Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 189 (48.513) Città del Vaticano venerdì 21 agosto 2020
.

Nella più grave tragedia del 2020 al largo delle coste libiche Iniziativa della Pontificia Accademia mariana internazionale

Quarantacinque migranti Liberare


la devozione alla Vergine
morti in un naufragio dall’influsso delle mafie
TRIPOLI, 20. Sono almeno 45 le per- maggiori proporzioni registrato al perso la vita a causa dell’esplosione più elevato di quello ufficiale». Nel
sone morte in naufragio a largo del- largo della costa libica quest’anno». del motore dell’imbarcazione al lar- documento, Oim e Unhcr hanno
la Libia avvenuto il 17 agosto. La de- Circa 37 sopravvissuti, provenienti go della costa di Zuara. chiesto di agire con urgenza affinché
nuncia arriva dall’O rganizzazione principalmente da Senegal, Mali, Almeno 302 migranti e rifugiati si riveda l’approccio degli Stati alla
mondiale delle migrazioni (Oim) e Ciad e Ghana, si legge nella nota, sono morti lungo questa rotta, fino- gestione dei soccorsi nel Mediterra-
dall’Alto commissariato delle Nazio- sono stati soccorsi da pescatori locali ra, nell’arco del 2020. Ma secondo i neo. «È necessario rafforzare con ur-
ni Unite per i rifugiati (Unhcr). e posti in stato di detenzione dopo dati dell’Unhcr e del progetto Mis- genza le attuali capacità di ricerca e
Si tratta — hanno scritto in una lo sbarco. Questi hanno riferito al sing Migrants implementato dal- soccorso. Si continua a registrare
nota congiunta le due organizzazio- personale dell’Oim che altre 45 per- l’Oim, «si stima che il numero at- l’assenza di programmi di ricerca e
ni umanitarie — del «naufragio di sone, compresi cinque minori, hanno tuale di decessi sia probabilmente soccorso dedicati e a guida Ue»,
hanno precisato. «Temiamo — hanno
aggiunto — che senza un incremento
immediato delle capacità di ricerca e
soccorso, ci sia il rischio che si veri-
fichino disastri analoghi a quelli in
cui si è registrato un elevato numero
di morti nel Mediterraneo centrale,
prima del lancio dell’operazione Ma-
re Nostrum».
Oim e Unhcr hanno così espresso
forte preoccupazione per i recenti ri-
tardi nelle operazioni di ricerca e
soccorso. «Esortiamo gli Stati a ri-
spondere rapidamente al verificarsi
di tali eventi e a mettere a disposi-
zione in modo sistematico e struttu-
rato un porto sicuro per le persone
soccorse in mare. I ritardi registrati
nei mesi recenti, e l’omissione di as-
sistenza, sono inaccettabili e metto-
no vite umane in situazioni di ri-
Papa Francesco ha «appreso con mariana — sottolinea il Papa nella
schio evitabili», continua la nota. piacere» dell’iniziativa presa dalla lettera — è un patrimonio religio-
Secondo l’Oim e l’Unhcr, non si Pontificia Accademia mariana in- so-culturale da salvaguardare nella
dovrebbe intimare a chi salva i mi- ternazionale, che il prossimo 18 set- sua originaria purezza, liberandolo
granti in mare di ricondurre queste tembre ha organizzato un conve- da sovrastrutture, poteri o condi-
persone in Libia, dove sarebbero a gno per «dare inizio ufficialmente zionamenti che non rispondono ai
rischio di ritrovarsi in aree segnate al nuovo settore, opportunamente criteri evangelici di giustizia, liber-
da sanguinosi conflitti, di subire gra- istituito al suo interno». Si tratta tà, onestà e solidarietà».
vi violazioni dei diritti umani, e di del Dipartimento di analisi e di
essere sottoposte a detenzione arbi- studio dei fenomeni criminali e ANTONIO TARALLO A PAGINA 8
Operazioni di soccorso a un barcone di migranti nel Mediterraneo traria post-sbarco. mafiosi, ideato e realizzato «per li-
berare la figura della Madonna
dall’influsso delle organizzazioni
malavitose».
In una lettera indirizzata al pre-
I leader europei condannano la repressione e chiedono il ritorno al dialogo
sidente dell’istituzione mariana, pa-
dre Stefano Cecchin, dell’ordine
ALL’INTERNO
dei Frati minori, il Pontefice espri-

Sanzioni Ue alla Bielorussia me il suo «apprezzamento per l’im-


portante iniziativa e rivolgo il mio
saluto cordiale ai promotori, ai re-
Lettera del Papa al parroco
del santuario argentino
di San Raimondo Nonnato
latori e a tutti i partecipanti alla si-
gnificativa giornata di studio, volta
MINSK, 20. «È necessario garantire Il cancelliere tedesco, Angela «va tenuta all’interno dell’alveo lega- di prevenire disordini nel Paese, e in
a coinvolgere diversi settori della
Un inno in favore
un processo di autodeterminazione Merkel, ha spiegato di aver provato le e va costruito il dialogo». «I mez- particolare a Minsk, e di rafforzare i
in Bielorussia e ritengo sia stato a contattare telefonicamente il leader zi militari russi si trovano nel territo- controlli alle frontiere in tutto il Pae- società civile, affinché, in collabo- della vita nascente
molto importante riunire il Consi- bielorusso Lukashenko, «ma pur- rio della Federazione russa» ha sot- se «per bloccare l’arrivo di militanti, razione con le Autorità ecclesiasti-
glio per discutere di una crisi che ri- troppo la telefonata non c’è stata». tolineato ancora il portavoce dopo armi, munizioni e denaro da altri che e le Istituzioni pubbliche, si
PAGINA 8
guarda i valori fondamentali». Que- possano individuare efficaci propo-
Rispondendo a una domanda speci- che ieri erano state diffuse voci ri- Paesi per alimentare le proteste».
ste le parole pronunciate oggi, in ste per una necessaria operazione
fica, il cancelliere ha affermato di guardanti la presenza di mezzi mili- Lukashenko ha affermato: «Non ci
un’intervista al «Corriere della Se- culturale di sensibilizzazione delle
«non vedere possibile» un suo ruolo tari di Mosca in Bielorussia. Il Trat- devono più essere manifestazioni a coscienze e di adozione di provve-
ra», dal presidente del Parlamento di mediatrice nello scontro in Bielo- tato di sicurezza collettiva e il Trat- Minsk. La gente è stufa. E chiede dimenti adeguati».
La Santa Sede
europeo David Sassoli, secondo il russia. «Per mediare serve la dispo- tato sullo Stato dell’Unione di Rus- pace e tranquillità». Poche ore pri-
quale a Minsk «non possono esserci Considerato che la figura di Ma- e la costruzione
nibilità delle due parti e Lukashenko sia e Bielorussia — ha aggiunto Pe- ma di prendere queste decisioni, Lu- ria, nonché i luoghi, le ritualità e i
ingerenze, tantomeno interventi ha rifiutato il colloquio», ha spiega- skov — «contengono una serie di ob- kashenko aveva attribuito la respon- simbolismi a Lei associati, sono og-
della nazione
esterni». Sassoli ha chiesto «che si
proceda con sanzioni individuali nei
to Merkel. blighi delle parti, che prevedono sabilità dei disordini ai Paesi occi- getto di “riconfigurazione sistema- della Corea
Mosca, per il momento, si limita a l’assistenza reciproca ma al momento dentali. «I Paesi occidentali, diretta- tica” da parte delle mafie e della
confronti dei responsabili della re- monitorare la situazione. Non c’è bi- non ce n’è bisogno e, in realtà, an- mente, senza nasconderlo, annuncia-
pressione delle proteste o delle frodi criminalità organizzata, l’Accade-
sogno del «sostegno russo» alla Bie- che la leadership bielorussa ha am- no apertamente la raccolta di fondi e THOMAS HONG-SO ON HAN
mia si è fatta promotrice di questo
elettorali. È chiaro che la volontà del A PAGINA 3
lorussia, ha detto il portavoce del messo l’assenza di tale necessità». il loro reindirizzamento verso la Bie- nuovo Dipartimento che avrà il
popolo bielorusso dev’essere rispet-
Cremlino, Dmitry Peskov, sottoli- Intanto, ieri, Lukashenko ha dato lorussia, lo vediamo» ha detto il pre- compito di studiare e monitorare
tata. Sappiamo come sono andate le
neando che la situazione nel Paese istruzioni al ministero degli interni sidente. tale problematica. «La devozione Esce l’inedito «Diario»
elezioni e conosciamo quanto siano
state brutali le violenze. Ora occorre di Pietro Della Valle
rimettere nelle mani dei cittadini
della Bielorussia il diritto ad autode- Alcune cose
terminarsi». Per farlo «l’Ue è unita, memorabili
c’è una grande preoccupazione co- Chiesto il ritorno all’ordine costituzionale mentre l’Unione africana sospende il Paese
mune». Se il presidente bielorusso
Lukashenko «pensasse al bene del
suo Paese, capirebbe che tornare alle L’Onu condanna il colpo di stato in Mali FRANCESCA ROMANA DE’ ANGELIS
A PAGINA 4
urne è il modo migliore per dimo-
strare la sua consistenza politica».
Il Consiglio Ue straordinario te- BAMAKO, 20. Promettono una «tran- che l’ex premier Boubou Cissè e al- L’avventura della fede
nutosi ieri ha deciso di dare pieno sizione politica civile» ed elezioni tri rappresentanti dell’esecutivo.
sostegno ai manifestanti che conte- generali «in un tempo ragionevole» Il capo della giunta golpista è il Il missionario
stano la regolarità della rielezione di i militari che due giorni fa hanno colonnello Assimi Goita, che ieri si del Nilo Azzurro
Lukashenko il 9 agosto scorso di- preso il potere in Mali con un colpo è dichiarato presidente del Comitato
chiarando che i risultati della con- di stato, ma ciò non basta a rassicu- nazionale per la salvezza del popo-
sultazione, giudicata dall’Ue «né li- rare la comunità internazionale: lo. Goita era apparso in televisione GENEROSO D’AGNESE A PAGINA 6
bera né corretta», sono stati «falsifi- l’Onu e l’Unione africana (Ua) han- nella notte tra martedì e mercoledì,
cati». Al più presto, secondo quanto no condannato l’azione e chiesto la insieme ad altri militari, durante
messo nero su bianco nelle conclu- liberazione dei prigionieri. l’annuncio della presa del potere,

racconto’
sioni del presidente del Consiglio Il Consiglio di sicurezza dell’O nu senza però prendere la parola. An-
europeo Charles Michel, saranno ha sottolineato «l’urgente necessità cora non è chiaro chi rappresenti:
quindi «varate sanzioni mirate» con- di ripristinare lo stato di diritto e un gruppo di militari dagli incerti
tro «un nutrito gruppo di persone
procedere al ritorno dell’ordine co- intenti, forse unito a una frangia del L A PAROLA DELL ANNO
y(7HA3J1*QSSKKM( +"!"!{!?!#!

ritenute responsabili della manipola-


stituzionale». L’Ua, da parte sua, ha movimento che ha guidato le prote-
zione dei voti e delle violenze inac- Una nuova e più consapevole
cettabili» compiute contro chi è sce- deciso di sospendere il Mali dopo il ste. La nuova giunta ha invitato la connessione con se stessi
so pacificamente in piazza per prote- colpo di stato «fino al ripristino popolazione «a tornare al lavoro» e
stare. «Siamo pronti a sostenere in dell’ordine costituzionale». L’ormai «cessare i vandalismi». Goita ha Per sconfiggere
tutti i modi possibili e ad accompa- ex presidente Brahim Boubacar Kei- detto che «il Paese non ha più il di-
ta, in arresto, e ha annunciato nella ritto di sbagliare». Intanto, le forze
la nevrosi dell’uomo
gnare una transizione di poteri paci-
fica e democratica in Bielorussia» ha notte le sue dimissioni e lo sciogli- politiche dell’opposizione hanno contemporaneo
dichiarato il presidente della Com- mento del Parlamento e del gover- detto che intendono collaborare con
missione Ue, Ursula von der Leyen. no. Restano in stato di arresto an- la giunta militare. I rappresentanti dei militari che hanno preso il potere in Mali (Afp) DANIELE MENCARELLI A PAGINA 5
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 21 agosto 2020

Allarme dell’Onu: l’esplosione di Beirut ha peggiorato la crisi economica Alla vicepresidenza statunitense per le elezioni di novembre

