Sei sulla pagina 1di 125

TRAMWAYS & LIGHT RAIL > METRO > URBAN RAILWAYS

Andrea Spinosa

TGVG sistemi di Trasporto


su Gomma a Via Guidata

254 dpi
La presente pubblicazione è scaricabile all’indirizzo:
www.cityrailways.it
www.cityrailways.net

Si autorizza la riproduzione, l’utilizzazione e la diffusione dei testi e delle immagini citando fonte testuale e
fotografica a cui restano i diritti di proprietà intellettuale.

Citazione bibliografica consigliata:


Andrea Spinosa
“TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata“ – Roma, 2002-2010
254dpi,
254DPI, Genova

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 1


D opo il lancio promosso in Francia negli ultimi anni, l'idea di sistemi "innovativi" in quanto ibridi tra
autobus e tram sta trovando diffusione anche in Italia.
Si tratta di tecnologie contraddistinte da caratteristiche spesso intermedie fra le filovie e le tranvie
classiche, talvolta definite con l'espressione "tram su gomma", dotate di soluzioni tecniche interessanti
ancorché sperimentali. Tecnologie che si propongono come la risposta, sebbene ancora qualitativa, alla
crescente domanda di un sistema di trasporto flessibile ed ecologico ma soprattutto più economico
rispetto al tradizionale trasporto su ferro.

Autobus Iveco-Inbus a controllo automatico della guida (1988).

Se molte delusioni sono legate ad aspettative legate al nome improprio di tram su gomma - proprio
perché solo in pochi casi il vincolo di guida è completo come nel tram – è preferibile sin da ora utilizzare il
termine più corretto di Trasporto su Gomma a Via Guidata (TGVG).
Alcuni di questi sistemi sono in corso di costruzione in Italia, altri sono in appalto o allo studio. Quale sarà
il loro successo è prematuro dirlo, di certo la loro comparsa sul mercato ha innescato un dibattito che
vale la pena di essere seguito.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 2


Sommario

1. Cos’è un sistema TGVG ............................................................................................................................................................. 4


2. STREAM (Sistema di Trasporto Rapido Elettrificato ad Attrazione Magnetica) .................................................... 6
2. TVR, Transport sur Voie Réservée ........................................................................................................................................10
3. TRANSLOHR ................................................................................................................................................................................21
Translohr per immagini: Padova ........................................................................................................................................................................................ 30
Translohr per immagini: L’Aquila....................................................................................................................................................................................... 36
Translohr per immagini: Clermont-Ferrand (Francia) ................................................................................................................................................ 39
Translohr per immagini: Tianjin (Cina)............................................................................................................................................................................. 40
4. CIVIS Optiguide..........................................................................................................................................................................42
CIVIS per immagini: il sistema Transport Est-Ouest Rouennais (Rouen) ............................................................................................................. 46
5. PHILEAS ........................................................................................................................................................................................52
Phileas per immagini: Eindhoven (Paesi Bassi) ............................................................................................................................................................. 56
6. O’BAHN – Mercedes/Daimler Benz .....................................................................................................................................60
O’Bahn per immagini: Essen Spurbus .............................................................................................................................................................................. 65
O’Bahn per immagini: Mannheim Spurbus.................................................................................................................................................................... 87
O’Bahn per immagini: Leeds Superbus (Gran Bretagna) .......................................................................................................................................... 89
O’Bahn per immagini: Bradford (Gran Bretagna) ......................................................................................................................................................... 94
O’Bahn per immagini: Crawley Fastway (Gran Bretagna) ......................................................................................................................................... 96
O’Bahn per immagini: West Edinburgh Busways (Gran Bretagna) ........................................................................................................................ 98
7. Fura Fila, Veìculo Leve sobre Pneus ................................................................................................................................ 100
8. Tavole di confronto e analisi .............................................................................................................................................. 103
9. Usura della via di corsa: fessurazione e ormaiamento ............................................................................................. 105
9.1 Busvia su pavimentazione rigida ........................................................................................................................................... 105
9.2 Busvia su pavimentazione flessibile o semirigida ................................................................................................................. 115
9.3 Bibliografia scelta ................................................................................................................................................................... 119
10. Bibliografia ............................................................................................................................................................................. 120
10.1 Articoli e studi ad argomento filoviario ............................................................................................................................................................. 120
10.2 Sistemi su gomma a via guidata........................................................................................................................................................................... 122
10.3 Casi studio e progetti ............................................................................................................................................................................................... 123

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 3


1. Cos’è un sistema TGVG
Il problema della mobilità rappresenta senza dubbio uno dei più gravi problemi della città moderna: in
esso coesistono esigenze di salvaguardia ambientale, scarsità di risorse disponibili e i limiti tecnologici dei
vari sistemi di trasporto offerti dal mercato.
Gli autobus sono i trasporti meno costosi – in quanto non richiedono impianti fissi – e i più flessibili, ma
anche quelli che offrono i più bassi livelli di servizio e che creano i maggiori problemi di inquinamento
acustico e atmosferico (per la marcia autonoma a combustibili fossili). I filobus, riscoperti negli anni
Novanta, pagano una maggiore efficienza (trasportistica e ambientale) con una minore flessibilità.
I tram offrono elevate capacità di trasporto e ancora una maggiore efficienza trasportistica oltreché
energetica (in termini di consumi per il minore attrito ferro-ferro rispetto al contatto gomma-strada) ma
presentano difficoltà di inserimento nel tessuto urbanizzato.
Ecco allora che dagli anni Ottanta si è cercato di ideare un mezzo che offrisse – per le tratte a media
capacità, quelle non attrezzabili con linee metrotranviarie o metropolitane – i pregi del tram insieme alla
flessibilità del filobus o dell’autobus.
Prima di iniziare è bene riportare qualche definizione. Il presente testo tratta di alcuni sistemi di
trasporto collettivo, distinti da quelli ordinari (autobus, filobus, tramvie, metropolitane, ferrovie
suburbane) e quindi definiti non convenzionali o innovativi. Si tratta di sistema su gomma (quindi
sostanzialmente autobus e/o filobus) a guida vincolata (TGVG). Non sono inclusi altri sistemi non
convenzionali come people mover o metropolitane su pneumatici per cui si parla di sistemi ettometrici e
metropolitane leggere.

AUTOBUS: sistema a guida libera su gomma, a trazione termica (diesel o metano), con marcia a vista su
sede promiscua, talora in sede propria (busvia).
FILOBUS: sistema a guida libera su gomma, a trazione elettrica (da rete aerea), con marcia a vista, su sede
generalmente promiscua, talora in sede propria (filovia).

Autobus e filobus sono veicoli che in Italia, per il Codice della Strada, non possono eccedere i 18 m.
La portata di una busvia o di una filovia è riportata nella tabella seguente: è bene ricordare che frequenze
inferiori ai 5’ danno un servizio efficiente solo se organizzate su busvia (o filovia) viceversa in promiscuo
con il traffico si rischia un servizio altamente inefficiente (coda di bus alternata a lunghe attese).

Lunghezza 12 m
Capienza 110 posti
Frequenza 15 10 7 5 3
Passaggi/h 4 6 9 12 20
Posti/h per direzione 440 660 990 1.320 2.200

Lunghezza 18 m
Capienza 150 posti
Frequenza 15 10 7 5 3
Passaggi/h 4 6 9 12 20
Posti/h per direzione 600 900 1.350 1.800 3.000

TRAM: sistema a guida vincolata su ferro (binario), a trazione elettrica (da rete aerea), con marcia a vista
su sede promiscua o propria (tramvia).

Un tram essendo omologato per il servizio guidato da supporto fisso: può quindi eccedere i 18 m
garantendo capacità maggiori di autobus e filobus mantenedo elevati standard di servizio.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 4


Lunghezza 33 m
Capienza 180 posti
Frequenza 15 10 7 5 3 2,5
Passaggi/h 4 6 9 12 20 24
Posti/h per direzione 720 1.080 1.620 2.160 3.600 4.320

Lunghezza 40 m
Capienza 220 posti
Frequenza 15 10 7 5 3 2,5
Passaggi/h 4 6 9 12 20 24
Posti/h per direzione 880 1.320 1.980 2.640 4.400 5.280

Ricordando che per capacità superiori ai 7.000 pphd (in ora di punta) inizia a essere lecito parlare di
metropolitana (eventualmente leggera) ecco che i sistemi TGVG si collocano su capacità comprese entro i
3.000 pphd.

Alcune delle potenzialità tranviarie si aggiungono dotando i TGVG (che di base sono degli
autobus/filobus con un design innovativo) un sistema di vincolo che può essere meccanico (O’Bahn,
Translohr, TVR), ottico (Civis), magnetico (Phileas, Stream). È giocoforza che il cimento (intensità) del
vincolo non sarà lo stesso né sarà lo stesso il numero di gradi di libertà (di movimento) assorbiti.

Cimento in rapporto
Sistema Grado di vincolo
alla massa del veicolo
Tram 2 0,8
O'Bahn 2 0,6
Translohr 2 0,5
TVR 2 0,3
Civis 1 0,1
Phileas 1 0,1
Stream 1 0,0

Così si avranno sistemi con un vincolo elevato (O’Bahn e Translohr) e sistemi con un vincolo debole (Civis
e Phileas) o addirittura trascurabile (Stream). Per i primi parleremo di sistemi simil-tranviari – e il
Translohr è omologato in Italia proprio come sistema tranviario – per i secondi di sistemi di Trasporto su
Gomma a Guida Assistita (TGGA).

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 5


2. STREAM (Sistema di Trasporto Rapido Elettrificato ad Attrazione Magnetica)
Produttore: AnsaldoBreda
Anno di presentazione: 1992
Avanzamento: servizio sperimentale
Condizione attuale: sperimentazione sospesa

Il progetto elaborato da Ansaldo Trasporti e ACT di Trieste, approvato dal Comune nel 1995, prevedeva la
ristrutturazione della rete di trasporto urbano mediante la costruzione di tre linee di forza su cui adottare
la tecnologia STREAM.
La prima tratta funzionale – in parte realizzata – sarebbe dovuta divenire una linea trasversale E-W di 3,3
km, congiungente la zona del Porto al quartiere collinare della Guardiella, con 12 fermate. Sono stati
acquistati: un veicolo da 12 m (potenza di 160 kW) e uno da 18 m (potenza di 320 kW). Su entrambi è
stato installato un pacco batteria al nichel/idruro metallico (Ni/Me Hydride).

Fig. 1 Meccanismo di presa della corrente dalla linea di alimentazione al passaggio del veicolo.

STREAM, ovvero Sistema di Trasporto Rapido Elettrificato ad Attrazione Magnetica, consiste in un sistema
che si propone di utilizzare una normale corsia stradale, alimentato da un conduttore di alimentazione
contenuto in una canaletta precedentemente installata sotto la superficie stradale. Il sistema
richiederebbe uno scavo minimo di 30 cm di profondità, anche se tale dato non tiene conto
dell’eventuale necessità di spostamento dei sottoservizi.
La linea di contatto è costituita da una sequenza di moduli scatolari rigidi: ciascun modulo presenta sulla
faccia superiore due piste metalliche parallele. All'interno della canaletta corre un cavo alimentato in
tensione continua, che in posizione di riposo giace sul fondo.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 6


I veicoli sono muniti di un captatore costituito da un elettromagnete e da una serie di pattini bipolari: al
passaggio del veicolo il conduttore viene attratto verso l'alto fino a toccare le due piste metalliche. In
questo modo la corrente fluisce istantaneamente solo nel modulo a contatto con il captatore che preleva
l’energia necessaria alla trazione dal contatto tra le spazzole e le piste metalliche. Il captatore, tramite un
sistema di verifica dell’allineamento a trasduttore, può agire sullo sterzo dell'asse anteriore correggendo
la traiettoria del veicolo. La posizione dei veicoli lungo la linea è automaticamente rilevata con continuità
e tale informazione è utilizzabile per funzioni accessorie, come l'attivazione di priorità semaforiche o di
segnalazioni agli utenti.
Il costruttore del sistema è l'italiana AnsaldoBreda, che dichiara una velocità massima di 60-70 km/h ed
una capacità di trasporto di 2.000-5.000 persone all'ora per senso di marcia.

Fig. 2 Particolare del captatore installato alla base del veicolo.

Le peculiarità di questo sistema sono, oltre ad aver proposto un’alternativa all’alimentazione aerea, quella
di aver concentrato in un unico componente le funzioni di:
• alimentazione elettrica;
• vincolo di guida;
• segnalamento ed auto diagnosi.
L’esercizio commerciale della linea triestina non è mai stato avviato e l'amministrazione locale sembra
intenzionata a non proseguire la sperimentazione. Il problema che sin dai primi test effettuati è stato
proprio il malfunzionamento del sistema di autocentraggio del captatore. Le vetture procedono
seguendo le normali oscillazioni tipiche della guida manuale spesso non vengono corrette dal sistema di
riallineamento in tempo utile ad evitare il distacco del captatore dalla linea di contatto. La marcia
interrompe la sua linearità, subendo arresti e sussulti dovuti all’entrata in esercizio delle batterie in luogo
dell’alimentazione da terra.
Problematiche sono anche state osservate in caso di cattiva pulizia della via, principalmente per
accumulo di fogliame umido o ghiaccio e neve, capaci di rendere più difficoltoso lo scivolamento e la
presa delle spazzole del captatore sulla linea di contatto. Se a questo, si può ovviare garantendo una
frequenza costante della pulizia della via di corsa, agli amministratori comunali sono apparsi di più

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 7


difficile soluzione le problematiche relative al centramento del captatore, tema su cui peraltro si stanno
concentrando gli sforzi dei tecnici Ansaldo. Le conseguenze maggiori si ripercuotono prima di tutto sulla
marcia del veicolo che si presenta in ultima analisi troppo simile a quella di un comune autobus,
annullando tutti i vantaggi della guida vincolata. In attesa di future migliorie da parte dell’Ansaldo, il
Comune ha deciso – seguendo l’onda del malumore provocato dalle notizie di un fallimento del progetto
ventilato dai media – di sospendere la sperimentazione. Decisione che, a sua volta, ha influito in maniera
negativa sulle scelta di altre Amministrazioni, che in un primo momento avevano mostrato parere più che
favorevole all’adozione dello STREAM per le nuove linee veloci locali: prime fra tutte Venezia (tranvia
Venezia-Mestre-Favaro) e Savona (Metrobus, linea veloce Savona Porto-Vado Ligure).
La linea di Trieste era stata ufficialmente presentata il 20 settembre 1999, alla presenza di numerose
autorità, quando ancora si stava alacremente lavorando alla tratta sulla centrale via Mazzini. Eppure già
erano emerse alcune perplessità circa la reale funzionalità del sistema: aveva colpito la velocità di posa in
opera, verosimilmente troppo affrettata, con alcuni tratti della pista che presentavano giunzioni
evidentemente imperfette mentre altri erano stati nel frattempo addirittura coperti dall’asfalto.

Fig. 3 La segmentazione della linea di contatto consente la messa in tensione di settori limitati della linea, scongiurando il
passaggio della corrente in parti scoperte dalla presenza del veicolo.

Ad essere mancata è stata una sperimentazione più lunga, su un tracciato di prova con caratteristiche più
vicine alle condizioni di esercizio reali: dati più accurati sul funzionamento delle vetture e soprattutto sui
costi di installazione e manutenzione dell'infrastruttura (più elevati di quelli di un bifilare filoviario)
sarebbero stati calcolabili solo dopo una lunga campagna di sperimentazioni, da avviare una volta
completata l'opera. Queste difficoltà pur avendo scoraggiato la giunta triestina, non sembrano
comunque aver fermato la sperimentazione da parte dei tecnici Ansaldo e la loro fiducia verso questo
progetto.
Una nota: l’idea della captazione da terra dello STREAM è stata ripresa dal progetto francese Innorail e
applicata da Alstom in risposta all’impossibilità di installare la rete aerea lungo alcune tratti “sensibili”
della nuova tramvia di Bordeaux. La guida su rotaia risolve automaticamente il rischio del possibile
disassamento del captatore. Nei primi mesi di esercizio però alcune interruzioni del servizio hanno
dimostrato il permanere di problemi nel mantenere la tensione di contatto durante la corsa: le migliorie si
stanno concentrando proprio sul collegamento giunto-giunto dei segmenti della linea di contatto a terra
nonché sulla tenuta sul lungo termine ai fenomeni atmosferici avversi delle centraline di alimentazione,
talvolta soggette a malfunzionamenti.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 8


Fig. 4 Una lamiera dello spessore di 3 mm installata al di sotto del pianale del veicolo consente di schermare il campo magnetico
generato dal captatore: la zona di rispetto, pur non comportando restrizioni per le persone (valori del campo magnetico di 1-5
Gauss), può considerarsi completamente al di fuori della zona di frequentazione del veicolo.

Fig. 5 Via di corsa: particolare della posa in opera della canalina contenente il conduttore di alimentazione.

Fig. 6 Dettaglio della canalina di alimentazione: a sinistra il conduttore è a riposo; nella figura di destra al passaggio del captatore
il conduttore si solleva mettendo in tensione il singolo elemento di contatto conduttore-captatore.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 9


2. TVR, Transport sur Voie Réservée
Produttore: Bombardier
Anno di presentazione: 1994
Avanzamento: in commercio
Condizione attuale: in servizio a Nancy e Caen: mancano commesse dal 1998

Il TVR (Transport sur Voie Réservée, conosciuto anche con il nome di "GLT") sfrutta per la guida del veicolo
un'unica rotaia posta al centro della corsia di marcia. L’idea alla base del progetto è quella di unire le
prestazioni della guida vincolata alla flessibilità di servizio dei normali autobus.

