Sei sulla pagina 1di 206

Supplemento ordinario alla “Gazzetta Ufficiale„ n.

302 del 30 dicembre 2015 - Serie generale

Spediz. abb. post. 45%


- art.- 1,art.comma
2, comma
1 20/b
23-12-1996,n. n.
Legge 27-02-2004, 46 -662 - Filiale
Filiale di Romadi Roma

GAZZETTA UFFICIALE
DELLA REPUBBLICA ITALIANA
SI PUBBLICA TUTTI I
PA R T E P R I M A Roma - Mercoledì, 30 dicembre 2015 GIORNI NON FESTIVI
DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - UFFICIO PUBBLICAZIONE LEGGI E DECRETI - VIA ARENULA, 70 - 00186 ROMA
AMMINISTRAZIONE PRESSO L’ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO - VIA SALARIA, 691 - 00138 ROMA - CENTRALINO 06-85081 - LIBRERIA DELLO STATO
PIAZZA G. VERDI, 1 - 00198 ROMA

N. 70/L

LEGGE 28 dicembre 2015, n. 208.

Disposizioni per la formazione del bilancio an-


nuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità
2016).
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302

SOMMARIO

LEGGE 28 dicembre 2015, n. 208.


Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di
stabilità 2016). (15G00222) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1

ALLEGATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 203

— III —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI


LEGGE 28 dicembre 2015, n. 208.

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016).

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

PROMULGA

la seguente legge:


Art. 1. rispettivamente dell’articolo 37, comma 3,

lettera c), della legge 9 marzo 1989, n. 88,

1. I livelli massimi del saldo netto da fi- e successive modificazioni, dell’articolo 59,

nanziare e del ricorso al mercato finanziario,
comma 34, della legge 27 dicembre 1997,
in termini di competenza, di cui all’articolo
n. 449, e successive modificazioni, e dell’ar-
11, comma 3, lettera a), della legge 31 di-
ticolo 2, comma 4, della legge 12 novembre
cembre 2009, n. 196, per gli anni 2016,
2011, n. 183, per l’anno 2016. I predetti im-
2017 e 2018, sono indicati nell’allegato
porti sono ripartiti tra le gestioni interessate
n. 1 annesso alla presente legge. I livelli
con il procedimento di cui all’articolo 14
del ricorso al mercato si intendono al netto
della legge 7 agosto 1990, n. 241, e succes-
delle operazioni effettuate al fine di rimbor-
sive modificazioni.
sare prima della scadenza o di ristrutturare

passività preesistenti con ammortamento a 3. Nell’allegato n. 2 annesso alla presente

carico dello Stato. legge sono, inoltre, indicati gli importi com-

2. Nell’allegato n. 2 annesso alla presente plessivi dovuti per l’anno 2016 ai sensi del-

legge è indicato l’adeguamento degli importi l’articolo 2, comma 4, della legge 12 no-

dei trasferimenti dovuti dallo Stato, ai sensi vembre 2011, n. 183, nonché gli importi

— 1 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



che, prima del riparto tra le gestioni interes- 7. Al comma 632 dell’articolo 1 della

sate, sono attribuiti: legge 23 dicembre 2014, n. 190, al terzo pe-

riodo, le parole da: «, con provvedimento
a) alla gestione per i coltivatori diretti,
del direttore dell’Agenzia delle dogane e
mezzadri e coloni a completamento dell’in-
dei monopoli» fino alla fine del periodo
tegrale assunzione a carico dello Stato del-
sono soppresse.
l’onere relativo ai trattamenti pensionistici
8. Il comma 4-bis dell’articolo 51 del te-
liquidati anteriormente al 1º gennaio 1989;
sto unico delle imposte sui redditi, di cui al
b) alla gestione speciale minatori;
decreto del Presidente della Repubblica 22

c) alla gestione speciale di previdenza e dicembre 1986, n. 917, è abrogato.

assistenza per i lavoratori dello spettacolo 9. Al fine di evitare un pregiudizio alla

già iscritti al soppresso ENPALS. continuità dell’azione amministrativa, ai di-

pendenti dell’Amministrazione economico-

4. Gli esperti contabili iscritti nella Se- finanziaria, ivi incluse le Agenzie fiscali,

zione B Esperti contabili dell’Albo dei dot- cui sono state affidate le mansioni della

tori commercialisti e degli esperti contabili, terza area sulla base dei contratti individuali

istituito ai sensi della legge 24 febbraio di lavoro a tempo indeterminato stipulati in

2005, n. 34, e del decreto legislativo 28 giu- esito al superamento di concorsi banditi in

gno 2005, n. 139, che esercitano la libera applicazione del contratto collettivo nazio-

professione con carattere di continuità, nale di comparto del quadriennio 1998-

sono iscritti alla Cassa nazionale di previ- 2001, o del quadriennio 2002-2005, conti-

denza ed assistenza a favore dei ragionieri nua ad essere corrisposto, a titolo indivi-

e periti commerciali. duale e in via provvisoria, sino all’adozione

5. Il comma 430 dell’articolo 1 della di una specifica disciplina contrattuale, il re-

legge 27 dicembre 2013, n. 147, è abrogato. lativo trattamento economico e gli stessi

continuano ad esplicare le relative funzioni,
6. Al comma 718 dell’articolo 1 della
nei limiti delle facoltà assunzionali a tempo
legge 23 dicembre 2014, n. 190, sono ap-
indeterminato e delle vacanze di organico
portate le seguenti modifiche:
previste per le strutture interessate.
a) alla lettera a), le parole: «di due
10. All’articolo 13 del decreto-legge 6 di-
punti percentuali a decorrere dal 1º gennaio
cembre 2011, n. 201, convertito, con modi-
2016 e di un ulteriore punto percentuale dal
ficazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,
1º gennaio 2017» sono sostituite dalle se-
n. 214, sono apportate le seguenti modifica-
guenti: «di tre punti percentuali dal 1º gen-
zioni:
naio 2017»;

a) al comma 2, le parole da: «, nonché
b) alla lettera b), le parole: «di due
l’unità immobiliare» fino a: «non superiore
punti percentuali a decorrere dal 1º gennaio
a 15.000 euro annui» sono soppresse;
2016, di un ulteriore punto percentuale dal
b) al comma 3, prima della lettera a) è
1º gennaio 2017 e di ulteriori 0,5 punti per-
inserita la seguente:
centuali dal 1º gennaio 2018» sono sostituite

dalle seguenti: «di due punti percentuali dal «0a) per le unità immobiliari, fatta

1º gennaio 2017 e di un ulteriore punto per- eccezione per quelle classificate nelle cate-

centuale dal 1º gennaio 2018»; gorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in

c) alla lettera c), le parole: «700 mi- comodato dal soggetto passivo ai parenti

lioni di euro per l’anno 2018» sono sosti- in linea retta entro il primo grado che le uti-

tuite dalle seguenti: «350 milioni di euro lizzano come abitazione principale, a condi-

per l’anno 2018». zione che il contratto sia registrato e che il

— 2 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



comodante possieda un solo immobile in del 18 giugno 1993. Sono, altresì, esenti

Italia e risieda anagraficamente nonché di- dall’IMU i terreni agricoli:

mori abitualmente nello stesso comune in
a) posseduti e condotti dai coltivatori
cui è situato l’immobile concesso in como-
diretti e dagli imprenditori agricoli profes-
dato; il beneficio si applica anche nel caso
sionali di cui all’articolo 1 del decreto legi-
in cui il comodante oltre all’immobile con-
slativo 29 marzo 2004, n. 99, iscritti nella
cesso in comodato possieda nello stesso co-
previdenza agricola, indipendentemente dalla
mune un altro immobile adibito a propria
loro ubicazione;
abitazione principale, ad eccezione delle
b) ubicati nei comuni delle isole minori
unità abitative classificate nelle categorie ca-
di cui all’allegato A annesso alla legge 28
tastali A/1, A/8 e A/9; ai fini dell’applica-
dicembre 2001, n. 448;
zione delle disposizioni della presente let-
c) a immutabile destinazione agro-
tera, il soggetto passivo attesta il possesso
silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisi-
dei suddetti requisiti nel modello di dichia-
bile e inusucapibile. A decorrere dall’anno
razione di cui all’articolo 9, comma 6, del
2016, sono abrogati i commi da 1 a 9-bis
decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23»;
dell’articolo 1 del decreto-legge 24 gennaio

c) al comma 5, il secondo periodo è 2015, n. 4, convertito, con modificazioni,

soppresso; dalla legge 24 marzo 2015, n. 34.

d) il comma 8-bis è abrogato;
14. All’articolo 1 della legge 27 dicembre
e) al comma 13-bis, le parole: «21 ot-
2013, n. 147:
tobre» sono sostituite dalle seguenti: «ter-

mine perentorio del 14 ottobre». a) al comma 639, le parole: «a carico

sia del possessore che dell’utilizzatore del-

l’immobile» sono sostituite dalle seguenti:
11. Al comma 8 dell’articolo 9 del de-
«a carico sia del possessore che dell’utiliz-
creto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, l’ul-
zatore dell’immobile, escluse le unità immo-
timo periodo è soppresso.
biliari destinate ad abitazione principale dal
12. All’articolo 8, comma 1, del decreto
possessore nonché dall’utilizzatore e dal
legislativo 14 marzo 2011, n. 23, è aggiunto
suo nucleo familiare, ad eccezione di quelle
il seguente periodo: «Le disposizioni di cui
classificate nelle categorie catastali A/1, A/8
al presente comma si applicano, dal periodo
e A/9»;
d’imposta 2014, anche all’imposta munici-
b) il comma 669 è sostituito dal se-
pale immobiliare della provincia autonoma
guente:
di Bolzano, istituita dalla legge provinciale
«669. Il presupposto impositivo della
19 aprile 2014, n. 3, ed all’imposta immobi-
TASI è il possesso o la detenzione, a qual-
liare semplice della provincia autonoma di
siasi titolo, di fabbricati e di aree edificabili,
Trento, istituita dalla legge provinciale 30
ad eccezione, in ogni caso, dei terreni agri-
dicembre 2014, n. 14».
coli e dell’abitazione principale, come defi-
13. A decorrere dall’anno 2016, l’esen-
niti ai sensi dell’imposta municipale propria
zione dall’imposta municipale propria
di cui all’articolo 13, comma 2, del decreto-
(IMU) prevista dalla lettera h) del comma
legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito,
1 dell’articolo 7 del decreto legislativo 30
con modificazioni, dalla legge 22 dicembre
dicembre 1992, n. 504, si applica sulla
2011, n. 214, escluse quelle classificate
base dei criteri individuati dalla circolare
nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9»;
del Ministero delle finanze n. 9 del 14 giu-

gno 1993, pubblicata nel supplemento ordi- c) al comma 678 sono aggiunti, in fine,

nario n. 53 alla Gazzetta Ufficiale n. 141 i seguenti periodi: «Per i fabbricati costruiti

— 3 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



e destinati dall’impresa costruttrice alla ven- gale, annullamento, scioglimento o cessa-

dita, fintanto che permanga tale destinazione zione degli effetti civili del matrimonio, ad

e non siano in ogni caso locati, l’aliquota è eccezione delle unità immobiliari che in Ita-

ridotta allo 0,1 per cento. I comuni possono lia risultano classificate nelle categorie cata-

modificare la suddetta aliquota, in aumento, stali A/1, A/8 e A/9, per le quali si applica

sino allo 0,25 per cento o, in diminuzione, l’aliquota nella misura ridotta dello 0,4 per

fino all’azzeramento»; cento e la detrazione, fino a concorrenza

d) al comma 681 sono aggiunti, in fine, del suo ammontare, di euro 200 rapportati

i seguenti periodi: «Nel caso in cui l’unità al periodo dell’anno durante il quale si pro-

immobiliare è detenuta da un soggetto che trae tale destinazione; se l’unità immobiliare

la destina ad abitazione principale, escluse è adibita ad abitazione principale da più

quelle classificate nelle categorie catastali soggetti passivi la detrazione spetta a cia-

A/1, A/8 e A/9, il possessore versa la scuno di essi proporzionalmente alla quota

TASI nella percentuale stabilita dal comune per la quale la destinazione medesima si ve-

nel regolamento relativo all’anno 2015. Nel rifica».

caso di mancato invio della delibera entro

il termine del 10 settembre 2014 di cui al
17. Al fine di tenere conto dell’esenzione
comma 688 ovvero nel caso di mancata de-
di cui ai commi da 10 a 16, 53 e 54 del
terminazione della predetta percentuale sta-
presente articolo prevista per l’IMU e la
bilita dal comune nel regolamento relativo
TASI, all’articolo 1 della legge 24 dicembre
al 2015, la percentuale di versamento a ca-
2012, n. 228, sono apportate le seguenti mo-
rico del possessore è pari al 90 per cento
difiche:
dell’ammontare complessivo del tributo»;

e) al comma 688, le parole: «21 otto- a) al comma 380-ter, lettera a), dopo il

bre» sono sostituite dalle seguenti: «termine primo periodo è inserito il seguente: «A de-

perentorio del 14 ottobre». correre dall’anno 2016 la dotazione del

Fondo di solidarietà comunale di cui al

primo periodo è incrementata di 3.767,45
15. All’articolo 13, comma 2, lettera a),
milioni di euro» e il secondo e il terzo pe-
del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201,
riodo sono sostituiti dai seguenti: «La dota-
convertito, con modificazioni, dalla legge
zione del Fondo di cui al primo periodo è
22 dicembre 2011, n. 214, sono aggiunte,
assicurata attraverso una quota dell’imposta
in fine, le seguenti parole: «, ivi incluse le
municipale propria, di spettanza dei comuni,
unità immobiliari appartenenti alle coopera-
di cui al citato articolo 13 del decreto-legge
tive edilizie a proprietà indivisa destinate a
n. 201 del 2011, pari a 4.717,9 milioni di
studenti universitari soci assegnatari, anche
euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015
in deroga al richiesto requisito della resi-
e a 2.768,8 milioni di euro per ciascuno de-
denza anagrafica».
gli anni 2016 e seguenti. Corrispondente-
16. Il comma 15-bis dell’articolo 19 del
mente, nei predetti esercizi è versata all’en-
citato decreto-legge n. 201 del 2011, con-
trata del bilancio statale una quota di pari
vertito, con modificazioni, dalla legge
importo dell’imposta municipale propria, di
n. 214 del 2011, è sostituito dal seguente:
spettanza dei comuni. A seguito della ridu-

«15-bis. L’imposta di cui al comma 13 zione della quota di imposta municipale pro-

non si applica al possesso dell’abitazione pria di spettanza comunale da versare al bi-

principale e delle pertinenze della stessa e lancio dello Stato per alimentare il Fondo di

alla casa coniugale assegnata al coniuge, a solidarietà comunale, a decorrere dall’anno

seguito di provvedimento di separazione le- 2016, la dotazione del predetto Fondo è cor-

— 4 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



rispondentemente ridotta in misura pari a 1. cento per l’anno 2017 e il 55 per cento

949,1 milioni di euro annui»; per l’anno 2018»;

b) al comma 380-ter, lettera a), l’ul-
2) le parole: «approvati dalla Com-
timo periodo è sostituito dal seguente: «Al
missione tecnica paritetica per l’attuazione
fine di incentivare il processo di riordino e
del federalismo fiscale di cui all’articolo 4
semplificazione degli enti territoriali, una
della legge 5 maggio 2009, n. 42, entro il
quota del Fondo di solidarietà comunale,
31 dicembre dell’anno precedente a quello
non inferiore a 30 milioni di euro a decor-
di riferimento» sono sostituite dalle se-
rere dall’anno 2014, è destinata ad incre-
guenti: «approvati dalla Commissione tec-
mentare il contributo spettante alle unioni
nica per i fabbisogni standard entro il 31 di-
di comuni ai sensi dell’articolo 53, comma
cembre dell’anno precedente a quello di ri-
10, della legge 23 dicembre 2000, n. 388,
ferimento. Per l’anno 2016, sono assunti a
e successive modificazioni, e una quota
riferimento i fabbisogni standard approvati
non inferiore a 30 milioni di euro è desti-
dalla predetta Commissione entro il 31
nata, ai sensi dell’articolo 20 del decreto-
marzo 2016»;
legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con
3) le parole: «l’anno 2015», ovunque
modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,
ricorrono, sono sostituite dalle seguenti: «gli
n. 135, e successive modificazioni, ai co-
anni 2015 e 2016»;
muni istituiti a seguito di fusione»;

c) al comma 380-ter, lettera b), le pa-
f) dopo il comma 380-quinquies sono
role: «per gli anni 2015 e successivi» sono
inseriti i seguenti:
sostituite dalle seguenti: «per l’anno 2015,

entro il 30 aprile per l’anno 2016 ed entro «380-sexies. Con il medesimo decreto del

il 30 novembre dell’anno precedente a Presidente del Consiglio dei ministri di cui

quello di riferimento per gli anni 2017 e alla lettera b) del comma 380-ter, l’incre-

successivi»; mento di 3.767,45 milioni di euro per gli

d) al comma 380-ter, la lettera d) è so- anni 2016 e successivi della dotazione del

stituita dalla seguente: Fondo di solidarietà comunale, in deroga a

quanto disposto dai commi 380-ter e 380-
«d) con il decreto del Presidente del
quater, è ripartito tra i comuni interessati
Consiglio dei ministri di cui alla lettera b)
sulla base del gettito effettivo IMU e
può essere variata la quota di gettito del-
TASI derivante dagli immobili adibiti ad
l’imposta municipale propria di spettanza
abitazione principale e dai terreni agricoli,
comunale di cui alla lettera a) da versare
relativo all’anno 2015. A decorrere dal-
al bilancio dello Stato e, corrispondente-
l’anno 2016, in deroga a quanto disposto
mente, rideterminata la dotazione del Fondo
dai commi 380-ter e 380-quater, una quota
di cui alla medesima lettera a). Le modalità
del Fondo di solidarietà comunale, pari a
di versamento al bilancio dello Stato sono
80 milioni di euro, è accantonata per essere
determinate con il medesimo decreto del
ripartita tra i comuni per i quali il riparto
Presidente del Consiglio dei ministri. Il Mi-
dell’importo di 3.767,45 milioni di euro, di
nistro dell’economia e delle finanze è auto-
cui al periodo precedente, non assicura il ri-
rizzato ad apportare, con propri decreti, le
storo di un importo equivalente al gettito
occorrenti variazioni di bilancio»;
della TASI sull’abitazione principale stimato

e) al comma 380-quater: ad aliquota di base. La quota di 80 milioni

1) dopo le parole: «20 per cento» di euro del Fondo di solidarietà comunale

sono inserite le seguenti: «per l’anno 2015, è ripartita in modo da garantire a ciascuno

il 30 per cento per l’anno 2016, il 40 per dei comuni di cui al precedente periodo l’e-

— 5 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



quivalente del gettito della TASI sull’abita- aventi maggiori anzianità e che le eventuali

zione principale stimato ad aliquota di base. disponibilità eccedenti rispetto al fabbisogno

380-septies. A decorrere dall’anno 2016 determinato ai sensi del primo periodo siano

l’ammontare del Fondo di solidarietà comu- ripartite a favore dei medesimi enti in base

nale di cui al comma 380-ter, al netto degli alla popolazione e al numero dei comuni

importi erogati ai sensi del comma 380-se- originari»;

xies, per ciascun comune:
b) al comma 3, le parole: «di cui al

a) della Regione siciliana e della re- comma 1» sono sostituite dalle seguenti:

gione Sardegna è determinato in modo tale «di cui ai commi 1 e 1-bis».

da garantire la medesima dotazione netta

del Fondo di solidarietà comunale per
19. Per le medesime finalità di cui al
l’anno 2015;
comma 17, per i comuni delle regioni Friuli
b) delle regioni a statuto ordinario non
Venezia Giulia e Valle d’Aosta a cui la
ripartito secondo i criteri di cui al comma
legge attribuisce competenza in materia di
380-quater è determinato in modo tale da
finanza locale, la compensazione del minor
garantire proporzionalmente la dotazione
gettito IMU e TASI avviene attraverso un
netta del Fondo di solidarietà comunale
minor accantonamento di 85,978 milioni di
per l’anno 2015.
euro, a valere sulle quote di compartecipa-
380-octies. Ai fini del comma 380-sep-
zione ai tributi erariali, ai sensi del comma
ties, per dotazione netta si intende la diffe-
17 del citato articolo 13 del decreto-legge
renza tra le assegnazioni di risorse, al netto
n. 201 del 2011, convertito, con modifica-
degli importi erogati ai sensi del comma
zioni, dalla legge n. 214 del 2011, sulla
380-sexies per ciascun comune, e la quota
base del gettito effettivo IMU e TASI deri-
di alimentazione del fondo a carico di cia-
vante dagli immobili adibiti ad abitazione
scun comune».
principale e dai terreni agricoli, relativo al-

l’anno 2015.
18. All’articolo 20 del decreto-legge 6 lu-
20. Per l’anno 2016 è attribuito ai comuni
glio 2012, n. 95, convertito, con modifica-
un contributo di complessivi 390 milioni di
zioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135,
euro da ripartire, con decreto del Ministro
sono apportate le seguenti modificazioni:
dell’interno, di concerto con il Ministro del-
a) dopo il comma 1 è inserito il se-
l’economia e delle finanze, da adottare entro
guente:
il 28 febbraio 2016, in proporzione alle

«1-bis. A decorrere dall’anno 2016, il somme attribuite, ai sensi del decreto del

contributo straordinario a favore degli enti Ministro dell’economia e delle finanze 6 no-

di cui al comma 1 è commisurato al 40 vembre 2014, pubblicato nel supplemento

per cento dei trasferimenti erariali attribuiti ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 271 del

per l’anno 2010, nel limite degli stanzia- 21 novembre 2014, adottato ai sensi dell’ar-

menti finanziari previsti e comunque in mi- ticolo 1, comma 731, della legge 27 dicem-

sura non superiore a 2 milioni di euro per bre 2013, n. 147. Le somme di cui al pe-

ciascun beneficiario. Con decreto di natura riodo precedente non sono considerate tra

non regolamentare del Ministro dell’interno, le entrate finali valide ai fini del vincolo

sentita la Conferenza Stato-città ed autono- del pareggio di bilancio di cui ai commi

mie locali, sono disciplinate le modalità di da 707 a 734 del presente articolo. Le di-

riparto del contributo, prevedendo che in sponibilità in conto residui iscritte in bilan-

caso di fabbisogno eccedente le disponibilità cio per l’anno 2015, relative all’autorizza-

sia data priorità alle fusioni o incorporazioni zione di spesa di cui all’articolo 1, comma

— 6 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



10, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, liare, alle rendite proposte e a quelle già

convertito, con modificazioni, dalla legge 6 iscritte in catasto dal 1º gennaio 2016; il

giugno 2013, n. 64, e successive modifica- Ministro dell’economia e delle finanze, di

zioni, sono destinate, nel limite di 390 mi- concerto con il Ministro dell’interno, emana,

lioni di euro, al finanziamento del contri- secondo una metodologia adottata sentita la

buto di cui al presente comma, che entra Conferenza Stato-città ed autonomie locali,

in vigore il giorno stesso della pubblica- entro il 31 ottobre 2016, il decreto per ripar-

zione della presente legge nella Gazzetta Uf- tire il contributo annuo di 155 milioni di

ficiale. A tal fine le predette somme sono euro attribuito ai comuni a titolo di compen-

versate all’entrata del bilancio dello Stato sazione del minor gettito per l’anno 2016. A

nell’anno 2016. decorrere dall’anno 2017, il contributo an-

21. A decorrere dal 1º gennaio 2016, la nuo di 155 milioni di euro è ripartito con

determinazione della rendita catastale degli decreto del Ministro dell’economia e delle

immobili a destinazione speciale e partico- finanze, di concerto con il Ministro dell’in-

lare, censibili nelle categorie catastali dei terno e secondo una metodologia adottata

gruppi D ed E, è effettuata, tramite stima di- sentita la Conferenza Stato-città ed autono-

retta, tenendo conto del suolo e delle costru- mie locali, da emanare, entro il 30 giugno

zioni, nonché degli elementi ad essi struttu- 2017, sulla base dei dati comunicati, entro

ralmente connessi che ne accrescono la qua- il 31 marzo 2017, dall’Agenzia delle entrate

lità e l’utilità, nei limiti dell’ordinario ap- al Ministero dell’economia e delle finanze e

prezzamento. Sono esclusi dalla stessa stima relativi, per ciascuna unità immobiliare, alle

diretta macchinari, congegni, attrezzature ed rendite proposte nel corso del 2016 ai sensi

altri impianti, funzionali allo specifico pro- del comma 22 e a quelle già iscritte in ca-

cesso produttivo. tasto al 1º gennaio 2016.

22. A decorrere dal 1º gennaio 2016, gli 25. L’articolo 11 del decreto legislativo

intestatari catastali degli immobili di cui al 14 marzo 2011, n. 23, è abrogato.

comma 21 possono presentare atti di aggior- 26. Al fine di contenere il livello com-

namento ai sensi del regolamento di cui al plessivo della pressione tributaria, in coe-

decreto del Ministro delle finanze 19 aprile renza con gli equilibri generali di finanza

1994, n. 701, per la rideterminazione della pubblica, per l’anno 2016 è sospesa l’effica-

rendita catastale degli immobili già censiti cia delle leggi regionali e delle deliberazioni

nel rispetto dei criteri di cui al medesimo degli enti locali nella parte in cui prevedono

comma 21. aumenti dei tributi e delle addizionali attri-

23. Limitatamente all’anno di imposizione buiti alle regioni e agli enti locali con legge

2016, in deroga all’articolo 13, comma 4, dello Stato rispetto ai livelli di aliquote o ta-

del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, riffe applicabili per l’anno 2015. Sono fatte

convertito, con modificazioni, dalla legge salve, per il settore sanitario, le disposizioni

22 dicembre 2011, n. 214, per gli atti di ag- di cui all’articolo 1, comma 174, della legge

giornamento di cui al comma 22 presentati 30 dicembre 2004, n. 311, e all’articolo 2,

entro il 15 giugno 2016 le rendite catastali commi 79, 80, 83 e 86, della legge 23 di-

rideterminate hanno effetto dal 1º gennaio cembre 2009, n. 191, nonché la possibilità

2016. di effettuare manovre fiscali incrementative

24. Entro il 30 settembre 2016, l’Agenzia ai fini dell’accesso alle anticipazioni di li-

delle entrate comunica al Ministero dell’eco- quidità di cui agli articoli 2 e 3 del de-

nomia e delle finanze, con riferimento agli creto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito,

atti di aggiornamento di cui al comma 23, con modificazioni, dalla legge 6 giugno

i dati relativi, per ciascuna unità immobi- 2013, n. 64, e successivi rifinanziamenti.

— 7 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



La sospensione di cui al primo periodo non liani, di cui uno in rappresentanza delle

si applica alla tassa sui rifiuti (TARI) di cui aree vaste, e uno designato dalle regioni.

all’articolo 1, comma 639, della legge 27 di- 30. La Commissione di cui al comma 29

cembre 2013, n. 147, né per gli enti locali è istituita senza nuovi o maggiori oneri per

che deliberano il predissesto, ai sensi del- la finanza pubblica e si avvale delle strut-

l’articolo 243-bis del testo unico di cui al ture e dell’organizzazione del Ministero del-

decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, l’economia e delle finanze. Ai componenti

o il dissesto, ai sensi degli articoli 246 e se- della Commissione non è corrisposto alcun

guenti del medesimo testo unico di cui al compenso, né indennità, né rimborso di

decreto legislativo n. 267 del 2000. spese. La Commissione definisce, nella sua

27. All’articolo 1 della legge 27 dicembre prima seduta, da convocare entro dieci

2013, n. 147, sono apportate le seguenti mo- giorni dalla sua istituzione, le modalità di

dificazioni: organizzazione e di funzionamento e stabili-

sce i tempi e la disciplina procedurale dei
a) al comma 652, terzo periodo, le pa-
propri lavori.
role: «per gli anni 2014 e 2015» sono sosti-
31. All’articolo 5, comma 1, del decreto
tuite dalle seguenti: «per gli anni 2014,
legislativo 26 novembre 2010, n. 216, la let-
2015, 2016 e 2017»;
tera e) è sostituita dalla seguente:
b) al comma 653, la parola: «2016» è

sostituita dalla seguente: «2018». «e) le metodologie predisposte ai sensi

della lettera a) e le elaborazioni relative alla

determinazione dei fabbisogni standard di
28. Per l’anno 2016, limitatamente agli
cui alla lettera b) sono sottoposte alla Com-
immobili non esentati ai sensi dei commi
missione tecnica per i fabbisogni standard,
da 10 a 26 del presente articolo, i comuni
anche separatamente, per l’approvazione; in
possono mantenere con espressa delibera-
assenza di osservazioni, le stesse si inten-
zione del consiglio comunale la maggiora-
dono approvate decorsi quindici giorni dal
zione della TASI di cui al comma 677 del-
loro ricevimento. Le metodologie e i fabbi-
l’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013,
sogni approvati dalla Commissione tecnica
n. 147, nella stessa misura applicata per
sono trasmessi dalla società Soluzioni per
l’anno 2015.
il sistema economico – Sose Spa al Diparti-
29. Con decreto del Presidente del Consi-
mento della Ragioneria generale dello Stato
glio dei ministri, da adottare entro trenta
e al Dipartimento delle finanze del Mini-
giorni dalla data di entrata in vigore della
stero dell’economia e delle finanze».
presente legge, è istituita, presso il Mini-

stero dell’economia e delle finanze, la Com-
32. Il comma 1 dell’articolo 6 del decreto
missione tecnica per i fabbisogni standard
legislativo 26 novembre 2010, n. 216, è so-
di cui al decreto legislativo 26 novembre
stituito dal seguente:
2010, n. 216. La Commissione è formata

da undici componenti, di cui uno, con fun- «1. Con uno o più decreti del Presidente

zioni di presidente, designato dal Presidente del Consiglio dei ministri, previa delibera-

del Consiglio dei ministri, tre designati dal zione del Consiglio dei ministri, sono adot-

Ministro dell’economia e delle finanze, uno tati, anche separatamente, la nota metodolo-

designato dal Ministro dell’interno, uno de- gica relativa alla procedura di calcolo di cui

signato dal Ministro delegato per gli affari agli articoli precedenti e il fabbisogno stan-

regionali e le autonomie, uno designato dal- dard per ciascun comune e provincia, previa

l’Istituto nazionale di statistica, tre designati verifica da parte del Dipartimento della Ra-

dall’Associazione nazionale dei comuni ita- gioneria generale dello Stato del Ministero

— 8 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



dell’economia e delle finanze, ai fini del ri- n. 42, è soppressa a decorrere dalla data di

spetto dell’articolo 1, comma 3. Lo schema entrata in vigore della presente legge. Le

di decreto è corredato di una relazione tec- funzioni di segreteria tecnica della Confe-

nica redatta ai sensi dell’articolo 17, comma renza permanente per il coordinamento della

3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, e finanza pubblica svolte dalla predetta Com-

successive modificazioni, che ne evidenzia missione ai sensi degli articoli 4, comma

gli effetti finanziari. Sullo schema di decreto 4, e 5, comma 1, lettera g), della legge

è sentita la Conferenza Stato-città ed auto- n. 42 del 2009 sono trasferite ai competenti

nomie locali. Nel caso di adozione dei soli uffici della Conferenza unificata di cui al-

fabbisogni standard, decorsi quindici giorni l’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto

dalla sua trasmissione alla Conferenza, il de- 1997, n. 281, nell’ambito della quale opera.

creto può essere comunque adottato, previa 35. All’articolo 22 della tariffa delle tasse

deliberazione definitiva da parte del Consi- sulle concessioni governative, annessa al de-

glio dei ministri; esso è pubblicato nella creto del Presidente della Repubblica 26 ot-

Gazzetta Ufficiale. Nel caso di adozione tobre 1972, n. 641, dopo il numero 8 è ag-

della nota metodologica relativa alla proce- giunto il seguente:

dura di calcolo, decorsi quindici giorni dalla
«8-bis. Iscrizione all’albo di cui all’arti-
trasmissione alla Conferenza, lo schema è
colo 31, comma 4, del testo unico di cui
comunque trasmesso alle Camere ai fini del-
al decreto legislativo 24 febbraio 1998,
l’espressione del parere da parte della Com-
n. 58. La tassa è dovuta per le iscrizioni
missione parlamentare per l’attuazione del
successive alla data di entrata in vigore
federalismo fiscale e da parte delle Commis-
della presente legge».
sioni parlamentari competenti per le conse-

guenze di carattere finanziario. Decorsi 36. Le funzioni di vigilanza sui promotori

quindici giorni dalla trasmissione alle Ca- finanziari attribuite alla CONSOB dal testo

mere da parte del Governo, il decreto può unico delle disposizioni in materia di inter-

essere comunque adottato, previa delibera- mediazione finanziaria, di cui al decreto le-

zione definitiva da parte del Consiglio dei gislativo 24 febbraio 1998, n. 58, di seguito

ministri; esso è pubblicato nella Gazzetta denominato «decreto legislativo n. 58 del

Ufficiale. Il Governo, se non intende confor- 1998», sono trasferite all’organismo di cui

marsi ai pareri parlamentari, trasmette alle all’articolo 31, comma 4, del predetto de-

Camere una relazione con cui indica le ra- creto legislativo, che assume anche le fun-

gioni per le quali non si è conformato ai ci- zioni dell’organismo di cui agli articoli 18-

tati pareri. Ciascuno dei decreti del Presi- bis, comma 6, e 18-ter, comma 3, del mede-

dente del Consiglio dei ministri recante de- simo decreto legislativo nonché la denomi-

terminazione dei fabbisogni standard per i nazione di «organismo di vigilanza e tenuta

comuni e le province indica in allegato gli dell’albo unico dei consulenti finanziari».

elementi considerati ai fini di tale determi- Tale organismo opera nel rispetto dei prin-

nazione». cìpi e dei criteri stabiliti dalla CONSOB

con proprio regolamento e sotto la vigilanza

33. All’articolo 7, comma 2, del decreto della medesima. I riferimenti all’organismo

legislativo 26 novembre 2010, n. 216, le pa- di tenuta dell’albo dei consulenti finanziari

role da: «, che si avvale» fino a: «federali- nonché alla CONSOB, contenuti negli arti-

smo fiscale» sono soppresse. coli 18-bis, comma 6, 31, comma 7, 55 e

34. La Commissione tecnica paritetica per 196, comma 2, del decreto legislativo

l’attuazione del federalismo fiscale, di cui n. 58 del 1998, si intendono sostituiti da ri-

all’articolo 4 della legge 5 maggio 2009, ferimenti all’organismo di cui al primo pe-

— 9 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



riodo del presente comma. I commi 2, 3, 4 della presente legge, sono disciplinati ter-

e 5 dell’articolo 18-bis del decreto legisla- mini e modalità di attuazione delle disposi-

tivo n. 58 del 1998 sono abrogati. Resta zioni di cui al presente comma limitata-

ferma la vigente regolamentazione degli ob- mente agli aspetti di natura fiscale connessi

blighi previdenziali degli iscritti all’albo di alla remunerazione dell’attività degli agenti

cui al citato articolo 31, comma 4, del de- di assicurazione persone fisiche iscritti al-

creto legislativo n. 58 del 1998. l’albo di cui al comma 37 quando gli stessi

37. L’albo unico dei promotori finanziari operano in forma societaria.

di cui all’articolo 31, comma 4, del decreto 39. I promotori finanziari di cui all’arti-

legislativo n. 58 del 1998 assume la deno- colo 31 del decreto legislativo n. 58 del

minazione di «albo unico dei consulenti fi- 1998 assumono la denominazione di «con-

nanziari». Nell’albo sono iscritti, in tre di- sulenti finanziari abilitati all’offerta fuori

stinte sezioni, i consulenti finanziari abilitati sede». I consulenti finanziari di cui all’arti-

all’offerta fuori sede, i consulenti finanziari colo 18-bis del decreto legislativo n. 58

autonomi e le società di consulenza finan- del 1998 assumono la denominazione di

ziaria. I riferimenti all’albo dei consulenti fi- «consulenti finanziari autonomi». Agli arti-

nanziari, contenuti negli articoli 18-bis, coli 30, 31, 55, 166, 187-quater, 191 e

comma 1, e 18-ter, comma 3, del decreto 196 del decreto legislativo n. 58 del 1998,

legislativo n. 58 del 1998 si intendono sosti- le parole: «promotore finanziario» e «pro-

tuiti da riferimenti all’albo unico di cui al motori finanziari», ovunque ricorrono, sono

primo periodo del presente comma. sostituite, rispettivamente, dalle seguenti:

38. Gli agenti di assicurazione persone fi- «consulente finanziario abilitato all’offerta

siche iscritti nel Registro unico degli inter- fuori sede» e «consulenti finanziari abilitati

mediari assicurativi e riassicurativi (RUI), all’offerta fuori sede» e all’articolo 18-bis

Sezione A, su richiesta sono iscritti nel- del decreto legislativo n. 58 del 1998, le pa-

l’albo di cui al comma 37 del presente arti- role: «consulenti finanziari» e «consulente

colo, nella sezione dei consulenti finanziari finanziario» sono sostituite, rispettivamente,

abilitati all’offerta fuori sede, purché in pos- dalle seguenti: «consulenti finanziari auto-

sesso dei medesimi requisiti di onorabilità e nomi» e «consulente finanziario autonomo».

professionalità previsti per questi ultimi. A 40. L’organismo di cui al comma 36 si

tal fine l’organismo di cui all’articolo 31, avvale del proprio personale e di un contin-

comma 4, del decreto legislativo n. 58 del gente di personale anche con qualifica diri-

1998, con propria delibera, definisce, in coe- genziale posto in posizione di distacco, co-

renza con il quadro normativo europeo e na- mando o altro analogo istituto da ammini-

zionale di riferimento, il contenuto di una strazioni pubbliche, incluse le autorità am-

prova valutativa semplificata che i soggetti ministrative indipendenti. L’organismo rim-

di cui al primo periodo del presente comma borsa alle amministrazioni di appartenenza

devono sostenere in considerazione dei re- gli oneri relativi al citato personale; resta a

quisiti di professionalità già posseduti. In carico dell’organismo anche l’eventuale at-

tal caso si applica il regime di vigilanza di tribuzione di un compenso aggiuntivo. Al

cui al comma 36 e gli agenti di assicura- termine del periodo di distacco, comando o

zione di cui al presente comma sono sog- altro analogo istituto e degli eventuali rin-

getti alle regole di condotta vigenti per i novi, il predetto personale rientra nell’ammi-

consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori nistrazione di appartenenza, salvo che, a ri-

sede. Con decreto del Ministro dell’econo- chiesta del personale interessato, l’organi-

mia e delle finanze, da adottare entro ses- smo non lo immetta nel proprio organico a

santa giorni dalla data di entrata in vigore tempo indeterminato. A tal fine le disposi-

— 10 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302




zioni occorrenti per l’attuazione della dispo- 43. All’articolo 190-ter del decreto legi-

sizione di cui al primo periodo del comma 1 slativo n. 58 del 1998 sono apportate le se-

dell’articolo 29-bis della legge 28 dicembre guenti modificazioni:

2005, n. 262, sono stabilite, in coerenza
a) le lettere b) e c) del comma 1 sono
con il provvedimento di cui al quarto pe-
abrogate;
riodo del comma 1 del citato articolo 29-
b) dopo il comma 2 è aggiunto il se-
bis della legge n. 262 del 2005, con decreto
guente:
del Presidente del Consiglio dei ministri, da
«2-bis. Su proposta della CONSOB, il
adottare entro sessanta giorni dalla data di
Ministro dell’economia e delle finanze può
entrata in vigore della presente legge. Si ap-
sciogliere gli organi di gestione e di con-
plica l’articolo 17, comma 14, della legge
trollo dell’organismo di cui all’articolo 31
15 maggio 1997, n. 127.
qualora risultino gravi irregolarità nell’am-
41. Entro sei mesi dall’adozione del rego-
ministrazione, ovvero gravi violazioni delle
lamento di cui al comma 36, la CONSOB e
disposizioni legislative, amministrative o
l’organismo per la tenuta dell’albo unico dei
statutarie che regolano l’attività dello stesso.
promotori finanziari stabiliscono con proto-
Il Ministero dell’economia e delle finanze
collo di intesa le modalità operative e i
provvede agli adempimenti necessari alla ri-
tempi del trasferimento delle funzioni, gli
costituzione degli organi di gestione e con-
adempimenti occorrenti per dare attuazione
trollo dell’organismo, assicurandone la con-
al nuovo assetto statutario e organizzativo,
tinuità operativa, se necessario anche attra-
nonché le attività propedeutiche connesse al-
verso la nomina di un commissario. La
l’iscrizione con esonero dalla prova valuta-
CONSOB può disporre la rimozione di
tiva delle persone fisiche consulenti finan-
uno o più componenti degli organi di ge-
ziari autonomi e delle società di consulenza
stione e controllo in caso di grave inosser-
finanziaria. I soggetti che risultano iscritti,
vanza dei doveri ad essi assegnati dalla
alla data di cui alla lettera a) del presente
legge, dallo statuto o dalle disposizioni di
comma, nell’albo unico dei promotori finan-
vigilanza, nonché dei provvedimenti speci-
ziari tenuto dall’organismo di cui all’articolo
fici e di altre istruzioni impartite dalla
31, comma 4, del decreto legislativo n. 58
CONSOB, ovvero in caso di comprovata
del 1998 sono iscritti di diritto nell’albo
inadeguatezza, accertata dalla CONSOB, al-
unico dei consulenti finanziari. Con succes-
l’esercizio delle funzioni cui sono preposti».
sive delibere da adottare, anche disgiunta-

mente, in conformità al predetto regola-
44. L’articolo 8 del decreto legislativo 8
mento di cui al comma 36 e al protocollo
ottobre 2007, n. 179, è sostituito dal se-
di intesa di cui al primo periodo del pre-
guente:
sente comma, la CONSOB stabilisce:

«Art. 8. – (Fondo per la tutela stragiudi-
a) la data di avvio dell’operatività del-
ziale dei risparmiatori e degli investitori). –
l’albo unico dei consulenti finanziari;
1. Al fine di agevolare l’accesso dei rispar-
b) la data di avvio dell’operatività del-
miatori e degli investitori alla più ampia tu-
l’organismo di vigilanza e tenuta dell’albo
tela nell’ambito delle procedure di risolu-
unico dei consulenti finanziari.
zione stragiudiziale delle controversie di

cui all’articolo 2, commi 5-bis e 5-ter, la

42. Le entrate derivanti dalle disposizioni CONSOB istituisce presso il proprio bilan-

di cui al comma 35 affluiscono, a decorrere cio il Fondo per la tutela stragiudiziale dei

dall’anno 2016, all’entrata del bilancio dello risparmiatori e degli investitori, di seguito

Stato. denominato "Fondo". Il Fondo è destinato

— 11 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



a garantire ai risparmiatori e agli investitori, amministrative pecuniarie di cui al primo

diversi dai clienti professionali di cui all’ar- periodo affluiscano, nella misura spettante,

ticolo 6, commi 2-quinquies e 2-sexies, del contestualmente al versamento da parte del

decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, soggetto obbligato, direttamente al bilancio

nei limiti delle disponibilità del Fondo me- della CONSOB, per essere destinate al

desimo, la gratuità dell’accesso alla proce- Fondo».

dura di risoluzione stragiudiziale delle con-
45. Al decreto legislativo 8 ottobre 2007,
troversie di cui al citato articolo 2, commi
n. 179, sono apportate le seguenti modifica-
5-bis e 5-ter, del presente decreto, mediante
zioni:
esonero dal versamento della relativa quota

concernente le spese amministrative per a) nel titolo, le parole: «fondo di ga-

l’avvio della procedura, nonché, per l’even- ranzia per i risparmiatori e gli investitori»

tuale parte residua, a consentire l’adozione sono sostituite dalle seguenti: «Fondo per

di ulteriori misure a favore dei risparmiatori la tutela stragiudiziale dei risparmiatori e

e degli investitori, da parte della CONSOB, degli investitori»;

anche con riguardo alla tematica dell’educa- b) la rubrica del capo II è sostituita

zione finanziaria. dalla seguente: «Fondo per la tutela stragiu-

2. Il Fondo è finanziato con il versa- diziale dei risparmiatori e degli investitori».

mento della metà degli importi delle san-

zioni amministrative pecuniarie riscosse per 46. Nelle more del coordinamento da ef-

la violazione delle norme che disciplinano fettuare ai sensi dell’articolo 9, comma 1,

le attività di cui alla parte II del decreto le- lettera u), della legge 9 luglio 2015,

gislativo 24 febbraio 1998, n. 58, nonché, n. 114, e allo scopo di assicurare tempesti-

nel limite di 250.000 euro annui a decorrere vamente ai risparmiatori e agli investitori

dall’anno 2016, con le risorse iscritte in un una procedura di effettiva tutela stragiudi-

apposito capitolo dello stato di previsione ziale delle controversie, la CONSOB, ri-

del Ministero dell’economia e delle finanze spetto agli oneri attualmente sostenuti per

in relazione ai versamenti effettuati all’en- il funzionamento della Camera di concilia-

trata del bilancio dello Stato per il paga- zione e arbitrato di cui all’articolo 2, commi

mento della tassa sulle concessioni governa- da 1 a 5, del decreto legislativo 8 ottobre

tive di cui al decreto del Presidente della 2007, n. 179, provvede alle maggiori spese

Repubblica 26 ottobre 1972, n. 641, per l’i- di funzionamento occorrenti per rendere

scrizione nell’albo di cui all’articolo 31, operativo l’organo di cui all’articolo 2,

comma 4, del medesimo decreto legislativo comma 5-ter, del citato decreto legislativo

n. 58 del 1998. L’impiego delle somme af- n. 179 del 2007 mediante il ricorso, senza

fluite al Fondo, con riguardo a quelle rela- nuovi o maggiori oneri per la finanza pub-

tive alla violazione delle norme che discipli- blica e fatto salvo quanto previsto dalle di-

nano le attività di cui alla parte II del citato sposizioni di cui al comma 44 del presente

decreto legislativo n. 58 del 1998, è condi- articolo, alle risorse di cui all’articolo 40,

zionato all’accertamento, con sentenza pas- comma 3, della legge 23 dicembre 1994,

sata in giudicato o con lodo arbitrale non n. 724, e successive modificazioni, nonché

più impugnabile, della violazione sanzio- agli importi posti a carico degli utenti delle

nata. Nel caso di incapienza del Fondo resta procedure medesime.

fermo quanto previsto dall’ultimo periodo 47. Gli articoli 2, commi da 1 a 5, 3, 4, 5

del comma 5-ter dell’articolo 2 del presente e 6 del decreto legislativo 8 ottobre 2007,

decreto. La CONSOB adotta le occorrenti n. 179, sono abrogati dalla data in cui di-

misure affinché gli importi delle sanzioni viene operativo l’organo decidente di cui

— 12 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



al comma 5-ter dell’articolo 2 del citato de- dito delle persone fisiche nei confronti dei

creto legislativo n. 179 del 2007. Il regola- percipienti».

mento della CONSOB indicato al citato
52. Le disposizioni di cui al comma 51 si
comma 5-ter dell’articolo 2 del decreto legi-
applicano per i periodi d’imposta per i quali
slativo n. 179 del 2007 prevede, altresì, le
non siano ancora scaduti i termini di accer-
disposizioni transitorie per la definizione
tamento e di riscossione ai sensi della nor-
delle procedure di conciliazione che risul-
mativa vigente.
tano avviate e non ancora concluse alla
53. All’articolo 13 del decreto-legge 6 di-
data in cui diviene operativo l’organo deci-
cembre 2011, n. 201, convertito, con modi-
dente di cui al primo periodo.
ficazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

48. Dall’attuazione delle disposizioni di n. 214, dopo il comma 6 è inserito il se-

cui ai commi da 35 a 47 non devono deri- guente:

vare nuovi o maggiori oneri a carico della
«6-bis. Per gli immobili locati a canone
finanza pubblica.
concordato di cui alla legge 9 dicembre
49. Il termine di cui all’articolo unico del
1998, n. 431, l’imposta, determinata appli-
decreto del Ministro dell’interno 13 maggio
cando l’aliquota stabilita dal comune ai
2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
sensi del comma 6, è ridotta al 75 per
n. 115 del 20 maggio 2015, deve intendersi
cento».
riferito al 31 luglio 2015, in quanto ultimo

giorno del mese di luglio. 54. Al comma 678 dell’articolo 1 della

legge 27 dicembre 2013, n. 147, è aggiunto,
50. Per l’intera durata del programma
in fine, il seguente periodo: «Per gli immo-
«Erasmus +», alle borse di studio per la mo-
bili locati a canone concordato di cui alla
bilità internazionale erogate a favore degli
legge 9 dicembre 1998, n. 431, l’imposta,
studenti delle università e delle istituzioni
determinata applicando l’aliquota stabilita
di alta formazione artistica, musicale e co-
dal comune ai sensi del comma 683, è ri-
reutica (AFAM), ai sensi dell’articolo 6, pa-
dotta al 75 per cento».
ragrafo 1, e dell’articolo 7, paragrafo 1, let-
55. All’articolo 1, nota II-bis), della ta-
tera a), del regolamento (UE) n. 1288/2013
riffa, parte prima, allegata al testo unico
del Parlamento europeo e del Consiglio,
delle disposizioni concernenti l’imposta di
dell’11 dicembre 2013, si applicano le esen-
registro, di cui al decreto del Presidente
zioni previste all’articolo 1, comma 3, del
della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, è
decreto-legge 9 maggio 2003, n. 105, con-
aggiunto, in fine, il seguente comma:
vertito, con modificazioni, dalla legge 11 lu-

glio 2003, n. 170. «4-bis. L’aliquota del 2 per cento si ap-

51. All’articolo 6 della legge 30 novem- plica anche agli atti di acquisto per i quali

bre 1989, n. 398, dopo il comma 6 è inse- l’acquirente non soddisfa il requisito di cui

rito il seguente: alla lettera c) del comma 1 e per i quali i

requisiti di cui alle lettere a) e b) del mede-

«6-bis. Le somme corrisposte a titolo di simo comma si verificano senza tener conto

borsa di studio per la frequenza dei corsi dell’immobile acquistato con le agevolazioni

di perfezionamento e delle scuole di specia- elencate nella lettera c), a condizione che

lizzazione, per i corsi di dottorato di ricerca, quest’ultimo immobile sia alienato entro un

per lo svolgimento di attività di ricerca dopo anno dalla data dell’atto. In mancanza di

il dottorato e per i corsi di perfezionamento detta alienazione, all’atto di cui al periodo

all’estero, erogate dalla provincia autonoma precedente si applica quanto previsto dal

di Bolzano, sono esenti dall’imposta sul red- comma 4».