Oltre la metà dei libanesi Kamala Harris


nella morsa della povertà accetta la nomination
BEIRUT, 20. Oltre la metà della po- WASHINGTON, 20. La senatrice cali-
polazione del Libano si trova «presa forniana Kamala Harris ha accettato
nella trappola della povertà» in un ufficialmente la candidatura alla vi-
contesto di «crisi economica acuta», cepresidenza degli Stati Uniti, pri-
e questo ancora prima della gigante- ma donna di origini afroamericane e
sca esplosione che ha distrutto parte indiane a farlo.
di Beirut il 4 agosto scorso. È l’allar- Nella terza serata, ieri, della con-
me lanciato ieri dalla commissione vention dei democratici, Harris ha
economica e sociale dell’Onu per il fatto appello al voto, denunciando
Medio Oriente. «ostacoli e disinformazioni». «Pos-
«Secondo le stime, oltre il 55 per siamo cambiare il corso della sto-
cento della popolazione del Paese si ria», ha esortato, ammonendo che il
trova ormai nella trappola della po- Paese è a un «punto di svolta» e
vertà e lotta per avere accesso ai be- merita di fare meglio, dopo i quat-
ni di prima necessità» riferisce la tro anni di «caos, incompetenza e
Commissione in un rapporto per il insensibilità» di Donald Trump.
mese di maggio 2020. L’anno scor- «Abbiamo un presidente che tra-
so era invece il 28 per cento della sforma le tragedie in armi politiche.
popolazione a trovarsi in questa Il fallimento della leadership di
condizione. Dopo la devastante Trump ci è costato vite e posti di la-
esplosione che ha causato almeno voro», ha accusato la senatrice.
181 morti e oltre 6.500 feriti, secon- Senza dimenticare la sua risposta nativi americani, per conquistare il statunitense, quella che è rimasta al-
do l’ultimo bilancio, decine di mi- alle proteste contro le ingiustizie futuro che vogliamo collettivamen- le sue spalle per tutto il discorso.
gliaia di libanesi hanno perso il la- razziali: «Non c’è alcun vaccino te». Nel suo intervento, Harris non «Speravo che Donald Trump potes-
voro o parte delle loro entrate. Se- contro il razzismo. La nostra Nazio- ha dimenticato la figura fondamen- se mostrare qualche interesse nel
ne deve essere come una comunità, tale della sua vita, quella della ma- prendere sul serio la carica, che po-
condo le ultime cifre fornite dalle
dove tutti sono benvenuti, a pre- dre indiana immigrata, che le ha in- tesse arrivare a sentire il peso
autorità libanesi, il 45 per cento del-
scindere dalla loro apparenza, da segnato i valori e l’ha fatta crescere dell’ufficio e scoprire qualche rive-
la popolazione vive «molto sotto la
dove vengono o da chi amano. Do- «come una donna afroamericana e renza per la democrazia affidata alle
soglia di povertà».
ve tutti meritano compassione, di- indiana forte e orgogliosa della sua sue cure, ma non lo ha mai fatto»,
Il rapporto delle Nazioni Unite
gnità e rispetto». Harris ha poi fat- eredità». Prima di lei è intervenuto ha detto l’ex presidente.
riferisce che la classe media, che nel to appello all’unità e alle minoran- Barack Obama, che ha sferrato un Anche Hillary Clinton ha dura-
2019 rappresentava il 57 per cento ze, quelle che servono a Joe Biden forte attacco personale a Trump mente accusato Trump: «Speravo
della popolazione, si è ridotta nel per vincere: «Dobbiamo eleggere un parlando dal Museo dell’American che sarebbe stato un presidente mi-
2020 al 40. L’inflazione ha raggiun- presidente che ci unisca tutti, afroa- Revolution di Philadelphia, la città gliore, ma, sfortunatamente, è quel-
to il 90 per cento, la disoccupazio- Giovani libanesi tra le macerie causate dall’esplosione a Beirut (Reuters) mericani, bianchi, latinos, asiatici, dove è stata firmata la Costituzione lo che è».
ne il 25; i conti correnti sono bloc-
cati e i dollari (la valuta più forte
nel Paese) scarseggiano, rendendo
sempre più difficoltose le importa-
zioni. Beirut è in default da marzo,
ma non ha ancora né chiesto, né ri-
cevuto aiuti internazionali.
Pompeo A causa del conflitto e della pandemia molti programmi di assistenza chiuderanno
Sempre più attacchi
Va detto inoltre che — come rife-
riscono molti analisti — il Libano
chiederà all’Onu Yemen senza aiuti al personale
ora attende il sostegno internazio-
nale che dovrebbe aiutare l’econo-
sanzioni umanitario
mia a ripartire dopo l’esplosione del contro Teheran SANA’A, 20. A causa della mancan- stando il Paese e milioni di bam- fosse aperto uno spiraglio di dia-
4 agosto. La conferenza dei donato- za di fondi, del conflitto civile e bini stanno soffrendo la fame. Ba- logo tra le parti in conflitto, ossia NEW YORK, 20. Il 2019 è stato l’an-
ri promossa dal presidente francese della pandemia da covid-19, molti sti pensare che degli oltre 12 mi- il governo del presidente Hadi so- no più violento mai registrato per il
Emmanuel Macron ha raccolto 250 WASHINGTON, 20. Il presidente programmi di assistenza ai civili lioni di minori yemeniti, circa due stenuto da Riad e una parte dei personale umanitario nel mondo,
milioni di euro; i Paesi partecipanti degli Stati Uniti, Donald Trump, nello Yemen saranno ridotti o ces- milioni hanno abbandonato le lo- ribelli, quelli del Consiglio di hanno riferito ieri le Nazioni Unite
si sono detti pronti anche a sostene- ha chiesto ieri al segretario di sta- seranno completamente di esistere. ro case e vivono come sfollati in transizione del Sud. Tuttavia, i in occasione della Giornata mondia-
re la successiva ripresa economica e to Mike Pompeo di «notificare al Lo Yemen è uno dei Paesi più po- condizioni più che precarie, se- combattimenti tra governativi e le dell’aiuto umanitario.
finanziaria, ma a patto che le auto- Consiglio di sicurezza delle Na- veri del mondo e il sostentamento condo fonti dell’Onu. Alla fine l’altro gruppo di ribelli, gli huthi, Stando ai dati dell’Humanitarian
rità libanesi si impegnino a portare zioni Unite che gli Stati Uniti in- della popolazione dipende quasi dello scorso luglio sembrava che si vanno avanti. Outcomes, un totale di 483 operato-
avanti le riforme. tendono ristabilire praticamente integralmente dagli aiuti umanita- ri umanitari sono stati attaccati, 125
Questi aiuti, tuttavia, non arrive- ri. dei quali uccisi, 234 feriti e 124 rapi-
tutte le sanzioni Onu contro
ranno subito e potrebbero non esse- A lanciare questo allarme sono ti. Si tratta di un aumento del 18
l’Iran».
re sufficienti. state diverse ong e anche le Nazio- per cento del numero di vittime ri-
Il capo della diplomazia statu-
ni Unite. «La metà dei principali spetto all’anno precedente, spiega
nitense incontrerà nelle prossime
programmi delle Nazioni Unite in un comunicato Humanitarian Out-
ore a New York il segretario ge- Yemen risente della mancanza di
nerale dell’Onu António Guter- comes.
fondi» ha spiegato la coordinatrice La maggior parte degli attacchi è
res per discutere della questione. umanitaria delle Nazioni Unite per avvenuta in Siria, seguita da Sud
Non si fermano Pompeo inoltre, come scrive il
«Washington Post», notificherà
il Paese, Lise Grande, precisando
che «già 12 dei 38 programmi mag-
Sudan, Repubblica Democratica del
gli scontri ufficialmente al Consiglio di si-
curezza che l’Iran «non sta più
giori sono cessati o ridotti drastica-
Congo, Afghanistan e Repubblica
Centrafricana.
mente, e altri 20 rischiano la stessa
tra la Striscia rispettando gli impegni previsti sorte». «Abbiamo l’obbligo di av-
La Giornata umanitaria mondiale
commemora l’attacco contro le Na-
dall’accordo del 2015 sul nuclea- vertire il mondo — ha aggiunto,
di Gaza re», dal quale gli Usa si sono ri- parlando nel corso di una confe- zioni Unite a Baghdad il 19 agosto
del 2003, che causò la morte di 22
renza stampa — che milioni di ye-
e Israele tirati due anni fa. Il mancato ri-
spetto degli impegni dell’accordo meniti soffriranno e potrebbero persone, tra cui il rappresentante
speciale del segretario generale
sul nucleare del 2015 potrebbe morire perché non abbiamo i fondi
necessari». Dalla fine del 2018, le dell’Onu per l’Iraq, Sérgio Vieira de
far sollecitare il ripristino delle Mello.
TEL AVIV, 20. Dopo un’altra giorna- sanzioni internazionali preceden- agenzie umanitarie hanno condot-
ta di lanci di palloni incendiari da to una delle maggiori operazioni Questa giornata internazionale è
ti ad esso, con gravi ripercussioni stata istituita allo scopo di promuo-
Gaza verso le comunità israeliane di assistenza nella storia recente,
sull’economia e il commercio ira- raggiungendo ogni mese almeno 14 vere la sicurezza delle persone im-
del sud del Neghev, l’esercito israe-
niani. milioni di persone. pegnate in attività di aiuto umanita-
liano ha colpito la notte scorsa
Secondo il ministro degli esteri Come accennato, lo Yemen, in rio e delle popolazioni che necessi-
obiettivi militari di Hamas nella
iraniano, Mohammad Javad Zarif, questo momento, si trova già a tano di tale aiuto. Durante la gior-
Striscia. Lo ha fatto sapere il porta-
voce militare. Non si hanno al mo- che fu uno degli artefici dell’ac- dover fronteggiare un conflitto ci- nata, i leader politici di tutte le Na-
mento notizie di vittime. cordo sul nucleare, quella di vile e la pandemia da covid-19 con zioni sono chiamati a fare il possibi-
La tensione tra la Striscia di Gaza Trump è «una mossa illegale e risorse estremamente limitate. Le le per proteggere le popolazioni col-
inaccettabile». inondazioni, inoltre, stanno deva- Un maestro controlla i suoi allievi fuori da una scuola a Sana’a (Epa) pite da conflitti.
e Israele è notevolmente aumentata
nel corso degli ultimi dieci giorni:
palloni incendiari e razzi sono stati
lanciati contro il territorio israeliano,
innescando la reazione di Israele.
Solo ieri — secondo i media locali —
sono stati 28 i roghi innescati dai Nuovo round di colloqui In coma l’oppositore russo Navalny
palloni incendiari arrivati da Gaza.
«Abbiamo colpito Hamas ogni gior- sul post-Brexit ricoverato con sintomi di avvelenamento
no, per 11 notti di seguito. Se neces-
sario faremo molto di più» ha detto
il premier israeliano Benjamin Neta- LONDRA, 20. Tutto pronto per l’ul- David Frost. I nuovi colloqui che MOSCA, 20. Il leader dell’opposi- L’aereo sul quale viaggiava ha effet- Si trovava in Siberia per un tour
timo round di negoziati sul post- iniziano ufficialmente oggi si con- zione russa, Alexei Navalny, è rico- tuato un atterraggio di emergenza. in diverse città per sostenere i candi-
nyahu. Hamas e la Jihad Islamica
Brexit prima dell’autunno. Il Re- cluderanno venerdì. Gli ultimi col- verato in coma in terapia intensiva «Pensiamo che Alexei sia stato avve- dati alle elezioni locali del mese
«hanno visto che siamo pronti ad
gno Unito spera ancora di poter loqui a luglio si sono chiusi con — incosciente — dopo essere stato lenato con qualcosa mescolato nel prossimo, che vedranno coinvolti cir-
usare tutti gli strumenti che abbia- raggiungere un accordo commer- apparentemente avvelenato. Lo ha suo tè — ha affermato il portavoce —
mo» ha aggiunto. un nulla di fatto. ca quaranta milioni di elettori.
ciale con l’Ue entro la fine di ago- L’ipotesi di un no deal è co- dichiarato ieri sera alla Bbc Kira è l’unica cosa che ha bevuto». «I Navalny, noto per le sue campa-
Ieri, l’Egitto, con una delegazione sto. Lo ha confermato proprio ieri Yarmysh, portavoce di Navalny e medici — ha aggiunto — dicono che
dell’intelligence, ha cercato una me- munque concreta, secondo gli ana- gne anti-corruzione contro alti fun-
Downing Street, come riferisce la dirigente della Fondazione anti- con i liquidi caldi le sostanze tossi-
diazione affinché non si inizi di nuo- listi. Un divorzio alla cieca fra iso- zionari e per le critiche esplicite al
Bbc. Sono ancora diversi i nodi corruzione fondata proprio da che vengono assorbite più veloce-
vo un conflitto violento. da sciogliere, ma Londra ha esclu- la e continente sarebbe segnato da Navalny nel 2011. mente». La Tass ha confermato che presidente Vladimir Putin, ha subito
Anche il Qatar sta tendando una so la possibilità di estendere i ne- barriere commerciali sulla carta Yarmysh ha spiegato che Naval- l’oppositore è ricoverato nell’unità di attacchi fisici in passato. Nel 2017,
mediazione, come ha fatto sapere goziati fino a dicembre. Ieri sera il micidiali per l’economia britannica ny, 44 anni, stava volando dalla Si- terapia intensiva per pazienti tossico- venne ustionato agli occhi quando
l’Ambasciatore Mohammad al Ama- negoziatore per l’Ue, Michel Bar- (e non solo britannica), tanto più beria verso Mosca quando, dopo logici nell’ospedale di Omsk. Un fuori dal suo ufficio aggressori gli
di, Presidente del Comitato del Qa- nier, ha avuto una cena di lavoro sullo sfondo dello tsunami del- avere sorseggiato del tè caldo, si è medico ha detto che è in «condizio- lanciarono sul viso una tintura verde
tar per la ricostruzione di Gaza. con il suo omologo britannico, l’emergenza coronavirus. improvvisamente sentito male. ni gravi», attaccato a un respiratore. usata come disinfettante.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: redazione.vaticano.or@spc.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: redazione.internazionale.or@spc.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: redazione.cultura.or@spc.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria.or@spc.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: redazione.religione.or@spc.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione.or@spc.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
venerdì 21 agosto 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

La Santa Sede e la costruzione


Per la lotta al coronavirus

Appello
dell’O ms
ai giovani
della nazione della Corea
di THOMAS HONG-SO ON HAN* coreano di sentirsi fiero e sicuro di libero e democratico. In particolare,
sé e della costruzione della nazione. il presidente Syngman Rhee espresse
All’epoca i giornali in Corea del la propria gratitudine a Papa Pio XII
Sud riferirono che il popolo coreano per aver mostrato un solidale inte-
Introduzione era molto grato alla Santa Sede per ressamento alla lotta della Corea per
n occasione del 75° anniversario un tale atto. la libertà e l’indipendenza, ricono-