È a partire da questo semplice concetto, che l’azienda belga BN (oggi facente capo al gruppo
Bombardier) produsse il Guided Light Transit, veicolo testato con successo per 200.000 km sulla pista
dell’autodromo di Rochéfort (Belgio), prima di entrare in servizio nella città stessa su un percorso di 4 km
in sede protetta (modalità tranvia) e 10 km su sede promiscua (modalità bus) a trazione termica
autonoma. Il GLT poteva procedere secondo quattro modalità di guida:

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 10


• guidata ed elettrificata (modalità tranvia): l’energia è captata da un pantografo, e il ritorno della
corrente è assicurato dalla monorotaia di guida (nel caso di Nancy, utilizza la stessa linea unifilare del
preesistente filobus);
• stradale ed elettrificata (modalità filobus);
• guidata a motore termico;
• stradale a motore termico (modalità bus).
La modalità guidata è assicurata da una rotaia posizionata al centro della via di corsa. Questa permette al
veicolo un allineamento perfetto in stazione, garantendo un’accessibilità totale, nonché l’utilizzo di una
sede ridotta rispetto a un autobus tradizionale, anche se leggermente maggiore di una tranvia su ferro
(minimo 6,30 m contro i 6,00 del tram).
Le gole laterali della rotaia di guida hanno una larghezza inferiore ai 4 cm, per evitare che le ruote dei
ciclomotori possano finirvi dentro, anche se qualche attenzione deve essere fatta dai ciclisti. Il passaggio
dalla modalità stradale a quella guidata, avveniva tramite una piastra-guida a ventaglio installata sulla
superficie stradale: il conducente posizionando la vettura di fronte all’inizio della via guidata, rilascia le
pulegge nel vano di ingresso lasciando che i bordi laterali le guidino attraverso il collo dell’imbuto verso il
dorso della rotaia. L’operazione si svolge a marcia inferiori ai 15 km/h e richiede un tempo di circa 15-20
sec. Per il passaggio inverso non occorre nessun ausilio: il semplice ritiro delle pulegge permetteva la
continuazione della marcia. Il GLT può procedere a pieno carico su pendenze del 12% senza incorrere in
rallentamenti della marcia (il veicolo di Nancy, sulla salita del Polo Tecnologico procede speditamente su
una pendenza del 13%). Il costo al chilometro dichiarato è di circa 10,66 M€ contro i 13,7 milioni del costo
minimo di una tranvia. Il veicolo è stato acquistato per 1,67 M€ dalle amministrazioni municipali di Nancy
e Caen.

Fig. 7 Posizionamento delle pulegge nelle due modalità di guida previste dal TVR.

Fig. 8 Schema di funzionamento della marcia guidata.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 11


Un secondo impianto sperimentale di questo genere è stato realizzato a Parigi su una porzione di 1,4 km
della futura linea intermunicipale Trans-Val-de-Marne. Su di essa è stato fatto circolare per due anni un
unico convoglio pre-serie a 3 casse. In diverse giornate si sono svolte anche prove di servizio, per valutare
le reazioni dei passeggeri. I risultati non sono parsi però agli occhi degli esperti RATP1, all'altezza delle
aspettative. A conclusione del periodo di prova non hanno ritenuto il TVR adatto a percorrere la nuova
linea, ritenendolo deludente su percorsi con fermate non troppo ravvicinate, quale quello previsto.
Occorre notare che il veicolo durante i test è stato attrezzato con sola alimentazione termica
penalizzandone non poco le prestazioni in termini di rumorosità.
Anche i tecnici di Le Mans - inizialmente interessati al TVR per un possibile utilizzo locale su una nuova
linea di trasporto in sede riservata di 13,5 km - sull’onda della bocciatura parigina si sono espressi
sfavorevolmente al TVR a favore di una tecnologia tradizionale:
• il TVR è sembrato un veicolo rumoroso e meno confortevole rispetto al tram;
• la sede del TVR occupa 7 metri mentre il tram può occuparne 6;
• con il tram si può risparmiare sui costi mettendo a gara la costruzione mentre i "tram su gomma"
sono di fatto monopolio dei rispettivi costruttori;
• il tram su ferro è un sistema ampiamente sperimentato, altamente performante e affidabile;
• nel giro di 10-15 anni il tram su ferro potrà evolversi in un sistema tram-treno, cosa impossibile col
tram su gomma.
Fra le altre caratteristiche negative del veicolo Bombardier, la sperimentazione condotta ha evidenziato
come la necessità di ricorrere a raccordi per l'"innesto" in entrata e in uscita della puleggia dalla rotaia
centrale di guida penalizzasse non poco l'esercizio di un veicolo che si vorrebbe il più possibile autonomo
dalla sede. La stessa sicurezza di un'apparecchiatura così concepita è stata poi messa in dubbio anche dai
conducenti (Sindacato Macchinisti di Nancy). Del resto appare ben problematica l'eventuale manovra di
vetture da 24 metri nel traffico cittadino: effettivamente fuori dal suo binario il TVR è comparabile ai
megabus che in Francia hanno recentemente deluso molte aspettative (in Italia il Codice della Strada
vieta il transito su strada a veicoli più lunghi di 18 m).
Nello stesso periodo però, diverse amministrazioni urbane portoghesi (prima tra tutte la città di Maia),
hanno stipulato dei contratti con la Bombardier, per la progettazione di un TVR idoneo agli standard di
circolazione stradale lusitani (similmente alla normativa italiana). L’Amministrazione di Caen, in seguito a
considerazioni analoghe, ha iniziato una lunga riflessione fatta di eccessi d’entusiasmo e facili
ripensamenti. Superando non poche esitazioni l’amministrazione ha stipoulato un contratto con la
Bombardier, per la costruzione di una commessa di 2+18 veicoli a pianale interamente ribassato, chiamati
per la prima volta TVR.

GUIDA VINCOLATA GUIDA MANUALE

1
Azienda autonoma di trasporto della città di Parigi.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 12


Fig. 9 Posizionamento normale della puleggia di guida durante la
marcia schema di sbandamento della stessa.
Figg. 10 - 11 (a lato). Particolare del danneggiamento della
puleggia di guida e relativo scardinamento a seguito di uno dei
deragliamenti avvenuti a Nancy nel 2001 (veicoli di prima
generazione).
È stata però proprio Nancy a inaugurare l’8 dicembre del 2000, la prima linea di tram su pneumatici, in
sostituzione della più frequentata delle linee della rete filoviaria locale, una delle più antiche del Paese. Ed
è a Nancy, che il TVR è stato effettivamente testato e omologato alla circolazione urbana. I numerosi test
effettuati non scongiurarono del tutto le insidie del servizio a pieno regime: nel marzo 2001 si
verificarono diversi deragliamenti sulla sezione che da place de la République curva in direzione di
Vandoeuvre.
Dalle conclusioni dei tecnici della Bombardier e dei periti nominati dalla Comunità Urbana di Nancy, il
veicolo non poteva ritenersi causa dell’incidente: si concordò sul dare la colpa al conducente che,
abituato al gioco permesso dal trolley filoviario mantenne una velocità troppo elevata all’ingresso della
curva causando il repentino blocco dei freni e lo scardinamento della di due pulegge dalla rotaia. Il fatto
non rimase però isolato: lunedì 18 novembre, corsa numero 16, stesso scenario, stesso incidente. Questi
due eventi, a così breve distanza, contribuirono ad alimentare seri dubbi sulle prestazioni del
meccanismo di guida Bombardier, alimentati oltretutto dal fatto che anche sulla rete del di Caen
(inaugurata nei primi mesi del 2002) si erano verificati episodi analoghi.
Il sistema era stato accolto con grande favore dai cittadini e dalle autorità, le quali erano fiere di aver
dotato la loro città del sistema di trasporto tecnologicamente più avanzato, facendo di Nancy un punto di
riferimento a livello mondiale – e, con mire nemmeno troppo celate, di ripetere il successo ottenuto da
Lille con le sue due linee di VAL, o Nantes, prima città francese a riscoprire le potenzialità del tram su ferro
-. A seguito degli incidenti, il prefetto della Meurthe-et-Moselle si è trovato costretto a sospendere il
servizio per alcune settimane, a scopo di accertamenti e verifiche.
A seguito della riapertura della linea, su cui si era provveduto ad aumentare la pendenza trasversale della
sede nelle curve più accentuate, le cose sono andate meglio – complice, probabilmente la maggiore
prudenza tenuta dai conducenti. Eppure, il 13 marzo 2002, un altro deragliamento, seppure senza alcuna
conseguenza ha rimesso in discussione l’efficienza del sistema. La Commissione d’inchiesta, attivata a
seguito degli ultimi due incidenti di novembre ha però espresso parere unanime: il problema non è la
tecnologia ma la poca esperienza – e prudenza - dei conducenti, abituati alla flessibilità di autobus e
filobus. Da parte sua, l’azienda che gestisce il sistema, forte dei 20.000 passeggeri trasportati
quotidianamente, si rifiuta di accusare i propri conducenti di mancanza di prudenza e “inesperienza”. I
tentativi dell’amministrazione di fare di Nancy, una città all’avanguardia nel panorama del trasporto
urbano, non potevano ritenersi esenti - nel tradursi in realtà - da simili accadimenti essendo il TVR un
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 13
sistema mai sperimentato in esercizio effettivo (il tracciato del TVM su cui è stato testato il veicolo
Bombardier presenta delle caratteristiche comunque troppo differenti dalla realtà urbana effettiva).
Nonostante quindi i fatti accaduti fossero impliciti – quanto necessari - all’attuazione del progetto,
grande è stato l’impatto mediatico di questi incidenti. Per l’opinione pubblica, nonostante non si siano
più verificati eventi di questo tipo dalla primavera del 2002 (a seguito delle correzioni effettuate dai
tecnici Bombardier), il tram su pneumatici rischia di rivelarsi un vero e proprio fallimento. Tra le
polemiche, i fatti: la diramazione per della linea 1 Vandoeuvre è stata chiusa a tempo indeterminato in
attesa di una nuova omologazione. Con questi lavori è salito il prezzo totale dell’operazione TVR: il costo
finale oscilla tra i 150 M€ (secondo il Comune) e 213 M€ (secondo l’opposizione) per una linea di 10,3 km.
In effetti si è raggiunta la soglia dei 15 M€/km, il costo, cioè, di una tranvia su ferro tradizionale. A queste
cifre si aggiunge che, l’aver rimesso in discussione il sistema, ha provocato la sospensione dell’ordinativo
che doveva completare il parco veicoli con ripercussione sulla frequenza attuale della linea (5-7 minuti
contro i 3 promessi).
Alla prova dei fatti anche i tecnici Bombardier hanno fatto un passo indietro: sulle vetture è stato
ammesso un difetto di fabbricazione che ha comportato la sostituzione degli assi dei veicoli. A questo si
deve l’usura evidente, e alquanto rapida, di alcuni tratti della via guidata di cui è stata necessaria la
sostituzione (tratta per Vandoeuvre).

Fig. 12 Dettaglio della boccola di rinforzo inserita per scongiurare


scardinamenti della puleggia in caso di deragliamento accidentale.

Figg. 13 - 14 (a lato). L’usura eccessiva dei pneumatici di prima


generazione è emersa già nei primi mesi del servizio operato a
Nancy. Per ridurre il fenomeno, comunque inevitabile, oltre alla
prevenzione delle ormaie tramite sottofondi armati, sono stati
adottati pneumatici maggiorati che potessero ripartire meglio il
peso durante la marcia.

Nel rapporto contenuto nel fascicolo aperto dal Tribunale di Nancy, sugli incidenti del 6 e 10 marzo 2001,
si possono individuare alcuni elementi interessanti. Gli esperti che si sono occupati della redazione dello
stesso hanno distinto le cause di ordine meccanico, essenzialmente relative alla transizione dalla
modalità guidata a quella stradale, da quelle di ordine elettrico, derivanti da un malfunzionamento del
CPI (controller permanente dell’isolamento elettrico). La causa quindi, è da ricercarsi in un difetto di
fabbricazione del veicolo Bombardier, tale da rendere insicuro il passaggio dalla modalità stradale a
quella guidata. In particolare sono stati riscontrati:
• un difetto di funzionamento delle pulegge all’atto del ritiro dalla rotaia di guida, dovuto
principalmente a una deformazione dei supporti delle pulegge stesse e degli assi di rotazione sotto

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 14


l’effetto delle vibrazioni provocate dalla marcia sui componenti d’acciaio della scocca, e,
secondariamente, a una corrosione dell’asse delle pulegge;
• un probabile difetto di concezione dell’automatismo di pilotaggio della transizione;
• la mancanza di un sistema a uomo morto;
• la totale assenza di conservazione della memoria di posizione nella sequenza, che permetta al
sistema di guida di riprendere il ciclo in corso, prescindendo dalla posizione precedente,
scongiurando il tal modo il blocco istantaneo della marcia;
• un vizio della procedura che ha permesso l’autorizzazione di un veicolo su prestazioni nominali senza
omologazione in servizio;
• la necessità di considerare il logorio degli assi delle pulegge di guida, superiore al previsto;
• la mancata capacità del sistema di diagnosticare l’indebolimento del collegamento degli assi delle
pulegge, prevedendone la rottura;
• la mancata segnalazione da parte del gestore del servizio, della natura del rischio derivante
dall’assenza di boccole di sicurezza, che impedissero scardinamenti delle pulegge dai rispettivi assi
anche in caso di incidente;
• un difetto nel sistema d’allarme, imputabile al meccanismo di convalida del segnale, si è aggiunto alle
suddette carenze nell’incidente del 10 marzo 2001, motivo per cui, secondo gli esperti, le coincidenze
sono state solo apparenti.
Gli esperti hanno presentato un nuovo diagramma di gestione del passaggio dalla modalità manuale a
quella guidata, basato sulle seguenti modifiche:
• un’esecuzione del passaggio di modalità con caratteristiche di totale sicurezza nei confronti del
sistema, dotato di un automatismo capace di mantenere “in memoria” la posizione delle pulegge e,
confrontarla, con quella prevista dal ciclo automatico;
• la possibilità di riprendere la normale procedura di transizione, in caso di errore di posizionamento;
• l’obbligo di far scendere i passeggeri, nel caso il sistema di allarme percepisca un’anomalia nel
sistema o nella procedura di transizione.
In tal senso è emersa l’ambiguità relativa all’omologazione concessa alle tratte terminali della linea
(avenue Carnot a St. Max, salita del Vélodrome e verso il CHU, il policlinico ospedaliero) dove la guida si
svolge in modalità stradale, data la mancanza di dati certi sulla sicurezza del sistema in guida non
vincolata. È da sottolineare che, a differenza dell’Italia, in Francia il Codice della Strada permette la
circolazione di veicoli superiori ai 18 metri: a Nancy è emersa la tutta la difficoltà, per gli autisti, di guidare
una vettura di 24 metri di lunghezza senza l’ausilio di meccanismi esterni. Per quanto concerne le
difficoltà di ordine elettrico, sono state attribuite, senza ombra di dubbio, a un difetto di concezione del
sistema di doppio isolamento (CPI) del veicolo, dispositivo destinato a proteggere i passeggeri
dall’eventualità di scosse elettriche.
Si ricorda che, il TVR adottato da Nancy presenta una variazione nel sistema di alimentazione. Nel
prototipo originale l‘alimentazione elettrica è garantita da una linea monofilare, qual è quella tranviaria,
dove il ritorno di corrente è assicurato dal contatto con la rotaia di guida. Nel sistema adottato a Nancy si
è cercato di utilizzare la preesistente linea aerea filoviaria, bifilare, in cui il ritorno è garantito da uno dei
due fili, essendo assente il contatto a terra.
Come emerso dal rapporto tecnico, il sistema di isolamento del TVR non era capace di garantire la totale
sicurezza della zona passeggeri durante la marcia in modalità guidata: in occasione dei deragliamenti, in
concomitanza con il blocco dei freni, si sono verificati dei cortocircuiti pantografo – cassa – terreno che
avrebbero potuto liberare delle correnti vaganti, mettendo in pericolo gli stessi passeggeri. Oltretutto
sembrerebbe essere stato lo stesso controller a provocare il blocco del sistema frenante, una volta
“percepito” il cortocircuito. Il difetto riscontrato ha avuto origine proprio nell’aver mantenuto parte della
tecnologia iniziale nel sistema elettrico di bordo, dove era assicurato il contatto a terra e quindi l’effetto a
gabbia di Faraday. In tal senso si è proceduto a una correzione della tecnologia del controller, per
eliminare ogni minima possibilità di scosse elettriche o blocchi ingiustificati agli apparecchi collegati.
Sulle 25 vetture consegnate si è proceduto alla sostituzione degli assi delle pulegge con un modello
rinforzato, in grado di resistere alle vibrazioni prodotte dalla marcia. Successivamente è stato avviato un
periodo di prova, costituito da una marcia a vuoto di una decina di veicoli con lo scopo di:
• Testare l’insieme delle modifiche apportate ai veicoli;

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 15


• Formare i conducenti alla guida specifica del tram su pneumatici;
• Testare il funzionamento degli altri componenti del sistema.

Fig. 15 Schema di fissaggio della rotaia di guida con materassino fonoassorbente (Caen).