— 13 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



56. Ai fini dell’imposta sul reddito delle del condominio, anche ai fini dell’ottempe-

persone fisiche, si detrae dall’imposta lorda, ranza agli obblighi di tenuta dell’anagrafe

fino alla concorrenza del suo ammontare, il condominiale di cui all’articolo 1130, nu-

50 per cento dell’importo corrisposto per il mero 6), del codice civile.

pagamento dell’imposta sul valore aggiunto 2. Nei casi di nullità di cui al comma 1 il

in relazione all’acquisto, effettuato entro il conduttore, con azione proponibile nel ter-

31 dicembre 2016, di unità immobiliari a mine di sei mesi dalla riconsegna dell’im-

destinazione residenziale, di classe energe- mobile locato, può chiedere la restituzione

tica A o B ai sensi della normativa vigente, delle somme corrisposte in misura superiore

cedute dalle imprese costruttrici delle stesse. al canone risultante dal contratto scritto e

La detrazione di cui al precedente periodo è registrato.

pari al 50 per cento dell’imposta dovuta sul 3. È nulla ogni pattuizione volta a dero-

corrispettivo d’acquisto ed è ripartita in gare ai limiti di durata del contratto stabiliti

dieci quote costanti nell’anno in cui sono dalla presente legge.

state sostenute le spese e nei nove periodi 4. Per i contratti di cui al comma 3 del-

d’imposta successivi. l’articolo 2 è nulla ogni pattuizione volta ad

57. Tutti gli atti e i provvedimenti ema- attribuire al locatore un canone superiore a

nati in esecuzione dei piani di ricomposi- quello massimo definito dagli accordi con-

zione fondiaria e di riordino fondiario pro- clusi in sede locale per immobili aventi le

mossi dalle regioni, dalle province, dai co- medesime caratteristiche e appartenenti alle

muni e dalle comunità montane sono esenti medesime tipologie. Per i contratti stipulati

da imposta di registro, ipotecaria, catastale e in base al comma 1 dell’articolo 2, è nulla,

di bollo. ove in contrasto con le disposizioni della

presente legge, qualsiasi pattuizione diretta
58. Ai sensi dell’articolo 1, comma 2,
ad attribuire al locatore un canone superiore
della legge 27 luglio 2000, n. 212, l’articolo
a quello contrattualmente stabilito.
32, secondo comma, del decreto del Presi-
5. Per i conduttori che, per gli effetti
dente della Repubblica 29 settembre 1973,
della disciplina di cui all’articolo 3, commi
n. 601, si interpreta nel senso che l’imposta
8 e 9, del decreto legislativo 14 marzo
di registro in misura fissa e l’esenzione
2011, n. 23, prorogati dall’articolo 5,
dalle imposte ipotecarie e catastali si appli-
comma 1-ter, del decreto-legge 28 marzo
cano agli atti di trasferimento della proprietà
2014, n. 47, convertito, con modificazioni,
delle aree previste al titolo III della legge 22
dalla legge 23 maggio 2014, n. 80, hanno
ottobre 1971, n. 865, indipendentemente dal
versato, nel periodo intercorso dalla data di
titolo di acquisizione della proprietà da parte
entrata in vigore del decreto legislativo
degli enti locali.
n. 23 del 2011 al giorno 16 luglio 2015, il
59. L’articolo 13 della legge 9 dicembre
canone annuo di locazione nella misura sta-
1998, n. 431, è sostituito dal seguente:
bilita dalla disposizione di cui al citato arti-

«Art. 13 – (Patti contrari alla legge) – 1. colo 3, comma 8, del decreto legislativo

È nulla ogni pattuizione volta a determinare n. 23 del 2011, l’importo del canone di lo-

un importo del canone di locazione supe- cazione dovuto ovvero dell’indennità di oc-

riore a quello risultante dal contratto scritto cupazione maturata, su base annua, è pari

e registrato. È fatto carico al locatore di al triplo della rendita catastale dell’immo-

provvedere alla registrazione nel termine pe- bile, nel periodo considerato.

rentorio di trenta giorni, dandone documen- 6. Nei casi di nullità di cui al comma 4 il

tata comunicazione, nei successivi sessanta conduttore, con azione proponibile nel ter-

giorni, al conduttore ed all’amministratore mine di sei mesi dalla riconsegna dell’im-

— 14 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



mobile locato, può richiedere la restituzione 61. All’articolo 77, comma 1, del testo

delle somme indebitamente versate. Nei me- unico delle imposte sui redditi, di cui al de-

desimi casi il conduttore può altresì richie- creto del Presidente della Repubblica 22 di-

dere, con azione proponibile dinanzi all’au- cembre 1986, n. 917, a decorrere dal 1º gen-

torità giudiziaria, che la locazione venga ri- naio 2017, con effetto per i periodi d’impo-

condotta a condizioni conformi a quanto sta successivi a quello in corso al 31 dicem-

previsto dal comma 1 dell’articolo 2 ovvero bre 2016, le parole: «27,5 per cento» sono

dal comma 3 dell’articolo 2. Tale azione è, sostituite dalle seguenti: «24 per cento».

altresì, consentita nei casi in cui il locatore 62. All’articolo 27, comma 3-ter, del de-

non abbia provveduto alla prescritta registra- creto del Presidente della Repubblica 29 set-

zione del contratto nel termine di cui al tembre 1973, n. 600, a decorrere dal 1º gen-

comma 1 del presente articolo. Nel giudizio naio 2017, con effetto per i periodi d’impo-

che accerta l’esistenza del contratto di loca- sta successivi a quello in corso al 31 dicem-

zione il giudice determina il canone dovuto, bre 2016, le parole: «dell’1,375 per cento»

che non può eccedere quello del valore mi- sono sostituite dalle seguenti: «dell’1,20

nimo definito ai sensi dell’articolo 2 ovvero per cento».

quello definito ai sensi dell’articolo 5, 63. Il Fondo di cui all’articolo 1, comma

commi 2 e 3, nel caso di conduttore che 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190,

abiti stabilmente l’alloggio per i motivi ivi è rifinanziato nella misura di 632,5 milioni

regolati. L’autorità giudiziaria stabilisce la di euro per l’anno 2016 e di 854,53 milioni

restituzione delle somme eventualmente ec- di euro per l’anno 2017 ed è ridotto nella

cedenti. misura di 1,37 milioni di euro a decorrere

7. Le disposizioni di cui al comma 6 de- dall’anno 2018. Le dotazioni finanziarie di

vono ritenersi applicabili a tutte le ipotesi parte corrente delle missioni di spesa di cia-

ivi previste insorte sin dall’entrata in vigore scun Ministero, di cui all’articolo 21,

della presente legge. comma 5, lettera b), della legge 31 dicem-

bre 2009, n. 196, sono ridotte nella misura
8. I riferimenti alla registrazione del con-
di 171,7 milioni di euro per l’anno 2018.
tratto di cui alla presente legge non produ-
64. In relazione ai commi 61 e 62, con
cono effetti se non vi è obbligo di registra-
decreto del Ministro dell’economia e delle
zione del contratto stesso».
finanze sono proporzionalmente ridetermi-

nate le percentuali di cui agli articoli 47,
60. All’articolo 11, comma 1, del regola-
comma 1, 58, comma 2, 59 e 68, comma
mento di cui al decreto del Presidente della
3, del testo unico delle imposte sui redditi,
Repubblica 13 settembre 2005, n. 296, dopo
di cui al decreto del Presidente della Repub-
la lettera g) è aggiunta la seguente:
blica 22 dicembre 1986, n. 917, nonché la

«g-bis) le associazioni sportive dilettan- percentuale di cui all’articolo 4, comma 1,

tistiche, le quali: lettera q), del decreto legislativo 12 dicem-

bre 2003, n. 344. La rideterminazione delle
1) non hanno fini di lucro;
percentuali di cui agli articoli 58, comma

2) sono affiliate alle federazioni 2, e 68, comma 3, del citato testo unico di

sportive nazionali o agli enti nazionali di cui al decreto del Presidente della Repub-

promozione sportiva riconosciuti ai sensi blica n. 917 del 1986 non si applica ai sog-

delle leggi vigenti; getti di cui all’articolo 5 del medesimo testo

3) svolgono attività sportiva dilettan- unico. Con il medesimo decreto sono altresì

tistica, come definita dalla normativa regola- determinate la normativa transitoria e le re-

mentare degli organismi affilianti». lative decorrenze.

— 15 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



65. Per gli enti creditizi e finanziari di cui 70. Al decreto legislativo 15 dicembre

al decreto legislativo 27 gennaio 1992, 1997, n. 446, sono apportate le seguenti mo-

n. 87, e per la Banca d’Italia, l’aliquota di dificazioni:

cui all’articolo 77 del testo unico delle im-
a) all’articolo 3:
poste sui redditi, di cui al decreto del Presi-
1) al comma 1, la lettera d) è abro-

dente della Repubblica 22 dicembre 1986, gata;

n. 917, è applicata con una addizionale di 2) al comma 2, dopo la lettera c) è

3,5 punti percentuali. aggiunta la seguente:

66. I soggetti che hanno esercitato l’op-
«c-bis) i soggetti che esercitano
zione per la tassazione di gruppo di cui al-
una attività agricola ai sensi dell’articolo
l’articolo 117 del testo unico delle imposte
32 del testo unico delle imposte sui redditi,

sui redditi, di cui al decreto del Presidente di cui al decreto del Presidente della Repub-

della Repubblica 22 dicembre 1986, blica 22 dicembre 1986, n. 917, i soggetti di

n. 917, e i soggetti che hanno esercitato, cui all’articolo 8 del decreto legislativo 18

in qualità di partecipati, l’opzione per la tra- maggio 2001, n. 227, nonché le cooperative

sparenza fiscale di cui all’articolo 115 del e loro consorzi di cui all’articolo 10 del de-

citato testo unico assoggettano autonoma- creto del Presidente della Repubblica 29 set-

mente il proprio reddito imponibile all’addi- tembre 1973, n. 601»;

zionale prevista dal comma 65 del presente b) all’articolo 4, comma 2, primo pe-

articolo e provvedono al relativo versa- riodo, le parole: «e le imprese agricole» e

mento; i soggetti che hanno esercitato, in le parole: «e all’estensione dei terreni»

qualità di partecipanti, l’opzione per la tra- sono soppresse;

c) all’articolo 9:
sparenza fiscale di cui al citato articolo

115 del medesimo testo unico assoggettano 1) la rubrica è sostituita dalla se-

il proprio reddito imponibile all’addizionale guente: «Determinazione del valore della

prevista dal comma 65 del presente articolo produzione netta per alcuni soggetti del set-

senza tener conto del reddito imputato dalla tore agricolo»;

società partecipata. 2) al comma 1, le parole: «i soggetti

di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d), e
67. All’articolo 96, comma 5-bis, del te-
per» sono soppresse;
sto unico delle imposte sui redditi, di cui

al decreto del Presidente della Repubblica d) all’articolo 12, comma 2, primo pe-

22 dicembre 1986, n. 917, il primo periodo riodo, le parole: «, ovvero derivante da im-

è sostituito dal seguente: «Gli interessi pas- prese agricole esercitate nel territorio

sivi sostenuti dalle imprese di assicurazione stesso» sono soppresse;

e dalle società capogruppo di gruppi assicu- e) all’articolo 45, il comma 1 è abro-

rativi sono deducibili nei limiti del 96 per gato.

cento del loro ammontare».

71. All’articolo 1 della legge 24 dicembre
68. All’articolo 6, comma 8, del decreto
2007, n. 244, il comma 238 è abrogato.
legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, il se-
72. Le disposizioni del comma 70 si ap-
condo periodo è soppresso.
plicano a decorrere dal periodo d’imposta

69. Le disposizioni di cui ai commi da 65 successivo a quello in corso al 31 dicembre

a 68 si applicano a decorrere dal periodo 2015.

d’imposta successivo a quello in corso al 73. All’articolo 11, comma 4-octies, del

31 dicembre 2016. decreto legislativo 15 dicembre 1997,

— 16 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



n. 446, è aggiunto, in fine, il seguente pe- tuito nucleo da almeno tre anni, in cui al-

riodo: «La deduzione di cui al periodo pre- meno uno dei due componenti non abbia su-

cedente è ammessa altresì, nei limiti del 70 perato i trentacinque anni, acquirenti di

per cento della differenza ivi prevista, calco- unità immobiliare da adibire ad abitazione

lata per ogni lavoratore stagionale impiegato principale, beneficiano di una detrazione

per almeno centoventi giorni per due periodi dall’imposta lorda, fino a concorrenza del

d’imposta, a decorrere dal secondo contratto suo ammontare, per le spese documentate

stipulato con lo stesso datore di lavoro nel- sostenute per l’acquisto di mobili ad arredo

l’arco temporale di due anni a partire dalla della medesima unità abitativa. La detra-

data di cessazione del precedente contratto». zione di cui al presente comma, da ripartire

74. Al decreto-legge 4 giugno 2013, tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di

n. 63, convertito, con modificazioni, dalla pari importo, spetta nella misura del 50 per

legge 3 agosto 2013, n. 90, sono apportate cento delle spese sostenute dal 1º gennaio

le seguenti modificazioni: 2016 al 31 dicembre 2016 ed è calcolata

su un ammontare complessivo non superiore
a) all’articolo 14, le parole: «31 dicem-
a 16.000 euro. Il beneficio di cui al presente
bre 2015», ovunque ricorrono, sono sosti-
comma non è cumulabile con quello di cui
tuite dalle seguenti: «31 dicembre 2016» e
alla lettera c) del comma 74.
dopo il comma 2-bis è inserito il seguente:
76. Con il contratto di locazione finanzia-
«2-ter. Per le spese sostenute dal 1º gen-
ria di immobile da adibire ad abitazione
naio 2016 al 31 dicembre 2016 per inter-
principale, la banca o l’intermediario finan-
venti di riqualificazione energetica di parti
ziario iscritto nell’albo di cui all’articolo
comuni degli edifici condominiali, i soggetti
106 del testo unico delle leggi in materia
di cui all’articolo 11, comma 2, e all’arti-
bancaria e creditizia, di cui al decreto legi-
colo 13, comma 1, lettera a), e comma 5,
slativo 1º settembre 1993, n. 385, si obbliga
lettera a), del testo unico delle imposte sui
ad acquistare o a far costruire l’immobile su
redditi, di cui al decreto del Presidente della
scelta e secondo le indicazioni dell’utilizza-
Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e
tore, che se ne assume tutti i rischi, anche di
successive modificazioni, in luogo della de-
perimento, e lo mette a disposizione per un
trazione di cui al comma 1 del presente ar-
dato tempo verso un determinato corrispet-
ticolo possono optare per la cessione del
tivo che tenga conto del prezzo di acquisto
corrispondente credito ai fornitori che hanno
o di costruzione e della durata del contratto.
effettuato i predetti interventi, con modalità
Alla scadenza del contratto l’utilizzatore ha
da definire con provvedimento del direttore
la facoltà di acquistare la proprietà del
dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro
bene a un prezzo prestabilito.
sessanta giorni dalla data di entrata in vi-
77. All’acquisto dell’immobile oggetto del
gore della presente disposizione»;
contratto di locazione finanziaria si applica

b) all’articolo 15, comma 1, le parole: l’articolo 67, terzo comma, lettera a), del re-

«31 dicembre 2015» sono sostituite dalle se- gio decreto 16 marzo 1942, n. 267.

guenti: «31 dicembre 2016»; 78. In caso di risoluzione del contratto di

c) all’articolo 16, le parole: «31 dicem- locazione finanziaria per inadempimento

bre 2015», ovunque ricorrono, sono sosti- dell’utilizzatore, il concedente ha diritto

tuite dalle seguenti: «31 dicembre 2016». alla restituzione del bene ed è tenuto a cor-

rispondere all’utilizzatore quanto ricavato

75. Le giovani coppie costituenti un nu- dalla vendita o da altra collocazione del

cleo familiare composto da coniugi o da bene avvenute a valori di mercato, dedotta

conviventi more uxorio che abbiano costi- la somma dei canoni scaduti e non pagati

— 17 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



fino alla data della risoluzione, dei canoni a riodo di sospensione, in caso di mancata ri-

scadere attualizzati e del prezzo pattuito per presa dei pagamenti si applicano le disposi-

l’esercizio dell’opzione finale di acquisto. zioni del comma 78. La sospensione non

L’eventuale differenza negativa è corrisposta comporta l’applicazione di alcuna commis-

dall’utilizzatore al concedente. Nelle attività sione o spesa di istruttoria e avviene senza

di vendita e ricollocazione del bene, di cui richiesta di garanzie aggiuntive.

al periodo precedente, la banca o l’interme-
81. Per il rilascio dell’immobile il conce-
diario finanziario deve attenersi a criteri di
dente può agire con il procedimento per
trasparenza e pubblicità nei confronti dell’u-
convalida di sfratto di cui al libro IV, titolo
tilizzatore.
I, capo II, del codice di procedura civile.
79. Per il contratto di cui al comma 76

l’utilizzatore può chiedere, previa presenta- 82. All’articolo 15, comma 1, del testo

zione di apposita richiesta al concedente, unico delle imposte sui redditi, di cui al de-

la sospensione del pagamento dei corrispet- creto del Presidente della Repubblica 22 di-

tivi periodici per non più di una volta e cembre 1986, n. 917, dopo la lettera i-se-

per un periodo massimo complessivo non xies) sono inserite le seguenti:

superiore a dodici mesi nel corso dell’esecu-
«i-sexies.1) i canoni, e i relativi oneri
zione del contratto medesimo. In tal caso, la

durata del contratto è prorogata di un pe- accessori, per un importo non superiore a

riodo eguale alla durata della sospensione. 8.000 euro, e il costo di acquisto a fronte

L’ammissione al beneficio della sospensione dell’esercizio dell’opzione finale, per un im-

è subordinata esclusivamente all’accadi- porto non superiore a 20.000 euro, derivanti

mento di almeno uno dei seguenti eventi, da contratti di locazione finanziaria su unità

intervenuti successivamente alla stipula del immobiliari, anche da costruire, da adibire

contratto di cui al comma 76: ad abitazione principale entro un anno dalla

consegna, sostenuti da giovani di età infe-
a) cessazione del rapporto di lavoro su-
riore a 35 anni con un reddito complessivo
bordinato, ad eccezione delle ipotesi di riso-
non superiore a 55.000 euro all’atto della
luzione consensuale, di risoluzione per limiti
stipula del contratto di locazione finanziaria
di età con diritto a pensione di vecchiaia o
che non sono titolari di diritti di proprietà su
di anzianità, di licenziamento per giusta
immobili a destinazione abitativa; la detra-
causa o giustificato motivo soggettivo, di di-
zione spetta alle condizioni di cui alla let-
missioni del lavoratore non per giusta causa;
tera b);
b) cessazione dei rapporti di lavoro di

i-sexies.2) le spese di cui alla lettera i-
cui all’articolo 409, numero 3), del codice
sexies.1), alle condizioni ivi indicate e per
di procedura civile, ad eccezione delle ipo-
importi non superiori alla metà di quelli
tesi di risoluzione consensuale, di recesso
datoriale per giusta causa, di recesso del la- ivi indicati, sostenute da soggetti di età

voratore non per giusta causa. non inferiore a 35 anni con un reddito com-

plessivo non superiore a 55.000 euro all’atto

della stipula del contratto di locazione finan-
80. Al termine della sospensione, il paga-
ziaria che non sono titolari di diritti di pro-
mento dei corrispettivi periodici riprende se-
prietà su immobili a destinazione abitativa».
condo gli importi e con la periodicità origi-

nariamente previsti dal contratto, salvo di-

verso patto eventualmente intervenuto fra 83. Al testo unico delle disposizioni con-

le parti per la rinegoziazione delle condi- cernenti l’imposta di registro, di cui al de-

zioni del contratto medesimo. Decorso il pe- creto del Presidente della Repubblica 26

— 18 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



aprile 1986, n. 131, sono apportate le se- condizioni di cui alle note II-bis) e II-sexies)

guenti modificazioni: dell’articolo 1, ancorché assoggettati all’im-

posta sul valore aggiunto, di cui all’articolo
a) all’articolo 40, comma 1-bis, le pa-
10, primo comma, numero 8-bis), del de-
role: «immobili strumentali, anche da co-
creto del Presidente della Repubblica 26 ot-
struire ed ancorché assoggettati all’imposta
tobre 1972, n. 633: 1,5 per cento.
sul valore aggiunto, di cui all’articolo 10,
1-ter. Atti, diversi da quelli di cui al
primo comma, numero 8-ter)» sono sosti-
comma 1-bis, relativi alle cessioni, da parte
tuite dalle seguenti: «immobili abitativi e
degli utilizzatori, di contratti di locazione fi-
strumentali, anche da costruire ed ancorché
nanziaria aventi ad oggetto immobili a desti-
assoggettati all’imposta sul valore aggiunto,
nazione abitativa, anche da costruire ed an-
di cui all’articolo 10, primo comma, numeri
corché assoggettati all’imposta sul valore
8-bis) e 8-ter)»;
aggiunto, di cui all’articolo 10, primo
b) all’articolo 1 della tariffa, parte
comma, numero 8-bis), del decreto del Pre-
prima:
sidente della Repubblica 26 ottobre 1972,
1) dopo il terzo capoverso è aggiunto
n. 633: 9 per cento»;
il seguente:

«Se il trasferimento è effettuato nei con- 2) alla nota I), le parole: «di cui al

fronti di banche e intermediari finanziari comma 1» sono sostituite dalle seguenti:

autorizzati all’esercizio dell’attività di lea- «di cui ai commi 1, 1-bis e 1-ter».

sing finanziario, e ha per oggetto case di

abitazione, di categoria catastale diversa da
84. Le disposizioni di cui ai commi 82 e
A1, A8 e A9, acquisite in locazione finan-
83 si applicano dal 1º gennaio 2016 al 31
ziaria da utilizzatori per i quali ricorrono
dicembre 2020.
le condizioni di cui alle note II-bis) e II-se-
85. In attuazione del principio di salva-
xies): 1,5 per cento»;
guardia ambientale e al fine di incentivare

2) è aggiunta, in fine, la seguente la sostituzione, mediante demolizione, dei

nota: veicoli di cui all’articolo 54, comma 1, let-

tera m), del codice della strada, di cui al de-
«II-sexies) Nell’applicazione della nota
creto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, di
II-bis) ai trasferimenti effettuati nei con-
categoria «euro 0», «euro 1» o «euro 2»
fronti di banche e intermediari finanziari
con veicoli nuovi, aventi classi di emissione
autorizzati all’esercizio dell’attività di lea-
non inferiore ad «euro 5» della medesima ti-
sing finanziario, si considera, in luogo del-
pologia, è riconosciuto un contributo fino a
l’acquirente, l’utilizzatore e, in luogo del-
un massimo di 8.000 euro per ciascun vei-
l’atto di acquisto, il contratto di locazione
colo acquistato. A tale fine è autorizzata la
finanziaria»;
spesa massima di 5 milioni di euro per
c) all’articolo 8-bis della tariffa, parte
l’anno 2016. Il contributo è anticipato al-
prima:
l’acquirente dal rivenditore sotto forma di

1) dopo il comma 1 sono aggiunti i sconto sul prezzo di vendita ed è a questo

seguenti: rimborsato sotto forma di credito d’imposta

«1-bis. Atti relativi alle cessioni, da parte di pari importo, da utilizzare in compensa-

degli utilizzatori, di contratti di locazione fi- zione ai sensi dell’articolo 17 del decreto le-

nanziaria aventi ad oggetto immobili a desti- gislativo 9 luglio 1997, n. 241. Con decreto

nazione abitativa, di categoria catastale di- del Ministro delle infrastrutture e dei tra-

versa da A1, A8 e A9, effettuate nei con- sporti, di concerto con il Ministro dell’eco-

fronti di soggetti per i quali ricorrono le nomia e delle finanze, sono definite le mo-

— 19 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



dalità di attuazione, comprese quelle per 89. All’articolo 6 del decreto del Presi-

usufruire del credito d’imposta, le modalità dente della Repubblica 29 settembre 1973,

di comunicazione delle spese effettuate ai n. 601, al comma 1, lettera c-bis), dopo le

fini della verifica della capienza dei fondi parole: «e loro consorzi» sono aggiunte le

disponibili, il regime dei controlli nonché seguenti: «nonché enti aventi le stesse fina-

ogni altra disposizione necessaria per il mo- lità sociali dei predetti Istituti, istituiti nella

nitoraggio dell’agevolazione. forma di società che rispondono ai requisiti

86. Le disposizioni di cui al comma 85 si della legislazione dell’Unione europea in

applicano per i veicoli nuovi acquistati con materia di "in house providing" e che siano

contratto stipulato tra il venditore e l’acqui- costituiti e operanti alla data del 31 dicem-

rente a decorrere dal 1º gennaio 2016 e fino bre 2013».

al 31 dicembre 2016 e immatricolati entro il 90. All’articolo 88 del testo unico delle

31 marzo 2017. imposte sui redditi, di cui al decreto del

87. Le detrazioni di cui all’articolo 14 del Presidente della Repubblica 22 dicembre

decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, conver- 1986, n. 917, al comma 3, lettera b), dopo

tito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto le parole: «comunque denominati,» sono in-

2013, n. 90, sono usufruibili anche dagli serite le seguenti: «e agli enti aventi le

Istituti autonomi per le case popolari, co- stesse finalità sociali dei predetti Istituti,

munque denominati, per le spese sostenute, istituiti nella forma di società che rispon-

dal 1º gennaio 2016 al 31 dicembre 2016, dono ai requisiti della legislazione dell’U-

per interventi realizzati su immobili di loro nione europea in materia di "in house provi-

proprietà adibiti ad edilizia residenziale pub- ding" e che siano costituiti e operanti alla

blica. data del 31 dicembre 2013,».

91. Ai fini delle imposte sui redditi, per i
88. Le detrazioni fiscali di cui all’articolo
soggetti titolari di reddito d’impresa e per
14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63,
gli esercenti arti e professioni che effettuano
convertito, con modificazioni, dalla legge 3
investimenti in beni materiali strumentali
agosto 2013, n. 90, si applicano anche alle
nuovi dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre
spese sostenute per l’acquisto, l’installazione
2016, con esclusivo riferimento alla determi-
e la messa in opera di dispositivi multime-
nazione delle quote di ammortamento e dei
diali per il controllo da remoto degli im-
canoni di locazione finanziaria, il costo di
pianti di riscaldamento o produzione di ac-
acquisizione è maggiorato del 40 per cento.
qua calda o di climatizzazione delle unità
92. Fermo restando quanto disposto al
abitative, volti ad aumentare la consapevo-
comma 91 e solo per gli investimenti effet-
lezza dei consumi energetici da parte degli
tuati nello stesso periodo ivi previsto, sono
utenti e a garantire un funzionamento effi-
altresì maggiorati del 40 per cento i limiti
ciente degli impianti. Tali dispositivi de-
rilevanti per la deduzione delle quote di am-
vono:
mortamento e dei canoni di locazione finan-
a) mostrare attraverso canali multime-
ziaria dei beni di cui all’articolo 164,
diali i consumi energetici, mediante la forni-
comma 1, lettera b), del testo unico delle
tura periodica dei dati;
imposte sui redditi, di cui al decreto del

b) mostrare le condizioni di funziona- Presidente della Repubblica 22 dicembre

mento correnti e la temperatura di regola- 1986, n. 917.

zione degli impianti; 93. La disposizione di cui al comma 91

c) consentire l’accensione, lo spegni- non si applica agli investimenti in beni ma-

mento e la programmazione settimanale de- teriali strumentali per i quali il decreto del

gli impianti da remoto. Ministro delle finanze 31 dicembre 1988,

— 20 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



pubblicato nel supplemento ordinario alla grafo 3, lettera c), del Trattato sul funziona-

Gazzetta Ufficiale n. 27 del 2 febbraio mento dell’Unione europea, come indivi-

1989, stabilisce coefficienti di ammorta- duate dalla Carta degli aiuti a finalità regio-

mento inferiori al 6,5 per cento, agli investi- nale 2014-2020 C(2014) 6424 final del 16

menti in fabbricati e costruzioni, nonché agli settembre 2014, a decorrere dal 1º gennaio

investimenti in beni di cui all’allegato n. 3 2016 e fino al 31 dicembre 2019 è attribuito

annesso alla presente legge. un credito d’imposta nella misura massima

94. Le disposizioni dei commi 91 e 92 del 20 per cento per le piccole imprese,

non producono effetti sulla determinazione del 15 per cento per le medie imprese e

dell’acconto dovuto per il periodo di impo- del 10 per cento per le grandi imprese, nei

sta in corso al 31 dicembre 2015. La deter- limiti e alle condizioni previsti dalla citata

minazione dell’acconto dovuto per il pe- Carta. Alle imprese attive nel settore della

riodo di imposta in corso al 31 dicembre produzione primaria di prodotti agricoli,

2016 è effettuata considerando, quale impo- nel settore della pesca e dell’acquacoltura,

sta del periodo precedente, quella che si sa- disciplinato dal regolamento (UE) n. 1379/

rebbe determinata in assenza delle disposi- 2013 del Parlamento europeo e del Consi-

zioni dei citati commi 91 e 92. glio, dell’11 dicembre 2013, e nel settore

95. Al comma 10 dell’articolo 15 del de- della trasformazione e della commercializza-

creto-legge 29 novembre 2008, n. 185, con- zione di prodotti agricoli e della pesca e

vertito, con modificazioni, dalla legge 28 dell’acquacoltura, che effettuano l’acquisi-

gennaio 2009, n. 2, le parole: «non supe- zione di beni strumentali nuovi, gli aiuti

riore ad un decimo» sono sostituite dalle se- sono concessi nei limiti e alle condizioni

guenti: «non superiore ad un quinto». previsti dalla normativa europea in materia

96. La disposizione di cui al comma 95 si di aiuti di Stato nei settori agricolo, fore-

applica alle operazioni di aggregazione stale e delle zone rurali e ittico.

aziendale poste in essere a decorrere dall’e-
99. Per le finalità di cui al comma 98,
sercizio successivo a quello in corso al 31
sono agevolabili gli investimenti, facenti
dicembre 2015.
parte di un progetto di investimento iniziale
97. Le disposizioni di cui ai commi 91 e
come definito all’articolo 2, punti 49, 50 e
92 non producono effetti sui valori attual-
51, del regolamento (UE) n. 651/2014 della
mente stabiliti per l’elaborazione e il calcolo
Commissione, del 17 giugno 2014, relativi
degli studi di settore previsti dall’articolo
all’acquisto, anche mediante contratti di lo-
62-bis del decreto-legge 30 agosto 1993,
cazione finanziaria, di macchinari, impianti
n. 331, convertito, con modificazioni, dalla
e attrezzature varie destinati a strutture pro-
legge 29 ottobre 1993, n. 427, e successive
duttive già esistenti o che vengono impian-
modificazioni.
tate nel territorio.
98. Alle imprese che effettuano l’acquisi-

zione dei beni strumentali nuovi indicati nel 100. L’agevolazione non si applica ai

comma 99, destinati a strutture produttive soggetti che operano nei settori dell’indu-

ubicate nelle zone assistite delle regioni stria siderurgica, carbonifera, della costru-

Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Si- zione navale, delle fibre sintetiche, dei tra-

cilia, ammissibili alle deroghe previste dal- sporti e delle relative infrastrutture, della

l’articolo 107, paragrafo 3, lettera a), del produzione e della distribuzione di energia

Trattato sul funzionamento dell’Unione eu- e delle infrastrutture energetiche, nonché ai

ropea, e nelle zone assistite delle regioni settori creditizio, finanziario e assicurativo.

Molise, Sardegna e Abruzzo, ammissibili L’agevolazione, altresì, non si applica alle

alle deroghe previste dall’articolo 107, para- imprese in difficoltà come definite dalla co-

— 21 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



municazione della Commissione europea l’utilizzo. Al credito d’imposta non si ap-

2014/C 249/01, del 31 luglio 2014. plica il limite di cui all’articolo 1, comma

101. Il credito d’imposta è commisurato 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

alla quota del costo complessivo dei beni in-
105. Se i beni oggetto dell’agevolazione
dicati nel comma 99, nel limite massimo,
non entrano in funzione entro il secondo pe-
per ciascun progetto di investimento, pari a
riodo d’imposta successivo a quello della
1,5 milioni di euro per le piccole imprese,
loro acquisizione o ultimazione, il credito
a 5 milioni di euro per le medie imprese e
d’imposta è rideterminato escludendo dagli
a 15 milioni di euro per le grandi imprese,
investimenti agevolati il costo dei beni non
eccedente gli ammortamenti dedotti nel pe-
entrati in funzione. Se, entro il quinto pe-
riodo d’imposta, relativi alle medesime cate-
riodo d’imposta successivo a quello nel
gorie dei beni d’investimento della stessa
quale sono entrati in funzione, i beni sono
struttura produttiva, ad esclusione degli am-
dismessi, ceduti a terzi, destinati a finalità
mortamenti dei beni che formano oggetto
estranee all’esercizio dell’impresa ovvero
dell’investimento agevolato. Per gli investi-
destinati a strutture produttive diverse da
menti effettuati mediante contratti di loca-
quelle che hanno dato diritto all’agevola-
zione finanziaria, si assume il costo soste-
zione, il credito d’imposta è rideterminato
nuto dal locatore per l’acquisto dei beni;
escludendo dagli investimenti agevolati il
tale costo non comprende le spese di manu-
costo dei beni anzidetti; se nel periodo
tenzione.
d’imposta in cui si verifica una delle pre-
102. Il credito d’imposta non è cumula-
dette ipotesi vengono acquisiti beni della
bile con aiuti de minimis e con altri aiuti
stessa categoria di quelli agevolati, il credito
di Stato che abbiano ad oggetto i medesimi
d’imposta è rideterminato escludendo il co-
costi ammessi al beneficio.
sto non ammortizzato degli investimenti
103. I soggetti che intendono avvalersi
agevolati per la parte che eccede i costi
del credito d’imposta devono presentare ap-
delle nuove acquisizioni. Per i beni acquisiti
posita comunicazione all’Agenzia delle en-
in locazione finanziaria le disposizioni di
trate. Le modalità, i termini di presentazione
cui al presente comma si applicano anche
e il contenuto della comunicazione sono sta-
se non viene esercitato il riscatto. Il credito
biliti con provvedimento del direttore del-
d’imposta indebitamente utilizzato rispetto
l’Agenzia medesima, da emanare entro ses-
all’importo rideterminato secondo le disposi-
santa giorni dalla data di pubblicazione della
zioni del presente comma è versato entro il
presente legge nella Gazzetta Ufficiale. L’A-
termine stabilito per il versamento a saldo
genzia delle entrate comunica alle imprese
dell’imposta sui redditi dovuta per il periodo
l’autorizzazione alla fruizione del credito
d’imposta in cui si verificano le ipotesi ivi
d’imposta.
indicate.
104. Il credito d’imposta è utilizzabile

esclusivamente in compensazione ai sensi 106. Qualora, a seguito dei controlli, sia

dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 lu- accertata l’indebita fruizione, anche parziale,

glio 1997, n. 241, e successive modifica- del credito d’imposta per il mancato rispetto

zioni, a decorrere dal periodo d’imposta in delle condizioni richieste dalla norma ov-

cui è stato effettuato l’investimento e deve vero a causa dell’inammissibilità dei costi

essere indicato nella dichiarazione dei red- sulla base dei quali è stato determinato l’im-

diti relativa al periodo d’imposta di matura- porto fruito, l’Agenzia delle entrate prov-

zione del credito e nelle dichiarazioni dei vede al recupero del relativo importo, mag-

redditi relative ai periodi d’imposta succes- giorato di interessi e sanzioni previsti dalla

sivi fino a quello nel quale se ne conclude legge.

— 22 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



107. L’agevolazione di cui ai commi da pea, a valere sui successivi accrediti delle

98 a 106 è concessa nel rispetto dei limiti corrispondenti risorse dell’Unione europea

e delle condizioni previsti dal regolamento in favore dei citati programmi operativi e,

(UE) n. 651/2014 della Commissione, del per la parte di cofinanziamento nazionale,

17 giugno 2014, che dichiara alcune catego- a valere sulle corrispondenti quote di cofi-

rie di aiuti compatibili con il mercato in- nanziamento nazionale riconosciute a se-

terno in applicazione degli articoli 107 e guito delle predette rendicontazioni di spesa.

108 del Trattato sul funzionamento dell’U-
109. Entro il 31 marzo 2016 si provvede,
nione europea, e in particolare dall’articolo
con le procedure di cui all’articolo 4,
14 del medesimo regolamento, che disci-
comma 3, del decreto-legge 28 giugno
plina gli aiuti a finalità regionale agli inve-
2013, n. 76, convertito, con modificazioni,
stimenti.
dalla legge 9 agosto 2013, n. 99, alla rico-
108. Gli oneri derivanti dai commi da 98
gnizione delle risorse del Fondo di rotazione
a 107 sono valutati in 617 milioni di euro
di cui all’articolo 5 della legge 16 aprile
per ciascuno degli anni 2016, 2017, 2018
1987, n. 183, già destinate agli interventi
e 2019; il predetto importo è corrisponden-

temente iscritto in apposito capitolo di spesa del Piano di Azione Coesione (PAC), non

dello stato di previsione del Ministero del- ancora oggetto di impegni giuridicamente

l’economia e delle finanze. Ai predetti oneri vincolanti rispetto ai cronoprogrammi appro-

si fa fronte per 250 milioni di euro annui, vati. A tal fine, le amministrazioni titolari di

relativamente alle agevolazioni concesse interventi del PAC, approvati alla data di

alle piccole e medie imprese, a valere sulle entrata in vigore della presente legge, in-

risorse europee e di cofinanziamento nazio- viano al sistema di monitoraggio nazionale,

nale previste nel programma operativo na- entro il 31 gennaio 2016, i dati relativi

zionale «Imprese e Competitività 2014/ alle risorse impegnate e pagate per ciascuna

2020» e nei programmi operativi relativi al linea di intervento.

Fondo europeo di sviluppo regionale
110. Con decreto del Presidente del Con-
(FESR) 2014/2020 delle regioni in cui si ap-
siglio dei ministri, adottato entro il 30 aprile
plica l’incentivo. A tal fine le predette ri-
2016 di concerto con il Ministro dell’econo-
sorse sono annualmente versate all’entrata
mia e delle finanze e con il Ministro del la-
del bilancio dello Stato. Le amministrazioni
voro e delle politiche sociali, è determinato
titolari dei predetti programmi comunicano
l’ammontare delle risorse disponibili in esito
al Ministero dell’economia e delle finanze
alla ricognizione di cui al comma 109 ed è
– Dipartimento della Ragioneria generale
disposto l’utilizzo delle stesse per l’esten-
dello Stato gli importi, europei e nazionali,
sione dell’esonero contributivo di cui ai
riconosciuti a titolo di credito d’imposta dal-
commi 178 e 179 alle assunzioni a tempo
l’Unione europea, da versare all’entrata del
indeterminato effettuate nell’anno 2017 in
bilancio dello Stato. Nelle more della con-
favore dei datori di lavoro privati, operanti
clusione della procedura finalizzata all’indi-

viduazione delle risorse, alla regolazione nelle regioni Abruzzo, Molise, Campania,

contabile delle compensazioni esercitate ai Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sarde-

sensi del presente comma si provvede me- gna, alle medesime condizioni previste dai

diante anticipazioni a carico delle disponibi- predetti commi, eventualmente rimodulando

lità del Fondo di rotazione di cui all’articolo la durata temporale e l’entità dell’esonero

5 della legge 16 aprile 1987, n. 183. Le ri- e comunque assicurando una maggiorazione

sorse così anticipate vengono reintegrate al della percentuale di decontribuzione e del

Fondo, per la parte relativa all’Unione euro- relativo importo massimo per l’assunzione

— 23 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



di donne di qualsiasi età, prive di un im- 112. L’allegato n. 4 annesso alla legge 23

piego regolarmente retribuito da almeno sei dicembre 2014, n. 190, è sostituito dal se-

mesi, in ragione delle risorse che si rende- guente:

ranno disponibili ai sensi del comma 109,
«ALLEGATO 4
la cui efficacia è subordinata all’autorizza-
Articolo 1, comma 54, lettera a)
zione della Commissione europea ai sensi
(Regime fiscale per lavoratori autonomi)

dell’articolo 108, paragrafo 3, del Trattato Pro- Valore soglia
gressivo Gruppo di settore Codici attività
dei Redditività

ATECO 2007
sul funzionamento dell’Unione europea. ricavi/compensi

111. All’articolo 1 della legge 23 dicem- 1 Industrie alimen- (10-11)
45.000 40%
bre 2014, n. 190, sono apportate le seguenti tari e delle

modificazioni: bevande

2 Commercio al- 45 - (da 46.2 a 50.000 40%

a) la lettera d) del comma 54 è abro- l’ingrosso e al 46.9) - (da 47.1
dettaglio a 47.7) - 47.9
gata;
3 Commercio am- 47.81
b) al comma 57, dopo la lettera d) è 40.000 40%
bulante di pro-
aggiunta la seguente: dotti alimentari e

bevande

«d-bis) i soggetti che nell’anno pre- 4 Commercio am- 47.82 - 47.89 30.000 54%

cedente hanno percepito redditi di lavoro di- bulante di altri
prodotti
pendente e redditi assimilati a quelli di la-
5 Costruzioni e at- (41 - 42 - 43) -
voro dipendente, di cui rispettivamente agli 25.000 86%
tività immobiliari (68)
articoli 49 e 50 del testo unico delle imposte

sui redditi, di cui al decreto del Presidente 6 Intermediari del 46.1 25.000 62%
commercio
della Repubblica 22 dicembre 1986,

n. 917, eccedenti l’importo di 30.000 euro; 7 Attività dei servi- (55-56) 50.000 40%
zi di alloggio e di
la verifica di tale soglia è irrilevante se il
ristorazione
rapporto di lavoro è cessato»;
8 Attività profes- ( 6 4 - 6 5 - 6 6 ) -
30.000 78%
sionali, scienti- (69-70-71-72-
c) al comma 65, alinea, le parole: «e fiche, tecniche, 73-74-75) - (85)

per i due successivi, il reddito determinato sanitarie, di istru- - (86-87-88)
zione, servizi fi-
ai sensi del comma 64 è ridotto di un terzo» nanziari ed assi-

sono sostituite dalle seguenti: «e per i quat- curativi

tro successivi, l’aliquota di cui al comma 64 9 Altre attività eco- (01 - 02 - 03) - 30.000 67%

è stabilita nella misura del 5 per cento»; nomiche (05 - 06 - 07 -
08 - 09) - (12 -

d) il comma 77 è sostituito dal se- 13 - 14 - 15 - 16
- 17 - 18 - 19 -
guente:
20 - 21 - 22 - 23
- 24 - 25 - 26 -
«77. Il reddito forfettario determinato ai 27 - 28 - 29 - 30

sensi dei precedenti commi costituisce base - 31 - 32 - 33) -
(35) - (36 - 37 -
imponibile ai sensi dell’articolo 1 della

38 - 39) - (49 -
50 - 51 - 52 -
legge 2 agosto 1990, n. 233. Su tale reddito 53) - (58 - 59 -

si applica la contribuzione dovuta ai fini 60 - 61 - 62 -
63) - (77 - 78 -
previdenziali, ridotta del 35 per cento. Si 79 - 80 - 81 -

applica, per l’accredito della contribuzione, 82) - (84) - (90 -
91 - 92 - 93) -
la disposizione di cui all’articolo 2, comma
(94 - 95 - 96) -
(97 - 98) - (99)
29, della legge 8 agosto 1995, n. 335». ».

— 24 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



113. Le disposizioni di cui alla lettera c) della trasformazione, e il loro costo fiscal-

del comma 111 si applicano, per gli anni mente riconosciuto, si applica un’imposta

2016, 2017, 2018 e 2019, anche ai soggetti sostitutiva delle imposte sui redditi e del-

che nel 2015 hanno iniziato una nuova atti- l’imposta regionale sulle attività produttive

vità, avvalendosi delle disposizioni di cui al- nella misura dell’8 per cento ovvero del

l’articolo 1, comma 65, della citata legge 10,5 per cento per le società considerate

n. 190 del 2014, vigente anteriormente alle non operative in almeno due dei tre periodi

modifiche di cui alla lettera c) del comma di imposta precedenti a quello in corso al

111. momento della assegnazione, cessione o tra-

114. Fermo restando il trattamento previ- sformazione. Le riserve in sospensione

denziale per i soci delle cooperative arti- d’imposta annullate per effetto dell’assegna-

giane che stabiliscono un rapporto di lavoro zione dei beni ai soci e quelle delle società

in forma autonoma ai sensi dell’articolo 1, che si trasformano sono assoggettate ad im-

comma 3, della legge 3 aprile 2001, posta sostitutiva nella misura del 13 per

n. 142, ai fini dell’imposta sul reddito si ap- cento.

plica l’articolo 50 del testo unico delle im- 117. Per gli immobili, su richiesta della

poste sui redditi, di cui al decreto del Presi- società e nel rispetto delle condizioni pre-

dente della Repubblica 22 dicembre 1986, scritte, il valore normale può essere determi-

n. 917, e successive modificazioni. nato in misura pari a quello risultante dal-

115. Le società in nome collettivo, in ac- l’applicazione all’ammontare delle rendite

comandita semplice, a responsabilità limi- risultanti in catasto dei moltiplicatori deter-

tata, per azioni e in accomandita per azioni minati con i criteri e le modalità previsti

che, entro il 30 settembre 2016, assegnano o dal primo periodo del comma 4 dell’articolo

cedono ai soci beni immobili, diversi da 52 del testo unico delle disposizioni concer-

quelli indicati nell’articolo 43, comma 2, nenti l’imposta di registro, di cui al decreto

primo periodo, del testo unico delle imposte del Presidente della Repubblica 26 aprile

sui redditi, di cui al decreto del Presidente 1986, n. 131. In caso di cessione, ai fini

della Repubblica 22 dicembre 1986, della determinazione dell’imposta sostitu-

n. 917, o beni mobili iscritti in pubblici re- tiva, il corrispettivo della cessione, se infe-

gistri non utilizzati come beni strumentali riore al valore normale del bene, determi-

nell’attività propria dell’impresa, possono nato ai sensi dell’articolo 9 del testo unico

applicare le disposizioni dei commi dal pre- delle imposte sui redditi, di cui al decreto

sente al comma 120 a condizione che tutti i del Presidente della Repubblica 22 dicembre

soci risultino iscritti nel libro dei soci, ove 1986, n. 917, e successive modificazioni, o

prescritto, alla data del 30 settembre 2015, in alternativa, ai sensi del primo periodo, è

ovvero che vengano iscritti entro trenta computato in misura non inferiore ad uno

giorni dalla data di entrata in vigore della dei due valori.

presente legge, in forza di titolo di trasferi- 118. Il costo fiscalmente riconosciuto

mento avente data certa anteriore al 1º otto- delle azioni o quote possedute dai soci delle

bre 2015. Le medesime disposizioni si ap- società trasformate va aumentato della diffe-

plicano alle società che hanno per oggetto renza assoggettata ad imposta sostitutiva.

esclusivo o principale la gestione dei pre- Nei confronti dei soci assegnatari non si ap-

detti beni e che entro il 30 settembre 2016 plicano le disposizioni di cui ai commi 1,

si trasformano in società semplici. secondo periodo, e da 5 a 8 dell’articolo

116. Sulla differenza tra il valore normale 47 del citato testo unico delle imposte sui

dei beni assegnati o, in caso di trasforma- redditi, di cui al decreto del Presidente della

zione, quello dei beni posseduti all’atto Repubblica n. 917 del 1986. Tuttavia, il va-

— 25 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



lore normale dei beni ricevuti, al netto dei 123. All’articolo 11, comma 4-bis, lettera

debiti accollati, riduce il costo fiscalmente d-bis), del decreto legislativo 15 dicembre

riconosciuto delle azioni o quote possedute. 1997, n. 446, e successive modificazioni,

119. Per le assegnazioni e le cessioni ai le parole: «di euro 2.500, di euro 1.875, di

soci di cui ai commi da 115 a 118, le ali- euro 1.250 e di euro 625» sono sostituite

quote dell’imposta proporzionale di registro dalle seguenti: «di euro 5.000, di euro

eventualmente applicabili sono ridotte alla 3.750, di euro 2.500 e di euro 1.250».

metà e le imposte ipotecarie e catastali si 124. Le disposizioni di cui al comma 123

applicano in misura fissa. si applicano a decorrere dal periodo d’impo-

120. Le società che si avvalgono delle di- sta successivo a quello in corso al 31 di-

sposizioni di cui ai commi da 115 a 118 de- cembre 2015.

vono versare il 60 per cento dell’imposta 125. All’articolo 2 del decreto legislativo

sostitutiva entro il 30 novembre 2016 e la 15 dicembre 1997, n. 446, concernente il

restante parte entro il 16 giugno 2017, con presupposto dell’imposta regionale sulle atti-

i criteri di cui al decreto legislativo 9 luglio vità produttive, dopo il comma 1 è aggiunto

1997, n. 241. Per la riscossione, i rimborsi il seguente:

ed il contenzioso si applicano le disposizioni
«1-bis. Non sussiste autonoma organizza-
previste per le imposte sui redditi.
zione ai fini dell’imposta nel caso di medici
121. L’imprenditore individuale che alla
che abbiano sottoscritto specifiche conven-
data del 31 ottobre 2015 possiede beni im-
zioni con le strutture ospedaliere per lo
mobili strumentali di cui all’articolo 43,
svolgimento della professione all’interno di
comma 2, del testo unico delle imposte sui
tali strutture, laddove gli stessi percepiscano
redditi, di cui al decreto del Presidente della
per l’attività svolta presso le medesime
Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, può,
strutture più del 75 per cento del proprio
entro il 31 maggio 2016, optare per l’esclu-
reddito complessivo. Sono in ogni caso irri-
sione dei beni stessi dal patrimonio dell’im-
levanti, ai fini della sussistenza dell’auto-
presa, con effetto dal periodo di imposta in
noma organizzazione, l’ammontare del red-
corso alla data del 1º gennaio 2016, me-
dito realizzato e le spese direttamente con-
diante il pagamento di una imposta sostitu-
nesse all’attività svolta. L’esistenza dell’au-
tiva dell’imposta sul reddito delle persone
tonoma organizzazione è comunque configu-
fisiche e dell’imposta regionale sulle attività
rabile in presenza di elementi che superano
produttive nella misura dell’8 per cento
lo standard e i parametri previsti dalla con-
della differenza tra il valore normale di
venzione con il Servizio sanitario nazio-
tali beni ed il relativo valore fiscalmente ri-
nale».
conosciuto. Si applicano, in quanto compati-

bili, le disposizioni dei commi da 115 a
126. L’articolo 26 del decreto del Presi-
120.
dente della Repubblica 26 ottobre 1972,
122. Gli oneri previsti dall’articolo 4,
n. 633, è sostituito dal seguente:
comma 14, della legge 12 novembre 2011,

n. 183, e relativi agli accertamenti clinico- «Art. 26. – (Variazioni dell’imponibile o

strumentali e di laboratorio indicati dall’am- dell’imposta). – 1. Le disposizioni degli ar-

ministrazione per il reclutamento del perso- ticoli 21 e seguenti devono essere osservate,

nale volontario per le esigenze dei distacca- in relazione al maggiore ammontare, tutte le

menti volontari del Corpo nazionale dei vi- volte che successivamente all’emissione

gili del fuoco di cui all’articolo 9, comma della fattura o alla registrazione di cui agli

2, lettera b), del decreto legislativo 8 marzo articoli 23 e 24 l’ammontare imponibile di

2006, n. 139, sono a carico della medesima. un’operazione o quello della relativa impo-

— 26 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



sta viene ad aumentare per qualsiasi motivo, in tal caso registrare la variazione a norma

compresa la rettifica di inesattezze della fat- dell’articolo 23 o dell’articolo 24, nei limiti

turazione o della registrazione. della detrazione operata, salvo il suo diritto

2. Se un’operazione per la quale sia stata alla restituzione dell’importo pagato al ce-

emessa fattura, successivamente alla regi- dente o prestatore a titolo di rivalsa. L’ob-

strazione di cui agli articoli 23 e 24, viene bligo di cui al primo periodo non si applica

meno in tutto o in parte, o se ne riduce nel caso di procedure concorsuali di cui al

l’ammontare imponibile, in conseguenza di comma 4, lettera a).

dichiarazione di nullità, annullamento, re- 6. Nel caso in cui, successivamente agli

voca, risoluzione, rescissione e simili o in eventi di cui al comma 4, il corrispettivo

conseguenza dell’applicazione di abbuoni o sia pagato, in tutto o in parte, si applica la

sconti previsti contrattualmente, il cedente disposizione di cui al comma 1. In tal

del bene o prestatore del servizio ha diritto caso, il cessionario o committente che abbia

di portare in detrazione ai sensi dell’articolo assolto all’obbligo di cui al comma 5 ha di-

19 l’imposta corrispondente alla variazione, ritto di portare in detrazione ai sensi dell’ar-

registrandola a norma dell’articolo 25. ticolo 19 l’imposta corrispondente alla va-

3. La disposizione di cui al comma 2 non riazione in aumento.

7. La correzione di errori materiali o di
può essere applicata dopo il decorso di un
calcolo nelle registrazioni di cui agli articoli
anno dall’effettuazione dell’operazione im-
23, 25 e 39 e nelle liquidazioni periodiche
ponibile qualora gli eventi ivi indicati si ve-
di cui all’articolo 27, all’articolo 1 del rego-
rifichino in dipendenza di sopravvenuto ac-
lamento di cui al decreto del Presidente
cordo fra le parti e può essere applicata, en-
tro lo stesso termine, anche in caso di retti- della Repubblica 23 marzo 1998, n. 100, e

fica di inesattezze della fatturazione che ab- successive modificazioni, e all’articolo 7

biano dato luogo all’applicazione dell’arti- del regolamento di cui al decreto del Presi-

colo 21, comma 7. dente della Repubblica 14 ottobre 1999,

n. 542, e successive modificazioni, deve es-
4. La disposizione di cui al comma 2 si
sere fatta, mediante annotazione delle varia-
applica anche in caso di mancato paga-
zioni dell’imposta in aumento nel registro di
mento, in tutto o in parte, da parte del ces-
cui all’articolo 23 e delle variazioni dell’im-
sionario o committente:
posta in diminuzione nel registro di cui al-

a) a partire dalla data in cui quest’ul- l’articolo 25. Con le stesse modalità devono

timo è assoggettato a una procedura concor- essere corretti, nel registro di cui all’articolo

suale o dalla data del decreto che omologa 24, gli errori materiali inerenti alla trascri-

un accordo di ristrutturazione dei debiti di zione di dati indicati nelle fatture o nei regi-

cui all’articolo 182-bis del regio decreto stri tenuti a norma di legge.

16 marzo 1942, n. 267, o dalla data di pub- 8. Le variazioni di cui ai commi 2, 3, 4 e

blicazione nel registro delle imprese di un 5 e quelle per errori di registrazione di cui

piano attestato ai sensi dell’articolo 67, al comma 7 possono essere effettuate dal

terzo comma, lettera d), del regio decreto cedente o prestatore del servizio e dal ces-

16 marzo 1942, n. 267; sionario o committente anche mediante ap-

b) a causa di procedure esecutive indi- posite annotazioni in rettifica rispettiva-

viduali rimaste infruttuose. mente sui registri di cui agli articoli 23 e

5. Ove il cedente o prestatore si avvalga 24 e sul registro di cui all’articolo 25.

della facoltà di cui al comma 2, il cessiona- 9. Nel caso di risoluzione contrattuale, re-

rio o committente, che abbia già registrato lativa a contratti a esecuzione continuata o

l’operazione ai sensi dell’articolo 25, deve periodica, conseguente a inadempimento, la

— 27 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



facoltà di cui al comma 2 non si estende a 127. Le disposizioni di cui all’articolo 26,

quelle cessioni e a quelle prestazioni per cui comma 4, lettera a), e comma 5, secondo

sia il cedente o prestatore che il cessionario periodo, del decreto del Presidente della Re-

o committente abbiano correttamente adem- pubblica 26 ottobre 1972, n. 633, nel testo

piuto alle proprie obbligazioni. risultante dalle modifiche apportate dal

10. La facoltà di cui al comma 2 può es- comma 126, si applicano nei casi in cui il

sere esercitata, ricorrendo i presupposti di cessionario o committente sia assoggettato

cui a tale disposizione, anche dai cessionari a una procedura concorsuale successiva-

e committenti debitori dell’imposta ai sensi mente al 31 dicembre 2016. Le altre modi-

dell’articolo 17 o dell’articolo 74 del pre- fiche apportate dal comma 126 al predetto

sente decreto ovvero dell’articolo 44 del de- articolo 26, in quanto volte a chiarire l’ap-

creto-legge 30 agosto 1993, n. 331, conver- plicazione delle disposizioni contenute in

tito, con modificazioni, dalla legge 29 otto- tale ultimo articolo e quindi di carattere in-

bre 1993, n. 427, e successive modifica- terpretativo, si applicano anche alle opera-

zioni. In tal caso, si applica ai cessionari o zioni effettuate anteriormente alla data di

committenti la disposizione di cui al comma cui al periodo precedente.

