Sei sulla pagina 1di 76

Regione Autonoma della Valle d'Aosta

Région Autonome de la Vallée d'Aoste

CITTA' DI AOSTA
VILLE D'AOSTE

PIANO REGOLATORE GENERALE


Variante di adeguamento al P.T.P.
(ai sensi della l.r. 11/98)

RELAZIONE
(Disciplina del combinato disposto del Titolo II della legge 6/91, Disciplina delle procedure di valutazione
dell'impatto ambientale, e del comma 7 art. 14 della legge 11/98, Normativa urbanistica e di
pianificazione territoriale della Valle d'Aosta)

PROGETTO DEFINITIVO
(Adeguato alle modifiche introdotte dalla G.R. con del. nr 1612 del 12/06/09
e con deliberazione nr 2719 del 02/10/2009)

Progetto: arch. Alex Fubini Collaborazione: arch. Franco Pagano, arch. Beatrice Bionaz
Ufficio Urbanistica - Comune di Aosta

Data: novembre 2009

Il Progettista Il Dirigente Il Sindaco


CITTA’ DI AOSTA
VILLE D’AOSTE

Variante generale al PRG


e adeguamento al P.T.P.
(ai sensi della l.r. 11/98)

RELAZIONE
(Disciplina del combinato disposto del Titolo II della legge 6/91, Disciplina delle procedure di valutazione
dell’impatto ambientale, e del comma 7 dell’art. 14 della legge 11/98, Normativa urbanistica e di
pianificazione territoriale della Valle d’Aosta)

Testo definitivo
(Titolo III, art. 15, comma 6, Procedure per la formazione, l’adozione e l’approvazione delle varianti
sostanziali al PRG)

Aosta, novembre 2008

1
PARTE PRIMA
ANALISI AMBIENTALE

Aosta, novembre 2008

2
INDICE
parte prima

1 Inquadramento territoriale A1 ...........................................................................................................4


1.1 Connotati geografici, territoriali, insediativi ....................................................................................4
1.1.1 Connotati geografici ................................................................................................................................ 4
1.1.2 Connotati territoriali................................................................................................................................. 4
1.1.3 Connotati insediativi................................................................................................................................ 7
2 Ambiente geologico-geomorfologico-idrogeologico A2 ................................................................8
2.1 Analisi fisica del territorio ...............................................................................................................9
2.2 Analisi dei dissesti..........................................................................................................................9
2.2.1 Fenomeni attivi........................................................................................................................................ 9
2.2.2 Fenomeni gravitativi quiescenti ............................................................................................................ 10
2.2.3 Altri processi ......................................................................................................................................... 11
2.3 Analisi dei della dinamica fluviale, delle opere di difesa idrulica esistenti e dei dissesti e
sovralluvionamenti potenziali.................................................................................................................12
2.4 Terreni sede di frane (art. 35 L.R. 11/98).....................................................................................14
2.5 Terreni a rischio di inondazione (art.36 L.R.6 aprile 1998, n°11).................................................17
2.5.1 T. Dora Baltea: ambiti inedificabili per rischio di inondazione .............................................................. 18
2.5.2 T. Buthier: ambiti inedificabili per rischio di inondazione ...................................................................... 19
2.5.3 rii minori: ambiti inedificabili per rischio di inondazione ........................................................................ 20
2.6 Prescrizioni, raccomandazioni sui limiti di edificazione e accorgimenti costruttivi .......................20
3 Ambiente agricolo A3.......................................................................................................................22
3.1 Premessa.....................................................................................................................................22
3.2 Definizione di “aree boscate” .......................................................................................................23
4 Ambiente faunistico A4....................................................................................................................27
4.1 Analisi dei valori ...........................................................................................................................27
5 Ambiente antropico A5 ....................................................................................................................27
5.1 Sintetica cronologia di andamenti storici della struttura demografica ed economica...................27
5.1.1 La popolazione di Aosta........................................................................................................................ 29
5.1.2 L'assetto economico ............................................................................................................................. 30
5.1.3 Ruolo del turismo .................................................................................................................................. 33
5.2 Andamenti del periodo più recente ..............................................................................................35
5.3 Nuovi sviluppi edilizi.....................................................................................................................44
5.4 Analisi della situazione urbanistico-edilizia ..................................................................................49
5.5 Rischi di attività produttive ...........................................................................................................51
5.5.1 Deposito nuova POLMA ....................................................................................................................... 52
5.5.2 Stabilimento COGNE – reparto decappaggio automatico .................................................................... 53
5.5.3 Stabilimento COGNE – area stoccaggio liquidi criogenici.................................................................... 54
6 Paesaggio e beni culturali A6..........................................................................................................57
6.1 Premesse riferite al PTP ..............................................................................................................57
6.2 Analisi dei valori paesaggistici e culturali.....................................................................................58
6.2.1 Beni culturali ed ambientali ................................................................................................................... 58
6.2.2 Analisi dei valori naturalistici ................................................................................................................. 58
6.3 Siti di interesse vegetazionale .....................................................................................................61
6.3.1 Siti di interesse vegetazionale e forestale ............................................................................................ 61
6.3.2 Siti di interesse floristico e vegetazionale ............................................................................................. 61
6.4 Aree di specifico interesse paesaggistico, storico, culturale, archeologico o documentario........66
6.5 Agglomerati d'interesse storico, artistico, documentario o ambientale ........................................66
6.6 Riserve e beni di valorizzazione naturalistica ..............................................................................68
6.6.1 Riserve naturalistiche............................................................................................................................ 68
6.6.2 Alberi monumentali ...............................................................................................................................69

3
1 Inquadramento territoriale A1

1.1 Connotati geografici, territoriali, insediativi

1.1.1 Connotati geografici

Il territorio in esame si colloca nel settore mediano della valle Dora Baltea,
estendendosi interamente in sponda idrografica sinistra del corso d'acqua, dalla piana di
fondovalle fino alla dorsale spartiacque principale con la valle del Buthier, il cui tratto distale
rientra amministrativamente nel territorio di Aosta.
L'antico nucleo urbano di Aosta è sorto in sponda destra dell'apparato di conoide del Buthier,
lungo il fondovalle principale della Dora caratterizzato dal tipico profilo ad U di origine glaciale,
nella zona in cui confluiva uno dei maggiori ghiacciai laterali.
Si può quindi suddividere il territorio comunale in due settori nettamente distinti:
- la valle principale della Dora, ad andamento Ovest-Est;
- la valle laterale del T. Buthier, ad andamento Nord-Sud, sospesa di un centinaio di metri sul
fondovalle principale.
In generale si può osservare che in entrambi i settori il modellamento morfologico dei versanti
è essenzialmente legato all'azione dei grandi ghiacciai quaternari cui hanno fatto seguito gli
altri agenti della dinamica esogena (percolazione d'acqua, gravità), gli interventi antropici a
scopo agricolo (gradonature e terrazzamenti con muri a secco) ed urbanistico (scavi,
sbancamenti, tagli stradali).

L'intero territorio può essere suddiviso morfologicamente in tre zone contraddistinte da


caratteri geomorfologici propri e da terreni geneticamente diversi: la pianura, la fascia collinare
e il versante montuoso. Dal punto di vista geologico può essere distinto in copertura
quaternaria e basamento pre-quaternario.

1.1.2 Connotati territoriali

RELAZIONI ECOLOGICHE, PAESISTICHE E FUNZIONALI CARATTERIZZANTI

Le relazioni strutturanti l’unità locale del sito del capoluogo sono tutte riconducibili alla
dialettica tra sistema costruito e sistema naturale, che nel sito si verificano in un ventaglio
molto articolato di situazioni, da quelle mediate da una secolare pratica agricola che ha
modellato la piana e i conoidi a quelle violentemente conflittuali di recenti trasformazioni in
luoghi tipicamente naturali: le alte quote o le fasce fluviali.
La relazione strutturante si distingue in:
• sistema di relazioni tra urbanizzati e residui del contesto tradizionale, nei dolci conoidi alla
confluenza della Doire Balte con il torrent Buthier, con un prevalente uso urbano e
specialistico della parte piana e aree di insediamento tradizionale ai bordi, alterate da sviluppi
urbanizzativi recenti con fondali sul glacier du Ruitor, sul Mont-Emilius e sul Grand-Combin.
Nell’unità locale si distinguono diversi paesaggi urbanizzati:
• la città romana e medievale;
• le aree di espansione ormai consolidate (dal quartiere Cogne alla fascia di via Parigi);
• le aree di espansione recente, a blocchi (quartier de la Doire);
• relazione diretta e conflittuale tra trasformazioni industriali e fascia fluviale, con residue
pertinenze naturali o agricole a sud della città antica, separata dal centro della città dalla
ferrovia e, dall’envers, dalla Doire Baltée e dalla tangenziale, comprendente, la zona
industriale Cogne, la zona commerciale dell’Amérique, l’aeroporto, l’autoporto, le aree sportive
e artigianali;

4
• sistema di relazioni ecologico-paesistiche con i vicini territori ad alta naturalità o
rinaturalizzati, appena in quota sui versanti boscati dell’envers o dell’adret e attraverso le vie
d’acqua, fortemente alterate, che attraversano brevi fasce insediate e solo recentemente
addensate, intorno alla parte più urbana della città storica:
— la fascia della “collina” di Aosta, appena a monte del conoide urbanizzato, sormontata da
un alto versante adret culminante con la Becca France, importante punto di riferimento visivo
per i panorami da est di tutta l’unità locale;
— lo sviluppo sui conoidi di Sarre dei soprastanti versanti di adret con agglomerati poco
alterati e fasce di abbandono, a cui succedono fasce boscate ed ambienti naturali
prevalentemente rupicoli;
— il tratto uniforme di pendio dei conoidi insediati dell’envers (Gressan, Jovençan),
caratterizzato dal paesaggio agrario del frutteto, con rilievi particolari (Côte de Gargantua a
Gressan, le “Crêtes” di Vercellod), in parte alterato dallo sviluppo residenziale e dalla
infrastruttura autostradale, che interferisce con la fascia fluviale;
— l’insediamento policentrico di Pollein con fasce prative ancora utilizzabili per un riordino
urbano alternate a insediamenti specialistici;
• sistema dell’alto versante destro, in cui le relazioni tipiche del paesaggio dell’envers sono
solo in parte alterate dalla pressione urbanizzativa della vicinissima città: caratterizzato dalla
sequenza di fascia boscata a media quota, sopra i conoidi insediati, e di fascia
prato-pascoliva superiore, in cui sono localizzati sistemi rurali tradizionali, e dalla
compresenza di una stazione turistica invernale (Pilaz), in quota, unica nella regione con
caratteri spiccatamente specialistici, con alte vette (Mont-Emilius) e le creste rocciose
spartiacque con la valle della Grand-Eyvia. In particolare di distinguono diverse situazioni:
— sistemi boschivi tra Ozein e il torrent Gressan, con piccole isole di mayen (Torlin) e percorsi
storici di costa, costituenti un versante envers appartenente al tipico sistema del fondovalle
principale;
— sistemi insediativi rurali diffusi nel bosco, con significativa presenza di nuova edificazione
lungo le strade per Pilaz, sopra i sistemi degli agglomerati di terrazzo di Charvensod, con
mayen distribuiti su piccoli terrazzi più in alto;
— conca pascoliva di Pilaz, a media e alta quota, con importanti attrezzature turistiche per la
stagione invernale, costituenti un paesaggio urbano inserito nei pascoli e con cornice naturale
(di bosco e ambienti rupicoli);
— complesso di vette d’alta quota in ambiente particolarmente naturale composto da conche a
corona del Mont-Emilius e della Becca-de-Nona, importante riferimento visivo per Aosta e per
l’insieme della valle centrale;
• sistema dei conoidi adret nella parte orientale della piana di Aosta, tra l’incisione del Buthier
e i terrazzi di Villefranche, con una composizione “interna” dei rapporti tra urbanizzazione e
insediamento tradizionale nella parte basale, su conoidi, e su terrazzi di versante, solo in parte
alterato dallo sviluppo residenziale, con ampie zone agricole ancora integre e versanti boscati
fortemente aridi ed esposti ai venti.
La fascia insediata si connota nel complesso paesaggio della piana di Aosta per l’emergenza
paesaggistica del mosaico di prati e macchie boscate, dei beni storici isolati e delle morfologie
particolari, presenza di siti panoramici di interesse naturalistico ed archeologico, in contrasto
con l’urbanizzazione del fondovalle (Amérique), intasato di infrastrutture e aree commerciali ed
artigianali, da cui è distinto con una linea di separazione netta, data dalla ferrovia, e punti di
intrusione nel primo versante del conoide (svincolo del traforo per la strada statale n. 27, zona
di Beauregard e di Roppoz). Si distinguono diverse situazioni locali:
• il sistema di Senin, Maillod, Sorreley, al piede del versante boscato;
• il sistema di Arsine, Papet, Porossan, sul primo terrazzo del Buthier;
• il sistema del Villair de Quart, separato dai precedenti e distribuito in molti hameaux, con
connessioni particolari sia con caratterizzati sistemi salienti, di terrazzo e collinari (Château de
Quart, Pillod), sia con il bourg di Villefranche, entrambi partecipanti anche dell’unità locale 16;

5
• sistema dell’alto versante sinistro, ad est del Buthier, in cui le relazioni tipiche del paesaggio
dell’adret non sono alterate dalla pressione urbanizzativa della vicinissima città e si possono
distinguere in:
— fascia bosco rado di cornice, intervallato da aree naturali poco vegetate, prevalentemente
rupicole e con versanti ex-seminativi in abbandono e terrazzi alla base dei versanti pascolivi,
con sistemi insediati, poco connessi con quelli sottostanti, con rus e percorsi storici di costa;
— testate e versanti pascolivi (sia all’interno della fascia boscata che alle quote superiori) della
dorsale estesa dalla Becca-de-Viou alla Croix-de-Fana, con brevi valloni scoscesi (Fleurant) e
insediamenti di terrazzo in quota (Parleyaz, Blavy), già affacciati sul versante
sinistro del Buthier (unità locale 12).
La dorsale della Becca-de-Viou costituisce un importante riferimento visivo per la città di Aosta
e per l’insieme della valle centrale, con la parte cuspidale arida e rocciosa.
Alcune relazioni strutturali dell’unità locale sono intrinsecamente critiche rispetto ad un
equilibrato rapporto tra insediamento e assetto naturale: ciò è dovuto al recente
consolidamento della fascia urbanizzata che impedisce varchi e reti di corridoi ecologici
nello spessore della città, aggredisce zone delicate (come la fascia fluviale, la base della
collina di Aosta, i paesaggi agrari dell’envers o le conche pascolive di Pilaz), alterando in
questo modo un equilibrio che la dimensione urbana, relativamente ridotta, e la potenza del
contesto naturale avevano fino a pochi anni fa mantenuto.
La criticità emerge con maggiore evidenza a seguito degli interventi infrastrutturali e per
edilizia specialistica più recenti, tutti con impatti e risultati peggiorativi rispetto alla relazione tra
insediamento e ecosistema precedente.
Per quanto riguarda le relazioni funzionali, l’unità locale svolge nel suo complesso il ruolo di
polo regionale di servizi, attività amministrative e commerciali, nodo viario, ferroviario e nodo
di interscambio.
Le relazioni sovralocali regionali fanno capo ad Aosta, da cui dipendono in modo più intenso
Gressan, Sarre, Saint-Christophe, Roisan, necessitanti quindi di massima accessibilità e
connessione infrastrutturale.
Relazioni intense con altre unità locali del fondovalle per le attività produttive, l’organizzazione
policentrica dei servizi, il coordinamento delle risorse turistiche.
Il sistema infrastrutturale fa complessivamente capo all’unità di Aosta, per la quale passano
anche i percorsi veicolari turistici più importanti (strada dell’envers e strada di balconata
dell’adret), nonché un accesso importante alle stazioni sciistiche e all’escursionismo in quota
(connessioni con Pilaz, e da questa, con Cogne).
Al suo interno, l’unità locale è tessuta da molteplici relazioni tra le parti: si citano solo quelle
necessarie di intervento o di attenzioni:
a) nell’area urbana consolidata, relazioni tra centro storico, area delle caserme e quartiere
Cogne;
b) nell’area a sud della ferrovia, relazioni con la città, con la fascia fluviale e con gli sviluppi
urbani dell’envers;
c) nell’area urbana a est: zona della Croix-Noire e del Quartier de la Doire, ristrutturazione
nell’organizzazione dei servizi (localizzazione nuovo ospedale) e della residenza con
soluzione di problemi di accessibilità;
d) nell’area specialistica dell’Amérique, riequilibri funzionali con despecializzazione e
localizzazione di servizi e attrezzature residenziali ed urbane44 e riequilibri ambientali con
valorizzazione del rapporto con la fascia fluviale;
e) per le zone residenziali ai margini, relazioni di equilibrio con le aree ancora libere, di
accessibilità al centro, di formazione di sistemi locali di servizi.
Gressan ha relazioni più intense con Aosta, anche per i servizi locali, oltre che per servizi di
trasporti e di attrezzature sportive e per ricettività turistica.
Relazioni con altre unità locali 45 dell’envers per le attività produttive, il coordinamento delle
risorse turistiche (strada dell’envers e accessi alle stazioni e all’escursionismo in quota,
connessioni con Cogne).

6
Le relazioni funzionali e il sistema dell’accessibilità (viabilità, trasporti) pongono
completamente a carico dei centri di fondovalle l’intero sistema dei servizi (Aosta già connessa
con Pilaz da un adeguato servizio funiviario).
Relazioni funzionali (servizi, trasporti) con Aosta; turistiche con Saint-Barthélemy (unità locale
18) con strada di balconata dell’adret. Per la parte alta del versante, relazioni essenzialmente
di tipo pastorale con i fondovalle e con le conche pascolive di Blavy (unità
locale 12); itinerari escursionistici in quota verso il versante del Buthier e intervallivi.
Per quanto riguarda le componenti caratterizzanti si fa riferimento ai contenuti del PTP –
SCHEDE PER UNITA’ LOCALI da p. 99 a p. 101 dove è rappresentata la scheda specifica
dell’unità locale 11.

1.1.3 Connotati insediativi

Nella città di Aosta si distinguono diversi paesaggi insediati:


• La città Romana e Medievale.
• Le aree di espansione consolidate (dal quartiere Cogne alla fascia di Via Parigi)
• Le aree di espansione recente, a blocchi (Quartier de la Doire)
• Residue pertinenze naturali o agricole a sud della Città antica, separate dal centro
della città dalla ferrovia e dalla Dora Baltea e dalla tangenziale, comprendente la
zona industriale Cogne, la zona commerciale, l’aeroporto, l’autoporto, le aree
sportive ed artigiali
• Sistema di relazioni ecologico paesistiche coi vicini territori ad alta naturalità,
appena in quota sui versanti boscati dell’Anvers o dell’Adret e attraverso le vie
d’acqua fortemente alterate, che attraversano brevi fase insediate e solo
recentemente addensate, intorno alla parte più urbana della città storica:
- La fascia della “collina di Aosta”, appena a monte del conoide urbanizzato
- Lo sviluppo sui conoidi di Sarre con agglomerati poco alterati e fasce di
abbandono, a cui succedeono fasce boscate ed ambienti naturali prevalentemente
rupicoli
- Il tratto di pendio dei conoidi insediati dell’Envers, caratterizzato dal paesaggio
agrario del frutteto con rilievi particolari, in parte alterato dallo sviluppo residenziale
e dalla infrastruttura autostradale che interferisce con la fascia fluviale
- Insediamento poilcentrico di Pollein con fasce prative ancora utilizzabili per un
riordino urbano alternate a insediamenti specialistici
• Sistema dell’alto versante destro, in cui le relazioni tipiche del paesaggio
dell’Envers sono solo in parte alterate dalla pressione urabanizzativa della
vicinissima città: caratterizzato dalla sequenza di fascia boscata a media quota e di
fascia prato-pascoliva superiore, in cui sono localizzati sistemi rurali tradizionali e
dalla compresenza di una stazione turistica invernale (Pilaz), unica nella regione
con caratteri spiccatamente specialistici.
In particolare si distinguono diverse situazioni
- Sistemi boschivi tra Ozein e il torrent Gressan, con piccole isole di mayen
(Torlin) e percorsi storici di costa, costotuenti un versante envers appartenente
al tipico sistema di fondolvalle principale;
- Sistemi insediativi rurali diffusi nel bosco, con significativa presenzadi nuova
edificazione lungo le strade per Pilaz, sopra i sistemi degli agglomerati di
terrazzo di Charvensod, con mayen distribuiti su piccoli terrazzi più in lato;
- Conca pascoliva di Pilaz con importanti attrezzature turistiche per la stagione
invernale, costituenti un paesaggio urbano inserito nei pascoli e con cornice
naturale di bosco e ambienti rupicoli.

7
- Complesso di vette di alta quota in ambiente naturale composto da conche a
corona del Mont- Emilius e della Becca de Nona, importante riferimento visivo
per Aosta e per l’insieme della valle centrale;
• Sistema dei conoidi adret nella parte orientale della piana di Aosta, tra l’incisione
del Buthier e i terrazzi di Villefranche, con una composizione “interna” dei rapporti
tra urbanizzazione e insediamento tradizionale nella parte basale, su conoidi, e su
terrazzi di versante, solo in parte alterato dallo sviluppo residenziale, con ampie
zone ancora integre e versanti boscati fortemente aridi ed esposti ai venti

Quanto al complesso ambientale collinare sito in riva sinistra Buthier (zona alta di Porossan),
occorrono alcune precisazioni sulla definizione del tipo di sistema insediativo di riferimento. Il
PTP lo indica nel tipo cosiddetto a sviluppo residenziale, a identificare un complesso
territoriale di tipo urbano. Vanno tuttavia sottolineate le particolarità di questo sistema
ambientale, peraltro già individuato dal precedente piano regolatore come un complesso
territoriale degno di salvaguardia. Esso è costituito, almeno per quanto riguarda l’edificato, da
nuclei di vecchio impianto ancora molto connotati, situati all’interno di plaghe di territorio
agricolo non urbanizzato. La pressione insediativa è stata fin qui contenuta, fatta eccezione
per alcuni episodi edilizi che non ne hanno snaturato i caratteri principali. Ciò porta di fatto a
riconoscere l’ambito come complesso a sviluppo integrato, dentro al quale è ancora possibile
contenere una modesta residua capacità insediativa da realizzarsi in armonico rispetto delle
preesistenze.

IMPIANTI PRODUTTIVI
Parlare di impianti produttivi significa parlare in primo luogo della Ilva - Cogne, impresa leader
regionale, in secondo luogo del sistema commerciale .
La rete dei grandi punti di vendita sulle vie di accesso alla città è condizione dell'attuale
sistema di svincoli autostradali e degli assi di interconnessione con la rete delle strade statali.
La realizzazione della tangenziale e il proseguimento dell'autostrada potranno modificare
profondamente i flussi di traffico a lungo raggio, con un impatto sulle attuali dislocazioni
commerciali esterne al Centro Storico e alla Città; in questo senso pare non solo credibile, ma
ampiamente giustificata la previsione di riqualificazione di aree commerciali site ai margini
dell'area centrale, in funzione di nuovi modi di accessibilità alla città e al suo Centro Storico.
IMPIANTI AGRICOLI
Il settore agricolo tende a mantenere una sua presenza ancor significativa in tutta l'area
urbana, ma soprattutto nei comuni della prima cintura di fondovalle in cui si pratica la
frutticoltura e una modesta agricoltura "da cortile" tipica delle economie familiari miste.
IMPIANTI CIVILI
Il Centro Storico di Aosta è una presenza di assoluto rilievo per la città, anche in termini
banalmente dimensionali: il 18% delle abitazioni e il 16% di residenti.
All'interno della parte piana del territorio comunale sono state colmate pressochè interamente
le capacità insediative residenziali; le funzioni amministrative e terziarie in genere si sono
distribuite nella città prevalentemente all'interno della cerchia murata, senza un preciso
disegno localizzativo.
La Città non dispone più di aree in grado di contenere nuove significative espansioni fisiche:
nella parte piana è venuto meno lo spazio disponibile; il versante collinare, anche a causa
delle modalità dell'avvenuta urbanizzazione, non consente un ulteriore appesantimento della
capacità insediativa, se non per integrazioni e completamenti dell'edificato esistente.