Il periodo di prova, della durata di 100 giorni, ha permesso di raccogliere una quantità di parametri
soddisfacente al fine di garantire la totale messa in sicurezza del sistema. Successivamente si è proceduto
alla riomologazione della vetture. In effetti, una delle accuse al TVR è stata proprio quella relativa
all’omologazione delle vetture. Queste nel 2001 sono state omologate alla guida in strada come fossero
dei comuni veicoli stradali, senza effettuare dei controlli specifici relativi proprio alla guida vincolata e al
passaggio alla stessa. In tal caso le difficoltà relative al cattivo funzionamento delle pulegge del sistema di
guida di prima generazione sarebbero certamente emerse.
Sulla linea sono state riposizionate alcune fermate, aumentandone la distanza dalle curve a raggio più
ridotto, ridisegnati i punti più delicati della via di corsa, come gli attraversamenti pedonali e sono stati
disposti dei guard-rail in alluminio per diminuire gli effetti di eventuali deragliamenti. Un discorso a parte
merita il fenomeno delle ormaie: sul tracciato di Nancy, a tre anni dall’inaugurazione si è riscontrata
un’usura dei pneumatici dei veicoli notevolmente superiore al previsto. A quest’inconveniente si sta
cercando di ovviare in due modi: sostituzione con modelli maggiorati e rinforzo del manto stradale con
un rivestimento più resistente all’usura localizzata (tipo quello adottato a Rouen sulle linee TEOR) rispetto
all’utilizzo del manto tradizionale. L’armatura dello strato di usura con una rete metallica a nido d’ape,
affogata al momento del getto, ha aumentato la resistenza del manto diminuendo il rischio di insorgenza
dei solchi longitudinali.

Figg. 16 - 17 A sinistra, in primo piano, l’ “imbuto” di accompagnamento della puleggia sulla rotaia di guida al passaggio dalla
modalità di guida manuale a quella guidata. A destra un veicolo TVR in marcia a Nancy in modalità non guidata.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 16


Fig. 18 Ancora un TVR per le strade di Nancy in modalità bus (senza guida vincolata).

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 17


Fig. 19 Caen, particolare della via di corsa. Fig. 20 Caen, avenue Six Juin.

Fig. 21 Nancy, place de la République.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 18


Fig. 22 Particolare del meccanismo di accompagnamento delle pulegge verso la rotaia di guida nel passaggio dalla modalità bus
a quella tram (Caen, Duncan Allen 2005). Sotto schema del sistema.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 19


NANCY: pianta della linea in esercizio (dopo la variante del marzo 2004).

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 20


3. TRANSLOHR
Produttore: Lohr Industrie
Anno di presentazione: 1997
Avanzamento: in commercio
Condizione attuale: in costruzione a Venezia e prossimamente Latina e Parigi (tram 6 e 7)
è stato adottato in diverse municipalità cinesi tra cui Shanghai

Si tratta di un sistema per molti versi analogo a quello realizzato da Bombardier: il grado di vincolo è
maggiore e, pur essendo stato concepito sia per la guida manuale che vincolata si è affrancato
esclusivamente come mezzo vincolato.
Le vetture, di chiara concezione tranviaria, possiedono un peso assiale ridotto rispetto al TVR ed il sistema
di guida, sostanzialmente simile a quello proposto da Bombardier, prevede una rotaia centrale sulla quale
insistono due ruote tranviarie secondo uno schema a "V", che sembrerebbe risultare piuttosto efficiente.
È da sottolineare come il costruttore dichiari un costo chilometrico di circa 7-8 M di euro e che le vetture
sono esplicitamente indicate come "tranviarie" non essendo dunque prevista la marcia promiscua su
sede stradale.
Allo stato attuale il sistema Translohr è operativo dal 24 marzo 2007 sulla linea 8 di Padova (linea SIR1) e
dal 27 agosto 2007 a Clermont-Ferrand su una linea nord-sud di 14 km. Nel 2008 è stata attivata una
linea nella metropoli cinese di Tianjin e l’anno seguente a Shanghai. È in realizzazione un nuovo
impianto a Venezia mentre presto partiranno i lavori per l’impianto di Latina. Non sarà messo in
funzione l’impianto de L’Aquila2, in parte realizzato e sui cui era intervenuta la magistratura per
irregolarità in sede di assegnazione dell’appalto. Anche se non è stato comunicata alcuna decisione
ufficiale, alla luce del recente terremoto e dei danni subito dal capoluogo abruzzese non si prevede una
conclusione positiva per la vicenda del Metrobus aquilano.

2
Il 21 marzo è giunta dalla Commissione Europea la notizia del deferimento dell'Italia alla Corte di Giustizia Europea a causa della procedura
d'appalto seguita dal Comune dell'Aquila per l'acquisizione di una fornitura di tram.
Secondo Bruxelles si rileva il mancato rispetto della normativa comunitaria in materia di appalti pubblici “nella procedura seguita dal Comune
dell'Aquila per aggiudicare l’appalto per la progettazione, la realizzazione e la gestione della linea tranviaria”. L'esecutivo UE è del parere che il
contratto aggiudicato ''vada qualificato come contratto di lavori pubblici e non come concessione di lavori pubblici”.
Nella sostanza appare dunque in discussone l’aggiudicazione del contratto di lavori pubblici tramite Project Financing, procedura riservata alle
concessioni di lavori, che costituirebbe “una violazione della direttiva UE n. 37 del 1993''. La Commissione Europea ha fatto inoltre sapere di
ritenere che ''la modifica delle condizioni per l'aggiudicazione dell'appalto pubblico in questione dopo la pubblicazione del bando di gara, in
particolare in ordine alla classificazione dei lavori da eseguire, equivalga ad una violazione dei principi del Trattato UE - in particolare quelli di
trasparenza e non discriminazione - in quanto non tutti gli operatori interessati e qualificati hanno potuto partecipare alla gara d'appalto''.
A prescindere dagli aspetti giuridici della vicenda, va rimarcato come questa costituisca di fatto un pesante ostacolo alla prosecuzione dei lavori,
che sul primo lotto erano da tempo già stati portati a compimento (rif. UE http://europa.eu/institutions/inst/justice/index_it.htm – MobiltyTech
http://www.mobilitytech.it/portal/page/categoryItem?contentId=78141 .

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 21


Come il TVR, Translohr combina le carte vincenti di due sistemi complementari: da un lato l’architettura
tranviaria e dall’altro la tecnologia in cui l’asse pneumatico sostituisce il vagone ferroviario. Tale unione è
basata su prestazioni tecniche (bidirezionalità, moto rotatorio, guida aderenza, frenaggio), caratteristiche
di discrezionalità (silenziosità, prontezza, leggerezza) e impegni per il futuro (manutenzione, modularità).
È un sistema ideato in base a una modularità totale. L’aggiunta di 3 moduli passeggeri ai 2 moduli di
base, permette di ospitare da 80 a 250 viaggiatori, senza modificare né il profilo, né l’aderenza al terreno.
Translohr può essere anche suddiviso in convogli.

Fig. 23 Il sistema di guida con pulegge a contrasto, cosiddetto a V, rende il vincolo di guida attivo a differenza degli altri sistemi
che durante la marcia svolgono un controllo indiretto sulla guida.

Caratteristica fondamentale di questo veicolo è il pneumatico: trasporta l’insieme del convoglio e


permette al Translohr di superare qualsiasi ostacolo possa proporsi nella realtà urbana in cui è inserito:
pendenze fino al 13%, strade strette e sinuose. Tali prestazioni permettono di ottimizzare il tracciato della
linea, senza necessariamente scegliere gli assi viari più rettilinei o dotati di una determinata ampiezza. Il
sistema di guida del Translohr è basato sul concetto della guida a “V”. Due pulegge disposte a 45°
scorrono sulla monorotaia di guida, e nello stesso tempo, tramite una naturale azione di contrasto l’una
verso l’altra, permettono al veicolo di procedere mantenendolo sempre in asse con la rotaia stessa. Ma la
propensione all’inderagliabilità del veicolo è implicita nella struttura stessa, grazie alla presenza del telaio
che sostituisce il normale asse dei pneumatici. L’asse dei pneumatici è disposto non al di sotto di una
singola cassa ma esattamente sul punto di contatto della cassa con quella che la segue: questo per
ridurre sia il carico unitario per asse sia le sollecitazioni laterali sui pneumatici durante la marcia.
Potenti sospensioni conducono il peso su due bracci verticali su cui sono innestati i pneumatici, ciascuno
dotato di un proprio motore. Tali bracci hanno una base maggiorata e raccordata al telaio orizzontale,
con il quale formano un unico componente (il carrello).
Sul lato superiore e inferiore del telaio è presente una stampella a cui è ancorato il sistema delle due
pulegge.
La presenza di un telaio, in luogo del tradizionale asse, presenta due vantaggi fondamentali:
• stabilità della guida: il veicolo ha un assetto tale da assorbire e dissipare le vibrazioni date dalle
irregolarità della superficie stradale, direttamente a livello dei pneumatici, garantendo un comfort di
marcia più elevato dei veicoli ad assi tradizionali;
• maggiore efficacia del vincolo di guida: l’azione propulsiva dei motori è distribuita su una
superficie maggiore a livello delle ruote senza entrare in contrasto con l’ordine recepito dalla rotaia.
Il veicolo in moto è risultato piuttosto silenzioso, nonostante il contatto delle pulegge sulla rotaia. Nel
periodo compreso tra l’autunno 1997 alla fine del 1999, la RATP (Azienda di Trasporto Parigina) di
concerto con il Comune e il Consiglio Regionale dell’Area Metropolitana Parigina ha testato su questo
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 22
percorso il GLT, il Translohr della Lohr Industrie e il Civis degli stabilimenti IrisBus/Matra Siemens. Il
tracciato di prova è stato inizialmente equipaggiato con la monorotaia di guida del GLT, e più tardi con
quella del Translohr, nella seconda parte del test.
Il prototipo STE del Translohr ha iniziato i test nel novembre 1999, su un percorso di 1,5 km,
equipaggiato con rotaia di guida e catenaria di alimentazione. Il veicolo, a tre casse, lungo 25 metri, ha
una larghezza di 2,20 metri (richiede uno spazio viario estremamente ridotto), un’altezza di 2,89 metri e
può trasportare 115 passeggeri (coefficiente @ di riempimento pari a 4 passeggeri per metro quadro).
Nel complesso la marcia di Cleopatra3 risulta una delle meno esigenti della categoria in termini di spazio
richiesto: circa 5,31 m di larghezza per una piattaforma a doppio senso in rettilineo e 6,7 m in curva.

Fig. 24 Lo stile naturale ed elegante di Translohr è ispirato dalla città stessa in cui è inserito l’impianto. Lo scopo è quello di
garantire un design seducente e personalizzato, rendendo il veicolo un prodotto di marketing urbano.

La prima impressione è stata quella di un veicolo estremamente accessibile, con un indice di trasparenza
delle carrozze molto elevato. All’interno, lo spazio per i passeggeri è massimizzato dalla tecnologia dei
pneumatici prodotti dalla Lohr, i quali sono posizionati all’intersezione di ciascun modulo componente il
veicolo, restituendo parecchio spazio al corridoio interno. I sedili sono appesi alla parete, facilitando la
pulizia del veicolo, maniglie e barre di appoggio hanno un design intelligente e accattivante.
Il veicolo risulta il più leggero della categoria, con un carico per asse di sole 7 tonnellate (rispetto alle 10 -
20 di un bus o un tram). Questo rende più durevole il rivestimento della via di corsa nonché un risparmio
energetico del 15-18%.

Fig. 25 La via di corsa può essere allestita su tradizionale manto d’usura oppure poggiata su tavelloni di cls e completata con
masselli autobloccanti (soluzione tipica di aree pedonali e/o centrali) oppure inerbimento.

Con una soglia di accesso posta a 25 centimetri da terra ed un raggio di sterzata di soli 10,5 metri (il 30%
in meno dei veicoli similari) il veicolo risulta piuttosto flessibile nella marcia nei centri urbani più antichi,
non solo per il fatto che può adattarsi alle vie più tortuose. Essendo in Italia omologato come veicolo
tranviario è scartata la possibilità di procedere senza via guidata. In Francia tale problema non sussiste,
perché come abbiamo visto il CdS permette il transito a veicoli di lunghezza maggiore di 18 m.

3
La parte frontale del veicolo è stata ribattezzata “Cleopatra”, per la somiglianza con il profilo marcato della nota regina.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 23


Essendo modulari, questi veicoli possono avere fino a 5 elementi (da 18 a 39 m) e possono fornire una
capacità di trasporto compresa tra 2.000 e 6.000 passeggeri/ora per direzione, quindi competendo
fortemente con le normali tranvie su ferro (massimo 8.000 passeggeri/ora per senso di marcia). Dove il
Translohr può solamente competere con il tram, i suoi produttori puntano al costo d’installazione della
“via guidata”: circa il 50-55% della sede tranviaria tradizionale.

Fig. 26 La vettura studiata per la municipalità parigina: il translohr sarà adottato per le nuove linee T6 e T7.

Lohr ha dato hai suoi tecnici il tempo di studiare attentamente numerosi aspetti della
commercializzazione del suo prodotto. Il loro scopo era quello di progettare un veicolo che invogliasse
gli abitanti a lasciare la propria automobile, e infatti hanno avuto successo nel progettarne uno che sia
effettivamente confortevole e ben congegnato.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 24


Fig. 27 Venezia.

Fig. 28 Padova.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 25


Fig. 29 Tianjin.

Fig. 30 Shanghai.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 26


Fig. 31 Padova, particolare della posa della rotaia di guida: si distingue la canalina in cls di alloggiamento e, in primo piano, la
sezione della rotaia con le svasature laterali di corsa delle pulegge.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 27


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 28
PADOVA: schema della linea 1 del Metrobus

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 29


Translohr per immagini: Padova
La linea di Padova (denominata SIR1) è stata inaugurata il 24 Marzo 2007 sul percorso Stazione FS - Capolinea Sud (6.7 km) con
servizio limitato (una corsa ogni 35 min, due vetture in servizio, servizio sospeso nei festivi). La linea è entrata a regime il 29
Ottobre 2007 con corse ogni 8 min. Il parco comprende 14 veicoli tipo STE3. Con l’ultimazione della tratta nord Stazione FS -
Pontevigodarzere la linea SIR1 ha uno sviluppo di 10,3 km. È allo studio una diramazione di circa 1,4 km dalla stazione alla Fiera il
cui appalto di costruzione è previsto entro il 2011. In fase avanzata di progettazione sono anche le linee SIR2 e SIR3.

Arrivo e presentazione della prima vettura Translohr STE3.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 30


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 31
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 32
Particolare di uno scambio: si noti che, al contrario di quelli tranviari classici, che devono necessariamente mantenere una
continuità e quindi prevedono la presenza di aghi di contatto, le due rotaie in questo caso sono affiancate mantenendo un
punto di contatto centrale (chiasma). Sotto il particolare di un incrocio.

La vettura 14 del sistema di Padova trainata dal mezzo di soccorso 57 dopo il deragliamento del 29 Ottobre 2007 avvenuto al
capolinea Stazione FS.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 33


Il Translohr viene proposto dalla casa costruttrice come un'alternativa più economica e di più facile realizzazione rispetto alla
tramvia classica; tali vantaggi però finora non sono mai stati dimostrati, anche perché nell'atto pratico la costruzione di una linea
di Translohr ha lo stesso impatto di una linea tramviaria.
Vantaggi promossi dalla Lohr sono la possibilità di affrontare rampe elevate (fino al 13%, in realtà anche i tram possono superare
pendenze molto elevate, come a Sheffield o Tenerife dove vengono raggiunte pendenze del, rispettivamente, 10% e 9,5%.) e
raggi più stretti (10,5 m), nonché l'impossibilità del veicolo ad essere soggetto a deragliamenti.
Quest'ultimo punto – come già per il TVR a Nancy e Caen - è stato in realtà smentito dai fatti: deragliamenti sono avvenuti a
Clermont-Ferrand (2 Ottobre 2006), a Padova (sempre il 2 Ottobre 2006, il 5 Maggio 2007 con un passeggero ferito, 11 Luglio, 29
Ottobre), e nel sistema di più recente attivazione, Tianjin (20 Agosto 2007).
In particolare a Padova la comunità ha percepito in maniera molto forte l’effetto di insicurezza creato dalla rotaia nei confronti
dei ciclisti: la presenza di due gole affiancate, anziché di una sola come nella rotaia tramviaria tradizionale, e la maggiore
larghezza crea notevoli problemi di stabilità alle biciclette quando queste incrociano la via del Translohr.
Tale pericolosità è stata constatata dal Comune di Padova che ha vietato con l'ordinanza 148645 del 6 giugno 2006 il transito alle
biciclette lungo le Riviere interessate dalla circolazione del Translohr.
Dal sito http://www.rotaiakiller.splinder.com/, che rappresenta il comitato di cittadini che chiedono la messa in sicurezza della
rotaia - si legge: ”lo scopo del comitato non è una battaglia contro il tram o metrobus lo scopo del comitato è fare di tutto perché la
monorotaia del translohr venga messa in sicurezza e quindi nella situazione di non nuocere e di non provocare più feriti”.

Foto dei lavori di costruzione della linea di Padova: a sinistra preparazione del sottofondo della carreggiata, a destra saldatura di
due elementi della rotaia.

A Padova il progetto del Metrobus è nato dalle ceneri di quello che doveva essere un vasto piano di tranvie tradizionali. Le
polemiche sull’una o l’altra tecnologia sono imperversate per anni anche fomentate dai diversi cambiamenti di colore delle
Giunte che si sono succedute.
Depurando il discorso dai toni campanilistici non si può trascurare la percezione di insicurezza di una così vasta parte di cittadini,
4
diluendola sotto una delle tante facce dell’effetto NIMBY , reazione intrinseca e inevitabile a ogni grande opera infrastrutturale.

