terra, può essere anche semplice polvere presa dal
suolo o da un vaso di piante. Mentre la si raccoglie dire:”NON È TERRA
QUELLA CHE STO RACCOGLIENDO MA LO SPIRITO DELLE PERSONE CHE
FREQUENTANO QUESTO POSTO”. Una volta ottenuta la terra mescolarla a
fiori di lavanda polverizzati, hennè ed un po’ di miele. Accendere la
candela rosa su cui si sarà versato un po’ di olio di rosa, quindi bruciare su
un carboncino auto combustibile la miscela ottenuta. Dire:”CHE L’AMICIZIA
DEGLI ABITANTI DI QUESTA CASA SIA CALDA COME CIÒ CHE STO
BRUCIANDO IN QUESTO MOMENTO”. Confezionare con il tessuto rosa un
piccolo sacchetto. Quando la combustione è terminata raccogliere le ceneri
di tutto e metterle nel sacchettino. Cucirlo e portarlo al collo ogni
qualvolta ci si debba recare nel luogo prescelto per poter esercitare tutto il
suo potere. Tradizionalmente questa pratica veniva svolta dai giovani per
poter essere accolti amorevolmente in casa dell’amata dalla sua famiglia e
per poter procedere fiduciosi alle proposte di matrimonio.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 34


Se è vero che la magia, in ambito di seduzione, sembra appoggiare le
esigenze delle donne nei confronti degli uomini, è altrettanto vero che
nella tradizione araba esistono moltissime pratiche atte a conquistare una
specifica donna. Il rituale che segue ne è un esempio. Si deve eseguire di
giovedì. Occorrente: una candela figurata vagina rossa, olio di paciuli,
almisk, sangue di drago in resina, carboncini, zafferano, un mortaio, della
pergamena vergine, inchiostro rosso ed un pennino. Procurarsi in
antecedenza qualche capello della donna. Bruciarlo e metterlo nel mortaio.
Aggiungere sette pizzichi di zafferano e sette pizzichi di sangue di drago,
mescolare e rompere bene tutto. Versare dentro l’inchiostro, un po’ della
propria saliva e stemperare. Quindi su un foglietto di pergamena vergine
tracciare il quadrato magico che segue:

Sul cero figurato incidere il nome della donna. Quindi ungerlo con olio di
paciuli, almisk e un po’ della propria saliva. Bruciare sul carboncino un po’
di sangue di drago e almisk e passarci sopra la candela. Accenderla sulla
pergamena e farla consumare. Una volta terminata i resti della cera
andranno messi sotto al proprio letto, mentre la pergamena dovrà essere
appesa ad un albero con filo rosso nei pressi della casa della donna che si
desidera conquistare.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 35


L’impiego de quadrati magici ha radici molto antiche e come tutte le
pratiche ancestrali si è tramandata fino ai giorni nostri per la loro efficacia
e sicurezza. Formalmente un quadrato magico consiste in una griglia in cui
gli spazi sono occupati da numeri la cui somma, in diagonale ed orizzontale,
da lo stesso valore. La pratica che segue sfrutta questa tradizione con la
finalità di fare rimanere incinta una donna. Si esegue a ridosso della luna
piena. Occorrente: pergamena vergine, un pennino, inchiostro verde, nove
candele verdi a base di cera d’api, carboncini, incenso lubàn, oudh sandal,
choeb. Tracciare su un foglio di pergamena il quadrato magico che segue
utilizzando inchiostro verde e servendosi del pennino.

Accendere un carboncino e bruciarci sopra un pizzico di lubàn, di oudh


sandal e choeb. Passare sui fumi le mani e accarezzarsi la pancia. Quindi
appoggiare il quadrato su un tavolo e circondarlo con le nove candele.
Accenderle in senso orario e lasciarle consumare. Una volta terminate
seppellire la cera rimasta ai piedi di una pianta da frutto. Il quadrato andrà
posto sotto al materasso della donna che desidera propiziare la gravidanza.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 36