2 Ambiente geologico-geomorfologico-idrogeologico A2

8
2.1 Analisi fisica del territorio

Il territorio comunale di Aosta, localizzato nella parte intermedia della valle della Dora Baltea, è
situato interamente in sinistra grafica dell’omonimo corso d’acqua coprendo una superficie di
21,41 kmq.
Il territorio in esame dalla piana di fondovalle del T. Dora Baltea fino alla dorsale spartiacque
principale con la valle del Buthier ed inoltre comprende il tratto distale di quest’ultima.
La superficie topografica si sviluppa tra le quote 550 m. , in corrispondenza dell’estremo
sudorientale del comune lungo la Dora, ed i 2607m. raggiunti dalla cima Point Chaligne.
La morfologia del settore è conseguente al modellamento glaciale e successivamente
all’azione fluviale, della Dora baltea, del Buthier e dei suoi tributari minori unitamente ai
processi gravitativi lungo i versanti. Negli ultimi secoli ha assunto notevole rilievo l’azione
dell’uomo per quanto riguarda le modificazioni del fondovalle e della parte inferiore del
versante ad uso agricolo ed urbanistico.
L’antico nucleo urbano di Aosta e sorto in sponda destra all’apparato del conoide del Buthier
lungo il fondovalle principale della Dora caratterizzato dal tipico profilo ad U di origine glaciale,
nella zona in cui vi confluiva uno dei maggiori ghiacciai laterali.
L’intero territorio può essere suddiviso in tre zone contraddistinte da caratteri geomorfologici
propri e da terreni geneticamente diversi.
La piana principale e le fasce lungo il torrente Buthier sono caratterizzate da superficie
pianeggianti localmente interrotti nel caso della pianura della Dora, da piccoli terrazzi di
altezza metrica.
La fascia definita collinare comprende la fascia di accumulo dei terreni colluviati alla base del
versante e localmente a depositi legati all’attività torrentizia dei piccoli corsi d’acqua laterali ed
inoltre la parte inferiore del versante in sinistra della Dora.
La parte del terreno rimanente del territorio costituisce la parte più alta del versante montuoso
fino alla Pointe Chalinge in cui si alternano settori a diversa acclività.
All’interno di esso si possono distinguere gli areali in cui affiora o subaffiora il substrato
roccioso da quelli in cui è presente la coltre di depositi quaternari di origine glaciale e/o
detritica, derivante dalla degradazione del substrato.
Ai fini della descrizione si può suddividere il territorio comunale in due settori nettamente
distinti:
- la valle principale della Dora, ad andamento Ovest-Est
- la valle laterale del Torrente Buthier, ad andamento Nord-Sud, sospesa di un centinaio
di metri sul fondovalle principale.
In generale si può osservare che in entrambi i settori il modellamento morfologico dei versanti
è essenzialmente legato all’azione dei grandi ghiacciai quaternari cui hanno fatto seguito gli
altri agenti della dinamica esogena (acqua, gravità), gli interventi antropici a scopo agricolo
(gradonature e terrazzamenti con muro a secco) ed urbanistico (scavi, riporti, tagli stradali).

2.2 Analisi dei dissesti

2.2.1 Fenomeni attivi

Settori di versante interessati da frane di scivolamento


Questo tipo di fenomeno si osserva lungo la fascia inferiore del settore colinare, dove sono
presenti i fenomeni di Gotrau, Cossan e Rue du Cotumier, e in sponda destra del T. Buthier
tra le località Arsin e Papet.
Sono le aree maggiormente soggette a rschio di movimenti del terreno, non del tutto
stabilizzate e intressate da riattivazioni anche recenti (frana del 26/08/86).
Dati storici disponibili riguardanti il fenomeno di Cossan sono contenuti nel documento del
“Catasto dinamico dei bacini idrografici della Valle d’Aosta”.

9
Il fenomeno, attivo già prima del 1945, interessa un’area di circa ha 5 e coinvolge i depositi
glaciali superficiali e, presumibilmente, anche il substrato roccioso costituito da calcescisti
fratturati ed alterati. Evidenze del fenomeno si osservano ricorrentemente in corrispondenza
dei muri e delle opere di sostegno e con deformazione della sede stradale.
La frana di Gotrau si estende a monte di via Betulle; il settore occidentale costituisce la parte
attiva del fenomeno che però comprende un’area di maggiore estensione delimitata
superiormente da una nicchia di distacco caratterizzata da buona evidenza morfologica.
Si tratta di una frana staccatasi dal versante in condizioni morfo-evolutive diverse da quelle
attuali.
Il substrato è presente a limitata profondità rispetto al piano campagna, almeno nella zona
corrispondente alla nicchia di distacco o sui bordi del corpo di frana.
Un altro fenomeno attivo si setende tra le località Borgnion e Bouetta, a cavallo di Rue du
Cotumier. Per questo fenomeno non ci sono dati storici, tuttavia i caratteri morfologici-
ondulazioni del terreno –e l’assetto della vegetazione di alto fusto indicano uno stato di
attività.
L’abbondante presenza d’acqua circolante all’interno dei terreni di copertura favorisce il
processo .
In località Pleod dessous il settore a valle del complesso edilizio “ il girasole” è coinvolto da
un fenomeno attivo. Ne sono prova le lesioni sugli edifici posti più a meridione e i cedimenti
che hanno subito il muro di sostegno e la sovrastante strada.

Falde detritiche anche a grossi blocchi attivamente alimentate

Sono situate nella parte medio-alta del versante e sono lontane da zone antropizzate .

Aree interessate da soliflusso superficiale e/o fenomeni di creep

Nell’area in esame i fenomeni corrispondono a processi di soliflusso. Le cause del dissesto


idrogeologico sono legate alla presenza di percolazione di acqua. I fenomeni sono localizzati
lungo le sponde di corsi d’acqua che incidono il versante collinare, ed inoltre in settori
caratterizzati spesso da fenomeni di instabilità conseguenti al modellamento antropico del
versante mediante terrazzamenti con muretti a secco mal edificati, e tagli stradali con opere di
contenimento di sponda senza manutenzione, da cui deriva l’insabilità corticale del terreno.

Aree di potenziamento soggette alla caduta o al rotolamento di massi isolati

Sono interessati a questo fenomeno i due settori sottostanti la cava di Pleod superiore e la
cava di Cossan. In entrambi i casi si tratta di zone non interessate da previsioni edificatorie.

Ciglio di scarpata sede di potenziali fenomeni di crollo isolati

Corrispondono ai cigli delle alte scarpate che fiancheggiano il T. Buthier da cui saltuariamente
si verificano crolli di massi inglobati nel morenico o di blocchi lapidei subverticali dove affiora il
substrato roccioso con giacitura a reggipoggio e in alcuni casi aggettanti sulla fascia
alluvionale sottostante.

2.2.2 Fenomeni gravitativi quiescenti

Settore di versante soggetto a deformazione gravitativa profonda.


10
E’ interessata da D.G.P. la parte medio – alta del versante in destra del T. Buthier mentre
lungo la parte inferiore il rimodellamento della coltre di terreni quaternari cela le evidenze
morfologiche del fenomeno.
A monte dei 1400 m. il limite meridionale coincide con un trench continuo fino alla sommità del
versante.

Settori di versante interessati da frane di scivolamento

Questi fenomeni sono localizzati lungo la fascia medio-inferiore del settore collinare: a SW di
Duvet, nella parte superiore ed orientale della frana di Gotrau, in località Collignon, ad ovest di
Bibiana a e nord di Champlan.
In questi settori le masse di terreno appaiono stabilizzate e non interessate da riattivazioni.
In località Collignon sono stati eseguiti interventi di riassetto mediante regimazione delle
acque superficiali e sistemazione del pendio.
A monte della strada per Roisan tra Arsin e Papet evidenze morfologiche, quali irregolarità
della sup. topografica, unite alla diffusa presenza di acque lasciano supporre la presenza di un
fenomeno in apparente stato di quiescenza.

Settori di versante interessati da frane complesse

Il settore al limite settentrionale del territorio comunale, a monte della strada statale del Gran
San Bernardo, dove sono sorti i nuclei di Ravoire, Seissinod e Meylan (posti al di fuori al di
fuori del territorio comunale), sembra essere stato coinvolto da una serie di riattivazioni
attualmente quiescenti.

Un altro di questi fenomeni è localizzato nel settore medio – alto del versante a meridione
della località Vernet, dove coinvolge un’estesa area. Il fenomeno appare quiescente tuttavia
mutazioni climatiche potrebbero portare ad una riattivazione del processo.

Settore di versante interessato da frana di crollo

Si tratta di un’area interessata da un agrande frana staccatasi dal versante in località Pleod in
condizioni morfoevolutive diverse da quelle attuali.
Il fenomeno attualmente appare stabilizzato.
Il substrato è presente a limitata profondità del piano campagna per lo meno nella zona
corrispondente alla nicchia di distacco o sui bordi del corpo di frana.

Nicchia di distacco di fenomeni gravitativi

Sono state evidenziate le principali rotture di pendenza che delimitano settori di versante
interessati dai fenoeni di deformazione gravitativa con diversa tipologia.
All’interno del territorio comunale la nicchia principale per evidenza ed estensione è quella
relativa alla frana di Pleod.

2.2.3 Altri processi

Ammassi rocciosi particolarmente fratturati

In corrispondenza della maggioranza degli affioramenti si osserva un’intensa fratturazione del


substrato che dà luogo a elemneti apidei di dimensioni variabili in rapporto alla litologia.

11
Area con ristagno d’acqua in superficie

Il fenomeno è favorito dalla presenza di terreni a granulometria fine oppure del substrato a
debole profondità.
In questi settori non si rilavano asssociati indizi morfologici di instabilità.
In generale, appaiono particolarmente vulnerabili le fasce contigue ai corsi d’acqua dove sono
in atto processi di erosione accelerata, approfondimento dell’alveo e conseguente
mobilizzazione dei terreni di copertura.
Inoltre gli interventi antropici concorrono notevolemente e pesantemante a modificare
l’equilibrio raggiunto dal pendio per le variazioni dell’assetto geometrico (a seguito di scavi e
riporti), per l’applicazione di carichi e per i mutamenti indotti nel regime idrogeologico naturale
(intercettamento della falda freatica, presente anche solo temporaneamente lungo il pendio ,
a seguito dell’apertura di tagli stradali, presenza di muri di contenimento e di recinzione,
incuria delle opere di smaltimento,irrigazione di estese superfici per lunghi periodi).

2.3 Analisi dei della dinamica fluviale, delle opere di difesa idrulica esistenti e dei dissesti
e sovralluvionamenti potenziali.

L’individuazione dei terreni soggetti a rischio di inondazione è stata fatta seguendo le linee
guide contenute nella L.R. 11/98 e nei documenti esplicativi di corredo.
Analizzando i processi in atto lungo le aste fluviali viene evidenziato che gli alvei dei rii minori,
scendenti dal pendio montuso, giunti sul fondovalle scompaiono scoerrende in gran parte in
sotterraneo.
Il fiume Dora Baltea è compreso nel territorio del comune di Aosta solo per un breve tratto
all’altezza del Ponte di Suaz.
Tuttavia per una maggiore comprensione, l’area di pertinenza del corso d’acqua viene
considerata per tutto il tratto antistante il territorio comunale in quanto l’alveo dista pochi metri
dal confine amministrativo ed una evntuale esondazione coinvogerebbe pertanto la fascia del
territorio di Aosta più prossima al corso d’acqua.
L’alveo di piena della Dora è stato arginato per l’intero tratto in esame in concomitanza ai
lavori di sistemazione preliminari alla costruzione dell’autostrada Aosta-Monte Bianco.
L’ubicazione delle opere di difesa è stata individuata quando le arginature erano già state
completamente realizzate.
Il Torrente Buthier attraversa il territorio comunale in direzione circa N-S scorrendo
profondamente incassato nel tratto a monte della località Saumont.
Nel settore di conoide risulta delimitato da sponde di latezza media di 4-5 metri interamente
arginate nel tratto, completamente antropizzato, compreso il tronco terminale in seguito alla
realizzazione dell’autostrada Aosta-Monte Bianco.

Le caratteristiche idrogeologiche della collina evidenziano che il drenaggio è regolato sia dalle
frequenti incisioni erosive che solcano il versante sia da ruscellamenti superficiali non sempre
regimati in una rete idrografica ben definita e soggetta a manutenzione e periodico controllo.
Le acque sotterrane si localizzano prevalentemente al contatto copertura-substrato anche se
quest’ultimo ove interessato da intensa fratturazione, può essere a sua volta sede di modesta
circolazione idrica.
La ridotta e discontinua potenza della copertura quaternaria, determina però la presenza di
una falda debole e a sua volta discontinua che quando viene a giorno determina la
formazione di piccole risorgenze di esigua portata e spesso a carattere stagionale.
Si evidenzia così la presenza di zone a diversa imbibizione e con un differente grado di
stabilità. Sono infatti presenti sia settori in condizioni statiche limite, sia settoori interessati da
recenti movimenti superficiali del terreno, sia infine aree tendenzialmente stabili per la

12
presenza molto prossima al piano campagna del substrato roccioso e/o per la buona
regimazione delle acque sotterranee e di quelle di scorrimento superficiale.
Un ruolo non secondario per la circolazione idrica dei terreni di copertura è assunto
dall’andamento del tetto del substrato cristallino che, come si osserva lungo la parte distale
del Buthier, è stato interessato da diversi episodi di esarazione glaciale per cui risulta
attualmente caratterizzato da alternanze di settori acclivi e di settori pianeggianti o addirittura
in contropendenza. In corrispondenza di queste ultime fasce si verificano ristagni dellle acque
di percolazione che formano falde locali saltuarie.
L’esame della circolazione idrica lungo i versanti deve prendere in considerazione anche la
presenza di numerosi sistemi di discontinuità interessanti il substrato roccioso che
rappresenta pertanto un mezzo permeabile per fratturazione.
Infine occorre ricordare che in concomitanza con i periodi irrigui può venire ad instaurarsi
lungo il pendio una falda, peraltro generalmente discontinua e poco potente.

Opere di difesa idraulica sul tratto Dora Baltea

Il corso della Dora nel tratto all’altezza della Città di Aosta è delimitato con continuità su
entrambe le sponde da opere di arginatura realizzate contestualmente alla costruzione
dell’autostrada per il Monte Bianco.
Lungo l’alveo sono state realizzate anche numerose soglie.
Un’opera trasversale di maggiori dimensioni è presente a valle della confluenza del T.Buthier.

Opere di difesa idraulica lungo il Buthier

Lungo il T.Buthier sono presenti difese costituite in prevalenza da muri in calcestruzzo che si
estendono in modo continuo a valle dello sbarramento presente in località Saumont.
A monte, in sinistra idrografica, sono presenti opere in corrispondenza dei tratti in cui la strada
corre lungo la sponda. In tre punti sono in atto processi di erosione con conseguente
scalzamento e danneggiamento delle difese costituite in due casi da gabbionate.
In destra idrografica il tracciato del corso d’acqua lambisce la base dell’alta scarpata
d’erosione, lungo la quale affiora frequentemente il substrato roccioso, sprovvista di opere di
difesa. Il dimensionamento dei muri di sponda è stato eseguito er una portata di piena
centennale pari a 500 mc/sec. ( Dato reperito dallo studio “Opere di sistemazione idraulica del
T.Buthier dalla località Ponte di Saumont alla confluenza nella Dora Baltea” redatto dall’ing.
A.Devoti). I lavori in progetto avevano la finalità di regolarizzare e garantire “ con un buon
margine di sicurezza il deflusso delle acque anche in condizione del colmo della massima
piena”. La portata considerata non tiene però conto della possibilità che in concomitanza di un
evento di piena, siano aperti gli scarichi della diga di Place Moulin, situata nell’alto bacino del
corso d’acqua.
Le verifiche eseguite nel tratto del corso d’acqua compreso nel Comune di Aosta indicano
che nel settore a monte del ponte di Saumont più sezioni risultano appena sufficienti per il
deflusso della piena conseguente allo scarico.
Nel caso in cui si effettuassero le verifiche idrauliche sommando alla piena del Buthier il
contributo degli scarichi della diga di Place Moulin la sezione del Buthier risulterebbe
sicuramente insufficiente per tutto il tratto di attraversamento del Comune di Aosta.
A monte del Ponte di Saumont, in relazione alla modestissima altezza in numerosi tratti delle
sponde naturali ed alle quote raggiunte dal livello idrico, l’intera piana di fondovalle sarebbe
interessata da inondazione.

Rii minori

Caratteristica comune a quasi tutti i rii, per lo meno nel tratto collinare, è l’elevata
canalizzazione o delimitazione mediante opere artificiali e la scomparsa dei tratti in cui

13
attraversano aree caratterizzate da debole acclività. In particolare lungo il versante che si
affaccia sulla valle principale

2.4 Terreni sede di frane (art. 35 L.R. 11/98)

L'analisi della situazione di stabilità è stata effettuata prendendo in considerazione i


seguenti elemeni:
acclività,
ruolo della copertura vegetale,
caratteristiche litostratigrafiche e geotecniche dei terreni,
azioni delle acque superficiali e sotterranee,
indicatori morfologici che segnalino situazioni di instabilità pregressa,
ruolo della presenza antropica,
ruolo delle opere di presidio idrogeologico eventualmente presenti.

La classificazione utilizzata segue quella contenuta nella L.R. 11/98 e nei documenti
esplicativi di corredo.

CLASSE F1 -Aree dissestate di grande pericolosità (lettera a) art. 35


Aree in dissesto di grande estensione o coinvolgimenti elevati spessori di terreno o
comunque ad alta pericolosità, comprendenti grandi frane, falde detritiche di frequente
alimentate, aree instabili con elevata propensione al dissesto o con elevata propensione al
dissesto o con elevata probabilità di coinvolgimento in occasione anche di deboli eventi
idrogeologici.
Settori soggetti o potenzialmente soggetti a fenomeni franosi che possono essere
innescati anche da deboli eventi idrogeologici, quali quelli che caratterizzano l’andamento
climatico stagionale (massimi primaverili e autunnali, cicli di gelo e disgelo):
frane di crollo coinvolgenti elevati volumi, estese superfici e con marcato stato di attività
coni e falde detritiche decisamente attivi e zone d’alimentazione sovrastanti,
aree di versante acclive, fortemente inibite, interessanti elevati spessori di terreni di
copertura con caratteri geotecnici scadenti,
frane di scivolamento e colamento coinvolgenti spessori superiori a qualche metro ad alta
pericolosità

CLASSE F2 -aree dissestate di media pericolosità (lettera b) art. 35)


TIPOLOGIA DEI CONDIZIONAMENTI
Aree dissestate di media estensione o coinvolgenti limitati spessori di terreno o comunque
a media pericolosità, comprendenti settori di versante maggiormente vulnerabili durante
eventi idrogeologici per potenziale franosità soprattutto dei terreni superficiali e falde
detritiche sporadicamente alimentate.

NOTE ESPLICATIVE
Settori soggetti o potenzialmente soggetti a fenomeni franosi con probabilità di
accadimento meno frequente della classe precedente e che si innescano generalmente in
occasione di eventi idrogeologici di una certa importanza:
estesi settori con acclività maggiore di 50°;

14
modesti fenomeni di crollo sporadico ed isolato da pareti rocciose;
coni detritici, falde detritiche e coni misti sporadicamente attivi fenomeni crionivali (rock-
glaciers, ecc,);
porzioni di accumuli di frana e paleofrana riconosciuti, corrispondenti ai settori più acclivi
ed imbibiti o pericolosi;
frane di scivolamento e colamento di piccole dimensioni;
terreni I copertura prIvi di vegetazione, non ancora stabilizzati e quindi facilmente soggetti
ad erosione (ad es, morene recenti);
settori di versante acclive fortemente imbibite con spessori limitati di terreno con
caratteristiche geotecniche scadenti.

CLASSE F3 -Aree dissestate di bassa pericolosità (lettera c) art. 35)

TIPOLOGIA DEI CONDIZIONAMENTI


Aree dissestate di piccola estensione o bassa pericolosità, caratterizzate da locali
fenomeni di instabilità per franosità in occasione di eventi idrogeologici.

NOTE ESPLICATIVE
Settori soggetti o potenzialmente soggetti a fenomeni con probabilità d’accadimento
eccezionale che s’innescano in genere in occasione di eventi idrogeologici particolarmente
gravosi:
terreni con acclività compresa tra 35° e 50° (29°-50° nei settori con maggiori indizi di
pericolosità);
settori di accumuli di frana e paleofrane prive d'indizi di pericolosità;
aree d'imbibizione pianeggianti o di piccola estensione e ridotto spessore interessanti
terreni con caratteri geotecnici e scadenti. Per le aree dissestate di classe F1, l'esclusione
ai fini edificatori è legata alla presenza di movimenti in atto o alla valutazione di una
"elevata probabilità di coinvolgi mento in occasione di deboli eventi idrogeologici".
Per le frane quiescenti sono state vincolate solo le porzioni che per le loro caratteristiche
geomorfologiche risultano vulnerabili, attribuendole alle classi F2 o F3.
Awalendosi inoltre dei numerosi studi geologici e geotecnici eseguiti in passato, contenenti
anche indagini in situ e verifiche di stabilità, è stato possibile approfondire le conoscenze
su aree la cui stabilità è dubbia, consentendo un loro reinserimento parziale o totale tra le
aree edificabili.
Appaiono particolarmente vulnerabili le fasce contigue ai corsi d'acqua lungo i quali sono
in atto processi d'erosione, approfondimento dell'alveo e mobilizzazione dei terreni di
copertura.
Per quanto concerne i dissesti, sono state inclusi nella classe F3 i settori interessati da
antichi dissesti gravitativi attualmente stabilizzati, come ad esempio la frana di Pléod.
Settori più o meno estesi compresi nel fenomeno di deformazione gravitati va profonda
rientra nella classe F2 per la presenza di condizionamenti negativi quali accumuli detritici
attivamente alimentati.
I fenomeni gravitativi d'età più recente ma di più ridotte dimensioni costituiscono locali
riattivazioni degli accumuli più antichi o sono conseguenti a fenomeni di disequilibrio
idrogeologico (frane di Cossan e di Gotrau): rientrano quindi in classe F1 la parte attiva ed
in classe F2 i settori quiescenti.
Nella classe F2 rientrano le aree corrispondenti alle alte scarpate di erosione, subverticali,
lungo la profonda incisione del T. Buthier.
2.5 Indirizzi nelle scelte d’uso del territorio

15
Per le classi caratterizzate da diverse penalizzazioni e quindi con diversa propensione
all'utilizzo ai fini urbanistici utilizzate per la classificazione del territorio è prevista la relativa
disciplina d'uso della L.R. 11/98 e nei documenti esplicativi di corredo.
CLASSE F1 -Aree dissestate di grande pericolosità (lettera a) art. 35)
TIPOLOGIA DEI CONDIZIONAMENTI
Aree in dissesto di grande estensione o coinvolgenti elevati spessori di terreno o
comunque ad alta pericolosità, comprendenti grandi frane, falde detritiche frequentemente
alimentate, aree instabili con elevata propensione al dissesto o con elevata probabilità di
coinvolgimento in occasione anche di deboli eventi idrogeologici .
DISCIPLINA D’USO
Vietato
ogni intervento edilizio o infrastrutturale,
alterazioni del reticolo idrografico superficiale
restrizione dei corsi d’acqua
ogni altro intervento suscettibile di pregiudicare gli equilibri statici o idrodinamici

Consentito
bonifica dei dissesti
manutenzione straordinaria
interventi diretti alla salvaguardia di importanti interessi economici e sociali

CLASSE F2 -aree dissestate di media pericolosità (lettera b) art. 35)


Aree dissestate di media estensione o coinvolgenti limitati spessori di terreno o comunque
a media pericolosità, comprendenti settori di versante maggiormente vulnerabili durante
eventi iogeologici per potenziale franosità soprattutto dei terreni superficiali e falde
detritiche sporadicamente alimentate
Consentito
Oltre alle opere ammesse nelle Aree A:
interventi di risanamento conservativo, restauro
ristrutturazione ed ampliamento degli edifici e delle infrastrutture esistenti
interventi di tipo puntuale e lineare quali prese d’acqua, acquedotti elettrodotti, fognatura,
impianti di risalita, piste antincendio forestali e poderali, ampliamenti stradali e piazzole,
reti telematiche ed altre similari.