4 Con NIMBY (acronimo inglese per Not In My Back Yard, lett. "Non nel mio cortile") si indica un atteggiamento che si riscontra nelle proteste
contro opere di interesse pubblico che hanno, o si teme possano avere, effetti negativi sui territori in cui verranno costruite, come ad esempio
grandi vie di comunicazione, sviluppi insediativi o industriali, termovalorizzatori, discariche, depositi di sostanze pericolose, centrali elettriche e
simili.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 34


Per come è progettata la rotaia del Translohr, unica soluzione efficace rimane l’evitare per quanto possibile la
promiscuità con biciclette e ciclomotori.
Per una soluzione nel lungo periodo, e per imparare da situazione come quella Padovana o della stessa Nancy, non si può
prescindere dallo sviluppare e diffondere la cultura della comunicazione, del dialogo e della partecipazione in ambito territoriale,
come fattori indispensabili nella realizzazione di impianti e infrastrutture strategiche per lo sviluppo del Paese. L'obiettivo ultimo
deve sempre rimanere quello di individuare le più efficaci metodologie di interazione tra le diverse parti in causa per ridurre il
fenomeno dei conflitti territoriali ambientali5.

Photo J-Fox

Lunedì 2 ottobre 2009, a Clermont-Ferrand presso la fermata CHU una vettura STE3 è uscita dalla sede con quello che è stato
definito un “parziale deragliamento”. Si tratta di un evento che a Padova si è verificato in due episodi.
Per gli ingegneri della Lohr lo “scarrelamento” delle pulegge è stato causato dalla presenza accidentale di un bullone nel solco
della rotaia a far uscire le pulegge dalla sede: l’evento si è risentito nella vettura sottoforma di un forte scossone fortunatamente
senza provocare feriti. Anche se la presenza di un oggetto sulla via di corsa non è in certo imputabile al sistema translohr, ai
tecnici Lohr è stato chiesto di fornire delle misure atte a ridurre il rischio di incidenti (rischio comunque valutato come non
pericoloso dalla Prefettura in sede di omologazione del sistema al servizio pubblico, conclusasi il 16 ottobre 2006).
La soluzione proposta è stata quella di aumentare l’angolo delle pulegge di qualche grado, in modo da portare la pressione di
serraggio alla rotaia da 3,0 a 5,7 tonnellate.

L'atteggiamento consiste nel riconoscere come necessari, o comunque possibili, gli oggetti del contendere ma, contemporaneamente, nel non
volerli nel proprio territorio a causa delle eventuali controindicazioni sull'ambiente locale.
La facile attribuzione della qualifica di NIMBY alle opposizioni ad un progetto può squalificare a priori le eventuali valide argomentazioni portate
contro il progetto, ad esempio le critiche su vari aspetti del piano, dall'impatto ambientale alle valutazioni sulla sua effettiva utilità fino alle
osservazioni in merito agli interessi economici che lo supportano.
Pertanto, l'argomento NIMBY si presta ad essere usato pretestuosamente sia da quanti sostengono il progetto ("tutte le opposizioni sono causate
dalla sindrome NIMBY") che da quanti lo avversano ("i nostri argomenti non vengono ascoltati, sostenendo che si tratta solo di una protesta
NIMBY").
Se la sindrome NIMBY colpisse ogni abitante della Terra diventerebbe di fatto impossibile prendere quei provvedimenti indispensabili a ogni
comunità che risulterebbero fastidiosi per la relativa zona coinvolta.
Si arriverebbe così al paradosso che pur riconoscendo un'impianto come essenziale, o comunque valido, non si riuscirebbbe ugualmente a
erigerlo. La degenerazione è ben definita dagli anglosassoni che per indicare la l’estremizzazione della sindrome NIMBY, utilizzano l'acronimo
BANANA che sta per Build Absolutely Nothing Anywhere Near Anything (lett. "Non costruire assolutamente nulla in alcun luogo vicino a qualsiasi
cosa").
5
Si veda il sito http://www.nimbyforum.net/.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 35


Translohr per immagini: L’Aquila
Il capoluogo abruzzese ha messo da due anni in costruzione una linea con percorso Centro - Parcheggio Collemaggio per una
lunghezza di 7.5 km. Si prevedeva la fornitura di 7 vetture tipo STE3. Al gennaio 2007 la posa della rotaia risultava completa per
oltre il 70% della linea, come testimoniano le foto seguenti. La linea non è però mai stata attivata: il 21 marzo 2007 è giunta dalla
Commissione Europea la notizia del deferimento dell'Italia alla Corte di Giustizia Europea a causa della procedura d'appalto
seguita dal Comune dell'Aquila per l'acquisizione di una fornitura di tram.
Secondo Bruxelles si rileva il mancato rispetto della normativa comunitaria in materia di appalti pubblici “nella procedura seguita
dal Comune dell'Aquila per aggiudicare l’appalto per la progettazione, la realizzazione e la gestione della linea tranviaria”.
L'esecutivo UE è del parere che il contratto aggiudicato ''vada qualificato come contratto di lavori pubblici e non come
concessione di lavori pubblici”.
Nella sostanza appare dunque in discussone l’aggiudicazione del contratto di lavori pubblici tramite Project Financing,
procedura riservata alle concessioni di lavori, che costituirebbe “una violazione della direttiva UE n. 37 del 1993''. La
Commissione Europea ha fatto inoltre sapere di ritenere che ''la modifica delle condizioni per l'aggiudicazione dell'appalto
pubblico in questione dopo la pubblicazione del bando di gara, in particolare in ordine alla classificazione dei lavori da eseguire,
equivalga ad una violazione dei principi del Trattato UE - in particolare quelli di trasparenza e non discriminazione - in quanto
non tutti gli operatori interessati e qualificati hanno potuto partecipare alla gara d'appalto''.
A prescindere dagli aspetti giuridici della vicenda, va rimarcato come questa costituisca di fatto un pesante ostacolo alla
prosecuzione dei lavori, che sul primo lotto erano da tempo già stati portati a compimento. Come se non bastasse il recente
evento sismico che ha colpito il capoluogo abruzzese ha reso ancora più remota la possibilità di ultimazione della linea.
L’associazione di imprese formata da Iannini, AMA e Bonciani vinse l’appalto per la costruzione di una linea di 7,5 km destinata ad
unire il centro storico al parcheggio di interscambio si “Collemaggio”; per il suo esercizio sono stati realizzati dal costruttore
alsaziano 7 convogli; realizzata la prima tratta, nel 2004 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ottenne dal CIPE un
finanziamento di circa 22 milioni di euro (il 60% dei costi dell'intervento) per la prosecuzione dalla fermata "Quattro Cantoni” al
parcheggio di Collemaggio, nel frattempo collegato al centro cittadino da un impianto di tapis-roulant della lunghezza di circa
500 m.

Particolare della rotaia installata lungo via Roma.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 36


Vista della linea lungo via Roma e, sotto, nei pressi dell’Amiternum.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 37


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 38
Translohr per immagini: Clermont-Ferrand (Francia)
La linea di Clermont-Ferrand (tram A) è stata inaugurata ufficialmente il 14 Ottobre 2006, mentre l'esercizio regolare è
cominciato il 13 Novembre sul percorso da Champratel al capolinea provvisorio di Chu Gabriel-Montpied. Infine, il 27 Agosto
2007, la linea A è stata completata con l'apertura della tratta Chu Gabriel-Montpied - La Pardieu Gare raggiungendo una
lunghezza di 14 km. Attualmente il parco comprende 20 veicoli tipo STE4. Il gestore è T2C.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 39


Translohr per immagini: Tianjin (Cina)
La linea di Tianjin, chiamata Dongting Street Test Line, è stata inaugurata il 6 Dicembre 2006. Lunga circa 8 km, collega la
stazione TEDA con la cittadella universitaria ed è servita da 8 vetture tipo STE3. È prevista l'estensione della linea per un totale di
30 km. In Cina il sistema gode di un tale successo in questo momento che, la municipalità di Shanghai ha avviato un Piano di
Fattibilità per la realizzazione di una rete di tram su gomma a integrazione della già estesa rete metropolitana, di oltre 235 km.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 40


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 41
4. CIVIS Optiguide
Produttore: IrisBus – Renault, Matra Siemens Transportation
Anno di presentazione: 2002
Avanzamento: in commercio
Condizione attuale: in servizio a Las Vegas e in costruzione a Bologna

Si tratta di sistema caratterizzato da vetture (soprannominate "Cristalis", per le ampie vetrature) dotate di
un design altamente innovativo, con cassa avvolgente ed ampie vetrate panoramiche. La trazione
avviene tramite motoruote Alstom/Michelin, mentre la captazione della corrente, avviene mediante una
coppia di aste filoviarie.

Fig. 32 La modalità guidata del Civis, avviene tramite una guida ottica che segue un segnale a terra indicante al veicolo il
percorso da seguire. Il veicolo è dotato di un sistema di lettura a telecamera collegato a un dispositivo elettronico che comanda
le ruote del primo asse a seguire la linea di guida.

La guida automatica della vettura è realizzata per mezzo di un sensore ottico brevettato da MATRA
(optiguide) in grado di rilevare la posizione di appositi patterns semplicemente verniciati al centro della
corsia di marcia. Per motivi di sicurezza, è peraltro richiesta, nel caso la via di corsa presenti una larghezza
inferiore a 3 metri, la presenza di un cordolo sul quale insistono apposite ruotine laterali tipo O-Bahn: tale
misura non appare necessaria nei punti caratterizzati da marcia a bassa velocità (fermate, incroci, ecc).
Il sistema testato dalla città di Rouen per le tre linee TEOR – poi esercite con mezzi Renault Agorà senza
guida ottica - in prova con due veicoli a Clermont Ferrand (tracciato del LEO-Liason Est-Ouest) è stato
adottato dal Comune di Bologna per la nuova linea Borgo Panigale – S. Lazzaro di Savena da servire con
49 veicoli nella versione elettrica, dotati del sistema di guida ottica della Siemens.
Prodotto dal consorzio IrisBus – Renault, Matra Siemens Transportation -, il Civis non è altro che una
sostanziale evoluzione del filobus Renault ER 100 alla quale si sono mostrate interessate numerose città
francesi: un primo lotto di un centinaio di vetture è destinato alle nuove linee filoviarie di Lione e
Grenoble, dalle cui aziende non è peraltro stato richiesto l'optional della guida ottica (in loco infatti la
vettura viene chiamata con l'appellativo "filobus di cristallo").

Fig. 33 Schema dell’optiguide, il sistemi di guida ottica Matra – Siemens.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 42


Il sistema di guida ottica è stato progettato dai tecnici Matra (oggi parte del gruppo Siemens
Transportation System) e utilizza una tecnologia basata sull’elaborazione digitale delle immagini. Una
telecamera, installata sulla parte frontale del veicolo, in posizione baricentrica, legge il percorso tracciato
sulla via di corsa tramite una doppia linea tratteggiata, indicante il percorso ottimale da seguire per il
miglior confort dei passeggeri.
Le informazioni raccolte vengono inviate a un processore, che è così in grado di anticipare il percorso da
seguire di circa 40-50 m, prevedendo l’incedere di ogni variazione del tracciato e automaticamente
riportando il veicolo in asse tramite attivazione di un motore elettrico installato sul pignone dello sterzo:
tramite dei “microcolpetti” assestati sul pignone - e impercettibili dai passeggeri e dal conducente –
consente di mantenere in perfetto allineamento il veicolo con la traiettoria da seguire. La traiettoria è
tracciata sulla superficie della via di corsa mediante una vernice polimerica, resistente allo sfregamento e
agli agenti atmosferici, questo per garantirne un’elevata curabilità anche quando la via di corsa sia
tracciata su strade in promiscuità con gli altri veicoli. Questo tipo di vernice, stesa mediante spruzzatura
con attrezzatura meccanica di precisione maggiore rispetto a quella utilizzato per la comune segnaletica
stradale, potrebbe essere applicata anche sui normali manti bituminosi.

Fig. 34 Maquette del Civis proposto per la municipalità di Las Vegas.

Sul funzionamento in condizioni reali si è consumato però il fallimento dell’utilizzo del Civis sulla rete del
TEOR6 di Rouen. Qui i tecnici Irisbus hanno pagato, come già avvenuto per altri sistemi a Nancy o Trieste,
lo scotto di aver consegnato veicoli ancora allo stato prototipale. Il confronto con un sistema altamente
affidabile come i bus Agorà - Renault da 18 m, attrezzati con guida ottica per il coasting e con un costo
ridotto al 55% pur se con capacità inferiore ha convinto l’amministrazione della Comunità Urbana a
ritirare l’opzione sull’acquisto di 55 veicoli in tre forniture. Il sistema a guida ottica tipo Civis è stato
adottato oltre a Rouen anche a Clermont Ferrand (Agorà e Civis). Risulta collaudato soltanto per velocità
sotto i 30 km/h e sono stati usati principalmente in fase di coasting, con velocità inferiori ai 25 km/h. Il
risultato dell’accostamento risulta soddisfacente (3-5 cm di margine su 2 milioni di azioni) soltanto se
avviene in rettilineo e senza turbative esterne. Questo in conseguenza del fatto che soltanto il primo asse
è guidato. Infatti l’esperienza francese mostra delle difficoltà di accostamento all’altezza delle porte
posteriori con tolleranze di 10-30 cm.
L’eventuale collaudo del sistema di guida a velocità superiori ai 30 km/h è stato preso in considerazione
solo su tratti in sede propria e senza nessuna promiscuità parallela o trasversale con altri mezzi: in
presenza di marcia guidata è emersa comunque la necessità della sorveglianza continua del conducente
per eventuali correzioni manuali. Per questo la piattaforma tipo richiede comunque dimensioni tali da
permettere la guida manuale (minimo 3 m).

6
Transport Rapide Est Ouest Rouennaise.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 43


Il sistema registra un certo interesse da numerose municipalità statunitensi per il design e la possibilità di
coasting guidato: Las Vegas lo ha adottato nel 2005 per una busvia veloce. In quel caso il tracciato
pressoché rettilineo esalta le potenzialità del Civis, a differenza dei percorsi tortuosi di Rouen e Clermont
Ferrand.
Per i sistemi guidati con vincolo non meccanico (come il CIVIS o il PHILEAS) sarebbe più opportuna la
definizione di sistemi di Trasporto su Gomma a Guida Assistita (TGGA): i gradi di vincolo sono 2 invece
di 3, mentre il cimento del vincolo è inferiore ad un decimo della forza d’inerzia del veicolo. In sostanza
sia il vincolo ottico che quello magnetico del Phileas agiscono su un vincolo fittizio. È pur vero che le
nuove ricerche in materia di sicurezza stradale (sistemi di assistenza alla guida) sulle automobili stanno
introducendo sul mercato sistemi altamente innovativi: una ricerca che ha definito un segmento ormai
autonomo – quella dell’assistenza alla guida – che si sta affrancando dall’essere fine al solo mercato
automobilistico.
Restano naturalmente alcuni limiti fisici di un sistema non vincolato meccanicamente alla via di corsa: per
un controllo reale della marcia occorre bilanciare la forza (apparente) d’inerzia. In caso di manovra errata
del conducente, per impedire l’allontanamento del veicolo dalla sede il sistema deve decelerare il veicolo
imponendo un arresto della trazione. Occorreranno ancora diversi anni per avere un controllo totale di
un veicolo di diverse tonnellate garantendo il dovuto confort di marcia.

Fig. 35 Un prodotto BHNS: il nuovo Crealis adottato dalla municipalità di Maubege.

Ecco perché per il breve periodo il consorzio Irisbus Iveco ha puntato sulla definizione di un prodotto
esteticamente molto attraente e in grado di fornire elevate prestazioni in termini di qualità del viaggio: è
il concept BHNS, bus au haute niveau de service. Nel dicembre 2008, il Syndicat Mixte Val de Sambre
(città di Maubeuge, Nord della Francia) ha messo in servizio i primi esemplari dei 20 autobus Irisbus Iveco
Crealis basati sul concetto BHNS. Autentico mezzo di abbellimento e valorizzazione della rete locale di
trasporto urbano, il concetto BHNS rappresenta ora per Maubeuge la scelta strategica di un sistema
globale e non più semplicemente un investimento in materiale rotabile. L'obiettivo è rispondere alla
domanda di mobilità individuale e attirare così nuovi passeggeri offrendo alla popolazione un veicolo
dalla personalità accattivante e dall'identità forte, tali da rafforzarne l'immagine e permettere ai suoi
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 44
fruitori di riconoscere immediatamente la qualità superiore del servizio, con spostamenti più rapidi, più
sicuri e più confortevoli. Sono venti i Crealis che entreranno in servizio sugli 8,4 km della prima linea forte
in sede protetta di Maubeuge a partire dal 12 dicembre 2008 (18 Crealis normali da 12 metri e 2 Crealis
articolati da 18 m). Progettato sulla base dell'autobus Citelis ormai ben conosciuto sulle reti europee e
prodotto negli stessi impianti dello stabilimento Irisbus Iveco di Annonay nell'Ardèche, Crealis offre uno
styling dalle linee ancora più fluide e un allestimento interno completamente riprogettato, dall'estetica
all'illuminazione, dalla scelta dei materiali ai sedili.

Fig. 36 Crealis.
Attualmente il CIVIS con optiguide resta operativo a Las Vegas, Bologna. A Castellon de la Plana (Spagna),
sulla busvia TVRCas sono in servizio tre CIVIS in versione filovaria standard (senza guida ottica).