5. 128. Al sesto comma dell’articolo 17 del

11. Ai fini del comma 4, lettera a), il de- decreto del Presidente della Repubblica 26

bitore si considera assoggettato a procedura ottobre 1972, n. 633, e successive modifica-

concorsuale dalla data della sentenza dichia- zioni, dopo la lettera a-ter) è inserita la se-

rativa del fallimento o del provvedimento guente:

che ordina la liquidazione coatta ammini-
«a-quater) alle prestazioni di servizi
strativa o del decreto di ammissione alla
rese dalle imprese consorziate nei confronti
procedura di concordato preventivo o del
del consorzio di appartenenza che, ai sensi
decreto che dispone la procedura di ammini-
delle lettere b), c) ed e) del comma 1 del-
strazione straordinaria delle grandi imprese
l’articolo 34 del codice di cui al decreto le-
in crisi.
gislativo 12 aprile 2006, n. 163, e succes-

12. Ai fini del comma 4, lettera b), una sive modificazioni, si è reso aggiudicatario

procedura esecutiva individuale si considera di una commessa nei confronti di un ente

in ogni caso infruttuosa: pubblico al quale il predetto consorzio è te-

nuto ad emettere fattura ai sensi del comma
a) nell’ipotesi di pignoramento presso
1 dell’articolo 17-ter del presente decreto.
terzi, quando dal verbale di pignoramento
L’efficacia della disposizione di cui al pe-
redatto dall’ufficiale giudiziario risulti che
riodo precedente è subordinata al rilascio,
presso il terzo pignorato non vi sono beni
da parte del Consiglio dell’Unione europea,
o crediti da pignorare;
dell’autorizzazione di una misura di deroga
b) nell’ipotesi di pignoramento di beni
ai sensi dell’articolo 395 della direttiva
mobili, quando dal verbale di pignoramento
2006/112/CE del Consiglio, del 28 novem-
redatto dall’ufficiale giudiziario risulti la
bre 2006, e successive modificazioni».
mancanza di beni da pignorare ovvero l’im-

possibilità di accesso al domicilio del debi- 129. Le disposizioni di cui all’articolo 12,

tore ovvero la sua irreperibilità; comma 7-bis, del decreto-legge 23 dicembre

c) nell’ipotesi in cui, dopo che per tre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni,

volte l’asta per la vendita del bene pignorato dalla legge 21 febbraio 2014, n. 9, si appli-

sia andata deserta, si decida di interrompere cano anche nell’anno 2016 con le modalità

la procedura esecutiva per eccessiva onero- previste nel medesimo comma. Per l’anno

sità». 2016 il decreto del Ministro dell’economia

— 28 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



e delle finanze, di concerto con il Ministro 131. L’articolo 43 del decreto del Presi-

dello sviluppo economico, previsto nel citato dente della Repubblica 29 settembre 1973,

comma 7-bis, è adottato entro novanta n. 600, è sostituito dal seguente:

giorni dalla data di entrata in vigore della
«Art. 43. – (Termine per l’accertamento).
presente legge.
– 1. Gli avvisi di accertamento devono es-
130. L’articolo 57 del decreto del Presi-
sere notificati, a pena di decadenza, entro
dente della Repubblica 26 ottobre 1972,
il 31 dicembre del quinto anno successivo
n. 633, è sostituito dal seguente:
a quello in cui è stata presentata la dichiara-

«Art. 57. – (Termine per gli accerta- zione.

menti). – 1. Gli avvisi relativi alle rettifiche 2. Nei casi di omessa presentazione della

e agli accertamenti previsti nell’articolo 54 e dichiarazione o di presentazione di dichiara-

nel secondo comma dell’articolo 55 devono zione nulla l’avviso di accertamento può es-

essere notificati, a pena di decadenza, entro sere notificato entro il 31 dicembre del set-

il 31 dicembre del quinto anno successivo a timo anno successivo a quello in cui la di-

quello in cui è stata presentata la dichiara- chiarazione avrebbe dovuto essere presen-

zione. tata.

3. Fino alla scadenza del termine stabilito
2. Nei casi di omessa presentazione della
nei commi precedenti l’accertamento può
dichiarazione o di presentazione di dichiara-
essere integrato o modificato in aumento
zione nulla l’avviso di accertamento dell’im-
mediante la notificazione di nuovi avvisi,
posta a norma del primo comma dell’arti-
in base alla sopravvenuta conoscenza di
colo 55 può essere notificato entro il 31 di-
nuovi elementi da parte dell’Agenzia delle
cembre del settimo anno successivo a quello
entrate. Nell’avviso devono essere specifica-
in cui la dichiarazione avrebbe dovuto es-
mente indicati, a pena di nullità, i nuovi ele-
sere presentata.
menti e gli atti o fatti attraverso i quali sono
3. Nel caso di richiesta di rimborso del-
venuti a conoscenza dell’ufficio delle impo-
l’eccedenza d’imposta detraibile risultante
ste».
dalla dichiarazione annuale, se tra la data

di notifica della richiesta di documenti da 132. Le disposizioni di cui all’articolo 57,

parte dell’ufficio e la data della loro conse- commi 1 e 2, del decreto del Presidente

gna intercorre un periodo superiore a quin- della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633,

dici giorni, il termine di decadenza, relativo e all’articolo 43, commi 1 e 2, del decreto

agli anni in cui si è formata l’eccedenza de- del Presidente della Repubblica 29 settem-

traibile chiesta a rimborso, è differito di un bre 1973, n. 600, come sostituiti dai commi

periodo di tempo pari a quello compreso tra 130 e 131 del presente articolo, si applicano

il sedicesimo giorno e la data di consegna. agli avvisi relativi al periodo d’imposta in

4. Fino alla scadenza del termine stabilito corso alla data del 31 dicembre 2016 e ai

nei commi precedenti le rettifiche e gli ac- periodi successivi. Per i periodi d’imposta

certamenti possono essere integrati o modi- precedenti, gli avvisi di accertamento de-

ficati, mediante la notificazione di nuovi av- vono essere notificati, a pena di decadenza,

visi, in base alla sopravvenuta conoscenza di entro il 31 dicembre del quarto anno succes-

nuovi elementi da parte dell’Agenzia delle sivo a quello in cui è stata presentata la di-

entrate. Nell’avviso devono essere specifica- chiarazione ovvero, nei casi di omessa pre-

mente indicati, a pena di nullità, i nuovi ele- sentazione della dichiarazione o di dichiara-

menti e gli atti o fatti attraverso i quali sono zione nulla, entro il 31 dicembre del quinto

venuti a conoscenza dell’ufficio dell’imposta anno successivo a quello in cui la dichiara-

sul valore aggiunto». zione avrebbe dovuto essere presentata. Tut-

— 29 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



tavia, in caso di violazione che comporta di ricevere gli atti della procedura all’indi-

obbligo di denuncia ai sensi dell’articolo rizzo di posta elettronica certificata del pro-

331 del codice di procedura penale per al- fessionista che lo assiste. La notifica si in-

cuno dei reati previsti dal decreto legislativo tende comunque perfezionata nel momento

10 marzo 2000, n. 74, i termini di cui al pe- in cui il gestore del servizio di posta elettro-

riodo precedente sono raddoppiati relativa- nica certificata trasmette all’ufficio la rice-

mente al periodo d’imposta in cui è stata vuta di accettazione con la relativa attesta-

commessa la violazione; il raddoppio non zione temporale che certifica l’avvenuta spe-

opera qualora la denuncia da parte dell’Am- dizione del messaggio; i termini che hanno

ministrazione finanziaria, in cui è ricom- inizio dalla notificazione decorrono dalla

presa la Guardia di finanza, sia presentata data di avvenuta consegna contenuta nella

o trasmessa oltre la scadenza ordinaria dei ricevuta che il gestore del servizio di posta

termini di cui al primo periodo. Resta fermo elettronica certificata del professionista tra-

quanto disposto dall’ultimo periodo del smette all’ufficio. Se la casella di posta elet-

comma 5 dell’articolo 5-quater del de- tronica del professionista risulta satura, ov-

creto-legge 28 giugno 1990, n. 167, conver- vero nei casi in cui l’indirizzo di posta elet-

tito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto tronica del professionista non risulta valido

1990, n. 227, e successive modificazioni. o attivo, si applicano le disposizioni in ma-

133. All’articolo 32, commi 1 e 2, del de- teria di notificazione degli avvisi e degli al-

creto legislativo 24 settembre 2015, n. 158, tri atti che per legge devono essere notificati

le parole: «1º gennaio 2017» sono sostituite al contribuente.

dalle seguenti: «1º gennaio 2016». Restano 134. Nelle ipotesi di definizione degli ac-

comunque ferme le sanzioni nella misura certamenti o di omessa impugnazione di cui

dovuta in base alle norme relative alla pro- al decreto legislativo 19 giugno 1997,

cedura di collaborazione volontaria di cui n. 218, i contribuenti che, nei trentasei

alla legge 15 dicembre 2014, n. 186, vigenti mesi antecedenti al 15 ottobre 2015, sono

alla data di presentazione della relativa decaduti dal beneficio della rateazione,

istanza. Ai soli fini della procedura di colla- sono riammessi al piano di rateazione ini-

borazione volontaria di cui al periodo prece- zialmente concesso ai sensi dello stesso de-

dente, tutti gli atti che per legge devono es- creto legislativo n. 218 del 1997, limitata-

sere notificati al contribuente, di cui agli ar- mente al versamento delle imposte dirette,

ticoli 5-quater e 5-quinquies del decreto- a condizione che entro il 31 maggio 2016

legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, riprendano il versamento della prima delle

con modificazioni, dalla legge 4 agosto rate scadute.

1990, n. 227, e successive modificazioni,
135. Ai fini di cui al comma 134, il con-
possono essere allo stesso notificati dal
tribuente interessato, nei dieci giorni succes-
competente ufficio dell’Agenzia delle en-
sivi al versamento, trasmette copia della re-
trate, in deroga ad ogni altra disposizione
lativa quietanza all’ufficio competente affin-
di legge, mediante posta elettronica certifi-
ché lo stesso proceda alla sospensione dei
cata, con le modalità previste dal regola-
carichi eventualmente iscritti a ruolo ancor-
mento di cui al decreto del Presidente della
ché rateizzati ai sensi dell’articolo 19 del
Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, all’indi-
decreto del Presidente della Repubblica 29
rizzo di posta elettronica certificata del pro-
settembre 1973, n. 602. Lo stesso ufficio:
fessionista che lo assiste nell’ambito della

procedura di collaborazione volontaria. Per a) ricalcola le rate dovute tenendo

i fini di cui al periodo precedente il contri- conto di tutti i pagamenti effettuati anche

buente deve manifestare la propria volontà a seguito di iscrizione a ruolo, imputandole

— 30 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



alle analoghe voci dell’originario piano di 3-ter. Il Fondo, quando provvede al paga-

rateazione; mento dei tributi di cui al comma 3-bis, è

b) verificato il versamento delle rate re- legalmente surrogato nei confronti del no-

sidue, provvede allo sgravio degli stessi ca- taio in tutte le ragioni, azioni e privilegi

richi iscritti a ruolo. spettanti all’Amministrazione finanziaria. Il

Fondo può, esibendo il documento attestante

136. Non sono ripetibili le somme ver- la somma pagata, richiedere all’autorità giu-

sate, ove superiori all’ammontare di quanto diziaria l’ingiunzione di pagamento. L’in-

dovuto, ricalcolato ai sensi del comma 135. giunzione è provvisoriamente esecutiva a

137. Il debitore decade dal piano di ratea- norma dell’articolo 642 del codice di proce-

zione a cui è stato riammesso ai sensi del dura civile. Non è ammissibile l’opposizione

comma 134 in caso di mancato pagamento fondata sul motivo che le imposte pagate

di due rate anche non consecutive, esclusa non erano dovute o erano dovute in misura

ogni ulteriore proroga. minore. Il Fondo può agire esecutivamente

138. A seguito della trasmissione della sull’indennità dovuta dalla Cassa nazionale

quietanza, non possono essere avviate nuove del notariato al notaio alla sua cessazione,

azioni esecutive. Se la rateazione è richiesta nel limite di cui al quarto comma dell’arti-

dopo una segnalazione effettuata ai sensi colo 545 del codice di procedura civile, e,

dell’articolo 48-bis del decreto del Presi- a tutela del proprio credito, può notificare

dente della Repubblica 29 settembre 1973, alla Cassa un atto di opposizione al paga-

n. 602, la stessa non può essere concessa li- mento diretto al notaio dell’indennità nello

mitatamente agli importi che ne costitui- stesso limite.

scono oggetto. 3-quater. Con decreto non regolamentare

139. Al fine di garantire la stabilità del del Ministro dell’economia e delle finanze,

gettito tributario derivante dagli atti regi- sentito il Consiglio nazionale del notariato,

strati dai notai, alla legge 16 febbraio sono disciplinate le modalità procedurali e

1913, n. 89, e successive modificazioni, l’erogazione delle somme da parte del

sono apportate le seguenti modificazioni: Fondo all’Amministrazione finanziaria, e

per la successiva surroga ad essa del Fondo
a) dopo il comma 3 dell’articolo 22
medesimo.
sono inseriti i seguenti:

«3-bis. In caso di mancato versamento da 3-quinquies. Se è accertato con decisione

parte del notaio dei tributi riscossi in rela- passata in giudicato che il notaio non ha

zione agli atti da lui rogati o autenticati, commesso il fatto ovvero che il fatto non

se il danno non è coperto da polizza assicu- costituisce reato, l’Agenzia delle entrate

rativa, l’agente della riscossione può richie- rimborsa senza indugio le somme pagate al

derne il pagamento direttamente al Fondo. Fondo o, se il Fondo ha recuperato le

L’erogazione è subordinata: somme dal notaio, al notaio medesimo»;


a) all’esercizio dell’azione penale nei b) al comma 4 dell’articolo 22 sono ag-

confronti del notaio ed alla pronuncia del giunte, in fine, le seguenti parole: «, fatto

suo rinvio a giudizio; salvo il caso di cui al comma 3-bis, nel

b) all’emissione, per il pagamento dei quale il danno è dimostrato con l’esibizione

tributi di cui al primo periodo, di un atto dell’atto esecutivo ed è quantificato sulla

esecutivo dell’Agenzia delle entrate, non so- base delle risultanze dello stesso atto»;

speso dall’autorità giudiziaria o dall’Ammi- c) all’articolo 93-bis, comma 2, lettera

nistrazione finanziaria, nei confronti del no- a), sono aggiunte, in fine, le seguenti pa-

taio. role: «nonché richiedere, anche periodica-

— 31 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



mente, informazioni e l’esibizione di docu- g) dopo il comma 1 dell’articolo 144 è

menti, estratti repertoriali, atti, registri e li- inserito il seguente:

bri anche di natura fiscale»;
«1-bis. Nell’ipotesi di cui all’ultimo pe-

d) dopo il comma 2 dell’articolo 93-bis riodo del comma 1 dell’articolo 142-bis, la

è inserito il seguente: sospensione per un anno è sostituita alla de-

stituzione solo se il notaio ha riparato inte-
«2-bis. L’Agenzia delle entrate trasmette
ramente il danno e non è recidivo nella
al Consiglio nazionale del notariato, esclusi-
stessa infrazione».
vamente con modalità telematiche entro il

secondo mese successivo a quello di sca-
140. Le disposizioni di cui al comma 139
denza, le informazioni sugli omessi e ritar-
si applicano a decorrere dal 1º gennaio
dati versamenti richiesti ai notai con avviso
2016.
di liquidazione»;
141. All’articolo 14, comma 4, della

legge 24 dicembre 1993, n. 537, è aggiunto,
e) all’articolo 19:
in fine, il seguente periodo: «In caso di vio-
1) al comma 1, le parole: «con oneri
lazione che comporta obbligo di denuncia ai
a carico del proprio bilancio» sono sostituite
sensi dell’articolo 331 del codice di proce-
dalle seguenti: «con separata contribuzione
dura penale per qualsiasi reato da cui possa
obbligatoria a carico di tutti gli iscritti al
derivare un provento o vantaggio illecito,
ruolo, da versare al Consiglio nazionale
anche indiretto, le competenti autorità inqui-
del notariato. Il contributo è riscosso dal
renti ne danno immediatamente notizia al-
Consiglio nazionale del notariato con le mo-
l’Agenzia delle entrate, affinché proceda al
dalità di cui all’articolo 21 della legge 27
conseguente accertamento».
giugno 1991, n. 220, entro il 28 febbraio

di ciascun anno»; 142. Al testo unico delle imposte sui red-

diti, di cui al decreto del Presidente della
2) dopo il comma 1 è inserito il se-
Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e
guente:
successive modificazioni, sono apportate le

«1-bis. La misura dei contributi è deter- seguenti modificazioni:

minata dal Consiglio nazionale del notariato a) i commi da 10 a 12-bis dell’articolo

entro il 31 ottobre di ciascun anno per 110 sono abrogati;

l’anno successivo in misura corrispondente
b) all’articolo 167:
ai premi ed agli oneri da esso pagati ed è
1) al comma 1, le parole: «di cui al
ragguagliata ai parametri soggetti ad annota-
decreto o al provvedimento emanati ai sensi
mento nei repertori di ciascun notaio se-
del comma 4» sono sostituite dalle seguenti:
condo quanto stabilito dalla legge e tenuto
«di cui al comma 4, diversi da quelli appar-
conto del numero e dell’ammontare dei sini-
tenenti all’Unione europea ovvero da quelli
stri liquidati per ciascun notaio a partire dal
aderenti allo Spazio economico europeo
1º febbraio 1999»;
con i quali l’Italia abbia stipulato un ac-

cordo che assicuri un effettivo scambio di
f) al comma 1 dell’articolo 142-bis è
informazioni»;
aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Il
2) il comma 4 è sostituito dal se-
notaio è punito in ogni caso con la destitu-
guente:
zione quando commette un reato omettendo

o ritardando il versamento di tributi dovuti «4. I regimi fiscali, anche speciali, di

in relazione agli atti da lui rogati o autenti- Stati o territori si considerano privilegiati

cati»; laddove il livello nominale di tassazione ri-

— 32 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



sulti inferiore al 50 per cento di quello ap- mente con le citate direttive, per la trasmis-

plicabile in Italia»; sione della predetta rendicontazione all’A-

genzia delle entrate da parte delle società
3) al comma 6, le parole: «e, comun-
controllanti, residenti nel territorio dello
que, non inferiore al 27 per cento» sono so-
Stato ai sensi dell’articolo 73 del testo unico
stituite dalle seguenti: «e, comunque, non
delle imposte sui redditi, di cui al decreto
inferiore all’aliquota ordinaria dell’imposta
del Presidente della Repubblica 22 dicembre
sul reddito delle società»;
1986, n. 917, e successive modificazioni,
4) al comma 8-bis, alinea, dopo le
che hanno l’obbligo di redazione del bilan-
parole: «localizzati in Stati o territori diversi
cio consolidato, con un fatturato consoli-
da quelli ivi richiamati» sono inserite le se-
dato, conseguito dal gruppo di imprese mul-
guenti: «o in Stati appartenenti all’Unione
tinazionali nel periodo d’imposta precedente
europea ovvero a quelli aderenti allo Spazio
a quello di rendicontazione, di almeno 750
economico europeo con i quali l’Italia abbia
milioni di euro e che non sono a loro volta
stipulato un accordo che assicuri un effet-
controllate da soggetti diversi dalle persone
tivo scambio di informazioni».
fisiche. L’Agenzia delle entrate assicura la

riservatezza delle informazioni contenute

143. Quando leggi, regolamenti, decreti o nella rendicontazione di cui al primo pe-

altre norme o provvedimenti fanno riferi- riodo almeno nella stessa misura richiesta

mento agli Stati o territori di cui al decreto per le informazioni fornite ai sensi delle di-

e al provvedimento emanati ai sensi dell’ar- sposizioni della Convenzione multilaterale

ticolo 167, comma 4, del testo unico delle sulla mutua assistenza amministrativa in ma-

imposte sui redditi, di cui al decreto del teria fiscale. In caso di omessa presenta-

Presidente della Repubblica 22 dicembre zione della rendicontazione di cui al primo

1986, n. 917, il riferimento si intende agli periodo o di invio dei dati incompleti o

Stati o territori individuati in base ai criteri non veritieri si applica la sanzione ammini-

di cui all’articolo 167, comma 4, del citato strativa pecuniaria da euro 10.000 a euro

testo unico, come da ultimo modificato dal 50.000.

comma 142 del presente articolo. 146. Agli obblighi di cui al comma 145,

144. Le disposizioni di cui ai commi 142 alle condizioni ivi indicate, sono tenute an-

e 143 si applicano a decorrere dal periodo che le società controllate, residenti nel terri-

d’imposta successivo a quello in corso al torio dello Stato, nel caso in cui la società

31 dicembre 2015. controllante che ha l’obbligo di redazione

145. A fini di adeguamento alle direttive del bilancio consolidato sia residente in

emanate dall’Organizzazione per la coopera- uno Stato che non ha introdotto l’obbligo

zione e lo sviluppo economico in materia di di presentazione della rendicontazione Paese

obbligo delle imprese multinazionali di pre- per Paese ovvero non ha in vigore con l’Ita-

disporre e presentare annualmente una ren- lia un accordo che consenta lo scambio

dicontazione Paese per Paese che riporti delle informazioni relative alla rendiconta-

l’ammontare dei ricavi e gli utili lordi, le zione Paese per Paese ovvero è inadem-

imposte pagate e maturate, insieme con altri piente all’obbligo di scambio delle informa-

elementi indicatori di un’attività economica zioni relative alla rendicontazione Paese per

effettiva, con decreto del Ministro dell’eco- Paese.

nomia e delle finanze, da emanare entro no- 147. Con decreto del Ministro dell’econo-

vanta giorni dalla data di entrata in vigore mia e delle finanze sono stabiliti i criteri ge-

della presente legge, sono stabiliti modalità, nerali per la raccolta delle informazioni rela-

termini, elementi e condizioni, coerente- tive agli acquisti di beni e alle prestazioni di

— 33 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



servizi ricevute da soggetti residenti fuori 150. L’incentivo è pari all’80 per cento di

del territorio dello Stato, necessarie ad assi- quello riconosciuto dal decreto del Ministro

curare un adeguato presidio al contrasto del- dello sviluppo economico 6 luglio 2012,

l’evasione internazionale. Con provvedi- pubblicato nel supplemento ordinario

mento del direttore dell’Agenzia delle en- n. 143 alla Gazzetta Ufficiale n. 159 del

trate sono definite le modalità tecniche di
10 luglio 2012, agli impianti di nuova co-
applicazione del presente comma ed è di-
struzione di pari potenza, ed è erogato dal
sposta la contestuale soppressione di even-
Gestore dei servizi energetici, con le moda-
tuali duplicazioni di adempimenti già esi-
lità previste dal suddetto decreto, a partire
stenti.
dal giorno seguente alla data di cessazione

148. All’articolo 1 della legge 23 dicem- del precedente incentivo, qualora questa sia

bre 2014, n. 190, sono apportate le seguenti successiva al 31 dicembre 2015, ovvero a

modificazioni: partire dal 1º gennaio 2016 se la data di

cessazione del precedente incentivo è ante-
a) al comma 39, primo periodo, le pa-
cedente al 1º gennaio 2016. L’erogazione
role: «opere dell’ingegno» sono sostituite

dalle seguenti: «software protetto da copy- dell’incentivo è subordinata alla decisione

right»; favorevole della Commissione europea in

b) dopo il comma 42-bis è inserito il esito alla notifica del regime di aiuto ai

seguente: sensi del comma 151.


«42-ter. Qualora più beni tra quelli di cui 151. Entro il 31 dicembre 2016, i produt-

al comma 39, appartenenti a un medesimo tori interessati dalle disposizioni di cui ai

soggetto, siano collegati da vincoli di com- commi 149 e 150 comunicano al Ministero

plementarietà e vengano utilizzati congiunta- dello sviluppo economico le autorizzazioni

mente ai fini della realizzazione di un pro- di legge possedute per l’esercizio dell’im-

dotto o di una famiglia di prodotti o di un pianto, la perizia asseverata di un tecnico at-

processo o di un gruppo di processi, tali testante il buono stato di uso e di produtti-

beni possono costituire un solo bene imma- vità dell’impianto e il piano di approvvigio-

teriale ai fini delle disposizioni dei commi namento delle materie prime, nonché gli al-

da 37 a 42-bis». tri elementi necessari per la notifica alla


Commissione europea del regime di aiuto

149. Per assicurare il contributo al conse- di cui agli stessi commi, ai fini della veri-

guimento degli obiettivi 2020 in materia di fica di compatibilità con la disciplina in ma-

fonti rinnovabili, agli esercenti di impianti teria di aiuti di Stato a favore dell’ambiente

per la produzione di energia elettrica ali- e dell’energia per gli anni 2014-2020, di cui

mentati da biomasse, biogas e bioliquidi so- alla comunicazione 2014/C 200/01 della

stenibili che hanno cessato al 1º gennaio Commissione, del 28 giugno 2014.

2016, o cessano entro il 31 dicembre
152. Per l’anno 2016, la misura del ca-
2016, di beneficiare di incentivi sull’energia
none di abbonamento alla televisione per
prodotta, in alternativa all’integrazione dei
uso privato di cui al regio decreto-legge
ricavi prevista dall’articolo 24, comma 8,
21 febbraio 1938, n. 246, convertito dalla
del decreto legislativo 3 marzo 2011,
legge 4 giugno 1938, n. 880, è pari, nel
n. 28, è concesso il diritto di fruire, fino
suo complesso, all’importo di euro 100.
al 31 dicembre 2020, di un incentivo sull’e-

nergia prodotta, con le modalità e alle con- 153. Al regio decreto-legge 21 febbraio

dizioni di cui ai commi 150 e 151. 1938, n. 246, convertito dalla legge 4 giu-

— 34 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



gno 1938, n. 880, sono apportate le seguenti porto delle rate è oggetto di distinta indica-

modificazioni: zione nel contesto della fattura emessa dal-

l’impresa elettrica e non è imponibile ai
a) all’articolo 1, secondo comma, sono
fini fiscali. Le somme riscosse sono river-
aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «La de-
sate direttamente all’Erario mediante versa-
tenzione di un apparecchio si presume al-
mento unitario di cui all’articolo 17 del de-
tresì nel caso in cui esista un’utenza per la
creto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e
fornitura di energia elettrica nel luogo in
successive modificazioni. Le imprese elettri-
cui un soggetto ha la sua residenza anagra-
che devono effettuare il predetto riversa-
fica. Allo scopo di superare le presunzioni
mento entro il giorno 20 del mese succes-
di cui ai precedenti periodi, a decorrere dal-
sivo a quello di incasso e, comunque, l’in-
l’anno 2016 è ammessa esclusivamente una
tero canone deve essere riscosso e riversato
dichiarazione rilasciata ai sensi del testo
entro il 20 dicembre. Sono in ogni caso
unico di cui al decreto del Presidente della
esclusi obblighi di anticipazione da parte
Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, la
delle imprese elettriche».
cui mendacia comporta gli effetti, anche pe-

nali, di cui all’articolo 76 del medesimo te-
154. Con decreto del Ministro dello svi-
sto unico. Tale dichiarazione è presentata al-
luppo economico, di concerto con il Mini-
l’Agenzia delle entrate – Direzione provin-
stro dell’economia e delle finanze, sentita
ciale I di Torino – Ufficio territoriale di To-
l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il
rino I – Sportello S.A.T., con le modalità
sistema idrico, da adottare entro quaranta-
definite con provvedimento del direttore del-
cinque giorni dalla data di entrata in vigore
l’Agenzia delle entrate, e ha validità per
della presente legge, sono definiti termini e
l’anno in cui è stata presentata»;
modalità per il riversamento all’Erario, e
b) all’articolo 1, dopo il secondo
per le conseguenze di eventuali ritardi, an-
comma è aggiunto il seguente:
che in forma di interessi moratori, dei ca-
«Il canone di abbonamento è, in ogni
noni incassati dalle aziende di vendita del-
caso, dovuto una sola volta in relazione
l’energia elettrica, che a tal fine non sono
agli apparecchi di cui al primo comma dete-
considerate sostituti di imposta, eventual-
nuti, nei luoghi adibiti a propria residenza o
mente tramite un soggetto unico individuato
dimora, dallo stesso soggetto e dai soggetti
dal medesimo decreto, per l’individuazione
appartenenti alla stessa famiglia anagrafica,
e comunicazione dei dati utili ai fini del
come individuata dall’articolo 4 del regola-
controllo, per l’individuazione dei soggetti
mento di cui al decreto del Presidente della
di cui al comma 156, nonché le misure tec-
Repubblica 30 maggio 1989, n. 223»;
niche che si rendano eventualmente necessa-

c) all’articolo 3 è aggiunto, in fine, il rie per l’attuazione della presente norma.

seguente comma: 155. In caso di violazione degli obblighi

«Per i titolari di utenza di fornitura di di comunicazione e di versamento dei ca-

energia elettrica di cui all’articolo 1, se- noni di cui al comma 154, si applicano, ri-

condo comma, secondo periodo, il paga- spettivamente, le sanzioni di cui agli articoli

mento del canone avviene in dieci rate men- 5, comma 1, e 13, comma 1, del decreto le-

sili, addebitate sulle fatture emesse dall’im- gislativo 18 dicembre 1997, n. 471, e suc-

presa elettrica aventi scadenza del paga- cessive modificazioni.

mento successiva alla scadenza delle rate. 156. Per l’attuazione di quanto previsto

Le rate, ai fini dell’inserimento in fattura, dai commi 153, 154 e 155 e limitatamente

s’intendono scadute il primo giorno di cia- alle finalità di cui ai commi da 152 a 160,

scuno dei mesi da gennaio ad ottobre. L’im- l’Anagrafe tributaria, l’Autorità per l’energia

— 35 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



elettrica, il gas e il sistema idrico, l’Acqui- 159. In sede di prima applicazione di

rente Unico Spa, il Ministero dell’interno, quanto disposto dai commi da 152 a 158:

i comuni, nonché gli altri soggetti pubblici
a) avuto riguardo ai tempi tecnici ne-
o privati che ne hanno la disponibilità
cessari all’adeguamento dei sistemi di fattu-
sono autorizzati allo scambio e all’utilizzo
razione, nella prima fattura successiva al 1º
di tutte le informazioni utili, e in particolare
luglio 2016 sono cumulativamente addebi-
dei dati relativi alle famiglie anagrafiche,
tate tutte le rate scadute;
alle utenze per la fornitura di energia elet-
b) l’Agenzia delle entrate mette a di-
trica, ai soggetti tenuti al pagamento del ca-
sposizione delle imprese elettriche, per il
none di abbonamento alla televisione, ai
tramite del sistema informativo integrato
soggetti beneficiari delle agevolazioni di
istituito presso l’Acquirente Unico Spa dal-
cui all’articolo 38, comma 8, del decreto-
l’articolo 1-bis del decreto-legge 8 luglio
legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito,
2010, n. 105, convertito, con modificazioni,
con modificazioni, dalla legge 30 luglio
dalla legge 13 agosto 2010, n. 129, l’elenco
2010, n. 122, nonché ai soggetti esenti dal
dei soggetti esenti ai sensi delle disposizioni
pagamento del canone.
vigenti o che abbiano presentato la dichiara-

157. Al fine di semplificare le modalità di zione di cui al comma 153, lettera a), e for-

pagamento del canone, le autorizzazioni al- nisce ogni dato utile a individuare i soggetti

l’addebito diretto sul conto corrente banca- obbligati;

rio o postale ovvero su altri mezzi di paga-
c) le imprese elettriche all’atto della
mento, rilasciate a intermediari finanziari dai
conclusione dei nuovi contratti di fornitura
titolari di utenza per la fornitura di energia
acquisiscono la dichiarazione del cliente in
elettrica per il pagamento delle relative fat-
ordine alla residenza anagrafica nel luogo
ture, si intendono in ogni caso estese al pa-
di fornitura. Il cliente è tenuto a comunicare
gamento del canone di abbonamento televi-
ogni successiva variazione.
sivo. La disposizione di cui al presente

comma si applica anche alle suddette auto-
160. Per gli anni dal 2016 al 2018, le
rizzazioni all’addebito già rilasciate alla
eventuali maggiori entrate versate a titolo
data di entrata in vigore della presente
di canone di abbonamento alla televisione
legge, fatta salva la facoltà di revoca del-
rispetto alle somme già iscritte a tale titolo
l’autorizzazione nel suo complesso da parte
nel bilancio di previsione per l’anno 2016
dell’utente.
sono riversate all’Erario per una quota pari

158. A decorrere dalla data di entrata in al 33 per cento del loro ammontare per

vigore della presente legge non è più eserci- l’anno 2016 e del 50 per cento per ciascuno

tabile la facoltà di presentare la denunzia di degli anni 2017 e 2018, per essere destinate:

cessazione dell’abbonamento radiotelevisivo a) all’ampliamento sino ad euro 8.000 della

per suggellamento, di cui all’articolo 10, soglia reddituale prevista dall’articolo 1,

primo comma, del regio decreto-legge 21 comma 132, della legge 24 dicembre 2007,

febbraio 1938, n. 246, convertito dalla legge n. 244, ai fini della esenzione dal paga-

4 giugno 1938, n. 880. Restano ferme la di- mento del canone di abbonamento televisivo

sciplina vigente in materia di accertamento e in favore di soggetti di età pari o superiore

riscossione coattiva e le disposizioni in ma- a settantacinque anni; b) al finanziamento,

teria di canone di abbonamento speciale per fino ad un importo massimo di 50 milioni

la detenzione fuori dell’ambito familiare, di euro in ragione d’anno, di un Fondo

salvo quanto disposto dal precedente pe- per il pluralismo e l’innovazione dell’infor-

riodo. mazione, da istituire nello stato di previ-

— 36 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



sione del Ministero dello sviluppo econo- ciari e le procedure di erogazione delle ri-

mico; c) al Fondo per la riduzione della sorse del Fondo di cui alla lettera b) del

pressione fiscale, di cui all’articolo 1, comma 160, da assegnare in favore delle

comma 431, della legge 27 dicembre 2013, emittenti radiofoniche e televisive locali

n. 147, e successive modificazioni. Le per la realizzazione di obiettivi di pubblico

somme di cui al presente comma sono ripar- interesse, quali la promozione del pluralismo

tite con decreto del Ministro dell’economia dell’informazione, il sostegno dell’occupa-

e delle finanze, di concerto con il Ministro zione nel settore, il miglioramento dei livelli

dello sviluppo economico, che stabilisce al- qualitativi dei contenuti forniti e l’incentiva-

tresì le modalità di fruizione dell’esenzione zione dell’uso di tecnologie innovative.

di cui alla lettera a), ferma restando l’asse- 164. Con effetto a decorrere dalla data di

gnazione alla società RAI-Radiotelevisione entrata in vigore del regolamento di cui al

italiana Spa della restante quota delle even- comma 163, sono abrogate le disposizioni

tuali maggiori entrate versate a titolo di ca- vigenti relative alle provvidenze in favore

none di abbonamento. Le quote delle entrate delle emittenti radiofoniche e televisive ope-

del canone di abbonamento già destinate ranti in ambito locale, e in particolare le se-

dalla legislazione vigente a specifiche fina- guenti:

lità sono attribuite sulla base dell’ammon-
a) articolo 45, comma 3, della legge 23
tare delle predette somme iscritte nel bilan-
dicembre 1998, n. 448;
cio di previsione per l’anno 2016, ovvero
b) articolo 145, commi 18 e 19, della
dell’ammontare versato al predetto titolo
legge 23 dicembre 2000, n. 388;
nell’esercizio di riferimento, se inferiore
c) articolo 52, comma 18, della legge
alla previsione per il 2016. Le somme di
28 dicembre 2001, n. 448;
cui al presente comma non impegnate in
d) articolo 4, comma 190, della legge
ciascun esercizio possono esserlo in quello
24 dicembre 2003, n. 350;
successivo.
e) articolo 1, comma 1247, ultimo pe-
161. Il Ministro dell’economia e delle fi-
riodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
nanze è autorizzato ad apportare, con propri

decreti, le occorrenti variazioni di bilancio,
165. Le maggiori entrate derivanti dalle
anche in conto dei residui. Alle suddette
procedure di assegnazione dei diritti d’uso
somme si applica quanto previsto dall’arti-
delle frequenze in banda 3.6-3.8 GHz, se-
colo 34, comma 7, ultimo periodo, della
condo quanto previsto dall’Autorità per le
legge 31 dicembre 2009, n. 196, e succes-
garanzie nelle comunicazioni, sono versate
sive modificazioni.
all’entrata del bilancio dello Stato per essere
162. Nel Fondo di cui al comma 160, let-
riassegnate allo stato di previsione del Mini-
tera b), confluiscono altresì le risorse iscritte
stero dello sviluppo economico per il perse-
nello stato di previsione del Ministero dello
guimento delle seguenti finalità:
sviluppo economico relative ai contributi in

favore delle emittenti radiofoniche e televi- a) promuovere la digitalizzazione dei

sive in ambito locale. contenuti editoriali e incentivare, per gli

163. Con regolamento da adottare ai sensi anni 2016 e 2017, nelle zone di consegna

dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 dei prodotti postali a giorni alterni, abbona-

agosto 1988, n. 400, e succesive modifica- menti ai quotidiani in forma digitale;

zioni, su proposta del Ministro dello svi- b) individuare idonee modalità di ri-

luppo economico, di concerto con il Mini- storo di eventuali spese connesse al cambio

stro dell’economia e delle finanze, sono sta- di tecnologia (refarming) sostenute dagli at-

biliti i criteri di riparto tra i soggetti benefi- tuali assegnatari della suddetta banda;

— 37 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



c) realizzare una consultazione pubblica un multiplex televisivo preferibilmente iso-

sugli obblighi del servizio pubblico, radiofo- canale con copertura del territorio nazionale

nico, televisivo e multimediale, in vista del- che raggiunga almeno il 70 per cento della

l’affidamento della concessione del mede- popolazione. Al fine di rimborsare gli im-

simo servizio; porti di aggiudicazione corrisposti dall’ope-

d) compiere interventi di infrastruttura- ratore di rete che mette a disposizione senza

zione di reti di banda ultra larga per la con- oneri per la Città del Vaticano per un pe-

nessione degli edifici scolastici e incentivare riodo pari alla durata dell’Accordo la capa-

gli istituti scolastici che attivano il servizio cità trasmissiva pari a 4 M/bits ai sensi

di connettività su reti a banda ultraveloci. del primo periodo, è autorizzata la spesa

di 2,724 milioni di euro annui a decorrere

166. Con decreto del Ministro dello svi- dall’anno 2016.

luppo economico, di concerto con il Mini- 168. A seguito dell’aggiudicazione resta

stro dell’economia e delle finanze, da adot- salva la facoltà delle parti di stipulare patti

tare entro i trenta giorni successivi all’in- in deroga a quanto disposto dal comma 167.

casso delle entrate di cui al comma 165, 169. Al fine di realizzare attività di stu-

sono determinate le effettive maggiori en- dio, verifiche tecniche ed interventi in

trate rispetto a quelle previste nei saldi di fi- tema di attribuzione di frequenze aggiuntive

nanza pubblica nonché la ripartizione di tali a specifici servizi, propedeutiche alla razio-

risorse tra le finalità indicate al medesimo nalizzazione della banda 700 MHz, e per

comma. Con uno o più successivi decreti l’armonizzazione internazionale dell’uso

del Ministro dello sviluppo economico dello spettro, è costituito un apposito Fondo

sono individuate le modalità operative e le per il riassetto dello spettro radio presso il

procedure per l’attuazione delle suddette fi- Ministero dello sviluppo economico con

nalità. Il Ministro dell’economia e delle fi- una dotazione di euro 276.000 annui a de-

nanze è autorizzato ad apportare, con propri correre dal 2016. Con successivo decreto

decreti, le occorrenti variazioni di bilancio del Ministro dello sviluppo economico, da

nello stato di previsione del Ministero dello emanare entro sessanta giorni dalla data di

sviluppo economico. entrata in vigore della presente legge, sono

167. Al fine di dare attuazione all’Ac- individuate le specifiche modalità di utiliz-

cordo tra l’Italia e la Santa Sede in materia zazione del Fondo e di realizzazione delle

di radiodiffusione televisiva e sonora del 14 attività.

e 15 giugno 2010, il Ministero dello svi- 170. I maggiori o minori valori che deri-

luppo economico predispone entro trenta vano dalla riduzione o conversione di stru-

giorni dalla data di entrata in vigore della menti di capitale nei casi di cui al titolo

presente legge una procedura di gara con of- IV, capo II, del decreto legislativo 16 no-

ferte economiche al ribasso a partire dalla vembre 2015, n. 180, e all’articolo 52,

tariffa annuale massima per ogni M/bits sta- comma 1, lettera a), numeri ii) e iii), del

bilita per abitante dall’articolo 27, comma 3, medesimo decreto legislativo n. 180 del

del regolamento di cui all’allegato A alla 2015, non concorrono alla formazione del

delibera dell’Autorità per le garanzie nelle reddito complessivo ai fini delle imposte

comunicazioni n. 353/11/Cons del 23 giugno sul reddito e alla determinazione del valore

2011 per selezionare un operatore di rete già della produzione netta del soggetto che ha

titolare di diritto d’uso che metta a disposi- emesso gli strumenti.

zione senza oneri per la Città del Vaticano 171. Fermo restando quanto stabilito dal

per un periodo pari alla durata dell’Accordo comma 170, i maggiori o minori valori

una capacità trasmissiva pari a 4 M/bits su che derivano dall’attuazione di una misura

— 38 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



di risoluzione di cui all’articolo 39, comma per le quali i contributi dovuti non sono

1, lettera d), del decreto legislativo 16 no- stati determinati.

vembre 2015, n. 180, i conferimenti del 174. Dall’importo dei contributi di cui al

fondo di risoluzione, di cui all’articolo 49, comma 172 e dei diritti amministrativi per

comma 5, del decreto legislativo n. 180 gli operatori nazionali e locali, titolari di

del 2015, e le somme corrisposte dal si- autorizzazione generale per l’attività di ope-

stema di garanzia dei depositanti, di cui al- ratore di rete televisiva in tecnologia digitale

l’articolo 86 del decreto legislativo n. 180 terrestre e per l’utilizzo di frequenze radioe-

del 2015, non concorrono alla formazione lettriche per i collegamenti in ponte radio,

del reddito complessivo ai fini delle imposte calcolati in base all’allegato n. 10 del codice

sul reddito, per la parte che eccede le per- delle comunicazioni elettroniche, di cui al

dite fiscali pregresse e di periodo, di cui al- decreto legislativo 1º agosto 2003, n. 259,

l’articolo 84 del testo unico delle imposte e successive modificazioni, devono derivare

sui redditi, di cui al decreto del Presidente entrate complessive annuali per il bilancio

della Repubblica 22 dicembre 1986, dello Stato in misura non inferiore a euro

n. 917, e alla determinazione del valore 32,8 milioni.

della produzione netta dell’ente sottoposto 175. Agli oneri derivanti dall’attuazione

a risoluzione. Ai fini del presente comma dei commi 172, 173 e 174, pari a 11 milioni

non si considera il limite dell’80 per cento di euro annui a decorrere dall’anno 2015, si

di cui al citato articolo 84 del testo unico provvede, per l’anno 2015, mediante utilizzo

di cui al decreto del Presidente della Repub- delle somme già versate, entro il 9 dicembre

blica n. 917 del 1986 e rilevano anche le 2015, all’entrata del bilancio dello Stato ai

perdite trasferite al consolidato nazionale sensi dell’articolo 148, comma 1, della

di cui all’articolo 117 del medesimo testo legge 23 dicembre 2000, n. 388, che restano

unico e non ancora utilizzate. acquisite all’erario per il corrispondente im-

porto, e, a decorrere dall’anno 2016, me-
172. L’importo dei contributi per i diritti
diante corrispondente riduzione del Fondo
d’uso delle frequenze televisive in tecnica
di cui all’articolo 1, comma 200, della legge
digitale, dovuto dagli operatori di rete in
23 dicembre 2014, n. 190.
ambito nazionale o locale, è determinato,
176. Le disposizioni dei commi da 172 a
con decreto del Ministero dello sviluppo
175 entrano in vigore il giorno successivo
economico, da emanare entro sessanta giorni
alla data di pubblicazione della presente
dalla data di pubblicazione della presente
legge nella Gazzetta Ufficiale.
legge nella Gazzetta Ufficiale, in modo tra-
177. Per le finalità di cui all’articolo 2,
sparente, proporzionato allo scopo, non di-
comma 3, del decreto-legge 30 dicembre
scriminatorio e obiettivo sulla base dell’e-
2009, n. 194, convertito, con modificazioni,
stensione geografica del titolo autorizzato,
dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, è auto-
del valore di mercato delle frequenze, te-
rizzata la spesa di 10 milioni di euro per
nendo conto di meccanismi premianti fina-
l’anno 2016. Agli oneri derivanti dal primo
lizzati alla cessione di capacità trasmissiva
periodo si provvede mediante corrispondente
a fini concorrenziali nonché all’uso di tec-
riduzione del fondo di cui all’articolo 1,
nologie innovative. L’articolo 3-quinquies,
comma 200, della legge 23 dicembre 2014,
comma 4, del decreto-legge 2 marzo 2012,
n. 190.
n. 16, convertito, con modificazioni, dalla
178. Al fine di promuovere forme di oc-
legge 26 aprile 2012, n. 44, è abrogato.
cupazione stabile, ai datori di lavoro privati,

173. Il regime contributivo di cui al con esclusione del settore agricolo, e con ri-

comma 172 si applica anche alle annualità ferimento alle nuove assunzioni con con-

— 39 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



tratto di lavoro a tempo indeterminato, con del lavoro e delle politiche sociali e al Mi-

esclusione dei contratti di apprendistato e nistero dell’economia e delle finanze.

dei contratti di lavoro domestico, decorrenti 179. Per i datori di lavoro del settore

dal 1º gennaio 2016 con riferimento a con- agricolo le disposizioni di cui al comma

tratti stipulati non oltre il 31 dicembre 178 si applicano:

2016, è riconosciuto, per un periodo mas-
a) nel limite di 1,1 milioni di euro per
simo di ventiquattro mesi, ferma restando
l’anno 2016, 2,8 milioni di euro per l’anno
l’aliquota di computo delle prestazioni pen-
2017, 1,8 milioni di euro per l’anno 2018,
sionistiche, l’esonero dal versamento del
0,1 milioni di euro per l’anno 2019 per i la-
40 per cento dei complessivi contributi pre-
voratori con qualifica di impiegati e diri-
videnziali a carico dei datori di lavoro, con
genti;
esclusione dei premi e contributi dovuti al-

l’INAIL, nel limite massimo di un importo b) nel limite di 1,6 milioni di euro per

di esonero pari a 3.250 euro su base annua. l’anno 2016, 8,8 milioni di euro per l’anno

L’esonero di cui al presente comma spetta 2017, 7,2 milioni di euro per l’anno 2018,

ai datori di lavoro in presenza delle nuove 0,8 milioni di euro per l’anno 2019, con ri-

assunzioni di cui al primo periodo, con ferimento alle nuove assunzioni con con-

esclusione di quelle relative a lavoratori tratto di lavoro a tempo indeterminato, con

che nei sei mesi precedenti siano risultati esclusione dei contratti di apprendistato, de-

occupati a tempo indeterminato presso qual- correnti dal 1º gennaio 2016 con riferimento

siasi datore di lavoro, e non spetta con rife- a contratti stipulati non oltre il 31 dicembre

rimento a lavoratori per i quali il beneficio 2016, con esclusione dei lavoratori che nel-

di cui al presente comma ovvero di cui al- l’anno 2015 siano risultati occupati a tempo

l’articolo 1, comma 118, della legge 23 di- indeterminato e relativamente ai lavoratori

cembre 2014, n. 190, sia già stato usufruito occupati a tempo determinato che risultino

in relazione a precedente assunzione a iscritti negli elenchi nominativi per un nu-

tempo indeterminato. L’esonero di cui al mero di giornate di lavoro non inferiore a

presente comma non è cumulabile con altri 250 giornate con riferimento all’anno 2015.

esoneri o riduzioni delle aliquote di finan-

ziamento previsti dalla normativa vigente. 180. L’esonero contributivo di cui al

L’esonero di cui al presente comma non comma 179 è riconosciuto dall’ente previ-

spetta ai datori di lavoro in presenza di as- denziale in base all’ordine cronologico di

sunzioni relative a lavoratori in riferimento presentazione delle domande e, nel caso di

ai quali i datori di lavoro, ivi considerando insufficienza delle risorse indicate al comma

società controllate o collegate ai sensi del- 179, valutata anche su base pluriennale con

l’articolo 2359 del codice civile o facenti riferimento alla durata dell’esonero, l’ente

capo, anche per interposta persona, allo previdenziale non prende in considerazione

stesso soggetto, hanno comunque già in es- ulteriori domande, fornendo immediata co-

sere un contratto a tempo indeterminato municazione anche attraverso il proprio

nei tre mesi antecedenti la data di entrata sito internet. L’ente previdenziale provvede

in vigore della presente legge. L’INPS prov- al monitoraggio delle minori entrate valutate

vede, con le risorse umane, strumentali e fi- con riferimento alla durata dell’incentivo,

nanziarie disponibili a legislazione vigente, inviando relazioni mensili al Ministero del

al monitoraggio del numero di rapporti di lavoro e delle politiche sociali, al Ministero

lavoro attivati ai sensi del presente comma delle politiche agricole alimentari e forestali

e delle conseguenti minori entrate contribu- ed al Ministero dell’economia e delle fi-

tive, inviando relazioni mensili al Ministero nanze.

— 40 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



181. Il datore di lavoro che subentra nella privato e con riferimento ai titolari di red-

fornitura di servizi in appalto e che assume, dito di lavoro dipendente di importo non su-

ancorché in attuazione di un obbligo preesi- periore, nell’anno precedente quello di per-

stente, stabilito da norme di legge o della
cezione delle somme di cui al comma 182,
contrattazione collettiva, un lavoratore per
a euro 50.000. Se il sostituto d’imposta te-
il quale il datore di lavoro cessante fruisce
nuto ad applicare l’imposta sostitutiva non
dell’esonero contributivo di cui ai commi
è lo stesso che ha rilasciato la certificazione
178 o 179, preserva il diritto alla fruizione
unica dei redditi per l’anno precedente, il
dell’esonero contributivo medesimo nei li-

miti della durata e della misura che residua beneficiario attesta per iscritto l’importo

computando, a tal fine, il rapporto di lavoro del reddito di lavoro dipendente conseguito

con il datore di lavoro cessante. nel medesimo anno.

182. Salva espressa rinuncia scritta del
187. Ai fini dell’applicazione delle dispo-
prestatore di lavoro, sono soggetti a una im-
sizioni di cui ai commi da 182 a 191, le
posta sostitutiva dell’imposta sul reddito
somme e i valori di cui ai commi 182 e
delle persone fisiche e delle addizionali re-
184 devono essere erogati in esecuzione
gionali e comunali pari al 10 per cento, en-

tro il limite di importo complessivo di 2.000 dei contratti aziendali o territoriali di cui al-

euro lordi, i premi di risultato di ammontare l’articolo 51 del decreto legislativo 15 giu-

variabile la cui corresponsione sia legata ad gno 2015, n. 81.

incrementi di produttività, redditività, qua-
188. Con decreto del Ministro del lavoro
lità, efficienza ed innovazione, misurabili e
e delle politiche sociali, di concerto con il
verificabili sulla base di criteri definiti con
Ministro dell’economia e delle finanze, da
il decreto di cui al comma 188, nonché le
emanare entro sessanta giorni dalla data di
somme erogate sotto forma di partecipa-
entrata in vigore della presente legge, sono
zione agli utili dell’impresa.