CLASSE F3 -Aree dissestate di bassa pericolosità (lettera c) art. 35)


Aree dissestate di piccola estesione o bassa pericolosità, caratterizzate da locali fenomeni
di instabilità per franosità in occasione eventi idrogeologici.
Consentito
Oltre alle opere permesse nelle aree A e B:
interventi che comportino la realizzazione di nuove strutture abitative o produttive
All'interno delle aree edificabili senza alcun condizionamento, i vari settori possono però
presentare condizioni diverse in relazione alle caratteristiche geotecniche dei terreni,
all'idrogeologia del settore considerato, ecc. e pertanto si ricorda che ai sensi del D.M. 11
marzo 1988 tutti i progetti di nuove costruzioni pubbliche e private nonché di infrastrutture
a rete (strade, acquedotti, gasdotti, ecc.) dovranno essere verificati sotto il profilo
geologico -geotecnico.
In particolare per le aree collinari, zona in cui si concentra la maggior parte della richiesta
urbanistica, è opportuno che gli studi geologico e geotecnici attraverso indagini in situ ed
analisi di laboratorio, verifichino:
la profondità del substrato roccioso;
le caratteristiche geotecniche dei terreni di copertura;
16
la presenza o meno di falda freatica;
le condizioni di stabilità del pendio interessato prima e dopo l'esecuzione dei lavori
utilizzando, a seconda dei casi, le metodologie specifiche della meccanica delle terre e
delle rocce;
la corretta raccolta ed eduzione delle acque di scorrimento superficiale e di quelle
provenienti dalle superfici impermeabilizzate (tetti, piazzali, strade interne ecc.).
L'ampiezza e l'approfondimento dell'indagine saranno valutati e giustificati dal
professionista incaricato in rapporto alle condizioni geomorfologiche dell'area, alla
tipologia ed all'impatto dell'opera progettata.
Si consiglia di estendere tale obbligo per la zona collinare -montuosa anche ai progetti di
ristrutturazione e/o ampliamento e ad ogni intervento che venga a modificare in modo
sostanziale le condizioni geomorfologiche esistenti.
Per la zona pianeggiante di fondovalle andranno sottoposti a verifica geologico -
geotecnica anche gli interventi di ristrutturazione e/o ampliamento che comportino un
incremento significativo dei carichi trasmessi.
Gli interventi antropici concorrono notevolmente e profondamente a modificare l'equilibrio
raggiunto dal pendio sia per le variazioni dell'assetto geometrico (a seguito di scavi e
riporti), sia per l'applicazione di carichi, sia per i mutamenti indotti nel regime idrogeologico
naturale (intercettamento della falda freatica, presente anche solo temporaneamente
lungo il pendio, a seguito dell'apertura di tagli stradali, presenza di muri di contenimento e
di recinzione, incuria delle opere di smaltimento, irrigazione di estesi superfici per lunghi
periodi).
A quest’ultimo riguardo vanno quindi salvaguardate anche le aree in cui, non il singolo
intervento edilizio ma un’intensa urbanizzazione può compromettere la stabilità del pendio.
Pertanto per le parti collinari e montane del territorio comunale si consiglia di adottare
prescrizioni urbanistiche che limitino gli intereventi in rapporto alle caratteristiche del
pendio nei diversi settori.

2.5 Terreni a rischio di inondazione (art.36 L.R.6 aprile 1998, n°11)


La perimetrazione delle aree potenzialmente soggette al rischio d'inondazione è stata eseguita
seguendo quanto indicato nella L.R. 11/98 e nei documenti esplicativi di corredo.

NOTE ESPLICATIVE
E' costituita dalla porzione di alveo (comprese le forme fluviali riattivabili) che è sede
prevalente del deflusso della corrente per la piena annuale.
Nelle aree non regolarizzate sotto l'aspetto idraulico il limite della fascia è definito mediante un
criterio geomorfologico e delimita:
• aree di fondovalle (comprese quelle di possibile riattivazione di canali di deflusso
abbandonati) interessate o potenzialmente interessate da fenomeni di trasporto
solido grossolano e correnti ad elevata velocità;
• conoidi o settori di conoidi attivi non incise all'apice o con alveo pensile,
storicamente alimentati o a valle di bacini fortemente dissestati.
Nelle aree regolarizzate sotto l'aspetto idraulico il limite della fascia coincide con l'ipotesi di
progetto di sistemazione idraulica del corso d'acqua, per i valori di piena calcolati per tempo di

17
ritorno non inferiore a 20 anni a meno che non si verifichino evidenze tali da inficiare la validità
delle opere di protezione eventualmente presenti.
E' costituita dalla porzione di territorio interessato da inondazioni al verificarsi della piena di
riferimento.
Nelle aree non regolarizzate sotto l'aspetto idraulico il limite della fascia è definito mediante un
criterio geomorfologico e delimita:
• aree di fondovalle interessate da fenomeni alluvionali con prevalente portata liquida
e bassa velocità della corrente;
• conoidi o settori di conoidi potenzialmente attivi con caratteristiche di pericolosità
inferiore a quella della fascia A, interessati da fenomeni alluvionali con prevalente
portata liquida e bassa velocità della corrente.
Nelle aree regolarizzate sotto !'aspetto idraulico il limite della fascia coincide con l'ipotesi di
progetto di sistemazione idraulica del corso d'acqua, per i valori di piena calcolati per tempo di
ritorno non inferiore a 100 anni a meno che non si verifichino evidenze tali da inficiare la
validità delle opere di protezione eventualmente presenti.
E' costituita dalla porzione di territorio esterna alla precedente fascia B, che può essere
interessata da inondazioni al verificarsi di eventi di piena catastrofica.
Nelle aree non regolarizzate sotto l'aspetto idraulico il limite della fascia è definito mediante un
criterio geomorfologico e delimita:
• aree di piana alluvionale e canDidi o settori di canDidi, piane di fondovalle con
tracce di morfologia depressa già protette e antropizzate, inondabili per eventi con
tempi di piena pluricentennali o a bassa probabilità di accadimento dei fenomeni;
• aree potenzialmente inondabili aseguito di svaso di bacini artificiali nella più
gravosa delle ipotesi.

2.5.1 T. Dora Baltea: ambiti inedificabili per rischio di inondazione

Sono state riportate sulla base cartografica e su quella catastale le fasce fluviali individuate
dall' Autorità di bacino del Fiume Po per il T. Dora Baltea e per la zona di confluenza del T.
Buthier.
Pertanto sulle cartografie sono state riportate anche le fasce adeguate alla reale situazione
morfologica esistente, come indicato anche nel documento della stessa Autorità di Bacino.

Le verifiche effettuate dall'Autorità di Bacino non tengono conto di un intervento antropico di


fondamentale importanza, e cioè della costruzione del rilevato autostradale e delle correlate
opere di arginatura della Dora. Per tale motivo il limite esterno della fascia C è stato fatto
coincidere con il piede esterno del rilevato dove questo ha funzione di contenimento delle
acque di piena anche catastrofica. I limiti posti dall' Autorità di Bacino sono stati invece
mantenuti inalterati nei tratti in cui vi è possibilità di tracimazione e dove non sono presenti
elementi morfologici che limitino l'espansione delle acque.

18
Per quanto precedentemente esposto, alle fasce fluviali sono pertanto state apportate le
seguenti modifiche.

La fascia A corrisponde all'alveo di piena in quanto la Dora è stata arginata per l'intero tratto
in esame in concomitanza ai lavori di sistemazione preliminari alla costruzione dell'autostrada
Aosta -Courmayeur.

L'ubicazione delle opere di difesa è stata individuata utilizzando il rilievo aereofotografico del
1991, quando le arginature erano già state completamente realizzate.

Inoltre, successivamente, è stato realizzato il rilevato autostradale: dove questi interventi non
costituiscono sbarramento alle acque di piena è stato mantenuto il limite posto dalla Autorità di
Bacino.

La fascia B coincide all'incirca con la fascia A.

La fascia C invece si discosta in modo significativo dal piede esterno del rilevato autostradale
solo in corrispondenza della zona di Ru Mere des Rives, dove comprende la bassura
delimitata a NE ed E da una scarpata di terrazzo, alluvionabile in caso di piene catastrofiche
per la presenza di un viadotto che interrompe la continuità del rilevato autostradale.

2.5.2 T. Buthier: ambiti inedificabili per rischio di inondazione

Per la perimetrazione delle fasce soggette ad inondazione sono stati considerati i caratteri
geomorfologici riscontrati all'esame di riprese aereofotografiche relative a voli sia in condizioni
"normali" che di piena, ed i dati relativi a studi idraulici reperiti presso gli Uffici Regionali
competenti in materia.

Il T. Buthier attraversa in direzione circa N-S il territorio comunale scorrendo profondamente


incassato nel tratto a monte mentre nel settore di conoide risulta delimitato da sponde di
altezza media di 4-5 m.

Nel tratto di conoide le sponde sono quasi interamente arginate i n relazione alla elevata
antropizzazione dell'area ed alla recente sistemazione del tratto terminale effettuata in
concomitanza con la realizzazione dell'autostrada Aosta -Courmayeur.

Pertanto a valle del "ponte delle corde" o "ponte di via Roma", la fascia individuata come non
edificabile (comprendente fascia A e fascia B) corrisponde all'alveo di piena.

Per quanto riguarda il tratto di conoide, essendo possibile, per i motivi indicati al paragrafo
precedente, una tracimazione in caso di evento estremo, è stato individuata una fascia C il cui
limite è stato definito sia sulla base di criteri morfologici (presenza di terrazzi sia pure di
modesta altezza) sia considerando i manufatti vari che possono costituire ostacolo alla

19
espansione delle acque. Per tale zona sarebbe opportuno predisporre interventi per la
mitigazione del rischio (sistemi di allertamento e piani di evacuazione).

A monte del ponte di Saumont, in relazione alla modestissima altezza, in numerosi tratti, delle
sponde naturali, alle quote raggiunte dal livello idrico ed alla possibilità del verificarsi di
fenomeni di trasporto solido anche grossolano, l'intera piana di fondovalle è stata inclusa nella
fascia A.

2.5.3 rii minori: ambiti inedificabili per rischio di inondazione

Per i corsi d'acqua secondari è stata posta in fascia A l'asta torrentizia.

Le fasce bordanti le sponde sono invece state inserite nelle zone F2 o F3 con limitazioni d'uso
a causa di pericolosità legata all'instabilità di versante (erosione al piede, ecc.). La larghezza
di tali fasce è variabile a seconda delle condizioni geomorfologiche dell'alveo ed alla tendenza
evolutiva del corso d'acqua.

2.6 Prescrizioni, raccomandazioni sui limiti di edificazione e accorgimenti costruttivi

Per le diverse fasce valgono le prescrizioni indicate dalla normativa regionale.


DISCIPLINA D'USO

La fascia A è inedificabile, in essa è quindi vietata ogni attività di trasformazione dello stato dei
luoghi o di modifica dell'assetto morfologico, idraulico, infrastruttura/e, edilizio. Sono
consentite, previa acquisizione dell'autorizzazione da parte dell'Autorità idraulica competente
salvo che per le opere eseguite dall'Autorità stessa per i suoi fini istituzionali, esclusivamente
le seguenti attività:

1. le occupazioni temporanee, realizzate in modo da non arrecare danno o da risultare di


pregiudizio per la pubblica incolumità in caso di piena, finalizzate all'esecuzione di lavori in
alveo o sulle sponde o all'attraversamento del corso d'acqua con strutture prowisorie;
2. la realizzazione di opere di derivazione d'acqua e di accessi per natanti; 3. i depositi
temporanei conseguenti e connessi ad attività estrattiva e autorizzata ed agli impianti di
trattamento del materiale estratto in loco e da realizzare secondo le modalità prescritte dal
dispositivo di autorizzazione;
4. gli interventi di sistemazione idraulica e di manutenzione delle opere esistenti o delle
sponde e dell'alveo, comportanti anche asportazione di materiale litoide e il taglio della
vegetazione eventualmente presente, compatibili con la delimitazione della fascia derivante
dall'assetto dell'alveo;
5. la realizzazione di manufatti e opere infrastrutturali direttamente attinenti al soddisfacimento
di interessi generali che non modifichino i fenomeni idraulici che possono aver luogo nella

20
fascia, costituendo significativo ostacolo al deflusso e non limitino in modo significativo la
capacità d'invaso;
6. demolizione senza ricostruzione, manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro,
risanamento conservativo senza aumento di superficie o volume e con interventi volti a
migliorare la vulnerabilità di edifici esistenti.

Fascia C Deve essere perseguito l'obiettivo di integrare il livello di sicurezza delle popolazioni,
mediante la predisposizione prioritaria da parte degli enti competenti ai sensi della legge
225/92 di programmi di previsione e prevenzione che investano C anche i territori individuati
come fasce A e B, anche con particolare riferimento alla dispersione di sostanze nocive. I
PRG, con specifico riferimento alle diverse situazioni locali, tenendo conto delle destinazioni in
atto, nonché degli indirizzi del PTP, specificano gli interventi compatibili con le condizioni di
rischio. I PRG nella previsione di nuove zone urbanistiche di tipo C e di tipo F riservate ad
attrezzature pubbliche destinate in particolare all'istruzione, alla sanità, alla sicurezza,
valutano in modo specifico le alternative localizzative di tali previsioni in aree su cui non
gravano rischi naturali, motivando adeguatamente la necessità di tali previsioni in fascia C e
stabilendo le eventuali misure di mitigazione.
Nel caso del T. Dora Baltea le aree perimetrate non coinvolgono settori del territorio comunale
d'interesse. Nel caso del T. Buthier, invece, in caso di evento estremo è possibile una
tracimazione che coinvolge parte dell'abitato di Aosta. Per tale zona sarebbe opportuno
predisporre interventi per la mitigazione del rischio (sistemi di allertamento e piani di
evacuazione).
Per i corsi d'acqua minori, in particolare quelli che drenano il settore collinare, è necessario
effettuare periodici lavori di manutenzione per la pulizia dell'alveo dalla vegetazione che tende
ad invaderne la sezione di deflusso.

21
3 Ambiente agricolo A3

3.1 Premessa

Le tendenze inerziali all'azzeramento delle attività di agricoltura tradizionale, anche in


presenza di crescente saturazione del mercato, possono trovare un valido correttivo in un
programma di qualificazione dei prodotti agroalimentari e zootecnici, nel quadro delle strategie
e degli interventi definiti nella L.R. sul "marchio di qualità", con particolare riguardo per
l'impostazione di un programma di produzione e commercializzazione di prodotti alimentari
organici, di culture protette e di culture in serra.
Infatti la produzione di derrate alimentari secondo queste tecniche, e la successiva
certificazione di qualità secondo controlli sul processo e sul prodotto dettati da norme
internazionali standard IFOAM, rende accettabili incrementi di prezzo da parte del
consumatore e soprattutto le tecniche di produzione valorizzano le risorse locali e mantengono
l'ambiente agreste non solo inalterato ma ben integrato alle funzioni turistiche.
Questi modelli di coltura e di allevamento ricorrono infatti a tecniche che non fanno uso di
concimi e antiparassitari di sintesi chimica, bensì a materiali organici e antiparassitari presenti
in natura o attraverso strategie di lotta e di prevenzione del tutto naturali.
Queste tecniche si vanno rapidamente diffondendo nelle regioni limitrofe estere: in Francia si
vanno moltiplicando le catene di negozi alimentari specializzati nelle linee di prodotto
biologiche "Le Maire" e "La vie claire", in Svizzera esistono marchi di qualità affermati fra cui
"Biotta", analogamente in Austria e Germania.
tutti questi mercati sono in sviluppo ed hanno ottime prospettive, ma è immaginabile che
anche in Italia la maggiore sensibilità ecologica e salutistica, produrrà a breve, motivazioni per
la crescita di questo segmento di domanda.
In Valle d’Aosta, in particolare, i livelli del reddito procapite e la qualificazione dei consumi
della popolazione residente, ma anche e soprattutto di quella turistica e di quella delle aree
frontaliere, giustificherebbero processi di pianificazione colturale “organica” anche in base alla
situazione ambientale ed al recupero di specie vegetali coltivate in passato ed ora dismesse.
Un programma siffatto deve poter prendere in esame sia azioni rivolte ai processi di
produzione, sia azioni di promozione di immagine e di commercializzazione.
E’ sorattutto a queste ultime che può riferirsi un’azione facente capo ad Aosta città e
conurbazione, quale principale centro commerciale e quindi primo attore di campagne per la
creazione, sostegno e difesa dell’immagine di qualità del prodotto organico Valle d’Aosta,
mirate ai residenti e ai turisti.
Azione quindi di marchio che, da un lato persegue obiettivi commerciali di ingresso dei mercati
dei prodotti alimentari con contenuto di salute, dall’altro può ottnere risultati congiunti di

22
veicolazione di un’immagine di alto valore ecologico sui mercati esterni. Un marchio uiterio per
un prodotto Valle d’Aosta articolato in gamme diverse e diffuso come simbolo di qualità tipico.

3.2 Definizione di “aree boscate”

Per aree boscate si intendono:


“ i terreni sui quali si sono costituiti, per via tanto naturale che artificiale, dei popolamenti di
specie legnose forestali a portamento arboreo costituenti un sovrassuolo continuo di almeno 5
anni di età, anche se sviluppatisi su suoli precedentemente destinati ad altra coltura, aventi
superficie non inferiore a 5000 mq. e con larghezza minima superiore a 30 mt.
indipendentemente dalla loro destinazione catastale, con esclusione degli impianti artificiali
per l’arboricoltura da legno, dei castagneti da frutto, dei parchi urbani e delle aree boscate
marginali destinate dai piani regolatori vigenti all’espansione degli insediamenti preesistenti”.

Si distinguono i seguenti utilizzi del suolo:


1. bosco fitto
2. bosco rado
3. rimboschimento recente
4. arbusti fitti
5. arbusti radi
6. terreni incolti
7. falde detritiche non vegetate 8. affioramenti rocciosi 9. prati
10. prati arborati
11. frutteti
12. vigneti
13. aziende agricole

Verranno esaminate singolarmente ed in modo sintetico le diverse classi d'uso mettendo in


rilievo gli eventuali casi particolari che testimoniano l'interazione con i processi geomorfologici
in atto o pregressi.

1. BOSCO FITTO
In questa classe sono riuniti i terreni in cui è presente una vegetazione d'alto fusto continua
non distinguendo la composizione a latifoglie, a conifere o mista dipendente dalle condizioni
climatiche ma poco significativa al fine dell'interazione con i processi geomorfici.
Il bosco risulta molto diversificato nella tipologia dei popolamenti e nella distribuzione nei
diversi settori del territorio. Nella fascia intermedia della collina copre piccole estensioni
mentre diventa più importante anche per qualità nella zona superiore, nella parte alta del
versante e lungo la valle del Buthier.

23
In alcuni casi ,ad esempio a valle de gli abitati di Serrand e di Vignole,il bosco si sviluppa in
settori in cui il suolo è discontinuo e inframmezzato da affioramenti del substrato roccioso.
In.questi casi se la tendenza in atto è quella di un amplIamento della superficie boscata il
settore e stato incluso preferenzialmente nella classe del bosco piuttosto in quella
comprendente gli affioramenti rocciosi.
I diversi tipi di bosco presenti in questa classe sono i seguenti.
Bosco di latifoglie miste: comprende diverse specie roverella, frassino, robinia, pioppo tremolo,
ciliegio, mandorlo, betulla, onta no -presenti in proporzioni diverse nei diversi punti in relazione
alle caratteristiche microclimatiche. Nella parte alta del versante queste associazioni sono
sostituite dalle conifere.
In alcuni siti, ad esempio a nordest della borgata Pléod, le condizioni sfavorevoli per profondità
e aridità del suolo permettono la soprawivenza di popolamenti rustici di roverella con scarso
valore tecnologico.
Bosco di conifere: occupa la parte alta della collina ed il soprastante versante montuoso. In
relazione all'aridità del territorio la specie maggiormente rappresentata è il pino silvestre,
spesso accompagnata da roverella con struttura paracoetanea. Numericamente subordinati
sono il larice e l'abete rosso.
Bosco misto di latifoglie e conifere: comprende diverse specie di latifoglie (frassino, ciliegio,
betulle, ontano, ecc.) miste a popolazioni di conifere. Questa tipologia si trova principalmente
lungo il versante nella fascia di transizione tra i boschi di latifoglie e quelli di conifere ma è
osservabile anche ad Est della località Pléod, a valle della strada, dove le latifoglie si sono
sviluppate all'interno di un popolamento artificiale di conifere miste.
Boschi misti di pino silvestre e roverella sono presenti ad esempio in prossimità di Serrand
(terreni poveri e superficiali) e risultano importanti per i I ruolo protettivo dei terreni localizzati
in un settore caratterizzato da pendenze elevate.

2. BOSCO RADO
A differenza della classe precedente sono comprese in questa classe le aree con copertura
arborea d'alto fusto, senza distinzione riguardo la composizione, dove le chiome degli alberi
non sono rawicinate e gli ampi spazi consentono lo sviluppo di un piano inferiore prativo o
cespuglioso.

3. RIMBOSCHIMENTO RECENTE
Le aree in cui sono stati eseguiti rimboschimenti si differenziano per la struttura regolare degli
individui.

24
Le principali aree oggetto di rimboschimento sono localizzate nella fascia a monte del Ru
Bourgeois fino alla quota di circa 1150 metri.
I rimboschimenti effettuati nella parte collinare a Sud di Arpuilles, risalenti agli anni '50,
comprendono Pino nero e Cedro atlantica.

4. ARBUSTI DENSI
Le aree con formazioni arbustive dense corrispondono a zone in cui
l'abbandono ha favorito l'invasione di aree prative o coltivate e preludono allo , sviluppo di
formazioni d'alto fusto, quali roverella e frassino.

5. ARBUSTI RADI
Le aree hanno caratteristiche analoghe a quelle descritte per la classe d'uso precedente
tuttavia la densità degli individui è inferiore con interposte aree prative, indicando un
precedente stadio nell'evoluzione della successione ecologica secondaria.
AI contrario in alcuni casi le aree cespugliate sviluppate su accumuli detriti ci stabilizzati
rappresentano uno stadio di successione primaria.

6. TERRENI INCOLTI
Anche se le cause possono essere diverse sono stati raggruppati i n un'unica classe d'uso i
terreni privi di copertura vegetativa (nudi o dissestati) in quanto sono tutti ugualmente
vulnerabili nei confronti dei processi erosivi.
Comprendono le aree coltivate recentemente abbandonate, le aree in cui prevale l'erosione
areale associata a movimenti gravitati vi oppure aree oggetto di recenti trasformazioni d'uso
del suolo.

7. FALDE DETRITICHE NON VEGETATE


Queste aree sono presenti nella parte alta del versante in corrispondenza di affioramenti
rocciosi del substrato. Formano accumuli alla base di settori particolarmente acclivi oppure, in
situazioni di minor acclività, costituiscono la parte superficiale degli ammassi particolarmente
fratturati.

8. AFFIORAMENTI ROCCIOSI
Le aree in cui affiora il substrato roccioso sono localizzate prevalentemente nella parte alta del
versante e lungo le incisioni dei rii che solcano il pendio i n sinistra della Dora.
Gli affioramenti non sono molto estesi. In carta si è preferito mettere in evidenza la presenza
della vegetazione lungo i rii mentre non compare il substrato roccioso; al contrario nella carta

25
geologica si è preferito evidenziare gli affioramenti rocciosi. Tra le due cartografie quindi non vi
è discrepanza ma si è voluto mettere in risalto due aspetti che coesistono nella stessa area.

9. PRATI
In questa classe sono stati riuniti i prati e le praterie in quanto svolgono un analogo ruolo di
protezione sul suolo nei confronti dei processi di erosione areale o concentrata.
In condizioni naturali le due tipologie si sostituiscono gradualmente risalendo il versante senza
presentare una netta linea di demarcazione. Lungo il versante per sopperire all'aridità l'uomo
ha esercitato un ruolo non indifferente mediante la realizzazione di una fitta rete di canali per
irrigare estese aree e consentire lo sviluppo del soprassuolo erbaceo. Attualmente l'irrigazione
avviene con metodo tradizionale oppure a pioggia. I prati irrigui presentano produttività
soddisfacente anche se diversi da zona e zona
Nell'area residenziale sono stati compresi in questa classe anche i giardini circostanti le
abitazioni e i piccoli appezzamenti tenuti ad orto con produzione ad uso famigliare.