Fig. 37 Il CIVIS di Bologna.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 45


CIVIS per immagini: il sistema Transport Est-Ouest Rouennais (Rouen)

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 46


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 47
TEOR, prima generazione: bus agorà attrezzato per guida ottica.
Rouen, insieme a Clermont-Ferrand (busvia LEO, per la quale oggi si parla di prossima tranviarizzazione con sistema tradizionale
o Translohr) è stata la prima città a sperimentare il CIVIS con guida ottica (sotto). Dopo due anni si è deciso di rinunciare alla
fornitura equipaggiando l’optiguide sulla flotta Agorà. Questa scelta sarebbe stata adottata dall’Amministrazione tenendo conto
di numerose evidenze, primo fra tutti il costo dei veicoli (6-700mila € per l’Agorà contro i 900-1.100 del CIVIS). Costo che va
rapportato alla necessità di dotare le 3 linee del TEOR di elevati standard di servizio (frequenze di 3-4’) e quindi di un vasto parco
rotabili. Tra gli altri fattori negativi riscontrati ci sarebbero anche gli elevati costi di manutenzione del CIVIS e i consumi di
carburante, superiori del 30% rispetto a quelli di vetture autosnodate tradizionali.

TEOR, veicolo di seconda generazione: citélis con telecamera di lettura ottica in testata.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 48


Principio di utilizzo della carreggiata a corsia unica.

Incremento viaggiatori sulla rete in relazione alle altre modalità di trasporto della rete.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 49


Il sistema ottica è prima di tutto un sistema di guida in fase di accostamento alla banchina (coasting) la precisione aumenta sino
ad avere il 95% degli accostamenti allineati a una distanza compresa da 5 e 8 cm dalla banchina.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 50


Sistema di controllo e gestione delle informazioni della rete integrata della municipalità di Rouen.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 51


5.. PHILE
EAS
S
Proodu
utto
ore: APT
A TS B.V.
B eB Berkkhoof Jo
oncckhe
eere GGrouup B.
B V.
V
Annno di p
pressen
ntazzionne: 200
2 3
Avvanzzam
mennto:: in coom
mme ercio
Co
ondiizio
one atttualle: in seervizio
o a EEind
dhooveen e Do
ouaai e in cos
c stru
uzio
one a Pesc
P caraa

AP PTS B.V V. e Be erkhhof Jon nckheeere Gro oup p B.. V.,, ne


egli ulttimii an
nni, hanno o punttato o lee lorro eene
ergie alla rice ercaa dii
un na nuo
n ova generrazionee di veeico oli sstile
e tra
anvvia perr il tras
t spo ortoo puubb blicoo nellee arree urb banne. Il frruttto è staatoo
un n veeicoolo sop praanno omminaato Phileaas Fog F gg, in ono ore de el prot
p tago oniistaa de el liibro
o “Il giro deel monm ndo in 80 0
gio orni” ddi Juuless Veernee.
La mu unicip d Eind
palittà di E dho ove en (Paeesi Basssi) ha acquiistaato 12 di que estii innovvativi veicoli, n nelle e veersiioni dii
188 e 24
2 m mettri. Dopo un pe eriod do di p proova di d due e an
nni, i primmi ve eico
oli son
s no entr
e rati in serrvizzio a fin ne 2200 04.
Peer abbaatte ere i cost
c ti di in nstaallazzion ne di lineee a viia guidg data, Phil
P leass è baasatto sul s “mode ello
o bu us””. I veic
v colii
artticoolati moto
m orizzzatti ssono sstatti prog getttati pe er il trrasp
portto di 100 0-20 00 passe egge eri, su
u tragitti urb banni e
reg gionali. Il “mmod dello
o bu us” asssunto nella pro p ogetttazzion ne con
c nsen ntee al Phileaas u un alto
a o grrado d di ad datttabbilittà e
fleessibbilittà. Graazie
e allla ccosttruzzionne lleggerra, lla modm daliità did guid
g da ibriida no onch hé alla
a a viaa di coorsaa risservvataa, ill
coonsu umo o di ennerggia di que estii ve
eicooli è miinore del d 15--30% risp r pettto agli
a altrri veeico oli del
d la stes
s ssa catego oriaa.
Il vveiccolo p posto dal
o prop d co ostru uttooree olaand dese è un n diiese el-e
elettricco con
c n moto oruo ote, atttuaalm
mentte iin fasef e dii
tesst; son
s no stat
s te prog
p gettate e vettu uree de ella lunngh hezzza sia
s di 18 1 chee dii 24 4 metri. Acca
A anto o al m
moto ogeenerato oree
(alime enttato o a gas
g s liq
quid do) è ippotizzaata ino oltre l'aado
ozioone e di paccch hi baatteeriaa peer conssen ntire
e su
u alccun ni trrattti dii
strradaa il fun nzio
oname ento o "ttuttto elett
e tricco" (pe ( er trrattee max
m di 1,5-1,7 7 kmm).
Le prrovee di d co ollisionne hanno o dimo
d ostrato ou una resisttenzza sup periioree ag gli urtti con im mpattto latteraale e una u a
du uratta ssenza inte
i erve entti dii maanu uten nzioone e paari ad
a aalm
men no 20
2 ann
a i.
Ph hileaas è prrovvvistto di
d u un siste
s em ma d di stterzzattura a su
u tuuttee le ruoote.. Neella mo odaalitàà auutom maticaa, tu uttee le
e ruo otee
sono comaandate e daal com mpu uter di bo ordo o. LLa fase
f e dii co oasttingg avvvieene e co on mo ovimmen nto traasve ersaale.. Neellaa
mo odaalitàà man
m nuale, l’an ngo olo di steerzaatura del seecon ndoo asse
a e è pro opo orziionale e a quello o ddel primo o assse..
L’aanggolo o di stterzzatu ura de el tterzzo aasse e dipe
d end de dall’an ngo olo di rottaziione d delll’arttico
olazzion
ne. Per via v dell
sisstemma di ste erzaaturra ssu tutt
t te le rruo ote e d del lorro pos
p sizio onaameento, ili ra agggioo dii ro otazzione deel veic v olo o
Ph hileaas è innferiore e a 11,,8 met
m tri (40 pie edi) e, aasp pettto anc
a or più p rileevaante e, laa lin
nea a di atttritto è inferiore e a 3,8 8
meetri (12 2,5 pieedi). Allo sstatto aattuualee manccan no risco onttri sullaa re
ealee goovernaabiliità del veico olo in cond
c dizioni dii
carico o, g
giacché é la muuniccipalittà di Eindh hovven n staa prrocede enddo all’a
a avviio deld servviziio con c mo oltaa caauteela.

Fig. 38 Sch hemma di


d funz
f zionaameento
o del siste
s emaa
m
magn neticco di
d gu
uida.
Fig. 39 P ticolare di un
3 Part u mmarkker mag
gnettico e della
d a
reelativva mess
m sa inn op
pera..

TG
GVG
G sistem
s mi dii Trassportto su Gom
mma a Viaa Guiidataa 5
52
La prerogativa del sistema è la guida magnetica basato su un meccanismo in grado di leggere la
presenza di tracce magnetiche presenti nel fondo stradale delle linee sulle quali opererà. Il veicolo è
provvisto di un sistema di guida elettronica ed è, quindi, in grado di riconoscere il proprio percorso
utilizzando come riferimento dei marker magnetici, componenti magnetici passivi, localizzati sotto il
manto stradale ogni 4-5 metri (13-16 piedi). Il sistema trae informazioni dalla conoscenza delle
caratteristiche del tracciato che vengono immagazzinate dal computer di bordo durante la prima corsa
(in modalità acquisizione). A tale traccia vengono associate le informazioni relative alla velocità,
all’accelerazione, alla fase di avvicinamento alla fermata, alla frenatura alla localizzazione delle fermate e
della traiettoria da seguire.
I marker vengono utilizzati dal sistema per la correzione della progressiva di tratta fornita dall’odometro
di bordo. Questo perché l’usura e la pressione di gonfiaggio dei pneumatici, o eventuali alterazioni del
percorso, dovute alle cause più diverse (anche al vento trasversale), possono alterare la corrispondenza
del dato calcolato con quello reale. La precisa memorizzazione della posizione dei marker permette la
costante correzione del dato e quindi la precisa conoscenza da parte del computer di bordo della
posizione del veicolo e di conseguenza dell’azione da intraprendere. In realtà, il veicolo tiene conto con
un anticipo di almeno 30 metri dei comandi da fornire agli apparati di bordo.

Fig. 40 Phileas in sosta.

I marker non sono altro che magneti permanenti costituiti da cilindretti di circa 12 mm di diametro e 40
mm di altezza. Essi vengono annegati nell’asfalto della superficie stradale – che non necessita alcuna
preparazione – praticando un foro in cui viene colata una resina bicomponente, per uno spessore di circa
3-4 mm. Viene quindi inserito il cilindretto e sigillato il tutto, a livello, con un ulteriore strato di resina. La
guida magnetica consentirebbe a Phileas di procedere automaticamente fino a 70 km/h, in quasi tutte le
condizioni atmosferiche. La sperimentazione sembra aver fornito esito positivo non solo in fase di
coasting (meno di 30 km/h) ma anche con velocità comprese tra i 30 e i 50 km/h. La guida magnetica
unita all’assenza di parti meccaniche striscianti che potrebbero incorrere facilmente in turbative esterne,
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 53
conferisce al veicolo un elevato grado di stabilità durante la marcia. Complessivamente il sistema può
procedere secondo tre modalità distinte di guida:
• guida automatica: il veicolo esegue automaticamente le manovre di frenata, accelerazione e frenata.
• guida semiautomatica: l’autista controlla l’accelerazione, mentre le manovre di frenata e le sterzate
vengono eseguite automaticamente.
• guida manuale: l’autista controlla l’accelerazione, il sistema di frenata e lo sterzo.
Allo stato pratico anche la modalità manuale prevede una forma di assistenza da parte del sistema di
guida, in modo da rendere possibile la governabilità del veicolo, soprattutto per quelli da 24 m.
Le prove di esercizio a Eindhoven hanno costituito il vero e proprio test del sistema. I tecnici APTS stanno
lavorando alla risoluzione di alcuni problemi di ricezione del “segnale magnetico”: sinora il sistema di
guida si è rivelato ottimo in fase di accostamento in fermata ma meno efficace del previsto durante la
corsa a velocità superiori ai 30 km/h.

Fig. 41 Veicolo in prova sulle strade di Eindhoven.

Il Phileas è in funzione a Eindhoven (Paesi Bassi) dal 2004: sono attivi 11 Phileas da 18,44 mt e un Phileas
da 24,45. È bene notare che, mentre in Francia e Paesi Bassi il locale Codice della Strada permette la
circolazione stradale di veicoli entro i 25,00 metri, in Italia tale limite è di 18,00 metri. Ecco perché
attualmente, tra i sistemi TGVG, l’unico che può circolare con veicoli superiori è il Translohr, omologato
come “tramvia”.
Phileas è stato acquistato anche dalla municipalità di Istanbul (Turchia) nel 2007 per l’utilizzo sulla busvia
Metrobüs: l’impiego su una linea ad alta frequentazione ha fatto emergere diversi elementi di criticità. In
particolare le sospensioni dei veicoli hanno perso rapidamente la loro funzionalità, per il forte
affollamento: questo comportamento è generalizzabile ad altri sistemi “leggeri” di TGVG qualora
vengano impiegati su linee ad alta frequentazione in grandi aree metropolitane. Nel caso di Istanbul la
cattiva performance del Phileas è comunque stata aggravata anche dalla situazione orografica locale
(Metrobüs unisce il centro ai popolosi quartieri collinari) e alla testardaggine con cui l’Amministrazione ha

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 54


voluto rispondere alla elevata domanda di mobilità con un sistema a media capacità (2.500 pphd, pur
sempre un autobus) quando sarebbe stato necessario offrire almeno 8-10.000 pphd.
Entro l’anno Phileas entrerà in funzione a Douai (Francia): sono stati ordinati 10 veicoli da 18,44 mt e 2
Phileas da 24,45 mt. Nel 2011 il Phileas entrerà in funzione in Israele nella città di Haifa con il nome
commerciale di Metronit. Anche la municipalità di Tel Aviv ne sta valutando l’acquisto per due busvie in
costruzione da affiancare alla linea 1 della locale metrotranvia.

Per il futuro, l’accordo più importante riguardante Phileas è la partnership firmata nel 2005 tra l'azienda
produttrice e la coreana Korea Railroad Research Institute (KRRI) per introdurre il Phileas in Corea del Sud.
Si tratta del progetto BiMODAL, mirato a creare una piattaforma di trasporto a media capacità da
introdurre nelle principali aree metropolitane coreane come linee di adduzioni alle reti metropolitane e
suburbane. Il primo sistema KRRI sarà attivato nel 2011.

In Europa APS sta invece puntando sull’abbandono completo delle caratteristiche tranviarie del Phileas:
attraverso i supercondensatori, ad esempio, si offre un sistema a trazione elettrica che non necessita di
rete aerea. È il caso della scelta fatta dalle municipalità di Amsterdam e Keulen (Paesi Bassi).
Anche Colonia (Germania) ha adottato il Phileas per una nuova busvia non filoviarizzata: in questo caso
la scelta è caduta su pacchi batteria agli idruri metallici in luogo dei supercapacitori.
A Pescara è in costruzione dal 2009 la busvia che accoglierà i Phileas in versione filobus. È stata adottata
una versione bimadale con motore termico per le tratte non filovia rizzate.
La gara d'appalto è stata vinta nel 2006 dall'ATI costituita dalla società anglosassone Balfour Beatty Rail,
dall'APTS - Advance Public Transport Services e dalla Vossloh Kiepe mentre l'azienda appaltante è la GTM-
Gestione trasporti metropolitani dell'area di Pescara. La linea – costruita sulla sede della ferrovia dismessa
Pescara-Penne - sarà lunga 8 km e collegherà la stazione ferroviaria di Pescara al comune di
Montesilvano; sono previste 24 fermate. I lavori dovrebbero essere completati entro il 2011.

Fig. 42 profilo del veicolo di Douai.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 55


Phileas per immagini: Eindhoven (Paesi Bassi)

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 56


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 57
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 58
Fotoinserimento del veicolo sulla busvia in ultimazione a Pescara.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 59


6. O’BAHN – Mercedes/Daimler Benz
Produttore: Mercedes/Daimler Benz
Anno di presentazione: 1976
Avanzamento: in commercio
Condizione attuale: in servizio a Leeds, Birmigham, Crawley (Londra) e Adelaide

Questo sistema utilizza normali autobus che si muovono su una sede protetta. Gli autobus utilizzati
hanno motore e freni potenziati rispetto a quelli destinati al servizio ordinario e, per viaggiare sulla sede
protetta, sono guidati da otto pulegge (12 per i veicoli da 18 m), due per ogni pneumatico, che spingono
contro dei cordoli in cls (o profilati metallici sagomati).

Fig. 43 Leeds: particolare della puleggia di guida installata su un veicolo e della via di corsa.

Le uniche due realizzazioni di questo sistema sono ad Essen in Germania (tracciato ancora funzionante) e
ad Adelaide in Australia. Allestimenti parziali sono stati adottati in alcuni punti critici della rete di
trasporto pubblico su gomma di diverse città inglesi.
A Leeds il sistema O’Bahn è stato adottato sulle tratte più congestionate di alcuni linee forti del trasporto
pubblico, in particolare per diminuire l’impedenza degli attraversamenti più congestionati.
Unanimemente il progetto è stato riconosciuto come uno dei più riusciti interventi ingegneristici tra
quelli realizzati nel Regno Unito, per migliorare la vivibilità dei cittadini nelle aree urbane. Scopo
principale del progetto - denominato Super Busway – è quello di garantire un servizio regolare e
affidabile, in grado di decongestionare le arterie di penetrazione urbana. Questo, intervenendo sui ritardi
che si creano ogni qualvolta un autobus si approssima ad un’importante incrocio viario è costretto ad
accodarsi alle correnti di traffico per attraversarlo. La via guidata per i bus è stata già utilizzato in passato,
ma proprio i ritardi causati dall’attraversamento dei nodi viari più complessi, ha spesso messo in crisi il
funzionamento del sistema.
La strategia adottata a Leeds, è stata quella di utilizzare la via guidata per dotare i veicoli di trasporto
pubblico della possibilità di by-passare gli incroci più congestionati, installandola a partire da 200 – 250
m dall’intersezione, per una lunghezza pari alla massima coda di veicoli osservata in quel punto. Sezioni
aggiuntive di via guidata potranno essere aggiunte in futuro se le condizioni lo richiederanno. Appena il
bus si avvicina alla via guidata, il conducente manovra il veicolo in una gola di incamminamento che
instrada i pneumatici in sede senza provocare rallentamenti o scossoni alla marcia. Una volta nella via
guidata, il governo dello sterzo è assunto direttamente dalle pulegge che procedono, premendo
naturalmente contro i cordoli laterali. Nell’attraversamento dell’incrocio il conducente controlla
semplicemente le accelerazioni e le frenate, facendo attenzione all’eventuale presenza di pedoni sulla
linea. Un rivelatore della presenza di veicoli sulla sede, manda un segnala prioritario al semaforo, prima

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 60


che il veicolo entri nell’incrocio, fermando il traffico e lasciando via libera all’autobus. 400 – 450 m dopo
l’attraversamento, l’autobus abbandona la via guidata per ritornare alla normale modalità di guida. La via
guidata offre vantaggi notevolmente superiori rispetto alle normali corsie riservate al trasporto pubblico,
impedendo l’occupazione della via a qualsiasi altro veicolo. Il sistema infatti, è capace di autogestirsi: i
pedoni che vogliono attraversare la via di corsa dei bus, sono automaticamente dirottati verso gli appositi
attraversamenti pedonali, in tal modo si evita che qualcuno possa improvvisamente attraversare la linea
fuori da questi spazi. Alle fermate i cordoli di guida sono rialzati, per permettere l’installazione della
pedana di fermata, e garantire una facile accessibilità al veicolo.
Il sistema a via guidata di Leeds non è il primo in Gran Bretagna. La prima realizzazione di questo tipo è
stato il TRACLINE di Birmingham, che inaugurò la prima linea sperimentale nel 1984. Il sistema
consisteva in una via guidata di 650 metri di lunghezza percorsa da veicoli a due piani, operanti con
caratteristiche di servizio paragonabili a quelle di una tranvia veloce. Il servizio cessò nel 1986, per
problemi non collegati alla tecnologia del sistema, ma al fatto che, a causa della deregolamentazione del
servizio di trasporto pubblico, non tutti i veicoli viaggianti sulla linea erano equipaggiati per la via
guidata, e soprattutto l’area servita si era rivelata una delle meno frequentate (e redditizie) della rete.
Ma è in Germania che questa tecnologia ha raggiunto gli sviluppi maggiori, consentendone l’effettiva e
duratura implementazione su reti esistenti. Una modalità realizzativi che ha trovato larga approvazione
per la realizzazione di linee O’Bahn, fu quella di utilizzare le tratte tranviarie esistenti, che spesso in
Germania corrono su percorsi totalmente riservati. Il progetto poté essere realizzato in tempi
relativamente ridotti, grazie alla possibilità di accedere ai cospicui finanziamenti che lo Stato riserva
annualmente alla modernizzazione delle estese reti tranviarie teutoniche.