183. Ai fini della determinazione dei stabiliti i criteri di misurazione degli incre-

premi di produttività, è computato il periodo menti di produttività, redditività, qualità, ef-

obbligatorio di congedo di maternità. ficienza ed innovazione di cui al comma

184. Le somme e i valori di cui al 182 nonché le modalità attuative delle previ-

comma 2 e all’ultimo periodo del comma sioni contenute nei commi da 182 a 191,

3 dell’articolo 51 del testo unico di cui al
compresi gli strumenti e le modalità di par-
decreto del Presidente della Repubblica 22
tecipazione all’organizzazione del lavoro, di
dicembre 1986, n. 917, non concorrono,
cui al comma 189. Il decreto prevede altresì
nel rispetto dei limiti ivi indicati, a formare
le modalità del monitoraggio dei contratti
il reddito di lavoro dipendente, né sono sog-
aziendali o territoriali di cui al comma 187.
getti all’imposta sostitutiva disciplinata dai

commi da 182 a 191, anche nell’eventualità 189. Il limite di cui al comma 182 è au-

in cui gli stessi siano fruiti, per scelta del mentato fino ad un importo non superiore a

lavoratore, in sostituzione, in tutto o in 2.500 euro per le aziende che coinvolgono

parte, delle somme di cui al comma 182.
pariteticamente i lavoratori nell’organizza-
185. Per l’accertamento, la riscossione, le
zione del lavoro, con le modalità specificate
sanzioni e il contenzioso, si applicano, in
nel decreto di cui al comma 188.
quanto compatibili, le ordinarie disposizioni

in materia di imposte dirette. 190. All’articolo 51 del testo unico delle

186. Le disposizioni di cui ai commi da imposte sui redditi, di cui al decreto del

182 a 185 trovano applicazione per il settore Presidente della Repubblica 22 dicembre

— 41 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



1986, n. 917, sono apportate le seguenti mo- parole: «al 10 per cento» sono sostituite

difiche: dalle seguenti: «a 38,3 milioni di euro per

l’anno 2016, a 36,2 milioni di euro per
a) al comma 2:
l’anno 2017 e a 35,6 milioni di euro per
1) la lettera f) è sostituita dalla se-
l’anno 2018». Le risorse del Fondo di cui
guente:
all’articolo 1, comma 68, ultimo periodo,

«f) l’utilizzazione delle opere e dei della legge 24 dicembre 2007, n. 247, e suc-

servizi riconosciuti dal datore di lavoro vo- cessive modificazioni, sono ridotte di 344,7

lontariamente o in conformità a disposizioni milioni di euro per l’anno 2016, 325,8 mi-

di contratto o di accordo o di regolamento lioni di euro per l’anno 2017, 320,4 milioni

aziendale, offerti alla generalità dei dipen- di euro per l’anno 2018, 344 milioni di euro

denti o a categorie di dipendenti e ai fami- per l’anno 2019, 329 milioni di euro per

liari indicati nell’articolo 12 per le finalità l’anno 2020, 310 milioni di euro per l’anno

di cui al comma 1 dell’articolo 100»; 2021 e 293 milioni di euro annui a decor-

2) la lettera f-bis) è sostituita dalla rere dall’anno 2022.

seguente: 192. Al fine di assicurare l’efficacia e la

«f-bis) le somme, i servizi e le sostenibilità della strategia nazionale per la

prestazioni erogati dal datore di lavoro alla valorizzazione dei beni e delle aziende con-

generalità dei dipendenti o a categorie di di- fiscate alla criminalità organizzata ed il cor-

pendenti per la fruizione, da parte dei fami- retto funzionamento del sistema di monito-

liari indicati nell’articolo 12, dei servizi di raggio analitico sull’utilizzo di tali beni, in

educazione e istruzione anche in età presco- coerenza con quanto previsto dal Pro-

lare, compresi i servizi integrativi e di gramma nazionale di riforma contenuto nel

mensa ad essi connessi, nonché per la fre- Documento di economia e finanza 2015,

quenza di ludoteche e di centri estivi e in- l’Agenzia nazionale per l’amministrazione

vernali e per borse di studio a favore dei e la destinazione dei beni sequestrati e con-

medesimi familiari»; fiscati alla criminalità organizzata promuove

specifiche azioni di rafforzamento e svi-
3) dopo la lettera f-bis) è inserita la
luppo delle competenze, anche interne, ne-
seguente:
cessarie per l’efficace svolgimento delle
«f-ter) le somme e le prestazioni
funzioni istituzionali.
erogate dal datore di lavoro alla generalità
193. Alla realizzazione delle misure di cui
dei dipendenti o a categorie di dipendenti
al comma 192 concorrono, nel limite mas-
per la fruizione dei servizi di assistenza ai
simo di 5 milioni di euro per ciascuno degli
familiari anziani o non autosufficienti indi-
anni 2016, 2017 e 2018, le risorse previste
cati nell’articolo 12»;
nell’ambito dei programmi operativi nazio-

b) dopo il comma 3 è inserito il se- nali della Commissione europea 2014/2020

guente: «Governance e capacità istituzionale» e

«3-bis. Ai fini dell’applicazione dei «Legalità», nonché dei programmi di azione

commi 2 e 3, l’erogazione di beni, presta- e coesione di cui alla delibera CIPE n. 10/

zioni, opere e servizi da parte del datore 2015 del 28 gennaio 2015, previa verifica

di lavoro può avvenire mediante documenti di coerenza da parte delle rispettive Autorità

di legittimazione, in formato cartaceo o elet- di gestione con gli obiettivi dei predetti pro-

tronico, riportanti un valore nominale». grammi.

194. Nell’ambito dei programmi cofinan-

191. All’articolo 25, comma 1, del de- ziati dall’Unione europea per il periodo

creto legislativo 15 giugno 2015, n. 80, le 2014/2020 e degli interventi complementari

— 42 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



alla programmazione dell’Unione europea di alla criminalità organizzata, come indivi-

cui alla citata delibera CIPE n. 10/2015, a duate al medesimo comma 195;

titolarità delle amministrazioni regionali, gli b) nella misura di 7 milioni di euro an-

enti interessati possono pianificare, di con- nui, in un’apposita sezione del Fondo per la

certo con l’Agenzia nazionale per l’ammini- crescita sostenibile, di cui all’articolo 23 del

strazione e la destinazione dei beni seque- decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, con-

strati e confiscati alla criminalità organiz- vertito, con modificazioni, dalla legge 7

zata, specifiche azioni rivolte all’efficace va- agosto 2012, n. 134, per l’erogazione di fi-

lorizzazione dei predetti beni. nanziamenti agevolati in favore delle im-

prese di cui alla lettera a).
195. Per ciascun anno del triennio 2016-

2018 è autorizzata la spesa di 10 milioni
197. Con decreto del Ministro dello svi-
di euro al fine di assicurare alle aziende se-
luppo economico, di concerto con il Mini-
questrate e confiscate alla criminalità orga-
nizzata nei procedimenti penali per i delitti stro dell’economia e delle finanze, sentito

di cui all’articolo 51, comma 3-bis, del co- il Ministro della giustizia, sono determinati,

dice di procedura penale e nei procedimenti nel rispetto delle vigenti disposizioni in ma-

di applicazione di misure di prevenzione pa- teria di aiuti di Stato, i limiti, i criteri e le

trimoniali, limitatamente ai soggetti destina- modalità per la concessione delle garanzie

tari di cui all’articolo 4, comma 1, lettere a) e dei finanziamenti di cui al comma 196,

e b), del codice di cui al decreto legislativo lettere a) e b). I predetti criteri sono formu-

6 settembre 2011, n. 159, la continuità del lati avuto particolare riguardo per le imprese

credito bancario e l’accesso al medesimo, che presentano gravi difficoltà di accesso al

il sostegno agli investimenti e agli oneri ne- credito.

cessari per gli interventi di ristrutturazione 198. In caso di revoca del provvedimento

aziendale, la tutela dei livelli occupazionali, di sequestro, in qualunque stato e grado del

la promozione di misure di emersione del procedimento, l’avente diritto, quale condi-

lavoro irregolare, la tutela della salute e zione per la restituzione dell’azienda, è te-

della sicurezza del lavoro, il sostegno alle nuto a rimborsare gli importi liquidati dalla

cooperative previste dall’articolo 48, comma sezione di cui al comma 196, lettera a), a

3, lettera c), e comma 8, lettera a), del ci- seguito dell’eventuale escussione della ga-

tato codice di cui al decreto legislativo ranzia. Con il decreto di cui al comma

n. 159 del 2011. 197 sono disciplinate le modalità per la re-

stituzione, con applicazione di interessi a
196. Le risorse di cui al comma 195 con-
tassi di mercato, della quota residua del fi-
fluiscono:
nanziamento erogato, per il caso di revoca

a) nella misura di 3 milioni di euro an- del provvedimento di sequestro.

nui, in un’apposita sezione del Fondo di ga- 199. Presso il Ministero dello sviluppo

ranzia per le piccole e medie imprese, di cui economico è istituito il Fondo per il credito

all’articolo 2, comma 100, lettera a), della alle aziende vittime di mancati pagamenti,

legge 23 dicembre 1996, n. 662, destinata con una dotazione di 10 milioni di euro an-

alla concessione di garanzie per operazioni nui per il triennio 2016-2018, avente come

finanziarie erogate in favore di imprese, di finalità il sostegno alle piccole e medie im-

qualunque dimensione, sequestrate o confi- prese che entrano in crisi a causa della man-

scate alla criminalità organizzata, come indi- cata corresponsione di denaro da parte di al-

viduate al comma 195 del presente articolo, tre aziende debitrici.

ovvero di imprese che rilevano i complessi 200. Possono accedere al Fondo di cui al

aziendali di quelle sequestrate o confiscate comma 199, con le modalità stabilite dal

— 43 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



comma 201, le piccole e medie imprese che que mesi dalla nascita del figlio, nonché il

risultano parti offese in un procedimento pe- congedo facoltativo da utilizzare nello stesso

nale, in corso alla data di entrata in vigore periodo, in alternativa alla madre che si

della presente legge, a carico delle aziende trovi in astensione obbligatoria, previsti in

debitrici imputate dei delitti di cui agli arti- via sperimentale per gli anni 2013, 2014 e

coli 629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (in- 2015 dall’articolo 4, comma 24, lettera a),

solvenza fraudolenta) del codice penale e della legge 28 giugno 2012, n. 92, sono pro-

di cui all’articolo 2621 del codice civile rogati sperimentalmente per l’anno 2016 ed

(false comunicazioni sociali). il congedo obbligatorio è aumentato a due

201. Con decreto del Ministro dello svi- giorni, che possono essere goduti anche in

luppo economico, di concerto con il Mini- via non continuativa. Ai medesimi congedi,

stro dell’economia e delle finanze, sono de- obbligatorio e facoltativo, si applica la disci-

terminati, nel rispetto delle vigenti disposi- plina recata dal decreto del Ministro del la-

zioni in materia di aiuti di Stato, i limiti, i voro e delle politiche sociali 22 dicembre

criteri e le modalità per la concessione dei 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

finanziamenti agevolati da parte dello Stato n. 37 del 13 febbraio 2013. Alla copertura

nei confronti delle imprese di cui al comma dell’onere derivante dal presente comma,

200. valutato in 24 milioni di euro per l’anno

202. In caso di assoluzione delle aziende 2016, si provvede quanto a 14 milioni di

imputate per i delitti di cui al comma 200, euro mediante corrispondente riduzione del

i soggetti beneficiari dei finanziamenti age- Fondo sociale per occupazione e formazione

volati sono tenuti al rimborso delle somme di cui all’articolo 18, comma 1, lettera a),

erogate secondo le modalità stabilite dal de- del decreto-legge 29 novembre 2008,

creto di cui al comma 201. n. 185, convertito, con modificazioni, dalla

203. Per i lavoratori autonomi, titolari di legge 28 gennaio 2009, n. 2.

posizione fiscale ai fini dell’imposta sul va- 206. Il Fondo per il finanziamento ordina-

lore aggiunto, iscritti alla gestione separata rio delle università è incrementato di 6 mi-

di cui all’articolo 2, comma 26, della legge lioni di euro per l’anno 2016 e di 10 milioni

8 agosto 1995, n. 335, che non risultino di euro annui a decorrere dall’anno 2017. A

iscritti ad altre gestioni di previdenza obbli- valere sulle risorse di cui al primo periodo,

gatoria né pensionati, l’aliquota contributiva con decreto del Ministro dell’istruzione, del-

di cui all’articolo 1, comma 79, della legge l’università e della ricerca, di concerto con

24 dicembre 2007, n. 247, e successive mo- il Ministro dell’economia e delle finanze,

dificazioni, è confermata al 27 per cento an- da emanare entro il 31 gennaio 2016, è ap-

che per l’anno 2016. provato un piano straordinario per la chia-

204. Al fine di favorire la tutela del la- mata di professori di prima fascia, inclusi

voro autonomo non imprenditoriale e l’arti- coloro che hanno ottenuto l’idoneità ai sensi

colazione flessibile nei tempi e nei luoghi della legge 3 luglio 1998, n. 210, tenuto

del lavoro subordinato a tempo indetermi- conto che, ai sensi dell’articolo 18, comma

nato, è istituito nello stato di previsione 4, della legge 30 dicembre 2010, n. 240, al-

del Ministero del lavoro e delle politiche so- meno il 20 per cento delle risorse deve es-

ciali un fondo con una dotazione finanziaria sere destinato a soggetti esterni all’ateneo

di 10 milioni di euro per l’anno 2016 e di chiamante. Le chiamate di cui al precedente

50 milioni di euro annui a decorrere dal- periodo sono effettuate secondo le procedure

l’anno 2017. di cui all’articolo 18, comma 1, ovvero di

205. Il congedo obbligatorio per il padre cui all’articolo 29, comma 4, della legge

lavoratore dipendente, da fruire entro i cin- n. 240 del 2010.

— 44 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



207. Al fine di accrescere l’attrattività e colo 1, comma 9, della legge 4 novembre

la competitività del sistema universitario ita- 2005, n. 230, al primo periodo sono ag-

liano a livello internazionale, nel rispetto giunte, in fine, le seguenti parole: «ovvero

dell’autonomia degli atenei, nello stato di di studiosi di elevato e riconosciuto merito

previsione del Ministero dell’istruzione, del- scientifico, previamente selezionati mediante

l’università e della ricerca è istituito, in via procedure nazionali, e nel rispetto di criteri

sperimentale, per finanziare chiamate dirette volti ad accertare l’eccellenza dei percorsi

di studiosi di elevato e riconosciuto merito individuali di ricerca scientifica» e al quarto

scientifico previamente selezionati nel ri- periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti

spetto di criteri volti ad accertare l’eccel- parole: «o che siano studiosi di elevato e ri-

lenza dei percorsi individuali di ricerca conosciuto merito scientifico previamente

scientifica esclusivamente secondo le proce- selezionati come indicato nel primo pe-

dure di cui al presente comma e ai commi riodo».

da 208 a 211, un fondo speciale denominato
210. Con decreto del Presidente del Con-
«Fondo per le cattedre universitarie del me-
siglio dei ministri, da emanare entro novanta
rito Giulio Natta», al quale sono assegnati
giorni dalla data di entrata in vigore della
38 milioni di euro nell’anno 2016 e 75 mi-
presente legge, di concerto con il Ministro
lioni di euro a decorrere dall’anno 2017.
dell’istruzione, dell’università e della ricerca
208. In deroga alle norme sul recluta-
e con il Ministro dell’economia e delle fi-
mento dei professori universitari previste
nanze, previo parere delle Commissioni par-
dalla legge 30 dicembre 2010, n. 240, il
lamentari competenti per materia e per i
Fondo di cui al comma 207 è destinato al
profili finanziari, le quali si esprimono entro
reclutamento straordinario per chiamata di-
trenta giorni dalla data di trasmissione, sono
retta di professori universitari di prima e
disciplinati:
di seconda fascia selezionati secondo proce-

dure nazionali e ai sensi dell’articolo 1, a) i criteri per valutare l’eccellenza dei

comma 9, secondo periodo, della legge 4 percorsi individuali di ricerca scientifica se-

novembre 2005, n. 230, come da ultimo condo i migliori standard valutativi nazio-

modificato dal comma 209 del presente arti- nali e internazionali propri dell’area scienti-

colo, e nel rispetto dei criteri di cui al fica di riferimento, con particolare riguardo

comma 210 volti a valorizzare l’eccellenza alla qualità della produzione scientifica indi-

e la qualificazione scientifica dei candidati,
viduale nei cinque anni precedenti alla pro-
ivi inclusi professori universitari già in ser-
cedura;
vizio presso atenei italiani. Per i professori
b) le modalità per l’attivazione e lo
di prima e di seconda fascia già in servizio
svolgimento della procedura di selezione
in atenei italiani, l’eventuale chiamata nella
dei soggetti di cui al comma 208;
stessa fascia ai sensi della presente proce-

dura comporta obbligatoriamente il cambia- c) l’inquadramento in una classe stipen-

mento della sede di appartenenza. Alle pro- diale che comporti un avanzamento non in-

cedure di chiamata nella stessa fascia e ai feriore a due classi rispetto a quella in godi-

conseguenti trasferimenti è annualmente de- mento in caso di permanenza nella stessa fa-

stinata una somma di 5,1 milioni di euro scia della qualifica di professore, e un in-

nell’anno 2016 e di 10 milioni di euro a de- quadramento non inferiore alla seconda

correre dal 2017, a valere sulle risorse di classe stipendiale della qualifica di riferi-

cui al comma 207. mento in caso di promozione o di attribu-

209. Ai fini delle chiamate dirette di cui zione della qualifica di professore di prima

al comma 208 del presente articolo, all’arti- o di seconda fascia;

— 45 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



d) la nomina e il funzionamento di rio, nel Fondo per il finanziamento ordinario

commissioni di valutazione, formate per delle università.

ogni area disciplinare da studiosi italiani e 213. Per tutelare la funzione e le infra-

stranieri di alta qualificazione operanti nel strutture di ricerca delle scienze religiose,

campo della ricerca scientifica e tecnologica, per dare continuità alla formazione di stu-

con oneri a carico del Fondo di cui al diosi e strumenti di studio dell’ebraismo,

comma 207; per rivitalizzare la tradizione e il patrimonio

e) il numero dei posti di professore di conoscenze sulla storia, le lingue e le cul-

universitario destinati al reclutamento straor- ture dell’Africa e dell’Oriente attraverso il

dinario di cui al comma 208, egualmente di- sostegno diretto ad istituzioni di riconosciuta

stribuiti tra la prima e la seconda fascia, in- competenza e adatte a promuovere la sicu-

dividuando altresì, all’interno di ciascuna fa- rezza del Paese attraverso la formazione e

scia, il numero dei posti destinati a profes- l’impegno di studiose e studiosi in un si-

sori di prima e seconda fascia già in servi- stema di relazioni scientifiche internazionali,

zio in atenei italiani, che concorrono per l’e- è autorizzata la spesa di 3 milioni di euro

ventuale chiamata nella stessa fascia; i cri- annui a decorrere dal 2016, da iscrivere in

teri per l’individuazione delle aree scientifi- apposito fondo istituito nello stato di previ-

che di riferimento: tali criteri possono essere sione del Ministero dell’istruzione, dell’uni-

anche informati a obiettivi di crescita e mi- versità e della ricerca.

glioramento di particolari aree della ricerca 214. Per il sostegno e l’attuazione degli

scientifica e tecnologica italiana; il 50 per interventi di cui al comma 213 il Ministero

cento dei posti di professore universitario dell’istruzione, dell’università e della ricerca

di prima e seconda fascia destinati al reclu- stipula appositi accordi di programma con

tamento straordinario di cui al comma 208 è amministrazioni pubbliche, enti pubblici,

attribuito entro un anno dalla data di indi- istituzioni scientifiche, infrastrutture e orga-

zione della relativa procedura selettiva; nismi di ricerca come definiti dall’articolo

f) le modalità di assegnazione all’ate- 2, punto 83, del regolamento (UE) n. 651/

neo, a valere sul Fondo di cui al comma 2014 della Commissione, del 17 giugno

207 a decorrere dalla data di assunzione in 2014.

servizio, delle risorse necessarie a coprire 215. Il termine del 31 dicembre 2015 di

gli oneri stipendiali, nonché l’eventuale con- cui all’articolo 6, comma 6-bis, del de-

corso dell’ateneo alla copertura di tali oneri creto-legge 31 dicembre 2014, n. 192, con-

mediante risorse proprie; il numero massimo vertito, con modificazioni, dalla legge 27

di chiamate dirette consentite ad ogni ateneo febbraio 2015, n. 11, è differito al 31 di-

a valere sul Fondo di cui al comma 207. cembre 2016. All’articolo 4, comma 9-bis,

del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101,

211. Nel caso in cui i professori chiamati convertito, con modificazioni, dalla legge

ai sensi del comma 208 cambino sede uni- 30 ottobre 2013, n. 125, al quarto periodo,

versitaria in Italia, le risorse occorrenti per le parole: «per l’anno 2014» sono sostituite

il relativo trattamento stipendiale, a valere dalle seguenti: «per l’anno 2015» e le pa-

sul Fondo di cui al comma 207, sono conse- role: «fino al 31 dicembre 2015» sono sosti-

guentemente assegnate all’ateneo di destina- tuite dalle seguenti: «fino al 31 dicembre

zione. 2016»; al quinto periodo, le parole: «Per

212. La quota parte delle risorse di cui al l’anno 2015» sono sostituite dalle seguenti:

comma 207 eventualmente non utilizzata per «Per l’anno 2016»; dopo il quinto periodo

le finalità di cui ai commi da 207 a 211 sono aggiunti i seguenti: «Fermo restando

confluisce, nel medesimo esercizio finanzia- il rispetto delle disposizioni di cui all’arti-

— 46 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



colo 1, commi 557, 557-quater e 562, primo di formazione bandito dal Ministero dell’i-

periodo, della legge 27 dicembre 2006, struzione, dell’università e della ricerca, sen-

n. 296, la proroga può essere disposta in de- tito il Ministero dell’economia e delle fi-

roga ai limiti o divieti prescritti dalle vigenti nanze, per tutti i posti vacanti nel triennio,

disposizioni di legge. Per l’anno 2016, agli fermo restando il regime autorizzatorio in

enti territoriali di cui al primo periodo del materia di assunzioni di cui all’articolo 39,

presente comma, che si trovino nelle condi- comma 3-bis, della legge 27 dicembre

zioni di cui all’articolo 259 del testo unico 1997, n. 449, e successive modificazioni.

di cui al decreto legislativo 18 agosto Al corso-concorso possono essere ammessi

2000, n. 267, non si applicano le disposi- candidati in numero superiore a quello dei

zioni di cui ai commi 6, 7 e 8 del medesimo posti, secondo una percentuale massima del

articolo. Per gli stessi enti, la proroga dei 20 per cento, determinata dal decreto di

rapporti di lavoro a tempo determinato è su- cui all’ultimo periodo del presente comma.

bordinata all’assunzione integrale degli oneri Al concorso per l’accesso al corso-concorso

a carico della regione ai sensi dall’articolo può partecipare il personale docente ed edu-

259, comma 10, del testo unico di cui al de- cativo delle istituzioni scolastiche ed educa-

creto legislativo 18 agosto 2000, n. 267». tive statali in possesso del relativo diploma

216. Nell’ottica di favorire il ricambio ge- di laurea magistrale ovvero di laurea conse-

nerazionale e l’immissione nella pubblica guita in base al previgente ordinamento, che

amministrazione di personale altamente qua- abbia maturato un’anzianità complessiva nel

lificato, oltre al reclutamento di professori e ruolo di appartenenza di almeno cinque

ricercatori previsto dai commi da 207 a 212 anni. È previsto il pagamento di un contri-

e dai commi da 247 a 252 e dei dirigenti buto, da parte dei candidati, per le spese

vincitori di procedure selettive già gestite della procedura concorsuale. Il concorso

dalla Scuola nazionale dell’amministrazione può comprendere una prova preselettiva e

(SNA), le facoltà assunzionali nel triennio comprende una o più prove scritte, cui

2016-2018 delle amministrazioni dello Stato sono ammessi tutti coloro che superano l’e-

sono prioritariamente finalizzate all’assun- ventuale preselezione, e una prova orale, a

zione di cinquanta dirigenti mediante appo- cui segue la valutazione dei titoli. Il corso-

sita procedura selettiva gestita dalla SNA e concorso si svolge in giorni e orari e con

di cinquanta unità nei profili iniziali della metodi didattici compatibili con l’attività di-

carriera prefettizia, nonché di dieci avvocati dattica svolta dai partecipanti, con eventuale

dello Stato e dieci procuratori dello Stato. riduzione del loro carico didattico. Le spese

Con decreto del Presidente del Consiglio di viaggio e alloggio sono a carico dei par-

dei ministri, su proposta del Ministro per tecipanti. Con decreto del Ministro dell’i-

la semplificazione e la pubblica amministra- struzione, dell’università e della ricerca

zione, di concerto con il Ministro dell’eco- sono definite le modalità di svolgimento

nomia e delle finanze, sono individuati i cri- delle procedure concorsuali, la durata del

teri della procedura selettiva e della riparti- corso e le forme di valutazione dei candidati

zione tra le amministrazioni interessate del ammessi al corso».

personale dirigenziale.
218. All’articolo 17 del decreto-legge 12

217. Il comma 1 dell’articolo 29 del de- settembre 2013, n. 104, convertito, con mo-

creto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è dificazioni, dalla legge 8 novembre 2013,

sostituito dal seguente: n. 128, sono apportate le seguenti modifica-

zioni:
«1. Il reclutamento dei dirigenti scolastici

si realizza mediante corso-concorso selettivo a) il comma 2 è abrogato;

— 47 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



b) il comma 3 è sostituito dal seguente: la data di entrata in vigore della presente

«3. Le risorse poste nella disponibilità legge, quelli concernenti i posti dirigenziali

della Scuola nazionale dell’amministrazione in enti pubblici nazionali o strutture organiz-

per il reclutamento e la formazione iniziale zative istituiti dopo il 31 dicembre 2011, i

dei dirigenti scolastici sono versate all’en- posti dirigenziali specificamente previsti

trata del bilancio dello Stato per la succes- dalla legge o appartenenti a strutture orga-

siva riassegnazione ai pertinenti capitoli nizzative oggetto di riordino negli anni

dello stato di previsione del Ministero dell’i- 2014 e 2015 con riduzione del numero dei

struzione, dell’università e della ricerca e posti e, comunque, gli incarichi conferiti a

costituiscono limite di spesa per l’organizza- dirigenti assunti per concorso pubblico ban-

zione dei corsi-concorsi di cui all’articolo dito prima della data di entrata in vigore

29 del decreto legislativo 30 marzo 2001, della presente legge o da espletare a norma

n. 165, e successive modificazioni. Il Mini- del comma 216, oppure in applicazione

stro dell’economia e delle finanze è autoriz- delle procedure di mobilità previste dalla

zato ad apportare, con propri decreti, le oc- legge. In ogni altro caso, in ciascuna ammi-

correnti variazioni di bilancio». nistrazione possono essere conferiti incarichi

dirigenziali solo nel rispetto del numero

219. Nelle more dell’adozione dei decreti complessivo dei posti resi indisponibili ai

legislativi attuativi degli articoli 8, 11 e 17 sensi del presente comma.

della legge 7 agosto 2015, n. 124, e dell’at- 220. Con decreto del Presidente del Con-

tuazione dei commi 422, 423, 424 e 425 siglio dei ministri, da adottare entro il 31

dell’articolo 1 della legge 23 dicembre gennaio 2016, su proposta del Ministro per

2014, n. 190, e successive modificazioni, la semplificazione e la pubblica amministra-

sono resi indisponibili i posti dirigenziali zione, di concerto con il Ministro dell’eco-

di prima e seconda fascia delle amministra- nomia e delle finanze, è effettuata la rico-

zioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma gnizione delle dotazioni organiche dirigen-

2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, ziali delle amministrazioni dello Stato, an-

n. 165, e successive modificazioni, come ri- che ad ordinamento autonomo, delle agen-

determinati in applicazione dell’articolo 2 zie, degli enti pubblici non economici, degli

del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, con- enti di ricerca, nonché degli enti pubblici di

vertito, con modificazioni, dalla legge 7 cui all’articolo 70, comma 4, del decreto le-

agosto 2012, n. 135, e successive modifica- gislativo 30 marzo 2001, n. 165, e succes-

zioni, vacanti alla data del 15 ottobre sive modificazioni.

2015, tenendo comunque conto del numero 221. Le regioni e gli enti locali provve-

dei dirigenti in servizio senza incarico o dono alla ricognizione delle proprie dota-

con incarico di studio e del personale diri- zioni organiche dirigenziali secondo i rispet-

genziale in posizione di comando, distacco, tivi ordinamenti, nonché al riordino delle

fuori ruolo o aspettativa. Gli incarichi confe- competenze degli uffici dirigenziali, elimi-

riti a copertura dei posti dirigenziali di cui nando eventuali duplicazioni. Allo scopo di

al primo periodo dopo la data ivi indicata garantire la maggior flessibilità della figura

e fino alla data di entrata in vigore della dirigenziale nonché il corretto funziona-

presente legge cessano di diritto alla mede- mento degli uffici, il conferimento degli in-

sima data di entrata in vigore, con risolu- carichi dirigenziali può essere attribuito

zione dei relativi contratti. Sono fatti salvi senza alcun vincolo di esclusività anche ai

i casi per i quali, alla data del 15 ottobre dirigenti dell’avvocatura civica e della poli-

2015, sia stato avviato il procedimento per zia municipale. Per la medesima finalità,

il conferimento dell’incarico e, anche dopo non trovano applicazione le disposizioni

— 48 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



adottate ai sensi dell’articolo 1, comma 5, di cui all’articolo 2, comma 7, del decreto-

della legge 6 novembre 2012, n. 190, ove legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito,

la dimensione dell’ente risulti incompatibile con modificazioni, dalla legge 30 ottobre

con la rotazione dell’incarico dirigenziale. 2013, n. 125, intervenendo coerentemente

222. Per il comparto scuola e AFAM, con le disposizioni di cui al predetto decreto

nonché per le università, continuano a tro- legislativo. Entro il predetto termine, il me-

vare applicazione le specifiche discipline di desimo Ministero provvede a dare attua-

settore. zione alle disposizioni di cui all’articolo 2,

223. All’articolo 1, comma 330, della comma 11, lettera b), del citato decreto-

legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole: legge n. 95 del 2012, con conseguente rias-

«2016/2017» sono sostituite dalle seguenti: sorbimento, entro il successivo anno, degli

«2017/2018». effetti derivanti dalle riduzioni di cui al ci-

224. Resta escluso dall’applicazione delle tato articolo 2, comma 1, lettere a) e b).

disposizioni di cui al comma 219 il perso- In caso di adozione del regolamento di cui

nale di cui all’articolo 3 del decreto legisla- al presente comma in data antecedente alla

tivo 30 marzo 2001, n. 165, delle città me- data di entrata in vigore del decreto legisla-

tropolitane e delle province adibito all’eser- tivo attuativo dell’articolo 8, comma 1, let-

cizio di funzioni fondamentali, degli uffici tera e), della legge 7 agosto 2015, n. 124,

giudiziari e dell’amministrazione della giu- il Ministero dell’interno provvede esclusiva-

stizia, dell’area medica e veterinaria e del mente agendo sugli uffici centrali.

ruolo sanitario del Servizio sanitario nazio- 226. Le regioni e gli enti locali che hanno

nale, il personale appartenente alla dirigenza conseguito gli obiettivi di finanza pubblica

di seconda fascia con funzione tecnico-ispet- possono compensare le somme da recupe-

tiva del Ministero dell’istruzione, dell’uni- rare di cui al primo periodo del comma 1

versità e della ricerca nonché, per le fun- dell’articolo 4 del decreto-legge 6 marzo

zioni specifiche attribuite dalla legge, il per- 2014, n. 16, convertito, con modificazioni,

sonale preposto ai posti dirigenziali del Di- dalla legge 2 maggio 2014, n. 68, anche at-

partimento della protezione civile della Pre- traverso l’utilizzo dei risparmi effettiva-

sidenza del Consiglio dei ministri. È escluso mente derivanti dalle misure di razionalizza-

altresì il personale delle agenzie di cui al zione organizzativa adottate ai sensi del

decreto legislativo 24 settembre 2015, comma 221, certificati dall’organo di revi-

n. 157. sione, comprensivi di quelli derivanti dal-

225. Entro un anno dalla data di entrata l’applicazione del comma 228.

in vigore del decreto legislativo attuativo 227. Le amministrazioni di cui all’articolo

dell’articolo 8, comma 1, lettera e), della 3, commi 1 e 2, del decreto-legge 24 giugno

legge 7 agosto 2015, n. 124, ferme restando 2014, n. 90, convertito, con modificazioni,

le riduzioni delle dotazioni organiche previ- dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, possono

ste dall’articolo 2, comma 1, lettere a) e b), procedere, per gli anni 2016, 2017 e 2018,

del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, con- ad assunzioni di personale a tempo indeter-

vertito, con modificazioni, dalla legge 7 minato di qualifica non dirigenziale nel li-

agosto 2012, n. 135, e la conseguente ride- mite di un contingente di personale corri-

terminazione degli organici adottata con de- spondente, per ciascuno dei predetti anni,

creto del Presidente del Consiglio dei mini- ad una spesa pari al 25 per cento di quella

stri 22 maggio 2015, pubblicato nella Gaz- relativa al medesimo personale cessato nel-

zetta Ufficiale n. 217 del 18 settembre l’anno precedente. Per i ricercatori e tecno-

2015, il Ministero dell’interno provvede a logi restano ferme le percentuali di turn

predisporre il regolamento di organizzazione over previste dall’articolo 3, comma 2, del

— 49 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, con- fine di definire il processo di mobilità del

vertito, con modificazioni, dalla legge 11 personale degli enti di area vasta destinato

agosto 2014, n. 114. Al fine di garantire la a funzioni non fondamentali, come indivi-

continuità nell’attuazione delle attività di ri- duato dall’articolo 1, comma 421, della ci-

cerca, tenuto conto di quanto disposto dal- tata legge n. 190 del 2014, restano ferme

l’articolo 2, comma 4, del decreto legisla- le percentuali stabilite dall’articolo 3,

tivo 15 giugno 2015, n. 81, e nelle more comma 5, del decreto-legge 24 giugno

della emanazione dei decreti di riordino di 2014, n. 90, convertito, con modificazioni,

cui all’articolo 17, comma 1, della legge 7 dalla legge 11 agosto 2014, n. 114. Il

agosto 2015, n. 124, gli istituti e gli enti comma 5-quater dell’articolo 3 del de-

di ricerca possono continuare ad avvalersi creto-legge 24 giugno 2014, n. 90, conver-

del personale con contratto di collaborazione tito, con modificazioni, dalla legge 11 ago-

coordinata e continuativa in essere alla data sto 2014, n. 114, è disapplicato con riferi-

del 31 dicembre 2015, mediante l’attiva- mento agli anni 2017 e 2018.

zione, previa verifica di idoneità, di contratti 229. A decorrere dall’anno 2016, fermi

a tempo determinato a valere sulle risorse restando i vincoli generali sulla spesa di

disponibili, ai sensi dell’articolo 1, comma personale, i comuni istituiti a decorrere dal-

188, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, l’anno 2011 a seguito di fusione nonché le

e successive modificazioni, nonché, nel li- unioni di comuni possono procedere ad as-

mite del 30 per cento, sulle risorse derivanti sunzioni di personale a tempo indeterminato

dalle facoltà assunzionali disponibili a legi- nel limite del 100 per cento della spesa re-

slazione vigente, senza nuovi o maggiori lativa al personale di ruolo cessato dal servi-

oneri a carico della finanza pubblica. Per zio nell’anno precedente.

il personale delle qualifiche dirigenziali, al 230. Il Fondo per il funzionamento delle

netto delle posizioni rese indisponibili ai istituzioni scolastiche, di cui all’articolo 1,

sensi del comma 219, è assicurato nell’anno comma 601, della legge 27 dicembre 2006,

2016 il turn over nei limiti delle capacità n. 296, e successive modificazioni, è incre-

assunzionali. Resta escluso dalle disposi- mentato di euro 23,5 milioni per l’anno

zioni di cui al presente comma il personale 2016.

di cui all’articolo 3 del decreto legislativo
231. All’articolo 1 della legge 13 luglio
30 marzo 2001, n. 165. Sono conseguente-
2015, n. 107, sono apportate le seguenti mo-
mente ridotti gli stanziamenti di bilancio
dificazioni:
delle amministrazioni centrali.
a) al comma 145, la parola: «2014» è
228. Le amministrazioni di cui all’articolo
sostituita dalla seguente: «2015» e la parola:
3, comma 5, del decreto-legge 24 giugno
«2016» dalla seguente: «2017»;
2014, n. 90, convertito, con modificazioni,

dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, e suc- b) al comma 150, le parole: «2016»,

cessive modificazioni, possono procedere, «2017», «2018», «2019» e «2020» sono so-

per gli anni 2016, 2017 e 2018, ad assun- stituite rispettivamente dalle seguenti:

zioni di personale a tempo indeterminato «2017», «2018», «2019», «2020» e «2021».

di qualifica non dirigenziale nel limite di

un contingente di personale corrispondente, 232. Ai maggiori oneri derivanti dal

per ciascuno dei predetti anni, ad una spesa comma 230, pari ad euro 23,5 milioni per

pari al 25 per cento di quella relativa al me- l’anno 2016, si provvede, quanto a euro

desimo personale cessato nell’anno prece- 7,5 milioni, mediante utilizzo dei risparmi

dente. In relazione a quanto previsto dal di spesa derivanti dal comma 231 e, quanto

primo periodo del presente comma, al solo a euro 16 milioni, mediante versamento al-

— 50 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



l’entrata del bilancio dello Stato delle zioni di cui al comma 425 dell’articolo 1

somme giacenti nel conto corrente della legge n. 190 del 2014 si procede me-

n. 53823530 presso la società Poste italiane diante autorizzazione delle assunzioni se-

Spa. Gli ulteriori risparmi di spesa derivanti condo quanto previsto dalla normativa vi-

dal comma 231, pari a 7,5 milioni di euro gente.

per l’anno 2017 e a 5,8 milioni di euro 235. All’articolo 4, comma 4, del decreto-

per l’anno 2018, confluiscono nel Fondo di legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con

cui all’articolo 1, comma 202, della legge modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

13 luglio 2015, n. 107. Nelle more del ver- n. 135, e successive modificazioni, le pa-

samento delle somme di cui al primo pe- role: «e, ove riassegnabili, in base alle vi-

riodo all’entrata del bilancio dello Stato, il genti disposizioni, al fondo per il finanzia-

Ministro dell’economia e delle finanze è mento del trattamento economico accesso-

autorizzato ad accantonare e a rendere indi- rio» sono soppresse.

sponibile per l’anno 2016, nello stato di pre- 236. Nelle more dell’adozione dei decreti

visione del Ministero dell’istruzione, dell’u- legislativi attuativi degli articoli 11 e 17

niversità e della ricerca e a valere sulle di- della legge 7 agosto 2015, n. 124, con par-

sponibilità di cui all’articolo 1, comma ticolare riferimento all’omogeneizzazione

601, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, del trattamento economico fondamentale e

la somma di 16 milioni di euro al netto di accessorio della dirigenza, tenuto conto delle

quanto effettivamente versato. esigenze di finanza pubblica, a decorrere dal

233. Agli oneri derivanti dal comma 231, 1º gennaio 2016 l’ammontare complessivo

pari a 7,5 milioni di euro per ciascuno degli delle risorse destinate annualmente al tratta-

anni 2019 e 2020, nonché a 5,8 milioni di mento accessorio del personale, anche di li-

euro per l’anno 2021, si provvede mediante vello dirigenziale, di ciascuna delle ammini-

corrispondente riduzione del Fondo di cui strazioni pubbliche di cui all’articolo 1,

all’articolo 1, comma 202, della legge 13 lu- comma 2, del decreto legislativo 30 marzo

glio 2015, n. 107. 2001, n. 165, e successive modificazioni,

234. Per le amministrazioni pubbliche in- non può superare il corrispondente importo

teressate ai processi di mobilità in attua- determinato per l’anno 2015 ed è, comun-

zione dei commi 424 e 425 dell’articolo 1 que, automaticamente ridotto in misura pro-

della legge 23 dicembre 2014, n. 190, le or- porzionale alla riduzione del personale in

dinarie facoltà di assunzione previste dalla servizio, tenendo conto del personale assu-

normativa vigente sono ripristinate nel mo- mibile ai sensi della normativa vigente.

mento in cui nel corrispondente ambito re- 237. A decorrere dall’anno 2016, è auto-

gionale è stato ricollocato il personale inte- rizzata l’ulteriore spesa di 2 milioni di

ressato alla relativa mobilità. Per le ammini- euro annui in favore dei parchi nazionali

strazioni di cui al citato comma 424 dell’ar- di cui all’articolo 1, comma 43, della legge

ticolo 1 della legge n. 190 del 2014, il com- 28 dicembre 1995, n. 549.

pletamento della predetta ricollocazione nel 238. All’allegato A della legge 28 dicem-

relativo ambito regionale è reso noto me- bre 2001, n. 448, è aggiunta, in fine, la se-

diante comunicazione pubblicata nel portale guente voce:

«Mobilita.gov», a conclusione di ciascuna
«Isola del lago d’Iseo
fase del processo disciplinato dal decreto
16-bis. Monte Isola».
del Ministro per la semplificazione e la pub-

blica amministrazione 14 settembre 2015, 239. All’articolo 6, comma 17, del de-

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 creto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, il se-

del 30 settembre 2015. Per le amministra- condo e il terzo periodo sono sostituiti dai

— 51 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



seguenti: «Il divieto è altresì stabilito nelle n. 35, le parole: «con le modalità di cui al-

zone di mare poste entro dodici miglia dalle l’articolo 1, comma 8-bis, della legge 23

linee di costa lungo l’intero perimetro co- agosto 2004, n. 239, nonché» sono sop-

stiero nazionale e dal perimetro esterno presse.

delle suddette aree marine e costiere pro- 242. All’articolo 1, comma 8-bis, della

tette. I titoli abilitativi già rilasciati sono legge 23 agosto 2004, n. 239, le parole:

fatti salvi per la durata di vita utile del gia- «ai commi 7 e» sono sostituite dalle se-

cimento, nel rispetto degli standard di sicu- guenti: «al comma».

rezza e di salvaguardia ambientale. Sono 243. Nelle more dei processi di riordino

sempre assicurate le attività di manutenzione previsti dall’articolo 8 della legge 7 agosto

finalizzate all’adeguamento tecnologico ne- 2015, n. 124, a decorrere dal 1º gennaio

cessario alla sicurezza degli impianti e alla 2016 lo stanziamento per il personale degli

tutela dell’ambiente, nonché le operazioni fi- uffici di cui all’articolo 14, comma 2, del

nali di ripristino ambientale». decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165,

240. All’articolo 38 del decreto-legge 12 e successive modificazioni, compresi gli in-

settembre 2014, n. 133, convertito, con mo- carichi di collaborazione coordinata e conti-

dificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, nuativa, è ridotto in misura pari al 10 per

n. 164, sono apportate le seguenti modifica- cento rispetto allo stanziamento dell’anno

zioni: 2015. Per le amministrazioni che dopo il

31 dicembre 2010 hanno disposto riduzioni
a) il comma 1 è sostituito dal seguente:
corrispondenti a quella prescritta dal pre-
«1. Le attività di prospezione, ricerca e
sente comma, questa si intende già adem-
coltivazione di idrocarburi e quelle di stoc-
piuta.
caggio sotterraneo di gas naturale sono di

pubblica utilità. I relativi titoli abilitativi 244. All’articolo 4 del decreto-legge 1º

comprendono pertanto la dichiarazione di gennaio 2010, n. 1, convertito, con modifi-

pubblica utilità»; cazioni, dalla legge 5 marzo 2010, n. 30,

sono apportate le seguenti modificazioni:
b) il comma 1-bis è abrogato;
a) al comma 3, primo periodo, dopo le
c) il comma 5 è sostituito dal seguente:
parole: «nei cinque anni 2010-2014» sono
«5. Le attività di ricerca e coltivazione di
inserite le seguenti: «e nel triennio 2016-
idrocarburi liquidi e gassosi sono svolte con
2018» e le parole da: «, comma 102» fino
le modalità di cui alla legge 9 gennaio
alla fine del periodo sono sostituite dalle se-
1991, n. 9, o a seguito del rilascio di un ti-
guenti: «del decreto-legge 24 giugno 2014,
tolo concessorio unico, sulla base di un pro-
n. 90, convertito, con modificazioni, dalla
gramma generale di lavori articolato in una
legge 11 agosto 2014, n. 114»;
prima fase di ricerca, per la durata di sei

anni, a cui seguono, in caso di rinvenimento b) al comma 6 è aggiunto, in fine, il

di un giacimento tecnicamente ed economi- seguente periodo: «È altresì autorizzata la

camente coltivabile, riconosciuto dal Mini- spesa di euro 670.984 per l’anno 2016, di

stero dello sviluppo economico, la fase di euro 4.638.414 per l’anno 2017 e di euro

coltivazione della durata di trent’anni, salvo 6.205.577 a decorrere dall’anno 2018».

l’anticipato esaurimento del giacimento,

nonché la fase di ripristino finale». 245. Il Ministero della giustizia è autoriz-

zato nell’anno 2016, in aggiunta alle facoltà

241. All’articolo 57, comma 3-bis, del de- assunzionali previste dalla normativa vi-

creto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, gente, ad assumere magistrati ordinari vinci-

con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, tori di concorso. A tal fine, è autorizzata la

— 52 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



spesa nel limite di euro 20.943.084 per conto dei medesimi criteri di riparto del

l’anno 2016, di euro 25.043.700 per l’anno Fondo ordinario per il finanziamento degli

2017, di euro 27.387.210 per l’anno 2018, enti e istituzioni di ricerca.

di euro 27.926.016 per l’anno 2019, di 250. La quota parte delle risorse di cui al

euro 35.423.877 per l’anno 2020, di euro comma 247 eventualmente non utilizzata per

35.632.851 per l’anno 2021, di euro le finalità di cui ai commi da 247 a 249 ri-

36.273.804 per l’anno 2022, di euro mane a disposizione, nel medesimo esercizio

37.021.584 per l’anno 2023, di euro finanziario, per le altre finalità del Fondo

37.662.540 per l’anno 2024 e di euro per il finanziamento ordinario delle univer-

38.410.320 annui a decorrere dall’anno sità e del Fondo ordinario per il finanzia-

2025. mento degli enti e istituzioni di ricerca.

246. Per il finanziamento di interventi in 251. Per il medesimo fine di cui al

favore dei collegi universitari di merito le- comma 247 e tenendo conto della situazione

galmente riconosciuti di cui agli articoli di bilancio delle singole università, all’arti-

15, 16 e 17 del decreto legislativo 29 marzo colo 66, comma 13-bis, del decreto-legge

2012, n. 68, è autorizzata una spesa integra- 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con mo-

tiva di 3 milioni di euro per ciascuno degli dificazioni, dalla legge 6 agosto 2008,

anni 2016, 2017 e 2018. n. 133, le parole: «A decorrere dall’anno

247. Al fine di sostenere l’accesso dei 2015» sono sostituite dalle seguenti: «Per

giovani alla ricerca, l’autonomia responsa- l’anno 2015» e dopo il terzo periodo sono

bile delle università e la competitività del si- inseriti i seguenti: «A decorrere dall’anno

stema universitario e della ricerca italiano a 2016, alle sole università che si trovano

livello internazionale, il Fondo per il finan- nella condizione di cui al periodo prece-

ziamento ordinario delle università è incre- dente, è consentito procedere alle assunzioni

mentato di 47 milioni di euro per l’anno di ricercatori di cui all’articolo 24, comma

2016 e di 50,5 milioni di euro a decorrere 3, lettera a), della legge 30 dicembre

dall’anno 2017, per l’assunzione di ricerca- 2010, n. 240, senza che a queste siano ap-

tori di cui all’articolo 24, comma 3, lettera plicate le limitazioni da turn over. Resta

b), della legge 30 dicembre 2010, n. 240, fermo quanto disposto dal decreto legisla-

e per il conseguente eventuale consolida- tivo 29 marzo 2012, n. 49, e dal decreto

mento nella posizione di professore di se- del Presidente del Consiglio dei ministri

conda fascia e il Fondo ordinario per il fi- 31 dicembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

nanziamento degli enti e istituzioni di ri- Ufficiale n. 66 del 20 marzo 2015, con rife-

cerca è incrementato di 8 milioni di euro rimento alle facoltà assunzionali del perso-

per l’anno 2016 e di 9,5 milioni di euro a nale a tempo indeterminato e dei ricercatori

decorrere dall’anno 2017 per l’assunzione di cui all’articolo 24, comma 3, lettera b),

di ricercatori negli enti pubblici di ricerca. della legge 30 dicembre 2010, n. 240».

248. L’assegnazione alle singole univer- 252. Al fine di aumentare il numero dei

sità dei fondi di cui al comma 247 è effet- contratti di formazione specialistica dei me-

tuata con decreto del Ministro dell’istru- dici di cui all’articolo 37 del decreto legisla-

zione, dell’università e della ricerca tenendo tivo 17 agosto 1999, n. 368, e successive

conto dei risultati della valutazione della modificazioni, l’autorizzazione di spesa di

qualità della ricerca (VQR). cui all’articolo 1, comma 424, della legge

249. L’assegnazione agli enti pubblici di 27 dicembre 2013, n. 147, è incrementata

ricerca dei fondi di cui al comma 247 è ef- di 57 milioni di euro per l’anno 2016, di

fettuata con decreto del Ministro dell’istru- 86 milioni di euro per l’anno 2017, di 126

zione, dell’università e della ricerca tenendo milioni di euro per l’anno 2018, di 70 mi-

— 53 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



lioni di euro per l’anno 2019 e di 90 milioni n. 407, è incrementata di 250.000 euro an-

di euro a decorrere dall’anno 2020. nui.

253. All’articolo 10 del decreto-legge 28 256. All’articolo 1, comma 169, della

giugno 2013, n. 76, convertito, con modifi- legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole:

cazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99, «annui a decorrere dall’anno 2015» sono so-

dopo il comma 2 è inserito il seguente: stituite dalle seguenti: «per l’anno 2015 e di

228.000.000 di euro annui a decorrere dal-
«2-bis. Ferma restando la disposizione di
l’anno 2016».
cui all’articolo 21 del decreto legislativo del
257. Al fine di assicurare continuità alle
Capo provvisorio dello Stato 13 settembre
attività previste negli accordi sottoscritti
1946, n. 233, gli iscritti ai corsi di laurea
con scuole o università dei Paesi stranieri,
in medicina e chirurgia e in odontoiatria, a
il personale della scuola impegnato in inno-
partire dal quinto anno di corso e sino all’i-
vativi e riconosciuti progetti didattici inter-
scrizione nel relativo albo professionale, al
nazionali svolti in lingua straniera, al rag-
fine di rafforzare la propria posizione previ-
giungimento dei requisiti per la quiescenza,
denziale, possono facoltativamente provve-
può chiedere di essere autorizzato al tratte-
dere all’iscrizione e al pagamento della rela-
nimento in servizio retribuito per non più
tiva contribuzione presso la "Quota A" del
di due anni. Il trattenimento in servizio è
Fondo di previdenza generale gestito dal-
autorizzato, con provvedimento motivato,
l’ente di previdenza di cui all’elenco A,
dal dirigente scolastico e dal direttore gene-
nono capoverso, annesso al decreto legisla-
rale dell’ufficio scolastico regionale. Dall’at-
tivo 30 giugno 1994, n. 509. L’ammontare
tuazione del presente comma non devono
del contributo e le modalità del versamento
derivare nuovi o maggiori oneri per la fi-
vengono determinati dal consiglio di ammi-
nanza pubblica.
nistrazione dell’ente di cui al primo periodo,
258. Per concorrere alle spese sostenute e
tenendo conto della capacità reddituale degli
non coperte da contributi o sostegni pubblici
interessati. Per le finalità di cui al presente
di altra natura per l’acquisto di libri di testo
comma, l’ente può favorire l’iscrizione e il
e di altri contenuti didattici, anche digitali,
pagamento della contribuzione da parte de-
relativi ai corsi d’istruzione scolastica fino
gli studenti di cui al primo periodo anche
all’assolvimento dell’obbligo di istruzione
attraverso prestiti d’onore. Dall’applicazione
scolastica, è istituito, presso il Ministero
delle disposizioni del presente comma non
dell’istruzione, dell’università e della ri-
devono derivare nuovi o maggiori oneri
cerca, un fondo con una dotazione di 10 mi-
per la finanza pubblica».
lioni di euro per ciascuno degli anni 2016,

254. Al fine di sostenere l’accesso dei 2017 e 2018. Con decreto del Ministro del-

giovani all’università, e in particolare dei l’istruzione, dell’università e della ricerca,

giovani provenienti da famiglie meno ab- da adottare entro novanta giorni dalla data

bienti, il Fondo integrativo statale per la di entrata in vigore della presente legge,

concessione delle borse di studio iscritto sono stabiliti i criteri e le modalità di indi-

nello stato di previsione del Ministero dell’i- viduazione dei destinatari del suddetto con-

struzione, dell’università e della ricerca è in- tributo sulla base dell’indicatore della situa-

crementato di 54.750.000 euro per l’anno zione economica equivalente (ISEE), nonché

2016 e di 4.750.000 euro annui a decorrere di assegnazione e di erogazione dello stesso.

dall’anno 2017. 259. Al comma 4 dell’articolo 16 del de-

255. A decorrere dall’anno 2016 l’autoriz- creto legislativo 14 settembre 2015, n. 147,

zazione di spesa per gli interventi di cui al- è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «I

l’articolo 4 della legge 23 novembre 1998, soggetti di cui all’articolo 2, comma 1, della

— 54 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



legge 30 dicembre 2010, n. 238, che si sono getto o programma, anche autonomamente

trasferiti in Italia entro il 31 dicembre 2015 presentato, da coloro che si impegnano a

applicano, per il periodo d’imposta in corso costituire o a concorrere alla nuova società».

al 31 dicembre 2016 e per quello succes-

sivo, le disposizioni di cui alla medesima
261. Al fine di incrementare la quota pre-
legge nei limiti e alle condizioni ivi indicati;
miale di cui all’articolo 2, comma 1, del de-
in alternativa possono optare, con le moda-
creto-legge 10 novembre 2008, n. 180, con-
lità definite con provvedimento del direttore
vertito, con modificazioni, dalla legge 9
dell’Agenzia delle entrate da emanare entro
gennaio 2009, n. 1, e successive modifica-
tre mesi dalla data di entrata in vigore della
zioni, il Fondo per il finanziamento ordina-
presente disposizione, per il regime agevola-
rio delle università, di cui all’articolo 5,
tivo di cui al presente articolo».
comma 1, lettera a), della legge 24 dicem-
260. All’articolo 60 del decreto-legge 22
bre 1993, n. 537, è incrementato di 25 mi-
giugno 2012, n. 83, convertito, con modifi-
lioni di euro per l’anno 2016 e di 30 milioni
cazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134,
di euro annui a decorrere dall’anno 2017.
sono apportate le seguenti modificazioni:

262. Al fine di garantire lo sviluppo coor-
a) il comma 3 è sostituito dal seguente:
dinato della formazione, ricerca e innova-
«3. Sono soggetti ammissibili agli inter-
zione in settori strategici orientato al design
venti di cui al presente capo le imprese, le
del prodotto, della comunicazione e dei ser-
università, gli enti e gli organismi di ricerca,
vizi nella regione Abruzzo e nei territori
le costituende società composte da profes-
adriatici ad essa viciniori, è costituito l’Isti-
sori, ricercatori universitari, personale di ri-
tuto superiore per le industrie artistiche
cerca dipendente dagli enti di ricerca di
(ISIA) di Pescara, mediante trasformazione
cui all’articolo 8 del regolamento di cui al
dell’attuale sede decentrata dell’ISIA di
decreto del Presidente del Consiglio dei mi-
Roma istituita con autorizzazione del Mini-
nistri 30 dicembre 1993, n. 593, l’ENEA,
stero dell’istruzione, dell’università e della
l’ASI e i dottorandi di ricerca e i titolari
ricerca. Entro sessanta giorni dalla data di
di assegni di ricerca di cui all’articolo 51,
entrata in vigore della presente legge è adot-
comma 6, della legge 27 dicembre 1997,
tato lo statuto dell’Istituto, secondo le pro-
n. 449, anche congiuntamente ad uno o più
cedure definite dal regolamento di cui al de-
degli altri soggetti indicati dal presente
creto del Presidente della Repubblica 28
comma, o qualsiasi altro soggetto giuridico
febbraio 2003, n. 132. In sede di prima ap-
in possesso dei requisiti minimi previsti
plicazione lo statuto è deliberato da un co-
dai bandi o da altri interventi di sostegno
mitato costituito dal presidente e dal diret-
su progetto o programma, purché residenti
tore in carica dell’ISIA di Roma, integrato
ovvero con stabile organizzazione nel terri-
da un esperto nominato dal Ministro dell’i-
torio nazionale»;
struzione, dell’università e della ricerca. In

b) al comma 4, dopo la lettera f) è ag- sede di definizione del regolamento didat-

giunta la seguente: tico dell’Istituto, agli studenti iscritti ai corsi

«f-bis) le attività di ricerca industriale, decentrati a Pescara dell’ISIA di Roma è

sviluppo precompetitivo, diffusione di tecno- sempre garantita la possibilità del completa-

logie, fino all’avvio e comunque finalizzate mento del percorso di studi previsto dall’or-

a nuove iniziative economiche ad alto conte- dinamento in corso. Dall’attuazione del pre-

nuto tecnologico, per l’utilizzazione indu- sente comma non devono derivare nuovi o

striale dei risultati della ricerca da parte di maggiori oneri a carico del bilancio dello

soggetti assimilati in fase d’avvio, su pro- Stato.