10. PRATI ARBORATI


All'interno di questa classe sono compresi gli appezzamenti in cui la produzione frutticola
(mele) è associata alla praticoltura. In questo modo si ha un maggior sfruttamento delle risorse
naturali.

11. FRUTTETI
All'interno di questa classe sono compresi gli appezzamenti in cui prevale nettamente la
produzione frutticola mentre sono state distinte in un'altra classe le aree in cui il frutteto è
associato alla praticoltura
I frutteti rappresentano il tipo di coltura più uniformemente distribuito in piccoli impianti lungo la
fascia centrale della collina e le uniche zone in cui sono assenti sono quelle prive di
urbanizzazione e di infrastrutture. Sono inoltre la coltura più sviluppata nella zona di Excenex -
Arpuilles, dopo la praticoltura.
In alcuni casi i frutteti sono stati impiantati in aree da recuperare all'uso agricolo in sostituzione
dei vigneti.

12. VIGNETI
I vigneti sono distribuiti nella fascia medio -bassa del settore collinare dove le condizioni
climatiche sono più favorevoli.
In relazione al minor fabbisogno idrico dei frutteti occupano settori caratterizzati anche da
pendenza elevata. La cura degli appezzamenti più estesi è meccanizzata ottenendo una
produzione qualitativa diversificata.

26
4 Ambiente faunistico A4

4.1 Analisi dei valori

Nell’intero territorio comunale c’è un unico sito di interesse ornitologico posto a monte della
località Serrand fra le quote 1120 e 960 slm. di superficie pari a ha 5,68, accessibile dalla
strada Vignole.

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C01 - 01 Siti di interesse faunistico posti a Sito di interesse
quota inferiore a 1200 m s.l.m. ornitologico sopra
Pléod

Località a monte di Serrand


Quota minima (m) 960
Quota massima (m) 1120
Superficie (ha2) 5.68
Esposizione sud, sud-est

Uso del suolo Abbandono agricolo, rupi, arbusteto e macchie boscate


prevalente
Accessibilità Dalla strada sopra Vignole
Valore naturalistico Mosaico composito di ambienti xerici (arbusteto, rupi e colture in
abbandono in fase di ricolonizzazione) particolarmente idoneo ad
ospitare una ornitofauna di interesse sia per la ricchezza specifica sia
per la presenza di specie di rilevanza conservazionistica.
Indicazioni per la Conservazione, anche attraverso il mantenimento degli spazi ancora
gestione aperti, evitando il rimboschimento
Azioni compatibili Eventuale riuso agricolo

5 Ambiente antropico A5

5.1 Sintetica cronologia di andamenti storici della struttura demografica ed economica

Sono stati attribuiti all'area urbana 17 comuni (compresa Aosta), corrispondenti ai 12 comuni
della Comunità Montana Monte Emilius, più Gignod e Roisan nella valle del Buthier e i comuni
di fondovalle di St. Pierre, Aymavilles e Villeneuve.
All'interno dell'area è stata distinta una prima cintura (9 comuni) e una seconda cintura più
esterna alla prima, anche se non costituente un anello completo 11 (7 comuni). L'area così
definita comprendeva alla soglia degli anni novanta quasi 62.000 abitanti (di cui 37.000 ad
Aosta e 25.000 nelle due cinture), pari al 54% circa della popolazione regionale.
Nel caso di Aosta, parlare di area urbana non è una sottigliezza analitica ma una necessità
reale.

Alcune semplici considerazioni sono sufficienti a motivare questa affermazione:


-il comune di Aosta è molto piccolo, in termini di superficie territoriale (circa 21 Kmq), e
l'utilizzazione dello spazio all'interno dei confini comunali ha ormai raggiunto valori
27
particolarmente elevati (oltre 1.700 abitanti per Kmq, da 2 a 4 volte la densità dei capoluoghi di
provincia piemontesi, esclusa Torino);
-la dipendenza da Aosta dei comuni vicini è molto evidente; se si considera ad esempio il
pendolarismo per lavoro, tutti i comuni attorno ad Aosta (con l'unica eccezione di Pollein e,
fino alla crisi della Cogne, di Villeneuve) presentano una situazione generalmente molto
squilibrata fra posti di lavoro e popolazione (si può stimare che nei centri della prima cintura
circa 1 persona su 3 va a lavorare ad Aosta e nella seconda cintura 1 su 2);
-le dinamiche demo-economiche di Aosta e dei comuni vicini ricalcano quelle tipiche delle aree
urbane nella fase cosiddetta "matura" dello sviluppo: stasi/decrescita quantitativa delle aree
centrali, accompagnata da una ristrutturazione interna più o meno profonda; sviluppo delle
aree periferiche secondo stadi di crescita che interessano via via le zone più esterne.
L'evoluzione recente dell'area aostana, e i problemi che ne derivano, possono essere così
tratteggiati:
* ruolo trainante, ma tendenzialmente declinante, dell'area urbana rispetto alla regione; il
declino è anche dovuto al blocco dell'edilizia nel centro storico e all'espulsione di popolazione
verso il concentrico. L'affermazione deve però essere meglio qualificata. In termini di
andamento demografico è evidente il ruolo particolarmente dinamico dell'area, responsabile di
gran parte degli incrementi di popolazione verificatisi in Regione, sia negli anni '70, sia in quelli
più recenti. Per quanto riguarda invece la crescita economica, il ruolo propulsivo dell'area
aostana, almeno in termini quantitativi, è meno evidente; ad esempio dal punto di vista degli
incrementi occupazionali, il contributo dell'area di Aosta è simile, se non addirittura inferiore, a
quello del resto della Regione (va tuttavia notato che ad Aosta vengono concentrandosi le
funzioni di livello più elevato e gran parte della Pubblica Amministrazione).
E’ peraltro abbastanza chiaro che il ruolo trainante della conurbazione viene progressivamente
indebolendosi; ad esempio, se ad essa si doveva il 90% incremento di popolazione di tutta la
Regione negli anni 70, nei sei anni all'87 la quota è scesa al 75%;

* arresto della crescita di Aosta città, almeno per quanto attiene ai principali indicatori
quantitativi (popolazione, occupati). Arresto della crescita, tuttavia, non vuol dire stagnazione;
la città infatti si trasforma internamente, in modo profondo. La popolazione diventa sempre più
"cosmopolita" (anche se il termine è forse eccessivo), per effetto innanzi tutto di un vivace
interscambio migratorio (immigrati da altre regioni che si stabiliscono in città e residenti di
Aosta che si trasferiscono in cintura). Aosta inoltre diventa sempre più città “terziaria", anche
se non ha ancora perso alcuni dei caratteri distintivi di ville ouvriere. La specializzazione
terziaria, sostenuta dal ruolo di capitale regionale guidata dalla Pubblica Amministrazione,
comporta fenomeni consistenti di redistribuzione delle funzioni e di uso degli spazi
(concentrazione delle attività terziarie nel centro; sostituzione di residenze con uffici, ecc.);

*crescita delle cinture. In termini assoluti la crescita (in particolare gli incrementi di
popolazione) interessa innanzi tutto la prima cintura, ma in i relativi sono ormai i comuni più
esterni (seconda cintura) che registrano indicatori leggermente più dinamici.
La crescita avviene in forma sostanzialmente equilibrata, sia in termini spaziali, con il graduale
irrobustimento delle innumerevoli frazioni e nuclei di cui si compongono i comuni delle cinture,
sia in termini funzionali, evitando forme negative di segregazione sociale (delle classi a basso
reddito come di quelle più agiate) o forti squilibri fra residenze e attività produttive e di servizio
(crescono gli insediamenti residenziali ma crescono in parte anche i servizi e i posti di lavoro).
Alcuni comuni paiono comunque assolvere ad un ruolo più marcato di "periferia residenziale"
di Aosta: St. Pierre, Sarre e diversi centri seconda cintura.
Lo sviluppo delle cinture è imputabile in misura non trascurabile ai trasferimenti di famiglie
precedentemente residenti ad Aosta, e pare interessare in leggera prevalenza le fasce di
reddito intermedie.
La crescita delle cinture, anche se si accompagna (e con ritmo forse crescente) alla creazione
di posti di lavoro in loco, comporta necessariamente l'intensifica dei flussi di merci e di persone
fra il capoluogo e i comuni esterni: si tratta di una situazione che può presentare aspetti molto
28
critici, soprattutto in prospettiva, per quanto riguarda l'accesso e la viabilità interna ad Aosta
città.

5.1.1 La popolazione di Aosta

Nonostante la dimensione relativamente piccola di Aosta, il suo profilo demografico è molto


vicino a quello delle grandi città dell'Italia settentrionale.
Ne richiamiamo alcuni caratteri salienti:

* saldi migratori negativi. L’inversione delle correnti migratorie ovvero la trasformazione dei
saldi da attivi a passivi, è intervenuta a metà degli anni ’70 (1975), appena qualche anno dopo
essersi manifestata nei centri metropolitani del nord (esclusa Genova) ma con un anticipo più
o meno forte rispetto a città di dimensioni comparabili o un pò superiori a quelle di Aosta.
Nella maggior parte dei comuni della Valle i saldi migratori continuano a restare positivi.
I bilanci in rosso di Aosta (che mantiene tuttavia un forte interscambio migratorio, cioè valori
elevati di entrate e di uscite) dipendono da ragioni di carattere generale (crisi della Cogne,
rallentamento della dinamica economica complessiva) o specifico (la saturazione fisica degli
spazi all'interno del comune), ma anche da quel particolare mix di fattori economico/culturali
proprio delle grandi città, alla base del fenomeno oggi noto come "crisi urbana" o
"disurbanizzazione" ;

* dinamica naturale flessiva. La prevalenza numerica delle morti sulle nascite, queste ultime in
costante diminuzione, è fenomeno assolutamente generalizzato (nel nord e nel centro Italia) e
non è limitato alle grandi città. Tuttavia è in queste ultime (e Aosta si comporta in modo
analogo) che i tassi di natalità diminuiscono più rapidamente; la diminuzione non è
interamente spiegata dal calo delle migrazioni (i nuclei immigrati sono mediamente più giovani
e prolifici della popolazione autoctona), ma è dovuta anche a fattori culturali specifici
dell'ambiente urbano.
Conseguenza di cioè la progressiva senilizzazione della popolazione del capoluogo,
senilizzazione che avanza ad un ritmo superiore a quello della Regione e che è oggi visibile
non tanto e non soltanto nella crescita numerica delle fasce d'età più anziane, ma soprattutto
nel sensibile calo delle classi d'età scolare (da 1 a 14 anni);

* riduzione della dimensione media delle famiglie. Anche in questo caso si tratta di un
fenomeno generalizzato a tutto il territorio nazionale ma che nelle città assume una rilevanza
particolare. Ad Aosta si calcola che nel 1981 oltre la metà delle famiglie era composta da una
o due persone. I "nuclei" di 1 persona erano circa un quarto del totale, una quota fra le più alte
delle città del nord. L'evoluzione recente vede una forte crescita dei nuclei con un solo
componente, seguiti a distanza da quelli con due persone; sostanzialmente stazionarie le
famiglie di 4 persone, mentre tutte le altre presentano una riduzione numerica. La quota
elevata e costantemente crescente di "single" è in parte dovuta a fattori specifici, quali la
consistenza di funzionari senza famiglia, o alle caratteristiche peculiari dell'interscambio
migratorio (immigrano giovani senza famiglia, emigrano famiglie già formate) ma è anche un
tratto caratteristico delle realtà urbane.
Va comunque notato che ad Aosta (e in generale in tutta la Valle) vi è un numero non
trascurabile di nuclei "fittizi" di una persona, costituiti ai soli fini delle agevolazioni tariffarie e
fiscali.
Una previsione di sviluppo demografico di Aosta di tipo "medio", basata cioè sull'ipotesi che le
tendenze attuali si mantengano costanti per il prossimo futuro, indica per il 2001 un valore di
popolazione inferiore alle 33.000 unità; il calo rispetto al 1987 sarebbe pertanto di quasi 4.000
abitanti (oltre il 10%). La previsione consente alcune considerazioni di un certo interesse:
-il calo di popolazione di Aosta è dovuto per circa 2/3 ai saldi naturali negativi e per la quota
restante al deflusso migratorio. Anche supponendo che quest'ultimo possa attenuarsi (allo
29
stato attuale non è ipotizzabile che diventi positivo) per effetto di un insieme di fattori favorevoli
(crescita economica vivace, maggiore disponibilità di abitazioni, ecc.), Aosta continuerà
ugualmente a perdere abitanti, salvo gli effetti determinanti dalla costruzione dell'auto- strada,
o il realizzarsi di programmi regionali anticiclici

- la flessione demografica colpirà innanzitutto le classi d'età più giovani (indicativamente la


fascia fra i 10 e i 30 anni) quelle cioè maggiormente cresciute a seguito del "baby boom" degli
anni '60 e sulle quali è stato e sarà più sensibile il calo di natalità degli anni successivi. Ciò
avrà conseguenze immediate facilmente immaginabili sulle strutture scolastiche (innanzitutto
la media inferiore e superiore) e, in una prospettiva un pò più lontana, sul mercato del lavoro.
La crescita delle classi d'età più anziane (oltre i 65 anni) assumerà proporzioni
quantitativamente più contenute.
-il “peso" della popolazione di Aosta sul totale regionale subirà una sensibile riduzione. La
Regione presenterà anch'essa una dinamica naturale flessiva (pur se leggermente meno
negativa del capoluogo) ma è quasi certo che i saldi
migratori continueranno a restare positivi e potranno più che compensare i bilanci naturali
passivi. E' comunque probabile che il peso demografico dell’areaa urbana in complesso si
mantenga sostanzialmente stazionario.,

5.1.2 L'assetto economico

L'economia della città, e dell'area urbana di Aosta, appare dominata da fenomeni di


trasformazione profonda, con spostamento di equilibrio fra i diversi settori di attività e con una
modificazione, anche in termini di substrato culturale, della struttura professionale della
popolazione.
Vengono emergendo alcuni aspetti peculiari che di seguito analizziamo.
Radicale perdita di peso del settore agricolo
Il settore tende pero a mantenere una sua presenza ancor significativa tutta l'area urbana, ma
soprattutto nei comuni della prima cintura di fondovalle in cui si pratica la frutticoltura e una
modesta agricoltura "da cortile" tipi delle economie familiari miste.
Tutto il processo di deruralizzazione, nei termini più appropriati di settore consistente
partecipazione alla formazione del reddito, è a stadio avanzato tutta l'area regionale e
presenta indici ormai fisiologici di sopravvivenza, al sotto dei quali può vanificarsi la funzione
primaria di manutenzione ambiente e di simbiosi con il turismo.
Deindustrializzazione
Il fenomeno è leggibile dalla cadenzata e irreversibile flessione della Ilva Cogne e dal suo
destino ancora incerto entro la strategia regionale.
Essa occupa ancora poco più di un migliaio di addetti che, nella ipotesi oggi più accreditata,
dovranno ridimensionarsi a valori assai più modesti.
Il resto dell'industria è costituito da microimprese e da un non vasto arcipelago di artigiani della
produzione, non in grado di ammortizzare i contraccolpi della perdita di occupazione
industriale e soprattutto della perdita di quella cultura industriale che costituiva il retaggio
storico della città di Aosta e tutta la Valle.
E' ovvio ricordare che col termine deindustrializzazione si intende riduzione dell'occupazione e
non della produzione complessiva, che invece risulta accresciuta per effetto degli incrementi di
efficienza e dello sviluppo labour saving .
Esiste, ed è fortemente sentita, la perdita della funzione motrice sullo sviluppo economico
generale da parte dei settori "produttivi" (industria e agricoltura perciò la strategia della
Regione è stata costantemente rivolta a creare nuove opportunità di insediamenti industriali,
tali da compensare quelle perdite occupazione che solo "quantitativamente" e solo
parzialmente sono compensa con lo sviluppo del terziario e del turismo.
Tali interventi non sono riusciti finora ad invertire, tramite la strategia sostegno finanziario, il
ciclo recessivo della grande industria nè a promuove l'insediamento nell'area aostana di nuove
30
imprese attraverso la partecipazioni di FINAOSTA diversamente da quanto avviene nella
media-bassa Valle.
Nè è stata sviluppata una politica di crescita della PMI a causa delle strozzature che ne hanno
limitato l'espansione locale prima fra tutte l'indisponibilità di aree.
Attualmente possiamo stimare che gli occupati nell'industria siano costituiti i 1700-1800 addetti
circa (di cui circa il 58% alla Ilva-Cogne) che salgono a "2400-2500” con le microimprese e le
attività artigiane, con una incidenza 38,5% sull'occupazione extragricola registrata (assai
minore l'incidenza nell'ipotesi di forte rivalutazione dell'occupazione nel settore pubblico, e
nella persistenza di una sia pur debole occupazione agricola).
Terziarizzazione spinta di tutta l'economia
La crescita del terziario riesce a più che compensare il declino dei tradizionali settori portanti
dell'economia aostana e valdostana (industria, estrazioni, agro- zootecnia). Tutta
l'occupazione terziaria cresce con particolare vitalità nei rami del credito, assicurazione e
attività commerciali che accentrano in Aosta quel potere di polarizzazione verso l'area della
residenzialità prossima e, per i servizi superiori, verso tutta la popolazione valdostana. E
ancora verso tutto il turismo, eminentemente di transito, che trova in Aosta forte richiamo
commerciale e di servizio, più che risorse stanziali, in ogni caso da adeguare a standard
internazionali, quali il flusso estero richiede.
Ruolo dominante del terziario pubblico
Secondo le nostre rilevazioni dirette, l'apparato pubblico di diversa amministrazione di
appartenenza occupa oltre 5 mila persone, nella sola città di Aosta, mentre i servizi di
erogazione e trasporto ne occupano ulteriori 1600, per un totale di oltre 6.600 persone, tra
residenti locali e non locali.
-Il settore pubblico e parastatale costituisce il settore portante dell'economia
urbana: da presidio di confine e città eminentemente industriale Aosta ha assunto
progressivamente la fisionomia di città amministrativa e burocratica, nella duplice accezione
insediativa e occupazionale, oltrechè di produzione di servizi a domanda non divisibile e non
localizzabile, almeno in parte.
La tavola che segue (tav. n.1.1) rappresenta la distribuzione di alcune principali funzioni
pubbliche all’interno del territorio comunale.

31
Tavola: pubblica Amministrazione

TAVOLA N. 1.1

Pubblica Amministrazione

32
Tav. 1.1 - Pubblica Amministrazione X = 2560
MEYLAN

Y = 2780
TRAMAIL
Ae36

FLEOD DI SOPRA

Ae27 Ef13
Ba115 Eg21

Ae15 SEYSSINOD
Ee06 Eg16 GIOANNET Ec05
96

GAILLET Ae26
95
LARAVOIRE Ae35 CACHE

33
EXCENEX

TORREN
38
25 Ae25
OSSAN
Ac02 41
Ae34

TE
Eg20
Ae14
37
Bb02

PLAN DE FIOU Ba114 18

Ec04
Eg12
14 DE LA CROIX
EXCENEX-CHAMPFb08
44 Ba125

Ae13 Ee09
PLAN DE DIAU
48
FLEOD DI SOTTO
Eg10 Ba113 40
15
Fb09
Ba116*
94 98 NEYVE

Ee05 Ba112
Ba18 Eg25

Ae33
Ef07
34 45
Ae24 16
Ae23 74

56
CHIOU
57 PREILLE 55
104

Ba127 Ae32
POROSSAN
Ba123*

TRUCHOD
Ca07
Ae18 103
Ee04 97

52 Eg15
Ba122*
Ae19 39
LA CHAPELLE
Eg26 43

SIGNAYES
Fa22* Ae22
Ae12
Ee08
AVILLE DI SOPRA ENTREBIN
Ba111
Ee03 44 27

Ba126 100 35
Ae31
Ae17
Ef06 Eg11 15

Eb03 13 Eg14 Fa23*


102
46

BUTHIER
52
45

26
54
Ca04
Ae30
PAPET
AVILLE DI SOTTO Ae21
Ba121*
Eg23
Ae11
60

ARPUILLES GRAND
Ba110* SIGNAYES
93

92

Ef05 Eg09 Eg08

35
Ac01 46

Ae08
Eg27 36 Fb05
91 32 49
Ef12
9

Ef04
SAUMONT
17

ARSIN Ba120*

43

Ae09 Ee07
SARAILLON
LIN BLANC
Ae20
Ba109* Ae29
101
Ae10

Ba124 16

TALAPE' Ba108 MOVISOD


42
31

55
Eg24

LA COMBA
LOUPS
Fa21* Ba119* 47
Ae28

14 Eg07 54
Ba96

Ee02

Ef03 Ba107* Ba69*


BUSSEYAZ
ROPPOZ
Ba118
33
Eg18
Ba117 71
Ae02

Ba70
Ae07 Eg19
VIGNOLE DI SOPRA 34

Ba72
Ba71 26
CHAMPAILLER
Ef02 VIGNOLE DI SOTTO

Ba106* Fa11* 69
70
Ba73*
Ec01 32

11
34
17 30
72 Bd04 Ae03
16
REGION E
COGNON

Ba67* 68 Fa19 34
Ba66*
36
Eg06 9
19
Ba128* Fa10 56
Eg05 16
7 42
Fa18
73
Ba54* 9 Fa20
Ei01 87

51
50
Ba95*
Ba74 Ba92*
Af02

TO
R
67
Ba93

R
EN
51 15
Ba75

TE
13
Ba65 Ba68*
30 11
43
Ba61 49
Bc17*
Ba105* 16 Fa09 Fa17*
Fa07 21 Ba94 Bb01*
Eg03 Ba62 Fa24
20
Ef01 35

Ae04 13 14
48 14
Bc16* Ba91* 41
90 Ba64
10
10 Bc15*
Ba63
18
Ba84* Fa15* Bd03*
46 26
Eg04 15 57
12 66 20
7 8
Ba55 17
23
Ba86*
Ba60 18 21 Ba85*
Ba103* 12 47 33
Eg28 65
29 53
28 28
65
Ba83* Bc12* Bc14*
27 58
45 24 31
88 59
25
PLEOD BIOULA Ba59 Ba87*
Ba104* 44 27
29
Eg22 50
19 Bd02*
75
78
63

Ca02* Ba52* 42 10 19 86 Ba89* Ba90*


6 15

Eg02 89 61
Ba82*
24 27
Ae06 Ba53 Ba58 30
28
Ca08*
20 37
13
18
62
22 85
8
40
Bc13*
21
11
59 76 12 39
25 26
32
Ba102* 40
Ba101* Fa04 6
28
Ba99* 3 24

16
21
Fb04*
Ae05 20 Ba81* 77 Fa14* 31
84
49 5 Ba56 41 12
Fb07* Fa16* 13
Ba50 Aa01
5
12

5 Ba57 22 17
17 38
14
30

Ba51 22 8 83
8 19 Fb03*
51
6
11
23
Ba49 18

Eg01 7 25

Ba98* 36 Fa03* Ba48 17


Ba05* 33
23

23 24
4 64
5 36
1
39
Ba79*
3 18 Fa06 8 15
16
Ba100* Ba14 Ba80*
16 14 9 14
34 Bc10* 29

35
Ba77* 82
19 9 Ba78*
58
15
32
33
38
Fb06*
5 Af01 29

Ba13 Fa02 Fa05 14


15
35
19

Ba12 67
Ba39 11 10 30
Ba76*
4
Ba46 7
Ba45 31
13 22
7 105 13 37
36
Ba97* 1
3
7
3 Ba47 10
11
29 Bc09
2 6
3 11
5
62
Ba03 2
4 28
8
2
Ba40 10 11
Da01* 81
Ba15 Ba16 61 20
13

1 6 Ba27
27
Ae01 Ba04 1 4 Fa13*
21
Ca01 53
12

Bc03 4
Ba41
12
Ba11*
2 Ba38 BALTEA
5 23
Ba20 4
7 22
79
2
Ba02* 66
12
24
1
Bd01 Ba26
1 31 Ba19 10 Ba44 80