I della liberazione della Corea dal


dominio coloniale giapponese
avvenuta proprio il giorno della So-
Monsignor Byrne, de facto D ele-
gato apostolico, dalle sue esperienze
missionarie in Corea e in Giappone
scendo il debito che i coreani aveva-
no verso il Sommo Pontefice per il
suo incoraggiamento e il suo soste-
lennità dell’Immacolata Concezione durante il periodo coloniale, sapeva gno morale4.
della Beata Vergine Maria e del 70° meglio di chiunque altro che il po- L’invito che il primo presidente
anniversario dell’inizio della guerra polo della Corea aveva sofferto qua- Syngman Rhee estese a monsignor
coreana, varrebbe la pena rivedere si quarant’anni di oppressione sotto Byrne a parlare il 15 agosto 1948,
come la Santa Sede ha accompagna- il dominio coloniale giapponese e nella storica occasione dell’inaugura-
to la Corea lungo il suo cammino che il conflitto tra sinistra e destra zione del nuovo Governo della Re-
verso l’autentica umanizzazione del sulla questione di stabilire un gover- pubblica di Corea, rappresentò una
suo popolo con particolare riferi- no libero e indipendente aveva pre- manifestazione pubblica di tale ap-
mento alla fase iniziale. valso nel Sud a causa della divisione prezzamento5. In quella occasione,
Innanzitutto va ricordato che la post-liberazione della nazione, men- Pio XII inviò un messaggio telegrafa-
Santa Sede ha fornito un aiuto de- tre nel Nord il regime comunista era to in cui accoglieva con favore la
terminante alla neonata Corea nel sotto il comando dell’Unione Sovie- «rinascita della sovranità coreana»6,
processo di costruzione della sua na- tica di Stalin e la religione, in parti- invocando le benedizioni di Dio
zione, che fu iniziato appena dopo colare la Chiesa cattolica, era perse- non solo sul presidente Rhee e su
ROMA, 20. «Diffondete diverti- la liberazione dal dominio coloniale guitata. tutti i membri del Governo nel loro
mento, non il virus. Proteggete i giapponese avvenuta con la fine del- Inoltre, monsignor Byrne aveva lavoro di ricostruzione della nazio-
vostri genitori e i vostri nonni». la Seconda guerra mondiale il 15 una conoscenza molto ampia degli ne, ma anche su tutta la nazione per
Questo il messaggio che l’O rga- agosto 1945. Non appena fu liberata, insegnamenti pontifici, anche per la cui unità, pace e felicità egli aveva
nizzazione mondiale della sanità tuttavia, la Corea fu divisa in Sud e quanto riguarda il fenomeno del co- pregato7.
(Oms) ha lanciato oggi ai giovani Nord, poiché la liberazione non fu munismo. In effetti, i Papi degli an-
di tutto il mondo, riconoscendo ni precedenti, ancor prima della gazione statunitense con a capo religiosi stranieri e altri prigionieri
l’esito di sue proprie conquiste indi-
loro un ruolo centrale nel contra- pubblicazione del Manifesto comuni- Il riconoscimento John Foster Dulles, ebbe un ruolo civili coreani. Fu martirizzato duran-
pendenti. In altre parole, l’area a
sta (1848), avevano condannato for- delle Nazioni Unite decisivo nel riconoscimento da parte te la cosiddetta “Marcia della
sto alla diffusione del covid-19. In nord del 38° parallelo di latitudine
temente il comunismo in quanto del Governo dell’Onu del Governo della Repub- morte”. Il martirio di vescovo Pa-
conferenza stampa, Hans Kluge, nord era sotto il controllo dell’eser-
sopprimeva la libertà di religione e blica di Corea. Senza tale sostegno, trick Byrne non può essere altro che
rappresentante dell’ufficio Europa cito sovietico, mentre l’area a sud della Repubblica di Corea
perseguitava la Chiesa, causando non sarebbe stato affatto certo che un nobile atto che testimonia l’amo-
dell’Oms, ha «ringraziato i ragaz- era sotto il controllo dell’esercito de-
quindi un danno enorme anche In questo contesto era solo natu- l’Assemblea generale dell’Onu nella re per il popolo e la Chiesa in Co-
zi per i sacrifici fatti finora», ma gli Stati Uniti.
all’intera società. rale che il presidente Syngman Rhee sessione di quell’anno riconoscesse il rea per cui ha voluto sacrificarsi a
ha anche manifestato la sua preoc- Nell’immediato periodo post-libe-
nominasse John Chang Myun, un Governo della Repubblica di Corea. nome del Santo Padre. La causa di
cupazione per l’aumento dei con- razione, dunque, le forze politiche e
devoto cattolico e l’unico cattolico Al riguardo, basti ricordare che beatificazione per lui è attualmente
tagi fra i più giovani cui ha ricor- civili della penisola coreana erano In stretta unione tra i 200 membri dell'Assemblea Co- dopo la conclusione di tale sessione in corso insieme a quelle di altri 80
dato che : «Nessuno è invincibile divise in diverse parti intorno alla con la Chiesa in Corea stituente, come capo della delega- dell’Assemblea generale dell’Onu il martiri.
e anche se per voi il covid-19 non tematica dell’adozione dell’ammini-
Quindi, pienamente in linea con zione coreana alla III sessione Governo coreano inviò John Chang È da sottolineare che l’esempio di
è mortale, vi si attacca addosso strazione fiduciaria temporanea di
le indicazioni offerte dal Magistero dell’Assemblea generale delle Nazio- Myun, che era stato capo delegazio- vescovo Patrick Byrne, Delegato
come un tornado con una lunga quattro potenze (Stati Uniti, Regno
della Chiesa, egli contribuì notevol- ni Unite, tenutasi a Parigi nel 1948, ne, alla Santa Sede come primo in- apostolico in Corea, in effetti, dimo-
coda». Kluge ha poi ricordato che Unito, Cina, Unione Sovietica) che
mente, insieme alla Chiesa cattolica per ottenere il riconoscimento inter- viato speciale dopo la sua istituzione stra bene l’identità dei diplomatici
«recenti focolai fra gruppi più era stata decisa nel dicembre 1945 in visita a Pio XII, per esprimere
coreana, a realizzare la visione catto- nazionale dell’Onu alla neonata Re- vaticani. Cioè, il diplomatico vatica-
vulnerabili come migranti e rifu- dalla Conferenza di Mosca dei tre gratitudine per il sostegno ricevuto a
lica del vero sviluppo e della vera pubblica di Corea. Ciò dimostra an- no, ben distinto da un diplomatico
giati mostrano che nessuno può ministri degli esteri (Stati Uniti, Re- favore del riconoscimento del Go-
pace in Corea. che che il presidente Rhee era pie- di qualsiasi altro Paese che dà la
essere lasciato indietro. Il virus gno Unito e Unione Sovietica). Ri- verno coreano da parte dell’O nu.
Durante il periodo immediato namente consapevole dell’influenza priorità agli interessi del proprio
aumenta le disuguaglianze». spetto ad essa il Nord venne inte- C’è da notare una particolarità: il
post-liberazione, di estremo caos della Santa Sede entro la comunità Paese, prima di essere un diplomati-
Intanto, l’allerta resta elevata in grato nelle forze che la favorivano suo passaporto, rilasciato il 6 set-
ideologico, la Chiesa cattolica in internazionale. co, è innanzitutto un sacerdote, che
Europa e nel resto del mondo. Il secondo le istruzioni dell’Unione tembre 1948, era il primo passaporto
Corea respingeva decisamente il co- Monsignor Byrne ebbe un ruolo dà la priorità agli interessi dei fedeli
presidente della Repubblica fran- Sovietica, mentre il Sud rimase in- diplomatico della Repubblica di Co-
munismo, mentre informava i fedeli molto importante nel riconoscimen- e, in definitiva, a quelli del mondo
cese, Emmanuel Macron ha di- trappolato nel vortice della divisione rea che identificava il suo titolare
e il popolo delle atrocità inumane to da parte dell’Onu della neonata intero, mettendo a rischio anche la
chiarato, in un’intervista a «Paris e della confusione, a causa di uno come inviato speciale del Presidente
che venivano compiute in Corea del Repubblica di Corea — che ebbe propria vita nello svolgere la propria
scontro frontale tra il campo di de- della Repubblica di Corea non solo
Match», che «il rischio zero non Nord sotto il dominio sovietico. La luogo nella III sessione dell’Assem- missione.
stra che vi si opponeva e il campo all’Onu, ma anche al Vaticano. Da
esiste mai» e che «non si può ri- Chiesa in Corea del Sud chiedeva ai blea generale delle Nazioni Unite il
di sinistra che la favoriva sotto la questa identificazione si può affer-
chiudere tutto il paese». Parlando fedeli di unirsi nella preghiera per 12 dicembre 1948 — valendosi di tut-
leadership di sinistra del Nord. Con mare con certezza che il neonato Conclusione
dal Fort de Bregançon, nel sud l’indipendenza del Paese, per il radi- te le reti che aveva a sua disposizio-
la guerra fredda, già iniziata all’epo- Governo coreano era già convinto di
della Francia, luogo di residenza camento dell’ideologia sana, mentre ne in qualità di rappresentante della L’aiuto che la Santa Sede ha for-
ca tra gli Stati Uniti e l’Unione So- poter ottenere il riconoscimento da
dei presidenti, Macron ha detto annunciava a tutto il popolo corea- Santa Sede in Corea. Svolse tale nito al popolo coreano nel processo
vietica, gli Stati Uniti abbandonaro- parte dell’Onu, se solo la Santa Se-
che «non si può fermare il paese, no e a tutti i fedeli i principi per ri- ruolo, non solo perché il riconosci- della costruzione della sua neonata
no il piano di amministrazione fidu- de avesse potuto aiutarlo.
perché i danni collaterali sono costruire un ordine sociale basato mento da parte dell’Onu della Re- nazione rappresenta un eccellente
ciaria e rinviarono alle Nazioni Uni- In questa udienza, John Chang
considerevoli. Il rischio zero non sulla giustizia e sull’amore, avverten- pubblica di Corea costituiva di per esempio della diplomazia vaticana.
te la questione di istituire un gover- Myun, a nome dei cattolici coreani,
esiste mai in una società. Bisogna do dei pericoli del comunismo. sé il requisito sine qua non per una Infatti, la Santa Sede persegue attra-
no nella penisola coreana. chiese al Papa di erigere una delega-
rispondere a questa ansia senza nuova nazione libera e indipenden- verso le attività diplomatiche l’obiet-
In seguito, nel novembre 1947, zione apostolica ufficiale e perma-
cadere nella dottrina del rischio te, ma anche perché era fermamente tivo di promuovere il bene comune
l’Assemblea generale delle Nazioni Istituzione del Governo nente in Corea10. Questa richiesta
zero». convinto che fosse assolutamente ne- di tutti i popoli del mondo, di con-
Unite decise di tenere elezioni na- nel Sud della Penisola rappresentava anche il vivo desiderio
In Asia, l’India ha registrato ieri cessario per consolidare la vittoria tribuire al loro autentico sviluppo,
zionali nella penisola coreana sotto del Governo coreano di rafforzare
il balzo record di quasi 70 mila Monsignor Byrne, che intuì pro- sulle forze comuniste nella penisola salvaguardando e promuovendo il
la supervisione dell’Onu. Ma sempre più il rapporto con la Chiesa
nuovi casi (69.752) di coronavirus fondamente la strategia di Stalin per coreana e in tutta l'Asia.
l’Unione Sovietica respinse questa cattolica di fronte alla permanente bene della Chiesa. La Corea, a sua
in un solo giorno: lo ha reso noto comunistizzare la penisola coreana Monsignor Byrne fece appello al-
risoluzione nel gennaio del 1948. minaccia di invasione militare da volta, è pronta a collaborare con la
questa mattina il Ministero della leggendo come la politica mondiale la Santa Sede per ottenere dal nuo-
Ciò perché credeva che le elezioni si parte del Nord. Santa Sede, la «voce che la coscienza
Salute. Il totale delle infezioni è andava evolvendo dopo la Seconda vo Governo una legittimità interna-
sarebbero rivelate sfavorevoli al Nell’aprile del 1949 la Santa Sede umana attende»11, per promuovere la
salito a 2.836.925, con un aumento guerra mondiale, comprese che le zionale. Egli domandò alla Congre-
Nord, che era molto meno popolato riconobbe il Governo della Repub- cultura della vita, la riconciliazione,
di oltre 800 mila casi dal 7 di ago- forze comuniste stavano per prende- gazione di Propaganda Fide di pre-
del Sud. blica di Corea e istituì la Delegazio- la pace duratura e l’autentico svilup-
sto, quando i positivi avevano toc- re il comando in Corea del Nord se- sentare una richiesta al Santo Padre
Più tardi, nel febbraio del 1948, le ne apostolica a Seoul, nominando po umano non solo nella penisola
cato la soglia dei due milioni. Se- condo questa strategia e che stavano in tal senso8. Il cardinale Fumasoni,
Nazioni Unite presero la decisione monsignor Byrne primo Delegato coreana ma anche nel villaggio glo-
portando avanti il progetto di osta- prefetto di Propaganda Fide, e mon-
condo l’Icmr (Indian Council Me- che le elezioni generali si sarebbero apostolico in Corea ed elevandolo bale.
colare l’istituzione del governo in signor Tardini, sostituto della Segre-
dical Research), l’aumento record tenute solo nel Sud. Questo piano alla dignità episcopale.
Corea del Sud. A quel tempo, mon- teria di Stato, ratificarono sempre le
dei casi si deve all’aumento dei te- per tenere elezioni separate nel Sud, Inoltre, se si tiene conto del fatto *Professore Emerito della Hankuk
signor Byrne ritenne che il miglior sue iniziative e condivisero le sue
st effettuati ieri in tutto il territo- tuttavia, incontrò l’opposizione sol- che il riconoscimento da parte University of Foreign Studies
modo di scongiurare la minaccia di analisi9.
rio nazionale: 918.470. Il ministero levata per ragioni diverse dalle forze dell’Onu costituì una giustificazione già Ambasciatore della Repubblica
comunistizzare la Corea fosse quello È soprattutto grazie all’aiuto della
della salute aggiunge che i dati di sinistra nel Sud legate al Nord, valida perché l’Organizzazione po- di Corea presso la Santa Sede
di cominciare dall’istituzione di un Santa Sede che la delegazione della
parlano comunque di un tasso di dalle forze centriste, dalle forze mo- tesse inviare le sue truppe nel 1950
governo libero e democratico in Co- neonata Corea apparve per la prima
guarigione pari al 73,91 per cento. derate di destra. L’opposizione cen- ad aiutare la Corea del Sud a re-
rea del Sud, creando una nazione volta sulla scena diplomatica mon-
trista e di destra era basata sulla spingere gli aggressori comunisti 1 The Catholic Foreign Mission
che venisse riconosciuta internazio- diale, senza alcuna esperienza di at-
preoccupazione che la segregazione nordcoreani nella Guerra di Corea, a Society of America-Maryknoll Fa-
nalmente come una nazione sovrana. tività diplomatica, eppure ottenne il
per le elezioni infrangesse le speran- salvarla da una situazione estrema- thers & Brothers
A tal fine, monsignor Byrne faceva riconoscimento da parte dell’O nu
ze di riunificazione con il Nord. mente precaria, quindi a superare 2 Sacra Congregatio de Propa-
da mediatore e da arbitro tra le for- del Governo del proprio Paese, su-
perando gli ostacoli posti dai Paesi una crisi dovuta al tentativo di co- ganda Fide, Decretum Pro Missioni-
Mauritius: a rischio Invio del Visitatore apostolico
ze che avevano idee simili e il Go-
verno militare dell’Esercito degli del blocco sovietico. Dietro le quin- munistizzazione, si deve ribadire che bus Coreae Visitator Apostolicus Nomi-
il riconoscimento da parte dell’O nu natur, AAS, Commentarium Officiale,
un intero con poteri
di Delegato apostolico
Stati Uniti in Corea, servendo da
ponte tra di loro.
te, la Santa Sede appoggiava piena-
mente le attività diplomatiche della del Governo coreano funse da fon- Annus XXXIX, Series II, Vol. XIV, p.
damento dell’autentico sviluppo del- 463.
ecosistema Fu in tale difficile contesto della
Le elezioni si tennero il 10 maggio
1948 con un grande successo dopo
delegazione coreana con a capo
John Chang Myun, riconosciuto co- la Corea del Sud. 3 Beato Pio IX, Enciclica Qui Plu-
crescente internazionalizzazione del- aver superato molte complicazioni. me uomo di Chiesa, avvalendosi con ribus (1846), 17.
la questione coreana che la Santa L’Assemblea costituzionale venne cura delle proprie straordinarie risor- 4 Raymond A. Lane, Ambassador
PORT LOUIS, 20. C’è forte preoc- Il martirio del vescovo Byrne in Chains, New York, P.J. Kenedy &
Sede nominò il Visitatore apostolico inaugurata il 31 maggio. La Costitu- se diplomatiche.
cupazione fra gli ambientalisti per in Corea nella persona di monsignor Infatti, l’arcivescovo Angelo Ron- primo Delegato apostolico Sons, 1955, p. 182.
zione della Repubblica di Corea fu
i danni all’intero ecosistema — che Patrick Byrne, MM1, nel 1947. Questa adottata il 17 luglio. Syngman Rhee calli (divenuto in seguito San Gio- C’è un altro avvenimento della 5 Cfr. Olivier Sibre, La Saint-Siège
potrebbero durare decenni o esse- nomina gli conferì anche la funzione venne eletto presidente. Il Governo vanni XXIII), Nunzio apostolico e Guerra di Corea di cui non si deve et L’extrême-Orient (Chine, Corée, Ja-
re irreversibili — nell’area «santua- di Delegato apostolico2. In base al della Repubblica di Corea venne in- all’epoca Decano del corpo diplo- mancare mai di parlare, riguardo al- pon): de Léon XIII à Pie XII (1880-
rio della biodiversità» a sud est di diritto internazionale questa nomina fine istituito il 15 agosto. Contempo- matico in Francia, assistette John le relazioni tra la Santa Sede e la 1952), Rome, École française de Ro-
Mauritius, dove si sono riversate equivaleva a riconoscere de facto la raneamente, nel Nord fu proclamata Chang Myun in modo così efficace Corea. Si tratta del martirio del ve- me, 2012, p. 751
in mare centinaia di tonnellate di neonata Corea come Stato sovrano, la Repubblica Popolare Democrati- che egli riuscì a costituire la propria scovo Patrick Byrne, Delegato apo- 6 Ibid.
carburante. La petroliera giappo- ancor prima della formazione del ca di Corea il 9 settembre. Così fu rete diplomatica in un arco di tempo stolico in Corea. 7 Ibid.
nese Mv Wakashio che si è arena- governo dopo la sua liberazione nel sancita la fissazione della divisione tanto breve. Questo avvenne anche Intorno al tempo in cui Seoul 8 Olivier Sibre, op. cit., p. 750.
ta su una barriera corallina il 25 1945. La Santa Sede fu, quindi, il intercoreana. dietro le istruzioni che Papa Pio XII cadde sotto il controllo degli eserciti 9 Ibid., p. 764.
luglio con 4 mila tonnellate di pe- primo Stato al mondo a riconoscere In quel tempo tutte le forze de- inviò al Nunzio apostolico in Fran- comunisti, il vescovo Byrne disse a 10 Maryknoll Mission Archives,
trolio, si è spezzata in due. Le au- la Corea come uno Stato, sebbene mocratiche libere che stavano cer- cia attraverso i co-sostituti monsi- tutti i sacerdoti stranieri di fuggire Letter of Cardinal Fumasoni-Biondi,
torità di Mauritius hanno prean- ufficiosamente. Significava anche cando di difendere la Corea del Sud gnor Giovanni Battista Montini (di- verso sud, mentre egli rifiutò l’op- Prefect of the Congregation de Pro-
nunciato una richiesta di risarci- che la Santa Sede aveva assicurato dalla minaccia comunista della Co- venuto in seguito San Paolo VI) e portunità offertagli dall’Ambasciata paganda Fide, to Bishop Raymond
mento dall’armatore e dalla socie- pubblicamente l’emergere della rea del Nord apprezzarono molto gli monsignor Domenico Tardini, sulla degli Stati Uniti di lasciare la città Lane, Superior General of the So-
tà di assicurazione della nave. Corea entro la comunità internazio- sforzi che la Chiesa cattolica in Co- base del rapporto che gli era stato di Seoul e rimase per dare assistenza ciety of the Maryknoll Society, Ja-
L’azienda Nagashiki Shipping ha nale, invitando ogni singola nazione rea compiva sotto la guida della inviato sulla situazione locale da spirituale ai sacerdoti e ai fedeli co- nuary 10, 1949.
già fatto sapere che se ne farà ca- del mondo a riconoscere la Corea Santa Sede. Considerarono la Santa monsignor Byrne, rappresentante reani che vi erano rimasti. Poco do- 11 Cfr. San Giovanni Paolo II, Di-
rico. Intanto è stato arrestato il come una nazione libera e indipen- Sede come il loro grande alleato nel della Santa Sede in Corea. po fu arrestato e portato a Pyong- scorso al Corpo Diplomatico accreditato
capitano del cargo e interrogati i dente. Significava una grande bene- combattere le diaboliche forze co- Il sostegno della Santa Sede, in- yang, la capitale nordcoreana, dai presso la Santa Sede, 10, 9 gennaio
membri dell’equipaggio. dizione, che consentiva al popolo muniste e nel promuovere il sistema sieme al sostegno attivo della dele- comunisti con molti altri sacerdoti e 1995.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 21 agosto 2020

