Sei sulla pagina 1di 22

Cattedra di Geologia Applicata

“Sapienza” Università di Roma


Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Caratterizzazione degli
ammassi rocciosi

Dott. Ing. Fabio Capoccia


fabio.capoccia@gmail.com
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

L'analisi di stabilità di un versante in roccia prevede le seguenti fasi:



Dettagliata indagine geologica

Prelievo di campioni e/o sondaggi per le prove di laboratorio

Valutazione dello stato tensionale naturale dell'ammasso roccioso

Classificazione geomeccanica (Indice di qualità della roccia)

Definizione di un modello geomeccanico

Analisi di stabilità

I parametri da analizzare sono 10:


orientazione, spaziatura, continuità o persistenza, scabrezza,
resistenza delle superfici, apertura, riempimento, filtrazione, sistemi di
discontinuità, dimensione dei blocchi.

In altre parole occorre definire la geometria, le azioni e le resistenze in


gioco per analizzare, prevedere ed eventualmente prevenire e
contrastare la perdita di stabilità.
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Indagine geologica

Rilievo geologico-strutturale Lettura carte geologiche


in sito
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Rilievo geologico - strutturale in sito


1/5

Bussola da geologo per



Giacitura degli strati, dei versanti e delle
discontinuità

Fettuccia metrica per



Spessore strati

Spaziatura delle discontinuità
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Rilievo geologico - strutturale in sito


2/5
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Rilievo geologico - strutturale in sito


3/5
JRC

Condizione delle discontinuità:



rugosità o scabrezza,

alterazione delle pareti

apertura dei giunti

eventuale materiale di riempimento
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Rilievo geologico - strutturale in sito


4/5

Livelli di rugosità: Aperture delle discontinuità:

I: rugosa (o irregolare), segmentata; molto stretta: < 0,1 mm;


II: liscia, segmentata; stretta: 0,1-0,25 mm;
III: levigata, segmentata; parzialmente aperta: 0,25-0,5 mm;
VI: rugosa (o irregolare), ondulata; aperta: 0,5-2,5 mm;
V: liscia, ondulata; moderatamente larga: 2,5-10 mm;
VI: levigata, ondulata; larga: 10-25 mm;
VII: rugosa (o irregolare), piana; molto larga: 25-100 mm;
VIII: liscia, piana; estremamente larga: 10-100 cm;
IX: levigata, piana. cavernosa: > 1 m.
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Rilievo geologico - strutturale in sito


5/5

Spaziatura della famiglia di Persistenza delle discontinuità:


discontinuità esaminata:

estremamente stretta: δm,j < 20 mm molto bassa: < 1 m ;


bassa: 1-3 m ;
molto stretta: δm,j = 20-60 mm
media: 3-10 m ;
stretta: δm,j = 60-200 mm alta: 10-20 m ;
moderata: δm,j = 200-600 mm molto alta: > 20 m
larga: δm,j = 600-2.000 mm
molto larga: δm,j = 2.000-6.000 mm ;
estremamente larga: δm,j > 6 m
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Valutazione dello stato tensionale naturale


dell'ammasso roccioso
1/2

La roccia è caratterizzata dalla relazione sforzi-deformazioni.


Tale curva può essere ottenuta attraverso una prova di compressione su
un provino di roccia intatta.
Una prova speditiva per la valutazione della qualità della roccia è la prova
con il martello di Schmidt.

JCS
Correlazione tra:

altezza di rimbalzo
e
resistenza a compressione uniassiale
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Valutazione dello stato tensionale naturale


dell'ammasso roccioso
2/2

Correlazione tra:

altezza di rimbalzo
e
resistenza a compressione uniassiale
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica
1/5
L'angolo d'attrito iniziale massimo (di picco) Φpicco della discontinuità è
funzione della tensione agente nella direzione perpendicolare ad essa,
della rugosità, delle condizioni fisico-meccaniche delle pareti e dell'angolo
di attrito residuo Φresiduo , che è relativo alla stessa discontinuità quando
movimenti relativi dei due lembi hanno ormai completamente spianato le
asperità iniziali.