4 Bc02 4 32
Fb02 5
Ba10
Ba28
Ba07* Bc01 6 Ba131 6 37
BU
3
3 Ba37 Fa08* TH
Ba17 IE
Ba08* Ba42 Bc06* R
Ba25 Ba43 Bc08
Ba21 10
63
9
26

50 Ba09
25
Ba01* Ba22
2
Ba06* 48
Bc04*
Ba36
Ba24 Bc07*
2

Ba23 Ba29 20
8
Bc05*
1
Fb10
Db01*
6 Ba34*
Ba35
7
1 Fa12*
Ba33* 1
Ba31

8
Ba30
Fb01*
1
Fa01*
Ee01
1
3 DORA
47

2
Y = -1242

X = -3440 SCALA 1:15000


5.1.3 Ruolo del turismo
Aosta città turistica gioca virtualmente su molteplici fronti (ville d'étape su assi di traffico
internazionale, campo-base del bacino sciistico di Pila ma anche di tutto l'escursionismo verso
le valli, città storico-archeologica), pur non valorizzandoli tutti in egual misura nè realizzando
appieno il proprio appeal in rapporto ai fattori di attrazione di cui è ricca.
In complesso la città di Aosta presenta una certa forza attrattiva che trova il suo correlato in
una dotazione ricettiva di non trascurabile entità, quasi 2.800 posti letto tra alberghieri ed
extraalberghieri, (quasi 12 mila nell'area urbana in complesso) cui si aggiunge una diffusa e
consistente presenza di seconde case (circa 1.600 letti); la struttura professionale è deputata
a soddisfare la domanda di transito, le seconde case a sostenere la domanda stanziale estiva
e invernale.
I flussi di turismo rilevati sono pari a 137 mila arrivi e 263 mila presenze, ma la realtà del
turismo di Aosta è solo in parte misurabile nei termini convenzionali di arrivi e presenze
oggetto di registrazione, mentre assai più ampio e ricco di ricadute economiche (consumi e
acquisti) è il flusso di transito.
Aosta, in quanto città capitale e prima tappa di transito internazionale, appare oggi dotata di
una struttura quantitativamente sufficiente alle esigenze attuali e tale da garantire un
accettabile livello di redditività, come dimostra il tasso annuo lordo medio di utilizzo del 45-
50% degli alberghi; non altrettanto potrebbe dirsi in termini di standard di innovazione e
modernità tale da porla in competizione con le altre città di frontiera di Svizzera e Francia. Nè
sufficiente appare il processo di valorizzazione di immagine che altre aree si sono date con
innegabili ricadute economiche (Chamonix, Martigny, Annecy).
Per Aosta pare dunque necessaria l'identificazione di un'area funzionale più ampia, in cui
venga meglio valorizzata la posizione baricentrica della città rispetto ai grandi percorsi turistici
delle valli laterali e al monopolio delle più prestigiose cime europee.
Un target di questo tipo appare assai ambizioso ma non ingiustificato alla luce della vastità
delle risorse ambientali, storiche e artistiche che la città offre, oltre alla buona articolazione dei
servizi; richiede una strategia e un disegno assai ben progettato di riordino, valorizzazione,
strutture di accoglimento e di loisir accompagnate a una vasta operazione di immagine e di
promozione soprattutto sui mercati lontani, naturali destinatari di un'offerta di questo tipo e
dimensione.
L'assumere un target superiore significa modificare il lento sicuro trend di quali-quantificazione
dell'attuale vis atractiva, per ridisegnarne le funzioni in un'ottica di domani.
Aosta, nata come città industriale e sede di servizi, va spontaneamente modificando l'asse dei
suoi valori. Estremizzare questa condizione puntando sul turismo come attività motrice, e ad
essa livellando le scelte urbanistiche e funzionali, può essere strategia che solo il potere
politico è in grado di assumere scientemente.
Presenza propulsiva della Regione
In un quadro di forte presenza pubblica, l'Ente Regione assolve alle principali funzioni
strategiche di:
-sede di Governo, che nelle sue molteplici sedi, ormai distribuite nell'intero corpo urbano,
occupa quasi oltre 2000 funzionari oltre agli addetti dell'USL e agli insegnanti.
- gestione di cospicue entrate finanziarie, per un ammontare attestato sui mille miliardi di lire,
tra trasferimenti dello Stato, riparti fiscali e entrate del Casino
-sostegno alle attività agricole, attraverso una politica di contributi, di rimborsi e di interventi
diretti in opere pubbliche, in indennità e premi ai conduttori
-sostegno ai settori dell'artigianato, del commercio e anche del turismo (mutui agevolati e
contributi ai tre settori oltre a partecipazioni azionarie dirette negli impianti di risalita).
Ma infine e soprattutto attraverso una politica di lavori pubblici regionali e comunali, che si
traducono in determinanti allocazioni di risorse e occupazione in presenza di un mercato
edilizio privato sempre più marginale.

33
Secondo una stima elaborata dal gruppo di lavoro del PCI nel 1986, dipendono direttamente
dalle finanze regionali oltre 7.000 addetti, vale a dire circa il 14% degli occupati complessivi,
mentre in Aosta l'area pubblica appare nettamente dominante sulla dimensione del mercato
del lavoro.
Ovviamente il ruolo centrale svolto dalla Regione sul piano economico e sociale pone alcuni
problemi di fondo:
se il tipo di assetto economico e occupazionale raggiunto grazie all’intervento regionale, sia da
considerarsi equilibrato e soddisfacente e stabile
se la crescita dell’apparato e delle sedi pubbliche nel modo in cui programmaticamente si sta
verificando, corrisponde a un efficiente assetto delle funzioni sul territorio del Comune e
dell’intera conurbazione.

Andamenti recenti 1997 – 2005


I più recenti dati disponibili relativi al turismo riguardano gli anni dal 1997 al 2005.
L’andamento è nettamente decrescente fino all’anno 2000, particolarmente consistente negli anni
dal 1998 al 2000, molto marcato nel 1999 rispetto al 1998 (-7,9%) e nel 2000 rispetto al 1999 (-
8,8%) probabilmente dovuto alla chiusura del tunnel del Monte Bianco (marzo 1999) e all’alluvione
(ottobre 2000). Nel 2001 la diminuzione è stata abbastanza modesta rispetto all’anno precedente
(-1,6%). Nel 2002 il turismo fa registrare un aumento (8,1%), seguito negli anni successivi da un
andamento altalenante e di nuovo sostanzialmente in discesa: una variazione contenuta nel 2003
rispetto al 2002 (-0,8%) e significativa nel 2004 rispetto al 2003 (-8,4%). Infine nel 2005 si assiste a
un leggero incremento dell’affluenza turistica (3,8%), tale tuttavia da non essere in grado di
recuperare i valori massimi iniziali, peraltro non più raggiunti. 1999 2000 2001 2002 2003 2004
2005
I dati a disposizione della Città, e della stessa Regione che in gran parte li produce, mettono in
evidenza come l’affluenza dei turisti italiani nel periodo estivo si concentri in prevalenza nel mese
di agosto anche se in generale la tendenza è per un maggior scaglionamento negli altri mesi estivi.
Si è passati infatti nel mese di agosto da una percentuale del 17,5% del 1997 al 13,6% del 2005.
Per le vacanze estive dei turisti stranieri, nel 2005, si nota una distribuzione più uniforme in tutti i
mesi. Nel periodo invernale-primaverile si registra per gli italiani una discreta affluenza turistica nei
mesi di aprile-maggio.
Quanto alle provenienze, oltre i tre quarti dell’afflusso turistico straniero in Città è determinato da
quattro Paesi europei, (Francia, Regno Unito, Svizzera e Germania), mentre per quanto riguarda i
flussi di origine nazionale, oltre un terzo dell’affluenza, il 36%, è determinato da turisti provenienti
dalle due maggiori regioni finitime (Lombardia e Piemonte)Dalle prospezioni condotte emerge
inoltre che l’affluenza dei turisti Italiani provenienti dal Nord è aumentata del 9%, mentre quella del
Centro, Sud e Isole è sostanzialmente in calo.
Quanto infine alla permanenza media, il dato medio non è entusiasmante:si attesta al di sotto dei 5
giorni nel caso dei flussi nazionali e al di sotto dei 4 giorni per quanto riguarda le provenienze
straniere (con minimi significativi a seconda delle diverse categorie).
Il fatto macroscopico è costituito da un andamento sostanzialmente decrescente, interrotto soltanto
nel 2002 con una modesta inversione di tendenza, che peraltro non si è ripetuta negli anni
successivi. In valori assoluti i flussi totali passano da circa 110.000 nel 1997 a 96.000 nel 2005 con
un calo di circa il 13%. A determinare questo fenomeno è soprattutto la componente nazionale,
che fa registrare un brusco e drastico calo, mentre la componente straniera si mantiene nel
periodo sostanzialmente stabile, e comunque minoritaria rispetto a quella locale.
Il fenomeno è significativo e va considerato con preoccupata attenzione, quanto a possibili
politiche promozione e di contrasto della tendenza registrata.
Nella sostanza si può affermare che Aosta non goda di un flusso turistico soddisfacente e
soprattutto che si tratta di presenze di breve e brevissima permanenza, con minimi al disotto dei
due pernottamenti nel caso delle categorie superiori.

34
5.2 Andamenti del periodo più recente
La popolazione residente nel comune di Aosta presenta un alto tasso d'incremento negli anni '50 e
nei primi anni '60. A partire dal 1974 il tasso d'incremento si è rapidamente affievolito ed è
diventato negativo a partire dal 1978.
Tale era, molto sinteticamente, l'andamento della popolazione alla data dell'approvazione del PRG
del 1984 e non vi erano, allora, presupposti che potessero giustificare, nel medio periodo,
modificazioni di rilievo in ordine a tale tendenza.
Tale tendenza si è di fatto ulteriormente consolidata negli anni '80 e '90, anche se per contro è
aumentato il fenomeno dell’immigrazione da paesi extraeuropei, ed è aumentato il numero delle
famiglie a causa della progressiva diminuzione della dimensione media.

Comune di Aosta

Anno Residenti Nati Morti Immigrati Emigrati


1972 37659 584 397 1243 792
1973 38401 581 389 1588 1038
1974 38973 569 355 1342 984
1975 38966 504 350 1015 1176
1976 39026 462 410 1079 1071
1977 39046 443 417 870 876
1978 39131 424 374 909 874
1979 39072 344 363 844 884
1980 38882 326 364 901 1053
1981 37707 284 381 795 927
1982 37783 316 358 695 577
1983 37355 302 386 763 630
1984 37200 279 350 910 994
1985 37038 272 369 865 930
1986 36856 319 360 890 1031
1987 36716 248 320 855 923
1988 36505 303 349 842 1007
1989 36339 305 356 851 966
1990 36095 267 337 770 941
1991 36184 294 371 667 739
1992 36156 287 390 809 734
1993 35767 252 408 771 1009
1994 35492 246 372 902 1051
1995 35292 262 345 891 1008
1996 35098 282 418 1016 1074
1997 34989 229 358 1064 1044
1998 34813 263 397 1066 1053
1999 34741 263 371 1163 1127
2000 34644 276 417 1068 1026
2001 34460 307 466 1227 1108
2002 34207 252 421 1248 933
2003 34227 294 419 1287 1128
2004 34356 289 381 1284 1149
N.B. anno 2004 = dati al 27/9/04

35
GRAFICO N. 1
Andamento della popolazione residente

40000

39000

38000

37000
Residenti

36000

35000

34000

33000

32000
72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

00

01

02

03

04
19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

20

20

20

20

20
Anni

Le cause del declino demografico sono principalmente due:


a) la sensibile e permanente riduzione delle nascite (cfr. grafico n. 2)

GRAFICO N. 2

Movimento naturale della popolazione

600

500

400
Nati
Unità

300
Morti

200

100

0
4
0
2

2
9

0
7

9
19

19

19

20

20

20
19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

Anni

36
b) il permanere di un tendenziale saldo negativo tra le iscrizioni e le cancellazioni anagrafiche; in
proposito bisogna tuttavia osservare, negli ultimi anni, un saldo positivo, che potrebbe anche
preludere ad una inversione di tendenza costante nel medio periodo (cfr. grafico n. 3)

GRAFICO N. 3
Movimento migratorio della popolazione

1800

1600

1400

1200

1000
Unità

Immigrati

800 Emigrati

600

400

200

0
72

74

76

78

80

82

84

86

88

90

92

94

96

98

00

02

04
19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

19

20

20

20
Anni

37
Con riferimento alla domanda di abitazioni, nel decennio 1991 – 2001 si assiste ad un ulteriore
incremento dei nuclei famigliari accompagnato da un’ulteriore riduzione del numero dei
componenti del nucleo (cfr. grafico n. 4-5)

Anno Numero medio componenti nucleo familiare Numero nuclei familiari


1951 3,28 7151
1961 3,17 9411
1971 2,89 12520
1981 2,61 14180
1991 2,52 14618
2001 2,26 15096
2004 2,25 15255

GRAFICO N. 4
Nuclei familiari

16000

14000
n. nuclei

12000

10000

8000

6000
1951 1961 1971 1981 1991 2001 2004

Anni

Numero nuclei familiari

38
GRAFICO N. 5
Numero medio dei componenti per nucleo familiare

3,5

3
n. medio componenti per nucleo

2,5

1,5

0,5

0
1951 1961 1971 1981 1991 2001 2004
Anni

Numero medio componenti nucleo familiare

39
Circa la domanda di ipotesi di lavoro e di servizi, essa è principalmente funzione della struttura
demografica per classi di età (oltre che per sesso).
Dall’esame del grafico n. 6 si può notare, rispetto al 1991, un’ulteriore riduzione delle necessità di
asilo nido, scuola materna, scuola dell’obbligo, una riduzione della necessità di posti di lavoro, un
ulteriore ampliamento della necessità di servizi (in particolare sociali e sanitari) per le persone
anziane.

Anno Meno di 6 anni Da 6 a 13 anni Da 14 a 64 anni Maggiore di 65 anni


1951 8,7 13,6 71,8 5,9
1961 7,9 10,9 74,1 7,1
1971 9 11,2 70,2 9,6
1981 5 11,1 70,1 13,8
1991 3,7 6,4 71,2 18,7
1998 3,7 6,4 67,4 22,5
2004 4,95 6,08 65,71 23,27

GRAFICO N. 6

Percentuale delle classi di età sulla popolazione residente

80

70
Percentuale sulla popolazione

60

50

40

30

20

10

0
1951 1961 1971 1981 1991 1998 2004

Anni
Meno di 6 anni Da 6 a 13 anni Da 14 a 64 anni Maggiore di 65 anni

40
La dinamica demografica esaminata si è distribuita, rispetto al 1991, in maniera uniforme sul
territorio del comune; la distribuzione della popolazione al 2001, differenziando la zona urbana
dalla zona extra-urbana, è infatti rimasta inalterata rispetto al 1991 (cfr. grafico n. 7)

Anno Residenti Nell'area urbana Nell'area extraurbana


1951 24215 23016 1199
1961 30633 29517 1116
1971 36906 35551 1355
1981 37682 36392 1290
1991 36214 34975 1239
2001 34062 29931 4131
2004 34356 29802 4554

GRAFICO N. 7

Distribuzione territoriale della popolazione

40000

35000

30000
Popolazione residente

25000

20000

15000

10000

5000

0
1951 1961 1971 1981 1991 2001 2004

Anni
Residenti Nell'area urbana Nell'area extraurbana

41
Il grafico n 8 evidenzia invece la distribuzione territoriale della popolazione con riferimento alle
circoscrizioni individuate dal Comune:

Circoscrizione Abitanti Famiglie


Centro storico 8566 4025
Centro-ovest 8966 4138
Saint Martin de Corleans 6024 2632
Collina di Aosta 3279 1430
Porossan 1562 637
San Rocco-quartiere Dora 3900 1629
Signayes 743 315
Arpuilles-Excenex 1018 409

GRAFICO N. 8

Distribuzione della popolazione residente con riferimento


alle circoscrizioni individuate dal Comune

9000

8000

7000

6000
Residenti

5000

4000

3000

2000

1000

0
Centro storico Centro-ovest Saint Martin de Collina di Porossan San Rocco- Signayes Arpuilles-
Corleans Aosta quartiere Dora Excenex
Circoscrizione

Abitanti Famiglie

Un futuro possibile.

La Valle d’Aosta e di riflesso la conurbazione di Aosta stanno vivendo un eccezionale periodo


di trasformazione che incorpora elementi di crisi ed elementi di sviluppo e di cui non è facile
prevedere gli sbocchi.
Queste variazioni sono avvenute nel breve corso di 15 anni, in modo spontaneo senza
interventi pilotati che garantissero gli esiti della trasformazione: la grave deindustializzazione,
la riduzione al limite delle attività agricole, l’esplosione del terziario, il forte consumo del
territorio per attività turistiche e commerciali, la scarsa attenzione alla qualità dell’ambiente.
42
Le prospettive che possono diventare realistiche solo in presenza di un forte impegno pubblico
di indirizzo e di sostegno fanno riferimento ai singoli comparti dell’economia e ad un uso
corretto e ben pianificato delle risorse ambientali e territoriali.

43
5.3 Nuovi sviluppi edilizi

Il fenomeno dello sviluppo edilizio va considerato tenendo conto degli andamenti storici e ai
caratteri dell'espansione edilizia prodottasi almeno nel corso dell'ultimo ventennio.

Gli strumenti urbanistici di quel periodo presupponevano un consumo di suolo molto elevato,
pari a circa 1000 ettari, che si è effettivamente prodotto per una quota assai consistente (circa
i due terzi in più rispetto allo stato iniziale).

Al netto della riduzione imposta dalla Variante collinare intervenuta nel 1990, che ha
comportato una sottrazione di aree edifícabili dell'ordine di mq. 157.000, il suolo
potenzialmente ancora disponibile per nuove urbanizzazioni ammontava allora a circa 50
ettari, per circa due terzi concentrati nelle aree frazionali (il 67%) e per il 15% nella fascia
collinare ovest.

Rispondente a una domanda sostanzialmente in calo, il PRG vigente comportava una drastica
limitazione di tale disponibilità, operando una riduzione a un terzo (da 50 ettari a 14): il
decremento era pari al 71%, ed era particolarmente sensibile nella fascia collinare (riduzione
del 56%), nelle aree frazionali (riduzione del 74%), ma soprattutto in regione Porossan
superiore dove la capacità insediativa era quasi totalmente eliminata (-99%).

Nel complesso il PRG vigente comportava un potenziale incremento di suolo consumato


inferiore ai due punti percentuali del complesso delle aree in allora urbanizzate (pari all'1,8%).
Gli incrementi relativi più consistenti e assai superiori al valore medio (oltre sei volte)
interessavano le aree frazionali ovest (+12%).

Nel periodo più recente, quello che va tra il 1998 e il 2003 il fenomeno di consumo si è
attenuato di intensità e riguarda prevalentemente l’espansione di tipo residenziale che è pari a
poco più di dieci ettari. Va tuttavia sottolineato come tale espansione non riguarda soltanto
aree di sviluppo in ampliamento rispetto al contesto territoriale urbanizzato vero e proprio,
bensì anche sviluppi residenziali avvenuti all’interno di aree già intensamente utilizzate per usi
urbani.

La tabella che segue elenca in maniera dettagliata tutti i casi di nuova edificazione, dunque
non soltanto quelli destinati alla residenza (che sono comunque prevalenti) ma anche quelli
destinati a servizi pubblici, nonché i casi di insediamento agricolo (che generalmente non
vengono considerati nelle analisi di consumo).

La tavola (tav. 2.1) illustra la distribuzione dei principali episodi di sviluppo registrati nel
periodo.

44
Tavola: Sviluppi edilizi avvenuti nel periodo 1998-2003

TAVOLA N. 2.1

Sviluppi edilizi avvenuti nel periodo 1998-2003

45
Tav. 2.1 - Sviluppi edilizi avvenuti nel periodo 1998-2003 X = 2560

Y = 2780
VA0035

VA0041

VF1513
AA74 VA0038

RC118 AA32
RC119 AA25
VF5001
AA72 RE4103
VA0037 MA0022
VF5003
AA34

VA0034 PA1951

AA24

PA1514 VA0052
VA0012 RC162 IC1570
VA0053

N
RC80 RC115 RC87
IG0055 VU0502
IG6011
RC114
VA0011 IG1052
VA0025 VU0504
PA3006
RC116 GI1522 VA0040 VAI002
RC103
VF1516

RC104 RC74
VA0018
VAI001 RC89

VA0024

RE0071 PA1532
AA36
AA84

M
AA18
RC120 VA0017
VA0016 VF5002
VA0033
RC73 AA33
RC157
AA30 RC159
VA0032
RC111 RC110
VF5004
MV0001 AA63 VF1525
IG6012 PA1526

AA64

AA37
AA39

G
PA1967 AA11
RC121 IC1567
VA0023
AA62 IG6014
RC158 RE0054
SP1081

IG1554 VF1029
IG1555 RC123
RC92
RC95 RC91
MA0021 VA0029
VA0013
RC94
RC69 AA10 RC112

AA44

RC133 RC90
VA0022 VA0027
RC156
RC124
PA4006
PA1519 VF1520 VF1005 VA0028
AA59
IG6004

RE0070

VF1521 VA0026

VU0503
RC126
RC67
RC134
RC165
RC57
AS0094
RC66
RC40 RC58 RC125

PA4001 RC59
RC45
VA0021 AA27

AA31

RC41 RC143 VF2020

RC36 RC127
VAI003 AA07
RC42
RC39
PA1527
VA0014
RC146
RC144
VF0211

VA0020 RC37

F
RC46
AA09
RC38
VF1003

VI004 RC122
VA0050 RC128 RC129
IG6002 RC34 VF1016

RC43 RC60
RC142
RC54
VA0008 RC164
RC47
IG1049
VA0054
VA0043
RC145
RC55 VF5000
RC32 RC51 RC48 AA02
UC0067
VA0009 VA0019
CU4105 RC49 VA0044
AA57 UC0087 IG1550 RC130 RC50
RC31 UC0070
VF2021
RC21 RC33 RC131
VA0007 VF2021 VF1025
IG1553 RC62
RC35 UC0069 RC131
IG1509 AN0002 UC0066
VF5006 AA83
SP0185
VF1044 RC30 MA0018
UC0058
HH0085 VA0045
RC19 VF2019
RC52 PA1964
AS0090 UC0065 IG0507
PA1055
VA0005 RC22 PA0222
RC140 VF5013 ZTD1
UC0056
UC0057 UC0111
VF2024 VF1047 RC65 UC0123 UC0124
VF5011 VF5010 UC0055 RC63
AA52 RC132
UC0071 VA0046 ZTD1
RC18 VF1031 UC117 VF5015 ZTD2
PA0209 UC0059
UC0064 RC53 RC132
RC105 IG0097 UC0063 UC0125
VP1057

A
RC17 UC0094 PA3007
SM0035 VF0153
RC163 RC136 UC0115
VA0004 UC0088 IS0043 UC0122
RC137 PA4004 ZTD3 IG0143
UC0089 VP1551 CU1058

E
HH0072 UC0052 UC0050
VP1067 ZTD9
PA1578 VF1009 IC1550 CU1549
UC0072
PA1579 UC0153 ZTD6 ZTD11
VU1578 HH0073 PA4009 ZTD7

D
UC0049 UC0048 VF0179 UC0090 ZTD12
RC135 VA0006 RC16 MA0178 VF1069 UC0129
IG0127 MA0006 VF0152 PA1966 VF0125
UC0084 VP1061 UC0076 UC0127
UC0053 SE0027 UC0075
AS1030 PA0247 VF1011 IG2006 VF0157 VP1068
SE0025 UC0091 PA1932
IC1553 VF1562 RE1563 UC0121
VA0004 SM0042
UC0047 IC1543 MA0019 ZTD8 UC0120
UC0061 GI0174 VF0211 RE0062
UC0046 RE0058GI0173 RE0057
VF1501 RC141 VP2007 ZTD5
RC15 UC0062 VF1015 VF1035 CU0068
RC23 CU1053 VF1026
VA0002 RC155 UC0045 MA0011 VF1018 UC0126
RC138 IG0123 VF0212 UC0106
SP0177 UC0077 VF0171 UC0119 PE0002
UC0107