Questa pratica si esegue fondamentalmente per ottenere giustizia,
nonostante il termine vendetta possa avere normalmente sfumature nefaste
o comunque negative. Va eseguita durante la luna calante, non importa il
giorno. Occorrente: una pentola di terracotta, djaui, coriandolo, incenso
lubàn, piment, pepe nero in grani, nove candele nere a base di cera d’api,
choeb, carboncini, una grossa cipolla, un pezzo di vestito appartenuto al
proprio “nemico”. Dopo le sette di sera lavare l’insalatiera e riempirla
d’acqua. Dalle nove di sera a mezzanotte bruciare continuamente su dei
carboncini djaui e coriandolo in eguale quantità. A mezzanotte mettere nel
tessuto un po’ di piment. Scavare un buco nella cipolla e metterci dentro il
fagottino di stoffa. Quindi mettere la pentola su un fornello, coprirla con un
coperchio di alluminio ed accendere il fuoco con la fiamma bassa. Mettere
sul coperchio a bruciare quattordici grani di pepe nero e quattordici grani di
piment. A questo punto dire:”VOGLIO CHE IL SANGUE DI (NOME DELLA
PERSONA), FIGLIO/A DI (NOME DELLA MADRE) BRUCI COME QUESTA
CIPOLLA, CHE PAGHI PER CIÒ CHE MI HA FATTO E SPARISCA PER SEMPRE
DALLA MIA VITA”. Alzare la fiamma e fare andare il fuoco per tutta la
notte. Alla mattina prima del sorgere del sole gettare ciò che è avanzato
nella pentola vicino alla casa della persona oppure ad un incrocio di quattro
strade. Tornati a casa purificare l’ambiente e la cucina bruciando choeb e
incenso lubàn su un carboncino in parti uguali.

Nota: nella magia araba l’identificazione del soggetto viene fatta con nome
e cognome dello stesso accompagnato dal nome di battesimo della madre.
Qualora non si fosse a conoscenza del nome materno si potrà ovviare
identificandolo come “figlio di Eva”. Es. Voglio che il sangue di Mario Rossi,
figlio di Eva, bruci come questa cipolla….

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 37


Questo rituale di magia araba viene eseguito per attrarre a se l’uomo o la
donna che fa battere il nostro cuore o per rafforzare l’amore ed il desiderio
del nostro attuale compagno/a. Ecco quello che occorre per svolgere la
pratica: una confezione di erbe di purificazione, una candela a base di cera
d’api rossa, una gialla, una verde e una blu, uno spillo nuovo, oudh salib,
oudh sandal, abiti bianchi, un foulard bianco, carboncini, incensiere,
fiammiferi o accendino. Prima di eseguire il rituale, in fase di luna
crescente, in un giovedì, preparare un bagno di purificazione. Indossare
quindi vestiti bianchi puliti e coprire la testa col foulard.
Pulire e purificare anche il tavolo dove eseguirete la pratica. Disporre le
candele sdraiate in fila con lo stoppino rivolto verso l’alto nel seguente
ordine:

Prendere il carboncino e dopo averlo acceso posarlo su di un incensiere,


appoggiarvi sopra un pizzico di ogni incenso e quando inizierà a fare fumo
prendere in mano la prima candela e passarla sui fumi in senso antiorario da
destra a sinistra, riporla per ultima infondo alle altre. Se avete fatto in
modo corretto la prima candela di colore rosso si troverà sdraiata infondo
dopo la candela di colore blu. Ripetere questa procedura per tutte le
candele fino a ritrovarvi con la sequenza iniziale dei colori che vedrà come
prima la candela di colore rosso.
Sulla prima candela incidere con lo spillo il nome della persona da
innamorare ed il nome della mamma, se non lo si possiede si scriverà figlio
di Eva, sulla seconda candela scrivere il proprio nome e quello della propria
madre, sulla terza candela scrivere il nome della persona da innamorare ed
il nome della mamma e sulla quarta candela il proprio nome ed il nome

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 38


della propria madre, alternando la scrittura dall’alto al basso, come da
esempio:

Incidere su due candele a scelta la seguente frase:”EJMA YA EBNI HATA LA


TFAREK BEN nome di lui e nome della mamma BADON HALBAD UAJAL
HALMAHABA BEIN NAHOM COL HALOMOR”. Accendere le candele
nell’ordine e ripetete 110 volte la seguente frase:”EIJAL WAJALWO”.
Lasciare consumare le candele e quando saranno terminate raccogliere i
resti e seppellire il tutto in un prato lontano da piante o alberi.