Fig. 44 Piattaforma O’Bahn di Essen su tracciato tranviario esistente.

Essen fu la prima città a essere interessate a questo nuovo tipo di servizio. La linea mista (da qui il nome)
entrò in servizio nel luglio del 1980 su un tracciato di 4 km. Col tempo, forte dell’ampio successo di
pubblico raccolto, la Giunta decise di estendere il servizio, utilizzando i numerosi tunnel tranviari che
attraversano il centro cittadino, con un sistema di veicoli bimodali (duobus) realizzati dall’ADTranz (oggi
gruppo Bombardier). Questa decisione non raccolse però lo stesso successo. Le cause furono molteplici, e
non solo dovute alle particolarità del sistema ma anche a peccati di ingenuità dei tecnici comunali. Le
nevicate che caratterizzano gli inverni renani misero a dura prova il funzionamento del sistema. La neve
infatti penetrando tra le bande di scorrimento delle ruote dei veicoli, si compattava creando dei veri e
propri blocchi al passaggio dei pneumatici dei veicoli, costringendo i conducenti a rimuoverli
manualmente con pesanti ritardi sulla tabella di marcia. A questo si aggiunsero i problemi tecnici, dovuti
alla promiscuità di servizio nelle tratte sotterranee, in particolare dovuti ai differenti sistemi di
segnalamento tra le vetture tranviarie e i veicoli duobus. Questo costrinse le autorità a sospendere il
servizio, che tale è rimasto fino ad oggi, ferma restando la piena operatività delle tratte realizzate in
superficie.
I cordoli della via di corsa dell’O’Bahn di Essen, consistono in tavelloni di cls sagomati ad L, con la faccia
interna ampia 2600 mm unita alle traversine da ganasce e morsetti. La fondazione di ogni traversina

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 61


(larga 1350 mm e ampia abbastanza per consentire la posa di due binari) è costituita da un plinto alto 2,0
metri. Le curve hanno un raggio minimo di 400 metri, e un gradiente massimo del 6%. I mezzi non erano
altro che veicoli filoviari attrezzati con una coppia di pulegge orizzontali per ciascuna ruota, mentre gli i
veicoli snodati da 18 m ne avevano quattro in più sugli spigoli del modulo posteriore. Queste non sono in
contatto continuo con i cordoli di guida ma entrano in funzione principalmente quando il veicolo
percorre delle curve. Un dispositivo inusuale di messa a terra, fu predisposto per la sicurezza dei
passeggeri nelle tratte sotterranee, costituito da un pattino metallico che automaticamente si abbassava
sulla rotaia tranviaria quando la velocità media scendeva a meno di 3 km/h. Un blocco di sicurezza
preveniva l’apertura accidentale delle porte finquando il pattino metallico restava abbassato.
A seguito della decisione di Essen, la città di Mannheim decise di rivedere il proprio progetto esecutivo
per una rete basata sul sistema O-Bahn, riconsiderando l’idea di linee tranviarie veloci. Ci sono molte
condizioni in cui si può implementare un servizio bimodale (tram e autobus a via guidata), e Mannheim
salvò il vecchio progetto con un compromesso. Almeno un chilometro di linea tranviaria d’ingresso a un
nodo particolarmente trafficato fu modificato tramite l’inserimento di una via di corsa e cordoli di guida
tipo O’Bahn. Questo provvedimento permetteva sia agli autobus, che ai tram, di attraversare i numerosi
incroci semaforizzati esistenti sulla tratta, senza necessariamente doversi accodare al traffico veicolare.
Questo principio è lo stesso utilizzato nel sistema di Leeds, particolarmente sulla tratta che corre in Scott
Hall Road.

Figg. 45 - 46 Ad Adelaide, la pista è stata sopralevata su traverse in cemento armato, a causa della cedevolezza riscontrata nei
terreni attraversati.

Fig. 47 Piattaforma O’Bahn di Adelaide.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 62


Nello stesso momento in cui Essen procedeva alla sospensione del progetto dell’O-Bahn, la metropoli
australiana di Adelaide cancellava il progetto di ammodernamento ed estensione dell’ottocentesca linea
tranviaria per il sobborgo marittimo di Glenelg, sostituendolo con quello di una linea O’Bahn, da
realizzarsi nel quadrante nord-occidentale della città. Il nuovo tracciato avrebbe utilizzato lo spazio
esistente tra le carreggiate di una congestionata arteria di scorrimento (freeway per il sobborgo
residenziale di Paradise).

Figg. 48 - 49 Vista del Fastway di Crawley (Londra). Anche il sistema O’Bahn non tutela dallo svio in caso di velocità eccessive da
parte del conducente: sotto le conseguenze dell’incidente avvenuto il 31 ottobre 2005.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 63


La linea O’Bahn di Adelaide è comunque, a tutt’oggi, la linea a via guidata di questo tipo più estesa del
mondo. A differenza di molte altre realizzazioni, per tutti i 12 km di percorso la linea è stata attrezzata con
i cordoli caratteristici del sistema. Durante le ore di punta il cadenzamento dei veicoli sulla linea è di circa
un minuto (67 bus all’ora) ridotto a 3-5 minuti nelle ore di morbida.
I progettisti della linea ritengono che, con alcune modifiche all’attuale struttura delle fermate, sia
possibile aumentare il cadenzamento a 20’’, che equivale – utilizzano autobus articolati con capacità di
100 passeggeri – a circa 18.000 passeggeri/ora per direzione. A una velocità di 100 km/h, lo spazio di
rallentamento e frenata è di 550 metri. Gli utenti (aumentati del 70% in 10 anni di servizio) sono attratti
dall’O-Bahn per la frequenza del servizio fornito, la velocità, la libertà di svincolarsi dal traffico, la guida
regolare (molti affermano sia migliore anche della ferrovia) ma anche per l’individualità della linea, se
paragonata alle altre linee ordinarie.
Taluna letteratura afferma che la via guidata concepita nel sistema dell’O-Bahn, non può avere
attraversamenti a raso. Nella linea realizzata ad Adelaide effettivamente non sono presenti, pur esistendo
delle predisposizioni all’uscita delle stazioni, dove la via guidata presenta delle discontinuità per
consentire eventuali manovre dei mezzi o l’accostamento dei veicoli guasti. A Essen sono stati previsti
degli attraversamenti tranviari mediante interruzioni parziali dei cordoli di guida, in tratte da percorrere a
velocità ridotta.

Fig. 50 -51 Particolare della puleggia di guida installata su un veicolo O’Bahn. Sotto il tratto installato a Mannheim in promiscuo
con la rete tranviaria.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 64


O’Bahn per immagini: Essen Spurbus
La prima Busvia Guidata da Cordolo (Kerb Guided Busway – KGB) fu inaugurata in Germania, a Essen, nel 1980 con un sistema che
la Mercedes presentò nel 1979 alla Fiera Internazionale della Mobilità (IVA) di Amburgo. In Germania ai sistemi KGB è stato dato il
nome di O’Bahn anche se sono comuni anche i sostantivi Bahnbus e Spurbus.

Particolare della corsia della busvia su Fulerumer Strasse, la prima sezione a entrare in funzione.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 65


La guida assistita da cordoli utilizza veicoli ordinari quali autobus (articolati) e filobus equipaggiati con pulegge-guida – una per
lato centrate con l’asse delle ruote anteriori. Utilizzando per la via di corsa dei pannelli in calcestruzzo sagomati ad L, le pulegge
premono sulla faccia interna dell’ala superiore. Durante la corsa lo spazio tra la faccia interna del cordolo di guida e la sagoma del
veicolo è di circa 18 cm (6’’).
In caso di veicoli articolati anche le ruote posteriori (sullo snodato) hanno delle pulegge di guida: queste, durante le corse non si
mantengono in pressione continuo ma entrano in funzione solo quando il percorso presenta delle curve.

Installazione della via di corsa: fase 1. posa delle traverse di fondazione.

Installazione della via di corsa: fase 2. posa dei cordoli ad L.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 66


Installazione della via di corsa: fase 3. completamento e livellamento. La ragione principale della nascita delle busvie guidate
risiede principalmente in due fattori:
• utilizzo di uno spazio minore rispetto a una busvia tradizionale. Se la larghezza di un bus è 2,55 m, lo spazio richiesto da una
carreggiata a doppio senso è di 6,00 m.
• aumento della velocità commerciale.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 67


Dopo un periodo di crisi del sistema, nelle tratte in promiscuo con linee ferrotranviarie ad Essen l’O’Bahn è stato rivalutato: nella
foto a destra la linea 146-147 che compie gran parte del suo percorso in affiancamento all’autostrada A430 “Ruhrschnellweg”.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 68


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 69
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 70
Appositi passaggi permettono alle automobili di attraversare in determinati punti la sede di corsa.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 71


Percorso promiscuo O’Bahn - Tranvia tradizionale.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 72


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 73
Il primo veicolo duobus in servizio ad Essen.

Le immagini in queste pagine sono selezionate dalla brochure ufficiale del progetto “Dual-mode-bus” stampato in occasione
della inaugurazione della busvia su Wittenbergstrasse.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 74


Stazione mista di fermata con banchina da 100 m di lunghezza (Wittenbergstrasse).

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 75


Veicolo in uscita dalla busvia.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 76


Particolare della sezione di uscita dalla filovia con scambio in promiscuità tranviaria.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 77


Sezione promiscua con servizio O’Bahn/tranviario e sistema di segnalamento meccanico del passaggio di un bus.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 78


Bus o metro? Particolare di una tratta sotterranea dell’O’bahn in promiscuo con il premetro.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 79


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 80
Il sistema di Essen (linea 145) nel 1991.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 81


Le vetture e il sistema nel 2006.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 82


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 83
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 84
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 85
Foto tratte da http://www.citytransport.info/OBahn.htm e http://www.evag.de/

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 86


O’Bahn per immagini: Mannheim Spurbus

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 87


Il veicolo Mercedes double-articulated 0 305 G2 (fonte Mercedes).

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 88


O’Bahn per immagini: Leeds Superbus (Gran Bretagna)
A Leeds (Gran Bretagna) il sistema O’Bahn fa la sua comparsa nel 1995. Inizialmente si tratta di una breve sezione di 1,15 km di via
guidata affiancata all’autostrada A61 “Scott Hall Road” verso il sobborgo di Harrogate. La seconda tratta successivamente
inaugurata consisteva in una linea di 4 km sempre affiancata ad un arteria di scorrimento (A64).

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 89


Il sistema di Leeds è concepito principalmente come un mezzo per rendere agevole e veloce l’attraversamento dei grandi incroci
e delle intersezioni che diversamente manterrebbero un’impedenza troppo alta per garantire un servizio affidabile e veloce.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 90


Un bus sulla busvia in Scott Hall Road.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 91


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 92
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 93
O’Bahn per immagini : Bradford (Gran Bretagna)

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 94


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 95
O’Bahn per immagini : Crawley Fastway (Gran Bretagna)

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 96


TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 97
O’Bahn per immagini : West Edinburgh Busways (Gran Bretagna)

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 98


Nonostante la velocità della busvia sia limitata a 50 km/h l’insorgenza di ormaie non è mai completamente scongiurabile.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 99


7. Fura Fila, Veìculo Leve sobre Pneus
Produttore: Marcopolo-Volvo
Anno di presentazione: 1997
Avanzamento: in commercio
Condizione attuale: in servizio a San Paolo

Il Veìculo Leve sobre Pneus è un sistema ideato per la città brasiliana di San Paolo, presso la quale è stato
allestito nel 2000 il primo tratto di una linea lungo 2,8 km, la cui prosecuzione appare peraltro incerta a
causa della carenza di fondi.

Le vetture sono costituite da filosnodati da 18 metri e da filobus articolati a tre casse lunghi 25 metri
carrozzati dalla Marcopolo su telaio Volvo. Il sistema di guida è realizzato mediante pneumatici laterali
che insistono su guide metalliche o in cemento poste ai lati della pista. Nel prossimo futuro, anche a
causa di ripetuti furti del bifilare aereo si prevede l'esercizio di autobus di tipo ibrido o diesel elettrico.

Fig. 52 Tracciato del VLP presso Don Pedro Park. Si notano le classiche rotaie utilizzate come guida per le pulegge trasversali
durante la marcia in sostituzione del cordolo in cls dell’O’Bahn tradizionale.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 100


Il progetto del VLP è nato per unire l’ecocompatibilità e la flessibilità del filobus alle potenzialità della via
guidata. San Paolo è infatti dotata di un’estesa rete filoviaria, incapace però di garantire un servizio
efficiente e regolare, poiché i veicoli sovente restano intrappolati nel caotico traffico metropolitano. Da
qui l’idea di sviluppare un sistema ibrido che garantisse un efficace effetto rete con i vettori forti della rete
di trasporto pubblico (metropolitana e treni urbani), ma che allo stesso tempo potesse mantenere la
capacità degli autobus di penetrare nella struttura urbana. Il VLP è una modalità di trasporto a capacità
intermedia, capace però di rispondere a una domanda di 12-30 mila passeggeri ora per senso di marcia
(equivalente a una metropolitana leggera). Il test del veicolo è stato condotto su un apposito tracciato, in
cui le vetture hanno percorso circa 7.000 km, in condizioni di carico parziale.
La prima linea del VLP si sviluppa su un tracciato di 8 chilometri – tra Don Pedro Park, nel centro cittadino,
e il distretto di Sacoma, a sud-est - in gran parte sopraelevato per ridurre il più possibile le intersezioni
con il traffico viario. Sono presenti 9 fermate più i due terminali, attrezzati come poli di scambio
intermodale a livello extraurbano. Il servizio sarà effettuato con 31 veicoli.
Il progetto inizialmente prevedeva l’alimentazione dei veicoli tramite rete bifilare aerea e guida vincolata
modello O’Bahn. Per garantire regolarità al servizio – e sopperire ai già citati furti della rete aerea – i
veicoli sono stati attrezzati con due motori aggiuntivi. In questo modo, anche in caso di assenza di
energia sulla rete aerea i veicoli possono effettuare normale servizio. Quest’ultima eventualità è tutt’altro
che remota in un paese, il Brasile, che continuamente si trova a fare i conti con un’imponente crisi
energetica. Su alcune tratte in viadotto (nelle opportune condizioni di sicurezza), è stata anche prevista
l’alimentazione elettrica a terra, sostituendo i cordoli di calcestruzzo con dei profilati metallici messi
sottotensione a 750 V.
Il veicolo ha una lunghezza di 25 metri, e una capienza di 270 passeggeri. A livello progettuale è stata
anche considerata l’opzione dell’alimentazione dei veicoli tramite banda magnetica a terra, con una
tecnologia simile allo Stream dell’Ansaldo. I costi di costruzione stimati si aggirano intorno ai 14,25 M€ al
km. Una tranvia veloce ne avrebbe avuti 32-35 mentre l’estensione del metrò verso il quadrante
meridionale della città avrebbe toccato i 94,5 M€ al km. È previsto l’acquisto in 10 anni di circa 400 veicoli.

Fig. 53 Curitiba, Brasile. Vista di una autoarticolato e delle tipiche tubo-stazioni: la città dal 2000 si è dotata di un diffuso sistema
di corridoi di mobilità dedicati esclusivamente al transito di bus da 18 m. Alcune sezioni sono dotate di cordoli tipo O’Bahn. A
seguito dell’enorme successo ottenuto dal sistema (incremento dell’utenza pari a un +43% in 5 anni) l’Amministrazione si è
interessata sia al Fura-Fila paulista che alla riconversione di alcune tratte in servizi promiscui O’Bahn/linea tranviaria rapida.