C
VF3003 UC0073 AN0003
AA77 VF1502 IC1544 VP1046 VP1060 UC0130
RC12 RC13 CU4104 PA1949 ZTD4
UC0097 VF2107 CU0130 PA0168
RC151 UC0060 VF1036
UC0074 VF0172
VA0003 RC24 AS0093 RE0010 CU0067 AS0167
VF0166 IG1571 ZTD10
CU0069
UC0042 IG0122 IS0048
UC0054 RE0055 ZTP4 IG0139
RC11 UC0078 PA1078
ATPU2 IC1568 PA1950
RC161 RC150 RC29 UC0041 IG6003
RC08 IG6001 VP1059 ZTP3
RC154 RC14 IG1570 IG1574 VF0169
UC0098 VP1058 PA1929
UC0131 VU1580
RC152 RC153 VF1020 IG0137
UC0101 VP1052 IG0142 UC0128 SP0187 IG6010
ZTP2
UC0100 PA4000
RC27 UC0096 SP0182 VF1042 CU2015 IG1569 CU0216 VU1571
IG0116
VF0154
RC10 IG1576 SP0198
RE0059 UC0136 ZTP9
RC139
UC0112 IG0111 PA0213 UC0132
IG1575
VA0001 UC0099 PA1554
UC0040 SE0028 VP1065 RE4102
RC160 ATPU1 IG0063 VF1040 ZTP8
PA1071
VP1549 F9 PA1969
VF0156 AS0091 IG0129 IG1572

I
CU4103 UC0133
ATPU3 IG0120 IG0118
VF0158 RE0056 ZTP6
RC147 UC0013 UC0014 IG0117 ZTP7
RC09 VF0170 UC110 P
UC0135 V3
UC0039 VF0144 VF1039 D1

L
UC0010 CU1505 VF1033 VF1032
RC06 VF5014 AA82 IG0132 VF0155 CU0047 UC0134
UC0015 CU1512
UC0009 IC1569 CU0065 VF2005
RE0060 VP2106 ZTP5
GI0180 UC0036 PA1912 VF1560
VF1010 UC0038 UC0051 CU0221
CU1548 CU4106 VF0176 MA1027 VF0145
UC0011 CU1546 SM0026
AN0004 UC0008 UC0017 VF1559
RC07 UC0082 PA1017 PA3002 SP0193 AS0088
RC148 VF0164 UC0016 IG0114 GI0175 UC109
RE0061 SP0191
UC0083 IG0186 UC0034
UC0093 UC0043 IG0100 UC0035 VF1615 IG0115 V2(D2)
RC03 MA0013 CU1547
UC0007
RC04 VF0163 CU0070 UC0032 VF1048
AA80 UC0037 AS0086
UC0081 UC0012 UC0092 UC0033 CU1566
RC167 MA0015 VF1014
IG6007 V1

H
UC0080 UC0031
AN0001 VF1038
RC166 UC0095 PA4005 UC0086 UC0138
RC05
RC02 SP0184 VF1565 UC0137 ZTCH2 D1
UC0104 IG0134
IG1573 UC0030 VF1013 UC108 D1
PA3000 UC0006 ZTC5 PA1960 VF0148
UC0004 MA0016 ZTC1 UC0152 UC0022 IG0135
UC0103 VF1566 V1(D2)
ZTC2
MA0012
ZTC1 UC0141 ZTCH1 ZTCH2 F8BIS D2
UC0003 UC0005 SE0029
VF1008 VF0162 ZTC4 UC0142
VF1019
UC0116 Z2
UC0079 UC0021 PA1080
VF5005 UC0140
RC01 UC0002 IG6013 UC0001 UC0023 UC0027 UC0139 S2
S1
UC0018
IG0121 Z1
IS0050 UC0143
UC0085 UC0024 UC0026
UC0020 Z4
PE0001
UC0028 PA1911
VF1046 UC0019
VF1004
Z3
UC0151
UC0025 PA1510 UC0144
PA1965 UC0150 PARCHEGGIO D2

B
INTERSCAMBIO
Z5

UC0149 UC0118

VU0501
IG0141 UC0148 UC0145

UC0146
SP0200 UC0147
SP0201
Y = -1242

VF1614

X = -3440 SCALA 1:15000


Tabella: sviluppi edilizi avvenuti nel periodo 1998 - 2003
Volume
Sup. pav.
Calcolo nuova
Densità Bacino Sup. nuova
Zona PRG Anno di Destinazione Sup. fondiaria Volume tot. consumo del edificaz.
PRG di coperta edificaz.
vigente edificaz. prevalente (mq) (mc) suolo sup. periodo '98-
vigente utenza (mq) periodo '98-
fondiaria (mq) '03 (mq)
'03 (mq)
(SPx3)

RC31 0,20 1999 residenziale A 644,02 171,63 1.569,92 472,39 128,80 386,40
RC138 0,15 1999 residenziale A 6.196,58 188,57 1.569,83 6.008,01 929,49 2.788,47
RC34 0,15 1999 residenziale A 1.483,34 0,00 0,00 0,00 222,50 667,50
RC110 0,15 1999 residenziale N 1.277,45 191,62 574,86
RC120 0,15 1999 residenziale G 1.272,47 190,87 572,61
RC104 0,15 1999 residenziale G 2.146,46 321,97 965,91
RC110 0,15 1999 residenziale N 602,67 90,40 271,20
RC09 0,20 1999 residenziale A 880,11 17,92 44,79 0,00 176,02 528,06
RC110 0,15 1999 residenziale N 2.231,75 334,76 1.004,28
RC69 0,15 1999 residenziale G 880,60 132,09 396,27
RC37/144 0,20 1999 residenziale A 1.280,50 321,72 1.006,33 0,00 256,10 768,30
RC110 0,15 1999 residenziale N 962,96 144,44 433,32
RC80 0,15 1999 residenziale G 1.590,35 238,55 715,65
RC09 0,20 1999 residenziale A 1.889,64 752,99 7.179,87 2.303,99 377,93 1.133,79
UC0040 0,00 2000 residenziale L 499,92 180,01 1.091,87 319,91 0,00 0,00
RC15 0,20 2000 residenziale A 1.214,76 21,49 64,47 1.193,27 242,95 728,85
RC10 0,20 2000 residenziale A 961,07 0,00 0,00 961,07 192,21 576,63
ZTD101 0,85 2000 residenziale E 15.851,91 0,00 0,00 15.851,91 13.474,12 40.422,36
RC112 0,15 2000 residenziale N 775,58 116,34 349,02
RC69/156 0,15 2000 residenziale G 1.998,68 299,80 899,40
RC112 0,15 2000 residenziale N 1.045,50 156,83 470,49
RC09 0,20 2001 residenziale A 1.678,12 0,00 0,00 1.678,12 335,62 1.006,86
RC19 0,15 2001 residenziale A 1.889,54 47,74 143,21 1.841,80 283,43 850,29
RC120 0,15 2001 residenziale G 1.536,09 150,18 833,11 0,00 230,41 691,23
RC156 0,15 2001 residenziale G 1.149,40 172,41 517,23
RC156 0,15 2001 residenziale G 706,58 105,99 317,97
RC116 0,15 2001 residenziale G 644,62 96,69 290,07
RC116 0,15 2001 residenziale G 973,91 146,09 438,27
RC116 0,15 2001 residenziale G 1.358,93 203,84 611,52

46
RC116 0,15 2001 residenziale G 833,73 125,06 375,18
RC09 0,20 2001 residenziale A 712,36 0,00 142,47 427,41
RC43 0,20 2001 residenziale A 585,93 0,00 117,19 351,57
RC69 0,15 2001 residenziale G 1.047,31 0,00 157,10 471,30
RC125 0,15 2001 residenziale F 1.748,30 0,00 262,25 786,75
RC126 0,15 2001 residenziale F 1.415,91 0,00 212,39 637,17
RC43 0,20 2001 residenziale A 782,70 0,00 156,54 469,62
RC121 0,15 2001 residenziale G 911,21 0,00 136,68 410,04
RC119 0,15 2001 residenziale G 818,16 0,00 122,72 368,16
RC110 0,15 2001 residenziale N 1.535,41 0,00 230,31 690,93
RC121 0,15 2001 residenziale G 1.019,94 0,00 152,99 458,97
RC58 0,15 2001 residenziale F 1.401,05 0,00 210,16 630,48
RC139 0,15 2002 residenziale A 6.543,65 177,48 1.315,03 1.466,44 981,55 2.944,65
RC39/146 0,20 2002 residenziale M 757,32 151,46 454,38
UC0112 0,20 2002 residenziale L 1.208,98 0,00 0,00 1.234,51 241,80 725,40
RC34 0,15 2002 residenziale A 1.992,30 10,32 25,81 1.981,98 298,85 896,55
RC125 0,15 2002 residenziale F 1.483,38 0,00 222,51 667,53
RC36 0,20 2002 residenziale A 2.389,05 0,00 0,00 2.389,05 477,81 1.433,43
RC42 0,20 2002 residenziale M 9.748,87 69,34 173,34 7.585,96 1.949,77 5.849,31
RC103 0,15 2002 residenziale G 1.562,19 72,60 508,19 1.489,59 234,33 702,99
RC38 0,20 2002 residenziale A 3.370,73 0,00 0,00 746,84 674,15 2.022,45
RC117 0,15 2002 residenziale G 1.157,27 28,00 140,00 505,54 173,59 520,77
RC69 0,15 2002 residenziale G 4.225,05 0,00 633,76 1.901,28
UC0145 0,40 2002 residenziale B 702,62 0,00 281,05 843,15
RC121 0,15 2002 residenziale G 1.003,68 0,00 150,55 451,65
RC09 0,20 2002 residenziale A 839,72 167,94 503,82
RC05 0,20 1999 non edificata A 2.279,87 0,00 0,00 2.279,87 455,97 1.367,91
RC49 0,20 2001 non edificata F 608,89 50,77 0,00 628,03 121,78 365,34
UC0116 0,25 2002 non edificata L 1.645,42 37,19 111,56 1.608,23 411,36 1.234,08
RC17 0,20 2002 non edificata A 4.579,35 60,00 150,00 4.519,35 915,87 2.747,61
RC40 0,20 2002 non edificata A 2.395,04 479,01 1.437,03
TOTALE 116.928,90 2.357,95 15.927,33 57.065,86 30.841,24 92.523,72

UC0028 0,40 2001 terziaria B 429,30 241,61 549,81 267,32 171,72 515,16
AA82 2001 terziaria I 17,77 0,00 17,77 44,43
TOTALE 447,07 241,61 549,81 267,32 189,49 559,59

47
VA0052/40 0,20 2001 produttiva M 7.711,80 155,35 1.708,83 3.177,38 1.542,36 4.627,08
MV01 2002 agricola G 7.419,71 0,00
VA0018 0,20 2002 agricola N 2.779,52 46,73 116,83 342,12 555,90 1.667,70
MV01 2002 agricola G 4.787,85 0,00
TOTALE 22.698,88 202,08 1.825,66 3.519,50 2.098,26 6.294,78

PA0209 2002 servizi pubblici C 4.593,06 0,00 0,00 4.593,06 9.186,12


TOTALE 4.593,06 0,00 0,00 4.593,06 9.186,12 0,00

Consumo del suolo (periodo 1998-2003) a destinazione residenziale:


superficie fondiaria mq. 116.928,90
superficie di pavimento mq. 30.841,24
volume mc. 92.523,72

Consumo del suolo (periodo 1998-2003) a destinazione terziaria:


superficie fondiaria mq. 447,07
superficie di pavimento mq. 189,49
volume mc. 559,59

Consumo del suolo (periodo 1998-2003) a destinazione produttiva - agricola:


superficie fondiaria mq. 22.698,88
superficie di pavimento mq. 2.098,26
volume mc. 6.294,78

Consumo del suolo (periodo 1998-2003) per servizi pubblici:


superficie fondiaria mq. 4.593,06
superficie di pavimento mq. 9.186,12
volume mc. 0,00
TOTALE GENERALE

superficie fondiaria mq. 144.667,91


superficie di pavimento mq. 42.315,11
volume mc. 99.378,09

48
5.4 Analisi della situazione urbanistico-edilizia

Il parco abitativo.

I caratteri salienti del patrimonio abitativo di Aosta sono così riassumibili:

* stato di occupazione. Una porzione consistente e costantemente crescente dello stock


(1.500 abitazioni al 1981, pari al 10% del totale) risulta formalmente “non occupato". Solo in
parte, tuttavia, si tratta di alloggi non utilizzati per usi saltuari, (per inagibilità o per scopi
speculativi) mentre la quota maggioritaria è sfruttata per usi saltuari (lavoro, tempo libero,
vacanza, ecc.). Il riassorbimento, ma anche lo stesso arresto della crescita del non occupato,
è da considerare di fatto poco probabile, stante la crescente diffusione degli usi saltuari, che
non ,paiono facilmente comprimibili.
Negli altri comuni dell'area urbana, dimensioni e ritmi di crescita dello stock non occupato
sono nettamente superiori ad Aosta e testimoniano la diffusione capillare (anche in comuni
convenzionalmente "non turistici") delle case per vacanza e tempo libero, oltre che delle
abitazioni usate saltuariamente per motivi di lavoro;
* degrado. Le abitazioni fortemente degradate che erano stimabili al 1981 in circa 1.500, di cui
700 nel Centro Storico, si sono consistentemente ridotte nell’arco di un decennio (sono
stimabili all'inizio degli anni novanta nell'ordine 600 unità).
Si tratta di valori meno consistenti, ma che testimoniano ancora una certa rilevanza,
soprattutto qualitativa, del fenomeno;

*attività edilizia. L'edilizia residenziale, anche negli anni più recenti, è costituita per oltre 1'80%
da nuove costruzioni; le ristrutturazioni, nonostante le esigenze di riqualificazione fisica e
funzionale, sono una quota decisamente marginale, soprattutto se confrontate con la
situazione media nazionale (50% circa).
Gli anni '80 hanno visto un forte calo dell'edilizia residenziale, soprattutto nei comuni di cintura,
dove si è notevolmente ridimensionata l'edilizia di seconda. I tassi di attività degli ultimi anni
(rapporti fra le nuove costruzioni e lo stock esistente), ad Aosta e nei comuni di cintura, sono
su valori ormai abbastanza livellati (di poco superiori all' l% annuo).
Un rilievo particolare riveste l'intervento pubblico: le costruzioni assistite da contributo
pubblico, statale o regionale (edilizia sovvenzionata, convenzionata e agevolata) sfiorano
ormai il 50% del totale;

*mercato abitativo. Vi è una domanda vivace di alloggi da acquistare, rivolta prevalentemente


alle abitazioni di 3-4 stanze, di finitura abbastanza buona; la vivacità della domanda è spiegata
in buona misura dalla disponibilità di mutui regionali per l'acquisto della prima casa e dal loro
stesso importo (80-100 .milioni), che consente facilmente di aspirare ad alloggi di 3-4 stanze.
L'offerta, questo segmento di mercato, è ormai esigua.
Una componente sicuramente consistente, ma tuttavia non esplicita, in quanto cronicamente
"scoraggiata", è la domanda di alloggi in affitto, rivolta sia ai tagli medi di alloggio (in generale i
più appetiti, stanti le dimensioni "normali" delle famiglie), sia a quelli piccoli, richiesti da un
pubblico ormai consistente di single, che spesso non cerca (o non può ancora permettersi)
l'acquisto di 1a casa (giovani, immigrati recenti, ecc.). Anche in questo caso l'offerta è moIto
ridotta, non soltanto per le strozzature "istituzionali" del mercato dell’affitto, ma anche per la
scarsità fisica di alloggi con le caratteristiche caratteristiche richieste (ci si riferisce in
particolare ai piccoli alloggi, la cui consistenza numerica è fortemente assottigliata nel corso
degli ultimi 10-15 anni).
Altra componente fondamentale della domanda, che normalmente non si considera, in quanto
non è domanda "abitativa" in senso proprio (anche se interagisce profondamente con questa)

49
è la domanda di alloggi da utilizzare per usi saltuari (lavoro, tempo libero, vacanza, ecc.) o per
usi non-residenziali (uffici, Terziario, ecc.). E' domanda consistente e "vincente", nel senso che
riesce abbastanza facilmente a incontrarsi con l'offerta: lo testimoniano i frequenti passaggi
delle abitazioni da occupate a "non occupate" e i cambi altrettanto frequenti di destinazione
(da residenza a terziario). E' essenzialmente a questa componente della domanda che si
devono i noti fenomeni di "erosione" del parco abitativo (riduzione dello stock di abitazioni
occupate, pur in presenza i nuove costruzioni).
Una previsione dell'andamento futuro della domanda e offerta di abitazioni, previsione anche
in questo caso di tipo "medio", basata cioè su una sostanziale riconferma delle tendenze
attuali per il prossimo futuro, indica che, nonostante il sensibile calo di popolazione, lo
scompenso fra domanda e offerta di abitazioni, ovvero il fabbisogno abitativo insoddisfatto,
continuerà a mantenersi su valori consistenti.
Questa affermazione può essere così giustificata e precisata:
-l'aumento del numero delle famiglie, anche in una situazione demografica flessiva, sarà
considerevole, per effetto della costante riduzione della dimensione media dei nuclei (anche
"depurata dalla formazione di nuclei fittizi di 1 persona costituiti a fini di agevolazioni tariffarie e
fiscali)
-la produzione di nuove abitazioni si accompagnerà a fenomeni non trascurabiili di "erosione"
che "decurteranno" lo stock esistente: ci si riferisce innanzitutto alla trasformazione di alloggi in
uffici e al passaggio di abitazioni occupate nella sezione del "non occupato" oltre alle
demolizioni -senza ricostruzione -di stabili centrali. Si calcola che ogni 2 abitazioni costruite ci
sarà 1 abitazione che cambierà destinazione o passerà dall'occupato al "non occupato"
-l'auspicabile recupero del patrimonio edilizio degradato, e in particolare del centro Storico,
potrà rendere disponibile un numero aggiuntivo relativamente ridotto di abitazioni. Infatti, la
quota di abitazioni degradate non utilizzate è
abbastanza contenuta e comunque l'ordine di grandezza delle quantità in gioco sensibilmente
inferiore al fabbisogno.

Si rendono pertanto necessarie misure decise, anche radicali, in materia di "politica abitativa",
con particolare riguardo a:
- una difficile difesa delle destinazioni d'uso residenziali
- una razionalizzazione della diffusione delle destinazioni terziarie
- la promozione, per quanto può competere all'autorità urbanistica, del mercato dell'affitto,
anche come necessario antidoto ad un eccessivo rigonfiamento del "non occupato"
misure che talora esorbitano dai reali poteri oggi attribuiti alla P.A.

Il Centro Storico

Il Centro Storico di Aosta è una presenza di assoluto rilievo per la città, anche in termini
banalmente dimensionali: 2.700 abitazioni (il 18% del totale) e 5.700 residenti (il 16% del
totale).
La situazione demografica e abitativa del Centro Storico presenta alcuni aspetti peculiari e
caratterizzanti:
* popolazione. L'esodo di popolazione, rispetto al passato più lontano è rallentato, anche se
nei due decenni più vicini continua ad essere significativo: da un decremento di circa 800
abitanti nel decennio ’80 si è passati a circa 600 in meno nel decennio successivo. La
decrescita sembra oggi essersi arrestata, tra il 2000 e il 2004 si è registrata una perdita di
abitanti all’anno di circa 30 unità. Lo svuotamento del centro storico sembra dunque essere
venuto meno.
Il Centro Storico globalmente considerato non può più oggi, a differenza del passato, essere
assimilato ad una zona di emarginazione sociale: i tassi di attività sono leggermente superiori
alla media comunale e le classi superiori e medie sono ampiamente rappresentate, anche in

50
alcune zone tradizionalmente a più forte composizione operaia (per esempio gli isolati
compresi fra il Municipio e Via Croix de Ville; una parte del Borgo; alcuni settori lungo la Via
Aubert, quelli in cui in passato la composizione sociale era quella forse più problematica);

* stock abitativo. Il degrado è consistente. Prescindendo da analisi più tecniche (alle quali
necessariamente si rimanda per valutazioni puntuali e motivate) si può stimare, sulla base
delle rilevazioni censuarie, che non esistano più situazioni di grave degrado, se non per
modesti episodi che riguardano una esigua parte del patrimonio stimabile intorno al 5% dello
stock.

Un aspetto peculiare del Centro Storico è la più alta disponibilità di piccoli alloggi (da 1 a 3
stanze);

* utilizzo delle abitazioni. Sono molto calate le abitazioni non occupate, la quota di abitazioni in
affitto è sempre significativa mentre appare in controtendenza il fenomeno della erosione del
patrimonio abitativo.

5.5 Rischi di attività produttive

Su incarico del Comune di Aosta il Dipartimento Interateneo e Territorio del Politecnico di


Torino ha svolto uno studio finalizzato a supportare l’amministrazione nell’adempimento di
quanto previsto in campo urbanistico dal D.lgs. 334/99 (art.14) e dal relativo decreto attuativo
D.M. 9/5/2001, il quale stabilisce requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione
urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante
(ovvero rientranti nell’ambito di applicazione del D.lgs.334/99) con riferimento alla
destinazione ed utilizzazione dei suoli, al fine di prevenire gli incidenti rilevanti connessi a
determinate sostanze pericolose e a limitarne le conseguenze per l’uomo e per l’ambiente.
All’interno del territorio del Comune di Aosta sono presenti due stabilimenti a rischio di
incidente rilevante: lo stabilimento siderurgico dell’azienda Cogne Acciai Speciali ed il deposito
di oli combustibili gestito dalla Nuova Polma.

Il lavoro svolto si è basato su elementi desunti dai Rapporti di Sicurezza presentati dai gestori
degli stabilimenti e dall’esame degli strumenti urbanistici che regolano le aree circostanti; si
sono inoltre individuati gli scenari non considerati nei Rapporti e le cause che ne hanno
comportato l’esclusione. Una volta definite per i due stabilimenti le conseguenze dei vari
scenari incidentali, si sono identificati gli elementi territoriali ed ambientali vulnerabili esistenti
e le categorie territoriali ammissibili. Si sono quindi definiti gli interventi necessari al rispetto
dei requisiti minimi di sicurezza e proposte azioni mirate a raggiungere un livello di sicurezza
superiore.

Per la Nuova Polma la ridotta estensione dello stabilimento e la collocazione in posizione


baricentrica del serbatoio di stoccaggio principale comportano la necessità di considerare
l’intera area circostante, mentre nel caso della Cogne Acciai Speciali le grandi dimensioni e
l’articolazione interna permettono di circoscrivere il lavoro di analisi ad alcuni tratti del
perimetro dello stabilimento (l’analisi del Rapporto di Sicurezza fa ritenere di interesse ai fini
dell’applicazione del D.M. 9/5/2001 le sole aree limitrofe al nuovo Reparto di Decappaggio ed
al deposito di liquidi criogenici).

51
5.5.1 Deposito nuova POLMA

Il deposito Nuova Polma Aosta S.r.l. è un deposito per lo stoccaggio temporaneo di gasolio
per riscaldamento ed altri oli combustibili.
Relativamente alle possibili conseguenze di un incidente rilevante, appare critica la presenza
a sud-ovest dello stabilimento dell’area sportiva attrezzata Mont Fleurì, attualmente
interessata da un progetto di riassetto e ampliamento che prevede la realizzazione di una
tribuna lungo il lato ovest del campo di calcio confinante con il deposito Nuova Polma e di
bassofabbricati con tetto terrazzato e accessibile al pubblico sul lato est degli altri due campi.

In considerazione delle caratteristiche delle sostanze, degli accorgimenti progettuali adottati e


dei sistemi di sicurezza presenti, nel Rapporto di Sicurezza viene escluso il verificarsi di
reazioni esotermiche incontrollate, e di conseguenza non vengono contemplati scenari
incidentali che coinvolgano aree esterne allo stabilimento.
Nel condividere le conclusioni raggiunte nel rapporto, si è comunque compiuta una
valutazione dei possibili effetti in caso di cedimento del serbatoio principale di stoccaggio del
gasolio e incendio all’interno del bacino di contenimento. Tramite l'impiego di un modello di
calcolo, si è stimato che tale scenario incidentale porterebbe a riscontrare nei soggetti esposti
alla radiazione termica per un periodo di 5 minuti un'elevata letalità fino alla distanza di 38 m
dal serbatoio, e danni permanenti fino a 53 m (vedi Figura 1); si tratta di previsioni cautelative,
in quanto la dinamica dell'evento sarebbe verosimilmente tale da consentire l’evacuazione in
tempo utile.

