Sei sulla pagina 1di 2

COMUNICATO STAMPA

Nel momento che stiamo attraversando, in cui la lotta alla mafia alza il tiro
compiendo sequestri e confische ingenti e snida le connivenze e le complicità che, proprio
in apparati istituzionali, (deviati, infedeli, traditori, corrotti) hanno garantito la
ramificazione degli interessi perversi della criminalità organizzata, il Coordinamento
provinciale di Libera Trapani, non può non chiedere a gran voce che tutte le forze sane
delle istituzioni e della società responsabile del territorio intensifichino, in maniera
compatta, la propria azione di sostegno a favore del bene comune.

In particolar modo tale sostegno va indirizzato a quanti sono maggiormente esposti


in prima linea nella diretta azione di contrasto alla diffusa illegalità, tra cui i rappresentanti
della Magistratura, della quale è espressione il Dott. Antonio Ingroia, e non solo lui.

L'occasione per tale richiamo è fornita dalla nota vicenda di Castelvetrano dove il
Dott. Ingroia, assieme a uno dei primi collaboratori di giustizia che negli anni ’90 cominciò
a parlare della mafia belicina, il Sig. Vincenzo Calcara, sono stati i protagonisti (mancati) di
un incontro con i giovani studenti di Castelvetrano, voluto per proporre riflessioni e
sollecitazioni affinché si prendesse consapevolezza che la mafia può e deve essere
combattuta fondamentalmente sul piano culturale.

Non è la prima volta che ciò accade a Castelvetrano e anche altrove nella nostra
provincia: abbiamo avuto manifestazioni contro la mafia disertate o contraddistinte da
partecipazioni non sempre del tutto sincere e convinte, così come ci sono state
manifestazioni, anche a Castelvetrano, riuscite ma circondante da un anomalo silenzio a
cominciare da quello della politica.

La mancata partecipazione dei giovani castelvetranesi all’incontro con Ingroia e


Calcara, impedita dalla scelta operata dalle Autorità scolastiche, può apparire come
messaggio di controtendenza all’azione di cambiamento che invece si vuole perseguire.

Il coordinamento provinciale di Libera ritiene che la scuola sia il luogo privilegiato


della lotta alla mafia e che i dirigenti e gli insegnanti tutti, con il proprio lavoro, devono
essere esempio coerente e costante dell’affermazione dei principi di giustizia, legalità,
partecipazione attiva nella determinazione di una coscienza civica.
La solidarietà va innanzitutto al Dott. Ingroia, garante di messaggi utili portati avanti
quotidianamente per la sua coerenza e per la lotta instancabile alla criminalità organizzata,
che non può e non deve essere "lasciato solo".

L'azione della magistratura, senza il supporto della gente, vedrebbe vanificato ogni
sforzo per la dissoluzione della cultura dell’illegalità, della prepotenza mafiosa,
dell'assoggettamento del bene comune al volere di pochi.

Al Sig. Vincenzo Calcara, che ha avuto il coraggio di pentirsi delle azioni delittuose
commesse e che avrebbe voluto in quell’incontro, da protagonista del crimine quale è
stato, riconosciuto pentito dalla magistratura, invitare i giovani a non seguire le orme del
suo passato, va il sostegno di quanti credono che cambiare si può e si deve!

A maggior ragione quando si ha il coraggio di tornare nella propria terra e mostrare


il proprio volto anche a rischio della propria incolumità.

Oggi il sostegno delle forze sane, nel territorio trapanese, è ancor più necessario
laddove questo territorio “custodisce” il vertice di cosa nostra perché “zoccolo duro”
“sotto il dominio” del boss Matteo Messina Denaro.

Trapani, 25 gennaio 2011

Il Coordinamento Provinciale di Libera Trapani

Vito D’Angelo
Salvatore Inguì
Maria Teresa Nardozza Buccino
Stefano Cruciata
Rino Marino