Fig. 54 Curitiba, Brasile. Particolare della fase di coasting: le peculiarità di adattamento ad altezze variabili del piano di
incarrozzamento hanno valso al sistema diversi riconoscimenti per la totale accessibilità.
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 101
Curitiba e la sua area metropolitana ospitano oltre 3,3 milioni di abitanti: attualmente è la città dotata della rete di busvie più
estesa ed efficiente a livello mondiale. Numerose sono le amministrazioni che la stanno prendendo ad esempio sia in Sudamerica
(prime fra tutte Quito e Bogotà) che nel resto del mondo.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 102


8. Tavole di confronto e analisi

100,0

95,0
COSTO VEICOLO
(tram tradizionale=100)
90,0

85,0

80,0

75,0

70,0

65,0

60,0

55,0

50,0

45,0

40,0

35,0

30,0

25,0

20,0

15,0

10,0

5,0

0,0
BUS FILOBUS CIVIS STREAM PHILEAS TVR TRANSLOHR O-BAHN TRAM
TRADIZIONALE TRADIZIONALE

100,0

95,0
COSTO INFRASTRUTTURA
(tram tradizionale=100)
90,0

85,0

80,0

75,0

70,0

65,0

60,0

55,0

50,0

45,0

40,0

35,0

30,0

25,0

20,0

15,0

10,0

5,0

0,0
BUS FILOBUS CIVIS STREAM PHILEAS TVR TRANSLOHR O-BAHN TRAM
TRADIZIONALE TRADIZIONALE

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 103


Coefficiente di vincolo
(forza tangenziale minima Costo veicolo Costo infrastruttura
per sviare la vettura)
BUS TRADIZIONALE (*) 1 18,8 23,3
FILOBUS 4 25,0 30,8
CIVIS 19 29,2 44,4
STREAM 28 31,3 39,5
PHILEAS 31 33,3 32,8
TVR 52 55,2 74,4
TRANSLOHR 67 57,7 86,2
O-BAHN 88 28,1 54,6
TRAM TRADIZIONALE 100 100,0 100,0
(*) busvia
Per tutte le tipologie si è fatto riferimento a un veicolo a doppia cassa da 18 m

100

95
COEFFICIENTE DI VINCOLO
(tram tradizionale=100)
90

85

80

75

70

65

60

55

50

45

40

35

30

25

20

15

10

0
BUS FILOBUS CIVIS STREAM PHILEAS TVR TRANSLOHR O-BAHN TRAM
TRADIZIONALE TRADIZIONALE

Possibilità di Lunghezza massima del


Possibilità di marcia in
Tipo di omologazione accoppiare più veicoli veicolo (da Codice della
modalità non vincolata
in ora di punta Strada)
BUS TRADIZIONALE (*) AUTOBUS NO SI 18 m
FILOBUS AUTOBUS NO SI 18 m
CIVIS AUTOBUS NO SI 18 m
STREAM AUTOBUS NO SI 18 m
PHILEAS AUTOBUS NO SI 18 m
TVR AUTOBUS NO SI 18 m
TRANSLOHR TRANVIA SI NO più di 18 m
O-BAHN AUTOBUS NO SI 18 m
TRAM TRADIZIONALE TRANVIA SI NO più di 18 m
(*) busvia
Per tutte le tipologie si è fatto riferimento a un veicolo a doppia cassa da 18 m

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 104


9. Usura della via di corsa: fessurazione e ormaiamento
Il problema più caratteristico dei sistemi TGVG è la resistenza della via di corsa al transito dei pneumatici
sempre nello stesso punto.
Una pavimentazione stradale, sia essa flessibile o semi-rigida, è tradizionalmente costituita da più strati
sovrapposti di materiali differenti, composti da miscele di aggregati lapidei e leganti, a formare una vera e
propria struttura frapposta tra i carichi ed il terreno in posto; tale struttura prende anche il nome di
sovrastruttura stradale. La serie di strati costituenti ha in genere, una ossatura litica con dimensione degli
elementi decrescente dal basso verso l’alto, a fronte di una qualità crescente delle caratteristiche
meccaniche degli inerti stessi e della miscela che li comprende.

Fig. 55 Schema di pavimentazione stradale flessibile.

9.1 Busvia su pavimentazione rigida

Le pavimentazioni rigide sono costituite da lastre di calcestruzzo di cemento. Per proprietà intrinseche
del conglomerato cementizio essa è dotata di una forte resistenza al taglio e di discreta resistenza
flessionale: questo tipo di pavimentazione svolge contemporaneamente i compiti della fondazione e
degli strati superficiali.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 105


Al disotto di questa lastra è uso disporre una fondazione in materiale lapideo non legato o di misto
cementato. Mediante la fondazione si può garantire alla lastra un buon funzionamento nei confronti
dell’acqua che può raggiungere agevolmente la fondazione attraverso i giunti.
I calcestruzzi utilizzati per le pavimentazioni sono totalmente diversi da quelli utilizzati per le altre
strutture, in quanto essi devono poter sviluppare un’adeguata resistenza meccanica a flessione
(misurabile per mezzo della prova di flessione indiretta), essere lavorabile (misurabile per mezzo della
scatola di Lesage), avere basso ritiro e ottima qualità superficiale al fine di garantire una superficie viabile
regolare e resistente agli urti.
Di conseguenza è fondamentale lo studio del mix-design, per cui è consigliato l’uso di fusi granulometrici
non troppo eterogenei per diametro degli inerti.
La miscela viene confezionata in betoniere mobili che avanzano di pari passo con la macchina finitrice in
modo che il getto venga fatto in continuo. Le macchine finitrici hanno il compito di spargere il materiale,
livellarlo e costiparlo, alcune delle macchine più utilizzate sono quelle a casseforme scorrevoli su cui si
muove la macchina stessa. Alla macchina finitrice segue la macchina per il taglio dei giunti nel
calcestruzzo ancora fresco, in modo da separare le varie lastre.
Alla fine del getto, si deve stendere sulla superficie uno strato di materiale di curing come per esempio
polveri di soluzioni di resina o caucciù. Uno degli elementi fondamentali delle pavimentazioni in
calcestruzzo è il giunto che si realizza tra una lastra e quelle adiacenti, infatti è impensabile costruire la
pavimentazione in un unico blocco, altrimenti si formerebbero delle fessure a causa delle sollecitazioni
interne dovute alle variazioni termiche, al ritiro del calcestruzzo e dei cedimenti differenziali.

Fig. 56 Giunto di contrazione con sigillatura. Fig. 57 Giunto di costruzione (giunto a dente).

Fig. 58 a. giunto di contrazione; b. giunto di dilatazione; entrambi i giunti sono dotati di barra di trasferimento degli sforzi di
taglio.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 106


I giunti sono praticati sia in senso longitudinale che trasversale, in modo da consentire accorciamenti
dovuti a diminuzione di temperatura e al ritiro (giunti di contrazione); e allungamenti dovuti agli
incrementi di temperatura (giunti di allungamento); i primi sono in genere in numero maggiore.
I giunti di dilatazione sono presenti trasversalmente in tutti i tipi di pavimentazione (stradale,
aeroportuale o di sosta), mentre longitudinalmente sono utilizzati solo nel caso di piste aeroportuali o di
grandi piazzali di sosta. Essi interessano tutto lo spessore della lastra, sono larghi almeno 20 mm e dotati
di connettori in grado di consentire il trasferimento delle sollecitazioni di taglio tra le lastre adiacenti
(diffusione del carico).
I giunti di contrazione sono disposti sia longitudinalmente che trasversalmente, non interessano tutto lo
spessore della pavimentazione, ma vengono tagliati nel calcestruzzo parzialmente indurito per una
larghezza non superiore a 8 mm con profondità di circa 1/5h; il giunto è completato lungo il restante
spessore per mezzo delle lesioni che si producono a causa del punto di debolezza provocato.
Nel caso di giunti di contrazione non è necessario utilizzare dispositivi di trasferimento del carico in
quanto la scabrezza delle superfici è in grado di assolvere a queste funzioni. In senso longitudinale i
giunti di contrazione servono a prevenire gli effetti di possibili cedimenti differenziali lasciando libera di
ruotare la lastra.
Esiste un altro tipo di giunto, detto giunto di costruzione, necessario ogni qualvolta si decida di
interrompere il getto della pavimentazione: in questo caso si deve disporre una cassaforma in cui si
alloggerà l dispositivo di trasferimento del carico verticale tra le due porzioni adiacenti. Questi dispositivi
sono indispensabili per contrastare le forti concentrazioni di tensioni che si hanno quando le ruote sono
in prossimità della zona di ripresa.

Fig. 59 Pavimentazione multistrato caricata da due ruote.

La disposizione dei giunti comporta però l’inconveniente di permettere la filtrazione dell’acqua al di sotto
della lastra; nel caso in cui la ruota del veicolo percorra la zona di giunzione, induce una deformazione
della lastra che comporta la risalita dell’acqua: il cosiddetto fenomeno di pumping. Questo fenomeno con

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 107


il tempo induce alla formazione di zone vuote al disotto della lastra che possono essere molto dannose.
La possibilità di ripristinare il collegamento a taglio della lastra, praticamente elimina il problema del
pumping.
Tutte le giunzioni vanno suturate con del mastice di bitume o con materiali applicabili a freddo quali
neoprene o polimeri liquidi, quest’operazione è indispensabile per evitare il prematuro consumo dei
pneumatici.
Siccome la realizzazione di giunti è piuttosto onerosa e complicata, si può in alcuni casi procedere
alla stesura di reti di acciaio (0,25% della sezione lorda totale) la cui funzione è quella di
contrastare l’apertura delle lesioni dovute al ritiro e alle variazioni termiche; questa soluzione
permette il diradamento dei giunti da 10 m a 25 m. Altrimenti per poter eliminare completamente
l’armatura è necessario ricorrere alla precompressione, di cui però esistono sono delle tratte di
pavimentazione aeroportuale del tutto sperimentali.

Fig. 60 Distribuzione delle pressioni negli strati di pavimentazione.

Fig. 61 Confronto flessionale tra strutture: Per la trave singola, il momento di inerzia è nove volte maggiore di quello calcolabile
per il sistema a tre travi sovrapposte.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 108


Fig. 62 Metodo empirico inglese Road Note 29: diagramma per la determinazione dello spessore dello strato di fondazione. La
determinazione dello spessore degli strati della pavimentazione flessibile si ottengono utilizzando il numero di passaggi di un
asse standard da 8,2 t sulla corsia di progetto durante la vita utile; i passi da seguire sono logici e piuttosto semplici: (1) si
determina il valore dello spessore della fondazione in funzione del numero dei passaggi e del parametro caratteristico del CBR, si
può utilizzare l’abaco sopra riportato. (2) Si individua lo spessore dello strato di base e di quello superficiale, che successivamente
andrà separato in binder ed usura, in funzione del numero di passaggi e del tipo di materiale impiegato nella costruzione, è
possibile ricondurre il calcolo all’uso di appositi abachi.

Fig. 63 Diagramma per la determinazione dello spessore dello strato di base e di quello superficiale.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 109


Fig. 64 Catalogo tedesco delle pavimentazioni.

La pavimentazione stradale, come ogni altra infrastruttura è progettata e dimensionata per garantire
idonee caratteristiche strutturali e funzionali per un certo intervallo di tempo: la vita utile
dell’infrastruttura. Al termine della vita utile della pavimentazione è richiesto il rifacimento della stessa
con il ripristino o incremento delle caratteristiche prestazionali richieste dalle varie condizioni
economiche e al contorno. Può comunque succedere che prima del raggiungimento della vita utile
dell’infrastruttura sia indispensabile intervenire mediante risanamento e manutenzione ordinaria.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 110


Fig. 65 Diagramma per la determinazione del numero di passaggi di una pavimentazione Pf=2,5.

Fig. 66 Diagramma per la determinazione del numero di passaggi di una pavimentazione Pf=1,5.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 111


Le pavimentazioni possono subire sostanzialmente due tipi di danneggiamenti, il primo è proprio in
genere dei manti di usura e degli strati superficiali, e consiste nella diminuzione dell’aderenza
comportando una minor sicurezza per i veicoli viaggianti.
In particolare il fenomeno di usura può essere caratterizzato dall’arrotondamento degli inerti che
compongono in manto di usura il che diminuisce il fenomeno di ingranamento che sta alla base del
fenomeno di aderenza o dalla perdita di elasticità del legante che si disgrega e porta alla formazione di
buche anche profonde per tutto lo strato superficiale. Ovviamente questo fenomeno è evidente nelle
pavimentazioni bituminose ove il bitume essendo un materiale organico degrada piuttosto velocemente
con il tempo e con le variazioni climatiche, ma tutto sommato meno critico in quanto è più facile porvi
rimedio, decisamente più critico è il fenomeno nelle pavimentazioni rigide in cui il degrado del
calcestruzzo è di più difficile riparazione se non con interventi piuttosto estesi, ma questo è un fenomeno
in genere più lento.

Fig. 67 Inerti dello strato di usura in buone condizioni a. ed in pessime condizioni b.

Nella manutenzione ordinaria è necessario tenere conto che possono esservi formazioni di ormaie
dovute agli strati superficiali: questo tipo di degrado rientra nelle ordinarie opere di manutenzione delle
pavimentazioni stradali, diverso è il problema che è legato con inconvenienti che riducano bruscamente
la vita utile della struttura, quale per esempio lo sfondamento delle fondazioni, che porta, oltre alla
rottura degli strati superficiali, anche alla formazione di cunette, gobbe e fessure sia trasversali che
longitudinali, a cui si può porre rimedio solo con interventi straordinari che vadano a modificare la
struttura degli strati profondi della pavimentazione.

Fig. 68 Effetto di sfondamento della fondazione per plasticizzazione.

Il problema di perdita dell’aderenza come in precedenza accennato comporta la levigazione degli inerti.
A questo inconveniente si può porre rimedio mediante i seguenti sistemi:
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 112
• trattamento con inerti e leganti;
• stesura di microtappeti di usura;
• stesura di un nuovo tappeto di usura;
• abrasione superficiale.
La prima tecnica consiste nella stesura di una malta bituminosa sul vecchio strato di usura, tale malta
mantiene una buona aderenza e resistenza, ma risulta essere un intervento in genere molto costoso.
La stesura di microtappeti di usura consiste nell’utilizzare il vecchio manto di usura come un incremento
del binder, in questo modo si stende un nuovo strato di usura. Ovviamente sia nel rimo che nel secondo
caso è indispensabile asportare uno strato di materiale in modo da garantire l’aggrappo delle nuove
superficie, eseguendo un’accurata pulizia delle superfici dalle polveri.
Nulla da dire invece per le tecniche indicare al terzo punto quanto ci si può rifare a quanto detto per la
costruzione della pavimentazione.
Nell’eseguire i precedenti trattamenti è indispensabile porre attenzione all’impatto ambientale che
queste tecniche di ripristino possono presentare, infatti il materiale asportato dovrebbe essere smaltito in
discariche apposite. Siccome quest’opzione necessita di costi aggiuntivi di smaltimento, il materiale
asportato, accuratamente pulito, e riutilizzato con l’aggiunta di cariche nuove di inerti e legante. La
rigenerazione dei materiali può essere eseguita a caldo e a fraddo, ma di questo si dirà più avanti a
proposito del rifacimento completo della tratta.
Un discorso a parte merita il ripristino delle pavimentazioni in calcestruzzo, infatti queste quando
raggiungo il limite della propria vita utile, andrebbero demolite e rifatte, ma ovviamente questa
soluzione risulta più che inaccettabile in quanto, oltre al costo di ricostruzione si sommano i costi di
fermo linea, che talvolta possono superare abbondantemente quelli di costruzione. Esistono dei metodi ,
ancora sperimentali per ovviare a questo inconveniente, che consistono nel ripristino degli strati
superficiali mediante betoncini a base di malte fibrorinfornzate a ritiro compensato o con la stesura di
griglie in acciaio annegate in malte di ripristino ed eventuale successivo getto di conglomerato
bituminoso, ovviamente in questo caso le lastre di calcestruzzo fungono dal elementi di fondazione per
la nuova pavimentazione.

Fig. 69 Meccanismo di formazione delle ormaie per rottura degli strati di fondazione.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 113


Negli ultimi anni sono risultati interessanti i metodi di abrasione superficiale in grado, se la
pavimentazione non ha subito danni alla struttura portante, di ripristinare l’aderenza originaria, i metodi
consistono o nella microfresatura dei manti, e successiva pulitura con acqua in pressione, sistema
adottato per le pavimentazioni in conglomerato cementizio, o mediante pallinatura.
In particolare questo metodo consiste nella proiezione e recupero di materiale abrasivo, come per
esempio sferette di acciaio di diametro 0,8 – 1,2 mm, che per effetto dell’impatto scalfiscono la superficie
rigenerando la scabrezza originaria.
Una delle tipologie di degrado tipico dello strato superficiale delle pavimentazione flessibili
specificatamente nel caso delle busvie è la fessurazione dovuta agli effetti della fatica, che nasce
all’interfaccia con lo strato di base e si propaga fino alla superficie di rotolamento. Le fessure che
giungono in sommità si infittiscono e danno origine al fenomeno del reflective cracking. Le fessure
possono essere prevenute durante la fase di costruzione o in eventuali fasi di rifacimento del manto
superficiale mediante l’interposizione di geosintetici che grazie al suo effetto di confinamento ritarda la
formazione delle fessure ed introduce un effetto di impermeabilizzazione della pavimentazione a livello
dello strato di base.

Fig. 70 Fenomeno della fessurazione superficiale dovuta alla fatica e alle variazioni termiche.

Fig. 71 Utilizzo del geotessile per limitare la fessurazione superficiale.