52
Limite ELEVATA LETALITA’ (38m)
Limite LESIONI IRREVERSIBILI (53m)
Limite LESIONI REVERSIBILI (64m)

Figura 1 – conseguenze dell’incendio del serbatoio di gasolio per riscaldamento

In base a quanto esposto nel Rapporto di Sicurezza, nel caso in esame non è strettamente
indispensabile operare alcuna forma di controllo per ottenere il puro rispetto dei requisiti
minimi stabiliti dal D.M 9/5/2001. Occorre tuttavia evidenziare come il decreto stesso
raccomandi di non interpretare gli elementi tecnici acquisiti in termini rigidi e compiuti, bensì di
utilizzarli nell’ambito di un processo di valutazione più articolato: in quest'ottica appare
opportuno perseguire il massimo livello ragionevolmente raggiungibile di protezione per la
popolazione, anche al dilà dei requisiti minimi stabiliti.
Nella fattispecie gli elementi più vulnerabili non sono ancora stati realizzati, e l'estensione
dell'area sportiva permette l'individuazione di alternative progettuali: si raccomanda pertanto di
procedere ad una revisione del progetto di riassetto che porti all'allontanamento delle tribune
dall’area potenzialmente interessata in caso di incidente.
L'adozione del principio di massima cautela appare particolarmente auspicabile in quanto il
committente dell'opera è la stessa Amministrazione preposta all'applicazione della norma a
garanzia della sicurezza della popolazione.

5.5.2 Stabilimento COGNE – reparto decappaggio automatico


Il reparto di decappaggio automatico DECAFAST è un complesso in via di ultimazione ubicato
all’estremità sud-orientale dello Stabilimento Cogne, in prossimità della circonvallazione,

53
destinato a sostituire il precedente reparto andato distrutto nel novembre 2000 in seguito ad
un incendio.
L’assoggettamente al D.lgs. 334/99 è determinato l’impiego di varie soluzioni di acido
fluoridrico, pericoloso a causa della sua tossicità per inalazione, ingestione o semplice
contatto; nel reparto di decappaggio le soluzioni più pericolose sono stoccate in due serbatoi
esterni all’edificio principale, singolarmenti protetti da strutture in calcestruzzo armato e
collegati alle vasche mediante tubazioni sotterranee.
Gli elementi più vulnerabili in caso di incidente sono il traffico veicolare lungo la
circonvallazione e l'area destinata a verde attrezzato situata ad est del reparto (area V3 del
P.R.G.), al cui interno sono presenti una cascina, alla distanza di circa 40 m, ed un poligono
sportivo, a circa 100 m.

Gli scenari incidentali ipotizzati nel Rapporto di Sicurezza fanno riferimento a dispersioni di
inquinante a seguito di fuoriuscite dai serbatoi o a rotture lungo la rete di distribuzione alle
vasche; in nessun caso è previsto il raggiungimento di concentrazioni nocive all’esterno
dell'area dello stabilimento, mentre si prevede che la soglia di letalità sia sempre superata solo
nell’area immediatamente sovrastante la pozza.
La concomitanza tra un incendio all’interno del reparto ed una fuoriuscita di soluzione non
viene analizzata nel Rapporto in quanto le caratteristiche del nuovo impianto portano ad
escluderla; nell'ambito del presente studio si è tuttavia deciso di procedere a valutare le
conseguenze di tale scenario al fine di ottenere informazioni utili ad una completa opera di
informazione alla popolazione, particolarmente sensibilizzata al pericolo di incendio in seguito
al citato evento del 2000.
I risultati ottenuti attraverso il modello di calcolo portano anche in questo caso ad escludere il
superamento della soglia di danno all’esterno dei confini dello stabilimento siderurgico o a
distanze superiori a quelle previste nel Rapporto, perché la spinta ascensionale dei fumi
influirebbe sulla concentrazione dell’inquinante al suolo maggiormente di quanto non farebbe
in senso opposto l'aumento del tasso di evaporazione.

Dal momento che nel Rapporto di Sicurezza non sono previsti effetti all’esterno dello
stabilimento, le attuali destinazioni d’uso risultano compatibili con la presenza del reparto di
decappaggio, quantomeno per quanto concerne il rischio di incidente rilevante.
Si suggerisce tuttavia che, qualora si proceda alla realizzazione un parco pubblico attrezzato
nell'area denominata V3, vengano privilegiate le zone più lontane dal reparto per l’ubicazione
delle strutture principali e dei punti di maggiore aggregazione.

5.5.3 Stabilimento COGNE – area stoccaggio liquidi criogenici

Il complesso dei serbatoi di stoccaggio per gas e liquidi criogenici è ubicato nei pressi del
confine occidentale dello Stabilimento Cogne, in prossimità degli uffici direzionali ed a poca
distanza dalla stazione ferroviaria.
L’area compresa tra gli impianti, la ferrovia, Via Pont Suaz e la circonvallazione (zona UC108
del P.R.G.), di proprietà della Regione Valle d’Aosta, è classificata come area di
ristrutturazione urbanistica nella quale sono ammesse attività terziarie, laboratori di ricerca,
industria leggera e impianti ed attrezzature di interesse generale.
Essa è attualmente oggetto di un progetto della Vallée d’Aoste Structure per la ristrutturazione
di parte degli uffici direzionali e la realizzazione di nuovi edifici, tra i quali uno destinato ad
ospitare una sala conferenze, situato in corrispondenza della rotonda di collegamento tra Via
Pont Suaz e la circonvallazione; sul retro degli edifici sono previste varie aree adibite a
parcheggio di superficie e l’ingresso per un parcheggio interrato.

54
Nel Rapporto di Sicurezza vengono evidenziati i rischi correlati alla presenza di un serbatoio di
stoccaggio di ossigeno liquido: in caso di sversamento il gas si disperderebbe anche
all’esterno dei confini dello stabilimento, interessando l’area in fase di trasformazione.
L’innalzamento della concentrazione di ossigeno in atmosfera non è direttamente nocivo alla
salute umana, ma comporta un acuirsi del rischio di incendio: secondo quanto riportato in
letteratura, un incremento del 3% della concentrazione raddoppia la velocità di combustione.
Nel Rapporto si è definita l’area in cui è possibile il superamento della soglia del 35% di
ossigeno in atmosfera, oltre la quale, in presenza di sorgenti di innesco quali una lampada o
una sigaretta accesa, si possono verificare incendi di tessuti o capi di vestiario nell’arco di
pochi secondi. In base alla simulazione, il superamento può avvenire fino ad una distanza di
76 m dal punto di rilascio (vedi Figura 2), ovvero in gran parte dell’area UC108 ed in
particolare in corrispondenza del sito di costruzione dell’edificio contenente la sala conferenze
e delle aree destinate a parcheggio; occorre comunque evidenziare che si tratterebbe di un
fenomeno transitorio.

Il potenziale aumento relativo del rischio di incendio in caso di fuoriuscita di ossigeno non
genera ai sensi del D.M. 9/5/2001 obblighi per l’Ammninistrazione comunale, in quanto il
decreto fa riferimento solamente gli effetti diretti degli incidenti nei quali siano coinvolte le
sostanze pericolose. Anche in questo caso, tuttavia, le opere in progetto sono legate ad una
committenza pubblica e al contempo appare praticabile l’adozione di accorgimenti atti a
raggiungere un livello di sicurezza superiore a quello minimo stabilito dalla norma.
Si raccomanda pertanto di subordinare la trasformazione dell’area UC108 all’arretramento
dell’impianto per lo stoccaggio dell’ossigeno liquefatto verso l’interno dell’area dello
stabilimento Cogne. A supporto di tale indicazione si cita lo studio Safety standard for oxygen
and oxygen systems (NASA, NSS 1740.15, gennaio 1996), il quale prescrive di osservare tra
un serbatoio di stoccaggio di entità analoga a quello in oggetto e qualsiasi edificio abitato o
infrastruttura di trasporto una distanza di sicurezza minima pari a 80 m.
Si suggerisce inoltre di verificare, in fase di progettazione definitiva, che gli impianti di
areazione siano configurati in modo tale da diminuire la possibilità di immissione all’interno
dei locali del gas disperso in caso di incidente.

55
Max concentrazione O2 = 30%
(110m)
Max concentrazione O2 = 35% (76m)
Max concentrazione O2 = 40% (58m)
Max concentrazione O = 45% (43m)

Figura 2 –dispersione di O2 per rottura della manichetta di rifornimento

56
6 Paesaggio e beni culturali A6

6.1 Premesse riferite al PTP

Il PTP tende ad assicurare la tutela diffusa del patrimonio naturalistico, attraverso indirizzi e prescrizioni che
interessano tutti i settori considerati nei paragrafi precedenti e tutte le parti del territorio regionale, nonché
mediante l'attivazione di adeguati sistemi di conoscenza, di monitoraggio e di valutazione. Il PTP, inoltre,
individua, sulla scorta delle analisi valutative appositamente operate, un articolato insieme di "siti di specifico
interesse naturalistico" diramato sull'intero territorio regionale e meritevole di specifica tutela. Negli ambiti
così individuati, che potranno essere progressivamente integrati in sede di studi o analisi locali o di settore, il
PTP definisce un insieme di limitazioni ed esclusioni, che riguardano non solo gli interventi edilizi ed
infrastrutturali, ma anche l'accesso e la circolazione motorizzata, le attività agricole non tradizionali, la caccia
e l'asportazione di prodotti vegetali o minerali.
Tali ambiti comprendono:
1. i siti d'interesse naturalistico nazionale o comunitario, come tali riconosciuti dai competenti servizi regionali
e indicati nelle tavole di piano;
2. le strutture geologiche, i siti d'interesse mineralogico, petrografico, geomorfologico, le sorgenti minerali, le
stazioni floristiche, gli ambiti vegetazionali, e le zone umide indicati dal PTP, o dagli strumenti urbanistici o
dagli approfondimenti di settore della Regione;
3. altri siti e risorse, non esplicitamente indicati dai suddetti piani ma oggettivamente riconoscibili sul terreno,
quali i ghiacciai, i depositi morenici delle pulsazioni glaciali, le cascate permanenti e le grotte.
Ulteriori indicazioni, ai fini di tutela, ripristino o ricostituzione, sono definite dal PTP nelle schede delle unità
locali. Particolare rilievo vi assume l'individuazione delle fasce di connessione ecologica e dei corridoi
ecologici (corsi d'acqua e sistemi spondali, alberate e siepi, ecc.) che possono collegare le aree e le risorse
di pregio naturalistico, riducendone i rischi d'isolamento (che ne minacciano la funzionalità e la ricchezza
biologica) e costituendo con esse la rete ecologica di base.

I parchi naturali e le aree di valorizzazione naturalistica.

I parchi naturali e le aree di valorizzazione naturalistica costituiscono una base di riferimento imprescindibile
per la nuova strategia di sviluppo proposta dal PTP, anche per l'eccezionale con- tributo che recano alla
qualificazione dell'immagine complessiva della regione. I due sistemi comprendono aree che si snodano con
una certa continuità lungo i confini regionali e di indubbio rilievo transfrontaliero (dal Grand-Paradis al Ruitor
al Mont-Blanc al Mont-Cervin al Monte Rosa), ed aree più interne, di più diretto rilievo regionale.
Il Parco nazionale Gran Paradiso (che si estende, oltre che alle tre valli di Cogne, di Val- savarenche e di
Rhemes, anche alle due valli piemontesi dell'Orco e del Soana) pone, congiuntamente, problemi di
coordinamento degli strumenti di pianificazione (sui due versanti regionali, all'interno e all'esterno del Parco),
di rinnovamento delle procedure gestionali ed autorizzative (anche a salvaguardia delle autonomie locali), di
ridefinizione dei confini, di diversificazione della disciplina, di radicale spostamento da forme di gestione
puramente vincolistiche verso politiche attive di promozione e valorizzazione, opportunamente riferite alle
potenzialità delle diverse aree. Queste dovranno tenere conto dell'eccezionale rilevanza naturalistica che il
Parco, insieme col contiguo Parco nazionale francese della Vanoise, ha acquisito nel contesto europeo
(rilevanza che potrà essere ulteriormente accresciuta dai col- legamenti con gli altri grandi compendi
naturalistici, a cominciare da quello del Mont-Blanc) e che gli conferisce il valore di risorsa fondamentale per
lo sviluppo regionale e locale. La pianificazione del Parco, già avviata nel 1982 ed ora prescritta dalla legge
n. 394 del 1991 "legge quadro sulle aree protette", che dovrà coerentemente abbracciare i versanti
valdostano e piemontese e potrebbe trovare per quello valdostano utili riferimenti nel PTP e nei progetti di
zonizzazione già predisposti.

57
6.2 Analisi dei valori paesaggistici e culturali

6.2.1 Beni culturali ed ambientali

La tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale ed ambientale costituiscono la base della


nuova strategia di sviluppo proposta dal PTP. Esse si possono così suddividere:
-il paesaggio sensibile;
-i centri ed i nuclei d'interesse storico-culturale;
-i beni culturali isolati;
-le aree e le risorse di specifico interesse naturalistico;
-le aree di specifico interesse paesaggistico, storico, culturale, archeologico o documentario;
-i parchi e le aree di valorizzazione naturalistica.
Per tutte queste tematiche, le norme del PTP costituiscono il quadro di riferimento per
l'applicazione dei vincoli della l. n. 1497 del 1939 e della legge n. 431 del 1985, e per i relativi
provvedimenti autorizzativi, fatte salve sempre le più specifiche determinazioni della struttura
regionale competente. Per quanto concerne le "cose di interesse artistico o storico", le
indicazioni del PTP fanno riferimento ai beni già vincolati ai sensi della l. Io giugno 1939, n.
1089, di cui concorrono ad ampliare gli elenchi.
Il paesaggio sensibile
Rispetto all'ampio significato che il PTP attribuisce alla nozione di paesaggio, in quanto tale
destinato ad attraversare tutti i settori considerati dal piano, il riferimento al paesaggio
sensibile implica una più specifica considerazione di tutti e soli quegli aspetti che direttamente
influiscono sulla percezione e la fruizione delle forme e della qualità sensibile dei luoghi. Per
questi aspetti, gli indirizzi proposti dal PTP si articolano in tre direzioni principali:
l. la tutela della visibilità e riconoscibilità delle componenti "strutturali" del paesaggio (dalle
grandi configurazioni geomorfologiche, alla rete idrografica, al sistema dei pascoli e dei
boschi, ai tratti peculiari del paesaggio agrario, alle emergenze architettoniche isolate o
agglomerate);
2. la disciplina degli usi e degli interventi nelle aree e sulle risorse di particolare sensibilità
(come i pascoli, i boschi, le fasce fluviali o le aree di specifico interesse culturale o
ambientale);
3. la tutela e la valorizzazione delle relazioni visive che caratterizzano le unità di paesaggio
(con particolare riguardo per i valori panoramici).

6.2.2 Analisi dei valori naturalistici

Il comune di Aosta si sviluppa lungo il settore mediano della valle centrale occupando
una porzione del versante sinistro della piana alluvionale compresa tra il Torrente Clou Neuf e
il piccolo impluvio a est di Beauregard (550.7 m la quota minima), i versanti esposti a sud e a
est che scendono dalla Pointe de Chaligne (2607 metri)e la porzione più bassa del versante
che culmina alla Becca di Viou. In quest’ultimo caso le esposizioni prevalenti sono sud (settore
Roppoz- Porossan) e ovest (l’impluvio Papet-Tuette).

I fattori fisici che maggiormente influenzano le condizioni ambientali del territorio sono il
clima, l’esposizione e il substrato litologico.

Il substrato litologico è rappresentato in prevalenza da calcescisti che affiorano


estesamente in tutto il settore della collina a ovest della confluenza del Buthier, mentre nel
settore a est (Porossan, Busseyaz) a questo tipo litologico, affiorante nella gola di Somont, si

58
sovrappongono gli gneiss del Mont Mary, che costituiscono il caratteristico dosso roccioso di
Tsatelet.

La posizione intralpina della Valle d’Aosta, di riparo dalle grandi correnti atlantiche,
determina condizioni di relativa aridità, particolarmente accentuate lungo il solco della media
valle centrale: la porzione mediana della regione tra Aosta e Saint-Marcel riceve tra i 500 e i
600 mm di pioggia all'anno, un dato simile ai paesi mediterranei. L'asse centrale della valle,
inoltre, ha temperature miti rispetto alle vicine valli alpine, con medie annuali tra 8° e 12°; in
inverno il termometro scende relativamente poco nelle zone più riparate dell'adret.

L’orientamento est-ovest di questo tratto di valle impone lo sviluppo di versanti in


esposizione sud e nord, i cosiddetti adret e envers, con conseguente angolo di incidenza della
radiazione solare nei versanti adret molto elevata (addirittura prossima ai 90 gradi) con un
potere calorifico quindi molto alto.

Questi fattori determinano un clima continentale arido con condizioni locali di tipo quasi
submediterraneo, come indica la presenza di alcune specie di piante tipiche di questi ambienti
distribuiti lungo il versante adret tra Saint-Vincent ad Aosta e Sarre.

La vegetazione spontanea ancora presente nella piana e nella porzione più bassa del
versante, il cosiddetto orizzonte collinare, è rappresentata da popolamenti vegetali tipici delle
valli alpine interne di cui la Roverella (Quercus pubescens ) è la specie più rappresentativa.
Queste associazioni occupano il fondovalle e i versanti adret della media valle centrale a clima
caldo e secco, fino a circa 1200 m di altitudine; la vegetazione spontanea è qui ampiamente
sostituita dai vigneti e dai frutteti - vi prospera anche il Mandorlo, specie tipicamente termofila.
Come già accennato, tra le specie spontanee sono presenti elementi submediterranei quali
Prunus mahaleb, Colutea arborescens, Tymus vulgaris, oltre a specie di ambiente
continentale arido come Festuca valesiaca, e le rare Bassia prostrata e Arthemisia valesiaca.

Lungo le rive del Buthier, nella zona di Somont, prima dell’alluvione, era presente anche
una bella vegetazione igrofila con presenza di Ontano bianco e salici sia arbustivi che arborei.

Più in alto, alla Roverella si sostituisce gradualmente il Pino silvestre che caratterizza le
zone più calde e secche della regione dell’orizzonte montano. Il sottobosco, grazie al fatto che
nella pineta la luce filtra facilmente tra le chiome, è ricco di specie quali Uva ursina, Ginepro
comune, Crespino, Rosa.

Più in alto ancora è il Larice, misto all’Abete rosso nelle zone più fresche, a caratterizzare
i boschi; mentre la transizione alla prateria alpina è mascherata dalla presenza dei grandi
pascoli di Metz.

Da un punto di vista naturalistico gli ambienti più interessanti sono quelli dell’orizzonte
collinare, mentre le foreste e l’orizzonte alpino sono relativamente poco estesi, con
caratteristiche facilmente riscontrabili anche in altri settori della regione. Le segnalazioni di
elementi di interesse floristico e faunistico, inoltre, sono in massima parte concentrate nei
settori inferiori dei versanti.

Non va tuttavia trascurato il fatto che il comune ha la più alta densità di abitanti per
kilometro quadrato della regione (1584.6 ab/kmq a fronte di una media regionale di 36.6
ab/kmq, dati ISTAT Censimento Popolazione, 2001). Ciò implica una urbanizzazione
pressoché totale sulla piana e molto elevata lungo la porzione basale del versante. Gli
ambienti naturali sono pertanto relativamente pochi, discontinui e frammentati, con condizioni
di pressione da presenza antropica molto diffuse.

59
Malgrado una alterazione significativa delle condizioni ambientali sono tuttavia
riscontrabili alcuni ambienti ancora piuttosto interessanti a livello naturalistico, riscontrabili in
particolare nelle zone xeriche dell’orizzonte collinare. Storicamente legato funzionalmente alla
città, il settore era nel passato destinato a coltivazioni agricole quali prato, vigneto e frutteto.
Negli ultimi 40 anni è stato oggetto di una pressione edificatoria crescente che ha portato alla
graduale occupazione della zona di piede ed allo sviluppo di un insediamento sparso fino alle
quote più alte. Si sono tuttavia conservate porzioni di ambienti naturali o un tempo coltivati
che, come già ricordato, conservano ancora specie vegetali di grande interesse e rarità e
habitat importanti per la conservazione di uccelli tipici dei fondovalle alpini, spesso minacciati
proprio dalla scomparsa di questi ambienti di insediamento rurale tradizionale.

Sono stati individuati 14 siti di interesse floristico, vegetazionale e faunistico e 7 beni puntuali
di interesse naturalistico rappresentati dalle piante monumentali della città di Aosta.
Rispetto alle indicazioni fornite dalla documentazione del PTP l’incremento è considerevole e
motivato dai numerosi studi intrapresi in questi ultimi anni per conoscere meglio l’ambiente
naturale della Valle d’Aosta. Ci si riferisce in particolare al lavoro prodotto dall’Amministrazione
regionale per la costruzione della banca dati floristica 1 e a quello di G. Maffei e M. Bocca
precedentemente citato sugli uccelli del fondovalle.
Le variazioni rispetto alle indicazioni del PTP sono indicate nella tabella seguente.

Confronto tra indicazioni del PTP e nuove proposte per la carta motivazionale
Categoria PTP Carta motivazionale
Siti di interesse faunistico posti a q. inf. a m 1200 no Sito di interesse
s.l.m. faunistico (avifauna)
Siti di interesse vegetazionale e forestale no Arboreto di Entrebin
Siti di interesse floristico e vegetazionale no 9 siti di interesse floristico
Parchi no no
Riserve e aree di valorizzazione naturalistica sì (art. 39, Riserva naturale di
comma 1.e) Tzatelet
Strutture geologiche, siti di interesse mineralogico, no no
ecc.
Aree di pregio naturalistico no no
Beni di specifico interesse naturalistico no Alberi monumentali

Per ogni sito e ogni bene è stata redatta una scheda descrittiva. Sono state inserite le
informazioni disponibili richieste dal PRG Dati: codice, tipologia, denominazione ed estremo
legislativo di riferimento. Non è stato possibile fornire informazioni sulla proprietà e la
sottozona PRG.
Si è invece incrementata l’informazione con indicazioni riguardanti la localizzazione (località,
quote, superficie, esposizione), le caratteristiche ambientali (uso del suolo prevalente), il
valore naturalistico e alcuni aspetti gestionali (accessibilità, indicazioni per la gestione, azioni
compatibili) che potranno essere utili per la definizione della carta prescrittiva.
Sono inoltre state redatte le carte motivazionali dei siti e dei beni in scala 1:5000 per la zona
insediata e 1:10000 per l’insieme del territorio comunale, presentate su supporto sia cartaceo
che informatico. I criteri di esecuzione hanno seguito le indicazioni della Del. G.R. 15.02.1999,
n. 418 All. A.

1
M. Bovio, S. Maffei, S. Pellissier, L. Poggio – La banca Dati Floristica della Valle d’Aosta. Rev. Vald. Hist. Nat., 54:
11-36.