Esce nella collana dell’Accademia Nazionale dei Lincei l’inedito «Diario» di Pietro Della Valle

Alcune cose memorabili


di FRANCESCA ROMANA DE’ ANGELIS rappresentazione in presa diretta della vita roma- eventi, i luoghi che si attraversano e trattenerne la
na del tempo, della storia della Curia, delle lotte memoria. Un po’ come il celebre pittore Gentile
opo il secolo delle grandi scoperte e cittadine, della cultura, degli usi e dei costumi Bellini che sul finire del Quattrocento, dopo esse-

D prima del cosmopolitismo del succes-


sivo, il Seicento appare quasi un’epo-
ca di transizione dove è comunque
forte il desiderio di vedere il mondo.
Viaggiano ambasciatori, mercanti, pellegrini, stu-
diosi, uomini di Chiesa verso mete legate al lavo-
nella città».
Il raffinato umanista, esperto di lettere classi-
che, musica, teatro, diritto, scienza, astronomia,
partito da Venezia nel 1614 con le insegne del pel-
legrino — tonaca, bastone da cammino, mozzetta
— ma con le attese del viaggiatore laico deciso a
scoprire il mondo, quando rientra a Roma dopo
re rientrato in patria continuò a lungo a dissemi-
nare nei teleri ricordi esotici del suo soggiorno a
Costantinopoli.
Il Diario, che si apre con la partenza di un am-
basciatore alla volta di Napoli e si chiude con
«luminarie e fuochi» nella romana Piazza Navona
ro o per motivi religiosi, ma viaggiano anche spi- per festeggiare la nascita del figlio del re di Polo-
riti liberi, curiosi, inquieti alla ricerca di un senso l’avventurosa esperienza del viaggio ha consolida- nia, riferisce tanti avvenimenti pubblici e privati.
da dare alla propria vita. È il caso del nobile ro- to la sua natura aperta al nuovo e sensibile al dia- Notizie di politica estera e interna, nomine di
mano Pietro Della Valle (1586- 1652) la cui fama è logo e al confronto. Pietro ha imparato il turco e nunzi, arcivescovi, responsabili di Curia, cerimo-
legata ai libri dei Viaggi, resoconto delle sue pere- il persiano, studiato le iscrizioni cuneiformi di nie religiose, processioni, arrivi e partenze di per-
grinazioni in Oriente durate dodici anni. Esce Persepoli, visitato siti archeologici e fatto scavi a sonaggi eminenti, concistori pubblici e segreti,
adesso nella collana dell’Accademia Nazionale dei Babilonia, goduto delle bellezze di Isfahan, colle- banchetti e feste cioè «le pubbliche allegrezze»
Lincei l’inedito Diario di Pietro Della Valle di al- zionato manoscritti, redatto o tradotto vocabolari tanto amate a Roma convivono con i piccoli even-
cune cose memorabili (Roma, Bardi Edizioni, 2020, e grammatiche di lingue orientali, stretto relazioni ti quotidiani: gli incontri con gli amici, le passeg-
pagine 463, euro 35) scritto tra il 1628 e il 1652 importanti: un insieme di conoscenze e di espe- giate «in vigna» fuori città, ma soprattutto le na-
dopo il suo rientro a Roma. La bella edizione cu- rienze che farà di lui il massimo orientalista nella scite dei suoi tanti figli e via via che scorre il tem-
rata da Gianni Venditti è arricchita da un appara- Roma del tempo. po tutti gli accadimenti legati alla vita dei bambi-
Il Diario, come dice il nome, è la cronaca della
sua vita quotidiana a Roma divisa tra la Curia e
la casa. Da una parte uomini di Chiesa, missiona-
Una rappresentazione in presa diretta ri, ambasciatori, nobili, studiosi, viaggiatori, Imparando il turco e il persiano
dall’altra una famiglia che diventa sempre più nu-
della vita romana del tempo merosa. In uno stile rapido, spigliato, a tratti qua-
studiando le iscrizioni di Persepoli
della storia della Curia si stenografico, senza alcun abbellimento o indu- collezionando e traducendo manoscritti
delle lotte cittadine, della cultura gio letterario e senza riflessioni a margine, Pietro mise insieme esperienze che lo resero
sembra limitarsi a registrare solo fatti senza mai
degli usi e dei costumi della città darne un’interpretazione. In realtà il Diario è un uno dei massimi orientalisti del suo tempo
libro aperto da attraversare con lo stesso spirito
con cui è stato scritto e dove il lettore è chiamato
to di note che si segnala per rigore e completezza. a svolgere un ruolo attivo: trarre una visione d’in- ni, le malattie, i piccoli infortuni, lo svezzamento,
Venditti spiega, rimanda, documenta, collega, sieme dalle tante tessere di mosaico che prese sin- la dentizione. Come osserva Valeria Della Valle
propone linee di approfondimento creando un golarmente hanno la secchezza del dettaglio, ma sia nel caso di eventi pubblici che di episodi pri-
elaborato che non affatica il testo, al contrario lo che legate tra loro formano un disegno e acquista- vati si tratta sempre di «appunti essenziali: diver-
accompagna con grande intelligenza ponendosi no un significato. Perché quando ci si abitua al samente da quanto avveniva nella prosa dei Viag-
come uno strumento indispensabile alla compren- passo frammentato della scrittura tutto prende so- gi, solo raramente ci sono commenti, impressioni
sione. stanza, proporzione, equilibrio e il Diario, da personali, giudizi, mai citazioni letterarie. Pietro
Nella splendida premessa, grazie a un’analisi di semplice e stringata successione di piccoli e gran- sembra volersi attenere, quasi giornalisticamente,
grande intensità e a una scrittura avvincente come di eventi, diventa il ritratto di un’epoca. Allo stes-
un racconto, Valeria Della Valle — nessuna diretta so modo e nonostante l’apparente distanza, Pietro
discendenza ma un legame sentimentale nato for- residente mantiene molto del Pietro viaggiatore.
se a partire dall’omonimia — consegna al lettore Anche se manca la tensione al racconto, cioè quel
un esemplare ritratto di Pietro e introduce alla «filo del canto ininterrotto» come lo definiva la
lettura del Diario che, raccontando l’altra vita di potente fantasia ovidiana, il semplice annotare co-
un viaggiatore diventato stanziale, offre una testi- sì come l’ampio descrivere hanno in comune la
Pietro della Valle in un ritratto di Paolo Quagliati (1623) monianza storica importante nella forma di «una passione di poggiare lo sguardo sulle persone, gli

L’attualità de «La cultura dei vinti» di Wolfgang Schivelbusch

Aiutare chi perde conviene


di SERGIO VALZANIA dua tre casi esemplari di sconfit- que anni e abbandonata da tutti vole e a volte criminale, a inter- solo il terrore per un’ecatombe
ta, quelli del Sud degli Stati gli alleati, mentre le truppe tede- pretare il momento storico nel nucleare condiviso per fortuna
ttorno alla decisione di Uniti nella guerra civile, della sche sono ancora padrone di una quale si abbassano le armi in ter- dai contendenti vide forme con-

A cancellare per ragioni di


political correctness il film
Via col Vento, caposaldo della
Francia contro la Prussia nel
1870-1871 e della Germania nella
prima guerra mondiale, per de-
parte considerevole del nord del-
la Francia.
Tre contesti ben diversi che
mini esclusivi di vincitori e vinti,
anziché di popoli alla ricerca
della pace.
tenute di violenza, che pure non
mancò. Forse dal successo statu-
nitense nella contrapposizione
storia della cinematografia, dalla scrivere come nascono e vengo- aprono però a sviluppi nei quali Questa lettura della situazio- con l’Urss si possono trarre alcu-
library dei film in streaming del- no vissuti dagli sconfitti condot- Schivelbusch individua numero- ne, nel caso tedesco neppure ni elementi in positivo, notando
la piattaforma Hbo Max in atte- te, forme e modalità di accetta- se analogie: il desiderio dei vinti pienamente legittima dato che il come alla base della tenuta
sa di farlo precedere da un’intro- zione dell’accaduto, meccanismi di ripartire dal momento nel presidente Wodroow Wilson dell’Europa Occidentale di fron-
duzione esplicativa del contesto psicologici di rifiuto di ricono- quale le ostilità hanno avuto ini- aveva sostenuto che l’intervento te alla pressione di un gigante
di guerra civile e di abolizione scere l’accaduto, nascita di desi- zio, come se non fosse successo statunitense mirava a una pace prossimo e agguerrito si trovi la
dello schiavismo nel quale la vi- deri di rivincita. niente, accollando a pochi capri equa e duratura e sulla base di stagione del Piano Marshall, co-
cenda si svolge, è sorto un di- La presentazione dei fatti, pre- espiatori la responsabilità della quella assicurazione la Germania sì di frequente invocato a propo-
battito che si è sviluppato su cisa e documentata, è particolar- guerra e della sconfitta, la prete- aveva deposto le armi, pone sito e a sproposito, una delle po-
piani diversi. mente interessante perché libera sa dei vincitori di caricare sulle molte volte le basi per un nuovo che occasioni nella storia nella
Tra di essi si segnala la rinno- dalle incrostazioni e dalle rigidi- spalle del nemico battuto l’intero conflitto. quale il vincitore si è curato del-
vata attenzione per un testo di tà che a volte vincolano le opere costo, umano e materiale del Lo studio di Schivelbusch non le sorti del vinto. Al contrario di La copertina del libro
due decenni or sono, edito in degli accademici, costretti dalle conflitto, con l’accusa di averne si confronta con gli esiti delle quanto avvenne nel 1919, sebbe-
Italia dal Mulino nel 2014, La pressioni dell’ambiente nel quale la completa responsabilità, la na- guerre dell’ultimo secolo, anche ne John Keynes avesse avvertito
cultura dei vinti, di Wolfgang lavorano a rispettare canoni e scita del revanscismo, la volontà se le poche pagine dell’epilogo con il suo celebre Le conseguenze ai fatti». Eppure in questi appunti, che non sap-
Schivelbusch. L’autore è uno confrontarsi con interpretazioni di ribaltare sul piano culturale i sono dedicate alla fine della economiche della pace che le con- piamo se fossero stati pensati come piccole ma
storico particolare. Non è un riconosciute come significative, termini bellici, soprattutto la de- guerra fredda, riconosciuta come dizioni imposte dai vincitori alla definitive unità di senso compiuto o annotazioni
cattedratico, non insegna, si li- anche solo per contraddirle. terminazione, spesso inconsape- un vero e proprio conflitto, che Germania avrebbero condotto al che sarebbero state utili più avanti per ritornare
mita a ricercare, riflettere e pub- Nel loro complesso i risultati disastro. Qualcuno potrebbe di- diffusamente sui fatti avvenuti, si delinea chiara-
raggiunti da Schivelbusch de-
blicare i risultati del lavoro fatto, re che nel 1947 il Piano Marshall mente la personalità di Pietro e il mondo a cui
incentrato sullo studio delle nunciano il prevalere a livello venne sviluppato dagli Stati appartiene. L’amore per la cultura, l’interesse per
generalizzato di atteg- tutte le «novità curiose», la sensibilità artistica, la
giamenti psicologici facilità dei rapporti umani convivono con un forte
preoccupanti. Le guerre sentimento della famiglia e soprattutto dell’infan-
Il Piano Marshall prese in considerazione Nel 1919 Keynes avvertiva zia, in un secolo come il Seicento che stava sco-
è una delle poche occasioni hanno svolgimenti ed che le condizioni imposte prendo la relazione emotiva con i figli. Un rap-
esiti ben diversi l’una porto fino a quel tempo sempre temperato dal co-
nella storia dall’altra. Il confronto alla Germania stante timore della perdita per l’altissima mortali-
nella quale il vincitore tra Unionisti e Confede- dopo la prima guerra tà infantile che rendeva i bambini più che presen-
rati dura quattro anni e ze stabili, semplici apparizioni nel mondo degli
si è curato delle sorti del vinto termina con la resa sen- mondiale adulti. L’attenzione e l’affetto di Pietro verso i fi-
creando le basi za condizioni dei secon- avrebbero condotto gli si esprimono nella stravagante originalità con
di dopo che i nordisti cui sceglie i loro nomi, nella cura con cui segue la
per un futuro di pace hanno messo in atto per
al disastro loro crescita, nel trattenuto dispiacere con cui par-
la prima volta dai tempi la della loro morte e nella malinconia che si per-
dell’antichità la strategia cepisce in quel conto che a un tratto cambia: dal
mentalità, sulla comprensione della terra bruciata, invadendo il Uniti anche per un preciso inte- numero dei figli nati a quello dei figli sopravvis-
dei meccanismi e sulla ricerca territorio nemico e mettendolo a resse e che lo stesso fecero i go- suti.
delle costanti che muovono ferro e fuoco, con l’intento di verni dei Paesi appena usciti dal- «Nessun limite eccetto il cielo» scriveva Miguel
l’agire umano. L’opera che lo re- piegare la resistenza dei difenso- la guerra quando crearono la de Cervantes. È con lo stesso stupore che Pietro
se noto alla fine degli anni Ot- ri. La guerra franco-prussiana si struttura politica divenuta Della Valle dopo il cielo d’Oriente guarda il cielo
tanta fu La storia dei viaggi in conclude con la feroce repressio- l’Unione europea. Questo con- di Roma. Perché è nell’etica del viator misurarsi
ferrovia, approccio originale alle ne della Comune di Parigi da ferma che si trattò di decisioni allo stesso modo con la differenza e la somiglian-
trasformazioni avvenute nel cor- parte delle truppe regolari fran- giuste e dovrebbe spingere i za, sperimentare altri spazi e altri tempi, condivi-
so dell’Ottocento, tradotto in cesi, che affermano in questo Paesi dall’economia più svilup- dere la conoscenza con chi non si è mai avventu-
italiano per i tipi di Einaudi. modo l’autorità della Terza Re- pata a mostrare ogni volta che rato nel mondo facendosi modello di racconto
Il collegamento tra il testo di pubblica. La prima guerra mon- sia possibile, e cioè sempre, at- proprio come Ulisse, il simbolo stesso dell’infinità
Schivelbusch e l’ambientazione diale si chiude con il collasso tenzione e disponibilità al soste- della conoscenza, le cui parole, così le descrive
di Via col Vento è molto stretto. della Germania, stremata dal gno dei Paesi che vivono in con- Omero, avevano l’armonia del canto degli aedi e
Nella sua ricerca l’autore indivi- blocco cui è sottoposta da cin- La ricostruzione di Berlino ovest finanziata dal Piano Marshall (1949) dizioni di disagio. la densità dei fiocchi di neve.
venerdì 21 agosto 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

ra cco nt o
LA PAROLA DELL’ANNO
«Desidero dedicare il Messaggio di quest’anno al tema della narrazione
perché credo che per non smarrirci abbiamo bisogno di respirare la verità delle storie buone:
storie che edifichino, non che distruggano;
storie che aiutino a ritrovare le radici e la forza per andare avanti insieme»
(Papa Francesco per la giornata delle comunicazioni sociali 2020)