— 55 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



263. A seguito dell’attività di monitorag- euro per l’anno 2017, 79,7 milioni di euro

gio e verifica relativa alle misure di salva- per l’anno 2018 e 72,7 milioni di euro per

guardia indicate nell’alinea del comma 265 l’anno 2019.

resa possibile in relazione alle misure per 264. I lavoratori del comparto scuola e

le quali la certificazione del diritto al bene- delle istituzioni di alta formazione artistica,

ficio è da ritenersi conclusa, i complessivi musicale e coreutica (AFAM) i quali, a se-

importi indicati al quarto periodo dell’arti- guito dell’attività di monitoraggio e verifica

colo 1, comma 235, della legge 24 dicembre relativa alle misure di salvaguardia che ha

2012, n. 228, e successive modificazioni, dato luogo alla rideterminazione degli oneri

sono così rideterminati: 243,4 milioni di di cui al comma 263 del presente articolo e

euro per l’anno 2013, 933,8 milioni di che, in applicazione del procedimento di cui

euro per l’anno 2014, 1.871,4 milioni di all’articolo 1, comma 193, della legge 27 di-

euro per l’anno 2015, 2.380,0 milioni di cembre 2013, n. 147, che ha disposto il ri-

euro per l’anno 2016, 2.051,1 milioni di conoscimento dell’applicazione della salva-

euro per l’anno 2017, 1.340,3 milioni di guardia anche ai titolari di congedo, ai sensi

euro per l’anno 2018, 583,3 milioni di dell’articolo 42, comma 5, del testo unico di

euro per l’anno 2019, 294,1 milioni di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001,

euro per l’anno 2020, 138,0 milioni di n. 151, o di permessi, ai sensi dell’articolo

euro per l’anno 2021, 73,0 milioni di euro 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992,

per l’anno 2022 e 8,9 milioni di euro per n. 104, eccedenti il limite numerico previsto

l’anno 2023, cui corrisponde la ridetermina- dal decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102,

zione del limite numerico massimo in convertito, con modificazioni, dalla legge

146.166 soggetti. Per effetto delle ridetermi- 28 ottobre 2013, n. 124, e dalla legge 10 ot-

nazioni di cui al primo periodo del presente tobre 2014, n. 147, hanno ricevuto la lettera

comma, ai maggiori oneri pari a 122,1 mi- di certificazione del diritto a pensione con

lioni di euro per l’anno 2020, 89,0 milioni decorrenza dal 1º settembre 2015, possono

di euro per l’anno 2021, 69,0 milioni di accedere al trattamento pensionistico a de-

euro per l’anno 2022 e 8,9 milioni di euro correre dal primo giorno successivo alla ri-

per l’anno 2023 si provvede, quanto a soluzione del rapporto di lavoro, anche in

54,5 milioni di euro per l’anno 2020, a deroga alle disposizioni del testo unico di

86,7 milioni di euro per l’anno 2021, a 69 cui al decreto legislativo 16 aprile 1994,

milioni di euro per l’anno 2022 e a 8,9 mi- n. 297, e dell’articolo 59, comma 9, della

lioni di euro per l’anno 2023, mediante cor- legge 27 dicembre 1997, n. 449.

rispondente riduzione dell’autorizzazione di 265. Le disposizioni in materia di requi-

spesa di cui all’articolo 1, comma 235, siti di accesso e di regime delle decorrenze

primo periodo, della legge 24 dicembre vigenti prima della data di entrata in vigore

2012, n. 228, e successive modificazioni. dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicem-

La ripartizione dei complessivi limiti di bre 2011, n. 201, convertito, con modifica-

spesa e numerici di cui al primo periodo zioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

del presente comma è effettuata ai sensi del- n. 214, ferme restando, nei limiti definiti ai

l’articolo 1, comma 193, della legge 27 di- sensi del comma 263, le salvaguardie previ-

cembre 2013, n. 147. Ai sensi di quanto sta- ste dall’articolo 24, comma 14, del mede-

bilito dall’articolo 1, comma 235, della simo decreto-legge n. 201 del 2011, e suc-

legge n. 228 del 2012, l’autorizzazione di cessive modificazioni, dall’articolo 22 del

spesa di cui al primo periodo del predetto decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, conver-

comma 235 è incrementata di 497 milioni tito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

di euro per l’anno 2016, 369,9 milioni di 2012, n. 135, e successive modificazioni,

— 56 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



dall’articolo 1, commi da 231 a 234, della anche mediante il versamento di contributi

legge 24 dicembre 2012, n. 228, e succes- volontari, entro dodici mesi dalla fine dello

sive modificazioni, dagli articoli 11 e 11- stesso periodo, i requisiti vigenti prima della

bis del decreto-legge 31 agosto 2013, data di entrata in vigore del decreto-legge 6

n. 102, convertito, con modificazioni, dalla dicembre 2011, n. 201, convertito, con mo-

legge 28 ottobre 2013, n. 124, e successive dificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

modificazioni, dall’articolo 2, commi 5-bis n. 214. Il versamento volontario di cui alla

e 5-ter, del decreto-legge 31 agosto 2013, presente lettera, anche in deroga alle dispo-

n. 101, convertito, con modificazioni, dalla sizioni dell’articolo 6, comma 1, del decreto

legge 30 ottobre 2013, n. 125, dall’articolo legislativo 30 aprile 1997, n. 184, può ri-

1, commi da 194 a 198, della legge 27 di- guardare anche periodi eccedenti i sei mesi

cembre 2013, n. 147, dall’articolo 2 della precedenti la domanda di autorizzazione

legge 10 ottobre 2014, n. 147, e dai relativi stessa. Tale versamento, relativo ai lavora-

decreti attuativi del Ministro del lavoro e tori cessati entro il 31 dicembre 2012 di

delle politiche sociali 1º giugno 2012, 8 ot- cui alla presente lettera, può comunque es-

tobre 2012, 22 aprile 2013 e 14 febbraio sere effettuato solo con riferimento ai dodici

2014, pubblicati, rispettivamente, nella Gaz- mesi successivi al termine di fruizione del-

zetta Ufficiale n. 171 del 24 luglio 2012, l’indennità di mobilità o del trattamento spe-

n. 17 del 21 gennaio 2013, n. 123 del 28 ciale edile indicato dalla presente lettera.

maggio 2013 e n. 89 del 16 aprile 2014, Eventuali periodi di sospensione dell’inden-

continuano ad applicarsi ai seguenti soggetti nità di mobilità, ai sensi dell’articolo 8,

che maturano i requisiti per il pensiona- commi 6 e 7, della legge 23 luglio 1991,

mento successivamente al 31 dicembre n. 223, e dell’articolo 3 del decreto-legge

2011: 16 maggio 1994, n. 299, convertito, con

modificazioni, dalla legge 19 luglio 1994,

a) nel limite di 6.300 soggetti, ai lavo- n. 451, per svolgere attività di lavoro subor-

ratori collocati in mobilità o in trattamento dinato, a tempo parziale, a tempo determi-

speciale edile ai sensi degli articoli 4, 11 e nato, ovvero di lavoro parasubordinato man-

24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, e suc- tenendo l’iscrizione nella lista, si conside-

cessive modificazioni, o ai sensi dell’arti- rano rilevanti ai fini del prolungamento del

colo 3 del decreto-legge 16 maggio 1994, periodo di fruizione dell’indennità stessa e

n. 299, convertito, con modificazioni, dalla non comportano l’esclusione dall’accesso

legge 19 luglio 1994, n. 451, a seguito di alle salvaguardie di cui al presente comma;

accordi governativi o non governativi, stipu- b) nel limite di 9.000 soggetti, ai lavo-

lati entro il 31 dicembre 2011, o nel caso di ratori di cui all’articolo 1, comma 194, let-

lavoratori provenienti da aziende cessate o tere a) e f), della legge 27 dicembre 2013,

interessate dall’attivazione delle vigenti pro- n. 147, i quali perfezionano i requisiti utili

cedure concorsuali quali il fallimento, il a comportare la decorrenza del trattamento

concordato preventivo, la liquidazione coatta pensionistico, secondo la disciplina vigente

amministrativa, l’amministrazione straordi- prima della data di entrata in vigore del ci-

naria o l’amministrazione straordinaria spe- tato decreto-legge n. 201 del 2011, entro il

ciale, anche in mancanza dei predetti ac- sessantesimo mese successivo alla data di

cordi, cessati dall’attività lavorativa entro il entrata in vigore del medesimo decreto-

31 dicembre 2014 e che perfezionano, entro legge n. 201 del 2011;

il periodo di fruizione dell’indennità di mo- c) nel limite di 6.000 soggetti, ai lavo-

bilità o del trattamento speciale edile, ov- ratori di cui all’articolo 1, comma 194, let-

vero, se cessati entro il 31 dicembre 2012, tere b), c) e d), della legge 27 dicembre

— 57 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



2013, n. 147, i quali perfezionano i requisiti di pagamento, sono riaperti a domanda i ter-

utili a comportare la decorrenza del tratta- mini dei versamenti relativi ai dodici mesi

mento pensionistico, secondo la disciplina successivi alla fine del periodo di fruizione

vigente prima della data di entrata in vigore dell’indennità di mobilità come specificato

del citato decreto-legge n. 201 del 2011, en- nel medesimo comma 265.

tro il sessantesimo mese successivo alla data 267. Il trattamento pensionistico, con rife-

di entrata in vigore del medesimo decreto- rimento ai soggetti di cui al comma 265,

legge n. 201 del 2011; non può avere decorrenza anteriore alla

d) nel limite di 2.000 soggetti, ai lavo- data di entrata in vigore della presente

ratori di cui all’articolo 24, comma 14, let- legge.

tera e-ter), del decreto-legge 6 dicembre 268. Ai fini della presentazione delle

2011, n. 201, convertito, con modificazioni, istanze da parte dei lavoratori, da effettuare

dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, limi- entro il termine di decadenza di sessanta

tatamente ai lavoratori in congedo per assi- giorni dalla data di entrata in vigore della

stere figli con disabilità grave ai sensi del- presente legge, si applicano per ciascuna ca-

l’articolo 42, comma 5, del testo unico di tegoria di lavoratori salvaguardati le specifi-

cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, che procedure previste nei precedenti prov-

n. 151, i quali perfezionano i requisiti utili vedimenti in materia di salvaguardia dei re-

a comportare la decorrenza del trattamento quisiti di accesso e di regime delle decor-

pensionistico, secondo la disciplina vigente renze vigenti prima della data di entrata in

prima della data di entrata in vigore del ci- vigore dell’articolo 24 del decreto-legge 6

tato decreto-legge n. 201 del 2011, entro il dicembre 2011, n. 201, convertito, con mo-

sessantesimo mese successivo alla data di dificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

entrata in vigore del medesimo decreto- n. 214, da ultimo stabilite con decreto del

legge n. 201 del 2011; Ministro del lavoro e delle politiche sociali

e) nel limite di 3.000 soggetti, con 14 febbraio 2014, pubblicato nella Gazzetta

esclusione del settore agricolo e dei lavora- Ufficiale n. 89 del 16 aprile 2014. L’Istituto

tori con qualifica di stagionali, ai lavoratori nazionale della previdenza sociale (INPS)

con contratto di lavoro a tempo determinato provvede al monitoraggio delle domande di

e ai lavoratori in somministrazione con con- pensionamento inoltrate dai lavoratori di

tratto a tempo determinato, cessati dal la- cui ai commi da 263 a 270 che intendono

voro tra il 1º gennaio 2007 e il 31 dicembre avvalersi dei requisiti di accesso e del re-

2011, non rioccupati a tempo indeterminato, gime delle decorrenze vigenti prima della

i quali perfezionano i requisiti utili a com- data di entrata in vigore del medesimo de-

portare la decorrenza del trattamento pensio- creto-legge n. 201 del 2011, sulla base della

nistico, secondo la disciplina vigente prima data di cessazione del rapporto di lavoro, e

della data di entrata in vigore del citato de- provvede a pubblicare nel proprio sito inter-

creto-legge n. 201 del 2011, entro il sessan- net, in forma aggregata al fine di rispettare

tesimo mese successivo alla data di entrata le vigenti disposizioni in materia di tutela

in vigore del medesimo decreto-legge dei dati personali, i dati raccolti a seguito

n. 201 del 2011. dell’attività di monitoraggio, avendo cura

di evidenziare le domande accolte, quelle re-

266. Per i lavoratori di cui al comma 265, spinte e le relative motivazioni. Qualora dal

lettera a), che siano già stati autorizzati ai monitoraggio risulti il raggiungimento del li-

versamenti volontari in data antecedente a mite numerico delle domande di pensione e

quella di entrata in vigore della presente dei limiti di spesa anche in via prospettica

legge e per i quali siano decorsi i termini determinati ai sensi dei commi 265 e 270,

— 58 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



primo periodo, l’INPS non prende in esame 271. L’autorizzazione di spesa di cui al-

ulteriori domande di pensionamento finaliz- l’articolo 1, comma 235, primo periodo,

zate ad usufruire dei benefìci previsti dai della legge 24 dicembre 2012, n. 228, e suc-

commi da 265 a 267. cessive modificazioni, è altresì incrementata,

269. I dati rilevati nell’ambito del moni- sulla base dei risparmi accertati ai sensi del

toraggio svolto dall’INPS ai sensi del comma 263 per gli anni 2013 e 2014 am-

comma 268 sono utilizzati ai fini della pre- montanti a complessivi 485,8 milioni di

disposizione della relazione di cui all’arti- euro, nella misura di 100 milioni di euro

colo 2, comma 5, della legge 10 ottobre per ciascuno degli anni dal 2018 al 2021 e

2014, n. 147. All’articolo 2, comma 5, della di 85,8 milioni di euro per l’anno 2022.

legge 10 ottobre 2014, n. 147, le parole da: Conseguentemente il Fondo per la compen-

«Ministro del lavoro e delle politiche so- sazione degli effetti finanziari non previsti

ciali» fino a: «30 giugno» sono sostituite a legislazione vigente conseguenti all’attua-

dalle seguenti: «Ministro del lavoro e delle lizzazione di contributi pluriennali, di cui al-

politiche sociali, di concerto con il Ministro l’articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7

dell’economia e delle finanze, entro il 30 ottobre 2008, n. 154, convertito, con modifi-

settembre». cazioni, dalla legge 4 dicembre 2008,

270. I benefìci di cui ai commi da 265 a n. 189, e successive modificazioni, è ridotto

267 sono riconosciuti nel limite di 26.300 di 100 milioni di euro per ognuno degli anni

soggetti e nel limite massimo di 213 milioni dal 2018 al 2021 e di 85,8 milioni di euro

di euro per l’anno 2016, 387 milioni di euro per l’anno 2022 e i predetti residui prove-

per l’anno 2017, 336 milioni di euro per nienti dagli anni 2013 e 2014 iscritti in bi-

l’anno 2018, 258 milioni di euro per l’anno lancio costituiscono economie da registrare

2019, 171 milioni di euro per l’anno 2020, in sede di rendiconto 2015.

107 milioni di euro per l’anno 2021, 41 mi-
272. Al fine del concorso alla copertura
lioni di euro per l’anno 2022 e 3 milioni di
degli oneri derivanti dai commi da 263 a
euro per l’anno 2023. Conseguentemente,
270 l’autorizzazione di spesa di cui all’arti-
all’articolo 1, comma 235, della legge 24 di-
colo 1, comma 235, primo periodo, della
cembre 2012, n. 228, e successive modifica-
legge 24 dicembre 2012, n. 228, e succes-
zioni, gli importi indicati al quarto periodo,
sive modificazioni, come rifinanziata anche
come modificati ai sensi del comma 263,
ai sensi dei commi 263 e 271, è ridotta di
sono corrispondentemente incrementati degli
213 milioni di euro per l’anno 2016, 387
importi di cui al precedente periodo, per una
milioni di euro per l’anno 2017, 336 milioni
rideterminazione pari a: 243,4 milioni di
di euro per l’anno 2018, 215,7 milioni di
euro per l’anno 2013, 933,8 milioni di
euro per l’anno 2019, 100 milioni di euro
euro per l’anno 2014, 1.871,4 milioni di
per l’anno 2020, 100 milioni di euro per
euro per l’anno 2015, 2.593 milioni di
l’anno 2021, 41 milioni di euro per l’anno
euro per l’anno 2016, 2.438,1 milioni di
2022 e 3 milioni di euro per l’anno 2023.
euro per l’anno 2017, 1.676,3 milioni di

euro per l’anno 2018, 841,3 milioni di 273. Ai fini del concorso alla copertura

euro per l’anno 2019, 465,1 milioni di dei maggiori oneri conseguenti al potenzia-

euro per l’anno 2020, 245 milioni di euro mento delle misure di sostegno al reddito

per l’anno 2021, 114 milioni di euro per per le situazioni di disagio previste dalla

l’anno 2022 e 11,9 milioni di euro per presente legge, l’autorizzazione di spesa di

l’anno 2023, cui corrisponde la ridetermina- cui all’articolo 1, comma 235, primo pe-

zione del limite numerico massimo in riodo, della legge 24 dicembre 2012,

172.466 soggetti. n. 228, e successive modificazioni, come ri-

— 59 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



finanziata dalla presente legge, è ridotta di legge 27 marzo 1992, n. 257, per il periodo

124 milioni di euro per l’anno 2016. corrispondente alla medesima bonifica. I be-

274. All’articolo 1, comma 117, della nefìci sono riconosciuti a domanda, da pre-

legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole: sentare all’INPS, a pena di decadenza, entro

«nel corso dell’anno 2015» sono sostituite sessanta giorni dalla data di entrata in vi-

dalle seguenti: «nel corso degli anni 2015, gore della presente legge, nei limiti delle ri-

2016, 2017 e 2018». sorse assegnate a un apposito fondo istituito

275. Per i lavoratori indicati all’articolo 1, nello stato di previsione del Ministero del

comma 117, della legge 23 dicembre 2014, lavoro e delle politiche sociali con dotazione

n. 190, le disposizioni ivi previste si appli- pari a 5,5 milioni di euro per l’anno 2016, 7

cano anche ai lavoratori che, in seguito milioni di euro per l’anno 2017, 7,5 milioni

alla cessazione del rapporto di lavoro, siano di euro per l’anno 2018 e 10 milioni di euro

transitati in una gestione di previdenza di- annui a decorrere dall’anno 2019. Con de-

versa da quella dell’INPS derogando al di- creto del Ministro del lavoro e delle politi-

sposto dell’articolo 1, comma 115, della ci- che sociali, di concerto con il Ministro del-

tata legge n. 190 del 2014 e che non ab- l’economia e delle finanze, da adottare entro

biano maturato il diritto alla decorrenza sessanta giorni dalla data di entrata in vi-

del trattamento pensionistico nel corso degli gore della presente legge, sono stabilite le

anni 2015 e 2016. modalità di attuazione del presente comma,

276. Nello stato di previsione del Mini- con particolare riferimento all’assegnazione

stero del lavoro e delle politiche sociali è dei benefìci ai lavoratori interessati e alle

istituito un fondo con una dotazione pari a modalità di certificazione da parte degli

2 milioni di euro per ciascuno degli anni enti competenti.

2016, 2017 e 2018 finalizzato all’accompa- 278. È istituito nello stato di previsione

gnamento alla quiescenza, entro l’anno del Ministero del lavoro e delle politiche so-

2018, dei lavoratori di cui all’articolo 1, ciali il Fondo per le vittime dell’amianto, in

comma 117, della legge 23 dicembre 2014, favore degli eredi di coloro che sono dece-

n. 190, che non maturino i requisiti previsti duti a seguito di patologie asbesto-correlate

da tale disposizione. Le risorse del fondo per esposizione all’amianto nell’esecuzione

sono ripartite tra i lavoratori di cui al pre- delle operazioni portuali nei porti nei quali

sente comma sulla base di criteri e modalità hanno trovato applicazione le disposizioni

stabiliti con decreto del Ministro del lavoro della legge 27 marzo 1992, n. 257, con

e delle politiche sociali, di concerto con il una dotazione di 10 milioni di euro per cia-

Ministro dell’economia e delle finanze, da scuno degli anni 2016, 2017 e 2018. Le pre-

adottare entro sessanta giorni dalla data di stazioni del Fondo non escludono la frui-

entrata in vigore della presente legge. zione dei diritti derivanti dalle norme gene-

277. Ai lavoratori del settore della produ- rali e speciali dell’ordinamento e si cumu-

zione di materiale rotabile ferroviario che lano con essi. Il Fondo concorre al paga-

hanno prestato la loro attività nel sito pro- mento, in favore dei superstiti di coloro

duttivo, senza essere dotati degli equipaggia- che sono deceduti per le patologie asbesto-

menti di protezione adeguati all’esposizione correlate, di quanto agli stessi superstiti è

alle polveri di amianto, per l’intero periodo dovuto a titolo di risarcimento del danno,

di durata delle operazioni di bonifica dall’a- patrimoniale e non patrimoniale, come liqui-

mianto poste in essere mediante sostituzione dato con sentenza esecutiva. Le procedure e

del tetto, sono riconosciuti, nei limiti stabi- le modalità di erogazione delle prestazioni

liti dal presente comma, i benefìci previden- sono stabilite con decreto del Ministro del

ziali di cui all’articolo 13, comma 8, della lavoro e delle politiche sociali, di concerto

— 60 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



con il Ministro dell’economia e delle fi- di consuntivo e del monitoraggio, effettuato

nanze, da emanare entro sessanta giorni dall’INPS, il Ministro del lavoro e delle po-

dalla data di entrata in vigore della presente litiche sociali, di concerto con il Ministro

legge. dell’economia e delle finanze, entro il 30

279. All’articolo 1, comma 115, della settembre di ogni anno, trasmette alle Ca-

legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole: mere una relazione sull’attuazione della spe-

«30 giugno 2015» sono sostituite dalle se- rimentazione di cui all’articolo 1, comma 9,

guenti: «31 dicembre 2016». della legge 23 agosto 2004, n. 243, con par-

280. Il comma 18 dell’articolo 2 della ticolare riferimento al numero delle lavora-

legge 8 agosto 1995, n. 335, si interpreta trici interessate e agli oneri previdenziali

nel senso che i lavoratori assunti successiva- conseguenti e, in relazione alla conclusione

mente al 31 dicembre 1995 ai quali siano della medesima sperimentazione, come di-

accreditati, a seguito di una loro domanda, sciplinata ai sensi del primo periodo del pre-

contributi riferiti a periodi antecedenti al 1º sente comma, anche al raffronto degli speci-

gennaio 1996 non sono soggetti all’applica- fici oneri previdenziali conseguenti all’attua-

zione del massimale annuo della base con- zione del primo periodo del presente comma

tributiva e pensionabile, di cui alla mede- con le relative previsioni di spesa. Qualora

sima disposizione, a decorrere dal mese suc- dall’attività di monitoraggio di cui al prece-

cessivo a quello di presentazione della do- dente periodo risulti un onere previdenziale

manda. inferiore rispetto alle previsioni di spesa di

281. Al fine di portare a conclusione la cui al primo periodo del presente comma,

sperimentazione di cui all’articolo 1, comma anche avuto riguardo alla proiezione negli

9, della legge 23 agosto 2004, n. 243, la fa- anni successivi, con successivo provvedi-

coltà prevista al predetto articolo 1, comma mento legislativo verrà disposto l’impiego

9, è estesa anche alle lavoratrici che hanno delle risorse non utilizzate per interventi

maturato i requisiti previsti dalla predetta di- con finalità analoghe a quelle di cui al pre-

sposizione, adeguati agli incrementi della sente comma, ivi compresa la prosecuzione

speranza di vita ai sensi dell’articolo 12 della medesima sperimentazione.

del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, 282. Al fine di sostenere la genitorialità,

convertito, con modificazioni, dalla legge il beneficio di cui all’articolo 4, comma

30 luglio 2010, n. 122, e successive modifi- 24, lettera b), della legge 28 giugno 2012,

cazioni, entro il 31 dicembre 2015 ancorché n. 92, è riconosciuto nel limite di 20 milioni

la decorrenza del trattamento pensionistico di euro per l’anno 2016, ferme restando le

sia successiva a tale data, fermi restando il relative disposizioni attuative. All’onere de-

regime delle decorrenze e il sistema di cal- rivante dal primo periodo del presente

colo delle prestazioni applicati al pensiona- comma si provvede, quanto a 10 milioni

mento di anzianità di cui alla predetta speri- di euro, mediante corrispondente riduzione

mentazione. Al fine del concorso alla coper- del Fondo sociale per occupazione e forma-

tura degli oneri derivanti dal primo periodo zione di cui all’articolo 18, comma 1, lettera

del presente comma l’autorizzazione di a), del decreto-legge 29 novembre 2008,

spesa di cui all’articolo 1, comma 235, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla

primo periodo, della legge 24 dicembre legge 28 gennaio 2009, n. 2.

2012, n. 228, e successive modificazioni, 283. Ai medesimi fini di cui al comma

come rifinanziata anche ai sensi della pre- 282, il beneficio di cui all’articolo 4,

sente legge, è ridotta di 160 milioni di comma 24, lettera b), della legge 28 giugno

euro per l’anno 2016 e di 49 milioni di 2012, n. 92, è riconosciuto, in via sperimen-

euro per l’anno 2017. Sulla base dei dati tale, nel limite di spesa di 2 milioni di euro

— 61 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



per l’anno 2016, anche alle madri lavoratrici sciuto nel limite massimo di 60 milioni di

autonome o imprenditrici. I criteri di ac- euro per l’anno 2016, 120 milioni di euro

cesso e le modalità di utilizzo del beneficio per l’anno 2017 e 60 milioni di euro per

sono stabiliti con decreto di natura non re- l’anno 2018. La facoltà di cui al presente

golamentare del Ministro del lavoro e delle comma è concessa, a domanda e nei limiti

politiche sociali, di concerto con il Ministro delle risorse di cui al precedente periodo,

dell’economia e delle finanze, da adottare previa autorizzazione della Direzione territo-

entro sessanta giorni dalla data di entrata riale del lavoro. Il datore di lavoro con rife-

in vigore della presente legge. rimento al lavoratore che intende, di intesa

284. I lavoratori dipendenti del settore con lo stesso datore di lavoro, accedere

privato iscritti all’assicurazione generale ob- alla facoltà di ricorso al lavoro a tempo par-

bligatoria e alle forme sostitutive della me- ziale di cui al presente comma deve dare

desima con contratto di lavoro a tempo comunicazione all’INPS e alla Direzione

pieno e indeterminato che maturano entro territoriale del lavoro della stipulazione del

il 31 dicembre 2018 il diritto al trattamento contratto e della relativa cessazione secondo

pensionistico di vecchiaia, di cui all’articolo le modalità stabilite dal decreto di cui al

24, comma 6, del decreto-legge 6 dicembre successivo periodo. Il beneficio di cui al

2011, n. 201, convertito, con modificazioni, presente comma è riconosciuto dall’INPS,

dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e suc- qualora ne ricorrano i necessari presupposti

cessive modificazioni, possono, a condizione e requisiti, nei limiti delle risorse di cui al

di avere maturato i requisiti minimi di con- quinto periodo del presente comma e se-

tribuzione per il diritto al predetto tratta- condo le modalità stabilite con decreto del

mento pensionistico di vecchiaia, d’intesa Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

con il datore di lavoro, per un periodo non di concerto con il Ministro dell’economia e

superiore al periodo intercorrente tra la delle finanze, da emanare entro sessanta

data di accesso al beneficio di cui al pre- giorni dalla data di entrata in vigore della

sente comma e la data di maturazione del presente legge. L’INPS provvede al monito-

requisito anagrafico previsto dal citato arti- raggio delle domande di accesso al benefi-

colo 24, comma 6, del predetto decreto- cio di cui al presente comma comunicate

legge n. 201 del 2011, ridurre l’orario del dalle imprese. Qualora dal predetto monito-

rapporto di lavoro in misura compresa tra raggio risulti il raggiungimento del limite

il 40 per cento e il 60 per cento, ottenendo delle risorse anche in via prospettica, l’INPS

mensilmente dal datore di lavoro una non prenderà in esame ulteriori domande fi-

somma corrispondente alla contribuzione nalizzate all’accesso al beneficio in esame.

previdenziale a fini pensionistici a carico Ai maggiori oneri derivanti dal presente

del datore di lavoro relativa alla prestazione comma, pari a 60 milioni di euro per l’anno

lavorativa non effettuata. Tale importo non 2016, a 120 milioni di euro per l’anno 2017

concorre alla formazione del reddito da la- e a 60 milioni di euro per l’anno 2018, si

voro dipendente e non è assoggettato a con- provvede mediante il versamento in entrata

tribuzione previdenziale. Per i periodi di ri- al bilancio dello Stato da parte dell’INPS,

duzione della prestazione lavorativa è rico- in deroga a quanto previsto dall’articolo 5

nosciuta la contribuzione figurativa commi- del decreto legislativo 14 settembre 2015,

surata alla retribuzione corrispondente alla n. 150, di una quota pari a 60 milioni di

prestazione lavorativa non effettuata. Si ap- euro per l’anno 2016, a 120 milioni di

plica l’articolo 41, comma 6, del decreto le- euro per l’anno 2017 e a 60 milioni di

gislativo 14 settembre 2015, n. 148. Il bene- euro per l’anno 2018 delle entrate derivanti

ficio di cui al presente comma è ricono- dall’aumento contributivo di cui all’articolo

— 62 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



25 della legge 21 dicembre 1978, n. 845, 281 nonché delle minori entrate derivanti

con esclusione delle somme destinate al fi- dalle misure di riduzione della pressione fi-

nanziamento dei fondi paritetici interprofes- scale in favore dei pensionati di cui al

sionali nazionali per la formazione continua comma 290, nel rispetto del principio dell’e-

di cui all’articolo 118 della legge 23 dicem- quilibrio di bilancio e degli obiettivi di fi-

bre 2000, n. 388, e successive modifica- nanza pubblica, assicurando la tutela dei li-

zioni. Le somme versate in entrata al bilan- velli essenziali delle prestazioni concernenti

cio dello Stato ai sensi del periodo prece- i diritti civili e sociali, anche in funzione

dente sono trasferite all’INPS a copertura della salvaguardia della solidarietà interge-

dei maggiori oneri derivanti ai sensi del pre- nerazionale, all’articolo 1, comma 483, della

sente comma. In deroga a quanto disposto legge 27 dicembre 2013, n. 147, sono ap-

dall’articolo 5, comma 2, del decreto legi- portate le seguenti modificazioni:

slativo 14 settembre 2015, n. 150, la quota
a) all’alinea, le parole: «Per il triennio
residua delle entrate derivanti dall’aumento
2014-2016» sono sostituite dalle seguenti:
contributivo di cui all’articolo 25 della legge
«Per il periodo 2014-2018»;
21 dicembre 1978, n. 845, relative ai datori
b) alla lettera e), le parole: «per cia-
di lavoro non aderenti ai fondi paritetici in-
scuno degli anni 2015 e 2016» sono sosti-
terprofessionali nazionali per la formazione
tuite dalle seguenti: «per ciascuno degli
continua, dedotte quelle utilizzate per la co-
anni 2015, 2016, 2017 e 2018».
pertura degli oneri della presente disposi-

zione, è versata prioritariamente al Fondo

di rotazione di cui all’articolo 9, comma 5, 287. Con riferimento alle prestazioni pre-

del decreto-legge 20 maggio 1993, n. 148, videnziali e assistenziali e ai parametri ad

convertito, con modificazioni, dalla legge esse connessi, la percentuale di adegua-

19 luglio 1993, n. 236, fino alla concorrenza mento corrispondente alla variazione che si

di un importo pari al 50 per cento della determina rapportando il valore medio del-

somma complessiva. l’indice ISTAT dei prezzi al consumo per

285. All’articolo 41 del decreto legislativo famiglie di operai ed impiegati, relativo al-

14 settembre 2015, n. 148, dopo il comma 2 l’anno precedente il mese di decorrenza del-

è inserito il seguente: l’adeguamento, all’analogo valore medio re-

lativo all’anno precedente non può risultare
«2-bis. Nei confronti dei lavoratori inte-
inferiore a zero.
ressati da riduzione stabile dell’orario di la-
288. Con riferimento alla percentuale di
voro con riduzione della retribuzione ai
variazione per il calcolo della rivalutazione
sensi dei commi 1 e 2, con esclusione dei
delle pensioni per l’anno 2014 determinata
soggetti di cui al comma 5, i datori di la-
in via definitiva con decorrenza dal 1º gen-
voro, gli enti bilaterali o i Fondi di solida-
naio 2015, le operazioni di conguaglio di
rietà di cui al titolo II del presente decreto
cui all’articolo 24, comma 5, della legge
possono versare la contribuzione ai fini pen-
28 febbraio 1986, n. 41, limitatamente ai ra-
sionistici correlata alla quota di retribuzione
tei corrisposti nell’anno 2015 non sono ope-
persa, nei casi in cui tale contribuzione non
rate in sede di rivalutazione delle pensioni
venga già riconosciuta dall’INPS. In rela-
per l’anno 2015; esse sono effettuate in
zione ai predetti versamenti non sono rico-
sede di rivalutazione delle pensioni per
nosciute le agevolazioni contributive di cui
l’anno 2016, ferme restando le operazioni
ai commi 1 e 2».
di conguaglio con riferimento alla rata cor-

286. Al fine di concorrere alla copertura rente in sede di rivalutazione delle pensioni

dei maggiori oneri derivanti dal comma per l’anno 2015.

— 63 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



289. Al fine di concorrere alla copertura 2) la lettera b) è sostituita dalla se-

delle minori entrate derivanti dalle misure guente:

di riduzione della pressione fiscale in favore «b) 1.297 euro, aumentata del prodotto

dei pensionati di cui al comma 290: fra 583 euro e l’importo corrispondente al

rapporto fra 15.000 euro, diminuito del red-
a) l’autorizzazione di spesa di cui al-
dito complessivo, e 7.000 euro, se l’ammon-
l’articolo 1, comma 235, primo periodo,
tare del reddito complessivo è superiore a
della legge 24 dicembre 2012, n. 228, e suc-
8.000 euro ma non a 15.000 euro».
cessive modificazioni, come rifinanziata

dalla presente legge, è ridotta di 58 milioni
291. Il Fondo sociale per occupazione e
di euro per l’anno 2018;
formazione, di cui all’articolo 18, comma
b) il fondo di cui all’articolo 1, comma
1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre
3, lettera f), della legge 24 dicembre 2007,
2008, n. 185, convertito, con modificazioni,
n. 247, è ridotto di 140 milioni di euro
dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, come ri-
per l’anno 2017, 110 milioni di euro per
finanziato dal comma 304 del presente arti-
l’anno 2018, 76 milioni di euro per l’anno
colo, è ridotto di 300 milioni di euro per
2019 e 30 milioni di euro per l’anno 2020
l’anno 2016 e incrementato di 89 milioni
con conseguente corrispondente riduzione
di euro per l’anno 2017.
degli importi di cui all’articolo 7, comma
292. Le prestazioni assistenziali di cui al-
1, del decreto legislativo 21 aprile 2011,
l’articolo 1, comma 116, della legge 23 di-
n. 67, e successive modificazioni.
cembre 2014, n. 190, a favore dei malati

di mesotelioma che abbiano contratto la pa-

290. All’articolo 13 del testo unico delle tologia o per esposizione familiare a lavora-

imposte sui redditi, di cui al decreto del tori impiegati nella lavorazione dell’amianto

Presidente della Repubblica 22 dicembre ovvero per esposizione ambientale compro-

1986, n. 917, sono apportate le seguenti mo- vata e che siano deceduti nel corso del-

dificazioni: l’anno 2015 possono essere erogate agli

eredi, nella misura fissata dal decreto del
a) al comma 3:
Ministro del lavoro e delle politiche sociali
1) alla lettera a), le parole: «1.725
4 settembre 2015 ripartita tra gli stessi, su
euro» e «7.500 euro» sono sostituite, rispet-
domanda, corredata di idonea documenta-
tivamente, dalle seguenti: «1.783 euro» e
zione, presentata dai medesimi entro no-
«7.750 euro»;
vanta giorni dalla data di entrata in vigore

2) la lettera b) è sostituita dalla se- della presente legge. Le prestazioni di cui

guente: al presente comma sono erogate a valere

«b) 1.255 euro, aumentata del prodotto sulle disponibilità presenti nel Fondo per

fra 528 euro e l’importo corrispondente al le vittime dell’amianto, di cui all’articolo

rapporto fra 15.000 euro, diminuito del red- 1, comma 241, della legge 24 dicembre

dito complessivo, e 7.250 euro, se l’ammon- 2007, n. 244, istituito presso l’INAIL, nei li-

tare del reddito complessivo è superiore a miti delle somme individuate dal citato de-

7.750 euro ma non a 15.000 euro»; creto del Ministro del lavoro e delle politi-

che sociali 4 settembre 2015 e destinate
b) al comma 4:
alla copertura delle spese per le prestazioni

1) alla lettera a), le parole: «1.783 in favore degli aventi diritto per l’anno

euro» e «7.750 euro» sono sostituite, rispet- 2015.

tivamente, dalle seguenti: «1.880 euro» e 293. Il Fondo per la compensazione degli

«8.000 euro»; effetti finanziari non previsti a legislazione

— 64 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



vigente conseguenti all’attualizzazione di 296. Per le finalità di cui al comma 295 è

contributi pluriennali, di cui all’articolo 6, autorizzata la spesa annua di 3 milioni di

comma 2, del decreto-legge 7 ottobre euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e

2008, n. 154, convertito, con modificazioni, 2018.

dalla legge 4 dicembre 2008, n. 189, e suc-
297. I trattamenti di vecchiaia anticipati
cessive modificazioni, è ridotto di 100 mi-
di cui al comma 295 sono erogati, nell’am-
lioni di euro per l’anno 2016 e incrementato
bito del limite di spesa di cui al comma
di 36 milioni di euro per l’anno 2017.
296, secondo l’ordine di sottoscrizione del
294. Per l’anno 2016 l’INPS versa all’en-
relativo accordo di procedura presso l’ente
trata del bilancio dello Stato, in deroga a
competente. L’INPS provvede al monitorag-
quanto previsto dall’articolo 5 del decreto
gio, sulla base dell’ordine cronologico di cui
legislativo 14 settembre 2015, n. 150, una
al primo periodo del presente comma, delle
quota, pari a 52 milioni di euro, delle en-
domande di pensionamento presentate dai
trate derivanti dall’aumento contributivo di
lavoratori di cui al comma 295 che inten-
cui all’articolo 25 della legge 21 dicembre
dono avvalersi dei requisiti di accesso e
1978, n. 845, con esclusione delle somme
del regime delle decorrenze vigenti alla
destinate al finanziamento dei fondi parite-
data indicata al medesimo comma 295. Qua-
tici interprofessionali per la formazione pro-
lora dal predetto monitoraggio risulti il rag-
fessionale, di cui all’articolo 118 della legge
giungimento, anche in termini prospettici,
23 dicembre 2000, n. 388. Per le finalità di
del limite di spesa di cui al comma 296,
cui all’articolo 5 del decreto legislativo 14
l’ente previdenziale non prende in esame ul-
settembre 2015, n. 150, il Fondo sociale
teriori domande di pensionamento finaliz-
per occupazione e formazione, di cui all’ar-
zate ad usufruire dei benefìci previsti dalla
ticolo 18 del decreto-legge 29 novembre
disposizione di cui al comma 295.
2008, n. 185, convertito, con modificazioni,

dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, è incre- 298. Il comma 2 dell’articolo 14 del de-

mentato di 52 milioni di euro per l’anno creto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503,

2017. è abrogato. La conseguente cumulabilità

295. In deroga a quanto previsto dalla let- opera anche con riferimento a periodi ante-

tera g) del comma 1 dell’articolo 11 del re- cedenti alla data di entrata in vigore della

golamento di cui al decreto del Presidente presente legge.

della Repubblica 28 ottobre 2013, n. 157, 299. Dopo il comma 113 dell’articolo 1

le disposizioni vigenti alla data del 31 di- della legge 23 dicembre 2014, n. 190, è in-

cembre 2013 in materia di requisiti di ac- serito il seguente:

cesso e di regime delle decorrenze dei trat-

tamenti pensionistici continuano ad appli- «113-bis. Le disposizioni di cui al se-

carsi ai lavoratori poligrafici collocati in condo periodo del comma 2-quater dell’arti-

cassa integrazione guadagni straordinaria fi- colo 6 del decreto-legge 29 dicembre 2011,

nalizzata al prepensionamento ai sensi del- n. 216, convertito, con modificazioni, dalla

l’articolo 37, comma 1, lettera a), della legge 24 febbraio 2012, n. 14, come sosti-

legge 5 agosto 1981, n. 416, in forza di ac- tuito dal comma 113 del presente articolo,

cordi di procedura sottoscritti entro il 31 di- si applicano anche ai trattamenti pensioni-

cembre 2013, ancorché maturino i requisiti stici decorrenti negli anni 2012, 2013 e

per l’accesso al pensionamento successiva- 2014. La disposizione del presente comma

mente alla predetta data, nei limiti e alle si applica esclusivamente con riferimento

condizioni di cui al comma 297 del presente ai ratei di pensione corrisposti a decorrere

articolo. dal 1º gennaio 2016».

— 65 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



300. Ai fini del concorso alla copertura miglie di operai e impiegati accertata dall’I-

degli oneri derivanti dai commi 298 e 299, stituto nazionale di statistica rispetto al-

il fondo di cui all’articolo 1, comma 3, let- l’anno precedente. Gli incrementi annuali

tera f), della legge 24 dicembre 2007, di cui al primo periodo del presente comma

n. 247, è ridotto di 15,1 milioni di euro si aggiungono a quello complessivo del

per l’anno 2016, 15,4 milioni di euro per 16,25 per cento di cui all’articolo 1, commi

l’anno 2017, 15,8 milioni di euro per l’anno 23 e 24, della legge 24 dicembre 2007,

2018, 16,2 milioni di euro per l’anno 2019, n. 247, nonché all’articolo 1, comma 129,

16,5 milioni di euro per l’anno 2020, 16,9 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, e re-

milioni di euro per l’anno 2021, 17,2 mi- lativi decreti attuativi, e si applicano agli in-

lioni di euro per l’anno 2022, 17,7 milioni dennizzi dovuti dall’INAIL ai sensi della

di euro per l’anno 2023, 18 milioni di
«Tabella indennizzo danno biologico» di
euro per l’anno 2024 e 18,4 milioni di
cui al decreto del Ministro del lavoro e della
euro a decorrere dall’anno 2025, con conse-
previdenza sociale 12 luglio 2000, pubbli-
guente corrispondente riduzione degli im-
cato nel supplemento ordinario alla Gazzetta
porti di cui all’articolo 7, comma 1, del de-
Ufficiale n. 172 del 25 luglio 2000. Per il
creto legislativo 21 aprile 2011, n. 67, e
triennio 2016-2018, ai fini della compensa-
successive modificazioni.
zione degli effetti finanziari derivanti dalle
301. L’INPS e l’INAIL, al fine di preve-
disposizioni di cui al primo e al secondo pe-
nire patologie che possano dar luogo a inva-
riodo del presente comma, il Fondo per la
lidità o per evitare l’aggravamento di invali-
compensazione degli effetti finanziari non
dità dovute alle stesse patologie, da indivi-
previsti a legislazione vigente conseguenti
duare nell’accordo di cui all’articolo 4,
all’attualizzazione di contributi pluriennali,
comma 4, della legge 24 ottobre 2000,
di cui all’articolo 6, comma 2, del decreto-
n. 323, e sulla base di specifici protocolli
legge 7 ottobre 2008, n. 154, convertito,
da loro stessi definiti, riconoscono ai propri
con modificazioni, dalla legge 4 dicembre
assistiti che fruiscono di cicli di cure termali
2008, n. 189, e successive modificazioni, è
per le predette finalità le prestazioni econo-
ridotto di 1 milione di euro per l’anno
miche accessorie di cui all’articolo 5,
2016, di 5 milioni di euro per l’anno 2017
comma 1, ultimo periodo, della legge 24 ot-
e di 15 milioni di euro per l’anno 2018. A
tobre 2000, n. 323.
decorrere dall’anno 2019, alla copertura fi-
302. Nelle more dell’individuazione dei
nanziaria degli oneri derivanti dalle disposi-
protocolli di cui al comma 301 del presente
zioni di cui al primo e al secondo periodo
articolo, all’articolo 1, comma 301, della
del presente comma si provvede nell’ambito
legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole:

«1º gennaio 2016» sono sostituite dalle se- della revisione delle tariffe dei premi per

guenti: «1º gennaio 2019». l’assicurazione contro gli infortuni e le ma-

303. Con effetto dall’anno 2016, a decor- lattie professionali, di cui all’articolo 1,

rere dal 1º luglio di ciascun anno, gli im- comma 128, della legge 27 dicembre 2013,

porti degli indennizzi del danno biologico n. 147. A decorrere dall’anno 2019 l’effica-

erogati dall’INAIL ai sensi dell’articolo 13 cia delle disposizioni di cui al primo e al se-

del decreto legislativo 23 febbraio 2000, condo periodo del presente comma, anche

n. 38, e successive modificazioni, sono riva- con riferimento alle rivalutazioni relative

lutati, con decreto del Ministro del lavoro e agli anni 2016-2018, è subordinata all’attua-

delle politiche sociali, su proposta del Presi- zione della predetta revisione delle tariffe

dente dell’INAIL, sulla base della variazione dei premi per l’assicurazione contro gli in-

dell’indice dei prezzi al consumo per le fa- fortuni e le malattie professionali.

— 66 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



304. Al fine di favorire la transizione ratori che alla data di decorrenza del tratta-

verso il riformato sistema degli ammortizza- mento hanno già beneficiato di prestazioni

tori sociali in costanza di rapporto di lavoro, di mobilità in deroga per almeno tre anni,

ai sensi del decreto legislativo 14 settembre anche non continuativi. Per i restanti lavora-

2015, n. 148, l’autorizzazione di spesa di tori il trattamento può essere concesso per

cui all’articolo 1, comma 7, del decreto- non più di quattro mesi, non ulteriormente

legge 20 maggio 1993, n. 148, convertito, prorogabili, più ulteriori due mesi nel caso

con modificazioni, dalla legge 19 luglio di lavoratori residenti nelle aree individuate

1993, n. 236, confluita nel Fondo sociale dal testo unico di cui al decreto del Presi-

per occupazione e formazione, di cui all’ar- dente della Repubblica 6 marzo 1978,

ticolo 18, comma 1, lettera a), del decreto- n. 218. Per tali lavoratori il periodo com-

legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, plessivo non può comunque eccedere il li-

con modificazioni, dalla legge 28 gennaio mite massimo di tre anni e quattro mesi.

2009, n. 2, è incrementata, per l’anno Le regioni e le province autonome di Trento

2016, di 250 milioni di euro per essere de- e di Bolzano possono disporre la conces-

stinata al rifinanziamento degli ammortizza- sione dei trattamenti di integrazione salariale

tori sociali in deroga di cui all’articolo 2, e di mobilità, anche in deroga ai criteri di

commi 64, 65 e 66, della legge 28 giugno cui agli articoli 2 e 3 del citato decreto

2012, n. 92. All’onere derivante dal primo del Ministro del lavoro e delle politiche so-

periodo del presente comma, pari a 250 mi- ciali n. 83473 del 2014, in misura non supe-

lioni di euro per l’anno 2016, si provvede: riore al 5 per cento delle risorse ad esse at-

quanto a 100 milioni di euro mediante cor- tribuite, ovvero in eccedenza a tale quota di-

rispondente riduzione del fondo di cui al- sponendo l’integrale copertura degli oneri

l’articolo 1, comma 107, della legge 23 di- connessi a carico delle finanze regionali ov-

cembre 2014, n. 190, e quanto a 150 milioni vero delle risorse assegnate alla regione nel-

di euro mediante corrispondente riduzione l’ambito dei piani o programmi coerenti con

del Fondo di cui all’articolo 1, comma 3, la specifica destinazione, ai sensi dell’arti-

lettera f), della legge 24 dicembre 2007, colo 1, comma 253, della legge 24 dicembre

n. 247, con conseguente corrispondente ri- 2012, n. 228, e successive modificazioni.

duzione degli importi di cui all’articolo 7, Gli effetti dei suddetti trattamenti non pos-

comma 1, del decreto legislativo 21 aprile sono prodursi oltre la data del 31 dicembre

2011, n. 67, e successive modificazioni. 2016.

