Sei sulla pagina 1di 1

PAESE :Italia AUTORE :Michele Weiss

PAGINE :1
SUPERFICIE :8 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

26 settembre 2019 - Edizione Milano

recensioni teatrali

“Opera panica”, lo psico-cabaret


di Alejandro Jodorowsky
alla ricerca della felicità
MICHELE WEISS schio (ma forse è una fortu-
Jodorowskye Brecht irrom- na) è venirne travolti come
pono in apertura della sta- una slavina che disarciona
gione del Parenti. Sketchfol- dalla sella facendoci sgana-
li e scatenati, teatro-filosofi- sciare, grazie alla bravura
co, canzoni demenziali sono dei quattro giovani interpre-
alla base delle 26 mini-pièce ti e degli ormai mitici Duper-
di “Opera panica”, che fa ca- du, autori-esecutori delle
polino nello stabile da un pa- musiche live. Jodorowsky,
io d’anni. Uno spettacolo scrittore-regista cult cileno
amatissimo dal pubblico e lo- naturalizzato francese (au-
dato dalla critica, che ama il tore del citatissimo saggio e
coté selvaggio e libertario poi anche film, “La danza
della messain scenasincopa- della realtà”), non ha manca-
ta di Fabio Cherstich, talen- to di dare alcuni preziosi con-
tuoso regista uscito dalla Ci- sigli al regista, come questo:
vica cheha già in mente la se- «Il teatro si esprime con l’in-
conda parte, in scena nella conscio. Bisogna permetter-
prossima primavera. gli di fluire in scena con la
La prima parte è un pasti- stessalibertà con cui sgorga-
che indisciplinato e visiona- no i sogni».
rio, un cabaret tragicomico Teatro Parenti, via Pier Lom-
in salsa brechtiana che vuo- bardo 14, fino al 13 ottobre,
le «sistemare le cose con la 15/25 euro —
nostra esistenza»: unico ri- c BYNCNDALCUNI
DIRITTI
RISERVATI

Tutti i diritti riservati