Una nuova e più consapevole connessione con se stessi

Per sconfiggere la nevrosi Una veduta


di Pietroburgo
la città in cui

dell’uomo contemporaneo
è ambientata
l’opera
dello scrittore
russo

di DANIELE MENCARELLI dere naturale l’esito del disturbo psicologico, che


sia dell’umore o di natura ansiosa.
ivo coltivando certezze. Ho sconfitto la morte. Perché nulla può dismettere la propria natura.

V O, almeno, l’ho ridotta a fatto sì inevitabile


ma totalmente distaccato dalla mia vita.
Quando arriverà arriverà. Punto. Ma la
morte è lontana, per fortuna. E non mi inte-
ressa. Non ha niente da dirmi.
Anche il dolore è sconfitto. Pure lui non ha nulla
È un fondamento inalienabile che chiede di esse-
re sondato, investigato, che non rinuncia a vivere
dentro di noi malgrado i nostri divieti.
Qui si gioca la partita.
Offrire all’uomo una narrazione che torni a re-
lazionarlo autenticamente con la sua natura. Dare
nuova residenza ai sentimenti e agli interrogativi
da dirmi. Posso vivere evitando qualsiasi fonte di
male, mi può inchiodare una malattia o un inciden- che hanno abitato dentro di noi per millenni e
te, certo, ma il dolore, quello interiore, è stato addo- che il Novecento ha prosciugato di senso e dram-
mesticato e piegato. Se soffro mi curo. Soffrire è sem- maticità.
plicemente sbagliato. Sbagliato perché inutile. Sono tante le declinazioni possibili, tante le
A sconfiggere Dio ci hanno pensato le generazioni strade in grado di affermare tutte, con modalità e
prima di me. Dio è un anacronismo, una parola che obiettivi diversi, una riscossa della natura rispetto A cent’anni dalla prima edizione italiana de «Le notti bianche» di Dostoevskij
rimanda a una credenza lontana che nulla ha a che all’imperativo della civiltà quale unico elemento
costituivo del nostro essere.

Il sogno
fare con la mia vita.
Sono altre le certezze. So per certo che posso ambi- Una sfida che non può non cominciare dal
re al meglio. Posso puntare qualsiasi obiettivo, e ar- concetto stesso di vita. Intesa come squarcio di
consapevolezza che chiede il significato di sé, at-
traverso l’esercizio della domanda, della perlu-
strazione del proprio essere. Restituire alla vita la
sua condizione di precarietà perenne, che cerca
una stabilità oltre se stessa, nell’alterità, nella spe-
si spegne all’alba
ranza di un Altro più grande di lei che gliela
possa realmente concedere.
Rinnovare la disponibilità dell’uomo a osserva- di SERGIO SUCHOD OLAK dell’allora Pietroburgo, fondata e resa propria strada, che la condurrà tra le
re interamente la propria natura, senza sconti, si- splendente dallo zar Pietro il Grande. braccia del suo amato. Si fida della
nche se lo stesso Dostoev- Durante una delle sue passeggiate propria ragione, anche se non è sem-

Si è di fronte a un nichilismo che ha cancellato


anche il sentimento della rassegnazione
Che giudica patetico chi tenta
A skij, avendovi trascorso
gli anni della giovinezza,
è arrivato a definirla «la
città più astratta e preme-
ditata di tutto il globo terrestre», non
si può negare che San Pietroburgo sia
affascinante, e come non mai durante
serali, perso nei propri pensieri, as-
sorto e malinconico, conosce una fan-
ciulla misteriosa e timida, ma piena
di nobili sentimenti, Nasten’ka, della
quale si innamora perdutamente.
«Era una notte meravigliosa, una di
quelle notti che forse possono esistere
plice dire addio all’amico, al quale ri-
mane comunque legata, ma solo me-
diante un sentimento platonico. Sa
che dopo la frivolezza dell’estate,
specie in un posto dove «il sole è un
ospite così raro», l’autunno arriverà
al galoppo. Spontaneamente, gli vie-
di ravvivare qualcosa che non funziona
l’estate, grazie al noto fenomeno na- solo quando si è giovani» recitano le ne da chiedersi: chi si accontentereb-
e pensa che i figli possono servire turale delle cosiddette “notti bian- prime righe del racconto, e «veniva be dell’amicizia, se non aspirasse an-
solo se un giorno diventeranno “qualcuno” che”, spettacolo la cui bellezza vi si da chiedersi se sotto un cielo del ge- che all’amore?
può apprezzare in modo mirabile nere potessero vivere uomini stizziti e In questa storia non si cerca di de-
proprio quando il sole, in vena di ge- bizzosi». Tutto a un tratto, la sua vita monizzare “l’arte di sognare”. Anzi,
nerosità, regala la sua luce a oltranza, sembra prodigiosamente destinata a chi di noi può dire di non aver mai
no a contemplarne i limiti inevitabili e non meno protraendosi nella sua luminosità fino un cambiamento radicale, alla cono- sognato? Il sogno è l’affascinante
dolorosi. Restituire al dolore una sua legittimità, alle ore serali e rendendone intermi- scenza dell’amore, gli pare arrivato il esperienza di una forma di realtà che
nabile il crepuscolo. E non solo in momento di sperimentare in prima riguarda tutti, una dinamica che non
e in molti casi una sua valenza educativa, in alcu-
quella città, la sola metropoli al mon- persona cosa vuol dire essere vera- conosce confini e accomuna ogni lati-
ni casi centrale. Allo stesso modo, restituire
do in cui un simile fenomeno è visibi- mente amati. tudine, specialmente nel mondo dei
all’amore il suo rango inarrivabile. Strapparlo le, ma in tutto il territorio situato sul- I due personaggi hanno soltanto giovani, che nella loro frenetica ricer-
dalle narrazioni che lo vogliono slancio sentimen- la linea ideale del 60º parallelo nord, quattro appuntamenti notturni, da lui
tale e null’altro, raccontarlo per quel che è vera- ca della verità si lasciano trascinare
che in estate diventa fiabesco, immer- visti come l’opportunità di manifesta- più volentieri dalla effervescenza del-
mente: l’unica vera chiave interpretativa di sé e so nella variabilità dei colori e re l’ardore da tempo soffocato nel
del cosmo intero. A danno della dittatura imper- le proprie emozioni. Magari si vuole
nell’incanto dell’atmosfera che si vie- petto, ma fin da subito la fanciulla
versante che vuole l’intelletto quale strumento ne a creare. gli fa capire di non essere pronta che
unico di indagine, la logica come bisturi invinci- Questa particolare luce notturna, per l’amicizia, visto che è in attesa
René Magritte, «Il figlio dell’uomo» (1964) bile con cui sezionare l’esistente. che rende magica e oltremodo sugge- del suo amato, di ritorno dopo una
Accendere di nuova autenticità la nostra rela- stiva la città e i dintorni, è stata scelta lunga assenza. Nonostante la sua
zione con il tempo, immantinente, incessante, ir- come sfondo per uno dei primi ispi- buona indole, il giovane percepisce
rivarci, devo soltanto concentrare tutto il mio poten- ripetibile, contro la strisciante, implicita illusione rati racconti giovanili di Fedor Do- che, alla deriva della solitudine, senza
ziale nella competizione. Già ora, comunque, mi sento di esserne i padroni primi e ultimi, in una com- stoevskij, Le notti bianche per l’appun- amici, gli manca l’emozione reale, al-
al vertice. Perché non mi faccio mancare nulla. Chi petizione che ha come traguardo finale la nostra to, forse una delle opere più liriche la quale aveva imparato a preferire
mi vede sa chi sono. Quello che sono è quello che fac- immortalità, l’affermazione di un io più forte di della letteratura russa, di cui cento unicamente i sentimenti immaginari.
cio vedere. Perché è così. Indiscutibilmente così. Per- ogni tempo naturale. anni fa veniva data alle stampe in L’immaturità sentimentale che lo af-
ché la felicità si può possedere, se si hanno i mezzi Per chi ha a cuore la testimonianza di Dio in Italia la prima edizione (Le notti bian- fligge rappresenta un ostacolo appa-
per averla, acquistarla. terra, e intende farsi protagonista di una narra- che: romanzo sentimentale, traduzione rentemente insormontabile. Ma non
L’amore serve, nella misura in cui non si renda zione che porti nel cuore dell’uomo di oggi la riveduta dallo scrittore russo Ossip si lascia scoraggiare. E sente che l’in-
mai fonte di sofferenza o noia. Nel caso è meglio non presenza di Cristo, la scommessa si gioca preva- namoramento, contro cui non esiste
perseverare. Quanto è patetico chi tenta di ravvivare lentemente nell’intensità della narrazione, in una alcun rimedio, ha il potere di fare
condivisione che non può essere solo linguistica, svanire anche il più bel sogno. Sa che
qualcosa che non funziona. I figli possono servire, so- Anima solitaria, il protagonista la fantasia non dispone delle armi per
lo se non diventano di intralcio alla certezze sopra ma che investa interamente la nostra presenza e
disponibilità, umana, esperienziale, corporale. incontra l’amore competere con la vita vera. Così la
esposte: essere qualcuno. Dimostrarlo. passione si fa avanti prepotentemen-
Non solo, in troppa narrazione contemporanea, ma non sarà corrisposto te, riempiendo di nuova linfa le sue
destinata in modo evidente, per non dire compia-
Un’esperienza non vana, comunque vene, i suoi pensieri, il suo stesso re-
ciuto, a chi già si sente di vivere nel perimetro
Occorre riaccendere di passione viva Grazie a essa capirà spiro, sostituendosi al grigiore del-
della fede, Dio appare come una premessa mec- l’abbandono in cui da tempo si trova
le lingue che da sempre hanno avuto canica al racconto stesso, una certezza a priori, che fuori dal suo guscio costretto a vivere.
prima di ogni sviluppo, traguardo, prova. Un La ragazza invece, una persona fra-
la responsabilità di formare Dio ideologico che scalda a piacimento, un bro- c’è un mondo che vale la pena
gile e tormentata, si sente dimenticata
il nostro immaginario do per chi non vuole sforzarsi troppo. Strappare di essere vissuto dal mondo e trascorre le sue giornate
Ovvero la poesia, la filosofia e la religione Dio da ogni premessa, renderlo per quel che è: nella noia e nell’indecisione sul da Dostoevskij in un ritratto di Vasili Perov (1872)
promessa, compimento naturale per chi si pone farsi. Vive una vita modesta con la
autenticamente di fronte alle domande che spri- nonna cieca e iperprotettiva, che per
gionano dall’esistenza e dall’amore. Felyne, Roma: Casa Editrice M. Car- controllare i suoi movimenti arriva ad invece mettere in guardia dal rischio
Ma prima di invertire il segno dei contenuti, in ra e C., di L. Bellini, 1920), pubblica- agganciare i propri vestiti ai suoi con concreto di sovrapporre la fantasia al-
Non sono un uomo per male. Il mio 5 per mille lo questa ottica di ritorno dell’uomo dentro se stes- ta in lingua originale su una rivista in una spilla. Ma ad alimentarla c’è la la realtà, di anteporre una caricatura
destino sempre alle associazioni del caso. Almeno due so, occorre ragionare su un altro fattore fonda- patria più di settant’anni prima, nel speranza concreta di ritrovare l’amore dell’esistenza alla vita stessa.
o tre volte l’anno mi capita di mandare sms per le mentale. È questa la rivoluzione prima, senza la 1848, con il sottotitolo Dalle memorie perduto. Introspettivo, sentimentale ma an-
varie raccolte fondi, perché nel mondo c’è sempre quale nulla sarà possibile. Occorre riaccendere di di un sognatore, poco prima della de- I lunghi dialoghi tra le due anime che giocoso, il racconto non solo ha
qualche povero o calamità naturale o altro. Una vol- passione viva le lingue che da sempre hanno avu- portazione dell’autore in Siberia, ac- solitarie e i fervidi monologhi del anticipato per certi versi il più com-
ta ho fatto anche un bonifico dopo aver visto uno to la responsabilità di formare il nostro immagi- cusato di affiliazione a una società se- narratore fungono da filo conduttore plesso e articolato romanzo Umiliati e
spot di bambini malati. nario riguardo ciò che è nato con noi. La poesia. greta sovversiva. Il racconto è entrato per questa breve storia, in verità scar- offesi, in cui le miserie umane vengo-
Un giorno, come sono nato, morirò. Tornerò a es- La filosofia. La religione. Lingue oggi cristalliz- da subito nel cuore dei lettori per i na di avvenimenti salienti, fatta solo no descritte con aspro realismo, ma
sere quello che ero. Nulla. Nulla di nulla. Il pensiero zate, fossilizzate, ridotte a reperto da studiare ma temi universali affrontati, come l’amo- di sentimenti. L’incontro fortuito por- ha aiutato a risvegliare la coscienza
non mi infastidisce. È la natura, la nostra natura. re, l’intrinseca brama di felicità, la ri- ta il ragazzo, prigioniero di paure ir- del diritto alla felicità di tutti gli esse-
in assenza di pregnanza rispetto al nostro tempo,
cerca dell’altro, il bisogno irrefrenabi- razionali, a rendersi conto che fuori
come se l’uomo contemporaneo non ne avesse ri umani, anche del sognatore più
Non è l’identikit di un personaggio distopico, le del confronto e dell’ascolto. dalla propria interiorità esiste un
più bisogno, come se la loro capacità di rappre- svagato, perso nella sua alienazione,
magari calato dentro qualche futuro ancora lonta- Stregato anche da questa enigmati- mondo che vale la pena di essere vis-
sentarci fosse tramontata per sempre. Senza que- un fenomeno presente in ogni epoca.
no. È, messo nero su bianco, il sentire che anima ca atmosfera il protagonista e narrato- suto. Ma dai sogni ad occhi aperti ai
ste lingue, l’uomo è destinato a spegnersi defini- Ma nell’intreccio dei sentimenti, a un
re, un giovane scrittore introverso e rimpianti il passo è breve. Rimpianti
tante persone del nostro tempo. È la visione do- tivamente, a diventare oggetto di studio per la certo punto della vita, tutti sono chia-
sognatore, vive in un mondo di fanta- per l’amicizia appena nata che non
minante di ciò che siamo, di quello che ci aspet- scienza, l’unica lingua che, viaggiando a braccet- mati a fare il salto di qualità nella ri-
sie, alla ricerca di un senso alla vita, sboccerà mai in amore, quindi desti-
ta, un nichilismo privo di qualsiasi moto contra- to con la tecnologia, non risente del tempo ma in pratica di un’esistenza ideale, ma cerca del confronto con l’altro, ab-
nata a dissolversi nel nulla, per l’illu-
rio, privo anche di rassegnazione, una confutazio- anzi ne viene esaltata. lo fa in modo piuttosto inerte e per sione e la fugacità del tempo, per bandonando l’angusto guscio della
ne messa agli atti della storia, non più discutibi- Le due visioni contendenti sono oramai abba- giunta staccato dalla società e dalla l’idea di scivolare di nuovo nella pe- propria intimità, dell’ostinata proie-
le. stanza chiare. realtà, che per lui non ha alcun signi- nombra della solitudine, per gli anni zione del proprio ego, per riuscire ad
Se questo è il punto di partenza, drammatico, Da una parte l’affermazione definitiva di ficato, mentre girovaga come un fan- sprecati a vagheggiare mentre la vita apprezzare la bellezza di ciò che è
non deve allora stupire la progressiva nevrotizza- un’esistenza immobile, disumana, obbligata a una tasma, senza una meta precisa sotto gli passa davanti agli occhi. autentico, e non solo per provare la
zione dell’uomo contemporaneo. È tale il corto felicità sintetica, dall’altra una vita pienamente la luce soffusa e inebriante della not- Nonostante gli abbia aperto il cuo- consolazione di aver vissuto «un inte-
circuito provocato tra il nostro essere profondo, vissuta, in eterna altalena tra gioie e dolori, con te, lungo le romantiche rive dei canali re, la fanciulla non si lascia incantare ro attimo di beatitudine». Infatti, for-
che vive comunque in barba ai nostri intendimen- lo sguardo vigile dei cacciatori. della Neva e per le viuzze adiacenti dalle lusinghe del giovane sognatore se per essere veramente felici ci vor-
ti, e la nostra percezione di ciò che siamo da ren- Avrà la meglio chi avrà i migliori raccontatori. alla maestosa Prospettiva Nevskij e trova il coraggio di intraprendere la rebbe dell’altro.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 21 agosto 2020