Un antico proverbio recita “lontano dagli occhi… lontano dal cuore”. La


lontananza fisica, si sa, può indurre una delle due parti a calcare una nuova
strada o a prendere decisioni affettive differenti. Questa pratica si esegue
quando si desidera chiamare l’attenzione (ricordo, pensiero e desiderio) o
addirittura attirare a se una persona che sia distante. Occorrente: un foglio
di carta pergamena, filo di cotone bianco, oudh salib, pennino e inchiostro
di china nero, una candela bianca a base di cera d’api, nastro adesivo,
carboncini, incensiere e naturalmente fiammiferi o accendino.
Appoggiare sul tavolo, precedentemente purificato, il foglio e scrivere con
la china:”YA EBEN NOME DELLA PERSONA FIGLIA DI (NOME DELLA
MADRE). EBAT LI (NOME DELLA PERSONA CHE VOLETE TORNI E NOME
DELLA MADRE )MEN BAID LANDE DEIMAN (NOME DELLA PERSONA DA
CHIAMARE) FIGLIO DI (NOME DELLA MADRE DI LUI/LEI)”.
In caso non si conoscesse il nome della madre, come di consueto, sostituirlo
con EVA, nella fattispecie si scriverà FIGLIO DI EVA.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 39


Piegare il foglio a ventaglio (primo passaggio della figura) poi avanti ed
indietro su se stesso (secondo passaggio), si formerà infine come un
quadrato, che potrete chiudere con dello scotch.
Legarlo con il filo lasciandone di avanzo una parte lunga circa trenta
centimetri.

Prendere un carboncino, accenderlo con un accendino e metterci sopra un


cucchiaino da caffè di incenso. Quando l’incenso inizierà a bruciare passare
il pacchettino sui fumi per tre volte.
Il pacchettino andrà quindi appeso al ramo di un albero. Eseguire la pratica
in un giovedì di luna crescente.

Il rituale del lucchetto esiste, con diverse varianti, in quasi tutte le parti
del mondo, ma pochi sanno che l’origine reale di questa pratica è araba.
Viene tradizionalmente eseguita, assolutamente in fase di luna crescente,
per legare due persone in un vincolo d’amore, di desiderio e di passione.
Occorrente: demen almisk, oudh sandal, oudh salib, un lucchetto color
rame, carta pergamena, carboncini, un incensiere, accendino o fiammiferi.
Ungere il lucchetto e le chiavi con il demen almisc e scrivere il nome
dell’uomo sopra al lucchetto mentre il nome della donna sulle chiavi.
Tenere nella mano sinistra il lucchetto e nella destra le chiavi quindi aprirlo
lasciando dentro le chiavi. Dire a voce alta:”EFTAH LI YAA FATHAR FTA
WUAJAL, CALBAU LI MAHAB KALBAU ALLAH, MAHA BDABI HATA LI HEEB,
MADAN RAIRI” Chiudere il lucchetto e togliere le chiavi. Appoggiare il tutto
sul foglio di carta pergamena e piegarlo facendo un pacchettino. Ripetere
111 volte: YA FATAH FTAH.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 40


Per non perdere il conto ci si può eventualmente aiutare con un qualunque
tipo di rosario.
Accendere un carboncino ed appoggiarlo su di un incensiere o supporto
resistente al calore, mettere un pizzico di ogni incenso sopra al carboncino
e quando l’incenso inizia a bruciare prendere il pacchettino di carta e
passarlo sopra i fumi per sette volte in senso orario.
Nascondere il pacchettino in un posto sicuro al buio.
Quando l’incenso sarà terminato gettare i resti nel wc o in acqua corrente.
Se un giorno si desiderasse sciogliere il legamento, sarà sufficiente aprire il
lucchetto, togliere le chiavi e gettare tutto separatamente in acqua
corrente.

L’uso di abluzioni e profumi è una pratica antichissima. Il rituale che segue


contempla l’esecuzione di sette bagni che vanno eseguiti per sette giorni
consecutivi con la finalità di incrementare le entrate economiche, favorire
la prosperità e attirare il denaro rapidamente. Ecco cosa serve: olio di
argan, acqua di rose, una spugna di mare, carboncini, djaui blanc, incenso
salaban, choeb, ghassoul, fashour, mysore, lubàn. Questa pratica va iniziata
in luna crescente. Preparate il vostro bagno tutti i giorni (andrà fatto per
sette giorni consecutivi) in una bacinella colmata di acqua tiepida
versandovi dentro un cucchiaino di olio di argan e un po’ di acqua di rose.
Bagnare il corpo passandovi la spugna cominciando dalla testa e pressandola
in modo da fare uscire tutta l’acqua. L’operazione va ripetuta finchè la
bacinella non sia completamente vuota. Ogni giorno, prima del bagno si
dovrà bruciare un incenso differente (alcuni di questi non fanno fumo
esagerato, ma operano più a livello animico e di aura che a livello
squisitamente olfattivo). Il primo giorno bruciare su un carboncino djaui
blanc, il secondo giorno incenso choeb, lo noterete bollire sul carboncino
senza diffondere particolare fumo, il terzo giorno bruciare incenso
ghassoul, che si impiega per tenere lontane le tentazioni e le cattive
influenze dei Djinn, il quarto giorno incenso fashour che da secoli viene
impiegato per favorire la prosperità, il quinto giorno incenso salaban, che si

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 41


impiega normalmente per favorire gli affari ed il successo economico in
genere, il sesto giorno bruciare incenso mysore, un legno aromatico che
attira la prosperità su di se e la propria famiglia,e l’ultimo giorno, il
settimo, bruciare lubàn, per ringraziare lo spirito divino e impetrare alle
forze spirituali di accompagnarvi sulla strada dorata del successo, della
riuscita e della ricchezza. Le ceneri degli incensi, di volta in volta,
andranno gettate in acqua corrente o nello scarico, la spugna utilizzata
invece andrà portata alle porte di un mercato.

