Sei sulla pagina 1di 12

HiperLAN

• 802.11a
IEEE • 802.11b
• 802.11g
STANDARD
• Hiperlan type 1
ETSI • Hiperlan type 2

ƒ Bande utilizzate: 2,4 GHz – 5 GHz (ISM)


ƒ Tecniche di trasmissione: Spread Spectrum, OFDM
ƒ Velocità: fino a 54 Mbps

FATTORE Basse potenze COPERTURA


CRITICO di emissione LIMITATA

Tecnologia Hiperlan a 5 GHz


2004 Nuovi apparati in tecnologia Hiperlan
(Alvarion) con elevate prestazioni
Tali apparati permettono di realizzare:

ƒ dorsali di trasporto ad alta capacità

ƒ reti a livello geografico: Wireless WAN

Superamento dei limiti delle tecnologie attuali

copertura rate trasmissivo

1
Requisiti tecnici
EN 301 893 “Broadband Radio Access Networks 5 GHz HIPERLAN”

• Bande assegnate: 5.150 MHz – 5.350 MHz


5.470 MHz – 5.725 MHz

• Spaziatura canali: 20 MHz

• Limiti sulla potenza di uscita:


Range di Mean e.i.r.p.
Mean e.i.r.p.
frequenze density
[dBm]
[MHz] [dBm/MHz]

Da 5.150 a 5.350 23 11

Da 5.470 a 5.725 30 18

• Adozione di meccanismi per limitare le interferenze: TPC e DFS

Trasmit Power Control

Controllo della potenza di trasmissione


Apparati impiegano la sola potenza necessaria per il
buon esito delle comunicazioni

Vantaggi:
ƒ minore interferenza con altri sistemi radio

ƒ minore inquinamento elettromagnetico

ƒ minore consumo energetico

2
Dynamic Frequency Selection
Selezione dinamica del canale
Meccanismo per l’allocazione delle comunicazioni
all’interno dei canali disponibili

Gli apparati effettuano il CONTROLLO DEL CANALE:


ƒ per evitare trasmissioni cocanali
ƒ per rilevare segnali da parte di altri sistemi
(Radar Interference Detection)

In caso di rilevamento, il canale deve essere variato

Inoltre ogni canale può essere scelto in maniera equiprobabile:


utilizzo uniforme della banda (Uniform Spreading)

Normativa Italiana

Il Piano Nazionale di ripartizione delle Frequenze ha


assegnato agli apparati Hiperlan, le bande:

ƒ 5.150–5.350 MHz per uso indoor


Potenza: 200 mW mean e.i.r.p.

ƒ 5.470–5.725 MHz per uso indoor / outdoor


Potenza: 1 W mean e.i.r.p.

In accordo con le normative europee gli apparati Hiperlan


devono necessariamente adottare i meccanismi TPC e DFS

3
Introduzione al progetto
OBIETTIVO DEL PROGETTO

Fornire accesso a banda larga ad utenti in zone rurali

Scarsa diffusione
DIGITAL DIVIDE
della banda larga

Territorio collinare-montuoso
Problematicità
Bassa densità di urbanizzazione

SOLUZIONE :

Infrastruttura di comunicazione wireless


con apparati in tecnologia Hiperlan

Apparati da utilizzare
Verranno utilizzati gli apparati della ditta Alvarion
leader mondiale nel settore BWA

BreezeNet B BreezeAccess VL
per i link punto-punto per i link punto-multipunto

• Sono conformi agli standard ERO ed ETSI


• Hanno ricevuto l’omologazione da parte del Ministero
delle Comunicazioni

4
Caratteristiche apparati
Banda utilizzata: 5.470 – 5.725 MHz

Spaziatura canali: 20 MHz fino a 10 canali non-overlapping

Tecnica di trasmissione: OFDM adattativa ad 8 livelli con codifica FEC

Trasmissioni molto robuste rispetto: interferenze


cammini multipli

Collegamenti anche in NLOS

ƒ TPC e DFS
ƒ Supporto e gestione dei parametri di QoS
ƒ Sicurezza: protocollo WEP con chiave a 128 bit per l’autenticazione
protocollo AES per la criptatura dati

BreezeNet B
¾ Disponibile in 2 modelli: B 14 e B 28 che differiscono per il rate

¾ Dotato di un’antenna integrata a 21 dBi e di un connettore per l’utilizzo di


antenne esterne.