L’AVVENTURA DELLA FEDE

Il missionario del Nilo Azzurro


Padre Giovanni Beltrame da Valeggio sul Mincio a Khartoum

di GENEROSO D’AGNESE di Valeggio sul Mincio. Padre Bel- l’etnografia e le lingue della zona stremato a sua volta dalle febbri e
trame iniziò a raccogliere alacremen- (tali informazioni furono poi pubbli- dalle privazioni, sulla via del defini-
uando vi nacque, nel 1824, te informazioni sugli usi e i costumi cate in due volumi) per poi rientrare tivo ritorno in Europa incontrò il
Q l’Europa stava curando le fe-
rite lasciate dalle guerre na-
delle popolazioni del Nilo Azzurro,
zona che padre Knoblecher aveva
a Khartoum scoprendo suo malgra-
do di essere stato considerato morto.
gruppetto di padre Beltrame e degli
altri quattro missionari italiani, in-
poleoniche e l’Italia iniziava a pre- deciso di affidare all’apostolato degli Esclusa la possibilità di fondare un tenti a raggiungere la stazione di
pararsi alla carboneria. A Valeggio italiani. presidio missionario tra gli Sciangala Santa Croce - Angweng, nelle regio-
sul Mincio, tranquilla cittadina della Il 4 dicembre 1854 il missionario e i Beni Sciangûl — dovuta alla ni del Nilo Bianco, tra la popolazio-
provincia veronese, nessuno avrebbe veneto partì da Khartoum per intra- mancanza di comode e veloci comu- ne dei Denka Kic. La piccola spedi-
immaginato un futuro prossimo in- prendere il suo primo viaggio nel nicazioni con la capitale del Sudan zione vi arrivò il 14 febbraio 1858 ma
triso di sangue, con battaglie com- Sennâr e, lungo il Nilo Azzurro, per — Giovanni Beltrame rientrò tempo- dopo appena un mese perse padre
battute nella prima, nella seconda e Karkoj, Roseires e Famaka. L’itine- raneamente in Italia ma prima di Oliboni, preceduto, nella morte, dal
nella terza guerra d’indipendenza, rario si rivelò irto di ostacoli e lo partire riuscì ad avere da padre Kno- fondatore della stazione, Bart Moz-
però in molti si incuriosivano dei portò ai confini con l’Etiopia, nei gan. Il 15 gennaio 1859 Giovanni
blecher il permesso di realizzare una
missione sulla riva destra del Nilo Beltrame, Angelo Melotto e Daniele
Bianco, tra la popolazione dei Den- Comboni lasciarono Santa Croce per
ka. esplorare il Sobat e il territorio dei
Tornato a Verona a metà novem- Denka Abialang; il 4 aprile erano di
bre del 1855, padre Beltrame si recò ritorno a Khartoum dove, a distanza
di poco più di un mese, morì anche
con il missionario Angelo Melotto a
padre Melotto, mentre Daniele
Vienna per chiedere finanziamenti
Comboni fu costretto a rientrare per Il castello scaligero di Valeggio sul Mincio
alla Società Maria e nel settembre
riprendersi dalle fatiche e dalle ma-
lattie.
Della spedizione originaria diretta lasciò per sempre l’Africa e tornò a grafica italiana lo proclamò socio
a Santa Croce rimasero pertanto sol- Verona nel 1863 per dedicarsi al risa- d’onore.
tanto Giovanni Beltrame e Alessan- namento finanziario degli istituti Giovanni Beltrame pubblicò le sue
dro Dal Bosco. Il nuovo pro-vicario, creati da don Mazza, morto nel osservazioni di viaggio su vari perio-
il tedesco Mattia Kirchner, decise di 1865. dici prima di morire a Verona l’8 apri-
radunare tutti missionari superstiti Dal 1869 al 1896 vi insegnò nelle le del 1906. Dietro di sé lasciò il ricor-
in una località meno insalubre, Shel- scuole e nel 1900 divenne superiore do di una vita all’insegna dell’avven-
lâl, appena oltre il confine nel sud degli istituti. Scrittore forbito e fe- tura e diversi libri di grande interesse
dell’Egitto, ai quali fu consentito di condo, buon conoscitore delle prin- geografico, linguistico ed etnografico:
raggiungere le varie stazioni soltanto
cipali lingue straniere e dell’arabo Grammatica della lingua denka (1870),
durante la stagione asciutta, da no-
che aveva studiato a Venezia, oltre a Studio sulla lingua degli Akkà: gramma-
vembre a marzo. Anche Beltrame
dovette evacuare Santa Croce e, più essere insignito della commenda tica e dizionario (1877), Il Sènnaar e lo
a sud, Gondokoro, tra l’unanime dell’Ordine della Corona d’Italia, fu Sciangàllah (1879), Grammatica e voca-
rimpianto delle popolazioni che si membro effettivo dell’Istituto veneto bolario della lingua denka (1880), Il fiu-
vedevano private della protezione di scienze, lettere e arti e dell’Acca- me Bianco e i Denka (1881), In Nubia
dei missionari. demia di agricoltura, scienze e arti presso File, Siène, Elefantina (1884), In
In una regione dove aumentava lo di Verona; nel 1880 la Società geo- Palestina. L’ultimo mio viaggio (1895).
tanti racconti di scoperte ed esplora- schiavismo (mentre in Egitto la trat-
zione di nuove terre e popolazioni. ta degli schiavi era stata abolita nel
Da Bergamo, nel 1821, era partito 1854) i missionari erano infatti stati
l’esploratore Giacomo Beltrami (sco- Carta dei viaggi percepiti inizialmente come pericolo-
pritore delle sorgenti del Mississip- di Giovanni Beltrame si e nessuno voleva mandare i bam-
bini nelle missioni, per paura che ve-
pi) e anche in casa di Giorgio Bel-
nissero tratti in schiavitù. Il paziente
trame e Rosa Marchesini si parlava
lavoro dei missionari servì pertanto a
di questa nuova avventura ai confini
cambiare questa percezione e l’ab-
dell’ignoto, quando furono allietati
bandono delle missioni fece di nuo-
dalla nascita di Giovanni. Figlio di
vo salire la paura tra la popolazione
di un falegname, il piccolo Giovanni
locale.
dimostrò subito di avere la vocazio-
territori abitati dalle popolazioni dello stesso anno ripartì alla volta Per circa due anni, fino al feb-
ne religiosa e intraprese gli studi che
Sciangala e Beni Sciangûl. Questi del Sudan con un gruppo di altri re- braio 1862, Giovanni Beltrame rima-
lo portarono a entrare nell’Istituto
ultimi avevano conosciuto i primi ligiosi mazziani composto dallo stes- se a Shellâl, spostandosi durante la
Mazza di Verona nel 1839 per esservi
due europei pochi anni prima, gra- so Angelo Melotto, da Francesco stagione asciutta nei villaggi a sud e
ordinato sacerdote dieci anni dopo. zie agli esploratori Joseph Ritter von Oliboni, Alessandro Dal Bosco, Da- trascrivendo i suoi appunti di studi
Negli anni di studio, Giovanni Bel- Russegger e Pierre Trémaux. Beltra- niele Comboni (destinato a essere linguistici ed etnografici sui Begia e
trame mostrò però di avere altrettan- me si fermò nei loro villaggi per rac- futuro vescovo e santo) e dal fale- sui Denka, del cui linguaggio curò
ta propensione alle esplorazioni e cogliere con pazienza tutte le infor- gname Isidoro Zilli. Nel novembre una grammatica e un vocabolario. Il
accettò la scommessa di una missio- mazioni possibili sulla geografia, del 1857, ad Assuan, il Knoblecher, 7 febbraio 1862 il missionario veneto
ne in Africa centrale.
Papa Gregorio XVI aveva istituito
infatti, con decreto del 3 aprile 1846,
un vicariato apostolico in Africa cen-
tro-orientale, aprendo di fatto la
strada alle missioni esplorative. Don A dieci anni dalla morte di monsignor Alberto Ablondi
Massimiliano Ryllo, missionario po-
lacco, l’11 febbraio del 1848 era arri-
vao a Khartoum, all’epoca un picco-
lo paese abitato da quindici persone,
Eredità viva
quasi tutti schiavi. A Verona sog-
giornò invece per qualche tempo il
di RICCARD O BURIGANA be, entrando nel seminario della fu il suo richiamo ai documenti del di Alberto Ablondi il richiamo alla ne dell’annuncio e della testimo-
missionario Angelo Vinco, che infer-
diocesi di Ventimiglia nel quale ven- concilio Vaticano II perché rappre- centralità imprescindibile del dialo- nianza della Parola di Dio. In tale
vorò gli studenti dell’Istituto Mazza
l 21 agosto 2010, all’età di 85 ne ordinato presbitero il 31 maggio sentano una fonte privilegiata pro- go nell’esperienza quotidiana di orizzonte va collocato il suo impe-
con racconti affascinanti di esplora-
zione africana. Fu proprio don Nico-
la Mazza (soprannominato don
Congo) a volere una missione per il
I anni, monsignor Alberto Ablon-
di concludeva la sua vita, a Li-
vorno, città dove egli era arrivato
1947. I primi anni del suo sacerdo-
zio furono segnati dall’impegno pa-
storale a Sanremo, dall’insegnamen-
prio per la costruzione di una teolo-
gia del dialogo, secondo quanto
scritto da Paolo VI, in tante occasio-
ogni cristiano costituisce un’eredità
così viva per la Chiesa del ventune-
simo secolo tanto più alla luce di
gno per la causa ecumenica, tanto
prezioso soprattutto per la promo-
zione della traduzione interconfes-
nell’estate 1966, dopo che Paolo VI to in seminario, dalle letture dei ni, a partire dall’enciclica Ecclesiam come il presule seppe declinare que- sionale della Bibbia in Italia e della
suo collegio e a chiedere volontari teologi d’oltralpe della Nouvelle
lo aveva eletto, il 9 agosto di suam. A dieci anni dalla scomparsa sta categoria per sostenere la missio- formazione ecumenica nella Chiesa,
per i suoi progetti africani. All’ap- théologie, dagli studi universitari a
quell’anno, vescovo titolare di Mul- andando oltre la recezione del ma-
pello risposero Giovanni Beltrame e li, nominandolo poi vescovo ausilia- Genova e dalla sua cura per i giova-
Antonio Castagnaro. Dopo aver stu- gistero del Vaticano II.
re di Livorno e amministratore apo- ni che gli consente, come assistente Monsignor Ablondi giocò un
diato per due anni la lingua araba e stolico della diocesi di Massa Marit- della Federazione universitaria cat-
aver appreso le tecniche infermieri- ruolo fondamentale nella decisione
tima. Con la sua nomina, Papa tolica italiana (Fuci), di conoscere, del Consiglio permanente della
stiche, i due partirono nel 1853 alla Montini aveva voluto offrire un so- tra gli altri, monsignor Guano, oltre
volta del Sudan, con l’idea di trova- Conferenza episcopale italiana, il 28
stegno materiale e spirituale a mon- che dai primi incontri ecumenici. settembre 1989, di istituire una
re una località idonea alla fondazio- signor Emilio Guano, vescovo di Li- Nei lunghi anni del suo episcopato
ne di una stazione missionaria italia- Giornata per l’approfondimento
vorno dal 1962 al 1970, uno dei pro- sono molti gli incarichi ai quali è della conoscenza del popolo ebrai-
na. tagonisti del concilio, soprattutto stato chiamato a livello regionale,
Arrivati a Korosko, città del regno co, in data 17 gennaio, alla vigilia
per il suo contributo all’elaborazio- nazionale e internazionale — da vi-
della Nubia e punto di sosta nella della Settimana di preghiera per
ne della costituzione pastorale sulla ce-presidente della Conferenza epi-
risalita del Nilo, i due religiosi si in- l’unità dei cristiani, proprio per sot-
Chiesa nel mondo contemporaneo scopale italiana a presidente della
contrarono con il responsabile della tolineare, tra l’altro, il profondo le-
Gaudium et spes, colpito nell’estate Federazione biblica cattolica solo
locale missione, il provicario padre game tra quella conoscenza e il
1965 da una malattia invalidante, per citarne due — tanto da diventare
Ignazio Knoblecher, uno sloveno una voce nota e ascoltata nella cammino ecumenico, nella linea di
che gli aveva impedito di prendere
della Congregazione di Propaganda parte alla conclusione del Vaticano Chiesa italiana alla fine del ventesi- una riflessione che non si era affer-
Fide che da diversi anni, insieme a II. mo secolo, per i suoi interventi pa- mata al concilio, dove era stata di-
padre Ryllo e ad altri missionari, A poco meno di 42 anni Ablondi storali con i quali invitava a vivere scussa e condivisa da tanti, anche se
aveva costruito a Khartoum una aveva così incontrato Livorno che un tempo di aggiornamento perma- non era giunta a una sua formula-
scuola per i giovani che avevano ri- sarebbe diventata la “sua” Livorno, nente della Chiesa teso a una pre- zione.
scattato al mercato degli schiavi e come amava ripetere: eletto vescovo senza forte, ma mai “invadente”, dei Anche gli anni della malattia
che successivamente li aiutarono nel- «sede plena» di Livorno il 26 set- cristiani nella società contempora- (Ablondi dall’inizio degli anni No-
le loro missioni. Giovanni Beltrame tembre 1970, alla città toscana sareb- nea. vanta era affetto dal morbo di Par-
e Antonio Castagnaro gli sottopose- be rimasto profondamente legato Centrale nella sua azione fu la ri- kinson) furono una testimonianza,
ro il piano di evangelizzazione di per il resto della sua vita, non la- cerca del dialogo, fatto di accoglien- talvolta faticosa, sempre accompa-
padre Mazza e ottennero l’approva- sciandola più, anche quando Gio- za e di ascolto, fondato su una co- gnata da una luce gioiosa che na-
zione per proseguire nella loro av- vanni Paolo II, il 9 dicembre 2000, noscenza delle sacre Scritture, che sceva dall’amore per Cristo, di come
ventura apostolica. nominò il suo successore, monsi- andava oltre le questioni esegetiche, costruire un dialogo con il quale
Durante l’anno trascorso a Khar- gnor Diego Coletti. radicandosi con una frequentazione vincere paure e tremori. Andare ol-
toum padre Castagnaro però si am- Nato a Milano il 18 dicembre quotidiana in grado di cogliere la tre, dopo aver sostato per ringrazia-
malò gravemente e poi morì lascian- 1924, la sua famiglia si trasferì poco forza dirompente del messaggio re il Signore, sempre e comunque
do tutto nelle mani del missionario dopo a Sanremo dove Alberto creb- evangelico; al tempo stesso costante per tutto, della verità nella carità.
venerdì 21 agosto 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Il rapporto fra ragazzi e giustizia climatica nel toolkit ideato dal World Council of Churches