Fermo restando quanto disposto dal decreto 305. In attuazione dell’articolo 46,

del Ministro del lavoro e delle politiche so- comma 3, del decreto legislativo 14 settem-

ciali 1º agosto 2014, n. 83473, il trattamento bre 2015, n. 148, le disposizioni di cui al-

di integrazione salariale in deroga alla nor- l’articolo 5, commi 5 e 8, del decreto-legge

mativa vigente può essere concesso o proro- 20 maggio 1993, n. 148, convertito, con

gato, a decorrere dal 1º gennaio 2016 e fino modificazioni, dalla legge 19 luglio 1993,

al 31 dicembre 2016, per un periodo non n. 236, e successive modificazioni, trovano

superiore a tre mesi nell’arco di un anno. applicazione per l’intera durata stabilita nei

A decorrere dal 1º gennaio 2016 e sino al contratti collettivi aziendali qualora detti

31 dicembre 2016, a parziale rettifica di contratti siano stati stipulati in data antece-

quanto stabilito dall’articolo 3, comma 5, dente al 15 ottobre 2015, e, negli altri

del decreto del Ministro del lavoro e delle casi, esclusivamente sino al 31 dicembre

politiche sociali n. 83473 del 2014, il tratta- 2016, nel limite massimo di 60 milioni di

mento di mobilità in deroga alla vigente euro per l’anno 2016. All’onere derivante

normativa non può essere concesso ai lavo- dal primo periodo del presente comma,

— 67 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



pari a euro 60 milioni per l’anno 2016, si n. 869» sono inserite le seguenti: «, ad ecce-

provvede a carico del Fondo sociale per oc- zione dell’articolo 3».

cupazione e formazione, di cui all’articolo 310. L’indennità di disoccupazione per i

18, comma 1, lettera a), del decreto-legge lavoratori con rapporto di collaborazione

29 novembre 2008, n. 185, convertito, con coordinata e continuativa (DIS-COLL), di

modificazioni, dalla legge 28 gennaio cui all’articolo 15 del decreto legislativo 4

2009, n. 2. marzo 2015, n. 22, è riconosciuta, nei limiti

306. Il comma 1 dell’articolo 26 del de- di cui al quinto periodo del presente

creto legislativo 14 settembre 2015, n. 150, comma, anche per l’anno 2016, in relazione

è sostituito dal seguente: agli eventi di disoccupazione verificatisi a

decorrere dal 1º gennaio 2016 e sino al 31

«1. Allo scopo di permettere il manteni- dicembre 2016. Ai fini del calcolo della du-
mento e lo sviluppo delle competenze acqui-
rata non sono computati i periodi contribu-
site, i lavoratori che fruiscono di strumenti
tivi che hanno già dato luogo ad erogazione
di sostegno del reddito in costanza di rap-
della DIS-COLL. Per gli episodi di disoccu-
porto di lavoro nonché i lavoratori sottoposti
pazione verificatisi a decorrere dal 1º gen-
a procedure di mobilità possono essere chia-
naio 2016 e sino al 31 dicembre 2016,
mati a svolgere attività a fini di pubblica
non si applica la disposizione di cui all’arti-
utilità a beneficio della comunità territoriale
colo 15, comma 2, lettera c), del citato de-
di appartenenza, sotto la direzione e il coor-
creto legislativo n. 22 del 2015. Ai fini del-
dinamento di amministrazioni pubbliche di
l’applicazione dell’articolo 15 del citato de-
cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legi-
creto legislativo n. 22 del 2015, le disposi-
slativo n. 165 del 2001, e successive modi-
zioni che hanno a riferimento l’anno solare
ficazioni, nel territorio del comune ove
sono da interpretarsi come riferite all’anno
siano residenti».
civile. La DIS-COLL è riconosciuta, in rela-

zione agli eventi di disoccupazione verifica-
307. Per l’anno 2016, nell’ambito delle ri-
tisi a decorrere dal 1º gennaio 2016 e sino
sorse del Fondo sociale per occupazione e
al 31 dicembre 2016, nel limite di 54 mi-
formazione di cui all’articolo 18, comma
lioni di euro per l’anno 2016 e di 24 milioni
1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre
di euro per l’anno 2017, salvo quanto stabi-
2008, n. 185, convertito, con modificazioni,
lito dall’ultimo periodo del presente comma.
dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, destinate
L’INPS riconosce il beneficio in base all’or-
al finanziamento degli ammortizzatori so-
dine cronologico di presentazione delle do-
ciali in deroga di cui all’articolo 2, commi
mande; nel caso di insufficienza delle ri-
64, 65 e 66, della legge 28 giugno 2012,
sorse, valutata anche su base pluriennale
n. 92, e successive modificazioni, è desti-
con riferimento alla durata della prestazione,
nata una somma fino a 18 milioni di euro
l’INPS non prende in considerazione ulte-
finalizzata al riconoscimento della cassa in-
riori domande, fornendo immediata comuni-
tegrazione guadagni in deroga per il settore
cazione anche attraverso il proprio sito in-
della pesca.
ternet. Le risorse stanziate dall’articolo 19,

308. All’articolo 1, comma 2, secondo comma 1, del decreto-legge 29 novembre

periodo, del decreto legislativo 14 settembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni,

2015, n. 148, le parole: «nel settore indu- dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, sono de-

striale» sono soppresse. stinate al finanziamento degli interventi pre-

309. All’articolo 46, comma 1, lettera b), visti dal presente comma nella misura di 54

del decreto legislativo 14 settembre 2015, milioni di euro per l’anno 2016 e di 24 mi-

n. 148, dopo le parole: «12 agosto 1947, lioni di euro per l’anno 2017. Il limite di

— 68 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



cui al quinto periodo del presente comma agosto 1991, n. 266, relativi alle organizza-

può essere incrementato in misura pari alle zioni di volontariato, già costituite alla

risorse residue destinate nell’anno 2016 al data di entrata in vigore della presente

finanziamento della DIS-COLL riconosciuta legge, che esercitano attività di utilità so-

per eventi di disoccupazione verificatisi a ciale nei territori montani.

decorrere dal 1º gennaio 2015 e sino al 31 314. Alla dotazione del Fondo di cui al

dicembre 2015 e non utilizzate, come accer- comma 312, cui è assegnato l’importo di 5

tate con il procedimento di cui all’articolo milioni di euro per ciascuno degli anni

14 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e suc- 2016 e 2017, si provvede mediante corri-

cessive modificazioni, da concludersi entro spondente riduzione del Fondo sociale per

il 31 maggio 2016, computando le presta- occupazione e formazione, di cui all’articolo

zioni in corso al 30 aprile 2016, ai fini 18, comma 1, lettera a), del decreto-legge

del predetto procedimento accertativo, per 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con

la loro intera durata teorica, calcolata ai modificazioni, dalla legge 28 gennaio

sensi dell’articolo 15, comma 6, del citato 2009, n. 2. Con decreto del Ministro dell’e-

decreto legislativo n. 22 del 2015. conomia e delle finanze, su proposta del

311. È prorogata, per l’anno 2016, l’ap- Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

plicazione della disposizione di cui all’arti- sono apportate le necessarie variazioni di bi-

colo 1, comma 315, della legge 23 dicembre lancio.

2014, n. 190, nel limite di 12 milioni di 315. Al fine di promuovere la prestazione

euro. di attività di volontariato da parte dei sog-

312. In via sperimentale, per gli anni getti di cui al comma 312, i comuni e gli

2016 e 2017, è istituito presso il Ministero altri enti locali interessati promuovono le

del lavoro e delle politiche sociali un Fondo opportune iniziative informative e pubblici-

finalizzato a reintegrare l’INAIL dell’onere tarie finalizzate a rendere noti i progetti di

conseguente alla copertura degli obblighi as- utilità sociale, da realizzare anche in colla-

sicurativi contro le malattie e gli infortuni, borazione con le organizzazioni del terzo

tenuto conto di quanto disposto dall’articolo settore. La condizione di soggetto beneficia-

4 della legge 11 agosto 1991, n. 266, in fa- rio di ammortizzatori e di altre forme di in-

vore dei soggetti beneficiari di ammortizza- tegrazione e sostegno del reddito, di cui al

tori e di altre forme di integrazione e soste- comma 312, è verificata dall’INPS, su ri-

gno del reddito previste dalla normativa vi- chiesta dei comuni o degli altri enti locali,

gente, coinvolti in attività di volontariato a ovvero direttamente dagli enti locali eroga-

fini di utilità sociale in favore di comuni o tori.

enti locali, nonché in favore dei detenuti e 316. Con decreto del Ministro del lavoro

degli internati impegnati in attività volonta- e delle politiche sociali sono stabiliti moda-

rie e gratuite ai sensi dell’articolo 21, lità e criteri per la valorizzazione, ai fini

comma 4-ter, della legge 26 luglio 1975, della certificazione dei crediti formativi, del-

n. 354, e degli stranieri richiedenti asilo in l’attività prestata ai sensi del comma 312.

possesso del relativo permesso di soggiorno, Agli oneri derivanti dalla certificazione delle

trascorso il termine di cui all’articolo 22, competenze si provvede mediante le risorse

comma 1, del decreto legislativo 18 agosto del Fondo di cui al comma 312, secondo li-

2015, n. 142. miti e modalità stabilite con il decreto di cui

313. Una quota del Fondo di cui al al presente comma.

comma 312 non superiore a 100.000 euro 317. All’articolo 7 del decreto-legge 23

annui è destinata a reintegrare gli oneri assi- dicembre 2013, n. 146, convertito, con mo-

curativi di cui all’articolo 4 della legge 11 dificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014,

— 69 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



n. 10, sono apportate le seguenti modifica- tura complessiva, nei limiti e secondo le

zioni: modalità previste dall’articolo 11 del de-

creto-legge 25 giugno 2008, n. 112, conver-
a) al comma 3, l’ultimo periodo è sosti-
tito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto
tuito dal seguente: «Ai componenti del Ga-
2008, n. 133, e successive modificazioni.
rante nazionale è attribuita un’indennità for-
Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore
fetaria annua, determinata in misura pari al
della presente disposizione sono stabilite le
40 per cento dell’indennità parlamentare an-
disposizioni applicative del presente comma,
nua per il Presidente e pari al 30 per cento
con riferimento, in particolare, a:
per i membri del collegio, fermo restando il

diritto al rimborso delle spese effettivamente a) le tipologie di strutture alberghiere am-

sostenute di vitto, alloggio e trasporto per messe al credito d’imposta;

gli spostamenti effettuati nello svolgimento b) le tipologie di interventi ammessi al

delle attività istituzionali»; beneficio, nell’ambito di quelli di cui al

b) dopo il comma 5 è aggiunto il se- comma 2;

guente: c) le procedure per l’ammissione al bene-

«5-bis. Per il funzionamento del Garante ficio, che avviene secondo l’ordine cronolo-

nazionale è autorizzata la spesa di euro gico di presentazione delle relative do-

200.000 annui a decorrere dall’anno 2016». mande, nel rispetto dei limiti di cui ai

commi 1 e 7;

318. Al comma 1 dell’articolo 1 del de-
d) le soglie massime di spesa ammissibile
creto-legge 31 maggio 2014, n. 83, conver-
per singola voce di spesa sostenuta;
tito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio
e) le procedure di recupero nei casi di
2014, n. 106, e successive modificazioni,
utilizzo illegittimo dei crediti d’imposta, se-
sono apportate le seguenti modificazioni:
condo quanto stabilito dall’articolo 1,
a) al primo periodo, la parola: «tre» è
comma 6, del decreto-legge 25 marzo
soppressa;
2010, n. 40, convertito, con modificazioni,
b) le parole: «nella misura del:» sono
dalla legge 22 maggio 2010, n. 73.
sostituite dalle seguenti: «nella misura del
2-ter. Per le medesime finalità di cui al
65 per cento delle erogazioni effettuate» e
comma 1, nonché per promuovere l’ado-
le lettere a) e b) sono abrogate.
zione e la diffusione della "progettazione

universale" e l’incremento dell’efficienza
319. Per l’attuazione del comma 318, è
energetica, il Ministro dei beni e delle atti-
autorizzata la spesa di 1,8 milioni di euro
vità culturali e del turismo, con proprio de-
per l’anno 2017, 3,9 milioni di euro per
creto da emanare entro tre mesi dalla data di
l’anno 2018, 11,7 milioni di euro per l’anno
entrata in vigore della presente disposizione,
2019 e 17,8 milioni di euro a decorrere dal-
previa intesa in sede di Conferenza unifi-
l’anno 2020.
cata, aggiorna gli standard minimi, uniformi
320. Dopo il comma 2 dell’articolo 10
in tutto il territorio nazionale, dei servizi e
del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83,
delle dotazioni per la classificazione delle
convertito, con modificazioni, dalla legge
strutture ricettive e delle imprese turistiche,
29 luglio 2014, n. 106, sono inseriti i se-
ivi compresi i condhotel e gli alberghi dif-
guenti:
fusi, tenendo conto delle specifiche esigenze

«2-bis. Il credito d’imposta di cui al connesse alle capacità ricettiva e di frui-

comma 1 è riconosciuto anche nel caso in zione dei contesti territoriali e dei sistemi

cui la ristrutturazione edilizia di cui al di classificazione alberghiera adottati a li-

comma 2 comporti un aumento della cuba- vello europeo e internazionale».

— 70 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



321. Per consentire al Ministero dei beni fusione ai sensi del comma 322. Al fine di

e delle attività culturali e del turismo di assicurare lo svolgimento dei servizi per il

far fronte con interventi urgenti al verificarsi pubblico negli istituti e nei luoghi della cul-

di emergenze che possano pregiudicare la tura del Ministero dei beni e delle attività

salvaguardia dei beni culturali e paesaggi- culturali e del turismo, alla società ALES

stici e di procedere alla realizzazione di pro- non si applica l’articolo 9, comma 29, del

getti di gestione di modelli museali, archivi- decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, con-

stici e librari, nonché di progetti di tutela vertito, con modificazioni, dalla legge 30 lu-

paesaggistica e archeologico-monumentale glio 2010, n. 122, e successive modifica-

e di progetti per la manutenzione, il restauro zioni.

e la valorizzazione di beni culturali e pae- 324. La fusione disposta dal comma 322,

saggistici, l’autorizzazione di spesa di cui in deroga agli articoli 2501 e seguenti del

all’articolo 1, comma 1142, della legge 27 codice civile, ha effetto a far data dal quin-

dicembre 2006, n. 296, è incrementata di 5 dicesimo giorno successivo all’iscrizione del

milioni di euro a decorrere dall’anno 2017. nuovo statuto della società ALES nel regi-

322. Al fine di assicurare risparmi della stro delle imprese. In tale data, la società

spesa pubblica e di razionalizzare le società ARCUS si estingue, con contestuale cessa-

strumentali del Ministero dei beni e delle at- zione dei suoi organi amministrativi e di

tività culturali e del turismo, è disposta la controllo dalla carica. La società ALES pro-

fusione per incorporazione della «Società cede alla cancellazione di tale società dal re-

per lo sviluppo dell’arte, della cultura e gistro delle imprese. Tutti gli atti connessi

dello spettacolo – ARCUS Spa», di seguito alle operazioni di fusione tra le società

denominata «ARCUS», nella società ALES e ARCUS sono esenti da ogni tributo

«ALES – Arte Lavoro e Servizi S.p.A.», e diritto, comunque denominato, e vengono

di seguito denominata «ALES». La struttura effettuati in regime di neutralità fiscale.

organizzativa della società ALES è conse- 325. Il comma 1-ter dell’articolo 39 del

guentemente articolata in due o più divi- decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, con-

sioni, una delle quali prosegue le funzioni vertito, con modificazioni, dalla legge 9

della società ARCUS di cui all’articolo 10 agosto 2013, n. 98, e il decreto del Ministro

della legge 8 ottobre 1997, n. 352, e succes- per i beni e le attività culturali 24 settembre

sive modificazioni. 2008, n. 182, sono abrogati.

323. Con decreto del Ministro dei beni e 326. Dall’attuazione delle disposizioni di

delle attività culturali e del turismo, da ema- cui ai commi da 322 a 325 non devono de-

nare entro sessanta giorni dalla data di en- rivare nuovi o maggiori oneri a carico della

trata in vigore della presente legge, è adot- finanza pubblica.

tato il nuovo statuto della società ALES. 327. Nelle more dell’adozione dei decreti

Lo statuto prevede tra l’altro l’istituzione legislativi attuativi dell’articolo 8 della legge

di un consiglio di amministrazione, con con- 7 agosto 2015, n. 124, al fine di dare effi-

seguente nomina dei nuovi organi della so- cace attuazione alle disposizioni di cui al-

cietà. Entro novanta giorni dall’insedia- l’articolo 17-bis, comma 3, della legge 7

mento, sulla base di requisiti oggettivi e in agosto 1990, n. 241, nonché di garantire il

considerazione dei nuovi compiti della so- buon andamento dell’amministrazione di tu-

cietà ALES, il consiglio di amministrazione tela del patrimonio culturale, entro trenta

adotta un piano di riorganizzazione azien- giorni dalla data di entrata in vigore della

dale e del personale, definendo, compatibil- presente legge, con decreto del Ministro

mente con le disponibilità di bilancio, la dei beni e delle attività culturali e del turi-

struttura organizzativa come risultante dalla smo emanato ai sensi dell’articolo 17,

— 71 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



comma 4-bis, lettera e), della legge 23 ago- bandi resta comunque subordinata, ove ne-

sto 1988, n. 400, e dell’articolo 4, commi 4 cessario per escludere situazioni di ecce-

e 4-bis, del decreto legislativo 30 luglio denza nell’ambito di ciascuno dei profili

1999, n. 300, si provvede, nel rispetto delle professionali di cui al comma 328 in rela-

dotazioni organiche del Ministero dei beni e zione alle assunzioni da effettuare, alla ri-

delle attività culturali e del turismo di cui modulazione della ripartizione per profili

alle tabelle A e B del regolamento di cui della dotazione organica dell’area III di cui

al decreto del Presidente del Consiglio dei al decreto del Ministro dei beni e delle atti-

ministri 29 agosto 2014, n. 171, senza nuovi vità culturali e del turismo 6 agosto 2015.

o maggiori oneri per la finanza pubblica, 330. Per l’attuazione delle disposizioni di

alla riorganizzazione, anche mediante sop- cui ai commi 328 e 329 è autorizzata la

pressione, fusione o accorpamento, degli uf- spesa nel limite di 20 milioni di euro annui

fici dirigenziali, anche di livello generale, a decorrere dal 2017. Il Ministero dei beni e

del medesimo Ministero. delle attività culturali e del turismo comu-

328. È autorizzata l’assunzione a tempo nica alla Presidenza del Consiglio dei mini-

indeterminato presso il Ministero dei beni stri – Dipartimento della funzione pubblica

e delle attività culturali e del turismo di ed al Ministero dell’economia e delle fi-

500 funzionari da inquadrare, nel rispetto nanze – Dipartimento della Ragioneria gene-

della dotazione organica di cui alla tabella rale dello Stato le assunzioni effettuate ai

B allegata al regolamento di cui al decreto sensi dei commi 328 e 329 e i relativi oneri.

del Presidente del Consiglio dei ministri 331. All’articolo 1 della legge 24 dicem-

29 agosto 2014, n. 171, nella III area del bre 2007, n. 244, sono apportate le seguenti

personale non dirigenziale, posizione econo- modificazioni:

mica F1, nei profili professionali di antropo-
a) al comma 325:
logo, archeologo, architetto, archivista, bi-
1) al primo periodo, dopo le parole:
bliotecario, demoetnoantropologo, promo-
«nella misura» è inserita la seguente: «mas-
zione e comunicazione, restauratore e sto-
sima» e dopo la parola: «produzione» sono
rico dell’arte.
inserite le seguenti: «e distribuzione in Italia
329. Il personale di cui al comma 328 è
e all’estero»;
assunto, in deroga all’articolo 1, comma
2) è aggiunto, in fine, il seguente pe-
425, della legge 23 dicembre 2014, n. 190,
riodo: «Il decreto previsto al comma 333
e successive modificazioni, all’articolo 4,
provvede alla determinazione delle aliquote
comma 3, del decreto-legge 31 agosto
del beneficio in relazione anche alla cumu-
2013, n. 101, convertito, con modificazioni,
labilità con le diverse misure dei benefìci
dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, e suc-
eventualmente spettanti, per la medesima
cessive modificazioni, nonché ai limiti di
opera, ai sensi del comma 327, lettere a) e
cui all’articolo 66 del decreto-legge 25 giu-
b)»;
gno 2008, n. 112, convertito, con modifica-

zioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e b) al comma 326, dopo la parola: «ap-

successive modificazioni, a seguito di proce- porti» sono inserite le seguenti: «alla produ-

dure di selezione pubblica disciplinate con zione»;

decreto del Ministro dei beni e delle attività c) al comma 327, lettera a), le parole:

culturali e del turismo, di concerto con il «pari al 15 per cento» sono sostituite dalle

Ministro per la semplificazione e la pubblica seguenti: «non inferiore al 15 per cento e

amministrazione, da emanare entro novanta non superiore al 30 per cento, in relazione

giorni dalla data di entrata in vigore della anche alla cumulabilità e alla misura del be-

presente legge. L’emanazione dei relativi neficio spettante per la medesima opera ai

— 72 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



sensi del comma 325,» e la cifra: normativa europea, nel decreto previsto al

«3.500.000» è sostituita dalla seguente: comma 333»;

«6.000.000»; h) al comma 335, la parola: «girati» è

d) al comma 327, lettera b): sostituita dalla seguente: «realizzati».


1) all’alinea, la parola: «pari» è so-
332. Al decreto legislativo 22 gennaio
stituita dalle seguenti: «non superiore»;
2004, n. 28, sono apportate le seguenti mo-
2) al numero 1), dopo la parola: «na-
dificazioni:
zionale» sono inserite le seguenti: «e inter-

nazionale», le parole da: «riconosciute» a) la lettera a) del comma 6 dell’articolo

fino a: «articolo 7» sono sostituite dalle se- 2 è abrogata;

guenti: «ammesse ai benefìci ai sensi del- b) l’articolo 15 è abrogato.

l’articolo 9», la cifra: «1.500.000» è sosti-
333. A decorrere dal 1º gennaio 2016,
tuita dalla seguente: «2.000.000» e sono ag-
sono abrogati i commi 2-bis, 2-ter, 2-quater,
giunte, in fine, le seguenti parole: «; il de-
2-quinquies e 2-sexies dell’articolo 6 del de-
creto previsto al comma 333 prevede l’ali-
creto-legge 31 maggio 2014, n. 83, conver-
quota massima con riferimento alla distribu-
tito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio
zione internazionale e, per quanto riguarda
2014, n. 106. Sono fatte comunque salve le
quella nazionale, in relazione ai piani distri-
procedure in corso di attuazione alla data di
butivi che, per tipologia di opera ovvero per
entrata in vigore della presente legge, av-
modalità e tempi del piano distributivo, pre-
viate ai sensi del decreto del Ministro dei
sentino maggiore difficoltà a raggiungere un
beni e delle attività culturali e del turismo
pubblico vasto»;
12 febbraio 2015, pubblicato nella Gazzetta

3) il numero 2) è abrogato; Ufficiale n. 69 del 24 marzo 2015.

334. All’articolo 8 del decreto-legge 8
e) al comma 327, lettera c), numero 1),
agosto 2013, n. 91, convertito, con modifi-
le parole: «al 30 per cento» sono sostituite
cazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112,
dalle seguenti: «a non oltre il 40 per cento»,
e successive modificazioni, sono apportate
le parole: «l’introduzione e acquisizione»
le seguenti modificazioni:
sono sostituite dalle seguenti: «l’acquisi-

zione e la sostituzione» e sono aggiunte, a) al comma 3, le parole: «e di 115 mi-

in fine, le seguenti parole: «, nonché per lioni di euro annui a decorrere dall’anno

la ristrutturazione e l’adeguamento struttu- 2015» sono sostituite dalle seguenti: «, di

rale e tecnologico delle sale cinematografi- 115 milioni di euro per l’anno 2015 e di

che e dei relativi impianti e servizi acces- 140 milioni di euro annui a decorrere dal-

sori, per la realizzazione di nuove sale o il l’anno 2016»;

ripristino di sale inattive secondo le specifi- b) al comma 4, le parole da: «, rispet-

che e nei limiti di quanto indicato nel de- tivamente» fino a: «comma 2» sono sosti-

creto previsto al comma 333, avuto partico- tuite dalle seguenti: «a ciascuna delle tipolo-

lare riguardo all’esistenza o meno della sala gie di beneficio fiscale previste dai commi 1

cinematografica in data anteriore al 1º gen- e 2».

naio 1980»;

335. All’articolo 71-octies della legge 22
f) il comma 328 è abrogato;
aprile 1941, n. 633, dopo il comma 3 è ag-
g) al comma 332, secondo periodo, le
giunto il seguente:
parole da: «l’80 per cento» fino alla fine

del periodo sono sostituite dalle seguenti: «3-bis. Al fine di favorire la creatività dei

«la percentuale stabilita, in conformità alla giovani autori, il 10 per cento di tutti i com-

— 73 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



pensi incassati ai sensi dell’articolo 71-sep- 339. All’articolo 60 della legge 27 dicem-

ties, calcolato prima delle ripartizioni effet- bre 2002, n. 289, i commi 4 e 4-bis sono

tuate dalla Società italiana degli autori ed abrogati.

editori (SIAE) ai sensi dei commi 1 e 3
340. Al comma 11-bis dell’articolo 11 del
del presente articolo, è destinato dalla So-
decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, con-
cietà, sulla base di apposito atto di indirizzo
vertito, con modificazioni, dalla legge 6
annuale del Ministro dei beni e delle attività
agosto 2015, n. 125, sono apportate le se-
culturali e del turismo, ad attività di promo-
guenti modificazioni:
zione culturale nazionale e internazionale».

a) le parole: «che siano beni culturali

336. Per l’attuazione delle disposizioni di ai sensi della parte seconda del codice di

cui al comma 334 è autorizzata la spesa di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004,

25 milioni di euro a decorrere dall’anno n. 42,» sono soppresse;

2016. b) dopo le parole: «edifici di cui al pe-

337. Per la realizzazione del Piano strate- riodo precedente» sono inserite le seguenti:

gico «Grandi Progetti Beni culturali» di cui «, che siano beni culturali ai sensi della

all’articolo 7 del decreto-legge 31 maggio parte seconda del codice di cui al decreto

2014, n. 83, convertito, con modificazioni, legislativo 22 gennaio 2004, n. 42,»;

dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, è auto-
c) dopo il secondo periodo è inserito il
rizzata la spesa di 70 milioni di euro per
seguente: «Per i lavori di ricostruzione o ri-
l’anno 2017 e di 65 milioni di euro a decor-
parazione delle chiese o degli altri edifici di
rere dall’anno 2018.
cui al primo periodo del presente comma, la
338. Al fine di potenziare gli investimenti
cui esecuzione non risalga ad oltre cin-
infrastrutturali nel settore della cultura, una
quanta anni, la funzione di stazione appal-
quota delle risorse destinate agli interventi
tante di cui al periodo precedente è svolta
infrastrutturali, pari a 30 milioni di euro
dai competenti uffici territoriali del Provve-
per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019,
ditorato alle opere pubbliche».
è destinata agli interventi di conservazione,

manutenzione, restauro e valorizzazione dei

beni culturali. Con decreto del Ministro dei 341. In considerazione dello specifico ri-

beni e delle attività culturali e del turismo, lievo che lo svolgimento del Gran Premio

di concerto con il Ministro delle infrastrut- d’Italia di Formula 1 presso l’autodromo

ture e dei trasporti, sono approvati gli inter- di Monza riveste per il settore sportivo, tu-

venti da finanziare ai sensi del primo pe- ristico ed economico, nonché per l’imma-

riodo del presente comma e le relative mo- gine del Paese in ambito internazionale, la

dalità attuative, anche prevedendo il ricorso Federazione sportiva nazionale-ACI è auto-

ai provveditorati interregionali delle opere rizzata a sostenere la spesa per costi di or-

pubbliche. Le risorse da destinare agli inter- ganizzazione e gestione della manifestazione

venti previsti dal presente comma sono indi- per il periodo di vigenza del rapporto di

viduate con decreto del Ministro delle infra- concessione con il soggetto titolare dei di-

strutture e dei trasporti, di concerto con il ritti di organizzazione e promozione del

Ministro dell’economia e delle finanze, da campionato mondiale di Formula 1 a valere

emanare entro trenta giorni dalla data di en- sulle risorse complessivamente iscritte nel

trata in vigore della presente legge. Il Mini- proprio bilancio, anche attivando adeguate

stro dell’economia e delle finanze è autoriz- misure di contenimento dei costi generali

zato ad apportare, con propri decreti, le oc- di gestione e senza pregiudizio per gli equi-

correnti variazioni di bilancio. libri di bilancio. Dall’attuazione del presente

— 74 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



comma non devono derivare nuovi o mag- rali e del turismo, previa intesa con il sin-

giori oneri per la finanza pubblica. daco di Matera.

342. Al fine di assicurare il rispetto del- 346. Al fine di governare e di gestire il

l’Accordo di sede tra la Repubblica italiana ruolo di «Capitale europea della cultura» ri-

e l’Autorità europea per la sicurezza alimen- conosciuto per il 2019, al comune di Matera

tare, il Ministero dell’istruzione, dell’univer- non si applicano, fino al 31 dicembre 2019,

sità e della ricerca eroga al comune di le norme di contenimento delle spese per

Parma, successivamente all’avvenuta riasse- l’acquisto di beni e di servizi nonché quelle

gnazione di cui al comma 343, la somma limitative delle assunzioni di personale, con

di euro 3,9 milioni, a titolo di contributo forme contrattuali flessibili, di cui all’arti-

per la costruzione della nuova sede della colo 9, comma 28, del decreto-legge 31

Scuola per l’Europa di Parma di cui all’arti- maggio 2010, n. 78, convertito, con modifi-

colo 2, comma 1, della legge 3 agosto 2009, cazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122,

n. 115. Le risorse sono erogate al comune e successive modificazioni, nei limiti di

sulla base dello stato di avanzamento dei la- quanto strettamente necessario allo svolgi-

vori. Alla Scuola per l’Europa di Parma è mento dell’evento. Le spese di cui al pre-

attribuito il diritto di superficie sull’area uti- sente comma non concorrono alla defini-

lizzata per la costruzione dell’immobile rea- zione dell’ammontare della riduzione della

lizzato ai sensi della legge 3 agosto 2009, spesa di personale ai sensi dell’articolo 1,

n. 115, fermo restando quanto previsto dal- comma 557, della legge 27 dicembre 2006,

l’articolo 2, comma 2, della medesima legge n. 296, e successive modificazioni. Per ga-

3 agosto 2009, n. 115. rantire l’obiettivo di cui al presente comma,

343. All’onere derivante dal comma 342, in favore del comune di Matera è autoriz-

si provvede mediante versamento all’entrata zata la spesa di 500.000 euro annui per gli

del bilancio dello Stato della somma di euro anni dal 2016 al 2019.

3,9 milioni, da effettuare entro il 31 marzo 347. Per consentire il completamento del

2016 a cura della Scuola per l’Europa di restauro urbanistico ambientale dei rioni

Parma. La somma così versata alle entrate Sassi e del prospiciente altopiano murgico

dello Stato è successivamente riassegnata di Matera, in esecuzione degli articoli 5 e

allo stato di previsione del Ministero dell’i- 13 della legge 11 novembre 1986, n. 771,

struzione, dell’università e della ricerca per è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro

le finalità di cui al comma 342. per ciascuno degli anni 2016, 2017, 2018

344. La rappresentanza, il patrocinio e e 2019.

l’assistenza in giudizio della Scuola per
348. All’articolo 9, comma 1, della legge
l’Europa di Parma spettano all’Avvocatura
29 luglio 2015, n. 115, sono apportate le se-
dello Stato, ai sensi del testo unico di cui
guenti modificazioni:
al regio decreto 30 ottobre 1933, n. 1611.
a) alla lettera a), numero 2), le parole:
345. Per la realizzazione del programma
«1º gennaio 2016» sono sostituite dalle se-
di interventi della città designata «Capitale
guenti: «30 giugno 2016»;
europea della cultura» per l’anno 2019 è

autorizzata la spesa di 2 milioni di euro b) alla lettera b), le parole: «1º gennaio

per l’anno 2016, 6 milioni di euro per 2016» sono sostituite dalle seguenti: «30

l’anno 2017, 11 milioni di euro per l’anno giugno 2016».

2018 e 9 milioni di euro per l’anno 2019.

L’individuazione degli interventi di cui al 349. Per il funzionamento degli istituti af-

precedente periodo è effettuata con decreto ferenti al settore degli archivi e delle biblio-

del Ministro dei beni e delle attività cultu- teche, nonché degli altri istituti centrali e

— 75 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



dotati di autonomia speciale di cui all’arti- creto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito,

colo 30, commi 1 e 2, lettera b), del regola- con modificazioni, dalla legge 7 ottobre

mento di cui al decreto del Presidente del 2013, n. 112, sono tenute al raggiungimento

Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, dell’equilibrio strutturale di bilancio, sotto il

n. 171, a decorrere dall’anno 2016 è autoriz- profilo sia patrimoniale sia economico-fi-

zata la spesa di 30 milioni di euro annui da nanziario, entro l’esercizio finanziario

iscrivere nello stato di previsione della spesa 2018, previa integrazione, entro novanta

del Ministero dei beni e delle attività cultu- giorni dalla data di entrata in vigore della

rali e del turismo. presente legge, del piano di risanamento

350. Per ciascuno degli istituti di cui al- per il triennio 2016-2018. Il predetto piano

l’articolo 2, comma 1, della legge 30 marzo di risanamento è approvato con decreto del

2004, n. 92, è autorizzato un finanziamento Ministro dei beni e delle attività culturali e

di 70.000 euro annui per ciascuno degli del turismo, di concerto con il Ministro del-

anni 2016, 2017 e 2018. l’economia e delle finanze. La mancata pre-

351. Per le finalità di cui all’articolo 3, sentazione dell’integrazione del piano nel

comma 83, della legge 23 dicembre 1996, termine di cui al primo periodo del presente

n. 662, e successive modificazioni, è auto- comma determina la sospensione dell’eroga-

rizzata la spesa di 10 milioni di euro annui zione alle fondazioni lirico-sinfoniche ina-

a decorrere dal 2016, incrementando il dempienti dei contributi a valere sul Fondo

fondo di cui all’articolo 2, comma 616, unico per lo spettacolo, di cui alla legge

della legge 24 dicembre 2007, n. 244. 30 aprile 1985, n. 163.

352. Per il funzionamento delle istituzioni 356. La procedura di cui all’articolo 11

culturali di cui all’elenco n. 1 allegato alla del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, con-

presente legge è autorizzata la spesa com- vertito, con modificazioni, dalla legge 7 ot-

plessiva di euro 1,34 milioni annui a decor- tobre 2013, n. 112, si applica anche alle

rere dall’anno 2016 secondo la ripartizione fondazioni lirico-sinfoniche che, alla data

ivi indicata. di entrata in vigore della presente legge,

353. All’articolo 2, comma 16-ter, del de- non versino nelle condizioni indicate nel

creto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, con- comma 1 del medesimo articolo 11. Le fon-

vertito, con modificazioni, dalla legge 26 dazioni interessate possono presentare, entro

febbraio 2011, n. 10, e successive modifica- il 30 giugno 2016, il piano triennale per il

zioni, le parole: «Fino al 31 dicembre 2015» periodo 2016-2018, dopo l’approvazione

sono sostituite dalle seguenti: «Fino al 31 del bilancio di esercizio per l’anno 2015, se-

dicembre 2018». Per l’attuazione del pre- condo le disposizioni definite nel citato arti-

sente comma è autorizzata la spesa di 3 mi- colo 11 del decreto-legge n. 91 del 2013 e

lioni di euro annui per gli anni 2016, 2017 e nelle linee guida adottate per la redazione

2018. dei piani di risanamento. Per i piani di cui

354. Per il funzionamento degli Istituti af- al presente comma, ai fini della definizione

ferenti al settore museale, a decorrere dal- delle misure di cui alle lettere a) e c) del

l’anno 2016, è autorizzata la spesa di 10 mi- comma 1 del citato articolo 11 del de-

lioni di euro annui da iscrivere nello stato di creto-legge n. 91 del 2013, si fa riferimento

previsione del Ministero dei beni e delle at- rispettivamente al debito esistente al 31 di-

tività culturali e del turismo. cembre 2015 e alla dotazione organica in

355. Le fondazioni lirico-sinfoniche che, essere al 31 dicembre 2015. Ai fini dell’at-

alla data di entrata in vigore della presente tuazione del presente comma, il fondo di ro-

legge, hanno presentato il piano di risana- tazione di cui al medesimo articolo 11,

mento, ai sensi dell’articolo 11 del de- comma 6, del decreto-legge n. 91 del 2013

— 76 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



è incrementato, per l’anno 2016, di 10 mi- 359. Al fine di tutelare un settore di si-

lioni di euro. Al fine dell’erogazione delle gnificativo rilievo culturale e di salvaguar-

risorse di cui al presente comma si appli- dare le relative attività, anche in considera-

cano le disposizioni di cui al comma 7 del- zione del loro apporto al patrimonio tradi-

l’articolo 11 del decreto-legge n. 91 del zionale del Paese, è autorizzata la spesa di

2013. 1 milione di euro per ciascuno degli anni

2016, 2017 e 2018 per il finanziamento di
357. Al fine di consentire la prosecuzione
festival, cori e bande. Ai fini dell’accesso
del percorso di risanamento delle fondazioni
alle relative risorse, i soggetti interessati tra-
lirico-sinfoniche di cui al comma 355 e di
smettono al Ministero dei beni e delle atti-
procedere all’approvazione e al monitorag-
vità culturali e del turismo i propri progetti,
gio dei nuovi piani di risanamento in attua-
nei termini e secondo le modalità e la pro-
zione del comma 356 del presente articolo,
cedura stabiliti con apposito bando del Mi-
sono prorogate fino al 31 dicembre 2018
nistro dei beni e delle attività culturali e
le funzioni del commissario straordinario
del turismo, da adottare entro trenta giorni
di cui al comma 3 dell’articolo 11 del citato
dalla data di entrata in vigore della presente
decreto-legge n. 91 del 2013 e il relativo in-
legge. Entro i successivi due mesi, con de-
carico è conferito con le modalità di cui al
creto del Ministro dei beni e delle attività
medesimo articolo 11, commi 3 e 5, con
culturali e del turismo, di concerto con il
le quali è determinata anche la misura del
Ministro dell’economia e delle finanze, si
compenso, non superiore a 100.000 euro.
provvede all’individuazione dei progetti am-
A supporto delle attività del commissario,
messi al finanziamento e al riparto delle re-
la Direzione generale Spettacolo del Mini-
lative risorse, nel rispetto del limite di spesa
stero dei beni e delle attività culturali e
di cui al primo periodo.
del turismo può conferire fino ad un mas-
360. Per gli anni 2016, 2017 e 2018 è
simo di tre incarichi di collaborazione, ai
concesso un ulteriore contributo straordina-
sensi dell’articolo 7, comma 6, del decreto
rio di 1 milione di euro annui a favore della
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, a persone
Fondazione EBRI (European Brain Re-
di comprovata qualificazione professionale
search Institute).
nella gestione amministrativa e contabile di
361. All’articolo 1 della legge 23 dicem-
enti che operano nel settore artistico-cultu-
bre 2014, n. 190, il comma 524 è sostituito
rale, per la durata massima di ventiquattro
dal seguente:
mesi, entro il limite di spesa complessivo

di 75.000 euro annui. Agli oneri derivanti «524. La regione Friuli Venezia Giulia è

dall’attuazione del presente comma, pari a autorizzata a rimodulare gli interventi e le

175.000 euro annui per ciascuno degli anni iniziative di cui agli articoli 3, 8, 16 e 21

2016, 2017 e 2018, si provvede mediante della legge 23 febbraio 2001, n. 38, ferma

corrispondente riduzione dell’autorizzazione restando la finalizzazione degli interventi e

di spesa di cui all’articolo 2, comma 1, della delle iniziative stesse a favore della mino-

legge 30 aprile 1985, n. 163, concernente il ranza linguistica slovena. A decorrere dal-

Fondo unico per lo spettacolo. l’anno 2016 le risorse per le attività di cui

al presente comma sono stabilite in 10 mi-
358. L’autorizzazione di spesa di cui al-
lioni di euro annui».
l’articolo 19, comma 5-bis, del decreto-

legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, 362. Per la prosecuzione degli interventi

con modificazioni, dalla legge 8 novembre di cui alla legge 16 marzo 2001, n. 72, è

2013, n. 128, è incrementata di 4 milioni autorizzata la spesa di 2,3 milioni di euro

di euro annui a decorrere dal 2016. per ciascuno degli anni 2016, 2017 e

— 77 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



2018. Per la prosecuzione degli interventi di 365. Al comma 1 dell’articolo 32 del de-

cui alla legge 21 marzo 2001, n. 73, è auto- creto-legge 12 settembre 2014, n. 133, con-

rizzata la spesa di 3,5 milioni di euro per vertito, con modificazioni, dalla legge 11

ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018. novembre 2014, n. 164, le parole: «dalla

data di entrata in vigore della legge di con-
363. Al fine di rilanciare le spese per in-
versione del presente decreto e fino al 31
vestimenti degli enti locali, i comuni con
dicembre 2015» sono sostituite dalle se-
popolazione superiore a 20.000 abitanti,
guenti: «a decorrere dal 1º gennaio 2016».
nel cui territorio ricadono interamente i siti
366. Il comma 2 dell’articolo 16 del de-
di importanza comunitaria, come definiti
creto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, con-
dall’articolo 2, comma 1, lettera m), del re-
vertito, con modificazioni, dalla legge 22 di-
golamento di cui al decreto del Presidente
cembre 2011, n. 214, è abrogato.
della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357,

e successive modificazioni, effettuano le va- 367. Dopo il comma 2 dell’articolo 22

lutazioni di incidenza dei seguenti interventi del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69,

minori: manutenzione straordinaria, restauro convertito, con modificazioni, dalla legge 9

e risanamento conservativo, ristrutturazione agosto 2013, n. 98, sono inseriti i seguenti:

edilizia, anche con incrementi volumetrici
«2-bis. Fermo restando quanto previsto al
o di superfici coperte inferiori al 20 per
comma 2, in via sperimentale per gli anni
cento delle volumetrie o delle superfici co-
2016, 2017 e 2018, nei porti sede di autorità
perte esistenti, opere di sistemazione
portuale presso i quali sia stato registrato
esterne, realizzazione di pertinenze e volumi
nell’anno precedente un volume di traffico
tecnici. L’autorità competente al rilascio del-
di contenitori movimentati in operazioni di
l’approvazione definitiva degli interventi di
trasbordo superiore all’80 per cento del vo-
cui al presente comma provvede entro il ter-
lume complessivo dei contenitori movimen-
mine di sessanta giorni. Restano ferme le
tati in ciascuno di detti porti, alle navi
disposizioni di cui agli articoli 1, comma
porta-contenitori adibite a servizi regolari
4, 4 e 5, comma 8, del regolamento di cui
di linea impiegate in traffici internazionali
al decreto del Presidente della Repubblica
che fanno scalo nei porti medesimi può es-
8 settembre 1997, n. 357, e successive mo-
sere ridotto o data l’esenzione del paga-
dificazioni.
mento della tassa di ancoraggio. Le autorità

364. Al fine della riqualificazione e rige- portuali deliberano annualmente l’applica-

nerazione territoriale dell’ambito costiero zione e il limite della misura. Alle autorità

della provincia di Barletta-Andria-Trani pro- portuali che adottano i suddetti provvedi-

grammata dal Protocollo di intesa sotto- menti di esenzione è riconosciuto un contri-

scritto in data 13 novembre 2014 tra la re- buto non superiore alla metà dell’onere resi-

gione Puglia, la provincia di Barletta-An- duale a loro carico. A tal fine, con decreto

dria-Trani, i comuni di Barletta, Bisceglie, del Ministro delle infrastrutture e dei tra-

Margherita di Savoia e Trani è autorizzata sporti da adottare entro sessanta giorni dal-

la spesa di 5 milioni di euro per ciascuno l’approvazione del rendiconto generale delle

degli anni 2016, 2017 e 2018. Le risorse autorità portuali interessate, è assegnata alle

di cui al presente comma possono essere predette autorità portuali la quota a carico

utilizzate tramite accordo di programma sot- dello Stato di copertura degli oneri di esen-

toscritto dalla regione Puglia, dal Ministero zioni richiamati, nel limite massimo com-

dell’ambiente e della tutela del territorio e plessivo di 3 milioni di euro annui.

del mare e dal Ministero delle infrastrutture 2-ter. Per i porti di cui al comma 2-bis,

e dei trasporti. le accise sui prodotti energetici per le navi

— 78 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



che fanno esclusivamente movimentazione modificazioni, dalla legge 11 novembre

dentro il porto e manovre strumentali al tra- 2014, n. 164, sono stanziati ulteriori 51 mi-

sbordo merci all’interno del porto sono ri- lioni di euro per l’anno 2016, di cui 1 mi-

dotte nel limite di spesa di 1,8 milioni di lione di euro da assegnare all’Associazione

euro. Con decreto del Ministro dell’econo- delle camere di commercio italiane all’e-

mia e delle finanze, di concerto con il Mini- stero, di cui al comma 3 dell’articolo 5 della

stro delle infrastrutture e dei trasporti, sen- legge 31 marzo 2005, n. 56, per le finalità

tita la Conferenza permanente per i rapporti indicate all’articolo 1, comma 202, quinto

tra lo Stato, le regioni e le province auto- periodo, della legge 23 dicembre 2014,

nome di Trento e di Bolzano, da adottare n. 190.

entro il 15 marzo 2016, sono disciplinate 371. Per assicurare il sostegno all’esporta-

le modalità di attuazione delle disposizioni zione, la somma di 300 milioni di euro delle

recate dal presente comma». disponibilità giacenti nel conto corrente di

tesoreria di cui all’articolo 7, comma 2-bis,

368. Le operazioni di rimborso di cui al del decreto legislativo 31 marzo 1998,

comma 2 dell’articolo 38-quater del decreto n. 143, e successive modificazioni, è versata

del Presidente della Repubblica 26 ottobre all’entrata del bilancio dello Stato nel 2016

1972, n. 633, possono essere effettuate da a cura del titolare del medesimo conto, per

intermediari, purché regolarmente iscritti al- essere riassegnata al fondo di cui all’articolo

l’albo degli istituti di pagamento di cui al- 37, secondo comma, del decreto-legge 26

l’articolo 114-septies del testo unico di cui ottobre 1970, n. 745, convertito, con modifi-

al decreto legislativo 1º settembre 1993, cazioni, dalla legge 18 dicembre 1970,

n. 385. Con decreto del Ministro dell’econo- n. 1034, come sostituito dall’articolo 3 della

mia e delle finanze, di concerto con il Mini- legge 28 maggio 1973, n. 295, per le fina-

stro dei beni e delle attività culturali e del lità connesse all’attività di credito all’espor-

turismo, da emanare entro centottanta giorni tazione e di internazionalizzazione del si-

dalla data di entrata in vigore della presente stema produttivo. Alla compensazione degli

legge, sono determinate in apposita tabella effetti finanziari in termini di fabbisogno e

le percentuali minime di rimborso, suddivise indebitamento netto derivanti dall’attuazione

per scaglioni con valori percentuali incre- del presente comma, pari a 30 milioni di

mentali rispetto all’aumento dell’importo euro annui dall’anno 2016 all’anno 2025,

delle cessioni di cui al comma 1 del citato si provvede mediante corrispondente utilizzo

articolo 38-quater del decreto del Presidente del Fondo per la compensazione degli effetti

della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, finanziari non previsti a legislazione vigente

che gli intermediari del servizio, di cui al conseguenti all’attualizzazione di contributi

presente comma, devono applicare. pluriennali, di cui all’articolo 6, comma 2,

369. L’autorizzazione di spesa di cui al- del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154,

l’articolo 1, comma 54, della legge 13 luglio convertito, con modificazioni, dalla legge 4

2015, n. 107, è incrementata di 5 milioni di dicembre 2008, n. 189.

euro per l’anno 2016. 372. Allo scopo di sostenere il settore ae-

370. Per il potenziamento delle azioni rospaziale e la realizzazione di un piano na-

dell’ICE-Agenzia per la promozione all’e- zionale per lo sviluppo dell’industria italiana

stero e l’internazionalizzazione delle im- nel settore dei piccoli satelliti ad alta tecno-

prese italiane relative al piano straordinario logia è autorizzata la spesa di 19 milioni di

per la promozione del Made in Italy di cui euro per l’anno 2016, di 50 milioni di euro

all’articolo 30, comma 1, del decreto-legge per l’anno 2017 e di 30 milioni di euro per

12 settembre 2014, n. 133, convertito, con l’anno 2018. A quota parte degli oneri rela-

— 79 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



tivi all’anno 2016 derivanti dal presente enti e associazioni ed altri portatori di inte-

comma, pari a 10 milioni di euro, si prov- resse.

vede mediante utilizzo delle risorse del 377. Le finalità di cui al comma 376 sono

fondo di cui al comma 969. Le misure di indicate specificatamente nell’oggetto so-

aiuto di cui al presente comma sono erogate ciale della società benefit e sono perseguite

secondo le procedure previste dal regola- mediante una gestione volta al bilancia-

mento (UE) n. 651/2014 della Commissione, mento con l’interesse dei soci e con l’inte-

del 17 giugno 2014, e alle condizioni fissate resse di coloro sui quali l’attività sociale

dagli articoli 25 e seguenti del medesimo re- possa avere un impatto. Le finalità possono

golamento. essere perseguite da ciascuna delle società

di cui al libro V, titoli V e VI, del codice
373. La dotazione del fondo ordinario per
civile, nel rispetto della relativa disciplina.
il finanziamento degli enti e degli istituti di
378. Ai fini di cui ai commi da 376 a
ricerca, di cui all’articolo 7 del decreto legi-
382, si intende per:
slativo 5 giugno 1998, n. 204, è incremen-

tata di 15 milioni di euro per ciascuno degli a) «beneficio comune»: il persegui-

anni dal 2016 al 2018. Le predette somme mento, nell’esercizio dell’attività economica

sono destinate all’Istituto nazionale di fisica delle società benefit, di uno o più effetti po-
nucleare allo scopo di sostenere le attività di
sitivi, o la riduzione degli effetti negativi, su
ricerca nei campi della fisica subnucleare,
una o più categorie di cui al comma 376;
nucleare e astroparticellare.
b) «altri portatori di interesse»: il sog-

374. L’autorizzazione di spesa di cui al- getto o i gruppi di soggetti coinvolti, diretta-

l’articolo 7 del decreto legislativo 5 giugno mente o indirettamente, dall’attività delle so-

1998, n. 204, è ridotta di 4 milioni di euro cietà di cui al comma 376, quali lavoratori,

annui a decorrere dall’anno 2016, relativa- clienti, fornitori, finanziatori, creditori, pub-

mente alla quota concernente le spese di na- blica amministrazione e società civile;

tura corrente.
c) «standard di valutazione esterno»:

375. Al fine di rafforzare l’azione dell’I- modalità e criteri di cui all’allegato 4 an-

talia nell’ambito della cooperazione interna- nesso alla presente legge, che devono essere

zionale per lo sviluppo, l’autorizzazione di necessariamente utilizzati per la valutazione

spesa di cui all’articolo 18, comma 2, lettera dell’impatto generato dalla società benefit
c), della legge 11 agosto 2014, n. 125, è in-
in termini di beneficio comune;

crementata di euro 120 milioni per l’anno d) «aree di valutazione»: ambiti setto-
2016, di euro 240 milioni per l’anno 2017
riali, identificati nell’allegato 5 annesso
e di euro 360 milioni a decorrere dall’anno
alla presente legge, che devono essere ne-
2018.
cessariamente inclusi nella valutazione del-

376. Le disposizioni previste dai commi l’attività di beneficio comune.

dal presente al comma 382 hanno lo scopo

di promuovere la costituzione e favorire la 379. La società benefit, fermo restando

diffusione di società, di seguito denominate quanto previsto nel codice civile, deve indi-

«società benefit», che nell’esercizio di una care, nell’ambito del proprio oggetto sociale,

attività economica, oltre allo scopo di divi- le finalità specifiche di beneficio comune

derne gli utili, perseguono una o più finalità che intende perseguire. Le società diverse

di beneficio comune e operano in modo re- dalle società benefit, qualora intendano per-

sponsabile, sostenibile e trasparente nei con- seguire anche finalità di beneficio comune,

fronti di persone, comunità, territori e am- sono tenute a modificare l’atto costitutivo

biente, beni ed attività culturali e sociali, o lo statuto, nel rispetto delle disposizioni

— 80 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



che regolano le modificazioni del contratto gato 4 annesso alla presente legge e che

sociale o dello statuto, proprie di ciascun comprende le aree di valutazione identificate

tipo di società; le suddette modifiche sono nell’allegato 5 annesso alla presente legge;

depositate, iscritte e pubblicate nel rispetto c) una sezione dedicata alla descrizione

di quanto previsto per ciascun tipo di so- dei nuovi obiettivi che la società intende

cietà dagli articoli 2252, 2300 e 2436 del perseguire nell’esercizio successivo.

codice civile. La società benefit può intro-

durre, accanto alla denominazione sociale, 383. La relazione annuale è pubblicata nel

le parole: «Società benefit» o l’abbrevia- sito internet della società, qualora esistente.

zione: «SB» e utilizzare tale denominazione A tutela dei soggetti beneficiari, taluni dati

nei titoli emessi, nella documentazione e finanziari della relazione possono essere

nelle comunicazioni verso terzi. omessi.