Con:

JRC: coefficiente di rugosità


della discontinuità (Barton);
JCS: resistenza a compressione
delle pareti delle discontinuità.
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica
2/5
Il numero di discontinuità al m3 (Jv) è calcolato con la seguente
espressione:

dove:
δm,j: spaziatura media della famiglia di discontinuità jesima;
n: numero di famiglie di discontinuità.

L' RQD può essere stimato con la relazione di Palstrom


Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica
3/5

Lc somma delle
lunghezze degli
spezzoni di carota
> 100 mm
Lt lunghezza totale in
cui è stata
misurata Lc
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica
4/5
GSI (“Geological Strenght Index”) ricavato sulla base dei seguenti
parametri caratteristici:

resistenza a compressione monoassiale della roccia intatta (I1);


indice RQD (I2);
spaziatura delle discontinuità (I3);
condizione delle discontinuità (I4);
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica
5/5

Classe GSI I II III IV V


molto
Qualità dell’ammasso ottimo buono discreto scadente
scadente
Indice numerico totale 81-100 61-80 41-60 21-40 <20

Lo studio geostrutturale viene poi completato con la


redazione di diagrammi e stereogrammi relativi alle
stazioni di rilievo.
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica di Bieniawski


(Sistema RMR - Rock Mass Rating)

É la classificazione più diffusa al mondo, proposta nel 1974, prende


in considerazione 6 parametri:


Resistenza a compressione monoassiale della roccia intatta

RQD (Rock Quality Designation)

Spaziatura delle discontinuità

Condizioni delle discontinuità

Condizioni dell'acqua di falda

Orientazione delle discontinuità

Per ognuno dei primi cinque viene attribuito un punteggio, la cui


somma dei punteggi fornisce l'RMR.
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica di Bieniawski


(Sistema RMR)
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Classificazione Geomeccanica di Bieniawski


(Sistema RMR)

Classe I 80 < RMR < 100


Classe II 60 < RMR < 80
Classe III 40 < RMR < 60
Classe IV 20 < RMR < 40
Classe V 0 < RMR < 20

All'RMR viene poi sottratto un punteggio relativo all'orientazione


delle discontinutà con riferimento al problema specifico.

Attraverso RMR possono essere stimati alcuni parametri


geomeccanici:

modulo di deformazione - coesione - angolo di attrito


Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Stabilità dei versanti

Per rappresentare graficamente


in modo sintetico le discontinuità
vengono utilizzate le proiezioni
streografiche, che consentono di
avere una visione 3D del
problema piano.

Kc

Kd
Kb
Ka
versante
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Le proiezioni stereografiche

Il piano P passa per il centro della sfera, la proiezione sul piano


equatoriale della traccia dell'intersezione tra P e la sfera individua il
cerchio. L'intersezione tra la retta ortogonale a P e passante per il centro
della sfera e la sfera stessa individua il polo.
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Analisi di stabilità

Giaciture
Nome Immersione Inclinazione Angolo
KI 253 44 D’attrito
K II 211 37
K III
K IV
45
311
42
80
40°
Il piano P passa per il centro
Versante 210 80
della sfera, la proiezione sul
piano equatoriale della traccia
dell'intersezione tra P e la
K IV sfera individua il cerchio.
L'intersezione tra la retta
ortogonale a P e passante per
il centro della sfera e la sfera
versante K III
stessa individua il polo.

K II
KI
Cattedra di Geologia Applicata
“Sapienza” Università di Roma
Caratterizzazione degli ammassi rocciosi
Facoltà di Ingegneria
Dr. Ing. Fabio Capoccia

Caratterizzazione degli
ammassi rocciosi

Dott. Ing. Fabio Capoccia


fabio.capoccia@gmail.com