¾ Sistema BreezeNet B composto da: BASE UNIT


REMOTE BRIDGE

BreezeAccess VL
¾ Apparato adatto a coprire settori a 60°, 90° e 120°
Stand-Alone per coprire un solo settore
¾ Disponibile in 2 modelli:
Rack (modulare) per coprire fino a 6 settori
¾ Sistema BreezeAccess composto da: BASE STATION EQUIPMENT
CUSTOMERS PERMISES EQUIPMENT

5
BreezeAccess VL

BreezeAccess VL

6
7
Sviluppo progetto
23 siti da collegare dislocati
all’interno della provincia di
Macerata

Suddivisione in tre sottozone:

ZONA di CINGOLI: Cingoli, Apiro, Poggio S.Vicino, Montefano,


Appignano, Treia, Montecassiano e Pollenza

ZONA di CAMERINO: Camerino, Gagliole, Pioraco, Castelraimondo


Esanatoglia e il Monte Bordaino

ZONA del MONTE FEMA: Monte Fema, Pievetorina, Visso, Fiastra


Pievebovigliana, Fiordimonte, Bolognola
Monte Sassotetto e Acquacanina

8
Modo di procedere

ƒ Valutazione lunghezze possibili link

ƒ Studio visibilità link presi in esame

ƒ Ipotesi di rete

ƒ Apparati da installare

ƒ Stima del rate trasmissivo

Zona di Cingoli
Valutazione distanze Distanza
Collegamenti
[km]
Apiro P.S.Vicino 5,0
8 siti da collegare
MONTEFANO Apiro Cingoli 7,0
APIRO
Appignano Treia 6,0
Cingoli P.S.Vicino 11,5
POGGIO S.VICINO APPIGNANO
CINGOLI
Cingoli Montefano 18,5
MONTECASSIANO

Cingoli Appignano 10,5

TREIA Cingoli Treia 11,0

POLLENZA
Montecassiano Treia 11,5
Montecassiano Appignano 7,5
12 link presi in esame Montefano Appignano 10,0
Montecassiano Montefano 5,5
Pollenza Treia 5,5

9
Zona di Cingoli
Valutazione visibilità: LOS – NLOS

Studio cartografico

Profili altimetrici

Poggio S.Vicino - Apiro


600
500

altitudine (m)
400
300
200
100
0
0 1000 2000 3000 4000 5000
distanza (m)

Zona di Cingoli
Ipotesi di rete
7 link per collegare gli 8 siti della zona

APIRO MONTEFANO

POGGIO S.VICINO

APPIGNANO
CINGOLI
MONTECASSIANO

Cingoli è collegato a 4 siti TREIA

Si può adottare una soluzione POLLENZA

punto-multipunto

I restanti tre collegamenti sono di tipo punto-punto

10
Zona di Cingoli Apparati da installare

Settoriale 60° - 16,5 dBi


POGGIO S.VICINO MONTEFANO
CPE CPE
Base Unit
B 28

Access Access
Unit Unit
CINGOLI
BreezeAccess VL
Remote Bridge
B 28 Direttiva parabolica - 28 dBi
Access
APIRO Unit

Settoriale 90° - 17 dBi

CPE CPE

APPIGNANO TREIA
Base Unit Base Unit
B 28 B 28

I link punto-punto sono


realizzati con il Remote Bridge Remote Bridge
BreezeNet B 28 con B 28 B 28

antenna integrata da 21 dBi POLLENZA MONTECASSIANO

Zona di Cingoli Stima del rate trasmissivo

Distanza GTX GRX M DL UL


Link
[Km] [dBi] [dBi] [dB] [Mbps] [Mbps]
Apiro
5 21 21 5 36 36
Poggio S.Vicino
Treia
5,5 21 21 5 36 36
Pollenza
Treia
11,5 21 21 9 18 18
Montecassiano
Cingoli
11,5 16,5 21 9 18 6
Poggio S.Vicino
Cingoli
11 17 21 9 18 9
Treia - Appignano
Cingoli
18,5 28 21 10 * 6 24
Montefano

* Indisponibilità del servizio dello 0,05 %

11
Zona di Camerino
CAMERINO Base Unit
B 28
Base Unit
B 28
6 siti da collegare con
Remote Bridge
B 28 distanze inferiori a 12 km
CASTELRAIMONDO
Base Unit
B 28
Remote Bridge IPOTESI DI RETE
B 28

GAGLIOLE 5 link punto–punto


Remote Bridge
Base Unit B 28
B 28
PIORACO
Base Unit APPARATI
B 28
BreezeNet B 28 con antenna
Remote Bridge integrata da 21 dBi
B 28
Remote Bridge
B 28
ESANATOGLIA
MONTE BORDAINO

Zona del Monte Fema


BOLOGNOLA
9 siti da collegare
VISSO
Remote Bridge
(più 2 rilanci) con distanze
CPE B 28 inferiori ai 17 km

IPOTESI DI RETE:
Access
Unit
Base Unit
B 28
• link punto–multipunto dal
MONTE FEMA Access CPE MONTE SASSOTETTO
Monte Fema
BreezeAccess VL Unit
Base Unit
B 28
• 6 link punto–punto
Access
Unit
APPARATI:

Remote Bridge • BreezeAccess VL con 3 moduli


CPE CPE
B 28
¾ settoriale a 60°
Rilancio
Roccamaia
PIEVETORINA
Rilancio
M. Coglia ¾ direttiva parabolica
Base Unit Base Unit
Base Unit
B 28
Base Unit
B 28
¾ antenna settoriale a 90°
B 28 B 28

• 6 BreezeNet B 28 con
Remote Bridge Remote Bridge Remote Bridge Remote Bridge antenna integrata da 21 dBi
B 28 B 28 B 28 B 28

PIEVEBOVIGLIANA FIORDIMONTE FIASTRA ACQUACANINA

12