380. La società benefit è amministrata in 384. La società benefit che non persegua

modo da bilanciare l’interesse dei soci, il
le finalità di beneficio comune è soggetta
perseguimento delle finalità di beneficio co-
alle disposizioni di cui al decreto legislativo
mune e gli interessi delle categorie indicate
2 agosto 2007, n. 145, in materia di pubbli-
nel comma 376, conformemente a quanto cità ingannevole e alle disposizioni del co-

previsto dallo statuto. La società benefit, dice del consumo, di cui al decreto legisla-

fermo quanto disposto dalla disciplina di tivo 6 settembre 2005, n. 206. L’Autorità

ciascun tipo di società prevista dal codice garante della concorrenza e del mercato

civile, individua il soggetto o i soggetti re- svolge i relativi compiti e attività, nei limiti

sponsabili a cui affidare funzioni e compiti delle risorse disponibili e senza nuovi o

volti al perseguimento delle suddette fina- maggiori oneri a carico dei soggetti vigilati.

lità.
385. A favore degli italiani nel mondo

381. L’inosservanza degli obblighi di cui sono disposti i seguenti interventi:

al comma 380 può costituire inadempimento a) per un ammontare pari a 150.000

dei doveri imposti agli amministratori dalla euro per l’anno 2016, per il funzionamento

legge e dallo statuto. In caso di inadempi- del Consiglio generale degli italiani all’e-

mento degli obblighi di cui al comma 380, stero;

si applica quanto disposto dal codice civile
b) per un ammontare pari a 100.000
in relazione a ciascun tipo di società in
euro per l’anno 2016, per il funzionamento
tema di responsabilità degli amministratori.
dei Comitati degli italiani all’estero – Comi-
382. Ai fini di cui ai commi da 376 a
tes e dei comitati dei loro presidenti;
384, la società benefit redige annualmente
c) per un ammontare pari a 3.400.000
una relazione concernente il perseguimento
euro per l’anno 2016 per la promozione
del beneficio comune, da allegare al bilancio
della lingua e cultura italiana all’estero e
societario e che include:
per il sostegno degli enti gestori di corsi

a) la descrizione degli obiettivi speci- di lingua e cultura italiana all’estero;

fici, delle modalità e delle azioni attuati da- d) per un ammontare pari a 500.000

gli amministratori per il perseguimento delle euro per l’anno 2016, per l’incremento della

finalità di beneficio comune e delle even- dotazione finanziaria degli istituti italiani di

tuali circostanze che lo hanno impedito o cultura di cui alla legge 22 dicembre 1990,

rallentato; n. 401;

b) la valutazione dell’impatto generato e) per un ammontare pari a 650.000

utilizzando lo standard di valutazione euro per l’anno 2016, ad integrazione della

esterno con caratteristiche descritte nell’alle- dotazione finanziaria per i contributi diretti

— 81 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



in favore della stampa italiana all’estero di di cui all’articolo 8 del decreto legislativo

cui all’articolo 1-bis del decreto-legge 18 28 agosto 1997, n. 281, individua una pro-

maggio 2012, n. 63, convertito, con modifi- gressione graduale, nei limiti delle risorse

cazioni, dalla legge 16 luglio 2012, n. 103; disponibili, nel raggiungimento di livelli es-

f) per un ammontare pari a 100.000 senziali delle prestazioni assistenziali da ga-

euro per l’anno 2016, in favore delle agen- rantire su tutto il territorio nazionale per il

zie specializzate per i servizi stampa dedi- contrasto alla povertà.

cati agli italiani residenti all’estero;
387. Per l’anno 2016 le risorse di cui al
g) per un ammontare pari a 150.000
comma 386 sono destinate ai seguenti inter-
euro per l’anno 2016, per promuovere l’at-
venti che costituiscono le priorità del Piano
trattività delle università attraverso la diffu-
di cui al medesimo comma:
sione dei corsi di lingua italiana online e av-

viare campagne informative di carattere di- a) avvio su tutto il territorio nazionale

dattico, amministrativo e logistico per favo- di una misura di contrasto alla povertà, in-

rire l’iscrizione di studenti stranieri in Italia; tesa come estensione, rafforzamento e con-

h) per un ammontare pari a 100.000 solidamento della sperimentazione di cui al-

euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e l’articolo 60 del decreto-legge 9 febbraio

2018 in favore della società Dante Alighieri 2012, n. 5, convertito, con modificazioni,

per garantire la continuità delle sue inizia- dalla legge 4 aprile 2012, n. 35. Nelle

tive di promozione del patrimonio culturale more dell’adozione del Piano di cui al

italiano all’estero e per un ammontare pari comma 386, all’avvio del Programma si

a 250.000 euro per ciascuno degli anni procede con rinnovati criteri e procedure de-

2016, 2017 e 2018 in favore della Fonda- finiti ai sensi del citato articolo 60 del de-

zione «I Lincei per la scuola» presso l’Ac- creto-legge n. 5 del 2012, garantendo in

cademia nazionale dei Lincei; via prioritaria interventi per nuclei familiari

i) per un ammontare pari a 1 milione di in modo proporzionale al numero di figli

euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e minori o disabili, tenendo conto della pre-

2018, per contributi alle scuole italiane senza, all’interno del nucleo familiare, di

non statali paritarie all’estero. donne in stato di gravidanza accertata da de-

finire con decreto del Ministro del lavoro e

386. Al fine di garantire l’attuazione di delle politiche sociali, di concerto con il Mi-

un Piano nazionale per la lotta alla povertà nistro dell’economia e delle finanze, da

e all’esclusione sociale, è istituito presso il emanare entro trenta giorni dalla data di en-

Ministero del lavoro e delle politiche sociali trata in vigore della presente legge. Nel

un fondo denominato «Fondo per la lotta 2016 al Programma sono destinati 380 mi-

alla povertà e all’esclusione sociale», al lioni di euro incrementando a tal fine in mi-

quale sono assegnate le risorse di 600 mi- sura pari al predetto importo il Fondo di cui

lioni di euro per l’anno 2016 e di 1.000 mi- all’articolo 81, comma 29, del decreto-legge

lioni di euro a decorrere dall’anno 2017, che 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con mo-

costituiscono i limiti di spesa ai fini dell’at- dificazioni, dalla legge 6 agosto 2008,

tuazione dei commi dal presente al comma n. 133, oltre alle risorse già destinate alla

390. Il Piano, adottato con cadenza triennale sperimentazione dall’articolo 3, comma 2,

mediante decreto del Presidente del Consi- del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76,

glio dei ministri, su proposta del Ministro convertito, con modificazioni, dalla legge 9

del lavoro e delle politiche sociali, di con- agosto 2013, n. 99, nonché dall’articolo 1,

certo con il Ministro dell’economia e delle comma 216, della legge 27 dicembre 2013,

finanze, d’intesa con la Conferenza unificata n. 147. Conseguentemente l’autorizzazione

— 82 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



di spesa di cui al comma 386 è corrispon- glie che ne facciano richiesta, previo paga-

dentemente ridotta di 380 milioni di euro mento degli interi costi di emissione, con i

per l’anno 2016; criteri e le modalità stabiliti, sulla base del-

b) fermo restando quanto stabilito dal- l’ISEE, con decreto del Ministro del lavoro

l’articolo 43, comma 5, del decreto legisla- e delle politiche sociali, di concerto con il

tivo 14 settembre 2015, n. 148, all’ulteriore Ministro dell’economia e delle finanze e

incremento dell’autorizzazione di spesa di con il Ministro dello sviluppo economico,

cui all’articolo 16, comma 7, del decreto le- da emanare entro tre mesi dalla data di en-

gislativo 4 marzo 2015, n. 22, relativa al- trata in vigore della presente legge. La carta

l’assegno di disoccupazione (ASDI), per consente l’accesso a sconti sull’acquisto di

220 milioni di euro con conseguente corri- beni o servizi ovvero a riduzioni tariffarie

spondente riduzione dell’autorizzazione di concessi dai soggetti pubblici o privati che

spesa di cui al comma 386. intendano contribuire all’iniziativa. I sog-

getti che partecipano all’iniziativa, i quali

388. Per gli anni successivi al 2016 le ri- concedono sconti o riduzioni maggiori di

sorse di cui al comma 386 sono destinate al quelli normalmente praticati sul mercato,

finanziamento di uno o più provvedimenti possono valorizzare la loro partecipazione

legislativi di riordino della normativa in ma- all’iniziativa a scopi promozionali e pubbli-

teria di trattamenti, indennità, integrazioni di citari. La Carta famiglia nazionale è emessa

reddito e assegni di natura assistenziale o dai singoli comuni, che attestano lo stato

comunque sottoposti alla prova dei mezzi, della famiglia al momento del rilascio, e

anche rivolti a beneficiari residenti all’e- ha una durata biennale dalla data di emis-

stero, nonché in materia di accesso alle pre- sione. La Carta famiglia nazionale è funzio-

stazioni sociali, finalizzati all’introduzione nale anche alla creazione di uno o più

di un’unica misura nazionale di contrasto gruppi di acquisto familiare o gruppi di ac-

alla povertà, correlata alla differenza tra il quisto solidale nazionali, nonché alla frui-

reddito familiare del beneficiario e la soglia zione dei biglietti famiglia e abbonamenti

di povertà assoluta, e alla razionalizzazione famiglia per servizi di trasporto, culturali,

degli strumenti e dei trattamenti esistenti. sportivi, ludici, turistici e di altro tipo.

389. Al Fondo di cui al comma 386 sono 392. In via sperimentale, per gli anni

altresì destinate, a decorrere dall’anno 2017, 2016, 2017 e 2018, è istituito il «Fondo

le risorse stanziate dall’articolo 19, comma per il contrasto della povertà educativa mi-

1, del decreto-legge 29 novembre 2008, norile», alimentato dai versamenti effettuati

n. 185, convertito, con modificazioni, dalla su un apposito conto corrente postale dalle

legge 28 gennaio 2009, n. 2, nella misura fondazioni di cui al decreto legislativo 17

di 30 milioni di euro per l’anno 2017 e di maggio 1999, n. 153, nell’ambito della pro-

54 milioni di euro annui a decorrere dal- pria attività istituzionale. Le modalità di ge-

l’anno 2018. stione del conto di cui al presente comma

390. Sono abrogati i commi da 51 a 53 sono definite nel protocollo d’intesa di cui

dell’articolo 2 della legge 28 giugno 2012, al comma 393.

n. 92. 393. Con protocollo d’intesa stipulato tra

391. A decorrere dall’anno 2016 è isti- le fondazioni di cui al decreto legislativo

tuita la carta della famiglia, destinata alle 17 maggio 1999, n. 153, la Presidenza del

famiglie costituite da cittadini italiani o da Consiglio dei ministri, il Ministero dell’eco-

cittadini stranieri regolarmente residenti nel nomia e delle finanze e il Ministero del la-

territorio italiano, con almeno tre figli mi- voro e delle politiche sociali sono definite le

nori a carico. La carta è rilasciata alle fami- modalità di intervento di contrasto alla po-

— 83 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



vertà educativa minorile e sono individuate del credito d’imposta è esente dall’imposta

le caratteristiche dei progetti da finanziare, di registro. Al credito d’imposta non si ap-

le modalità di valutazione e selezione, anche plicano i limiti di cui all’articolo 1, comma

con il ricorso a valutatori indipendenti, e di 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e

monitoraggio, al fine di assicurare la traspa- all’articolo 34 della legge 23 dicembre

renza, il migliore utilizzo delle risorse e 2000, n. 388, e successive modificazioni.

l’efficacia degli interventi. Con il protocollo 395. Con decreto del Ministro del lavoro

di cui al primo periodo, sono altresì regolate e delle politiche sociali, di concerto con il

le modalità di organizzazione e governo del Ministro dell’economia e delle finanze,

Fondo di cui al comma 392. sono definite le disposizioni applicative ne-

394. Agli enti di cui al comma 392 è ri- cessarie, ivi comprese le procedure per la

conosciuto un contributo, sotto forma di cre- concessione del contributo di cui al comma

dito d’imposta, pari al 75 per cento dei ver- 394 nel rispetto del limite di spesa stabilito.

samenti effettuati al Fondo di cui al mede- 396. All’articolo 2, comma 2, lettera a),

simo comma 392, negli anni 2016, 2017 e
ultimo periodo, del regolamento di cui al
2018. Il contributo è assegnato, fino ad decreto del Presidente della Repubblica 10

esaurimento delle risorse disponibili, pari novembre 1997, n. 441, le parole: «supe-

ad euro 100 milioni per ciascun anno, se- riore a lire dieci milioni» sono sostituite

condo l’ordine temporale in cui le fonda- dalle seguenti: «superiore a euro quindici-

zioni comunicano l’impegno a finanziare i mila o si tratti di beni facilmente deperi-

progetti individuati secondo il protocollo bili».

d’intesa di cui al comma 393. Il credito è
397. Al decreto legislativo 28 settembre
riconosciuto dall’Agenzia delle entrate con
2012, n. 178, sono apportate le seguenti mo-
apposita comunicazione che dà atto della
dificazioni:
trasmissione della delibera di impegno irre-

vocabile al versamento al Fondo delle a) all’articolo 4, comma 2, è aggiunto,

somme da ciascuna stanziate, nei termini e in fine, il seguente periodo: «Fino alla con-

secondo le modalità previsti nel protocollo clusione delle procedure di cui al presente

d’intesa. Dell’eventuale mancato versamento comma non possono essere intraprese o pro-

al Fondo delle somme indicate nella deli- seguite azioni esecutive, atti di sequestro o

bera di impegno rispondono solidalmente di pignoramento presso il conto di tesoreria

tutte le fondazioni aderenti allo stesso. Il della CRI o dell’Ente ovvero presso terzi,

credito è indicato nella dichiarazione dei per la riscossione coattiva di somme liqui-

redditi relativa al periodo d’imposta di rico- date ai sensi della normativa vigente in ma-

noscimento e può essere utilizzato esclusiva- teria. Tutti gli atti esecutivi sono nulli»;

mente in compensazione ai sensi dell’arti- b) all’articolo 5, comma 5, primo pe-

colo 17 del decreto legislativo 9 luglio riodo, dopo le parole: «nel ruolo di cui al

1997, n. 241, e successive modificazioni, a comma 3» è aggiunto il seguente periodo:

decorrere dal periodo d’imposta nel quale «Resta ferma la non liquidazione del tratta-

lo stesso è stato riconosciuto. Il credito mento di fine servizio in quanto il transito

d’imposta di cui al presente comma è cedi- sopradetto interviene senza soluzione di

bile dai soggetti di cui al comma 392, nel continuità nel rapporto di lavoro con la

rispetto delle disposizioni di cui agli articoli CRI ovvero con l’Ente»;

1260 e seguenti del codice civile e previa c) all’articolo 5, comma 5, secondo pe-

adeguata dimostrazione dell’effettività del riodo, le parole: «, fino all’applicazione

diritto al credito medesimo, a intermediari delle disposizioni di cui all’articolo 6,

bancari, finanziari e assicurativi. La cessione commi 2 e 3,» sono soppresse e dopo le pa-

— 84 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



role: «e il trattamento del corrispondente zio sanitario nazionale non sono considerate

personale civile della CRI come assegno ai fini del rispetto dei limiti di spesa di cui

ad personam riassorbibile in caso di adegua- all’articolo 2, comma 71, della legge 23 di-

menti retributivi» sono aggiunte le seguenti: cembre 2009, n. 191. Agli enti e alle

«e di riconoscimento degli istituti del tratta- aziende sopradette è fatto divieto di assun-

mento economico determinati dalla contrat- zione del personale corrispondente fino al

tazione collettiva correlati ad obiettivi»; totale assorbimento del personale della CRI

ovvero dell’Ente sopradetto.
d) all’articolo 6, i commi 6 e 7 sono
7-bis. I rapporti con gli enti previdenziali
sostituiti dai seguenti:
derivanti dalle procedure di mobilità del

«6. Al personale civile e militare della personale della CRI ovvero dell’Ente sono

CRI e quindi dell’Ente, compreso quello di definiti in sede di applicazione delle disposi-

cui all’articolo 8, comma 2, assunto da altre zioni di cui all’articolo 8, comma 2, con re-

amministrazioni si applica l’articolo 5, lativo trasferimento della quota corrispon-

comma 5, secondo periodo. I processi di dente dell’attivo patrimoniale»;

mobilità previsti dall’articolo 7, comma 2-
e) all’articolo 6, comma 9, terzo pe-
bis, del decreto-legge 31 dicembre 2014,
riodo, dopo le parole: «31 dicembre 2015»
n. 192, convertito, con modificazioni, dalla
sono aggiunte le seguenti: «ovvero fino
legge 27 febbraio 2015, n. 11, si applicano
alla conclusione delle procedure di cui al-
al personale risultante eccedentario rispetto
l’articolo 5, comma 6»;
al fabbisogno definito ai sensi dell’articolo
f) all’articolo 8, comma 2, secondo pe-
3, comma 4, terzo periodo, per ciascun pro-
riodo:
filo professionale nell’ambito territoriale re-

gionale. 1) dopo le parole: «gestione liquida-

7. Gli enti e le aziende del Servizio sani- toria» è aggiunto il seguente periodo: «Il

tario nazionale, anche delle regioni sottopo- personale già individuato nella previsione

ste ai piani di rientro dai deficit sanitari e ai di fabbisogno ai sensi dell’articolo 3,

programmi operativi in prosecuzione degli comma 4, come funzionale alle attività pro-

stessi, sono tenuti ad assumere con proce- pedeutiche alla gestione liquidatoria verrà

dure di mobilità, anche in posizione di so- individuato con specifico provvedimento

vrannumero e ad esaurimento, il personale del presidente nazionale della CRI ovvero

con rapporto di lavoro a tempo indetermi- dell’Ente entro il 30 marzo 2016 e successi-

nato della CRI e quindi dell’Ente con fun- vamente aggiornato. Detto personale non

zioni di autista soccorritore e autisti soccor- partecipa alle procedure previste dall’arti-

ritori senior, limitatamente a coloro che ab- colo 7, comma 2-bis, del decreto-legge 31

biano prestato servizio in attività convenzio- dicembre 2014, n. 192, convertito, con mo-

nate con gli enti medesimi per un periodo dificazioni, dalla legge 27 febbraio 2015,

non inferiore a cinque anni. Tali assunzioni n. 11. Il 1º gennaio 2018 il suddetto perso-

sono disposte senza apportare nuovi o mag- nale viene trasferito, con corrispondente tra-

giori oneri alla finanza pubblica in quanto sferimento delle risorse finanziarie, presso

finanziate con il trasferimento delle relative pubbliche amministrazioni che presentano

risorse occorrenti al trattamento economico carenze in organico nei corrispondenti pro-

del personale assunto, derivanti dalla quota fili professionali ovvero anche in sovrannu-

di finanziamento del Servizio sanitario na- mero»;

zionale erogata annualmente alla CRI e 2) le parole: «; il predetto perso-

quindi all’Ente. Le spese per il trattamento nale,» sono sostituite dalle seguenti: «. Il

economico del personale trasferito al Servi- personale, ad eccezione di quello funzionale

— 85 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



alle attività propedeutiche alla gestione li- autistico, con una dotazione di 5 milioni di

quidatoria di cui al precedente capoverso,»; euro annui a decorrere dall’anno 2016.

3) sono aggiunte, in fine, le seguenti 402. Con decreto del Ministro della sa-

parole: «Il personale della CRI ovvero del- lute, di concerto con il Ministro dell’econo-

l’Ente, nelle more della conclusione delle mia e delle finanze, previa intesa in sede di

procedure di cui all’articolo 7, comma 2- Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del

bis, del decreto-legge 31 dicembre 2014, decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e

n. 192, convertito, con modificazioni, dalla successive modificazioni, da adottare entro

legge 27 febbraio 2015, n. 11, previa con- sessanta giorni dalla data di entrata in vi-

venzione tra le parti, può prestare tempora- gore della presente legge, sono stabiliti i cri-

neamente la propria attività presso altre pub- teri e le modalità per l’utilizzazione del

bliche amministrazioni per garantire fini di Fondo di cui al comma 401.

interesse pubblico di cui all’articolo 1,
403. È autorizzata la spesa di un milione
comma 4, anche con oneri a carico del fi-
di euro per l’anno 2016 in favore dell’ente
nanziamento pubblico della CRI ovvero del-
«Ente Nazionale per la protezione e l’assi-
l’Ente, che rimane esclusivamente responsa-
stenza dei Sordi (Onlus)», di cui alla legge
bile nei confronti del lavoratore del tratta-
12 maggio 1942, n. 889, alla legge 21 ago-
mento economico e normativo».
sto 1950, n. 698, e al decreto del Presidente

della Repubblica 31 marzo 1979, pubblicato

398. All’articolo 7, comma 2-bis, del de- nella Gazzetta Ufficiale n. 125 del 9 maggio

creto-legge 31 dicembre 2014, n. 192, con- 1979, con vincolo di destinazione alla crea-

vertito, con modificazioni, dalla legge 27 zione e funzionamento annuale del costi-

febbraio 2015, n. 11, le parole: «Le disposi- tuendo Centro per l’autonomia della persona

zioni dei commi 425, 426, 427, 428 e 429» sorda (C.A.P.S.) con sede in Roma.

sono sostituite dalle seguenti: «Le disposi- 404. È autorizzata la spesa di 1 milione

zioni dei commi 424, 425, 426, 427 e 428». di euro, per l’anno 2016, in favore dell’Isti-

399. Il fondo di cui all’articolo 58, tuto di studi politici, economici e sociali –

comma 1, del decreto-legge 22 giugno Eurispes, con vincolo di destinazione alla

2012, n. 83, convertito, con modificazioni, creazione di progetti e iniziative informative

dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, è rifinan- finalizzate a sostenere l’attività sociale ed

ziato di 2 milioni di euro per l’anno 2016 e economica nazionale.

di 5 milioni di euro a decorrere dall’anno
405. Lo stanziamento del Fondo per le
2017.
non autosufficienze, di cui all’articolo 1,

400. È istituito un Fondo presso il Mini- comma 1264, della legge 27 dicembre

stero del lavoro e delle politiche sociali, 2006, n. 296, anche ai fini del finanzia-

con una dotazione di 90 milioni di euro an- mento degli interventi a sostegno delle per-

nui a decorrere dall’anno 2016, destinato sone affette da sclerosi laterale amiotrofica,

alla copertura finanziaria di interventi legi- è incrementato di 150 milioni di euro annui

slativi recanti misure per il sostegno di per- a decorrere dall’anno 2016.

sone con disabilità grave, prive di sostegno 406. Al fine di potenziare i progetti ri-

familiare. guardanti misure atte a rendere effettiva-

401. Al fine di garantire la compiuta at- mente indipendente la vita delle persone

tuazione della legge 18 agosto 2015, con disabilità grave come previsto dalle di-

n. 134, è istituito nello stato di previsione sposizioni di cui alla legge 21 maggio

del Ministero della salute il Fondo per la 1998, n. 162, è stanziata la somma di 5 mi-

cura dei soggetti con disturbo dello spettro lioni di euro per l’anno 2016.

— 86 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



407. A decorrere dall’anno 2016, al fine in sede di Conferenza permanente per i rap-

di favorire la realizzazione di progetti di in- porti tra lo Stato, le regioni e le province

tegrazione dei disabili mentali attraverso lo autonome di Trento e di Bolzano. Il Mini-

sport, una quota pari a 500.000 euro del stro dell’economia e delle finanze è autoriz-

contributo di cui all’articolo 1, comma zato ad apportare, con propri decreti, le oc-

580, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, correnti variazioni di bilancio.

e successivi rifinanziamenti, è attribuita al 2. Al fine di garantire il più elevato po-

programma internazionale di allenamento tenziale terapeutico e il migliore livello

sportivo e competizioni atletiche per le per- scientifico, la selezione delle sperimenta-

sone, ragazzi ed adulti, con disabilità intel- zioni da finanziare ai sensi del comma 1 av-

lettiva, «Special Olympics Italia». viene mediante procedura a evidenza pub-

408. Ai fini dell’attuazione del comma blica, coordinata dall’Agenzia italiana del

407 il contributo al Comitato italiano para- farmaco e dall’Istituto superiore di sanità,

limpico di cui all’articolo 1, comma 580, che possono avvalersi di un comitato di

della legge 23 dicembre 2005, n. 266, è in- esperti esterni ai fini della valutazione delle

crementato di 0,5 milioni di euro annui a predette sperimentazioni».

decorrere dall’anno 2016.

410. Il Fondo sanitario nazionale, deter-
409. L’articolo 2 del decreto-legge 25
minato ai sensi dell’articolo 1, comma
marzo 2013, n. 24, convertito, con modifica-
556, della legge 23 dicembre 2014, n. 190,
zioni, dalla legge 23 maggio 2013, n. 57, è
è incrementato nella misura di 1 milione
sostituito dal seguente:
di euro per l’anno 2017 e di 2 milioni di

«Art. 2. – (Sperimentazioni cliniche con euro per l’anno 2018.

l’impiego di medicinali per terapie avanzate 411. Al fine di sostenere le politiche in

a base di cellule staminali per la cura di materia di adozioni internazionali e di assi-

malattie rare). – 1. Per lo svolgimento di curare il funzionamento della Commissione

una o più sperimentazioni cliniche, concer- per le adozioni internazionali è istituito,

nenti l’impiego di medicinali per terapie nello stato di previsione del Ministero del-

avanzate a base di cellule staminali per la l’economia e delle finanze, per il successivo

cura di malattie rare, da condurre, nel ri- trasferimento al bilancio autonomo della

spetto delle modalità e dei termini previsti Presidenza del Consiglio dei ministri, un

dal decreto legislativo 24 giugno 2003, fondo denominato «Fondo per le adozioni

n. 211, nonché secondo la normativa inter- internazionali» con una dotazione di 15 mi-

nazionale vigente e in accordo con le vi- lioni di euro annui a decorrere dal 2016. In

genti linee guida europee, con cellule pro- attesa della riorganizzazione delle strutture

dotte secondo il regime GMP (Good Manu- della Presidenza del Consiglio dei ministri,

facturing Practice) certificato dall’Agenzia di cui all’articolo 8 della legge 7 agosto

italiana del farmaco, il Comitato intermini- 2015, n. 124, la gestione delle risorse del

steriale per la programmazione economica, Fondo e della Commissione di cui al pre-

in attuazione dell’articolo 1, comma 34, sente comma è assegnata al Centro di re-

della legge 23 dicembre 1996, n. 662, vin- sponsabilità del Segretariato generale della

cola una quota del Fondo sanitario nazio- Presidenza del Consiglio dei ministri.

nale, per un importo fino a 2 milioni di 412. La dotazione del Fondo per le poli-

euro per l’anno 2017 e fino a 4 milioni di tiche della famiglia di cui all’articolo 19,

euro per l’anno 2018, su proposta del Mini- comma 1, del decreto-legge 4 luglio 2006,

stro della salute, di concerto con il Ministro n. 223, convertito, con modificazioni, dalla

dell’economia e delle finanze, previa intesa legge 4 agosto 2006, n. 248, come rifinan-

— 87 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



ziato dall’articolo 1, comma 132, della legge con la presentazione dell’istanza di cui al

23 dicembre 2014, n. 190, è ridotta nella primo periodo non è soggetto al pagamento

misura di 15 milioni di euro annui a decor- del contributo unificato.

rere dal 2016. 416. Con decreto del Ministro della giu-

413. All’articolo 1, comma 1250, della stizia, di concerto con il Ministro dell’eco-

legge 27 dicembre 2006, n. 296, e succes- nomia e delle finanze, sono adottate, entro

sive modificazioni, le parole: «; per soste- trenta giorni dalla data di entrata in vigore

nere le adozioni internazionali e garantire della presente legge, le disposizioni necessa-

il pieno funzionamento della Commissione rie per l’attuazione dei commi 414 e 415,

per le adozioni internazionali» sono sop- con particolare riguardo all’individuazione

presse. dei tribunali presso i quali avviare la speri-

414. È istituito, in via sperimentale, nello mentazione, alle modalità per la correspon-

stato di previsione del Ministero della giu- sione delle somme e per la riassegnazione

stizia, con una dotazione di 250.000 euro al Fondo di cui al comma 414 delle somme

per l’anno 2016 e di 500.000 euro per recuperate ai sensi del terzo periodo del

l’anno 2017, il Fondo di solidarietà a tutela comma 415.

del coniuge in stato di bisogno.
417. Per lo svolgimento delle azioni e de-
415. A valere sulle risorse del Fondo di
gli interventi connessi alla realizzazione del
cui al comma 414, il coniuge in stato di bi-
programma unico di emersione, assistenza e
sogno che non è in grado di provvedere al
integrazione sociale previsto dall’articolo 18,
mantenimento proprio e dei figli minori, ol-
comma 3-bis, del testo unico di cui al de-
tre che dei figli maggiorenni portatori di
creto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, at-
handicap grave, conviventi, qualora non ab-
tuativo del Piano nazionale d’azione contro
bia ricevuto l’assegno determinato ai sensi
la tratta e il grave sfruttamento degli esseri
dell’articolo 156 del codice civile per ina-
umani, di cui all’articolo 13, comma 2-bis,
dempienza del coniuge che vi era tenuto,
della legge 11 agosto 2003, n. 228, nonché
può rivolgere istanza da depositare nella
per la realizzazione delle correlate azioni
cancelleria del tribunale del luogo ove ha
di supporto e di sistema da parte della Pre-
residenza, per l’anticipazione di una somma
sidenza del Consiglio dei ministri – Diparti-
non superiore all’importo dell’assegno me-
mento per le pari opportunità, è destinata al
desimo. Il presidente del tribunale o un giu-
bilancio della Presidenza del Consiglio dei
dice da lui delegato, ritenuti sussistenti i
ministri una somma pari a 3 milioni di
presupposti di cui al periodo precedente, as-
euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e
sumendo, ove occorra, informazioni, nei
2018.
trenta giorni successivi al deposito dell’i-
418. Il comma 466 dell’articolo 2 della
stanza, valuta l’ammissibilità dell’istanza
legge 24 dicembre 2007, n. 244, è sostituito
medesima e la trasmette al Ministero della
dal seguente:
giustizia ai fini della corresponsione della

somma di cui al periodo precedente. Il Mi- «466. Il contributo di cui alla legge 23

nistero della giustizia si rivale sul coniuge settembre 1993, n. 379, è erogato, per l’85

inadempiente per il recupero delle risorse per cento, agli enti di formazione destinatari

erogate. Quando il presidente del tribunale e, per la restante parte, all’Associazione na-

o il giudice da lui delegato non ritiene sus- zionale privi della vista e ipovedenti Onlus,

sistenti i presupposti per la trasmissione del- per le esigenze del Centro autonomie e mo-

l’istanza al Ministero della giustizia, prov- bilità e dell’annessa Scuola cani guida per

vede al rigetto della stessa con decreto ciechi e al Polo tattile multimediale della

non impugnabile. Il procedimento introdotto Stamperia regionale Braille Onlus di Cata-

— 88 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



nia. La ripartizione è operata dal Ministero vati e attività economiche e produttive, con

dell’interno con proprio provvedimento le modalità del finanziamento agevolato.

adottato su proposta dell’Unione italiana 423. Per le finalità di cui al comma 422, i

ciechi tenuto conto dei progetti di attività soggetti autorizzati all’esercizio del credito

presentati dagli enti di cui al periodo prece- operanti nei territori individuati nelle delibe-

dente. I medesimi enti sono tenuti agli razioni del Consiglio dei ministri adottate ai

adempimenti di rendicontazione già previsti sensi del medesimo comma, possono con-

dall’articolo 2 della medesima legge n. 379 trarre finanziamenti, secondo contratti tipo

del 1993 per l’Unione italiana ciechi». definiti con apposita convenzione con l’As-

sociazione bancaria italiana, assistiti dalla

419. Al fine di contribuire al funziona- garanzia dello Stato, ai sensi dell’articolo

mento dell’Istituto nazionale di genetica mo- 5, comma 7, lettera a), secondo periodo,

lecolare (INGM) di cui all’articolo 1, del decreto-legge 30 settembre 2003,

comma 1, lettera b), del decreto-legge 29 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla

marzo 2004, n. 81, convertito, con modifica- legge 24 novembre 2003, n. 326, al fine di

zioni, dalla legge 26 maggio 2004, n. 138, è concedere finanziamenti agevolati assistiti

autorizzata a decorrere dall’anno 2016 una da garanzia dello Stato ai soggetti danneg-

spesa ulteriore di 1 milione di euro annui. giati dagli eventi calamitosi rispettivamente

420. Il contributo in favore della Biblio- indicati, nel limite massimo di 1.500 milioni

teca italiana per i ciechi «Regina Marghe- di euro, e comunque nei limiti delle disponi-

rita» di Monza di cui all’articolo 1 della bilità di cui al comma 427. Con decreti del

legge 13 novembre 2002, n. 260, è incre- Ministro dell’economia e delle finanze è

mentato dell’importo di 2 milioni di euro concessa la garanzia dello Stato di cui ai

per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018. commi da 422 a 428 e sono definiti i criteri

421. Alla biblioteca italiana per ipove- e le modalità di operatività della stessa,

denti «B.I.I. Onlus» è assegnato un contri- nonché le modalità di monitoraggio ai fini

buto di 100.000 euro per ciascuno degli del rispetto dell’importo massimo di cui al

anni 2016, 2017 e 2018. periodo precedente. La garanzia dello Stato

422. Al fine di dare avvio alle misure per di cui al presente comma è elencata nell’al-

fare fronte ai danni occorsi al patrimonio legato allo stato di previsione del Ministero

privato ed alle attività economiche e produt- dell’economia e delle finanze di cui all’arti-

tive, in attuazione della lettera d) del colo 31 della legge 31 dicembre 2009,

comma 2 dell’articolo 5 della legge 24 feb- n. 196.

braio 1992, n. 225, e successive modifica- 424. In caso di accesso ai finanziamenti

zioni, relativamente alle ricognizioni dei agevolati accordati dalle banche ai sensi

fabbisogni completate dai Commissari dele- dei commi da 422 a 428, in capo al benefi-

gati e trasmesse al Dipartimento della prote- ciario del finanziamento matura un credito

zione civile della Presidenza del Consiglio di imposta, fruibile esclusivamente in com-

dei ministri per la successiva istruttoria si pensazione, in misura pari, per ciascuna sca-

provvede, per le finalità e secondo i criteri denza di rimborso, all’importo ottenuto som-

da stabilire con apposite deliberazioni del mando alla sorte capitale gli interessi do-

Consiglio dei ministri, assunte ai sensi della vuti, nonché le spese strettamente necessarie

lettera e) del citato articolo 5, comma 2, alla gestione dei medesimi finanziamenti. Le

della legge n. 225 del 1992 mediante con- modalità di fruizione del credito di imposta

cessione, da parte delle Amministrazioni sono stabilite con provvedimento del diret-

pubbliche indicate nelle medesime delibera- tore dell’Agenzia delle entrate nel limite di

zioni, di contributi a favore di soggetti pri- 60 milioni di euro annui a decorrere dal

— 89 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



2016. Il credito di imposta è revocato, in ruolo sono versate in apposito capitolo di

tutto o in parte, nell’ipotesi di risoluzione entrata del bilancio dello Stato per essere

totale o parziale del contratto di finanzia- riassegnate al Fondo per le emergenze na-

mento agevolato. zionali istituito presso la Presidenza del

425. Il soggetto che eroga il finanzia- Consiglio dei ministri – Dipartimento della

mento agevolato comunica con modalità te- protezione civile.

lematiche all’Agenzia delle entrate gli elen- 427. Al fine di assicurare l’invarianza fi-

chi dei soggetti beneficiari, l’ammontare del nanziaria degli effetti delle disposizioni di

finanziamento concesso a ciascun beneficia- cui ai commi da 422 a 428, entro il 31

rio, il numero e l’importo delle singole rate. marzo di ciascun anno, il Ministero dell’e-

L’ammontare del finanziamento è erogato al conomia e delle finanze verifica l’anda-

netto di eventuali indennizzi per polizze as- mento della concessione di finanziamenti

sicurative stipulate per le medesime finalità agevolati e del relativo tiraggio, con riferi-

da dichiarare al momento della richiesta mento alle disposizioni vigenti riguardanti

del finanziamento agevolato. la concessione di finanziamenti con oneri a

426. I finanziamenti agevolati, di durata carico dello Stato per interventi connessi a

massima venticinquennale, sono erogati e calamità naturali, al fine di valutare l’im-

posti in ammortamento sulla base degli stati porto dei finanziamenti di cui ai commi da

di avanzamento lavori relativi all’esecuzione 422 a 428 che possono essere annualmente

dei lavori, alle prestazioni di servizi e alle concessi nel rispetto dei saldi di finanza

acquisizioni di beni necessari all’esecuzione pubblica, fermo restando il limite massimo

degli interventi ammessi a contributo dalle di cui al comma 423. Il Ministero dell’eco-

amministrazioni pubbliche di cui al comma nomia e delle finanze comunica al Diparti-

422. I contratti di finanziamento prevedono mento della protezione civile l’esito della

specifiche clausole risolutive espresse, anche verifica effettuata entro il medesimo termine

parziali, per i casi di mancato o ridotto im- del 31 marzo.

piego del finanziamento, ovvero di utilizzo
428. Le modalità attuative dei commi da
anche parziale del finanziamento per finalità
422 a 428, anche al fine di assicurare uni-
diverse da quelle indicate nei commi da 422
formità di trattamento, un efficace monito-
a 428. In tutti i casi di risoluzione del con-
raggio sull’utilizzo delle risorse, nonché il
tratto di finanziamento, il soggetto finanzia-
rispetto del limite di 1.500 milioni di euro
tore chiede al beneficiario la restituzione del
di cui al comma 423, sono definite con or-
capitale, degli interessi e di ogni altro onere
dinanze adottate dal Capo del Dipartimento
dovuto. In mancanza di tempestivo paga-
della protezione civile d’intesa con le re-
mento spontaneo, lo stesso soggetto finan-
gioni rispettivamente interessate e di con-
ziatore comunica alle amministrazioni pub-
certo con il Ministero dell’economia e delle
bliche di cui al comma 422, per la succes-
finanze, ai sensi dell’articolo 5 della legge
siva iscrizione a ruolo, i dati identificativi
24 febbraio 1992, n. 225, e successive mo-
del debitore e l’ammontare dovuto, fermo
dificazioni.
restando il recupero da parte del soggetto fi-
429. All’articolo 9 della legge 27 luglio
nanziatore delle somme erogate e dei rela-
2000, n. 212, dopo il comma 2 sono ag-
tivi interessi nonché delle spese strettamente
giunti i seguenti:
necessarie alla gestione dei finanziamenti,

non rimborsati spontaneamente dal benefi- «2-bis. La ripresa dei versamenti dei tri-

ciario, mediante compensazione ai sensi del- buti sospesi o differiti ai sensi del comma

l’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 2 avviene, senza applicazione di sanzioni,

1997, n. 241. Le somme riscosse a mezzo interessi e oneri accessori relativi al periodo

— 90 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



di sospensione, anche mediante rateizza- 431. All’articolo 12, comma 1, ultimo pe-

zione fino a un massimo di diciotto rate riodo, del decreto legislativo 24 settembre

mensili di pari importo, a decorrere dal 2015, n. 159, le parole: «entro trenta giorni

mese successivo alla data di scadenza della dal» sono sostituite dalle seguenti: «entro

sospensione. Con decreto del Ministro del- il mese successivo al».

l’economia e delle finanze sono definiti le
432. Per gli anni 2016 e 2017, al fine di
modalità e i termini della ripresa dei versa-
completare le attività finalizzate alla fase di
menti, tenendo anche conto della durata del
ricostruzione del tessuto urbano, sociale e
periodo di sospensione, nei limiti delle ri-
occupazionale dei territori colpiti dal sisma
sorse preordinate allo scopo.
del 6 aprile 2009, i comuni del cratere si-
2-ter. Per i tributi non sospesi né differiti
smico sono autorizzati a prorogare o rinno-
ai sensi del comma 2, nei limiti delle risorse
vare, alle medesime condizioni giuridiche
preordinate allo scopo, i contribuenti resi-
ed economiche, i contratti stipulati sulla
denti o aventi sede legale o sede operativa
base della normativa emergenziale, in de-
nei territori colpiti da eventi calamitosi con
roga alle vigenti normative in materia di
danni riconducibili all’evento e individuati
vincoli alle assunzioni a tempo determinato
con la medesima ordinanza della Presidenza
presso le amministrazioni pubbliche. Alle
del Consiglio dei ministri con la quale è di-
proroghe o rinnovi dei suddetti contratti,
chiarato lo stato di emergenza possono chie-
eseguiti in deroga alla legge, non sono ap-
dere la rateizzazione, fino a un massimo di
plicabili le sanzioni previste dalla normativa
diciotto rate mensili di pari importo, dei tri-
vigente, ivi compresa la sanzione della tra-
buti che scadono nei sei mesi successivi alla
sformazione del contratto a tempo indeter-
dichiarazione dello stato di emergenza, con
minato.
istanza da presentare al competente ufficio,
433. Agli oneri derivanti dall’applicazione
secondo modalità e termini stabiliti con de-
del comma 432, quantificati sulla base delle
creto del Ministro dell’economia e delle fi-
esigenze effettive documentate dalle ammi-
nanze, da adottare entro novanta giorni dalla
nistrazioni centrali e locali istituzionalmente
data di entrata in vigore della presente di-
preposte all’attività della ricostruzione, si
sposizione».
provvede mediante l’utilizzo delle somme

stanziate con la legge 23 dicembre 2014,
430. Nello stato di previsione del Mini-
n. 190, Tabella E, nell’ambito della quota
stero dell’economia e delle finanze è isti-
destinata dal CIPE al finanziamento di ser-
tuito un fondo rotativo per far fronte alle
vizi di natura tecnica e assistenza qualifi-
esigenze che derivano dal differimento di ri-
cata.
scossione a seguito di eventi calamitosi, di-

sposto ai sensi dell’articolo 9 della legge 27 434. Il termine di un triennio, di cui al-

luglio 2000, n. 212, con una dotazione di 5 l’articolo 67-ter, comma 3, del decreto-legge

milioni di euro per l’anno 2016. Con appo- 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con mo-

sito decreto del Ministro dell’economia e dificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

delle finanze, sono stabilite le modalità at- n. 134, relativo alla dotazione di risorse

tuative e di alimentazione del medesimo umane a tempo determinato, nel limite mas-

fondo. Al relativo onere per l’anno 2016 si simo di 25 unità, assegnata agli Uffici spe-

provvede mediante riduzione di pari importo ciali per la ricostruzione di cui all’articolo

dell’autorizzazione di spesa di cui all’arti- 67-ter, comma 2, del decreto-legge 22 giu-

colo 3-bis, comma 6, del decreto-legge 6 lu- gno 2012, n. 83, convertito, con modifica-

glio 2012, n. 95, convertito, con modifica- zioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, è

zioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135. prorogato di un ulteriore triennio.

— 91 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



435. I contratti a tempo determinato sti- cati nel limite di spesa di euro 400.000

pulati con il personale in servizio presso per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018.

gli Uffici speciali per la ricostruzione, sele- 438. Al decreto-legge 6 giugno 2012,

zionato all’esito della procedura comparativa n. 74, convertito, con modificazioni, dalla

pubblica, di cui alle Intese sulla costituzione legge 1º agosto 2012, n. 122, sono apportate

dell’Ufficio speciale per la città dell’Aquila, le seguenti modificazioni:

del 7 agosto 2012, e sulla costituzione del-
a) all’articolo 1:
l’Ufficio speciale per i comuni del cratere,
1) al comma 5, dopo la parola:
del 9-10 agosto 2012, stipulate ai sensi del-
«stessi» sono inserite le seguenti: «, nonché
l’articolo 67-ter, comma 3, del decreto-legge
delle strutture regionali competenti per ma-
22 giugno 2012, n. 83, convertito, con mo-
teria»;
dificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,
2) al comma 5-bis, dopo la parola:
n. 134, possono essere prorogati per un ulte-
«normativa» sono inserite le seguenti: «non-
riore triennio, alle medesime condizioni giu-
ché alle strutture regionali competenti per
ridiche ed economiche, anche in deroga alle
materia»;
vigenti normative in materia di vincoli alle

assunzioni a tempo determinato presso le b) all’articolo 4, dopo il comma 5-bis è

amministrazioni pubbliche. Alle proroghe inserito il seguente:

dei suddetti contratti, eseguite in deroga
«5-bis.1. Nell’ambito del piano di cui al
alla legge, non sono applicabili le sanzioni
comma 1, lettera a), i presidenti delle re-
previste dalla normativa vigente, ivi com-
gioni di cui all’articolo 1, comma 2, pos-
presa la sanzione della trasformazione del
sono destinare quota parte delle risorse
contratto a tempo indeterminato.
messe a disposizione per la ricostruzione

436. Agli oneri derivanti dall’applicazione delle aree terremotate di cui al presente ar-

delle previsioni di cui ai commi 434 e 435, ticolo anche per gli interventi di riparazione

quantificati nel limite di spesa di euro e ripristino strutturale degli edifici privati

2.320.000 per ciascuno degli anni 2016, inclusi nelle aree cimiteriali ed individuati

2017 e 2018, si provvede mediante l’utilizzo come cappelle private, al fine di consentire

delle somme stanziate con la legge 23 di- il pieno utilizzo delle strutture cimiteriali»;

cembre 2014, n. 190, Tabella E, recante il
c) all’articolo 5, dopo il comma 1-bis è
rifinanziamento dell’autorizzazione di spesa
inserito il seguente:
dell’articolo 7-bis del decreto-legge 26
«1-ter. Nell’ambito del piano di cui al-
aprile 2013, n. 43, convertito, con modifica-
l’articolo 4, comma 1, lettera a), e nei limiti
zioni, dalla legge 24 giugno 2013, n. 71,
delle risorse messe a disposizione dai
nell’ambito della quota destinata dal CIPE
commi 1 e 1-bis del presente articolo, i Pre-
al finanziamento di servizi di natura tecnica
sidenti delle regioni di cui all’articolo 1,
e assistenza qualificata, ai sensi del comma
comma 2, possono altresì destinare quota
437 dell’articolo 1 della citata legge 23 di-
parte delle risorse messe a disposizione dal
cembre 2014, n. 190.
Ministero dell’istruzione, dell’università e

437. Gli oneri di cui al comma 436 com- della ricerca per la realizzazione di inter-

prendono quelli derivanti dalla prosecuzione venti di miglioramento sismico su edifici

dell’attività dei titolari degli Uffici speciali scolastici o utilizzati per attività educativa

per la ricostruzione, di cui all’articolo 67- della prima infanzia e per l’università che

ter, comma 2, del decreto-legge 22 giugno abbiano subito danni lievi, nel limite delle

2012, n. 83, convertito, con modificazioni, risorse assegnate per gli interventi speci-

dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, quantifi- fici».

— 92 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



439. All’articolo 10 del decreto-legge 22 con modificazioni, dalla legge 7 agosto

giugno 2012, n. 83, convertito, con modifi- 2012, n. 135.

cazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, 441. Per l’anno 2016, nel saldo indivi-

dopo il comma 4 sono inseriti i seguenti: duato ai sensi del comma 710 non sono

considerate le spese sostenute dagli enti lo-
«4-bis. I Commissari delegati consentono
cali individuati ai sensi dell’articolo 1,
l’utilizzo a titolo gratuito a favore delle am-
comma 1, del decreto-legge 6 giugno
ministrazioni pubbliche degli edifici tempo-
2012, n. 74, convertito, con modificazioni,
ranei destinati ad attività scolastica ovvero
dalla legge 1º agosto 2012, n. 122, e dell’ar-
a uffici pubblici e delle relative aree di se-
ticolo 67-septies del decreto-legge 22 giu-
dime e pertinenziali nonché dei prefabbricati
gno 2012, n. 83, convertito, con modifica-
modulari abitativi.
zioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134,

4-ter. I Commissari delegati provvedono con risorse proprie provenienti da erogazioni

al trasferimento a titolo gratuito dei beni im- liberali e donazioni da parte di cittadini pri-

mobili di cui al comma 4-bis a favore delle vati e imprese, nonché da indennizzi deri-

amministrazioni pubbliche di riferimento. I vanti da polizze assicurative, puntualmente

trasferimenti sono operati mediante adozione finalizzate a fronteggiare gli eccezionali

di atto ricognitivo con esenzione da ogni ef- eventi sismici e la ricostruzione, per un im-

fetto fiscale. porto massimo complessivo di 15 milioni di

4-quater. Il termine di cui al comma 3 euro. L’ammontare delle spese da escludere

dell’articolo 6-sexies del decreto-legge 26 dal saldo di cui al comma 710 ai sensi del

aprile 2013, n. 43, convertito, con modifica- periodo precedente è determinato dalla re-

zioni, dalla legge 24 giugno 2013, n. 71, è gione Emilia-Romagna nel limite di 12 mi-

prorogato al 31 dicembre 2016. Al relativo lioni di euro e dalle regioni Lombardia e

onere si provvede nel limite delle risorse di- Veneto nel limite di 1,5 milioni di euro

sponibili allo scopo finalizzate sulle contabi- per ciascuna regione. Le regioni comunicano

lità dei Commissari di cui all’articolo 1, al Ministero dell’economia e delle finanze e

comma 2, del decreto-legge 6 giugno ai comuni interessati, entro il 30 giugno

2012, n. 74, convertito, con modificazioni, 2016, gli importi di cui al periodo prece-

dalla legge 1º agosto 2012, n. 122». dente. Ai relativi oneri si provvede mediante

riduzione di pari importo dell’autorizzazione

440. Al fine di soddisfare le ulteriori esi- di spesa di cui all’articolo 3-bis, comma 6,

genze delle popolazioni colpite dal sisma del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, con-

del 20 e 29 maggio 2012, connesse alla ne- vertito, con modificazioni, dalla legge 7

cessità di completare e sostenere ulterior- agosto 2012, n. 135.

mente la ripresa economica, in favore dei 442. Al comma 13 dell’articolo 10 del

Presidenti delle regioni Lombardia ed Emi- decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, con-

lia-Romagna, in qualità di commissari dele- vertito, con modificazioni, dalla legge 7

gati, per il 2016 sono autorizzati 160 mi- agosto 2012, n. 134, dopo le parole: «dei

lioni di euro in favore dell’Emilia-Romagna capannoni e degli impianti industriali»

e 30 milioni di euro in favore della Lombar- sono aggiunte le seguenti: «, nonché delle

dia a completamento delle attività connesse strutture destinate alla produzione agricola

al processo di ricostruzione pubblica. Ai re- e alle attività connesse,».

lativi oneri si provvede mediante riduzione 443. Al fine di soddisfare le ulteriori esi-

di pari importo dell’autorizzazione di spesa genze derivanti dalla messa in sicurezza, an-

di cui all’articolo 3-bis, comma 6, del de- che attraverso la loro ricostruzione, delle

creto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, strutture destinate alla produzione agricola

— 93 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



situate nei territori dei comuni colpiti dal si- comandazione 2003/361/CE della Commis-

sma del 20 e 29 maggio 2012, sono desti- sione, del 6 maggio 2003, e del decreto

nati ai presidenti delle regioni Lombardia e del Ministro delle attività produttive 18

Veneto, in qualità di commissari delegati aprile 2005, pubblicato nella Gazzetta Uffi-

alla ricostruzione, 3,5 milioni di euro alla ciale n. 238 del 12 ottobre 2005, e avere

regione Lombardia e 1,5 milioni di euro avuto nel 2014 un reddito lordo inferiore a

alla regione Veneto per l’anno 2016. Ai re- 80.000 euro e un numero di addetti inferiore

lativi oneri si provvede mediante riduzione o uguale a cinque;

di pari importo dell’autorizzazione di spesa b) appartenere ai settori di attività indi-

di cui all’articolo 3-bis, comma 6, del de- viduati dai codici ATECO 45, 46, 47, 55,

creto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, 56, 79, 93, 95 e 96;

con modificazioni, dalla legge 7 agosto
c) essere già costituite alla data di pre-
2012, n. 135.
sentazione dell’istanza presentata in base a
444. Al fine di soddisfare le ulteriori esi-
quanto stabilito dal decreto di cui al comma
genze delle popolazioni colpite dal sisma
453, purché la data di costituzione dell’im-
del 20 e 29 maggio 2012, connesse alla ne-
presa non sia successiva al 31 dicembre
cessità di completare il processo di ricostru-
2014;
zione, in favore del presidente della regione
d) svolgere la propria attività all’in-
Lombardia, in qualità di commissario dele-
terno della zona franca, ai sensi di quanto
gato alla ricostruzione, è autorizzata la spesa
previsto al comma 448;
di 70 milioni di euro per il 2016 ai fini del
e) essere nel pieno e libero esercizio
completamento delle attività connesse alla
dei propri diritti civili, non essere in liquida-
ricostruzione privata. Ai relativi oneri si
zione volontaria o sottoposte a procedure
provvede mediante riduzione di pari importo
concorsuali.
dell’autorizzazione di spesa di cui all’arti-

colo 3-bis, comma 6, del decreto-legge 6 lu-

glio 2012, n. 95, convertito, con modifica- 447. Gli aiuti di Stato corrispondenti al-

zioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135. l’ammontare delle agevolazioni di cui ai

commi da 445 a 453 sono concessi ai sensi
445. Nei comuni della regione Lombardia
e nei limiti del regolamento (UE) n. 1407/
colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012,
2013 della Commissione, del 18 dicembre
con zone rosse nei centri storici, è istituita
2013, relativo all’applicazione degli articoli
una zona franca ai sensi dei commi 340 e
107 e 108 del Trattato sul funzionamento
seguenti dell’articolo 1 della legge 27 di-
dell’Unione europea agli aiuti «de minimis»
cembre 2006, n. 296. La perimetrazione
e del regolamento (UE) n. 1408/2013 della
della zona franca comprende i centri storici
Commissione, del 18 dicembre 2013, rela-
o centri abitati dei comuni di San Giacomo
tivo all’applicazione degli articoli 107 e
delle Segnate, Quingentole, San Giovanni
108 del Trattato sul funzionamento dell’U-
del Dosso, Quistello, San Benedetto Po,
nione europea agli aiuti «de minimis» nel
Moglia, Gonzaga, Poggio Rusco e Suzzara.
settore agricolo.
446. Possono beneficiare delle agevola-
448. Per accedere alle agevolazioni di cui
zioni di cui ai commi da 445 a 453 le im-
ai commi da 445 a 453, i soggetti indivi-
prese localizzate all’interno della zona
duati ai sensi dei commi 445 e 446 devono
franca di cui al comma 445 con le seguenti
avere la sede principale o l’unità locale al-
caratteristiche:
l’interno della zona franca e rispettare i li-

a) rispettare la definizione di micro im- miti e le procedure previsti dai regolamenti

prese, ai sensi di quanto stabilito dalla rac- dell’Unione europea di cui al comma 447.