Abbracciare il futuro
imparando dalla natura
GINEVRA, 20. Una raccolta di mate- il documento “Impegni delle Chiese luppo di soluzioni e promuovere
riale didattico e di risorse per soste- per i bambini” deve servire da guida l’adattamento dei nostri sistemi con
nere chiese e istituti, scuole domeni- e quadro per tutti i membri del e per i bambini e i giovani». Secon-
cali e campi estivi nei loro continui Consiglio ecumenico delle Chiese». do Frederique Seidel, consulente del
sforzi per promuovere l’assistenza a Come sottolineato nel “terzo impe- World Council of Churches per i
bambini e giovani attraverso la giu- gno” del programma Unicef, «i diritti dei minori, la piattaforma
stizia intergenerazionale per il clima bambini sono più esposti degli online dove vengono organizzati gli
e l’ambiente. È intitolato Giustizia adulti agli impatti dei cambiamenti impegni della Chiesa per bambini e
climatica con e per i bambini e i gio- climatici» e se non si interviene con ragazzi ha ricevuto molte richieste a
vani nelle chiese. Informati, ispirati, un efficace e radicale progetto «le sostegno delle iniziative intergenera-
agisci l’opuscoletto dove si offre il loro conseguenze saranno ancora zionali di giustizia climatica. Questo
kit realizzato dal World Council of maggiori nella vita delle generazioni è stato uno dei trampolini di lancio
Churches, in collaborazione con future, rappresentando una minaccia per lo sviluppo del kit, consideran-
l’Unicef, nell’ambito di «Impegni alla loro stessa sopravvivenza». do che «l’impegno di bambini e
delle Chiese per i bambini», pro- Molti dei giovani attivisti per il giovani nelle soluzioni climatiche è
gramma di azioni e strategie adotta- clima di tutto il mondo provengono il modo migliore per rispondere
te in risposta a sfide urgenti, nel da un periodo di formazione nelle all’eco-ansia, aumentata tra i ragazzi
quale si ribadisce il ruolo particolar- Chiese cristiane, ha dichiarato di re- di tutto il mondo. Molti strumenti
mente importante della gioventù. cente il segretario generale ad inte- possono essere adattati per attività
I destinatari del piccolo volume, rim del Wcc, Ioan Sauca: «Abbia- didattiche durante il confinamento Croce e mosaico nella chiesa luterana della Santa Trinità a Columbus (Ohio)
giovani e adulti, sono così invitati a mo creato questo toolkit per aiutare nel contesto della pandemia di co-
informarsi, a trarre ispirazione e ad le Chiese a fornire spazio per lo svi- vid-19», ha aggiunto Seidel.
agire per rendere visibile nella realtà
il proprio contributo a difesa della Conferenze online in prospettiva ecumenica promosse dalla Federazione luterana mondiale
casa comune. La pubblicazione
online avviene durante le vacanze
estive in modo che insegnanti e for-
matori abbiano il tempo di integrare
i suggerimenti e gli strumenti del
Testimoni di speranza
toolkit nelle lezioni del nuovo anno
scolastico che in alcune parti del
mondo inizieranno a settembre.
Un’iniziativa che si affianca ad altre
per una rinascita umana
di uguale tenore svolte nel corso de-
osa significa essere luterano Proprio nella capitale etiopica è fondire una dimensione senza la

C
gli anni e che è stata finanziata an-
che grazie ai proventi del Keeling nel XXI secolo? A questa do- emersa l’importanza, non solo per la quale, si è sottolineato, il sapere teo-
Curve Prize, assegnato lo scorso an- manda una serie di conferen- Chiesa luterana, di affrontare i tanti logico perde efficacia e la spirituali-
no al Wcc per il suo impegno nel ze, dal titolo «Being lutheran», vuo- modi con i quali si manifesta la tra- tà corre il rischio di essere autorefe-
contribuire alla mitigazione del ri- le offrire non tanto una risposta dizione, con una diversità che arric- renziale.
scaldamento globale. quanto una serie di elementi sui chisce l’identità luterana e il cammi- Centrale è stato il richiamo alla
Riguardo alla parola “informati”, quali riflettere per rafforzare la com- no ecumenico, nella riscoperta quo- priorità dell’azione ecumenica per la
del materiale raccolto fanno parte prensione dell’identità luterana tesa tidiana di un comune patrimonio di Federazione luterana mondiale, se-
un racconto con brani musicali in alla missione dell’annuncio della Pa- fede. L’idea di affrontare questa di- condo una tradizione che ha un
cui si parla dei passi biblici relativi rola di Dio in una prospettiva ecu- versità ha assunto un valore del tut- lungo passato, dal momento che fin
alla creazione e un testo teatrale con menica. Queste conferenze, in mo- to particolare nel tempo della pan- dalla sua fondazione, nel 1947 a
dalità webinar, sono proposte dalla demia che ha chiesto ai cristiani di Lund, essa ha posto la costruzione
storie a sfondo ecologico mentre ciò
Federazione luterana mondiale essere testimoni della speranza nel dell’unità come uno dei suoi scopi.
che concerne l’“ispirazione” può na-
(Lwf) il primo mercoledì di ogni mondo per una rinascita che sappia La commemorazione comune del
scere dalla lettura di pagine e can-
mese per presentare le diverse comprendere dolori, sofferenze e di- quinto centenario della Riforma ha
zoni evangeliche selezionate dal
scriminazioni causate dal covid-19. rilanciato questa azione, mostrando
Consiglio ecumenico delle Chiese. espressioni della teologia e della spi-
In ogni conferenza è prevista la pre- quanto importante sia per il cristia-
Con il bagaglio di conoscenze ac- ritualità della Chiesa luterana alla
sentazione di un tema da parte di nesimo del XXI secolo il cammino
quisito, infine, si deve di conseguen- luce delle esperienze delle comunità
uno o più relatori, lasciando spazio ecumenico in grado di vivere l’unità
za passare all’azione, magari sce- locali.
al confronto di come esso viene de- nella diversità, nella riconciliazione
gliendo tra le trenta proposte pre- Tale ciclo di incontri è uno dei ri- clinato in contesti diversi. Nella delle memorie per un recupero delle
sentate da Federazione della gioven- sultati del meeting internazionale conferenza del 5 agosto, per esem- ricchezze dottrinali e spirituali delle
tù protestante in Germania, Associa- «We believe in the Holy Spirit: glo- pio, è stata affrontata la questione tradizioni cristiane. Con questo pro-
zione internazionale guide e scout bal perspectives on lutheran identi- relativa al rapporto tra formazione e getto di conferenze mensili sull’esse-
protestanti e Federazione luterana ties», che si è tenuto nello scorso informazione nella comunità locale. re luterano, la Lwf si propone un
mondiale. Tra di esse, per esempio, ottobre ad Addis Abeba per favorire Il pastore brasiliano Marcia Blasi, rafforzamento dell’identità luterana
partecipare a eventi per la piantu- un ripensamento di ciò che i lutera- docente alla Faculdades EST di São nella condivisione delle pluralità di
mazione di alberi o impegnarsi in ni devono fare nel mondo per rilan- Leopoldo, e Nicole Grochowina, tradizioni che, dal 1947, condivido-
programmi ambientali avviati in va- ciare una presenza cristiana. Il tutto membro della Fraternità di Cristo di no in modo dialettico una stessa
rie aree del mondo per diventare in attesa della prossima assemblea Selbitz, hanno introdotto il tema prospettiva di comunione. Rafforza-
“giovane campione della Terra”. generale della Lwf prevista nel set- ponendo l’accento sull’importanza re l’identità luterana rappresenta un
«Quando si parla del trattamento tembre 2023, a Cracovia, in Polonia, di creare una relazione forte e co- passaggio fondamentale per il cam-
dei bambini e del loro coinvolgi- dove verrà affrontato il tema «Un stante tra i percorsi di formazione mino ecumenico che chiede ai cri-
mento in questioni che incidono sul solo Corpo, un solo Spirito, una so- teologica e la vita spirituale delle stiani di vivere, insieme, i doni di
loro futuro — è scritto nel libretto — la Speranza». comunità locali; si tratta di appro- Cristo. (riccardo burigana)

Sorgerà a Vienna il primo Campus delle religioni

All’università del dialogo


di ROSARIO CAPOMASI renza stampa alla presenza di rap- quadrati e con una zona aperta al chiesa che sia funzionale per una co-
presentanti delle comunità religiose pubblico di quasi tremila, e sarà co- munità vivente».
n’area nel segno della fratel- cittadine coinvolte nel programma stituito da otto edifici dotati di Il progetto, a cui come detto la

U lanza e della pace dove di-


verse confessioni di fede
possano scambiarsi idee ed esperien-
(cristiani, musulmani, ebrei, neo-
apostolici, buddisti, sikh), fra i quali
il cardinale Christoph Schönborn,
“giardini pensili contemplativi” che
si affacceranno su un piazzale comu-
ne dove verrà ospitato anche un isti-
Kirchliche Pädagogische Hochschu-
le Wien/Krems partecipa come part-
ner, così come è stato ideato è il pri-
ze nel reciproco rispetto: è quella su arcivescovo di Vienna, oltre al sinda- tuto dell’Università cattolica peda- mo di questo tipo al mondo, ha
cui sorgerà il primo Campus of reli- co della città, Michael Ludwig. gogica Vienna/Krems (Kph), part- puntualizzato il sindaco. Esso inten-
gions, il cui progetto finale, scelto Unico nel suo genere, sorgerà nel ner del progetto. de mostrare «le tendenze positive
fra i tanti presentati fin dal 2015, è quartiere di Seestadt Aspern, su un Spazi aperti, vicoli, gradini, zone che la cooperazione tra le religioni
stato illustrato nei giorni scorsi nella terreno donato dall’Amministrazione d’acqua, ingressi e giardini su più li- può innescare per la società», grazie
capitale austriaca durante una confe- cittadina di circa diecimila metri velli rappresentano, secondo i pro- anche al superamento di reciproci
gettisti, l’ambiente ideale per scam- pregiudizi compiuto nella fase di at-
biarsi idee su argomenti di fede. tuazione del programma, e «avrà —
Concepito come una struttura edu- si è detto convinto Ludwig — un al-
cativa interreligiosa, ospiterà le varie to potere simbolico per tutta Vienna
attività, iniziative e incontri per gli e un impatto ben oltre la città».
appartenenti alle comunità di fede e La necessità del confronto per
per chiunque sia interessato. Il cam- vincere ogni diffidenza, conoscendo
pus è un segno di dialogo tra i vari giorno dopo giorno la cultura e
credi, «indipendentemente dal nu- l’esperienza di chi ha abbracciato
mero dei fedeli o dalle dimensioni una fede differente: un principio che
della Chiesa», ha precisato il cardi- la Chiesa austriaca applica a ogni li-
nale Schönborn, il quale ha sottoli- vello, invitando, soprattutto in que-
neato come esso rappresenti anche sto periodo di pandemia e di costan-
«un invito a un’esperienza religio- ti fenomeni migratori, a non erigere
sa». Gli otto immobili sacri previsti muri, a non avere pregiudizi o paura
nel progetto dimostrano, ha aggiun- dello “sconosciuto”. È suo dovere
to il porporato, che è possibile tro- operare costantemente affinché il
vare un «tetto comune delle religio- cuore dei fedeli si apra al prossimo,
ni» senza per questo modificare le raccogliendo la sfida attuale più I leader religiosi intervenuti alla presentazione dell’iniziativa
peculiarità delle rispettive fedi di ap- grande ed evidente: la capacità di
partenenza ma anzi «radunandole parlare con fede.
tutte come un’unica unità», come ha Concetti, questi, espressi dal presi- che riempie la vita dell’uomo «ma social media e dall’eccessivo materia-
dichiarato il rabbino Michael Toto- dente della Conferenza episcopale che a volte ci pone interrogativi». La lismo. L’uomo, non bisogna mai di-
lov, della Comunità culturale israeli- austriaca, Franz Lackner, arcivescovo fede cristiana, alla base del legame menticarlo, ha concluso Lackner, fa
ta. Di ottima opportunità per dare di Salisburgo, che ha rimarcato la fraterno con il prossimo, ha prose- parte di una comunità e come tale,
vita a un nuovo ramo di impegno necessità per la Chiesa di non stan- guito il presule, è il più grande anti- soprattutto nei tempi delle privazioni
pastorale ha parlato il sacerdote or- carsi mai «di parlare di Dio, di ciò doto contro la superficialità, definita per il contagio di coronavirus, «desi-
todosso Athanasius Buk: «Non vo- che ci motiva e ci spinge a seguirlo», «la tentazione del nostro tempo» e dera ardentemente segni di affetto,
Un modello computerizzato del campus gliamo una mostra, vogliamo una testimoniando quell’amore infinito rappresentata dall’uso distorto dei anche solo una stretta di mano».
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 21 agosto 2020

La statua di san Raimondo Nonnato


in processione per le strade di Buenos Aires

Apprezzamento del Pontefice per la nuova iniziativa della Pontificia Accademia mariana internazionale

Liberare la devozione alla Vergine


dall’influsso delle mafie
di ANTONIO TARALLO terno della Pontificia Accademia: il Di- rio, la Pontificia Accademia ha ritenuto
partimento che si occuperà di liberare necessaria un’altrettanto forte e coesa
apa Francesco ha «appreso con la figura di Maria dal potere criminale. “operazione culturale” di restituzione