Spesso la serenità di una coppia può venire turbata dall’inserirsi un terzo


incomodo, sia esso rivale, parente, amico… per porre rimedio a tale disagio
la magia araba offre diversi spunti. Questa pratica rituale si esegue per
dividere e separare definitivamente due persone, siano essi, marito o
moglie, amanti, amici o colleghi. Occorrente: halba, una padella, gesso in
polvere, un chiodo, oudh salib, carboncini per bruciare incenso, un
incensiere e naturalmente fiammiferi o accendino.
Prendere la padella e far tostare l’helba, una volta tostata prendere il
gesso ed amalgamare il tutto facendo una pallina servendosi di un po’ di
acqua. Quando la pallina sarà densa ma non solidificata completamente
scrivere sulla sinistra il nome della persona da allontanare ad es. Giovanna
con sotto il nome della madre, se non lo si conosce si potrà scrivere Eva, e
a destra il secondo nome ad es. Fabio con sotto sempre il nome della
madre.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 42


Lasciare solidificare la pallina tutta la notte.
Il giorno successivo prendere il chiodo ed aiutandosi con un martelletto
rompere a metà la pallina separando i nomi.
Accendere il carboncino e mettere un pizzico di incenso, quando inizierà a
fare fumo passate le due parti sopra all’incenso e dire:”HEBAD NOME DI
CHI VUOI SI ALLONTANI FIGLIO/A DI NOME DELLA MADRE O EVA HAN
TARIQ ESI LEMRA AURAJUL”.
Prendere tutti i resti e sotterrarli in terre diverse e molto lontane tra loro.
Questo lavoro esoterico va eseguito in fase di luna calante possibilmente di
martedì.

Persuasione e controllo sono una delle esigenze maggiormente care alla


magia, si potrebbe altresì sintetizzare la magia pratica come l’applicazione
della propria volontà sulla realtà circostante per forzarla secondo il proprio
desiderio. Il rito che segue si esegue, in fase lunare calante, con la finalità
di dominare o modificare il pensiero ad una persona. Occorrente: una
candela di pura cera vergine di quelle che sono arrotolate attorno ad uno
stoppino, resina di ambra, almisk, storax, una pentolina acquistata per
l’occorrenza, coriandolo, pepe bianco in polvere. Andare in un negozio e
acquistare la pentola, prima di entrare dire:”NON STO COMPERANDO UNA
PENTOLA, MA LA TESTA ED I PENSIERI DI (nome e cognome) FIGLIO DI
(nome della madre o, se non si conosce dire la solita formula FIGLIO DI
EVA)”. A casa aprire la candela, mettere al suo interno una fotografia della
persona corredata di nome e cognome, se si possiedono aggiungere anche
testimoni. Aggiungere sulla fotografia l’ambra, l’almisk, lo storax e il pepe
bianco. Mettere in bocca nove chicchi di coriandolo e dire:”(nome e
cognome), FIGLIO DI (nome della madre o di Eva se non se ne è a
conoscenza) TU FARAI QUELLO CHE DICO E LA MIA VOLONTÀ SARÀ LA
TUA, TI ORDINO DI (fare la richiesta)”. Sputare i semi sulla fotografia,
richiudere con delicatezza la candela e metterla al centro della pentola.
Accendere la candela. Quindi accendere sotto alla pentola il fornello. Far si
che la cera bolla fino a bruciare completamente. A quel punto spegnere il
fuoco e portare la pentola nei pressi della casa della persona.

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 43


Lunario 2017
Il Crogiuolo®
Il Crogiuolo® sas di Diana Grassadonia & C.
Via C. Imbonati, 3
20159 – Milano – Italia
Tel 02/69.00.91.80 – 02/66.80.45.45
Fax 02/69.00.93.02
P-Iva 11035450151

http://www.ilcrogiuolo.it
Email info@ilcrogiuolo.it

Il Lunario 2017 de Il Crogiuolo® Pagina 44