— 94 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



449. Il rispetto di quanto previsto al 453. Per l’attuazione degli interventi di

comma 448 è attestato mediante dichiara- cui ai commi da 445 a 452, si applicano,

zione sostitutiva dell’atto di notorietà, ai in quanto compatibili, le disposizioni del de-

sensi dell’articolo 47 del testo unico di cui creto del Ministro dello sviluppo economico

al decreto del Presidente della Repubblica 10 aprile 2013, pubblicato nella Gazzetta

28 dicembre 2000, n. 445. Ufficiale n. 161 dell’11 luglio 2013.

450. I soggetti di cui ai commi 445 e 446 454. All’articolo 5 del decreto-legge 5

possono beneficiare, nel rispetto del comma maggio 2015, n. 51, convertito, con modifi-

447 nonché del limite previsto al comma cazioni, dalla legge 2 luglio 2015, n. 91,

451 e delle risorse finanziarie di cui al sono apportate le seguenti modificazioni:

comma 452, delle seguenti agevolazioni:
a) al comma 2, le parole: «entro il ter-

a) esenzione dalle imposte sui redditi mine perentorio di sessanta giorni dall’en-

del reddito derivante dallo svolgimento del- trata in vigore del presente decreto» sono

l’attività svolta dall’impresa nella zona sostituite dalle seguenti: «entro il termine

franca fino a concorrenza dell’importo di perentorio del 29 febbraio 2016»;

euro 100.000 per ciascun periodo d’imposta; b) al comma 3-bis:

b) esenzione dall’imposta regionale
1) al secondo periodo, le parole da:
sulle attività produttive del valore della pro-
«e la data di entrata in vigore del presente
duzione netta derivante dallo svolgimento
decreto» fino a: «legge di conversione del
dell’attività svolta dall’impresa nella zona
presente decreto» sono sostituite dalle se-
franca nel limite di euro 300.000 per cia-
guenti: «e il 31 luglio 2015, individuati ai
scun periodo d’imposta;
sensi del comma 4 del citato articolo 14
c) esenzione dalle imposte municipali
del decreto legislativo n. 154 del 2004, e

proprie per gli immobili siti nella zona successive modificazioni, possono presentare

franca, posseduti e utilizzati dai soggetti di domanda, entro il 29 febbraio 2016»;

cui al comma 446 per l’esercizio dell’atti- 2) dopo il secondo periodo sono in-
vità economica.
seriti i seguenti: «È data priorità alle do-

mande delle imprese che hanno subito un

451. Le esenzioni di cui al comma 450 maggior danno. Con decreto del Ministro

sono concesse esclusivamente per il periodo delle politiche agricole alimentari e forestali

d’imposta in corso alla data di entrata in vi- sono individuati i criteri di priorità per l’as-

gore della presente legge. segnazione del contributo alle aziende dan-

452. Per le finalità di cui ai commi da neggiate».

445 a 453, l’autorizzazione di spesa di cui

all’articolo 22-bis, comma 1, del decreto- 455. Al fine di coordinare le politiche di

legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con finanziamento nazionali del settore ittico,

modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, le disposizioni di cui all’articolo 17 del de-

n. 89, è incrementata di 5 milioni di euro creto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, e

nell’anno 2016. Al relativo onere, pari a 5 all’articolo 1, comma 512, della legge 30 di-

milioni di euro per l’anno 2016, si provvede cembre 2004, n. 311, si applicano in favore

mediante corrispondente riduzione di pari delle imprese della pesca e dell’acquacoltura

importo dell’autorizzazione di spesa di cui anche a valere sulle risorse europee del

all’articolo 3-bis, comma 6, del decreto- Fondo europeo per gli affari marittimi e

legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con per la pesca (FEAMP) di cui al regolamento

modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e

n. 135. del Consiglio, del 15 maggio 2014.

— 95 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



456. Per gli enti locali colpiti dal sisma vile a carico dello Stato e del comune di

del 20 e 29 maggio 2012, individuati ai Sarno.

sensi dell’articolo 1, comma 1, del de- 459. Il sindaco del comune di Sarno,

creto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, d’intesa con il capo del Dipartimento della

con modificazioni, dalla legge 1º agosto protezione civile, nei limiti dell’autorizza-

2012, n. 122, e dell’articolo 67-septies del zione di spesa di cui al comma 458, indivi-

decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, con- dua i familiari delle vittime e determina la

vertito, con modificazioni, dalla legge 7 somma spettante, nel limite di euro

agosto 2012, n. 134, gli oneri relativi al pa- 100.000 per ciascuna delle vittime, nonché

gamento delle rate dei mutui concessi dalla la quota di rimborso delle eventuali spese

Cassa depositi e prestiti Spa, trasferiti al legali sostenute e documentate.

Ministero dell’economia e delle finanze in 460. Le elargizioni di cui al comma 458

attuazione dell’articolo 5, commi 1 e 3, spettanti ai familiari delle vittime sono asse-

del decreto-legge 30 settembre 2003, gnate e corrisposte secondo il seguente or-

n. 269, convertito, con modificazioni, dalla dine:

legge 24 novembre 2003, n. 326, da corri-
a) al coniuge superstite, con esclusione
spondere nell’anno 2016, ad esclusione di
del coniuge rispetto al quale sia stata pro-
quelle il cui pagamento è stato differito ai
nunciata sentenza anche non definitiva di
sensi dell’articolo 1, comma 426, della
scioglimento o di cessazione degli effetti ci-
legge 24 dicembre 2012, n. 228, e dell’arti-
vili del matrimonio e del coniuge cui sia
colo 1, comma 356, della legge 27 dicembre
stata addebitata la separazione con sentenza
2013, n. 147, sono pagati, senza applica-
passata in giudicato, e ai figli se a carico;
zione di sanzioni e interessi, a decorrere
b) ai figli, in mancanza del coniuge su-
dall’anno 2017, in rate di pari importo per
perstite o nel caso di coniuge rispetto al
dieci anni sulla base della periodicità di pa-
quale sia stata pronunciata sentenza anche
gamento prevista nei provvedimenti e nei
non definitiva di scioglimento o di cessa-
contratti regolanti i mutui stessi. Ai relativi
zione degli effetti civili del matrimonio o
oneri, pari a 5,2 milioni di euro per l’anno
di coniuge cui sia stata addebitata la separa-
2016 e a 4,5 milioni di euro per l’anno
zione con sentenza passata in giudicato;
2017, si provvede con le risorse delle conta-
c) ai genitori;
bilità speciali, di cui all’articolo 2, comma
d) ai fratelli e alle sorelle se conviventi a
6, del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74,
carico;
convertito, con modificazioni, dalla legge
e) ai conviventi a carico negli ultimi tre
1º agosto 2012, n. 122, che sono versate al-
anni precedenti l’evento;
l’entrata del bilancio dello Stato.
f) al convivente more uxorio.
457. Al comma 436 dell’articolo 1 della

legge 23 dicembre 2014, n. 190, le parole: 461. Qualora sia intervenuto il decesso

«Per l’anno 2015» sono sostituite dalle se- dei soggetti beneficiari ai sensi del comma

guenti: «Per gli anni 2015 e 2016». 460, gli eredi hanno diritto al pagamento

458. Al capo del Dipartimento della pro- della medesima somma, previa presenta-

tezione civile presso la Presidenza del Con- zione di documentazione attestante la qualità

siglio dei ministri è assegnata la somma di di erede e la quota di partecipazione all’asse

7,5 milioni di euro per ciascuno degli anni ereditario, secondo le disposizioni vigenti in

2016 e 2017 per speciali elargizioni in fa- materia di successione legittima.

vore dei familiari delle vittime dell’allu- 462. Il capo del Dipartimento della prote-

vione verificatasi il 5 maggio 1998 a Sarno, zione civile, in conformità con l’atto del

a totale indennizzo della responsabilità ci- sindaco del comune di Sarno di cui al

— 96 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



comma 459, adotta i provvedimenti di elar- 468. Al decreto legislativo 30 marzo

gizione. 2001, n. 165, sono apportate le seguenti mo-

dificazioni:
463. L’indennizzo corrisposto comprende

tutte le somme dovute a qualsiasi titolo ai a) all’articolo 41, comma 2, primo pe-

destinatari e tiene conto di quanto eventual- riodo, le parole: «, per uno dei comparti di

mente già percepito a seguito di sentenze ri- cui all’articolo 40, comma 2,» sono sop-

guardanti la responsabilità civile dello Stato presse;

e del comune di Sarno. I contenziosi aperti b) all’articolo 41, comma 2, secondo

sono dichiarati estinti a decorrere dalla periodo, le parole: «, per uno dei comparti

data di entrata in vigore della presente di cui all’articolo 40, comma 2,» sono sop-

legge. presse;

c) all’articolo 41, comma 5, dopo le
464. Le elargizioni di cui al comma 458
parole: «istituti comuni a più comparti»
sono esenti da ogni imposta o tassa e sono
sono inserite le seguenti: «o che si appli-
assegnate in aggiunta ad ogni altra somma
cano a un comparto per il quale operano
cui i soggetti beneficiari abbiano diritto a
più comitati di settore».
qualsiasi titolo ai sensi della normativa vi-

gente.

469. Per il personale dipendente da am-
465. Al comune di Sarno è riconosciuto
ministrazioni, istituzioni ed enti pubblici di-
un trasferimento straordinario di 1 milione
versi dall’amministrazione statale, gli oneri
di euro per ciascuno degli anni 2016 e
per i rinnovi contrattuali per il triennio
2017, a compensazione di quanto già ero-
2016-2018, nonché quelli derivanti dalla
gato ai familiari delle vittime a seguito di
corresponsione dei miglioramenti economici
sentenze riguardanti la responsabilità civile
al personale di cui all’articolo 3, comma
dello Stato e del comune stesso.
2, del decreto legislativo 30 marzo 2001,

466. Per il triennio 2016-2018, in applica- n. 165, sono posti a carico dei rispettivi bi-

zione dell’articolo 48, comma 1, del decreto lanci ai sensi dell’articolo 48, comma 2, del

legislativo 30 marzo 2001, n. 165, gli oneri medesimo decreto legislativo n. 165 del

posti a carico del bilancio statale sono quan- 2001. Con decreto del Presidente del Consi-

tificati, complessivamente, in 300 milioni di glio dei ministri, su proposta del Ministro

euro a decorrere dall’anno 2016, di cui 74 per la semplificazione e la pubblica ammini-

milioni di euro per il personale delle Forze strazione, di concerto con il Ministro dell’e-

conomia e delle finanze, da emanare entro
armate e dei Corpi di polizia di cui al de-
trenta giorni dalla data di entrata in vigore
creto legislativo 12 maggio 1995, n. 195, e
della presente legge, sono fissati i criteri
7 milioni di euro per il restante personale
di determinazione dei predetti oneri in coe-
statale in regime di diritto pubblico.
renza con quanto previsto dal comma 466.
467. Le somme di cui al comma 466,
470. Le disposizioni recate dal comma
comprensive degli oneri contributivi ai fini
469 si applicano anche al personale conven-

previdenziali e dell’imposta regionale sulle zionato con il Servizio sanitario nazionale.

attività produttive (IRAP) di cui al decreto 471. Al fine di assicurare l’omogenea ap-

legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, con- plicazione sul territorio di riferimento di

corrono a costituire l’importo complessivo quanto previsto, in materia di personale, dal-

massimo di cui all’articolo 11, comma 3, l’articolo 5 dell’intesa concernente l’attribu-

lettera g), della legge 31 dicembre 2009, zione di funzioni statali e dei relativi oneri

n. 196. finanziari riferiti al Parco nazionale dello

— 97 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



Stelvio, ai sensi dell’articolo 1, comma 515, ficazioni, dalla legge 6 febbraio 2014, n. 6,

della legge 27 dicembre 2013, n. 147, e del- la spesa di euro 83.000.000 per l’anno

l’articolo 11, comma 8, del decreto-legge 24 2016, con specifica destinazione di euro

giugno 2014, n. 91, convertito, con modifi- 81.100.000 per il personale di cui al comma

cazioni, dalla legge 11 agosto 2014, 74 e di euro 1.900.000 per il personale di

n. 116, la regione Lombardia o l’ente dalla cui al comma 75 dell’articolo 24 del de-

stessa individuato provvede, nel rispetto creto-legge 1º luglio 2009, n. 78, convertito,

delle limitazioni assunzionali e finanziarie con modificazioni, dalla legge 3 agosto

vigenti in materia di personale, ad attivare 2009, n. 102, al cui onere si provvede, nel

procedure concorsuali pubbliche, preve- limite di 10 milioni di euro, mediante corri-

dendo nei bandi il riconoscimento dell’espe- spondente riduzione dell’autorizzazione di

rienza maturata da parte del personale già spesa di cui all’articolo 1, comma 199, della

dipendente al 31 dicembre 2013 dal Consor- legge 23 dicembre 2014, n. 190, già desti-

zio del Parco nazionale dello Stelvio da al- nata alla prosecuzione del concorso delle

meno dieci anni, con mansioni impiegatizie, Forze armate alle operazioni di sicurezza e

amministrative, tecniche, scientifiche e di- di controllo del territorio, per l’anno 2016.

dattiche di educazione ambientale, in esito 474. Entro il 31 marzo 2016 il Ministro

a procedure diverse da quelle previste per dell’interno provvede alla ricognizione del

l’accesso al pubblico impiego. personale di polizia assegnato a funzioni di

472. Al fine di assicurare, anche in rela- carattere amministrativo ovvero di scorta

zione alle straordinarie esigenze di preven- personale, onde valutarne, nel rispetto del-

zione e contrasto alla criminalità ed al terro- l’ordinamento vigente e presso le sedi com-

rismo, la prosecuzione degli interventi di cui petenti, l’assegnazione ad operazioni di sicu-

all’articolo 24, commi 74 e 75, del decreto- rezza e controllo del territorio, al fine di una

legge 1º luglio 2009, n. 78, convertito, con gestione efficiente ed efficace delle risorse

modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, organiche, anche in relazione alle contin-

n. 102, nonché di quelli previsti dall’articolo genti esigenze di sicurezza nazionale.

3, comma 2, del decreto-legge 10 dicembre 475. Nello stato di previsione del Mini-

2013, n. 136, convertito, con modificazioni, stero dell’economia e delle finanze, è isti-

dalla legge 6 febbraio 2014, n. 6, è proro- tuito un fondo con una dotazione di 150 mi-

gato, limitatamente ai servizi di vigilanza a lioni di euro per ciascuno degli anni 2016 e

siti ed obiettivi sensibili, fino al 31 dicem- 2017, finalizzato ad interventi di carattere

bre 2016, l’impiego di un contingente pari economico, sociale e ambientale nei territori

a 4.800 unità di personale delle Forze ar- della terra dei fuochi e, nel limite massimo

mate. Si applicano le disposizioni di cui al- di 3 milioni di euro per ciascun anno consi-

l’articolo 7-bis, commi 1, 2 e 3, del decreto- derato, di bonifica del sito inquinato dell’ex

legge 23 maggio 2008, n. 92, convertito, area industriale «Isochimica». Con decreto

con modificazioni, dalla legge 24 luglio del Presidente del Consiglio dei ministri,

2008, n. 125. da emanare entro novanta giorni dalla data

473. Ai fini dell’attuazione del comma di entrata in vigore della presente legge,

472, è autorizzata, per gli interventi di cui sono individuati gli interventi e le ammini-

all’articolo 24, commi 74 e 75, del de- strazioni competenti cui destinare le predette

creto-legge 1º luglio 2009, n. 78, convertito, somme. Il Ministro dell’economia e delle fi-

con modificazioni, dalla legge 3 agosto nanze è autorizzato ad apportare con propri

2009, n. 102, nonché di quelli di cui all’ar- decreti le occorrenti variazioni di bilancio.

ticolo 3, comma 2, del decreto-legge 10 di- 476. Al fine di contribuire all’attuazione

cembre 2013, n. 136, convertito, con modi- dei necessari interventi di bonifica e messa

— 98 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



in sicurezza dei siti di interesse nazionale, statistica (ISTAT) delle amministrazioni

nello stato di previsione del Ministero del- pubbliche di cui all’articolo 1 della legge

l’ambiente e della tutela del territorio e del 31 dicembre 2009, n. 196, e successive mo-

mare è istituito un fondo con una dotazione dificazioni. All’attuazione della disposizione

di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni di cui al precedente periodo si provvede nel-

2016, 2017 e 2018, di cui 5 milioni di euro l’ambito degli stanziamenti autorizzati a le-

per ciascuno degli anni 2016 e 2017 desti- gislazione vigente.

nati agli interventi di bonifica del sito di in- 480. Lo stanziamento di cui all’articolo 5

teresse nazionale Valle del Sacco e i restanti della legge 26 gennaio 1963, n. 91, è fissato

5 milioni di euro per ciascuno degli anni in 1 milione di euro annui a decorrere dal-

2016 e 2017 e 10 milioni di euro per l’anno l’anno 2016.

2018 da destinare con priorità ai siti di inte- 481. Al fine di fare fronte alle spese per

resse nazionale per i quali è necessario la costituzione e il funzionamento dei col-

provvedere con urgenza al corretto adempi- legi arbitrali internazionali inseriti nelle

mento di obblighi europei. clausole di arbitrato internazionale dei trat-

477. Al fine di studiare e valutare gli ef- tati sottoscritti dallo Stato italiano o, per

fetti dei cambiamenti climatici, mediante la esso, dall’Unione europea, a decorrere dal-

realizzazione di modelli del sistema clima- l’esercizio finanziario 2016, nello stato di

tico italiano e delle sue interazioni con la previsione del Ministero dell’economia e

società e l’ambiente, attraverso le attività delle finanze è istituito un apposito fondo

di ricerca svolte dalla grande infrastruttura denominato «Fondo per le spese di costitu-

di ricerca, già denominata «Centro euro-me- zione e funzionamento dei collegi arbitrali

diterraneo per i cambiamenti climatici», internazionali». A tal fine è autorizzata la

nonché per la valorizzazione degli investi- spesa di 1 milione di euro a decorrere dal-

menti effettuati con la delibera CIPE n. 42 l’anno 2016. Il Ministro dell’economia e

del 13 maggio 2010, è autorizzato, a decor- delle finanze è autorizzato ad apportare,

rere dall’anno 2016, un contributo annuo di con propri decreti, le occorrenti variazioni

5 milioni di euro. di bilancio.

478. All’articolo 39-bis, comma 1, del de- 482. Al fine di consentire la promozione

creto-legge 1º ottobre 2007, n. 159, conver- e lo svolgimento delle iniziative funzionali

tito, con modificazioni, dalla legge 29 no- alle celebrazioni del settantesimo anniversa-

vembre 2007, n. 222, dopo le parole: «della rio della nascita della Repubblica italiana,

legge 24 dicembre 2003, n. 350,» sono inse- del settantesimo anniversario della Costitu-

rite le seguenti: «e di corrispettivi a carico zione della Repubblica italiana e del ricono-

delle società di gestione aeroportuale relati- scimento dei diritti elettorali delle donne

vamente ai servizi antincendi negli aero- nonché del centenario della nascita di Aldo

porti, di cui all’articolo 1, comma 1328, Moro è autorizzata la spesa di 3 milioni di

della legge 27 dicembre 2006, n. 296,». euro per l’anno 2016 e di 2,5 milioni di

479. Al fine di assicurare la piena ed ef- euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018.

ficace realizzazione degli obiettivi istituzio- 483. A decorrere dall’anno 2016 è auto-

nali perseguiti, non si applicano alle federa- rizzata l’ulteriore spesa di 1 milione di

zioni sportive nazionali affiliate al Comitato euro annui in favore delle istituzioni cultu-

olimpico nazionale italiano (CONI) e all’E- rali di cui all’articolo 1 della legge 17 otto-

NIT-Agenzia nazionale del turismo le norme bre 1996, n. 534.

di contenimento delle spese previste dalla 484. Fino alla data del 30 settembre 2016,

legislazione vigente a carico dei soggetti in- entro la quale si provvede al complessivo

clusi nell’elenco dell’Istituto nazionale di riordino della disciplina dei canoni dema-

— 99 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



niali marittimi, i procedimenti amministra- zioni europee e nazionali in materia di oneri

tivi pendenti alla data del 15 novembre di servizio pubblico nei collegamenti aerei

2015, avviati dalle amministrazioni compe- infracomunitari.

tenti per il rilascio, la sospensione, la revoca 487. All’articolo 10, comma 1, del de-

e la decadenza di concessioni demaniali ma- creto-legge 31 dicembre 2014, n. 192, con-

rittime con finalità turistico-ricreative, con vertito, con modificazioni, dalla legge 27

esclusivo riferimento a quelle inerenti alla febbraio 2015, n. 11, le parole: «31 dicem-

conduzione delle pertinenze demaniali, deri- bre 2015» sono sostituite dalle seguenti:

vanti da procedure di contenzioso connesse «31 dicembre 2016».

all’applicazione dei criteri per il calcolo 488. La durata della contabilità speciale

dei canoni di cui all’articolo 03, comma 1, n. 5458 di cui all’articolo 1, comma 5, del-

del decreto-legge 5 ottobre 1993, n. 400, l’ordinanza del Capo del Dipartimento della

convertito, con modificazioni, dalla legge 4 protezione civile n. 43 del 24 gennaio 2013,

dicembre 1993, n. 494, come sostituito dal- pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 28 del

l’articolo 1, comma 251, della legge 27 di- 2 febbraio 2013, come prorogata dal comma

cembre 2006, n. 296, sono sospesi. La di- 364 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre

sposizione di cui al presente comma non 2013, n. 147, è ulteriormente prorogata

si applica per i beni pertinenziali che risul- fino al 31 dicembre 2016, anche al fine di

tano comunque oggetto di procedimenti giu- attuare interventi urgenti per la messa in si-

diziari di natura penale, nonché nei comuni curezza del territorio contro i rischi deri-

e nei municipi sciolti o commissariati ai vanti dal dissesto idrogeologico, cui prov-

sensi degli articoli 143 e 146 del testo unico vede, d’intesa con il titolare della contabilità

di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, speciale n. 5458, a valere sulle risorse di-

n. 267. sponibili della medesima contabilità, il com-

485. All’articolo 8, comma 13-septies, del missario straordinario delegato per il rischio

decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, con- idrogeologico nel Veneto, di cui all’articolo

vertito, con modificazioni, dalla legge 6 10 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91,

agosto 2015, n. 125, è aggiunto, in fine, il convertito, con modificazioni, dalla legge 11

seguente periodo: «Nelle more dell’attua- agosto 2014, n. 116.

zione del primo periodo e, comunque, non 489. L’autorizzazione di spesa di cui al-

oltre il 30 giugno 2016, le risorse di cui l’articolo 1, comma 1063, della legge 27 di-

al presente comma possono essere utilizzate cembre 2006, n. 296, è rifinanziata per l’im-

nel limite di 6,5 milioni di euro per assicu- porto di 1 milione di euro per l’anno 2016 e

rare i servizi di collegamento marittimo at- di 4 milioni di euro per l’anno 2017, quale

tualmente convenzionato con la regione an- dotazione del fondo per la razionalizzazione

che tramite la prosecuzione del contratto e la riconversione della produzione bieti-

con la marittima SAREMAR S.p.A.». colo-saccarifera in Italia per il quinto anno

486. Al fine di garantire un completo ed del quinquennio previsto dalla normativa eu-

efficace sistema di collegamenti aerei da e ropea. Agli oneri derivanti dall’attuazione

per la Sicilia, che consenta la riduzione della disposizione di cui al primo periodo

dei disagi derivanti dalla condizione di insu- si provvede, quanto a 1 milione di euro

larità e assicuri la continuità del diritto alla per l’anno 2016 e a 4 milioni di euro per

mobilità anche ai passeggeri non residenti, è l’anno 2017, mediante utilizzo del fondo di

attribuita alla Regione siciliana una somma conto capitale iscritto nello stato di previ-

di 20 milioni di euro per l’anno 2016. Le sione del Ministero delle politiche agricole

risorse di cui al presente comma sono im- alimentari e forestali ai sensi dell’articolo

piegate in conformità alle vigenti disposi- 49, comma 2, lettera d), del decreto-legge

— 100 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modi- sidente della Repubblica 30 dicembre 2003,

ficazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89. n. 398, e successive modificazioni».


490. Il Programma nazionale triennale
493. Al fine di mantenere l’efficienza
della pesca e dell’acquacoltura vigente, di
delle strutture della Marina militare di Ta-
cui all’articolo 2, comma 5-decies, del de-
ranto è autorizzata la spesa di 1,5 milioni
creto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, con-
di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017
vertito, con modificazioni, dalla legge 26
e 2018, da destinare ai servizi di pulizia e
febbraio 2011, n. 10, adottato con decreto
manovalanza.
del Ministro delle politiche agricole alimen-
494. All’articolo 1, comma 7, del decreto-
tari e forestali 31 gennaio 2013, pubblicato
legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con
nel supplemento ordinario alla Gazzetta Uf-
modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,
ficiale n. 141 del 18 giugno 2013, è proro-
n. 135, il terzo e il quarto periodo sono so-
gato al 31 dicembre 2016.
stituiti dai seguenti: «È fatta salva la possi-
491. Al fine di provvedere al migliora-
bilità di procedere ad affidamenti, nelle indi-
mento delle condizioni di sicurezza, in par-
cate categorie merceologiche, anche al di
ticolare sanitarie, per le specifiche esigenze
fuori delle predette modalità, a condizione
dei reparti operativi del Raggruppamento su-
che gli stessi conseguano ad approvvigiona-
bacquei e incursori «Teseo Tesei» (COM-
menti da altre centrali di committenza o a
SUBIN) della Marina militare, posto alle di-
procedure di evidenza pubblica, e prevedano

pendenze del Comando interforze operazioni corrispettivi inferiori almeno del 10 per

forze speciali – CO.F.S. dello Stato mag- cento per le categorie merceologiche telefo-

giore della Difesa, è autorizzata una spesa nia fissa e telefonia mobile e del 3 per cento

di 1.000.000 di euro per l’anno 2016. per le categorie merceologiche carburanti

492. All’articolo 19 del decreto legislativo extra-rete, carburanti rete, energia elettrica,

13 marzo 2013, n. 30, il comma 5 è sosti- gas e combustibili per il riscaldamento ri-

tuito dal seguente: spetto ai migliori corrispettivi indicati nelle

convenzioni e accordi quadro messi a dispo-

«5. Il 50 per cento dei proventi derivanti sizione da Consip SpA e dalle centrali di

dalle singole aste è riassegnato con i decreti committenza regionali. Tutti i contratti sti-

di cui al comma 3 ad apposito capitolo di pulati ai sensi del precedente periodo de-

spesa dello stato di previsione del Ministero vono essere trasmessi all’Autorità nazionale

dello sviluppo economico, ai fini di cui al anticorruzione. In tali casi i contratti do-

comma 5 dell’articolo 2 del decreto-legge vranno comunque essere sottoposti a condi-

20 maggio 2010, n. 72, convertito, con mo- zione risolutiva con possibilità per il con-

dificazioni, dalla legge 19 luglio 2010, traente di adeguamento ai migliori corrispet-

n. 111, sino a concorrenza dei crediti previ- tivi nel caso di intervenuta disponibilità di

sti dal comma 3 dell’articolo 2 del citato de- convenzioni Consip e delle centrali di com-

creto-legge n. 72 del 2010. A seguito del mittenza regionali che prevedano condizioni

completamento dei rimborsi di tali crediti di maggior vantaggio economico in percen-

la quota di detti proventi è riassegnata, ai tuale superiore al 10 per cento rispetto ai

sensi dell’articolo 25, comma 1, del de- contratti già stipulati. Al fine di concorrere

creto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, con- al raggiungimento degli obiettivi di finanza

vertito, con modificazioni, dalla legge 22 di- pubblica attraverso una razionalizzazione

cembre 2011, n. 214, al Fondo per l’ammor- delle spese delle pubbliche amministrazioni

tamento dei titoli di Stato, di cui all’articolo riguardanti le categorie merceologiche di

44 del testo unico di cui al decreto del Pre- cui al primo periodo del presente comma,

— 101 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



in via sperimentale, dal 1º gennaio 2017 al 498. Le società controllate dallo Stato e

31 dicembre 2019 non si applicano le dispo- dagli enti locali che siano organismi di di-

sizioni di cui al terzo periodo del presente ritto pubblico ai sensi dell’articolo 3,

comma». comma 26, del codice di cui al decreto legi-

495. All’articolo 1 della legge 27 dicem- slativo 12 aprile 2006, n. 163, ad eccezione

bre 2006, n. 296, sono apportate le seguenti di quelle che emettono strumenti finanziari

modificazioni: quotati nei mercati regolamentati, utilizzano

i parametri di prezzo-qualità di cui all’arti-
a) al comma 449, dopo le parole: «le
colo 26, comma 3, della legge 23 dicembre
istituzioni universitarie,» sono inserite le se-
1999, n. 488.
guenti: «nonché gli enti nazionali di previ-

denza e assistenza sociale pubblici e le 499. All’articolo 9 del decreto-legge 24

agenzie fiscali di cui al decreto legislativo aprile 2014, n. 66, convertito, con modifica-

30 luglio 1999, n. 300,»; zioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89,

b) al comma 450, dopo le parole: sono apportate le seguenti modificazioni:

«delle istituzioni universitarie,» sono inserite
a) al comma 2, dopo il primo periodo,
le seguenti: «nonché gli enti nazionali di
è inserito il seguente: «I soggetti aggregatori
previdenza e assistenza sociale pubblici e
di cui al presente comma possono stipulare,
le agenzie fiscali di cui al decreto legislativo
per gli ambiti territoriali di competenza, le
30 luglio 1999, n. 300,».
convenzioni di cui all’articolo 26, comma

1, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, e
496. All’articolo 2, comma 573, della
successive modificazioni. L’ambito territo-
legge 24 dicembre 2007, n. 244, le parole:
riale di competenza dei soggetti di cui al
«, i soggetti aggiudicatori di cui all’articolo
presente comma coincide con la regione di
3, comma 25,» sono sostituite dalle se-
riferimento esclusivamente per le categorie
guenti: «, le stazioni appaltanti di cui all’ar-
merceologiche e le soglie individuate con
ticolo 3, comma 33,».
il decreto del Presidente del Consiglio dei
497. All’articolo 2 della legge 23 dicem-
ministri di cui al comma 3»;
bre 2009, n. 191, sono apportate le seguenti
b) al comma 3, le parole: «Conferenza
modificazioni:
permanente per i rapporti tra lo Stato, le re-

a) al comma 225, primo periodo, le pa- gioni e le province autonome di Trento e di

role: «le amministrazioni pubbliche di cui Bolzano» sono sostituite dalle seguenti:

all’articolo 1, comma 2, del decreto legisla- «Conferenza unificata»;

tivo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
c) al comma 3, le parole: «l’Autorità
modificazioni, e le amministrazioni aggiudi-
per la vigilanza sui contratti pubblici di la-
catrici di cui all’articolo 3, comma 25» sono
vori, servizi e forniture» sono sostituite
sostituite dalle seguenti: «le stazioni appal-
dalle seguenti: «l’Autorità nazionale anticor-
tanti di cui all’articolo 3, comma 33» e, al
ruzione»;
secondo periodo, le parole: «medesime am-
d) al comma 3, dopo le parole: «gli
ministrazioni» sono sostituite dalle seguenti:
enti regionali,» sono inserite le seguenti:
«medesime stazioni appaltanti»;
«gli enti locali di cui all’articolo 2 del de-
b) al comma 225, sono aggiunte, in
creto legislativo 18 agosto 2000, n. 267,»;
fine, le seguenti parole: «e comunque

quanto previsto dalla normativa in tema di e) al comma 3, le parole: «di cui al pe-

obblighi di approvvigionarsi attraverso gli riodo precedente, l’Autorità per la vigilanza

strumenti messi a disposizione da Consip sui contratti pubblici di lavori, servizi e for-

SpA». niture» sono sostituite dalle seguenti: «di cui

— 102 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



al periodo precedente, l’Autorità nazionale agosto 2012, n. 135, dopo le parole: «per

anticorruzione». l’acquisto di beni e servizi» sono aggiunte

le seguenti: «di importo pari o superiore a

500. All’articolo 3 del decreto-legge 6 lu- 1.000 euro».

glio 2012, n. 95, convertito, con modifica- 504. All’articolo 4, comma 3-ter, del de-

zioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, creto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito,

dopo il comma 4 è inserito il seguente: con modificazioni, dalla legge 7 agosto

2012, n. 135, dopo il primo periodo è inse-
«4-bis. Per le caserme delle Forze del-
rito il seguente: «Ferme restando le disposi-
l’ordine e del Corpo nazionale dei vigili
zioni di cui all’articolo 12, commi da 2 a
del fuoco ospitate presso proprietà private,
10, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98,
i comuni appartenenti al territorio di compe-
convertito, con modificazioni, dalla legge
tenza delle stesse possono contribuire al pa-
15 luglio 2011, n. 111, gli strumenti di ac-
gamento del canone di locazione come de-
quisto e di negoziazione messi a disposi-
terminato dall’Agenzia delle entrate».
zione da Consip S.p.A. possono avere ad

501. All’articolo 23-ter, comma 3, del de- oggetto anche attività di manutenzione».

creto-legge 24 giugno 2014, n. 90, conver- 505. Al fine di favorire la trasparenza,

tito, con modificazioni, dalla legge 11 ago- l’efficienza e la funzionalità dell’azione am-

sto 2014, n. 114, sono apportate le seguenti ministrativa, le amministrazioni pubbliche

modificazioni: approvano, entro il mese di ottobre di cia-

scun anno, il programma biennale e suoi ag-
a) sono premesse le seguenti parole:
giornamenti annuali degli acquisti di beni e
«Fermi restando l’articolo 26, comma 3,
di servizi di importo unitario stimato supe-
della legge 23 dicembre 1999, n. 488, l’arti-
riore a 1 milione di euro. Il programma
colo 1, comma 450, della legge 27 dicembre
biennale, predisposto sulla base dei fabbiso-
2006, n. 296, e l’articolo 9, comma 3, del
gni di beni e servizi, indica le prestazioni
decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66,»;
oggetto dell’acquisizione, la quantità, ove
b) le parole: «con popolazione supe-
disponibile, il numero di riferimento della
riore a 10.000 abitanti» sono soppresse.
nomenclatura, le relative tempistiche. L’ag-

giornamento annuale indica le risorse finan-
502. All’articolo 1, comma 450, della
ziarie relative a ciascun fabbisogno quantita-
legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono ap-
tivo degli acquisti per l’anno di riferimento.
portate le seguenti modificazioni:
Il programma biennale e gli aggiornamenti

a) le parole: «Dal 1º luglio 2007,» sono sono comunicati alle strutture e agli uffici

soppresse; preposti al controllo di gestione, nonché

b) al primo periodo, dopo le parole: pubblicati sul profilo del committente del-

«per gli acquisti di beni e servizi» sono in- l’amministrazione e sul sito informatico

serite le seguenti: «di importo pari o supe- presso l’Osservatorio dei contratti pubblici

riore a 1.000 euro e»; relativi a lavori, servizi e forniture presso

c) al secondo periodo, dopo le parole: l’Autorità nazionale anticorruzione. La vio-

«per gli acquisti di beni e servizi di im- lazione delle previsioni di cui ai precedenti

porto» sono inserite le seguenti: «pari o su- periodi è valutabile ai fini della responsabi-

periore a 1.000 euro e». lità amministrativa e disciplinare dei diri-

genti, nonché ai fini dell’attribuzione del

503. All’articolo 15, comma 13, lettera trattamento accessorio collegato alla perfor-

d), del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, mance. Le acquisizioni non comprese nel

convertito, con modificazioni, dalla legge 7 programma e nei suoi aggiornamenti non

— 103 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



possono ricevere alcuna forma di finanzia- e nei limiti dell’utile distribuibile ai sensi di

mento da parte di pubbliche amministra- legge. Ai fini di cui al precedente periodo,

zioni. Sono fatte salve le acquisizioni impo- in sede di approvazione del bilancio di eser-

ste da eventi imprevedibili o calamitosi, cizio, i soggetti che esercitano i poteri del-

nonché le acquisizioni dipendenti da soprav- l’azionista deliberano, in presenza di utili

venute disposizioni di legge o regolamentari. di esercizio, la distribuzione di un dividendo

Le amministrazioni pubbliche trasmettono i almeno corrispondente al risparmio di spesa

dati di programmazione di cui ai periodi evidenziato nella relazione sulla gestione

precedenti al Tavolo tecnico dei soggetti di ovvero per un importo inferiore qualora l’u-

cui all’articolo 9, comma 2, del decreto- tile distribuibile non risulti capiente.

legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con 507. Il Ministro dell’economia e delle fi-

modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, nanze definisce, con proprio decreto, sentita

n. 89, che li utilizza ai fini dello svolgi- l’Autorità nazionale anticorruzione, tenendo

mento dei compiti e delle attività ad esso at- conto degli aspetti maggiormente incidenti

tribuiti. Sono altresì comunicati e pubblicati sul prezzo della prestazione nonché degli

con le medesime modalità nel loro testo in- aspetti qualificanti ai fini del soddisfaci-

tegrale tutti i contratti stipulati in esecuzione mento della domanda pubblica, le caratteri-

del programma biennale e suoi aggiorna- stiche essenziali delle prestazioni principali

menti, fatta salva la tutela delle informa- che saranno oggetto delle convenzioni stipu-

zioni riservate di proprietà del committente late da Consip SpA ai sensi dell’articolo 26

o del fornitore di beni e servizi. La disposi- della legge 23 dicembre 1999, n. 488. Con-

zione del precedente periodo si applica an- seguentemente all’attivazione delle conven-

che ai contratti in corso alla data di entrata zioni di cui al periodo precedente, sono

in vigore della presente legge aventi ad og- pubblicati nel sito istituzionale del Ministero

getto la fornitura alle amministrazioni pub- dell’economia e delle finanze e nel portale

bliche di beni e servizi di importo unitario degli acquisti in rete i valori delle caratteri-

superiore a 1 milione di euro. Resta fermo stiche essenziali e i relativi prezzi, che co-

quanto previsto dall’articolo 271 del regola- stituiscono i parametri di prezzo-qualità di

mento di cui al decreto del Presidente della cui all’articolo 26, comma 3, della legge

Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, limitata- 23 dicembre 1999, n. 488.

mente agli acquisti di beni e servizi di im- 508. Nei casi di indisponibilità della con-

porto unitario stimato inferiore a 1 milione venzione stipulata da Consip SpA ai sensi

di euro. dell’articolo 26 della legge 23 dicembre

506. Il versamento al capitolo dell’entrata 1999, n. 488, ed in mancanza dei prezzi di

del bilancio dello Stato previsto per i ri- riferimento forniti dall’Autorità nazionale

sparmi conseguiti a seguito dell’applicazione anticorruzione ai sensi dell’articolo 9,

delle norme che prevedono riduzioni di comma 7, del decreto-legge 24 aprile

spesa per le amministrazioni inserite nel 2014, n. 66, convertito, con modificazioni,

conto economico consolidato della pubblica dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, la pre-

amministrazione, come individuate dall’Isti- detta Autorità, sentito il Ministero dell’eco-

tuto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi nomia e delle finanze, individua, con pro-

del comma 3 dell’articolo 1 della legge 31 prio provvedimento, le modalità per l’elabo-

dicembre 2009, n. 196, con riferimento alle razione adeguativa dei prezzi della prece-

società è da intendersi come versamento dente edizione della convenzione stipulata

da effettuare in sede di distribuzione del di- da Consip SpA. I prezzi forniti dall’Autorità

videndo, ove nel corso dell’esercizio di rife- ai sensi del periodo precedente costituiscono

rimento la società abbia conseguito un utile prezzo massimo di aggiudicazione per il pe-

— 104 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



riodo temporale indicato dall’Autorità mede- mercato, l’appaltatore o il soggetto aggrega-

sima. tore hanno facoltà di richiedere, con decor-

509. All’articolo 9, comma 7, del decreto- renza dalla data dell’istanza presentata ai

legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con sensi del presente comma, una riconduzione

modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, ad equità o una revisione del prezzo mede-

n. 89, le parole da: «nelle more del perfe- simo. In caso di raggiungimento dell’ac-

zionamento» fino a: «la predetta Autorità,» cordo, i soggetti contraenti possono, nei

sono sostituite dalle seguenti: «l’Autorità trenta giorni successivi a tale accordo, eser-

nazionale anticorruzione,». citare il diritto di recesso ai sensi dell’arti-

510. Le amministrazioni pubbliche obbli- colo 1373 del codice civile. Nel caso di

gate ad approvvigionarsi attraverso le con- mancato raggiungimento dell’accordo le

venzioni di cui all’articolo 26 della legge parti possono consensualmente risolvere il

23 dicembre 1999, n. 488, stipulate da Con- contratto senza che sia dovuto alcun inden-

sip SpA, ovvero dalle centrali di commit- nizzo come conseguenza della risoluzione

tenza regionali, possono procedere ad acqui- del contratto, fermo restando quanto previsto

sti autonomi esclusivamente a seguito di ap- dall’articolo 1467 del codice civile. Le parti

posita autorizzazione specificamente moti- possono chiedere all’autorità che provvede

vata resa dall’organo di vertice amministra- all’accertamento di cui al presente comma

tivo e trasmessa al competente ufficio della di fornire, entro trenta giorni dalla richiesta,

Corte dei conti, qualora il bene o il servizio le indicazioni utili per il ripristino dell’equi-

oggetto di convenzione non sia idoneo al librio contrattuale ovvero, in caso di man-

soddisfacimento dello specifico fabbisogno cato accordo, per la definizione di modalità

dell’amministrazione per mancanza di carat- attuative della risoluzione contrattuale fina-

teristiche essenziali. lizzate a evitare disservizi.

511. A decorrere dalla data di entrata in 512. Al fine di garantire l’ottimizzazione

vigore della presente legge, anche con riferi- e la razionalizzazione degli acquisti di beni

mento ai contratti in corso a tale data, nei e servizi informatici e di connettività, fermi

contratti pubblici relativi a servizi e forni- restando gli obblighi di acquisizione centra-

ture ad esecuzione continuata o periodica lizzata previsti per i beni e servizi dalla nor-

stipulati da un soggetto aggregatore di cui mativa vigente, le amministrazioni pubbliche

all’articolo 9 del decreto-legge 24 aprile e le società inserite nel conto economico

2014, n. 66, convertito, con modificazioni, consolidato della pubblica amministrazione,

dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, per l’a- come individuate dall’Istituto nazionale di

desione dei singoli soggetti contraenti, in statistica (ISTAT) ai sensi dell’articolo 1

cui la clausola di revisione e adeguamento della legge 31 dicembre 2009, n. 196, prov-

dei prezzi sia collegata o indicizzata al va- vedono ai propri approvvigionamenti esclu-

lore di beni indifferenziati, qualora si sia ve- sivamente tramite Consip SpA o i soggetti

rificata una variazione nel valore dei pre- aggregatori, ivi comprese le centrali di com-

detti beni, che abbia determinato un au- mittenza regionali, per i beni e i servizi di-

mento o una diminuzione del prezzo com- sponibili presso gli stessi soggetti. Le re-

plessivo in misura non inferiore al 10 per gioni sono autorizzate ad assumere perso-

cento e tale da alterare significativamente nale strettamente necessario ad assicurare

l’originario equilibrio contrattuale, come ac- la piena funzionalità dei soggetti aggregatori

certato dall’autorità indipendente preposta di cui all’articolo 9 del decreto-legge 24

alla regolazione del settore relativo allo spe- aprile 2014, n. 66, convertito, con modifica-

cifico contratto ovvero, in mancanza, dal- zioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, in

l’Autorità garante della concorrenza e del deroga ai vincoli assunzionali previsti dalla

— 105 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



normativa vigente, nei limiti del finanzia- di connettività e della spesa effettuata tra-

mento derivante dal Fondo di cui al comma mite Consip SpA o i soggetti aggregatori

9 del medesimo articolo 9 del decreto-legge documentata nel Piano triennale di cui al

n. 66 del 2014. comma 513, nonché tramite la società di

513. L’Agenzia per l’Italia digitale (Agid) cui all’articolo 83, comma 15, del decreto-

predispone il Piano triennale per l’informa- legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito,

tica nella pubblica amministrazione che è con modificazioni, dalla legge 6 agosto

approvato dal Presidente del Consiglio dei 2008, n. 133. Sono esclusi dal predetto

ministri o dal Ministro delegato. Il Piano obiettivo di risparmio gli enti disciplinati

contiene, per ciascuna amministrazione o ca- dalla legge 8 marzo 1989, n. 88, nonché,

tegoria di amministrazioni, l’elenco dei beni per le prestazioni e i servizi erogati alle am-

e servizi informatici e di connettività e dei ministrazioni committenti, la società di cui

relativi costi, suddivisi in spese da sostenere all’articolo 83, comma 15, del decreto-legge

per innovazione e spese per la gestione cor- 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con mo-

rente, individuando altresì i beni e servizi la dificazioni, dalla legge 6 agosto 2008,

cui acquisizione riveste particolare rilevanza n. 133, la società di cui all’articolo 10,

strategica. comma 12, della legge 8 maggio 1998,

514. Ai fini di cui al comma 512, Consip n. 146, e la Consip SpA, nonché l’ammini-

SpA o il soggetto aggregatore interessato strazione della giustizia in relazione alle

sentita l’Agid per l’acquisizione dei beni e spese di investimento necessarie al comple-

servizi strategici indicati nel Piano triennale tamento dell’informatizzazione del processo

per l’informatica nella pubblica amministra- civile e penale negli uffici giudiziari. I ri-

zione di cui al comma 513, programma gli sparmi derivanti dall’attuazione del presente

acquisti di beni e servizi informatici e di comma sono utilizzati dalle medesime am-

connettività, in coerenza con la domanda ag- ministrazioni prioritariamente per investi-

gregata di cui al predetto Piano. Agid, Con- menti in materia di innovazione tecnologica.

sip SpA e i soggetti aggregatori, sulla base 516. Le amministrazioni e le società di

di analisi delle informazioni in loro possesso cui al comma 512 possono procedere ad ap-

relative ai contratti di acquisto di beni e ser- provvigionamenti al di fuori delle modalità

vizi in materia informatica, propongono alle di cui ai commi 512 e 514 esclusivamente

amministrazioni e alle società di cui al a seguito di apposita autorizzazione moti-

comma 512 iniziative e misure, anche orga- vata dell’organo di vertice amministrativo,

nizzative e di processo, volte al conteni- qualora il bene o il servizio non sia disponi-

mento della spesa. Consip SpA e gli altri bile o idoneo al soddisfacimento dello speci-

soggetti aggregatori promuovono l’aggrega- fico fabbisogno dell’amministrazione ovvero

zione della domanda funzionale all’utilizzo in casi di necessità ed urgenza comunque

degli strumenti messi a disposizione delle funzionali ad assicurare la continuità della

pubbliche amministrazioni su base nazio- gestione amministrativa. Gli approvvigiona-

nale, regionale o comune a più amministra- menti effettuati ai sensi del presente comma

zioni. sono comunicati all’Autorità nazionale anti-

515. La procedura di cui ai commi 512 e corruzione e all’Agid.

514 ha un obiettivo di risparmio di spesa 517. La mancata osservanza delle disposi-

annuale, da raggiungere alla fine del triennio zioni dei commi da 512 a 516 rileva ai fini

2016-2018, pari al 50 per cento della spesa della responsabilità disciplinare e per danno

annuale media per la gestione corrente del erariale.

solo settore informatico, relativa al triennio 518. Il comma 3-quinquies dell’articolo 4

2013-2015, al netto dei canoni per servizi del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, con-

— 106 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



vertito, con modificazioni, dalla legge 7 prio sito internet il bilancio d’esercizio entro

agosto 2012, n. 135, è abrogato. sessanta giorni dalla data di relativa appro-

519. Nelle acquisizioni di beni e servizi vazione. Gli enti del Servizio sanitario na-

di cui ai commi da 512 al presente comma, zionale, senza nuovi o maggiori oneri a ca-

gli organi costituzionali adottano le misure rico della finanza pubblica, attivano, altresì,

idonee a realizzare le economie previste un sistema di monitoraggio delle attività as-

nella rispettiva autonomia, secondo le moda- sistenziali e della loro qualità, in raccordo

lità stabilite nel proprio ordinamento. con il sistema di monitoraggio regionale di

520. Per le finalità di cui al comma 512, cui all’articolo 4, comma 4, del decreto-

al fine di consentire l’interoperabilità dei si- legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito,

stemi informativi degli enti del Servizio sa- con modificazioni, dalla legge 8 novembre

nitario nazionale e garantire omogeneità dei 2012, n. 189, e in coerenza con il pro-

processi di approvvigionamento sul territorio gramma nazionale valutazione esiti, pubbli-

nazionale, con accordo sancito in sede di cando entro il 30 giugno di ogni anno i re-

Conferenza permanente per i rapporti tra lativi esiti.

lo Stato, le regioni e le province autonome 523. Il mancato rispetto delle disposizioni

di Trento e di Bolzano, previo parere del- di cui al comma 522 costituisce illecito di-

l’Agid e della Consip SpA, sono definiti cri- sciplinare ed è causa di responsabilità am-

teri uniformi per gli acquisti di beni e ser- ministrativa del direttore generale e del re-

vizi informatici e di connettività da parte sponsabile per la trasparenza e la preven-

degli enti del Servizio sanitario nazionale. zione della corruzione.

521. Al fine di favorire la corretta ed ap-
524. Ciascuna regione, entro il 30 giugno
propriata allocazione delle risorse program-
di ciascun anno, individua, con apposito
mate per il finanziamento del Servizio sani-
provvedimento della Giunta regionale, ov-
tario nazionale e per l’erogazione dei livelli
vero del Commissario ad acta, ove nomi-
essenziali di assistenza (LEA), le disposi-
nato ai sensi dell’articolo 2, commi 79 e
zioni di cui ai commi dal presente comma
83, della legge 23 dicembre 2009, n. 191,
al comma 547 disciplinano le procedure
e dell’articolo 4, commi 1 e 2, del de-
per conseguire miglioramenti nella produtti-
creto-legge 1º ottobre 2007, n. 159, conver-
vità e nell’efficienza degli enti del Servizio
tito, con modificazioni, dalla legge 29 no-
sanitario nazionale, nel rispetto dell’equili-
vembre 2007, n. 222, le aziende ospedaliere
brio economico-finanziario e nel rispetto
(AO), le aziende ospedaliere universitarie
della garanzia dei LEA.
(AOU), gli istituti di ricovero e cura a carat-
522. Fermo restando quanto previsto dal-
tere scientifico pubblici (IRCCS) o gli altri
l’articolo 29 del decreto legislativo 14
enti pubblici che erogano prestazioni di ri-
marzo 2013, n. 33, e successive modifica-
covero e cura, ad esclusione degli enti di
zioni, dall’articolo 32, comma 7, del decreto
cui al comma 536, che presentano una o en-
legislativo 23 giugno 2011, n. 118, nonché
trambe le seguenti condizioni:
dall’articolo 7 del decreto del Presidente

del Consiglio dei ministri 22 settembre a) uno scostamento tra costi rilevati dal

2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale modello di rilevazione del conto economico

n. 265 del 14 novembre 2014, gli enti del (CE) consuntivo e ricavi determinati come

Servizio sanitario nazionale, di cui all’arti- remunerazione dell’attività, ai sensi dell’arti-

colo 19, comma 2, lettere b) e c), del de- colo 8-sexies del decreto legislativo 30 di-

creto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, as- cembre 1992, n. 502, e successive modifica-

sicurano la massima trasparenza dei dati di zioni, pari o superiore al 10 per cento dei

bilancio pubblicando integralmente nel pro- suddetti ricavi, o, in valore assoluto, pari

— 107 —
30-12-2015 Supplemento ordinario n. 70/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 302



ad almeno 10 milioni di euro. Le modalità ziali e i parametri di riferimento relativi a

di individuazione dei costi e di determina- volumi, qualità ed esiti delle cure, anche te-

zione dei ricavi sono individuate dal decreto nendo conto di quanto previsto dal regola-

di cui al comma 526; mento di cui al decreto del Ministro della

b) il mancato rispetto dei parametri re- salute 2 aprile 2015, n. 70, recante la defini-

lativi a volumi, qualità ed esiti delle cure, zione degli standard qualitativi, strutturali,

valutato secondo la metodologia prevista tecnologici e quantitativi relativi all’assi-

dal decreto di cui al comma 526. stenza ospedaliera. Il decreto definisce, al-

tresì, le linee guida per la predisposizione

525. In sede di prima applicazione, per dei piani di cui ai commi 529 e 530.

l’anno 2016, entro il 31 marzo le regioni in- 527. Ai sensi dell’articolo 34 del decreto

dividuano, con apposito provvedimento della legislativo 23 giugno 2011, n. 118, entro il

Giunta regionale, ovvero del Commissario 31 dicembre 2016, con apposito decreto

ad acta, ove nominato ai sensi dell’articolo del Ministro della salute, di concerto con

2, commi 79 e 83, della legge 23 dicembre il Ministro dell’economia e delle finanze,

2009, n. 191, e dell’articolo 4, commi 1 e 2, d’intesa con la Conferenza permanente per

del decreto-legge 1º ottobre 2007, n. 159, i rapporti tra lo Stato, le regioni e le pro-

convertito, con modificazioni, dalla legge vince autonome di Trento e di Bolzano,

29 novembre 2007, n. 222, gli enti del pro- sono apportati i necessari aggiornamenti

prio Servizio sanitario regionale che presen- agli schemi allegati al medesimo decreto le-

tano una o entrambe le condizioni di cui al gislativo, al fine di dare evidenza e traspa-

comma 524, lettere a) e b). Per la verifica renza del risultato di esercizio nei docu-