Un altro fenomeno è quello delle fessurazioni a blocchi dovute ai cicli termici, questo fenomeno induce
oltretutto uno stato di tensione negli strati collegati con il conglomerato, generando perciò sistemi di
frattura diffusi sulla pavimentazione. Anche in questo caso l’inserimento dei geosintetici permette di
risolvere questo problema.
I geosintetici utilizzati in queste applicazioni non devono essere particolarmente rigidi, ma devono avere
temperature di fusioni compatibili con quelle di stesura dei conglomerati (150-160°C), per evitare che si
danneggino durante la posa.
In ogni caso il problema della fessura, quando non è possibile intervenire asportando materiale, non può
essere fatta con i geosintetici, allora si ricorre alla sigillatura delle fessure con bitume modificato a caldo.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 114


Questa tecnica, anche se non risolve il problema alla radice, come il geositetico, ma rallenta la diffusione
delle fessure e la successiva formazione di buche per il degrado del manto, permettendo un incremento
della vita residua della pavimentazione.
La chiusura deve avvenire rispettando le seguenti fasi:
• asportazione di materiale danneggiato attorno alla fessura, anche mediante allargamenti della stessa,
per esempio con idropulitrice;
• asciugatura delle superfici ed eliminazione dell’umidità;
• pulizia delle fessure mediante getti di aria compressa al fine di eliminare i materiali depositati
all’interno della fessura;
• sutura delle fessure con l’impiego a caldo di mastici bituminosi.

9.2 Busvia su pavimentazione flessibile o semirigida

Il comportamento viscoelastico e termoplastico delle miscele bituminose a caldo (Hot Mix Asphalt)
espone gli strati superficiali delle pavimentazioni flessibili al rischio di deformazioni permanenti (ormaie
con fenomeni di fluage), sotto l’azione sia del raffico pesante (lento e canalizzato) che di particolari
condizioni ambientali ed corrispondenza delle zone maggiormente interessate dal rotolamento dei
pneumatici (wheel path). Tali deformazioni di fatto compromettono la regolarità del piano di via, e
quindi la sicurezza di marcia del veicolo. Il meccanismo di ormaiamento si sviluppa progressivamente
con l’accrescere del numero di passaggi della ruota e quindi delle applicazioni del carico veicolare ed è
generalmente somma di due distinti fenomeni:
• un primo fenomeno, post-compattazione sotto traffico, con incremento del grado di addensamento
degli strati di conglomerato bituminoso (modifica densovolumetrica del materiale). È generalmente
visibile la formazione di depressioni sotto l’azione del carico con conseguente diminuzione di volume
sotto la zona percorsa dai pneumatici, mentre risultano poco evidenti fenomeni di rifluimento
laterale (fluage);
• un secondo fenomeno, ormaiamento vero e proprio, susseguente al primo, si manifesta a volume
costante. In questo caso alla formazione di depressioni sotto l’azione del carico, con conseguente
decremento di volume sotto la zona attraversata dai pneumatici, seguono evidenti fenomeni di
rifluimento laterale del conglomerato, il cui volume risulta approssimativamente eguale a quello
relativo al decremento anzidetto.
È evidente la conseguenza di tale accelerato decadimento funzionale della sovrastruttura: l’esistenza di
solchi longitudinali sulla piattaforma, in special modo se fortemente pronunciati, genera un effetto tipo
“rotaia” proponendo traiettorie “obbligate” al veicolo in marcia e creando siti privilegiati di accumulo
d’acqua meteorica.

Fig. 72 Margine di una pavimentazione in costruzione.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 115


Queste circostanze, in relazione alla loro accentuata relazione con la sicurezza del moto, unitamente alla
complessità del fenomeno stesso, hanno incentivato lo sviluppo di metodologie, e strumentazioni, atte a
studiare, in sede previsionale, l’attitudine delle miscele di conglomerato bituminoso a deformarsi
“plasticamente”, con l’intento di istituire leggi costitutive del materiale in relazione al meccanismo di
deformazione. Il traffico veicolare, in termini di sollecitazione e frequenza di applicazione, rappresenta la
“causa” primaria il cui “effetto” si manifesta nell’innesco di fenomeni deformativi permanenti sulla
sovrastruttura stradale di tipo flessibile. Il fenomeno è però fortemente vincolato, oltre che a condizioni
ambientali (temperatura, precipitazioni meteoriche ecc.), a fattori legati sia alle caratteristiche intrinseche
dei materiali componenti il conglomerato bituminoso che alla ricetta compositivo-volumetrica dello
stesso.

Fig. 73 Ormaiamento avanzato.

Fig. 74 Gravi fessurazioni.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 116


Nella tabella sopra riportata è riportato un quadro sinottico con i principali fattori da cui dipende il
fenomeno dell’ormaiamento.

Fig. 75 Slittamento di conglomerato di usura senza asportazione.

Da una analisi svolta nel 1986 sulle pavimentazioni della intera rete stradale francese con riferimento agli
ammaloramenti ed alle loro cause, è emerso che più del 5% delle sovrastrutture osservate, evidenziava
fenomeni superficiali di distacco tra gli strati. Con tutta probabilità, un valore percentuale anche
superiore, riguardava pavimentazioni che, pur non presentando direttamente in superficie il problema,
soffrivano di distacco tra i neri sottostanti e lo manifestavano con la comparsa di altri fenomeni di
deterioramento che altrimenti non si sarebbero verificati, o lo avrebbero fatto in misura minore.
Il crescente numero di progetti di ricerca nel mondo volti a studiare il problema del collegamento tra gli
strati in conglomerato bituminoso delle pavimentazioni stradali, testimonia l’importanza che
l’argomento sta assumendo nell’intento di garantire la performance delle sovrastrutture nell’intero arco
della loro vita utile. Oggi, oltre ad interessarsi dei materiali componenti i singoli strati, al fine di
migliorarne le caratteristiche di funzionalità, resistenza, durevolezza e lavorabilità indipendentemente
dagli altri materiali presenti nel pacchetto stradale e dal fatto che con essi collaborino a formare una
sovrastruttura, ci si rivolge, giustamente, anche allo studio del legame che si dovrà sviluppare tra gli strati

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 117


stessi al fine di garantire un comportamento di insieme della pavimentazione nei confronti dei carichi
agenti.
Si consideri ora come esempio di approccio conoscitivo, quello legato al fenomeno delle fessurazioni. Le
cause della loro comparsa, a lungo investigate in passato, appaiono oramai note e sono comunemente
attribuite ai: fenomeni di fatica dei conglomerati bituminosi, sia che esse si diffondano dal basso verso
l’alto, sia dall’alto verso il basso, alla presenza di giunti costruttivi sede di elevate sollecitazioni e ristagni
d’acqua, ai fenomeni termici di dilatazione e ritiro che generano le classiche fessurazioni trasversali
intervallate.

Fig. 76 Esempi di distacco superficiale di conglomerato bituminoso.

Le cause del distacco tra gli strati della pavimentazione stradale sono, come ci si sarà resi conto,
molteplici e spesso, seppur siano state individuate, risulta difficile controllarle o comunque limitarne gli
effetti.

Fig. 77 Posa in opera di una pavimentazione flessibile: compattatori a rullo di pesi differenti.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 118


Fig. 78 Multistrato elastico sottoposto a carichi verticali ed orizzontali.

9.3 Bibliografia scelta


Barbara S., 2001 – Come irruvidire la pavimentazione con la pallinatrice – Le strade n. 1371.
Battiato G., 2001 – Interventi urgenti e manutenzione preventiva – Le strade n. 1372.
Bonola M., Foschi R., Sandulli D., 2003 – Riciclaggio in sito di pavimentazioni – Le strade 1384
Botto F., Mori M., 2001 – Prove e applicazioni di rigenerazione a freddo sulla To-Mi – Le strade n. 1372.
Ferrari P. e Giannini F., 1979 – Ingegneria Stradale, Corpo Stradale e Pavimentazioni, ISEDI.
Magnifico G., Nava H., Pastro F., 2001 – Interventi su pavimentazioni degradate – Le strade n. 1369.
Mele V., 2001 – Geosintetici per migliorare le pavimentazioni – Le strade n. 1373.
Orlandi A., 1990 – Meccanica dei Trasporti, Pitagora Editrice Bologna.
Portland Cement Association – Thickness Design for Concrete Pavements.
Ravaioli S., 2001 - Cambiare auto non basta, cambiate la strada! – Le strade n. 1372.
Ravaioli S., 2001 - Cambiare auto non basta, cambiate la strada! – Le strade n. 1373.
Tesoriere G., 1991 – Strade Ferrovie Aeroporti Vol. 2, UTET.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 119


10. Bibliografia

10.1 Articoli e studi ad argomento filoviario


Ing. Luciano Mazzon, Cives.
Crescita ed evoluzione delle "propulsioni atipiche", diffusione e prospettive delle tecnologie elettriche ed ibride: una
visione d'insieme
Giornata di studio sul tema: "Riduzione dell'inquinamento urbano mediante tecnologie elettriche" - Milano, 11
novembre 1999.
Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana.

Paolo Gassani
Due fili di speranza
Articolo su "Tuttotrasporti Passeggeri" - Novembre 1997.

Robert Roch
Expériences avec le trolleybus Van Hool des VMCV
18a Journee Suisse du Trolleybus - Zurigo, 13/11 1997

Marco Galaverna, Riccardo Genova, Maurizio Mazzucchelli, Centro di Ricerca Trasporti


Filovie in Italia: Evoluzione e prospettive
Università degli Studi di Genova, 1998.

Vinicio Brandani, Luca Ghiribelli


Il Filobus ha ancora un futuro?
Articolo su Ingegneria Ferroviaria, Ed. CIFI, Aprile 1988.

Marco Negri, Associazione UTP


Indagine sui sistemi di trasporto filoviari in Italia
Milano, 1996.

P.Williams, Logicon Systems Ltd, Kendal House, Victoria Way, Burgess Hill, West Sussex RH15 9NF, U.K.
The Electric Trolleybus - its role in future transport systems
Urban Transport - Lisbona, 31/8-2/9 1998.
Überwindung wirtshaflicher und strukturpolitischer Hemmnisse bei der Einführung elektrisch betriebener
Bussysteme
Schlußbericht
SNV - Studiengeselleshaft NahVerkehr MBH, Hamburg

Ulrich Langer
Vergleichende Untersuchung der Energie-, Kosten- und Emissionsbilanz im öffentlichen
Nahverkeher bei Einsatz von Oberleitungbussen und Dieselmotor betriebenen Bussystemen der Stadtwerke
Solingen
Fachhochschule Köln, 1994

Ing. Sergio Bertani, TEP-Parma.


Problemi ed esperienze di esercizio di una rete filoviaria in una città di medie dimensioni
Sistemi a basso impatto ambientale per il trasporto pubblico urbano –
Reggio Emilia, 6 aprile 1995.

AA.VV.
Mobilità in ambito urbano e veicoli elettrici: le nuove prospettive
Atti del convegno - Genova, 10-11 marzo 2000
Centro di Ricerca Trasporti.

Ing. Luciano Mazzon, Cives.


Crescita ed evoluzione delle "propulsioni atipiche", diffusione e prospettive delle tecnologie elettriche ed ibride: una
visione d'insieme
Giornata di studio sul tema: "Riduzione dell'inquinamento urbano mediante tecnologie elettriche" - Milano, 11
TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 120
novembre 1999
Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana.

Ulrich Langer
Vergleichende Untersuchung der Energie-, Kosten- und Emissionsbilanz im öffentlichen
Nahverkeher bei Einsatz von Oberleitungbussen und Dieselmotor betriebenen Bussystemen der Stadtwerke
Solingen
Fachhochschule Köln, 1994

Zukunft jetzt: der moderne elektobus


SNV - Studiengeselleshaft NahVerkehr MBH, Hamburg, Dezember 1991

Überwindung wirtshaflicher und strukturpolitischer Hemmnisse bei der Einführung elektrisch betriebener
Bussysteme
Schlußbericht
SNV - Studiengeselleshaft NahVerkehr MBH, Hamburg

Robert Roch
Expériences avec le trolleybus Van Hool des VMCV
18a Journee Suisse du Trolleybus - Zurigo, 13/11 1997

Jozsef Daczó, Hans Teufl.


Possibilité d'utilisation du trolleybus en tant que moyen de transport public urbain
UITP Revue, 1/1983.

Ing. Luciano Mazzon, Federtrasporti.


Le filovie in Italia: situazione attuale e prospettive di innovazione e sviluppo
Giornate di studio - La Spezia, 25-26 novembre 1988.

P.Williams, Logicon Systems Ltd, Kendal House, Victoria Way, Burgess Hill, West Sussex RH15 9NF, U.K.
The Electric Trolleybus - its role in future transport systems
Urban Transport - Lisbona, 31/8-2/9 1998.

Vinicio Brandani, Luca Ghiribelli


Il Filobus ha ancora un futuro?
Articolo su Ingegneria Ferroviaria, Ed. CIFI, Aprile 1988.

Marco Galaverna, Riccardo Genova, Giuseppe Sciutto, Università degli Studi di Genova
Present and future prospects of trolleybuses in Italy
Urban Transport - Lisbona, 31/8-2/9 1998.

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 121


10.2 Sistemi su gomma a via guidata
1998, Adelaide’s O-Bahn Busway: Guiding trasnsport into the future,
Adelaide Passenger Transport Board

1998, STREAM, AnsaldoBreda

1998, Urban transport: tram on tyres, Bombardier transport

1999, A bus guided transitway or light rail?, Road & Transport Research n. 8

2000, Tramway sur pneus, Bombardier transport

2001, Evolution of guided transport systems for urban and suburban applications,
Claude Soulas, INRETS – LTN, Arcueil (Francia)

2001, Cristalis - Le trolleybus nouvelle génération, Irisbus

2002, Civis, the sense of the city, Irisbus – Matra Transport International

2002, Civis: in tune with the city, Siemens Transportations

2002, Les Dossiers: CIVIS, Matra Transport International

2002, Translohr, gamme de trams, Lohr Industries

2003, Appassionatamente Translohr, Lohr Industries

2003, Phileas, APTS – Advanced Public Transport Systems bv

2003, Phileas – A modern 24 meters hybrid public transport vehicle, Ruud Bouwman, APTS

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 122


10.3 Casi studio e progetti
1996, Trasporto Rapido Costiero a servizio della riviera romagnola, TRAM e Comune di Rimini

1998, Il progetto STREAM a Trieste, AnsaldoBreda e Comune di Trieste

1998, Le tramway sur pneus, Viacités


Syndicat Mixte de Transports en Commun de l’Agglomeration Caennaise (SMTCAC - Caen)

1998, TEOR: ensemble costruisons l’avenir, Agglomeration Rouennaise (Rouen)

1998, Site propre, RATP Département Bus (Parigi)

1998, Urban public transport, a policy of innovations, (SMTC – Clermont Ferrand)


Syndicat Mixte des Transports en Commun de l’Agglomération Clermentoise

1998, Le projet LEO2000, (SMTC – Clermont Ferrand)


Syndicat Mixte des Transports en Commun de l’Agglomération Clermentoise

1999, Le bus: de l’omnibus au Trans Val de Marne, Les Cahiers de la Mémoire - RATP (Parigi)

2000, Trans-Val-de-Marne, RATP (Parigi)

2000, TVM “vite et Maîtrisé”, RATP (Parigi)

2000, Le magazine du Transport Est-Ouest Rouennaise, Agglomeration Rouennaise (Rouen)

2000, The performance of the Adelaide O-Bahn, David Bray,


Economic and Policy Services Pty Ltd

2000, Tramway sur pneus: Revue de presse 1998 – 2000, Communauté urbaine Grand Nancy

2000, Un projet au cœur de l’agglomération, Communauté Urbaine Grand Nancy

2000, Tramway de l’agglomeration caennaise, Viacités


Syndicat Mixte de Transports en Commun de l’Agglomeration Caennaise (SMTCAC - Caen)
2000, Piano urbano della mobilità, Comune di Padova

2000, Plan de Dèplacements Urbains de l’Agglomération Angevine, SysTra


Agglomérations de Angers (Francia)

2001, Il progetto Metrobus, Comune di Padova

2002, Sistema di trasporto innovativo EUR – Tor de’ Cenci, Ing. Lamberto Solimene
Relazione generale a cura della STA (Comune di Roma)

2002, Les transports en commun à la croisée des chemins, Communauté Urbaine de Brest

2003, Metropolitana leggera di superficie a L’Aquila, Lohr Industries

TGVG sistemi di Trasporto su Gomma a Via Guidata 123


Andrea Spinosa

TGVG
sistemi di Trasporto su
Gomma a Via Guidata
Il testo presenta una
panoramica completa dei
sistemi di trasporto su gomma
a via guidata, la loro fattibilità
tecnica ed economica e le
principali criticità. Si tratta di
sistemi molto discussi, a volte
osannati a volte condannati:
se giudizi così estremi rivelano
aspettative irrealistiche dettate
da una loro scarsa conoscenza
è bene conoscerne meglio le
caratteristiche per sfruttarne al
meglio tutte le loro potenzialità.

Andrea Spinosa è laureato in


Ingegneria Edile-Architettura presso
l’Università degli Studi “La Sapienza”
di Roma, con specializzazione in
Urbanistica e Progettazione delle
Infrastrutture urbane e metropolitane.
In questo momento lavora come
consulente per società e pubbliche
amministrazioni come mobility planner
per la costruzione di soluzioni innovative
per risolvere il nodo della mobilità,
sia nelle grandi realtà metropolitane
che nelle città più piccole. Ritiene che
la mobilità non sia il vero problema
della città contemporanea, un nodo
da risolvere a sé stante: si tratta di un
approccio errato che fissa l’effetto ma
non la causa. Sia che si tratti di centri in
rapido sviluppo o di realtà millenarie,
la città è un organismo - da qui il
neologismo di urbanismo - che tende
a organizzarsi e svilupparsi secondo
leggi e regole proprie degli organismi
complessi. In questo quadro la mobilità
rappresenta il mezzo che regola la
funzionalità di questo organismo.
E ne può regolare e sostenere lo
sviluppo, così come il collasso.

as@cityrailways.net

254 dpi