P piacere» dell’iniziativa presa dalla


Pontificia Accademia mariana in-
ternazionale, che il prossimo 18 settem-
L’ambizioso progetto — il convegno
inaugurativo del prossimo 18 settembre
si svolgerà presso l’aula Unità d’Italia
alla verità della figura di Maria. E lo
farà non solo nell’ottica cristiana ma
anche guardando alla tradizione islami-
bre ha organizzato un convegno per della Corte d’appello di Roma — vedrà ca, essendo Maria stessa il “modello”
«dare inizio ufficialmente al nuovo set- coinvolti importanti figure della società dell’agire credente in entrambe le reli-
tore, opportunamente istituito al suo civile, tutti accomunati da un “sogno” gioni.
interno». Si tratta del Dipartimento di che non vuole essere solo tale, bensì Il Dipartimento — si legge in una
analisi e di studio dei fenomeni crimi- una realtà concreta: il bene comune, nota della stessa Accademia — vuole re-
nali e mafiosi, ideato e realizzato «per tanto necessario nel tempo difficile che stituire a Maria il «suo naturale conte-
liberare la figura della Madonna stiamo vivendo. sto, non solo multi-religioso e multi-
dall’influsso delle organizzazioni mala- Considerato che la figura di Maria, culturale, ma anche trans-religioso e
vitose». nonché i luoghi, le ritualità e i simboli- trans-culturale non solo di fatto ma an-
«Desidero esprimere il mio apprez- smi a Lei associati, sono oggetto di “ri- che di diritto», trovando proprio nella
zamento per l’importante iniziativa e configurazione sistematica” da parte sua figura la possibilità «di promuovere
rivolgo il mio saluto cordiale ai promo- delle mafie e della criminalità organiz- dimensioni non secondarie e tutt’altro Lettera al parroco del santuario argentino di San Raimondo Nonnato
tori, ai relatori e a tutti i partecipanti zata non solo in Italia, ma anche in al- che estranee al bene comune della civi-
alla significativa giornata di studio, tri Paesi su scala globale, l’Accademia
volta a coinvolgere diversi settori della
società civile, affinché, in collaborazio-
si è fatta promotrice di questo impor-
tante nuovo Dipartimento che avrà il
tas, ma che possono anzi diventarne un
potente elemento capace di valorizzare
tutto ciò che in nome della comune
Un inno in favore
ne con le Autorità ecclesiastiche e le compito di studiare e monitorare tale
Istituzioni pubbliche, si possano indi-
viduare efficaci proposte per una ne-
problematica. A sottolineare questo de-
licato punto, è lo stesso Papa Francesco
umanità contribuisce alla costruzione
della pace, del benessere per tutti, della
cura per il pianeta e per la sua sosteni-
della vita nascente
cessaria operazione culturale di sensibi- nella sua lettera che porta la data della
bilità».
lizzazione delle coscienze e di adozione solennità mariana dell’Assunta: «La de-
vozione mariana è un patrimonio reli- Il Dipartimento interesserà ben nove È partito dal ricordo personale all’udienza alcuni sposi mi chie- lunedì 31 dal cardinale Mario
di provvedimenti adeguati» scrive il
Pontefice in una lettera indirizzata per gioso-culturale da salvaguardare nella aree tematiche: criminalità organizzata degli incontri — durante gli anni dono la benedizione perché arri- Aurelio Poli, arcivescovo di Bue-
l’occasione al presidente dell’istituzione sua originaria purezza, liberandolo da autoctona ( ’ndragheta, cosa nostra, ca- trascorsi a Buenos Aires — tenuti vi un figlio, dico loro di pregare nos Aires e primate d’Argentina.
mariana, padre Stefano Cecchin, sovrastrutture, poteri o condizionamen- morra, mafie pugliesi, stidda, mafia nei giorni delle celebrazioni in san Raimondo Nonnato». E «se Tutte le celebrazioni potranno
dell’ordine dei Frati minori. Una lette- ti che non rispondono ai criteri evange- garganica); criminalità straniera (nella onore di san Raimondo Nonna- sono dell’Argentina — continua essere seguite tramite gli account
ra che attesta l’attenzione del Papa per lici di giustizia, libertà, onestà e solida- fattispecie quella albanese, nigeriana, to. Papa Francesco, nella lettera — raccomando loro di passare del santuario sui social: Face-
il nuovo processo che sta interessando rietà». turca, colombiana, cecena, messicana); autografa inviata il 6 agosto a per il santuario di via Cervan- book, Instagram e Youtube.
la Pontificia Accademia da tempo: Cosa ha spinto l’Accademia a istitui- ecomafia e crimini ambientali, archeo- don Rubén Ceraci, parroco del tes» a Buenos Aires.
San Raimondo è molto vene-
nuove visioni, nuovi programmi, nuove re questo nuovo Dipartimento? La mafia, zoomafia; sequestro confisca e santuario argentino dedicato al Il Pontefice formula gli auguri
religioso mercedario invocato co- rato nella capitale argentina, do-
prospettive e metodologie di una ma- preoccupante “operazione culturale” gestione dei beni della criminalità ma- al sacerdote per la prossima cele-
me patrono delle donne in gravi- ve viene invocato anche come
riologia sempre meno “accademica” e che si perpetua da diversi decenni ad fiosa; storia del terrorismo nazionale; brazione, che questo anno si pre-
danza e delle ostetriche, assicura protettore dei bimbi non ancora
più vicino alla società, nel pieno solco opera della criminalità, ha cercato di terrorismo internazionale; violenza in- vede «un po’ atipica» per le re-
la sua vicinanza spirituale alla strizioni a causa del covid-19. E nati. Mercedario del XIII secolo,
degli insegnamenti del concilio Vatica- creare nell’inconscio collettivo di varie trafamiliare; violenza di genere e, in ul-
comunità che si prepara a vivere conclude la lettera con la certez- originario della Catalogna — fu
no II e in piena armonia con il magi- comunità italiane e straniere una visio- timo, prevenzione e analisi dell’uso
la festa liturgica del santo, ricor- za che, nonostante tutto, per la uno dei primi compagni di san
stero di Francesco, che aveva avuto ne distorta e storicamente irreale della delle droghe tra i minori. Un program-
dato con grande solennità nella comunità questa sarà un’occasio- Pietro Nolasco — è chiamato
modo già il 4 dicembre 2019 di indiriz- madre di Cristo. Da questo dato è nata ma ad ampio raggio, dunque, quello
capitale del Paese il 31 agosto di ne di abbondante grazia, pace, “non-nato” perché venne estratto
zare i suoi saluti alla comunità dell’isti- una sorta di “occupazione” dei luoghi e del nuovo Dipartimento che vede la
ogni anno. salute e fecondità. vivo dal grembo della madre or-
tuto. delle ritualità mariane da parte delle Pontificia Accademia impegnarsi — in
prima persona — in un progetto corag- Il Pontefice rievoca in partico- La novena inizierà sabato 22 e mai morta. Le donne argentine
Questa volta, la lettera al presidente mafie, in modo da svuotare l’autentico
gioso, ambizioso e profondamente in- lare «le benedizioni delle mam- si svolgerà fino al 30 ogni giorno hanno la tradizione di portare
riguarda — in particolar modo — la significato evangelico della figura di
nuova struttura che sta nascendo all’in- Maria. Per contrapporsi a questo scena- novativo. me, dei bambini, degli sposi che alle 19, eccetto le domeniche, in delle scarpine al santuario e rice-
chiedono un figlio» affidandosi cui sarà posticipata alle 19.30 vono quelle di chi le ha precedu-
all’intercessione di Raimondo Quest’anno il tema scelto per la te. Si crea così una catena
Nonnato. Si tratta, scrive, «di un festa è «Insieme a san Raimon- d’amore in favore della maternità
vero inno alla vita nascente». do, abbracciamo la speranza». e dell’impegno a promuovere la
Anche «ora — confida — quando La messa solenne sarà celebrata, vita in tutte le sue fasi.

Il cardinale Sandri al santuario di Maria Santissima della Lobra

In preghiera per il Libano


culla di speranza
di noi, affinché possiamo dire: Dio è Dio ha promesso, ma in realtà non lo a ciascuno di noi per continuare Il cardinale ha poi sottolineato co-
stato anche nella mia casa, nella vita, vogliono vivere del compimento del- ad avere fede, a riconoscerlo presen- me Maria venga esaltata e raggiunga
ha ascoltato il grido del mio cuore la promessa, rimanendo estranei a te, a servirlo, ad amarlo, a rivolgerci «le vette della grazia che a nessuna
come quello della donna protagoni- Gesù». È un rischio, ha ammonito, a Lui», anche a volte elevando un creatura umana era concesso di im-
sta del dialogo con Gesù nel Vange- anche «per ciascuno di noi: doman- grido e riconoscendo: «Sono debole, maginare». Nelle parole del Magni-
lo, di cui è lodata la fede». diamoci se siamo cristiani perché ri- non ce la faccio più, ma con te so ficat ella «proclama che Dio ha
Sempre riferendosi alla pagina petiamo le parole della fede, o per- che posso andare avanti». guardato all’umiltà della sua serva e
evangelica, il prefetto ha riconosciu- ché ripetendole le viviamo ogni gior- Anche il giorno precedente, saba- che le generazioni la chiameranno
to come, a un primo approccio, sia no nella preghiera di lode e di rin- to 15, durante la celebrazione della beata. Sa riconoscere il dono e rende
difficile comprendere «la durezza graziamento, e nella carità operosa solennità dell’Assunzione, nel san- grazie a Colui che ne è l’origine e la
delle risposte di Gesù» alla donna che manifesta il nostro essere fratelli tuario di Santa Maria della Lobra, il sorgente». Per il cardinale Sandri, la
cananea, donna che soffre portando in Cristo». cardinale aveva fatto riferimento al capacità di rimanere con «il cuore
nel cuore «la tragedia di una madre Rimane comunque «la conclusio- Libano, senza tuttavia dimenticare i colmo di stupore e riconoscenza è il
che vede soffrire il proprio figlio, ne del dialogo di Gesù, che loda la tanti travagli che il mondo sta attra- migliore antidoto contro la superbia
che ha dato alla luce e accompagna donna perché ammette di non avere versando e che «hanno generato e e il pensare di poter possedere la
nel cammino dell’esistenza». A una trovato una fede così grande in co- generano morte; pensiamo alle vitti- grazia come se l’avessimo conquista-
lettura più attenta, però, «forse pos- loro che si sentivano i privilegiati me della pandemia che non accenna ta con le nostre forze». Questo cuo-
siamo comprendere l’atteggiamento perché i primi destinatari della pro- a indebolirsi nel mondo, ma anche a re «profondamente radicato in Dio»
di Gesù non anzitutto come rivolto messa». quelle delle violenze, delle guerre e consente infatti a Maria «di contem-
alla donna per escluderla, ma per ri- Nell’insistenza umile e determina- delle tragedie» o «ai tanti dolori più plare l’intera storia umana come una
badire per più volte la validità della ta della donna che «con dignità e nascosti nelle nostre case e fami- storia di salvezza: Egli è intervenuto
promessa di Dio al suo popolo, forza supplica per la vita di suo fi- glie». Il porporato ha invitato a e interviene in favore dei piccoli che
Israele». Infatti, mentre «sembrano glio — ha detto il porporato — pos- guardare a Maria Assunta in cielo confidano in Lui».
chiudersi le porte della speranza per siamo rileggere le invocazioni di tan- come «stella del mare e rifugio dei Il porporato ha quindi invitato a
la madre dell’episodio evangelico», te madri, forse anche qui presenti, naviganti, Madre di noi tutti pelle- invocare per l’intercessione di Maria
L’immagine della Madonna della Lobra in realtà Gesù «sta bussando con preoccupate per la condizione di grini su questa terra e in questa valle «uno sguardo puro e capace di ve-
forza alle porte del cuore dei figli malattia, disperazione o miseria del- di lacrime». Poi, ha ricordato che la dere i grandi segni di Dio nella no-
della promessa ad Abramo, quasi a la loro progenie». Anche loro a volte Vergine prega «per ciascuno di noi; stra vita». Poi, facendo riferimento
Un pensiero per «l’amato» Libano tali ha preso spunto dal brano evan- svegliarli come con i rintocchi di «hanno avuto o hanno l’impressione lei ci ricorda di cercare la luce di alla bellezza e alla storia dei luoghi
— «culla di speranza per il permane- gelico della liturgia, che racconta co- una campana», assicurando che Dio che Dio forse non ascolti il loro gri- Gesù che è in noi sin dal giorno del di Massa Lubrense, ha evocato in
re dei cristiani nel Medio oriente, me Gesù si spostasse dalla Galilea non ha dimenticato la promessa, Dio do, eppure continuano a invocarlo, nostro battesimo, e di farla risplen- particolare l’immagine delle profon-
ma tanto insidiato non solo dalle fa- andando più a nord, nella regione di è fedele, è l’Emmanuele, il Dio-con- certe pur nella sofferenza che Egli dere nelle tenebre del mondo». dità del mare, che possono «ram-
tiche e dal dolore provocato dal- Tiro e Sidone, città che oggi si tro- noi. c’è, è presente, e non si dimenticherà In particolare, il prefetto ha fatto mentare come il Signore sia sceso
l’esplosione al porto di Beirut, ma vano al sud del Libano. Il Vangelo di Matteo, ha aggiunto di noi che siamo sue creature, so- notare come «la carità concreta, la nei nostri abissi». Nessuno, ha ag-
il cardinale Sandri, continua «a ri- prattutto i più fragili e afflitti». solidarietà verso i poveri e i bisogno- giunto, «si deve sentire così lontano
anche per il perdurare dell’instabilità I cristiani del Paese dei cedri, ha
cordare questo fatto, essendo scritto Nell’Incarnazione, Dio stesso si, la solidarietà nelle città e tra le che Gesù non possa raggiungerlo e
politica e la grave crisi economica» sottolineato in proposito il porpora- per comunità che provenivano in «non solo sta loro vicino, ma è pre- generazioni siano i segni di una esi- salvarlo, come ricorda san Paolo».
— è stato rivolto dal cardinale Leo- to, «sono orgogliosi di ricordare buona parte dalla fede giudaica». sente in mezzo a noi in questi nostri stenza redenta e capace di accorgersi Infine, il ricordo del prefetto è anda-
nardo Sandri durante la celebrazione questo episodio del Vangelo», per- Nelle sue pagine «vediamo tante fratelli più deboli: Gesù è il figlio dei fratelli che incontriamo sul no- to ai devoti della Madonna della Lo-
eucaristica presieduta domenica mat- ché «possono dire: Gesù è stato an- persone che si accorgono di Gesù e della donna cananea, Gesù ha preso stro cammino, come Maria che va a bra, che «la supplicano e la invoca-
tina, 16 agosto, nella parrocchia di che in mezzo a noi, sulla nostra ter- lo seguono, ma anche molte che ten- su di sé le sue sofferenze, le ha vis- servire la cugina Elisabetta». Da qui no, e rimangono legati al suo dolce
San Francesco d’Assisi, a Sorrento. ra». Questa esperienza però, anche gono chiusi gli occhi del cuore e sute in prima persona, e per questo l’invito a non dimenticarsi di Dio, ricordo anche da terre lontane, come
Nella sua omelia il prefetto della se non «in senso di presenza fisica, della mente, e lo rifiutano»: conti- non li lascia da soli». Anzi, ha ag- come Egli «non si dimentica mai di l’Argentina da cui — ha ricordato —
Congregazione per le Chiese orien- può e deve essere anche di ciascuno nuano a dire che «Dio è fedele, che giunto il prefetto, rivolge «un appel- noi». io stesso provengo».

Potrebbero piacerti anche