60
6.3 Siti di interesse vegetazionale

6.3.1 Siti di interesse vegetazionale e forestale

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C02-01 Siti di interesse vegetazionale e Arboretum “Lo Parque
forestale d’Euntrebeun”

Località Entrebin, Crête Bénie


Quota minima (m) 970
Quota massima (m) 1010
Superficie (ha) 2.86
Esposizione est

Uso del suolo Impluvio boscato


prevalente
Accessibilità Dalla strada di Entrebin
Valore naturalistico L’arboreto ospita circa 200 specie arboree ed arbustive autoctone ed
esotiche; esso deriva da un rimboschimento effettuato a partire dagli
anni Trenta su cui sono state eseguite successive integrazioni di
specie.
Indicazioni per la Mantenimento e valorizzazione
gestione
Azioni compatibili Nuovi impianti e organizzazione della fruizione

6.3.2 Siti di interesse floristico e vegetazionale

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C03-01 Siti di interesse floristico e Zona xerica attorno al
vegetazionale sentiero a monte di
Vignolle

Località Vignolle
Quota minima (m) 960
Quota massima (m) 1090
Superficie (ha) 10.78
Esposizione Sud

Uso del suolo Mosaico di incolti in gran parte cespugliati e macchie boscate a
prevalente prevalente Pino nero derivate da vecchi rimboschimenti
Accessibilità Dalla strada per Arpuilles e sentiero da loc. Vorpeillère
Valore naturalistico Presenza di specie rare tipiche delle zone xeriche dell’adret della
media valle centrale.
Sono in particolare segnalate:
Bassia prostrata (L.) A. J. Scott, specie steppica in Italia presente
solo in V.Aosta
Lonicera etrusca Santi, specie mediterranea
Linaria simplex (Willd.) DC., specie mediterranea molto rara sulle Alpi

61
Telephium imperati L., specie mediterranea molto rara sulle Alpi
Indicazioni per la Conservazione, anche attraverso il mantenimento degli spazi ancora
gestione aperti
Azioni compatibili Eventuale riuso agricolo che non preveda modificazioni del regime
idrico dei suoli

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C03-02 Siti di interesse floristico e Stazione floristica a
vegetazionale monte di Lin Blanc

Località Lungo la pista tra Lin Blanc e


Planes
Quota minima (m) 1270
Quota massima (m) 1310
Superficie (ha) 1.06
Esposizione sud

Uso del suolo Incolti in gran parte cespugliati e macchie alberate


prevalente
Accessibilità Dalla pista Lin Blanc -Planes
Valore naturalistico Stazione di specie rare:
Carlina acanthifolia All., orofita S-Europea, nelle Alpi presente solo in
V.Aosta, dove è rara; specie a tutela assoluta in Valle d’Aosta
Orchis pallens L., specie Europeo-Caucasica rara in Italia - in questa
zona c'è la più ricca stazione valdostana
Indicazioni per la Conservazione, anche attraverso il mantenimento degli spazi ancora
gestione aperti
Azioni compatibili Eventuale riuso agricolo che non preveda modificazioni del regime
idrico dei suoli

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C03-03 Siti di interesse floristico e Stazioni floristiche di
vegetazionale Orchis pallens

Località Settore di crinale


lungo la pista Planes -
Chacotteyes
Quota minima (m) 1408
Quota massima (m) 1650
Superficie (ha) 6.98
Esposizione sud – sud ovest

Uso del suolo Serie di tre stazioni poste in un prato-pascolo, un abbandono


prevalente cespugliato e una zona di rupe con macchie boscate
Accessibilità Dalla pista Planes - Chacotteyes
Valore naturalistico Stazione di Orchis pallens L., specie Europeo-Caucasica rara in Italia
- in questa zona c'è la più ricca stazione valdostana
Indicazioni per la Conservazione, anche attraverso il mantenimento degli spazi ancora
gestione aperti
Azioni compatibili Uso agricolo

62
Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo
C03-04 Siti di interesse floristico e Stazioni floristiche di
vegetazionale Chacotteyes e Nouva

Località Settore di versante tra


Chacotteyes e Nouva
Quota minima (m) 1700
Quota massima (m) 1980
Superficie (ha) 10.79
Esposizione sud – sud est

Uso del suolo Serie di due stazioni poste in pascolo


prevalente
Accessibilità Dalla pista Planes - Chacotteyes
Valore naturalistico Stazioni di:
Carlina acanthifolia All., orofita S-Europea, nelle Alpi presente solo in
V.Aosta, dove è rara; specie a tutela assoluta in Valle d’Aosta
Bulbocodium vernum L., Orofita S-Europeo-Caucasica, rarissima
sulle Alpi e in Italia (nella stazione superiore)
Indicazioni per la Conservazione, anche attraverso il mantenimento degli spazi ancora
gestione aperti
Azioni compatibili Uso agricolo

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C03-05 Siti di interesse floristico e Stazione floristica in Loc.
vegetazionale Vernet

Località Vernet
Quota minima (m) 1810
Quota massima (m) 1870
Superficie (ha) 5.99
Esposizione sud - est

Uso del suolo Pascolo


prevalente
Accessibilità Dalla pista di Chacotteyes
Valore naturalistico Stazione floristica di:
Carlina acanthifolia All., orofita S-Europea, nelle Alpi presente solo in
V.Aosta, dove è rara; specie a tutela assoluta in Valle d’Aosta
Asphodelus albus Miller, Specie Mediterraneo-Montana-subatlantica,
protetta in V.Aosta
Bulbocodium vernum L., Orofita S-Europeo-Caucasica, rarissima
sulle Alpi e in Italia (nella stazione superiore)
Indicazioni per la Conservazione, anche attraverso il mantenimento degli spazi ancora
gestione aperti
Azioni compatibili Uso agricolo

63
Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo
C03-06 Siti di interesse floristico e Stazione floristica di
vegetazionale Croix de Chaligne

Località Settore orientale della


cima di Chaligne
Quota minima (m) circa 2370
Quota massima (m)
Superficie (ha) n.d.
Esposizione sud - est

Uso del suolo Settore di prateria alpina


prevalente
Accessibilità dal sentiero per Chaligne
Valore naturalistico Stazione floristica di:
Lychnis alpina L., specie relitta artico-alpina, molto rara sulle Alpi
Indicazioni per la Conservazione
gestione
Azioni compatibili

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C03-07 Siti di interesse floristico e Stazione floristica di
vegetazionale Thymus vulgaris

Località A est di Pléod


Quota minima (m) 750
Quota massima (m) 850
Superficie (ha) 3.12 (compresa la
cava)
Esposizione sud-est

Uso del suolo Vigneti abbandonati, cava


prevalente
Accessibilità Dalla strada che porta alla cava
Valore naturalistico Ambiente collinare a carattere xerico con ricca vegetazione di tipo
sub-mediterraneo. Si segnala in particolare:
Thymus vulgaris L., specie steno-mediterranea che vede in V.Aosta
la sua unica presenza nelle Alpi; da noi è diffusa nella valle centrale
da Verrès a Nus e la stazione sopra Aosta in oggetto è
completamente isolata dall'areale valdostano
Indicazioni per la Conservazione
gestione
Azioni compatibili Riuso agricolo

64
Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo
C03-08 Siti di interesse floristico e Stazione floristica di
vegetazionale Tuette

Località Crinale sopra il ru di


Pompillard, nei pressi
di Tuette
Quota minima (m) 890
Quota massima (m) 922
Superficie (ha) 0.8
Esposizione sud-est

Uso del suolo Incolto


prevalente
Accessibilità Dal ru di Pompillard
Valore naturalistico Zona xerotermica piuttosto degradata ma con varie specie relitte
interessanti. Si segnala in particolare:
Artemisia vallesiaca All., specie endemica di V.Aosta e Vallese;
rarissima e presente solo nei settori più interni e aridi delle due valli
Pulsatilla montana (Hoppe) Reichb., specie steppica
Indicazioni per la Conservazione
gestione
Azioni compatibili

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C03-09 Siti di interesse floristico e Stazione floristica di
vegetazionale Papet dessus

Località Papet dessus


Quota minima (m) 1070
Quota massima (m) 1120
Superficie (ha) 0.6
Esposizione sud-est

Uso del suolo Incolto cespugliato con macchie di Roverella


prevalente
Accessibilità dalla mulattiera per Blavy
Valore naturalistico Zona xerotermica piuttosto degradata ma con varie specie relitte
interessanti. Si segnala in particolare:
Orchis pallens L., specie Europeo-Caucasica rara in Italia
Indicazioni per la Conservazione
gestione
Azioni compatibili Riuso agricolo

65
6.4 Aree di specifico interesse paesaggistico, storico, culturale, archeologico o
documentario

*Nel comune di Aosta le aree di specifico interesse archeologico sono:


Reperti neolitici, resti di acquedotto romano, Saint-Martin-de-Corléans:area di culto e
sepoltura megalitica, insediamento rustico romano, tombe romane e paleocristiane, Tombe
romane, Necropoli romana, Augusta Praetoria, resti romani, ponte e arco onorario, complesso
cimiteriale e basilica paleocristiana, villa romana con impianto termale, Tomba tumulo, Villa
urbano-rustica, Tzatelet: insediamento e necropoli neolitico, Resti preromani,villa romana,
Necropoli romana e area cimiteriale paleocristiana, Resti di acquedotto romano.

6.5 Agglomerati d'interesse storico, artistico, documentario o ambientale

Le strutture insediative aggregate, più o meno complesse e più o meno antiche, che
presentano un interesse culturale legato ai processi storici che le hanno generate o alla qualità
intrinseca dei manufatti e delle forme strutturali o al loro significato testimoniale e
documentario o alloro ruolo paesistico ed ambientale, rappresentano in Valle d'Aosta una
realtà complessa ed estremamente diffusa nel territorio. Pur rinviando alle analisi per ogni più
puntuale informazione, merita ricordare che tale realtà consta (prescindendo dalle formazioni
urbane più recenti o comunque prive di centralità storica, nonché dai piccolissimi aggregati
insediativi d'uso stagionale) di oltre 1.200 nuclei, di varia dimensione, origine e
caratterizzazione, di cui il 40% situato oltre i m 1.200 s.l.m., il 78% con meno di 25 edifici: di
questi, il 45% situato sotto i m 1.000 s.l.m., mentre sopra i m 1.200 è situato ben il 33% dei
nuclei più grossi, con più di 40 edifici già alla fine del secolo scorso. Si tratta peraltro di una
struttura insediativa molto diversificata, che varia dagli ambiti snodati lungo la Grande Vallée
(da Pont-Saint- Martin a Morgex, con il 54% dei centri, per la maggior parte in fondovalle, che
raccolgono, alloro interno o nei loro intorni di più recente espansione, l'81% della popolazione)
agli ambiti vallivi d'alta montagna (da Courmayeur a Cogne a Valtournenche, tutti con la
stragrande maggioranza dei nuclei oltre i m 1.200 s.l.m.) agli altri ambiti con caratteri
intermedi; una struttura diversificata anche nelle connotazioni storico-culturali, nei modelli
insediativi (ad esempio, tra quelli dell'envers e quelli dell'adret) e nei sistemi aggregativi, in cui
prevalgono gli insediamenti di tipo lineare e quelli sparsi.
È un patrimonio ricco di valori e significati profondamente radicati nelle culture locali oggi
largamente in crisi, sotto l'effetto incrociato dei processi d'abbandono (il 9% dei nuclei non è
più abitato ed il 65% ha poche famiglie, con una media di 16 abitanti per nucleo) e dei
processi d'adulterazione, favoriti dalla scomparsa o dalla notevole riduzione delle attività
agricole e dall'invasione del turismo: anche gli interventi di recupero agevolati da fondi pubblici
(che hanno interessato oltre un terzo dei nuclei) hanno avuto carattere sporadico e non hanno
innescato consistenti processi di riabilitazione, a fronte di ben più consistenti processi
espansivi. D'altra parte la stessa pianificazione locale non sembra sufficientemente attenta al
valore del patrimonio storico, se quasi un terzo dei nuclei non risulta inserito in zone "A"
(d'interesse storico-culturale, ai sensi del D.M. 2 aprile 1968, n. 1444) e se le previsioni
urbanizzative investono con tanta frequenza le aree agricole di contesto, portando assai
spesso alla cancellazione o all'erosione delle pause che staccavano storicamente i diversi
nuclei rendendoli riconoscibili e paesisticamente identificabili.
Tenendo conto della situazione e delle tendenze qui sommariamente richiamate, il PTP si
sforza di promuovere un approccio più consapevole e integrato ai problemi dei centri e dei
nuclei storici, dando in primo luogo indicazioni per un loro corretto riconoscimento in sede di
pianificazione locale (anche ai fini della delimitazione delle zone "A" di cui al citato D.M.):
questo dovrebbe infatti tenere conto non solo degli elementi di specifico ed indiscutibile

66
interesse storico, ma anche di quelli complementari ed integrativi, formanti coi primi unità
funionali, fisiche, culturali o semplicemente visive, quali orti e vergers, strade d'accesso e
manufatti del paesaggio agrario, canali, rus, terrazzamenti, elementi naturali inglobati o di
bordo, ecc. Il PTP definisce poi gli indirizzi da seguire per la specificazione della disciplina
d'uso e di valorizzazione, e le prescrizioni da rispettare, in relazione ai caratteri storico-
strutturali dei nuclei, ai caratteri ed alle dinamiche del contesto, ai caratteri ed alle qualità
intrinseche.
Per quanto concerne i caratteri storico-strutturali, il PTP definisce sei categorie di agglomerati,
distinte in base alla complessità ed alla natura dei processi storici di strutturazione. Tale
classificazione, che potrà essere verificata e meglio specificata in rapporto all'avanzamento
delle ricerche storiche promosse dalla struttura regionale competente e dagli istituti di ricerca,
distingue:
1. il centro storico di Aosta (definito dalla "città romana" e dalle formazioni successive anche
profondamente alterate, facenti tutt'uno con essa) per il quale si rende necessaria la
convergenza di azioni a scala regionale e urbana, volte a ridefinirne il ruolo simbolico-culturale
(mediante la redistribuzione delle funzioni regionali lungo i nodi del contesto lineare, la
riorganizzazione del traffico e della mobilità, la trasformazione delle aree strategiche di bordo,
la riconnessione con la fascia fluviale della Doire Baltée) con azioni diffuse sulle trame di base
(dalle strade alle piazze ai rus ed ai vergers), con azioni di controllo e disciplina delle
trasformazioni edilizie e funzionali (in chiave essenzialmente di restauro conservativo) e con
azioni mirate su particolari situazioni di degrado o di rilevante interesse pubblico;
2. i bourgs, luoghi di aggregazione primaria, relazionati ai più importanti percorsi storici,
spesso anticamente difesi con sistemi di chiusura (cinte murarie, porte, torri, castelli o
caseforti), con una zona franca periferica, un tessuto denso e pianificato, nei quali, oltre alle
azioni territoriali volte a 65 rafforzarne la centralità urbana, occorrono azioni pubbliche per il
miglioramento dei sistemi d'accesso e la riqualificazione degli assi rettori, degli spazi pubblici e
delle trame di riferimento, ed una disciplina articolata, che dovrà di regola escludere interventi
di trasformazione o completamento se non in ambi- ti circoscritti, privi di intrinseco valore e
sulla base di piani sufficientemente dettagliati;
3. le villes, nuclei di concentrazione della popolazione già in epoca medievale, caratterizzati
spesso da piani particellari compatti ed ordinati, sedi di residenze signorili o di comunità forti,
nei quali oltre agli interventi pubblici sulle trame di riferimento e le connessioni col contesto
rurale, occorre una disciplina articolata, che dovrà di regola escludere interventi di
completamento o trasformazione, se non in ambiti circoscritti, privi di intrinseco valore e sulla
base di piani o progetti unitari; nel comune di Aosta si trovano: Arpuilles ed Excenex.
4. i villages, nuclei di minor dimensione, nei quali prende importanza particolare il rapporto, da
considerare attentamente nella pianificazione locale, col contesto agricolo e naturale;
5. gli hameaux, per i quali valgono le indicazioni date per i villages;
* nel comune di Aosta si trovano: Le Arpilles di sotto, Arsin - Movisod, Avie-Damon, Avie-
Desot, Cache, La Chapelle, Chiou, Croux, Clou, Comba, Entrebin, Fleod-Damon, Fléod-
Desot, Fléod-Damon, Grand-Signayes, Lin Noir, Lin Blanc, Rotzon, Serrand, Ossan, Papet,
Pleod- Dessus, Porossan, Preille, Gionnet-La Revoire, Serod, Signayes, Duvette, Triette,
Vignole di sopra, Plan de Fiou, Aville di sopra, Aville si sotto, Saraillon, Chez Durand,
Seyssinod, Ossan, Cognon, Busseyaz, Truchod – Neyve, Tramail.

6. Altre strutture insediative aggregate: sono considerati quei gruppi edificati privi di carattere
di centralità nei confronti del territorio circostante o di più recente formazione, per i quali si
richiede altresì una disciplina attenta alla conservazione dei valori d'impianto e di
documentazione culturale.
Per quanto concerne i caratteri e le dinamiche del contesto, le indicazioni del piano, che si
incrociano con quelle relative ai caratteri storico-strutturali, fanno riferimento ai sistemi
insediativi ed alle "unità locali" in cui i nuclei ricadono, per individuare i mix funzionali, i livelli di
crescita, le priorità e le modalità d'intervento.

67
Per quanto concerne infine i caratteri e le qualità intrinseche (peculiarità della giacitura
orografica, originalità, chiarezza, antichità, complessità e rappresentatività dell'impianto
storico, omogeneità, coerenza ed unitarietà dell'edificato, presenza di edifici e manufatti di
intrinseco valore storico, artistico, documentario, tipologico o di tradizione, significatività e
rappresentatività degli spazi pubblici, leggibilità e fruibilità complessiva e delle parti più
caratterizzate, assenza o scarsa incidenza di fattori di degrado e di detrazione, ecc.), i
conseguenti effetti normativi da perseguire dovranno essere precisati in base alle analisi più
approfondite dagli stessi comuni, ed alle indicazioni successive della struttura regionale
competente.
* Nel comune di Aosta appartengono a questa categoria il Quartiere Cogne e via
Zimmermann.

I beni culturali isolati

Il piano individua i beni culturali situati all'esterno degli agglomerati di cui sopra (torri, castelli,
forti, caseforti, chiese, cappelle, santuari, conventi, beni dell'archeologia industriale, ecc.), ne
definisce gli indirizzi di conservazione, di restauro e di eventuale riuso" demandando ai piani
locali o di settore gli approfondimenti necessari per verificarne la consistenza e lo stato di
conservazione e per specificarne le suscettibilità d'intervento e di riuso. Tali approfondimenti
dovranno comunque fondarsi su adeguate ricerche storiche, documentarie, architettoniche e
tecnologiche e, soprattutto, su rilievi critici accurati, innovando profondamente le pratiche
correnti. Fermo restando l'orientamento essenzialmente conservativo, il piano esclude di
regola utilizzazioni commerciali, produttive, ricettive o ricreative se non per parti limitate,
comunque non in contrasto con i caratteri autentici dei beni e tali da non indurre alte- razioni
sugli intorni visivi, storici, e funzionali dei beni stessi.
Data la diffusione dei beni in tutto il territorio regionale, la loro rilevanza paesistica e il ruolo
che possono svolgere in quanto risorsa turistica, il piano promuove le politiche volte ad
inquadrare gli interventi di conservazione e riuso in programmi di valorizzazione estesi ai
sistemi e ai contesti interessati, con la formazione di circuiti di fruizione integrata,
monotematici o pluritematici. Ciò anche in relazione alle opportunità offerte dalla ricca rete dei
percorsi storici, da conservare e recuperare come trama fondamentale di connessione del
patrimonio storico-culturale.

6.6 Riserve e beni di valorizzazione naturalistica

6.6.1 Riserve naturalistiche

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


C05-01 Riserve e aree di valorizzazione Riserva naturale Tsatelet D.P.G.R. n. 214
naturalistica del 23.02.1993

Località Tra Loc. Arsin e Chapelle


Quota minima (m) 720
Quota massima (m) 796
Superficie (ha) 14.00, di cui 9.6 comune di
Aosta
Esposizione prevalente sud-ovest e
nord-est

Uso del suolo Mosaico di incolti e boschi di Roverella con localmente affioranti
prevalente rocce modellate dal ghiacciaio

68
Accessibilità Dalla strada Porossan -Senin
Valore naturalistico Vegetazione xerofila e rupicola di bassa quota con presenza di specie
di origine steppica.
Sono in particolare segnalate:
Achillea tomentosa, specie steppica
Bassia prostrata, specie steppica in Italia presente solo in V.Aosta
Stipa eriocaulis Borbàs, specie steppica, con tutela parziale in Valle
d’Aosta
Pulsatilla montana (Hoppe) Reichb., specie steppica, con tutela
parziale in Valle d’Aosta
Myosotis stricta Roemer & Schultes, specie molto rara in Italia
Valeriana tuberosa L., specie mediterranea molto rara sulle Alpi
Indicazioni per la Conservazione, valorizzazione
gestione
Azioni compatibili In coerenza con piani di gestione regionali

6.6.2 Alberi monumentali

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-01 Beni di specifico interesse Tilia platyphyllos Scop. l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico

Località Aosta, p.zza S. Orso


Quota minima (m) 585
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione fondovalle

Uso del suolo Ambiente urbano


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico Tiglio di Sant’Orso, esemplare di almeno 450 anni, circonferenza 460
cm per un’altezza di 17 m. L’albero è considerato monumento
nazionale dal 1924 ed è stato inserito nell’elenco regionale nel 1993.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-02 Beni di specifico interesse Platanus acerifolia l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico (Aiton) Willd

Località Aosta, p.zza Arco


d’Augusto
Quota minima (m) 597

69
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione fondovalle

Uso del suolo Ambiente urbano


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico Platano più prossimo all’Arco d’Augusto, esemplare di almeno 200
anni, circonferenza 442 cm per un’altezza di 24 m. Pianta classificata
monumentale dal 1993.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-03 Beni di specifico interesse Platanus acerifolia l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico (Aiton) Willd

Località Aosta, via S. Anselmo


Quota minima (m) 597
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione fondovalle

Uso del suolo Ambiente urbano


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico Platano di via S. Anselmo, esemplare di almeno 200 anni,
circonferenza 322 cm per un’altezza di 22,5 m. Pianta classificata
monumentale dal 1993.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-04 Beni di specifico interesse Robinia pseudacacia L. l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico

Località Aosta, p.zza Vuillermin


Quota minima (m) 581
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione fondovalle

70
Uso del suolo Ambiente urbano
prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico Conosciuto come Robinia del Ponte di Pietra, esemplare di oltre 250
anni, circonferenza 196 cm per un’altezza di 6 m. Pianta classificata
monumentale dal 1993. Probabilmente uno dei primi esemplati
introdotti in Valle d’Aosta.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-05 Beni di specifico interesse Sophora japonica L. l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico

Località Aosta, via Piave


Quota minima (m) 606
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione fondovalle

Uso del suolo Ambiente urbano


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico La cosiddetta Sofora del Palazzo regionale è un esemplare di 137
anni, circonferenza 151 cm per un’altezza di 7,70 m. Pianta
classificata monumentale dal 1993.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-06 Beni di specifico interesse Ginko biloba L. l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico

Località Aosta, via B. Festaz


Quota minima (m) 606
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione fondovalle

Uso del suolo Ambiente urbano


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico La cosiddetta Ginkgo del Palazzo regionale è un esemplare di più di
55 anni, circonferenza 180 cm per un’altezza di 18 m.

71
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-07 Beni di specifico interesse Prunus dulcis (Miller) l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico D.A. Webb

Località Aosta, viale G. S.


Bernardo
Quota minima (m) 620
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione sud

Uso del suolo Ambiente urbano – residenziale


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico Specie mediterranea termofila, il mandorlo testimonia le
caratteristiche fitoclimatiche xeriche della collina di Aosta. Questo
albero era un tempo molto diffuse lungo la fascia basale della collina
e ne costituiva un elemento carattterizzante.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-08 Beni di specifico interesse Wisteria sinensis l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico (Sims) Sweet
Glicine

Località Passaggio Folliez

Quota minima (m) 578


Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione sud

Uso del suolo Ambiente urbano – residenziale


prevalente
Accessibilità Privato ma visitabile
Valore naturalistico
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

72
__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-09 Beni di specifico interesse Cedrus atlantica (Endl.) l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico Carrière « glauca »
Cedro dell’atlante

Località Aosta, Reg. Roppoz


Quota minima (m) 630
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione Sud

Uso del suolo Ambiente urbano – residenziale


prevalente
Accessibilità
Valore naturalistico
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

__________________________________________________________________________

Codice Tipologia Denominazione Estremo legislativo


S009-10 Beni di specifico interesse Parco d’entrebin l.r. 21.08.1990, n. 50
naturalistico

Località Fraz. Entrebin


Quota minima (m) 975
Quota massima (m)
Superficie (m2)
Esposizione Est

Uso del suolo Bosco


prevalente
Accessibilità Parco pubblico non cuistodito
Valore naturalistico Arboreto.
Indicazioni per la Conservazione e monitoraggio dello stato di salute
gestione
Azioni compatibili Interventi fitosanitari

73